PLC51 AUTOMAZIONE. di G.Filella e C. Befera

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PLC51 AUTOMAZIONE. di G.Filella e C. Befera filella@tin.it"

Transcript

1 PLC51 di G.Filella e C. Befera Ecco il piccolo Davide, un ottimo esempio di come l elettronica si integra con l informatica: un potente PLC controllabile tramite la porta seriale di un personal computer. Chi lavora con l elettronica da diversi anni ha certamente apprezzato le ottime caratteristiche del PLC51 che vi abbiamo descritto nel numero di gennaio. In questa seconda parte illustreremo le caratteristiche circuitali e la realizzazione pratica delle tre schedine: CPU Adapter per PC Interfaccia di potenza. Tutto questo è necessario per comprendere ed utilizzare il PLC in abbinamento al software per PC, in grado di mettere a disposizione una serie di strumenti che diventano parte integrante del circuito e che garantiscono la possibilità di utilizzare il dispositivo per una grande varietà di applicazioni, dall Home Automation alla realizzazione di automatismi per macchine elettriche. SCHEMA ELETTRICO MICRO CPU Il cuore di questa scheda è il microcontroller Atmel AT89C2051, dotato di 15 porte di I/O bidirezionali, un interfaccia uart programmabile, 2 timer e un comparatore analogico. All interno della memoria del microcontrollore risiede un programma interprete in grado di riconoscere e gestire tutto il set di istruzioni previste dal sistema PLC. Come visibile dallo schema nel nostro progetto sono utilizzati 11 port/pin, 6 configurati come input digitali e 5 configurati come output e tutti fanno capo al connettore a 17 poli che costituisce il collegamento verso l esterno. Questi 11 segnali piloteranno direttamente, od attraverso la scheda d interfaccia, i sensori e gli attuatori che il PLC dovrà gestire. Altri 2 port/pin del controller (tx ed rx dell uart) sono collegati al connettore al quale viene allacciato l Adapter per il collegamento con il PC. Per ridurre le dimensioni della schedina ed evitare batterie tampone, si è utilizzata un eeprom seriale 24C16 gestita in scrittura e lettura dal micro attraverso gli ultimi 2 port/pin dei 15 disponibili. A questi pin vengono assegnate le funzioni di SDA e SCL, tipiche per questa famiglia di eprom. Nella memoria saranno salvati i programmi come sequenza di istruzioni che il micro dovrà eseguire. Completano la scheda CPU il circuito di clock, con il tipico quarzo da MHz, il circuito di reset del controller (segnale disponile a connettore) e lo stabilizzatore di tensione a 5 Vcc. SCHEMA ELETTRICO ADAPTER RS232 I segnali tx e rx del microcontroller sono di tipo TTL, mentre per comunicare con un interfaccia seriale standard di un PC occorrono livelli di tensione di +/- 12V o poco inferiori, valori tipici dello standard RS232. Per ovviare a questo inconveniente si è prevista una piccolissima scheda contenente un adattatore di livelli da standard TTL a RS232, realizzato con il classico integrato MAX232. Secondo quanto consigliato dal costruttore, nello schema elettrico sono presenti, oltre all integrato, solo i condensatori C1, C2, C3, C4 e C5 controllati dall integrato stesso. SCHEMA ELETTRICO INTERFACCIA POTENZA Per collegare sensori (fotocellule, rilevatori induttivi ecc.) ed attuatori (relè 62

2 Schema elettrico MICRO CPU Figura 1 63

3 Figura 2 Circuito stampato della basetta CPU51 visto dal lato rame in scala 1:1 e dal alto componenti. Figura 3 Disposizione dei componenti sul circuito stampato ELENCO COMPONENTI CPU51 R1: resistore da 10 kω 1/4 W R2: resistore da 10 kω 1/4 W C1: condensatore elettrolitico da 3,3 µf/50 V C2: condensatore ceramico da 0,1 µf C3: condensatore elettrolitico da 3,3 µf/50 V C4: condensatore elettrolitico da 3,3 µf/50 V C5: condensatore ceramico da 15 pf C6: condensatore ceramico da 15 pf D1: IN4148 Q1: Quarzo MHz U1: AT89C2051 IC1: 78LM05 IC2: M24C16 di potenza, elettrovalvalvole, ecc.) al PLC occorre una interfaccia in grado di gestire i livelli di tensione previsti per questo tipo di componentistica. Esistono vari standard industriali previsti come circuiteria di ingresso/uscita dei dispositivi a logica programmabile ma il più utilizzato, e quindi il più affermato, è sicuramente il PNP 24Vcc. Questo standard prevede che un segnale sia inteso vero o a livello 1 se la tensione dello stesso ha un valore di circa 20-30Vcc. Per il PLC51 si è realizzata un interfaccia industriale PNP 24Vcc in grado di innalzare le tensioni TTL delle uscite della CPU e di adattare (diminuire da 24Vcc a 5Vcc) le tensioni restituite dai sensori industriali PNP. Oltre a tutto questo la scheda d interfaccia, tramite LED, visualizzerà lo stato di tutti i ELENCO COMPONENTI ADAPTER C1: condensatore elettrolitico C2: condensatore elettrolitico C3: condensatore elettrolitico C4: condensatore elettrolitico C5: condensatore ceramico da 0,1 µf IC1: circuito integrato MAX232 segnali gestiti, sia in input che in output. La scheda, tramite un connettore a 17 poli femmina a pettine, riceve tutte le connessioni dalla scheda CPU mentre, attraverso 2 morsettiere (8 poli) a vite, avviene il collegamento Figura 4 Schema elettrico, circuito stampato e disposizione dei componenti dell ADAPTER RS232 64

4 Schema elettrico INTERFACCIA POTENZA Figura 5 65

5 degli input e degli output. L adattamento dei livelli di ingresso si effettua tramite partitore resistivo e la tensione in ingresso alla scheda CPU viene stabilizzata a 4,7Vcc tramite Zener. Il LED, posto direttamente sull ingresso a 24Vcc, svolge la duplice funzione di segnalazione ingresso attivo e controllo inversione polarità. L adattamento dei livelli di uscita avviene tramite un buffer integrato ULN2803 che pilota, oltre al LED di segnalazione output attivo, anche il transistor pnp di uscita BD140. Sulla scheda sono duplicati, tramite altri due connettori a pettine, il segnale di reset esterno ed i segnali di rx, tx, +5V e gnd per l Adapter seriale. REALIZZAZIONE PRATICA Il PLC51 è stato realizzato modularmente per poter essere inserito nell apposito contenitore visibile in figura 8 e i cui circuiti stampati, progettati allo scopo, sono visibili nelle figure 2, 4, 6. Analogamente, le figure 3, 4 e 7 illustrano la disposizione dei componenti. Seguendo i piani di montaggio riportati, crediamo che non esistano particolari difficoltà in fase realizzativa. Per quanto riguarda la scheda Micro CPU, si dovrà iniziare il montaggio saldando i componenti nel modo seguente: resistenze, diodo, regolatore di tensione 78LM05, condensatori, zoccoli da 20 e 8 pin che ospiteranno il microcontroller e la eeprom ed, infine, il connettore a pettine da 17 poli ed il quarzo. Una volta realizzata, questa scheda, potrebbe lavorare in modo autonomo con il solo ausilio dell Adapter seriale, si dovrà solo tenere conto dei livelli gestibili, ovvero pochi milliampere a 5Vcc. La costruzione dell Adapter per RS232 è semplicissima, si potrà omettere anche lo zoccolo per il MAX232, vista la robustezza e l affidabilità dello stesso. Una volta saldati l integrato ed i condensatori, si dovranno montare i terminali dove andranno saldati i fili dei due cavetti di collegamento, intestati in questo modo: Connettore a vaschetta 9 poli femmina verso il PC. Connettore a pettine 4 poli femmina verso la Micro CPU o interfaccia di potenza. L Adapter dovrà essere alloggiato in un piccolissimo contenitore di protezione. Leggermente più complessa Figura 6 Circuito stampato della basetta INTERFACCIA POTENZA visto dal lato rame in scala 1:1 e dal alto componenti. 66

6 Disposizione dei componenti sul circuito stampato INTERFACCIA POTENZA sarà la realizzazione dell interfaccia di potenza: anche in questo caso si dovrà iniziare il montaggio e la saldatura dai componenti più piccoli (resistenze, diodi), per continuare con i condensatori, lo zoccolo per l integrato ULN2803, le morsettiere ed i connettori, i transistor, il regolatore di tensione ed infine i LED. Se la scheda sarà inserita all interno di un apposito contenitore, si dovrà tenere conto che i LED devono essere visibili dall esterno, quindi occorrerà prevedere la giusta misura dei reofori, oppure rimandare Il contenitore in cui inserire il PLC51 Figura 8 la saldatura dei LED solo quando ci si è procurati il contenitore. La Micro CPU sarà connessa alla scheda d interfaccia di potenza tramite i relativi connettori da 17 poli, e tutte le connessioni con il mondo esterno, ad esclusione della fase di programmazione, saranno effettuate tramite le 2 morsettiere a vite da 8 poli che prevedono anche l alimentazione a 24Vcc del PLC. La scheda,una volta programmata, potrà essere resa autonoma ponticellando i pin rx e tx presenti sul connettore a 4 poli dell interfaccia. Prima di alimentare il PLC, consigliamo di controllare molto attentamente le saldature effettuate, considerato che le schede hanno delle piste particolarmente ravvicinate e, prima di fornire tensione, è buona norma controllare con un multimetro eventuali falsi contatti, cortocircuiti e saldature fredde. LA PROSSIMA PARTE Nella prossima puntata, che concluderà la descrizione del PLC51, ci occuperemo esclusivamente del software in grado di gestire tutto il PLC. Come abbiamo già accennato, questa sezione è stata particolarmente curata sia Figura 7 dal punto di vista funzionale che da quello grafico. Ci raccomandiamo, quindi, di non perdere il prossimo numero! Electronic shop 13 ELENCO COMPONENTI INTERFACCIA DI POTENZA R1-R6: resistori da 2,2 kω R7-R13: resistori da 1,5 kω R14-R18: resistori da 3,3 kω R19-R23: resistori da 1,5 kω C1: condensatore elettrolitico da 3,3 µf/50 V C2: condensatore elettrolitico da 3,3 µf/50 V C3: condensatore ceramico da 0,1 µf C4-C9: condensatori ceramici da 10 nf C10: condensatore elettrolitico da 0,1 µf/50 V D1-D6: ZENER 4.7V D7-D12: LED Rossi D=3mm D13: LED Verde D=3mm D14-D18: LED Rossi D=3mm D19: IN 4007 TR1-5: BD140 IC1: LM7812 IC2: ULN

minipic programmer / debugger per microcontrollori PIC Marco Calegari

minipic programmer / debugger per microcontrollori PIC Marco Calegari 1 minipic programmer / debugger per microcontrollori PIC Marco Calegari 1 Il minipic è uno strumento mediante il quale è possibile programmare i microcontrollori della Microchip ed eseguire, su prototipi

Dettagli

INTERFACCIA PER PC MEDIANTE PORTA SERIALE

INTERFACCIA PER PC MEDIANTE PORTA SERIALE INTERFACCIA PER PC MEDIANTE PORTA SERIALE Scheda d interfaccia per PC da collegare alla porta seriale. Consente di controllare otto uscite a relè e di leggere otto ingressi digitali e due analogici. Un

Dettagli

CHIAVE ELETTRONICA CON CHIP CARD (EEPROM) di Massimo e Leonardo Divito div.massimo@tiscali.it

CHIAVE ELETTRONICA CON CHIP CARD (EEPROM) di Massimo e Leonardo Divito div.massimo@tiscali.it CHIAVE ELETTRONICA CON CHIP CARD (EEPROM) di Massimo e Leonardo Divito div.massimo@tiscali.it Ecco a voi un semplice circuito utile ad attivare una serratura elettrica o a tenere sotto chiave qualsiasi

Dettagli

FT473K ESPANSIONE IN I 2 C-BUS A 8 RELE

FT473K ESPANSIONE IN I 2 C-BUS A 8 RELE ESPANSIONE IN I 2 C-BUS A 8 RELE Chi ha costruito e utilizzato il Controllo GSM bidirezionale con cellulari Siemens, descritto nel fascicolo n 71 della nostra rivista, ha certamente apprezzato le sue possibilità

Dettagli

CARICATORE TEMPORIZZATO PER BATTERIA Ni-Cd

CARICATORE TEMPORIZZATO PER BATTERIA Ni-Cd presenta CARICATORE TEMPORIZZATO PER BATTERIA Ni-Cd Per altri progetti visita www.sebaseraelettronica.altervista.org AVVERTENZE Tutto il materiale presente in questa relazione ha scopo puramente illustrativo,

Dettagli

MONTAGGIO E PROGRAMMAZIONE DEI PIC

MONTAGGIO E PROGRAMMAZIONE DEI PIC MONTAGGIO E PROGRAMMAZIONE DEI PIC Il montaggio di KDCCX è facile grazie al pcb industriale (già disponibile) con piazzole stagnate solder resist e serigrafie dei componenti. Una buona regola consiglia

Dettagli

PLC Programmable Logic Controller

PLC Programmable Logic Controller PLC Programmable Logic Controller Sistema elettronico, a funzionamento digitale, destinato all uso in ambito industriale, che utilizza una memoria programmabile per l archiviazione di istruzioni orientate

Dettagli

K6501. Controllo remoto telefonico ISTRUZIONI DI MONTAGGIO H6501IT-1

K6501. Controllo remoto telefonico ISTRUZIONI DI MONTAGGIO H6501IT-1 Controllo remoto telefonico Punti di saldatura totali: 338 Livello di difficoltà: principiante 1 2 3 4 5 avanzato K6501 ISTRUZIONI DI MONTAGGIO H6501IT-1 Potrete controllare da qualunque luogo con una

Dettagli

ALBRE24R2M3A. Descrizione pagina 2. Specifiche tecniche pagina 3. Layout pagina 4, 5. Mappe di cablaggio pagine 6, 7. Dimensioni pagina 8

ALBRE24R2M3A. Descrizione pagina 2. Specifiche tecniche pagina 3. Layout pagina 4, 5. Mappe di cablaggio pagine 6, 7. Dimensioni pagina 8 Ultimo aggiornamento: 12.11.2004 albatros ALBRE24R2M3A Descrizione pagina 2 Specifiche tecniche pagina 3 Layout pagina 4, 5 Mappe di cablaggio pagine 6, 7 Dimensioni pagina 8 Autodiagnosi pagina 9 tel.

Dettagli

Un semplice timer per

Un semplice timer per Timer programmabile 50 Un semplice timer per bromografo, programmabile da 1 a 3600 sec, con visualizzazione del tempo impostato e del tempo trascorso su display LCD 16x2. Utilissimo in laboratorio per

Dettagli

AMPLIFICATORE MOSFET MONO DA 300W

AMPLIFICATORE MOSFET MONO DA 300W CARATTERISTICHE E FUNZIONAMENTO AMPLIFICATORE MOSFET MONO DA 300W (cod.k4010) K4010 CARATTERISTICHE TECNICHE - POTENZA MUSICALE: 300W a 4 ohm/ 200W a 8 ohm. - POTENZA RMS: 155W a 4 ohm/100w a 8 ohm (a

Dettagli

Rossetto Flavio a.s. 2011/2012 classe 5E 2

Rossetto Flavio a.s. 2011/2012 classe 5E 2 Rossetto Flavio a.s. 2011/2012 classe 5E 2 2 e 4 pag vuota Finalità-Obiettivo pag. 5 Situazione di partenza pag. 6 Prime operazioni pag. 7 Schema elettrico pag. 9 Circuito stampato pag 10 Elenco componenti

Dettagli

IL PLC 1/9. permanente, la memoria volatile e i pin di I/O, oltre ad eventuali altri blocchi specializzati.

IL PLC 1/9. permanente, la memoria volatile e i pin di I/O, oltre ad eventuali altri blocchi specializzati. IL PLC 1/9 Storia Il motivo per il quale nacque il PLC fu la necessità di eliminare i costi elevati per rimpiazzare i sistemi complicatissimi basati su relè. Nel anni 70 la società Beadford Associates

Dettagli

PICOTEP - Ing. Ferdinando FUSCO

PICOTEP - Ing. Ferdinando FUSCO 1 2 Il nome del dispositivo nasce tra la fusione di quattro parole: PI CO TE P P.I.C. - Microcontrollore CONTROL Controllo TEMPERATURE - Temperatura P.W.M. Pulse Width Modulation (Modulazione di larghezza

Dettagli

Gestione delle Linee di Ingresso Optoisolate.

Gestione delle Linee di Ingresso Optoisolate. Corso di BASCOM AVR - (36) Corso Teorico/Pratico di programmazione in BASCOM AVR. Autore: DAMINO Salvatore. Gestione delle Linee di Ingresso Optoisolate. Un tipico utilizzo delle linee di I/O, presenti

Dettagli

Punti di saldatura totali: 94 Livello di difficoltà: principiante 1 2 3 4 5 avanzato CONTROLLO LUCI AUTO K3505 ISTRUZIONI DI MONTAGGIO

Punti di saldatura totali: 94 Livello di difficoltà: principiante 1 2 3 4 5 avanzato CONTROLLO LUCI AUTO K3505 ISTRUZIONI DI MONTAGGIO Punti di saldatura totali: 94 Livello di difficoltà: principiante 1 2 3 4 5 avanzato CONTROLLO LUCI AUTO K3505 Mai più batterie scariche a causa delle luci dimenticate accese. ISTRUZIONI DI MONTAGGIO H3505IT-1

Dettagli

Manuale Tecnico. Componenti OEM per impieghi industriali e didattici. Prodotto da Parsic Italia con sede a Cervia ( Ravenna ) info@parsicitalia.

Manuale Tecnico. Componenti OEM per impieghi industriali e didattici. Prodotto da Parsic Italia con sede a Cervia ( Ravenna ) info@parsicitalia. Manuale Tecnico Componenti OEM per impieghi industriali e didattici. Prodotto da Parsic Italia con sede a Cervia ( Ravenna ) info@parsicitalia.com Nota informativa Le informazioni contenute sul presente

Dettagli

TERMINALE PER IL CONTROLLO ACCESSI LBR 2746/48

TERMINALE PER IL CONTROLLO ACCESSI LBR 2746/48 TERMINALE PER IL CONTROLLO ACCESSI LBR 2746/48 Il controllo accessi rappresenta un metodo importante per la risoluzione dei problemi legati al controllo e alla verifica della presenza e del passaggio delle

Dettagli

Trasmettitore TX-4M10HA/V

Trasmettitore TX-4M10HA/V Trasmettitore TX-4M1HA/V TX-4M1HA/V Modulo trasmettitore con antenna integrata per applicazioni con modulazione ON-OFF di una portante RF con dati digitali. Pin-out Connessioni Pin 1 TX Dati Ingresso dati

Dettagli

GUIDA AL MONTAGGIO INTERFACCIA JTAG A DIODI PER SOFTWARE LUPETTUS By 9a9a

GUIDA AL MONTAGGIO INTERFACCIA JTAG A DIODI PER SOFTWARE LUPETTUS By 9a9a GUIDA AL MONTAGGIO INTERFACCIA JTAG A DIODI PER SOFTWARE LUPETTUS By 9a9a 1 MATERIALE REALIZZAZIONE JTAG. Per la Realizzazione della scheda JTAG procurarsi il seguente materiale: Quantità Descrizione materiale

Dettagli

TD 609 AGGREGATORE DI TRAFFICO DATI

TD 609 AGGREGATORE DI TRAFFICO DATI TD 609 AGGREGATORE DI TRAFFICO DATI MONOGRAFIA DESCRITTIVA EDIZIONE Settembre 2006 MON. 229 REV. 2.1 1 di 10 INDICE CARATTERISTICHE PRINCIPALI APPARATO 3 COSTITUZIONE 3 CONNETTORI 4 CONNETTORE G.703 4

Dettagli

K7000 SIGNAL TRACER CON GENERATORE. Permette di risolvere con facilità i problemi su apparecchiature audio. ISTRUZIONI DI MONTAGGIO

K7000 SIGNAL TRACER CON GENERATORE. Permette di risolvere con facilità i problemi su apparecchiature audio. ISTRUZIONI DI MONTAGGIO SIGNAL TRACER CON GENERATORE K7000 Permette di risolvere con facilità i problemi su apparecchiature audio. Punti di saldatura totali: 85 Livello di difficoltà: principiante 1 2 3 4 5 avanzato ISTRUZIONI

Dettagli

AMPLIFICATORE STEREO PER AUTO 2 x 100 W

AMPLIFICATORE STEREO PER AUTO 2 x 100 W CARATTERISTICHE E FUNZIONAMENTO K3503 AMPLIFICATORE STEREO PER AUTO 2 x 100 W (cod. K3503) 1 K3503 CARATTERISTICHE E FUNZIONAMENTO L amplificatore di potenza K3503 è stato progettato per essere integrato

Dettagli

automazione di Davide Ferrario

automazione di Davide Ferrario automazione di Davide Ferrario Scheda d interfaccia per PC che può essere collegata indifferentemente alla porta seriale o a quella USB. Consente di controllare otto uscite a relè e di leggere otto ingressi

Dettagli

Gestione delle Linee di Uscita Tramite dei Relay.

Gestione delle Linee di Uscita Tramite dei Relay. Corso di BASCOM 8051 - (Capitolo 3 5 ) Corso Teorico/Pratico di programmazione in BASCOM 8051. Autore: DAMINO Salvatore. Gestione delle Linee di Uscita Tramite dei Relay. Un tipico utilizzo delle linee

Dettagli

Lettore General Porpouse di Badge Magnetici

Lettore General Porpouse di Badge Magnetici Lettore General Porpouse di Badge Magnetici I sistemi di controllo degli accessi trovano da sempre ampio consenso tra il nostro pubblico; questo è il motivo per cui proponiamo regolarmente all interno

Dettagli

Installazione del trasmettitore. ACom6

Installazione del trasmettitore. ACom6 Installazione del trasmettitore CBC (Europe) Ltd. Via E.majorana, 21 20054 Nova Milanese (MI) tel: +39 (0)362 365079 fax: +39 (0)362 40012 1 Precauzioni Il dispositivo non deve essere esposto a pioggia

Dettagli

l progetto descritto in queste pagine è un programmatore multifunzione adatto a tutti (o quasi)

l progetto descritto in queste pagine è un programmatore multifunzione adatto a tutti (o quasi) Elettronica Innovativa di Sandro Reis Completo sistema di programmazione per tutti i moderni microcontrollori Microchip con memoria programma di tipo Flash, cancellabile elettricamente. La scheda dispone

Dettagli

8 Microcontrollori PIC

8 Microcontrollori PIC 8 Microcontrollori PIC 8.1 Descrizione generale Un microcontrollore è un dispositivo elettronico che opportunamente programmato è in grado di svolgere diverse funzioni in modo autonomo. Essenzialmente

Dettagli

Protocollo Standard da Campo

Protocollo Standard da Campo Corso di BASCOM AVR - (32) Corso Teorico/Pratico di programmazione in BASCOM AVR. Autore: DAMINO Salvatore. Protocollo Standard da Campo 1-Wire. Possibilità offerte dal Protocollo Standard da Campo 1-Wire.

Dettagli

2 x vite 3 mm 2 x dado 3 mm 6 x manopola per potenziometri 6 x riduttore per albero 4 mm

2 x vite 3 mm 2 x dado 3 mm 6 x manopola per potenziometri 6 x riduttore per albero 4 mm Grazie per l acquisto di Pierduino. Seguendo queste semplici istruzioni di montaggio si può ottenere un perfetto clone di Arduino, con integrato uno shield Xbee. Per ogni problema di montaggio scrivere

Dettagli

MiniScanner 10cm. Lista componenti R1-R8 R9. Montaggio

MiniScanner 10cm. Lista componenti R1-R8 R9. Montaggio MiniScanner 10cm Lista componenti R1-R8 R9 R10 C1 C2 C3 C4 D1 LED1-8 IC1 IC2 X1 150Ω 1/4W (marrone-verde-marrone-oro) 3,3kΩ 1/4W (arancio-arancio-rosso-oro) Trimmer lineare orizzontale 100k 22µF/16V elettrolitico

Dettagli

TERMINALE PER IL CONTROLLO ACCESSI 2745

TERMINALE PER IL CONTROLLO ACCESSI 2745 TERMINALE PER IL CONTROLLO ACCESSI 2745 Il controllo accessi rappresenta un metodo importante per la risoluzione dei problemi legati al controllo e alla verifica della presenza e del passaggio delle persone

Dettagli

K2639 CONTROLLO LIVELLO LIQUIDI

K2639 CONTROLLO LIVELLO LIQUIDI CONTROLLO LIVELLO LIQUIDI K2639 Rubinetti dimenticati aperti, perdite di acqua dalla lavatrice,... Poiché prevenire è meglio che curare, utilizzate questo rilevatore. Questo dispositivo multifunzionale

Dettagli

PICLOCK. Classe 4 EA indirizzo elettronica ed elettrotecnica. Ivancich Stefano. Tecnologie e progettazione di sistemi elettrici ed elettronici

PICLOCK. Classe 4 EA indirizzo elettronica ed elettrotecnica. Ivancich Stefano. Tecnologie e progettazione di sistemi elettrici ed elettronici PICLOCK Classe 4 EA indirizzo elettronica ed elettrotecnica Ivancich Stefano Tecnologie e progettazione di sistemi elettrici ed elettronici Istituto tecnico C. Zuccante Mestre A.S. 2013/2014 progetto n

Dettagli

INFORMATIVA AVVERTENZE

INFORMATIVA AVVERTENZE M.M.Electronics - http://www.mmetft.it M. M. Electronics Michele Marino - michele.marino@mmetft.it Sensore di prossimità a infrarossi V 0.1 Marzo 2008 INFORMATIVA Come prescritto dall art. 1, comma 1,

Dettagli

K3504 ANTIFURTO PER AUTO. Antifurto per autoveicoli, affidabile ed economico. ISTRUZIONI DI MONTAGGIO H3504IP - 1

K3504 ANTIFURTO PER AUTO. Antifurto per autoveicoli, affidabile ed economico. ISTRUZIONI DI MONTAGGIO H3504IP - 1 Punti di saldatura totali: 153 Livello di difficoltà: principiante 1 2 3 4 5 avanzato ANTIFURTO PER AUTO K3504 Antifurto per autoveicoli, affidabile ed economico. ISTRUZIONI DI MONTAGGIO H3504IP - 1 Caratteristiche

Dettagli

SCHEDA DI CONTROLLO MOTORE BRUSHLESS BBL_198

SCHEDA DI CONTROLLO MOTORE BRUSHLESS BBL_198 SCHEDA DI CONTROLLO MOTORE BRUSHLESS BBL_198 MANUALE D USO E DOCUMENTAZIONE DESCRIZIONE PAG. 1 CARATTERISTICHE E SPECIFICHE 1 SCHEMA A BLOCCHI 2 FUNZIONAMENTO E USO DISPOSITIVO 3 LAYOUT DISPOSITIVO 4 DESCRIZIONE

Dettagli

EI16DI-ETH: Modulo di Acquisizione 16 ingressi digitali PNP comunicante su ethernet con protocollo ModBUS-TCP

EI16DI-ETH: Modulo di Acquisizione 16 ingressi digitali PNP comunicante su ethernet con protocollo ModBUS-TCP EI16DI-ETH: Modulo di Acquisizione 16 ingressi digitali PNP comunicante su ethernet con protocollo ModBUS-TCP DESCRIZIONE GENERALE Il dispositivo EI16DI-ETH consente ad un terminale remoto, tramite la

Dettagli

MULTITRANSITO MANUALE TECNICO

MULTITRANSITO MANUALE TECNICO MULTITRANSITO MANUALE TECNICO SAIMA SICUREZZA SpA Indicatore 60/G - AREZZO - ITALY Tel. +39 0575 929 Telefax +39 0575 987097 Telex 574074 SAIMA I E -Mail: sicurezzaservice@saimanews.com http://www.saimanews.com

Dettagli

Arduino UNO. Single board microcontroller

Arduino UNO. Single board microcontroller Arduino UNO Single board microcontroller Che cos è Arduino? Arduino è una piattaforma hardware basata su un microcontrollore, per lo sviluppo di applicazioni che possono interagire con il mondo esterno.

Dettagli

Sistema di collegamento per elettrovalvole e distributori, compatibile con i bus di campo PROFIBUS-DP, INTERBUS-S, DEVICE-NET

Sistema di collegamento per elettrovalvole e distributori, compatibile con i bus di campo PROFIBUS-DP, INTERBUS-S, DEVICE-NET ValveConnectionSystem Sistema di collegamento per elettrovalvole e distributori, compatibile con i bus di campo PROFIBUS-DP, INTERBUS-S, DEVICE-NET P20.IT.R0a IL SISTEMA V.C.S Il VCS è un sistema che assicura

Dettagli

K2570 MODULO ALIMENTATORE UNIVERSALE 5-14DC / 1A ISTRUZIONI DI MONTAGGIO

K2570 MODULO ALIMENTATORE UNIVERSALE 5-14DC / 1A ISTRUZIONI DI MONTAGGIO Punti di saldatura totali: 18 Livello di difficoltà: principiante 1 2 3 4 5 avanzato MODULO ALIMENTATORE UNIVERSALE 5-14DC / 1A K2570 La soluzione ideale per alimentare i vostri circuiti. ISTRUZIONI DI

Dettagli

Parallelamente, il REWIND può essere utilizzato per comunicare con il software di supervisione SICES SUPERVISOR

Parallelamente, il REWIND può essere utilizzato per comunicare con il software di supervisione SICES SUPERVISOR REWIND: Dispositivo elettronico che, sfruttando la tecnologia GSM/GPRS e abbinato ad gruppo elettrogeno, una torre faro, cisterna/serbatoio, ecc..., consente l invio automatico di pacchetti di dati al

Dettagli

Il kit comprende tutti i componenti necessari per costruire la centrale OpenSprinkler v1.42u.

Il kit comprende tutti i componenti necessari per costruire la centrale OpenSprinkler v1.42u. Potete seguire gli step come indicato qui sotto (anche se le immagini potrebbero essere leggermente differenti) Il kit comprende tutti i componenti necessari per costruire la centrale OpenSprinkler v1.42u.

Dettagli

PLC - Linguaggi. I linguaggi di programmazione dei PLC sono orientati ai problemi di automazione e utilizzano soprattutto:

PLC - Linguaggi. I linguaggi di programmazione dei PLC sono orientati ai problemi di automazione e utilizzano soprattutto: PLC - Linguaggi Il software è l elemento determinante per dare all hardware del PLC quella flessibilità che i sistemi di controllo a logica cablata non possiedono. Il software che le aziende producono

Dettagli

Il sensore rilevatore di presenza modalità d uso

Il sensore rilevatore di presenza modalità d uso SENSORE RILEVATORE DI PRESENZA Il sensore rilevatore di presenza modalità d uso I moduli pic-sms seriali e le versioni professionali con gsm integrato sono di fatto anche dei veri e propri sistemi d allarme

Dettagli

Ambiente di apprendimento

Ambiente di apprendimento Prof. Vittorio Barricwella ITI Lucarelli PROGRAMMAZIONE ANNO SCOLASTICO 2013-14 TDP 4EC UDA n 1 SETTEMBRE OTTOBRE N 30 ORE Tecniche di rappresentazione grafica mediante strumenti CAD conoscere le tecniche

Dettagli

Semplice ed economica interfaccia OPC-478 alloggiata in un DB9

Semplice ed economica interfaccia OPC-478 alloggiata in un DB9 Semplice ed economica interfaccia OPC-478 alloggiata in un DB9 di Maurizio Malaspina (IW6DFW) Costruisci questo semplice circuito che ti permetterà di collegare la tua radio Icom al PC. Potrai controllare

Dettagli

Introduzione...xiii Istruzioni per l uso...xiii File di supporto al libro... xiv

Introduzione...xiii Istruzioni per l uso...xiii File di supporto al libro... xiv Introduzione...xiii Istruzioni per l uso...xiii File di supporto al libro... xiv Capitolo 1 Cosa serve per iniziare...1 Dove e come acquistare il materiale...1 Hacker elettronico...2 Strumentazione e materiali

Dettagli

A 4 CANALI WEB SERVER. In figura 1 è visibile il prototipo della. zoom in

A 4 CANALI WEB SERVER. In figura 1 è visibile il prototipo della. zoom in in zoom in di GIUSEPPE LA ROSA WEB SERVER A 4 CANALI Figura 1: Foto del progetto finito. In figura 1 è visibile il prototipo della scheda di comando su rete LAN o Internet completamente basata su ARDUINO

Dettagli

FT530 COMBINATORE TELEFONICO GSM CON SINTESI VOCALE. Schema Elettrico 1/5 FT530K CARATTERISTICHE E FUNZIONAMENTO

FT530 COMBINATORE TELEFONICO GSM CON SINTESI VOCALE. Schema Elettrico 1/5 FT530K CARATTERISTICHE E FUNZIONAMENTO FT530 COMBINATORE TELEFONICO GSM CON SINTESI VOCALE Il nostro combinatore GSM è sicuramente un sistema all avanguardia, basato su un modem cellulare GM47 e su un PIC16F877 opportunamente programmato per

Dettagli

* = Marchio registrato da Hilgraeve. Pag 1 di 6 http://www.aurelwireless.com - email: rfcomm@aurel.it

* = Marchio registrato da Hilgraeve. Pag 1 di 6 http://www.aurelwireless.com - email: rfcomm@aurel.it Il WIZ-903-A8 è un radiomodem stand-alone, completo di antenna integrata su PCB, che consente la ricetrasmissione half-duplex di dati digitali in formato TTL RS-232. E possibile interfacciarlo direttamente

Dettagli

Punti di saldatura totali: 42 Livello di difficoltà: principiante 1 2 3 4 5 avanzato PREAMPLIFICATORE UNIVERSALE STEREO K2572 ISTRUZIONI DI MONTAGGIO

Punti di saldatura totali: 42 Livello di difficoltà: principiante 1 2 3 4 5 avanzato PREAMPLIFICATORE UNIVERSALE STEREO K2572 ISTRUZIONI DI MONTAGGIO Punti di saldatura totali: 42 Livello di difficoltà: principiante 1 2 3 4 5 avanzato PREAMPLIFICATORE UNIVERSALE STEREO K2572 Amplificatore a basso rumore ideale per piccoli segnali ISTRUZIONI DI MONTAGGIO

Dettagli

Automobile Bluetooth

Automobile Bluetooth Automobile Bluetooth Ivancich Stefano 17 Maggio 2015 SOMMARIO Di seguito s illustra un progetto di un automobile comandata da uno smartphone tramite la connessione Bluetooth. E stata presa una automobilina

Dettagli

Comprendere il funzionamento dei convertitori V/f Saper effettuare misure di collaudo

Comprendere il funzionamento dei convertitori V/f Saper effettuare misure di collaudo SCH 33 Voltmetro a 3 digit Obiettivi Comprendere il funzionamento dei convertitori V/f Saper effettuare misure di collaudo IC1 = CA 3162 A/D converter for 3-Digit Display IC2 = CA 3161 BCD to seven segment

Dettagli

Modulo di acquisizione per termocoppie D1-40TC. Manuale Utente

Modulo di acquisizione per termocoppie D1-40TC. Manuale Utente Modulo di acquisizione per termocoppie D1-40TC Manuale Utente Modulo di acquisizione per termocoppie D1-40TC Manuale Utente Sielco Elettronica S.r.l. via Edison 209 20019 Settimo Milanese (MI ) Italia

Dettagli

OPZIONE HARDWARE + SOFTWARE DI TELECOMUNICAZIONE BIDIREZIONALE FRA CNC E TELEFONI GSM BASATA SU MESSAGGI SMS

OPZIONE HARDWARE + SOFTWARE DI TELECOMUNICAZIONE BIDIREZIONALE FRA CNC E TELEFONI GSM BASATA SU MESSAGGI SMS SelCONTROL-2 OPZIONE HARDWARE + SOFTWARE DI TELECOMUNICAZIONE BIDIREZIONALE FRA CNC E TELEFONI GSM BASATA SU MESSAGGI SMS Il SelCONTROL è la risposta a quegli utilizzatori, stampisti in particolare, che

Dettagli

STAMP SIMPLE BOARD KIT Manuale Utente

STAMP SIMPLE BOARD KIT Manuale Utente STAMP SIMPLE BOARD KIT Manuale Utente Contenuti: Avvertenze Istruzioni per l assemblaggio Istruzioni per l uso Caratteristiche Tecniche Schema elettrico REV. 1.4 ATTENZIONE! Questo Kit non e un giocattolo

Dettagli

WEB CONTROLLI NETOOLS. Descrizione e modalità d uso dei controlli web NeTools

WEB CONTROLLI NETOOLS. Descrizione e modalità d uso dei controlli web NeTools MANUALE D USO WEB CONTROLLI NETOOLS Descrizione e modalità d uso dei controlli web NeTools Rev.1309 Pag.1 di - 111 - www.carrideo.it INDICE 1. I WEB CONTROLLI NETOOLS... 3 1.1. INTRODUZIONE... 3 1.2. DESCRIZIONE

Dettagli

CE1_AD/P2 DISPOSITIVO ELETTRONICO PROGRAMMABILE. Caratteristiche tecniche Collegamenti elettrici Calibratura Note di funzionamento e installazione

CE1_AD/P2 DISPOSITIVO ELETTRONICO PROGRAMMABILE. Caratteristiche tecniche Collegamenti elettrici Calibratura Note di funzionamento e installazione DISPOSITIVO ELETTRONICO PROGRAMMABILE CE1_AD/P2 Caratteristiche tecniche Collegamenti elettrici Calibratura Note di funzionamento e installazione Versione 01.10/12 CE1_AD/P2: dispositivo elettronico programmabile

Dettagli

FT536 DISPLAY GIGANTE 3 IN 1: ORA, DATA, TEMPERATURA 1/5 FT536 CARATTERISTICHE E FUNZIONAMENTO

FT536 DISPLAY GIGANTE 3 IN 1: ORA, DATA, TEMPERATURA 1/5 FT536 CARATTERISTICHE E FUNZIONAMENTO DISPLAY GIGANTE 3 IN 1: ORA, DATA, TEMPERATURA Sulla scia dei differenti tipi di display multifunzionali già presentati, ecco un nuovo dispositivo che utilizza i moduli giganti a sette segmenti con led

Dettagli

WEB CONTROLLI NETOOLS. Descrizione e modalità d uso dei controlli web NeTools

WEB CONTROLLI NETOOLS. Descrizione e modalità d uso dei controlli web NeTools MANUALE D USO WEB CONTROLLI NETOOLS Descrizione e modalità d uso dei controlli web NeTools Rev.1401 Pag.1 di - 114 - www.carrideo.it INDICE 1. I WEB CONTROLLI NETOOLS... 3 1.1. INTRODUZIONE... 3 1.2. DESCRIZIONE

Dettagli

Sono anni che si vedono in

Sono anni che si vedono in Questo articolo è stato pubblicato su... RADIO-INFORMATICA Programmatore minimo di PIC Programma i PIC più comuni ed è collegato sulla porta parallela del PC di Daniele Cappa IW1AXR Sono anni che si vedono

Dettagli

OROLOGIO DIGITALE a MICROCONTROLLORE con PIC 16F628A

OROLOGIO DIGITALE a MICROCONTROLLORE con PIC 16F628A OROLOGIO DIGITALE a MICROCONTROLLORE con PIC 6F68A Realizzazione di un preciso orologio digitale (formato HH:MM:SS) utilizzando un microcontrollore della Microchip, il PIC 6F68A http:///progetti/orologio-digitale-con-picmicro.html

Dettagli

CORSO SERALE ( TDP ) DEMOBOARD FN1Z PER PIC 16F877/16F877A

CORSO SERALE ( TDP ) DEMOBOARD FN1Z PER PIC 16F877/16F877A ITIS M. PLANCK LANCENIGO DI VILLORBA (TV) A.S. 2006/07 CLASSE 4A/ SERALE Corso di elettronica e telecomunicazioni Ins. Zaniol Italo CORSO SERALE ( TDP ) DEMOBOARD FN1Z PER PIC 16F877/16F877A Presentazione

Dettagli

progettare & costruiredi ADRIANO GANDOLFO

progettare & costruiredi ADRIANO GANDOLFO progettare di ADRIANO GANDOLFO Interfaccia USB con PIC La scheda presentata è denominata UBW (Bit Whacker USB) e rappresenta un dispositivo a basso costo di input/output per collegare il computer al mondo

Dettagli

Vari tipi di computer

Vari tipi di computer Hardware Cos è un computer? Un computer è un elaboratore di informazione. Un computer: riceve informazione in ingresso (input) elabora questa informazione Può memorizzare (in modo temporaneo o permanente)

Dettagli

Big-wifi Descrizione e modalità d uso

Big-wifi Descrizione e modalità d uso TELECONTROLLO VIA RETE BIG-WIFI Big-wifi Descrizione e modalità d uso Rev.1509-1 - Pag.1 di 10 www.carrideo.it INDICE 1. IL TELECONTROLLO BIG-WIFI... 3 1.1. DESCRIZIONE GENERALE... 3 1.1.1. Uscite open-collector...

Dettagli

Astel. GSM remote controller. Guida per l utente Ver. 1.0.

Astel. GSM remote controller. Guida per l utente Ver. 1.0. Astel GSM remote controller Guida per l utente Ver. 1.0. Astel Electronics and industrial automation Via Rosselli,9 /a - 10015 Ivrea (TO) ITALY Tel. 0125 63.42.25 / 62.71.15 FAX 0125 64.89.11 e-mail: info@astel.it

Dettagli

Alimentazione V CC 12 30 ripple incluso - fusibile esterno 1,0 A. Assorbimento di corrente : ma 100 + potenza consumata dal sensore. V ma. V ma.

Alimentazione V CC 12 30 ripple incluso - fusibile esterno 1,0 A. Assorbimento di corrente : ma 100 + potenza consumata dal sensore. V ma. V ma. 89 550/110 ID EWM-PQ-AA SCHEDA DIGITALE PER IL CONTROLLO DELLA PRESSIONE / PORTATA IN SISTEMI AD ANELLO CHIUSO MONTAGGIO SU GUIDA TIPO: DIN EN 50022 PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO La scheda EWM-PQ-AA è stata

Dettagli

TRASMETTITORE TX-FM-MID/EN

TRASMETTITORE TX-FM-MID/EN TRASMETTITORE TX-FM-MID/EN Il TX-FM-MID/EN è un modulo trasmettitore di dati digitali con modulazione FSK. PIN-OUT 10 1 CONNESSIONI Pin 1 TX Dati Ingresso dati con resistenza di ingresso di 50 kω minimi.

Dettagli

SFERA srl Controllore assi MC6 Manuale di riferimento hardware

SFERA srl Controllore assi MC6 Manuale di riferimento hardware SFERA srl Controllore assi MC6 Manuale di riferimento hardware versione 1.0.0 Copyright (c) SFERA srl 2009 Il contenuto di questo documento è di proprietà di SFERA srl. Tutti i diritti sono riservati.

Dettagli

Gestione di una UART SOFTWARE.

Gestione di una UART SOFTWARE. Corso di BASCOM 8051 - (Capitolo 3 1 ) Corso Teorico/Pratico di programmazione in BASCOM 8051. Autore: DAMINO Salvatore. Gestione di una UART SOFTWARE. Capita, a volte in alcune applicazioni, di avere

Dettagli

Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.BARTOLO PACHINO)

Author: Ing. Sebastiano Giannitto (ITIS M.BARTOLO PACHINO) - Arduino è orientato all'applicazione, - Permette di provare, partendo dal piccolo e crescendo pezzo per pezzo (sviluppo modulare); - Lo sviluppo è aiutato da una enorme community online con esempi e

Dettagli

FT518 TELEALLARME GSM A DUE INGRESSI. Schema Elettrico 1/5

FT518 TELEALLARME GSM A DUE INGRESSI. Schema Elettrico 1/5 TELEALLARME GSM A DUE INGRESSI E un dispositivo GSM molto semplice con due soli ingressi in grado di avvisarci con un SMS che un determinato apparato (al quale il teleallarme è collegato) si è attivato.

Dettagli

Intermac Master Maxi Intermac Master Edge. Analisi dei danni provocati da fulmine e Resoconto di riparazione

Intermac Master Maxi Intermac Master Edge. Analisi dei danni provocati da fulmine e Resoconto di riparazione Intermac Master Maxi Intermac Master Edge Analisi dei danni provocati da fulmine e Resoconto di riparazione Indice 1. Premessa 2. Analisi dei danni 3. Criticità 4. Interventi 5. Conclusioni A1. Foto delle

Dettagli

M1600 Ingresso/Uscita parallelo

M1600 Ingresso/Uscita parallelo M1600 Ingresso / uscita parallelo M1600 Ingresso/Uscita parallelo Descrizione tecnica Eiserstraße 5 Telefon 05246/963-0 33415 Verl Telefax 05246/963-149 Data : 12.7.95 Versione : 2.0 Pagina 1 di 14 M1600

Dettagli

LM2002. Manuale d installazione

LM2002. Manuale d installazione LM2002 Manuale d installazione Le informazioni incluse in questo manuale sono di proprietà APICE s.r.l. e possono essere cambiate senza preavviso. APICE s.r.l. non sarà responsabile per errori che potranno

Dettagli

MODULATORE AUDIO E SOMMATORE VIDEO B.B.EDS1

MODULATORE AUDIO E SOMMATORE VIDEO B.B.EDS1 IW3 EDS Giorgio De Paoli MODULATORE AUDIO E SOMMATORE VIDEO B.B.EDS1 Per la trasmissione di segnali televisivi modulati in FM (tecnica utilizzata in "ATV".) si impiega un oscillatore Vco o Dro,che genera

Dettagli

Niccolò Francato AUTOMA SCANSA OSTACOLI

Niccolò Francato AUTOMA SCANSA OSTACOLI Niccolò Francato AUTOMA SCANSA OSTACOLI Indice: pag. Introduzione 2 Descrizione 3 Alimentazione 3 Sensori IR OMRON e adattamento del segnale 4 Fotodiodi IR, trattazione del segnale, comparazione e stadio

Dettagli

Lettore codice a barre ivu (BCR)

Lettore codice a barre ivu (BCR) Lettore codice a barre ivu (BCR) Scheda tecnica Caratteristiche Il pacchetto Lettore di codici a barre (BCR) Serie ivu è costituito da illuminatore, sensore, ottica e visualizzatore. Per ciascuna applicazione,

Dettagli

GENERATORE PER ARGENTO COLLOIDALE

GENERATORE PER ARGENTO COLLOIDALE GENERATORE PER ARGENTO COLLOIDALE di Andrea Marani a.marani@farelettronica.com Un completo ed efficiente circuito concepito per poter produrre in proprio argento colloidale, le cui peculiarità e caratteristiche

Dettagli

REGOLATORE PWM. Rev.1 del 24/02/2012

REGOLATORE PWM. Rev.1 del 24/02/2012 Generalità REGOAORE PWM Rev.1 del 24/02/2012 Propongo questo semplice circuito per il controllo di un dispositivo di potenza mediante la modulazione PWM (Pulse Width Modulation) di una tensione continua.

Dettagli

1 Vademecum per lettore ACR-1001 (Rosslare AC-215): installazione hardware

1 Vademecum per lettore ACR-1001 (Rosslare AC-215): installazione hardware 1 Vademecum per lettore ACR-1001 (Rosslare AC-215): installazione hardware Il seguente diagramma è un esempio di sistema di controllo accessi con il software Veritrax AS-215 e i controllori AC- 215. 1.1

Dettagli

Manuale d'uso del Programmatore SuperGap Evolution

Manuale d'uso del Programmatore SuperGap Evolution Manuale d'uso del Programmatore SuperGap Evolution La Storia: Dopo un anno di lunga ricerca e sviluppo eccovi il miglior programmatore di SmartCard disponibile sul mercato! Il SuperGap Evolution è l'unico

Dettagli

NTC E MISURA DELLA TEMPERATURA CON ARDUINO

NTC E MISURA DELLA TEMPERATURA CON ARDUINO NTC E MISURA DELLA TEMPERATURA CON ARDUINO Una NTC (Negative Temperature Coefficient resistenza a coefficiente di temperatura negativo) è una resistenza che cambia il suo valore con il variare della temperatura.

Dettagli

2 Controllo e. 1.6 Punti dati decentralizzati. 1.6.1 Saia Smart PCD3.T66x RIO Pagina 70. 1.6.2 Profibus RIO Saia PCD3.

2 Controllo e. 1.6 Punti dati decentralizzati. 1.6.1 Saia Smart PCD3.T66x RIO Pagina 70. 1.6.2 Profibus RIO Saia PCD3. 69.6 Punti dati decentralizzati thernet Profibus RS-485 PCD3.T 665 PCD3.T 76 Regolatori di 2 Controllo e camera dedicati monitoraggio e Rilevamento dei dati di consumo 3 5 Componenti Stazioni di automazione.6.

Dettagli

SISTEMA DI REGOLAZIONE NEST

SISTEMA DI REGOLAZIONE NEST SISTEMA DI REGOLAZIONE NEST La regolazione è il cuore efficiente del sistema NEST di riscaldamento e di raffrescamento degli ambienti. Il sistema permette in primo luogo di tenere sotto controllo continuamente

Dettagli

IIS ENZO FERRARI SUSA Anno scolastico: 2013/2014. Tonco Daniel. Classe V EA - Periti in Elettronica e Telecomunicazioni

IIS ENZO FERRARI SUSA Anno scolastico: 2013/2014. Tonco Daniel. Classe V EA - Periti in Elettronica e Telecomunicazioni IIS ENZO FERRARI SUSA Anno scolastico: 2013/2014 Tonco Daniel Classe V EA - Periti in Elettronica e Telecomunicazioni 1 2 Indice: Obiettivo Premessa Prime operazioni (foto allegate) Spiegazione montaggio

Dettagli

Il protocollo JTAG IEEE 1149.1-1990. Lo standard industriale per il test di schede e circuiti integrati

Il protocollo JTAG IEEE 1149.1-1990. Lo standard industriale per il test di schede e circuiti integrati Il protocollo JTAG IEEE 1149.1-1990 Lo standard industriale per il test di schede e circuiti integrati Un breve glossario JTAG: Joint Test Action Group 200 fra le più importanti compagnie elettroniche

Dettagli

ITS Einaudi Appunti T.D.P. Z USB IO A&D con LABVIEW

ITS Einaudi Appunti T.D.P. Z USB IO A&D con LABVIEW Z USB IO A&D con LABVIEW L interfaccia nasce dalla necessità di sostituire le periferiche usate fin ora in laboratorio basate sulla porta parallela e seriale del PC. Questo tipo di interfacce ormai poco

Dettagli

Si compone di: SI-Prog supporta: Le tre principali famiglie di..

Si compone di: SI-Prog supporta: Le tre principali famiglie di.. Se stai cercando un potente programmatore, semplice ed intuitivo e decisamente economico in ambiente Windows, SI-Prog è una ottima soluzione alla portata di tutti per stare al passo con le nuove tecnologie.

Dettagli

RIPETITORE DI SEGNALE WIRELESS PER SISTEMA VIA RADIO ART. 45RPT000

RIPETITORE DI SEGNALE WIRELESS PER SISTEMA VIA RADIO ART. 45RPT000 RIPETITORE DI SEGNALE WIRELESS PER SISTEMA VIA RADIO ART. 45RPT000 Leggere questo manuale prima dell uso e conservarlo per consultazioni future 1 DESCRIZIONE GENERALE L espansore senza fili è un modulo

Dettagli

Motomate Motomate 3 85

Motomate Motomate 3 85 8 Guida di scelta motomate brushless con PLC Riduttore 90 Riddutore Coppia massima (Nm)!,7,9 07. max. Motore diretto (Nm) 66 8 Potenza utile (W) Coppia (Nm) Velocità (rpm) Tensione di alim. (V) Tipo di

Dettagli

N.B.N. AUTOMAZIONE s.r.l.

N.B.N. AUTOMAZIONE s.r.l. N.B.N. AUTOMAZIONE s.r.l. Automazione per industria www.nbnautomazione.it N.B.N. Automazione S.r.l. Frazione Penna n.154 52028 Terranuova Bracciolini (Arezzo) Telefono: 055/97.05.430 Fax: 055/56.09.099

Dettagli

Prot. n. 2882/C27 Gazzaniga, 28/04/2012. Gara nazionale di elettronica 2012. Prova scritta

Prot. n. 2882/C27 Gazzaniga, 28/04/2012. Gara nazionale di elettronica 2012. Prova scritta 1 Prot. n. 2882/C27 Gazzaniga, 28/04/2012 Gara nazionale di elettronica 2012 Descrizione generale Prova scritta figura. Si vuole realizzare un gioco elettronico ispirato al tiro al bersaglio, come indicato

Dettagli

DISCIPLINA: TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI ELETTRICI ED ELETTRONICI CLASSE DI CONCORSO: A035 - C270

DISCIPLINA: TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI ELETTRICI ED ELETTRONICI CLASSE DI CONCORSO: A035 - C270 A: Quadri elettrici OBIETTIVI DEL Conoscere i principali apparecchi di comando, segnalazione e protezione degli impianti elettrici. Conoscere il CAD elettrico. Saper descrivere le caratteristiche degli

Dettagli

CABLAGGI MODULO DI BLOCCO ELETTRICO

CABLAGGI MODULO DI BLOCCO ELETTRICO CABLAGGI MODULO DI BLOCCO ELETTRICO LATO OPERATORE MODULO STANDARD DI BLOCCO ELETTRICO 100 x 55 cm. SCARPETTE ISOLANTI SULLA ROTAIA DESTRA BINARIO PARI BINARIO DISPARI LATO VISITATORE COLLEGAMENTO DEI

Dettagli

Savadori Matteo- a.s. 2011/2012 - Classe 5E 2

Savadori Matteo- a.s. 2011/2012 - Classe 5E 2 Savadori Matteo- a.s. 2011/2012 - Classe 5E 2 Finalità-obbiettivo pag. 5 Situazione di partenza pag. 6 Prime operazioni e Schema a blocchi pag. 7 Schema elettrico pag. 8 Elenco costi e componenti pag.

Dettagli