PRESENTAZIONE ALLA TERZA EDIZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PRESENTAZIONE ALLA TERZA EDIZIONE"

Transcript

1 PRESENTAZIONE ALLA TERZA EDIZIONE L introduzione dell insegnamento dell Igiene in nuovi corsi di laurea triennale e di laurea specialistica che preparano diverse figure professionali, ha reso necessaria una completa revisione dei contenuti e dello stile espositivo di questa terza edizione; ciò per meglio adeguarla alla formazione culturale e professionale degli studenti e per rendere più facile l apprendimento dei concetti e delle procedure per la promozione e la protezione della salute. Allo scopo di rendere più agevole l apprendimento dell epidemiologia e della prevenzione, nucleo centrale dell Igiene, ed in considerazione della diversa preparazione di base degli studenti cui il testo è indirizzato, è sembrato opportuno introdurre, in appositi capitoli, nozioni relative all eziologia delle malattie, con particolare riguardo per le cause microbiche e per i rapporti tra i microrganismi e l uomo, ed alle difese naturali dell organismo, comprese le difese immunitarie e gli adattamenti fisiologici ai fattori ambientali. Ampio spazio è stato dato alla presentazione dei principi e della pratica dell educazione sanitaria, con particolare riguardo per la promozione della salute nelle varie fasi della vita, per l educazione ambientale, per l educazione alimentare e, più in generale, per l adozione di stili di vita sani. Ancora, specifici capitoli sono stati dedicati alla prevenzione degli handicap, al benessere negli ambienti di vita, all igiene ed alla sicurezza nel lavoro. Il testo che vede ora la luce è il frutto dell impegno di un gruppo di docenti che hanno sviluppato il piano editoriale predisposto dal Prof. Giuseppe Giammanco, che ha curato anche l armonizzazione dei diversi contributi. Esso, sfrondato di inutili nozionismi e ridondanze, ha potuto essere contenuto in un numero di pagine relativamente limitato in rapporto all ampio panorama dell Igiene che presenta. Bologna, febbraio 2011 Gli Autori

2 INDICE GENERALE 1. L IGIENE E L EDUCAZIONE SANITARIA, SCIENZE DELLA SALUTE OBIETTIVI E CONTENUTI DELL IGIENE E DELL EDUCAZIONE SANITARIA CHE COSA È LA SALUTE I bisogni di salute: percepiti e non percepiti, espressi e non espressi, indotti I successi ed i limiti della medicina scientifica di fronte ai bisogni di salute ed alla richiesta di «empatia» della popolazione La ricerca irrazionale di salute, le «medicine alternative», la medicina e la prevenzione basate sulle prove di efficacia L ORGANIZZAZIONE SANITARIA PER LA PROMOZIONE E LA DIFESA DELLA SALUTE L ORGANIZZAZIONE SANITARIA INTERNAZIONALE L ORGANIZZAZIONE SANITARIA ITALIANA L organizzazione del livello centrale L organizzazione a livello regionale Le Aziende Sanitarie Locali Le Aziende ospedaliere La salute non ha prezzo ma l assistenza sanitaria ha dei costi 14

3 VIII Igiene 3. ELEMENTI DI DEMOGRAFIA E DI EPIDEMIOLOGIA ELEMENTI DI DEMOGRAFIA E DI STATISTICA SANITARIA Lo stato della popolazione. Il censimento La piramide delle età Il movimento della popolazione, i registri anagrafici e le notificazioni obbligatorie Altre fonti di dati sanitari Le indagini ad hoc Le misure di frequenza Significato di alcuni indicatori demografici e sanitari Tasso di natalità Tasso di fecondità Vita media o speranza di vita Indice di vecchiaia Tassi di mortalità Mortalità infantile, neonatale e perinatale Tassi di morbosità: incidenza e prevalenza delle malattie Letalità ELEMENTI DI EPIDEMIOLOGIA Epidemiologia descrittiva o ecologica Variazioni temporali: epidemie, pandemie Epidemie e pandemie Differenze spaziali Variabili personali Epidemiologia analitica Studi di prevalenza o trasversali Studi per coorte o longitudinali o prospettivi Studi caso-controllo o retrospettivi Epidemiologia sperimentale o di intervento PROMOZIONE DELLA SALUTE E PREVENZIONE DELLE MALATTIE COME SI PROMUOVE LA SALUTE

4 Indice generale IX 4.2. COME SI PREVENGONO LE MALATTIE La prevenzione primaria Metodologia della prevenzione primaria La prevenzione secondaria Metodologia della prevenzione secondaria La prevenzione terziaria OBIETTIVI STRATEGICI DELLA PREVENZIONE La protezione individuale Il controllo delle malattie L eliminazione delle malattie L eradicazione delle malattie PRINCIPI DI EDUCAZIONE SANITARIA EDUCAZIONE ALLA SALUTE E PROMOZIONE DELLA SALUTE GLI STRUMENTI DELL EDUCAZIONE ALLA SALUTE Comunicazione Contatto Mezzi Trasmissione Comprensione Comunicazione di gruppo Comunicazione di massa La comunicazione del rischio Informazione Proprietà di base dell informazione Qualità dell informazione Valore dell informazione La persona come soggetto attivo Lavoro di gruppo Variabili di un gruppo di lavoro Variabili di tipo strutturale Variabili di tipo processuale Fasi della costituzione di un gruppo di lavoro

5 X Igiene 5.3. LE PRINCIPALI TECNICHE DI FORMAZIONE ATTIVA Focus group Brainstorming Gioco di ruolo Analisi di un caso L EDUCAZIONE TRA PARI LA PROGETTAZIONE EDUCATIVA Scelta degli obiettivi di salute Programmazione dei metodi e dei contenuti Verifica e valutazione dell intervento AMBITI SOCIALI IN CUI SVOLGERE ATTIVITÀ DI PROMOZIONE DELLA SALUTE PRINCIPI DI EPIDEMIOLOGIA DELLE MALATTIE INFETTIVE LE MALATTIE INFETTIVE EZIOLOGIA DELLE MALATTIE INFETTIVE: I MICROBI I virus I batteri I protozoi I miceti I MICROBI E NOI I microbi saprofiti I microbi utili all uomo I microbi commensali I microbi patogeni Infezione e malattia I SERBATOI E LE SORGENTI D INFEZIONE I serbatoi d infezione Le sorgenti d infezione LE MODALITÀ DI TRASMISSIONE DELLE INFEZIONI La trasmissione diretta e semi-diretta La trasmissione indiretta Trasmissione indiretta mediante veicoli

6 Indice generale XI Trasmissione indiretta mediante vettori I circuiti di trasmissione Le vie d ingresso dei microbi nell organismo Le vie di espulsione dei microbi dall organismo COME SI PREVENGONO LE MALATTIE INFETTIVE E PARASSITARIE COME EVITARE LA DIFFUSIONE DEI MICROBI PATOGENI DAI SERBATOI E DALLE SORGENTI D INFEZIONE Educazione sanitaria del malato e di chi lo assiste Educazione sanitaria del portatore COME INTERROMPERE LA TRASMISSIONE ATTRAVERSO L AMBIENTE La sterilizzazione Sterilizzazione con il calore umido sotto pressione Sterilizzazione con il calore secco Sterilizzazione frazionata o tindalizzazione Sterilizzazione con le radiazioni ionizzanti di tipo gamma Sterilizzazione chimica con l ossido di etilene Sterilizzazione chimica con l acido peracetico Sterilizzazione chimica e fisica con il perossido di idrogeno Sterilizzazione con le radiazioni ultraviolette Sterilizzazione a freddo La disinfezione La disinfestazione La disinfezione e la disinfestazione nell ambito domestico LE DIFESE DELL ORGANISMO CONTRO LE MALATTIE INFETTIVE Le barriere difensive ed il sistema immunitario L immunità aspecifica L immunità specifica L immunità umorale L immunità cellulo-mediata

7 XII Igiene L immunità contro le infezioni I VACCINI E L IMMUNOPROFILASSI ATTIVA Vaccini vivi e attenuati Vaccini inattivati Vaccini costituiti da anatossine Vaccini costituiti da componenti microbiche purificate I vaccini combinati Gli adiuvanti dei vaccini Altri costituenti dei vaccini Reazioni indesiderate dei vaccini Controindicazioni e false controindicazioni alle vaccinazioni LE IMMUNOGLOBULINE E L IMMUNOPROFILASSI PASSIVA LE POLITICHE VACCINALI Le strategie di vaccinazione IL CALENDARIO DELLE VACCINAZIONI NELL INFANZIA LA PREVENZIONE DELLE INFEZIONI NELL AMBITO DEGLI OBIETTIVI DI SALUTE Gli obiettivi e le realizzazioni della prevenzione: l eradicazione, l eliminazione, il controllo delle malattie infettive PRINCIPI DI EPIDEMIOLOGIA DELLE MALATTIE CRONICO- DEGENERATIVE E DI ALTRI EVENTI NON INFETTIVI EZIOLOGIA DELLE MALATTIE CRONICO-DEGENERATIVE E DI ALTRI EVENTI NON INFETTIVI CAUSE E FATTORI CAUSALI Cause biologiche Cause chimiche Cause fisiche Fattori causali per le malattie cronico-degenerative Fattori di rischio Cause e fattori di rischio sociogenici Fattori protettivi Malattie monocausali

8 Indice generale XIII Malattie pluricausali e multifattoriali Modalità di manifestazione nella popolazione PRINCIPI DI PREVENZIONE DELLE MALATTIE CRONICO- DEGENERATIVE E DI ALTRI EVENTI NON INFETTIVI PREVENZIONE PRIMARIA Quantificazione degli effetti Strategie Metodologie Eugenetica Potenziamento delle difese dell organismo Modificazione dei comportamenti per uno stile di vita salutare Interventi negli ambienti di vita e di lavoro PREVENZIONE SECONDARIA Screening di massa Screening in gruppi a rischio PREVENZIONE TERZIARIA EPIDEMIOLOGIA E PREVENZIONE DELLE MALATTIE INFETTIVE DI MAGGIORE INTERESSE SOCIALE MALATTIE INFETTIVE PREVENIBILI CON I VACCINI Difterite Eziologia Patogenesi e cenni clinici Accertamenti diagnostici Epidemiologia Prevenzione Vaccinazione Tetano Eziologia Patogenesi e cenni clinici Accertamenti diagnostici

9 XIV Igiene Epidemiologia Prevenzione Vaccinazione Profilassi immunitaria passiva Trattamento profilattico del traumatizzato Pertosse Eziologia Patogenesi e cenni clinici Accertamenti diagnostici Epidemiologia Prevenzione Vaccinazione Profilassi immunitaria passiva Poliomielite Eziologia Patogenesi e cenni clinici Accertamenti diagnostici Epidemiologia Prevenzione Epatite virale B Eziologia Patogenesi e cenni clinici Accertamenti diagnostici Epidemiologia Prevenzione Vaccinazione anti-epatite B Profilassi immunitaria passiva Interventi sui portatori Prevenzione della trasmissione perinatale Prevenzione post-esposizione, dopo contatto o inoculazione di sangue Meningiti batteriche Meningiti da Neisseria meningitidis Eziologia Patogenesi e cenni clinici

10 Indice generale XV Epidemiologia Prevenzione Chemioprofilassi Vaccinazione Meningiti da Streptococcus pneumoniae Eziologia Patogenesi e cenni clinici Epidemiologia Prevenzione Meningiti da Haemophilus influenzae di tipo b Eziologia Patogenesi e cenni clinici Epidemiologia Prevenzione Accertamenti diagnostici delle meningiti batteriche Morbillo Eziologia Patogenesi e cenni clinici Epidemiologia Prevenzione Profilassi immunitaria passiva Parotite Eziologia Patogenesi e cenni clinici Accertamenti diagnostici Epidemiologia Prevenzione Rosolia Eziologia Patogenesi e cenni clinici Epidemiologia Rosolia post-natale Rosolia connatale Prevenzione

11 XVI Igiene Vaccinazione Profilassi immunitaria passiva Varicella Eziologia Patogenesi e cenni clinici Accertamenti diagnostici Epidemiologia Prevenzione Strategie vaccinali per l eradicazione delle malattie esantematiche Misure di prevenzione delle malattie esantematiche nella scuola e in altri ambienti comunitari Influenza Eziologia Patogenesi e cenni clinici Epidemiologia Prevenzione Vaccini antinfluenzali Chemioprofilassi MALATTIE PREVENIBILI CON LA BONIFICA DELL AMBIENTE E CON COMPORTAMENTI CORRETTI Gastroenteriti acute (infezioni diarroiche) Gastroenteriti virali Gastroenterite da rotavirus Eziologia Patogenesi e cenni clinici Accertamenti diagnostici Epidemiologia Prevenzione Gastroenteriti da Norovirus Gastroenteriti da Adenovirus Epatite virale A Eziologia Patogenesi e cenni clinici

12 Indice generale XVII Accertamenti diagnostici Epidemiologia Prevenzione Profilassi immunitaria Febbre tifoide Eziologia Patogenesi e cenni clinici Accertamenti diagnostici Epidemiologia Prevenzione Vaccinazione Tubercolosi Eziologia Patogenesi, cenni clinici ed immunità Accertamenti diagnostici Test alla tubercolina Ricerca di M. tuberculosis Epidemiologia Prevenzione Chemioprofilassi antitubercolare Vaccinazione MALATTIE PREVENIBILI CON COMPORTAMENTI CAUTI E RESPONSABILI: MALATTIE TRASMESSE PER VIA SESSUALE E PER INOCULAZIONE Sindrome da immunodeficienza acquisita (AIDS) Eziologia Patogenesi e cenni clinici Saggi diagnostici Epidemiologia Prevenzione Epatite virale C Eziologia e patogenesi Cenni clinici e accertamenti diagnostici Epidemiologia

13 XVIII Igiene Prevenzione Infezioni da papillomavirus umani (HPV) e cancro della cervice uterina Prevenzione Sifilide Patogenesi e cenni clinici Epidemiologia Accertamenti diagnostici e prevenzione Uretriti: blenorragia e uretriti non gonococciche Blenorragia Uretriti non gonococciche Chlamydia trachomatis Micoplasma e Ureaplasma Trichomonas vaginalis e Candida albicans EPIDEMIOLOGIA E PREVENZIONE DI MALATTIE CRONICO- DEGENERATIVE E DISMETABOLICHE DI MAGGIORE INTERESSE SOCIALE MALATTIE CARDIOVASCOLARI Aterosclerosi, arteriosclerosi e malattie cardiovascolari La cardiopatia ischemica Frequenza e distribuzione della mortalità e della morbosità I fattori di rischio per la cardiopatia ischemica La prevenzione della cardiopatia ischemica Ictus cerebrale DIABETE Diabete di tipo Diabete di tipo Alterata tolleranza al glucosio Alterato livello di glucosio a digiuno Prevenzione del diabete BRONCOPNEUMOPATIE CRONICHE OSTRUTTIVE Fattori causali

14 Indice generale XIX Fumo di tabacco Inquinamento atmosferico Fattori occupazionali Condizioni socio-economiche Prevenzione TUMORI MALIGNI SUSCETTIBILI DI PREVENZIONE Epidemiologia dei tumori maligni Agenti cancerogeni Agenti protettori dal cancro Stile di vita, ambiente ed agenti cancerogeni Storia naturale del cancro Prevenzione del cancro Prevenzione primaria Prevenzione secondaria Il Codice Europeo Contro il Cancro Cancro del polmone Prevenzione Cancro dello stomaco Cancro del colon-retto Cancro primitivo del fegato Cancro della mammella Cancro dell utero Cancro della cervice uterina Cancro del corpo dell utero Cancro della pelle IGIENE DEGLI ALIMENTI LE INFEZIONI VEICOLATE DA ALIMENTI LE TOSSINFEZIONI ALIMENTARI Tossinfezione da salmonelle Tossinfezione da stafilococchi enterotossici Tossinfezione da Clostridium perfringens (C. welchii) Botulismo

15 XX Igiene COME PRODURRE ALIMENTI SANI COME CONSERVARE SANI GLI ALIMENTI La disidratazione Il calore Il freddo Le radiazioni ionizzanti Le microonde I conservanti chimici I metodi di conservazione biologici I METODI DOMESTICI DI RISANAMENTO E DI CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI La cottura La refrigerazione Alimenti congelati e surgelati Le conserve fatte in casa I PROCEDIMENTI INDUSTRIALI DI RISANAMENTO E DI CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI Le conserve Le semiconserve Il risanamento e la conservazione del latte La contaminazione microbica del latte I trattamenti per il risanamento e la conservazione del latte IGIENE DELLA NUTRIZIONE ED EDUCAZIONE ALIMENTARE ALIMENTI, NUTRIENTI E GRUPPI FONDAMENTALI DI ALIMENTI ALIMENTAZIONE, DIETA E NUTRIZIONE: TABELLE DI COMPOSIZIONE DEGLI ALIMENTI, LIVELLI DI ASSUNZIONE RACCOMANDATI DI ENERGIA E NUTRIENTI, PIRAMIDE ALIMENTARE CARATTERISTICHE ORGANOLETTICHE, COMPOSIZIONE E VALORE CALORICO DEI PRINCIPALI ALIMENTI Il pane e i prodotti da forno La pasta Il latte ed i formaggi

16 Indice generale XXI La carne Il pesce L olio di oliva FABBISOGNO ENERGETICO E METABOLISMO ENERGETICO I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELLE VARIE ETÀ COME SI VALUTA LO STATO DI NUTRIZIONE DI UNA PERSONA 294 Osservazione clinica Determinazioni antropometriche Indagini fisiche e chimiche LA PIANIFICAZIONE DI UN INTERVENTO DI EDUCAZIONE ALIMENTARE Fase 1 Definizione degli obiettivi e della metodologia Fase 2 Disegno dello studio Fase 3 Operatività Fase 4 Valutazione dell intervento e monitoraggio dei comportamenti METODI DI RILEVAZIONE NUTRIZIONALE Diario alimentare Recall delle 24 ore Questionario delle frequenze di consumo alimentare Storia dietetica LA DIETA CONGRUA ED EQUILIBRATA COME FATTORE DI PROMOZIONE DELLA SALUTE E DI PROTEZIONE DALLE MALATTIE ALCUNI ESEMPI DI MESSAGGI CONTRO LA DISEDUCAZIONE ALIMENTARE No alle diete «fai da te» Diffidare delle filosofie e delle mode alimentari Evitare di utilizzare integratori alimentari Al panino preferire un pasto completo LO STILE DI VITA CHE PROMUOVE LA SALUTE I COMPORTAMENTI CHE CARATTERIZZANO UNO STILE DI VITA SANO I VANTAGGI DELL ATTIVITÀ FISICA

17 XXII Igiene I VANTAGGI DEL RIFIUTO DEL FUMO Perché non iniziare a fumare Perché smettere di fumare SE SI VUOL BERE, MEGLIO BERE VINO E SOLO CON MODERAZIONE RISPETTARE I NATURALI RITMI SONNO-VEGLIA IGIENE PERSONALE ED ABUSO DI BIOCIDI IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PRECONCEZIONALE E IN GRAVIDANZA EDUCAZIONE SANITARIA PER LA PROMOZIONE DELLA SALUTE SESSUALE LA SCELTA DI AVERE UN FIGLIO Il counselling preconcezionale Indicatori di salute materna LA PROTEZIONE DELLA SALUTE DELLA MADRE DURANTE LA GRAVIDANZA LA PROTEZIONE DELL EMBRIONE, DEL FETO E DEL NEONATO IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA IN ETÀ EVOLUTIVA L ETÀ EVOLUTIVA IL NEONATO PREMATURO L ALLATTAMENTO AL SENO LE VACCINAZIONI NELL INFANZIA E NELL ADOLESCENZA I DISTURBI DEPRESSIVI DELL ETÀ EVOLUTIVA I COMPORTAMENTI A RISCHIO DEGLI ADOLESCENTI Le droghe illegali Richiami normativi Danni alla salute ed epidemiologia Recupero e prevenzione Il doping Incidenti stradali

18 Indice generale XXIII I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE: ANORESSIA E BULIMIA L anoressia nervosa La bulimia nervosa IGIENE DELLA SCUOLA E DELLO SCOLARO L AMBIENTE SCOLASTICO L edificio scolastico Ubicazione dell area Estensione dell area Requisiti dell edificio Requisiti dell aula L arredamento dell aula I gabinetti L auditorium La mensa La palestra e gli spazi attrezzati all aperto per l educazione fisica PREVENZIONE DEI RISCHI NELLA SCUOLA Fattori di rischio per gli alunni Fattori fisici Fattori chimici Fattori biologici Prevenzione e protezione dei lavoratori nell ambiente scolastico ALCUNE PATOLOGIE IMPORTANTI IN ETÀ EVOLUTIVA Deformazione della colonna vertebrale Scoliosi e atteggiamenti scoliotici Ipercifosi toracica Iperlordosi lombare Asma bronchiale Soprappeso ed obesità Disturbi della condotta alimentare Difetti sensoriali

19 XXIV Igiene Disturbi della parola (dislalie) Dislessia evolutiva Carie dentale EDUCAZIONE SANITARIA E PROMOZIONE DELLA SALUTE DELL ADULTO E DELL ANZIANO PROMOZIONE DELLA SALUTE DELL ADULTO I bisogni di salute individuali e sociali dell adulto I bisogni di salute dell adulto nei luoghi di lavoro Maternità e lavoro Attività nel tempo libero come occasione di promozione della salute PROMOZIONE DELLA SALUTE DELL ANZIANO I diritti della persona anziana Prevenzione delle malattie dell anziano e nell anziano I bisogni di salute sociale della persona anziana L organizzazione e le strutture per l assistenza alle persone anziane PREVENZIONE DEGLI HANDICAP DEFINIZIONI Menomazione Disabilità Handicap CLASSIFICAZIONE Funzioni corporee Strutture corporee Attività e partecipazione Fattori ambientali L ASSISTENZA AI DISABILI (DIVERSAMENTE ABILI) IL SOSTEGNO DI RETE NELLA INTEGRAZIONE DEI DISABILI L integrazione scolastica dei disabili

20 Indice generale XXV L integrazione lavorativa dei disabili La relazione di aiuto IL RUOLO DELL EDUCATORE NELLA PREVENZIONE DELL HANDICAP IGIENE ED EDUCAZIONE AMBIENTALE L AMBIENTE FISICO E L AMBIENTE SOCIALE INQUINAMENTO DELL AMBIENTE E DANNI PER LA SALUTE Pericolosità degli inquinanti Tossicità Cancerogenicità Teratogenicità Allergenicità Effetti neuroendocrini Immunosoppressione Destino degli inquinanti nell ambiente e definizione dei loro limiti nelle matrici ambientali Agenti chimici Agenti biologici Agenti fisici Il Principio di Precauzione EDUCAZIONE AL RISPETTO DELL AMBIENE ED ALLA PREVENZIONE DELL INQUINAMENTO IGIENE DELL ACQUA Inquinamento dell acqua e danni alla salute I fabbisogni di acqua L acqua in natura e le fonti di approvvigionamento per i bisogni della popolazione Requisiti dell acqua da adibire al consumo umano: requisiti organolettici, fisici, chimici e microbiologici Parametri organolettici Parametri chimico-fisici Parametri chimici

ANNO ACCADEMICO 2013/2014 Programma dell insegnamento: _IGIENE

ANNO ACCADEMICO 2013/2014 Programma dell insegnamento: _IGIENE ANNO ACCADEMICO 2013/2014 Programma dell insegnamento: _IGIENE Docente Titolare del corso: Dr. Antonio Romaniello Corso di Laurea : _FARMACIA Obiettivi formativi generali (risultati di apprendimento previsti

Dettagli

Indice. PARTE I Igiene generale. Autore. Prefazione

Indice. PARTE I Igiene generale. Autore. Prefazione Indice I Autore Prefazione XI XIII PARTE I Igiene generale CAPITOLO 1 Medicina clinica, preventiva e predittiva 1 1.1 Concetto di salute 1 1.2 Determinanti della salute 3 1.2.1 Modelli concettuali 3 1.3

Dettagli

Curricolo Verticale di Igiene e Cultura Medico Sanitaria. Triennio IPSS G. Severini

Curricolo Verticale di Igiene e Cultura Medico Sanitaria. Triennio IPSS G. Severini Curricolo Verticale di Igiene e Cultura Medico Sanitaria Triennio IPSS G. Severini Igiene ed Anatomia Classe Terza COMPETENZE - competenze linguistiche - comprensione di testi - ricerca di informazioni

Dettagli

PROFILASSI delle MALATTIE INFETTIVE. MISURE di ISOLAMENTO. 13/06/2012 Dr. Ettore Paolantonio

PROFILASSI delle MALATTIE INFETTIVE. MISURE di ISOLAMENTO. 13/06/2012 Dr. Ettore Paolantonio PROFILASSI delle MALATTIE INFETTIVE MISURE di ISOLAMENTO 13/06/2012 Dr. Ettore Paolantonio 1 PROFILASSI MALATTIE INFETTIVE La Profilassi mira ad impedire l insorgenza e la diffusione delle malattie infettive

Dettagli

Corso Integrato Salute e Attività Motoria Anno Accademico 2012/13 Pool domande prova scritta

Corso Integrato Salute e Attività Motoria Anno Accademico 2012/13 Pool domande prova scritta Corso Integrato Salute e Attività Motoria Anno Accademico 2012/13 Pool domande prova scritta Di seguito, l elenco delle domande tra cui saranno sorteggiate le 14 domande presenti in ciascuna prova scritta.

Dettagli

Indice. Presentazione dell opera 1. Capitolo 1 Definizione, caratteristiche e contenuti dell Igiene (Cesare Meloni) 3

Indice. Presentazione dell opera 1. Capitolo 1 Definizione, caratteristiche e contenuti dell Igiene (Cesare Meloni) 3 Indice Presentazione dell opera 1 Capitolo 1 Definizione, caratteristiche e contenuti dell Igiene (Cesare Meloni) 3 Capitolo 2 Salute, rischio e malattia (contenuti e stadi di passaggio) (Cesare Meloni)

Dettagli

sanità Avvertenze Azienda Sanitaria Locale (A.S.L.) interruzioni volontarie di gravidanza malattie infettive

sanità Avvertenze Azienda Sanitaria Locale (A.S.L.) interruzioni volontarie di gravidanza malattie infettive capitolo 3 sanità Avvertenze Le informazioni statistiche contenute nel presente capitolo provengono dall Agenzia di Sanità Pubblica della Regione Lazio e riguardano dati rilevati presso le strutture sanitarie

Dettagli

Scienze Motorie Corso di Igiene ed Educazione Sanitaria. Le vaccinazioni

Scienze Motorie Corso di Igiene ed Educazione Sanitaria. Le vaccinazioni Scienze Motorie Corso di Igiene ed Educazione Sanitaria Le vaccinazioni Università degli Studi di Pavia Dipartimento di Sanità Pubblica e Neuroscienze Sezione Igiene LE VACCINAZIONI 1 Introduzione ARTICOLAZIONE

Dettagli

LE MALATTIE INFETTIVE

LE MALATTIE INFETTIVE LE MALATTIE In base alla loro eziologia (cioè alle loro cause) le malattie possono essere distinte in e NON. Le malattie infettive sono causate da microrganismi, specialmente batteri e virus. Le malattie

Dettagli

Igiene Medicina Preventiva Sanità Pubblica. Salvatore Barbuti Gaetano M. Fara Giuseppe Giammanco

Igiene Medicina Preventiva Sanità Pubblica. Salvatore Barbuti Gaetano M. Fara Giuseppe Giammanco Igiene Medicina Preventiva Sanità Pubblica Salvatore Barbuti Gaetano M. Fara Giuseppe Giammanco Salvatore Barbuti, Gaetano M. Fara, Giuseppe Giammanco Igiene Medicina Preventiva Sanità Pubblica Copyright

Dettagli

MATERIA: ALIMENTI ED ALIMENTAZIONE. Classe: 5 ENOGASTRONOMIA, SALA E VENDITA

MATERIA: ALIMENTI ED ALIMENTAZIONE. Classe: 5 ENOGASTRONOMIA, SALA E VENDITA MATERIA: ALIMENTI ED ALIMENTAZIONE Classe: 5 ENOGASTRONOMIA, SALA E VENDITA 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA Il quinto anno si caratterizza per essere il segmento del percorso formativo in cui si compie quell'affinamento

Dettagli

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 132 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

La risposta al bisogno e alla domanda di salute

La risposta al bisogno e alla domanda di salute La risposta al bisogno e alla domanda di salute Giuliano Angotzi Direttore Dipartimento di Prevenzione Azienda U.S.L. Viareggio Conferenza dei servizi 30/3/2005 traumatismi ed avvelenamenti 6% Principali

Dettagli

Alimenti e alimentazione

Alimenti e alimentazione Tracce per la seconda prova d esame di Alimenti e alimentazione Prof. Amedeo Serra Indirizzo: Tecnico dei servizi della ristorazione Tema di: Alimenti e alimentazione Durata massima della prova: 6 ore

Dettagli

Tossinfezioni alimentari e HACCP

Tossinfezioni alimentari e HACCP Tossinfezioni alimentari e HACCP INTOSSICAZIONI ALIMENTARI Cosa sono? Le intossicazioni alimentari sono manifestazioni patologiche che si determinano in seguito al consumo di alimenti contenenti tossine

Dettagli

Malattie infettive microrganismi patogeni trasmissibilità orizzontale o contagiosità

Malattie infettive microrganismi patogeni trasmissibilità orizzontale o contagiosità Le malattie infettive - definizione - rapporto tra microrganismi e uomo - modalità di trasmissione delle infezioni - le basi della prevenzione - il ruolo dell ambiente domestico Malattie infettive: forme

Dettagli

Le vaccinazioni Lezio i ni i d i i i g i ie i ne e d e ducazio i ne s anit i a t ri r a i Anno a ccademi m c i o: : 2 008-20 2 0 0 9 0

Le vaccinazioni Lezio i ni i d i i i g i ie i ne e d e ducazio i ne s anit i a t ri r a i Anno a ccademi m c i o: : 2 008-20 2 0 0 9 0 Le vaccinazioni Lezioni di igiene ed educazione sanitaria Anno accademico: 2008-20092009 Le vaccinazioni Costituiscono un intervento per il controllo e la prevenzione delle malattie infettive Cos è un

Dettagli

SORVEGLIANZA DELLE MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2011 -

SORVEGLIANZA DELLE MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2011 - SORVEGLIANZA DELLE MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2011 - Malattie infettive nell ASL di Brescia anno 2011- Pag. 1 MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2011 - I dati estratti dal

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 7 novembre 2001, n.465 Regolamento che stabilisce le condizioni nelle quali è obbligatoria la vaccinazione antitubercolare, a norma dell'articolo 93, comma 2, della

Dettagli

Prevenzione generale delle malattie infettive

Prevenzione generale delle malattie infettive Prevenzione generale delle malattie infettive la sorveglianza epidemiologica l indagine epidemiologica isolamento e contumacia disinfezione e sterilizzazione Sorveglianza epidemiologica: definizione La

Dettagli

IGIENE E MEDICINA PREVENTIVA (6 CFU)

IGIENE E MEDICINA PREVENTIVA (6 CFU) Università degli Studi di Torino CdL in SCIENZE MOTORIE 2 anno I semestre aa 2013 14 IGIENE E MEDICINA PREVENTIVA (6 CFU) canali LA e LB Elisabetta Carraro Professore Associato di Igiene Dipartimento di

Dettagli

RISCHIO BIOLOGICO. Titolo X D. Lgs. 81/08 D.M. 28/9/90. Tecnico della prevenzione dr Claudio MARESCA

RISCHIO BIOLOGICO. Titolo X D. Lgs. 81/08 D.M. 28/9/90. Tecnico della prevenzione dr Claudio MARESCA Titolo X D. Lgs. 81/08 D.M. 28/9/90. Tecnico della prevenzione dr Claudio MARESCA Definizione Il rischio biologico è legato alla possibilità che ha l agente biologico di penetrare nell organismo e di provocare

Dettagli

Sanità Pubblica. origine greca, che letteralmente significa «discorso riguardo alla popolazione»:

Sanità Pubblica. origine greca, che letteralmente significa «discorso riguardo alla popolazione»: Sanità Pubblica Definizione: Dal punto di vista etimologico, Epidemiologia è una parola composita (epi-demio-logia) di origine greca, che letteralmente significa «discorso riguardo alla popolazione»: Lo

Dettagli

La catena Epidemiologica

La catena Epidemiologica La catena Epidemiologica STORIA NATURALE DELLE MALATTIE esposizione al/ai fattori di rischio insorgenza della malattia esito guarigione cronicizzazione decesso Principali differenze tra malattie infettive

Dettagli

IGIENE. disciplina che studia i mezzi e definisce le norme atte a conservare la salute fisica e mentale dell individuo e della collettività

IGIENE. disciplina che studia i mezzi e definisce le norme atte a conservare la salute fisica e mentale dell individuo e della collettività IGIENE branca della medicina che ha lo scopo di promuovere e mantenere lo stato di salute della popolazione disciplina che studia i mezzi e definisce le norme atte a conservare la salute fisica e mentale

Dettagli

Strategie vaccinali contro il tumore della cervice uterina alla luce del Piano Vaccini Regionale: Metodi, risultati e prospettive nell'asl di Brescia

Strategie vaccinali contro il tumore della cervice uterina alla luce del Piano Vaccini Regionale: Metodi, risultati e prospettive nell'asl di Brescia Strategie vaccinali contro il tumore della cervice uterina alla luce del Piano Vaccini Regionale: Metodi, risultati e prospettive nell'asl di Brescia Dr. Mino Baitelli Dirigente Medico Responsabile della

Dettagli

I.I.S. A. VOLTA FROSINONE. Seconda prova scritta - Simulazione CHIMICA, MATERIALI E BIOTECNOLOGIE

I.I.S. A. VOLTA FROSINONE. Seconda prova scritta - Simulazione CHIMICA, MATERIALI E BIOTECNOLOGIE Progetto Formazione personale docente per gli Esami di Stato (Interventi formativi di cui al D.M. n. 23/2013 e al D.M. n. 351/2014 USR Lazio) A.S. 2014/2015 Seconda prova scritta - Simulazione Codice e

Dettagli

Prevenzione Primaria

Prevenzione Primaria Prevenzione Primaria MALATTIE INFETTIVE Vaccinazioni Disinfezione Sterilizzazione Notifica e accertamento dei casi Controlli alimenti HACCP Controlli acque potabili MALATTIE CRONICO- DEGENERATIVE Educazione

Dettagli

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE

REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione PIANO REGIONALE DELLA PREVENZIONE 2005-2007 REGIONE LIGURIA Dipartimento Salute e Servizi Sociali Servizio Prevenzione PIANO REGIONALE

Dettagli

Pediatria ieri e oggi

Pediatria ieri e oggi LIONS CLUB PEGLI 9 febbraio 2012 Pediatria ieri e oggi Relatore Lion Prof. Ezio Gandullia Da Pediatria numero 3 - maggio 2011 Storia della Pediatria (Docente Dott.ssa Maria Giuseppina Gregorio) Mortalità

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA All. A al bando di ammissione pubblicato in data 31/07/2012 Art. 1 Tipologia L Università degli Studi di Pavia attiva, per l a.a. 2012/2013, presso la Facoltà di Scienze MMFFN, Dipartimento di Biologia

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Servizio Qualità della Didattica e Servizi agli Studenti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA Servizio Qualità della Didattica e Servizi agli Studenti All. A al bando di ammissione pubblicato in data 15/09/2014 Art. 1 Tipologia: Master universitario di II livello in Nutrizione Umana L Università degli Studi di Pavia attiva per l a.a. 2014/2015 il master

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Giornate di Orientamento Unica Open Day 2009

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI. Giornate di Orientamento Unica Open Day 2009 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI Giornate di Orientamento Unica Open Day 009 Test di accesso/verifica della preparazione iniziale Facoltà di ECONOMIA L Era Moderna che viviamo attualmente da un centinaio

Dettagli

Epidemiologia delle malattie infettive

Epidemiologia delle malattie infettive Epidemiologia delle malattie infettive Dott.ssa Pamela Di Giovanni Malattie infettive Con il termine di malattia infettiva si intendono tutte quelle affezioni patologiche provocate da organismi viventi

Dettagli

CAPITOLO 1. 1. Cenni storici... 1 2. La medicina del lavoro attuale... 2 3. L igiene del lavoro... 4 CAPITOLO 2

CAPITOLO 1. 1. Cenni storici... 1 2. La medicina del lavoro attuale... 2 3. L igiene del lavoro... 4 CAPITOLO 2 CAPITOLO 1 LA MEDICINA E L IGIENE DEL LAVORO Sommario 1. Cenni storici... 1 2. La medicina del lavoro attuale... 2 3. L igiene del lavoro... 4 CAPITOLO 2 FIGURE E COMPITI DELLA MEDICINA DEL LAVORO Il medico

Dettagli

PROGRAMMI DEL CORSO DI STUDIO IN "EDUCATORE PROFESSIONALE NEL CAMPO DEL DISAGIO MINORILE DELLA DEVIANZA E DELLA MARGINALITA'" - SEDE DI TARANTO

PROGRAMMI DEL CORSO DI STUDIO IN EDUCATORE PROFESSIONALE NEL CAMPO DEL DISAGIO MINORILE DELLA DEVIANZA E DELLA MARGINALITA' - SEDE DI TARANTO PROGRAMMI DEL CORSO DI STUDIO IN "EDUCATORE PROFESSIONALE NEL CAMPO DEL DISAGIO MINORILE DELLA DEVIANZA E DELLA MARGINALITA'" - SEDE DI TARANTO DIRITTO PENITENZIARIO Prof. Rana IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

Dettagli

INQUINAMENTO ATMOSFERICO E MALATTIE RESPIRATORIE. N. Marcobruni U.O. Pneumologia, Spedali Civili di Brescia 24 Novembre 2007

INQUINAMENTO ATMOSFERICO E MALATTIE RESPIRATORIE. N. Marcobruni U.O. Pneumologia, Spedali Civili di Brescia 24 Novembre 2007 INQUINAMENTO ATMOSFERICO E MALATTIE RESPIRATORIE N. Marcobruni U.O. Pneumologia, Spedali Civili di Brescia 24 Novembre 2007 PRINCIPALI FONTI DI INQUINAMENTO traffico veicolare sistemi di produzione di

Dettagli

Domande frequenti sulle vaccinazioni in generale

Domande frequenti sulle vaccinazioni in generale Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Versione: 09.10.2013 Domande frequenti sulle vaccinazioni in generale 1. Cos è il sistema immunitario?

Dettagli

LA SALUTE. 7 aprile 1948: nasce l Organizzazione Mondiale della Sanità, allo scopo di portare tutti i popoli al più alto livello possibile di salute

LA SALUTE. 7 aprile 1948: nasce l Organizzazione Mondiale della Sanità, allo scopo di portare tutti i popoli al più alto livello possibile di salute LA SALUTE 7 aprile 1948: nasce l Organizzazione Mondiale della Sanità, allo scopo di portare tutti i popoli al più alto livello possibile di salute La salute è uno stato di completo benessere fisico, mentale

Dettagli

Morbilità della donna in età avanzata: dipende dallo stile di vita? Dott Francesco Oliverio

Morbilità della donna in età avanzata: dipende dallo stile di vita? Dott Francesco Oliverio Morbilità della donna in età avanzata: dipende dallo stile di vita? Dott Francesco Oliverio La salute è uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale e non semplicemente l assenza di malattia

Dettagli

Inquinamento Atmosferico e Salute Umana. Dott.ssa Meri Scaringi Dott. Paolo Lauriola ARPAE Centro Tematico Ambiente e Salute

Inquinamento Atmosferico e Salute Umana. Dott.ssa Meri Scaringi Dott. Paolo Lauriola ARPAE Centro Tematico Ambiente e Salute Inquinamento Atmosferico e Salute Umana Dott.ssa Meri Scaringi Dott. Paolo Lauriola ARPAE Centro Tematico Ambiente e Salute Cosa intendiamo per ambiente? Definizione restrittiva: AMBIENTE = ARIA + ACQUA

Dettagli

Prefazione...7 Introduzione...9 Ringraziamenti...13 Principali fonti bibliografiche...15. Sezione I NOZIONI GENERALI DI VACCINOPROFILASSI

Prefazione...7 Introduzione...9 Ringraziamenti...13 Principali fonti bibliografiche...15. Sezione I NOZIONI GENERALI DI VACCINOPROFILASSI Prefazione...7 Introduzione...9 Ringraziamenti...13 Principali fonti bibliografiche...15 Sezione I NOZIONI GENERALI DI VACCINOPROFILASSI Capitolo 1 - CONCETTI GENERALI DI IMMUNOPROFILASSI...23 1 - Sieri

Dettagli

Corso di educazione alimentare e psicologia del comportamento alimentare

Corso di educazione alimentare e psicologia del comportamento alimentare Corso di educazione alimentare e psicologia del comportamento alimentare (ha ottenuto il patrocinio del Comune di Anguillara Sabazia per l alto valore formativo) Direttore del Corso: Dott.ssa Emanuela

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE Anno Scolastico: 2014-2015 Dipartimento (1) : SCIENZE - Igiene/Anatomia Coordinatore (1) : Giovanni Miragliotta Classe: IV Indirizzo: Tecnico dei Servizi socio-sanitari

Dettagli

DALLA PRODUZIONE AL CONSUMO

DALLA PRODUZIONE AL CONSUMO 1 IGIENE DEGLI ALIMENTI E DELL ALIMENTAZIONE: DALLA PRODUZIONE AL CONSUMO Il ruolo dell Università ità Prof.ssa Maria Triassi Dipartimento di Igiene e Medicina Preventiva Università degli Studi di Napoli

Dettagli

Abitudini di vita. Tumori delle vie respiratorie (fumo) Cancro della cervice uterina (età del primo rapporto, numero di partners/ Papillomavirus-HPV-)

Abitudini di vita. Tumori delle vie respiratorie (fumo) Cancro della cervice uterina (età del primo rapporto, numero di partners/ Papillomavirus-HPV-) Abitudini di vita Tumori delle vie respiratorie (fumo) Cancro della cervice uterina (età del primo rapporto, numero di partners/ Papillomavirus-HPV-) Alterazioni preneoplasiche acquisite Iperplasia

Dettagli

Medico competente e vaccinazioni per i lavoratori

Medico competente e vaccinazioni per i lavoratori Incontriamo i Medici competenti Medico competente e vaccinazioni per i lavoratori Intervento a cura di: Marino Faccini Milano 28 maggio 2014 Le vaccinazioni hanno sempre un impatto di Sanità Pubblica Contesto

Dettagli

APPENDICE: GLI INDICATORI SANITARI

APPENDICE: GLI INDICATORI SANITARI APPENDICE: GLI INDICATORI SANITARI INDICATORE A 1 Metodo di calcolo Valore e descrizione Mortalità per tutte le cause Tasso annuo di mortalità: tutte le cause di morte per ciascun gruppo di età (Numero

Dettagli

VACCINI PER L'ADULTO- ANZIANO. Carlo Calzetti U.O. Malattie Infettive ed Epatologia Azienda Ospedaliero-Universitaria Parma

VACCINI PER L'ADULTO- ANZIANO. Carlo Calzetti U.O. Malattie Infettive ed Epatologia Azienda Ospedaliero-Universitaria Parma VACCINI PER L'ADULTO- ANZIANO Carlo Calzetti U.O. Malattie Infettive ed Epatologia Azienda Ospedaliero-Universitaria Parma TETANO - Anatossina - Tempi 0, 1, 6 mesi - Richiami ogni 10 anni dopo almeno

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 -

MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 - MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 - Malattie infettive nell ASL di Brescia anno 2012- Pag. 1 MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 - Il controllo reale della diffusione delle

Dettagli

Malattie da Pneumococco

Malattie da Pneumococco 1 Malattie da Pneumococco La Circolare Ministeriale relativa alla vaccinazione Antipneumococcica si riporta come aggiornamento ritenendo corretto spendere qualche parola in più vista la novità legislativa

Dettagli

IL PROGETTO EUROPEO MAPEC_LIFE

IL PROGETTO EUROPEO MAPEC_LIFE IL PROGETTO EUROPEO MAPEC_LIFE Monitoraggio degli effetti dell inquinamento atmosferico sui bambini a supporto delle politiche di sanità pubblica Monitoring Air Pollution Effects on Children for supporting

Dettagli

INQUINAMENTO INDOOR IN AMBIENTI DI LAVORO E IN AMBITO DOMESTICO

INQUINAMENTO INDOOR IN AMBIENTI DI LAVORO E IN AMBITO DOMESTICO INQUINAMENTO INDOOR IN AMBIENTI DI LAVORO E IN AMBITO DOMESTICO 1 Legislazione di riferimento D.Lgs 277/91 D.Lgs 66/00 D.Lgs. 25/02 UNI EN 689/97 TLV - Threshold Limit Values della American Conference

Dettagli

RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI

RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI definizione Rischio da agenti biologici Si sviluppa in seguito all esposizione a microorganismi: BATTERI VIRUS PARASSITI .Le malattie infettive Il rapporto che l agente infettivo

Dettagli

Consumo di acqua. Uomo città 450 800 litri/giorno Industria. Carta 185 m 3 /TONN Cereali 450 m 3 /TONN Carne bovina 31.

Consumo di acqua. Uomo città 450 800 litri/giorno Industria. Carta 185 m 3 /TONN Cereali 450 m 3 /TONN Carne bovina 31. Acque Consumo di acqua Uomo città 450 800 litri/giorno Industria Carta 185 m 3 /TONN Cereali 450 m 3 /TONN Carne bovina 31.500 m 3 /TONN Civili 5% Industria 20% Agricoltura 70% Quantità di acqua (%) nell

Dettagli

Presentazione, Francesco Totti Prefazione alla seconda edizione Prefazione alla prima edizione

Presentazione, Francesco Totti Prefazione alla seconda edizione Prefazione alla prima edizione Indice VII Presentazione, Francesco Totti Prefazione alla seconda edizione Prefazione alla prima edizione XIII XV XVII parte prima Alimentazione, benessere e salute 1. Le regole fondamentali 3 Perché bisogna

Dettagli

FONTI DEI DATI IN EPIDEMIOLOGIA

FONTI DEI DATI IN EPIDEMIOLOGIA FONTI DEI DATI IN EPIDEMIOLOGIA Nazionali (ISTAT: sociodemografici, mortalità) Locali (Regioni, Asl, altro: ricoveri, farmaci, esenzione ticket, anagrafe, registri di patologia) Informatizzazione e possibilità

Dettagli

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici Prof. Carlo Carrisi Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti: servono a nutrire l organismo, derivano dalla digestione, vengono

Dettagli

ECOLOGICI INTERVENTI VOLTI A NEUTRALIZZARE L AMBIENTE INTERVENTI VOLTI A NEUTRALIZZARE LA FONTE IMMUNOPROFILASSI. primaria CHEMIOPROFILASSI

ECOLOGICI INTERVENTI VOLTI A NEUTRALIZZARE L AMBIENTE INTERVENTI VOLTI A NEUTRALIZZARE LA FONTE IMMUNOPROFILASSI. primaria CHEMIOPROFILASSI ECOLOGICI ambiente INDIRETTA (mediata) Educazione sanitaria DELLA PERSONA Informazione sanitaria Formazione sanitaria DIRETTA (immediata) disinfezione sterilizzazione GENERICA INTERVENTI VOLTI A NEUTRALIZZARE

Dettagli

New England Journal of Medicine Nature Medicine, Team di Stanley Hazen della Cleveland Clinic,

New England Journal of Medicine Nature Medicine, Team di Stanley Hazen della Cleveland Clinic, LA FLORA INTESTINALE POTREBBE ESSERE RESPONSABILE DI INFARTI E ICTUS DOVUTI alla produzione di un 'veleno' per le arterie, la molecola Tmao, (ossido di Trimetilammina) che viene prodotta da batteri presenti

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 52/28 DEL 23.12.2014

DELIBERAZIONE N. 52/28 DEL 23.12.2014 Oggetto: Piano regionale vaccinazioni. Assegnazione alle Aziende Sanitarie regionali delle risorse disponibili nel Bilancio Regionale 2014 ( 800.000 - UPB S05.01.001 capitolo SC 05.0023). L Assessore dell

Dettagli

Igiene nelle Scienze motorie

Igiene nelle Scienze motorie Igiene nelle Scienze motorie Cause di malattia e fattori di rischio per la salute Misurare l incidenza di malattia equivale a valutare la probabilità (ossia il rischio) di avere nuovi casi di malattia

Dettagli

VALUTAZIONE DEI RISCHI E TUTELA DELLE LAVORATRICI MADRI

VALUTAZIONE DEI RISCHI E TUTELA DELLE LAVORATRICI MADRI VALUTAZIONE DEI RISCHI E TUTELA DELLE LAVORATRICI MADRI AI SENSI DEL DLGS 151/2001 E DLGS 81/2008 ISTITUTO COMPRENSIVO PIERACCINI FIRENZE- SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE D ISTITUTO PREMESSA La gravidanza

Dettagli

Malattie da virus a trasmissione parenterale

Malattie da virus a trasmissione parenterale Malattie da virus a trasmissione parenterale Epatite B Eziologia Il virus dell epatite B appartiene alla famiglia Hepadnaviridae, genere Orthohepadnavirus. HBV è una particella sferica di 42 nm di diametro.

Dettagli

PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015

PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015 PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015 SEDE: Alberghiero INDIRIZZO: Enogastronomia e Servizi di sala e vendita DOCENTE: Prof. Fontanesi Elisa CLASSE: V Serale MATERIA DI INSEGNAMENTO: Scienza e Cultura

Dettagli

Il ruolo dei Servizi Territoriali nella

Il ruolo dei Servizi Territoriali nella Il ruolo dei Servizi Territoriali nella Promozione della Salute «la salute è uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale, non la semplice assenza di malattia» (OMS, 1948) La salute è definita

Dettagli

MALATTIE INFETTIVE I casi notificati

MALATTIE INFETTIVE I casi notificati I casi notificati di malattia infettiva sono in diminuzione. Sono in costante decremento nella popolazione generale i casi di tubercolosi; gli aumenti sono confinati a gruppi ad alto rischio; occorre consolidare,

Dettagli

Vaccino MPR + V e vaccino tetravalente MPRV (morbillo, parotite, rosolia e varicella)

Vaccino MPR + V e vaccino tetravalente MPRV (morbillo, parotite, rosolia e varicella) Razionale d uso Vaccino DTPa e vaccino dtpa Per mantenere l efficacia della vaccinazione DTPa, la cui quarta dose è stata eseguita a 5-6 anni, insieme alla quarta dose di vaccino antipolio inattivato (IPV),

Dettagli

LA MENINGITE Sintomi e diagnosi

LA MENINGITE Sintomi e diagnosi LA MENINGITE La meningite è una infiammazione delle membrane che avvolgono il cervello e il midollo spinale (le meningi). La malattia generalmente è di origine infettiva e può essere virale o batterica.

Dettagli

Piano nazionale della prevenzione 2005-2007. Progetti Ccm e altre interazioni sinergiche con il Pnp

Piano nazionale della prevenzione 2005-2007. Progetti Ccm e altre interazioni sinergiche con il Pnp 3 Piano nazionale della prevenzione 2005-2007 Progetti Ccm e altre interazioni sinergiche con il Pnp 13 Progetti Ccm e altre interazioni sinergiche Con l avvio del Piano nazionale della prevenzione è emersa

Dettagli

Prof. Tarcisio Niglio LE VACCINAZIONI

Prof. Tarcisio Niglio LE VACCINAZIONI Prof. Tarcisio Niglio Anno Accademico 2012-2013 Corso Triennale in Scienze Infermieristiche III anno 2 semestre LE VACCINAZIONI Troverete copia gratis di queste diapositive nel sito internet: www.tarcisio.net

Dettagli

1. COME FUNZIONA LA VACCINAZIONE E PERCHÉ BISOGNA VACCINARSI?

1. COME FUNZIONA LA VACCINAZIONE E PERCHÉ BISOGNA VACCINARSI? In un qualsiasi anno prima dell'uso esteso dei vaccini in Italia si registravano circa 3.000 casi di poliomielite, circa 12.000 di difterite, circa 700 casi di tetano, circa 60.000 casi di morbillo e 30.000

Dettagli

Le vaccinazioni: La prevenzione come stile di vita

Le vaccinazioni: La prevenzione come stile di vita Le vaccinazioni: La prevenzione come stile di vita Italo Guido Ricagni MMG S.I.M.P.eS.V. (Soc. It. di Med.di Prevenzione e Stili di Vita) La prevenzione come stile di vita VACCINAZIONI IMPORTANTI ECONOMICHE

Dettagli

Aumento REALE di incidenza dei tumori

Aumento REALE di incidenza dei tumori Aumento REALE di incidenza dei tumori ANCHE SE: MAGGIORI POSSIBILITA DIAGNOSTICHE DIMINUZIONE MORTALITA PER MALATTIE INFETTIVE AUMENTO DELLA VITA MEDIA (MALATTIA NEOPLASTICA AUMENTA CON L ETA ) INCIDENZA

Dettagli

RISCHIO BIOLOGICO. SEMINARIO Sicurezza nei luoghi di lavoro Dott.ssa Loredana Di Natale

RISCHIO BIOLOGICO. SEMINARIO Sicurezza nei luoghi di lavoro Dott.ssa Loredana Di Natale RISCHIO BIOLOGICO SEMINARIO Sicurezza nei luoghi di lavoro Dott.ssa Loredana Di Natale RISCHIO BIOLOGICO SIGNIFICATO: Inizialmente il rischio Biologico era inteso come la possibilità di contrarre un infezione

Dettagli

CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA SCIENZE DELLA NUTRIZIONE UMANA Programma del Corso di Microbiologia Agroalimentare AA 2014-2015

CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA SCIENZE DELLA NUTRIZIONE UMANA Programma del Corso di Microbiologia Agroalimentare AA 2014-2015 CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA SCIENZE DELLA NUTRIZIONE UMANA Programma del Corso di Microbiologia Agroalimentare AA 2014-2015 (Prof. Paola Sinibaldi Vallebona, Dott.ssa Roberta Gaziano, Dott.ssa Elisabetta

Dettagli

Concetti base sulle comuni infezioni batteriche e virali

Concetti base sulle comuni infezioni batteriche e virali Concetti base sulle comuni infezioni batteriche e virali 1 Elementi dell infezione La comparsa della malattia mette in gioco le caratteristiche di tre diversi elementi Agente Ospite Ambiente numerosi organismi

Dettagli

Nota dell editore. Prefazione

Nota dell editore. Prefazione Autori Nota dell editore Prefazione XI XIII XV 1 Importanza dello studio della microbiologia 1 Cenni di epidemiologia 1 Le infezioni nosocomiali 5 I microrganismi e la microbiologia 7 Microrganismi endogeni

Dettagli

I rischi chimici e biologici in gravidanza

I rischi chimici e biologici in gravidanza www.adapt.it, 19 luglio 2011 I rischi chimici e biologici in gravidanza di Andrea Trevisan e Michele Mongillo Introduzione Il d.lgs. n. 151/2001 «Testo unico delle disposizioni legislative in materia di

Dettagli

Research & Development. che peso ha. l aria che respiri?

Research & Development. che peso ha. l aria che respiri? che peso ha l aria che respiri? periso ti libera dagli aggressori dell aria QUALITÀ DELL ARIA E IONIZZAZIONE La qualità della vita riveste sempre maggiore interesse nei settori pubblici e privati. Fornire

Dettagli

Piano Nazionale della Prevenzione 2008 Scheda sintetica di Progetto al 31.12.08

Piano Nazionale della Prevenzione 2008 Scheda sintetica di Progetto al 31.12.08 Piano Nazionale della Prevenzione 2008 Scheda sintetica di Progetto al 31.12.08 Regione Proponente: Regione Veneto Linea Progettuale: VACCINAZIONI - Mantenimento/implementazione del Sistema Vaccinale Referente:

Dettagli

QUALITA DELL ARIA INDOOR E RISCHIO BIOLOGICO NELLE. Federica Venanzetti, INAIL Direzione Generale CONVEGNO NAZIONALE SPES 27-28 ottobre 2011

QUALITA DELL ARIA INDOOR E RISCHIO BIOLOGICO NELLE. Federica Venanzetti, INAIL Direzione Generale CONVEGNO NAZIONALE SPES 27-28 ottobre 2011 QUALITA DELL ARIA INDOOR E RISCHIO BIOLOGICO NELLE STRUTTURE DI PRONTO SOCCORSO riduzione qualità prestazioni riduzione soddisfazione sovraffollamento POTENZIALE INCREMENTO TRASMISSIONE INFEZIONI riduzione

Dettagli

MALATTIE A VEICOLO IDRICO: EVIDENZE EPIDEMIOLOGICHE

MALATTIE A VEICOLO IDRICO: EVIDENZE EPIDEMIOLOGICHE ACQUE DESTINATE AL CONSUMO UMANO:RISCHI MICROBIOLOGICI E MALATTIE A VEICOLO IDRICO: EVIDENZE EPIDEMIOLOGICHE PROF. G. Sansebastiano Dr.ssa R. Zoni Dr.ssa L. Bigliardi UNIVERSITA DI PARMA microrganismi

Dettagli

Malattie cronico degenerative: un tema centrale nella prevenzione

Malattie cronico degenerative: un tema centrale nella prevenzione Malattie cronico degenerative: un tema centrale nella prevenzione Paolo Conci Direzione Area Territorio Comprensorio sanitario di Bolzano Azienda sanitaria dell Alto Adige Epidemiologia delle malattie

Dettagli

MATERIA: SCIENZA E CULTURA DELL ALIMENTAZIONE, ANALISI E CONTROLLI MICROBIOLOGICI DEI PRODOTTI ALIMENTARI

MATERIA: SCIENZA E CULTURA DELL ALIMENTAZIONE, ANALISI E CONTROLLI MICROBIOLOGICI DEI PRODOTTI ALIMENTARI MATERIA: SCIENZA E CULTURA DELL ALIMENTAZIONE, ANALISI E CONTROLLI MICROBIOLOGICI DEI PRODOTTI ALIMENTARI CLASSE: QUINTA ARTICOLAZIONE ENOGASTRONOMIA OPZIONE PRODOTTI DOLCIARI ARTIGIANALI E INDUSTRIALI

Dettagli

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE In un qualsiasi anno prima dell'uso esteso dei vaccini in Italia si registravano circa 3.000 casi di poliomielite, circa 12.000 di difterite, circa 700 casi

Dettagli

6. SINTESI ANALISI EPIDEMIOLOGICA DELLA PROVINCIA DI BERGAMO

6. SINTESI ANALISI EPIDEMIOLOGICA DELLA PROVINCIA DI BERGAMO 6. SINTESI ANALISI EPIDEMIOLOGICA DELLA PROVINCIA DI BERGAMO Gli indicatori di tipo sanitario utilizzati sono stati tratti dagli archivi organizzati e istituzionalizzati, quali i Registi di mortalità e

Dettagli

Sviluppo di un tumore

Sviluppo di un tumore TUMORI I tumori Si tratta di diversi tipi di malattie, che hanno cause diverse e che colpiscono organi e tessuti differenti Caratteristica di tutti i tumori è la proliferazione incontrollata di cellule

Dettagli

Epidemiologia delle malattie infettive

Epidemiologia delle malattie infettive Relazione Sanitaria 2000 Rapporto n. 6 Epidemiologia delle malattie infettive Riassunto Le misure di frequenza delle malattie infettive risentono in maniera importante del fenomeno della sottonotifica.

Dettagli

Il ruolo dell igiene pubblica nella tutela dell aria

Il ruolo dell igiene pubblica nella tutela dell aria DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE E SANITA PUBBLICA Il ruolo dell igiene pubblica nella tutela dell aria Dott. Stefano Marzani Dott. Francesco Lisena Dott.ssa Michela Barni Aula Angelo Celli

Dettagli

PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015

PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015 PIANO DI LAVORO INIZIALE A.S. 2014-2015 SEDE: Alberghiero INDIRIZZO: Enogastronomia e Servizi di sala e vendita DOCENTE: Prof. Spreafico Lucia CLASSE: V B MATERIA DI INSEGNAMENTO: Scienza e Cultura dell

Dettagli

CAPITOLO 5 LA MORTALITA EVITABILE

CAPITOLO 5 LA MORTALITA EVITABILE CAPITOLO 5 LA MORTALITA EVITABILE CAP 5 LA MORTALITA EVITABILE 5.1 LA MORTALITA EVITABILE PER TIPOLOGIA D INTERVENTO In accordo con quanto indicato dalla letteratura internazionale più recente e accreditata,

Dettagli

Salute Infanzia e Adolescenza

Salute Infanzia e Adolescenza Salute Infanzia e Adolescenza Modena 11 ottobre 2005 Migliorare il contesto ambientale, sociale e di cura Paola Pace Pediatra di Libera Scelta in Associazione LA SALUTE È non solo assenza di malattia,

Dettagli

Igiene degli alimenti

Igiene degli alimenti Igiene degli alimenti L'igiene degli alimenti si prefigge la conservazione delle caratteristiche intrinseche di un alimento e di assicurarne l innocuità ALIMENTI DI ORIGINE ANIMALE IL LATTE Glucidi; Acqua;

Dettagli

Longevità della donna in un mondo che invecchia: clinica, etica e società Bollate 24 maggio 2008

Longevità della donna in un mondo che invecchia: clinica, etica e società Bollate 24 maggio 2008 Longevità della donna in un mondo che invecchia: clinica, etica e società Bollate 24 maggio 2008 Ornella Gottardi - U.O. Oncologia I.R.C.C.S. Multimedica Sesto S. Giovanni Epidemiologia dei tumori Disciplina

Dettagli

I Livelli Essenziali di Assistenza per la Prevenzione e la Sanità Pubblica. Renato Pizzuti SANIT Roma, 25 giugno 2008

I Livelli Essenziali di Assistenza per la Prevenzione e la Sanità Pubblica. Renato Pizzuti SANIT Roma, 25 giugno 2008 I Livelli Essenziali di Assistenza per la Prevenzione e la Sanità Pubblica Renato Pizzuti SANIT Roma, 25 giugno 2008 1 Questa presentazione Informazioni sui LEA Processo di revisione Risultati Punti di

Dettagli

Prevenzione delle malattie da infezione

Prevenzione delle malattie da infezione Prevenzione delle malattie da infezione Obiettivi della prevenzione allungare la vita; ridurre l'invalidità (disabilità) 3 livelli di prevenzione Primaria: pre-malattia; adozione di specifiche protezioni,

Dettagli