GUIDA DI APPROFONDIMENTO DECISIONI CRITICHE PER L INNOVAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO DECISIONI CRITICHE PER L INNOVAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA"

Transcript

1 GUIDA DI APPROFONDIMENTO DECISIONI CRITICHE PER L INNOVAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1

2 SOMMARIO PREMESSA... 3 L INNOVAZIONE NELLE IMPRESE... 3 INNOVAZIONE IN UNA NUOVA IMPRESA: LE IMPRESE START-UP... 4 COME SI GESTISCE L INNOVAZIONE IN UNA START-UP... 7 INNOVAZIONE IN UNA IMPRESA ESISTENTE... 9 RADAR INNOVAZIONE... 9 PROCESSO DELL INNOVAZIONE GENERAZIONE DI IDEE (BRAINSTORMING) REALIZZABILITÀ DELL IDEA SCOUTING TECNOLOGICO SCOUTING BREVETTUALE PROGETTAZIONE COOPERAZIONE BIBLIOGRAFIA

3 PREMESSA Un impresa per avere successo non può prescindere dall innovazione. In questa guida troverai informazioni per capire come la tua impresa può essere innovativa. Potrai inoltre analizzare le diverse componenti della tua impresa per cercare di capire dove e come innovare, come avviare un processo di innovazione dalla generazione delle idee alla loro concretizzazione. L INNOVAZIONE NELLE IMPRESE Il primo passo da compiere per scegliere come innovare è guardare dentro l impresa, capire il suo posizionamento nei confronti dei concorrenti, capire quali sono i valori che la contraddistinguono. Vari sono i sistemi/modelli che aiutano le aziende a fare questa autodiagnosi, in questa guida si propone il modello messo a punto da Mohanbir Sawhney, Robert C., Wolcott e Inigo Arroniz, il cosiddetto Radar dell'innovazione, che mette a confronto 12 differenti dimensioni da cui l impresa può trarre occasioni di innovazione. Dopo aver guardato all interno dell impresa è necessario analizzare il mercato, cioè conoscere gli scenari futuri e capire quindi i reali bisogni dei clienti (sia di quelli già in essere che di quelli appartenenti a nuovi segmenti di mercato). Conoscere a fondo l azienda, il mercato i clienti determina le condizioni necessarie per la creazione di nuovo valore che possa aumentare la soddisfazione del cliente magari riducendo le risorse e i costi associati. Conclusa questa fase è necessario mettere in moto il processo creativo, cioè cercare tutte le idee possibili e selezionare quelle che sembrano più promettenti. Le idee selezionate dovranno essere approfondite con lo sviluppo di uno studio di fattibilità economica e di un business plan attraverso cui stimarne costi e ricavi. L ultimo step è la ricerca di eventuali fonti di finanziamento per la realizzazione dell idea innovativa. 3

4 INNOVAZIONE IN UNA NUOVA IMPRESA: LE IMPRESE START-UP Le start-up si definiscono come l operazione e il periodo durante il quale si forma una impresa. Insomma l avvio di una nuova attività imprenditoriale. Ma non è così semplice perché una start-up è una qualcosa di più complesso, è individuare nuove opportunità di mercato che altri ancora non vedono o non comprendono pienamente. Aspetti normativi delle start-up L'art. 25 del D.L. 18 ottobre 2012, n. 179 chiamato anche Decreto Legge Crescita 2.0 coordinato con la Legge di conversione 17 dicembre 2012, n. 221 recante Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese, prevede l'introduzione nel nostro ordinamento giuridico di un quadro normativo finalizzato alla nascita ed alla crescita di nuove imprese innovative (start-up innovativa). Questa legge è importante per: favorire la crescita sostenibile, lo sviluppo tecnologico e l'occupazione, in particolare giovanile; contribuire allo sviluppo di nuova cultura imprenditoriale, alla creazione di un contesto maggiormente favorevole all'innovazione; promuovere maggiore mobilità sociale e attrarre in Italia talenti, imprese innovative e capitali dall'estero. In favore della start-up innovativa sono previste una serie di esenzioni ai fini della costituzione ed iscrizione dell'impresa nel Registro delle Imprese, agevolazioni fiscali, nonché deroghe al diritto societario e una disciplina particolare nei rapporti di lavoro nell'impresa. In particolare: esonero dal pagamento dell'imposta di bollo e dei diritti di segreteria dovuti per l'iscrizione nel Registro delle Imprese nonché dal pagamento del diritto annuale dovuto alle Camere di Commercio; possibilità di assumere personale con contratti a tempo determinato della durata minima di 6 mesi e massima di 36 mesi. All'interno di questo arco temporale, i contratti potranno essere anche di breve durata e rinnovati più volte. Dopo 36 mesi, il contratto potrà essere ulteriormente rinnovato una sola volta, per un massimo di altri 12 mesi, e quindi fino ad arrivare complessivamente a 48 mesi. Dopo questo periodo, il collaboratore potrà continuare a lavorare in start-up solo con un contratto a tempo indeterminato; 4

5 la start-up potrà remunerare i propri collaboratori con stock option cioè opzioni che danno il diritto di acquistare azioni della società, se quotata, ad un determinato prezzo d'esercizio (detto strike), e i fornitori di servizi esterni come ad esempio gli avvocati e i commercialisti attraverso il work for equity, cioè con pagamento con la partecipazione al capitale. Il regime fiscale e contributivo che si applica a questi strumenti è vantaggioso e concepito su misura rispetto alle esigenze tipiche di una start-up; credito d'imposta la start-up godrà di un accesso prioritario alle agevolazioni per le assunzioni di personale altamente qualificato; introduzione di incentivi fiscali per investimenti in start-up provenienti da aziende e privati per gli anni 2013, 2014 e Gli incentivi valgono sia in caso di investimenti diretti in start-up, sia in caso di investimenti indiretti per il tramite di altre società che investono prevalentemente in start-up. Il beneficio fiscale è maggiore se l'investimento riguarda le start-up a vocazione sociale e quelle che operano nel settore energetico; introduzione del crowdfunding, cioè il processo di finanziamento collaborativo tramite cui un gruppo di persone ripone la propria fiducia versando somme di denaro per supportare la start-up. Il crowdfunding verrà regolamentato dalla Consob; Accesso semplificato, gratuito e diretto per le start-up al Fondo Centrale di Garanzia, un fondo governativo che facilita l'accesso al credito attraverso la concessione di garanzie sui prestiti bancari. Gli incubatori certificati possono beneficiare dello stesso trattamento speciale riservato alle start-up; Sostegno ad hoc nel processo di internazionalizzazione delle start-up da parte dell'agenzia ICE (Agenzia governativa per la promozione all Estero e l internazionalizzazione delle imprese italiane). Il sostegno include l'assistenza in materia normativa, societaria, fiscale, immobiliare, contrattualistica e creditizia, l'ospitalità a titolo gratuito alle principali fiere e manifestazioni internazionali, e l'attività volta a favorire l'incontro delle startup innovative con investitori potenziali per le fasi di early stage capital (cioè finanziamenti per la formazione del capitale iniziale delle start up) e di capitale di espansione. Vediamo quali sono i requisiti per essere una Start Up secondo questa normativa. 1) È una società di capitali di diritto italiano, costituita anche in forma cooperativa, o società europea avente sede fiscale in Italia, che ha come oggetto sociale esclusivo o prevalente: lo sviluppo, la produzione e la commercializzazione di prodotti o servizi innovativi ad alto valore tecnologico. 5

6 2) Al momento della costituzione e nei 24 mesi successivi, la maggioranza delle quote o azioni del capitale sociale e dei diritti di voto nell'assemblea ordinaria dei soci è detenuta da persone fisiche. 3) È costituita e svolge attività d'impresa da non più di 48 mesi dalla data di presentazione della domanda. 4) Ha la sede principale dei propri affari e interessi in Italia. 5) A partire dal secondo anno di attività della start-up innovativa, il totale del valore della produzione annua, così come risultante dall'ultimo bilancio approvato entro sei mesi dalla chiusura dell'esercizio, non è superiore a 5 milioni di euro. 6) Non distribuisce e non ha distribuito utili. 7) Non è stata costituita da una fusione, scissione societaria o a seguito di cessione di azienda o di ramo di azienda. 8) Le spese in ricerca e sviluppo sono uguali o superiori al 20 per cento del maggiore valore fra costo e valore totale della produzione della start-up innovativa. 9) Impiego come dipendenti o collaboratori a qualsiasi titolo, in percentuale uguale o superiore al terzo della forza lavoro complessiva, di personale in possesso di titolo di dottorato di ricerca o che sta svolgendo un dottorato di ricerca presso un'università italiana o straniera, oppure in possesso di laurea e che ha svolto, da almeno tre anni, attività di ricerca certificata presso istituti di ricerca pubblici o privati, in Italia o all'estero. 10) È titolare o depositaria o licenziataria di almeno una privativa industriale relativa a una invenzione industriale, biotecnologica, a una topografia di prodotto a semiconduttori o a una nuova varietà vegetale direttamente afferenti all'oggetto sociale e all'attività d'impresa. 6

7 COME SI GESTISCE L INNOVAZIONE IN UNA START-UP DECISIONI CRITICHE PER L INNOVAZIONE La mia idea è realmente innovativa? Che genere di innovazione si tratta? Di prodotto? Di processo? Incrementale? Radicale? Quali i percorsi per dar corpo alla mia idea? In generale due sono le strade: 1) sviluppare l attività di ricerca e sviluppo all interno dell impresa (MAKE); 2) acquisire know how dall esterno (BUY). La scelta di sviluppo interno dell innovazione (MAKE) avviene quando l impresa: necessita di controllare le risorse che maggiormente contribuiscono alla creazione di valore e vantaggio competitivo nel business in cui opera l impresa (core business): questo significa prendere decisioni su come orientare le risorse a fini specifici e come limitare l accesso dei competitor alle stesse risorse; può sfruttare economie di scopo, ovvero può disporre già di conoscenze, anche se parziali, necessarie allo sviluppo dell innovazione. La scelta MAKE è quindi particolare in quanto, soprattutto le piccole e medie imprese (PMI), non hanno le strutture e le forze per poter fare R&D (Ricerca e Sviluppo) in azienda, sia per gli alti costi che per i tempi lunghi di cui queste attività hanno necessità. Allora può essere utile, soprattutto per le start up, ma non solo, approcciare direttamente una strategia di tipo BUY. Tale scelta impone due linee di azione: 1) acquisizione di tecnologie tramite acquisto di brevetti, licenze o per imitazione (acquisendo, evidentemente apportando alcune modifiche, un prodotto o un processo che si ritiene innovativi e cercando, naturalmente, di non cadere sotto i vincoli della proprietà intellettuale); 2) acquisizione di tecnologie dall esterno, per esempio stipulando contratti per R&D con Università e centri di ricerca pubblici e privati, oppure stipulando accordi per sviluppare prodotti e/o processi con altre imprese. Questa scelta comporta: la riduzione del rischio, in quanto questo viene condiviso con altri; ridurre il time-to-market cioè il tempo che intercorre tra l ideazione del prodotto e la sua commercializzazione; 7

8 flessibilizzazione dei costi (da costi fissi a costi variabili); DECISIONI CRITICHE PER L INNOVAZIONE possibilità di sfruttare i meccanismi di mercato per definire il prezzo della transazione; ottimizzazione delle risorse, esternalizzando le attività marginali e concentrandosi su quelle principali dell azienda. L innovazione si può acquisire in vari modi: acquisizione di un altra impresa per possederne rapidamente le risorse (acquisizione); assunzione di esperti in una disciplina o acquisizione di una piccola impresa per ottenere rapidamente know-how (educational acquisition); fusione con altra/e impresa che possiede una risorsa di interesse per far nascere una nuova impresa (merger); accordo di collaborazione con altre imprese nella creazione di una nuova impresa volta a generare una certa risorsa (joint venture); acquisizione di licenze per lo sfruttamento di una risorsa (tecnologia, marchio) (licensing); acquisizione di una quota di minoranza di azioni di un altra impresa che possiede le risorse di interesse (minority equity); definizione di un piano di azioni congiunto fra due o più imprese basato sullo sfruttamento di risorse proprie per il raggiungimento di benefici condivisi (partnership o consorzio se sono più di due imprese); condivisione di risorse fra più imprese che collaborano tra loro anche senza alcun accordo formale (network dinamico); acquisizione di capacità produttiva (subfornitura progettazione) senza significativo scambio di know-how (outsourcing); acquisizione delle risorse incorporate in beni/servizi tramite transazioni di mercato (buy). 8

9 INNOVAZIONE IN UNA IMPRESA ESISTENTE DECISIONI CRITICHE PER L INNOVAZIONE Un impresa esistente spesso ha una visione molto ristretta della innovazione identificandola esclusivamente come sviluppo di nuovi prodotti e come attività di ricerca e sviluppo. Chi ha questa concezione di innovazione rischia di perdere terreno nei confronti di quei concorrenti che sanno fare innovazione quotidianamente utilizzando tutti gli strumenti a propria disposizione. Per poter fare business innovation occorre quindi cambiare una o più dimensioni del proprio sistema aziendale. Per capire il concetto di dimensione aziendale, occorre fare riferimento al lavoro degli studiosi Mohanbir Sawhney, Robert C. Wolcott e Inigo Arroniz The 12 Different Ways for Companies to Innovate che propongono una sorta di mappa (radar dell innovazione) in cui vengono indicate tutte le direzioni verso le quali un azienda può indirizzare la propria innovazione. Questo significa che l azienda, per poter fare business innovation deve saper creare nuovo valore in modo creativo sia per i propri clienti che per l azienda stessa riuscendo a cambiare una o più dimensioni del proprio sistema aziendale. L innovazione è rilevante solo se crea valore per se e per i propri clienti infatti sono i clienti che alla fine danno valore a quella innovazione mettendo mano al proprio portafogli. RADAR INNOVAZIONE L innovazione richiede una attenta valutazione di tutti gli aspetti di un business: puoi avere anche un ottimo prodotto ma se il tuo canale di distribuzione non è all altezza non avrà il successo che merita. Occorre quindi avere una visione a 360 della tua impresa considerandone tutte le dimensioni. Quali sono quindi queste dimensioni? Sawhney, Wolcott e Arroniz propongono il cosiddetto Radar dell innovazione. 9

10 Offerta Marchio Piattaforma Presenza Soluzioni Fornitori Clienti Organizzazione Esperienza del cliente Processo Creazione del valore Fig. 1 (The radar innovation. Mohanbir Sawhney, Robert C. Wolcott and Inigo Arroniz, 2006) Funziona proprio come una mappa in cui vengono indicate tutte le direzioni verso le quali un azienda può indirizzare la propria innovazione. Esso si sviluppa su quattro dimensioni chiave: 1. CREA (Offering:risponde alla domanda: cosa?), offerta della società; 2. CLIENTI (Customers: risponde alla domanda chi?), i clienti che la società serve; 3. PROCESSI (Processes: risponde alla domanda come?), i processi che vengono impiegati in azienda; 4. PRESENZA (Presence: risponde alla domanda dove?), i punti dove rendere disponibili i propri prodotti nel mercato. Oltre queste quattro chiavi abbiamo altre 8 dimensioni: piattaforma, soluzioni, esperienze dei clienti, creazione del valore, organizzazione, fornitori, rete, marchio. In sintesi il radar identifica le direzioni verso le quali orientare gli sforzi di innovazione: OFFERTA, creazione di nuovi prodotti/processi/servizi; PIATTAFORMA (O STANDARDIZZAZIONE), introduzione di componenti comuni, metodi di assemblaggio o tecnologie che costituiscono un insieme di prodotti o servizi; 10

11 SOLUZIONI, insieme di prodotti, servizi, informazioni che rispondono a esigenze specifiche dei clienti; CLIENTI, innovare lungo questa dimensione significa trovare nuovi segmenti di clienti oppure bisogni non ancora soddisfatti o percepiti; ESPERIENZA DEL CLIENTE, Innovare qui significa rivedere le interazioni tra cliente e azienda a tutti i livelli in modo da rispondere meglio alle esigenze del cliente; CREAZIONE DEL VALORE, ridefinire il modo con cui l azienda viene pagata o creare nuove tipologie di flussi di entrata; PROCESSO, riprogettare i processi interni di un azienda per ottenere maggiore efficacia, efficienza, qualità; ORGANIZZAZIONE, ridefinire lo scopo della impresa, i ruoli all interno di essa, cioè il modo in cui essa è organizzata e le relative responsabilità; FORNITORI, migliorare il flusso di informazioni attraverso la catena di rifornimento, intendendo questa come l insieme della attività e degli agenti che si occupano del trasferimento di beni, servizi e informazioni dalla fonte al consumatore finale; PRESENZA, creazione di nuovi punti di presenza (canali di distribuzione, punti vendita); RETE, è il collegamento tra l azienda e i suoi prodotti con i clienti e i fornitori; MARCHIO, simboli, parole, contrassegni attraverso cui l azienda trasmette il proprio prodotto/servizio al cliente. Come esempio di utilizzo del Radar, si consideri l introduzione sul mercato dell Ipod della Apple. Per tale prodotto la Apple, nell ambito del Radar, ha preso in considerazione non solo le dimensioni offerta e piattaforma (quindi il nuovo prodotto e metodi di assemblaggio) ma anche i fornitori, la presenza (avere a disposizione e in modo portatile intere raccolte di musica, foto, video), collegamento in rete (Interfacciandosi con sistemi windows e Mac), value capture (utilizzo di itunes per la vendita di musica) e la marca (estendendo il marchio Apple). Tradizionalmente, la maggior parte delle strategie di innovazione delle imprese sono il risultato di semplice inerzia ("questo è quello su cui abbiamo sempre innovato") o consuetudine industriale ("così è come innovano tutti"). Ma quando una società identifica e persegue dimensioni di innovazione trascurate, è possibile cambiare la base di concorrenza e lasciare altre imprese in netto svantaggio, perché ogni dimensione richiede un insieme di competenze diverse che non possono essere sviluppate o acquisite in breve 11

12 tempo. E innovare lungo una dimensione influenza spesso le scelte rispetto ad altre dimensioni. È inoltre possibile utilizzare il radar dell innovazione come Benchmarking delle concorrenti in grado di rivelare i punti di forza e di debolezza di ciascuna società nonché eventuali opportunità. Offerta Marchio Piattaforma Presenza Fornitori Soluzioni Clienti Azienda 1 Azienda 2 Organizzazione Esperienza del cliente Processo Creazione del valore Nel diagramma in figura abbiamo messo a confronto due aziende che hanno evidentemente fatto delle scelte molto chiare: l azienda 1 ha maggiormente indirizzato i propri sforzi sull innovazione nella propria organizzazione, mentre l azienda 2 su nuovi prodotti/processi. 12

13 PROCESSO DELL INNOVAZIONE Il processo che porta all innovazione può essere suddiviso in tre fasi successive: 1) ANALISI analizzare la propria impresa, la sua identità e la sua potenzialità. analizzare gli scenari futuri del proprio mercato; attraverso un processo creativo cercare tutte le idee possibili. 2) PROGETTAZIONE generare e selezionare le idee che sembrano essere promettenti; approfondire le idee più promettenti, attraverso uno studio di fattibilità tecnica ed economica. 3) VALUTAZIONE fare un business plan per l implementazione dell idea, stimandone i costi ed i ricavi; cercare le fonti di finanziamento per la nuova idea. GENERAZIONE DI IDEE (BRAINSTORMING) Il centro di tutta l attività innovativa è la generazione di idee. Si vuole proporre qualcosa di nuovo al mercato che risponda a delle esigenze specifiche dei nostri clienti. Come fare? L approccio può essere: avere una singola idea, valutarne i pro e i contro, decidere di approfondire e portarla avanti; considerare una serie di idee in poco tempo, fare una prima selezione basandosi su criteri qualitativi; sulle idee rimaste fare un ragionamento più complesso e individuare l idea da concretizzare. Per compiere queste operazioni è necessario avere collaborazione all interno e all esterno dell azienda. 13

14 Un modo di procedere è il Brainstorming: un gruppo di discussione eterogeneo e competente, cioè proveniente da settori diversi dell azienda o esterni e con nozioni almeno di base sul problema da affrontare. All interno del brainstorming si fa una ricerca sistematica delle nuove idee da sviluppare: è la fase creativa vera e propria dove le idee possono essere anche tra le più strampalate ma sulle quali successivamente si costruiscono delle idee più realistiche. Si affinano quindi le idee, cioè si individuano quelle che sembrano più concrete e a cui si può dedicare tempo, risorse e persone. Individuate le idee si devono comparare e confrontare. Il confronto verrà fatto in base alle potenzialità, ossia al successo sul mercato, e alla fattibilità, cioè alla realizzabilità dell idea. Graficamente si può avere la situazione seguente: ALTA POTENZIALITÀ BASSA FATTIBILITÀ ALTA POTENZIALITÀ ALTA FATTIBILITÀ Potenzialità BASSA POTENZIALITÀ BASSA FATTIBILITÀ BASSA POTENZIALITÀ ALTA FATTIBILITÀ Fattibilità Fig. 2 Quadrante valore 14

15 Bassa potenzialità / bassa fattibilità Le idee posizionate in questo quadrante corrispondono ad una difficile realizzabilità e a scarsa rispondenza ai bisogni del mercato, sono quindi da eliminare perché si tratta di idee non perseguibili. Bassa potenzialità / alta fattibilità In questo quadrante le idee possono essere alla portata dell azienda che ha le conoscenze/competenze/risorse per realizzarli quindi sono fattibili, facili da portare a compimento. In genere sono riferibili ad innovazioni di tipo incrementale ma non hanno grande impatto nel mercato, non stravolgono il business dell azienda. E quello che l azienda dovrebbe comunque fare, cioè migliorare costantemente i propri prodotti e processi per garantirsi una stabilità nel mercato. Alta potenzialità/ alta fattibilità Di solito in questo quadrante vanno a finire quelle idee che sono ipoteticamente alla portata dell azienda, quindi fattibili, e rispondono ai bisogni del mercato. Ma qui occorre fare maggiore attenzione in quanto potrebbe essere una idea o già sviluppata da altri o fattibile di plagio, cioè facilmente copiabile e quindi aprire un mercato per gli altri competitor. l nuovo, potrebbe aprire un mercato agli altri competitor? Occorre quindi fare un attenta analisi di mercato e se l idea è veramente originale predisporre quanto serve per la sua protezione (brevetti, copyright). Alta potenzialità/ bassa fattibilità Le idee posizionate in questo quadrante possono avere un alto riscontro sul mercato, ma presentano difficoltà nella realizzazione. Sono quelle che ci portano maggiormente alla sfida per l innovazione. Per poterle realizzare occorrono nuove tecnologie, risorse ingenti per lo sviluppo, la prototipazione, la brevettazione. Oppure nuovi canali di vendita, altre risorse interne, una rete di commercializzazione. REALIZZABILITÀ DELL IDEA Una volta sviluppata l idea occorre valutare la sua realizzabilità attraverso vari elementi: 1) definizione requisiti tecnici economici del nuovo prodotto/processo (scouting tecnologico per capire se è fattibile); 2) valutazione dell originalità del prodotto e quindi eventuale brevettazione (scouting brevettuale); 15

16 3) analisi delle risorse interne ed esterne per sviluppare il progetto (ridistribuzione delle competenze in aziende e/o acquisizione di nuove figure professionali o collaborazione con realtà esterne); 4) definizione di eventuali collaborazioni con partner tecnico scientifici che sostengano l azienda nell impiego di nuove tecnologie; 5) definizione di costi e tempi di sviluppo del progetto e della sua industrializzazione (competenze e macchinari necessari per la realizzazione del prodotto e valutarne i costi di investimento e i tempi dei possibili flussi positivi di cassa); 6) analisi del mercato, si valutano la domanda, la possibile concorrenza e la capacità di mantenere il prodotto nel mercato, da qui si definiranno quantità e prezzo di vendita e quindi i possibili ricavi e i tempi di rientro dei capitali investiti; 7) stesura del progetto di dettaglio, occorre calendarizzare tutte quelle operazioni che portano alla realizzazione dell idea o prodotto (diagramma di gantt). ale sistema permette di pianificare, coordinare e tracciare le singole attività, illustrandone lo stato di avanzamento nel tempo. A ciascuna attività verrà attribuito un inizio ed un termine, un costo e le risorse occorrenti; 8) definizione di un modello di business, cioè la creazione di una struttura strategica e organizzativa che permetta all azienda di acquisire vantaggio competitivo generando valore. È importante e necessario sottolineare che le suddette fasi sono messe secondo una certa sequenza logica per una maggiore comprensione ma ognuna deve essere necessariamente ben valutata e comunque è suscettibile di revisione. Prima di iniziare la realizzazione di una idea occorre essere certi che questa sia fattibile tecnicamente e sostenibile economicamente. SCOUTING TECNOLOGICO Lo scouting tecnologico è importante in quanto permette di acquisire informazioni dettagliate su una specifica tecnologia necessaria per il processo di innovazione. È uno studio che società e professionisti offrono alle aziende, tramite ricerche approfondite e sistematiche di know-how e documentazioni tecnico-scientifiche. In base a questi studi l azienda può: disporre di un quadro chiaro ed approfondito sulla tecnologia di interesse; identificare quali sono le aziende più innovative che utilizzano tale tecnologia; 16

17 fare un paragone con i prodotti più innovativi presenti sul mercato o in fase di precommercializzazione; identificare i principali centri di competenza che operano nel settore. SCOUTING BREVETTUALE Lo scouting brevettuale permette di capire l originalità di una innovazione e quindi la sua potenziale brevettabilità studiando il posizionamento tecnologico delle aziende concorrenti (competitors). Consiste nelle seguenti componenti: analisi dei competitors; definizione del portafoglio brevettuale; monitoraggio dei trend tecnologici; individuazione e analisi delle correlazioni esistenti fra le tecnologie sviluppate dai competitors; individuazione delle strategie di r&d dei competitors; analisi delle aree tecnologiche; individuazione dei key players e delle relative strategie; individuazione di networks tra key-players; individuazione di competenze. PROGETTAZIONE La progettazione è la fase più delicata in cui bisogna prevedere per ogni azione tempi di attuazione e costi. Quindi una buona pianificazione e gestione del progetto è alla base del successo della nostra idea innovativa. I progetti hanno anche essi un proprio ciclo di vita che generalmente è identificato da una serie di fasi e azioni che aiutano alla gestione efficace del nostro progetto. Ognuna di queste fasi ha come fine la produzione di uno o più oggetti (deliverables), che possono essere per es. lo studio di fattibilità, il progetto di dettaglio o il prototipo funzionante, oggetti questi che chiaramente devono essere tangibili e verificabili. Al termine di ogni fase si deciderà se quel dato oggetto ci soddisfa oppure dobbiamo apportare delle modifiche. 17

18 La linea di progettazione o meglio il numero e la tipologia delle fasi non sono sempre le stesse ma possono variare a seconda del tipo di innovazione che si vuole portare avanti. Un tipico progetto di innovazione nel campo industriale può essere costituito dalle seguenti fasi: 1) fattibilità, al termine di questa fase si decide se procedere oppure no; 2) pianificazione, definizione di massima di attività, tempi, costi, scadenze; 3) produzione,la messa in opera dell impianto o del processo; 4) collaudo. Diverso invece è il ciclo di progetto nella ricerca farmaceutica: 1) ricerca e screening. studi e ricerca sia di base che applicata per la scoperta di particolari molecole messe alla base di un farmaco per il trattamento di particolari patologie. 2) sviluppo pre-clinico. test di laboratorio per determinare efficacie e sicurezza del farmaco, a valle dei quali si avvieranno le procedure per la sperimentazione clinica. 3) sperimentazione. analisi cliniche (tossicità, metabolismo, efficacia) e legate al processo produttivo (costi, stabilità del principio attivo ). questa fase termina con la definizione finale della formula del farmaco. 4) postsubmission. attività di supporto finalizzate all ottenimento dell approvazione ministeriale al commercio del farmaco. In tutte le tipologie di progettazione comunque è naturalmente previsto, durante tutto lo svolgimento del progetto stesso, una serie di azioni di coordinamento e pianificazione (processi di pianificazione, processi esecutivi e di controllo) che il team di progetto deve seguire passo dopo passo. Compito del project manager, cioè del responsabile di tutto il ciclo di progettazione è quello di saper integrare e mediare tra tutti i vari processi: dedicare troppe risorse ad una singola fase potrebbe distogliere l attenzione dalle altre. È necessario far fronte alle specifiche in termini di tempo, costi e qualità del risultato (è il cosiddetto triplo vincolo). 18

19 COOPERAZIONE DECISIONI CRITICHE PER L INNOVAZIONE L innovazione non è solo l idea geniale dell imprenditore ma piuttosto una sfida che riguarda tutta l azienda e tutte le persone che vi lavorano: dall imprenditore, ai dirigenti, a ogni collaboratore. Ognuno è invitato, a partire dalle proprie esperienze e conoscenze, a contribuire all innovazione in tutti gli ambiti e in tutte le attività dell impresa, per renderla più stabile e più interessante per i clienti. Il percorso indicato in questa guida mette in luce la necessità, soprattutto in alcune fasi chiave del processo innovativo, di partner esperti in vari settori che aiutino l impresa a compiere il passo giusto al momento giusto. È necessario ricercare dei partner nel territorio dove opera l azienda, siano essi aziende, istituzioni, professionisti, con i quali sviluppare una duratura cooperazione e che accompagnino l imprenditore in ogni fase di realizzazione del progetto innovativo. In particolare nella fase di analisi e progettazione sarà necessario usufruire dei servizi di società di consulenza per l innovazione, di ricerca di mercato, e di università e/o centri di ricerca pubblici e privati specifici al proprio settore. Nella fase di Valutazione per mettere a fuoco l idea da realizzare (per esempio, per conoscere l offerta già presente sul mercato) oltre che le già citate società di consulenza per l innovazione, centri di ricerca e società di ricerche di mercato sono necessari anche gli apporti di studi di deposito brevetti/patent licensing, studi legali per la proprietà intellettuale. Per la realizzazione dell idea invece è necessario appoggiarsi a studi di progettazione, studi di prototipazione, laboratori di prova e di test, società per il supporto al trasferimento tecnologico. Per finanziare l idea è invece consigliabile rivolgersi a: società per il supporto alla finanza agevolata, società per il supporto a finanziamenti a credito o a capitale di rischio, fondi di venture capital, seed capital o società di gestione del risparmio che gestiscono fondi 19

STARTUP SOCIALI. di Carmen Morrone

STARTUP SOCIALI. di Carmen Morrone STARTUP SOCIALI di Carmen Morrone Sono il fenomeno dell anno: le start up innovative in Italia sfiorano quota 2mila e crescono al ritmo di una trentina a settimana. Fra queste ci sono anche quelle a vocazione

Dettagli

Executive summary della nuova normativa sulle startup

Executive summary della nuova normativa sulle startup Executive summary della nuova normativa sulle startup Dicembre 2012 2 Fare dell Italia la prossima startup nation Il 4 ottobre 2012 il Consiglio dei Ministri ha approvato il Decreto Legge contenente Ulteriori

Dettagli

START-UP INNOVATIVA SCALABRINI CADOPPI & ASSOCIATI DOTTORI COMMERCIALISTI E REVISORI CONTABILI

START-UP INNOVATIVA SCALABRINI CADOPPI & ASSOCIATI DOTTORI COMMERCIALISTI E REVISORI CONTABILI ! SCALABRINI CADOPPI & ASSOCIATI DOTTORI COMMERCIALISTI E REVISORI CONTABILI START-UP INNOVATIVA! Adempimenti amministrativi ed informazioni legali sulle nuove imprese dedicate all innovazione! (Legge

Dettagli

Unioncamere Emilia-Romagna

Unioncamere Emilia-Romagna Start up innovative Unioncamere Emilia-Romagna L introduzione delle start up innovative nel nostro ordinamento -Con il Dl Lavoro (DL n. 76/2013), convertito con modificazioni nella Legge 9 agosto 2013

Dettagli

Executive summary della normativa sulle startup innovative

Executive summary della normativa sulle startup innovative Executive summary della normativa sulle startup innovative Gennaio 2014 2 Fare dell Italia la prossima startup nation Il 4 ottobre 2012 il Consiglio dei Ministri ha approvato il Decreto Legge contenente

Dettagli

Start up innovativa. 6. La remunerazione con strumenti finanziari della start up innovativa e dell incubatore certificato

Start up innovativa. 6. La remunerazione con strumenti finanziari della start up innovativa e dell incubatore certificato Start up innovativa di Leonardo Serra Con il termine start up innovativa, si definisce la società di capitali, costituita anche in forma cooperativa, di diritto italiano ovvero la società europea residente

Dettagli

Scheda di sintesi a sostegno delle startup innovative. 26 agosto 2014 Ministero dello Sviluppo economico Segreteria tecnica del Ministro

Scheda di sintesi a sostegno delle startup innovative. 26 agosto 2014 Ministero dello Sviluppo economico Segreteria tecnica del Ministro Scheda di sintesi a sostegno delle startup innovative 26 agosto 2014 Ministero dello Sviluppo economico Segreteria tecnica del Ministro Una nuova politica industriale per lo sviluppo e la competitività

Dettagli

START UP INNOVATIVE ED INCUBATORI CERTIFICATI

START UP INNOVATIVE ED INCUBATORI CERTIFICATI START UP INNOVATIVE ED INCUBATORI CERTIFICATI 1 DEFINIZIONE START UP INNOVATIVE L impresa start up innovativa è la società di capitali, costituita anche in forma di cooperativa, che possiede i seguenti

Dettagli

OGGETTO: Circolare 14.2015 Seregno, 29 Agosto 2015

OGGETTO: Circolare 14.2015 Seregno, 29 Agosto 2015 OGGETTO: Circolare 14.2015 Seregno, 29 Agosto 2015 START-UP INNOVATIVE Le start-up innovative sono imprese innovative ad alto valore tecnologico introdotte con il decreto legge 18 Ottobre 2012 n 179, aventi

Dettagli

RIPRODUZIONE RISERVATA

RIPRODUZIONE RISERVATA 1. Premessa. Di seguito è riportata una sintetica illustrazione della disciplina della start-up innovativa introdotta dal c.d. Decreto Crescita 2.0, ossia il Decreto Legge 18 ottobre 2012, n. 179, recante

Dettagli

Per le piccole e medie imprese nasce un nuovo regime agevolato PMI innovative

Per le piccole e medie imprese nasce un nuovo regime agevolato PMI innovative Ai gentili clienti Loro sedi Per le piccole e medie imprese nasce un nuovo regime agevolato PMI innovative Con il DL n. 3 del 24.01.2015 il legislatore ha introdotto nel nostro ordinamento un nuovo regime

Dettagli

START UP INNOVATIVA REQUISITI

START UP INNOVATIVA REQUISITI Il decreto legge n. 179/12 (convertito con legge n. 221/12) istituisce e disciplina una nuova tipologia di impresa: la start-up innovativa, il cui oggetto, esclusivo o prevalente, è lo sviluppo, la produzione

Dettagli

1^ edizione regionale REGOLAMENTO INDICE

1^ edizione regionale REGOLAMENTO INDICE 1^ edizione regionale REGOLAMENTO INDICE 1. Definizione del progetto e obiettivi 2. Destinatari 3. Progetti ammissibili 4. Servizi offerti e premi 5. Termini e modalità di presentazione della domanda 6.

Dettagli

DIVENTA IMPRENDITORE DI TE STESSO

DIVENTA IMPRENDITORE DI TE STESSO DIVENTA IMPRENDITORE DI TE STESSO 1 CICLO DI SEMINARI PER CREARE NUOVE IMPRESE CAMERA DI COMMERCIO DI REGGIO EMILIA STARTUP INNOVATIVE ALBERTO PERONI MARTEDI 28 OTTOBRE 2014 Cosa sono le STARTUP INNOVATIVE?

Dettagli

Come iniziare, cosa fare e le opportunità da cogliere per una start up innovativa

Come iniziare, cosa fare e le opportunità da cogliere per una start up innovativa Come iniziare, cosa fare e le opportunità da cogliere per una start up innovativa LA START UP COME PROGETTO Dott. Fabrizio Salusest MEMBRO DELLA COMMISSIONE NAZIONALE DI STUDIO SULLA FINANZA INNOVATIVA

Dettagli

La nuova nozione di start up innovativa

La nuova nozione di start up innovativa 17 Luglio 2013, ore 10:29 DL Lavoro Decreto lavoro: le novità sulle start up innovative Il Decreto-Legge n. 76 del 28 giugno 2013 (c.d. Decreto Lavoro), con l obiettivo d innescare un inversione di tendenza

Dettagli

NEWSLETTER N 1/13 DECRETO SVILUPPO BIS : LE START-UP INNOVATIVE

NEWSLETTER N 1/13 DECRETO SVILUPPO BIS : LE START-UP INNOVATIVE NEWSLETTER N 1/13 DECRETO SVILUPPO BIS : LE START-UP INNOVATIVE Riferimenti: - Dl. 179/2012 Decreto Sviluppo Bis e relativa legge di conversione 221/2012 Con la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale n.

Dettagli

Le misure a sostegno delle start up e PMI innovative - Investment Compact. Enrico Martini Segreteria tecnica del Ministro

Le misure a sostegno delle start up e PMI innovative - Investment Compact. Enrico Martini Segreteria tecnica del Ministro Le misure a sostegno delle start up e PMI innovative - Investment Compact Enrico Martini Segreteria tecnica del Ministro Perché le startup innovative sono importanti? Diffusione di una cultura dell innovazione

Dettagli

Siamo (ri) partiti da.

Siamo (ri) partiti da. Siamo (ri) partiti da... Piano d azione 2020 per l imprenditorialità della Commissione Europea del gennaio 2013 afferma : Per riportare l Europa sul sentiero della crescita e su più alti livelli occupazionali

Dettagli

Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese. (12G0201) -------------------- Vigente al: 17-3-2015 ------------------------ Sezione IX

Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese. (12G0201) -------------------- Vigente al: 17-3-2015 ------------------------ Sezione IX DECRETO-LEGGE 18 ottobre 2012, n. 179 Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese. (12G0201) -------------------- Vigente al: 17-3-2015 ------------------------ Sezione IX Misure per la nascita

Dettagli

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI Varese, 8 febbraio 2013 LA START-UP INNOVATIVA E INCUBATORE CERTIFICATO SCADENZA 16.02.2013 Gli articoli dal 25 al 32 del D.L. 18 ottobre 2012, n. 179, convertito

Dettagli

START UP INNOVATIVE. Dr. Sabino Barbarossa. Le Start Up Innovative

START UP INNOVATIVE. Dr. Sabino Barbarossa. Le Start Up Innovative START UP INNOVATIVE Dr. Sabino Barbarossa Circolare n. 11 del 06 maggio 2013 L ASSONIME (Associazione fra le Società Italiane per Azioni), ha fornito una serie di chiarimenti con riferimento alle start

Dettagli

BANDO SMART & START AGEVOLAZIONI A FAVORE DELLE START-UP INNOVATIVE Dr. MISE del 24/09/2014 e successive

BANDO SMART & START AGEVOLAZIONI A FAVORE DELLE START-UP INNOVATIVE Dr. MISE del 24/09/2014 e successive BANDO SMART & START AGEVOLAZIONI A FAVORE DELLE START-UP INNOVATIVE Dr. MISE del 24/09/2014 e successive SOGGETTI BENEFICIARI Possono beneficiare delle agevolazioni le start-up innovative*: a) Costituite

Dettagli

L EQUITY CROWDFUNDING IN ITALIA: OPPORTUNITA, NORMATIVE E REGOLAMENTI INVESTITORI E PIATTAFORME DI EQUITY CROWDFUNDING: RUOLI E OPPORTUNITA

L EQUITY CROWDFUNDING IN ITALIA: OPPORTUNITA, NORMATIVE E REGOLAMENTI INVESTITORI E PIATTAFORME DI EQUITY CROWDFUNDING: RUOLI E OPPORTUNITA L EQUITY CROWDFUNDING IN ITALIA: OPPORTUNITA, NORMATIVE E Angelo Miglietta Ordinario di Economia delle Aziende e dei Mercati Internazionali presso IULM, Coordinatore del dottorato in Economics, Management

Dettagli

Circolare N.132 del 10 Ottobre 2014

Circolare N.132 del 10 Ottobre 2014 Circolare N.132 del 10 Ottobre 2014 Incentivi Smart & Start.Iil futuro guarda alle Start-up innovative Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che il Ministero dello Sviluppo ha introdotto

Dettagli

STARTUP E PMI INNOVATIVE: LA STRATEGIA ITALIANA

STARTUP E PMI INNOVATIVE: LA STRATEGIA ITALIANA STARTUP E PMI INNOVATIVE: LA STRATEGIA ITALIANA Mattia Corbetta Segreteria tecnica del Ministro Cos è una startup? Nozione intuitiva È un impresa 1. nuova o di recente costituzione che ambisce a crescere

Dettagli

Paolo Maria Farina. Dottore Commercialista, Revisore Contabile NOTA INFORMATIVA

Paolo Maria Farina. Dottore Commercialista, Revisore Contabile NOTA INFORMATIVA Paolo Maria Farina Dottore Commercialista, Revisore Contabile NOTA INFORMATIVA GLI INCENTIVI FISCALI PER LE START-UP INNOVATIVE. Con la pubblicazione del decreto interministeriale, è finalmente operativo

Dettagli

INVESTMENT COMPACT. Novità per PMI innovative. Unindustria 28 aprile 2015 1

INVESTMENT COMPACT. Novità per PMI innovative. Unindustria 28 aprile 2015 1 INVESTMENT COMPACT Novità per PMI innovative Unindustria 28 aprile 2015 1 LEGGE 33/2015 Il DL 3/2015 convertito in Legge 33/2015 estende alle PMI innovative i benefici riconosciuti alle start up innovative

Dettagli

Le Startup innovative e gli Incubatori d'impresa

Le Startup innovative e gli Incubatori d'impresa Le Startup innovative e gli Incubatori d'impresa Le Startup innovative e gli Incubatori d impresa Il decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179 recante Ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese, convertito

Dettagli

La Startup innovativa

La Startup innovativa La Startup innovativa guida sintetica Versione 1 Uso interno alla Camera di Commercio Adempimenti amministrativi ed informazioni sulle nuove imprese dedicate all innovazione Legge n. 221 del 17 dicembre

Dettagli

Circolare N.58 del 17 Aprile 2014

Circolare N.58 del 17 Aprile 2014 Circolare N.58 del 17 Aprile 2014 Start-up ed incubatori certificati. Gli strumenti per incentivare il personale Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che il Ministero dello Sviluppo

Dettagli

Dr. Salvatore Rosania

Dr. Salvatore Rosania Dr. Salvatore Rosania Cfo&Internazionalization Manager Cubit Cfo Kiunsys Contatti: linkedin.com/in/salvatorerosania salvatore.rosania@cubitlab.com Tel: +39 339 826 0949 Salvatore Rosania Tel.+39 339 826

Dettagli

Misure per favorire la raccolta di capitale

Misure per favorire la raccolta di capitale START-UP INNOVATIVE Misure per favorire la raccolta di capitale Dott. Paolo Caselli Dottore Commercialista Professore a contratto in Economia Aziendale Facoltà di Economia Marco Biagi Università degli

Dettagli

Definizione. Art. 25.Start-Up innovativa e incubatore certificato:

Definizione. Art. 25.Start-Up innovativa e incubatore certificato: Definizione È: Art. 25.Start-Up innovativa e incubatore certificato: società di capitali, anche in forma cooperativa, di diritto italiano ovvero una Societas Europaea, residente in Italia le cui azioni

Dettagli

Una politica industriale per l innovazione

Una politica industriale per l innovazione Una politica industriale per l innovazione Focus PMI innovative Mattia Corbetta Ancona 12 ottobre 2015 MiSE DG Politica Industriale, Competitività e PMI Le 4 colonne della politica industriale sull innovazione

Dettagli

IMPRESE START UP INNOVATIVE

IMPRESE START UP INNOVATIVE IMPRESE START UP INNOVATIVE Il presente documento costituisce una prima sintesi che non vuole considerarsi esaustiva della nuova normativa sull Impresa startup innovativa derivata dalla conversione in

Dettagli

A FAVORE DELLE START UP Agevolazioni per le sfide dell innovazione

A FAVORE DELLE START UP Agevolazioni per le sfide dell innovazione 1 A FAVORE DELLE START UP Agevolazioni per le sfide dell innovazione Roma, 10 giugno 2014 Avv. Marco Sella START UP INNOVATIVE 2 3 SCOPO Incentivare lo sviluppo di nuove forme collaborative; Modernizzare

Dettagli

C i r c o l a r e d e l 0 9 G e n n a i o 2 0 1 3 P a g. 1 di 5

C i r c o l a r e d e l 0 9 G e n n a i o 2 0 1 3 P a g. 1 di 5 C i r c o l a r e d e l 0 9 G e n n a i o 2 0 1 3 P a g. 1 di 5 Circolare Numero 01/2013 Oggetto LE START-UP INNOVATIVE E IL CREDITO DI IMPOSTA PER LA DISTRIBUZIONE DELLE OPERE DELL INGEGNO DIGITALI Sommario

Dettagli

SOSTEGNO ALLO START UP DI NUOVE IMPRESE INNOVATIVE 2016

SOSTEGNO ALLO START UP DI NUOVE IMPRESE INNOVATIVE 2016 SOSTEGNO ALLO START UP DI NUOVE IMPRESE INNOVATIVE 2016 Attività 1.4.1del POR FESR 2014-2020 D.G.R. 11/2016 Regione Emilia-Romagna COS È IL POR FESR 2014-2020 STRUMENTO OPERATIVO DI PROGRAMMAZIONE LOCALE

Dettagli

FAI LA MOSSA GIUSTA PER DIVENTARE IMPRENDITORE

FAI LA MOSSA GIUSTA PER DIVENTARE IMPRENDITORE FAI LA MOSSA GIUSTA PER DIVENTARE IMPRENDITORE CONFCOMMERCIO MILANO PER GLI ASPIRANTI IMPRENDITORI E LE NEO IMPRESE A cura di Andrea Ventura Direzione Rete Organizzativa/Unità Finanziamenti START UP INNOVATIVA:

Dettagli

LE START UP INNOVATIVE

LE START UP INNOVATIVE LE START UP INNOVATIVE Nell ambito delle attività tese a favorire la crescita sostenibile, lo sviluppo tecnologico e l occupazione giovanile e nell ottica di sviluppare una nuova cultura imprenditoriale,

Dettagli

studio ciraci - gaviraghi e associati Start-Up Innovative Più facile ottenere il bollino blu Riassumiamo la disciplina

studio ciraci - gaviraghi e associati Start-Up Innovative Più facile ottenere il bollino blu Riassumiamo la disciplina studio ciraci - gaviraghi e associati consulenza del lavoro, aziendale e tributaria rag. antonietta ciraci dott. antonello gaviraghi fabrizia pontara consulente del lavoro consulente del lavoro consulente

Dettagli

Una politica industriale per l innovazione

Una politica industriale per l innovazione Una politica industriale per l innovazione Focus PMI innovative Stefano Firpo Ivrea, 18 novembre 2015 MiSE DG Politica Industriale, Competitività e PMI Da 3 anni il Governo sta costruendo una politica

Dettagli

NOTE SUGLI ADEMPIMENTI PROPEDEUTICI ALL INSEDIAMENTO NEL CSI (per i vincitori di Vulcanica-Mente)

NOTE SUGLI ADEMPIMENTI PROPEDEUTICI ALL INSEDIAMENTO NEL CSI (per i vincitori di Vulcanica-Mente) NOTE SUGLI ADEMPIMENTI PROPEDEUTICI ALL INSEDIAMENTO NEL CSI (per i vincitori di Vulcanica-Mente) PREMESSA Questo documento fornisce alcune indicazioni generali concernenti gli adempimenti propedeutici

Dettagli

La startup innovativa

La startup innovativa La startup innovativa Cosa è una startup innovativa? Entrata definitivamente a far parte del panorama imprenditoriale italiano con il Decreto Sviluppo-bis, [l]a start-up innovativa è una società di capitali

Dettagli

Stefano Firpo Capo della Segreteria tecnica del Ministro dello Sviluppo Economico

Stefano Firpo Capo della Segreteria tecnica del Ministro dello Sviluppo Economico Stefano Firpo Capo della Segreteria tecnica del Ministro dello Sviluppo Economico Un metodo innovativo nel panorama legislativo nazionale Task force Lavoro inclusivo (con 12 operatori del settore, giovani

Dettagli

Definizione di start up innovativa e novità societarie

Definizione di start up innovativa e novità societarie Definizione di start up innovativa e novità societarie 11 febbraio 2013 Di Antonia Verna, Giuseppe Battaglia, Luca Gambini e Dario Morelli Q&A PER START- UP INNOVATIVE DOMANDE La start up innovativa è

Dettagli

Ho avuto un'idea... e adesso? dal sogno alla Startup

Ho avuto un'idea... e adesso? dal sogno alla Startup Ho avuto un'idea... e adesso? dal sogno alla Startup Lunedì 25 MAGGIO 2015 Università degli Studi di Udine - Polo Scientifico dei Rizzi a cura del dott. Federico Barcherini Partner di SEED S.r.l. Socio

Dettagli

La disciplina fiscale delle Start-up

La disciplina fiscale delle Start-up S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO PER UN RILANCIO DELLE PMI: STRUMENTI, FINANZIAMENTI, MERCATI ED INCENTIVI FISCALI La disciplina fiscale delle Start-up Dott. Attilio Picolli 7 Febbraio 2013,

Dettagli

MANAGEMENT. Tutto quello che bisogna sapere per diventare un imprenditore di successo. Creare una start up innovativa.

MANAGEMENT. Tutto quello che bisogna sapere per diventare un imprenditore di successo. Creare una start up innovativa. Sebastiano Di Diego Creare una start up innovativa Tutto quello che bisogna sapere per diventare un imprenditore di successo MANAGEMENT FrancoAngeli Informazioni per il lettore Questo file PDF è una versione

Dettagli

Startup innovative: opportunità fiscali e strumenti di gestione e finanziamento

Startup innovative: opportunità fiscali e strumenti di gestione e finanziamento Università degli Studi di Sassari Sassari, 15 Maggio 2014 Startup innovative: opportunità fiscali e strumenti di gestione e finanziamento Dottore Commercialista- Revisore legale dei conti La fase di start

Dettagli

ODEC MODENA COMMISSIONE DI STUDIO DI DIRITTO SOCIETARIO START-UP INNOVATIVE

ODEC MODENA COMMISSIONE DI STUDIO DI DIRITTO SOCIETARIO START-UP INNOVATIVE ODEC MODENA COMMISSIONE DI STUDIO DI DIRITTO SOCIETARIO START-UP INNOVATIVE Il D.L. n.179 del 18 Ottobre 2012, convertito con le modificazioni dalla legge 17 dicembre 2012, n. 221, noto anche come decreto

Dettagli

LE NUOVE SRL SEMPLIFICATE Con l introduzione dell art. 9, D.L. 28.06.2013 recante ulteriori disposizioni in materia di occupazione, è stata

LE NUOVE SRL SEMPLIFICATE Con l introduzione dell art. 9, D.L. 28.06.2013 recante ulteriori disposizioni in materia di occupazione, è stata LE NUOVE SRL SEMPLIFICATE Con l introduzione dell art. 9, D.L. 28.06.2013 recante ulteriori disposizioni in materia di occupazione, è stata modificata la previgente disciplina in tema di Srl minori comportando

Dettagli

SOCIETÀ A RESPONSABILITÀ LIMITATA - ADEMPIMENTI DI COSTITUZIONE, IMPOSTE, CONTRIBUTI

SOCIETÀ A RESPONSABILITÀ LIMITATA - ADEMPIMENTI DI COSTITUZIONE, IMPOSTE, CONTRIBUTI SOCIETÀ A RESPONSABILITÀ LIMITATA - ADEMPIMENTI DI COSTITUZIONE, IMPOSTE, CONTRIBUTI Segue un prospetto (aggiornato al 20 settembre 2013) riepilogativo degli adempimenti e costi, delle imposte ed obblighi

Dettagli

Un anno da start up. Successi e difficoltà. Quali i nuovi sviluppi?

Un anno da start up. Successi e difficoltà. Quali i nuovi sviluppi? Un anno da start up. Successi e difficoltà. Quali i nuovi sviluppi? 25 Novembre 2014 In collaborazione con Dott. Enrico Martini Perché le startup innovative sono importanti? Negli ultimi dieci anni, nei

Dettagli

La start-up innovativa

La start-up innovativa La start-up innovativa Guida sintetica per utenti esperti sugli adempimenti societari Per maggiori informazioni: http://startup.registroimprese.it Adempimenti amministrativi ed informazioni sulle nuove

Dettagli

Le opportunità per le PMI innovative

Le opportunità per le PMI innovative Le opportunità per le PMI innovative Definizione di PMI innovativa (D.L. 3/2015) PMI in senso europeo (Raccomandazione 2003/361/CE): < 250 addetti, < 50 mln di fatturato annuo, < 43 mln di attivo totale

Dettagli

OPEN INNOVATION E FINANZIAMENTI PER LE PMI

OPEN INNOVATION E FINANZIAMENTI PER LE PMI OPEN INNOVATION E FINANZIAMENTI PER LE PMI Cosa si intende per Open Innovation Angela Rotellini, LIUC Università Cattaneo Lomazzo, 22 Aprile 2015 Agenda Definizione di Open Innovation I vantaggi dell Open

Dettagli

La Camera di Commercio

La Camera di Commercio La Camera di Commercio Strumento per le imprese FATURAZIONE ELETTRONICA Registro Imprese C.C.I.A.A. Pordenone 28 aprile 2015 Manuela Basso DEFINIZIONE Possono assumere la qualifica PMI innovative le PMI

Dettagli

Fiscal News N. 101. Start up: pubblicate le linee guida per l accesso al fondo PMI. La circolare di aggiornamento professionale 02.04.2014.

Fiscal News N. 101. Start up: pubblicate le linee guida per l accesso al fondo PMI. La circolare di aggiornamento professionale 02.04.2014. Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 101 02.04.2014 Start up: pubblicate le linee guida per l accesso al fondo PMI Categoria: Imprese Sottocategoria: Varie E stata pubblicata dal

Dettagli

_START UP COACHING BOOK: Guida alla lettura. Gruppo di lavoro «StartUp»

_START UP COACHING BOOK: Guida alla lettura. Gruppo di lavoro «StartUp» _START UP COACHING BOOK: Guida alla lettura Gruppo di lavoro «StartUp» TECNOPOLO di Reggio Emilia Sala Convegni - 23 aprile 2015 START UP E START UP INNOVATIVE La Start Up è una neo-nata impresa individuale,

Dettagli

STRUMENTI DI INCENTIVO PER LE IMPRESE: START UP INNOVATIVE & INVESTMENT COMPACT

STRUMENTI DI INCENTIVO PER LE IMPRESE: START UP INNOVATIVE & INVESTMENT COMPACT Focus on STRUMENTI DI INCENTIVO PER LE IMPRESE: START UP INNOVATIVE & INVESTMENT COMPACT Luglio 2015 www.lascalaw.com www.iusletter.com Milano Roma Torino Bologna Firenze Ancona Vicenza Padova redazione@lascalaw.com

Dettagli

START UP INNOVATIVE: LE NOVITÀ DEL D.L. 76/2013

START UP INNOVATIVE: LE NOVITÀ DEL D.L. 76/2013 MAP START UP INNOVATIVE: LE NOVITÀ DEL D.L. 76/2013 L approfondimento analizza le rilevanti novità apportate dal D.L. 76/2013 alla disciplina delle start up innovative con una particolare attenzione alle

Dettagli

Avv. Marco De Paolis Brevetto: quali opportunità? Dagli accordi di circolazione delle invenzioni e delle ricerche alla costituzione di startup

Avv. Marco De Paolis Brevetto: quali opportunità? Dagli accordi di circolazione delle invenzioni e delle ricerche alla costituzione di startup Giornata di formazione sui brevetti Brescia, 29 febbraio 2012 Università degli Studi di Brescia Avv. Marco De Paolis Brevetto: quali opportunità? Dagli accordi di circolazione delle invenzioni e delle

Dettagli

START UP & INVESTMENT COMPACT

START UP & INVESTMENT COMPACT Focus on START UP & INVESTMENT COMPACT Marzo 2014 www.lascalaw.com www.iusletter.com Milano Roma Torino Bologna Firenze Ancona Vicenza Padova London Paris Hamburg Brussels Manchester Munich Dusseldorf

Dettagli

La start-up innovativa

La start-up innovativa La start-up innovativa Guida sintetica per utenti esperti sugli adempimenti societari (aggiornata con le variazioni apportate dal dl 76/2013 convertito nella legge 99/2013) Per maggiori informazioni: http://startup.registroimprese.it

Dettagli

Fisco e Tributi. Newsletter aprile 2014. L Accesso al «Fondo di Garanzia» PMI

Fisco e Tributi. Newsletter aprile 2014. L Accesso al «Fondo di Garanzia» PMI Fisco e Tributi L Accesso al «Fondo di Garanzia» PMI Premessa Il Ministero dello Sviluppo Economico con il Decreto 26 aprile 2013 e successivamente con la pubblicazione della Guida all accesso al Fondo

Dettagli

LE AZIONI DELLE CAMERE DI COMMERCIO PER LA CREAZIONE D IMPRESA E L INNOVAZIONE

LE AZIONI DELLE CAMERE DI COMMERCIO PER LA CREAZIONE D IMPRESA E L INNOVAZIONE LE AZIONI DELLE CAMERE DI COMMERCIO PER LA CREAZIONE D IMPRESA E L INNOVAZIONE Andrea Muti Unioncamere Servizio Nuove imprese e credito InvestHorizon - Torino, 9 novembre 2015 StartUp Road show 2015. Edizione

Dettagli

Italia Startup Visa la politica del Governo italiano per attrarre imprenditori innovativi stranieri

Italia Startup Visa la politica del Governo italiano per attrarre imprenditori innovativi stranieri Italia Startup Visa la politica del Governo italiano per attrarre imprenditori innovativi stranieri 14 febbraio 2014 Ministero dello Sviluppo economico Sommario Contesto giuridico, nozione di startup innovativa

Dettagli

Si precisa inoltre che il presente decreto potrà subire variazioni in sede di conversione in legge.

Si precisa inoltre che il presente decreto potrà subire variazioni in sede di conversione in legge. Circolare del 31 Ottobre 2012 Pag. 1 di 5 Circolare Numero 43/2012 Oggetto D.L. 179/2012 C.D. NUOVO DECRETO CRESCITA Sommario Nuove misure del governo per stimolare la crescita imprenditoriale e produttiva

Dettagli

Circolare N.161 del 16 Novembre 2012. Start up innovative. La disciplina del lavoro del nuovo modello societario

Circolare N.161 del 16 Novembre 2012. Start up innovative. La disciplina del lavoro del nuovo modello societario Circolare N.161 del 16 Novembre 2012 Start up innovative. La disciplina del lavoro del nuovo modello societario Start up innovative: la disciplina del lavoro nel nuovo modello societario Gentile cliente,

Dettagli

START-UP INNOVATIVE: PRINCIPALI AGEVOLAZIONI. Stefano Battaglia Dottore Commercialista in Torino U.G.D.C.E.C. Torino

START-UP INNOVATIVE: PRINCIPALI AGEVOLAZIONI. Stefano Battaglia Dottore Commercialista in Torino U.G.D.C.E.C. Torino START-UP INNOVATIVE: PRINCIPALI AGEVOLAZIONI Stefano Battaglia Dottore Commercialista in Torino U.G.D.C.E.C. Torino Torino, lunedì 20 ottobre 2014 LE PRINCIPALI AGEVOLAZIONI DI CUI AL D.L. N. 179/2012

Dettagli

Segreteria tecnica del Ministro dello Sviluppo Economico

Segreteria tecnica del Ministro dello Sviluppo Economico Segreteria tecnica del Ministro dello Sviluppo Economico Un metodo innovativo nel panorama legislativo nazionale Task force Lavoro inclusivo (con 12 operatori del settore, con diversi profili e competenze)

Dettagli

DIPARTIMENTO POLITICO SINDACALE Servizio Legislativo Legale Fiscale Circ. n. 23/2014 Roma, 17 giugno 2014

DIPARTIMENTO POLITICO SINDACALE Servizio Legislativo Legale Fiscale Circ. n. 23/2014 Roma, 17 giugno 2014 Borgo S. Spirito, 78 00193 Roma Tel. 0668.000.1 Fax. 0668.134.236 DIPARTIMENTO POLITICO SINDACALE Servizio Legislativo Legale Fiscale Circ. n. 23/2014 Roma, 17 giugno 2014 Prot. n. 2730/tdv Oggetto: AGEVOLAZIONI

Dettagli

Startup innovative. Bilancio di un anno di Governo, stato dell arte, iniziative recenti

Startup innovative. Bilancio di un anno di Governo, stato dell arte, iniziative recenti Startup innovative Bilancio di un anno di Governo, stato dell arte, iniziative recenti Roma, 13 marzo 2013 1 1. Bilancio di un anno di Governo Il 4 ottobre 2012 il Consiglio dei Ministri ha approvato il

Dettagli

Le start-up innovative. Innovazioni in tema di Diritto societario. Avv. Andrea Messuti

Le start-up innovative. Innovazioni in tema di Diritto societario. Avv. Andrea Messuti Le start-up innovative Innovazioni in tema di Diritto societario Avv. Andrea Messuti Padova, 23 maggio 2013 Let s start up! La start-up innovativa è una società di capitali, di diritto italiano, le cui

Dettagli

L AVVIO DELL E START UP IN ITALIA PROBLEMI E SOLUZIONI

L AVVIO DELL E START UP IN ITALIA PROBLEMI E SOLUZIONI L AVVIO DELL E START UP IN ITALIA PROBLEMI E SOLUZIONI 10 marzo 2014 UNIVERSITA NICCOLO CUSANO La strumentalità del business plan nella valutazione dei progetti Dott. Thomas Kraicsovits Studio De Vito

Dettagli

Gli Strumenti di Finanza Innovativa: Opportunità per la crescita delle PMI

Gli Strumenti di Finanza Innovativa: Opportunità per la crescita delle PMI Gli Strumenti di Finanza Innovativa: Opportunità per la crescita delle PMI Le aziende innovative dr Matteo Piras @MatteoPiras10 Matera 16 maggio 2016 Le start-up innovative START UP INNOVATIVE Art.25 DL

Dettagli

Finanziare gli interventi di efficienza energetica con il crowdfunding

Finanziare gli interventi di efficienza energetica con il crowdfunding Finanziare gli interventi di efficienza energetica con il crowdfunding Ing. Claudio BRUNO EGE certificato SECEM Kairos Società di ingegneria srl Ing. Claudio Bruno Finanziare gli interventi di efficienza

Dettagli

SOSTEGNO ALLO START UP DI NUOVE IMPRESE INNOVATIVE 2016 Attività 1.4.1 POR FESR 2014 2020

SOSTEGNO ALLO START UP DI NUOVE IMPRESE INNOVATIVE 2016 Attività 1.4.1 POR FESR 2014 2020 SOSTEGNO ALLO START UP DI NUOVE IMPRESE INNOVATIVE 2016 Attività 1.4.1 POR FESR 2014 2020 D.G.R. 11/2016 Regione Emilia Romagna PARMA 25/02/2016 COS È IL POR FESR 2014 2020 STRUMENTO OPERATIVO DI PROGRAMMAZIONE

Dettagli

L innovazione finanziata: il ruolo delle piattaforme innovative di Equity

L innovazione finanziata: il ruolo delle piattaforme innovative di Equity L innovazione finanziata: il ruolo delle piattaforme innovative di Equity Inserire Crowd-funding Titolo Environment Park 26 settembre 2014 Rebecca Boasso Dragotti & Associati 20121 Milano Via Nino Bixio,

Dettagli

REQUISITI E DISCIPLINA GENERALE START UP INNOVATIVE. Avvocato Emilio Sani e.sani@macchi-gangemi.com Via Serbelloni 4, Milano Tel.

REQUISITI E DISCIPLINA GENERALE START UP INNOVATIVE. Avvocato Emilio Sani e.sani@macchi-gangemi.com Via Serbelloni 4, Milano Tel. 1 REQUISITI E DISCIPLINA GENERALE START UP INNOVATIVE Avvocato Emilio Sani e.sani@macchi-gangemi.com Via Serbelloni 4, Milano Tel. 02-763281 2 Principali ostacoli agli investimenti e alla competitività

Dettagli

Le agevolazioni fiscali

Le agevolazioni fiscali S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO START UP INNOVATIVE E CROWDFUNDING Le agevolazioni fiscali Cristina Erminero 17 Dicembre 2014 Oggetto dell agevolazione fiscale Soggetti passivi IRPEF DETRAZIONE

Dettagli

I servizi finanziari per gli investimenti in ricerca e innovazione:

I servizi finanziari per gli investimenti in ricerca e innovazione: I servizi finanziari per gli investimenti in ricerca e innovazione: Il modello Talent Lab di Calabria Innova Il Fondo Equity per le Imprese Innovative L acquisizione di servizi per l innovazione Luca Mannarino

Dettagli

Inoltre la startup innovativa deve soddisfare almeno uno dei seguenti criteri:

Inoltre la startup innovativa deve soddisfare almeno uno dei seguenti criteri: Il 17 dicembre 2012 è stata approvata la legge di conversione (Legge 17 dicembre 2012 n. 221) del Decreto Legge n. 179 del 18 ottobre 2012 (il Decreto ) che introduce nel sistema italiano un innovativa,

Dettagli

Start-up innovative: requisiti ed agevolazioni fiscali

Start-up innovative: requisiti ed agevolazioni fiscali Start-up innovative: requisiti ed agevolazioni fiscali di Rita Friscolanti e Bruno Pagamici La novità Con il decreto nascono le start-up innovative, destinate a contribuire alla crescita sostenibile, alla

Dettagli

Questionario per l Innovazione

Questionario per l Innovazione Questionario per l Innovazione Confindustria, con il progetto IxI - Imprese per l Innovazione - intende offrire un significativo contributo al processo di diffusione della cultura dell innovazione e dell

Dettagli

Figure Professionali «Smart City» Smart People CONSULENTE PER LE START-UP. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Figure Professionali «Smart City» Smart People CONSULENTE PER LE START-UP. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Figure Professionali «Smart City» Smart People CONSULENTE PER LE START-UP GREEN JOBS Formazione e Orientamento DESCRIZIONE ATTIVITA Come rendere intelligente la tua città? La trasformazione in una smart

Dettagli

Impresa di piccole e medie dimensioni:

Impresa di piccole e medie dimensioni: PMI INNOVATIVE START UP Caratteristiche oggettive Caratteristiche oggettive Impresa di piccole e medie dimensioni: Costituzione da non più di 60 mesi (in seguito alle modifiche apportate dall'art. 4, 1.

Dettagli

innovazione PER del business IL business 15 e 16/06/2012 6 e 7/07/2012 20 e 21/07/2012 Polo Tecnologico di Pordenone Andrea Galvani Via Roveredo, 20/b

innovazione PER del business IL business 15 e 16/06/2012 6 e 7/07/2012 20 e 21/07/2012 Polo Tecnologico di Pordenone Andrea Galvani Via Roveredo, 20/b PER Polo Tecnologico di Andrea Galvani Via Roveredo, 0/b Innovazione, Innovazione per il business è un ciclo di incontri di formazione breve indirizzati ai decisori aziendali per stimolare le capacità

Dettagli

GUIDA AL BUSINESS PLAN*

GUIDA AL BUSINESS PLAN* GUIDA AL BUSINESS PLAN* *La guida può essere utilizzata dai partecipanti al Concorso che non richiedono assistenza per la compilazione del businnes plan INDICE Introduzione 1. Quando e perché un business

Dettagli

STUDIO LEGALE E TRIBUTARIO

STUDIO LEGALE E TRIBUTARIO STUDIO LEGALE E TRIBUTARIO SETTORE TRIBUTARIO Dott.Comm. CARLO GARZIA Dott. STEFANO BARELLI Dott.ssa ALESSANDRA NITTI Dott. SIMONE BOTTI SETTORE LEGALE Avvocato MARCO IMPELLUSO Avvocato ROBERTA SARA Avvocato

Dettagli

FINANZIAMENTI PER LE GREEN START UP I vantaggi dell Investimento in Start Up

FINANZIAMENTI PER LE GREEN START UP I vantaggi dell Investimento in Start Up FINANZIAMENTI PER LE GREEN START UP I vantaggi dell Investimento in Start Up 22 Maggio 2013 STARTUP INNOVATIVA LE AGEVOLAZIONI PER LE STARTUP SUMMARY DL CRESCITA 2.0 NOVITÀ PER LE STARTUP FONDO PER START

Dettagli

MUSY BIANCO e ASSOCIATI S T U D I O L E G A L E

MUSY BIANCO e ASSOCIATI S T U D I O L E G A L E Via Luigi Mercantini 5 10121 Torino Via San Pietro all Orto 10 20121 Milano centralino unico T +39 011.540876 F +39 011.5174194 segreteria@musybiancoassociati.it www.musybiancoassociati.it partita IVA

Dettagli

Una politica industriale per l innovazione Focus startup innovative

Una politica industriale per l innovazione Focus startup innovative Una politica industriale per l innovazione Focus startup innovative Cagliari, 20 aprile 2016 Mattia Corbetta Direzione Generale Politica Industriale, Competitività e PMI Perché le startup innovative sono

Dettagli

LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN I: PARTI FONDAMENTALI E CONTENUTI. Dott. Roberto Matterazzo

LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN I: PARTI FONDAMENTALI E CONTENUTI. Dott. Roberto Matterazzo LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN I: PARTI FONDAMENTALI E CONTENUTI Dott. Roberto Matterazzo L incontro si propone di rispondere a queste tre domande: Cosa devo concretamente scrivere in un business plan?

Dettagli

Export Development Export Development

Export Development Export Development SERVICE PROFILE 2014 Chi siamo L attuale scenario economico nazionale impone alle imprese la necessità di valutare le opportunità di mercato offerte dai mercati internazionali. Sebbene una strategia commerciale

Dettagli