CAPITOLATO SPECIALE FORNITURA DI LATTE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPITOLATO SPECIALE FORNITURA DI LATTE"

Transcript

1 ALLEGATO A CAPITOLATO SPECIALE FORNITURA DI LATTE GARA N CIG LOTTO 1: CIG LOTTO 2: FCB

2 Art. 1 - Oggetto del Capitolato Speciale Il presente Capitolato ha per oggetto è la fornitura delle tipologie di latte sotto specificate, presso i Presidi Ospedalieri riportati nel presente Capitolato, per un periodo di mesi 36, per un importo complessivo presunto pari a pari ad Euro ,00 (diconsi Euro trecentotrentunomila/00) al netto dell IVA di legge, più eventuale rinnovo di ulteriori 36 mesi, e viene suddiviso nei seguenti lotti: LOTTO DESCRIZIONE CIG BASE ASTA DURATA LOTTO 1 Fornitura di LATTE per sedi di ALESSANDRIA Euro ,00 IVA esclusa 36 mesi LOTT 2 Fornitura di LATTE per sedi in PROVINCIA di CUNEO FCB Euro ,00 IVA esclusa 36 mesi Art. 2 - Normativa di riferimento: qualità, caratteristiche e requisiti dei prodotti I prodotti forniti dovranno essere conformi alle disposizioni dei regolamenti vigenti, e tra tutti: D. Lgs. 6 novembre 2007, n. 193 Attuazione della Dir. 2004/41/CE relativa ai controlli in materia di sicurezza alimentare e applicazione dei regolamenti comunitari nel medesimo settore; D.legs.109/92 Attuazione delle Dir. 89/395/CEE e 89/396/CEE concernenti l'etichettatura, la presentazione e la pubblicità dei prodotti alimentari; inoltre, sempre in materia di etichettatura a decorrere dal 14/12/2014: Reg. UE 1169/2011 Relativo alla fornitura di informazioni sugli alimenti ai consumatori, che modifica i Reg. CE n. 1924/2006 e CE n. 1925/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio e abroga la Dir. 87/250/CEE della Commissione, la Dir. 90/496/CEE del Consiglio, la Dir. 1999/10/CE della Commissione, la Dir. 2000/13/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, le Dir. 2002/67/CE e 2008/5/CE della Commissione e il Reg. CE n. 608/2004 della Commissione Reg. CE 852/2004 Igiene dei prodotti alimentari Consiglio in G.U.U.E. L 139, (Così rettificato in G.U.U.E. L 226 del e modif. da Reg. CE 1019/08); Reg. CE 853/2004 Norme specifiche in materia di igiene per gli alimenti di origine animale. Regolamento CE 853/2004 Consiglio in G.U.U.E. L 139, (Così rettificato in G.U.U.E. L 226 del e modificato da Regg. CE 2074/2005, 2076/2005, 1662/06, 1791/06, 1234/07, 1020/08); Reg. CE 178/2002 Stabilisce i principi e i requisiti generali della legislazione alimentare, istituisce l'autorità europea per la sicurezza alimentare e fissa procedure nel campo della sicurezza alimentare. Regolamento CE 178/2002 Consiglio in G.U.C.E. L 31, così modif. da Reg. CE 1642/03, da Reg. 575/06 e 202/08; L n. 169 Disciplina del trattamento e della commercializzazione del latte alimentare vaccino; 2

3 Decr. MINISAN n. 185 Regolamento concernente le condizioni di produzione zootecnica, i requisiti di composizione ed igienico-sanitari del latte crudo destinato alla utilizzazione per la produzione di "latte fresco pastorizzato di alta qualità". Decreto Ministero della Sanità 9 maggio 1991 n. 185 pubblicato in G.U. 142, L n. 204 Conversione in legge, con modificazioni, del D.L n.157, recante disposizioni urgenti per l etichettatura di alcuni prodotti agroalimentari, nonché in materia di agricoltura e pesca relativo alla definizione della data di scadenza del latte fresco pastorizzato e latte fresco pastorizzato di alta qualità. Reg. CE 2073/2005 Criteri microbiologici applicabili ai prodotti alimentari Regolamento CE 2073/2005 Commissione in G.U.U.E. L 338, (Così modificato da Reg. CE 1441/2007. Il presente Capitolato risponde alle necessità operative di AMOS di adempiere alle specifiche tecniche dei Capitolati vigenti relativi ai servizi conferiti. Le descrizioni sotto riportate hanno l intento di approfondire ed integrare le specifiche tecniche e i requisiti minimi riportati nell Allegato E che costituisce parte integrante e sostanziale della documentazione tecnica e che è l unico documento di riferimento per verificare la rispondenza dei prodotti offerti rispetto a quelli oggetto di gara. Il fornitore è tenuto ad offrire tutti i prodotti rispondenti ai requisiti minimi riportati nelle colonne PESO/CONFEZ TOLLERANZA CARATTERISTICHE TASSATIVE dell allegato E, pena esclusione. La sottoscrizione del suddetto allegato E equivale a dichiarare che i prodotti offerti rispondono integralmente ai requisiti minimi tassativi indicati nel medesimo modulo. In particolar modo, i prodotti oggetto della fornitura dovranno possedere le seguenti caratteristiche, per ognuna delle seguenti referenze merceologiche: LATTE U.H.T. (parzialmente scremato) 0,5 litri (LOTTO 1 prod. 1 e LOTTO 2 prod 1) Il latte (con titolo di grasso compreso tra 1,5 e 1,8%) dovrà possedere tutte le caratteristiche ed i requisiti previsti dalla normativa vigente, di cui si fa ampio riferimento in premessa. In particolare, dovrà essere genuino, integro, di colore bianco opaco, di sapore dolciastro, di odore gradevole e sottoposto ad idoneo trattamento termico. Si tratterà di latte a lunga conservazione che dovrà essere omogeneizzato-sterilizzatouperizzato; la scadenza non dovrà essere inferiore a 75 giorni. La materia prima latte deve provenire da allevamenti siti in Italia. La successiva lavorazione e il confezionamento devono avvenire sul territorio nazionale. Esso sarà consegnato in contenitori a perdere da 0,5 litri. LATTE U.H.T. (parzialmente scremato) 1 litro (LOTTO 1 prod. 2 e LOTTO 2 prod 2) Il latte (con titolo di grasso compreso tra 1,5 e 1,8%) dovrà possedere tutte le caratteristiche ed i requisiti previsti dalla normativa vigente, di cui si fa ampio riferimento in premessa. In particolare, dovrà essere genuino, integro, di colore bianco opaco, di sapore dolciastro, di odore gradevole e sottoposto ad idoneo trattamento termico. Si tratterà di latte a lunga conservazione che dovrà essere omogeneizzato-sterilizzatouperizzato; la scadenza non dovrà essere inferiore a 75 giorni. La materia prima latte deve provenire da allevamenti siti in Italia. La successiva lavorazione e il confezionamento devono avvenire sul territorio nazionale. Esso sarà consegnato in contenitori a perdere da 1 litro. 3

4 LATTE ALTA DIGERIBILITA PASTORIZZATO 1 litro (LOTTO 1 prod. 3) Latte parzialmente scremato (con titolo di grasso compreso tra 1,5 e 1,8%), con ridotto contenuto di lattosio per una maggior digeribilità. Dovrà aver subito un idoneo trattamento termico. La scadenza non dovrà essere inferiore a 20 giorni. Il trasporto e la conservazione dovranno essere effettuati a temperatura refrigerata. La materia prima latte deve provenire da allevamenti siti in Italia. La successiva lavorazione e il confezionamento devono avvenire sul territorio nazionale. Il latte dovrà possedere tutte le caratteristiche ed i requisiti previsti dalla normativa vigente, di cui si fa ampio riferimento in premessa. In particolare, dovrà essere genuino, integro, di colore bianco opaco, di sapore dolciastro, di odore gradevole e sottoposto ad idoneo trattamento termico. Esso sarà consegnato in contenitori a perdere da 1 litro. LATTE INTERO PASTORIZZATO MICROFILTRATO (LOTTO 1 prod. 4 e LOTTO 2 prod 3) Il latte con titolo di grasso non inferiore a 3,5% dovrà possedere tutte le caratteristiche ed i requisiti previsti dalla normativa vigente, di cui si fa ampio riferimento in premessa. In particolare, dovrà essere genuino, integro, di colore bianco opaco, di sapore dolciastro, di odore gradevole e sottoposto ad idoneo trattamento termico. La scadenza non dovrà essere inferiore a 10 giorni. Il trasporto e la conservazione dovranno essere effettuati a temperatura refrigerata. La materia prima latte deve provenire da allevamenti siti in Italia. La successiva lavorazione e il confezionamento devono avvenire sul territorio nazionale. Il latte microfiltrato intero è pastorizzato e microfiltrato. Esso sarà consegnato in contenitori a perdere da 1 litro. L Amos si riserva la facoltà di richiedere al fornitore aggiudicatario eventuali quotazioni di ulteriori prodotti, nel rispetto dell art 114, comma 2, del D. Lgs 12 aprile 2006 n. 163 e s.m.i., relativo alle varianti in corso d esecuzione del contratto. Art. 3 Modalità del servizio: confezionamento, conservazione, trasporto e consegna dei prodotti L Amos invierà al Fornitore l ordinativo di fornitura tramite , o in via secondaria a mezzo fax. L'ordinazione dovrà intendersi in base alle disposizioni impartite dal Responsabile del Servizio Ristorazione, o chi per esso, che ne indicherà la quantità, il tipo, il giorno e la sede presso la quale la merce dovrà essere consegnata. Le consegne verranno dilazionate nel corso dell'anno secondo le reali necessità dell'amos, con le seguenti frequenze e le fasce orarie: LOTTO 1 DEST. PRESSO INDIRIZZO CITTA' CONSEGNA ORARIO REFER. AMOS LOTTO 2 AZIENDA OSPEDALIERA di Alessandria Via San Pio V ALESSANDRIA SETTIM PRONZATO CRISTINA DEST. PRESSO INDIRIZZO CITTA' CONSEGNA ORARIO REFER. AMOS OSPEDALE S. Croce e Carle Via Monte Zovetto, 23 CUNEO SETTIM MOSCA ANNA 4

5 AMOS AMOS AMOS GIORDANO OSPEDALE di Ceva Loc. S. Bernardino,4 CEVA SETTIM IVANO CUCINA SASSANO Via Donatori Sangue, 2 SAVIGLIANO SETTIM Casa di Riposo Chianoc JOSEPH OSPEDALE CIVILE di Via del Follone SASSANO SALUZZO SETTIM Saluzzo (Ingresso lato Pr. Socc.) JOSEPH Previi tempestivi accordi, l Amos si riserva altresì la facoltà di estendere le forniture in oggetto ad altri presidii ospedalieri delle Aziende Sanitarie Socie. L Importo minimo dei Prodotti che devono essere consegnati alla stessa Unità Approvvigionante è pari a 100,00 (cento/00) al netto dell IVA. E comunque fatta salva la facoltà per le parti di concordare modalità operative differenti. Il prodotto deve essere confezionato ed etichettato nel rispetto della normativa vigente e di quanto previsto dal presente capitolato. Non sono ammesse etichettature incomplete e non in lingua italiana. Il peso delle singole confezioni non deve superare quello consentito dalla movimentazione carichi. Il Fornitore si impegna a conservare i Prodotti, preparare le spedizioni, effettuare il trasporto e la consegna dei Prodotti richiesti in conformità alle norme igienico - sanitarie applicabili, con particolare riferimento al Regolamento CE n. 852/04. Il Fornitore si impegna a consegnare i prodotti e le quantità specificati negli Ordini di approvvigionamento nei giorni e nelle fasce orarie definiti, a condizione che tali Ordini di Approvvigionamento siano pervenuti con un anticipo di almeno due Giorni lavorativi completi rispetto alla data prevista di consegna. Il Fornitore si obbliga, in casi specifici ed eccezionali, alla consegna entro le 24 ore di ordini urgenti emessi dalla con le consuete modalità. La consegna dei Prodotti verrà effettuata in porto franco nell area adiacente all ingresso del magazzino/cella della Unità Approvvigionante. Il Fornitore è tenuto allo scarico della merce dal camion. Le parti possono stabilire, per singoli Prodotti o per categorie di prodotto, modalità di consegna differenti da quelle previste. La gestione (consegna e ritiro) delle pedane o roll utilizzati per il trasporto dei prodotti consegnati viene disciplinata tra l Unità Approvvigionante e il Fornitore. Nel caso di pedane a rendere o roll, il Fornitore mantiene la proprietà degli stessi. Le Amministrazioni Contraenti o le Unità Approvvigionanti non saranno tenute a rilasciare alcuna cauzione al Fornitore in relazione alle pedane o roll eventualmente dallo stesso consegnati. Le pedane a rendere o roll dovranno essere riconsegnati dalle Unità Approvvigionanti in occasione delle successive consegne e comunque entro il termine di scadenza del Contratti di Fornitura. Per i Prodotti a peso variabile (identificati nel Catalogo con la sigla p.v. a fianco della unità di misura) il Fornitore all atto della consegna è tenuto al rispetto delle quantità ordinate, con una tolleranza di +/- 10 % rispetto alle quantità indicate nell Ordine di Approvvigionamento. Art. 4 - Vita residua dei Prodotti (shelf-life) 5

6 I Prodotti dovranno avere alla consegna una vita residua di almeno il 70%. La vita residua del Prodotto viene determinata come segue: Vita residua = data termine del tmc data di consegna X 100 data termine del tmc data di produzione ove: tmc = termine minimo di conservazione (data fino alla quale il Prodotto conserva le sue proprietà specifiche in adeguate condizioni di conservazione) Esempio: - prodotto il 1 marzo; - consegnato il 8 marzo; - tmc 30 gg. e quindi -> data termine del tmc = 30 marzo 30 marzo 8 marzo 22 Vita residua = x 100 = x 100 = 75,8% 30 marzo 1 marzo 29 Per i prodotti alimentari rapidamente deperibili dal punto di vista microbiologico, il tmc è sostituito dalla data di scadenza ai fini del calcolo della vita residua. Nei casi in cui non sia prevista dalla legge l indicazione sul prodotto della data di produzione, ai fini dell identificazione della vita residua è facoltà dell Amministrazione Contraente o dell Unità Approvvigionante richiedere al Fornitore il numero dei giorni risultanti dalla differenza tra tmc e data di produzione. Le prescrizioni di cui al presente paragrafo non si applicano ai prodotti per i quali non è obbligatoria l indicazione del tmc o della data di scadenza. Art. 5 - Controlli L'Amos si riserva la facoltà di effettuare a proprio onere o incaricare a proprie spese dei laboratori di analisi o degli enti ispettivi di controllo per l esecuzione, in qualsiasi momento, di ulteriori controlli finalizzati a verificare la conformità dei Prodotti ai requisiti definiti nel presente Capitolato e nelle schede tecniche di prodotto. I controlli e le ispezioni di cui sopra, effettuati presso le cucine dei PP.OO, non sono sostitutivi dell attività di controllo e valutazione che le Aziende del Servizio Sanitario Nazionale riterranno di compiere in attuazione della normativa vigente. I campioni prelevati dall'amos per l esecuzione di controlli o analisi sono di proprietà dell'amos ed a carico della stessa. In caso di carenze: relative al superamento dei limiti di accettazione previsti dalla legge per le determinazioni analitiche, tali da comportare l emissione di Richieste di Azioni Correttive Maggiori e/o Minori per le attività ispettive, il Fornitore dovrà attuare le opportune azioni volte alla risoluzione sia della carenza riscontrata (azioni sul prodotto o processo) che delle cause che hanno portato alla carenza (per assicurare che non si ripeta). Inoltre dovrà provvedere a predisporre 6

7 opportuna documentazione volta a dare formale evidenza delle attività eseguite, comprendendo in queste le verifiche di completamento e risoluzione definitiva della carenza. Qualora gli esiti dei controlli eseguiti dall'amos rilevassero scostamenti rispetto ai requisiti (definiti dalle normative vigenti in materia, definiti nelle schede tecniche di prodotto), si applicherà la procedura secondo la quale l'amos farà pervenire per iscritto al Fornitore le contestazioni rilevate. Il Fornitore e l'amos potranno incaricare congiuntamente un laboratorio di prova, in possesso di autorizzazione del Ministero della Salute, per effettuare analisi sugli alimenti, per l effettuazione delle analisi di secondo grado, relativamente all oggetto della contestazione. Qualora le analisi confermino l esito negativo, il Fornitore sarà tenuto al pagamento delle analisi effettuate ed al pagamento della penale prevista, fatti salvi gli altri rimedi contrattuali e fermo restando in ogni caso il risarcimento dei danni. Qualora invece le analisi di secondo grado diano esito positivo (Prodotti conformi) il Fornitore è tenuto esclusivamente al pagamento di queste ultime analisi. Il Fornitore ha l obbligo di ritirare il Prodotto e, nel caso in cui il Prodotto non venga ritirato entro 15 gg. dalla richiesta da parte dell Amos, quest ultima può procedere alla sua distruzione con eventuali costi a carico del Fornitore. Il Prodotto oggetto di contestazione non verrà pagato al Fornitore ovvero, se già pagato, il relativo importo sarà trattenuto dai pagamenti delle fatture successive. L'Amos potrà inoltre richiedere al Fornitore la sostituzione del Prodotto con altro conforme ai predetti requisiti, alle medesime condizioni economiche definite nell Offerta Economica. Art. 6 - Sostituzione di Prodotti Qualora sopraggiunga l indisponibilità definitiva di uno o più prodotti indicati, il Fornitore ha la facoltà di chiederne la sostituzione definitiva purché il prodotto proposto in sostituzione abbia i requisiti minimi previsti dal presente Capitolato. Le sostituzioni di cui sopra non daranno in nessun caso diritto al Fornitore di pretendere variazioni in aumento del prezzo unitario attribuito al singolo prodotto. Il Fornitore che intenda richiedere la sostituzione di uno o più Prodotti deve inviare la richiesta per iscritto indicando le caratteristiche del nuovo prodotto e la scheda tecnica. L Amos si riserva la facoltà di valutare e accettare la richiesta e di effettuare, o far effettuare, le prove ritenute opportune di caso in caso, volte a confermare il possesso, da parte del Prodotto offerto in sostituzione, di caratteristiche equivalenti o superiori rispetto al Prodotto previsto nell offerta originaria. Qualora l Amos ritenga opportuno incaricare degli organismi di controllo per l esecuzione di determinazioni analitiche o di verifiche ispettive, i costi di tali analisi saranno a carico del Fornitore. L Amos provvederà a comunicare al Fornitore l organismo di controllo prescelto ed il Fornitore provvederà ad emettere il relativo incarico all ente indicato, specificando che gli esiti delle valutazioni dovranno essere messi a disposizione dell Amos. Al termine della valutazione l Amos comunicherà al Fornitore se avrà accettato o meno la sostituzione di prodotto richiesta. Art. 7 Responsabile del servizio 7

8 Il Fornitore si obbliga a nominare un Responsabile del Servizio, che sarà il referente dei rapporti contrattuali con l Amos per tutti gli adempimenti relativi alla fornitura (definizione giorni di consegna, fasce orarie, eventuali contenziosi, ecc.). Tutte le contestazioni fatte in contraddittorio con detto referente, che deve essere facilmente reperibile, si intendono riferite direttamente alla Ditta. La Ditta dovrà comunicare all AMOS i recapiti del suddetto referente per ogni comunicazione urgente che dovesse rendersi necessaria durante la fornitura in oggetto. Art. 8 Requisiti e doveri Nell esecuzione del servizio, la Ditta dovrà sempre garantire la costante presenza di un entità numerica di personale utile ad un compiuto e corretto espletamento del servizio in oggetto, provvedendo ad eventuali assenze con un immediata sostituzione. I dipendenti della Ditta sono obbligati a tenere un comportamento improntato sulla massima educazione e correttezza, e ad agire, in ogni occasione, con la diligenza professionale richiesta dal servizio in oggetto. La AMOS si riserva la facoltà di allontanare quegli elementi che diano motivo di fondata lamentela o che, per seri motivi, non risultino idonei all esecuzione dell attività in oggetto. La Ditta aggiudicataria deve curare che il personale adibito all espletamento dei lavori: - abbia sempre con sé un documento di identità personale; - tenga sempre un comportamento corretto; - segnali subito agli organi competenti le anomalie rilevate durante lo svolgimento del servizio. 8

FORNITURA DI ORTOFRUTTA CIG N F74

FORNITURA DI ORTOFRUTTA CIG N F74 ALLEGATO A CAPITOLATO SPECIALE FORNITURA DI ORTOFRUTTA CIG N. 6285753F74 Art.1 - Oggetto del Capitolato Speciale Il presente Capitolato ha per oggetto la fornitura di ORTOFRUTTA come sotto specificato,

Dettagli

FORNITURA DI ORTAGGI QUARTA GAMMA CIG N

FORNITURA DI ORTAGGI QUARTA GAMMA CIG N ALLEGATO A CAPITOLATO SPECIALE FORNITURA DI ORTAGGI QUARTA GAMMA CIG N. 6616685531 Art.1 - Oggetto del Capitolato Speciale Il presente Capitolato ha per oggetto la fornitura di ORTAGGI QUARTA GAMMA, come

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE FORNITURA DI LATTE CIG N C0

CAPITOLATO SPECIALE FORNITURA DI LATTE CIG N C0 ALLEGATO A CAPITOLATO SPECIALE FORNITURA DI LATTE CIG N. 57570747C0 Art. 1 - Oggetto del Capitolato Speciale Il presente Capitolato ha per oggetto è la fornitura delle tipologie di latte sotto specificate,

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE FORNITURA DI YOGURT

CAPITOLATO SPECIALE FORNITURA DI YOGURT ALLEGATO A CAPITOLATO SPECIALE FORNITURA DI YOGURT CIG N. 6185305328 Art. 1 - Oggetto del capitolato speciale Il presente Capitolato ha per oggetto la fornitura delle tipologie di YOGURT specificate nell

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE FORNITURA DI ACQUA

CAPITOLATO SPECIALE FORNITURA DI ACQUA ALLEGATO A CAPITOLATO SPECIALE FORNITURA DI ACQUA GARA N. 5966001 CIG LOTTO 1: 616836362C CIG LOTTO 2: 6168368A4B Art.1 - Oggetto del capitolato speciale Il presente Capitolato ha per oggetto la fornitura

Dettagli

FORNITURA DI ACQUA - DURATA 36 MESI

FORNITURA DI ACQUA - DURATA 36 MESI 3680/18 ALLEGATO A CAPITOLATO SPECIALE FORNITURA DI ACQUA - DURATA 36 MESI CIG 76177985C6 Art. 1 - Oggetto dell appalto Con Disposizione a contrarre n. 255/2018/DET del 09/10/2018 l ha disposto di attivare

Dettagli

FORNITURA DI GENERI SECCHI

FORNITURA DI GENERI SECCHI ALLEGATO A CAPITOLATO SPECIALE FORNITURA DI GENERI SECCHI CIG N. 6422632B95 1/7 Art.1 - Oggetto del capitolato speciale Il presente Capitolato ha per oggetto la fornitura delle tipologie di GENERI SECCHI

Dettagli

FORNITURA DI PRODOTTI di CAFFETTERIA PER IL BAR DELL OSPEDALE CARDINAL MASSAIA DI ASTI

FORNITURA DI PRODOTTI di CAFFETTERIA PER IL BAR DELL OSPEDALE CARDINAL MASSAIA DI ASTI 3268/18 ALLEGATO A CAPITOLATO SPECIALE FORNITURA DI PRODOTTI di CAFFETTERIA PER IL BAR DELL OSPEDALE CARDINAL MASSAIA DI ASTI CIG 7603560036 Art. 1 - Oggetto dell appalto Con Disposizione a contrarre n.

Dettagli

FORNITURA DI PRODOTTI MONOUSO (materiali idonei al contatto con alimenti)

FORNITURA DI PRODOTTI MONOUSO (materiali idonei al contatto con alimenti) ALLEGATO A CAPITOLATO SPECIALE FORNITURA DI PRODOTTI MONOUSO (materiali idonei al contatto con alimenti) CIG N. 62407047DA Art. 1 - Oggetto del capitolato speciale Il presente Capitolato ha per oggetto

Dettagli

FORNITURA DI PRODOTTI DIETETICI

FORNITURA DI PRODOTTI DIETETICI ALLEGATO A CAPITOLATO SPECIALE FORNITURA DI PRODOTTI DIETETICI CIG N. 6229598AE3 Art.1 - Oggetto del capitolato speciale Il presente Capitolato ha per oggetto la fornitura delle tipologie di PRODOTTI DIETETICI

Dettagli

FORNITURA DI PRODOTTI ALIMENTARI E BEVANDE PER IL BAR DELL OSPEDALE CARDINAL MASSAIA DI ASTI

FORNITURA DI PRODOTTI ALIMENTARI E BEVANDE PER IL BAR DELL OSPEDALE CARDINAL MASSAIA DI ASTI 0342/18 ALLEGATO A CAPITOLATO SPECIALE FORNITURA DI PRODOTTI ALIMENTARI E BEVANDE PER IL BAR DELL OSPEDALE CARDINAL MASSAIA DI ASTI LOTTO 1 CIG 7542739122 LOTTO 2 CIG 7542749960 LOTTO 3 CIG 7542752BD9

Dettagli

FORNITURA DI PASTA FRESCA ALL UOVO

FORNITURA DI PASTA FRESCA ALL UOVO ALLEGATO A CAPITOLATO SPECIALE FORNITURA DI PASTA FRESCA ALL UOVO CIG N. 6054153D17 Art.1 - Oggetto del Capitolato Speciale Il presente Capitolato ha per oggetto la fornitura di PASTA FRESCA ALL'UOVO CON

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE FORNITURA DI PANE CIG N DFD

CAPITOLATO SPECIALE FORNITURA DI PANE CIG N DFD ALLEGATO A CAPITOLATO SPECIALE FORNITURA DI PANE CIG N. 6048512DFD Art. 1 - Oggetto del Capitolato Speciale Il presente Capitolato ha per oggetto la fornitura di PANE come sotto specificato, presso i Presidi

Dettagli

FORNITURA DI CARNI SUINE, SALUMI E INSACCATI

FORNITURA DI CARNI SUINE, SALUMI E INSACCATI ALLEGATO A CAPITOLATO SPECIALE FORNITURA DI CARNI SUINE, SALUMI E INSACCATI CIG N. 5783698A91 Art. 1 - Oggetto del capitolato speciale Il presente Capitolato ha per oggetto è la fornitura di carni suine,

Dettagli

FORNITURA DI CARNI BOVINE

FORNITURA DI CARNI BOVINE ALLEGATO A CAPITOLATO SPECIALE FORNITURA DI CARNI BOVINE CIG N. 609016859E Art. 1 - Oggetto del capitolato speciale Il presente Capitolato ha per oggetto la fornitura delle CARNI BOVINE sotto specificate,

Dettagli

Capitolato prestazionale e caratteristiche merceologiche delle derrate alimentari

Capitolato prestazionale e caratteristiche merceologiche delle derrate alimentari Capitolato prestazionale e caratteristiche merceologiche delle derrate alimentari In questo documento sono riportati gli elementi che descrivono, nel dettaglio, le regole della fornitura alle quali il

Dettagli

Capitolato prestazionale e caratteristiche merceologiche delle derrate alimentari

Capitolato prestazionale e caratteristiche merceologiche delle derrate alimentari Capitolato prestazionale e caratteristiche merceologiche delle derrate alimentari In questo documento sono riportati gli elementi che descrivono, nel dettaglio, le regole della fornitura alle quali il

Dettagli

FORNITURA DI PRODOTTI LATTIERO CASEARI

FORNITURA DI PRODOTTI LATTIERO CASEARI ALLEGATO A CAPITOLATO SPECIALE FORNITURA DI PRODOTTI LATTIERO CASEARI CIG N. 5890699697 Art.1 - Oggetto del Capitolato Speciale Il presente Capitolato ha per oggetto è la fornitura dei prodotti lattiero

Dettagli

FORNITURA DI PRODOTTI LATTIERO CASEARI

FORNITURA DI PRODOTTI LATTIERO CASEARI ALLEGATO A CAPITOLATO SPECIALE FORNITURA DI PRODOTTI LATTIERO CASEARI CIG N. 5703190545 Art. 1 - Oggetto del Capitolato Speciale Il presente Capitolato ha per oggetto è la fornitura dei prodotti lattiero

Dettagli

ALLEGATO 5 CAPITOLATO TECNICO GARA PER LA FORNITURA DI DERRATE ALIMENTARI E DEI SERVIZI CONNESSI ED OPZIONALI ALLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

ALLEGATO 5 CAPITOLATO TECNICO GARA PER LA FORNITURA DI DERRATE ALIMENTARI E DEI SERVIZI CONNESSI ED OPZIONALI ALLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ALLEGATO 5 CAPITOLATO TECNICO GARA PER LA FORNITURA DI DERRATE ALIMENTARI E DEI SERVIZI CONNESSI ED OPZIONALI ALLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI INDICE 1 1.1 1.2 1.3 2 2.1 2.2 2.3 2.4 2.5 2.6 2.7 2.8 2.9 DISPOSIZIONI

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE UNICA ACQUISTI

ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE UNICA ACQUISTI ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE UNICA ACQUISTI ALLEGATO 1 al Disciplinare di gara CAPITOLATO TECNICO Procedura aperta di carattere comunitario,

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO PER LA FORNITURA DI N BORSE PER LA CARTA, MULTIMATERIALE LEGGERO E PER IL VETRO SUDDIVISO IN N.

CAPITOLATO TECNICO PER LA FORNITURA DI N BORSE PER LA CARTA, MULTIMATERIALE LEGGERO E PER IL VETRO SUDDIVISO IN N. Pagina 1 di 5 CAPITOLATO TECNICO PER LA FORNITURA DI N. 1.214.500 BORSE PER LA CARTA, MULTIMATERIALE LEGGERO E PER IL VETRO SUDDIVISO IN N.2 LOTTI Pagina 2 di 5 INIDICE ART.1. OGGETTO... 3 ART. 2. IMPORTO

Dettagli

ART. 2. IMPORTO DELL APPALTO... 3 ART.3 CARATTERISTICHE TECNICHE... 3 ART. 4 MODALITÀ DI ESPLETAMENTO DELL APPALTO... 4

ART. 2. IMPORTO DELL APPALTO... 3 ART.3 CARATTERISTICHE TECNICHE... 3 ART. 4 MODALITÀ DI ESPLETAMENTO DELL APPALTO... 4 Pagina 1 di 6 CAPITOLATO TECNICO Fornitura di n. 25.200.000 sacchetti in materiale biodegradabile e compostabile per la raccolta sottolavello del rifiuto organico suddivisa in tre lotti. Pagina 2 di 6

Dettagli

SSICA. - Regolamento (UE) 2015/2283 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 25 novembre 2015 relativo ai "Nuovi alimenti"

SSICA. - Regolamento (UE) 2015/2283 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 25 novembre 2015 relativo ai Nuovi alimenti Normativa Regolamento (UE) 2015/2283 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 25 novembre 2015 relativo ai "Nuovi alimenti" Regolamento (UE) N. 1019/2013 della Commissione del 23 ottobre 2013 che modifica

Dettagli

SSICA. - Regolamento (UE) 2015/2283 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 25 novembre 2015 relativo ai "Nuovi alimenti"

SSICA. - Regolamento (UE) 2015/2283 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 25 novembre 2015 relativo ai Nuovi alimenti Normativa Regolamento (UE) 2015/2283 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 25 novembre 2015 relativo ai "Nuovi alimenti" Regolamento (UE) N. 1019/2013 della Commissione del 23 ottobre 2013 che modifica

Dettagli

C O M U N E D I P A L E R M O A r e a A M M I N I S T R A T I V A D E L L A R I Q U A L I F I C A Z I O N E

C O M U N E D I P A L E R M O A r e a A M M I N I S T R A T I V A D E L L A R I Q U A L I F I C A Z I O N E C O M U N E D I P A L E R M O A r e a A M M I N I S T R A T I V A D E L L A R I Q U A L I F I C A Z I O N E URBANA E DELLE INFRASTRUTTURE Ufficio Contratti ed Approvvigionamenti Via Roma, 209 90133 Palermo

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO AFFIDAMENTO SERVIZIO FORNITURA

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO AFFIDAMENTO SERVIZIO FORNITURA CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO AFFIDAMENTO SERVIZIO FORNITURA DI STAMPATI E MODULISTICA Avellino, 13/01/2005 ART. 1 OGGETTO DELLA FORNITURA La fornitura ha per oggetto gli stampati e la modulistica varia

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO. Indice generale

CAPITOLATO TECNICO. Indice generale Pagina 1 di 8 CAPITOLATO TECNICO Procedura Aperta per la fornitura, di sacchi a perdere per la raccolta dei rifiuti indifferenziati a consegne ripartite presso le sedi AMA S.p.A. per un periodo di 24 mesi.

Dettagli

RITENUTO OPPORTUNO fornire definizioni che garantiscano una gestione uniforme e coerente delle non conformità e delle misure ad esse corrispondenti;

RITENUTO OPPORTUNO fornire definizioni che garantiscano una gestione uniforme e coerente delle non conformità e delle misure ad esse corrispondenti; Disposizioni per l adozione di un elenco di non conformità riguardanti la qualificazione biologica dei prodotti e le corrispondenti misure che gli Organismi di Controllo devono applicare agli operatori

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara

Università degli Studi di Ferrara Università degli Studi di Ferrara ACCORDO QUADRO QUADRIENNALE PER LA FORNITURA DI PRODOTTI CHIMICI E ARTICOLI DA LABORATORIO PER I DIPARTIMENTI SCIENTIFICI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FERRARA CAPITOLATO

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO. Articolo 1 - Oggetto

CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO. Articolo 1 - Oggetto A CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO Articolo 1 - Oggetto Il presente capitolato disciplina la fornitura triennale di: Materiale di consumo per Computers e Stampanti dell Azienda Sanitaria 3 Genovese. GARA

Dettagli

FORNITURA DI PRODOTTI AVICUNICOLI

FORNITURA DI PRODOTTI AVICUNICOLI ALLEGATO A CAPITOLATO SPECIALE FORNITURA DI PRODOTTI AVICUNICOLI CIG N. 5704072D1C Art.1 - Oggetto del Capitolato Speciale Il presente Capitolato ha per oggetto è la fornitura dei prodotti avicunicoli

Dettagli

DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI

DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI indicato, l organo di controllo procede ad effettuare la contestazione, ai sensi dell articolo 14 della legge 24 novembre 1981, n. 689. In tale ipotesi è esclusa l applicazione dell articolo 16 della citata

Dettagli

BANDO DI GARA PER GLI APPALTI DI LAVORI, FORNITURE E SERVIZI. Allegato I art. 3 comma 1 D. Lgs. n. 67 del

BANDO DI GARA PER GLI APPALTI DI LAVORI, FORNITURE E SERVIZI. Allegato I art. 3 comma 1 D. Lgs. n. 67 del BANDO DI GARA PER GLI APPALTI DI LAVORI, FORNITURE E SERVIZI Allegato I art. 3 comma 1 D. Lgs. n. 67 del 9.4.2003 LOTTO 1: CIG 77702472AC LOTTO 2: CIG 7770294973 FORNITURE L appalto rientra nel campo di

Dettagli

BANDO DI GARA PER GLI APPALTI DI LAVORI, FORNITURE E SERVIZI. Allegato I art. 3 comma 1 D.lgs. n. 67 del

BANDO DI GARA PER GLI APPALTI DI LAVORI, FORNITURE E SERVIZI. Allegato I art. 3 comma 1 D.lgs. n. 67 del BANDO DI GARA PER GLI APPALTI DI LAVORI, FORNITURE E SERVIZI Allegato I art. 3 comma 1 D.lgs. n. 67 del 9.4.2003 LOTTO 1: CIG 7499034E9C LOTTO 3: CIG 74991774A1 LOTTO 2: CIG 749915634D LOTTO 4: CIG 7499190F58

Dettagli

BANDO DI GARA PER GLI APPALTI DI LAVORI, FORNITURE E SERVIZI. Allegato I art. 3 comma 1 D. Lgs. n. 67 del

BANDO DI GARA PER GLI APPALTI DI LAVORI, FORNITURE E SERVIZI. Allegato I art. 3 comma 1 D. Lgs. n. 67 del BANDO DI GARA PER GLI APPALTI DI LAVORI, FORNITURE E SERVIZI Allegato I art. 3 comma 1 D. Lgs. n. 67 del 9.4.2003 Lotto unico: CIG 720161725A SERVIZI L appalto rientra nel campo di applicazione dell accordo

Dettagli

CONDIZIONI PARTICOLARI DI RDO/CAPITOLATO TECNICO

CONDIZIONI PARTICOLARI DI RDO/CAPITOLATO TECNICO ALLEGATO A Procedura di acquisto, attraverso il MEPA di Consip, per la conclusione di accordo quadro per la fornitura di derrate alimentari necessarie ai campi di accoglienza istituiti nei territori colpiti

Dettagli

BANDO DI GARA PER GLI APPALTI DI LAVORI, FORNITURE E SERVIZI. Allegato I art. 3 comma 1 D.lgs. n. 67 del FORNITURE

BANDO DI GARA PER GLI APPALTI DI LAVORI, FORNITURE E SERVIZI. Allegato I art. 3 comma 1 D.lgs. n. 67 del FORNITURE BANDO DI GARA PER GLI APPALTI DI LAVORI, FORNITURE E SERVIZI Allegato I art. 3 comma 1 D.lgs. n. 67 del 9.4.2003 LOTTO 1: CIG 76315466FB LOTTO 2: CIG 76315645D6 FORNITURE L appalto rientra nel campo di

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE UNICA ACQUISTI

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE UNICA ACQUISTI ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE UNICA ACQUISTI ALLEGATO 2 al Disciplinare di gara CAPITOLATO TECNICO RETTIFICATO Procedura aperta, ai sensi degli artt.

Dettagli

Rintracciabilita' e scadenza del latte fresco. (GU n. 152 del )

Rintracciabilita' e scadenza del latte fresco. (GU n. 152 del ) MINISTERO DELLE ATTIVITA' PRODUTTIVE DECRETO 27 Maggio 2004 Rintracciabilita' e scadenza del latte fresco. (GU n. 152 del 1-7-2004 ) IL MINISTRO DELLE ATTIVITA' PRODUTTIVE e IL MINISTRO DELLE POLITICHE

Dettagli

Settore II: Ristorazione Scolastica e Asili Nido

Settore II: Ristorazione Scolastica e Asili Nido Settore II: Ristorazione Scolastica e Asili Nido Capitolato Tecnico Descrittivo specifico per la fornitura di: LOTTO N. 2 PRODOTTI ORTOFRUTTICOLI FRESCHI E LEGUMI Periodo da settembre 2017 ad agosto 2020

Dettagli

BANDO DI GARA PER GLI APPALTI DI LAVORI, FORNITURE E SERVIZI. Allegato I art. 3 comma 1 D.lgs. n. 67 del

BANDO DI GARA PER GLI APPALTI DI LAVORI, FORNITURE E SERVIZI. Allegato I art. 3 comma 1 D.lgs. n. 67 del BANDO DI GARA PER GLI APPALTI DI LAVORI, FORNITURE E SERVIZI Allegato I art. 3 comma 1 D.lgs. n. 67 del 9.4.2003 LOTTO N.1: CIG 7770884058 LOTTO N.2: CIG 777088512B LOTTO N.3: CIG 77708861FE LOTTO N.4:

Dettagli

CIG Z7A241FA16 CPV principale

CIG Z7A241FA16 CPV principale CIG Z7A241FA16 CPV principale 15331423-8 COMUNE DI FIRENZE DIREZIONE ISTRUZIONE SERVIZIO SUPPORTO ALLA SCUOLA P.O. Mense Scolastiche ed Educazione Alimentare PROCEDURA DI ACQUISTO AI SENSI DELL ART. 36

Dettagli

BANDO DI GARA PER GLI APPALTI DI LAVORI, FORNITURE E SERVIZI. Allegato I art. 3 comma 1 D. Lgs. n. 67 del

BANDO DI GARA PER GLI APPALTI DI LAVORI, FORNITURE E SERVIZI. Allegato I art. 3 comma 1 D. Lgs. n. 67 del BANDO DI GARA PER GLI APPALTI DI LAVORI, FORNITURE E SERVIZI Allegato I art. 3 comma 1 D. Lgs. n. 67 del 9.4.2003 LOTTO N.1: CIG 7645790182 LOTTO N.2: CIG 76457955A1 LOTTO N.3: CIG 7645805DDF FORNITURE

Dettagli

Settore II: Ristorazione Scolastica e Asili Nido. Periodo da settembre 2017 ad agosto 2020

Settore II: Ristorazione Scolastica e Asili Nido. Periodo da settembre 2017 ad agosto 2020 Settore II: Ristorazione Scolastica e Asili Nido Capitolato Tecnico Descrittivo specifico per la fornitura di: LOTTO N. 6 : PANE E PRODOTTI FRESCHI DA FORNO Periodo da settembre 2017 ad agosto 2020 C.I.G.

Dettagli

DECRETO DIREZIONE GENERALE SANITA N DEL 21 MARZO 2003

DECRETO DIREZIONE GENERALE SANITA N DEL 21 MARZO 2003 DECRETO DIREZIONE GENERALE SANITA N. 4835 DEL 21 MARZO 2003 Oggetto: Procedure per l attuazione dei controlli sul latte crudo destinato alla produzione di latte fresco pastorizzato di alta qualità ai sensi

Dettagli

CIG Z CF CPV

CIG Z CF CPV COMUNE DI FIRENZE DIREZIONE ISTRUZIONE SERVIZIO SUPPORTO ALLA SCUOLA P.O. Mense Scolastiche ed Educazione Alimentare PROCEDURA DI ACQUISTO AI SENSI DELL ART. 36 C. 6 DEL D.LGS. N. 50 DEL 18/04/2016 E ss.mm.,

Dettagli

Capitolato Tecnico GARA NAZIONALE A PROCEDURA APERTA PER L APPALTO DI FORNITURA TRIENNALE DI MATERIALE DI CONSUMO PER UFFICIO CIG.

Capitolato Tecnico GARA NAZIONALE A PROCEDURA APERTA PER L APPALTO DI FORNITURA TRIENNALE DI MATERIALE DI CONSUMO PER UFFICIO CIG. GARA NAZIONALE A PROCEDURA APERTA PER L APPALTO DI FORNITURA TRIENNALE DI MATERIALE DI CONSUMO PER UFFICIO CIG. 7623181FF4 1 1. PREMESSA L ISMEA, Istituto di Servizi per il Mercato agricolo alimentare

Dettagli

IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI

IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI DECRETO 20 giugno 2014: Attuazione dell'articolo 4 della legge 13 maggio 2011, n. 77, recante disposizioni concernenti la preparazione, il confezionamento e la distribuzione dei prodotti ortofrutticoli

Dettagli

BANDO DI GARA PER GLI APPALTI DI LAVORI, FORNITURE E SERVIZI. Allegato I art. 3 comma 1 D. Lgs. n. 67 del CIG B9

BANDO DI GARA PER GLI APPALTI DI LAVORI, FORNITURE E SERVIZI. Allegato I art. 3 comma 1 D. Lgs. n. 67 del CIG B9 BANDO DI GARA PER GLI APPALTI DI LAVORI, FORNITURE E SERVIZI Allegato I art. 3 comma 1 D. Lgs. n. 67 del 9.4.2003 CIG 54137629B9 FORNITURE L appalto rientra nel campo di applicazione dell accordo sugli

Dettagli

CONDIZIONI TECNICHE FORNITURA DI MORSETTI AD U IN OTTONE

CONDIZIONI TECNICHE FORNITURA DI MORSETTI AD U IN OTTONE CONDIZIONI TECNICHE Ed. 2 del 21/09/2017 FORNITURA DI MORSETTI AD U IN OTTONE areti S.p.A. 1 di 5 INDICE 1 OGGETTO DEL CONTRATTO... 3 2 TERMINI DI CONSEGNA... 3 3 RESA... 3 4 SPEDIZIONE... 4 5 IMBALLO...

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO. Sommario

CAPITOLATO TECNICO. Sommario PROCEDURA NEGOZIATA EX ART.63, COMMA 2 LETTERA B) PUNTO 3 D. LGS 50/2016 PER L AFFIDAMENTO DELLA FORNITURA DEI SISTEMI DI MONITORAGGIO FLASH DEL GLUCOSIO FMG- FLASH GLUCOSE MONITORING DA DESTINARE AI PAZIENTI

Dettagli

RETTIFICA N. 4. Si specifica inoltre che non è possibile presentare lo stesso certificato, in capo alla medesima persona, su più lotti di gara.

RETTIFICA N. 4. Si specifica inoltre che non è possibile presentare lo stesso certificato, in capo alla medesima persona, su più lotti di gara. Oggetto: Gara a procedura aperta ai sensi del D.Lgs. 50/2016 e s.m.i., per l appalto dei servizi di gestione e manutenzione di sistemi IP e postazione di lavoro per le Pubbliche Amministrazioni edizione

Dettagli

BANDO DI GARA PER GLI APPALTI DI LAVORI, FORNITURE E SERVIZI. Allegato I art. 3 comma 1 D. Lgs. n. 67 del

BANDO DI GARA PER GLI APPALTI DI LAVORI, FORNITURE E SERVIZI. Allegato I art. 3 comma 1 D. Lgs. n. 67 del BANDO DI GARA PER GLI APPALTI DI LAVORI, FORNITURE E SERVIZI Allegato I art. 3 comma 1 D. Lgs. n. 67 del 9.4.2003 Lotto n. 1: CIG 72347375D6 Lotto n. 2: CIG 72347429F5 Lotto n. 3: CIG 7234751165 Lotto

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE UNICA ACQUISTI

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE UNICA ACQUISTI ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE UNICA ACQUISTI ALLEGATO 2 al Disciplinare di gara CAPITOLATO TECNICO Procedura aperta, ai sensi degli artt. 55, 5 comma,

Dettagli

BANDO DI GARA PER GLI APPALTI DI LAVORI, FORNITURE E SERVIZI. Allegato I art. 3 comma 1 D. Lgs. n. 67 del

BANDO DI GARA PER GLI APPALTI DI LAVORI, FORNITURE E SERVIZI. Allegato I art. 3 comma 1 D. Lgs. n. 67 del BANDO DI GARA PER GLI APPALTI DI LAVORI, FORNITURE E SERVIZI Allegato I art. 3 comma 1 D. Lgs. n. 67 del 9.4.2003 Lotto 1: CIG 6681938DA9 Lotto 2: CIG 66609050B2 FORNITURE L appalto rientra nel campo di

Dettagli

RINTRACCIABILITÀ e SISTEMA DI ALLERTA

RINTRACCIABILITÀ e SISTEMA DI ALLERTA RINTRACCIABILITÀ e SISTEMA DI ALLERTA Come visto in precedenza, la gestione della sicurezza alimentare si basa sulla prevenzione attuata mediante l analisi dei rischi, l autocontrollo igienico sanitario

Dettagli

B-CAPITOLATO TECNICO

B-CAPITOLATO TECNICO PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DELLA FORNITURA DI SISTEMI DI PRELIEVO EMATICO SOTTO VUOTO PREDETERMINATO B-CAPITOLATO TECNICO ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO Oggetto del presente capitolato è la fornitura

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 52

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 52 27.12.2018 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 52 83 c) che sono stati eseguiti, redatti e presentati i frazionamenti per la definizione delle aree effettivamente espropriate, le indennità

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DG PQAI - Segreteria PQAI - Prot. Uscita N.0053839 del 20/07/2018 IL DIRETTORE GENERALE Linee guida sulla verifica di quanto disposto dall art. 2, comma 3 del decreto ministeriale n. 57167 del 26/07/2017

Dettagli

BANDO DI GARA PER GLI APPALTI DI LAVORI, FORNITURE E SERVIZI Allegato I art. 3 comma 1 D.lgs. n. 67 del 9.4.2003 CIG 7797025493 SERVIZI L appalto rientra nel campo di applicazione dell accordo sugli appalti

Dettagli

BANDO DI GARA PER GLI APPALTI DI LAVORI, FORNITURE E SERVIZI. Allegato I art. 3 comma 1 D. Lgs. n. 67 del

BANDO DI GARA PER GLI APPALTI DI LAVORI, FORNITURE E SERVIZI. Allegato I art. 3 comma 1 D. Lgs. n. 67 del BANDO DI GARA PER GLI APPALTI DI LAVORI, FORNITURE E SERVIZI Allegato I art. 3 comma 1 D. Lgs. n. 67 del 9.4.2003 LOTTO N. 1: CIG 7260764BFD LOTTO N. 2: CIG 7260780932 FORNITURE L appalto rientra nel campo

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER LA PROCEDURA NEGOZIATA PER LA FORNITURA DI CARNE BOVINA PER IL SERVIZIO CUCINA E MENSA DEL P. O. DI CIRIE.

CAPITOLATO SPECIALE PER LA PROCEDURA NEGOZIATA PER LA FORNITURA DI CARNE BOVINA PER IL SERVIZIO CUCINA E MENSA DEL P. O. DI CIRIE. CAPITOLATO SPECIALE PER LA PROCEDURA NEGOZIATA PER LA FORNITURA DI CARNE BOVINA PER IL SERVIZIO CUCINA E MENSA DEL P. O. DI CIRIE. 1. OGGETTO DELLA PRESENTE PROCEDURA Oggetto del presente appalto è la

Dettagli

COMUNE DI COMACCHIO Provincia di Ferrara

COMUNE DI COMACCHIO Provincia di Ferrara COMUNE DI COMACCHIO Provincia di Ferrara Settore I Vicesegretario Generale e Servizi e Servizi Socio-Assistenziali CASA RESIDENZA COMUNALE PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI A.NIBBIO APPALTO PER LA FORNITURA

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO FORNITURA DI SACCHI IN MATERIALE BIODEGRADABILE E COMPOSTABILE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DELLA FRAZIONE ORGANICA.

CAPITOLATO TECNICO FORNITURA DI SACCHI IN MATERIALE BIODEGRADABILE E COMPOSTABILE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DELLA FRAZIONE ORGANICA. Pagina 1 di 9 CAPITOLATO TECNICO FORNITURA DI SACCHI IN MATERIALE BIODEGRADABILE E COMPOSTABILE PER LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DELLA FRAZIONE. Pagina 2 di 9 INDICE ART. 1 OGGETTO... 3 ART. 2. IMPORTO DELL

Dettagli

Bando di gara Servizi di pubblica utilità. Forniture

Bando di gara Servizi di pubblica utilità. Forniture 1 / 7 Bando di gara Servizi di pubblica utilità Forniture Direttiva 2014/25/UE Sezione I: Ente aggiudicatore I.1) Denominazione e indirizzi Poste Italiane S.p.A. Immobili e Acquisti Viale Asia 90 Roma

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER LA STIPULA DI ACCORDO QUADRO PER LA FORNITURA DI MEZZI DI CONTRASTO E DISPOSITIVI PER SOMMINISTRAZIONE B - CAPITOLATO SPECIALE

PROCEDURA APERTA PER LA STIPULA DI ACCORDO QUADRO PER LA FORNITURA DI MEZZI DI CONTRASTO E DISPOSITIVI PER SOMMINISTRAZIONE B - CAPITOLATO SPECIALE PROCEDURA APERTA PER LA STIPULA DI ACCORDO QUADRO PER LA FORNITURA DI MEZZI DI CONTRASTO E DISPOSITIVI PER SOMMINISTRAZIONE B - CAPITOLATO SPECIALE ART. 1 - OGGETTO DELLA FORNITURA Il presente Capitolato

Dettagli

DISCIPLINARE PER L'ISTITUZIONE DELL'ALBO DEI FORNITORI DI IT.CITY S.P.A. a socio unico

DISCIPLINARE PER L'ISTITUZIONE DELL'ALBO DEI FORNITORI DI IT.CITY S.P.A. a socio unico DISCIPLINARE PER L'ISTITUZIONE DELL'ALBO DEI FORNITORI DI IT.CITY S.P.A. a socio unico PARMA, Versione 1.0 Stesura: IT.CITY Orazio Montanari Approvazione: determina 2012-23 Riservatezza Destinazione Protocollo

Dettagli

ALLEGATO 3 CAPITOLATO TECNICO. Capitolato Tecnico Pagina 1 di 6

ALLEGATO 3 CAPITOLATO TECNICO. Capitolato Tecnico Pagina 1 di 6 ALLEGATO 3 GARA COMUNITARIA CENTRALIZZATA A PROCEDURA APERTA FINALIZZATA ALL ACQUISIZIONE ANNUALE DI VACCINO ANTINFLUENZALE PER CONTO DELLE AZIENDE SANITARIE DELLA REGIONE LAZIO CAPITOLATO TECNICO Capitolato

Dettagli

EQUITALIA SERVIZI S.p.A. BANDO DI GARA

EQUITALIA SERVIZI S.p.A. BANDO DI GARA EQUITALIA SERVIZI S.p.A. BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1) DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Equitalia Servizi S.p.A. (di seguito Equitalia

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO PER LA FORNITURA DI DERRATE ALIMENTARI E NON ALIMENTARI ALLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA PREMESSA 2

CAPITOLATO TECNICO PER LA FORNITURA DI DERRATE ALIMENTARI E NON ALIMENTARI ALLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA PREMESSA 2 CAPITOLATO TECNICO PER LA FORNITURA DI DERRATE ALIMENTARI E NON ALIMENTARI ALLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA PREMESSA 2 Articolo 1 2 Oggetto dell appalto 2 Articolo 2 2 Definizioni

Dettagli

Servizio responsabile SERVIZIO PATRIMONIO E AFFARI GENERALI C.A.P Stato Italia. Telefax Indirizzi Internet (URL)

Servizio responsabile SERVIZIO PATRIMONIO E AFFARI GENERALI C.A.P Stato Italia. Telefax Indirizzi Internet (URL) AUTOMOBILE CLUB D ITALIA - ACI BANDO DI GARA Servizi L appalto rientra nel campo di applicazione dell accordo sugli appalti pubblici (AAP)? no SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1) DEMINAZIONE

Dettagli

GES.A.P. S.p.A. Fornitura di n. 40 divise invernali e 40 divise estive da destinare al personale front line

GES.A.P. S.p.A. Fornitura di n. 40 divise invernali e 40 divise estive da destinare al personale front line GES.A.P. S.p.A. CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO PER LA FORNITURA BIENNALE DELLA MASSA VESTIARIA INVERNALE ED ESTIVA PER IL PERSONALE IMPIEGATIZIO FRONT-LINE Fornitura di n. 40 divise invernali e 40 divise

Dettagli

GARA PER LA FORNITURA DI VEICOLI DESTINATI ALLA RACCOLTA DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI. LA GARA E DIVISA IN LOTTI

GARA PER LA FORNITURA DI VEICOLI DESTINATI ALLA RACCOLTA DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI. LA GARA E DIVISA IN LOTTI GARA PER LA FORNITURA DI VEICOLI DESTINATI ALLA RACCOLTA DEI RIFIUTI SOLIDI URBANI. LA GARA E DIVISA IN LOTTI LOTTO A N1 VEICOLO ALLESTITO CON COMPATTATORE DA 30MC LOTTO B N 2 VEICOLI ALLESTITI CON COMPATTATORE

Dettagli

BANDO DI GARA PER GLI APPALTI DI LAVORI, FORNITURE E SERVIZI. Allegato I art. 3 comma 1 D. Lgs. n. 67 del CIG

BANDO DI GARA PER GLI APPALTI DI LAVORI, FORNITURE E SERVIZI. Allegato I art. 3 comma 1 D. Lgs. n. 67 del CIG BANDO DI GARA PER GLI APPALTI DI LAVORI, FORNITURE E SERVIZI Allegato I art. 3 comma 1 D. Lgs. n. 67 del 9.4.2003 CIG 7071112238 FORNITURE L appalto rientra nel campo di applicazione dell accordo sugli

Dettagli

BANDO DI GARA PER GLI APPALTI DI LAVORI, FORNITURE E SERVIZI. Allegato I art. 3 comma 1 D.lgs. n. 67 del

BANDO DI GARA PER GLI APPALTI DI LAVORI, FORNITURE E SERVIZI. Allegato I art. 3 comma 1 D.lgs. n. 67 del BANDO DI GARA PER GLI APPALTI DI LAVORI, FORNITURE E SERVIZI Allegato I art. 3 comma 1 D.lgs. n. 67 del 9.04.2003 Lotto 1: CIG 7199712E48 - Lotto 2: CIG 7199746A58 Servizio L appalto rientra nel campo

Dettagli

DISCIPLINARE AMMINISTRATIVO PER LA PROCEDURA NEGOZIATA PER LA FORNITURA DI CARNI SUINE SALUMI E AFFINI PER IL SERVIZIO CUCINA E MENSA P. O. DI CIRIE.

DISCIPLINARE AMMINISTRATIVO PER LA PROCEDURA NEGOZIATA PER LA FORNITURA DI CARNI SUINE SALUMI E AFFINI PER IL SERVIZIO CUCINA E MENSA P. O. DI CIRIE. DISCIPLINARE AMMINISTRATIVO PER LA PROCEDURA NEGOZIATA PER LA FORNITURA DI CARNI SUINE SALUMI E AFFINI PER IL SERVIZIO CUCINA E MENSA P. O. DI CIRIE. 1. OGGETTO DELLA PRESENTE PROCEDURA Oggetto del presente

Dettagli

Regolamento (UE) 2015/2283 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 25 novembre 2015 relativo ai "Nuovi alimenti"

Regolamento (UE) 2015/2283 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 25 novembre 2015 relativo ai Nuovi alimenti Normativa Decreto 2 agosto 2018. Istituzione del logo identificativo per l'indicazione facoltativa di qualità «prodotto di montagna» in attuazione del decreto ministeriale n. 57167 del 26 luglio 2017 Decreto

Dettagli

COMITATO DI FILIERA DEL PARMIGIANO REGGIANO DOP SEDE: CAMERA DI COMMERCIO I.A.A. DI PARMA

COMITATO DI FILIERA DEL PARMIGIANO REGGIANO DOP SEDE: CAMERA DI COMMERCIO I.A.A. DI PARMA REGOLAMENTO SPECIALE PARMIGIANO REGGIANO DOP Adottato dalla Deputazione Nazionale con delibera n 10 del 13 maggio 2008 Aggiornato dalla Deputazione Nazionale con delibera n 1 del 12 giugno 2014 COMITATO

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA DI SPECIALITA' MEDICINALI, GENERICI, EMODERIVATI E DISINFETTANTI - MACROAREA SUD.

PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA DI SPECIALITA' MEDICINALI, GENERICI, EMODERIVATI E DISINFETTANTI - MACROAREA SUD. PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA DI SPECIALITA' MEDICINALI, GENERICI, EMODERIVATI E DISINFETTANTI - MACROAREA SUD. Precisazioni e chiarimenti N. B.: TUTTI GLI AGGIORNAMENTI SONO EVIDENZIATI IN GIALLO

Dettagli

4.10 PROVE, CONTROLLI E COLLAUDI

4.10 PROVE, CONTROLLI E COLLAUDI Unione Industriale 55 di 94 4.10 PROVE, CONTROLLI E COLLAUDI 4.10.1 Generalità Il fornitore deve predisporre e mantenere attive procedure documentate per le attività di prova, controllo e collaudo allo

Dettagli

CONDIZIONI TECNICHE. Fornitura di materiale di fonderia per sostegni storici ubicati nel centro storico del Comune di Roma Capitale.

CONDIZIONI TECNICHE. Fornitura di materiale di fonderia per sostegni storici ubicati nel centro storico del Comune di Roma Capitale. CONDIZIONI TECNICHE Edizione Ottobre 2016 Fornitura di materiale di fonderia per sostegni storici ubicati nel centro storico del Comune di Roma Capitale. Acea Illuminazione Pubblica SpA INDICE 1 OGGETTO

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO. Capitolato Tecnico Pag. 1 di 8

CAPITOLATO TECNICO. Capitolato Tecnico Pag. 1 di 8 CAPITOLATO TECNICO Capitolato Tecnico Pag. 1 di 8 INDICE 1. OGGETTO DEL SERVIZIO... 3 2. CARATTERISTICHE DEL SERVIZIO... 3 A) MODALITÀ DI SVOLGIMENTO... 4 B) PROGRAMMA DI RITIRO E TRASPORTO... 7 3. PENALI...

Dettagli

C O M U N E D I C A T A N I A DIREZIONE ECOLOGIA E AMBIENTE 3 Servizio Servizi N.U. e Rapporti con l ATO *********************************

C O M U N E D I C A T A N I A DIREZIONE ECOLOGIA E AMBIENTE 3 Servizio Servizi N.U. e Rapporti con l ATO ********************************* C O M U N E D I C A T A N I A DIREZIONE ECOLOGIA E AMBIENTE 3 Servizio Servizi N.U. e Rapporti con l ATO ********************************* CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER LA FORNITURA DI PNEUMATICI PER

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA GESTIONE DELL ALBO FORNITORI DI BENI E SERVIZI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA GESTIONE DELL ALBO FORNITORI DI BENI E SERVIZI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA GESTIONE DELL ALBO FORNITORI DI BENI E SERVIZI Premessa Il presente Regolamento disciplina la procedura per l istituzione e la gestione dell Albo Fornitori per gli acquisti

Dettagli

BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA

BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA procedura: art. 3, comma 37 e art. 55, comma 5, decreto legislativo n. 163 del 2006 criterio: offerta al prezzo più basso ai sensi dell art. 82 del decreto legislativo

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 30 DEL 10 LUGLIO 2006

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 30 DEL 10 LUGLIO 2006 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 30 DEL 10 LUGLIO 2006 REGIONE CAMPANIA - Giunta Regionale - Seduta del 16 giugno 2006 - Deliberazione N. 795 - Area Generale di Coordinamento N. 20 - Assistenza

Dettagli

BANDO DI GARA D APPALTO. Forniture X Codice identificativo gara CIG n A3

BANDO DI GARA D APPALTO. Forniture X Codice identificativo gara CIG n A3 ALL.B) BANDO DI GARA D APPALTO Forniture X Codice identificativo gara CIG n 01941509A3 SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1) DENOMINAZIONE E INDIRIZZO UFFICIALE DELL AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE

Dettagli

BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA

BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA procedura: art. 3, comma 37 e art. 55, comma 5, decreto legislativo n. 163 del 2006 criterio: offerta economicamente più vantaggiosa ai sensi dell art. 83 del decreto

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE. Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE UNICA ACQUISTI RETTIFICHE DELLA DOCUMENTAZIONE DI GARA

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE. Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE UNICA ACQUISTI RETTIFICHE DELLA DOCUMENTAZIONE DI GARA ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE UNICA ACQUISTI RETTIFICHE DELLA DOCUMENTAZIONE DI GARA RIEPILOGO Procedura aperta, ai sensi degli artt. 55, 5 comma,

Dettagli

COMUNE DI PALERMO AREA DEL BILANCIO, PATRIMONIO E RISORSE FINANZIARIE SETTORE BILANCIO E TRIBUTI

COMUNE DI PALERMO AREA DEL BILANCIO, PATRIMONIO E RISORSE FINANZIARIE SETTORE BILANCIO E TRIBUTI COMUNE DI PALERMO AREA DEL BILANCIO, PATRIMONIO E RISORSE FINANZIARIE SETTORE BILANCIO E TRIBUTI Servizio Economato ed Approvvigionamenti ViaRoma, n. 209-90133 PALERMO - Tel. 0917403601 -Fax 0917403665

Dettagli

REGOLAMENTO ALBO FORNITORI

REGOLAMENTO ALBO FORNITORI REGOLAMENTO ALBO FORNITORI 1 INDICE ART. 1. PREMESSA...3 ART. 2. CAMPO DI APPLICAZIONE...3 ART. 3. OPERATORI ECONOMICI AMMESSI A PRESENTARE DOMANDA DI ISCRIZIONE...3 ART. 4. REQUISITI PER L ISCRIZIONE

Dettagli

RACCOLTA NORMATIVA AGGIORNATA

RACCOLTA NORMATIVA AGGIORNATA PIANO DI INTERVENTO PER IL CONTROLLO DI ADDITIVI, AROMI, ENZIMI ALIMENTARI RACCOLTA NORMATIVA AGGIORNATA DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE L. 30.4.1962, n 283 e s.m.i. Disciplina igienica della produzione

Dettagli

! "#$% $ &'() & *+ &'(), -. /0

! #$% $ &'() & *+ &'(), -. /0 ! "#$% $ &'() & *+ &'(), -. /0 ! "##$ %&% '( ) %* %$!$ $$$ $$ +' $ $,-.&, /0-,1% 2!(*$$3!(*$!$ 44415 O.M.legno Linea Cornici Condizioni Generali Di Vendita Le seguenti Condizioni

Dettagli

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI AVVISO DI GARA

COMUNE DI PALERMO RAGIONERIA GENERALE SERVIZIO ECONOMATO ED APPROVVIGIONAMENTI AVVISO DI GARA AVVISO DI GARA L Amministrazione Comunale di Palermo deve procedere, ai sensi della L.R. 7/2002 e successive modifiche ed integrazioni, servizio mediante somministrazione DI AUTOLAVAGGIO DI AUTOVETTURE,

Dettagli