DOCUMENTO 15 MAGGIO. classe 5^ B ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO INDIRIZZO MECCANICA A.S. 2013/14 PROGRAMMI SVOLTI ESTRATTO DAL DOCUMENTO COMPLETO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO 15 MAGGIO. classe 5^ B ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO INDIRIZZO MECCANICA A.S. 2013/14 PROGRAMMI SVOLTI ESTRATTO DAL DOCUMENTO COMPLETO"

Transcript

1 SAVIGNANO sul RUBICONE (FC) Via Togliatti n.5 C.A.P Tel Fax C.F Mail: _ P.E.C. Web site: DOCUMENTO 15 MAGGIO classe 5^ B ISTITUTO TECNICO TECNOLOGICO INDIRIZZO MECCANICA A.S. 2013/14 PROGRAMMI SVOLTI ESTRATTO DAL DOCUMENTO COMPLETO Doc classe 5^B ITT 1

2 Lingua e letteratura italiana e Storia Prof.ssa Anna Torroni PROGRAMMA DI LETTERATURA ITALIANA a.s. 2013/2014 Prof.ssa Anna Torroni L età del Realismo Il Positivismo: materialismo, meccanicismo, determinismo Naturalismo e Verismo a confronto E. Zola: prefazione a La fortuna dei Rougon da Germinal L operaio ora pensava Giovanni Verga Il Verismo: Nedda, lettera-prefazione a L amante di Gramigna da Vita dei campi: Rosso Malpelo, La lupa da Novelle Rusticane : Libertà I Malavoglia Il Decadentismo La crisi del Positivismo: la nascita di una percezione nuova della realtà La nuova funzione della poesia e del poeta da Baudelaire a Montale: C. Baudelaire: L albatro, Perdita d aureola A. Rimbaud: lettura da Lettera del veggente G. Pascoli: lettura da Il fanciullino S. Corazzini: Desolazione di un povero poeta sentimentale A. Palazzeschi: E lasciatemi divertire G. Ungaretti: Il porto sepolto E. Montale: Non chiederci la parola L Estetismo C. Baudelaire: Il dandy da Scritti sull arte O. Wilde: Il Ritratto di Dorian Gray (lettura consigliata del romanzo) G. D Annunzio: Il Piacere (lettura di brani) J-K Huysmans: A ritroso (cenni) G. Pascoli La vita La poetica del fanciullino Le scelte tematiche, linguistiche e stilistiche da Myricae : Lavandare, Novembre, Arano, X Agosto da I Canti di Castelvecchio : La mia sera La poesia del Novecento La poesia crepuscolare: caratteri generali Letture da M. Moretti, S. Corazzini, G. Gozzano Il Futurismo: caratteri generali Filippo Tommaso Marinetti: lettura dai Manifesti del Futurismo Doc classe 5^B ITT 2

3 G.Ungaretti Cenni biografici, la poetica e le scelte formali della prima raccolta da Allegria di naufragi: Veglia, San Martino del Carso, Soldati, Fratelli, Sono una creatura, Dannazione, Peso, Mattina. E. Montale Lettura e analisi delle poesie: da Ossi di seppia : Non chiederci la parola, Spesso il male di vivere, Cigola la carrucola del pozzo, I limoni, Meriggiare pallido e assorto, Forse un mattino da Le Occasioni : Non recidere forbice quel volto La coscienza di Zeno La teoria psicanalitica I temi e la struttura del romanzo Luigi Pirandello Le tematiche pirandelliane: il dualismo fra vita e forma, essere e apparire, il relativismo, il dramma di vedersi vivere, l incomunicabilità, la solitudine, il gioco delle parti, la poetica dell umorismo. Uno, nessuno e centomila (sintesi) Il fu Mattia Pascal La carriola Enrico IV, Il berretto a sonagli (lettura di brani) La letteratura industriale Taylorismo e fordismo Letture di brani da: Memoriale di P. Volponi Viaggio al termine della notte di F. Cèline L operaio è fatto così di H. Ford La chiave a stella di P. Levi Ai Lavoratori di A. Olivetti Doc classe 5^B ITT 3

4 PROGRAMMA DI STORIA a.s. 2013/14 Prof.ssa Anna Torroni UNITÁ 1 LA SOCIETÁ DI MASSA La società di massa Il dibattito politico e sociale (conservatori, liberali, socialisti, la dottrina sociale della Chiesa) UNITÁ 2 L ETÁ GIOLITTIANA : l età Giolittiana Il decollo industriale dell Italia Socialisti riformisti e massimalisti La politica e le riforme di Giolitti La conquista della Libia Il suffragio universale maschile Giolitti e i cattolici: il Patto Gentiloni UNITÀ 3 LA PRIMA GUERRA MONDIALE Le cause politiche, economiche, militari, culturali. La causa occasionale I due schieramenti contrapposti: Triplice Alleanza e Triplice Intesa L Italia fra neutralità ed intervento: l Italia in guerra La svolta del 17: gli U.S.A. entrano nel conflitto Caporetto: la disfatta dell esercito italiano 1918: la conclusione del conflitto I trattati di pace e la nuova carta d Europa UNITÀ 4 LA RIVOLUZIONE RUSSA L Impero russo fra 800 e 900: economia, società, movimenti culturali e politici La rivoluzione d Ottobre La guerra civile Comunismo di guerra, la NEP L URSS di Stalin UNITÀ 5 I PROBLEMI DEL PRIMO DOPOGUERRA I limiti dei trattati di pace La Società delle Nazioni Problemi demografici ed economici La sfiducia nelle democrazie liberali La crescita del movimento operaio: il biennio rosso UNITÀ 6 L ITALIA FRA LE DUE GUERRE: IL FASCISMO La vittoria mutilata, la crisi economica e l acuirsi delle lotte sociali 1919 Partito Popolare italiano, 1919 Fasci di combattimento, 1921 Partito Comunista d Italia La marcia su Roma; primo governo moderato di Mussolini 1924 il delitto Matteotti ; 1925 le leggi fascistissime I patti lateranensi La politica economica: autarchia e corporativismo La guerra di Etiopia Doc classe 5^B ITT 4

5 UNITÀ 7 LA GERMANIA FRA LE DUE GUERRE: IL NAZISMO La Costituzione della Repubblica di Weimar L umiliazione di Versailles e la crisi economica 1920:Adolf Hitler fonda il Partito Nazionalsocialista Tedesco Il Nazismo: nazionalismo,arianesimo,antisemitismo, anticomunismo,antiliberalismo Gennaio 1933: Hitler al potere: la costruzione dello Stato totalitario UNITÀ 8 VERSO LA GUERRA Il riarmo della Germania, la politica dell Appeasement, i fronti popolari 1935 Conferenza di Stresa, 1936 Asse Roma-Berlino, 1938 Conferenza di Monaco, 1939 Patto d acciaio, 1939 patto di non aggressione Ribbentrop-Molotov UNITÀ 9 LA SECONDA GUERRA MONDIALE 1 settembre 1939: l aggressione della Polonia 1940 la guerra lampo: Danimarca, Norvegia, Belgio, Olanda, Francia 10 giugno 1940: l intervento dell Italia, la battaglia d Inghilterra 1941: l invasione dell URSS, Pearl Harbor Lo sterminio degli Ebrei, la soluzione finale : la svolta l avanzata degli Alleati, lo sbarco in Normandia, la resa senza condizioni della Germania 6 e 9 Agosto 1945: Hiroshima e Nagasaki; 2 settembre 1945: resa senza condizioni del Giappone UNITÀ 11 LA GUERRA E LA RESISTENZA IN ITALIA 25 luglio 1943: caduta del fascismo. 8 settembre 1943: Badoglio firma l armistizio, 12 settembre: i Tedeschi liberano Mussolini. la Repubblica di Salò. La Resistenza: guerra patriottica, guerra civile, guerra di classe. Le bande partigiane Il 25 aprile, la liberazione, piazzale Loreto UNITÀ12 L ITALIA NEL SECONDO DOPOGUERRA Dal CLN alla caduta del governo Parri Il ruolo di Palmiro Togliatti e di Alcide De Gasperi Il referendum istituzionale del 2 giugno 1946 e le elezioni della Costituente La Costituzione della Repubblica Doc classe 5^B ITT 5

6 ISTITUTO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE MARIE CURIE ANNO SCOLASTICO PROGRAMMAZIONE EFFETTIVAMENTE SVOLTA DI LINGUA INGLESE PROFESSORESSA VALMORI MICHELA CLASSE V B Contenuti specifici dell ambito tecnico scientifico della meccanica 1- Materials What are the main types of materials Metals Ferrous Non ferrous Metals Plastics, rubbers, ceramics and composite materials 2- Engineering drawing What is Engineering Drawing? Technical drawing Different Types of Mechanical drawing Lines, dimensions, lettering, layout, sectioning, hatching, drawing threaded parts CAD; Functions and Applications 3- Information Technology What is a Computer? The Computer over the Years The main components of a computer Input and Output Devices Software Portable Computers The Internet Revolution Electronic Mail Social Networking 4 Energy and Energy sources What is Energy? How Electricity is Produced Oil Energy Sources Wind Power Solar Energy Nuclear power The Greenhouse Effect Natural Gas 7 Work and Safety What is Workplace Safety? Workshop Safety Main Hazards in the Mechanical workshop Office safety 8 PLC What is PLC? Brief history of PLC Functionality and Applications Doc classe 5^B ITT 6

7 Contenuti specifici del percorso di cultura e civiltà 9 Italian American History of Italianamerican Migration Generation Gap Assimilation and First Literary Signs 10 The History of the English Language The Celts The Romans The Anglosaxons The Vikings OLD ENGLISH The Normans and William the Conqueror MIDDLE ENGLISH 11 The Geography of the UK England Wales Scotland Northern Ireland LONDON 12 Steve Jobs The Speech at Stanford University Connecting the Dots Love and Life Death Doc classe 5^B ITT 7

8 ECONOMIA INDUSTRIALE ED ELEMENTI DI DIRITTO Prof. Mariella Pieri DIRITTO 1) IMPRENDITORI E IMPRESE : L imprenditore; l impresa; classificazione delle imprese; il piccolo imprenditore; l artigiano; l impresa familiare, l imprenditore agricolo; l imprenditore commerciale. 2) L IMPRENDITORE COMMERCIALE : Lo statuto dell imprenditore commerciale; la capacità per l esercizio dell impresa, incompatibilità e inabilitazioni per l esercizio dell impresa; l iscrizione nel registro delle imprese; la tenuta delle scritture contabili, i collaboratori dell imprenditore; sottoposizione alle procedure concorsuali. 3) LE SOCIETA : L impresa collettiva; il contratto di società; i tipi di società: commerciali e non commerciali, di persone e di capitali; differenze tra società di persone e società di capitali. 4) LA DISCIPLINA DEI DIVERSI TIPI DI SOCIETA : I vari tipi di società di persone; la società semplice; La società in nome collettivo; la società in accomandita semplice; i vari tipi di società di capitali: la riforma della società di capitali (D.LG n. 6); la società per azioni; la costituzione, gli organi: i modelli introdotti dalla legge di riforma; le azioni e le obbligazioni, il bilancio; la società in accomandita per azioni, la società a responsabilità limitata nella legge di riforma. ECONOMIA AZIENDALE 5) L ATTIVITA ECONOMICA E L AZIENDA : L attività economica e le sue fasi, gli elementi essenziali dell azienda, l azienda come sistema, la classificazione della aziende, l economia aziendale. 6) STRUTTURA ORGANIZZATIVA AZIENDALE : La divisione del lavoro, la microstruttura, la macrostruttura, la dimensione verticale, la dimensione orizzontale, la dimensione temporale, la rappresentazione della struttura, i diversi tipi di struttura organizzativa, struttura plurifunzionale, multidivisionale, a matrice, i meccanismi operativi e lo stile di direzione. 7) LA GESTIONE DELL IMPRESA Le operazioni di gestione, dal finanziamento allo scambio di prodotti, il patrimonio aziendale, il patrimonio sotto l aspetto qualitativo: gli investimenti, il patrimonio sotto l aspetto quantitativo: i finanziamenti, Attività, passività, patrimonio netto, analisi della struttura del patrimonio: 8) I RISULTATI DELLA GESTIONE Gli aspetti della gestione, l equilibrio economico: il reddito, l economicità della gestione e analisi dei costi: La qualità oggi, Iso 9000, classificazione dei costi, configurazioni di costo, calcolo di convenienza economica, la redditività dei prodotti. 9) IL BILANCIO DI ESERCIZIO Lo stato, patrimoniale, il conto economico (cenni) Diritto: Testo Economia Industriale ed elementi di diritto Autore: Maria Grazia Pastorino, Editore: ETAS. Economia industriale: Appunti di sintesi forniti dall insegnante Doc classe 5^B ITT 8

9 DISEGNO, PROGETTAZIONE ED ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE CONTENUTI di Disegno, Progettazione e Organizzazione Industriale Componentistica meccanica Cuscinetti radenti ed evolventi (principali cuscinetti a strisciamento, cuscinetti radiali rigidi, cuscinetti obliqui,cuscinetti a rulli, cuscinetti conici, cuscinetti a rullini ), calcolo a durata dei cuscinetti, lubrificazione a grasso e a olio dei cuscinetti. Guide lineari e cenno delle viti a ricircolo di sfere. Molle a trazione e compressione: principali parametri per il disegno. Le molle: come si disegna una molla a trazione e a compressione. Verifiche di calcolo delle molle. Ingranaggi a denti diritti ed elicoidali: come si disegna un ingranaggio indicando i principali parametri ( modulo, diametro primitivo, qualità, wildhaber). Progettazione Progettazione: Disegno d assieme e distinta base. Come s imposta un disegno d assieme su carta. Esempi di supporti con viti a ricircolo di sfere. Richiami di CAD per disegni di particolari meccanici con pacchetto applicativo Solid Edge.Disegno di complessivo con CAD 3D, comandi fondamentali e semplici esercitazioni. Area di Progetto Disegno alle stazioni CAD del riduttore SCM ad assi paralleli per tutta la classe. Charpy per Piraccini e Fratti. Organizzazione della Produzione Industriale Cenni storici sull Organizzazione Industriale, il Taylor, regole fondamentali dell Organizzazione Industriale, fattori della produzione e mezzi d azione dell O. I.. L Azienda come sistema :fattore umano fattore economico (capitale fisso,capitale circolante), fattore organizzativo. L organigramma aziendale : settore commerciale,settore produttivo, settore amministrativo, settore tecnico.- Miglioramento dell Organizzazione del lavoro : Layout di impianto per aziende manifatturiere. Fabbricazione per reparti e a transfert. Montaggio a posto fisso a transfert in linea a ritmo non imposto e a ritmo imposto, montaggio ad isola. Gestione della Produzione Industriale Costo pieno punto di rientro di un investimento. Programmazione operativa, avanzamento e controllo: Gantt, PERT. Il budget come strumento di programmazione aziendale. Classificazione dei sistemi produttivi: produzione artigianale, produzione di massa produzione snella. Lotto economico di produzione e d acquisto. Total Manufacturing Management : Just in Time, Total Industrial Enginering,Total Productive Maintenance,Statistical Process Control. Problem solving : I sette strumenti di Ishikawua I cinque perchè I cinque zeri. Cicli di lavorazioni Cicli di lavorazione (Produzione) : trasformazione del disegno costruttivo in disegno di fabbricazione con: scelta delle macchine utensili, scelta degli utensili, stesura del ciclo di lavorazione. Semplici esempi. Savignano sul Rubicone, 15 maggio 2014 Doc classe 5^B ITT 9

10 MATEMATICA PROGRAMMA SVOLTO Integrali indefiniti Definizione di primitiva di una funzione. Integrale indefinito come primitiva di una funzione. Proprietà dell'integrale indefinito ed applicazioni. Integrali indefiniti immediati. Integrali delle funzioni composte. Integrazione per scomposizione,per parti ( semplici esempi) e per sostituzione ( semplici esempi). Integrazione delle funzioni razionali fratte scomponibili con la divisione tra polinomi e con denominatore avente radici reali distinte e multiple. Integrali definiti Problema dell'area e l'integrale definito. Proprietà dell'integrale definito. Il calcolo di un integrale definito e la formula di risoluzione. Calcolo di aree comprese tra curve (parabola e/o iperbole equilatera xy=k) e rette e tra due curve (parabole e/o iperbole equilatera xy=k). Funzioni di due variabili reali Definizione di funzione di due variabili reali z=f( x, y ). Concetto e ricerca del dominio di tali funzioni e sua rappresentazione in RxR. Rappresentazione geometrica delle funzioni di due variabili: curve di livello. Derivate parziali prime e di ordine superiore. Determinazione dei massimi e dei minimi relativi e dei punti di sella di z=f(x,y) con lo studio dell'hessiano. Serie numeriche Definizioni e terminologia. Carattere di una serie: serie convergenti, divergenti, oscillanti. Serie telescopiche. Serie armonica e armonica generalizzata. Serie geometriche. Criteri di convergenza per le serie numeriche a termini positivi: condizione necessaria di Cauchy (criterio di non convergenza); criterio del rapporto ( di D'Alembert) ; criterio della radice (di Cauchy). MECCANICA APPLICATA E MACCHINE A FLUIDO CONTENUTI SVOLTI NEL CORSO DELL'ANNO Ore di lezione svolte complessivamente: 116 fino al 15 maggio MECCANICA APPLICATA ALLE MACCHINE Grandezze fisiche e unità di misura di particolare interesse in campo meccanico. Unità di misura fondamentali e derivate del sistema internazionale, multipli e sottomultipli, conversioni. Trasmissioni con cinghie e pulegge, trasmissioni con cinghie piatte, trasmissioni con cinghie trapezoidali, trasmissioni con cinghie scanalate, trasmissioni sincrone a cinghia. Trasmissione del moto mediante ruote dentate, proporzionamento delle ruote dentate cilindriche a denti diritti, cinematica dell ingranamento, ingranamento corretto, proporzionamento delle ruote Doc classe 5^B ITT 10

11 dentate cilindriche a denti elicoidali, potenze e forze scambiate fra i denti in presa, calcolo strutturale della dentatura, dimensionamento a flessione delle ruote cilindriche a denti diritti e a denti elicoidali, dimensionamento a usura delle ruote cilindriche a denti diritti e a denti elicoidali. I treni di ingranaggi, rotismi ordinari, rotismo ordinario con albero intermedio, rotismi con alberi di ingresso e di uscita coassiali. Generalità su alberi di trasmissione ed assi, dimensionamento di alberi di trasmissione ed assi, perni portanti e di spinta, cuscinetti a rotolamento, calcolo dei cuscinetti, oscillazioni flessionali. Collegamenti fissi e smontabili, tipi di collegamento, linguette, chiavette. e profili scanalati. MACCHINE A FLUIDO Leggi dei gas perfetti e relativa equazione di stato. Espressione del lavoro. 1 principio della termodinamica e sua applicazione alle trasformazioni (isocora, isobara, isoterma, adiabatica). Trasformazioni politropiche. Ciclo termico generico percorso in senso diretto e in senso inverso; schematizzazione di macchina termica; ciclo di Carnot. Motori a combustione interna, principi di funzionamento dei motori endotermici, architettura del motore endotermico alternativo, classificazione dei motori endotermici alternativi, cicli teorici dei motori endotermici, ciclo ideale Otto, ciclo ideale Diesel, ciclo Sabathè, cicli ideale a confronto; pressione media. Cicli reali dei motori endotermici, ciclo indicato, pressione media indicata, rendimento indicato; diagramma della pressione. Miscela aria-combustibile e relativo rapporto. Diagramma istantaneo della coppia motrice; rilevamento al freno della coppia motrice e sua rappresentazione sul piano C-n. Nelle restanti ore di lezione si suppone di riuscire a svolgere anche i seguenti restanti argomenti: MECCANICA Molle di flessione, molle di torsione. Ripartizione delle masse nella biella, calcolo strutturale della biella lenta, calcolo strutturale della biella veloce, calcolo strutturale della manovella e dei suoi perni. Equilibratura del sistema biella-manovella e degli alberi a gomito, volano. Giunti a dischi, innesti a frizione. MACCHINE A FLUIDO Motori: potenza effettiva e pressione media effettiva; rendimento meccanico; curve di coppia e di potenza; consumo specifico, rendimento globale e relazione con il consumo specifico; diagramma di distribuzione, Turbine a gas, ciclo ideale Brayton-Joule, principi di funzionamento della turbina a gas, ciclo reale. Doc classe 5^B ITT 11

