EPSILON 7. Istruzioni per l uso e la manutenzione Edition 1 / 03_2013

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "EPSILON 7. Istruzioni per l uso e la manutenzione Edition 1 / 03_2013"

Transcript

1 EPSILON 7 Istruzioni per l uso e la manutenzione Edition 1 / 03_2013

2 Edition 1 / 03_2013

3 Indice Grazie per aver scelto di volare ADVANCE... 4 A proposito di ADVANCE... 5 EPSILON Piacere totale... 6 Caratteristiche particolari... 6 Altri importanti dettagli... 7 Caratteristiche del pilota... 8 Indicazioni generali relative al volo in parapendio... 8 Utilizzo della vela... 9 Consegna... 9 Regolazioni di base... 9 Lunghezza dei freni... 9 Acceleratore con SPI... 9 Regolazione dell acceleratore Sellette adatte Peso in volo minimo e massimo Comportamento in volo Decollo Volo normale...17 Virare Volo accelerato Chiusure Discesa rapida Stallo dinamico Atterraggio Volare con un'ala umida Decollo al traino Volo con motore Volo acrobatico Manutenzione, durata della vela e riparazioni Ripiegamento Manutenzione Cosa fare se il bordo d attacco si rovina Controlli Riparazioni Smaltimento Dati tecnici Scheda tecnica Materiali utilizzati Omologazione Assistenza Centri di assistenza ADVANCE Pagine ADVANCE su Internet Garanzia Descrizione Schema dei cordini Bretelle Nodo per i freni (nodo di bolina)

4 Thank you for flying ADVANCE Congratulazioni per aver scelto l EPSILON 7, un prodotto di qualità ADVANCE. Siamo certi che con questa vela potrai realizzare numerosi voli di grande soddisfazione. Questo manuale d istruzioni è una parte importante della tua vela. Vi troverai delle istruzioni sul corretto uso e delle importanti raccomandazioni concernenti la sicurezza e la manutenzione. Per questi motivi ti invitiamo caldamente a leggerlo tutto ed attentamente prima di fare, con esso, il tuo primo volo. Il testo attuale del manuale è sul sito assieme ad eventuali aggiornamenti e notizie supplementari. Sempre sul sito pubblicheremo, se il caso, nuove informazioni concernenti l uso e la sicurezza dei nostri prodotti. Per qualsiasi dubbio o problema, rivolgiti innanzitutto al tuo rivenditore, poi ad ADVANCE, se necessario. Ti auguriamo tanti voli divertenti con l EPSILON 7 con sempre dei buoni atterraggi. Lo Staff ADVANCE 4

5 A proposito di ADVANCE ADVANCE è uno dei più importanti costruttori di parapendio al mondo. La sede dell azienda si trova in Svizzera. Sin dalla sua fondazione, nel 1988, la ditta ha sempre seguito le sue idee innovative sia sul piano dello sviluppo che della produzione, ottenendo come risultato di fornire prodotti particolarmente curati e dotati di indiscusse qualità, da tutti riconosciute. a loro volta integrate nei nuovi prodotti ADVANCE: in questo modo si chiude il cerchio Per ADVANCE, lavora un gruppo di specialisti che condivide la passione per il volo con tutti quelli che ripongono la loro fiducia nei prodotti ADVANCE. Sono tutti amanti degli sport aerei e trasferiscono le loro preziose esperienze ed il loro impegno nel processo operativo. Il controllo completo del processo di produzione e la vigile supervisione esercitata sull organizzazione del lavoro nel nostro sito di produzione in Vietnam, garantiscono una elevata qualità dei nostri prodotti. Grazie ai nostri ottimi rapporti, di lunga data, con i fabbricanti di tessuto e cordini, la competenza di ADVANCE è ben integrata nello sviluppo dei nuovi materiali. Presso ADVANCE, il post-vendita riveste grande importanza. Tutto questo è assicurato con un capillare servizio di assistenza che si estende in tutto il mondo. Infine, lo scambio permanente di esperienze con i clienti, apporta continuamente delle nuove conoscenze che sono 5

6 EPSILON 7 Piacere totale Talvolta cose che sembrano inconciliabili, finiscono per fondersi in perfetta simbiosi. La nuova EPSILON 7, ala intermedia di divertimento, unisce armoniosamente, compattezza e strabilianti prestazioni. La sua maneggevolezza, particolarmente semplice e precisa, fa di questa ala elegante, la compagna ideale per ogni pilota che vuol volare per divertirsi, sfruttando al meglio le termiche. CARATTERISTICHE PARTICOLARI Compatta ma performante L EPSILON 7 si distingue per la sua compattezza, senza peraltro perdere in rendimento, al contrario: grazie alle più moderne tecnologie, l EPSILON 7 dispone di un immenso potenziale di prestazioni. L innovativo concetto dei cordini a due diramazioni, con tre sole bretelle, assieme al ridotto numero dei cordini stessi ed al conseguente diminuito numero di punti di attacco, giocano un ruolo essenziale nel deciso aumento del rendimento. retta, dovuta ad una nuova applicazione del rapporto fra apertura alare e lunghezza del fascio funicolare, nonché al profilo di nuova generazione. Anche il nuovo sistema dei freni, totalmente ripensato, e la debole inerzia apportano il loro contributo a questa manovrabilità diretta e precisa. Sensazione di benessere e divertimento L EPSILON 7, che è stato a lungo studiato, è un ala intermedia divertente, destinata ad un ampio pubblico, facile da pilotare anche in turbolenza o in situazioni di volo estreme ed offre una grande sicurezza passiva. Grazie ad una nuova geometria del profilo, l EPSILON 7 è molto stabile sull asse del beccheggio, il che si traduce in una costante sensazione di benessere per il pilota, in modo particolare quando l aria è turbolenta. Manovrabilità precisa e diretta L EPSILON 7 incanta per la sua maneggevolezza molto precisa e di- 6

7 Altri importanti dettagli Compatto ADVANCE presta molta attenzione alla cura di tutti i particolari. Le bande di trazione migliorano la stabilità dell ala; le caratteristiche winglet riducono la resistenza indotta. Delle aperture in punta d ala, tenute chiuse con del velcro, permettono una facile evacuazione di sassolini, sabbia o neve. L EPSILON 7 è costruito con tessuto di alta qualità; le carrucole dell acceleratore, con cuscinetti a sfere, contribuiscono a ridurre al minimo la resistenza del sistema. Come tutte le vele ADVANCE, anche l EPSILON 7 viene consegnato di serie con le maniglie dei freni di grandezza adeguata alla taglia dell ala, tutte dotate di girelle e di blocco magnetico dei comandi stessi. Preciso Prevedibile 7

8 Caratteristiche del pilota L EPSILON 7 è particolarmente indicato per un pilota di livello intermedio, che vola regolarmente per divertirsi, sfruttando le termiche. Dispone di una buona esperienza di pilotaggio attivo e sa anticipare le chiusure o correggerle senza reazioni eccessive. In tal modo i lunghi voli con l EPSILON 7 diventano piacere allo stato puro. Grazie alla sua grande riserva di sicurezza, l EPSILON 7 è anche adatto ad allievi particolarmente dotati. Indicazioni generali relative al volo in parapendio È indispensabile eseguire un controllo pre-volo seguendo una apposita lista. Ogni pilota va in volo sotto la sua completa responsabilità, conscio dei rischi in cui potrebbe incorrere nella pratica del volo con il parapendio, compresi gli incidenti anche mortali. Né il fabbricante, né il rivenditore possono garantire la sicurezza del pilota e comunque, non possono essere ritenuti responsabili in caso di incidente. Per praticare il volo in parapendio, è necessario seguire uno specifico corso di formazione e conoscere in modo approfondito la meteo, i materiali, le manovre base, nonché rispettare le norme che regolano il volo con le diverse regole che cambiano di paese in paese. In particolare il pilota deve saper valutare correttamente le condizioni meteorologiche prima di andare in volo. Inoltre deve volare un ala corrispondente alle sue capacità di pilotaggio. Inoltre bisogna indossare un casco, delle scarpe con suole che non scivolino e dei vestiti confortevoli, che non siano d impaccio nei movimenti: indispensabile il paracadute di emergenza. Prima di ogni volo, la vela deve essere controllata per evitare che ci siano delle parti danneggiate e per essere certi della sua idoneità ad andare in volo. 8

9 Utilizzo della vela Consegna Prima di venire consegnato all utilizzatore finale, ogni parapendio ADVANCE deve venire sottoposto ad un volo di prova, da parte del rivenditore, per verificare che le regolazioni di base siano corrette. Poi il rivenditore scrive la data del primo volo sull etichetta fissata al cassone centrale dell ala. Questa data, assieme ad modulo on-line, debitamente compilato, assicurano che eventuali difetti di fabbricazione sono coperti dalla garanzia ADVANCE (vedere alla voce Garanzia nel capitolo Assistenza ). L EPSILON 7 viene consegnato con uno zaino da trasporto CONFORT- PACK 2, una cinghia, una sacca interna, un kit di riparazione, l acceleratore con il relativo cavo, una mini manichetta nei colori della vela ed un libretto Pronti a partire. Regolazioni di base Quando vengono preparate per la consegna, tutte le vele ADVANCE, sono tarate sui dati considerati i migliori possibili dal gruppo di test ADVANCE. È in questa configurazione che la vela ha ottenuto la sua omologazione. Qualsiasi modifica o manipolazione effettuata dal suo proprietario, come ad esempio la variazione della lunghezza dei cordini o l aggiunta di altre bretelle o moschettoni d attacco, comporta la perdita della omologazione (vedere il capitolo Omologazione ) Lunghezza dei freni In fabbrica, la lunghezza dei freni viene regolata in modo tale che, volando a tutto speed, con i freni rilasciati, il bordo di d uscita non è frenato e non forma neanche una piega. È importante conservare questa regolazione. Se devi regolare di nuovo la lunghezza dei freni, devi accertarti che ci sia una corsa libera di 8 cm tra la posizione di base (freni rilasciati) e la posizione attiva (i freni cominciano ad agire) senza l uso dell acceleratore. Per fissare la maniglia ti consigliamo di fare un nodo di bolina (vedere l illustrazione allegata alla fine del manuale). Acceleratore con SPI L EPSILON 7 è dotato di un sistema di acceleratore con SPI (Speed Performance Indicator ovvero Indicatore di prestazioni) con evidenziate tre posizioni, sul retro della bretella C. Per mezzo della tacca rossa, che scorre spingendo sull acceleratore, si può decidere con precisione, quanto accelerare. Infatti, la planata ottimale fra due termiche richiede una velocità ade- 9

10 Esempio EPSILON 7/26 Posizione neutrale guata tenendo conto del vento contrario, del tasso di salita o di discesa. Posizione 30% Grazie alla sua grande stabilità, l EPSILON 7 può venire accelerato senza problemi anche in aria un po turbolenta. Tenendo conto delle sue prestazioni, relativamente elevate per un ala intermedia, la scelta della velocità per una planata ottimale gioca dunque un ruolo importante. Posizione 80% Per semplificare, le posizioni del SPI sull EPSILON 7 sono raffigurate con dei simboli che indicano il vento contrario, la forza della ascendenza prevista ed il tasso di caduta. Le posizioni indicate sulle bretelle sono valide solo se si tiene conto contemporaneamente dei diversi valori. Il che significa che bisogna, al momento di decidere quanto accelerare, tenere conto sia dell intensità del vento contrario, sia della forza della termica che si pensa di trovare, sia del tasso di caduta. Il principio del SPI è basato su una versione semplificata (tenere conto del vento contrario e del tasso di caduta) ed una versione più complessa (tenere conto dell ascendenza prevista) della teoria di McCready. 10

