Periodico della FILT CGIL Milano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Periodico della FILT CGIL Milano"

Transcript

1 La CGIL tra i lavoratori ATM L'anno 2005 volge al termine e, come di consueto, è tempo di bilanci e verifiche; sentiamo il bisogno di comunicarti ancora una volta la nostra gratitudine per la tua scelta di organizzarti nelle file della CGIL per tutelare i tuoi diritti di lavoratrice/lavoratore. Ci auguriamo che riconfermerai questa scelta per il 2006: oggi come non mai c è bisogno di organizzarsi, di partecipare, di creare un fronte comune e compatto dei lavoratori da contrapporre alle logiche d interesse delle controparti. Governo e Comune, in completa sintonia, attaccano duramente i nostri diritti, conquistati e consolidati negli anni; i lavoratori ne pagano le conseguenze. ATM va anche oltre, si dichiara disponibile a grandi concertazioni, ma spesso è insofferente alle relazioni sindacali, non rispetta gli accordi nazionali ed aziendali; ieri ha attaccato i lavoratori sulle retribuzioni (mentre a Milano e nel paese c è un emergenza salariale perché i lavoratori non arrivano a fine mese) oggi sulla malattia non riconoscendo, solo a Milano, l accordo nazionale. L incertezza in ATM ormai tiene banco da troppo tempo, i lavoratori vivono un momento difficile, la transizione sembra senza fine, si ha l idea di un azienda abbandonata a se stessa e priva di ogni strategia. Sembra che i sacrifici fatti dai lavoratori in questo ultimo decennio, denso di riorganizzazioni, non sia servito; segnali preoccupanti arrivano anche dagli utenti a seguito dei crescenti disservizi prodotti a vario titolo e spesso conseguenza dei tagli e delle riduzioni dei servizi stessi. Il sindacato non si può permettere di andare in ordine sparso, è suo dovere organizzare al meglio i lavoratori per dare risposte adeguate. E' necessario dare fiducia alla CGIL, al Sindacato Confederale e trovare momenti di sintesi per sconfiggere il modello Milano, che ha fatto pagare un duro prezzo ai lavoratori, ma anche ai milanesi. La CGIL è un soggetto sociale in grado di assumersi responsabilità anche onerose quando si tratta di tutelare segue nell ultima pagina Periodico della FILT CGIL Milano

2 pag. 1 e 12 pag. 2 e 7 pag. 3-7 pag. 8 pag. 8 pag. 11 S O M M A R I O La CGIL tra i lavoratori ATM Seicento parole Riassetti societari: saremo tutti miracolati o tutti precari? Mondo A.T.M. Socetarizzazione dell Azienda Trasporti Milanesi S.p.A. Trattenute Busta Paga Rinnovo CCNL A proposito delle emergenze di Pronto Soccorso Un binomio inseparabile: servizi igienici e bisogni fisiologici Gocce Congresso CGIL Milano AAA Cercasi volontari per riparare orologi a muro Qui officina Quale qualità? Previdenza Pensioni: dopo la controriforma del Governo Berlusconi L. 243/2004 Seicento parole Riassetti societari: saremo tutti miracolati o tutti precari? I tempi di definizione del riassetto societario si avvicinano; siamo in dirittura d arrivo, ma i quesiti e le perplessità dell operazione permangono tra i lavoratori. Si fa presto a dire che si cambia tutto per non cambiare niente, cambia sì, e non si dovrà precarizzare il lavoro. I cambiamenti dovranno essere una opportunità di risoluzione dei problemi ancora aperti, per mettere ordine affinché l approdo nelle nuove società non si trascini situazioni non solo di conflitto, ma di iniquità. Partire dunque col piede giusto e dare certezze ai lavoratori ed alle loro famiglie di continuità produttiva, retributiva ed occupazionale e rispondere alle loro legittime preoccupazioni! Questo è necessario, questo è un dovere di una classe dirigente. Quali sono le domande più frequenti alle quali si deve dare rassicurazioni, da parte della direzione? Proviamo a sintetizzarle: 1) Quale sarà il contratto collettivo nazionale di lavoro per i dipendenti delle società? 2) Quali saranno le nuove relazioni industriali e chi sarà la controparte, l interlocutore delle istanze dei lavoratori? 3) Quali saranno gli obbiettivi occupazionali del Gruppo? Quali politiche verso il personale in servizio e quello di futura assunzione? 4) Quali saranno i nuovi sistemi di turnazione nelle società eventualmente spezzettate? 5) Come si integreranno gli obbiettivi delle società nella formalizzazione del piano del trasporto pubblico offerto nell area metropolitana? 6) Quali regole, quali criteri governeranno le esternalizzazioni nelle diverse società costituite? 7) Quali misure saranno adottate per contrastare un eventuale dumping contrattuale? Senza per questo deprimere le professionalità e capacità individuali? 8) Come si svilupperà la contrattazione aziendale? Si vuole riconoscere da subito che non è nelle intenzioni di alcuno la decontrattualizzazione collettiva dei rapporti? 9) Nelle società del gruppo sarà perseguita una sola politica del personale? Come si attingeranno le risorse umane già disponibili, saranno prese in considerazione le aspettative di trasferimento? segue a pag. 7 2

3 Mondo A.T.M. Societarizzazione dell Azienda Trasporti Milanesi S.p.A. Che cosa vuol dire? Perché si vuole fare? A che punto è? Il Consiglio di Amministrazione di ATM il ha approvato il riassetto societario aziendale. La proposta di societarizzazione (divisione in più società) deriva da precedenti orientamenti della Giunta Comunale Milanese risalenti al 2004 ed è stata, quindi, condivisa da ATM. La decisone di societarizzare, nelle forme successivamente illustrate, è stato a fine luglio approvata dalla giunta del Comune di Milano e attende ora il passaggio in aula consiliare per l approvazione definitiva. Inoltre ATM, con il consenso del suo unico azionista, il Comune di Milano, ha partecipato alle gare per l assegnazione dei pubblici servizi di trasporto nell area Milanese e Provinciale. Deve conseguentemente rispettare le disposizioni del Decreto legislativo 422/97 e sue successive modifiche ed le integrazioni della legge regionale 22/98, che impongono la separazione della proprietà delle reti e dei mezzi di trasporto dalla gestione del servizio, recependo le norme Europee che superano l assegnazione diretta dei servizi di TPL (Trasporto Pubblico Locale ) e prevedono l assegnazione degli stessi tramite gara d appalto. Da queste ultime sono escluse le aziende che non provvedono, entro i termini previsti, alle richiamate separazioni societarie. La normativa nazionale fissa questi termini al , quella regionale al Il servizio dovrebbe essere erogato a partire da tali date solo tramite gara; ATM opera in regime di proroga con delibera regionale del con un termine già scaduto il Ricordiamo inoltre che è in fase di approvazione la facoltà di prorogare i tempi della gare operate da parte delle regioni. E stato previsto che le regioni possano prorogare per 4 anni, e quindi sino al , le attuali concessioni se in presenza di: o cessione del 20% del capitale sociale o del 20% dei servizi eserciti o che si sia data nascita ad una nuova società dalla fusione di almeno due o si sia dato vita ad una società consortile. Le norme sopra citate obbligano il Comune di Milano 3 a dividere ATM in due società mentre la Giunta di Milano ha invece deliberato di dividerla in 5: una holding capogruppo e quattro società. Siamo ancora in una fase in cui regna una grande confusione sia normativa che aziendale: ciò produce un quadro di incertezze e preoccupazione tra i lavoratori per il proprio futuro. Vediamo in dettaglio: La holding ATM sarà la società capogruppo, possiederà le azioni delle quattro società ed eserciterà l indirizzo, le strategie ed il coordinamento delle società controllate. Sarà proprietaria degli immobili, del parco veicoli, del sistema per la riscossione degli introiti dai biglietti, sarà titolare dell attuale Contratto di Servizio con il Comune per la gestione del trasporto a Milano, gestirà pubblicità e spazi commerciali, conserverà la concessione per la gestione dei parcheggi e della sosta, compresa l attività di controllo della stessa svolta dagli ausiliari alla sosta. Si occuperà per l intero gruppo: di amministrazione, finanza, del controllo di gestione, del legale, dell approvvigionamento e della comunicazione. Avrà una forza di circa 1040 dipendenti, i rimanenti 7620 addetti saranno collocati nelle società controllate. ATM Servizi avrà una forza di circa 6100 dipendenti che faranno capo alle attività di programmazione, gestione e controllo del servizio all utenza con le modalità oggi in atto, Autobus, Tram, Filovie, Metropolitane, Radiobus, servizio di collegamento con l Ospedale S. Raffaele, eventuali nuovi servizi turistici e di noleggio. Sarà inoltre titolare della concessione dei servizi automobilistici extraurbani provinciali. In tale società confluirà la manutenzione oggi fatta nei depositi ed il pronto intervento sul parco veicoli, con il relativo personale oggi impegnato. La società parteciperà alle gare per l area urbana di Milano ed in altre aree. Si occuperà dell assunzione dell addestramento e dello sviluppo di carriera del personale in forza. ATM Sistemi avrà in forza circa 1400 dipendenti. Si occuperà di: manutenzione, riparazione ed innovazione del parco veicoli e del patrimonio, della manutenzione, innovazione, ampliamento e gestione degli impianti, delle infrastrutture, delle reti di trasporto e di quelle di sosta e parcheggio. Si occuperà di assunzioni,addestramento e sviluppo di carriera del personale in forza.

4 SITAM Società Integrazione Tariffaria Area Metropolitana, avrà in forza circa 100 dipendenti seguirà: il sistema tariffario integrato, la predisposizione, la gestione e la distribuzione dei documenti di viaggio, dei contratti con le rivendite, del centro elaborazione dati riguardante il sistema di bigliettazione elettronico - magnetica, dei contratti con i concessionari aderenti al sistema tariffario integrato, delle macchine per la distribuzione dei biglietti. Si occuperà di assunzioni, addestramento e sviluppo di carriera del personale in forza. ATM Sviluppo non avrà, al momento, personale. L organico e la struttura dipenderanno dai tempi e dai modi con cui le nuove attività si svilupperanno, si occuperebbe di: studi e ricerche, progettazioni, realizzazioni e gestione di parcheggi e aree di sosta anche per conto terzi, studio e gestione dei sistemi di logistica urbana per la distribuzione delle merci, sistemi di progettazione, realizzazione e gestione di sistemi di reti di comunicazioni radioelettroniche telefoniche, consulenze nel settore assicurativo compresi i metodi di istruzione e liquidazione sinistri, valorizzazione patrimonio immobiliare del gruppo, partecipazione a grandi appalti di opere legate all attività del TPL, e di ogni altra attività suscettibile di accrescimento delle componenti ricavi del bilancio. La costituzione di queste società avverrà tramite scorporo, con il conferimento o la cessione di rami d azienda da parte dell attuale società ATM. Si darebbe priorità in una prima fase alla costituzione della holding (ATM SpA) e di ATM Servizi. Analisi e posizione della CGIL Il nuovo assetto societario in via di realizzazione con un frazionamento esasperato dell ATM pone seri interrogativi sull effettivo controllo che il Comune di Milano potrà esercitare sulle società originate e su quelle che le stesse potrebbero produrre con ulteriori scissioni o scorpori. Resta per noi prioritaria una strategia dell azionista che mantenga saldamente il controllo delle varie imprese attraverso ATM SpA. La presenza di aziende internazionali di notevoli dimensioni (25/32 mila dipendenti) che si stanno posizionando sul mercato italiano e lombardo è la conferma della necessità di mantenere ed anzi favorire la nascita e l aggregazione di imprese di grandi dimensioni. La grande impresa ha un patrimonio di conoscenze e tecnologia più completo ed è in grado di produrre meglio a costi competitivi, è capace di fornire un servizio di qualità all utenza e, contemporaneamente, garanzie occupazionali e contrattuali ai lavoratori. Una certezza c è nel nuovo assetto societatario: 4 l incremento dei costi derivanti dalla duplicazione degli apparati dirigenti e dei consigli di amministrazione. Infatti la delibera prevede che l incremento dei costi di gestione derivanti dalla costituzione di più società saranno recuperati con l efficientamento dei processi produttivi. La Cgil e le altre organizzazioni sindacali confederali sono pertanto impegnate a contrastare una divisione societaria fine a se stessa, sottolineando che le decisioni finali del Consiglio Comunale saranno valutate nel merito e i lavoratori saranno chiamati alla mobilitazione e alla lotta in assenza di garanzie irrinunciabili quali: la definizione della strategia di ATM holding sulle società previste, con chiarezza sugli obiettivi economici, sulle missioni di ogni impresa, sui dati economici e patrimoniali, sull unicità aziendale e sulla forte integrazione delle attività; la definizione del contratto nazionale applicato a tutte le imprese e a tutti i lavoratori del gruppo. Tale richiesta è irrinunciabile a maggior ragione dopo l uscita di ATM da ASSTRA e dopo la mancata, al momento, applicazione dell accordo nazionale sulla malattia del E inoltre la formalizzazione al sindacato del mantenimento degli accordi sottoscritti nel corso del tempo da ASSTRA in nome e per conto di ATM; il mantenimento di tutti gli accordi aziendali, delle prassi in uso e di tutte le strutture sociali presenti; l accordo che anticipi il passaggio dei dipendenti e chiarisca l insieme delle questioni oggetto di discussione; la definizione del sistema delle relazioni industriali, dei diritti sindacali e delle modalità con le quali i lavoratori eserciteranno, attraverso l elezione delle RSU, il loro diritto di rappresentanza. L avvio dopo lo sciopero del 4 ottobre di una fase di confronto con ATM, pur se ancora allo stadio preliminare, e che dovrà puntare ad un intesa con le organizzazioni sindacali su questo tema e sulle questioni più generali aperte, compresa l indennità di malattia, è valutata positivamente dal sindacato. Nei prossimi giorni valuteremo la reale volontà al tavolo della trattativa e, nel caso registrassimo l ennesimo tergiversare, assumeremo le iniziative conseguenti. Il sindacato confederale, la CGIL in particolare, sono fortemente impegnati a chiudere con successo questa vertenza, consapevoli di esercitare la tutela di diritti fondamentali dei lavoratori di ATM, per garantire il loro futuro, conoscere il destino dell impresa, conciliare un lavoro impegnativo e faticoso al servizio della collettività con la dignità e la garanzia occupazionale e il rispetto dei diritti. Emilio Savino

5 Trattenute Busta Paga Dopo la pubblicazione delle competenze di alcuni listini paga, pubblichiamo le modalità del calcolo delle trattenute per una lettura completa della busta paga. La determinazione della base imponibile da assoggettare a tassazione ai fini dell IRPEF è costituita dal reddito complessivo del lavoratore al netto degli oneri deducibili, della deduzione per assicurare la progressività dell imposta di cui all art. 11 TUIR, nonché delle deduzioni per oneri di famiglia di cui all art. 12 del TUIR. Prendiamo ad esempio il listino paga di un Operatore d Esercizio al parametro 158 (*) pubblicato nel n. 1 di. Le trattenute sono così composte: Codici Importo Descrizione Note 1806,00 Imponibile previdenziale ,22 Trattenuta assistenza volontaria Trattenuta dello 0,40% ,55 Trattenute previdenziali INPS Trattenuta dello 8,89% 1638,23 Imponibile fiscale lordo -254,00 Deduzione fiscale (no tax area) 1384,23 Imponibile fiscale netto -318,37 Ritenute IRPEF trattenuta del 23% 1319,85 Retribuzione netta a listino paga NO TAX AREA: Calcolo della deduzione per la progressività spettante la deduzione teorica art. 11 reddito complessivo = 0, deduzione effettiva spettante 7500x0,4063=3048 reddito imponibile 22935, ,00 = 19887, ,00 :12 deduzione mensile = 254,00 Scaglioni di reddito tassazione Annuali Mensili % Da A Da A 0, ,00 0, ,67 23% , , , ,67 33% , , , ,34 39% , ,34 43% 5

6 NO TAX FAMILY AREA: come si calcola la deduzione effettiva spettante per i figli e/o il coniuge a carico. Esempio per1figlio a carico al 100% di età superiore ai 3 anni = 0, deduzione effettiva spettante 2900 x0, = 2067,77 Attenzione: con il nuovo meccanismo, non è neutrale determinare a quale genitore sono dichiarati a carico i figli. Il reddito di un coniuge piuttosto che l altro influisce parecchio nel determinare la deduzione effettiva spettante per i figli a carico. Inoltre, in relazione al domicilio fiscale al si è obbligati al pagamento dell addizionale regionale all IRPEF nella misura dello 0,90%. Le regioni possono deliberare una maggiorazione dell aliquota. Possono essere previste differenti condizioni soggettive di aliquote agevolate per alcuni soggetti, in Lombardia: da 0,00 a 15493,71 = 1,20% sull intero importo da 15493,72 a 30987,41 = 1,30% oltre 30987,41 = 1,40%. Se deliberata dal Comune anche l addizionale comunale all IRPEF. (*) Esempio esplicativo e non esaustivo Francesco Morisano Rinnovo CCNL Il 2 dicembre è stata inviata dalle segreterie Nazionali di, Fit Uilt ad ASSTRA e ad ANAV la lettera, che di seguito pubblichiamo, in merito alla presentazione della piattaforma rivendicativa per il rinnovo del 2 biennio economico , del CCNL TPL. Con il rinnovo del CCNL, a novembre 2004, le Organizzazioni Sindacali e le Associazioni datoriali, consapevoli dell importanza che rivestono le relazioni sindacali nel processo di riforma del TPL, hanno investito sulla possibilità delle parti sociali di chiudere la vertenza al tavolo negoziale, senza la mediazione istituzionale. Gli Enti Locali, le Regioni ed il Governo sono stati coinvolti per la necessaria assunzione di responsabilità in merito alla definizione delle regole e per garantire le indispensabili coperture finanziarie. Il rinnovo contrattuale ha rappresentato l inizio del percorso di ripristino della normale conduzione delle relazioni sindacali, anche attraverso il riconoscimento del diritto dei lavoratori alla tutela del reddito e delle condizioni di lavoro. Il ricordo e la crisi conseguita alla situazione determinatasi nel settore in occasione del precedente rinnovo del 2 biennio (2002/2003) sono però ancora presenti ed esigono la massima attenzione da parte di tutti i soggetti interessati. Pertanto nell inviare la piattaforma rivendicativa per il rinnovo del 2 biennio economico 2006/2007 del CCNL, le Organizzazioni sindacali si aspettano un negoziato rapido da concludere al tavolo di confronto tra le parti sociali. La difficile situazione congiunturale del Paese ha prodotto una erosione del potere d acquisto dei redditi da lavoro dipendente, provocando una riconosciutat emergenza salariale a cui i rinnovi contrattuali devono dare risposte adeguate. Considerato l andamento dell inflazione e la necessità di tutelare il reddito le OO.SS. avanzano la richiesta di rivalutazione del 6% delle retribuzioni pari ad un valore, al parametro medio concordato di Euro Le scriventi Organizzazioni Sindacali FILT-CGIL, FIT-CISL, UILTRASPORTI chiedono formalmente alle Associazioni in indirizzo l apertura del confronto di merito, per il rinnovo del biennio economico del CCNL. 6

7 segue da pag. 2 10) Quale ruolo questa holding vorrà assumere nel grande mercato del trasporto pubblico, come vorrà relazionarsi con le imprese minori del settore? 11) Siamo consapevoli che ATM abbia e sappia esercitare una forte ascendenza, che sappia e possa mettere a disposizione del settore una grande capacità di problem-solving nei più svariati campi, che possa offrire le proprie conoscenze alle imprese minori. Tutto ciò potrà essere nuovo lavoro; siamo indirizzati verso queste mete? 12) Saremo miracolati dagli eventi del riassetto o diventeremo tutti precari? Nel lavoro, nella retribuzione, nei rapporti gerarchici, nelle progressioni di carriera, nei diritti? Senz altro numerose sono le domande che Attilio ha in mente, Attilio fu un personaggio simpatico, lo stereotipo del tranviere che non vorremmo andasse in pensione. Il sindacato c è, anche la direzione c è? A proposito delle emergenze di Pronto Soccorso Il 24/8/05 un drammatico evento ha brutalmente scosso tutti i lavoratori di Teodosio: un collega, neppure quarantenne, è stato colpito da un infarto mortale. L intervento di primo soccorso e le manovre di rianimazione effettuate dall infermeria di Teodosio non sono serviti a salvarlo a causa della gravità dell arresto cardiaco. Tuttavia mi è parso opportuno domandarmi se, a livello aziendale, sia stata rivolta in tutti questi anni un adeguata attenzione agli interventi di primo soccorso. La formazione, l addestramento e l aggiornamento delle squadre di pronto soccorso, istituite con la legge 626/1994, sono regolate dal D.M 388/2003. L aggiornamento formativo è prescritto ogni 3 anni e va considerato un fatto positivo. In analogia a quanto sopra sarebbe opportuno prevedere un adeguato aggiornamento formativo nei confronti della figura professionale dell infermiere Mi chiedo quale sia il criterio adottato per creare questi gruppi e se viene tenuto conto di esperienza, attitudine e modi di agire in situazioni critiche; saranno sostituiti, e con quali criteri, coloro che sono usciti dall azienda? Si dovrebbero anche valorizzare i lavoratori e le lavoratrici che svolgono il ruolo infermieristico, senza per questo sottovalutare i gruppi di primo soccorso istituiti per legge ma che abitualmente svolgono altre mansioni. Gerardo Carbone Un binomio inseparabile: servizi igienici e bisogni fisiologici Credo necessario portare all attenzione di tutti su un problema troppo a lungo sottovalutato: poter soddisfare i bisogni fisiologici durante il servizio. L azienda, in un passato recente, per raffreddare la tensione tra i lavoratori e sedare le polemiche, ha installato alcuni SIM (Servizi Igienici Mobili) in diversi capilinea; una soluzione tampone dettata dalla convenienza del momento che, con il passare del tempo, non ha però corrisposto all impegno sottoscritto di completarne l installazione in tutti i capilinea, e che non soddisfa le esigenze dei lavoratori perché i SIM installati sono spesso inutilizzabili a causa di guasti o per le precarie condizioni igieniche. Così ci ritroviamo spesso in situazioni imbarazzanti, costretti a trattenere le nostre impellenze, rasentando il ridicolo con esibizioni di danza del ventre consapevoli che, come attestano alcuni studi clinici anche recenti, a lungo andare tali situazioni possano provocare danni fisici. Un azienda moderna come ATM, sempre attenta a promettere un servizio di qualità alla clientela, dovrebbe aumentare anche gli sforzi per cercare di migliorare la vivibilità del luogo di lavoro che, in questo caso, significa anche fornire un servizio primario, come quello sopra descritto, ai conducenti. Pasquale Annunziata 7

8 Gocce Congresso Cgil Milano Nei giorni 14 e 15 dicembre 05 si è svolto presso il Centro Congressi ex Stelline a Milano il congresso della CGIL Milano. Nino Cortorillo è stato rieletto Segretario della milanese. La redazione di si congratula e gli augura buon lavoro. AAA Cercasi volontari per riparare orologi a muro. È desolante constatare come nel deposito Leoncavallo, non conosco le altre realtà aziendali, non si trovi un orologio a muro aziendale che funzioni. Vane ed inevase sono state tutte le richieste fatte per poterli riparare. È sconfortante se pensiamo che la misurazione del tempo è un fattore importante, da tenere in costante e attenta considerazione per l organizzazione e la produzione del servizio: gli orari di partenza, di presentazione, le soste programmate, le uscite. Questa segnalazione ha lo scopo di evidenziare questa carenza e di stimolare i responsabili a provvedere alla riparazione degli orologi: meglio tardi che mai! 8 Qui officina Quale qualità? Da qualche anno l azienda si è posta l obbiettivo di ottenere la certificazione di qualità. Questa scelta si è resa necessaria per poter mantenere una certo livello nel sistema di servizio pubblico che si basa sulla competitività e sull efficienza, in modo da soddisfare le esigenze di chi lo deve utilizzare. La Divisione Officine ha ottenuto la certificazione l anno scorso, e il direttore ne ha subito informato i lavoratori con un comunicato e successivamente con delle lettere nelle quali si chiedeva ai lavoratori la condivisione dell obbiettivo per contribuire al miglioramento costante del prodotto finale, si è tenuto anche un corso per illustrare a tutti i dipendenti della DOF i benefici che la qualità dovrebbe dare alle officine. A mio giudizio l azienda sta commettendo un errore di carattere organizzativo. Per puntare sulla qualità si deve avere un sistema organizzativo perfetto, come una parte meccanica che per funzionare bene deve essere ben oliata, altrimenti rischia di bloccarsi. Invece l organizzazione aziendale oggi non permette una programmazione che punti alla qualità: il materiale necessario a volte manca e ciò causa il blocco della produzione e, quando arriva, spesso non è utilizzabile perché il disegno fornito alla ditta che effettua il lavoro non è aggiornato con le modifiche avvenute nel tempo. Nonostante sia stato introdotto il programma Sap (sistemi applicazioni prodotti) da un paio di anni, non si è ancora riusciti ad avere i pezzi di ricambio in tempo utile per il montaggio con gravi ritardi nella manutenzione del materiale. Il coinvolgimento dei lavoratori può avvenire se il rapporto tra i diversi livelli di responsabilità è improntato al rispetto, alla fiducia e alla collaborazione, non serve avere chi comanda e chi solo deve ubbidire. Motivare, coinvolgere e sviluppare le risorse umane, così era scritto nella lettera firmata dal direttore della DOF; sono rimaste parole vuote senza senso, anzi in alcuni casi si è addirittura perseguita una politica tesa ad esasperare il rapporto (mancate progressioni di carriera, difficile gestione delle ferie, mancato rispetto degli accordi). Alla luce di questi fatti è difficile essere motivati e impegnarsi per migliorare le lavorazioni e la loro qualità. Ci auguriamo che dopo tante parole arrivino i fatti, potremo così verificare se coloro che gestiscono questa azienda hanno veramente a cuore le sue sorti. Gerardo Carbone

9 Previdenza Pensioni: dopo la controriforma del governo Berlusconi L. 243/2004 Pensioni di anzianità sistema retributivo e misto per i lavoratori dipendenti in vigore dal 1 gennaio 2008 Requisiti lavoratori dipendenti pubblici e privati Anno Età anagrafica Anzianità va OPPURE Anzianità va 40 anni di, indipendentemente dall età anagrafica Il governo potrà, con successivo decreto legislativo e compatibilmente con le finalità finanziaria, definire termini di decorrenza diversi. Pensione sistema vo (assunti dopo 1 gennaio 1996) Il requisito anagrafico per accedere alla pensione di anzianità è elevato a 60 anni per le donne ed a 65 per gli uomini con almeno 5 anni di : l età pensionabile non è più flessibile come prima (da 57 a 65 anni di età). Si può accedere poi alla pensione, con 40 anni di, o con gli stessi requisiti del retributivo (età + vedi tabella precedente). In sintesi: sarà obbligatorio andare in pensione più tardi e per le donne scompare la pensione di anzianità, poiché i 60 anni necessari coincideranno con l età della pensione di vecchiaia. La pensione si allontana Adesso Chi ha sia i requisiti di età che quelli vi va in pensione da tre a sei mesi dopo la data in cui li raggiunge. Chi invece ha i requisiti vi ma non l età, va in pensione un anno dopo. Dopo Chi ha sia i requisiti di età che quelli vi va in pensione da sei a nove mesi dopo la data in cui li raggiunge. Chi invece ha i requisiti vi ma non l età, va in pensione un anno e mezzo dopo. 9

10 TABELLA RIEPILOGATIVA DEI REQUISITI PER IL DIRITTO E DELLE CONDIZIONI DELLA PENSIONE ANTICIPATA (Riforma Dini) Data di maturazione requisiti Requisiti e condizioni Decorrenza - 35 anni di e 57 anni di età 30 settembre dicembre marzo giugno settembre dicembre marzo giugno settembre dicembre anni di e 56 anni di età se categoria protetta - 38 anni di - 35 anni di e 57 anni di età - 35 anni di e 56 anni di età se categoria protetta - 38 anni di - 35 anni di e 57 anni di età entro il anni di e 57 anni di età entro il anni di e 57 anni di età - 39 anni di - 35 anni di e 57 anni di età - 39 anni di - 35 anni di e 57 anni di età entro il anni di e 57 anni di età entro il anni di e 57 anni di età - 39 anni di - 35 anni di e 57 anni di età - 39 anni di 1 gennaio aprile luglio ottobre gennaio aprile luglio ottobre gennaio aprile 2008 Pensieri firmati La differenza di opinioni conduce alla ricerca, la ricerca conduce alle verità Thomas Jefferson Dove c è una grande volontà non possono esserci difficoltà Niccolò Machiavelli Guarda lontano e quando pensi di aver guardato lontano, guarda ancora più lontano Baden - Powell 10

11 Tabella 1) Lavoratori Uomini con contribuzione esclusivamente da lavoro dipendente (riforma Berlusconi) Requisito maturato entro Requisiti Finestra pensione Tabella 2) Lavoratrici Donne con contribuzione esclusivamente da lavoro dipendente (riforma Berlusconi) Requisito maturato entro Requisiti Finestra pensione 30/06/ /12/ /06/ /12/ /06/ anni di età e 35 anni di anni di età e 35 anni di 60 anni di età e 35 anni di anni di età e 35 anni di /01/ /07/ /01/ /07/ /01/ /06/ /12/ /06/ /12/2009 con importo liquidato vo 01/01/ con importo liquidato vo 01/07/2009 con importo liquidato vo 01/01/ con importo liquidato vo 01/07/ /12/2010 0/06/ /12/ /06/ /12/ /06/ /07/ /01/ /07/ /01/ /07/ /01/ /06/ /12/ /06/ /12/ /06/2012 con importo liquidato vo 01/01/ con importo liquidato vo 01/07/2011 con importo liquidato vo 01/01/ con importo liquidato vo 01/07/2012 con importo liquidato vo 01/01/

12 gli interessi generali dei lavoratori, quando si tratta di stringere accordi impegnativi e difficili, ma di prospettiva per i lavoratori e le loro famiglie. Nel difendere gli interessi dei lavoratori la CGIL non perde mai di vista l interesse generale del Paese, nella convinzione che vi sia grande assonanza tra i due obiettivi. Rinnovo RSU/RLS Il 2006 inizierà per i lavoratori con un appuntamento molto importante, si voterà per il rinnovo delle RSU/RLS in ATM. Un momento importantissimo per la democrazia della rappresentanza sui luoghi di lavoro. Una scelta decisiva in un quadro preoccupante per l'occupazione, per i diritti contrattuali in ATM. La CGIL lavorerà con tenacia per coinvolgere i lavoratori ad una partecipazione attiva: nella candidatura nella propria lista, nella partecipazione al voto e nella scelta dei candidati della CGIL. Francesco Morisano Ti aspettiamo per un 2006 fatto non solo di adesione alla CGIL ma anche d impegno attivo che ti veda protagonista del tuo futuro di lavoratore e cittadino di questo Paese. La redazione di, augura a tutti voi e famiglie buon anno!! Periodico della CGIL Milano - Lombardia. Supplemento al n. 47 di NOSTOP, periodico della CGIL Lombardia. Responsabili di Redazione: Cristina Amidani, Francesco Morisano. Hanno collaborato: Cristina Amidani, Pasquale Annunziata, Gerardo Carbone, Nino Cortorillo, Giuseppe Longhin, Francesco Morisano e Emilio Savino Progetto Grafico: Marzia Passarotti. Redazione: CGIL Via San Gregorio, Milano Tel / Fax sito web: Numero chiuso il 28 dicembre 2005 stampato in proprio.

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ANZIANITÀ DI SERVIZIO QUESITO (posto in data 11 luglio 2013) Sono Dirigente Medico di primo livello dal marzo del 2006 e di ruolo, senza interruzioni di servizio, dal luglio 2007. Mi hanno già

Dettagli

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee

La riforma delle pensioni. Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee La riforma delle pensioni Obiettivi e strumenti Nuove regole Misure temporanee Obiettivi Strumenti 2 Obiettivi e strumenti della riforma sostenibilità I REQUISITI DI PENSIONAMENTO SONO LEGATI ALLA LONGEVITA'

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

CONCILIAZIONE NELLA POLITICA DELE PARTI SOCIALI Roma, 2 ottobre 2012

CONCILIAZIONE NELLA POLITICA DELE PARTI SOCIALI Roma, 2 ottobre 2012 CONCILIAZIONE NELLA POLITICA DELE PARTI SOCIALI Roma, 2 ottobre 2012 ACCORDI SINDACALI BITRON SpA IL CONTESTO Il Gruppo Bitron è presente nella provincia di Cuneo con due unità produttive In provincia

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli

Tabelle retributive CASE DI CURA TABELLE RETRIBUTIVE DI ALCUNI CCNL

Tabelle retributive CASE DI CURA TABELLE RETRIBUTIVE DI ALCUNI CCNL TABELLE RETRIBUTIVE DI ALCUNI CCNL Tabelle retributive Una volta trovato il salario lordo, per calcolare il netto vedere IN FONDO Casa di cura Commercio Edilizia Metalmeccanica Pulizie Telecomunicazioni

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

LA STORIA DI UN VIAGGIO ACCIDENTATO PER LE SCELTE DELLA POLITICA.

LA STORIA DI UN VIAGGIO ACCIDENTATO PER LE SCELTE DELLA POLITICA. DOV'ERA LA CGIL? Al quesito post ideologico che as silla il presidente del consiglio dei ministri, Matteo Renzi, tentiamo di dare una risposta per i fatti e non per l'ideologia. Era il 2009 e la CGIL scriveva

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015 PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015 A seguito delle riunioni con le strutture regionali, sono state approfondite le tematiche relative al rinnovo

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

Certificazione dei redditi - 1/6

Certificazione dei redditi - 1/6 PR O TOC OL L O Mod. RED - COD. AP15 Certificazione dei redditi - 1/6 ALL UFFICIO INPS DI COGNOME NOME CODICE FISCALE NATO/A IL GG/MM/AAAA A PROV. STATO RESIDENTE IN PROV. STATO INDIRIZZO CAP TELEFONO

Dettagli

CCNL Mobilità/Area AF 20.7.2012. CCNL della Mobilità/ Area contrattuale Attività Ferroviarie del 20 luglio 2012

CCNL Mobilità/Area AF 20.7.2012. CCNL della Mobilità/ Area contrattuale Attività Ferroviarie del 20 luglio 2012 CCNL della Mobilità/ Area contrattuale Attività Ferroviarie del 20 luglio 2012 di rinnovo del CCNL delle Attività Ferroviarie del 16 aprile 2003 1 PREMESSA (Nuovo CCNL della Mobilità) Le parti, visto il

Dettagli

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO

ACCORDI EXPO PER IL LAVORO ACCORDI EXPO PER IL LAVORO Milano, 27 aprile 2015 Il 26 marzo scorso tra Unione Confcommercio Milano e le organizzazioni sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano e di

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A.

LO STANDARD SA8000 ALPHAITALIA GENERALITA. S.p.A. GENERALITA ALPHAITALIA Spa ha deciso di adottare, integrare nel proprio sistema di gestione (insieme agli aspetti dell assicurazione qualità, della gestione ambientale e della sicurezza sul luogo di lavoro)

Dettagli

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA Istituto Nazionale Previdenza Sociale ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA (articolo 23 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600 e successive modifiche e integrazioni) In base all art. 7, D.L. n. 70/2011 non è più obbligatorio

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia

Per saperne di più. L evoluzione del sistema pensionistico in Italia Nel corso degli ultimi trent anni il sistema previdenziale italiano è stato interessato da riforme strutturali finalizzate: al progressivo controllo della spesa pubblica per pensioni, che stava assumendo

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI S e z i o n e R e g i o n a l e d i C o n t r o l l o p e r l a L i g u r i a

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI S e z i o n e R e g i o n a l e d i C o n t r o l l o p e r l a L i g u r i a Deliberazione n. 52 /2014 REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI S e z i o n e R e g i o n a l e d i C o n t r o l l o p e r l a L i g u r i a composta dai seguenti magistrati: Ennio COLASANTI Angela PRIA

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO PART TIME PER RICONGIUNGIMENTO FAMILIARE QUESITO (posto in data 23 marzo 2014) Sono una dipendente a tempo indeterminato dal 2010, trasferita in mobilità nel luglio 2011 presso un Azienda Sanitaria

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI

l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI 5 2008 l agenzia in f orma IL FISCO PER IL LAVORATORE DIPENDENTE E LE AGEVOLAZIONI SUGLI STRAORDINARI INDICE 1. IL REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE 2 La definizione 2 I redditi assimilati al lavoro dipendente

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS

Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Come si calcolano,nel 2013, le pensioni dei lavoratori iscritti all INPS Salvatore Martorelli 0 Le regole e il sistema di calcolo delle pensioni INPS I vertiginosi cambiamenti nella normativa sulle pensioni

Dettagli

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti

FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR. Le risposte alle domande più frequenti FONDO MARIO NEGRI GUIDA AL TFR Le risposte alle domande più frequenti Scelta sulla 1. destinazione del Tfr Linee di investimento 2. dedicate al Tfr 3. Prestazioni Regime fiscale delle 4. prestazioni previdenziali

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

IPOTESI DI PIATTAFORMA UNITARIA. FLC Cgil, CISL Scuola, UIL Scuola, CONFSAL/SNALS CCNL ANINSEI 2010-2012

IPOTESI DI PIATTAFORMA UNITARIA. FLC Cgil, CISL Scuola, UIL Scuola, CONFSAL/SNALS CCNL ANINSEI 2010-2012 IPOTESI DI PIATTAFORMA UNITARIA FLC Cgil, CISL Scuola, UIL Scuola, CONFSAL/SNALS CCNL ANINSEI 2010-2012 Art. 2 - Procedure per il rinnovo del CCNL PARTE PRIMA Titolo I Il sistema delle relazioni sindacali

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP)

Riscatto anni di studio e servizio militare. ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) Riscatto anni di studio e servizio militare ENPAM-INPS( Ex-INPDAP) ENPAM Riscatto di Laurea, Specializzazione, Servizio militare o civile Requisiti generali Età inferiore a quella di pensionamento di vecchiaia

Dettagli

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 All'interno: Importo pensioni base; Bonus di 154,94; Quattordicesima sulle pensioni basse; Integrazione al trattamento minimo e integrazione

Dettagli

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps

Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps Numero 75 Gennaio 2014 Testi a cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani Speciale rinnovo 2014 pensioni erogate dall'inps L'INPS ha pubblicato, con propria circolare n^7 del 17/01/2014, le tabelle per

Dettagli

Federazione Italiana Lavoratori Trasporti CONTRATTAZIONE COLLETTIVA NAZIONALE E DISPOSIZIONI LEGISLATIVE AUTOFERROTRANVIERI INTERNAVIGATORI

Federazione Italiana Lavoratori Trasporti CONTRATTAZIONE COLLETTIVA NAZIONALE E DISPOSIZIONI LEGISLATIVE AUTOFERROTRANVIERI INTERNAVIGATORI Federazione Italiana Lavoratori Trasporti CONTRATTAZIONE COLLETTIVA NAZIONALE E DISPOSIZIONI LEGISLATIVE AUTOFERROTRANVIERI INTERNAVIGATORI Febbraio 2013 PRESENTAZIONE Come probabilmente è noto, non esiste

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

Stima della pensione complementare (Progetto Esemplificativo Standardizzato)

Stima della pensione complementare (Progetto Esemplificativo Standardizzato) (Progetto Esemplificativo Standardizzato) Il presente progetto esemplificativo contiene una stima della pensione complementare predisposta per consentirti una valutazione sintetica e prospettica del programma

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

Do.Ma.Consulting S.a.s di Marianna Bertini. Consulenza 360

Do.Ma.Consulting S.a.s di Marianna Bertini. Consulenza 360 Do.Ma.Consulting S.a.s di Marianna Bertini Consulenza 360 Do.Ma.Consulting è DO.MA. Consulting s.a.s. nasce come centro elaborazione dati ed opera principalemente nel settore del lavoro; avvalendosi di

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman.

MODULARE. Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman. La nuova PENSIONE MODULARE per gli Avvocati Chi non prova a crearsi il futuro che desidera deve accontentarsi del futuro che gli capita Draper L. Kaufman Edizione 2012 1 LA NUOVA PENSIONE MODULARE PER

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Art. 1 (Disposizioni di carattere generale)

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Art. 1 (Disposizioni di carattere generale) CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Art. 1 (Disposizioni di carattere generale) 1. I princìpi e i contenuti del presente codice costituiscono specificazioni esemplificative

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

SETTORE AMMINISTRATIVO - ECONOMICO FINANZIARIO COPIA DI DETERMINA CONGIUNTA N. 15 ANNO 2011 DEL 08-07-2011

SETTORE AMMINISTRATIVO - ECONOMICO FINANZIARIO COPIA DI DETERMINA CONGIUNTA N. 15 ANNO 2011 DEL 08-07-2011 SETTORE AMMINISTRATIVO - ECONOMICO FINANZIARIO COPIA DI DETERMINA CONGIUNTA N. 15 ANNO 2011 DEL 08-07-2011 OGGETTO: TRAPANI IACP - DETERMINAZIONE FONDO DI POSIZIONE E DI RISULTATO DEI DIRIGENTI ANNO 2011.-

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

Principi d Azione. www.airliquide.it

Principi d Azione. www.airliquide.it Principi d Azione Codice Etico www.airliquide.it Il bene scaturisce dall'onestà; l'onestà ha in sè la sua origine: quello che è un bene avrebbe potuto essere un male, ciò che è onesto, non potrebbe essere

Dettagli

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale 1 - Individuazione qualifiche e numero di rapporti di lavoro a tempo parziale Il rapporto di lavoro a tempo parziale, anche se a tempo

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche. A.N.A.AM. Scuola. Associazione Nazionale Assistenti Amministrativi

Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche. A.N.A.AM. Scuola. Associazione Nazionale Assistenti Amministrativi A tutti i Colleghi Assistenti Amministrativi delle Segreterie Scolastiche Italiane RIVENDICHIAMO LA QUALIFICA DI VIDEOTERMINALISTA CON UNA PETIZIONE ON LINE AL MINISTERO. Lavoriamo con il computer ma non

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE

I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE Giugno 2014 I Trattamenti di Fine Servizio nel pubblico impiego (TFS-TFR): TEMPI LIQUIDAZIONE a cura di G. Marcante Da 24 a 48 mesi di attesa! come è possibile? Premessa L art. 1, commi 484 e 485 della

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER I DIPENDENTI AVIS DEI PROFILI PROFESSIONALI DIRETTIVO DIRIGENZIALI AMMINISTRATIVI, SANITARI E MEDICI

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER I DIPENDENTI AVIS DEI PROFILI PROFESSIONALI DIRETTIVO DIRIGENZIALI AMMINISTRATIVI, SANITARI E MEDICI CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO PER I DIPENDENTI AVIS DEI PROFILI PROFESSIONALI DIRETTIVO DIRIGENZIALI AMMINISTRATIVI, SANITARI E MEDICI 1 Il giorno 12 settembre 2008, tra l AVIS Nazionale - Associazione

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini Sommario Cos è il divario di retribuzione tra donne e uomini? Perché persiste il divario di retribuzione tra donne e uomini? Quali azioni ha intrapreso

Dettagli

VERBALE DI RIUNIONE. si sono incontrate in ordine al rinnovo della Contrattazione Integrativa Aziendale ai sensi dell'art 21 del vigente CCNL.

VERBALE DI RIUNIONE. si sono incontrate in ordine al rinnovo della Contrattazione Integrativa Aziendale ai sensi dell'art 21 del vigente CCNL. VERBALE DI RIUNIONE II giorno 18 febbraio 2005 la Banca di Roma S.p.A. e la Rappresentanza Sindacale Aziendale UGL Credito dell'unità Produttiva Riscossione Tributi della Provincia di Frosinone si sono

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

ATM PER I GIOVANI E PER GLI STUDENTI

ATM PER I GIOVANI E PER GLI STUDENTI ATM PER I GIOVANI E PER GLI STUDENTI EDIZIONE MARZO 015 ABBONARSI AI MEZZI ATM 1 ATM, per rispondere alle diverse esigenze di mobilità, offre ai giovani e agli studenti una serie di agevolazioni sull acquisto

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA

CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA CONCILIAZIONE FAMIGLIA & LAVORO IN IMPRESA (Operazione 2011-796/PR - approvata con Delibera di Giunta Provinciale n. 608 del 01/12/2011) BANDO DI SELEZIONE DOCENTI E CONSULENTI La Provincia di Parma ha

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 DICEMBRE 1999 «Trattamento di fine rapporto e istituzione dei fondi pensione dei pubblici dipendenti». (Gazzetta Ufficiale n. 111 del 15 maggio 2000

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli