Business Plan. Piano Aziendale, studio di fattibilità Progetto strategico

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Business Plan. Piano Aziendale, studio di fattibilità Progetto strategico"

Transcript

1 IL BUSINESS PLAN Business Plan Piano Aziendale, studio di fattibilità Progetto strategico E uno strumento operativo che descrive l idea imprenditoriale, ne esamina i punti di forza e di debolezza al fine di pianificarli e valutarli. E uno strumento di pianificazione ma anche di comprensione, controllo e comunicazione. 1

2 IL BUSINESS PLAN:DESTINATARI Destinatari 1.per l impresa:consente di razionalizzare ed esplicitare l idea imprenditoriale(business idea) al fine di coinvolgere altri soggetti nella realizzazione del progetto; 2.per i terzi:consente di valutare l iniziativa economica, le sue potenzialità e i rischi ad essa connessa; Funzioni interne -per valutare la fattibilità di una nuova iniziativa; Funzioni esterne -per richiedere finanziamenti esterni; -per pianificare e valutare nuovi programmi di investimento; -per monitorare e controllare le dinamiche di sviluppo dell attività; -per concorrere ad agevolazioni pubbliche; -promuovere nuovi rapporti commerciali; -per conseguire certificazioni ambientali e di qualità 2

3 IL BUSINESS PLAN:CONTENUTO Non esiste un modello prestabilito per la sua redazione:il contenuto varia a seconda dei destinatari, della dimensione dell investimento, degli scopi che si vogliono realizzare. I contenuti sono comunque solitamente strutturati in due parti: PARTE DESCRITTIVA:sono illustrati tutti gli a- spetti fondamentali che contraddistinguono il progetto imprenditoriale:prodotti/servizi, vantaggi competitivi,mercati di sbocco,strategie commerciali,organizzazione,ecc. PARTE ANALITICA-NUMERICA:in cui sono illustrati i risultati economici-finanziari attesi dell iniziativa, per cui l elaborazione del: -piano degli investimenti; -piano economico; -piano patrimoniale; -piano finanziario. 3

4 IL BUSINESS PLAN: REQUISITI MINIMI 1.La Mission del Progetto: ossia la business idea, lo scopo per cui la nuova impresa viene costituita con riferimento ai bisogni dei clienti, ai concorrenti e ai fattori critici di successo individuati; 2.Rischi ed Opportunità: Rischi -prodotti obsoleti; -competitori/concorrenti; -minacce del mercato; -cambiamenti in atto nel mercato; Opportunità -nuove tecnologie; -cambiamenti in corso nella società; -alleanze strategiche pos sibili; 3.Tempi di realizzazione: in riferimento al progetto che si intende realizzare 4

5 IL BUSINESS PLAN: REQUISITI MINIMI (segue) 4.Obiettivi e Risultati: -gli obiettivi devono essere definibili in termini qualitativi e i risultati in termini quantitativi; -deve trattarsi di obiettivi e risultati chiari e facilmente interpretabili; -vanno pianificati in modo sistematico; -vanno comunicati all interno e all esterno dell impresa; 5.Punti di forza e di debolezza: Ci si riferisce solitamente a: -esperienza -mercati di riferimento; -aspetti tecnico-produttivi; -aspetti organizzativi; -aspetti finanziari; Per la loro individuazione è anche utile la S.W.O.T ANALYSIS (Strengths, Weaknesses, Opportunities, Threats) 5

6 IL BUSINESS PLAN: REQUISITI MINIMI (segue) 6.Progetto che si intende realizzare: a) suddividere la realtà aziendale in quattro aree: -tecnico-produttiva; -commerciale-marketing; -amministrativa-organizzativa; -finanziaria. b) scegliere la forma giuridica della società(società di persone e società di capitali); c) scegliere la sede ove localizzare l azienda; d) scegliere quali attività internalizzare / esternalizzare 6

7 IL BUSINESS PLAN: FINALITA Il Business Plan può essere finalizzato a: 1.Avviare una nuova attività: Al tal fine il B.P. è assai complesso in quanto vanno considerati molti aspetti: - adempimenti formali connessi alla costituzione (autorizzazioni, P.I.,Inps,Inail,Cciaa); - aspetti di tipo produttivo (layout di stabilmento, contatto con i possibili fornitori, ecc.); - aspetti commerciali (azioni promozionali per fare conoscere nuova attività); - investimenti da effettuare e i relativi fabbisogni finanziari; - tempi realizzazione. 2.Investire in un azienda già esistente -scelte di fondo: a)prenderla in affitto (contratto d affitto disciplinato dal 2561 e 2562 c.c.); b)acquistarla: - esaminare attentamente i bilanci; - indagini di mercato per valutare le - le effettive potenzialità; - valutare la congruità del prezzo. 3.Analizzare le dinamiche di sviluppo di un azienda -programmare le linee guida dell impresa in tutte le sue diverse componenti; -il B.P. è uno strumento di monitoraggio dell andamento a- ziendale (feedback). 7

8 IL BUSINESS PLAN: FINALITA (segue) 4.Accedere al credito bancario Il B.P.è lo strumento con cui attraverso simulazioni successive si individuano le forme tecniche di funzionamento più adeguate alle esigenze aziendali 5 Richiedere agevolazioni pubbliche Il B.P. per richiedere agevolazioni pubbliche è determinante perché: a)valuta l impatto dell eventuale agevolazione sulla finanza aziendale; b)sottopone il proprio progetto imprenditoriale all ente valutatore. 6.Promuovere nuovi rapporti commerciali -fusioni; -joint-venture -consorzi -associazioni temporanee d impresa -scambi di partecipazioni -franchising -decentramento produttivo 7.Ottenere certificazioni di qualità ambientali -miglioramento immagine -mantenimento di buone relazioni con la comunità -accesso facilitato a capitali e finanziamenti -riduzione costi assicurativi -utilizzo efficiente risorse -migliori relazioni con le autorità 8

9 IL BUSINESS PLAN:MODELLO DI RIFERIMENTO 1. FASE INTUIZIONE: nasce l idea di business 2. FASE SVILUPPO: si mette a punto e si sottopone a test l idea 3. FASE REALIZZAZIONE: si conquista la posizione desiderata sul mercato 4. FASE CONSOLIDAMENTO: si costituiscono difese e barriere all entrata sul mercato. 9

10 IL BUSINESS PLAN:MODELLO DI RIFERIMENTO (segue) 1. FRONTESPIZIO: la sintesi estrema dell idea imprenditoriale che deve contenere: il logo il nome dell organismo proponente l idea imprenditiva l indirizzo la data di preparazione il nome dei componenti gli organi sociali i riferimenti di autorizzazione. 2. DICHIARAZIONE DI INTENTI CIRCA L IDEA IMPRENDITIVA: trattasi di una dichiarazione da cui gli investitori / finanziatori debbono poter desumere tutti gli elementi fondamentali di conoscenza dell organismo proponente e del business plan da questi proposto: forma giuridica dimensioni natura dell attività illustrazione dell idea imprenditiva con individuazione del settore, degli obiettivi nel tempo e delle ricadute su fatturato profitto investimenti piano di rientro investimenti / finanziamenti. 10

11 IL BUSINESS PLAN:MODELLO DI RIFERMENTO (segue) Modello di riferimento per l analisi quantitativa Analisi di mercato Piano di marketing Piano tecnico produttivo Piano di struttura Piano del personale Piano degli investimenti Piano economico - finanziario Verifica fattibilità finanziaria Verifica fattibilità e nomica 11

12 STRUMENTI PER L ANALISI DEL MERCATO a) Linee di prodotto 1. Sviluppo, tasso, modello (stagionale ciclico) 2. Innovazione di prodotto b) Prodotti complementari sostitutivi c) Imprese esistenti d) Clienti 1. Tecnologia di produzione, strutture di costi, economie di scala, valore aggiunto, logistica, lavoro 2. Innovazione di processo e) Segmentazione di mercato f) Marketing g) Fornitori h) Barriere all entrata 1. Economie di scala 2. Differenziazione di prodotto 3. Fabbisogno di capitali 4. Costi di conversione 5. Accesso ai canali di distribuzione 6. Svantaggi di costo indipendenti dal volume di produzione 7. Politica pubblica 12

13 STRUMENTI PER L ANALISI DEL SETTORE ESPERTI DEL SETTORE -Organizzazioni che forniscono indici standard; -Sindacati; -Stampa tecnica, professionale -Organizzazioni locali -Camere di Commercio -Autorità statali; -Organizzazioni comunitarie; -Gruppi di pressione(consumatori); -Organismi impegnati nella regolamentazione, nella promozione nel finanziamento; SETTORE Fornitori Distributori Clienti Fonti di Informazioni Interne Organismi Di Servizio - Analisi di mercato; - Organizzazione di vendita; - Addetti servizi; - Addetti con esperienze precedenti presso concorrenti, osservatori; - Ufficio acquisti in contatto con fornitori; - Associazioni di categorie; - Banche di investimento; - Consulenti; - Certificatori; - Aziende di credito; - Agenzie di pubblicità; 13

14 PIANO DI MARKETING RICERCHE DI MERCATO STRATEGIE DI MARKETING MERCATO -clienti; -concorrenza; -dimensioni; -tasso di sviluppo MARKETING MIX -service idea; -prezzo; -comunica zione; -distribuzione; erogazione; PIANO DI MARKETING Piano delle vendite -mercato potenziale; -quota di mercato; -obiettivi vendita; Piano spese di marketing -costi di gestione; -investimento in capitale fisso e circolante; 14

15 PIANO TECNICO-PRODUTTIVO DOMANDA QUANTITA PRODOTTA MIX ALTERNATIVE PRODUTTIVE Qualità Livello servizio Capacità Produttiva Interna -costo materiali; -costo personale; -costo attrezzature Rigidità/Flessibilità Capacità Produttiva Interna -costi esterni; 15

16 PIANO DI STRUTTURA Si tratta di individuare le aree funzionali della struttura aziendale, le attività da svolgere coerentemente con gli obiettivi individuati, la definizione del livello di prestazioni desiderate nonché la quantificazione delle risorse necessarie. PIANO DEL PERSONALE Piano di Marketing Piano Produttivo Piano della struttura FABBISOGNO DEL PERSONALE Organico profilo funzionale Struttura Organizzativa Politiche di retribuzioni 16

17 PIANO DEGLI INVESTIMENTI ELEMENTI DEL CAPITALE FISSO -Immobili -Automezzi -Attrezzature -Marchi, brevetti ed altre immobiliz imm ELEMENTI DEL CAPITALE CIRCOLANTE -crediti v/clienti -scorte di mgazzino Preleva Informazioni dal: PIANO DI MARKETING -attrezzature necessarie per attività di marketing; -fatturato -attrezzature con relative necessarie aliquote per Iva attività e i gg di dilazione marketing; previsti per incassi; -eventuali -fatturato giacenze con relative magazzino; aliquote Iva e i g PIANO DI PRODUZIONE -attrezzature necessarie per la produzione con relative aliquote Iva nonché i relativi giorni di dilazione previsti per i pagamenti; -acquisti di materiali; -giorni medi di giacenza in magazzino dei materiali; PIANO DI STRUTTURA -attrezzature necessarie -materiali necessari 17

18 PIANO FINANZIARIO Cassa Crediti Scorte Tot.attività a breve Attività immobilizzate -F.di ammortamenti Debiti v/fornitori Debiti v/banche Altri debiti Tot.passività a breve Debiti a m/l termine Totale Passivo Capitale sociale Riserve Risultato d esercizio Totale Attivo Totale passivo +Utile/perdita d esercizio +costi non monetari -ricavi non monetari -/+ variazione netta rimanenze -/+ variazione netta crediti a breve, ratei e risconti +/- variazione netta debiti a breve, ratei e risconti passivi = CASH FLOW D ESERCIZIO 18

19 Ricavi lordi Sconti commerciali PIANO ECONOMICO Ricavi netti Rimanenze iniziali Acquisti Rimanenze finali Manodopera Prestazioni esterne Costi generali industriali Ammortamenti beni industriali Costo del venduto Margine lordo industriale Costi vendita Costi distribuzione Costi di comunicazione Accantonamento svalutazione crediti Costi generali e amministrativi Costo del personale Prestazioni esterne Ammortamenti Reddito operativo +/- saldo gestione finanziaria +/- saldo gestione straordinaria Risultato ante imposte - imposte Risultato netto 19

20 ANALISI FATTIBILITA ECONOMICA-FINANZIARIA Conto Economico Redditività contabile Situazione Patrimoniale Impieghi -Fonti Rendiconto finanziario Fattibilità Finanziaria Analisi Punto di pareggio Flessibilità struttura dei costi Valutazioni di periodo Indici di bilancio Indagine per aree gestionali DECISIONI DI INVESTIMENTO Pay-back period Tempo necessario affinchè il capitale impiegato per la realizzazione dell investimento sia recuperato attraverso i flussi positivi generati dallo stesso. V.A.N. Consiste nell attualizzazione dei flussi positivi(entrate) e negativi (uscite) causate dalle attività gestionali e di investimento T.I.R. E tasso di attualizzazione che rende pari a zero il VAN dei flussi di un investimento. 20

21 BUSINESS PLAN SWEET DREAM La Sweet Dream è una nuova iniziativa che verrà avviata nella tranquilla città di Varese a partire dal mese di aprile 2003 e la sua attività consiste nella produzione e commercializzazione di prodotti di pasticceria e gelateria. Il sig. Rossi, dipendente di un laboratorio di pasticceria e l amico sig.bianchi, ragioniere esperto del settore commerciale, hanno rinvenuto l antica ricetta di un dolce locale, che con opportuni accorgimenti può essere conservato per tre mesi. La società avrà la forma giuridica di srl con capitale sociale di euro, equamente apportato, e diverrà operativa dal 1 aprile. I soci individuano un locale nel quale ubicare il laboratorio e stipulano un contratto di locazione con decorrenza 1 aprile pattuendo un canone mensile di 1000 euro per sei anni. 21

22 BUSINESS PLAN (1)Analisi del prodotto SWEET DREAM Dolce locale Pasticceria classica Dolce locale: la sweet dream riprodurrà un tipo dolce locale, preparato seguendo l antica ricetta originale, usando e- sclusivamente ingredienti naturali, preparato fresco ogni giorno come fatto in caso. Pasticceria classica:riprodurrà anche torte e pasticceria fine seguendo le ricette della migliore tradizione italiana, preparati con ingredienti selezionati al fine di ottenere una produzione in grado di esaltare deliziose combinazioni di gusti e sapori. 22

23 BUSINESS PLAN (2)Analisi del mercato e della domanda a)varese è tranquilla città immersa nel verde, dinamica e sensibile ai prodotti della tradizione locale. I soci hanno individuato un area da servire che in base alla analisi svolte risulta a forte potenziale di mercato; b)dallo studio effettuato, i target costumer dell iniziativa sono così individuati: -bambini /ragazzi sino a 18 anni (3 scuole nelle vicinanze); -giovani 18/27 anni (Università nelle vicinanze); -professionisti (per la forte presenza di uffici nell area); -famiglie e anziani (vicinanza di area residenzale); c)da un analisi statistica è emerso che l 87% degli esercizi pubblici situati in zona che serve prodotti di pasticceria somministra anche caffè e gelati. Questo significa che l azienda a livello competitivo, adotterà una strategia di differenziazione; 23

24 BUSINESS PLAN (3)Strategie competitive a) di prodotto: salute, genuinità e gusto di pasticceria italiana; b) b) di servizio: consegne a domicilio, servizi per le aziende, ordini telefonici e on-line, proposte di pacchetti di prodotto per feste e ricevimenti; c) di immagine: pasticceria di assoluto livello, utilizzo di ingredienti di elevata qualità. Comunicazione dei messaggi di prodotto tradizionale locale, prodotto naturale e prodotto gustoso ; d) di identità: vetrina ben visibile per posizione, illuminazione. Locale confortevole con tavoli anche all aperto per acquisto della pasticceria pronta al consumo. e) di status: identità culturale differente, valenza etnica, ricordo di viaggio. 24

25 BUSINESS PLAN (4)Il piano operativo Il locale di circa 120 mq di cui 90 adibiti a laboratorio, preso in locazione con contratto con decorrenza dal 1 aprile ad un canone di 1000 mensile per 6 anni. La produzione. Il laboratorio situato nel retro del locale è suddivisa in due parti: una adibita alla preparazione degli ingredienti e ai macchinari di impasto e l altra alla cottura e allo stoccaggio delle materie. A livello di manodopera è prevista l assunzione di quattro pasticceri. Macchinari impiegati nella produzione: -Pastorizzatore; -Mantecatore; -Impastatrice; -sfogliatrice; -forno elettrico; -lavapiatti -vetrina pasticceria -tavolo da lavoro -cella frigorifera 25

26 BUSINESS PLAN (4)Il piano di marketing Le strategie sono volte alla costruzione di una immagine di impresa di valori e tradizione e di prodotti genuini e naturali. Le leve di marketing sono: -prodotto/servizio; -prezzo; -Promozione/pubblicità; E necessaria una campagna pubblicitaria così articolata: -radio (20 spot a settimana per 2 settimane e 18 a intermittenza per le successive 4 settimane); -quotidiano locale (1/4 di pagina per settimane, 1/8 per altre 2 settimane e 1/16 ogni due settimane successive) + campus magazine; -Web. Il sito della Sweet dream sarà promosso da alcuni quotidiani on-line.ù I costi per la campagna pubblicitaria sono stimati in: N1 N2 N

27 BUSINESS PLAN (5)L organigramma Socio Bianchi amministratore Socio Rossi responsabile produzione Sig.ra Villa Addetta alla vendita Sig.Pandolfi Pasticcere Sig.ra Cattaneo Aiuto pasticcere Sig.Colombo Pasticcere 27

28 PIANO DEGLI INVESTIMENTI Costo storico N1 N2 N3 % Quote annue amm. am. N1* N2 N3 Costi d impianto % Costi pubblicità % Software % Tot.imm.immater Impianti e macch % ** Attrezzature % Automezzi % *** 5360 Arredamento % Macchine d ufficio % Tot. imm.materia Totale *Nel 1 esercizio di utilizzo dei beni materiali le quote d ammortamento sono ridotte del 50%; **Euro (19000x12% x6%) *** Euro (9800x20% x10%) N1 N2 N3 Obiettivo di vendita unità unità unità Quantità da produrre unità unità unità Prezzo di vendita 6,80 euro 6,80 euro 6,80 euro 28

29 PIANO ECONOMICO N1 N2 N3 Ricavi di vendita (1) (2) (3) +Rim finali prod Rim iniz prodot Valore Produzione Acquisti materie prime Acquisti materiali Rim.iniz. materie prime Rim.fin di materie -9010(4) -9624(5) Costi per servizi Canoni di locazione Costo del lavoro (6) Ammortamenti Costi della produzione A-B Oneri finanziari Risultato prime imposte Imposte esercizio -8145(7) (8) (9) Utile esercizio (1) 6,80x60075 (2) 6,80x82800 (3) 6,80x89700 (4) (5) (6) x2% (7) x 32% = 8144,96 =8145 (8) x 35% = 24052,35 =24052 (9) x 35% =

30 STATO PATRIMONIALE ATTIVO N1 N2 N3 Immob.immat Immobi.materiali Rimanenze (1) Crediti Disponibilità liquide Totale attivo PASSIVO N1 N2 N3 F.do amm.imm.imm F.di amm.materiali Debiti per Tfrl 4875 (2) 9875 (3)14975 Debiti v/fornitori Debiti v/inps Debiti Tributari (4) 9919 (4)18823 (4) 3939 Banca c/c passivo Capitale sociale Riserve Utile d esercizio Totale passivo (1) Importi ottenuti sommando le rimanenze finali stimate di materie prime, materiali di confezionamento e prodotti finiti; (2) ; (3) ; (4) anno n1 anno n2 anno n3 conguaglio iva ritenute fiscali da versare imposte dirette acconto 98 % totale debiti tributari

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

Risk management come opportunità per un nuovo welfare

Risk management come opportunità per un nuovo welfare Risk management come opportunità per un nuovo welfare Il contesto economico e sociale in cui operano i comitati Uisp condiziona la loro attività mettendoli di fronte a criticità di natura organizzativa,

Dettagli

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE PASSEPARTOUT PLAN Passepartout Plan è l innovativo software Passepartout per la gestione dei servizi. Strumento indispensabile per una conduzione organizzata e precisa dell attività, Passepartout Plan

Dettagli

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO ATTIVO A) CREDITI VS STATO E ALTRI AA.PP. PARTECIPAZIONE FONDO DI DOTAZIONE B) IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 Costi di impianto ed ampliamento 2 Costi

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

Operazioni varie di gestione aziendale

Operazioni varie di gestione aziendale Operazioni varie di gestione aziendale di Teresa Tardia Esercitazione di economia aziendale per la classe terza ITC Nel mese di febbraio la ditta GiLuVi, azienda commerciale, ha compiuto le seguenti: 01-feb

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011 Ditta 005034 Data: 05/04/2013 Ora: 15.13 Pag.001 A.I.R. - ASSOCIAZIONE ITALIANA RETT - ONLUS VIALE BRACCI 1 53100 SIENA SI ESERCIZIO DAL 01/01/2012 AL 31/12/2012 BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA AI SENSI DELL'ART.2435

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

FASI DI VITA DELL AZIENDA

FASI DI VITA DELL AZIENDA AZIENDA ORGANIZZAZIONE DI PERSONE E BENI CHE SVOLGE ATTIVITA ECONOMICA IN VISTA DEL SODDISFACIMENTO DEI BISOGNI UMANI. Dalla definizione si estraggono le 3 componenti principali dell azienda. Abbiamo ciò

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio INDICI DI BILANCIO 1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio Perché sia possibile un calcolo automatico degli indici di bilancio (ratios) è necessario che le informazioni siano memorizzate seguendo i

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE Nome e cognome.. Classe Data I beni strumentali Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE di Marcella Givone 1. Costituzione di azienda con apporto di beni strumentali, sia in natura disgiunti

Dettagli

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto Svolgimento della prova di verifica n. 17 Classe 4 a IGEA, Mercurio, Brocca, Programmatori, Liceo economico, IPSC Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione. Celestina Rovetto Obiettivi della

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09

Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09 Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Lettere e Filosofia Lezione Le Formule Gestionali delle Imprese Alberghiere a.a. 2008/09 Prof.ssa Claudia M. Golinelli Relazioni tra proprietà, gestione

Dettagli

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI

COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI COMPRENSIONE DELL IMPRESA E DEL SUO CONTESTO E LA VALUTAZIONE DEI RISCHI DI ERRORI SIGNIFICATIVI UNIVERSITA ROMA TRE FACOLTA DI ECONOMIA PROF. UGO MARINELLI Anno accademico 007-08 1 COMPRENSIONE DELL IMPRESA

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE

PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE PRESENTARE UN IDEA PROGETTUALE LINEE GUIDA PER UNA EFFICACE PRESENTAZIONE DI UN BUSINESS PLAN INTRODUZIONE ALLA GUIDA Questa breve guida vuole indicare in maniera chiara ed efficiente gli elementi salienti

Dettagli

RISCONTO ATTIVO = Costo sospeso = costo che riguarda il futuro esercizio

RISCONTO ATTIVO = Costo sospeso = costo che riguarda il futuro esercizio LE SCRITTURE DI RETTIFICA: Attraverso le scritture di rettifica si rinviano al futuro esercizio componenti positivi e negativi di reddito che si sono manifestati nell esercizio, e quindi sono stati in

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE Allegato 18 Modulo prenotazione garanzia PON - Pagina 1 di 25 FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE PROCEDURA DI

Dettagli

Business Process Modeling Caso di Studio

Business Process Modeling Caso di Studio Caso di Studio Stefano Angrisano, Consulting IT Specialist December 2007 2007 IBM Corporation Sommario Perché l architettura SOA? Le aspettative del Cliente. Ambito applicativo oggetto dell introduzione

Dettagli

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale Lezione 8 Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale L AZIENDA SVOLGE UN PROCESSO DI TRASFORMAZIONE RISORSE PROCESSO DI PRODOTTI E SERVIZI TRASFORMAZIONE Valore di mercato delle risorse impiegate

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo.

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo. CAPO II INVESTIMENTI Acquisto, costruzione, ristrutturazione, ammodernamento ed ampliamento di immobili aziendali Art. 9 comma 1 200.000,00) 200.000,00) Fino al 50% 200.000,00) se LEASING: fino al 40%

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti

eco adhoc La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 La soluzione gestionale integrata per il settore rifiuti eco adhoc 2000 è la soluzione specifica per ogni impresa che opera nel settore rifiuti con una completa copertura funzionale e la

Dettagli

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP

GESTIONE STUDIO. Compatibile con: Win 7, Vista, XP GESTIONE ADEMPIMENTI FISCALI Blustring fornisce la stampa dei quadri fiscali, cioè dei quadri del modello UNICO relativi alla produzione del reddito d impresa, o di lavoro autonomo (RG, RE, RF, dati di

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

APSP CITTA DI RIVA RIVA DEL GARDA BILANCIO DI ESERCIZIO ANNO 2014 STATO PATRIMONIALE CONTO ECONOMICO NOTA INTEGRATIVA RELAZIONE ANDAMENTO GESTIONE

APSP CITTA DI RIVA RIVA DEL GARDA BILANCIO DI ESERCIZIO ANNO 2014 STATO PATRIMONIALE CONTO ECONOMICO NOTA INTEGRATIVA RELAZIONE ANDAMENTO GESTIONE Allegato A) deliberazione nr.14 d.d. 28.04.2015 APSP CITTA DI RIVA RIVA DEL GARDA BILANCIO DI ESERCIZIO ANNO 2014 STATO PATRIMONIALE CONTO ECONOMICO NOTA INTEGRATIVA RELAZIONE ANDAMENTO GESTIONE Il Presidente

Dettagli

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed Appunti di Economia Capitolo 8 Analisi di bilancio Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed indipendenza

Dettagli

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI La stampa dei registri contabili tenuti con sistemi meccanografici deve essere effettuata entro 3 mesi dalla scadenza prevista per la presentazione della

Dettagli

Valutazione di intangibili e impairment

Valutazione di intangibili e impairment IMPAIRMENT EVIDENZE DAI MEDIA ITALIANI Valutazione di intangibili e impairment -Valutazione di attività immateriali in aziende editoriali -Valutazioni per impairment test 1 La valutazione di asset si ha

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE Le rettifiche su acquisti (vendite) determinano componenti positivi (negativi) di reddito corrispondenti ad una riduzione dei costi di acquisto (ricavi di vendita) rilevati

Dettagli

Rischio impresa. Rischio di revisione

Rischio impresa. Rischio di revisione Guida alla revisione legale PIANIFICAZIONE del LAVORO di REVISIONE LEGALE dei CONTI Formalizzazione delle attività da svolgere nelle carte di lavoro: determinazione del rischio di revisione, calcolo della

Dettagli

VenereBeautySPA Ver. 3.5. Gestione Parrucchieri e Centro Estetico

VenereBeautySPA Ver. 3.5. Gestione Parrucchieri e Centro Estetico VenereBeautySPA Ver. 3.5 Gestione Parrucchieri e Centro Estetico Gestione completa per il tuo salone Gestione clienti e servizi Tel./Fax. 095 7164280 Cell. 329 2741068 Email: info@il-software.it - Web:

Dettagli

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D.

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. Convegno del 7 dicembre 2010 Dott. ssa Mariangela Brunero Il rendiconto: criteri e modalità di redazione ed approvazione Introduzione Attività

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Associazione dei contabilicontroller diplomati federali 6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35 L originale Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Piano dei conti svizzero

Dettagli

ACEL Service S.r.l. BILANCIO D ESERCIZIO al 31.12.2014

ACEL Service S.r.l. BILANCIO D ESERCIZIO al 31.12.2014 Sede in Lecco - Via Amendola, n 4 Capitale Sociale 2.473.194 interamente versato Registro Imprese di Lecco n 02686430139 Rea C.C.I.A.A. di Lecco n 295486 BILANCIO D ESERCIZIO al 31.12.2014 Bilancio 2014

Dettagli

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI

ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI ANALISI DEGLI INVESTIMENTI INDUSTRIALI Università degli Studi di Parma Dipartimento di Economia Testo di riferimento: Analisi Finanziaria, McGraw-Hill, 2002 Obiettivi della lezione Capire i profili di

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

L analisi economico finanziaria dei progetti

L analisi economico finanziaria dei progetti PROVINCIA di FROSINONE CIOCIARIA SVILUPPO S.c.p.a. LABORATORI PER LO SVILUPPO LOCALE L analisi economico finanziaria dei progetti Azione n. 2 Progetti per lo sviluppo locale LA FINANZA DI PROGETTO Frosinone,

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA

FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA FORMAZIONE SUL CAMPO IN FARMACIA Proposte formative 2011 Novità accreditamento ECM FINALITA Per soddisfare l esigenza di aggiornamento professionale continuo, grazie all esperienza maturata da Vega nelle

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006

GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 GESTIONE E VALORIZZAZIONE DEI BENI CULTURALI E DEL TERRITORIO ITALIA 2006 PROGRAMMA: Area Management e Marketing dei Beni Culturali INTRODUZIONE AL MARKETING Introduzione ed Obiettivi Il marketing nell

Dettagli

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE.

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. E COAN) Prof.ssa Claudia SALVATORE Università degli Studi del Molise

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

VADECUM PER IL CORSISTA

VADECUM PER IL CORSISTA VADECUM PER IL CORSISTA L organismo Formativo Dante Alighieri, con sede in Fasano alla Via F.lli Trisciuzzi, C.da Sant Angelo s.n. - Zona Industriale Sud, nel quadro del P.O. Puglia 2007-2013 AVVISO PR.BR

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI AMMISSIONE ALLE AGEVOLAZIONI DECRETO 24 SETTEMBRE 2014

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI AMMISSIONE ALLE AGEVOLAZIONI DECRETO 24 SETTEMBRE 2014 GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA DOMANDA DI AMMISSIONE ALLE AGEVOLAZIONI DECRETO 24 SETTEMBRE 2014 Circolare n. 68032 del 10 dicembre 2014 INTRODUZIONE Questa guida è stata realizzata per facilitare la compilazione

Dettagli

[La catena del valore]

[La catena del valore] [La catena del valore] a cura di Antonio Tresca La catena del valore lo strumento principale per comprendere a fondo la natura del vantaggio competitivo è la catena del valore. Il vantaggio competitivo

Dettagli

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme.

BRINGING LIGHT. il sistema informativo direzionale BUSINESS INTELLIGENCE & CORPORATE PERFORMANCE MANAGEMENT. i modelli funzionali sviluppati da Sme. Sme.UP ERP Retail BI & CPM Dynamic IT Mgt Web & Mobile Business Performance & Transformation 5% SCEGLIERE PER COMPETERE BI e CPM, una necessità per le aziende i modelli funzionali sviluppati da Sme.UP

Dettagli

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL. Business Plan

GUIDA ALLA REDAZIONE DEL. Business Plan GUIDA ALLA REDAZIONE DEL Business Plan INDICE GENERALE 1. Il Business Plan 1.1 La funzione del Business Plan 1.2 Consigli per la predisposizione 2. L articolazione del Business Plan 2.1 L Executive summary

Dettagli

DEL BUSINESS PLAN. A cura del Gruppo di Lavoro. Area Finanza Aziendale. Consigliere Delegato: Marcello Danisi

DEL BUSINESS PLAN. A cura del Gruppo di Lavoro. Area Finanza Aziendale. Consigliere Delegato: Marcello Danisi LINEE GUIDA ALLA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN A cura del Gruppo di Lavoro Area Finanza Aziendale Consigliere Delegato: Marcello Danisi Consiglieri Co Delegati: Giosuè Boldrini e Enrico Maria Guerra 1 SOMMARIO

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI

PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI Milano, 17 Marzo 2010 AGENDA 1. Il Gruppo 2. Il mercato 3. Dati economico-finanziari 4. Il titolo Pag. 2 RELATORI LUIGI LUZZATI Presidente del CDA di Centrale del Latte di Torino

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

Caratteristiche generali programma gestionale S.G.A.

Caratteristiche generali programma gestionale S.G.A. Caratteristiche generali programma gestionale S.G.A. Gestione Contabile : Piano dei conti : Suddivisione a 2 o 3 livelli del piano dei conti Definizione della coordinata CEE a livello di piano dei conti

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta

L idea. 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta Guardare oltre L idea 43.252.003.274.489.856.000 combinazioni possibili di cui solo una è quella corretta I nostri moduli non hanno altrettante combinazioni possibili, ma la soluzione è sempre una, PERSONALIZZATA

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, il 21 dicembre 2007, ha approvato il seguente disegno di legge, d iniziativa del Governo, già approvato dal Senato e modificato dalla Camera

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management

LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI. Asset, Property e facility management LA GESTIONE DEI PATRIMONI IMMOBILIARI Asset, Property e facility management Roma 28 febbraio 2015 Relatore: Ing. Juan Pedro Grammaldo Argomenti trattati nei precedenti incontri Principi di Due Diligence

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli