Saperne di più per sentirsi meglio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Saperne di più per sentirsi meglio"

Transcript

1 Saperne di più per sentirsi meglio

2 Saperne di più per sentirsi meglio Una guida pratica per il paziente sottoposto a chemioterapia Giorgio Vittorio Scagliotti

3 Autore: Giorgio Vittorio Scagliotti Università di Torino Dip. di Scienze Cliniche e Biologiche Azienda Ospedaliera San Luigi - Orbassano (Torino) Progetto grafico e realizzazione editoriale: McCann Healthcare RGB Ristampa 2012, copie Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte può essere riprodotta in alcun modo né tradotta in altre lingue, senza autorizzazione scritta dellʼ Editore Volume non in vendita realizzato con il contributo di Eli Lilly Italia.

4 Prefazione Prefazione Il progresso scientifico e le applicazioni cliniche delle nuove conoscenze in oncologia medica hanno influito profondamente non solo sulle strategie terapeutiche e sul trattamento specifico di ogni singolo caso, ma anche sulla cultura oncologica della popolazione generale e su quella degli stessi pazienti e dei loro familiari. In questo contesto, comunicazione e informazione assumono un ruolo determinante nella complessa dinamica del rapporto fra medico e paziente e l intervento terapeutico si sta configurando sempre più come un intervento globale, che deve tener conto al tempo stesso della efficacia dei trattamenti e della qualità della vita dei pazienti. La consapevolezza delle potenzialità terapeutiche e degli effetti tossici a breve e a lungo termine delle terapie antiblastiche è una delle dimensioni più significative della qualità della vita poiché essa consente al paziente di appropriarsi del proprio stato di salute e gli fornisce gli elementi necessari per essere protagonista del processo di controllo della malattia. Trovo, pertanto, molto intelligente il titolo di Saperne di più per sentirsi meglio che l Autore ha scelto per il Suo lavoro. Il rapporto fra informazione (saperne di più) e qualità della vita (sentirsi meglio) emerge infatti con grande immediatezza ed evidenza da questo titolo, che lascia bene intuire sia i contenuti del volume sia i destinatari del medesimo. Il manuale si rivolge direttamente ai pazienti e ai loro familiari e si prefigge lo scopo di fornire ad essi ogni utile informazione sugli effetti tossici della chemioterapia e sugli accorgimenti che debbono e possono essere messi in atto per limitarne o eliminarne gli effetti dannosi. Il linguaggio scorre con grande naturalezza e semplicità, senza che tuttavia ne soffrano né il rigore scientifico dei contenuti né la qualità e l appropriatezza del messaggio. Il testo, già di per sé molto sintetico ed efficace, è integrato dal silenzioso linguaggio di una iconografia che riassume e sdrammatizza in immagini molto suggestive il contenuto tecnico-scientifico del manuale. Un /aspetto di questa iniziativa editoriale mi sembra particolarmente rilevante, e riguarda la sensibilità con la quale Giorgio Scagliotti si pone p

5 nei confronti della esigenza di informazione da parte dei pazienti e delle loro famiglie sul grande tema della gestione delle fasi critiche di malattia nelle quali si trovano loro malgrado profondamente coinvolti. L atteggiamento di attenzione alle istanze di consapevolezza e di partecipazione dei pazienti alla tutela della propria salute è un prezioso contributo per la realizzazione di un rapporto nuovo fra medico e paziente non più basato sulla dipendenza psicologica bensì sulla comunicazione e sulla condivisione dei problemi. Ritengo che sia questa la strada da percorrere per attivare un virtuoso processo di umanizzazione della medicina e per realizzare quell obiettivo di qualità totale della professionalità di medici dello stesso sistema sanitario del nostro paese che è oggi da considerarsi una priorità assoluta. La totale condivisione del progetto educativo e comunicativo di Giorgio Scagliotti e la profonda stima ed amicizia che mi legano a Lui mi hanno spinto ad accettare l invito, del quale mi onoro, a presentare con questa prefazione il Suo sforzo editoriale. Il mio auspicio è che il manuale trovi la più ampia diffusione e che il suo successo sia sancito soprattutto dalla piena realizzazione dell obiettivo primario che certamente ha ispirato l Autore: quello di offrire ai pazienti e ai loro familiari, grazie ad una adeguata informazione scientifica, uno strumento in più per alleviarne le sofferenze e migliorarne la qualità della vita. Dino Amadori Oncologo Medico Presidente A.I.O.M. p

6 i Introduzione Introduzione La chemioterapia, come ogni altra forma di terapia medica, presenta una serie di effetti collaterali a breve, medio e lungo termine, alcuni assai comuni e ben conosciuti, altri meno frequenti e del tutto insoliti che, comunque, si risolvono quasi sempre con la sospensione del trattamento. Questo manuale è stato redatto con l intento di aiutare Lei e la Sua famiglia a comprendere meglio cos è la chemioterapia, per fornirle alcune risposte alle domande che si è posto riguardo a questo tipo di terapia e a come affrontare i suoi effetti collaterali. Sicuramente avrà molte altre domande e curiosità circa il trattamento a Lei riservato. Poiché esistono oltre 200 tipi di malattie come la Sua e molteplici sono gli schemi di chemioterapia è consigliabile affrontare gli aspetti particolari del Suo trattamento con il medico che si occupa di Lei. Giorgio Vittorio Scagliotti

7

8 Indice Indice LA CHEMIOTERAPIA 2 GLI EFFETTI COLLATERALI DELLA CHEMIOTERAPIA 8 INAPPETENZA 10 NAUSEA E VOMITO 12 ULCERE DEL CAVO ORALE 16 SECCHEZZA DELLE FAUCI 18 DISIDRATAZIONE 20 DIARREA 22 STITICHEZZA 24 ARROSSAMENTO CUTANEO, ERUZIONI CUTANEE 26 CUTE SECCA 28 PRURITO 30 CADUTA DEI CAPELLI 32 ESAMI DEL SANGUE 34 FEBBRE 38 DEBOLEZZA 40 GONFIORE 42 TOSSICITÀ RENALE E VESCICALE 44 TOSSICITÀ MUSCOLARE E NERVOSA 46 INFERTILITÀ 48 ANSIA, PAURA, DEPRESSIONE 52 DISTURBI DEL SONNO 54 QUANDO CHIAMARE IL MEDICO 56 GLI STUDI CLINICI 58

9 2

10 3 La chemioterapia La chemioterapia I farmaci chemioterapici interferiscono con la capacità di divisione e di replicazione delle cellule malate determinandone la morte. La chemioterapia può costituire l unico trattamento o essere impiegata in associazione con la chirurgia e/o la radioterapia. La scelta della terapia che Le verrà praticata dipende da molti fattori, tra i quali il tipo e le caratteristiche specifiche della Sua malattia, la Sua età e le condizioni generali. Il trattamento può prevedere l impiego di un solo farmaco o un associazione di 2 o più farmaci scelti tra gli oltre 40 a tutt oggi disponibili. Prima di intraprendere il piano di trattamento lo specialista glielo illustrerà nei dettagli: non abbia timore a porre domande. DOVE SI EFFETTUA LA CHEMIOTERAPIA Al proprio domicilio In regime di Day-Hospital In ospedale con un breve periodo di ricovero, anche solo per una notte o per un paio di giorni Occasionalmente il trattamento può richiedere un periodo di ospedalizzazione prolungato, talora anche di alcune settimane. VIE DI SOMMINISTRAZIONE La chemioterapia si somministra con cicli ripetuti a intervalli costanti e secondo vie differenti prevalendo la via orale (per bocca) e quella endovenosa (infusione in una vena). Più raramente si utilizzano la via intramuscolare (iniezione in un muscolo) e quella sottocutanea (iniezione al di sotto della cute). In situazioni particolari si può ricorrere alla via intratecale (iniezione nel liquido che circonda il midollo spinale). In alcune situazioni cliniche Le verrà somministrata la chemioterapia mediante una pompa da infusione che Le consentirà di continuare la terapia a domicilio riducendo così il numero di accessi in ospedale. Le pompe di infusione sono di dimensioni molto contenute e possono essere

