2/2006 ANNO CENTENARIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "2/2006 ANNO CENTENARIO"

Transcript

1 2/2006 ANNO CENTENARIO

2 ORARIO SACRE FUNZIONI mese di settembre 8 settembre Natività della Beata Vergine Maria, titolare della chiesa di S. Maria in Via 5-7 Preparazione alla festa. Ogni giorno: 17 settembre Solennità della B.V. Addolorata Patrona principale dell Ordine dei Servi di Maria ore : Corona dell Addolorata 18 S. Messe ore ore : S. Messa parrocchiale ore : S. Messa concelebrata, con la partecipazione della Cappella musicale di S. Maria in Via 27 settembre 750 anniversario del miracolo della Madonna del Pozzo e inizio delle celebrazioni centenarie 1. Preparazione Sabato 23 settembre: Giornata dei malati, con la partecipazione dell Unitalsi. Domenica 24 settembre: Giornata della Famiglia dei Servi di Maria, con la partecipazione di frati, suore e membri dell Ordine Secolare dei Servi di Maria di Roma. Lunedì 25 settembre: Giornata dei bambini. Martedì 26 settembre: Giornata della famiglie della parrocchia. La sera del 26 settembre, ore 21-24: veglia di preghiera con celebrazione dell Eucaristia. 2. Festa della Madonna del Pozzo Mercoledì 27 settembre: SS. Messe ore: 07.30, 08.30, 10.00, 11.00, 12.00, ore 18.30: Recita del Rosario ore 19.00: Solenne concelebrazione eucaristica ore 20.00: Processione per le vie della parrocchia Giovedì 28 settembre: ore 18.30: Incontro Associazioni e gruppi Venerdì 29 settembre: ore 12.30: Pranzo per i poveri della parrocchia Parrocchia S. Maria in Via Via del Mortaro 24, Roma Tel /2/3 Fax Spedizione in Abbonamento postale. Art. 2, comma 20/c legge 662/96 Filiale di Roma

3 Sommario 3 Editoriale 5 Pagina di riflessione mariana 11 Frati dei Servi a S. Maria in Via: p. Lorenzo M. Ferri 15 Vita del santuario Iniziative centenarie: - La Sacra rappresentazione 16 - Inaugurazione dei restauri 18 - Il Concerto mariano 19 Vita della parrocchia - La lectio divina - L incontro con le famiglie 20 - Il catechismo 21 Invito ai devoti della Madonna 22 Omaggio alla Madonna 23 Grazie e favori 24 Settembre: sacre funzioni La Madonna del Pozzo Pubblicazione quadrimestrale del Santuario di S. Maria in Via, Via del Mortaro 24, Roma Anno XLIV, n 2 Maggio-Agosto 2006 Spedizione in Abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 Direttore responsabile Benito Corradini Le offerte si possono far pervenire al Santuario tramite versamento su c/c postale n Autorizzazione del Tribunale di Roma n del Con approvazione ecclesiastica CHIESA DI S. MARIA IN VIA Notizie storiche Nel 995 è menzionata in una bolla di Agapito II. Nel 1063 dà il nome alla regione circostante. Nel 1256, nella notte del 26 settembre, le acque del pozzo nelle stalle del card. Pietro Capocci rigurgitano improvvisamente ed una immagine di Maria vi galleggia sopra. Informato del prodigio, Alessandro IV la fa esporre, partecipando alla processione che la trasporta; il porporato le erige una cappella. Nel 1491 viene restaurata; molti altri restauri saranno eseguiti nel 1716, 1723, 1730, 1758, 1773, 1857, 1899, 1933, Nel 1494 è già menzionata come parrocchia. Nel 1513 Leone X la concede ai Servi di Maria residenti allora a S. Nicola in Arcione. Nel 1541 eredita altare maggiore, campane e lapidi gentilizie della demolita chiesa di S. Andrea ad columnas. Nel 1551 Giulio III l erige in titolo cardinalizio. Nel 1646 il Capitolo vaticano incorona la Madonna del Pozzo. Nel 1729 Benedetto XIII riconsacra il tempio. Il 20 febbraio 1994, Giovanni Paolo II ha fatto visita alla nostra parrocchia. 3

4 Grazie e favori Molti devoti della Madonna del Pozzo ci scrivono per chiedere una preghiera, per ringraziare di un favore ricevuto, per renderci partecipi della loro sofferenza e speranza, per sostenere il nostro bollettino. Ogni sera, al termine della Santa Messa, ci rechiamo processionalmente davanti all immagine della Madonna cantando la Salve Regina, e affidiamo alla materna protezione di Maria gli amici, i benefattori, tutti i sofferenti nell anima e nel corpo che si sono rivolti alla Sua potente intercessione presso Dio. In questi ultimi mesi ci hanno dimostrato la loro gratitudine: Aglianò Alfonso, Siracusa; Alati Mazzacuva Maria, Roma; Asciolla Marco e Massimo, Roma; Attinà Salvatore, Messina; Barbini Anna, Filottrano, Ancona; Bernardi Maria, Genzano, Roma; Bodoni Rinaldo, Milano; Bovini Adina, Collemarino, Ancona; Caltavituro-Santulli Salvatore, Roma; Casaburi Marisa, Napoli; Casadei, Forlì; Cecchini Gabriella, Roma; Certo Giovanni Maria, Termine Cassola, Vicenza; Codiglione Ina, Palermo; Colella Prof. Pasquale, Napoli; De Cecco Maria, Bicinicco, Udine; Di Bello Lidia, Roma; Dieni Giuseppe e Sardella Filippa, Colleferro, Roma; Duma De Giosa Maria, Roma; Egidi Rosa Maria, Montefiore dell Aso, Ascoli Piceno; Filizzola Giuseppe, Morano Calabro, Cosenza; Fortunati Bernardino, Roma; Gaffi Armando, Roma; Gallegati Peroni Anna, Cotignola, Ravenna; Generali Silvia, Roma; Giardini Gianfranco, Vigevano, Pavia; Giovagnoli Roberta, Roma; Grifoni Patrizio, Roma; Guidi Mario, Rovigo; Lancioni Marco, Bologna; Lar Nova Esperança, Matola, Mozambico; La Rosa Giorgio, Roma; Latini Annalisa, Villa S. Giovanni in Tuscia, Viterbo; Loss Ierta, Roma; Malfatti Eugenia, Roma; Masala Maria Grazia, Bonnanaro, Sassari; Mazzerioli Coriolano, Roma; Mulone Antonio, Pisa; Murino Baldassarre, Roma; Oliva Carmela, Ancona; Pancheri Enrico, Trento; Panzacchi Gabriella e Guido, Bologna; Pedrini Maria Pia, Bologna; Petrocelli Stella, Taranto; Pianciamore Andrea, Roma; Pioppi Arrigo, Bologna; Pioppi Guido e Gabriella, Bologna; Pioppi Roberto, Bologna; Porpora Giuseppe, Roma; Principe Rosario, Napoli; Rinaldi Francesca, Roma; Ruolo Graziella, Barcellona, Messina; Russello Micale Melina, Palermo; Russello Sparacino Rosalia, Palermo; Santini Dr. Rinaldo, Roma; Scaccia Giovanni, Foligno, Perugia; Sorrentino Vincenzo, Santo Stefano del Sole, Avellino; Tassinari Gerardo, Cento, Ferrara; Terafina Pasqua, Tuscania, Viterbo; Terzi Dario, Cosenza; Todesco Scarso Clelia, Cresole di Caldogno, Vicenza; Urzi Rosa, Tremestieri Etneo, Catania; Vani Massimo, Roma; Vincolato Giuseppe, Chieti; Viola Franchino, Luzzano, Benevento; Zuccalà Claudio e Nella, Avola, Siracusa. 23

5 - il restauro della grande tela che raffigura il primo miracolo (già iniziato); - restauro mense altare; - cancellata; - pavimento; - balaustre; - lampade votive; - voliere ex-voto; - restauro delle vetrate istoriate e del battistero. Per ogni intervento già abbiamo un preventivo di spesa. Tutti possiamo partecipare con la nostra piccola o grande offerta. Chi ha la possibilità e lo desidera potrà finanziare un singolo intervento, anche in ricordo dei propri defunti. Sulla forma con cui partecipare, ci si potrà rivolgere al parroco o versare la propria offerta sul conto corrente postale n , intestato a Madonna del Pozzo Parrocchia S. Maria in Via. Sono sicuro che ogni devoto della Madonna del Pozzo come ogni fedele della parrocchia sentirà la gioia e l impegno di contribuire a rendere decorosa e accogliente la cappella dove ci rechiamo fiduciosi per pregare, per chiedere, per ringraziare la Madonna Nel mese di settembre 2006, una speciale pubblicazione sulla Madonna del Pozzo riporterà i nomi di tutti gli offerenti. Per tutti i benefattori, vivi e defunti, durante l intero anno 2006, sarà celebrata ogni sabato una S. Messa nella cappella della Madonna alle ora 7.30 a.m e alle ore a.m. A tutti il nostro grazie anticipato il parroco

6 Editoriale Lo spirito delle celebrazioni centenarie Non è infrequente che sfogliando il giornale o ascoltando radio e telegiornale ci si imbatta nella celebrazione di anniversari, quinquennali, decennali, cinquantenari, centenari e persino millenari. Si celebrano per ricordare o, come si preferisce dire oggi, per fare memoria di eventi, che i testimoni superstiti amano rivivere o proporre ai più giovani affinché, a loro volta, non tralascino di tramandare il ricordo. Questo, in generale, è il senso della celebrazione di un anniversario. Nel nostro caso, tuttavia, vorremmo spendere due parole non soltanto sul senso, ma anche sullo spirito che deve caratterizzare la celebrazione del 750 anniversario del miracolo della Madonna del Pozzo. Dicendo spirito, intendiamo riferirci all atteggiamento interiore. Abbiamo più volte ricordato che il pellegrinaggio di devoti che sostano nella cappella della Madonna del Pozzo ebbe inizio nel settembre del 1256 e, da allora, non si è mai interrotto. Non lo hanno fermato le guerre, le epidemie, le carestie, gli anni delle invasioni di Roma da parte di eserciti stranieri. Anzi, nei momenti più drammatici della storia di Roma, questo pellegrinaggio si è fatto più numeroso e implorante. Perché tutto questo? Senza dubbio lo spirito delle celebrazioni centenarie può avere molti volti, ma uno sembra prevalere e attraversare i 750 anni di vita di questo santuario. Chi è venuto a visitare la Madonna del Pozzo, chi si è inginocchiato davanti alla Sua immagine, chi ha pregato ed ha bevuto l acqua del ai nostri abbonati e lettori, ai devoti della Madonna del Pozzo alle loro famiglie e a tutti i loro cari l augurio di un sereno periodo di vacanze estive 3

7 Pozzo, era spinto da una certezza: la certezza di non andare deluso, la certezza di trovare un approdo di speranza, la certezza di poter contare su di una assistenza sicura. Questo spirito, questo interiore atteggiamento, è anche l eredità tramandata dalla teoria interminabile di pellegrini che, oggi, sembrano darci un appuntamento celebrativo nella cappella della Madonna del Pozzo. Non si tratta di una lettura allegorica della storia di questo santuario; si tratta della sua cronaca, del suo diario spirituale. La folla di pellegrini che ci ha preceduto, quest anno prega con noi e noi preghiamo con loro, continuando a formare un catena orante e implorante. Nessuno tra i tantissimi che hanno sostato nella Cappella della Madonna del Pozzo ha usato le stesse parole, ma tutti sono stati animati da un medesimo sentimento di fiducia e di abbandono. Le preghiere recitate in questo santuario, se riunite, potrebbero formare una smisurata antologia di invocazioni nelle quali, meglio che in ogni altra rievocazione, si rispecchia la condizione umana e, soprattutto, la storia del dolore umano. Certamente si rimane colpiti dalle grazie straordinarie attribuite all intercessione della Madonna del Pozzo. Queste grazie, però, non sono soltanto la guarigione da una malattia, ma anche la fiducia ritrovata, il dono ottenuto di accettare la propria situazione anche la più dolorosa, la forza ricevuta di convertirsi al bene e alla verità, la gioia riscoperta della serenità familiare. Le nostre invocazioni sono come la eco di quelle che per 750 anni si sono elevate alla Madonna in questo santuario, dal quale nessuno che vi entri con spirito di sincera devozione può uscirne deluso. Qui davvero suonano di straordinaria attualità le parole di una delle più antiche, forse addirittura la più antica preghiera mariana: Sub tuum praesidium confugimus, Sancta Dei Genitrix; nostras deprecationes ne despicias in necessitatibus, sed a periculis cunctis libera nos semper, Virgo gloriosa et benedicta (Sotto la tua protezione cerchiamo rifugio, santa Madre di Dio; non disprezzare le suppliche di noi che siamo nella prova, e liberaci da ogni pericolo, o sempre Vergine gloriosa e benedetta). Racconta l'evangelista Giovanni che Libro dei miracoli. In occasione delle celebrazioni centenarie, stiamo preparando un libro che riporta le grazie, le guarigioni miracolose, i favori ottenuti per intercessione della Madonna del Pozzo in questi ultimi 50 anni ( ). Alcuni di questi fatti prodigiosi sono già stati pubblicati nel Bollettino La Madonna del Pozzo. Invitiamo tutti gli altri devoti della Madonna del Pozzo che hanno vissuto queste straordinarie sperienze di scriverle e farle pervenire in Parrocchia. Nella narrazione non è necessario mettere il proprio nome, se uno non lo desidera. La vostra comunicazione dovrà pervenire entro il 31 luglio Vogliamo tener viva la memoria della singolare presenza accanto a noi della Madonna del Pozzo. 4

