LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO"

Transcript

1 LA NUOVA MODALITA PER OTTENERE L ESENZIONE DAL TICKET PER LE PRESTAZIONI SPECIALISTICHE IN BASE AL REDDITO A. LA NUOVA MODALITA 3 B. RILASCIO DELL ATTESTATO DI ESENZIONE 5 C. REQUISITI PER L ESENZIONE DAL PAGAMENTO DEL TICKET IN BASE ALLE CONDIZIONI DI REDDITO 6 D. UTILIZZO DELL ATTESTATO DI ESENZIONE 9 E. LA GESTIONE DEL TRANSITORIO 10 F. INFORMAZIONI UTILI ALL ATTO DELLA PRESCRIZIONE 11 G. INFORMAZIONI UTILI ALL ATTO DELLA ACCETTAZIONE/EROGAZIONE 12 PAG. 1

2 INTRODUZIONE A partire dal mese di luglio 2011 cambiano le modalità per usufruire, da parte degli assistiti, dell esenzione per reddito per le prestazioni di assistenza specialistica ambulatoriale come previsto dal DM 11 dicembre 2009 Verifica delle esenzioni, in base al reddito, dalla compartecipazione alla spesa sanitaria, tramite il supporto del Sistema Tessera Sanitaria" e come precisato nelle note regionali: Nota prot. n. H del 10 maggio 2011 avente per oggetto Disposizioni applicative in merito al decreto 11 dicembre 2009 Verifica delle esenzioni, in base al reddito, dalla compartecipazione alla spesa sanitaria, tramite il supporto del Sistema Tessera Sanitaria, Nota prot. n. H del 1 giugno 2011 avente per oggetto "Ulteriori disposizioni applicative in merito al decreto 11 dicembre 2009 Verifica delle esenzioni, in base al reddito, dalla compartecipazione alla spesa sanitaria, tramite il supporto del Sistema Tessera Sanitaria. La nuova normativa specifica che gli elenchi degli assistiti che hanno diritto all esenzione per reddito, con il relativo codice di esenzione, sono forniti annualmente dal Ministero dell Economia e delle Finanze (MEF) alle Regioni, sulla base delle dichiarazione dei redditi dell anno precedente all anno di invio. Regione Lombardia provvederà ad inviare agli aventi diritto una lettera riportante l attestazione di esenzione per reddito fornita dal MEF ed a registrare i dati di esenzione nell Anagrafe Regionale. Il medico, in fase di prescrizione, ricorrerà pertanto all Anagrafe Regionale per reperire tali dati. L assistito potrà comunque esibire l attestazione ricevuta per dimostrare il proprio diritto all esenzione. Qualora l assistito non riceva la comunicazione sopra citata, può effettuare presso la ASL, sotto la propria responsabilità, un autocertificazione in cui attesta di essere in possesso dei requisiti di reddito o delle altre condizioni previste che danno diritto all esenzione. Le autocertificazioni pregresse cartacee con codice a 6 cifre effettuate in ASL dagli assistiti, vengono convertite negli attuali (nuovi) codici di esenzione e caricate anch esse in Anagrafe Regionale Le esenzioni per reddito inviate da MEF hanno validità fino al 31 marzo dell'anno successivo all anno di invio mentre le autocertificazioni effettuate dall assistito in ASL hanno validità fino al 31 dicembre dell anno in corso. In ogni caso la durata dell esenzione non può superare la data di scadenza dell assistenza. Periodo transitorio Fino al 14 settembre 2011 compreso potranno pervenire alle strutture erogatrici: a) Prescrizioni in cui il medico ha riportato il nuovo codice di esenzione o il precedente codice a sei cifre fornito dalla ASL a seguito dell autocertificazione effettuata dal cittadino. Il codice viene riconosciuto in fase di prenotazione/erogazione della prestazione, senza che l assistito debba intervenire in alcun modo e senza che la struttura erogatrice debba effettuare alcuna verifica sulla veridicità del codice di esenzione (la verifica viene effettuata dalla ASL). b) Prescrizioni in cui il medico non ha specificato alcunché nella ricetta. In fase di prenotazione/erogazione della prestazione, l assistito appone la propria firma nell apposito spazio, autocertificando il proprio diritto all esenzione e viene biffato il campo contrassegnato con R. L EE eroga quanto prescritto ed i controlli relativi alla veridicità dell autocertificazione rimangono quelli attualmente in vigore. PAG. 2

3 Situazione a regime A regime l EE potrà continuare ad accettare/erogare prestazioni di ricette per le quali il medico non ha specificato alcun codice di esenzione adottando le attuali modalità (firma autografa dell assistito), purché la prescrizione sia stata prescritta anteriormente al 15 settembre 2011, svolgendo i controlli come indicato al precedente punto b). Per le prescrizioni emesse a partire dal 15 settembre 2011, l EE dovrà obbligatoriamente accettarle/erogarle secondo quanto specificato al punto a), cioè gestendo le esenzioni solo se indicate dal prescrittore nella ricetta. DOMANDE FREQUENTI E RELATIVE RISPOSTE A. LA NUOVA MODALITA A 1. Quale è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione dal pagamento del ticket per prestazioni specialistiche ambulatoriali in base alle condizioni di reddito? La nuova modalità per ottenere l esenzione dal pagamento del ticket per prestazioni specialistiche prevede che l assistito riceva dalla Regione Lombardia una comunicazione, formulata in base ai dati inviati dal MEF, che ne attesti il diritto. La stessa informazione viene registrata nell Anagrafe Regionale e resa disponibile al medico prescrittore che riporta il codice dell esenzione sulla prescrizione. Nel caso non sia presente la registrazione nell Anagrafe Regionale, l assistito può esibire la comunicazione ricevuta o i moduli autocertificati pregressi al medico che, egualmente, riporterà il codice dell esenzione sulla prescrizione. Se non è stata ricevuta nemmeno la suddetta comunicazione, l assistito che comunque ritenga di aver diritto all esenzione deve recarsi in ASL per effettuare l autocertificazione. Nei prossimi mesi sarà messo a punto il sistema che permetterà di effettuare l autocertificazione anche via Internet. A 2. Quali sono i requisiti necessari per essere esenti dal pagamento del ticket per prestazioni specialistiche in Lombardia? I requisiti necessari per i cittadini iscritti al Servizio Sanitario Regionale per ottenere l esenzione dal pagamento del ticket per le prestazioni specialistiche sono riassunti nella tabella seguente. Si fa presente che Regione Lombardia ha ampliato il perimetro degli aventi diritto ridefinendo alcuni requisiti per l ottenimento del diritto all esenzione (visibili con sfondo giallo). Codice Esenzione E01 (Comunicato da MEF o autocert. ASL) E05 Descrizione Codice Esenzione Cittadini di età inferiore a 6 anni o superiore a sessantacinque anni appartenenti ad un nucleo familiare con reddito complessivo non superiore a ,98 euro Cittadini di età superiore a sessantacinque anni appartenenti ad un nucleo familiare con reddito complessivo non superiore a ,00 euro PAG. 3 Validità del Codice del codice di esenzione Validità

4 E11 (0-14enni tutti) E02 E09 E03 (Comunicato da MEF o autocert. ASL) Soggetti minori di anni 14, indipendentemente dal reddito (Categoria introdotta con la D.G.R. VIII/4750 del ) (equivalente al nr progressivo assegnato dalla ASL ma senza limite reddito) * Disoccupati e loro appartenenti ad un nucleo familiare con un reddito complessivo inferiore a 8.263,31 euro, incrementato a ,05 euro in presenza del coniuge ed in ragione di ulteriori 516,46 euro per ogni figlio a carico (equivalente al nr progressivo assegnato dalla ASL ma senza limite reddito) * Disoccupati e loro appartenenti ad un nucleo familiare un reddito complessivo superiore a 8.263,31 euro, incrementato a ,05 euro in presenza del coniuge ed in ragione di ulteriori 516,46 euro per ogni figlio a carico Titolari di pensione sociali e loro Validità Validità E04 (Comunicato da MEF o autocert. ASL) E08 Titolari di pensioni al minimo di età superiore a 60 anni e loro con reddito familiare inferiore a 8.263,31 euro incrementato a ,05 euro in presenza del coniuge ed in ragione di ulteriori 516,46 euro per ogni figlio a carico (equivalente al nr progressivo assegnato dalla ASL) * Lavoratore/trice in mobilità (DGR n /2009) e loro familiari fiscalmente a carico, senza limiti di reddito, per la durata della condizione (equivalente al nr progressivo assegnato dalla ASL) * Lavoratore/trice in cassa integrazione straordinaria (DGR n /2009) e loro familiari fiscalmente a carico, senza limiti di reddito, per la durata della condizione (equivalente al nr. progressivo assegnato dalla ASL) * Lavoratore/trice in cassa integrazione in deroga (DGR n /2009) e loro familiari fiscalmente a carico, senza limiti di reddito, per la durata della condizione Validità (*) Nelle more del periodo transitorio le autocertificazioni già esistenti, ossia quelle con numero progressivo a 6 cifre emesse dalle ASL, possono ancora essere usate in fase prescrittiva purchè non oltre la loro scadenza. A 3. Da quando, per ottenere l esenzione dal pagamento del ticket in base alle condizioni di reddito, è obbligatorio applicare la nuova modalità? Dal mese di luglio, al momento della prescrizione, il medico potrà apporre nell apposita casella il nuovo codice di esenzione o il precedente codice a sei cifre fornito dalla ASL a seguito di autocertificazione effettuata dal cittadino. Sarà facoltà del medico, nel periodo transitorio che si conclude improrogabilmente il 14 settembre 2011, compilare la prescrizione ancora con le attuali modalità. Si sottolinea che a far data dal 15 settembre 2011 il prescrittore su richiesta dell assistito dovrà apporre in ricetta il nuovo codice di esenzione o il codice a 6 cifre relativo alle autocertificazioni pregresse e di conseguenza la precedente modalità di prescrizione non sarà più utilizzata (non dovrà più essere biffata in ricetta la casella contenente la lettera R). PAG. 4

5 A 4. In base a quale normativa è cambiata la modalità per l esenzione dal pagamento del ticket per le condizioni di reddito? La nuova modalità è prevista dal Decreto 11 dicembre 2009 del Ministero dell Economia e delle Finanze Verifica delle esenzioni, in base al reddito, dalla compartecipazione alla spesa sanitaria tramite il supporto del Sistema tessera sanitaria. La Regione Lombardia l ha applicata con le circolari n. H del , H del e H del , dopo un confronto con le Aziende Sanitarie e le parti sociali. A 5. Perché è stata introdotta una nuova modalità per certificare il diritto all esenzione? Il Ministero dell Economia e delle Finanze (MEF) ha modificato la modalità di certificazione dell esenzione dal pagamento del ticket per le condizioni di reddito, al fine di assicurare le opportune verifiche e controlli sull effettivo diritto degli assistiti di usufruire di tale esenzione per l assistenza specialistica. B. RILASCIO DELL ATTESTATO DI ESENZIONE B 1. Che cos è l attestato di esenzione dal pagamento del ticket in base alle condizioni di reddito? E un documento in cui sono registrati i dati anagrafici dell interessato, il codice fiscale, il codice di esenzione. Viene inviato in forma sintetica dall ASL all assistito, sulla base dei dati ricevuti dal MEF, o viene rilasciato in ASL, qualora l assistito non si riconosca nei dati forniti dal MEF e autocertifichi, sotto la propria responsabilità, di essere in possesso dei requisiti di reddito o delle altre condizioni previste, che danno diritto ad usufruire dell esenzione. B 2. Qualora il cittadino non abbia ricevuto l attestato di esenzione ticket in base al reddito e ritenga di essere in possesso dei requisiti, che cosa deve fare? Per ottenere l attestazione di esenzione dal pagamento ticket, l assistito, nel caso sia in possesso dei requisiti, deve effettuare un autocertificazione presentandosi presso gli sportelli di Scelta e Revoca della propria ASL, consapevole che la dichiarazione è soggetta a verifiche ed alle responsabilità penali che insorgono qualora la dichiarazione non sia veritiera. Nei prossimi mesi sarà messo a punto il sistema che permetterà di effettuare l autocertificazione anche via Internet. B 3. E necessario munirsi preventivamente di uno specifico modulo per l autocertificazione? No, non è necessario in quanto l autocertificazione viene effettuata direttamente in ASL senza la necessità di esibire moduli compilati. Si ricorda che tale procedura è facilitata qualora il cittadino abbia con sé la propria Carta Regionale dei Servizi (CRS). Completata la procedura viene rilasciato un attestazione di avvenuta registrazione dell autocertificazione. B 4. Per la richiesta di autocertificazione di esenzione dal pagamento del ticket ci si deve rivolgere esclusivamente alla ASL di residenza? Per effettuare richiesta di autocertificazione ci si deve rivolgere alla propria ASL di assistenza, dove è stata effettuata la scelta del medico di famiglia. PAG. 5

6 La propria ASL può anche essere in una provincia o in una regione differente rispetto al luogo di residenza, come accade per le persone domiciliate in un Comune diverso da quello di residenza, ad esempio per studio o per lavoro e che hanno effettuato l iscrizione al Servizio Sanitario Regionale (SSR) presso il Comune di domicilio. B 5. L autocertificazione del diritto all esenzione dal pagamento del ticket può essere effettuata solo dall interessato? L autocertificazione deve essere effettuata dall interessato o dai soggetti di seguito indicati: dal genitore che esercita la potestà, se l interessato è soggetto alla potestà dei genitori dal tutore se l interessato è soggetto a tutela dall amministratore di sostegno se l interessato ne è soggetto dall interessato con l assistenza del curatore se l interessato è soggetto a curatela. B 6. Nel caso l assistito abbia già l esenzione dal pagamento del ticket per invalidità (o per patologia), è possibile chiedere anche l esenzione per le condizioni di reddito, avendone i requisiti? Non c è incompatibilità a priori tra esenzione per invalidità/patologia ed esenzione per le condizioni di reddito e, quando sussistono i requisiti, possono coesistere entrambe le esenzioni. Se l esenzione per invalidità è estesa a tutte le visite ed esami, il certificato di esenzione in base alle condizioni di reddito non aggiunge alcun ulteriore beneficio. E utile chiedere anche l esenzione per le condizioni di reddito, invece, quando l esenzione per invalidità dà diritto ad esenzione solo per le visite/esami collegati alla specifica invalidità, così come avviene per l esenzione per patologia. C. REQUISITI PER L ESENZIONE DAL PAGAMENTO DEL TICKET IN BASE ALLE CONDIZIONI DI REDDITO C 1. Quali sono le condizioni per avere l esenzione dal pagamento del ticket? Come riportato nella tabella inserita nella risposta al quesito A2, le condizioni per ottenere l esenzione al pagamento del ticket per le prestazioni specialistiche sono legate alle condizioni economiche, all età, allo stato di occupazione come si evince dai dettagli di seguito riportati. Codice Esenzione E01 (Comunicato da MEF o autocert. ASL) E05 E11 (0-14enni tutti) Descrizione Codice Esenzione Cittadini di età inferiore a 6 anni o superiore a sessantacinque anni appartenenti ad un nucleo familiare con reddito complessivo non superiore a ,98 euro Cittadini di età superiore a sessantacinque anni appartenenti ad un nucleo familiare con reddito complessivo non superiore a ,00 euro Soggetti minori di anni 14, indipendentemente dal reddito (Categoria introdotta con la D.G.R. VIII/4750 del ) Validità del Codice del codice di esenzione Validità Validità PAG. 6

7 E02 Disoccupati e loro appartenenti ad un nucleo familiare un reddito complessivo inferiore a 8.263,31 euro, incrementato a ,05 euro in presenza del coniuge ed in ragione di ulteriori 516,46 euro per ogni figlio a carico E09 Disoccupati e loro appartenenti ad un nucleo familiare un reddito complessivo superiore a 8.263,31 euro, incrementato a ,05 euro in presenza del coniuge ed in ragione di ulteriori 516,46 euro per ogni figlio a carico Validità E03 (Comunicato da MEF o autocert. ASL) E04 (Comunicato da MEF o autocert. ASL) Titolari di pensione sociali e loro Titolari di pensioni al minimo di età superiore a 60 anni e loro con reddito familiare inferiore a 8.263,31 euro incrementato a ,05 euro in presenza del coniuge ed in ragione di ulteriori 516,46 euro per ogni figlio a carico E08 Lavoratore/trice in mobilità (DGR n /2009) e loro familiari fiscalmente a carico, senza limiti di reddito, per la durata della condizione Lavoratore/trice in cassa integrazione straordinaria (DGR n /2009) e loro familiari fiscalmente a carico, senza limiti di reddito, per la durata della condizione Lavoratore/trice in cassa integrazione in deroga (DGR n /2009) e loro familiari fiscalmente a carico, senza limiti di reddito, per la durata della condizione Validità C 2. A quale anno si riferisce il reddito considerato ai fini dell esenzione? Il diritto all esenzione viene riconosciuto sulla base dei dati di esenzione forniti dal MEF che si riferiscono alla dichiarazione dei redditi relativa all anno precedente. Le autocertificazioni presentate invece alla ASL nell anno corrente devono basarsi sul reddito percepito nell anno precedente. C 3. Come va calcolato il reddito complessivo del nucleo familiare? Per reddito complessivo fiscale ai fini dell esenzione, è da intendersi il reddito del nucleo familiare, quale risulta dall ultima dichiarazione dei redditi, come somma di tutti i redditi del nucleo familiare (definito al seguente punto C 5.) al lordo degli oneri deducibili, della deduzione per abitazione principale, delle detrazioni fiscali da lavoro e di quelle per carichi di famiglia. Il reddito è rilevabile dai seguenti modelli: - mod. CUD: parte B dati fiscali, somma degli importi di cui ai punti 1 e 2 più l eventuale rendita catastale rivalutata del 5% dell eventuale abitazione principale e relative pertinenze (box, cantina, ecc.) in possesso; - mod. 730: prospetto di liquidazione mod importo di cui al rigo 6; - mod. UNICO: quadro RN, importo di cui al rigo RN1. PAG. 7

8 C 4. Come posso sapere qual è il reddito dell anno precedente se non è stata ancora presentata la dichiarazione dei redditi o ricevuto il CUD o altro analogo modello? Nei primi mesi dell anno, quando non si è ancora in possesso di informazioni documentate sul reddito percepito nell anno precedente, si dovrà compilare l autocertificazione sulla base del reddito che si valuta di avere effettivamente percepito, anche basandosi sulla precedente dichiarazione dei redditi, se la situazione non è modificata. Non appena in possesso della documentazione necessaria, si dovrà verificare se il proprio reddito rientra nei limiti previsti. Nel caso in cui questi limiti siano superati, si dovrà immediatamente darne comunicazione alla ASL, pagare gli eventuali ticket non versati e chiedere la revoca del diritto di esenzione. C 5. Che cosa si intende per nucleo familiare ai fini dell esenzione? Fanno parte del nucleo familiare ai fini fiscali, quindi anche ai fini dell esenzione dal pagamento del ticket, il dichiarante, il coniuge non legalmente ed effettivamente separato (anche se non a carico), i figli, le altre persone conviventi e le altre persone a carico ai fini Irpef, per le quali spettano detrazioni per carichi di famiglia in quanto titolari di un reddito non superiore a 2.840,51. Non si considera, quindi, il nucleo anagrafico che risulta dal certificato di famiglia, ma solo il nucleo fiscale. C 6. Quali familiari possono essere considerati? I sono quelli non fiscalmente indipendenti, per i quali l interessato gode di detrazioni fiscali, perché il loro reddito è inferiore a 2.840,51. Sono : il coniuge non legalmente ed effettivamente separato, i figli anche naturali e/o adottati, affidati o affiliati con reddito non superiore a 2.840,51, senza limiti di età anche se non conviventi e residenti all estero altri familiari conviventi a carico: a) il coniuge legalmente ed effettivamente separato b) i discendenti dei figli c) i genitori e gli ascendenti prossimi, anche naturali d) i genitori adottivi e) i generi e le nuore; f) il suocero e la suocera; g) i fratelli e le sorelle, anche unilaterali. Le persone, pur conviventi, che dispongono di redditi propri costituiscono, con l eccezione del coniuge, nuclei familiari autonomi. C 7. E sufficiente aver compiuto 65 anni per avere diritto all esenzione dal pagamento del ticket in base alle condizioni di reddito? No, non è sufficiente. Il cittadino con più di 65 anni di età ha diritto all esenzione dal pagamento del ticket in base alle condizioni di reddito se appartiene ad un nucleo familiare con reddito complessivo inferiore a ,00 (tale soglia vale solo in Lombardia perché Regione ha esteso il valore soglia che nel resto d Italia è più basso, ossia ,98). PAG. 8

9 C 8. Il cittadino con pensione di reversibilità ha diritto all esenzione dal pagamento del ticket in base alle condizioni di reddito? Il cittadino con pensione di reversibilità ha diritto all esenzione se il reddito del nucleo familiare rientra nei limiti previsti e se supera i 65 anni. D. UTILIZZO DELL ATTESTATO DI ESENZIONE D 1. L attestato di esenzione dal pagamento del ticket va portato sempre con sé? Il MMG/PDF, con l applicativo Scheda Sanitaria Informatica (SSII), analogamente a quanto già avviene per i codici esenzione per patologia/invalidità, è in grado di recepire i codici di esenzione per reddito memorizzati nell Anagrafe Regionale e riportarli in ricetta. Qualora però l informazione in Anagrafe Regionale non sia disponibile o, in quel momento, non sia disponibile il collegamento all Anagrafe stessa, l assistito può fornire al medico l attestato che indica la sussistenza del diritto di esenzione recante il nuovo codice o il vecchio codice (autocertificazione pregressa con codice di 6 cifre). È inoltre necessario presentare l attestato al medico specialista del Servizio Sanitario Regionale, nel caso in cui non abbia accesso all Anagrafe Regionale, al momento della prescrizione di una visita o di un esame. E pertanto consigliabile portare sempre con sé il proprio attestato. D 2. Che cosa si deve fare se nel corso dell anno non si hanno più i requisiti per l esenzione? Se nel corso dell anno vengono meno i requisiti che danno diritto all esenzione (ad esempio la persona disoccupata ha trovato un occupazione o ha superato i valori di soglia reddituali), occorre darne immediata comunicazione alla ASL. La comunicazione è obbligatoria e deve essere immediata, indipendente dalla scadenza dell attestato, in quanto il soggetto che ha sottoscritto l autocertificazione per ottenere l esenzione dal pagamento del ticket si è impegnato formalmente a comunicare la cessazione delle condizioni richieste per il diritto all esenzione. Se invece la mancanza dei requisiti emerge dai controlli successivi effettuati dalla ASL, anche a distanza di anni, dovranno comunque essere versati tutti gli eventuali ticket indebitamente non pagati e il rilascio di dichiarazioni non vere senza una successiva rettifica è perseguibile penalmente in base all art 76 del DPR 445/2000. D 3. Che cosa può accadere se si dichiarano dati non veri per ottenere l esenzione? L autocertificazione di dati non veri è perseguibile penalmente in base all art 76 del DPR 445/2000. La ASL controlla il contenuto delle autocertificazioni, verificando che sia vero quanto dichiarato, anche sulla base dei dati sul reddito, che vengono forniti dall Agenzia delle Entrate a partire dall anno successivo alla presentazione della dichiarazione dei redditi. D 4. La ASL controlla le autocertificazioni rilasciate per ottenere l esenzione? La ASL è tenuta a controllare il contenuto delle autocertificazioni verificando la veridicità di quanto dichiarato. I dati sul reddito vengono forniti alla ASL dall Agenzia delle Entrate a partire dall anno successivo alla presentazione della dichiarazione dei redditi. L autocertificazione di dati non veri è perseguibile penalmente in base all art 76 del DPR 445/2000. PAG. 9

10 Se sono stati dichiarati dati non veri, anche a distanza di anni, la persona dovrà inoltre versare tutti gli eventuali ticket indebitamente non pagati per prestazioni sanitarie di cui ha usufruito. E. LA GESTIONE DEL TRANSITORIO E 1. Come è organizzato il popolamento dei codici esenzione nell Anagrafe Regionale? I codici di esenzione per reddito E01, E03, E04 e limitatamente agli assistiti con età superiore a 14 anni, vengono registrati nell Anagrafe Regionale e trattati in modo analogo a quanto già oggi effettuato per le esenzioni per patologia. Essi saranno anche registrati nella Carta CRS dell assistito. I dati forniti da MEF vengono caricati in Anagrafe Regionale entro il mese di giugno Per quanto riguarda le autocertificazioni pregresse cartacee già effettuate in ASL dagli assistiti, queste sono in fase di conversione nei nuovi codici di esenzione e verranno anch esse caricate nell Anagrafe Regionale. Una prima parte verrà inserita entro fine giugno Si stima di completare il caricamento delle esenzioni pregresse entro il mese di settembre Ad inizio luglio sarà resa disponibile alle ASL un servizio per il trattamento informatico delle autocertificazioni che consentirà il caricamento dei dati di esenzione nell Anagrafe Regionale dell assistito e consentirà contestualmente la stampa di un attestato da rilasciare all assistito La procedura resa disponibile alle ASL permetterà solo in un secondo momento di registrare le autocertificazioni associate ai nuovi codici E03 e E04. E 2. Come si deve comportare il prescrittore con le vecchie certificazioni emesse dalle ASL? Il medico prescrittore potrà continuare ad apporre in ricetta il numero presente nella precedente autocertificazione, qualora l assistito ne sia in possesso. E 3. Come cambia l operatività dell operatore di Scelta e Revoca? L operatore di Scelta e Revoca troverà le nuove esenzioni caricate sul profilo dell assistito utilizzando l'interfaccia abituale; a partire da luglio 2011 avrà a disposizione, nel menù dei servizi relativi all Anagrafe Regionale, un apposito servizio per la gestione dell'autocertificazione del cittadino. E 4. Come si devono comportare gli operatori di Scelta e Revoca per le richieste di autocertificazioni che pervengono in momenti in cui non sia temporaneamente disponibile la nuova funzione di gestione di autocertificazione agli sportelli delle ASL? Gli operatori forniranno al cittadino i nuovi codici esenzione anziché le codifiche a sei caratteri, ed aggiorneranno le situazioni in NAR al ripristino della disponibilità dei servizi. PAG. 10

11 F. INFORMAZIONI UTILI ALL ATTO DELLA PRESCRIZIONE F 1. Con quali modalità i medici prescrittori potranno verificare l esigibilità delle esenzioni da parte del cittadino? I codici di esenzione per reddito sono registrati nell Anagrafe Regionale, analogamente a quanto già oggi avviene per le esenzioni per patologia/invalidità, e quindi visibili ai prescrittori. Le modalità di reperimento sono di seguito riportate: MMG/PDF: utilizzando le Schede Sanitarie Informatiche (SSII) che allineano l anagrafe locale del medico ai dati dell Anagrafe Regionale; Medico specialista: utilizzando un modulo prescrittivo integrato con il SISS, previo inserimento della CRS del paziente o, in alternativa, utilizzando i servizi SISS di Identifica Cittadino e Classe di Esenzione. Qualora l informazione in anagrafe non sia presente o, al momento della prescrizione, non sia disponibile il collegamento all Anagrafe Regionale, l assistito può fornire al medico l attestato che indica la sussistenza del diritto di esenzione recante il nuovo codice, o il vecchio codice (autocertificazione pregressa con codice di 6 cifre). E in fase di realizzazione una Web Application accessibile a tutti i medici prescrittori con Carta Operatore che permetta di verificare le esenzioni per reddito del singolo cittadino anche NON iscritto al SSR lombardo. Questo consentirà di operare anche nel caso di mobilità inter. F 2. Dove deve essere indicato il codice esenzione per reddito nella prescrizione? Analogamente a quanto già avviene oggi per i codici di esenzione per patologia/invalidità, a regime, il diritto all esenzione per reddito potrà essere fruito dal cittadino se e solo se detto codice verrà indicato, durante l atto prescrittivo, nel campo codice esenzione. F 3. Come deve comportarsi il medico prescrittore per quanto concerne la biffatura sulla ricetta della lettera R (che precede la firma autocertificante dell assistito)? Con il decreto dell 11 dicembre 2009 non è richiesta la biffatura della casella contrassegnata dalla lettera "R ma soltanto l inserimento del codice di esenzione nelle apposite caselle come per le altre esenzioni. Si rammenta inoltre che lo stesso decreto richiede, qualora per l assistito non siano presenti esenzioni, la biffatura della casella contrassegnata dalla lettera "N. F 4. Al medico è richiesto di convertire i precedenti codici rilasciati dalle ASL nei nuovi codici? No, la nota prot. n. H del 1 giugno 2011, ribadisce che il medico potrà continuare ad inserire i vecchi codici a 6 cifre fino a quando tutte le certificazioni cartacee precedentemente registrate dalle ASL non saranno state registrate in Anagrafe (con conversione automatica del codice). F 5. Come cambia l operatività del medico prescrittore che utilizza una Scheda Sanitaria Informatica (SSII) integrata al SISS? L operatività, nel caso di SSII integrata al SISS, non cambia: l applicativo del medico, durante l atto prescrittivo, allinea le informazioni anagrafiche dell assistito presenti in Anagrafe Regionale (comprensive anche delle esenzioni per reddito) con quelle contenute nel software locale. Il medico PAG. 11

12 può quindi procedere a inserire tali nuove codifiche oppure il codice a 6 cifre, nel caso il cittadino sia in possesso dell autocertificazione pregressa, qualora l assistito presenti ambedue le codifiche dovrà preferire l utilizzo della nuova. G. INFORMAZIONI UTILI ALL ATTO DELLA ACCETTAZIONE/EROGAZIONE G 1. Come cambia l operatività nella fase di accettazione/erogazione? Fino al 14 settembre 2011 compreso possono pervenire alle strutture erogatrici: a) Prescrizioni in cui il medico ha riportato il nuovo codice di esenzione o il precedente codice a sei cifre fornito dalla ASL a seguito dell autocertificazione effettuata dal cittadino. Il codice viene riconosciuto in fase di prenotazione/erogazione della prestazione, senza che l assistito debba intervenire in alcun modo e senza che la struttura erogatrice debba effettuare alcuna verifica sulla veridicità del codice di esenzione (la verifica viene effettuata dalla ASL). b) Prescrizioni in cui il medico non ha specificato alcunché nella ricetta. In fase di prenotazione/erogazione della prestazione, l assistito appone la propria firma nell apposito spazio, autocertificando il proprio diritto all esenzione e viene biffato il campo contrassegnato con R. L EE eroga quanto prescritto ed i controlli relativi alla veridicità dell autocertificazione rimangono quelli attualmente in vigore. Le modalità precedentemente elencate manterranno la loro validità fino a settembre Dal 15 settembre rimarrà valida, per quanto riguarda la fase prescrittiva, soltanto la modalità a). Rimarrà valida anche la modalità b) limitatamente alle ricette prescritte anteriormente al 15 settembre PAG. 12

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda)

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) LE DOMANDE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) 1. LA NUOVA MODALITÀ 1.1 Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione ticket in base al reddito? 1.2 Da quando, per

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA Istituto Nazionale Previdenza Sociale ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA (articolo 23 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600 e successive modifiche e integrazioni) In base all art. 7, D.L. n. 70/2011 non è più obbligatorio

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

SJ. /.;j.,/!1f l.9-,ç; Prot. D.3Wledel

SJ. /.;j.,/!1f l.9-,ç; Prot. D.3Wledel SJ. '. :! I. l i,... ". ' ~i"ne 'Cumj'oniu f/$eddén&e Prot. D.3Wledel /.;j.,/!1f l.9-,ç; Ai Commissari Straordinari delle Aziende Sanitarie Locali Ai Direttori Generali delle Aziende Ospedaliere Ai Direttori

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

ESENZIONI PER CONDIZIONE ECONOMICA ED ETA

ESENZIONI PER CONDIZIONE ECONOMICA ED ETA Esenzione dalla spesa farmaceutica Tabella Riepilogativa - Modalità di compilazione della a partire dal 1 luglio 2011 ESENZIONI PER CONDIZIONE ECONOMICA ED ETA a carico Esenzione Totale e quota E03 E04

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

Scadenza 26/05/2015 Domanda n

Scadenza 26/05/2015 Domanda n Scadenza 26/05/2015 Domanda n Spazio riservato al Protocollo AL COMUNE DI PESCARA Settore Manutenzioni Servizio Politiche della Casa Il/La sottoscritto/a (Cognome) (Nome) nato/a a prov. il / / cittadinanza

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

GUIDA ALLA DETRAZIONE DELLA SPESA PER I FARMACI

GUIDA ALLA DETRAZIONE DELLA SPESA PER I FARMACI GUIDA ALLA DETRAZIONE DELLA SPESA PER I FARMACI Come si detraggono le spese per l acquisto dei farmaci? Cosa deve contenere lo scontrino fiscale emesso dalla farmacia? A cosa serve la tessera sanitaria?

Dettagli

NOTA BENE. Ad esempio, con riferimento al modello Unico Persone Fisiche 2010 per la dichiarazione dei redditi del 2009:

NOTA BENE. Ad esempio, con riferimento al modello Unico Persone Fisiche 2010 per la dichiarazione dei redditi del 2009: NOTA BENE L articolo 34 della legge 183/10 ha introdotto nuove componenti del reddito da dichiarare, oltre quelle previste dall art. 3, comma 1, delle norme integrate dai D.P.C.M. n. 221/99 e n. 242/01.

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

Modulistica per richiedere le agevolazioni tariffarie di cui alla L.R. n.22/98, da utilizzarsi a cura degli invalidi con tutela, comprendente:

Modulistica per richiedere le agevolazioni tariffarie di cui alla L.R. n.22/98, da utilizzarsi a cura degli invalidi con tutela, comprendente: Modulistica per richiedere le agevolazioni tariffarie di cui alla L.R. n.22/98, da utilizzarsi a cura degli invalidi con tutela, comprendente: Modello finalizzato a richiedere per la 1 volta la tessera

Dettagli

Invalido dal 33% al 73%

Invalido dal 33% al 73% Invalido dal 33% al 73% Definizione presente nel verbale: "Invalido con riduzione permanente della capacità lavorativa in misura superiore ad 1/3 (art. 2, L. 118/1971)". Nel certificato può essere precisata

Dettagli

FONDO PENSIONE TELEMACO DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI

FONDO PENSIONE TELEMACO DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI FONDO PENSIONE TELEMACO DOCUMENTO SULLE ANTICIPAZIONI Art. 1. Norme generali 1.1 Come stabilito dal D.Lgs 252/2005, l Associato può richiedere un anticipazione sulla posizione individuale maturata: a)

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti Domanda per i lavoratori dipendenti Per ottenere il congedo parentale, oltre a possedere i requisiti di legge, è necessario compilare il modulo in tutte le sue parti e consegnarlo sia al datore di lavoro

Dettagli

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi

1. Premessa. 2. Finalità ed obiettivi Allegato B REGOLAMENTO PER LA PREDISPOSIZIONE E PER IL FINANZIAMENTO DELLE IMPEGNATIVE DI CURA DOMICILIARE PER PERSONE CON GRAVE DISABILITÀ PSICHICA ED INTELLETTIVA (ICDp) 1. Premessa La normativa nazionale

Dettagli

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI SI AVVERTE CHE PER LA CORRETTA COMPILAZIONE DEL MOD.COM1, È NECESSARIA UNA PRELIMINARE ATTENTA LETTURA

Dettagli

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE MODULO DOMANDA / NUOVO CAS-SISMA MAGGIO 2012 DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE (Dichiarazione sostitutiva di certificazione e di atto di notorietà resa ai sensi degli artt. 46 e 47

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale

MODELLO 730/2014 redditi 2013 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale MODELLO 730/204 redditi 203 dichiarazione semplificata dei contribuenti che si avvalgono dell'assistenza fiscale Mod. N. Gli importi devono essere indicati in unità di Euro CONFORME AL PROVVEDIMENTO AGENZIA

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2013 IN BASE AL MOD. CUD 2013 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi del CUD che DEVONO essere inseriti nel 730: Reddito lavoro dipendente Punto

Dettagli

Dichiarazione di residenza con provenienza da altro comune. Indicare il comune di provenienza

Dichiarazione di residenza con provenienza da altro comune. Indicare il comune di provenienza DICHIARAZIONE DI RESIDENZA Dichiarazione di residenza con provenienza da altro comune. Indicare il comune di provenienza Dichiarazione di residenza con provenienza dall estero. Indicare lo Stato estero

Dettagli

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3 FAQ 2015 Flusso telematico dei modelli 730-4 D.M. 31 maggio 1999, n. 164 Comunicazione dei sostituti d imposta per la ricezione telematica, tramite l Agenzia delle entrate, dei dati dei 730-4 relativi

Dettagli

ASSISTENZA SANITARIA AGLI STRANIERI NELL ASL di BRESCIA Indicazioni per l applicazione della normativa

ASSISTENZA SANITARIA AGLI STRANIERI NELL ASL di BRESCIA Indicazioni per l applicazione della normativa ASSISTENZA SANITARIA AGLI STRANIERI NELL ASL di BRESCIA Indicazioni per l applicazione della normativa Luglio 2014 Azienda Sanitaria Locale di Brescia DIPARTIMENTO CURE PRIMARIE Direttore: Dr. Fulvio Lonati

Dettagli

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria IMU - che cos'è L IMU si continua a pagare sulle case di lusso (categorie A/1, A/8 e A/9), sulle seconde case e su tutti gli altri immobili (ad esempio laboratori, negozi, capannoni, box non di pertinenza

Dettagli

Divisione Studenti Divisione Studenti ciale Luigi Bocconi Università Commer Guida alla borsa di studio ISU Bocconi

Divisione Studenti Divisione Studenti ciale Luigi Bocconi Università Commer Guida alla borsa di studio ISU Bocconi Divisione Studenti Servizi agli Studenti Divisione Studenti ISU BOCCONI Università Commerciale Luigi Bocconi Guida alla borsa di studio ISU Bocconi Questo documento riassume le caratteristiche principali

Dettagli

BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU

BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU Ai sensi delle seguenti disposizioni: Legge 02.12.1991, n. 390 Articolo 13 D.P.C.M. 09/04/2001 Articolo 4 comma 17 D.P.C.M. 05/12/2013

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA DISPONE Prot. n. 2012/74461 Approvazione del modello di versamento F24 Semplificato per l esecuzione dei versamenti unitari di cui all articolo 17 del decreto legislativo 9 luglio 1997 n. 241 e successive modificazioni

Dettagli

ISTANZA PER L AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER PROCEDIMENTI CIVILI E AMMINISTRATIVI

ISTANZA PER L AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER PROCEDIMENTI CIVILI E AMMINISTRATIVI ISTANZA PER L AMMISSIONE AL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER PROCEDIMENTI CIVILI E AMMINISTRATIVI D.P.R. 30 maggio 2002 n. 115 T.U. delle disposizioni legislative regolamentari in materia di spese di

Dettagli

Certificazione dei redditi - 1/6

Certificazione dei redditi - 1/6 PR O TOC OL L O Mod. RED - COD. AP15 Certificazione dei redditi - 1/6 ALL UFFICIO INPS DI COGNOME NOME CODICE FISCALE NATO/A IL GG/MM/AAAA A PROV. STATO RESIDENTE IN PROV. STATO INDIRIZZO CAP TELEFONO

Dettagli

Le detrazioni d imposta nella busta-paga del lavoratore dipendente

Le detrazioni d imposta nella busta-paga del lavoratore dipendente DIREZIONE GENERALE PER IL PERSONALE CIVILE III REPARTO 7^ DIVISIONE Le detrazioni d imposta nella busta-paga del lavoratore dipendente Dispensa informativa destinata ai dipendenti civili dell Amministrazione

Dettagli

DD I/3 2804 del 06/02/10

DD I/3 2804 del 06/02/10 AREA RECLUTAMENTO E AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE Dirigente Ascenzo FARENTI Coordinatore Dott. Luca BUSICO Unità Amministrazione personale tecnico amministrativo Responsabile Dott. Massimiliano GALLI DD

Dettagli

ISTRUZIONI MOD.COM6BIS

ISTRUZIONI MOD.COM6BIS ISTRUZIONI MOD.COM6BIS COMMERCIO ELETTRONICO 2 AVVERTENZE GENERALI SI AVVERTE CHE PER LA CORRETTA COMPILAZIONE DEL MOD.COM6BIS, È NECESSARIA UNA PRELIMINARE ATTENTA LETTURA DELLA CIRCOLARE, ALLA QUALE

Dettagli

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Modulo "Dichiarazione di residenza" per soggetti senza fissa dimora abituale

Modulo Dichiarazione di residenza per soggetti senza fissa dimora abituale ISSN 1127-8579 Pubblicato dal 12/02/2013 All'indirizzo http://www.diritto.it/docs/34613-modulo-dichiarazione-di-residenza-persoggetti-senza-fissa-dimora-abituale Autori: Modulo "Dichiarazione di residenza"

Dettagli

2 - ISCRIZIONI AD ANNI SUCCESSIVI AL PRIMO

2 - ISCRIZIONI AD ANNI SUCCESSIVI AL PRIMO 2 - ISCRIZIONI AD ANNI SUCCESSIVI AL PRIMO 1. Devo iscrivermi al secondo anno (anni successivi, anni fuori corso) del Corso di Laurea in Giurisprudenza, come devo fare? Nei termini stabiliti dall Ateneo

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015

La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 La perequazione automatica delle pensioni dal 1 gennaio 2015 All'interno: Importo pensioni base; Bonus di 154,94; Quattordicesima sulle pensioni basse; Integrazione al trattamento minimo e integrazione

Dettagli

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013 STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1 ASPETTI DI SISTEMA 2 PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AGLI INDIGENTI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AGLI INDIGENTI CONSORZIO PER LA GESTIONE DEI SERVIZI SOCIO-ASSISTENZIALI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AGLI INDIGENTI (Approvato con Deliberazione dell Assemblea Consortile n. 04 del 28/04/2014)

Dettagli

Normativa generale per la determinazione dei contributi universitari

Normativa generale per la determinazione dei contributi universitari Normativa generale per la determinazione dei contributi universitari Anno Accademico 2014/2015 Milano Piacenza-Cremona Brescia Avvertenze - Sono esclusi gli studenti non comunitari residenti all estero

Dettagli

2. Quali persone sono assoggettate all imposta alla fonte? 3. Quali prestazioni sono assoggettate all imposta alla fonte?

2. Quali persone sono assoggettate all imposta alla fonte? 3. Quali prestazioni sono assoggettate all imposta alla fonte? Kanton Zürich Finanzdirektion Scheda informativa per i dipendenti assoggettati all imposta alla fonte nel Cantone di Zurigo Valida dal 1 gennaio 2015 Kantonales Steueramt Dienstabteilung Quellensteuer

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

Modulistica per richiedere le agevolazioni tariffarie di cui alla L.R. n.22/98, da utilizzarsi a cura dei minori non deambulanti, comprendente:

Modulistica per richiedere le agevolazioni tariffarie di cui alla L.R. n.22/98, da utilizzarsi a cura dei minori non deambulanti, comprendente: Modulistica per richiedere le agevolazioni tariffarie di cui alla L.R. n.22/98, da utilizzarsi a cura dei minori non deambulanti, comprendente: Modello finalizzato a richiedere per la 1 volta la tessera

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo

Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Mod. 730/2013: quadro B e codici utilizzo Come noto, l'imu sostituisce, in caso di immobili non locati, l'irpef e relative addizionali riguardanti i redditi fondiari. Il Mod. 730/2013, è stato di conseguenza

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

Principali tipi di assenza docenti con contratto di lavoro a tempo indeterminato

Principali tipi di assenza docenti con contratto di lavoro a tempo indeterminato Tipo di assenza e fonti A) Ferie Art. 13 CCNL 2007. B) Festività soppr. artt.14 ccnl 2007 e art.1, lett.b, L.937/77 Principali tipi di assenza docenti con contratto di lavoro a tempo indeterminato Durata

Dettagli

DETERMINAZIONE Prot n. 10007 Rep. N. 533 DEL 17 Ottobre 2014. Oggetto: disposizioni relative alle agevolazioni tariffarie nel TPL per l anno 2015.

DETERMINAZIONE Prot n. 10007 Rep. N. 533 DEL 17 Ottobre 2014. Oggetto: disposizioni relative alle agevolazioni tariffarie nel TPL per l anno 2015. Direzione Generale Servizio degli Appalti e gestione dei sistemi di trasporto DETERMINAZIONE Prot n. 10007 Rep. N. 533 DEL 17 Ottobre 2014 Oggetto: disposizioni relative alle agevolazioni tariffarie nel

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE DI DALMINE PER L ATTUAZIONE DEL PIANO DI ZONA DEL SISTEMA INTEGRATO DI INTERVENTI E SERVIZI SOCIALI

AMBITO TERRITORIALE DI DALMINE PER L ATTUAZIONE DEL PIANO DI ZONA DEL SISTEMA INTEGRATO DI INTERVENTI E SERVIZI SOCIALI All ente erogatore dell assistenza educativa del CRE di DOMANDA DI ASSISTENTE EDUCATORE PER LA FREQUENZA CENTRO RICREATIVO ESTIVO (in attuazione della Decreto Regionale n.1961 del 6 marzo 2013) (modulo

Dettagli

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola

Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Utilizzazioni e assegnazioni provvisorie del personale docente, educativo e Ata della scuola Scheda di lettura del contratto annuale integrativo del 15 luglio 2010. Di cosa si tratta Si tratta della possibilità

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

IL NUOVO ISEE. Innovazioni principali: un quadro di sintesi Impatti per enti erogatori e utenti

IL NUOVO ISEE. Innovazioni principali: un quadro di sintesi Impatti per enti erogatori e utenti IL NUOVO ISEE Innovazioni principali: un quadro di sintesi Impatti per enti erogatori e utenti Consorzio MIPA 2 Indice IL NUOVO ISEE: UN QUADRO D'INSIEME Riferimenti del nuovo Isee e ambiti di applicazione

Dettagli

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15)

GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) GENERALI GLOBAL Fondo Pensione Aperto a contribuzione definita Documento sul regime fiscale (ed. 03/15) Allegato alla Nota Informativa Pagina 2 di 8 - Pagina bianca Edizione 03.2015 Documento sul regime

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

2009: il cumulo pensioni + altri redditi

2009: il cumulo pensioni + altri redditi Febbraio 2009 2009: il cumulo pensioni + altri redditi A cura di G. Marcante PREMESSA L art. 19 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112 convertito, con modificazioni, nella legge 6 agosto 2008, n. 133,

Dettagli

GUIDA AI CONTROLLI DA EFFETTUARE PER L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ. (edizione per il 730/2015)

GUIDA AI CONTROLLI DA EFFETTUARE PER L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ. (edizione per il 730/2015) GUIDA AI CONTROLLI DA EFFETTUARE PER L APPOSIZIONE DEL VISTO DI CONFORMITÀ (edizione per il 730/2015) Premessa La presente GUIDA si prefigge lo scopo di dare istruzioni a tutti gli operatori dei CAF aderenti

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

FORMULARIO. Allegato 2) REGIONE TOSCANA. P.O.R. FONDO SOCIALE EUROPEO CRO 2007/2013 anno 2012

FORMULARIO. Allegato 2) REGIONE TOSCANA. P.O.R. FONDO SOCIALE EUROPEO CRO 2007/2013 anno 2012 Allegato 2) REGIONE TOSCANA P.O.R. FONDO SOCIALE EUROPEO CRO 2007/2013 anno 2012 Direzione Generale Competitività del sistema regionale e sviluppo delle competenze FORMULARIO Area Istruzione e educazione

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE E LA CONSEGNA DELLE DOMANDE DI ISCRIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO COMPRENSIVO DI PASIAN DI PRATO Pasian di Prato (UD) - Via Leonardo da Vinci, 23 - C.A.P. 33037 tel/fax: 0432 699954 e-mail: ddpasian@tin.it udic856004@istruzione.it udic856004@pec.istruzione.it

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

1.03 Stato al 1 gennaio 2012

1.03 Stato al 1 gennaio 2012 1.03 Stato al 1 gennaio 2012 Accrediti per compiti assistenziali Base legale 1 Le disposizioni legali prevedono che, per il calcolo delle rendite, possano essere conteggiati anche accrediti per compiti

Dettagli

BANDO DI CONCORSO. Soggiorni e Itinerari Ben-Essere

BANDO DI CONCORSO. Soggiorni e Itinerari Ben-Essere BANDO DI CONCORSO Soggiorni e Itinerari Ben-Essere 2015 Gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali per i pensionati utenti della Gestione Dipendenti Pubblici, i loro coniugi e figli conviventi

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice MATERNITA E CONGEDI PARENTALI Indice Interdizione.pag. 2 Interruzione della gravidanza.pag. 3 Astensione obbligatoria..pag. 4 Astensione obbligatoria della madre....pag. 4 Astensione obbligatoria del padre....pag.

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

BANDO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI STUDIO, SERVIZIO ABITATIVO E PREMIO DI LAUREA. ANNO ACCADEMICO 2014/15

BANDO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI STUDIO, SERVIZIO ABITATIVO E PREMIO DI LAUREA. ANNO ACCADEMICO 2014/15 BANDO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI STUDIO, SERVIZIO ABITATIVO E PREMIO DI LAUREA. ANNO ACCADEMICO 2014/15 2 BANDO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI STUDIO, SERVIZIO ABITATIVO E PREMIO DI LAUREA A.A. 2014/15

Dettagli

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa

Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Titoli di soggiorno che consentono l esercizio di attività lavorativa Per poter lavorare in Italia il cittadino straniero non comunitario deve essere in possesso del permesso di soggiorno rilasciato per

Dettagli

DISABILITÀ E INVALIDITÀ NEL PUBBLICO IMPIEGO. guida alla richiesta di benefici e agevolazioni

DISABILITÀ E INVALIDITÀ NEL PUBBLICO IMPIEGO. guida alla richiesta di benefici e agevolazioni DISABILITÀ E INVALIDITÀ NEL PUBBLICO IMPIEGO guida alla richiesta di benefici e agevolazioni Disabilità e invalidità guida alla richiesta di benefici e agevolazioni ultimi decenni il mondo della disabilità

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

l agenzia in f orma GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI MARZO 2013 aggiornamento

l agenzia in f orma GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI MARZO 2013 aggiornamento l agenzia aggiornamento in f orma MARZO 2013 GUIDA ALLE AGEVOLAZIONI FISCALI PER I DISABILI INDICE I. QUALI SONO LE AGEVOLAZIONI 2 II. LE AGEVOLAZIONI PER IL SETTORE AUTO 4 1. Chi ne ha diritto 4 2. Per

Dettagli

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio

Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Buoni lavoro per lavoro occasionale accessorio Cosa sono I buoni lavoro (o voucher) rappresentano un sistema di pagamento del lavoro occasionale accessorio, cioè di quelle prestazioni di lavoro svolte

Dettagli