DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE ADOZIONE DEL BILANCIO D'ESERCIZIO 2014 E RENDICONTO FINANZIARIO ANNUALE. IL DIRETTORE GENERALE Luca Marchesi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE ADOZIONE DEL BILANCIO D'ESERCIZIO 2014 E RENDICONTO FINANZIARIO ANNUALE. IL DIRETTORE GENERALE Luca Marchesi"

Transcript

1 DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N 51 SEDUTA DELIBERATIVA DEL 30/04/2015 OGGETTO ADOZIONE DEL BILANCIO D'ESERCIZIO 2014 E RENDICONTO FINANZIARIO ANNUALE IL DIRETTORE GENERALE Luca Marchesi nominato con decreto del Presidente della Regione 0261/Pres del preso atto dei seguenti pareri favorevoli espressi in merito alla regolarità tecnica e contabile della presente deliberazione: RESP. DELLA STRUTTURA RESP. GESTIONE RISORSE ECONOMICHE Anna Toro CON LA PARTECIPAZIONE del Direttore Amministrativo Anna Toro, nominata con deliberazione del Direttore Generale n. 30 del , e del Direttore Tecnico-Scientifico f.f., Luca Marchesi, incaricato con deliberazione del Direttore Generale n. 31 del ; per l espressione dei pareri di competenza

2 VISTI: la legge regionale 3 marzo 1998, n. 6, così come modificata ed integrata dalla legge regionale 15 dicembre 1998, n. 16, recante l istituzione dell Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente (ARPA); il Regolamento di Organizzazione dell ARPA, integrato e modificato con la deliberazione del Direttore Generale n. 112 dd , approvato dalla Giunta Regionale con delibera n del 21 luglio 2010, riadottato con deliberazione del Direttore Generale n. 175 dd ; la deliberazione del Direttore generale n. 219 del di adozione del Programma annuale 2015 e pluriennale e la deliberazione del Direttore generale n. 221 del di adozione del Bilancio preventivo annuale 2015 e triennale dell ARPA, approvate con delibera della Giunta regionale n. 704 dd ; RICHIAMATI: - la proposta di programma di attività per l anno 2014 e per il triennio inviato alla Direzione Regionale dell Ambiente con nota prot. 7304/DG/24 dd ; - la riunione del Comitato di Indirizzo e verifica di approvazione della proposta di programma dell Arpa tenutasi in data ; - la delibera della Giunta regionale n dd. 13 dicembre 2013 avente ad oggetto: Linee di indirizzo per la programmazione dell Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente del Friuli Venezia Giulia ; - la citata delibera del Direttore generale n. 262 dd di adozione del programma annuale 2014 e pluriennale ; - la delibera del Direttore generale n. 270 di data di adozione del bilancio preventivo annuale 2014 e triennale ; - la delibera della Giunta Regionale n. 582 dd di approvazione del programma annuale 2014 e triennale e relativi bilanci economici di previsione, con integrazioni recepite dall Agenzia con deliberazione n. 68 dd ; - il processo di pianificazione per budget, di competenza della Direzione strategica, mediante lo sviluppo, con maggior dettaglio operativo, degli obiettivi e delle risorse 2014 avvenuto rispettivamente nei collegi di direzione del 31 gennaio 2014 e del 21 febbraio 2014; - la negoziazione tra il Direttore Generale ed i Centri di Attività dei rispettivi budget avvenuta tra nei giorni compresi tra l 11e il 17 marzo 2014; - la deliberazione del Direttore Generale n. 55 dd di approvazione del processo di budget 2014; - la deliberazione del direttore generale n. 126 dd avente per oggetto Sistema di incentivazione - anno Definizione degli obiettivi dei responsabili delle strutture operative complesse, del direttore tecnico scientifico, del direttore amministrativo (quota integrativa). Individuazione delle progettualità correlati alla produttività strategica 2014; ATTESO che il monitoraggio della gestione 2014 dell ARPA è stato assicurato attraverso i seguenti provvedimenti: - adozione del rendiconto economico e finanziario del I trimestre 2014 e proiezione al 31 dicembre 2014, come da deliberazione del Direttore Generale n. 98 del ; - approvazione dello stato di attuazione delle progettualità al del processo di pianificazione per budget 2014 come da deliberazione del Direttore Generale n. 134 dd ;

3 - adozione del rendiconto economico finanziario del II trimestre 2014 e proiezione al 31 dicembre 2014 come da deliberazione del Direttore Generale n. 147 del ; - adozione del rendiconto economico finanziario del III trimestre 2014 e proiezione al 31 dicembre 2014 come da deliberazione del Direttore Generale n. 210 del ATTESO che: - ai sensi del combinato disposto dell art. 7, comma 3, lettera g) e dell art. 11 comma 8 della L.R. 67/1998, il Direttore Generale dell ARPA FVG provvede, entro il 30 aprile di ogni anno, alla redazione del bilancio d esercizio, costituito dalla relazione sulla gestione, dallo stato patrimoniale, dal conto economico, dalla nota integrativa e dal rendiconto finanziario, corredato dalla relazione del Collegio dei revisori contabili, e lo trasmette alla Giunta ed al Consiglio regionale per il tramite della Direzione centrale Ambiente ed Energia; - il successivo art. 22 stabilisce, al comma 2, che per la gestione economico patrimoniale si applicano all ARPA, in quanto compatibili, le norme in materia di patrimonio e contabilità in vigore per le Aziende per i servizi sanitari del Friuli Venezia Giulia; - anche per l Agenzia, quindi, trova applicazione la L.R. 49/96, artt. 25 e 26, in forza dei quali a corredo del bilancio di esercizio viene allegata la relazione sulla gestione che esplicita, motiva e commenta i risultati conseguiti dall azienda rispetto agli obiettivi posti in sede di programmazione; DATO ATTO che il bilancio d esercizio 2014, in conformità alle Linee di indirizzo della Giunta regionale di cui alla citata deliberazione n dd. 13 dicembre 2013, risulta rispettoso delle nuove disposizioni normative regionali previste in materia di patto di stabilità ed assolve completamente agli obblighi per la realizzazione degli obiettivi annuali di finanza pubblica in materia di patto di stabilità; ATTESO che la Giunta regionale, con delibera DGR n di data 4 luglio 2014 ha definito il sistema di valutazione per il 2014 del Direttore Generale, stabilendo, tra l altro, che la verifica del grado di raggiungimento degli obiettivi sarebbe stata effettuata sulla base del valore degli indicatori di risultato contenuti nella Tabella allegata alla delibera stessa, indicati nella Relazione intermedia sulla gestione prodotta al alla scadenza del mandato, contenente tutti gli elementi necessari per la valutazione del grado di raggiungimento degli obiettivi; DATO ATTO che la Relazione intermedia, con i contenuti richiesti, è stata trasmessa alla Direzione centrale ambiente con nota prot dd e che la Relazione sulla gestione, prodotta a corredo del bilancio d esercizio, contiene tutti gli elementi per la valutazione del grado di raggiungimento degli obiettivi fino al ; RITENUTO: - di adottare il bilancio di esercizio 2014, allegato A) facente parte integrante della presente deliberazione, composto da: - Allegato A1, contenente: - Stato patrimoniale; - Conto economico; - Nota integrativa - Rendiconto finanziario; - Allegato A2 - Relazione sulla gestione 2014; - di proporre, secondo quanto previsto dall art. 10, comma 3, della L.R. 49/96, la seguente destinazione dell utile di esercizio pari ad ,00:

4 - la somma di ,00 a un fondo destinato ad investimenti in conto capitale; - la somma di ,00 a un fondo destinato all aggiornamento professionale; - la restante somma di ,00 riportata a nuovo al fine di migliorare il margine di struttura che evidenzia la capacità dell Ente di garantire l equilibrio tra i fabbisogni a lungo termine con le fonti aventi le medesime caratteristiche di scadenza e consenta, nel caso fossero necessari, di effettuare interventi di straordinaria manutenzione su fabbricati in seguito a necessità, al momento non prevedibili ma improcrastinabili per la sicurezza degli edifici, stante l assegnazione di un contenuto contributo in conto capitale della Regione; DATO ATTO che, ai sensi dell'art. 14 del D.Lgs. 150/2009, l'organismo Indipendente di Valutazione deve predisporre la Relazione per l anno 2014 sul funzionamento complessivo del sistema di valutazione, trasparenza e integrità dei controlli interni e che la stessa, non appena pervenuta, verrà trasmessa al Collegio dei Revisori contabili e alla Direzione centrale Ambiente ed Energia; RICORDATO che, ai sensi dell art. 5, comma 6, lett. b) dello Statuto, il bilancio d esercizio, prima di essere trasmesso alla Giunta Regionale per le finalità di controllo di cui all articolo 4, comma 1 della L.R. 6/98, viene inviato al Collegio dei Revisori contabili per l acquisizione della relazione di accompagnamento; Sentiti i pareri favorevoli del Direttore Tecnico-scientifico f.f. e del Direttore Amministrativo; Per le motivazioni indicate in premessa DELIBERA 1) di adottare il bilancio di esercizio 2014, allegato A) facente parte integrante della presente deliberazione, composto dal: - Allegato A1, contenente: - Stato patrimoniale; - Conto economico; - Nota integrativa - Rendiconto finanziario; - Allegato A2 - Relazione sulla gestione 2014, contenente la relazione sui singoli obiettivi assegnati dalla Giunta Regionale con delibera n dd. 4 luglio 2014; - di proporre, secondo quanto previsto dall art. 10, comma 3, della L.R. 49/96, la seguente destinazione dell utile di esercizio pari ad ,00: - la somma di ,00 a un fondo destinato ad investimenti in conto capitale; - la somma di ,00 a un fondo destinato all aggiornamento professionale; - la restante somma di ,00 riportata a nuovo al fine di migliorare il margine di struttura che evidenzia la capacità dell Ente di garantire l equilibrio tra i fabbisogni a lungo termine con le fonti aventi le medesime caratteristiche di scadenza e consenta, nel caso fossero necessari, di effettuare interventi di straordinaria manutenzione su fabbricati in seguito a necessità, al momento non prevedibili ma improcrastinabili per la sicurezza degli edifici, stante l assegnazione di un contenuto contributo in conto capitale della Regione; 2) di dare atto che il bilancio d esercizio 2014, in conformità alle Linee di indirizzo della Giunta regionale di cui alla deliberazione n dd. 13 dicembre 2013, risulta

5 rispettoso delle nuove disposizioni normative regionali previste in materia di patto di stabilità ed assolve completamente agli obblighi per la realizzazione degli obiettivi annuali di finanza pubblica in materia di patto di stabilità; 3) di trasmettere il bilancio di esercizio di cui al punto 1 al Collegio dei Revisori contabili per l acquisizione della relazione di accompagnamento e di inviarlo, unitamente alla Relazione sul funzionamento complessivo del sistema di valutazione, trasparenza e integrità dei controlli interni dell OIV, per il tramite della Direzione centrale Ambiente ed Energia, alla Giunta Regionale per le finalità di controllo di cui all articolo 4, comma 1 della L.R. 6/98. Letto, approvato e sottoscritto IL DIRETTORE AMMINISTRATIVO Anna Toro IL DIRETTORE TECNICO-SCIENTIFICO F.F. Luca Marchesi IL DIRETTORE GENERALE Luca Marchesi

6 Elenco firmatari ATTO SOTTOSCRITTO DIGITALMENTE AI SENSI DEL D.P.R. 445/2000 E DEL D.LGS. 82/2005 E SUCCESSIVE MODIFICHE E INTEGRAZIONI Questo documento è stato firmato da: NOME: ANNA TORO CODICE FISCALE: TRONNA64T47E098G DATA FIRMA: 30/04/ :29:04 IMPRONTA: 35E037CBA2E4427A4CB6C42EC0C3FB8E80485A9C4C0F459F792A1029D5D9618D 80485A9C4C0F459F792A1029D5D9618D0849EA05ECFB019913EB6410EC3EEAC0 0849EA05ECFB019913EB6410EC3EEAC0E7FF7E21C580DEF5D7A6AD68994EC6DD E7FF7E21C580DEF5D7A6AD68994EC6DDD748984DE32AAE38F17FC04E2120E325 NOME: LUCA MARCHESI CODICE FISCALE: MRCLCU65S03F205I DATA FIRMA: 30/04/ :30:17 IMPRONTA: B0729DEA496AB2730FF775CB2DED7E22203B31B5DB15E6155F90604CBA6163DE 203B31B5DB15E6155F90604CBA6163DED37349C89CFD9B1530F905B605D2C229 D37349C89CFD9B1530F905B605D2C EB2AA6CB010F53C9EC4524E EB2AA6CB010F53C9EC4524E629474D8E8DC9232EB1419F7DA7DE0E0DB5 NOME: LUCA MARCHESI CODICE FISCALE: MRCLCU65S03F205I DATA FIRMA: 30/04/ :30:52 IMPRONTA: 9DDA146F6DBD62B91A A105788F828CE9F7DB243C97A66ADF88E F828CE9F7DB243C97A66ADF88E76C D1651E76A34F3BCCA3028 6C D1651E76A34F3BCCA30282C0E5B1D372D7CCCF73DF57FF6DDC2EB 2C0E5B1D372D7CCCF73DF57FF6DDC2EB5DA7CC7FB36ED0CFA4463DFBD01211D6 Atto n. 51 del 30/04/2015

7 ALLEGATO A A 1 - BILANCIO DI ESERCIZIO 2014: STATO PATRIMONIALE CONTO ECONOMICO NOTA INTEGRATIVA RENDICONTO FINANZIARIO REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

8 INDICE STATO PATRIMONIALE Stato Patrimoniale. 1 Stato Patrimoniale - Piano dei Conti di Alimentazione. 4 CONTO ECONOMICO Conto Economico. 11 Conto Economico - Piano dei Conti di Alimentazione 14 NOTA INTEGRATIVA Premessa.. 21 Stato Patrimoniale Attivo. 28 Stato Patrimoniale - Patrimonio Netto e Passivo. 45 Conto Economico. 53 RENDICONTO FINANZIARIO 72 REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE DELL AMBIENTE DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

9 * STATO PATRIMONIALE * PIANO DEI CONTI DI ALIMENTAZIONE 1

10 STATO PATRIMONIALE ATTIVO 31/12/ /12/2013 variazioni parziali totali parziali totali A) IMMOBILIZZAZIONI A)I) IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI A)I)1) COSTI DI IMPIANTO E AMPLIAMENTO % A)I)2) COSTI DI RICERCA, SVILUPPO E PUBBL % A)I)3) DIR.DI BREV.E UTILIZ.OPERE D'INGEGNO % A)I)4) CONCESSIONI LICENZE MARCHI E DIRITTI SIMILI % A)I)5) IMMOBILIZZAZIONI IN CORSO E ACCONTI % A)I)6) ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI % Totale A)I) % A)II) IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI A)II)1) TERRENI % A)II)2) FABBRICATI % A)II)3) IMPIANTI E MACCHINARI % A)II)4) ATTREZZATURE E STRUMENTAZIONI % A)II)5) MOBILI E ARREDI % A)II)6) MEZZI DI TRASPORTO % A)II)7) ALTRI BENI % A)II)8) IMMOBILIZZAZIONI IN CORSO E ACCONTI % Totale A)II) % A)III) IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE A)III)1) CREDITI V/REGIONE % A)III)2) CREDITI V/ALTRI % A)III)3) TITOLI % Totale A)III) % Totale A) % B) ATTIVO CIRCOLANTE B)I) SCORTE B)I)1) SCORTE % B)I)2) FONDO SVALUTAZIONE MAGAZZINO % Totale B)I) % B)II) CREDITI B)II)1) CREDITI V/REGIONE % B)II)2) CREDITI V/COMUNI % B)II)3) CREDITI V/PROVINCE % B)II)4) CREDITI V/AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE % B)II)5) CREDITI VERSO AZIENDE SANITARIE REGIONALI % B)II)6) CREDITI V/ERARIO % B)II)7) CREDITI V/PRIVATI % B)II)8) CREDITI V/DIPENDENTI % B)II)9) ALTRI CREDITI % B)II)10) FONDO SVALUTAZIONE CREDITI % Totale B)II) % B)III) ATTIVITA' FINANZIARIE B)III)1) TITOLI A BREVE % Totale B)III) % B)IV) DISPONIBILITA' LIQUIDE B)IV)1) CASSA ECONOMALE % B)IV)2) ISTITUTO TESORIERE % B)IV)3) ALTRI ISTITUTI DI CREDITO % B)IV)4) DEPOSITI POSTALI % B)IV)5) CONTI TRANSITORI % Totale B)IV) % Totale B) % C) RATEI E RISCONTI ATTIVI C)1) RATEI E RISCONTI % Totale C) % TOTALE ATTIVO % 2

11 STATO PATRIMONIALE PASSIVO 31/12/ /12/2013 variazioni parziali totali parziali totali A) PATRIMONIO NETTO A)I) FONDO DI DOTAZIONE % A)II) CONTRIBUTI REGIONALI IN C/CAPITALE INDISTINTI % A)III) CONTRIBUTI REGIONALI IN C/CAPITALE VINCOLATI % A)IV) ALTRI CONTRIBUTI IN C/CAPITALE % A)V) CONTRIBUTI PER RIPIANI PERDITE % A)VI) RISERVE DI RIVALUTAZIONE % A)VII) ALTRE RISERVE % A)VIII) UTILI O PERDITE PORTATI A NUOVO % A)IX) UTILE O PERDITA DELL'ESERCIZIO % Totale A) % B) FONDI PER RISCHI E ONERI B)1) FONDO IMPOSTE E TASSE % B)2) FONDO PER ONERI AL PERSONALE DA LIQUIDARE % B)3) FONDO RISCHI SU LITI, ARBITRAGGI E RISARCIMENTI % B)4) FONDO ONERI PER RINNOVI CONTRATTUALI % B)5) FONDO ONERI PERSONALE IN QUIESCENZA % B)6) FONDI RETTIFICATIVI DELLE ATTIVITA' % B)7) ALTRI FONDI - DIRIGENZA % Totale B) % C) DEBITI C)1) DEBITI VERSO PRIVATI % C)2) DEBITI VERSO ISTITUTI DI CREDITO % C)3) ACCONTI SU CONTRIBUTI % C)4) DEBITI VERSO ENTI PUBBLICI % C)5) DEBITI VERSO ERARIO E CONCESSIONARI DIVERSI % C)6) DEBITI VERSO PERSONALE % Totale C) % D) RATEI E RISCONTI PASSIVI D)1) RATEI E RISCONTI PASSIVI % Totale D) % TOTALE PASSIVO % E) CONTI D'ORDINE E)1) CONTI D'ORDINE ATTIVI % E)2) CONTI D'ORDINE PASSIVI % Totale E) % 3

12 Stato Patrimoniale - Piano dei Conti di Alimentazione conto descrizione variazioni immobilizzazioni immateriali costi di impianto e ampliamento costi di ricerca, sviluppo e pubblicita' diritto di brevetto e diritti di utilizzazione delle opere d'ingegno , concessioni,licenze,marchi e dir. simili immobilizzazioni in corso e acconti altre immobilizzazioni immateriali , totale mastro , immobilizzazioni materiali terreni terreni disponibili terreni indisponibili fabbricati fabbricati disponibili , fabbricati indisponibili , impianti e macchinari impianti e macchinari , attrezzature e strumenti sanitari attrezzature sanitarie , mobili ed arredi mobili e arredi , mezzi di trasporto automezzi , imbarcazioni e natanti , altri beni attrezzature d'ufficio , attrezzature informatiche , altri beni , immobilizzazioni in corso e acconti immobilizzazioni in corso e acconti , totale mastro , immobilizzazioni finanziarie crediti verso regione crediti verso altri titoli totale mastro scorte materie prime, sussidiarie e di consumo , lavori in corso , totale mastro , crediti regione crediti verso regione , crediti verso regione per fatture da emettere crediti v/regione x note di deb. da em debiti v/regione x note di cr. da em provincia crediti vs provincia crediti v/provincia x fatture da em crediti v/provincia x note debito da em debiti v/provincia x note di cr. da em comuni crediti v/comuni , crediti v/comuni per fatture da emettere 6.034, crediti v/comuni x note di debito da em debiti v/comuni x note di cr. da em amministrazioni pubbliche crediti verso ministero della sanita' crediti verso ministero dell'universita' crediti v/ministreo della difesa 2.115, crediti verso enti previdenziali pagamenti a personale per conto altri en crediti v/altre amministrazioni pubbliche , crediti v/altre amministrazioni pubbliche per fatture da emettere 124,

13 Stato Patrimoniale - Piano dei Conti di Alimentazione conto descrizione variazioni crediti v/amm.pubbl. x note deb. da em debiti v/amm.pubbl. x note cr. da em aziende sanitarie della regione crediti v/aziende sanitarie della regione crediti v/aziende sanitarie della regione per fatture da emettere 1.299, crediti v/az. san. x note di deb. da em , debiti v/az. san. x note di cr. da em erario ires 1.135, ilor irap iva a credito , iva a credito per acquisti infra-cee iva a credito per autofatture iva in sospensione imposte varie crediti verso privati privati paganti , crediti v/soggetti esteri , acconti e anticipi a fornitori , acconti e anticipi a fornitori iter economale depositi cauzionali , altri crediti , crediti per fatture e ricevute da emettere , crediti per note debito da emettere debiti per note di credito da emettere crediti verso dipendenti dipendenti c/prestiti acconti al personale anticipi al personale 635, arrotondamenti su stipendi altri crediti vs il personale , altri crediti , totale mastro , attivita' finanziarie titoli - totale mastro disponibilita' liquide cassa economale cassa centrale palmanova 2.702, cassa udine cassa pordenone 506, cassa gorizia cassa trieste cassa osmer cassa - csa conto bidone cassa economale istituto tesoriere cc di tesoreria , arpa interreg ii arpa mutuo friuladria interessi attivi da liquidare altri istituti di credito altri istituti di credito depositi postali cc postale , deposito affrancatrice 5.188, conti transitori incassi c/transitorio pagamenti c/transitorio giroconti giroconti note giroconti cauzioni giroconti documenti pagati

14 Stato Patrimoniale - Piano dei Conti di Alimentazione conto descrizione variazioni giroconti protocolli errati giroconti ritenute personale dipendente giroconti ritenute personale esterno giroconti ritenute personale convenz.to giroconti ritenute personale altro giroconti c.c. postale soggetti non imputati totale mastro , ratei e risconti ratei attivi risconti attivi , altri crediti in maturazione altri cr. in maturazione x docu. da em altri cr. in matu. x integr. da emettere altri deb. in matu. x docu. di cr. da em totale mastro , totale conti dell'attivo ,

15 Stato Patrimoniale - Piano dei Conti di Alimentazione conto descrizione variazioni conti d'ordine attivi beni di terzi , totale mastro , patrimonio netto fondo di dotazione riserva per valutazione iniziale delle immobilizzazioni , riserva per valutazione iniziale delle giacenze iniziali contributi regionali in c/capitale indistinti contributi regionali in c/capitale vincolati , altri contributi in conto capitale contributi per rimborso mutui , altri contributi indistinti , altri contributi indistinti altri contributi vincolati , contributi per ripiani perdite riserve di rivalutazione altre riserve riserva per donazioni e lasciti altre riserve , utile o perdita portati a nuovo , utile o perdita dell'esercizio , totale mastro , fondi ammortamento immobilizzazioni immateriali f.amm. costi di impianto e d'ampliamento f.amm. costi di ricerca e sviluppo e di pubblicità f.amm. diritto di brevetto, diritti di utilizzazione delle opere d'ingegno , f.amm. concessioni, licenze, marchi e di f.do amm.to altre immobilizzazioni immateriali , totale mastro , fondi ammortamento immobilizzazioni materiali f.amm. fabbricati f.do amm.to fabbricati disponibili , f.do amm.to fabbricati indisponibili , f.do amm.to impianti e macchinari , f.do amm.to attrezzature sanitarie , f.do amm.to mobili e arredi , f.amm.mezzi di trasporto f.do amm.to automezzi , f.do amm.to imbarcazioni e natanti , f.amm.altri beni f.do amm.to attrezzature d'ufficio , f.do amm.to attrezzature informatiche , f.do amm.to altri beni , totale mastro , fondi rettificativi delle attivita' fondo svalutazione immobilizzazioni fondo svalutazione magazzino fondo svalutazione crediti , altri fondi rettificativi delle attivita totale mastro , fondi rischi ed oneri fondo imposte e tasse fondo per oneri al personale da liquidare incentivazioni , straordinari , altre competenze accessorie , indennita' di fine servizio <12 mesi altri oneri da liquidare fondo rischi su liti, arbitraggi e risarcimenti , fondo oneri per rinnovi contrattuali fondo oneri personale in quiescenza altri fondi dirigenza spta - fondo posizione/struttura complessa , dirigenza spta - fondo straordinario/disagio ,

16 Stato Patrimoniale - Piano dei Conti di Alimentazione conto descrizione variazioni dirigenza spta - fondo produttività , diregenza medica - fondo posizione/struttura complessa diregenza medica - fondo straordinario/disagio diregenza medica - fondo produttività dirigenza contatto di diritto privato - fondi e oneri , totale mastro , debiti verso istituti di credito mutui - rate in scadenza oltre i 12 mesi , mutui - rate in scadenza entro i 12 mesi , istituto tesoriere anticipazioni interessi passivi da liquidare altri istituti di credito interessi passivi da liquidare , totale mastro , acconti su contributi acconti su contributi in c/esercizio da regione , da altri , acconti su contributi in c/capitale totale mastro , debiti verso enti pubblici debiti verso regione debiti v/regione , debiti v/regione x fatture da ricevere debiti v/regione x note di deb. da ric crediti v/regione x note di cred.da ric debiti verso aziende sanitarie della reg debiti v/aziende sanitarie della regione , debiti v/aziende sanitarie della regione per fatture da ricevere , debiti v/az.sanitarie x note deb.da ric crediti v/az.sanitarie x note cr.da ric debiti verso comuni debiti v/comuni 560, debiti v/comuni per fatture da ricevere 9.955, debiti v/comuni x note di deb. da ric crediti v/comuni xs note di cred.da ric debiti verso amministrazioni pubbliche debiti v/amministrazioni pubbliche 2.105, debiti v/amm.pubbl. x fatture da ric , debiti v/amm.pubbl.x note di deb.da ric crediti v/amm.pubbl.x note di cr.da ric debiti verso istituti di previdenza inpdap , inps 2.775, inail enpam enpaf onaosi debiti v/altri istituti di previdenza altri debiti totale mastro , debiti verso erario e concessionari diversi ires ilor irap , irpef c/ritenute , erario c/iva , iva a debito iva a debito per acquisti intra-cee 584, iva a debito per autofatture altri debiti tributari totale mastro , debiti verso personale 8

17 Stato Patrimoniale - Piano dei Conti di Alimentazione conto descrizione variazioni debiti v/personale dipendente , deb. vs. personale dipendente debiti v/personale esterno 5.772, debiti v/organi direttivi e istituzionali totale mastro , debiti verso privati fornitori fornitori nazionali , fatture e ricevute da ricevere , debiti per note di debito da ricevere 183, crediti per note di credito da ricevere , fornitori esteri acconti ed anticipi da clienti , depositi cauzionali per autofatture da emettere assicurazioni debiti per trattenute al personale altri debiti 207, totale mastro , ratei e risconti passivi ratei passivi 4.809, risconti passivi , altri debiti in maturazione altri debiti in maturazione per documenti da ricevere altri debiti in matu. x integr. da ric altri crediti x docu. di credito da ric totale mastro , conti di riepilogo stato patrimoniale di chiusura stato patrimoniale di apertura conto economico totale mastro totale conti del passivo , conti d'ordine passivi beni di terzi , totale mastro ,

18 * CONTO ECONOMICO * PIANO DEI CONTI DI ALIMENTAZIONE 10

19 C.E. al comparato CONTO ECONOMICO A) VALORE DELLA PRODUZIONE variazioni 1) CONTRIBUTI D' ESERCIZIO a) Quota funzionamento da Regione - L.R. 6/98, art.21, c.1, lett.a) b) Quota funzionamento da Regione - L.R. 6/98, art.21, c.1, lett.a-bis) c) Quota introiti ex L.R. 6/98, art. 21, c.1, lett. b) d) Contributi da Regione - L.R. 6/98, art.21, c.1, lett.c) e) Contributi da Regione - L.R. 6/98, art.21, c.1, lett.d) f) Altri contributi dalla Regione g) Altri contributi in conto esercizio Totale 1) ) RICAVI PER PRESTAZIONI a) Prestazioni per attività svolte nei confronti di terzi b) Altri ricavi propri operativi c) Altri ricavi propri non operativi d) Variazione attività in corso su progetti Totale 2) ) COSTI CAPITALIZZATI TOTALE A) VALORE DELLA PRODUZIONE B) COSTI DELLA PRODUZIONE 1) ACQUISTI a) Sanitari b) Non sanitari Totale 1) ) ACQUISTI DI SERVIZI a) Acquisti di Servizi b) Manutenzioni c) Utenze Totale 2) ) GODIMENTO DI BENI DI TERZI ) COSTI DEL PERSONALE a) Personale sanitario b) Personale professionale c) Personale tecnico d) Personale amministrativo e) Altri costi del personale Totale 4) ) COSTI GENERALI ED ONERI DIVERSI DI GESTIONE a) Compenso al Collegio dei Revisori b) Spese generali ed amministrative c) Imposte e tasse Totale 5) ) AMMORTAMENTI E SVALUTAZIONI a) Ammortamento delle immobilizzazioni immateriali b) Ammortamento delle immobilizzazioni materiali c) Altre svalutazioni delle immobilizzazioni d) Svalutazione dei crediti e delle disponibilità liquide Totale 6) ) VARIAZIONE DELLE RIMANENZE ) ACCANTONAMENTI PER RISCHI ) ALTRI ACCANTONAMENTI Totale B) COSTI DELLA PRODUZIONE Totale A)+B) DIFFERENZA TRA VALORE E COSTI DELLA PRODUZIONE C) PROVENTI ED ONERI FINANZIARI 1) PROVENTI FINANZIARI ) ONERI FINANZIARI Totale C) PROVENTI ED ONERI FINANZIARI D) PROVENTI ED ONERI STRAORDINARI 1) PROVENTI STRAORDINARI ) ONERI STRAORDINARI Totale D) PROVENTI ED ONERI STRAORDINARI RISULTATO PRIMA DELLE IMPOSTE E) IMPOSTE SUL REDDITO DELL'ESERCIZIO Utile o Perdita dell'esercizio

20 Prospetto di cui all'art. 8, comma 1 del D.L. 66/2014 (Enti in contabilità economica) A) VALORE DELLA PRODUZIONE 1) Ricavi e proventi per l'attività istituzionale a) contributo ordinario dello Stato - - b) corrispettivi da contratto di servizio - - b.1) con lo Stato - - b.2) con le Regioni - - b.3) con altri enti pubblici - - b.4) con l'unione Europea - - c) contributi in conto esercizio c.1) con lo Stato - - c.2) con le Regioni c.3) con altri enti pubblici - - c.4) con l'unione Europea d) contributi da privati - e) proventi fiscali e parafiscali - f) ricavi per cessioni di prodotti e prestazioni di servizi ) Variazione delle rimanenze dei prodotti in corso di lavorazione, semilavorati e finiti - - 3) Variazione dei lavori in corso su ordinazione ) Incrementodi immobili per lavori interni - - 5) Altri ricavi e proventi a) quota contributi in conto capitale imputata all'esercizio b) altri ricavi e proventi Totale Valore della Produzione (A)

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE. Adozione del bilancio d'esercizio 2011 e rendiconto finanziario annuale

DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE. Adozione del bilancio d'esercizio 2011 e rendiconto finanziario annuale DELIBERAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE N 108 SEDUTA DELIBERATIVA DEL 21/05/2012 OGGETTO Adozione del bilancio d'esercizio 2011 e rendiconto finanziario annuale IL DIRETTORE GENERALE (dott. Lionello Barbina)

Dettagli

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO ATTIVO A) CREDITI VS STATO E ALTRI AA.PP. PARTECIPAZIONE FONDO DI DOTAZIONE B) IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 Costi di impianto ed ampliamento 2 Costi

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011 Ditta 005034 Data: 05/04/2013 Ora: 15.13 Pag.001 A.I.R. - ASSOCIAZIONE ITALIANA RETT - ONLUS VIALE BRACCI 1 53100 SIENA SI ESERCIZIO DAL 01/01/2012 AL 31/12/2012 BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA AI SENSI DELL'ART.2435

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Composizione e schemi del bilancio d esercizio

Composizione e schemi del bilancio d esercizio OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Composizione e schemi del bilancio d esercizio Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013

COSEV SERVIZI S.P.A. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Reg. Imp. 12815 Rea 104630 COSEV SERVIZI S.P.A. Sede in VIA PETRARCA, 6-64015 NERETO (TE) Capitale sociale Euro 471.621,00 I.V. Nota integrativa al bilancio al 31/12/2013 Premessa Signori Soci/Azionisti,

Dettagli

IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI

IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI SOMMARIO IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI 1. Premessa 2. Funzioni del rendiconto della gestione 3. Quadro normativo di riferimento 4. Attività operative per la predisposizione del rendiconto

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e del Consiglio Nazionale dei Ragionieri modificati dall OIC in relazione alla riforma del diritto

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE

PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SALUTE, SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE, SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA PRINCIPI CONTABILI per la redazione del BILANCIO D ESERCIZIO delle AZIENDE SANITARIE Documento

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA

BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2012 NOTA INTEGRATIVA MEP S.p.A. Sede in Milano (MI), Piazza del Liberty, n. 2 Capitale sociale Euro 10.372.791 interamente versato Codice Fiscale 13051480153 Iscritta al Registro dell Imprese di Milano al n. 1611128 BILANCIO

Dettagli

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio INDICI DI BILANCIO 1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio Perché sia possibile un calcolo automatico degli indici di bilancio (ratios) è necessario che le informazioni siano memorizzate seguendo i

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE Nome e cognome.. Classe Data I beni strumentali Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE di Marcella Givone 1. Costituzione di azienda con apporto di beni strumentali, sia in natura disgiunti

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

CONTABILITA ECONOMICO-PATRIMONIALE

CONTABILITA ECONOMICO-PATRIMONIALE CONTABILITA ECONOMICO-PATRIMONIALE VERSIONE 2.0 Allegato n. 5 alla DIPARTIMENTO GESTIONE RISORSE ECONOMICHE Servizio Dipartimentale Bilancio e Finanze 010 IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 010 001 Costi di

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto Svolgimento della prova di verifica n. 17 Classe 4 a IGEA, Mercurio, Brocca, Programmatori, Liceo economico, IPSC Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione. Celestina Rovetto Obiettivi della

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres.

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. LR 12/2006, articolo 6, commi da 82 a 89. Regolamento concernente i criteri

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

Operazioni varie di gestione aziendale

Operazioni varie di gestione aziendale Operazioni varie di gestione aziendale di Teresa Tardia Esercitazione di economia aziendale per la classe terza ITC Nel mese di febbraio la ditta GiLuVi, azienda commerciale, ha compiuto le seguenti: 01-feb

Dettagli

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE Allegato 18 Modulo prenotazione garanzia PON - Pagina 1 di 25 FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE PROCEDURA DI

Dettagli

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE Le rettifiche su acquisti (vendite) determinano componenti positivi (negativi) di reddito corrispondenti ad una riduzione dei costi di acquisto (ricavi di vendita) rilevati

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

I componenti straordinari di reddito

I componenti straordinari di reddito I componenti straordinari di reito Possono essere così classificati: - PLUSVALENZE E MINUSVALENZE. Si originano nel caso di cessione di un cespite, se il valore contabile è diverso dal prezzo di vendita.

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 24 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3) Rettifiche

Dettagli

APSP CITTA DI RIVA RIVA DEL GARDA BILANCIO DI ESERCIZIO ANNO 2014 STATO PATRIMONIALE CONTO ECONOMICO NOTA INTEGRATIVA RELAZIONE ANDAMENTO GESTIONE

APSP CITTA DI RIVA RIVA DEL GARDA BILANCIO DI ESERCIZIO ANNO 2014 STATO PATRIMONIALE CONTO ECONOMICO NOTA INTEGRATIVA RELAZIONE ANDAMENTO GESTIONE Allegato A) deliberazione nr.14 d.d. 28.04.2015 APSP CITTA DI RIVA RIVA DEL GARDA BILANCIO DI ESERCIZIO ANNO 2014 STATO PATRIMONIALE CONTO ECONOMICO NOTA INTEGRATIVA RELAZIONE ANDAMENTO GESTIONE Il Presidente

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI La stampa dei registri contabili tenuti con sistemi meccanografici deve essere effettuata entro 3 mesi dalla scadenza prevista per la presentazione della

Dettagli

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Associazione dei contabilicontroller diplomati federali 6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35 L originale Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Piano dei conti svizzero

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone RISULTATO DELL ESERCIZIO ANTE IMPOSTE VARIAZIONI IN AUMENTO Negli esercizi dal 2005 al 2008 sono state realizzate plusvalenze o altri proventi rateizzati? = In base all'art. 86 del TUIR è ammessa la rateazione

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE.

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. E COAN) Prof.ssa Claudia SALVATORE Università degli Studi del Molise

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D.

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. Convegno del 7 dicembre 2010 Dott. ssa Mariangela Brunero Il rendiconto: criteri e modalità di redazione ed approvazione Introduzione Attività

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef Direzione Generale per il terzo settore e le formazioni sociali Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef PREMESSA Fonti normative dell

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1

Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 genzia ntrate 2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 Modello per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore Istruzioni Quadro F - Tipologia 1 Il contribuente, per la compilazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

Immobilizzazioni materiali

Immobilizzazioni materiali OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Immobilizzazioni materiali Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Richiedente: UFFICIO INFORMAZIONI TEST

Richiedente: UFFICIO INFORMAZIONI TEST Richiedente: UFFICIO INFORMAZIONI TEST Pratica: 1266018 Evasione: 2 giorni Fonti Banche dati Camere di Commercio Italiane Banche dati Atti Pregiudizievoli di Conservatoria Controllo operatori Reports Aggiornamento

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70

REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70 REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Definizioni e denominazioni 3 Art. 2 - Ambito

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO COPIA Reg. pubbl. N. lì CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO DETERMINAZIONE N. 569 DEL 28-08-2013 - CORPO DI POLIZIA LOCALE - OGGETTO: Canone per utilizzo Pos gsm della Cassa di Risparmio del

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno Ministero dell Economia e delle Finanze DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO di concerto con il Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI VISTO il decreto

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli