GIOVANNI, IL VEGGENTE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GIOVANNI, IL VEGGENTE"

Transcript

1 VENERDÌ 1º FEBBRAIO 2008 GIOVANNI, IL VEGGENTE L Apocalisse si presenta come libro capace di trasformare coloro che lo leggono. Chi parla è Colui che dice di se stesso di essere il «Primo e l Ultimo». Per comprendere il suo messaggio bisogna comprenderne le immagini con cui lo svela «9 Io, Giovanni, vostro fratello e vostro compagno nella tribolazione, nel regno e nella costanza in Gesù, ero nell isola di Patmos a causa della parola di Dio e della testimonianza di Gesù. 10 Fui rapito dallo Spirito nel giorno del Signore, e udii dietro a me una voce potente come il suono di una tromba, che diceva: 11 Quello che vedi, scrivilo in un libro e mandalo alle sette chiese: a Efeso, a Smirne, a Pergamo, a Tiatiri, a Sardi, a Filadelfia e a Laodicea. 12 Io mi voltai per vedere chi mi stava parlando. Come mi fui voltato, vidi sette candelabri d oro 13 e, in mezzo ai sette candelabri, uno simile a un figlio d uomo, vestito con una veste lunga fino ai piedi e cinto di una cintura d oro all altezza del petto. 14 Il suo capo e i suoi capelli erano bianchi come lana candida, come neve; i suoi occhi erano come fiamma di fuoco; 15 i suoi piedi erano simili a bronzo incandescente, arroventato in una fornace, e la sua voce era come il fragore di grandi acque. 16 Nella sua mano destra teneva sette stelle, dalla sua bocca usciva una spada a due tagli, affilata, e il suo volto era come il sole quando risplende in tutta la sua forza. 17 Quando lo vidi, caddi ai suoi piedi come morto. Ma egli pose la sua mano destra su di me, dicendo: Non temere, io sono il primo e l ultimo» (Apocalisse 1, 9-17) CHI prende in mano l Apocalisse difficilmente sfugge al fascino delle immagini che la lettura crea, come potrebbe fare un libro illustrato. E non solo l Apocalisse Parola e immagini FRAMMENTI di immagini apocalittiche si trovano in tutto il Nuovo Testamento, e non solo quando si parla di Cristo, bensì quando Cristo stesso parla: le parabole, fictions narrative, come le chiamò Giuseppe Barbaglio, possono illustrare gli aspetti più significativi del Regno di Dio come fossero immagini pittoriche. A tale proposito, potremmo leggere (o meglio «vedere») un testo come Marco 14, 62 come una piccola «icona apocalittica» per non parlare delle diverse apocalissi in Ci hai dato un segno Dio Padre nostro, ti ringraziamo di averci dato un segno più bello del sole, più grande di tutte le meraviglie della tua creazione: Gesù, tuo figlio, con il suo volto umano, con il suo sorriso del bambino di Nazaret, con la sua saggezza ed il suo coraggio del profeta di Galilea, con le sue parole che consolano ed i suoi gesti che guariscono; con la sua accoglienza di coloro che sono al margine della società, con la sua passione e la sua croce, il suo amore senza limiti, le sue ferite e la sua agonia di crocifisso; con la sua tomba vuota al mattino di Pasqua e la promessa di farci partecipare alla sua Vita. Per questo tuo dono di Gesù, che è la verità e la vita e la via che conduce a te, per la sua parola che lo Spirito oggi pronuncia nei nostri cuori, per questo popolo, tua chiesa, che con lui viene verso di te, Dio nostro Padre, ti rendiamo grazie. Amen (da: Un sentiero nella foresta, della Cevaa, 2006, p. 21) mente tra visione e testo. Anche l Apocalisse, proprio come racconto di visioni, ha una sua trama. Esiste, quindi, una tensione costruttiva tra l evoluzione lineare e la sua rappresentazione ciclica. E non mancano i colpi di scena. Leggere un testo del genere letterario «apocalittico» vuol dire godere in prima fila un vero e proprio spettacolo multimediale che vuole coinvolgere, colpire il suo pubblico dall inizio alla fine. Come ha osservato recentemente Ermanno Genre, nel protestantesimo contemporaneo «è in atto una profonda rilettura della relazione parola-immagine; una rilettura critica che coinvolge l interpretazione delle Scritture e dunque anche la propria relazione con la raffigurabilità del divino». Colui miniatura nei Vangeli sinottici. Così per le parabole del regno. Non si tratta di un accumulo caotico di singole figure o immagini, vi troviamo piuttosto una sceneggiatura e una composizione molto particolari intese a far sì che l interpretazione oscilli continuache dice «Chi ha visto me, ha visto il Padre» è lo stesso che «nel momento in cui si dà come immagine riconoscibile, si sottrae alla presenza dei discepoli» (Luca 24, 13-35). Una teologia della Parola deve perciò, sempre secondo Genre, saper «entrare in dialettica positiva con l immagine, con una Bibbia ricca di immagini e metafore. Immagini e metafore che, nella loro ambivalenza, offrono innumerevoli possibilità per una raffigurazione del divino oltre l idolo». Un messaggio audiovisivo HA ragione il teologo statunitense R. Bauckham, che ha identificato nel testo dell Apocalisse una delle «maggiori imprese ( ) del cristianesimo primitivo», considerando sia la singolare raffinatezza letteraria, sia la particolare concezione teologica di questo ultimo scritto della Bibbia. In effetti, un testo biblico, così come qualsiasi altra produzione letteraria, va inteso non soltanto come un semplice strumento di informazione, ma come un aspetto di una strategia di comunicazione. Un testo che vuole arrivare ai suoi destinatari deve saper farsi sentire, vedere. Per essere diffuso tramite gli strumenti a disposizione deve seguire le regole della comunicazione, non necessariamente legata al sacro. Per arrivare al suo pubblico il testo deve, anzitutto, incominciare bene a partire dalla efficace scelta del titolo. Il titolo dello scritto di Giovanni promette uno scoprimento, uno svelamento, una sco- perta di eventi cruciali finora rimasti nascosti o ignoti ai più, ma che dovranno, comunque, realizzarsi di lì a poco. Apokalypsis un titolo programmatico per uno scritto la cui prima parola parola chiave con la quale l opera di Giovanni si apre e si lascia aprire cerca di sensibilizzare occhi e orecchie, di sollecitare l attenzione e anche la curiosità del suo pubblico. Ma non si tratta soltanto di apprendere delle novità. Il titolo lascia intendere che ci sarà proprio qualcosa da «vedere». Il messaggio ricevuto e ritrasmesso dal veggente Giovanni alle sette chiese sarà composto quasi completamente da materiale visivo. Mancano i lunghi discorsi, non ci saranno monologhi. Lo stile dell esposizione è semplice, piuttosto ripetitivo («io vidi, ed ecco Cosmè Tura, San Giovanni a Patmos, ca.»), e non ci saranno astratti concetti teologici a fare da linee guida. Tra testo e realtà IL tutto apparirà sotto la forma di uno straordinario e immenso «affresco di parole», a tratti molto cupe, ma non prive di colore anche intenso. Il capitolo finale farà vedere il mondo nuovo di Dio, un mondo pieno di luce; e la vera bellezza di questo happy end sta nel fatto che, proprio alla fine, il testo non si chiude, ma si ricollega con il suo principio e la linearità del racconto si spezza, creando un effetto di circolarità. Si tratta di un opera d arte e di teologia, un opera aperta e chiusa allo stesso tempo. Chi entra in questa prospettiva di lettura del testo potrà subito tornare a rileggersi il tutto un altra volta da capo a coda, quasi all infinito per diventare parte integrante di questo scritto, di questa grande ma difficile «impresa»: un libro che si presenta come un vero e proprio labirinto. A quale «realtà» si riferisce questo enigmatico testo? È un altra domanda cruciale per leggere e capire l Apocalisse. E ancora: si tratta di un testo assoluto, chiuso, oppure di un testo che si riferisce ad altri testi? Il mondo dell Apocalisse di Giovanni è, certamente, quello del primo secolo dopo Cristo; ma in che mondo vive realmente il veggente? A quale contesto si rifanno le sue visioni? Da una parte, il mondo letterario è quello dell Esodo, dall altra il mondo della profezia post-esilica. Il veggente Giovanni ama la musica, il ritmo e la teologia dei Salmi, ma lo stile delle sue visioni è biblico-giudaico e ellenistico-pagano allo stesso tempo. Proprio Giovanni, che oppone le sue immagini del regno e della seconda venuta di Cristo al mondo reale, è rimasto colpito (e forse anche in un certo senso sedotto) dal linguaggio delle immagini potenti che lo circondavano. Nell ambiente in cui visse Giovanni l importanza di rappresentare il divino era immensa come dimostra la gigantesca statua di marmo alta sette metri e raffigurante il divo imperatore romano Tito: quest opera fu commissionata dal Dio-imperatore (dominus et deus) Domiziano a Efeso, proprio nella città possibile residenza del nostro veggente prima del suo esilio (o ritiro?) sull isola di Patmos. Nel nome dell Alfa e dell Omega DA dove cominciare? Dove finire? Che cos è, in ultima analisi, l Apocalisse? Il titolo di un libro serve all identificazione del suo contenuto, forse anche alla sua classificazione. Il titolo serve anche a poterlo ritrovare tra i molti altri titoli che si possono vedere in una biblioteca. Nel caso dell Apocalisse di Giovanni (che è, in realtà, l Apocalisse «di Gesù Cristo»), i titoli di testa di questa sceneggiatura possono indicare sia l autore, sia la catena di trasmissione, sia i destinatari del messaggio. Questi titoli di testa offrono già dall inizio l indicazione di una narrazione complessa, le cui componenti sono interconnesse a vari livelli, e insieme ne qualificano la lettura. Infatti è chiamato beato chi sa «leggere» il libro, e beati quelli che ne ascoltano la lettura. Implicitamente questa beatitudine del lettore e degli ascoltatori dice che ignorare i contenuti di questo libro potrebbe essere causa di infelicità irrimediabile. La lettura del testo invece significa vita. In questo senso l Apocalisse si presenta come libro capace di trasformare coloro che lo leggono, li rende già qui e ora partecipi del Regno di Dio. Chi parla è Colui che dice di se stesso di essere «il Primo e l Ultimo», il cui arrivo è prossimo. Per comprendere il suo messaggio bisogna comprenderne le immagini con cui lo propone, lo svela. Ma non si tratta soltanto di decodificare i simboli o di decifrare le singole visioni. Bisogna, anzitutto, considerare l impostazione complessiva, l impianto letterario e strutturale dell insieme. E così, ripercorrendo il cerchio della lettura ciclica ritorniamo al mistero, oppure: a ciò che ci viene nascosto. Quanto di arcano lasciamo alla fede, a Dio stesso? Dio è vero si svela, si fa vedere appena per un attimo, e si «ri-vela» per ritornare sempre di nuovo nella sua oscurità. Scrisse Walter Benjamin in riferimento esplicito a Lévinas: «Dunque il Nome ha un nome, l impronunziabile non è mai designato ma propriamente nominato, e in quanto nominato custodito [ ]: poiché i Nomi sono santi, il Santo si rivela nei Suoi Nomi». (Prima di una serie Ermanno Genre, Raffigurabilità del divino e protestantesimo, in: P. Coda, L. Gavazzi (ed.), L immagine del divino nelle tradizioni cristiane e nelle grandi religioni, Milano, 2005 Giancarlo Biguzzi, Apocalisse, Milano, 2005

2 VENERDÌ 8 FEBBRAIO 2008 «IO SONO LA LUCENTE STELLA DEL MATTINO» Ricordarsi continuamente di Cristo come la stella più brillante che ci sia vuol dire rimanere collegati intimamente con la stessa fonte energetica della nostra fede perché spunti il giorno e la stella del mattino sorga nei nostri cuori «19 Io conosco le tue opere, il tuo amore, la tua fede, il tuo servizio, la tua costanza; so che le tue ultime opere sono più numerose delle prime. 20 Ma ho questo contro di te: che tu tolleri Iezebel, quella donna che si dice profetessa e insegna e induce i miei servi a commettere fornicazione, e a mangiare carni sacrificate agli idoli. 21 Le ho dato tempo perché si ravvedesse, ma lei non vuole ravvedersi della sua fornicazione. 22 Ecco, io la getto sopra di un letto di dolore, e metto in una grande tribolazione coloro che commettono adulterio con lei, se non si ravvedono delle opere che ella compie. 23 Metterò a morte anche i suoi figli; e tutte le chiese conosceranno che io sono colui che scruta le reni e i cuori, e darà a ciascuno di voi secondo le sue opere. 24 Ma agli altri di voi, in Tiatiri, che non professate tale dottrina e non avete conosciuto le profondità di Satana (come le chiamano loro), io dico: Non vi impongo altro peso. 25 Soltanto, quello che avete, tenetelo fermamente finché io venga. 26 A chi vince e persevera nelle mie opere sino alla fine, darò potere sulle nazioni, 27 ed egli le reggerà con una verga di ferro e le frantumerà come vasi d argilla, 28 come anch io ho ricevuto potere dal Padre mio; e gli darò la stella del mattino. 29 Chi ha orecchi ascolti ciò che lo Spirito dice alle chiese» (Apocalisse 2, 19-29) Una delle stelle più brillanti Un giorno la tua storia sarà raccontata una delle più fortunate mai dette un giorno ti daranno gloria, sotto alle luci della tua fama meritata e tutto accade una volta nella vita come sempre tutti ti amano perchè hai preso la decisione di andare a ballare sulla luna, troppo presto e sì, ti hanno detto di fare così noi eravamo gli unici a poterti vedere prima di tutti gli altri noi avevamo sempre saputo che tu eri una delle stelle più brillanti un giorno ti diranno che sei cambiato sebbene loro siano gli unici quelli che sembrano fermarsi e fissare un giorno spererai di finire nella tomba prima che siano i giornali a scegliere di mandarti lì e tutto accade una volta nella vita come sempre nessuno ti ama perché hai preso la decisione di andare a ballare sulla luna, troppo presto e sì, ti hanno detto di fare così noi eravamo gli unici a poterti vedere prima di tutti gli altri noi avevamo sempre saputo che tu eri una delle stelle più brillanti NELL APOCALISSE di Giovanni la struttura della cristologia è sostenuta da immagini, ovvero: l efficacia del discorso teologico dipende completamente da quello che possiamo chiamare una presentazione visiva. Scrisse Alfred N. Whitehead nel 1928: «L arte della società libera consiste in primo luogo nella manutenzione del codice simbolico e in secondo nel suo coraggio di revisione, per assicurarsi che il codice serva a quegli scopi che soddisfano una ragione illuminata». Un immagine chiave dell Apocalisse, l immagine della «stella mattutina», appare ben due volte nell Apocalisse: la prima all inizio del libro, e l altra alla fine, proprio come ultima rappresentazione di Cristo: «Io, Gesù, ho mandato il mio angelo per attestarvi queste cose in seno alle chiese. Io sono la radice e la discendenza di Davide, la lucente stella del mattino» (Apocalisse 22, 16). Qual è il significato di questa immagine? Che cosa ci comunica? Quale percorso ci indica? («One Of the brightest stars» di James Blunt, dall album: All the lost souls, 2007) Astrologia? LA prima apparizione della stella del mattino si trova alla fine della lettera destinata alla chiesa di Tiatiri. Si tratta di un dono, di un regalo speciale destinato a «chi vince e persevera». È una caratteristica di tutte le sette chiese rappresentate: all interno di ciascuna di esse un determinato gruppo di persone riceverà una ricompensa, un dono particolare per la resistenza alle forze oscure delle false dottrine. Tutti questi doni sono l espressione simbolica della partecipazione alla salvezza. Chi vince, alla fine sarà parte integrante della nuova Gerusalemme celeste che dalla lunga marcia del popolo verso la terra promessa. Nel libro dei Numeri il veggente Balaam proclama il suo oracolo: «Così dice Balaam, figlio di Beor; così dice colui che ha l occhio aperto, così dice colui che ode le parole di Dio, che conosce la scienza dell Altissimo, che contempla la visione dell Onnipotente, colui che si prostra e a cui si aprono gli occhi: lo vedo, ma non ora; lo contemplo, ma non vicino: un astro sorge da Giacobbe, e uno scettro si eleva da Israele; colpirà Moab da un capo all altro e abbatterà tutta quella razza turbolenta. S impadronirà di Edom, s impadronirà di Seir, suo nemico; Israele farà prodezze. Da Mosaico a cupola del Mausoleo di Galla Placidia (part.), Ravenna, metà del V sec. scenderà sulla terra. Sono le antiche attese escatologiche del popolo d Israele, rivisitate nella prospettiva della nuova fede in Gesù il Messia. Nell antico mondo orientale, da Babilonia fino all Egitto, la vita dei sovrani era associata agli astri e al loro percorso. Nel libro di Daniele, uno degli ultimi scritti del Primo Testamento, questa connessione tra vita terrena e mondo celeste è ancora molto evidente, seppure in un contesto che potremmo chiamare di «assolutismo attenuato». Daniele dice circa i tempi della fine: «Molti di quelli che dormono nella polvere della terra si risveglieranno; gli uni per la vita eterna, gli altri per la vergogna e per una eterna infamia. I saggi risplenderanno come lo splendore del firmamento e quelli che avranno insegnato a molti la giustizia risplenderanno come le stelle in eterno» (Daniele 12, 2-3). Non per caso, alla fine del libro dell Apocalisse, all interno della nuova città di Dio, non c è più bisogno di illuminazione: l agnello (Cristo) è diventato la «lampada» che illumina la città l agnello è associato alla luna, mentre Dio e la sua «gloria» sono associati al sole. «La città non ha bisogno di sole, né di luna che la illumini, perché la gloria di Dio la illumina, e l Agnello è la sua lampada. Le nazioni cammineranno alla sua luce» (Apocalisse 21, 23-24). La connotazione, sia militare sia politica di questa concezione della luce come «guida» è evidente dai tempi antichi della storia del popolo d Israele, ovvero a partire Giacobbe verrà un dominatore che sterminerà i superstiti delle città» (Numeri 24, 17-19). Chi sarà questo «astro» sconosciuto? Chi sarà questo messia ancora senza nome e senza volto, che salverà Israele dai suoi nemici storici? Si tratta del re Davide, che ha vinto le storiche battaglie contro Edom e Moab? Oppure possiamo scorgere in questa figura emblematica già Gesù di Nazaret, che nasce proprio sotto la luce misteriosa della «stella di Betlemme»? Potrebbe questa figura alludere a Simon Bar Kochba il suo nome significa letteralmente «Figlio della stella» che venne proclamato Messia da parte di Rabbi Akiba durante la seconda rivolta dei Giudei contro l Impero romano nell anno 132 dopo Cristo? «Jesus Christ Superstar» CHI è la stella indiscussa, chi è il vero astro, la star della nostra vita? Gesù è diventato la stella centrale nel firmamento della fede cristiana. Nel libro dell Apocalisse egli è la figura dominante in mezzo ai sette candelabri, colui che tiene nella sua destra le sette «stelle». Questo ritratto astrologico del Messia come luce delle nazioni è già stato abbozzato in Isaia 49, 6: «Voglio fare di te la luce delle nazioni, lo strumento della mia salvezza fino alle estremità della terra». Il Salmo 2 parla del regno del «figlio», che erediterà il governo sulle nazioni. L apocalittica giudaica ha sviluppato ed elaborato l immagine del Messia come luce e dominatore delle nazioni (Da- niele 7, 14). Il simbolo della verga di ferro si accompagna all immagine della stella del mattino, ovvero: la luce stessa è l arma contro le forze delle tenebre. Dove inizia a brillare la luce del mattino, le tenebre cominciano ad arretrare, potremmo dire automaticamente. Il simbolo regale della verga di ferro riappare poi nel capitolo 12 dell Apocalisse, dove possiamo vedere una donna che partorisce «un figlio maschio il quale deve reggere tutte le nazioni con una verga di ferro» (Apocalisse 12, 5). Alla fine del libro della Rivelazione l ultimo «nome» con cui Cristo si presenta è proprio quello della «lucente stella del mattino». Chi riceve questa stella, riceve Cristo stesso. Cristo stesso è la luce delle nazioni. Nel Vangelo di Giovanni l antico simbolismo della luce che controlla le tenebre è stato ulteriormente allargato in senso cosmologico, quando Gesù afferma: «Io sono la luce del mondo». Più luce IAMO stati testimoni oculari della sua maestà» (2 Pie- «S tro 1, 16). L immagine che viene ricordata e conservata dall apostolo Pietro nella sua seconda e ultima lettera, riguarda proprio il racconto della trasfigurazione di Gesù. In quell occasione la voce dal cielo, la Parola di Dio, aveva rivelato visibilmente la gloria, lo splendore della figura centrale della fede cristiana: Gesù, il figlio di Dio, la stella splendente, la stella che brilla fra Mosè e il profeta Elia. Nel Vangelo di Marco, si dice che le vesti di Gesù «divennero sfolgoranti, candidissime, di un tal candore che nessun lavandaio sulla terra può dare» (Marco 9, 3). È la rappresentazione ultima, la visione definitiva della persona di Gesù Cristo, potremmo dire in puro stile apocalittico, paragonabile alla visione del veggente Giovanni, che incontra all inizio della «Rivelazione di Gesù Cristo» una figura «simile a un figlio d uomo ( ) e il suo volto era come il sole quando risplende in tutta la sua forza». Camminare alla luce che emana da questa figura vuol dire camminare alla luce della Parola di Dio. Le strade della nostra vita spesso sono poco illuminate. Abbiamo bisogno di più luce. Ricordarsi continuamente di Cristo come la stella più brillante che ci sia, vuol dire rimanere collegati intimamente, in maniera stretta, con la stessa fonte energetica della nostra fede, perché spunti il giorno e la stella del mattino sorga nei nostri cuori (2 Pietro 1, 19). La nostra spiritualità deve alimentarsi continuamente di questa relazione di Cristo e della luce che ha portato nel mondo. Non abbiamo altro da ricordare e da raccontare che questa storia piena di luce, non abbiamo altro da lasciare come eredità, come messaggio ultimo alle prossime generazioni che questo racconto luminoso, una storia che ci sconvolge e ci coinvolge personalmente tuttora, perché ci sia dentro di noi e attorno a noi sempre più luce che ci darà anche la capacità di «vedere», di immaginare un futuro nuovo e diverso (2 Pietro 3, 13). (Seconda di una serie Ernst Lohmeyer, Die Offenbarung des Johannes, Tubinga, Alfred N. Whitehead, Simbolismo [1928], Milano, 1998.

3 VENERDÌ 15 FEBBRAIO 2008 GESÙ CRISTO, L AGNELLO DI DIO Di fronte al silenzio dell universo intero e di Dio stesso, l apparizione dell Agnello distrugge il muro della incomunicabilità Cristo stesso è l unico strumento non solo per aprirci il dialogo con l incomunicabile ma anche il dialogo degli uni con gli altri «1 Vidi nella destra di colui che sedeva sul trono un libro scritto di dentro e di fuori, sigillato con sette sigilli. 2 E vidi un angelo potente che gridava a gran voce: Chi è degno di aprire il libro e di sciogliere i sigilli?. 3 Ma nessuno, né in cielo, né sulla terra, poteva aprire il libro, guardarlo. 4 Io piangevo molto perché non si era trovato nessuno che fosse degno di aprire il libro, e di guardarlo. 5 Ma uno degli anziani mi disse: Non piangere; ecco, il leone della tribù di Giuda, il discendente di Davide, ha vinto per aprire il libro e i suoi sette sigilli. 6 Poi vidi, in mezzo al trono e alle quattro creature viventi, in mezzo agli anziani, un Agnello in piedi, che sembrava di essere stato immolato, e aveva sette corna e sette occhi che sono i sette spiriti di Dio, mandati per tutta la terra. 7 Egli venne e prese il libro dalla destra di colui che sedeva sul trono» (Apocalisse 5, 1-7) La speranza della salvezza O Gesù, non metterò mai le mie radici in Te? Mai il tuo volto guarderò fermo e in Te dimorerò? Quanto è instabile la mia mente, sempre in balìa di ogni vento! Presto fa il cuore a lasciare il mio Signore! Cambio strada facilmente, non mi fermo mai per sempre. Forte ora la mia mente, la mia fede ora languente. Cercami, o Signore, ancora! La mia anima ristora. Vieni e resta nel mio cuore! COME ci insegna Ernst Cassirer nella sua trilogia dedicata alla Filosofia delle forme simboliche, un simbolo non ci rinvia direttamente a ciò che esso significa, ma è inserito a sua volta in un complesso sistema di senso. Questo vale in modo particolare anche per le due figure chiave della visione nel capitolo 5 dell Apocalisse di Giovanni. Charles Wesley Inni e poesie L Agnello e il libro AL centro della visione troviamo, accanto a Colui il cui nome è impronunciabile, due figure particolari: si tratta di un «agnello in piedi che sembrava essere stato immolato» e di un «libro scritto di dentro e di fuori, sigillato con sette sigilli». Sono due immato nell interpretazione di oracoli), sia al concetto della vulnerabilità, ma gli agnelli non vengono mai raffigurati come «vittime innocenti». Per contro, nel mondo egizio l agnello (o l ariete) è un animale associato unicamente alla creazione, alla fertilità e alla protezione. La descrizione dell agnello contemporaneamente immolato e vittorioso deve avere un significato particolare nel linguaggio retorico dell Apocalisse: è una figura potente o vulnerabile? La varietà di significati dell immagine dell agnello nella tradizione ebraica ci lascia intendere le ragioni della varietà di situazioni in cui appare l Agnello anche nell Apocalisse di Giovanni: l Agnello è simbolo non solo di nea non è, quindi, soltanto una delle tante immagini possibili per parlare di Cristo, ma diventa, come l immagine paradossale della croce, una delle chiavi interpretative dell intero messaggio del Nuovo Testamento. Sequela «radicale» NELLA prima lettera di Giovanni troviamo lo stesso concetto, espresso senza l immagine dell agnello, ma come «messaggio» centrale: il sangue di Gesù «ci purifica da ogni peccato» (I Giov 1, 7). Questa idea allude allo stesso concetto espresso dalla visione dei centoquarantaquattromila di Apocalisse 7, 14: «Sono quelli che vengono dalla grande tribolazione. Essi hanno lavato le L Apocalisse (Armenia, XIIIº secolo) gini misteriose e paradossali: l agnello è vivo e morto allo stesso tempo, il libro, completamente sigillato e chiuso è potenzialmente apribile e guardabile. Nel vasto labirinto dei simboli dell Apocalisse, l immagine dell agnello non è soltanto una tra le tante espressioni possibili per parlare di Cristo; essa appare all inizio, al centro e alla fine delle visioni «apocalittiche» e il suo destino è legato in modo stretto a quello del «libro sigillato». Il valore simbolico associato all agnello nel mondo dell antica Grecia (Esopo, Omero) appartiene sia alla sfera divina (soprattutqualcuno in particolare, ma di qualcosa in senso più generale. Che cosa è nascosto in questa immagine paradossale? Ovvero: quale teologia vuole proporci l Apocalisse con questa figura? Nell Evangelo di Giovanni, l Agnello di Dio appare due volte. Si tratta di due visioni iniziali di Giovanni Battista. Queste due visioni sono come un preludio, dopo il prologo, dell intero Evangelo di Giovanni. La visione di Giovanni Battista fornisce l impronta, l impostazione iniziale per l immagine complessa di Cristo, come disegnata nel quarto Vangelo: «Ecco l agnello di Dio, che toglie il peccato del mondo». All interno del Vangelo di Giovanni il riferimento è l Agnello pasquale (Giovanni 19, 33; 36), e perciò la matrice giudaica non può esserne lo sfondo, perché l agnello del Pesah giudaico non «purifica» dal peccato. Forse si tratta di una nuova interpretazione di Genesi 22, vista già nella prospettiva dell interpretazione dell Ultima Cena come rito che purifica dal peccato. In questa prospettiva diventa evidente che nella letteratura giovannea la figura e la simbologia dell Agnello di Dio sono parte centrale e costante dei sistemi cristologici del Nuovo Testamento, e costituiscono tuttora uno dei punti cardinali della specificità della teologia cristiana. L immagine paradossale dell Agnello della tradizione giovanloro vesti, e le hanno imbiancate nel sangue dell Agnello». Essi costituiscono una comunità a parte, la chiesa dei «martiri», dei «testimoni di sangue». Sono coloro che hanno seguito «dovunque vada» (Apocalisse 14, 4) l Agnello sgozzato ma trionfante sul Monte Sion. Troviamo un simile concetto nella cosiddetta «Apocalissi degli Animali» del primo libro di Enoc (I Enoc 89-90), che ripercorre le diverse fasi della storia d Israele. Coloro che soffrono la persecuzione macedone sono descritti come agnelli indifesi, che si trasformano poi in arieti. Essi combattono contro i cattivi «corvi» sotto la guida di un ariete con un corno enorme. Il concetto dell Agnello come guida, nell Apocalisse di Giovanni non è statico, ma evoca una nuova dinamica nella sequela radicale, nella testimonianza, nell osservanza della Parola che è Gesù. Questo è il processo di «purificazione», processo che inizia con l apparizione della gloria della Parola fattasi carne e che volge alla sua destinazione ultima con la morte di Gesù sulla croce. Questo processo di trasformazione costituisce il nuovo essere nella verità dell amore, che prende dimora fissa nella vita del credente: si tratta della necessità di rendere una testimonianza viva e fattiva della Parola di Dio. Seguire l Agnello dovunque vada, in maniera «radicale», vuol dire accettare la fine della storia come fosse vicina e stesse per cominciare l ultima battaglia (Marco 8, 43). Comunità «complesse» IN questo senso l immagine dell Agnello di Dio è un immagine composita di due mondi diversi: il mondo ellenistico e il mondo giudiaco. Il nesso tra due concetti apparentemente opposti ci rivela un dato sociologico sulla composizione delle prime comunità cristiane, e sulle loro impronte culturali diverse nell immaginare Cristo: forte e vittorioso, fragile e sconfitto nello stesso tempo. Si tratta di comunità composite anche nel loro modo di vedere Gesù. Troviamo una composizione simbolica di due linee completamente contrapposte nel simbolo della croce: due linee che sembrano dissociate, contrapposte, insieme formano il simbolo di una realtà completamente nuova. In questa prospettiva possiamo vedere, nell immagine dell Agnello della tradizione giovannea, un frutto religioso inaspettato della globalizzazione in atto allora, in un tempo in cui diverse culture e scuole teologiche si incontrano, sistemi religiosi si mescolano, si confondono e si contaminano a vicenda, creando una nuova visione (o teologia) universale. Comunicare è amare APOCALISSE è il libro sigillato? Che cosa potrebbe rappre- L sentare in questo contesto? Indica la Scrittura nella sua totalità? Oppure l incomprensibile libro della storia umana? Il libro sigillato prima e aperto poi rappresenta forse nient altro che un testo scritto ma mai letto, il testo chiuso, impenetrabile in senso assoluto, una modalità di comunicazione fallita, resa però finalmente comprensibile nella condivisione di un esperienza di vita comune: quella rappresentata dall Agnello ferito a morte ma comunque vivo. Ovvero: non esiste una vera lettura, non esiste una piena comprensione della Parola senza amore, senza l identificazione con la persona che ci parla. Solo quando amiamo, comprendiamo veramente. Leggiamo alla luce di queste considerazioni un testo come Giovanni 14, 24: «Chi non mi ama non osserva le mie parole; e la parola che voi udite non è la mia, ma è del Padre che mi ha mandato». Alla fine, l Agnello ha riaperto una comunicazione fallita. Di fronte al silenzio dell universo intero, e addirittura al silenzio di Dio, l apparizione dell Agnello distrugge il muro dell incomunicabilità. Cristo stesso è l unico strumento non solo per aprirci il dialogo con l incomunicabile («colui che sedeva sul trono») ma anche il dialogo degli uni con gli altri. Scrive Kathleen Norris: «L Apocalisse è il libro di un poeta: non esiste argomentazione migliore per redimerlo dalle interpretazioni fondamentaliste. L Apocalisse ( ) illustra con un infinità di immagini rivelatrici, che si spingono all estremo della lingua e delle metafore per avvincere il lettore in una fiaba pervasa dalla logica appagante, eppure destabilizzante, del sogno». (Terza di una serie AA. VV., Apocalissi. Ventidue modi di leggere i libri della Bibbia, Milano 2007.

Le Sezioni della Bibbia L Apocalisse

Le Sezioni della Bibbia L Apocalisse Le Sezioni della Bibbia L Apocalisse Contiene tre tipi di letteratura: Apocalisse: «Rivelazione (αποκαλυψις) di Gesù Cristo, che Dio gli diede per mostrare ai suoi servi le cose che devono avvenire tra

Dettagli

Chiesa Cristiana Evangelica Il Libro della Vita CORSO FTM1 www.illibrodellavita.it APOCALISSE

Chiesa Cristiana Evangelica Il Libro della Vita CORSO FTM1 www.illibrodellavita.it APOCALISSE INTRODUZIONE: APOCALISSE Si tratta di un nuovo genere letterario nel panorama del Nt. L apocalisse è un genere ebraico, che si occupa della fine dei tempi e di offrire una visione particolare della storia

Dettagli

L AGNELLO E I SETTENARI DEI SIGILLI E DELLE TROMBE

L AGNELLO E I SETTENARI DEI SIGILLI E DELLE TROMBE Parrocchia Maria Ss. Assunta - LIBRO DELL APOCALISSE L AGNELLO E I SETTENARI DEI SIGILLI E DELLE TROMBE (cc 4-11) 1 Schema di Ap. 1-16 1 16 1. Prologo (cap. 1): Introduzione: intento: rivelazione contenuto:

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA 1. DIO E L UOMO CLASSE PRIMA 1.1 Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre 1.2 Conoscere Gesù di Nazareth come Emmanuele, testimoniato

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

Tre giorni parrocchiale per Giovani, Adulti e Famiglie. Parrocchia S. Michele Macerata Introduzione al libro dell Apocalisse 01-04 Giugno 2006 1

Tre giorni parrocchiale per Giovani, Adulti e Famiglie. Parrocchia S. Michele Macerata Introduzione al libro dell Apocalisse 01-04 Giugno 2006 1 Introduzione al libro DELL APOCALISSE Tre giorni parrocchiale per Giovani, Adulti e Famiglie 1 La letteratura Apocalittica Il termine APOCALISSE significa RIVELAZIONE (letteralmente Togliere il velo. Il

Dettagli

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 Nicolas Poussin L istituzione dell Eucaristia, 1640, Musée du Louvre, Paris Nella Sinagoga di Cafarnao, Gesù parlò dell Eucarestia LECTIO SUL VANGELO DELLA SOLENNITÀ DEL

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria

CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA della scuola primaria CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe prima della scuola primaria...2 CURRICOLO DI I.R.C. al termine della classe seconda della scuola primaria...4

Dettagli

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008 Religione Cattolica Classe A.S. 007/008 O.S.A. U.A. O.F. Contenuti Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Nuova scuola, nuovi compagni, io in crescita insieme agli altri Le bellezze della natura sono

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15)

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) SIATE SANTI COME IL PADRE VOSTRO è SANTO (Mt 5, 48) (Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) Ci siamo riuniti nel cuore della città di Roma per fare un pellegrinaggio,

Dettagli

VITTORIA SUL ACCUSATORE DEI FRATELLI 2

VITTORIA SUL ACCUSATORE DEI FRATELLI 2 (Da Revisionare) Apocalisse 12:7 E ci fu una battaglia nel cielo: Michele e i suoi angeli combatterono contro il dragone. Il dragone e i suoi angeli combatterono, 8 ma non vinsero, e per loro non ci fu

Dettagli

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO SUPPLICA A SAN GIROLAMO P. Nel nome del Padre. Amen. P. Rivolgiamoci al Signore Gesù con la preghiera di san Girolamo, per ottenere la conversione del cuore, fonte di riconciliazione e di pace con Dio

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Apparizione della Madonna (non c è data)

Apparizione della Madonna (non c è data) Apparizione della Madonna (non c è data) Si tratta di un messaggio preoccupante. Le tenebre di Satana stanno oscurando il mondo e la Chiesa. C è un riferimento a quanto la Madonna disse a Fatima. L Italia

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Conoscere Gesù di Nazaret, Emmanuele e Messia, crocifisso e risorto e come tale testimoniato dai cristiani.

RELIGIONE CATTOLICA. Conoscere Gesù di Nazaret, Emmanuele e Messia, crocifisso e risorto e come tale testimoniato dai cristiani. RELIGIONE CATTOLICA Classi 1 che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l'uomo Identità personale relazione con l'altro: la famiglia, gli amici, la scuola, il mondo. Racconto biblico della

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

Classe prima,seconda,terza,quarta, quinta.

Classe prima,seconda,terza,quarta, quinta. DIREZIONE DIDATTICA 1 CIRCOLO MARSCIANO Piazza della Vittoria,1 06055- MARSCIANO (PG)- C.F.800005660545 Centralino/Fax 0758742353 Dirigente Scolastico 0758742251 E.mail:pgee41007@istruzione.it Sito Web:

Dettagli

Grido di Vittoria.it

Grido di Vittoria.it COME ENTRARE A FAR PARTE DELLA FAMIGLIA DI DIO La famiglia di Dio del Pastore Mario Basile Il mio intento è quello di spiegare in parole semplici cosa dice la Bibbia sull argomento, la stessa Bibbia che

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA I.C. Gozzi-Olivetti PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2012/2013 Insegnanti: Tanja Lo Schiavo Andrea Musso Silvia Trotta 1 Istituto Comprensivo Gozzi Olivetti PROGRAMMAZIONE DI RELIGIONE

Dettagli

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse Dt 8, 2-3. 14-16 Dal libro del Deuteronòmio Mosè parlò al popolo dicendo: «Ricòrdati di tutto il cammino che il Signore, tuo Dio, ti ha fatto percorrere in questi quarant'anni nel deserto, per umiliarti

Dettagli

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World LOCUZIONI AL MONDO Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World 2 Sommario 1. La decisione della SS. Trinità al tuo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO

ISTITUTO COMPRENSIVO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO VIA ASIGLIANO VERCELLESE Scuola primaria Antonelli VIA VEZZOLANO, 20 - TORINO Anno scolastico 2009/2010 RELIGIONE CATTOLICA classe 1^ Scoprire la grandezza dell

Dettagli

SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI

SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI Pontificia Basilica Collegiata S. MARIA DELL ELEMOSINA Parrocchia Matrice Santuario Mariano Biancavilla SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI Omelia del Prev. Agrippino Salerno 22-06-2014 Cari fratelli e sorelle!

Dettagli

ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA

ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA Solennità SALUTO La grazia e la pace nella santa Chiesa di Dio siano con tutti voi. E con il tuo spirito. L. Oggi la nostra comunità è in festa, ricordando

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA Cari figli, la strada sarà breve per colui che verrà con il desiderio di fare un lungo cammino. Sappiate, voi tutti, che il fuoco si diffonderà in varie nazioni,

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA

SCUOLA PRIMARIA Anno Scolastico 2014/2015 OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA DELLA SCUOLA PRIMARIA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli

28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa

28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa 28 FEBBRAIO B. ANTONIA DA FIRENZE, Clarissa Festa Nata a Firenze nel 1401, fu sposa in età giovanissima e madre di un figlio divenuto successivamente anch esso frate e santo: il beato Giovanni Battista.

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

CERCARE CRISTO PIÙ DI OGNI ALTRA COSA (Filippesi 3:4-11)

CERCARE CRISTO PIÙ DI OGNI ALTRA COSA (Filippesi 3:4-11) CERCARE CRISTO PIÙ DI OGNI ALTRA COSA (Filippesi 3:4-11) Introduzione: Sermone Filippesi 3:4-7. Nell ultimo sermone in Filippesi, in 3:1-3, abbiamo visto che ci sono falsi insegnanti, che predicano la

Dettagli

Leggete le Beatitudini, vi farà bene.

Leggete le Beatitudini, vi farà bene. Il tema della XXXI Giornata Mondiale della gioventù Cracovia 2016 - è racchiuso nelle parole Beati i misericordiosi, perché troveranno misericordia (Mt 5:7). Il Santo Padre Francesco ha scelto la quinta

Dettagli

La chiamata alla speranza

La chiamata alla speranza La chiamata alla speranza Preghiera mensile Dicembre 2015 1.- Introduzione L'Avvento è un tempo per rispondere alla "chiamata alla speranza". La nostra è la speranza che abbiamo nella nascita di Cristo,

Dettagli

INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2010

INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2010 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G.Galilei www.istitutocomprensivosgt.it CURRICOLO D ISTITUTO a. s. 2012 / 2013 CLASSE : 5 anni SCUOLA INFANZIA Consapevolezza ed espressione culturale / imparare a imparare.

Dettagli

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace!

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! LA NOSTRA Parrocchia S.Maria di Lourdes VOCE MILANO - via Induno,12 - via Monviso 25 DICEMBRE 2OO5 Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! Vi lascio in pace, vi

Dettagli

MESSE PROPRIE DELLA CHIESA CAPUANA PREGHIERE DEI FEDELI

MESSE PROPRIE DELLA CHIESA CAPUANA PREGHIERE DEI FEDELI MESSE PROPRIE DELLA CHIESA CAPUANA PREGHIERE DEI FEDELI 5 febbraio S. AGATA, VERGINE E MARTIRE Patrona principale della città di Capua PREGHIERE: dal comune delle Vergini Al Dio tre volte santo, rivolgiamo

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA ELABORATO DAI DOCENTI DELLA SCUOLA PRIMARIA DIREZIONE DIDATTICA 5 CIRCOLO anno scolastico 2012-2013 RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA TRAGUARDI DI COMPETENZA DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA

Dettagli

SANCTA SANCTOROOM_note per Giorgio de Finis di Mr.Klevra

SANCTA SANCTOROOM_note per Giorgio de Finis di Mr.Klevra SANCTA SANCTOROOM_note per Giorgio de Finis di Mr.Klevra (non destinate alla pubblicazione) La mia parte della Sancta Sanctoroom si richiama direttamente alle sacre scritture e in particolare all Apocalisse

Dettagli

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012 Newsletter Essena N 2 Gennaio-Marzo 2012 Carissimi amici Bellissima Primavera a voi! Siamo molto felici di ritrovarvi in occasione di questa nuova stagione che sta per fiorire fra qualche tempo e che abbiamo

Dettagli

RINNOVAMENTO CARISMATICO CATTOLICO

RINNOVAMENTO CARISMATICO CATTOLICO INSEGNAMENTO IL MIO CUORE CANTA LE TUE LODI a cura di Carlo Arditi, Responsabile del Servizio Musica e Canto Nel preparare questa condivisione mi sono accorto che, pur non avendolo fatto apposta, anche

Dettagli

IL SANTO ROSARIO PER I NOSTRI CARI DEFUNTI

IL SANTO ROSARIO PER I NOSTRI CARI DEFUNTI IL SANTO ROSARIO PER I NOSTRI CARI DEFUNTI Una lacrima per i Defunti evapora, un fiore sulla tomba appassisce, una preghiera, invece, arriva fino al cuore dell Altissimo. (Sant Agostino) 1 L'eterno riposo

Dettagli

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014

XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 per l Omelia domenicale a cura dell Arcivescovo Mons. Vincenzo Bertolone XXII Domenica del Tempo Ordinario 31 agosto 2014 Non più sofferenza ma amore Introduzione La parabola discendente di queste due

Dettagli

SALÌ AL CIELO E SIEDE ALLA DESTRA DEL PADRE

SALÌ AL CIELO E SIEDE ALLA DESTRA DEL PADRE SALÌALCIELOESIEDEALLADESTRADELPADRE At1,1 11 Ebr9,24 28;10,19 23 Lc24,46 53 L Ascensione è il ritorno al Padre, dove Gesù, seduto alla sua destra comincia un esistenzanuovainpienezzadivitaedipotenza.cristo,primadivenirealmondo,era

Dettagli

VESPRI PARROCCHIA SAN GIUSEPPE DA COPERTINO. 18 settembre INTRODUZIONE

VESPRI PARROCCHIA SAN GIUSEPPE DA COPERTINO. 18 settembre INTRODUZIONE PARROCCHIA SAN GIUSEPPE DA COPERTINO 18 settembre INTRODUZIONE VESPRI V. O Dio, vieni a salvarmi. R. Signore, vieni presto in mio aiuto.. Alleluia INNO San Giuseppe onoriamo: la sua virtù sublime l'ordine

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CLASSE 1^

CURRICOLO RELIGIONE CLASSE 1^ CLASSE 1^ Dio e l uomo Classe 1^ Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore. Gesù di Nazareth. La Bibbia e le, leggere e saper riferire circa alcune pagine bibliche fondamentali i segni cristiani

Dettagli

CORPUS DOMINI 22 giugno 2014. Noi siamo quelli che vivono secondo la domenica (S. Ignazio)

CORPUS DOMINI 22 giugno 2014. Noi siamo quelli che vivono secondo la domenica (S. Ignazio) CORPUS DOMINI 22 giugno 2014 Noi siamo quelli che vivono secondo la domenica (S. Ignazio) Canto: Adoramus Te Domine (canone di Taizè) - Ti riconosciamo, Signore, presente a noi nell eucaristia - Ti adoriamo,

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre

CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE. -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre CLASSE PRIMA CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE -Scoprire un mondo intorno a sé; un dono stupendo il creato -Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre -L alunno/a sa: -riflettere su Dio

Dettagli

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI INTRODUZIONE La preghiera non è solo elevazione dell anima a Dio ma è anche relazione

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

IN PREGHIERA CON IL B. ALBERTO MARVELLI

IN PREGHIERA CON IL B. ALBERTO MARVELLI IN PREGHIERA CON IL B. ALBERTO MARVELLI PER L UNITÀ DEI CRISTIANI Rimini, Chiesa di Sant Agostino 31 gennaio ore 17.30 Che tutti siano una cosa solaǁ (Giovanni 17, 21). In comunione con la Chiesa, insieme

Dettagli

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale

PROGETTO MUSICA e TEATRO. La storia del Natale PROGETTO MUSICA e TEATRO La storia del Natale Il Progetto Musica e Teatro per l anno scolastico 2014/2015 è nato dalla decisione di tutti gli insegnanti del plesso di voler proseguire nel potenziamento

Dettagli

ANNA PEIRETTI BRUNO FERRERO SINDONE BAMBINI RACCONTATA. Disegni di César

ANNA PEIRETTI BRUNO FERRERO SINDONE BAMBINI RACCONTATA. Disegni di César BRUNO FERRERO ANNA PEIRETTI La SINDONE RACCONTATA ai BAMBINI Disegni di César INSERTO REDAZIONALE DE L ORA DI RELIGIONE L OGGETTO più MISTERIOSO del MONDO G «uarda, è qui! C è scritto MUSEO!», grida Paolo.

Dettagli

Iniziamola con il segno della Croce: Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen.

Iniziamola con il segno della Croce: Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. Amen. È un cam m ino di preghiera m olto presente nella tradizione della Chiesa: essa aiuta i credenti a far m em oria della passione del Salvatore per rendere presente il suo am ore salvifico nella loro vita

Dettagli

TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE DELLA RELIGIONE CATTOLICA PER IL PRIMO CICLO D ISTRUZIONE.

TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE DELLA RELIGIONE CATTOLICA PER IL PRIMO CICLO D ISTRUZIONE. TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE DELLA RELIGIONE CATTOLICA PER IL PRIMO CICLO D ISTRUZIONE. APPENDICE: INTEGRAZIONI ALLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO DELLA SCUOLA D INFANZIA E PER IL

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

18 FEBBRAIO SANTA GELTRUDE COMENSOLI. Vergine. Fondatrice delle suore Sacramentine di Bergamo ANTIFONA D INGRESSO

18 FEBBRAIO SANTA GELTRUDE COMENSOLI. Vergine. Fondatrice delle suore Sacramentine di Bergamo ANTIFONA D INGRESSO 18 FEBBRAIO SANTA GELTRUDE COMENSOLI Vergine Fondatrice delle suore Sacramentine di Bergamo La spiritualità della Santa, centrata in Gesù presente nell Eucaristia, e la sua santità di vita, sono forte

Dettagli

Il solo male che in questa terra possa

Il solo male che in questa terra possa Vincere la passione e fuggire le occasioni Il solo male che in questa terra possa veramente meritare questo nome è il peccato. Se potessimo vedere lo stato di un anima in peccato, sarebbe impossibile per

Dettagli

LE GRANDI VERITA DELLA BIBBIA!

LE GRANDI VERITA DELLA BIBBIA! 1 LE GRANDI VERITA DELLA BIBBIA! (Studio 1 ) Dopo aver constatato nella parte precedente, come la Bibbia sia la Parola di Dio,continuiamo il nostro studio mettendo in risalto quanto segue: Le Sacre Scritture,

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

ISC RODARI- MARCONI-PORTO SANT ELPIDIO SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015 2016 PIANO DI LAVORO ANNUALE - IRC Classe 1ª

ISC RODARI- MARCONI-PORTO SANT ELPIDIO SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015 2016 PIANO DI LAVORO ANNUALE - IRC Classe 1ª ISC RODARI- MARCONI-PORTO SANT ELPIDIO SCUOLA PRIMARIA a.s. 2015 2016 PIANO DI LAVORO ANNUALE - IRC Classe 1ª 1 ª UA - Dio Creatore e amico 1 Bim. Ott-Nov Scoprire che per la religione cristiana Dio è

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA 1. Scoprire nei segni dell ambiente la presenza di Dio Creatore e Padre 2. Conoscere Gesù nei suoi aspetti quotidiani, familiari, sociali e religiosi 3. Cogliere i segni

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

14 Raduno Giovanile 8-14 Agosto 2011 Congregazione Cristiana Evangelica Messina

14 Raduno Giovanile 8-14 Agosto 2011 Congregazione Cristiana Evangelica Messina .. mettendoci da parte vostra ogni impegno, aggiungete alla vostra fede (2 Pietro 1:5) Natale Mondello 14 Raduno Giovanile 8-14 Agosto 2011 Congregazione Cristiana Evangelica Messina Dio ha un piano per

Dettagli

Mercoledì 15 aprile 2009

Mercoledì 15 aprile 2009 Mercoledì 15 aprile 2009 EVANGELIZZAZIONE E CONSOLIDAMENTO - Uno dei problemi maggiori non è tanto evangelizzare, quanto fare in modo che le persone che hanno accettato Gesù come personale Salvatore rimangano

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

DISCIPLINA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA

DISCIPLINA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA CLASSE PRIMA SCOPRIRE CHE PER LA RELIGIONE CRISTIANA DIO E' CREATORE E PADRE E CHE FIN DALLE ORIGINI HA VOLUTO STABILIRE UN'ALLEANZA CON L'UOMO CONOSCERE GESU' DI NAZARETH, EMMANUELE E MESSIA, CROCIFISSO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010

PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 PROGRAMMAZIONE ANNUALE di EDUCAZIONE RELIGIOSA anno scolastico 2009-2010 DIO DIPINGE I COLORI DELLA VITA CHE DONO LA FESTA... HO UN AMICO DI NOME GESU A CHIESA COME SEGNO VIVENTE D 但 MORE Insegnanti: Cambareri

Dettagli

Letture: Giobbe 7, 1-4.6-7 Salmo 147 ( 146) 1 Corinzi 9, 16-19.22-23 Vangelo: Marco 1, 29-39

Letture: Giobbe 7, 1-4.6-7 Salmo 147 ( 146) 1 Corinzi 9, 16-19.22-23 Vangelo: Marco 1, 29-39 1 Oleggio 08/02/2009 V Domenica del Tempo Ordinario Letture: Giobbe 7, 1-4.6-7 Salmo 147 ( 146) 1 Corinzi 9, 16-19.22-23 Vangelo: Marco 1, 29-39 Il compito dell evangelizzazione. Giobbe fa esperienza di

Dettagli

Oleggio 01/11/2005 Festa di Tutti i Santi Ap 7,2-4.9-14 Sal 23, 1-6 1 Gv 3, 1-3 Dal vangelo secondo Matteo 5, 1-12 a

Oleggio 01/11/2005 Festa di Tutti i Santi Ap 7,2-4.9-14 Sal 23, 1-6 1 Gv 3, 1-3 Dal vangelo secondo Matteo 5, 1-12 a Oleggio 01/11/2005 Festa di Tutti i Santi Ap 7,2-4.9-14 Sal 23, 1-6 1 Gv 3, 1-3 Dal vangelo secondo Matteo 5, 1-12 a Preghiera iniziale Ci mettiamo alla presenza del Signore e apriamo il nostro cuore alla

Dettagli

Tema: Tradimento: culla o tomba dell amore?

Tema: Tradimento: culla o tomba dell amore? Parrocchia Gesù Crocifisso VAJONT Tema: Tradimento: culla o tomba dell amore? INCONTRO CEB E GRUPPI FAMILIARI Marzo 2012 Presso fam. Via giorno Ore Introduzione Tutti abbiamo una grande sete di amore,

Dettagli

Maggio ogni giorno con Maria

Maggio ogni giorno con Maria Maggio ogni giorno con Maria Maria, Maestra di contemplazione: i misteri della luce Il Rosario con San Giovanni Paolo II [BRUNA FREGNI] Proposta ispirata alla lettera apostolica sul Rosario di papa Giovanni

Dettagli

IN ATTESA DEL DONO DELLO SPIRITO SANTO

IN ATTESA DEL DONO DELLO SPIRITO SANTO Parrocchia della B.V. del Carmine Udine IN ATTESA DEL DONO DELLO SPIRITO SANTO Incontro di riflessione e preghiera VENERDÌ 23 MAGGIO 2014 PRESENTAZIONE DELL INCONTRO Ci troviamo insieme stasera per prepararci

Dettagli

Il GPS di Dio Schema riassuntivo del messaggio e domande per i Piccoli Gruppi

Il GPS di Dio Schema riassuntivo del messaggio e domande per i Piccoli Gruppi Il GPS di Dio Schema riassuntivo del messaggio e domande per i Piccoli Gruppi Matteo 5:6 Beati quelli che sono affamati e assetati di giustizia, perché saranno saziati. Giovanni 10:27 Le mie pecore ascoltano

Dettagli

PREGHIERA PER IL SINODO

PREGHIERA PER IL SINODO PREGHIERA PER IL SINODO Sac. Il Signore sia con voi Tutti: E con il tuo spirito Voce Guida: siamo qui radunati, come papa Francesco ha chiesto a tutti i fedeli, per accompagnare con la nostra preghiera

Dettagli

E Divenni nello Spirito

E Divenni nello Spirito XV CONVEGNO LUGLIO 00 Per capire meglio vedi Apocalisse 24 Luglio E Divenni nello Spirito Lo condusse in disparte su un altro monte Mi trovavo nell isola di Patmos Mt. 17,1-2 Sei giorni dopo, Gesù prese

Dettagli

Il rosario è composto da quattro corone. A ognuna di queste sono relazionati 5 misteri della vita terrena di Cristo:

Il rosario è composto da quattro corone. A ognuna di queste sono relazionati 5 misteri della vita terrena di Cristo: universale viva in ogni popolo. Ogni giorno, da soli, in famiglia o in comunità, insieme con Maria, la Madre di Dio e dell umanità, percorriamo i continenti per seminarvi la preghiera e il sacrificio,

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

e degno di ogni lode, tremendo sugli dei. Do Sol La Tutti gli dei delle nazioni sono un niente e vanità,

e degno di ogni lode, tremendo sugli dei. Do Sol La Tutti gli dei delle nazioni sono un niente e vanità, CANTATE AL SIGNORE (Sal 96) Fa Cantate al Signore un canto nuovo, cantate al Signore da tutta la terra. Fa Benedite il suo nome perché è buono, annunziate ogni giorno la sua salvezza. Si- Narrate la sua

Dettagli

PIETRE VIVE DELLA CHIESA L appartenenza alla Chiesa come proposta di vita buona

PIETRE VIVE DELLA CHIESA L appartenenza alla Chiesa come proposta di vita buona PIETRE VIVE DELLA CHIESA L appartenenza alla Chiesa come proposta di vita buona Introduzione alla nuova edizione - Non ha Dio come padre chi non ha la Chiesa come madre. La celebre intuizione di san Cipriano

Dettagli