11 Tabella dei valori di SPI Qui sotto si trovano i valori medi indicati dallo SPI per l EPSILON 7: I freni rilasciati senza accelerare. Senza vento contrario (o con vento a favore), con un tasso di salita previsto da debole a nullo ed un tasso di caduta normale (circa 1,2 m/s sul variometro): adottare questa posizione, volare a freni rilasciati, senza accelerare. Il posizione accelerati al 30%. Con vento contrario sui 10 km/h o con un tasso di salita di 0,4 m/s (+/- 0,1 sul vario) o con tasso di caduta di 1,4 m/s (+/- 0,1 sul vario), adottare questa posizione accelerando al 30%. Se almeno due dei valori suddetti appaiono contemporaneamente, si può passare alla terzo posizione. Terzo posizione accelerati all 80%. Con vento contrario di 20 km/h o un tasso di salita previsto di 1,3 m/s (+/- 0,1 sul vario) o con tasso di caduta di 2,3 m/s (+/- 0,1 sul vario), adottare questa posizione accelerando all 80%. ATTENZIONE. Malgrado la grande stabilità nel volo accelerato, sta a te scegliere quanto accelerare, in modo da sentirti sempre bene sotto la tua vela. EPSILON 7 Posizione 30% Vento frontale (km/h) 10 tasso di salita che ci si aspetta in m/s (valore del vario) Valore di salita in m/s (valore del vario) Posizione 80% 0.4 (+/-0.1) * 1.4 (+/-0.1) * Vento frontale (km/h) 20 tasso di salita che ci si aspetta in m/s (valore del vario) Valore di salita in m/s (valore del vario) * in base alla taglia della vela ed al peso in volo 1.3 (+/-0.1) * 2.3 (+/-0.1) * 11

12 Informazione pratica. Come indicato sullo SPI, devi accelerare al 30% se prevedi di trovare una ascendenza di +0,4m/s e all 80% se la termica prevista è di +1,3m/s. Tuttavia questi valori sono validi solo se tu sarai veramente in grado di raggiungere la prossima termica, volando accelerato. Informazione pratica. Anche se giustamente uno pensa che un vento contrario di km/h influisca negativamente sul volo, bisogna anche ricordarsi che un tasso di caduta elevato (di -2m/s o più) deteriora ancora di più le prestazioni della vela. Regolazione dell acceleratore 1 L acceleratore dell EPSILON 7 deve essere regolato in modo da poter utilizzare completamente la sua corsa. La regolazione ottimale si ha quando, spingendo sulla prima pedalina, si accelera al 30% e quando, spingendo a fondo la seconda, si accelera all 80%. In questo modo si può ugualmente volare accelerando al 100% (puleggia contro puleggia) spingendo a fine corsa la seconda barra con la punta del piede. In prima battuta regola la lunghezza dell acceleratore in relazione alla lunghezza delle tue gambe, se non ottieni i risultati sopra descritti, devi intervenire in maniera più precisa regolando il sistema a due fasi, 12

13 cioè spostando il nodo che blocca la sfera 1 del disegno. In tal modo è possibile adattare la corsa e la forza necessaria per usare l acceleratore. Esempio: spostando il nodo verso il basso, si ottiene prima il passaggio dal triplo al doppio rinvio, con conseguente aumento della forza richiesta e l accorciarsi della corsa dell acceleratore. Se si sposta il nodo verso l alto, il doppio rinvio interviene più tardi e la corsa dell acceleratore si allunga. L acceleratore dell EPSILON 7 è realizzato in modo tale che durante il volo accelerato, ovvero quando l angolo di incidenza è cambiato, il profilo dell ala non viene mai modificato. È per questo che le ottime proprietà del profilo dell ala si mantengono invariate anche ad alta velocità. Attenzione: L acceleratore è regolato al meglio quando sei in grado di usare tutta la sua escursione. Presta particolare attenzione che non sia regolato troppo corto, per non rischiare di essere già accelerato durante il volo normale. Sellette adatte In linea generale, l EPSILON 7 può essere utilizzato con tutte le sellette senza incroci fissi (vedere il capitolo Omologazione ). I punti di aggancio della selletta prescelta, devono essere distanti circa 45 cm ed alti, sopra la seduta, dai 40 ai 48 cm. Informazione pratica: con una selletta ben studiata dal punto di vista aerodinamico, puoi aumentare in modo significativo l efficienza. Peso in volo, minimo e massimo Nel capito Dati tecnici sono indicati i pesi minimi e massimi per tutte le taglie. I pesi che compaiono sono quelli del PTV (Peso Totale in Volo), ovvero peso del pilota, vestiario compreso, ed attrezzatura di volo al completo: vela, selletta, emergenza, strumenti, casco, ecc. Volare al limite alto o basso della forchetta dei pesi previsti, incide sul comportamento in volo e sulla maneggevolezza, senza peraltro inficiare la sicurezza passiva dell ala. L efficienza resta la stessa per tutti i pesi, ma il rendimento in termini di guadagno di quota, cambia. 13

14 Quando si vola l EPSILON 7 al limite superiore dei pesi previsti, il maggior carico alare fa aumenta la velocità a freni rilasciati, il che induce un comportamento in volo più agile e dinamico. Consiglio pratico. ADVANCE consiglia di scegliere l EPSILON 7 in modo di volare fra la metà e l alto dei pesi standard. Ricorda: oltre alla forchetta dei pesi raccomandati, l EPSILON 7 prevede anche una forchetta più estesa dei pesi, per i quali la vela è stata ugualmente omologata EN/LTF B; nel quadro dell omologazione EN B, il limite alto nelle taglie 23, 26, 28 è di 15 kg superiore ai valori standard. Quando si vola l EPSILON 7 nell intervallo dei pesi allargato, il maggior carico alare fa aumentare la velocità a freni rilasciati, il che induce un comportamento in volo più agile e dinamico. Il fatto che l EPSILON 7 sia ancora omologato EN/LTF B, anche con un carico alare più elevato, conferma la sua grande sicurezza passiva. 14

15 Peso in volo, minimo e massimo EPSILON 7/ kg + 15 kg EPSILON 7/ kg + 15 kg EPSILON 7/ kg + 15 kg EPSILON 7/ kg Parte dinamica del EPSILON 7 Parte termica del EPSILON 7 15

16 Comportamento in volo Noi ti consigliamo di effettuare i tuoi primi voli, con la tua nuova ala, in aria calma. Alcuni esercizi di gonfiaggio, su un terreno sgombro, ti faranno apprezzare la maneggevolezza dell EPSILON 7. Decollo Effettua sempre i seguenti controlli prima di andare in volo: 1. Selletta e casco ben allacciati, paracadute di soccorso OK? 2. Cordini sbrogliati e senza nodi? 3. Vela ben aperta? 4. Controllato direzione e velocità del vento? 5. Spazio aereo e campo visivo liberi? In fase di decollo, il comportamento dell EPSILON 7 è molto omogeneo e semplice, sia che si faccia il gonfiaggio con vela alle spalle o fronte vela. L ala si gonfia rapidamente e sale uniformemente senza punti duri. Poiché l EPSILON 7 sale con molta facilità, è molto importante adattare la forza, che si mette nell alzare la vela, all intensità del vento ed alla morfologia del decollo. Quindi: Con vento sostenuto o su pendio ripido, l EPSILON 7 non richiede quasi nessun impulso per alzarsi. Con vento nullo o su pendio dolce, serve un impulso moderato ma deciso. L EPSILON 7 è dotato di bretelle A separate. Per decollare noi consigliamo di utilizzare tutte le bretelle A. l EPSILON 7 si gonfia perfettamente, a partire dal centro, e sale ben dritto, senza particolare sforzo. Consiglio pratico. Stendi a terra correttamente la tua vela prima di decollare. Per fare questo, tira sui comandi dei freni quando stendi i cordini, per fare in modo che questi ultimi siano tutti egualmente tesi. In questo modo l ala è pronta con la curvatura ideale. Informazione: con l EPSILON 7 puoi anche decollare tenendo in mano solo le bretelle A interne, anche se è più semplice decollare con in mano tutte le bretelle A. Decollo con vento debole (decollo normale) Anche con vento debole l EPSILON 7 richiede solo un moderato impulso per gonfiarsi. Non è quindi necessario partire con uno slancio troppo accentuato. Guida l ala con il corpo ben piegato in avanti, ma senza tirare troppo sulle bretelle A, sino a che non si trova ben aperta sopra la tua testa. Le correzioni, eventualmente necessarie in questa fase del gonfiaggio, devono essere fatte senza l uso dei freni, ma 16

17 riposizionandosi decisamente sotto l ala. Dopo questa fase ed un rapido controllo visivo, bastano pochi veloci passi, con il corpo ben inclinato in avanti, e si è subito in volo. Informazione: con l EPSILON 7, il decollo è veramente molto semplice ed è dunque molto importante che tu adegua l impulso da dare alla vela, alle condizioni aerologiche ed alla pendenza del decollo. Decollo con vento forte (fronte vela) Il decollo fronte vela ossia faccia alla vela, è particolarmente raccomandato in caso di vento forte. Durante la fase di gonfiaggio è sufficiente avanzare verso l ala sino a che la stessa non è sopra la testa, poi ci si gira e si decolla in modo molto semplice. Consiglio pratico: giocare con il parapendio su un terreno piatto, con vento moderato, permette di capire meglio come si comporta l ala. In questo modo imparerai a conoscere esattamente le caratteristiche dell EPSILON 7 e potrai provare il decollo, lo stallo, le picchiate e le chiusure in tutta sicurezza, restando con i piedi per terra. La regola d oro del gruppo che effettua le prove in ADVANCE, è questa: un ora di esercizio a terra è meglio di 10 grandi voli. Attenzione però, che l uso della vela a terra comporta anche una sua precoce usura. Volo normale Informazione pratica: con l EPSILON 7 il decollo è molto semplice. Sia per il decollo normale, che per quello fronte vela, devi dare il giusto impulso per gonfiare la vela, tenendo conto delle condizioni del vento e della pendenza del terreno di decollo (vedi capitolo Decollo ). In condizioni di aria calma, la migliore efficienza si ottiene volando l EPSILON 7 a freni rilasciati. Frenando leggermente si vola con il minimo tasso di caduta. Con vento in faccia o da dietro, è possibile migliorare l efficienza dell ala utilizzando in maniera adeguata l acceleratore. Lo SPI può allora esserti d aiuto. Vedere il capitolo Acceleratore con SPI. Malgrado la grande stabilità dell ala, noi consigliamo uno stile di pilotaggio attivo, quando le condizioni sono turbolente. In tal modo si 17

18 possono evitare quasi del tutto le chiusure. Ciò vuol dire che bisogna tenere sempre la vela sopra la testa, il che permette di smorzare i movimenti di beccheggio e di rollio. Quando l angolo di incidenza aumenta (il pilota pendola in avanti quando l ala cabra, entrando in termica, per esempio) bisogna rilasciare brevemente e completamente i freni, sino a che l ala torna in posizione neutra, al di sopra del pilota. Quando l angolo di incidenza diminuisce (il pilota pendola all indietro a seguito di una chiusura, per esempio) bisogna brevemente frenare l ala con più decisione. Fare bene attenzione a non volare troppo lenti, al di sotto della velocità minima della vela, ed evitare interventi eccessivi sui comandi. Virate I comandi dei freni, che agiscono sull EPSILON 7, sono molto precisi. La vela reagisce in modo diretto e progressivo man mano che si agisce sui comandi dei freni. Con opportuni spostamenti del peso del corpo nella selletta, si può migliorare attivamente il pilotaggio. Tirando più o meno sui comandi, si può continuamente aumentare, stabilizzare o ridurre l inclinazione della vela in volo. Quando voli in termica, cerca la migliore inclinazione possibile e sforzati di far girare l ala in questa posizione, nel modo più uniforme. Il comando esterno consente di stabilizzare la punta dell ala ed, in particolare, di controllare la velocità di rotazione attorno all asse verticale. Se si frena troppo la parte esterna, l ala rallenta e perde le sue buone proprietà di pilotaggio. Usare una selletta adatta all EPSILON 7 ti aiuterà ad iniziare e stabilizzare la virata nel modo più uniforme possibile. Vede anche il capitolo Sellette adatte. Attenzione: al fine di conservare la buona manovrabilità del tuo EPSILON 7 in termica, stai attento a volare sempre con sufficiente velocità. Dunque non tirare troppo il freno esterno. Consiglio pratico: se si rompe uno dei cordini principali dei freni, puoi pilotare l EPSILON 7 utilizzando le bretelle C. Volo accelerato Anche nel volo accelerato l EPSILON 7 rimane straordinariamente stabile. Però le chiusure possono essere più energiche in quanto la velocità è più elevata. In effetti, l azione delle diverse forze è più importante su di un ala prossima alla sua velocità massima, poiché 18

19 l angolo di incidenza è ridotto (vedere capitolo Chiusure ). Quando incontri dell aria turbolenta, mentre sei in volo accelerato, rilascia completamente l acceleratore prima di intervenire sui freni per apportare le necessarie correzioni atte a stabilizzare l ala. La grande stabilità dell EPSILON 7 permette di attraversare zone di moderata turbolenza anche volando accelerati. In tal caso però è importante effettuare un controllo attivo con l uso dell acceleratore, il che consiste nel controllare l angolo di incidenza della vela, non con i freni ma spingendo o rilasciando la barra dell acceleratore. In tal modo si riducono al minimo i movimenti di beccheggio, ottenendo l efficienza ottimale. Vedere anche il capitolo Acceleratore con SPI Quando aumenta l angolo di incidenza (ad esempio, quando l ala cabra entrando in termica), si deve spingere più a fondo sull acceleratore per un breve istante. Quando l angolo di incidenza diminuisce (per esempio, quando l ala picchia in avanti), si deve rilasciare l acceleratore. Attenzione: malgrado la grande stabilità dell EPSILON 7 nel volo accelerato, sta a te scegliere quanto accelerare, in modo da sentirti sicuro, in ogni momento, sotto la tua ala. Chiusure Consiglio pratico: fai molta attenzione a non usare mai i freni quando sei in volo accelerato, altrimenti ti ritroverai a volare con una peggiore efficienza senza avere alcun vantaggio. Consiglio pratico: per ottenere l efficienza migliore, adatta sempre la tua velocità al vento contrario, al tasso di caduta ed al tasso di salita previsto. Chiusura asimmetrica L EPSILON 7 incanta con la sua struttura ben tesa e stabile. In condizioni di volo normale e grazie ad un pilotaggio attivo, si possono, quasi sempre, evitare le chiusure. Tuttavia, se l ala subisce una chiusura asimmetrica a velocità normale, essa reagisce, in caso di chiusura di più del 50%, girando poco, il che consente un facile controllo, agendo sul freno opposto, per mantenere la direzione. Naturalmente l ala si riapre da sola, senza intervento del pilota. In caso di chiusura asimmetrica, in volo accelerato, la reazione è più dinamica a causa dell azione più importante delle diverse forze che 19

20 agiscono su di una vela che vola più velocemente. Anche volando a tutto speed, la vela gira poco e molto lentamente. Se, dopo una chiusura, la riapertura della semiala chiusa ritarda, puoi intervenire tirando velocemente a fondo il freno dalla parte chiusa e rilasciandolo subito. Fatto questo, bisogna che tu rilasci completamente entrambi i freni permettendo all ala di riprendere velocità. Ricordati invece, che i tuoi interventi sulla semiala aperta, per mantenere la direzione, devono essere il più possibile leggeri e ben dosati, per evitare lo stallo e la vite negativa. La semiala aperta genera ancora una portanza sufficiente a permettere all ala di stabilizzarsi. Dei wing-over mal eseguiti possono provocare un ripiegamento della punta dell ala e creare una cravatta, con conseguente forte rotazione, a causa della grande resistenza che la cravatta genera. In tal caso bisogna impedire che la velocità di rotazione diventi troppo alta, intervenendo con misura sul freno opposto e liberare la cravatta, servendosi del cordino arancione dello stabilo. Si può anche aiutare l apertura pompando sui freni. Per fare ciò, si tira al 75%, poi si rilascia immediatamente il comando in questione, in due secondi al massimo. Chiusura frontale A seguito della chiusura spontanea o provocata del bordo d attacco, per mezzo delle A, si ottiene lo stallo dinamico del profilo e l ala pendola all indietro. Poco dopo, l effetto pendolo, riporta il pilota sotto la vela. Senza intervenire sui comandi, aspetta che l ala sia di nuovo sopra la tua testa e che riprenda velocità. In caso di chiusure molto importanti, è possibile che, al momento della riapertura, le estremità della vela non siano ancora completamente aperte. La riapertura può essere aiutata ma solo con degli interventi moderati sui comandi, un uso eccessivo può portare allo stallo dinamico totale. ATTENZIONE: in caso di chiusura, provocata con un deciso intervento sulle A, mentre si vola a tutta velocità (per esempio, durante un SIV), può capitare che il bordo d attacco dell ala non si riapra da solo. Puoi aiutare la riapertura con una veloce azione, tirando sui freni al 75% per solo un secondo, e rilasciandoli immediatamente. Discesa rapida Per effettuare una manovra di discesa rapida, il gruppo dei piloti che effettua le prove presso ADVACE, ti consiglia, a secondo della situazione, o di fare le orecchie o la spirale. 20

21 Orecchie Consiglio pratico: è importante esercitarsi e ripetere le manovre di discesa rapida, in condizioni di aria calma, per evitare che in caso di necessità, la situazione diventi critica. L EPSILON 7 ha le bretelle A sdoppiate per facilitare l effettuazione delle orecchie. Per fare questa manovra, devi tirare contemporaneamente e con forza entrambi i cordini esterni delle A contraddistinti con il colore rosso. In questo modo, le estremità della vela si chiudono e possono essere facilmente mantenute in questa posizione. Per riaprirle basta rilasciare le A, prima tirate a fondo, e le orecchie si riaprono da sole grazie alla forte pressione interna dell EPSILON 7. Se mentre si fanno le orecchie, si usa anche l acceleratore, il tasso di caduta aumenta. Il pilota può guidare la vela spostando opportunamente il peso del corpo nella selletta. Ricordati: con l EPSILON 7, si possono anche fare le grandi orecchie, tirando due cordini per parte. In questo caso è molto importante accelerare l ala e fare attenzione a non frenare assolutamente. Spirale Attenzione: non fate mai delle spirali spinte o dei cambi di direzione repentini, mentre state facendo le orecchie. L aumento di carico, su di un numero limitato di cordini, può provocare dei danneggiamenti al materiale. Attenzione: ricordati che volando con le orecchie, la tua vela è più esposta al rischio dello stallo. Evita dunque di usare questo sistema di discesa rapida, quando la vela è bagnata. Troverai altre informazioni ne capitolo Volare con un ala umida. Consiglio pratico: se vuoi perdere quota rapidamente, allontanandoti da una zona pericolosa, noi ti consigliamo il seguente metodo: fare le orecchie ed accelerare, sempre tenendo conto delle condizioni contingenti. Per un confort di volo ottimale, quando fai questa manovra, noi ti consigliamo di restare ben centrato nella selletta, senza spostare il peso, e di regolare la ventrale ad una distanza di circa 45 cm fra i moschettoni. Questa distanza corrisponde circa a quella delle spalle. 21

22 Inizia la spirale abbassando progressivamente un comando. La testa e lo sguardo devono essere orientati nel senso della virata. Più la posizione è inclinata, più aumentano velocità di rotazione e forza centrifuga. La vela reagisce in due fasi principali: dapprima inizia a girare piatta, poi diminuisce il raggio di virata ed accentua la sua inclinazione. Nella seconda fase, entra in spirale, cioè picchia in avanti con forte aumento della velocità. Per evitare una spirale stabile, bisogna, durante la manovra, essendo partiti da una posizione neutra nella selletta, cedere alla forza centrifuga. Per uscire dalla spirale, devi rilasciare progressivamente il freno interno alla virata. Il peso del corpo è leggermente spostato verso l esterno della virata. Quando la spirale provoca una importante perdita di quota ed una grande velocità di rotazione, è indispensabile rilasciare progressivamente il comando. Puoi anche evitare che l ala cabri, prima di picchiare in avanti. Quando esci dalla spirale, stai bene attento ad avere una quota sufficiente sopra il terreno. In linea generale, ci vuole lo stesso tempo, per uscire dalla spirale, che per entrarci, ma il tasso di caduta è più elevato! L EPSILON 7 esce da sola dalla spirale, se il pilota è seduto al centro della selletta, in posizione neutra. Uno spostamento del peso del corpo all interno della virata, può accelerare la velocità di rotazione ed avere, come conseguenza, una uscita meno spontanea dalla spirale. Attenzione: l EPSILON 7 è stato testato secondo le attuali norme di omologazione. Quando il pilota è in posizione neutra e rilascia il comando interno, la vela esce da sola da una spirale che ha toccato i 14 m/s. Invece, se il pilota sposta il peso del corpo verso l interno della virata, raggiunge velocità di rotazione e tassi di caduta superiori, l ala continua a girare in maniera stabile (spirale stabile). Per uscire da una spirale con elevato tasso di caduta, è necessario spostare il peso del corpo verso l esterno della virata o tirare sul comando del freno esterno. Attenzione: l EPSILON 7 è certificato per essere usato con le sellette di tipo GH (senza incroci rigidi). Le sellette di tipo GX (con incroci attivi) o quelle con punti di attacco molto bassi, possono modificare radicalmente il comportamento dell ala in spirale (vedere a questo proposito il capitolo Sellette adatte ). Attenzione: non fare mai la spirale o delle virate brusche, mentre fai le orecchie. L aumento di carico, su di un numero limitato di cordini, può provocare dei danneggiamenti al materiale. 22

23 Stallo di B Quando si fa lo stallo di B, l insieme del materiale ed il profilo dell ala subiscono delle forti sollecitazioni. È per questo motivo che noi sconsigliamo di effettuare regolarmente lo stallo di B. Tuttavia, se si fa ugualmente lo stallo di B, bisogna uscirne rilasciando velocemente i cordini trazionati, affinché la vela riprenda velocità entro 2 secondi al massimo. Questa manovra non presenta alcuna difficoltà, salvo per i piloti più leggeri che potrebbe trovare difficoltà a tirare le B, a causa dello forza richiesta. Stallo dinamico Stallo asimmetrico negativo (vite negativa) Quando stringi ancora di più una virata già stretta, l EPSILON 7 ti avverte del rischio di stallo con un netto indurimento del comando del freno. Tuttavia, se l ala dovesse ugualmente stallare, tu senti subito un marcata perdita di pressione sul comando interno della virata. In questo caso, il comando deve essere subito rilasciato completamente, per consentire all EPSILON 7 di tornare in modo autonomo al volo normale. Se raggiungi lo stallo, la vela entra in vite ovvero in rotazione negativa. L EPSILON 7 reagisce allora in maniera dinamica, ma resta ancora gestibile anche per un pilota con poca esperienza. A seconda di come si trova la tua ala al momento della ripresa di velocità, può succedere che essa reagisca bruscamente, con una decisa picchiata ed un alto rischio di chiusura. Al momento della picchiata, l ala può venire stabilizzata agendo opportunamente sui comandi dei freni. La vela riprende allora la sua configurazione di volo normale senza altre chiusure. Stallo Consiglio pratico: in linea generale, in situazioni di volo incontrollato e particolarmente in caso di stallo asimmetrico (vite), devi immediatamente rilasciare entrambi i comandi dei frenimani in alto. L EPSILON 7 trasmette immediatamente tutte le correzioni apportate con i freni, pur disponendo di un grande escursione dei comandi. Ciò significa che il pilota dispone di un grande margine di sicurezza. L entrata in stallo si ottiene tirando simmetricamente e progressivamente i comandi. La velocità dell ala diminuisce, il vento ed il rumore del vento diminuiscono. Quando si raggiunge la velocità minima, l ala passa brevemente in fase di stallo paracadutale. Continuando ad agire 23

24 sui comandi, si arriva finalmente allo stallo totale e l ala pendola all indietro. Anche se l EPSILON 7 mostra una grande tendenza a voler volare, si può, senza problemi, mantenerla in stallo totale. Per arrivare allo stallo totale, è consigliabile fare un mezzo giro sui cordini dei freni. Per uscire dallo stallo, l ala deve essere pre-gonfiata. Per fare ciò, bisogna dapprima rilasciare i freni lentamente e simmetricamente, poi rilasciarli completamente, dopo aver ben effettuato il pre-gonfiaggio. L EPSILON 7 riparte allora, in modo relativamente dolce, e senza una grande picchiata. Consiglio pratico: come norma generale, in qualsiasi configurazione di volo incontrollato, noi ti consigliamo di rilasciare immediatamente e completamente i due comandi dei freni mani in alto! Stallo paracadutale Noi non abbiamo riscontrato presenza di fase paracadutale stabile, né agendo sui comandi dei freni, né uscendo lentamente da uno stallo di B. In caso di pioggia o quando la vela è bagnata, anche l EPSILON 7, come tutte le vele, è più soggetto allo stallo paracadutale. Se la tua vela bagnata entra in fase paracadutale, devi uscirne intervenendo unicamente con l acceleratore. Vedere anche il capitolo Volare con un ala umida. Atterraggio Effettua sempre un avvicinamento appropriato ed un finale bello diritto. Comincia a frenare l ala, in maniera progressiva, solo alla fine della fase finale, in modo da ottenere una traiettoria piatta, prima di affondare completamente i comandi ed annullare totalmente la velocità dell ala. Attenzione: i repentini cambi di direzione, effettuati dinamicamente, inducono dei forti movimenti pendolari del pilota. Vanno evitati quando si è vicini al terreno. Attenzione: quando freni, per atterrare, riduci la velocità dell ala ed aumenti il suo tasso di caduta: risultato, la vela è molto meno manovrabile. Attenzione: volare a velocità inferiore alla minima, provoca lo stallo. Va assolutamente evitato quando si fa Top e nell avvicinamento finale. 24

25 Attenzione: non fare mai cadere la tua vela in avanti sul bordo d attacco. La sovrappressione che così si crea all interno della vela, può provocare delle scuciture sulle centine e danneggiare il bordo d attacco. Volare con un ala bagnata Volando con un ala bagnata, si corre il rischio di ritrovarsi in fase di stallo paracadutale. Spesso lo stallo paracadutale è la conseguenza di diversi fattori. Da un lato, il peso di una vela bagnata, aumenta. A causa del maggior peso, l angolo di incidenza aumenta, il che, per una legge aerodinamica, porta l ala ai limiti dello stallo paracadutale. Dall altro lato, le gocce d acqua presenti sull ala, hanno un effetto negativo sulla zona di scorrimento laminare dell aria, in corrispondenza del bordo d attacco. Così, il coefficiente di portanza massima ottenibile, diminuisce sensibilmente. Se, in aggiunta a tutto ciò, stiamo volando l ala al limite inferiore della forchetta indicata, questo comporta un leggero aumento dell angolo di incidenza oltre ad una velocità di volo un po più bassa a causa del minor carico alare. Per prevenire il pericolo di entrare in fase di stallo paracadutale, con un ala bagnata, bisogna frenare il meno possibile ed in nessun caso, fare le orecchie. Un altra misura precauzionale consiste nell accelerare leggermente (tra il 25% ed il 40%). In questo modo si diminuisce un po l angolo di incidenza. Se volando con un ala bagnata ti ritrovi in fase di stallo paracadutale, ricordati che devi uscirne solo utilizzando l acceleratore. Vedere anche il capitolo Fase paracadutale. Decollo al traino L EPSILON 7 è adatto per il decollo al traino. Al momento della partenza, assicurati che la vela sia disposta a terra, in caso di vento nullo, con un bella curvatura o con la parte centrale decisamente più alta, in modo che si riempia gradualmente a partire dal centro. Il decollo al traino si può fare solo se: il pilota ha fatto un corso specifico per il decollo al traino (vale solo per la Germania/DHV); si utilizza un traino certificato per il decollo del parapendio; l operatore ha fatto un corso per il traino del parapendio. 25

26 Volo con motore L EPSILON 7 potrà essere utilizzato anche con il motore. L omologazione è in corso. Troverai delle informazioni sul volo con motore relative all EPSILON 7 sul sito Se si fa acro è necessario sottoporre più spesso l ala a regolare controllo. Volo acrobatico Quando ci siamo dedicati al progetto dell EPSILON 7, la nostra attenzione è andata principalmente alla ricerca di una manovrabilità semplice e sicura, con un comportamento in volo adeguato. A patto che il pilota sappia bene cosa fare e che le manovre siano eseguite correttamente, sempre restando entro i limiti della tabella dei pesi allargati, l EPSILON 7 permette di eseguire delle manovre acrobatiche quali i wing-overs, l elicottero, il volo all indietro (TailGlide), l inversione e la spirale asimmetrica. L ala, come al solito, è stata sottoposta ai test di carico fino a 8 G, ma non ha particolari rinforzi, come le vele acro. Bisogna essere consci che tali manovre provocano carichi alari molto elevati per il materiale e possono ridurre di molto la durata della vela. 26

27 Manutenzione, durata della vela e riparazioni Ripiegamento Quando ripieghi la tua ala, disponi i cassoni uno sull altro facendo in modo che i rinforzi di plastica del bordo d attacco siano sovrapposti, di piatto ed alla stessa altezza. Così facendo prolungherai la vita della tua vela e preserverai il suo buon comportamento ed il suo rapido gonfiaggio in decollo. Poi abbi cura di iniziare a ripiegarla partendo dal bordo d uscita, salendo verso il bordo d attacco per facilitare la fuoriuscita dell aria in essa contenuta. Spostando leggermente la piega nella zona centrale dell ala, si evita di sollecitare sempre la stessa parte del tessuto. Quando ripieghi o comunque metti via la tua vela, ricordati che deve essere sempre ben asciutta. Manutenzione I raggi ultra violetti, il calore, l umidità, l acqua salata, i detergenti aggressivi, lo stoccaggio non corretto, così come le sollecitazioni meccaniche (tipo il trascinamento al suolo) accelerano il processo di invecchiamento. La durata di un ala può essere sensibilmente allungata seguendo queste indicazioni: fare seccare completamente un ala bagnata o umida in locali chiusi a temperatura ambiente, oppure all aperto ma al riparo del sole; risciacquare abbondantemente con acqua dolce un ala che si è bagnata con acqua salata; pulire l ala esclusivamente con dell acqua dolce ed eventualmente con del sapone neutro, non usare mai solventi; svuotare regolarmente i cassoni dalla sabbia, foglie morte, sassi o neve. Delle aperture, dotate di chiusura con velcro, si trovano sulle punte dell ala per facilitare lo svuotamento dei cassoni chiusi. Dopo ogni sollecitazione importante (ad esempio, un atterraggio in pianta), fare controllare l ala da uno specialista; Non esporre inutilmente l ala al sole prima e dopo il volo; Non esporre l ala piegata a delle forti variazioni di temperatura e prestare attenzione che ci sia sufficiente circolazione d aria per evitare che si formi della condensa; Non trascinare l ala al suolo; Quando si atterra, evitare di far cadere la vela in avanti sul bordo d attacco. Cosa fare se il bordo d attacco si rovina Se, malgrado tutte le attenzioni, uno stick si rompe o una cucitura cede, bisogna far pervenire la vela ad un centro di assistenza ADVANCE dove lo stick verrà sostituito o ricucito al suo posto. Per assicurare una lunga vita all ala, è importante, quando si atterra, non 27

28 lasciarla cadere sul bordo d attacco in quanto il contatto violento con il suolo potrebbero danneggiarla. Per di più, come per tutte le vele, c è il rischio molto elevato che ceda uno o più collegamenti interni di rinforzo fra i cassoni. Controlli Una nuova EPSILON 7 deve venire sottoposta al controllo ogni 24 mesi. In caso di uso intensivo (>150 voli/anno o quando la vela è sottoposta a forze eccessive), un nuovo controllo diventa necessario dopo 12 mesi dalla prima verifica. Quando si fa il controllo generale, si verifica lo stato di tutti i materiali seguendo delle severe direttive e con la massima cura. Infine si valuta lo stato generale dell ala che viene riportato in un apposito verbale. Puoi trovare altre informazioni riguardo al controllo annuale nel presente manuale al capitolo Assistenza o su Riparazioni Invece sono autorizzate la sostituzione dei cordini, così come la riparazione di piccole scuciture (meno di 5 cm) o la chiusura di piccoli buchi nel tessuto, utilizzando il Rip-stop autoadesivo, contenuto nel kit di riparazione a corredo della vela. In ogni caso, l ala deve venire stesa al suolo e controllata prima di andare di nuovo in volo, dopo che è stata fatta una riparazione o sono stati sostituiti i cordini. Smaltimento La salvaguardia dell ambiente gioca un ruolo importante nella scelta dei materiali e nella fabbricazione di un prodotto ADVANCE. Noi utilizziamo esclusivamente materiali che non recano danno all ambiente, che vengono sottoposti ad un controllo permanente sia per garantirne la qualità che il rispetto dell ambiente. Fra qualche anno, quando la tua vela arriverà alla fine della sua vita, togli tutte le parti metalliche e consegna cordini, vela e bretelle ad un impianto di smaltimento differenziato dei rifiuti. In linea di massima non bisogna mai fare da soli delle riparazioni alla vela. Le varie cuciture ed i cordini stessi sono stati realizzati con una precisione millimetrica. È per questo motivo che solo il produttore o un centro di assistenza autorizzato, possono fare degli interventi per applicare parti di ricambio o sostituire cassoni interi. 28

29

30 Technische Angaben EPSILON Superficie piatta Superficie proiettata m Peso al decollo raccomandatao 1 m t Incremento del peso in decollo 1,2 kg Peso della vela kg Allungamento 5.15 Allungamento proiettato 3.62 Apertura alare m Apertura alare proiettata m Numero delle celle 45 Numero delle bretelle 3+1 Corda massima m Corda minima m Lunghezza delle bretelle cm Massima lunghezza dei cordini con le bretelle cm Velocità minima 3 km/h 23 +/-1 Velocità di trim 3 km/h 38 +/-2 Velocità massima 3 km/h 51 +/-2 Trimmer no Certificazione paramotore LTF si Certificazione EN / LTF 1 Pilota, vela, equipaggiamento 2 Per il volo dinamico e/o manovre acrobatiche basiche 3 Valori dipendenti dal carico alare, imbrago/pilota e taglia della vela compresi nella gamma dei pesi raccomandati in decollo 30

31 Materiali utilizzati I materiali utilizzati per la costruzione dell EPSILON 7, sono stati selezionati con cura, al fine di garantire, a questa vela, una eccellente durata nel tempo. Sono stati testati a lungo, in condizioni reali di utilizzo. Bordo d attacco: Skytex Universal 9017 E25, 38 g/m2 Extradosso: Skytex Universal 9017 E25, 38 g/m2 Intradosso: DOMENICO DOKDO-20MF, 34 g/m2 Profili principali: Skytex 40 Hard 9017 E29, 40 g/m2 Profili secondari: Skytex 40 Hard 9017 E29, 40 g/m2 Nastro del bordo d attacco dell intradosso: Polyamide 16 mm Cordini: Edelrid Aramid /230/190/140, con guaina, 1,8/1,7/1,5/1,3 mm (principali) Edelrid Aramid 8000/U, 90/70/50, senza guaina, 0,8/0,7/0,5 mm (diramazioni superiori) Liros Dyneema DSL 70 / DFL 115, con guaina, 0,95/1,3 mm (freni) Liros Dyneema DFLP 232, con guaina, 1,9 mm (cordini dei freni) Bretelle: Plyestere 13 mm Moschettoni di raccordo bretelle-cordini: Maillon Rapide, inox, 3,5 mm S12 Filo per cuciture: Polyestere Nastro del bordo d attacco e d uscita: Polyestere laminato 20 mm 31

32 Omologazione L EPSILON 7 è omologato LTF e EN. I rapporti completi dei test di omologazione si possono scaricare dal sito La classificazione dell omologazione fornisce solo delle informazioni parziali sul comportamento di un ala in volo in aria turbolenta e termicamente attiva. La omologazione, viene realizzata sulla base di manovre di volo estreme, provocate in atmosfera calma. Quando sviluppiamo il progetto di una nuova vela ADVANCE, noi curiamo in modo particolare il comportamento in volo e la maneggevolezza, e non esclusivamente il test di omologazione. Il risultato è un prodotto equilibrato, dotato della famosa maneggevolezza ADVANCE. La classificazione dell omologazione resta comunque un fattore importante che deve essere rispettato. 32

33 Assistenza Centri di assistenza advance ADVANCE gestisce direttamente due suoi centri di assistenza che possono effettuare controlli completi e riparazioni di ogni genere. Questi laboratori, dislocati in Svizzera ed in Francia, sono dei punti di manutenzione ufficiali, con personale che vanta una esperienza di lunga data e conosce a fondo i prodotti che deve trattare. La rete mondiale dell assistenza ADVANCE comprende altri centri autorizzati che forniscono le stesse prestazioni. Tutti i laboratori utilizzano esclusivamente materiali originali ADVANCE. Puoi trovare tutte le informazioni riguardanti i controlli annuali e le riparazioni, nonché gli indirizzi, sul sito Sito advance su internet Sul sito trovi informazioni complete su ADVANCE e sui suoi prodotti e degli indirizzi che potrebbero esserti utili. In particolare dal sito puoi: riempire e spedire il modulo di garanzia, entro 10 giorni dall acquisto, per poter usufruire in pieno della garanzia ADVANCE; tenerti informato sulle novità relative alla sicurezza dei nostri prodotti; scaricare, in formato PDF, un formulario di domande per far controllare presso ADVANCE la tua vela e provvedere alla sua spedizione; trovare una risposta ad una tua domanda, sotto FAQ (domande più frequenti); abbonarti alle Newsletter ADVANCE (ultimissime da ADVANCE) al fine di essere sempre direttamente informato delle novità e dei prodotti. Vale la pena di visitare regolarmente il sito Internet di ADVANCE, perché vi si trova sempre qualche cosa di interessante e di nuovo. Garanzia Affinché tu possa usufruire a pieno della garanzia ADVANCE, ti invitiamo a compilare, in ogni sua parte, il relativo formulario che trovi su Internet, sotto la voce Garanzia. Nel rispetto della garanzia ADVANCE, noi ci impegniamo a rimediare ad eventuali difetti dei nostri prodotti, imputabili a difetti di fabbricazione. Al fine di poter far valere la garanzia, bisogna informare ADVANCE del difetto al più presto ed inviare il prodotto difettoso per la verifica. In seguito, noi decidiamo in che maniera intervenire per 33

34 eliminare il difetto di fabbricazione (riparazione, sostituzione di una parte o di tutto il prodotto). La garanzia ha validità di 3 anni, a partire dalla data di acquisto. La garanzia copre solo difetti imputabili ad errori di fabbricazione. In particolare, la garanzia non risponde dei danni provocati da un uso negligente o non appropriato del prodotto (per esempio, manutenzione insufficiente, stoccaggio inadeguato, sovraccarico, esposizione a temperature estreme, ecc.). La stessa cosa vale per danni risultanti a causa di incidenti o dovuti ad una normale usura. 34

Disegnare il basket. di Andrea Capobianco

Disegnare il basket. di Andrea Capobianco Disegnare il basket di Andrea Capobianco L efficacia della comunicazione è legata ad una buona conoscenza del linguaggio utilizzato. L uso della rappresentazione icnica presuppone necessariamente la condivisione

Dettagli

Sommario. Pagina 3 : La ditta Mechetti. Pagina 4 : Presentazione prodotti. Pagina 5 : Schede tecniche. Pagina 6 : Istruzioni per l uso

Sommario. Pagina 3 : La ditta Mechetti. Pagina 4 : Presentazione prodotti. Pagina 5 : Schede tecniche. Pagina 6 : Istruzioni per l uso MANUALE D USO Mek 1 Sommario Pagina 3 : La ditta Mechetti Pagina 4 : Presentazione prodotti Pagina 5 : Schede tecniche Pagina 6 : Istruzioni per l uso Pagina 7 : Soluzione e problemi noti Pagina 8 : Parti

Dettagli

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. ELICOTTERO Ref. 41-827-840

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. ELICOTTERO Ref. 41-827-840 Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. ELICOTTERO Ref. 41-827-840 Parte 1 - AERODINAMICA 1 Come si definisce la velocità? A) la distanza percorsa moltiplicata per il tempo impiegato

Dettagli

I tiri principali nel badminton

I tiri principali nel badminton I tiri principali nel badminton 4 2 3 5 6 1 Drop a rete 2 Pallonetto (lob) 3 Drive 4 Clear 5 Drop 6 Smash (schiacciata) 1 Traiettoria Definizione Impugnatura 1 Drop a rete Rovescio Sequenza fotografica

Dettagli

La catena di assicurazione

La catena di assicurazione La catena di assicurazione A cosa serve la corda? A trattenere una eventuale caduta Solo questo? Che cosa succede al momento dell arresto di una caduta? L arrampicatore avverte uno strappo Quanto è violento

Dettagli

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching Consigli generali Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching muscolare. Quando l hai eseguito quanto più comodamente possibile, rimani così per 5-10 secondi e poi

Dettagli

ASTRAL 6. Manuale d uso

ASTRAL 6. Manuale d uso ASTRAL 6 Manuale d uso Questo manuale è diviso in due parti: la prima è la traduzione del manuale d uso Astral 6 della Swing; la seconda parte è un insieme di consigli specifici e generali per l uso in

Dettagli

L innovativo ed ergonomico sistema portascale per qualsiasi possibile impiego.

L innovativo ed ergonomico sistema portascale per qualsiasi possibile impiego. L innovativo ed ergonomico sistema portascale per qualsiasi possibile impiego. 2 1 2 3 Chiedete ai vostri specialisti Prime Design Europe in tutta Europa ulteriori informazioni sui nostri prodotti vincenti!

Dettagli

Guida rapida al setup per modelli OFF-Road Molle

Guida rapida al setup per modelli OFF-Road Molle Guida rapida al setup per modelli OFF-Road Molle Più dure Più morbide Auto + reattiva e diretta (ed anche nervosa) Aiutano a saltare + in alto e + in lungo, quindi sono ottime per piste piatte con tanta

Dettagli

Esercitazione 5 Dinamica del punto materiale

Esercitazione 5 Dinamica del punto materiale Problema 1 Un corpo puntiforme di massa m = 1.0 kg viene lanciato lungo la superficie di un cuneo avente un inclinazione θ = 40 rispetto all orizzontale e altezza h = 80 cm. Il corpo viene lanciato dal

Dettagli

Volume CORSO DI AEROMODELLISMO. Elementi di aerodinamica semplice. Sommario

Volume CORSO DI AEROMODELLISMO. Elementi di aerodinamica semplice. Sommario Volume 1 CORSO DI AEROMODELLISMO Elementi di aerodinamica semplice Sommario Introduzione CAPITOLO I Perché volano i modelli pag. 2 Il centro di gravità pag. 2 La stabilita pag. 3 Gli stabilizzatori d assetto

Dettagli

MM600 MM900 MM1200 MM1500

MM600 MM900 MM1200 MM1500 MULTIMASS MM600 MM900 MM1200 MM1500 Manuale d impiego Leggere attentamente prima dell utilizzo di MULTIMASS MX IT 367531 AB - 0914 Istruzioni originali Caro utente, La ringraziamo per la fiducia accordataci

Dettagli

CARROZZINE SIGMA SIGMA CONFORT ISTRUZIONI PER L USO SGUK0502 P ORTOGALLO

CARROZZINE SIGMA SIGMA CONFORT ISTRUZIONI PER L USO SGUK0502 P ORTOGALLO SGUK0502 P ORTOGALLO CARROZZINE SIGMA SIGMA CONFORT ISTRUZIONI PER L USO 1. Introduzione La carrozzina da autospinta che avete acquistato è parte della gamma prodotti Invacare ed è stata realizzata con

Dettagli

Danneggiamenti tipici nelle pompe acqua e loro cause. www.meyle.com

Danneggiamenti tipici nelle pompe acqua e loro cause. www.meyle.com Danneggiamenti tipici nelle pompe acqua e loro cause www.meyle.com Pompe acqua MEYLE tecnica innovativa, anziché fine prematura! La corretta scelta di singoli componenti determina la qualità delle pompe

Dettagli

DINAMICA DEL PUNTO MATERIALE E CONCETTO DI FORZA. Dinamica: studio delle forze che causano il moto dei corpi

DINAMICA DEL PUNTO MATERIALE E CONCETTO DI FORZA. Dinamica: studio delle forze che causano il moto dei corpi DINAMICA DEL PUNTO MATERIALE E CONCETTO DI FORZA Dinamica: studio delle forze che causano il moto dei corpi 1 Forza Si definisce forza una qualunque causa esterna che produce una variazione dello stato

Dettagli

Smorzamento Degli Ammortizzatori

Smorzamento Degli Ammortizzatori Smorzamento Degli Ammortizzatori Lo smorzamento governa la resistenza al movimento degli ammortizzatori, per mezzo di un pistone interno che si muove a bagno d olio quando l ammortizzatore si comprime

Dettagli

Scelta e gestione dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.)

