PRESENTAZIONE ALLA TERZA EDIZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PRESENTAZIONE ALLA TERZA EDIZIONE"

Transcript

1 PRESENTAZIONE ALLA TERZA EDIZIONE L introduzione dell insegnamento dell Igiene in nuovi corsi di laurea triennale e di laurea specialistica che preparano diverse figure professionali, ha reso necessaria una completa revisione dei contenuti e dello stile espositivo di questa terza edizione; ciò per meglio adeguarla alla formazione culturale e professionale degli studenti e per rendere più facile l apprendimento dei concetti e delle procedure per la promozione e la protezione della salute. Allo scopo di rendere più agevole l apprendimento dell epidemiologia e della prevenzione, nucleo centrale dell Igiene, ed in considerazione della diversa preparazione di base degli studenti cui il testo è indirizzato, è sembrato opportuno introdurre, in appositi capitoli, nozioni relative all eziologia delle malattie, con particolare riguardo per le cause microbiche e per i rapporti tra i microrganismi e l uomo, ed alle difese naturali dell organismo, comprese le difese immunitarie e gli adattamenti fisiologici ai fattori ambientali. Ampio spazio è stato dato alla presentazione dei principi e della pratica dell educazione sanitaria, con particolare riguardo per la promozione della salute nelle varie fasi della vita, per l educazione ambientale, per l educazione alimentare e, più in generale, per l adozione di stili di vita sani. Ancora, specifici capitoli sono stati dedicati alla prevenzione degli handicap, al benessere negli ambienti di vita, all igiene ed alla sicurezza nel lavoro. Il testo che vede ora la luce è il frutto dell impegno di un gruppo di docenti che hanno sviluppato il piano editoriale predisposto dal Prof. Giuseppe Giammanco, che ha curato anche l armonizzazione dei diversi contributi. Esso, sfrondato di inutili nozionismi e ridondanze, ha potuto essere contenuto in un numero di pagine relativamente limitato in rapporto all ampio panorama dell Igiene che presenta. Bologna, febbraio 2011 Gli Autori

2 INDICE GENERALE 1. L IGIENE E L EDUCAZIONE SANITARIA, SCIENZE DELLA SALUTE OBIETTIVI E CONTENUTI DELL IGIENE E DELL EDUCAZIONE SANITARIA CHE COSA È LA SALUTE I bisogni di salute: percepiti e non percepiti, espressi e non espressi, indotti I successi ed i limiti della medicina scientifica di fronte ai bisogni di salute ed alla richiesta di «empatia» della popolazione La ricerca irrazionale di salute, le «medicine alternative», la medicina e la prevenzione basate sulle prove di efficacia L ORGANIZZAZIONE SANITARIA PER LA PROMOZIONE E LA DIFESA DELLA SALUTE L ORGANIZZAZIONE SANITARIA INTERNAZIONALE L ORGANIZZAZIONE SANITARIA ITALIANA L organizzazione del livello centrale L organizzazione a livello regionale Le Aziende Sanitarie Locali Le Aziende ospedaliere La salute non ha prezzo ma l assistenza sanitaria ha dei costi 14

3 VIII Igiene 3. ELEMENTI DI DEMOGRAFIA E DI EPIDEMIOLOGIA ELEMENTI DI DEMOGRAFIA E DI STATISTICA SANITARIA Lo stato della popolazione. Il censimento La piramide delle età Il movimento della popolazione, i registri anagrafici e le notificazioni obbligatorie Altre fonti di dati sanitari Le indagini ad hoc Le misure di frequenza Significato di alcuni indicatori demografici e sanitari Tasso di natalità Tasso di fecondità Vita media o speranza di vita Indice di vecchiaia Tassi di mortalità Mortalità infantile, neonatale e perinatale Tassi di morbosità: incidenza e prevalenza delle malattie Letalità ELEMENTI DI EPIDEMIOLOGIA Epidemiologia descrittiva o ecologica Variazioni temporali: epidemie, pandemie Epidemie e pandemie Differenze spaziali Variabili personali Epidemiologia analitica Studi di prevalenza o trasversali Studi per coorte o longitudinali o prospettivi Studi caso-controllo o retrospettivi Epidemiologia sperimentale o di intervento PROMOZIONE DELLA SALUTE E PREVENZIONE DELLE MALATTIE COME SI PROMUOVE LA SALUTE

