- Ufficio di Gabinetto... Pag. - Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico. Pag. - Divisione Anticrimine. Pag. - Squadra Mobile Pag.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "- Ufficio di Gabinetto... Pag. - Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico. Pag. - Divisione Anticrimine. Pag. - Squadra Mobile Pag."

Transcript

1 Indice Attività degli Uffici della Questura - Ufficio di Gabinetto.... Pag. - Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico. Pag. - Divisione Anticrimine. Pag. - Squadra Mobile Pag. - Polizia Scientifica... - DIGOS Pag. Pag. - Divisione Polizia Amministrativa, Sociale e dell Immigrazione Pag. - Ufficio dell Immigrazione e degli Stranieri Pag. Sezioni di Polizia Giudiziaria. Pag. Commissariato di Alassio Pag. Specialità - Polizia Stradale Pag. - Polizia Pag. Ferroviaria.. - Polizia di Frontiera Marittima Pag.. - Polizia Postale.. Pag. 1

2 ATTIVITA DEGLI UFFICI DELLA QUESTURA UFFICIO DI GABINETTO L Ufficio di Gabinetto dà attuazione alle direttive impartite dal Sig. Questore e ne cura la realizzazione sotto forma di ordinanze e circolari al fine di informare, collegare e coordinare tutte le Forze di Polizia della Provincia. Predispone ed organizza tutti i servizi relativi alle manifestazioni politiche, sindacali e sportive che si svolgono sul territorio della Provincia. Manifestazioni: L Ufficio di Gabinetto nel corso dell ultimo anno ha gestito importanti e complesse manifestazioni sportive, turistiche, religiose e culturali quali : il Rally della Riviera Ligure, il Rally Valli del Bormida, le ciclistiche Milano/Sanremo, le Frecce Tricolori ad Albenga, la Laigueglia nonché, data la particolare predisposizione del territorio - numerosissime altre competizioni ciclistiche, sia a carattere agonistico che turistico/amatoriale ed il capodanno in piazza. Oltre alle predette manifestazioni in calendario, numerosi sono stati gli eventi di carattere straordinario, che hanno richiesto un organizzazione in tempo reale quali, ad esempio: gli innumerevoli incontri, convegni e dibattiti che hanno caratterizzato la campagna elettorale per le elezioni politiche dal 24 al 25 febbraio scorso, ma anche il transito straordinario di tifoserie e le visite non programmate di personalità,: proteste autotrasportatori, scioperi, manifestazioni studentesche, brillamenti di ordigni. Particolarmente complessa è stata, altresì, la predisposizione dei servizi in occasione degli incontri di calcio del Savona Lega Pro-Divisione 2^/Girone A, nonchè della squadra di pallanuoto cittadina, la Rari Nantes, che milita nel Campionato di serie A ed è impegnata anche in gare di livello internazionale. Inoltre, durante il periodo estivo, a seguito del notevole afflusso di turisti in visita nella nostra provincia, è stato necessario predisporre e gestire numerosi servizi di prevenzione e controllo del territorio, nonchè servizi di ordine pubblico in occasione di concerti, sagre, feste popolari e varie manifestazioni di carattere politico culturale. L Ufficio di Gabinetto nel corso dell anno, inoltre, ha gestito con ordinanza gli specifici servizi di ordine e sicurezza pubblica per l Aeroporto di Villanova d Albenga, in occasione dell arrivo di personalità. E proseguito, inoltre, il Progetto Narciso, nell ambito delle attività specificamente finalizzate alla prevenzione e repressione dei reati che vedono coinvolti i giovani e che, più in generale, sono diretta espressione di un evidente disagio giovanile. Esso è nato dall osservazione di come - ultimamente - fossero in aumento gli interventi nei luoghi in cui, con maggiore frequenza, si registrano episodi ricollegati all uso di droghe ed all abuso di bevande alcooliche. Sono stati effettuati, inoltre, altri servizi di controllo del territorio, al fine di contrastare l immigrazione clandestina. Eventi di rilievo regolamentati con ordinanze per l organizzazione delle Forze di Polizia impegnate nei servizi di ordine e sicurezza pubblica: Nr (periodo marzo 2012/2013). 2

3 UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO UFFICIO STAMPA L URP, suddiviso in Ufficio Pubbliche Relazioni e Ufficio Stampa, con funzioni di comunicazione e relazioni esterne, rapporti con la stampa, coordinamento, raccordo con le altre Forze di Polizia, Enti pubblici, ecc., ha realizzato progetti di comunicazione finalizzati al raggiungimento di importanti obiettivi, quali la costruzione e l individuazione di nuove modalità di comunicazione atte a migliorare il dialogo tra la Polizia e il cittadino. Il settore Ufficio Relazioni con il Pubblico, si occupa direttamente o fungendo da intermediario con gli uffici preposti, di fornire risposte il più possibile tempestive alle numerose richieste di informazioni che giungono attraverso la casella di posta elettronica oppure attraverso l apposito servizio Scrivici presente sul sito web della Polizia di Stato (nella sezione Per il cittadino ), o ancora telefonicamente o personalmente. L URP ha stabilito rapporti di collaborazione con enti esterni quali scuole, associazioni, organi di stampa ecc., finalizzate alla realizzazione di iniziative di comunicazione e di altre iniziative di interesse generale; ha curato e sviluppato le campagne di divulgazione e informazione su argomenti specifici promosse dall Ufficio Relazioni Esterne del Ministero dell Interno Dal 15 al 17 febbraio u.s. si sono svolti, nello storico borgo marinaro di Laugueglia (SV), i festeggiamenti legati alla celebrazione del 50 Anniversario del Trofeo Laigueglia, annuale classica gara ciclistica professionisti. Per l occasione l Amministrazione Comunale, che già ha ospitato nel giugno 2011 la Banda Musicale della Polizia di Stato, ha fornito gli spazi, nelle piazze della cittadina, per l esposizione di mezzi della Polizia di Stato, che hanno fatto da cornice all evento. Alla manifestazione hanno partecipato: il Reparto a cavallo della Polizia di Stato, un auto ed una motocicletta storica proveniente dall Autocentro di Torino ( la moto Guzzi Falcone e la Giulia Alfa Romeo ) e la Lamborghini Gallardo con colori d Istituto proveniente dal Compartimento Polizia Stradale Emilia Romagna di Bologna. E intervenuto inoltre un aereo del Reparto di volo di Milano che è stato utilizzato con scopi di vigilanza della gara ciclistica. Questo Ufficio, inoltre, ha curato la realizzazione di uno stand con gadgets e materiale divulgativo istituzionale, che è stato distribuito ai cittadini, intervenuti numerosi alla manifestazione A consuntivo di oltre tre anni di svolgimento del Progetto Narciso, fondato sulla prevenzione dei reati tipici del mondo giovanile, si è posto l obiettivo di organizzare una seconda edizione del convegno presso il Campus Universitario di Savona. I lavori di organizzazione del convegno sono iniziati a partire dal mese di agosto u. s. ed hanno visto nuovamente la collaborazione di vari enti: la Procura della Repubblica di Savona, la Regione Liguria, il Comune e la Provincia di Savona, l Ufficio Scolastico Provinciale di Savona, la ASL2 savonese, l Università di Genova sede distaccata di Savona. Ogni ente coinvolto si è reso disponibile a fornire non solo un contributo concreto alla realizzazione dell iniziativa, ma anche un contributo personale con docenti specializzati sulle tematiche giovanili. Il titolo del convegno, La parola ai giovani, sottolinea il coinvolgimento dei giovani in prima 3

4 persona, in qualità di relatori al convegno e l occasione unica che i ragazzi hanno avuto per confrontarsi a 360 con le varie istituzioni della Provincia, arricchendo così la propria formazione scolastica ordinaria con un ulteriore bagaglio culturale. Tale evento ha quindi segnato, come per l anno appena trascorso, una tappa importante nell approfondimento delle tematiche del Progetto Narciso. Sono state mantenute le tre Aree Tematiche: Area delle Istituzioni e del Territorio, Area Psico-Sociale ed Area Tecnico-Giuridica, e ciascun Ente/docente ha proposto un tema agli studenti delle classi 3^ e 4^ degli Istituti Superiori della provincia, nell ambito di una serie di incontri. Hanno aderito agli incontri, tutti gli Istituti Superiori della provincia di Savona: Liceo Chiabrera-Martini di Savona, Liceo Scientifico O. Grassi di Savona, Istituto Alberti-Boselli di Savona, Istituto Superiore Ferraris L. Pancaldo di Savona, Istituto Secondario Superiore Mazzini Da Vinci di Savona, Liceo G. Della Rovere di Savona, Istituto Second. Superiore di Finale Ligure, Istituto Sec. Superiore G. Falcone di Loano, Liceo Scientifico G. Bruno di Albenga, Ist. Superiore Giancardi-Galilei-Aicardi di Alassio, Liceo Classico S. G. Calasanzio di Carcare, Ist. Second. Superiore di Cairo Montenotte. Al termine degli incontri ciascun gruppo di studenti ha realizzato una breve tesina finale sugli argomenti svolti, evidenziando gli aspetti di maggiore interesse e proponendo quesiti su cui i docenti hanno fornito risposte. Le tesine sono state, quindi, illustrate dallo studente relatore nel corso del convegno finale. Il convegno ha avuto luogo nell aula magna del Campus Universitario di Savona il 10 maggio u.s. alla presenza di oltre 280 studenti. E stato possibile vedere la diretta streaming dell evento collegandosi al sito del Campus Universitario di Savona. Come Ufficio Stampa si occupa della redazione e dell invio dei comunicati alle testate giornalistiche accreditate, nonché della predisposizione di conferenze stampa. Nella maggior parte dei casi si tratta di eventi di cronaca, che quindi vengono gestiti giornalisticamente in tempo reale, insieme ai dirigenti dei vari uffici operativi. Si occupa anche dell aggiornamento della pagina web della Questura di Savona, nel quale vengono fornite indicazioni sugli orari di apertura degli uffici e pubblicati gli aggiornamenti sull attività svolta e sulle iniziative intraprese. L ufficio inoltre aggiorna quotidianamente la rubrica i fatti del giorno : una sezione del sito con le notizie di cronaca provenienti da tutte le Questure, una grande opportunità per valorizzare l attività che le Questure svolgono sul territorio ogni giorno. Le notizie relative a i fatti del giorno, inoltre, avendo un buon successo in termini di visite, sono state inserite nella home page messa a disposizione da TgCom, nella sezione della cronaca. I video relativi all attività della Questura vengono inseriti su un canale intranet dedicato ai video provenienti da tutte le Questure d Italia e i migliori vengono da qui prelevati dall Ufficio Stampa di Roma per essere poi trasmessi in una sezione dedicata alla Polizia di Stato su YOUTUBE, accessibile a tutti i navigatori del web. 4

5 UFFICIO PREVENZIONE GENERALE E SOCCORSO PUBBLICO L Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico ha quale obiettivo primario l ottimizzazione dell attività operativa della Polizia di Stato impegnata nel controllo del territorio per il mantenimento dell ordine e della sicurezza pubblica. La volontà di conseguire i migliori risultati operativi favorisce l efficiente e l efficace sviluppo dei compiti istituzionali, sia sotto il profilo della prevenzione, sia sotto quello della repressione dei reati, soprattutto di quelli definiti predatori con conseguente miglioramento del sentimento di insicurezza percepita da parte dei cittadini. L Ufficio nel corso dell anno ha intensificato l attività di controllo del territorio soprattutto in quelle aree della città maggiormente sensibili a problematiche di sicurezza pubblica. Particolare attenzione è stata rivolta alle zone di Piazza del Popolo, del Quartiere di Santa Rita, nei giardini antistanti la Stazione Ferroviaria e nella zona del Prolungamento a mare. Obiettivo principale è stato quello di contrastare quel sentimento di insicurezza nella cittadinanza che tuttavia prescinde dall effettiva delittuosità. Si tratta in effetti di sofferenza verso quei fenomeni di inurbanità che colpiscono il cittadino a volte come e più di un delitto perché sono percepiti come una minaccia oggettiva alla propria tranquillità. Per raggiungere tali obiettivi sono stati predisposti servizi pressoché giornalieri utilizzando l Ufficio Mobile che fornisce la massima visibilità alla presenza della Polizia di Stato, integrata con quella del Poliziotto di Quartiere che ha basato la sua operatività essenzialmente nel creare un rapporto di fiducia e di collaborazione con i cittadini. Il Poliziotto di Quartiere rappresenta l ormai indispensabile collegamento fra la collettività e l istituzione Polizia di Stato. La figura del Poliziotto di Quartiere, istituita nel dicembre 2002, operativa in questo capoluogo dal mese di gennaio 2003, esprime la nuova metodologia di lavoro orientata ad assicurare una maggiore sicurezza effettiva e percepita, basata su un rapporto di fiducia e di collaborazione con i cittadini. Sono stati altresì predisposti controlli straordinari del territorio, controllo avventori degli esercizi pubblici e controllo negli edifici abbandonate ed in disuso presenti in questo Comune. Nel corso dell anno è proseguita anche l attività d informatizzazione e di incremento di tecnologie presso questa Sala Operativa. E stato incrementato il sistema di videosorveglianza che permette agli operatori di visionare e gestire numerose telecamere poste nei Comuni di Savona, delle due Albisole e di Albenga ed attivato un nuovo sistema di videosorveglianza interna che permette il controllo da remoto degli accessi alla Questura e la sorveglianza sia del perimetro esterno che di quello interno e di numerosi uffici sensibili. 5

6 Il 113 è il primo contatto tra la Polizia e il cittadino ed è il centro di coordinamento di ogni attività di emergenza e di soccorso tra le altre istituzioni presenti sul territorio (Forze di Polizia, Vigili del Fuoco, Soccorso Sanitario 118 ). Il servizio, svolto in ogni giorno dell anno 24 ore su 24, coordina e dispone gli interventi delle pattuglie sul territorio. Riceve e gestisce tutte le richieste di intervento sulla linea telefonica di emergenza 113. Sono state attivate le linee digitali al 113 che permettono l immediata identificazione del chiamante e la sua localizzazione, sia per le utenze fisse che mobili. E proseguita l attività di collegamento informatico delle strutture ricettive della provincia al portale Alloggiati che permette la trasmissione telematica delle schedine anche in virtù delle nuove disposizioni normative che ne hanno reso obbligatorio l utilizzo. LA SQUADRA NAUTICA La Squadra Nautica, con sede a Savona e Distaccamento ad Alassio, svolge in ambito marittimo attività analoga a quella espletata dalla Squadra Volante. In particolare svolge attività di prevenzione in ambito demaniale, vigila gli obiettivi sensibili, attua soccorso in mare, espleta attività di repressione degli illeciti penali ed amministrativi previsti dal Codice della Navigazione e dalle leggi speciali in materia di diporto nautico. Fondamentale è il suo contributo, insieme alle altre Istituzioni che operano nello stesso ambito, per il controllo delle coste, del corretto svolgimento delle attività balneari e della pesca marittima. I mezzi del settore sono in stretto contatto radio con la sala operativa della Questura, da cui dipendono, consentendo di apportare un contributo immediato e diretto alla sicurezza della navigazione mediante il soccorso alle persone e alle imbarcazioni. La Squadra Nautica, mediante l impiego dei due natanti a disposizione ha continuato nell attività di vigilanza a mare prevalentemente nell ambito del bacino portuale di Savona Vado Ligure, dove maggiore è la concentrazione di obiettivi sensibili, garantendo anche il controllo nella zona della Darsena e presso il Terminal Costa Crociere. 6

7 LA SQUADRA VOLANTE La Squadra Volante svolge attività di prevenzione generale e di controllo del territorio; attua la vigilanza agli obiettivi sensibili; provvede, anche d iniziativa, alla repressione dei reati. Svolge tutte le attività connesse ai compiti istituzionali e al soccorso pubblico. Si riportano di seguito alcuni dati relativi all attività raffrontati a quelli dello stesso periodo dell anno precedente: Persone controllate Persone controllate Di cui stranieri 3503 Di cui stranieri 4395 Veicoli controllati 9613 Veicoli controllati 9240 Posti di controllo effettuati 2317 Posti di controllo effettuati 2280 Persone denun. stato libertà 178 Persone denun. stato libertà 164 Di cui stranieri 104 Di cui stranieri 94 Persone arrestate 58 Persone arrestate 52 Di cui stranieri 35 Di cui stranieri 38 Immigrazione clandestina 28 Immigrazione clandestina 18 Accompagnamenti per ident. 185 Accompagnamenti per ident. 225 Di cui stranieri 149 Di cui stranieri 174 Interventi di soccorso pubblico 228 Interventi di soccorso pubblico 243 Denunce ricevute 617 Denunce ricevute 647 Querele ricevute 185 Querele ricevute 124 7

8 DIVISIONE ANTICRIMINE La Divisione Anticrimine assicura un ruolo di coordinamento fra gli organismi preposti all attività di Polizia Giudiziaria e d impulso all attività di prevenzione, svolge una vasta attività delegata dall Autorità Giudiziaria, tra cui l attività informativa per l Ufficio di sorveglianza del Tribunale per la concessione di permessi e/o misure alternative, istanze di grazia e di riabilitazione. Si occupa infine di gestione e coordinamento sulle persone scomparse. Nell ambito della Divisione operano: la Squadra Mobile, la DIGOS, il Gabinetto Provinciale di Polizia Scientifica ed il Posto Fisso di Polizia presso l Ospedale S. Paolo. Quest ultimo ufficio si occupa, oltre che del normale servizio di vigilanza, anche delle pratiche di polizia giudiziaria relative ai referti medici raccolti. Marzo 2012/marzo 2013 Sorveglianza speciale // Avvisi orali 88 Foglio di via obbligatorio 17 Divieto di accesso ai luoghi ove si 5 svolgono manifestazioni sportive DATI RELATIVI AL COMUNE DI SAVONA ED ALASSIO 1 maggio 2012/30 aprile 2013 denunciati scoperti Omicidi dolosi 0 0 Tentati omicidi 3 3 Rapine 23 9 Estorsioni 4 4 Furti PERSONE DENUNCIATE Marzo 2012/marzo 2013 In stato di Arresto 139 Esecuzioni provvedimenti A.G. 28 (Dati complessivi) STUPEFACENTE SEQUESTRATO (in grammi) Marzo 2012/marzo 2013 COCAINA 7.446,00 HASHISH 278,60 MARIJUANA 4.665,82 8

9 SQUADRA MOBILE La Squadra Mobile ha mantenuto invariato il proprio assetto organizzativo, articolato in quattro sezioni operative, nell ambito delle diverse tipologie di reato: criminalità organizzata reati contro la persona - reati contro il patrimonio e la Pubblica Amministrazione attività antidroga. Si riassumono le due principali operazioni concluse positivamente da questa Squadra Mobile negli ultimi mesi e, a seguire, si elencano le altre attività d indagine di maggior rilievo. FURTO AGGRAVATO IN UN ISTITUTO DI CREDITO DI SAVONA IDENTIFICAZIONE E ARRESTO DEI RESPONSABILI In seguito al verificarsi, nell agosto 2012, del citato furto, la Squadra Mobile ha avviato un attività d indagine che ha consentito di individuare un gruppo di cittadini di origine sudamericana ritenuti responsabili, in varie città del territorio nazionale, di furti con destrezza in danno di gioiellerie e di istituti di credito. Nella mattinata del 14 agosto 2012, questo ufficio ha localizzato la presenza su questo territorio di quattro dei cittadini stranieri appartenenti al gruppo in questione, che stavano effettuando, verosimilmente, un sopralluogo in un Istituto di Credito di Vado Ligure, al termine del quale desistevano dal compimento del reato non sussistendone, evidentemente, le condizioni. Il gruppo veniva quindi fermato, sottoposto a controllo di polizia e accompagnato presso questi uffici. Alla luce di quanto emerso veniva applicato, d intesa con la competente Autorità Giudiziaria, il provvedimento di fermo di indiziato di delitto a carico dei tre principali indagati. Ulteriori indagini permettevano di identificare sette degli otto responsabili che avevano partecipato attivamente al citato episodio delittuoso, dei quali 3 corrispondenti ai soggetti già sottoposti a fermo di indiziato di delitto. I quattro principali responsabili, nel frattempo, venivano identificati e nei loro confronti veniva applicata la misura cautelare della custodia in carcere. Due di loro erano già detenuti per altra causa. L 11 marzo 2013 questa Squadra Mobile individuava e deferiva all A.G. anche l ottavo degli autori del furto in argomento, ovvero colui che era uscito dall agenzia con in mano i sacchi contenenti l incasso di un fast-food di Savona. Da ulteriori indagini emergeva che il predetto era stato identificato quale autore di un furto avvenuto presso una gioielleria di Bari, nel corso del quale un gruppo di cittadini sudamericani si era impossessato di una scatola contenente diamanti, di considerevole valore. Poiché l individuo autore del furto ai danni della gioielleria risultava corrispondere con quello ritratto dal sistema di videosorveglianza della banca savonese, in data 30 marzo u.s. è stata emessa nei suoi confronti ordinanza di custodia cautelare in carcere e l uomo è attualmente ricercato in quanto senza fissa dimora. 9

10 OPERAZIONE ANTIDROGA DENOMINATA VIPER Nella mattinata del 5 aprile 2013 questa Squadra Mobile, coadiuvata da altro personale della Questura e con l intervento di due unità cinofile della Questura di Genova, ha eseguito un ordinanza applicativa di misura cautelare personale con la quale è stata disposta la custodia in carcere nei confronti di cinque uomini di origine albanese ed un savonese. Sono stati disposti gli arresti domiciliari nei confronti di un savonese e l obbligo di firma giornaliero nei confronti di un uomo di origine egiziana. Nell ambito dello stesso procedimento risultano indagate, oltre ai predetti, altre otto persone. Le indagini, avviate nel mese di gennaio 2012, hanno consentito in breve tempo di individuare e disarticolare un sodalizio criminoso, composto da cittadini albanesi ed italiani, complessivamente 16 persone, ritenuti responsabili di usura, estorsione e spaccio di sostanze stupefacenti. L attività investigativa è stata avviata quando, tre cittadini albanesi, approfittando dello stato di bisogno di un imprenditore in un momento di crisi della sua attività, gli proponevano un prestito, che l uomo aveva accettato, pretendendo in un mese un ingente somma a titolo di interesse. La vittima, non potendo far fronte alle incessanti richieste di denaro a titolo di interessi e sotto la costante minaccia di un male fisico per sé e per i propri familiari, accettava per conto di uno degli usurai di vendere cocaina, con l intesa di restituire il prezzo dello stupefacente e l eventuale guadagno per far fronte alla richiesta degli interessi. Importanti elementi di riscontro sono giunti da un ulteriore episodio nel periodo dell indagine quando un giovane benestante che, avvicinatosi al mondo della cocaina e del gioco ai videopoker, ha ricevuto lo stupefacente e somme di denaro in prestito dall organizzazione criminosa ed è stato vittima, a sua volta, di minacce ed intimidazioni, giungendo ad essere costretto a svendere la propria autovettura per rimborsare il debito inizialmente contratto. Per lo spaccio al dettaglio della droga, l uomo si avvaleva dei due giovani italiani, poi tratti in arresto, che si avvalevano a loro volta di collaboratori. Durante lo svolgimento dell indagine questo ufficio ha ottenuto i seguenti risultati: - in data , un arresto per cessione di stupefacente e una denuncia in stato di libertà, per detenzione di stupefacente e possesso di sostanze anabolizzanti; - in data , un arresto per possesso di sostanza stupefacente e sostanza da taglio per cocaina; - in data , un arresto per possesso cessione di cocaina e una denuncia in stato di libertà; - in data 10 maggio 2012, due arresti per possesso di cocaina in pietra; - in data sequestro di cocaina ad un acquirente con denuncia in stato di libertà nei confronti di tre uomini; 10

11 - in data 27 luglio 2012, a seguito di perquisizione personale e locale, un arresto per possesso di cocaina in pietra e eroina. Nel corso dell operazione è stato, in totale, sequestrato circa un chilogrammo e mezzo di stupefacente. ALTRE OPERAZIONI IN MATERIA DI SOSTANZE STUPEFACENTI 7 maggio 2012 ARRESTO IN FLAGRANZA DI REATO PER STUPEFACENTI CON IL SEQUESTRO DI OLTRE 400 GRAMMI DI COCAINA IN PIETRA La Squadra Mobile ha tratto in arresto in flagranza di reato un uomo di origine albanese, per aver detenuto, ai fini di spaccio, oltre 400 gr. di sostanza stupefacente, nonché per averla ceduta. Ha inoltre deferito in stato di libertà un savonese per aver detenuto stupefacente da destinare a terzi. Da alcuni giorni, infatti, personale della Squadra Mobile effettuava servizi di osservazione in una zona boschiva sita sulle alture di Savona, in quanto era stato notato un sospetto andirivieni di giovani stranieri. La successiva attività d indagine consentiva di sequestrare circa 4 etti di stupefacente, nascosto in un vaso di vetro sotto terra e trarre in arresto lo straniero. 1 giugno ARRESTO PER STUPEFACENTI Personale della Squadra Mobile ha tratto in arresto in flagranza di reato un cittadino di nazionalità tunisina, senza fissa dimora, responsabile dello spaccio di sostanze stupefacenti nei confronti di alcuni tossicodipendenti locali con l aggravante di aver commesso tale reato nei pressi di due istituti scolastici del centro cittadino. 28 novembre 2012 ARRESTO IN FLAGRANZA DI REATO DI DUE SOGGETTI PER DETENZIONE ILLEGALE DI KG. 4,100 DI MARIJUANA Gli operatori della Squadra Mobile hanno tratto in arresto un uomo di origine albanese ed una donna di origine rumena ritenuti responsabili, in concorso tra loro, del reato di detenzione illegale di 4 Kg. circa di sostanza stupefacente. Durante la perquisizione eseguita nell abitazione dei predetti, il personale operante ha rinvenuto, occultati in una intercapedine posta sopra il corridoio, 3 involucri di cellophane risultati contenere lo stupefacente. Sono stati altresì sottoposti a sequestro n. 26 proiettili, una bilancia professionale elettrica, un bilancino di precisione, materiale utile per il confezionamento delle dosi. 24 gennaio 2013 ARRESTO DI DUE CITTADINE STRANIERE CON SEQUESTRO DI KG. 6,520 DI STUPEFACENTE Personale della Squadra Mobile e della Squadra Volante ha tratto in arresto in flagranza di reato una donna originaria del Ghana ed una donna originaria della Nigeria resesi responsabili per aver detenuto, in concorso tra loro, sostanza stupefacente del tipo cocaina per un peso complessivo di Kg. 6,520 lordi, con presunto elevato grado di purezza e suddivisa in 6 panetti. 11

12 Nell ambito della costante attività di prevenzione e repressione dei reati in materia di sostanze stupefacenti è emerso che le predette, nei giorni precedenti, avevano alloggiato in due diverse strutture ricettive savonesi. Il 24 gennaio 2013, gli operanti procedevano a fermare le predette nel momento in cui si accingevano a lasciare l albergo presso il quale avevano pernottato e ad effettuare nei loro confronti una perquisizione. La perquisizione permetteva di rinvenire in possesso di una delle due donne uno zainetto nuovo risultato contenere i 6 panetti di cocaina. Oltre allo stupefacente, è stata sottoposta a sequestro una somma in contanti. 13 febbraio 2013 ARRESTO CON SEQUESTRO DI 2 ETTI E MEZZO DI STUPEFACENTE Nella serata del 13 febbraio 2013 gli operatori della Squadra Mobile hanno tratto in arresto un cittadino albanese, ventinovenne, qui residente, in ordine al reato di detenzione ai fini di spaccio di oltre due etti e mezzo di cocaina. La droga è stata rinvenuta, occultata in un ripostiglio all interno dell abitazione dell uomo, nel corso di una serie di perquisizioni effettuate nei confronti del predetto e di altri suoi connazionali, coinvolti a vario titolo in due diversi episodi di aggressione verificatisi nei pressi di un esercizio pubblico savonese. 28 marzo 2013 ARRESTO PER STUPEFACENTI CON SEQUESTRO DI GR. 500 DI EROINA In seguito al verificarsi, nei giorni precedenti, di alcuni furti perpetrati all interno di abitazioni private e in danno di esercizi commerciali di questo capoluogo e in considerazione delle festività Pasquali, la Squadra Mobile ha intensificato ulteriormente l attività info-investigativa finalizzata alla prevenzione e al contrasto dei reati cosiddetti predatori. Sono stati predisposti specifici servizi di controllo del territorio ponendo particolare attenzione ai principali punti di accesso alla città. Presso il casello autostradale di Albisola Superiore gli operanti hanno notato, in uscita, un autovettura con la carrozzeria alquanto danneggiata e con alcune luci non funzionanti ed hanno proceduto al fermo del veicolo alla cui guida era un cittadino di origine albanese. Il personale operante, insospettitov, ha proceduto ad eseguire un controllo approfondito del veicolo che ha consentito di rinvenire, all interno dell autovettura, alcuni strumenti, a portata di mano del conducente, considerati atti ad offendere, nonché un panetto costituito da nastro adesivo da pacchi e cellophane e, in seguito alle analisi, risultato contenere circa mezzo chilo di eroina, occultato all interno del vano portafusibili sito sul lato sinistro del volante. Quanto sopra rinvenuto è stato sottoposto a sequestro unitamente ai documenti del veicolo risultati falsi, a una somma di denaro e all autovettura utilizzata per il trasporto della droga. L uomo è stato, quindi, tratto in arresto in flagranza di reato, con l accusa di aver detenuto illegalmente, ai fini di spaccio, la sostanza stupefacente di cui sopra, nonché è stato deferito all A.G. per i reati di possesso di oggetti atti ad offendere e falsità in scrittura pubblica e privata. OPERAZIONI IN MATERIA DI REATI CONTRO LA PERSONA IN DANNO DI MINORI REATI IN MATERIA DI PROSTITUZIONE 12

13 5 luglio RINTRACCIO PERSONA SCOMPARSA E SUCCESSIVO ARRESTO PER TENTATA ESTORSIONE Nella serata del 5 luglio, a Napoli, personale della Squadra Mobile, coadiuvato da quello dell omologo ufficio del capoluogo campano e da personale tecnico del Servizio di Polizia Scientifica di Roma, ha rintracciato un uomo, residente a Savona, che risultava scomparso, e lo ha sottoposto a fermo di indiziato di delitto in relazione al reato di tentata estorsione commesso ai danni del proprio figlio. A seguito della scomparsa del padre, infatti, il figlio aveva ricevuto una prima telefonata da parte di uno sconosciuto il quale gli chiedeva il pagamento di una somma di denaro per poter rivedere il padre. Successivamente il predetto veniva contattato in altre due occasioni dallo stesso individuo in merito alle condizioni di tempo e di luogo in cui sarebbe dovuta avvenire la consegna del denaro. Venivano avviate immediatamente della indagini in collaborazione con personale del Servizio Polizia Scientifica di Roma e della Squadra Mobile di quella città. L uomo veniva così rintracciato ed ammetteva di essersi allontanato volontariamente da Savona e di essere il responsabile della richiesta estorsiva ai danni del proprio figlio per far fronte ai propri problemi economici, essendo egli rimasto senza denaro. 19 luglio 2012 SFRUTTAMENTO DELLA PROSTITUZIONE Nell ambito dell attività info-investigativa personale dipendente apprendeva che all interno di un appartamento vi erano alcune cittadine di origine asiatica dedite al meretricio. Gli accertamenti effettuati permettevano di riscontrare positivamente la notizia acquisita e, in particolare, si aveva modo di appurare che, su di un quotidiano locale, era pubblicato un annuncio riconducibile all attività di prostituzione svolta nell abitazione segnalata. Questo ufficio provvedeva, quindi, ad effettuare vari servizi di osservazione e gli operanti verificavano all interno dell abitazione l effettiva presenza di una cittadina di nazionalità cinese dedita alla prostituzione. L attività successivamente svolta consentiva di addivenire all identificazione e al deferimento all Autorità Giudiziaria di due degli sfruttatori dell attività di meretricio svolta dalla predetta. 27 luglio ARRESTO PER AGGRESSIONE E TENTATO OMICIDIO Nella prima mattinata gli operatori della Squadra Mobile hanno eseguito un ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal GIP presso il Tribunale di Savona a carico di due ragazzi di origine albanese. Il terzo destinatario del provvedimento, sempre di origine albanese, risultato irreperibile è stato rintracciato e tratto in arresto in data 17 settembre u.s. a Genova da personale di quella Questura. L applicazione della misura cautelare della custodia in carcere è conseguente all attività d indagine svolta da questa Squadra Mobile ed avviata in data 11 maggio u.s. in seguito all aggressione subita da due cittadini albanesi. 13

14 I predetti venivano aggrediti da un gruppo di persone armate di bastoni, mazze da baseball e martelli, mentre si trovavano ai giardini pubblici. L attività investigativa svolta ha consentito di ricostruire il prologo della vicenda, mettendo in relazione l aggressione sopra descritta ad altri due precedenti episodi di violenza. 12 novembre 2012 ARRESTO IN FLAGRANZA PER FAVOREGGIAMENTO E SFRUTTAMENTO DELLA PROSTITUZIONE Nell ambito di una specifica indagine di contrasto dei reati legati al fenomeno della prostituzione, la Squadra Mobile ha tratto in arresto un trentenne genovese colto nella flagranza dei reati di favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione nei confronti di una trentaseienne residente a Genova, originaria della Colombia e in possesso della cittadinanza italiana. Il predetto gestiva l attività illecita in argomento mettendo a disposizione un appartamento ed inoltre era nella disponibilità delle chiavi di altre abitazioni destinate allo stesso utilizzo, delle quali tre ubicate in centro ed alcune site in altre province. La successiva perquisizione effettuata in Genova, presso la residenza dell uomo, ha permesso di rinvenire vari mazzi di chiavi di altri appartamenti e una considerevole somma in contanti. 13 novembre 2012 ESECUZIONE DI DUE ORDINANZE DI CUSTODIA CAUTELARE IN CARCERE PER TENTATA VIOLENZA SESSUALE La Squadra Mobile ha dato esecuzione ad un ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di due guardie particolari giurate di un supermercato cittadino. Entrambi risultano indagati, in concorso tra loro, di tentata concussione, violenza privata aggravata e tentata violenza sessuale aggravata in danno di una ventenne. In particolare i due vigilantes, in occasione della contestazione di un furto mossa nei confronti di un giovane che si accompagnava alla ragazza, trattenevano la giovane per parecchi minuti e le avrebbero ventilato gravi conseguenze penali per se stessa e per il suo fidanzato qualora non si fosse trovata una soluzione. La perquisizione eseguita all interno dell abitazione di uno dei due vigilantes ha inoltre consentito di rinvenire svariati oggetti di tipo informatico, per alcuni dei quali è stata accertata la provenienza illecita in quanto risultati mancanti dal supermercato. L uomo è stato quindi deferito all Autorità Giudiziaria in relazione al reato di ricettazione. L altro vigilantes è stato invece segnalato amministrativamente alla locale Prefettura in quanto, durante l analogo atto di P.G. eseguito nella sua abitazione, gli operanti hanno rinvenuto e sequestrato un quantitativo della marijuana asseritamente destinata all uso personale. 26 gennaio 2013 FERMO DI INDIZIATO DI DELITTO PER TENTATO OMICIDIO Personale della Squadra Volante è intervenuto a seguito della segnalazione di una violenta lite. 14

15 Giunti sul posto, gli operatori apprendevano che un uomo, originario dell Ecuador, era stato aggredito poco prima da un connazionale e che era stato trasportato a mezzo autoambulanza, a causa della gravità delle ferite riportate, all Ospedale di Pietra Ligure. All interno dell abitazione veniva identificata una donna, anch essa nata in Ecuador, la quale riferiva che tra i due uomini era scaturita una lite per motivi di gelosia. In seguito all attività investigativa immediatamente avviata, personale di questa Squadra Mobile ha proceduto al fermo di indiziato di delitto nei confronti dell aggressore il quale ha reso ampia confessione in merito al reato ascrittogli. 21 febbraio 2013 ATTIVITA FINALIZZATA AL CONTRASTO DI EPISODI DI RISSA E DI AGGRESSIONE Nell ambito dell attività info-investigativa finalizzata a prevenire e contrastare il verificarsi di episodi di rissa e di aggressione che hanno visto coinvolti cittadini di nazionalità albanese, in alcuni casi con l impiego di strumenti atti ad offendere ed armi e, da ultimo, in seguito ai due episodi di aggressione verificatisi nei pressi di un esercizio pubblico sito in questo centro cittadino, questo ufficio individuava un ventenne nato in Albania e qui residente, come uno dei soggetti che avevano preso parte o, comunque, che erano presenti ad alcuni degli eventi citati, non escludendo che lo stesso potesse detenere illegalmente nei luoghi a sua disposizione armi quali macheti e katane, nonché pugni di ferro, bastoni e spranghe. Sono state quindi effettuate diverse perquisizioni nei confronti di due soggetti al fine di rinvenire armi da sparo, armi bianche, munizioni e altro, scongiurandone così l eventuale utilizzo indebito. Stante l esito dell attività di P.G. svolta, i predetti sono stati deferiti in stato di libertà alla competente A.G. rispettivamente per detenzione e porto di armi bianche, possesso di segni distintivi contraffatti e detenzione illegale dello stupefacente rinvenuto. 11 marzo 2013 ARRESTO IN FLAGRANZA DI REATO DI UN UOMO PER REATI DI NATURA SESSUALE IN DANNO DI UNA TREDICENNE Nel pomeriggio personale della Squadra Volante e della Squadra Mobile ha tratto in arresto in flagranza di reato un uomo di origine albanese resosi responsabile di reati di natura sessuale. Tali reati sarebbero stati perpetrati in danno della figlia dei propri vicini di casa, di 13 anni, che sarebbe stata raggiunta dall uomo mentre saliva sull ascensore del proprio stabile. ATTIVITA DI CONTRASTO DEI REATI CONTRO IL PATRIMONIO Nell ambito della specifica attività finalizzata alla prevenzione e al contrasto dei reati predatori e, in particolare, dei furti perpetrati all interno di abitazioni private ubicate nelle zone periferiche sulle alture di questo capoluogo, si segnala che questo ufficio ha effettuato durante il periodo considerato e in stretta collaborazione con le pattuglie della locale Squadra Volante una serie di servizi di controllo del territorio. Tale attività ha consentito di conseguire i seguenti positivi risultati: 10 giugno ARRESTO PER RAPINA IN STRADA La Squadra Mobile e la locale Squadra Volante, ha rintracciato e tratto in arresto due giovani, minorenni, che nella serata precedente si erano resi responsabili di una rapina ai danni di un 15

16 diciottenne savonese, al quale avevano asportato una somma di denaro ed alcuni biglietti di prevendita per una discoteca di Albissola Marina. Le successive indagini hanno consentito di individuare un terzo soggetto, anch egli minorenne, coinvolto nell episodio criminoso. Nei confronti di quest ultimo, in data 20 agosto 2012, è stata applicata la misura del collocamento in comunità disposta dal GIP presso il Tribunale per i Minori in relazione al concorso nel suddetto reato. 9 agosto INDIVIDUAZIONE RESPONSABILE DI FURTO IN NEGOZIO Questo ufficio ha deferito all Autorità Giudiziaria una giovane ventiquattrenne dimorante presso un campo nomadi quale responsabile del furto con destrezza perpetrato in data 20 giugno u.s. all interno di un esercizio commerciale sito in questo centro cittadino. 12 agosto FERMI DI INDIZIATI DI DELITTO PER RICETTAZIONE Nella tarda mattinata, in Savona, personale di questa Squadra Mobile e della Squadra Volante ha proceduto al fermo di indiziato di delitto nei confronti di quattro uomini di origini albanesi in quanto gravemente indiziati del reato di ricettazione. Gli stessi sono stati inoltre segnalati all A.G. per i reati, in concorso tra loro, di possesso di arnesi atti allo scasso e di strumenti atti ad offendere. Uno dei quattro è stato segnalato altresì per violazione della normativa sugli stranieri. Nell ambito dell intensificazione dei servizi predisposti in occasione del periodo estivo, in particolare finalizzati alla prevenzione e al contrasto del fenomeno dei furti in appartamento, il 12 agosto veniva effettuato un controllo nei confronti di un autovettura e dei quattro occupanti. I predetti infatti erano stati notati aggirarsi in modo sospetto nelle zone abitate situate sulle alture di questo capoluogo. All atto del controllo di Polizia i cittadini albanesi manifestavano particolare agitazione e nervosismo. In considerazione delle circostanze, gli operanti procedevano ad effettuare un controllo approfondito del veicolo che permetteva di rinvenire alcuni cellulari sprovvisti di simcard, altri oggetti ed una somma di denaro, strumenti atti allo scasso o atti ad offendere. Dagli accertamenti esperiti emergeva che i tre cellulari e il portafoglio risultavano compendio di furto perpetrato all interno di una villetta indipendente sita sulle alture di Imperia. 16 agosto FERMO DI INDIZIATO DI DELITTO PER RAPINA IN ESERCIZIO PUBBLICO Questa Squadra Mobile ha eseguito il fermo di indiziato di delitto a carico di un uomo di origine albanese per aver sottratto, mediante violenza e minaccia operata anche con armi, una somma di denaro al cassiere di una S.M.S. cittadina. 16

17 23 agosto 2012 INDIVIDUAZIONE RESPONSABILE DI TENTATO FURTO IN ESERCIZIO PUBBLICO E IN ABITAZIONE PRIVATA In data 23 agosto u.s., inoltre, lo stesso uomo veniva individuato e deferito alla competente A.G. quale responsabile del tentativo di furto messo in atto ai danni di un ristorante sito in questo centro cittadino e di una abitazione privata ubicata all interno dello stesso stabile. 4 ottobre 2012 INDIVIDUAZIONE DI UNA BATTERIA DEDITA AI FURTI IN ABITAZIONI PRIVATE La Squadra Mobile ha proceduto all esecuzione di perquisizioni locali e personali nei confronti dei componenti, tutti di nazionalità albanese, di una batteria dedita alla commissione, in particolare durante le ore serali e notturne, noncuranti dell eventuale presenza dei proprietari, di furti all interno di abitazioni private indipendenti site nelle zone collinari di questo capoluogo. Una complessa attività info-investigativa condotta durante il periodo estivo ha permesso di individuare e denunciare un gruppo di cittadini stranieri, ai quali è stata contestata la responsabilità, a vario titolo, in relazione a diversi episodi. 29 ottobre 2012 INDIVIDUAZIONE E ARRESTO DEI RESPONSABILI DEL FURTO CON STRAPPO AI DANNI DI UNA PASSANTE La Squadra Mobile, la Squadra Volante e la Polfer di Savona, ha tratto in arresto due uomini di origine albanese, colti nella flagranza del reato di furto con strappo in danno di una donna. I predetti, agendo in concorso tra loro, strappavano una collana in oro con ciondoli dal collo della vittima, e si davano alla fuga. Poco dopo venivano rintracciati ed arrestati nei pressi della locale stazione ferroviaria e trovati in possesso di uno dei ciondoli appartenuti alla vittima. Entrambi venivano inoltre deferiti all A.G. in quanto irregolari sul territorio nazionale. 5 febbraio 2013 INDIVIDUAZIONE DEL RESPONSABILE DELL INCENDIO DI DUE CICLOMOTORI E DEL DANNEGGIAMENTO DI NUMEROSE AUTOVETTURE A seguito del verificarsi dell episodio vandalico durante il quale sono stati incendiati due ciclomotori e danneggiate numerose autovetture, la Squadra Mobile ha avviato una attività investigativa al fine di individuarne gli autori. E stato quindi identificato il presunto responsabile in un quarantenne residente a Vado Ligure, al quale sono stati contestati anche i reati di porto illegale di oggetti atti ad offendere. 23 marzo 2013 ARRESTO IN FLAGRANZA DI REATO PER FURTO AGGRAVATO DI UNA PISTOLA E TENTATA ESTORSIONE Personale della Squadra Mobile, unitamente a Militari del Comando Compagnia Carabinieri di Savona, ha tratto in arresto in flagranza di reato un uomo originario della Colombia. 17

18 L uomo è stato accusato del reato di furto aggravato di due pistole e relativo munizionamento e di una somma di denaro; nonché di tentata estorsione ai danni di un savonese. L uomo è stato inoltre denunciato in stato di libertà, per il reato di ricettazione, essendo stato trovato in possesso di una patente di guida risultata rubata. 27 marzo 2013 ARRESTO PER RAPINA IN DANNO DI ESERCIZIO COMMERCIALE Personale della Squadra Mobile e della Squadra Volante ha tratto in arresto un uomo, residente a Savona, ritenuto responsabile dei reati di rapina e lesioni personali in danno di una ragazza originaria della Cina, titolare di un esercizio commerciale di Savona. GABINETTO PROVINCIALE DI POLIZIA SCIENTIFICA Il Gabinetto Provinciale di Polizia Scientifica ha specifica competenza ad effettuare il sopralluogo di Polizia Scientifica (esame della scena del crimine) ed il fotosegnalamento. Effettua la documentazione foto video audio nei servizi investigativi e nei servizi di ordine pubblico. Altra attività dell Ufficio è l identificazione (mediante l acquisizione delle impronte digitali), cioè quel complesso di operazioni rivolte a stabilire l identità di una persona. Polizia giudiziaria marzo2012/2013 marzo2011/2012 Sopralluoghi eseguiti Sopralluoghi in appartamenti e/o attività comm. li con rilevazioni impronte Identificazione dattiloscopia autori di reato 3 3 Polizia di prevenzione marzo2012/2013 marzo2011/2012 Fotosegnalamenti ordinari Fotosegnalamenti legge 189/2002 sull Immigrazione

19 DIVISIONE INVESTIGAZIONI GENERALI OPERAZIONI SPECIALI La Digos è quotidianamente impegnata principalmente su due fronti: a) l attività informativa con il costante monitoraggio del movimentismo sociale, delle problematiche occupazionali ed economiche, sensibili per i riflessi sull ordine pubblico, alla preventiva individuazione di possibili criticità in occasione di pubbliche riunioni o di altri eventi di particolare rilievo. Particolare attenzione, inoltre, è stata dedicata al monitoraggio preventivo di gruppi politici non istituzionali, potenzialmente pericolosi per l ordine e la sicurezza pubblica, potenzialmente dediti ad azioni violente o comunque illegali. Analoga attenzione è stata rivolta all analisi e al monitoraggio delle tifoserie organizzate; b) l attività investigativa per i reati di specifica competenza. Nel periodo in esame l attività informativa ed investigativa espletata da questo Ufficio è stata prevalentemente rivolta alle problematiche connesse con la persistente crisi economica e produttiva. Nonostante il modello di sviluppo dell economia provinciale (prevalentemente orientato verso il terziario e caratterizzato da bassa componente manifatturiera) attutisca parzialmente l impatto dell attuale crisi, durante il periodo oggetto di analisi si sono sviluppate nuove vertenze che hanno ulteriormente aggravato la già difficile situazione economica e produttiva del comprensorio. L Ufficio ha dedicato, altresì, particolare attenzione alle dinamiche del movimentismo sociale e degli estremismi politici col fine di individuare preventivamente possibili criticità in occasione di pubbliche riunioni o di altri eventi di rilievo. Attività informativa preventiva è stata rivolta anche all ambito calcistico nel quale è stata impegnata la Squadra Tifoserie; ciò ha contribuito alla migliore pianificazione dei servizi relativi agli incontri più sensibili sotto il profilo dell ordine pubblico. Si fornisce di seguito uno schema riassuntivo dell attività svolta nel periodo indicato, corredato dal raffronto con i dati relativi al periodo precedente. Periodo 31 mar. 2012/2013 Servizi di O.P. 220 Servizi di scorta 83 Notizie di reato all A.G. 06 Persone denunciate 01 Perquisizioni eseguite 01 Sequestri eseguiti 02 19

20 DIVISIONE P.A.S..I: POLIZIA AMMINISTRATIVA, SOCIALE E DELL IMMIGRAZIONE POLIZIA AMMINISTRATIVA La Divisione di Polizia Amministrativa, Sociale e dell Immigrazione si articola nei seguenti uffici: Ufficio Passaporti; Ufficio Armi ed Esplosivi; Ufficio Licenze e Affari Generali; Squadra Amministrativa. UFFICIO PASSAPORTI Cura il rilascio e il rinnovo dei documenti validi per l espatrio, a seguito della domanda presentata presso la Questura, il Commissariato di P.S. distaccato, ovvero, in mancanza di questi, al comando locale dei Carabinieri o al Comune. L Ufficio provvede anche alla concessione di numerosi nulla osta all espatrio richiesti da altre Questure o da Consolati italiani all estero, rilascia i fogli di accompagnamento per i minori di anni 14 e vidima ai fini dell espatrio i lasciapassare per minori di anni 15. Tratta, altresì, le pratiche di impedimento espatrio e di respingimento delle istanze di rilascio passaporto. Si trascrivono i dati numerici: - Passaporti rilasciati nr Lasciapassare nr N.O. rilasciati nr

Indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Arezzo, che ha permesso di disvelare un articolato sodalizio criminale finalizzato all

Indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Arezzo, che ha permesso di disvelare un articolato sodalizio criminale finalizzato all Indagine Fort Knox Roma, 08 aprile 2014 Indagine Fort Knox Indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Arezzo, che ha permesso di disvelare un articolato sodalizio criminale finalizzato all

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro A Sua Eccellenza il Signor Prefetto di Roma OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro Signor Prefetto, come abbiamo concordato nei nostri precedenti incontri, Le scrivo

Dettagli

Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale. Art. 1 Servizio di Polizia Municipale

Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale. Art. 1 Servizio di Polizia Municipale Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale Art. 1 Servizio di Polizia Municipale 1. I comuni svolgono le funzioni di polizia locale. A tal fine, può essere appositamente

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI CITTÀ DI BARLETTA COMANDO POLIZIA MUNICIPALE SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI Descrizione : L apertura e il trasferimento di sede degli esercizi di somministrazione

Dettagli

Guida per genitori, bambini e giovani

Guida per genitori, bambini e giovani Guida per genitori, bambini e giovani Conseils régionaux de préven on et de sécurité (CRPS) Italiano - luglio 2012 Département de la sécurité et de l environnement (DSE) Département de la forma on, de

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i.

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i. CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 1088 Versione 001 2015) Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: COMUNICAZIONE

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

VERBALE DELLE OPERAZIONI

VERBALE DELLE OPERAZIONI MODELLO N. 15 (PARL. EUR.) Verbale delle operazioni dell ufficio elettorale di sezione per l elezione dei membri del Parlamento europeo spettanti all Italia ELEZIONE DEI MEMBRI DEL PARLAMENTO EUROPEO SPETTANTI

Dettagli

BOZZA RIORDINO FORZE DI POLIZIA ELABORTATA DAL GOVERNO

BOZZA RIORDINO FORZE DI POLIZIA ELABORTATA DAL GOVERNO BOZZA RIORDINO FORZE DI POLIZIA ELABORTATA DAL GOVERNO Stralcio della Legge Delega (art. 4, 5 e 6) per riordino e accorpamento Forze statali di Polizia Art. (3) Principi generali e criteri direttivi della

Dettagli

LA LEGGE E LE ARMI. Ogni riproduzione, anche parziale, è vietata.

LA LEGGE E LE ARMI. Ogni riproduzione, anche parziale, è vietata. Marte ZANETTE T.S.N. LECCE LA LEGGE E LE ARMI Ogni riproduzione, anche parziale, è vietata. Le leggi vigenti - Nozione di arma La legge penale stabilisce che per armi si intendono: quelle da sparo e tutte

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

163 ANNIVERSARIO DELLA FONDAZIONE DELLA POLIZIA DI STATO CATANZARO VENERDÌ 22 MAGGIO 2015 DISCORSO DEL QUESTORE GIUSEPPE RACCA

163 ANNIVERSARIO DELLA FONDAZIONE DELLA POLIZIA DI STATO CATANZARO VENERDÌ 22 MAGGIO 2015 DISCORSO DEL QUESTORE GIUSEPPE RACCA 163 ANNIVERSARIO DELLA FONDAZIONE DELLA POLIZIA DI STATO CATANZARO VENERDÌ 22 MAGGIO 2015 DISCORSO DEL QUESTORE GIUSEPPE RACCA Sig. Prefetto, Sig. Sindaco, Sig. Presidente della Provincia, Eccellenza Reverendissima,

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia

PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia PROGETTO SCUOLA 150 anni Grande Italia Nel mondo ci sono 150 milioni di Italici: sono i cittadini italiani d origine, gli immigrati di prima e seconda generazione, i nuovi e vecchi emigrati e i loro discendenti,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

Ai Signori Segretari Regionali

Ai Signori Segretari Regionali Venezia, 14 GEN. 1993, prot. n. 313/SGP Oggetto: L. 7 agosto 1990, n. 241 Ai Signori Segretari Regionali Ai Signori Assistenti Alla Segreteria Generale Ai Signori Assistenti Alla Segreteria per il Territorio

Dettagli

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000

Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall Assemblea federale il 20 aprile 1999 1 Entrato in vigore mediante scambio di note il 1 maggio 2000 Testo originale 0.360.454.1 Accordo tra la Confederazione Svizzera e la Repubblica italiana relativo alla cooperazione tra le autorità di polizia e doganali Concluso il 10 settembre 1998 Approvato dall

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA COMANDO PROVINCIALE AREZZO

GUARDIA DI FINANZA COMANDO PROVINCIALE AREZZO GUARDIA DI FINANZA COMANDO PROVINCIALE AREZZO SENATO DELLA REPUBBLICA X COMMISSIONE (INDUSTRIA, COMMERCIO E TURISMO) INDAGINE FORT KNOX AUDIZIONE DEL Colonnello t.issmi Dario Solombrino Comandante Provinciale

Dettagli

COSA FARE SE SI È VITTIMA DI STALKING? Strategie d azione

COSA FARE SE SI È VITTIMA DI STALKING? Strategie d azione COSA FARE SE SI È VITTIMA DI STALKING? Strategie d azione Non esiste un'unica soluzione che vada bene per ogni situazione di molestie assillanti. Le strategie d azione rivelatesi efficaci nel contrastare

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE N. 01133/2010 01471/2009 REG.DEC. REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A ha pronunciato la presente IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) DECISIONE

Dettagli

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04. ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.2008) TITOLO

Dettagli

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. R CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

www.integration.zh.ch

www.integration.zh.ch Cantone di Zurigo Dipartimento della giustizia e degli interni Ufficio cantonale per l integrazione Informazioni per i nuovi arrivati dall estero www.integration.zh.ch Indice 03 Immigrazione e diritto

Dettagli

Capitolo Terzo I provvedimenti di Polizia

Capitolo Terzo I provvedimenti di Polizia Capitolo Terzo I provvedimenti di Polizia Sommario: 1. Premessa. - 2. Gli ordini e le ordinanze. - 3. Le autorizzazioni. - 4. Segue: Competenza al rilascio delle autorizzazioni. - 5. Segue: La disciplina

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive

Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive Dipartimento della Pubblica Sicurezza Stagione sportiva 2011/2012 Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive Determinazione n. 26/2012 del 30 maggio 2012 L Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F.

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. ISTITUTO ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Giovanni Caboto GAETA CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE FUNZIONI STRUMENTALI AL P.O.F. A.S. 2013-2014 1. Richiesta per accedere alle Funzioni strumentali al P.O.F.

Dettagli

CONDIVIDE E PARTECIPA

CONDIVIDE E PARTECIPA il 13 OTTOBRE 2007 - inform@ su: Delibera della Direzione Nazionale il S.I.A.P. privilegia il confronto interno Dal Governo Consiglio dei Ministri nr. 69 Decreto di razionalizzazione dell assetto organizzativo

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015)

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) Il testo inserisce nel codice penale un nuovo titolo, dedicato ai delitti contro l'ambiente, all'interno del quale vengono

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

Pochi e semplici consigli per essere e sentirsi più sicuri

Pochi e semplici consigli per essere e sentirsi più sicuri Pochi e semplici consigli per essere e sentirsi più sicuri In caso di rapina in un pubblico esercizio Mantieni la massima calma ed esegui prontamente ciò che viene chiesto dai rapinatori. Non prendere

Dettagli

Art. 3. Codice disciplinare

Art. 3. Codice disciplinare Art. 3 Codice disciplinare 1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della mancanza, e in conformità a quanto previsto dall art. 55 del D.Lgs.n.165

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica.

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica. DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA Prot. n P 810 / 4101 sott. 72/C.1 (21).4 Roma, 2 LUGLIO 2003 Allegati: n 1 -AI SIGG. ISPETTORI REGIONALI DEI VIGILI DEL FUOCO LORO SEDI -AI

Dettagli

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA

CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA [D.Lgs. 6 settembre 2011, n. 159 e ss.mm.ii. (di seguito Codice)] Entrata in vigore delle ultime modifiche (D.Lgs. n. 153/2014): 26 novembre 2014 D.P.C.M. n. 193/2014 Regolamento

Dettagli

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO-LEGGE 20 giugno 2012, n. 79 Misure urgenti per garantire la sicurezza dei cittadini, per assicurare la funzionalita' del Corpo nazionale dei vigili del fuoco e di altre strutture dell'amministrazione

Dettagli

http://www.tassisto.it/

http://www.tassisto.it/ F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TASSISTO FRANCESCO Indirizzo VIA MARTIRI DELLA LIBERAZIONE, 80/2A 16043 CHIAVARI Telefono 0185325331 Cellulare

Dettagli

PARTE SPECIALE 3 Altri reati

PARTE SPECIALE 3 Altri reati MODELLO ORGANIZZATIVO ai sensi del D.Lgs. 231/2001 PAGINA 1 DI 13 - SOMMARIO 1. TIPOLOGIA DI REATI... 3 1.1 DELITTI CONTRO LA PERSONALITA INDIVIDUALE... 3 1.2 SICUREZZA SUL LAVORO... 3 1.3 RICETTAZIONE,

Dettagli

ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ'

ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ' Mod. SCIA adeguato alla L.122/2010 ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ' AL COMUNE DI Ai sensi e per gli effetti di cui all'art. 19 commi

Dettagli

Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione

Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione LEGGE 20 FEBBRAIO 1958, n. 75 (GU n. 055 del 04/03/1958) ABOLIZIONE DELLA REGOLAMENTAZIONE DELLA PROSTITUZIONE E

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI.

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 23 del 05.05.2009 MODIFICATO PUBBLICATO All Albo Pretorio per 15 giorni: - all adozione

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI

ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI 1 ESECUZIONE DI PENE DETENTIVE. PROBLEMATICHE RELATIVE AL DECRETO DI SOSPENSIONE PER LE PENE DETENTIVE BREVI. LINEAMENTI DELLE MISURE ALTERNATIVE ALLE PENE DETENTIVE BREVI Dott. Umberto Valboa Il pubblico

Dettagli

C:\DOCUME~1\ascanim\IMPOST~1\Temp\Domino Web Access\34\schema SCIA pe.doc Pagina 1 di 34

C:\DOCUME~1\ascanim\IMPOST~1\Temp\Domino Web Access\34\schema SCIA pe.doc Pagina 1 di 34 TIMBRO PROTOCOLLO MODULO DI SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE (SUBINGRESSO NUOVA APERTURA (di cui art. 4 comma 5^ L.R. 14/2003) - CESSAZIONE VARIAZIONI

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI rev.0 -data:pagina 1 di 10 TTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: 01 COM 1- Esercizio di vicinato: (Sup di vendita fino a 250 mq.) apertura, trasferimento di sede, ampliamento della superficie, subentro, cessazione,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Premessa L accesso agli atti ed ai documenti amministrativi, introdotto nel nostro ordinamento dalla Legge 7 agosto 1990, n. 241, costituisce

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO DIREZIONE GENERALE DELL IMMIGRAZIONE STRANIERI E LEGGE SULLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE

REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO DIREZIONE GENERALE DELL IMMIGRAZIONE STRANIERI E LEGGE SULLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO DIREZIONE GENERALE DELL IMMIGRAZIONE STRANIERI E LEGGE SULLA PROTEZIONE INTERNAZIONALE REPUBBLICA DI TURCHIA MINISTERO DELL INTERNO PUBBLICAZIONI DELLA DIREZIONE

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

RESPONSABILITA PENALI E SICUREZZA SUL LAVORO

RESPONSABILITA PENALI E SICUREZZA SUL LAVORO Appunti relativi a corso tenuto dall avvocato Fabio Petracci per la polizia locale relativi al tema degli infortuni sul lavoro legge 626/94 e responsabilità penale. RESPONSABILITA PENALI E SICUREZZA SUL

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Per poter lavorare in Italia il cittadino straniero non comunitario deve essere in possesso del permesso di soggiorno rilasciato per

Dettagli

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO

AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO 1 PUBBLICATO ALL ALBO DELL ASL 2 SAVONESE IL 08.01.2010 SCADE IL 28.01.2010 AZIENDA SANITARIA LOCALE 2 SAVONESE BANDO DI CONCORSO PUBBLICO RISERVATO In attuazione della deliberazione del Direttore Generale

Dettagli

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Il regolamento (CE) n. 181/2011 (in appresso il regolamento ) entra in vigore il 1 marzo 2013. Esso prevede una serie minima di diritti dei

Dettagli

Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90

Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90 Allegato al CCNL 1998/2001 sottoscritto il 29 maggio 1999 ATTUAZIONE DELLA LEGGE 146/90 ART. 1 SERVIZI PUBBLICI ESSENZIALI 1. Ai sensi della legge 12 giugno 1990, n. 146, i servizi pubblici da considerare

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

Liquidazione dei danni causati ai veicoli privati utilizzati nell ambito dell esercizio del mandato parlamentare

Liquidazione dei danni causati ai veicoli privati utilizzati nell ambito dell esercizio del mandato parlamentare Liquidazione dei danni causati ai veicoli privati utilizzati nell ambito dell esercizio del mandato parlamentare 1. In generale Conformemente all articolo 4 capoverso 2 dell ordinanza dell Assemblea federale

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO COMUNE DI SOCCHIEVE Prov. Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO Approvato con deliberazione Del C.C. n 29 del 24/8/2007 REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA CAPO I

REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA CAPO I REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA CAPO I SERVIZIO DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA ART.1 - DEFINIZIONE DEL SERVIZIO Sono definiti

Dettagli

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SUBINGRESSO NELL ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI VENDITA SU AREE PUBBLICHE SIA DI TIPO A (su posteggi dati in concessione per dieci anni) SIA DI TIPO B (su qualsiasi area purché

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DECRETO LEGISLATIVO 21 NOVEMBRE 2007, N. 231 (PUBBLICATO NELLA G.U. N. 290 DEL 14 DICEMBRE 2007, S.O. N. 268) ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2005/60/CE CONCERNENTE LA PREVENZIONE DELL UTILIZZO DEL SISTEMA

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli

Giornata dell Economia 2004

Giornata dell Economia 2004 Giornata dell Economia 2004 Premio Camera di Commercio Comunicato stampa n. 22 del 13 luglio 2004 La società ha bisogno oggi più che mai, dinanzi ad una congiuntura sfavorevole e all insicurezza determinata

Dettagli

Carcere & Scuola: ne vale la Pena

Carcere & Scuola: ne vale la Pena PROGETTO DI EDUCAZIONE ALLA LEGALITA E CIVILTA Carcere & Scuola: ne vale la Pena Scuola di Alta Formazione in Scienze Criminologiche, Istituto FDE, Mantova Associazione LIBRA Rete per lo Studio e lo Sviluppo

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

dei cosiddetti ambienti dedicati

dei cosiddetti ambienti dedicati In risposta ad una richiesta di Sapar e con una propria circolare del 7 settembre l Amministrazione ha chiarito i vari dubbi interpretativi sugli ambienti dedicati introdotti dal Decreto del 22 gennaio

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

Voucher: il sistema dei buoni lavoro

Voucher: il sistema dei buoni lavoro Voucher: il sistema dei buoni lavoro Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento che i datori di lavoro (committenti) possono utilizzare per remunerare prestazioni di lavoro

Dettagli