Scelta e gestione dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.) MASTER SICUREZZA Scelta e gestione dei dispositivi di protezione individuale (D.P.I.) Alessandro Cauduro Creazzo 1 luglio 2010 DPI Anticaduta Generalità I dispositivi di protezione individuale (DPI) sono:

Dettagli

Contro i segni del tempo. Schindler lifting. Soluzioni di modernizzazione.

Contro i segni del tempo. Schindler lifting. Soluzioni di modernizzazione. Contro i segni del tempo. Schindler lifting. Soluzioni di modernizzazione. Un ascensore che invecchia crea sempre nuovi problemi. Prima. L ascensore dello stabile in cui abiti o lavori è invecchiato? Probabilmente

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

MANUALE DI ISTRUZIONI

MANUALE DI ISTRUZIONI MANUALE DI ISTRUZIONI MINI CESOIA PIEGATRICE Art. 0892 ! ATTENZIONE Leggere il presente manuale prima di qualsiasi operazione Prima di iniziare qualsiasi azione operativa è obbligatorio leggere il presente

Dettagli

Corso Teorico di Acrobazia Aerea 4 - Figure Acrobatiche Basiche

Corso Teorico di Acrobazia Aerea 4 - Figure Acrobatiche Basiche Corso Teorico di Acrobazia Aerea 4 - Figure Acrobatiche Basiche Luca Salvadori 1 La Vite Positiva Consiste in un autorotazione attorno ad un asse verticale, con il velivolo stallato a meno di una piccola

Dettagli

STERZATA SENZA SPOSTAMENTO MANI MANI IN POSIZIONE BASE. POSIZIONE SUL SEDILE: TROPPO LONTANA (prospetto) POSIZIONE DI GUIDA: LONTANA (pianta)

STERZATA SENZA SPOSTAMENTO MANI MANI IN POSIZIONE BASE. POSIZIONE SUL SEDILE: TROPPO LONTANA (prospetto) POSIZIONE DI GUIDA: LONTANA (pianta) MANI IN POSIZIONE BASE Posizione base, fondamentale per guidare con qualità e sicurezza: mani sul volante come sul quadrante di un orologio, per indicare le ore 9:15, con i pollici bene ancorati alle razze.

Dettagli

Lista di controllo Carico e scarico di container e cassoni

Lista di controllo Carico e scarico di container e cassoni Sicurezza realizzabile Lista di controllo Carico e scarico di container e cassoni Conoscete i pericoli collegati alle attività di carico e scarico di cassoni, container per rifiuti e press container? Questa

Dettagli

Progetto La fisica nelle attrazioni Attrazione NIAGARA Dati Utili

Progetto La fisica nelle attrazioni Attrazione NIAGARA Dati Utili Progetto La fisica nelle attrazioni Attrazione NIAGARA Dati Utili Angolo di risalita = 25 Altezza massima della salita = 25,87 m Altezza della salita nel tratto lineare (fino all ultimo pilone di metallo)

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI INGEGNERIA LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE

UNIVERSITA DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI INGEGNERIA LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE UNIVERSITA DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI INGEGNERIA LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE AEROPORTUALI ED ELIPORTUALI LECTURE 06 CARATTERISTICHE FISICHE DELLE

Dettagli

PROVA PRO-DESIGN JALPA GLEITSCHIRM 6 GIUGNO 2007-07-06. Test Pilot :Peter Feichtinger

PROVA PRO-DESIGN JALPA GLEITSCHIRM 6 GIUGNO 2007-07-06. Test Pilot :Peter Feichtinger PROVA PRO-DESIGN JALPA GLEITSCHIRM 6 GIUGNO 2007-07-06 Test Pilot :Peter Feichtinger Con la costruzione del DHV 2 basico THEMA. Pro-Design ha intrapreso una nuova strada. Dopo l omologazione del DHV 1-2

Dettagli

1) il menu: qui trovi tutte le funzioni di comando del sito. 2) i dati sulla campagna corrente: qui puoi cambiare il nome e la descrizione e puoi

1) il menu: qui trovi tutte le funzioni di comando del sito. 2) i dati sulla campagna corrente: qui puoi cambiare il nome e la descrizione e puoi Come si fa? Struttura del messaggio Cominciamo con l illustrare la struttura dello spazio in cui costruire il messaggio. Come vedi in figura la pubblicità è composta da 6 elementi: 1 5 PERSONALE (ES. LOGO)

Dettagli

manuale di utilizzo e manutenzione

manuale di utilizzo e manutenzione Dispositivo classe A2 su tetti inclinati manuale di utilizzo e manutenzione CONFORME ALLA NORMA UNI EN 795-2005 CLASSE A2 Dispositivo classe A2 su tetti inclinati Indice 1. NOTE GENERALI DI SICUREZZA pag.

Dettagli

In collaborazione con CENTRO STUDI MATERIALI E TECNICHE

In collaborazione con CENTRO STUDI MATERIALI E TECNICHE In collaborazione con CENTRO STUDI MATERIALI E TECNICHE La sicurezza sui sentieri attrezzati: materiali e tecniche Con la collaborazione del Centro Studi Materiali e Tecniche. Questo documento riporta

Dettagli

OLIMPIA ARMANI JEANS MILANO

OLIMPIA ARMANI JEANS MILANO OLIMPIA ARMANI JEANS MILANO HEAD COACH ATTILIO CAJA DIFESA SUL PICK AND ROLL Nell analizzare le tendenze offensive delle squadre avversarie ci siamo resi conto di come una grandissima percentuale degli

Dettagli

Guida pratica alla regolazione delle tacchette

Guida pratica alla regolazione delle tacchette Guida pratica alla regolazione delle tacchette di Giuseppe De Servi (Studio Biomec Online) Bonus Omaggio per Ciclismo Passione.com 1 Introduzione : Siamo vincolati alla bicicletta in 3 punti : pedali,

Dettagli

Unità didattica 2: Mobilitazioni e Spostamenti

Unità didattica 2: Mobilitazioni e Spostamenti Unità didattica 2: Mobilitazioni e Spostamenti In questa unità didattica si impara come si può aiutare una persona a muoversi, quando questa persona non può farlo in modo autonomo. Quindi, è necessario

Dettagli

LE TORRI: DISCOVERY e COLUMBIA

LE TORRI: DISCOVERY e COLUMBIA LE TORRI: DISCOVERY e COLUMBIA Osservazioni e misure a bordo Le tue sensazioni e l accelerometro a molla 1) Nelle due posizioni indicate dalle frecce indica le sensazioni ricevute rispetto al tuo peso

Dettagli

Eco-Drive accelerate con il piede giusto

Eco-Drive accelerate con il piede giusto Eco-Drive accelerate con il piede giusto www.eco-drive.ch Risparmiare carburante prima di partire Ripartizione dei costi Il grafico mostra la ripartizione dei costi in un impresa di trasporti. L autista

Dettagli

I partner di Quality Alliance Eco-Drive

I partner di Quality Alliance Eco-Drive < I partner di Quality Alliance Eco-Drive Quality Alliance Eco-Drive è partner certificato di SvizzeraEnergia. Eco-Drive è un grande progetto della Fondazione Centesimo per il Clima. Gli organizzatori

Dettagli

CARRIER C30R-2B. 2365 kg. Call for Yanmar solutions

CARRIER C30R-2B. 2365 kg. Call for Yanmar solutions CARRIER 2365 kg Call for Yanmar solutions COMPATTEZZA Trasportatore Yanmar, prestazioni ottimali su ogni tipo di terreno. Caratteristiche principali > Dimensioni compatte : Larghezza globale ridotta a

Dettagli

Ti sollevano dalle responsabilità. Ti sollevano da tutti i problemi di trasporto. Ti sollevano da inutili sforzi

Ti sollevano dalle responsabilità. Ti sollevano da tutti i problemi di trasporto. Ti sollevano da inutili sforzi Essere all altezza delle tue aspettative è la nostra missione da sempre, per questo Faraone presenta le nuove Scale Elettriche Elevah, costruite interamente in alluminio per essere sempre più leggere ma

Dettagli

U.S.A.P. Unione Sindacale Allenatori di Pallacanestro. Riconosciuta dalla Federazione Italiana Pallacanestro con Delibera 30.04.

U.S.A.P. Unione Sindacale Allenatori di Pallacanestro. Riconosciuta dalla Federazione Italiana Pallacanestro con Delibera 30.04. U.S.A.P. Unione Sindacale Allenatori di Pallacanestro Riconosciuta dalla Federazione Italiana Pallacanestro con Delibera 30.04.1994 Via Dell Abbadia, 8-40122 Bologna Tel 051/26.11.85 Fax 051/26.74.55 -

Dettagli

Settore Giovanile Giochi ed esercizi nel MiniVolley

Settore Giovanile Giochi ed esercizi nel MiniVolley Giochi tradizionali adatti alla pallavolo ASINO Si può giocare in un numero imprecisato di bambini che si mettono in cerchio; si tira la palla a colui che lo precede e così via. Quando si sbaglia (la palla

Dettagli

Touring Car Setup Guide (tratto dal sito: R/C Car Handling)

Touring Car Setup Guide (tratto dal sito: R/C Car Handling) Touring Car Setup Guide (tratto dal sito: R/C Car Handling) Osservazione: con il segno + si vuole indicare che la regolazione impostata è stata aumentata. Mentre, con il segno la regolazione impostata

Dettagli

6.3 Organizzare l ambiente

6.3 Organizzare l ambiente 6.3 Organizzare l ambiente 6.3.1. Introduzione Il normale ambiente domestico può creare alla persona di cui ci si prende cura problemi di accesso, come le scale, e può anche essere pericoloso, come varie

Dettagli

Garanzia e FAQ. Benvenuto! Scopri tutto quello che puoi fare e condividi le tue creazioni su diwo.bq.com

Garanzia e FAQ. Benvenuto! Scopri tutto quello che puoi fare e condividi le tue creazioni su diwo.bq.com Garanzia e FAQ Benvenuto! Scopri tutto quello che puoi fare e condividi le tue creazioni su diwo.bq.com Ciclop 3D Scanner Kit Complimenti! Da questo momento fai parte della community RepRap. Ciclop è un

