COOPERATIVA AGRICOLA DI CALVENZANO SOCIETA' COOPERATIVA. Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2008

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COOPERATIVA AGRICOLA DI CALVENZANO SOCIETA' COOPERATIVA. Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2008"

Transcript

1 COOPERATIVA AGRICOLA DI CALVENZANO SOCIETA' COOPERATIVA Reg. Imp Rea 552 Sede in VIA G. PAGLIA N CALVENZANO (BG) Capitale sociale Euro 1.580,23 i.v. Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2008 Signori Soci, l'esercizio chiuso al 31/12/2008 riporta un risultato positivo pari a Euro Il Bilancio dell anno 2008, che presentiamo all approvazione dell Assemblea, è un Bilancio che possiamo definire del ritorno alla normalità, cioè ad un assetto finanziario sotto controllo, che consente di avviarsi serenamente verso la fine del primo decennio del nuovo secolo, avendo la più ampia possibilità di impostare progetti di più lungo respiro. Se si guarda il grafico, nel quale abbiamo rappresentato l andamento dei risultati di esercizio dal 2003 al 31 dicembre 2008, si può cogliere con grande chiarezza il senso di questo ritorno alla normalità. RISULTATO D' ESERCIZIO RISULTATO D' ESERCIZIO Dopo quattro esercizi consecutivi in rosso, arrivati fino al disavanzo di circa 58 mila euro nel 2006, lo scorso anno, approvando il bilancio 2007, abbiamo registrato una grande impennata fino a sfiorare il milione e quattrocentomila euro di utile. Anche quello, evidentemente, era un dato che usciva dalla normalità. Era dovuto, come ben sapete, all incasso, nel corso dell esercizio, della vendita del terreno di via Vesture, rivelatasi oltretutto ancor più consistente del previsto. Un salto in alto che non dimentichiamolo -, a partire proprio da questo anno 2009, ci costerà fortemente in termini di tassazione rateizzata. Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2008 Pagina 1

2 Solo nel 2008, dunque, cioè nell esercizio che qui stiamo esaminando, siamo tornati a due dati fisiologici: un risultato in utile, innanzitutto, e un risultato con un utile appunto normale. Patrimonio in crescita e esercizi in attivo L utile 2008 è dunque un segnale, almeno in termini contabili, che ci permettiamo di considerare prova di buona amministrazione. Il nostro conto economico, infatti, dice che abbiamo un giro d affari di circa 309 mila euro, con costi corrispondenti a grosso modo due terzi di questa cifra, ovvero di 193 mila euro circa. Il nostro è stato un lavoro fatto dunque con grande attenzione alle voci di uscita. Eppure non abbiamo certo trascurato la continuità degli impegni di sviluppo e di cura del nostro patrimonio, il cui valore non solo va ben al di là del fatto contabile, ma soprattutto rispetto al 2000 contiene una maggiore dimensione anche quantitativa di terreni coltivabili, nonostante la cessione di alcuni appezzamenti diventati fabbricabili. Quanto poi al patrimonio abitativo, lo abbiamo anch esso molto arricchito, a cominciare evidentemente dall operazione Corte Grande, ma anche con una serie di interventi che si vedono meno, ma contano molto. Si prenda ad esempio la voce manutenzioni e riparazioni. E una voce molto importante, a cui stiamo dando tuttora molta attenzione. MANUTENZIONI E RIPARAZIONI MANUTENZIONI E RIPARAZIONI Come si può notare, dopo il triennio 2003/2005, che è stato caratterizzato dal forte impegno per i lavori di ristrutturazione in Corte Grande, le cifre destinate alla manutenzione degli altri immobili sono di nuovo cresciute, toccando il massimo nel Continueremo così anche in futuro. La voce relativa di bilancio è dunque tra le più importanti, e in quantità sta al livello di voci essenziali della gestione ordinaria; quelle relative ad esempio al personale e alle consulenze professionali. Se scorrete il dettaglio delle voci di conto economico, vedrete che le ragioni più importanti di spesa sono l ICI, l Iva indetraibile e poco altro. La principale tra queste uscite, negli ultimi anni, era stata relativa all ammontare degli interessi passivi, che nel 2003 avevano quasi raggiunto i 40 mila euro, ma da allora sono andati a scendere fino a livelli praticamente nulli. Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2008 Pagina 2

3 INTERESSI PASSIVI C/C INTERESSI PASSIVI C/C Risultati dovuti, come mostra il grafico successivo, all andamento del nostro indebitamento bancario che nel 2002/2003 era giunto a toccare cifre davvero importanti, fino a sfiorare quasi 800 mila euro. SALDO BANCHE SALDO BANCHE E comunque sempre grazie alla Cassa Rurale di Treviglio, che ci ha assicurato condizioni più che amichevoli, che abbiamo potuto gestire agevolmente questo onere finanziario e affrontare i grandi problemi di investimento che abbiamo avuto in questo ultimo quinquennio. Sta di fatto che l indebitamento è comunque progressivamente sceso in maniera sempre più drastica, fino ad annullarsi al 31 dicembre scorso e a consentire una posizione addirittura attiva sia per lunghi periodi dello stesso esercizio, sia nel nuovo esercizio Ad oggi, perché ne siate informati, la nostra situazione bancaria segna un valore positivo di Il prestito dei soci continua a crescere Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2008 Pagina 3

4 Accanto al fraterno e fondamentale aiuto che ci è venuto dalla Cassa Rurale si è peraltro via via consolidato un altro fattore di sostegno finanziario sempre più consistente in valori monetari, e soprattutto di grandissimo significato morale e cooperativo. Come potete constatare leggendo l apposito grafico, il prestito da soci ha conosciuto un ininterrotto cammino di crescita, dai quasi 100 mila euro del primo anno fino agli oltre 400 mila euro di questo momento. PRESTITO DA SOCI PRESTITO DA SOCI Questa testimonianza di fiducia dei nostri soci, ripetiamo, va ben al di là del dato economico in sé, ed è giusto sottolinearlo, perché significa partecipazione diretta, viva, alle sorti della Cooperativa sapendo e volendo guardare al futuro con grande fiducia. Una fiducia, peraltro, ben riposta e ben ricompensata. Se pensiamo infatti all andamento dei mercati finanziari, entrati in crisi in tutto il mondo a partire del secondo semestre del 2007, se pensiamo alla crisi dei mercati borsistici che ha un solo precedente nella storica vicenda del crollo del 1929, e dunque se confrontiamo il risparmio conferito alla Cooperativa, con quello non dico consegnato a finanzieri spregiudicati e irresponsabili, ma semplicemente investito in Borsa, ci accorgiamo (perdonate la presunzione) che noi abbiamo saputo essere ben più affidabili delle grandi banche d affari e delle piazze borsistiche di New York e di Londra! Ogni anno, dal 2001, abbiamo remunerato il capitale affidatoci dai soci a tassi che oggi farebbero la felicità di molti finanzieri internazionali, sempre costantemente sopra il 3% netto, così come stiamo facendo in questo stesso difficile Detto in modo pratico e concreto, chi avesse investito in Borsa euro nel 2001, anziché conferirli alla Cooperativa, avrebbe oggi un capitale di circa 510 euro, mentre chi ha dato i suoi euro alla nostra Cooperativa possiede oggi un valore di euro circa. Dunque stare vicino alla nostra piccola famiglia cooperativa è stato anche conveniente per i soci, oltre che fattore di forza e solidità per la società. Qualunque azienda che agisce sul mercato trae molto vantaggio da fattori immateriali come credibilità e affidabilità. In fondo se la Cassa Rurale ci ha sempre generosamente assecondato, è anche perché abbiamo dato questa concreta dimostrazione di capacità di autonomia finanziaria basata sulla fiducia interna. In tempi come questi, di restrizione al credito, di fine della finanza fin troppo facile, non è un elemento davvero di poco conto! Ci auguriamo dunque che gli oltre 400 mila euro dell attuale livello del nostro prestito possano ancora crescere e possa aumentare in particolare il numero dei soci sottoscrittori. Significativo è il fatto che alcuni di loro siano giunti, con il monte interessi conseguito, a superare la quota massima prevista dalla legge ( euro), con conseguente puntuale restituzione della quota Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2008 Pagina 4

5 eccedente da parte della nostra amministrazione, ma significativo è anche il fatto che una percentuale molto bassa di interessi sia stata materialmente ritirata dai sottoscrittori, che hanno generalmente preferito quindi reinvestirla in questo fondo. La voce di bilancio relativa a interessi passivi per prestito ai soci è dunque contabilmente una uscita (di circa 14 mila euro), ma in termini di cassa quasi l intera cifra è ancora disponibile! Dopo la Corte Grande, nuovi lavori Il ciclo che si è chiuso nel biennio 2008/2009 è dunque un ciclo virtuoso. L operazione Corte Grande, che ci ha impegnato per tanti anni, è ormai un progetto realizzato, diciamo pure felicemente realizzato, che costituisce motivo di orgoglio per noi e per tutta Calvenzano. Ricordiamoci che in Corte Grande ci sono 32 appartamenti, 30 box e cantine, 1 trattoria, 1 bar, 1 ufficio. Il portico è stato costruito per essere destinato a iniziative di aggregazione e intrattenimento. E stato già fatto uno spettacolo teatrale e un altro è in previsione, si sono ospitati i mercatini di Natale e mostre (la prossima per la festa di maggio). Corte Grande sotto la neve Attualmente si sta provvedendo a concludere la sistemazione del Cortile del Palazzo di Via Locatelli e dello Stabile di Via Paglia. E stata completamente rifatta la parte fognaria, gli impianti di conduzione del metano e dell acqua, e tra i due immobili e la Corte Grande sta per essere completato un bel giardino. Su questo comprensorio abbiamo inoltre già definito altri programmi e progetti ambiziosi, e l amministrazione municipale ha già approvato in Consiglio Comunale le modifiche di piano del centro storico che la Cooperativa ha puntualmente e motivatamente richiesto. Si tratta della sistemazione della parte esterna dello Stabile di Via Paglia, che andrà a completare tutto il fronte delle nostre proprietà su questa via, anche con riferimento a canoni estetici che recupereranno l architettura preesistente. Inoltre, abbiamo in programma di ristrutturare l ex Essiccatoio, in un primo tempo destinato a parcheggio e ora recuperabile per abitazioni, con compensazioni di volumetria nella Corte Bani, che sono comunque vantaggiose per noi. Solo per il termine dell attività del Consiglio Comunale causa elezioni, ancora non abbiamo materialmente in mano i relativi permessi e dovremo aspettare fino a settembre, ma appena possibile abbiamo in programma di realizzare due appartamenti, posti auto coperti a piano terra e posti auto esterni. Nel cuore stesso del paese abbiamo insomma già oggi una bella realtà Corte Grande più via Locatelli - che è il nostro fiore all occhiello, e le cose miglioreranno ulteriormente. Il nuovo Consiglio di amministrazione potrà comunque proseguire con tranquillità gli altri programmi già impostati. Oltre a quelli indicati, le priorità che abbiamo individuato riguardano la Corte Palazzo, sede della nostra Cooperativa, dove peraltro già tempo fa abbiamo sistemato il tetto e abbiamo chiuso in modo funzionale e automatizzato l accesso su via Paglia. Ora dovrà essere avviata una ristrutturazione che forse non sarà imponente come quella della Corte Grande, e che dovrà essere comunque fatta per gradi, ma che sarà sicuramente molto importante. Cominceremo col ricavare nuovi appartamenti sull angolo con via Paglia - via Adua, ma in prospettiva c è sempre l idea di rifare la sede sociale e dotarla di ampia sala riunione, forse anche di un bar-circolo ricreativo a disposizione dei soci. Siamo sempre in attesa, inoltre, di conoscere le novità riguardanti la cessione di terreni resi fabbricabili dal Piano Regolatore vigente. I contatti per i terreni della via Milano sono finora stati Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2008 Pagina 5

