RESPONSABILITA' GIURIDICA IN GENERALE E CIVILE IN PARTICOLARE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RESPONSABILITA' GIURIDICA IN GENERALE E CIVILE IN PARTICOLARE"

Transcript

1 RESPONSABILITA' GIURIDICA IN GENERALE E CIVILE IN PARTICOLARE La responsabilità giuridica è costituita da: responsabilità civile responsabilità penale. responsabilità amministrativa. Nell'ambito della circolazione stradale tali responsabilità si manifestano soprattutto in occasione dell'incidente stradale e si distingue in Responsabilità penale: causare lesioni ad una persona o peggio la morte. La responsabilità penale è PERSONALE e quindi non trasmissibile. ESSA RICADE SUL CONDUCENTE Responsabilità amministrativa: le conseguenze di un comportamento contrario alla legge sono punite con sanzioni di carattere amministrativo Responsabilità civile con conseguente risarcimento economico del danno. La responsabilità civile può avere natura di: - responsabilità extracontrattuale - responsabilità contrattuale Per i danni cagionati in incidenti stradali la responsabilità civile incombe su: Conducente: ciascuno dei conducenti coinvolti in un incidente è ritenuto responsabile in concorso finché non dimostri il contrario e pertanto il conducente: - non ha responsabilità quando sia dimostrata l'esclusiva colpevolezza dell'altro - ha responsabilità ridotta qualora sia dimostrato il concorso di colpa dell'altro conducente. Proprietario del veicolo: sono responsabili in solido (congiuntamente) con il conducente se non dimostrano che la circolazione del veicolo è avvenuta contro la loro volontà o a loro insaputa.

2 RESPONSABILITA' CIVILE E ASSICURAZIONI La responsabilità civile può essere assunta, solitamente a titolo oneroso, anche da soggetti esterni, quali le assicurazioni, mentre la responsabilità penale è sempre personale e non può essere trasferita ad alcuno. Nell'assicurazione di responsabilità civile, l'assicuratore deve tenere indenne l'assicurato per i danni causati a terzi in relazione a un fatto accaduto durante il tempo dell'assicurazione, esclusi quelli derivanti da fatti dolosi Può trattarsi di: Responsabilità contrattuale, derivante dalla lesione di un rapporto giuridico relativo Responsabilità extracontrattuale, derivante dalla lesione di un rapporto giuridico assoluto Funzione essenziale dell'assicurazione è il trasferimento del rischio dall'assicurato all'assicuratore mediante il pagamento di una determinata somma di denaro, detta premio. L'assicurazione è un contratto generalmente qualificato come aleatorio: entrambe le parti,si propongono di conseguire un vantaggio, ma non possono sapere se e in quale misura esso si realizza, poiché esso è in relazione al verificarsi o meno di un evento fortuito (sinistro) I soggetti dell'assicurazione sono: Assicuratore: impresa assicuratrice che si assume i rischi; Contraente: soggetto che stipula con l'assicuratore il contratto di assicurazione e si obbliga a pagare il premio Assicurato: soggetto per conto del quale è stipulata l'assicurazione, ossia colui che è esposto al rischio nelle cose o nella persona. Beneficiario: soggetto a favore del quale è stipulata l'assicurazione, vale a dire colui che avrà diritto di riscuotere la somma dall'assicuratore qualora si verifichi il fatto previsto

3 Contraente assicurato e beneficiario possono essere anche lo stesso soggetto, ma possono anche essere tre soggetti diversi (nell'assicurazione sulla vita ad es, il figlio assicura una somma a favore della madre, da pagarsi in caso di morte del padre). Assicurato e beneficiario sono necessariamente due persone distinte quando l'assicurazione è stipulata per l caso di more. L'assicurazione rappresenta: per l'assicurato, un atto di previdenza per l'assicuratore, un atto di speculazione Un particolare tipo di assicurazione di responsabilità civile è quella relativa alla circolazione dei veicoli c.d. RCA la cui obbligatorietà, è sancita dal CSD e dal Codice delle assicurazioni private. In tale assicurazione, obbligati al risarcimento del danno, sono: Assicurazione, per danni involontariamente cagionati a terzi a seguito della circolazione del veicolo assicurato; Proprietario del veicolo Conducente

4 RESPONSABILITA' CIVILE NELLA CIRCOLAZIONE STRADALE La responsabilità civile derivante dalla circolazione di veicoli senza guida di rotaia è disciplinata dall'art CC che prevede: Obbligo a risarcire il danno a persone o a cose Pari responsabilità nella produzione del danno, fino a prova contraria Per circolazione s'intende lo spostamento, la fermata e la sosta dei veicoli, cui pur sempre si accompagna un ingombro della sede stradale condizionante il movimento altrui. Per veicolo si intende qualsiasi mezzo di locomozione terrestre, suscettibile di essere condotto dall'uomo, qualunque ne sia la forza di trazione (meccanica, elettrica, animale), normalmente destinalo alla circolazione o solo accidentalmente circolante sui area pubblica. Da tale categoria, sono esclusi i veicoli a guida di rotaia e gli aeromobili. La responsabilità civile, che, a differenza di quella penale, si estende al proprietario del veicolo quale responsabile in solido, può essere volontariamente assunta, solitamente a titolo oneroso, anche da soggetti esterni quali le assicurazioni

5 PRESUNZIONE DI COLPA A CARICO DEL CONDUCENTE L'art CC ha quale presupposto tecnico/giuridico il necessario nesso di Causalità tra la circolazione dei veicoli e il danno prodottosi. Poiché il veicolo si muove solo in quanto da qualcuno condotto, per i danni derivanti dalla circolazione del medesimo risponde anzitutto il conducente, colui che è soggetto alla presunzione di colpa, avendo lo stesso l'effettiva disponibilità dei congegni meccanici atti a determinare il movimento del veicolo. Il conducente è responsabile se non prova di aver fatto tutto il possibile per evitare il danno. Si tratta di una responsabilità a colpa presunta, ove particolarmente ardua risulta essere la prova liberatoria, non è infatti sufficiente dimostrare l'assenza di colpa e quindi l'osservanza di un comportamento diligente, prudente ed esperto, ma è necessario dimostrare che il sinistro si verificato per un fatto qualificabile come caso fortuito, forza maggiore o fatto del danneggiato In tale contesto si pone, in particolare, la fattispecie dell'investimento di pedone, ove il conducente investitore va esente da responsabilità solo se il comportamento del pedone, improvviso e repentino, non consente alcuna manovra per evitare l'investimento In tutte queste ipotesi il danno è prodotto da una causa non imputabile al conducente, tale da escludere il nesso di causalità tra la circolazione e il danno stesso. La dottrina è prevalentemente concorde nell'individuare la colpa quale criterio soggettivo di attribuzione della responsabilità (responsabilità colposa). La colpa dei conducente sarebbe, infatti, presunta dal legislatore in ipotesi di danno provocato dalla circolazione dei veicoli. Il conducente potrà tuttavia vincere tale presunzione di colpa provando di aver fatto tutto il possibile per evitare il danno. E necessario, inoltre, considerare l'ipotesi in cui vi sia comportamento colposo da parte del danneggiato. In tal caso si concretizzerebbe una fattispecie di concorso di colpa, cioè il danno è in parte imputabile al comportamento colposo del danneggiato, vi è un concorso tra la colpa provata del danneggiato e la colpa presunta del conducente

