Indice. Presentazione dell opera 1. Capitolo 1 Definizione, caratteristiche e contenuti dell Igiene (Cesare Meloni) 3

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indice. Presentazione dell opera 1. Capitolo 1 Definizione, caratteristiche e contenuti dell Igiene (Cesare Meloni) 3"

Transcript

1 Indice Presentazione dell opera 1 Capitolo 1 Definizione, caratteristiche e contenuti dell Igiene (Cesare Meloni) 3 Capitolo 2 Salute, rischio e malattia (contenuti e stadi di passaggio) (Cesare Meloni) La salute Rischio e relazione causale Dal rischio alla malattia Storia naturale delle malattie 15 Capitolo 3 Epidemiologia (Cesare Meloni) Definizione, caratteristiche e finalità dell Epidemiologia Definizione Caratteristiche e finalità Metodologia epidemiologica Premessa Metodi di studio in Epidemiologia Fase descrittiva (Epidemiologia descrittiva) Fonti dei dati utilizzabili negli studi descrittivi 21 a - Classificazione delle fonti di dati epidemiologici correnti 21 b - Sintetica descrizione esemplificativa di alcune fonti di dati epidemiologici correnti Parametri di elaborazione e misurazione dei dati epidemiologici correnti Indicatori delle condizioni socio-sanitarie della popolazione 27 a - Indicatori a tendenza positiva 28 b - Indicatori a tendenza negativa Considerazioni conclusive inerenti l Epidemiologia descrittiva Fase investigativa Rischio e relazione causale in sanità 43 a - Definizione del rischio e sue tipologie 43 b - Tipi di indagini attinenti l Epidemiologia investigativa 44 c - Considerazioni conclusive inerenti l Epidemiologia analitica o investigativa Fase epidemiologica sperimentale Obiettivi e campi di applicazione Problemi metodologici Vantaggi e svantaggi degli studi epidemiologici sperimentali Sintetiche considerazioni conclusive 57

2 VI IGIENE ISBN Capitolo 4 Dalla ricerca all attività applicativa (Cesare Meloni) 59 Capitolo 5 Promozione della salute Generalità (Cesare Meloni) Definizione Caratteristiche e contenuti Interventi possibili Necessità di ricerca Sintetica descrizione dei principali interventi attinenti la promozione della salute Interventi atti ad indurre positive condizioni di benessere Alimentazione salubre: le linee guida per una sana alimentazione (Giovanna Turconi) 66 a - Fabbisogno energetico 67 a.1 - Fabbisogno energetico e sue componenti 68 a.2 - Metabolismo basale (MB) 68 a.3 - Termogenesi indotta dalla dieta o termogenesi alimentare (TID) 70 a.4 - Calcolo del fabbisogno energetico giornaliero 70 a.5 - Modificazioni del fabbisogno energetico con l età 71 b - Le regole di comportamento per un alimentazione salubre 71 b.1 - Controlla il peso e mantieniti sempre attivo 72 b.2 - Più cereali, legumi, ortaggi e frutta 72 b.3 - Grassi: scegli la qualità e limita la quantità 73 b.4 - Zuccheri, dolci, bevande zuccherate: nei giusti limiti 73 b.5 - Bevi ogni giorno acqua in abbondanza 74 b.6 - Il sale? Meglio poco 75 b.7 - Bevande alcoliche: se sì, solo in quantità controllata 75 b.8 - Varia spesso le tue scelte a tavola 76 b.9 - Consigli speciali per persone speciali 76 b.10 - La sicurezza dei tuoi cibi dipende anche da te 79 b.11 - La piramide alimentare Adeguata attività fisica (Cesare Meloni) Equità nella disponibilità di risorse e nella possibilità d uso dei servizi essenziali (Cesare Meloni) Interventi atti a incrementare i poteri di difesa e/o di resistenza dell organismo L Educazione sanitaria (Marisa Arpesella) 88 a - Denominazione 88 b - Definizione ed evoluzione storica 89 c - Metodologia e campi di applicazione 91 d - Tipi di intervento educativo 93 e - Caratteristiche del messaggio educativo 94 f - Difficoltà e limiti dell intervento educativo 95 g - Necessità di programmazione e valutazione La protezione immunitaria (Alessandro Zanetti) 97 a - Vaccinazioni 99 a.1 - Generalità 99 a.2 - I diversi tipi di vaccini 99 a.3 - Vie e modalità di somministrazione 102 a.4 - Vaccini combinati e vaccinazioni associate 103 a.5 - Vaccini e adiuvanti 103 a.6 - Requisiti dei vaccini 104 a.7 - Reazioni indesiderate e reazioni avverse 105 a.8 - Vere e false controindicazioni 105 a.9 - Counselling e consenso informato 106 a.10 - Strategie di vaccinazione 107

3 ISBN INDICE VII a.11 - Vaccinazioni obbligatorie, obbligatorie selettive e vaccinazioni raccomandate 108 a.12 - Il calendario vaccinale dell infanzia e dell età evolutiva 109 a.13 - Le vaccinazioni raccomandate dell adulto 111 a.14 - Nuovi vaccini 113 b - Sieroprofilassi 113 b.1 - Sieri immuni 113 b.2 - Immunoglobuline umane 114 b.3 - IG per uso endovenoso (IVIG) 115 c - Siero-vaccinoprofilassi 115 d - Prevenzione farmacologica o chemioprofilassi Eliminazione o contenimento dello stress (Cesare Meloni) 116 a - Definizione e caratteristiche generali dello stress 116 b - Determinanti e moderatori dello stress 116 b1 - Il supporto sociale 117 b2 - L attaccamento 117 b3 - Il coping 117 b4 - La difesa 118 c - Effetti dello stress sulla salute 118 d - Lo stress come possibile fattore positivo 118 e - Considerazioni conclusive 119 Capitolo 6 Prevenzione delle malattie, disabilità, handicap (Cesare Meloni) Definizione e caratteristiche generali Attualità della prevenzione 122 a - Modificazioni della patologia 122 b - Mutamenti demografici e socioculturali in atto 123 c - Maggiori possibilità di realizzazione degli interventi preventivi 125 d - Atteggiamento della popolazione Contenuti generali della prevenzione Difficoltà e limiti della prevenzione Problemi emergenti 126 a - Dimensione spaziale 126 b - Dimensione temporale 126 c - Dimensione cognitiva Articolazione della prevenzione nelle sue diverse fasi o livelli di attività 127 Capitolo 7 La prevenzione primaria Primo livello di prevenzione primaria. Prevenzione e/o contenimento del rischio di danno (Cesare Meloni) Prevenzione e/o contenimento del rischio di danno genetico (Massimo Malcovati) Prevenzione e/o contenimento del rischio di danno derivante da fattori ambientali (Cesare Meloni) 137 a - Generalità 137 b - Metodologia generale di contenimento del rischio di danno ambientale Fattori attinenti l ambiente fisico 144 a - Aria atmosferica (Cesare Meloni) 144 a.1 - Definizione 144 a.2 - Importanza fisiologica dell aria 144 a.3 - Caratteristiche fisico-chimiche dell aria 145 a.4 - Effetti dell aria atmosferica sulla salute umana per variazione delle sue caratteristiche fisiche 151

4 VIII IGIENE ISBN a.5 - Effetti dell aria atmosferica sulla salute umana per alterazione delle sue caratteristiche chimiche 154 b - Acqua (Cesare Meloni) 175 b.1 - Caratteristiche generali 175 b.2 - Le acque destinate al consumo umano 176 b.3 - Acqua potabile 177 b.4 - Acque minerali naturali 206 b.5 - Acque di superficie 212 b.6 - Reflui liquidi 215 c - Suolo (Cesare Meloni) 231 c.1 - Rifiuti solidi 232 d - Le radiazioni ionizzanti (Elio Giroletti, Alberta Leonarda Vergine) 239 d.1 - Caratteristiche delle radiazioni 241 d.2 - Le sorgenti di radiazioni e il loro impiego 245 d.3 - Gli effetti delle radiazioni ionizzanti 252 d.4 - Il sistema di protezione radiologica 257 d.5 - Alcuni aspetti di radioprotezione Fattori attinenti l ambiente biologico 271 a - Il rischio infettivo 271 a.1 - Generalità 271 a.2 - Gli agenti infettanti e i loro rapporti di interazione con l organismo umano (Gabriele Pelissero, Gaetano Privitera) 272 a.3 - Nozioni generali di prevenzione del rischio infettivo (Gaetano Privitera, Angelo Baggiani) 287 b - Gli alimenti (Carla Roggi) 317 b.1 - Premessa 317 b.2 - Il rischio alimentare 317 b.3 - Potenziali fattori di danno connessi agli alimenti 318 b.4 - Conservazione degli alimenti 332 b.5 - Conservazione con l uso di additivi chimici (additivi internazionali) 339 b.6 - Mezzi biologici 341 b.7 - Modalità di acquisto degli alimenti 341 b.8 - Scadenza dei prodotti alimentari 342 b.9 - Frodi sanitarie 342 b.10 - Analisi del rischio 343 b.11 - Principi generali della legislazione alimentare - Autorità Europea per la sicurezza alimentare - Procedure nel campo della sicurezza alimentare Fattori attinenti l ambiente sociale 346 a - Le abitazioni e il contesto urbano (Paolo Orlando, Maria Luisa Cristina) 346 a.1 - L igiene degli ambienti confinati 347 a.2 - Aggregato urbano 380 b - La dinamica demografica (Cesare Meloni) Prevenzione e/o contenimento del rischio di danno connesso ai fattori comportamentali 395 a - Il comportamento personale e lo stile di vita (Cesare Meloni) 395 b - Uso di tabacco (Cesare Meloni) 398 c - Uso di alcol (Cesare Meloni) 404 d - Droghe illegali e controllate (Cesare Meloni) Secondo livello di prevenzione primaria (Cesare Meloni) 418 a - Evidenziazione degli stati o condizioni di rischio 418 b - Valutazione del grado di rischio esistente 418 c - Correzione del rischio 423

5 ISBN INDICE IX Capitolo 8 Nozioni di epidemiologia e prevenzione delle principali malattie umane Epidemiologia e prevenzione delle principali malattie infettive (Cesare Meloni, Gabriele Pelissero) Principi di epidemiologia e prevenzione delle malattie infettive a prevalente diffusione aerea 425 a - Influenza 428 b - Infezioni respiratorie acute virali 430 c - Morbillo 433 d - Rosolia 435 e - Malattie streptococciche 437 f - Scarlattina 437 g - Reumatismo articolare acuto 439 h - Difterite 440 i - Tubercolosi 442 j - Infezione meningococcica (meningite) Principi di epidemiologia e prevenzione delle malattie infettive a prevalente diffusione oro-fecale 447 a - Tifo addominale 450 b - Amebiasi 452 c - Epatite virale di tipo A 454 d - Poliomielite 455 e - Colera Principi di epidemiologia e prevenzione delle malattie infettive trasmesse per contatto diretto (trasmissione ematica e/o sessuale) 458 a - Sifilide 461 b - Gonorrea 463 c - AIDS (sindrome da immunodeficienza acquisita) 465 d - Epatite virale di tipo B 469 e - Infezioni da citomegalovirus Principi di epidemiologia e prevenzione delle malattie prevalentemente diffuse per mezzo di vettori 472 a - Malaria Altre malattie infettive 477 a - Brucellosi 477 b - Rabbia 478 c - Toxoplasmosi 481 d - Leptospirosi 485 e - Tetano Epidemiologia e prevenzione delle principali malattie cronico-degenerative (Maria Teresa Tenconi) 489 a - Cardiopatie ischemiche 489 a1 - Generalità 489 a2 - Epidemiologia 490 a3 - Fattori di rischio e/o causali 491 a4 - Prevenzione 497 b - Ischemie cerebrali 498 b1 - Generalità 498 b2 - Epidemiologia 498 b3 - Fattori di rischio 498 b4 - Prevenzione 498 c - Tumori maligni 498 c1 - Definizione ed eziopatogenesi 498 c2 - Epidemiologia dei tumori 502 c3 - Epidemiologia speciale di alcuni tumori di più frequente riscontro 514

6 X IGIENE ISBN c4 - Prevenzione dei tumori umani 526 d - Broncopneumopatie croniche ostruttive (BPCO) 531 d1 - Diffusione delle BPCO in Italia e nel mondo 531 d2 - Fattori di rischio 535 d3 - Prevenzione delle BPCO 539 e - Diabete mellito 541 e1 - Generalità e classificazione 541 e2 - Fattori di rischio 544 e3 - Prevenzione 545 Capitolo 9 Organizzazione sanitaria (Gabriele Pelissero) Modelli generali. Sviluppo e crisi Il sistema italiano. I precedenti L ospedale divisionale. La riforma degli anni Il sistema della sanità pubblica L istituzione del Servizio Sanitario Nazionale. La prima fase ( ) Universalità e solidarietà Articolazione istituzionale Centralità e monopolio Regionalizzazione e competizione Ospedale e territorio Pubblico e privato Criticità e limiti. Verso la riforma della riforma Le riforme della riforma. Profili normativi e modelli nazionali e regionali L aziendalizzazione Il pagamento a prestazione e il sistema DRG L organizzazione del territorio. Dipartimento di Prevenzione e Distretto L organizzazione ospedaliera. Il Dipartimento Un sistema in evoluzione 567 Capitolo 10 Programmazione, valutazione e management sanitario (Gabriele Pelissero) Politiche sanitarie e programmazione strategica Programmazione di sistema e programmazione operativa Programmazione di sistema tramite il governo dell offerta Programmazione di sistema costruito sul governo della domanda Modelli di programmazione di sistema Programmazione operativa Management e struttura di governo Metodi di governo Strumenti di governo: negoziazione, governo organizzativo, governo clinico, linee guida La negoziazione interna e il budget Governo organizzativo Governo clinico Linee guida, protocolli diagnostico-terapeutici e percorsi assistenziali La valutazione delle attività sanitarie Efficacia, efficienza, soddisfazione Percorsi di qualità. Accreditamento e certificazione di qualità 588 Capitolo 11 Economia sanitaria (Dario Velo, Francesco Velo) Economia e sanità: un rapporto in piena evoluzione L approccio macroeconomico Salute, società, economia, scienza Efficienza, efficacia, equità 596

7 ISBN INDICE XI 11.5 L economicità Il finanziamento della sanità nel quadro della finanza pubblica Le ragioni economiche per cui la sanità può essere considerata fuori mercato Le ragioni economiche per cui anche in sanità occorre tener conto delle regole del mercato La riforma del sistema sanitario italiano: da un ordine burocratico accentrato a un ordine aperto al decentramento e alla concorrenza Lo sviluppo della concorrenza nel sistema italiano La crisi del modo di produzione artigianale in sanità Le economie di scala, di apprendimento e di scopo La sanità come motore dello sviluppo 608 Capitolo 12 Medicina di Comunità Principi generali (Walter Ricciardi) Nascita, affermazione e declino del concetto di Medicina di Comunità Medicina di Comunità come Sanità Pubblica La Medicina di Comunità oggi Le metodologie della Medicina di Comunità 614 a - La valutazione dei bisogni di salute 614 b - Dai bisogni di salute alla domanda di assistenza socio-sanitaria: il ruolo dell Epidemiologia La valutazione degli interventi di comunità I principi teorici e pratici della Medicina di Comunità applicati al caso italiano: la struttura dell offerta di assistenza sanitaria Interventi di prevenzione comunitaria (Cesare Meloni) Attività di promozione e prevenzione nei periodi preconcezionale, gravidico e neonatale. Ruolo dei consultori familiari 629 a - Interventi di prevenzione nel periodo preconcezionale 629 b - Interventi di prevenzione nel periodo gravidico 632 c - Interventi di prevenzione nel periodo neonatale 634 d - Osservazioni e considerazioni conclusive La prevenzione nella prima infanzia e nell età evolutiva 640 a - Interventi di prevenzione nella prima infanzia 640 b - Interventi di promozione e prevenzione nell età evolutiva (o scolare) Prevenzione e controllo delle dipendenze: SERT o SERD 651 a - Istituzione 651 b - Consistenza dei servizi e della loro utenza 652 c - Necessità di cambiamento 654 d - Problemi emergenti Prevenzione secondaria della patologia degenerativa e neoplastica attuata tramite l esecuzione di screening di massa 655 a - Premessa 655 b - Gli screening o depistage di massa 657 Capitolo 13 Contenuti culturali e operativi specifici di alcuni settori didattici e professionali Igiene ospedaliera (Ida Mura, Antonio Azara) Cenni storici dell assistenza ospedaliera ed evoluzione strutturale edilizia Classificazione e organizzazione degli ospedali 665 a - L ospedale e le sue funzioni 665 b - Classificazione degli ospedali 667 c - Organizzazione interna degli ospedali 667 d - I dipartimenti ospedalieri Risk management 669

8 XII IGIENE ISBN a - l ambiente ospedaliero: la qualità dell aria in ospedale 672 b - Il microclima 673 c - Il rischio infettivo 674 d - Il rischio chimico 681 e - Il rischio fisico 684 f - Rifiuti ospedalieri L Azienda Ospedaliera: organizzazione e gestione 690 a - I sistemi informativi ospedalieri: indicatori statistici 691 b - La direzione sanitaria ospedaliera Qualità in ospedale 695 a - L accreditamento delle strutture sanitarie Cenni di Economia sanitaria in ambito ospedaliero 702 a - Le fasi del processo produttivo sanitario e la valutazione di qualità degli interventi 703 b - Tipologie di costo in un processo produttivo 704 c - Categorie di costo delle problematiche sanitarie 706 d - Tecniche di analisi economica Principali norme legislative inerenti l ospedale L igiene in odontoiatria (Italo Angelillo, Maria Pavia) Epidemiologia e prevenzione delle principali patologie del cavo orale 712 a - Carie dentaria 712 b - Malattia parodontale 715 c - Cancro orale Il rischio infettivo e le principali norme di igiene e sicurezza in odontoiatria 721 a - Il rischio infettivo in odontoiatria 721 b - Norme di igiene e sicurezza 722 c - I dispositivi di protezione individuale 724 d - Il lavaggio delle mani 725 e - Esposizione parenterale o mucosa a sangue o altri liquidi biologici 725 f - Ambiente 726 g - Strumentario 726 h - Acqua delle unità dentali L ambulatorio odontoiatrico: criteri organizzativi e funzionali 728 a - Documentazione da presentare per l autorizzazione all esercizio 728 b - Caratteristiche strutturali e funzionali di un unità odontoiatrica monospecialistica ambulatoriale 729 c - Caratteristiche e compiti del responsabile sanitario dell attività odontoiatrica monospecialistica L igiene dello sport e delle attività sportive (Valeria Marin) Premessa L igiene degli impianti sportivi per attività ludica e agonistica 731 a - Impianti sportivi all aperto 732 b - Impianti sportivi al chiuso La tutela sanitaria e la prevenzione dei rischi connessi all attività sportiva 741 a - La tutela sanitaria degli sportivi 741 b - Prevenzione degli infortuni nell attività sportiva L alimentazione degli sportivi 745 a - Nozioni generali 745 b - Il bilancio energetico 747 c - Indicazioni per una corretta alimentazione 748 d - Integratori o supporti alimentari Il fenomeno doping 753

9 ISBN INDICE XIII Appendice tecnica 1 Metodologie comuni ai vari studi epidemiologici (Gabriele Pelissero) Premessa Impostazione della ricerca e campionamento Rilevazione o raccolta dei dati Tipi di misure Rappresentazione dei dati Tecniche statistiche di rappresentazione ed elaborazione dei dati Normativa inerente l emissione di inquinanti in atmosfera (Cesare Meloni) Principali tecniche analitiche per il controllo igienico dell acqua, dell aria e del suolo (Cesare Meloni) Metodologia di campionamento Metodologie analitiche 777 a - Acqua 777 b - Aria 783 c - Suolo Linee guida inerenti la qualità delle acque destinate al consumo umano (Cesare Meloni) Criteri di valutazione delle caratteristiche delle acque minerali naturali (Cesare Meloni) Normativa inerente le acque superficiali (Cesare Meloni) Limite di emissione degli scarichi idrici (Cesare Meloni) Scarichi in corpi d acqua superficiali 825 a - Acque reflue urbane 825 b - Acque reflue industriali Scarichi sul suolo 827 a - Sostanze per cui esiste il divieto di scarico Indicazioni generali Metodi di campionamento e analisi Modalità di notifica di malattie infettive e diffusive (Cesare Meloni) Come attuare la segnalazione di malattia infettiva L indagine sul campo Esigenze connesse alla segnalazione di malattie infettive Misure di isolamento da attuare in caso di malattie infettive Controlli e profilassi dei contatti Legislazione alimentare generale (Carla Roggi) Normativa essenziale inerente le radiazioni ionizzanti (Elio Giroletti, Alberta Leonarda Vergine) 849 Indice analitico 855

Indice. PARTE I Igiene generale. Autore. Prefazione

Indice. PARTE I Igiene generale. Autore. Prefazione Indice I Autore Prefazione XI XIII PARTE I Igiene generale CAPITOLO 1 Medicina clinica, preventiva e predittiva 1 1.1 Concetto di salute 1 1.2 Determinanti della salute 3 1.2.1 Modelli concettuali 3 1.3

Dettagli

ANNO ACCADEMICO 2013/2014 Programma dell insegnamento: _IGIENE

ANNO ACCADEMICO 2013/2014 Programma dell insegnamento: _IGIENE ANNO ACCADEMICO 2013/2014 Programma dell insegnamento: _IGIENE Docente Titolare del corso: Dr. Antonio Romaniello Corso di Laurea : _FARMACIA Obiettivi formativi generali (risultati di apprendimento previsti

Dettagli

IGIENE. disciplina che studia i mezzi e definisce le norme atte a conservare la salute fisica e mentale dell individuo e della collettività

IGIENE. disciplina che studia i mezzi e definisce le norme atte a conservare la salute fisica e mentale dell individuo e della collettività IGIENE branca della medicina che ha lo scopo di promuovere e mantenere lo stato di salute della popolazione disciplina che studia i mezzi e definisce le norme atte a conservare la salute fisica e mentale

Dettagli

Scienze Motorie Corso di Igiene e Educazione Sanitaria

Scienze Motorie Corso di Igiene e Educazione Sanitaria Scienze Motorie Corso di Igiene e Educazione Sanitaria Scienze Motorie Corso di Igiene e Educazione Sanitaria Marisa Arpesella Anna Tagliabue Libro di testo IGIENE C.Meloni G.Pelissero IGIENE = = SANO,

Dettagli

I Livelli Essenziali di Assistenza per la Prevenzione e la Sanità Pubblica. Renato Pizzuti SANIT Roma, 25 giugno 2008

I Livelli Essenziali di Assistenza per la Prevenzione e la Sanità Pubblica. Renato Pizzuti SANIT Roma, 25 giugno 2008 I Livelli Essenziali di Assistenza per la Prevenzione e la Sanità Pubblica Renato Pizzuti SANIT Roma, 25 giugno 2008 1 Questa presentazione Informazioni sui LEA Processo di revisione Risultati Punti di

Dettagli

PERCHÉ PARLARE DI... RUOLO

PERCHÉ PARLARE DI... RUOLO INDICE Autori Prefazione alla quinta edizione XI XIII Parte I Area socio-culturale istituzionale e legislativa 1 Capitolo 1 Operatore socio-sanitario: il ruolo 1 PERCHÉ PARLARE DI... RUOLO 1 CONOSCENZE

Dettagli

Curricolo Verticale di Igiene e Cultura Medico Sanitaria. Triennio IPSS G. Severini

Curricolo Verticale di Igiene e Cultura Medico Sanitaria. Triennio IPSS G. Severini Curricolo Verticale di Igiene e Cultura Medico Sanitaria Triennio IPSS G. Severini Igiene ed Anatomia Classe Terza COMPETENZE - competenze linguistiche - comprensione di testi - ricerca di informazioni

Dettagli

INDICE. Parte I Area socio-culturale istituzionale e legislativa 1. Autori. Prefazione alla sesta edizione. Guida alla lettura

INDICE. Parte I Area socio-culturale istituzionale e legislativa 1. Autori. Prefazione alla sesta edizione. Guida alla lettura INDICE Autori Prefazione alla sesta edizione Guida alla lettura XII XIII XIV Parte I Area socio-culturale istituzionale e legislativa 1 Capitolo 1 Operatore socio-sanitario: il ruolo 1 PERCHÉ PARLARE DI...

Dettagli

CAPITOLO 1. 1. Cenni storici... 1 2. La medicina del lavoro attuale... 2 3. L igiene del lavoro... 4 CAPITOLO 2

CAPITOLO 1. 1. Cenni storici... 1 2. La medicina del lavoro attuale... 2 3. L igiene del lavoro... 4 CAPITOLO 2 CAPITOLO 1 LA MEDICINA E L IGIENE DEL LAVORO Sommario 1. Cenni storici... 1 2. La medicina del lavoro attuale... 2 3. L igiene del lavoro... 4 CAPITOLO 2 FIGURE E COMPITI DELLA MEDICINA DEL LAVORO Il medico

Dettagli

sanità Avvertenze Azienda Sanitaria Locale (A.S.L.) interruzioni volontarie di gravidanza malattie infettive

sanità Avvertenze Azienda Sanitaria Locale (A.S.L.) interruzioni volontarie di gravidanza malattie infettive capitolo 3 sanità Avvertenze Le informazioni statistiche contenute nel presente capitolo provengono dall Agenzia di Sanità Pubblica della Regione Lazio e riguardano dati rilevati presso le strutture sanitarie

Dettagli

Rischi da esposizione ad agenti biologici

Rischi da esposizione ad agenti biologici Rischi da esposizione ad agenti biologici Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione D.Lgs. 81/08 Titolo X Esposizione ad agenti biologici Campo di applicazione Tutte le attività lavorative nelle quali

Dettagli

Le vaccinazioni Lezio i ni i d i i i g i ie i ne e d e ducazio i ne s anit i a t ri r a i Anno a ccademi m c i o: : 2 008-20 2 0 0 9 0

Le vaccinazioni Lezio i ni i d i i i g i ie i ne e d e ducazio i ne s anit i a t ri r a i Anno a ccademi m c i o: : 2 008-20 2 0 0 9 0 Le vaccinazioni Lezioni di igiene ed educazione sanitaria Anno accademico: 2008-20092009 Le vaccinazioni Costituiscono un intervento per il controllo e la prevenzione delle malattie infettive Cos è un

Dettagli

MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 -

MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 - MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 - Malattie infettive nell ASL di Brescia anno 2012- Pag. 1 MALATTIE INFETTIVE NELL ASL DI BRESCIA - ANNO 2012 - Il controllo reale della diffusione delle

Dettagli

A cosa serve lo iodio?

A cosa serve lo iodio? Iodio e Salute Che cos è lo iodio? Lo iodio, dal greco iodes (violetto), è un elemento (come l ossigeno, l idrogeno, il calcio ecc) diffuso nell ambiente in diverse forme chimiche. Lo iodio presente nelle

Dettagli

La catena Epidemiologica

La catena Epidemiologica La catena Epidemiologica STORIA NATURALE DELLE MALATTIE esposizione al/ai fattori di rischio insorgenza della malattia esito guarigione cronicizzazione decesso Principali differenze tra malattie infettive

Dettagli

Scienze motorie SCIENZE MOTORIE

Scienze motorie SCIENZE MOTORIE Scienze motorie SCIENZE MOTORIE SCIENZE MOTORIE CORSO DI LAUREA Scienze motorie: Educazione fisica e tecnica sportiva (sede di Voghera) Attività motoria preventiva e adattata (sede di Pavia) CORSI DI LAUREA

Dettagli

I.I.S. A. VOLTA FROSINONE. Seconda prova scritta - Simulazione CHIMICA, MATERIALI E BIOTECNOLOGIE

I.I.S. A. VOLTA FROSINONE. Seconda prova scritta - Simulazione CHIMICA, MATERIALI E BIOTECNOLOGIE Progetto Formazione personale docente per gli Esami di Stato (Interventi formativi di cui al D.M. n. 23/2013 e al D.M. n. 351/2014 USR Lazio) A.S. 2014/2015 Seconda prova scritta - Simulazione Codice e

Dettagli

Le esperienze dei CCIO locali: ESPERIENZA DELL AZIENDA 18

Le esperienze dei CCIO locali: ESPERIENZA DELL AZIENDA 18 Convegno La prevenzione delle infezioni nelle strutture sanitarie della Regione Veneto: i progetti regionali e le esperienze locali Castelfranco Veneto, 18 novembre 2005 Le esperienze dei CCIO locali:

Dettagli

Salute Infanzia e Adolescenza

Salute Infanzia e Adolescenza Salute Infanzia e Adolescenza Modena 11 ottobre 2005 Migliorare il contesto ambientale, sociale e di cura Paola Pace Pediatra di Libera Scelta in Associazione LA SALUTE È non solo assenza di malattia,

Dettagli

LA FORMAZIONE DELL ASSISTENTE SANITARIO

LA FORMAZIONE DELL ASSISTENTE SANITARIO BRESCIA 6 OTTOBRE 2006 LA FORMAZIONE DELL ASSISTENTE SANITARIO PROF. FRANCESCO DONATO Sezione di Igiene, Epidemiologia e Sanità Pubblica Facoltà di Medicina e Chirurgia Università degli Studi di Brescia

Dettagli

INDICE. Aspetti generali dell assistenza infermieristica in area materno-infantile

INDICE. Aspetti generali dell assistenza infermieristica in area materno-infantile Autori Presentazione XI XIV PARTE PRIMA Aspetti generali dell assistenza infermieristica in area materno-infantile capitolo 1 QUADRO TEORICO CONCETTUALE DELL INFERMIERISTICA 3 Danilo Cenerelli La disciplina

Dettagli

Scienze Motorie Corso di Igiene ed Educazione Sanitaria. Le vaccinazioni

Scienze Motorie Corso di Igiene ed Educazione Sanitaria. Le vaccinazioni Scienze Motorie Corso di Igiene ed Educazione Sanitaria Le vaccinazioni Università degli Studi di Pavia Dipartimento di Sanità Pubblica e Neuroscienze Sezione Igiene LE VACCINAZIONI 1 Introduzione ARTICOLAZIONE

Dettagli

IGIENE E MEDICINA PREVENTIVA (6 CFU)

IGIENE E MEDICINA PREVENTIVA (6 CFU) Università degli Studi di Torino CdL in SCIENZE MOTORIE 2 anno I semestre aa 2013 14 IGIENE E MEDICINA PREVENTIVA (6 CFU) canali LA e LB Elisabetta Carraro Professore Associato di Igiene Dipartimento di

Dettagli

CONSUMI ALIMENTARI: COSTI PRIVATI E SOCIALI

CONSUMI ALIMENTARI: COSTI PRIVATI E SOCIALI CONSUMI ALIMENTARI: COSTI PRIVATI E SOCIALI Maria Sassi Dipartimento di Ricerche Aziendali Università degli Studi di Pavia Struttura della presentazione Legame tra alimentazione e livelli di sicurezza

Dettagli

RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI

RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI RISCHI DA AGENTI BIOLOGICI definizione Rischio da agenti biologici Si sviluppa in seguito all esposizione a microorganismi: BATTERI VIRUS PARASSITI .Le malattie infettive Il rapporto che l agente infettivo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 132 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

Marisa Arpesella. Dipartimento di Sanità pubblica Cattedra di Igiene Università degli Studi di Pavia

Marisa Arpesella. Dipartimento di Sanità pubblica Cattedra di Igiene Università degli Studi di Pavia CORSO di IGIENE Marisa Arpesella Dipartimento di Sanità pubblica Cattedra di Igiene Università degli Studi di Pavia MEDICINA PREVENTIVA Branca della Medicina che, mediante il potenziamento dei fattori

Dettagli

Pediatria ieri e oggi

Pediatria ieri e oggi LIONS CLUB PEGLI 9 febbraio 2012 Pediatria ieri e oggi Relatore Lion Prof. Ezio Gandullia Da Pediatria numero 3 - maggio 2011 Storia della Pediatria (Docente Dott.ssa Maria Giuseppina Gregorio) Mortalità

Dettagli

strutture private. Funzioni, compiti e responsabilità del Direttore Sanitario/Tecnico

strutture private. Funzioni, compiti e responsabilità del Direttore Sanitario/Tecnico Corso per Direttori Sanitari di strutture private. Funzioni, compiti e responsabilità del Direttore Sanitario/Tecnico ORDINE PROVINCIALE DEI MEDICI CHIRURGHI E DEGLI ODONTOIATRI MODENA 8 MAGGIO 2007 Dr

Dettagli

IL RISCHIO BIOLOGICO

IL RISCHIO BIOLOGICO LA SICUREZZA E LA SALUTE SUL LAVORO cominciamo a SCUOLA IL RISCHIO BIOLOGICO protocollo d intesa 5 febbraio 2015 ASL Brescia ASL Vallecamonica Sebino - Direzione Territoriale del Lavoro Ufficio Scolastico

Dettagli

La risposta al bisogno e alla domanda di salute

La risposta al bisogno e alla domanda di salute La risposta al bisogno e alla domanda di salute Giuliano Angotzi Direttore Dipartimento di Prevenzione Azienda U.S.L. Viareggio Conferenza dei servizi 30/3/2005 traumatismi ed avvelenamenti 6% Principali

Dettagli

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012

PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 PROGRAMMA SCUOLA DI DIETETICA NUTRIRSI DI SALUTE ANNO SCOLASTICO 2012 DOCENTE: Madaschi Rossana Dietista e Docente di Scienza dell Alimentazione MATERIE: Dietologia - Scienza dell Alimentazione CLASSE:

Dettagli

PROPOSTE DI SECONDE PROVE E DI GRIGLIE DI VALUTAZIONE

PROPOSTE DI SECONDE PROVE E DI GRIGLIE DI VALUTAZIONE GRUPPO IPSSEOA GIORNATA DI FORMAZIONE Istituto Avogadro - Torino 25 FEBBRAIO 2015 Dirigente Scolastico: prof. Franco Zanet PROPOSTE DI SECONDE PROVE E DI GRIGLIE DI VALUTAZIONE 1 ESAME DI STATO 2015 Istituti

Dettagli

Allegato n. 9 (punto 6 del PRAL) Corsi di formazione

Allegato n. 9 (punto 6 del PRAL) Corsi di formazione Allegato n. 9 (punto 6 del PRAL) Corsi di formazione A. Programma del corso per addetti delle imprese di da amianto (30 ore) TEMA 1. Aspetti introduttivi 2. Aspetti sanitari 2. Dispositivi di Protezione

Dettagli

Presentazione, Francesco Totti Prefazione alla seconda edizione Prefazione alla prima edizione

Presentazione, Francesco Totti Prefazione alla seconda edizione Prefazione alla prima edizione Indice VII Presentazione, Francesco Totti Prefazione alla seconda edizione Prefazione alla prima edizione XIII XV XVII parte prima Alimentazione, benessere e salute 1. Le regole fondamentali 3 Perché bisogna

Dettagli

LA PANDEMIA SILENTE DEL DIABETE: UN EMERGENZA SANITARIA, SOCIALE ED ECONOMICA

LA PANDEMIA SILENTE DEL DIABETE: UN EMERGENZA SANITARIA, SOCIALE ED ECONOMICA LA PANDEMIA SILENTE DEL DIABETE: UN EMERGENZA SANITARIA, SOCIALE ED ECONOMICA Antonio Nicolucci Direttore Dipartimento di Farmacologia Clinica e Epidemiologia, Consorzio Mario Negri Sud Coordinatore Data

Dettagli

Igiene ed Educazione Sanitaria 2010-2011

Igiene ed Educazione Sanitaria 2010-2011 Igiene ed Educazione Sanitaria 2010-2011 L'IGIENE E' fondata sulla Ricerca per : La conoscenza delle cause dei fenomeni Sulla promozione dei determinanti della Salute Sulla lotta ai fattori di rischio

Dettagli

D R. P I E R A N G E L O P E R I T O

D R. P I E R A N G E L O P E R I T O D R. P I E R A N G E L O P E R I T O DATI ANAGRAFICI Nato a Salerno il 30 giugno 1958 Residente ad Ascea in Via Talia n. 16, frazione Marina (Salerno) ISTRUZIONE - FORMAZIONE Anno 1985 (26 Ottobre) - LAUREA

Dettagli

Presentazione. Strategie europee contro il cancro 3

Presentazione. Strategie europee contro il cancro 3 00_carpanelli_ok 9-09-2002 16:52 Pagina V Autori Presentazione XI XVII MODULO 1 Epidemiologia, prevenzione e ricerca 1 Strategie europee contro il cancro 3 Il quinto programma quadro 3 Il programma qualità

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E DATI PERSONALI Nome Indirizzo Borgotti Maria Cristina Telefono 026590037 Piazza XXV Aprile,7 Milano Fax 026590037 E-mail Nazionalità

Dettagli

SICUREZZA QUALITÀ AMBIENTE MEDICINA DEL LAVORO

SICUREZZA QUALITÀ AMBIENTE MEDICINA DEL LAVORO SICUREZZA QUALITÀ AMBIENTE MEDICINA DEL LAVORO Economie_corretto_14mar2011.indd 1 27-03-2011 17:07:00 2 Un azienda in regola è un azienda tranquilla. Un azienda tranquilla si dedica al proprio sviluppo.

Dettagli

FARE ATTENZIONE ALLA SALUTE DEI GENITORI PER PROTEGGERE QUELLA DEL BAMBINO.

FARE ATTENZIONE ALLA SALUTE DEI GENITORI PER PROTEGGERE QUELLA DEL BAMBINO. FARE ATTENZIONE ALLA SALUTE DEI GENITORI PER PROTEGGERE QUELLA DEL BAMBINO. Diventare genitori è una decisione che richiede responsabilità. La salute dei genitori, e in particolare della mamma, ha una

Dettagli

Prevenzione generale delle malattie infettive

Prevenzione generale delle malattie infettive Prevenzione generale delle malattie infettive la sorveglianza epidemiologica l indagine epidemiologica isolamento e contumacia disinfezione e sterilizzazione Sorveglianza epidemiologica: definizione La

Dettagli

Corso annuale di Medicina Estetica Biologica organizzato dalla GUNA di Milano tenutosi a Mestre (VE), a.a. 2009/10. PUBBLICAZIONI EDITE A STAMPA:

Corso annuale di Medicina Estetica Biologica organizzato dalla GUNA di Milano tenutosi a Mestre (VE), a.a. 2009/10. PUBBLICAZIONI EDITE A STAMPA: CURRICULUM VITAE DATI PERSONALI Cognome e nome ZAMBON LUCIA DILETTA Data di nascita 27/10/1962 Qualifica Amministrazione DIRIGENTE MEDICO DISCIPLINA ORGANIZZAZIONE DEI S. SAN. DI BASE U.L.L.S. N. 10 VENETO

Dettagli

SCHEDA RILEVAZIONE BUONE PRASSI AZIENDALI

SCHEDA RILEVAZIONE BUONE PRASSI AZIENDALI SCHEDA RILEVAZIONE BUONE PRASSI AZIENDALI A. ASPETTI ANAGRAFICI A 1 - U.O. coinvolte: A 2 -Ambito di appartenenza: (selezionare) A 3 - Responsabile Buona Prassi: CURE PRIMARIE : MEDICINA DELLO SPORT DIPARTIMENTO

Dettagli

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i.

Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Ente di formazione accreditato dalla Regione Siciliana Corso di formazione per la Salute e Sicurezza nei luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Page1 Sommario 1. IL QUADRO NORMATIVO IN MATERIA

Dettagli

DALLA PRODUZIONE AL CONSUMO

DALLA PRODUZIONE AL CONSUMO 1 IGIENE DEGLI ALIMENTI E DELL ALIMENTAZIONE: DALLA PRODUZIONE AL CONSUMO Il ruolo dell Università ità Prof.ssa Maria Triassi Dipartimento di Igiene e Medicina Preventiva Università degli Studi di Napoli

Dettagli

PROGETTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING. Relatore: Brunella Spadafora

PROGETTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING. Relatore: Brunella Spadafora PROGETTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DI UN PROGRAMMA DI SCREENING Relatore: Brunella Spadafora Epidemiologia e prevenzione dei tumori maligni I tumori nel loro insieme, costituiscono la seconda causa di morte,

Dettagli

LIBRO PRIMO: TEORIA PARTE PRIMA: LA SCUOLA DELL INFANZIA SEZIONE PRIMA: BAMBINI, BAMBINE, FAMIGLIE E CONTESTI DI SVILUPPO

LIBRO PRIMO: TEORIA PARTE PRIMA: LA SCUOLA DELL INFANZIA SEZIONE PRIMA: BAMBINI, BAMBINE, FAMIGLIE E CONTESTI DI SVILUPPO I N D I C E LIBRO PRIMO: TEORIA PARTE PRIMA: LA SCUOLA DELL INFANZIA SEZIONE PRIMA: BAMBINI, BAMBINE, FAMIGLIE E CONTESTI DI SVILUPPO Capitolo 1: La dimensione sociale nell infanzia 1. Quadro teorico

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 52/28 DEL 23.12.2014

DELIBERAZIONE N. 52/28 DEL 23.12.2014 Oggetto: Piano regionale vaccinazioni. Assegnazione alle Aziende Sanitarie regionali delle risorse disponibili nel Bilancio Regionale 2014 ( 800.000 - UPB S05.01.001 capitolo SC 05.0023). L Assessore dell

Dettagli

Raccontare la città industriale

Raccontare la città industriale Raccontare la città industriale Dalmine 13 Novembre 2014 IL METODO L Asl di Bergamo ha lavorato molto negli ultimi, in collaborazione con la scuola, per produrre strumenti atti ad inserire i temi della

Dettagli

PROPOSTA DI UN MODELLO DI RIFERIMENTO

PROPOSTA DI UN MODELLO DI RIFERIMENTO IPA Adriatic CBC Programme Progetto LOVE YOUR HEART PROPOSTA DI UN MODELLO DI RIFERIMENTO Montona, 10 giugno 2013 Lamberto Pressato - SCF MODELLO DEL DISEASE MANAGEMENT nella PREVENZIONE del RISCHIO CARDIOVASCOLARE

Dettagli

Sistema di segnalazione rapida di eventi epidemici ed eventi sentinella nelle strutture sanitarie e nella popolazione generale

Sistema di segnalazione rapida di eventi epidemici ed eventi sentinella nelle strutture sanitarie e nella popolazione generale Sistema di segnalazione rapida di eventi epidemici ed eventi sentinella nelle strutture sanitarie e nella popolazione generale Regione Emilia-Romagna Deliberazione della Giunta Regionale N 186/2005 del

Dettagli

Sistema informativo delle malattie infettive e diffusive

Sistema informativo delle malattie infettive e diffusive Sistema informativo delle malattie infettive e diffusive Aggiornamento alla GU 06/09/98 209. MALATTIE INFETTIVE E SOCIALI A) Malattie infettive e diffusive - Norme generali D.M. 15 dicembre 1990 (1). Sistema

Dettagli

Indice PARTE PRIMA: POPOLAZIONE E SALUTE

Indice PARTE PRIMA: POPOLAZIONE E SALUTE Indice PARTE PRIMA: POPOLAZIONE E SALUTE 1. POPOLAZIONE... 17 1.1. Popolazione residente... 17 1.1.1. La distribuzione sul territorio... 19 1.1.2. Struttura della popolazione... 20 1.1.3. Speranza di vita...

Dettagli

Le nuove tecnologie nel soccorso dei grandi eventi

Le nuove tecnologie nel soccorso dei grandi eventi Le nuove tecnologie nel soccorso dei grandi eventi _NICOLA COMODO Dipartimento di Sanità Pubblica Università degli Studi di Firenze L IL RUOLO DELLA SANITA PUBBLICA NELLE GRAVI EMERGENZE LA SORVEGLIANZA

Dettagli

Sanità Pubblica. origine greca, che letteralmente significa «discorso riguardo alla popolazione»:

Sanità Pubblica. origine greca, che letteralmente significa «discorso riguardo alla popolazione»: Sanità Pubblica Definizione: Dal punto di vista etimologico, Epidemiologia è una parola composita (epi-demio-logia) di origine greca, che letteralmente significa «discorso riguardo alla popolazione»: Lo

Dettagli

C.I. ODONTOIATRIA PEDIATRICA

C.I. ODONTOIATRIA PEDIATRICA UNIVERSITÀ DI NAPOLI FEDERICO II Dipartimento di Neuroscienze e Scienze Riproduttive ed Odontostomatologiche C.I. ODONTOIATRIA PEDIATRICA PEDODONZIA Docente: Prof. Aniello Ingenito Commissione di esame:

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

INDICE PARTE PRIMA L AMBIENTE ESTERNO E IL CONTESTO NORMATIVO

INDICE PARTE PRIMA L AMBIENTE ESTERNO E IL CONTESTO NORMATIVO INDICE AUTORI PRESENTAZIONE INTRODUZIONE XIII XVII XIX PARTE PRIMA L AMBIENTE ESTERNO E IL CONTESTO NORMATIVO Capitolo Primo Scenari e modelli di competizione in Sanità 1.1 Premessa 1.2 Tipologie e caratteristiche

Dettagli

Il sistema legislativo: esame delle MOD 2 4 FORMAZIONE IN AULA normative di riferimento.

Il sistema legislativo: esame delle MOD 2 4 FORMAZIONE IN AULA normative di riferimento. N MODULO TITOLO MODULO CONTENUTI DURATA TIPOLOGIA DI FORMAZIONE L approccio ala prevenzione attraverso il D. Lgs. 81/08 per un La filosofia del D. lgs. 81/08 in riferimento alla organizzazione di un sistema

Dettagli

Schema per la presentazione di un progetto di ricerca ai sensi dell art.31. 1. Utilizzatore UNIVERSITA degli STUDI di PERUGIA

Schema per la presentazione di un progetto di ricerca ai sensi dell art.31. 1. Utilizzatore UNIVERSITA degli STUDI di PERUGIA Schema per la presentazione di un progetto di ricerca ai sensi dell art.31 1. Utilizzatore UNIVERSITA degli STUDI di PERUGIA 2. Titolo del progetto di ricerca 3. Parole chiave (massimo 5 parole) 4. Responsabile

Dettagli

FONTI DEI DATI IN EPIDEMIOLOGIA

FONTI DEI DATI IN EPIDEMIOLOGIA FONTI DEI DATI IN EPIDEMIOLOGIA Nazionali (ISTAT: sociodemografici, mortalità) Locali (Regioni, Asl, altro: ricoveri, farmaci, esenzione ticket, anagrafe, registri di patologia) Informatizzazione e possibilità

Dettagli

Linee guida per l attuazione di un Sistema di Gestione Ambientale in un Comune secondo le norme ISO 14001

Linee guida per l attuazione di un Sistema di Gestione Ambientale in un Comune secondo le norme ISO 14001 Linee guida per l attuazione di un Sistema di Gestione Ambientale in un Comune secondo le norme ISO 14001 A- Elaborazione della documentazione: Le fasi principali sono le seguenti: a - b - Elaborazione

Dettagli

Maria Cristina Cimicchi, Tiziana Risolo, Paola Saccò, Carlo Percudani Ambulatorio Diabetologico di Colorno, DCP AUSL di Parma

Maria Cristina Cimicchi, Tiziana Risolo, Paola Saccò, Carlo Percudani Ambulatorio Diabetologico di Colorno, DCP AUSL di Parma Educazione terapeutica strutturata nel diabete tipo 2. L'esperienza dell'ambulatorio infermieristico del Team diabetologico del Polo Sanitario di Colorno Maria Cristina Cimicchi, Tiziana Risolo, Paola

Dettagli

Il ruolo dei Servizi Territoriali nella

Il ruolo dei Servizi Territoriali nella Il ruolo dei Servizi Territoriali nella Promozione della Salute «la salute è uno stato di completo benessere fisico, mentale e sociale, non la semplice assenza di malattia» (OMS, 1948) La salute è definita

Dettagli

Schema per la presentazione di un progetto di ricerca ai sensi dell articolo 31

Schema per la presentazione di un progetto di ricerca ai sensi dell articolo 31 Schema per la presentazione di un progetto di ricerca ai sensi dell articolo 31 1. Utilizzatore (persona fisica o giuridica ai sensi della Iett. f) dell articolo 3) UNIVERTA DI TORI 2. Titolo del progetto

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE Anno Scolastico: 2014-2015 Dipartimento (1) : SCIENZE - Igiene/Anatomia Coordinatore (1) : Giovanni Miragliotta Classe: IV Indirizzo: Tecnico dei Servizi socio-sanitari

Dettagli

GUIDA ALLA CONSULTAZIONE... 1 PROFILO SINTETICO DELLA SANITÁ PROVINCIALE... 5 TABELLE RIASSUNTIVE DEGLI INDICATORI... 23 1. POPOLAZIONE...

GUIDA ALLA CONSULTAZIONE... 1 PROFILO SINTETICO DELLA SANITÁ PROVINCIALE... 5 TABELLE RIASSUNTIVE DEGLI INDICATORI... 23 1. POPOLAZIONE... Indice I INDICE GUIDA ALLA CONSULTAZIONE... 1 PROFILO SINTETICO DELLA SANITÁ PROVINCIALE... 5 TABELLE RIASSUNTIVE DEGLI INDICATORI... 23 PARTE PRIMA: POPOLAZIONE E SALUTE 1. POPOLAZIONE... 43 1.1. STRUTTURA

Dettagli

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni

Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni 2000D0096 IT 05.09.2012 006.001 1 Trattandosi di un semplice strumento di documentazione, esso non impegna la responsabilità delle istituzioni B DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 22 dicembre 1999 relativa

Dettagli

Titolo rilasciato: Il rilascio dell attestato di partecipazione avverrà solo dopo aver effettuato almeno il 70% delle ore previste.

Titolo rilasciato: Il rilascio dell attestato di partecipazione avverrà solo dopo aver effettuato almeno il 70% delle ore previste. CORSI DI AGGIORNAMENTO FORMAZIONE DATORE DI LAVORO-RSPP secondo artt. 34 e 37 del D.Lgs. 81/08 ACCREDITATO 16 ECM (SETTORE SANITA : rischio ALTO 14 ore) Conforme alle indicazioni degli Accordi Stato-Regioni

Dettagli

Evoluzione della professione di. Tecnico Sanitario di Radiologia Medica

Evoluzione della professione di. Tecnico Sanitario di Radiologia Medica BOZZA Evoluzione della professione di Tecnico Sanitario di Radiologia Medica TSRM con esperienze avanzate e professionista specialista Aree di competenza nei nuovi scenari sanitari e socio sanitari Tavolo

Dettagli

INDICE CAPITOLO I CONSIDERAZIONI PRELIMINARI

INDICE CAPITOLO I CONSIDERAZIONI PRELIMINARI CAPITOLO I CONSIDERAZIONI PRELIMINARI 1. Mercato, concorrenza e regole... 1 2. Esperienze del sistema europeo di regolazione del mercato... 3 3. Garanzie e tecniche di intervento nel mercato... 6 4. Fisionomia

Dettagli

Largo Emilio Lussu 08020 San Teodoro -

Largo Emilio Lussu 08020 San Teodoro - Largo Emilio Lussu 08020 San Teodoro - Sicurezza nei luoghi di lavoro ed RSPP Autorizzazione ISPESL ROMA Il ns Studio ricerca e applica la qualità in tutti i settori di intervento con metodologie innovative

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Nome/ Cognome Riccardo Battista Indirizzo Via Tiberina 75, Fiano Romano (RM), Cap 00065, Italia Telefono 0765-480246 Cellulare: 392 0963172 E-mail Dott.battista@nuvis.it

Dettagli

Dirigente medico a rapporto esclusivo. Azienda Ulss n.20 - UOC Direzione Distrettuale - D2

Dirigente medico a rapporto esclusivo. Azienda Ulss n.20 - UOC Direzione Distrettuale - D2 UOC Direzione Distrettuale - D2 MODELLO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome [COGNOME, Nome] Data di nascita Qualifica Amministrazione HORHOI GHEORGHE ANTONIO 08-marzo-71 Dirigente medico

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Laurea in Medicina e Chirurgia conseguita presso l Università degli Studi di Cagliari in data 26/07/1983

CURRICULUM VITAE. Laurea in Medicina e Chirurgia conseguita presso l Università degli Studi di Cagliari in data 26/07/1983 CURRICULUM VITAE Informazioni Personali Pintor Rosanna nata a Cagliari il 05/12/1957 residente a Capoterra Località Poggio Dei Pini strada 15 n. 12 Tel. 070/725411 E-mail rosannapintor@tiscali.it Istruzione

Dettagli

MATERIA: ALIMENTI ED ALIMENTAZIONE. Classe: 5 ENOGASTRONOMIA, SALA E VENDITA

MATERIA: ALIMENTI ED ALIMENTAZIONE. Classe: 5 ENOGASTRONOMIA, SALA E VENDITA MATERIA: ALIMENTI ED ALIMENTAZIONE Classe: 5 ENOGASTRONOMIA, SALA E VENDITA 1. FINALITA DELLA DISCIPLINA Il quinto anno si caratterizza per essere il segmento del percorso formativo in cui si compie quell'affinamento

Dettagli

Ettore Majorana Foundation and Centre for Scientific Culture

Ettore Majorana Foundation and Centre for Scientific Culture Ettore Majorana Foundation and Centre for Scientific Culture Scuola Superiore di Epidemiologia e Medicina Preventiva G D Alessandro (Direttori: Proff. GM Fara e G Giammanco) 40 Corso di Formazione Formare

Dettagli

Codice programma di riferimento. Corsi di formazione/seminari da attivare Promozione dell attività fisica nei bambini, gruppi cammino, AFA

Codice programma di riferimento. Corsi di formazione/seminari da attivare Promozione dell attività fisica nei bambini, gruppi cammino, AFA La Formazione a supporto del Piano Regionale di Prevenzione 2014-2018 Corsi di formazione/seminari da attivare Promozione dell attività fisica nei bambini, gruppi cammino, AFA Il counseling breve per

Dettagli

Indicazioni Nazionali per i Piani di Studio Personalizzati nella Scuola Primaria

Indicazioni Nazionali per i Piani di Studio Personalizzati nella Scuola Primaria Indicazioni Nazionali per i Piani di Studio Personalizzati nella Scuola Primaria (dagli Obiettivi specifici di apprendimento) Al termine della classe prima, la scuola ha organizzato per lo studente attività

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MISURACA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MISURACA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 572 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MISURACA Modifiche alla legge 16 marzo 1987, n. 115, recante disposizioni per la prevenzione

Dettagli

LA PREVENZIONE DEL RISCHIO BIOLOGICO

LA PREVENZIONE DEL RISCHIO BIOLOGICO LA PREVENZIONE DEL RISCHIO BIOLOGICO Campo di applicazione Tutte le attività lavorative in cui vi è rischio di esposizione ad agenti biologici Definizioni Agente Biologico (a.b.) Qualsiasi microorganismo

Dettagli

LE MALATTIE INFETTIVE

LE MALATTIE INFETTIVE LE MALATTIE In base alla loro eziologia (cioè alle loro cause) le malattie possono essere distinte in e NON. Le malattie infettive sono causate da microrganismi, specialmente batteri e virus. Le malattie

Dettagli

Dinamica di affermazione dello Stato sociale

Dinamica di affermazione dello Stato sociale 1 Dinamica di affermazione dello Stato sociale Avvento della società industriale: crescita proletariato urbano e dei processi organizzativi che ne conseguono (nascita movimenti operai, sindacati, partiti

Dettagli

LA PREVENZIONE DEL RISCHIO BIOLOGICO Campo di applicazione Tutte le attività lavorative in cui vi è rischio di esposizione ad agenti biologici Definizioni Agente Biologico (a.b.) Qualsiasi microorganismo

Dettagli

ORGANIZZAZIONE SANITARIA. Prof. A. Mistretta

ORGANIZZAZIONE SANITARIA. Prof. A. Mistretta ORGANIZZAZIONE SANITARIA Prof. A. Mistretta LEGISLAZIONE ED ORGANIZZAZIONE Il Servizio Sanitario Nazionale Il Servizio Sanitario Nazionale (S.S.N.) è nato con una legge n. 833 del 23 dicembre del 1978;

Dettagli

Il ruolo del Telefono Verde AIDS nella prevenzione dell infezione da HIV e delle IST

Il ruolo del Telefono Verde AIDS nella prevenzione dell infezione da HIV e delle IST VENTICINQUE ANNI DI ATTIVITÀ DEL TELEFONO VERDE AIDS E IST DELL ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ: DAL COUNSELLING TELEFONICO ALL INTERVENTO IN RETE Il ruolo del Telefono Verde AIDS nella prevenzione dell infezione

Dettagli

- comprendere i legami esistenti tra dati, informazione, conoscenza

- comprendere i legami esistenti tra dati, informazione, conoscenza Di seguito i programmi dettagliati dei corsi fad: INTRODUZIONE ALL INFORMATICA SANITARIA INTRODUZIONE ALLA MEDICINA IN RETE LA QUALITÀ PERCEPITA RISCHIO BIOLOGICO IN AMBIENTE SANITARIO RISCHIO CHIMICO

Dettagli

Prevenzione Primaria

Prevenzione Primaria Prevenzione Primaria MALATTIE INFETTIVE Vaccinazioni Disinfezione Sterilizzazione Notifica e accertamento dei casi Controlli alimenti HACCP Controlli acque potabili MALATTIE CRONICO- DEGENERATIVE Educazione

Dettagli

Corso Integrato Salute e Attività Motoria Anno Accademico 2012/13 Pool domande prova scritta

Corso Integrato Salute e Attività Motoria Anno Accademico 2012/13 Pool domande prova scritta Corso Integrato Salute e Attività Motoria Anno Accademico 2012/13 Pool domande prova scritta Di seguito, l elenco delle domande tra cui saranno sorteggiate le 14 domande presenti in ciascuna prova scritta.

Dettagli

Medico competente e vaccinazioni per i lavoratori

Medico competente e vaccinazioni per i lavoratori Incontriamo i Medici competenti Medico competente e vaccinazioni per i lavoratori Intervento a cura di: Marino Faccini Milano 28 maggio 2014 Le vaccinazioni hanno sempre un impatto di Sanità Pubblica Contesto

Dettagli

La Prevenzione dei Tumori Occupazionali. il Registro di Esposizione ad Agenti Cancerogeni e Mutageni

La Prevenzione dei Tumori Occupazionali. il Registro di Esposizione ad Agenti Cancerogeni e Mutageni La Prevenzione dei Tumori Occupazionali il Registro di Esposizione ad Agenti Cancerogeni e Mutageni La prevenzione dei tumori occupazionali Premessa L Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC)

Dettagli

APPENDICE: GLI INDICATORI SANITARI

APPENDICE: GLI INDICATORI SANITARI APPENDICE: GLI INDICATORI SANITARI INDICATORE A 1 Metodo di calcolo Valore e descrizione Mortalità per tutte le cause Tasso annuo di mortalità: tutte le cause di morte per ciascun gruppo di età (Numero

Dettagli

PROGETTAZIONE/DOCUMENTAZIONE UNITA DIDATTICA di AREA SCIENTIFICA a.s.2011-12

PROGETTAZIONE/DOCUMENTAZIONE UNITA DIDATTICA di AREA SCIENTIFICA a.s.2011-12 Istituto Sperimentale Rinascita - A. Livi - Milano Scuola statale secondaria di primo grado ad indirizzo musicale PROGETTAZIONE/DOCUMENTAZIONE UNITA DIDATTICA di AREA SCIENTIFICA a.s.2011-12 TITOLO UNITA

Dettagli

a cura di: Società Italiana di Psicologia dei Servizi Ospedalieri e Territoriali

a cura di: Società Italiana di Psicologia dei Servizi Ospedalieri e Territoriali EROGATA DALLE STRUTTURE ORGANIZZATIVE COMPLESSE DI PSICOLOGIA, TERRITORIALI ED OSPEDALIERE, DEL S. S. N. E PER GLI INTERVENTI A FAVORE DELLO SVILUPPO DELL INTEGRAZIONE SOCIO SANITARIA. a cura di: Società

Dettagli

PROGETTO SCIENTIFICO CONTINUITA DELLE CURE IN FIBROSI CISTICA

PROGETTO SCIENTIFICO CONTINUITA DELLE CURE IN FIBROSI CISTICA UOC FIBROSI CISTICA, DMP OPBG- IRCCS e ASSOCIAZIONE OFFICIUM ONL.US. PROGETTO SCIENTIFICO CONTINUITA DELLE CURE IN FIBROSI CISTICA Sviluppo ed Implementazione della cultura assistenziale del malato cronico

Dettagli

Sede del corso : NOVARA - Facoltà di Medicina, Chirurgia e Scienze della Salute

Sede del corso : NOVARA - Facoltà di Medicina, Chirurgia e Scienze della Salute La presente scheda di approfondimento si riferisce ai corsi a immatricolazione nell a. a. 010-011. Per ulteriori informazioni si rimanda all Ufficio di Presidenza di Facoltà. Corso di Laurea in INFERMIERISTICA

Dettagli

Master di 1 livello. Master di 2 livello

Master di 1 livello. Master di 2 livello Master di 1 livello QUALITà E SICUREZZA DELL ALIMENTAZIONE DEI BAMBINI IN UNA SOCIETà MULTIETNICA Master di 2 livello strategie PER LA PROMOZIONE E LA TUTELA DELLA SICUREZZA E DELLA QUALITà DELL ALIMENTAZIONE

Dettagli

Maria Valentina Marras

Maria Valentina Marras Maria Valentina Marras Informazioni personali Maria Valentina Marras Residente in Oristano, Via S. Antonio, 23 Tel. Casa: 0783-300243; Uff.: 0783-317733 Fax uff. 0783-71167 e-mail: mariaval.marras@tiscali.it

Dettagli