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

Fondamenti di macchine elettriche Corso SSIS 2006/07

Fondamenti di macchine elettriche Corso SSIS 2006/07 9.13 Caratteristica meccanica del motore asincrono trifase Essa è un grafico cartesiano che rappresenta l andamento della coppia C sviluppata dal motore in funzione della sua velocità n. La coppia è legata

Dettagli

Il valore aggiunto per i tuoi clienti, una possibilità in più per incrementare il tuo fatturato. l innovativo sistema per l emissione di buoni online

Il valore aggiunto per i tuoi clienti, una possibilità in più per incrementare il tuo fatturato. l innovativo sistema per l emissione di buoni online l innovativo sistema per l emissione di buoni online Il valore aggiunto per i tuoi clienti, una possibilità in più per incrementare il tuo fatturato in collaborazione con Vuoi incrementare il tuo fatturato

Dettagli

CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo

CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo Valanga = massa di neve, piccola o grande che sia, in movimento lungo un pendio (definizione AINEVA). A. La zona di distacco è il luogo dove prende

Dettagli

I principali rischi di utilizzo di una piattaforma aerea e il Rapporto IPAF sul monitoraggio degli incidenti

I principali rischi di utilizzo di una piattaforma aerea e il Rapporto IPAF sul monitoraggio degli incidenti AMBIENTE LAVORO 15 Salone della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro BOLOGNA - QUARTIERE FIERISTICO 22-24 ottobre 2014 I principali rischi di utilizzo di una piattaforma aerea e il Rapporto IPAF sul

Dettagli

Esame sezione Brevetti 2003-2004 Prova Pratica di meccanica

Esame sezione Brevetti 2003-2004 Prova Pratica di meccanica Esame sezione Brevetti 2003-2004 Prova Pratica di meccanica OGGETVO: Brevettazione dl un perfezionamento riguardante I pressatori per mescolatori dl gomma Egregio dottore, Le invio una breve relazione

Dettagli

LAVORI IN QUOTA Lavori in sospensione con funi DPI specifici e sistemi anticaduta

LAVORI IN QUOTA Lavori in sospensione con funi DPI specifici e sistemi anticaduta LAVORI IN QUOTA Lavori in sospensione con funi DPI specifici e sistemi anticaduta Lucca 1-06 - 2010 Stefano Cesari Amorini Srl - Perugia Lavoro in quota: le variabili per individuare il metodo di accesso

Dettagli

Effetti dei Vortex Generators rilevati e pubblicati su riviste specializzate.

Effetti dei Vortex Generators rilevati e pubblicati su riviste specializzate. Effetti dei Vortex Generators rilevati e pubblicati su riviste specializzate. Tecnam P 92 80 hp. (AS 04 2010) Decollo : corsa di decollo sensibilmente ridotta, rotazione più stabile. Volo lento : diminuzione

Dettagli

Soluzioni su misura per le flotte aziendali A confronto con André Siegrist della società René Faigle AG

Soluzioni su misura per le flotte aziendali A confronto con André Siegrist della società René Faigle AG Soluzioni su misura per le flotte aziendali A confronto con della società René Faigle AG La René Faigle AG svolge la sua attività con successo da più di ottant anni. L azienda svizzera a conduzione familiare

Dettagli

INTRODUZIONE EGREGIA CLIENTE, EGREGIO CLIENTE, ATTENZIONE

INTRODUZIONE EGREGIA CLIENTE, EGREGIO CLIENTE, ATTENZIONE MBO MP 1120 I neu 16.10.2001 13:52 Uhr Seite 1 INTRODUZIONE 1 EGREGIA CLIENTE, EGREGIO CLIENTE, Siamo lieti che abbiate scelto il nostro kit per manicure e pedicure MBO MP 1120. Con questo sistema di cura

Dettagli

LA CATENA DI ASSICURAZIONE E RESISTENTE QUANTO IL SUO ANELLO PIU DEBOLE.

LA CATENA DI ASSICURAZIONE E RESISTENTE QUANTO IL SUO ANELLO PIU DEBOLE. I componenti la catena di assicurazione li possiamo individuare semplicemente negli elementi che insieme concorrono alla sicurezza della cordata, ovviamente in caso di caduta. Gli elementi quali corda,

Dettagli

GIOVANILI: SCHEMI OFFENSIVI Matteo Picardi

GIOVANILI: SCHEMI OFFENSIVI Matteo Picardi GIOVANILI: SCHEMI OFFENSIVI Matteo Picardi Ogni squadra necessita di un attacco organizzato in maniera da creare spazi liberi per guadagnare punti facili. Tuttavia, soprattutto con le squadre giovani,

Dettagli

Il corretto posizionamento in sella (oltre alle misure.) di Giuseppe De Servi

Il corretto posizionamento in sella (oltre alle misure.) di Giuseppe De Servi Il corretto posizionamento in sella (oltre alle misure.) di Come già accennato in precedenza per avere un buon rendimento a livello di prestazione atletica e di comodità in sella è necessario assumere

Dettagli

Oasis Manuale d uso. Leggi il manuale prima di effettuare il tuo primo volo con l Oasis

Oasis Manuale d uso. Leggi il manuale prima di effettuare il tuo primo volo con l Oasis Oasis Manuale d uso Leggi il manuale prima di effettuare il tuo primo volo con l Oasis Benvenuto Congratulazioni e un grazie da Gin Gliders per aver scelto l Oasis. Su questo parapendio il progettista

Dettagli

Danneggiamenti tipici nei componenti autotelaio e dello sterzo.

Danneggiamenti tipici nei componenti autotelaio e dello sterzo. Danneggiamenti tipici nei componenti autotelaio e dello sterzo. www.meyle.com Chi ha subito questo danno, dovrebbe al più presto possibile procurarsi dei pezzi di ricambio rinforzati. Supporti idraulici

Dettagli

ISTRUZIONI & GARANZIA. Clubmaster SPORT

ISTRUZIONI & GARANZIA. Clubmaster SPORT ISTRUZIONI & GARANZIA Clubmaster SPORT ISTRUZIONI L orologio BRISTON deve essere sottoposto a una manutenzione regolare per garantire un buon funzionamento. Gli intervalli tra gli interventi variano in

Dettagli

Ogni giorno, siamo con te.

Ogni giorno, siamo con te. Ogni giorno, siamo con te. Dietro ogni montascale Stannah ci sono l impegno e la passione di molte persone. Una storia di persone. Da quando Joseph Stannah, nel 1867, creò la sua società, sono cambiate

Dettagli

Diametro esterno Il diametro di un pneumatico gonfio misurato al punto più esterno del battistrada.

Diametro esterno Il diametro di un pneumatico gonfio misurato al punto più esterno del battistrada. APPROFONDIMENTI A proposito di pneumatici (Fonte www.pirelli.it) A PROPOSITO DI PNEUMATICI Più di 100 anni di esperienza e tecnologia hanno reso Pirelli in grado di combinare nei suoi prodotti il massimo

Dettagli

Sintesi Scopo Metodo

Sintesi Scopo Metodo Sintesi Scopo: analizzare le variazioni aerodinamiche dovute allo sbandamento in una barca a vela monoscafo. Metodo: - definizione di un modello ideale di vela; - simulazione numerica del flusso d aria

Dettagli

Vogliamo ringraziarla per la fiducia accordataci, preferendo un prodotto Polti.

Vogliamo ringraziarla per la fiducia accordataci, preferendo un prodotto Polti. R Gentile Cliente, Vogliamo ringraziarla per la fiducia accordataci, preferendo un prodotto Polti. Il tavolo da stiro da Lei scelto costituisce un perfetto complemento al vapore prodotto dal Suo ferro.

Dettagli

10 Campionato Svizzero per conducenti di carrelli elevatori 2012-2013

10 Campionato Svizzero per conducenti di carrelli elevatori 2012-2013 10 Campionato Svizzero per conducenti di carrelli elevatori 2012-2013 Regolamento Pagina 1 di 8 Campionato Svizzero per conducenti di carrelli elevatori Swisslifter (per facilitarne la leggibilità, il

Dettagli

paragrafo. Testo Incorniciato Con bordo completo Testo Incorniciato Con bordo incompleto

paragrafo. Testo Incorniciato Con bordo completo Testo Incorniciato Con bordo incompleto Applicare bordi e sfondi ai paragrafi Word permette di creare un bordo attorno ad un intera pagina o solo attorno a paragrafi selezionati. Il testo risulta incorniciato in un rettangolo completo dei quattro

Dettagli

Cippatori a tamburo Serie PTH

Cippatori a tamburo Serie PTH PTH 1000/820 M 9, Envie (CN) 77 - Fax +39 0175 278421 - info@pezzolato.it www.pezzolato.it Cippatori a tamburo Serie PTH Ottima qualità del cippato da qualsiasi tipo di legno GREENLINE PTH 1000/820 PTH

Dettagli

Corso per allenatori di 1 livello LEZIONE nr 3

Corso per allenatori di 1 livello LEZIONE nr 3 Corso per allenatori di 1 livello LEZIONE nr 3 IMPARARE LA TECNICA CON IL GIOCO Stefano Faletti FONDAMENTALI TECNICI RICEVERE CONTROLLARE COLPIRE lo STOP GUIDA DELLA PALLA DRIBBLING PASSAGGIO TIRO COLPO

Dettagli

Caratteristiche principali dei reattori in vetro AG!

Caratteristiche principali dei reattori in vetro AG! Caratteristiche principali dei reattori in vetro AG! Parti comuni ed intercambiabili Facilità e rapidità d uso Molte parti e component dei reattori Blue Label sono intercambiabili. Per esempio, il coperchio

Dettagli

"Gli Elementi del Successo" non sono per Tutti. Sono per te?

Gli Elementi del Successo non sono per Tutti. Sono per te? "Gli Elementi del Successo" non sono per Tutti. Sono per te? Stiamo cercando persone che possano avere successo nel MLM. Come abbiamo fatto noi. E come vogliamo fare ancora quando c'è il "business perfetto

Dettagli

Tute per Piloti di Auto da Corsa Libretto di Garanzia e di Servizio Rev. 1.00

Tute per Piloti di Auto da Corsa Libretto di Garanzia e di Servizio Rev. 1.00 Italiano Manuale Utente Tute per Piloti di Auto da Corsa Libretto di Garanzia e di Servizio Rev. 1.00 2002 OMP Racing s.r.l. La ringrazia della preferenza dimostrata acquistando una tuta per piloti di

Dettagli

La forza. In movimento Marietti Scuola 2010 De Agostini Scuola S.p.A. Novara

La forza. In movimento Marietti Scuola 2010 De Agostini Scuola S.p.A. Novara La forza La definizione di forza Per forza s intende la capacità dell apparato neuro- muscolare di vincere o contrapporsi a un carico esterno con un impegno muscolare. La classificazione della forza Tipi

Dettagli

10 consigli per una guida eco-compatibile

10 consigli per una guida eco-compatibile La campagna Make Cars Green mira a ridurre l impatto delle auto sull ambiente e a sensibilizzare gli automobilisti prima di mettersi al volante. 10 consigli per una guida eco-compatibile Compra verde Pianifica

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

7.2 Controlli e prove

7.2 Controlli e prove 7.2 Controlli e prove Lo scopo dei controlli e delle verifiche è quello di: assicurare che l ascensore sia stato installato in modo corretto e che il suo utilizzo avvenga in modo sicuro; tenere sotto controllo

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE MARIE CURIE Savignano s. R. (FC) CLASSE 3C ESERCIZI SU MOMENTO ANGOLARE-ROTOLAMENTO. Esercizio.

LICEO SCIENTIFICO STATALE MARIE CURIE Savignano s. R. (FC) CLASSE 3C ESERCIZI SU MOMENTO ANGOLARE-ROTOLAMENTO. Esercizio. LICEO SCIENTIFICO STATALE MARIE CURIE Savignano s. R. (FC) CLASSE 3C ESERCIZI SU MOMENTO ANGOLARE-ROTOLAMENTO Esercizio Esercizio Esercizio Dati esercizio: I 1 =5,0 Kg m 2 I 2 =10 Kg m 2 ω i =10giri/sec

Dettagli

SCIENZA&SPORT. Scienza per capire lo sport Sport per capire la scienza LA FISICA E LA BICICLETTA

SCIENZA&SPORT. Scienza per capire lo sport Sport per capire la scienza LA FISICA E LA BICICLETTA SCIENZA&SPORT Scienza per capire lo sport Sport per capire la scienza LA FISICA E LA BICICLETTA La bicicletta come laboratorio equilibrio avanzamento cambio di direzione bilancio energetico meccanica Concetti

Dettagli

Catena di assicurazione

Catena di assicurazione 12 Corso di Roccia 2015 Scuola permanente di Alpinismo «Cosimo Zappelli» 9 aprile 2015 Catena di assicurazione lezione a cura di Sergio Pistolesi - slide di Claudio Luperini Stasera parleremo di: catena

Dettagli

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento

Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Il Piano Finanziario Parte 2: Equilibrio e Investimento Non aspettare, il tempo non potrà mai essere " quello giusto". Inizia da dove ti trovi, e lavora con qualsiasi strumento di cui disponi, troverai

Dettagli

STIGA PARK 121 M 8211-3011-10

STIGA PARK 121 M 8211-3011-10 STIGA PARK 121 M 8211-3011-10 D 5b. 1. Park -1993 5a. 2. Park -1993 6a. Park -1999 F G H 3. Park -1993 7. I I 4. Park -1993 8. 6b. Park 2000- J 9. 13. 10. 14. X Z Y W 11. V 15. Denna produkt, eller delar

Dettagli

Corso di Tecnologia Meccanica

Corso di Tecnologia Meccanica Corso di Tecnologia Meccanica Modulo 3.8 Deformazione plastica LIUC - Ingegneria Gestionale 1 Lavorazione a freddo della lamiera LIUC - Ingegneria Gestionale 2 Lavorazione a freddo delle lamiere È il processo

Dettagli

Ciao! Come fa il Sole a tenere legati i pianeti, gli asteroidi... che pure sono

Ciao! Come fa il Sole a tenere legati i pianeti, gli asteroidi... che pure sono Ciao! La volta scorsa abbiamo detto che il Sistema Solare è una sfera. Abbiamo parlato di tutti gli strati che formano questa sfera, li abbiamo descritti all incirca. Adesso parliamo del Sole! Dicono gli

Dettagli

«Top 10» per l inverno

«Top 10» per l inverno «Top 10» per l inverno Suva Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 51 11 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419 58 51 Autori dott. Hans

Dettagli

PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI BMW/MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA.

PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI BMW/MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA. PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI /MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA. Switzerland PNEUMATICI SU MISURA. Lo sviluppo di uno pneumatico originale /MINI ha inizio già

Dettagli

LA CATENA DI ASSICURAZIONE. Lezione a cura di Torrini Andrea

LA CATENA DI ASSICURAZIONE. Lezione a cura di Torrini Andrea LA CATENA DI ASSICURAZIONE Lezione a cura di Torrini Andrea PARLEREMO IN QUESTA LEZIONE DI: Significato di CATENA DI ASSICURAZIONE Dimensionamento della CATENA DI ASSICURAZIONE Forza di Arresto Fattore

Dettagli

Italiano. 1 di 6. A9640056, A9640057, A9640168 e A9640169. Ricambi forniti:

Italiano. 1 di 6. A9640056, A9640057, A9640168 e A9640169. Ricambi forniti: Italiano Istruzioni di montaggio: Speed Triple 050 dal n. di telaio 46 e Speed Triple 050 R, Street Triple RX, Street Triple dal n. di telaio 560477, Street Triple R dal n. di telaio 560477, Daytona 675

Dettagli

Manuale Uso e Manutenzione

Manuale Uso e Manutenzione Manuale Uso e Manutenzione GRADINO ESI.1150 RIENTRANTE A FUNZIONAMENTO ELETTRONICO Brevettato Ed. 24.02.2014 1 MARIANI Srl Via Aldo Moro 25, 46020 PEGOGNAGA (MN) Copyright: MARIANI Srl Pubblicato in data:

Dettagli

SCOPRI G2 AUTOMOTIVE. L ESCLUSIVO SISTEMA PERSONALIZZATO CHE GESTISCE IL TUO PARCO CLIENTI. E GENERA NUOVO BUSINESS.

SCOPRI G2 AUTOMOTIVE. L ESCLUSIVO SISTEMA PERSONALIZZATO CHE GESTISCE IL TUO PARCO CLIENTI. E GENERA NUOVO BUSINESS. SCOPRI G2 AUTOMOTIVE. L ESCLUSIVO SISTEMA PERSONALIZZATO CHE GESTISCE IL TUO PARCO CLIENTI. E GENERA NUOVO BUSINESS. Efficiente, rapido, su misura. G2 Automotive è l innovativo sistema di gestione specifico

Dettagli

(FAQ) ANTICADUTA. Catalogo on-line www.iapir.it DA OLTRE 40 ANNI LA SICUREZZA IN ITALIA

(FAQ) ANTICADUTA. Catalogo on-line www.iapir.it DA OLTRE 40 ANNI LA SICUREZZA IN ITALIA (FAQ) ANTICADUTA Che cos è un impatto d urto? All'arresto di una caduta l'operatore subisce un impatto d'urto che può provocare delle lesioni. 400 dan : comparsa di postumi cervicali 600 dan : soglia accettabile

Dettagli

Istituto Tecnico Settore Tecnologico Giulio Cesare Falco. Studio dell elica aeronautica Parte 2

Istituto Tecnico Settore Tecnologico Giulio Cesare Falco. Studio dell elica aeronautica Parte 2 Istituto Tecnico Settore Tecnologico Giulio Cesare Falco nuovo indirizzo in Trasporti e Logistica articolazione Costruzione del Mezzo opzione Costruzioni Aeronautiche Studio dell elica aeronautica Parte

Dettagli

CADUTE. In sicurezza ad ogni passo. upi Ufficio prevenzione infortuni

CADUTE. In sicurezza ad ogni passo. upi Ufficio prevenzione infortuni CADUTE In sicurezza ad ogni passo upi Ufficio prevenzione infortuni Andare a fare la spesa, montare una lampadina stando su una scala portatile, fare le scale: sono attività che svolgiamo comunemente ogni

Dettagli

Guida alla taratura delle sospensioni

Guida alla taratura delle sospensioni Guida alla taratura delle sospensioni GUIDA RAPIDA ALLA TARATURA DELLA FORCELLA BoXXer race GRAZIE PER AVER SCELTO ROCKSHOX! Siamo entusiasti, felici e onorati che abbiate scelto RockShox per le sospensioni

Dettagli

CONOSCERE IL PROPRIO CORPO

CONOSCERE IL PROPRIO CORPO CONOSCERE IL PROPRIO CORPO Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Istruzioni per l uso PIASTRA PER CAPELLI. PIASTRA PER CAPELLI IT pagina. 00332.indd 1 29-05-2010 11:10:4

Istruzioni per l uso PIASTRA PER CAPELLI. PIASTRA PER CAPELLI IT pagina. 00332.indd 1 29-05-2010 11:10:4 Istruzioni per l uso PIASTRA PER CAPELLI PIASTRA PER CAPELLI IT pagina 002.indd 29-0-200 :0:4 6 4 2 [Z] Type H290 00-240 V 0/60 Hz 42 W 002.indd 29-0-200 :0:4 ISTRUZIONI PER L USO DELLA PIASTRA PER CAPELLI

Dettagli

Guida per un corretto utilizzo di SUPERCAP

Guida per un corretto utilizzo di SUPERCAP Guida per un corretto utilizzo di SUPERCAP 1-2 - 3 - TAPPI VINO PREMESSA Data la variabilità delle tipologie dei vini, dei processi di produzione e di imbottigliamento, il tappo SUPERCAP deve essere utilizzato

Dettagli

Programma. GuidarePilotare si riserva di apportare modifiche al programma senza preavviso, garantendo parità di contenuto formativo.

Programma. GuidarePilotare si riserva di apportare modifiche al programma senza preavviso, garantendo parità di contenuto formativo. Guida Sicura Base Moto e MaxiScooter. La guida della moto non è così intuitiva come sembra: inoltre abbiamo a che fare con sole due ruote, problemi di equilibrio che si manifestano soprattutto da fermo

Dettagli

Gestione ergonomica del paziente e valutazione del rischio. Nicola Magnavita

Gestione ergonomica del paziente e valutazione del rischio. Nicola Magnavita Gestione ergonomica del paziente e valutazione del rischio Nicola Magnavita Strumenti ergonomici Per la raccolta di rifiuti e materiale sporco si devono usare carrelli reggisacco del tipo illustrato a

Dettagli

Questionario. figura il filo si rompe. Quale traiettoria segue la boccia?

Questionario. figura il filo si rompe. Quale traiettoria segue la boccia? Questionario 1) Due palline metalliche hanno le stesse dimensioni, ma una pesa il doppio dell altra. Le due palline vengono lasciate cadere contemporaneamente dal tetto di un edificio di due piani. Il

Dettagli

Istruzioni per l uso STYLER PER CAPELLI. STYLER PER CAPELLI IT pagina. 00331.indd 1 30/06/10 13.2

Istruzioni per l uso STYLER PER CAPELLI. STYLER PER CAPELLI IT pagina. 00331.indd 1 30/06/10 13.2 Istruzioni per l uso STYLER PER CAPELLI STYLER PER CAPELLI IT pagina 1 00331.indd 1 30/06/10 13.2 [Z] 1 2 3 6 9 7 5 4 8 TYPE G3501 220-240V 50/60 Hz 105 W 00331.indd 1 30/06/10 13.2 ISTRUZIONI PER L USO

Dettagli

PArAglider. Axis 5. Versione 1.0 Date: 23.05.2011. Manuale (IT)

PArAglider. Axis 5. Versione 1.0 Date: 23.05.2011. Manuale (IT) PArAglider Versione 1.0 Date: 23.05.2011 Axis 5 Manuale (IT) IMPORTANTE Swing Flugsportgeräte GmbH si riserva il diritto di alterare o aggiungere contenuti a questo manuale in ogni momento. Potete tenerlo

Dettagli

il piacere muoversi non ha età Progetto Integrato per la Promozione della Salute nella Popolazione adulta e anziana

il piacere muoversi non ha età Progetto Integrato per la Promozione della Salute nella Popolazione adulta e anziana il piacere di muoversi non ha età Progetto Integrato per la Promozione della Salute nella Popolazione adulta e anziana Muoviti per la salute Scienziati, medici ed esperti di problemi legati all età anziana

Dettagli