11 4 La chemioterapia facilmente portate in una borsa o in un marsupio da cintura. I farmaci sono preparati in ospedale e verrà insegnato a Lei o a un Suo familiare come avere cura della pompa. In altre situazioni cliniche Le verrà richiesta l assunzione di compresse a domicilio. Le verranno fornite istruzioni dettagliate sulla quantità e sui tempi di somministrazione e su eventuali assunzioni in concomitanza con i pasti. COME AVVIENE LA VERIFICA DELL EFFICACIA DELLA TERAPIA Il Suo medico verificherà periodicamente la risposta della malattia alla terapia. Per fare ciò si rendono necessari esami del sangue, radiografie ed altre indagini. A volte, in base al risultato di questi accertamenti, potrà essere necessario modificare il piano terapeutico o addirittura cambiarlo completamente. Questo può essere dovuto al fatto che i farmaci impiegati non sono stati abbastanza efficaci e devono essere modificati per ottenere una risposta più soddisfacente. A volte il trattamento deve essere rinviato perché Lei possa riprendersi dalla tossicità del ciclo precedente. Un breve rinvio della chemioterapia consente il recupero necessario prima di iniziare il ciclo successivo. Il trattamento può anche essere momentaneamente rinviato per consentirle di soddisfare impegni particolarmente importanti ed è possibile organizzare le sedute terapeutiche nei Suoi periodi di vacanza. IN CHE MODO LA CHEMIOTERAPIA INFLUENZA LA VITA QUOTIDIANA Anche se la chemioterapia provoca alcuni spiacevoli effetti collaterali molti pazienti riescono a condurre una vita quasi del tutto normale. La maggioranza dei pazienti, infatti, supera senza eccessive difficoltà il malessere tipico dei giorni successivi al trattamento, riesce a recuperare negli intervalli fra i cicli ed a dedicarsi alle normali attività quotidiane. Chi assume la chemioterapia per via orale, a domicilio, non ha quasi nessuna modificazione dei propri ritmi di vita, continua a lavorare e riesce a mantenere le proprie relazioni sociali. Durante la chemioterapia non è possibile fare tutte quelle cose che si sono sempre

12 5 La chemioterapia date per scontate, ma non bisogna scoraggiarsi: in base alle proprie condizioni non c è alcun motivo di non continuare a uscire con gli amici, ad esempio riposando durante il giorno per poi essere più in forma alla sera. Se si decide di mangiare fuori potrà esser opportuno assumere i farmaci antiemetici prima di uscire e sarà opportuno scegliere accuratamente dal menu i cibi più appropriati. Per molti pazienti l introduzione di modiche quantità di alcoolici con i pasti non interferisce con la chemioterapia, ma è sempre meglio chiedere il parere del proprio medico. Molti pazienti si sentono stanchi durante la chemioterapia: questo è normale ed è dovuto ai farmaci ed alla reazione dell organismo alla malattia, oppure semplicemente solo al fatto che non si dorme bene.

13 6 La chemioterapia Sentirsi incapaci di fare qualunque sforzo a causa di una debolezza persistente può generare un comprensibile senso di frustrazione soprattutto in coloro che sono particolarmente attivi. Non si deve cercare di vincere la debolezza, bisogna piuttosto limitare tutte quelle attività non strettamente necessarie, farsi aiutare da parenti e amici nel fare la spesa o i lavori di casa, prendersi tutto il tempo necessario per riposare e, per chi continua a lavorare, ridurre il numero delle ore lavorative durante il periodo del trattamento. In caso di insonnia è possibile chiedere al medico la prescrizione di tranquillanti. Durante la chemioterapia, nel caso di viaggi all estero non è possibile essere vaccinati con vaccini a base di virus o batteri vivi attenuati, quali ad esempio quelli contro la poliomielite, morbillo, rosolia, parotite, tubercolosi, febbre gialla e tifo (vaccino orale). Altri vaccini sono somministrabili anche in corso di un trattamento chemioterapico come quelli per tetano, difterite, influenza, epatite A e B, rabbia, colera e tifo (per via parenterale).

14 7 La chemioterapia L essenziale a cui fare attenzione comparsa di rialzo febbrile > 38 C o di brivido comparsa di emorragie insorgenza di dolore in sede di inoculazione dei farmaci o nella zona circostante mancanza di fiato comparsa di ulcerazioni della bocca sensazione di bruciore in bocca vomito persistente oltre le 24 ore dal termine del trattamento chemioterapico diarrea grave (più di 3 scariche al dì) per più di 3 giorni stitichezza persistente non modificata dall impiego di lassativi formicolio e/o senso di impaccio alle mani e ai piedi instabilità nel reggersi in piedi difficoltà nell eseguire lavori manuali qualsiasi modificazione a livello cutaneo o visivo

15 8 Effetti collaterali della chemioterapia Gli effetti collaterali della chemioterapia Non tutti i pazienti sottoposti a chemioterapia hanno effetti collaterali: la chemioterapia può causare reazioni differenti nei vari individui e queste possono variare, in uno stesso individuo, da un ciclo di terapia all altro. Anche se gli effetti collaterali della chemioterapia possono risultare spiacevoli essi devono essere messi in bilancio con i benefici del trattamento. Se nonostante tutto Lei ritiene che la terapia o gli effetti collaterali conseguenti peggiorino la Sua qualità di vita, ne parli con il Suo medico curante che può prescrivere farmaci per limitare tali effetti o modificare la terapia per renderla più tollerabile. Allo Staff medico responsabile delle Sue cure potrà chiedere ulteriori informazioni su particolari effetti collaterali che possono essere causati dal trattamento che Le verrà somministrato. È bene ricordare che: L assenza di effetti collaterali non significa che la terapia non sia efficace. Quasi tutti gli effetti collaterali sono transitori e scompaiono con la sospensione del trattamento. Nelle pagine seguenti sono stati considerati nel dettaglio i più comuni effetti collaterali osservabili nel corso di un trattamento chemioterapico unitamente ad alcuni suggerimenti sul cosa fare per aiutarla a controllarli.

16 9 Effetti collaterali della chemioterapia

17 10 Effetti collaterali della chemioterapia INAPPETENZA L inappetenza riconosce diversi fattori quali la difficoltà a deglutire, la nausea, il vomito, l alterazione del gusto e dell olfatto, il senso di pienezza, la depressione o il dolore. L inappetenza è di solito transitoria e compare solitamente nei giorni successivi al trattamento chemioterapico. Cosa notare Difficoltà a deglutire Perdita di peso Perdita di interesse nei confronti del cibo Rifiuto dei cibi preferiti. Cosa fare Mangiare nella quantità desiderata Pensare al cibo come ad una parte fondamentale della terapia Fare un abbondante colazione Fare pasti piccoli e frequenti con i cibi preferiti Utilizzare cibi ad alto potere calorico che siano facili da mangiare (ad esempio budini, gelati, gelatine, yogurt, frullati) Nei periodi di persistente perdita dell appetito potrà essere utile ricorrere a degli integratori dietetici ad alto contenuto proteico come Enervit e similari prodotti del commercio Mangiare cibi freddi o a temperatura ambiente per ridurre gli odori ed il gusto troppo forti Bere tra un pasto e l altro piuttosto che durante (bere nel corso dei pasti può contribuire al senso di pienezza) Se possibile fare attività fisica un ora prima dei pasti. Cosa evitare Sforzarsi di mangiare Evitare che l appetito diventi il punto centrale del rapporto fra Lei e la Sua famiglia.

18 11 Inappetenza

19 12 Effetti collaterali della chemioterapia NAUSEA E VOMITO Alcuni dei farmaci che Le vengono praticati possono essere responsabili dell insorgenza di nausea e vomito, effetti collaterali abbastanza comuni anche dopo terapia radiante, soprattutto se questa è praticata sull addome. Tali fenomeni possono manifestarsi immediatamente al termine della chemioterapia oppure insorgere a distanza di qualche giorno. Oltreché ai farmaci, l entità della nausea e del vomito dipende anche dalla reattività individuale che contribuisce alla frequenza e alla durata degli episodi; inoltre fattori psicologici e stato emotivo condizionano fortemente l entità della nausea e del vomito ed il successo dei provvedimenti adottati per combatterli. Alcuni pazienti, particolarmente dopo uno o più cicli di chemioterapia, avvertono l improvviso insorgere della nausea nel momento in cui si devono recare in ospedale per accertamenti o per ricevere ulteriori cure. Tale fenomeno, definito anche come nausea e vomito anticipati dipende dallo stato d ansia legato ai timori per il trattamento e per gli effetti indesiderati che ne conseguono; trova giovamento dalla somministrazione di farmaci ansiolitici (benzodiazepine). Cosa fare Prima di ricevere la chemioterapia rimanga per circa minuti in un ambiente tranquillo; durante la somministrazione, conversi con qualcuno in modo da distrarsi. Il giorno in cui riceve il trattamento rimuova, se ne è portatore, la protesi dentaria: la presenza in bocca di qualsiasi oggetto può favorire il vomito. Provi a respirare con la bocca quando avverte la sensazione di nausea. Eviti ogni odore che Le provoca sensazione di fastidio (odore di cibo, fumi, profumi). Se l odore del cibo La far star male si allontani dalla cucina quando avviene la preparazione dei cibi. La quantità di cibo assunto per ogni singolo pasto dovrà essere contenuta, mentre è importante mangiare spesso in modo che lo stomaco non resti mai completamente vuoto. Dia la preferenza a cibi asciutti quali toasts, crackers, cereali che solitamente contribuiscono a calmare uno stomaco scombussolato. Mastichi lentamente il cibo, in modo che sia facilitata la digestione e piccole quantità di cibo entrino di volta in volta nello stomaco. Sono da preferire le carni bianche. Se è costretto a prepararsi da solo

20 13 Nausea e vomito

21 14 Effetti collaterali della chemioterapia il cibo, nelle giornate in cui si sente meglio, prepari il necessario per più pasti, riponga il tutto in frigorifero in modo tale da avere già tutto pronto quando non si sentirà in grado di cucinare. Assuma i cibi a temperatura ambiente evitando le temperature eccessivamente elevate o basse. Riposi dopo i pasti dal momento che l attività fisica può rallentare la digestione ed arrecarle disagio. Provi a rilassarsi su una poltrona, evitando però di andare a letto. La maggioranza dei pazienti nelle Sue condizioni avverte una maggiore sensazione di benessere al mattino. Se è così effettui una prima colazione ad alto contenuto nutritivo. Quando il vomito diventa particolarmente grave, la perdita di liquidi provoca debolezza generalizzata e perdita di peso. Contatti sempre il centro oncologico di riferimento circa l opportunità di un trattamento reidratante. Può essere utile l applicazione di tecniche di rilassamento che contribuiscono a facilitare l addormentamento, riducono l ansia e ripristinano il tono psico-fisico. Chieda al Suo medico l eventuale disponibilità di un terapeuta che Le insegni una delle più comuni tecniche di rilassamento. È fondamentale il supporto da parte dei familiari. Cosa evitare Coricarsi nelle 2 ore successive all assunzione di cibo. Sforzarsi ad ingerire cibi contro volontà. Questo non farà altro che provocare un ulteriore repulsione nei confronti del cibo. Cibi pesanti da digerire nel giorno che si riceve il trattamento chemioterapico. Le carni rosse. Assunzione di abbondanti quantità di liquidi in concomitanza con i pasti. È consigliabile assumere liquidi a distanza di almeno un ora dai pasti (prima e dopo). Sono da preferirsi bevande fresche, non zuccherate, quali succo d arancia o similari, oppure bibite analcoliche non eccessivamente gasate. Contatti il Suo medico circa la possibilità di assumere un bicchiere di vino o di birra durante i pasti principali in modo tale da stimolare il Suo appetito. Cibi fritti, speziati, eccessivamente grassi o troppo dolci.

22 15 Nausea e vomito

23 16 Effetti collaterali della chemioterapia ULCERE DEL CAVO ORALE Come per le cellule dei bulbi piliferi anche il rivestimento cellulare del cavo orale e della gola può essere danneggiato dai farmaci utilizzati per il trattamento della Sua malattia. Le manifestazioni più comuni sono piccoli tagli o ulcerazioni all interno della bocca, di colore rosso vivo o biancastro. Queste insorgono una o due settimane dopo la chemioterapia, sono dolorose, possono sanguinare e rendono difficile l assunzione di cibo. Tendono a risolversi nel giro di 2 settimane. Cosa notare Gengive e pareti interne della bocca arrossate o gonfie Sangue in bocca Piccole ulcerazioni all interno della bocca, sulle gengive o sulla lingua Presenza di una patina bianca o giallastra in bocca Mancanza di appetito Dolore in bocca Bocca secca, bruciore, eccessiva sensibilità per cibi caldi o freddi Pus in bocca Aumentata salivazione. Cosa fare L igiene del cavo orale è di fondamentale importanza per prevenire l insorgenza delle ulcere e contribuisce a curare questo tipo di effetto collaterale. Segua accuratamente le indicazioni qui di seguito riportate, ripetendole 30 minuti dopo i pasti e, nei casi più gravi, ogni 4 ore durante il giorno. Lavarsi i denti con uno spazzolino di tipo morbido. Per ammorbidire ulteriormente le setole di nylon immergere lo spazzolino in acqua calda prima e durante la pulizia. Se lo spazzolino fa male usare uno stecchino avvolto con garza oppure un cotton-fioc Sciacquare bene lo spazzolino dopo averlo usato e metterlo in un luogo fresco e asciutto Dopo i pasti togliere la dentiera e pulirla con cura Non usare un dentifricio abrasivo; sono da evitare i colluttori liquidi del commercio che contengono alcool in quanto possono danneggiare la delicata mucosa del cavo orale Fare sciacqui dopo ogni pasto e prima di andare a dormire (gargarizzare delicatamente e poi sputare) con una delle seguenti soluzioni: > un cucchiaio di bicarbonato di sodio in un bicchiere d acqua > mezzo cucchiaino di sale, un cucchiaino di bicarbonato di sodio in un litro d acqua

24 17 Ulcere del cavo orale > acqua ossigenata e acqua (una parte ogni tre di acqua), ben mescolate. Tenere in bocca per 1 minuto, poi sputare e risciacquare con acqua o con acqua e sale Usare sticks ammorbidenti per le labbra Salvo controindicazioni del medico bere almeno 2 litri di acqua al giorno Qualora il dolore sia intenso o impedisca l alimentazione richiedere al medico sciacqui o soluzioni per toccature locali sulle ulcere, prevalentemente a scopo antalgico Seguire una dieta ad alto contenuto proteico con supplementi vitaminici Cibarsi preferibilmente con bevande fredde (gelati, frullati, yogurt, cubetti di ghiaccio) Fare pasti piccoli e frequenti con cibi poco speziati. Cosa evitare Spazzolini con setole dure Colluttori del commercio Il filo interdentale Alcoolici e fumo Fissare bene la dentiera per evitare irritazioni. Se le lesioni sono gravi non mettere la dentiera. Gli agrumi (limoni, arance, mandarini), pomodori e i succhi da essi derivati. Mangiare albicocche, pere o pesche e i loro succhi. Le bevande frizzanti Cibi duri come crackers, patatine, pane duro o verdure crude Cibi speziati e piccanti come pepe, peperoncino e senape.

25 18 Effetti collaterali della chemioterapia SECCHEZZA DELLE FAUCI La secchezza delle fauci è la conseguenza di un inadeguata salivazione. Può manifestarsi come un effetto collaterale di alcuni farmaci, quale complicanza della radioterapia effettuata nella regione della testa e del collo, o quale conseguenza di uno stato di disidratazione. Cosa notare Saliva secca, densa e biancastra agli angoli della bocca Saliva spessa e filamentosa che rimane attaccata alle labbra e forma dei filamenti quando si apre la bocca Respirazione a bocca aperta. Cosa fare Mantenere una buona igiene del cavo orale (vedi anche pag. 16) Eseguire sciacqui ogni due ore con soluzione salina (un cucchiaino di sale in un quarto di litro di acqua tiepida) Bere abbondantemente durante i pasti per ammorbidire i cibi e facilitarne la deglutizione Assumere integratori dietetici ad alto contenuto calorico Fare uso di cubetti di ghiaccio, gelatine di frutta e gomme da masticare senza zucchero Aggiungere liquidi ai cibi solidi (ad es. burro o margarina fusi, maionese e yogurt). Cosa evitare Cibi piccanti, speziati oppure cibi o bevande acide, come il succo di agrumi Cibi difficili da masticare, come le carni dure, le verdure crude o le caramelle dure Leccarsi le labbra (favorisce la secchezza e la spaccatura).

26 19 Secchezza delle fauci

27 20 Effetti collaterali della chemioterapia DISIDRATAZIONE L organismo umano è in grado di sopportare solo minime variazioni delle quantità di liquidi che lo compongono e l alterazione del bilancio idrico si riflette in un cambiamento delle condizioni generali del soggetto. Un corretto bilancio idrico implica che i fluidi dell organismo siano ben regolati e adeguatamente distribuiti. La presenza di edemi (per lo più agli arti inferiori) è quasi sempre indice di un eccesso di liquidi nell organismo. La disidratazione indica una riduzione assoluta della quantità di liquidi corporei o la mancanza delle giuste quantità nei singoli distretti corporei. Cosa notare Bocca asciutta, sensazione di sete Debolezza, stato confusionale Difficoltà a deglutire cibi secchi Difficoltà nel parlare Cute secca o che rimane raggrinzita quando è sollevata in pieghe Lingua secca, crepata Rialzo febbrile Perdita di peso Urine scarse o assenti Stanchezza Occhi infossati Cosa fare In caso di bocca asciutta usare cubetti di ghiaccio per inumidire la bocca Bere succhi di frutta o bibite, a volte anche bevande con ghiaccio Avere cura della bocca (vedi pag. 16) Usare creme idratanti per la pelle secca Risolvere le cause favorenti la disidratazione, come il vomito (vedi pag. 12), la diarrea (vedi pag. 22) o la febbre (vedi pag. 38) Usare il burro cacao per le labbra. Cosa evitare Non bere troppo perchè ciò potrebbe provocare il vomito; al contrario bisogna bere in modo progressivo giorno dopo giorno Non rinunciare ad abitudini confortevoli come cubetti di ghiaccio o piccoli sorsi di bevande Non trascurare la cura della bocca, per prevenire le screpolature.

28 21 Disidratazione

29 22 Effetti collaterali della chemioterapia DIARREA Per diarrea si intende la presenza di tre o più scariche al giorno di feci non formate o liquide, con o senza dolore. Alcuni farmaci chemioterapici possono determinare, a frequenza variabile, l insorgere della diarrea, così come questa può verificarsi nel corso di radioterapia sull addome. Con alcuni farmaci la diarrea insorge immediatamente dopo il termine della somministrazione, in altri casi a distanza di qualche giorno. La diarrea secondaria a chemio- e radioterapia può persistere fino a tre settimane dopo la sospensione della terapia. Altre cause sono da riconoscere nell ansia, nell ingestione esagerata di grandi quantità di vitamine, sali minerali, zuccheri ed elettroliti, nelle infezioni batteriche e virali a carico del tubo gastroenterico. Cosa fare Assumere farmaci antidiarroici solo secondo prescrizione medica Annotare l entità e la frequenza delle scariche Mangiare cibi ricchi di proteine, calorie e potassio, ma a basso contenuto di fibre e con scarso residuo (ad es. formaggio fresco, uova, patate al forno, riso bollito, cereali cotti, banane e burro di arachidi) Cercare di bere almeno un litro di liquidi al giorno Bere succhi di frutta, lentamente, a piccoli sorsi Consumare piccoli pasti ma frequenti piuttosto che i classici tre pasti Se la diarrea persiste per più di due giorni, iniziare una dieta liquida con l aggiunta di cibi a basso residuo Dopo ogni scarica pulire la regione anale con sapone neutro, risciacquare con acqua tiepida e asciugare bene Applicare una crema idrorepellente alla regione anale; il medico, al bisogno, Le potrà prescrivere una pomata anestetica Stare a riposo. Cosa evitare Non assumere cibi che stimolino o irritino il tratto gastro-intestinale quali : > cibi ad alto contenuto di fibre, quali pane e cereali > crusca > frutta secca, frutta e verdura > dolci, marmellata, caramelle > spezie > alimenti contenenti caffeina Non bere bevande contenenti caffeina, gasate o alcooliche Non fare uso di prodotti del tabacco Evitare latte e latticini, formaggi, panna, frappè Cibi troppo caldi o troppo freddi.

30 23 Diarrea

31 24 Effetti collaterali della chemioterapia STITICHEZZA Per stitichezza si intende il passaggio poco frequente o difficoltoso di feci dure, sovente causa di dolore addominale. È per lo più attribuibile ad una mancanza di liquidi nel canale intestinale o alla diminuzione dei movimenti dell intestino. Alcuni farmaci chemioterapici sono in grado di ridurre la motilità dell intestino e, di conseguenza, particolarmente nei soggetti predisposti, facilitano l insorgere di stitichezza. Una vita sedentaria, uno scarso apporto di cibi e di liquidi, l astenia, i farmaci antidolorifici e l evitare volontariamente la defecazione possono contribuire all insorgenza di questo problema che per lo più è di breve durata. Cosa notare Evacuazione di feci dure e scarse Dolori o crampi addominali Flatulenza eccessiva o frequenti eruttazioni Addome disteso o gonfio Assenza di evacuazione di feci per almeno tre giorni consecutivi Nausea o vomito Senso di gonfiore o di pienezza Cosa fare Assumere lassativi solo secondo prescrizione medica Aumentare l apporto nella dieta di cibi ad alto contenuto di fibre quali : > crusca e derivati > frutta fresca cruda con buccia e semi > verdure crude > succhi di frutta > datteri, albicocche, prugne e marmellata di prugne Incrementare l apporto idrico per prevenire la disidratazione. Sono particolarmente consigliati i succhi di frutta (ad eccezione di quello di mela) e l assunzione mattutina di bevande calde o tiepide Espletare il più possibile attività fisica. Cosa evitare Non sforzarsi eccessivamente all atto della defecazione Non usare lassativi senza la prescrizione del medico Non ricorrere con frequenza eccessiva a clisteri senza il consiglio del medico Non assumere cibi che favoriscano la stitichezza come il cioccolato, il formaggio e le uova.

32 25 Stitichezza Cosa fare per prevenire la stitichezza Inserire quotidianamente nella dieta un adeguato apporto di fibre e fluidi Praticare attività fisica Assumere i farmaci secondo prescrizione medica.

33 26 Effetti collaterali della chemioterapia ARROSSAMENTO CUTANEO, ERUZIONI CUTANEE I farmaci utilizzati per il trattamento della Sua malattia raramente causano l insorgere di reazioni cutanee, pruriginose o meno. Reazioni orticarioidi diffuse, fortemente pruriginose, possono manifestarsi nell ambito di reazioni di ipersensibilità generalizzata che abitualmente interessano anche la funzione respiratoria con l insorgere di mancanza di fiato, tosse e senso di soffocamento. Questo tipo di reazione è molto raro, insorge per lo più improvvisamente, durante o immediatamente dopo la somministrazione del farmaco. Le manifestazioni cutanee isolate abitualmente osservate sono di dimensioni variabili da una capocchia di spillo ad una macchia e compaiono per lo più sul torace e sulla schiena e, solo dopo un po di tempo, possono estendersi alle altre parti del corpo. Queste manifestazioni per lo più insorgono a distanza di qualche giorno dalla somministrazione della chemioterapia. Abitualmente non sono necessari provvedimenti terapeutici specifici. Nel caso in cui il prurito risulti essere particolarmente fastidioso si rivolga al Suo medico curante che Le prescriverà creme o polveri (talco mentolato) per uso locale. (Vedi prurito, pag. 30) Nel corso del trattamento radioterapico, nella zona di cute attraversata dalle radiazioni, possono manifestarsi prurito e fenomeni di secchezza della cute. Si possono osservare fenomeni temporalmente simili alle scottature solari con iniziale arrossamento cui segue la pigmentazione della cute. Solitamente la reazione cutanea dovuta alla radioterapia scompare a distanza di poche settimane dal termine della medesima, ma occasionalmente la regione cutanea irradiata può rimanere persistentemente più scura rispetto ad altre parti del Suo corpo. Cosa fare Nel caso di pelle secca utilizzare creme idratanti Nel caso insorgano striature bianche od un colorito giallastro sulle unghie, evenienza possibile se si utilizzano particolari farmaci, utilizzare uno smalto coprente Per esposizioni prolungate alla luce solare utilizzare creme solari ad elevato indice di protezione.

Cosa succede con la chemioterapia. e gli altri trattamenti

Cosa succede con la chemioterapia. e gli altri trattamenti Cosa succede con la chemioterapia e gli altri trattamenti SANGUE e SISTEMA CARDIO-CIRCOLATORIO: ALTERAZIONI EMATOLOGICHE Anemia Leucopenia Piastrinopenia FEBBRE ALTERAZIONI PSICHICHE Immagine corporea

Dettagli

PEMETREXED (ALIMTA) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

PEMETREXED (ALIMTA) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI PEMETREXED (ALIMTA) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI CISPLATINO POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori informazioni:

Dettagli

DOXORUBICINA (Adriamicina) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

DOXORUBICINA (Adriamicina) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI DOXORUBICINA (Adriamicina) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ;

Dettagli

CAPECITABINA (Xeloda)

CAPECITABINA (Xeloda) CAPECITABINA (Xeloda) 1 POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

GEMCITABINA POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

GEMCITABINA POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI GEMCITABINA POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori informazioni:

Dettagli

PACLITAXEL (Taxolo) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

PACLITAXEL (Taxolo) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI PACLITAXEL (Taxolo) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

IDROSSIUREA (Oncocarbide)

IDROSSIUREA (Oncocarbide) IDROSSIUREA (Oncocarbide) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per

Dettagli

METHOTREXATE POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

METHOTREXATE POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI METHOTREXATE POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori informazioni:

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

FOLFOX POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

FOLFOX POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI FOLFOX POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: fluorouracile, acido folinico, oxaliplatino Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione

Dettagli

GUIDA PER IL PAZIENTE IN TERAPIA MEDICA ONCOLOGICA

GUIDA PER IL PAZIENTE IN TERAPIA MEDICA ONCOLOGICA GUIDA PER IL PAZIENTE IN TERAPIA MEDICA ONCOLOGICA Gentile Signora, Gentile Signore, la nostra équipe ha pensato di proporre una guida per il paziente che deve iniziare il trattamento chemioterapico. Il

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

VINCRISTINA POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VINCRISTINA POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VINCRISTINA POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori informazioni:

Dettagli

CISPLATINO + GLIVEC (Imatinib)

CISPLATINO + GLIVEC (Imatinib) CISPLATINO + GLIVEC (Imatinib) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Questo schema comprende i seguenti farmaci: cisplatino, imatinib. Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione

Dettagli

POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI PEB POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: cisplatino, etoposide, bleomicina. Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la

Dettagli

INTERFERONE POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

INTERFERONE POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI INTERFERONE POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori informazioni:

Dettagli

Nausea e vomito da chemioterapia

Nausea e vomito da chemioterapia Nausea e vomito da chemioterapia La nausea e il vomito sono tra gli effetti collaterali più temuti dai soggetti che devono sottoporsi a una chemioterapia per un tumore perché hanno un grande impatto sulla

Dettagli

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51

Scritto da Administrator Martedì 10 Ottobre 2006 23:15 - Ultimo aggiornamento Mercoledì 30 Dicembre 2009 17:51 La colite ulcerosa e il morbo di Crohn sono malattie che colpiscono l apparato intestinale e vengono definite generalmente col nome di malattie infiammatorie dell apparato intestinale. La colite ulcerosa

Dettagli

www.regione.lombardia.it REGOLE D ORO Per affrontare il caldo estivo LOMBARDIA. COSTRUIAMOLA INSIEME.

www.regione.lombardia.it REGOLE D ORO Per affrontare il caldo estivo LOMBARDIA. COSTRUIAMOLA INSIEME. www.regione.lombardia.it 10 REGOLE D ORO Per affrontare il caldo estivo LOMBARDIA. COSTRUIAMOLA INSIEME. LOMBARDIA. COSTRUIAMOLA INSIEME. Ecco uno strumento utile per combattere il caldo estivo. Una serie

Dettagli

Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico. Il neutrofilo PHIL

Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico. Il neutrofilo PHIL Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Il neutrofilo PHIL Informazioni utili sulla NEUTROPENIA durante il trattamento chemioterapico NEUTROFILO PHIL La tua guardia

Dettagli

FOLFIRI + AVASTIN (Bevacizumab) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

FOLFIRI + AVASTIN (Bevacizumab) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI FOLFIRI + AVASTIN (Bevacizumab) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: fluorouracile, acido folinico, irinotecano, bevacizumab. Le informazioni contenute in questo

Dettagli

IMATINIB (Glivec) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

IMATINIB (Glivec) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI IMATINIB (Glivec) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

La mucosite orale. (stomatite) i disturbi del cavo orale (bocca, gola) che si possono manifestare durante. Guida pratica per limitare

La mucosite orale. (stomatite) i disturbi del cavo orale (bocca, gola) che si possono manifestare durante. Guida pratica per limitare Guida pratica per limitare i disturbi del cavo orale (bocca, gola) che si possono manifestare durante la terapia oncologica La mucosite orale (stomatite) La mucosite orale (stomatite) Guida pratica per

Dettagli

Il paziente oncologico

Il paziente oncologico Il paziente oncologico Le neoplasie sono tra le cause più frequenti di morte nel cane e nel gatto in molti paesi industrializzati. La chemioterapia antineoplastica, anche in medicina veterinaria, negli

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Emergenza caldo. Conoscere e prevenire i rischi di un estate bollente.

Emergenza caldo. Conoscere e prevenire i rischi di un estate bollente. Emergenza caldo. Conoscere e prevenire i rischi di un estate bollente. Emergenza caldo. Ecco una serie di consigli pratici per prevenire e affrontare i pericoli del caldo estivo. Questi consigli, validi

Dettagli

CHOP +MABTHERA (Rituximab)

CHOP +MABTHERA (Rituximab) CHOP +MABTHERA (Rituximab) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: ciclofosfamide, doxorubicina (adriamicina), vincristina, prednisone, rituximab Le informazioni

Dettagli

UN ESTATE AL RIPARO DAL CALDO

UN ESTATE AL RIPARO DAL CALDO I.P. UN ESTATE AL RIPARO DAL CALDO QUESTO OPUSCOLO È STATO REALIZZATO PER FORNIRE UTILI CONSIGLI A SOSTEGNO DEGLI ANZIANI. FAVORISCI LA SUA DIFFUSIONE TRA LE FASCE DI POPOLAZIONE IN ETÀ PIÙ AVANZATA. GRAZIE.

Dettagli

CETUXIMAB (Erbitux) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

CETUXIMAB (Erbitux) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI CETUXIMAB (Erbitux) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Norme d igiene per proteggere il sistema nervoso

Norme d igiene per proteggere il sistema nervoso Norme d igiene per proteggere il sistema nervoso Colora il quadratino posto accanto alle indicazioni corrette. Per mantenere il nostro sistema nervoso sano ed efficiente è opportuno... ALLA SALUTE respirare

Dettagli

LA CHEMIOTERAPIA: COS'È, COSA PROVOCA, COME AFFRONTARLA.

LA CHEMIOTERAPIA: COS'È, COSA PROVOCA, COME AFFRONTARLA. LA CHEMIOTERAPIA: COS'È, COSA PROVOCA, COME AFFRONTARLA. La chemioterapia è la cura dei tumori per mezzo di sostanze chimiche, ossia di farmaci. Questi farmaci vengono prevalentemente somministrati per

Dettagli

U. O. EMATOLOGIA e CENTRO TRAPIANTO MIDOLLO OSSEO Presidio Ospedaliero di Piacenza Via Cantone del Cristo

U. O. EMATOLOGIA e CENTRO TRAPIANTO MIDOLLO OSSEO Presidio Ospedaliero di Piacenza Via Cantone del Cristo Dipartimento di Onco - Ematologia Direttore Dr. Luigi Cavanna U. O. EMATOLOGIA e CENTRO TRAPIANTO MIDOLLO OSSEO Presidio Ospedaliero di Piacenza Via Cantone del Cristo Direttore Dr. Daniele Vallisa Coordinatore

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

LA TERAPIA DEL. Maria Teresa Petrucci (Roma)

LA TERAPIA DEL. Maria Teresa Petrucci (Roma) LA TERAPIA DEL PAZIENTE GIOVANE Maria Teresa Petrucci (Roma) La terapia farmacologica ha un ruolo fondamentale nel trattamento del Mieloma Multiplo che è una malattia già disseminata nell organismo al

Dettagli

IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI

IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI Maria Teresa Petrucci (Roma) La terapia (orale, endovenosa, sottocutanea) ha un ruolo fondamentalenellaterapia nella terapia delmielomamultiploche Multiplo è una malattia

Dettagli

Consigli pratici per gestire le tossicità cutanee

Consigli pratici per gestire le tossicità cutanee Consigli pratici per gestire le tossicità cutanee SALVE, SONO IL DOTTOR CHI. IN QUESTO OPUSCOLO TI DARÒ UNA SERIE DI CONSIGLI UTILI PER GESTIRE AL MEGLIO LE TOSSICITÀ DELLA PELLE. SEGUIMI! SARÒ AL TUO

Dettagli

I FARMACI CHEMIOTERAPICI

I FARMACI CHEMIOTERAPICI I FARMACI CHEMIOTERAPICI A cura di Dott.ssa Vita Leonardi dirigente medico presso la U.O. di oncologia medica dell AORNAS Civico di Palermo Direttore: Dott. Biagio Agostara CHEMIOTERAPIA Terapia con prodotti

Dettagli

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA La dieta nel diabete Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura

Dettagli

6.5. Suggerimenti sul pronto soccorso

6.5. Suggerimenti sul pronto soccorso 6.5. Suggerimenti sul pronto soccorso In qualità di assistente è possibile trovarsi nelle condizioni in cui è necessario avere alcune nozioni di pronto soccorso. Un modo per apprendere queste competenze

Dettagli

Condividiamo il seguente studio:

Condividiamo il seguente studio: Condividiamo il seguente studio: "Consigli per diarrea, stitichezza e colon irritabile" del Dottor Donadel Campbel tratto dal sito : http://www.giorgiodonadelcampbell.it/ index.php?id=64 poichè lo riteniamo

Dettagli

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10. Ho mal di stomaco. Che cosa è la dispepsia

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10. Ho mal di stomaco. Che cosa è la dispepsia Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10 Ho mal di stomaco Che cosa è la dispepsia INFORMATIVA PER PAZIENTI IS PV ALL 24-0 05/09/2012 INDICE Cos è? 4 Come si riconosce? 5 La dispepsia

Dettagli

la base del benessere ph Basic AIUTA L EQUILIBRIO ACIDO-BASE

la base del benessere ph Basic AIUTA L EQUILIBRIO ACIDO-BASE la base del benessere ph Basic AIUTA L EQUILIBRIO ACIDO-BASE Il ph è l unità di misura dell acidità che va da 0 (acido) a 14 (basico o alcalino). 7 è il valore neutro. Il metodo più facile per avere un

Dettagli

ATTENTI AL CALDO!!!! come affrontare il rischio di ondate di calore. www.anpanacosenza.it

ATTENTI AL CALDO!!!! come affrontare il rischio di ondate di calore. www.anpanacosenza.it A.N.P.A.N.A. (Associazione Nazionale Protezione Animali Natura e Ambiente) Sezione Provinciale di Cosenza e COMUNE DI PAOLA PROVINCIA DI COSENZA presentano ATTENTI AL CALDO!!!! come affrontare il rischio

Dettagli

I PIEDI MERITANO ATTENZIONE

I PIEDI MERITANO ATTENZIONE I PIEDI MERITANO ATTENZIONE A cura del Prof. Mauro Montesi Presidente Associazione Italiana Podologi Roma UN COMPAGNO DI VITA SCOMODO Il diabete mellito è una malattia metabolica cronica che in Italia

Dettagli

L igiene. Si rimandano i lettori all opera completa, pubblicata da Maggioli Editore. **** Puoi ordinare una copia qui. a) Cambio biancheria del letto:

L igiene. Si rimandano i lettori all opera completa, pubblicata da Maggioli Editore. **** Puoi ordinare una copia qui. a) Cambio biancheria del letto: L articolo che segue è tratto dal testo Assistere a casa. Suggerimenti e indicazioni per prendersi cura di una persona malata di G. Casale e C. Mastroianni. Si rimandano i lettori all opera completa, pubblicata

Dettagli

Una guida per aiutarvi a gestire il catetere e le sacche di drenaggio

Una guida per aiutarvi a gestire il catetere e le sacche di drenaggio Una guida per aiutarvi a gestire il catetere e le sacche di drenaggio Un catetere può migliorare la vostra salute e qualità di vita. Siccome sappiamo che potrebbe richiedere un bel po di adattamento, abbiamo

Dettagli

DIABETE E CURA DEI PIEDI

DIABETE E CURA DEI PIEDI DIABETE E CURA DEI PIEDI Un aspetto fondamentale del controllo del diabete è la cura appropriata dei piedi. È possibile ridurre o prevenire complicazioni gravi con una buona igiene del piede. Il vostro

Dettagli

CHE COSA SONO I BIFOSFONATI?

CHE COSA SONO I BIFOSFONATI? Regione del Veneto Istituto Oncologico Veneto Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico CHE COSA SONO I BIFOSFONATI? Informativa per i pazienti I bifosfonati sono farmaci introdotti più di vent

Dettagli

Dott. Lilia Bortolotti Medico Chirurgo Specialista Odontostomatologia Specialista Otorinolaringoiatria Bologna - via Pasubio, 24 - tel.

Dott. Lilia Bortolotti Medico Chirurgo Specialista Odontostomatologia Specialista Otorinolaringoiatria Bologna - via Pasubio, 24 - tel. Dott. Lilia Bortolotti Medico Chirurgo Specialista Odontostomatologia Specialista Otorinolaringoiatria Bologna - via Pasubio, 24 - tel. 051/433862 ISTRUZIONI PER PAZIENTI PORTATORI DI PROTESI TOTALE PREMESSA

Dettagli

Factsheet calore. Lucerna, 01.06.2006. 1. Introduzione

Factsheet calore. Lucerna, 01.06.2006. 1. Introduzione Lucerna, 01.06.2006 Factsheet calore 1. Introduzione Il lavoro nei giorni di canicola provoca un aumento della temperatura corporea, dovuto a fattori come il caldo, il lavoro fisico e, in alcuni casi,

Dettagli

La Febbre: Info per i genitori. Calvani Mauro e Laura Reali

La Febbre: Info per i genitori. Calvani Mauro e Laura Reali La Febbre: Info per i genitori Calvani Mauro e Laura Reali 1. A cosa serve la febbre? La febbre èun importante e benefico meccanismo di difesa con cui il tuo bambino si difende dai germi che entrano nel

Dettagli

Ipotiroidismo. Società Italiana di Endocrinologia. Sintomi. Cosa è l ipotiroidismo?

Ipotiroidismo. Società Italiana di Endocrinologia. Sintomi. Cosa è l ipotiroidismo? Società Italiana di Endocrinologia Le informazioni presenti sul sito non intendono sostituire il programma diagnostico, il parere ed il trattamento consigliato dal vostro medico. Poiché non esistono mai

Dettagli

Avvelenamenti. Dott. Michele Massoni

Avvelenamenti. Dott. Michele Massoni Avvelenamenti Dott. Michele Massoni Di fronte ad un avvelenamento, che sia dimostrato o solamente sospettato, qualunque sia il tossico responsabile e qualunque sia la via di assunzione di quest ultimo,

Dettagli

PER CONOSCERE MEGLIO LA CHEMIOTERAPIA

PER CONOSCERE MEGLIO LA CHEMIOTERAPIA U n i t à d i O n c o l o g i a M e d i c a U n i t à S a n i t a r i a L o c a l e d e l l a V a l l e d A o s t a PER CONOSCERE MEGLIO LA CHEMIOTERAPIA informazioni per le persone in cura antitumorale

Dettagli

Allegato 2 ISTRUZIONI DI PRIMO SOCCORSO PER LE SCUOLE

Allegato 2 ISTRUZIONI DI PRIMO SOCCORSO PER LE SCUOLE Allegato 2 SERVIZIO MEDICINA PREVENTIVA NELLE COMUNITA E DELLO SPORT ISTRUZIONI DI PRIMO SOCCORSO PER LE SCUOLE IN CASO DI COSA FARE COSA NON FARE Indossare i guanti monouso Lavare la ferita con acqua

Dettagli

204906CO_297x210_Folder_farmaci2.qxd 20-09-2006 18:56 Pagina 1 FARMACI E GRAVIDANZA: HAI NOVE MESI PER LEGGERE TUTTO QUELLO CHE C È DA SAPERE.

204906CO_297x210_Folder_farmaci2.qxd 20-09-2006 18:56 Pagina 1 FARMACI E GRAVIDANZA: HAI NOVE MESI PER LEGGERE TUTTO QUELLO CHE C È DA SAPERE. 204906CO_297x210_Folder_farmaci2.qxd 20-09-2006 18:56 Pagina 1 FARMACI E GRAVIDANZA: HAI NOVE MESI PER LEGGERE TUTTO QUELLO CHE C È DA SAPERE. 2 204906CO_297x210_Folder_farmaci2.qxd 20-09-2006 18:56 Pagina

Dettagli

Herpes zoster. (fuoco di Sant Antonio)

Herpes zoster. (fuoco di Sant Antonio) (fuoco di Sant Antonio) Cosa è Cosa è Cosa è Cosa è Cosa è Cosa è Cosa è Cosa è (Cosa è L è un infezione causata dal virus Varicella Zoster (che per semplicità chiameremo VZV) che è caratterizzata dalla

Dettagli

A cura di Marcello Ghizzo

A cura di Marcello Ghizzo IL PRIMO SOCCORSO A NOI E AGLI ALTRI A cura di Marcello Ghizzo Per cominciare Il rischio che tu o i tuoi compagni possiate restare vittime di incidenti durante la pratica sportiva, il gioco, a scuola o

Dettagli

IGIENE PERSONALE E RIFACIMENTO LETTO

IGIENE PERSONALE E RIFACIMENTO LETTO IGIENE PERSONALE E RIFACIMENTO LETTO Dr.ssa Roberta Boldrini Roma, 28 gennaio 2012 Le cure igieniche L igiene è la scienza della salute e del suo mantenimento L igiene personale è la cura di sé con la

Dettagli

MENOPAUSA E D INTORNI A CURA DEL COORDINAM ENTO DONNE S LP CISL CATANIA. Con la collaborazione della Dottoressa Palmisano

MENOPAUSA E D INTORNI A CURA DEL COORDINAM ENTO DONNE S LP CISL CATANIA. Con la collaborazione della Dottoressa Palmisano MENOPAUSA E D INTORNI A CURA DEL COORDINAM ENTO DONNE S LP CISL CATANIA Con la collaborazione della Dottoressa Palmisano MENOPAUSA E D INTORNI COSA SI PUO E COSA SI DEVE FARE? CHE COS E? La menopausa non

Dettagli

DIABETE: LE REGOLE DA SEGUIRE IN CASO DI MALATTIA

DIABETE: LE REGOLE DA SEGUIRE IN CASO DI MALATTIA DIABETE: LE REGOLE DA SEGUIRE IN CASO DI MALATTIA È importante sapere come comportarsi in caso di malattia. Evitate le situazioni a rischio e stabilite preventivamente le regole da seguire. Ricordate:

Dettagli

Deglutizione. Logopedista Angela Di Palma

Deglutizione. Logopedista Angela Di Palma Deglutizione Logopedista Angela Di Palma GLI ACCORGIMENTI PER FACILITARE LA DEGLUTIZIONE E RENDERLA SICURA SO RICONDUCIBILI A 4 CATEGORIE DI INTERVENTO: 1. limitare e/o modificare i tipi di alimenti presenti

Dettagli

QUESTIONARIO SULL ADERENZA ALLA TERAPIA PER L EPATITE C

QUESTIONARIO SULL ADERENZA ALLA TERAPIA PER L EPATITE C ALLEGATO 5 Cod. paz.: Data compilazione / / Centro Clinico QUESTIONARIO SULL ADERENZA ALLA TERAPIA PER L EPATITE C Lo scopo di questa ricerca è quello di comprendere meglio i problemi legati all assunzione

Dettagli

RADIOTERAPIA ESTERNA PER LA CURA DEI TUMORI GINECOLOGICI

RADIOTERAPIA ESTERNA PER LA CURA DEI TUMORI GINECOLOGICI RADIOTERAPIA ESTERNA PER LA CURA DEI TUMORI GINECOLOGICI Informazioni generali Gentile Signora, questo opuscolo è stato realizzato per fornire alcune utili informazioni a chi, come lei, deve seguire un

Dettagli

CALORIE CONSUMATE PER OGNI 15 MINUTI DELLE SEGUENTI ATTIVITA FISICHE

CALORIE CONSUMATE PER OGNI 15 MINUTI DELLE SEGUENTI ATTIVITA FISICHE CALORIE CONSUMATE PER OGNI 15 MINUTI DELLE SEGUENTI ATTIVITA FISICHE BALLO LATINO AMERICANO CORSA NUOTO FOOTBALL MOUNTAIN BIKE TENNIS BICICLETTA SCIARE CAMMINARE VELOCE ATTIVITA LAVORATIVA 250 CALORIE

Dettagli

L obiettivo per vivere meglio: alimentazione sana e benessere dell intestino! Venerdì 09 Ottobre 2009 Teatro Comunale di Padergnone (TN)

L obiettivo per vivere meglio: alimentazione sana e benessere dell intestino! Venerdì 09 Ottobre 2009 Teatro Comunale di Padergnone (TN) L obiettivo per vivere meglio: alimentazione sana e benessere dell intestino! Venerdì 09 Ottobre 2009 Teatro Comunale di Padergnone (TN) L intestino?il cervello della pancia. Come mantenere naturalmente

Dettagli

Test Verificate le vostre conoscenze sull epatite C!

Test Verificate le vostre conoscenze sull epatite C! Test Verificate le vostre conoscenze sull epatite C! L Epatite C può essere trasmessa attraverso: L uso comune di aghi e siringhe L uso comune di filtri, cucchiai e acqua al momento del consumo di droghe

Dettagli

Presidio Ospedaliero Amedeo di Savoia Birago di Vische Corso Svizzera 164 Torino. Day Hospital Oncologico Birago di Vische

Presidio Ospedaliero Amedeo di Savoia Birago di Vische Corso Svizzera 164 Torino. Day Hospital Oncologico Birago di Vische Presidio Ospedaliero Amedeo di Savoia Birago di Vische Corso Svizzera 164 Torino Day Hospital Oncologico Birago di Vische 1 2 3 Carissimo paziente, si trova in questo periodo di fronte ad una grande prova.

Dettagli

DISPEPSIA, MRGE, GASTRITE, ULCERA PEPTICA WWW.SLIDETUBE.IT

DISPEPSIA, MRGE, GASTRITE, ULCERA PEPTICA WWW.SLIDETUBE.IT DISPEPSIA, MRGE, GASTRITE, ULCERA PEPTICA Definizione Sensazione generica di fastidio cronico o ricorrente localizzata ai quadranti addominali superiore e che insorge in assenza di patologie organiche

Dettagli

VOL. 4. Progetto S STEGNO. Come gestire. i possibili effetti indesiderati delle cure e della malattia: capelli, cute. e apparato ginecologico

VOL. 4. Progetto S STEGNO. Come gestire. i possibili effetti indesiderati delle cure e della malattia: capelli, cute. e apparato ginecologico VOL. 4 Progetto S STEGNO Come gestire i possibili effetti indesiderati delle cure e della malattia: capelli, cute e apparato ginecologico Effetti sui capelli (alopecia) Alcuni farmaci anti-tumorali possono

Dettagli

Diabete e situazioni particolari

Diabete e situazioni particolari Diabete e situazioni particolari MALATTIE, VIAGGI E FESTE Lilly Che succede se mi ammalo? Quando si è ammalati è necessario curarsi con attenzione per evitare complicanze o un aumento della glicemia. QUALUNQUE

Dettagli

Patologia da incendio

Patologia da incendio USTIONI FUMI TOSSICI TRAUMI Patologia da incendio la vittima di un incendio può essere intossicata senza essere ustionata, al contrario ustioni gravi sono sempre concomitanti con una intossicazione da

Dettagli

Come aumentare l apporto calorico alla dieta

Come aumentare l apporto calorico alla dieta Come aumentare l apporto calorico alla dieta Lo IEO pubblica una collana di Booklets al fine di aiutare il paziente a gestire eventuali problematiche (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione

Dettagli

Informazioni al femminile

Informazioni al femminile Informazioni al femminile 1. CONTROLLO PRIMA DELLA GRAVIDANZA Il controllo prima di iniziare la gravidanza è molto importante perché la salute della madre condiziona sia il regolare svolgimento della gravidanza

Dettagli

Sezione Ticino. Gravidanza

Sezione Ticino. Gravidanza Sezione Ticino Gravidanza Una gravidanza normale dura circa 40 settimane ovvero 280 giorni dal primo giorno dell ultima mestruazione. Si considera a termine un bambino nato tra 37+0 e 41+6 e viene considerato

Dettagli

FOGLIO ILLUSTRATIVO: INFORMAZIONI PER L UTILIZZATORE

FOGLIO ILLUSTRATIVO: INFORMAZIONI PER L UTILIZZATORE FOGLIO ILLUSTRATIVO: INFORMAZIONI PER L UTILIZZATORE Gemzar 200 mg polvere per soluzione per infusione Gemzar 1.000 mg polvere per soluzione per infusione Gemcitabina Legga attentamente questo foglio prima

Dettagli

Informazioni ai pazienti in cura con farmaci anticoagulanti

Informazioni ai pazienti in cura con farmaci anticoagulanti Informazioni ai pazienti in cura con farmaci anticoagulanti I farmaci anticoagulanti orali (in Italia si usano le compresse di Coumadin o di Sintrom ) servono per diminuire la coagulazione del sangue,

Dettagli

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina.

E importante che il paziente con Insufficienza renale cronica comprenda che una corretta alimentazione è come una medicina. Perché è necessaria la dieta nella IRC? La principale funzione dei reni è quella di eliminare con le urine le scorie, l acqua e sali minerali nella quantità necessaria. Nella Insufficienza renale cronica

Dettagli

INSURANCE TEAM di Farina & C. S.a.s.

INSURANCE TEAM di Farina & C. S.a.s. CONGELAMENTO E una lesione locale da freddo che interessa una o più parti del corpo, generalmente le estremità: mani, piedi, naso, orecchie. - Diminuito apporto di sangue nei tessuti interessati (colore

Dettagli

A.V.A.P. MARANELLO CORSO BASE 8/11/2005 LE USTIONI ANATOMIA DELLA CUTE EPIDERMIDE DERMA (follicoli piliferi, ghiandole sebacee, terminazioni nervose) IPODERMA (grasso) DEFINIZIONE E CAUSE Le ustioni sono

Dettagli

Alimentazione e reflusso gastrico

Alimentazione e reflusso gastrico Cause Il reflusso gastrico è causato dal reflusso del contenuto acido dello stomaco nell esofago. Questo succede per esempio con una pressione troppo forte sullo stomaco o perché il muscolo superiore di

Dettagli

SCLERODERMIA. Istruzioni per un comportamento corretto

SCLERODERMIA. Istruzioni per un comportamento corretto SCLERODERMIA Istruzioni per un comportamento corretto Medicina Fisica e Riabilitativa 1 A cura di: Dott. Antonio Marcato - Medicina Fisica e Riabilitazione Dott. GianLuigi Bajocchi - Reumatologia Per ulteriori

Dettagli

VIVERE AL MEGLIO con l angioedema ereditario

VIVERE AL MEGLIO con l angioedema ereditario VIVERE AL MEGLIO con l angioedema ereditario con il contributo educazionale di indice Indice 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 Cos è l angioedema ereditario (AEE)? 4 Come si manifesta? 6 Come viene diagnosticato?

Dettagli

Informazioni ai pazienti per ERCP (rappresentazione delle vie biliari e del pancreas con mezzo di contrasto)

Informazioni ai pazienti per ERCP (rappresentazione delle vie biliari e del pancreas con mezzo di contrasto) - 1 - Informazioni ai pazienti per ERCP (rappresentazione delle vie biliari e del pancreas con mezzo di contrasto) Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo

Dettagli

DIABETE E ALIMENTAZIONE

DIABETE E ALIMENTAZIONE DIABETE E ALIMENTAZIONE La pianificazione di una dieta corretta può essere difficile se non si è certi della combinazione di cibi migliore, delle porzioni e dell effetto dei diversi alimenti sui livelli

Dettagli

Punto Insieme Sanità. Tavolo Tecnico Dermatologia Relazione conclusiva

Punto Insieme Sanità. Tavolo Tecnico Dermatologia Relazione conclusiva Punto Insieme Sanità Tavolo Tecnico Dermatologia Relazione conclusiva 25 Marzo 2015 Raccomandazioni Generali: È prioritario inserire nei LEA la prevenzione e il trattamento delle lesioni cutanee e creare

Dettagli

Foglio illustrativo: informazioni per l utilizzatore. VFEND 200 mg polvere per soluzione per infusione Voriconazolo

Foglio illustrativo: informazioni per l utilizzatore. VFEND 200 mg polvere per soluzione per infusione Voriconazolo Foglio illustrativo: informazioni per l utilizzatore VFEND 200 mg polvere per soluzione per infusione Voriconazolo Legga attentamente questo foglio prima di prendere questo medicinale perché contiene informazioni

Dettagli

INTERVENTO DI PROTESI DI GINOCCHIO: VADEMECUM POST-OPERATORIO PER IL PAZIENTE

INTERVENTO DI PROTESI DI GINOCCHIO: VADEMECUM POST-OPERATORIO PER IL PAZIENTE INTERVENTO DI PROTESI DI GINOCCHIO: VADEMECUM POST-OPERATORIO PER IL PAZIENTE Francesco Albanese, 67 anni Ex titolare di una impresa edile Operato 5 anni fa di protesi alle ginocchia Sul sito web www.storiedivitainmovimento.it

Dettagli

Informazioni per pazienti affetti da melanoma in trattamento con Ipilimumab

Informazioni per pazienti affetti da melanoma in trattamento con Ipilimumab Informazioni per pazienti affetti da melanoma in trattamento con Ipilimumab Gentile Signora, egregio Signore, questo opuscolo si propone di spiegarle in modo semplice cosa è il melanoma e fornirle informazioni

Dettagli

Che cosa è un epidurale?

Che cosa è un epidurale? CONTROLLO DEL DOLORE POST-OPERATORIO CON L ANALGESIA EPIDURALE Questo foglietto vuole essere un informativa per il paziente e la sua famiglia circa il controllo del dolore postoperatorio attraverso l utilizzo

Dettagli

Gestione infermieristica delle terapie antiblastiche. Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale Mammella S.Orsola-Malpighi Bologna

Gestione infermieristica delle terapie antiblastiche. Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale Mammella S.Orsola-Malpighi Bologna Gestione infermieristica delle terapie antiblastiche Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale Mammella S.Orsola-Malpighi Bologna L infermiere che gestisce la chemioterapia deve conoscere: - Farmaci

Dettagli

a cura della sezione di Torino Il Lichen Orale

a cura della sezione di Torino Il Lichen Orale Il Lichen Orale 1. Che cosa e il lichen planus? 2. E una malattia trasmissibile o infettiva? 3. Quali distretti corporei può colpire? 4. Quali sono gli aspetti clinici della malattia quando colpisce il

Dettagli

Rischio Emorragico. farma memo. scritto è meglio! International Normalized Ratio. Rischio Trombotico

Rischio Emorragico. farma memo. scritto è meglio! International Normalized Ratio. Rischio Trombotico Rischio Emorragico 6 5 4 3 2 1 International Normalized Ratio farma memo scritto è meglio! Rischio Trombotico Campagne regionali per la sicurezza del paziente: La prevenzione degli errori di terapia Un

Dettagli

LA DISFAGIA NEL PAZIENTE CON ICTUS CEREBRALE ACUTO: aspetti infermieristici e riabilitativi

LA DISFAGIA NEL PAZIENTE CON ICTUS CEREBRALE ACUTO: aspetti infermieristici e riabilitativi LA DISFAGIA NEL PAZIENTE CON ICTUS CEREBRALE ACUTO: aspetti infermieristici e riabilitativi Ospedale Niguarda CàGranda Milano Ester Pileio INFERMIERA Silvia Zigiotto INFERMIERA Una delle attivitàvitali

Dettagli

Consigli ai genitori. La dermatite atopica Come curarla

Consigli ai genitori. La dermatite atopica Come curarla Consigli ai genitori La dermatite atopica Come curarla I consigli Quando? Al momento di una diagnosi certa o nelle ricadute Come? Con spiegazioni orali, con scheda Perché Serve a rendere autonomo il genitore,

Dettagli

Consigli per assistere la Persona con Demenza

Consigli per assistere la Persona con Demenza Ospedale San Lorenzo Valdagno Dipartimento Medicina Interna Unità Operativa di Lungodegenza Responsabile dr. Marcello Mari Consigli per assistere la Persona con Demenza Strumenti per qualificare le cure

Dettagli

PREPARAZIONE AGLI ESAMI DI LABORATORIO

PREPARAZIONE AGLI ESAMI DI LABORATORIO PREPARAZIONE AGLI ESAMI DI LABORATORIO Il corretto comportamento del paziente prima di un esame di laboratorio contribuisce in modo importante all'accuratezza diagnostica della procedura. Viceversa, il

Dettagli