Fonti normative. D.lgs del 30 giugno 2003, n Provvedimento generale del Garante del 18 maggio 2006.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fonti normative. D.lgs del 30 giugno 2003, n. 196. Provvedimento generale del Garante del 18 maggio 2006."

Transcript

1 Corso di Amministratore di condominio Privacy Privacy nei confronti delle diverse figure 1

2 Argomenti trattati I principi generali della legge sulla privacy. Il provvedimento generale del Garante del 18 maggio Gli adempimenti per gli amministratori condominiali: i rapporti con i condomini; i rapporti con i fornitori del condominio; i rapporti con il portiere dello stabile; i rapporti con i dipendenti e collaboratori di studio. La privacy nel condominio: i dati relativi alla proprietà esclusiva dei condomini e la tutela della riservatezza; i rapporti con i condomini morosi; il conto corrente condominiale e problemi di privacy; posta nelle cassette condominiali e diritto alla riservatezza; videosorveglianza in condominio e tutela della privacy. Le responsabilità connesse al trattamento dei dati. 2

3 Fonti normative D.lgs del 30 giugno 2003, n. 196 Provvedimento generale del Garante del 18 maggio

4 Principi della legge Chiunque ha diritto alla protezione dei dati personali che lo riguardano (art. 1); I dati sono dell interessato; Obbligo del Consenso Informato ; Modalità del trattamento dei dati (art. 11): a) trattati in modo lecito e secondo correttezza; b) raccolti e registrati per scopi determinati, espliciti e legittimi, ed utilizzati in altre operazioni del trattamento in termini compatibili con tali scopi; c) esatti e, se necessario, aggiornati; d) pertinenti, completi e non eccedenti rispetto alle finalità per le quali sono raccolti o successivamente trattati; e) conservati in una forma che consenta l identificazione dell interessato per un periodo di tempo non superiore a quello necessario agli scopi per i quali essi sono stati raccolti o successivamente trattati. 4

5 Obiettivi della legge Riconoscere e garantire i diritti dei cittadini; evitare che l uso dei dati possa recare danni all interessato; limitare la potenziale invadenza nella privacy dei cittadini; arginare i crimini informatici. 5

6 Il provvedimento generale del Garante del 18 maggio 2006 Individua regole e principi per la corretta applicazione del d.lgs 196/2003 in materia condominiale. Argomenti trattati: tipo di dati trattati: inerenti il condominio, dati personali riferiti ai singoli partecipanti al condominio, dati riferiti a soggetti diversi dai partecipanti al condominio; titolarità del trattamento nell ambito della gestione condominale; circolazione dei dati relativi alla gestione condominiale; problematiche inerenti alle misure di sicurezza; trattamento dei dati sensibili, giudiziari e personali. 6

7 La tipologia dei dati trattati: l ambito oggettivo del trattamento Nel settore condominiale, nella generalità dei casi, la natura dei dati trattati è di tipo personale. I dati di natura personale dei singoli condomini possono essere trattati per finalità di gestione e amministrazione del condominio a prescindere dal consenso degli interessati. 7

8 I dati trattati Generalmente in ambito condominiale vengono in considerazione i dati anagrafici dei condomini (persone fisiche e/o giuridiche): a) nome e cognome; b) residenza (città, via e numero civico); c) codice fiscale o partita IVA; e) recapito telefonico (occorre il consenso espresso). I dati riguardanti i condomini in relazione all organizzazione ed al funzionamento del condominio: a) qualità di proprietario, inquilino o usufruttuario, ecc.; b) quota millesimale di proprietà dei beni comuni; c) altre informazioni relative ai condomini (ad esempio: dati relativi ai consumi, lo stato di morosità nel pagamento delle quote comuni, ecc.). 8

9 La titolarità dei dati trattati: ambito soggettivo del trattamento La titolarità del trattamento dei dati di natura personale che afferiscono il condominio spetta: AI CONDOMINI (tra loro contitolari del trattamento); ALL AMMINISTRATORE (titolare autonomo). 9

10 Gli adempimenti dell Amministratore di condominio 1) NEI CONFRONTI DEI CONDOMINI: predisporre il testo dell informativa da rendere ai condomini ed esporla nella bacheca condominiale ovvero consegnarla agli stessi nella prima assemblea utile, dandone atto nel verbale; predisporre la propria organizzazione di studio in modo da fornire risposta nei termini di legge ad eventuali istanze di accesso provenienti dai condomini, previo accertamento dell identità e del titolo del soggetto che ha proposto l istanza; adozione delle misure minime di sicurezza. 10

11 Gli adempimenti dell Amministratore di condominio 2) NEI CONFRONTI DEI FORNITORI: L Amministratore è tenuto a predisporre il testo dell informativa da rendere ai fornitori del condominio e consegnarla ai medesimi personalmente o a mezzo posta; predisporre la propria organizzazione di studio in modo da fornire risposta a eventuali istanze di accesso provenienti dai fornitori; adozione delle misure minime di sicurezza. 11

12 Gli adempimenti dell Amministratore di condominio 3) NEI CONFRONTI DEL PORTIERE DELLO STABILE: Predisporre il testo dell informativa da rendere al portiere e consegnarla al medesimo personalmente o a mezzo posta; nomina ad incaricato del trattamento: predisporre lettera di incarico (in sostanza si tratta di elencare i compiti del portiere), da consegnare personalmente al portiere; predisporre la propria organizzazione di studio in modo da fornire risposta a eventuali istanze di accesso provenienti dal portiere; adottare le misure minime di sicurezza. 12

13 Gli adempimenti dell Amministratore di condominio 4)NEI CONFRONTI DEI DIPENDENTI E I COLLABORATORI DELLO STUDIO: predisporre il testo dell informativa e consegnarla personalmente o a mezzo posta; nomina a (eventuale) responsabile del trattamento: predisporre la lettera di incarico da consegnare personalmente all eventule dipendente che si intende designare come responsabile del trattamento; 13

14 Gli adempimenti dell Amministratore di condominio 4) NEI CONFRONTI DEI DIPENDENTI E I COLLABORATORI DELLO STUDIO: nomina a incaricato del trattamento: predisporre la lettera di incarico da consegnare personalmente ai dipendenti/collaboratori; predisporre la propria organizzazione di studio in modo da fornire risposta a eventuali istanze di accesso ai propri dati personali; adozione delle misure minime di sicurezza. 14

15 Gli adempimenti dell Amministratore di condominio 5) NEI CONFRONTI DI SOGGETTI ESTERNI CHE GESTISCONO L EVENTUALE SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA: Predisporre il testo dell informativa da rendere al soggetto che si occupa di videosorveglianza condominiale; nomina a responsabile del trattamento: predisporre la lettera di designazione del responsabile del trattamento da consegnare al prescelto per la gestione del servizio di videosorveglianza. Nella medesima occorre fornire al responsabile le direttive in base alle quali gestire il servizio nel rispetto degli adempimenti previsti dal d.lgs 196/2003. Prevede anche un obbligo di report periodico a carico del responsabile del trattamento; adozione delle misure minime di sicurezza. 15

16 Dati relativi alla Proprietà dei Condòmini Tutela della riservatezza DEVONO ESSERE COMUNICATI ALL AMMINISTRATORE: I dati relativi ai titolari (nome, cognome, indirizzo, ecc.) delle unità immobiliari (appartamento, box, cantina, posto auto) che fanno parte del condominio. Analogo diritto sussiste in capo ai condòmini contitolari del trattamento. 16

17 Dati relativi alla Proprietà dei Condòmini Tutela della riservatezza 1) OBBLIGO DI COMUNICARE LA VENDITA DELL UNITA IMMOBILIARE La normativa sulla privacy non prevede specifici accertamenti volti a verificare sui registri immobiliari l effettiva titolarità delle singole unità immobiliari a cura dell Amministratore di condominio. Le Sezioni Unite della Cassazione hanno individuato in capo all Amministratore il dovere di consultazione dei registri immobiliari per l ipotesi in cui lo stesso agisca per il recupero delle spese di competenza. L acquirente è tenuto a comunicare all Amministratore il trasferimento dell unità immobiliare. 17

18 Dati relativi alla Proprietà dei Condòmini Tutela della riservatezza 2) DECESSO DEL CONDOMINO ED INFORMAZIONI RELATIVE ALLA TITOLARITA DELL UNITA IMMOBILIARE: Gli eredi sono tenuti a comunicare all Amministratore la morte del condomino defunto e, conseguentemente, i loro dati anagrafici e recapiti. 18

19 Dati relativi alla Proprietà dei Condòmini Tutela della riservatezza 3) DIRITTO DI ACCEDERE E RICEVERE LE INFORMAZIONI RELATIVE ALLA TITOLARITA DI UN UNITA IMMOBILIARE E diritto di tutti i comproprietari di essere informati dei nominativi e della titolarità dei condomini. L Amministratore ha l obbligo di ottemperare alla richiesta di esibizione dei dati da parte del condomino. Non è necessario che i condomini specifichino la ragione per cui vogliono prendere visione o estrarre copia dei documenti relativi alla titolarità di un unità condominiale; spetta all Amministratore l onere di dedurre e dimostrare l insussistenza di qualsivoglia interesse effettivo: motivi futili, inconsistenti o contrari alla correttezza. 19

20 Dati relativi alla Proprietà dei Condòmini Tutela della riservatezza 3) DIRITTO DI ACCEDERE E RICEVERE LE INFORMAZIONI RELATIVE ALLA TITOLARITA DI UN UNITA IMMOBILIARE L Amministratore è tenuto ad adottare le cautele dovute per evitare che terzi non legittimati vengano a conoscenza dei dati. 4) COMUNICAZIONE DEI NUMERI TELEFONICI DEI CONDOMINI (DATO PERSONALE): Solo in presenza di consenso dell interessato. 20

21 Dati relativi alla Proprietà dei Condòmini Tutela della riservatezza 5) GLI INDIRIZZI DEI CONDOMINI NON RESIDENTI NEL CASEGGIATO : L Amministratore ha diritto a conoscere tali informazioni ed è tenuto a svolgere le indagini suggerite dall ordinaria diligenza per rintracciare i condomini non più presenti al precedente recapito e comunicare a tutti l avviso di convocazione dell assemblea. 21

22 Rapporti con condòmini morosi DECISIONE DEL GARANTE 12 DICEMBRE 2001: il trattamento dei dati in questione da parte del condòmino è, sul piano generale, lecito e può comportare anche una giustificata comunicazione di dati tra i soggetti interessati nell ambito del condominio; al contrario, lo specifico trattamento di dati realizzato mediante l esposizione in bacheca, relativamente ad una presunta situazione di morosità, si pone in contrasto con i principi di pertinenza e di non eccedenza affermati dall art. 9 l. n. 675/96; 22

23 Rapporti con condòmini morosi DECISIONE DEL GARANTE 12 DICEMBRE 2001: L esposizione di dati personali riguardanti singoli condomini in luoghi aperti al passaggio di soggetti estranei deve essere infatti limitata predisponendo gli avvisi, le convocazioni e gli ordini giorno di cui si ritenga necessaria l inserzione in bacheche condominiali in modo da inserirvi le sole informazioni necessarie per la più efficace comunicazione dell evento (es: assemblea condominiale), indicando eventuali dati personali relativi al merito delle singole questioni solo nell ambito di documenti inviati ai singoli aventi diritto, oppure all interno della discussione comune. 23

24 Rapporti con condòmini morosi PROVVEDIMENTO DEL GARANTE 16 LUGLIO 2003: L Amministratore, nel corso dell assemblea, a richiesta dei condomini stessi può legittimamente esporre le ragioni di credito del condominio nei confronti di un singolo partecipante moroso, facendo trascrivere le sue dichiarazioni nel verbale della riunione assembleare inviato esclusivamente a tutta la collettività condominale. L esposizione nella bacheca condominiale di documenti personali del singolo è considerata condotta illegittima 24

25 Rapporti con condòmini morosi PROVVEDIMENTO DEL GARANTE 16 LUGLIO 2003: E legittimo il comportamento dell Amministratore che in apposita sezione del rendiconto condominiale indichi il nome e l importo delle quote condominiali non versate dai condomini. 25

26 Conto corrente condominiale I condomini possono esercitare in ogni momento il potere di vigilanza e controllo sull attività di gestione e, perciò, possono in ogni momento prendere visione dei documenti del conto corrente; non è necessario che il condominio specifichi la ragione per cui vuole prendere visione o estrarre copie dei documenti del conto corrente; l Amministratore può non ottemperare alla richiesta dimostrando l inesistenza di un interesse effettivo in capo al condomino istante (perché i documenti non lo riguardano, oppure l esistenza di motivi futili o contrari alla correttezza). 26

27 Posta nelle cassette condominiali La funzione della cassetta delle lettere è quella di raccogliere atti di corrispondenza indirizzati all intestatario; l intestatario è l unico soggetto legittimato ad estendere l utilizzazione della cassetta delle lettere anche ad altri fini, tra cui quello di ricevere qualsivoglia forma di pubblicità; qualora il titolare della cassetta esprima, inequivocabilmente, di non voler ricevere materiale pubblicitario, a nessuno deve essere consentito di tenere un comportamento contrastante con tale volontà. 27

28 Videosorveglianza L installazione di telecamere è possibile solo tenendo conto, oltre che della disciplina sulla privacy, di quanto prescritto da altre disposizioni di legge da osservare in caso di installazione di apparecchi audiovisivi (c.d. principio di liceità). È ammissibile installare telecamere esclusivamente in relazione all esigenza di preservare la sicurezza di condomini o per tutelare le loro proprietà esclusive o parti comuni da concrete situazioni di pericolo (c.d. principio di necessità). 28

29 Videosorveglianza I visitatori delle aree condominiali devono essere informati che stanno per accedere o si trovano in una zona video sorvegliata e dell eventuale registrazione. E sufficiente un cartello, collocato nei luoghi ripresi e ben visibile, con raffigurata una telecamera, che specifichi le finalità del trattamento, i nomi dei condomini, il responsabile del trattamento e gli incaricati dello stesso. 29

30 Videosorveglianza In linea teorica la videosorveglianza dovrebbe preferibilmente essere svolta in modalità live, ovvero senza la registrazione delle immagini. Se avviene la registrazione, le immagini devono essere cancellate entro un periodo massimo di 24 ore. L installazione ad opera del singolo partecipante al condominio di strumenti di ripresa il cui angolo di visuale sia limitato a spazi di propria esclusiva pertinenza e senza registrazione e delle immagini non è soggetta al Codice della privacy. 30

31 La responsabilità connessa al trattamento dei dati 1. RESPONSABILITA AMMINISTRATIVA 2. RESPONSABILITA PENALE 31

32 Responsabilità Amministrativa 1) OMESSA O INIDONEA INFORMATIVA (Art. 161). Tale violazione è punita con la sanzione amministrativa base del pagamento di una somma da a Euro. La sanzione è più pesante nei casi di dati sensibili, giudiziari o di trattamenti che presentino rischi specifici ai sensi dell art. 17 o, comunque, di maggiore rilevanza del pregiudizio per uno o più interessati e va da un minimo ad un massimo di Euro. La sanzione può essere aumentata sino al triplo quando risulta inefficace in ragione delle condizioni economiche del contravventore. 32

33 Responsabilità Amministrativa 2) CESSIONE DEI DATI IN VIOLAZIONE DI QUANTO PREVISTO DALL ART. 16, COMMA 1, LETT. B, O DI ALTRE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI DISCIPLINA DEL TRATTAMENTO DEI DATI (Art. 162, n. 1). Tale violazione è punita con la sanzione amministrativa base del pagamento di una somma da a Euro 33

34 Responsabilità Amministrativa 3) LA VIOLAZIONE DELLA DISPOSIZIONE DI CUI ALL'ARTICOLO 84, COMMA 1 (Art. 162, n. 2). L art. 84, comma 1, riguarda i dati sanitari e prescrive che i dati personali idonei a rivelare lo stato di salute possono essere resi noti solo all interessato o ai soggetti legittimati, da parte di esercenti le professioni sanitarie od organismi sanitari, esclusivamente per il tramite di un medico designato dall interessato. Tale illecito è punito con la sanzione amministrativa che prevede il pagamento di una somma da 500 a Euro 34

35 Responsabilità Amministrativa 4) OMESSA O INCOMPLETA NOTIFICAZIONE (Art. 163). Le condotte punite sono due: 1. l omissione assoluta della notificazione 2. l incompletezza delle notizie riportate sulla notificazione comunque effettuata. Tale condotta è punita con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da a Euro e con la sanzione amministrativa accessoria della pubblicazione dell'ordinanza-ingiunzione, per intero o per estratto, in uno o più giornali indicati nel provvedimento che la applica. 35

36 Responsabilità Amministrativa 5) OMESSA INFORMAZIONE O ESIBIZIONE AL GARANTE (Art. 164) E punita con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da a Euro, ai sensi degli art. 150, comma 2, e 157. L art. 150 riguarda i ricorsi amministrativi al Garante. Al comma 2, prevede che il Garante può assumere informazioni ai fini della decisione del contenzioso. L art. 157, si colloca nel capo dedicato ad accertamenti e controlli: per l espletamento dei propri compiti il Garante può richiedere al titolare, al responsabile, all interessato o anche a terzi di fornire informazioni e di esibire documenti. Chi non aderisce alle richieste è passibile della sanzione. 36

37 Responsabilità Amministrativa SANZIONE ACCESSORIA (Art. 165) Nei casi di cui agli articoli 161, 162 e 164 può essere applicata la sanzione amministrativa accessoria consistente nella pubblicazione dell'ordinanza-ingiunzione, per intero o per estratto, in uno o più giornali indicati nel provvedimento che la applica. 37

38 Responsabilità Amministrativa PROCEDIMENTO DI APPLICAZIONE: l'organo competente a ricevere il rapporto e ad irrogare le sanzioni amministrative è il Garante. L interessato, entro 60 giorni dalla contestazione dell illecito, può pagare la sanzione ovvero presentare ricorso avanti il Giudice di Pace. Il dovere di pagare la sanzione si prescrive in 5 anni dal giorno della violazione. 38

39 Responsabilità penale 1) TRATTAMENTO ILLECITO DEI DATI (ART. 167) Salvo che il fatto costituisca reato più grave, chiunque, al fine di trarne per sè o per altri profitto o di recare ad altri un danno, procede al trattamento di dati personali in violazione di quanto disposto dagli articoli 18, 19, 23, 123, 126 e 130, ovvero in applicazione dell'articolo 129. SANZIONE: reclusione da sei a diciotto mesi o, se il fatto consiste nella comunicazione o diffusione, con la reclusione da sei a ventiquattro mesi. 39

40 Responsabilità penale 1) TRATTAMENTO ILLECITO DEI DATI (ART. 167) Salvo che il fatto costituisca più grave reato, chiunque, al fine di trarne per sè o per altri profitto o di recare ad altri un danno, procede al trattamento di dati personali in violazione di quanto disposto dagli articoli 17, 20, 21, 22, commi 8 e 11, 25, 26, 27 e 45, se dal fatto deriva nocumento. SANZIONE: la reclusione da uno a tre anni. 40

41 Responsabilità penale 2) FALSITA NELLE DICHIARAZIONI E NOTIFICAZIONI AL GARANTE (ART. 168) Chiunque, nella notificazione o in comunicazioni, atti, documenti o dichiarazioni resi o esibiti in un procedimento dinanzi al Garante o nel corso di accertamenti, dichiara o attesta falsamente notizie o circostanze o produce atti o documenti falsi. SANZIONE: la reclusione da sei mesi a tre anni. 41

42 Responsabilità penale 3) OMESSA ADOZIONE DELLE MISURE MINIME DI SICUREZZA (ART.169) Chi omette di adottare le misure minime previste dall art. 33 e dall allegato B al codice della privacy. SANZIONE: l arresto sino a due anni o con l ammenda da a Euro 42

43 4) INOSSERVANZA (DOLOSA) DI PROVVEDIMENTI DEL GARANTE (ART. 170) Responsabilità penale Chiunque, essendovi tenuto, non osserva i seguenti provvedimenti del Garante: - autorizzazione al trattamento di dati genetici (art. 90); - autorizzazione al trattamento di dati sensibili (art. 26); - provvedimento cautelare di blocco del trattamento o sospensione di operazioni pendente un ricorso (art. 150); - decisione su ricorso per la tutela dei diritti degli interessati (art. 150); - divieto o blocco di trattamenti illeciti o non corretti o pregiudizievoli (art. 143). SANZIONE: la reclusione da tre mesi a due anni. 43

44 Responsabilità penale 5) PENA ACCESSORIA (Art. 172) La condanna per uno dei delitti previsti dal codice importa la pubblicazione della sentenza. 44

la tutela davanti al giudice ed al Garante

la tutela davanti al giudice ed al Garante la tutela davanti al giudice ed al Garante le forme di tutela: il Garante il Codice prevede 3 forme di tutela: Amministrativa, dinanzi al Garante Giurisdizionale Risarcitoria (vignetta tratta dal sito

Dettagli

PRIVACY-VIDEOSORVEGLIANZA

PRIVACY-VIDEOSORVEGLIANZA Circolare n. 1/08 del 20 novembre 2008* PRIVACY-VIDEOSORVEGLIANZA Riferimenti normativi La forma di sorveglianza legata all utilizzo di sistemi di ripresa delle immagini, definita videosorveglianza, è

Dettagli

Applicazione del Testo Unico sulla Privacy: Responsabilità e sistema sanzionario Pagina 1 di 8. a cura di. Data Ufficio E-learning

Applicazione del Testo Unico sulla Privacy: Responsabilità e sistema sanzionario Pagina 1 di 8. a cura di. Data Ufficio E-learning Pagina 1 di 8 M.2 RESPONSABILITÀ E SISTEMA SANZIONATORIO a cura di Data Ufficio E-learning Gruppo Data Ufficio Spa Pagina 2 di 8 INDICE DOCUMENTO M2. RESPONSABILITÀ E SISTEMA SANZIONATORIO...3 1. Le sanzioni...3

Dettagli

La responsabilità amministrativa degli enti si estende ai delitti in materia di trattamento dei dati personali. Novità introdotte dal D.l. n. 93/2013.

La responsabilità amministrativa degli enti si estende ai delitti in materia di trattamento dei dati personali. Novità introdotte dal D.l. n. 93/2013. La responsabilità amministrativa degli enti si estende ai delitti in materia di trattamento dei dati personali. Novità introdotte dal D.l. n. 93/2013. Il D.l. 14 agosto 2013, n. 93, entrato il vigore lo

Dettagli

Quesiti SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO SI SI NO

Quesiti SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO SI SI NO All. Del. Gar. N 21 del 24/5/2007 La seguente lista di controllo è tratta dall allegato alla Delibera del Garante per la protezione dei dati personali n 21, del 24/5/2007, recante misure per la semplificazione

Dettagli

Codice. in materia di. Protezione dei Dati Personali

Codice. in materia di. Protezione dei Dati Personali Codice in materia di Protezione dei Dati Personali (D.Lgs. 196/2003) ====================== Incontri Formativi con il Personale della Direzione Didattica del 7 Circolo Didattico G. Carducci di Livorno

Dettagli

Manuale Informativo. Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali

Manuale Informativo. Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali Manuale Informativo Decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 Codice in materia di protezione dei dati personali INDEX Il D.Lgs. 196/2003 Termini e Fondamenti Gli attori Organizzazione e Responsabilità

Dettagli

Legge sulla PRIVACY Dlgs 196/2003 INDICE

Legge sulla PRIVACY Dlgs 196/2003 INDICE Legge sulla PRIVACY Dlgs 196/2003 Dal 01.01.2004 e' entrato in vigore il DLgs 196 del 30.06.2003 cosiddetto Testo Unico sulla Privacy. Di seguito un breve riepilogo dei principali aspetti della norma che

Dettagli

LA DISCIPLINA IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI

LA DISCIPLINA IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI LA DISCIPLINA IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI Dr. Ivan Salvadori Dottorando in Diritto Penale dell Informatica Facoltà di Giurisprudenza di Verona LA STRUTTURA DEL CODICE DELLA PRIVACY 1 PARTE:

Dettagli

SICUREZZA DEGLI EDIFICI E DOMOTICA Linee guida e compiti in fase di progettazione Privacy

SICUREZZA DEGLI EDIFICI E DOMOTICA Linee guida e compiti in fase di progettazione Privacy Quali dati si possono raccogliere e come Molti sono per le aziende i punti critici: Quali dati si possono raccogliere? Quali si devono raccogliere? Quali controlli preventivi si possono fare? Con quale

Dettagli

Regolamento per l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Molveno

Regolamento per l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Molveno Regolamento per l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Molveno Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 34 dd. 05.06.2013 Indice Art. 1 - Premessa Art. 2 - Principi generali

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL COMUNE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE NR. 23 DD. 23.08.2011 Allegato alla delibera consigliare n. 23 dd.23.08.2011

Dettagli

Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * ---

Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * --- Città di Potenza Unità di Direzione Polizia Municipale --- * * * * * --- REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA NEL TERRITORIO COMUNALE (approvato con Delibera di

Dettagli

CARTA INTESTATA PREMESSA

CARTA INTESTATA PREMESSA REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEO SORVEGLIANZA AI FINI DI SICUREZZA, TUTELA DEL PATRIMONIO, CONTROLLO E MONITORAGGIO DEGLI ACCESSI, AI FINI DEL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI AI SENSI

Dettagli

La Privacy nelle Associazioni di Promozione Sociale

La Privacy nelle Associazioni di Promozione Sociale La Privacy nelle Associazioni di Promozione Sociale Forlì, 25 gennaio 2007 1 Adempimenti previsti dal Codice della Privacy per le APS 2 Codice della Privacy Nel 1996 la legge n. 675 regolamentò la tutela

Dettagli

AGE.AGEDP-CT.COMINT.0003479.02-07-2013-R

AGE.AGEDP-CT.COMINT.0003479.02-07-2013-R AGE.AGEDP-CT.COMINT.0003479.02-07-2013-R Direzione Provinciale di Catania ATTO DISPOSITIVO N. 66 / 2013 Assegnazione di personale: Maria Parisi IL DIRETTORE PROVINCIALE Con nota prot. n.1410 dell 08 gennaio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI ARCO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI ARCO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NEL COMUNE DI ARCO Approvato con deliberazione del consiglio comunale n. 69 del 7 agosto 2012 IL SEGRETARIO COMUNALE Rolando Mora IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

Spett.le. Via. Egregi Signori, facciamo seguito alle intese intercorse per confermarvi quanto segue. Premesso che:

Spett.le. Via. Egregi Signori, facciamo seguito alle intese intercorse per confermarvi quanto segue. Premesso che: Spett.le. Via Oggetto: Designazione a Responsabile Esterno del trattamento dei Dati Personali ai sensi dell art. 29 D. Lgs. 30 giugno 2003 n. 196 (di seguito Codice Privacy ) Egregi Signori, facciamo seguito

Dettagli

Regolamento per l installazione e l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Lavis

Regolamento per l installazione e l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Lavis Comune di PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTI COMUNALI Regolamento per l installazione e l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 13

Dettagli

Privacy in Condominio

Privacy in Condominio 1^ edizione! 1 Privacy in Condominio COSA SI PUO FARE E COSA NO Guida aggiornata al nuovo Vademecum del Palazzo emanato dall Autorità Garante per la tutela dei dati personali a seguito dell entrata in

Dettagli

Comune di Medicina Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA

Comune di Medicina Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Comune di Medicina Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n.125 del 28/09/2015 1 INDICE Articolo 1 Oggetto pag. 3 Articolo

Dettagli

FAC SIMILE INFORMATIVA AI CONDOMINI

FAC SIMILE INFORMATIVA AI CONDOMINI MODELLO N. 1 INFORMATIVA AI CONDOMINI Ai sensi dell'articolo 13 del Codice in materia di dati personali si informa che il trattamento dei dati personali, anche sensibili, forniti in sede di prestazioni

Dettagli

Il nuovo provvedimento in materia di videosorveglianza: chiariti gli obblighi normativi

Il nuovo provvedimento in materia di videosorveglianza: chiariti gli obblighi normativi Il nuovo provvedimento in materia di videosorveglianza: chiariti gli obblighi normativi Relatore Avv. Valentina Frediani La normativa vigente coinvolta Normativa civile e penale in materia di interferenze

Dettagli

COMUNE DI PRAMAGGIORE

COMUNE DI PRAMAGGIORE COMUNE DI PRAMAGGIORE PROVINCIA DI VENEZIA REGOLAMENTO Per L Utilizzo dei sistemi di Videosorveglianza per la sicurezza urbana Approvato con deliberazione C.C. n 17, del 05.10.2009 Art. 1 - Oggetto e campo

Dettagli

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona

Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona Comune di San Martino Buon Albergo Provincia di Verona REGOLAMENTO IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI (Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 32 del 12/05/2009) Sommario Art. 1.

Dettagli

Impianti e apparecchiature per finalità di controllo da installare negli ambienti di lavoro VIDEOSORVEGLIANZA

Impianti e apparecchiature per finalità di controllo da installare negli ambienti di lavoro VIDEOSORVEGLIANZA Impianti e apparecchiature per finalità di controllo da installare negli ambienti di lavoro VIDEOSORVEGLIANZA Le regole, i divieti e le autorizzazioni per i datori di lavoro E vietato (art. 4 Legge 20

Dettagli

COMUNE DI ROBASSOMERO

COMUNE DI ROBASSOMERO COMUNE DI ROBASSOMERO PROVINCIA DI TORINO tel. 011 9234400 - Fax 011 9234422 E-mail: comune@comune.robassomero.to.it - www.comune.robassomero.to.it REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI

Dettagli

Ci si riferisce, in particolare, all'abuso della qualità di operatore di

Ci si riferisce, in particolare, all'abuso della qualità di operatore di Con il presente provvedimento il Garante intende richiamare tutti i titolari di trattamenti effettuati, anche in parte, mediante strumenti elettronici alla necessità di prestare massima attenzione ai rischi

Dettagli

COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO

COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO Adottato dal C.C. con delibera n. 57 del 28/07/2008 REGOLAMENTO PER L

Dettagli

Il nuovo provvedimento in materia di videosorveglianza: chiariti gli. Relatore Avv. Valentina Frediani

Il nuovo provvedimento in materia di videosorveglianza: chiariti gli. Relatore Avv. Valentina Frediani Il nuovo provvedimento in materia di videosorveglianza: chiariti gli obblighi normativi Relatore Avv. Valentina Frediani La normativa vigente coinvolta Normativa civile e penale in materia di interferenze

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEO SORVEGLIANZA NELLE STRUTTURE DELL A.S.L. DI NUORO PREMESSA

REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEO SORVEGLIANZA NELLE STRUTTURE DELL A.S.L. DI NUORO PREMESSA REGOLAMENTO PER L'UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEO SORVEGLIANZA NELLE STRUTTURE DELL A.S.L. DI NUORO PREMESSA L'Azienda Sanitaria Locale di Nuoro (di seguito Azienda ) adotta il presente Regolamento per

Dettagli

Informativa Privacy ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. 196/2003

Informativa Privacy ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. 196/2003 Informativa Privacy ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. 196/2003 Desideriamo informarla che il D.lgs. n. 196 del 30 giugno 2003 (codice in materia di protezione dei dati personali) prevede la tutela delle

Dettagli

COMUNE DI PERCILE (Provincia di ROMA) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

COMUNE DI PERCILE (Provincia di ROMA) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI PERCILE (Provincia di ROMA) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n del 2013 Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 INDICE

Dettagli

Trattamento dei dati personali

Trattamento dei dati personali Trattamento dei dati personali CODICE DELLA PRIVACY II 1 GENNAIO 2004 E ENTRATO IN VIGORE IL D.Lgs. N.196 DEL 30 GIUGNO 2003. TALE DECRETO E IL NUOVO TESTO UNICO PER LA PRIVACY. IL NUOVO CODICE IN MATERIA

Dettagli

VIDEOSORVEGLIANZA Aggiornato 12/2008

VIDEOSORVEGLIANZA Aggiornato 12/2008 Aggiornato 12/2008 IMPIANTO VIDEOSORVEGLIANZA: NOTE SULLA NORMATIVA L installazione di sistemi di videosorveglianza non sono di libero uso, in quanto sono soggetti alla normativa sulla Privacy. Eventuali

Dettagli

Posta elettronica, Internet e controlli sui dipendenti Relatore Avv. Giampiero Falasca

Posta elettronica, Internet e controlli sui dipendenti Relatore Avv. Giampiero Falasca Area Professionale Posta elettronica, Internet e controlli sui dipendenti Relatore Avv. Giampiero Falasca Lo Statuto dei lavoratori Art. 4 La norma vieta l utilizzo di impianti audiovisivi per finalità

Dettagli

CITTA DI SAN DONATO MILANESE

CITTA DI SAN DONATO MILANESE CITTA DI SAN DONATO MILANESE PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DELL IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 22 del

Dettagli

SCHEDA PER REGISTRO DI ANAGRAFE CONDOMINIALE ai sensi dell'art. 10 comma 6 della legge 11/12/2012 n 220 (G.U. 293 del 17/12/12)

SCHEDA PER REGISTRO DI ANAGRAFE CONDOMINIALE ai sensi dell'art. 10 comma 6 della legge 11/12/2012 n 220 (G.U. 293 del 17/12/12) Condominio Via - SCHEDA PER REGISTRO DI ANAGRAFE CONDOMINIALE ai sensi dell'art. 10 comma 6 della legge 11/12/2012 n 220 (G.U. 293 del 17/12/12) Il conferimento dei dati, tranne quelli indicati con *,

Dettagli

INFOSECURITY 2005 La privacy nelle PMI Gabriele Faggioli. Milano febbraio 2005

INFOSECURITY 2005 La privacy nelle PMI Gabriele Faggioli. Milano febbraio 2005 INFOSECURITY 2005 La privacy nelle PMI Gabriele Faggioli Milano febbraio 2005 Sostituisce tutta la normativa previgente in materia di tutela dei dati personali Introduce significative modifiche soprattutto

Dettagli

3. Quali sono le principali attività dell amministratore in merito alla gestione delle spese per la manutenzione delle parti comuni?

3. Quali sono le principali attività dell amministratore in merito alla gestione delle spese per la manutenzione delle parti comuni? LE FUNZIONI DELL AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO (ART. 1130 C.C.) A cura di: Avv. Alessandro Re - ASSOCOND 1.Quali sono le principali funzioni dell amministratore del condominio in merito all assemblea e

Dettagli

Comune di Corbetta Provincia di Milano. Regolamento comunale per l installazione e l utilizzo di impianti di videosorveglianza del territorio

Comune di Corbetta Provincia di Milano. Regolamento comunale per l installazione e l utilizzo di impianti di videosorveglianza del territorio Comune di Corbetta Provincia di Milano Regolamento comunale per l installazione e l utilizzo di impianti di videosorveglianza del territorio INDICE Articolo 1 Finalità e definizioni Articolo 2 Ambito di

Dettagli

CONDIZIONI PER L OTTENIMENTO DEL BONUS TELERISCALDAMENTO E MISURA DEL CONTRIBUTO

CONDIZIONI PER L OTTENIMENTO DEL BONUS TELERISCALDAMENTO E MISURA DEL CONTRIBUTO Allegato 2 Scheda Esplicativa. HERA SpA nel Comitato di Coordinamento SOT del 21 marzo 2012 ha determinato di riconoscere alle famiglie economicamente svantaggiate un bonus a compensazione della spesa

Dettagli

1. Conoscenza dei dati trattati. 2. Conoscenza degli strumenti utilizzati. 3. Conoscenza del proprio ruolo all interno della struttura

1. Conoscenza dei dati trattati. 2. Conoscenza degli strumenti utilizzati. 3. Conoscenza del proprio ruolo all interno della struttura Corso 196/03 per i Responsabili e gli Incaricati del Trattamento Dati Percorso Formativo per l Incaricato del Trattamento Dati: Pre-requisiti: 1. Conoscenza dei dati trattati 2. Conoscenza degli strumenti

Dettagli

COMUNE DI NONE Provincia di Torino

COMUNE DI NONE Provincia di Torino COMUNE DI NONE Provincia di Torino REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO D IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA 1 INDICE Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5 Articolo 6 Articolo 7 Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NELLE AREE DI COMPETENZA DELLA COMUNITA VALSUGANA E TESINO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NELLE AREE DI COMPETENZA DELLA COMUNITA VALSUGANA E TESINO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA NELLE AREE DI COMPETENZA DELLA COMUNITA VALSUGANA E TESINO Approvato con deliberazione dell Assemblea della Comunità n. 5 del 10.02.2014 1 REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA TUTELA DELLA RISERVATEZZA RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI

REGOLAMENTO PER LA TUTELA DELLA RISERVATEZZA RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI COMUNE DI BRESCIA REGOLAMENTO PER LA TUTELA DELLA RISERVATEZZA RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI Adottato dalla Giunta Comunale nella seduta del 26.3.2003 con provvedimento n. 330/11512 P.G. Modificato

Dettagli

87660544 intestato all'odcec Torre Annunziata

87660544 intestato all'odcec Torre Annunziata ALL. 1.1 C1 ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI TORRE ANNUNZIATA (Circoscrizione del Tribunale di Torre Annunziata) DOCUMENTI DA PRODURRE PER L ISCRIZIONE ALL ALBO LE DOMANDE

Dettagli

POLICY ACCESSO AGLI UFFICI/ARCHIVI

POLICY ACCESSO AGLI UFFICI/ARCHIVI PAG. 1 DI 18 POLICY Redatta Verificata Approvata Distribuita DIREZIONE DIRETTORE CDA DIREZIONE Versione n. Del In vigore da 1.0 31/07/2012 12/09/2012 PAG. 2 DI 18 INDICE 1. STRUTTURA DEL DOCUMENTO Pag.

Dettagli

COMUNE DI CAVERNAGO REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA

COMUNE DI CAVERNAGO REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale il 24 febbraio 2015 Pagina 1 di 7 ARTICOLO 1 OGGETTO Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

PROGETTO EMERGENZA CASA 4 Misura 3 Giovani UNDER 30

PROGETTO EMERGENZA CASA 4 Misura 3 Giovani UNDER 30 Un progetto promosso da in collaborazione con: Città di Mondovì Caritas Diocesana di Mondovì PROGETTO EMERGENZA CASA 4 Misura 3 Giovani UNDER 30 RISERVATO ALL UFFICIO DOMANDA N DEL / /2015 IL FUNZIONARIO

Dettagli

Il sottoscritto (nome e cognome) nato a prov il. residente a in via n. telefono cellulare. e-mail

Il sottoscritto (nome e cognome) nato a prov il. residente a in via n. telefono cellulare. e-mail (su carta intestata dell associazione dei consumatori) AL COMUNE DI CORREGGIO CORSO MAZZINI, 33 42015 CORREGGIO (RE) correggio@cert.provincia.re.it Oggetto: Domanda di partecipazione all Avviso pubblico

Dettagli

PRIVACY E SICUREZZA http://www.moviwork.com http://www.moviwork.com de.co dsign&communication di Celestina Sgroi

PRIVACY E SICUREZZA http://www.moviwork.com http://www.moviwork.com de.co dsign&communication di Celestina Sgroi PRIVACY E SICUREZZA LA PRIVACY DI QUESTO SITO In questa pagina si descrivono le modalità di gestione del sito in riferimento al trattamento dei dati personali degli utenti che lo consultano. Tale politica

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI MEDIANTE SISTEMI DI VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI MEDIANTE SISTEMI DI VIDEOSORVEGLIANZA I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 72 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO IN MATERIA DI TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI MEDIANTE SISTEMI DI VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con D.G.P. in data 17.10.2005 n. 610 reg. SOMMARIO

Dettagli

Disposizioni in materia di trattamento dei dati personali.

Disposizioni in materia di trattamento dei dati personali. Privacy - Ordinamento degli uffici e dei servizi comunali: indirizzi in materia di trattamento dei dati personali esistenti nelle banche dati del Comune. (Delibera G.C. n. 919 del 28.12.2006) Disposizioni

Dettagli

Al Comune Di Piacenza Direzione Operativa Servizi Alla Persona e Al Cittadino Servizio Famiglia e Tutela Minori

Al Comune Di Piacenza Direzione Operativa Servizi Alla Persona e Al Cittadino Servizio Famiglia e Tutela Minori IN CARTA LIBERA Al Comune Di Piacenza Direzione Operativa Servizi Alla Persona e Al Cittadino Servizio Famiglia e Tutela Minori Oggetto: Domanda per la selezione dei soggetti interessati ad accedere all'intervento

Dettagli

COMUNE DI PUTIGNANO - Provincia di Bari - www.comune.putignano.ba.it REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA

COMUNE DI PUTIGNANO - Provincia di Bari - www.comune.putignano.ba.it REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA (APPROVATO CON DELIBERAZIONE di C.C. n. 3 del 18/03/2008) INDICE Articolo 1 Oggetto del regolamento Articolo 2 Principi e finalità Articolo 3

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE

DISCIPLINARE PER LA VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE DISCIPLINARE PER LA VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE SOMMARIO Art. 1 - Finalità e definizioni Art. 2 - Ambito di applicazione Art. 3 - Trattamento dei dati personali per le finalità istituzionali

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA Azienda Unità Locale Socio Sanitaria n.13 30035 MIRANO (VE) via Mariutto, 76 tel. 041/5794111 30031 DOLO (VE) via 29 Aprile tel. 041/5133111

Dettagli

- IMMSI S.p.A. - Procedura per la gestione del Registro delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate

- IMMSI S.p.A. - Procedura per la gestione del Registro delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate - IMMSI S.p.A. - Procedura per la gestione del Registro delle persone che hanno accesso ad Informazioni Privilegiate Adottata con delibera del CdA del 24 marzo 2006 e successivamente modificata in data

Dettagli

DOMANDA DI MEDIAZIONE

DOMANDA DI MEDIAZIONE DOMANDA DI MEDIAZIONE Sede prescelta: POTENZA LAGONEGRO MATERA NAPOLI Persona Fisica cognome Parte Istante nome nato il a Persona Giuridica denominazione codice fiscale titolare/legale rappresentante certificata

Dettagli

ANTIRICICLAGGIO. avv.pierluigioliva@hotmail.it

ANTIRICICLAGGIO. avv.pierluigioliva@hotmail.it ANTIRICICLAGGIO avv.pierluigioliva@hotmail.it Il quadro normativo!! Direttive CEE!! D. lgs. 21.11.2007 n.231!! D. lgs. 25.9.2009 n.152!! Il fine è quello di prevenire l utilizzo del sistema finanziario

Dettagli

Articolo 4 Definizioni comma 2 lettera b

Articolo 4 Definizioni comma 2 lettera b EMENDAMENTI AL CODICE PROTEZIONE DATI PERSONALI IN RECEPIMENTO DELLA DIRETTIVA 2009/136/CE Articolo 4 comma 2 lettera b b) chiamata, la connessione istituita da un servizio di comunicazione elettronica

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA TUTELA DELLA PRIVACY

REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA TUTELA DELLA PRIVACY REGOLAMENTO AZIENDALE SULLA TUTELA DELLA PRIVACY Art. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina gli interventi diretti alla tutela della privacy in ambito sanitario. Esso si attiene alle disposizioni

Dettagli

COMUNE DI MARIGLIANO Provincia di Napoli REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA

COMUNE DI MARIGLIANO Provincia di Napoli REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA COMUNE DI MARIGLIANO Provincia di Napoli REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA (approvato con delibera del Commissario Prefettizio n.5 dell.01.12.2008) 1 I N

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI VIDEOSORVEGLIANZA CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI VIDEOSORVEGLIANZA CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI VIDEOSORVEGLIANZA CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 OGGETTO Oggetto del presente regolamento è la disciplina del trattamento dei dati personali effettuato

Dettagli

Roma, ottobre 2013. Ai Responsabili Regionali pro tempore Ai Responsabili di Zona pro tempore

Roma, ottobre 2013. Ai Responsabili Regionali pro tempore Ai Responsabili di Zona pro tempore Roma, ottobre 2013 Ai Responsabili Regionali pro tempore Ai Responsabili di Zona pro tempore OGGETTO: NOMINA DEI RESPONSABILI DEL TRATTAMENTO DEI DATI L AGESCI Associazione Guide e Scouts Cattolici Italiani,

Dettagli

Circolare n. 2/09 del 27 aprile 2009*

Circolare n. 2/09 del 27 aprile 2009* Circolare n. 2/09 del 27 aprile 2009* PRIVACY E RAPPORTO DI LAVORO Il trattamento dei dati personali dei lavoratori per finalità di gestione del rapporto di lavoro costituisce una tematica molto complessa

Dettagli

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA AI FINI DELLA SICUREZZA URBANA

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA AI FINI DELLA SICUREZZA URBANA COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA AI FINI DELLA SICUREZZA URBANA Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 164/39 in data 21/12/2009 Indice Art. 1 - Oggetto

Dettagli

Provincia di Lucca ****************** REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

Provincia di Lucca ****************** REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE FOSCIANDORA Provincia di Lucca ****************** REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 25 in data 13/07/2010

Dettagli

RICHIESTA SCELTA MEDICO IN DEROGA ALLA RESIDENZA. nato/a a (prov. ) il residente in (prov. ) via/piazza n.civico indirizzo mail.

RICHIESTA SCELTA MEDICO IN DEROGA ALLA RESIDENZA. nato/a a (prov. ) il residente in (prov. ) via/piazza n.civico indirizzo mail. NDRIA RICHIESTA SCELTA MEDICO IN DEROGA ALLA RESIDENZA Ai sensi della L. 833/78 DPR 314/90 - Accordo Conferenza Stato Regioni 8/5/2003 - ACN 23/3/2005 e successive modifiche Il/la sottoscritto/a nato/a

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI SISTEMI DI VIDEOSORVEGLIANZA ED ACCESSO

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI SISTEMI DI VIDEOSORVEGLIANZA ED ACCESSO REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI SISTEMI DI VIDEOSORVEGLIANZA ED ACCESSO MEDIANTE TESSERA MAGNETICA PRESSO LE RESIDENZE UNIVERSITARIE DELL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DEL MOLISE Art. 1 Ambito di applicazione

Dettagli

Regolamento in materia di videosorveglianza

Regolamento in materia di videosorveglianza Regolamento in materia di videosorveglianza 1 Art. 1 Finalità L Azienda Ospedaliera di Desenzano del Garda (di seguito denominata Azienda) attua un sistema di videosorveglianza esclusivamente per lo svolgimento

Dettagli

Fatturazione elettronica verso le P.A. Archiviazione ottica sostitutiva e adempimenti Privacy

Fatturazione elettronica verso le P.A. Archiviazione ottica sostitutiva e adempimenti Privacy Fatturazione elettronica verso le P.A. Archiviazione ottica sostitutiva e adempimenti Privacy A cura di: Cristiano Cavallari Grottaferrata, 27 febbraio 2015 Viale Nazioni Unite 3, 00046 Grottaferrata (Roma)

Dettagli

Obblighi Amministrativi ed enti di erogazione: come gestirli

Obblighi Amministrativi ed enti di erogazione: come gestirli Assemblea Annuale di Assifero Venezia 7 Maggio 2010 Obblighi Amministrativi ed enti di erogazione: come gestirli Avv. Roberto Randazzo Sommario La Responsabilità Amministrativa degli Enti ex D.Lgs. 231/2001

Dettagli

Forum, blog, data base Come gestirli nel rispetto della privacy. Relatore: avv. Patricia de Masi Taddei Vasoli

Forum, blog, data base Come gestirli nel rispetto della privacy. Relatore: avv. Patricia de Masi Taddei Vasoli Forum, blog, data base Come gestirli nel rispetto della privacy Relatore: avv. Patricia de Masi Taddei Vasoli PREMESSE cenni sulla privacy Il crescente e diffuso impiego di internet e dei nuovi mezzi di

Dettagli

n. civico, edificio, scala, interno

n. civico, edificio, scala, interno MODULO A _FORNITURE INDIVIDUALI ISTANZA PER L AMMISSIONE AL BONUS RIFERITO AL SERVIZIO TELERISCALDAMENTO FORNITURA INDIVIDUALE1 N Protocollo del Il/La sottoscritto/a2 (Cognome) (Nome) nato/a a, (prov.

Dettagli

DOMANDA DI FINANZIAMENTO O CONTRIBUTO PER PROGETTI / INIZIATIVE PROMOSSI DA TERZI INFORMAZIONI SUL RICHIEDENTE:

DOMANDA DI FINANZIAMENTO O CONTRIBUTO PER PROGETTI / INIZIATIVE PROMOSSI DA TERZI INFORMAZIONI SUL RICHIEDENTE: MITTENTE: Spettabile FONDAZIONE CASSA DI RISPARMIO DI MIRANDOLA Piazza Marconi, 23 41037 MIRANDOLA (MO) Tel: 0535-27954 Fax: 0535-98781 e-mail: info@fondazionecrmir.it DOMANDA DI FINANZIAMENTO O CONTRIBUTO

Dettagli

N parti istanti UNICO CENTRO DI INTERESSE PIU' CENTRI DI INTERESSE Cognome e Nome o Denominazione di tutte le parti istanti 1-6- nato/a a* il* / /

N parti istanti UNICO CENTRO DI INTERESSE PIU' CENTRI DI INTERESSE Cognome e Nome o Denominazione di tutte le parti istanti 1-6- nato/a a* il* / / ALL ORGANISMO DI MEDIAZIONE DELLA CAMERA DI COMMERCIO I.A.A. di ORISTANO ISCRITTO AL N. 760 DEL REGISTRO DEGLI ORGANISMI ABILITATI A SVOLGERE LA MEDIAZIONE TENUTO DAL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA VIA CARDUCCI

Dettagli

REGOLAMENTO DI VIDEOSORVEGLIANZA AMBIENTALE PER IL CONTRASTO DELL ABBANDONO E LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI NEL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO DI VIDEOSORVEGLIANZA AMBIENTALE PER IL CONTRASTO DELL ABBANDONO E LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI NEL TERRITORIO COMUNALE REGOLAMENTO DI VIDEOSORVEGLIANZA AMBIENTALE PER IL CONTRASTO DELL ABBANDONO E LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI NEL TERRITORIO COMUNALE INDICE Approvato con deliberazione C.C. n. 17 del 30 aprile 2015 CAPO I

Dettagli

dell immobile diversi dalla proprietà esclusiva (usufrutto, locazione,etc.).

dell immobile diversi dalla proprietà esclusiva (usufrutto, locazione,etc.). Massaro Amministrazioni Condominiali Via Monsignor Oddo Stocco, 7-31020 San Zenone degli Ezzelini (TV) www.massaroamministrazioni.it info@massaroamministrazioni.it massaroamministrazioni@messaggipec.it

Dettagli

Registro Pubblico delle Opposizioni

Registro Pubblico delle Opposizioni MODULO DI RICHIESTA AGGIORNAMENTO DELL ISTANZA DI ADESIONE AI SERVIZI INERENTI IL REGISTRO PUBBLICO DELLE OPPOSIZIONI DA PARTE DEGLI OPERATORI (PERSONE FISICHE) ANAGRAFICA (come da art. 5, co. 1, lett.

Dettagli

AFI HCS ONLINE PROGRAMMA SERVIZI

AFI HCS ONLINE PROGRAMMA SERVIZI AFI HCS ONLINE PROGRAMMA SERVIZI Per ottemperare alle disposizioni di legge nazionali (Legge sulla Privacy), Le chiediamo gentilmente di compilare e sottoscrivere il modulo di adesione al programma. Informativa

Dettagli

Spett. le Società Elettrica Liparese Srl Via Francesco Crispi, 86 98055 Lipari (ME)

Spett. le Società Elettrica Liparese Srl Via Francesco Crispi, 86 98055 Lipari (ME) Spett. le Società Elettrica Liparese Srl Via Francesco Crispi, 86 98055 Lipari (ME) Oggetto: Richiesta di connessione in bassa tensione alla rete della Società Elettrica Liparese Srl di un impianto di

Dettagli

MODULO DI ISCRIZIONE CORSO PER ASCENSORISTA (SOGGETTO A NORMATIVA)

MODULO DI ISCRIZIONE CORSO PER ASCENSORISTA (SOGGETTO A NORMATIVA) MODULO DI ISCRIZIONE CORSO PER ASCENSORISTA (SOGGETTO A NORMATIVA) DATI ALLIEVO La/il sottoscritta/o Sesso F M Codice Fiscale Nata/o a Provincia il Nazionalità Residente a CAP Provincia Via/C.so/P.zza

Dettagli

Formazione in materia di Protezione dei dati e delle informazioni. martedì 14 ottobre 2014

Formazione in materia di Protezione dei dati e delle informazioni. martedì 14 ottobre 2014 Formazione in materia di Protezione dei dati e delle informazioni martedì 14 ottobre 2014 Organizzazione dell intervento I PARTE Le origini della Privacy: trasformazione sociale e adeguamento normativo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO PER LA VIDEOSORVEGLIANZA Comune di Rosate ( Provincia di Milano) REGOLAMENTO PER LA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n 17 del 05/07/2012 Modificato con deliberazione di Consiglio Comunale n.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA. Approvato con delibera di Consiglio comunale n. 36 del 30.6.2010

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA. Approvato con delibera di Consiglio comunale n. 36 del 30.6.2010 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con delibera di Consiglio comunale n. 36 del 30.6.2010 Art. 1 Definizioni Ai fini del presente regolamento, con i termini che seguono si

Dettagli

Regolamento per la tutela della riservatezza dei dati personali

Regolamento per la tutela della riservatezza dei dati personali CITTA DI RONCADE Provincia di Treviso Via Roma, 53 31056 - RONCADE (TV) Tel.: 0422-8461 Fax: 0422-846223 Regolamento per la tutela della riservatezza dei dati personali Approvato con delibera di Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI SISTEMI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI SISTEMI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE COMUNE DI MONTESEGALE (Provincia di Pavia) REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEI SISTEMI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNALE (Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 25 in data 26 novembre

Dettagli

COMUNE DI MANERBIO (Provincia di Brescia) REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO

COMUNE DI MANERBIO (Provincia di Brescia) REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO COMUNE DI MANERBIO (Provincia di Brescia) REGOLAMENTO COMUNALE PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DI IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO Approvato con deliberazione C.C. n. 17 del 07.06.2007 Comune

Dettagli

INFORMATIVA SULLA PRIVACY. Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 D.Lgs. 30 giugno 2003, n.196

INFORMATIVA SULLA PRIVACY. Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 D.Lgs. 30 giugno 2003, n.196 INFORMATIVA SULLA PRIVACY Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 D.Lgs. 30 giugno 2003, n.196 Il sito www.worky-italy.com (di seguito, il Sito ) tutela la privacy dei visitatori

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE ORGANISMO DI VIGILANZA PER L ATTUAZIONE DEL MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO DE ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE GALILEO GALILEI CREMA (CR) Nomina componenti OdV edizione dicembre

Dettagli

NORMATIVA SULLA VIDEOSORVEGLIANZA

NORMATIVA SULLA VIDEOSORVEGLIANZA CONFINDUSTRIA UDINE 18 giugno 2009 Gruppo Terziario Avanzato Sezione Sicurezza e Vigilanza Relatore: Milano Viale Premuda, 16 20129 Milano Email: laura.agopyan@av law.it T: +39 02 36503014; F: +39 02 36503015

Dettagli

Privacy. parte del Garante, in quanto si è presentata la necessità di leggerlo in una chiave consona

Privacy. parte del Garante, in quanto si è presentata la necessità di leggerlo in una chiave consona Privacy Il tema della privacy è stato oggetto di diverse interpretazioni e successivi chiarimenti da parte del Garante, in quanto si è presentata la necessità di leggerlo in una chiave consona alle realtà

Dettagli

Campolongo sul Brenta

Campolongo sul Brenta Comune di Campolongo sul Brenta Provincia di Vicenza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA E LE PROCEDURE per l organizzazione del servizio di videosorveglianza del Comune di Campolongo sul Brenta Approvato

Dettagli

Città di Arese. Il/La sottoscritto/a.. nato/a a.. il.. e residente in... - provincia di Via/Piazza... c.a.p... Telefono.. Fax.. E-mail.

Città di Arese. Il/La sottoscritto/a.. nato/a a.. il.. e residente in... - provincia di Via/Piazza... c.a.p... Telefono.. Fax.. E-mail. Al Sig. Sindaco Oggetto: presentazione di candidatura per la carica di membro del C.d.A. dell'azienda Speciale Casa di Riposo Gallazzi-Vismara di Arese (avviso del Sindaco in data 18/07/2013) Il/La sottoscritto/a..

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA SULL USO DEI SISTEMI DI VIDEOSORVEGLIANZA

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA SULL USO DEI SISTEMI DI VIDEOSORVEGLIANZA AOU Sassari REGOLAMENTO DI DISCIPLINA SULL USO DEI SISTEMI DI VIDEOSORVEGLIANZA AOU Sassari Sommario Art. 1 Oggetto ed ambito di applicazione... 3 Art. 2 Finalità dell attività di videosorveglianza...

Dettagli

LE SANZIONI PER L INOSSERVANZA DELLE NORME ANTIRICICLAGGIO

LE SANZIONI PER L INOSSERVANZA DELLE NORME ANTIRICICLAGGIO LE SANZIONI PER L INOSSERVANZA DELLE NORME ANTIRICICLAGGIO Relatore Magg. GdF dott. Armando Tadini - Ufficiale Addetto Centro Operativo DIA Milano - SANZIONI amministrative penali CAPO II DEL DECRETO LEGISLATIVO

Dettagli

M inist e ro della Pubblica Istruz io n e

M inist e ro della Pubblica Istruz io n e Linee guida per il TRATTAMENTO E GESTIONE DEI DATI PERSONALI Articolo 1 Oggetto e ambito di applicazione e principi di carattere generale 1. Il presente documento disciplina le modalità di trattamento

Dettagli

INDICE DIRITTO ALLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI PRINCIPIO DI NECESSITA NEL TRATTAMENTO DEI DATI

INDICE DIRITTO ALLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI PRINCIPIO DI NECESSITA NEL TRATTAMENTO DEI DATI INDICE PARTE I DISPOSIZIONI GENERALI PRINCIPI GENERALI ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART. 6 DIRITTO ALLA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI FINALITA PRINCIPIO DI NECESSITA NEL TRATTAMENTO DEI DATI DEFINIZIONI

Dettagli