Fiesa- Federazione Italiana Esercenti Settore Alimentare

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fiesa- Federazione Italiana Esercenti Settore Alimentare"

Transcript

1 -NEWS Fiesa- Federazione Italiana Esercenti Settore Alimentare ANNO IX n 4 27 giugno 2012 Circolare di informazione di FIESA-Confesercenti Via Nazionale Roma 06/ SITO INTERNET http :// PRESIDENZA FIESA: CRISI DEI CONSUMI SEMPRE PIÙ ACUTA, EVITARE AD OGNI COSTO INASPRIMENTI IVA. NECESSARIO SOSTENERE I REDDITI. La Presidenza Nazionale Fiesa si è riunita a Roma martedì 26 giugno presso la sede nazionale, Via Nazionale 60, Roma per discutere dell andamento dei consumi e delle iniziative per contrastare i ventilati aumenti IVA, delle manifestazioni fieristiche 2012 con la presentazione del report partnership con Verona, rielaborazione del DDL sugli esercizi di vicinato con le nuove deliberazioni e del rinnovo del CCNL panificazione. La Presidenza ha valutato con preoccupazione che a giugno l'indice del clima di fiducia dei consumatori ha segnato un nuovo calo, scendendo all'85,3 dall'86,5 di maggio secondo i dati forniti dall Istat. Si tratta del livello più basso da quando è iniziata la rilevazione di questo stato d animo dei consumatori. La Presidenza ha denunciato il peggioramento delle attese dei consumatori legato all inasprimento fiscale, all'aumento disoccupazione e all'evoluzione dello scenario economico italiano. Nel dettaglio, i giudizi e le aspettative sulla situazione economica secondo gli operatori alimentari di Fiesa risultano in peggioramento. I dati sulla fiducia dei consumatori non possono meravigliare e destano grande preoccupazione, ma è il risultato non solo lunga recessione, ma anche di un eccessiva pressione fiscale, che ha compresso i consumi, e visibile assenza di un piano per tornare a crescere. Mancano le aspettative di miglioramento. Dal quadro emerge che non vi saranno segnali di una ripresa dei consumi prima del prossimo anno. Il reddito disponibile delle famiglie probabilmente si ridurrà ancora stretto tra una crescita modesta dei redditi, la restrizione fiscale e l aumento dei prezzi. Una ripresa potrebbe delinearsi- secondo gli intervenuti- solo a partire dal 2014, quando potrebbero andare a regime i primi provvedimenti per la crescita. Se i consumi delle famiglie sono previsti in calo per il 2012 del 2,1 per cento in media, il dato si aggrava nel Mezzogiorno dove il calo dovrebbe arrivare al 2,4 per cento e la riduzione spesa per cibo e bevande riguarderebbe il 49% delle famiglie. Se a queste previsioni aggiungiamo i paventati aumenti iva tra il 2011 ed il 2014 rischiamosecondo più osservatori una autentica gelata dei consumi con effetti dirompenti sulla tenuta sociale. Ecco perché ad avviso Presidenza Fiesa bisogna evitare assolutamente l innalzamento delle aliquote iva. In questo senso la pressione presso la Confederazione e Rete Imprese Italia sarà ancora più forte perché si intervenga con decisione e diffida verso il Governo Monti. A furia di cure da cavallo si uccide il paese. Del resto gli ultimi dati disponibili relativi al mese di aprile parlano di un crollo record per le vendite al dettaglio. L indice, segnala l Istat, ha registrato una riduzione dell 1,6% su base mensile, per un calo tendenziale del 6,8%.

2 Nel confronto con marzo 2012, le vendite diminuiscono dell 1,5% sia per i prodotti alimentari sia per quelli non alimentari. Rispetto ad aprile 2011, invece, le vendite di prodotti alimentari diminuiscono del 6,1% e secondo gli operatori di Fiesa maggio è andato anche peggio attestandosi intorno al meno 10. La caduta delle vendite interessa soprattutto, e ancora, le piccole superfici, che registrano un calo, sempre ad aprile, del -8,6% medio, mentre si registrano situazione di forte sofferenza nei piccoli esercizi con punte del -20. Una situazione insostenibile. Sulla partnership con Fiera Verona, la Presidenza ha valutato molto positivamente la collaborazione registrata in occasione Fiera Eurocarni 2012 e ha dato mandato alla giunta di monitorare l organizzazione delle iniziative che fanno direttamente riferimento al mondo Fiesa nonché di avviare i rapporti per l organizzazione del Siab sempre a Verona. La Presidenza ha poi affrontato la questione dei termini di pagamento disciplinata dall art. 62 legge 27/2012. La Fiesa Confesercenti, ha espresso condivisione di massima per la stesura del decreto interministeriale di attuazione dell art. 62, che disciplina le relazioni commerciali interne alla filiera agroalimentare, in materia di cessione dei prodotti agricoli e agroalimentari. Tuttavia la Fiesa Confesercenti ha espresso preoccupazione per la forte pervasività normativa che si spinge entro l autonomia contrattuale delle parti provocando una forte complicazione burocratica vita commerciale delle piccole e medie aziende, costrette a stipulare contratti scritti anche per piccole partite commerciali. In questo senso la Presidenza ha ribadito la richiesta avanzata da Fiesa Confesercenti, durante l incontro di filiera al Mipaf, di escludere dall applicazione i piccoli esercizi con un fatturato annuo inferiore ai 60 mila euro al netto di IVA, ( in coerenza con il principio di esclusione a suo tempo stabilito per l iscrizione in banca dati Agea). La Presidenza ha deliberato la nuova stesura del DDL di sostegno agli esercizi di vicinato che svolgono attività commerciale primaria resa necessaria dalla recente riforma fiscale e dall introduzione dell Imu: la nuova proposta ridefinisce i profili del regime dei minimi e ridelinea gli interventi sulla fiscalità locale. La Presidenza ha dato mandato alla giunta Fiesa di procedere alla presentazione proposta legislativa alle forze politiche. Sul rinnovo del contratto panificazione la Presidenza Fiesa ha ribadito la necessità di perequare gli strumenti a sostegno dell avviamento al lavoro e dell apprendistato tra i vari settori economici e di sostenere l obiettivo del contratto unico nazionale, arrivando alla unificazione del tavolo datoriale, incrociando anche le aspettative rappresentanza dei lavoratori. GOVERNO INTERVENGA SU EMISSIONE, GESTIONE E UTILIZZO BUONI PASTO. IL GOVERNO RISPONDE ALL INTERROGAZIONE PARLAMENTARE DELLA SEN. FIORONI IN MODO LACUNOSO E IN RITARDO Nelle scorse settimane il Governo ha risposto all interrogazione parlamentare Senatrice Anna Rita Fioroni, membro 10^ Commissione permanente (Industria, Commercio, Turismo) e Commissione straordinaria per il controllo dei prezzi, in merito all interrogazione presentata nel marzo 2009 (totalmente ignorata dal precedente esecutivo!) riguardante i diversi problemi relativi all emissione, gestione e utilizzo dei cosiddetti buoni pasto. Una risposta non soddisfacente, lacunosa e con grave ritardo. Questo in quanto il Sottosegretario di Stato per l Economia e Finanze Polillo non dà seguito a nessuna delle proposte contenute nell interrogazione, nè sull innalzamento soglia di esenzione fiscale e contributiva dei buoni pasto dagli attuali 5,29 euro a 10 euro, né sulla posticipazione (se non cancellazione) scadenza degli stessi, né si impegna ad agire per evitare che l aggiudicazione delle gare per la fornitura dei buoni pasto continui a sacrificare

3 in molti casi il meccanismo dell offerta economicamente più vantaggiosa privilegiando il criterio del prezzo più basso. L utilizzo dei buoni di valore predefinito concesso dal datore di lavoro ai dipendenti che, per necessità di servizio, non possono godere mensa interna all azienda, determina problemi che vengono riproposti sia dalle imprese che dai consumatori in modo periodico. Particolare problematicità assume anche la questione dei termini di pagamento dei buoni pasto che per motivi diversi vengono riconosciuti a distanza di mesi mentre l operatore commerciale è costretto ad anticipare il servizio sostitutivo di mensa. Per questo motivo le Associazioni degli operatori percettori di buoni pasto dovranno valutare con l attuale Governo soluzioni utili a risolvere le diverse problematiche che si trascinano da tempo sui buoni pasto, con una situazione che diventa sempre più insostenibile. CROLLANO LE VENDITE AL DETTAGLIO, AD APRILE -6,8% ANNUO, DATO PEGGIORE DAL VANNO GIÙ ALIMENTARI E NON Crollo record per le vendite al dettaglio ad aprile. L indice, segnala l Istat, ha registrato una riduzione dell 1,6% su base mensile, per un calo tendenziale del 6,8%. L arretramento congiunturale è il più ampio da maggio 2004, mentre quello su base annua è il peggiore dall avvio delle serie storiche nel gennaio Nel confronto con marzo 2012, le vendite diminuiscono dell 1,5% sia per i prodotti alimentari sia per quelli non alimentari. Rispetto ad aprile 2011, invece, le vendite di prodotti alimentari diminuiscono del 6,1% e quelle di prodotti non alimentari del 7,1%. La caduta delle vendite interessa soprattutto, e ancora, le piccole superfici, che registrano un calo del - 8,6%. Marcata contrazione anche per la grande distribuzione (-4,3%). Nei primi quattro mesi del 2012, rispetto allo stesso periodo del 2011, l indice grezzo diminuisce dell 1,6%. Le vendite di prodotti alimentari segnano una flessione dello 0,2% e quelle di prodotti non alimentari del 2,2%. CROLLA LA FIDUCIA DEI CONSUMATORI. E IL RISULTATO DI UNA PRESSIONE FISCALE OLTRE OGNI LIMITE A giugno l indice raggiunge il minimo dal 96 A giugno l'indice del clima di fiducia dei consumatori segna un nuovo calo, scendendo all'85,3 dall'86,5 di maggio. Lo rileva l'istat, aggiungendo che si tratta del livello più basso da gennaio 1996, ovvero dall'inizio delle serie storiche. Pesa il peggioramento delle attese sull'aumento disoccupazione e sull'evoluzione dello scenario economico italiano. Il clima economico generale scende in misura marcata (da 64,2 a 59,7), mentre la fiducia personale segna una lieve diminuzione (da 95,2 a 94,8). Risultano in calo sia l'indicatore riferito al clima futuro (da 75,7 a 72,9), sia, in misura minore, quello relativo alla situazione corrente (da 96,4 a 95,5). Nel dettaglio, i giudizi e le aspettative sulla situazione economica dell'italia risultano in peggioramento: i primi sono in leggera flessione, mentre le attese registrano un calo più forte. Inoltre, aumenta il saldo relativo alle attese sulla disoccupazione. I giudizi sulla situazione economica famiglia, infine, sono invece in lieve miglioramento, ma per quanto riguarda le aspettative si registra una diminuzione. Confesercenti: "Calo risultato di fisco eccessivo e assenza politiche di crescita" I dati diffusi oggi dall Istat sulla fiducia dei consumatori non possono purtroppo meravigliare, anche se destano grande preoccupazione. Secondo Confesercenti, il calo fiducia registrato - ai minimi dal 1996, data di inizio delle serie storiche - è il risultato non solo lunga recessione, ma anche di un eccessiva pressione fiscale, che ha compresso i consumi, e visibile assenza di un piano per tornare a crescere. In questo quadro, diventa ancora più decisivo il vertice di oggi a Roma tra i leader di Italia, Francia, Spagna e Germania: è necessario infatti delineare una politica comune europea orientata alla crescita, per far