8 alle 20.00, dal lunedì al venerdì, nelle settimane comprese tra il 6 e il 29 marzo, dando così maggiore possibilità ai sacerdoti della parrocchia di trovare in casa i membri della famiglia. Inoltre, l avviso indicava giorni e vie della parrocchia. Gli incontri con le famiglie sono stati compiuti dal parroco fra Paolo M. Erthler, dai sacerdoti Servi di Maria fra Cesare M. Antonelli e fra Lourdusamy M. Anthonysamy e dal diacono fra Pietro M. Andriotto. Ogni incontro comprendeva un momento comune di preghiera, la benedizione e lo scambio degli auguri di Pasqua. Al termine dell incontro, ad ogni famiglia è stato lasciato in dono l immagine con annessa Preghiera alla Madonna del Pozzo per le nostre famiglie e un opuscolo dal titolo Signore, insegnaci a pregare!, del quale è autore mons. Angelo Comastri. Questo, oltre al testo del rito della Benedizione della famiglia, riunisce utili riflessioni e preghiere. Quando i sacerdoti non trovavano alcun membro della famiglia da incontrare, veniva lasciato un foglio con su scritto: Un cordiale saluto a tutti voi. Sono passato per incontrare la vostra famiglia. Non avendovi trovato, mi permetto di avvertirvi che, se desiderate incontrarmi, sono a vostra disposizione. Il mio telefono è: Il catechismo Il catechismo è stato regolarmente assicurato da seguenti catechisti: Maria Rosaria Santarpino e il seminarista dell Istituto del Preziosissimo Sangue Biagio Serino hanno tenuto il primo anno di preparazione alla Cresima per cinque bambini, mentre il seminarista dell Istituto del Preziosissimo Sangue Salvatore Soreca ha tenuto il secondo anno di preparazione alla Cresima a sette bambini (tre maschi e quattro femmine). Ai parrocchiani di S. Maria in Via e a tutti i devoti della Madonna del Pozzo Stiamo celebrando il 750 del primo miracolo della Madonna del Pozzo (27 settembre ). Insieme alle iniziative spirituali, caritative e culturali, nel corso dell anno centenario vogliamo restaurare la cappella della Madonna, quale segno della nostra gratitudine verso di Lei che, in questo luogo, fa sentire potente la sua protezione ed elargisce grazie abbondanti. Sono stati programmati vari interventi per custodire, ricuperare e restaurare il patrimonio religioso e artistico della cappella: - il restauro della decorazione pittorica della volta (già iniziato); - la pulitura delle pareti marmoree; - l impianto elettrico e di illuminazione; - impianto idrico e vasca in pietra; - il riordino dell arredo (banchi, sedie, candelabri); 21

9 La lectio divina Anche quest anno, la Lectio divina, è stata condotta, il mercoledì sera, da ottobre a tutto il mese di maggio, dal biblista Servo di Maria prof. Dante Andreoli, docente di Sacra Scrittura presso la Pontificia Facoltà Teologica Marianum. Questa importante iniziativa ha cominciato a dare, nella nostra parrocchia, segni di una maggiore, anche se ancora troppo scarsa, partecipazione. Forse l espressione latina Lectio divina può sembrare ad alcuni di difficile accesso. In realtà, essa indica una forma di catechesi e di meditazione molto semplice. Il Padre Dante, dopo una breve introduzione, legge il testo delle tre letture della Messa della Domenica successiva, poi spiega soprattutto una delle letture e il Vangelo. Ciò permette, ascoltando la Messa della Domenica, di meglio comprendere l omelia del sacerdote. La pratica della Lectio divina riprenderà nel prossimo mese di ottobre. L incontro pasquale con le famiglie Preannunciato in tutti i suoi particolari, l incontro pasquale con le famiglie, ha avuto quest anno alcune caratteristiche particolari. Alla porta della chiesa era stato affisso un avviso che comunicava che tale incontro avrebbe avuto luogo dalle ore Angelo (M. Bedini, 1948). Particolare della volta della Cappella della Madonna del Pozzo. 20

10 Pagina di riflessione mariana Madonna del Pozzo. Origine e senso di un titolo ARISTIDE M. SERRA Nel precedente contributo del prof. Aristide M. Serra si è parlato del pozzo come simbolo della Parola di Dio testimoniata dalle Sacre Scritture del popolo di Israele. In questa seconda riflessione ci accostiamo alla Persona di Gesù come al vero pozzo di acqua viva, in quanto Egli ha rivelato pienamente la Parola Divina che viene dal Padre. II. GESÙ POZZO DI ACQUA VIVA a Sicar, cittadina situata nella regione della Samaria, c'era il pozzo lasciato in eredità dal patriarca Giacobbe a suo figlio Giuseppe (cf. Genesi 33,18-20; 48, 21-22). Un giorno Gesù era in viaggio dalla Giudea alla Galilea. Passando per la Samaria, che sta fra la Giudea e la Galilea, giunge al pozzo di Giacobbe, e lì - stanco del cammino - fa una sosta, seduto sull'orlo del pozzo. Era circa mezzogiorno, quando dalla vicina città di Sicar arriva una donna per attingere acqua. E Gesù si presenta a lei, dicendo: "Dammi da bere" (Giovanni 4,3-7). Stando alle usanze del Gesù e la samaritana al pozzo tempo, non era permesso ad un uomo parlare in pubblico con una donna. Ma Gesù - cercatore insonne di fratelli e sorelle ai quali rivelare il Padre! - rompe le convenzioni e si accosta a questa sorella sul piano della pura umanità, come un viandante assetato, carico di fatica. Da lì ha inizio il dialogo, che prende l'avvio da due elementi materiali, cioè il pozzo e l'acqua che sgorga dalle sue falde. Gesù, tuttavia, passa dalle realtà materiali a quelle spirituali. Così facevano i Rabbini di Israele nel loro insegnamento. E così fa Gesù, "Rabbì... maestro venuto da Dio" (Giovanni 3,2). Nell'intreccio del dialogo con la donna di Samaria lì incontrata, Egli rivela se stesso come il vero pozzo dal quale scaturisce l'acqua viva che disseta per sempre. Ma di quale acqua intendeva parlare Gesù? Diciamolo subito. Partendo dall'ac- 5

11 qua del pozzo di Giacobbe, Gesù portava il discorso sull'acqua viva che è la sua Parola, resa operante in noi dallo Spirito Santo. Quindi: Parola di Gesù e Spirito Santo in simbiosi; agiscono infatti in stretta collaborazione nella persona di ogni discepolo e discepola del Signore. La Parola e lo Spirito fluiscono da Gesù come da un mistico pozzo, da una sorgente spirituale. I. L ACQUA VIVA È LA PAROLA DI GESÙ Questa equivalenza simbolica si ricava dalla espressione che Gesù rivolge alla donna samaritana: «Se tu conoscessi il dono di Dio e colui che ti dice: Dammi da bere, tu stessa gliene avresti chiesto ed egli ti avrebbe dato acqua viva» (Giovanni 4,10). Il Dono di Dio di cui parla Gesù è la sua stessa Persona di Verbo Divino fatto carne. Poco prima l evangelista aveva scritto: «Dio ha tanto amato il mondo da donare il suo Figlio Unigenito» (Giovanni 3,16). La presenza di Gesù in mezzo a noi, come Dono, è l espressione più alta dell amore di Dio-Padre non solo verso il popolo d Israele, ma per il mondo intero. Gesù è venuto fra noi per manifestare compiutamente il volto del Padre. Perciò la sua parola è sempre rivelatrice. Infatti fa conoscere a noi la vita eterna che arde in seno alla Trinità Santa e che è comunicata al mondo. Il momento stesso in cui Gesù dialoga con la donna di Samaria è un tempo di rivelazione. Lo dimostra l accento che l evangelista pone sulla parola di Gesù: «Colui che ti dice... Sono io che ti parlo» (Giovanni 4,10.26). Conversando con lei, Egli solleva per un istante il velo che avvolge il mistero della sua Persona, e si manifesta come il Messia atteso che «annunzierà ogni cosa» riguardante l era nuova, quella definitiva. Al sorgere di questo Giorno e all avvento di quest Ora, il culto perfetto ha come termine la Trinità Santa: adorare il Padre, accogliendo la Parola di Verità del Figlio Gesù, sotto l impulso dello Spirito Santo (Giovanni 4,23-24). Al tempio di pietra (sia di Gerusalemme in Giudea, sia del monte Garizîm in Samaria) subentra il tempio che è la nostra persona. Entro lo spazio interiore delle nostre coscienze avviene l incontro col Dio Padre-Figlio-Spirito, rivelato da Gesù. Questo sublime insegnamento è «l acqua viva» da Lui donata e riversata nel cuore dei credenti. Già la dottrina biblica del Primo Testamento paragonava all acqua la parola che esce dalla bocca del sapiente. Leggiamo nel libro dei Proverbi: «Le parole della bocca dell uomo sono acqua profonda, la fonte della sapienza è un acqua che straripa» (18,4). Ancora: «Come acque profonde sono i consigli nel cuore dell uomo, l uomo accorto le sa attingere» (20,5). E il Siracide afferma dal canto suo: «La scienza del saggio cresce come una piena, il suo consiglio è come una sorgente di vita» (21,13). In linea con il magistero delle Sacre Scritture, il giudaismo assimilava la dottrina dei maestri d Israele ad uno scroscio d acqua che sgorgava dalla loro bocca, quasi fosse una fontana-sorgente-pozzo di acque vivificanti. Mettersi alla scuola di un Rabbino era lo stesso che «bere alla sua acqua». La voce del Cristo Risorto, attesta il veggente dell Apocalisse, «era simile al fragore di grandi acque» (1,15). Non era forse tale anche la voce di Gesù, quando venne a colloquio con la samaritana? Veramente nella sua parola si nascondeva una forza segreta di attrazione. Lo prova il fatto che la donna, dopo aver incontrato la mistica sorgente che è Gesù, abbandona sul posto la sua brocca (Giovanni 4,28); ossia rinuncia alla propria acqua, poiché in Gesù ha trovato «l acqua viva» che la disseta per sempre. «Signore, dammi di quest acqua...», aveva detto a Gesù (Giovanni 4,15). E Gesù accondiscese alla sua richiesta, rivelando 6

12 Vita della parrocchia Il programma del concerto Il M Luigi Ciuffa ha eseguito il seguente programma: FRANZ LISZT ( ), Fantasia e fuga sopra il corale Ad nos, ad salutarem undam (1850); JULIUS REUBKE ( ), Sonata sopra il 94 Salmo (postuma); RAFFAELE MANARI, Studio da concerto sopra la melodia gregoriana del Salve Regina (1928). Folta la partecipazione del pubblico che ha caldamente applaudita l esecuzione. Il concerto mariano Domenica 28 maggio, alle ore 17.15, nella nostra chiesa, la Cappella Musicale di S. Maria in Via ha eseguito un concerto a tema mariano. Dirigeva il Maestro Luigi Ciuffa, docente titolare di Musica Corale e direzione di Coro presso il Conservatorio di Rovigo, Direttore dell Associazione Corale Lorenzo Perosi di Cave, Direttore della Cappella di S. Maria in Via e organista della nostra chiesa. Il pieghevole distribuito ai presenti, oltre al programma, riportava anche una nota sulla nascita e lo sviluppo della Cappella Musicale S. Maria in Via, fondata nel 1944 dal P. Giovanni M. Catena e una nota sull origine della nostra chiesa e santuario. Questo l applauditissimo programma del concerto: CANTO GREGO- RIANO, Gaudeamus; GIOVANNI PIERLUIGI DA PALESTRINA, Jesu! Rex Admirabilis; O bone Jesu; DOMENICO BARTOLUCCI, Regina Coeli; Tota Pulchra; LORENZO PEROSI, O salutaris ostia, Ave Maria; JEAN-MARIE PLUM OSM, Sub tuum praesidium; DOMENICO BARTOLUCCI, Stabat Mater; LORENZO PEROSI, dalla Secunda Missa pontificalis (Kyrie e Gloria). All organo il M Luigi Pastoressa. Della vita della parrocchia nel periodo pasquale vogliamo ricordare tre momenti o aspetti: la pratica settimanale della Lectio divina, l incontro pasquale con le famiglie, il Catechismo. 19 L opuscolo di preghiere lasciato a ogni famiglia dopo l incontro pasquale.

13 con rimozione della cancellata di ferro, la ricostruzione di lacune sulla facciata principale, la pulitura dei paramenti in pietra e mattone, il rifacimento delle decorazioni in finto marmo sul lato di Via del Tritone. Prima del concerto inaugurale, il parroco fra Paolo M. Erthler ha pubblicamente espresso un vivo ringraziamento alla Direzione Generale Fondo Edifici di Culto del Ministero dell Interno, alla Soprintendenza Beni Ambientali e Archeologici di Roma, all Impresa Carlo Picchetta e alla Società Malkasten. Il restauro dell organo La parte più antica dell organo del 1766 è del tirolese Johann Conrad Werle. Nel 1910 Carlo Vegezzi Bossi ha restaurato tutta la cassa espressiva utilizzando parte dell organo antico. Le due cantorie furono donate nel 1925 dal cardinale Patrizio J. Hayes, arcivescovo di New York e titolare della chiesa. Nel 1930 Giovanni Tamburini di Crema ha aggiunto la tastiera del grand organo e ha riformato il sistema trasmissivo applicando le combinazioni aggiustabili. L organo, di 2 tastiere e 27 registri reali, fu inaugurato il 22 novembre 1930 con un concerto dei due Maestri Armando Antonelli e Raffaele Manari. La stessa Fabbrica d organi Comm. Giovanni Tamburini, ora condotta dal nipote Saverio Anselmi Tamburini, negli anni ha curato il restauro completo dell organo installando un nuovo sistema trasmissivo monocavo per la parte elettrica. Roberto Sugaroni di Acquapendente (Viterbo), nel 2005, ha restaurato tutta la decorazione lignea. Sebbene non di grandi dimensioni, l organo è sviluppato in due corpi posizionati l uno sul lato destro l altro sul lato sinistro del presbiterio. Ha i prospetti ad una sola campata di 27 canne formanti 5 cuspidi. Lo strumento ha le seguenti caratteristiche: consolle (mobile a 2 tastiere, 61 tasti ambito do-do), pedaliera concava radiale con 32 pedali ambito do-sol (registri: bordone 16, contrabasso 16, bordone 8, basso 8). Registri: in una fila orizzontale sopra le tastiere: Prima tastiera: 1) principale 16; 2) principale 8; 3) principale secondo; 4) dulciana; 5) flauto; 6) ottava 4; 7) decima quinta 2; 8) ripieno 6 filre; 9) unda maris 8; 10) trombe 8. Seconda tastiera: 11) bordano 8; 12) salcianale 8; 13) principalino 8; 14) viola dolce 8; 15) voce eterna 4; 16) flauto armonico; 17) nazardo 2.2/3; 18) flautino 2; 19) terza 1.3/5; 20) voce celeste 8; 21) coro viole 8; 22) oboe 8; 23) voce corale 8; 24) tremolo; Unione tastiere: 25) grave I; 26) grave II-I; 27) sopra I, 28) sopra II-I; 29) grave II; 30) sopra II; 31) unione I pedale; 32) unione II pedale; 33) sopra I p.; 34) sopra II p. Somieri elettropneumatici a pistoni, mantici 2 a lanterna e 4 a cuneo aggiunto elettroventilatore, canne interne ed esterne due prospetti di 27 canne formanti 5 cuspidi bocche non allineate canne interne con bocche sopra il crivello accordatura a riccio e a finestra. 18

14 se stesso a lei in quanto Messia che insegna le vie di Dio (Giovanni 4,25-26). II. L ACQUA VIVA È LO SPIRITO SANTO DONATO DA GESÙ Abbiamo, a questo riguardo, due serie di testi: la prima annuncia la promessa fatta da Gesù circa il Dono dello Spirito Santo, quale acqua vivificante; la seconda è relativa al compimento di tale promessa. Vediamo le rispettive citazioni tratte dal quarto vangelo. La promessa Due sono i testi conduttori per il nostro assunto. Si tratta di Giovanni 4,13-14 e 7, *Giovanni 4, Gesù dichiara alla donna di Samaria: «Chiunque beve di quest acqua avrà di nuovo sete; ma chi beve dell acqua che io gli darò, non avrà mai più sete, anzi, l acqua che io gli darò diventerà in lui sorgente di acqua che zampilla per la vita eterna». In questa battuta del dialogo, Gesù spinge lo sguardo in avanti. Parla al futuro: «Io gli darò...». Quale futuro? Sarà l era inaugurata dalla sua glorificazione, dal suo passaggio da questo mondo al Padre. Si profila già l orizzonte dischiuso dalla Pasqua. Lo vediamo su-bito appresso. *Giovanni 7, Il brano è pervaso da un aura solenne e profetica insieme: «Nell ultimo giorno, il grande giorno della festa, Gesù levatosi in piedi esclamò a gran voce: Chi ha sete venga a me e beva; chi crede in me, come dice la Scrittura, fiumi di acqua viva sgorgheranno dal suo seno. Questo egli disse riferendosi allo Spirito che avrebbero ricevuto i credenti in lui: infatti non c era ancora lo Spirito, perché Gesù non Moretto da Brescia ( ). La samaritana al pozzo. Bergamo, Accademia Carrara 7

15 era stato ancora glorificato». Gesù pronunciò queste parole a Gerusalemme, nel tempio, mentre era in corso la festa dei Tabernacoli o delle Capanne. Essa durava sette giorni, mentre l ottavo finì per diventare una festa autonoma, chiamata gioia della Legge. La solennità si celebrava in autunno, a partire dal giorno 15 del settimo mese ebraico chiamato Tishrî (settembre-ottobre). Alla gioia per la fine della vendemmia e della raccolta degli altri frutti della terra, si sovrappose il ricordo delle tende in cui abitarono gli israeliti nel deserto, dopo essere usciti dalla schiavitù subita in terra d Egitto. In memoria di quell esperienza lontana nel tempo, per tutta la durata della festa la gente viveva sotto le tende o in capanne costruite sulle terrazze delle case o nei dintorni della città (Esodo 23,16; Levitico 23, ; Numeri 29,12-38; Deuteronomio 16,13-17). Tra i riti che caratterizzavano la ricorrenza dei Tabernacoli, vi era la libazione delle acque, praticata in ciascuno dei sette/otto giorni. Al mattino, sul far del giorno, un corteo solenne di sacerdoti scendeva alla fontana di Siloe, e qui uno di loro attingeva tre log o misure di acqua in un recipiente d oro, detto tzlochît, che poteva essere un ampolla-brocca-bottiglia-fiasco... Poi si snodava la processione. Dalla fontana di Siloe si ritornava al tempio, passando attraverso la Porta delle acque, ove il corteo era salutato da un triplice suono di tromba. Giunti al tempio, il sacerdote officiante saliva la rampa a sud dell altare degli olocausti e qui, all angolo sud-ovest, versava l acqua assieme al vino. Con questo rito propiziatorio si invocava dal Signore il dono di una pioggia abbondante, così vitale per il tempo della semina ormai imminente. Quel gesto rituale, però, evocava anche attese profonde, connesse alla salvezza definitiva che il Signore avrebbe concesso al suo popolo. L acqua versata in libazione era considerata come un anticipo figurativo delle acque che sarebbero fuoriuscite dal tempio descritto nella celebre visione di Ezechiele (47,1-12). Oltre a questo passo, assai noto, altri testi biblici erano meditati in relazione con la festa dei Tabernacoli. Ciò avvenne per Numeri 21,17 («Sgorga, o pozzo...»), per Gioele 4,18 («In quel giorno... una fonte zampillerà dalla casa del Signore»), per Zaccaria 14,8 («In quel giorno acque vive sgorgheranno da Gerusalemme...») e per Isaia 12,3 («Attingerete acqua con gioia alle sorgenti della salvezza»). E v è di più. L acqua versata dalla brocca-bottiglia in occasione della festa dei Tabernacoli richiamava il pensiero al ritorno delle acque primordiali della creazione, quelle del paradiso delle origini (Genesi 2,10-14). Come dicevamo nell articolo precedente, si credeva che il Messia, a somiglianza di Mosè (Numeri 21,16-18), avrebbe provveduto anche lui un pozzo di acque vive alla sua gente. Quel dono era atteso come la sintesi delle benedizioni che il Signore avrebbe elargito in pienezza a Israele, popolo dell Alleanza. Rimessa nel suo contesto liturgico originario, la proclamazione di Gesù citata sopra, balza viva e attualizzante. Siamo nel giorno conclusivo della festa dei Tabernacoli: un giorno grande! In evidente allusione al rito dell acqua, Gesù ne svela il senso racchiuso. Due tratti descrittivi concorrono a evidenziare l importanza della sua parola. Egli «si leva in piedi»: assume, cioè, una posizione magisteriale, tipica di colui che insegna in maniera autorevole. E poi «grida a gran voce»: ossia rivendica a sé la funzione del profeta che sta per trasmettere una rivelazione importante da parte di Dio (cf.giovanni 7,20). Quale rivelazione? Quando sia giunta l Ora della sua glorificazione, fiumi di acqua viva sgorgheranno dal suo seno, vale a dire dall intimo della sua stessa Persona, per abbeverare i credenti in lui. Questo evento di salvezza è con- 8

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO Come mai chiedi da bere a me? Domenica 9 Novembre 2014 DIOCESI DI MILANO SERVIZIO PER LA FAMIGLIA DECANATO SAN SIRO Centro Rosetum Via Pisanello n. 1 h. 16.30

Dettagli

2 lectio di quaresima

2 lectio di quaresima 2 lectio di quaresima 2014 GESU E LA SAMARITANA Sono qui, conosco il tuo cuore, con acqua viva ti disseterò. sono io, oggi cerco te, cuore a cuore ti parlerò. Nessun male più ti colpirà il tuo Dio non

Dettagli

dal 1 dicembre al 10 gennaio

dal 1 dicembre al 10 gennaio DICEMBRE ORARIO SANTE MESSE dal 1 dicembre al 10 gennaio In Basilica: Prefestiva : ore 18.00 Festive : ore 7.30-9.30-11.00-18.00 ore 17.45 Celebrazione dei Vespri Feriali: ore 7.00-9.00 tutti i giorni

Dettagli

SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi

SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi 26 maggio SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi SOLENNITÀ Secondo attendibili testimonianze storiche, il 26 maggio 1432 in località Mazzolengo, vicino a Caravaggio, dove c era una

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993 La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II Domenica, 6 giugno 1993 1. Che il Signore cammini in mezzo a noi (Es 34, 9). Così prega Mosè, presentandosi

Dettagli

Parrocchia S. Maria Nuova

Parrocchia S. Maria Nuova Parrocchia S. Maria Nuova Piazza Santa Maria Nuova, 4 01100 Viterbo Tel/Fax 0761.340700 - c/c postale n. 79886701 www.santamarianuova-viterbo.it - info@santamarianuova-viterbo.it Recapiti telefonici dei

Dettagli

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Amati figli, mi congratulo con voi per la Festa della gloriosa Natività... Siano con voi le benedizioni del Nascituro della mangiatoia santa,

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

DOMENICA: perché? E per noi? Che cosa vuol dire DOMENICA? GIORNO DEL SIGNORE. è la festa della VITA, la festa di PASQUA.

DOMENICA: perché? E per noi? Che cosa vuol dire DOMENICA? GIORNO DEL SIGNORE. è la festa della VITA, la festa di PASQUA. PREPARAZIONE ALLA PRIMA COMUNIONE LA SANTA MESSA ANNO CATECHISTICO 2008/09 NOME E COGNOME 1 DOMENICA: perché? Tutti i popoli hanno dei giorni di festa. Il popolo ebraico, a cui apparteneva Gesù, aveva

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

Il Convegno Regionale dei Gruppi del

Il Convegno Regionale dei Gruppi del E D I T O D A L L A C O N F R A T E R N I T A D E L S A N T I S S I M O S A C R A M E N T O DI S A N T A M A R I A IN T R A S T E V E R E I miei Gruppi di Preghiera di Roma e del Lazio A N N O V I I I

Dettagli

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI 1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI Gesù disse ai suoi discepoli: Sono queste le parole che vi dicevo quando ero ancora con voi: bisogna che si compiano tutte le cose scritte su di me nella Legge di Mosè,

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI INTRODUZIONE La preghiera non è solo elevazione dell anima a Dio ma è anche relazione

Dettagli

Diocesi di Caserta Santuario di San Michele Arcangelo e Santa Maria del Monte Programma invernale del Santuario 25 Anniversario della Madonna del Monte Anno Mariano 1987-2012 novembre-aprile 2011-2012

Dettagli

LA RICERCA La sete del cuore ti rinnova e ti invia ad annunciare Gesù

LA RICERCA La sete del cuore ti rinnova e ti invia ad annunciare Gesù 3 a Domenica di Quaresima - LA SAMARITANA LA RICERCA La sete del cuore ti rinnova e ti invia ad annunciare Gesù Nella stanza si dovrà preparare il Vangelo aperto posto su un leggio o un cuscino e posizionarlo

Dettagli

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO SUPPLICA A SAN GIROLAMO P. Nel nome del Padre. Amen. P. Rivolgiamoci al Signore Gesù con la preghiera di san Girolamo, per ottenere la conversione del cuore, fonte di riconciliazione e di pace con Dio

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

CENA PASQUALE EBRAICA

CENA PASQUALE EBRAICA PARROCCHIA B.V.M. IMMACOLATA CENA PASQUALE EBRAICA per i ragazzi della Prima Comunione Sabato 4 aprile 2009 - Ore 16,00 CAPPUCCINI ORISTANO 1 momento - La schiavitù del popolo d Israele (I ragazzi sono

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo:

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo: LITURGIA DEL MANDATO PER IL SERVIZIO DI ANIMATORE DEI GRUPPI DI ASCOLTO DEL VANGELO Sabato 29 novembre 2014 (Rm 10,9-18; Mr 16,9-15) ITALO CASTELLANI Arcivescovo di Lucca Nella mia Lettera ai cristiani

Dettagli

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 Nicolas Poussin L istituzione dell Eucaristia, 1640, Musée du Louvre, Paris Nella Sinagoga di Cafarnao, Gesù parlò dell Eucarestia LECTIO SUL VANGELO DELLA SOLENNITÀ DEL

Dettagli

NOVENA E FESTA ALLA MADONNA DEL POPOLO 3-8 SETTEMBRE DEDICAZIONE DELLA CHIESA CATTEDRALE 11-13 SETTEMBRE CATTEDRALE DI VERONA

NOVENA E FESTA ALLA MADONNA DEL POPOLO 3-8 SETTEMBRE DEDICAZIONE DELLA CHIESA CATTEDRALE 11-13 SETTEMBRE CATTEDRALE DI VERONA NOVENA E FESTA ALLA MADONNA DEL POPOLO 3-8 SETTEMBRE DEDICAZIONE DELLA CHIESA CATTEDRALE 11-13 SETTEMBRE Sei con noi per questa Novena e festa 2015 Simulacro quattrocentesco che manca dalla Cattedrale

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. CLASSE PRIMA I Macrounità

RELIGIONE CATTOLICA. CLASSE PRIMA I Macrounità Unione Europea Fondo Social Europeo Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Calabria Distretto Scolastico N 15 Istituto Comprensivo III V.Negroni Via

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

I Quaresima B. Padre, tu che ci doni il tuo Figlio come Vangelo vivente, fa che torniamo a te attraverso un ascolto rinnovato della tua Parola, pr.

I Quaresima B. Padre, tu che ci doni il tuo Figlio come Vangelo vivente, fa che torniamo a te attraverso un ascolto rinnovato della tua Parola, pr. I Quaresima B Padre buono, ti ringraziamo per aver nuovamente condotto la tua Chiesa nel deserto di questa Quaresima: donale di poterla vivere come un tempo privilegiato di conversione e di incontro con

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI RELIGIONE CATTOLICA 1. DIO E L UOMO CLASSE PRIMA 1.1 Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre 1.2 Conoscere Gesù di Nazareth come Emmanuele, testimoniato

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

CENACOLO DELLE MADRI. 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO

CENACOLO DELLE MADRI. 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO CENACOLO DELLE MADRI 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO Dicembre è il mese del compleanno di Gesù: sembra che anche molti cristiani se lo

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

IL CALENDARIO DELLA COMUNITÀ

IL CALENDARIO DELLA COMUNITÀ Carissimi, A TUTTE LE FAMIGLIE DI POGGIO - GAIANA e SANTUARIO SETTEMBRE - OTTOBRE 2015 tutte le nostre feste comunitarie in questo tempo ci invitano a innalzare lo sguardo alla Madonna: al Santuario per

Dettagli

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse Dt 8, 2-3. 14-16 Dal libro del Deuteronòmio Mosè parlò al popolo dicendo: «Ricòrdati di tutto il cammino che il Signore, tuo Dio, ti ha fatto percorrere in questi quarant'anni nel deserto, per umiliarti

Dettagli

SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI

SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI Pontificia Basilica Collegiata S. MARIA DELL ELEMOSINA Parrocchia Matrice Santuario Mariano Biancavilla SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI Omelia del Prev. Agrippino Salerno 22-06-2014 Cari fratelli e sorelle!

Dettagli

IN CARCERE MA LIBERI!

IN CARCERE MA LIBERI! PATRIZIO ASTORRI GENNARO CAROTENUTO TULLIO MENGON SILVANO SPAGNUOLO LORENZO ZOCCA IN CARCERE MA LIBERI! Terza edizione Chirico INDICE Presentazione del Cardinale Michele Giordano XI Lettera del cappellano

Dettagli

Novena alla Regina della Pace si recita dal 15 al 23 giugno o per nove giorni consecutivi, in ogni momento di necessità

Novena alla Regina della Pace si recita dal 15 al 23 giugno o per nove giorni consecutivi, in ogni momento di necessità Novena alla Regina della Pace si recita dal 15 al 23 giugno o per nove giorni consecutivi, in ogni momento di necessità PRIMO GIORNO Preghiamo per i veggenti Preghiera alla Regina della Pace Madre di Dio

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA 1) L alunno riconosce che Dio si è rivelato attraverso Gesù, stabilendo con l

Dettagli

22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI

22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI 22 SETTEMBRE 2013 FESTA DELLA CATECHESI Parrocchia dei Santi Faustino e Giovita GRUPPO BETLEMME ICFR Primo anno Il percorso del primo anno offre ai genitori la possibilità di scoprire o riscoprire la bellezza

Dettagli

Parrocchie di Villadossola

Parrocchie di Villadossola I funerali nelle nostre comunità Parrocchie di Villadossola Ai familiari dei fedeli defunti Cari familiari, sono don Massimo, il parroco di Villadossola. Vi raggiungo a nome delle comunità cristiane di

Dettagli

Novena di Natale 2015

Novena di Natale 2015 Novena di Natale 2015 io vidi, ed ecco, una porta aperta nel cielo (Apocalisse 4,1) La Porta della Misericordia Signore Gesù Cristo, tu ci hai insegnato a essere misericordiosi come il Padre celeste, e

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica E chiedere il dono di nuove vocazioni anche nella nostra parrocchia di PARROCCHIA S. GIOVANNI OLTRONA DI SAN MAMETTE Comunità Appiano Gentile 08-03-2015 All ombra dei campanili L Eucaristia, cuore della

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28)

Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28) Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28) La mancanza di un figlio da sempre è stata fonte di sofferenza per molte donne, Un tempo, non conoscendo i meccanismi del concepimento,

Dettagli

INDICAZIONI LITURGICO-PASTORALI

INDICAZIONI LITURGICO-PASTORALI INDICAZIONI LITURGICO-PASTORALI Giornata di preghiera per il Bicentenario della Diocesi 1816-2016 Giubileo della Misericordia Domenica 25 ottobre 2015 PREMESSA In vista dell apertura del Bicentenario della

Dettagli

Il progetto pastorale della Parrocchia di Gesù Divino Maestro

Il progetto pastorale della Parrocchia di Gesù Divino Maestro Il progetto pastorale della Parrocchia di Gesù Divino Maestro 1. INTRODUZIONE La parrocchia si pone l'obiettivo di costruire una comunità nella quale ogni cristiano si impegni a: 1. conoscere meglio Cristo

Dettagli

«La strada della Verità è nella Chiesa di Dio»

«La strada della Verità è nella Chiesa di Dio» «La strada della Verità è nella Chiesa di Dio» «Mi presento a voi come la Madonna delle Rose dal Cuore Immacolato, Regina del Cielo, Madre delle famiglie, Portatrice di Pace nei vostri cuori». del 25 agosto

Dettagli

2. [19]Maria, da parte sua, serbava tutte queste cose meditandole nel suo cuore.

2. [19]Maria, da parte sua, serbava tutte queste cose meditandole nel suo cuore. MARIA DISCEPOLA DELLA PAROLA E MAESTRA DI PREGHIERA + Dal Vangelo secondo Luca 1,26-56 In quel tempo, l angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nazaret, a una vergine, sposa

Dettagli

CRISTIANI NON SI NASCE, MA SI DIVENTA. Itinerario per il completamento dell iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

CRISTIANI NON SI NASCE, MA SI DIVENTA. Itinerario per il completamento dell iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Parrocchia Immacolata Concezione CRISTIANI NON SI NASCE, MA SI DIVENTA. Itinerario per il completamento dell iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Come già indicato anche nel progetto annuale,

Dettagli

Qual è il giorno di festa per il popolo ebraico.. Cosa ricorda loro questo giorno?......

Qual è il giorno di festa per il popolo ebraico.. Cosa ricorda loro questo giorno?...... LA DOMENICA GIORNO DEL SIGNORE Per il popolo ebraico, al quale apparteneva Gesù, il giorno di festa e di riposo è il sabato che in ebraico (sabbat) significa riposo e di preghiera nel quale gli Ebrei ancora

Dettagli

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 GRUPPOQUINTAELEMENTARE Scheda 02 LA La Parola di Dio scritta per gli uomini di tutti i tempi Antico Testamento composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 Nuovo

Dettagli

Preghiere di Benedizione e di Liberazione per. la famiglia

Preghiere di Benedizione e di Liberazione per. la famiglia Preghiere di Benedizione e di Liberazione per la famiglia Collana: La Santa Famiglia Testi: Padre Felice Traversa Editrice Shalom - 9.3.2000 Santa Francesca Romana Disegni: Padre Gianfranco Verri ISBN

Dettagli

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace!

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! LA NOSTRA Parrocchia S.Maria di Lourdes VOCE MILANO - via Induno,12 - via Monviso 25 DICEMBRE 2OO5 Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! Vi lascio in pace, vi

Dettagli

OPERA FRANCESCANA DELLA PIETÁ

OPERA FRANCESCANA DELLA PIETÁ OPERA FRANCESCANA DELLA PIETÁ Calendario Liturgico Ottobre 2013 Il mese di ottobre è dedicato alla devozione al SS. Rosario. Inoltre nelle Cappelle del Cuore Immacolato di Maria a Campi Bisenzio e della

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Apertura della Settimana delle Rogazioni

Apertura della Settimana delle Rogazioni A TUTTE LE FAMIGLIE DI POGGIO - GAIANA e SANTUARIO Carissimi, MAGGIO GIUGNO LUGLIO 2015 il Cardinale Arcivescovo della nostra Chiesa bolognese quest anno verrà a sigillare la nostra festa della famiglia

Dettagli

SAN TOMMASO DEI BATIUTI

SAN TOMMASO DEI BATIUTI rr;;;:.-~ J/(::il. 10 ~m. "'~"'. TO O H "NT U. CAPPELLANIA OSPEDALE SAN TOMMASO DEI BATIUTI PORTOGRUARO 19 Settelnbre Benedizione Cappella 2014 San Giovanni Paolo II BENEDIZIONE DELL'ACQUA E ASPERSIONE

Dettagli

La voce de "Gli Amici"

La voce de Gli Amici Gli Amici La voce de "Gli Amici" domenica 11 agosto 2002 La domenica con Gesù Tempo ordinario Domenica 11 agosto 2002 Gesù si ritira a pregare L'artista della settimana Carmela Parente La scuola della

Dettagli

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A»

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A» Prima settimana Le tentazioni di Gesù e le nostre «Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo» (Mt 4,1-11). 1. Osserviamo il disegno. Tenendo presente il brano del Vangelo

Dettagli

Adorazione Eucaristica

Adorazione Eucaristica Adorazione Eucaristica Pregare come i Santi I santi sono coloro che hanno creduto e vissuto con amore il mistero di Cristo. Essi hanno saputo vivere nel difficile nascondimento la preghiera, sottratta

Dettagli

PROGRAMMA DELLE MANIFESTAZIONI

PROGRAMMA DELLE MANIFESTAZIONI Diocesi San Marco Argentano-Scalea Parrocchia Santa Maria del Piano VERBICARO Solenni Festeggiamenti in onore di MARIA SANTISSIMA DELLE GRAZIE - PATRONA DI VERBICARO 23 giugno-3 luglio 2013 Cari Verbicaresi,

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

8. LA FESTA TEMPO PER LA FAMIGLIA

8. LA FESTA TEMPO PER LA FAMIGLIA A. Canto e saluto iniziale B. Invocazione dello Spirito Santo C. Lettura dalla parola di Dio 8. LA FESTA TEMPO PER LA FAMIGLIA 1 Così furono portati a compimento il cielo e la terra e tutte le loro schiere.

Dettagli

INDICAZIONI PER LA CELEBRAZIONE DEL BATTESIMO

INDICAZIONI PER LA CELEBRAZIONE DEL BATTESIMO I C1 INDICAZIONI PER LA CELEBRAZIONE DEL BATTESIMO Per il celebrante e l'équipe battesimale Monizioni Accoglienza Siamo radunati sulla soglia della chiesa è un luogo altamente simbolico, poiché evoca l

Dettagli

RITO DELLA MESSA. Dio onnipotente abbia misericordia di noi, perdoni i nostri peccati e ci conduca alla vita eterna. Amen.

RITO DELLA MESSA. Dio onnipotente abbia misericordia di noi, perdoni i nostri peccati e ci conduca alla vita eterna. Amen. RITO DELLA MESSA RITI DI INTRODUZIONE Nel nome del Padre del Figlio e dello Spirito Santo. La grazia del Signore nostro Gesù Cristo, l'amore di Dio Padre e la comunione dello Spirito Santo sia con tutti

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE di RELIGIONE CATTOLICA 1 QUADRIMESTRE COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVITÀ 1. L alunno riflette su Dio creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

DOMENICA V DI PASQUA C

DOMENICA V DI PASQUA C DOPO LA COMUNIONE Assisti, Signore, il tuo popolo che hai colmato della grazia di questi santi misteri, e fa che passi dalla decadenza del peccato alla pienezza della vita nuova. Per Cristo nostro Signore.

Dettagli

GIUBILEO DELLA MISERICORDIA

GIUBILEO DELLA MISERICORDIA GIUBILEO DELLA MISERICORDIA INIZIO DELL ANNO GIUBILARE NELLE COMUNITÀ PARROCCHIALI 13 dicembre 2015 Terza Domenica di Avvento 1 Nella terza domenica di Avvento, detta Gaudete, in ogni chiesa cattedrale

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi per lo sviluppo delle competenze L alunno riflette su Dio Creatore e Padre significato cristiano del Natale L alunno riflette sui dati fondamentali

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO

DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO DIREZIONE DIDATTICA G. PARINI TORINO INSEGNANTI: CATERINA PIRROTTA ANTONELLA BORDONARO CLASSE I OBIETTIVI GENERALI Portare il bambino alla scoperta di se stesso in rapporto con gli altri. Far scoprire

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ ANNO SCOLASTICO 2015/2016 www.ic2sassuolonord.gov.it CURRICOLO IRC 6 11 anni Diocesi di Reggio Emilia

Dettagli

Un nuovo anno pastorale è iniziato

Un nuovo anno pastorale è iniziato Un nuovo anno pastorale è iniziato Nella lettera pastorale consegnata alla Diocesi all inizio dell anno pastorale il nostro Vescovo Enrico ci ha indicato alcune priorità che concretizzano il tema proposto

Dettagli

Oleggio, 21/12/2014. IV Domenica di Avvento - Anno B

Oleggio, 21/12/2014. IV Domenica di Avvento - Anno B 1 Letture: 2 Samuele 7, 1-5.8.12.14.16 Salmo 89 (88) Romani 16, 25-27 Vangelo: Luca 1, 26-38 Oleggio, 21/12/2014 IV Domenica di Avvento - Anno B NEL NOME DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO SANTO. AMEN!

Dettagli

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI PREGHIAMO Siamo qui dinanzi a te, o Spirito Santo: sentiamo il peso delle nostre debolezze, ma siamo tutti riuniti nel tuo nome; vieni a noi,

Dettagli

CELEBRAZIONE DELLA PRIMA COMUNIONE. Arcidiocesi di Capua PARROCCHIA SACRO CUORE Forania di Capua

CELEBRAZIONE DELLA PRIMA COMUNIONE. Arcidiocesi di Capua PARROCCHIA SACRO CUORE Forania di Capua Arcidiocesi di Capua PARROCCHIA SACRO CUORE Forania di Capua CELEBRAZIONE DELLA PRIMA COMUNIONE RITI DI INTRODUZIONE S - Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. A - Amen. S - La Grazia e

Dettagli

ARCIDIOCESI DI MILANO. Solenne ingresso in Diocesi di Milano di Sua Eminenza Rev.ma il Signor Cardinale Arcivescovo ANGELO SCOLA

ARCIDIOCESI DI MILANO. Solenne ingresso in Diocesi di Milano di Sua Eminenza Rev.ma il Signor Cardinale Arcivescovo ANGELO SCOLA ARCIDIOCESI DI MILANO Solenne ingresso in Diocesi di Milano di Sua Eminenza Rev.ma il Signor Cardinale Arcivescovo ANGELO SCOLA Milano, Basilica di Sant Eustorgio 25 settembre 2011 ARCIDIOCESI DI MILANO

Dettagli

Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo quel Gesù lì è il suo Creatore, è il suo Dio

Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo quel Gesù lì è il suo Creatore, è il suo Dio Il Credo Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo, nato da Maria, nato a Betlemme, vissuto a Nazareth, quel Gesù di cui parlano i vangeli di Matteo, Marco, Luca, Giovanni, quel Gesù

Dettagli

CURRICULO VERTICALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA TRE ANNI

CURRICULO VERTICALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA TRE ANNI CURRICULO VERTICALE DI RELIGIONE CATTOLICA PER LA SCUOLA DELL INFANZIA TRE ANNI Traguardi per lo sviluppo delle competenze Obiettivi di apprendimento Contenuti A. IL SE E L ALTRO: Scopre nel Vangelo la

Dettagli

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la mamma di Gesù, tante preghiere; ogni preghiera ricorda

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

CANTI PROPOSTI SU CELEBRIAMO LA DOMENICA, foglietto ad uso delle comunità ambrosiane per le celebrazioni festive editrice Ancora

CANTI PROPOSTI SU CELEBRIAMO LA DOMENICA, foglietto ad uso delle comunità ambrosiane per le celebrazioni festive editrice Ancora CANTI PROPOSTI SU CELEBRIAMO LA DOMENICA, foglietto ad uso delle comunità ambrosiane per le celebrazioni festive editrice Ancora MISTERO DELLA PASQUA lezionario festivo anno C Sabato 13 febbraio 2016,

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA.

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA. Campi di esperienza IL SE E L ALTRO ISTITUTO COMPRENSIVO DI PETRITOLI CURRICOLO IN VERTICALE DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2013/2014 SCUOLA DELL INFANZIA Traguardi per lo sviluppo delle Obiettivi

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

Maschio e femmina li creò (Gen 1, 27)

Maschio e femmina li creò (Gen 1, 27) Maschio e femmina li creò (Gen 1, 27) Un messaggio sul sacramento del matrimonio Lettera pastorale per la Quaresima 2011 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Cari fratelli e sorelle nel Signore La

Dettagli

La Messa. in rito ambrosiano. spiegata. ai bambini. e non solo

La Messa. in rito ambrosiano. spiegata. ai bambini. e non solo La Messa in rito ambrosiano spiegata ai bambini e non solo 2 3 RITI DI INTRODUZIONE! Le parti più importanti: Riti di introduzione Accoglienza Canto d ingresso Atto penitenziale Liturgia della parola Inno

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

Leggete le Beatitudini, vi farà bene.

Leggete le Beatitudini, vi farà bene. Il tema della XXXI Giornata Mondiale della gioventù Cracovia 2016 - è racchiuso nelle parole Beati i misericordiosi, perché troveranno misericordia (Mt 5:7). Il Santo Padre Francesco ha scelto la quinta

Dettagli

ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA

ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA ANNIVERSARIO DELLA DEDICAZIONE DELLA PROPRIA CHIESA Solennità SALUTO La grazia e la pace nella santa Chiesa di Dio siano con tutti voi. E con il tuo spirito. L. Oggi la nostra comunità è in festa, ricordando

Dettagli