Tor Vergata Fondamenti fisici, limiti tecnologici e prospettive future

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tor Vergata Fondamenti fisici, limiti tecnologici e prospettive future"

Transcript

1 La tecnologia FID Fondamenti fisici, limiti tecnologici e prospettive future Gaetano Marrocco Dipartimento di Informatica Sistemi e Produzione Università di oma el Sommario Prospettiva storica Classificazioni dei sistemi FID Componenti tecnologici dei sistemi FID Prestazioni e limiti energetici Applicazioni

2 Dall etichetta all identificazione a microonde 3 Etichetta stampata Barcode Accessibilità diretta all informazione adio Frequency Identification FId Lettura dati tramite onde radio Indirizzamento indiretto dell informazione Codice binario Lettura ottica con scanner laser Distanza di lettura: pochi cm Magnetic & Smart Cards Immagazzinamento ed elaborazione elettronica di dati Lettura tramite contatto galvanico o induzione magnetica Energia fornita dall esterno Barcode vs. FID 4

3 FID imeline Sistemi di interrogazione IFF (Identification Friend or Foe) a bordo di aerei britannici H. Stockman, primo documento che descrive un sistema FID Sistemi EAS (Electronic Article Surveillance) ad 1 bit nelle attività commerciali Identificazione a bassa frequenza di animali 1980 Primi sistemi di lettura / scrittura con microprocessori e batterie 1990 Sistemi moderni con memorie EEPOM senza batteria 1990 oll system (pagamento pedaggio autostradale) Immobilizer per autoveicoli 000 Inchiostri conduttivi, microchip a basso consumo Sistemi UltraWideBand (UWB) Componenti di un sistema FID 6 Un transponder è un ricetrasmettitore che invia un segnale radio in risposta ad un comando ricevuto da una stazione remota energy clock data ag Micro chip application eader eader: dispositivo di lettura con modulo di elaborazione dati e antenna per la generazione del campo elettromagnetico interrogante il tag antenna ag: dispositivo posto sull oggetto da identificare costituito da: - un antenna per la rice-trasmissione del campo del reader, -un chip, per la gestione della comunicazione e dell identificazione -un supporto che sostiene / protegge il sistema data

4 Principio di funzionamento 7 Quando il tag transita attraverso il campo e.m. prodotto dal reader viene attivato il trasferimento dell informazione, modulando con i dati il segnale radio inviato indietro verso il reader eader ag Vantaggi: non necessaria visibilità ottica fra reader e tag, elevate distanze e velocità di lettura lettura contemporanea di più tag sicurezza e riprogrammabilità dei dati Classificazione dei tag - alimentazione 8 Attivi: hanno una fonte di alimentazione indipendente dal reader e la capacità di trasmettere senza essere interrogati - Grandi distanze (100m - 1km) - È richiesta una batteria - Costi elevati - Autonomia limitata Semi-passivi: hanno una fonte di alimentazione indipendente dal reader ma trasmettono solo se interrogati - Medie distanze (decine di metri) - È richiesta una batteria - Costi medi - Elevata autonomia Passivi: sono alimentati dalla potenza irradiata dall antenna del reader quando questo li interroga - Piccole distanze (< 10m) - Costi bassi

5 Classificazione dei tag - memoria (I) 9 ag a bit unico: sono impiegati nei sistemi EAS (antitaccheggio) coil ON: tag presente nel campo del reader OFF: tag assente dal campo del reader ealizzato con materiale magnetico (strisce o microfibre) Disattivazione con un forte campo magnetico che brucia il condensatore Difficoltà a rilevare più tag che transitano contemporaneamente capacitor Sul generatore del varco si avverte una brusca variazione di corrente generator Classificazione dei tag - memoria (II) 10 ag con memoria: ead only: codice programmato in fase di realizzazione ead / Write: il dato del tag può essere modificato in modo dinamico La memoria può essere mantenuta con una batteria o con altri meccanismi Circuito di icezione: per identificare i segnali provenienti dal reader Unique Identifier (UId): il reader identifica il tag tra i tanti presenti (anticollisione) Circuito di sincronizzazione fra i clock: accordo tra la velocità di scambio dati Circuiti di modulazione / demodulazione

6 Classificazione dei tag - frequenza (I) 11 13,56MHz 869MHz 90-98MHz 15KHz/134KHz MHz,35-,45GHz 4,15GHz 10KHz 100KHz 1MHz 10MHz 100MHz 1GHz 10GHz 100GHz f Applicazioni FID internazionali Applicazioni FID in Europa Applicazioni FID in America Applicazioni FID locali Il Bitate aumenta frequenza 15 ( * ) khz 134 khz MHz 4,75 / 8, MHz ( * ) MHz (banda ISM) MHz 869 MHz ( * ) GHZ GHz ag generalmente attivi. Classificazione dei tag applicazione controllo accessi, controllo di animali sistemi antifurto di bloccaggio delle automobili. velocità di trasmissione 10 kbps. interferenze dai monitor e dalle installazioni industriali. etichette EAS nei depositi di vendita al minuto transponders read only, read/write e EAS. velocità di trasmissione 100 kbps. interferenze da altri utenti della banda ISM entro un raggio di qualche metro. identificazione di veicoli (ferrovie) Identificazione di oggetti in movimento controllo veicolare e applicazioni future - frequenza (II) Accoppiamento Magnetico (induttivo) 1 Accoppiamento Elettromagnetico 4.15 GHz sistemi di allarme, misuratori di velocità, aperture automatiche (*) standard mondiali

7 Classificazione dei tag - tipologia del collegamento 13 Accoppiamento Magnetico H Accoppiamento Elettromagnetico E, H N S 15 khz MHz 400 MHz 450 MHz 15 khz 0.05 m MHz 4-10 m MHz 0.5 m 450 MHz 1 m AG ad - accoppiamento magnetico I sistemi FID a f < 100MHz si basano su un accoppiamento magnetico fra reader e tag I tags sono tipicamente passivi con antenne a coil realizzate stampando le spire su un film sottile e flessibile oppure con un avvolgimento intorno ad un nucleo di ferrite Ferrite 14 ponte chip Avvolgimento (coil) film Small Glass Ampoule ag 3mm x 13mm khz ead range < 4cm Price $

8 ag ad accoppiamento magnetico - funzionamento (I) Quando il tag transita attraverso il campo magnetico vicino del reader, ai terminali del coil viene indotta una tensione in grado di attivare il chip 15 antenna coil del reader antenna coil del tag C 1 C V L L eader campo f 0 ag Il massimo accoppiamento tra i due coil si ha quando l antenna ricevente è sintonizzata alla portante (f 0 ) irradiata dal reader. Viene inserito un condensatore di tuning (C ) in parallelo al coil in modo che la frequenza di risonanza del circuito in ricezione sia: L t C t f 0 = π 1 B ( I ( r) = μ ag ad accoppiamento magnetico N eader electronics ag coil N spire ) a ( a r ) r + - meccanismo di attivazione (I) α r V I = V sinωt = I 0 0 sinωt eader coil (N spire ) La tensione ai capi del tag sintonizzato è: V = N d dt B ds 16 a a aggio del coil del reader aggio del coil del tag Il tag si attiva quando la tensione indotta V supera un valore di soglia del μchip.

9 ag ad accoppiamento magnetico - meccanismo di attivazione (II) 17 V (e quindi la distanza di lettura) aumenta nel caso di: - elevato numero spire nel tag - tag parallelo al reader (α=0) V = K ( I N ) N cosα Q 3 ( a + r ) - fattore di merito Q del tag elevato (compatibilmente con la banda richiesta) K = 0.5μ a ωs sinωt 0 Note: 1. Il fattore di merito Q =ωe m /P j dipende dalle resistenza del chip e dalle perdite dell avvolgimento. La banda passante Δf alla frequenza f 0 è legata al fattore di qualità del tag Q : Δ f = 1 f 0 Q ag ad accoppiamento magnetico - meccanismo di trasmissione 18 I M I AG chip C mod L L V C data stream L Capacitive load modulation Il microchip del tag connette o disconnette un condensatore interno che desintonizza il circuito del tag. La corrente raccolta dal reader risulta quindi modulata in AM, FSK, PSK

10 ag ad accoppiamento magnetico - microchip 19 ag ad accoppiamento magnetico -eader 0 Lettori dedicati Schede per Portatili o palmari Kit di valutazione con stampante per tag

11 ag ad accoppiamento magnetico - vincoli energetici 1 A basse frequenze il campo magnetico interagisce poco con l ambiente circostante (impiantabilità nei tessuti viventi) La tensione raccolta dal chip del tag varia con 1/r 3 (la potenza richiesta varia con 1/r 6 ) Fissate le caratteristiche del reader e dei tag, la distanza massima di lettura dipende da: 1. Massimo campo magnetico prodotto dal reader 40mA/m 16mA/m - EN (classe 1). ensione di soglia del AG chip (dell ordine di qualche Volt) 3. Orientazione tra reader e tag: caso peggiore quando il tag è vicino ad essere ortogonale al reader ag ad accoppiamento magnetico - prestazioni Elevata immunità all interazione con l ambiente (alle basse frequenze il campo magnetico interagisce poco con i dielettrici) Possibilità di impianti sottopelle Basso costo (< 1 ) Forte dipendenza della distanza di lettura dalla mutua orientazione reader-tag Modesta distanza di lettura (dell ordine del metro) ealizzazione elaborata (multistrato) E la tecnologia FID attualmente più utilizzata

12 A frequenze f > 100MHz tag e reader contengono vere e proprie antenne. Il tag viene attivato (ed alimentato) dal campo elettromagnetico irradiato dal reader ag ad accoppiamento elettromagnetico 3 I tags sono passivi o attivi con antenne a patch o dipolo stampate su un film rigido (F-4) o flessibile (Polyester, carta) Sono realizzati in rame o inchiostro conduttivo (più flessibile e meno costoso) antenna ad inchiostro conduttivo F-4 patch chip dipolo film di carta I tag sono ottenuti dalla configurazione base di un dipolo + - λ / La lunghezza del dipolo è inversamente legata alla frequenza di lavoro 900MHz) Il dipolo viene ripiegato per ridurre l ingombro del tag a pochi cm riduzione del guadagno Guadagno di antenna Il guadagno di un antenna descrive come la potenza in ingresso (P in ) viene irradiata nelle varie direzioni dello spazio G ( θ, φ) = p( θ, φ) / 4π x z p( θ, φ) (θ 0,φ 0 ) x P in G θ 0, φ ) ( 0 y Densità di potenza rispetto all angolo solido 4 Dipolo a λ/

13 -esempi 5 Modificando il carico ai terminali dell antenna in sincronia con i dati si ottiene una modulazione del segnale retrodiffuso verso il reader 6 eader P in G - funzionamento Z chip antenna agchip backscatter modulation Switch on: antenna disadattata riflessione Switch off: antenna connessa al carico assorbimento

14 - portata (I) 7 La regione di collegamento tra reader e tag è quella per cui la potenza P ricevuta dall antenna è maggiore della potenza minima P chip di attivazione del chip (sensibilità). S av PinG = 4πr Densità media di potenza che investe il tag 4πr r ag (sensibilità P chip ) eader P in - portata (II) 8 Ipotesi: l antenna ricevente è adatta rispetto a: impedenza del chip polarizzazione dell onda incidente eader (rasmettitore) G ( θ, φ ) densità di potenza che investe l antenna ricevente S av ag G A ( θ, φ ) = 4π ag Pin = 4πd potenza raccolta P = S av G ( θ, φ ) A area efficace del tag ag ( θ, φ ) ag ( θ, φ ) λ P ag Gag d ( θ, φ ) c 1 = PinGGag f 4 r τ π r (formula di Friis) ag (icevitore)

15 - funzionamento 9 La max distanza di lettura fra reader e tag è quella per cui la potenza P ricevuta dall antenna è uguale alla potenza minima P chip di attivazione del chip. S av PinG = 4πr Densità media di potenza che investe il tag 4πr r G G ag P chip Guadagno del eader Guadagno del ag Sensibilità del chip eader P in Portata massima rmax = c 4πf P in G P G chip ag - vincoli energetici: adattamento 30 In realtà non è semplice adattare perfettamente l antenna all impedenza del chip S av Z A Z chip Il massimo trasferimento di potenza incidente al microchip si ha in caso di adattamento coniugato: X A A = chip = X chip Il non perfetto adattamento viene tenuto in conto dal Coefficiente di trasmissione in potenza τ = Z 4 chip chip + Z A A 1

16 - vincoli energetici: adattamento 31 La qualità dell adattamento (coniugato) tra antenna e AG influenza la distanza di lettura r = max c 4πf PinG P chip ( G τ ) Migliorando l antenna è possibile aumentare la distanza di lettura τ - vincoli energetici: sensibilità del chip 3 4 mw 1 mw In cinque anni la sensibilità del chip è scesa di tre ordini di grandezza La ricerca è orientata verso radio-dispositivi a basso consumo P chip 0.7 mw 0.18 mw 0.1 mw May 001 Aug. 00 Dec. 00 ime 84μW Phillips 60μW μW Chip sperimentali.7μw 005

17 - vincoli energetici: potenza del reader W EIP 3. W EIP 0.8 W EIP Massima potenza emessa dal reader: P in G =EIP=3. W=EP=W (raccomandazioni più recenti) (Negli USA almeno 10 volte di più) ESI EN EIP=EP*1.6 - vincoli sanitari 34 La normativa italiana impone le seguenti limitazioni al campo elettrico irradiato da un impianto UHF (reader): 0V/m : Limite di esposizione 6 V/m : Limite di attenzione 6 V/m : Limite di qualità EIP = 0.5W 3.W E 6V / m max = eader P in S av E >6 V/m PinG = 4π d dmin =1. 1m min d min 1 = E η = 0 dmin =. 3m (EIP=0.8 W) EIP η0 π E max (EIP=3. W) Il reader deve trovarsi a non meno di m (1m) da esseri viventi con permanenza per più di 4 ore.