6 infruttuosi. E invece in via di definizione una proposta che riguarda alcuni nostri terreni in zona via Casirate. Non abbiamo mai fatto fretta a nessuno perché possiamo permetterci di aspettare le condizioni migliori di vendita, ma è chiaro che grossi programmi di intervento potranno essere avviati solo con importanti disponibilità finanziarie. Tutto questo sarà reso possibile dai conti in ordine che presentiamo oggi ai soci. Il ciclo si chiude con il bilancio che ho ricordato, con la nostra capacità finanziaria in condizioni di salute che ci sono invidiate, specie visti i tempi che corrono. Per una Cooperativa, la finanza è solo uno strumento, non mai un fine, ma la finanza è un presupposto per poter fare fronte, (o non fare fronte), alle proprie finalità statutarie. Nello stesso spirito, abbiamo cominciato a pensare alla valorizzazione dei terreni di via Caravaggio, ora occupati da un azienda agricola. Ribadiamo quanto già detto in passato e cioè che abbiamo messo questa cessione pur potenzialmente molto interessante economicamente in fondo alla lista delle nostre priorità, per rispetto verso esigenze aziendali e familiari che fanno parte della cultura della nostra cooperativa. Trascorsi per questi motivi molti anni (quasi 10) dall entrata in vigore del PRG, abbiamo però cominciato ora a indicare un percorso che abbia scadenze certe, perché sempre con tutto il tempo che sarà necessario si possa pensare ad una diversa allocazione di questo compendio aziendale e abitativo. Il Consiglio di Amministrazione si è in particolare espresso sulla necessità che anche in futuro nel patrimonio cooperativo possa continuare ad essere presente una stalla d allevamento, naturalmente più moderna e avanzata di quella attuale, in una posizione più conveniente rispetto al centro abitato. Cedere i beni attualmente in proprietà non significherà dunque uscire da queste attività. Risolta la vicenda Morandi Nel corso dell esercizio 2009 abbiamo oltretutto già incassato una sopravvenienza attiva molto importante. Ho infatti il piacere di riferirvi che si è conclusa positivamente la situazione di contenzioso per i terreni espropriati a vantaggio della Cooperativa Morandi, una vicenda iniziata nel 1982 e risolta ora solo grazie al fatto che a nostro favore è intervenuta una legge dello Stato di fine Con il Comune, abbiamo trovato un accordo bonario per chiudere finalmente la vicenda, e nel febbraio scorso abbiamo incassato la cifra esatta di ,65 euro + IVA. Una bella cifra, ma soprattutto la soddisfazione di aver posto fine ad una vicenda tanto lunga e penosa! Un nuovo servizio Cogliamo anche l occasione per annunciare l avvio di un nuovo servizio ai soci. Il furgone Citroën Nemo acquistato a condizioni molto agevolate (perché in conto promozione) dalla Cooperativa potrà essere richiesto dai soci per brevi periodi temporali, senza corrispettivo e costo, e quindi non sotto la forma del noleggio, per piccole utilità che possono essere necessarie alla famiglia o all azienda. L ottica è appunto quella di un servizio, non certo per svago e turismo. Dovrà semplicemente essere sottoscritta una assunzione di responsabilità. Dopo le luci, anche le ombre Tutto bene, dunque? Sarebbe bello rispondere a questa domanda in modo tranquillamente affermativo, ma il dovere che abbiamo è anche quello di segnalare le ombre, perché i soci conoscano una realtà complessiva nel modo più completo e trasparente. Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2008 Pagina 6

7 Da anni, personalmente, lamento ad esempio che lo spirito cooperativo quello bello, nobile, trasmessoci dai nostri avi sia assai carente, e non solo per fisiologiche e comprensibili ragioni legate al fatto che i tempi sono cambiati. Anche nella civiltà dell industria e del terziario, anche in una Calvenzano in cui l agricoltura, come attività economica, è diventata quasi residuale, potrebbe e dovrebbe esserci uno spirito, una cultura cooperativa maggiore, più sentita, più diffusa. Lo spirito cooperativo si vede in particolare e in concreto quando il socio deve fare una scelta tra il proprio interesse strettamente personale e quello della società. La scelta effettiva è purtroppo diventata sempre più egoistica, anche nelle piccole cose. Non possiamo accettare il concetto che si partecipa alla vita della Cooperativa più per prendere che per dare, ma questa è una mentalità purtroppo ancora troppo diffusa. Ad esempio, una cattiva pratica del passato, quella di riconoscere buonuscite ai nostri assegnatari non è più stata praticata, ma continuano ad esserci tensioni in materia. Il Consiglio di amministrazione uscente è stato comunque sempre indisponibile anche per le questioni più piccole. La Cooperativa è di tutti e tutti hanno diritto di chiedere che vengano forniti adeguati servizi e dunque è normale che sia la società a dare, ma ci deve essere sempre un corrispettivo almeno morale: la disponibilità a fare sacrifici, avanzando non pretese ma semplicemente il rispetto di normali diritti cooperativi. L esperienza di questi anni è fatta di episodi magari piccoli ma significativi in cui tutto questo è purtroppo contraddetto, e occorre che l Assemblea proprio nel momento in cui è chiamata a rinnovare gli organi amministrativi ne sia cosciente. Vi sono soci che adempiono puntualmente ai loro doveri e soci che pensano invece che sia solo la società al loro servizio. Ci sono soci che ricevono servizi, e soci che non ne ricevono e non ne hanno mai chiesti, e che si devono trovare a loro agio nella compagine, con il semplice orgoglio dell appartenenza. Non siamo un banale condominio che vuole solo far tornare i conti, stando per il resto ciascuno chiuso nel proprio individuale recinto. La Cooperativa non è questo. Il Consiglio di amministrazione uscente ne ha discusso spesso, trovandosi anche di fronte a situazioni e scelte dolorose, e ha recentemente avuto un incontro anche con il Comitato dei Probiviri, per condividere con quest ultimo la necessità di intervenire, avendo il conforto di un incoraggiamento a procedere per recuperare lo spirito giusto. E anche per questo che abbiamo deciso di mettere all ordine del giorno di questa Assemblea la modifica del Regolamento interno, documento che risale addirittura a circa 60 anni fa, e che andava comunque adeguato. Ne parleremo dopo questa relazione, ma voglio anticiparvi due punti tra gli altri: 1 - Il ritardo o il mancato pagamento dei corrispettivi per l uso dei beni sociali, terreni o immobili, non è tollerabile. E una vera e propria violazione del dovere essenziale di fare il bene della Cooperativa, come prescrive lo Statuto. Purtroppo, in questi anni, ci siamo trovati a dover fronteggiare morosità che nel 2008 erano diventare davvero rilevanti, con mancati pagamenti dei canoni tra soci e non soci che hanno sfiorato gli 80 mila euro (ora scesi sotto i 50 mila, per energiche azioni svolte). Ebbene, per i non soci abbiamo potuto far ricorso alle norme di legge, avviando pratiche legali di sfratto che erano sconosciute alla prassi della nostra società, sempre molto attenta a ragioni e motivazioni sociali per venire incontro ad esigenze anche di non soci in particolari condizioni di necessità. Per i soci occorrono invece norme anche disciplinari più dure e però più giuste, per il rispetto che dobbiamo a quella maggioranza che adempie puntualmente ai propri doveri. Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2008 Pagina 7

8 Abbiamo dunque pensato di inasprire le procedure che già esistono per giungere anche all esclusione dalla condizione di socio, che è certo ragione di agevolazioni, ma non di privilegi di cui profittare. Il problema è anche giuridico, perché le nostre assegnazioni non rientrano nella normativa di legge che prevede precisi limiti da osservare da parte dell inquilino, relative appunto al pagamento dei canoni, alla durata e rinnovabilità del contratto eccetera. Ma se un tempo, nella Cooperativa, tutto era fatto sulla parola, con un forte e reciproco controllo morale, nella convinzione che la cosa più importante fosse la correttezza e la lealtà, date quasi per scontate, questo oggi non avviene più. E allora i corrispettivi vanno pagati e se questo non avviene, semplicemente non si è più soci degni di questo nome e, dopo una procedura paziente ma rigida, non si fa più parte della compagine! Anche la durata dell affidamento di una casa o di un terreno non può essere indefinita, quasi un diritto a vita. Il vecchio regolamento, in verità, già riconosceva al Consiglio di amministrazione all epoca fondamentalmente per i terreni e per le attrezzature agricole il diritto, anno per anno, di modificare le assegnazioni e distribuire diversamente il patrimonio affidato per la conduzione ai soci. Ma questo avveniva pacificamente con l uso del buon senso e del rispetto delle esigenze, sopratutto quelle dell agricoltura, non certo per capriccio del Consiglio o per pretesa degli affittuari. Occorre ora recuperare l osservanza delle regole esistenti, e adeguarle se non sono chiare. Tutti i soci hanno diritto di avere condizioni agevolate e servizi efficienti, ma nessuno può considerare di avere una specie di riconoscimento a vita di privilegi. L interesse della Cooperativa viene prima di quello dei soci, o se preferite l interesse dei soci è che sia preservato l interesse complessivo della Cooperativa!. 2. Occorre probabilmente introdurre aria fresca nella compagine sociale, allargando la sua base e facendo partecipare quei giovani (e quelle donne) che il nuovo Statuto ha auspicato che fossero sempre più presenti. In realtà, in questi anni, l incremento del numero dei soci è stato lento, inferiore a quello che avrebbe potuto essere, e inferiore a quello che le leggi nuove sulla cooperazione hanno ovunque favorito e richiesto: ho già ricordato in passato che la Cassa Rurale di Treviglio ha avuto per decenni poche centinaia di soci e oggi supera i 18 mila, ed è un paradosso negativo che i soci calvenzanesi di quella cooperativa siano numericamente inferiori a quelli della nostra Cooperativa agricola! Non possiamo insomma permetterci di essere una compagine chiusa, conservatrice, quasi ostile al nuovo. Per fare le nuove iniziative che sono necessarie, per rilanciare davvero l agricoltura come è preciso impegno programmatico della Cooperativa che si chiama agricola, questa linfa vitale è indispensabile. La nostra conclusione è dunque quella di ribadire lo spirito di apertura che deve caratterizzare la nostra società. Ma con una precisazione, che è la diretta conseguenza di quanto sottolineato al punto precedente: non si diventa soci solo in funzione di qualche privilegio. Se fin dal giorno dell adesione, questo è lo spirito, allora è uno spirito sbagliato e ben farebbe il Consiglio di Amministrazione a respingere richieste di adesione che hanno questo sottinteso. Ed è ciò che materialmente è avvenuto qualche volta. Anche su questo, un nuovo Regolamento è necessario e vi sono quindi proposte, che esamineremo nel prosieguo dell ordine del giorno. Il futuro della Cooperativa Agricola di Calvenzano: edilizia e agricoltura Per la conclusione di questa relazione, possiamo dunque così sintetizzare gli impegni di oggi e di domani: Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2008 Pagina 8

9 . mantenimento di una sana condizione economico/finanziaria.. continuazione dei programmi di ammodernamento del patrimonio, cogliendo tutte le occasioni di valorizzazione possibile.. sviluppo e promozione dei valori che hanno sempre caratterizzato la vita ben più che centenaria della nostra Cooperativa. La natura della nostra società non è la prima volta che lo sottolineiamo è molto mutata nel tempo, adeguandosi alle modifiche anche culturali del mondo globale in cui siamo immersi. A proposito di mondo che cambia, non so se tutti Voi avete visitato il sito internet della nostra Cooperativa (www.coopcalvenzano.it), che a breve sarà oltretutto ristrutturato e reso ancora più gradevole. Ma non vi stupisca il fatto che è costantemente visitato da persone che si collegano da tutto il mondo. Ma rimane forte la necessità di considerare centrale il valore dell agricoltura, che è valore economico e valore morale. Dal punto di vista sostanziale anche questo Bilancio evidenzia in tutta nettezza la natura prevalente della nostra attività mutualistica, come richiesto dalla legge. Il peso dei servizi resi ai soci è maggioritario rispetto a quello dei servizi resi ai non soci. Si tratta di servizi abitativi ad alto contenuto sociale, in linea con le indicazioni dello Statuto e in coerenza con la nostra storia. L agricoltura è minoritaria, e ci spiace molto che la sua percentuale sul totale delle nostre attività, sia tanto ridotta. Ma i nostri terreni sono affittati ad agricoltori e in qualche caso gestiti da noi stessi con affidamento a conterzisti, e il nostro impegno talvolta persino petulante è stato quello di pretendere da tutti cura e attenzione anche ambientale, inserendo questi impegni nei contratti di questi ultimi anni. Per il 2009 abbiamo di nuovo esplicitato questa richiesta, imponendo una durata breve che scadrà a novembre proprio per mettere alla prova la buona volontà dei conduttori. Da parte nostra facciamo quello che un proprietario deve fare; ancora recentemente abbiamo incrementato il patrimonio di piantumazione sui confini dei vari terreni. Per il futuro, abbiamo in previsione un intervento di manutenzione e rafforzamento di argini e canali. Ma l impegno maggiore deve venire dagli affittuari, che anche se non soci godono di canoni molto convenienti. Per il resto, buoni risultati stanno venendo dalle due aziende di giovani agricoltori che abbiamo patrocinato e aiutato a nascere (entrambi hanno ottenuto la certificazione biologica ) e buone soddisfazioni vengono dalle iniziative promozionali che abbiamo messo in campo. E attivo il comitato dei soci amici del melone, che ha portato il logo della nostra Cooperativa all attenzione della stampa, delle autorità e - con grande successo al pubblico della Fiera di Bergamo e in varie iniziative anche a Treviglio. Alla Fiera Agricola di Bergamo. Si tratta di una cosa piccola in sé, che non costa alla Cooperativa, ma che è di grandissima importanza morale, direi per tutta Calvenzano. Quest anno ci auguriamo che diventi ancora più importante, affidata ad un socio agricoltore, affiancato dagli amici e nel periodo di punta da manodopera esterna, perché la dimensione non più strettamente amatoriale lo richiede. Gli amici del melone Nell insieme dovremo comunque trovare un equilibrio migliore tra l attività di servizio abitativo e quella agricola. Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2008 Pagina 9

10 La nostra Cooperativa si configura ormai come ad attività mista, ed è in perfetta regola dal punto di vista amministrativo e fiscale, dopo gli interventi che abbiamo varato negli anni scorsi. Ma più che la forma ci interessa la sostanza. Se una adeguamento contabile che metta in evidenza la distinzione tra agricoltura e il resto, si mostrerà necessario e utile a mettere in evidenza l agricoltura, lo faremo. Ma con un occhio fisso alla sostanza, e cioè all impegno di valorizzare sempre quelle che sono le radici profonde della nostra attività, giunta con questo esercizio alla bellezza di 121 anni di vita! Recuperare questo spirito potrà significare fugare le ombre che ho doverosamente ricordato e puntare sulle luci, che sono state e devono continuare ad essere tante. Grazie dell attenzione! Andamento della gestione Principali dati economici Il conto economico riclassificato della società confrontato con quello dell esercizio precedente è il seguente (in Euro): 31/12/ /12/2007 Variazione Ricavi netti Costi esterni Valore Aggiunto Costo del lavoro (2.945) Margine Operativo Lordo Ammortamenti, svalutazioni ed altri accantonamenti Risultato Operativo Proventi diversi Proventi e oneri finanziari (12.482) (27.458) Risultato Ordinario Componenti straordinarie nette (1) ( ) Risultato prima delle imposte ( ) Imposte sul reddito ( ) Risultato netto ( ) Principali dati patrimoniali Lo stato patrimoniale riclassificato della società confrontato con quello dell esercizio precedente è il seguente (in Euro): 31/12/ /12/2007 Variazione Immobilizzazioni immateriali nette (288) Immobilizzazioni materiali nette Partecipazioni ed altre immobilizzazioni (33.778) finanziarie Capitale immobilizzato Rimanenze di magazzino (287) Crediti verso Clienti Altri crediti Ratei e risconti attivi (3.522) Attività d esercizio a breve termine Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2008 Pagina 10

11 Debiti verso fornitori Acconti Debiti tributari e previdenziali ( ) Altri debiti (1.198) Ratei e risconti passivi Passività d esercizio a breve termine ( ) Capitale d esercizio netto (16.563) ( ) Altre passività a medio e lungo termine (10.920) Passività a medio lungo termine (10.920) Capitale investito Patrimonio netto ( ) ( ) (84.698) Posizione finanziaria netta a medio lungo termine Posizione finanziaria netta a breve termine ( ) ( ) ( ) Mezzi propri e indebitamento finanziario netto ( ) ( ) ( ) Principali dati finanziari La posizione finanziaria netta al 31/12/2008, era la seguente (in Euro): 31/12/ /12/2007 Variazione Depositi bancari ( ) Denaro e altri valori in cassa (1.555) Disponibilità liquide ed azioni proprie ( ) Attività finanziarie che non costituiscono immobilizzazioni Debiti verso altri finanziatori (entro 12 mesi) Debiti finanziari a breve termine Posizione finanziaria netta a breve termine ( ) ( ) ( ) Crediti finanziari (23) (23) Posizione finanziaria netta a medio e lungo termine Posizione finanziaria netta ( ) ( ) ( ) Investimenti Immobilizzazioni Acquisizioni dell esercizio Terreni e fabbricati Altri beni Nel corso dell'esercizio sono stati effettuati investimenti nelle seguenti aree: - sistemazione parziale del cortile di Via Locatelli e Via Paglia; - lavori di manutenzione e messa a norma di impianti negli stabili di proprietà; - acquisto del furgone Citroën Nemo. Destinazione del risultato d'esercizio Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2008 Pagina 11

12 Si propone all'assemblea di così destinare il risultato d'esercizio: utile d'esercizio al 31/12/2008 Euro % al fondo mutualistico art. 11 L. 59/92 Euro a riserva indivisibile art. 12 L. 904/77 Euro Vi ringraziamo per la fiducia accordataci e Vi invitiamo ad approvare il bilancio così come presentato. Calvenzano, 9 aprile 2009 Presidente del Consiglio di amministrazione (Giuseppe Facchetti) Relazione sulla gestione del bilancio al 31/12/2008 Pagina 12

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011

S T A T O P A T R I M O N I A L E 31/12/2012 31/12/2011 Ditta 005034 Data: 05/04/2013 Ora: 15.13 Pag.001 A.I.R. - ASSOCIAZIONE ITALIANA RETT - ONLUS VIALE BRACCI 1 53100 SIENA SI ESERCIZIO DAL 01/01/2012 AL 31/12/2012 BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA AI SENSI DELL'ART.2435

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012

ROMA SOLIDALE ONLUS. Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C. al bilancio chiuso il 31/12/2012 ROMA SOLIDALE ONLUS Codice fiscale 08060901009 Partita iva 09559981007 BORGO PIO 10-00193 ROMA RM Numero R.E.A. 1176430 Fondo di dotazione Euro 350.000 Nota integrativa abbreviata ex Art. 2435 bis C.C.

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI

NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI NOTE METODOLOGICHE PRINCIPALI MARGINI ECONOMICI - SOCIETA INDUSTRIALI, COMMERCIALI E PLURIENNALI Valore aggiunto Valore della produzione - Consumi di materie - Spese generali + Accantonamenti Mol (Valore

Dettagli

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI STATO PATRIMONIALE CONSOLIDATO ATTIVO A) CREDITI VS STATO E ALTRI AA.PP. PARTECIPAZIONE FONDO DI DOTAZIONE B) IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 Costi di impianto ed ampliamento 2 Costi

Dettagli

RISCONTO ATTIVO = Costo sospeso = costo che riguarda il futuro esercizio

RISCONTO ATTIVO = Costo sospeso = costo che riguarda il futuro esercizio LE SCRITTURE DI RETTIFICA: Attraverso le scritture di rettifica si rinviano al futuro esercizio componenti positivi e negativi di reddito che si sono manifestati nell esercizio, e quindi sono stati in

Dettagli

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito

Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Principio contabile internazionale n. 12 Imposte sul reddito Finalità La finalità del presente Principio è quella di definire il trattamento contabile delle imposte sul reddito. L aspetto principale della

Dettagli

Relazione di valutazione

Relazione di valutazione Tribunale Civile e Penale di Milano Esecuzioni Immobiliari N. 10967/2009 RG Giudice: dott. Boroni Valentina * * * * Con provvedimento del Giudice dott. Boroni Valentina del 24 giugno 2010 il sottoscritto

Dettagli

= Circolare n. 9/2013

= Circolare n. 9/2013 = Scadenze + 27 dicembre + Invio degli elenchi INTRA- STAT mensili versamento acconto IVA mediante Mod. F24 + 30 dicembre + Stampa dei libri contabili dell'anno 2012 (libro giornale, registri IVA, libro

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi?

Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Il vecchio contadino in viaggio verso l Europa. Dove va il diritto agrario oggi? Delle molte definizioni che sono state date, quella del «diritto della produzione agricola» o «diritto dell agricoltura»

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE

GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO PER LE ANALISI FINANZIARIE GLI INDICI DI BILANCIO Gli indici sono rapporti tra grandezze economiche, patrimoniali e finanziarie contenute nello stato patrimoniale e nel conto economico

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO. Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 Appunti di Finanza Aziendale Dott. Vulpinari Gianluigi La scelta di intraprendere

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio

1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio INDICI DI BILANCIO 1. Archivio Diciture per Indici di Bilancio Perché sia possibile un calcolo automatico degli indici di bilancio (ratios) è necessario che le informazioni siano memorizzate seguendo i

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

I contratti di gestione delle strutture alberghiere

I contratti di gestione delle strutture alberghiere 12/06/2013 il Contratti tipici: Contratti atipici: contratto di locazione di bene immobile contratto di affitto di azienda (alberghiera) contratto di gestione di azienda. alberghiera (c.d. contratto di

Dettagli

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D.

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. Convegno del 7 dicembre 2010 Dott. ssa Mariangela Brunero Il rendiconto: criteri e modalità di redazione ed approvazione Introduzione Attività

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

La cedolare secca. Chi, cosa, come, quando e perché

La cedolare secca. Chi, cosa, come, quando e perché La cedolare secca Chi, cosa, come, quando e perché La cedolare secca è una novità di quest anno. Osserviamola più da vicino e scopriamo in cosa consiste. Partiamo dal principio Le regole generali E per

Dettagli

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale

Lezione 8. Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale Lezione 8 Ciclo gestionale e sintesi economico-patrimoniale L AZIENDA SVOLGE UN PROCESSO DI TRASFORMAZIONE RISORSE PROCESSO DI PRODOTTI E SERVIZI TRASFORMAZIONE Valore di mercato delle risorse impiegate

Dettagli

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio

ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE. Dott. Elbano De Nuccio ANALISI DI BILANCIO LA RICLASSIFICAZIONE FINANZIARIA E FUNZIONALE Dott. Elbano De Nuccio L analisi di bilancio si propone di formulare un giudizio sull EQUILIBRIO ECONOMICO e FINANZIARIO/PATRIMONIALE della

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

FASI DI VITA DELL AZIENDA

FASI DI VITA DELL AZIENDA AZIENDA ORGANIZZAZIONE DI PERSONE E BENI CHE SVOLGE ATTIVITA ECONOMICA IN VISTA DEL SODDISFACIMENTO DEI BISOGNI UMANI. Dalla definizione si estraggono le 3 componenti principali dell azienda. Abbiamo ciò

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE Le rettifiche su acquisti (vendite) determinano componenti positivi (negativi) di reddito corrispondenti ad una riduzione dei costi di acquisto (ricavi di vendita) rilevati

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

Le dinamiche di una situazione finanziaria

Le dinamiche di una situazione finanziaria FORMAZIONE CONTINUA AGI LOMBARDIA VIA LENTASIO 7 MILANO Le dinamiche di una situazione finanziaria Prof. Riccardo Bauer PER POTER LEGGERE UN BILANCIO BISOGNA CONOSCERE LE DINAMICHE RELATIVE Significa conoscere

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria IMU - che cos'è L IMU si continua a pagare sulle case di lusso (categorie A/1, A/8 e A/9), sulle seconde case e su tutti gli altri immobili (ad esempio laboratori, negozi, capannoni, box non di pertinenza

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di

Gli indici per l analisi di bilancio. Relazione di Gli indici per l analisi di bilancio Relazione di Giorgio Caprioli Gli indici di solidità Gli indici di solidità studiano il rapporto tra le parti alte dello Stato Patrimoniale, ossia tra Capitale proprio

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza

credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza credito alle aziende Finanziamenti improntati alla semplicità e alla trasparenza chiarezza e trasparenza State progettando un investimento? Oppure desiderate semplicemente conoscere quali possibilità vi

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione

Guido Candela, Paolo Figini - Economia del turismo, 2ª edizione 8.2.4 La gestione finanziaria La gestione finanziaria non dev essere confusa con la contabilità: quest ultima, infatti, ha come contenuto proprio le rilevazioni contabili e il reperimento dei dati finanziari,

Dettagli

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto

Detrazione Fiscale e Scambio sul Posto Gentile Cliente, il momento storico della fine del Conto Energia in Italia è arrivato lo scorso 6 luglio ed ha rappresentato un punto di svolta per tutti gli operatori del solare. La tanto discussa grid

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto Svolgimento della prova di verifica n. 17 Classe 4 a IGEA, Mercurio, Brocca, Programmatori, Liceo economico, IPSC Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione. Celestina Rovetto Obiettivi della

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE Nome e cognome.. Classe Data I beni strumentali Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE di Marcella Givone 1. Costituzione di azienda con apporto di beni strumentali, sia in natura disgiunti

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi

PRINCIPI CONTABILI. Documento interpretativo n. 1del Principio contabile 12 Classificazione nel conto economico dei costi e ricavi OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e del Consiglio Nazionale dei Ragionieri modificati dall OIC in relazione alla riforma del diritto

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

A cura della Servizio Politiche Territoriali e del Lavoro della Uil 27 Aprile 2015

A cura della Servizio Politiche Territoriali e del Lavoro della Uil 27 Aprile 2015 A cura della Servizio Politiche Territoriali e del Lavoro della Uil 27 Aprile 2015 AMMORTIZZATORI SOCIALI : LUCE E OMBRE PENALIZZATI LAVORATORI E LAVORATRICI STAGIONALI CON UN REDDITO NETTO MENSILE DI

Dettagli

I componenti straordinari di reddito

I componenti straordinari di reddito I componenti straordinari di reito Possono essere così classificati: - PLUSVALENZE E MINUSVALENZE. Si originano nel caso di cessione di un cespite, se il valore contabile è diverso dal prezzo di vendita.

Dettagli

Dov è andata a finire l inflazione?

Dov è andata a finire l inflazione? 24 novembre 2001 Dov è andata a finire l inflazione? Sono oramai parecchi anni (dai primi anni 90) che la massa monetaria mondiale cresce ininterrottamente dell 8% all anno nel mondo occidentale con punte

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock

Costruirsi una rendita. I principi d investimento di BlackRock Costruirsi una rendita I principi d investimento di BlackRock I p r i n c i p i d i n v e s t i m e n t o d i B l a c k R o c k Ottenere una rendita è stato raramente tanto difficile quanto ai giorni nostri.

Dettagli

APSP CITTA DI RIVA RIVA DEL GARDA BILANCIO DI ESERCIZIO ANNO 2014 STATO PATRIMONIALE CONTO ECONOMICO NOTA INTEGRATIVA RELAZIONE ANDAMENTO GESTIONE

APSP CITTA DI RIVA RIVA DEL GARDA BILANCIO DI ESERCIZIO ANNO 2014 STATO PATRIMONIALE CONTO ECONOMICO NOTA INTEGRATIVA RELAZIONE ANDAMENTO GESTIONE Allegato A) deliberazione nr.14 d.d. 28.04.2015 APSP CITTA DI RIVA RIVA DEL GARDA BILANCIO DI ESERCIZIO ANNO 2014 STATO PATRIMONIALE CONTO ECONOMICO NOTA INTEGRATIVA RELAZIONE ANDAMENTO GESTIONE Il Presidente

Dettagli

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC?

Box: Perché sostenere il modello agricolo Biologico nella PAC? La PAC che verrà: Smart change or business as usual? La posizione ufficiale IFOAM EU sulla prossima riforma PAC 2014 2020 Alessandro Triantafyllidis, IFOAM EU Group Siamo a metà dell attuale periodo di

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI La Parrocchia Art. 1. La parrocchia è una persona giuridica pubblica, costituita con decreto dell Ordinario Diocesano (can. 515,3 ), riconosciuta

Dettagli

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed

Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed Appunti di Economia Capitolo 8 Analisi di bilancio Introduzione... 2 GLI INDICI DI BILANCIO... 2 Classificazione... 2 Indici finanziari... 3 Indici (finanziari) patrimoniali... 3 Indebitamento ed indipendenza

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli