PRESENTAZIONE ALLA TERZA EDIZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PRESENTAZIONE ALLA TERZA EDIZIONE"

Transcript

1 PRESENTAZIONE ALLA TERZA EDIZIONE L introduzione dell insegnamento dell Igiene in nuovi corsi di laurea triennale e di laurea specialistica che preparano diverse figure professionali, ha reso necessaria una completa revisione dei contenuti e dello stile espositivo di questa terza edizione; ciò per meglio adeguarla alla formazione culturale e professionale degli studenti e per rendere più facile l apprendimento dei concetti e delle procedure per la promozione e la protezione della salute. Allo scopo di rendere più agevole l apprendimento dell epidemiologia e della prevenzione, nucleo centrale dell Igiene, ed in considerazione della diversa preparazione di base degli studenti cui il testo è indirizzato, è sembrato opportuno introdurre, in appositi capitoli, nozioni relative all eziologia delle malattie, con particolare riguardo per le cause microbiche e per i rapporti tra i microrganismi e l uomo, ed alle difese naturali dell organismo, comprese le difese immunitarie e gli adattamenti fisiologici ai fattori ambientali. Ampio spazio è stato dato alla presentazione dei principi e della pratica dell educazione sanitaria, con particolare riguardo per la promozione della salute nelle varie fasi della vita, per l educazione ambientale, per l educazione alimentare e, più in generale, per l adozione di stili di vita sani. Ancora, specifici capitoli sono stati dedicati alla prevenzione degli handicap, al benessere negli ambienti di vita, all igiene ed alla sicurezza nel lavoro. Il testo che vede ora la luce è il frutto dell impegno di un gruppo di docenti che hanno sviluppato il piano editoriale predisposto dal Prof. Giuseppe Giammanco, che ha curato anche l armonizzazione dei diversi contributi. Esso, sfrondato di inutili nozionismi e ridondanze, ha potuto essere contenuto in un numero di pagine relativamente limitato in rapporto all ampio panorama dell Igiene che presenta. Bologna, febbraio 2011 Gli Autori

2 INDICE GENERALE 1. L IGIENE E L EDUCAZIONE SANITARIA, SCIENZE DELLA SALUTE OBIETTIVI E CONTENUTI DELL IGIENE E DELL EDUCAZIONE SANITARIA CHE COSA È LA SALUTE I bisogni di salute: percepiti e non percepiti, espressi e non espressi, indotti I successi ed i limiti della medicina scientifica di fronte ai bisogni di salute ed alla richiesta di «empatia» della popolazione La ricerca irrazionale di salute, le «medicine alternative», la medicina e la prevenzione basate sulle prove di efficacia L ORGANIZZAZIONE SANITARIA PER LA PROMOZIONE E LA DIFESA DELLA SALUTE L ORGANIZZAZIONE SANITARIA INTERNAZIONALE L ORGANIZZAZIONE SANITARIA ITALIANA L organizzazione del livello centrale L organizzazione a livello regionale Le Aziende Sanitarie Locali Le Aziende ospedaliere La salute non ha prezzo ma l assistenza sanitaria ha dei costi 14

3 VIII Igiene 3. ELEMENTI DI DEMOGRAFIA E DI EPIDEMIOLOGIA ELEMENTI DI DEMOGRAFIA E DI STATISTICA SANITARIA Lo stato della popolazione. Il censimento La piramide delle età Il movimento della popolazione, i registri anagrafici e le notificazioni obbligatorie Altre fonti di dati sanitari Le indagini ad hoc Le misure di frequenza Significato di alcuni indicatori demografici e sanitari Tasso di natalità Tasso di fecondità Vita media o speranza di vita Indice di vecchiaia Tassi di mortalità Mortalità infantile, neonatale e perinatale Tassi di morbosità: incidenza e prevalenza delle malattie Letalità ELEMENTI DI EPIDEMIOLOGIA Epidemiologia descrittiva o ecologica Variazioni temporali: epidemie, pandemie Epidemie e pandemie Differenze spaziali Variabili personali Epidemiologia analitica Studi di prevalenza o trasversali Studi per coorte o longitudinali o prospettivi Studi caso-controllo o retrospettivi Epidemiologia sperimentale o di intervento PROMOZIONE DELLA SALUTE E PREVENZIONE DELLE MALATTIE COME SI PROMUOVE LA SALUTE

4 Indice generale IX 4.2. COME SI PREVENGONO LE MALATTIE La prevenzione primaria Metodologia della prevenzione primaria La prevenzione secondaria Metodologia della prevenzione secondaria La prevenzione terziaria OBIETTIVI STRATEGICI DELLA PREVENZIONE La protezione individuale Il controllo delle malattie L eliminazione delle malattie L eradicazione delle malattie PRINCIPI DI EDUCAZIONE SANITARIA EDUCAZIONE ALLA SALUTE E PROMOZIONE DELLA SALUTE GLI STRUMENTI DELL EDUCAZIONE ALLA SALUTE Comunicazione Contatto Mezzi Trasmissione Comprensione Comunicazione di gruppo Comunicazione di massa La comunicazione del rischio Informazione Proprietà di base dell informazione Qualità dell informazione Valore dell informazione La persona come soggetto attivo Lavoro di gruppo Variabili di un gruppo di lavoro Variabili di tipo strutturale Variabili di tipo processuale Fasi della costituzione di un gruppo di lavoro

5 X Igiene 5.3. LE PRINCIPALI TECNICHE DI FORMAZIONE ATTIVA Focus group Brainstorming Gioco di ruolo Analisi di un caso L EDUCAZIONE TRA PARI LA PROGETTAZIONE EDUCATIVA Scelta degli obiettivi di salute Programmazione dei metodi e dei contenuti Verifica e valutazione dell intervento AMBITI SOCIALI IN CUI SVOLGERE ATTIVITÀ DI PROMOZIONE DELLA SALUTE PRINCIPI DI EPIDEMIOLOGIA DELLE MALATTIE INFETTIVE LE MALATTIE INFETTIVE EZIOLOGIA DELLE MALATTIE INFETTIVE: I MICROBI I virus I batteri I protozoi I miceti I MICROBI E NOI I microbi saprofiti I microbi utili all uomo I microbi commensali I microbi patogeni Infezione e malattia I SERBATOI E LE SORGENTI D INFEZIONE I serbatoi d infezione Le sorgenti d infezione LE MODALITÀ DI TRASMISSIONE DELLE INFEZIONI La trasmissione diretta e semi-diretta La trasmissione indiretta Trasmissione indiretta mediante veicoli

6 Indice generale XI Trasmissione indiretta mediante vettori I circuiti di trasmissione Le vie d ingresso dei microbi nell organismo Le vie di espulsione dei microbi dall organismo COME SI PREVENGONO LE MALATTIE INFETTIVE E PARASSITARIE COME EVITARE LA DIFFUSIONE DEI MICROBI PATOGENI DAI SERBATOI E DALLE SORGENTI D INFEZIONE Educazione sanitaria del malato e di chi lo assiste Educazione sanitaria del portatore COME INTERROMPERE LA TRASMISSIONE ATTRAVERSO L AMBIENTE La sterilizzazione Sterilizzazione con il calore umido sotto pressione Sterilizzazione con il calore secco Sterilizzazione frazionata o tindalizzazione Sterilizzazione con le radiazioni ionizzanti di tipo gamma Sterilizzazione chimica con l ossido di etilene Sterilizzazione chimica con l acido peracetico Sterilizzazione chimica e fisica con il perossido di idrogeno Sterilizzazione con le radiazioni ultraviolette Sterilizzazione a freddo La disinfezione La disinfestazione La disinfezione e la disinfestazione nell ambito domestico LE DIFESE DELL ORGANISMO CONTRO LE MALATTIE INFETTIVE Le barriere difensive ed il sistema immunitario L immunità aspecifica L immunità specifica L immunità umorale L immunità cellulo-mediata

7 XII Igiene L immunità contro le infezioni I VACCINI E L IMMUNOPROFILASSI ATTIVA Vaccini vivi e attenuati Vaccini inattivati Vaccini costituiti da anatossine Vaccini costituiti da componenti microbiche purificate I vaccini combinati Gli adiuvanti dei vaccini Altri costituenti dei vaccini Reazioni indesiderate dei vaccini Controindicazioni e false controindicazioni alle vaccinazioni LE IMMUNOGLOBULINE E L IMMUNOPROFILASSI PASSIVA LE POLITICHE VACCINALI Le strategie di vaccinazione IL CALENDARIO DELLE VACCINAZIONI NELL INFANZIA LA PREVENZIONE DELLE INFEZIONI NELL AMBITO DEGLI OBIETTIVI DI SALUTE Gli obiettivi e le realizzazioni della prevenzione: l eradicazione, l eliminazione, il controllo delle malattie infettive PRINCIPI DI EPIDEMIOLOGIA DELLE MALATTIE CRONICO- DEGENERATIVE E DI ALTRI EVENTI NON INFETTIVI EZIOLOGIA DELLE MALATTIE CRONICO-DEGENERATIVE E DI ALTRI EVENTI NON INFETTIVI CAUSE E FATTORI CAUSALI Cause biologiche Cause chimiche Cause fisiche Fattori causali per le malattie cronico-degenerative Fattori di rischio Cause e fattori di rischio sociogenici Fattori protettivi Malattie monocausali

8 Indice generale XIII Malattie pluricausali e multifattoriali Modalità di manifestazione nella popolazione PRINCIPI DI PREVENZIONE DELLE MALATTIE CRONICO- DEGENERATIVE E DI ALTRI EVENTI NON INFETTIVI PREVENZIONE PRIMARIA Quantificazione degli effetti Strategie Metodologie Eugenetica Potenziamento delle difese dell organismo Modificazione dei comportamenti per uno stile di vita salutare Interventi negli ambienti di vita e di lavoro PREVENZIONE SECONDARIA Screening di massa Screening in gruppi a rischio PREVENZIONE TERZIARIA EPIDEMIOLOGIA E PREVENZIONE DELLE MALATTIE INFETTIVE DI MAGGIORE INTERESSE SOCIALE MALATTIE INFETTIVE PREVENIBILI CON I VACCINI Difterite Eziologia Patogenesi e cenni clinici Accertamenti diagnostici Epidemiologia Prevenzione Vaccinazione Tetano Eziologia Patogenesi e cenni clinici Accertamenti diagnostici

9 XIV Igiene Epidemiologia Prevenzione Vaccinazione Profilassi immunitaria passiva Trattamento profilattico del traumatizzato Pertosse Eziologia Patogenesi e cenni clinici Accertamenti diagnostici Epidemiologia Prevenzione Vaccinazione Profilassi immunitaria passiva Poliomielite Eziologia Patogenesi e cenni clinici Accertamenti diagnostici Epidemiologia Prevenzione Epatite virale B Eziologia Patogenesi e cenni clinici Accertamenti diagnostici Epidemiologia Prevenzione Vaccinazione anti-epatite B Profilassi immunitaria passiva Interventi sui portatori Prevenzione della trasmissione perinatale Prevenzione post-esposizione, dopo contatto o inoculazione di sangue Meningiti batteriche Meningiti da Neisseria meningitidis Eziologia Patogenesi e cenni clinici

10 Indice generale XV Epidemiologia Prevenzione Chemioprofilassi Vaccinazione Meningiti da Streptococcus pneumoniae Eziologia Patogenesi e cenni clinici Epidemiologia Prevenzione Meningiti da Haemophilus influenzae di tipo b Eziologia Patogenesi e cenni clinici Epidemiologia Prevenzione Accertamenti diagnostici delle meningiti batteriche Morbillo Eziologia Patogenesi e cenni clinici Epidemiologia Prevenzione Profilassi immunitaria passiva Parotite Eziologia Patogenesi e cenni clinici Accertamenti diagnostici Epidemiologia Prevenzione Rosolia Eziologia Patogenesi e cenni clinici Epidemiologia Rosolia post-natale Rosolia connatale Prevenzione

11 XVI Igiene Vaccinazione Profilassi immunitaria passiva Varicella Eziologia Patogenesi e cenni clinici Accertamenti diagnostici Epidemiologia Prevenzione Strategie vaccinali per l eradicazione delle malattie esantematiche Misure di prevenzione delle malattie esantematiche nella scuola e in altri ambienti comunitari Influenza Eziologia Patogenesi e cenni clinici Epidemiologia Prevenzione Vaccini antinfluenzali Chemioprofilassi MALATTIE PREVENIBILI CON LA BONIFICA DELL AMBIENTE E CON COMPORTAMENTI CORRETTI Gastroenteriti acute (infezioni diarroiche) Gastroenteriti virali Gastroenterite da rotavirus Eziologia Patogenesi e cenni clinici Accertamenti diagnostici Epidemiologia Prevenzione Gastroenteriti da Norovirus Gastroenteriti da Adenovirus Epatite virale A Eziologia Patogenesi e cenni clinici

12 Indice generale XVII Accertamenti diagnostici Epidemiologia Prevenzione Profilassi immunitaria Febbre tifoide Eziologia Patogenesi e cenni clinici Accertamenti diagnostici Epidemiologia Prevenzione Vaccinazione Tubercolosi Eziologia Patogenesi, cenni clinici ed immunità Accertamenti diagnostici Test alla tubercolina Ricerca di M. tuberculosis Epidemiologia Prevenzione Chemioprofilassi antitubercolare Vaccinazione MALATTIE PREVENIBILI CON COMPORTAMENTI CAUTI E RESPONSABILI: MALATTIE TRASMESSE PER VIA SESSUALE E PER INOCULAZIONE Sindrome da immunodeficienza acquisita (AIDS) Eziologia Patogenesi e cenni clinici Saggi diagnostici Epidemiologia Prevenzione Epatite virale C Eziologia e patogenesi Cenni clinici e accertamenti diagnostici Epidemiologia

13 XVIII Igiene Prevenzione Infezioni da papillomavirus umani (HPV) e cancro della cervice uterina Prevenzione Sifilide Patogenesi e cenni clinici Epidemiologia Accertamenti diagnostici e prevenzione Uretriti: blenorragia e uretriti non gonococciche Blenorragia Uretriti non gonococciche Chlamydia trachomatis Micoplasma e Ureaplasma Trichomonas vaginalis e Candida albicans EPIDEMIOLOGIA E PREVENZIONE DI MALATTIE CRONICO- DEGENERATIVE E DISMETABOLICHE DI MAGGIORE INTERESSE SOCIALE MALATTIE CARDIOVASCOLARI Aterosclerosi, arteriosclerosi e malattie cardiovascolari La cardiopatia ischemica Frequenza e distribuzione della mortalità e della morbosità I fattori di rischio per la cardiopatia ischemica La prevenzione della cardiopatia ischemica Ictus cerebrale DIABETE Diabete di tipo Diabete di tipo Alterata tolleranza al glucosio Alterato livello di glucosio a digiuno Prevenzione del diabete BRONCOPNEUMOPATIE CRONICHE OSTRUTTIVE Fattori causali

14 Indice generale XIX Fumo di tabacco Inquinamento atmosferico Fattori occupazionali Condizioni socio-economiche Prevenzione TUMORI MALIGNI SUSCETTIBILI DI PREVENZIONE Epidemiologia dei tumori maligni Agenti cancerogeni Agenti protettori dal cancro Stile di vita, ambiente ed agenti cancerogeni Storia naturale del cancro Prevenzione del cancro Prevenzione primaria Prevenzione secondaria Il Codice Europeo Contro il Cancro Cancro del polmone Prevenzione Cancro dello stomaco Cancro del colon-retto Cancro primitivo del fegato Cancro della mammella Cancro dell utero Cancro della cervice uterina Cancro del corpo dell utero Cancro della pelle IGIENE DEGLI ALIMENTI LE INFEZIONI VEICOLATE DA ALIMENTI LE TOSSINFEZIONI ALIMENTARI Tossinfezione da salmonelle Tossinfezione da stafilococchi enterotossici Tossinfezione da Clostridium perfringens (C. welchii) Botulismo

15 XX Igiene COME PRODURRE ALIMENTI SANI COME CONSERVARE SANI GLI ALIMENTI La disidratazione Il calore Il freddo Le radiazioni ionizzanti Le microonde I conservanti chimici I metodi di conservazione biologici I METODI DOMESTICI DI RISANAMENTO E DI CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI La cottura La refrigerazione Alimenti congelati e surgelati Le conserve fatte in casa I PROCEDIMENTI INDUSTRIALI DI RISANAMENTO E DI CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI Le conserve Le semiconserve Il risanamento e la conservazione del latte La contaminazione microbica del latte I trattamenti per il risanamento e la conservazione del latte IGIENE DELLA NUTRIZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE ALIMENTI, NUTRIENTI E GRUPPI FONDAMENTALI DI ALIMENTI ALIMENTAZIONE, DIETA E NUTRIZIONE: TABELLE DI COMPOSIZIONE DEGLI ALIMENTI, LIVELLI DI ASSUNZIONE RACCOMANDATI DI ENERGIA E NUTRIENTI, PIRAMIDE ALIMENTARE CARATTERISTICHE ORGANOLETTICHE, COMPOSIZIONE E VALORE CALORICO DEI PRINCIPALI ALIMENTI Il pane e i prodotti da forno La pasta Il latte ed i formaggi

16 Indice generale XXI La carne Il pesce L olio di oliva FABBISOGNO ENERGETICO E METABOLISMO ENERGETICO I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELLE VARIE ETÀ COME SI VALUTA LO STATO DI NUTRIZIONE DI UNA PERSONA 294 Osservazione clinica Determinazioni antropometriche Indagini fisiche e chimiche LA PIANIFICAZIONE DI UN INTERVENTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE Fase 1 Definizione degli obiettivi e della metodologia Fase 2 Disegno dello studio Fase 3 Operatività Fase 4 Valutazione dell intervento e monitoraggio dei comportamenti METODI DI RILEVAZIONE NUTRIZIONALE Diario alimentare Recall delle 24 ore Questionario delle frequenze di consumo alimentare Storia dietetica LA DIETA CONGRUA ED EQUILIBRATA COME FATTORE DI PROMOZIONE DELLA SALUTE E DI PROTEZIONE DALLE MALATTIE ALCUNI ESEMPI DI MESSAGGI CONTRO LA DISEDUCAZIONE ALIMENTARE No alle diete «fai da te» Diffidare delle filosofie e delle mode alimentari Evitare di utilizzare integratori alimentari Al panino preferire un pasto completo LO STILE DI VITA CHE PROMUOVE LA SALUTE I COMPORTAMENTI CHE CARATTERIZZANO UNO STILE DI VITA SANO I VANTAGGI DELL ATTIVITÀ FISICA

17 XXII Igiene I VANTAGGI DEL RIFIUTO DEL FUMO Perché non iniziare a fumare Perché smettere di fumare SE SI VUOL BERE, MEGLIO BERE VINO E SOLO CON MODERAZIONE RISPETTARE I NATURALI RITMI SONNO-VEGLIA IGIENE PERSONALE ED ABUSO DI BIOCIDI IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PRECONCEZIONALE E IN GRAVIDANZA EDUCAZIONE SANITARIA PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE SESSUALE LA SCELTA DI AVERE UN FIGLIO Il counselling preconcezionale Indicatori di salute materna LA PROTEZIONE DELLA SALUTE DELLA MADRE DURANTE LA GRAVIDANZA LA PROTEZIONE DELL EMBRIONE, DEL FETO E DEL NEONATO IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA IN ETÀ EVOLUTIVA L ETÀ EVOLUTIVA IL NEONATO PREMATURO L ALLATTAMENTO AL SENO LE VACCINAZIONI NELL INFANZIA E NELL ADOLESCENZA I DISTURBI DEPRESSIVI DELL ETÀ EVOLUTIVA I COMPORTAMENTI A RISCHIO DEGLI ADOLESCENTI Le droghe illegali Richiami normativi Danni alla salute ed epidemiologia Recupero e prevenzione Il doping Incidenti stradali

18 Indice generale XXIII I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE: ANORESSIA E BULIMIA L anoressia nervosa La bulimia nervosa IGIENE DELLA SCUOLA E DELLO SCOLARO L AMBIENTE SCOLASTICO L edificio scolastico Ubicazione dell area Estensione dell area Requisiti dell edificio Requisiti dell aula L arredamento dell aula I gabinetti L auditorium La mensa La palestra e gli spazi attrezzati all aperto per l educazione fisica PREVENZIONE DEI RISCHI NELLA SCUOLA Fattori di rischio per gli alunni Fattori fisici Fattori chimici Fattori biologici Prevenzione e protezione dei lavoratori nell ambiente scolastico ALCUNE PATOLOGIE IMPORTANTI IN ETÀ EVOLUTIVA Deformazione della colonna vertebrale Scoliosi e atteggiamenti scoliotici Ipercifosi toracica Iperlordosi lombare Asma bronchiale Soprappeso ed obesità Disturbi della condotta alimentare Difetti sensoriali

19 XXIV Igiene Disturbi della parola (dislalie) Dislessia evolutiva Carie dentale EDUCAZIONE SANITARIA E PROMOZIONE DELLA SALUTE DELL ADULTO E DELL ANZIANO PROMOZIONE DELLA SALUTE DELL ADULTO I bisogni di salute individuali e sociali dell adulto I bisogni di salute dell adulto nei luoghi di lavoro Maternità e lavoro Attività nel tempo libero come occasione di promozione della salute PROMOZIONE DELLA SALUTE DELL ANZIANO I diritti della persona anziana Prevenzione delle malattie dell anziano e nell anziano I bisogni di salute sociale della persona anziana L organizzazione e le strutture per l assistenza alle persone anziane PREVENZIONE DEGLI HANDICAP DEFINIZIONI Menomazione Disabilità Handicap CLASSIFICAZIONE Funzioni corporee Strutture corporee Attività e partecipazione Fattori ambientali L ASSISTENZA AI DISABILI (DIVERSAMENTE ABILI) IL SOSTEGNO DI RETE NELLA INTEGRAZIONE DEI DISABILI L integrazione scolastica dei disabili

20 Indice generale XXV L integrazione lavorativa dei disabili La relazione di aiuto IL RUOLO DELL EDUCATORE NELLA PREVENZIONE DELL HANDICAP IGIENE ED EDUCAZIONE AMBIENTALE L AMBIENTE FISICO E L AMBIENTE SOCIALE INQUINAMENTO DELL AMBIENTE E DANNI PER LA SALUTE Pericolosità degli inquinanti Tossicità Cancerogenicità Teratogenicità Allergenicità Effetti neuroendocrini Immunosoppressione Destino degli inquinanti nell ambiente e definizione dei loro limiti nelle matrici ambientali Agenti chimici Agenti biologici Agenti fisici Il Principio di Precauzione EDUCAZIONE AL RISPETTO DELL AMBIENE ED ALLA PREVENZIONE DELL INQUINAMENTO IGIENE DELL ACQUA Inquinamento dell acqua e danni alla salute I fabbisogni di acqua L acqua in natura e le fonti di approvvigionamento per i bisogni della popolazione Requisiti dell acqua da adibire al consumo umano: requisiti organolettici, fisici, chimici e microbiologici Parametri organolettici Parametri chimico-fisici Parametri chimici

ANNO ACCADEMICO 2013/2014 Programma dell insegnamento: _IGIENE

ANNO ACCADEMICO 2013/2014 Programma dell insegnamento: _IGIENE ANNO ACCADEMICO 2013/2014 Programma dell insegnamento: _IGIENE Docente Titolare del corso: Dr. Antonio Romaniello Corso di Laurea : _FARMACIA Obiettivi formativi generali (risultati di apprendimento previsti

Dettagli

Indice. Presentazione dell opera 1. Capitolo 1 Definizione, caratteristiche e contenuti dell Igiene (Cesare Meloni) 3

Indice. Presentazione dell opera 1. Capitolo 1 Definizione, caratteristiche e contenuti dell Igiene (Cesare Meloni) 3 Indice Presentazione dell opera 1 Capitolo 1 Definizione, caratteristiche e contenuti dell Igiene (Cesare Meloni) 3 Capitolo 2 Salute, rischio e malattia (contenuti e stadi di passaggio) (Cesare Meloni)

Dettagli

PROFILASSI delle MALATTIE INFETTIVE. MISURE di ISOLAMENTO. 13/06/2012 Dr. Ettore Paolantonio

PROFILASSI delle MALATTIE INFETTIVE. MISURE di ISOLAMENTO. 13/06/2012 Dr. Ettore Paolantonio PROFILASSI delle MALATTIE INFETTIVE MISURE di ISOLAMENTO 13/06/2012 Dr. Ettore Paolantonio 1 PROFILASSI MALATTIE INFETTIVE La Profilassi mira ad impedire l insorgenza e la diffusione delle malattie infettive

Dettagli

Igiene Medicina Preventiva Sanità Pubblica. Salvatore Barbuti Gaetano M. Fara Giuseppe Giammanco

Igiene Medicina Preventiva Sanità Pubblica. Salvatore Barbuti Gaetano M. Fara Giuseppe Giammanco Igiene Medicina Preventiva Sanità Pubblica Salvatore Barbuti Gaetano M. Fara Giuseppe Giammanco Salvatore Barbuti, Gaetano M. Fara, Giuseppe Giammanco Igiene Medicina Preventiva Sanità Pubblica Copyright

Dettagli

sanità Avvertenze Azienda Sanitaria Locale (A.S.L.) interruzioni volontarie di gravidanza malattie infettive

sanità Avvertenze Azienda Sanitaria Locale (A.S.L.) interruzioni volontarie di gravidanza malattie infettive capitolo 3 sanità Avvertenze Le informazioni statistiche contenute nel presente capitolo provengono dall Agenzia di Sanità Pubblica della Regione Lazio e riguardano dati rilevati presso le strutture sanitarie

Dettagli

Scienze Motorie Corso di Igiene ed Educazione Sanitaria. Le vaccinazioni

Scienze Motorie Corso di Igiene ed Educazione Sanitaria. Le vaccinazioni Scienze Motorie Corso di Igiene ed Educazione Sanitaria Le vaccinazioni Università degli Studi di Pavia Dipartimento di Sanità Pubblica e Neuroscienze Sezione Igiene LE VACCINAZIONI 1 Introduzione ARTICOLAZIONE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 132 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 7 novembre 2001, n.465 Regolamento che stabilisce le condizioni nelle quali è obbligatoria la vaccinazione antitubercolare, a norma dell'articolo 93, comma 2, della

Dettagli

Epidemiologia delle malattie infettive

Epidemiologia delle malattie infettive Epidemiologia delle malattie infettive Dott.ssa Pamela Di Giovanni Malattie infettive Con il termine di malattia infettiva si intendono tutte quelle affezioni patologiche provocate da organismi viventi

Dettagli

INQUINAMENTO ATMOSFERICO E MALATTIE RESPIRATORIE. N. Marcobruni U.O. Pneumologia, Spedali Civili di Brescia 24 Novembre 2007

INQUINAMENTO ATMOSFERICO E MALATTIE RESPIRATORIE. N. Marcobruni U.O. Pneumologia, Spedali Civili di Brescia 24 Novembre 2007 INQUINAMENTO ATMOSFERICO E MALATTIE RESPIRATORIE N. Marcobruni U.O. Pneumologia, Spedali Civili di Brescia 24 Novembre 2007 PRINCIPALI FONTI DI INQUINAMENTO traffico veicolare sistemi di produzione di

Dettagli

PROGRAMMI DEL CORSO DI STUDIO IN "EDUCATORE PROFESSIONALE NEL CAMPO DEL DISAGIO MINORILE DELLA DEVIANZA E DELLA MARGINALITA'" - SEDE DI TARANTO

PROGRAMMI DEL CORSO DI STUDIO IN EDUCATORE PROFESSIONALE NEL CAMPO DEL DISAGIO MINORILE DELLA DEVIANZA E DELLA MARGINALITA' - SEDE DI TARANTO PROGRAMMI DEL CORSO DI STUDIO IN "EDUCATORE PROFESSIONALE NEL CAMPO DEL DISAGIO MINORILE DELLA DEVIANZA E DELLA MARGINALITA'" - SEDE DI TARANTO DIRITTO PENITENZIARIO Prof. Rana IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

Dettagli

APPENDICE: GLI INDICATORI SANITARI

APPENDICE: GLI INDICATORI SANITARI APPENDICE: GLI INDICATORI SANITARI INDICATORE A 1 Metodo di calcolo Valore e descrizione Mortalità per tutte le cause Tasso annuo di mortalità: tutte le cause di morte per ciascun gruppo di età (Numero

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA All. A al bando di ammissione pubblicato in data 31/07/2012 Art. 1 Tipologia L Università degli Studi di Pavia attiva, per l a.a. 2012/2013, presso la Facoltà di Scienze MMFFN, Dipartimento di Biologia

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Servizio Qualità della Didattica e Servizi agli Studenti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Servizio Qualità della Didattica e Servizi agli Studenti All. A al bando di ammissione pubblicato in data 15/09/2014 Art. 1 Tipologia: Master universitario di II livello in Nutrizione Umana L Università degli Studi di Pavia attiva per l a.a. 2014/2015 il master

Dettagli

DALLA PRODUZIONE AL CONSUMO

DALLA PRODUZIONE AL CONSUMO 1 IGIENE DEGLI ALIMENTI E DELL ALIMENTAZIONE: DALLA PRODUZIONE AL CONSUMO Il ruolo dell Università ità Prof.ssa Maria Triassi Dipartimento di Igiene e Medicina Preventiva Università degli Studi di Napoli

Dettagli

CAPITOLO 1. 1. Cenni storici... 1 2. La medicina del lavoro attuale... 2 3. L igiene del lavoro... 4 CAPITOLO 2

CAPITOLO 1. 1. Cenni storici... 1 2. La medicina del lavoro attuale... 2 3. L igiene del lavoro... 4 CAPITOLO 2 CAPITOLO 1 LA MEDICINA E L IGIENE DEL LAVORO Sommario 1. Cenni storici... 1 2. La medicina del lavoro attuale... 2 3. L igiene del lavoro... 4 CAPITOLO 2 FIGURE E COMPITI DELLA MEDICINA DEL LAVORO Il medico

Dettagli

Vaccino MPR + V e vaccino tetravalente MPRV (morbillo, parotite, rosolia e varicella)

Vaccino MPR + V e vaccino tetravalente MPRV (morbillo, parotite, rosolia e varicella) Razionale d uso Vaccino DTPa e vaccino dtpa Per mantenere l efficacia della vaccinazione DTPa, la cui quarta dose è stata eseguita a 5-6 anni, insieme alla quarta dose di vaccino antipolio inattivato (IPV),

Dettagli

Corso di educazione alimentare e psicologia del comportamento alimentare

Corso di educazione alimentare e psicologia del comportamento alimentare Corso di educazione alimentare e psicologia del comportamento alimentare (ha ottenuto il patrocinio del Comune di Anguillara Sabazia per l alto valore formativo) Direttore del Corso: Dott.ssa Emanuela

Dettagli

ECOLOGICI INTERVENTI VOLTI A NEUTRALIZZARE L AMBIENTE INTERVENTI VOLTI A NEUTRALIZZARE LA FONTE IMMUNOPROFILASSI. primaria CHEMIOPROFILASSI

ECOLOGICI INTERVENTI VOLTI A NEUTRALIZZARE L AMBIENTE INTERVENTI VOLTI A NEUTRALIZZARE LA FONTE IMMUNOPROFILASSI. primaria CHEMIOPROFILASSI ECOLOGICI ambiente INDIRETTA (mediata) Educazione sanitaria DELLA PERSONA Informazione sanitaria Formazione sanitaria DIRETTA (immediata) disinfezione sterilizzazione GENERICA INTERVENTI VOLTI A NEUTRALIZZARE

Dettagli

SICUREZZA E IGIENE DEGLI ALIMENTI AA

SICUREZZA E IGIENE DEGLI ALIMENTI AA Presentazione e Programma del corso di insegnamento Igiene e Tecnologie Alimentari del corso integrato SICUREZZA E IGIENE DEGLI ALIMENTI AA 0-03 docente titolare: prof. Marcello Trevisani INDICE:. Presentazione

Dettagli

1. COME FUNZIONA LA VACCINAZIONE E PERCHÉ BISOGNA VACCINARSI?

1. COME FUNZIONA LA VACCINAZIONE E PERCHÉ BISOGNA VACCINARSI? In un qualsiasi anno prima dell'uso esteso dei vaccini in Italia si registravano circa 3.000 casi di poliomielite, circa 12.000 di difterite, circa 700 casi di tetano, circa 60.000 casi di morbillo e 30.000

Dettagli

Prevenzione delle malattie da infezione

Prevenzione delle malattie da infezione Prevenzione delle malattie da infezione Obiettivi della prevenzione allungare la vita; ridurre l'invalidità (disabilità) 3 livelli di prevenzione Primaria: pre-malattia; adozione di specifiche protezioni,

Dettagli

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE In un qualsiasi anno prima dell'uso esteso dei vaccini in Italia si registravano circa 3.000 casi di poliomielite, circa 12.000 di difterite, circa 700 casi

Dettagli

La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche

La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche La prevenzione primaria e secondaria delle malattie allergiche Negli ultimi decenni la frequenza delle malattie allergiche in Italia e nel mondo ha subìto un continuo aumento, dando luogo a quella che

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Presentazione, Francesco Totti Prefazione alla seconda edizione Prefazione alla prima edizione

Presentazione, Francesco Totti Prefazione alla seconda edizione Prefazione alla prima edizione Indice VII Presentazione, Francesco Totti Prefazione alla seconda edizione Prefazione alla prima edizione XIII XV XVII parte prima Alimentazione, benessere e salute 1. Le regole fondamentali 3 Perché bisogna

Dettagli

Malattie da virus a trasmissione parenterale

Malattie da virus a trasmissione parenterale Malattie da virus a trasmissione parenterale Epatite B Eziologia Il virus dell epatite B appartiene alla famiglia Hepadnaviridae, genere Orthohepadnavirus. HBV è una particella sferica di 42 nm di diametro.

Dettagli

I rischi chimici e biologici in gravidanza

I rischi chimici e biologici in gravidanza www.adapt.it, 19 luglio 2011 I rischi chimici e biologici in gravidanza di Andrea Trevisan e Michele Mongillo Introduzione Il d.lgs. n. 151/2001 «Testo unico delle disposizioni legislative in materia di

Dettagli

Consumo di acqua. Uomo città 450 800 litri/giorno Industria. Carta 185 m 3 /TONN Cereali 450 m 3 /TONN Carne bovina 31.

Consumo di acqua. Uomo città 450 800 litri/giorno Industria. Carta 185 m 3 /TONN Cereali 450 m 3 /TONN Carne bovina 31. Acque Consumo di acqua Uomo città 450 800 litri/giorno Industria Carta 185 m 3 /TONN Cereali 450 m 3 /TONN Carne bovina 31.500 m 3 /TONN Civili 5% Industria 20% Agricoltura 70% Quantità di acqua (%) nell

Dettagli

3. ASSISTENZA SANITARIA COLLETTIVA

3. ASSISTENZA SANITARIA COLLETTIVA Il livello di Assistenza sanitaria collettiva comprende le attività e le prestazioni volte a tutelare la salute e la sicurezza della comunità da rischi infettivi, ambientali, legati alle condizioni di

Dettagli

Piano nazionale della prevenzione 2005-2007. Progetti Ccm e altre interazioni sinergiche con il Pnp

Piano nazionale della prevenzione 2005-2007. Progetti Ccm e altre interazioni sinergiche con il Pnp 3 Piano nazionale della prevenzione 2005-2007 Progetti Ccm e altre interazioni sinergiche con il Pnp 13 Progetti Ccm e altre interazioni sinergiche Con l avvio del Piano nazionale della prevenzione è emersa

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 52/28 DEL 23.12.2014

DELIBERAZIONE N. 52/28 DEL 23.12.2014 Oggetto: Piano regionale vaccinazioni. Assegnazione alle Aziende Sanitarie regionali delle risorse disponibili nel Bilancio Regionale 2014 ( 800.000 - UPB S05.01.001 capitolo SC 05.0023). L Assessore dell

Dettagli

INDICE. Superficie 19 Densità demografica 19 Aziende sanitarie 20 Assetto produttivo 21 Andamento demografico 22

INDICE. Superficie 19 Densità demografica 19 Aziende sanitarie 20 Assetto produttivo 21 Andamento demografico 22 INDICE INTRODUZIONE Presentazione 9 Premessa 11 La struttura della relazione 13 I risultati 16 Le prospettive PARTE PRIMA Il territorio e la popolazione 17 Il territorio 19 Superficie 19 Densità demografica

Dettagli

Prof. Tarcisio Niglio LE VACCINAZIONI

Prof. Tarcisio Niglio LE VACCINAZIONI Prof. Tarcisio Niglio Anno Accademico 2012-2013 Corso Triennale in Scienze Infermieristiche III anno 2 semestre LE VACCINAZIONI Troverete copia gratis di queste diapositive nel sito internet: www.tarcisio.net

Dettagli

QUALITA DELL ARIA INDOOR E RISCHIO BIOLOGICO NELLE. Federica Venanzetti, INAIL Direzione Generale CONVEGNO NAZIONALE SPES 27-28 ottobre 2011

QUALITA DELL ARIA INDOOR E RISCHIO BIOLOGICO NELLE. Federica Venanzetti, INAIL Direzione Generale CONVEGNO NAZIONALE SPES 27-28 ottobre 2011 QUALITA DELL ARIA INDOOR E RISCHIO BIOLOGICO NELLE STRUTTURE DI PRONTO SOCCORSO riduzione qualità prestazioni riduzione soddisfazione sovraffollamento POTENZIALE INCREMENTO TRASMISSIONE INFEZIONI riduzione

Dettagli

Malattie a trasmissione sessuale

Malattie a trasmissione sessuale Malattie a trasmissione sessuale 1 Definizione Sono infezioni che colpiscono sia gli organi genitali che altre parti del corpo e che si trasmettono mediante i rapporti sessuali con persone infette. 2 Inquadramento

Dettagli

Le infezioni in gravidanza prevenibili con vaccinazione: il ruolo del ginecologo aspetti operativi, deontologici e medico-legali.

Le infezioni in gravidanza prevenibili con vaccinazione: il ruolo del ginecologo aspetti operativi, deontologici e medico-legali. Le infezioni in gravidanza prevenibili con vaccinazione: il ruolo del ginecologo aspetti operativi, deontologici e medico-legali. Francesco Libero Giorgino Presidente A.G.E.O. FLG 1 Educazione sanitaria

Dettagli

I Livelli Essenziali di Assistenza per la Prevenzione e la Sanità Pubblica. Renato Pizzuti SANIT Roma, 25 giugno 2008

I Livelli Essenziali di Assistenza per la Prevenzione e la Sanità Pubblica. Renato Pizzuti SANIT Roma, 25 giugno 2008 I Livelli Essenziali di Assistenza per la Prevenzione e la Sanità Pubblica Renato Pizzuti SANIT Roma, 25 giugno 2008 1 Questa presentazione Informazioni sui LEA Processo di revisione Risultati Punti di

Dettagli

RISCHIO BIOLOGICO. SEMINARIO Sicurezza nei luoghi di lavoro Dott.ssa Loredana Di Natale

RISCHIO BIOLOGICO. SEMINARIO Sicurezza nei luoghi di lavoro Dott.ssa Loredana Di Natale RISCHIO BIOLOGICO SEMINARIO Sicurezza nei luoghi di lavoro Dott.ssa Loredana Di Natale RISCHIO BIOLOGICO SIGNIFICATO: Inizialmente il rischio Biologico era inteso come la possibilità di contrarre un infezione

Dettagli

Indice PARTE PRIMA: POPOLAZIONE E SALUTE

Indice PARTE PRIMA: POPOLAZIONE E SALUTE Indice PARTE PRIMA: POPOLAZIONE E SALUTE 1. POPOLAZIONE... 17 1.1. Popolazione residente... 17 1.1.1. La distribuzione sul territorio... 19 1.1.2. Struttura della popolazione... 20 1.1.3. Speranza di vita...

Dettagli

Breve viaggio alla scoperta delle Malattie Sessualmente Trasmissibili

Breve viaggio alla scoperta delle Malattie Sessualmente Trasmissibili Breve viaggio alla scoperta delle Malattie Sessualmente Trasmissibili Materiale elaborato con la supervisione della dott.ssa Barbara Ricciardi dai partecipanti al corso di formazione per volontari Comunicare

Dettagli

Promozione delle vaccinazioni

Promozione delle vaccinazioni Promozione delle vaccinazioni Francesca Russo Servizio Sanità Pubblica e Screening Regione Veneto Formatore Azienda Ospedaliera: Dott.ssa Silvana Lauriola Vaccinazione Azione cardine della prevenzione

Dettagli

Scienze Nutraceutiche

Scienze Nutraceutiche Università degli Studi di Napoli Federico II Dipartimento di Farmacia Corso di Laurea in Scienze Nutraceutiche le ragioni di una scelta www.farmacia.unina.it Scienze Nutraceutiche : le ragioni di una scelta

Dettagli

I vaccini come strumento di prevenzione

I vaccini come strumento di prevenzione I vaccini come strumento di prevenzione Stefania Salmaso Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute Istituto Superiore di Sanità Stele egiziana 3000 AC Agente contro Ospite

Dettagli

Corso Integrato di Medicina Preventiva e del Territorio A.A. 2011/2012 (IV anno 2 semestre) (Version 1.0)

Corso Integrato di Medicina Preventiva e del Territorio A.A. 2011/2012 (IV anno 2 semestre) (Version 1.0) Università degli Studi di Siena CORSO DI LAUREA IN MEDICINA E CHIRURGIA Corso Integrato di Medicina Preventiva e del Territorio A.A. 2011/2012 (IV anno 2 semestre) (Version 1.0) OBIETTIVI DIDATTICI GENERALI

Dettagli

C.I. ODONTOIATRIA PEDIATRICA

C.I. ODONTOIATRIA PEDIATRICA UNIVERSITÀ DI NAPOLI FEDERICO II Dipartimento di Neuroscienze e Scienze Riproduttive ed Odontostomatologiche C.I. ODONTOIATRIA PEDIATRICA PEDODONZIA Docente: Prof. Aniello Ingenito Commissione di esame:

Dettagli

Aumentare le coperture vaccinali in età pediatrica creando rapporti strutturali con la Pediatria di Famiglia

Aumentare le coperture vaccinali in età pediatrica creando rapporti strutturali con la Pediatria di Famiglia Aumentare le coperture vaccinali in età pediatrica creando rapporti strutturali con la Pediatria di Famiglia Francesca Russo Servizio Promozione e Sviluppo Igiene e Sanità Pubblica Direzione Prevenzione

Dettagli

Esposizione ed effetto

Esposizione ed effetto Esposizione ed effetto In epidemiologia, si è spesso interessati a conoscere quale sia l effetto di una determinata esposizione. - Es. 1. qual è l effetto di una dieta vegetariana sulla salute? La dieta

Dettagli

VACCINI VACCINAZIONI SIERI

VACCINI VACCINAZIONI SIERI VACCINI VACCINAZIONI SIERI 1 IMMUNITA INNATA ACQUISITA ARTIFICIALE NATURALE ATTIVA (VACCINAZIONE) PASSIVA (SIEROPROFILASSI) ATTIVA (INFEZIONE) PASSIVA (PLACENTA) 2 2 IMMUNITA PASSIVA Immunità passiva artificiale:

Dettagli

Valutazione del Piano di promozione delle vaccinazioni per la Provincia di Trento

Valutazione del Piano di promozione delle vaccinazioni per la Provincia di Trento Valutazione del Piano di promozione delle vaccinazioni per la Provincia di Trento Il Piano provinciale per la promozione delle vaccinazioni ha una durata triennale, coprendo gli anni 2012, 2013 e 2014.

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

Vaccinazione anti-epatite B: una strategia di successo

Vaccinazione anti-epatite B: una strategia di successo Giornata di Studio in ricordo della Professoressa Fernanda ergamini Milano, 7 aprile 9 Vaccinazione anti-epatite : una strategia di successo Prof. Alessandro Zanetti Dipartimento di Sanità pubblica Microbiologia

Dettagli

L infezione con l HIV, l epatite B e l epatite C non sono solo pericolosi per la Vostra

L infezione con l HIV, l epatite B e l epatite C non sono solo pericolosi per la Vostra Cara coppia L infezione con l HIV, l epatite B e l epatite C non sono solo pericolosi per la Vostra salute, ma possono anche nuocere alla salute del Vostro partner o del Vostro bambino. In occasione delle

Dettagli

Combustione energia termica trasmissione del calore

Combustione energia termica trasmissione del calore Scheda riassuntiva 6 capitoli 3-4 Combustione energia termica trasmissione del calore Combustibili e combustione Combustione Reazione chimica rapida e con forte produzione di energia termica (esotermica)

Dettagli

PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE

PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Settore Prevenzione, Igiene e Sanità Pubblica PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE SISTEMI DI SORVEGLIANZA DELLA MALATTIE INFETTIVE E PIANO DELLE VACCINAZIONI

Dettagli

PREVENZIONE: Tumori del Seno

PREVENZIONE: Tumori del Seno PREVENZIONE: Tumori del Seno Francesco Paolo Pantano (Chirurgo Oncologo) Il tumore al seno rappresenta il 27% dei tumori del sesso femminile. Ogni anno vi sono circa 36.000 nuovi casi distribuiti nelle

Dettagli

INDICE GENERALE PARTE PRIMA IPNOLOGIA GENERALE

INDICE GENERALE PARTE PRIMA IPNOLOGIA GENERALE .qxd 12/07/2010 17.38 Pagina XXIX INDICE GENERALE PARTE PRIMA IPNOLOGIA GENERALE Capitolo I ASPETTI DELLA MENTE, DINAMICHE MENTALI E GENERALITÀ SULL IPNOSI....3 1. Introduzione.........................................................

Dettagli

Profilassi immunitaria

Profilassi immunitaria Profilassi immunitaria Dott.ssa Pamela Di Giovanni Profilassi immunitaria passiva Sieroprofilassi Possono essere divisi in 3 categorie: antibatterici antivirali antitossici I primi sono stati completamente

Dettagli

TERZA SEZIONE VACCINAZIONI

TERZA SEZIONE VACCINAZIONI TERZA SEZIONE VACCINAZIONI Obiettivi generali di Piano: - Realizzazione della gestione informatizzata delle vaccinazioni - Miglioramento della qualità dell offerta vaccinale - Aumento delle coperture nelle

Dettagli

SISTEMA RIPRODUTTIVO TOSSICITA RIPRODUTTIVA

SISTEMA RIPRODUTTIVO TOSSICITA RIPRODUTTIVA TOSSICITA RIPRODUTTIVA disfunzione indotta da sostanze xenobiotiche che colpiscono i processi di gametogenesi dal loro stadio più precoce all impianto del prodotto del concepimento nell endometrio. La

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

Profilassi Malattie Infettive MORBILLO - PAROTITE - ROSOLIA

Profilassi Malattie Infettive MORBILLO - PAROTITE - ROSOLIA Profilassi Malattie Infettive MORBILLO - PAROTITE - ROSOLIA Il morbillo nel mondo Epidemia di morbillo in Campania del 2002 Stimati circa 40.000 casi Eguale distribuzione per sesso Incidenza più elevata

Dettagli

Indice. Prefazione. Capitolo 1 La valutazione del rischio Giorgio Gilli, Elisabetta Carraro, Sara Bonetta, Silvia Bonetta

Indice. Prefazione. Capitolo 1 La valutazione del rischio Giorgio Gilli, Elisabetta Carraro, Sara Bonetta, Silvia Bonetta Indice Prefazione XV Capitolo 1 La valutazione del rischio Giorgio Gilli, Elisabetta Carraro, Sara Bonetta, Silvia Bonetta 1.1 La valutazione di impatto sanitario nella politica di riduzione e prevenzione

Dettagli

Corso di Medicina del Lavoro

Corso di Medicina del Lavoro Corso di Medicina del Lavoro Malattie da cancerogeni, mutageni e genotossici Valutazione del rischio per la riproduzione in ambiente di lavoro 1 of 28 A quali agenti è esposto il lavoratore o la lavoratrice?

Dettagli

INDICE. Prefazione...9 Introduzione...11 Ringraziamenti...15 Principali fonti bibliografiche...17 Glossario...19

INDICE. Prefazione...9 Introduzione...11 Ringraziamenti...15 Principali fonti bibliografiche...17 Glossario...19 INDICE Prefazione...9 Introduzione...11 Ringraziamenti...15 Principali fonti bibliografiche...17 Glossario...19 Sezione I NOZIONI GENERALI DI IMMUNOPROFILASSI Capitolo 1 - CONCETTI GENERALI DI IMMUNOPROFILASSI...29

Dettagli

LE AFFEZIONI NON INFETTIVE DELL ETA SCOLARE

LE AFFEZIONI NON INFETTIVE DELL ETA SCOLARE LE AFFEZIONI NON INFETTIVE DELL ETA SCOLARE CARIE DENTALE MIOPIA SCOLIOSI OBESITA CARIE DENTALE La carie dentale nasce come processo erosivo e si evolve come processo destruente del dente che perde così

Dettagli

Programmi a.s. 2014-15

Programmi a.s. 2014-15 Disciplina ALIMENTAZIONE Docente BIFFANTI SUSANNA Classi 1 sezione/i A, B Programmi a.s. 2014-15 MODULO 1 - IGIENE NELLA RISTORAZIONE u.d 1.1 I MICRORGANISMI Caratteristiche generali, classificazione.

Dettagli

LA SINDROME DELL EDIFICIO MALATO

LA SINDROME DELL EDIFICIO MALATO LA SINDROME DELL EDIFICIO MALATO Dott. Stefano Borghesi Specialista in Medicina del Lavoro Università degli Studi di Brescia Medico Competente Provincia di Brescia AMBIENTE CONFINATO Trasformazione dell

Dettagli

R e g i o n e L a z i o

R e g i o n e L a z i o (La scheda non deve superare le 7 cartelle, compreso la tabella indicatori) Titolo del Progetto o del programma: R e g i o n e L a z i o Progetto per il miglioramento delle coperture vaccinali con particolare

Dettagli

LA MEDICINA SCOLASTICA OGGI NEL TERRITORIO DELLA AZIENDA USL RM H

LA MEDICINA SCOLASTICA OGGI NEL TERRITORIO DELLA AZIENDA USL RM H LA MEDICINA SCOLASTICA OGGI NEL TERRITORIO DELLA AZIENDA USL RM H 1 LA MEDICINA SCOLASTICA OGGI VISITE MEDICHE E SCREENING Le visite mediche e gli screening, prima effettuati dal medico scolastico presso

Dettagli

REGIONE CAMPANIA AZIENDA SANITARIA LOCALE NAPOLI 4 DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO DI EPIDEMIOLOGIA PIAZZA S.GIOVANNI 80031 BRUSCIANO (NA) TEL.08173174254-5 FAX 081/3174226 Prot. n del /SEP Al Laboratorio

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Legionelle: un pericolo per chi lavora nei cantieri sotterranei

Legionelle: un pericolo per chi lavora nei cantieri sotterranei Divisione medicina del lavoro suva Versione agosto 2011 Factsheet Legionelle: un pericolo per chi lavora nei cantieri sotterranei Irène Kunz, Marcel Jost Agente patogeno Legionella pneumophila è l agente

Dettagli

Rischi da esposizione ad agenti biologici

Rischi da esposizione ad agenti biologici Rischi da esposizione ad agenti biologici Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione D.Lgs. 81/08 Titolo X Esposizione ad agenti biologici Campo di applicazione Tutte le attività lavorative nelle quali

Dettagli

Esperienza del Veneto nella sorveglianza e prevenzione

Esperienza del Veneto nella sorveglianza e prevenzione LA SORVEGLIANZA DELLE MALATTIE BATTERICHE INVASIVE PREVENIBILI DA VACCINAZIONE: RISULTATI E IMPLICAZIONI PER LA PREVENZIONE Esperienza del Veneto nella sorveglianza e prevenzione F. Russo, G. Napoletano

Dettagli

16.30 17.00 Riepilogo della giornata Vengono sintetizzati a cura del tutor d Aula i messaggi chiave emersi nel corso della giornata

16.30 17.00 Riepilogo della giornata Vengono sintetizzati a cura del tutor d Aula i messaggi chiave emersi nel corso della giornata Lunedì 17 INTRODUZIONE AL CORSO E GENERALITA' 09.00 09.30 Introduzione al Corso Prof. Carosi (Brescia) Vengono illustrati gli obiettivi del Corso e le modalità didattiche utilizzate 09.30 10.00 Pre-test

Dettagli

Aifm Associazione Italiana di Fisica Medica

Aifm Associazione Italiana di Fisica Medica RADIAZIONI PERICOLOSE PER LA SALUTE: VERO O FALSO? 1. Le radiazioni ionizzanti possono danneggiare l organismo dell uomo. Vero. Il danno provocato dalle radiazioni ionizzanti dipende da molti fattori,

Dettagli

Dott.ssa Lucia De Noni

Dott.ssa Lucia De Noni AZIENDA ULSS 2 DI VERONA Dipartimento di Prevenzione Dott.ssa Lucia De Noni Medico Dirigente del Titolo Servizio Igiene e Sanità Pubblica U.L.S.S. 2 Cenni sull evoluzione della Sanità Pubblica 1888 LEGGE

Dettagli

Codice programma di riferimento. Corsi di formazione/seminari da attivare Promozione dell attività fisica nei bambini, gruppi cammino, AFA

Codice programma di riferimento. Corsi di formazione/seminari da attivare Promozione dell attività fisica nei bambini, gruppi cammino, AFA La Formazione a supporto del Piano Regionale di Prevenzione 2014-2018 Corsi di formazione/seminari da attivare Promozione dell attività fisica nei bambini, gruppi cammino, AFA Il counseling breve per

Dettagli

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE 2005 2007 (parte seconda) REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Tonegutti Lorella Data di nascita 31/07/1966 Qualifica Dietista Amministrazione AUSL Valle d Aosta via Guido Rey, 1 11100 Aosta Incarico attuale Dietista Numero

Dettagli

IL DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE

IL DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE IL DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Il Dipartimento di prevenzione assicura le prestazioni volte al mantenimento e alla promozione della salute della popolazione, attraverso diverse funzioni rivolte direttamente

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

Esposizione accidentale a materiali biologici potenzialmente contaminati con agenti patogeni trasmissibili per via ematica

Esposizione accidentale a materiali biologici potenzialmente contaminati con agenti patogeni trasmissibili per via ematica S.S. Medico pagina 1 di 12 1. Titolo e descrizione sintetica... 1 2. Titolo... 1 3. Descrizione sintetica... 1 4. Responsabile della procedura... 1 5. Obiettivi... 2 6. Ambito di Applicazione... 2 7. Documenti

Dettagli

(Auto)analisi microbiologiche in farmacia?

(Auto)analisi microbiologiche in farmacia? (Auto)analisi microbiologiche in farmacia? Prof. Giovanni Antonini Dipartimento di Biologia, Università Roma Tre PERCHE OCCORRE FARE ANALISI MICROBIOLOGICHE? Sta assumendo sempre maggiore importanza l

Dettagli

METODOLOGIA EPIDEMIOLOGICA E IGIENE CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN MEDICINA E CHIRURGIA PROF. PAOLA RIVOSECCHI

METODOLOGIA EPIDEMIOLOGICA E IGIENE CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN MEDICINA E CHIRURGIA PROF. PAOLA RIVOSECCHI METODOLOGIA EPIDEMIOLOGICA E IGIENE CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN MEDICINA E CHIRURGIA PROF. PAOLA RIVOSECCHI EPIDEMIOLOGIA Analizza i metodi per lo studio della FREQUENZA e della DISTRIBUZIONE delle

Dettagli

CATALOGO CORSI DI FORMAZIONE 2015

CATALOGO CORSI DI FORMAZIONE 2015 CATALOGO CORSI DI FORMAZIONE 2015 I. PREMESSA Gruppo Ambiente Sicurezza S.r.l. nasce dall esperienza di tecnici, progettisti, formatori, medici del lavoro e consulenti legali. L insieme dei servizi da

Dettagli

INCENERIMENTO DI RIFIUTI NEI CEMENTIFICI MITI E FATTI

INCENERIMENTO DI RIFIUTI NEI CEMENTIFICI MITI E FATTI Centro per la Salute Giulio A. Maccacaro via Roma 2-21053 Castellanza (VA) fax 0331/501792 - email : medicinademocratica@libero.it INCENERIMENTO DI RIFIUTI NEI CEMENTIFICI MITI E FATTI Mito 1. I CEMENTIFICI,

Dettagli

ALLEGATO A BANDO DI GARA

ALLEGATO A BANDO DI GARA ALLEGATO A BANDO DI GARA SERVIZIO DI CAMPIONAMENTO E CONTROLLO ANALITICO DA EFFETTUARSI PRESSO GLI IMPIANTI DI POTABILIZZAZIONE, DEPURAZIONE, NONCHÉ TRATTAMENTO E SMALTIMENTO RSU/RSA DI PROPRIETÀ DEL CONSORZIO

Dettagli

Un problema di cuore.

Un problema di cuore. Le malattie cardiovascolari nella donna Le malattie cardiovascolari nella donna Opuscolo redatto da Maria Lorenza Muiesan* e Maria Vittoria Pitzalis*. Alla stessa collana, coordinata da Nicola De Luca*,

Dettagli

LABORATORI ANALYSIS. L elenco delle prove accreditate è disponibile sul sito www.accredia.it

LABORATORI ANALYSIS. L elenco delle prove accreditate è disponibile sul sito www.accredia.it LABORATORI ANALYSIS La società Laboratori Analysis S.r.l., nasce a Pinerolo (TO) nella metà degli anni novanta, dall unione di più professionisti aventi consolidata esperienza nei settori dell ambiente,

Dettagli

Università degli Studi di FIRENZE. Laurea Magistrale in SCIENZE DELL'ALIMENTAZIONE

Università degli Studi di FIRENZE. Laurea Magistrale in SCIENZE DELL'ALIMENTAZIONE Università degli Studi di FIRENZE Laurea Magistrale in SCIENZE DELL'ALIMENTAZIONE attivato ai sensi del D.M. 22/10/2004, n. 270 valido a partire dall anno accademico 2012/2013 1 Premessa Denominazione

Dettagli

38/382 REV. 3 Del. 23-02 - 2011

38/382 REV. 3 Del. 23-02 - 2011 38/382 REV. 3 Del. 23-02 - 2011 BANCA DEL LATTE UMANO DONATO di Cesena presso la Terapia Intensiva Pediatrica e Neonatale dell Ospedale M. Bufalini. Per maggiori informazioni contattare il numero: 0547/394362

Dettagli

Troverà di seguito le informazioni relative alle principali malattie, le zone a rischio e i vaccini adatti.

Troverà di seguito le informazioni relative alle principali malattie, le zone a rischio e i vaccini adatti. Vaccinazioni Troverà di seguito le informazioni relative alle principali malattie, le zone a rischio e i vaccini adatti. Difterite Tetano Polio Encefalite da zecche Febbre gialla Febbre tifoide Epatite

Dettagli

responsabile Unità OPerativa Semplice Dirigente ASL I fascia - Unità Operativa Tutela Salute Minori Famiglia Donna

responsabile Unità OPerativa Semplice Dirigente ASL I fascia - Unità Operativa Tutela Salute Minori Famiglia Donna INFORMAZIONI PERSONALI Nome giacomucci giancarlo Data di nascita 28/01/1957 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio responsabile Unità OPerativa Semplice ZONA TERRITORIALE

Dettagli

Centro di ricerca per gli alimenti e la nutrizione (CRA-NUT)

Centro di ricerca per gli alimenti e la nutrizione (CRA-NUT) Centro di ricerca per gli alimenti e la nutrizione (CRA-NUT) Centro di ricerca per gli alimenti e la nutrizione (CRA-NUT) Gruppo di ricerca Sorveglianza del rischio alimentare Sorveglianza dell esposizione

Dettagli

MAR A TIN I A N Z AM A INA N TO T CLASSE 3 A

MAR A TIN I A N Z AM A INA N TO T CLASSE 3 A L AIDS MARTINA ZAMINATO CLASSE 3 A ANNO SCOLASTICO 2012/2013 AIDS e HIV: sintomi - cause - test - trasmissione Introduzione AIDS (Acquired Immune Deficiency Syndrome) sta per sindrome da immunodeficienza

Dettagli

Promozione delle vaccinazioni

Promozione delle vaccinazioni Promozione delle vaccinazioni Massimo Cornale Angela Garbini Monica Mascellani AUSL di Ferrara tratto da Francesca Russo Veneto Maria Grazia Pascucci- Emilia Romagna Vaccinazione Azione cardine della prevenzione

Dettagli

CONTROLLO DI QUALITA DEGLI ALIMENTI

CONTROLLO DI QUALITA DEGLI ALIMENTI CONTROLLO DI QUALITA DEGLI ALIMENTI ANNO ACCADEMICO 2009-2010 CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE DOCENTE: Maria Grazia Volpe mail:mgvolpe@isa.cnr.it FINALITA Il corso si prefigge di avviare lo studente all

Dettagli

La prevenzione per proteggere la salute

La prevenzione per proteggere la salute La prevenzione per proteggere la salute Progetto OSPEDALE CULTURALMENTE COMPETENTE, ASSOCIAZIONI, MEDIATORI CULTURALI: SINERGIE PER L ACCESSO AI SERVIZI E PER L INTEGRAZIONE DEI MIGRANTI Co-finanziato

Dettagli