18 - esempio di chip bit =0.8 W EIP =3. W EIP =6.4 W EIP - interazione con l ambiente 36 I tag interagiscono con l oggetto al quale sono applicati, modificando la distanza di lettura. Gli oggetti metallici sono più difficilmente identificabili e sono necessari tag appositamente progettati.

19 -eader 37 -eader 38 emperature logger

20 - prestazioni 39 Elevata distanza di lettura (la potenza richiesta aumenta come 1/r (invece che come 1/r 6 nei sistemi induttivi) Basso costo (ealizzazione monostrato) Bitrate elevato Forte interazione con l oggetto e l ambiente (sensibilità alla variazione dielettrica circostante) soluzioni ad-hoc In Europa sono imposti severi limiti energetici Applicazioni tipiche (I) 40 elepass: il reader alla stazione di pedaggio legge il tag montato sul veicolo entrante e, se lo riconosce abilitato al passaggio, permette al veicolo di uscire dalla stazione Catene di montaggio: i tag applicati sui pezzi in fase di produzione permettono il monitoraggio del loro movimento durante l assemblaggio Controllo accessi: il reader vicino alla porta riconosce il codice ID dei tag portati dai dipendenti, abilitando l apertura della porta Vendita al minuto: gli articoli in vendita sono etichettati con tag contenenti le informazioni del prezzo, che vengono trasferite al reader

21 Applicazioni avanzate (II) 41 eal ime Location (L): Consentono anche di determinare la posizione degli oggetti identificati utilizzando la trasmissione, da parte dei AG, di segnali verso diversi reader situati in posizione fissa, al fine di consentire ad una unità di base di eseguire una accurata triangolazione. - Ausilio ai non vedenti - Localizzazione di auto nei parcheggi Sensori distribuiti: Il tag è parte integrante di un sensore (ambientale, medico) e invia in tempo reale il dato letto ad una rete di raccolta Applicazioni avanzate 4 Biometria wireless: ag posti sul corpo umano (o all interno di esso) per il monitoraggio remoto di grandezze biometriche (temperatura, pressione arteriosa, ECG, concetrazione di glucosio) volume di lettura 5m

22 Conclusioni 43 La tecnologia FID presenta una notevole complessità, negli aspetti di sistema e nelle varie parti componenti. La tecnologia in bassa frequenza (tag induttivi) è ormai matura e copre la maggior parte dell offerta attuale. La tecnologia in alta frequenza (UHF) promette prestazioni e applicazioni molto più avanzate ed è tuttora in fase di evoluzione. Si intravedono ancora ampi margini di miglioramento (sensibilità dei microchip, efficienza delle antenne). I sistemi in alta e bassa frequenza sono da considerasi complementari e non necessariamente alternativi. La sinergia tra sistemi FID e sensori produrrà nei prossimi anni un vasta gamma di nuove applicazioni pervasive 44 Grazie per l attenzione!

Introduzione (2/3) A seconda dei casi, l elemento di accoppiamento è costituito da una spira o da una antenna

Introduzione (2/3) A seconda dei casi, l elemento di accoppiamento è costituito da una spira o da una antenna Introduzione (1/3) Radio Frequency IDentification (RFID) = possibilità di acquisire informazioni su di un oggetto per mezzo della radio-comunicazione ( contactless) fra un Tag ( etichetta ) fisicamente

Dettagli

Capitolo 1. RFID in generale. 1.1 Introduzione ai sistemi RFID

Capitolo 1. RFID in generale. 1.1 Introduzione ai sistemi RFID Sommario Il lavoro proposto da Iuzzolino Giacomo è una tesi sperimentale per il conseguimento della laurea specialistica al Politecnico di Torino in Ingegneria Elettronica (Nuovo Ordinamento). La tesi

Dettagli

Negozio con RFID. Una soluzione innovativa per l'identificazione dei prodotti. Negozio con RFID. RF:: Radio Frequency ID:: IDentification

Negozio con RFID. Una soluzione innovativa per l'identificazione dei prodotti. Negozio con RFID. RF:: Radio Frequency ID:: IDentification Una soluzione innovativa per l'identificazione dei prodotti RF:: Radio Frequency ID:: IDentification Ha un costo per etichetta che, per volumi molto grandi (ordine del milione di pezzi), può arrivare a

Dettagli

Progettazione di sistemi basati su tecnologie RFID: potenzialità tecnologiche e casi applicativi reali

Progettazione di sistemi basati su tecnologie RFID: potenzialità tecnologiche e casi applicativi reali Progettazione di sistemi basati su tecnologie RFID: potenzialità tecnologiche e casi applicativi reali Prof. Giuliano Manara Dipartimento Ingegneria dell Informazione Università di Pisa Presidente CUBIT

Dettagli

Infrastrutture Elettroniche per l Habitat a.a. 2005-2006

Infrastrutture Elettroniche per l Habitat a.a. 2005-2006 Infrastrutture Elettroniche per l Habitat a.a. 2005-2006 Giuseppe Iannaccone Dipartimento di Ingegneria dell Informazione, Via Caruso 16, Pisa email: g.iannaccone@iet.unipi.it tel: 050-2217677 home page:

Dettagli

Tecniche di Misura e Strumentazione per l adeguamento alle nuove

Tecniche di Misura e Strumentazione per l adeguamento alle nuove Tecniche di Misura e Strumentazione per l adeguamento alle nuove Normative Alessandro ROGOVICH Dept. of Information Engineering, Pisa University, Pisa, Italy Microwave & Radiation Laboratory alessandro.rogovich@iet.unipi.it

Dettagli

Como 3 aprile 2004 Gara nazionale qualificati Operatore elettronico per le telecomunicazioni 1. Seconda Prova

Como 3 aprile 2004 Gara nazionale qualificati Operatore elettronico per le telecomunicazioni 1. Seconda Prova Como 3 aprile 2004 Gara nazionale qualificati Operatore elettronico per le telecomunicazioni Si consiglia di leggere attentamente il testo proposto prima di segnare la risposta. Seconda Prova La prova

Dettagli

Campi Elettromagnetici in Alta Frequenza. Sorgenti, Misure, Effetti, Normativa

Campi Elettromagnetici in Alta Frequenza. Sorgenti, Misure, Effetti, Normativa Campi Elettromagnetici in Alta Frequenza Sorgenti, Misure, Effetti, Normativa Campi elettromagnetici ad alta frequenza I campi elettromagnetici non ionizzanti (sorgenti NIR) hanno una banda compresa tra

Dettagli

Min Tipico Max Unità Note Tensione di alimentazione

Min Tipico Max Unità Note Tensione di alimentazione --------------- RX-AUDIO-2.4 Caratteristiche Nessuna compressione per alta qualità del suono, latenza di 0.5 ms. Audio digitale con frequenza di campionamento a 44.1 KHz e 16-bit di risoluzione. Demodulazione

Dettagli

Misure accurate di campi elettromagnetici da sorgenti con modulazioni digitali

Misure accurate di campi elettromagnetici da sorgenti con modulazioni digitali EP333 sonda di campo elettrico Misure accurate di campi elettromagnetici da sorgenti con modulazioni digitali Risposta ottimale nella misura dei campi con modulazione di tipo OFDM e pulsati in genere Errore

Dettagli

materiali chirurgici con tecniche RFId

materiali chirurgici con tecniche RFId UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA FACOLTÀ DI INGEGNERIA FACOLTÀ DI MEDICINA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA DOTTORATO DELL AUTOMAZIONE DI RICERCA IN ROBOTICA

Dettagli

Le Antenne Verticali

Le Antenne Verticali Le Antenne Verticali principi e funzionamento illustrati da Gioacchino IW9DQW Generalità. S intende per antenna un organo atto ad irradiare nello spazio energia elettromagnetica, quando venga percorso

Dettagli

Transponder RFID. Contactless Identification

Transponder RFID. Contactless Identification Contactless Identification RFID Transponder Tag Technology srl Via Don Locatelli 51-20040 Roncello - MI - Italy tel. +39 039 6957454 - fax +39 039 6820475 e-mail: info@tagtechnology.it - www.tagtechnology.it

Dettagli

IL TEST JIG PER IL SOTTOSISTEMA COMMS DEL DIMOSTRATORE TECNOLOGICO SATELLITARE

IL TEST JIG PER IL SOTTOSISTEMA COMMS DEL DIMOSTRATORE TECNOLOGICO SATELLITARE IL TEST JIG PER IL SOTTOSISTEMA COMMS DEL DIMOSTRATORE TECNOLOGICO SATELLITARE INDICE 1. Introduzione...3 2. Lista delle abbreviazioni...3 3. Requisiti e architettura del test jig COMMS...4 3.1 I compiti

Dettagli

Contatto magnetico wireless

Contatto magnetico wireless Contatto magnetico wireless Il contatto magnetico wireless MAG HCS e MAG M5026 è un sensore in grado rivelare l apertura o chiusura di porte o finestre e trasmettere via radio la segnalazione d allarme.

Dettagli

(a) Segnale analogico (b) Segnale digitale (c) Segnale digitale binario

(a) Segnale analogico (b) Segnale digitale (c) Segnale digitale binario A.s. 2010-2011 2011 Segnali analogici e digitali (a) Segnale analogico (b) Segnale digitale (c) Segnale digitale binario Un segnale si definisce analogico se può assumere tutti gli infiniti valori nel

Dettagli

Disturbi e schermature

Disturbi e schermature Disturbi e schermature Introduzione Cause di degrado di un segnale: il rumore,, un contributo legato alla fisica del moto dei portatori di carica nei dispositivi, descritto da leggi statistiche; Filtraggio

Dettagli

Antenne per i telefoni cellulari

Antenne per i telefoni cellulari Antenne per i telefoni cellulari annamaria.cucinotta@unipr.it http://www.tlc.unipr.it/cucinotta 1 Requisiti terminali mobili I principali vincoli da tenere in conto nella progettazione di un antenna per

Dettagli

SISTEMA INTEGRATO ZONESCAN 820

SISTEMA INTEGRATO ZONESCAN 820 SISTEMA INTEGRATO ZONESCAN 820 RADIO LOGGERS CORRELANTI PER LA LOCALIZZAZIONE DI PERDITE Il sistema Zone Scan 820 è dotato di particolari sensori elettronici a base magnetica che posati in punti accessibili

Dettagli

Esposizione ai campi elettromagnetici residui generati da un sistema di ricarica wireless

Esposizione ai campi elettromagnetici residui generati da un sistema di ricarica wireless Esposizione ai campi elettromagnetici residui generati da un sistema di ricarica wireless Rosanna Pinto ENEA CR Casaccia Dipartimento di Sostenibilità dei Sistemi Produttivi e Territoriali Divisione Tecnologie

Dettagli

xfid an open RF Library identification system

xfid an open RF Library identification system FrancoRicci Maggio2010 franco.ricci@phys.uniroma1.it xfid an open RF Library identification system IlDipartimentodiFisica,insiemealCASPURhaavviatopiùdidueannifalosviluppodiunsistemadiauto prestito per

Dettagli

APPLICAZIONI DELLA TECNOLOGIA RFID IN AMBITO SANITARIO

APPLICAZIONI DELLA TECNOLOGIA RFID IN AMBITO SANITARIO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA "TOR VERGATA" FACOLTÀ DI INGEGNERIA DOTTORATO DI RICERCA IN INGEGNERIA DELL'ENERGIA - AMBIENTE XX CICLO APPLICAZIONI DELLA TECNOLOGIA RFID IN AMBITO SANITARIO ING. LUCA ARMISI

Dettagli

Sensore a tenda da esterno e interno

Sensore a tenda da esterno e interno Sensore a tenda da esterno e interno ONE rappresenta la nuova gamma di sensori da esterno dedicata ad installazioni civili di piccola, media e grande dimensione. L esperienza decennale di AVS, nell ambito

Dettagli

Paolo Talone, Giuseppe Russo Fondazione Ugo Bordoni

Paolo Talone, Giuseppe Russo Fondazione Ugo Bordoni RFID Fondamenti di una tecnologia silenziosamente pervasiva PARTE III ACCOPPIAMENTO, ENERGIA E ANTENNE NEI TAG PASSIVI Paolo Talone, Giuseppe Russo Fondazione Ugo Bordoni Gaetano Marrocco, Emidio Di Giampaolo

Dettagli

LE TRASMISSIONI VIA ETERE

LE TRASMISSIONI VIA ETERE LE TRASMISSIONI VIA ETERE B.Bortelli Indice 0.1 Trasmissione via etere......................... 2 0.1.1 Le onde elettromagnetiche................... 2 0.1.2 Le onde radio.......................... 5 0.1.3

Dettagli

Negli ultimi anni le procedure di identificazione automatica sono

Negli ultimi anni le procedure di identificazione automatica sono SPECIALE PRATICA TEORIA RISORSE Panoramica sulle 44 Negli ultimi anni le procedure di identificazione automatica sono state molto utilizzate specialmente nei processi industriali, nella distribuzione logistica

Dettagli

UTILIZZO DI RFID IN AMBITO DOMESTICO: RILEVAMENTO E IDENTIFICAZIONE DEI PRODOTTI

UTILIZZO DI RFID IN AMBITO DOMESTICO: RILEVAMENTO E IDENTIFICAZIONE DEI PRODOTTI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BOLOGNA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Scienze dell Informazione UTILIZZO DI RFID IN AMBITO DOMESTICO: RILEVAMENTO E IDENTIFICAZIONE DEI

Dettagli

Induzione magnetica. Corrente indotta. Corrente indotta. Esempio. Definizione di flusso magnetico INDUZIONE MAGNETICA E ONDE ELETTROMAGNETICHE

Induzione magnetica. Corrente indotta. Corrente indotta. Esempio. Definizione di flusso magnetico INDUZIONE MAGNETICA E ONDE ELETTROMAGNETICHE Induzione magnetica INDUZIONE MAGNETICA E ONDE ELETTROMAGNETICHE Che cos è l induzione magnetica? Si parla di induzione magnetica quando si misura una intensità di corrente diversa da zero che attraversa

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO DIPARTIMENTO DI FISICA. MASTER di II livello. Metodologie e tecnologie per lo

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO DIPARTIMENTO DI FISICA. MASTER di II livello. Metodologie e tecnologie per lo UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BARI ALDO MORO DIPARTIMENTO DI FISICA MASTER di II livello Metodologie e tecnologie per lo sviluppo di infrastrutture digitali" TESI DI LAUREA IN BASI DI DATI E XML Waste Monitoring

Dettagli

Le Dispense di AIM italia. RFID introduzione alla tecnologia delle etichette intelligenti. A cura di AIM Italia per

Le Dispense di AIM italia. RFID introduzione alla tecnologia delle etichette intelligenti. A cura di AIM Italia per Le Dispense di AIM italia RFID introduzione alla tecnologia delle etichette intelligenti A cura di AIM Italia per pag. 2 Copyright AIM Italia PREFAZIONE...5 AIM ITALIA...7 CHE COS È UN SISTEMA PER L IDENTIFICAZIONE

Dettagli

Valutazione delle esposizioni. Valutazione delle esposizioni

Valutazione delle esposizioni. Valutazione delle esposizioni Convegno Nazionale Salute e campi elettromagnetici: dalla ricerca alla protezione I sessione Il quadro delle conoscenze: aspetti fisici Valutazione delle esposizioni Valutazione delle esposizioni Ing.

Dettagli

Studio e monitoraggio del quadro fessurativo e del

Studio e monitoraggio del quadro fessurativo e del Studio e monitoraggio del quadro fessurativo e del comportamento sismico i del lduomo di Orvieto Monitoraggio da remoto di fessure per mezzo di vetrini RFID Alessandro Zambotti, Paolo D Atanasio Laboratorio

Dettagli

CORSO OPERATORI RADIO IN EMERGENZA

CORSO OPERATORI RADIO IN EMERGENZA ARI Associazione Radioamatori italiani Sezione di Belluno CORSO OPERATORI RADIO IN EMERGENZA - 1 - Presentazione Scopo del corso Le comunicazioni radio L informazione nella gestione delle emergenze La

Dettagli

L esperienza di Hertz sulle onde elettromagnetiche

L esperienza di Hertz sulle onde elettromagnetiche L esperienza di Hertz sulle onde elettromagnetiche INTRODUZIONE Heinrich Hertz (1857-1894) nel 1886 riuscì per la prima volta a produrre e a rivelare le onde elettromagnetiche di cui Maxwell aveva previsto

Dettagli

Trasformatore di corrente (TA)

Trasformatore di corrente (TA) Sensori di corrente Il modo più semplice di eseguire la misura di corrente è il metodo volt-amperometrico, in cui si misura la caduta di tensione su di una resistenza di misura percorsa dalla corrente

Dettagli

Misure di compatibilità elettromagnetica (EMC: ElectroMagnetic Compatibility)

Misure di compatibilità elettromagnetica (EMC: ElectroMagnetic Compatibility) Misure di compatibilità elettromagnetica (EMC: ElectroMagnetic Compatibility) Compatibilità Elettromagnetica sta ad indicare l idoneità di un apparecchio o di un sistema a funzionare nel proprio campo

Dettagli

Lunghezza di un antenna In generale l antenna ideale è lunga esattamente quanto la lunghezza d onda della frequenza per cui viene utilizzata.

Lunghezza di un antenna In generale l antenna ideale è lunga esattamente quanto la lunghezza d onda della frequenza per cui viene utilizzata. Antenne Premessa L antenna di un ricetrasmettitore è uno degli elementi più importanti per la buona riuscita di una trasmissione (ricezione): senza di essa anche il miglior apparecchio radio diventa inutilizzabile.

Dettagli

P5 CONVERSIONE DI FREQUENZA. RICEVITORI SUPERETERODINA. PLL.

P5 CONVERSIONE DI FREQUENZA. RICEVITORI SUPERETERODINA. PLL. P5 CONVERSIONE DI REQUENZA. RICEVITORI SUPERETERODINA. P. P5. Un segnale modulato in ampiezza con portante e banda di modulazione B=9 khz centrata su, deve essere convertito in frequenza su una portante

Dettagli

RFID. Giuseppe Tetti

RFID. Giuseppe Tetti RFID Giuseppe Tetti Un po di storia Un primo impiego militare nel settore aeronautico, già prima della seconda guerra mondiale, l IFF (Identification Friend or Foe). L aereo si dichiarava amico al sistema

Dettagli

SinerAccess. Sistema integrato per controllo accessi e videosorveglianza. Sviluppo Innovazione Ricerca

SinerAccess. Sistema integrato per controllo accessi e videosorveglianza. Sviluppo Innovazione Ricerca SinerAccess Sistema integrato per controllo accessi e videosorveglianza Sviluppo Innovazione Ricerca Tecnologie RFiD RFId (acronimo di Radio Frequency Identification) è una tecnologia per la identificazione

Dettagli

WAVECOMM S.r.l. Partner tecnologico per l'innovazione. Profilo. Mission

WAVECOMM S.r.l. Partner tecnologico per l'innovazione. Profilo. Mission WAVECOMM S.r.l. Partner tecnologico per l'innovazione Profilo Wavecomm S.r.l. è una azienda specializzata nella progettazione e realizzazione di sistemi elettronici avanzati, focalizzata nei settori dell'elettronica

Dettagli

SISTEMA DI TELETTURA CONTATORI

SISTEMA DI TELETTURA CONTATORI SISTEMA DI TELETTURA CONTATORI PALMARE CONTATORE SERVER CONCENTRATORE SISTEMA I sistemi di telelettura sono di 2 tipi : - Centralizzato Consiste nella raccolta dei dati in un database centrale grazie alla

Dettagli

NHT310 MISURATORE DI CAMPI EM da campi statici a microonde.

NHT310 MISURATORE DI CAMPI EM da campi statici a microonde. NHT310 MISURATORE DI CAMPI EM da campi statici a microonde. Misure isotropiche di campo B, H, E con sonde intercambiabili da DC a 18GHz (60GHz) Ampia capacità di memoria dati Tastiera immediata per accesso

Dettagli

LE ANTENNE INTRODUZIONE

LE ANTENNE INTRODUZIONE LE ANTENNE INTRODUZIONE Le antenne sono dispositivi impiegati nella trasmissione e nella ricezione di onde elettromagnetiche. La forma di un antenna è molto variabile e dipende dal tipo di impiego: radiotelegrafia,

Dettagli

Introduzione alle onde Elettromagnetiche (EM)

Introduzione alle onde Elettromagnetiche (EM) Introduzione alle onde Elettromagnetiche (EM) Proprieta fondamentali L energia EM e il mezzo tramite il quale puo essere trasmessa informazione tra un oggetto ed un sensore (e.g. radar) o tra sensori/stazioni

Dettagli

Opportunità, Controllo e Performance

Opportunità, Controllo e Performance RFID: LA TECNOLOGIA Opportunità, Controllo e Performance info@mizar-consulting.com 01/26 RFID: La Tecnologia Un sistema di identificazione automatica a radiofrequenza (RFID = Radio Frequency Identification)

Dettagli

Presentazione del sistema Adcon Telemetry

Presentazione del sistema Adcon Telemetry Presentazione del sistema Adcon Telemetry 1. Premessa Lo scopo del monitoraggio è quello di automatizzare i processi, nei vari campi di applicazione, mediante sistemi di controllo, di trasmissione, raccolta

Dettagli

Nexsoft. Business Solutions. Tracciabilità dei cicli di lavoro

Nexsoft. Business Solutions. Tracciabilità dei cicli di lavoro Nexsoft Business Solutions Tracciabilità dei cicli di lavoro Tracciabilità e Rintracciabilità La Tracciabilità è la capacità di risalire alla storia e all uso o alla localizzazione di una entità mediante

Dettagli

T3 CIRCUITI RISONANTI E AMPLIFICATORI SELETTIVI

T3 CIRCUITI RISONANTI E AMPLIFICATORI SELETTIVI T3 CICUITI ISONANTI E AMPLIFICATOI SELETTIVI T3. Il fattore di merito di una bobina è misurato in: [a] henry. [b] ohm... [c] è adimensionale.. T3. Il fattore di perdita di un condensatore è misurato in:

Dettagli

Indice. Prefazione all edizione italiana Prefazione all edizione americana. Capitolo 1 Introduzione: onde e fasori 1

Indice. Prefazione all edizione italiana Prefazione all edizione americana. Capitolo 1 Introduzione: onde e fasori 1 Indice Prefazione all edizione italiana Prefazione all edizione americana VII IX Capitolo 1 Introduzione: onde e fasori 1 Generalità 1 1.1 Dimensioni, unità di misura e notazione 2 1.2 La natura dell elettromagnetismo

Dettagli

RFID: UN ALTERNATIVA AL CODICE A BARRE PER

RFID: UN ALTERNATIVA AL CODICE A BARRE PER RFID: UN ALTERNATIVA AL CODICE A BARRE PER L IDENTIFICAZIONE AUTOMATICA Maggio 2002 I diritti di riproduzione, di memorizzazione elettronica e di adattamento totale o parziale con qualsiasi mezzo, compresi

Dettagli

Un sistema RFID si basa sui due seguenti elementi:

Un sistema RFID si basa sui due seguenti elementi: La RFID LA RFID (RADIO FREQUENCY IDENTIFICATION) È UNA TECNOLOGIA DI IDENTIFICAZIONE CHE RICORRE AD UN SEGNALE IN RADIOFREQUENZA QUALE SUPPORTO DI DIALOGO TRA L OGGETTO DA IDENTIFICARE E IL DISPOSITIVO

Dettagli

SISTEMA DI MONITORAGGIO PERMANENTE DELLE EMISSIONI RADIOELETTRICHE SI/3000

SISTEMA DI MONITORAGGIO PERMANENTE DELLE EMISSIONI RADIOELETTRICHE SI/3000 SISTEMA DI MONITORAGGIO PERMANENTE DELLE EMISSIONI RADIOELETTRICHE SI/3000 1. INTRODUZIONE La grande proliferazione delle potenziali sorgenti di inquinamento elettromagnetico (stazioni radio-televisive,

Dettagli

La valutazione dei rischi da campi elettromagnetici in ambiente lavorativo

La valutazione dei rischi da campi elettromagnetici in ambiente lavorativo La valutazione dei rischi da campi elettromagnetici in ambiente lavorativo Generalità sui campi elettromagnetici (CEM) Campi elettromagnetici naturali Campo elettrico Campo magnetico Campi elettromagnetici

Dettagli

TRASMETTITORE TX-FM-MID/EN

TRASMETTITORE TX-FM-MID/EN TRASMETTITORE TX-FM-MID/EN Il TX-FM-MID/EN è un modulo trasmettitore di dati digitali con modulazione FSK. PIN-OUT 10 1 CONNESSIONI Pin 1 TX Dati Ingresso dati con resistenza di ingresso di 50 kω minimi.

Dettagli

TX Figura 1: collegamento tra due antenne nello spazio libero.

TX Figura 1: collegamento tra due antenne nello spazio libero. Collegamenti Supponiamo di avere due antenne, una trasmittente X e una ricevente X e consideriamo il collegamento tra queste due antenne distanti X X Figura : collegamento tra due antenne nello spazio

Dettagli

La tecnologia di identificazione a Radio Frequenza.

La tecnologia di identificazione a Radio Frequenza. I TRASPONDER PASSIVI (per l'identificazione Automatica a Radio Frequenza ) Introduzione In genere, con identificazione automatica si intende un processo che consente il trasferimento diretto di dati ad

Dettagli

* = Marchio registrato da Hilgraeve. Pag 1 di 6 http://www.aurelwireless.com - email: rfcomm@aurel.it

* = Marchio registrato da Hilgraeve. Pag 1 di 6 http://www.aurelwireless.com - email: rfcomm@aurel.it Il WIZ-903-A8 è un radiomodem stand-alone, completo di antenna integrata su PCB, che consente la ricetrasmissione half-duplex di dati digitali in formato TTL RS-232. E possibile interfacciarlo direttamente

Dettagli

Analogico: rappresentano grandezze fisiche che variano

Analogico: rappresentano grandezze fisiche che variano condizionamento e conversione dei segnali Introduzione I segnali forniti dagli elementi sensibili di misura richiedono specifici trattamenti (condizionamento) prima del campionamento e della conversione

Dettagli

SINER ACCESS. Sistema per il controllo degli accessi

SINER ACCESS. Sistema per il controllo degli accessi SINER ACCESS Sistema per il controllo degli accessi INTRODUZIONE Sia in ambito civile che industriale, è da anni costantemente più avvertita l esigenza di sviluppare forme evolute di controllo di determinate

Dettagli

I sensori di spostamento induttivi

I sensori di spostamento induttivi Si basano sulla variazione del coefficiente di auto o mutua induzione con lo spostamento incognito. Sono dispositivi molto diffusi poiché presentano una elevata robustezza verso i fattori ambientali (si

Dettagli

Una nuova soluzione per una semplice ed automatica Gestione di Pratiche

Una nuova soluzione per una semplice ed automatica Gestione di Pratiche & l i li Una nuova soluzione per una semplice ed automatica Gestione di Pratiche Il piccolo grande terminale Possibili utilizzi : Gestione pratiche Tracciatura di documenti fiscali Gestione manutenzione

Dettagli

Schede elettroniche ad alta velocità

Schede elettroniche ad alta velocità Bologna 30/01/2003 Seminario Schede elettroniche ad alta velocità I.D Antone CENTRO DI ELETTRONICA ISTITUTO NAZIONALE DI FISICA NUCLEARE Sezione di Bologna Moore incontra Einstein impulsatore Circuito

Dettagli

Alcuni parametri di scelta dei trasduttori Criteri generali: Banda passante Segnale fornito Compatibilità strutturale e di installazione Costo...

Alcuni parametri di scelta dei trasduttori Criteri generali: Banda passante Segnale fornito Compatibilità strutturale e di installazione Costo... Alcuni parametri di scelta dei trasduttori Criteri generali: Banda passante Segnale fornito Compatibilità strutturale e di installazione Costo... 1 tipici per misure strutturali: Potenziometri LVDT Estensimetri

Dettagli

I principi dell RFID: comprendere e utilizzare l identificazione a radiofrequenza

I principi dell RFID: comprendere e utilizzare l identificazione a radiofrequenza White paper I principi dell RFID: comprendere e utilizzare l identificazione a radiofrequenza INDICE Introduzione 2 Funzionamento della tecnologia RFID 2 Tag (transponder) 2 Opzioni 3 Uso dell RFID 4 Conclusioni

Dettagli

NOVITÀ SYSTEM RF ANTIFURTO RADIO MAGGIO ITALIANO

NOVITÀ SYSTEM RF ANTIFURTO RADIO MAGGIO ITALIANO NOVITÀ SYSTEM RF ANTIFURTO RADIO ITALIANO MAGGIO 2003 SICUREZZA SENZA FILI I DISPOSITIVI DI GESTIONE E CONTROLLO LE CENTRALI Il cuore del sistema è la centrale disponibile in due differenti modelli a 16

Dettagli

Oltre a questo propone infrastrutture per magazzini, hardware, materiale informatico, materiali di consumo e l'assistenza postvendita.

Oltre a questo propone infrastrutture per magazzini, hardware, materiale informatico, materiali di consumo e l'assistenza postvendita. La CIERREMME I.T. opera in ambito logistico ed organizzativo, proponendo soluzioni per l'identificazione automatica dei prodotti, mediante la fornitura di: - etichette, - etichette RFID - stampanti per

Dettagli

Introduzione alle reti LE RETI INFORMATICHE. A cosa serve una rete. Perché... TECNOLOGIE E PRINCIPI DI COSTRUZIONE

Introduzione alle reti LE RETI INFORMATICHE. A cosa serve una rete. Perché... TECNOLOGIE E PRINCIPI DI COSTRUZIONE TECNOLOGIE E PRINCIPI DI COSTRUZIONE Introduzione alle reti 1 2 Perché... All inizio degli anni 80 sono nati i PC, in contrapposizione ai grossi sistemi presenti allora nelle aziende che collegavano terminali

Dettagli

LE RADIOTRASMISSIONI COSA SONO? COME AVVENGONO? A COSA SERVONO? PERCHE? I MEZZI IN DOTAZIONE

LE RADIOTRASMISSIONI COSA SONO? COME AVVENGONO? A COSA SERVONO? PERCHE? I MEZZI IN DOTAZIONE LE RADIOTRASMISSIONI COSA SONO? COME AVVENGONO? A COSA SERVONO? PERCHE? I MEZZI IN DOTAZIONE 1 COSA SONO? Le radiocomunicazioni, sono comunicazioni effettuate utilizzando onde radio, cioè onde elettromagnetiche

Dettagli

Cobra. La protezione ottica per gli impianti fotovoltaici

Cobra. La protezione ottica per gli impianti fotovoltaici Cobra La protezione ottica per gli impianti fotovoltaici 2 Cobra La protezione ottica per gli impianti fotovoltaici Fracarro presenta Cobra, il nuovo sistema antifurto realizzato appositamente per la protezione

Dettagli

Dimensioni. Codifica d'ordine 123. Allacciamento elettrico. Caratteristiche. Indicatori/Elementi di comando. Certificazione RMS-G-RC.

Dimensioni. Codifica d'ordine 123. Allacciamento elettrico. Caratteristiche. Indicatori/Elementi di comando. Certificazione RMS-G-RC. Dimensioni ø.7 9.5 6.5 8.5 ø.7 65 57 Finestra per la spia LED Codifica d'ordine Sensore radar Caratteristiche Dispositivo di apertura per cancelli industriali con la possibilità di differenziare tra persone

Dettagli

Sensore a infrarossi con trasmissione radio

Sensore a infrarossi con trasmissione radio Sensore a infrarossi con trasmissione radio SIR 2008 Il sensore da interno SIR 2008 è un dispositivo per applicazioni move detection con collegamento wireless tra centrale e sensore. Esso integra un rivelatore

Dettagli

LE AREE TEMATICHE : L INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO

LE AREE TEMATICHE : L INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO LE AREE TEMATICHE : L INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO Quando si parla di inquinamento elettromagnetico o più comunemente elettrosmog ci si riferisce alle alterazioni del campo magnetico naturale generate

Dettagli

RFId, Identificazione a Radio Frequenza: le potenzialità di uno strumento di innovazione

RFId, Identificazione a Radio Frequenza: le potenzialità di uno strumento di innovazione INFORMATICA. RFId, Identificazione a Radio Frequenza: le potenzialità di uno strumento di innovazione DA UNA TECNOLOGIA MILITARE INNUMEREVOLI APPLICAZIONI IN SETTORI DIVERSI L RFId è spesso descritto come

Dettagli

Sorgenti di campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici nelle attività lavorative

Sorgenti di campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici nelle attività lavorative Sorgenti di campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici nelle attività lavorative Rosaria Falsaperla Istituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza del Lavoro (ISPESL) Monte Porzio Catone - Roma

Dettagli

Campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici

Campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici Campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici Anna Maria Vandelli Dipartimento di Sanità Pubblica AUSL Modena SPSAL Sassuolo Campo Elettrico: si definisce campo elettrico il fenomeno fisico che conferisce

Dettagli

Campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici. Anna Maria Vandelli Dipartimento di Sanità Pubblica AUSL Modena SPSAL Sassuolo

Campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici. Anna Maria Vandelli Dipartimento di Sanità Pubblica AUSL Modena SPSAL Sassuolo Campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici Anna Maria Vandelli Dipartimento di Sanità Pubblica AUSL Modena SPSAL Sassuolo Campo Elettrico: si definisce campo elettrico il fenomeno fisico che conferisce

Dettagli

MISURA DEI LIVELLI DI CAMPI ELETTROMAGNETICI PRODOTTI DA SISTEMI Wi-Fi

MISURA DEI LIVELLI DI CAMPI ELETTROMAGNETICI PRODOTTI DA SISTEMI Wi-Fi MISURA DEI LIVELLI DI CAMPI ELETTROMAGNETICI PRODOTTI DA SISTEMI Wi-Fi PRESSO L ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE DI MINERBIO CAVOUR Dott.ssa Cristina Volta Dott. Daniele Bontempelli P.i. Simone Colantonio

Dettagli

Sorgenti di campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici nelle attività lavorative

Sorgenti di campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici nelle attività lavorative Sorgenti di campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici nelle attività lavorative Gian Marco Contessa Rosaria Falsaperla gianmarco.contessa@ispesl.it Lunghezza d onda Frequenza m Hz RADIAZIONI IONIZZANTI

Dettagli

SOFTWORK e la sua mission nell RFID. RFID: principi di funzionamento. Dettaglio della radiofrequenza: le frequenze e norme

SOFTWORK e la sua mission nell RFID. RFID: principi di funzionamento. Dettaglio della radiofrequenza: le frequenze e norme RFID OGGI STANDARD, FREQU APPLICABILI SOFTWORK e la sua mission nell RFID Value-added global provider per le Tecnologie e Soluzioni integrate RFID, SOFTWORK è un punto di riferimento nel mercato italiano

Dettagli

Sensori, trasduttori e trasmettitori: Evoluzioni e tendenze

Sensori, trasduttori e trasmettitori: Evoluzioni e tendenze Piero G. Squizzato Sensori, trasduttori e trasmettitori: Evoluzioni e tendenze Nell automazione l elemento fondamentale è una precisa e affidabile misura delle variabili fisiche e chimiche, identificanti

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA n. 006_08_SE

RAPPORTO DI PROVA n. 006_08_SE LABORATORIO ELETTROMAGNETICO RAPPORTO DI PROVA n. 006_08_SE Misura di efficacia di schermatura alle onde elettromagnetiche su stuoia coprimaterasso in cotone contenente tessuto conduttivo. CLIENTE: DUEMME

Dettagli

Dettagli Realizzativi

Dettagli Realizzativi Dettagli Realizzativi Un cavo coassiale è formato da un conduttore centrale e da uno o più schermi(calze o fogli). In una versione semplice troviamo un conduttore centrale rigido in rame, circondato da

Dettagli

L Informatica al Vostro Servizio

L Informatica al Vostro Servizio L Informatica al Vostro Servizio Faticoni S.p.A. è Certificata UNI ENI ISO 9001:2008 N. CERT-02228-97-AQ-MILSINCERT per Progettazione, Realizzazione, Manutenzione di soluzioni Hardware e Software Soluzioni

Dettagli

Dräger X-zone 5500 Sistema Portatile per misure ambientali

Dräger X-zone 5500 Sistema Portatile per misure ambientali Dräger X-zone 5500 Sistema Portatile per misure ambientali Monitoraggio ambientale: il modello Dräger X-zone 5500, in combinazione con gli strumenti di rilevamento gas Dräger X-am 5000, 5100 o 5600, può

Dettagli

PDAS- W: SISTEMA DI MONITORAGGIO PERMANENTE E REAL TIME DI CAMPI ELETTROMAGNETICI

PDAS- W: SISTEMA DI MONITORAGGIO PERMANENTE E REAL TIME DI CAMPI ELETTROMAGNETICI www.tek-up.com www.tek-up.com PDAS- W: SISTEMA DI MONITORAGGIO PERMANENTE E REAL TIME DI CAMPI ELETTROMAGNETICI DESCRIZIONE: Sistema di monitoraggio permanente di campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici

Dettagli

LIUC - Castellanza Maggio 2005. Sensori di Spostamento

LIUC - Castellanza Maggio 2005. Sensori di Spostamento Esempi: Sensori di Spostamento Potenziometri Resistivi Resistore a tre terminali con contatto intermedio (cursore) che fa capo a un tastatore mobile o a un filo avvolto a molla Uscita proporzionale allo

Dettagli

Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore

Dipartimento Provinciale di Ancona Servizio Radiazioni/Rumore RETE DI MONITORAGGIO DEI LIVELLI DI INQUINAMENTO ELETTROMAGNETICO DEL COMUNE DI JESI RAPPORTO ANNO 2011 Servizio Radiazioni/Rumore Dipartimento Provinciale ARPAM di Ancona La rete di monitoraggio Il Comune

Dettagli

Tecniche di schermatura

Tecniche di schermatura E.M.I. Shield e Grounding: analisi applicata ai sistemi di cablaggio strutturato Tecniche di schermatura Pier Luca Montessoro pierluca.montessoro@diegm.uniud.it SCHERMI - 1 Copyright: si veda nota a pag.

Dettagli

SERVIZI DI LOCALIZZAZIONE ARUBA NETWORKS

SERVIZI DI LOCALIZZAZIONE ARUBA NETWORKS SERVIZI DI LOCALIZZAZIONE ARUBA NETWORKS Supportato dagli Aruba Beacon Gli Aruba Beacon sono il prodotto di punta della linea dei servizi di Localizzazione Aruba Networks. Quando gli Aruba Beacon sono

Dettagli

1.1.1 Panoramica su vari tipi di antenne

1.1.1 Panoramica su vari tipi di antenne 6 CAPITOLO 1. Introduzione Figura 1.1: Schematizzazione del comportamento di un antenna in trasmissione (a) e in ricezione (b). Nel caso in cui l onda guidata sia relativa ad un modo TEM in una linea di

Dettagli

Principi costruttivi e progettazione di Gioacchino Minafò IW9 DQW. Tratto dal sito web WWW.IT9UMH.ALTERVISTA.ORG

Principi costruttivi e progettazione di Gioacchino Minafò IW9 DQW. Tratto dal sito web WWW.IT9UMH.ALTERVISTA.ORG Principi costruttivi e progettazione di Gioacchino Minafò IW9 DQW Le antenne a quadro (o telaio) Il principio di funzionamento di un'antenna a quadro è differente da quello delle comuni antenne filari

Dettagli

Monitoraggio di un dispositivo a breve raggio: uno studio di fattibilità.

Monitoraggio di un dispositivo a breve raggio: uno studio di fattibilità. Alma Mater Studiorum Università di Bologna FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea Triennale in Informatica Monitoraggio di un dispositivo a breve raggio: uno studio di fattibilità.

Dettagli

Ordinanza dell Ufficio federale delle comunicazioni sulla gestione delle frequenze e sulle concessioni di radiocomunicazione

Ordinanza dell Ufficio federale delle comunicazioni sulla gestione delle frequenze e sulle concessioni di radiocomunicazione Ordinanza dell Ufficio federale delle comunicazioni sulla gestione delle frequenze e sulle concessioni di radiocomunicazione Modifica dell 11 agosto 2015 L Ufficio federale delle comunicazioni ordina:

Dettagli

Principali attività lavorative a rischio

Principali attività lavorative a rischio Principali attività lavorative a rischio Rosaria Falsaperla Istituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza del Lavoro (ISPESL) Monte Porzio Catone - Roma rosaria.falsaperla@ispesl.it Seminario di

Dettagli

Sensori di posizione di tipo induttivo

Sensori di posizione di tipo induttivo I sensori induttivi a singolo avvolgimento sono composti da un avvolgimento fisso e da un nucleo ferromagnetico mobile. Il sensore converte la grandezza da misurare in una variazione dell induttanza L

Dettagli

Prova intercorso di Fisica 2 dott. Esposito 27/11/2009

Prova intercorso di Fisica 2 dott. Esposito 27/11/2009 Prova intercorso di Fisica 2 dott. Esposito 27/11/2009 Anno di corso: 1) Una carica puntiforme q=-8.5 10-6 C è posta a distanza R=12 cm da un piano uniformemente carico condensità di carica superficiale

Dettagli

Sistemi e Tecnologie della Comunicazione

Sistemi e Tecnologie della Comunicazione Sistemi e Tecnologie della Comunicazione Lezione 9: strato fisico: mezzi trasmissivi 1 Mezzi trasmissivi Vedremo una panoramica sui diversi mezzi trasmissivi utilizzati tipicamente nelle reti di computer,

Dettagli

Tab. 1. Gamma di frequenze [GHz]

Tab. 1. Gamma di frequenze [GHz] 58 Ponti radio Per ponte radio si intende un sistema di collegamento, bidirezionale, a larga banda, che utilizza le onde elettromagnetiche per trasmettere informazioni sia analogiche sia digitali. I ponti

Dettagli