Impianti produttivi con caratteristiche odorigene: un approccio integrato di valutazione degli impatti

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Impianti produttivi con caratteristiche odorigene: un approccio integrato di valutazione degli impatti"

Transcript

1 Impianti produttivi con caratteristiche odorigene: un approccio integrato di valutazione degli impatti C.Regazzi, R.Roncarati, C.Volta, G.Biagi Arpa Emilia-Romagna Sezione Provinciale di Bologna ECOMONDO Rimini, 7 Novembre 2012

2 Dal Programma di Attività della Sezione Arpa di Bologna UN TEMA STRATEGICO Gli odori costituiscono uno dei più rilevanti aspetti negativi di impatto di molti impianti industriali e artigianali collocati in prossimità di aree residenziali e si configurano come un problema sempre più diffuso sul territorio.. Nella città di Bologna il problema è particolarmente rilevante in un quartiere dove sono presenti impianti di lavorazione bitume e di produzione conglomerati bituminosi, mentre nei centri minori della provincia la criticità deriva prevalentemente da impianti di trattamento rifiuti e da alcuni impianti energetici alimentati a biomasse con produzione di biogas.

3 sommario Il caso di una azienda che lavora bitumi fonte di molestia olfattiva Attività di Controllo alle emissioni dell azienda, Monitoraggi della qualità dell aria L adeguamento impiantistico e la nuova autorizzazione con individuazione di un limite alle emissioni in termini di concentrazione di odore

4 Bologna Quartiere Navile -zona NOCE: La problematica segnalata Odori acri e di forte intensità Prevalente l odore tipico di bitume Le segnalazioni di disagio olfattivo si concentrano soprattutto nel periodo estivo e riguardano anche le ore notturne

5 L inquadramento territoriale

6 L impianto Si tratta di un impianto per la LAVORAZIONE del BITUME proveniente da raffinerie per utilizzi stradali; Il bitume viene lavorato per ottenere: emulsione bituminosa acida o basica e bitume modificato Le principali fasi del ciclo produttivo sono : Prima fase: stoccaggio e riscaldamento bitume Preparazione bitumi emulsionati, mediante emulsionamento in mulino colloidale di acqua, bitume e stabilizzanti; Preparazione bitumi modificati, mediante miscelazione di gomme termoplastiche SBS (Stirene-Butadiene-Stirene) nel bitume Stoccaggio dei prodotti a differenti temperatura a seconda del prodotto (59-80 e C) Carico dei prodotti

7 Emissioni in atmosfera: quadro autorizzatorio iniziale La ditta è stata autorizzata nel 2002 per l emissione in atmosfera (E1); L emissione convoglia gli effluenti gassosi provenienti dalle fasi di miscelazione dei bitumi e dai serbatoi di stoccaggio dei bitumi (materie prime e modificati); E presente un impianto di abbattimento ad umido in torre di lavaggio; L atto autorizzativo fissa valori limite per i seguenti parametri classici : materiale particellare, acido cloridrico, acido solfidrico, ossidi di zolfo, Sostanze Organiche Volatili (SOV) e IPA

8 Controlli di Arpa all emissione E1 Arpa, a partire dal 2003, effettua controlli all emissione E1 da cui emerge un sostanziale rispetto dei limiti fissati in autorizzazione per tutti gli inquinanti, fatta eccezione per due episodi in cui si osserva: Nell anno 2007: superamento limiti Idrogeno Solforato nell anno 2008 : superamento limiti Sostanze Organiche Volatili (valore misurato: 130,7 mg/nm3 vs valore limite: 50 mg/nm3)

9 Percezione dell odore. Anche a basse concentrazioni di SOV in emissione è percepibile da parte degli operatori ARPA l odore di bitume nei fumi uscenti dalla presa di campionamento di E1 data Concentrazione SOV (mg/nm 3 ). Flusso di massa (g/ora) Percezione odore bitume 10/05/ ,34 72,0 SI 14/09/ ,6 SI 24/07/2008 < 1 < 5,3 SI 28/10/ ,7 797,3 SI

10 A seguito del superamento osservato nel 2007 per H 2 S e di relativo atto di diffida provinciale vengono eseguite modifiche al sistema di abbattimento presente sull emissione E1 Dette modifiche per quanto efficaci per il contenimento dell acido solfidrico non mostrano particolare azione sulle Sostanze Organiche Volatili e quindi sul contenimento degli odori; Nell estate 2008 si regista il picco massimo di segnalazioni per disagi olfattivi; Il controllo al camino E1 eseguito in Ottobre 2008 confermerà elevate concentrazioni di SOV in emissione

11 Speciazione dei composti organici nell emissione E1 Vengono eseguite determinazioni qualitative delle SOV in emissione utilizzando metodi di campionamento attivo per adsorbimento su adsorbenti solidi, secondo il metodo UNI EN ISO :2002. Le determinazioni effettuate hanno permesso di individuare la presenza per ciascun campionamento di molecole diverse ma appartenenti alle stesse classi (idrocarburi alifatici, alcheni, aromatici, alcoli, composti ossigenati, composti solforati, alogenati), evidenziando di fatto la estrema complessità e la variabilità degli effluenti in emissione. Tale complessità può essere in parte attribuibile alla composizione non costante del bitume tra le diverse forniture, che a sua volta dipende dalla composizione del petrolio di partenza, da cui il bitume è stato ottenuto per frazionamento.

12 Monitoraggio della qualità dell aria ambiente Nel 2009 e nel 2010 è stato inoltre realizzato un monitoraggio della qualità dell aria ambiente nell area in oggetto con l obiettivo di ricercare ed evidenziare l eventuale presenza, sia in fase gassosa che in fase condensata, di specifici inquinanti atmosferici correlabili alle emissioni industriali in atto. L indagine complessiva è stata effettuata in due periodi distinti: La prima campagna nel periodo tardo autunnale, di durata complessiva di 28 giorni, la seconda campagna nel periodo estivo per un totale di 41 giorni per caratterizzare l area in un momento di maggior attivita produttiva delle aziende coinvolte.

13 Campagna di monitoraggio qualità dell aria Postazioni di monitoraggio POSTAZIONE A: IN ZONA INDUSTRIALE corrispondente all area di massima ricaduta degli inquinanti emessi, situata in prossimità del perimetro aziendale della ditta interessata POSTAZIONE B: AREA RESIDENZIALE in prossimità della zona Noce in cui sono presenti segnalazioni di disturbo da parte della popolazione POSTAZIONE C: IN AREA URBANA non direttamente influenzata dalla emissione dell area industriale prossima alla Noce, ma caratterizzata dalla presenza delle altre sorgenti tipiche di emissione urbana ed equidistante dal sistema tangenziale autostrada Inoltre è stata integrata solo per la misura di alcuni parametri una postazione, denominata POSTAZIONE D, fronte all ingresso della Ditta di produzione conglomerati bituminosi

14

15 Campagna di monitoraggio qualita dell aria - Parametri rilevati Particolato PM10 ; Idrocarburi Policiclici Aromatici sul particolato; Aldeidi Composti Organici Volatili COV H2S parametri meteo

16 Campagna di monitoraggio : Aldeidi N 10 aldeidi ricercate: FORMALDEIDE ACETALDEIDE ACROLEINA PROPIONALDEIDE BENZALDEIDE CROTONALDEIDE ISOVALERALDEIDE VALERALDEIDE ESALDEIDE BUTIRRALDEIDE

17 Campagna di monitoraggio: Aldeidi 5.00 Aldeidi : valori medi rilevati µg/m Post A Novembre-Dicembre 2007 e 2008 Postazioni Bologna Post B Post A Post B Novembre-Dicembre 2007 e 2008 Postazioni Bologna FORMALDEIDE ACETALDEIDE Postazione A Valli Zabban Postazione B Noce Strada Maggiore/ V.lo Posterla V.Vizzani

18 Monitoraggio Aldeidi Nella campagna autunnale si sono riscontrate alcune giornate significative dal punto di vista delle concentrazioni in relazione alla soglia olfattiva bassa di alcune aldeidi. la Benzaldeide nella postazione A; l Acetaldeide, nella postazione B e A; l Acroleina con due elevati picchi anomali nei giorni novembre nella postazione B e postazione A Nella campagna estiva le Aldeidi (come IPA e COV) sono risultate complessivamente con valori di concentrazione nettamente inferiori a quelli riscontrati nella precedente campagna autunnale in tutta l area monitorata, imputabili alle temperature più elevate e alla maggiore intensità della radiazione solare che contribuiscono con più efficacia alla degradazione dei composti organici.

19 Campagna di monitoraggio : Acroleina Acroleina - Concentrazioni dal 22/11/2009 al 24/11/ Postazione B residenziale Soglia olfattiva bassa : Soglia olfattiva bassa : 52,5 µg/m µg/m Postazione A zona industriale / /11 24/11 (ore 19-7) (ore 19-7) (ore 7-19)

20 Alcani SOV : Sostanze Organiche Volatili n 51 sostanze ricercate Aromatici Furani Acrilati Acetati Esano Eptano cicloesano metil cicloesano benzene toluene etilbenzene m-p xilene o xilene stirene a metil stirene trimetilbenzeni Furano 2 metil furano acrilato di etile metacrilato di metile acetato di metile acetato di etile acetato di butile acetato di isobutile acetato di isopropile acetato di propile Chetoni Alcoli Etere Composti Alchilici Alogenati acetone cicloesanone metil vinil chetone metil etil chetone metilisobutilchetone etanolo alcool isopropilico alcool ter butilico alcool sec butilico alcool iso butilico alcool butilico alcool furfurilico alcool sec ottilico 2 butossi etanolo etere etilico etere isopropilico etere butilico cellosolve metil cellosolve (2 metossi etanolo) 1metossi 2 propanolo 2 metossi etil acetato metossi propil acetato Mtbe diclorometano 1,2 dicloropropano 1,2 dicloroetano 1,1,1 tricloroetano tricloro etilene tetracloroetilene

21 Concentrazione media [µg/m 3 ] acetone metil etil chetone metilisobutilchetone etanolo alcool isopropilico alcool iso butilico acetato di butile acetato di metile acetato di etile acetato di isobutile metossi propil acetato etere butilico Selezione Composti SOV su periodi omogenei per le postazioni A, B, D Chetoni, Alcoli, Acetati, Eteri Composto A B D

22 Concentrazione media [ µg/m 3 ] esano eptano cicloesano metil cicloesano furano 2 metil furano m-p xilene o xilene trimetilbenzeni 1,1,1 tricloroetano tetracloroetilene Selezione Composti SOV su periodi omogenei per le postazioni A, B, D Alcani, Furani, Aromatici, Alogenati Alchilici Composto A B D

23 Campagna di monitoraggio: Acido Solfidrico n. 16 campioni settimanali Tutti i valori sono risultati inferiori al limite di rilevabilità del metodo analitico: < 0,03 µg/m3

24 L adeguamento impiantistico e la nuova autorizzazione Nel 2009 a seguito di diffide Provinciali, inizia un percorso amministrativo e istruttorio volto all adeguamento dell impianto nel suo complesso che prevede: la rivisitazione degli impianti di abbattimento delle emissioni una serie di interventi volti a captare e convogliare verso trattamento le emissioni diffuse delle diverse fasi di lavorazione

25 Proposta dell Azienda La Ditta presenta una nuova configurazione impiantistica che prevede: Il convogliamento delle aspirazioni provenienti dalla fase di preparazione bitumi modificati e dai serbatoi Deposito materie prime e prodotti finiti in una nuova centrale termica allo scopo di abbattere le emissioni odorigene provenienti dall'impianto attraverso il meccanismo della combustione. Il convogliamento alla torre di lavaggio esistente delle aspirazioni dalla fase di carico degli automezzi e dalla fase di preparazione della soluzione acquosa delle emulsioni bituminose L adeguamento comporterà l installazione di 2 nuovi punti di emissione

26 Valutazioni del progetto da parte della Conferenza dei Servizi obiettivi: valutare il progetto non solo in termini classici di rispondenza tecnico impiantistica degli impianti di abbattimento alle migliori Tecniche disponibili, ma anche e soprattutto in termini di resa di abbattimento degli odori; individuare uno STRUMENTO che permettesse agli Enti e all azienda, il controllo ed il monitoraggio degli odori una volta autorizzato il progetto, che non fosse la mera fissazione di un valore limite alle SOV

27 Controllo e monitoraggio degli odori : quale approccio???? APPROCCIO ANALITICO SPECIAZIONE INQUINANTI Individuare una serie di sostanze a bassa soglia olfattiva determinabili con tecniche riconosciute e fissare limiti in autorizzazione - Complesso sotto il profilo analitico - Poco rappresentativo per la grande variabilità della composizione del bitume APPROCCIO OLFATTOMETRICO valutare l inquinante odore in termini di unità olfattometriche ed individuare un limite massimo di UO in emissione Quale valore limite assumere? Come riportare questo limite in autorizzazione?

28 Criticità: : il limite di U.O. in autorizzazione In ER non esiste specifica norma che regolamenti le emissioni odorigene da tali tipologie di impianti; Non erano noti precedenti a livello regionale su autorizzazioni settoriali in cui siano stati e fissati valori limiti agli odori in termini di U.O. Le uniche esperienze in cui sono stati fissati limiti in termini di UO/m 3 sono relativi ad aziende AIA ed in particolare per gli impianti di compostaggio dove sono stati ripresi i limiti della normativa della Regione Lombardia Possibile rischio di ricorso al TAR da parte dell Azienda

29 La nuova autorizzazione: la prescrizione 12) in tema di odori.si indica come valore di RIFERIMENTO CONOSCITIVO da rispettare, una concentrazione di odore pari a 5000 UO/m3 per entrambi i camini E1 ed E2

30 Le Ulteriori PRESCRIZIONI Monitoraggio a cadenza bimestrale delle emissioni odorigene dei due camini E1 ed E2 secondo la norma UNI 13725:2004 nelle condizioni di massimo funzionamento dell impianto ; Ulteriori 2 campionamenti aggiuntivi per uno dei due camini in orario nottuno in condizioni di stand-by dell impianto di abbattimento (Torre di lavaggio) ; Valutazione dei dati di monitoraggio per la definizione di UN LIMITE PRESCRITTIVO delle emissioni odorigene in termini di UO/m3, entro un anno dalla data di rilascio dell autorizzazione.

31 Studio modellistico per l individuazione del limite odorigeno Per l individuazione del limite odorigeno conoscitivo (5000 UO/m 3 ), riportato in autorizzazione, Arpa ha effettuato uno studio modellistico, mediante l utilizzo di due modelli di dispersione in atmosfera: Lapmod modello 3D lagrangiano a particelle ADMS-Urban modello gaussiano avanzato, utilizzato presso tutti i nodi Arpa Emilia Romagna L elaborazione dei risultati delle simulazioni ha permesso di valutare l impatto olfattivo sul territorio in termini di valori di concentrazione orarie di picco di odore al suolo al 98 percentile su base annuale (ovvero superati per il 2% di ore all anno) per le situazioni ante e post adeguamento

32 Valori di soglia considerati VALORE SOGLIA (OU/ m3) Distanza dallo stabilimento (metri) 4 < >500 Valori soglia delle concentrazioni orarie di picco di odore al 98 percentile su base annuale

33 Impatto olfattivo situazione impiantistica ANTE ADEGUAMENTO con valore misurato al camino di OU/m3

34 Impatto olfattivo ante adeguamento Punti recettori Valori soglia (OU/m 3 ) Valori calcolati con Lapmod (OU/m 3 ) Valori calcolati con ADMS-Urban (OU/m 3 ) Distanza dal camino E1 A (m) B 2 1, C 2 0, METEO 3 1, D

35 Impatto olfattivo situazione impiantistica POST ADEGUAMENTO con valori in emissione pari a 5000 UO/m3 da entrambi i camini

36 Impatto olfattivo post adeguamento Punti recettori Valori soglia (OU/m 3 ) Valori calcolati con Lapmod (OU/m 3 ) Valori calcolati con ADMS- Urban (OU/m 3 ) Distanza dai camini E1/E2 (m) A /110 B 2 0,6 0,0 761/775 C 2 0,1 0,0 3157/3158 METEO 3 1,0 0,1 475/493 D 3 1,3 0,2 307/313

37 Cosa è successo dopo il rilascio della nuova autorizzazione? La Ditta ha presentato ricorso al TAR dell Emilia Romagna per l annullamento l dell atto autorizzativo della Provincia nella parte relativa anche alle prescrizioni sugli odori Il TAR ER ha respinto il ricorso

38 Dopo la messa a regime degli impianti avvenuta tra Dicembre Marzo 2011, Arpa ha effettuato controlli alle emissioni E1 ed E2 verificando il rispetto dei limiti per i parametri fissati in autorizzazione (NO 2, SO 2, CO, SOV) Gli esiti degli autocontrolli ai camini hanno mostrato il rispetto del limite conoscitivo di odore di 5000 OU/m 3, fatto salvo uno dei 2 campionamenti notturni in cui si sono registrati valori di odore pari a OU/m 3

39 .. e gli esponenti? A detta degli esponenti, la situazione e notevolmente migliorata, anche se non risolta. Nella zona persistono ancora oggi criticità olfattive per la presenza e vicinanza di altre realtà produttive, caratterizzate anch esse da lavorazioni a forte impatto odorigeno

40 CONCLUSIONI : dai mg/m3 alle UO/m3? L esperienza acquisita nel caso della zona NOCE indica la necessità di modificare l approccio finora utilizzato nella valutazione delle emissioni in atmosfera provenienti da impianti produttivi con caratteristiche odorigene prevedendo una VALUTAZIONE INTEGRATA delle emissioni in termini di concentrazione degli inquinanti e di odore.

41 GRAZIE PER L ATTENZIONE L! Cristina Regazzi ARPA - Sezione Provinciale di Bologna Via Francesco Rocchi n. 19- Bologna

problematiche olfattive in Veneto

problematiche olfattive in Veneto La definizione di una Linea Guida per la gestione delle problematiche olfattive in Veneto Dr Alessandro Benassi Regione del Veneto Direttore e Dipartimento Ambiente Dr. Alessandro Benassi Direzione Ambiente

Dettagli

Monitoraggio Aria e Traffico nel comune di Canossa

Monitoraggio Aria e Traffico nel comune di Canossa Monitoraggio Aria e Traffico nel comune di Canossa Agosto Settembre 213 Arpa Sezione Provinciale di Reggio Emilia Servizio Sistemi Ambientali Unità Monitoraggio qualità dell aria Indice Introduzione...

Dettagli

Le emissioni industriali: un esempio di valutazione a livello provinciale. Dr.ssa Fabrizia Capuano

Le emissioni industriali: un esempio di valutazione a livello provinciale. Dr.ssa Fabrizia Capuano I PIANI E I PROGRAMMI PER LA GESTIONE DELLA QUALITA' DELL'ARIA Il supporto di Arpa Emilia-Romagna Le emissioni industriali: un esempio di valutazione a livello provinciale Dr.ssa Fabrizia Capuano FONTE

Dettagli

Il Monitoraggio degli Odori

Il Monitoraggio degli Odori Il Monitoraggio degli Odori Stefano Forti ARPA E.R. - Sezione Provinciale di Modena Energia da Biomasse: Nuove regole di sostenibilità ambientale Bologna, 21 giugno 2012 L attività di ARPA alcuni numeri

Dettagli

Impianto di compostaggio: applicazione del modello di dispersione dell odore. Cireddu-Barbato

Impianto di compostaggio: applicazione del modello di dispersione dell odore. Cireddu-Barbato Impianto di compostaggio: applicazione del modello di dispersione dell odore Cireddu-Barbato Ruolo della modellista nella valutazione Cos è un modello degli impatti odorigeni Modelli matematici: Deterministici:

Dettagli

16 APRILE 2014 SEMINARIO TECNICO EMISSIONI ODORIGENE IMPIANTO DI COMPOSTAGGIO: APPLICAZIONE DEL MODELLO DI DISPERSIONE DELL ODORE

16 APRILE 2014 SEMINARIO TECNICO EMISSIONI ODORIGENE IMPIANTO DI COMPOSTAGGIO: APPLICAZIONE DEL MODELLO DI DISPERSIONE DELL ODORE 16 APRILE 2014 SEMINARIO TECNICO EMISSIONI ODORIGENE IMPIANTO DI COMPOSTAGGIO: APPLICAZIONE DEL MODELLO DI DISPERSIONE DELL ODORE Ing. Elena Barbato Dott. Giacomo Cireddu RUOLO DELLA MODELLISTICA NELLA

Dettagli

CARATTERIZZAZIONE DELLE SORGENTI ODORIGENE ED APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DEGLI ODORI

CARATTERIZZAZIONE DELLE SORGENTI ODORIGENE ED APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DEGLI ODORI CARATTERIZZAZIONE DELLE SORGENTI ODORIGENE ED APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DEGLI ODORI Elisa Pollini Patrizia Lucialli La necessità di valutazione delle molestie olfattive prende

Dettagli

Monitoraggio della qualità dell aria nei Comuni di Vedelago e Riese Pio X, in relazione alla ditta Mepol srl di Riese Pio X RELAZIONE TECNICA

Monitoraggio della qualità dell aria nei Comuni di Vedelago e Riese Pio X, in relazione alla ditta Mepol srl di Riese Pio X RELAZIONE TECNICA Treviso 27/03/2015 Monitoraggio della qualità dell aria nei, in relazione alla ditta Mepol srl di Riese Pio X Gli inquinanti ricercati RELAZIONE TECNICA La problematica relativa agli odori, purtroppo sempre

Dettagli

Allegato Tecnico 9 IMPIANTI PER LA PRODUZIONE DI CONGLOMERATI BITUMINOSI

Allegato Tecnico 9 IMPIANTI PER LA PRODUZIONE DI CONGLOMERATI BITUMINOSI Allegato Tecnico 9 IMPIANTI PER LA PRODUZIONE DI CONGLOMERATI BITUMINOSI SOMMARIO ATTIVITÀ DI PRODUZIONE DI CONGLOMERATI BITUMINOSI...1 TABELLA I...1 AMBITO DI APPLICAZIONE 1 TABELLA II...1 FASI LAVORATIVE

Dettagli

Situazione impatto ambientale delle attività produttive: Sintexcal, Valli Zabban, Coop Costruzioni, Sitfa

Situazione impatto ambientale delle attività produttive: Sintexcal, Valli Zabban, Coop Costruzioni, Sitfa Situazione impatto ambientale delle attività produttive: Sintexcal, Valli Zabban, Coop Costruzioni, Sitfa Quartiere Navile Commissione Consigliare Ambiente 18/01/2012 Il quadro delle segnalazioni dei cittadini

Dettagli

Emissioni di composti volatili non metanici dalle discariche dell area vasta di Giugliano: il progetto BioQuAr RISULTATI PRELIMINARI

Emissioni di composti volatili non metanici dalle discariche dell area vasta di Giugliano: il progetto BioQuAr RISULTATI PRELIMINARI Emissioni di composti volatili non metanici dalle discariche dell area vasta di Giugliano: il progetto BioQuAr RISULTATI PRELIMINARI Premessa I composti organici non metanici (COV), pur rappresentando

Dettagli

Gli odori negli impianti di trattamento di rifiuti: la prevenzione e la gestione del problema

Gli odori negli impianti di trattamento di rifiuti: la prevenzione e la gestione del problema Gli odori negli impianti di trattamento di rifiuti: la prevenzione e la gestione del problema Alberto Confalonieri Scuola Agraria del Parco di Monza Vicenza, 16 aprile 2014 Il ruolo della frazione organica

Dettagli

Ing. giovanni Sala Direttore Tecnico Acque veronesi scarl

Ing. giovanni Sala Direttore Tecnico Acque veronesi scarl Lo studio dell impatto olfattivo: uno strumento per migliorare la gestione di un impianto Ing. giovanni Sala Direttore Tecnico Acque veronesi scarl UDINE, 18 maggio 2012 Impatto odorigeno di impianti di

Dettagli

ALLEGATO 1. 1 Generalità

ALLEGATO 1. 1 Generalità ALLEGATO 1 REQUISITI TECNICI E PRESCRIZIONI PER L ADESIONE ALL AUTORIZZAZIONE GENERALE RELATIVA AGLI IMPIANTI DI COMBUSTIONE RICADENTI NELL'AMBITO DI APPLICAZIONE DEL TITOLO I DEL DECRETO LEGISLATIVO 152/06

Dettagli

ARPA Puglia. Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile. Barletta Via Trani 10.07.2015-10.11.2015. Centro Regionale Aria

ARPA Puglia. Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile. Barletta Via Trani 10.07.2015-10.11.2015. Centro Regionale Aria Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile 10.07.2015-10.11.2015 ARPA Puglia Centro Regionale Aria Ufficio Qualità dell Aria di Bari Corso Trieste 27 Bari 1. Contenuto del

Dettagli

PROVINCIA DI PERUGIA AREA AMBIENTE E TERRITORIO Servizio Gestione e Controllo Ambientale Ufficio Emissioni Atmosferiche e Verifiche Impianti Termici

PROVINCIA DI PERUGIA AREA AMBIENTE E TERRITORIO Servizio Gestione e Controllo Ambientale Ufficio Emissioni Atmosferiche e Verifiche Impianti Termici AREA AMBIENTE E TERRITORIO Ufficio Emissioni Atmosferiche e Verifiche Impianti Termici ALLEGATO EMISSIONI 1 Oggetto: Ditta Tibertarghe production s.r.l. - Autorizzazione Unica Ambientale Autorizzazione

Dettagli

Analisi dell efficienza di un nuovo sistema di trattamento del biogas

Analisi dell efficienza di un nuovo sistema di trattamento del biogas Rimini, 7 Novembre 2006 Analisi dell efficienza di un nuovo sistema di trattamento del biogas Relatore: M. Gugliotta Autori: V. Gerardi - M. Gugliotta M. X Cabibbo - G. Spina - F.Vanni Chi è e di cosa

Dettagli

Monitoraggio della Qualità dell Aria nel Comune di Avigliano Umbro

Monitoraggio della Qualità dell Aria nel Comune di Avigliano Umbro Monitoraggio della Qualità dell Aria nel Comune di Avigliano Umbro Aprile Maggio 2015 1 Pag / indice 03 / Scopo della campagna di monitoraggio 03 / Scelta del sito di monitoraggio 05 / Misure effettuate

Dettagli

STUDIO DELL IMPATTO OLFATTIVO

STUDIO DELL IMPATTO OLFATTIVO Consorzio Gestione Servizi CGS Salerno s.r.l. via D. Cioffi Z.I. (SA) STUDIO DELL IMPATTO OLFATTIVO IMPIANTO DI DEPURAZIONE A SERVIZIO DELL AREA INDUSTRIALE DEL COMUNE DI PALOMONTE (SA) PREMESSA Il problema

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA N. 3717/15

RAPPORTO DI PROVA N. 3717/15 Spett.le P3 SRL VIA SALVO D'ACQUISTO, 5 35010 RONCHI DI VILLAFRANCA (PD) Sigla del campione SFRIDI E SCARTI DI LAVORAZIONE PANNELLI POLIURETANICI COMPOSTI Numero accettazione 3717 Campione ricevuto 08/07/2015

Dettagli

Produzione suole per scarpe. Comparazione Combustori

Produzione suole per scarpe. Comparazione Combustori Produzione suole per scarpe Comparazione Combustori INTRODUZIONE Un industriale marchigiano ci ha segnalato che la Regione Marche, dopo una recente serie di controlli sul territorio, sta imponendo limiti

Dettagli

Sede legale ARPA PUGLIA

Sede legale ARPA PUGLIA Direzione Generale Arpa Puglia Direzione Scientifica Arpa Puglia Servizio INFO Dipartimento Arpa Puglia di Taranto Oggetto: Nota tecnica ARPA in riscontro alle segnalazioni pervenuta al Servizio INFO inerente

Dettagli

4.3. Il monitoraggio dell inquinamento atmosferico

4.3. Il monitoraggio dell inquinamento atmosferico 300 250 200 media min max 150 100 50 0 Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre (mm) Dicembre Fig. 4.9. Episodi di nebbia nel Porto di Venezia (anni 1985-1991).

Dettagli

Parametro Valore Unità misura

Parametro Valore Unità misura Parametro Valore Unità di misura Dimensione lotto 268.660 m 2 Potenza elettrica lorda 16,8 MWe Potenza elettrica netta 14,0 MWe Producibilità media lorda annua 126 GWh/anno Tensione di rete 150 kv Potenza

Dettagli

Al Comitato Cittadino Osservatorio per la Discarica Tremonti osservatorio per la discarica tremonti@pec.it

Al Comitato Cittadino Osservatorio per la Discarica Tremonti osservatorio per la discarica tremonti@pec.it Sezione Provinciale di Bologna Via F. Rocchi, 19 - Via Triachini, 17 40138 Bologna Tel. 051 396211 Fax 051 342642 PEC: aoobo@cert.arpa.emr.it e-mail: urpbo@arpa.emr.it SERVIZIO TERRITORIALE SINADOC 923/2015

Dettagli

ALLEGATO 1. 1 Generalità

ALLEGATO 1. 1 Generalità ALLEGATO 1 REQUISITI TECNICI E PRESCRIZIONI PER L ADESIONE ALL AUTORIZZAZIONE GENERALE RELATIVA ALL'ATTIVITA' DI RIPARAZIONE E VERNICIATURA DI CARROZZERIE DI AUTOVEICOLI, MEZZI E MACCHINE AGRICOLE CON

Dettagli

Monitoraggio di PM2.5 e PM1 in prossimità del termovalorizzatore RSU di Bologna

Monitoraggio di PM2.5 e PM1 in prossimità del termovalorizzatore RSU di Bologna Monitoraggio di PM2.5 e PM1 in prossimità del termovalorizzatore RSU di Bologna Mauro Rossi Responsabile Campagne di Monitoraggio del Progetto Moniter ARPA Emilia-Romagna Progetto Moniter 2007-2011 ORGANIZZAZIONE

Dettagli

Progetto Whysol per la realizzazione di una centrale termoelettrica a olio vegetale in Comune di Zanica (BG).

Progetto Whysol per la realizzazione di una centrale termoelettrica a olio vegetale in Comune di Zanica (BG). Progetto Whysol per la realizzazione di una centrale termoelettrica a olio vegetale in Comune di Zanica (BG). Osservazioni a seguito della relazione di ARPA Lombardia e della disponibilità SEI alla cogenerazione.

Dettagli

Realizzazione di un sistema di abbattimento dei Composti Organici Volatili (COV) in un refluo gassoso conciario. nanoparticellare

Realizzazione di un sistema di abbattimento dei Composti Organici Volatili (COV) in un refluo gassoso conciario. nanoparticellare 40 CONVEGNO NAZIONALE RAVELLO 15 GIUGNO 2012 Realizzazione di un sistema di abbattimento dei Composti Organici Volatili (COV) in un refluo gassoso conciario attraverso fotocatalisi attivata da materiale

Dettagli

Autorizzazione Betonaggio - Domanda

Autorizzazione Betonaggio - Domanda Autorizzazione Betonaggio - Domanda ALLEGATO 1 BOLLO 14,62 Alla PROVINCIA DI ASTI Servizio Ambiente. Ufficio Risanamento Atmosferico Piazza Alfieri, 33 14100 Asti e p. c. Sindaco del Comune di...... A.R.P.A.

Dettagli

Centro Ricerche Chimiche Srl Via Sigalina a/m, 22 25018 Montichiari (BS)

Centro Ricerche Chimiche Srl Via Sigalina a/m, 22 25018 Montichiari (BS) Centro Ricerche Chimiche Srl Via Sigalina a/m, 22 25018 Montichiari (BS) L odore è una percezione una traduzione della presenza di un composto chimico mediante il sistema olfattivo dell osservatore. Se

Dettagli

Risultati della caratterizzazione dei fumi

Risultati della caratterizzazione dei fumi Progetto Produzione di energia e sostanza organica dai sottoprodotti del vigneto Risultati della caratterizzazione dei fumi Paolo Giandon ARPAV Dipartimento Provinciale di Treviso Biella, 24 settembre

Dettagli

Azienda USL n.4 - Nuovo presidio ospedaliero di Prato Prato Ugo Foscolo snc Edoardo Michele Majno

Azienda USL n.4 - Nuovo presidio ospedaliero di Prato Prato Ugo Foscolo snc Edoardo Michele Majno Via Giovanni Pisano, 1-59100 Prato Tel. 0574 5341 Fax 0574 53439 Pag.1 AUTORIZZAZIONE ALLE EMISSIONI IN ATMOSFERA AI SENSI DELL ART.69, MMA, DEL D.LGS.15/006 QUADRO RIASSUNTIVO DELLE EMISSIONI : (valori

Dettagli

Torrefazione di caffè ed altri prodotti tostati con produzione non superiore a 450 kg/g

Torrefazione di caffè ed altri prodotti tostati con produzione non superiore a 450 kg/g Allegato 1 Torrefazione di caffè ed altri prodotti tostati con produzione non superiore a 450 kg/g 1 Indicazioni generali Negli impianti e nelle attività di torrefazione di caffè, fave di cacao, mandorle,

Dettagli

COGENERAZIONE A BIOGAS

COGENERAZIONE A BIOGAS COGENERAZIONE A BIOGAS Aspetti ambientali L evoluzione del biogas per un agricoltura più sostenibile BOLOGNA, 6 Luglio 2011 INTERGEN Divisione energia di IML Impianti s.r.l. - via garcía lorca 25-23871

Dettagli

Valutazioni e analisi di microinquinanti

Valutazioni e analisi di microinquinanti Valutazioni e analisi di microinquinanti LA RETE DI MONITORAGGIO CON STAZIONI FISSE SUL TERRITORIO REGIONALE 25 STAZIONI FISSE suddivise in 14 URBANE 9 INDUSTRIALI 2 RURALI ~ 150 parametri misurati Superamenti

Dettagli

Campagna di rilevamento della qualità dell'aria

Campagna di rilevamento della qualità dell'aria Rete di monitoraggio della qualità dell'aria di Reggio Emilia Campagna di rilevamento della qualità dell'aria Castelnovo nè Monti A cura del Servizio Sistemi Ambientali Unità Monitoraggio e Valutazione

Dettagli

EMISSIONI IN ATMOSFERA DA CENTRALI A TURBOGAS A cura di Arpa Sezione di Piacenza e Ferrara

EMISSIONI IN ATMOSFERA DA CENTRALI A TURBOGAS A cura di Arpa Sezione di Piacenza e Ferrara EMISSIONI IN ATMOSFERA DA CENTRALI A TURBOGAS A cura di Arpa Sezione di Piacenza e Ferrara Premessa In questo documento si vogliono approfondire gli elementi tecnici caratteristici delle emissioni in atmosfera

Dettagli

TRATTAMENTI TERMICI SU METALLI IN GENERE...1 TABELLA I...1 AMBITO DI APPLICAZIONE 1 TABELLA II...1 FASI LAVORATIVE 1 TABELLA III...

TRATTAMENTI TERMICI SU METALLI IN GENERE...1 TABELLA I...1 AMBITO DI APPLICAZIONE 1 TABELLA II...1 FASI LAVORATIVE 1 TABELLA III... TRATTAMENTI TERMICI SU METALLI IN GENERE Allegato n. 8 SOMMARIO TRATTAMENTI TERMICI SU METALLI IN GENERE...1 TABELLA I...1 AMBITO DI APPLICAZIONE 1 TABELLA II...1 FASI LAVORATIVE 1 TABELLA III...1 MATERIE

Dettagli

Composti organici volatili (COV)

Composti organici volatili (COV) D1 Composti organici volatili (COV) Componenti di radiello da utilizzare Corpo diffusivo bianco codice 120 Piastra di supporto codice 121 Adattatore verticale codice 122 (opzionale) Cartuccia adsorbente

Dettagli

DOCUMENTO A SUPPORTO DEL PIANO DI RISANAMENTO DELLA QUALITA DELL ARIA

DOCUMENTO A SUPPORTO DEL PIANO DI RISANAMENTO DELLA QUALITA DELL ARIA Agenzia Regionale per la Prevenzione e l Ambiente dell Emilia-Romagna Via Po, n. 5 40139 - BOLOGNA tel 051/6223811 - fax 051/543255 P.IVA e C.F. 04290860370 Sezione Provinciale di Forlì-Cesena C.P. 345

Dettagli

I numeri del compostaggio in Italia

I numeri del compostaggio in Italia I numeri del compostaggio in Italia Elab. Centemero e Zanardi, dati ISPRA 2009 I numeri del compostaggio in Italia N impianti di compostaggio in Italia 276 Impianti Operativi 220 Impianti con capacità

Dettagli

EMISSIONI IN ATMOSFERA DEGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI CONGLOMERATO BITUMINOSO. Position paper for hot mixing asphalt plants

EMISSIONI IN ATMOSFERA DEGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI CONGLOMERATO BITUMINOSO. Position paper for hot mixing asphalt plants Associazione Italiana Bitume Asfalto Strade EMISSIONI IN ATMOSFERA DEGLI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI CONGLOMERATO BITUMINOSO Position paper for hot mixing asphalt plants 1. PREMESSA E FINALITA DEL DOCUMENTO

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 238 del 21/12/2011

Decreto Dirigenziale n. 238 del 21/12/2011 Decreto Dirigenziale n. 238 del 21/12/2011 A.G.C.5 Ecologia, tutela dell'ambiente, disinquinamento, protezione civile Settore 4 Settore provinc.ecologia,tutela dell'amb.,disinquinam.,protez.civ. - AV -

Dettagli

Controllo delle emissioni in atmosfera

Controllo delle emissioni in atmosfera Ordine degli Ingegneri Provincia di Modena Emissioni Industriali in Atmosfera: Normativa e Tecnologie di Abbattimento Modena, 5 Giugno 2010 Controllo delle emissioni in atmosfera Dr. Stefano Forti ARPA

Dettagli

IMPIANTI A BIOGAS. Documento divulgativo sulle problematiche delle emissioni in atmosfera convogliate e diffuse (odori)

IMPIANTI A BIOGAS. Documento divulgativo sulle problematiche delle emissioni in atmosfera convogliate e diffuse (odori) Sezione Provinciale di Bologna Via F. Rocchi, 19 40138 Bologna Tel. 051 396211 Fax 051 342642 PEC: aoobo@cert.arpa.emr.it e-mail: urpbo@arpa.emr.it IMPIANTI A BIOGAS Documento divulgativo sulle problematiche

Dettagli

Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 44

Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 44 Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 44 3.1.3. Discarica di Case Passerini La discarica di Case Passerini è localizzata di fianco all'impianto di selezione e compostaggio nel territorio comunale

Dettagli

L autorizzazione alle emissioni in atmosfera per le ditte soggette alle disposizioni dell art. 275 del D.Lgs. 152/06 e s.m.i.

L autorizzazione alle emissioni in atmosfera per le ditte soggette alle disposizioni dell art. 275 del D.Lgs. 152/06 e s.m.i. L autorizzazione alle emissioni in atmosfera per le ditte soggette alle disposizioni dell art. 275 del D.Lgs. 152/06 e s.m.i. Normativa di riferimento DM n. 44/04 Recepimento della direttiva 99/13/CE relativa

Dettagli

CARATTERISTICHE DELLE MISCELE ESPLODIBILI

CARATTERISTICHE DELLE MISCELE ESPLODIBILI Conoscere il rischio / Atmosfere esplosive CARATTERISTICHE DELLE MISCELE ESPLODIBILI 1. Limiti di infiammabilità 1.1 Miscele di gas e vapori Le miscele comburente - combustibile si possono infiammare solo

Dettagli

BIOGAS: UN OPPORTUNITÀ PER LA GESTIONE SOSTENIBILE IN AGRICOLTURA Merigo Giambattista Dipartimento agricoltura, sviluppo sostenibile ed energie rinnovabili CONAF Giorgio Provolo Dipartimento di Scienze

Dettagli

Relazione previsionale di impatto atmosferico Committente: Solenergia Srl

Relazione previsionale di impatto atmosferico Committente: Solenergia Srl SOMMARIO 1 Premessa...3 2 Inquadramento dell area ed elaborazione dei dati orografici...5 3 Caratterizzazione meteorologica dell area ed elabo-razione dei dati meteo...8 4 Situazione di progetto... 12

Dettagli

ARPA Valle d Aosta Sezione ARIA ed ENERGIA Ing. Giordano Pession Ing. Ivan Tombolato. RIGENERGIA12, Aosta 26 maggio 2012 ARPA VdA

ARPA Valle d Aosta Sezione ARIA ed ENERGIA Ing. Giordano Pession Ing. Ivan Tombolato. RIGENERGIA12, Aosta 26 maggio 2012 ARPA VdA ARPA Valle d Aosta Sezione ARIA ed ENERGIA Ing. Giordano Pession Ing. Ivan Tombolato Uniformare gli strumenti e i sistemi di monitoraggio della qualità dell aria. Potenziare le misure di tutela (es. Piani

Dettagli

ORIGINE DELL INQUINAMENTO ATMOSFERICO

ORIGINE DELL INQUINAMENTO ATMOSFERICO Impatto sulla qualità dell aria delle emissioni di solventi di verniciatura nell area del Comparto del Mobile della provincia di Treviso. L. Ceresa 1, C. Iuzzolino 1, L. Mion 2 1 ARPAV Dipartimento Provinciale

Dettagli

SOMMARIO CICLI TECNOLOGICI... 2

SOMMARIO CICLI TECNOLOGICI... 2 SOMMARIO CICLI TECNOLOGICI... 2 Ambito di applicazione...2 Fasi lavorative...2 Materie prime...2 Sostanze inquinanti e prescrizioni specifiche...2 Schede impianti di abbattimento...2 Soglia massima...3

Dettagli

IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI

IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI Negli ultimi anni in Italia sono stati costruiti diversi impianti funzionanti a biomasse (biogas). BIOMASSE: in base all art. 2 del D.Lgs 387/2003

Dettagli

Tariffe per prestazioni di laboratorio a pagamento S.C. Medicina del Lavoro (Delibera Direttore Genelare N. 261 del 4/03/2009)

Tariffe per prestazioni di laboratorio a pagamento S.C. Medicina del Lavoro (Delibera Direttore Genelare N. 261 del 4/03/2009) Tariffe per prestazioni di laboratorio a pagamento S.C. Medicina del Lavoro (Delibera Direttore Genelare N. 261 del 4/03/2009) ANALISI DI INQUINANTI AERODISPERSI PRESTAZIONE Matrice Tecnica analitica Euro

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE AREA RISORSE IDRICHE E QUALITÀ DELL ARIA

DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE AREA RISORSE IDRICHE E QUALITÀ DELL ARIA DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE AREA RISORSE IDRICHE E QUALITÀ DELL ARIA N. 53-14382/2010 OGGETTO: Autorizzazione Integrata Ambientale ex D.Lgs. 18 febbraio 2005, n. 59. Aggiornamento per modifica non sostanziale.

Dettagli

Domanda di autorizzazione alle emissioni in atmosfera ai sensi dell art. 269, D.lgs. 152/2006 (stabilimenti anteriori al 2006).

Domanda di autorizzazione alle emissioni in atmosfera ai sensi dell art. 269, D.lgs. 152/2006 (stabilimenti anteriori al 2006). Marca da Al SUAP del Comune di Bollo Domanda di autorizzazione alle emissioni in atmosfera ai sensi dell art. 269, D.lgs. 152/2006 (stabilimenti anteriori al 2006). Il/la sottoscritto/a nato/a a il residente

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA DA BIOMASSE FRA PROBLEMA DELLA QUALITA DELL ARIA ED EMISSIONI DI ANIDRIDE CARBONICA

PRODUZIONE DI ENERGIA DA BIOMASSE FRA PROBLEMA DELLA QUALITA DELL ARIA ED EMISSIONI DI ANIDRIDE CARBONICA Produzione energetica da biomasse: aspetti tecnici, elementi gestionali, sostenibilità ambientale Cooperazione Trentina PRODUZIONE DI ENERGIA DA BIOMASSE FRA PROBLEMA DELLA QUALITA DELL ARIA ED EMISSIONI

Dettagli

I SOA: VERIFICA SUL CAMPO DI UN SISTEMA PER CQ

I SOA: VERIFICA SUL CAMPO DI UN SISTEMA PER CQ I SOA: VERIFICA SUL CAMPO DI UN SISTEMA PER CQ C. Ricci, a U. Bersellini, a E. Dalcanale b a Laboratori Centrali, Barilla Alimentare SpA (PR) (carlottaricci@tin.it) b Dipartimento di Chimica Organica e

Dettagli

WORKSHOP. I controlli di ARPA agli impianti di incenerimento dei rifiuti in Emilia - Romagna Stato attuale e prospettive RIMINI.

WORKSHOP. I controlli di ARPA agli impianti di incenerimento dei rifiuti in Emilia - Romagna Stato attuale e prospettive RIMINI. WORKSHOP I controlli di ARPA agli impianti di incenerimento dei rifiuti in Emilia - Romagna Stato attuale e prospettive RIMINI 31 Maggio 2005 Centro Congressi SGR Via Chiabrera 34/B Produzione e recupero

Dettagli

SCHEDA TECNICA DI PRODOTTO STP A5_I

SCHEDA TECNICA DI PRODOTTO STP A5_I Passo Pg DIN 40 430 Tipo Grigio Chiaro P Foro Fissaggio Ø A B Chiave C L Imballo 1900.07 Pg 7 12,7 3,5-7 15 8 18-22 100 1900.09 Pg 9 15,5 5-8 19 8 22-26 100 1900.11 Pg11 18,8 5-10 22 8 23-28 100 1900.13

Dettagli

Intervento di Revamping Impianto di termovalorizzazione Sito in Busto Arsizio

Intervento di Revamping Impianto di termovalorizzazione Sito in Busto Arsizio Intervento di Revamping Impianto di termovalorizzazione Sito in Busto Arsizio Schema di riferimento generale Raccolta rifiuti Controllo radioattività / allarme Ricevimento / Fossa di stoccaggio Sistema

Dettagli

Campionamento ed analisi di composti volatili in matrici alimentari

Campionamento ed analisi di composti volatili in matrici alimentari Campionamento ed analisi di composti volatili in matrici alimentari Lo studio dei composti volatili di un alimento ha l obiettivo di fornirne la caratterizzazione del profilo aromatico, permettendo in

Dettagli

Le attività di monitoraggio: il caso dell acciaieria Valbruna di Vicenza

Le attività di monitoraggio: il caso dell acciaieria Valbruna di Vicenza Le attività di monitoraggio: il caso dell acciaieria Valbruna di Vicenza Dipartimento Provinciale di Vicenza Servizio Stato dell Ambiente dr chim. Ugo Pretto, p.i. Francesca Mello Il sito produttivo Acciaierie

Dettagli

Determinazione del Dirigente del Servizio Qualità dell'aria e risorse energetiche

Determinazione del Dirigente del Servizio Qualità dell'aria e risorse energetiche Determinazione del Dirigente del Servizio Qualità dell'aria e risorse energetiche N....18-43641 / 2006 (numero-protocollo/anno) Oggetto: autorizzazione ai sensi dell'art. 12 del D. Lgs. 29/12/2003 n. 387,

Dettagli

AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE - AIA

AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE - AIA AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE - AIA Direttiva n. 96/61/CE Le finalità: prevenire fenomeni di inquinamento ridurre l inquinamento attuale evitare di trasferire l inquinamento da un comparto all altro

Dettagli

Ambiente/PianificazioneTerritoriale. N. Reg. Decr. 332/2011 Data 14/06/2011. Oggetto: Ditta UNIPLAST SRL - Via Verona, 2 - ODERZO.

Ambiente/PianificazioneTerritoriale. N. Reg. Decr. 332/2011 Data 14/06/2011. Oggetto: Ditta UNIPLAST SRL - Via Verona, 2 - ODERZO. Atto T0AVSU Settore T Servizio AU Ambiente/PianificazioneTerritoriale Ecologia e ambiente U.O. 0031 Aria Ufficio TARI Emissioni C.d.R. 0023 Ecologia ed Ambiente Emiss.in atmosfera N. Reg. Decr. 332/2011

Dettagli

Il comparto stampaggio materie plastiche

Il comparto stampaggio materie plastiche SERVIZIO PREVENZIONE E SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO DISTRETTO DI REGGIO EMILIA Il rischio da agenti chimici nello stampaggio materie plastiche: valutazione dell esposizione nelle esperienze di Reggio Emilia,

Dettagli

Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile. Lucera ( FG )

Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile. Lucera ( FG ) Campagna di monitoraggio della qualità dell aria con laboratorio mobile AGENZIA REGIONALE PER LA PREVENZIONE E LA PROTEZIONE AMBIENTALE Sito di monitoraggio: Lucera ( FG ) Periodo di osservazione: 5/2/21-11/3/21

Dettagli

Il sottoscritto... nato a... il.../.../... residente a... in Via/ Corso... n... in qualità di titolare/legale rappresentante dell'impresa... ...

Il sottoscritto... nato a... il.../.../... residente a... in Via/ Corso... n... in qualità di titolare/legale rappresentante dell'impresa... ... ALLEGATO 1 Al COMUNE DI... Ufficio Ambiente Via......... n.... Oggetto: Domanda di AUTORIZZAZIONE IN VIA GENERALE per le emissioni in atmosfera provenienti da impianti di torrefazione di caffè ed altri

Dettagli

Redazione e trasmissione del Report annuale

Redazione e trasmissione del Report annuale Redazione e trasmissione del Report annuale Anna Maria Livraga Emanuela Patrucco Piano di Monitoraggio e Controllo aziende IPPC: Gestione e trasmissione Report annuale 16 maggio 2011 Il cap. 5 del PMC

Dettagli

Criteri tecnici per la realizzazione degli impianti a biogas

Criteri tecnici per la realizzazione degli impianti a biogas Criteri tecnici per la realizzazione degli impianti a biogas ENERGIA DA BIOMASSE Nuove regole di sostenibilità ambientale Bologna, 21 giugno 2012 Ing. Leonardo PALUMBO Servizio Tutela e Risanamento Risorsa

Dettagli

SCHEDA TECNICA DI PRODOTTO STP A17_I

SCHEDA TECNICA DI PRODOTTO STP A17_I Cilindretti per chiusura fori Tipo A L Adatto Imballo per standard/minimo guarnizione (mm) (mm) TGM38 36A3M1623 3 8 5.000/100 TGM48 36A3M1624 + 36A3M2034 + 36A3M2554 4 8 5.000/100 TGM58 36A3M2025 5 8 5.000/100

Dettagli

A.T.I. Riccoboni S.p.A. Impresa Dott. Mario Ticca S.r.l. ALLEGATO 11

A.T.I. Riccoboni S.p.A. Impresa Dott. Mario Ticca S.r.l. ALLEGATO 11 A.T.I. Riccoboni S.p.A. Impresa Dott. Mario Ticca S.r.l. ALLEGATO 11 Analisi sugli effluenti in uscita dal combustore biogas Servizio di gestione operativa del sistema di smaltimento RSU dell ex bacino

Dettagli

Amministrazioni comunali di Rezzato e Mazzano

Amministrazioni comunali di Rezzato e Mazzano C.F. n CRRRRT48B06D117X; Partita IVA n 0073846016 1 Amministrazioni comunali di Rezzato e Mazzano Adeguamento tecnologico della cementeria Italcementi di Rezzato-Mazzano Obiettivi di riduzione delle emissioni

Dettagli

BIOMASSA: Biomasse combustibili e limiti di emissione: Normativa e prospettive. Maurizio Tava

BIOMASSA: Biomasse combustibili e limiti di emissione: Normativa e prospettive. Maurizio Tava BIOMASSA: OPPORTUNITA PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE? VENERDI 5 GIUGNO 2015 TAIO (TN), SALA CONVEGNI C.O.CE.A. Biomasse combustibili e limiti di emissione: Normativa e prospettive Maurizio Tava APPA Responsabile

Dettagli

provincia.udine@cert.provincia.udine.it AREA AMBIENTE SERVIZIO EMISSIONI IN ATMOSFERA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

provincia.udine@cert.provincia.udine.it AREA AMBIENTE SERVIZIO EMISSIONI IN ATMOSFERA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE provincia.udine@cert.provincia.udine.it AREA AMBIENTE SERVIZIO EMISSIONI IN ATMOSFERA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Oggetto: AUTORIZZAZIONE DI CARATTERE GENERALE PER LE EMISSIONI IN ATMOSFERA PROVENIENTI

Dettagli

LA BIOFILTRAZIONE: TECNICA DI CONTROLLO DEGLI ODORI NEGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE DELLE ACQUE REFLUE

LA BIOFILTRAZIONE: TECNICA DI CONTROLLO DEGLI ODORI NEGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE DELLE ACQUE REFLUE LA BIOFILTRAZIONE: TECNICA DI CONTROLLO DEGLI ODORI NEGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE DELLE ACQUE REFLUE 1. Formazione degli odori Le sostanze che causano diffusione di odori molesti, nell atmosfera circostante

Dettagli

Progetto Sito di Ferrara Nuova Torcia MTD (Migliore Tecnologia Disponibile) per Basell Poliolefine Italia S.r.l.

Progetto Sito di Ferrara Nuova Torcia MTD (Migliore Tecnologia Disponibile) per Basell Poliolefine Italia S.r.l. Progetto Sito di Ferrara Nuova Torcia MTD (Migliore Tecnologia Disponibile) per Basell Poliolefine Italia S.r.l. Comunicazione al pubblico ai sensi del PMA approvato con prescrizioni da ISPRA (Istituto

Dettagli

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36.

Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Capitolo 3 Caratterizzazione delle sorgenti pag. 75 Nelle immediate vicinanze dell impianto, secondo la simulazione sul dominio 4x4km, i risultati sono quelli di figura 3.36. Figura 3.36. Superamenti di

Dettagli

Normative vigenti e tecniche di analisi dell odore

Normative vigenti e tecniche di analisi dell odore Normative vigenti e tecniche di analisi dell odore Politecnico di Milano, Dipartimento di Chimica, Materiali e Ingegneria Chimica Giulio Natta Piazza Leonardo da Vinci 32, 20133 Milano laura.capelli@polimi.it

Dettagli

La qualità dell aria in Lombardia situazione e prospettive

La qualità dell aria in Lombardia situazione e prospettive La qualità dell aria in Lombardia situazione e prospettive Responsabile U.O. Qualità dell Aria Settore Monitoraggi Ambientali g.lanzani@arpalombardia.it Brescia 2 novembre 204 Confronto con la normativa

Dettagli

LABORATORIO NORD - OVEST Offerta di energia. Il sistema Cogen-Barca

LABORATORIO NORD - OVEST Offerta di energia. Il sistema Cogen-Barca LABORATORIO NORD - OVEST Offerta di energia. Il sistema Cogen-Barca Bologna, 15 maggio 2006 Hera Bologna s.r.l. 1 COGEN OSPEDALE MAGGIORE RIVA CALZONI BARCA BECCACCINO 2 La rete 3 Le condotte Posa tubazioni

Dettagli

IL PIANO ENERGETICO-AMBIENTALE PER LA PROVINCIA DI GROSSETO

IL PIANO ENERGETICO-AMBIENTALE PER LA PROVINCIA DI GROSSETO IL PIANO ENERGETICO-AMBIENTALE PER LA PROVINCIA DI GROSSETO Allegato A2.4 BILANCIO DELLE EMISSIONI INQUINANTI Riferimento al capitolo 2.6 della Relazione di sintesi PEAP GR A cura di CO.SVI.G., PIN SCRL.

Dettagli

Provvedimento n. 734 del 07/11/2007 IL DIRIGENTE DEL SETTORE AMBIENTE E SUOLO

Provvedimento n. 734 del 07/11/2007 IL DIRIGENTE DEL SETTORE AMBIENTE E SUOLO Provincia di Ravenna settore ambiente e suolo Piazza dei Caduti per la Libertà, 2 / 4 Provvedimento n. 734 del 07/11/2007 Oggetto: D.LGS. 59/05 - L.R. 21/04 DITTA SOL S.P.A. AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE

Dettagli

CICLI TECNOLOGICI. Limite. Tipologia COV* Flusso di Concentrazione. Diversi da quelli sopra 200 g/h 75 mgc/nm 3

CICLI TECNOLOGICI. Limite. Tipologia COV* Flusso di Concentrazione. Diversi da quelli sopra 200 g/h 75 mgc/nm 3 Attività in deroga D.Lgs. 152/06, Parte Quinta, Allegato IV, Parte II, punto 12 Allegato tecnico n. 12 Sgrassaggio superficiale dei metalli con consumo complessivo di solventi non superiore ad 1 tonnellata/anno

Dettagli

INCENERIMENTO DI RIFIUTI NEI CEMENTIFICI MITI E FATTI

INCENERIMENTO DI RIFIUTI NEI CEMENTIFICI MITI E FATTI Centro per la Salute Giulio A. Maccacaro via Roma 2-21053 Castellanza (VA) fax 0331/501792 - email : medicinademocratica@libero.it INCENERIMENTO DI RIFIUTI NEI CEMENTIFICI MITI E FATTI Mito 1. I CEMENTIFICI,

Dettagli

Via Bettini Via Del Frullo

Via Bettini Via Del Frullo Via Bettini Via Del Frullo Nell ambito del Protocollo d Intesa tra la Provincia di Bologna, i Comuni di Bologna, Castenaso e Granarolo dell Emilia, Arpa di Bologna, Ausl di Bologna, Università di Bologna

Dettagli

PRODUZIONE E LAVORAZIONE DI FILM PLASTICI : RISCHIO DI ESPOSIZIONE AD AGENTI CHIMICI PERICOLOSI

PRODUZIONE E LAVORAZIONE DI FILM PLASTICI : RISCHIO DI ESPOSIZIONE AD AGENTI CHIMICI PERICOLOSI Sesto Fiorentino 21 /09/2007 Carla Poli PRODUZIONE E LAVORAZIONE DI FILM PLASTICI : RISCHIO DI ESPOSIZIONE AD AGENTI CHIMICI PERICOLOSI Il settore della lavorazione delle materie plastiche, in grande espansione

Dettagli

BONIFICA. Tecnologie di bonifica: - Chimiche - Fisiche - Biologiche - Termiche 1

BONIFICA. Tecnologie di bonifica: - Chimiche - Fisiche - Biologiche - Termiche 1 BONIFICA - intervento necessario al risanamento di situazioni di contaminazione create da eventi accidentali o a seguito dell individuazione di fenomeni di inquinamento derivanti da attività lavorative.

Dettagli

IL PUNTO DI UN GESTORE IPPC: CRITICITA NELL APPLICAZIONE DEL PMC

IL PUNTO DI UN GESTORE IPPC: CRITICITA NELL APPLICAZIONE DEL PMC IL PUNTO DI UN GESTORE IPPC: CRITICITA NELL APPLICAZIONE DEL PMC Seminario Tecnico Stabilimenti IPPC: Piano di Monitoraggio e Controllo (PMC) e Sistemi di Monitoraggio delle emissioni (SME) Provincia di

Dettagli

Validazione dati nelle misure in campo di aeriformi

Validazione dati nelle misure in campo di aeriformi Validazione dati nelle misure in campo di aeriformi Maurizio Di Tonno Nucleo Operativo Bonifiche e Suolo Marco Fontana, Maria Radeschi Rischio industriale ed Igiene industriale Roma, 29 Gennaio 2015 Competenze

Dettagli

PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI SERVIZIO ENERGIA, ARIA E RUMORE

PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI SERVIZIO ENERGIA, ARIA E RUMORE PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI SERVIZIO ENERGIA, ARIA E RUMORE Prot. Generale N. 0111835 / 2013 Atto N. 5414 OGGETTO: SELEX ES S.P.A. -

Dettagli

Impianti a Combustione: Aspetti Autorizzativi Specifici

Impianti a Combustione: Aspetti Autorizzativi Specifici Impianti a Combustione: Aspetti Autorizzativi Specifici Stefano Forti CTR Emissioni Industriali ARPA Emilia Romagna - Sezione Provinciale di Modena Impianti a biomasse in Emilia Romagna: Aspetti Autorizzativi

Dettagli

IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI. AMBIENTE E SALUTE 23 giugno 2008

IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI. AMBIENTE E SALUTE 23 giugno 2008 IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI AMBIENTE E SALUTE 23 giugno 2008 I 5 Principi della Gestione Integrata dei Rifiuti 1. Prevenzione nella formazione dei rifiuti 2. Riduzione della loro pericolosità 3. Riciclaggio

Dettagli

Monitoraggio in continuo delle emissioni. Normative: applicazioni e criticità

Monitoraggio in continuo delle emissioni. Normative: applicazioni e criticità Il punto sulla direttiva IPPC Palazzo Medici Riccardi Firenze 27 novembre 2013 Monitoraggio in continuo delle emissioni. Normative: applicazioni e criticità Mauro Rotatori Direttiva IED (2010/75/CE) La

Dettagli

Brevi cenni storici. Attualmente la partecipazione è così composta: compagine societaria % Comuni. Media. Vallesina (AN - Marche)

Brevi cenni storici. Attualmente la partecipazione è così composta: compagine societaria % Comuni. Media. Vallesina (AN - Marche) Brevi cenni storici Nel 1988 il Comune di Maiolati Spontini, insieme ad alcuni investitori privati, crea ad hoc una SOcietà di GEstione della Nettezza Urbana e dei rifiuti Speciali incaricata di gestire

Dettagli

6.5. Risultati simulazioni sistema rifiuti e riscaldamento

6.5. Risultati simulazioni sistema rifiuti e riscaldamento Capitolo 6 Risultati pag. 301 6.5. Risultati simulazioni sistema rifiuti e riscaldamento Come già detto nel paragrafo 5.8, i risultati riportati in questo paragrafo fanno riferimento alle concentrazione

Dettagli

QUADERNO N. 8 IMPIANTI BIOGAS GUIDA TECNICO NORMATIVA LE EMISSIONI IN ATMOSFERA. Aprile 2014. Rev. 1.00

QUADERNO N. 8 IMPIANTI BIOGAS GUIDA TECNICO NORMATIVA LE EMISSIONI IN ATMOSFERA. Aprile 2014. Rev. 1.00 QUADERNO N. 8 IMPIANTI BIOGAS GUIDA TECNICO NORMATIVA LE EMISSIONI IN ATMOSFERA Aprile 2014 Rev. 1.00 Consorzio Monviso Agroenergia Via del Gibuti, 1 10064 - Pinerolo (TO) Tel 0121/325901 - Fax 0121/3259103

Dettagli