4 Ufficio Economico: "Netto peggioramento del giudizio sul clima economico generale" E il netto peggioramento del giudizio sul clima economico generale che ha fatto ulteriormente scendere in giugno l indice del clima di fiducia delle famiglie italiane. In sostanza le famiglie non giudicano tanto evolversi negativamente la loro situazione personale e attuale quanto la situazione economica del Paese e le sue tendenze future, in particolare con riferimento all occupazione. Sui prezzi non traspaiono preoccupazioni, nonostante il caro benzina. Da questo punto di vista l indagine fotografa la situazione così come ce la saremmo aspettata. Se l indice cogliesse in anticipo il comportamento aggregato del ciclo economico ci aspetterebbero altri 6-9 mesi di recessione. Tuttavia l indice appare affidabile soprattutto per i consumi di beni durevoli (ad esempio acquisto di auto) - che mostrano una limitata diminuzione. Invece per quanto riguarda gli altri beni e soprattutto i servizi, secondo gli esperti, conta la volontà di spesa dei consumatori oltre che la loro capacità di spesa. Quindi, di fronte ad un miglioramento del clima economico generale nel nostro Paese - che soprattutto le imprese auspicano - anche i consumatori potrebbero ritrovare quella volontà di spesa che oggi appare in parte spenta. CARNI EQUINE, DAL CONVEGNO DI VERONA LA DENUNCIA DI FIESA ASSOMACELLAI DI CONFESERCENTI: È NECESSARIA LA RAZIONALIZZAZIONE DEI CONTROLLI E DEGLI UFFICI. UNA SOLA ANAGRAFE EQUINA E UN SOLO DOCUMENTO EUROPEO. CRITICHE ALL ASSENZA DEL MINISTERO DELLA SALUTE Si è conclusa la Fiera Eurocarne 2012 a Verona. Soddisfazione Fiesa Assomacellai di Confesercenti che ha registrato un grande afflusso di visitatori al proprio stand e una forte partecipazione di pubblico al convegno sulla Tracciabilità delle carni equine: sviluppi e consumi in Europa. Il convegno svolto da Fiesa Confesercenti, alla presenza di un centinaio di operatori ripartire le economie del Continente e uscire dalla crisi, lanciando così un segnale di fiducia ai cittadini italiani che hanno pagato duramente le difficoltà situazione economica, ma non hanno ancora perso le speranze nelle possibilità dell Europa: va ricordato infatti che, secondo un sondaggio Confesercenti- SWG, il 58% dei nostri connazionali è convinto che l Euro, anche se con difficoltà, supererà la crisi attuale, mentre addirittura un 11% è ancora più fiducioso e non vede pericoli di sorta. La pattuglia dei pessimisti ad oltranza, invece, è relegata ad appena il 17%. Rischia però di crescere alimentata da incertezze e sentimenti di sfiducia, che vanno invece contrastati con decisioni rapide ed efficaci. distribuzione carne, ha visto la partecipazione del Cav. Gian Paolo Angelotti - Presidente Assomacellai Fiesa- Confesercenti, del Prof. Salvatore Ciappellano, Università degli Studi di Milano, Dipartimento di Sscienze alimentari, del dr. Carlo Alberto Aliberti del servizio veterinario dell Emilia Romagna, dell On Laura Froner, Vice Presidente X Commissione Camera dei Deputati, del signor Virginio Masina, Presidente Naba Carni SpA e del Signor Fabio Ferraroni dell Associazione Cavallo Pesto di Parma. Il Convegno è stato moderato dal Dr. Nicola Caggiano Giunta Nazionale Fiesa. All incontro hanno partecipato delegazioni di macellai giunte dalla Calabria, dalla Puglia, dal Veneto, dall Emilia Romagna, dalla Liguria, e dalla Lombardia. Dall incontro è emerso un quadro del settore in Italia di grande interesse e di forti potenzialità. La carne di cavallo è senza dubbio una delle carni più interessanti a livello nutrizionale, essendo povera di grassi e ricca di ferro. E infatti da un indagine scientifica svolta dall Università di Milano, e dettagliata dal Prof. Ciappellano, emerge che la carne equina è povera di grassi, ricca di ferro, con una buona presenza di acidi grassi, con funzioni elevate di riduzione del colesterolo totale e ricca di omega 3. La discussione ha evidenziato che i due paesi principali nei quali il consumo di carne va bene sono l'italia e la Francia,

5 ed è consumata comunemente in Spagna, Belgio, Svizzera, Germania, Austria e Paesi Bassi. In Italia la Puglia rappresenta la Regione con il più alto consumo di carni equine: il 32% del consumo totale nazionale, contro il 14,3% Lombardia, il 10,8% del Piemonte, il 9,2% dell Emilia Romagna, il 7,6% del Veneto e il 5,5% del Lazio. Il settore distributivo, ovvero la rete delle macellerie equine, rappresenta una quota consistente distribuzione carne nel nostro Paese. Gli interventi hanno evidenziato che i consumatori che utilizzano la carne equina sembrano dimostrare un certo grado di fidelizzazione per il prodotto. Il Convegno ha poi esaminato, nei diversi interventi, l insufficienza produzione equina nazionale, e pertanto, la necessità di ricorrere all importazione di carne fresca o congelata da altri Paesi. In questa fase filiera insorgono però una molteplicità di problemi relativi alla tracciabilità, agli Enti preposti alla sorveglianza e al rilascio dei certificati sanitari, all anagrafe, o meglio alle anagrafi, ai passaporti, ai trasporti. Un insieme di problematiche che mettono a dura prova l efficienza e la corretta gestione del settore. E stata lamentata la molteplicità delle competenze igienico-sanitarie di sorveglianza e di registrazione, di gestione dell anagrafe con duplicazioni e contraddizioni che rendono il lavoro degli addetti assolutamente impossibile. E stato denunciato lo stato di confusione in cui versa il settore in merito all importazioni di cavalli da alcuni Paesi europei, con Regioni che si orientano in modo diametralmente opposto, causando danni alle imprese e incongruenze operative al settore. Rispetto ai temi sollevati, ben noti al Ministero Salute, il dicastero sanitario si è defilato dalle responsabilità, negando la partecipazione al Convegno e omettendo di rispondere alle questioni sollevate dall Associazione già mesi fa. La Vice Presidente Commissione Industria Camera On. Froner, su sollecitazione dei dirigenti Fiesa Assomacellai, ha assicurato il suo impegno a interrogare il Governo sulle disfunzioni denunciate dagli operatori e dall Associazione e a preparare incontri ad hoc con le Commissioni parlamentari Sanità ed Agricoltura perché assumano iniziative utili a risolvere le gravi inefficienze causate alle attività produttive e distribuzione filiera delle carni equine. Infine il Convegno si è concluso con importanti riconoscimenti ad alcuni operatori del settore ANAGRAFE EQUINA, PRESENTATA INTERROGAZIONE PARLAMENTARE AL MINISTRO DELLA SALUTE A seguito Tavola rotonda sulla tracciabilità carne equina, organizzata da Fiesa Assomacellai, svoltasi il 27 maggio scorso nell ambito Fiera di Verona Eurocarni 2012 è stata presentata un interrogazione parlamentare al Ministro Salute sulla delicata situazione tracciabilità e dell organizzazione dell anagrafe equina. A presentarla, prima firmataria, l On. Laura Froner, Vice Presidente Commissione Industria Camera dei Deputati, partecipante alla Tavola rotonda, l On. Gero Grassi, vice Presidente Commissione Affari sociali Camera, L On. Dario Ginefra, Commissione Trasporti Camera, e gli Onorevoli Angelo Zucchi, Luciano. Agostini, Sandro Brandolini e Susanna Cenni Commissione Agricoltura Camera. Dalla Tavola rotonda, cui parteciparono una nutrita delegazione di operatori con più di 100 intervenuti, tra cui macellatori ed esercenti provenienti da tutt'italia, emerse la denuncia dell'attuale caotica e disomogenea legislazione in materia di anagrafe e tracciabilità equina. Dal dibattito fu evidenziato che attualmente esistono decine di tipi di passaporto, emessi da almeno una decina di Enti diversi: una situazione insostenibile che mette fortemente a disagio sia gli operatori, sia i funzionari delle diverse Asl di Italia, questi ultimi nel disperato e vano tentativo di dare una interpretazione univoca alle numerose leggi vigenti. Tra gli interventi quelli del Presidente Nazionale dei macellai Confesercenti Gianpaolo Angelotti, quello del Sig. Virginio Masina, Presidente di NABA Carni

6 S.p.A., del Professor Salvatore Ciappellano, Docente e Ricercatore all'università degli Studi di Milano, di veterinari e addetti ai lavori tra i quali quelli di Mario Rossoni, Operatore del settore e membro fondatore del Gruppo Italiano Carni Equine, che richiese a nome del settore l'emissione del passaporto unico e del Signor Zerbini, macellatore, che denunciò le carenze interpretative delle normative che rendono possibile una cosa in una Regione e impossibile in quella accanto. Chiuse l'incontro l'intervento dell'onorevole Laura Froner, che preannunciò un interrogazione al Governo che puntualmente è stata presentata, per sapere quali iniziative intenda intraprendere il Ministro Salute: a) per istituire un'anagrafe zootecnica unitaria presso la banca dati nazionale del centro servizi nazionale di Teramo, incorporando i dati degli equidi al sistema in essere attualmente presso gli uffici dell'anagrafe bovina, al fine di realizzare le condizioni per un agevole coordinamento delle informazioni concernenti tutti i capi destinati alla macellazione per il consumo umano; b) per attivare presso la stessa banca dati nazionale di Teramo le funzionalità ritenute più idonee ad assicurare alle imprese del settore equino modalità unitarie ed omogenee di registrazione, indipendentemente dalla provenienza geografica dei capi destinati alla macellazione. ( ). EXPOMURGIA 2012: UN SUCCESSO CHE SI RIPETE, UN'ESPERIENZA CHE SI CONSOLIDA. ARRIVEDERCI AL 2013 PER IL 10 ANNIVERSARIO La nona edizione di ExpoMurgia 2012 (30 maggio-5 giugno), Fiera nel Parco Nazionale dell Alta Murgia svoltasi ad Altamura, promosso dalla Confesercenti ed organizzato da Piesse Management, si è conclusa con un riscontro molto positivo da parte degli espositori e visitatori, registrando la presenza di 100 imprese espositrici e di circa visitatori. Nel corso dell evento fieristico si sono tenuti interessanti convegni, concerti musicali, proiezioni cinematografiche, spettacoli popolari e sfilate di moda e bellezza con migliaia di spettatori. SISMA, DA CONFESERCENTI SOLIDARIETÀ CONCRETA Venerdì 8 giugno una delegazione guidata dal Presidente Marco Venturi sui luoghi colpiti dal terremoto Una delegazione di Confesercenti guidata da Marco Venturi Presidente Nazionale sarà venerdì 8 giugno sui luoghi del terremoto in Emilia per ribadire la forte solidarietà dell intera Associazione. Confesercenti è più che mai convinta che occorra mettere in campo tutte le iniziative concrete possibili, capaci sia di trasmettere in modo tangibile alle popolazioni ed alle imprese di quei territori la totale volontà di non lasciarle sole sia di contribuire al difficile percorso di ritorno alla normalità. Di conseguenza Confesercenti ha deciso di mettere a disposizione la somma di 500 mila euro a fondo perduto da destinarsi alle imprese associate danneggiate dal terremoto. Inoltre Confesercenti costituisce un Fondo per finanziamenti alle imprese con un plafond di 16 milioni di euro garantito grazie ad un accordo definito con Unicredit. Le Associazioni territoriali predisporranno la fase istruttoria e le erogazioni saranno garantite entro 10 giorni dalla presentazione richiesta. I finanziamenti di importo unitario, con un tetto massimo di 50 mila euro, saranno concessi a tasso zero e senza costi di istruttoria. La durata del prestito è fissata in 12 mesi. Infine Confesercenti ha varato una sottoscrizione sul territorio nazionale che si avvale di queste coordinate bancarie: IT49B

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

5. Il contratto part-time

5. Il contratto part-time 5. Il contratto part-time di Elisa Lorenzi 1. L andamento dei contratti part-time Il part-time è una modalità contrattuale che in Italia, nonostante la positiva dinamica registrata negli ultimi anni, riveste

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 7 maggio 2015 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2015-2017 Nel 2015 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,7% in termini reali, cui seguirà una crescita dell

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile

Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della Sardegna e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Obiettivi Europa 2020 e Indicatori di Posizione della e dell'italia Valori degli indicatori aggiornati all'ultimo anno disponibile Fonti: Eurostat - Regional statistic; Istat - Politiche di Sviluppo e

Dettagli

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli)

speciale Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) 2013 Maggio Lordo Netto 2013 In vigore dal 1 gennaio 2013 (a cura di Gianfranco Serioli) Note introduttive Tabella Lordo Netto 2013 Il contributo di solidarietà Introdotto con il Dl n. 138/2011 (legge

Dettagli

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano

CHECK UP 2012 La competitività dell agroalimentare italiano Rapporto annuale ISMEA Rapporto annuale 2012 5. La catena del valore IN SINTESI La catena del valore elaborata dall Ismea ha il fine di quantificare la suddivisione del valore dei beni prodotti dal settore

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi

risparmio, dove lo metto ora? le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi il risparmio, dove lo ora? metto le risposte alle domande che i risparmiatori si pongono sul mondo dei fondi Vademecum del risparmiatore le principali domande emerse da una recente ricerca di mercato 1

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

1. La situazione economica e del mercato del lavoro

1. La situazione economica e del mercato del lavoro 1. La situazione economica e del mercato del lavoro Per la lettura dei dati non si può prescindere dal considerare l impatto dei molteplici fattori che hanno mutato radicalmente il mondo del lavoro a causa

Dettagli

Stima delle presenze irregolari. Vari anni

Stima delle presenze irregolari. Vari anni Stima delle presenze irregolari. Vari anni Diciottesimo Rapporto sulle migrazioni (FrancoAngeli). Fondazione Ismu. Dicembre 2012 Capitolo 1.1: Gli aspetti statistici Tab. 1 - La presenza straniera in Italia.

Dettagli

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE

LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE LE IMPORTAZIONI DI PRODOTTI BIOLOGICI DAI PAESI TERZI NELLA UE Procedure per il controllo e la gestione delle irregolarità Lunedì 17 giugno 2013 Unioncamere Sala Convegni De Longhi Horti Sallustiani, Piazza

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune

Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune Progetto di Filiera Dalla DOP Liquirizia di Calabria Fare squadra verso un obiettivo comune 1 Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria DOP Il Progetto di Filiera Dalla liquirizia di Calabria

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

di Francesco Verbaro 1

di Francesco Verbaro 1 IL LAVORO PUBBLICO TRA PROCESSI DI RIORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE PARTE II - CAPITOLO 1 I L L A V O R O P U B B L I C O T R A P R O C E S S I D I R I O R G A N I Z Z A Z I O N E E I N N O V A Z I O N E

Dettagli

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari

La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari La geopolitica della crisi. Passate esperienze e attuali scenari Appunti del seminario tenuto presso l'università di Trieste - Scienze Internazionali e Diplomatiche di Gorizia - insegnamento di Geografia

Dettagli

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO Ufficio studi I dati più recenti indicano in oltre 1,4 milioni il numero degli occupati nelle imprese del turismo. Il 68% sono dipendenti. Per conto dell EBNT (Ente Bilaterale Nazionale del Turismo) Fipe,

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014 Lo spettacolo dal vivo in Sardegna Rapporto di ricerca 2014 2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Presidenza Direzione generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977

OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 24 aprile 2013 OCCUPATI E DISOCCUPATI DATI RICOSTRUITI DAL 1977 L Istat ha ricostruito le serie storiche trimestrali e di media annua dal 1977 ad oggi, dei principali aggregati del mercato del lavoro,

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014

Import / Export. LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE Chiusura editoriale: 16 marzo 2015 Per informazioni: germana.dellepiane@liguriaricerche.it LE TENDENZE DELL'ECONOMIA LIGURE IV Trimestre 2014 LIGURIA RICERCHE SpA Via XX Settembre,

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA . LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA Gruppo di esperti costituito presso l Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN)

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, l 8 luglio 2015, ha approvato, con modificazioni, il seguente disegno di legge, già approvato dalla Camera dei deputati in un testo risultante

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO FORMA.TEMP FONDO PER LA FORMAZIONE DEI LAVORATORI IN SOMMINISTRAZIONE CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO BANDO PUBBLICO N. 2 PER IL FINANZIAMENTO DI PERCORSI FORMATIVI INDIVIDUALI MEDIANTE ASSEGNAZIONE

Dettagli

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA Da produttore/grossista a utente non domestico - Prezzo di mercato prevalente della componente energia e della commercializzazione al dettaglio

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

Le pensioni nel 2004

Le pensioni nel 2004 Le pensioni nel 2004 Con la presente si trasmette il consueto aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS, ad eccezione

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO

DOP&IGP_Guida. Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO +39.06.97602592 DOP&IGP_Guida Il documento informativo necessario per conoscere e proteggere la qualità dei prodotti a livello comunitario INDICE INTERATTIVO Pag. 2 Intro e Fonti Pag. 3 DOP o IGP? Differenze

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO

ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO Scheda esplicativa per la trattativa decentrata maggio 2009 ORGANIZZAZIONE DEI RIPOSI E DURATA DEL LAVORO NOTTURNO a cura di Giuseppe Montante e Carlo Palermo componenti la Delegazione trattante nazionale

Dettagli

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014

2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 2014 Indice 1 2 Rapporto sulla competitività dei settori produttivi - Edizione 214 RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI EDIZIONE 214 ISBN 978-88-458-1784-7 214 Istituto nazionale di statistica

Dettagli

Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario

Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario Denuncia alla Commissione Europea riguardante inadempimento del diritto comunitario 1) Dati identificativi del denunciante: ACER Associazione dei Costruttori Edili di Roma e Provincia in persona del legale

Dettagli

RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo se informatizzata

RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo se informatizzata a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 918 RENATO BRUNETTA PER IL FOGLIO Un Nazareno digitale. Perché l Italia riparte solo

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni

Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Ferrara, giovedì 27 Settembre 2012 Sistema innovativo agricolo italiano e nuova Pac: alcune riflessioni Giacomo Zanni (Dipartimento di Ingegneria ENDIF, Università di Ferrara) giacomo.zanni@unife.it SOMMARIO

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico VISTO il Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 convertito con modificazioni dalla Legge 11 novembre 2014, n. 164 recante Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche,

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1

LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA FORMAZIONE PER LA PA FINANZIATA DAL FSE PARTE II - CAPITOLO 2 LA FORMAZIONE PER LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE FINANZIATA DAL FONDO SOCIALE EUROPEO 1 LA PROGRAMMAZIONE DELLE REGIONI E DELLE PROVINCE AUTONOME

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014

Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Conferenza Stampa Dipartimento di Sanità Pubblica: i dati di attività del 2014 Lunedì 6/07/2015 ore 11.00 Sala Riunioni - Direzione Generale AUSL Strada del Quartiere 2/A - Parma Alla Conferenza Stampa

Dettagli

Giù le carte! COME ELIMINARE I CERTIFICATI INUTILI GUIDA ALL AUTOCERTIFICAZIONE

Giù le carte! COME ELIMINARE I CERTIFICATI INUTILI GUIDA ALL AUTOCERTIFICAZIONE PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Dipartimento della Funzione Pubblica Giù le carte! COME ELIMINARE I CERTIFICATI INUTILI GUIDA ALL AUTOCERTIFICAZIONE Certificati addio: dal 7 marzo le amministrazioni

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze COMUNICATO STAMPA Torino, 23 maggio 2006 Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze Il turismo in Piemonte continua a crescere. Nel 2005 gli arrivi di turisti che hanno

Dettagli

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione

Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Gli stranieri: un valore economico per la società. Dati e considerazioni su una realtà in continua evoluzione Con il patrocinio di e dal Ministero degli Affari Esteri Rapporto annuale sull economia dell

Dettagli

Rapporto di Riesame - frontespizio

Rapporto di Riesame - frontespizio Rapporto di Riesame - frontespizio Denominazione del Corso di Studio : TECNOLOGIE ALIMENTARI Classe : L26 Sede : POTENZA - Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali - SAFE Primo anno

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA 10^ COMMISSIONE INDUSTRIA SENATO DELLA REPUBBLICA AUDIZIONE MARTEDI 8 MAGGIO 2012 ORE 14,30 I CONTRATTI D AREA ED I PATTI TERRITORIALI UN ESPERIENZA DI VALORE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO Via degli Uffici

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30 11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI Il settore della PA è tra le priorità dell agenda

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte

Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte Crescita, produttività e occupazione: le sfide che l Italia ha di fronte DOCUMENTI 2013 Premessa 1. Sul quadro istituzionale gravano rilevanti incertezze. Se una situazione di incertezza è preoccupante

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che,

La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, La speculazione La speculazione può avvenire in due modi: al rialzo o al ribasso. La speculazione al rialzo è attuata da quegli operatori che, prevedendo un aumento delle quotazioni dei titoli, li acquistano,

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30

Iniziativa : Sessione di Studio a Vicenza. Vicenza, venerdì 24 novembre 2006, ore 9.00-13.30 Iniziativa : "Sessione di Studio" a Vicenza Gentili Associati, Il Consiglio Direttivo è lieto di informarvi che, proseguendo nell attuazione delle iniziative promosse dall' volte al processo di miglioramento,

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità

Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Dar da mangiare agli affamati. Le eccedenze alimentari come opportunità Paola Garrone, Marco Melacini e Alessandro Perego Politecnico di Milano Indagine realizzata da Fondazione per la Sussidiarietà e

Dettagli

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Franco Leccese 84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma Telefono 3461722196 Fax Email Nazionalità

Dettagli

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893)

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) N. 26 - Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) 1. IL NUMERO DEI PARLAMENTARI NELLE DIVERSE COSTITUZIONI La scelta del numero dei parlamentari è un

Dettagli

Con la presente scrittura tra

Con la presente scrittura tra Accordo per assicurare la liquidità alle imprese creditrici dei Comuni e delle Province della Regione Emilia-Romagna attraverso la cessione pro-soluto dei crediti a favore di banche od intermediari finanziari

Dettagli

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO

RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO RELAZIONE SUL SISTEMA DI ALLERTA EUROPEO M.G. PRIMO TRIMESTRE 2014 Il presente rapporto è stato realizzato dalla Direzione Generale per l'igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione Direttore

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 *è stato invitato a partecipare; da confermare 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE - Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30-11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI

Dettagli

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita

Lavoro e conciliazione dei tempi di vita CAPITOLO 3 Lavoro e conciliazione dei tempi di vita L importanza di una buona occupazione Un attività adeguatamente remunerata, ragionevolmente sicura e corrispondente alle competenze acquisite nel percorso

Dettagli

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 22 aprile 2015

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 22 aprile 2015 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 917 RISOLUZIONE GRUPPO FORZA ITALIA Risoluzione presentata dal Gruppo Forza Italia

Dettagli

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi

CELTA IUSTA. Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi ONDI OMUNI: AI A CELTA IUSTA Cosa, come, quando, quanto e perché: quello che dovresti sapere per investire i tuoi risparmi CONOSCERE I FONDI D INVESTIMENTO, PER FARE SCELTE CONSAPEVOLI I fondi comuni sono

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli