Fiesa- Federazione Italiana Esercenti Settore Alimentare

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Fiesa- Federazione Italiana Esercenti Settore Alimentare"

Transcript

1 -NEWS Fiesa- Federazione Italiana Esercenti Settore Alimentare ANNO IX n 4 27 giugno 2012 Circolare di informazione di FIESA-Confesercenti Via Nazionale Roma 06/ SITO INTERNET http :// PRESIDENZA FIESA: CRISI DEI CONSUMI SEMPRE PIÙ ACUTA, EVITARE AD OGNI COSTO INASPRIMENTI IVA. NECESSARIO SOSTENERE I REDDITI. La Presidenza Nazionale Fiesa si è riunita a Roma martedì 26 giugno presso la sede nazionale, Via Nazionale 60, Roma per discutere dell andamento dei consumi e delle iniziative per contrastare i ventilati aumenti IVA, delle manifestazioni fieristiche 2012 con la presentazione del report partnership con Verona, rielaborazione del DDL sugli esercizi di vicinato con le nuove deliberazioni e del rinnovo del CCNL panificazione. La Presidenza ha valutato con preoccupazione che a giugno l'indice del clima di fiducia dei consumatori ha segnato un nuovo calo, scendendo all'85,3 dall'86,5 di maggio secondo i dati forniti dall Istat. Si tratta del livello più basso da quando è iniziata la rilevazione di questo stato d animo dei consumatori. La Presidenza ha denunciato il peggioramento delle attese dei consumatori legato all inasprimento fiscale, all'aumento disoccupazione e all'evoluzione dello scenario economico italiano. Nel dettaglio, i giudizi e le aspettative sulla situazione economica secondo gli operatori alimentari di Fiesa risultano in peggioramento. I dati sulla fiducia dei consumatori non possono meravigliare e destano grande preoccupazione, ma è il risultato non solo lunga recessione, ma anche di un eccessiva pressione fiscale, che ha compresso i consumi, e visibile assenza di un piano per tornare a crescere. Mancano le aspettative di miglioramento. Dal quadro emerge che non vi saranno segnali di una ripresa dei consumi prima del prossimo anno. Il reddito disponibile delle famiglie probabilmente si ridurrà ancora stretto tra una crescita modesta dei redditi, la restrizione fiscale e l aumento dei prezzi. Una ripresa potrebbe delinearsi- secondo gli intervenuti- solo a partire dal 2014, quando potrebbero andare a regime i primi provvedimenti per la crescita. Se i consumi delle famiglie sono previsti in calo per il 2012 del 2,1 per cento in media, il dato si aggrava nel Mezzogiorno dove il calo dovrebbe arrivare al 2,4 per cento e la riduzione spesa per cibo e bevande riguarderebbe il 49% delle famiglie. Se a queste previsioni aggiungiamo i paventati aumenti iva tra il 2011 ed il 2014 rischiamosecondo più osservatori una autentica gelata dei consumi con effetti dirompenti sulla tenuta sociale. Ecco perché ad avviso Presidenza Fiesa bisogna evitare assolutamente l innalzamento delle aliquote iva. In questo senso la pressione presso la Confederazione e Rete Imprese Italia sarà ancora più forte perché si intervenga con decisione e diffida verso il Governo Monti. A furia di cure da cavallo si uccide il paese. Del resto gli ultimi dati disponibili relativi al mese di aprile parlano di un crollo record per le vendite al dettaglio. L indice, segnala l Istat, ha registrato una riduzione dell 1,6% su base mensile, per un calo tendenziale del 6,8%.

2 Nel confronto con marzo 2012, le vendite diminuiscono dell 1,5% sia per i prodotti alimentari sia per quelli non alimentari. Rispetto ad aprile 2011, invece, le vendite di prodotti alimentari diminuiscono del 6,1% e secondo gli operatori di Fiesa maggio è andato anche peggio attestandosi intorno al meno 10. La caduta delle vendite interessa soprattutto, e ancora, le piccole superfici, che registrano un calo, sempre ad aprile, del -8,6% medio, mentre si registrano situazione di forte sofferenza nei piccoli esercizi con punte del -20. Una situazione insostenibile. Sulla partnership con Fiera Verona, la Presidenza ha valutato molto positivamente la collaborazione registrata in occasione Fiera Eurocarni 2012 e ha dato mandato alla giunta di monitorare l organizzazione delle iniziative che fanno direttamente riferimento al mondo Fiesa nonché di avviare i rapporti per l organizzazione del Siab sempre a Verona. La Presidenza ha poi affrontato la questione dei termini di pagamento disciplinata dall art. 62 legge 27/2012. La Fiesa Confesercenti, ha espresso condivisione di massima per la stesura del decreto interministeriale di attuazione dell art. 62, che disciplina le relazioni commerciali interne alla filiera agroalimentare, in materia di cessione dei prodotti agricoli e agroalimentari. Tuttavia la Fiesa Confesercenti ha espresso preoccupazione per la forte pervasività normativa che si spinge entro l autonomia contrattuale delle parti provocando una forte complicazione burocratica vita commerciale delle piccole e medie aziende, costrette a stipulare contratti scritti anche per piccole partite commerciali. In questo senso la Presidenza ha ribadito la richiesta avanzata da Fiesa Confesercenti, durante l incontro di filiera al Mipaf, di escludere dall applicazione i piccoli esercizi con un fatturato annuo inferiore ai 60 mila euro al netto di IVA, ( in coerenza con il principio di esclusione a suo tempo stabilito per l iscrizione in banca dati Agea). La Presidenza ha deliberato la nuova stesura del DDL di sostegno agli esercizi di vicinato che svolgono attività commerciale primaria resa necessaria dalla recente riforma fiscale e dall introduzione dell Imu: la nuova proposta ridefinisce i profili del regime dei minimi e ridelinea gli interventi sulla fiscalità locale. La Presidenza ha dato mandato alla giunta Fiesa di procedere alla presentazione proposta legislativa alle forze politiche. Sul rinnovo del contratto panificazione la Presidenza Fiesa ha ribadito la necessità di perequare gli strumenti a sostegno dell avviamento al lavoro e dell apprendistato tra i vari settori economici e di sostenere l obiettivo del contratto unico nazionale, arrivando alla unificazione del tavolo datoriale, incrociando anche le aspettative rappresentanza dei lavoratori. GOVERNO INTERVENGA SU EMISSIONE, GESTIONE E UTILIZZO BUONI PASTO. IL GOVERNO RISPONDE ALL INTERROGAZIONE PARLAMENTARE DELLA SEN. FIORONI IN MODO LACUNOSO E IN RITARDO Nelle scorse settimane il Governo ha risposto all interrogazione parlamentare Senatrice Anna Rita Fioroni, membro 10^ Commissione permanente (Industria, Commercio, Turismo) e Commissione straordinaria per il controllo dei prezzi, in merito all interrogazione presentata nel marzo 2009 (totalmente ignorata dal precedente esecutivo!) riguardante i diversi problemi relativi all emissione, gestione e utilizzo dei cosiddetti buoni pasto. Una risposta non soddisfacente, lacunosa e con grave ritardo. Questo in quanto il Sottosegretario di Stato per l Economia e Finanze Polillo non dà seguito a nessuna delle proposte contenute nell interrogazione, nè sull innalzamento soglia di esenzione fiscale e contributiva dei buoni pasto dagli attuali 5,29 euro a 10 euro, né sulla posticipazione (se non cancellazione) scadenza degli stessi, né si impegna ad agire per evitare che l aggiudicazione delle gare per la fornitura dei buoni pasto continui a sacrificare

3 in molti casi il meccanismo dell offerta economicamente più vantaggiosa privilegiando il criterio del prezzo più basso. L utilizzo dei buoni di valore predefinito concesso dal datore di lavoro ai dipendenti che, per necessità di servizio, non possono godere mensa interna all azienda, determina problemi che vengono riproposti sia dalle imprese che dai consumatori in modo periodico. Particolare problematicità assume anche la questione dei termini di pagamento dei buoni pasto che per motivi diversi vengono riconosciuti a distanza di mesi mentre l operatore commerciale è costretto ad anticipare il servizio sostitutivo di mensa. Per questo motivo le Associazioni degli operatori percettori di buoni pasto dovranno valutare con l attuale Governo soluzioni utili a risolvere le diverse problematiche che si trascinano da tempo sui buoni pasto, con una situazione che diventa sempre più insostenibile. CROLLANO LE VENDITE AL DETTAGLIO, AD APRILE -6,8% ANNUO, DATO PEGGIORE DAL VANNO GIÙ ALIMENTARI E NON Crollo record per le vendite al dettaglio ad aprile. L indice, segnala l Istat, ha registrato una riduzione dell 1,6% su base mensile, per un calo tendenziale del 6,8%. L arretramento congiunturale è il più ampio da maggio 2004, mentre quello su base annua è il peggiore dall avvio delle serie storiche nel gennaio Nel confronto con marzo 2012, le vendite diminuiscono dell 1,5% sia per i prodotti alimentari sia per quelli non alimentari. Rispetto ad aprile 2011, invece, le vendite di prodotti alimentari diminuiscono del 6,1% e quelle di prodotti non alimentari del 7,1%. La caduta delle vendite interessa soprattutto, e ancora, le piccole superfici, che registrano un calo del - 8,6%. Marcata contrazione anche per la grande distribuzione (-4,3%). Nei primi quattro mesi del 2012, rispetto allo stesso periodo del 2011, l indice grezzo diminuisce dell 1,6%. Le vendite di prodotti alimentari segnano una flessione dello 0,2% e quelle di prodotti non alimentari del 2,2%. CROLLA LA FIDUCIA DEI CONSUMATORI. E IL RISULTATO DI UNA PRESSIONE FISCALE OLTRE OGNI LIMITE A giugno l indice raggiunge il minimo dal 96 A giugno l'indice del clima di fiducia dei consumatori segna un nuovo calo, scendendo all'85,3 dall'86,5 di maggio. Lo rileva l'istat, aggiungendo che si tratta del livello più basso da gennaio 1996, ovvero dall'inizio delle serie storiche. Pesa il peggioramento delle attese sull'aumento disoccupazione e sull'evoluzione dello scenario economico italiano. Il clima economico generale scende in misura marcata (da 64,2 a 59,7), mentre la fiducia personale segna una lieve diminuzione (da 95,2 a 94,8). Risultano in calo sia l'indicatore riferito al clima futuro (da 75,7 a 72,9), sia, in misura minore, quello relativo alla situazione corrente (da 96,4 a 95,5). Nel dettaglio, i giudizi e le aspettative sulla situazione economica dell'italia risultano in peggioramento: i primi sono in leggera flessione, mentre le attese registrano un calo più forte. Inoltre, aumenta il saldo relativo alle attese sulla disoccupazione. I giudizi sulla situazione economica famiglia, infine, sono invece in lieve miglioramento, ma per quanto riguarda le aspettative si registra una diminuzione. Confesercenti: "Calo risultato di fisco eccessivo e assenza politiche di crescita" I dati diffusi oggi dall Istat sulla fiducia dei consumatori non possono purtroppo meravigliare, anche se destano grande preoccupazione. Secondo Confesercenti, il calo fiducia registrato - ai minimi dal 1996, data di inizio delle serie storiche - è il risultato non solo lunga recessione, ma anche di un eccessiva pressione fiscale, che ha compresso i consumi, e visibile assenza di un piano per tornare a crescere. In questo quadro, diventa ancora più decisivo il vertice di oggi a Roma tra i leader di Italia, Francia, Spagna e Germania: è necessario infatti delineare una politica comune europea orientata alla crescita, per far

4 Ufficio Economico: "Netto peggioramento del giudizio sul clima economico generale" E il netto peggioramento del giudizio sul clima economico generale che ha fatto ulteriormente scendere in giugno l indice del clima di fiducia delle famiglie italiane. In sostanza le famiglie non giudicano tanto evolversi negativamente la loro situazione personale e attuale quanto la situazione economica del Paese e le sue tendenze future, in particolare con riferimento all occupazione. Sui prezzi non traspaiono preoccupazioni, nonostante il caro benzina. Da questo punto di vista l indagine fotografa la situazione così come ce la saremmo aspettata. Se l indice cogliesse in anticipo il comportamento aggregato del ciclo economico ci aspetterebbero altri 6-9 mesi di recessione. Tuttavia l indice appare affidabile soprattutto per i consumi di beni durevoli (ad esempio acquisto di auto) - che mostrano una limitata diminuzione. Invece per quanto riguarda gli altri beni e soprattutto i servizi, secondo gli esperti, conta la volontà di spesa dei consumatori oltre che la loro capacità di spesa. Quindi, di fronte ad un miglioramento del clima economico generale nel nostro Paese - che soprattutto le imprese auspicano - anche i consumatori potrebbero ritrovare quella volontà di spesa che oggi appare in parte spenta. CARNI EQUINE, DAL CONVEGNO DI VERONA LA DENUNCIA DI FIESA ASSOMACELLAI DI CONFESERCENTI: È NECESSARIA LA RAZIONALIZZAZIONE DEI CONTROLLI E DEGLI UFFICI. UNA SOLA ANAGRAFE EQUINA E UN SOLO DOCUMENTO EUROPEO. CRITICHE ALL ASSENZA DEL MINISTERO DELLA SALUTE Si è conclusa la Fiera Eurocarne 2012 a Verona. Soddisfazione Fiesa Assomacellai di Confesercenti che ha registrato un grande afflusso di visitatori al proprio stand e una forte partecipazione di pubblico al convegno sulla Tracciabilità delle carni equine: sviluppi e consumi in Europa. Il convegno svolto da Fiesa Confesercenti, alla presenza di un centinaio di operatori ripartire le economie del Continente e uscire dalla crisi, lanciando così un segnale di fiducia ai cittadini italiani che hanno pagato duramente le difficoltà situazione economica, ma non hanno ancora perso le speranze nelle possibilità dell Europa: va ricordato infatti che, secondo un sondaggio Confesercenti- SWG, il 58% dei nostri connazionali è convinto che l Euro, anche se con difficoltà, supererà la crisi attuale, mentre addirittura un 11% è ancora più fiducioso e non vede pericoli di sorta. La pattuglia dei pessimisti ad oltranza, invece, è relegata ad appena il 17%. Rischia però di crescere alimentata da incertezze e sentimenti di sfiducia, che vanno invece contrastati con decisioni rapide ed efficaci. distribuzione carne, ha visto la partecipazione del Cav. Gian Paolo Angelotti - Presidente Assomacellai Fiesa- Confesercenti, del Prof. Salvatore Ciappellano, Università degli Studi di Milano, Dipartimento di Sscienze alimentari, del dr. Carlo Alberto Aliberti del servizio veterinario dell Emilia Romagna, dell On Laura Froner, Vice Presidente X Commissione Camera dei Deputati, del signor Virginio Masina, Presidente Naba Carni SpA e del Signor Fabio Ferraroni dell Associazione Cavallo Pesto di Parma. Il Convegno è stato moderato dal Dr. Nicola Caggiano Giunta Nazionale Fiesa. All incontro hanno partecipato delegazioni di macellai giunte dalla Calabria, dalla Puglia, dal Veneto, dall Emilia Romagna, dalla Liguria, e dalla Lombardia. Dall incontro è emerso un quadro del settore in Italia di grande interesse e di forti potenzialità. La carne di cavallo è senza dubbio una delle carni più interessanti a livello nutrizionale, essendo povera di grassi e ricca di ferro. E infatti da un indagine scientifica svolta dall Università di Milano, e dettagliata dal Prof. Ciappellano, emerge che la carne equina è povera di grassi, ricca di ferro, con una buona presenza di acidi grassi, con funzioni elevate di riduzione del colesterolo totale e ricca di omega 3. La discussione ha evidenziato che i due paesi principali nei quali il consumo di carne va bene sono l'italia e la Francia,

5 ed è consumata comunemente in Spagna, Belgio, Svizzera, Germania, Austria e Paesi Bassi. In Italia la Puglia rappresenta la Regione con il più alto consumo di carni equine: il 32% del consumo totale nazionale, contro il 14,3% Lombardia, il 10,8% del Piemonte, il 9,2% dell Emilia Romagna, il 7,6% del Veneto e il 5,5% del Lazio. Il settore distributivo, ovvero la rete delle macellerie equine, rappresenta una quota consistente distribuzione carne nel nostro Paese. Gli interventi hanno evidenziato che i consumatori che utilizzano la carne equina sembrano dimostrare un certo grado di fidelizzazione per il prodotto. Il Convegno ha poi esaminato, nei diversi interventi, l insufficienza produzione equina nazionale, e pertanto, la necessità di ricorrere all importazione di carne fresca o congelata da altri Paesi. In questa fase filiera insorgono però una molteplicità di problemi relativi alla tracciabilità, agli Enti preposti alla sorveglianza e al rilascio dei certificati sanitari, all anagrafe, o meglio alle anagrafi, ai passaporti, ai trasporti. Un insieme di problematiche che mettono a dura prova l efficienza e la corretta gestione del settore. E stata lamentata la molteplicità delle competenze igienico-sanitarie di sorveglianza e di registrazione, di gestione dell anagrafe con duplicazioni e contraddizioni che rendono il lavoro degli addetti assolutamente impossibile. E stato denunciato lo stato di confusione in cui versa il settore in merito all importazioni di cavalli da alcuni Paesi europei, con Regioni che si orientano in modo diametralmente opposto, causando danni alle imprese e incongruenze operative al settore. Rispetto ai temi sollevati, ben noti al Ministero Salute, il dicastero sanitario si è defilato dalle responsabilità, negando la partecipazione al Convegno e omettendo di rispondere alle questioni sollevate dall Associazione già mesi fa. La Vice Presidente Commissione Industria Camera On. Froner, su sollecitazione dei dirigenti Fiesa Assomacellai, ha assicurato il suo impegno a interrogare il Governo sulle disfunzioni denunciate dagli operatori e dall Associazione e a preparare incontri ad hoc con le Commissioni parlamentari Sanità ed Agricoltura perché assumano iniziative utili a risolvere le gravi inefficienze causate alle attività produttive e distribuzione filiera delle carni equine. Infine il Convegno si è concluso con importanti riconoscimenti ad alcuni operatori del settore ANAGRAFE EQUINA, PRESENTATA INTERROGAZIONE PARLAMENTARE AL MINISTRO DELLA SALUTE A seguito Tavola rotonda sulla tracciabilità carne equina, organizzata da Fiesa Assomacellai, svoltasi il 27 maggio scorso nell ambito Fiera di Verona Eurocarni 2012 è stata presentata un interrogazione parlamentare al Ministro Salute sulla delicata situazione tracciabilità e dell organizzazione dell anagrafe equina. A presentarla, prima firmataria, l On. Laura Froner, Vice Presidente Commissione Industria Camera dei Deputati, partecipante alla Tavola rotonda, l On. Gero Grassi, vice Presidente Commissione Affari sociali Camera, L On. Dario Ginefra, Commissione Trasporti Camera, e gli Onorevoli Angelo Zucchi, Luciano. Agostini, Sandro Brandolini e Susanna Cenni Commissione Agricoltura Camera. Dalla Tavola rotonda, cui parteciparono una nutrita delegazione di operatori con più di 100 intervenuti, tra cui macellatori ed esercenti provenienti da tutt'italia, emerse la denuncia dell'attuale caotica e disomogenea legislazione in materia di anagrafe e tracciabilità equina. Dal dibattito fu evidenziato che attualmente esistono decine di tipi di passaporto, emessi da almeno una decina di Enti diversi: una situazione insostenibile che mette fortemente a disagio sia gli operatori, sia i funzionari delle diverse Asl di Italia, questi ultimi nel disperato e vano tentativo di dare una interpretazione univoca alle numerose leggi vigenti. Tra gli interventi quelli del Presidente Nazionale dei macellai Confesercenti Gianpaolo Angelotti, quello del Sig. Virginio Masina, Presidente di NABA Carni

6 S.p.A., del Professor Salvatore Ciappellano, Docente e Ricercatore all'università degli Studi di Milano, di veterinari e addetti ai lavori tra i quali quelli di Mario Rossoni, Operatore del settore e membro fondatore del Gruppo Italiano Carni Equine, che richiese a nome del settore l'emissione del passaporto unico e del Signor Zerbini, macellatore, che denunciò le carenze interpretative delle normative che rendono possibile una cosa in una Regione e impossibile in quella accanto. Chiuse l'incontro l'intervento dell'onorevole Laura Froner, che preannunciò un interrogazione al Governo che puntualmente è stata presentata, per sapere quali iniziative intenda intraprendere il Ministro Salute: a) per istituire un'anagrafe zootecnica unitaria presso la banca dati nazionale del centro servizi nazionale di Teramo, incorporando i dati degli equidi al sistema in essere attualmente presso gli uffici dell'anagrafe bovina, al fine di realizzare le condizioni per un agevole coordinamento delle informazioni concernenti tutti i capi destinati alla macellazione per il consumo umano; b) per attivare presso la stessa banca dati nazionale di Teramo le funzionalità ritenute più idonee ad assicurare alle imprese del settore equino modalità unitarie ed omogenee di registrazione, indipendentemente dalla provenienza geografica dei capi destinati alla macellazione. ( ). EXPOMURGIA 2012: UN SUCCESSO CHE SI RIPETE, UN'ESPERIENZA CHE SI CONSOLIDA. ARRIVEDERCI AL 2013 PER IL 10 ANNIVERSARIO La nona edizione di ExpoMurgia 2012 (30 maggio-5 giugno), Fiera nel Parco Nazionale dell Alta Murgia svoltasi ad Altamura, promosso dalla Confesercenti ed organizzato da Piesse Management, si è conclusa con un riscontro molto positivo da parte degli espositori e visitatori, registrando la presenza di 100 imprese espositrici e di circa visitatori. Nel corso dell evento fieristico si sono tenuti interessanti convegni, concerti musicali, proiezioni cinematografiche, spettacoli popolari e sfilate di moda e bellezza con migliaia di spettatori. SISMA, DA CONFESERCENTI SOLIDARIETÀ CONCRETA Venerdì 8 giugno una delegazione guidata dal Presidente Marco Venturi sui luoghi colpiti dal terremoto Una delegazione di Confesercenti guidata da Marco Venturi Presidente Nazionale sarà venerdì 8 giugno sui luoghi del terremoto in Emilia per ribadire la forte solidarietà dell intera Associazione. Confesercenti è più che mai convinta che occorra mettere in campo tutte le iniziative concrete possibili, capaci sia di trasmettere in modo tangibile alle popolazioni ed alle imprese di quei territori la totale volontà di non lasciarle sole sia di contribuire al difficile percorso di ritorno alla normalità. Di conseguenza Confesercenti ha deciso di mettere a disposizione la somma di 500 mila euro a fondo perduto da destinarsi alle imprese associate danneggiate dal terremoto. Inoltre Confesercenti costituisce un Fondo per finanziamenti alle imprese con un plafond di 16 milioni di euro garantito grazie ad un accordo definito con Unicredit. Le Associazioni territoriali predisporranno la fase istruttoria e le erogazioni saranno garantite entro 10 giorni dalla presentazione richiesta. I finanziamenti di importo unitario, con un tetto massimo di 50 mila euro, saranno concessi a tasso zero e senza costi di istruttoria. La durata del prestito è fissata in 12 mesi. Infine Confesercenti ha varato una sottoscrizione sul territorio nazionale che si avvale di queste coordinate bancarie: IT49B

-NEWS. Fiesa- Federazione Italiana Esercenti Settore Alimentare

-NEWS. Fiesa- Federazione Italiana Esercenti Settore Alimentare -NEWS Fiesa- Federazione Italiana Esercenti Settore Alimentare ANNO V n 3 12 marzo 2008 Circolare di informazione di FIESA-Confesercenti Via Nazionale 60-00184 Roma 06/47251 06-4746556 SITO INTERNET http

Dettagli

DOCUMENTO DI LEGAUTONOMIE

DOCUMENTO DI LEGAUTONOMIE Convegno nazionale Senato delle autonomie/federalismo e riforma dell'ordinamento locale Roma, 14 Ottobre 2013 Tempio di Adriano Sala Convegni Piazza di Pietra Ore 9.30/14.00 DOCUMENTO DI LEGAUTONOMIE 2

Dettagli

agroalimentare I trimestre 2014

agroalimentare I trimestre 2014 AGRItrend Evoluzione e cifre sull agro-alimentare La bilancia commerciale agroalimentare I trimestre 2014 A 8 LA BILANCIA COMMERCIALE AGROALIMENTARE A differenza di quanto riscontrato nel corso del 2013,

Dettagli

- 2 trimestre 2014 -

- 2 trimestre 2014 - INDAGINE TRIMESTRALE SULLA CONGIUNTURA IN PROVINCIA DI TRENTO - 2 trimestre 2014 - Sommario Riepilogo dei principali risultati... 2 Giudizio sintetico sul trimestre... 3 1. Il quadro generale... 4 1.1

Dettagli

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE Scendono del 50% le richieste per l edilizia residenziale, -30% per quella non residenziale. Tengono gli immobili destinati all agricoltura (-12,9%),

Dettagli

Andamento della congiuntura economica in Germania

Andamento della congiuntura economica in Germania Andamento della congiuntura economica in Germania La flessione dell economia tedesca si è drasticamente rafforzata nel primo trimestre 2009 durante il quale il PIL ha subito un calo del 3,5% rispetto all

Dettagli

Marco Causi Capogruppo PD Commissione Finanze Camera dei Deputati

Marco Causi Capogruppo PD Commissione Finanze Camera dei Deputati Associazione Nazionale Società Emettitrici Buoni Pasto AUMENTARE I BUONI PASTO PER AUMENTARE I CONSUMI Adeguamento dei buoni pasto: una misura coerente con le politiche di riduzione del cuneo fiscale Marco

Dettagli

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi. BAROMETRO CRIF DELLA DOMANDA DI PRESTITI DA PARTE DELLE FAMIGLIE Gli italiani hanno smesso di chiedere prestiti: -3,3% nei primi nove mesi dell anno rispetto al 2012 ma -24% rispetto agli anni pre crisi.

Dettagli

LA PUBBLICITA IN SICILIA

LA PUBBLICITA IN SICILIA LA PUBBLICITA IN SICILIA Quadro produttivo, articolazione della spesa e strategie di sviluppo Paolo Cortese Responsabile Osservatori Economici Istituto G. Tagliacarne Settembr e 2014 Gli obiettivi del

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO DICEMBRE 2001 NUMERO UNDICI CON DATI AGGIORNATI AL 30 GIUGNO 2001 5 Il presente Rapporto nasce da una collaborazione ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA

Dettagli

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export Roberto Monducci Istituto nazionale di statistica Direttore del Dipartimento per i conti nazionali e le statistiche

Dettagli

ROADSHOW PMI CREDITO E PMI. IMPRESE, CREDITO E CRISI DELL ECONOMIA. Ricerca a cura di Confcommercio Format

ROADSHOW PMI CREDITO E PMI. IMPRESE, CREDITO E CRISI DELL ECONOMIA. Ricerca a cura di Confcommercio Format ROADSHOW PMI CREDITO E PMI. IMPRESE, CREDITO E CRISI DELL ECONOMIA Ricerca a cura di Confcommercio Format Milano 22 maggio 2009 Il 73,7% delle imprese avverte un peggioramento della situazione economica

Dettagli

Marco Barbi Commissione Regionale ABI Emilia Romagna

Marco Barbi Commissione Regionale ABI Emilia Romagna CONVEGNO AGRIFIDI UNO EMILIA ROMAGNA Nuova PAC - Politica Agricola Comunitaria 2014-2020 «Il punto di vista del sistema bancario: analisi del contesto, credito all agricoltura, il rapporto con i Confidi»

Dettagli

Roma, 21 settembre 2015

Roma, 21 settembre 2015 Roma, 21 settembre 2015 CREDITO, SVIMEZ: CONFIDI AL SUD TROPPO PICCOLI E POVERI, EROGANO IL 25% RISPETTO A QUELLI DEL CENTRO-NORD La SVIMEZ: Servono interventi organici nell ambito del credito e dei Confidi

Dettagli

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio

Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio C E N S I S Monitoraggio congiunturale sul sistema produttivo del Lazio III Quadrimestre 2008 Monitor Lazio è promosso dall Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura

Dettagli

Stime 2012 degli investimenti e delle produzioni dei principali cereali in Italia. Maggio 2012

Stime 2012 degli investimenti e delle produzioni dei principali cereali in Italia. Maggio 2012 produzioni dei principali cereali in Italia Maggio 2012 1 produzioni dei principali cereali in Italia L ISTAT ha divulgato a febbraio 2012 le intenzioni di semina delle principali coltivazioni erbacee.

Dettagli

EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ

EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ Comunicato stampa EUROFIDI ED EUROCONS RISULTATI 2007 NEL SEGNO DELLA REDDITIVITÀ Le imprese associate a Eurogroup sono quasi 37 mila (+8,6% rispetto al 2006) L avanzo di gestione ante imposte è di 6,3

Dettagli

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012

Industria: I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 34indicatori Industria: stabile la produzione I risultati dell indagine congiunturale sul 1 trimestre 2012 E. S. Produzione sugli stessi livelli dello scorso anno, debole la domanda interna, ma rimane

Dettagli

L industria alimentare in Italia. Tendenze congiunturali recenti. Previsioni per il terzo trimestre 2011.

L industria alimentare in Italia. Tendenze congiunturali recenti. Previsioni per il terzo trimestre 2011. Osservatorio Congiunturale Format sul Credito alle imprese L industria alimentare in Italia. Tendenze congiunturali recenti. Previsioni per il terzo trimestre 2011. Brindisi, 17 settembre 2011 rif: 2011-157zv

Dettagli

3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue

3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue Rapporto annuale 2012 3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue IN SINTESI Nel 2011, la contrazione della domanda interna nonostante la tenuta di quella estera ha determinato un calo dell

Dettagli

Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS

Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS Quadro di riferimento Il mercato elvetico, il Made in Italy e la CCIS Tendenze primo semestre 2012 L economia svizzera è una delle più ricche e solide dell Occidente, fortemente orientata ai servizi ed

Dettagli

ORDINE DEL GIORNO IN MERITO ALLE ATTIVITÀ E POLITICHE DI SENSIBILIZZAZIONE RISPETTO AI RISCHI PATOLOGICI CONNESSI AL FENOMENO DEL GIOCO D AZZARDO

ORDINE DEL GIORNO IN MERITO ALLE ATTIVITÀ E POLITICHE DI SENSIBILIZZAZIONE RISPETTO AI RISCHI PATOLOGICI CONNESSI AL FENOMENO DEL GIOCO D AZZARDO ORDINE DEL GIORNO IN MERITO ALLE ATTIVITÀ E POLITICHE DI SENSIBILIZZAZIONE RISPETTO AI RISCHI PATOLOGICI CONNESSI AL FENOMENO DEL GIOCO D AZZARDO approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 17

Dettagli

RINNOVO CCNL EDILIZIA PRIMA DELLA CRISI, UNA LUNGA FASE DI CRESCITA

RINNOVO CCNL EDILIZIA PRIMA DELLA CRISI, UNA LUNGA FASE DI CRESCITA 13 novembre 2009 CONFERENZA STAMPA SALARIO, DIRITTI, SICUREZZA IL CONTRATTO NAZIONALE PER MIGLIORARE LE CONDIZIONI DI LAVORO E UNIRE I LAVORATORI PRIMA DELLA CRISI, UNA LUNGA FASE DI CRESCITA Il settore

Dettagli

RECORD DI ESPOSITORI PER LA FIERA DI SANT ALESSANDRO

RECORD DI ESPOSITORI PER LA FIERA DI SANT ALESSANDRO RECORD DI ESPOSITORI PER LA FIERA DI SANT ALESSANDRO Davanti alla crisi economica che continua a mordere e a un estate torrida che ha lasciato a bocca asciutta anche molta produzione, l appuntamento organizzato

Dettagli

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI IL MERCATO DEL PROJECT FINANCING IN ITALIA

DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI IL MERCATO DEL PROJECT FINANCING IN ITALIA DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI IL MERCATO DEL PROJECT FINANCING IN ITALIA Estratto dall Osservatorio Congiunturale sull Industria delle Costruzioni Dicembre 213 Sommario IL MERCATO DEL PROJECT

Dettagli

Il sistema di welfare

Il sistema di welfare Il sistema di welfare (pp. 255-336 del volume) La numerazione di tabelle, tavole e figure riproduce quella del testo integrale La sanità nell anno della crisi Nell anno della crisi emerge una crescita

Dettagli

RIFORMA DEI TRATTAMENTI DI DISOCCUPAZIONE DISOCCUPAZIONE AGRICOLA

RIFORMA DEI TRATTAMENTI DI DISOCCUPAZIONE DISOCCUPAZIONE AGRICOLA PROTOCOLLO 23 LUGLIO 2007 GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI NEL SETTORE AGRO-ALIMENTARE PRESENTAZIONE Il protocollo concordato tra Governo e Parti Sociali il 23 luglio 2007 è stato approvato con alcune modifiche

Dettagli

i dossier ECCO COME RENDERE LA TASSA E SALVARE I CONTI DELLO STATO www.freenewsonline.it www.freefoundation.com a cura di Renato Brunetta

i dossier ECCO COME RENDERE LA TASSA E SALVARE I CONTI DELLO STATO www.freenewsonline.it www.freefoundation.com a cura di Renato Brunetta 315 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com ECCO COME RENDERE LA TASSA E SALVARE I CONTI Editoriale de Il Giornale, 4 febbraio 2013 4 febbraio 2013 a cura di Renato Brunetta 2 Dopo l impegno

Dettagli

OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE

OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE 1/2 3,6k 1k 1,5k OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE DICEMBRE #17 (2 a+2b) 12,5% 75,5% 1.41421356237 2 RITARDI AI MINIMI E PROTESTI IN FORTE CALO NEL TERZO TRIMESTRE SINTESI DEI RISULTATI

Dettagli

Le imprese attive nel comune di Bologna dal 2008 al 2014

Le imprese attive nel comune di Bologna dal 2008 al 2014 Le imprese attive nel comune di Bologna dal 28 al 214 33. Imprese attive nel comune di Bologna 32.5 32. 31.5 31. Fonte: UnionCamere Emilia-Romagna Il numero delle imprese attive a Bologna tra il 28 e il

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO NUMERO G I U G N O 2003 QUATTORDICI INDICE PREMESSA pag.5 TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO 11 CAPITOLO 2 L ANALISI DEL MERCATO DEL CREDITO

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CAPEZZONE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CAPEZZONE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2397 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CAPEZZONE Riforma della disciplina delle tasse automobilistiche e altre disposizioni concernenti

Dettagli

COMUNE DI REGGIO EMILIA. Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 2010

COMUNE DI REGGIO EMILIA. Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 2010 Osservatorio economico, coesione sociale, legalità Economia e Credito Luglio 21 1 Pagina Pagina Pagina Demografia delle imprese reggiane Andamento congiunturale Fallimenti Pagina Pagina Protesti Credito

Dettagli

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014

Ottobre 2014. Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Ottobre 2014 Nota congiunturale sintetica, aggiornamento al 26.09.2014 Eurozona Previsioni "La ripresa nella zona euro sta perdendo impulso, la crescita del PIL si è fermata nel secondo trimestre, le informazioni

Dettagli

REAGISCO E MI RIMBOCCO LE MANICHE

REAGISCO E MI RIMBOCCO LE MANICHE INDAGINE: COME I MANAGER VIVONO LA CRISI REAGISCO E MI RIMBOCCO LE MANICHE Il sondaggio effettuato a fine anno da Astra Ricerche per Manageritalia parla chiaro: i manager sentono la crisi sulla propria

Dettagli

L apprendistato tra risultati raggiunti e prospettive di innovazione. XV Rapporto sull apprendistato in Italia

L apprendistato tra risultati raggiunti e prospettive di innovazione. XV Rapporto sull apprendistato in Italia L apprendistato tra risultati raggiunti e prospettive di innovazione XV Rapporto sull apprendistato in Italia 2015 1 Il XV Rapporto di monitoraggio sull apprendistato è stato realizzato attraverso una

Dettagli

Nota congiunturale I trimestre 2002

Nota congiunturale I trimestre 2002 CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO AGRICOLTURA NOVARA Nota congiunturale I trimestre 2002 a cura dell Ufficio studi 81 80 79 78 77 76 75 74 73 72 6 4 2 0-2 -4-6 -8 71-10 I/98 II/98 III/98 IV/98

Dettagli

CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO

CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO CRISI DELLE COSTRUZIONI E MERCATO DEL CALCESTRUZZO PRECONFEZIONATO Costruzioni: all illusione del 2011 fa seguito un nuovo calo produttivo nel 2012 Verona 21 giugno 2012 - Dopo tre anni di profondo declino,

Dettagli

IL LAVORO RIPARTE? POLO DI ECCELLENZA Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro. 5 Rapporto dell Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro

IL LAVORO RIPARTE? POLO DI ECCELLENZA Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro. 5 Rapporto dell Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro Provincia di LECCO POLO DI ECCELLENZA Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro 5 Rapporto dell Osservatorio Provinciale del Mercato del Lavoro IL LAVORO RIPARTE? Marzo 2014 Il rapporto di ricerca

Dettagli

Congiuntura economica

Congiuntura economica Congiuntura economica Periodico trimestrale 1/2013 L economia mondiale L ultima pubblicazione del Fondo Monetario Internazionale - FMI (gennaio 2013), contenente le previsioni relative ai principali indicatori

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza. per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 14 DICEMBRE 2009 INDICE 1. Overview...6 1.1 La propensione all investimento dei POE...6 1.2 Analisi territoriale...13 1.3 Analisi

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 6 maggio 2013 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2013-2014 Nel 2013 si prevede una riduzione del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari all 1,4% in termini reali, mentre per il 2014, il recupero

Dettagli

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica

Coordinamento Centro Studi Ance Salerno - Area Informatica Centro Studi Il Report IL SENTIMENT DELLE IMPRESE ASSOCIATE RIFERITO ALLE DINAMICHE DEL CREDITO NEL TERRITORIO PROVINCIALE ANCE SALERNO: RISCHIO USURA SEMPRE ELEVATO Sebbene il trend risulti in diminuzione

Dettagli

08.15 RAPPORTO MENSILE

08.15 RAPPORTO MENSILE 08.15 RAPPORTO MENSILE Agosto Crescita economica, Imprese 1 Mercato del lavoro 3 Inflazione 5 Commercio estero 6 Turismo 8 Credito 9 Frutticoltura, Costruzioni 10 Congiuntura internazionale 11 Autori Luciano

Dettagli

L ECONOMIA REGGIANA alle soglie del 2015

L ECONOMIA REGGIANA alle soglie del 2015 Osservatorio economico, coesione sociale, legalità L ECONOMIA REGGIANA alle soglie del 2015 i principali indicatori A cura dell Ufficio Studi della Camera di Commercio di Il contesto internazionale Stime

Dettagli

Newsletter ARIFL - IO LAVORO

Newsletter ARIFL - IO LAVORO Variazioni tendenziali e congiunturali del lavoro in somministrazione in Italia nel mese di dicembre 2009 secondo l Osservatorio nazionale Ebitemp - Formatemp Cassa Integrazione nelle province lombarde

Dettagli

Il mercato dell odontoiatria e lo sviluppo congiunturale in Germania (marzo 2009)

Il mercato dell odontoiatria e lo sviluppo congiunturale in Germania (marzo 2009) Il mercato dell odontoiatria e lo sviluppo congiunturale in Germania (marzo 2009) Andamento congiunturale Secondo il parere degli esperti economici pubblicato recentemente, le previsioni congiunturali

Dettagli

CONTI ECONOMICI REGIONALI

CONTI ECONOMICI REGIONALI 23 novembre 2012 Anni 1995-2011 CONTI ECONOMICI REGIONALI In occasione della diffusione delle stime provvisorie per l anno 2011, l Istat pubblica le serie dei Conti economici regionali nella nuova classificazione

Dettagli

Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire

Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire Grecia: Le critiche del passato e le loro verifiche a venire di Olivier Blanchard 10 luglio 2015 Gli occhi del mondo sono tutti puntati sulla situazione economica della Grecia e le parti coinvolte continuano

Dettagli

Le tendenze e gli scenari futuri per l agro-alimentare lombardo

Le tendenze e gli scenari futuri per l agro-alimentare lombardo Le tendenze e gli scenari futuri per l agro-alimentare lombardo Roberto Pretolani Dipartimento di Economia, Management e Metodi quantitativi Università degli Studi di Milano Regione Lombardia, 4 dicembre

Dettagli

I consumi nel terzo trimestre del 2012. Ricerca sul sentiment degli operatori commerciali e dei consumatori Ottobre 2012

I consumi nel terzo trimestre del 2012. Ricerca sul sentiment degli operatori commerciali e dei consumatori Ottobre 2012 I consumi nel terzo trimestre del 2012. Ricerca sul sentiment degli operatori commerciali e dei consumatori Ottobre 2012 Il contesto Dice l ultimo rapporto di Censis-Confcommercio (apparso il 25 ottobre)

Dettagli

PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016

PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016 PRIMA PAGINA Edilizia e Territorio - 2013-01-19 - Pag. 1 Vedi ritaglio giornale» RIFORMA FORNERO «Fine lavori» più cara dal 2016 Contributi di licenziamento, nuova Aspi, «decantierizzazione». La macchina

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO - SALONE DEL CONSIGLIO L IVA nell Unione europea: una nuova cultura fiscale di impresa LA POSIZIONE DEL MONDO

CAMERA DI COMMERCIO - SALONE DEL CONSIGLIO L IVA nell Unione europea: una nuova cultura fiscale di impresa LA POSIZIONE DEL MONDO GENOVA - 30 GIUGNO 2009 - ORE 9.30 CAMERA DI COMMERCIO - SALONE DEL CONSIGLIO L IVA nell Unione europea: una nuova cultura fiscale di impresa LA POSIZIONE DEL MONDO IMPRENDITORIALE SULLA FATTURAZIONE ELETTRONICA

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

IL PERCHÉ DELL INIZIATIVA

IL PERCHÉ DELL INIZIATIVA Roma, 12 febbraio 2014 IL PERCHÉ DELL INIZIATIVA Le imprese, in attesa da troppo tempo di una ripresa che sembra non arrivare mai, chiedono azioni concrete e rapide e non più progetti astratti per la soluzione

Dettagli

Analisi del mercato delle auto

Analisi del mercato delle auto Analisi del mercato delle auto Le immatricolazioni ripartono grazie alla necessità di sostituire il vecchio parco di auto non catalizzate. La scomparsa imminente della benzina super fa crescere le vendite,

Dettagli

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT

Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Osservatorio sulla Finanza per i Piccoli Operatori Economici ABSTRACT Volume 6 DICEMBRE 2005 CRIF DECISION SOLUTIONS - NOMISMA OVERVIEW CAPITOLO 1 FATTI E TENDENZE INDICE 1.1 L economia internazionale

Dettagli

Figura 1. Povertà relativa, 2002-2009. Fonte: Istat (vari anni), la povertà in Italia

Figura 1. Povertà relativa, 2002-2009. Fonte: Istat (vari anni), la povertà in Italia I dati della statistica ufficiale confermano che il contesto locale della provincia di Napoli e dell intera regione Campania si trovano ad affrontare in questi anni una crisi economica e sociale ancora

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA COMMISSIONI RIUNITE FINANZE (6^) E INDUSTRIA (10^) Audizione della Federazione Italiana Editori Giornali AS 783 Conversione in legge del decreto legge n. 63/2013 sull efficienza

Dettagli

TREND Le tendenze dell artigianato e della piccola impresa in Toscana

TREND Le tendenze dell artigianato e della piccola impresa in Toscana Confederazione Nazionale dell Artigianato e della Piccola e Media Impresa CNA Toscana RAPPORTO CONGIUNTURALE CONSUNTIVO 2014 TREND Le tendenze dell artigianato e della piccola impresa in Toscana PROVINCIA

Dettagli

DATI E TENDENZE SUL CREDITO ALLE IMPRESE IN ITALIA AL: 31 LUGLIO 2015

DATI E TENDENZE SUL CREDITO ALLE IMPRESE IN ITALIA AL: 31 LUGLIO 2015 REPORT No. 20 del 24 settembre 2015 INDICE DATI E TENDENZE SUL CREDITO ALLE IMPRESE IN ITALIA AL: 31 LUGLIO 2015 Premessa e definizione degli aggregati creditizi sottoposti a monitoraggio 1. Evoluzione

Dettagli

LA SITUAZIONE E LE PROSPETTIVE DELL ECONOMIA E DEL MERCATO DELL AUTO

LA SITUAZIONE E LE PROSPETTIVE DELL ECONOMIA E DEL MERCATO DELL AUTO Conferenza stampa LA SITUAZIONE E LE PROSPETTIVE DELL ECONOMIA E DEL MERCATO DELL AUTO Bologna, 5 dicembre 2014 Relazione di Gian Primo Quagliano, Presidente Econometrica e Centro Studi Promotor Questa

Dettagli

1. Introduzione: una moderata crescita... 3 2. L economia reale... 8

1. Introduzione: una moderata crescita... 3 2. L economia reale... 8 Sommario 1. Introduzione: una moderata crescita... 3 2. L economia reale.... 8 Demografie delle imprese... 8 Le imprese artigiane in Sardegna... 9 La situazione economica e finanziaria delle imprese...

Dettagli

CooperfidiSicilia. Servizio Gestione Crediti. www.cooperfidisicilia.it CONSORZIO DI GARANZIA COLLETTIVA DEI FIDI

CooperfidiSicilia. Servizio Gestione Crediti. www.cooperfidisicilia.it CONSORZIO DI GARANZIA COLLETTIVA DEI FIDI CooperfidiSicilia CONSORZIO DI GARANZIA COLLETTIVA DEI FIDI 1 Servizio Gestione Crediti www.cooperfidisicilia.it La gestione dei crediti commerciali. Perché esternalizzare la gestione Aziende di diversi

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. 1 Il riferimento è alla definizione di reddito complessivo comprensiva dei redditi di immobili ad uso abitativo dati in

COMUNICATO STAMPA. 1 Il riferimento è alla definizione di reddito complessivo comprensiva dei redditi di immobili ad uso abitativo dati in COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni dei redditi delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2011, a sei mesi dal termine di presentazione

Dettagli

Osservatorio economico locale del Comune di Follonica

Osservatorio economico locale del Comune di Follonica Osservatorio economico locale del Comune di Follonica Nota statistica su alcuni aspetti strutturali del sistema economico e produttivo del Comune di Follonica - 2010 Grosseto, Aprile 2011 INDICE INDICE...

Dettagli

Informazioni e Tendenze Immobiliari

Informazioni e Tendenze Immobiliari LUGLIO/AGOSTO 2015 NUMERO 41 Informazioni e Tendenze Immobiliari In questo numero 1 Introduzione 2 L Indagine 5: le famiglie italiane e il mercato immobiliare nelle sei grandi città la sicurezza in casa

Dettagli

LO STRESS FINANZIARIO PER LE AZIENDE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI

LO STRESS FINANZIARIO PER LE AZIENDE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI LO STRESS FINANZIARIO PER LE AZIENDE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI LUNEDÌ 2 LUGLIO 2012 ORE 11.00 CENTRO CONSERVAZIONE E RESTAURO LA VENARIA REALE VIA XX SETTEMBRE 18 VENARIA REALE (TO) CONTESTO ECONOMICO

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 998 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato ANGELA NAPOLI Disposizioni per la tutela dei risparmiatori e istituzione del Fondo di garanzia

Dettagli

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A

BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A L economia del Veneto Venezia, 17 giugno 2014 Le imprese L'eredità della crisi Indice del PIL (2007=100) Nel Nord Est la riduzione cumulata del PIL è di 8 punti percentuali.

Dettagli

Informazioni e Tendenze Immobiliari

Informazioni e Tendenze Immobiliari MAGGIO/GIUGNO 2015 NUMERO 40 Informazioni e Tendenze Immobiliari In questo numero 1 Introduzione 2 L I dagi e 5: le fa iglie italiane e il mercato immobiliare nelle sei grandi città transazioni effettuate

Dettagli

Fiducia nel credito Esperienze di microcredito per l impresa ed il sociale. Alessandro Rinaldi Dirigente Area Studi CamCom Universitas Mercatorum

Fiducia nel credito Esperienze di microcredito per l impresa ed il sociale. Alessandro Rinaldi Dirigente Area Studi CamCom Universitas Mercatorum Fiducia nel credito Esperienze di microcredito per l impresa ed il sociale Alessandro Rinaldi Dirigente Area Studi CamCom Universitas Mercatorum IL REDDITO DISPONIBILE DELLE FAMIGLIE: LIVELLI, DIFFERENZIALI

Dettagli

SINTESI DELLO STUDIO SUI COSTI DELLA POLITICA: RESPONSABILITA PERSONALI E DI SISTEMA

SINTESI DELLO STUDIO SUI COSTI DELLA POLITICA: RESPONSABILITA PERSONALI E DI SISTEMA SINTESI DELLO STUDIO SUI COSTI DELLA POLITICA: RESPONSABILITA PERSONALI E DI SISTEMA IL FUNZIONAMENTO DEGLI ORGANI ISTITUZIONALI CENTRALI E TERRITORIALI DELLA REPUBBLICA COSTA 6,4 MILIARDI DI EURO (209

Dettagli

di Margherita Menditto, Flavia Pasquini @certifica_mo, 21 febbraio 2014

di Margherita Menditto, Flavia Pasquini @certifica_mo, 21 febbraio 2014 Centro Studi Internazionali e Comparati DEAL COMMISSIONE DI CERTIFICAZIONE Viale Berengario n. 51-41121 Modena (Italy) Tel. 059.2056742/5 Fax 059.2056743 Sito www.certificazione.unimore.it certificazionecontratti@unimore.it;

Dettagli

Il mercato italiano dell auto è stato caratterizzato negli ultimi 36 anni da 3 profonde crisi. La prima nel 1983, a causa della stagnazione economica

Il mercato italiano dell auto è stato caratterizzato negli ultimi 36 anni da 3 profonde crisi. La prima nel 1983, a causa della stagnazione economica 1 Il mercato italiano dell auto è stato caratterizzato negli ultimi 36 anni da 3 profonde crisi. La prima nel 1983, a causa della stagnazione economica e di un alto tasso di inflazione. Dieci anni dopo,

Dettagli

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016

LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 5 maggio 2014 LE PROSPETTIVE PER L ECONOMIA ITALIANA NEL 2014-2016 Nel 2014 si prevede un aumento del prodotto interno lordo (Pil) italiano pari allo 0,6% in termini reali, seguito da una crescita dell

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA

OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali Comune di Bologna OSSERVATORIO NAZIONALE SULLA FAMIGLIA SINTESI DELLA RICERCA SU: Le famiglie povere nelle regioni italiane. Aspetti oggettivi e soggettivi

Dettagli

Il mercato IT nelle regioni italiane

Il mercato IT nelle regioni italiane RAPPORTO NAZIONALE 2004 Contributi esterni nelle regioni italiane a cura di Assinform Premessa e obiettivi del contributo Il presente contributo contiene la seconda edizione del Rapporto sull IT nelle

Dettagli

OSSERVATORIO CONGRESSUALE ITALIANO

OSSERVATORIO CONGRESSUALE ITALIANO OSSERVATORIO CONGRESSUALE ITALIANO Il Sistema Congressuale Italiano nel primo semestre 2003 Copyright 2003 Convention Bureau della Riviera di Romagna Meeting e Congressi - Ediman Alma Mater Studiorum Università

Dettagli

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015)

Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) La Congiuntura (dati aggiornati al 2 ottobre 2015) 1 ECONOMIA IN ITALIA In Italia, dopo tre cali annuali consecutivi (2012-2,8%, 2013-1,7%, 2014-0,4%), il CSC prevede una crescita del PIL dell 1%. quest

Dettagli

Nella capitalizzazione previdenziale bisogna trovare un investimento che oltre a dare la rendita difenda il capitale dalla svalutazione

Nella capitalizzazione previdenziale bisogna trovare un investimento che oltre a dare la rendita difenda il capitale dalla svalutazione LE PENSIONI COMPLEMENTARI a cura di Marco Perelli Ercolini Nella capitalizzazione previdenziale bisogna trovare un investimento che oltre a dare la rendita difenda il capitale dalla svalutazione La riforma

Dettagli

Audizione Disegno di Legge

Audizione Disegno di Legge 2015 Senato della Repubblica 10 a Commissione Industria, commercio, turismo Audizione Disegno di Legge Legge annuale per il mercato e la concorrenza (AS 2085) Vice Presidente Assopetroli-Assoenergia Giovanni

Dettagli

Sezioni primavera e anticipi nella Scuola dell infanzia: dati, analisi critica e prospettive

Sezioni primavera e anticipi nella Scuola dell infanzia: dati, analisi critica e prospettive Sezioni primavera e anticipi nella Scuola dell infanzia: dati, analisi critica e prospettive Sergio Govi Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Come è noto, da alcuni anni il settore

Dettagli

Le news settimanali del Consorzio Camerale

Le news settimanali del Consorzio Camerale N.15 Anno I Nuova Edizione Le news del Consorzio Camerale Le news settimanali del Consorzio Camerale SOMMARIO News Commissione europea: proroga per orientamenti in materia di aiuti di Stato Pagamenti PA:

Dettagli

ORDINE DEL GIORNO UFFICIO DI PRESIDENZA. riunitosi a Milano il 23 Settembre 2013

ORDINE DEL GIORNO UFFICIO DI PRESIDENZA. riunitosi a Milano il 23 Settembre 2013 ORDINE DEL GIORNO UFFICIO DI PRESIDENZA riunitosi a Milano il 23 Settembre 2013 Considerato che: Il 7 agosto u.s. si è tenuto un incontro tra il Presidente del Consiglio dei Ministri Enrico Letta, affiancato

Dettagli

Gli argomenti. Gestione finanziaria e capacità di investimento nelle PMI: dalle criticità alle prospettive di ripresa. di Francesco Estrafallaces

Gli argomenti. Gestione finanziaria e capacità di investimento nelle PMI: dalle criticità alle prospettive di ripresa. di Francesco Estrafallaces Gli argomenti Gestione finanziaria e capacità di investimento nelle PMI: dalle criticità alle prospettive di ripresa 1 1 di Francesco Estrafallaces La recente fase di recessione economica e la blanda ripresa

Dettagli

DL COMPETITIVITÀ (AS 1541) AUDIZIONE UNIONE PETROLIFERA Ing. Alessandro Gilotti Presidente

DL COMPETITIVITÀ (AS 1541) AUDIZIONE UNIONE PETROLIFERA Ing. Alessandro Gilotti Presidente DL COMPETITIVITÀ (AS 1541) AUDIZIONE UNIONE PETROLIFERA Ing. Alessandro Gilotti Presidente Senato Commissioni riunite 10ª (Industria, commercio, turismo) - 13ª (Territorio, ambiente, beni ambientali) Roma,

Dettagli

Crisi: prezzo terra -0,6%, terzo calo consecutivo in Italia

Crisi: prezzo terra -0,6%, terzo calo consecutivo in Italia Terra e Gusto Crisi: prezzo terra -0,6%, terzo calo consecutivo in Italia Crea, pesano Imu, embargo russo e mancanza liquidità Redazione ANSA ROMA 30 ottobre 201516:30 ANSA +CLICCA PER INGRANDIRE - ROMA

Dettagli

Schede Paese. La Slovacchia di fronte alla crisi

Schede Paese. La Slovacchia di fronte alla crisi Osservatorio Economie reali e politiche per le imprese nei Paesi dell Europa centrale e sud-orientale Schede Paese La Slovacchia di fronte alla crisi 2 aggiornamento: Ottobre 2009 Contenuto La Slovacchia

Dettagli

ABBIGLIAMENTO, CALZATURE, ACCESSORI,PELLETTERIE, REP TESSILE PER LA CASA ED ARTICOLI SPORTIVI

ABBIGLIAMENTO, CALZATURE, ACCESSORI,PELLETTERIE, REP TESSILE PER LA CASA ED ARTICOLI SPORTIVI SETTORE MODA,, ABBIIGLIIAMENTO,, CALZATURE,, ACCESSORII,,PELLETTERIIE,, TESSIILE PER LA CASA ED ARTIICOLII SPORTIIVII Con laa l ccol llaaborraazzi ionee di:: Fashion REPORT INDICE Pag. 1. 2. 3. 4. CONSUMI

Dettagli

1 Titolo del progetto Startup Impresa - Running back. 2 Obiettivi del progetto

1 Titolo del progetto Startup Impresa - Running back. 2 Obiettivi del progetto PROGETTO PARTECIPANTE AL BANDO CCIAA PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI PROMOZIONE ECONOMICA A FAVORE DELLE MPMI DELLA PROVINCIA DI MANTOVA ATTRAVERSO LE RAPPRESENTANZE

Dettagli

La Stampa in Italia 2008 2010

La Stampa in Italia 2008 2010 FEDERAZIONE ITALIANA EDITORI GIORNALI La Stampa in Italia 2008 2010 Roma 13 aprile 2011 Le ricadute della crisi economica sul settore dell editoria giornalistica nel biennio 2008-2009 sono state pesanti.

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO NUMERO M A G G I O 2002 DODICI Il presente Rapporto nasce da una collaborazione ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA Alla sua elaborazione hanno partecipato: Paolo Andreozzi

Dettagli

Parchi di divertimento Indagine sull andamento della stagione 2013

Parchi di divertimento Indagine sull andamento della stagione 2013 Parchi di divertimento Indagine sull andamento della stagione 2013 1 La stagione 2013 Al termine della stagione 2013 l indagine analizza l andamento del settore dei parchi di divertimento italiani intendendosi

Dettagli

Studio elaborato per LA FILIERA AGROALIMENTARE ITALIANA FORMAZIONE DEL VALORE E DEI PREZZI ALIMENTARI LUNGO LA FILIERA

Studio elaborato per LA FILIERA AGROALIMENTARE ITALIANA FORMAZIONE DEL VALORE E DEI PREZZI ALIMENTARI LUNGO LA FILIERA Studio elaborato per LA FILIERA AGROALIMENTARE ITALIANA FORMAZIONE DEL VALORE E DEI PREZZI ALIMENTARI LUNGO LA FILIERA Roma, 3 Aprile, 2014 1 PARTE PRIMA La filiera agroalimentare italiana: operatori,

Dettagli

Le lancette dell economia bolognese. Un primo bilancio delle principali tendenze del 2013

Le lancette dell economia bolognese. Un primo bilancio delle principali tendenze del 2013 Le lancette dell economia bolognese Un primo bilancio delle principali tendenze del 2013 Aggiornamento: 7 aprile 2014 Indice Le principali tendenze dell'economia italiana pag. 3 L'andamento economico locale

Dettagli

Tavolo. Crescita ed equità

Tavolo. Crescita ed equità Tavolo Crescita ed equità Roma 19 giugno 2007 Le Organizzazioni dell artigianato e del commercio, preso atto delle linee di intervento indicate nella relazione del Ministro del Lavoro e della Previdenza

Dettagli

IL QUADRO MACROECONOMICO

IL QUADRO MACROECONOMICO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LA CONGIUNTURA ECONOMICA - PUNTI DI VISTA E SUGGERIMENTI DI ASSET ALLOCATION IL QUADRO MACROECONOMICO DOTT. ALBERTO BALESTRERI Milano, 21 marzo 2013 S.A.F.

Dettagli

ITALIA - Struttura del mercato autovetture nuove

ITALIA - Struttura del mercato autovetture nuove ITALIA - Struttura del mercato autovetture nuove APRILE e GENNAIO/APRILE Nel mese sono state immatricolate oltre 116 mila autovetture nuove, ancora in flessione del 10,8% rispetto allo stesso mese del.

Dettagli