MASTER GESTIONE DEI SERVIZI PORTUALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MASTER GESTIONE DEI SERVIZI PORTUALI"

Transcript

1 MASTER GESTIONE DEI SERVIZI PORTUALI GESTIONE DELLE INFRASTRUTTURE PORTUALI E MARITTIME FRANCESCO GRANATA 1

2 Le banchine Sono quelle strutture che separano il bacino liquido dalla terraferma. Si distinguono in: - attraccabili; - non attraccabili; - riflettenti; - antiriflettenti. Per l attraccabilità dei natanti è necessaria la presenza di un adeguato fondale (10-15 m per i grandi porti commerciali, m per i piccoli porti) Le banchine riflettenti sono a parete verticale ed esaltano l agitazione ondosa presente nel porto. Le banchine antiriflettenti assorbono l agitazione ondosa. Le banchine attraccabili possono essere sia riflettenti che antiriflettenti. Le banchine non attraccabili sono antiriflettenti. 2

3 Banchina attraccabile non riflettente Banchina non attraccabile non riflettente 3

4 Banchine attraccabili riflettenti Possono essere costituite da un basamento in scogliera su cui poggia una struttura verticale in calcestruzzo gettato in opera o in massi parallelepipedi prefabbricati la cui sommità raggiunge la quota di banchinamento. La banchina è dotata di cunicoli portacavi alla sommità, di dispositivi per l ormeggio, nonché di parabordi. Una banchina della stessa tipologia può essere realizzata mediante una palancola metallica, con sommità posta alla quota di banchinamento e infissa fino alla quota necessaria per la stabilità. 4

5 Banchine attraccabili riflettenti 5

6 Banchine attraccabili riflettenti Banchina riflettente a massi sovrapposti delle stesse dimensioni 6

7 Banchine attraccabili riflettenti Banchina riflettente a massi sovrapposti di dimensioni crescenti verso il basso 7

8 Banchine attraccabili Banchina del porto di Manfredonia 8

9 Banchine attraccabili Banchina del cantiere navale di Venezia-Mestre 9

10 Banchine attraccabili Banchina del porto di Oristano 10

11 Pontili Sono opere a giorno destinate all attracco. Il loro orientamento è perpendicolare alla direzione di attracco, se l ormeggio avviene di poppa o di prua, mentre è secondo tale direzione se l ormeggio è previsto di fianco. La prima situazione si verifica nei porti destinati a imbarcazioni di piccola e media stazza, la seconda nei porti commerciali. I pontili realizzati in mare aperto sono costituiti da una struttura fissa, mentre i pontili interni ai porti possono essere sia fissi che mobili. 11

12 Pontili fissi Dimensionamento statico 12

13 Pontili fissi I pontili pedonali hanno larghezze dell ordine di m, mentre quelli carrabili hanno larghezze di almeno m; entrambi i tipi hanno lunghezze che non superano i 150 m nei piccoli porti. 13

14 Pontili galleggianti Sono costituiti da strutture scatolari galleggianti che seguono, di conseguenza, le escursioni del livello del mare. Il loro impiego è consigliato laddove si manifestino rilevanti escursioni di marea, che rendono difficoltoso l ormeggio. Il pregio principale dei pontili galleggianti sta nella loro flessibilità d impiego, che ne consente lo spostamento nelle varie zone del porto, consentendo così di rimediare a errate previsioni in sede di progettazione circa la flotta tipo. 14

15 Pontili galleggianti Per rendere i movimenti orizzontali di piccola entità, i pontili galleggianti possono essere ancorati al fondale con l ausilio di corpi morti e catenarie. Oppure si può ricorrere a pali ancorati al fondale. 15

16 Pontili galleggianti 16

17 Pontili galleggianti Nei porti turistici i pontili galleggianti, costituiti da elementi modulari che vengono collegati tra loro in opera, sono spesso dotati di una serie di finger, che sono dei piccoli pontili disposti perpendicolarmente al pontile principale e servono a delimitare i posti barca e a rendere più agevoli le operazioni di attracco. I finger possono essere posti a una distanza tra loro pari o doppia della larghezza del posto barca: la seconda soluzione viene scelta al fine di ridurre i costi e gli spazi necessari. Le larghezze minime consigliabili per i pontili galleggianti sono le seguenti: -2 m per pontili di lunghezza fino a 100 m e destinati all ormeggio di barche di lunghezza minore di 10 m; m per pontili di lunghezza compresa tra 100 e 150 m e destinati all ormeggio di barche di lunghezza da 10 a 20 m; - 3 m per l ormeggio di barche di lunghezza superiore a 20 m. 17

18 Sistemi di ormeggio Per ormeggiare le navi e le imbarcazioni si realizzano lungo il ciglio delle opere di attracco bitte e anelloni, cui vengono ancorati i cavi di ormeggio. 18

19 Sistemi di ormeggio Per ormeggiare le navi e le imbarcazioni si realizzano lungo il ciglio delle opere di attracco bitte e anelloni, cui vengono ancorati i cavi di ormeggio. 19

20 Parabordo Per ormeggiare le navi e le imbarcazioni si realizzano lungo il ciglio delle opere di attracco bitte e anelloni, cui vengono ancorati i cavi di ormeggio. 20

21 Scali di alaggio Sono opere che servono per varare nel bacino portuale e per tirare a secco le imbarcazioni di piccola stazza. Vengono realizzati nella zona che mette in comunicazione lo specchio liquido con il piazzale a terra. 21

22 Bacini di carenaggio Nei grandi porti i bacini di carenaggio sono opere che servono ad accogliere le navi per le riparazioni e le operazioni di manutenzione; nei piccoli porti i bacini di carenaggio servono a varare e tirare a secco le imbarcazioni di maggiori dimensioni e vengono adoperati in alternativa o al posto degli scali di alaggio. 22

23 Bacini di carenaggio I bacini comunicano con il mare mediante una porta metallica; una volta che le navi sono entrate nel bacino stesso, la porta viene chiusa e si può vuotare il bacino stesso in modo da effettuare riparazioni dello scafo. 23

24 Bacini di carenaggio galleggiante 24

25 Verifiche dell imboccatura di un porto Rendere minima l agitazione interna Rendere facile la manovra d ingresso e quindi l agibilità del porto Rendere minimo l interrimento 25

26 Verifiche dell imboccatura di un porto Verifica dell agitazione interna Riveste grande importanza per i piccoli porti, nei quali, per motivi di carattere economico, non è possibile realizzare un grande avamporto per lo smorzamento del moto ondoso. Per effettuare la verifica è necessario costruire i grafici della rifrazione per le diverse direzioni di provenienza del moto ondoso. Se le mareggiate provenienti dalle varie direzioni presentano altezze d onda non molto diverse tra loro, la direzione più critica per la verifica è quella della mareggiata che tende a penetrare più facilmente all interno del porto. 26

27 Verifiche dell imboccatura di un porto Verifica dell agitazione interna Per i piccoli porti le altezze d onda all interno del bacino devono essere limitate a poche decine di centimetri. La verifica può essere condotta con il metodo di Iribarren. 27

28 Verifiche dell imboccatura di un porto Verifica della rotta d ingresso Questa verifica è sostanzialmente la stessa per i piccoli e per i grandi porti, tuttavia per un piccolo porto, date le caratteristiche della flotta ospitata, non è necessario assicurare l agibilità dell imboccatura con qualsiasi condizione del mare. Stabilita la lunghezza L delle imbarcazioni maggiori ospitate, occorre garantire che: r = 0.5L distanza di sicurezza dell imbarcazione in manovra dai moli; R = 2.5L raggio di manovra dell imbarcazione; D = 3L diametro del cerchio di manovra 28

29 29

30 I porti turistici L AIPCN (Associazione Internazionale Permanente per i Congressi di Navigazione) ha proposto la seguente terminologia: - Porto turistico o da diporto: un porto concepito e destinato a imbarcazioni da diporto; - Marina: un porto turistico combinato con un complesso residenziale. Un porto turistico deve offrire al turista nautico: tranquillità informazioni rifornimenti adeguati, rimessaggio, officine e stazionamento in ogni periodo 30

31 I porti turistici La flotta tipo Per il dimensionamento degli spazi interni al bacino liquido, risulta di fondamentale importanza stabilire la flotta tipo gravitante sul porto, cioè il numero di imbarcazioni suddiviso per classi di lunghezza (gli spazi di manovra e di ormeggio variano in base alle dimensioni delle imbarcazioni). La composizione della flotta tipo può essere stimata facendo riferimento alla situazione locale di mercato relativa alla nautica da diporto e a studi già effettuati per porti turistici similari di recente costruzione. In ogni caso la scelta della flotta tipo non può prescindere dalla capacità di attrazione della località in cui sorge il porto, per i suoi pregi di carattere ambientale e paesaggistico, dalla situazione socio-economica della zona, dalla vicinanza di importanti centri abitati e infine dal livello quantitativo e qualitativo dei servizi che saranno offerti dal porto da realizzare. 31

32 I porti turistici La flotta tipo 32

33 I porti turistici Sistemi di ormeggio Briccole o pali di ormeggio 33

34 I porti turistici Sistemi di ormeggio Finger o minifinger 34

35 I porti turistici Sistemi di ormeggio Pendino o trappa 35

36 I porti turistici Esempio di dimensionamento 36

Regolamento del porticciolo di Vernazza e sue aree.

Regolamento del porticciolo di Vernazza e sue aree. COMUNE DI VERNAZZA Provincia della Spezia PARCO NAZIONALE DELLE CINQUE TERRE Area Marina Protetta Cinque Terre Patrimonio dell'u.n.e.s.c.o. Regolamento del porticciolo di Vernazza e sue aree. Articolo

Dettagli

PROGETTO PRELIMINARE DEL PORTO TURISTICO DI MARINA DI TERTENIA. Ing. Andrea Matta

PROGETTO PRELIMINARE DEL PORTO TURISTICO DI MARINA DI TERTENIA. Ing. Andrea Matta PROGETTO PRELIMINARE DEL PORTO TURISTICO DI MARINA DI TERTENIA Ing. Andrea Matta Introduzione Progettazione di un marina Approccio Multidisciplinare Idraulica marittima, Morfologia, Ingegneria strutturale,

Dettagli

Comune di Portoferraio

Comune di Portoferraio 1 Comune di Portoferraio Accordo di pianificazione per la realizzazione del sistema delle attrezzature della portualità turistica e della filiera nautica atto di governo del territorio in attuazione e

Dettagli

Comune di Viareggio. Piano Regolatore del Porto di Viareggio RELAZIONE TECNICA

Comune di Viareggio. Piano Regolatore del Porto di Viareggio RELAZIONE TECNICA Comune di Viareggio D Piano Regolatore del Porto di Viareggio RELAZIONE TECNICA Dott. G. NALDI Arch. F.G.M. ALLEGRETTI Ing. R. RAFFAELLI Maggio 2007 1 INDICE 1. L AVAMPORTO E LA BANCHINA COMMERCIALE...

Dettagli

SCIENZE E TECNOLOGIE APPLICATE SETTORE MARITTIMO

SCIENZE E TECNOLOGIE APPLICATE SETTORE MARITTIMO SCIENZE E TECNOLOGIE APPLICATE SETTORE MARITTIMO MODULO : CINQUE UNITA : UNO STRUTTURE PORTUALI Generalità Nomenclatura: I Porti sono spazi acquei, protetti naturalmente o artificialmente dal vento e dalle

Dettagli

Localizzazione geografica. Anno 2003-2005. Committenti. Venezia. Importo Lavori 6.8 (milioni) Categoria Opere VII c

Localizzazione geografica. Anno 2003-2005. Committenti. Venezia. Importo Lavori 6.8 (milioni) Categoria Opere VII c Progetto Anno 2003-2005 Committenti Autorità Portuale Venezia Localizzazione geografica di Importo Lavori 6.8 (milioni) Categoria Opere VII c Attività Svolte PROGETTAZIONE GEOTECNICA Progettista Prof.

Dettagli

REGOLAMENTAZIONE PER LO STAZIONAMENTO DELLE UNITA DA DIPORTO NEL PORTO TURISTICO DI CHIAVARI

REGOLAMENTAZIONE PER LO STAZIONAMENTO DELLE UNITA DA DIPORTO NEL PORTO TURISTICO DI CHIAVARI REGOLAMENTAZIONE PER LO STAZIONAMENTO DELLE UNITA DA DIPORTO NEL PORTO TURISTICO DI CHIAVARI ARTICOLO 1 ORMEGGI PER IMBARCAZIONI ECCEDENTI LA LUNGHEZZA Gli ormeggi, ubicati a levante del pontile principale

Dettagli

1. MANUTENZIONE E MONITORAGGIO

1. MANUTENZIONE E MONITORAGGIO 1. MANUTENZIONE E MONITORAGGIO Come richiesto dal D.P.R. 509/97 sono di seguito fornite le indicazioni preliminari per l utilizzo e la manutenzione delle opere, degli impianti e dei servizi esistenti,

Dettagli

1. MANUTENZIONE E MONITORAGGIO

1. MANUTENZIONE E MONITORAGGIO 1. MANUTENZIONE E MONITORAGGIO Come richiesto dal D.P.R. 509/97 sono di seguito fornite le indicazioni preliminari per l utilizzo e la manutenzione delle opere, degli impianti e dei servizi esistenti,

Dettagli

Ministero dei Trasporti Ufficio Circondariale Marittimo GRADO ORDINANZA N 06/2008. Il Capo del Circondario Marittimo e Comandante del Porto di Grado;

Ministero dei Trasporti Ufficio Circondariale Marittimo GRADO ORDINANZA N 06/2008. Il Capo del Circondario Marittimo e Comandante del Porto di Grado; Ministero dei Trasporti Ufficio Circondariale Marittimo GRADO ORDINANZA N 06/2008 Il Capo del Circondario Marittimo e Comandante del Porto di Grado; VISTE: VISTI: VISTI: RITENUTO : RITENUTO : RAVVISATA:

Dettagli

ALLEGATO I DIMENSIONI MASSIME DELLE NAVI - NAVIGAZIONE IN ORE DIURNE

ALLEGATO I DIMENSIONI MASSIME DELLE NAVI - NAVIGAZIONE IN ORE DIURNE DIMENSIONI MASSIME DELLE NAVI - NAVIGAZIONE IN ORE DIURNE A) DALL AVAMPORTO SINO AL LARGO TRATTAROLI, COMPRESE LE BANCHINE IFA, LLOYD, ALMA PETROLI E EURODOCKS ESTREMO MARE Banchina IFA, T&C, ormeggio

Dettagli

1 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO ESECUTIVO

1 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO ESECUTIVO 1 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO ESECUTIVO Il Comune di Rimini con finanziamento della Giunta Regionale dell Emilia Romagna (delibere G.R. n. 2552/2003 del 09/12/2003 e n. 2334/2005 del 29/12/2005)

Dettagli

PORTO TURISTICO MARINA DI PESCARA REGOLAMENTO GENERALE DI FRUIZIONE DEI SERVIZI.

PORTO TURISTICO MARINA DI PESCARA REGOLAMENTO GENERALE DI FRUIZIONE DEI SERVIZI. PORTO TURISTICO MARINA DI PESCARA REGOLAMENTO GENERALE DI FRUIZIONE DEI SERVIZI. 1. Sfera di Applicazione... 1 2. Pubblicità del Regolamento... 2 3. Sanzioni... 2 4. Piano degli Ormeggi... 2 5. Imbarcazioni

Dettagli

INDICE. 1. Premesse pag. 2. 2. Regime normativo pag. 3

INDICE. 1. Premesse pag. 2. 2. Regime normativo pag. 3 INDICE 1. Premesse pag. 2 2. Regime normativo pag. 3 3. Plinto di fondazione torre faro pag. 4 3.1 Sollecitazione massime di calcolo pag. 4 3.2 Determinazione massimi sforzi sui pali pag. 4 3.3 Dimensionamento

Dettagli

N A U T I C A 1 8 0 S.r.l. RIMESSAGGIO E MANUTENZIONE IMBARCAZIONI FORNITURE NAUTICHE

N A U T I C A 1 8 0 S.r.l. RIMESSAGGIO E MANUTENZIONE IMBARCAZIONI FORNITURE NAUTICHE Regolamento di Uso e Gestione di Ormeggio e Rimessaggio Nautico del Marina Nautica 180 S.r.l. S.r.l. Art. 1 Oggetto del regolamento CAPO I - NORME GENERALI Il presente regolamento disciplina l accesso,

Dettagli

UN PICCOLO MARE DI NOME GARDA Navigando tra porti e curiosità Edizioni il Frangente

UN PICCOLO MARE DI NOME GARDA Navigando tra porti e curiosità Edizioni il Frangente I AGGIONAMENTO - dicembre 2014 UN PICCOLO MAE DI NOME GADA Navigando tra porti e curiosità Edizioni il Frangente I edizione 2014 ISBN 978-88 98023-35-6 INSEIE dopo p. 31 POTO NAUTIGADA Nautigarda lat.

Dettagli

PIANO GUIDA DEL COMPLESSO INTEGRATO DELLA NAUTICA

PIANO GUIDA DEL COMPLESSO INTEGRATO DELLA NAUTICA Provincia di Livorno Novembre 2011 Redatto: Prof. Ing. Paolo Sammarco Gruppo di Lavoro intersettoriale del Comune di Piombino: Arch. Camilla Cerrina Feroni, Dott. Maurizio Poli, Arch. Laura Pescini INDICE

Dettagli

ASSESSORADU DE SOS TRASPORTOS ASSESSORATO DEI TRASPORTI

ASSESSORADU DE SOS TRASPORTOS ASSESSORATO DEI TRASPORTI CAPITOLATO TECNICO PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO PUBBLICO DI COLLEGAMENTO MARITTIMO PER IL TRASPORTO DI PERSONE, VEICOLI E MERCI SULLA TRATTA PORTO TORRES ISOLA DELL ASINARA (CALA REALE)

Dettagli

NUOVA PIATTAFORMA MULTIFUNZIONALE DI VADO LIGURE

NUOVA PIATTAFORMA MULTIFUNZIONALE DI VADO LIGURE CONVEGNO AIOM GENOVA 16 Ottobre 2015 Autorità Portuale di Savona Porto di Vado Ligure Ing. Susanna Pelizza Ing. Guido Fiorini SCOPO DEL PROGETTO UN TERMINAL CONTAINER DI CAPACITA 720,000 TEUs ALL ANNO.

Dettagli

11.03.09_ PORTO TURISTICO_Mangalia

11.03.09_ PORTO TURISTICO_Mangalia 11.03.09_ PORTO TURISTICO_Mangalia ANALISI MOSCA 3.20 h LONDRA 1.35 h PARIGI 2.15 h MADRID 2.55 h ROMA 1.20 h ATENE 1.40 h ISTANBUL 1.15 h CONNESSIONI INTERNAZIONALI Principali centri urbani Aeroporti

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEL PORTO TURISTICO PORTOGOEN CORSO GIUSEPPE ZANARDELLI 2 25055 PISOGNE

REGOLAMENTO INTERNO DEL PORTO TURISTICO PORTOGOEN CORSO GIUSEPPE ZANARDELLI 2 25055 PISOGNE REGOLAMENTO INTERNO DEL PORTO TURISTICO PORTOGOEN CORSO GIUSEPPE ZANARDELLI 2 25055 PISOGNE Art. 1 Il presente regolamento ha per oggetto le norme di esercizio del Porto lacuale Portogoen s.r.l. di Pisogne.

Dettagli

LAVORI DI COMPLETAMENTO DEI BANCHINAMENTI INTERNI DEL PORTO DI CARLOFORTE DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE.

LAVORI DI COMPLETAMENTO DEI BANCHINAMENTI INTERNI DEL PORTO DI CARLOFORTE DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE. REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Servizio Opere di Competenza Regionale e degli Enti LAVORI DI COMPLETAMENTO DEI BANCHINAMENTI INTERNI DEL PORTO DI CARLOFORTE DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE. Art.

Dettagli

ORDINANZA N 14/2015. Il sottoscritto Capo del Circondario Marittimo e Comandante del Porto di Castellammare di Stabia:

ORDINANZA N 14/2015. Il sottoscritto Capo del Circondario Marittimo e Comandante del Porto di Castellammare di Stabia: MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI CAPITANERIA DI PORTO DI CASTELLAMMARE DI STABIA Piazza Incrociatore San Giorgio - 80053 Castellammare di Stabia (NA) Tel. 0818711077-86 Fax 0818710078 e.mail:

Dettagli

Trasporto marittimo. Veicoli di trasporto marittimo. Vie e terminali di trasporto marittimo

Trasporto marittimo. Veicoli di trasporto marittimo. Vie e terminali di trasporto marittimo Trasporto marittimo Veicoli di trasporto marittimo Vie e terminali di trasporto marittimo 1 Trasporto marittimo Natanti (Veicoli) 2 natanti - classificazione per trasporto merci o passeggeri lenti o mezzi

Dettagli

Siracusa 28 Marzo 2011. Seminario di studi. Coordinamento della sicurezza nella realizzazione di opere complesse

Siracusa 28 Marzo 2011. Seminario di studi. Coordinamento della sicurezza nella realizzazione di opere complesse Siracusa 28 Marzo 2011 Seminario di studi Coordinamento della sicurezza nella realizzazione di opere complesse Presentazione dell opera: Realizzazione ed installazione del Primo Terminale GNL Off Shore

Dettagli

DISCIPLINARE DEL PORTO TURISTICO MARINA DI SANTA CRISTINA

DISCIPLINARE DEL PORTO TURISTICO MARINA DI SANTA CRISTINA DISCIPLINARE DEL PORTO TURISTICO MARINA DI SANTA CRISTINA Premessa Il presente Disciplinare viene emanato in virtù dell atto di concessione demaniale marittima del 10.05.2012, n. 02 del reg. delle concessioni

Dettagli

PERIODO 01.01.2010/31.12.2015.

PERIODO 01.01.2010/31.12.2015. Marca da bollo Euro 14.62 Spett.le CONSORZIO DEL LARIO E DEI LAGHI MINORI P.zza V. Emanuele, 4 22017 MENAGGIO OGGETTO: ISTANZA PER L OCCUPAZIONE DI AREA DEMANIALE MEDIANTE ORMEGGIO AI SENSI DELLA L.R.

Dettagli

)egnali visivi dei natanti

)egnali visivi dei natanti !.#4#.225.1 Navigazione Allegato 1 (art. 20-34, 52 e 59) )egnali visivi dei natanti Generalità 1. I simboli e i disegni riprodotti qui di seguito hanno unicamente carattere indicativo. Occorre pertanto

Dettagli

INDICE 1. INTRODUZIONE... 2 2. DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI... 4

INDICE 1. INTRODUZIONE... 2 2. DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI... 4 INDICE 1. INTRODUZIONE... 2 2. DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI... 4 2.1 AREA COMMERCIALE... 4 2.2 AREA PESCHERECCI E PESCA/TURISMO... 5 2.3 AREA PASSEGGERI... 8 2.4 CANTIERI PESCA... 9 2.5 DISTRIBUTORI CARBURANTI

Dettagli

REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO DEL PORTO TURISTICO DI PALAU

REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO DEL PORTO TURISTICO DI PALAU REGOLAMENTO AMMINISTRATIVO DEL PORTO TURISTICO DI PALAU (APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N 21 DEL 21.02.2013, MODIFICATO CON DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO N 31 DEL

Dettagli

COMUNE DI FAVIGNANA PROVINCIA DI TRAPANI

COMUNE DI FAVIGNANA PROVINCIA DI TRAPANI -17-15 Molo Salvatore Gentivo -16-15 -14 COMUNE DI FAVIGNANA PROVINCIA DI TRAPANI LAVORI DI MESSA IN SICUREZZA DEL PORTO DI FAVIGNANA PROGETTO DEFINITIVO Titolo elaborato : RELAZIONE GENERALE Progettisti:

Dettagli

SEA_LAB. Hi-Tech Marine Laboratory. Monitoraggio marino costiero con l utilizzo di Laboratori Marini galleggianti. www.ambientemare.

SEA_LAB. Hi-Tech Marine Laboratory. Monitoraggio marino costiero con l utilizzo di Laboratori Marini galleggianti. www.ambientemare. Monitoraggio marino costiero con l utilizzo di Laboratori Marini galleggianti SEA_LAB Tel www.rotospeed.it Premessa SEA_LAB è un innovativo laboratorio marino galleggiante, trasportabile, e dotato di sonde

Dettagli

AREA TEMATICA 1: DEFINIZIONI E SCHEMI

AREA TEMATICA 1: DEFINIZIONI E SCHEMI AREA TEMATICA 1: DEFINIZIONI E SCHEMI 1. Inquadramento generale 1.1. Anagrafica e contatti 1.1.1. Ragione sociale: CPC Srl 1.1.2. Indirizzo: Loc. Colmata, 1B 1.1.3. E-mail: info@ormeggioterrerosse.it 1.1.4.

Dettagli

REGOLAMENTO ORMEGGIO RETONE DI PISA 2013

REGOLAMENTO ORMEGGIO RETONE DI PISA 2013 REGOLAMENTO ORMEGGIO RETONE DI PISA 2013 Art. 1 Premessa L ARCA CDR TOSCANA, mette a disposizione la sede sociale denominata Retone, al fine di divulgare fra i Soci le attività nautiche sportive e ricreative,

Dettagli

ALLEGATO Piano Regolatore del Porto approvato con Del. C.C. n. 36 del 16.05.2007 - estratti: Tav. B.2.a - Norme tecniche di attuazione

ALLEGATO Piano Regolatore del Porto approvato con Del. C.C. n. 36 del 16.05.2007 - estratti: Tav. B.2.a - Norme tecniche di attuazione ALLEGATO Piano Regolatore del Porto approvato con Del. C.C. n. 36 del 16.05.2007 - estratti: Tav. B.2.a - Norme tecniche di attuazione ADOZIONE 2011 1 +...-+.3+ + *+.+ ) #& % $6 -+ 1+ 0+ 3+ + - +. + *+

Dettagli

a motore Presso Organizzato da: e YCML ed il

a motore Presso Organizzato da: e YCML ed il Raduno Yacht Classicii Americani e yacht d epoca a motore Organizzato da: American Classic Yacht association Con la collaborazione di ASDEC e YCML ed il Patrocinio del Comune di Loano e dello Yacht Club

Dettagli

LA NAUTICA: CONFRONTO SICILIA E SARDEGNA

LA NAUTICA: CONFRONTO SICILIA E SARDEGNA OSSERVATORIO SUL TURISMO DELLE ISOLE EUROPEE OBSERVATORY ON TOURISM IN THE EUROPEAN ISLANDS OBSERVATOIRE SUR LE TOURISME DANS LES ILES EUROPÉENNES DIPARTIMENTO RICERCA CODICE: PA-2/08-I LA NAUTICA: CONFRONTO

Dettagli

Proposte di navigazione in laguna:

Proposte di navigazione in laguna: Proposte di navigazione in laguna: Premessa: La laguna di Venezia è disseminata di grossi pali che, a gruppi di tre a tre, indicano i canali navigabili all interno dei quali la profondità dell acqua è

Dettagli

REGOLAMENTO DELL APPRODO Porto di San Foca S.p.A.

REGOLAMENTO DELL APPRODO Porto di San Foca S.p.A. REGOLAMENTO DELL APPRODO Porto di San Foca S.p.A. TITOLO I - NORME GENERALI Articolo 1 (Oggetto del regolamento) Il presente regolamento ha per oggetto l esercizio e l uso dell approdo turistico, e dei

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA SEGNALETICA E DELLE VIE DI NAVIGAZIONE INTERNA

REGOLAMENTO DELLA SEGNALETICA E DELLE VIE DI NAVIGAZIONE INTERNA SEGRETERIA REGIONALE ALLE INFRASTRUTTURE E MOBILITA REGOLAMENTO DELLA SEGNALETICA E DELLE VIE DI NAVIGAZIONE INTERNA ALLEGATO N. 1 SEGNALETICA DELLA VIA NAVIGABILE La segnaletica lungo le vie di navigazione

Dettagli

QUESTIONARIO Per l Assicurazione DECENNALE POSTUMA di immobili di nuova realizzazione ad uso esclusivo civile abitazione

QUESTIONARIO Per l Assicurazione DECENNALE POSTUMA di immobili di nuova realizzazione ad uso esclusivo civile abitazione QUESTIONARIO Per l Assicurazione DECENNALE POSTUMA di immobili di nuova realizzazione ad uso esclusivo civile abitazione La Società si impegna a fare uso riservato di queste notizie ed informazioni. È

Dettagli

Alilaguna s.p.a. - Venezia

Alilaguna s.p.a. - Venezia catalogo 2010 / 2011 Alilaguna s.p.a. - Venezia Marina Uffici Posti a secco L AZIENDA Nasce dalla volontà di un gruppo di imprenditori che avendo una maturata esperienza nella costruzione e vendita di

Dettagli

Piano di raccolta e gestione dei rifiuti prodotti dalle imbarcazioni da diporto nel porto turistico Le Marinelle di San Salvo

Piano di raccolta e gestione dei rifiuti prodotti dalle imbarcazioni da diporto nel porto turistico Le Marinelle di San Salvo Le Marinelle Srl Via Andrea Doria, sn 66050 - San Salvo (CH) Piano di raccolta e gestione dei rifiuti prodotti dalle imbarcazioni da diporto nel porto turistico Le Marinelle di San Salvo ai sensi D.Lgs.182/2003

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Capitaneria di Porto di B A R L E T T A (Via C. Colombo - Tel. 0883/531020 Fax. 0883/533400 cp-barletta@pec.mit.gov.it guardiacostiera.it/barletta) ORDINANZA

Dettagli

MOTOCISTERNA COSMO: IL TRASPORTO DI PRODOTTI PETROLIFERI VIA MARE SICURO E AFFIDABILE

MOTOCISTERNA COSMO: IL TRASPORTO DI PRODOTTI PETROLIFERI VIA MARE SICURO E AFFIDABILE MOTOCISTERNA COSMO: IL TRASPORTO DI PRODOTTI PETROLIFERI VIA MARE SICURO E AFFIDABILE anonima petroli italiana SICUREZZA DEL MARE: ELEMENTO DELLA COMPATIBILITÀ TERRITORIALE IL GRUPPO API E L AMBIENTE:

Dettagli

Sito test di Punta Righini

Sito test di Punta Righini Sito test di Punta Righini Il sito Test di Punta Righini è stato autorizzato con regolare concessione demaniale lo scorso 22 Marzo. In precedenza le attività di test erano state condotte in un area contigua,

Dettagli

COMUNE DI MARANO LAGUNARE PROVINCIA DI UDINE

COMUNE DI MARANO LAGUNARE PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI MARANO LAGUNARE PROVINCIA DI UDINE REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE DI POSTI BARCA Articolo 1 OGGETTO 1. Il presente Regolamento, nel rispetto del Piano regolatore dei porti, disciplina

Dettagli

LAVORI DI DEMOLIZIONE PARZIALE DEL MOLO NORD

LAVORI DI DEMOLIZIONE PARZIALE DEL MOLO NORD Indice 1 Premesse... 3 2 Stato di fatto e di progetto... 5 3 Studio di navigabilità... 9 4 Studio sul moto ondoso... 15 5 Studio ambientale... 26 6 Conclusioni... 27 2 1 Premesse L adeguamento tecnico

Dettagli

Costruzioni Marittime e Porti I giornata - II ora

Costruzioni Marittime e Porti I giornata - II ora Master in Progettazione Geotecnia Costruzioni Marittime e Porti I giornata - II ora Prof. Ing. Paolo De Girolamo Sapienza Università di Roma Paolo.degirolamo@uniroma1.it 1 Indice - Porti: definizioni -

Dettagli

Le 6 miglia della nautica nel porto, a Ravenna La Cittadella della nautica e dell innovazione

Le 6 miglia della nautica nel porto, a Ravenna La Cittadella della nautica e dell innovazione AUTORITA' PORTUALE DI RAVENNA Le 6 miglia della nautica nel porto, a Ravenna La Cittadella della nautica e dell innovazione FORUM Port & Shipping Tech, 5 novembre 2009 Trasformazione urbana e promozione

Dettagli

Porto turistico (Darsena) (Norme di Installazione)

Porto turistico (Darsena) (Norme di Installazione) Norme di installazione Protezione contro i contatti diretti: o Isolamento delle parti attive o Involucri o barriere con grado di protezione minimo IPXXB. Per le superfici orizzontali superiori a portata

Dettagli

I Contatti Telefonici sono descritti nel Capitolo 2 Struttura della Security di questo manuale.

I Contatti Telefonici sono descritti nel Capitolo 2 Struttura della Security di questo manuale. GENERALITÀ La Società operante nella realizzazione di questo manuale è l Agenzia SIKANIA SHIPPING s.r.l. L Agenzia Marittima Raccomandataria SIKANIA SHIPPING S.r.l. nasce a febbraio del 2007 ad opera dei

Dettagli

OPERE VERTICALI O A PARETE O A MURO. Prof. Ing. Paolo De Girolamo

OPERE VERTICALI O A PARETE O A MURO. Prof. Ing. Paolo De Girolamo OPERE VERTICALI O A PARETE O A MURO Prof. Ing. Paolo De Girolamo GENERALITA Verticale pura Verticale con sovrastruttura inclinata Verticale su imbasamento a gettata detta di tipo composto Caratteristiche

Dettagli

PIANO REGOLATORE PORTUALE DEL PORTO DI LIVORNO 2012

PIANO REGOLATORE PORTUALE DEL PORTO DI LIVORNO 2012 AUTORITA' PORTUALE DI LIVORNO PIANO REGOLATORE PORTUALE DEL PORTO DI LIVORNO 2012 Titolo elaborato: STIMA TECNICO ECONOMICA DEGLI INTERVENTI PIANIFICATI Scala: Committente: AUTORITA' PORTUALE DI LIVORNO

Dettagli

ROMA MARINA YACHTING

ROMA MARINA YACHTING ROMA MARINA YACHTING S o c i e t à p e r A z i o n i Capitale Sociale 1.610.000,00 interamente versato Società soggetta all attività di direzione e coordinamento di Rogedil servizi S.r.l Codice Fiscale

Dettagli

COMUNE DI CASALVELINO Opere di manutenzione straordinaria al bacino portuale di Marina di Casalvelino

COMUNE DI CASALVELINO Opere di manutenzione straordinaria al bacino portuale di Marina di Casalvelino NP 01 Salpamento di pontili galleggianti della larghezza da mt. 2,00 a mt. 3,00 e della lunghezza da mt. 7,50 a mt. 12,00, con catenaria e corpi morti, sia dei pontili che degli ormeggi, compreso lo stoccaggio

Dettagli

Porto di Otranto. Impatto socio-economico dell intervento. Otranto, Luglio 2011 Riservato e Confidenziale

Porto di Otranto. Impatto socio-economico dell intervento. Otranto, Luglio 2011 Riservato e Confidenziale Porto di Otranto Impatto socioeconomico dell intervento Otranto, Luglio 2011 Riservato e Confidenziale Contenuti Il mercato di riferimento Il progetto di sviluppo Benefici ed impatto socioeconomico dell

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE AREE A TERRA DEL PORTO TURISTICO DI ALASSIO

REGOLAMENTO DELLE AREE A TERRA DEL PORTO TURISTICO DI ALASSIO REGOLAMENTO DELLE AREE A TERRA DEL PORTO TURISTICO DI ALASSIO INDIVIDUAZIONE DELLE AREE Articolo 1 La Marina di Alassio S.p.A., con sede presso il porto turistico Luca Ferrari 4, (di seguito denominata

Dettagli

fonte: http://burc.regione.campania.it Allegato 1 Riepilogo Qualificazioni Professionali Repertorio Settore Economico Professionale TRASPORTI

fonte: http://burc.regione.campania.it Allegato 1 Riepilogo Qualificazioni Professionali Repertorio Settore Economico Professionale TRASPORTI Allegato 1 Riepilogo Qualificazioni Professionali Repertorio Settore Economico Professionale TRASPORTI 1 Tecnico di spedizione, trasporti e logistica 2. Tecnico spedizioniere 3. Marinaio di porto addetto

Dettagli

COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA

COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE, L USO E LA GESTIONE DEGLI ORMEGGI CONCESSI AL COMUNE DAL GENIO CIVILE LUNGO IL CANALE PROSPICIENTE LA RIVA UGO FOSCOLO E VIALE ARGINE

Dettagli

REGOLAMENTO DI UTILIZZO

REGOLAMENTO DI UTILIZZO REGOLAMENTO DI UTILIZZO IN VIGORE DAL 01 LUGLIO 2010 APPROVATO DA: Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ufficio Circondariale Marittimo di Santa Margherita Ligure SEZIONE TECNICA ORDINANZA N

Dettagli

REWEC3: nuove dighe portuali. di energia elettrica dalle onde di mare

REWEC3: nuove dighe portuali. di energia elettrica dalle onde di mare www.wavenergy.it ANNO ACCADEMICO DUEMILADODICI/DUEMILATREDICI Università di Bari 12 e 13 novembre 2012 Green City Energy MED REWEC3: nuove dighe portuali per la produzione di energia elettrica dalle onde

Dettagli

Piano di manutenzione

Piano di manutenzione Opera Comune di: Provincia di: Committente: Denominazione: Porto Tolle Rovigo Amministrazione Comunale 8 Stralcio funzionale Porto peschereccio Pila-Barbamarco Piano di manutenzione Proprietà Committente:

Dettagli

CAPITANERIA DI PORTO DI RAVENNA REGOLAMENTO PER LA NAVIGAZIONE, LA SOSTA, GLI ACCOSTI E LA PRECEDENZA NEGLI STESSI DELLE NAVI E

CAPITANERIA DI PORTO DI RAVENNA REGOLAMENTO PER LA NAVIGAZIONE, LA SOSTA, GLI ACCOSTI E LA PRECEDENZA NEGLI STESSI DELLE NAVI E CAPITANERIA DI PORTO DI RAVENNA REGOLAMENTO PER LA NAVIGAZIONE, LA SOSTA, GLI ACCOSTI E LA PRECEDENZA NEGLI STESSI DELLE NAVI E DEI GALLEGGIANTI (Approvato con Ordinanza n. 3512011, dei 04.04.2011) Edizione

Dettagli

PORTO TURISTICO DI BELLARIA - IGEA MARINA Variante al Progetto Unitario (PU) dell unità minima di intervento UMI.1

PORTO TURISTICO DI BELLARIA - IGEA MARINA Variante al Progetto Unitario (PU) dell unità minima di intervento UMI.1 PORTO TURISTICO DI BELLARIA - IGEA MARINA Variante al Progetto Unitario (PU) dell unità minima di intervento UMI.1 Progetto di completamento e miglioramento del Porto Turistico (di cui all Atto Formale

Dettagli

CONFORMITA AI SENSI DEL D.M. 236/89 E DEL D.P.R. 503/96 INDICE 1. PREMESSA - 3 -

CONFORMITA AI SENSI DEL D.M. 236/89 E DEL D.P.R. 503/96 INDICE 1. PREMESSA - 3 - INDICE 1. PREMESSA - 3-2. CONFORMITA AI SENSI DEL D.M. 236/89 E DEL D.P.R. 503/96, RICHIESTA DALLA A.S.L./NA 1, DIPARTIMENTO PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE E SANITA PUBBLICA, IN SEDE DI CONFERENZA DEI SERVIZI

Dettagli

Progetto di riqualificazione funzionale ed architettonica area muro paraonde Molo Generale Malta - Banchina Cortese del Porto di Vibo Marina per

Progetto di riqualificazione funzionale ed architettonica area muro paraonde Molo Generale Malta - Banchina Cortese del Porto di Vibo Marina per Progetto di riqualificazione funzionale ed architettonica area muro paraonde Molo Generale Malta - Banchina Cortese del Porto di Vibo Marina per escursionismo, turismo nautico e crocieristico Credere

Dettagli

Il settore nautico per lo sviluppo turistico del territorio. Tonino Pencarelli

Il settore nautico per lo sviluppo turistico del territorio. Tonino Pencarelli Il settore nautico per lo sviluppo turistico del territorio Tonino Pencarelli Urbino, maggio 2008 Obiettivo del progetto e gruppo di lavoro Delineare le opportunità di sviluppo della portualità turistica

Dettagli

Progetto integrato d area per la realizzazione di un programma di interventi infrastrutturali e di valorizzazione turistica, ambientale e culturale

Progetto integrato d area per la realizzazione di un programma di interventi infrastrutturali e di valorizzazione turistica, ambientale e culturale Progetto integrato d area per la realizzazione di un programma di interventi infrastrutturali e di valorizzazione turistica, ambientale e culturale del sistema dei Navigli e delle vie d acque lombarde

Dettagli

AIPCN PIANC ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE DI NAVIGAZIONE Sezione Italiana. Raccomandazioni tecniche per la progettazione dei porti turistici

AIPCN PIANC ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE DI NAVIGAZIONE Sezione Italiana. Raccomandazioni tecniche per la progettazione dei porti turistici AIPCN PIANC ASSOCIAZIONE INTERNAZIONALE DI NAVIGAZIONE Sezione Italiana Raccomandazioni tecniche per la progettazione dei porti turistici Febbraio 2002 Indice Premessa Composizione del gruppo di lavoro

Dettagli

PREMESSA... 2 CLASSIFICAZIONE NORMATIVA DEI PORTI TURISTICI... 3 MODELLI ECONOMICI CONSOLIDATI... 4 NUOVE TIPOLOGIE OMOGENEE DI PORTI TURISTICI...

PREMESSA... 2 CLASSIFICAZIONE NORMATIVA DEI PORTI TURISTICI... 3 MODELLI ECONOMICI CONSOLIDATI... 4 NUOVE TIPOLOGIE OMOGENEE DI PORTI TURISTICI... SOMMARIO PREMESSA... 2 CLASSIFICAZIONE NORMATIVA DEI PORTI TURISTICI... 3 MODELLI ECONOMICI CONSOLIDATI... 4 NUOVE TIPOLOGIE OMOGENEE DI PORTI TURISTICI... 6 a. Localizzazione... 7 b. Funzione... 9 c.

Dettagli

Ampliamento molo Direzione Marina e Ristrutturazione imboccatura del porto turistico di Porto Rotondo

Ampliamento molo Direzione Marina e Ristrutturazione imboccatura del porto turistico di Porto Rotondo Ampliamento molo Direzione Marina e Ristrutturazione imboccatura del porto turistico di Porto Rotondo STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE ELABORATO N 2 SINTESI NON TECNICA COMMITTENTE MARINA DI PORTOROTONDO S.r.l.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LO STAZIONAMENTO DELLE UNITA' DA DIPORTO DEL PORTO TURISTICO DI ALASSIO

REGOLAMENTO PER LO STAZIONAMENTO DELLE UNITA' DA DIPORTO DEL PORTO TURISTICO DI ALASSIO REGOLAMENTO PER LO STAZIONAMENTO DELLE UNITA' DA DIPORTO DEL PORTO TURISTICO DI ALASSIO Art. 1 - Categorie delle unità da diporto 1.1 - Le unità da diporto, ai fini della applicazione del presente Regolamento,

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Capitaneria di Porto di Taranto Largo Arcivescovado, n 17 tel. 099/4713611 fax 0994718288 taranto@guardiacostiera.it - www.taranto.guardiacostiera.it/ ORDINANZA

Dettagli

III.4. Porto di Santa Maria di Leuca

III.4. Porto di Santa Maria di Leuca 4.2 Il porto: storia e potenzialità Negli anni che vanno dal 1935 al 1940, per venire incontro alle esigenze della pesca, nella zona orientale più interna della rada si costruì uno scalo d'alaggio ridossato

Dettagli

CORSO ECONOMIA DEI TRASPORTI

CORSO ECONOMIA DEI TRASPORTI CORSO ECONOMIA DEI TRASPORTI PROF. ENNIO FORTE PROJECT WORK: IL PORTO DI SALERNO Stefania Rossi Matricola n28000060 IL PORTO DI SALERNO Il porto di Salerno, situato nell'omonimo golfo del Mar Tirreno,

Dettagli

COMUNE DI MARANO LAGUNARE Provincia di Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE E LA GESTIONE DI ORMEGGI (POSTI BARCA)

COMUNE DI MARANO LAGUNARE Provincia di Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE E LA GESTIONE DI ORMEGGI (POSTI BARCA) COMUNE DI MARANO LAGUNARE Provincia di Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE E LA GESTIONE DI ORMEGGI (POSTI BARCA) Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 06 del 16 marzo 2015 Articolo

Dettagli

Coordinatore dei servizi di porto turistico

Coordinatore dei servizi di porto turistico identificativo scheda: 30033 stato scheda: Validata Descrizione sintetica La figura è responsabile della pianificazione, organizzazione e coordinamento di tutte le attività, servizi e figure professionali

Dettagli

ALLEGATO. Comune., via. Nome del referente/funzione:.. Telefono e numero fax:.. E-mail:

ALLEGATO. Comune., via. Nome del referente/funzione:.. Telefono e numero fax:.. E-mail: ALLEGATO Programma di cooperazione territoriale Italia Francia Marittimo Avviso per la manifestazione di interesse alla partecipazione al progetto strategico TPE (Turismo Porti Ambiente) sottoprogetto

Dettagli

Paolo Atzeni, Paola Letizia, Michela Soldati. MED Ingegneria S.r.l., Ferrara

Paolo Atzeni, Paola Letizia, Michela Soldati. MED Ingegneria S.r.l., Ferrara 431 STUDIO METEOMARINO ED ANALISI MODELLISTICA PER LA PROGETTA- ZIONE DEL NUOVO PORTO TURISTICO ALLE ISOLE TREMITI Paolo Atzeni, Paola Letizia, Michela Soldati MED Ingegneria S.r.l., Ferrara 1 - Introduzione

Dettagli

` Ç áàxüé wxääx \ÇyÜtáàÜâààâÜx x wx gütáñéüà

` Ç áàxüé wxääx \ÇyÜtáàÜâààâÜx x wx gütáñéüà ` Ç áàxüé wxääx \ÇyÜtáàÜâààâÜx x wx gütáñéüà UFFICIO CIRCONDARIALE MARITTIMO DI SANTA MARGHERITA LIGURE O R D I N A N Z A N. 196 / 2004 Il Capo del Circondario Marittimo di Santa Margherita Ligure; VISTA

Dettagli

Verifica di stabilità di un opera di difesa di tipo verticale composto con struttura a cassone cellulare

Verifica di stabilità di un opera di difesa di tipo verticale composto con struttura a cassone cellulare Esercitazione 6 Verifica di stabilità di un opera di difesa di tipo verticale composto con struttura a cassone cellulare Si esegua la verifica di stabilità allo scorrimento nella sola fase di cresta dell

Dettagli

REGOLAMENTO DI SICUREZZA DEL PORTO MARINA DI VILLAPUTZU PORTO CORALLO

REGOLAMENTO DI SICUREZZA DEL PORTO MARINA DI VILLAPUTZU PORTO CORALLO REGOLAMENTO DI SICUREZZA DEL PORTO MARINA DI VILLAPUTZU PORTO CORALLO CAPO I NORME GENERALI Articolo 1 Campo di applicazione e normativa di riferimento 1. Il presente regolamento si applica all interno

Dettagli

Comune di Vado Ligure Progetto di sviluppo portuale e di riqualificazione della fascia costiera di Vado Ligure

Comune di Vado Ligure Progetto di sviluppo portuale e di riqualificazione della fascia costiera di Vado Ligure Comune di Vado Ligure Progetto di sviluppo portuale e di riqualificazione della fascia costiera di Vado Ligure Illustrazione ai cittadini Prospetto passeggiata a mare da Porto Vado La piattaforma e il

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL PORTO DEL CAPOLUOGO

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL PORTO DEL CAPOLUOGO COMUNE DI PALAZZOLO DELLO STELLA PROVINCIA DI UDINE REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL PORTO DEL CAPOLUOGO approvato con delibera consiliare n. 055 del 29.11.2011 articolo pagina ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART.

Dettagli

DUE SORELLE. Cutter Italiano adibito al trasporto di marmo e vino nel periodo 1920-1960. Marina di campo - Isola d Elba - ITALIA

DUE SORELLE. Cutter Italiano adibito al trasporto di marmo e vino nel periodo 1920-1960. Marina di campo - Isola d Elba - ITALIA DUE SORELLE Cutter Italiano adibito al trasporto di marmo e vino nel periodo 1920-1960 Marina di campo - Isola d Elba - ITALIA Costruttore: Cantieri navali CELLI di Viareggio Proprietario: MATTERA GABRIELLO

Dettagli

PALI Si distinguono: Nel caso 1 il palo non modifica il moto ondoso, mentre nel caso 2 il moto ondoso è modificato dal palo.

PALI Si distinguono: Nel caso 1 il palo non modifica il moto ondoso, mentre nel caso 2 il moto ondoso è modificato dal palo. PALI Si distinguono: 1. pali di piccolo diametro se D/L0,05 Nel caso 1 il palo non modifica il moto ondoso, mentre nel caso 2 il moto ondoso è modificato dal palo.

Dettagli

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE 1) PREMESSA...2 2) DESCRIZIONE DEL TERMINALE...2 2.1) RICEZIONE...3 2.2) STOCCAGGIO...3 2.3) RIGASSIFICAZIONE...4 2.4) RECUPERO BOIL-OFF GAS (BOG)...4

Dettagli

Venis Cruise 2.0 Nuovo Terminal Crociere di Venezia Bocca di Lido

Venis Cruise 2.0 Nuovo Terminal Crociere di Venezia Bocca di Lido Venis Cruise 2.0 1 Direttive istituzionali 2 marzo 2012 Decreto Clini-Passera Divieto di transito in Bacino di San Marco per le navi crociera sup. a 40mila t.s.l. 6 febbraio 2014 o.d.g. Senato: compatibilità

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEL PORTO TURISTICO

REGOLAMENTO INTERNO DEL PORTO TURISTICO REGIONE TOSCANA COMPARTIMENTO MARITTIMO DI LIVORNO COMUNE DI ROSIGNANO MARITTIMO (LI) PORTO TURISTICO CALA DE MEDICI REGOLAMENTO INTERNO DEL PORTO TURISTICO Rosignano Marittimo - 19/11/2006 Le Società

Dettagli

SAFETY & SECURITY. Misure di sicurezza all interno delle aree in gestione alla Società Porto di Livorno 2000 SrL

SAFETY & SECURITY. Misure di sicurezza all interno delle aree in gestione alla Società Porto di Livorno 2000 SrL Terminal Crociere - Piazzale dei Marmi 57123 Livorno (LI) Italia Tel. (+39) 0586 20.29.01 Fax (+39) 0586 89.22.09 info@portolivorno2000.it Misure di sicurezza all interno delle aree in gestione alla Società

Dettagli

Claudio Russo e Alberto Mondinelli, i fondatori di BoatMag, due giornalisti con una lunga esperienza di lavoro nelle principali testate di nautica.

Claudio Russo e Alberto Mondinelli, i fondatori di BoatMag, due giornalisti con una lunga esperienza di lavoro nelle principali testate di nautica. Evo 43 conquista Genova By La redazione di BoatMag ottobre 4, 2015 La redazione di BoatMag Claudio Russo e Alberto Mondinelli, i fondatori di BoatMag, due giornalisti con una lunga esperienza di lavoro

Dettagli

COMUNE DI RIO MARINA. Accordo di pianificazione variante portualità commerciale e turistica di Rio Marina e Cavo RAPPORTO PRELIMINARE

COMUNE DI RIO MARINA. Accordo di pianificazione variante portualità commerciale e turistica di Rio Marina e Cavo RAPPORTO PRELIMINARE Pagina 1 di 155 COMUNE DI RIO MARINA Provincia di Livorno Accordo di pianificazione variante portualità commerciale e turistica di Rio Marina e Cavo RAPPORTO PRELIMINARE finalizzato alla verifica di assoggettabilità

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti RAMO TRASPORTI. Ufficio Circondariale Marittimo di Santa Margherita Ligure. Ordinanza n 152/2009

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti RAMO TRASPORTI. Ufficio Circondariale Marittimo di Santa Margherita Ligure. Ordinanza n 152/2009 Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti RAMO TRASPORTI Ufficio Circondariale Marittimo di Santa Margherita Ligure Ordinanza n 152/2009 Il Tenente di Vascello (CP) sottoscritto, Capo del Circondario

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA CANOTTAGGIO NORME E REGOLE DI SICUREZZA PER LA PRATICA DEL COASTAL ROWING IN MARE E SUI GRANDI LAGHI

FEDERAZIONE ITALIANA CANOTTAGGIO NORME E REGOLE DI SICUREZZA PER LA PRATICA DEL COASTAL ROWING IN MARE E SUI GRANDI LAGHI FEDERAZIONE ITALIANA CANOTTAGGIO O.d.G. 4.5 NORME E REGOLE DI SICUREZZA PER LA PRATICA DEL COASTAL ROWING IN MARE E SUI GRANDI LAGHI Premessa. In tutte le Società ed Associazioni sportive affiliate alla

Dettagli

Circolo della Vela Bari Associazione Sportiva Dilettantistica NUOVO REGOLAMENTO ORMEGGI

Circolo della Vela Bari Associazione Sportiva Dilettantistica NUOVO REGOLAMENTO ORMEGGI NUOVO REGOLAMENTO ORMEGGI ART. 1 Il presente regolamento ha per oggetto l'uso da parte dei soci, dei pontili e degli ormeggi, ottenuti in diritto di concessione dal Circolo ed utilizzati per lo svolgimento

Dettagli

Comune di Viareggio. Piano Regolatore del Porto di Viareggio RELAZIONE GENERALE

Comune di Viareggio. Piano Regolatore del Porto di Viareggio RELAZIONE GENERALE Comune di Viareggio A Piano Regolatore del Porto di Viareggio RELAZIONE GENERALE Dott. G. NALDI Arch. F.G.M. ALLEGRETTI Ing. R. RAFFAELLI maggio 2007 Indice 1. Premessa...2 2. Esame della situazione in

Dettagli

Impatto del traffico portuale su Venezia e la sua laguna

Impatto del traffico portuale su Venezia e la sua laguna Aprile 2008 Materiali d Informazione Impatto del traffico portuale su Venezia e la sua laguna 1 Osservatorio Trasformazioni Territoriali e Sociali dell Associazione AmbienteVenezia In collaborazione con

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DEI TRASPORTI CAPITOLATO TECNICO (CIG: 354076)

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DEI TRASPORTI CAPITOLATO TECNICO (CIG: 354076) CAPITOLATO TECNICO (CIG: 354076) AL CONTRATTO DI SERVIZIO DI COLLEGAMENTO MARITTIMO PER IL TRASPORTO DI PERSONE E VEICOLI NELLA TRATTA PORTO TORRES ISOLA DELL ASINARA (CALA REALE) E VICEVERSA. La gara

Dettagli

REGIONE MARCHE COMUNE DI S. BENEDETTO DEL TRONTO PROGETTO DEFINITIVO

REGIONE MARCHE COMUNE DI S. BENEDETTO DEL TRONTO PROGETTO DEFINITIVO REGIONE MARCHE COMUNE DI S. BENEDETTO DEL TRONTO PORTO DI S. BENEDETTO DEL TRONTO INTERVENTO DI AMPLIAMENTO DELLO SCALO DI ALAGGIO DEL PORTO PESCHERECCIO PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE DESCRITTIVA INDICE

Dettagli