12 TECNOLOGIA MECCANICA PROGRAMMA SVOLTO ELEMENTI DI CORROSIONE E PROTEZIONE DEI MATERIALI METALLICI Tipi di corrosione: generalità - corrosione elettrochimica - corrosione delle leghe ferrose - corrosione per aerazione differenziale (cenni). Corrosione negli ambienti umidi: influenza del ph - nelle acque dolci - nelle acque di mare - nell atmosfera - nel terreno - corrosione da correnti vaganti. Corrosione per combinazione diretta: generalità - la passivazione - corrosione nell aria - corrosione a caldo - corrosione del vapor d acqua scelta dell acciaio e progettazione. Gli acciai inossidabili: la passivazione la corrosione. I più importanti tipi di corrosione: corrosione pitturazione - con rivestimenti metallici - placcatura - protezione catodica - mediante anodo solubile - protezione collo zinco (cenni) rivestimenti con PVD (cenni). LAVORAZIONI NON TRADIZIONALI Elettroerosione: vantaggi e limiti - principio di funzionamento ( cenni) l utensile - macchine a tufo - influenza del materiale sul processo - macchine a filo. Il fascio laser: cenni sul laser radiazioni coerenti e incoerenti - classificazione delle apparecchiature laser - funzionamento del fascio laser (cenni) - le applicazioni del laser (cenni) - problemi di sicurezza. Lavorazione con ultrasuoni: generalità - costituzione della testa del trapano - dati di lavorazione - saldatura a ultrasuoni pulitura industriale. Produzione e utilizzazione del plasma : cenni sul plasma - saldatura e taglio. LE PROVE NON DISTRUTTIVE Classificazioni. Metodo radiologico: definizione e generalità - produzione dei raggi X (cenni) proprietà dei raggi x (cenni)-radiografia - difetti rilevabili - indicatori di qualità (cenni) - radioscopia - protezione dai raggi X. Metodo gammalogico: definizione e generalità - vantaggi e svantaggi. Metodo ultrasonico: definizione e generalità - sonde - funzionamento apparecchi a u.s. (cenni) taratura - parametri che influenzano il rilevamento - tecniche d esame - particolari applicazioni degli u.s. - differenze tra ultrasuoni e raggi X. Metodo dei liquidi penetranti: generalità - le fasi del metodo - uso di penetranti fluorescenti - uso delle vernici pelanti. Metodo magnetoscopico: generalità - magnetizzazione del pezzo - polveri magnetiche. Metodo delle correnti indotte e termografia: concetti di base. In laboratorio: prova coi liquidi penetranti. MACCHINE UTENSILI A CONTROLLO NUMERICO Processi produttivi informatizzati. Architettura di una m.u.: generalità - unità di governo - sistema di posizionamento. I trasduttori: generalità - classificazione. Motori elettrici: generalità PROGRAMMMAZIONE DELLE MACCHINE A CN Definizione di : carattere, indirizzo, parola,blocco programma - I principali indirizzi G, M, S, F, T, D, N, X, Y, Z, %,( ), - Le principali funzioni preparatorie: G00, G01, G02, G03, G17, G18, G19, G40, G41, G42, G53, G59, G90, G91, G94, G95, G96, G97 - Le principali funzioni miscellanee : M02, M03, M04, M05, M06, M07, M08, M09, - Concetto di salto, ciclo fisso, sottoprogramma funzione modale e autocancellante, correttore utensile e compensazione utensile Programmazione parametrica - Zero pezzo e zero macchina - Quote assolute e quote incrementali - Il menù principale di un a M.U. a CNC. In laboratorio scrittura di semplici programmi per il tornio a cnc e per la fresatrice a cnc presente in istituto. Inserimento del programma da consolle, esecuzione dello zero pezzo. Esecuzione del pezzo in modalità blocco a blocco e automatica. Utilizzo del software di CAD-CAM per avere programmi per il c.n.c. per semplici pezzi. Doc classe 5^B ITT 12

13 LA QUALITA La qualità Termini e definizioni (cenni) -Riferimenti normativi (cenni) - Il sistema qualità - Il cerchio della qualità - Struttura del sistema qualità - Documentazione del sistema qualità - Il controllo nel sistema qualità Altre disposizioni del Sistema Qualità - Costo della qualità (cenni)- Qualità totale - Definizione e scopi del CSQ - Collaudo sistematico - Collaudo statistico - Piano di campionamento: generalità, controllo per campionamento, criteri per la scelta di un piano di campionamento, le regole di commutazione, piani di campionamento semplice e doppio - Concetto di affidabilità Strumenti per il miglioramento della qualità: raccolta dati, istogrammi (cenni), diagramma causa-effetto, diagramma di Pareto - Carte di controllo: tipi di carte di controllo, carte di controllo X - R e loro compilazione, carte di controllo pn e loro compilazione - Uso ed interpretazione delle carte di controllo - Stratificazione. AREA DI PROGETTO E stata costruita la carpenteria del carrello della piccola stazione termica trasportabile mdell area di progetto Doc classe 5^B ITT 13