4 Indice generale IX 4.2. COME SI PREVENGONO LE MALATTIE La prevenzione primaria Metodologia della prevenzione primaria La prevenzione secondaria Metodologia della prevenzione secondaria La prevenzione terziaria OBIETTIVI STRATEGICI DELLA PREVENZIONE La protezione individuale Il controllo delle malattie L eliminazione delle malattie L eradicazione delle malattie PRINCIPI DI EDUCAZIONE SANITARIA EDUCAZIONE ALLA SALUTE E PROMOZIONE DELLA SALUTE GLI STRUMENTI DELL EDUCAZIONE ALLA SALUTE Comunicazione Contatto Mezzi Trasmissione Comprensione Comunicazione di gruppo Comunicazione di massa La comunicazione del rischio Informazione Proprietà di base dell informazione Qualità dell informazione Valore dell informazione La persona come soggetto attivo Lavoro di gruppo Variabili di un gruppo di lavoro Variabili di tipo strutturale Variabili di tipo processuale Fasi della costituzione di un gruppo di lavoro

5 X Igiene 5.3. LE PRINCIPALI TECNICHE DI FORMAZIONE ATTIVA Focus group Brainstorming Gioco di ruolo Analisi di un caso L EDUCAZIONE TRA PARI LA PROGETTAZIONE EDUCATIVA Scelta degli obiettivi di salute Programmazione dei metodi e dei contenuti Verifica e valutazione dell intervento AMBITI SOCIALI IN CUI SVOLGERE ATTIVITÀ DI PROMOZIONE DELLA SALUTE PRINCIPI DI EPIDEMIOLOGIA DELLE MALATTIE INFETTIVE LE MALATTIE INFETTIVE EZIOLOGIA DELLE MALATTIE INFETTIVE: I MICROBI I virus I batteri I protozoi I miceti I MICROBI E NOI I microbi saprofiti I microbi utili all uomo I microbi commensali I microbi patogeni Infezione e malattia I SERBATOI E LE SORGENTI D INFEZIONE I serbatoi d infezione Le sorgenti d infezione LE MODALITÀ DI TRASMISSIONE DELLE INFEZIONI La trasmissione diretta e semi-diretta La trasmissione indiretta Trasmissione indiretta mediante veicoli

6 Indice generale XI Trasmissione indiretta mediante vettori I circuiti di trasmissione Le vie d ingresso dei microbi nell organismo Le vie di espulsione dei microbi dall organismo COME SI PREVENGONO LE MALATTIE INFETTIVE E PARASSITARIE COME EVITARE LA DIFFUSIONE DEI MICROBI PATOGENI DAI SERBATOI E DALLE SORGENTI D INFEZIONE Educazione sanitaria del malato e di chi lo assiste Educazione sanitaria del portatore COME INTERROMPERE LA TRASMISSIONE ATTRAVERSO L AMBIENTE La sterilizzazione Sterilizzazione con il calore umido sotto pressione Sterilizzazione con il calore secco Sterilizzazione frazionata o tindalizzazione Sterilizzazione con le radiazioni ionizzanti di tipo gamma Sterilizzazione chimica con l ossido di etilene Sterilizzazione chimica con l acido peracetico Sterilizzazione chimica e fisica con il perossido di idrogeno Sterilizzazione con le radiazioni ultraviolette Sterilizzazione a freddo La disinfezione La disinfestazione La disinfezione e la disinfestazione nell ambito domestico LE DIFESE DELL ORGANISMO CONTRO LE MALATTIE INFETTIVE Le barriere difensive ed il sistema immunitario L immunità aspecifica L immunità specifica L immunità umorale L immunità cellulo-mediata

7 XII Igiene L immunità contro le infezioni I VACCINI E L IMMUNOPROFILASSI ATTIVA Vaccini vivi e attenuati Vaccini inattivati Vaccini costituiti da anatossine Vaccini costituiti da componenti microbiche purificate I vaccini combinati Gli adiuvanti dei vaccini Altri costituenti dei vaccini Reazioni indesiderate dei vaccini Controindicazioni e false controindicazioni alle vaccinazioni LE IMMUNOGLOBULINE E L IMMUNOPROFILASSI PASSIVA LE POLITICHE VACCINALI Le strategie di vaccinazione IL CALENDARIO DELLE VACCINAZIONI NELL INFANZIA LA PREVENZIONE DELLE INFEZIONI NELL AMBITO DEGLI OBIETTIVI DI SALUTE Gli obiettivi e le realizzazioni della prevenzione: l eradicazione, l eliminazione, il controllo delle malattie infettive PRINCIPI DI EPIDEMIOLOGIA DELLE MALATTIE CRONICO- DEGENERATIVE E DI ALTRI EVENTI NON INFETTIVI EZIOLOGIA DELLE MALATTIE CRONICO-DEGENERATIVE E DI ALTRI EVENTI NON INFETTIVI CAUSE E FATTORI CAUSALI Cause biologiche Cause chimiche Cause fisiche Fattori causali per le malattie cronico-degenerative Fattori di rischio Cause e fattori di rischio sociogenici Fattori protettivi Malattie monocausali

8 Indice generale XIII Malattie pluricausali e multifattoriali Modalità di manifestazione nella popolazione PRINCIPI DI PREVENZIONE DELLE MALATTIE CRONICO- DEGENERATIVE E DI ALTRI EVENTI NON INFETTIVI PREVENZIONE PRIMARIA Quantificazione degli effetti Strategie Metodologie Eugenetica Potenziamento delle difese dell organismo Modificazione dei comportamenti per uno stile di vita salutare Interventi negli ambienti di vita e di lavoro PREVENZIONE SECONDARIA Screening di massa Screening in gruppi a rischio PREVENZIONE TERZIARIA EPIDEMIOLOGIA E PREVENZIONE DELLE MALATTIE INFETTIVE DI MAGGIORE INTERESSE SOCIALE MALATTIE INFETTIVE PREVENIBILI CON I VACCINI Difterite Eziologia Patogenesi e cenni clinici Accertamenti diagnostici Epidemiologia Prevenzione Vaccinazione Tetano Eziologia Patogenesi e cenni clinici Accertamenti diagnostici

9 XIV Igiene Epidemiologia Prevenzione Vaccinazione Profilassi immunitaria passiva Trattamento profilattico del traumatizzato Pertosse Eziologia Patogenesi e cenni clinici Accertamenti diagnostici Epidemiologia Prevenzione Vaccinazione Profilassi immunitaria passiva Poliomielite Eziologia Patogenesi e cenni clinici Accertamenti diagnostici Epidemiologia Prevenzione Epatite virale B Eziologia Patogenesi e cenni clinici Accertamenti diagnostici Epidemiologia Prevenzione Vaccinazione anti-epatite B Profilassi immunitaria passiva Interventi sui portatori Prevenzione della trasmissione perinatale Prevenzione post-esposizione, dopo contatto o inoculazione di sangue Meningiti batteriche Meningiti da Neisseria meningitidis Eziologia Patogenesi e cenni clinici

10 Indice generale XV Epidemiologia Prevenzione Chemioprofilassi Vaccinazione Meningiti da Streptococcus pneumoniae Eziologia Patogenesi e cenni clinici Epidemiologia Prevenzione Meningiti da Haemophilus influenzae di tipo b Eziologia Patogenesi e cenni clinici Epidemiologia Prevenzione Accertamenti diagnostici delle meningiti batteriche Morbillo Eziologia Patogenesi e cenni clinici Epidemiologia Prevenzione Profilassi immunitaria passiva Parotite Eziologia Patogenesi e cenni clinici Accertamenti diagnostici Epidemiologia Prevenzione Rosolia Eziologia Patogenesi e cenni clinici Epidemiologia Rosolia post-natale Rosolia connatale Prevenzione

11 XVI Igiene Vaccinazione Profilassi immunitaria passiva Varicella Eziologia Patogenesi e cenni clinici Accertamenti diagnostici Epidemiologia Prevenzione Strategie vaccinali per l eradicazione delle malattie esantematiche Misure di prevenzione delle malattie esantematiche nella scuola e in altri ambienti comunitari Influenza Eziologia Patogenesi e cenni clinici Epidemiologia Prevenzione Vaccini antinfluenzali Chemioprofilassi MALATTIE PREVENIBILI CON LA BONIFICA DELL AMBIENTE E CON COMPORTAMENTI CORRETTI Gastroenteriti acute (infezioni diarroiche) Gastroenteriti virali Gastroenterite da rotavirus Eziologia Patogenesi e cenni clinici Accertamenti diagnostici Epidemiologia Prevenzione Gastroenteriti da Norovirus Gastroenteriti da Adenovirus Epatite virale A Eziologia Patogenesi e cenni clinici

12 Indice generale XVII Accertamenti diagnostici Epidemiologia Prevenzione Profilassi immunitaria Febbre tifoide Eziologia Patogenesi e cenni clinici Accertamenti diagnostici Epidemiologia Prevenzione Vaccinazione Tubercolosi Eziologia Patogenesi, cenni clinici ed immunità Accertamenti diagnostici Test alla tubercolina Ricerca di M. tuberculosis Epidemiologia Prevenzione Chemioprofilassi antitubercolare Vaccinazione MALATTIE PREVENIBILI CON COMPORTAMENTI CAUTI E RESPONSABILI: MALATTIE TRASMESSE PER VIA SESSUALE E PER INOCULAZIONE Sindrome da immunodeficienza acquisita (AIDS) Eziologia Patogenesi e cenni clinici Saggi diagnostici Epidemiologia Prevenzione Epatite virale C Eziologia e patogenesi Cenni clinici e accertamenti diagnostici Epidemiologia

13 XVIII Igiene Prevenzione Infezioni da papillomavirus umani (HPV) e cancro della cervice uterina Prevenzione Sifilide Patogenesi e cenni clinici Epidemiologia Accertamenti diagnostici e prevenzione Uretriti: blenorragia e uretriti non gonococciche Blenorragia Uretriti non gonococciche Chlamydia trachomatis Micoplasma e Ureaplasma Trichomonas vaginalis e Candida albicans EPIDEMIOLOGIA E PREVENZIONE DI MALATTIE CRONICO- DEGENERATIVE E DISMETABOLICHE DI MAGGIORE INTERESSE SOCIALE MALATTIE CARDIOVASCOLARI Aterosclerosi, arteriosclerosi e malattie cardiovascolari La cardiopatia ischemica Frequenza e distribuzione della mortalità e della morbosità I fattori di rischio per la cardiopatia ischemica La prevenzione della cardiopatia ischemica Ictus cerebrale DIABETE Diabete di tipo Diabete di tipo Alterata tolleranza al glucosio Alterato livello di glucosio a digiuno Prevenzione del diabete BRONCOPNEUMOPATIE CRONICHE OSTRUTTIVE Fattori causali

14 Indice generale XIX Fumo di tabacco Inquinamento atmosferico Fattori occupazionali Condizioni socio-economiche Prevenzione TUMORI MALIGNI SUSCETTIBILI DI PREVENZIONE Epidemiologia dei tumori maligni Agenti cancerogeni Agenti protettori dal cancro Stile di vita, ambiente ed agenti cancerogeni Storia naturale del cancro Prevenzione del cancro Prevenzione primaria Prevenzione secondaria Il Codice Europeo Contro il Cancro Cancro del polmone Prevenzione Cancro dello stomaco Cancro del colon-retto Cancro primitivo del fegato Cancro della mammella Cancro dell utero Cancro della cervice uterina Cancro del corpo dell utero Cancro della pelle IGIENE DEGLI ALIMENTI LE INFEZIONI VEICOLATE DA ALIMENTI LE TOSSINFEZIONI ALIMENTARI Tossinfezione da salmonelle Tossinfezione da stafilococchi enterotossici Tossinfezione da Clostridium perfringens (C. welchii) Botulismo

15 XX Igiene COME PRODURRE ALIMENTI SANI COME CONSERVARE SANI GLI ALIMENTI La disidratazione Il calore Il freddo Le radiazioni ionizzanti Le microonde I conservanti chimici I metodi di conservazione biologici I METODI DOMESTICI DI RISANAMENTO E DI CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI La cottura La refrigerazione Alimenti congelati e surgelati Le conserve fatte in casa I PROCEDIMENTI INDUSTRIALI DI RISANAMENTO E DI CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI Le conserve Le semiconserve Il risanamento e la conservazione del latte La contaminazione microbica del latte I trattamenti per il risanamento e la conservazione del latte IGIENE DELLA NUTRIZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE ALIMENTI, NUTRIENTI E GRUPPI FONDAMENTALI DI ALIMENTI ALIMENTAZIONE, DIETA E NUTRIZIONE: TABELLE DI COMPOSIZIONE DEGLI ALIMENTI, LIVELLI DI ASSUNZIONE RACCOMANDATI DI ENERGIA E NUTRIENTI, PIRAMIDE ALIMENTARE CARATTERISTICHE ORGANOLETTICHE, COMPOSIZIONE E VALORE CALORICO DEI PRINCIPALI ALIMENTI Il pane e i prodotti da forno La pasta Il latte ed i formaggi

16 Indice generale XXI La carne Il pesce L olio di oliva FABBISOGNO ENERGETICO E METABOLISMO ENERGETICO I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELLE VARIE ETÀ COME SI VALUTA LO STATO DI NUTRIZIONE DI UNA PERSONA 294 Osservazione clinica Determinazioni antropometriche Indagini fisiche e chimiche LA PIANIFICAZIONE DI UN INTERVENTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE Fase 1 Definizione degli obiettivi e della metodologia Fase 2 Disegno dello studio Fase 3 Operatività Fase 4 Valutazione dell intervento e monitoraggio dei comportamenti METODI DI RILEVAZIONE NUTRIZIONALE Diario alimentare Recall delle 24 ore Questionario delle frequenze di consumo alimentare Storia dietetica LA DIETA CONGRUA ED EQUILIBRATA COME FATTORE DI PROMOZIONE DELLA SALUTE E DI PROTEZIONE DALLE MALATTIE ALCUNI ESEMPI DI MESSAGGI CONTRO LA DISEDUCAZIONE ALIMENTARE No alle diete «fai da te» Diffidare delle filosofie e delle mode alimentari Evitare di utilizzare integratori alimentari Al panino preferire un pasto completo LO STILE DI VITA CHE PROMUOVE LA SALUTE I COMPORTAMENTI CHE CARATTERIZZANO UNO STILE DI VITA SANO I VANTAGGI DELL ATTIVITÀ FISICA

17 XXII Igiene I VANTAGGI DEL RIFIUTO DEL FUMO Perché non iniziare a fumare Perché smettere di fumare SE SI VUOL BERE, MEGLIO BERE VINO E SOLO CON MODERAZIONE RISPETTARE I NATURALI RITMI SONNO-VEGLIA IGIENE PERSONALE ED ABUSO DI BIOCIDI IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PRECONCEZIONALE E IN GRAVIDANZA EDUCAZIONE SANITARIA PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE SESSUALE LA SCELTA DI AVERE UN FIGLIO Il counselling preconcezionale Indicatori di salute materna LA PROTEZIONE DELLA SALUTE DELLA MADRE DURANTE LA GRAVIDANZA LA PROTEZIONE DELL EMBRIONE, DEL FETO E DEL NEONATO IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA IN ETÀ EVOLUTIVA L ETÀ EVOLUTIVA IL NEONATO PREMATURO L ALLATTAMENTO AL SENO LE VACCINAZIONI NELL INFANZIA E NELL ADOLESCENZA I DISTURBI DEPRESSIVI DELL ETÀ EVOLUTIVA I COMPORTAMENTI A RISCHIO DEGLI ADOLESCENTI Le droghe illegali Richiami normativi Danni alla salute ed epidemiologia Recupero e prevenzione Il doping Incidenti stradali

18 Indice generale XXIII I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE: ANORESSIA E BULIMIA L anoressia nervosa La bulimia nervosa IGIENE DELLA SCUOLA E DELLO SCOLARO L AMBIENTE SCOLASTICO L edificio scolastico Ubicazione dell area Estensione dell area Requisiti dell edificio Requisiti dell aula L arredamento dell aula I gabinetti L auditorium La mensa La palestra e gli spazi attrezzati all aperto per l educazione fisica PREVENZIONE DEI RISCHI NELLA SCUOLA Fattori di rischio per gli alunni Fattori fisici Fattori chimici Fattori biologici Prevenzione e protezione dei lavoratori nell ambiente scolastico ALCUNE PATOLOGIE IMPORTANTI IN ETÀ EVOLUTIVA Deformazione della colonna vertebrale Scoliosi e atteggiamenti scoliotici Ipercifosi toracica Iperlordosi lombare Asma bronchiale Soprappeso ed obesità Disturbi della condotta alimentare Difetti sensoriali

19 XXIV Igiene Disturbi della parola (dislalie) Dislessia evolutiva Carie dentale EDUCAZIONE SANITARIA E PROMOZIONE DELLA SALUTE DELL ADULTO E DELL ANZIANO PROMOZIONE DELLA SALUTE DELL ADULTO I bisogni di salute individuali e sociali dell adulto I bisogni di salute dell adulto nei luoghi di lavoro Maternità e lavoro Attività nel tempo libero come occasione di promozione della salute PROMOZIONE DELLA SALUTE DELL ANZIANO I diritti della persona anziana Prevenzione delle malattie dell anziano e nell anziano I bisogni di salute sociale della persona anziana L organizzazione e le strutture per l assistenza alle persone anziane PREVENZIONE DEGLI HANDICAP DEFINIZIONI Menomazione Disabilità Handicap CLASSIFICAZIONE Funzioni corporee Strutture corporee Attività e partecipazione Fattori ambientali L ASSISTENZA AI DISABILI (DIVERSAMENTE ABILI) IL SOSTEGNO DI RETE NELLA INTEGRAZIONE DEI DISABILI L integrazione scolastica dei disabili

20 Indice generale XXV L integrazione lavorativa dei disabili La relazione di aiuto IL RUOLO DELL EDUCATORE NELLA PREVENZIONE DELL HANDICAP IGIENE ED EDUCAZIONE AMBIENTALE L AMBIENTE FISICO E L AMBIENTE SOCIALE INQUINAMENTO DELL AMBIENTE E DANNI PER LA SALUTE Pericolosità degli inquinanti Tossicità Cancerogenicità Teratogenicità Allergenicità Effetti neuroendocrini Immunosoppressione Destino degli inquinanti nell ambiente e definizione dei loro limiti nelle matrici ambientali Agenti chimici Agenti biologici Agenti fisici Il Principio di Precauzione EDUCAZIONE AL RISPETTO DELL AMBIENE ED ALLA PREVENZIONE DELL INQUINAMENTO IGIENE DELL ACQUA Inquinamento dell acqua e danni alla salute I fabbisogni di acqua L acqua in natura e le fonti di approvvigionamento per i bisogni della popolazione Requisiti dell acqua da adibire al consumo umano: requisiti organolettici, fisici, chimici e microbiologici Parametri organolettici Parametri chimico-fisici Parametri chimici

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 132 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE In un qualsiasi anno prima dell'uso esteso dei vaccini in Italia si registravano circa 3.000 casi di poliomielite, circa 12.000 di difterite, circa 700 casi

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA. pertinenza dermatologica. e nei confronti di loro conviventi o contatti MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA IN DERMATOLOGIA Fonte: Ministero della Salute Circolare n 4 del 13 marzo 1998 del MINISTERO DELLA SALUTE Provvedimenti da adottare nei confronti di

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

Igiene Generale ed applicata. Indice. 1 Epidemiologia generale delle malattie infettive ---------------------------------------------------- 3

Igiene Generale ed applicata. Indice. 1 Epidemiologia generale delle malattie infettive ---------------------------------------------------- 3 INSEGNAMENTO DI IGIENE GENERALE ED APPLICATA LEZIONE II EPIDEMIOLOGIA GENERALE DELLE MALATTIE INFETTIVE PROF.SSA DANIELA ANASTASI Indice 1 Epidemiologia generale delle malattie infettive ----------------------------------------------------

Dettagli

Infortunio sul lavoro:

Infortunio sul lavoro: Infortunio sul lavoro: evento che determina un danno alla persona, che si verifica per causa violenta in occasione di lavoro nell ambiente di lavoro, in un breve periodo di tempo (< 8 ore lavorative) Malattia

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol?

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol? alcol Qual è la dimensione del problema? L alcol è una sostanza tossica per la quale non è possibile identificare livelli di consumo sicuri, anche a causa delle differenze individuali legate al metabolismo

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Conferenza Stampa Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Lunedì 6/07/2015 ore 11.00 Sala Riunioni - Direzione Generale AUSL Strada del Quartiere 2/A - Parma Alla Conferenza Stampa

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE

CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE CURRICULUM DI STUDIO, FORMATIVO E PROFESSIONALE La sottoscritta Dr.ssa Franca CRINÒ, nata a Casignana (RC) il 04/03/1959, residente in Via Zittoro 19/4, 89030 - Casignana (RC) Tel.: 0964.956090, cell.:

Dettagli

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE!

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! Perché si inizia a fumare Tutti sanno che fumare fa male. Eppure, milioni di persone nel mondo accendono, in ogni istante, una sigaretta! Non se ne conoscono

Dettagli

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta

La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo. Roberto Carloni Claudio Culotta La promozione dell attività fisica in Liguria, in Italia e nel mondo Roberto Carloni Claudio Culotta Le politiche internazionali: l OMS World Declaration and Plan of Action on Nutrition Health for all

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA 3 dicembre 2014 Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA Nel 2012 vi sono stati in Italia 613.520 con un standardizzato di mortalità di 92,2 individui per diecimila residenti. La tendenza recente

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G.

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. Ministero della Salute RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. ANNO 2014 2 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

RAZIONALE CALENDARIO PER LA VITA - 2 EDIZIONE 2014

RAZIONALE CALENDARIO PER LA VITA - 2 EDIZIONE 2014 RAZIONALE CALENDARIO PER LA VITA - 2 EDIZIONE 2014 A due anni dalla prima edizione, il Calendario per la Vita si rinnova e si aggiorna. La creazione di una collaborazione strutturata e permanente tra Società

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta

Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL. Barrare la risposta corretta Centro Documentazione SerT Arezzo COSA NE SO? QUESTIONARIO DI VALUTAZIONE DELLE CONOSCENZE POSSEDUTE SU DROGHE E ALCOL Barrare la risposta corretta A cura della Dott.ssa Cristina Cerbini Febbraio 2006

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

Manuale informativo sull H.A.C.C.P.

Manuale informativo sull H.A.C.C.P. Manuale informativo sull H.A.C.C.P. per il controllo dell igiene degli alimenti (con particolare riferimento al controllo della temperatura) Manuale redatto dalla GIORGIO BORMAC S.r.l. Le informazioni

Dettagli

Health21: La salute per tutti nel 21 secolo (Health21: Health for all in the 21st century)

Health21: La salute per tutti nel 21 secolo (Health21: Health for all in the 21st century) Health21: La salute per tutti nel 21 secolo (Health21: Health for all in the 21st century) Introduzione alla strategia della Salute per tutti nella Regione Europea dell Organizzazione Mondiale della Sanità

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

Ultimo aggiornamento: gennaio 2012. Il contenuto di questo testo può essere liberamente riprodotto purché sia citata la fonte.

Ultimo aggiornamento: gennaio 2012. Il contenuto di questo testo può essere liberamente riprodotto purché sia citata la fonte. VACCINAZIONI: LE RISPOSTE ALLE DOMANDE PIU FREQUENTI DEI GENITORI Autori: Dr. Giovanni Ara (Dipartimento di Prevenzione ASL Biella, Regione Piemonte) Dr. Franco Giovanetti (Dipartimento di Prevenzione

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. PRIMO TRIMESTRE 2014 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l'igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione Direttore

Dettagli

PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale

PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale Il territorio dell ASL 18 e 19 appartiene all area del Delta del Po di Polesine, dichiarata nel 1996

Dettagli

1. LO SMOG FOTOCHIMICO A SCALA DI BACINO

1. LO SMOG FOTOCHIMICO A SCALA DI BACINO 1. LO SMOG FOTOCHIMICO A SCALA DI BACINO Il progresso ha portato l uomo a condurre regimi di vita per i quali il superfluo è diventato necessario, soprattutto nell ultimo dopoguerra e nei Paesi più evoluti.

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA

MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA Circolare n 4 del 13 marzo 1998 Protocollo 400.3/26/1189 MISURE DI PROFILASSI PER ESIGENZE DI SANITA PUBBLICA Provvedimenti da adottare nei confronti di soggetti affetti da alcune malattie infettive e

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

LA CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI A cura di Marina Mariani

LA CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI A cura di Marina Mariani LA CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI A cura di Marina Mariani Gli alimenti lasciati all aria e soprattutto a temperatura ambiente subiscono, presto o tardi, modificazioni delle loro caratteristiche organolettiche:

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Guida alle controindicazioni alle vaccinazioni. A cura di Giovanni Gallo (a), Rosanna Mel (b) e Maria Cristina Rota (c)

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ. Guida alle controindicazioni alle vaccinazioni. A cura di Giovanni Gallo (a), Rosanna Mel (b) e Maria Cristina Rota (c) ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ Guida alle controindicazioni alle vaccinazioni A cura di Giovanni Gallo (a), Rosanna Mel (b) e Maria Cristina Rota (c) (a) Dipartimento di Prevenzione, Servizio Igiene e Sanità

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Liceo T. Mamiani. Viale delle Milizie, 30 Roma. Febbraio 2014

Liceo T. Mamiani. Viale delle Milizie, 30 Roma. Febbraio 2014 .. Arch. Cristina Maiolati Via U. Saba,72 Roma Via Ulisse 28 S. F. Circeo (LT) c. maiolati@tiscali.it DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI redatto ai sensi dell art. 26 C. 3 del D.Lgvo. 81/08 Febbraio 2014

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) PROGETTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MEDIA E SUPERIORE 86029 TRIVENTO (CB) Via Acquasantianni s.n. - (Tel. 0874-871770 - Fax 0874-871770) Sito web: http://digilander.libero.it/ictrivento/ - e-mail: cbmm185005@istruzione.it

Dettagli

Deceduti Regione LOMBARDIA

Deceduti Regione LOMBARDIA Tumore della vescica Di maggior rilievo nei maschi (più di 3/4 dei casi), presenta variazioni geografiche di entità modestissima, minori di ogni altro tipo di carcinoma. Il 9-95% circa è costituito da

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

Alcol: sei sicura? Le ragazze e l alcol. Il libretto per conoscere e non rischiare.

Alcol: sei sicura? Le ragazze e l alcol. Il libretto per conoscere e non rischiare. OSSERVATORIO NAZIONALE ALCOL CNESP WHO COLLABORATING CENTRE FOR RESEARCH AND HEALTH PROMOTION ON ALCOHOL AND ALCOHOL-RELATED HEALTH PROBLEMS SIA SOCIETÀ ITALIANA ALCOLOGIA Alcol: sei sicura? Le ragazze

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA UFFICIO VI Adempimento mantenimento dell erogazione dei LEA attraverso gli indicatori della Griglia Lea Metodologia e Risultati

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

Accesso e capacità d uso elementare del Computer. Accesso a Internet. Conoscenza di base della Lingua Inglese

Accesso e capacità d uso elementare del Computer. Accesso a Internet. Conoscenza di base della Lingua Inglese Accesso e capacità d uso elementare del Computer Accesso a Internet Conoscenza di base della Lingua Inglese Casa/ famiglia Scuola Comunità Fattori genetici Psicosociali Altri fattori personali Norme e

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA . LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA Gruppo di esperti costituito presso l Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN)

Dettagli

10. sicurezza. dei tuoi cibi dipende anche da te. sicurezza

10. sicurezza. dei tuoi cibi dipende anche da te. sicurezza 10. sicurezza La dei tuoi cibi dipende anche da te sicurezza 10. La sicurezza dei tuoi cibi dipende anche da te Oggi i consumatori sono sempre più attenti alle questioni della sicurezza degli alimenti,

Dettagli

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

la prevenzione va a scuola [malattie infettive nelle comunità scolastiche infantili]

la prevenzione va a scuola [malattie infettive nelle comunità scolastiche infantili] va a scuola [malattie infettive nelle comunità scolastiche infantili] SCUOLA BUS SCUOLA BUS LA PREVENZIONE VA A SCUOLA [malattie infettive nelle comunità scolastiche infantili] Proposta operativa nell

Dettagli

DIETE E PIANI ALIMENTARI: ELABORAZIONE E GESTIONE Roma, 19-22 novembre 2015

DIETE E PIANI ALIMENTARI: ELABORAZIONE E GESTIONE Roma, 19-22 novembre 2015 BRAIN HEALTH CENTRE CENTRO STUDI E RICERCHE CLINICHE NEUROPSICOFISIOLOGICHE Anagrafe Nazionale delle Ricerche (D.P.R. 11/7/1980 n.382-artt.63 e 64) n.55643fru Organizzatore di Attività Formativa Sede legale:

Dettagli

b) dati di base: dati elementari utilizzati in forma aggregata per la costruzione degli indicatori. Comprendono dati correnti già parte dei vigenti

b) dati di base: dati elementari utilizzati in forma aggregata per la costruzione degli indicatori. Comprendono dati correnti già parte dei vigenti D.M. 12-12-2001 Sistema di garanzie per il monitoraggio dell'assistenza sanitaria. Pubblicato nella Gazz. Uff. 9 febbraio 2002, n. 34, S.O. IL MINISTRO DELLA SALUTE di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA

Dettagli

DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE

DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE Antisepsi - Asepsi ANTISEPSI: : mira a rallentare lo sviluppo dei germi (freddo) ASEPSI: consiste nell applicazione di una serie di norme atte a impedire che su un determinato

Dettagli

PRESENTA LA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO DELL ATTIVITÀ ² (ai sensi dell art. 19 L. 241/1990)

PRESENTA LA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO DELL ATTIVITÀ ² (ai sensi dell art. 19 L. 241/1990) Scia/82 ¹ Segnalazione certificata di inizio dell attività pulizia, disinfezione, disinfestazione, derattizzazione e sanificazione (Legge n. 82 del 25/1/94) La/il sottoscritta/o nata/o a (Prov. ) il in

Dettagli

www.zampadicane.it Guida alle Vaccinazioni

www.zampadicane.it Guida alle Vaccinazioni VACCINAZIONI Le vaccinazioni da fare al proprio cane sono parecchie, alcune sono obbligatorie ed alcune facoltative e possono essere consigliate dal veterinario in casi specifici. Vediamo nel dettaglio

Dettagli

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq.

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. Riferimenti Normativi - D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. reflue) Acque reflue domestiche: acque reflue provenienti da insediamenti

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo.

FOGLIO ILLUSTRATIVO. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. CATEGORIA FARMACOTERAPEUTICA Vitamina D e analoghi, colecalciferolo. DIBASE 25.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 50.000 U.I./2,5 ml soluzione orale DIBASE 100.000 U.I./ml soluzione iniettabile DIBASE

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE?

GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE? GLERA E PINOT GRIGIO: NUOVE PREOCCUPAZIONI SANITARIE? Elisa Angelini elisa.angelini@entecra.it C.R.A. Centro di Ricerca per la Viticoltura Conegliano (TV) Foto P. Marcuzzo Foto G. Rama UN PO DI

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

alimentazione come e di promozione della SALUTE

alimentazione come e di promozione della SALUTE LA SALUTE VIEN MANGIANDO: alimentazione come fattore di rischio e di promozione della SALUTE Dr. Saverio Chilese Resp. Unità Operativa di Nutrizione Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione ULSS 4 Referente

Dettagli