Tor Vergata Fondamenti fisici, limiti tecnologici e prospettive future

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tor Vergata Fondamenti fisici, limiti tecnologici e prospettive future"

Transcript

1 La tecnologia FID Fondamenti fisici, limiti tecnologici e prospettive future Gaetano Marrocco Dipartimento di Informatica Sistemi e Produzione Università di oma el Sommario Prospettiva storica Classificazioni dei sistemi FID Componenti tecnologici dei sistemi FID Prestazioni e limiti energetici Applicazioni

2 Dall etichetta all identificazione a microonde 3 Etichetta stampata Barcode Accessibilità diretta all informazione adio Frequency Identification FId Lettura dati tramite onde radio Indirizzamento indiretto dell informazione Codice binario Lettura ottica con scanner laser Distanza di lettura: pochi cm Magnetic & Smart Cards Immagazzinamento ed elaborazione elettronica di dati Lettura tramite contatto galvanico o induzione magnetica Energia fornita dall esterno Barcode vs. FID 4

3 FID imeline Sistemi di interrogazione IFF (Identification Friend or Foe) a bordo di aerei britannici H. Stockman, primo documento che descrive un sistema FID Sistemi EAS (Electronic Article Surveillance) ad 1 bit nelle attività commerciali Identificazione a bassa frequenza di animali 1980 Primi sistemi di lettura / scrittura con microprocessori e batterie 1990 Sistemi moderni con memorie EEPOM senza batteria 1990 oll system (pagamento pedaggio autostradale) Immobilizer per autoveicoli 000 Inchiostri conduttivi, microchip a basso consumo Sistemi UltraWideBand (UWB) Componenti di un sistema FID 6 Un transponder è un ricetrasmettitore che invia un segnale radio in risposta ad un comando ricevuto da una stazione remota energy clock data ag Micro chip application eader eader: dispositivo di lettura con modulo di elaborazione dati e antenna per la generazione del campo elettromagnetico interrogante il tag antenna ag: dispositivo posto sull oggetto da identificare costituito da: - un antenna per la rice-trasmissione del campo del reader, -un chip, per la gestione della comunicazione e dell identificazione -un supporto che sostiene / protegge il sistema data

4 Principio di funzionamento 7 Quando il tag transita attraverso il campo e.m. prodotto dal reader viene attivato il trasferimento dell informazione, modulando con i dati il segnale radio inviato indietro verso il reader eader ag Vantaggi: non necessaria visibilità ottica fra reader e tag, elevate distanze e velocità di lettura lettura contemporanea di più tag sicurezza e riprogrammabilità dei dati Classificazione dei tag - alimentazione 8 Attivi: hanno una fonte di alimentazione indipendente dal reader e la capacità di trasmettere senza essere interrogati - Grandi distanze (100m - 1km) - È richiesta una batteria - Costi elevati - Autonomia limitata Semi-passivi: hanno una fonte di alimentazione indipendente dal reader ma trasmettono solo se interrogati - Medie distanze (decine di metri) - È richiesta una batteria - Costi medi - Elevata autonomia Passivi: sono alimentati dalla potenza irradiata dall antenna del reader quando questo li interroga - Piccole distanze (< 10m) - Costi bassi

5 Classificazione dei tag - memoria (I) 9 ag a bit unico: sono impiegati nei sistemi EAS (antitaccheggio) coil ON: tag presente nel campo del reader OFF: tag assente dal campo del reader ealizzato con materiale magnetico (strisce o microfibre) Disattivazione con un forte campo magnetico che brucia il condensatore Difficoltà a rilevare più tag che transitano contemporaneamente capacitor Sul generatore del varco si avverte una brusca variazione di corrente generator Classificazione dei tag - memoria (II) 10 ag con memoria: ead only: codice programmato in fase di realizzazione ead / Write: il dato del tag può essere modificato in modo dinamico La memoria può essere mantenuta con una batteria o con altri meccanismi Circuito di icezione: per identificare i segnali provenienti dal reader Unique Identifier (UId): il reader identifica il tag tra i tanti presenti (anticollisione) Circuito di sincronizzazione fra i clock: accordo tra la velocità di scambio dati Circuiti di modulazione / demodulazione

6 Classificazione dei tag - frequenza (I) 11 13,56MHz 869MHz 90-98MHz 15KHz/134KHz MHz,35-,45GHz 4,15GHz 10KHz 100KHz 1MHz 10MHz 100MHz 1GHz 10GHz 100GHz f Applicazioni FID internazionali Applicazioni FID in Europa Applicazioni FID in America Applicazioni FID locali Il Bitate aumenta frequenza 15 ( * ) khz 134 khz MHz 4,75 / 8, MHz ( * ) MHz (banda ISM) MHz 869 MHz ( * ) GHZ GHz ag generalmente attivi. Classificazione dei tag applicazione controllo accessi, controllo di animali sistemi antifurto di bloccaggio delle automobili. velocità di trasmissione 10 kbps. interferenze dai monitor e dalle installazioni industriali. etichette EAS nei depositi di vendita al minuto transponders read only, read/write e EAS. velocità di trasmissione 100 kbps. interferenze da altri utenti della banda ISM entro un raggio di qualche metro. identificazione di veicoli (ferrovie) Identificazione di oggetti in movimento controllo veicolare e applicazioni future - frequenza (II) Accoppiamento Magnetico (induttivo) 1 Accoppiamento Elettromagnetico 4.15 GHz sistemi di allarme, misuratori di velocità, aperture automatiche (*) standard mondiali

7 Classificazione dei tag - tipologia del collegamento 13 Accoppiamento Magnetico H Accoppiamento Elettromagnetico E, H N S 15 khz MHz 400 MHz 450 MHz 15 khz 0.05 m MHz 4-10 m MHz 0.5 m 450 MHz 1 m AG ad - accoppiamento magnetico I sistemi FID a f < 100MHz si basano su un accoppiamento magnetico fra reader e tag I tags sono tipicamente passivi con antenne a coil realizzate stampando le spire su un film sottile e flessibile oppure con un avvolgimento intorno ad un nucleo di ferrite Ferrite 14 ponte chip Avvolgimento (coil) film Small Glass Ampoule ag 3mm x 13mm khz ead range < 4cm Price $

8 ag ad accoppiamento magnetico - funzionamento (I) Quando il tag transita attraverso il campo magnetico vicino del reader, ai terminali del coil viene indotta una tensione in grado di attivare il chip 15 antenna coil del reader antenna coil del tag C 1 C V L L eader campo f 0 ag Il massimo accoppiamento tra i due coil si ha quando l antenna ricevente è sintonizzata alla portante (f 0 ) irradiata dal reader. Viene inserito un condensatore di tuning (C ) in parallelo al coil in modo che la frequenza di risonanza del circuito in ricezione sia: L t C t f 0 = π 1 B ( I ( r) = μ ag ad accoppiamento magnetico N eader electronics ag coil N spire ) a ( a r ) r + - meccanismo di attivazione (I) α r V I = V sinωt = I 0 0 sinωt eader coil (N spire ) La tensione ai capi del tag sintonizzato è: V = N d dt B ds 16 a a aggio del coil del reader aggio del coil del tag Il tag si attiva quando la tensione indotta V supera un valore di soglia del μchip.

9 ag ad accoppiamento magnetico - meccanismo di attivazione (II) 17 V (e quindi la distanza di lettura) aumenta nel caso di: - elevato numero spire nel tag - tag parallelo al reader (α=0) V = K ( I N ) N cosα Q 3 ( a + r ) - fattore di merito Q del tag elevato (compatibilmente con la banda richiesta) K = 0.5μ a ωs sinωt 0 Note: 1. Il fattore di merito Q =ωe m /P j dipende dalle resistenza del chip e dalle perdite dell avvolgimento. La banda passante Δf alla frequenza f 0 è legata al fattore di qualità del tag Q : Δ f = 1 f 0 Q ag ad accoppiamento magnetico - meccanismo di trasmissione 18 I M I AG chip C mod L L V C data stream L Capacitive load modulation Il microchip del tag connette o disconnette un condensatore interno che desintonizza il circuito del tag. La corrente raccolta dal reader risulta quindi modulata in AM, FSK, PSK

10 ag ad accoppiamento magnetico - microchip 19 ag ad accoppiamento magnetico -eader 0 Lettori dedicati Schede per Portatili o palmari Kit di valutazione con stampante per tag

11 ag ad accoppiamento magnetico - vincoli energetici 1 A basse frequenze il campo magnetico interagisce poco con l ambiente circostante (impiantabilità nei tessuti viventi) La tensione raccolta dal chip del tag varia con 1/r 3 (la potenza richiesta varia con 1/r 6 ) Fissate le caratteristiche del reader e dei tag, la distanza massima di lettura dipende da: 1. Massimo campo magnetico prodotto dal reader 40mA/m 16mA/m - EN (classe 1). ensione di soglia del AG chip (dell ordine di qualche Volt) 3. Orientazione tra reader e tag: caso peggiore quando il tag è vicino ad essere ortogonale al reader ag ad accoppiamento magnetico - prestazioni Elevata immunità all interazione con l ambiente (alle basse frequenze il campo magnetico interagisce poco con i dielettrici) Possibilità di impianti sottopelle Basso costo (< 1 ) Forte dipendenza della distanza di lettura dalla mutua orientazione reader-tag Modesta distanza di lettura (dell ordine del metro) ealizzazione elaborata (multistrato) E la tecnologia FID attualmente più utilizzata

12 A frequenze f > 100MHz tag e reader contengono vere e proprie antenne. Il tag viene attivato (ed alimentato) dal campo elettromagnetico irradiato dal reader ag ad accoppiamento elettromagnetico 3 I tags sono passivi o attivi con antenne a patch o dipolo stampate su un film rigido (F-4) o flessibile (Polyester, carta) Sono realizzati in rame o inchiostro conduttivo (più flessibile e meno costoso) antenna ad inchiostro conduttivo F-4 patch chip dipolo film di carta I tag sono ottenuti dalla configurazione base di un dipolo + - λ / La lunghezza del dipolo è inversamente legata alla frequenza di lavoro 900MHz) Il dipolo viene ripiegato per ridurre l ingombro del tag a pochi cm riduzione del guadagno Guadagno di antenna Il guadagno di un antenna descrive come la potenza in ingresso (P in ) viene irradiata nelle varie direzioni dello spazio G ( θ, φ) = p( θ, φ) / 4π x z p( θ, φ) (θ 0,φ 0 ) x P in G θ 0, φ ) ( 0 y Densità di potenza rispetto all angolo solido 4 Dipolo a λ/

13 -esempi 5 Modificando il carico ai terminali dell antenna in sincronia con i dati si ottiene una modulazione del segnale retrodiffuso verso il reader 6 eader P in G - funzionamento Z chip antenna agchip backscatter modulation Switch on: antenna disadattata riflessione Switch off: antenna connessa al carico assorbimento

14 - portata (I) 7 La regione di collegamento tra reader e tag è quella per cui la potenza P ricevuta dall antenna è maggiore della potenza minima P chip di attivazione del chip (sensibilità). S av PinG = 4πr Densità media di potenza che investe il tag 4πr r ag (sensibilità P chip ) eader P in - portata (II) 8 Ipotesi: l antenna ricevente è adatta rispetto a: impedenza del chip polarizzazione dell onda incidente eader (rasmettitore) G ( θ, φ ) densità di potenza che investe l antenna ricevente S av ag G A ( θ, φ ) = 4π ag Pin = 4πd potenza raccolta P = S av G ( θ, φ ) A area efficace del tag ag ( θ, φ ) ag ( θ, φ ) λ P ag Gag d ( θ, φ ) c 1 = PinGGag f 4 r τ π r (formula di Friis) ag (icevitore)

15 - funzionamento 9 La max distanza di lettura fra reader e tag è quella per cui la potenza P ricevuta dall antenna è uguale alla potenza minima P chip di attivazione del chip. S av PinG = 4πr Densità media di potenza che investe il tag 4πr r G G ag P chip Guadagno del eader Guadagno del ag Sensibilità del chip eader P in Portata massima rmax = c 4πf P in G P G chip ag - vincoli energetici: adattamento 30 In realtà non è semplice adattare perfettamente l antenna all impedenza del chip S av Z A Z chip Il massimo trasferimento di potenza incidente al microchip si ha in caso di adattamento coniugato: X A A = chip = X chip Il non perfetto adattamento viene tenuto in conto dal Coefficiente di trasmissione in potenza τ = Z 4 chip chip + Z A A 1

16 - vincoli energetici: adattamento 31 La qualità dell adattamento (coniugato) tra antenna e AG influenza la distanza di lettura r = max c 4πf PinG P chip ( G τ ) Migliorando l antenna è possibile aumentare la distanza di lettura τ - vincoli energetici: sensibilità del chip 3 4 mw 1 mw In cinque anni la sensibilità del chip è scesa di tre ordini di grandezza La ricerca è orientata verso radio-dispositivi a basso consumo P chip 0.7 mw 0.18 mw 0.1 mw May 001 Aug. 00 Dec. 00 ime 84μW Phillips 60μW μW Chip sperimentali.7μw 005

17 - vincoli energetici: potenza del reader W EIP 3. W EIP 0.8 W EIP Massima potenza emessa dal reader: P in G =EIP=3. W=EP=W (raccomandazioni più recenti) (Negli USA almeno 10 volte di più) ESI EN EIP=EP*1.6 - vincoli sanitari 34 La normativa italiana impone le seguenti limitazioni al campo elettrico irradiato da un impianto UHF (reader): 0V/m : Limite di esposizione 6 V/m : Limite di attenzione 6 V/m : Limite di qualità EIP = 0.5W 3.W E 6V / m max = eader P in S av E >6 V/m PinG = 4π d dmin =1. 1m min d min 1 = E η = 0 dmin =. 3m (EIP=0.8 W) EIP η0 π E max (EIP=3. W) Il reader deve trovarsi a non meno di m (1m) da esseri viventi con permanenza per più di 4 ore.

18 - esempio di chip bit =0.8 W EIP =3. W EIP =6.4 W EIP - interazione con l ambiente 36 I tag interagiscono con l oggetto al quale sono applicati, modificando la distanza di lettura. Gli oggetti metallici sono più difficilmente identificabili e sono necessari tag appositamente progettati.

19 -eader 37 -eader 38 emperature logger

20 - prestazioni 39 Elevata distanza di lettura (la potenza richiesta aumenta come 1/r (invece che come 1/r 6 nei sistemi induttivi) Basso costo (ealizzazione monostrato) Bitrate elevato Forte interazione con l oggetto e l ambiente (sensibilità alla variazione dielettrica circostante) soluzioni ad-hoc In Europa sono imposti severi limiti energetici Applicazioni tipiche (I) 40 elepass: il reader alla stazione di pedaggio legge il tag montato sul veicolo entrante e, se lo riconosce abilitato al passaggio, permette al veicolo di uscire dalla stazione Catene di montaggio: i tag applicati sui pezzi in fase di produzione permettono il monitoraggio del loro movimento durante l assemblaggio Controllo accessi: il reader vicino alla porta riconosce il codice ID dei tag portati dai dipendenti, abilitando l apertura della porta Vendita al minuto: gli articoli in vendita sono etichettati con tag contenenti le informazioni del prezzo, che vengono trasferite al reader

21 Applicazioni avanzate (II) 41 eal ime Location (L): Consentono anche di determinare la posizione degli oggetti identificati utilizzando la trasmissione, da parte dei AG, di segnali verso diversi reader situati in posizione fissa, al fine di consentire ad una unità di base di eseguire una accurata triangolazione. - Ausilio ai non vedenti - Localizzazione di auto nei parcheggi Sensori distribuiti: Il tag è parte integrante di un sensore (ambientale, medico) e invia in tempo reale il dato letto ad una rete di raccolta Applicazioni avanzate 4 Biometria wireless: ag posti sul corpo umano (o all interno di esso) per il monitoraggio remoto di grandezze biometriche (temperatura, pressione arteriosa, ECG, concetrazione di glucosio) volume di lettura 5m

22 Conclusioni 43 La tecnologia FID presenta una notevole complessità, negli aspetti di sistema e nelle varie parti componenti. La tecnologia in bassa frequenza (tag induttivi) è ormai matura e copre la maggior parte dell offerta attuale. La tecnologia in alta frequenza (UHF) promette prestazioni e applicazioni molto più avanzate ed è tuttora in fase di evoluzione. Si intravedono ancora ampi margini di miglioramento (sensibilità dei microchip, efficienza delle antenne). I sistemi in alta e bassa frequenza sono da considerasi complementari e non necessariamente alternativi. La sinergia tra sistemi FID e sensori produrrà nei prossimi anni un vasta gamma di nuove applicazioni pervasive 44 Grazie per l attenzione!

Introduzione (2/3) A seconda dei casi, l elemento di accoppiamento è costituito da una spira o da una antenna

Introduzione (2/3) A seconda dei casi, l elemento di accoppiamento è costituito da una spira o da una antenna Introduzione (1/3) Radio Frequency IDentification (RFID) = possibilità di acquisire informazioni su di un oggetto per mezzo della radio-comunicazione ( contactless) fra un Tag ( etichetta ) fisicamente

Dettagli

La tecnologia RFID Fondamenti fisici, limiti tecnologici e prospettive future

La tecnologia RFID Fondamenti fisici, limiti tecnologici e prospettive future La tecnologia RFID Fondamenti fisici, limiti tecnologici e prospettive future Courtesy of Prof. Gaetano Marrocco, Dipartimento di Informatica Sistemi e Produzione Università di Roma Tel. 06-72597418, marrocco@disp.uniroma2.it

Dettagli

Capitolo 1. RFID in generale. 1.1 Introduzione ai sistemi RFID

Capitolo 1. RFID in generale. 1.1 Introduzione ai sistemi RFID Sommario Il lavoro proposto da Iuzzolino Giacomo è una tesi sperimentale per il conseguimento della laurea specialistica al Politecnico di Torino in Ingegneria Elettronica (Nuovo Ordinamento). La tesi

Dettagli

Negozio con RFID. Una soluzione innovativa per l'identificazione dei prodotti. Negozio con RFID. RF:: Radio Frequency ID:: IDentification

Negozio con RFID. Una soluzione innovativa per l'identificazione dei prodotti. Negozio con RFID. RF:: Radio Frequency ID:: IDentification Una soluzione innovativa per l'identificazione dei prodotti RF:: Radio Frequency ID:: IDentification Ha un costo per etichetta che, per volumi molto grandi (ordine del milione di pezzi), può arrivare a

Dettagli

La tecnologia RFID Fondamenti fisici, limiti tecnologici e prospettive future

La tecnologia RFID Fondamenti fisici, limiti tecnologici e prospettive future La tecnologia FID Fondamenti fisici, limiti tecnologici e prospettive future Gaetano Marrocco Dipartimento di Informatica Sistemi e Produzione Università di oma Tel. 06-72597418 marrocco@disp.uniroma2.it

Dettagli

Progettazione di sistemi basati su tecnologie RFID: potenzialità tecnologiche e casi applicativi reali

Progettazione di sistemi basati su tecnologie RFID: potenzialità tecnologiche e casi applicativi reali Progettazione di sistemi basati su tecnologie RFID: potenzialità tecnologiche e casi applicativi reali Prof. Giuliano Manara Dipartimento Ingegneria dell Informazione Università di Pisa Presidente CUBIT

Dettagli

Tecniche di Misura e Strumentazione per l adeguamento alle nuove

Tecniche di Misura e Strumentazione per l adeguamento alle nuove Tecniche di Misura e Strumentazione per l adeguamento alle nuove Normative Alessandro ROGOVICH Dept. of Information Engineering, Pisa University, Pisa, Italy Microwave & Radiation Laboratory alessandro.rogovich@iet.unipi.it

Dettagli

Esposizione ai campi elettromagnetici residui generati da un sistema di ricarica wireless

Esposizione ai campi elettromagnetici residui generati da un sistema di ricarica wireless Esposizione ai campi elettromagnetici residui generati da un sistema di ricarica wireless Rosanna Pinto ENEA CR Casaccia Dipartimento di Sostenibilità dei Sistemi Produttivi e Territoriali Divisione Tecnologie

Dettagli

SISTEMA DI TELETTURA CONTATORI

SISTEMA DI TELETTURA CONTATORI SISTEMA DI TELETTURA CONTATORI PALMARE CONTATORE SERVER CONCENTRATORE SISTEMA I sistemi di telelettura sono di 2 tipi : - Centralizzato Consiste nella raccolta dei dati in un database centrale grazie alla

Dettagli

xfid an open RF Library identification system

xfid an open RF Library identification system FrancoRicci Maggio2010 franco.ricci@phys.uniroma1.it xfid an open RF Library identification system IlDipartimentodiFisica,insiemealCASPURhaavviatopiùdidueannifalosviluppodiunsistemadiauto prestito per

Dettagli

Infrastrutture Elettroniche per l Habitat a.a. 2005-2006

Infrastrutture Elettroniche per l Habitat a.a. 2005-2006 Infrastrutture Elettroniche per l Habitat a.a. 2005-2006 Giuseppe Iannaccone Dipartimento di Ingegneria dell Informazione, Via Caruso 16, Pisa email: g.iannaccone@iet.unipi.it tel: 050-2217677 home page:

Dettagli

Antenne per i telefoni cellulari

Antenne per i telefoni cellulari Antenne per i telefoni cellulari annamaria.cucinotta@unipr.it http://www.tlc.unipr.it/cucinotta 1 Requisiti terminali mobili I principali vincoli da tenere in conto nella progettazione di un antenna per

Dettagli

Min Tipico Max Unità Note Tensione di alimentazione

Min Tipico Max Unità Note Tensione di alimentazione --------------- RX-AUDIO-2.4 Caratteristiche Nessuna compressione per alta qualità del suono, latenza di 0.5 ms. Audio digitale con frequenza di campionamento a 44.1 KHz e 16-bit di risoluzione. Demodulazione

Dettagli

Campi Elettromagnetici in Alta Frequenza. Sorgenti, Misure, Effetti, Normativa

Campi Elettromagnetici in Alta Frequenza. Sorgenti, Misure, Effetti, Normativa Campi Elettromagnetici in Alta Frequenza Sorgenti, Misure, Effetti, Normativa Campi elettromagnetici ad alta frequenza I campi elettromagnetici non ionizzanti (sorgenti NIR) hanno una banda compresa tra

Dettagli

Induzione magnetica. Corrente indotta. Corrente indotta. Esempio. Definizione di flusso magnetico INDUZIONE MAGNETICA E ONDE ELETTROMAGNETICHE

Induzione magnetica. Corrente indotta. Corrente indotta. Esempio. Definizione di flusso magnetico INDUZIONE MAGNETICA E ONDE ELETTROMAGNETICHE Induzione magnetica INDUZIONE MAGNETICA E ONDE ELETTROMAGNETICHE Che cos è l induzione magnetica? Si parla di induzione magnetica quando si misura una intensità di corrente diversa da zero che attraversa

Dettagli

Valutazione delle esposizioni. Valutazione delle esposizioni

Valutazione delle esposizioni. Valutazione delle esposizioni Convegno Nazionale Salute e campi elettromagnetici: dalla ricerca alla protezione I sessione Il quadro delle conoscenze: aspetti fisici Valutazione delle esposizioni Valutazione delle esposizioni Ing.

Dettagli

RFID e sensori wireless

RFID e sensori wireless UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SIENA Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Tecnologie per la tracciabilità: RFID e sensori wireless Giuliano Benelli Tracciabilità e nuove tecnologie Identificazione e

Dettagli

Opportunità, Controllo e Performance

Opportunità, Controllo e Performance RFID: LA TECNOLOGIA Opportunità, Controllo e Performance info@mizar-consulting.com 01/26 RFID: La Tecnologia Un sistema di identificazione automatica a radiofrequenza (RFID = Radio Frequency Identification)

Dettagli

L esperienza di Hertz sulle onde elettromagnetiche

L esperienza di Hertz sulle onde elettromagnetiche L esperienza di Hertz sulle onde elettromagnetiche INTRODUZIONE Heinrich Hertz (1857-1894) nel 1886 riuscì per la prima volta a produrre e a rivelare le onde elettromagnetiche di cui Maxwell aveva previsto

Dettagli

Una nuova soluzione per una semplice ed automatica Gestione di Pratiche

Una nuova soluzione per una semplice ed automatica Gestione di Pratiche & l i li Una nuova soluzione per una semplice ed automatica Gestione di Pratiche Il piccolo grande terminale Possibili utilizzi : Gestione pratiche Tracciatura di documenti fiscali Gestione manutenzione

Dettagli

TRASMETTITORE TX-FM-MID/EN

TRASMETTITORE TX-FM-MID/EN TRASMETTITORE TX-FM-MID/EN Il TX-FM-MID/EN è un modulo trasmettitore di dati digitali con modulazione FSK. PIN-OUT 10 1 CONNESSIONI Pin 1 TX Dati Ingresso dati con resistenza di ingresso di 50 kω minimi.

Dettagli

UTILIZZO DI RFID IN AMBITO DOMESTICO: RILEVAMENTO E IDENTIFICAZIONE DEI PRODOTTI

UTILIZZO DI RFID IN AMBITO DOMESTICO: RILEVAMENTO E IDENTIFICAZIONE DEI PRODOTTI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Scienze dell Informazione UTILIZZO DI RFID IN AMBITO DOMESTICO: RILEVAMENTO E IDENTIFICAZIONE DEI

Dettagli

Nexsoft. Business Solutions. Tracciabilità dei cicli di lavoro

Nexsoft. Business Solutions. Tracciabilità dei cicli di lavoro Nexsoft Business Solutions Tracciabilità dei cicli di lavoro Tracciabilità e Rintracciabilità La Tracciabilità è la capacità di risalire alla storia e all uso o alla localizzazione di una entità mediante

Dettagli

(a) Segnale analogico (b) Segnale digitale (c) Segnale digitale binario

(a) Segnale analogico (b) Segnale digitale (c) Segnale digitale binario A.s. 2010-2011 2011 Segnali analogici e digitali (a) Segnale analogico (b) Segnale digitale (c) Segnale digitale binario Un segnale si definisce analogico se può assumere tutti gli infiniti valori nel

Dettagli

SINER ACCESS. Sistema per il controllo degli accessi

SINER ACCESS. Sistema per il controllo degli accessi SINER ACCESS Sistema per il controllo degli accessi INTRODUZIONE Sia in ambito civile che industriale, è da anni costantemente più avvertita l esigenza di sviluppare forme evolute di controllo di determinate

Dettagli

Studio e monitoraggio del quadro fessurativo e del

Studio e monitoraggio del quadro fessurativo e del Studio e monitoraggio del quadro fessurativo e del comportamento sismico i del lduomo di Orvieto Monitoraggio da remoto di fessure per mezzo di vetrini RFID Alessandro Zambotti, Paolo D Atanasio Laboratorio

Dettagli

Le Antenne Verticali

Le Antenne Verticali Le Antenne Verticali principi e funzionamento illustrati da Gioacchino IW9DQW Generalità. S intende per antenna un organo atto ad irradiare nello spazio energia elettromagnetica, quando venga percorso

Dettagli

Contatto magnetico wireless

Contatto magnetico wireless Contatto magnetico wireless Il contatto magnetico wireless MAG HCS e MAG M5026 è un sensore in grado rivelare l apertura o chiusura di porte o finestre e trasmettere via radio la segnalazione d allarme.

Dettagli

T3 CIRCUITI RISONANTI E AMPLIFICATORI SELETTIVI

T3 CIRCUITI RISONANTI E AMPLIFICATORI SELETTIVI T3 CICUITI ISONANTI E AMPLIFICATOI SELETTIVI T3. Il fattore di merito di una bobina è misurato in: [a] henry. [b] ohm... [c] è adimensionale.. T3. Il fattore di perdita di un condensatore è misurato in:

Dettagli

MISURA DEI LIVELLI DI CAMPI ELETTROMAGNETICI PRODOTTI DA SISTEMI Wi-Fi

MISURA DEI LIVELLI DI CAMPI ELETTROMAGNETICI PRODOTTI DA SISTEMI Wi-Fi MISURA DEI LIVELLI DI CAMPI ELETTROMAGNETICI PRODOTTI DA SISTEMI Wi-Fi PRESSO L ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI MINERBIO CAVOUR Dott.ssa Cristina Volta Dott. Daniele Bontempelli P.i. Simone Colantonio

Dettagli

Oltre a questo propone infrastrutture per magazzini, hardware, materiale informatico, materiali di consumo e l'assistenza postvendita.

Oltre a questo propone infrastrutture per magazzini, hardware, materiale informatico, materiali di consumo e l'assistenza postvendita. La CIERREMME I.T. opera in ambito logistico ed organizzativo, proponendo soluzioni per l'identificazione automatica dei prodotti, mediante la fornitura di: - etichette, - etichette RFID - stampanti per

Dettagli

Introduzione alle reti LE RETI INFORMATICHE. A cosa serve una rete. Perché... TECNOLOGIE E PRINCIPI DI COSTRUZIONE

Introduzione alle reti LE RETI INFORMATICHE. A cosa serve una rete. Perché... TECNOLOGIE E PRINCIPI DI COSTRUZIONE TECNOLOGIE E PRINCIPI DI COSTRUZIONE Introduzione alle reti 1 2 Perché... All inizio degli anni 80 sono nati i PC, in contrapposizione ai grossi sistemi presenti allora nelle aziende che collegavano terminali

Dettagli

Banco a microonde Introduzione

Banco a microonde Introduzione Banco a microonde Introduzione Il sistema e costituito (vedi figura 1) da una sorgente direzionale di onde elettromagnetiche polarizzate di frequenza di 9.5 GHz ( = 3.16 cm) e da un rivelatore direzionale

Dettagli

Campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici

Campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici Campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici Anna Maria Vandelli Dipartimento di Sanità Pubblica AUSL Modena SPSAL Sassuolo Campo Elettrico: si definisce campo elettrico il fenomeno fisico che conferisce

Dettagli

Campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici. Anna Maria Vandelli Dipartimento di Sanità Pubblica AUSL Modena SPSAL Sassuolo

Campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici. Anna Maria Vandelli Dipartimento di Sanità Pubblica AUSL Modena SPSAL Sassuolo Campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici Anna Maria Vandelli Dipartimento di Sanità Pubblica AUSL Modena SPSAL Sassuolo Campo Elettrico: si definisce campo elettrico il fenomeno fisico che conferisce

Dettagli

DT9. SENSORE DOPPIA TECNOLOGIA a TENDA da ESTERNO. Manuale di installazione ed uso. Versione 3.1

DT9. SENSORE DOPPIA TECNOLOGIA a TENDA da ESTERNO. Manuale di installazione ed uso. Versione 3.1 DT9 SENSORE DOPPIA TECNOLOGIA a TENDA da ESTERNO Manuale di installazione ed uso Versione 3.1 [SMD] [Serie 100] [48bit] [SPV] [AN] [Revisione HW: 3] Questo apparecchio elettronico è conforme ai requisiti

Dettagli

NOVITÀ SYSTEM RF ANTIFURTO RADIO MAGGIO ITALIANO

NOVITÀ SYSTEM RF ANTIFURTO RADIO MAGGIO ITALIANO NOVITÀ SYSTEM RF ANTIFURTO RADIO ITALIANO MAGGIO 2003 SICUREZZA SENZA FILI I DISPOSITIVI DI GESTIONE E CONTROLLO LE CENTRALI Il cuore del sistema è la centrale disponibile in due differenti modelli a 16

Dettagli

Capitolo 15 Reti di calcolatori e sistemi distribuiti

Capitolo 15 Reti di calcolatori e sistemi distribuiti Capitolo 15 Reti di calcolatori e sistemi distribuiti Indice Mezzi e tecniche di trasmissione dati Cavi in rame Fibre ottiche Onde radio e sistemi wireless Modulazione e demodulazione Reti di calcolatori

Dettagli

P5 CONVERSIONE DI FREQUENZA. RICEVITORI SUPERETERODINA. PLL.

P5 CONVERSIONE DI FREQUENZA. RICEVITORI SUPERETERODINA. PLL. P5 CONVERSIONE DI REQUENZA. RICEVITORI SUPERETERODINA. P. P5. Un segnale modulato in ampiezza con portante e banda di modulazione B=9 khz centrata su, deve essere convertito in frequenza su una portante

Dettagli

I PRINCIPI DEL RISCALDAMENTO A MICROONDE

I PRINCIPI DEL RISCALDAMENTO A MICROONDE I PRINCIPI DEL RISCALDAMENTO A MICROONDE Prof. Paolo ARCIONI Dipartimento di Elettronica Università di Pavia UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA DEI MATERIALI E

Dettagli

Sensore a tenda da esterno e interno

Sensore a tenda da esterno e interno Sensore a tenda da esterno e interno ONE rappresenta la nuova gamma di sensori da esterno dedicata ad installazioni civili di piccola, media e grande dimensione. L esperienza decennale di AVS, nell ambito

Dettagli

SISTEMA INTEGRATO ZONESCAN 820

SISTEMA INTEGRATO ZONESCAN 820 SISTEMA INTEGRATO ZONESCAN 820 RADIO LOGGERS CORRELANTI PER LA LOCALIZZAZIONE DI PERDITE Il sistema Zone Scan 820 è dotato di particolari sensori elettronici a base magnetica che posati in punti accessibili

Dettagli

PLC Programmable Logic Controller

PLC Programmable Logic Controller PLC Programmable Logic Controller Sistema elettronico, a funzionamento digitale, destinato all uso in ambito industriale, che utilizza una memoria programmabile per l archiviazione di istruzioni orientate

Dettagli

APPUNTI DI ELETTROMAGNETISMO E RADIOTECNICA. Coordinatore del Progetto prof. Vito Potente Stesura a cura del docente ing.

APPUNTI DI ELETTROMAGNETISMO E RADIOTECNICA. Coordinatore del Progetto prof. Vito Potente Stesura a cura del docente ing. APPUNTI DI ELETTROMAGNETISMO E RADIOTECNICA Coordinatore del Progetto prof. Vito Potente Stesura a cura del docente ing. Marcello Surace 1 Si richiamano le definizioni delle leggi fondamentali, invitando

Dettagli

Indice. Prefazione all edizione italiana Prefazione all edizione americana. Capitolo 1 Introduzione: onde e fasori 1

Indice. Prefazione all edizione italiana Prefazione all edizione americana. Capitolo 1 Introduzione: onde e fasori 1 Indice Prefazione all edizione italiana Prefazione all edizione americana VII IX Capitolo 1 Introduzione: onde e fasori 1 Generalità 1 1.1 Dimensioni, unità di misura e notazione 2 1.2 La natura dell elettromagnetismo

Dettagli

APPLICAZIONI DELLA TECNOLOGIA RFID IN AMBITO SANITARIO

APPLICAZIONI DELLA TECNOLOGIA RFID IN AMBITO SANITARIO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA "TOR VERGATA" FACOLTÀ DI INGEGNERIA DOTTORATO DI RICERCA IN INGEGNERIA DELL'ENERGIA - AMBIENTE XX CICLO APPLICAZIONI DELLA TECNOLOGIA RFID IN AMBITO SANITARIO ING. LUCA ARMISI

Dettagli

Dimensioni. Codifica d'ordine 123. Allacciamento elettrico. Caratteristiche. Indicatori/Elementi di comando. Certificazione RMS-G-RC.

Dimensioni. Codifica d'ordine 123. Allacciamento elettrico. Caratteristiche. Indicatori/Elementi di comando. Certificazione RMS-G-RC. Dimensioni ø.7 9.5 6.5 8.5 ø.7 65 57 Finestra per la spia LED Codifica d'ordine Sensore radar Caratteristiche Dispositivo di apertura per cancelli industriali con la possibilità di differenziare tra persone

Dettagli

LA SICUREZZA DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE

LA SICUREZZA DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE LA SICUREZZA DELLE APPARECCHIATURE ELETTRICHE Torino 21-23 marzo 2006 ABAG SRL http:// www.abag.it 1 CONSIDERAZIONI GENERALI E DEFINIZIONI cos'è la marcatura ce chi ne va soggetto e quali direttive occorre

Dettagli

sommario l approccio nebri-tech l innovazione

sommario l approccio nebri-tech l innovazione RFID SYSTEMS sommario 4 OUR company 6 8 l approccio nebri-tech 10 12 14 RFID: cos è LA TRACCIABiLITà L ANTICONTRAFFAZIONE SETTORI DI APPLICAZIONE 16 PRODOTTI e servizi 18 l innovazione 4 5 OUR COMPANY

Dettagli

6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua

6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua 6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua L insieme di equazioni riportato di seguito, costituisce un modello matematico per il motore in corrente continua (CC) che può essere rappresentato

Dettagli

RELAZIONE DI TIROCINIO

RELAZIONE DI TIROCINIO RELAZIONE DI TIROCINIO Modellistica di antenne a microstriscia DI Risso Stefano matr.2719995 Tutor accademico: Chiar.mo Prof. Gian Luigi Gragnani Svolto presso il Laboratorio di Elettromagnetismo Applicato

Dettagli

Paolo Talone, Giuseppe Russo Fondazione Ugo Bordoni

Paolo Talone, Giuseppe Russo Fondazione Ugo Bordoni RFID Fondamenti di una tecnologia silenziosamente pervasiva PARTE III ACCOPPIAMENTO, ENERGIA E ANTENNE NEI TAG PASSIVI Paolo Talone, Giuseppe Russo Fondazione Ugo Bordoni Gaetano Marrocco, Emidio Di Giampaolo

Dettagli

WAVECOMM S.r.l. Partner tecnologico per l'innovazione. Profilo. Mission

WAVECOMM S.r.l. Partner tecnologico per l'innovazione. Profilo. Mission WAVECOMM S.r.l. Partner tecnologico per l'innovazione Profilo Wavecomm S.r.l. è una azienda specializzata nella progettazione e realizzazione di sistemi elettronici avanzati, focalizzata nei settori dell'elettronica

Dettagli

La valutazione dei rischi da campi elettromagnetici in ambiente lavorativo

La valutazione dei rischi da campi elettromagnetici in ambiente lavorativo La valutazione dei rischi da campi elettromagnetici in ambiente lavorativo Generalità sui campi elettromagnetici (CEM) Campi elettromagnetici naturali Campo elettrico Campo magnetico Campi elettromagnetici

Dettagli

materiali chirurgici con tecniche RFId

materiali chirurgici con tecniche RFId UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA FACOLTÀ DI INGEGNERIA FACOLTÀ DI MEDICINA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA DOTTORATO DELL AUTOMAZIONE DI RICERCA IN ROBOTICA

Dettagli

Rfid. Rfid: Radio Frequency Identification, è una tecnologia per l identificazione automatica di oggetti, ma anche di animali e persone.

Rfid. Rfid: Radio Frequency Identification, è una tecnologia per l identificazione automatica di oggetti, ma anche di animali e persone. Soluzioni RFID Rfid Rfid: Radio Frequency Identification, è una tecnologia per l identificazione automatica di oggetti, ma anche di animali e persone. Reader Antenna Calcolatore Transponder Transponder

Dettagli

Armadi per la gestione delle chiavi

Armadi per la gestione delle chiavi Key Manager Armadi per la gestione delle chiavi Marzo 2009 Key Manager Key Manager consiste in una linea di sistemi di gestione chiavi intelligenti e integrabili in impianti di controllo accessi, anti-intrusione,

Dettagli

WD04T TESTER Radio Manuale di installazione

WD04T TESTER Radio Manuale di installazione Weolo Key WD04T TESTER Radio 1 Descrizione Il data logger WD04T è una sonda per la misura di temperatura per interno, con funzionalità di display e di misura del segnale radio per la ricerca della posizione

Dettagli

TX Figura 1: collegamento tra due antenne nello spazio libero.

TX Figura 1: collegamento tra due antenne nello spazio libero. Collegamenti Supponiamo di avere due antenne, una trasmittente X e una ricevente X e consideriamo il collegamento tra queste due antenne distanti X X Figura : collegamento tra due antenne nello spazio

Dettagli

Misure accurate di campi elettromagnetici da sorgenti con modulazioni digitali

Misure accurate di campi elettromagnetici da sorgenti con modulazioni digitali EP333 sonda di campo elettrico Misure accurate di campi elettromagnetici da sorgenti con modulazioni digitali Risposta ottimale nella misura dei campi con modulazione di tipo OFDM e pulsati in genere Errore

Dettagli

Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore

Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore RETE DI MONITORAGGIO DEI LIVELLI DI INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO DEL COMUNE DI JESI RAPPORTO ANNO 2009 Servizio Radiazioni/Rumore Dipartimento

Dettagli

ZTP WEB SERVER FUNZIONE - REMOTE CAN CAN CONSOLE -

ZTP WEB SERVER FUNZIONE - REMOTE CAN CAN CONSOLE - ZTP WEB SERVER DATA LOGGER CAN BUS GSM or Wi-Fi NET DATA LOGGER ZTP with MODEM GSM Display AC Pump Il DATA LOGGER CAN BUS è il nuovo dispositivo, realizzato da ZTP, per il monitoraggio delle Or WI.FI integrato

Dettagli

Monitoraggio Impianti Fotovoltaici

Monitoraggio Impianti Fotovoltaici Monitoraggio Impianti Fotovoltaici Descrizione del sistema Sistema innovativo per diagnostica e monitoraggio degli impianti fotovoltaici a livello stringa. Due o più schede di misura per stringa: una sul

Dettagli

Elettromobilità WITTENSTEIN La pole position degli azionamenti elettrici. efficiente compatto sicuro

Elettromobilità WITTENSTEIN La pole position degli azionamenti elettrici. efficiente compatto sicuro WITTENSTEIN La pole position degli azionamenti elettrici efficiente compatto sicuro 101 Azionamenti perfettamente integrati da un unico partner L elettromobilità va ben oltre il semplice funzionamento

Dettagli

Istituto Tecnico dei Trasporti e Logistica Nautico San Giorgio Genova A/S 2012/2013 Programma Didattico Svolto Elettrotecnica ed Elettronica

Istituto Tecnico dei Trasporti e Logistica Nautico San Giorgio Genova A/S 2012/2013 Programma Didattico Svolto Elettrotecnica ed Elettronica Docenti: Coppola Filippo Sergio Sacco Giuseppe Istituto Tecnico dei Trasporti e Logistica Nautico San Giorgio Genova A/S 2012/2013 Programma Didattico Svolto Classe 3A2 Elettrotecnica ed Elettronica Modulo

Dettagli

Sistemi a larga banda (Broadband)

Sistemi a larga banda (Broadband) 61 Sistemi a larga banda (Broadband) Le applicazioni informatiche e i servizi multimediali (musica, film, manifestazioni sportive) offerti sulla grande rete Internet e attraverso la televisione digitale

Dettagli

Transponder RFID. Contactless Identification

Transponder RFID. Contactless Identification Contactless Identification RFID Transponder Tag Technology srl Via Don Locatelli 51-20040 Roncello - MI - Italy tel. +39 039 6957454 - fax +39 039 6820475 e-mail: info@tagtechnology.it - www.tagtechnology.it

Dettagli

Relazione Tecnica. INDAGINI INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO (Wi-Fi) presso SEDE ISPRA di via Vitaliano Brancati 48

Relazione Tecnica. INDAGINI INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO (Wi-Fi) presso SEDE ISPRA di via Vitaliano Brancati 48 Relazione Tecnica INDAGINI INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO (Wi-Fi) presso SEDE ISPRA di via Vitaliano Brancati 48 ISPRA - Roma, 18 maggio 2010 SOMMARIO: : 1 PREMESSA 3 2 SITO OGGETTO DI INDAGINI 3 3 NORMATIVA

Dettagli

LE RADIOTRASMISSIONI COSA SONO? COME AVVENGONO? A COSA SERVONO? PERCHE? I MEZZI IN DOTAZIONE

LE RADIOTRASMISSIONI COSA SONO? COME AVVENGONO? A COSA SERVONO? PERCHE? I MEZZI IN DOTAZIONE LE RADIOTRASMISSIONI COSA SONO? COME AVVENGONO? A COSA SERVONO? PERCHE? I MEZZI IN DOTAZIONE 1 COSA SONO? Le radiocomunicazioni, sono comunicazioni effettuate utilizzando onde radio, cioè onde elettromagnetiche

Dettagli

Trasformatore di corrente (TA)

Trasformatore di corrente (TA) Sensori di corrente Il modo più semplice di eseguire la misura di corrente è il metodo volt-amperometrico, in cui si misura la caduta di tensione su di una resistenza di misura percorsa dalla corrente

Dettagli

Laser Fabry-Perot Distributed Feedback Laser. Sorgenti ottiche. F. Poli. 22 aprile 2008. F. Poli Sorgenti ottiche

Laser Fabry-Perot Distributed Feedback Laser. Sorgenti ottiche. F. Poli. 22 aprile 2008. F. Poli Sorgenti ottiche Sorgenti ottiche F. Poli 22 aprile 2008 Outline Laser Fabry-Perot 1 Laser Fabry-Perot 2 Laser Fabry-Perot Proprietà: sorgente maggiormente utilizzata per i sistemi di telecomunicazione in fibra ottica:

Dettagli

L unico rivelatore di movimento da esterno per impianti di alta sicurezza...

L unico rivelatore di movimento da esterno per impianti di alta sicurezza... L unico rivelatore di movimento da esterno per impianti di alta sicurezza... PIRAMID SERIE XL Passive InfraRed And Microwave Intruder Detector L unico rivelatore di movimento progettato e realizzato per

Dettagli

SinerAccess. Sistema integrato per controllo accessi e videosorveglianza. Sviluppo Innovazione Ricerca

SinerAccess. Sistema integrato per controllo accessi e videosorveglianza. Sviluppo Innovazione Ricerca SinerAccess Sistema integrato per controllo accessi e videosorveglianza Sviluppo Innovazione Ricerca Tecnologie RFiD RFId (acronimo di Radio Frequency Identification) è una tecnologia per la identificazione

Dettagli

CORSO OPERATORI RADIO IN EMERGENZA

CORSO OPERATORI RADIO IN EMERGENZA ARI Associazione Radioamatori italiani Sezione di Belluno CORSO OPERATORI RADIO IN EMERGENZA - 1 - Presentazione Scopo del corso Le comunicazioni radio L informazione nella gestione delle emergenze La

Dettagli

Radio Frequency Identification Risorsa per il Manufacturing e la Logistica

Radio Frequency Identification Risorsa per il Manufacturing e la Logistica Tecnologia RFID struttura, potenzialità, benefits e trend del mercato visti da un player centrale. La gestione del processo di produzione e della logistica tramite tecnologia RFID nel mercato della pietra

Dettagli

SISTEMA DI MONITORAGGIO PERMANENTE DELLE EMISSIONI RADIOELETTRICHE SI/3000

SISTEMA DI MONITORAGGIO PERMANENTE DELLE EMISSIONI RADIOELETTRICHE SI/3000 SISTEMA DI MONITORAGGIO PERMANENTE DELLE EMISSIONI RADIOELETTRICHE SI/3000 1. INTRODUZIONE La grande proliferazione delle potenziali sorgenti di inquinamento elettromagnetico (stazioni radio-televisive,

Dettagli

Sistema di telegestione per impianti fotovoltaici. L. MIRAGLIOTTA C. LEONE Giuseppe PITTARI CSN APPLICATION NOTE:

Sistema di telegestione per impianti fotovoltaici. L. MIRAGLIOTTA C. LEONE Giuseppe PITTARI CSN APPLICATION NOTE: per impianti fotovoltaici APPLICATION NOTE: SISTEMA DI TELEGESTIONE PER IMPIANTI FOTOVOLTAICI 200907ANN01 @ MMIX, INGECO WWW.COM2000.IT Pagina 1 di 8 Sommario Introduzione...3 I vantaggi del sistema di

Dettagli

Impianti di carica per i veicoli elettrici (Seconda parte) Sistemi di carica

Impianti di carica per i veicoli elettrici (Seconda parte) Sistemi di carica Impianti di carica per i veicoli elettrici (Seconda parte) Sistemi di carica Il sistema di carica dei veicoli elettrici è attualmente oggetto di acceso dibattito internazionale per la definizione o meglio

Dettagli

1- DESCRIZIONE GENERALE

1- DESCRIZIONE GENERALE PPR REELLEEV VA AC CA AM MPPIIO ON NII A AU UTTO OM MA ATTIIC CO O -- H HEER RO ON N 33000000 1- DESCRIZIONE GENERALE Il sistema di campionatura automatico del seme proposto dalla società francese TPLG

Dettagli

Specifiche. commerciali. kronotech ERMINALE COLONNINA PER CONTROLLO VARCHI. Settembre 2003

Specifiche. commerciali. kronotech ERMINALE COLONNINA PER CONTROLLO VARCHI. Settembre 2003 Specifiche commerciali TERMINALE COLONNINA PER CONTROLLO VARCHI ERMINALE COLONNINA PER CONTROLLO VARCHI Settembre 2003 kronotech Il terminale Colonnina é stato sviluppato per Controllo Accessi. Viene costruito

Dettagli

Sistema di monitoraggio senza fili per impianti fotovoltaici

Sistema di monitoraggio senza fili per impianti fotovoltaici Sistema di monitoraggio senza fili per impianti fotovoltaici Interfaccia ottica Sensore di irraggiamento solare e di temperatura del pannello fotovoltaico L unico sistema senza fili per un monitoraggio

Dettagli

Antenna di ricezione WTT16... WTX16... Siemens Building Technologies HVAC Products. Siemeca

Antenna di ricezione WTT16... WTX16... Siemens Building Technologies HVAC Products. Siemeca 2 874 Siemeca Antenna di ricezione WTT16... WTX16... L antenna di ricezione riceve e memorizza via radio i dati di consumo provenienti dai componenti del sistema Siemeca AM. L antenna è alimentata a batteria

Dettagli

Belt Tension System SKF. Il metodo SKF per supportare la trasmissione Facile Veloce Ripetibile

Belt Tension System SKF. Il metodo SKF per supportare la trasmissione Facile Veloce Ripetibile Belt Tension System SKF Il metodo SKF per supportare la trasmissione Facile Veloce Ripetibile Belt Tension System SKF Una soluzione innovativa per trasmissioni a cinghia È risaputo che le cinghie debbono

Dettagli

XR9DT. SENSORE DOPPIA TECNOLOGIA a TENDA da ESTERNO VIA RADIO. Manuale di installazione ed uso. Versione 2.1. [Revisione HW: 3]

XR9DT. SENSORE DOPPIA TECNOLOGIA a TENDA da ESTERNO VIA RADIO. Manuale di installazione ed uso. Versione 2.1. [Revisione HW: 3] XR9DT SENSORE DOPPIA TECNOLOGIA a TENDA da ESTERNO VIA RADIO Manuale di installazione ed uso Versione 2.1 [Revisione HW: 3] Questo apparecchio elettronico è conforme ai requisiti delle direttive R&TTE

Dettagli

EFETTO DEL SUOLO di Giovanni G. Turco, ik0ziz

EFETTO DEL SUOLO di Giovanni G. Turco, ik0ziz EFETTO DEL SUOLO di Giovanni G. Turco, ik0ziz Le caratteristiche d irradiazione di un antenna possono essere modificate, oltre che da eventi estranei, anche dal suolo sottostante. Infatti, quando l antenna

Dettagli

INVITO CONVEGNO. 21 marzo 2007 ore 18.00 19.30 c/o Centro Servizi Marmo

INVITO CONVEGNO. 21 marzo 2007 ore 18.00 19.30 c/o Centro Servizi Marmo Volargne, 9 marzo 2007 Centro Servizi Marmo ALLE AZIENDE DEL DISTRETTO DEL MARMO INVITO CONVEGNO 21 marzo 2007 ore 18.00 19.30 c/o Centro Servizi Marmo Con la presente mi pregio invitare la Signoria Vostra

Dettagli

Sistema radio portatile MFW

Sistema radio portatile MFW Sicurezza per oggi e domani 06100009IT3 Sistema radio portatile MFW Sistema radio portatile MFW - la nuova generazione di ATWS via radio Il sistema radio portatile MFW nasce come ulteriore sviluppo del

Dettagli

LIUC - Castellanza Maggio 2005. Sensori di Spostamento

LIUC - Castellanza Maggio 2005. Sensori di Spostamento Esempi: Sensori di Spostamento Potenziometri Resistivi Resistore a tre terminali con contatto intermedio (cursore) che fa capo a un tastatore mobile o a un filo avvolto a molla Uscita proporzionale allo

Dettagli

Integrated Comfort SyStemS

Integrated Comfort SyStemS Integrated Comfort Systems EST (Energy Saving Technology) è una tecnologia applicata ai ventilconvettori e cassette EURAPO che consente di ottenere assorbimenti elettrici estremamente contenuti e una modulazione

Dettagli

Sistemi di Energy Harvesting e telealimentazione da radiazione elettromagnetica a RF per wireless sensor network

Sistemi di Energy Harvesting e telealimentazione da radiazione elettromagnetica a RF per wireless sensor network Sistemi di Energy Harvesting e telealimentazione da radiazione elettromagnetica a RF per wireless sensor network Alessandro Bertacchini alessandro.bertacchini@unimore.it Sommario Concetti base sull Energy

Dettagli

Como 3 aprile 2004 Gara nazionale qualificati Operatore elettronico per le telecomunicazioni 1. Seconda Prova

Como 3 aprile 2004 Gara nazionale qualificati Operatore elettronico per le telecomunicazioni 1. Seconda Prova Como 3 aprile 2004 Gara nazionale qualificati Operatore elettronico per le telecomunicazioni Si consiglia di leggere attentamente il testo proposto prima di segnare la risposta. Seconda Prova La prova

Dettagli

Descrizione del prodotto

Descrizione del prodotto IP video via air IP video via air Descrizione del prodotto CAMIBOX è un sistema professionale con soluzione modulare per il trasferimento wireless di immagini all interno di una banda senza licenza, progettato

Dettagli

Criteri di progettazione elettrica di impianti gridconnected

Criteri di progettazione elettrica di impianti gridconnected Criteri di progettazione elettrica di impianti gridconnected Per quanto attiene gli impianti connessi alla rete elettrica, vengono qui presentati i criteri di progettazione elettrica dei principali componenti,

Dettagli

Radiometro integrato al silicio per la prevenzione di incendi boschivi

Radiometro integrato al silicio per la prevenzione di incendi boschivi Radiometro integrato al silicio per la prevenzione di incendi boschivi A. Fonte, B. Neri Radio-Frequency & Microwave Integrated Circuits Laboratory Università di Pisa Sommario Introduzione alla radiometria

Dettagli

mobile working application

mobile working application tracciabilità, monitoraggio, certificazione e rendicontazione delle attività di vigilanza mobile working application 1 Vigilanza WEB dispositivo mobile L OTTO GSM per la rilevazione automatica dei dati

Dettagli

SENSORI E TRASDUTTORI

SENSORI E TRASDUTTORI SENSORI E TRASDUTTORI Il controllo di processo moderno utilizza tecnologie sempre più sofisticate, per minimizzare i costi e contenere le dimensioni dei dispositivi utilizzati. Qualsiasi controllo di processo

Dettagli

Titolo. Title. Sommario

Titolo. Title. Sommario Norma Italiana Data Pubblicazione Titolo Title Sommario Norma italiana Classificazione Edizione Nazionali Europei Internazionali Legislativi Legenda (IDT) - La Norma in oggetto è identica alle Norme indicate

Dettagli

Costanzo Fabrizio. Facoltà di Ingegneria. La tecnologia RFID : Aspetti di sicurezza. Corso di Laurea in Ingegneria delle Telecomunicazioni

Costanzo Fabrizio. Facoltà di Ingegneria. La tecnologia RFID : Aspetti di sicurezza. Corso di Laurea in Ingegneria delle Telecomunicazioni Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria delle Telecomunicazioni Tesi di Laurea di Primo Livello La tecnologia RFID : Aspetti di sicurezza Laureando: Costanzo Fabrizio Matricola : 801491 Relatore

Dettagli

GW 90 762: ATTUATORE ANALOGICO

GW 90 762: ATTUATORE ANALOGICO FUNZIONE MONTAGGIO L Attuatore Analogico a due canali serve a estendere la gamma di applicazione dell EIB tramite l elaborazione di grandezze analogiche. Per controllare variabili differenti (es. servomotore)

Dettagli