STUDI E ANALISI FINANZIARIA STUDI DI SETTORE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STUDI E ANALISI FINANZIARIA STUDI DI SETTORE"

Transcript

1 STUDI E ANALISI FINANZIARIA STUDI DI SETTORE

2 Indice Introduzione... 2 Capitolo 1 - La vecchia struttura tariffaria La definizione del costo standard La struttura della tariffa...6 Capitolo 2 - Forma e componenti della nuova struttura tariffaria... 8 Capitolo 3 - I costi di approvvigionamento I criteri utilizzati dall AEEG per identificare la parte variabile della tariffa La definizione dell indice...12 Capitolo 4 - La tariffa di trasporto e di rigassificazione La determinazione dei costi riconosciuti e il tetto ai ricavi (RT e RL) Il meccanismo di indicizzazione per le tariffe di trasporto Forma delle tariffe di trasporto Calcolo delle tariffe di trasporto Le tariffe di rigassificazione...25 Capitolo 5 - la tariffa di stoccaggio I ricavi riconosciuti Forma della tariffa di stoccaggio...28 Capitolo 6 - la tariffa di distribuzione e vendita Le modalità di riconoscimento dei costi di distribuzione Il meccanismo di indicizzazione della tariffa di distribuzione La componente legata alla tariffa di vendita Forma e vincoli della tariffa di distribuzione...36 Studi e Ricerche 1

3 Introduzione L obiettivo di questa nota è di fornire una sintesi della nuova struttura tariffaria per il settore del gas prevista dall Autorità per l Energia Elettrica e per il Gas (AEEG). Si tratta di una sintesi di numerosi interventi normativi diffusi a partire dal 1999 che hanno profondamente innovato la tariffa. Per le singole parti della filiera, la regolamentazione dell AEEG definisce infatti le modalità di determinazione dei costi, il livello massimo di ricavo ammesso, il meccanismo di indicizzazione, i vincoli e/o la forma ammessa delle tariffe da proporre ai consumatori. Il processo di ristrutturazione tariffaria è dunque stato portato a conclusione: i clienti idonei possono quindi richiedere la fornitura del servizio agli operatori delle diverse fasi della filiera sulla base delle proprie tariffe, mentre per i clienti vincolati vige ancora una tariffa integrata, seppure profondamente modificata. Nei capitoli seguenti vengono analizzati i provvedimenti tariffari relativi alle singole fasi della filiera. In particolare: Nel capitolo 1 viene descritta la vecchia struttura tariffaria, nota con il nome di Metodo; Nel capitolo 2 è descritta la forma generale della nuova struttura tariffaria, ossia la sua divisione nelle varie fasi della filiera. Nei capitoli seguenti viene approfondita l analisi degli interventi sulle singole parti della filiera costi di approvvigionamento, di trasporto e rigassificazione, di stoccaggio e infine di distribuzione e vendita. In particolare: nel capitolo 3 viene definita la nuova metodologia di indicizzazione della parte variabile della tariffa in modo da chiarirne non solo gli effetti per la tariffa pagata dagli utenti finali, ma anche evidenziare le caratteristiche di quello che, ad oggi, è l indice di riferimento del prezzo del gas in Italia; nel capitolo 4 viene descritta la tariffa di trasporto e di rigassificazione, di particolare interesse soprattutto dal punto di vista degli utenti idonei allacciati alla rete di alta pressione o alla rete regionale; nel capitolo 5 viene invece descritta la tariffa di stoccaggio anch essa di interesse per i clienti idonei; la tariffa di distribuzione e vendita e le differenze locali che vanno ad impattare sui clienti finali domestici sono invece descritte nel capitolo 6. Studi e Ricerche 2

4 Capitolo 1 - La vecchia struttura tariffaria La struttura tariffaria vigente fino all 1 luglio del 2001, in seguito innovata dalla Delibera 237/00, è stata definita nel provvedimento CIP 16/93. Tale normativa (chiamata comunemente Metodo) definiva: - i criteri per il calcolo dei costi che i distributori erano ammessi a traslare in tariffa (Costo Standard C st ); - la forma delle tariffe. La conoscenza del Metodo è importante, in quanto parte della struttura tariffaria attuale poggia ancora sul vecchio sistema tariffario, soprattutto per quanto riguarda la forma dei meccanismi di indicizzazione della quota materie prime. Inoltre, tramite il confronto tra il vecchio meccanismo tariffario e l attuale è possibile apprezzare la portata innovativa dell intervento dell AEEG La definizione del costo standard Come premessa fondamentale per la comprensione del Metodo, è utile ricordare che tutte le componenti del costo standard erano calcolate in funzione di un coefficiente k che definisce il grado di sviluppo raggiunto da ciascun esercizio di distribuzione (cosiddetto ambito tariffario). K è pari al rapporto tra il gas venduto, in calorie, e il numero degli utenti. K era inserito in maniera diversa nella componenti tariffarie, ed aveva effetti differenti sulla tariffa che descriveremo nel seguito. Gli ambiti tariffari erano stati definiti in una delibera CIPE precedente; essendo questi più di 1.100, ognuno con proprio parametro K di riferimento e un proprio livello tariffario, si era creata una vera e propria giungla tariffaria cui l AEEG ha cercato di porre rimedio con la riforma. Le componenti del costo standard definite nel Metodo sono la componente materia prima e la componente di costo di distribuzione La componente materia prima (Qm) La componente materia prima (Qm) è dato dalla seguente formula cm + iqf ' c' m Q m = w * + w * 9.2 * cnc * r pcm * cnc * r La prima componente cm + iqf 9.2 * cnc indica il prezzo del gas metano. In particolare cm è la quota proporzionale del prezzo di cessione, iqf è la quota fissa, 9.2 indica il Potere Calorifico Superiore del gas tipicamente trasportato da SNAM e cnc è un parametro Studi e Ricerche 3

5 per tenere conto anche del gas non contabilizzato (ossia delle perdite lungo la rete di trasporto), pari a Infine, r è il coefficiente di trasformazione da calorie a metri cubi. Il livello di cm e iqf era definito dall accordo tra SNAM e le associazioni di categoria dei distributori. Inoltre cm era differenziato per scaglioni di K. All aumentare del rapporto, il valore di cm cresce. La quota proporzionale veniva indicizzata sulla base dell andamento del prezzo del gasolio nazionale; iqf, fissato nel 1993 pari a 50.2 lire/cm, veniva poi aggiustato sulla base dell andamento dell inflazione. La seconda componente invece è relativa al GPL e alle altre materie prime di origine gassosa. Dato il loro basso peso (il valore di w era fissato a 0.1), l impatto sul prezzo complessivo è poco significativo. La componente materia prima includeva non solo il costo di approvvigionamento alla frontiera 1, ma anche, implicitamente, i costi di trasporto sulla rete nazionale in alta pressione, quelli di stoccaggio e di utilizzo dei terminali GNL. Prezzi più elevati per gli ambiti tariffari con grado di sviluppo K meno elevati erano stati pensati come strumenti atti a favorire l opera di metanizzazione del paese. Tuttavia, di fatto si sono trasformati a lungo in uno strumento di extra-profitti per i distributori. Inoltre, il legame della componente materia prima rispetto a quello che era considerato allora l unico combustibile alternativo al gas naturale per il riscaldamento, cioè il gasolio per uso residenziale prodotto a livello nazionale, ha determinato una spirale del tutto anomala nell andamento dei prezzi. Infatti, l utilizzo del gasolio per riscaldamento è rapidamente decaduto nel corso degli anni 90: l effetto scarsità ne ha innalzato i prezzi, (in controtendenza al gasolio internazionale i cui prezzi scendevano), che a sua volta ha trainato il prezzo del gas. Al fine di interrompere questa spirale sui prezzi, nel 1998 l AEEG con la Delibera 40/98 ha modificato una prima volta il meccanismo di indicizzazione, legandolo al migliore andamento tra i prezzi del gasolio internazionale rispetto a quello del gasolio domestico. In secondo luogo, ha innovato una seconda volta e in maniera maggiormente incisiva il meccanismo di indicizzazione, eliminando il riferimento al grado di sviluppo, attraverso la Delibera 52/99 (Vedi capitolo 3). La delibera 195/02 ha poi ulteriormente modificato il meccanismo di indicizzazione, senza però intaccare la struttura del paniere di riferimento. Di seguito il regolatore ha provveduto a definire le tariffe di trasporto e di stoccaggio (Vedi capitoli 4 e 5). Una componente tariffaria unitaria come Q m potrebbe quindi essere abolita, essendo state esplicitate le tariffe relative alle singole fasi della filiera. Per i clienti vincolati la distinzione tra i diversi elementi di costo non è stata ancora compiuta, in modo da agevolare il regime transitorio. Per ora, le singole tariffe sono ancora aggregate nella componente tariffaria CPM (vedi capitolo 2). Per i clienti idonei, invece, l ormai completata ristrutturazione tariffaria permette agli operatori di sostenere unicamente i costi relativi al servizio richiesto. 1 Dal punto di vista industriale, i costi di approvvigionamento alla frontiera includono i costi di esplorazione e sviluppo e quelli di trasporto dai siti di produzione a quelli di consumo. Nel caso del gas liquefatto, bisogna includervi anche i costi di liquefazione. Studi e Ricerche 4

6 1.1.2 La componente del costo di distribuzione La componente del costo di distribuzione era composta da una quota gestione (Qg) e da una quota investimenti (Qi). Queste componenti sono state abolite e totalmente rinnovate dalla riforma delle tariffe di distribuzione imposte dalla Delibera 237/00 (vedi capitoli 2 e 4) La quota gestione (Qg) La formula tariffaria precedentemente prevista per il recupero dei costi di gestione degli impianti di distribuzione agiva attraverso un loro riconoscimento a piè di lista. Infatti la formula è: Q g = Q gprec * (1 + ( I cp)) Dove Q gprec stava ad indicare l insieme dei costi di personale, di esercizio e generali indicati dall esercente nel corso della revisione tariffaria tenuta nel Tale componente era inoltre indicizzata all andamento dell inflazione, al netto di un recupero di produttività cp che era indicato annualmente dal Comitato Interministeriale Prezzi (CIP). Il meccanismo di recupero dei costi a piè di lista non incentiva all efficienza gestionale; ciò forniva agli operatori l opportunità di inserire tra i costi riconosciuti spese poco afferenti all attività di distribuzione. Mancava inoltre qualsiasi accenno alla distinzione tra attività di distribuzione e di vendita, che all epoca non si riteneva potessero essere separate, con l attività di vendita resa concorrenziale La quota investimenti La componente a recupero dei costi di investimenti è la componente principale della tariffa di distribuzione. La formula prevista nella delibera 16/93 è la seguente: i * IS * A Q i = K Dove: - i è il coefficiente che tiene conto sia dell equa remunerazione del capitale, sia degli ammortamenti dello stesso, ed era fissato pari al 9% reale pre-tasse, (all 8.6% qualora il rapporto mezzi propri/totale attivo fosse inferiore al 45%, in modo da scoraggiare un eccessivo ricorso al debito); - IS è il costo di investimento standard, definito a due livelli diversi in funzione del coefficiente K. Qualora il coefficiente avesse avuto valore minore di 9000 cm/utente/anno, il valore di IS sarebbe stato pari a L/utente; se superiore, sarebbe stato pari a lire/utente; - A invece è un ulteriore componente che modula il valore di IS in funzione degli investimenti compiuti nel triennio precedente la riforma, ed è tanto maggiore tanto più questi sono elevati. Studi e Ricerche 5

7 La formula tariffaria prevista era pertanto particolarmente incentivante, in modo da favorire gli investimenti e favorire la metanizzazione, per mezzo di capitali privati, del paese. Gli investimenti nelle reti di distribuzione e il consumo di gas erano ampiamente incentivati grazie alla presenza di un elevato Rate of Return (RoR), dato dalla componente i della tariffa e del premio agli investimenti garantito dalla componente A. Tuttavia, particolarmente indicativo dell incentivo alla metanizzazione del paese è l inserimento di K al denominatore della funzione. In questo modo, tanto più il rapporto volume erogato/utente è basso, tanto più il premio riconosciuto sull investimento standard viene elevato. Ciò determinava un incentivo ai distributori ad aumentare il numero di utenti attraverso l ampliamento della rete distributiva. Il Metodo ha certamente raggiunto l obiettivo di incentivare la rapida metanizzazione del paese. Alcuni sprechi tuttavia sono stati permessi dalla formula di riconoscimento a piè di lista dei costi di gestione, così come erano indubbiamente generosi i RoR garantiti e il livello degli investimenti standard, il che ha permesso a molti distributori, anche a metanizzazione e investimenti compiuti, elevate rendite di posizione La struttura della tariffa Una volta definiti i costi riconosciuti alle imprese, la delibera 16/93 del CIP ha provveduto a definire la struttura tariffaria per gli utenti serviti dai distributori attraverso i seguenti criteri: 1. la tariffa era definita per destinazione - o uso; 2. i livelli tariffari quote fisse e variabili erano in parte decisi dalle autorità vigenti (Ministero e CIP), in parte ed entro certi limiti lasciati agli operatori, il che ha determinato alcune distorsioni. Quattro erano le tariffe previste: - Tariffa T1, per gli utenti che utilizzano il gas esclusivamente per uso cucina e per l acqua calda (la cui dotazione domestica è cioè limitata al cosiddetto boiler) e non per il riscaldamento domestico. Per tali tariffe, i livelli sia della quota fissa che della quota variabile erano definiti dal CIP. I livelli erano estremamente bassi, non sufficienti a coprire i costi di distribuzione e vendita. La tariffa T1 di fatto era intesa come una tariffa sociale. - Tariffa T2, per gli utenti che utilizzano il gas per riscaldamento domestico. In questo caso, solo la quota fissa era fissata dal CIP, mentre la quota a copertura dal costo variabile era scelta liberamente dai distributori e doveva avere valore decrescente a volumi progressivi di consumo. - Tariffa T3, applicata inizialmente a tutti gli altri usi, in seguito modificata ai soli altri usi con livelli di consumo inferiore ai mc/anno, i cui livelli erano definiti con la stessa modalità previsti per la T2; Studi e Ricerche 6

8 - Tariffa T4, per altri usi con livelli di consumo superiori, per la quale erano definiti dal Ministero sia la quota fissa che quella variabile, anche in questo caso a livelli tali da non recuperare del tutto i costi del servizio 2. Tale struttura tariffaria determinava una distorsione molto grave sui prezzi in quanto, avendo i distributori libertà di fissare di fatto unicamente le aliquote variabili per le tariffe T2 e T3, che d altra parte erano relative alla maggior parte dell utenza, tendenzialmente vi hanno applicato valori estremamente elevati, con ciò recuperando anche i costi non recuperati a causa dei livelli eccessivamente bassi definiti dal CIP per le tariffe T1 e T4. L insieme dato da: un meccanismo di indicizzazione della componente materia prima, non legato all andamento dei combustibili effettivamente determinanti il costo del gas; la mancata distinzione all interno della componente materia prima delle componenti di trasporto e stoccaggio e il conseguente markup su un attività di monopolio tecnico; un riconoscimento dei costi generoso, in particolare per quanto riguarda i costi di gestione; ha certamente favorito il completamento della metanizzazione del paese. Tuttavia, una volta (quasi) esaurito tale compito, era necessaria una revisione tariffaria che: permettesse di separare le componenti di costo, distinguendo tra attività in monopolio tecnico da sottoporre a regolamentazione da attività liberalizzabili, da lasciare alla concorrenza; eliminasse le distorsioni tariffarie lato distribuzione e la penalizzazione riservata dalla precedente struttura tariffaria a gran parte dell utenza; fornisse incentivi alla razionalizzazione della struttura distributiva del paese, eccessivamente frammentata. L AEEG ha quindi avviato una profonda revisione tariffaria con la serie di interventi che trattiamo nei capitoli seguenti. 2 La suddivisione della tariffa per altri usi tra T3 e T4 fu causata dalle pressioni della Confartigianato e delle piccole imprese di Confindustria, che ottennero in questo modo prezzi del gas almeno in parte calmierati. Studi e Ricerche 7

9 Capitolo 2 - Forma e componenti della nuova struttura tariffaria L obiettivo principale della riforma tariffaria è di dare separata evidenza alle componenti di costo relative a ciascuna fase della filiera, in modo da: 1. evitare sussidi incrociati, impedendo che imprese integrate impongano alti ricarichi sulle attività naturalmente o strutturalmente in monopolio (trasporto, distribuzione, stoccaggio), il che permette loro di ridurre i prezzi nelle attività in competizione (dumping), praticando così una forma di concorrenza sleale; 2. permettere agli operatori di utilizzare ciascuna fase della filiera come servizio a sé stante, pagandone un prezzo, e facilitando così l accesso della domanda al mercato del gas. Le distorsioni evidenziate nel primo capitolo possono in gran parte essere sanate provvedendo alla separazione delle componenti di costo. Per comprendere appieno la nuova struttura dei servizi dell industria del gas in Italia, quindi, verrà analizzata la forma della tariffa per gli utenti vincolati o domestici, presentata dall AEEG nella Delibera 237/00. Essa fornisce un quadro di riferimento per analizzare nel proseguimento i provvedimenti sulle singole fasi della filiera. Nella delibera 237/00 l AEEG definisce la forma e le componenti della tariffa per gli utenti vincolati che è entrata in vigore a partire dal luglio La tariffa è composta da due parti: 1. Una componente fissa, pari alla quota fissa della tariffa per la distribuzione, determinata da ciascun distributore sulla base dei criteri definiti nella Delibera 237/00 (vedi capitolo 6); 2. Una componente variabile TV definita come: TV = QE + QVI + QT + QS + QL + TD + QVD dove QE è la quota a copertura dei costi di approvvigionamento; il livello e il paniere a cui sono indicizzati tali costi è definito dalla delibera 52/99 dell AEEG poi innovata dalla delibera 195/02 (vedi paragrafo 3); QVI è la quota a copertura dei costi di commercializzazione all ingrosso per la vendita ai clienti al mercato vincolato; QT è la quota a copertura dei costi di trasporto e dispacciamento; il 30 maggio 2001 con la delibera 120/01 l AEEG ha provveduto a definire la forma della tariffa di trasporto (vedi capitolo 4) QS è la quota a copertura dei costi di stoccaggio; la tariffa è stata fissata con la delibera 26/02 (vedi capitolo 5); Studi e Ricerche 8

10 QL è la quota a copertura dei costi di utilizzo dei terminali di GNL; la forma della tariffa è stata presentata nella delibera 120/01 (vedi capitolo 4); TD è la quota variabile della tariffa per la distribuzione; è stato regolata dalla delibera 237/00 (vedi capitolo 6); QVD è la quota rappresentativa dei costi di vendita al dettaglio; è stata regolata dalla delibera 237/00 (vedi capitolo 6). Il processo di determinazione tariffaria è dunque stato portato a conclusione: per ogni fase della filiera, sono quindi noti i criteri di fissazione dei costi, i ricavi ammessi per le società che operano in quella porzione della filiera, i vincoli e i criteri di formazione della tariffa. I clienti già oggi idonei possono quindi richiedere la fornitura del servizio agli operatori delle diverse fasi della filiera sulla base delle proprie tariffe. Per gli utenti del mercato vincolato, la situazione è un po diversa. L AEEG non ha ancora definito i livelli delle singole componenti; fino ad allora, le componenti QE, QVI, QT, QS, QL sono aggregate in un unica componente (CPM), la cui forma e il cui meccanismo di indicizzazione sono state definite dalla delibera 52/99; CPM è molto simile alla componente Qm definita nel provvedimento CIP 16/93 di cui al capitolo 1, ed è la componente tariffaria che viene aggiornata bimestralmente, mentre le parti rimanenti della tariffa sono aggiornate su base annuale. Attualmente si tratta quindi in tutto e per tutto di una componente aggregata. Il mantenimento di una componente aggregata per gli utenti finali non idonei non implica che per quest ultimi non vi siano stati mutamenti rispetto al Metodo, che sono stati almeno due; 1. l abolizione della differenziazione tariffaria per destinazione d uso, sostituite da tariffe articolate per livelli di consumo; 2. l abolizione degli ambiti tariffari. Entrambi questi fattori hanno fortemente semplificato la struttura tariffaria per i clienti domestici; tuttavia, la tariffa non è identica per tutti i clienti finali. Infatti: due componenti della tariffa, la TD e la QVD, sono afferenti alle società di distribuzione e di vendita, e sono calcolate sulla base dei costi di ciascun esercente, più di settecento ad oggi 3 ; vi è una grande differenza nell imposizione fiscale (addizionale IRPEF regionale e imposta di consumo), che incide in maniera fortemente differenziata sugli utenti allacciati alla rete di distribuzione; 3 In considerazione della modifica degli ambiti tariffari e quindi degli aggravi di costo che venivano a determinarsi in alcune situazioni, l AEEG con le delibere 5/01, 25/01 e 134/01 ha provveduto a definire un regime transitorio il quale: - definisce un CMP medio che viene riconosciuto a tutti i distributori, pari alle media dei CMP calcolati per singolo ambito e pesati sui volumi erogati da ciascun ambito; - istituisce un fondo di compensazione tra ambiti ad alto costo, in cui gli investimenti per il completamento della metanizzazione sono cominciati più tardi oppure che sono disagiati dal punto di vista geografico, e ambiti a minor costo. Nelle intenzioni dell AEEG il regime di compensazione tra ambiti è destinato a ridursi progressivamente, fino alla sua abolizione presumibilmente a partire dal prossimo periodo regolatorio (2005) Studi e Ricerche 9

11 l applicazione della riforma tariffaria è stata sospesa in alcune zone a causa del ricorso, poi vinto, condotto da alcuni esercenti, tra cui Italgas, contro la delibera 237/00. Ciò ha determinato tra il 2001 e oggi un doppio regime tariffario uno basato sul Metodo ed un altro basato sulla delibera 237/00. L accettazione del ricorso da parte del TAR della Lombardia tuttavia non implica il ritorno al Metodo, in quanto le materie del contendere impattano sulle modalità di calcolo dei costi da riconoscere, non sulla ristrutturazione tariffaria prevista dall AEEG. Studi e Ricerche 10

12 Capitolo 3 - I costi di approvvigionamento Nella terminologia della precedente formulazione tariffaria, i costi di approvvigionamento erano chiamati Quota materia prima (Qm) divisi in una quota fissa IQF ed una quota proporzionale QP, secondo la formula di cui al paragrafo 1. L AEEG ha modificato il precedente regime con la delibera 52/99, poi innovata in certi parametri con la delibera 134/01 e parzialmente nella struttura dalla Delibera 195/02, intervenendo su due aspetti: 1. identificazione delle componenti di Qm il cui andamento dipende effettivamente da quello delle quotazioni internazionali dei combustibili (parte variabile della tariffa); 2. ridefinizione del criterio e del paniere dei combustibili che forma l indice della componente variabile della tariffa I criteri utilizzati dall AEEG per identificare la parte variabile della tariffa All interno di Qm l AEEG ha mantenuto la componente fissa IQF, in quanto si tratta della quota forfettaria a copertura dei costi di trasporto nazionale e di stoccaggio, in attesa di provvedere alla separazione tariffaria anche per gli utenti non idonei. 4 Per quanto riguarda la quota proporzionale della componente variabile della tariffa (QP), non tutta può essere legata al corso dei combustibili internazionali. Infatti all interno del costo di acquisto del gas dall estero sono inseriti e recuperati anche i costi di trasporto, che devono recuperare i costi fissi di investimento, operativi e di manutenzione dei metanodotti internazionali che conducono il gas dai luoghi di produzione in Italia. L AEEG ha ritenuto che solo il 36% (q 0 ) 5 della componente variabile della tariffa andasse indicizzato, il che è fortemente indicativo di quanto i costi fissi di trasporto incidano sul costo di fornitura del gas. A seguito di tali considerazioni, l AEEG ha portato alla definizione della seguente formula di variazione bimestrale della tariffa: T ( I I ) q0 * PM 0 * t t 1 * PCS = Dove PM 0 è il valore del costo medio di acquisto del gas nel mese base di riferimento (gennaio 1999), pari a lire/cm, I t è l indice di cui nel paragrafo 3.2, PCS è il valore calorifero superiore del gas acquistato, che 4 In particolare, all 1 luglio di ogni anno, la componente IQF viene aggiornata per una quota pari al 90% dell indice nazionale dei prezzi al consumo. Al gennaio 2001, IQF è stata fissata a 58.5 lire/mj. 5 L analisi è stata condotta sulla base di dati forniti da SNAM. Il valore di q comprende anche le perdite medie di trasporto in alta pressione. Studi e Ricerche 11

13 mediamente è pari a 9200 kcal/mc, ma che in certe condizioni (atmosferiche, di trasporto) può variare La definizione dell indice La seconda parte della 52/99 è rivolta alla costruzione dell indice per l aggiornamento tariffario, attraverso l identificazione di un paniere di combustibili sostituti al gas naturale che siano quotati sui mercati internazionali e pesati attraverso coefficienti che riflettano la struttura dei consumi di tali combustibili in Italia. La struttura di questo indice è di fondamentale importanza, in quanto è l unico indice pubblico che possa essere impiegato come benchmark per la stima del prezzo di approvvigionamento del gas in Italia. Si tratta infatti del prezzo di approvvigionamento pagato dai distributori a Snam (ora Eni Gas&Power). Qualunque soggetto (trader, ma anche distributori per conto dei loro clienti idonei) riesca ad ottenere gas a prezzi inferiori (anche contrattando con la stessa SNAM), ottiene un margine sulla vendita superiore a quello garantito dalla regolazione tariffaria. Oltre a ciò, l indice I t è (relativamente) facile da replicare, può essere previsto per un periodo relativamente lungo di tempo (tre bimestri) e infine può essere impiegato per trovare delle coperture sui mercati dei derivati sulle commodities. La formula dell indice I t è la seguente: I t =α *( Gasoilt / Gasoil0 ) + b *( LSHOt / LSHO0 ) + c *( Crudet / Crude0 ) dove i coefficienti hanno i valori riportati nella seguente tabella A 0.49 B 0.38 C 0.13 I prezzi dei combustibili sono aggiornati trimestralmente attraverso una media mobile dei prezzi medi mensili relativi ai nove mesi precedenti il mese di indicizzazione, come stabilito dalla delibera 195/02. I prezzi utilizzati sono quelli pubblicati dal Platt s Oilgram Report, per i seguenti combustibili: 6 Tale fattore correttivo in realtà si applica solo se il rapporto tra PCS e il suo valore standard comporta variazioni superiore al 5% di 9200 kcal/mc. Studi e Ricerche 12

14 Fuel Fuels used in the Basket Gasoil CIF Med basis gasoil 0.2 LSHO Crude (FOB breakeven prices) Crude (FOB breakeven prices) Crude (FOB breakeven prices) Crude (FOB breakeven prices) Crude (FOB breakeven prices) Crude (FOB breakeven prices) Crude (FOB breakeven prices) Crude (FOB breakeven prices) CIF Med basis LSHO Arab Light Iranian Light Kirkuk* Kuwait Murban* Saharan Blend* Zuetina* Brass Blend* * dal bimestre marzo-aprile 2002, questi greggi, non più quotati dal Platt s, vengono sostituiti da una media dei valori quotati di Arab Light, Iranian Light e Kuwait Viene ovviamente mantenuta l indicizzazione legata anche al consumo di GPL e di materie diverse, com era già previsto nella vecchia formulazione tariffaria, anche se, esattamente come prima, il peso relativo a questi combustibili è minimo. In base a ciò il valore medio unitario della parte variabile è pari alla formula: CMP = ( V Qm + V Qm V Qm ) 3 / E v Dove Qm e V sono i volumi e i prezzi rispettivamente di gas naturale, GPL e materie prime diverse, mentre E V è il totale dei volumi delle tre materie prime. La componente CPM viene aggiornata quando la variazione di I t è superiore al 5% rispetto al trimestre precedente. Fig. 1 - ANDAMENTO DELLA COMPONENTE IT DA 1999 A OGGI euro/cm Jan-99 Mar-99 May-99 Jul-99 Sep-99 Nov-99 Jan-00 Mar-00 May-00 Jul-00 Sep-00 Nov-00 Jan-01 Mar-01 May-01 Jul-01 Sep-01 Nov-01 Jan-02 Mar-02 May-02 Jul-02 Fonte: AEEG Studi e Ricerche 13

15 Capitolo 4 - La tariffa di trasporto e di rigassificazione La delibera 120/01 non solo innova profondamente la tariffazione dei servizi di trasporto in Italia, ma è anche uno dei primi casi in Europa di tariffa regolata e non negoziata. Infatti solo in Gran Bretagna è prevista una tariffa regolata da un Autorità di settore, mentre in altri paesi dove è in vigore il TPA (come Olanda e Germania) vigono tariffe negoziate tra le parti. In Italia il trasporto conto terzi già esisteva (circa il 10% del metano trasportato sulle linee di alta pressione di SNAM era vettoriato per altri), ed era regolato da un contratto stipulato tra SNAM da una parte, Unione Petrolifera e Assomineraria dall altra, che è rimasto valido fino all ottobre La forma tariffaria prevista dallo SNAM-Assomineraria/UP prevedeva una componente fissa ed una componente variabile direttamente proporzionale alla distanza, con livelli distinti per quattro classi di utilizzo dipendenti dal diametro dei gasdotti e in funzione della pressione di esercizio. Essendo un contratto bilaterale tra controparti private, non era esercitato alcun controllo sui prezzi applicati da Snam. L AEEG ha deciso di innovare profondamente tale formula tariffaria, in quanto non riflettente correttamente i costi (del resto, tale tariffa rifletteva tutt altra impostazione e ambiente regolatorio). Per comprendere la nuova formulazione tariffaria tuttavia è necessario premettere alcuni aspetti. 1. Per quanto ENI sia largamente il proprietario e operatore dominante nella filiera di trasporto vi sono altri due proprietari di reti in alta pressione, Edison e TPGM. Nelle premesse alla delibera 120/01, l AEEG riconosce che le infrastrutture relative al trasporto difficilmente possono essere ricondotte a modelli standard (anche per i tempi profondamente diversi in cui gli investimenti sono stati realizzati). Per questi motivi la delibera definisce unicamente i criteri di identificazione dei costi e di calcolo della tariffa, lasciando la determinazione dei livelli dei corrispettivi ai tre proprietari della rete; 2. La rete di trasporto italiana in alta pressione è fortemente magliata (struttura ad anello) con diversi livelli di pressione e quindi con livelli di investimenti diversi. In alcuni casi, il trasporto e/o il dispacciamento si esauriscono all interno di un ambito regionale. Per questi motivi vengono distinte una rete nazionale e una rete regionale di gasdotti, cui afferiscono costi e quindi livelli tariffari differenti; 3. Tutti gli operatori sono concordi nello stimare una sostenuta crescita della domanda nazionale di gas, a tassi vicini al % annuo, a fronte della quale saranno fondamentali nuovi investimenti, sia nella rete sia nella costruzione di nuovi terminali di rigassificazione. Per questo motivo, la tariffa vuole essere particolarmente incentivante, soprattutto rispetto all espansione e al potenziamento della rete; 4. La regolamentazione della fase di trasporto va valutata anche all interno della stesura dei codici di rete che verranno stipulati dai trasportatori con gli utenti sulla base di direttive dell AEEG. Il codice di rete è importante soprattutto al fine di definire l ambito dei servizi di base, accessori e speciali e per i meccanismi dinamici di assegnazione della capacità. I Studi e Ricerche 14

16 criteri per la stesura dei Codici di Rete sono stati pubblicati con la delibera 137/02 e i Codici predisposti dalle diverse società dovrebbero valere a partire dall anno termico La delibera 120/01 definisce innanzitutto il tetto ai ricavi sulla base dei costi riconosciuti all azienda, le modalità di indicizzazione del cap e la forma che devono assumere le tariffe di trasporto e a copertura dell utilizzo dei terminali di rigassificazione verso gli utenti La determinazione dei costi riconosciuti e il tetto ai ricavi (RT e RL) La delibera dell AEEG, definendo le modalità di recupero dei costi, stabilisce il tetto massimo ai ricavi che le imprese possono ottenere dalle attività di trasporto (RT) e di rigassificazione del GNL (RL). In premessa è da sottolineare che: 1. non viene identificato un costo standard per gli investimenti effettuati dalle imprese (come per esempio per la distribuzione del gas, o anche per le reti del settore elettrico), ma in considerazione delle diverse tempistiche e specificità delle infrastrutture adottate dai proprietari della rete, ogni operatore dichiara i suoi costi; 2. il criterio che viene adottato è quello del costo storico delle infrastrutture a bilancio, rivalutato con opportuni deflatori; 3. infine, è previsto un meccanismo incentivante per i potenziamenti e l evoluzione di tali infrastrutture. Vale la pena sottolineare che il mancato utilizzo del criterio del costo standard rende la regolazione dei costi molto meno stringente. Per l avvio della fase di regolazione i costi delle imprese sono di fatto rimborsati a piè di lista anche se gli investimenti ammessi al recupero (RAB Regulatory Asset Based) sono dati da voci di bilancio elencati dalla medesima delibera dell AEEG. Ciò vuol dire che il vincolo è meno stringente di quanto avrebbe potuto essere se fosse stato definito attraverso il criterio del costo standard. Dal RAB così determinato, discende il ricavo massimo annualmente permesso ai singoli operatori, che viene determinato applicando ad esso un Rate of Return regolamentato e aggiungendo il costo annuale operativo di mantenimento in esercizio in condizioni di sicurezza delle reti e il deprezzamento del valore dell impianto. Pertanto, il ricavo complessivo ammesso RT e RL è dato dalla somma delle seguenti componenti di costo: RT = CO + δ * I * (1 + r) + α * I NP 7 Un analisi della normativa per l accesso alle reti verrà predisposta nello Studio di Settore di prossima uscita La regolamentazione dell accesso alla rete di trasporto in Italia Studi e Ricerche 15

17 Dove 8 : - CO sono i costi operativi, ossia tutte le spese attribuibili all attività di trasporto o di rigassificazione, sulla base dei dati di bilancio dell esercizio 2000; 9 - I sono gli investimenti per le infrastrutture già esistenti (sia per le reti di trasporto che per le reti regionali), calcolati da ogni impresa sulla base del criterio del costo storico rivalutato 10, scontati degli ammortamenti δ 11 e a cui è riconosciuto un rate of return reale pre-tax del 7.94% per l attività di trasporto e del 9.15% per l attività di rigassificazione. - I NP indica i nuovi investimenti entrati in operatività nel corso del periodo quadriennale di regolazione e che sono stati annualmente approvati dall AEEG. I nuovi investimenti entrano pienamente nel calcolo della base del capitale investito netto alla prossima tornata regolatoria (2005): per un periodo di sei anni, tuttavia, viene riconosciuto un ricavo aggiuntivo pari ad una quota (α) dell investimento. Tale quota, calcolata con il meccanismo classico del WACC i cui parametri sono dati nella Relazione Tecnica alla Delibera 120/01, è pari al 7.47% per i nuovi investimenti nel settore di trasporto e al 9.09% per le nuove infrastrutture di rigassificazione, sempre pre-tax. I criteri di definizione dei costi riconosciuti alle imprese di trasporto e rigassificazione sono certamente non penalizzanti. Infatti: 8 La stessa formula si applica ai costi per gli investimenti nella rigassificazione 9 In particolare si tratta di: costo del personale, costi sostenuti per acquisti di materiali di consumo, costi di compressione, spinta e perdite di rete, costi per servizi e prestazioni esterne, accantonamenti diversi dagli ammortamenti. 10 Il meccanismo di calcolo delle immobilizzazione è il seguente: 1. per ogni tipo di cespite (fabbricati, condotte, centrali di spinta, impianti di GNL e altre immobilizzazioni), l impresa individua gli incrementi annuali, ossia scompone le immobilizzazioni presenti nel bilancio 2000 secondo gli investimenti effettuati anno per anno; 2. rivaluta gli investimenti sulla base di deflatori, indicati dall AEEG ovviamente tanto più alti tanto più si va indietro nel tempo, e che per l anno 2000 sono pari a 1. In questo modo viene definito il capitale investito lordo. 3. Sottrae al capitale investito netto il fondo di ammortamento economico tecnico, calcolato applicando un coefficiente di degrado al capitale investito lordo calcolato al punto c. Il coefficiente di degrado è dato dalla seguente formula PD 2000 AIP *100 VUT = cioè dove al numeratore si trova la distanza tra l anno utilizzato per la stima dei costi e l anno in cui è stato effettuato l investimento (AIP), mentre al denominatore si ha invece la vita utile dell impianto, indicata dall AEEG. 4. Sottrae alla differenza ottenuta al punto 3 la quota di contributi a fondo perduto ricevuta dallo Stato, ottenendo in questo modo il capitale investito netto (I) 11 Anche il tasso di ammortamento non è definito in base ad un valore standard, ma ogni impresa calcola quello da applicare al proprio capitale investito lordo. Infatti, una volta calcolato il capitale investito lordo per ogni categoria di cespiti, viene calcolato l ammortamento dividendo tale valore per la vita utile dell impianto. Il tasso di ammortamento complessivo si ottiene sommando i valori così ottenuti. Studi e Ricerche 16

18 - gli investimenti già effettuati sono calcolati attraverso il valore storico rivalutato, che è una modalità meno stringente del costo standard il RoR garantito alle imprese è certamente buono, in linea con le aspettative private di redditività degli investimenti in questo settore; - i nuovi investimenti sono fortemente incentivati, in quanto la componente aggiuntiva garantisce alle imprese che non dovranno aspettare la riregolazione quadriennale per vedere riconosciuti tali investimenti ma, in aggiunta a questa, viene riconosciuto un vero e proprio premio forfettario per sei anni che ne amplifica il rendimento. Tutto ciò fa sì che per l impresa di trasporto non solo sono garantiti ricavi elevati, ma anche che sono fortemente incentivati nuovi investimenti, permettendo di elevare i rendimenti al di sopra del RoR garantito Il meccanismo di indicizzazione per le tariffe di trasporto L incentivo all efficienza è dato, all interno della struttura tariffaria prevista dall AEEG, dal meccanismo del price-cap, il quale è così strutturato: - ogni anno i ricavi relativi al trasporto sulla rete nazionale, su quella regionale e per i terminali di rigassificazione 13 sono aggiornati tramite la formula RPI-X+Y+Q+W, dove RPI è il tasso di inflazione, X è pari al 2% per le reti di trasporto, 1% per le infrastrutture di rigassificazione, Y, Q e W sono componenti di variazione dei ricavi legate a eventi straordinari, quali mutamenti del quadro normativo o eventi imprevedibili (Y), recuperi di qualità rispetto a standard prefissati (Q), eventuali nuove attività per il demand side management (W); - sulle componenti tariffarie 14, niente è previsto per quanto riguarda le componenti di capacità, mentre le quote fisse sono ridotte del 2% annuo e quelle di energia del 4.5% - la riregolazione dei costi è quadriennale, la prossima è quindi prevista nel 2005; qualora le imprese di trasporto e rigassificazione abbiano ottenuto miglioramenti di efficienza superiori a quelli minimi definiti dal cap, almeno la metà di tale migliore efficienza verrà riconosciuta all impresa stessa. 12 E abbastanza curiosa e da sottolineare la motivazione addotta dall AEEG per giustificare tale scelta, cioè la specificità e la non riconducibilità a fattori standard degli investimenti del trasporto. Forse tale motivazione era più adatta alla distribuzione, che risente moltissimo delle condizioni del territorio. Tuttavia, per quest'ultima attività i costi sono stati determinati con il criterio dei costi standard, escluse le imprese che hanno una serie storica di bilanci certificati, per i quali è applicato lo stesso criterio delle tariffe di trasporto. 13 Nella formula di determinazione dei ricavi sono inserite anche delle componenti correttive FC, calcolato applicando le tariffe sulle quantità effettivamente immesse in rete. Infatti, durante l attività di bilanciamento possono emergere scostamenti rispetto ai programmi (che la delibera, fino all entrata in vigore dei codici di rete, provvede a normare). Poiché le quantità effettive immesse in rete possono essere verificate solamente ex-post, l AEEG prevede la correzione dei ricavi complessivi, che ex-ante erano definiti applicando i corrispettivi sulle capacità programmate, tramite il fattore correttivo. 14 Vedi paragrafo 3.3 Studi e Ricerche 17

19 4.3 - Forma delle tariffe di trasporto Una volta definiti i ricavi massimi ammessi, questi devono essere translati all interno di una struttura tariffaria. La tariffa definita dall AEEG per il trasporto è composta da una quota fissa, una quota commisurata alla capacità ed una commisurata al volume di gas trasportato: P ( K * CP ) + ( K * CP ) + ( K * CR ) + CF + E ( CV CV ) T = * + Dove e e u u r - K indica la capacità conferita dall utente rispettivamente nel punto di entrata K e in quello di uscita K u rispetto alla rete di trasporto nazionale 15 e rispetto alla rete di trasporto regionale K r ; - CP sono i relativi corrispettivi sulla rete di trasporto nazionale, calcolati unicamente da SNAM per conto di tutti e tre i proprietari della rete; - CR è la quota a copertura dei costi relativi alla rete di trasporto regionale; la tariffa è un francobollo, cioè un corrispettivo indipendente dalla distanza; - CF è la componente fissa, calcolata separatamente da ciascun operatore; - E è la componente di energia, ossia il gas immesso nella rete, in GigaJoule; - CV e CV p sono i relativi corrispettivi sull energia, (dove CV p è la componente integrativa indicante il corrispettivo aggiuntivo per nuovi investimenti), calcolati unicamente da SNAM. Il calcolo dei corrispettivi da parte degli operatori deve essere compiuto in modo da rispettare le seguenti percentuali sui ricavi complessivi: - il 3% dei ricavi ammessi per l attività di trasporto deve essere coperto dalla quota fissa (RT F ); - il 30% dei ricavi ammessi per l attività di trasporto (così come per i costi di utilizzo dei costi di utilizzo dei terminali di rigassificazione) deve essere coperto dalla quota energia (RTE); - il 67% (il 70% per le attività di rigassificazione) dei ricavi ammessi per l attività di trasporto deve essere coperto dalla quota capacità, con opportuna ripartizione compiuta dai singoli operatori tra reti di trasporto nazionale (RT N ) e regionali (RT R ): - ricavi aggiuntivi RT NP sono garantiti per i nuovi investimenti attraverso la componente CV P. Indipendentemente dalle modalità di riconoscimento dei costi, la struttura tariffaria prevista dall AEEG fornisce un interessante opportunità al trasportatore per rilassare il vincolo ed ottenere ricavi più elevati. Infatti, la r 15 Sono punti di entrata nella rete di trasporto nazionale i punti di entrata dei gasdotti di importazione, i punti di entrata dei terminale GNL, i punti di uscita dagli stoccaggi e i principali punti di immissione dalla rete nazionale. Sono punti di uscita i punti di uscita dai gasdotti di esportazione, i punti di uscita dalla rete verso gli stoccaggi, i punti di uscita verso la rete di trasporto regionale e alcuni punti di prelievo dei maggiori clienti idonei. Studi e Ricerche 18

20 componente energia fa sì che all ammontare del gas trasportato aumentino i ricavi. Ciò: - incentiva al pieno utilizzo della capacità disponibile; - incentiva fortemente nuovi investimenti nella rete; - garantisce l aumento dei ricavi del trasportatore al crescere della domanda. E da tenere presente che la componente energia è stabilita, nell ottica di una struttura tariffaria aderente ai costi, come la componente a copertura dei costi variabili. A livello internazionale si stima che i costi variabili non siano più del 10% dei costi complessivi dell attività di trasporto. E evidente che il riconoscimento di una componente correlata ai volumi che garantisce il 30% dei ricavi è favorevole al trasportatore, che dalla quota variabile ottiene ricavi superiori ai relativi costi di esercizio. Anche la tariffa inglese, del resto, garantisce una componente variabile molto superiore ai costi (il 35%). Ciò è coerente con la necessità di ripagare gli investimenti necessari a fronte del previsto aumento di domanda. La struttura tariffaria italiana tuttavia prevede anche l incentivo straordinario esennale per i nuovi investimenti. L impresa pertanto viene doppiamente incentivata. Al fine di calcolare i corrispettivi, l AEEG descrive minutamente le regole di calcolo, senza lasciare spazi di libertà a SNAM e agli altri operatori. Infatti: - SNAM deve calcolare i corrispettivi CP e e CP u assegnando i costi unitari del trasporto ai punti di entrata e usciti del sistema e poi risolvendo una minimizzazione sotto vincolo di tali costi 16, in modo da suddividere i corrispettivi pariteticamente tra punti in entrata e punti in uscita; - I corrispettivi CR r sono calcolati dai tre operatori attraverso una tariffa francobollo, tranne per i punti di riconsegna che distano meno di 15 Km dal punto di immissione, che vengono scontati di un coefficiente dato dal rapporto tra la distanza effettiva e il valore di 15 Km. - I corrispettivi CV e CV P sono calcolati dividendo il ricavo complessivamente ammesso per i costi di trasporto e per i nuovi investimenti 17 per il volume di gas immesso nei punti di entrata. Tale voce è a carico unicamente dei punti di entrata del gas. min CP i + CPj C, cioè un ottimizzazione in i, j i, j base al criterio dei minimi quadrati della matrice dei punti in entrata i e uscita j, in modo da tenere presente anche i casi in cui il gas sia immesso o prelevato da un utente in più punti, sotto il vincolo che le soluzioni siano non negative, che il prodotto del corrispettivo in entrata per la capacità in entrata sia pari alla metà dei ricavi complessivamente ricavabili dalla componente di capacità, e che lo stesso accada per il corrispettivo da assegnare per i punti in uscita. Implicitamente, la minimizzazione dei costi relativi a tutta la matrice dei punti in ingresso e in uscita permette anche una perequazione dei costi, in quanto vengono smussate le differenze tra punti a minore e a maggiore costo. 17 In particolare la componente a copertura dei nuovi investimenti viene calcolata applicando 16 In termini formali si tratta di ( ) 2 la seguente formula CV P I * E P = per quanto riguarda i nuovi investimenti Studi e Ricerche 19

TARIFFE DI TRASPORTO E DISPACCIAMENTO PER L ANNO TERMICO 1 OTTOBRE 2002-30 SETTEMBRE 2003

TARIFFE DI TRASPORTO E DISPACCIAMENTO PER L ANNO TERMICO 1 OTTOBRE 2002-30 SETTEMBRE 2003 TARIFFE DI TRASPORTO E DISPACCIAMENTO PER L ANNO TERMICO 1 OTTOBRE 2002-30 SETTEMBRE 2003 La Tariffe di Trasporto e Dispacciamento è stata calcolata secondo i criteri stabiliti dall Autorità per l Energia

Dettagli

Dati di sintesi Snam Relazione finanziaria annuale 2012

Dati di sintesi Snam Relazione finanziaria annuale 2012 Dati di sintesi Il gruppo Snam LA STORIA 1941-1999 La grande opera di metanizzazione dell Italia e di costruzione di gasdotti di importazione Dal 1941 Snam (Società Nazionale Metanodotti) opera in modo

Dettagli

Tariffe gas: struttura, componenti e meccanismi d aggiornamento

Tariffe gas: struttura, componenti e meccanismi d aggiornamento Tariffe gas: struttura, componenti e meccanismi d aggiornamento Egidio Fedele Dell Oste Direzione Tariffe Milano - Roma, 20 giugno 2006 Autorità per l energia elettrica e il gas 1 La filiera del gas Approvvigionamento

Dettagli

8 Il Gruppo Snam. Il Gruppo Snam

8 Il Gruppo Snam. Il Gruppo Snam 8 Il Gruppo Snam Il Gruppo Snam Il Gruppo Snam 9 LA STORIA 1941-1999 La grande opera di metanizzazione dell Italia e di costruzione di gasdotti di importazione Dal 1941 Snam (Società Nazionale Metanodotti)

Dettagli

RIFORMA DELLE CONDIZIONI ECONOMICHE DI FORNITURA DEL GAS NATURALE NEL SERVIZIO DI TUTELA

RIFORMA DELLE CONDIZIONI ECONOMICHE DI FORNITURA DEL GAS NATURALE NEL SERVIZIO DI TUTELA RIFORMA DELLE CONDIZIONI ECONOMICHE DI FORNITURA DEL GAS NATURALE NEL SERVIZIO DI TUTELA 19 SETTEMBRE 2013 QUESTA PRESENTAZIONE NON COSTITUISCE UN DOCUMENTO UFFICIALE DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA

Dettagli

Criteri per la determinazione delle tariffe per il servizio di rigassificazione L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

Criteri per la determinazione delle tariffe per il servizio di rigassificazione L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Pubblicata sul sito www.autorita.energia.it il 5 agosto 2005 Delibera n. 178/05 Criteri per la determinazione delle tariffe per il servizio di rigassificazione L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

Dettagli

IL MERCATO DEL GAS NATURALE E LA CONTRATTUALISTICA. VICENZA 29 MARZO 2012 Stefano Zennaro 2012

IL MERCATO DEL GAS NATURALE E LA CONTRATTUALISTICA. VICENZA 29 MARZO 2012 Stefano Zennaro 2012 IL MERCATO DEL GAS NATURALE E LA CONTRATTUALISTICA VICENZA 29 MARZO 2012 La filiera del mercato del gas naturale Approvvigionamento Sistema infrastrutturale Vendita Produzione nazionale Importazione GNL

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSUMATORI E DEGLI UTENTI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSUMATORI E DEGLI UTENTI CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSUMATORI E DEGLI UTENTI Recepimento della direttiva 98/30/CE sulla liberalizzazione del mercato del gas naturale (Considerazioni e proposte elaborate dalle Associazioni dei consumatori

Dettagli

Merceologia delle Risorse Naturali

Merceologia delle Risorse Naturali GAS NATURALE-ORIGINI Il gas naturale è un combustibile fossile di origine organica, costituito in massima parte da metano (CH4). Il gas naturale si trova nel sottosuolo, normalmente negli stessi giacimenti

Dettagli

FAC-SIMILE. (*) I corrispettivi sopra riportati si applicano ai quantitativi di Gas prelevati dal Cliente.

FAC-SIMILE. (*) I corrispettivi sopra riportati si applicano ai quantitativi di Gas prelevati dal Cliente. Modulo offerta economica validità dell offerta fino al 31/05/2013, prezzi fissi per 12 mesi della data di attivazione della fornitura. HOME ENERGY GAS WEB (*) I corrispettivi sopra riportati si applicano

Dettagli

Allegato A REGOLAZIONE DELLE TARIFFE PER IL SERVIZIO DI RIGASSIFICAZIONE DI GAS NATURALE LIQUEFATTO PER IL PERIODO DI REGOLAZIONE 2014-2017 (RTRG)

Allegato A REGOLAZIONE DELLE TARIFFE PER IL SERVIZIO DI RIGASSIFICAZIONE DI GAS NATURALE LIQUEFATTO PER IL PERIODO DI REGOLAZIONE 2014-2017 (RTRG) REGOLAZIONE DELLE TARIFFE PER IL SERVIZIO DI RIGASSIFICAZIONE DI GAS NATURALE LIQUEFATTO PER IL PERIODO DI REGOLAZIONE 2014-2017 (RTRG) 1 INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI... 3 Articolo 1 Definizioni...

Dettagli

Distribuzione di gas naturale

Distribuzione di gas naturale 56 Distribuzione di gas naturale PRINCIPALI INDICATORI DI PERFORMANCE (milioni di ) 2010 2011 2012 Var.ass. Var.% Ricavi della gestione caratteristica (*) 1.233 1.297 1.434 137 10,6 - di cui ricavi di

Dettagli

Delibera n. 5/04 - Relazione tecnica

Delibera n. 5/04 - Relazione tecnica Delibera n. 5/04 - Relazione tecnica TESTO INTEGRATO DELLE DISPOSIZIONI DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI TRASMISSIONE, DISTRIBUZIONE, MISURA E VENDITA DELL

Dettagli

Regolazione del mercato del gas naturale in Italia:

Regolazione del mercato del gas naturale in Italia: Milano, 18 Marzo 2002 Regolazione del mercato del gas naturale in Italia: situazione e tendenze Paolo Caropreso Il Il quadro di regolazione Snam Rete Gas L evoluzione prevedibile Il quadro di regolazione

Dettagli

MERCATO DEL GAS NATURALE IN ITALIA

MERCATO DEL GAS NATURALE IN ITALIA MERCATO DEL GAS NATURALE IN ITALIA dott. ing. Davide Mariani Università di Pavia 6 giugno 2006 CSE SRL VIA RIVIERA, 39 27100 PAVIA TEL. 0382 528850 FAX 0382 528851 e.mail cse@cseit.it www. cseit.it VIALE

Dettagli

IL MERCATO DEL GAS NATURALE: PROSPETTIVE DI SVILUPPO ED INTERVENTO DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA ED IL GAS. Ing.

IL MERCATO DEL GAS NATURALE: PROSPETTIVE DI SVILUPPO ED INTERVENTO DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA ED IL GAS. Ing. IL MERCATO DEL GAS NATURALE: PROSPETTIVE DI SVILUPPO ED INTERVENTO DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA ED IL GAS Ing. Claudio DI MACCO LA FILIERA DEL GAS NATURALE Importazione/produzione nazionale Rigassificazione

Dettagli

50 Stoccaggio di gas naturale. Stoccaggio di gas naturale

50 Stoccaggio di gas naturale. Stoccaggio di gas naturale 50 Stoccaggio di gas naturale Stoccaggio di gas naturale Stoccaggio di gas naturale 51 PRINCIPALI INDICATORI DI PERFORMANCE (milioni di e) 2012 2013 2014 Var.ass. Var.% Ricavi totali (a) (b) 402 489 541

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

Trasporto di gas naturale

Trasporto di gas naturale Trasporto di gas naturale Premessa In data 1 gennaio 2012 ha avuto efficacia l operazione di conferimento del ramo d azienda Trasporto, dispacciamento, telecontrollo e misura del gas naturale da Snam S.p.A.

Dettagli

144 Glossario. Glossario

144 Glossario. Glossario 144 Glossario Glossario Glossario 145 Il glossario dei termini finanziari, commerciali, tecnici e delle unità di misura è consultabile sul sito internet www.snam.it. Di seguito sono indicati quelli di

Dettagli

SCHEDA DI CONFRONTABILITÀ PER I CLIENTI FINALI DOMESTICI DI GAS NATURALE

SCHEDA DI CONFRONTABILITÀ PER I CLIENTI FINALI DOMESTICI DI GAS NATURALE SCHEDA DI CONFRONTABILITÀ PER I CLIENTI FINALI DOMESTICI DI GAS NATURALE Corrispettivi previsti dall offerta PREZZO FISSO - DOMESTICO di Argos energia Srl alla data del 01/04/2014 valida fino alla data

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Garante per la sorveglianza dei prezzi Con il supporto del Dipartimento per la Regolazione del Mercato Direzione Generale per la Concorrenza e i Consumatori UfficioV

Dettagli

La struttura del mercato gas

La struttura del mercato gas La struttura del mercato gas STEFANO SCARCELLA Direzione Mercati Autorità per l energia elettrica e il gas IL MERCATO DEL GAS NATURALE IN ITALIA: NORMATIVA E OPPORTUNITA Vicenza 25 maggio 2010 Autorità

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Autorità per l energia elettrica e il gas COMUNCATO Energia: da ottobre nessun aumento per l elettricità, gas +5,5% Sui prezzi del gas hanno pesato le quotazioni del petrolio e l incremento dell va Milano,

Dettagli

EnErgia particolare.

EnErgia particolare. Energia particolare. LA STRUTTURA DEL GRUPPO. Gruppo UNOGAS aree di attività: Area vendita gas Area vendita energia Area servizi energetici e impiantistica Area importazione e trading ABBIAMO FATTO MOLTA

Dettagli

Indice. III. La determinazione del prezzo dell energia elettrica

Indice. III. La determinazione del prezzo dell energia elettrica Indice III. La determinazione del prezzo dell energia elettrica Il prezzo dell energia elettrica Normativa di riferimento Il ruolo della tariffa Tariffa elettrica per il mercato libero Principi di regolazione

Dettagli

Prometeo, per tutti gli iscritti del Vs Ordine, si propone come il partner energetico in grado di offrire:

Prometeo, per tutti gli iscritti del Vs Ordine, si propone come il partner energetico in grado di offrire: Prometeo nasce nelle Marche nel 2001 grazie alla sinergia tra alcune delle più importanti aziende multiutilities del territorio ed oggi, con 200.000 clienti, è una delle principali società di vendita di

Dettagli

Profilo spostato su fasce non di punta (F1= 10%; F2 e F3= 90%) (B) Servizio di maggior tutela (prezzi biorari transitori)

Profilo spostato su fasce non di punta (F1= 10%; F2 e F3= 90%) (B) Servizio di maggior tutela (prezzi biorari transitori) Consumo annuo (kwh) Scheda di confrontabilità per clienti finali domestici di energia elettrica Corrispettivi previsti dall offerta free di eni alla data del 01/02/2011, valida fino alla data del 15/04/2011

Dettagli

La filiera del gas naturale

La filiera del gas naturale La filiera del gas naturale Per comprendere appieno le caratteristiche del servizio di distribuzione bisogna inserirlo nel contesto più ampio della filiera del gas. Bisognerà analizzare, almeno nelle fasi

Dettagli

eni3 scheda introduttiva alle Condizioni Economiche

eni3 scheda introduttiva alle Condizioni Economiche eni3 scheda introduttiva alle Condizioni Economiche eni3 è il primo pacchetto integrato gas, luce e carburanti di eni per chi vuole gestire le spese per la casa e avere ulteriori vantaggi per l auto blocchi

Dettagli

ATTI PARLAMENTARI XV LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI RELAZIONE

ATTI PARLAMENTARI XV LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI RELAZIONE ATTI PARLAMENTARI XV LEGISLATURA CAMERA DEI DEPUTATI Doc. CXLI n. 2 RELAZIONE SULLO STATO DEI SERVIZI E SULL ATTIVITÀ SVOLTA DALL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS (Al 31 marzo 2007) (Articolo

Dettagli

Quaderno di energy management 31 LEGGERE LE BOLLETTE

Quaderno di energy management 31 LEGGERE LE BOLLETTE Quaderno di energy management 31 LEGGERE LE BOLLETTE 4 Le bollette dei vettori energetici appaiono generalmente quasi un documento oscuro, quasi cripticocriptate. Vengono In esse si trovanoinnumerevoliriportate

Dettagli

La copertura dei costi di capitale nei segmenti monopolistici del settore energetico

La copertura dei costi di capitale nei segmenti monopolistici del settore energetico La copertura dei costi di capitale nei segmenti monopolistici del settore energetico Egidio Fedele Dell Oste Direzione tariffe Autorità per l energia elettrica e il gas La regolazione tariffaria degli

Dettagli

prezzo vendita + dispacciamento + trasporto + oneri + imposte vendita (approvvigionamento energia)

prezzo vendita + dispacciamento + trasporto + oneri + imposte vendita (approvvigionamento energia) Leggere le bollette appunti di energy management Elettricità Le bollette dei vettori energetici sembrano quasi un documento oscuro. In esse si trovano riportate tante voci da cui risulta davvero difficile

Dettagli

Liberalizzazione dei settori elettrico e del gas

Liberalizzazione dei settori elettrico e del gas Liberalizzazione dei settori elettrico e del gas L elettricità Caratteristiche 1. Non è immagazzinabile 2. Deve essere fornita nel momento stesso in cui viene richiesta Problemi vincoli che l elettricità

Dettagli

Distribuzione di gas naturale

Distribuzione di gas naturale Distribuzione di gas naturale 50 Snam Relazione Finanziaria Annuale 2011 / Distribuzione di gas naturale Principali indicatori di performance (milioni di ) 2009 (*) 2010 2011 Var.ass. Var.% Ricavi della

Dettagli

I Contratti per l energia elettrica e il gas nel settore privato Normative e mercati Struttura Bollette elettrica e del gas

I Contratti per l energia elettrica e il gas nel settore privato Normative e mercati Struttura Bollette elettrica e del gas I Contratti per l energia elettrica e il gas nel settore privato Normative e mercati Struttura Bollette elettrica e del gas Mauro Antonetti Corso per Energy Manager ANEA Napoli 16 Novembre 2012 Struttura

Dettagli

CONDIZIONI ECONOMICHE DI SOMMINISTRAZIONE

CONDIZIONI ECONOMICHE DI SOMMINISTRAZIONE ENERGY SUPPLIER Codice contratto CONDIZIONI ECONOMICHE DI SOMMINISTRAZIONE P 2945 PROCESS CYAN OFFERTA PREZZO FISSO GAS WEB ENERGY SUPPLIER Per la somministrazione del gas naturale ai sensi del Contratto,

Dettagli

Tabella 1 - Rappresentazione grafica dei punti di entrata e di uscita dalla rete nazionale di gasdotti (anno 2011)

Tabella 1 - Rappresentazione grafica dei punti di entrata e di uscita dalla rete nazionale di gasdotti (anno 2011) Tabella 1 - Rappresentazione grafica dei punti di entrata e di uscita dalla rete nazionale di gasdotti 1.1 - Punti di entrata Punti di entrata e uscita dalla rete nazionale di gasdotti 5 punti di entrata

Dettagli

TARIFFE DI TRASPORTO PER L ANNO 2014 1 GENNAIO 2014-31 DICEMBRE 2014

TARIFFE DI TRASPORTO PER L ANNO 2014 1 GENNAIO 2014-31 DICEMBRE 2014 TARIFFE DI TRASPORTO PER L ANNO 214 1 GENNAIO 214 1 DICEMBRE 214 Le tariffe di trasporto relative all anno 214 sono state calcolate secondo i criteri stabiliti dall Autorità per l energia elettrica ed

Dettagli

PRODUZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA

PRODUZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA PRODUZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA Tariffazione dell energia elettrica Classificazione dei costi dell energia elettrica Costi di generazione (oneri finanziari, costi di smantellamento, costi d esercizio,

Dettagli

I prezzi del gas naturale per le utenze domestiche

I prezzi del gas naturale per le utenze domestiche I prezzi del gas naturale per le utenze domestiche - III trimestre 2012 - Centro Studi Unioncamere Basilicata SCHEDE: I costi per la fornitura di gas naturale alle famiglie Il costo della bolletta per

Dettagli

Il mercato elettrico retail

Il mercato elettrico retail Il mercato elettrico retail Autorità per l energia elettrica e il gas Valeria Contin DIREZIONE MERCATI 10 marzo 2010 Autorità per l Energia Elettrica e il Gas, Direzione Mercati 1 Indice Assetto mercato

Dettagli

TARIFFE DI TRASPORTO PER L ANNO 2015 1 GENNAIO 2015-31 DICEMBRE 2015

TARIFFE DI TRASPORTO PER L ANNO 2015 1 GENNAIO 2015-31 DICEMBRE 2015 TARIFFE DI TRASPORTO PER L ANNO 215 1 GENNAIO 215 1 DICEMBRE 215 Le tariffe di trasporto relative all anno 215 sono state calcolate secondo i criteri stabiliti dall Autorità per l energia elettrica il

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Autorità per l energia elettrica e il gas COMUNICATO Per caro petrolio, elettricità + 3,8 % e gas + 3,4% nel 1 trimestre 2008 Scatta ulteriore riduzione tariffe trasporto e distribuzione- In arrivo le

Dettagli

CONDIZIONI ECONOMICHE DI SOMMINISTRAZIONE

CONDIZIONI ECONOMICHE DI SOMMINISTRAZIONE PI CONDIZIONI ECONOMICHE DI SOMMINISTRAZIONE P 2945 PROCESS CYAN OFFERTA Pfor PIVACONDOMINI ENERGY SUPPLIER Per la somministrazione del gas naturale ai sensi del Contratto, il CLIENTE dovrà corrispondere

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Autorità per l energia elettrica e il gas COMUNICATO Energia: bollette ancora in calo, dal 1 luglio energia elettrica -1%, gas -7,7% Da inizio anno calo medio totale del 13,1% - La spesa media annua delle

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 29 DICEMBRE 2014 672/2014/R/GAS AGGIORNAMENTO, PER IL TRIMESTRE 1 GENNAIO - 31 MARZO 2015, DELLE CONDIZIONI ECONOMICHE DI FORNITURA DEL GAS NATURALE PER IL SERVIZIO DI TUTELA E MODIFICHE

Dettagli

Relazione tecnica (riferimento delibera n. 193/99) 1 PREMESSA

Relazione tecnica (riferimento delibera n. 193/99) 1 PREMESSA Relazione tecnica (riferimento delibera n. 193/99) PRESUPPOSTI PER L'ADOZIONE DI DISPOSIZIONI URGENTI CONCERNENTI I CRITERI PER LA NEGOZIAZIONE DEI PREZZI DI CESSIONE DEL GAS NATURALE SOTTOPOSTI AL REGIME

Dettagli

GLOSSARIO Gas Quadro sintetico Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale

GLOSSARIO Gas Quadro sintetico Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale GLOSSARIO Il Glossario è uno strumento rivolto ai clienti finali di energia elettrica (alimentati in Bassa tensione) e di gas (con consumi annui fino a 200.000 Smc) per rendere più comprensibili i termini

Dettagli

Oggetto: indagine conoscitiva costi prodotti petroliferi ed energia elettrica e gas.

Oggetto: indagine conoscitiva costi prodotti petroliferi ed energia elettrica e gas. Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L ENERGIA Oggetto: indagine conoscitiva costi prodotti petroliferi ed energia elettrica e gas. FABBISOGNO ENERGETICO Il consumo interno lordo del Paese

Dettagli

LE REGOLE DELLA LIBERALIZZAZIONE

LE REGOLE DELLA LIBERALIZZAZIONE LE REGOLE DELLA LIBERALIZZAZIONE Prof. Massimo Beccarello Autorità per l energia elettrica e il gas Direzione Strategie, Studi e Documentazione 22 dicembre 2004 Questa presentazione non è un documento

Dettagli

I prezzi del gas naturale per le utenze domestiche

I prezzi del gas naturale per le utenze domestiche I prezzi del gas naturale per le utenze domestiche - III trimestre 2013 - Centro Studi Unioncamere Basilicata SCHEDE: In sintesi I costi per la fornitura di gas naturale alle famiglie Il costo della bolletta

Dettagli

VII INDAGINE NAZIONALE SULLE BOLLETTE ELETTRICHE E DEL GAS

VII INDAGINE NAZIONALE SULLE BOLLETTE ELETTRICHE E DEL GAS VII INDAGINE NAZIONALE SULLE BOLLETTE ELETTRICHE E DEL GAS Nel 2006 le famiglie italiane hanno dovuto fronteggiare una spesa annua record per le bollette elettriche e del gas E la bolletta più alta degli

Dettagli

Materia prima_cmem+ccr

Materia prima_cmem+ccr Materia prima variazione N delibera C MEM CCR N delibera /GJ /GJ /GJ /GJ ott-13 8,873656 406/2013/R/GAS 8,056789 0,816867 196/2013/R/GAS nov-13 8,873656 8,056789 0,816867 dic-13 8,873656 8,056789 0,816867

Dettagli

Il mercato del gas naturale Prof. Carlo Andrea Bollino Regulatory Lectures 18 marzo 2002 The Adam Asmith Society

Il mercato del gas naturale Prof. Carlo Andrea Bollino Regulatory Lectures 18 marzo 2002 The Adam Asmith Society Il mercato del gas naturale Prof. Carlo Andrea Bollino Regulatory Lectures 18 marzo 2002 The Adam Asmith Society CONSUNTIVO DEI CONSUMI DI GAS NATURALE PER SETTORI DI DOMANDA NEL 2001 settore produz.ne

Dettagli

PARTE II REGOLAZIONE DELLE TARIFFE PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO E DISPACCIAMENTO DEL GAS NATURALE PER IL PERIODO DI REGOLAZIONE 2014-2017 (RTTG)

PARTE II REGOLAZIONE DELLE TARIFFE PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO E DISPACCIAMENTO DEL GAS NATURALE PER IL PERIODO DI REGOLAZIONE 2014-2017 (RTTG) Testo Unico della Regolazione della qualità e delle tariffe per i servizi di trasporto e dispacciamento del gas naturale per il periodo di regolazione 2014-2017 (TUTG) PARTE II REGOLAZIONE DELLE TARIFFE

Dettagli

PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA DI GAS NATURALE 8 ALLEGATO 3 CAPITOLATO TECNICO

PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA DI GAS NATURALE 8 ALLEGATO 3 CAPITOLATO TECNICO PROCEDURA APERTA PER LA FORNITURA DI GAS NATURALE 8 ALLEGATO 3 CAPITOLATO TECNICO PREMESSA L Agenzia Intercent-ER ha pubblicato una procedura di gara per la fornitura di gas naturale alla quale potranno

Dettagli

DCO 237/2013/R/GAS Criteri per la determinazione delle tariffe per il servizio di rigassificazione di Gnl per il quarto periodo di regolazione

DCO 237/2013/R/GAS Criteri per la determinazione delle tariffe per il servizio di rigassificazione di Gnl per il quarto periodo di regolazione DCO 237/2013/R/GAS Criteri per la determinazione delle tariffe per il servizio di rigassificazione di Gnl per il quarto periodo di regolazione Commenti e proposte Anigas Milano, 28 giugno 2013 1 Premessa

Dettagli

Gas Quadro sintetico Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale Dal 1 gennaio 2003, i clienti

Gas Quadro sintetico Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale Dal 1 gennaio 2003, i clienti Gas Quadro sintetico Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale Mercato libero Dal 1 gennaio 2003, i clienti possono liberamente scegliere da quale fornitore

Dettagli

studiografico yykk Marketing Turistico

studiografico yykk Marketing Turistico studiografico yykk Marketing Turistico SERVIZI INTEGRATI GESTIONE MAILING. ORGANIZZIAMO E GESTIAMO I VOSTRI DIRECT MAILING SPEDIZIONE DI AUGURI, INVITI, FATTURE, LISTINI - CAMPAGNE ELETTORALI STAMPA IMBUSTAMENTO

Dettagli

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p.

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p. Gas: le Regioni Italiane con il maggior numero di consumi e quelle con il risparmio più alto ottenibile Indice: Indice. p. 1 Introduzione. p. 2 Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2 Il costo del

Dettagli

3. LO STATO DEI SERVIZI: IL GAS NATURALE

3. LO STATO DEI SERVIZI: IL GAS NATURALE 3. LO STATO DEI SERVIZI: IL GAS NATURALE Nel 1997, i consumi nazionali di gas metano hanno superato i 55 miliardi di mc (Gmc), contribuendo a soddisfare quasi il 28 per cento dei fabbisogni di energia

Dettagli

CONDIZIONI ECONOMICHE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI GAS NATURALE PER I CLIENTI AVENTI DIRITTO ALLE CONDIZIONI ECONOMICHE DI TUTELA

CONDIZIONI ECONOMICHE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI GAS NATURALE PER I CLIENTI AVENTI DIRITTO ALLE CONDIZIONI ECONOMICHE DI TUTELA CONDIZIONI ECONOMICHE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI GAS NATURALE PER I CLIENTI AVENTI DIRITTO ALLE CONDIZIONI ECONOMICHE DI TUTELA Nel servizio di maggior tutela le tariffe di riferimento sono definite

Dettagli

GLOSSARIO BOLLETTE GAS QUADRO SINTETICO

GLOSSARIO BOLLETTE GAS QUADRO SINTETICO GLOSSARIO BOLLETTE GAS Il Glossario è uno strumento rivolto ai clienti finali di gas (con consumi annui fino a 200.000 Smc) che intende rendere più comprensibili i termini utilizzati nelle bollette di

Dettagli

SEGNALAZIONE DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS AL PARLAMENTO E AL GOVERNO IN ORDINE AD ALCUNI EFFETTI DELL ART

SEGNALAZIONE DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS AL PARLAMENTO E AL GOVERNO IN ORDINE AD ALCUNI EFFETTI DELL ART PAS 16/11 SEGNALAZIONE DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS AL PARLAMENTO E AL GOVERNO IN ORDINE AD ALCUNI EFFETTI DELL ART. 7 DEL DECRETO-LEGGE 13 AGOSTO 2011, N. 138 NEI SETTORI DELL ENERGIA

Dettagli

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B)

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B) AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) ()/Bx100 120 113,93 109,46 +4,47 +4,09% 480 295,84 277,95 +17,89 +6,44% 700 401,94 375,85 +26,09 +6,94% 1.400 739,55 687,37 +52,18 +7,59% 2.000 1.026,99

Dettagli

CONDIZIONI ECONOMICHE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI GAS NATURALE PER I CLIENTI DOMESTICI AVENTI DIRITTO ALLE CONDIZIONI ECONOMICHE DI TUTELA

CONDIZIONI ECONOMICHE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI GAS NATURALE PER I CLIENTI DOMESTICI AVENTI DIRITTO ALLE CONDIZIONI ECONOMICHE DI TUTELA CONDIZIONI ECONOMICHE DI RIFERIMENTO PER LA FORNITURA DI GAS NATURALE PER I CLIENTI DOMESTICI AVENTI DIRITTO ALLE CONDIZIONI ECONOMICHE DI TUTELA Hanno diritto alle condizioni economiche di tutela per

Dettagli

Di cui all art. 2, comma 12, lettera e) della legge 14 novembre 1995, n. 481

Di cui all art. 2, comma 12, lettera e) della legge 14 novembre 1995, n. 481 Documento per la consultazione CRITERI PER L INDICIZZAZIONE DELLE TARIFFE, PER LA PARTE RELATIVA AL COSTO DELLA MATERIA PRIMA, NEI SERVIZI DI FORNITURA DEI GAS ATTRAVERSO RETI URBANE Di cui all art. 2,

Dettagli

GUIDA ALLA LETTURA DELLA BOLLETTA DEL GAS NATURALE

GUIDA ALLA LETTURA DELLA BOLLETTA DEL GAS NATURALE 3 5 4 6 1 2 7 8 9 10 11 Pag. 1 di 9 12 13 14 15 16 18 19 Pag. 2 di 9 20 Pag. 3 di 9 21 Pag. 4 di 9 22 Pag. 5 di 9 RIEPILOGO DATI FATTURA 1 INTESTATARIO DELLA FORNITURA: sono i dati che identificano il

Dettagli

CONDIZIONI ECONOMICHE PER I CLIENTI NON DOMESTICI CON TARIFFA DI RIFERIMENTO HERA COMM

CONDIZIONI ECONOMICHE PER I CLIENTI NON DOMESTICI CON TARIFFA DI RIFERIMENTO HERA COMM CONDIZIONI ECONOMICHE PER I CLIENTI NON DOMESTICI CON TARIFFA DI RIFERIMENTO HERA COMM Hanno diritto alle condizioni economiche di tutela per il settore del gas naturale le seguenti tipologie di punti

Dettagli

Gas Naturale. Rapporto ref. sul mercato e la regolamentazione. ref. Osservatorio Energia

Gas Naturale. Rapporto ref. sul mercato e la regolamentazione. ref. Osservatorio Energia Gas Naturale 2009 Rapporto ref. sul mercato e la regolamentazione ref. Osservatorio Energia Il Rapporto è stato realizzato dal gruppo di lavoro dell Osservatorio Energia sotto la supervisione scientifica

Dettagli

Fornitura del GPL e altri gas a mezzo di reti locali (o cittadine)

Fornitura del GPL e altri gas a mezzo di reti locali (o cittadine) Camera dei Deputati 129 Senato della Repubblica Fornitura del GPL e altri gas a mezzo di reti locali (o cittadine) L indagine annuale sui settori dell energia elettrica e del gas svolta dall Autorità quest

Dettagli

LA CORSA AL RIALZO DEL PETROLIO DOVE ANDRANNO I PREZZI DEL GAS E DELL ENERGIA?

LA CORSA AL RIALZO DEL PETROLIO DOVE ANDRANNO I PREZZI DEL GAS E DELL ENERGIA? LA CORSA AL RIALZO DEL PETROLIO DOVE ANDRANNO I PREZZI DEL GAS E DELL ENERGIA? RELATORE Ing. Giuseppe Coduri Servizi Industriali srl ANDAMENTO PREZZI ENERGIA contratti di approvvigionamento 19/05/2011

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Autorità per l energia elettrica e il gas COMUNICATO Energia: da aprile bollette elettricità ancora in calo (-3,1%), aumento per il gas (+3,6%) Oltre al caro- petrolio, pesa sul gas il basso grado di concorrenza

Dettagli

elettricità il quadro sintetico della bolletta Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale

elettricità il quadro sintetico della bolletta Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale IL Glossario della bolletta L Autorità per l energia ha reso disponibile per tutti i clienti finali di energia elettrica, alimentati in bassa tensione, e di gas, con consumi fino a 200.000 standard metro

Dettagli

I prezzi del gas naturale per le utenze domestiche

I prezzi del gas naturale per le utenze domestiche I prezzi del gas naturale per le utenze domestiche - IV trimestre 2013 - Centro Studi Unioncamere Basilicata SCHEDE: In sintesi I costi per la fornitura di gas naturale alle famiglie Il costo della bolletta

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Autorità per l energia elettrica e il gas COMUNICATO Energia: nuovo calo delle bollette, dal 1 aprile energia elettrica -2%, gas -7,5% La spesa media per le famiglie si riduce ulteriormente di 92 euro

Dettagli

Un fattore da prendere in considerazione è rappresentato dai prezzi e dalle tariffe dell energia.

Un fattore da prendere in considerazione è rappresentato dai prezzi e dalle tariffe dell energia. 5. Prezzi dell energia Un fattore da prendere in considerazione è rappresentato dai prezzi e dalle tariffe dell energia. Osservando i prezzi medi dell ultimo decennio 40 si nota che dei principali prodotti

Dettagli

IL MERCATO VINCOLATO DEL GAS METANO IN ITALIA

IL MERCATO VINCOLATO DEL GAS METANO IN ITALIA IL MERCATO VINCOLATO DEL GAS METANO IN ITALIA dott. ing. Davide Mariani Pavia, 03/05/02 CSE SRL VIA RIVIERA, 39 27100 PAVIA TEL. 0382 528850 FAX 0382 528851 VIALE ASIA, 11 00144 ROMA TEL. 06 5921692/3

Dettagli

IL GLOSSARIO DELLA BOLLETTA

IL GLOSSARIO DELLA BOLLETTA IL GLOSSARIO DELLA BOLLETTA Il Glossario della bolletta è uno strumento per semplificare e facilitare la comprensione dei termini più utilizzati nelle bollette. E diviso in tre sezioni: il Quadro sintetico;il

Dettagli

Misure di incentivazione per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili

Misure di incentivazione per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili Dipartimento di Ingegneria Elettrica, Elettronica e delle Telecomunicazioni Università degli Studi di Palermo Misure di incentivazione per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili Ing. Salvatore

Dettagli

La bolletta del gas. Ravenna 03 ottobre 2012. Dott. Christian Alpi

La bolletta del gas. Ravenna 03 ottobre 2012. Dott. Christian Alpi La bolletta del gas Ravenna 03 ottobre 2012 Dott. Christian Alpi 2 LA BOLLETTA frontespizio 3 LA BOLLETTA dati tecnici e contrattuali 4 LA BOLLETTA Dettaglio importi 5 Vendita gas Mercato Libero Le componenti

Dettagli

Autorità per l energia elettrica e il gas

Autorità per l energia elettrica e il gas Autorità per l energia elettrica e il gas COMUNICATO Energia: dal 1 gennaio bollette 2,2% per l elettricità, +2,8%per il gas Con i bonus, riduzioni superiori al 15% per le famiglie più bisognose Milano,

Dettagli

RAZIONALIZZAZIONE ED INGLOBAMENTO NELLA TARIFFA ELETTRICA DEI SOVRAPPREZZI NON DESTINATI ALLE ENTRATE DELLO STATO

RAZIONALIZZAZIONE ED INGLOBAMENTO NELLA TARIFFA ELETTRICA DEI SOVRAPPREZZI NON DESTINATI ALLE ENTRATE DELLO STATO Delibere n. 70/97 e 93/97 (adottate il 26 6 1997 e il 28 8-1997) Delibera n. 70/97 RAZIONALIZZAZIONE ED INGLOBAMENTO NELLA TARIFFA ELETTRICA DEI SOVRAPPREZZI NON DESTINATI ALLE ENTRATE DELLO STATO (Gazzetta

Dettagli

DESCRIZIONE DEL SISTEMA

DESCRIZIONE DEL SISTEMA DESCRIZIONE DEL SISTEMA 1) DESCRIZIONE GENERALE DEL SISTEMA DI TRASPORTO DEL TRASPORTATORE 5 1.1) I METANODOTTI 5 1.1.1) I METANODOTTI DI IMPORTAZIONE 5 1.1.2) I METANODOTTI DI TRASPORTO PRIMARIO 5 1.1.3)

Dettagli

Allegato A Schema di Piano Industriale Istruzioni per la redazione

Allegato A Schema di Piano Industriale Istruzioni per la redazione Allegato A Schema di Piano Industriale Istruzioni per la redazione Il piano industriale deve contenere il flusso di cassa operativo secondo lo schema A1. La Commissione verifica la congruità del piano

Dettagli

TESTO INTEGRATO DELLE ATTIVITÁ DI VENDITA AL DETTAGLIO DI GAS NATURALE E GAS DIVERSI DA GAS NATURALE DISTRIBUITI A MEZZO DI RETI URBANE (TIVG)

TESTO INTEGRATO DELLE ATTIVITÁ DI VENDITA AL DETTAGLIO DI GAS NATURALE E GAS DIVERSI DA GAS NATURALE DISTRIBUITI A MEZZO DI RETI URBANE (TIVG) TESTO INTEGRATO DELLE ATTIVITÁ DI VENDITA AL DETTAGLIO DI GAS NATURALE E GAS DIVERSI DA GAS NATURALE DISTRIBUITI A MEZZO DI RETI URBANE (TIVG) in vigore dall 1 ottobre 2011 Versione modificata con deliberazioni

Dettagli

CAPITOLO 7 SISTEMA TARIFFARIO

CAPITOLO 7 SISTEMA TARIFFARIO CAPITOLO 7 SISTEMA TARIFFARIO Cap. 7 1 SISTEMA TARIFFARIO GAS NATURALE COMBUSTIBILI LIQUIDI ENERGIA ELETTRICA Cap. 7 2 GAS NATURALE EVOLUZIONE DEL SETTORE IL DECRETO LEGISLATIVO n. 164 DEL 23/5/2000 HA

Dettagli

L Indagine Conoscitiva AGCM sul Teleriscaldamento

L Indagine Conoscitiva AGCM sul Teleriscaldamento L Indagine Conoscitiva AGCM sul Teleriscaldamento Alessandro Noce Responsabile Direzione Energia e Industria di Base Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato Milano 20 maggio 2014 1 Il punto di

Dettagli

Fonti energetiche e strategie per la sicurezza

Fonti energetiche e strategie per la sicurezza Fonti energetiche e strategie per la sicurezza 1 Petrolio 2 3 4 5 Rapporto Prezzo/Riserve Prezzo di estrazione a tecnologia A $90,00 3 milioni di barili $60,00 2 milioni di barili $30,00 $0,00 100m 200m

Dettagli

6 Il gruppo Snam. Il gruppo Snam 99,69% 100% 100% 100% 100%

6 Il gruppo Snam. Il gruppo Snam 99,69% 100% 100% 100% 100% 6 Il gruppo Snam Il gruppo Snam TRASPORTO 100% RIGASSIFICAZIONE 100% STOCCAGGIO 100% DISTRIBUZIONE 100% DISTRIBUZIONE 99,69% Il gruppo Snam 7 L'ASSETTO SOCIETARIO La capogruppo Snam, quotata alla Borsa

Dettagli

Metodologia. 5 rapporto sull energia

Metodologia. 5 rapporto sull energia 2 Metodologia 5 rapporto sull energia 23 2.1 Usi finali e consumi finali Per l aggiornamento del bilancio energetico provinciale al 2005 si è adottata la stessa metodologia utilizzata per il Quarto Rapporto

Dettagli

Gruppo IRIDE Il Consiglio di Amministrazione ha approvato i risultati dei primi nove mesi del 2009

Gruppo IRIDE Il Consiglio di Amministrazione ha approvato i risultati dei primi nove mesi del 2009 Gruppo IRIDE Il Consiglio di Amministrazione ha approvato i risultati dei primi nove mesi del RISULTATI OPERATIVI IN FORTE CRESCITA: - RICAVI: 1.625 MILIONI (1.740 NEI 9 MESI, -7%) - MARGINE OPERATIVO

Dettagli

AUTORITA DI REGOLAZIONE PER I SERVIZI PUBBLICI E L ENERGIA

AUTORITA DI REGOLAZIONE PER I SERVIZI PUBBLICI E L ENERGIA DELIBERA IN MATERIA TARIFFARIA N. 1/2013 del 25 gennaio 2013 avente ad Oggetto: Richiesta di Adeguamento tariffe gas anno 2013 relativa alle forniture di gas naturale, presentata dalla Azienda Autonoma

Dettagli

Scheda di confrontabilità per clienti finali domestici di gas naturale

Scheda di confrontabilità per clienti finali domestici di gas naturale FC-VECA.A-I_SW_DOM_ DOM_DUAL - All.8 Sconta prezzo gas sul valore della componente commercializzazione all'ingrosso (componente relativa alla materia prima Materia Prima Gas (CCI) /Smc 0,414734 L offerta

Dettagli

DOCUMENT NUMBER: CIRA-CF-14-1409 0 3+8. Specifica per l'offerta di fornitura di energia elettrica e gas naturale

DOCUMENT NUMBER: CIRA-CF-14-1409 0 3+8. Specifica per l'offerta di fornitura di energia elettrica e gas naturale DOCUMENT NUMBER: CIRA-CF-14-1409 0 REV.: DISTRIBUTION STATEMENT PROJECT JOB NATURA DOCUMENTO PROGETTO COMMESSA RISTRETTO ARCHIVIO PROGRESSIVO DI ARCHIVIO NO. OF PAGES /CIRA/SUTI 0010 3+8 TASK DELIVERABLE

Dettagli

elettricità il quadro sintetico della bolletta Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale

elettricità il quadro sintetico della bolletta Informazioni relative al cliente finale, al punto di prelievo e alla tipologia contrattuale IL Glossario della bolletta L Autorità per l energia ha reso disponibile per tutti i clienti finali di energia elettrica, alimentati in bassa tensione, e di gas, con consumi fino a 200.000 standard metro

Dettagli

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012

GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 2012 4. GLI IMMOBILI IN ITALIA 2012 4. FLUSSI DEI REDDITI DERIVANTI DALLE LOCAZIONI DEI FABBRICATI E FLUSSI INTERTERRITORIALI 4.1 ASPETTI GENERALI In questo capitolo si presentano i dati sui canoni di

Dettagli