14 SISTEMI E AUTOMAZIONE INDUSTRIALE CONTENUTI: TECNICA DEI CIRCUITI (elettropneumatici): circuiti di comando; circuiti a ciclo singolo, a ciclo automatico; circuiti con valvole stabili e instabili; dispositivi di emergenza; circuiti a più cilindri; equazioni logiche, diagrammi corsa tempo, diagramma delle fasi, risoluzione dei segnali bloccanti, simbologia grafica. SEMICONDUTTORI: fisica dei semiconduttori; materiali semiconduttori; diodi a semiconduttore; diodi Zener; raddrizzatori ad una via; raddrizzatore a ponte di Graetz; filtri capacitivi; stabilizzazione con diodi Zener; alimentatore monofase a c.c. mediante diodi; transistor bipolari; impiego del transistor quale interruttore e quale amplificatore; diodi controllati al silicio (SCR); thyristori bidirezionali (TRIAC). OPTOELETTRONICA: cenni di optoelettronica, dispositivi utilizzati nell optoelettronica: fotoresistenze, celle fotovoltaiche, fotodiodi, fototransistor, fotothyristori, accoppiatore fotoelettronico, led. Sistema fotovoltaico e suo utilizzo a c.c. e c.a. SISTEMI DI CONTROLLO E REGOLAZIONE: schema a blocchi di un controllo; controlli ad anello aperto e ad anello chiuso; definizione ed elencazione dei principali sensori/trasduttori, azionamenti, attuatori. TRASDUTTORI: parametri caratteristici; trasduttori analogici e digitali; trasduttori assoluti ed incrementali; trasduttori di posizione; trasduttori di velocità; trasduttori di forza e pressione; trasduttori di temperatura; trasduttori di energia radiante; trasduttori di accelerazione; trasduttori di flusso. AZIONAMENTI: relè; contattore; azionamenti a c.c.; azionamenti a c.a.; elettrovalvola; regolazione di flusso. ATTUATORI: ripasso e cenni sugli attuatori pneumatici; oleodinamici; elettrici: motori a c.c., motore asincrono mono e trifase, motore brushless, motore passo-passo; freni elettromagnetici. CONTROLLORE PROGRAMMABILE (PLC): caratteristiche e schema funzionale a blocchi; progettazione di un sistema di controllo; programmazione Ladder e Booleana; procedure di scrittura di un programma; software di programmazione. AUTOMAZIONE DI PROCESSI CONTINUI: differenza tra automazione ON-OFF e continua; classificazione dei sistemi di controllo; regolatori; servosistema ad anello aperto; servosistema ad anello chiuso; errori a regime nei vari sistemi di controllo (tipo 0-1-2). Compensazione e classificazione P, PI, PID, stabilità di un servosistema; cenni sulla funzione di trasferimento e diagramma di Bode. ROBOTICA: introduzione e processo storico della robotica; definizione di robot; classificazione dei robot; struttura ed architettura di un robot. ROBOTICA: (NON ANCORA SVOLTA ALLA DATA DEL 15/05/12) gradi di libertà e volume di lavoro; organi di presa; capacità sensoriali. LABORATORIO: esperienze relative a spiegazioni dal vero di componenti per sistemi di controllo; analisi di circuiti oleodinamici; realizzazione di circuiti di comando al PLC previa analisi, progettazione e disegnazione dello schema. Doc classe 5^B ITT 14

15 EDUCAZIONE FISICA CONTENUTI DISCIPLINARI Rilevamento dei livelli di partenza. Attività a carattere generale per il miglioramento delle qualità fisiche: - resistenza - velocità - mobilità articolare - potenziamento - allungamento, stretching Corsa prolungata; corsa con cambi di ritmo; corsa con andature atletiche e ginnastiche; per l incremento delle capacità di resistenza aerobica. Prove ripetute di velocità e prove intervallate per l incremento delle capacità di resistenza anaerobica. Preatletismo generale per gli arti inferiori e superiori. Esercizi di tonicità e potenziamento muscolare per i vari settori corporei a carico naturale. Esercizi di stretching. Affinamento delle funzioni neuro muscolari: - esercizi di coordinazione segmentaria - esercizi di coordinazione generale - esercizi di equilibrio a corpo libero Esercizi a corpo libero di interesse generale tendenti ad incrementare qualità quali la resistenza organica, coordinazione neuro-muscolare ed agilità. Acquisizione delle capacità operative sportive: - pallavolo - pallacanestro - calcio a 5 - ping-pong - atletica leggera - biliardino - fondamentali - cenni sui regolamenti - situazioni di gioco - partite - - teoria dell allenamento - la pratica sportiva - i regolamenti sportivi Doc classe 5^B ITT 15

16 Istituto di Istruzione Secondaria Superiore (ITIS) Marie Curie Savignano sul Rubicone MATERIA: RELIGIONE (IRC) Prof.: CRAIG, JEFFREY SCOTT CLASSE V-B (ITIS) Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA SVOLTO NELLA CLASSE V-B Il percorso IRC ha iniziato con una riflessione contrastando elementi della cultura Americana (U.S.A.) con quella Italiana. Abbiamo preso di miro elementi generalmente legati alla res publicca, i.e., (sanità, educazione, e sicurezza), e caratteristiche più precise (classe sociale, relazione razziale, pena di morte, porto d'armi, la famiglia, ecclesiologia, sessualità, consumo di droga, legge sul lavoro, etc.) nei due paese. Il contrasto si e fatto con riferimento continuo agli articoli del Compendium della Dottrina Sociale della Chiesa Cattolica (La solidarietà conferisce particolare risalto all' intrinseca socialità della persona umana, all'uguaglianza di tutti in dignità e diritti, al comune cammino degli uomini e dei popoli verso una sempre più convinta unità- Compendium, art. 192). Abbiamo contrastato la tendenza della Chiesa occidentale a sottolineare l'aspetto soteriologico della participazione con il divino (più prévalente nelle scritture sinottici) con l'aspetto di divinizzazione diffusa nella Chiesa ortodossa (più prevalente nel corpus paolino) riconoscendo che il cammino e la cosmologia cristiana e composta d'entrambi. Le discussione sulla divinizzazione nella tradizione cristiana ci ha servito come introduzione su un confronto fra il Cristo come genero letterario, e l'eroe nella cosmologia greca. Fondamentalemente, abbiamo chiarito in quale modo il Cristo non è un eroe e vice versa. Abbiamo concluso l'anno con una riflessione sugli elementi che costuiscono il profano vis-à-vis il sacro, e come testi vengono scelti per formare una collezione cannonica. Le discussione sulla divinizzazione nella tradizione cristiana ci ha servito come introduzione su un confronto fra il Cristo come genero litterario, e l'eroe nella cosmologia greca. Fondamentalemente, abbiamo chiarito in quale modo il Cristo non è un eroe e vice versa Prof. Jeffrey Scott Craig Doc classe 5^B ITT 16

ISTITUTI TECNICI SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Meccanica, Meccatronica ed Energia

ISTITUTI TECNICI SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Meccanica, Meccatronica ed Energia ISTITUTI TECNICI SETTORE TECNOLOGICO Indirizzo Meccanica, Meccatronica ed Energia L indirizzo Meccanica, meccatronica ed energia ha lo scopo di far acquisire allo studente, a conclusione del percorso quinquennale,

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA Mod. 6 Applicazioni dei sistemi di controllo 6.2.1 - Generalità 6.2.2 - Scelta del convertitore di frequenza (Inverter) 6.2.3 - Confronto

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA

Istituto Istruzione Superiore Liceo Scientifico Ghilarza Anno Scolastico 2013/2014 PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA PROGRAMMA DI MATEMATICA E FISICA Classe VA scientifico MATEMATICA MODULO 1 ESPONENZIALI E LOGARITMI 1. Potenze con esponente reale; 2. La funzione esponenziale: proprietà e grafico; 3. Definizione di logaritmo;

Dettagli

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento La funzione dei cuscinetti a strisciamento e a rotolamento è quella di interporsi tra organi di macchina in rotazione reciproca. Questi elementi possono essere

Dettagli

Gli attuatori. Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo

Gli attuatori. Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo Gli attuatori Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo ATTUATORI Definizione: in una catena di controllo automatico l attuatore è il dispositivo che riceve

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Trasmissioni a cinghia dentata CLASSICA INDICE Trasmissione a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Pag. Cinghie dentate CLASSICE

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

I motori elettrici più diffusi

I motori elettrici più diffusi I motori elettrici più diffusi Corrente continua Trifase ad induzione Altri Motori: Monofase Rotore avvolto (Collettore) Sincroni AC Servomotori Passo Passo Motore in Corrente Continua Gli avvolgimenti

Dettagli

John Ruskin (1819-1900) 20050 MACHERIO (Milano) Via Vittorio Veneto 37 - Tel. (039) 20.12.730/1/2 Fax. (039) 20.13.042. A1foro.

John Ruskin (1819-1900) 20050 MACHERIO (Milano) Via Vittorio Veneto 37 - Tel. (039) 20.12.730/1/2 Fax. (039) 20.13.042. A1foro. 20050 MACHERIO (Milano) Via Vittorio Veneto 37 - Tel. (039) 20.12.730/1/2 Fax. (039) 20.13.042 TRASPORTATORI LEGGERI Non è saggio pagare troppo. Ma pagare troppo poco è peggio. Quando si paga troppo si

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

I Leader nella Tecnologia dell'agitazione. Agitatori ad Entrata Laterale

I Leader nella Tecnologia dell'agitazione. Agitatori ad Entrata Laterale I Leader nella Tecnologia dell'agitazione Agitatori ad Entrata Laterale Soluzione completa per Agitatori Laterali Lightnin e' leader mondiale nel campo dell'agitazione. Plenty e' il leader di mercato per

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

Le misure di energia elettrica

Le misure di energia elettrica Le misure di energia elettrica Ing. Marco Laracca Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell Informazione Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Misure di energia elettrica La misura

Dettagli

STUDIO DI UNA FUNZIONE

STUDIO DI UNA FUNZIONE STUDIO DI UNA FUNZIONE OBIETTIVO: Data l equazione Y = f(x) di una funzione a variabili reali (X R e Y R), studiare l andamento del suo grafico. PROCEDIMENTO 1. STUDIO DEL DOMINIO (CAMPO DI ESISTENZA)

Dettagli

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Motori Elettrici Principi fisici Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Legge di Biot-Savart: un conduttore percorso da corrente di intensità

Dettagli

Cuscinetti radiali rigidi a sfere ad una corona Generation C. Informazione tecnica

Cuscinetti radiali rigidi a sfere ad una corona Generation C. Informazione tecnica Cuscinetti radiali rigidi a sfere ad una corona Generation C Informazione tecnica Indice Caratteristiche 2 Vantaggi dei cuscinetti FAG radiali rigidi a sfere Generation C 2 Tenuta e lubrificazione 2 Temperatura

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

Guida alla scelta di motori a corrente continua

Guida alla scelta di motori a corrente continua Motori Motori in in corrente corrente continua continua 5 Guida alla scelta di motori a corrente continua Riddutore Coppia massima (Nm)! Tipo di riduttore!,5, 8 8 8 Potenza utile (W) Motore diretto (Nm)

Dettagli

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici.

IL FERRO Fe. Che cos è la siderurgia? E l insieme dei procedimenti per trasformare i minerali di ferro in Prodotti Siderurgici. IL FERRO Fe 1 Il ferro è un metallo di colore bianco grigiastro lucente che fonde a 1530 C. E uno dei metalli più diffusi e abbondanti sulla terra e certamente il più importante ed usato: navi, automobili,

Dettagli

Problema n. 1: CURVA NORD

Problema n. 1: CURVA NORD Problema n. 1: CURVA NORD Sei il responsabile della gestione del settore Curva Nord dell impianto sportivo della tua città e devi organizzare tutti i servizi relativi all ingresso e all uscita degli spettatori,

Dettagli

MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO C.N.C.

MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO C.N.C. 1 MACCHINE A CONTROLLO NUMERICO C.N.C. Marino prof. Mazzoni Evoluzione delle macchine utensili Quantità di pezzi 10 10 10 10 6 5 4 3 10 2 1 2 1-MACCHINE SPECIALIZZATE 2-MACCHINE TRANSFERT 3-SISTEMI FLESSIBILI

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione POSIZIONE: Sensori di posizione/velocità Potenziometro Trasformatore Lineare Differenziale (LDT) Encoder VELOCITA Dinamo tachimetrica ACCELERAZIONE Dinamo

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

CUT 20 P CUT 30 P GFAC_CUT 20P_30P_Brochure.indd 1 17.9.2009 9:29:45

CUT 20 P CUT 30 P GFAC_CUT 20P_30P_Brochure.indd 1 17.9.2009 9:29:45 CUT 20 P CUT 30 P UNA SOLUZIONE COMPLETA PRONTA ALL USO 2 Sommario Highlights Struttura meccanica Sistema filo Generatore e Tecnologia Unità di comando GF AgieCharmilles 4 6 8 12 16 18 CUT 20 P CUT 30

Dettagli

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA ANDREA USAI Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Andrea Usai (D.I.S. Antonio Ruberti ) Laboratorio di Automatica

Dettagli

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA

Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti. Contratto Formativo. Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Istituto Tecnico Industriale Statale Luigi di Savoia Chieti Contratto Formativo Corso I.T.I.S. Classe I sez.a CH Disciplina TECNOLOGIA e TECNICHE DI RAPPRESENTAZIONE GRAFICA Docenti : DITURI LUIGI e INGELIDO

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC

METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC METODO PER LA STESURA DI PROGRAMMI PER IL CENTRO DI LAVORO CNC Riferimento al linguaggio di programmazione STANDARD ISO 6983 con integrazioni specifiche per il Controllo FANUC M21. RG - Settembre 2008

Dettagli

COMPLESSO xxxxxxxxxxx

COMPLESSO xxxxxxxxxxx PROVE DI CARICO SU PALI E INDAGINI SIT COMPLESSO xxxxxxxxxxx xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx PROVE N 131/132/133/134/135 /FI 8, 9, 10, 11 Giugno 2009 Committente: Direttore Lavori: Relatore: xxxxxxxxxxxxxxxx

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che

2013.2014. definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI. Il POF è il documento che 2013.201 Il POF è il documento che definisce l'identità culturale e progettuale dell Istituto FERMI descrive ciò che il FERMI offre agli studenti e alle loro famiglie Grafica originale di copertina gentilmente

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE MOD PROGRAMMAZIONEDISCIPLINARE REV.00del27.09.13 Pag1di5 PROGRAMMAZIONEDIDATTICADISCIPLINARE Disciplina:_SISTEMIELETTRONICIAUTOMATICIa.s.2013/2014 Classe:5 Sez.A INDIRIZZO:ELETTRONICAPERTELECOMUNICAZIONI

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A.

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER U. di A. UdA n. 1 Titolo: Disequazioni algebriche Saper esprimere in linguaggio matematico disuguaglianze e disequazioni Risolvere problemi mediante l uso di disequazioni algebriche Le disequazioni I principi delle

Dettagli

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito.

INTEGRALI DEFINITI. Tale superficie viene detta trapezoide e la misura della sua area si ottiene utilizzando il calcolo di un integrale definito. INTEGRALI DEFINITI Sia nel campo scientifico che in quello tecnico si presentano spesso situazioni per affrontare le quali è necessario ricorrere al calcolo dell integrale definito. Vi sono infatti svariati

Dettagli

1. Diodi. figura 1. figura 2

1. Diodi. figura 1. figura 2 1. Diodi 1.1. Funzionamento 1.1.1. Drogaggio 1.1.2. Campo elettrico di buil-in 1.1.3. Larghezza della zona di svuotamento 1.1.4. Curve caratteristiche Polarizzazione Polarizzazione diretta Polarizzazione

Dettagli

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti!

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! L innovazione ad un prezzo interessante Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! Exacta+Optech Labcenter SpA Via Bosco n.21 41030 San Prospero (MO) Italia Tel: 059-808101 Fax: 059-908556 Mail:

Dettagli

MOTORI ELETTRICI IN CORRENTE CONTINUA. Catalogo Tecnico

MOTORI ELETTRICI IN CORRENTE CONTINUA. Catalogo Tecnico MOTORI ELETTRICI IN CORRENTE CONTINUA Catalogo Tecnico Aprile 21 L azienda Brevini Fluid Power è stata costituita nel 23 a Reggio Emilia dove mantiene la sua sede centrale. Brevini Fluid Power produce

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI s.d.i. automazione industriale ha fornito e messo in servizio nell anno 2003 il sistema di controllo

Dettagli

Costruire una pila in classe

Costruire una pila in classe Costruire una pila in classe Angela Turricchia, Grazia Zini e Leopoldo Benacchio Considerazioni iniziali Attualmente, numerosi giocattoli utilizzano delle pile. I bambini hanno l abitudine di acquistarle,

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel

Determinazione del punto di infiammabi-lità mediante apparecchiatura Abel Indice Numerico NOM 6-88 Vedi UNI 0009 NOM 9-71 Prova di stabilità degli oli isolanti NOM 15-71 Prova di distillazione dei prodotti petroliferi NOM 5-71 Determinazione dello zolfo nei prodotti petroliferi

Dettagli

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia

DERIVATE DELLE FUNZIONI. esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia DERIVATE DELLE FUNZIONI esercizi proposti dal Prof. Gianluigi Trivia Incremento della variabile indipendente e della funzione. Se, sono due valori della variabile indipendente, y f ) e y f ) le corrispondenti

Dettagli

elettrotecnico/elettrotecnica

elettrotecnico/elettrotecnica Delibera n. 748 del 24.06.2014 ordinamento formativo per la professione oggetto di apprendistato di elettrotecnico/elettrotecnica 1. Il profilo professionale 2. Durata e titolo conseguibile 3. Referenziazioni

Dettagli

Nuovo Jeep Cherokee Scheda tecnica

Nuovo Jeep Cherokee Scheda tecnica Nuovo Jeep Cherokee Scheda tecnica Le caratteristiche tecniche si basano sulle informazioni di prodotto più recenti disponibili al momento della pubblicazione. Tutte le dimensioni sono espresse in millimetri

Dettagli

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE 1) PREMESSA...2 2) DESCRIZIONE DEL TERMINALE...2 2.1) RICEZIONE...3 2.2) STOCCAGGIO...3 2.3) RIGASSIFICAZIONE...4 2.4) RECUPERO BOIL-OFF GAS (BOG)...4

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

TESTER PROVA ALIMENTATORI A 12 VOLT CC CON CARICO VARIABILE MEDIANTE COMMUTATORI DA 4,2 A 29,4 AMPÉRE.

TESTER PROVA ALIMENTATORI A 12 VOLT CC CON CARICO VARIABILE MEDIANTE COMMUTATORI DA 4,2 A 29,4 AMPÉRE. TESTER PROVA ALIMENTATORI A 12 VOLT CC CON CARICO VARIABILE MEDIANTE COMMUTATORI DA 4,2 A 29,4 AMPÉRE. Nello Mastrobuoni, SWL 368/00 (ver. 1, 06/12/2011) Questo strumento è utile per verificare se gli

Dettagli

INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI

INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI APPUNTI DI ELETTROTECNICA INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI A cosa servono e come funzionano A cura di Marco Dal Prà www.marcodalpra.it Versione n. 3.3 - Marzo 2013 Inverter Guida Tecnica Ver 3.3 Pag.

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

DIAMO UNA MANO ALLA NATURA

DIAMO UNA MANO ALLA NATURA DIAMO UNA MANO ALLA NATURA ABBATTITORI A RICIRCOLO DI ACQUA (SCRUBBER A TORRE) I sistemi di abbattimento a scrubber rappresentano un ottima alternativa a sistemi di diversa tecnologia (a secco, per assorbimento,

Dettagli

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1

Le funzioni continue. A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. 2002-03. A. Pisani, appunti di Matematica 1 Le funzioni continue A. Pisani Liceo Classico Dante Alighieri A.S. -3 A. Pisani, appunti di Matematica 1 Nota bene Questi appunti sono da intendere come guida allo studio e come riassunto di quanto illustrato

Dettagli

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO CORRENTE CONTINUA: FENOMENI FISICI E PRINCIPI FONDAMENTALI - Richiami sulle unità di misura e sui sistemi di unità di misura. - Cenni sulla struttura e sulle proprietà elettriche della materia. - Le cariche

Dettagli

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11

Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA. SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Catalogo d esame per la maturità di stato. Anno scolastico 2011/2012 SOCIOLOGIA SOCIOLOGIJA 2012 tal.indd 1 10.3.2012 11:28:11 Commissione tecnica per l elaborazione dei materiali d esame di Sociologia:

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno

GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno GeoGebra 4.2 Introduzione all utilizzo della Vista CAS per il secondo biennio e il quinto anno La Vista CAS L ambiente di lavoro Le celle Assegnazione di una variabile o di una funzione / visualizzazione

Dettagli

MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI ECCITAZIONE SEPARATA 24-48

MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI ECCITAZIONE SEPARATA 24-48 Motori elettrici in corrente continua dal 1954 Elettropompe oleodinamiche sollevamento e idroguida 1200 modelli diversi da 200W a 50kW MOTORI ECCITAZIONE SERIE DERIVATA COMPOSTA 2-3-4-5-6 MORSETTI MOTORI

Dettagli

CS. Cinematica dei sistemi

CS. Cinematica dei sistemi CS. Cinematica dei sistemi Dopo aver esaminato la cinematica del punto e del corpo rigido, che sono gli schemi più semplificati con cui si possa rappresentare un corpo, ci occupiamo ora dei sistemi vincolati.

Dettagli

V90-3,0 MW. Più efficienza per generare più potenza

V90-3,0 MW. Più efficienza per generare più potenza V90-3,0 MW Più efficienza per generare più potenza Innovazioni nella tecnologia delle pale 3 x 44 metri di efficienza operativa Nello sviluppo della turbina V90 abbiamo puntato alla massima efficienza

Dettagli

Apprendimento dei concetti relativi alle misure dirette, indirette ed alla propagazione degli errori

Apprendimento dei concetti relativi alle misure dirette, indirette ed alla propagazione degli errori U n i v e r s i t à d e g l i S t u d i d i U d i n e - Facoltà di Ingegneria Laboratorio di Fisica Generale 1 1 Il sistema massa-molla: Apprendimento dei concetti relativi alle misure dirette, indirette

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome e Cognome Indirizzo Lucio Maragoni Residenza: Via Francesco Angeloni n.55, 05100 Terni (TR) Domicilio attuale: Via Sertorio Orsato n.5, 35128 Padova

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO. Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = +

FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO. Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = + FUNZIONI LINEARI. FUNZIONE VALORE ASSOLUTO Si chiama funzione lineare (o funzione affine) una funzione del tipo = + dove m e q sono numeri reali fissati. Il grafico di tale funzione è una retta, di cui

Dettagli

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0

A. 5 m / s 2. B. 3 m / s 2. C. 9 m / s 2. D. 2 m / s 2. E. 1 m / s 2. Soluzione: equazione oraria: s = s0 + v0 1 ) Un veicolo che viaggia inizialmente alla velocità di 1 Km / h frena con decelerazione costante sino a fermarsi nello spazio di m. La sua decelerazione è di circa: A. 5 m / s. B. 3 m / s. C. 9 m / s.

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Programmazione Modulare

Programmazione Modulare Indirizzo: BIENNIO Programmazione Modulare Disciplina: FISICA Classe: 2 a D Ore settimanali previste: (2 ore Teoria 1 ora Laboratorio) Prerequisiti per l'accesso alla PARTE D: Effetti delle forze. Scomposizione

Dettagli

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T 02F051 571T 560T 561T 566T 565T 531T 580T Caratteristiche principali: Comando funzionamento manuale/automatico esterno Microinterruttore

Dettagli

Equilibrio Termico tra Due Corpi

Equilibrio Termico tra Due Corpi Equilibrio Termico tra Due Corpi www.lepla.eu OBIETTIVO L attività ha l obiettivo di fare acquisire allo sperimentatore la consapevolezza che: 1 il raggiungimento dell'equilibrio termico non è istantaneo

Dettagli

SU-IM-IE SUPPORTI E INNESTI

SU-IM-IE SUPPORTI E INNESTI SU-IM-IE SUPPORTI E INNESTI Catalogo Tecnico Dicembre web edition L azienda Brevini Fluid Power è stata costituita nel a Reggio Emilia dove mantiene la sua sede centrale. Brevini Fluid Power produce componenti

Dettagli

MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-1200-SE MBC-300-N MBC-700-N

MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-1200-SE MBC-300-N MBC-700-N GasMultiBloc Combinato per regolazione e sicurezza Servoregolatore di pressione MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-10-SE MBC-300-N MBC-700-N 7.01 Max. pressione di esercizio 3 mbar (36 kpa) forma compatta grande

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Principio di funzionamento di sistemi frenanti ad aria compressa. Corso base

Principio di funzionamento di sistemi frenanti ad aria compressa. Corso base Principio di funzionamento di sistemi frenanti ad aria compressa Alle seguenti pagine trovate una descrizione del principio di funzionamento generale dei sistemi frenanti ad aria compressa installati in

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA INTRODUZIONE Lo scopo dell esperienza è ricavare le grandezze termodinamiche per la reazione che avviene in una cella galvanica, attraverso misure di f.e.m. effettuate

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

Macchine rotanti. Premessa

Macchine rotanti. Premessa Macchine rotanti Premessa Sincrono, asincrono, a corrente continua, brushless sono parecchi i tipi di motori elettrici. Per ognuno teoria e formule diverse. Eppure la loro matrice fisica è comune. Unificare

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA MEDIANTE PICCOLE CENTRALI IDROELETTRICHE

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA MEDIANTE PICCOLE CENTRALI IDROELETTRICHE PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA MEDIANTE PICCOLE CENTRALI IDROELETTRICHE CENTRALI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA IDROELETTRICHE: per potenze da piccolissime a grandi; impianti a funzionamento molto

Dettagli

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE

ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE NOTE PER IL TECNICO ELABORAZIONE DEL VALORE MEDIO NELLE MISURE ELETTRONICHE da BRUEL & KJAER Le cosiddette «application notes» pubblicate a cura della Bruel & Kjaer, nota Fabbrica danese specializzata

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015

ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA a.s. 2014/2015 NUMERI. SPAZIO E FIGURE. RELAZIONI, FUNZIONI, MISURE, DATI E PREVISIONI Le sociali e ISTITUTO COMPRENSIVO N 1 LANCIANO - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO CURRICOLO VERTICALE - Classe Prima MATEMATICA procedure

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

Manuale dell operatore

Manuale dell operatore Technical Publications 20 Z-30 20HD Z-30 Manuale dell operatore Modelli precedenti al numero di serie 2214 First Edition, Second Printing Part No. 19052IT Sommario Pagina Norme di sicurezza... 3 Controllo

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

Regolatori ad alta precisione Serie R210 / R220 / R230

Regolatori ad alta precisione Serie R210 / R220 / R230 Regolatori ad alta precisione Serie R210 / R220 / R230 Catalogo PDE2542TCIT-ca ATTENZIONE LA SCELTA OPPURE L UTILIZZO ERRATI DEI PRODOTTI E/O SISTEMI IVI DESCRITTI OPPURE DEGLI ARTICOLI CORRELATI POSSONO

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI BMW/MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA.

PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI BMW/MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA. PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI /MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA. Switzerland PNEUMATICI SU MISURA. Lo sviluppo di uno pneumatico originale /MINI ha inizio già

Dettagli