6 RESPONSABILITA' DEL PROPRIETARIO DEL VEICOLO Accanto alla responsabilità del conducente è poi prevista una responsabilità concorrente e solidale del proprietario del veicolo (o di altri soggetti equiparati) che trova il proprio fondamento nel dovere di solidarietà sociale, qui declinalo nel senso di arrecare una più ampia tutela al danneggiato che potrebbe veder pregiudicate le proprie ragioni in caso di insolvenza del conducente. Nulla è dovuto dal coobbligato se questi dimostra che la circolazione è avvenuta contro la sua volontà, manifestatasi in un concreto e idoneo comportamento ostativo. Il danneggiato avrà a garanzia del proprio diritto, oltre al patrimonio del conducente, anche il patrimonio del proprietario del veicolo (e dei soggetti a esso assimilati) che risponde dell'illecito prodotto dal conducente. Controversa in dottrina è la natura di tale responsabilità. É stato sostenuto che si tratta di responsabilità per fatto proprio (nella specie di responsabilità per colpa), in quanto al proprietario è attribuito un comportamento colposo per non aver fatto tutto il possibile per evitare che la circolazione avvenisse. Si configura, quindi, un'ipotesi di presunzione di colpa, in quanto la disposizione fa carico al proprietario di provare che la circolazione sia avvenuta contro la propria volontà. Non è mancato, invece, chi ha ravvisato un'ipotesi di responsabilità per fatto altrui (responsabilità indiretta), ravvisando nella particolare relazione giuridica che lega il soggetto proprietario al veicolo il criterio di imputazione soggettiva dell'illecito. Il proprietario e i soggetti a esso assimilati potranno vincere la presunzione legale di colpa, provando che il veicolo ha circolato contro la loro volontà. E' evidente che il proprietario, così come i soggetti a esso assimilati, può liberarsi della presunzione di colpa prevista a suo carico anche dimostrando la non colpevolezza dei conducente del veicolo coinvolto nel sinistro. La mancanza di colpa del conducente esclude, ovviamente, l'intervento in garanzia dell'assicuratore della responsabilità civile auto. La garanzia assicurativa non è, altresì, operante, in caso di circolazione proibente domino, a partire dal giorno successivo a quello di presentazione della denuncia all'autorità di pubblica sicurezza. Quindi, in mancanza di presentazione della denuncia, la garanzia assicurativa sarà operante anche in caso di circolazione avvenuta contro la volontà del proprietario che non sarà considerato debitore in solido con il conducente.

7 RISARCIMENTO DANNO PATRIMONIALE NEGLI INCIDENTI STRADALI Il danno risarcibile, ovvero il pregiudizio riconosciuto al danneggiato ed oggetto di liquidazione o risarcimento in forma specifica, può avere natura patrimoniale o non patrimoniale. Tipi di danno patrimoniale Il danno patrimoniale è costituito dal: danno emergente, inteso come perdita patrimoniale netta (ad es.: distruzione del veicolo incidentato o delle cose in esso trasportate; affronto di spese necessarie e conseguenti al sinistro); lucro cessante, inteso come mancato guadagno RISARCIMENTO DANNO NON PATRIMONIALE NEGLI INCIDENTI STRADALI Il danno risarcibile, ovvero il pregiudizio riconosciuto al danneggiato ed oggetto di liquidazione o risarcimento in forma specifica, può avere natura patrimoniale (in quando produce, direttamente o indirettamente, un pregiudizio al patrimonio del soggetto leso) non patrimoniale.

8 IL PRINCIPIO DEL RISARCIMENTO L'art CC prevede la risarcibilità del cosiddetto danno non patrimoniale da intendersi come pregiudizio, non suscettibile di valutazione economica, derivante dal fatto illecito altrui. Il danno morale è il danno per le sofferenze psichiche, l'ansia ed il turbamento subito a seguito del fatto illecito altrui. Il danno esistenziale deve intendersi qualsiasi pregiudizio che l'individuo subisce alle attività realizzatrici della propria persona. Per danno biologico si intente la lesione dell'integrità psicofisica medicalmente accertata quale conseguenza della lesione del diritto alla salute di cui all'art. 32 della Costituzione. Danno da morte se dal fatto illecito altrui scaturisce la morte (alla quale possono essere equiparate le lesioni gravissime) del soggetto leso il risarcimento del danno avverrà a vantaggio degli eredi del de cuius secondo specifiche modalità.

9 PROCEDURE LIQUIDATIVE NELL'ASSICURAZIONE RCA Il danneggiato da incidente stradale, in via generale, può agire in giudizio per ottenere il risarcimento del danno da parte del danneggiante (art CC). Il diritto d'azione consiste nel potere di un soggetto, che si ritiene leso in un diritto o in un interesse legittimo, di richiedere l'intervento giurisdizionale dello Stato per ottenere la reintegrazione dell'ordine turbato. Il Codice delle assicurazioni private prevede il risarcimento in modo più semplificato e tempestivo da parte: Dell'assicurazione della controparte con azione diretta, Della propria compagnia assicuratrice con risarcimento diretto. In ogni caso il danneggiato deve richiedere il risarcimento mediante la compilazione di apposito modulo di constatazione amichevole

10 DENUNCIA DI SINISTRO In caso di scontro fra veicoli aventi l'obbligo di assicurazione, la disciplina prevede: l'obbligo per il proprietario di effettuare la denuncia di sinistro alla propria compagnia assicuratrice, in qualsiasi caso di sinistro, sia che quest'ultimo ritenga di essere la parte lesa che quella responsabile dell'incidente. in caso di mancata presentazione della denuncia di sinistro l'assicuratore "ha diritto di ridurre l'indennità in ragione del pregiudizio sofferto" e pertanto avrà diritto di rivalsa por tale parte; specifica modalità per l'adempimento di tale obbligo attraverso la compilazione e la consegna all'assicuratore di un apposito modulo conforme al modello approvato dall' ISVAP. una rilevante efficacia probatoria al predetto modulo, se firmato congiuntamente dai conducenti coinvolti nel sinistro. Tale obbligo incombe anche se con la controparte non si sia raggiunto un accordo e quindi non sia stato possibile redigere e firmare congiuntamente il predetto modulo. In tal caso il conducente dovrà comunque fornire e richiedere alla controparte i dati identificativi personali, della patente, del veicolo e dell'assicurazione RC, al fine di presentare denuncia alla propria assicurazione. Il modulo in questione deve essere consegnato dall'assicuratore al contraente in occasione della conclusione del contratto o del rinnovo dello stesso, nonché ogniqualvolta venga presentata una denuncia di sinistro.

