Business Plan. Piano Aziendale, studio di fattibilità Progetto strategico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Business Plan. Piano Aziendale, studio di fattibilità Progetto strategico"

Transcript

1 IL BUSINESS PLAN Business Plan Piano Aziendale, studio di fattibilità Progetto strategico E uno strumento operativo che descrive l idea imprenditoriale, ne esamina i punti di forza e di debolezza al fine di pianificarli e valutarli. E uno strumento di pianificazione ma anche di comprensione, controllo e comunicazione. 1

2 IL BUSINESS PLAN:DESTINATARI Destinatari 1.per l impresa:consente di razionalizzare ed esplicitare l idea imprenditoriale(business idea) al fine di coinvolgere altri soggetti nella realizzazione del progetto; 2.per i terzi:consente di valutare l iniziativa economica, le sue potenzialità e i rischi ad essa connessa; Funzioni interne -per valutare la fattibilità di una nuova iniziativa; Funzioni esterne -per richiedere finanziamenti esterni; -per pianificare e valutare nuovi programmi di investimento; -per monitorare e controllare le dinamiche di sviluppo dell attività; -per concorrere ad agevolazioni pubbliche; -promuovere nuovi rapporti commerciali; -per conseguire certificazioni ambientali e di qualità 2

3 IL BUSINESS PLAN:CONTENUTO Non esiste un modello prestabilito per la sua redazione:il contenuto varia a seconda dei destinatari, della dimensione dell investimento, degli scopi che si vogliono realizzare. I contenuti sono comunque solitamente strutturati in due parti: PARTE DESCRITTIVA:sono illustrati tutti gli a- spetti fondamentali che contraddistinguono il progetto imprenditoriale:prodotti/servizi, vantaggi competitivi,mercati di sbocco,strategie commerciali,organizzazione,ecc. PARTE ANALITICA-NUMERICA:in cui sono illustrati i risultati economici-finanziari attesi dell iniziativa, per cui l elaborazione del: -piano degli investimenti; -piano economico; -piano patrimoniale; -piano finanziario. 3

4 IL BUSINESS PLAN: REQUISITI MINIMI 1.La Mission del Progetto: ossia la business idea, lo scopo per cui la nuova impresa viene costituita con riferimento ai bisogni dei clienti, ai concorrenti e ai fattori critici di successo individuati; 2.Rischi ed Opportunità: Rischi -prodotti obsoleti; -competitori/concorrenti; -minacce del mercato; -cambiamenti in atto nel mercato; Opportunità -nuove tecnologie; -cambiamenti in corso nella società; -alleanze strategiche pos sibili; 3.Tempi di realizzazione: in riferimento al progetto che si intende realizzare 4

5 IL BUSINESS PLAN: REQUISITI MINIMI (segue) 4.Obiettivi e Risultati: -gli obiettivi devono essere definibili in termini qualitativi e i risultati in termini quantitativi; -deve trattarsi di obiettivi e risultati chiari e facilmente interpretabili; -vanno pianificati in modo sistematico; -vanno comunicati all interno e all esterno dell impresa; 5.Punti di forza e di debolezza: Ci si riferisce solitamente a: -esperienza -mercati di riferimento; -aspetti tecnico-produttivi; -aspetti organizzativi; -aspetti finanziari; Per la loro individuazione è anche utile la S.W.O.T ANALYSIS (Strengths, Weaknesses, Opportunities, Threats) 5

6 IL BUSINESS PLAN: REQUISITI MINIMI (segue) 6.Progetto che si intende realizzare: a) suddividere la realtà aziendale in quattro aree: -tecnico-produttiva; -commerciale-marketing; -amministrativa-organizzativa; -finanziaria. b) scegliere la forma giuridica della società(società di persone e società di capitali); c) scegliere la sede ove localizzare l azienda; d) scegliere quali attività internalizzare / esternalizzare 6

7 IL BUSINESS PLAN: FINALITA Il Business Plan può essere finalizzato a: 1.Avviare una nuova attività: Al tal fine il B.P. è assai complesso in quanto vanno considerati molti aspetti: - adempimenti formali connessi alla costituzione (autorizzazioni, P.I.,Inps,Inail,Cciaa); - aspetti di tipo produttivo (layout di stabilmento, contatto con i possibili fornitori, ecc.); - aspetti commerciali (azioni promozionali per fare conoscere nuova attività); - investimenti da effettuare e i relativi fabbisogni finanziari; - tempi realizzazione. 2.Investire in un azienda già esistente -scelte di fondo: a)prenderla in affitto (contratto d affitto disciplinato dal 2561 e 2562 c.c.); b)acquistarla: - esaminare attentamente i bilanci; - indagini di mercato per valutare le - le effettive potenzialità; - valutare la congruità del prezzo. 3.Analizzare le dinamiche di sviluppo di un azienda -programmare le linee guida dell impresa in tutte le sue diverse componenti; -il B.P. è uno strumento di monitoraggio dell andamento a- ziendale (feedback). 7

8 IL BUSINESS PLAN: FINALITA (segue) 4.Accedere al credito bancario Il B.P.è lo strumento con cui attraverso simulazioni successive si individuano le forme tecniche di funzionamento più adeguate alle esigenze aziendali 5 Richiedere agevolazioni pubbliche Il B.P. per richiedere agevolazioni pubbliche è determinante perché: a)valuta l impatto dell eventuale agevolazione sulla finanza aziendale; b)sottopone il proprio progetto imprenditoriale all ente valutatore. 6.Promuovere nuovi rapporti commerciali -fusioni; -joint-venture -consorzi -associazioni temporanee d impresa -scambi di partecipazioni -franchising -decentramento produttivo 7.Ottenere certificazioni di qualità ambientali -miglioramento immagine -mantenimento di buone relazioni con la comunità -accesso facilitato a capitali e finanziamenti -riduzione costi assicurativi -utilizzo efficiente risorse -migliori relazioni con le autorità 8

9 IL BUSINESS PLAN:MODELLO DI RIFERIMENTO 1. FASE INTUIZIONE: nasce l idea di business 2. FASE SVILUPPO: si mette a punto e si sottopone a test l idea 3. FASE REALIZZAZIONE: si conquista la posizione desiderata sul mercato 4. FASE CONSOLIDAMENTO: si costituiscono difese e barriere all entrata sul mercato. 9

10 IL BUSINESS PLAN:MODELLO DI RIFERIMENTO (segue) 1. FRONTESPIZIO: la sintesi estrema dell idea imprenditoriale che deve contenere: il logo il nome dell organismo proponente l idea imprenditiva l indirizzo la data di preparazione il nome dei componenti gli organi sociali i riferimenti di autorizzazione. 2. DICHIARAZIONE DI INTENTI CIRCA L IDEA IMPRENDITIVA: trattasi di una dichiarazione da cui gli investitori / finanziatori debbono poter desumere tutti gli elementi fondamentali di conoscenza dell organismo proponente e del business plan da questi proposto: forma giuridica dimensioni natura dell attività illustrazione dell idea imprenditiva con individuazione del settore, degli obiettivi nel tempo e delle ricadute su fatturato profitto investimenti piano di rientro investimenti / finanziamenti. 10

11 IL BUSINESS PLAN:MODELLO DI RIFERMENTO (segue) Modello di riferimento per l analisi quantitativa Analisi di mercato Piano di marketing Piano tecnico produttivo Piano di struttura Piano del personale Piano degli investimenti Piano economico - finanziario Verifica fattibilità finanziaria Verifica fattibilità e nomica 11

12 STRUMENTI PER L ANALISI DEL MERCATO a) Linee di prodotto 1. Sviluppo, tasso, modello (stagionale ciclico) 2. Innovazione di prodotto b) Prodotti complementari sostitutivi c) Imprese esistenti d) Clienti 1. Tecnologia di produzione, strutture di costi, economie di scala, valore aggiunto, logistica, lavoro 2. Innovazione di processo e) Segmentazione di mercato f) Marketing g) Fornitori h) Barriere all entrata 1. Economie di scala 2. Differenziazione di prodotto 3. Fabbisogno di capitali 4. Costi di conversione 5. Accesso ai canali di distribuzione 6. Svantaggi di costo indipendenti dal volume di produzione 7. Politica pubblica 12

13 STRUMENTI PER L ANALISI DEL SETTORE ESPERTI DEL SETTORE -Organizzazioni che forniscono indici standard; -Sindacati; -Stampa tecnica, professionale -Organizzazioni locali -Camere di Commercio -Autorità statali; -Organizzazioni comunitarie; -Gruppi di pressione(consumatori); -Organismi impegnati nella regolamentazione, nella promozione nel finanziamento; SETTORE Fornitori Distributori Clienti Fonti di Informazioni Interne Organismi Di Servizio - Analisi di mercato; - Organizzazione di vendita; - Addetti servizi; - Addetti con esperienze precedenti presso concorrenti, osservatori; - Ufficio acquisti in contatto con fornitori; - Associazioni di categorie; - Banche di investimento; - Consulenti; - Certificatori; - Aziende di credito; - Agenzie di pubblicità; 13

14 PIANO DI MARKETING RICERCHE DI MERCATO STRATEGIE DI MARKETING MERCATO -clienti; -concorrenza; -dimensioni; -tasso di sviluppo MARKETING MIX -service idea; -prezzo; -comunica zione; -distribuzione; erogazione; PIANO DI MARKETING Piano delle vendite -mercato potenziale; -quota di mercato; -obiettivi vendita; Piano spese di marketing -costi di gestione; -investimento in capitale fisso e circolante; 14

15 PIANO TECNICO-PRODUTTIVO DOMANDA QUANTITA PRODOTTA MIX ALTERNATIVE PRODUTTIVE Qualità Livello servizio Capacità Produttiva Interna -costo materiali; -costo personale; -costo attrezzature Rigidità/Flessibilità Capacità Produttiva Interna -costi esterni; 15

16 PIANO DI STRUTTURA Si tratta di individuare le aree funzionali della struttura aziendale, le attività da svolgere coerentemente con gli obiettivi individuati, la definizione del livello di prestazioni desiderate nonché la quantificazione delle risorse necessarie. PIANO DEL PERSONALE Piano di Marketing Piano Produttivo Piano della struttura FABBISOGNO DEL PERSONALE Organico profilo funzionale Struttura Organizzativa Politiche di retribuzioni 16

17 PIANO DEGLI INVESTIMENTI ELEMENTI DEL CAPITALE FISSO -Immobili -Automezzi -Attrezzature -Marchi, brevetti ed altre immobiliz imm ELEMENTI DEL CAPITALE CIRCOLANTE -crediti v/clienti -scorte di mgazzino Preleva Informazioni dal: PIANO DI MARKETING -attrezzature necessarie per attività di marketing; -fatturato -attrezzature con relative necessarie aliquote per Iva attività e i gg di dilazione marketing; previsti per incassi; -eventuali -fatturato giacenze con relative magazzino; aliquote Iva e i g PIANO DI PRODUZIONE -attrezzature necessarie per la produzione con relative aliquote Iva nonché i relativi giorni di dilazione previsti per i pagamenti; -acquisti di materiali; -giorni medi di giacenza in magazzino dei materiali; PIANO DI STRUTTURA -attrezzature necessarie -materiali necessari 17

18 PIANO FINANZIARIO Cassa Crediti Scorte Tot.attività a breve Attività immobilizzate -F.di ammortamenti Debiti v/fornitori Debiti v/banche Altri debiti Tot.passività a breve Debiti a m/l termine Totale Passivo Capitale sociale Riserve Risultato d esercizio Totale Attivo Totale passivo +Utile/perdita d esercizio +costi non monetari -ricavi non monetari -/+ variazione netta rimanenze -/+ variazione netta crediti a breve, ratei e risconti +/- variazione netta debiti a breve, ratei e risconti passivi = CASH FLOW D ESERCIZIO 18

19 Ricavi lordi Sconti commerciali PIANO ECONOMICO Ricavi netti Rimanenze iniziali Acquisti Rimanenze finali Manodopera Prestazioni esterne Costi generali industriali Ammortamenti beni industriali Costo del venduto Margine lordo industriale Costi vendita Costi distribuzione Costi di comunicazione Accantonamento svalutazione crediti Costi generali e amministrativi Costo del personale Prestazioni esterne Ammortamenti Reddito operativo +/- saldo gestione finanziaria +/- saldo gestione straordinaria Risultato ante imposte - imposte Risultato netto 19

20 ANALISI FATTIBILITA ECONOMICA-FINANZIARIA Conto Economico Redditività contabile Situazione Patrimoniale Impieghi -Fonti Rendiconto finanziario Fattibilità Finanziaria Analisi Punto di pareggio Flessibilità struttura dei costi Valutazioni di periodo Indici di bilancio Indagine per aree gestionali DECISIONI DI INVESTIMENTO Pay-back period Tempo necessario affinchè il capitale impiegato per la realizzazione dell investimento sia recuperato attraverso i flussi positivi generati dallo stesso. V.A.N. Consiste nell attualizzazione dei flussi positivi(entrate) e negativi (uscite) causate dalle attività gestionali e di investimento T.I.R. E tasso di attualizzazione che rende pari a zero il VAN dei flussi di un investimento. 20

21 BUSINESS PLAN SWEET DREAM La Sweet Dream è una nuova iniziativa che verrà avviata nella tranquilla città di Varese a partire dal mese di aprile 2003 e la sua attività consiste nella produzione e commercializzazione di prodotti di pasticceria e gelateria. Il sig. Rossi, dipendente di un laboratorio di pasticceria e l amico sig.bianchi, ragioniere esperto del settore commerciale, hanno rinvenuto l antica ricetta di un dolce locale, che con opportuni accorgimenti può essere conservato per tre mesi. La società avrà la forma giuridica di srl con capitale sociale di euro, equamente apportato, e diverrà operativa dal 1 aprile. I soci individuano un locale nel quale ubicare il laboratorio e stipulano un contratto di locazione con decorrenza 1 aprile pattuendo un canone mensile di 1000 euro per sei anni. 21

22 BUSINESS PLAN (1)Analisi del prodotto SWEET DREAM Dolce locale Pasticceria classica Dolce locale: la sweet dream riprodurrà un tipo dolce locale, preparato seguendo l antica ricetta originale, usando e- sclusivamente ingredienti naturali, preparato fresco ogni giorno come fatto in caso. Pasticceria classica:riprodurrà anche torte e pasticceria fine seguendo le ricette della migliore tradizione italiana, preparati con ingredienti selezionati al fine di ottenere una produzione in grado di esaltare deliziose combinazioni di gusti e sapori. 22

23 BUSINESS PLAN (2)Analisi del mercato e della domanda a)varese è tranquilla città immersa nel verde, dinamica e sensibile ai prodotti della tradizione locale. I soci hanno individuato un area da servire che in base alla analisi svolte risulta a forte potenziale di mercato; b)dallo studio effettuato, i target costumer dell iniziativa sono così individuati: -bambini /ragazzi sino a 18 anni (3 scuole nelle vicinanze); -giovani 18/27 anni (Università nelle vicinanze); -professionisti (per la forte presenza di uffici nell area); -famiglie e anziani (vicinanza di area residenzale); c)da un analisi statistica è emerso che l 87% degli esercizi pubblici situati in zona che serve prodotti di pasticceria somministra anche caffè e gelati. Questo significa che l azienda a livello competitivo, adotterà una strategia di differenziazione; 23

24 BUSINESS PLAN (3)Strategie competitive a) di prodotto: salute, genuinità e gusto di pasticceria italiana; b) b) di servizio: consegne a domicilio, servizi per le aziende, ordini telefonici e on-line, proposte di pacchetti di prodotto per feste e ricevimenti; c) di immagine: pasticceria di assoluto livello, utilizzo di ingredienti di elevata qualità. Comunicazione dei messaggi di prodotto tradizionale locale, prodotto naturale e prodotto gustoso ; d) di identità: vetrina ben visibile per posizione, illuminazione. Locale confortevole con tavoli anche all aperto per acquisto della pasticceria pronta al consumo. e) di status: identità culturale differente, valenza etnica, ricordo di viaggio. 24

25 BUSINESS PLAN (4)Il piano operativo Il locale di circa 120 mq di cui 90 adibiti a laboratorio, preso in locazione con contratto con decorrenza dal 1 aprile ad un canone di 1000 mensile per 6 anni. La produzione. Il laboratorio situato nel retro del locale è suddivisa in due parti: una adibita alla preparazione degli ingredienti e ai macchinari di impasto e l altra alla cottura e allo stoccaggio delle materie. A livello di manodopera è prevista l assunzione di quattro pasticceri. Macchinari impiegati nella produzione: -Pastorizzatore; -Mantecatore; -Impastatrice; -sfogliatrice; -forno elettrico; -lavapiatti -vetrina pasticceria -tavolo da lavoro -cella frigorifera 25

26 BUSINESS PLAN (4)Il piano di marketing Le strategie sono volte alla costruzione di una immagine di impresa di valori e tradizione e di prodotti genuini e naturali. Le leve di marketing sono: -prodotto/servizio; -prezzo; -Promozione/pubblicità; E necessaria una campagna pubblicitaria così articolata: -radio (20 spot a settimana per 2 settimane e 18 a intermittenza per le successive 4 settimane); -quotidiano locale (1/4 di pagina per settimane, 1/8 per altre 2 settimane e 1/16 ogni due settimane successive) + campus magazine; -Web. Il sito della Sweet dream sarà promosso da alcuni quotidiani on-line.ù I costi per la campagna pubblicitaria sono stimati in: N1 N2 N

27 BUSINESS PLAN (5)L organigramma Socio Bianchi amministratore Socio Rossi responsabile produzione Sig.ra Villa Addetta alla vendita Sig.Pandolfi Pasticcere Sig.ra Cattaneo Aiuto pasticcere Sig.Colombo Pasticcere 27

28 PIANO DEGLI INVESTIMENTI Costo storico N1 N2 N3 % Quote annue amm. am. N1* N2 N3 Costi d impianto % Costi pubblicità % Software % Tot.imm.immater Impianti e macch % ** Attrezzature % Automezzi % *** 5360 Arredamento % Macchine d ufficio % Tot. imm.materia Totale *Nel 1 esercizio di utilizzo dei beni materiali le quote d ammortamento sono ridotte del 50%; **Euro (19000x12% x6%) *** Euro (9800x20% x10%) N1 N2 N3 Obiettivo di vendita unità unità unità Quantità da produrre unità unità unità Prezzo di vendita 6,80 euro 6,80 euro 6,80 euro 28

29 PIANO ECONOMICO N1 N2 N3 Ricavi di vendita (1) (2) (3) +Rim finali prod Rim iniz prodot Valore Produzione Acquisti materie prime Acquisti materiali Rim.iniz. materie prime Rim.fin di materie -9010(4) -9624(5) Costi per servizi Canoni di locazione Costo del lavoro (6) Ammortamenti Costi della produzione A-B Oneri finanziari Risultato prime imposte Imposte esercizio -8145(7) (8) (9) Utile esercizio (1) 6,80x60075 (2) 6,80x82800 (3) 6,80x89700 (4) (5) (6) x2% (7) x 32% = 8144,96 =8145 (8) x 35% = 24052,35 =24052 (9) x 35% =

30 STATO PATRIMONIALE ATTIVO N1 N2 N3 Immob.immat Immobi.materiali Rimanenze (1) Crediti Disponibilità liquide Totale attivo PASSIVO N1 N2 N3 F.do amm.imm.imm F.di amm.materiali Debiti per Tfrl 4875 (2) 9875 (3)14975 Debiti v/fornitori Debiti v/inps Debiti Tributari (4) 9919 (4)18823 (4) 3939 Banca c/c passivo Capitale sociale Riserve Utile d esercizio Totale passivo (1) Importi ottenuti sommando le rimanenze finali stimate di materie prime, materiali di confezionamento e prodotti finiti; (2) ; (3) ; (4) anno n1 anno n2 anno n3 conguaglio iva ritenute fiscali da versare imposte dirette acconto 98 % totale debiti tributari

Guida all elaborazione del Business Plan

Guida all elaborazione del Business Plan Guida all elaborazione del Business Plan GUIDA ALL ELABORAZIONE DEL BUSINESS PLAN Titolo progetto Dare un titolo al progetto che si intende sviluppare (di norma contraddistingue il prodotto/servizio che

Dettagli

3.2 ANALISI DELLA CONCORRENZA Riferimento al prodotto/servizio offerto ed ai collegati prodotti sostitutivi

3.2 ANALISI DELLA CONCORRENZA Riferimento al prodotto/servizio offerto ed ai collegati prodotti sostitutivi MODELLO DI BUSINESS PLAN Schema esemplificativo per la redazione del piano d impresa 1) CURRICULUM VITA DEI PROPONENTI O SOCI DELL IMPRESA 2) DESCRIZIONE DEL PROGETTO 2.1 DESCRIZIONE ANALITICA DEL PRODOTTO/SERVIZIO

Dettagli

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014

Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario. Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Nozioni di base sulla stesura di un piano economico-finanziario Daniela Cervi Matteo Pellegrini 10 Febbraio 2014 Il Piano Economico Finanziario Il piano economico-finanziario costituisce la porzione più

Dettagli

Incentivo Start Up Polaris

Incentivo Start Up Polaris Incentivo Start Up Polaris Per l avvio di nuove iniziative d impresa negli ambiti tecnologici di specializzazione del parco Allegato A GUIDA FORMULARIO BUSINESS PLAN VRT 04/08-2010 INDICE 1. SINTESI DEL

Dettagli

1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno Iva % Amm.% iva. - - - - - 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00

1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno Iva % Amm.% iva. - - - - - 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 1) Immobilizzazioni Macchinari e attrezzature di produzione 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno Iva % Amm.% iva - 1 anno 2 anno 3 anno 4 anno 5 anno a) 20% 0,00 0,00 0,00 0,00 0,00 b) 20% 33,0% 0,00 0,00

Dettagli

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan

Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it. Il Business Plan Dott. Giorgia Rosso Casanova g.rossoc@ec.unipi.it Il Business Plan Che cos è il business plan Documento di pianificazione e comunicazione che analizza e descrive l idea imprenditoriale e ne consente una

Dettagli

Il piano economico-finanziario. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano

Il piano economico-finanziario. Luca Buccoliero Marco Meneguzzo Università Bocconi Milano Il piano economico-finanziario Ruolo e inquadramento dello strumento Il piano economico-finanziario (PEF) costituisce una parte di un più ampio strumento di formalizzazione di un idea imprenditoriale :

Dettagli

Infine, sviluppi a scelta due dei seguenti punti:

Infine, sviluppi a scelta due dei seguenti punti: ISTITUTO TECNICO SETTORE ECONOMICO INDIRIZZO: AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING ARTICOLAZIONE: RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING (RIM) SECONDA PROVA SCRITTA ESAME DI STATO La Contabilità gestionale

Dettagli

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan

Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan TRIESTE 25 gennaio - 15 febbraio 2014 Dalla business idea alla sua realizzazione: il ruolo del business plan GIORGIO VALENTINUZ DEAMS «Bruno de Finetti» Università di Trieste www.deams.units.it Il business

Dettagli

SERGIO ALABISO TEMPORARY MANAGER

SERGIO ALABISO TEMPORARY MANAGER TEMPORARY MANAGER Il Business Plan Temporary Manager La difficoltà non sta nel credere nelle nuove idee, ma nel fuggire dalle vecchie. John Maynard Keynes Che cosa e e a cosa serve E un documento volto

Dettagli

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA

RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA aggiornato al 24/10/2011 L.P. 13 dicembre 1999, n. 6, articolo 5 RICERCA APPLICATA PROCEDURA VALUTATIVA RELAZIONE ECONOMICO - FINANZIARIA per domande di agevolazione di importo fino a 1,5 milioni di euro

Dettagli

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature)

(traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Modello A (traccia di business plan da allegare alla domanda in duplice copia e possibilmente senza spillature) Ragione sociale dell impresa o Titolo del progetto imprenditoriale BUSINESS PLAN per l accesso

Dettagli

STARTCUP. Guida alla Compilazione del Business Plan

STARTCUP. Guida alla Compilazione del Business Plan STARTCUP Guida alla Compilazione del Business Plan 2 INDICE DEL BUSINESS PLAN 1. SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE 3 2.L'IMPRESA : SETTORE DI ATTIVITÀ E FORMA GIURIDICA 3 3. IL GRUPPO IMPRENDITORIALE

Dettagli

MODELLO PER LA CREAZIONE DI UN BUSINESS PLAN

MODELLO PER LA CREAZIONE DI UN BUSINESS PLAN MODELLO PER LA CREAZIONE DI UN BUSINESS PLAN RICHIEDENTE Azienda, ragione sociale Indirizzo Persona di contatto Numero di telefono E-mail Luogo e data Firma e qualifica della persona autorizzata Business

Dettagli

CONVEGNO La finanza a sostegno delle PMI: strumenti alternativi e complementari al credito bancario. Il Business Plan

CONVEGNO La finanza a sostegno delle PMI: strumenti alternativi e complementari al credito bancario. Il Business Plan CONVEGNO La finanza a sostegno delle PMI: strumenti alternativi e complementari al credito bancario Il Business Plan Roma, 15 maggio 2014 1 Definizione, obiettivi e requisiti [1/2] OBIETTIVI DEL BUSINESS

Dettagli

CONCESSIONE CONTRIBUTI ALLE NUOVE IMPRESE

CONCESSIONE CONTRIBUTI ALLE NUOVE IMPRESE Business Plan (PIANO DI IMPRESA) DELL IMPRESA CONCESSIONE CONTRIBUTI ALLE NUOVE IMPRESE PAGE \*Arabic 1 PARTE DESCRITTIVA Parte generale a a descrizione dell impresa: - denominazione - forma giuridica

Dettagli

FORMULARIO DI PRESENTAZIONE PROGETTO

FORMULARIO DI PRESENTAZIONE PROGETTO ALLEGATO C COMUNE DI ROMA 9. DIPARTIMENTO POLITICHE PER LA RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE U.O. Autopromozione Sociale Art. 14 Legge 266/97 CONTRIBUTI PER PROGETTI IMPRENDITORIALI IN AREE DI DEGRADO URBANO

Dettagli

CONTRIBUTI PER PROGETTI IMPRENDITORIALI IN AREE DI DEGRADO URBANO PROGETTO FINANZIAMENTI ALLE PICCOLE IMPRESE IN PERIFERIA 2012

CONTRIBUTI PER PROGETTI IMPRENDITORIALI IN AREE DI DEGRADO URBANO PROGETTO FINANZIAMENTI ALLE PICCOLE IMPRESE IN PERIFERIA 2012 ALLEGATO C DIPARTIMENTO POLITICHE PER LA RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE U.O. Autopromozione Sociale CONTRIBUTI PER PROGETTI IMPRENDITORIALI IN AREE DI DEGRADO URBANO PROGETTO FINANZIAMENTI ALLE PICCOLE

Dettagli

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA

BUSINESS PLAN BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA BUSINESS PLAN DI PER APERTURA PIZZERIA 1 SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE: Tale sintesi dovrebbe dare al lettore una chiara idea del progetto imprenditoriale e dell opportunità di business che questo

Dettagli

La dimensione economico finanziaria del business plan. Davide Moro

La dimensione economico finanziaria del business plan. Davide Moro La dimensione economico finanziaria del business plan Davide Moro I prospetti economico finanziari Da cosa è costituito un prospetto economicofinanziario Un preventivo economico-finanziario completo richiede

Dettagli

BUSINESS PLAN, UNO STRUMENTO

BUSINESS PLAN, UNO STRUMENTO BUSINESS PLAN, UNO STRUMENTO IMPRESCINDIBILE PER FARE IMPRESA MATTEO PELLEGRINI AREA ECONOMICO FINANZIARIA LEGACOOP REGGIO EMILIA Giovedì 11 dicembre 2014 Il Business Plan è uno strumento operativo finalizzato

Dettagli

LE OPERAZIONI DELLA GESTIONE AZIENDALE SONO ALL ORIGINE DEL FLUSSO DELLE INFORMAZIONI CHE DESCRIVONO L ATTIVITA DELL AZIENDA

LE OPERAZIONI DELLA GESTIONE AZIENDALE SONO ALL ORIGINE DEL FLUSSO DELLE INFORMAZIONI CHE DESCRIVONO L ATTIVITA DELL AZIENDA LE OPERAZIONI DELLA GESTIONE AZIENDALE SONO ALL ORIGINE DEL FLUSSO DELLE INFORMAZIONI CHE DESCRIVONO L ATTIVITA DELL AZIENDA IL TRATTAMENTO CONTINUATIVO E SISTEMATICO DEL FLUSSO INFORMATIVO CONSENTE L

Dettagli

IL BUSINESS PLAN UNO STRUMENTO PER PIANIFICARE LA PROPRIA IDEA IMPRENDITORIALE

IL BUSINESS PLAN UNO STRUMENTO PER PIANIFICARE LA PROPRIA IDEA IMPRENDITORIALE Agenzia nazionale per l attrazione degli investimenti e lo sviluppo d impresa SpA IL BUSINESS PLAN UNO STRUMENTO PER PIANIFICARE LA PROPRIA IDEA IMPRENDITORIALE Autoimpiego: le misure agevolative e i territori

Dettagli

THE ART OF BUSINESS PLANNING

THE ART OF BUSINESS PLANNING THE ART OF BUSINESS PLANNING La presentazione dei dati: realizzazione e presentazione di un Business Plan Francesca Perrone - Head of Territorial & Sectorial Development Plans Giusy Stanziola - Territorial

Dettagli

Schema di riferimento per il business plan

Schema di riferimento per il business plan Schema di riferimento per il business plan 1 1. IDEA IMPRENDITORIALE 1.1 Descrizione dell idea imprenditoriale 1.2 Elementi di innovatività dell idea imprenditoriale 1.3 Relazione tra il contenuto tecnologico

Dettagli

L'importanza del Business Plan. Maurizio Longo

L'importanza del Business Plan. Maurizio Longo L'importanza del Business Plan Elementi tecnici ed economici Maurizio Longo A cosa serve un Business Plan A richiedere un finanziamento in Banca E poi??? Il BP è uno strumento dinamico che serve per capire

Dettagli

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE LE SCRITTURE DI RETTIFICA E ASSESTAMENTO 1 LA COSTRUZIONE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO Dalla raccolta delle informazioni contabili alla loro sintesi L esercizio La competenza

Dettagli

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E PERIFERIE, DIPARTIMENTO POLITICHE PER LA RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE U.O. AUTOPROMOZIONE SOCIALE

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E PERIFERIE, DIPARTIMENTO POLITICHE PER LA RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE U.O. AUTOPROMOZIONE SOCIALE ALLEGATO A ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI E PERIFERIE, DIPARTIMENTO POLITICHE PER LA RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE U.O. AUTOPROMOZIONE SOCIALE ACCESSO ALL INCUBATORE DI IMPRESE START FORMULARIO DI PRESENTAZIONE

Dettagli

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo Genesis s.r.l. - Via Galliera, 26-40121 Bologna - www.genesis.it Copyright Genesis, 2004. - 1 - CHECK LIST 1. Hai messo a fuoco il mercato a cui rivolgerti?

Dettagli

SEZIONE A - INFORMAZIONI SULL INVESTIMENTO

SEZIONE A - INFORMAZIONI SULL INVESTIMENTO ALLEGATO 5 - Pag. 1 di 9 Per le imprese di nuova costituzione (ovvero quelle costituite o che hanno avviato la propria attività non oltre tre anni prima della richiesta di ammissione al Fondo di Garanzia

Dettagli

Il Piano Industriale

Il Piano Industriale Il Piano Industriale Università degli Studi di Palermo Palermo, 9 giugno 2011 Raffaele Mazzeo Consiglio Nazionale Dottori Commercialisti ed esperti contabili Indice FASE n. 1 - Presentazione del progetto

Dettagli

Analisi di bilancio per indici

Analisi di bilancio per indici Analisi di bilancio per indici Al 31/12/n la Carrubba spa, svolgente attività industriale, presenta la seguente situazione contabile finale: SITUAZIONE PATRIMONIALE Software 20.000,00 Fondo ammortamento

Dettagli

TRACCIA SOLUZIONE ESAME DI CONTABILITA AZIENDALE E BILANCIO 21 LUGLIO 2006

TRACCIA SOLUZIONE ESAME DI CONTABILITA AZIENDALE E BILANCIO 21 LUGLIO 2006 TRACCIA SOLUZIONE ESAME DI CONTABILITA AZIENDALE E BILANCIO 21 LUGLIO 2006 a cura di Ericka Costa SCRITTURE IN P.D. 1. L utile dell esercizio precedente viene distribuito come segue: 7.000 tra i soci,

Dettagli

Business plan. (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA:

Business plan. (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA: Business plan (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA: 1 Dati progettuali di sintesi Nome impresa Indirizzo (sede legale) Forma giuridica Data di costituzione Numero soci Capitale sociale Attività

Dettagli

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria

Pianificazione economico-finanziaria Prof. Ettore Cinque. Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Modelli e tecniche di simulazione economico-finanziaria Bilanci preventivi e piani finanziari perché utilizzarli? Simulazione di scenari e valutazione impatto variabili di business Analisi compatibilità

Dettagli

Progetto Ricerca e Innovazione MI 2

Progetto Ricerca e Innovazione MI 2 Progetto Ricerca e Innovazione MI 2 IL BUSINESS PLAN Il business plan è quel documento con il quale si descrive, si pianifica e si valuta l idea imprenditoriale. In esso i promotori effettuano un'analisi

Dettagli

Linee guida per la compilazione del tuo BUSINESS PLAN

Linee guida per la compilazione del tuo BUSINESS PLAN Linee guida per la compilazione del tuo BUSINESS PLAN Nota bene: qui di seguito troverete delle indicazioni per la compilazione del business plan. Per avere una idea più completa possibile della vostra

Dettagli

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo

SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo SCHEMA DI BUSINESS PLAN a cura di Massimo D Angelillo Genesis s.r.l. - Via Galliera, 26-40121 Bologna - www.genesis.it Copyright Genesis, 2004. - 1 - CHECK LIST 1. Hai messo a fuoco il mercato a cui rivolgerti?

Dettagli

IL PROGETTO D IMPRESA

IL PROGETTO D IMPRESA Allegato E IL PROGETTO D IMPRESA (Il presente formulario deve essere compilato dettagliatamente in formato elettronico e successivamente stampato) L IDEA D IMPRESA Denominazione dell impresa. Nuova attività

Dettagli

LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN II: PROSPETTI ECONOMICO/FINANZIARI. Dott. Roberto Matterazzo

LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN II: PROSPETTI ECONOMICO/FINANZIARI. Dott. Roberto Matterazzo LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN II: PROSPETTI ECONOMICO/FINANZIARI Dott. Roberto Matterazzo L incontro si propone di: Esaminare i prospetti economico/finanziari che compongono un Business Plan. Per rendere

Dettagli

Stato patrimoniale al 31/12/n

Stato patrimoniale al 31/12/n Tema d esame Gestione economica delle imprese ristorative, analisi di bilancio e fonti di finanziamento di Grazia BATARRA ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 MATERIE ECONOMICHE (Classe 5 a IP Tecnico servizi ristorativi)

Dettagli

GUIDA AL BUSINESS PLAN*

GUIDA AL BUSINESS PLAN* GUIDA AL BUSINESS PLAN* *La guida può essere utilizzata dai partecipanti al Concorso che non richiedono assistenza per la compilazione del businnes plan INDICE Introduzione 1. Quando e perché un business

Dettagli

ANALISI AZIENDALE e CONTROLLO DI GESTIONE

ANALISI AZIENDALE e CONTROLLO DI GESTIONE ANALISI AZIENDALE e CONTROLLO DI GESTIONE INVESTIMENTI: LEASING E FINANZIAMENTI A CONFRONTO Dott. Aldo Canal e Dott. Gianluca Giacomello Mestre (VE), 30 Ottobre 2015 Agenda Parte 1 Parte 2 SCELTE DI INVESTIMENTO

Dettagli

PROVE SCRITTE ESAME DI STATO DOTTORE COMMERCIALISTA I SESSIONE 2009

PROVE SCRITTE ESAME DI STATO DOTTORE COMMERCIALISTA I SESSIONE 2009 PROVE SCRITTE ESAME DI STATO DOTTORE COMMERCIALISTA TRACCIA N. 1 I SESSIONE 2009 I P R O V A S C R I T T A Illustri il candidato la funzione di controllo contabile es art. 2409 ter, c.c., soffermandosi

Dettagli

Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione: Sistemi informativi aziendali

Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione: Sistemi informativi aziendali Settore economico Indirizzo: Amministrazione, Finanza e Marketing Articolazione: Sistemi informativi aziendali Esame di Stato anno scolastico 2014/2015 Svolgimento seconda prova di Economia aziendale La

Dettagli

L inquadramento teorico

L inquadramento teorico I preventivi economicofinanziari L inquadramento teorico Università di Pisa Le previsioni economiche: i ricavi di vendita Solitamente la prima variabile ad essere stimata corrisponde ai ricavi di vendita

Dettagli

Duplice finalità Interna Esterna

Duplice finalità Interna Esterna Business Plan Cos è? Il Business Plan è uno strumento operativo finalizzato a definire un idea imprenditoriale in termini di tempistica, fattibilità concreta, opportunità economica e compatibilità finanziaria

Dettagli

Zone Centrali Semicentrali. Adempimenti base per avvio iniziativa e HACCP

Zone Centrali Semicentrali. Adempimenti base per avvio iniziativa e HACCP SCHEDA PROGETTO E PROFILO RICHIESTO PER L AVVIO DELL INIZIATIVA Le informazioni riportate in questo documento sono fornite dal franchisor e costruite sull analisi storica dell andamento dei punti vendita.

Dettagli

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE

ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE ESERCITAZIONE N.1 MODELLO EQUILIBRIO MODELLO CONTABILE Dopo avere completato la tabella a doppia entrata e analizzato le variazioni coinvolte, si rilevino con scritture cronologiche e sistematiche in partita

Dettagli

6.932.528,46 PREZZO DI LISTINO ESCLUSA IVA

6.932.528,46 PREZZO DI LISTINO ESCLUSA IVA DATI CONOSCITIVI RILEVATI FONTE INFORMATIVA VALORI CONSIDERATI ( valutati con prudenza) forma giuridica S.r.L. macchinari ( linea completa di produzione ) 6.932.528,46 PREZZO DI LISTINO ESCLUSA IVA -http://italian.alibaba.com

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE

GUIDA ALLA COMPILAZIONE ECAPITAL 2016 PERCORSO DI FORMAZIONE GUIDA ALLA COMPILAZIONE DEL PIANO ECONOMICO-FINANZIARIO DOTT. CARLO SCIDA Guida alla compilazione del Business Plan ASPETTI GENERALI L orizzonte temporale previsto

Dettagli

Il Business Plan. Corso di laurea in Viticoltura ed Enologia Marketing Vitivinicolo A.A. 2014/2015 Nicola Marinelli

Il Business Plan. Corso di laurea in Viticoltura ed Enologia Marketing Vitivinicolo A.A. 2014/2015 Nicola Marinelli Corso di laurea in Viticoltura ed Enologia Marketing Vitivinicolo A.A. 2014/2015 Nicola Marinelli STRATEGIA AZIENDALE MARKETING ANALITICO Il Business Plan Una sintesi finale Piano di marketing per il prodotto

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

MODULO DI MARKETING. Università di Ferrara

MODULO DI MARKETING. Università di Ferrara MODULO DI MARKETING Università di Ferrara 1 Lezione 2 DALLA STRATEGIA AL BUSINESS PLAN Università di Ferrara 2 Sommario Comprendere il ruolo e la funzione del BP Analizzare la struttura-tipo di un BP Analizzare

Dettagli

Bilanci previsionali 20.. 20. 20. Stato Patrimoniale

Bilanci previsionali 20.. 20. 20. Stato Patrimoniale MODULO PER LA VALUTAZIONE DELLE IMPRESE DI RECENTE COSTITUZIONE PER FINANZIAMENTI DI IMPORTO SUPERIORE A 50.000,00 EURO (importi in migliaia di Euro) Immobilizzazioni Rimanenze Disponibilità Bilanci previsionali

Dettagli

Business Plan Legacoop Modena. Dati forniti da Marcello Cappi Ufficio studi LEGACOOP MODENA

Business Plan Legacoop Modena. Dati forniti da Marcello Cappi Ufficio studi LEGACOOP MODENA Business Plan Legacoop Modena Dati forniti da Marcello Cappi Ufficio studi LEGACOOP MODENA Il Business Plan è un mezzo di presentazione, analisi e apprendimento che consente all impresa nascente di pianificare

Dettagli

MODELLO DI BUSINESS PLAN

MODELLO DI BUSINESS PLAN MODELLO DI BUSINESS PLAN Predisporre una copertina con i riferimenti dei proponenti ed il nome del progetto. Note per la compilazione: Utilizzare un linguaggio semplice e comprensibile, possibilmente non

Dettagli

Calcolo e commento dei principali indici di bilancio

Calcolo e commento dei principali indici di bilancio Esercitazioni svolte 2014 Scuola Duemila 1 Esercitazione n. 10 Calcolo e commento dei principali indici di bilancio Antonia Mente COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE Interpretare i sistemi aziendali nei loro

Dettagli

BREA ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE. Indirizzo: ECONOMICO AZIENDALE - Progetto BROCCA. Tema di: ECONOMIA AZIENDALE

BREA ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE. Indirizzo: ECONOMICO AZIENDALE - Progetto BROCCA. Tema di: ECONOMIA AZIENDALE BREA ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE Indirizzo: ECONOMICO AZIENDALE - Progetto BROCCA Anno 1999 CORSO SPERIMENTALE Tema di: ECONOMIA AZIENDALE La riduzione dei tassi di interesse e l avanzamento

Dettagli

La programmazione delle scelte finanziarie

La programmazione delle scelte finanziarie Economia e gestione delle imprese II La programmazione delle scelte finanziarie dott. Matteo Rossi Benevento, 23 febbraio 2009 La gestione finanziaria La gestione finanziaria ha ad oggetto il complesso

Dettagli

Una sintesi finale! Piano di marketing del prodotto x per. anni n ANALISI (vari strumenti e modelli)

Una sintesi finale! Piano di marketing del prodotto x per. anni n ANALISI (vari strumenti e modelli) IL BUSINESS PLAN Piano di marketing del prodotto x per Una sintesi finale! STRATEGIA AZIENDALE - MKG ANALITICO anni n ANALISI (vari strumenti e modelli) Esterna: clienti, bisogni e desideri ambiente competitivo

Dettagli

Release : 2014_1 Settore : Produzione/Servizi Bp Richiesta Finanziamenti misura Microimpresa

Release : 2014_1 Settore : Produzione/Servizi Bp Richiesta Finanziamenti misura Microimpresa Release : 2014_1 Settore : Produzione/Servizi Bp Richiesta Finanziamenti misura Microimpresa Guida all Utilizzo del Modello Excel Premessa Il Modello permette di elaborare i Previsionali Patrimoniale,

Dettagli

BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO

BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO BUSINESS PLAN APPROFONDIMENTO IL BUSINESS PLAN CHE SEGUE PRESENTE IN INTERNET E STATO ELABORATO DA FINANCIAL ADVISOR BUSINESS APPROFONDIMENTO Cessione BANCHE IL BUSINESS PLAN: Come sintetizzare in un documento

Dettagli

Forum APB Milano, 4 Aprile 2006

Forum APB Milano, 4 Aprile 2006 Contenuti, logiche ed effetti di Basilea 2 sulle PMI Le informazioni qualitative rilevanti ai fini del rating qualitativo: il controllo di gestione aziendale come elemento importante dei dati qualitativi

Dettagli

Impostazione dell equazione

Impostazione dell equazione Impostazione dell equazione In base all equazione generale ATTIVO = PASSIVO si giunge allo stesso risultato impostando: Equazione di Equilibrio Dove: X=(A-P0-R0)/(1-i) X = Fabbisogno finanziario a breve

Dettagli

Bplanning. Manuale d uso. Indice

Bplanning. Manuale d uso. Indice Bplanning Manuale d uso Indice Desk... 2 Assumption... 3 Linee Prodotto... 4 Personale... 4 Investimenti... 5 Ammortamenti... 6 Finanziamenti... 7 Imposte... 7 Conto Economico input... 8 Stato Patrimoniale

Dettagli

Circolare N.140 del 19 Settembre 2013

Circolare N.140 del 19 Settembre 2013 Circolare N.140 del 19 Settembre 2013 Smart & Start. Incentivi ed agevolazioni fino a 500.000 euro per i progetti innovativi al sud Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che Smart & Start

Dettagli

BUSINESS PLAN. PER IMPRESE START UP (incluse imprese nate da meno di 12 mesi)

BUSINESS PLAN. PER IMPRESE START UP (incluse imprese nate da meno di 12 mesi) BUSINESS PLAN PER IMPRESE START UP (incluse imprese nate da meno di 12 mesi) Sezione da compilare esclusivamente nel caso in cui il business plan sia stato redatto con la collaborazione di un Associazione

Dettagli

FORMULARIO DI PROGETTO

FORMULARIO DI PROGETTO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI E SERVIZI A SOSTEGNO DELLA NASCITA DI NUOVE REALTÀ IMPRENDITORIALI O DI AUTO IMPIEGO IN FAVORE DI GIOVANI STRANIERI CITTADINI DI PAESI NON APPARTENENTI ALL UNIONE EUROPEA

Dettagli

Comunicato stampa Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2015

Comunicato stampa Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2015 Comunicato stampa Relazione finanziaria semestrale al 30 giugno 2015 Nel primo semestre 2015 il Gruppo Cairo Communication ha continuato a conseguire risultati positivi nei suoi settori tradizionali (editoria

Dettagli

IL BILANCIO DI ESERCIZIO

IL BILANCIO DI ESERCIZIO IL BILANCIO DI ESERCIZIO Mette in evidenza il risultato della gestione annuale e deriva dal sistema contabile il cui scopo è la registrazione di tutti i fatti gestionali che hanno effetti sulle variazioni

Dettagli

Il business plan. (piano d impresa) Francesca Vanzetti

Il business plan. (piano d impresa) Francesca Vanzetti Il business plan (piano d impresa) Francesca Vanzetti Giovedì 23 aprile 2015 Vorrei mettermi in proprio p da dove comincio? Dalla scelta della forma giuridica? Dal regime fiscale? Dagli adempimenti? Dallaricerca

Dettagli

PROGETTO D IMPRESA. Guida alla Compilazione del Business Plan 1

PROGETTO D IMPRESA. Guida alla Compilazione del Business Plan 1 PROGETTO D IMPRESA Guida alla Compilazione del Business Plan 1 1 Il seguente format si ispira al modello di Business Plan proposto dal progetto Mambo del Comune di Bologna. INDICE DEL BUSINESS PLAN 1.

Dettagli

SCHEMA SEMPLIFICATO PER LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN

SCHEMA SEMPLIFICATO PER LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN Sottomisura 4.1.3.1.a Sostegno alla creazione ed allo sviluppo di microimprese Misura 3.1.2. Azione a) Centri rurali di ristoro e degustazione SCHEMA SEMPLIFICATO PER LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN Il

Dettagli

AL LAVORO! HO UN IDEA E AVVIO UN IMPRESA: COMPETENZE E STRUMENTI PER AVVIARE UN IMPRESA. - Pietro Petrecca -

AL LAVORO! HO UN IDEA E AVVIO UN IMPRESA: COMPETENZE E STRUMENTI PER AVVIARE UN IMPRESA. - Pietro Petrecca - AL LAVORO HO UN IDEA E AVVIO UN IMPRESA: COMPETENZE E STRUMENTI PER AVVIARE UN IMPRESA. - Pietro Petrecca - 1 Azienda E il complesso dei beni organizzati dall imprenditore per l esercizio dell impresa.

Dettagli

FRANCHISING DI: commercializzazione prodotti Erogazione di servizi produzione. Licenza commerciale o esercizio di vicinato

FRANCHISING DI: commercializzazione prodotti Erogazione di servizi produzione. Licenza commerciale o esercizio di vicinato SCHEDA PROGETTO E PROFILO RICHIESTO PER L AVVIO DELL INIZIATIVA Le informazioni riportate in questo documento sono fornite dal franchisor e costruite sull analisi storica dell andamento dei punti vendita.

Dettagli

1 - Il business plan 1.1 Pianificazione con metodo 1.2 Elementi per costruirne uno

1 - Il business plan 1.1 Pianificazione con metodo 1.2 Elementi per costruirne uno 1 - Il business plan 1.1 Pianificazione con metodo 1.2 Elementi per costruirne uno 2 - La pianificazione economico - finanziaria 2.1 - L impresa come sistema 2.2 La struttura economico - finanziaria 1.1

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEL BUSINESS PLAN O.S. Organizzazione e servizi S.r.l. Dott. Dante Romanò Come realizzare un Business Plan : una guida semplice completa di un modello gratuito per il calcolo dei

Dettagli

LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE

LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE LESS IS MORE MODELLO PER LA COMPILAZIONE DEL BUSINESS PLAN PROGETTO D IMPRESA LESS IS MORE INDICE DEL BUSINESS PLAN 1. SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE 2. LA COMPAGINE IMPRENDITORIALE 3. LA BUSINESS

Dettagli

Firenze 20-21-27 aprile 2011

Firenze 20-21-27 aprile 2011 Il controllo di gestione per le IMPRESE ALBERGHIERE Terza giornata Dalla pianificazione al Controllo La gestione finanziaria Firenze 20-21-27 aprile 2011 GLI OBIETTIVI DELL INCONTRO 1. Definire il Concetto

Dettagli

- Salumificio - Business plan

- Salumificio - Business plan - Salumificio - Business plan (tabelle) 1 INDICE 1. Pianificazione economico-finanziaria 2009-2012... 3 a. Conto economico... 3 Ricavi... 3 Costi... 4 b. Stato Patrimoniale... 6 c. Analisi finanziaria...

Dettagli

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI

5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI 5.1. LA STRUTTURA DEL MASTER BUDGET: BUDGET OPERATIVI, FINANZIARI E DEGLI INVESTIMENTI Master Budget: insieme coordinato e coerente dei budget operativi, finanziari e degli investimenti è rappresentato

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA DIPARTIMENTI SVILUPPO ECONOMICO, LAVORO, FORMAZIONE E POLITICHE SOCIALI PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA PROGRAMMAZIONE REGIONALE UNITARIA 2007-2013

Dettagli

AR.SER.COM. Soc.Cooperativa A r.l. Marmilla. Progetto Business Plan SERVIZI AI CITTADINI E ALLE IMPRESE

AR.SER.COM. Soc.Cooperativa A r.l. Marmilla. Progetto Business Plan SERVIZI AI CITTADINI E ALLE IMPRESE AR.SER.COM. Soc.Cooperativa A r.l. Marmilla Progetto Business Plan SERVIZI AI CITTADINI E ALLE IMPRESE Ales, li 14/06/2013 SINTESI DEL PROGETTO IMPRENDITORIALE L attività nasce dalla volontà di quattro

Dettagli

IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET

IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET IL PROCESSO DI CONSOLIDAMENTO DEI BUDGET Il sistema di pianificazione aziendale integrato. 1. Scenari ambientali, previsionali generali, bilanci passati Riferimenti ambientali Posizionamento strategico

Dettagli

L equilibrio finanziario

L equilibrio finanziario L equilibrio finanziario La riclassificazione del bilancio d esercizio Prof. Andrea Calabrò E-mail: andrea.calabro@uniroma2.it Il bilancio pubblico Il Bilancio è il documento contabile in cui trovano rappresentazione

Dettagli

Comunicato stampa Progetto di bilancio al 31 dicembre 2014

Comunicato stampa Progetto di bilancio al 31 dicembre 2014 Comunicato stampa Progetto di bilancio al 31 dicembre 2014 Approvati dal Consiglio i risultati 2014: il bilancio consolidato 2014 conferma sostanzialmente i risultati già riportati nel resoconto intermedio

Dettagli

Concorso idee imprenditoriali

Concorso idee imprenditoriali Concorso idee imprenditoriali Ancona, 28 febbraio 2008 Il contenuto del business plan Descrizione dell idea di business descrizione dell idea imprenditoriale; analisi del mercato e della concorrenza; definizione

Dettagli

Tuscia al Lavoro Rimbocchiamoci le maniche

Tuscia al Lavoro Rimbocchiamoci le maniche Allegato 2 Provincia di Viterbo Assessorato Formazione Professionale e Politiche per il lavoro Tuscia al Lavoro Rimbocchiamoci le maniche BUSINESS PLAN Denominazione Impresa: Data 1 Indice 1 La società

Dettagli

ARGOMENTI. Una premessa. La funzione finanziaria. Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti

ARGOMENTI. Una premessa. La funzione finanziaria. Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti La funzione finanziaria Prof. Arturo Capasso ARGOMENTI Ruolo della finanza aziendale Analisi finanziaria aziendale Valutazione degli investimenti Una premessa Funzione Finanziaria e Finanza Aziendale.

Dettagli

FRANCHISING DI: commercializzazione prodotti erogazione di servizi produzione. Zona commerciale, da verificare con franchisee. 32 mq (da 16 a 48 mq)

FRANCHISING DI: commercializzazione prodotti erogazione di servizi produzione. Zona commerciale, da verificare con franchisee. 32 mq (da 16 a 48 mq) SCHEDA PROGETTO E PROFILO RICHIESTO PER L AVVIO DELL INIZIATIVA Le informazioni riportate in questo documento sono fornite dal franchisor e costruite sull analisi storica dell andamento dei punti vendita.

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Sessione ordinaria 2012 Seconda prova scritta Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca M730 - ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE CORSO DI ORDINAMENTO Indirizzo: GIURIDICO ECONOMICO

Dettagli

Strumenti per il controllo economico e finanziario dell impresa: gestione delle problematiche e soluzioni

Strumenti per il controllo economico e finanziario dell impresa: gestione delle problematiche e soluzioni Strumenti per il controllo economico e finanziario dell impresa: gestione delle problematiche e soluzioni Dott. Claudio Orsini Arcadia Consulting Srl Bologna Finanza d impresa e Consulenza di direzione

Dettagli

Contiene le coperture finanziarie necessarie per l acquisizione delle risorse produttive, con l eventuale avanzo o disavanzo finanziario.

Contiene le coperture finanziarie necessarie per l acquisizione delle risorse produttive, con l eventuale avanzo o disavanzo finanziario. Il processo di formulazione del budget dell impresa si conclude con il consolidamento dei singoli budget settoriali in un unico bilancio previsionale (MASTER BUDGET), che si compone dei seguenti documenti

Dettagli

ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO

ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO ANALISI ANDAMENTO ECONOMICO per passare all analisi del fabbisogno e della copertura finanziaria occorre terminare l analisi economica. i ricavi sono stati previsti nel dossier mercato alcuni costi sono

Dettagli

FORMULARIO PER LE SOCIETA E COOPERATIVE

FORMULARIO PER LE SOCIETA E COOPERATIVE FORMULARIO PER LE SOCIETA E COOPERATIVE P.O.R. ABRUZZO Ob. 3 2000-2006 ALLEGATO PER LL.RR. 143/95 E 96/97 136/96-55/98 ANNUALITA MISURA / AZIONE (*) L.R. ART. (*) - Azione D3.1 per le LL.RR. 136/96 e 55/98

Dettagli

Biblioteca di Telepass + 2 o biennio TOMO a

Biblioteca di Telepass + 2 o biennio TOMO a UNITÀ B La gestione e i suoi risultati: il patrimonio e il reddito Biblioteca di Telepass + 2 o biennio TOMO a La gestione delle aziende di produzione: settori e profili di analisi Documento Esercizi Operazioni

Dettagli

al budget di cassa mensile

al budget di cassa mensile un esempio molto semplice : dal bilancio previsionale al budget di cassa mensile Lo stato patrimoniale dell anno x : ATTIVO PASSIVO Cassa 5.000 Fornitori Clienti 300.000 Banche Scorte 100.000 Capitale

Dettagli

P.E.F. previsionale connesso alla gara per la concessione del Centro Sportivo AMBROSINI

P.E.F. previsionale connesso alla gara per la concessione del Centro Sportivo AMBROSINI FACSIMILE mod/pef Ambrosini Comune di Monza P.E.F. previsionale connesso alla gara per la concessione del Centro Sportivo AMBROSINI PROSPETTI DI CONTO ECONOMICO, STATO PATRIMONIALE E FLUSSI DI CASSA PREVISIONALI

Dettagli

FAC-SIMILE. MICROCREDITO FSE Domanda di finanziamento. Dati anagrafici del proponente. N domanda. Nome. Sesso. Cognome

FAC-SIMILE. MICROCREDITO FSE Domanda di finanziamento. Dati anagrafici del proponente. N domanda. Nome. Sesso. Cognome N domanda Dati anagrafici del proponente MICROCREDITO FSE Domanda di finanziamento Nome Titolare / Legale rappresentante Stato di nascita Provincia di nascita Comune di nascita Data di nascita Documento

Dettagli