PRESIDIO OSPEDALIERO PAOLO COLOMBO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PRESIDIO OSPEDALIERO PAOLO COLOMBO"

Transcript

1 PRESIDIO OSPEDALIERO PAOLO COLOMBO VELLETRI CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE NELL OSPEDALE PAOLO COLOMBO DI VELLETRI PROCEDURA DI SANIFICAZIONE DELLE SALE DEL BLOCCO OPERATORIO, REDAZIONE VERIFICA e APPROVAZIONE REVISIONE Direttore Sanitario Polo H3 : Dott. Paolo Angeletti CPSE Blocco Operatorio: F.Marinelli Farmacista Ospedaliero: Dott.ssa G.Marchetti Ufficio Infermieristico: Dott. Pugliesi Direttore Sanitario Polo H3 : Dott P. Angeletti Direttore Dipartimento di Emergenza:Dott M. Capogrossi Revisione: ogni 6 mesi dalla data di emissione 1

2 BLOCCO OPERATORIO INDICE Introduzione Blocco Operatorio Personale di Sala Dispositivi di protezione individuale ( DPI) Regolamento di Sala Competenze dell Operatore di Sala ALLEGATI : Mansioni dell OSS/Ausiliario SS Mansioni degli Operatori della Ditta Esterna INTRODUZIONE Questo documento deve essere inteso come l inizio di un percorso di continua evoluzione alla ricerca di strumenti volti al miglioramento della qualità, intesa come riduzione del rischio infettivo in ambiente ospedaliero. OBIETTIVI principali della procedura sono il raggiungimento della migliore prestazione e la garanzia del massimo benessere per: o Paziente o Operatori o Unità Operativa o Comunità o Presidio Ospedaliero 2

3 Il Blocco Operatorio è un ambiente complesso, ad alto rischio infettivo, sia per il paziente che per l operatore, articolato in tre aree : area esterna,in cui viene accolto il paziente ; area intermedia ; area sterile,sala operatoria vera e propria. Il personale assegnato al Blocco Operatorio ha l obbligo di rispettare e far rispettare le norme comportamentali stabilite dai protocolli operativi contenuti in questa procedura. Il Personale di Sala E costituito da : Paziente Medico Chirurgo Infermiere di Sala Medico Anestesista Ausiliario OSS Tecnico di Radiologia ( se necessario ) DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVIDUALE OBBLIGATORI Gli Operatori del Blocco Operatorio devono obbligatoriamente indossare i seguenti DPI: Copricapo ( Operatore e Paziente ) Mascherina con visiera Camice monouso Copriscarpe ( Operatore ) Occhiali protettivi Camice piombato ( se necessario ) Collare piombato ( se necessario ) Occhiali anti rx ( se necessario ) Guanti anti rx ( se necessario) 3

4 REGOLAMENTO DI SALA E NORME COMPORTAMENTALI PER GLI OPERATORI Gli Operatori di Sala hanno l obbligo di : indossare calzari e cuffia ad ogni ingresso nel Blocco Operatorio e di toglierli ad ogni uscita; rispettare norme igieniche personali (divisa pulita, unghie corte, pulite e prive di smalto ecc.); non introdurre nelle sale oggetti personali e non indossare monìli; utilizzare i dispositivi di protezione individuale DPI ; mantenere sempre un comportamento conforme al servizio ed all ambiente ; rispettare le regole, i ruoli, applicare le procedure per ottimizzare la prestazione professionale ed evitare il rischio di complicanze per il paziente e per gli altri operatori ; tenere sempre chiuse le porte della sala e ridurre al minimo il transito degli operatori durante l intervento ;è consentito l accesso solo all Equipe dedicata alla specialità chirurgica vietare l accesso al personale non autorizzato ; spegnere i cellulari prima dell ingresso in sala ; rispettare i tempi di sanificazione; non entrare in sala a sanificazione non ancora completata e a pavimento non ancora perfettamente asciutto ; attendere dieci minuti,dal termine della sanificazione, per consentire il ricambio totale dell aria. 4

5 LE COMPETENZE DELL OPERATORE OSS / AUSILIARIO DI SALA NELLA SANIFICAZIONE DEL BLOCCO OPERATORIO SONO : : 1. il lavaggio delle mani ; 2. la sanificazione degli ambienti e degli arredi; 3. la sanificazione degli elettromedicali; 4. la preparazione, la conservazione ed il controllo della giacenza dei disinfettanti dedicati alla sanificazione ( in caso di spargimento di materiale biologico); 5. sapere che la pulizia deve sempre precedere la disinfezione ; 6. sapere che la sanificazione è riferita alle metodiche di pulizia con l'utilizzo di detergenti specifici dedicati; 7. sapere che per disinfettante s'intende una sostanza con capacità antimicrobica; 8. sapere che la sanificazione della sala deve sempre iniziare dalle sale principali e proseguire nella pre-sala, fino a terminare negli ambienti più prossimi; 9. sapere che la procedura va sempre adottata al termine di sedute operatorie programmate, dopo interventi d'urgenza e dopo l'ultimazione d'interventi tecnici eseguiti da personale esterno al blocco operatorio e che tutte le manovre di pulizia e disinfezione vanno esclusivamente eseguite ad umido, in modo da evitare il sollevamento di pulviscolo; 10. sapere che prima di ogni intervento di sanificazione è indispensabile indossare guanti monouso e copri-scarpa, camice monouso, mascherina con visiera ; 11. sapere che è obbligatorio togliere i guanti ed eseguire il lavaggio sociale delle mani, ogni qualvolta si rendesse necessario maneggiare oggetti, materiali puliti, maniglie di porte o finestre, carrelli ecc; 12. sapere che tutti i contenitori di rifiuti, contenitori per taglienti e sacchi di biancheria sporchi vanno allontanati dal blocco operatorio e depositati negli appositi punti di raccolta, rispettando i percorsi anche quando dovessero risultare parzialmente pieni., evitando di trascinarli e di avvicinarli alla divisa ; 13. sapere che è necessario stendere un panno umido imbevuto di soluzione disinfettante a base di sodio ipoclorito e detergente all'uscita della sala operatoria ; 14. sapere che è necessario pulire accuratamente con una soluzione detergente di alcool e gliossale tutte le attrezzature coinvolte direttamente nello svolgimento dell'intervento chirurgico come letti operatori, tavoli porta-strumenti, carrelli per aspirazione, ecc. come da schema ; 5

6 15. sapere che dopo aver sanificato all'interno della sala operatoria, le attrezzature devono essere trasportate fuori facendole passare sopra il panno imbevuto di disinfettante sodio ipoclorito e detergente, per evitare che eventuali materiali biologici vengano trasportati nelle zone dove le attrezzature sosteranno, nell'attesa di essere ricollocate in sala, dopo la sanificazione di pavimenti e pareti; 16. sapere che la sala operatoria deve risultare sempre totalmente sgombra da ogni attrezzatura mobile prima di procedere alla pulizia delle pareti e dei pavimenti.; 17. sapere come agire in caso di grossi spargimenti di materiale organico, procedendo alla rimozione con panni monouso da gettare nel contenitore per rifiuti speciali e disinfettando con soluzione detergente a base di sodio ipoclorito ; 18. sapere che si effettua il lavaggio delle pareti con una soluzione di sodio ipoclorito e detergente, con un operazione che va iniziata dall alto verso il basso, porte d accesso comprese, e che continua con la pulizia delle lampade scialitiche e dei bracci portanti con una soluzione detergente di alcool e gliossale ; 19. sapere che si procede al lavaggio dei pavimenti con soluzione di sodio ipoclorito e detergente, effettuando due passaggi (lavaggio e risciacquo con due contenitori distinti e separati) ed evitando i ristagni d acqua. Pertanto, sono di competenza dell OSS / Ausiliario SS del blocco operatorio : 1) smaltire in maniera adeguata i rifiuti ospedalieri; 2) effettuare la pulizia e la disinfezione degli ambienti e degli arredi; 3) effettuare la pulizia dei presidi e degli strumenti a disposizione nel blocco operatorio; 4) curare l igiene personale e della divisa; 5) sapere che la pulizia precede sempre la disinfezione; 6) sapere che il termine SANIFICAZIONE si riferisce ad una metodica di pulizia con l utilizzo di detergenti/disinfettanti; 7) sapere che per DISINFETTANTE s intende una sostanza che ha capacità antimicrobica. 6

7 METODICA DI SANIFICAZIONE DELLA SALA OPERATORIA La sanificazione del blocco operatorio deve sempre iniziare dalle sale operatorie propriamente dette, proseguire con gli ambienti più prossimi a queste e terminare nei locali più esterni al blocco operatorio stesso, secondo una metodica che deve essere scrupolosamente rispettata. Tutte le manovre di pulizia e disinfezione vanno esclusivamente eseguite ad umido in modo da evitare il sollevamento della polvere eventualmente presente; si effettua il disinserimento degli elettromedicali dalle prese di corrente. Prima di ogni intervento,è necessario indossare guanti monouso e copriscarpe impermeabili monouso. Togliere i guanti ed eseguire il lavaggio sociale delle mani prima di maneggiare oggetti, materiali puliti, maniglie di porte o finestre, carrelli ecc.. Allontanare dal blocco operatorio tutti i contenitori di rifiuti, contenitori per taglienti e sacchi di biancheria sporca e deporli nei punti di raccolta. Pulire accuratamente con un panno imbevuto di soluzione detergente a base di alcool e gliossale tutte le attrezzature coinvolte direttamente nello svolgimento dell intervento chirurgico come letti operatori, tavoli portastrumenti, carrelli servitori ecc.. Portare fuori dalla sala le attrezzature e gli elettromedicali già sanificati all interno della sala operatoria, facendoli passare sopra un panno imbevuto di disinfettante e detergente di sodio ipoclorito, per evitare che eventuali materiali biologici siano trasportati nelle zone di sosta delle attrezzature, nell attesa di essere ricondotte in sala operatoria, dopo la sanificazione di pavimenti e pareti. Sgomberare la Sala Operatoria da ogni attrezzatura mobile, prima di procedere alla pulizia delle pareti e dei pavimenti. Continuare con la pulizia delle pareti, ultimate le quali, procedere con il pavimento, avendo cura di raccogliere l'acqua in eccesso e di ripassare su tutta l'area del pavimento con panni monouso imbevuti di soluzione di sodio ipoclorito e detergente. Il pavimento dovrà risultare pulito ed appena umido, ed asciugare in pochissimi minuti. Sono da evitare i ristagni d acqua Riportare, a pavimento asciutto, tutta l'attrezzatura all'interno della Sala Operatoria, non prima però di averla disinfettata nuovamente con soluzione detergente di alcool e gliossale, e non prima di aver sostituito i calzari monouso. Provvedere alla sostituzione di tutta la biancheria e procedere alla pulizia del materassino (se necessario procedere anche a disinfezione dello stesso con soluzione di sodio ipoclorito e detergente,se l'utente è stato accompagnato in sala in barella). 7

8 Riportare l avvenuta sanificazione sull'apposito stampato di rilevazione giornaliera: lo stampato dovrà essere sottoscritto dagli Operatori OSS/Ausiliari presenti ed archiviato.. Effettuare la pulizia più accurata di una particolare zona, ad es la detersione e la sistemazione di armadi, scaffalature ecc., qualora la sala non sia stata utilizzata. Riportare nell'apposito stampato le attività svolte e tutto ciò che sarà importante segnalare (chiamate inoltrate al servizio tecnico per guasti, riparazioni eseguite, materiali occorrenti, spostamenti vari di materiale, ecc.) Ricollocare nelle Sale quanto segue : 3 contenitori per i R.O.T.; 2 contenitori per i taglienti ; 1 contenitore per il vetro/metallo ; 1 contenitore per la carta; 1 contenitore per la plastica; 1 contenitore per il generico ( indifferenziata); 1 contenitore per la biancheria sporca in cotone bianco ; 1 contenitore per la biancheria sporca in cotone verde ; 1 contenitore per biancheria sporca in tessuto gore. Sanificare, seguendo la stessa procedura, tutti gli ambienti accessori iniziando da quelli più interni e terminando con quelli più esterni Allontanare dalla sala quanto potrebbe essere rimasto durante le fasi di pulizia, chiudere porte e spegnere le luci. Avvertire l Infermiere di turno che la sala operatoria è pronta e potrà essere allestita per la seduta operatoria Il protocollo assegnato deve essere seguito scrupolosamente. E fatto obbligo attenersi alle indicazioni fornite dagli infermieri di turno in quanto essi, in assenza di altre figure referenti,sono i responsabili e verificatori della corretta sanificazione delle sale operatorie. 8

9 MANSIONI GIORNALIERE DELL AUSILIARIO S.S. TURNO MATTINO 1. Leggere le consegne del turno e quelle del giorno precedente, sulle apposite schede allegate, per valutare eventuali cambiamenti che possono riguardare la nota operatoria, e fare un controllo generale delle Sale Operatorie e di tutti i locali del blocco operatorio per verificare che siano in ordine e che siano provvisti di tutto il materiale necessario; 2. Controllare che i servizi igienici siano sempre puliti; 3. Controllare che nell area filtro siano presenti tutti i DPI: camici m/u, cappello chirurgico uomo, cuffia donna, mascherina chirurgica standard e con visiera, copriscarpe, divise per il personale ecc.; 4. Effettuare un ulteriore controllo, per quanto di competenza, in caso di utilizzo notturno delle Sale Operatorie (sanificate dall ausiliario di terapia intensiva) per verificare che tutto sia stato correttamente eseguito; 5. Provvedere al trasporto dalle Unità Operative dei primi pazienti in lista operatoria, con la relativa documentazione clinica e gli antibiotici da somministrare in Sala per la profilassi perioperatoria; i primi pazienti debbono essere presenti in sala pre-anestesia entro le ore 7,45; 6. Prima del trasporto, assicurarsi che il paziente sia stato adeguatamente preparato per l accesso in Sala Operatoria (vestiario idoneo, assenza di monili, rimozione di eventuali protesi mobili, somministrazione di preanestesia, se prescritta ) ; 7. Durante il trasporto, tranquillizzare il paziente e metterlo a proprio agio; 8. Avvisare l infermiere addetto all accettazione-anestesia dell arrivo del paziente, affinché se ne prenda cura : il paziente non va MAI lasciato solo; 9. Controllare (nei giorni di martedì, giovedì e sabato) che siano pronti i contenitori con i pezzi istologici e la relativa modulistica ;. 10. Spolverare le superfici, pulire vetri, armadi, barelle ecc, secondo le esigenze giornaliere; 11. Rispettare sempre il protocollo giornaliero e qualora,per motivi contingenti, alcune attività non venissero eseguite, riportarlo per iscritto sulle schede,(specificandone i motivi) ; 12. Controllare che il collega del turno successivo abbia a disposizione tutti i prodotti ed i materiali necessari per svolgere la pulizia e la sistemazione del blocco operatorio in modo ottimale; 13. Riordinare il carrello adibito alla pulizia delle sale operatorie e controllare la disponibilità di prodotti in uso per la sanificazione, dei contenitori per i taglienti, dei contenitori per i R.O.T., dei sacchi per i rifiuti ordinari,di sacchi per la biancheria sporca ecc ; 9

10 14. Per tutti i materiali mancanti,provvedere per l approvvigionamento e/o segnalarlo sull apposito modulo interno di richiesta; il magazzino economale distribuisce i prodotti con una frequenza bisettimanale (abitualmente il II ed il IV giovedì del mese, di mattina); 15. Allontanare immediatamente dal blocco operatorio eventuali materiali infetti,sacchi di biancheria sporca infetta, contenitori per la raccolta differenziata i rifiuti ordinari e per i contenitori di R.O.T. e depositarli nel punto di raccolta ; 16. Restare a disposizione del personale Medico ed Infermieristico per tutte le attività di supporto alle Sale Operatorie come l invio di esami al laboratorio analisi, il prelevamento di sacche di sangue dal centro trasfusionale, il trasporto di materiale vario da e per altri servizi e reparti; se per motivi particolari si rendesse necessario il proprio allontanamento dalla Sala, avvisare il Coordinatore e gli Infermieri, indicando il luogo dove poter essere immediatamente rintracciato ; 17. Prima di riaccompagnare il Paziente operato al letto di degenza, attendere sempre la conferma da parte del Medico Anestesista e la consegna della documentazione clinica, compresa di atto operatorio di scheda atto anestesiologico e di scheda infermieristica di conta materiali ( come da SOWEB) 18. All arrivo del paziente nell U.O. avvisare l infermiere di turno e collaborare nel posizionarlo nel letto; 19. Provvedere alla sostituzione di tutta la biancheria e procedere alla pulizia del materassino della lettiga; 20. Pulire, almeno due volte durante il turno, i servizi igienici; 21. Prima della fine del turno riportare in consegna tutte le notizie utili ed informare anche verbalmente i colleghi al fine di evitare interpretazioni errate. 10

11 TURNO POMERIGGIO Leggere le schede di consegna del turno precedente; Eseguire le attività previste al turno di mattina di cui ai punti: Preparare tutta l attrezzatura per la pulizia a fondo e la sanificazione delle Sale di fine seduta giornaliera. Collocare negli appositi armadi gli accessori dei letti operatori, come i supporti per il posizionamento del Paziente, ecc (dopo un accurata pulizia e disinfezione). Controllare e ripristinare i materiali mancanti come i sacchi per rifiuti, sacchi per biancheria sporca, contenitori per vetro, contenitori per taglienti, contenitori per R.O.T. biancheria non sterile, biancheria sterile, flebo e quant altro Controllare lo stato di conservazione dei vari accessori: se si riscontrano anomalie è necessario avvertire l infermiere e segnalarlo nella scheda di consegna. Segnalare eventuali modificazioni nelle procedure attuate per la sanificazione, annotandone le motivazioni. Pulizia di tutti i rimanenti locali del blocco operatorio. Pulizia almeno due volte durante il turno dei servizi igienici. Seguire scrupolosamente il protocollo assegnato e riportare,a fine turno, tutte le notizie utili in consegna. 11

12 PIANO DI LAVORO SETTIMANALE Personale Ditta TEAM Service AREA ROSSA BLOCCO OPERATORIO ATTIVITA DI SANIFICAZIONE GIORNALIERA Fasce Orarie : ore 6-7 n. 2 Unità e ore n. 1 Unità ATTIVITA GIORNALIERA: PRIMO ACCESSO (prima dell inizio dell attività operatoria) - Aree di intervento: area camere operatorie e area pulita (zona induzione e risveglio, corridoio pulito, lavaggio mani) - rimozione della polvere da tutte le superfici compresi gli arredi (lampada scialitica, carrelli, monitor, letto operatorio, tavoli servitori respiratori automatici etc) con metodo ad umido, utilizzando panni monouso con soluzione detergente/disinfettante; - rimozione dello sporco dai pavimenti con metodo ad umido con panni monouso con soluzione detergente/disinfettante; - rimozione della polvere e dello sporco da vetri, infissi, telai e controtelai, cassonetti, porte utilizzando panni monouso con soluzione detergente/disinfettante ATTIVITA GIORNALIERA; SECONDO ACCESSO (al termine dell attività operatoria) Aree di intervento: area camere operatorie e area pulita (zona induzione e risveglio, corridoio pulito, lavaggio mani) - portare all esterno delle sale gli arredi e le attrezzature mobili (compresi elettromedicali dopo istruzione sulla corretta rimozione) - pulizia accurata del letto operatorio, dei carrelli, dei tavolini, e di tutte le superfici orizzontali compresi piani di lavoro, scialitiche ed elettromedicali, lavaggio con soluzione detergente disinfettante - rimozione dello sporco dai pavimenti con soluzione detergente/disinfettante (doppio passaggio) - lavaggio accurato delle pareti fino al soffitto e di tutte le superfici verticali (porte, infissi etc) con soluzione detergente/disinfettante - raccolta carta e cartone compresa piegatura e legatura e altri rifiuti di maggiori dimensioni, incluso vetro e plastica, e conferimento al punto di raccolta - chiusura e trasporto al punto di raccolta di tutti i contenitori dei rifiuti assimilabili agli urbani e sostituzione del sacchetto o del contenitore L asportazione delle polveri deve avvenire con aspirapolvere ad acqua con filtri epa. 12

13 ATTIVITA GIORNALIERA DI SANIFICAZIONE DEI RESTANTI LOCALI DEI BLOCCHI OPERATORI ( depositi materiale, stanza coordinatore, stanza relax, spogliatoi, servizi igienici etc) Procedure secondo codice colore (uno/due passaggi quotidiani) da effettuarsi in orario antimeridiano ATTIVITA SETTIMANALE (da effettuarsi in due giorni per consentire l accesso ad una sala per le emergenze) Pulizia a fondo con trasporto all esterno di tutti gli arredi e le attrezzature. Pulizia anche di apparecchi illuminanti e condizionatori AREA ROSSA SALA OPERATORIA ATTIVITÀ TRA UN INTERVENTO CHIRURGICO E L ALTRO Articolazione dell orario: da Lunedi a Venerdì dalle ore 10 alle ore 16. Sabato dalle ore 10 alle ore 15 (tot. N. 35 ore settimanali) Rimozione e spostamento della teleria e del materiale monouso Pulizia accurata del letto operatorio, dei carrelli, dei tavolini, della lampada scialitica, delle attrezzature, degli elettromedicali e di tutte le superfici orizzontali con soluzione detergente/disinfettante con panni monouso Rimozione degli eventuali residui organici previa decontaminazione con soluzione di sodio ipoclorito e detergente, rimozione dello sporco dai pavimenti con doppio passaggio di detergente/disinfettante Rimozione dei contenitori per lo smaltimento dei rifiuti secondo raccolta differenziata, assimilabili agli urbani, e predisposizione di nuovi sacchi Predisposizione e sistemazione nei punti predefiniti di nuovi raccoglitori per i rifiuti sanitari pericolosi Gli operai addetti al servizio pulizie tra un intervento e l altro NON possono movimentare i pazienti, né effettuare trasposto di materiale biologico all interno o all esterno del Presidio, possono invece, nei momenti di pausa durante gli interventi effettuare il riordino del materiale proveniente dai magazzini economali e farmaceutici del Presidi, effettuando contestualmente la pulizia di armadi e contenitori depositi sempre sotto la supervisione e dopo adeguata istruzione da parte del personale del BOC. 13

14 SANIFICAZIONE DITTA ESTERNA SCHEDA DA COMPILARE GIORNALMENTE A CURA DELL OPERATORE DELLA DITTA DI PULIZIE SALA/PRESALA/MAGAZZINI SANIFICAZIONE Letto Operatorio Servitore Scialitica Amplificatore " arco C " Monitor amplificatore Carrello anestesia Carrello porta farmaci Elettrobisturi Armadietto farmaci Porta ingresso Vetro Divisorio Pavimenti Aspiratore aspiraliquidi Sanificazione non effettuata DISINFETTANTE ANTISAPRIL ANTISAPRIL ANTISAPRIL O MELSEPT SPRAY ANTISAPRIL ANTISAPRIL DILUIZIONE 2% ANTISAPRIL ANTISAPRIL ANTISAPRIL ANTISAPRIL ANTISAPRIL MELSEPT SPRAY ANTISAPRIL ANTISAPRIL Nelle Sale Operatorie sono necessari più interventi ( anche tre al giorno); disinfettare prima di ogni intervento e nell intervallo dei diversi interventi 14

15 Mansioni Operatore della Ditta Esterna L Ausiliario OSS/ SS e la Ditta di sanificazione esterna deve saper svolgere le seguenti attività : 1. smaltire in maniera adeguata i rifiuti ospedalieri; 2. effettuare la pulizia e la disinfezione degli ambienti e degli arredi; 3. effettuare la pulizia dei presidi e degli strumenti a disposizione nel blocco operatorio; 4. curare l igiene personale e della divisa; 5. non è autorizzato ad effettuare manipolazioni sui ROT e sui pazienti Egli deve essere a conoscenza che : 1. la pulizia precede sempre la disinfezione; 2. il termine SANIFICAZIONE si riferisce ad una metodica di pulizia con l utilizzo di detergenti; 3. che per DISINFETTANTE s intende una sostanza chimica con attività antimicrobica da utilizzare secondo le indicazioni riportate in etichetta e come da procedure di sala 15

16 PROGRAMMA DI SANIFICAZIONE SETTIMANALE PER LA PULIZIA DELLE TRE SALE OPERATORIE ( DITTA ESTERNA ),COME DA ATTIVITA DI SANIFICAZIONE AREA ROSSA BLOCCO OPERATORIO. Sala A pulizia a fondo turno sabato pomeriggio. Sala B pulizia a fondo turno domenica mattina. Sala C pulizia a fondo turno domenica pomeriggio. Nel caso di eventuali festivi infrasettimanali ripetere la pulizia di fine giornata nelle sale (turno mattina: sala A B e C; turno pomeriggio rimanenti locali del blocco operatorio) PROGRAMMA GIORNALIERO PER LA PULIZIA APPROFONDITA DI TUTTI I LOCALI DEL BLOCCO OPERATORIO ( DITTA ESTERNA) E già stato riportato nelle attività di sanificazione dell Area Rossa del Blocco Operatorio MODALITA DI IMPIEGO E DI CONSERVAZIONE DEI DISINFETTANTI I Disinfettanti attualmente in uso in sala operatoria per la sanificazione, pulizia di arredi e manutenzione sono : Sodio ipoclorito e detergente ANTISAPRIL, soluzione per le superfici lavabili e gli arredi Prodotto alcoolico spray MELSEPT per la lucidatura e protezione di arredi in acciaio inox. e per la disinfezione di attrezzature I disinfettanti devono essere conservati in recipienti ben chiusi, e detenuti in apposito armadio metallico, lontano da fonti di luce e di calore 16

17 RIFERIMENTI IMPORTANTI I disinfettanti sono agenti chimici (sostanze e/o preparati) tali da poter comportare un RISCHIO per la sicurezza e la salute dei lavoratori a causa delle loro proprietà chimico-fisiche e/o tossicologiche e delle modalità di utilizzo o di conservazione nel luogo di lavoro. Le informazioni riguardanti le proprietà degli agenti chimici possono essere conosciute attraverso: L etichettatura La scheda di sicurezza Tutti i disinfettanti prevedono un utilizzo specifico e, per questo, è indispensabile consultare le schede tecniche per conoscere la loro composizione e le modalità d uso, e le schede di sicurezza per informazioni sulla loro manipolazione; entrambe devono essere visibili sul PC presente nel blocco operatorio ed all interno dei raccoglitori (schede di sicurezza) (procedure e protocolli) che il Coordinatore deve mettere a disposizione di tutti gli Operatori Per le dosi e le modalità di diluizione del disinfettante,è indispensabile leggere attentamente etichetta presente sul contenitore del prodotto. Non si deve eccedere mai nell uso e nelle proporzioni dei singoli disinfettanti che non vanno mescolati tra loro Tutte le superfici e strumenti da disinfettare devono essere prima accuratamente pulite (la sporcizia ed il materiale organico presenti impediscono il contatto diretto del disinfettante con la superficie da trattare e ne riducono l attività) e quindi asciugate per eliminare l acqua che, diluendo il disinfettante impiegato, ne ridurrebbe la concentrazione e l efficacia. Devono sempre essere rispettate la concentrazione e la diluizione, le modalità d uso e il tempo di contatto indicati in etichetta. Deve essere evitato il contatto del disinfettante con saponi e additivi non previsti nella formulazione, che potrebbero inattivarlo Deve essere evitato il contatto del disinfettante con sostanze chimiche in grado di far sviluppare gas tossici (es: ipoclorito di sodio + prodotti anticalcare come acido muriatico); anche lo svuotamento nella vuota non va fatto in presenza di disincrostanti a base di acidi 17

18 L ETICHETTA L etichettatura del flacone permette di identificare immediatamente e sinteticamente i principali rischi chimico-fisici e tossicologici noti. Sull etichetta si trovano i simboli di pericolo; inoltre nella parte centrale sono riportate le frasi di rischio e i consigli di prudenza. I simboli di pericolo sono convenzionalmente ascritti a tre grandi gruppi: sicurezza, salute e ambiente. Per garantire la tutela della sicurezza e della salute dei consumatori sono stati creati dei simboli riconosciuti dalla normativa che indicano i potenziali pericoli e le misure cautelative da osservare in merito a sostanze chimiche potenzialmente pericolose. 18

19 I NUOVI SIMBOLI DEL RISCHIO CHIMICO DEL REGOLAMENTO 1272/2008 Il successivo Regolamento (CE) 1272/2008 ha previsto la codificazione di nuovi pittogrammi, obbligatori dal 1 dicembre 2010, ma ad oggi è possibile trovare in circolazione entrambe le versioni dei simboli di pericolo riportati nelle etichette dei prodotti poiché molte confezioni sono state prodotte in data precedente all applicazione del nuovo regolamento 19

20 LA SCHEDA DI SICUREZZA La scheda di sicurezza contiene informazioni più approfondite rispetto all etichetta, riportate in voci standardizzate, ai sensi del Regolamento (CE) n. 1907/2006. Riporta tutte le informazioni e le indicazioni per un uso corretto e sicuro negli ambienti di lavoro 1. Identificazione dei pericoli 2. Composizione/informazioni sugli ingredienti 3. Misure di primo soccorso 4. Misure antincendio 5. Misure in caso di rilascio accidentale 6. Manipolazione e immagazzinamento 7. Controllo dell'esposizione 8. Proprietà fisiche e chimiche 9. Stabilità e reattività 10. Informazioni tossicologiche 11. Informazioni ecologiche 12. Considerazioni sullo smaltimento 13. Informazioni sul trasporto 14. Informazioni sulla regolamentazione 15. Altre informazioni Le schede di sicurezza di tutti i disinfettanti utilizzati nell U.O. devono essere conservate e disponibili alla consultazione presso l Unità stessa. DI SEGUITO SI RIASSUME LO SCHEMA DI UTILIZZO DEI DISINFETTANTI AMBIENTALI INDICATI PER LA SANIFICAZIONE DELLE SALE DEL BLOCCO OPERATORIO : 1) MELSEPT SPRAY ( soluzione di alcool e gliossale + detergente) DA USARE PER DISINFEZIONE DI : : SCIALITICA LETTO ARMADIO FARMACI CARRELLO EMERGENZA MANIGLIE TASTIERE COMPUTER MOUSE TASTIERA INGRESSO BLOCCO OPERATORIO Modalita d uso : Irrorare bene tutta la superficie e lasciare evaporare, non utilizzare su materiali a contatto Attenzione : NON SPRUZZARE SU PLEXIGLASS 20

21 2) ANTISAPRIL (sodio ipoclorito+detergente ) DA USARE PER DISINFEZIONE DI : PLASTICA VETRO ARMADI LETTO OPERATORIO TAVOLO OPERATORIO TAVOLO SERVITORE PAVIMENTO PARETI LAVABI TAVOLO CONSOL PORTE LAVAGGIO ACCURATO Modalita d uso: - Diluizione: 1:10 ( 100 ml di ANTISAPRIL in 1 l di acqua ) - Tempo 5 - Risciacquo con soluzione pulita di ANTISAPRIL, stessa diluizione in nuovo contenitore. - NON LASCIARE IL MATERIALE IN IMMERSIONE A LUNGO - SMALTIMENTO NELLA VUOTA 21

Protocollo Pulizia Ambientale Gruppo Operatorio

Protocollo Pulizia Ambientale Gruppo Operatorio Gruppo Operativo per la Lotta alle Infezioni Ospedaliere Protocollo Pulizia Ambientale Gruppo Operatorio Data 1^ stesura: 02:07.98 Edizione: 1 PROTOCOLLO PULIZIA AMBIENTALE GRUPPO OPERATORIO AUTORI: Gruppo

Dettagli

Allegato 5 - Procedure per la pulizia per tipologia di rischio

Allegato 5 - Procedure per la pulizia per tipologia di rischio Allegato 5 - Procedure per la pulizia per tipologia di rischio Il presente documento descrive le procedure per la pulizia e sanificazione ambientale dell Azienda Ospedaliera. Le imprese concorrenti potranno

Dettagli

IGIENE AMBIENTALE DECONTAMINAZIONE IN CASO DI SPANDIMENTO ACCIDENTALE DI LIQUIDI BIOLOGICI

IGIENE AMBIENTALE DECONTAMINAZIONE IN CASO DI SPANDIMENTO ACCIDENTALE DI LIQUIDI BIOLOGICI S.C. Prevenzione Rischio Infettivo IGIENE AMBIENTALE DECONTAMINAZIONE IN CASO DI SPANDIMENTO ACCIDENTALE DI LIQUIDI BIOLOGICI BIONIL GRANULI Sodio Dicloro-isocianurato Panno assorbente monouso Guanti monouso

Dettagli

PROTOCOLLO PULIZIA AMBIENTALE GRUPPO OPERATORIO ASL 7

PROTOCOLLO PULIZIA AMBIENTALE GRUPPO OPERATORIO ASL 7 PROTOCOLLO PULIZIA AMBIENTALE GRUPPO OPERATORIO 1 Criteri generali Per quanto sia stato ampiamente dimostrato che le superfici ambientali sono, di per sé, difficilmente responsabili della trasmissione

Dettagli

ALLEGATO N 2 Procedure di igienizzazione

ALLEGATO N 2 Procedure di igienizzazione REGIONE CALABRIA Azienda Ospedaliera Bianchi Melacrino Morelli ALLEGATO N 2 Procedure di igienizzazione Servizio pulizie - ALLEGATO N 2 Pagina 1 di 6 PULIZIA GIORNALIERA AREE AD ALTO RISCHIO 1 Servizi

Dettagli

Pulizie Locali Punto di Prelievo REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE STATO DELLE REVISIONI

Pulizie Locali Punto di Prelievo REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE STATO DELLE REVISIONI REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE Redazione Verifica Approvazione Autorizzazione Emissione Rosselli Federico Responsabile Qualità UdR Rosselli Federico Responsabile Qualità UdR

Dettagli

Allegato 3 - ELENCO PRESTAZIONI DI PULIZIA E RELATIVE FREQUENZE DI INTERVENTO

Allegato 3 - ELENCO PRESTAZIONI DI PULIZIA E RELATIVE FREQUENZE DI INTERVENTO Allegato 3 - ELENCO PRESTAZIONI DI PULIZIA E RELATIVE FREQUENZE DI INTERVENTO LEGENDA: il numero indicato prima della indica la frequenza nel periodo considerato; la colonna gg/sett. indica i giorni lavorativi

Dettagli

TATUAGGIO E PIERCING REQUISITI DEI LOCALI GESTIONE DELLE ATTREZZATURE GESTIONE DEI RIFIUTI

TATUAGGIO E PIERCING REQUISITI DEI LOCALI GESTIONE DELLE ATTREZZATURE GESTIONE DEI RIFIUTI TATUAGGIO E PIERCING REQUISITI DEI LOCALI GESTIONE DELLE ATTREZZATURE GESTIONE DEI RIFIUTI A. Cosa dice la Legge? Articolo della DGR 464/2007 E opportuno che gli ambienti destinati a 1. sala d attesa 2.

Dettagli

MODALITA DI PULIZIA E SANIFICAZIONE DEGLI AMBIENTI E DEGLI ARREDI SCOLASTICI

MODALITA DI PULIZIA E SANIFICAZIONE DEGLI AMBIENTI E DEGLI ARREDI SCOLASTICI Data 30-11-2009 Rev. N. 01 Pagina 1 di 5 MODALITA DI PULIZIA E SANIFICAZIONE DEGLI AMBIENTI E DEGLI ARREDI SCOLASTICI Ddl RSPP RLS INDICE ISTITUTO MAGISTRALE STATALE LEONARDO DA VINCI Data 30-11-2009 Rev.

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

LINEE GUIDA PULIZIE E SANIFICAZIONE AMBIENTI SANITARI

LINEE GUIDA PULIZIE E SANIFICAZIONE AMBIENTI SANITARI Casa di Cura Villa delle Querce LINEE GUIDA PULIZIE E SANIFICAZIONE AMBIENTI SANITARI PREMESSA Le pulizie e la sanificazione degli ambienti sanitari rivestono un ruolo importante non solo per il significato

Dettagli

Informazione e Formazione. Regolamento sull uso e conservazione dei

Informazione e Formazione. Regolamento sull uso e conservazione dei Regolamento sull uso e conservazione dei prodotti di pulizia Il presente Regolamento si prefigge di fornire utili indicazioni ai collaboratori scolastici: sulla prevenzione contro il rischio chimico derivante

Dettagli

RISCHI E PREVENZIONE NELLA MANIPOLAZIONE DEI FARMACI ANTIBLASTICI. Corso di formazione per infermieri Progetto formativo aziendale

RISCHI E PREVENZIONE NELLA MANIPOLAZIONE DEI FARMACI ANTIBLASTICI. Corso di formazione per infermieri Progetto formativo aziendale RISCHI E PREVENZIONE NELLA MANIPOLAZIONE DEI FARMACI ANTIBLASTICI Corso di formazione per infermieri Progetto formativo aziendale Cagliari, P.O. Binaghi 24-25; 25; 26-27 27 maggio 2010 QUALITA E SICUREZZA

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE GESTIONE PRIMA DELLA MANIPOLAZIONE DEI FARMACI ANTIBLASTICI GESTIONE DURANTE LA MANIPOLAZIONE DEI FARMACI ANTIBLASTICI

CORSO DI FORMAZIONE GESTIONE PRIMA DELLA MANIPOLAZIONE DEI FARMACI ANTIBLASTICI GESTIONE DURANTE LA MANIPOLAZIONE DEI FARMACI ANTIBLASTICI CORSO DI FORMAZIONE FASI DI GESTIONE E PULIZIA DELLA CAPPA A FLUSSO LAMINARE GESTIONE PRIMA DELLA MANIPOLAZIONE DEI FARMACI ANTIBLASTICI GESTIONE DURANTE LA MANIPOLAZIONE DEI FARMACI ANTIBLASTICI PULIZIA

Dettagli

Protocollo di pulizia per l'asilo Nido. II presente protocollo, che è parte integrante degli atti di gara, indica gli

Protocollo di pulizia per l'asilo Nido. II presente protocollo, che è parte integrante degli atti di gara, indica gli Protocollo di pulizia per l'asilo Nido II presente protocollo, che è parte integrante degli atti di gara, indica gli standard che dovranno essere rispettati al fine di assicurare l'adeguata pulizia dell'asilo

Dettagli

Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze

Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze ALLEGATO VI Indicazioni per la manipolazione e lo stoccaggio dei prodotti fitosanitari e trattamento dei relativi imballaggi e delle rimanenze VI.1 - Stoccaggio dei prodotti fitosanitari Fatte salve le

Dettagli

Al fine di agevolare le attività di ristorazione e offrire ai consumatori prodotti igienicamente sicuri è necessario considerare:

Al fine di agevolare le attività di ristorazione e offrire ai consumatori prodotti igienicamente sicuri è necessario considerare: Aspetti generali Al fine di agevolare le attività di ristorazione e offrire ai consumatori prodotti igienicamente sicuri è necessario considerare: la progettazione dei locali e delle strutture l organizzazione

Dettagli

SCTA 00 PROCEDURA SCTA. DATA REDAZIONE FIRMA Nome e Cognome. DATA VERIFICA FIRMA Nome e Cognome. DATA APPROVAZIONE FIRMA Nome e Cognome

SCTA 00 PROCEDURA SCTA. DATA REDAZIONE FIRMA Nome e Cognome. DATA VERIFICA FIRMA Nome e Cognome. DATA APPROVAZIONE FIRMA Nome e Cognome Pagina 1 di 9 Documento Codice documento SCTA 00 DATA REDAZIONE FIRMA Nome e Cognome DATA VERIFICA FIRMA Nome e Cognome DATA APPROVAZIONE FIRMA Nome e Cognome Pagina 2 di 9 1. Generalità... 3 1.1 Scopo

Dettagli

ALLEGATO 5) PIANO DI SANIFICAZIONE

ALLEGATO 5) PIANO DI SANIFICAZIONE ALLEGATO 5) PIANO DI SANIFICAZIONE 1 Norme Generali Prodotti di Sanificazione RISPETTARE E AGGIORNARE IL PIANO DI SANIFICAZIONE IN MODO PERIODICO E OGNI VOLTA CHE INTERVENGONO DEI CAMBIAMENTI (indicare

Dettagli

STUDIO DENTISTICO DOTT. GIUSEPPE ARENA Via S.Maria della Croce Di Gregorio (trav.priv. 5) C./mare del Golfo (TP) Tel. 0924 33466

STUDIO DENTISTICO DOTT. GIUSEPPE ARENA Via S.Maria della Croce Di Gregorio (trav.priv. 5) C./mare del Golfo (TP) Tel. 0924 33466 OGGETTO: REQUISITI ORGANIZZATIVI GENERALI STUDIO DENTISTICO MODALITA DI PULIZIA, LAVAGGIO, DISINFEZIONE E STERILIZZAZIONE DI TUTTI GLI STRUMENTI ED ACCESSORI OGNI PAZIENTE E DA CONSIDERARE POTENZIALMENTE

Dettagli

ALLEGATO P8 NORME E MODALITA DI ESECUZIONE DELLE PULIZIE

ALLEGATO P8 NORME E MODALITA DI ESECUZIONE DELLE PULIZIE ALLEGATO P8 NORME E MODALITA DI ESECUZIONE DELLE PULIZIE L esecuzione delle pulizie dovrà avvenire con il supporto di mezzi, tecniche e personale, in grado di garantire un elevato standard di igiene. Le

Dettagli

Allegato a paragrafo 3

Allegato a paragrafo 3 COMMISSIONE REGIONALE PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE NELL AMBITO DELLE STRUTTURE OPERATORIE (D.A. n. 6289 del 23 Settembre 2005) Allegato a paragrafo 3 I sopralluoghi presso le strutture sanitarie 3.2 Gli

Dettagli

Misure di emergenza:( Art. 277-D. Lgs. 81/08 e s.m.i.)

Misure di emergenza:( Art. 277-D. Lgs. 81/08 e s.m.i.) Misure di emergenza:( Art. 277-D. Lgs. 81/08 e s.m.i.) 1) Se si verificano incidenti che possono provocare la dispersione di un agente biologico appartenente ai gruppi 2, 3 o 4, i lavoratori debbono abbandonare

Dettagli

Informazioni teoriche e pratiche per gli operatori scolastici addetti alle pulizie degli istituti scolastici di ogni ordine e grado

Informazioni teoriche e pratiche per gli operatori scolastici addetti alle pulizie degli istituti scolastici di ogni ordine e grado PROCEDURA DI GESTIONE DELLE PULIZIE Pag. 1/7 Informazioni teoriche e pratiche per gli operatori scolastici addetti alle pulizie degli istituti scolastici di ogni ordine e grado INDICE 1. SCOPO... 2 2.

Dettagli

GESTIONE RIFIUTI REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE STATO DELLE REVISIONI

GESTIONE RIFIUTI REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE STATO DELLE REVISIONI REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE Redazione Verifica Approvazione Autorizzazione Emissione Rosselli Federico Responsabile Qualità UdR Rosselli Federico Responsabile Qualità UdR

Dettagli

7.6. FASE 6 - Lavaggio e pulizia locali (manuale e con macchine) 1. COMPARTO: Ristorazione

7.6. FASE 6 - Lavaggio e pulizia locali (manuale e con macchine) 1. COMPARTO: Ristorazione 7.6. FASE 6 - Lavaggio e pulizia locali (manuale e con macchine) 1. COMPARTO: Ristorazione 2. FASE DI LAVORAZIONE: Lavaggio e pulizia locali (manuale e con macchine) 3. CODICE INAIL: 4. FATTORE DI RISCHIO:

Dettagli

CHECK LIST - CHIRURGIA OCULISTICA

CHECK LIST - CHIRURGIA OCULISTICA ENTE DI CERTIFICAZIONE DI QUALITA S.O.I. S.r.l. con socio unico V.I. del c/o 1-REQUISITI STRUTTURALI 1.1-Generali 1.1.1 E' garantita una facile accessibilità dall'esterno sia per quanto concerne l'ingresso

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione Struttura Complessa di Igiene e Sanità Pubblica. Tecnico della Prevenzione Arnaldi Roberta

Dipartimento di Prevenzione Struttura Complessa di Igiene e Sanità Pubblica. Tecnico della Prevenzione Arnaldi Roberta Dipartimento di Prevenzione Struttura Complessa di Igiene e Sanità Pubblica Tecnico della Prevenzione Arnaldi Roberta Tatuaggi, piercing e trucco permanente Quali sono i riferimenti normativi riguardanti

Dettagli

PIANO DI SANIFICAZIONE

PIANO DI SANIFICAZIONE ALLEGATO E PIANO DI SANIFICAZIONE Data: Aprile 14 Il Documento è composto di n 07 pagine pag.1di pag totali.7 Piano di sanificazione - Cucina Centralizzata, Cucina dell asilo nido e Locali refettori nelle

Dettagli

Sanificazione e disinfezione di un blocco operatorio

Sanificazione e disinfezione di un blocco operatorio L infermiere in sala operatoria tra cultura, tecnologia e clima organizzativo Hotel Flaminio- Via Parigi 8 Pesaro 17/18 Aprile 2015 Sanificazione e disinfezione di un blocco operatorio Maria Mattea Gallo

Dettagli

PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA GESTIONE DEI FARMACI E PRESIDI

PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA GESTIONE DEI FARMACI E PRESIDI PROTOCOLLO OPERATIVO PER LA GESTIONE DEI FARMACI E PRESIDI Elaborato con il contributo di: - U.O. Prof. Assistenza - Coordinatrice U.O. Rianimazione Giardi Silvana - Coordinatrice UFSM Sforzi Chiara -

Dettagli

PRECAUZIONI DA ADOTTARE NELLA GESTIONE DEI CASI DI INFLUENZA DA VIRUS A (H1N1)v

PRECAUZIONI DA ADOTTARE NELLA GESTIONE DEI CASI DI INFLUENZA DA VIRUS A (H1N1)v PRECAUZIONI DA ADOTTARE NELLA GESTIONE DEI CASI DI INFLUENZA DA VIRUS A (H1N1)v Cesena, 12 settembre 2009 Direzione Infermieristica e Tecnica Paola Ceccarelli PRECAUZIONI DA ADOTTARE Popolazione: misure

Dettagli

R.S.A. per anziani L. ACCORSI

R.S.A. per anziani L. ACCORSI 1 ALLEGATO 3 R.S.A. per anziani L. ACCORSI STABILE via Colombes MQ. calpestabili MQ. superf. vetrate seminterrato 1000 piano terra 1060 primo piano 1060 secondo piano 950 3 piano non utilizzato quarto

Dettagli

IP.DS.22 ISTRUZIONE OPERATIVA DI PRESIDIO OSPEDALIERO PER LA CORRETTA PULIZIA E SANIFICAZIONE DELLA VASCA PER IL TRAVAGLIO ED IL PARTO IN ACQUA.

IP.DS.22 ISTRUZIONE OPERATIVA DI PRESIDIO OSPEDALIERO PER LA CORRETTA PULIZIA E SANIFICAZIONE DELLA VASCA PER IL TRAVAGLIO ED IL PARTO IN ACQUA. Pagina 1 di 13 ISTRUZIONE OPERATIVA DI PRESIDIO OSPEDALIERO PER LA CORRETTA PULIZIA E SANIFICAZIONE DELLA VASCA PER IL TRAVAGLIO ED IL PARTO IN ACQUA. REV. DATA AUTORIZZAZIONI REDATTO VERIFICATO APPROVATO

Dettagli

UOC DAIORT Direzione Assistenza Infermieristica Ostetrica Riabilitativa e Tecnica. Procedura di pulizia e sanificazione della Morgue

UOC DAIORT Direzione Assistenza Infermieristica Ostetrica Riabilitativa e Tecnica. Procedura di pulizia e sanificazione della Morgue UOC DAIORT Direzione Assistenza Infermieristica Ostetrica Riabilitativa e Tecnica Procedura di pulizia e sanificazione della Morgue Gruppo di Lavoro CPSE- I DAIORT : Dr.ssa Liana Nanni CPSE-I DAIORT :

Dettagli

Protocollo per la pulizia e disinfezione delle Cullette termiche. Dott.ssa Dalia Palmieri ASL Pescara

Protocollo per la pulizia e disinfezione delle Cullette termiche. Dott.ssa Dalia Palmieri ASL Pescara Protocollo per la pulizia e disinfezione delle Cullette termiche Dott.ssa Dalia Palmieri ASL Pescara Le Cullette termiche rappresentano l ambiente entro il quale il neonato a rischio trascorre un periodo

Dettagli

PROCEDURE DI SICUREZZA DA ADOTTARE ALL INTERNO DELLE SALE SETTORIE

PROCEDURE DI SICUREZZA DA ADOTTARE ALL INTERNO DELLE SALE SETTORIE UFFICI AMMINISTRATIVI SERVIZIO PREVENZIONE PROTEZIONE Lungarno Pacinotti, 44 56100 Pisa Tel. 050/2212140 Fax 050/2212663 E-mail spp@adm.unipi.it PROCEDURE DI SICUREZZA DA ADOTTARE ALL INTERNO DELLE SALE

Dettagli

Regolamento interno recante disposizioni sulle modalita di svolgimento delle operazioni di pulizia

Regolamento interno recante disposizioni sulle modalita di svolgimento delle operazioni di pulizia Istituto di Istruzione Superiore Morcone Piazza Manente 82026 Morcone (BN) - Tel. 0824956423 - Fax 0824955688 C.F. 92029100622 - Codice Meccanografico bnis01200c - e-mail bnis01200c@ istruzione.it Sez.

Dettagli

PULIZIE ORDINARIE PULIZIE PERIODICHE

PULIZIE ORDINARIE PULIZIE PERIODICHE Allegato 1a PULIZIE ORDINARIE PULIZIE PERIODICHE PULIZIE ORDINARIE AREE ESTERNE (AREA 01) (carta, foglie, mozziconi di sigaretta, lattine, ecc.) Svuotatura dei contenitori per rifiuti e sostituzione sacco

Dettagli

MANIPOLAZIONE DEL TONER

MANIPOLAZIONE DEL TONER Pagina 1 di 6 SOMMARIO Generalità... 2 Principali condizioni di rischio connesse all operazione di sostituzione del toner... 2 Scopo... 2 Riferimenti normativi... 2 Responsabilità ed aggiornamento... 2

Dettagli

LA SICUREZZA IN LABORATORIO. di F. Luca

LA SICUREZZA IN LABORATORIO. di F. Luca LA SICUREZZA IN LABORATORIO di F. Luca IN LABORATORIO NORME DI COMPORTAMENTO X. NON correre. NON ingombrare con gli zaini lo spazio intorno ai banconi di lavoro o in prossimità delle uscite X. NON mangiare

Dettagli

7.7. FASE 7 - Lavaggio e pulizia attrezzi ed utensili (manuale e con macchine)

7.7. FASE 7 - Lavaggio e pulizia attrezzi ed utensili (manuale e con macchine) 7.7. FASE 7 - Lavaggio e pulizia attrezzi ed utensili (manuale e con macchine) 1. COMPARTO: Ristorazione 2. FASE DI LAVORAZIONE: Lavaggio e pulizia attrezzi ed utensili (manuale e con macchine) 3. CODICE

Dettagli

Sala operatoria oggi

Sala operatoria oggi Sala operatoria oggi 2 3 1 Campo sterile 1 Lettino operatorio 2 Tavolo servitore 3 Strumentista Il giro dei contenitori per rifiuti speciali in sala operatoria. Entrano dalla zona filtro; transitano dal

Dettagli

REQUISITI MINIMI SPECIFICI SALA AUTOPTICA

REQUISITI MINIMI SPECIFICI SALA AUTOPTICA Allegato n. 6 alla Delib.G.R. n. 47/15 del 29.9.2015 REQUISITI MINIMI SPECIFICI SALA AUTOPTICA Scheda È la struttura dove si esegue il riscontro autoptico, ovvero una serie di procedure volte alla identificazione

Dettagli

PROCEDURA PCL PCL 00. DATA REDAZIONE FIRMA Nome e Cognome. DATA VERIFICA FIRMA Nome e Cognome. DATA APPROVAZIONE FIRMA Nome e Cognome

PROCEDURA PCL PCL 00. DATA REDAZIONE FIRMA Nome e Cognome. DATA VERIFICA FIRMA Nome e Cognome. DATA APPROVAZIONE FIRMA Nome e Cognome Pagina 1 di 18 Documento Codice documento PCL 00 DATA REDAZIONE FIRMA Nome e Cognome DATA VERIFICA FIRMA Nome e Cognome DATA APPROVAZIONE FIRMA Nome e Cognome Pagina 2 di 18 1. Generalità... 3 1.1 Scopo

Dettagli

Norme di sicurezza e comportamentali del personale autorizzato a lavorare nei locali adibiti a Camera Pulita

Norme di sicurezza e comportamentali del personale autorizzato a lavorare nei locali adibiti a Camera Pulita Pag. 1 di 5 Norme di sicurezza e comportamentali del personale autorizzato a lavorare nei locali adibiti a Camera Pulita Premessa Questa nota è indirizzata al personale, dipendente e/o associato, autorizzato

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA: USO DI LAVASTRUMENTI MOCOM MILLWASHING

ISTRUZIONE OPERATIVA: USO DI LAVASTRUMENTI MOCOM MILLWASHING E.O. OSPEDALI GALLIERA - GENOVA ISTRUZIONE OPERATIVA: USO DI LAVASTRUMENTI MOCOM PREPARATO VERIFICATO APPROVATO M.G.Tagliafico M.Nelli R.Tramalloni Data : 22/06/2011 Rev 0 Descrizione delle modifiche:

Dettagli

Lo Stoccaggio dei Prodotti Fitosanitari

Lo Stoccaggio dei Prodotti Fitosanitari Lo Stoccaggio dei Prodotti Fitosanitari Dal 01/01/15, come previsto dal Piano di Azione Nazionale sull uso sostenibile dei prodotti fitosanitari, diventeranno obbligatorie le norme relative al Deposito

Dettagli

B2-2. Gestione delle sostanze pericolose a scuola. CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03. MODULO B Unità didattica

B2-2. Gestione delle sostanze pericolose a scuola. CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03. MODULO B Unità didattica SiRVeSS Sistema di Riferimento Veneto per la Sicurezza nelle Scuole Gestione delle sostanze pericolose a scuola MODULO B Unità didattica B2-2 CORSO DI FORMAZIONE RESPONSABILI E ADDETTI SPP EX D.Lgs. 195/03

Dettagli

PROTOCOLLO CONTROLLI GIORNALIERI STERILIZZATRICI A VAPORE PICCOLE STERILIZZATRICI

PROTOCOLLO CONTROLLI GIORNALIERI STERILIZZATRICI A VAPORE PICCOLE STERILIZZATRICI E.O. OSPEDALI GALLIERA - GENOVA PROTOCOLLO CONTROLLI GIORNALIERI STERILIZZATRICI A VAPORE PICCOLE STERILIZZATRICI PREPARATO VERIFICATO APPROVATO ARCHIVIATO R. Emanuello P. Fagni A. Lavagetti M. Lizzoli

Dettagli

Allegato B.23 - Schede pulizie periodiche Sedi coinvolte: Tutte quelle oggetto di questa gara

Allegato B.23 - Schede pulizie periodiche Sedi coinvolte: Tutte quelle oggetto di questa gara Allegato B.23 - Schede pulizie periodiche Sedi coinvolte: Tutte quelle oggetto di questa gara Queste attività di pulizia periodica devono essere eseguite con le cadenze riportate. Tutte le attività di

Dettagli

Attuare interventi adeguati ed uniformi per la disinfezione del fibroscopio flessibile e degli accessori

Attuare interventi adeguati ed uniformi per la disinfezione del fibroscopio flessibile e degli accessori Obiettivo Risultato Attuare interventi adeguati ed uniformi per la disinfezione del fibroscopio flessibile e degli accessori Eseguire una alta disinfezione del fibroscopio indicatori N totale fibroncoscopie.

Dettagli

ROLE PLAYING: SIMULAZIONE DI SITUAZIONI DI RESPONSABILITA DEL DIRIGENTE IN VARI AMBITI DELLA SICUREZZA SUL LAVORO IN SANITA.

ROLE PLAYING: SIMULAZIONE DI SITUAZIONI DI RESPONSABILITA DEL DIRIGENTE IN VARI AMBITI DELLA SICUREZZA SUL LAVORO IN SANITA. ROLE PLAYING: SIMULAZIONE DI SITUAZIONI DI RESPONSABILITA DEL DIRIGENTE IN VARI AMBITI DELLA SICUREZZA SUL LAVORO IN SANITA. Salute e sicurezza negli ambienti di lavoro in sanità: norme, interpretazione

Dettagli

INTERVENTO E BONIFICA A SEGUITO DI SPANDIMENTI ACCIDENTALI DI PRODOTTI O PREPARATI CHIMICI E FARMACI ANTIBLASTICI

INTERVENTO E BONIFICA A SEGUITO DI SPANDIMENTI ACCIDENTALI DI PRODOTTI O PREPARATI CHIMICI E FARMACI ANTIBLASTICI REGIONE LAZIO AZIENDA SANITARIA LOCALE VITERBO U. O. C. SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE PROCEDURA DI SICUREZZA INTERVENTO E BONIFICA A SEGUITO DI SPANDIMENTI ACCIDENTALI DI PRODOTTI O PREPARATI CHIMICI

Dettagli

U.O.A. PREVENZIONE RISCHIO INFETTIVO SCHEDA DI VALUTAZIONE DELL APPLICAZIONE DELLE PRINCIPALI MISURE PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE

U.O.A. PREVENZIONE RISCHIO INFETTIVO SCHEDA DI VALUTAZIONE DELL APPLICAZIONE DELLE PRINCIPALI MISURE PER IL CONTROLLO DELLE INFEZIONI OSPEDALIERE U.O. DATA Rilevatori Sono presenti i seguenti DPI: PRECAUZIONI STANDARD ED ISOLAMENTI GENERALI SPECIFICI in rapporto alla prevalenza del rischio infettivo Mascherine chirurgiche triplo/quadruplo strato

Dettagli

Sicurezza nei laboratori di Chimica e Biologia. A cura della prof.ssa Fino Maria Pia

Sicurezza nei laboratori di Chimica e Biologia. A cura della prof.ssa Fino Maria Pia Sicurezza nei laboratori di Chimica e Biologia A cura della prof.ssa Fino Maria Pia Manuale di rischio chimico Sicurezza: caratteristica di ciò che non presenta pericoli o ne è ben difeso. Salvaguardia

Dettagli

* RISCHIO CHIMICO alcune definizioni

* RISCHIO CHIMICO alcune definizioni * * RISCHIO CHIMICO alcune definizioni Ai sensi dell art. 222 del D.Lgs. 81/08 e smi si intendono per agenti chimici: tutti gli elementi o composti chimici, sia da soli sia nei loro miscugli, allo stato

Dettagli

Comune di Amalfi Relazione tecnica servizio di pulizia immobili comunali U F F I C I O I G I E N E E S A N I T À

Comune di Amalfi Relazione tecnica servizio di pulizia immobili comunali U F F I C I O I G I E N E E S A N I T À Comune di Amalfi Relazione tecnica servizio di pulizia immobili comunali C O M U N E di AMALFI U F F I C I O I G I E N E E S A N I T À R E L A Z I O N E T E C N I C A P E R I L S E R V I Z I O D I P U

Dettagli

Giornaliero asportazione di residui e incrostazioni; lavaggio manuale accurato, con l ausilio di spazzole per la detersione successivo risciacquo

Giornaliero asportazione di residui e incrostazioni; lavaggio manuale accurato, con l ausilio di spazzole per la detersione successivo risciacquo Quarto, li 09 settembre 2014 Prot. n. Tit. Al Personale Collaboratore scolastico dell Istituto Comprensivo di Quarto Don Lorenzo Milani LORO SEDI e agli Operatori delle Ditte di Pulizia dell Istituto Comprensivo

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

SEDE MUNICIPALE PIAZZA UMBERTO I (Servizio a canone)

SEDE MUNICIPALE PIAZZA UMBERTO I (Servizio a canone) SEDE MUNICIPALE PIAZZA UMBERTO I (Servizio a canone) N. ORARIO D UFFICIO LUNEDÌ, MERCOLEDI, VENERDI 8:00 14:00 MARTEDI: 8:00 13:00 14:00 18:30 GIOVEDÌ: 8.00-13.00; 14.00-17.30 SABATO: 8.00-13.00 SUPERFICI

Dettagli

REGIONE PIEMONTE AZIENDA SANITARIA LOCALE BI -------------------------------------- Via Marconi, 23 13900 Biella

REGIONE PIEMONTE AZIENDA SANITARIA LOCALE BI -------------------------------------- Via Marconi, 23 13900 Biella REGIONE PIEMONTE AZIENDA SANITARIA LOCALE BI -------------------------------------- Via Marconi, 23 13900 Biella LAVORARE SICURI! Formazione e informazione dei lavoratori per l igiene e la sicurezza sul

Dettagli

SANIFICAZIONE E DISINFEZIONE DELL UNITA PAZIENTE NELLE AREE AD ALTO RISCHIO AORN AORN OSPEDALE DEI COLLI MONALDI COTUGNO C.T.O.

SANIFICAZIONE E DISINFEZIONE DELL UNITA PAZIENTE NELLE AREE AD ALTO RISCHIO AORN AORN OSPEDALE DEI COLLI MONALDI COTUGNO C.T.O. SANIFICAZIONE E DISINFEZIONE DELL UNITA PAZIENTE NELLE AREE AD ALTO RISCHIO AORN 3 maggio 2012 AORN OSPEDALE DEI COLLI MONALDI COTUGNO C.T.O. NAPOLI 2012 N. 1 SANIFICAZIONE E DISINFEZIONE AMBIENTALE NELLE

Dettagli

PROCEDURA DI SANIFICAZIONE DEI LOCALI SCOLASTICI

PROCEDURA DI SANIFICAZIONE DEI LOCALI SCOLASTICI Distretto Scolastico 11 IX CIRCOLO DIDATTICO STATALE JAPIGIA I Plesso San Francesco Via Peucetia n. 50 BARI Tel. 0805530943/5541991 fax 080 5524042 Plesso Don Orione Viale Japigia n.140 BARI Tel./Fax 0805537467

Dettagli

Scheda informativa prodotto cosmetico ad uso professionale LEG AME CREMA MANI 1. IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA

Scheda informativa prodotto cosmetico ad uso professionale LEG AME CREMA MANI 1. IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA Scheda informativa prodotto cosmetico ad uso professionale LEG AME CREMA MANI Data di compilazione: 26 febbraio 2013 1. IDENTIFICAZIONE DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA INFORMAZIONI GENERALI : Nome Commerciale

Dettagli

PROTOCOLLO DI IGIENE AMBIENTALE: PROCEDURA DI SANIFICAZIONE DEI LOCALI SCOLASTICI

PROTOCOLLO DI IGIENE AMBIENTALE: PROCEDURA DI SANIFICAZIONE DEI LOCALI SCOLASTICI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE PARINI Via Roma, 56 - Gorla Minore (VA) *************************** 1. Plesso A. MANZONI Tel. 0331/601198 2. Plesso D. ALIGHIERI Tel: 0331/600607 3. Plesso G. PARINI Tel.:

Dettagli

4. SCHEDA DI INSERIMENTO OPERATORE SOCIO SANITARIO

4. SCHEDA DI INSERIMENTO OPERATORE SOCIO SANITARIO 4. SCHEDA DI INSERIMENTO OPERATORE SOCIO SANITARIO SEDE: LEGNAGO BOVOLONE ZEVIO NOGARA UNITÀ OPERATIVA/SERVIZIO: DIRETTORE: COORDINATORE INFERMIERISTICO: COGNOME QUALIFICA: INFERMIERE NOME DATA INIZIO

Dettagli

COMUNE DI LECCO. Settore finanziario, società partecipate gare e contratti Servizio economato e provveditorato

COMUNE DI LECCO. Settore finanziario, società partecipate gare e contratti Servizio economato e provveditorato COUNE DI LECCO ettore finanziario, società partecipate gare e contratti ervizio economato e provveditorato ALLEATO C CHEDE DI PULIZIA ED IIENE ABIENTALE LEENDA. = Tutti i giorni (da lunedì a venerdì più

Dettagli

DATA REDAZIONE FIRMA Nome e Cognome. DATA VERIFICA FIRMA Nome e Cognome. DATA APPROVAZIONE FIRMA Nome e Cognome

DATA REDAZIONE FIRMA Nome e Cognome. DATA VERIFICA FIRMA Nome e Cognome. DATA APPROVAZIONE FIRMA Nome e Cognome Pagina 1 di 11 Documento Codice documento TFA01 DATA REDAZIONE FIRMA Nome e Cognome DATA VERIFICA FIRMA Nome e Cognome DATA APPROVAZIONE FIRMA Nome e Cognome Pagina 2 di 11 1. Generalità... 3 1.1 Scopo

Dettagli

Decontaminazione alcolica delle mani

Decontaminazione alcolica delle mani E.O. OSPEDALI GALLIERA - GENOVA Decontaminazione alcolica delle mani PREPARATO VERIFICATO APPROVATO ARCHIVIATO Nadia Cenderello Paola Fabbri Carla Fraguglia Mauro Nelli Ufficio Qualità Servizio Prevenzione

Dettagli

NORME PER LA VENDITA DI PRODOTTI ALIMENTARI GESTIONE DELL AUTOCONTROLLO NELLE BOTTEGHE

NORME PER LA VENDITA DI PRODOTTI ALIMENTARI GESTIONE DELL AUTOCONTROLLO NELLE BOTTEGHE NORME PER LA VENDITA DI PRODOTTI ALIMENTARI E GESTIONE DELL AUTOCONTROLLO NELLE BOTTEGHE Dr. Maurizio Mangelli Responsabile Sicurezza PRINCIPALI NORME DI RIFERIMENTO PER LA VENDITA DI PRODOTTI ALIMENTARI

Dettagli

Sicurezza microbiologica in impianti produttori di Prosciutto di Parma. Gestione del rischio

Sicurezza microbiologica in impianti produttori di Prosciutto di Parma. Gestione del rischio Sicurezza microbiologica in impianti produttori di Prosciutto di Parma Gestione del rischio IL DIAGRAMMA DI FLUSSO Tipicamente riporta le seguenti fasi: Fase fredda: ricevimento, salagione, riposo, lavaggio

Dettagli

SIERI PER CAPELLI (BASI SILICONICHE)

SIERI PER CAPELLI (BASI SILICONICHE) SIERI PER CAPELLI (BASI SILICONICHE) IDENTIFICAZIONE DEI PRODOTTI E DELLA SOCIETA Nome Commerciale Cod. 15933 TRI ACTION HEAT PROTECTIUM SERUM STYLE PERFETTO Descrizione del prodotto Fluido idratante protettivo

Dettagli

Preparazione pre operatoria del paziente. Dott. Garofoli Rosamaria

Preparazione pre operatoria del paziente. Dott. Garofoli Rosamaria Preparazione pre operatoria del paziente Dott. Garofoli Rosamaria Per fase pre operatoria si intende quel periodo che va dal momento in cui si stabilisce che è necessario procedere con un intervento chirurgico

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO ANTONIO DE CURTIS

MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO ANTONIO DE CURTIS Circ. n. 10 Ai docenti Al personale ATA Albo Sito web Prot. N.3657/S2 Oggetto: disposizioni in materia di sicurezza e prevenzione rischi (D. Lgs. 81/08 ex legge 626/94). Per opportuna conoscenza e per

Dettagli

Operazioni di Pulizia Ordinaria Relative alle Diverse Zone e alle Attrezzature

Operazioni di Pulizia Ordinaria Relative alle Diverse Zone e alle Attrezzature COMUNE DI CASTELNUOVO SCRIVIA Provincia di Alessandria SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA Allegato N. 5 Operazioni di Pulizia Ordinaria Relative alle Diverse Zone e alle Attrezzature 1 1 DEFINIZIONE DELLE

Dettagli

Regolamento recante disposizioni sull uso e la conservazione dei prodotto di pulizia e sulle modalita di svolgimento delle operazioni di pulizia

Regolamento recante disposizioni sull uso e la conservazione dei prodotto di pulizia e sulle modalita di svolgimento delle operazioni di pulizia 3 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Alberto Burri Trestina Città di Castello (PG) APPENDICE G Regolamento recante disposizioni sull uso e la conservazione dei prodotto di pulizia e sulle modalita di svolgimento

Dettagli

DIVISIONE CONVIVENZE

DIVISIONE CONVIVENZE SISTEMA DI SANIFICAZIONE STOVIGLIE l) ammollo igienizzante; 2) detersione meccanica o manuale; 3) asciugatura meccanica o manuale con carta monouso o per naturale vaporazione. KEY 01 KEY 02 indicato per

Dettagli

54 15-2-2008 - GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA - PARTE I n. 8

54 15-2-2008 - GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA - PARTE I n. 8 54 15-2-2008 - GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA - PARTE I n. 8 Elementi misurabili di ACC.2 1) L organizzazione dispone di un piano scritto di risposta e spiegamento dei mezzi che comprende l

Dettagli

5. SCHEDA DI INSERIMENTO OPERATORE SOCIO SANITARIO - FARMACIA

5. SCHEDA DI INSERIMENTO OPERATORE SOCIO SANITARIO - FARMACIA 5. SCHEDA DI INSERIMENTO OPERATORE SOCIO SANITARIO - FARMACIA SEDE: LEGNAGO BOVOLONE ZEVIO NOGARA UNITÀ OPERATIVA/SERVIZIO: DIRETTORE: COORDINATORE INFERMIERISTICO: COGNOME QUALIFICA: INFERMIERE NOME DATA

Dettagli

Dip. Lab. T.C.B.1 CODICE PROCEDURA SANITARIA PROVINCIALE PALERMO. Data 26 settembre 2011 Pagina 1 di 7

Dip. Lab. T.C.B.1 CODICE PROCEDURA SANITARIA PROVINCIALE PALERMO. Data 26 settembre 2011 Pagina 1 di 7 Data 26 settembre 2011 Pagina 1 di 7 Redatta da: Ufficio Qualità Laboratori Struttura proponente. DIPARTIMENTO DIAGNOSTICA DI LABORATORIO Dr.ssa Ada Palma Firma Dott.ssa Teresa Barone Firma 1 Data 26 settembre

Dettagli

Schema funzionale del sistema di valutazione del rischio nei depositi frigoriferi

Schema funzionale del sistema di valutazione del rischio nei depositi frigoriferi Schema funzionale del sistema di valutazione del rischio nei depositi frigoriferi Identificazione pericoli Figure professionali Ambienti Valutazione di esposizione dei rischi Altri rischi antiparassitari

Dettagli

CHECK LIST - CHIRURGIA REFRATTIVA CON LASER AD ECCIMERI

CHECK LIST - CHIRURGIA REFRATTIVA CON LASER AD ECCIMERI ENTE DI CERTIFICAZIONE DI QUALITA S.O.I. S.r.l. con socio unico V.I. del c/o 1-REQUISITI STRUTTURALI 1.1-Generali 1.1.1 E' garantita una facile accessibilità dall'esterno sia per quanto concerne l'ingresso

Dettagli

INTERVENTO DI TIPO 1 (PER COMPLESSIVI METRI QUADRI 5.730 CIRCA)

INTERVENTO DI TIPO 1 (PER COMPLESSIVI METRI QUADRI 5.730 CIRCA) ALLEGATO E1 INTERVENTO DI TIPO 1 (PER COMPLESSIVI METRI QUADRI 5.730 CIRCA) PRESTAZIONI DA EFFETTUARSI CON CADENZA GIORNALIERA: - pulizia/lavaggio di pavimenti, scale e vani elevatori (con esclusione delle

Dettagli

SCHEDA TECNICA INFORMATIVA OLEO GELEE USO PROFESSIONALE TECNOLOGIA ODS

SCHEDA TECNICA INFORMATIVA OLEO GELEE USO PROFESSIONALE TECNOLOGIA ODS SCHEDA TECNICA INFORMATIVA OLEO GELEE USO PROFESSIONALE TECNOLOGIA ODS IDENTIFICAZIONE DEL DISTRIBUTORE L Oréal Italia S.p.A. - Via Garibaldi 42 10122 Torino - Tel. 011/4603111 ------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66

AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66 AZIENDA USL ROMA H Borgo Garibaldi,12 00041 Albano Laziale (Roma) Tel. 06 93.27.1 Fax 06 93.27.38.66 UO RISK MANAGEMENT PROCEDURA PER LA CORRETTA IDENTIFICAZIONE DEL PAZIENTE NEI PRESIDI OSPEDALIERI DELLA

Dettagli

Scheda informativa prodotto cosmetico ad uso professionale OSSIDANTI PER TINTURE, RIFLESSANTI E DECOLORANTI

Scheda informativa prodotto cosmetico ad uso professionale OSSIDANTI PER TINTURE, RIFLESSANTI E DECOLORANTI Allegato 3 Scheda informativa prodotto cosmetico ad uso professionale OSSIDANTI PER TINTURE, RIFLESSANTI E DECOLORANTI INFORMAZIONI GENERALI Nome commerciale: Descrizione prodotto: : soluzioni di acqua

Dettagli

COPIA TRATTA DAL SITO WEB ASLBAT.IT

COPIA TRATTA DAL SITO WEB ASLBAT.IT DIREZIONE SANITARIA AZIENDALE Procedura Operativa APPROVVIGIONAMENTO E GESTIONE MAGAZZINO REVISIONE DATA REDATTO VERIFICATO APPROVATO 00 OTTOBRE 2015 INDICE Farmacista Specializzando Dott. Cataldo Procacci

Dettagli

(ESEMPIO DI DATI E INFORMAZIONI UTILI ALLA DEFINIZIONE DELL OGGETTO DELL APPALTO DELLE PULIZIE DI IMMOBILI A PREVALENTE USO UFFICI)

(ESEMPIO DI DATI E INFORMAZIONI UTILI ALLA DEFINIZIONE DELL OGGETTO DELL APPALTO DELLE PULIZIE DI IMMOBILI A PREVALENTE USO UFFICI) (ESEMPIO DI DATI E INFORMAZIONI UTILI ALLA DEFINIZIONE DELL OGGETTO DELL APPALTO DELLE PULIZIE DI IMMOBILI A PREVALENTE USO UFFICI) Tabella A - Quantificazione aree su cui effettuare il servizio Tipologia

Dettagli

Protocollo operativo per le divise di servizio

Protocollo operativo per le divise di servizio Servizio delle Professioni Sanitarie Direzione Medica Ospedaliera Protocollo operativo per le divise di servizio data 1^ stesura: 16.12.2002 Edizione n 2 PROTOCOLLO OPERATIIVO PER LE DIIVIISE DII SERVIIZIIO

Dettagli

Tricotomia pre-operatoria

Tricotomia pre-operatoria Tricotomia pre-operatoria Introduzione La corretta preparazione pre-operatoria della cute del paziente è uno degli elementi chiave nel controllo delle infezioni del sito chirurgico. La tricotomia, considerata

Dettagli

Igiene dell ambiente e comfort alberghiero. Interventi operativi sull ambiente

Igiene dell ambiente e comfort alberghiero. Interventi operativi sull ambiente Igiene dell ambiente e comfort alberghiero Interventi operativi sull ambiente 1 Igiene dell ambiente e comfort alberghiero Interventi operativi sull ambiente: Igiene in ambito istituzionale Igiene delle

Dettagli

x x x o PRESIDIO OSPEDALIERO LEVANTE

x x x o PRESIDIO OSPEDALIERO LEVANTE PRESIDI SPEDALIER LEVANTE AREE AD ALTISSIM RISCHI SETTRI DEGENZIALI CRITICI X: SETTRI DEGENZIALI CRITICI (TUTTE LE TERAPIE INTENSIVE, UNITÀ CRNARICA, NENATLGIA, NEFRLGIA, SALE VISITA E LCALI DIAGNSTICA

Dettagli

liceo B. Russell VIA IV NOVEMBRE 35, 38023 CLES (TRENTO) REGOLAMENTO IN MERITO AD OPERAZIONI DI PULIZIA E DI MANUTENZIONE DEGLI AMBIENTI SCOLASTICI

liceo B. Russell VIA IV NOVEMBRE 35, 38023 CLES (TRENTO) REGOLAMENTO IN MERITO AD OPERAZIONI DI PULIZIA E DI MANUTENZIONE DEGLI AMBIENTI SCOLASTICI liceo B. Russell VIA IV NOVEMBRE 35, 38023 CLES (TRENTO) Prot. 1165/C5 Cles, 20/02/2012 Al personale Ata Collaboratori scolastici Al Fas Al RLS Pubblicato sito www.liceorussell.eu/ Area riservata docenti/sicurezza

Dettagli

U.O. SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DIRETTORE

U.O. SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE DIRETTORE RISCHIO BIOLOGICO Gestione Aziendale di caso di influenza da virus A/H1N1 percorso di biosicurezza PIACENZA 4 16 Settembre 2009 U.O. SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE D.Lgs 81/08 Titolo X DIRETTORE

Dettagli

PROCEDURA APPROVVIGIONAMENTO BOMBOLE DI GAS MEDICALI ALLE UUOO DEL POLO H3 ED ALLE UNITA MOBILI

PROCEDURA APPROVVIGIONAMENTO BOMBOLE DI GAS MEDICALI ALLE UUOO DEL POLO H3 ED ALLE UNITA MOBILI PRESIDIO OSPEDALIERO P. COLOMBO DI VELLETRI PROCEDURA APPROVVIGIONAMENTO BOMBOLE DI GAS MEDICALI ALLE UUOO DEL POLO H3 ED ALLE UNITA MOBILI REDAZIONE Direzione Sanitaria Polo H3: dr Paolo Angeletti Farmacia

Dettagli

RISCHI E PREVENZIONE NELLA MANIPOLAZIONE DEI FARMACI ANTIBLASTICI

RISCHI E PREVENZIONE NELLA MANIPOLAZIONE DEI FARMACI ANTIBLASTICI Progetto Formativo Aziendale RISCHI E PREVENZIONE NELLA MANIPOLAZIONE DEI FARMACI ANTIBLASTICI LA DECONTAMINAZIONE DEGLI AMBIENTI CRITICI E LA GESTIONE DEI MATERIALI CONTAMINATI IN REPARTO: PROTOCOLLI

Dettagli

SICUREZZA CHI SA COSA STA FACENDO VIVE BENE E A LUNGO E NON PROVOCA DANNO AL VICINO

SICUREZZA CHI SA COSA STA FACENDO VIVE BENE E A LUNGO E NON PROVOCA DANNO AL VICINO SICUREZZA CHI SA COSA STA FACENDO VIVE BENE E A LUNGO E NON PROVOCA DANNO AL VICINO SICUREZZA DPI DISPOSITIVI PROTEZIONE INDIVIDUALE CAMICE GUANTI OCCHIALI PROTETTIVI VANNO INDOSSATI SEMPRE IN LABORATORIO

Dettagli

Principi e comportamenti sui punti critici dell HACCP

Principi e comportamenti sui punti critici dell HACCP Principi e comportamenti sui punti critici dell HACCP UOC di Riabilitazione Metabolico Nutrizionale Direttore Tecnico-Scientifico: LM Donini Dietisti: E. Castellaneta, C. Civale, P. Ceccarelli, S. Passaretti,

Dettagli

A.O. Ospedale San Carlo Borromeo

A.O. Ospedale San Carlo Borromeo Pre -Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenze Servizio di Prevenzione e Protezione Servizio di assistenza infermieristica, tecnica di supporto e dei servizi alberghieri c/o le comunità riabilitative

Dettagli