NOTE : TERMOREGOLAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NOTE : TERMOREGOLAZIONE"

Transcript

1 NOTE : TERMOREGOLAZIONE OBBLIGO INSTALLAZIONE SISTEMI DI CONTABILIZZAZIONE DELL ENERGIA NEGLI IMPIANTI CENTRALIZZATI CONDOMINIALI entro il 31 dicembre 2016 : secondo quanto prescritto dalla Direttiva Europea 2012/27/UE del 25 ottobre 2012 e dal Dlgs n.102 del 4 luglio 2014 all art. 9, comma 5, lettere b) c) e d) Opportunità e risparmio per tutti gli edifici con riscaldamento centralizzato OGGETTO DELLA INFORMATIVA : Con la presente si porta a conoscenza di tutti gli Amministratori Condominiali degli obblighi impartiti dalla nuova Direttiva Europea del 25 ottobre 2012 e dal Dlgs n.102 del 4 luglio 2014 all art. 9, comma 5, lettere b) c) e d) : viene stabilito l obbligo (entro il 31 dicembre 2016) a tutti i Condomini di essere dotati di sistemi di misura dell energia consumata per ogni singolo alloggio e di sistemi di termoregolazione della temperatura ambiente, qualora il condominio fosse dotato di impianto riscaldamento e/o raffrescamento centralizzato; l obbligo prevede anche la misura dei consumi di energia e la ripartizione alle singole unità per la produzione dell acqua calda sanitaria. OBBLIGHI NORMATIVI : La direttiva europea 2012/27/UE del 25 ottobre 2012 stabilisce un quadro comune di misure per la promozione dell efficienza energetica nell Unione Europea al fine ridurre le emissioni di gas serra e il fabbisogno di energia primaria; riguardo alla contabilizzazione dell energia in edifici esistenti la Direttiva si esprime nell articolo 9 con la seguente specificazione: nei condomini e negli edifici polifunzionali riforniti da una fonte di riscaldamento e raffreddamento centralizzato o da una rete di teleriscaldamento, devono essere installati entro il 31 dicembre 2016 opportuni sistemi individuali di misura del consumo di calore o raffreddamento e di acqua calda sanitaria per ciascuna unità abitativa, terziaria e/o commerciale. Nel caso in cui l adozione di sistemi di contabilizzazione diretta non sia tecnicamente possibile e non sia efficiente in termini di costi, allora si devono adottare sistemi di contabilizzazione indiretta costituiti da ripartitori individuali di energia da installarsi direttamente sui singoli corpi riscaldanti. In funzione della distribuzione dell impianto si procederà all adozione di un sistema a contabilizzazione diretta o contabilizzazione indiretta. Di seguito vi è una breve descrizione dei due sistemi di contabilizzazione con le varie opere che dovranno essere realizzate: precisiamo che questo documento è solo una informativa preliminare di massima, e che in ogni caso è necessario effettuare un sopralluogo sul posto per analizzare ed approfondire la situazione impiantistica oggettiva del Condominio stesso. Per garantire che l impianto di riscaldamento, a seguito dell importante modifica, conservi le condizione di sicurezza (secondo quanto prescritto dal vigente D.M. n. 37/2008) è inoltre obbligatoria la redazione del progetto da tecnico abilitato (secondo la Legge 10/1991, articolo 26, comma 3) anche per contenere al massimo i consumi di energia termica ed elettrica.

2 Il progetto verrà allegato poi all iter burocratico per il Comune, necessario per la comunicazione dei lavori che si andranno svolgere. La presentazione del progetto presso gli uffici Comunali competenti è di fondamentale importanza in quanto il deposito è tassativamente necessario per poter accedere alla detrazione fiscale sia del 50% che soprattutto del 65 %. 1. LA CONTABILIZZAZIONE INDIRETTA DESCRIZIONE DELLA PROPOSTA TECNICO-ECONOMICA Per riscaldare un edificio plurifamiliare, sono necessari nei vari ambienti interni dei terminali costituiti da radiatori in acciaio e/o in ghisa, di varia tipologia. Questi terminali fanno capo ad una centrale termica situata in apposito locale, spesso dislocato nei livelli più bassi del fabbricato; l intero impianto di riscaldamento centralizzato può essere alimentato da generatore/i o da sistema di teleriscaldamento. Nei sistemi di distribuzione più vecchi, risalenti agli anni 60 e 70, la distribuzione del calore ai terminali di riscaldamento presenti ai vari piani, avviene per mezzo di più colonne montanti verticali distribuite lungo tutto il perimetro dell edificio e posizionate in corrispondenza dei terminal stessi; dalle colonne montanti si staccano piano per piano le derivazioni che alimentano i corpi riscaldanti. Tale sistema distributivo non è pertanto intercettabile separatamente per ogni unità abitativa, ma solamente per colonne verticali a servizio in assetto verticale di più appartamenti.

3 Nella conformazione impiantistica in assetto verticale quindi, è possibile solamente adottare dei sistemi di contabilizzazione indiretta costituiti da singoli dispositivi di contabilizzazione individuale per ogni corpo riscaldante (vedi figura qui di seguito), cosidetti ripartitori di energia, e non sistemi di contabilizzazione diretta. Figura n. 1 L intervento quindi che intendiamo proporre, per questa tipologia impiantistica, si può suddividere come segue: A) INTERVENTO BASE (contabilizzazione e termoregolazione con valvole termostatiche manuali): con possibilità di detrazione fiscale sull intero importo totale dei lavori del 50%, ad oggi in vigore solo per gli edifici accatastati come unità residenziali, B) OPZIONE 1 (contabilizzazione e termoregolazione con valvole termostatiche elettroniche programmabili): con possibilità di detrazione fiscale sull intero importo totale dei lavori del 50%, ad oggi in vigore solo per gli edifici accatastati come unità residenziali; C) OPZIONE 2 (eventuale sostituzione dei corpi riscaldanti con nuovi ad alta efficienza opera privata): sostituzione degli attuali corpi riscaldanti ormai obsoleti e di vecchia concezione, con possibilità di detrazione fiscale sull intero importo totale dei lavori del 50%, ad oggi in vigore solo per gli edifici accatastati come unità residenziali. L intervento, nella sua applicazione totale, porterà al condominio un risparmio energetico globale reale (che verrà poi ripartito sui singoli appartamenti in relazione all effettivo consumo misurato) riscontrabile fino ad un % dell attuale consumo energetico rilevato. La nuova ripartizione dei consumi verrà determinata secondo la nuova normativa di riferimento UNI 10200, la quale prevede una quota fissa da determinarsi caso per caso (mediamente compresa tra il 25 ed il 35%) che verrà suddivisa in millesimi di riscaldamento, e la rimanenza sarà considerata quota variabile e misurata con la massima precisione dal sistema, addebitando ad ogni unità abitativa il consumo realmente effettuato.

4 Mediamente l investimento sostenuto dal condominio per l intervento proposto (intervento Base), al netto del recupero fiscale ottenibile, rientra per effetto del risparmio energetico in un arco di 4 6 anni massimi; con il risparmio energetico recuperato è quindi possibile coprire un eventuale finanziamento bancario per chi ne dovesse richiedere privatamente la copertura alla propria banca o presso la banca del condominio. A) INTERVENTO BASE contabilizzazione e termoregolazione con valvole termostatiche manuali su ogni corpo riscaldante L intervento base consiste nel realizzare un sistema di contabilizzazione di energia termica e di acqua sanitaria (calda e fredda), oltre all installazione di un sistema di termoregolazione con controllo e regolazione della quantità di calore prelevata; questa soluzione di base obbligatoria, è quella con intervento più rapido da realizzare, ed è considerabile come una fase parziale con risultati finali discreti. Allo scopo di suddividere i consumi in funzione della potenza installata e del consumo di acqua sanitaria e non più a millesimi, si propone l installazione di ripartitori di consumi da installare su ogni corpo riscaldante e di nuovi contatori per acqua sanitaria (fredda e calda) con sistema di acquisizione dati. Il ripartitore consente di memorizzare il funzionamento del corpo riscaldante nell arco della giornata, mentre i contatori per acqua sanitaria si differenziano dai contatori normali in quanto sono dotati di uscita impulsiva ed attraverso l acquisitore di consumi i dati vengono memorizzati. A garanzia della sicurezza tali ripartitori ed acquisitori saranno dotati di sistema di antimanomissione. Inoltre grazie a questo sistema (riscaldamento ed acqua calda sanitaria) non sarà necessario entrare all interno delle singole abitazioni per leggere i dati dei consumi, infatti questi dispositivi sono stati progettati per inviare i dati memorizzati ad un dispositivo che, corredato di relativo software, permette l acquisizione dei dati e quindi successivamente alla contabilizzazione/fatturazione. La persona incaricata all acquisizione dei dati passerà per i vari piani ed interrogherà informaticamente tutti i vari dispositivi per acquisire i dati necessari alla suddivisione. Solitamente il raggio di azione del dispositivo per la ricezione del segnale dal ripartitore/acquisitore di è circa 25 metri in orizzontale e di 15 metri in verticale (il tutto dovrà essere verificato in loco). Oltre alla misura dell energia effettivamente consumata nei singoli locali, l installazione di sistemi di regolazione del prelievo dell energia su ogni singolo corpo riscaldante (valvole termostatiche) è necessaria per migliorare il confort abitativo all interno degli ambienti mediante una regolazione automatica della temperatura sulla base di quella richiesta; l intervento così completo (ripartitore di misura e dispositivo di controllo della temperatura ambientale) permetterà un maggior rendimento nella totalità dell impianto termico, con la conseguente maggiorazione del risparmio energetico dell intero fabbricato. Nell assetto originario nella maggior parte degli impianti centralizzati esistenti, all interno di ogni singola unità abitativa, non esiste nessun sistema di regolazione della temperatura; l impianto viene accesso e spento in toto solamente attraverso delle fasce orarie impostate direttamente in centrale termica. Per questo si propone, oltre all impostazione oraria presente, l'installazione di valvole termostatiche su ogni corpo riscaldante atte a regolare la temperatura per ogni ambiente riscaldato con conseguente miglioramento del confort abitativo.

5 In presenza di recenti ristrutturazioni impiantistiche private realizzate nei singoli alloggi, in cui sono già stati sostituiti i corpi riscaldanti e le relative valvole di collegamento alle tubazioni, è possibile installare solo le teste termostatiche di regolazione in quanto le valvola di ultima generazione (quelle degli ultimi 6-8 anni) sono già del tipo termostatizzabile ; in tutte queste situazioni è necessario quindi conoscere preliminarmente la marca delle valvole installate per poter ricercare poi sul mercato il corretto accoppiamento della testa termostatica di termoregolazione. In tutti i casi in cui non sono stati fatti recenti interventi di ristrutturazione interna dell impianto termico, sarà obbligatoriamente necessario sostituire tutte le valvole ed i detentori di collegamento. In presenza in alcune unità abitative di elementi copriradiatore, sarà opportuno prevedere l installazione di una valvola termostatica con manopola di regolazione e sensore a distanza, altrimenti si potrà procedere con l installazione di una valvola con testa termostatica normale ma sarà necessario eliminare l elemento copriradiatore. Questa opzione di base garantisce il maggior confort ed il maggior risparmio energetico ottenibile con l adozione di sistemi a regolazione manuale; inoltre il costo dell intervento può essere recuperato in parte per effetto della detrazione fiscale al 50% in dieci anni (escluse le spese di amministrazione straordinaria e solo per le unità residenziali). Figura n. 2 L intervento proposto nella sua totalità è diviso in due macro opere, le opere da realizzare nelle parti comuni dell edificio (centrale termica) e le opere da realizzare all interno delle singole unità abitative. Gli interventi da realizzare nelle parti comuni consistono innanzitutto nello svuotamento dell intero impianto per poter permettere l installazione di alcuni componenti in centrale termica; prima di procedere con l installazione di questi componenti, precisamente contabilizzatori, elettrocircolatori elettronici a portata variabile, valvolame etc., è necessario eseguire una corretta pulizia dell impianto. Per una corretta pulizia interna dell impianto è necessario installare un filtro chiarificatore e defangatore sulla tubazione principale di ritorno dell impianto; è necessario poi procedere con l avviamento dello stesso lasciandolo attivo per un periodo determinato di tempo. La struttura di questo filtro ha lo scopo di eliminare le impurità in

6 sospensione quali ossidi, fanghiglie e trucioli di ferro nonché reintegrare condizionanti protettivi in accordo alle normative vigenti. Finita la pulizia dell impianto si può procedere all installazione della componentistica necessaria al sistema di contabilizzazione e quindi l installazione dei contabilizzatori di energia diretta in centrale termica sulle tubazioni di ritorno dell impianto di riscaldamento e su quelle dei bollitori per la produzione dell acqua calda sanitaria. Verranno inoltre installati dei nuovi elettrocircolatori a modulazione elettronica con portata e prevalenza variabile, a servizio di ogni stacco. Sulla/e linea/e di alimentazione dell impianto di riscaldamento verrà inoltre installata una valvola differenziale di bypass per permettere di sfogare tutte le eventuali ulteriori sovrappressioni idrauliche dell impianto. All ultimazione di tutti gli interventi, attraverso il filtro si procederà all inserimento del condizionante adatto alla protezione dell intero impianto, il quale ha lo scopo di depositarsi sulle pareti interne della tubazione e creare un velo protettivo. Per quanto riguarda gli interventi da realizzare all interno di ogni singola unità abitativa le lavorazioni consistono nell installazioni di dispositivi atti alla ripartizione dei consumi da installare su ogni corpo riscaldante per mezzo di idonei kit di fissaggio in funzione della tipologia effettiva del corpo riscaldante. Se in alcune unità abitative sono presenti degli elementi copriradiatore, sarà da prevedere l installazione di un ripartitore adatto, altrimenti si potrà procedere con l installazione di un ripartitore normale ma sarà necessario eliminare l elemento copriradiatore. Si consiglia la sostituzione di tutti gli attuali contatori a servizio dell acqua calda e/o fredda sanitaria ormai sporchi, intasati ed obsoleti, con l installazione di nuovi di ultima generazione con uscita impulsiva da collegare agli acquisitori dei consumi. B) OPZIONE 1 (contabilizzazione e termoregolazione con valvole termostatiche elettroniche programmabili): L intervento opzionale prevede l installazione oltre che ai misuratori di energia (ripartitori individuali descritti nell intervento base ), di valvole termostatiche elettroniche programmabili, con controllo diversificato dei vari corpi riscaldanti alle varie fasce orarie e di temperatura desiderate. Tale opzione esclude l adozione giornaliera di eventuali fasce orarie comuni impostate in centrale termica e deliberate da tutto il condominio, potendo impostare ogni singola unità a piacimento sulle fasce orarie più vicine alle necessità di ogni singolo utente. Questa soluzione opzionale può ridurre ulteriormente il consumo energetico nell ordine di un ulteriore 10%, portando complessivamente il risparmio generale del fabbricato su valori prossimi al 35%. E fondamentale che la scelta dell adozione delle valvole programmabili sia deliberata dalla totalità dei condomini, diversamente ogni utente è libero di applicarle nella propria unità abitativa ma dovrà attenersi in ogni caso alle fasce orarie condominiali che attiveranno l impianto solo nei periodi giornalieri deliberati, creando delle grosse interferenze di funzionamento al sistema e generando potenzialmente dei grossi disagi.

7 Le valvole programmabili sono corredate di una batteria che ne garantisce il funzionamento per un ciclo massmo di 4-6 anni, dopodiché si potrà sostituirle (le batterie) con costi estremamente ridotti. Figura n. 3 C) OPZIONE 2 (sostituzione dei corpi riscaldanti con nuovi ad alta efficienza) Nell opzione 2 si intende proporre, oltre alle due opzioni precedenti, un intervento di sostituzione dei corpi riscaldanti ormai in degrado (o per volontà della committenza); questa proposta può comprende una o entrambe le due soluzioni precedentemente menzionate. Se all interno delle unità abitative sono presenti alcuni terminali ormai in evidente stato di degrado, che possono condizionare la tenuta dell impianto e potrebbero generare delle improvvise e pericolose perdite d acqua ai piani, nel contesto delle presenti lavorazioni, se ne consiglia la sostituzione con l installazione di nuovi radiatori tubolari in acciaio di ultima generazione, dimensionati per garantire la stessa potenzialità termica dei precedenti ma con efficienza energetica notevolmente superiore. Per volontà della committenza si potrà comunque procedere alla sostituzione dei corpi riscaldanti, qualora ne fosse stata avanzata specifica richiesta; anche in questo caso i nuovi saranno di tipo in acciaio tubolare ; la potenza termica resa del nuovo corpo dovrà essere pari a quella del corpo riscaldante sostituito. Sostituendo gli attuali corpi riscaldanti nel contesto dell intervento di contabilizzazione e termoregolazione si potrà così accedere alla detrazione fiscale del 50% comunicandolo preventivamente all amministratore.

8 CONSIDERAZIONI FINALI SULL ADOZIONE DI CONTABILIZZAZIONE INDIRETTA Per ottenere una miglior resa di tutto il sistema impianto termico, con il conseguente maggior risparmio energetico e miglior confort abitativo, si consiglia la realizzazione delle opere previste nell intervento base con l adozione dell opzione 1 e dell opzione 2. Infatti l installazione di un sistema di termoregolazione dei singoli locali all interno di ogni unità abitativa, permetterà, al raggiungimento della temperatura impostata nel locale, la chiusura della testa termostatica interrompendo l afflusso dell energia termica prelevata attraverso il passaggio dell acqua all interno del corpo riscaldante stesso; il ripartitore in questo caso interromperà conseguentemente la misurazione delle unità termiche di calore trasmesse, con un importante e conseguente risparmio energetico finale riscontrabile nella divisione delle spese di riscaldamento. Per quanto riguarda gli interventi proposti nell opzione 2, come già descritto in precedenza nella presente informativa, è tassativamente necessario sostituire i corpi riscaldanti ormai in degrado al fine garantire la sicurezza dell intero impianto centralizzato, mentre per tutte le altre situazioni non a rischio, sarà volontà di ogni singolo committente scegliere discrezionalmente se sostituire tutti i terminali nello stesso contesto delle lavorazioni per accedere alla detrazione fiscale. Singole sostituzioni di radiatori fuori dal presente contesto delle lavorazioni comunicate agli uffici comunali competenti, non potranno essere recuperate fiscalmente con il 50% in quanto trattasi di manutenzioni ordinarie non soggette ad autorizzazioni.

9 2. LA CONTABILIZZAZIONE DIRETTA DESCRIZIONE DELLA PROPOSTA TECNICO-ECONOMICA Per riscaldare un edificio plurifamiliare, sono necessari nei vari ambienti interni dei terminali costituiti da radiatori in acciaio e/o in ghisa, di varia tipologia. Questi terminali fanno capo ad una centrale termica situata in apposito locale, spesso dislocato nei livelli più bassi del fabbricato; l intero impianto di riscaldamento centralizzato può essere alimentato da generatore/i o da sistema di teleriscaldamento. Nei sistemi di distribuzione risalenti agli anni 70 e 80, la distribuzione del calore ai terminali di riscaldamento presenti ai vari piani, avviene per mezzo di due colonne montanti verticali posizionate in prossimità dei vani scala, spesso nella zona baricentrica dell edificio; dalle colonne si staccano poi dei singoli anelli (uno per ogni unità abitativa) che alimentano per mezzo di tubazioni orizzontali in acciaio e/o rame i terminali di scambio termico. Tale sistema distributivo risulta pertanto intercettabile separatamente per ogni unità abitativa, in prossimità della derivazione di piano nella cassetta di ispezione normalmente prevista nei pianerottoli comuni. Nella conformazione impiantistica più recente, è possibile quindi installare dei sistemi di contabilizzazione diretta costituiti da dispositivi di contabilizzazione individuale per ogni singola unità, previa una accurata verifica degli spazi tecnici disponibili per l installazione di tutti i componenti necessari (vedi schemi installativi qui di seguito figura 4 e 5) Figura n. 4 Figura n 4

10 Figura n. 5 L intervento quindi che intendiamo proporre, per questa tipologia impiantistica, si può suddividere così: A) INTERVENTO BASE (contabilizzazione e termoregolazione singola unità abitativa): contabilizzatori installati per ogni unità abitativa e contatori per la misura dei consumi dell acqua sanitaria, con possibilità di detrazione fiscale sull intero importo totale dei lavori del 50%, ad oggi in vigore solo per gli edifici accatastati come unità residenziali; B) OPZIONE 1 (eventuale termoregolazione dei singoli locali all interno delle singole unità abitative): installazione di valvole termostatiche su ogni corpo riscaldante per una regolazione locale della temperatura ambiente, con possibilità di detrazione fiscale sull intero importo totale dei lavori del 50%, ad oggi in vigore solo per gli edifici accatastati come unità residenziali; C) OPZIONE 2 (sostituzione dei corpi riscaldanti opera privata): sostituzione degli attuali corpi riscaldanti ormai obsoleti e di vecchia concezione, con possibilità di detrazione fiscale sull intero importo totale dei lavori del 50%, ad oggi in vigore solo per gli edifici accatastati come unità residenziali L intervento porterà al condominio un risparmio energetico globale reale (che verrà poi ripartito sui singoli appartamenti in relazione all effettivo consumo misurato) riscontrabile fino ad un % dell attuale consumo energetico rilevato. La nuova ripartizione dei consumi verrà determinata secondo la nuova normativa di riferimento UNI 10200, la quale prevede una quota fissa da determinarsi caso per caso (mediamente compresa tra il 25 ed il 35%) che verrà suddivisa in millesimi di riscaldamento, e la rimanenza sarà considerata quota variabile e misurata con la massima precisione dal sistema, addebitando ad ogni unità abitativa il consumo realmente effettuato. Mediamente l investimento sostenuto dal condominio per l intervento proposto di contabilizzazione diretta, al netto del recupero fiscale ottenibile, rientra per effetto del risparmio energetico in un arco di 5 7 anni massimi; con il risparmio energetico recuperato è quindi possibile coprire un eventuale finanziamento bancario per chi ne dovesse richiedere privatamente la copertura alla propria banca o presso la banca del condominio.

11 A) INTERVENTO BASE sola contabilizzazione dell energia termica e termoregolazione dell unità abitativa. L intervento base consiste nel realizzare solo il sistema di contabilizzazione diretta dell energia termica e la contabilizzazione del consumo dell acqua sanitaria (calda e fredda) per ogni singola unità abitativa; questa soluzione, spesso non del tutto semplice da realizzare, è considerabile come una soluzione che porta a dei discreti risultati finali in termini di risparmio energetico. Allo scopo di suddividere i consumi in funzione del reale consumo di energia termica e del consumo di acqua sanitaria e non più a millesimi, è necessario installare nuovi contabilizzatori di energia posizionati singolarmente sulla tubazione di ritorno di ogni derivazione dalle colonne montanti principali dell impianto di riscaldamento centralizzato, di collegamento all anello di alimentazione interna ai terminali dell abitazione, oltre che all installazione di nuovi contatori per acqua sanitaria (fredda e calda) con sistema di acquisizione dati. Il contabilizzatore di energia misura l energia termica ed invia i dati ad un acquisitore che li memorizza, mentre i contatori per acqua sanitaria si differenziano dai contatori normali in quanto sono dotati di uscita impulsiva ed attraverso l acquisitore di consumi i dati vengono memorizzati. L acquisitore dei dati è unico per energia termica ed acqua calda e fredda sanitaria. La persona incaricata alla lettura dei dati passerà per i vari piani ed interrogherà manualmente tutti i vari dispositivi per acquisire i dati necessari alla suddivisione, quindi successivamente alla contabilizzazione/fatturazione, annotandoli su un supporto cartaceo. E possibile valutare, sulla base dell effettiva fattibilità di un collegamento dati tra i vari piani e la centrale termica, l installazione di un concentratore di letture che raccoglierà tutte le singole situazioni di consumo trasmesse dai vari contabilizzatori e dai contatori dislocati ai vari piani. L intervento proposto quindi è diviso in due macro opere, le opere da realizzare nelle parti comuni dell edificio (centrale termica e vani scala) e le opere da realizzare all interno delle singole unità abitative. Gli interventi da realizzare nelle parti comuni consistono innanzitutto nello svuotamento dell intero impianto per poter permettere l installazione di alcuni componenti in centrale termica e ai vari piani su ogni pianerottolo di ogni vano scala in corrispondenza delle cassette. Prima di procedere con l installazione di questi componenti, precisamente conta calorie, filtri, valvolame etc., è necessario eseguire una corretta pulizia dell impianto. Per una corretta pulizia interna dell impianto è necessario installare un filtro chiarificatore e defangatore sulla tubazione principale di ritorno dell impianto; è necessario poi procedere con l avviamento dello stesso lasciandolo attivo per un periodo determinato di tempo. La struttura di questo filtro ha lo scopo di eliminare le impurità in sospensione quali ossidi, fanghiglie e trucioli di ferro nonché reintegrare condizionanti protettivi in accordo alle normative vigenti. Finita la pulizia dell impianto si può procedere all installazione della componentistica necessaria al sistema di contabilizzazione termoregolazione.

12 In centrale termica si procederà con l installazione di contabilizzatori direttamente sulle linee di alimentazione al/i bollitore/i per l acqua calda sanitaria, mentre in corrispondenza degli stacchi ai vari piani e a servizio delle singole unità, si procederà con l installazione dei contabilizzatori e rispettive valvola di zona. La valvola di zona a tre vie, è un dispositivo elettromeccanico necessario alla termoregolazione dell unità abitativa, in quanto permette il passaggio dell acqua di riscaldamento all interno dell unità abitativa solamente quando la temperatura interna dell unità scende sotto la temperatura impostata sul cronotermostato (vedi figura n.5). In questo caso è necessario effettuare un collegamento elettrico tra la valvola di zona ed il termostato o cronotermostato ambiente, installato all interno dell unità abitativa in una opportuna zona baricentrica (questo nei casi in cui non sia già presente). In ogni caso è necessario valutare preliminarmente quali siano gli spazi tecnici disponibili in prossimità degli stacchi ai piani dalle colonne montanti, al fine poter permettere l installazione del sistema di contabilizzazione e di termoregolazione. Sulla sommità della colonna montante verticale è necessario (ove non già presente), installare una valvola differenziale di by-pass, per permettere di scaricare tutte le eventuali ulteriori sovrappressioni idrauliche dell impianto generate dalla chiusura delle valvole di zona. Con questa tipologia di intervento per la contabilizzazione e termoregolazione non è necessario sostituire gli elettrocircolatori in centrale termica, verificandone in ogni caso il corretto funzionamento e lo stato di usura. All ultimazione di tutti gli interventi, attraverso il filtro si procederà all inserimento del condizionante adatto alla protezione dell intero impianto, il quale ha lo scopo di depositarsi sulle pareti interne della tubazione e creare un velo protettivo. Per quanto riguarda gli interventi da realizzare all interno di ogni singola unità abitativa le lavorazioni consistono nell installazione del termostato o meglio del cronotermostato, in una zona baricentrica dell unità, con relativo collegamento elettrico dallo stesso fino alla valvola di zona, oltre che all alimentazione del contabilizzatore con apposito trasformatore 24V. Inoltre verranno sostituiti tutti gli attuali contatori a servizio dell acqua calda e/o fredda sanitaria con nuovi con uscita impulsiva da collegare ad acquisitori di consumi. Realizzando questa proposta di intervento, è possibile accedere alla vigente agevolazione per la detrazione fiscale del 50% in dieci anni, calcolata sull importo totale dei lavori comprese le spese tecniche ad esclusione delle spese di amministrazione straordinaria, esclusivamente però per le sole unità residenziali. B) OPZIONE 1 - termoregolazione delle singole unità abitative Nell opzione 1 si intende proporre un intervento migliorativo e più completo di quello base sopra descritto; di fatto l opzione, oltre alla misura dell energia effettivamente consumata e la termoregolazione della singola unità abitativa, è volta a migliorare il confort abitativo all interno dei singoli ambienti mediante una regolazione automatica della temperatura sulla base di quella richiesta; l intervento così completo permetterà un maggior rendimento nella totalità dell impianto termico, con la conseguente maggiorazione del risparmio energetico dell intero fabbricato.

13 Questa proposta comprende la soluzione precedentemente menzionata (intervento base), per l installazione del sistema di contabilizzazione di energia termica e consumo acqua sanitaria, con l aggiunta però dell installazione del sistema di termoregolazione nei singoli locali di ogni unità abitativa (valvole termostatiche su ogni corpo riscaldante). Con l applicazione dell opzione base all interno di ogni singola unità abitativa vi sarà un termostato e/o cronotermostato che fungerà da pilota per la regolazione della temperatura all interno di tutta l unità abitativa; nel caso si volesse ulteriormente regolare la temperatura in modo differenziato nei vari locali (ad esempio bagni e zone notte), con l opzione 1 si propone l'installazione in aggiunta di valvole termostatiche su ogni corpo riscaldante, atte al miglioramento del confort abitativo generale. In presenza di recenti ristrutturazioni impiantistiche private realizzate nei singoli alloggi, in cui sono già stati sostituiti i corpi riscaldanti e le relative valvole di collegamento alle tubazioni, è possibile installare solo le teste termostatiche di regolazione in quanto le valvola di ultima generazione (quelle degli ultimi 6-8 anni) sono già del tipo termostatizzabile ; in tutte queste situazioni è necessario quindi conoscere preliminarmente la marca delle valvole installate per poter ricercare poi sul mercato il corretto accoppiamento della testa termostatica di termoregolazione. In tutti i casi in cui non sono stati fatti recenti interventi di ristrutturazione interna dell impianto termico, sarà obbligatoriamente necessario sostituire tutte le valvole ed i detentori di collegamento. In presenza in alcune unità abitative di elementi copriradiatore, sarà opportuno prevedere l installazione di una valvola termostatica con manopola di regolazione e sensore a distanza, altrimenti si potrà procedere con l installazione di una valvola con testa termostatica normale ma sarà necessario eliminare l elemento copriradiatore. C) OPZIONE 2 (sostituzione dei corpi riscaldanti) Nell opzione 2 si intende proporre, oltre alle due opzioni precedenti, un intervento di sostituzione dei corpi riscaldanti ormai in degrado (o per volontà della committenza); questa proposta può comprende una o entrambe le due soluzioni precedentemente menzionate. Se all interno delle unità abitative sono presenti alcuni terminali ormai in evidente stato di degrado, che possono condizionare la tenuta dell impianto e potrebbero generare delle improvvise e pericolose perdite d acqua ai piani, nel contesto delle presenti lavorazioni, se ne consiglia la sostituzione con l installazione di nuovi radiatori tubolari in acciaio di ultima generazione, dimensionati per garantire la stessa potenzialità termica dei precedenti ma con efficienza energetica notevolmente superiore. Per volontà della committenza si potrà comunque procedere alla sostituzione dei corpi riscaldanti, qualora ne fosse stata avanzata specifica richiesta; anche in questo caso i nuovi saranno di tipo in acciaio tubolare ; la potenza termica resa del nuovo corpo dovrà essere pari a quella del corpo riscaldante sostituito. Sostituendo gli attuali corpi riscaldanti nel contesto dell intervento di contabilizzazione e termoregolazione si potrà così accedere alla detrazione fiscale del 50% comunicandolo preventivamente all amministratore.

14 CONSIDERAZIONI FINALI SULL ADOZIONE DI CONTABILIZZAZIONE DIRETTA Per ottenere una miglior resa di tutto il sistema impianto termico, con il conseguente maggior risparmio energetico e miglior confort abitativo, si consiglia la realizzazione delle opere previste nell intervento base con l adozione dell opzione 1 e dell opzione 2. Infatti l installazione aggiuntiva di un sistema di termoregolazione dei singoli locali bagni e locali notte all interno di ogni unità abitativa, oltre che al cronotermostato pilota generale posizionato nei locali giorno in cui non necessitano l installazione delle valvole termostatiche, permetterà, al raggiungimento della temperatura impostata nei locali più svantaggiati, la chiusura delle teste termostatiche interrompendo l afflusso dell energia termica prelevata attraverso il passaggio dell acqua all interno dei corpi riscaldanti stessi, recuperando tutti gli apporti interni ed esterni gratuiti come ad esempio l irraggiamento solare, il calore generato dagli elettrodomestici e le persone che vivono l abitazione. Per quanto riguarda gli interventi proposti nell opzione 2, come già descritto in precedenza nella presente informativa, è tassativamente necessario sostituire i corpi riscaldanti ormai in degrado al fine garantire la sicurezza dell intero impianto centralizzato, mentre per tutte le altre situazioni non a rischio, sarà volontà di ogni singolo committente scegliere discrezionalmente se sostituire tutti i terminali nello stesso contesto delle lavorazioni per accedere alla detrazione fiscale. Singole sostituzioni di radiatori fuori dal presente contesto delle lavorazioni comunicate agli uffici comunali competenti, non potranno essere recuperate fiscalmente con il 50% in quanto trattasi di manutenzioni ordinarie non soggette ad autorizzazioni. TECNOSERVICE è a Vostra disposizione trovare assieme la soluzione migliore per il Vostro impianto e/o condominio.

CONTABILIZZAZIONE del CALORE e il RISPARMIO ENERGETICO nei CONDOMÌNI

CONTABILIZZAZIONE del CALORE e il RISPARMIO ENERGETICO nei CONDOMÌNI per la i di SERVIZI PROGEST s.r.l. CONTABILIZZAZIONE del CALORE e il RISPARMIO ENERGETICO nei CONDOMÌNI Ai sensi della D.G.R. del 4/08/2009, n. 46-11968 Regione Piemonte Contatori a marchio CE-M Normativa

Dettagli

Convegno Robbiate 24 Gen 2014

Convegno Robbiate 24 Gen 2014 Convegno Robbiate 24 Gen 2014 Termoregolazione e Contabilizzazione del calore (aspetti tecnici) Relatore Bianca Grazioli TERMOREGOLAZIONE E CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE PERCHÉ? Europa: Direttiva 2002/91/CE

Dettagli

SISTEMI DI CONTABILIZZAZIONE

SISTEMI DI CONTABILIZZAZIONE SISTEMI DI CONTABILIZZAZIONE I VANTAGGI DELL IMPIANTO CENTRALIZZATO E DELL IMPIANTO AUTONOMO IN UN UNICA SOLUZIONE SISTEMI DI CONTABILIZZAZIONE Lo scenario energetico sta cambiando rapidamente; le direttive

Dettagli

DIVISIONE CONTABILIZZAZIONE CALORE LA CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE SISTEMI PER LA CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE ED IL RISPARMIO ENERGETICO

DIVISIONE CONTABILIZZAZIONE CALORE LA CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE SISTEMI PER LA CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE ED IL RISPARMIO ENERGETICO DIVISIONE CONTABILIZZAZIONE CALORE LA CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE SISTEMI PER LA CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE ED IL RISPARMIO ENERGETICO RIFERIMENTI NORMATIVI DIVISIONE CONTABILIZZAZIONE CALORE In riferimento

Dettagli

DIRETTIVA 2012/27/UE Articolo 9 Nei condomini e negli edifici polifunzionali riforniti da una fonte di riscaldamento/raffreddamento centrale o da una rete di teleriscaldamento [...], sono inoltre installati

Dettagli

Termoregolazione e contabilizzazione degli impianti termici di ultima generazione

Termoregolazione e contabilizzazione degli impianti termici di ultima generazione 1 Termoregolazione e contabilizzazione degli impianti termici di ultima generazione ing. Mirko Moretti Ricerca e Sviluppo Comparato 2 INDICE 1. Termoregolazione e contabilizzazione: il modulo satellite

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO nr. 102 del 4 luglio 2014

DECRETO LEGISLATIVO nr. 102 del 4 luglio 2014 Convegno ANACI Verona 16/5/2015 DECRETO LEGISLATIVO nr. 102 del 4 luglio 2014 Cosa cambia nella termoregolazione e contabilizzazione individuale dei consumi 1 Date salienti delle normative di riferimento

Dettagli

DIVISIONE Efficientamento per gli impianti termici condominiali: da obbligo ad opportunità con Autogas Nord.

DIVISIONE Efficientamento per gli impianti termici condominiali: da obbligo ad opportunità con Autogas Nord. DIVISIONE Efficientamento per gli impianti termici condominiali: da obbligo ad opportunità con Autogas Nord. Andrea Orsi Milano, 26 Novembre 2015 1 Sommario Obblighi normativi: cenni sul D.Lgs. 102/2014

Dettagli

Principali tipologie di impianti

Principali tipologie di impianti www.save-energy.it Ripartitori Ing. Gaetano Moschetto Convegno ANTA 13/03/2012 Principali tipologie di impianti La contabilizzazione è effettuata con contatori diretti di calore e la termoregolazione con

Dettagli

OBBLIGHI INTRODOTTI DAL. DECRETO LEGISLATIVO 4 luglio 2014, n. 102

OBBLIGHI INTRODOTTI DAL. DECRETO LEGISLATIVO 4 luglio 2014, n. 102 !"#$%&'()*"+,"-./-$%"0+1, OBBLIGHI INTRODOTTI DAL DECRETO LEGISLATIVO 4 luglio 2014, n. 102 SITUAZIONE iniziale: nessuna gestione delle temperature INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA DI REGOLAZIONE E CONTABILIZZAZIONE

Dettagli

CALEFFI. SISTEMI CALORE. RIPARTITORI CONSUMI TERMICI

CALEFFI. SISTEMI CALORE. RIPARTITORI CONSUMI TERMICI RIPARTITORI CONSUMI TERMICI PREMESSA Contabilizzazione diretta dell energia termica: determinazione dei consumi volontari di energia termica dei singoli utenti basata sull utilizzo dei contatori di calore

Dettagli

Valvole termostatiche per termosifoni

Valvole termostatiche per termosifoni Valvole termostatiche per termosifoni La valvola termostatica è un dispositivo, che installato sui radiatori (termosifoni), permette di regolare il flusso di acqua calda. In base alla temperatura che si

Dettagli

3 INCONTRO FORMATIVO. Gli impianti di produzione e distribuzione del calore. 09 dicembre 2010. Relatore arch. Giorgio Gallo

3 INCONTRO FORMATIVO. Gli impianti di produzione e distribuzione del calore. 09 dicembre 2010. Relatore arch. Giorgio Gallo 3 INCONTRO FORMATIVO Gli impianti di produzione e distribuzione del calore 09 dicembre 2010 Relatore arch. Giorgio Gallo Impianti termici centralizzati Impianti tradizionali Distribuzione a colonne montanti:

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELL AUTODIAGNOSI

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELL AUTODIAGNOSI GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELL AUTODIAGNOSI Il foglio Excel AUTODIAGNOSI CONDOMINI E VILLETTE è uno strumento che consente, attraverso le risposte date ad alcune domande relative all impianto di riscaldamento,

Dettagli

DECRETI LEGISLATIVI LEGGI EUROPEE, NAZIONALI E REGIONALI

DECRETI LEGISLATIVI LEGGI EUROPEE, NAZIONALI E REGIONALI LEGGI e NORME DECRETI LEGISLATIVI LEGGI EUROPEE, NAZIONALI E REGIONALI Delibera del Parlamento Europeo:2012 Obbligo della contabilizzazione su tutto il territorio europeo entro 31 Dicembre 2016. DPR 59:2009

Dettagli

50% SISTEMI INTEGRATI PER LA GESTIONE DELL ENERGIA. Visualizzabile da PC, tablet e smartphone

50% SISTEMI INTEGRATI PER LA GESTIONE DELL ENERGIA. Visualizzabile da PC, tablet e smartphone SISTEMI INTEGRATI PER LA GESTIONE DELL ENERGIA L EFFICIENZA DEL RISCALDAMENTO CENTRALIZZATO, I VANTAGGI DELLA GESTIONE AUTONOMA INCENTIVI FISCALI 50% RISTRUTTURAZIONI 65% RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA Visualizzabile

Dettagli

50% SISTEMI INTEGRATI PER LA GESTIONE DELL ENERGIA. Visualizzabile da PC, tablet e smartphone

50% SISTEMI INTEGRATI PER LA GESTIONE DELL ENERGIA. Visualizzabile da PC, tablet e smartphone SISTEMI INTEGRATI PER LA GESTIONE DELL ENERGIA L EFFICIENZA DEL RISCALDAMENTO CENTRALIZZATO, I VANTAGGI DELLA GESTIONE AUTONOMA INCENTIVI FISCALI 50% RISTRUTTURAZIONI 65% RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA Visualizzabile

Dettagli

Marco Masoero Dipartimento di Energetica Politecnico di Torino

Marco Masoero Dipartimento di Energetica Politecnico di Torino La contabilizzazione dell energia termica negli impianti di riscaldamento: aspetti tecnici e gestionali Marco Masoero Dipartimento di Energetica Politecnico di Torino 1 Premessa (1) I tradizionali impianti

Dettagli

CONTABILIZZAZIONE E TERMOREGOLAZIONE

CONTABILIZZAZIONE E TERMOREGOLAZIONE ONTABILIZZAZIONE E TEROREGOLAZIONE 11 12.pdf 1 30/07/2013 10:55:38 ONTABILIZZAZIONE ALORE Il entro Servizi effettua il rilievo della potenza termica installata in un condominio, la lettura dei consumi

Dettagli

Termoregolazione e Contabilizzazione del calore IN CASA TUA DECIDI TU! L E N E R G I A C H E V I V E C O N T E

Termoregolazione e Contabilizzazione del calore IN CASA TUA DECIDI TU! L E N E R G I A C H E V I V E C O N T E Termoregolazione e Contabilizzazione del calore IN CASA TUA DECIDI TU! L E N E R G I A C H E V I V E C O N T E Achille Parabiaghi Spa, forte della propria esperienza nell installazione di impianti termici,

Dettagli

VALVOLE TERMOSTATICHE E RIPARTITORI DI CALORE.

VALVOLE TERMOSTATICHE E RIPARTITORI DI CALORE. 2016 VALVOLE TERMOSTATICHE E RIPARTITORI DI CALORE. NOSTRI CLIENTI CHIEDONO Due fra le domande più frequenti che vengono sottoposte al nostro ufficio tecnico da parte dei nostri clienti sono le seguenti:

Dettagli

Termoregolazione e Contabilizzazione: opportunità incentivi risultati. 29 settembre 2012 Ing. Marco VIEL

Termoregolazione e Contabilizzazione: opportunità incentivi risultati. 29 settembre 2012 Ing. Marco VIEL Termoregolazione e Contabilizzazione: opportunità incentivi risultati. LE PRIME FORME DI INQUINAMENTO Si può dire che l inquinamento dell aria ad opera dell uomo risale alla scoperta del fuoco quando ha

Dettagli

CONVEGNO EDIFICI CONDOMINIALI: REGOLE PER L USO ALLA LUCE DELLE DISPOSIZIONI NORMATIVE VIGENTI

CONVEGNO EDIFICI CONDOMINIALI: REGOLE PER L USO ALLA LUCE DELLE DISPOSIZIONI NORMATIVE VIGENTI CONVEGNO EDIFICI CONDOMINIALI: REGOLE PER L USO ALLA LUCE DELLE DISPOSIZIONI NORMATIVE VIGENTI Impianti termici centralizzati: i nuovi obblighi di contabilizzazione, le tecnologie possibili e i modelli

Dettagli

Energy Management: IPerThermo IL CENTRALIZZATO AUTONOMO DI NUOVA GENERAZIONE

Energy Management: IPerThermo IL CENTRALIZZATO AUTONOMO DI NUOVA GENERAZIONE Energy Management: IPerThermo IL CENTRALIZZATO AUTONOMO DI NUOVA GENERAZIONE IPerThermo In evidenza Si tratta di un sistema integrato di termoregolazione ambientale che può "trasformare" vecchi impianti

Dettagli

10-05-2008 TECNO CAMP - RIGENERGIA 2008 - AOSTA. "Contabilizzazione e ripartizione del calore nei condomini con riscaldamento centralizzato"

10-05-2008 TECNO CAMP - RIGENERGIA 2008 - AOSTA. Contabilizzazione e ripartizione del calore nei condomini con riscaldamento centralizzato 10-05-2008 TECNO CAMP - RIGENERGIA 2008 - AOSTA "Contabilizzazione e ripartizione del calore nei condomini con riscaldamento centralizzato" dal 1990 in ITALIA come RAAB KARCHER e VITERRA ISTA ITALIA S.r.l.

Dettagli

Misurare per RISPARMIARE RIPARTO. Contabilizzatore di calore radio. Edizione 16/05. Omologato secondo le direttive europee EN 834 e EN 13757

Misurare per RISPARMIARE RIPARTO. Contabilizzatore di calore radio. Edizione 16/05. Omologato secondo le direttive europee EN 834 e EN 13757 Misurare per RISPARMIARE RIPARTO Contabilizzatore di calore radio Edizione 16/05 Omologato secondo le direttive europee EN 834 e EN 13757 Lo sapevi che la contabilizzazione del calore è obbligatoria entro

Dettagli

Misurare per RISPARMIARE RIPARTO. Ripartitore radio da radiatore. Omologato secondo le direttive europee EN 834 e EN 13757

Misurare per RISPARMIARE RIPARTO. Ripartitore radio da radiatore. Omologato secondo le direttive europee EN 834 e EN 13757 Misurare per RISPARMIARE RIPARTO Ripartitore radio da radiatore Omologato secondo le direttive europee EN 834 e EN 13757 Lo sapevi che la contabilizzazione del calore è obbligatoria entro il 2016? Secondo

Dettagli

Efficienza energetica e condomini Una visione di insieme. Ing. Emanuele Bulgherini Project Manager EfficiencyKNow srl

Efficienza energetica e condomini Una visione di insieme. Ing. Emanuele Bulgherini Project Manager EfficiencyKNow srl Efficienza energetica e condomini Una visione di insieme Ing. Emanuele Bulgherini Project Manager EfficiencyKNow srl Direttiva 2012/27/UE Stabilisce un quadro comune di misure per la promozione dell efficienza

Dettagli

La valvola termostatica I ripartitori elettronici doprimo 3 radio net

La valvola termostatica I ripartitori elettronici doprimo 3 radio net La valvola termostatica serve per regolare la temperatura desiderata in ogni stanza e viene installata in sostituzione della valvola di chiusura che si trova sui caloriferi. La possibilità di impostare

Dettagli

Sistemi di contabilizzazione del calore

Sistemi di contabilizzazione del calore Sistemi di contabilizzazione del calore Soluzioni per il comfort e il risparmio energetico Answers for infrastructure. Regolare il comfort dell appartamento pagando per quel che si consuma Negli ultimi

Dettagli

La contabilizzazione e

La contabilizzazione e La contabilizzazione e termoregolazione del calore Quorum - Ripartizione Spese - Distacco 18 Dicembre 2015 Hotel Due Torri - Verona L assemblea: i quorum Legge n. 10/1991 art. 26, Comma V: Per le innovazioni

Dettagli

Calore e acqua. Su misura per il tuo benessere. www.istaitalia.it. Contabilizzazione

Calore e acqua. Su misura per il tuo benessere. www.istaitalia.it. Contabilizzazione Calore e acqua Su misura per il tuo benessere Contabilizzazione www.istaitalia.it Autonomia, comfort e risparmio grazie alla contabilizzazione del calore ista, azienda leader in Europa per la contabilizzazione

Dettagli

CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE CON RIPARTITORI

CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE CON RIPARTITORI Grugliasco, 24.06.2010 CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE CON RIPARTITORI CONDIZIONI COMMERCIALI Offerta economica a prezzi netti Joannes per la fornitura di prodotti e servizi dedicati a soluzioni di contabilizzazione

Dettagli

ATTENDIBILITÀ E AFFIDABILITÀ DELLA MISURA IN CAMPO DELL'ENERGIA TERMICA PER LA CORRETTA CONTABILIZZAZIONE E LA CONCESSIONE DI INCENTIVI

ATTENDIBILITÀ E AFFIDABILITÀ DELLA MISURA IN CAMPO DELL'ENERGIA TERMICA PER LA CORRETTA CONTABILIZZAZIONE E LA CONCESSIONE DI INCENTIVI METROLOGIA, DOMOTICA ED EFFICIENZA ENERGETICA ATTENDIBILITÀ E AFFIDABILITÀ DELLA MISURA IN CAMPO DELL'ENERGIA TERMICA PER LA CORRETTA CONTABILIZZAZIONE E LA CONCESSIONE DI INCENTIVI Torino, 14 Luglio 2014

Dettagli

Fabio Gelli. Associato U.N.A.I. Unione Nazionale Amministratori d Immobili

Fabio Gelli. Associato U.N.A.I. Unione Nazionale Amministratori d Immobili Fabio Gelli Associato U.N.A.I. Unione Nazionale Amministratori d Immobili Detrazioni fiscali per il risparmio energetico e le Ristrutturazioni Edilizie RISPARMIO ENERGETICO nel condominio bonus dal 50

Dettagli

Guida al corretto utilizzo del riscaldamento contabilizzato Conteggio individuale delle spese di riscaldamento

Guida al corretto utilizzo del riscaldamento contabilizzato Conteggio individuale delle spese di riscaldamento Guida al corretto utilizzo del riscaldamento contabilizzato Conteggio individuale delle spese di riscaldamento Introduzione alla contabilizzazione del calore Il riscaldamento è una fra le più rilevanti

Dettagli

RIPARTITORI DI CALORE

RIPARTITORI DI CALORE Cedac Software by B Meters www.condominio102.it 1 www.condominio102.it RIPARTITORI DI CALORE Cedac Software by B Meters www.condominio102.it 2 Premessa Il ripartitore di calore è un dispositivo elettronico

Dettagli

Contabilizzazione del calore

Contabilizzazione del calore Contabilizzazione del calore RINNOVABILI QUADRO NORMATIVO 2 RIPARTITORI CONSUMI TERMICI D.P.R. 59 Regolamento di attuazione dell articolo 4, comma 1, lettere a) e b), del decreto legislativo 19 agosto

Dettagli

Giunto di riparazione

Giunto di riparazione Giunto di riparazione Corpo in ottone CW614N Attacchi intercambiabili per tubi rame, plastica e multistrato Doppio o-ring di tenuta in EPDM Possibile installazione sottotraccia Disponibile versione EUROKONUS

Dettagli

Contabilizzazione del calore. La proposta Siemens

Contabilizzazione del calore. La proposta Siemens Contabilizzazione del calore La proposta Siemens For internal use only / Copyright Siemens AG 2006. All rights reserved. Indice Perché contabilizzare Cenni sulle normative Tipologie d applicazione Principali

Dettagli

DGR. 2601 del 30/11/2011

DGR. 2601 del 30/11/2011 DGR. 2601 30/11/2011 TERMOREGOLAZIONE E CONTABILIZZAZIONE UNIFAMILIARE Milano, 16/02/2012 Perito termotecnico Gino De Simoni DALLA REGIONE DGR. 2601 del 30/11/2011 L obbligo sussiste per: Potenza e vetustà

Dettagli

LA CONTABILIZZAZIONE INDIRETTA DEL CALORE

LA CONTABILIZZAZIONE INDIRETTA DEL CALORE Convegno Formativo Monza, 16 marzo 2012 LA CONTABILIZZAZIONE INDIRETTA DEL CALORE Ing. Alberto Colombo 1 SOMMARIO DEFINIZIONI METODI DI CONTABILIZZAZIONE INDIRETTA NORME DI PRODOTTO ( UNI EN 834, UNI/TR

Dettagli

METROLOGIA, DOMOTICA ED EFFICIENZA ENERGETICA. 14 luglio 2014 - INRIM - Torino

METROLOGIA, DOMOTICA ED EFFICIENZA ENERGETICA. 14 luglio 2014 - INRIM - Torino METROLOGIA, DOMOTICA ED EFFICIENZA ENERGETICA 14 luglio 2014 - INRIM - Torino Contabilizzazione dell energia termica: quadro normativo, Contesto applicativo e tecnologie allo stato dell'arte Marco Masoero

Dettagli

Ripartizione del calore

Ripartizione del calore Ripartizione del calore Soluzioni, Risparmio, Comfort Quanto c'è da sapere per l'installazione dell'impianto nelle comuni strutture condominiali a colonne montanti Un pò di teoria... La contabilizzazione

Dettagli

Contabilizzazione del calore Confort ambientale Isolamento risparmio energetico Serramenti isolamento termico risparmio energetico Sicurezza e

Contabilizzazione del calore Confort ambientale Isolamento risparmio energetico Serramenti isolamento termico risparmio energetico Sicurezza e Contabilizzazione del calore Confort ambientale Isolamento risparmio energetico Serramenti isolamento termico risparmio energetico Sicurezza e certificazione Le scadenze per la messa a norma in base alla

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ADOZIONE DI SISTEMI DI TERMOREGOLAZIONE E CONTABILIZZAZIONE DI CALORE

LINEE GUIDA PER L ADOZIONE DI SISTEMI DI TERMOREGOLAZIONE E CONTABILIZZAZIONE DI CALORE LINEE GUIDA PER L ADOZIONE DI SISTEMI DI TERMOREGOLAZIONE E CONTABILIZZAZIONE DI CALORE Torino, 22 Aprile 2013 Normativa regionale proroga obbligo Dgr.46-11968 del 4 agosto 2009 (punto 1.4.17) Gli edifici

Dettagli

1951-2011: la nostra evoluzione

1951-2011: la nostra evoluzione 1951-2011: la nostra evoluzione Azienda fondata nel 1951 da Alberto Giacomini in San Maurizio d Opaglio (Novara), sulle rive del lago d Orta, come piccola azienda di produzione nel settore valvolame-rubinetteria.

Dettagli

IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO COMPRENSORIO PEEP GAIOFANA

IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO COMPRENSORIO PEEP GAIOFANA IMPIANTO DI TELERISCALDAMENTO COMPRENSORIO PEEP GAIOFANA CHE COS È IL TELERISCALDAMENTO Gruppo Società Gas Rimini - SGR Servizi S.p.A. 47924 Rimini Via Chiabrera 34 b Tel. 0541 303030 Fax 0541 380344 e-mail

Dettagli

Contabilizzazione del calore: la proposta di SIEMENS

Contabilizzazione del calore: la proposta di SIEMENS Contabilizzazione del calore: la proposta di SIEMENS Diapositiva sommario Perché contabilizzare Cenni sulle normative Tipologie d applicazione Le caratteristiche da richiedere Le linee di prodotto SIEMENS

Dettagli

Soluzione Energetica Domotecnica

Soluzione Energetica Domotecnica Soluzione Energetica Domotecnica QUALE SOLUZIONE PER I CONDOMINI CON IMPIANTO CENTRALIZZATO? Il risparmio energetico e il contenimento dei consumi negli impianti centralizzati sono determinati dal miglioramento

Dettagli

COPIA IN VISIONE LA NUOVA SOLUZIONE ENERGETICA PER IL CONDOMINIO: L INVESTIMENTO REDDITIZIO

COPIA IN VISIONE LA NUOVA SOLUZIONE ENERGETICA PER IL CONDOMINIO: L INVESTIMENTO REDDITIZIO linea CONDOMINI LA NUOVA SOLUZIONE ENERGETICA PER IL CONDOMINIO: L INVESTIMENTO REDDITIZIO RISCALDAMENTO CLIMATIZZAZIONE ENERGIE ALTERNATIVE LO STATO SOSTIENE IL 55% DEI COSTI. L IMPORTO RESTANTE SI RIPAGA

Dettagli

Normativa LEGGI, DELIBERE E REGOLAMENTI REGIONALI. DIRETTIVA 2012/27/UE del 25 ottobre 2012 sull efficienza energetica nell Unione Europea

Normativa LEGGI, DELIBERE E REGOLAMENTI REGIONALI. DIRETTIVA 2012/27/UE del 25 ottobre 2012 sull efficienza energetica nell Unione Europea NORMATIVA Release 01/03/2015 LEGGI, DELIBERE E REGOLAMENTI REGIONALI Il D.P.R. 59, la Direttiva 2012/27/UE e i regolamenti regionali attualmente in vigore, dove esistenti, prevedono che l installazione

Dettagli

APP. Rilievo radiatori Manuale d uso per dispositivi ios

APP. Rilievo radiatori Manuale d uso per dispositivi ios APP Rilievo radiatori Manuale d uso per dispositivi ios MANUALE D'USO APP Rilievo radiatori - Versione 1 Revisione 05/2015 Ogni riferimento a società, nomi, dati ed indirizzi utilizzati nelle riproduzioni

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA IMPIANTI. Nuovo complesso edilizio Via Selva Residence Quinzano Verona IMMOBILIARE EUREKA SRL

RELAZIONE DESCRITTIVA IMPIANTI. Nuovo complesso edilizio Via Selva Residence Quinzano Verona IMMOBILIARE EUREKA SRL RELAZIONE DESCRITTIVA IMPIANTI Nuovo complesso edilizio Via Selva Residence Quinzano Verona IMMOBILIARE EUREKA SRL Il tecnico: Ing. Riccardo Tisato Marzo 2012 Descrizione impianti - Quinzano Eureka Immobiliare

Dettagli

INTERVENTO SUGLI INVOLUCRI DEGLI EDIFICI ESISTENTI

INTERVENTO SUGLI INVOLUCRI DEGLI EDIFICI ESISTENTI 1 RISPARMIO ENERGETICO NEGLI EDIFICI ESISTENTI Legge finanziaria 2007 (L.296/2006 art. 1 comma 344-348); prorogata dalla Finanziaria 2008 (ART. 1, COMMA 20 e 24, 286, L.244 del 24 dicembre 2007) DM del

Dettagli

ISTRUZIONI D USO VALVOLE TERMOSTATICHE RIPATITORI COSTI RISCALDAMENTO

ISTRUZIONI D USO VALVOLE TERMOSTATICHE RIPATITORI COSTI RISCALDAMENTO ISTRUZIONI D USO VALVOLE TERMOSTATICHE E RIPATITORI COSTI RISCALDAMENTO INTRODUZIONE Se il Vostro impianto centralizzato è stato dotato di un sistema di contabilizzazione del calore con ripartizione delle

Dettagli

Millesimus IV. Contabilizzazione del calore Ripartizione delle spese Norma UNI 10200:2015

Millesimus IV. Contabilizzazione del calore Ripartizione delle spese Norma UNI 10200:2015 Millesimus IV Contabilizzazione del calore Ripartizione delle spese Norma UNI 10200:2015 In questo documento verrà illustrata la corretta procedura per la contabilizzazione del calore e per la ripartizione

Dettagli

programma condominio verde CHECK-UP GRATUITO EMMETI PER UN CALDO RISPARMIO Idee da installare

programma condominio verde CHECK-UP GRATUITO EMMETI PER UN CALDO RISPARMIO Idee da installare programma condominio verde CHECK-UP GRATUITO EMMETI PER UN CALDO RISPARMIO Idee da installare La forza di un gruppo Ricerca, innovazione, tecnologia e rispetto per l ambiente sono i capisaldi che da più

Dettagli

IMPIANTI RISCALDAMENTO Descrizione

IMPIANTI RISCALDAMENTO Descrizione Corso di IMPIANTI TECNICI per l EDILIZIA IMPIANTI RISCALDAMENTO Descrizione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it Impianto termico : Impianto tecnologico

Dettagli

Casi studio: Tipologie di intervento e valutazioni tecniche. Paolo Rosa

Casi studio: Tipologie di intervento e valutazioni tecniche. Paolo Rosa Casi studio: Tipologie di intervento e valutazioni tecniche Paolo Rosa Adeguamenti normativi Termoregolazione e contabilizzazione (D. Lgs. 102/2014) Obbligo di installazione di dispositivi di termoregolazione

Dettagli

1. Premessa... 2. 2. Come funzionano contabilizzazione e termoregolazione?... 2. 3. La scelta della valvola termostatica... 4

1. Premessa... 2. 2. Come funzionano contabilizzazione e termoregolazione?... 2. 3. La scelta della valvola termostatica... 4 LA CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE E LA TERMOREGOLAZIONE: UNA GUIDA PRATICA SOMMARIO 1. Premessa... 2 2. Come funzionano contabilizzazione e termoregolazione?... 2 3. La scelta della valvola termostatica...

Dettagli

I N D I C E Premessa PAG. 2 1. Descrizione dello stato di fatto PAG. 2 2. Intervento previsto da progetto PAG. 2

I N D I C E Premessa PAG. 2 1. Descrizione dello stato di fatto PAG. 2 2. Intervento previsto da progetto PAG. 2 I N D I C E Premessa PAG. 2 1. Descrizione dello stato di fatto PAG. 2 2. Intervento previsto da progetto PAG. 2 1 Premessa All interno del complesso degli interventi di efficientamento e nell ottica del

Dettagli

Corso di Formazione CTI Modulo (A)

Corso di Formazione CTI Modulo (A) Corso di Formazione CTI Modulo (A) LA UNI 10200: I CRITERI DI RIPARTIZIONE DELLE SPESE DI CLIMATIZZAZIONE INVERNALE E DI ACQUA CALDA SANITARIA IN EDIFICI CONDOMINIALI Coordinatore del corso: dott. Mattia

Dettagli

TECNOLOGIE ED APPLICAZIONI

TECNOLOGIE ED APPLICAZIONI IL RISPARMIO ENERGETICO NELL EDILIZIA TECNOLOGIE ED APPLICAZIONI AGIRE Agenzia Veneziana per l Energia ing. Michele Chieregato L AGENZIA VENEZIANA PER L ENERGIA FONTI RINNOVABILI EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

INIZIATIVE ENIA NEL CAMPO DELL ENERGIA: IL TELERISCALDAMENTO

INIZIATIVE ENIA NEL CAMPO DELL ENERGIA: IL TELERISCALDAMENTO Convegno Risparmio Energetico e Uso di Fonti Rinnovabili in Edilizia Parma, 2 febbraio 2006 INIZIATIVE ENIA NEL CAMPO DELL ENERGIA: IL TELERISCALDAMENTO Sara Moretti IL TELERISCALDAMENTO: COS E Per teleriscaldamento

Dettagli

STEA SpA. STEA SpA. EVOLVE S.r.l.

STEA SpA. STEA SpA. EVOLVE S.r.l. IL PUNTO DI VISTA DELL IMPRESA ESECUTRICE EVOLVE S.r.l. Evolve si occupa di progettare, realizzare e gestire impianti a gas naturale, cogenerazione, biomasse, reti di teleriscaldamento e servizio energia.

Dettagli

Cos è la termoregolazione e la contabilizzazione del calore: vantaggi e svantaggi. Relatore: Ing. Mara Berardi Milano, 29 Marzo 2012

Cos è la termoregolazione e la contabilizzazione del calore: vantaggi e svantaggi. Relatore: Ing. Mara Berardi Milano, 29 Marzo 2012 Cos è la termoregolazione e la contabilizzazione del calore: vantaggi e svantaggi. Analisi di un caso reale Relatore: Ing. Mara Berardi Milano, 29 Marzo 2012 COMPLESSO RESIDENZIALE S. PIETRO n.1 BRUSAPORTO

Dettagli

Contabilizzazione del CaloRe

Contabilizzazione del CaloRe Contabilizzazione del CALORE Contabilizzazione Il centralizzato Che cos è? La contabilizzazione del calore consente all utente di gestire autonomamente l impianto di riscaldamento e dell acqua sanitaria

Dettagli

ALLEGATO 1 INTERVENTI AMMISSIBILI -

ALLEGATO 1 INTERVENTI AMMISSIBILI - ALLEGATO 1 INTERVENTI AMMISSIBILI - A. INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE COMPLESSIVA DELL EDIFICIO...2 A) VALORI LIMITE...2 B) COSTI AMMISSIBILI...3 C) CONTENUTO DELL ASSEVERAZIONE...3 B. INTERVENTI SU STRUTTURE

Dettagli

Sistemi di contabilizzazione 0402IT gennaio 2013

Sistemi di contabilizzazione 0402IT gennaio 2013 04U08 con profondità 0 mm - GE GEY4 GEY4 - GEY43 VISTA DEL PORTELLO GEY48 GEY49 GE Figura - serie GE Descrizione I moduli di contabilizzazione serie GE con profondità 0 mm sono utilizzati per la misurazione

Dettagli

IVR RIPARTIZIONE. Kit e servizi per la ripartizione dei costi di riscaldamento

IVR RIPARTIZIONE. Kit e servizi per la ripartizione dei costi di riscaldamento IVR RIPARTIZIONE Kit e servizi per la ripartizione dei costi di riscaldamento IVR RIPARTIZIONE Premessa: il riscaldamento nei condomini Negli ultimi decenni, anche grazie alla diffusione del gas metano,

Dettagli

COSTER CONTROLLI TEMPERATURA ENERGIA

COSTER CONTROLLI TEMPERATURA ENERGIA Davide Ariata 1 Menu Chi siamo Quanti siamo Come lavoriamo Cos è il Vantaggi per il condomino Maggior comfort sempre Fasce orarie di riscaldamento Confronti con altri sistemi Lavori da eseguire in appartamenti

Dettagli

Analisi preliminare per una proposta di. efficientamento energetico. Condominio in Torino

Analisi preliminare per una proposta di. efficientamento energetico. Condominio in Torino Analisi preliminare per una proposta di efficientamento energetico Condominio in Torino Analisi preliminare Il condominio è un edificio di medie dimensioni composto da 60 unità abitative distribuite in

Dettagli

LA LA CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE: NORMATIVE E E SCADENZE

LA LA CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE: NORMATIVE E E SCADENZE Leggi, Delibere e Regolamenti regionali Leggi, Delibere e Regolamenti regionali FOCUS FOCUS TECNICO TECNICO LA LA CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE: NORMATIVE E E SCADENZE Direttiva europea 2012/27/UE Direttiva

Dettagli

Guida RISCALDAMENTO - CONDIZIONAMENTO - IDROSANITARI GESTIONE CALORE - ANTINCENDIO - PROGETTAZIONE

Guida RISCALDAMENTO - CONDIZIONAMENTO - IDROSANITARI GESTIONE CALORE - ANTINCENDIO - PROGETTAZIONE Guida CONTABILIZZAZIONE CALORE Via Aosta, 19-20155 Milano Tel. 02.33104769 r.a. - Fax 02.3319317 www.colombo1967.it Il principio di funzionamento La valvola termostatizzabile, munita di testina termostatica,

Dettagli

Contabilizzazione del calore: esperienza nell edilizia residenziale pubblica.

Contabilizzazione del calore: esperienza nell edilizia residenziale pubblica. Salvatore Pillitteri Responsabile settore impianti e certificazione energetica A.C.E.R. Ravenna Contabilizzazione del calore: esperienza nell edilizia residenziale pubblica. La contabilizzazione: Cos è?!

Dettagli

LEGGE FINANZIARIA 2007 AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

LEGGE FINANZIARIA 2007 AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO LEGGE FINANZIARIA 2007 AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO Soggetti beneficiari Per gli interventi di cui all art. 1, commi da 2 a 5 del Decreto 19 febbraio 2007, la detrazione dall imposta

Dettagli

Contabilizzazione e ripartizione del calore Efficienza e sostenibilità economica

Contabilizzazione e ripartizione del calore Efficienza e sostenibilità economica Contabilizzazione e ripartizione del calore Efficienza e sostenibilità economica Rimini li 30 Marzo 2015 Perché contabilizzare i consumi termici? Perché oggi, sulla spinta delle mutate esigenze ambientali,

Dettagli

ENERGIA E AMBIENTE UN OFFERTA COMPLETA DI PRODOTTI E SERVIZI INNOVATIVI

ENERGIA E AMBIENTE UN OFFERTA COMPLETA DI PRODOTTI E SERVIZI INNOVATIVI Energia e Ambiente UN OFFERTA COMPLETA DI PRODOTTI E SERVIZI INNOVATIVI uroshunt propone soluzioni avanzate nel campo della produzione di energia, del riscaldamento e del raffreddamento. uroshunt, in partnership

Dettagli

MODULI TECHEM PER LA CONTABILIZZAZIONE DEI CONSUMI NEGLI IMPIANTI IDROTERMOSANITARI CENTRALIZZATI

MODULI TECHEM PER LA CONTABILIZZAZIONE DEI CONSUMI NEGLI IMPIANTI IDROTERMOSANITARI CENTRALIZZATI MODULI TECHEM PER LA CONTABILIZZAZIONE DEI CONSUMI NEGLI IMPIANTI IDROTERMOSANITARI CENTRALIZZATI Premessa: il riscaldamento nei condomini Negli ultimi decenni, anche grazie alla diffusione del gas metano,

Dettagli

LA CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE: IL QUADRO NORMATIVO LA DIRETTIVA EUROPEA

LA CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE: IL QUADRO NORMATIVO LA DIRETTIVA EUROPEA LA CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE: IL QUADRO NORMATIVO LA DIRETTIVA EUROPEA DIRETTIVA 2012/27/UE del 25 ottobre 2012 sull efficienza energetica nell Unione Europea La nuova Direttiva stabilisce un quadro

Dettagli

IL RISCALDAMENTO NEI CONDOMINI LA CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE LA TERMOREGOLAZIONE LA COGENERAZIONE LA MICRO-COGENERAZIONE DIFFUSA

IL RISCALDAMENTO NEI CONDOMINI LA CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE LA TERMOREGOLAZIONE LA COGENERAZIONE LA MICRO-COGENERAZIONE DIFFUSA 1. 2. 3. IL RISCALDAMENTO NEI CONDOMINI LA CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE LA TERMOREGOLAZIONE LA COGENERAZIONE LA MICRO-COGENERAZIONE DIFFUSA PAUSA LA BIOMASSA LE CALDAIE A CIPPATO LE CALDAIE A PELLET LE

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI FISCALI CONNESSE AL RISPARMIO ENERGETICO DI EDIFICI ESISTENTI

LE AGEVOLAZIONI FISCALI CONNESSE AL RISPARMIO ENERGETICO DI EDIFICI ESISTENTI LE AGEVOLAZIONI FISCALI CONNESSE AL RISPARMIO ENERGETICO DI EDIFICI ESISTENTI a) Premessa L incentivo fiscale per il risparmio energetico introdotto con la Finanziaria 2007 è paragonabile per grandi linee

Dettagli

(Roma) Rev 0 prot. 29/FS/010

(Roma) Rev 0 prot. 29/FS/010 CAPITOLATO LAVORI PER LA TERMOREGOLAZIONE E CONTABILIZZAZIONE INDIVIDUALE (RIPARTIZIONE) DELL IMPIANTO TERMICO Ad uso riscaldamento a Servizio degli immobili siti in Via E. Lepido, 46 Roma (Roma) Rev 0

Dettagli

Sistema ripartizione calore

Sistema ripartizione calore Sistema ripartizione calore A Division of Watts Water Technologies Inc. In Europa gli edifici sono responsabili del 40% del consumo globale di energia. Ridurre questa quota entro il 2020, come previsto

Dettagli

LO SMART METERING NEL MONDO KNX

LO SMART METERING NEL MONDO KNX LO SMART METERING NEL MONDO KNX IL PROBLEMA DELLA CONTABILIZZAZIONE PERCHE CONTABILIZZARE? Aumento continuo e imponente dei costi energetici Necessità di ripartizione dei costi energetici in strutture

Dettagli

Efficienza energetica plug & play

Efficienza energetica plug & play Efficienza energetica plug & play Value proposition La nostra società si è data la missione di fornire dispositivi per aumentare l efficienza energetica ed il risparmio economico ad utenti residenziali

Dettagli

Corso di Formazione CTI Modulo (B)

Corso di Formazione CTI Modulo (B) Corso di Formazione CTI Modulo (B) LA PROGETTAZIONE E LA CONDUZIONE DEI SISTEMI DI TERMOREGOLAZIONE E CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE Coordinatore del corso: dott. Mattia Merlini Relatore: ing. Laurent Socal

Dettagli

SISTEMA DI TERMOREGOLAZIONE E CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE PERRY DESCRIZIONE DEL SISTEMA

SISTEMA DI TERMOREGOLAZIONE E CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE PERRY DESCRIZIONE DEL SISTEMA SISTEMA DI TERMOREGOLAZIONE E CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE PERRY DESCRIZIONE DEL SISTEMA Il sistema 1PE di Perry trasforma gli impianti di riscaldamento centralizzati esistenti in impianti termoautonomi

Dettagli

Sistemi di contabilizzazione

Sistemi di contabilizzazione Sistemi di contabilizzazione Ing. Laurent SOCAL 31/01/2011 Ing. SOCAL - Contabilizzazione individuale 1 Perché tornare al centralizzato? Riduzione dei costi di installazione Riduzione delle potenze per

Dettagli

Finanziaria e detrazioni del 55%

Finanziaria e detrazioni del 55% Finanziaria e detrazioni del 55% Le detrazioni del 55% saranno valide fino al 31 dicembre 2012 alle stesse condizioni. In dettaglio ecco cosa prevede la normativa a sostegno degli interventi di risparmio

Dettagli

Guida ai Sistemi di Contabilizzazione. Per il progettista e l amministratore di condominio. Answers for infrastructure.

Guida ai Sistemi di Contabilizzazione. Per il progettista e l amministratore di condominio. Answers for infrastructure. Guida ai Sistemi di Contabilizzazione Per il progettista e l amministratore di condominio Answers for infrastructure. Siemens Building Technologies, un partner esperto ed affidabile per il comfort e l

Dettagli

ANACIDAY 2014 28 GENNAIO

ANACIDAY 2014 28 GENNAIO ANACIDAY 2014 28 GENNAIO La progettazione dei sistemi di termoregolazione e contabilizzazione del calore: suggerimenti per gli amministratori Perito Termotecnico Gino De Simoni Il progetto perché? È obbligatorio

Dettagli

Contatori per acqua ed energia. La gamma completa di prodotti per la contabilizzazione diretta

Contatori per acqua ed energia. La gamma completa di prodotti per la contabilizzazione diretta Contatori per acqua ed energia La gamma completa di prodotti per la contabilizzazione diretta Quello che conta è il risultato. Contabilizzazione del consumo di acqua I contatori Honeywell per acqua ad

Dettagli

Studio Associato di Consulenza Aziendale. Rosa Baranzini Brambilla. Bonus energia

Studio Associato di Consulenza Aziendale. Rosa Baranzini Brambilla. Bonus energia Bonus energia PREMESSA La Finanziaria per il 2007 ha previsto una serie di interventi piuttosto ampia a favore delle persone fisiche e giuridiche che effettuano investimenti volti a ridurre il consumo

Dettagli

Guida per risparmiare con il teleriscaldamento. Utenze domestiche

Guida per risparmiare con il teleriscaldamento. Utenze domestiche Guida per risparmiare con il teleriscaldamento Utenze domestiche Che cos è il teleriscaldamento Il teleriscaldamento è un moderno sistema per fornire il riscaldamento, l acqua calda e, in certi casi, il

Dettagli

IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE

IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE FOCUS TECNICO IL SEGRETO DI UN BUON RIPARTITORE ADEGUAMENTO ALLE NORMATIVE DETRAZIONI FISCALI SUDDIVISIONE PIÙ EQUA DELLE SPESE RISPARMIO IN BOLLETTA MINOR CONSUMO GLOBALE DI TUTTO IL CONDOMINIO COSTO

Dettagli

D.P.R. 412/1993: orario di accensione dell'impianto centralizzato con impianto di contabilizzazione del calore

D.P.R. 412/1993: orario di accensione dell'impianto centralizzato con impianto di contabilizzazione del calore ESTRATTO DI ALCUNE LEGGI VIGENTI IN MATERIA DI CONTABILIZZAZIONE INDIVIDUALE LEGGI NAZIONALI LEGGE 10/1991: l'approvazione della contabilizzazione del calore in assemblea di condominio Questa legge prende

Dettagli

La sostenibilità degli interventi sugli impianti termici e i risparmi energetici conseguibili

La sostenibilità degli interventi sugli impianti termici e i risparmi energetici conseguibili La sostenibilità degli interventi sugli impianti termici e i risparmi energetici conseguibili Alberto Montanini Vicepresidente Assotermica 5 ottobre 2010, Seminario FAST L Associazione nazionale di categoria

Dettagli

CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE

CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE CONTABILIZZAZIONE DEL CALORE F A I L A S C E L T A G I U S T A Introduzione alla contabilizzazione..cosa significa avere un impianto centralizzato.. Gli impianti di riscaldamento centralizzati, spesso

Dettagli