Le Attività per le Informazioni Territoriali e la Telematica

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le Attività per le Informazioni Territoriali e la Telematica"

Transcript

1 Le Attività per le Informazioni Territoriali e la Telematica Domenico Longhi Luciano Cococcia Angelo Di Giacomo Struttura Speciale di Supporto Sistema Informativo Regionale Servizio per le Informazioni Territoriali e la Telematica Le Attività per le Informazioni Territoriali e la Telematica della Regione Abruzzo sviluppate dall omonimo Servizio hanno, negli anni scorsi prodotto: il Portale Internet della Regione Abruzzo; il sistema informativo geografico regionale; la rete telematica regionale (RegioNet) e la realizzazione del Centro Tecnico della stessa. In particolare le attività degli ultimi mesi, dopo aver assestato il Portale Internet, hanno riguardato gli ultimi due punti portando la Regione a disporre da un lato di una rete conforme a tutte le normative sulla sicurezza e la privacy e totalmente in banda larga e dall altro alla realizzazione di una infrastruttura di dati geografici a livello regionale, infrastruttura quest ultima che sarà la base su cui si innesterà il progetto SigmaTer realizzato dalla Regione Abruzzo congiuntamente con le Regioni Emilia-Romagna, Liguria, Toscana e Valle d Aosta. Il Sistema Informativo Geografico Nel corso degli ultimi trent anni, la Regione Abruzzo ha maturato una sensibile esperienza nel campo della cartografia che, dalla produzione di cartografie a stampa, è evoluta alla costruzione di sistemi informativi geografichi. E nei primi anni ottanta che nasce l esigenza di rappresentare la realtà in modo puntuale ed attendibile, non solo al fine di monitorare l evoluzione nell uso del territorio abruzzese, ma anche per fornire ai decisori pubblici degli strumenti obiettivi per la pianificazione. Inizialmente la Regione Abruzzo, per raggiungere i suoi obiettivi di rappresentazione cartografica, utilizzò quale base le carte di base prodotte dall Istituto Geografico Militare (IGM), tramite aggiornamento speditivo sulle quali venivano riportati i tematismi di interesse quali: le USSL (oggi ASL), le diocesi, le comunità montane etc. Ben presto ci si rese conto che l interesse per questo settore era sensibilmente maggiore di quello inizialmente ipotizzato, e le basi cartografiche che l IGM poteva fornire non soddisfacevano più le esigenze della Regione per un duplice ordine di motivazioni: da un lato le scale di rappresentazioni erano troppo generiche e quindi non utili per indagare fenomeni estremamente dettagliati, dall altro per motivi di diritti sul trattamento e la diffusione dei dati territoriali. È in tale periodo 1982/87 che la Regione Abruzzo intraprese, tra le prime regioni in Italia, il progetto per la realizzazione dell Ortofotocarta Regionale alla scala 1: Queste considerazioni inoltre portarono il Settore Informatica a dotarsi, nel 1987, di attrezzatura specifica quale: un calcolatore DIGITAL, un plotter piano ed un restitutore meccanico della Galilei di Firenze; contestualmente si provvide ad istruire il personale dipendente all uso di detta strumentazione tecnica per poterli avviare alla fotorestituzione. E indubbio che l investimento sia hardware che umano fu ingente, ma la visione lungimirante e forse azzardata per quel periodo, ha portato alla creazione di un settore cartografico indipendente, capace di poter gestire dalla fase di progettazione a quella di realizzazione e diffusione di materiale cartografico. La sfida lanciata negli anni 80 non si è mai interrotta, così dalla produzione di cartografia stampata, si è giunti alla costruzione di sistemi informativi Geografici. Questa evoluzione consente da un lato di continuare la tradizione della cartografia a stampa, dall altro permette la costruzione di banche dati integrate, sia geografiche che alfanumeriche. E la natura insita nei Sistemi Informativi Geografici (GIS) a consentire questo genere di operazioni. Parliamo di trasversalità in quanto, una volta archiviate le informazioni geografiche dettagliate, ribadendo sia geografiche che alfanumeriche, si ha la possibilità di costruire un database oggettivo, scevro da ogni soggettività imputabile all utilitarismo individuale, tale da rendere il sistema informativo geografico uno strumento indispensabile come supporto alle decisioni. Il Servizio dovendo operare all interno della struttura regionale, è principalmente rivolto alla costruzione di informazioni geografiche sia di base che tematiche, a supporto delle attività di tutte le strutture operative della Giunta Regionale.

2 Questa scelta viene imposta sia dal ruolo istituzionale di questo ente pubblico che dai lunghi tempi di realizzazione dei dati geografici. Scopo dell ente Regione Abruzzo sarà quello di fornire informazioni uniformi alle singole amministrazioni locali, per poi riceverne, di risulta, dati più dettagliati. Un esempio di questa politica viene messo in luce dalla realizzazione della Carta Tecnica Regionale Numerica (CTRN) in scala 1:5.000 che consente una semplificazione della realtà attraverso l uso di una serie di elementi convenzionali. Ad esempio gli edifici verranno in fase di restituzione individuati genericamente come edifici civili ; dall interazione di questo settore con i Comuni specifici, sarà poi ottenibile una serie di informazioni accessorie collegabili all edificio stesso quali: sede comunale, asilo nido ; biblioteca etc. Grazie alla integrazione tra banca dati alfanumerica e geografica risulta più semplice gestire gli aggiornamenti del dato geografico. È noto, del resto, quanto il problema dell aggiornamento cartografico sia importante per questo settore al fine di poter tempestivamente monitorare i cambiamenti territoriali ed intervenire di conseguenza. Da qui l ulteriore passo avanti mosso da questo settore attraverso la costruzione di un geodatabase. Un geodatabase sfrutta le potenzialità di un database relazionale consentendo l impostazione di modelli di comportamento, proprietà e risposta a relazioni. Tutto ciò comporta naturalmente un aumento nei tempi di produzione dei dati geografici, in fase di progettazione, ma comporterà un risparmio di tempo in aggiornamento. In particolare il Servizio ha intrapreso dal 2001 la realizzazione della CTRN alla scala 1:5.000, tale progetto sarà completato entro i prossimi due mesi. Oggi inoltre, superata l esigenza primaria, costruire una base geografica omogenea e completa dell intero territorio regionale sono stati avviati due ulteriori progetti: il Progetto SigmaTer ed il progetto Servizi Informativi Integrati per la Gestione del Territorio (sviluppato nell ambito del programma per lo sviluppo dei servizi a banda larga nelle Regioni del Mezzogiorno delibera CIPE n. 83/2003, con la collaborazione del Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione e del Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica del Ministero dell Economia e delle Finanze). Prima di entrare nello specifico dei singoli progetti, possiamo riassumere l attività della Struttura Speciale di Supporto in tre filoni: 1. Attività interna Per la realizzazione ed il completamento del Sistema Informativo Geografico Regionale il Servizio ha articolato la propria attività nelle seguenti aree operative: Fototeca e Archivio Cartografico Regionale Carta Tecnica Regionale Numerica in scala 1:5.000 Carte Tematiche, Carta del Vincolo Idrogeologico (ai sensi del R. D. 30 dicembre 1923) Ortofoto Digitali in scala 1: e 1: Attività per l'intesa Stato Regioni sul Sistema Cartografico di riferimento Realizzazione dei DB Prioritari Realizzazione del DB Topografico DBPrior 10k Realizzazione della Rete Geodetica a 7 KM 3. Attività per l'accordo di Programma Quadro ed il Piano Nazionale di e-government Progetto Sigmater Progetto Rete di Supporto GPS ai Sistemi Informativi Geografici Servizi informativi integrati per la gestione del territorio LA FOTOTECA E L ARCHIVIO CARTOGRAFICO REGIONALE Presso il Servizio per l Informazione Territoriale e la Telematica si dispone di un cospicua collezione di foto aeree su supporto cartaceo ottenute dai voli di telerilevamento effettuate (aggiudicate per la maggior parte alla Compagnia Generale Riprese Aeree), per la realizzazione delle carte tecniche regionali alla scala 1: : L informatizzazione del materiale fotografico conservato è divenuta oltremodo necessaria. le foto, opportunamente codificate, scannerizzate, archiviate su supporti magnetici ed ottici, costituiranno una fototeca. Si avrà perlomeno, il duplice vantaggio di un pronto recupero per la visione da parte dell utenza e un minimo degrado delle foto stesse dovuto all uso. supporti dovrà essere informatizzato e per un pronto recupero e per limitarne al minimo il degrado dovuto all uso. Notevole è anche la disponibilità del materiale cartaceo, digitale e dei dati costituenti il G.I.S. (Geographic Information System) per poter meglio organizzare il lavoro di distribuzione ed ottimizzare l acquisto e/o la produzione del materiale stesso. (vedi Regione Flash numero Speciale del ).

3 CARTE TEMATICHE Sono attualmente in corso di realizzazione due prodotti di cartografia tematica: 1. la carta sperimentale delle tipologie forestali 2. la carta del vincolo idrogeologico Quello delle tipologie forestali e del vincolo idrogeologico, che seguono il completamento della Carta dell Uso del Suolo, sono tematismi importanti che hanno pesanti riflessi su tutte le attività di pianificazione studio e progettazione (la Legge Regionale Urbanistica considera infatti l uso del suolo come elemento fondamentale per le attività di pianificazione urbanistica). Il vincolo idrogeologico che la carta rappresenterà, è stato istituito con R.D. 30 dicembre 1923 n.3267 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n.1117 del Per quanto attiene alla Carta delle Tipologie Forestali essa rappresenta la specializzazione, fino al quinto livello Corinne Land Cover dell uso del suolo, è sviluppata tramite fotorestituzione e controllo a terra delle chiavi di interpretazione ed è realizzata in collaborazione con l ARIT. I dati del Vincolo Idrogeologico, su supporto cartaceo, vengono forniti dalle Sezioni Provinciali del Corpo Forestale dello Stato. Il lavoro consiste nel recupero del materiale, alquanto deteriorato dall uso, attraverso la scannerizzazione delle mappe catastali, gli schizzi ed i disegni e la fotocopiatura delle relazioni dalle quali estrarre la descrizione geomorfologia, geologica, idrografica e dello stato colturale delle zone sottoposte a vincolo e digitalizzando il tutto su supporti magnetici ed ottici. Oltre la carta del vincolo idrogeologico in costruzione, sono disponibili la: Carta geomorfologica dei bacini idrografici (1: ) Carta delle aree esondabili (1:25.000) Carta dell'uso del suolo (1:25.000) ed Carta dell'uso del suolo (1:25.000) ed Carta Forestale sperimentale (1:25.000) Carta Progetto Transitalia per il rilevamento dei danni delle foreste (1:25.000) Carta del patrimonio architettonico fortificato (1: ) Carta dei parchi e delle riserve (1: ) Carta del territorio urbanizzato (1: ) Carta della vegetazione (1: ) Carta del vincolo idrogeologico (1: ) Carta del vincolo idrogeologico, forestale e sismico (1: ) Carta del vincolo paesaggistico e archeologico (1: ) Carta delle tipologie forestali della provincia di Teramo e L'Aquila nord Carta delle tipologie forestali della provincia di Chieti Carta delle tipologie forestali della provincia di Pescara e L'Aquila Carta della Linea di costa. ORTOFOTO DIGITALI SCALA 1:5.000 e 1: L ortofoto è una fotografia aerea che ha subito un processo di ortorettificazione, ovvero un trattamento geometrico che consente di mantenere, nell opportuna scala, inalterati i rapporti fra gli elementi reali ed i corrispondenti riportati sulla foto. Il Servizio per l Informazione Territoriale e la Telematica si è dotata recentemente di uno scanner fotogrammetrico, risoluzione fino a 7 micron. E quindi possibile scandire l insieme delle foto aeree (strisciate) scattate su una determinata fascia territoriale e calibrare la scala dei grigi in modo da aumentare la nitidezza dell immagine. La procedura per l ottenimento di ortofoto digitali in linea di massima, consiste nei passaggi riportati di seguito: scansione e calibrazione dei grigi; orientamento interno con le marche fiduciali (punti di riferimento certi) riportate sugli angoli della foto stessa attraverso l inserimento dei dati relativi alla macchina da ripresa e della quota media del volo effettuato; si procede alla georeferenziazione cercando sull immagine dei punti ben individuabili, detti G.C.P. (Ground Control Point) e assegnando a questi delle coordinate note estratte utilizzando la C.T.R., vecchie ortofoto digitali, rilievi a terra eseguiti con le tecniche classiche oppure con il sistema GPS (Global Positioning System).

4 Mosaicatura delle ortofoto così ottenute, a ricostruire il taglio delle sezioni nella scala desiderata. REALIZZAZIONE DEI DB PRIORITARI Il progetto ha visto la realizzazione e popolamento dei database geografici con i dati necessari alla lettura di una carta geografica a grande e grandissima scala. E indubbio il vantaggio nell utilizzare un sistema siffatto in quanto consente la visualizzazione delle caratteristiche fisico-logiche dei particolari riportati con sempre maggiore dettaglio a seconda dell aumento di scala. Ad esempio, passando la visualizzazione da una scala 1: a quella di 1:5.000 è possibile apprezzare un numero maggiore di particolari, strade comunali interne. Il progetto è stato realizzato nell ambito dell intesa Stato Regioni Enti Locali sul Sistema Cartografico di Riferimento Nazionale ed attualmente è in corso la sua seconda edizione finalizzata alla vestizione cartografica del GeoDB alle scale 1: ed 1: REALIZZAZIONE DELLA RETE GEODETICA DI RAFFITTIMENTO Consiste nel raffittimento della rete geodetica primaria dell IGM95 (Istituto Geografico Militare) istituita per l inquadramento delle coordinate geografiche e cartesiane, di elemento territoriale all interno di una rete nazionale di riferimento (appunto l IGM95). La rete, sviluppata secondo le specifiche dettate dalla richiamata Intesa Stato Regioni Enti Locali, è attualmente in fase di completamento. Essa consterà di circa punti materializzati a terra dei quali circa saranno coincidenti o direttamente collegati ai Punti Fiduciali Catastali. Ciò permetterà di avere una rete geodetica unica sia per le finalità catastali che per quelle geografiche. Tale rete sarà parte integrante dei DB del progetto SigmaTer e permetterà di definire dei meccanismi univoci di trasformazione dei due DB.

5 PROGETTO SIGMATER Il progetto SIGMA TER è un progetto sviluppato cooperativamente dalle Regioni Abruzzo, Emilia-Romagna, Liguria, Toscana, Valle d Aosta e da altri 20 Enti Locali. Esso è stato cofinanziato dal primo piano nazionale di e-government ed è stato avviato nel corso dell anno La finalità che intende realizzare è il supporto operativo agli Enti Locali regionali per lo sviluppo dei servizi on-line quale supporto al processo di Decentramento Amministrativo. Oggi in Regione Abruzzo sono decentrate molte funzioni in ambito urbanistico, ambientale e territoriale. Il progetto ha come obiettivo il superamento degli elementi di debolezza determinati dalla realtà di un territorio difficile e di un sistema degli enti locali parcellizzato, si contano infatti ben 305 comuni (di cui uno solo sopra i abitanti). Ciò a portato la Regione a predisporre una diversa struttura architetturale del progetto, rispetto a quella predisposta dalle altre Regioni. Infatti nel modello architetturale predisposto dalle altre Regioni è previsto che il Data Base Topografico Integrato a livello regionale si interfacci con altri Data Base Topografici Integrati delocalizzati a livello comunale; mentre in quello proposto dalla Regione Abruzzo tali due Data Base sono presenti entrambi nel Centro Servizi Regionale ed i servizi applicativi ai Comuni vengono forniti tramite Web Services direttamente dal Centro Servizi Regionale. Questa infrastruttura tecnica ed organizzativa nasce anche da esperienze, purtroppo fallite, per lo sviluppo di poli locali per l introduzione dei Sistemi Informativi Geografici nella pratica quotidiana degli Enti Locali. L infrastruttura che si sta costruendo in ogni caso non è di tipo coercitivo, i Comuni che vorranno seguire altre strade per l attivazione del processo di decentramento delle funzioni catastali potranno attuarle, senza che ciò determini penalizzazioni per gli enti che aderiranno al sistema SIGMA TER Abruzzo. La particolare scelta architetturale non precluderà nessuna autonomia operativa degli enti locali, la Regione sarà una sorta di Gestore di Servizi ASP per tutti gli Enti, garantendo a tutti la massima autonomia, realizzando nel contempo una drastica razionalizzazione delle risorse finanziarie necessarie al funzionamento del sistema e nel contempo rendere possibile l introduzione del supporto delle tecnologie GIS presso tutti gli enti locali regionali, anche nei più piccoli Comuni montani. Regione Catalogo dati DBTI GeoDB GeoDB locali locali DB DB l DB li locali Servizi infrastrutturali territorio integrazione / sincronizzazione Porta di dominio SPC/ internet Web services Utente esterno Porta di dominio PAC es. Ag. Territorio Porta di dominio Ente locale nella regione es. Comune, Provincia, Comunità montana,

6 In particolare il singolo Comune non sarà costretto ad acquisire software di gestione GIS ove non necessario. Infatti, i servizi forniti da SIGMA TER Abruzzo saranno dei servizi applicativi di tipo Web Services. Il Centro Servizi Regionali svolgerà, su richiesta del singolo ente locale, ed a titolo gratuito, anche il ruolo di integratore dei materiali cartografici e territoriali provenienti dai singoli enti. Ciò permetterà agli enti locali di non dover indispensabilmente disporre di personale tecnico in grado di utilizzare sistemi software GIS ma comunque disporre di servizi applicativi tipici dei Sistemi Informativi Geografici. Altra punto di forza è determinato dal fatto che tali servizi applicativi saranno integrati con quelli predisposti nell ambito della ComNet-RA. Tale integrazione migliorerà il livello di cooperazione applicativa tra i Sistemi Informativi dei vari enti determinando la realizzazione di un organico sistema di servizi applicativi a livello regionale quale quelli previsti dal progetto Sviluppo della Società dell Informazione nella Regione Abruzzo. PROGETTO RETE DI SUPPORTO GPS AI SISTEMI INFORMATIVI GEOGRAFICI E in fase finale di gara. Affidataria del progetto è l A.R.I.T.. Essa presenta sedici postazioni GPS, dislocate in altrettanti Comuni della regione. Ciascuna postazione è completa di PC per il trattamento delle informazioni modem e relativa linea per la trasmissione dei dati alla stazione centrale di servizio. L obiettivo è quello di partire con i lavori per la sua realizzazione entro l estate del corrente anno in modo da renderla operativa entro la primavera-estate PROGETTO CARTA TECNICA REGIONALE NUMERICA, scala 1:5.000 Il progetto prevede la fotorestituzione, a partire dalle foto aeree degli elementi costituenti il territorio della regione Abruzzo, quali edifici, strade, ferrovie, ponti e quant altro possa essere catturato da foto aeree durante i voli appositamente studiati e programmati. Specialisti si occupano poi, di individuare e codificare gli elementi territoriali in modo che il sistema informativo geografico regionale possa interpretare e ridisegnare opportunamente gli elementi secondo la simbologia classicamente adottata. Dei tre lotti funzionali nei quali il progetto è stato diviso, il primo comprendente la fascia costiera, ettari circa, è stato realizzato. I lavori dei due lotti restanti, II e III, per un estensione di circa ettari, frazionati in cinque lotti di dimensioni simili, sono iniziati il 20/3/2004 e dovrebbero terminare in maggio 2006.

7 Progetto per la ristrutturazione del sito internet Cartografia On-Line Il nuovo sito dedicato alla sezione Cartografia della Regione Abruzzo è in fase di completamento. Per la realizzazione del lavoro si è provveduto alla riorganizzazione della precedente struttura con l introduzione di una serie di innovazioni riguardanti l organizzazione dei contenuti e la veste grafica. La nuova impostazione, finalizzata alla chiarezza e immediatezza delle informazioni, predilige l apertura ai temi trattati a partire proprio dalla home page del sito, caratterizzata da tutta una serie di voci, raggruppate per argomenti, ma rese immediatamente leggibili all utente e non nascosti all interno di menù a discesa. Si è inteso procedere in questa maniera per facilitare l accesso alle aree del sito privilegiando la riorganizzazione dei documenti per materia migliorando i servizi offerti agli utenti del web, agevolando la ricerca delle informazioni e fornendo materiali sempre aggiornati. Da sottolineare l impegno per l adeguamento alle regole del W3C (World Wide Web Consortium) applicando le linee guida per l accessibilità ai contenuti del Web, al fine di ottenere la validazione sia per quanto attiene l utilizzo dei CSS, sia per quanto attiene l XHTML 1.1. e consentire la leggibilità dei materiali anche ai soggetti disabili, secondo le disposizioni della Legge 9 gennaio 2004 n. 4, nota come Legge Stanca. Il lavoro per la realizzazione del nuovo sito dedicato alla Cartografia si è articolato nelle seguenti fasi: studio del materiale presente nel sito esistente; accordo con i responsabili del servizio per il riordino del materiale e la necessità di mettere in linea nuovi contenuti relativi alle attività e ai prodotti della cartografia; realizzazione del repertorio del materiale cartografico interno alla struttura; realizzazione del prototipo del sito per il controllo dei contenuti e della navigabilità attraverso la creazione di bozze in HTML; studio della veste grafica sia per quanto attiene la pagina di presentazione, sia per le pagine interne al sito; studio del logo relativo al Sistema Informativo Geografico; integrazione del servizio di vendita on-line; compilazione del sito attraverso l utilizzo del Content Management. PROGETTO VIE E NUMERI CIVICI Tra i materiali predisposti nel primo lotto della C.T.R.N. scala 1:5000, è anche presente un grafo della viabilità strutturato secondo le specifiche della citata Intesa Stato Regioni Enti Locali vers Tale grafo riguarda essenzialmente la viabilità principale e, pertanto, non è sufficiente per realizzare l aggancio con le banche dati catastali. Per integrare le informazioni carenti (toponomastica e numeri civici) o completamente mancanti (viabilità, soprattutto urbana, non presente nella strutturazione della C.T.R.N.), è stata finanziata una campagna di rilevazione a terra e di ricognizione delle banche dati ecografiche comunali effettuata da squadre di tecnici in sito. I dati così raccolti dovranno essere strutturati secondo le specifiche definitive dell Intesa (vers. 1007) approvate dal Comitato Tecnico di Coordinamentro dall Intesa stesso e trattati per il collegamento con le banche dati catastali già presenti nel progetto SigmaTer. L attività da espletare, oltre che il supporto generale, prevede controlli in corso d opera in particolare sulla predisposizione e il caricamento della banca dati. PROGETTO SALIX La pianta denominata Salix herbacea è una delle specie a rischio di estinzione nelle montagne abruzzesi a causa del riscaldamento climatico. È un piccolo salice nano con fusto sotterraneo che in estate emette foglioline e rade infiorescenze appena sopra la superficie del suolo. E stato segnalato sulle vallette nivali dei Sibillini, del Gran Sasso e dei Monti della Laga, a partire da una quota di circa 2000 m s.l.m. La stazione di Monte Aquila sul Gran Sasso rappresenta il limite meridionale dell area di distribuzione della specie in Italia e, insieme con quelle della Sierra Nevada in Spagna e dei Balcani, dell intero areale. Segnalazioni più meridionali, come per esempio quella di Monte Focalone sulla Majella, non sono state confermate da ripetuti sopralluoghi. In collaborazione con la Facoltà di Scienze MMFFNN dell Università dell Aquila è stata effettuata una serie di rilievi con la strumentazione GPS in dotazione al Servizio; per ciascun individuo è stata realizzata una scheda di riferimento nella quale sono state riportate caratteristiche relative ai singoli individui

8 (dimensioni, stato di salubrità, presenza di macromiceti ed eventuali note particolari) e al sito di localizzazione (coordinate geografiche, quota ed esposizione); sono in atto, inoltre, studi tesi a fornire ulteriori informazioni di tipo ecologico. La campagna di rilievi non è ancora terminata. Le attività richieste prevedono l elaborazione dei rilievi effettuati negli ultimi due anni e la predisposizione, il caricamento della relativa banca dati e ulteriori indagini in campagna. I materiali già prodotti sono visitili sul sito internet Cartografia On-Line. La rete telematica regionale (RegioNet) e la realizzazione del Centro Tecnico Interregionale (CTI) Presso la sede regionale di L Aquila in via Leonardo da Vinci, è stata realizzata l infrastruttura del Centro Tecnico della Rete RegioNet (CT). Tale infrastruttura, pur essendo principalmente rivolta ad offrire servizi telematici agli uffici della Regione Abruzzo sparsi sul territorio, costituisce di fatto uno dei due Centri di eccellenza per l erogazione di servizi telematici sul territorio Abruzzese previsti dal progetto di E-Gov COMNET-RA. Inoltre, Il CT si propone sia come Centro di Competenza per la Rete Unitaria delle Pubbliche Amministrazioni Regionale (RUPAR) nel pieno rispetto delle direttive del CNIPA, che come nodo della Rete delle Regioni ICAR. Per la realizzazione del Centro sono state approntate tre Sale: Sala NAP-EPO È il luogo dove vengono concentrati tutti i flussi telematici e gli apparati (modem, DCE-DTE, Router,) che consentono la connettività WAN. UTA... C.S.C Giunta Regionale Beni Museali Sulmona Sipa LL.PP. C.G. + Bura Sopr. BB. AA. Agricoltura Intranet giunta 1 Intranet giunta 2 Beni Museali Switch Attualmente sono raccolti: 4 flussi intranet 1. Giunta 1 veloce 4 Mb che collega il Centro Tecnico a 7 sedi remote di Giunta (LLPP, CSC, ex ISEF, Genio Civile, Sanità Turismo); 2. Giunta 2 veloce 4 Mb che collega il Centro Tecnico a 5 sedi remote di Giunta (Uff. Roma, Presidenza, BURA, Giunta PE, Form. Professionale); 3. Agricoltura veloce 4 Mb che collega il Centro Tecnico a 18 sedi remote della Direzione Agricoltura; 4. Consiglio Regionale veloce 0,512 Mb che collega il Centro Tecnico alla sede del Consiglio a l Aquila in V. Iacobucci. 6 flussi extranet 1. Extranet Beni Museali veloce 0,512 Mb che collega il Centro Tecnico a 3 sedi remote di altri Enti; 2. Extranet A.R.I.T. veloce 0,512 Mb che collega il Centro Tecnico RegioNet al Centro Tecnico ComNet-RA posto in Tortoreto Lido (TE); 3. Extranet S.I.M. veloce 0,512 Mb che collega il Centro Tecnico a 1 sede remota di Giunta; 4. Extranet Toscana veloce 0,256 Mb che collega il Centro Tecnico a 1 sede remota di altro Ente; 5. Extranet Sanità veloce 4 Mb che collega il Centro Tecnico a 8 sedi remote di altri Enti; 6. Extranet Formazione veloce 0,512 Mb che collega il Centro Tecnico a 1 sede remota di altri Enti.

9 1 flusso internet da 4 Mb La NAP-EPO è connessa tramite 72 linee rame FTP cat. 6 e 72 linee in fibra ottica alla Sala di Permutazione. Sala di Permutazione Tramite quattro armadi di permutazione passiva vengono raccolte: le 72 linee rame e le 72 linee in fibra ottica provenienti dalla sala NAP-EPO; le 600 linee rame e le 500 linee in fibra ottica provenienti dalle 25 piazzole della Server Farm e le 208 linee rame e le 208 linee in fibra ottica provenienti dai 13 armadi di piano della rete LAN. Inoltre nella sala di permutazione sono alloggiati; gli apparati attivi di swiching che sezionano varie aree reti con criteri di sicurezza differenti governati dal sistema di firewall; ed uno dei due centri stella della LAN. Schema logico della sala di permutazione (Sala B) Armadi di piano 36 fibra + 36 rame full-duplex 36 fibra + 36 rame full-duplex Lan corpo B piano prese NAP-EPO Interconnessione armadi 20 prese 16 fibra +16 rame fu ll-duplex da ogniuno dei 13 armadi 208 prese canale portacavi sospeso solo DATI 20 prese rame Aree Interne Aree Esterne A1(15RU) P1(24RU) DB DMZ A2(15RU) Intranet DB DMZ A3(15RU) Internet P3(6RU) P2(32RU) AS EXT A5 espanzioni future AS EXT P4(32RU) A4 espanzioni future Centro stella 4507R (15RU) canale portacavi sospeso solo DATI 20 prese rame 10 fibra +15 rame full-duplex da ogniuno dei 20 armadi 500 prese 10 fibra +15 rame full-duplex da ogniuno dei 20 armadi 500 prese Sala A Server Farm È la sala preposta ad ospitare i server. È dotata di 25 piazzole aeree ciascuna dotata di presa di alimentazione preferenziale, presa di alimentazione continua, 24 connessioni rame FTP cat. 6 e 20 connessioni in fibra ottica. La sala ha capacità di ospitare 250 server in 25 rack, allo stato attuale sono in produzione 51 server in 14 rack. Tutte le sale sono dotate di: Sistema di climatizzazione In grado di mantenere temperatura e umidità costanti il sistema è controllabile da remoto. Sistema antintrusione Costituito da: un sistema di videosorveglianza con registrazione automatica attivata dal movimento; un sistema antifurto; un sistema per il controllo di accesso mediante smart card con registrazione degli eventi. Sistema anti black-out costituito da un gruppo elettrogeno da 630KVA con autonomia di 48 ore a pieno carico e due UPS in ridondanza di guasto ciascuno in grado di erogare 400 KVA L infrastruttura del Centro Tecnico Interregionale si completa con una infrastruttura di cablaggio di palazzo estremamente flessibile che consente la convivenza di varie reti fisicamente disgiunte. Tale

10 cablaggio e realizzato con 14 armadi di piano (uno per ogni piano del palazzo) interconnessi tra loro a magliatura totale tramite 8 linee rame FTP cat. 6 e 16 linee in fibra ottica. La magliatura totale consente a ciascun armadio di assolvere il compito di centro stella della LAN, allo stato attuale due armadi svolgono il compito di centro stella della LAN in ridondanza di guasto. Il CT si completa con un complesso sistema di Firewall a ridondanza di guasto; un potente sistema antivirus; un sistema di storage basato su una Storage Area Network (SAN) con 5 TeraByte di spazio disco disponibile espandibile fino a 32 TeraByte; un sistema automatizzato di backup ed un sistema di monitoraggio della rete basato su IDS (Secure Intrusion Detection).

Relazione introduttiva Febbraio 2006

Relazione introduttiva Febbraio 2006 Amministrazione Provincia di Rieti Febbraio 2006 1 Progetto Sistema Informativo Territoriale Amministrazione Provincia di Rieti Premessa L aumento della qualità e quantità dei servizi che ha caratterizzato

Dettagli

SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE ALLE COMUNITA (SIT2COM) Cagliari Febbraio 2007

SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE ALLE COMUNITA (SIT2COM) Cagliari Febbraio 2007 SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE ALLE COMUNITA (SIT2COM) Cagliari Il team di progetto Assessorato degli Enti Locali Finanze ed Urbanistica Direzione Generale della Pianificazione Urbanistica Territoriale

Dettagli

Domenico Longhi. Le Iniziative delle Regioni per l Informazione Territoriale

Domenico Longhi. Le Iniziative delle Regioni per l Informazione Territoriale Le Iniziative delle Regioni per l Informazione Territoriale Dalla Rappresentazione del Territorio alla Infrastruttura di Dati Geografici nelle Regioni Italiane Fase 1 La rappresentazione del territorio

Dettagli

Macro Fase 1 - Personale adibito ad attività di consulenza, tutoraggio, ricerca ecc.

Macro Fase 1 - Personale adibito ad attività di consulenza, tutoraggio, ricerca ecc. Macro Fase 1 - Personale adibito ad attività di consulenza, tutoraggio, ricerca ecc. Risultati attesi 1 / Deliverables 2 Fase 1 - Infrastrutture di base La fase 1 prevede lo svolgimento delle seguenti

Dettagli

REGIONE ABRUZZO. Template INSPIRE - datasets. TEMA INSPIRE Geographical names. TEMA INSPIRE Administrative units

REGIONE ABRUZZO. Template INSPIRE - datasets. TEMA INSPIRE Geographical names. TEMA INSPIRE Administrative units REGIONE ABRUZZO Template INSPIRE - datasets Geographical names SCC Vincoli Regione Abruzzo 25000 Y 1 Administrative units Linea di costa Regione Abruzzo 25000 Y 1 Database topografico in scala 5k Regione

Dettagli

Sistema Web-Gis per la segnalazione dei fenomeni di dissesto idrogeologico

Sistema Web-Gis per la segnalazione dei fenomeni di dissesto idrogeologico Sistema Web-Gis per la segnalazione dei fenomeni di dissesto idrogeologico Il progetto si pone l obiettivo di rilanciare la manutenzione diffusa del territorio montano attraverso l analisi delle basi informatiche

Dettagli

www.epsilon-italia.ititalia.it

www.epsilon-italia.ititalia.it Provincia di Cosenza Settore Programmazione e Gestione Territoriale SIPITEC2 - Sistema Informativo Territoriale per la Gestione del P.T.C.P. www.epsilon-italia.ititalia.it MACRO ARGOMENTI Che cos è un

Dettagli

SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE

SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE ASSESSORATO ENTI LOCALI FINANZE ED URBANISTICA Direzione generale della pianificazione territoriale urbanistica e della vigilanza edilizia S E T T O R E SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE

Dettagli

Le tecnologie ICT ed i progetti a favore degli Enti Locali in termine di gestione e valorizzazione del territorio

Le tecnologie ICT ed i progetti a favore degli Enti Locali in termine di gestione e valorizzazione del territorio Le tecnologie ICT ed i progetti a favore degli Enti Locali in termine di gestione e valorizzazione del territorio Alessandro Corrias Assessorato degli Enti Locali, Finanze ed Urbanistica Direzione Generale

Dettagli

Sistemi informativi e Governo Integrato del territorio. DB topografico multiscala Arch. Chiara Dell Orto

Sistemi informativi e Governo Integrato del territorio. DB topografico multiscala Arch. Chiara Dell Orto Sistemi informativi e Governo Integrato del territorio DB topografico multiscala a Arch. Chiara Dell Orto Sistema Informativo Territoriale Definizione del S.i.t Il Db topografico multiscala Procedure di

Dettagli

Il catalogo delle foto aeree della Regione Abruzzo

Il catalogo delle foto aeree della Regione Abruzzo Il catalogo delle foto aeree della Regione Abruzzo Lucia D Alessandro, Antonella Di Emidio, Paolo Genovelli Regione Abruzzo Struttura Speciale di Supporto Sistema Informativo Regionale, Via L. da Vinci,

Dettagli

INDIRIZZI DEGLI IMMOBILI E DB TOPOGRAFICO REGIONALE, CENSIMENTO ISTAT 2010/2011, INTERSCAMBIO FRA BANCHE DATI DELLA P.A.

INDIRIZZI DEGLI IMMOBILI E DB TOPOGRAFICO REGIONALE, CENSIMENTO ISTAT 2010/2011, INTERSCAMBIO FRA BANCHE DATI DELLA P.A. INDIRIZZI DEGLI IMMOBILI E DB TOPOGRAFICO REGIONALE, CENSIMENTO ISTAT 2010/2011, INTERSCAMBIO FRA BANCHE DATI DELLA P.A. La gestione associata di corbetta e gaggiano: l esperienza del progetto s.i.g.i.t.

Dettagli

Verifiche di qualità del Data Base Topografico. Daniele Passoni

Verifiche di qualità del Data Base Topografico. Daniele Passoni Verifiche di qualità del Data Base Topografico Prof. Livio Pinto Ing. Daniele Passoni Monza, 8.3.2010 INTRODUZIONE (1/2) Un DataBase Topografico (DBT) è un archivio integrato contenente dati cartografici

Dettagli

PREMESSA GENERALE Abbiamo deciso di svolgere, per sommi capi, tutti gli argomenti che si potevano affrontare rispondendo alla traccia proposta.

PREMESSA GENERALE Abbiamo deciso di svolgere, per sommi capi, tutti gli argomenti che si potevano affrontare rispondendo alla traccia proposta. ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE CORSO SPERIMENTALE PROGETTO ABACUS INDIRIZZO INFORMATICA TEMA DI SISTEMI DI ELABORAZIONE E TRASMISSIONE DELLE INFORMAZIONI PREMESSA GENERALE Abbiamo deciso

Dettagli

MS e CLE: sistemi informativi e diffusione. Maria Ioannilli Università di Roma Tor Vergata

MS e CLE: sistemi informativi e diffusione. Maria Ioannilli Università di Roma Tor Vergata MS e CLE: sistemi informativi e diffusione Maria Ioannilli Università di Roma Tor Vergata La prevenzione del rischio sismico Dopo il terremoto in Abruzzo del 6 aprile 2009, lo Stato ha emanato un nuovo

Dettagli

PROGETTO: SVILUPPO PIATTAFORME ICT INTERATTIVE SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE GESTIONE AMBIENTALE E DEL TERRITORIO

PROGETTO: SVILUPPO PIATTAFORME ICT INTERATTIVE SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE GESTIONE AMBIENTALE E DEL TERRITORIO Associazione dei Comuni del Comprensorio TRIGNO-SINELLO PROGETTO: SVILUPPO PIATTAFORME ICT INTERATTIVE SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE GESTIONE AMBIENTALE E DEL TERRITORIO RELAZIONE TECNICA E CRONOPROGRAMMA

Dettagli

PROGETTO di PRODUZIONE del DATA BASE TOPOGRAFICO

PROGETTO di PRODUZIONE del DATA BASE TOPOGRAFICO PROGETTO di PRODUZIONE del DATA BASE TOPOGRAFICO PROPONENTE UNICO: PROVINCIA DI BERGAMO ANNO 2009 Indice: Introduzione: scopo e contenuto del progetto... 2 Progetto Tecnico... 2 1. Modalità di realizzazione

Dettagli

Realizzazione e controllo di qualità in corso d'opera del Database Topografico della Provincia di Milano. Ing. Daniele Passoni

Realizzazione e controllo di qualità in corso d'opera del Database Topografico della Provincia di Milano. Ing. Daniele Passoni Realizzazione e controllo di qualità in corso d'opera del Database Topografico della Provincia di Milano Prof.Livio Pinto Ing. Daniele Passoni Milano, 28.1.2010 INTRODUZIONE (1/2) Un DataBase Topografico

Dettagli

Accordo di Programma EXPO 2015

Accordo di Programma EXPO 2015 Accordo di Programma EXPO 2015 Tavolo di coordinamento L integrazione dei dati territoriali per il coordinamento degli interventi Nuovo spazio Guicciardini, 13 gennaio 2011 a cura del Settore Pianificazione

Dettagli

Procedimenti e topologie nell analisi di piani urbanistici informatizzati

Procedimenti e topologie nell analisi di piani urbanistici informatizzati Procedimenti e topologie nell analisi di piani urbanistici informatizzati (Il sistema Gestione Piani Urbanistici GPU della Provincia Autonoma di Trento) Mauro Zambotto - Provincia Autonoma di Trento Alberto

Dettagli

Il Sistema Informativo Territoriale del Comune di Siena

Il Sistema Informativo Territoriale del Comune di Siena Il Sistema Informativo Territoriale del Comune di Siena Osservatorio della mobilità: registrazione e statistica incidenti 1 IL SIT DEL COMUNE DI SIENA assolve alle seguenti funzioni: 1. gestisce, nell

Dettagli

CAPITOLO 6 IL SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE DELL AUTORITÀ DI BACINO DELLA BASILICATA

CAPITOLO 6 IL SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE DELL AUTORITÀ DI BACINO DELLA BASILICATA CAPITOLO 6 IL SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE DELL AUTORITÀ DI BACINO DELLA BASILICATA 189 IL SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE DELL AUTORITÀ DI BACINO DELLA BASILICATA 6.1 Premessa Il Sistema Informativo

Dettagli

Geographic Information Systems 2000 s.n.c. I Sistemi Informativi Territoriali

Geographic Information Systems 2000 s.n.c. I Sistemi Informativi Territoriali I Sistemi Informativi Territoriali I Sistemi Informativi territoriali Cosa sono i SIT? I SIT, ovvero Sistemi Informativi Territoriali, acronimo italiano di GIS (Geographic Information Systems), sono degli

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI

TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE EDILIZIA TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER I

Dettagli

Produzione e collaudo di cartografia tecnica numerica verso i DB topografici

Produzione e collaudo di cartografia tecnica numerica verso i DB topografici Ufficio Cartografico Servizio Cartografia e Gis della Provincia di Brescia Produzione e collaudo di cartografia tecnica numerica verso i DB topografici Ing. Antonio Trebeschi L attività dell Ufficio Cartografico

Dettagli

Dal disegno alla topologia

Dal disegno alla topologia Dal disegno alla topologia Claudio Rocchini Istituto Geografico Militare Introduzione La maggior parte dei dati cartografici prodotti è ancora in forma di cartografia numerica e non basi di dati. La produzione

Dettagli

I servizi della rete GPS A. Marussi della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

I servizi della rete GPS A. Marussi della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia I servizi della rete GPS A. Marussi della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Direzione centrale ambiente, energia e politiche per la montagna Servizio tutela beni paesaggistici Un infrastruttura moderna

Dettagli

Il CMS Moka. Giovanni Ciardi Regione Emilia Romagna

Il CMS Moka. Giovanni Ciardi Regione Emilia Romagna Il CMS Moka Giovanni Ciardi Regione Emilia Romagna Moka è uno strumento per creare applicazioni GIS utilizzando oggetti (cartografie, temi, legende, database, funzioni) organizzati in un catalogo condiviso.

Dettagli

COLOGNO MONZESE INDICE ART. 1 DEFINIZIONE E PRINCIPI GENERALI ART. 2 FINALITA E FUNZIONI DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

COLOGNO MONZESE INDICE ART. 1 DEFINIZIONE E PRINCIPI GENERALI ART. 2 FINALITA E FUNZIONI DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO CRITERI PER L ORGANIZZAZIONE E IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO U.R.P. (art. 8 c. 2 della Legge n. 150/2000) Disciplina delle attività di informazione e di comunicazione delle pubbliche

Dettagli

Il Sistema Integrato del Territorio [SIT]

Il Sistema Integrato del Territorio [SIT] CATASTO DIGITALE: SEMPLICE, VELOCE, TRASPARENTE Ordine degli Architetti P.P.C. di Roma e provincia Piazza Manfredo Fanti 47 Roma Mercoledì 11 marzo 2015 [SIT] Ing. Franco MAGGIO Direttore Centrale Catasto

Dettagli

Cartografia di base per i territori

Cartografia di base per i territori Cartografia di base per i territori L INFORMAZIONE GEOGRAFICA I dati dell informazione geografica L Amministrazione Regionale, nell ambito delle attività di competenza del Servizio sistema informativo

Dettagli

La nuova Provincia come Comunità di area vasta al servizio del territorio

La nuova Provincia come Comunità di area vasta al servizio del territorio La nuova Provincia come Comunità di area vasta al servizio dei Comuni e del territorio 28 aprile 2015 1 Legge 56/2014 Del Rio 85. Le province di cui ai commi da 51 a 53, quali enti con funzioni di area

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI GENERALI E DEL PERSONALE Divisione III Sistemi Informativi RDO PER LA FORNITURA DI SERVIZI PER LA CONDUZIONE

Dettagli

La georeferenziazione e le analisi spaziali dei dati dell incindentalità

La georeferenziazione e le analisi spaziali dei dati dell incindentalità Dipartimento II Lavori Pubblici Direzione viabilità La georeferenziazione e le analisi spaziali dei dati dell incindentalità LA GEOREFERENZIAZIONE La redazione della reportistica cartografica risulta imprescindibile

Dettagli

Newsletter SITAD. Aprile 2005 num. 3. Sommario. No Risk. SITAD su SistemaPiemonte pag. 4. La nuova interfaccia di SITAD in Ruparpiemonte pag.

Newsletter SITAD. Aprile 2005 num. 3. Sommario. No Risk. SITAD su SistemaPiemonte pag. 4. La nuova interfaccia di SITAD in Ruparpiemonte pag. Newsletter SITAD Aprile 2005 num. 3 Sommario No Risk Il progetto pag. 2 I servizi sviluppati pag. 2 SITAD su SistemaPiemonte pag. 4 La nuova interfaccia di SITAD in Ruparpiemonte pag. 5 SITAD si candida

Dettagli

Provincia autonoma di Trento. ALLEGATO C Linee guida per la realizzazione delle reti LAN (Local Area Network)

Provincia autonoma di Trento. ALLEGATO C Linee guida per la realizzazione delle reti LAN (Local Area Network) Provincia autonoma di Trento Servizio Semplificazione e Sistemi Informativi ALLEGATO C Linee guida per la realizzazione delle reti LAN (Local Area Network) Pagina 1 di 11 INDICE 1 PREMESSA 2 LE COMPONENTI

Dettagli

stato della cartografia 2010 REGIONE LOMBARDIA

stato della cartografia 2010 REGIONE LOMBARDIA stato della cartografia 2010 REGIONE LOMBARDIA Direzione Territorio e Urbanistica - Struttura "Infrastruttura per l'informazione Territoriale" Indirizzo Via F. Sassetti, 32/2-20124 Milano Telefono/Fax

Dettagli

I modelli cooperativi per la fruizione del dato geografico : la Cooperazione Applicativa quale strumento di integrazione e cooperazione istituzionale

I modelli cooperativi per la fruizione del dato geografico : la Cooperazione Applicativa quale strumento di integrazione e cooperazione istituzionale I modelli cooperativi per la fruizione del dato geografico : la Cooperazione Applicativa quale strumento di integrazione e cooperazione istituzionale ASITA Bari 2 dicembre 2009 Lucia Pasetti www.cartografia.regione.liguria.it

Dettagli

Governo del Territorio:

Governo del Territorio: Governo del Territorio: PRS e DPEFR le risoluzione linee delle di azione criticità della nuova legge regionale per il Lo governo sviluppo del della territorio nuova attraverso legge il regionale coinvolgimento

Dettagli

Paolo Dilda Dipartimento di Architettura e Pianificazione Laboratorio Analisi Dati e Cartografia

Paolo Dilda Dipartimento di Architettura e Pianificazione Laboratorio Analisi Dati e Cartografia Informazioni geografiche per il governo del territorio. L uso di software open source per la gestione della cartografia comunale: l esperienza dei comuni della Provincia di Lecco Dipartimento di Architettura

Dettagli

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI

INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI INDIRIZZI GENERALI E LINEE GUIDA DI ATTUAZIONE DEL PIANO NAZIONALE DELLA SICUREZZA STRADALE NOTA DI SINTESI 1. OBIETTIVI Il Piano Nazionale della Sicurezza Stradale è istituito dalla legge del 17 luglio

Dettagli

SCHEDA PROGETTO: Il Sistema Informativo Forestale della Regione Siciliana SIF-RS

SCHEDA PROGETTO: Il Sistema Informativo Forestale della Regione Siciliana SIF-RS SCHEDA PROGETTO: Il Sistema Informativo Forestale della Regione Siciliana SIF-RS Finalità del SIF-RS Il Sistema Informativo Forestale della Regione Siciliana è un progetto finanziato dal POR-Sicilia 2000-2006,

Dettagli

L aggiornamento della Carta dell Uso del Suolo della Regione Sardegna

L aggiornamento della Carta dell Uso del Suolo della Regione Sardegna L aggiornamento della Carta dell Uso del Suolo della Regione Sardegna Assessorato degli Enti Locali Finanze ed Urbanistica Direzione Generale della Pianificazione Urbanistica Territoriale e della Vigilanza

Dettagli

GEODATABASE E SISTEMA DI GESTIONE DEI DATI TERRITORIALI

GEODATABASE E SISTEMA DI GESTIONE DEI DATI TERRITORIALI I Servizi geografici del Portale Informativo Multicanale della Regione Molise I Sistemi Informativi per la Vigilanza Ambientale e la Gestione del Territorio sono stati realizzati all interno dell Accordo

Dettagli

Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843

Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843 COMUNE DI BRESCIA REGOLAMENTO PER L'INSTALLAZIONE E L ESERCIZIO DEGLI IMPIANTI PER LA TELEFONIA MOBILE Approvato con deliberazione del Consiglio comunale in data 13.10.2006 n.208/36843 INDICE CAPO I -

Dettagli

Comune di Colbordolo Provincia di Pesaro Urbino

Comune di Colbordolo Provincia di Pesaro Urbino Comune di Colbordolo Provincia di Pesaro Urbino PIANO TRIENNALE PER L INDIVIDUAZIONE DI MISURE FINALIZZATE ALLA RAZIONALIZZAZIONE DELL UTILIZZO DELLE DOTAZIONI STRUMENTALI ANCHE INFORMATICHE, DELLE AUTOVETTURE

Dettagli

Il sito web della Autorità di Bacino della Basilicata

Il sito web della Autorità di Bacino della Basilicata Premio per la P ubblica A mministrazione lucana che comunica e condivide M I G L I O R E P R O G E T T O I N T E R N E T Bando del Consiglio Regionale della Basilicata Il sito web della Autorità di Bacino

Dettagli

SOMMARIO. Art. 8 Conoscenza dei bisogni e valutazione del gradimento dei servizi

SOMMARIO. Art. 8 Conoscenza dei bisogni e valutazione del gradimento dei servizi Regolamento per il funzionamento dell Ufficio relazioni con il Pubblico Approvato con deliberazione della Giunta Provinciale N.128 del 15.09.2005 SOMMARIO Art. 1 Principi generali Art. 2 Finalità e funzioni

Dettagli

Basi di Dati Spaziali

Basi di Dati Spaziali degli Studi Basi di Dati Spaziali Introduzione ai Geographical Information Systems (GIS) Alessandra Chiarandini - Lezione 4 Cartografia Italiana Introduzione ai GIS A. Chiarandini 22 La Cartografia IGM

Dettagli

Monitoraggio Pianificazione Territoriale e Programmazione Provinciale nella Gestione dei Rifiuti

Monitoraggio Pianificazione Territoriale e Programmazione Provinciale nella Gestione dei Rifiuti Monitoraggio Pianificazione Territoriale e Programmazione Provinciale nella Gestione dei Cosa è OPR? L OSSERVATORIO PROVINCIALE DEI RIFIUTI L Osservatorio Provinciale (OPR) è una struttura operativa con

Dettagli

10. SEGRATE UN COMUNE PIU VICINO AL CITTADINO

10. SEGRATE UN COMUNE PIU VICINO AL CITTADINO 10. SEGRATE UN COMUNE PIU VICINO AL CITTADINO Ancora più efficienza della macchina comunale grazie alla costante estensione dei servizi ottenuta mediante l ottimizzazione dei costi e dei tempi. Il Comune

Dettagli

La Videosorveglianza e la Salvaguardia degli ambienti

La Videosorveglianza e la Salvaguardia degli ambienti La Videosorveglianza e la Salvaguardia degli ambienti 2015 Un sistema di sicurezza evoluto 01 LA VIDEOSORVEGLIANZA 02 A COSA SERVE? 03 PERCHE GLOBAL SISTEMI La videosorveglianza è un evoluto sistema di

Dettagli

Azione 1 CAPITOLATO TECNICO

Azione 1 CAPITOLATO TECNICO Azione 1 Conversione della CTR scala 1:5000, ed. 1998 e successivi aggiornamenti, qualora disponibili, in database topografico CAPITOLATO TECNICO 1 PREMESSA La Regione Campania nell ambito del complessivo

Dettagli

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE ASL TERAMO (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE (ai sensi della legge 150/2000, del DPR 422/2001, e della Direttiva della Presidenza del Consiglio dei

Dettagli

Relatore: Prof. Pier Luigi PAOLILLO. Co-relatore: Prof. Franco GUZZETTI

Relatore: Prof. Pier Luigi PAOLILLO. Co-relatore: Prof. Franco GUZZETTI L integrazione del Database Topografico di Regione Lombardia con i dati provenienti dagli archivi catastali: la determinazione delle aree di pertinenza Relatore: Prof. Pier Luigi PAOLILLO Co-relatore:

Dettagli

Ldp studio. Comune di Siena Piano Regolatore on-line: un nuovo servizio per la città cablata

Ldp studio. Comune di Siena Piano Regolatore on-line: un nuovo servizio per la città cablata Comune di Siena Piano Regolatore on-line: un nuovo servizio per la città cablata Per il piano regolatore di Siena lo studio LdP ha sviluppato un progetto per la diffusione via Internet della banca dati

Dettagli

La mappa catastale e la sua precisione. Ortisei, 12 Novembre 2009 ing. Paolo Russo

La mappa catastale e la sua precisione. Ortisei, 12 Novembre 2009 ing. Paolo Russo Abteilung 41 Grundbuch, Grund- und Gebäudekataster Amt 41.2 Inspektorat für den Kataster Ripartizione 41 Libro fondiario, catasto fondiario e urbano Ufficio 41.2 Ispettorato per il catasto La mappa catastale

Dettagli

La piattaforma di lettura targhe intelligente ed innovativa in grado di offrire servizi completi e personalizzati

La piattaforma di lettura targhe intelligente ed innovativa in grado di offrire servizi completi e personalizzati La piattaforma di lettura targhe intelligente ed innovativa in grado di offrire servizi completi e personalizzati Affidabilità nel servizio precisione negli strumenti Chanda LPR Chanda LPR è una piattaforma

Dettagli

Agenzia della Regione Autonoma della Sardegna per le Entrate SUPPORTO DI SARDEGNA ENTRATE PER IL DECENTRAMENTO CATASTALE

Agenzia della Regione Autonoma della Sardegna per le Entrate SUPPORTO DI SARDEGNA ENTRATE PER IL DECENTRAMENTO CATASTALE Agenzia della Regione Autonoma della Sardegna per le Entrate SUPPORTO DI SARDEGNA ENTRATE PER IL DECENTRAMENTO CATASTALE AZIONI PREVISTE Saranno serviti i comuni aventi caratteristiche di polo catastale,

Dettagli

Albumdi.it. software di catalogazione partecipata di archivi fotografici interamente web-based. standard ICCD scheda F

Albumdi.it. software di catalogazione partecipata di archivi fotografici interamente web-based. standard ICCD scheda F Albumdi.it software di catalogazione partecipata di archivi fotografici interamente web-based standard ICCD scheda F Copyright by CG Soluzioni Informatiche - www.albumdi.it MOD-ST: 004 - Pag.1 Caratteristiche

Dettagli

ORDINE REGIONALE GEOLOGI SARDEGNA PROGRAMMA

ORDINE REGIONALE GEOLOGI SARDEGNA PROGRAMMA ORDINE REGIONALE GEOLOGI SARDEGNA PROGRAMMA CORSO E-LEARNING dal titolo GEOGIS Il GIS per i Geologi A.) CORSO E-LEARNING dal titolo GEOGIS Il GIS per i Geologi Il Corso GEOGIS, utilizza la piattaforma

Dettagli

Domenico Longhi. Dalla Informazione Geografica alla Infrastruttura Geografica. Le attività delle Regioni

Domenico Longhi. Dalla Informazione Geografica alla Infrastruttura Geografica. Le attività delle Regioni Dalla Informazione Geografica alla Infrastruttura Geografica Le attività delle Regioni Il nuovo contesto EUROPA INSPIRE INfrastructure for SPatial InfoRmation in Europe Lo sviluppo dei sistemi informativi

Dettagli

Elementi di cartografia: La lettura del territorio. Robbio, 9 Febbraio 2013 Tiziano Cattaneo Legambiente Lombardia

Elementi di cartografia: La lettura del territorio. Robbio, 9 Febbraio 2013 Tiziano Cattaneo Legambiente Lombardia Elementi di cartografia: La lettura del territorio Robbio, 9 Febbraio 2013 Tiziano Cattaneo Legambiente Lombardia Cenni storici Tavoletta di Nippur, 1500 A.C. Cenni storici Carta di Anassimandro, 550 A.C.

Dettagli

Progetto GRIIN Gestione Remota di Illuminazione in edifici INdustriali pubblici - commerciali

Progetto GRIIN Gestione Remota di Illuminazione in edifici INdustriali pubblici - commerciali Gestione Remota di Illuminazione in edifici INdustriali pubblici - commerciali Strategie e nuovi valori dell ICT per l ecosostenibilità 12 luglio 2012 Centro Congressi Torino Incontra PROGETTO GRIIN Oggetto

Dettagli

Elementi per la stesura del Documento Programmatico sulla Sicurezza 2009 RILEVAZIONE DEGLI ELEMENTI UTILI AI FINI DELL AGGIORNAMENTO DEL DPS 2009

Elementi per la stesura del Documento Programmatico sulla Sicurezza 2009 RILEVAZIONE DEGLI ELEMENTI UTILI AI FINI DELL AGGIORNAMENTO DEL DPS 2009 RILEVAZIONE DEGLI ELEMENTI UTILI AI FINI DELL AGGIORNAMENTO DEL DPS 2009 Premessa Le informazioni di seguito riportate sono riferite a tutto ciò che attiene (dal punto di vista logistico, organizzativo

Dettagli

Land Cover Piemonte progettazione di un database geografico sulla copertura delle terre della Regione Piemonte

Land Cover Piemonte progettazione di un database geografico sulla copertura delle terre della Regione Piemonte Land Cover Piemonte progettazione di un database geografico sulla copertura e l uso l delle terre della Regione Piemonte Relatore: : Stefania Crotta - Regione Piemonte Sommario obiettivi progetto prototipo

Dettagli

STATUTO CONSORTILE. Art. 50, comma 4

STATUTO CONSORTILE. Art. 50, comma 4 STATUTO CONSORTILE Art. 50, comma 4 Entro due anni dall approvazione dello statuto da parte della Giunta regionale, il Consorzio provvede ad esplicitare nell avviso di pagamento lo specifico beneficio

Dettagli

Basi di Dati Spaziali

Basi di Dati Spaziali degli Studi Basi di Dati Spaziali Introduzione ai Geographical Information Systems (GIS) Alessandra Chiarandini - Lezione 2 Le componenti dell Informazione Territoriale Introduzione ai GIS A. Chiarandini

Dettagli

CATASTO DEI BOSCHI E DEI PASCOLI, SITUATI ENTRO 50MT DAI BOSCHI, PERCORSI DAL FUOCO Art. 70 ter Legge Regionale n.39/2000

CATASTO DEI BOSCHI E DEI PASCOLI, SITUATI ENTRO 50MT DAI BOSCHI, PERCORSI DAL FUOCO Art. 70 ter Legge Regionale n.39/2000 S E RV I Z I O P R O T E Z I O N E C I V I L E F U N Z I O N E C AT A S T O D E I B O S C H I E D E I P A S C O L I P E R C O R S I D A L FUOC O Comuni di: Bientina, Calcinaia, Capannoli, Casciana Terme,

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA Deliberato dalla Giunta Comunale con atto n. 177 del 11.05.2001 Modificato ed integrato

Dettagli

PROVINCIA DI MATERA. Regolamento per il funzionamento. dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Matera

PROVINCIA DI MATERA. Regolamento per il funzionamento. dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Matera PROVINCIA DI MATERA Regolamento per il funzionamento dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Matera SOMMARIO Art. 1 Principi generali Art. 2 Finalità e funzioni dell Ufficio Relazioni

Dettagli

S.I.L.P SISTEMA INFORMATIVO LAVORO PIEMONTE

S.I.L.P SISTEMA INFORMATIVO LAVORO PIEMONTE S.I.L.P SISTEMA INFORMATIVO LAVORO PIEMONTE SERVIZI DI INFRASTRUTTURA Vista d'insieme Questo documento definisce la visione d insieme del nuovo Sistema Informativo Lavoro ed è teso ad illustrare le caratteristiche

Dettagli

Comune di Rieti Assessorato Protezione Civile

Comune di Rieti Assessorato Protezione Civile 1 Comune di Rieti Assessorato Protezione Civile PIANO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE STRUTTURA DEL PIANO COMUNE DI RIETI SETTORE VI - Ufficio Protezione Civile CODICE DOCUMENTO ELABORATO 0 1-0 1-0 2-0 4

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

ALLEGATO 5.1 IL SITO WEB SUI CEM DI ARPA EMILIA-ROMAGNA

ALLEGATO 5.1 IL SITO WEB SUI CEM DI ARPA EMILIA-ROMAGNA ALLEGATO 5.1 IL SITO WEB SUI CEM DI ARPA EMILIA-ROMAGNA Il sito di Arpa è il mezzo più utilizzato dall agenzia per rendere disponibile al pubblico le informazioni sui cem Attualmente il sito sui Cem (www.arpa.emr.it/cem)

Dettagli

www.arcadiasit.it Progetti GIS e WebGIS Spatial Geo Database Remote Sensing

www.arcadiasit.it Progetti GIS e WebGIS Spatial Geo Database Remote Sensing www.arcadiasit.it MISSIONE ARCADIA Sistemi Informativi Territoriali nasce dalla fusione di esperienze multidisciplinari, con l obiettivo di offrire ai propri clienti soluzioni integrate in grado di rispondere

Dettagli

IL PROGETTO DATA BASE TOPOGRAFICO DELLA PROVINCIA DI SONDRIO Sondrio 21 dicembre 2010

IL PROGETTO DATA BASE TOPOGRAFICO DELLA PROVINCIA DI SONDRIO Sondrio 21 dicembre 2010 IL PROGETTO DATA BASE TOPOGRAFICO DELLA PROVINCIA DI SONDRIO Sondrio 21 dicembre 2010 GLI STRUMENTI FONDAMENTALI DI GOVERNO DEL TERRITORIO LR 12/2005 Art. 3 SITI Art. 4 VAS Art. 5 OSSERVATORIO PERMANENTE

Dettagli

Relazione semestrale sullo Stato di attuazione del Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014-2016

Relazione semestrale sullo Stato di attuazione del Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014-2016 Relazione semestrale sullo Stato di attuazione del Programma triennale per la trasparenza e l integrità 2014-2016 L emanazione del Decreto legislativo n. 33 del 14 marzo 2013 Riordino della disciplina

Dettagli

RISCHIO SISMICO Convegno nazionale Ordine Geologi San Benedetto del Tronto 11-12 settembre 2014

RISCHIO SISMICO Convegno nazionale Ordine Geologi San Benedetto del Tronto 11-12 settembre 2014 LA SALVAGUARDIA DEL TERRITORIO E DELLA POPOLAZIONE DAL RISCHIO SISMICO Convegno nazionale Ordine Geologi San Benedetto del Tronto 11-12 settembre 2014 Un esempio di Analisi della Condizione Limite per

Dettagli

Connettività a banda larga per le scuole torinesi

Connettività a banda larga per le scuole torinesi Connettività a banda larga per le scuole torinesi Il Progetto Scuola 2.0 Marcello Maggiora Politecnico di Torino Calogero Martorana CSI Piemonte Sandro Pera CSP Innovazione nelle ICT Roberto Recchia CSP

Dettagli

2) Entro Novembre. 6) Entro Marzo 2004

2) Entro Novembre. 6) Entro Marzo 2004 Documento di programmazione del progetto denominato: Realizzazione della seconda fase di sviluppo di intranet: Dall Intranet istituzionale all Intranet per la gestione e condivisione delle conoscenze.

Dettagli

OT-online. online: Soluzione Web per la Georeferenziazione dei Soggetti Ambientali PROVINCIA DI VERCELLI. Oriana Benazzi

OT-online. online: Soluzione Web per la Georeferenziazione dei Soggetti Ambientali PROVINCIA DI VERCELLI. Oriana Benazzi OT-online online: Soluzione Web per la Georeferenziazione dei Soggetti Ambientali Oriana Benazzi Settore Tutela Ambientale COS E OT-online Soluzione software per la consultazione e la georeferenziazione

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO: "MANTENIMENTO E SVILUPPO DELL ATTIVITA DEL LABORATORIO TERRITORIALE PROVINCIALE NODO IN.F.E.

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO: MANTENIMENTO E SVILUPPO DELL ATTIVITA DEL LABORATORIO TERRITORIALE PROVINCIALE NODO IN.F.E. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO: "MANTENIMENTO E SVILUPPO DELL ATTIVITA DEL LABORATORIO TERRITORIALE PROVINCIALE NODO IN.F.E.A. DELLA PROVINCIA DI ROVIGO E IL POTENZIAMENTO DELLA

Dettagli

SISTEMA GIS IP ACEA Informatizzazione della Rete di Illuminazione Pubblica di Acea S.p.A. - Roma

SISTEMA GIS IP ACEA Informatizzazione della Rete di Illuminazione Pubblica di Acea S.p.A. - Roma SISTEMA GIS IP ACEA Informatizzazione della Rete di Illuminazione Pubblica di Acea S.p.A. - Roma IL COMMITTENTE ACEA ILLUMINAZIONE PUBBLICA SpA - Roma ACEA Illuminazione Pubblica S.p.A. è la società che

Dettagli

Politecnico di Milano, Diap, Laboratorio Analisi Dati e Cartografia

Politecnico di Milano, Diap, Laboratorio Analisi Dati e Cartografia Politecnico di Milano, Diap, Informazioni geografiche per il governo del territorio. L uso di software open source per la gestione della cartografia comunale: l esperienza dei comuni della Provincia di

Dettagli

Direzione Segreteria dell Assemblea regionale Settore Progettazione, Sviluppo e Gestione Sistemi Informativi e Banca dati Arianna

Direzione Segreteria dell Assemblea regionale Settore Progettazione, Sviluppo e Gestione Sistemi Informativi e Banca dati Arianna Direzione Segreteria dell Assemblea regionale Settore Progettazione, Sviluppo e Gestione Sistemi Informativi e Banca dati Arianna Attività 2004 1 SISTEMA INFORMATIVO CONSILIARE E BANCA DATI ARIANNA Sono

Dettagli

InfoFACILITY. La manutenzione dei sistemi di monitoraggio e degli edifici ARPAL. Agenzia PROFILO AZIENDA

InfoFACILITY. La manutenzione dei sistemi di monitoraggio e degli edifici ARPAL. Agenzia PROFILO AZIENDA La manutenzione dei sistemi di monitoraggio e degli edifici ARPAL - Case History ARPAL - Maggio 2014 L ottimizzazione del processo manutentivo, intesa come l aumento dell efficacia degli interventi ordinari,

Dettagli

SMART CITY, UNA RICOSTRUZIONE INTELLIGENTE

SMART CITY, UNA RICOSTRUZIONE INTELLIGENTE SMART CITY, UNA RICOSTRUZIONE INTELLIGENTE SMART CITY L AQUILA Smart mobility Smart people Smart energy Smart environment Banda larga NGN Partecipazione Smart living Smart government La Città dell Aquila

Dettagli

Gli standard regionali per l aggiornamento dei DBT e il collaudo delle attività di rilevo sul territorio

Gli standard regionali per l aggiornamento dei DBT e il collaudo delle attività di rilevo sul territorio I vantaggi del Data Base Topografico (DBT) per migliorare i rapporti tra cittadini, imprese, professionisti ed enti locali: Il Progetto Pilota nel Comune di Castelvisconti Gli standard regionali per l

Dettagli

Annarita Rizzati - Massimo Romagnoli Rovereto 8 maggio 2014

Annarita Rizzati - Massimo Romagnoli Rovereto 8 maggio 2014 Annarita Rizzati - Massimo Romagnoli Rovereto 8 maggio 2014 } La Regione Emilia-Romagna dal 1986 è detentrice di un censimento delle attività estrattive a scala regionale } a tale fine era stato predisposto

Dettagli

FORUM P.A. 23/5/2007 INTERVENTO DELL ASSESSORE CARMELO ALBERTO D ADDESE

FORUM P.A. 23/5/2007 INTERVENTO DELL ASSESSORE CARMELO ALBERTO D ADDESE Assessorato Lavori Pubblici e Infrastrutture - Trasporto e Mobilità - Patrimonio - Sport e Benessere - Personale - Polizia Municipale - Onoranze Funebri FORUM P.A. 23/5/2007 INTERVENTO DELL ASSESSORE CARMELO

Dettagli

La Provincia di Pesaro e Urbino nelle Marche

La Provincia di Pesaro e Urbino nelle Marche La Provincia di Pesaro e Urbino nelle Marche Regione Marche : 1.531.512 abitanti - 9.365 Kmq Province : Ancona : 466.789 ab. - 1.940 Kmq Pesaro-Urbino : 365.788 ab. - 2.564 Kmq Macerata : 316.214 ab. -

Dettagli

L Informatica al Vostro Servizio

L Informatica al Vostro Servizio L Informatica al Vostro Servizio Faticoni S.p.A. è Certificata UNI ENI ISO 9001:2008 N. CERT-02228-97-AQ-MILSINCERT per Progettazione, Realizzazione, Manutenzione di soluzioni Hardware e Software Soluzioni

Dettagli

Strategie di rinnovo dei sistemi di automazione di stazione

Strategie di rinnovo dei sistemi di automazione di stazione Strategie di rinnovo dei sistemi di automazione di stazione Massimo Petrini TERNA SpA Emiliano Casale TERNA SpA Maurizio Pareti SELTA SpA Forum Telecontrollo Reti Acqua Gas ed Elettriche Roma 14-15 ottobre

Dettagli

PROGETTO DI GESTIONE DELLE OPERE D ARTE STRADALI

PROGETTO DI GESTIONE DELLE OPERE D ARTE STRADALI PROGETTO DI GESTIONE DELLE OPERE D ARTE STRADALI SOFTWARE BRIDGE La conservazione delle opere d arte stradali e ferroviarie è un dovere fondamentale di ogni concessionario, sia esso pubblico o privato,

Dettagli

L azione organizzativa come leva per raggiungere gli obiettivi della digitalizzazione della PA. Bologna, 01 luglio 2014

L azione organizzativa come leva per raggiungere gli obiettivi della digitalizzazione della PA. Bologna, 01 luglio 2014 L azione organizzativa come leva per raggiungere gli obiettivi della digitalizzazione della PA Il Percorso intrapreso dalla Regione Emilia-Romagna Grazia Cesari Evento organizzato in collaborazione con

Dettagli

Ordine dei Geologi Regione del Veneto

Ordine dei Geologi Regione del Veneto Corso CARTOGRAFIA E GIS Luogo di svolgimento Cittadella (PD) Durata 10 moduli tra loro indipendenti da svolgersi tra aprile e giugno 2011. E possibile l iscrizione anche a singoli moduli. Docenti Dr. Lorenzo

Dettagli

Il nuovo Sistema Informativo Territoriale del Comune di Castelfiorentino

Il nuovo Sistema Informativo Territoriale del Comune di Castelfiorentino Il nuovo Sistema Informativo Territoriale del Comune di Castelfiorentino Il Sistema Informativo Territoriale (SIT) del Comune di Castelfiorentino è il punto d'accesso per i servizi e alle informazioni

Dettagli

Allegato B DOCUMENTO DI SLA (Service Level Agreement) Colf&Badanti Web

Allegato B DOCUMENTO DI SLA (Service Level Agreement) Colf&Badanti Web Allegato B DOCUMENTO DI SLA (Service Level Agreement) Colf&Badanti Web 1 INDICE 1. DESCRIZIONE DEL SERVIZIO 3 2. SLA RELATIVO ALLA INFRASTRUTTURA PRIMARIA 3 2.1. Dati di targa... 3 2.2. Banda virtuale

Dettagli

sviluppo della Società dell Informazione

sviluppo della Società dell Informazione Le attività della Regione Abruzzo per il supporto alle Smart Community Domenico Longhi Bologna 16 ottobre 2013 Sviluppo della Società dell Informazione La Regione Abruzzo si èdotata di strumenti normativi,

Dettagli