11 ISTRUZIONI PER L'IMPIEGO DEL MODULO DI CONSTATAZIONE AMICHEVOLE- DENUNCIA DI SINISTRO 0 II modulo (uno solo riferito ad un sinistro per entrambi i soggetti, che può essere fornito da una delle parti o anche da terzi) va utilizzato per - denunciare il sinistro al proprio assicuratore; - richiedere i danni all'assicuratore di controparte del sinistro; - richiedere i danni al proprio assicuratore con la procedura di risarcimento diretto. Il Modulo Blu è costituito da due parti fondamentali: la prima, intitolata "Constatazione amichevole di incidente", nella quale vengono riportati i dati dei veicoli e la ricostruzione del sinistro, e la seconda, intitolata "Altre informazioni", dove si riportano le indicazioni in merito ad eventuali feriti e testimoni e i dati dei conducenti e dei proprietari del veicoli coinvolti. I campi vanno tutti compilati con la massima precisione ed è bene ricordare che, qualora le informazioni risultassero incomplete o false, l'assicuratore potrebbe rifiutare il risarcimento. Nei primi cinque campi non è necessario inserire i dettagli relativi ai feriti, che verranno invece descritti nella sezione "Altre informazioni", insieme ai seguenti altri dati: - i testimoni presenti, - i dati del proprietario del veicolo qualora siano diversi da quelli del conducente. Per i campi da 6 a 14 il modulo si divide in due parti, una azzurra, relativa al veicolo A, e una gialla, relativa al veicolo B. I conducenti dei due veicoli dovranno ognuno compilare la propria parte, prestando particolare attenzione ai campi 10 e 11 relativi alla dinamica del sinistro, indicando sul disegno eventuali danni visibili ai veicoli. Se non è possibile identificare e quantificare i danni fisici alle persone, sarà possibile accertarli successivamente presentando all'agenzia di assicurazione la relativa documentazione medico-sanitaria. Il modulo contiene proprie istruzioni, più sintetiche delle presenti, che si omettono ma il cui contenuto è qui trasfuso. Se l'altro conducente è in possesso di un modulo redatto in lingua diversa, potrà essere utilizzato alternativamente anche detto modulo, purché conforme al predetto modello approvato dall'[svap. Il modulo potrà essere compilato preferibilmente in stampatello, da ciascun conducente per la propria parte o anche da uno solo con l'assistenza dell'altro. I quattro esemplari del modulo (di cui tre a ricalco), identici tra loro, vengono ripartiti due per ciascun conducente ognuno dei quali ne consegnerà uno alla propria assicurazione (agenzia) ed uno lo tratterrà per sé. Sarà possibile apportare delle aggiunte solo se congiuntamente su tutte e quattro le copie. 1 Data e ora dell'incidente, 2 Luogo dell'incidente (indicare comune, provincia, via, numero del civico se l'incidente è avvenuto di fronte o nei pressi di un'immobile).

12 3 Barrare SI o NO in relazione alla presenza di feriti anche lievi. 4 Danni materiali ai veicoli. 5 Nominativi degli eventuali testimoni presenti al sinistro con estremi di cognome, nome, indirizzo e numero telefonico. I numeri che seguono vanno compilati per ciascuno dei due veicoli convenzionalmente indicati con A e B (qualora siano coinvolti altri veicoli occorrerà far uso di un ulteriore modulo). 6 Contraente dell'assicurazione cioè soggetto cui è intestata la polizza che potrà essere soggetto diverso dall'intestatario della carta di circolazione del veicolo: occorre indicare cognome, nome, codice fiscale o partita IVA se trattasi di impresa, indirizzo (comune, provincia, via e numero civico), CAP, Stato (se diverso da Italia), numero di telefono e/o . 7 Indicazione del veicolo (a motore o rimorchio) individuato con marca, tipo, (es. Fiat Punto), numero di targa, Stato di immatricolazione. 8 Compagnia di assicurazione, completo di numero di polizza, data di rilascio e di scadenza della polizza (dati desumibili anche dal contrassegno che dovrebbe essere esposto sul parabrezza). Aggiungere possibilmente anche il nome dell'agenzia o dell'ufficio che ha materialmente stipulato il contratto. 9 Conducente (dati da desumere dalla patente di guida): cognome, nome, data di nascita, indirizzo (comune, provincia, via e numero civico), Stato, numero patente, categoria patente (A, B, ecc.), data di validità, e ancora da richiedere al soggetto presente: codice fiscale, numero telefono o Indicare, sul disegno che può rappresentare molto schematicamente il veicolo (a due ruote, autovettura, autocarro) il punto d'urlo mediante una freccia. 11 Indicare in estrema sintesi i danni visibili (es. paraurti piegato). 12 Circostanze dell'incidente (fra le diverse ipotesi previste nel modulo contrassegnare con una x quelle che si adattano al caso concreto e quindi anche più di una) e indicare sull'ultima casella il numero delle caselle contrassegnate. 13 Grafico dell'incidente al momento dell'urto: riprodurre il tracciato della strada in cui è avvenuto l'incidente con la direzione di marcia dei veicoli mediante frecce contrassegnando i due veicoli con le lettere A, B (ed anche C e D se siano coinvolti più di due veicoli), indicare i segnali stradali eventualmente presenti, e i nomi delle diverse strade, in particolare se l'incidente è avvenuto in una intersezione (il grafico è comune ad entrambi i conducenti). 14 Osservazioni. 15 Firma dei conducenti (se il modulo è sottoscritto anche dall'altro conducente esse vale come constatazione amichevole di incidente e produce gli effetti della procedura di risarcimento che obbliga l'assicurazione, nel caso di soli danni ai veicoli o alle cose, a comunicare al danneggiato l'imporlo del risarcimento offerto entro 60 giorni (o 30 giorni qualora il modulo di

13 AZIONE DIRETTA DEL DANNEGGIATO Il diritto all'azione diretta attribuito al danneggiato sia in sede civile che penale nei confronti dell'assicuratore della RCA per il risarcimento dei danni provocati dal conducente del veicolo assicurato: rappresenta una delle più significative novità giuridiche introdotte dalla disciplina sull'assicurazione obbligatoria; costituisce una eccezione rispetto alla regola generale. Presupposto di fatto per l'esercizio dell'azione diretta è che l'evento dannoso verificatosi rientri tra quelli per cui vi è l'obbligo d'assicurazione, LEGITTIMAZIONE ALL'ESERCIZIO DELL'AZIONE DIRETTA La legittimazione è il potere attribuito ad un determinato soggetto di disporre in relazione a una determinata situazione giuridica. Pertanto la legittimazione si differenzia nettamente dalla capacità giuridica e da quella di agire. La legittimazione infatti esprime la competenza del soggetto a disporre. La capacità - rispettivamente giuridica e d'agire - esprime una valutazione di idoneità del soggetto alla titolarità o all'esercizio di posizioni giuridiche. L'incapacità inoltre comporta l'invalidità dell'atto mentre la mancanza di legittimazione comporta l'inefficacia dello stesso. Legittimati all'esercizio dell'azione diretta sono: soggetto danneggiato, assicuratore privato in virtù della surrogazione legale ex art CC nei diritti dell'assicurato, assicuratore sociale datare di lavoro, trasportati.

14 RESPONSABILITA' CIVILE NELLA CIRCOLAZIONE STRADALE Il Codice delle assicurazioni private (CAP) disciplina, tra l'altro, l'istituto della assicurazione obbligatoria della responsabilità civile derivante dalla circolazione dei veicoli a motore e dei natanti. La disciplina di tale particolare rapporto assicurativo si basa sui seguenti principi fondamentali: obbligo di stipulare un'assicurazione di responsabilità civile a carico dei soggetti potenzialmente responsabili e corrispettivo obbligo a contrarre da parte delle società di assicurazione regolarmente autorizzate all'esercizio del ramo RC auto; azione diretta del terzo danneggiato verso l'assicuratore per l'ottenimento del risarcimento del danno; costituzione del Fondo di garanzia per le vittime della strada, destinato al risarcimento di determinati danni a terzi, non garantiti a termini del contratto assicurativo reso obbligatorio. L'assicurazione obbligatoria degli autoveicoli e dei natanti si configura come assicurazione della responsabilità civile, a garanzia, ad un tempo, dell'integrità patrimoniale del responsabile e del conseguimento del risarcimento da parte del danneggiato. Lo scopo della disciplina, universalmente riconosciuto, è quello di garantire la corretta tutela delle posizioni giuridiche soggettive astratte, nonché l'effettività del risarcimento in favore del terzo danneggiato da sinistri stradali. Pertanto, può correttamente essere sostenuto che l'assicurazione di RC auto abbia una funzione "sociale". La funzione "sociale" di questo tipo di assicurazione si manifesta, tra l'altro con: ampliamento del rischio assicurato, rispetto a quanto previsto dalla disciplina generale sull'assicurazione contenuta nel codice civile. Costituiscono esempi in tal senso: - risarcibilità dei fatti dolosi dell'assicurato, fatto salvo il regresso dell'assicuratore; risarcimento del terzo nei casi di circolazione contro la volontà del proprietario del veicolo, nonché tutti gli altri casi di risarcimento con intervento del Fondo di garanzia per le vittime della strada; - modalità risarcitorie del trasportato e del pedone; concessione di un'azione diretta al danneggiato nei confronti dell'assicuratore; inopponibilità delle eccezioni contrattuali al danneggiato che agisce nei confronti dell'assicuratore.

15 La funzione di tutela del danneggiato si realizza attraverso la previsione dell'obbligo per il proprietario, di stipulare un contratto di assicurazione RC auto. Tuttavia, la garanzia non opera automaticamente in presenza degli elementi, sia soggettivi che oggettivi, ed al verificarsi degli eventi/condizioni previste dalla legge, ma è subordinata all'adempimento di obblighi, quali la denuncia del sinistro o il pagamento del premio, posti a carico di soggetti terzi rispetto al danneggiato. Sono oggetto di assicurazione obbligatoria i veicoli a motore senza guida di rotaie, immatricolati in Italia o registrati all'estero (se circolanti in Italia), posti in circolazione su strade di uso pubblico o su aree equiparate, nonché determinate categorie di natanti. Sotto il profilo soggettivo l'obbligo di assicurazione riguarda tutti coloro che pongono in circolazione veicoli a motore, avendone la giuridica o materiale disponibilità (conducente, proprietario e qualsiasi altro soggetto che ne acquisisca la disponibilità in base ad un titolo contrattuale). Il soggetto responsabile per la violazione dell'obbligo, quindi, non coincide necessariamente con il proprietario del veicolo: è la materiale disponibilità del veicolo il criterio attributivo di responsabilità per la violazione dell'obbligo assicurativo, la cui inosservanza determina l'irrogazione di una sanzione amministrativa pecuniaria. L'assicurazione può essere stipulata con qualsiasi impresa autorizzata ad esercitare il ramo assicurativo di responsabilità civile per i danni causati dalla circolazione di veicoli nel territorio italiano, sia in regime di stabilimento che di libera prestazione di servizi Chiunque sia rimasto danneggiato, a seguito di un incidente stradale, può chiedere il risarcimento del danno tanto al responsabile del sinistro quanto all'assicuratore della responsabilità civile. Tale disposizione non riguarda il conducente del veicolo responsabile del sinistro. Un diritto risarcitone, limitato ai danno alla persona, è invece riconosciuto al coniuge non legalmente separato, agli ascendenti ed ai discendenti legittimi, nonché agli affiliati ed agli altri parenti ed affini fino al terzo grado del responsabile, quando convivano con questi o siano a suo carico, nonché ai soci a responsabilità illimitata, ove l'assicurato sia una società. Tali soggetti non sono considerati terzi (in relazione al danno alle cose), e quindi non fruiscono integralmente dei benefici derivanti dai contratti di assicurazione stipulati a norma di legge.

16 Il danneggiato per sinistro causato dalla circolazione di un veicolo soggetto ad assicurazione obbligatoria può esperire un'azione diretta per il risarcimento del danno nei confronti dell'assicuratore, solo entro i limiti delle somme per le quali è stata stipulata l'assicurazione (massimale). L'assicuratore, per contro non può opporre al danneggiato le eccezioni derivanti dal contratto, né clausole che prevedano l'eventuale contributo dell'assicurato al risarcimento del danno. L'assicuratore ha solo un diritto di rivalsa nei confronti del proprio assicurato, nei limite in cui avrebbe potuto contrattualmente rifiutargli o ridurgli la prestazione. Nei casi in cui il sistema dell'assicurazione "privata" si dimostri inidoneo a garantire il risarcimento dei danni conseguenti al sinistro stradale, la legge ha previsto l'intervento di uno specifico organismo, denominato Fondo di garanzia per le vittime della strada, istituito presso la Concessionaria servizi assicurativi pubblici e posto sotto il controllo del Ministero dello sviluppo economico. Il Fondo risarcisce i sinistri causati da un veicolo: non identificato; non coperto da assicurazione; assicurato presso un'impresa operante nel territorio italiano in regime di stabilimento o di libertà di prestazione di servizi e che al momento del sinistro si trovi in stato di liquidazione coatta; posto in circolazione contro la volontà del proprietario o di soggetto assimilato; spedito, a fini d'importazione, nel territorio della Repubblica italiana da uno Stato membro dell'unione europea, ove nei trenta giorni dall'accettazione della consegna da parte dell'acquirente risulti coinvolto in un sinistro e sia privo di assicurazione; estero con targa non corrispondente o non più corrispondente allo stesso veicolo. Il Fondo è finanziato da un contributo delle imprese di assicurazione, determinato dal ministero dello Sviluppo Economico applicando un'aliquota percentuale sul premio di ciascun contratto RC auto. La principale voce di spesa del Fondo è rappresentata dai risarcimenti corrisposti per i danni provocati da automobilisti assicurati presso imprese poste in liquidazione coatta amministrativa.

17 OBBLIGO DI ASSICURAZIONE L'obbligo legale a contrarre a carico di chi pone in circolazione un veicolo a motore su strade di uso pubblico o su aree a queste equiparate, si configura come condictio iuris per l'uso legittimo del mezzo e richiama il concetto della licenza ovvero dell'abilitazione, richiesta per l'esercizio di un'attività altrimenti illecita. Infatti, così deve essere qualificata la condotta di chi pone in circolazione un veicolo privo di copertura assicurativa. OGGETTO DELL'OBBLIGO ASSICURATIVO Le disposizioni contenute nell'art. 122 del CAP, unitamente all'esplicito richiamo dell'art CC, operato dal legislatore, consentono d'individuare con certezza e precisione l'oggetto dell'obbligo assicurativo. DESTINATARI DELL'OBBLIGO ASSICURATIVO L'obbligo assicurativo grava su colui che ha la disponibilità giuridica del bene, quale responsabile della circolazione occasionale, nonché su tutti coloro che pongono di fatto in circolazione il veicolo, quindi, anche il comodatario ed il detentore occasionale. Tale impostazione è confermata dalla disposizione sanzionatoria dei CDS, che individua in chiunque circoli senza la copertura assicurativa il soggetto destinatario della sanzione amministrativa pecuniaria. Ne consegue che in mancanza di garanzia, soggiace a sanzione non soltanto colui che era tenuto all'obbligo assicurativo in qualità di proprietario o possessore qualificato del mezzo e, quindi, responsabile della messa in circolazione dello stesso, ma anche colui che di fatto lo ha utilizzato legittimamente, senza tuttavia avere uno specifico titolo giuridico all'uso.

18 VEICOLI A MOTORE La normativa di settore non individua esplicitamente le categorie dei veicoli a motore soggette all'obbligo assicurativo, né rinvia, per la determinazione della categoria, alle norme del codice della strada, che, con precisione, delineano il concetto di veicolo a motore e le singole categorie che nel medesimo sono ricomprese. Il legislatore ha, però, ritenuto necessario includere esplicitamente nel concetto di veicolo a motore i filoveicoli ed i rimorchi mentre ha attribuito ad un regolamento del Ministro dello sviluppo economico, su proposta dell'isvap, l'individuazione dei veicoli esclusi dall'obbligo di assicurazione. Si analizzano alcune casistiche particolari di veicoli soggetti all'obbligo dell'assicurazione: veicoli in circolazione di prova, rimorchi o semirimorchi. NATANTI Sono soggetti all'obbligo assicurativo per la responsabilità civile verso terzi prevista dall'art CC, compresa quella dell'acquirente con patto di riservato dominio e quella del locatario, in caso di locazione finanziaria, per danni alla persona: - i motori amovibili, di qualsiasi potenza, indipendentemente dall'unità alla quale vengo-no applicati, risultando in tal caso assicurato il natante sul quale è di volta in volta collocato il motore. - le unità da diporto, con esclusione delle unità non dotate di motore; - i natanti con tonnellaggio superiore ricevono specifica disciplina dalle norme del Codice della navigazione. - i natanti di stazza lorda non superiore a venticinque tonnellate che siano muniti di motore inamovibile di potenza superiore a tre cavalli fiscali e adibiti ad uso privato, diverso dal diporto, o al servizio pubblico di trasporto di persone; Il legislatore ha, inoltre, esplicitamente attribuito ad un regolamento del Ministro dello sviluppo economico, su proposta dell' ISVAP, l'individuazione dei natanti esclusi dall'obbligo di assicurazione e delle acque equiparate a quelle di uso pubblico.

19 VEICOLI NATANTI IMMATRICOLATI O REGISTRATI IN STATI ESTERI I veicoli a motore ed i natanti registrati o immatricolati all'estero, che circolino temporaneamente sul territorio o nelle acque territoriali della Repubblica italiana, devono essere assicurati per la responsabilità civile di cui all'art CC. Nel corso del tempo la regolamentazione di tale particolare fattispecie è progredita principalmente attraverso due strumenti d'intervento: gli accordi interbureaux, le direttive del Consiglio dei ministri e del Parlamento dell'unione europea. ASSICURAZIONI CORPI (INCENDIO, FURTO, KASKO) DI VEICOLI TERRESTRI E RISCHI DIVERSI NELLA CIRCOLAZIONE STRADALE Il 3 ramo assicurativo, definito dal legislatore del Codice delle assicurazioni private corpi di veicoli terrestri, comprende le assicurazioni contro ogni danno subito da veicoli terrestri. Si tratta di assicurazioni di cose, pertanto, l'oggetto dell'interesse dell'assicurato è un bene determinato (il veicolo). Nel ramo in questione rientra, principalmente, l'assicurazione diretta dei veicoli per i quali è obbligatoria l'assicurazione di responsabilità civile derivante dalla circolazione degli stessi. In particolare, i veicoli possono essere assicurati contro i sotto elencati rischi: 1) incendio, 2) furto, 3) guasti accidentali/kasko.

20 1) INCENDIO L'assicurazione contro l'incendio dei veicoli terrestri non presenta particolarità o differenze rispetto a quella prestata, nell'ambito dei rami elementari, per altri beni; infatti ha Io scopo di indennizzare i danni materiali e diretti causati ai veicoli terrestri in conseguenza di un incendio. Per quanto riguarda l'ambito di applicazione della garanzia, si evidenzia che la stessa non è limitata alla fase di circolazione del mezzo in aree pubbliche o aperte al pubblico, ma opera anche allorquando il bene assicurato si trovi in una situazione di stasi ed anche in luoghi non deputati al pubblico accesso. Nelle condizioni contrattuali praticate dalle imprese sono spesso presenti clausole di stile con le quali si intende indicare che non vi sono luoghi o circostanze legate al moto del bene assicurato che possano escludere la copertura assicurativa. È da sottolineare che il danno da incendio subito da un veicolo può essere oggetto di una pluralità di coperture assicurative: assicurazione diretta, stipulata dall'utilizzatore del veicolo; assicurazione indiretta, stipulata, ad esempio, dal gestore di un'auto rimessa a garanzia dei danni derivanti da incendio ai locali ed al relativo contenuto. In tali fattispecie l'assicuratore che garantisce direttamente il bene assicurato è tenuto, ex art CC, a indennizzare interamente il danno subito dal veicolo, fatta salva l'azione di regresso nei confronti dell'altro assicuratore.

IL RISARCIMENTO DEL DANNO

IL RISARCIMENTO DEL DANNO IL RISARCIMENTO DEL DANNO Il risarcimento del danno. Ma che cosa s intende per perdita subita e mancato guadagno? Elementi costitutivi della responsabilità civile. Valutazione equitativa. Risarcimento

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

Fascicolo informativo

Fascicolo informativo Polizza Auto Fascicolo informativo Contratto di Assicurazione per Autovetture Il presente Fascicolo Informativo, contenente la Nota Informativa comprensiva del Glossario e le Condizioni di Assicurazione,

Dettagli

Norme che regolano il contratto

Norme che regolano il contratto Norme che regolano il contratto Mod. 250/B ed. 04/2007 (dati tipografia, n copie) L assicurazione in generale DEFINIZIONI Nel testo di polizza si intendono per: Assicurazione: il contratto di assicurazione

Dettagli

Nobis Compagnia di Assicurazioni INFORMATIVA, COMPRENSIVA DEL GLOSSARIO NOBISTRUCK A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE LA CIRCOLAZIONE

Nobis Compagnia di Assicurazioni INFORMATIVA, COMPRENSIVA DEL GLOSSARIO NOBISTRUCK A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE LA CIRCOLAZIONE Indice Nobis Compagnia di Assicurazioni I. NOTA NOBISTRUCK INFORMATIVA, COMPRENSIVA DEL GLOSSARIO Pagina della Nota informativa A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE... 1.... 2. DI RESPONSABILITÀ... CIVILE PER

Dettagli

CONTRATTO DI ASSICURAZIONE PER NATANTI

CONTRATTO DI ASSICURAZIONE PER NATANTI CONTRATTO DI ASSICURAZIONE PER NATANTI Il presente fascicolo informativo contenente: a) Nota Informativa, comprensiva del glossario; b) Condizioni di assicurazione Deve essere consegnato al contraente

Dettagli

ISTRUZIONI PER L USO

ISTRUZIONI PER L USO ASSOCIAZIONE DI BOLOGNA Servizi alla Comunità Settore Autoriparazione AUTO SOSTITUTIVA ISTRUZIONI PER L USO Premessa pag. 3 Tipologie con le quali è possibile gestire il servizio pag. 4 Aspetti gestionali

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

Condizioni contrattuali polizza motocicli, ciclomotori e altri veicoli

Condizioni contrattuali polizza motocicli, ciclomotori e altri veicoli Condizioni contrattuali polizza motocicli, ciclomotori e altri veicoli La Compagnia di assicurazione diretta del INDICE Servizio Assistenza Clienti Servizio Sinistri +390306762100 Per chiamate dall estero

Dettagli

protezione al volante

protezione al volante auto e moto protezione al volante IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: NOTA INFORMATIVA COMPRENSIVA DEL GLOSSARIO CONDIZIONI GENERALI DI ASSICURAZIONE COMPRENSIVE DELL INFORMATIVA SULLA PRIVACY

Dettagli

AUTOSYSTEM PIÙ DRIVERSYSTEM PIÙ MOTOSYSTEM PIÙ. Le polizze più complete per i tuoi veicoli. Condizioni di assicurazione. www.toroassicurazioni.

AUTOSYSTEM PIÙ DRIVERSYSTEM PIÙ MOTOSYSTEM PIÙ. Le polizze più complete per i tuoi veicoli. Condizioni di assicurazione. www.toroassicurazioni. AUTOSYSTEM PIÙ DRIVERSYSTEM PIÙ MOTOSYSTEM PIÙ Le polizze più complete per i tuoi veicoli Condizioni di assicurazione www.toroassicurazioni.it Indice Pagina AUTOSYSTEM PIÙ - DRIVERSYSTEM PIÙ - MOTOSYSTEM

Dettagli

GENERALI SEI IN AUTO

GENERALI SEI IN AUTO GENERALI SEI IN AUTO AUTOVETTURE Il presente Fascicolo informativo, contenente Nota informativa, comprensiva del Glossario Condizioni di Assicurazione deve essere consegnato al Contraente prima della sottoscrizione

Dettagli

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti.

4) In ogni caso, a prescindere dal rimedio scelto la vittima dell altrui inadempimento potrà comunque agire per il risarcimento dei danni subiti. LA RISOLUZIONE. PREMESSA Sappiamo che un contratto valido può non produrre effetto, o per ragioni che sussistono sin dal momento in cui lo stesso viene concluso (ad es. la condizione sospensiva), o per

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER AUTOVETTURE PRODOTTO NUOVA 1a GLOBAL

NOTA INFORMATIVA PER AUTOVETTURE PRODOTTO NUOVA 1a GLOBAL headerl_headerr_footerr[jpiepag_con1]_footerl[jpiepag_con1] $c1$ c:\form\logo\unipol_div_sai.jpg c:\form\logo\ c:\form\logo\piedino_solo_datisoc.bmp 70 50 c:\form\logo\unipol_bollino.bmp 100 Ellena_unipolsai.png

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto Mini Guida Lotta alle frodi nella RC Auto Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LOTTA ALLE FRODI NELLA RC AUTO Le frodi rappresentano un problema grave per il settore della

Dettagli

AUTOVETTURE FASCICOLO INFORMATIVO. Helvetia Italia Assicurazioni S.p.A. una Società del Gruppo Helvetia.

AUTOVETTURE FASCICOLO INFORMATIVO. Helvetia Italia Assicurazioni S.p.A. una Società del Gruppo Helvetia. FASCICOLO INFORMATIVO Contratto di assicurazione di responsabilità civile per la circolazione di veicoli a motore di tipo: AUTOVETTURE Mod. FI-VAUTO1 - Ed. 04/2014 Il presente fascicolo informativo, riservato

Dettagli

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO CONVENZIONE POLIZZA DI RESPONSABILITA CIVILE PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO FOR INSURANCE BROKER SRL, Società di Brokeraggio con sede principale a Castelfranco V.to, Ha stipulato con i

Dettagli

IN AUTO PIÙ NEW Autocarri e altri veicoli da lavoro

IN AUTO PIÙ NEW Autocarri e altri veicoli da lavoro Arca Assicurazioni S.p.A. Contratto di assicurazione di responsabilità civile per la circolazione di veicoli a motore (R.C.A.) e per i danni al veicolo IN AUTO PIÙ NEW Autocarri e altri veicoli da lavoro

Dettagli

CONTRATTO DI ASSICURAZIONE MULTIRISCHI ALTRI VEICOLI

CONTRATTO DI ASSICURAZIONE MULTIRISCHI ALTRI VEICOLI CONTRATTO DI ASSICURAZIONE MULTIRISCHI ALTRI VEICOLI Il presente Fascicolo Informativo, contenente la Nota Informativa, comprensiva del Glossario e le Condizioni di assicurazione deve essere consegnato

Dettagli

PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI

PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI COS E A CHI E RIVOLTA COSA OFFRE RC PROFESSIONALE È un programma assicurativo studiato per offrire una copertura completa e personalizzabile in base alle specifiche esigenze. Sono previste garanzie in

Dettagli

CODICE DELLE ASSICURAZIONI PRIVATE

CODICE DELLE ASSICURAZIONI PRIVATE CODICE DELLE ASSICURAZIONI PRIVATE (DECRETO LEGISLATIVO 7 settembre 2005, n. 209) redazione a cura della Sezione Consulenza Legale aggiornato ad aprile 2010 [1] INDICE TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

Contratto di assicurazione per autovetture

Contratto di assicurazione per autovetture Contratto di assicurazione per autovetture Il presente Fascicolo Informativo, contenente la Nota Informativa comprensiva del Glossario, le Condizioni di Assicurazione e, dove prevista, la Proposta, deve

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

Cosa fanno gli altri?

Cosa fanno gli altri? Cosa fanno gli altri? Sig. Morgan Moras broker di riassicurazione INCENDIO (ANIA) Cosa fanno gli altri? rami assicurativi no copertura polizza incendio rischi nominali - rischio non nominato - esplosione,

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La Repubblica Italiana ed il Regno dell Arabia Saudita desiderando intensificare

Dettagli

Liquidazione dei danni causati ai veicoli privati utilizzati nell ambito dell esercizio del mandato parlamentare

Liquidazione dei danni causati ai veicoli privati utilizzati nell ambito dell esercizio del mandato parlamentare Liquidazione dei danni causati ai veicoli privati utilizzati nell ambito dell esercizio del mandato parlamentare 1. In generale Conformemente all articolo 4 capoverso 2 dell ordinanza dell Assemblea federale

Dettagli

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015

Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 Termini e Condizioni di Prenotazione Valide da Aprile 2015 1 CONDIZIONI GENERALI DI NOLEGGIO Termini e Condizioni di Prenotazione I servizi di noleggio di veicoli Europcar in Italia sono erogati da Europcar

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

CARD CONVENZIONE tra ASSICURATORI

CARD CONVENZIONE tra ASSICURATORI CARD CONVENZIONE tra ASSICURATORI per il RISARCIMENTO DIRETTO in attuazione dell art.13 del Decreto del Presidente della Repubblica del 18 luglio 2006, n. 254 Ed. 240107 1 Definizioni Agli effetti della

Dettagli

Fascicolo Informativo edizione 01.04.2015. Modello: AZ FI000 VEIC RCAARD AFOARD 01042015 0019. Il presente Fascicolo Informativo, contenente:

Fascicolo Informativo edizione 01.04.2015. Modello: AZ FI000 VEIC RCAARD AFOARD 01042015 0019. Il presente Fascicolo Informativo, contenente: CONTRATTO DI ASSICURAZIONE PER LA RESPONSABILITA CIVILE AUTO E CORPI VEICOLI TERRESTRI Autocarri Camper - Autocase - Motocarri - Targhe Prova Autobus Filobus Macchine Operatrici e carrelli Macchine Agricole

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

Le patenti sono 15, ciascuna con una sua autonomia, senza categorie e sottocategorie.

Le patenti sono 15, ciascuna con una sua autonomia, senza categorie e sottocategorie. ENTRA IN VIGORE LA PATENTE UNICA EUROPEA (parte generale) 19 gennaio 2013: entra in vigore la patente dell Unione Europea, unica ed uguale per tutti i cittadini europei, in formato card, con la foto digitale

Dettagli

LE DISCRIMINAZIONI SUI LUOGHI di LAVORO

LE DISCRIMINAZIONI SUI LUOGHI di LAVORO 1 LE DISCRIMINAZIONI SUI LUOGHI di LAVORO Il tema discriminazioni e della promozione delle pari opportunità nei luoghi di lavoro è un argomento di grande attualità perché investe profili di carattere tecnico-

Dettagli

Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale

Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale Comune di Sanluri Provincia del Medio Campidano Regolamento per l utilizzo dei locali scolastici di proprietà comunale Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n 66 del 26.11.2004. Sommario Art.

Dettagli

AUTOSYSTEM PIÙ. Contratto di Assicurazione di Responsabilità Civile Auto e dei Rami Danni

AUTOSYSTEM PIÙ. Contratto di Assicurazione di Responsabilità Civile Auto e dei Rami Danni AUTOSYSTEM PIÙ Contratto di Assicurazione di Responsabilità Civile Auto e dei Rami Danni Contratto di assicurazione di Tutela Legale per la copertura dei rischi di assistenza stragiudiziale e giudiziale

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing. (Enti e Aziende)

RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing. (Enti e Aziende) RICHIESTA DI ABBONAMENTO AL SERVIZIO DI CAR SHARING Genova Car Sharing (Enti e Aziende) Richiesta di abbonamento del Il/La sottoscritta Nome Cognome Legale Rappresentante dell Azienda Attività Sede Legale

Dettagli

Guaranteed Asset Protection INSURANCE

Guaranteed Asset Protection INSURANCE CARDIF ASSURANCES RISQUES DIVERS S.A. POLIZZA COLLETTIVA N. 5253/02 Guaranteed Asset Protection INSURANCE (data dell ultimo aggiornamento: 31.01.2012) IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO, CONTENENTE LA NOTA

Dettagli

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81)

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Mod. 4 bis - Prest. DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53 d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18 comma 1 lettera r d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Alla Sede INAIL INAIL TIMBRO DI ARRIVO Data di spedizione

Dettagli

Contratto di Assicurazione per la Responsabilità Civile Autoveicoli terrestri ed altre garanzie. Modello S09052A/KS Ed. 01.05.2015

Contratto di Assicurazione per la Responsabilità Civile Autoveicoli terrestri ed altre garanzie. Modello S09052A/KS Ed. 01.05.2015 Contratto di Assicurazione per la Responsabilità Civile Autoveicoli terrestri ed altre garanzie. Modello S09052A/KS Ed. 01.05.2015 IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE a) Nota Informativa comprensiva

Dettagli

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose;

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose; articolo 7: Regolamentazione della circolazione nei centri abitati 1. Nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco: a) adottare i provvedimenti indicati nell'art. 6, commi 1, 2 e 4; b)

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

www.sanzioniamministrative.it

www.sanzioniamministrative.it SanzioniAmministrative. it Normativa Legge 15 dicembre 1990, n. 386 "Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari" (Come Aggiornata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507) Art. 1. Emissione

Dettagli

SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE DIVISIONE PRODOTTI E PRATICHE DI VENDITA

SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE DIVISIONE PRODOTTI E PRATICHE DI VENDITA SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE DIVISIONE PRODOTTI E PRATICHE DI VENDITA Roma 9 marzo 2015 Prot. n. 45-15 001407 All.ti n. Alle Imprese di assicurazione con sede legale in Italia che esercitano la r.c.

Dettagli

AUTO CONTRATTO DI ASSICURAZIONE PER LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTOVETTURE. Genertel S.p.A.

AUTO CONTRATTO DI ASSICURAZIONE PER LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTOVETTURE. Genertel S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE PER LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTOVETTURE Genertel S.p.A. AUTO Il presente Fascicolo informativo, contenente la Nota Informativa e le Condizioni di Assicurazione, deve essere consegnato

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

Schema di decreto legislativo recante disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto Atto del Governo 130

Schema di decreto legislativo recante disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto Atto del Governo 130 Schema di decreto legislativo recante disposizioni in materia di non punibilità per particolare tenuità del fatto Atto del Governo 130 Dossier n 135 - Schede di lettura 12 gennaio 2015 Informazioni sugli

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo del Regno del Marocco (qui

Dettagli

4. LE OBBLIGAZIONI 1

4. LE OBBLIGAZIONI 1 4. LE OBBLIGAZIONI 1 OBBLIGAZIONI Ad esse è dedicato il Libro IV Codice Civile artt. 1171-1320 cod. civ. strumento tecnicamente adottato al fine di semplificare la disciplina e dettare una disciplina unitaria

Dettagli

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione)

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione) Legge 8 agosto 1995, n. 335. Riforma del sistema pensionistico obbligatorio e complementare... OMISSIS Art. 2. (Armonizzazione).. OMISSIS 26. A decorrere dal 1 gennaio 1996, sono tenuti all'iscrizione

Dettagli

Genertel S.p.A. Prima della sottoscrizione leggere attentamente la Nota Informativa.

Genertel S.p.A. Prima della sottoscrizione leggere attentamente la Nota Informativa. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE PER LA CIRCOLAZIONE DI ALTRI VEICOLI Genertel S.p.A. G l S A ALTRI ALTRI VEICOLI Il presente Fascicolo informativo, contenente la Nota Informativa e le Condizioni di Assicurazione,

Dettagli

Guida pratica alle Assicurazioni

Guida pratica alle Assicurazioni Guida pratica alle Assicurazioni Le regole delle Assicurazioni R.C. Auto, Vita, Previdenziali e Malattia spiegate dall Autorità di vigilanza del settore Sommario Che cosa è l ISVAP 5 Assicurazioni R.C.

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

SAPERE ABBANDONO DI RIFIUTI

SAPERE ABBANDONO DI RIFIUTI IL CASO: La Polizia Locale rinviene su di un area privata in stato di degrado, che risulta parzialmente delimitata, rifiuti di vario genere (pezzi di auto, pneumatici, elettrodomestici e rifiuti urbani

Dettagli

Contratto di Assicurazione Autovetture

Contratto di Assicurazione Autovetture Fascicolo Informativo Modello 35000 - Edizione Aprile 2015 Contratto di Assicurazione Autovetture Responsabilità Civile verso Terzi, Incendio e Furto, Cristalli e Perdite Pecuniarie, Kasko, Eventi Naturali

Dettagli

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE Tutti i prodotti che compri da Apple, anche quelli non a marchio Apple, sono coperti dalla garanzia legale di due anni del venditore prevista dal Codice del Consumo (Decreto

Dettagli

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss.

G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. G. BALLARANI, Voce, Rappresentanza, nell Enc. Il diritto, vol. XII, il sole 24 ore, 2008, p. 640 ss. Rappresentanza PREMESSA Con il termine rappresentanza si indica il potere di un soggetto (il rappresentante)

Dettagli

Proprietario Sì! ma solo sulla carta! Divieto di intestazione fittizia dei veicoli, art. 94-bis C.d.S.

Proprietario Sì! ma solo sulla carta! Divieto di intestazione fittizia dei veicoli, art. 94-bis C.d.S. codice della strada di Raffaele Chianca* e Gianluca Fazzolari** Proprietario Sì! ma solo sulla carta! Divieto di intestazione fittizia dei veicoli, art. 94bis C.d.S. Nel non troppo lontano 2009 il nostro

Dettagli

Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org.

Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org. Sostegno della maternità e della paternità - Legge 8 marzo 2000, n. 53. (Circolare n. 4/1-S-729, in data 10 giugno 2000, del Min. Giustizia, Org. giud., Uff, II) Con la presente nota-circolare si ritiene

Dettagli

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE AREA LAVORO E PREVIDENZA INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE (a cura di Ernesto Murolo) Indice QUANDO SI MANIFESTA UN INFORTUNIO SUL LAVORO...5 1. Se l infortunio ha prognosi fino a 3 giorni...5

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

I CONTRATTI. DI merci. avv. prof. Maurizio Riguzzi

I CONTRATTI. DI merci. avv. prof. Maurizio Riguzzi I CONTRATTI NELL autotrasporto DI merci avv. prof. Maurizio Riguzzi 532 CONTRATTO DI TRASPORTO DELLE MERCI E OBBLIGAZIONI DELLA FILIERA Sommario: 532.0 QUADRO GENERALE 532.1 CONTRATTO DI TRASPORTO DI

Dettagli

Documento. 10 Novembre 2011

Documento. 10 Novembre 2011 Documento 10 Novembre 2011 Rimborso della Tassa di concessione governativa sull utilizzo dei telefoni cellulari: un quadro d insieme delle interpretazioni in essere e sulle possibili soluzioni operative

Dettagli

Contratto di Assicurazione Protezione Rischi (CVT ed Assistenza stradale) Nuova 1 Global Linea Veicoli

Contratto di Assicurazione Protezione Rischi (CVT ed Assistenza stradale) Nuova 1 Global Linea Veicoli La polizza auto cucita su misura per te. Contratto di Assicurazione Protezione Rischi (CVT ed Assistenza stradale) Nuova 1 Global Linea Veicoli Modello 14-000000094 - Ed. 01.05.2015 IL PRESENTE FASCICOLO

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario:

le situazioni giuridiche soggettive del diritto AMMinisTrATiVo sommario: Capitolo Secondo Le situazioni giuridiche soggettive del diritto amministrativo Sommario: 1. Definizione di situazione giuridica soggettiva. - 2. Il diritto soggettivo. - 3. Gli interessi legittimi. -

Dettagli

Sara Impresa e professione

Sara Impresa e professione Sara Impresa e professione contratto di assicurazione di tutela legale per l'impresa e la professione Fascicolo Informativo ll presente Fascicolo Informativo, contenente: a) Nota Informativa comprensiva

Dettagli

TESTATA DA UTILIZZARSI PER GLI STAMPATI DI GRUPPO

TESTATA DA UTILIZZARSI PER GLI STAMPATI DI GRUPPO ZuriGò Contratto di Assicurazione di Responsabilità Civile Auto e Altri Rischi Diversi Autobus, rimorchi di autobus, autocarri, rimorchi di autocarri, motocarri, ciclomotori per trasporto cose, macchine

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

HELP 03 RIMBORSI SPESE

HELP 03 RIMBORSI SPESE a cura di Flavio Chistè RIMBORSI SPESE RIMBORSI SPESE Nella gestione ordinaria degli enti non commerciali accade spesso che vengano erogate delle somme ai collaboratori, ai professionisti e ai dipendenti

Dettagli

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it COMUNE DI CELLE LIGURE PROVINCIA DI SAVONA VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it Ufficio Entrate Tributarie e Tariffarie A decorrere

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA CAPO I

REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA CAPO I REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA CAPO I SERVIZIO DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA ART.1 - DEFINIZIONE DEL SERVIZIO Sono definiti

Dettagli

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA Spett.le ACSM-AGAM S.p.A. Via P. Stazzi n. 2 22100 COMO CO Oggetto: Dichiarazione sostitutiva in merito al possesso dei requisiti di ordine generale prescritti dall

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 LA RESPONSABILITA CONTRATTUALE AI SENSI DEGLI ARTT. 1667 E 1668 C.C.

L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 LA RESPONSABILITA CONTRATTUALE AI SENSI DEGLI ARTT. 1667 E 1668 C.C. L impresa e l appalto: responsabilità e adempimenti Torino, 1 luglio 2008 La responsabilità dell appaltatore per i vizi e le difformità dell opera: la verifica e il collaudo Avv. Alessandro SCIOLLA LA

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario Di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Ambito di applicazione. 3. Principi fondamentali. 3.1.

Dettagli

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto 2_7.qxd 30/06/2010 14.34 Pagina 2 CONTRATTO A TERMINE Proroga e continuazione di fatto di Geppino Tocci - Funzionario INPS Una delle principali finalità della direttiva europea 28 giugno 1999, n. 1999/70,

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Legge 15 dicembre 1990, n. 386, come modificata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507. Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Art. 1. Emissione di assegno senza autorizzazione

Dettagli

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2

CODICE ETICO. Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 Sommario 1. Premessa Pag. 2 2. Principi Pag. 2 2.1 Principi generali Pag. 2 2.2. Principi di condotta Pag. 2 2.3 Comportamenti non etici Pag. 3 2.3. Principi di trasparenza Pag. 4 3 Relazioni can il personale

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione

Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione LEGGE 20 FEBBRAIO 1958, n. 75 (GU n. 055 del 04/03/1958) ABOLIZIONE DELLA REGOLAMENTAZIONE DELLA PROSTITUZIONE E

Dettagli

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale. Direzione generale per l'attività Ispettiva

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale. Direzione generale per l'attività Ispettiva Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Direzione generale per l'attività Ispettiva Direzione generale della Tutela delle Condizioni di Lavoro Roma, 14 Giugno 2006 Circolare n. 17/2006 Prot. N.

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO Informazioni Societarie Fondazione Prada Largo Isarco 2 20139 Milano, Italia P.IVA e codice fiscale 08963760965 telefono +39.02.56662611 fax +39.02.56662601 email: amministrazione@fondazioneprada.org TERMINI

Dettagli

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE OVS S.P.A. Approvato dal Consiglio di Amministrazione di OVS S.p.A. in data 23 luglio 2014, in vigore dal 2 marzo 2015 1 1. PREMESSA

Dettagli

Procedimento di controllo Commissione Contratti

Procedimento di controllo Commissione Contratti Procedimento di controllo Commissione Contratti PARERE IN MATERIA DI CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA Con la presente si comunica che, nell ambito del procedimento in oggetto, la Commissione Contratti di

Dettagli

Codice di deontologia e di buona condotta per i trattamenti di dati personali per scopi statistici e scientifici

Codice di deontologia e di buona condotta per i trattamenti di dati personali per scopi statistici e scientifici Altri atti o documenti - 13 maggio 2004 Codice di deontologia e di buona condotta per i trattamenti di dati personali per scopi statistici e scientifici sottoscritto da: Conferenza dei Rettori delle Università

Dettagli