Massa d'aria: di notevole spessore ed estensione, con caratteristiche fisiche costanti e uniformi.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Massa d'aria: di notevole spessore ed estensione, con caratteristiche fisiche costanti e uniformi."

Transcript

1 Masse d'aria, fronti, venti Massa d'aria: di notevole spessore ed estensione, con caratteristiche fisiche costanti e uniformi. Fronte: zona di separazione tra masse d'aria diverse. Fronte caldo: esteso centinaia di kilometri, con inclinazione di 0,5 1 (trasparenza). Fronte freddo: meno esteso (circa 80 km), con inclinazione di 5 10, con perturbazioni più intense (trasparenza). Venti Il riscaldamento disuniforme è causa della trasformazione di energia termica in energia cinetica (che a sua volta si ritrasforma in energia termica per attrito). Relazione tra velocità del vento e gradiente di pressione Il vento (componente orizzontale del vettore velocità relativa V dell'aria) è generato da un gradiente orizzontale di pressione gradp. Per individuare la relazione che lega V a gradp si utilizzano due equazioni vettoriali. Prima equazione: a a = a t + a r + a c (a a accelerazione assoluta, a t accelerazione di trascinamento, a r accelerazione relativa e a c. accelerazione complementare o di Coriolis). Essendo a t trascurabile di fronte ad a a si può scrivere, proiettando l'equazione vettoriale sul piano orizzontale (tangente alla superficie terrestre) a ao = a ro + a co, (a ao, a ro e a co componenti sul piano orizzontale delle tre accelerazioni).

2 Seconda equazione: E` la proiezione sul piano orizzontale della prima equazione cardinale della dinamica, applicata a uno strato d'aria verticale ortogonale all'asse x (diretto come gradp). Trascurando gli attriti, si ottiene l'espressione (con densità dell'aria) a ao = - 1 grad p. Indicando con il vettore rotazione del sistema di riferimento (diretto come l'asse di rotazione terrestre e con verso da sud a nord) si ha, trascurando il componente verticale della velocità dell'aria, a c = 2 V. Il componente orizzontale a co, che giace sul piano tangente alla superficie terrestre, ha modulo che, indicando con il modulo dell'angolo di latitudine del punto considerato e con V il modulo della velocità del vento, risulta dato dall'espressione a co = 2 V sin. Vento geostrofico Ipotesi: il moto dell'aria è un moto orizzontale uniforme (velocità del vento V costante in modulo, direzione e verso). Il vettore velocità risulta ortogonale al gradiente di pressione e in ritardo (in senso orario) di 90. Il vento non soffia dalle alte alle basse pressioni, bensì parallelamente alle isobare (che sono rette tra loro parallele), lasciando a sinistra le basse pressioni e a destra le alte pressioni (nell'emisfero settentrionale). In realtà il parallelismo è approssimativo (l'angolo formato da V e gradp è maggiore di 90 ), a causa dell'attrito.

3 B bassa pressione V A alta pressione B gradp A x Il legame tra gradiente di pressione e velocità del vento è fornito dall'espressione (dove è la densità dell'aria, la velocità angolare della Terra e l'angolo di latitudine) 1 d p dx = 2 V sin. La velocità calcolata del vento geostrofico è in buon accordo con le velocità osservate nelle aree di bassa pressione (cicloniche) e in quelle di alta pressione (anticicloniche) di grande estensione a quote maggiori di 1000 m. Alla quota della superficie terrestre la velocità del vento è 0,7 volte quella del vento geostrofico sugli oceani e 0,4 volte sulla terraferma. Vento di gradiente Ipotesi: il moto relativo è permanente, con traiettoria giacente nel piano tangente alla superficie terrestre e modulo V della velocità costante. L'accelerazione relativa (centripeta) non è più trascurabile. Nell'emisfero settentrionale il vento deve necessariamente girare in senso orario quando la traiettoria è incurvata intorno a un centro di alta pressione e in senso antiorario quando la traiettoria è incurvata intorno a un centro di bassa pressione (regola di Buys-Ballot).

4 B bassa pressione V V B gradp gradp A x A alta pressione Il legame tra velocità del vento e gradiente di pressione è fornito dall'equazione 1 d p dx = + - V 2 r + 2 V sin (il segno positivo vale per traiettoria incurvata intorno a un centro di bassa pressione, quello negativo per traiettoria incurvata intorno a un centro di alta pressione). Vento ciclostrofico Quando la latitudine è molto bassa (aree equatoriali) o quando la curvatura delle traiettorie è molto pronunciata (perturbazione di notevole intensità) nell'espressione trovata per il vento di gradiente è possibile trascurare l'accelerazione complementare di fronte a quella relativa. Il legame tra velocità del vento e gradiente di pressione è fornito dall'equazione 1 d p dx = V 2 r. La traiettoria è sempre incurvata intorno a un centro di bassa pressione.

5 Correnti a getto: nell'alta troposfera e nella stratosfera. Forti gradienti verticali (5 10 m/s km) e orizzontali (0,05 m/s km). Limite inferiore convenzionale della velocità dell'asse del getto: 30 m/s (oppure 55 mph). Sono state scoperte durante la seconda guerra mondiale (trasparenze). La circolazione generale dell'atmosfera (o circolazione atmosferica planetaria) Ricordando l'esistenza della tropopausa e applicando il principio della conservazione del momento della quantità di moto si ottiene lo schema della circolazione meridiana (trasparenza). L'esistenza della zona delle alte pressioni subtropicali e di quella delle basse pressioni subpolari suggerisce lo schema a tre celle (di Hadley e polare, termicamente dirette, e di Ferrel, termicamente indiretta) (trasparenza). L'osservazione contraddice anche lo schema a tre celle: nella cella di Ferrel la direzione dei venti è sempre da ovest; inoltre i vortici hanno una componente orizzontale. Nella cella di Hadley si hanno celle di alta pressione (trasparenza). La componente orizzontale è molto sviluppata nella cella di Ferrel (che è un insieme di correnti sinuose con vortici più che una cella). (Trasparenze con le tre celle.) La cella di Hadley L'aria calda equatoriale sale, provocando rovesci di pioggia, poi si raffredda e ridiscende nella zona subtropicale (in corrispondenza di una corrente a getto). Alisei. Possibile fronte intertropicale, debole. Vicinanza tra zona umida e zona asciutta (instabilità del clima in certe zone: siccità del Sahel). Corrente a getto subtropicale: stadi di indice alto e di indice basso. Suddivisione della cella in alcuni grandi vortici obliqui intorno a centri di alta pressione stabili. La cella polare Una zona di alte pressioni polari si riscontra stabilmente solo nell'antartide, in corrispondenza dell'oceano Indiano. Zone di basse pressioni subpolari stabili sono solo quella della depressione d'islanda e quella delle Aleutine.

6 La cella di Ferrel Descrizione. Azione mitigatrice sul clima. Le correnti occidentali non sono termicamente omogenee. Le correnti occidentali si spostano verso l'equatore in inverno. Le differenze di temperatura si concentrano in fronti (trasparenza). A ogni fronte è associata una corrente a getto. Due fronti polari e un fronte artico nel Pacifico (trasparenza). Un fronte polare e un fronte artico nell'atlantico. Un fronte nel Mediterraneo. Saccature e promontori nelle correnti occidentali. A 3000 onde di Rossby (da tre a sei) (trasparenza). Onde di Bijerknes sulle onde di Rossby (trasparenza). Indirizzi Internet per figure relative alle tre celle: Origine e sviluppo del ciclone extratropicale Origine del ciclone come onda di Bijerknes. Convergenza a terra in corrispondenza di una corrente a getto (trasparenza). Meccanismo del ciclone, fino all'occlusione (trasparenza). Origine dei cicloni (presso Terranova, Groenlandia, Islanda). Flussi di aria da nord e da sud che si incontrano. Famiglie di cicloni (trasparenza). Variabilità del clima dovuta ai cicloni. Influenza dell'orografia Effetto meccanico (attrito, deviazione) e termico (diverso riscaldamento). Effetto meccanico: schermatura (Alpi e Appennini in Italia) e sollevamento (dovuto alle montagne e alla scabrezza della terraferma). Effetto termico: brezze di monte e di valle. La circolazione atmosferica e i mari L'effetto delle masse d'acqua sulla circolazione atmosferica Acqua: assorbimento e trasporto di calore. Effetto della distribuzione di terra e acqua sulla circolazione atmosferica.

7 Effetto sull'escursione media annua della temperatura. Maggiore regolarità dei venti occidentali nell'emisfero australe. Venti stagionali (monsoni) e altri (brezze di mare e di terra). Le correnti marine Trasportano circa il 25% del calore trasportato verso i poli. Correnti superficiali, dovute al vento, e correnti termosaline, dovute alla differenza di densità. Andamento delle correnti di superficie (due trasparenze). Andamento delle correnti termosaline (trasparenza). Azione del vento: sollevamento di acqua fredda ed effetto di retroazione. El Niño. Indirizzi Internet per figure relative alle correnti oceaniche Per una carta delle correnti di superficie: Per una carta delle correnti di superficie e di profondità: La circolazione atmosferica e il clima in alcune zone della Terra Europa Fattori del clima: depressione d'islanda, anticiclone delle Azzorre, anticiclone siberiano. Correnti occidentali più confinate e meno forti in estate. Effetto schermo di Pirenei, Alpi, Balcani. Alternanza di anticiclone e correnti occidentali sul Mediterraneo. Nel 70% dei casi le perturbazioni hanno origine nel golfo di Genova e nel Mediterraneo. I monsoni Zona di convergenza intertropicale (trasparenza). Differenza tra Asia meridionale e Asia orientale. Venti equatoriali occidentali.

8 Note sulle correnti a getto La definizione di corrente a getto è convenzionale: corrente a getto è una fascia relativamente stretta di forte vento, con velocità superiore a un certo limite, ai livelli superiori dell'atmosfera (il limite della velocità si può assumere uguale sia a 30 ms -1, sia a 55 mph). La realtà è - a una data quota - una distribuzione bidimensionale di velocità, all'interno della quale si individuano, in base alla definizione assunta, le aree alle quali corrispondono delle correnti a getto. Aree diverse si possono poi collegare tra loro, facendo riferimento alla distribuzione delle velocità nelle zone esterne (dove le velocità sono inferiori al limite), così da farle apparire come parti di una sola corrente a getto interrotta localmente. Effettuando il collegamento si possono anche mettere in evidenza eventuali ramificazioni della corrente. Nelle correnti a getto il vento soffia da ovest a est. Esse però cambiano forma, posizione, estensione nell'arco di pochi giorni. Solo prendendo in considerazione delle medie fatte su osservazioni ripetute in più anni nello stesso periodo si può individuare un "tipo" di corrente a getto (per esempio il getto polare, o il getto subtropicale). Responsabili delle correnti a getto sono le differenze di temperatura, che producono differenze di pressione, e la rotazione della Terra. Quindi le correnti a getto segnano i confini tra aria calda e fredda e si trovano nelle aree (come le zone frontali) dove sono maggiori i gradienti di temperatura. In queste aree i gradienti di pressione sono maggiori proprio alla quota dove si trovano le correnti a getto. Poichè i confini tra aria calda e aria fredda sono più marcati in inverno, in entrambi gli emisferi le correnti a getto sono più forti in inverno. Le regioni in cui le differenze di temperatura sono più forti sono quelle intorno ai 30 S/N e ai S/N. Qui dunque sono più forti anche i venti, e si trovano le due correnti a getto più importanti. Nella regione dei N/S si trova il getto polare, in quella dei 30 N/S si trova il getto subtropicale. Le correnti a getto sono in genere più forti a est dei maggiori continenti. Possono anche scomparire e riapparire altrove. La loro effettiva comparsa risulta dalla complessa interazione tra parecchie variabili (come le posizioni dei sistemi di alta e di bassa pressione, delle masse d'aria fredda e calda e i cambiamenti di stagione). Le correnti a getto si spostano a nord in estate e a sud in inverno. Il getto polare può scendere in inverno fino a 30, mentre in estate si ritira a Una corrente a getto "tipica" varia dunque a seconda del periodo dell'anno che si considera (per esempio il mese di gennaio, o quello di luglio). Alle correnti a getto sono associati i fronti. Anche i fronti cambiano di forma, posizione ed estensione. (Quindi anche per i fronti, per definire un "tipo" occorre effettuare una media nel tempo.) Il getto polare si trova al di sopra del fronte polare, in corrispondenza della separazione tra la cella polare e quella di Ferrel. Il nucleo centrale del getto polare ha una velocità media di 160 kmh -1 in inverno e di 80 kmh -1 in estate. Il getto polare varia molto dall'estate all'inverno. In inverno un ramo del getto polare si trova sul Mediterraneo. A esso è associato il fronte mediterraneo, che esiste appunto solo in inverno. Il getto subtropicale si trova in generale a N/S. Può essere caratterizzato non da marcati contrasti di temperatura a terra, ma piuttosto da gradienti di temperatura relativamente forti nella media troposfera. Il getto subtropicale è generalmente più debole e situato a quota più alte di quelle a cui si trova il getto polare. E` associato meno comunemente a cicloni che si spostano; può invece essere accompagnato da periodi sporadici di forte convezione, con forti rovesci di pioggia. Nell'emisfero settentrionale il getto subtropicale si indebolisce considerevolmente in estate, fin quasi a sparire. Quando il getto polare si spinge fino alle latitudini subtropicali, può fondersi con quello subtropicale, formando una sola corrente a getto.

9 Nell'America del Nord il getto polare è generalmente vicino al confine tra Stati Uniti e Canada e quello subtropicale vicino al confine tra Stati Uniti e Messico. In inverno, con un arrivo di aria artica freddissima, il getto polare può spingersi fino alla parte meridionale degli Stati Uniti e fondersi con quello subtropicale. Nell'emisfero meridionale le correnti a getto sono meno variabili, perchè a causa della minore estensione delle masse continentali i confini tra masse d'aria con diversa temperatura sono soggetti a spostamenti minori. Esistono altre correnti a getto, oltre a quella polare e a quella subtropicale. Nelle regioni tropicali dell'emisfero settentrionale (sopra Africa, India e Sud-Est asiatico) c'è in estate un getto ad alta quota detto getto tropicale da est. Questo getto si trova a 15 N sopra regioni continentali ed è dovuto ai forti contrasti di riscaldamento nel senso della latitudine, che ci sono sui continenti ma non sul mare. Nella stratosfera c'è il getto della notte polare in inverno. Indirizzi Internet per figure relative alle correnti a getto Per immagini relative a situazioni osservate: Per l'andamento medio delle correnti a getto:

10

11

12

13

14

15

16

17 Indirizzi Internet per figure relative alle correnti oceaniche Per una carta delle correnti di superficie: Per una carta delle correnti di superficie e di profondità:

18

La pressione atmosferica e i venti

La pressione atmosferica e i venti La pressione atmosferica e i venti Come ogni materia sottoposta all attrazione terrestre anche l atmosfera ha un peso Pressione = rapporto fra il peso dell aria e la superficie su cui agisce A livello

Dettagli

La pressione atmosferica

La pressione atmosferica La pressione atmosferica Nell'atmosfera ogni strato d'aria subisce una pressione che è dovuta al peso degli strati d'aria ad esso sovrastanti lungo la verticale. L'aria rimane quindi aderente alla superficie

Dettagli

MASSE D ARIA E PERTURBAZIONI

MASSE D ARIA E PERTURBAZIONI MASSE D ARIA E PERTURBAZIONI LE MASSE D ARIA La troposfera si compone di diverse porzioni d aria grandi, mutevoli e distinte le une dalle altre denominate masse d aria Caratteristiche di una massa d aria:

Dettagli

Cenni di meteorologia e valutazione oggettiva delle condizioni meteorologiche.

Cenni di meteorologia e valutazione oggettiva delle condizioni meteorologiche. Cenni di meteorologia e valutazione oggettiva delle condizioni meteorologiche. Poiché le situazioni meteo estive sulle regioni alpine e appenniniche sono mutevoli e incostanti è bene conoscere gli elementi

Dettagli

I FATTORI CHE DETERMINANO IL CLIMA

I FATTORI CHE DETERMINANO IL CLIMA UNITA N 10 I FATTORI CHE DETERMINANO IL CLIMA Quali sono i fattori che influenzano il clima? Si chiamano fattori climatici le condizioni che producono variazioni negli elementi del clima. Molto importante

Dettagli

I cambiamenti climatici. Prof.Giampiero Maracchi Direttore Istituto di Biometeorologia -CNR

I cambiamenti climatici. Prof.Giampiero Maracchi Direttore Istituto di Biometeorologia -CNR I cambiamenti climatici Prof.Giampiero Maracchi Direttore Istituto di Biometeorologia -CNR Bilancio Radiativo Bilancio Radiativo su scala globale alla superficie e al top dell atmosfera della radiazione

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Le correnti e le maree. Liceo Antonio Meucci Dipartimento di Scienze. Prof. Neri Rolando

Le correnti e le maree. Liceo Antonio Meucci Dipartimento di Scienze. Prof. Neri Rolando 1 Le correnti e le maree Liceo Antonio Meucci Dipartimento di Scienze Prof. Neri Rolando Le correnti marine Le correnti marine sono spostamenti orizzontali di ingenti masse di acqua che seguono direzioni

Dettagli

5.- Il vento. Da PROTEZIONE CIVILE Educational su www.casaleinforma.it/pcivile

5.- Il vento. Da PROTEZIONE CIVILE Educational su www.casaleinforma.it/pcivile 5.- Il vento Viene definita vento una massa d aria che si sposta in senso prevalentemente orizzontale da zone di alta pressione, anticicloni, a zone di bassa pressione, cicloni. I venti possono essere

Dettagli

CORSO DI METEOROLOGIA GENERALE E AERONAUTICA 5 - Il Vento

CORSO DI METEOROLOGIA GENERALE E AERONAUTICA 5 - Il Vento CORSO DI METEOROLOGIA GENERALE E AERONAUTICA 5 - Il Vento DEFINIZIONE - ORIGINE - FORZE FONDAMENTALI VENTO IN QUOTA E VENTO AL SUOLO EQUAZIONE GENERALE DEL VENTO RAPPRESENTAZIONE METEOROLOGICA DEL VENTO

Dettagli

30 o maggiori. Temperature medie di Gennaio

30 o maggiori. Temperature medie di Gennaio La ZIC Aride sigle talvolta dalla musicalità dissonante nascondono spesso sconfinati campi di esistenza di fenomeni complessi e di difficili realtà,per la descrizione delle quali occorrono vaste conoscenze,

Dettagli

Soluzione. Calcolo la frequenza di Brunt-Väisälä: Γ Γ=0.0127. Calcolo il periodo: = 2 =494.7. Ricavo la velocità del vento: = =10000 494.7 =20.

Soluzione. Calcolo la frequenza di Brunt-Väisälä: Γ Γ=0.0127. Calcolo il periodo: = 2 =494.7. Ricavo la velocità del vento: = =10000 494.7 =20. Problema 1 Uno flusso di aria secca scorre al di sopra di un terreno montano nel quale sono presenti due catene montuose parallele distanti 1 km nella direzione del vento. Il gradiente termico verticale

Dettagli

METEOROLOGIA AERONAUTICA

METEOROLOGIA AERONAUTICA METEOROLOGIA AERONAUTICA La meteorologia aeronautica è la scienza che descrive i fenomeni meteorologici pericolosi per il volo. Questi sono: la turbolenza (trattata nella parte I) il wind shear (trattato

Dettagli

IL SOLE RISCALDA TERRA: TEMPERATURA, LUCE E COLORE

IL SOLE RISCALDA TERRA: TEMPERATURA, LUCE E COLORE COMPOSIZIONE E STRUTTURA massa totale: 5.1 1018 kg = 5.1 1015 t = 5.1 1012 Gg (giga-) = 5.1 109 Tg (tera-) = 5.1 106 Pg (peta-) = 5.1 103 Eg (exa-) = 5.1 Zg (zeta-) di cui vapore acqueo: 0.017 1021 g =

Dettagli

Il taccuino dell esploratore

Il taccuino dell esploratore Il taccuino dell esploratore a cura di ORESTE GALLO (per gli scout: Lupo Tenace) QUARTA CHIACCHIERATA IL VENTO Durante la vita all aperto, si viene a contatto con un elemento naturale affascinante che

Dettagli

Le regioni polari motori della circolazione oceanica e del clima globale

Le regioni polari motori della circolazione oceanica e del clima globale Giornata della cultura 16 Marzo 2006 Le regioni polari motori della circolazione oceanica e del clima globale Prof. Giancarlo Spezie Attendiamo però i risultati del carotaggio di Dome-C (EPICA Project)

Dettagli

RADIAZIONE SOLARE. 99% dell energia compresa in λ 0.15 4 µ: 9% nell uv (λ < 0.4µ) 49% nel visibile (0.4 < λ < 0.8µ) 42% nell IR (λ > 0.

RADIAZIONE SOLARE. 99% dell energia compresa in λ 0.15 4 µ: 9% nell uv (λ < 0.4µ) 49% nel visibile (0.4 < λ < 0.8µ) 42% nell IR (λ > 0. BILANCIO AL TOP DELL ATMOSFERA RADIAZIONE SOLARE 99% dell energia compresa in λ 0.15 4 µ: 9% nell uv (λ < 0.4µ) 49% nel visibile (0.4 < λ < 0.8µ) 42% nell IR (λ > 0.8µ) L intensità della radiazione solare

Dettagli

CORSO DI METEOROLOGIA GENERALE E AERONAUTICA 3 - Circolazione Generale Atmosferica

CORSO DI METEOROLOGIA GENERALE E AERONAUTICA 3 - Circolazione Generale Atmosferica CORSO DI METEOROLOGIA GENERALE E AERONAUTICA 3 - ANALISI DELLA C. G. A. FORZA DEVIANTE DI CORIOLIS CONSEGUENZE DELLA C.G.A. CIRCOLAZIONI TERMICHE CIRCOLAZIONE DELLE MEDIE LATITUDINI Dr. Marco Tadini meteorologo

Dettagli

Il calore del sole e le fasce climatiche della terra

Il calore del sole e le fasce climatiche della terra Il calore del sole e le fasce climatiche della terra 1 Il sole trasmette energia e calore alla terra. Ma, dato che la terra ha una forma simile a quella di una sfera, che ruota su se stessa attorno a un

Dettagli

L'atmosfera è sede di fenomeni termodinamici e fluidodinamici, rappresentabili con modelli matematici molto complessi.

L'atmosfera è sede di fenomeni termodinamici e fluidodinamici, rappresentabili con modelli matematici molto complessi. Premessa L'atmosfera è sede di fenomeni termodinamici e fluidodinamici, rappresentabili con modelli matematici molto complessi. Clima: condizioni atmosferiche che si ripetono; fattori essenziali del clima

Dettagli

6. Le conseguenze del moto di rivoluzione

6. Le conseguenze del moto di rivoluzione eclittica cerchio massimo sulla sfera celeste percorso apparente del Sole durante l'anno. interseca l'equatore celeste in due punti o nodi : Punto vernale (o punto γ o punto di Ariete) nodo ascendente.

Dettagli

Liceo Socio Pedagogico Parma - Scienze della Terra Prof. Roberto Cavalieri FILA 2. Nome e cognome classe data

Liceo Socio Pedagogico Parma - Scienze della Terra Prof. Roberto Cavalieri FILA 2. Nome e cognome classe data Liceo Socio Pedagogico Parma - Scienze della Terra Prof. Roberto Cavalieri FILA 2 Nome e cognome classe data 01. Completa le seguenti frasi inserendo i termini appropriati: La superficie di contatto tra

Dettagli

Analisi statistica inverni in Pianura padana in presenza del Nino

Analisi statistica inverni in Pianura padana in presenza del Nino Analisi statistica inverni in Pianura padana in presenza del Nino In questa ricerca puramente statistica abbiamo pensato di mettere a confronto tutti gli inverni del passato concomitanti alla presenza

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

METEOROLOGIA AERONAUTICA

METEOROLOGIA AERONAUTICA METEOROLOGIA AERONAUTICA Parte I 24/07/12 enav.it METEOROLOGIA AERONAUTICA La meteorologia aeronautica è la scienza che descrive i fenomeni meteorologici pericolosi per il volo. Questi sono: la turbolenza

Dettagli

Giugno 2015. Il Clima in Piemonte. Arpa Piemonte Sistemi Previsionali

Giugno 2015. Il Clima in Piemonte. Arpa Piemonte Sistemi Previsionali Il Clima in Piemonte Giugno 2015 In Piemonte il mese di Giugno 2015 è risultato al di sopra della media climatologica degli anni 1971-2000 dal punto di vista termometrico; leggermente superiore alla norma

Dettagli

Istituto Figlie di Betlem classe V a.s. 2006/2007

Istituto Figlie di Betlem classe V a.s. 2006/2007 Istituto Figlie di Betlem classe V a.s. 2006/2007 Mettiamoci in gioco! Incontro con l esperta del Biolab nella nostra scuola Com è grande l Europa! Le alte e le basse pressioni atmosferiche comportano

Dettagli

CIRCOLAZIONE GENERALE DELL'ATMOSFERA

CIRCOLAZIONE GENERALE DELL'ATMOSFERA I modelli di circolazione dell'atmosfera La circolazione generale dell'atmosfera è finalizzata a garantire l'equilibrio termico della Terra. Se la Terra fosse interamente coperta di acqua, non ruotasse

Dettagli

MASSE D ARIA E FRONTI. Prof.ssa C. Agizza

MASSE D ARIA E FRONTI. Prof.ssa C. Agizza MASSE D ARIA E FRONTI Prof.ssa C. Agizza 1 Porzione limitata di atmosfera. Si può estendere verticalmente fino al limite della troposfera. Massa d aria Caratterizzata da temperatura e umidità. Può coprire

Dettagli

Fondamenti di meteorologia e climatologia. Esercitazione: lettura dei modelli meteorologici

Fondamenti di meteorologia e climatologia. Esercitazione: lettura dei modelli meteorologici Esercitazione: lettura dei modelli meteorologici Fondamenti di meteorologia e climatologia Contenuti dell esercitazione Durante l esercitazione sará utilizzato un software per la visualizzazione degli

Dettagli

CLIMI E ZONE CLIMATICHE

CLIMI E ZONE CLIMATICHE CLIMI E ZONE CLIMATICHE Tempo atmosferico e clima TEMPO ATMOSFERICO (O METEOROLOGICO) = Condizioni atmosferiche di breve durata, che esistono in un dato momento in una determinata area Il tempo atmosferico

Dettagli

LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE

LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE UNIVERSITA DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI INGEGNERIA LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE AEROPORTUALI ED ELIPORTUALI LECTURE 08 METEOROLOGIA NELLA PROGETTAZIONE

Dettagli

ANALISI METEO-CLIMATICA SALENTINA: OTTOBRE 2010

ANALISI METEO-CLIMATICA SALENTINA: OTTOBRE 2010 Associazione MeteoNetwork Onlus - Sezione Puglia Via A. Cozza, 9 73100 Lecce www.meteonetwork.it/sezioni/regionali/puglia sezione@puglia.meteonetwork.it ANALISI METEO-CLIMATICA SALENTINA: OTTOBRE 2010

Dettagli

Gennaio INQUADRAMENTO METEOROLOGICO DEL 2011

Gennaio INQUADRAMENTO METEOROLOGICO DEL 2011 INQUADRAMENTO METEOROLOGICO DEL 2011 L analisi meteorologica del 2011 è stata svolta analizzando i vari periodi dell anno e raggruppando insieme (quando possibile) i mesi che hanno avuto una configurazione

Dettagli

MET-D CIRCOLAZIONE GENERALE DELL ATMOSFERA. Prof.ssa C. Agizza

MET-D CIRCOLAZIONE GENERALE DELL ATMOSFERA. Prof.ssa C. Agizza MET-D CIRCOLAZIONE GENERALE DELL ATMOSFERA Prof.ssa C. Agizza 1 Energia solare distribuita in modo non omogeneo sulla Terra Il gradiente termico determina lo spostamento di aria calda Circolazione generale

Dettagli

Vento. Classificazione e nomenclatura dei venti [modifica]

Vento. Classificazione e nomenclatura dei venti [modifica] Vento Il vento è il movimento di una massa d'aria atmosferica da un'area con alta pressione (anticiclonica) ad un'area con bassa pressione(ciclonica). In genere con tale termine si fa riferimento alle

Dettagli

La scuola integra culture. Scheda3c

La scuola integra culture. Scheda3c Scheda3c Gli ELEMENTI DEL CLIMA che caratterizzano le condizioni meteorologiche di una regione sono: la temperatura, la pressione atmosferica, i venti, l umidità e le precipitazioni. La temperatura è data

Dettagli

LA ROSA DEI VENTI. Roberto Romagnoli

LA ROSA DEI VENTI. Roberto Romagnoli LA ROSA DEI VENTI Le prime notizie sulla Rosa dei Venti risalgono ai poemi omerici in cui si menzionano quattro venti sempre riferiti a personaggi mitologici. E da notare che nello stesso tempo anche gli

Dettagli

IL CLIMA IN EUROPA PRINCIPALI TIPI DI CLIMA CHE SI INCONTRANO IN EUROPA. ATLANTICO ALPINO MEDITERRANEO CONTINENTALE U N I T A N 1 1

IL CLIMA IN EUROPA PRINCIPALI TIPI DI CLIMA CHE SI INCONTRANO IN EUROPA. ATLANTICO ALPINO MEDITERRANEO CONTINENTALE U N I T A N 1 1 U N I T A N 1 1 IL CLIMA IN EUROPA PRINCIPALI TIPI DI CLIMA CHE SI INCONTRANO IN EUROPA. ATLANTICO ALPINO MEDITERRANEO CONTINENTALE Libro di geografia classe 1 - Scuola secondaria di primo grado Pagina

Dettagli

ASTRONOMIA SISTEMI DI RIFERIMENTO

ASTRONOMIA SISTEMI DI RIFERIMENTO Sfera celeste ASTRONOMIA Il cielo considerato come l'interno di una sfera cava al fine di descrivere le posizioni e i movimenti degli oggetti astronomici. Ogni particolare osservatore è situato al centro

Dettagli

La rappresentazione fornita dalle carte geografiche è:

La rappresentazione fornita dalle carte geografiche è: Le proiezioni geografiche La rappresentazione fornita dalle carte geografiche è: approssimata ridotta simbolica È approssimata perché non è possibile sviluppare su un piano una superficie sferica senza

Dettagli

Meteorologia Sinottica Proprietà dell Atmosfera PRESSIONE ATMOSFERICA. (parte 3^) 1

Meteorologia Sinottica Proprietà dell Atmosfera PRESSIONE ATMOSFERICA. (parte 3^) 1 PRESSIONE ATMOSFERICA (parte 3^) 1 PRESSIONE ATMOSFERICA misura della pressione atmosferica: barometri barometro a mercurio (Torricelli( Torricelli) è il più accurato necessita di correzioni per: altitudine

Dettagli

CORSO DI METEOROLOGIA GENERALE E AERONAUTICA 6 - Le Correnti a Getto

CORSO DI METEOROLOGIA GENERALE E AERONAUTICA 6 - Le Correnti a Getto CORSO DI METEOROLOGIA GENERALE E AERONAUTICA 6 - DEFINIZIONE - ANALISI - GETTO POLARE GETTI A BASSA QUOTA - GETTO SUBTROPICALE GETTO TROPICALE DA EST C.A.T. - CLEAR AIR TURBULENCE Dr. Marco Tadini meteorologo

Dettagli

Aria in movimento. I moti dell aria. Introduzione. Masse d aria in movimento. Un po di fisica: l effetto Coriolis

Aria in movimento. I moti dell aria. Introduzione. Masse d aria in movimento. Un po di fisica: l effetto Coriolis Aria in movimento Introduzione E' difficile costruire un modello della circolazione atmosferica, perchè moltissimi fattori concorrono agli spostamenti delle masse d'aria nell'atmosfera, tuttavia il principio

Dettagli

I Biomi. Corso di Ecologia Applicata - Prof. Simona Castaldi Dipartimento di Scienze Ambientali - SUN

I Biomi. Corso di Ecologia Applicata - Prof. Simona Castaldi Dipartimento di Scienze Ambientali - SUN I Biomi Corso di Ecologia Applicata - Prof. Simona Castaldi Dipartimento di Scienze Ambientali - SUN La vita delle piante e degli animali delle comunità naturali è determinata principalmente dal clima

Dettagli

METEOTRENTINO REPORT

METEOTRENTINO REPORT Provincia Autonoma di Trento METEOTRENTINO REPORT ANALISI CLIMATICA DELL ESTATE 2014 L estate 2014 (trimestre giugno-luglio-agosto 2014) verrà ricordata come particolarmente anomala sia nella nostra regione

Dettagli

REPORT EVENTO METEO-IDROLOGICO DEI GIORNI 10 12 FEBBRAIO 2014

REPORT EVENTO METEO-IDROLOGICO DEI GIORNI 10 12 FEBBRAIO 2014 Regione Toscana Servizio Idrologico Regionale CENTRO FUNZIONALE DELLA REGIONE TOSCANA DL 11/07/1998, n. 180; Legge 3/08/1998, n. 267; DPCM del 15/12/1998 Delibera G.R. n. 1003 del 10/09/2001; Delibera

Dettagli

Erickson. Le carte geografiche, il tempo e il clima, il paesaggio italiano. Scuola primaria. Carlo Scataglini. Collana diretta da Dario Ianes

Erickson. Le carte geografiche, il tempo e il clima, il paesaggio italiano. Scuola primaria. Carlo Scataglini. Collana diretta da Dario Ianes Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Carlo Scataglini GEOGRAFIA facile per la classe quarta Le carte geografiche, il tempo

Dettagli

Il radar meteorologico

Il radar meteorologico Il radar meteorologico Il radar meteorologico è uno strumento che sfrutta impulsi di onde elettromagnetiche per rilevare la presenza in atmosfera di idrometeore (goccioline d acqua, cristalli di neve o

Dettagli

TERRA: FORMA E MOVIMENTI

TERRA: FORMA E MOVIMENTI ISTITUTO AMSICORA I.P.I.A. OLBIA TERRA: FORMA E MOVIMENTI PROF.SSA PORTAS NERINA FORMA E MOVIMENTI DELLA TERRA La Terra e' il terzo pianeta del Sistema Solare, ha un raggio di 6378 km e dista dal Sole

Dettagli

Aprile (recupero) tra una variazione di velocità e l intervallo di tempo in cui ha luogo.

Aprile (recupero) tra una variazione di velocità e l intervallo di tempo in cui ha luogo. Febbraio 1. Un aereo in volo orizzontale, alla velocità costante di 360 km/h, lascia cadere delle provviste per un accampamento da un altezza di 200 metri. Determina a quale distanza dall accampamento

Dettagli

TERRA. 2012 Copyright lamaestraenza.altervista.org

TERRA. 2012 Copyright lamaestraenza.altervista.org TERRA Terzo pianeta in ordine di distanza dal Sole, la Terra si è formata 4,5 miliardi di anni fa insieme a tutti gli altri corpi che popolano il sistema solare. Essa ha una forma quasi sferica a causa

Dettagli

Corso di Idraulica ed Idrologia Forestale

Corso di Idraulica ed Idrologia Forestale Corso di Idraulica ed Idrologia Forestale Docente: Prof. Santo Marcello Zimbone Collaboratori: Dott. Giuseppe Bombino - Ing. Demetrio Zema Lezione n. 14: Ciclo e bilancio idrologico Anno Accademico 2008-2009

Dettagli

Il geopotenziale, significato e suo uso nelle carte meteorologiche

Il geopotenziale, significato e suo uso nelle carte meteorologiche Il geopotenziale, significato e suo uso nelle carte meteorologiche A cura di Fabio Turetti Leggiamo spesso nelle previsioni e in articoli di meteorologia il termine geopotenziale. Vediamo di chiarire un

Dettagli

LA FORZA DI CORI OLIS

LA FORZA DI CORI OLIS LA FORZA DI CORIOLIS La forza di Coriolis, dal nome del fisico francese Gaspard Coriolis (1792-1843), è una forza fittizia alla quale è soggetto un corpo che si muove entro un sistema in rotazione. Questa

Dettagli

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Abano Terme, 27 29 Aprile 2007 Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Adriano Barbi, Alessandro Chiaudani, Irene Delillo ARPAV Centro Meteorologico di Teolo Sabato 28 Aprile 2007 In collaborazione con

Dettagli

RAPPORTO DI EVENTO METEOIDROLOGICO DEL 15-17/02/2010

RAPPORTO DI EVENTO METEOIDROLOGICO DEL 15-17/02/2010 RAPPORTO DI EVENTO METEOIDROLOGICO DEL 15-17/02/2010 (redatto da B. Turato, L. Napolitano) Abstract...1 1 Analisi meteorologica...1 2 Dati Osservati...4 2.1 Analisi anemometrica...4 2.2 Analisi nivologica...4

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE E AMBIENTALI PRODUZIONE, TERRITORIO, AGROENERGIA LA PIOGGIA.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE E AMBIENTALI PRODUZIONE, TERRITORIO, AGROENERGIA LA PIOGGIA. DIPARTIMENTO DI SCIENZE AGRARIE E AMBIENTALI PRODUZIONE, TERRITORIO, AGROENERGIA LA PIOGGIA Marco Acutis Corso di studi in Produzione e Protezione delle Piante e dei Sistemi del Verde L acqua Fondamentale

Dettagli

Carte meteorologiche, fronti, instabilità

Carte meteorologiche, fronti, instabilità Carte meteorologiche, fronti, instabilità Le scale meteorologiche Le masse d aria Alte e basse pressioni Le carte meteorologiche I sistemi frontali Plampincieux, 28 maggio 2007 Le scale meteorologiche

Dettagli

La primavera meteorologica 2010

La primavera meteorologica 2010 La primavera meteorologica 2010 L inizio della primavera, contrariamente alla precedente stagione, presenta una decisa anomalia negativa di precipitazione concentrata principalmente nel mese di aprile,

Dettagli

1 Gli effetti della forza di Coriolis

1 Gli effetti della forza di Coriolis LA FORZA DI CORIOLIS di Giulio Mazzolini 2012 1 Gli effetti della forza di Coriolis È un effetto noto che i venti nell emisfero nord deviano sempre verso destra, invece nell emisfero sud deviano sempre

Dettagli

CRONACA METEO SUD AMERICA

CRONACA METEO SUD AMERICA CRONACA METEO SUD AMERICA A cura di: Gustavo Pittaluga L'estate in Sud America - emisfero australe (dicembre 2005, gennaio e febbraio 2006) Il trimestre estivo 2005-2006 registra degli scarti delle temperature,

Dettagli

IL GLOBAL WARMING TORNA AD AUMENTARE Tutta colpa delle SSTA polari? Sarà solo un aumento temporaneo? Il GW è agli sgoccioli?

IL GLOBAL WARMING TORNA AD AUMENTARE Tutta colpa delle SSTA polari? Sarà solo un aumento temporaneo? Il GW è agli sgoccioli? IL GLOBAL WARMING TORNA AD AUMENTARE Tutta colpa delle SSTA polari? Sarà solo un aumento temporaneo? Il GW è agli sgoccioli? Breve studio di Andrea Corigliano È noto che la temperatura media del pianeta

Dettagli

Ottobre 2014. Il Clima in Piemonte. Arpa Piemonte Sistemi Previsionali

Ottobre 2014. Il Clima in Piemonte. Arpa Piemonte Sistemi Previsionali Il Clima in Piemonte Ottobre 2014 In Piemonte il mese di Ottobre 2014 è stato caratterizzato da temperature superiori alla norma e precipitazioni inferiori alla climatologia del periodo 1971-2000. E risultato

Dettagli

Il clima delle Alpi e della Valle d Aosta

Il clima delle Alpi e della Valle d Aosta Il clima delle Alpi e della Valle d Aosta Il clima delle Alpi Il clima della Valle d Aosta Precipitazioni durante l alluvione del 2000 Temperature estreme registrate in Valle d Aosta Il ruolo delle montagne

Dettagli

Propagazione Troposferica

Propagazione Troposferica Propagazione Troposferica 1 Valeria Petrini, Ph.D. Student DEIS/ARCES - Fondazione Ugo Bordoni valeria.petrini@unibo.it Introduzione (1) 2 Una corretta caratterizzazione dei collegamenti radio non può

Dettagli

Figura 4. Conclusione

Figura 4. Conclusione Forza di Coriolis La forza di Coriolis é una forza che si manifesta su un corpo all interno di un sistema di riferimento (SDR) rotante, quale la terra che ruota su se stessa, quando il corpo stesso si

Dettagli

L umidità atmosferica

L umidità atmosferica L umidità atmosferica Gli stati fisici dell acqua Nell atmosfera è sempre contenuta una certa quantità di acqua, in parte allo stato solido e liquido (nubi), in parte allo stato gassoso. Quest ultima deriva

Dettagli

19 Il campo elettrico - 3. Le linee del campo elettrico

19 Il campo elettrico - 3. Le linee del campo elettrico Moto di una carica in un campo elettrico uniforme Il moto di una particella carica in un campo elettrico è in generale molto complesso; il problema risulta più semplice se il campo elettrico è uniforme,

Dettagli

VERIFICA Climi e biomi I/1 I/2 I/3. Vero o Falso? Vero o Falso? Indica tra quelli elencati quali sono gli elementi che determinano il clima.

VERIFICA Climi e biomi I/1 I/2 I/3. Vero o Falso? Vero o Falso? Indica tra quelli elencati quali sono gli elementi che determinano il clima. ERIICA Climi e biomi Cognome Nome Classe Data I/1 ero o also? Il clima della fascia mediterranea è caratterizzato da estati calde e siccitose La regione della vite corrisponde all incirca alla fascia climatica

Dettagli

Le principali situazioni meteo sull Italia Liberamente tratto dagli appunti di Achille Bardelli da Magnaghi Piero

Le principali situazioni meteo sull Italia Liberamente tratto dagli appunti di Achille Bardelli da Magnaghi Piero e principali situazioni meteo sull Italia iberamente tratto dagli appunti di Achille Bardelli da Magnaghi Piero Il capitolo precedente ha illustrato la previsione della giornata di volo attraverso uno

Dettagli

LA FORMA DELLA TERRA

LA FORMA DELLA TERRA LA FORMA DELLA TERRA La forma approssimativamente sferica della Terra può essere dimostrata con alcune prove fisiche, valide prima che l Uomo osservasse la Terra dallo Spazio: 1 - Avvicinamento di una

Dettagli

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO. AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.EU Tra le giornate di martedì 7 e venerdì 10 Settembre 2010, il Veneto è stato interessato

Dettagli

MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO ELETTRICO UNIFORME

MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO ELETTRICO UNIFORME 6. IL CONDNSATOR FNOMNI DI LTTROSTATICA MOTO DI UNA CARICA IN UN CAMPO LTTRICO UNIFORM Il moto di una particella carica in un campo elettrico è in generale molto complesso; il problema risulta più semplice

Dettagli

L'ARIA. L'aria. L'atmosfera. L'aria secca è una miscela di gas formata da:

L'ARIA. L'aria. L'atmosfera. L'aria secca è una miscela di gas formata da: L'aria L'aria secca è una miscela di gas formata da: Nome Formula % Massa (u.m.a.) 1 Azoto N 2 78,00 28 Ossigeno O 2 21,00 32 An. carbonica CO 2 0,03 44 Gas rari tracce L'aria contiene inoltre: pulviscolo

Dettagli

Numero di mesi autunnali con NAO positiva oppure negativa PERIODO MESI CON NAO POSITIVA MESI CON NAO NEGATIVA 1979-1989 17 16 1990-2001 12 24

Numero di mesi autunnali con NAO positiva oppure negativa PERIODO MESI CON NAO POSITIVA MESI CON NAO NEGATIVA 1979-1989 17 16 1990-2001 12 24 In autunno l Anticiclone delle Azzorre, contrariamente a quanto accade in inverno, tende a mantenersi verso latitudini più basse che nel passato, consentendo così al Ciclone dell Islanda di scendere verso

Dettagli

Definizione onda di calore:

Definizione onda di calore: AGGIORNAMENTO DELLA TESI : ASPETTI CLIMATICI E METEOROLOGICI DELLE ONDATE DI CALORE IN VENETO NEL PERIODO 99-. Definizione onda di calore: T e 3 C per 3 giorni consecutivi ONDATE DI CALORE Nel il tempo

Dettagli

Lineamenti Geografici

Lineamenti Geografici Peculiarità del continente Numerose peculiarità differenziano l'antartide dagli altri continenti della Terra. Innanzi tutto, si caratterizza per la presenza di una calotta glaciale che copre la quasi totalità

Dettagli

Clima e parametri climatici 1

Clima e parametri climatici 1 Corso di Fisica Tecnica Ambientale Architettura-energia-ambiente: introduzione alla sostenibilità Laboratorio Integrato 1 anno CLASARCH indirizzo sostenibilità Clima e parametri climatici 1 Università

Dettagli

4 Azioni sulle costruzioni

4 Azioni sulle costruzioni 4 Azioni sulle costruzioni Classificazione delle azioni 1/2 Si definisce azione ogni causa o insieme di cause capace di indurre stati limite in una struttura. Si definisce sollecitazione ogni effetto interno

Dettagli

Ritorna la neve a Cagliari

Ritorna la neve a Cagliari Ritorna la neve a Cagliari A cura di Matteo Tidili Domenica 3 gennaio 1993: Cagliari si sveglia, già imbiancata dai rovesci della notte, sotto un abbondante nevicata che prosegue ininterrotta fino a tarda

Dettagli

CAPITOLO III L ATMOSFERA 3.1 STRUTTURA DELL ATMOSFERA

CAPITOLO III L ATMOSFERA 3.1 STRUTTURA DELL ATMOSFERA CAPITOLO III L ATMOSFERA 3.1 STRUTTURA DELL ATMOSFERA L'atmosfera è formata da diversi strati ideali, che presentano caratteristiche fisiche e chimico-fisiche variabili con la quota (temperatura, pressione,

Dettagli

1 Tempo del Sole e tempo degli orologi

1 Tempo del Sole e tempo degli orologi Lucia Corbo e Nicola Scarpel 3SD TEMPO SOLARE E LONGITUDINE 1 Tempo del Sole e tempo degli orologi La durata del giorno solare, cioè il tempo che intercorre tra due passaggi del Sole in meridiano in una

Dettagli

L INVERNO meteorologico 2011

L INVERNO meteorologico 2011 L INVERNO meteorologico 2011 I primi tre mesi dell anno, oltre ad avere nel complesso temperature abbastanza in linea con i valori attesi per la stagione (ad eccezione di febbraio che presenta una lieve

Dettagli

ANALISI CLIMATICA DELL INVERNO 2014-2015

ANALISI CLIMATICA DELL INVERNO 2014-2015 Provincia Autonoma di Trento METEOTRENTINO REPORT ANALISI CLIMATICA DELL INVERNO 214-215 Dipartimento Protezione Civile Servizio Prevenzione Rischi Ufficio Previsioni e Pianificazione Via Vannetti, 41-381

Dettagli

Fisica Generale 1 per Ing. Gestionale e Chimica (Prof. F. Forti) A.A. 2011/12 Appello del 29/01/2013.

Fisica Generale 1 per Ing. Gestionale e Chimica (Prof. F. Forti) A.A. 2011/12 Appello del 29/01/2013. Fisica Generale per Ing. Gestionale e Chimica (Prof. F. Forti) A.A. 20/2 Appello del 29/0/203. Tempo a disposizione: 2h30. Scrivere solamente su fogli forniti Modalità di risposta: spiegare sempre il procedimento

Dettagli

Scuola Media Piancavallo www.scuolapiancavallo.it pagina 1 di 5

Scuola Media Piancavallo www.scuolapiancavallo.it pagina 1 di 5 L Africa è il terzo continente della terra per superficie. Ha una forma simile a un triangolo, le coste sono poco articolate. A ovest è bagnata dall Oceano Atlantico, a sud è bagnata dall Oceano Indiano

Dettagli

Ottobre 2015. Bollettino del clima Ottobre 2015. MeteoSvizzera. Inizio di mese freddo. Correnti da ovest e da sudovest. Breve estate indiana

Ottobre 2015. Bollettino del clima Ottobre 2015. MeteoSvizzera. Inizio di mese freddo. Correnti da ovest e da sudovest. Breve estate indiana Ottobre 2015 MeteoSvizzera Bollettino del clima Ottobre 2015 10 novembre 2015 Forti nevicate fino a basse quote e temperature gelide, perlomeno al nord delle Alpi, alternate a periodi di splendido tempo

Dettagli

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT.

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. Parte 2 - METEOROLOGIA 1 L umidità assoluta si definisce come: A) La quantità in grammi di vapore acqueo contenuta in un metro cubo di aria

Dettagli

Contesto 1 - dai sistemi di bassa pressione ai cicloni

Contesto 1 - dai sistemi di bassa pressione ai cicloni www.atmosphere.mpg.de/enid/accentit > Speciale: Cicloni > C: Contesto 1 Contesto 1 - dai sistemi di bassa pressione ai cicloni Parole chiave: Dai sistemi di bassa pressione alle tempeste Le regioni in

Dettagli

IL CAMPO MAGNETICO. V Scientifico Prof.ssa Delfino M. G.

IL CAMPO MAGNETICO. V Scientifico Prof.ssa Delfino M. G. IL CAMPO MAGNETICO V Scientifico Prof.ssa Delfino M. G. UNITÀ - IL CAMPO MAGNETICO 1. Fenomeni magnetici 2. Calcolo del campo magnetico 3. Forze su conduttori percorsi da corrente 4. La forza di Lorentz

Dettagli

LE MASSE DI ARIA FREDDA

LE MASSE DI ARIA FREDDA LE MASSE DI ARIA FREDDA di Andrea Corigliano Pubblicazione a cura del Comitato Scientifico MeteoNetwork Il Comitato ha per scopo lo sviluppo e la diffusione della conoscenza delle scienze meteorologiche,

Dettagli

Q 1 = +3 10-5 C carica numero 1 Q 2 = +4 10-5 C carica numero 2 forza esercitata tra le cariche distanza tra le cariche, incognita

Q 1 = +3 10-5 C carica numero 1 Q 2 = +4 10-5 C carica numero 2 forza esercitata tra le cariche distanza tra le cariche, incognita Problema n 1 A quale distanza, una dall'altra bisogna porre nel vuoto due cariche (Q 1 =3 10-5 C e Q 2 =4 10-5 C) perché esse esercitino una sull'altra la forza di 200 N? Q 1 = +3 10-5 C carica numero

Dettagli

Data di pubblicazione: Dicembre 2005

Data di pubblicazione: Dicembre 2005 Data di pubblicazione: Dicembre 2005 Dipartimento Protezione Civile e Tutela del Territorio Ufficio Previsioni e Organizzazione Internet:http://www.meteotrentino.it Provincia Autonoma di Trento Dipartimento

Dettagli

Elementi di meteorologia. Corso per docenti delle scuole primaria, secondaria di I e II grado

Elementi di meteorologia. Corso per docenti delle scuole primaria, secondaria di I e II grado Elementi di meteorologia Corso per docenti delle scuole primaria, secondaria di I e II grado 1 BOLLETTINO METEO Il sole riscalda la terra 2 Come si crea il tempo meteorologico? 3 Il sole riscalda la terra

Dettagli

I MOTI DELLA TERRA I MOTI LUNARI

I MOTI DELLA TERRA I MOTI LUNARI I MOTI DELLA TERRA alternanza dì-notte moto di rotazione moto di rivoluzione conseguenze conseguenze schiacciamento polare spostamento della direzione dei corpi in moto sulla superficie diversa durata

Dettagli

Qual è la distanza tra Roma e New York?

Qual è la distanza tra Roma e New York? Qual è la distanza tra Roma e New York? Abilità Conoscenze Nuclei coinvolti Utilizzare i vettori e il prodotto Elementi di geometria Spazio e figure scalare nello studio di problemi della sfera: del piano

Dettagli

FRATTURAZIONE Della LITOSFERA. MOVIMENTO Delle PLACCHE

FRATTURAZIONE Della LITOSFERA. MOVIMENTO Delle PLACCHE Tettonica a placche FRATTURAZIONE Della LITOSFERA MOVIMENTO Delle PLACCHE Placche Frammenti di litosfera Crosta continentale Crosta oceanica Crosta continentale + Crosta oceanica Cosa succede? Prima

Dettagli

GLI AMBIENTI L Antartide L Antartide è un continente, sepolto sotto una calotta di ghiaccio Dai suoi bordi si staccano degli iceberg Dalla calotta di ghiaccio emergono cime di montagne fra cui un grande

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE MARIE CURIE Savignano s. R. (FC) CLASSE 3C ESERCIZI SU MOMENTO ANGOLARE-ROTOLAMENTO. Esercizio.

LICEO SCIENTIFICO STATALE MARIE CURIE Savignano s. R. (FC) CLASSE 3C ESERCIZI SU MOMENTO ANGOLARE-ROTOLAMENTO. Esercizio. LICEO SCIENTIFICO STATALE MARIE CURIE Savignano s. R. (FC) CLASSE 3C ESERCIZI SU MOMENTO ANGOLARE-ROTOLAMENTO Esercizio Esercizio Esercizio Dati esercizio: I 1 =5,0 Kg m 2 I 2 =10 Kg m 2 ω i =10giri/sec

Dettagli