l Inserto Esenzione ticket sanitari per motivi reddituali

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "l Inserto Esenzione ticket sanitari per motivi reddituali"

Transcript

1 Argomenti: A cura di Roberto Battaglia Segretario SPI-CGIL Emilia Romagna Roberta Lorenzoni Dipartimento previdenza SPI-CGIL Emilia Romagna Esenzione ticket sanitari per reddito Assegni familiari e quote maggiorazioni pensioni Notizie in breve Esenzione ticket sanitari per motivi reddituali Il Governo ha modificato le modalità organizzative per le esenzioni dai ticket sanitari per motivi di reddito, allo scopo di assicurare verifiche e controlli sulla reale esistenza del diritto all esenzione stessa. Infatti, con decreto del Ministero dell economia e delle finanze del dicembre 2009 sono cambiate le modalità per accedere all esenzione: tutti gli esenti per reddito dovranno presentare una autocertificazione, su apposito modello, alla loro ASL di assistenza. La Regione Emilia Romagna ha emanato le direttive per l applicazione di tali disposizioni. Va precisato che non cambia nulla, per i soggetti esentati dal ticket per invalidità o per patologie. La campagna di rinnovo deve effettuarsi nel periodo 1 febbraio 30 aprile 2011 in quanto per le prescrizioni successive a tale data occorrerà avere la nuova attestazione. Per le prescrizioni fino al 30 aprile sono tenute valide sia le nuove certificazioni, sia le modalità precedenti (cioè, l autocertificazione rilasciata al momento dell erogazione della prestazione). Si rammenta che la normativa in materia di esenzione per reddito risale al 1993 e su di essa si sono avuti interventi successivi che tuttavia non hanno modificato i limiti di reddito per il diritto, ancora fermi a quelli fissati in detto anno che consideriamo del tutto inadeguati e quindi da rivedere.

2 2 Chi sono i soggetti interessati al rinnovo Le varie tipologie di esenzione per reddito sono diversamente codificate e le informazioni relative verranno fornite ai medici prescrittori (Medici di medicina generale e Pediatri di libera scelta) i quali dovranno indicarle sulla ricetta prescrittiva. I soggetti aventi diritto sono: Bambini di età inferiore ai 6 anni appartenenti ad un nucleo familiare con un reddito complessivo inferiore a ,98 euro (codice esenzione E01) Cittadini di età superiore a 65 anni, appartenenti ad un nucleo familiare con reddito non superiore a ,98 euro (codice esenzione E01) Titolari di pensione sociale e familiari a carico (codice esenzione E03) Titolari di pensione al minimo, di età superiore a 60 anni e familiari a carico, appartenenti ad un nucleo familiare con reddito complessivo inferiore a 8.263,31 euro, aumentato a ,05 euro in presenza del coniuge (anche non a carico) e di ulteriori 516,46 euro per ogni figlio a carico (codice esenzione E04) Disoccupati registrati presso i Centri per l impiego (di età maggiore di 16 anni), già precedentemente occupati in qualità di dipendente, e loro familiari a carico, appartenenti ad un nucleo familiare con reddito complessivo inferiore a 8.263,31 euro, aumentato a ,05 euro in presenza di coniuge e di ulteriori 516,46 euro per ogni figlio a carico (codice esenzione E02). La condizione di disoccupato deve risultare al momento della prescrizione. Mantengono, inoltre, tale stato i soggetti iscritti presso il Centro per l Impiego: che, pur svolgendo un attività lavorativa non superino il reddito lordo, riferito all anno precedente, di euro 8.000,00 per lavoro dipendente o a progetto e di euro 4.800,00 lordi per lavoro autonomo od occasionale impegnati in lavori socialmente utili ai sensi della normativa vigente ovvero in attività formative previste nell ambito dei relativi progetti: anche in questo caso i soggetti interessati devono rivolgersi al Centro per l Impiego per le necessarie dichiarazioni che percepiscono l indennità di mobilità in quanto iscritti nelle relative liste I soggetti in Cassa integrazione guadagni, sia essa ordinaria che straordinaria, non possono godere di questa tipologia di esenzione. I titolari di rapporti di lavoro dipendente ad orario ridotto (anche se inferiore alle 20 ore settimanali ed anche se iscritti presso i Centri per l Impiego) non sono considerati disoccupati ai fini dell esenzione di cui si parla.

3 3 Esenzione per i lavoratori colpiti dalla crisi Per i lavoratori colpiti dalla crisi rimangono in essere le misure anticrisi messe in atto dalla Regione Emilia-Romagna nel 2009 e confermate successivamente anche per il Rientrano in questa categoria di lavoratori esenti, se residenti in Emilia Romagna, i disoccupati che hanno perso il lavoro dopo il 1 ottobre 2008, i lavoratori in cassa integrazione straordinaria, ordinaria o in deroga, in mobilità, con contratto di solidarietà e loro familiari a carico. Per ottenere l esenzione è sufficiente compilare l apposito modulo di autocertificazione al momento della prenotazione o fruizione di ogni visita o esame specialistico. Hanno diritto alla esenzione per reddito solo i cittadini italiani o stranieri - purché iscritti al SSN, per i quali sia possibile verificare quanto dichiarato sulle autocertificazioni. Quale reddito va considerato Il diritto alla esenzione è accordato sulla base dei redditi riferiti all anno precedente, quindi nel 2011 occorre fare riferimento ai redditi percepiti nel Per reddito complessivo lordo ai fini dell esenzione, è da intendersi il reddito complessivo del nucleo familiare, riferito all anno precedente, cioè la somma di tutti i redditi al lordo degli oneri deducibili dei singoli membri del nucleo familiare, della deduzione per abitazione principale, delle detrazioni fiscali da lavoro e di quelle per carichi di famiglia. I redditi sono solo quelli assoggettabili ad IRPEF (risultanti dai CUD, dal modello 730 o dal modello Unico) quindi non si devono considerare i redditi esenti o soggetti a tassazione separata, ecc...

4 4 Quale nucleo familiare Il nucleo familiare di riferimento è composto dal richiedente, dal coniuge non legalmente ed effettivamente separato, dalle persone a carico per le quali spettano le detrazioni per carichi di famiglia in quanto titolari di un reddito non superiore a 2.840,51 euro Pertanto, il nucleo da considerare non è quello anagrafico, ma quello fiscale Possono essere considerati familiari a carico quelli titolari di reddito inferiore a 2.840,51 euro per anno solare, ovvero: coniuge non legalmente ed effettivamente separato, anche se non convivente figli anche naturali e/o adottati, affidati o affiliati con reddito non superiore a quello sopra richiamato, senza limiti di età anche se non conviventi o residenti all estero se conviventi con il contribuente oppure nel caso in cui lo stesso corrisponda loro assegni alimentari non risultanti da provvedimenti dell Autorità Giudiziaria, i seguenti altri familiari: a) il coniuge legalmente ed effettivamente separato b) i discendenti dei figli c) i genitori e gli ascendenti prossimi, anche naturali d) i genitori adottivi e) i generi e le nuore f) il suocero e la suocera g) i fratelli e le sorelle, anche unilaterali. I soggetti sopra indicati, pur conviventi, che dispongono di redditi propri superiori a 2.840,51 euro costituiscono, con l eccezione del coniuge, nuclei familiari autonomi.

5 5 Come fare per rinnovare l esenzione L assistito che rientra in una delle tipologie sopra richiamate, può richiedere alla ASL di competenza il rilascio del certificato di esenzione. L interessato deve rilasciare alla ASL una autocertificazione attestante la sua condizione. L autocertificazione deve essere resa da ogni singolo assistito che intenda far richiesta del certificato, anche nel caso in cui si tratti di familiare a carico di titolare di assegno sociale o pensione al minimo, mentre per i minori di 6 anni, per i soggetti a tutela e coloro che hanno l amministratore di sostegno, l autocertificazione è resa, rispettivamente, dai genitori, dal tutore o dall amministratore di sostegno. L Azienda ASL provvede a rilasciare il certificato di esenzione che è bene che l interessato tenga sempre insieme alla Tessera sanitaria. E comunque possibile delegare un soggetto terzo sia per la consegna del modulo di autocertificazione che per il ritiro del proprio certificato, previo rilascio di delega firmata. Le Aziende ASL devono informare gli assistiti in merito alle nuove modalità di certificazione delle esenzioni per reddito, mediante apposita campagna informativa e, contemporaneamente, devono indicare agli interessati i punti presso cui rivolgersi per espletare la pratica. A seconda delle esigenze dell assistito, il certificato può essere richiesto in qualunque momento dell anno ma la scadenza rimane invariata (31 dicembre). Il certificato conterrà quali elementi essenziali: dati anagrafici dell assistito e suo codice fiscale codice dell esenzione e numero certificato la data di scadenza Validità del certificato In tutti i casi, ad eccezione di quelli in cui l assistito ha età superiore ai 65 anni, il certificato ha validità fino al 31 dicembre dell anno in cui è stato rilasciato. Per i bambini di età inferiore ai 6 anni, il certificato ha validità fino al 31 dicembre e comunque non oltre il giorno del compimento dei 6 anni. Per i cittadini di età superiore ai 65 anni, il certificato ha validità illimitata, o comunque fino ad eventuale cambiamento della condizione reddituale o di nucleo familiare dell assistito. Per gli assistiti che hanno l assistenza temporanea, esempio con assistenza presso un azienda sanitaria diversa da quella di residenza, la validità del certificato non può superare la data di scadenza dell assistenza.

6 6 Rinnovo del certificato Gli assistiti che intendono rinnovare un certificato scaduto, devono recarsi presso gli sportelli della loro azienda ASL, preferibilmente non prima della scadenza dello stesso. In particolare, per i certificati che scadono il 31 dicembre dell anno, l assistito dovrà presentarsi non prima del gennaio dell anno successivo. Annullamento e revoca del certificato Qualora, nei primi mesi dell anno, il dichiarante non sia in possesso delle informazioni relative ai suoi redditi, compilerà l autocertificazione basandosi su un reddito presunto. Nel momento in cui verrà in possesso di dati certi, se questi risultano superiori ai limiti fissati, dovrà dare comunicazione all ASL chiedendo l annullamento dell autocertificazione rilasciata e pagando il ticket dovuto per le prestazioni fruite in regime di esenzione da inizio anno. L azienda provvederà al ritiro della certificazione di esenzione. L assistito è, inoltre, tenuto a dare immediata comunicazione - nel corso del periodo di validità del certificato della variazione delle condizioni per beneficiare dell esenzione (es. superamento del tetto di reddito, venir meno dello stato di disoccupazione, ecc ) e chiedere la revoca del certificato. Anche in questo caso l Azienda provvederà a ritirare il certificato di esenzione Controlli sulle autocertificazioni La Regione una volta l anno (in genere in marzo) riceve, tramite il flusso informativo del Sistema tessera sanitaria, i dati che riguardano gli assistiti aventi diritto alle esenzioni per reddito E01, E03 ed E04 e la Regione provvede ad inviarli alle Aziende Sanitarie Locali. Queste informazioni verranno utilizzate dalle ASL per effettuare i controlli delle autocertificazioni rilasciate ai propri assistiti. Il Sistema tessera sanitaria fornisce i seguenti dati: le informazioni, fornite dall Agenzia delle entrate, relative il reddito complessivo dei nuclei familiari con valore non superiore a ,98 euro, i codici fiscali dei componenti di detti nuclei familiari e le relazioni di parentela risultanti dalle dichiarazioni riferite al periodo d imposta corrispondente; le informazioni, fornite dall INPS, relative agli elenchi dei titolari di pensione sociale o di assegno sociale e dei titolari di pensione integrata al minimo. Non sono attualmente, invece, disponibili per il Sistema tessera sanitaria le informazioni relative allo stato di disoccupazione. Le ASL sono tenute a controllare tutte le autocertificazione rilasciate dai propri assistiti.

7 7 Se dai controlli risulta non esserci il diritto all esenzione per reddito, l ASL comunica all interessato l elenco delle prestazioni fruite indebitamente in regime di esenzione e la corrispondente quota di partecipazione alla spesa a suo carico, da versare al SSN entro un tempo compreso fra i 30 ed i 120 giorni dal ricevimento della comunicazione. Entro lo stesso termine, l interessato può esibire all Azienda sanitaria locale la documentazione comprovante la correttezza dei dati dichiarati. Per i controlli sulle autocertificazione la data di riferimento è la data di prescrizione, in quanto è il momento in cui avviene l attestazione del diritto all esenzione, non quindi la data di erogazione della prestazione sanitaria. Si rammenta che le autocertificazioni contenenti dati non veritieri sono punibili penalmente. Modalità prescrittive I Medici prescrittori dal 1 maggio 2011 devono indicare l eventuale esenzione per reddito sulla prescrizione del servizio sanitario nazionale. Qualora il Medico prescrittore non disponga del dato aggiornato di esenzione per reddito, al momento della prescrizione chiederà all assistito di presentargli il certificato in suo possesso.

8 8 Modalità erogative Per le prescrizioni emesse dopo il 1 maggio 2011, le Aziende Sanitarie riconoscono l esenzione per reddito solo in presenza del relativo codice di esenzione riportato sulla ricetta del SSN. In fase di prenotazione, qualora sia indicata l esenzione sulla ricetta, viene effettuata una prenotazione per assistito non pagante. Per le prestazioni in accesso diretto (senza prenotazione) le informazioni sull eventuale esenzione vengono rilevate in fase di accettazione. Nel caso in cui non sia prevista la ricetta (libero accesso) o non sia presente un punto di accettazione strutturata (esempio gli ambulatori di guardia medica/turistica o il pronto soccorso), il cittadino può richiedere l esenzione mostrando il certificato di esenzione per reddito in suo possesso. Il Governo ancora una volta, anziché semplificare le modalità in favore dei cittadini per mantenere le più elementari agevolazioni previste per legge, come nel caso dell esenzione ticket per reddito, prevede nuove e più complesse procedure per i lavoratori, i pensionati, le famiglie. Per ricevere ulteriori informazioni e un adeguata assistenza nella compilazione del modulo di autocertificazione per ottenere il tesserino dell esenzione, rivolgetevi presso le sedi della CGIL, gli uffici del Patronato INCA, gli uffici CAAF e nelle leghe dello SPI-CGIL

9 9 Assegni familiari e quote di maggiorazione di pensione Chi sono gli interessati alle prestazioni: sono interessati agli assegni familiari i coltivatori diretti, coloni e mezzadri; sono interessati alle quote di maggiorazione i pensionati titolari di pensioni a carico delle gestioni speciali lavoratori autonomi (artigiani, commercianti, CD/CM). Per chi spettano gli assegni familiari o le quote di maggiorazione: Le persone per le quali possono essere richiesti gli assegni e le quote di maggiorazione sono: il coniuge i figli ed equiparati i fratelli, le sorelle, i nipoti i genitori I figli ed equiparati, i fratelli, le sorelle ed i nipoti devono essere: minorenni, maggiorenni inabili, studenti (fino a 21 anni per studenti medi, per la durata del corso legale di laurea ma non oltre i 26 anni per gli universitari), apprendisti. Importo dell assegno e della maggiorazione: La misura degli assegni per coltivatori diretti, coloni, mezzadri, non pensionati, è di 8,18 euro mensili per persona a carico. La misura mensile della quota di maggiorazione della pensione è di 10,21 euro per ogni beneficiario. Limite di reddito personale per l assegno: Il pagamento degli assegni è subordinato alla condizione che i beneficiari vivano a carico del richiedente, cioè siano economicamente non autosufficienti. Tale condizione si verifica quando il reddito della persona a carico non supera il limite fissato (trattamento minimo maggiorato del 30%). Il limite di reddito mensile da non superare è, per il 2011, di euro 658,29 per il coniuge, per un genitore, per ciascun figlio o equiparato, per ciascun fratello o sorella o nipote; e di euro 1.152,02 per due genitori.

10 10 Limite di reddito complessivo: Gli assegni familiari e le quote di maggiorazione spettano, inoltre, quando il reddito complessivo del nucleo familiare non ha superato nell anno solare precedente il 1 luglio di ogni anno i limiti fissati dalla legge. Tabella per la cessazione o riduzione della corresponsione degli assegni familiari o delle quote di maggiorazione (*) Numero componenti nucleo familiare 1 (**) o più persone Reddito familiare annuale oltre il quale cessa la corresponsione del trattamento di famiglia per il primo figlio e per il genitore a carico e relativi equiparati 8.698,92 euro ,88 euro ,53 euro ,88 euro ,30 euro ,51 euro ,10 euro Reddito familiare annuale oltre il quale cessa la corresponsione di tutti gli assegni familiari o quote di maggiorazione di pensione ,30 euro ,52 euro ,95 euro ,40 euro ,33 euro ,56 euro (*) Gli importi indicati nella tabella di cui sopra vanno aumentati, rispettivamente, del 10%, del 50% o del 60% nei casi in cui: a) il richiedente sia vedovo/a, divorziato/a, separato/a legalmente, abbandonato/a, celibe o nubile; b) nel nucleo familiare siano comprese persone, per le quali possono attribuirsi i trattamenti di famiglia, totalmente inabili; c) ricorrano contemporaneamente le condizioni a) e b). (**) L ipotesi riguarda il titolare minorenne di pensione ai superstiti, unico componente il nucleo familiare. Per i redditi da considerare o da escludere ai fini del reddito familiare valgono le norme previste per l assegno al nucleo familiare

11 11 Notizie in breve O BIS M 2011 errati La Direzione nazionale dell INPS ha comunicato, con più messaggi, che verranno riemessi nel mese di marzo un consistente numero di O BIS M sbagliati per due motivazioni: mancata applicazione della perequazione (non è stata adeguato l importo della pensione con l incremento dell 1,4%) concessione di maggiorazioni sociali a soggetti che non hanno i requisiti di reddito richiesti dalle disposizioni vigenti. Consigliamo, comunque, gli interessati a rivolgersi presso le Leghe dello SPI per un controllo. Nota INPDAP per detrazioni familiari a carico Con una recentissima nota operativa l INPDAP ha comunicato che la data ultima, per la consegna dei modelli per le detrazioni d imposta per i familiari a carico, comprese le variazioni, è fissata al 31 maggio La mancata consegna comporterà la revoca e il recupero di quanto già concesso come detrazione. Rammentiamo a tutti i pensionati che hanno familiari a carico che i moduli di detrazione vanno presentati ogni anno.

12 12 PER CONOSCERE TUTELARE E FAR VALERE I TUOI DIRITTI RIVOLGITI ALLA CGIL AL PATRONATO INCA AL CAAF E ALLO SPI

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET IN BASE AL REDDITO

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET IN BASE AL REDDITO LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET IN BASE AL REDDITO DOMANDE E RISPOSTE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) A A1 A2 A3 A4 A5 A6 LA NUOVA MODALITA Qual è in sintesi

Dettagli

Condizioni di esenzione dalla partecipazione alla spesa sanitaria per reddito

Condizioni di esenzione dalla partecipazione alla spesa sanitaria per reddito Condizioni di esenzione dalla partecipazione alla spesa sanitaria per reddito Ai fini dell'accesso alle prestazioni di assistenza specialistica ambulatoriale, l'esenzione dalla partecipazione alla spesa

Dettagli

AUTOCERTIFICAZIONE DI ESENZIONE DALLA PARTECIPAZIONE ALLA SPESA SANITARIA PER PRESTAZIONI DI ASSISTENZA SPECIALISTICA AMBULATORIALE PER MOTIVI DI REDDITO Il Sottoscritto (dichiarante) Cognome: Nome: Nata/o

Dettagli

ASSEGNI FAMILIARI E QUOTE DI MAGGIORAZIONE DI PENSIONE PER L ANNO 2013. TABELLE DEI LIMITI DI REDDITO FAMILIARE

ASSEGNI FAMILIARI E QUOTE DI MAGGIORAZIONE DI PENSIONE PER L ANNO 2013. TABELLE DEI LIMITI DI REDDITO FAMILIARE ASSEGNI FAMILIARI E QUOTE DI MAGGIORAZIONE DI PENSIONE PER L ANNO 2013. TABELLE DEI LIMITI DI REDDITO FAMILIARE L INPS con circolare n 150/12, ha fornito le tabelle aggiornate da applicare, a decorre dal

Dettagli

ASSEGNI FAMILIARI E QUOTE DI MAGGIORAZIONE DI PENSIONE PER L ANNO 2014. TABELLE DEI LIMITI DI REDDITO FAMILIARE

ASSEGNI FAMILIARI E QUOTE DI MAGGIORAZIONE DI PENSIONE PER L ANNO 2014. TABELLE DEI LIMITI DI REDDITO FAMILIARE ASSEGNI FAMILIARI E QUOTE DI MAGGIORAZIONE DI PENSIONE PER L ANNO 2014. TABELLE DEI LIMITI DI REDDITO FAMILIARE L INPS con circolare n 182/13, ha fornito le tabelle aggiornate da applicare, a decorre dal

Dettagli

Esenzione ticket: le nuove modalità

Esenzione ticket: le nuove modalità LE NUOVE MODALITA Esenzione ticket: le nuove modalità Regione Liguria, a partire dal 1 novembre, ha introdotto delle nuove modalità per ottenere l esenzione dal pagamento del ticket per reddito e per patologia

Dettagli

L ESENZIONE DAL PAGAMENTO DEL TICKET IN BASE AL REDDITO

L ESENZIONE DAL PAGAMENTO DEL TICKET IN BASE AL REDDITO L ESENZIONE DAL PAGAMENTO DEL TICKET IN BASE AL REDDITO DOMANDE E RISPOSTE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) A A1 A2 L ESENZIONE TICKET IN BASE AL REDDITO Come si ottiene, in sintesi,

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

Le domande più frequenti.

Le domande più frequenti. Le domande più frequenti. D: Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione dal pagamento del ticket in base al reddito? R: La nuova modalità per ottenere l esenzione dal pagamento del ticket

Dettagli

FABINFORMA NOTIZIARIO A CURA DEL COORDINAMENTO NAZIONALE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO

FABINFORMA NOTIZIARIO A CURA DEL COORDINAMENTO NAZIONALE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO Roma, 4 Gennaio 2006 Circolare n. 2 Allegati n. 4 INPS Direzione Centrale delle Prestazioni a sostegno del reddito OGGETTO: Assegni familiari e quote di maggiorazione di pensione per l anno 2006. I) Tabelle

Dettagli

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO

LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO A. LA NUOVA MODALITA 3 B. RILASCIO DELL ATTESTATO DI ESENZIONE 5 C. REQUISITI PER L ESENZIONE

Dettagli

DOMANDA DI ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE 2015/2016

DOMANDA DI ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE 2015/2016 Servizio Autonomo Personale Area Amministrazione Economica Risorse Umane Tel 0817953725/30 Fax 0817953875 A DOMANDA DI ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE 2015/2016 DATI ANAGRAFICI DEL RICHIEDENTE (compilare

Dettagli

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda)

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) LE DOMANDE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) 1. LA NUOVA MODALITÀ 1.1 Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione ticket in base al reddito? 1.2 Da quando, per

Dettagli

n. 7/8 - luglio/agosto 2010

n. 7/8 - luglio/agosto 2010 n. 7/8 - luglio/agosto 2010 A cura di Roberto Battaglia Segretario SPI-CGIL Emilia Romagna Roberta Lorenzoni Dipartimento previdenza SPI-CGIL Emilia Romagna Argomenti Pensione di reversibilità: requisiti

Dettagli

Ufficio Esenzioni Ticket per Reddito. Istruzioni alla richiesta del certificato di esenzione per reddito

Ufficio Esenzioni Ticket per Reddito. Istruzioni alla richiesta del certificato di esenzione per reddito Ufficio Esenzioni Ticket per Reddito Istruzioni alla richiesta del certificato di esenzione per reddito Gentile Utente, il 31/03/2014 scadrà la validità del suo certificato di esenzione dai ticket sanitari.

Dettagli

IL/LA SOTTOSCRITTO/A MATRICOLA NATO/A IL A RESIDENTE A PROV. C.A.P. IN VIA N DIPENDENTE DI QUESTA A.O. IN SERVIZIO

IL/LA SOTTOSCRITTO/A MATRICOLA NATO/A IL A RESIDENTE A PROV. C.A.P. IN VIA N DIPENDENTE DI QUESTA A.O. IN SERVIZIO Azienda Ospedaliera di Rilievo Nazionale Santobono-Pausilipon Struttura Complessa Risorse Umane - Ufficio Trattamento Economico tel. 081 220 5207/5223/ 5317 fax 0812205319/5207/5317 o ATTRIBUZIONE DELL

Dettagli

Nota operativa n. 7. e p.c. Direzione Centrale Previdenza Ufficio I Pensioni. Roma, 2 febbraio 20 l l

Nota operativa n. 7. e p.c. Direzione Centrale Previdenza Ufficio I Pensioni. Roma, 2 febbraio 20 l l 00142 Roma - Via Ballarin 42 - tel. 0651017626 fax 0651017625 www.inpdap.qov.it e-mail: dctrattpensuffl@inpdap.it Istituto Nazionale di Previdenza per i Dipendenti dell'amministrazione Pubblica Direzione

Dettagli

Farmaci e visite specialistiche. Farmaci e visite specialistiche

Farmaci e visite specialistiche. Farmaci e visite specialistiche Farmaci e visite specialistiche Farmaci e visite specialistiche Dal 29 agosto 2011 in Emilia Romagna Patronato INCA CGIL 1 Con la legge n. 111/2011 il Governo ha tagliato 834 milioni di euro annui dal

Dettagli

bambini con meno di 6 anni appartenenti ad un nucleo familiare con un

bambini con meno di 6 anni appartenenti ad un nucleo familiare con un ESENZIONE TICKET PRESTAZIONI E SERVIZI SANITARI DI DIAGNOSTICA STRUMENTALE, LABORATORIO E ALTRE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE DIRETTIVA NAZIONALE: E01 E01 E02 E03 E04 bambini con meno di 6 anni appartenenti

Dettagli

l Inserto Istruzioni per la lettura dell O bis M (Certificato di pensione) Istruzioni per la lettura del Cud (Certificato Unico Dipendente) Argomenti

l Inserto Istruzioni per la lettura dell O bis M (Certificato di pensione) Istruzioni per la lettura del Cud (Certificato Unico Dipendente) Argomenti n. 11 - novembre 2010 Argomenti A cura di Roberto Battaglia Segretario SPI-CGIL Emilia Romagna Roberta Lorenzoni Dipartimento previdenza SPI-CGIL Emilia Romagna Istruzioni per la lettura dell O bis M (Certificato

Dettagli

Scopri le nuove esenzioni dal ticket sui farmaci: un diritto per molti.

Scopri le nuove esenzioni dal ticket sui farmaci: un diritto per molti. ok folder es.ticket 14-04-2008 16:56 Pagina 1 Iniziativa di comunicazione della Regione Piemonte. Scopri le nuove esenzioni dal ticket sui farmaci: un diritto per molti. www.regione.piemonte.it/sanita

Dettagli

Cittadini appartenenti all'unione Europea

Cittadini appartenenti all'unione Europea Cittadini appartenenti all'unione Europea Iscrizione Obbligatoria Motivo del soggiorno Documentazione richiesta dalla Asl e durata dell iscrizione Rapporto di lavoro subordinato a tempo indeterminato -

Dettagli

Barrare la casella corrispondente. (compilare solo se si appartiene ad una delle categorie indicate) *Dati facoltativi. Essepaghe s.r.l.

Barrare la casella corrispondente. (compilare solo se si appartiene ad una delle categorie indicate) *Dati facoltativi. Essepaghe s.r.l. Protocollo Domanda per i lavoratori dipendenti - 1/8 Periodo dal 01/07/2015 al 30/06/2016 (gg/mm/aaaa) Variazione situazione nucleo familiare dal (gg/mm/aaaa) ALL'AZIENDA Nome Cognome Codice fiscale Nato/a

Dettagli

MODULI DI DETRAZIONI FISCALI

MODULI DI DETRAZIONI FISCALI Le detrazioni sono riconosciute se il percipiente dichiara di avervi diritto, indica le condizioni di spettanza e si impegna a comunicare tempestivamente le eventuali variazioni. La dichiarazione deve

Dettagli

RAVENNA RA ITALIA RAVENNA RA ITALIA VIA DI ROMA 123 CAP 48101

RAVENNA RA ITALIA RAVENNA RA ITALIA VIA DI ROMA 123 CAP 48101 Mod ANF/DIP - COD SR16 PROTOCOLLO Domanda per i lavoratori dipendenti - 1/8 Periodo dal al 30/06/2012 (gg/mm/aaaa) Realizzato con tecnologia SMART FORMS - wwwsmtformscom ALL AZIENDA PALLINO CSS CENTRO

Dettagli

Detrazioni per familiari a carico eoperazionidiconguaglio Angela Fusco - Commercialista, Consulente del lavoro e Revisore legale in Roma

Detrazioni per familiari a carico eoperazionidiconguaglio Angela Fusco - Commercialista, Consulente del lavoro e Revisore legale in Roma Detrazioni per familiari a carico eoperazionidiconguaglio Angela Fusco - Commercialista, Consulente del lavoro e Revisore legale in Roma L art. 12 del Tuir riconosce il diritto a particolari detrazioni

Dettagli

3.BENEFICI IN AMBITO SANITARIO

3.BENEFICI IN AMBITO SANITARIO 3.BENEFICI IN AMBITO SANITARIO c ESENZIONE TICKET. CONDIZIONI GENERALI Soggetti esenti dalla partecipazione alla spesa sanitaria Beneficiari Totalmente esenti CITTADINI DI ETÀ INFERIORE A SEI ANNI e appartenenti

Dettagli

Assegno per il nucleo familiare Domanda per i lavoratori dipendenti - 1/8. Variazione situazione nucleo familiare dal. Mod. ANF/DIP - COD.

Assegno per il nucleo familiare Domanda per i lavoratori dipendenti - 1/8. Variazione situazione nucleo familiare dal. Mod. ANF/DIP - COD. Domanda per i lavoratori dipendenti - 1/8 Periodo dal Variazione situazione nucleo familiare dal ALL AZIENDA al (gg/mm/aaaa) PROTOCOLLO (gg/mm/aaaa) CITTADANZA RESIDENTE TELEFONO* CELLULARE* E-MAIL* Stato

Dettagli

MODULO DI RICHIESTA DETRAZIONI PER LAVORO DIPENDENTE E FAMILIARI A CARICO (artt. 12 e 13, TUIR 917/86 e successive modificazioni)

MODULO DI RICHIESTA DETRAZIONI PER LAVORO DIPENDENTE E FAMILIARI A CARICO (artt. 12 e 13, TUIR 917/86 e successive modificazioni) MODULO DI RICHIESTA DETRAZIONI PER LAVORO DIPENDENTE E FAMILIARI A CARICO (artt. 12 e 13, TUIR 917/86 e successive modificazioni) La Legge n. 244/07 (Finanziaria 2008) sancisce l obbligo per i lavoratori

Dettagli

Domanda Assegno per il Nucleo Familiare (ANF 2015) dall Angolo del Dipendente (opzione operativa da luglio 2015)

Domanda Assegno per il Nucleo Familiare (ANF 2015) dall Angolo del Dipendente (opzione operativa da luglio 2015) Domanda Assegno per il Nucleo Familiare (ANF 2015) dall Angolo del Dipendente (opzione operativa da luglio 2015) Effettuare l accesso all Angolo del Dipendente con le credenziali in possesso (Istruzioni

Dettagli

GIUGNO 2015. Che cosa è

GIUGNO 2015. Che cosa è GIUGNO 2015 Numero 1 giugno 2015 di Bergamo Cisl - Anno XXXV - Sped. in abb. postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1 - comma 2 - CMP Milano Roserio - Editore: Cisl - Direttore: Ferdinando

Dettagli

RICHIESTA APPLICAZIONE DETRAZIONI

RICHIESTA APPLICAZIONE DETRAZIONI RICHIESTA APPLICAZIONE DETRAZIONI DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE - AUTOCERTIFICAZIONE (art. 2 L. 4.01.1968 n. 15, modificato dall art. 3 L. 15.05.1997, n. 127 e art. 1 D.P.R. 20.10.1998, n.

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA FORO ITALICO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA FORO ITALICO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA FORO ITALICO DICHIARAZIONE PER LE DETRAZIONI D IMPOSTA ANNO 2015 AI SENSI DELL ART.7 COMMA 1 LETTERA B) LEGGE N.106 DEL 12/07/2011 (G.U. N.160 DEL 12/07/2011) Il sottoscritto/a

Dettagli

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA Istituto Nazionale Previdenza Sociale ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA (articolo 23 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600 e successive modifiche e integrazioni) In base all art. 7, D.L. n. 70/2011 non è più obbligatorio

Dettagli

INPS: ASSEGNI PER IL NUCLEO FAMILIARE

INPS: ASSEGNI PER IL NUCLEO FAMILIARE Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 04/06/2015. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea è necessario

Dettagli

COMUNE DI RABBI Servizio Asilo Nido RICHIESTA INSERIMENTO NELLE GRADUATORIE PER L ACCESSO ALL ASILO NIDO COMUNALE. Anno educativo 2015/2016

COMUNE DI RABBI Servizio Asilo Nido RICHIESTA INSERIMENTO NELLE GRADUATORIE PER L ACCESSO ALL ASILO NIDO COMUNALE. Anno educativo 2015/2016 COMUNE DI RABBI Servizio Asilo Nido RICHIESTA INSERIMENTO NELLE GRADUATORIE PER L ACCESSO ALL ASILO NIDO COMUNALE Anno educativo 2015/2016 Data di presentazione Domanda n. Ora di presentazione Residente

Dettagli

CIRCOLARE N.12 OGGETTO: CORRESPONSIONE ASSEGNO NUCLEO FAMILIARE PER IL PERIODO 01.07.2012/30.06.2013

CIRCOLARE N.12 OGGETTO: CORRESPONSIONE ASSEGNO NUCLEO FAMILIARE PER IL PERIODO 01.07.2012/30.06.2013 Direzione Generale Servizio Personale U.O. Trattamento Economico PROT.GEN.N.44751 CIRCOLARE N.12 OGGETTO: CORRESPONSIONE ASSEGNO NUCLEO FAMILIARE PER IL PERIODO 01.07.2012/30.06.2013 In esecuzione del

Dettagli

? INQUADRAMENTO NORMATIVO. Coniuge e familiari a carico FRONTESPIZIO

? INQUADRAMENTO NORMATIVO. Coniuge e familiari a carico FRONTESPIZIO ? INQUADRAMENTO NORMATIVO Tratto da: Collana Dichiarazioni Fiscali 2009 Dichiarazione 730, a cura di R. Artina. - V. Artina Coniuge e familiari a carico All'interno del frontespizio del Mod. 730/2009 è

Dettagli

Ticket aggiuntivo. Qual è il termine di validità dell'attestazione ISEE? L'attestazione ISEE ha validità annuale.

Ticket aggiuntivo. Qual è il termine di validità dell'attestazione ISEE? L'attestazione ISEE ha validità annuale. Ticket aggiuntivo Cos'è il ticket aggiuntivo? Il ticket aggiuntivo è un ticket che si va a sommare al ticket ordinario previsto per le prestazioni specialistiche. È stato introdotto in Regione Toscana,

Dettagli

NON E MAI TROPPO TARDI

NON E MAI TROPPO TARDI 1 NON E MAI TROPPO TARDI Fabriano, 4 aprile 2013 Cari colleghi e care colleghe, questa settimana parliamo di Detrazioni Fiscali per familiari a carico. Abbiamo riscontrato che diversi colleghi non beneficiano

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

La pensione ai superstiti

La pensione ai superstiti Istituto Nazionale della Previdenza Sociale Pensioni La pensione ai superstiti Aggiornato al Febbraio 2006 E' la pensione che, alla morte del lavoratore assicurato o pensionato, spetta ai componenti del

Dettagli

BONUS STRAORDINARIO PER FAMIGLIE, LAVORATORI PENSIONATI E NON AUTOSUFFICIENZA DL 29.11.2008 n. 185 convertito in legge n. 2 del 27 gennaio 2009 art.

BONUS STRAORDINARIO PER FAMIGLIE, LAVORATORI PENSIONATI E NON AUTOSUFFICIENZA DL 29.11.2008 n. 185 convertito in legge n. 2 del 27 gennaio 2009 art. BONUS STRAORDINARIO PER FAMIGLIE, LAVORATORI PENSIONATI E NON AUTOSUFFICIENZA DL 29.11.2008 n. 185 convertito in legge n. 2 del 27 gennaio 2009 art. 1 IN CHE COSA CONSISTE IL BONUS Il così detto Bonus

Dettagli

TABELLE A.N.F. dal 1.1.2007 al 30.06.2007 redditi 2005 dal 1.7.2007 al 30.06.2008 redditi 2006 INDICE

TABELLE A.N.F. dal 1.1.2007 al 30.06.2007 redditi 2005 dal 1.7.2007 al 30.06.2008 redditi 2006 INDICE TABELLE A.N.F. dal 1.1.2007 al 30.06.2007 redditi 2005 dal 1.7.2007 al 30.06.2008 redditi 2006 INDICE Tabelle Descrizione Pagina Tabella 11 nuclei familiari con entrambi i genitori e almeno un figlio minore

Dettagli

DETRAZIONI PER CARICHI DI FAMIGLIA

DETRAZIONI PER CARICHI DI FAMIGLIA DETRAZIONI PER CARICHI DI FAMIGLIA A decorrere dal 1 gennaio 2007 le deduzioni per oneri di famiglia previste dall art. 12 del TUIR sono sostituite dalle detrazioni per carichi di famiglia (art. 1, co.

Dettagli

Comune di Carpaneto Piacentino Provincia di Piacenza Settore Socio culturale

Comune di Carpaneto Piacentino Provincia di Piacenza Settore Socio culturale Comune di Carpaneto Piacentino Provincia di Piacenza Settore Socio culturale REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI A SOGGETTI PRIVATI (approvato con delibera C.C. n 49 del 24/06/2000)

Dettagli

ALL. A) DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE (Art. 46 D.P.R. 445 del 28/12/2000 e s.m.i.) Il/la sottoscritto/a.

ALL. A) DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE (Art. 46 D.P.R. 445 del 28/12/2000 e s.m.i.) Il/la sottoscritto/a. ALL. A) DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE (Art. 46 D.P.R. 445 del 28/12/2000 e s.m.i.) consapevole delle sanzioni penali, nel caso di dichiarazioni non veritiere e falsità negli atti, richiamate

Dettagli

ANF per il lavoro dipendente

ANF per il lavoro dipendente ANF per il lavoro dipendente ISTRUZIONI PER L USO BERGAMO ENZO MOLOGNI LAVORO DIPENDENTE D.P.R. 30 MAGGIO 1955, N 797 (Assegni familiari) LEGGE 13 MAGGIO 1988, N 153 (Assegni al nucleo familiare) RIFERIMENTI

Dettagli

AGEVOLAZIONI FISCALI E CONTRIBUTI (aggiornamento al 9 gennaio 2007)

AGEVOLAZIONI FISCALI E CONTRIBUTI (aggiornamento al 9 gennaio 2007) AGEVOLAZIONI FISCALI E CONTRIBUTI (aggiornamento al 9 gennaio 2007) Via Guido Rossa, 8-50019 Sesto Fiorentino (FI) Tel. 055.366500 - Fax. 055.360009 info@prismascensori.it www.prismascensori.it p.iva 04929480483

Dettagli

1. NUOVE MODALITA DI ACCERTAMENTO DEI PERIODI DI SOGGIORNO IN SEDE DEI FAMILIARI A CARICO DEL PERSONALE IN SERVIZIO ALL ESTERO

1. NUOVE MODALITA DI ACCERTAMENTO DEI PERIODI DI SOGGIORNO IN SEDE DEI FAMILIARI A CARICO DEL PERSONALE IN SERVIZIO ALL ESTERO C/X/63 DIREZIONE GENERALE PER GLI AFFARI AMMINISTRATIVI, DI BILANCIO E IL PATRIMONIO UFFICIO IV Roma, 27 dicembre 2004 Circolare n. 8 ================================ OGGETTO Maggiorazione per situazione

Dettagli

TRATTAMENTO DI PENSIONE AI SUPERSTITI Vademecum

TRATTAMENTO DI PENSIONE AI SUPERSTITI Vademecum TRATTAMENTO DI PENSIONE AI SUPERSTITI Vademecum 1 TRATTAMENTO DI PENSIONE AI SUPERSTITI Vademecum 1. Premessa Preliminarmente va sottolineato che la reversibilità ha natura previdenziale e non assistenziale.

Dettagli

Studio Nicco. Nicco Dott. William - Nicco Dott. Saverio Lomazzo Dott.sa Elisabetta. Consulenti del Lavoro

Studio Nicco. Nicco Dott. William - Nicco Dott. Saverio Lomazzo Dott.sa Elisabetta. Consulenti del Lavoro Studio Nicco Nicco Dott. William - Nicco Dott. Saverio Lomazzo Dott.sa Elisabetta Consulenti del Lavoro Carcare, 05.06.2015 A tutti i Clienti Loro sedi Oggetto: Moduli per l assegno al nucleo familiare

Dettagli

Le condizioni di erogazione degli assegni familiari per l'anno 2004/2005.

Le condizioni di erogazione degli assegni familiari per l'anno 2004/2005. Assegni familiari Le condizioni di erogazione degli assegni familiari per l'anno 2004/2005. A chi spettano - Dipendenti in attività - Dipendenti in aspettativa retribuita per malattia o maternità - Dipendenti

Dettagli

a) Nome e cognome: Titolo: (allegare copia carta d identità o passaporto solamente in caso di prima compilazione)

a) Nome e cognome: Titolo: (allegare copia carta d identità o passaporto solamente in caso di prima compilazione) Modulo per la richiesta di detrazione d imposta e per il trattamento previdenziale per i prestatori d opera fiscalmente residenti in Italia (art. 23 del D.P.R. 29.09.1973, n. 600) a) Nome e cognome: Titolo:

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DI ATTO DI NOTORIETA'

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DI ATTO DI NOTORIETA' DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI CERTIFICAZIONE E DI ATTO DI NOTORIETA' AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL T.U. DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA - D.P.R. 28.12.2000, N.445 OGGETTO: Dichiarazione reddituale del

Dettagli

Assegno per il nucleo familiare 2014/2015

Assegno per il nucleo familiare 2014/2015 GIUGNO 2014 Suppl. al n. 1 marzo 2014 di Bergamo Cisl - Anno XXXIV - Sped. in abb. postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1 - comma 2 - CMP Milano Roserio - Editore: Cisl - Direttore:

Dettagli

MODULO RICHIESTA PENSIONE DI REVERSIBILITA. L Sottoscritt_. (Prov. ) il / / in Via/P.zza n. Tel. / Fax e-mail C H I E D E

MODULO RICHIESTA PENSIONE DI REVERSIBILITA. L Sottoscritt_. (Prov. ) il / / in Via/P.zza n. Tel. / Fax e-mail C H I E D E MODULO RICHIESTA PENSIONE DI REVERSIBILITA Regione Siciliana FONDO PENSIONI SICILIA Fondo per il pagamento del trattamento di quiescenza e dell indennità di buonuscita del personale regionale Viale Regione

Dettagli

Le detrazioni per il coniuge e per i figli a carico spettano anche se questi non convivono con il contribuente o non risiedono in Italia.

Le detrazioni per il coniuge e per i figli a carico spettano anche se questi non convivono con il contribuente o non risiedono in Italia. 2. LE DETRAZIONI IRPEF >> LE DETRAZIONI PER I FAMILIARI A CARICO QUANDO E A CHI SPETTANO I contribuenti che hanno familiari a carico, in possesso di un reddito complessivo non superiore a 2.840,51 euro,

Dettagli

VADEMECUM RETRIBUZIONI LAVORO DIPENDENTE

VADEMECUM RETRIBUZIONI LAVORO DIPENDENTE VADEMECUM RETRIBUZIONI LAVORO DIPENDENTE a1 a2 a3 a4 a5 a6 a7 A Retribuzione: Paga base Indennità contingenza Scatti anzianità Sperminimo individuale Lavoro straordinario Altri elementi imponibili ai fini

Dettagli

Istruzioni per la compilazione DF RED - Quadro B

Istruzioni per la compilazione DF RED - Quadro B cassa italiana di previdenza ed assistenza dei geometri Istruzioni per la compilazione DF RED - Quadro B Istruzioni per la compilazione Pagina 1 di 7 Nel Quadro B il pensionato potrà scegliere le detrazioni

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA P.za Ateneo Nuovo, 1 20126 Milano SCHEDA INFORMATIVA DEL COLLABORATORE ESTERNO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA P.za Ateneo Nuovo, 1 20126 Milano SCHEDA INFORMATIVA DEL COLLABORATORE ESTERNO Cod.. 12621570154 SCHEDA INFORMATIVA DEL COLLABORATORE ESTERNO A) DICHIARAZIONE DEI DATI PERSONALI Io sottoscritto/a Tel./e-mail fiscale: o (se residente all estero) codice identificativo estero(*): sotto

Dettagli

LA PENSIONE AI SUPERSTITI

LA PENSIONE AI SUPERSTITI LA PENSIONE AI SUPERSTITI CHE COS'È È la pensione che, alla morte del lavoratore assicurato o pensionato, spetta ai componenti del suo nucleo familiare. Questa pensione può essere: di reversibilità: se

Dettagli

Le prestazioni collegate al reddito

Le prestazioni collegate al reddito Sindacato Pensionati Italiani Le prestazioni collegate al reddito 1 Le prestazioni soggette a controllo a. integrazione al minimo b. maggiorazioni sociali c. importo aggiuntivo d. somma aggiuntiva e. pensione

Dettagli

NOVITA PREVIDENZIALI 2011

NOVITA PREVIDENZIALI 2011 Il sistema pensionistico attuale e le novità del 2011 Roberto Perazzoli 1 CALCOLO PENSIONE - DEFINIZIONI SISTEMA RETRIBUTIVO: è applicato a coloro che alla data del 31.12.1995 avevano un anzianità contributiva

Dettagli

RICHIESTA DI DETRAZIONI DI IMPOSTA PER L ANNO 2013

RICHIESTA DI DETRAZIONI DI IMPOSTA PER L ANNO 2013 RICHIESTA DI DETRAZIONI DI IMPOSTA PER L ANNO 2013 L SOTTOSCRITT NATO/A A IL RESIDENTE IN CAP VIA N. CODICE FISCALE TEL. STATO CIVILE: CELIBE/NUBILE CONIUGATO/A DIVORZIATO/A SEPARATO/A LEGALMENTE ED EFFETTIVAMENTE

Dettagli

CAP COMUNE PROV. M/F DATA DI NASCITA COMUNE O STATO ESTERO DI NASCITA PROV. CODICE FISCALE. DAL DITTA Matricola Aziendale

CAP COMUNE PROV. M/F DATA DI NASCITA COMUNE O STATO ESTERO DI NASCITA PROV. CODICE FISCALE. DAL DITTA Matricola Aziendale DOMANDA DI CONGEDO PARENTALE LAVORATRICI / LAVORATORI DIPENDENTI (D. Lgs. 151/2001 T.U. Maternità/Paternità) (da presentare all INPS e al datore di lavoro prima dell inizio del congedo) ALL ISTITUTO NAZIONALE

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE DEL PERSONALE Servizio Ordinamento e Contenzioso Divisione 1^ N. 333-A/9806.G.3.2 Roma, 31.7.2001 CIRCOLARE

DIREZIONE CENTRALE DEL PERSONALE Servizio Ordinamento e Contenzioso Divisione 1^ N. 333-A/9806.G.3.2 Roma, 31.7.2001 CIRCOLARE DIREZIONE CENTRALE DEL PERSONALE Servizio Ordinamento e Contenzioso Divisione 1^ N. 333-A/9806.G.3.2 Roma, 31.7.2001 CIRCOLARE OGGETTO: Legge 5 febbraio 1992, n. 104 (legge quadro per l assistenza, l integrazione

Dettagli

DICHIARAZIONE DI SPETTANZA DELLE DETRAZIONI D IMPOSTA (ai sensi e per gli effetti dell art. 23 del D.P.R. 29/9/73 n. 600 e successive modificazioni)

DICHIARAZIONE DI SPETTANZA DELLE DETRAZIONI D IMPOSTA (ai sensi e per gli effetti dell art. 23 del D.P.R. 29/9/73 n. 600 e successive modificazioni) Il/la sottoscritto/a: DICHIARAZIONE DI SPETTANZA DELLE DETRAZIONI D IMPOSTA (ai sensi e per gli effetti dell art. 23 del D.P.R. 29/9/73 n. 600 e successive modificazioni) nato/a:... il.stato civile: celibe/nubile

Dettagli

L'assegno per il nucleo familiare

L'assegno per il nucleo familiare L'assegno per il nucleo familiare A CHI SPETTA L'ASSEGNO AL CONIUGE I REQUISITI PER QUALI PERSONE SPETTA LA DOMANDA CHI PAGA L'ASSEGNO IL RICORSO ASSEGNO DI SOSTEGNO LIMITI DI REDDITO ANNUO TABELLE E'

Dettagli

ADESIONE E CONTRIBUZIONE AL FONDO DA PARTE DEI FAMILIARI A CARICO REGOLAMENTO

ADESIONE E CONTRIBUZIONE AL FONDO DA PARTE DEI FAMILIARI A CARICO REGOLAMENTO ADESIONE E CONTRIBUZIONE AL FONDO DA PARTE DEI FAMILIARI A CARICO REGOLAMENTO Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 27 marzo 2014 Sommario Articolo 1 Oggetto del Regolamento... 2 Articolo 2 Definizione

Dettagli

Domanda Assegno per il nucleo familiare dal 01.07.2015 al 30.06.2016 Variazione situazione nucleo familiare dal

Domanda Assegno per il nucleo familiare dal 01.07.2015 al 30.06.2016 Variazione situazione nucleo familiare dal RESIDENTE ALL ESTERO Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria All Area Gestione e Sviluppo Risorse Umane Domanda Assegno per il nucleo familiare dal 01.07.2015 al 30.06.2016 Variazione

Dettagli

MODELLO 730: ALCUNI SUGGERIMENTI E CONSIGLI PER IL PERSONALE DELLA SCUOLA

MODELLO 730: ALCUNI SUGGERIMENTI E CONSIGLI PER IL PERSONALE DELLA SCUOLA Federazione Lavoratori Pubblici e Funzioni Pubbliche SEGRETERIA PROVINCIALE FLP SCUOLA DI FOGGIA 71121 Foggia Via Nicola Delli Carri, 15 sito internet: www.flpscuolafoggia.it Email: info@flpscuolafoggia.it

Dettagli

Residente in ( )Via n. in qualità di dipendente/collaboratore dell Impresa C.F. DICHIARANTE C.F. CONIUGE STATO CIVILE:

Residente in ( )Via n. in qualità di dipendente/collaboratore dell Impresa C.F. DICHIARANTE C.F. CONIUGE STATO CIVILE: DETRAZIONI D IMPOSTA Dichiarazione ai sensi e per gli effetti dell art. 23 del D.P.R. 29/09/1973 n. 600 (come riformulato dal D.Lgs. 314/97, art. 7, lettera d) ATTENZIONE: PRIMA DI COMPILARE IL PRESENTE

Dettagli

SCHEDA SINTETICA "Misure di finanza pubblica per la stabilizzazione e lo sviluppo" ART. 65, 66 LEGGE 448/1998

SCHEDA SINTETICA Misure di finanza pubblica per la stabilizzazione e lo sviluppo ART. 65, 66 LEGGE 448/1998 SCHEDA SINTETICA "Misure di finanza pubblica per la stabilizzazione e lo sviluppo" ART. 65, 66 LEGGE 448/1998 SCOPO E OBIETTIVO La legge in esame, in particolare l art. 65 e 66, concerne l erogazione di

Dettagli

Le modifiche fiscali ALIQUOTE. DEDUZIONI

Le modifiche fiscali ALIQUOTE. DEDUZIONI Meno tasse per tutti avevano promesso. Tremonti: è in credito con il fisco, ai lavoratori e pensionati benefici irrisori che saranno vanificati con l aumento delle imposte locali e ticket. Le modifiche

Dettagli

RECUPERO TICKET SANITARI RISPOSTE ALLE DOMANDE FREQUENTI

RECUPERO TICKET SANITARI RISPOSTE ALLE DOMANDE FREQUENTI RECUPERO TICKET SANITARI RISPOSTE ALLE DOMANDE FREQUENTI 1.Perchè la Regione sta provvedendo ad inviare avvisi bonari relativi agli anni 2009 e 2010? Le lettere bonarie riguardano le esenzioni ticket sanitario

Dettagli

Il modello O bis M questo sconosciuto. A cura di Paolo Zani Salvatore Martorelli

Il modello O bis M questo sconosciuto. A cura di Paolo Zani Salvatore Martorelli Il modello O bis M questo sconosciuto A cura di Paolo Zani Salvatore Martorelli Il modello O bis M dell INPS Il certificato di pensione (ovvero il modello ObisM) è previsto solo per le pensioni INPS Non

Dettagli

Istruzioni per la compilazione DF RED Introduzione al DF RED e accesso all Area Riservata

Istruzioni per la compilazione DF RED Introduzione al DF RED e accesso all Area Riservata cassa italiana di previdenza ed assistenza dei geometri Istruzioni per la compilazione DF RED Introduzione al DF RED e accesso all Area Riservata Istruzioni per la compilazione Pagina 1 di 12 Presentazione

Dettagli

REGOLAMENTO per l ASSISTENZA ECONOMICA. del Comune di Capaci. (approvato con Delibera consiliare n. 52 del 30.09.2004)

REGOLAMENTO per l ASSISTENZA ECONOMICA. del Comune di Capaci. (approvato con Delibera consiliare n. 52 del 30.09.2004) REGOLAMENTO per l ASSISTENZA ECONOMICA del Comune di Capaci (approvato con Delibera consiliare n. 52 del 30.09.2004) Art. 1 OGGETTO E FINALITA DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento, in esecuzione della

Dettagli

ADESIONE E CONTRIBUZIONE AL FONDO DA PARTE DEI FAMILIARI A CARICO REGOLAMENTO

ADESIONE E CONTRIBUZIONE AL FONDO DA PARTE DEI FAMILIARI A CARICO REGOLAMENTO ADESIONE E CONTRIBUZIONE AL FONDO DA PARTE DEI FAMILIARI A CARICO REGOLAMENTO Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 28 giugno 2011 Sommario Articolo 1 Oggetto del Regolamento... 2 Articolo 2 Definizione

Dettagli

LA PENSIONE AI SUPERSTITI E LA SUCCESSIONE AGLI EREDI

LA PENSIONE AI SUPERSTITI E LA SUCCESSIONE AGLI EREDI LA PENSIONE AI SUPERSTITI E LA SUCCESSIONE AGLI EREDI A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Emilia Romagna Stefania Trombetti

Dettagli

PROSPETTO RIEPILOGATIVO DELLE CATEGORIE ESENTI DALLA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA FARMACEUTICA. Es.: G01 G02. Es.: V 0 2 V02 V01

PROSPETTO RIEPILOGATIVO DELLE CATEGORIE ESENTI DALLA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA FARMACEUTICA. Es.: G01 G02. Es.: V 0 2 V02 V01 PROSPETTO RIEPILOGATIVO DELLE CATEGORIE ESENTI DALLA COMPARTECIPAZIONE ALLA SPESA FARMACEUTICA Tipologia di esenzione Codifica esenzione Attestazione del diritto all esenzione sulla ricetta SSN È competenza

Dettagli

Bonus straordinario: modulo e istruzioni dell Agenzia delle entrate

Bonus straordinario: modulo e istruzioni dell Agenzia delle entrate www.handylex.org Carlo Giacobini, Responsabile del Centro per la documentazione legislativa, Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare - Direzione Nazionale Bonus straordinario: modulo e istruzioni

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze

Ministero dell Economia e delle Finanze Ministero dell Economia e delle Finanze DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE GENERALE, DEL PERSONALE E DEI SERVIZI SERVIZIO CENTRALE PER IL SISTEMA INFORMATIVO INTEGRATO Prot. n. 50 - Ufficio V Data Roma,

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giuslavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giuslavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giuslavoristici N. 104 05.06.2015 Assegno per il nucleo familiare: i livelli reddituali 2015/2016 Aggiornati i nuovi livelli reddituali dell ANF

Dettagli

BANDO AVVIAMENTO CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA

BANDO AVVIAMENTO CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA BANDO AVVIAMENTO CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA Il presente Bando di avviamento di n. 3 lavoratori da destinare al Consiglio Regionale Sardegna è valido per l intera Regione. Il Bando è stato predisposto

Dettagli

C.C.N.L. LAVORO DOMESTICO

C.C.N.L. LAVORO DOMESTICO Finanze & Lavoro Gruppo Editoriale Esselibri-Simone Appendice di aggiornamento al volume FL 18 C.C.N.L. LAVORO DOMESTICO Edizione Aprile 2003 Questa appendice è scaricabile gratuitamente dal sito internet:

Dettagli

Prestazioni a Sostegno del Reddito Servizi per il cittadino: le richieste di prestazioni via Internet.

Prestazioni a Sostegno del Reddito Servizi per il cittadino: le richieste di prestazioni via Internet. Prestazioni a Sostegno del Reddito Servizi per il cittadino: le richieste di prestazioni via Internet. - AF CD\CM: Assegni Familiare Coltivatori Diretti/Coloni e Mezzadri Sommario 1. Premessa 3 2. Come

Dettagli

Assegno per il nucleo familiare 2011/2012

Assegno per il nucleo familiare 2011/2012 GIUGNO 2011 Suppl. al n. 1 febbraio 2011 di Bergamo Cisl - Anno XXXI - Sped. in abb. postale - D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n. 46) art. 1 - comma 2 - CMP Milano Roserio - Editore: Cisl - Direttore:

Dettagli

Agenzia delle Entrate

Agenzia delle Entrate Agenzia delle Entrate Direzione Regionale della Lombardia COMITATO TRIBUTARIO REGIONALE NOTIZIE UTILI SU TRIBUTI E LAVORO (Norme in vigore al 30/4/2003) SEI IMMIGRATO E HAI DIFFICOLTA CON LA LINGUA ITALIANA?

Dettagli

Per alcune categorie di lavoratori autonomi (coltivatori diretti, coloni e mezzadri,

Per alcune categorie di lavoratori autonomi (coltivatori diretti, coloni e mezzadri, I trattamenti di famiglia Assegni familiari Assegno al nucleo familiare STAMPA Assegni familiari Per alcune categorie di lavoratori autonomi (coltivatori diretti, coloni e mezzadri, caratisti imbarcati)

Dettagli

PROVINCIA DI PRATO SERVIZIO LAVORO

PROVINCIA DI PRATO SERVIZIO LAVORO PROVINCIA DI PRATO SERVIZIO LAVORO RICHIESTA DI INSERIMENTO NELLE GRADUATORIE RELATIVE ALLA CHIAMATA CON AVVISO PUBBLICO RISERVATA AGLI ISCRITTI AL COLLOCAMENTO MIRATO (L. 68/99, art. 9, comma 5) Il/la

Dettagli

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2013

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2013 Argomento l La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2013 Argomenti: Importo pensioni base e prestazioni invalidi civili A cura dello Spi-Cgil dell Emilia-Romagna n.10 dicembre 2012 l l

Dettagli

N.B. Il pagamento delle indennità di disoccupazione cessa quando il lavoratore:

N.B. Il pagamento delle indennità di disoccupazione cessa quando il lavoratore: Disoccupazione Una quota dei contributi versati serve per assicurarsi contro la disoccupazione, causata dall estinzione di un rapporto di lavoro per cause non attribuibili alla volontà del lavoratore stesso.

Dettagli

COMUNE DI MARCON REGOLAMENTO SULLE PRESTAZIONI ECONOMICHE AI NON AUTOSUFFICIENTI

COMUNE DI MARCON REGOLAMENTO SULLE PRESTAZIONI ECONOMICHE AI NON AUTOSUFFICIENTI COMUNE DI MARCON REGOLAMENTO SULLE PRESTAZIONI ECONOMICHE AI NON AUTOSUFFICIENTI APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 11 DEL 17.02.2014 Regolamento di accesso alle prestazioni economiche erogate

Dettagli

Coordinamento Nazionale Beni Culturali

Coordinamento Nazionale Beni Culturali Coordinamento Nazionale Beni Culturali c/o Ministero per i Beni e le Attività Culturali - 00186 Roma - Via del Collegio Romano, 27 Tel. 06 6723 2348-2889 Fax. 06 6785 552 - info@unsabeniculturali.it -

Dettagli

ANF : nuovi livelli di reddito

ANF : nuovi livelli di reddito FIOM INFORMA ANF : nuovi livelli di reddito luglio 2013-giugno 2014 NPS, con circolare 84/2013 pubblica le nuove tabelle utili per le richieste di ANF (assegno al nucleo familiare) per il periodo Luglio

Dettagli

Deduzioni per familiari a carico

Deduzioni per familiari a carico Deduzioni per familiari a carico Definizione di familiare a carico e condizioni in base alle quali viene riconosciuta la deduzione. Sono considerati familiari a carico dal punto di vista fiscale: il coniuge

Dettagli

A cura della Segreteria di Gruppo

A cura della Segreteria di Gruppo Miniguida A cura della Segreteria di Gruppo Gli assegni per il NUCLEO FAMILIARE Chi ne ha diritto e come richiederli aggiornamento LUGLIo 2015 SOMMARIO Cosa sono gli assegni per il nucleo familiare?...

Dettagli