Italian Chamber of Commerce and Industry in Australia Melbourne Inc. ENERGIE RINNOVABILI in Australia Opportunità di Business

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Italian Chamber of Commerce and Industry in Australia Melbourne Inc. ENERGIE RINNOVABILI in Australia Opportunità di Business"

Transcript

1 Italian Chamber of Commerce and Industry in Australia Melbourne Inc. ENERGIE RINNOVABILI in Australia Opportunità di Business

2 AUSTRALIA/ENERGIA RINNOVABILE PANORAMICA (1) Nel 2009 gli investimenti globali in tecnologie per le energie pulite hanno superato quelli per le energie convenzionali, con una spesa di circa US$190 miliardi. In considerazione dell abbondanza di risorse naturali, l Australia ha sposato questa evoluzione, anche se evidenzia un ritardo rispetto ad altri paesi a causa della sua dipendenza dal combustibile fossile. L approvazione del Renewable Energy Target (RET), che punta a produrre il 20% del totale elettricità da risorse rinnovabili, è stato un segnale importante per l orientamento strategico australiano in campo energetico. L obiettivo ultimo è la riduzione della dipendenza dal carbone, anche per rispondere alla sfida del climate change. Ad oggi relativamente alla produzione di elettricità, le risorse naturali contribuiscono infatti solo per il 6% del totale, mentre il carbone rappresenta l 80,8%. Nel 2009, in Australia erano 305 i progetti con una produzione di energia rinnovabile superiore ai 100 kw, per un totale di capacità installata pari al MW, ovvero circa il 16% del totale (incluso sia risorse rinnovabili che combustibili fossili). 1

3 AUSTRALIA/ENERGIA RINNOVABILE - PANORAMICA (2) Il settore australiano delle energie rinnovabili è certamente nella sua fase di crescita, caratterizzata da ricavi in aumento, ingresso di operatori e progresso tecnologico. In aumento capacità ed output delle energie rinnovabili, con un +5,6% medio annuo dei ricavi del negli ultimi cinque anni, mentre il valore aggiunto di settore è aumentato del 5,1% su base annua, superando nettamente la crescita del 2,9% del PIL. Questo fattore ha chiaramente influito sulla crescita annua del 5% del numero di aziende e del 3,7% del numero dei dipendenti. Le previsioni per il periodo fino al 2016 sono di una crescita annua dei ricavi del 7,2%, per un totale di AU$ 1.8 miliardi. 2

4 AUSTRALIA/ENERGIA RINNOVABILE - PANORAMICA (3) Dati 2010: Ricavi per AU$ 1.3 miliardi, con un Profitto di AU$ milioni Crescita annuale del 5,6% / del 7,2% Aziende 380, con un totale salari di AU$ 86.7 milioni 3

5 AUSTRALIA/ENERGIA RINNOVABILE - PANORAMICA (4) Il settore delle energie rinnovabili fornisce la maggior parte della produzione a distributori e rivenditori di prodotti energetici. Relativamente agli utilizzatori finali, l industria manifatturiera richiede la maggior quota a causa dell elevato consumo di energia nelle varie fasi. Volumi consistenti sono ad esempio diretti ai settori minerario e dei servizi, interessati ai benefici sotto forma di risparmio e/o di rimborsi fiscali o sussidi ricevuti dal Governo. Nel caso di elettricità da energia solare, le unità abitative usufruiscono direttamente dell energia prodotta attraverso l installazione di pannelli solari. 4

6 AUSTRALIA/ENERGIA RINNOVABILE - EXPORT Il settore australiano delle energie rinnovabili produce prevalentemente per il mercato locale. Tuttavia nel 2008, è stata costituita la Renewable Energy and Energy Efficiency Partnership (REEEP) per valutare le potenzialità di esportazione verso mercati quali Cina, India, Indonesia e Sud-Est Asia. In considerazione della crescita di utilizzo energetico in questi paesi e della necessità di ridurre l emissione di gas serra (l India è al quinto posto nel mondo, subito dopo la Cina), l Australia vanta una posizione geografica ed una serie di accordi commerciali in grado di facilitare future transazioni. Il Governo sta quindi valutando come divenire fornitore di energia da risorse rinnovabili in campo internazionale, anche se l obiettivo a breve termine è il raggiungimento di un buon livello di efficienza a livello locale. Sono comunque diverse le aziende australiane che operano sul mercato globale, interessate a finanziare e sviluppare progetti in altri paesi anche con l obiettivo di creare joint-venture per la condivisione di know-how tecnologico. 5

7 AUSTRALIA/ENERGIA RINNOVABILE SUPPORTO GOVERNATIVO / RENEWABLE ENERGY TARGET Il Governo, sia a livello federale che statale, supporta il settore con finanziamenti e stimolando la realizzazione di progetti per la generazione di energie rinnovabili. L orientamento del Governo è il principale fattore critico di successo per garantire la crescita del mercato ed il sostegno della domanda. Nel 2009, il Clean Energy Council ha stimato che solo il 6% del totale produzione elettrica deriva da risorse rinnovabili. L iniziativa del Renewable Energy Target (RET) con il suo target al 20% entro il 2020 fornisce quindi un forte stimolo al mercato, iniettando finanziamenti per circa AU$ 20 miliardi e creando quasi posti di lavoro. Per raggiungere il target prefissato, il Governo ha dunque l obiettivo di passare dai GWh del 2010 a GWh entro il A febbraio 2010 il Governo ha annunciato una serie di modifiche al RET, in modo da venire incontro alle esigenze legate a: unità abitative, generatori di energie rinnovabili di grandi dimensioni ed impianti di piccole dimensioni (quali pannelli solari e per il riscaldamento dell acqua). 6

8 AUSTRALIA/ENERGIA RINNOVABILE SUPPORTO GOVERNATIVO / RENEWABLE ENERGY TARGET Queste modifiche, in atto dal gennaio 2011, creano sostanzialmente due categorie separate per l applicazione del RET, ovvero impianti/tecnologie di scala ridotta (SRES) e quelli di grandi dimensioni (LRES). Questo facilita il passaggio all utilizzo di energia elettrica da risorse rinnovabili e premia consumatori privati e fornitori commerciali con l emissione di Renewable Energy Certificates (RECs). Ad esempio, sotto la categoria SRES, un unità abitativa, che installi un sistema di pannelli solari per 1,5 KW, può ricevere in anticipo un contributo di AU$ Altre forme di supporto includono/hanno incluso recentemente iniziative governative quali i Green Loans per le unità abitative, il Renewable Energy Development Fund (investimento di oltre AU$ 700 milioni nell arco di 4 anni), il Renewable Remote Power Generation Program (investimento di AU$ 400 per la realizzazione di impianti in aree interne) ed il Solar Flagships Program (investimento di $1.6 miliardi in 6 anni). Inoltre il progetto Clean Energy Initiative (CEI) include anche il Carbon Capture and Storage (CCS) Flagships (investimento di $2.425 miliardi in 9 anni) e Renewables Australia (investimenti per AU$ 465 milioni). 7

9 AUSTRALIA/ENERGIA RINNOVABILE (DE)REGOLAMENTAZIONE L Office of the Renewable Energy Regulator (ORER) è il soggetto incaricato della regolamentazione del settore, mentre il Renewable Energy (Electricity) Act 2000, il Renewable Energy (Electricity) Charge Act 2000 ed il Renewable Energy (Electricity) Regulations Act 2001 sono le leggi di riferimento che ne coprono gli aspetti legali. Prima degli anni 90, il settore dell elettricità era caratterizzato dall esistenza di autorità dei diversi Stati, integrate verticalmente all interno dell apparato governativo. In seguito, alcuni degli Stati hanno avviato la creazione di una serie di singole aziende incaricate della produzione, trasmissione, distribuzione e vendita di elettricità. Questa tendenza è stata accompagnata da riforme sia delle regolamentazioni che del mercato, la più significativa delle quali è stata la creazione del National Electricity Market (NEM), finalizzato a stimolare la concorrenza. Il NEM è di fatto il mercato all ingrosso per la fornitura di elettricità a rivenditori e consumatori in Queensland, New South Wales, Australian Capital Territory, Victoria, Tasmania e South Australia. 8

10 AUSTRALIA/ENERGIA RINNOVABILE CARBON POLLUTION REDUCTION SCHEME Il Carbon Pollution Reduction Scheme (CPRS) è uno schema collegato al mercato delle emissioni che indica un limite al livello di inquinamento conseguente all utilizzo di carbone. L attuazione era inizialmente prevista per il 2010, ma il precedente governo federale ha ritardato l implementazione del CPRS fino al 2012, in considerazione dell attuale scadenza dell impegno australiano in relazione al Protocollo di Kyoto. Secondo questo schema, le aziende che utilizzano considerevoli volumi di carbone, quali compagnie minerarie o della lavorazione dei metalli, dovranno acquistare dei certificati che le autorizzano a emettere fino ad un certo livello di inquinamento da carbone. Le aziende possono procedere alla compravendita di tali permessi, premiando in tale modo quelle che inquinano di meno. Si prevede che il CPRS coprirà circa il 75% delle emissioni totali nazionali e riguarderà oltre operatori. 9

11 AUSTRALIA/ENERGIA RINNOVABILE - MERCATO Il livello di concentrazione del mercato è medio, con solo il segmento dell idroelettrico a presentare un duopolio di fatto, visto che i due principali operatori producono oltre il 70% della capacità. L eolico è caratterizzato da una maggiore frammentazione, con un numero di aziende di medie dimensioni a gestire impianti produttivi, anche se Roaring 40s (partnership tra Hydro Tasmania e China Light & Power) e la joint-venture tra Acciona Energia e ANZ Energy operano su una scala notevolmente più ampia. Nell ambito del solare non vi sono operatori in una posizione di dominanza e il mercato del fotovoltaico presenta una serie di società in grado di rifornire privati e industria. Il segmento della bagassa è caratterizzato da un assoluta concentrazione geografica, con i produttori CSR Sugar Mills, Mackay Sugar Mills e Bundaberg Sugar in una posizione di leadership. 10

12 AUSTRALIA/ENERGIA RINNOVABILE CENTRI PRODUZIONE L elemento concorrenziale critico è la capacità dei fornitori di energia da fonte rinnovabile a differenziare la propria offerta, puntando su aspetti non correlati al prezzo, visto che su questo elemento non sono al momento in grado di competere con produttori di energia da combustibile fossile. La distribuzione degli impianti rispecchia le caratteristiche climatiche del territorio: energia idroelettrica concentrata nel New South Wales (54,7%) e Tasmania (29,1%), Queensland (8.4%) e Victoria (7.2%). Energia eolica presente negli Stati del South Australia (47.6%) e Victoria (22.5%), con infrastrutture di minori dimensioni in Western Australia e New South Wales. L 81,3% della bagassa in Queensland, mentre la la produzione di biogas presenta una certa concentrazione nel Victoria, seguito da vicino dal New South Wales con il 32,4% (ovvero le aree maggiormente popolate e urbanizzate). Quasi il 90% dell energia solare è generata da installazioni PV, disperse sul territorio. 11

13 AUSTRALIA/ENERGIA RINNOVABILE CENTRI DI PRODUZIONE 12

14 AUSTRALIA/ENERGIA RINNOVABILE CENTRI DI PRODUZIONE 13

15 AUSTRALIA/ENERGIA RINNOVABILE TIPOLOGIE L iniziativa federale del Renewable Energy Target (RET) è certo un buon indicatore dell impegno verso un futuro caratterizzato dallo sfruttamento di energie pulite, tuttavia il peso dell elettricità prodotta dall utilizzo del carbone è tuttora nettamente superiore. Dimostrazione è offerta proprio anche dallo slittamento dell attuazione del Carbon Pollution Reduction Scheme e dall altalenante appoggio politico allo schema. L energia idroelettrica continua ad essere la più utilizzata tra le fonti rinnovabili, ma il periodo di siccità degli ultimi ha ridotto il volume di elettricità prodotta. Le energie eolica e solare hanno evidenziato una notevole crescita, ma il loro apporto resta comunque relativo. In pratica, il settore ha certo beneficiato dell assistenza governativa, ma rimane tuttora limitato dal suo stadio ancora poco più che embrionale e dagli elevati costi strutturali. 14

16 AUSTRALIA/ENERGIA RINNOVABILE TIPOLOGIE L energia idroelettrica, che pesa per il 16% nella produzione elettrica mondiale, corrisponde a circa il 77% della capacità complessiva australiana da energie rinnovabili. Il mercato dell energia idroelettrica, per cui la disponibilità di acqua è un fattore cruciale, è dominato da due operatori: A] Snowy Hydro, ovvero il principale fornitore di energie rinnovabili nell ambito dl National Electricity Market con 9 impianti di produzione e 16 dighe di grandi dimensioni (oltre a 2 centrali che utilizzano gas e 2 impianti che producono rispettivamente 320 MW e 300 MW). Snowy Hydro possiede inoltre Red Energy, uno dei principali fornitori di elettricità e gas. Nel 2009 i ricavi consolidati sono stati di AU$ 782 milioni, con un +10% su base annua. B] Hydro Tasmania produce oltre GWh all anno, grazie a 30 impianti di produzione energetica e 50 dighe. Possiede il rivenditore di elettricità Momentum, oltre al secondo più lungo cavo sottomarino al mondo in grado di trasportare energia, grazie al quale lo Stato della Tasmania è collegato alla rete nazionale (il cavo è stato prodotto dalla Pirelli). E attiva inoltre nella produzione di energia eolica attraverso una joint-venture. Nel 2010 ha fatto registrare un + 16,1% dei ricavi, che hanno raggiunto i AU$ 727 milioni. 15

17 AUSTRALIA/ENERGIA RINNOVABILE TIPOLOGIE Sebbene l energia eolica abbia solo una piccola quota del totale elettricità da energie rinnovabili, la posizione geografica dell Australia è un fattore importante nel suo sviluppo. Gli investimenti di capitale hanno permesso di incrementare la capacità produttiva del 31% nel 2009, fino a raggiungere MW. Ad oggi quasi 740mila case utilizzano l energia prodotta da impianti eolici, anche grazie al suo rapporto costo-efficacia. L ostacolo ad una sua più ampia diffusione deriva dai proprietari dei terreno dove dovrebbero sorgere nuovi impianti. Le forti e costanti correnti presenti nello Stato del South Australia hanno reso questo territorio la sede ideale per quasi la metà dei 52 impianti di energia eolica. Il principale operatore nell ambito dello sfruttamento dei venti è Infigen Energy presente negli Stati di Western Australia, South Australia e New South Wales con un totale di 550 MW di capacità installata (presso il Lago Bonney è situata la più grande wind farm nell emisfero australe, con 112 turbine e un totale capacità di 278,5 MW). L azienda australiana, che gestisce anche 12 impianti in Germania e 18 negli Stati Uniti, ha avuto ricavi per un totale di AU$ 106 milioni nel 2009, con un incremento del 44,3% dall anno precedente grazie prevalentemente ad una maggiore capacità produttiva. La Infigen Energy ha intanto completato anche la costruzione di un altro impianto da 140 MW e ricevuto l autorizzazione ad avviare i lavoro per un altra centrale. 16

18 AUSTRALIA/ENERGIA RINNOVABILE TIPOLOGIE L energia solare rappresenta il segmento del mercato delle energie rinnovabili che ha evidenziato la crescita maggiore, con un incremento del 60% delle unità abitative che utilizzano riscaldatori o pannelli solari. Nel 2009 il 7,6% del Paese aveva infatti un sistema ad energia solare installato a casa, con una percentuale del 55% nei Northern Territory. Il segmento è stato supportato dalla crescita del mercato locale di produttori/installatori di prodotti PV, con almeno 17 aziende australiane di grandi dimensioni e quasi installatori accreditati. Il sottosuolo australiano è molto ricco e presenta anche diverse aree geotermali, ma al momento è operativo solo l impianto a Birdsville nel Queensland. Le aspettative sono però di una forte crescita, visto che ci sono circa 50 aziende impegnate in prospezioni geotermiche per l attivazione di impianti entro i prossimi 5 anni. Insieme a Islanda, Stati Uniti e Svizzera, l Australia è tra i principali promotori della Partnership Internazionale Energia Geotermica ed il suo supporto, anche economico, al settore geotermico è un esempio di collaborazione effettiva tra industria e governo. 17

19 AUSTRALIA/ENERGIA RINNOVABILE TIPOLOGIE L energia prodotta dal movimento delle maree, onde e correnti marine non ha denotato finora un grande livello di sviluppo. Eccezione per l impianto a Port Kembla nel New South Wales, l esteso litorale australiano non è stato ancora oggetto di investimenti in infrastrutture per la produzione di energia rinnovabile. La Biomassa utilizzabile a fini energetici è ancora in uno stadio di sviluppo e pesa per il 5% del totale energetico prodotto da risorse rinnovabili in Australia, con la grande maggioranza dell elettricità generata dalla bagassa, residuo della canna da zucchero. Il principale operatore di questo segmento ha gli impianti nello Stato del Queensland dove si trovano le piantagioni. CSR Sugar Mills è produttore e raffinatore di prodotti a base di etanolo derivante dalla canna da zucchero con una quota del 2,2% sul totale delle energie rinnovabili ed una capacità di 63 mila kw. 18

20 FIERA ALL-ENERGY AUSTRALIA 2011 PROFILO EVENTO All-Energy 2011 è tra le più importanti manifestazioni dedicate alle energie rinnovabili. Si compone di una serie di conferenze internazionali e di un esposizione per gli operatori: una combinazione che permette alle aziende partecipanti di promuovere i propri prodotti/servizi sul mercato e di incontrare aziende australiane/internazionali nell ottica di consolidare relazioni commerciali oppure di affacciarsi sul mercato dell area pacifico-asiatica per la prima volta. I temi trattati saranno diversi, tra cui: energia solare, eolica, idroelettrica, nucleare, del mare, biomassa; immagazzinamento energetico; mezzi di trasporto eco-sostenibile; impiego dell energia rinnovabile in campo edilizio, comunitario e pubblico. Inoltre ci saranno tavole rotonde su investimenti nel settore e possibili supporti finanziari. Melbourne ospiterà l evento nei giorni 12 e 13 ottobre 2011, presso il Melbourne Convention and Exhibition Centre, situato nel cuore della città. Questo centro congressi è stato il primo ad avere ottenuto la denominazione ambientale 6 Star Green Star da parte del Green Building Council of Australia. 19

21 ALL-ENERGY AUSTRALIA PARTECIPAZIONE / OBIETTIVI E MODALITA OBIETTIVI Creare opportunità commerciali per le aziende italiane. Avviare un percorso di partnership con centri di ricerca australiani. MODALITA Definizione di un agenda personalizzata di incontri per la delegazione italiana. Interventi di esperti della ricerca italiana durante il programma delle conferenze. Allestimento di uno spazio espositivo per presentare prodotti e servizi e incontrare potenziali controparti commerciali australiane/internazionali. VANTAGGI La manifestazione ospita i paesi leader nella ricerca dell energia sostenibile e le loro istituzioni scientifiche, offrendo quindi la migliore piattaforma per identificare partner internazionali. Le conferenze costituiscono un momento importante di discussione per gli operatori del settore. Partecipazione gratuita al Giant Networking Event. Assistenza da parte della Camera di Commercio Italiana di Melbourne. 20

22 CCIE MELBOURNE - ATTIVITA DI SUPPORTO PER ALL-ENERGY 2011 La Camera di Commercio Italiana di Melbourne promuove i rapporti imprenditoriali, fornisce servizi commerciali per lo sviluppo di iniziative internazionali e facilita le relazioni con operatori e istituzioni locali per assicurare l infrastruttura necessaria alla realizzazione di attività commerciali e di investimenti sul territorio australiano. Nel caso specifico: Intermediazione con l apparato organizzativo di All-Energy 2011; Consulenza strategica per comprendere l arena competitiva e l andamento del mercato, al fine di impostare una strategia commerciale mirata ed efficiente; Definizione della Business Agenda di ogni singola azienda italiana partecipante, finalizzata all organizzazione di incontri di lavoro con controparti locali; Pianificazione e gestione di eventi promozionali all interno ed all esterno del complesso fieristico (workshop con la partecipazione di esperti del settore, eventi su invito, conferenze stampa, ecc.); Assistenza per tutti gli aspetti logistico-organizzativi (allestimento e trattativa con i fornitori locali, voli, hotel, ecc.). 21

23 CCIE MELBOURNE CONTATTI Level 5, 499 St Kilda Road Melbourne VIC 3004 Tel Fax Luca Bottallo Segretario Generale Milva Mazzuggia Responsabile Fiere Francesco Presacco Responsabile Servizi Commerciali Italian Chamber of Commerce and Industry in Australia Melbourne Inc.

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013

Energia Italia 2012. Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Energia Italia 2012 Roberto Meregalli (meregalli.roberto@gmail.com) 10 aprile 2013 Anche il 2012 è stato un anno in caduta verticale per i consumi di prodotti energetici, abbiamo consumato: 3 miliardi

Dettagli

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA

AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA Axpo Italia AFFIDABILE, SOSTENIBILE & INNOVATIVA UN GRUPPO A DIMENSIONE EUROPEA Axpo opera direttamente in oltre 20 paesi europei L Italia è uno dei mercati principali del gruppo Axpo in Italia Alla presenza

Dettagli

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI

SCENARI ENERGETICI AL 2040 SINTESI SCENARI ENERGETICI AL 24 SINTESI Leggi la versione integrale degli Scenari Energetici o scaricane una copia: exxonmobil.com/energyoutlook Scenari Energetici al 24 Gli Scenari Energetici offrono una visione

Dettagli

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa

I testi sono così divisi: HOME. PRODUZIONE DI ENERGIA VERDE o Energia eolica o Energia fotovoltaica o Energia a biomassa Testi informativi sugli interventi e gli incentivi statali in materia di eco-efficienza industriale per la pubblicazione sul sito web di Unioncamere Campania. I testi sono così divisi: HOME EFFICIENTAMENTO

Dettagli

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI

DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI MANIFESTO PER L ENERGIA SOSTENIBILE DALLE FOSSILI ALLE RINNOVABILI COSTRUISCI CON NOI UN SISTEMA ENERGETICO SOSTENIBILE PER L ITALIA Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale. FINALITà Favorire la

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti

LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA. Silva Marzetti L EUROPA E LE RISORSE AMBIENTALI, ENERGETICHE E ALIMENTARI BOLOGNA, 16 MARZO 2015 LA GESTIONE SOSTENIBILE DELLE RISORSE NATURALI IN EUROPA Silva Marzetti Scuola di Economia, Management e Statistica Università

Dettagli

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio

Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio Progetto Infea: 2006, energia dallo spazio 1 lezione: risorse energetiche e consumi Rubiera novembre 2006 1.1 LE FONTI FOSSILI Oltre l'80 per cento dell'energia totale consumata oggi nel mondo è costituita

Dettagli

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile

Approccio al Mercato. - Brasile. A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile Approccio al Mercato - Brasile A cura di Bruno Aloi Ufficio Brasile 1 Brasile 6ª economia mondiale, previsione di 2,1% di crescita nel 2012. Mercato consumatore in crescita: 30 millioni sono entrati nella

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili

E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili E=mc 2 : l innovazione tecnologica per la tutela dell ambiente e la produzione di energia dalle fonti rinnovabili «Pas du pétrole mais des idées..» Lucio IPPOLITO Fisciano, 12 maggio 2011 L. IPPOLITO 2011

Dettagli

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale

L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale L efficienza energetica fra legislazione europea, nazionale e regionale Prof. Gianni Comini Direttore del Dipartimento di Energia e Ambiente CISM - UDINE AMGA - Iniziative per la Sostenibilità EOS 2013

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati

Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Sintesi del Rapporto delle attività 2011 Principali risultati Roma, 29 maggio 2012 Indice Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. I nostri servizi Nuove attività 2012-2013 Evoluzione delle attività

Dettagli

Repower guarda al futuro con fiducia

Repower guarda al futuro con fiducia Repower guarda al futuro con fiducia Giovanni Jochum Quale membro della Direzione di Repower, società con sede a Poschiavo, desidero presentare il mio punto di vista sui fattori che stanno cambiando radicalmente

Dettagli

Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili

Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili Prof. Paolo Redi Solar Energy Italia S.p.A. Prato Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni- Facolt dingegneria Universit di Firenze Dopo la crisi

Dettagli

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali

ENERGIA. Massimo Telesca ARPA FVG Indirizzo tecnicoscientifico. e coordinamento dei Dipartimenti provinciali ENERGIA 269 ENERGIA Il ricorso all utilizzo di fonti rinnovabili sovvenzionate comporta dei potenziali impatti ambientali. Fra questi, vi sono l alterazione dei corsi d acqua a causa delle derivazioni

Dettagli

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO

EFFICIENZA E AUTOGESTIONE ENERGETICA A SCALA DI EDIFICIO Forum Internazionale Green City Energy MED LO SVILUPPO DELLE SMART CITIES E DEI GREEN PORTS NELL AREA MEDITERANEA Convegno La produzione di energia rinnovabile nella Smart City Sessione Integrazione dei

Dettagli

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili

Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Incentivazione dell energia elettrica da altre fonti rinnovabili Beneficiari Riferimenti normativi Finalità dello strumento Regime transitorio Impianti, alimentati da fonti rinnovabili diverse da quella

Dettagli

Impianti fotovoltaici

Impianti fotovoltaici saeg Impianti fotovoltaici che manda calore e luce che giungono ai nostri sensi e ne risplendono le terre - Inno al SOLE FONTE DI TUTTA L ENERGIA SULLA TERRA calor lumenque profusum perveniunt nostros

Dettagli

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese

Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese IBM Global Financing Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese Realizzata da IBM Global Financing ibm.com/financing/it Guida alle offerte di finanziamento per le medie imprese La gestione

Dettagli

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA

FONTI ENERGETICHE IN SICILIA PROGETTO COMENIUS FONTI ENERGETICHE IN SICILIA Energia Solare Energia da gas Energia Eolica Energia da biomassa Energia Termica Energia da carbone Energia Idrica Energia Geotermica Centrale idroelettrica

Dettagli

LE RISORSE ENERGETICHE FOSSILI LORO EVOLUZIONE A LIVELLO MONDIALE

LE RISORSE ENERGETICHE FOSSILI LORO EVOLUZIONE A LIVELLO MONDIALE LE RISORSE ENERGETICHE FOSSILI LORO EVOLUZIONE A LIVELLO MONDIALE Alessandro Clerici Chairman Gruppo di Studio WEC «World Energy Resources» Senior Corporate Advisor - CESI S.p.A. ATI--MEGALIA Conferenza

Dettagli

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio.

La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Un complesso avvio delle policy di sostegno alle rinnovabili La policy incentivante non è stata priva di errori, in cui sono incorsi anche altri Paesi, spesso per rompere le forti inerzie d avvio. Inefficace

Dettagli

1.Produzione e costo dell energia in Italia

1.Produzione e costo dell energia in Italia 1.Produzione e costo dell energia in Italia L Italia é ai primi posti in Europa per consumo energetico annuo dopo Germania, Regno Unito e Francia. Il trend dal 2000 al 2008 mostra un aumento del consumo

Dettagli

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo

I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo I cambiamenti di cui abbiamo bisogno per il futuro che vogliamo Le raccomandazioni della CIDSE per la Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile (Rio, 20-22 giugno 2012) Introduzione Il

Dettagli

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA

ALTRE MODALITA DI PRODUZIONE DI ENERGIA Scheda 6 «Agricoltura e Agroenergie» ALTRE MODALITA GREEN JOBS Formazione e Orientamento LA COMPONENTE TERMICA DELL ENERGIA Dopo avere esaminato con quali biomasse si può produrre energia rinnovabile è

Dettagli

UNIVERSITA DI PALERMO

UNIVERSITA DI PALERMO PILLAR OBIETTIVO SPECIFICO MASTER CALL CALL INDUSTRIAL LEADERSHIP LEADERSHIP IN ENABLING AND INDUSTRIAL TECHNOLOGIES (LEIT) H2020-SPIRE-2014-2015 - CALL FOR SPIRE - SUSTAINABLE PROCESS INDUSTRIES H2020-SPIRE-2014

Dettagli

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020

Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 6 luglio 2010 Il sistema energetico italiano e gli obiettivi ambientali al 2020 L Istat presenta un quadro sintetico del sistema energetico italiano nel 2009 e con riferimento all ultimo decennio. L analisi

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07

QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI. Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 QUESTIONARIO SULLE RISORSE ENERGETICHE : ALTERNATIVE E SUGGERIMENTI Isitip Verrés sede Pont-Saint-Martin AS 2006/07 Sezione A: Che cosa sappiamo delle risorse energetiche? Sono risorse energetiche non

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER)

Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Il ruolo delle bio-energie nell'uso sostenibile delle fonti energetiche rinnovabili (FER) Maurizio Gualtieri ENEA UTTS 0161-483370 Informazioni: eventienea_ispra@enea.it 14 maggio 2014 - ISPRA Sommario

Dettagli

Jointly for our common future

Jointly for our common future Newsletter del progetto GeoSEE nr.1 Gennaio 2013 1. Avvio del progetto 2. Il progetto 3. Il programma SEE 4. Il partenariato 5. Obiettivi del progetto Jointly for our common future 1 AVVIO DEL PROGETTO

Dettagli

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI di Gaetano Cacciola 1 Secondo il World Energy Outlook (WEO) 2007, dell Agenzia Internazionale dell Energia, l aumento dei consumi

Dettagli

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa

La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa La situazione delle fonti rinnovabili in Italia e in Europa Silvia Morelli Unità Statistiche silvia.morelli@gse.it Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Il problema energetico: stato e prospettive Indice

Dettagli

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA

LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA LE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE IN ITALIA Prof. Federico Rossi UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA Polo Scientifico Didattico di Terni PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI DLgs 16 marzo 1999 n. 79 (Decreto Bersani):

Dettagli

Comunicazione della Commissione ENERGIA PER IL FUTURO: LE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI

Comunicazione della Commissione ENERGIA PER IL FUTURO: LE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI COMMISSIONE EUROPEA Comunicazione della Commissione ENERGIA PER IL FUTURO: LE FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI Libro bianco per una strategia e un piano di azione della Comunità INDICE 1 Premessa p.4 1.1

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

QUALI RISORSE ENERGETICHE? *

QUALI RISORSE ENERGETICHE? * FORZA, VELOCITÀ E ACCELERAZIONE: UNO SGUARDO CONTEMPORANEO AI PRINCIPI DELLA DINAMICA 331 QUALI RISORSE ENERGETICHE? * ROBERTO VACCA 1. Fonti e consumo d energia Le fonti primarie (legno, carbone, petrolio,

Dettagli

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto

ENERGIA INDICATORI OBIETTIVI. Emissioni di gas serra da processi energetici. Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto OBIETTIVI Favorire l avvicinamento agli obiettivi fissati dal Protocollo di Kyoto Valutare l andamento della domanda di energia del sistema economico lombardo Valutare l andamento settoriale e territoriale

Dettagli

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI.

SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. SYSKOPLAN REPLY IMPLEMENTA PER IL GRUPPO INDUSTRIALE SCHOTT UNA SOLUZIONE SAP CRM SU BASE SAP HANA E OPERATIVA IN 35 PAESI. Come gruppo industriale tecnologico leader nel settore del vetro e dei materiali

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CIRCOLARE Alla Conferenza delle regioni e delle province autonome All

Dettagli

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico

Il sistema energetico. Introduzione. L uomo e l energia. Il sistema energetico Il sistema energetico Introduzione Con il termine "sistema energetico" si è soliti indicare l'insieme dei processi di produzione, trasformazione, trasporto e distribuzione di fonti di energia. I sistemi

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

42 relazione sono esposti Principali cui Fiat S.p.A. e il Gruppo fiat sono esposti Si evidenziano qui di seguito i fattori di o o incertezze che possono condizionare in misura significativa l attività

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri

EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO. Efficienza energetica e Certificati Bianchi. Maurizio Fauri Mercoledì 22 gennaio 2014 Sala Rosa del palazzo della Regione Piazza Dante - Trento EFFICIENZA ENERGETICA E CONTO TERMICO Maurizio Fauri Efficienza energetica e Certificati Bianchi Introduzione Anomalie

Dettagli

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020

La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 La gestione delle risorse energetiche e naturali del territorio nella programmazione comunitaria 2014-2020 Giuseppe Gargano Rete Rurale Nazionale - INEA Varzi, 18 giugno 2014 Priorità dell'unione in materia

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

RELAZIONE ANALISI DELLE EMISSIONI DI CO 2 NELLE DIVERSE FONTI ENERGETICHE. Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale

RELAZIONE ANALISI DELLE EMISSIONI DI CO 2 NELLE DIVERSE FONTI ENERGETICHE. Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale Dipartimento di Economia e Ingegneria Agraria, Forestale e Ambientale Università di Torino - Italia RELAZIONE ANALISI DELLE EMISSIONI DI CO 2 NELLE DIVERSE FONTI ENERGETICHE Stefano Bechis Francesco Marangon

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig

Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig Nuovi obiettivi di pianificazione energetica Il ruolo delle fonti energetiche rinnovabili nel soddisfacimento dei fabbisogni energetici: situazione attuale e possibili scenari Elisa Tomasinsig Fonti rinnovabili

Dettagli

GAM. I nostri servizi di società di gestione

GAM. I nostri servizi di società di gestione GAM I nostri servizi di società di gestione Una partnership con GAM assicura i seguenti vantaggi: Forniamo sostanza e servizi di società di gestione in Lussemburgo Offriamo servizi di alta qualità abbinati

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10

Indice. La Missione 3. La Storia 4. I Valori 5. I Clienti 7. I Numeri 8. I Servizi 10 Indice La Missione 3 La Storia 4 I Valori 5 I Clienti 7 I Numeri 8 I Servizi 10 La Missione REVALO: un partner operativo insostituibile sul territorio. REVALO ha come scopo il mantenimento e l incremento

Dettagli

Cos è la Banca europea per gli investimenti?

Cos è la Banca europea per gli investimenti? Cos è la Banca europea per gli investimenti? La BEI è la banca dell Unione europea. Come principale mutuatario e finanziatore multilaterale, eroghiamo finanziamenti e consulenze tecniche per progetti d

Dettagli

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia

L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia L evoluzione delle energie rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa ALTHESYS Presentazione IREX Annual Report 2013 GSE Roma, 18 aprile 2013 Non solo energia elettrica INDICE

Dettagli

Le fonti rinnovabili in Italia

Le fonti rinnovabili in Italia Le fonti rinnovabili in Italia Gerardo Montanino Direttore Divisione Operativa LEGAMBIENTE - Comuni rinnovabili 2010 Roma, 23 marzo 2010 www.gse.it 2 Indice Le attività del Gestore dei Servizi Energetici

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ Perché produrre energia elettrica Tutta la società moderna si basa sul consumo di energia, per fare qualsiasi attività necessitiamo di qualche forma di energia.

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Garnell Garnell Garnell

Garnell Garnell Garnell Il veliero Garnell è un grande esempio di capacità di uscire dagli schemi, saper valutare il cambio di rotta per arrivare serenamente a destinazione, anche nei contesti più turbolenti Il 14 agosto 1919

Dettagli

DOSSIER ENEA TECNOLOGIE PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO IL CASO DELLE FONTI RINNOVABILI DI ENERGIA. A cura di Carlo Manna. Workshop

DOSSIER ENEA TECNOLOGIE PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO IL CASO DELLE FONTI RINNOVABILI DI ENERGIA. A cura di Carlo Manna. Workshop DOSSIER ENEA TECNOLOGIE PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO IL CASO DELLE FONTI RINNOVABILI DI ENERGIA A cura di Carlo Manna Workshop ENEA PER LA TECNOLOGIA, IL SISTEMA PRODUTTIVO E IL TERRITORIO Roma, 17 maggio

Dettagli

Centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio da 1.000 megawatt

Centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio da 1.000 megawatt Progetto «Lago Bianco» Centrale ad accumulazione con sistema di pompaggio da 1.000 megawatt L energia che ti serve. Repower AG Repower è una società del settore energetico operante a livello internazionale

Dettagli

FARE DI PIÙ CON MENO

FARE DI PIÙ CON MENO FARE DI PIÙ CON MENO Libro verde sull efficienza energetica Direzione generale dell'energia e dei trasporti COMMISSIONE EUROPEA Fotografie: per gentile concessione di Comunità europee e Wärtsilä FARE DI

Dettagli

Agenda per uno sviluppo industriale sostenibile

Agenda per uno sviluppo industriale sostenibile Agenda per uno sviluppo industriale sostenibile Aprile 2015 Indice 1. Un nuovo approccio al tema della sostenibilità 1.1. Il Ruolo della manifattura per la crescita sostenibile 1.2. Politiche industriali

Dettagli

Dal kw risorse per la competitività

Dal kw risorse per la competitività Dal kw risorse per la competitività Soluzioni di efficienza e ottimizzazione energetica dalla PMI alla grande impresa Salvatore Pinto AD Presidente Axpo Italia SpA Axpo Italia SpA Da fornitore a partner

Dettagli

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA VINCERE LA SFIDA DEL CLIMA E DARE SICUREZZA ENERGETICA AL PAESE RISPARMIARE ENERGIA E PUNTARE SULLE RINNOVABILI DUE NECESSITA CHE SI TRASFORMANO IN OCCASIONE DI SVILUPPO INDUSTRIALE e CRESCITA PER L ITALIA

Dettagli

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012

BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE 2012 DIPARTIMENTO PER L'ENERGIA Direzione generale per la sicurezza dell'approvvigionamento e le infrastrutture energetiche DIV. VII - Statistiche ed analisi energetiche e minerarie BILANCIO ENERGETICO NAZIONALE

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Innovazione e investimenti in campo energetico. Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi

Innovazione e investimenti in campo energetico. Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi Innovazione e investimenti in campo energetico Le strategie ed i finanziamenti regionali per le imprese piemontesi Sommario Considerazioni sulle peculiarità del sistema energetico Italiano e Piemontese

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

La bolletta dimagrisce

La bolletta dimagrisce La bolletta dimagrisce Bolletta più leggera e più equa per le Pmi La spesa energetica delle imprese Il costo dell energia è un importante fattore di competitività per le imprese; La spesa per l energia

Dettagli

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA

Panoramica su Holcim. Holcim (Svizzera) SA Strength. Strength. Performance. Performance. Passion. Passion. Panoramica su Holcim Holcim (Svizzera) SA Un Gruppo globale con radici svizzere Innovativi verso il secondo secolo Innovazione, sostenibilità

Dettagli

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata Cosa può fare l Istituto per le Energie Rinnovabili dell EURAC? E quando? Il team di EURAC è in grado di: gestire

Dettagli

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI.

QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. QUELLO CHE SAREMO DOMANI NASCE DALL ENERGIA DI OGGI. I NUMERI DELLA NOSTRA SOLIDITÀ PRESENTE IN 22 PAESI DI 4 CONTINENTI 76 MILA PERSONE DI 12 CULTURE OLTRE 1.000 CENTRALI NEL MONDO + 78% DI PRODUZIONE

Dettagli

STRATEGIE ENERGETICHE PER UNO SVILUPPO SOSTENIBILE

STRATEGIE ENERGETICHE PER UNO SVILUPPO SOSTENIBILE WWF ITALIA STRATEGIE ENERGETICHE PER UNO SVILUPPO SOSTENIBILE STRATEGIE ENERGETICHE PER UNO SVILUPPO SOSTENIBILE Scenari energetici e protocollo di Kyoto Scenari energetici e protocollo a cura di di Kyoto

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II TESI DI LAUREA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II TESI DI LAUREA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA TESI DI LAUREA FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI, GENERAZIONE DISTRIBUITA E CELLE AD IDROGENO: STATO

Dettagli

Solare Pannelli solari termici

Solare Pannelli solari termici Solare Pannelli solari termici Il Sole: fonte inesauribile... e gratuita Il sole, fonte energetica primaria e origine di tutti gli elementi naturali, fonte indiscussa dell energia pulita, libera, eterna,

Dettagli

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011.

11/11. Anthilia Capital Partners SGR. Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia. Maggio 2011. 11/11 Anthilia Capital Partners SGR Maggio 2011 Opportunità e sfide per l industria dell asset management in Italia Eugenio Namor Anthilia Capital Partners Lugano Fund Forum 22 novembre 2011 Industria

Dettagli

ELENA. European Local Energy Assistance

ELENA. European Local Energy Assistance ELENA European Local Energy Assistance SOMMARIO 1. Obiettivo 2. Budget 3. Beneficiari 4. Azioni finanziabili 5. Come partecipare 6. Criteri di selezione 7. Contatti OBIETTIVI La Commissione europea e la

Dettagli

Politica Industriale in Italia: come far ripartire la crescita?

Politica Industriale in Italia: come far ripartire la crescita? Politica Industriale in Italia: come far ripartire la crescita? Mauro Caselli 1 Paolo Falco 2 1 School of Economics Australian School of Business The University of New South Wales m.caselli@unsw.edu.au

Dettagli

Le opportunità economiche dell efficienza energetica

Le opportunità economiche dell efficienza energetica Le opportunità economiche dell efficienza energetica i problemi non possono essere risolti dallo stesso atteggiamento mentale che li ha creati Albert Einstein 2 SOMMARIO 1. Cosa è una ESCO 2. Esco Italia

Dettagli

Diventate membri dell associazione. L unione delle forze del settore solare

Diventate membri dell associazione. L unione delle forze del settore solare Diventate membri dell associazione L unione delle forze del settore solare Il vostro supporto neutrale per informazioni, formazione, assicurazione di qualità e pubblicità comune Il vostro portavoce per

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Quando entrano in gioco gli altri

Quando entrano in gioco gli altri Quando entrano in gioco gli altri di Francesco Silva, Professore ordinario di Economia, Università degli Studi di Milano-Bicocca e Presidente onorario AEEE-Italia 1) Per semplicità consideriamo un economia

Dettagli

Lo strumento per la pianificazione di energia che mostra sia le implicazioni finanziarie che i risultati della decarburazione.

Lo strumento per la pianificazione di energia che mostra sia le implicazioni finanziarie che i risultati della decarburazione. Lo strumento per la pianificazione di energia che mostra sia le implicazioni finanziarie che i risultati della decarburazione. Da dove viene remac... remac è un'iniziativa a seguito del progetto EUCO2

Dettagli

In Olanda serricoltori come broker di borsa

In Olanda serricoltori come broker di borsa ORTICOLTURA In Olanda serricoltori come broker di borsa Le importazioni a basso prezzo di energia dalla Germania hanno reso poco redditizia la vendita alla rete, i coltivatori monitorano le quotazioni

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

DigitPA egovernment e Cloud computing

DigitPA egovernment e Cloud computing DigitPA egovernment e Cloud computing Esigenze ed esperienze dal punto di vista della domanda RELATORE: Francesco GERBINO 5 ottobre 2010 Agenda Presentazione della Società Le infrastrutture elaborative

Dettagli

La generazione di energia elettrica in Italia a 10 anni dal Decreto Bersani Risultati raggiunti e agenda futura

La generazione di energia elettrica in Italia a 10 anni dal Decreto Bersani Risultati raggiunti e agenda futura Research Report Series ISSN 2036 1785 La generazione di energia elettrica in Italia a 10 anni dal Decreto Bersani Risultati raggiunti e agenda futura Federico Boffa, Guido Cervigni, Annalisa D Orazio,

Dettagli