ELEMENTI DI CONTABILITA DI STATO E REGOLAMENTO DI ATENEO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ELEMENTI DI CONTABILITA DI STATO E REGOLAMENTO DI ATENEO"

Transcript

1 ELEMENTI DI CONTABILITA DI STATO E REGOLAMENTO DI ATENEO Docente: Dott. Martino Loddo Durata: : 8 ore Orario delle lezioni: 2626 febbraio h. 15,00-17,00 17,00 Aula F Scipol 44 marzo h. 15,00-17,00 17,00 Aula rossa Scipol 66 marzo h. 15,00-17,00 17,00 Aula rossa Scipol 77 marzo h. 10,30-12,30 12,30 Aula Magna Scipol Università di Sassari Mobilita' verticale

2 LA DEFINIZIONE DI CONTABILITA DI STATO Sistema di principi e norme che regolano la gestione finanziaria e patrimoniale dello Stato, dal bilancio alla sua esecuzione, alla conservazione e alla utilizzazione del patrimonio, all attivit attività contrattuale, alla rendicontazione, alla responsabilità patrimoniale di quanti partecipano alla gestione della cosa pubblica. Essa realizza la fondamentale esigenza di guarentigia diretta per i cittadini, correlativa ai sacrifici finanziari che sono a questi coattivamente imposti (G. Zaccaria, 1974) Università di Sassari Mobilita' verticale

3 DALLA CONTABILITA DI STATO ALLA RAGIONERIA PUBBLICA La prevalenza dell approccio giuridico piuttosto che di quello economico-aziendale ha portato a differenziare la contabilità pubblica dalla RAGIONERIA PUBBLICA che: ha come oggetto tipico le determinazioni e le rilevazioni quantitative delle aziende pubbliche, considerate negli aspetti economici della loro esistenza al fine di produrre la conoscenza necessaria per lo sviluppo di una amministrazione razionale fondata sulla programmazione, l esecuzione ed il controllo. (L. Puddu,, 2001) Università di Sassari Mobilita' verticale

4 DALLA RAGIONERIA PUBBLICA ALL ECONOMIA DELLE AZIENDE PUBBLICHE Più di recente l impegno l degli studiosi di economia aziendale ha consentito di elaborare una serie di principi finalizzati all applicazione applicazione nelle aziende pubbliche degli stessi criteri di razionalità economica riconosciuti validi per le imprese, tenendo però conto delle specificità distintive proprie delle aziende pubbliche. In tal senso, la disciplina Ragioneria pubblica si è progressivamente evoluta in Economia delle aziende pubbliche,, in cui l analisi l quali-quantitativa quantitativa dei fenomeni economici è reinterpretata alla luce della natura, delle finalità,, e delle peculiarità delle aziende pubbliche. Università di Sassari Mobilita' verticale

5 IL PROCESSO DI AZIENDALIZZAZIONE DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Negli anni 90 si è acquisita la consapevolezza che di fronte alla crisi profonda del settore pubblico non era più possibile continuare a finanziare indiscriminatamente una cronica situazione di spreco di risorse, nén a perseverare nell adozione di logiche burocratiche dietro le quali si nascondono inefficienza, scarsa professionalità,, scarsa qualità del servizio e inefficacia sostanziale dell azione pubblica. Ha pertanto inizio una produzione legislativa mirata ad impostare la gestione delle aziende pubbliche secondo criteri di economicità,, efficienza ed efficacia. Università di Sassari Mobilita' verticale

6 IL PRINCIPIO DI DISTINZIONE TRA INDIRIZZO POLITICO E FUNZIONI GESTIONALI D. Lgs.. n. 165/2001 (Norme generali sull ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche): > Funzioni di indirizzo politico: gli organi di governo dell Ente definiscono gli obiettivi ed i programmi da attuare, e verificano la rispondenza dei risultati della gestione agli indirizzi impartiti; > Funzioni gestionali: ai dirigenti spetta la gestione finanziaria, amministrativa e tecnica, mediante autonomi poteri di spesa e di organizzazione delle risorse umane, strumentali e di controllo. N.B. Tutte le AA.PP.. sono obbligate ad adeguare i propri ordinamenti in applicazione di tale principio generale. Università di Sassari Mobilita' verticale

7 LA LOGICA DELLE RILEVAZIONI NELLA CONTABILITA PUBBLICA ( 1 ) Le operazioni di entrata e uscita sono fenomeni finanziari dinamici a carattere unitario che si svolgono e sviluppano attraverso varie fasi,, o processi, o procedimenti amministrativi. La forma degli atti e le responsabilità dei soggetti che li pongono in essere assumono rilievo sotto il duplice aspetto giuridico e organizzativo/finanziario. I due approcci sono fra loro coerenti poiché sono frutto di un processo unitario che va dalla nascita dell operazione (attiva o passiva) alla sua estinzione. Università di Sassari Mobilita' verticale

8 LA LOGICA DELLE RILEVAZIONI NELLA CONTABILITA PUBBLICA ( 2 ) Tutte le entrate e le uscite sono accorpate in gruppi omogenei, via via più analitici: - titoli: individuano il genere di entrata e di spesa secondo la provenienza (corrente, in conto capitale, partite di giro). - categorie: : sono una disaggregazione dei titoli ed una aggregazione di capitoli (es. Trasferimenti correnti dal Ministero dell Universit Università). - capitoli: è l unità elementare del bilancio, in funzione dell oggetto specifico cui si riferisce l entrata l o la spesa (es. Fondo per il finanziamento ordinario). Università di Sassari Mobilita' verticale

9 LA LOGICA DELLE RILEVAZIONI NELLA CONTABILITA PUBBLICA ( 3 ) Le regole generali della contabilità finanziaria prevedono che per ogni capitolo siano rappresentati i valori, previsionali e consuntivi, della gestione: - di competenza finanziaria (accertamenti ed impegni). - di cassa (riscossioni e pagamenti). - dei residui (attivi e passivi, in relazione ai valori che al termine di ogni anno hanno attraversato la fase della competenza finanziaria ma non quella di cassa). Università di Sassari Mobilita' verticale

10 LE FASI DELLE ENTRATE NELLA CONTABILITA PUBBLICA 1) Previsione: è la determinazione, in sede di bilancio preventivo, del probabile ammontare di risorse finanziarie che saranno acquisite nell esercizio esercizio di riferimento. 2) Accertamento: è la fase giuridica di nascita del credito. L entrata è infatti accertata quando, sulla base di idonea documentazione, sono determinati tutti gli elementi costitutivi del credito vantato dall Ente: ragione, scadenza, persona debitrice, esatto ammontare. Il totale degli accertamenti a fine anno, rispetto alle previsioni definitive, può generare economie o diseconomie. Università di Sassari Mobilita' verticale

11 LE FASI DELLE ENTRATE NELLA CONTABILITA PUBBLICA 3) Ordinazione: è la fase in cui, mediante emissione della Reversale di incasso,, si ordina al Tesoriere/Cassiere di riscuotere da un determinato debitore una somma definita, alla scadenza stabilita e per una causa specifica. 4) Riscossione: è il momento in cui il debitore paga la somma dovuta all Ente presso il Tesoriere/Cassiere o presso un Agente della riscossione esterno. 5) Versamento: è la fase in cui le somme riscosse sono trasferite nelle casse dell Ente, ed è separata dalla precedente solo se nella procedura di incasso è presente un Agente della riscossione. Università di Sassari Mobilita' verticale

12 LE FASI DELLA SPESA NELLA CONTABILITA PUBBLICA 1) Previsione: è la determinazione del probabile ammontare delle uscite nell anno di riferimento, che si formalizza con l approvazione del bilancio di previsione. Deve scaturire da un vero e proprio processo di programmazione. 2) Impegno: è la fase giuridica in cui l Ente l vincola una data somma per un certo motivo ed entro una certa scadenza, a seguito di obbligazioni giuridicamente perfezionate (impegni propri), o a seguito di vincoli di destinazione solo interni all Ente (impegni impropri,, da monitorare!). Il totale degli impegni a fine anno, rispetto alle previsioni definitive, può generare economie o diseconomie (pericolo di riserve occulte con impegni impropri!). Università di Sassari Mobilita' verticale

13 LE FASI DELLA SPESA NELLA CONTABILITA PUBBLICA 3) Liquidazione: atto che comprova il perfezionamento degli elementi dell obbligazione giuridica ed il diritto del creditore a ricevere una somma determinata. Sotto l aspetto l ragionieristico è il momento in cui il ciclo finanziario passivo misura l acquisto l del fattore produttivo. 4) Ordinazione: è la fase in cui, mediante emissione del Mandato di pagamento,, si ordina al Tesoriere/Cassiere di pagare al creditore la somma liquidata. 5) Pagamento: è la fase di estinzione dell obbligazione, tramite la consegna del denaro al creditore da parte del Tesoriere/Cassiere. Università di Sassari Mobilita' verticale

14 LA GESTIONE DI CASSA E DI COMPETENZA NELLA CONTABILITA PUBBLICA ( 1 ) I criteri di imputazione delle entrate e delle spese ad un esercizio finanziario piuttosto che ad un altro sono determinati in ragione della data in cui si verifica la: - competenza finanziaria: entrate e uscite sono imputate all esercizio in cui si manifestano, rispettivamente, le fasi dell accertamento e dell impegno; - movimentazione di cassa: : entrate e uscite sono imputate all esercizio in cui si manifestano, rispettivamente, le fasi della riscossione e del pagamento. Università di Sassari Mobilita' verticale

15 LA GESTIONE DI CASSA E DI COMPETENZA NELLA CONTABILITA PUBBLICA ( 2 ) Di norma, nelle AA.PP.. la funzione autorizzatoria del Bilancio di previsione è incentrata sul criterio della competenza, mentre la rendicontazione accoglie anche la gestione di cassa e quella dei residui. Tale scelta è coerente con il principio di distinzione tra organi politici e organi di gestione poiché: - la fase della competenza incarna il momento decisionale; - la gestione di cassa pertiene alla salvaguardia degli equilibri finanziari del bilancio. Pertanto, introdurre anche i vincoli di cassa nella redazione del bilancio preventivo sarebbe un inutile appesantimento della funzione autorizzatoria. Università di Sassari Mobilita' verticale

16 LA GESTIONE DI CASSA E DI COMPETENZA NELLA CONTABILITA PUBBLICA ( 3 ) Residui: - attivi: : entrate accertate e non riscosse a fine dell esercizio; esercizio; - passivi: : spese impegnate e non pagate a fine esercizio. Entrambi si formano per stratificazioni successive distinguibili per anno di formazione. - propri: : somme attive o passive vincolate da una vera e propria obbligazione giuridicamente perfezionata; - impropri: : nascono da accertamenti o impegni di massima, e sono atti unilaterali che non hanno ancora generato una obbligazione giuridicamente perfezionata (es. stanziamenti complessivi per gare d appalto d da espletare). Università di Sassari Mobilita' verticale

17 LA GESTIONE DI CASSA E DI COMPETENZA NELLA CONTABILITA PUBBLICA ( 4 ) Istituti sull estinzione anticipata dei Residui: - prescrizione: : istituto civilistico che produce l estinzione l del diritto per effetto dell inerzia del suo titolare. Il residuo si cancella dalle scritture contabili (n.b. nel caso di residui attivi un inerzia potrebbe anche generare un danno erariale!). - riaccertamento: è la revisione, prima del consuntivo, delle ragioni giuridiche del mantenimento in tutto o in parte dei residui attivi e passivi, che conduce alla permanenza o annullamento anche solo parziale di ciascun residuo. - perenzione: è l istituto (ormai obsoleto!) che comporta l eliminazione solo contabile dei residui passivi non pagati entro un certo numero di anni. Non comporta l estinzione l del debito poiché in caso di richiesta da parte del creditore la somma deve essere reiscritta in bilancio. Università di Sassari Mobilita' verticale

18 RISULTATO DI AMMINISTRAZIONE È definibile come netto finanziario dell Ente, ovvero quella grandezza stimata che assomma i diversi aspetti della gestione (cassa, competenza e residui). - AVANZO: l Ente può aumentare i volumi di spesa negli anni successivi. - DISAVANZO: l Ente è in disequilibrio finanziario e deve programmare un piano di rientro onde evitare una situazione di dissesto. L esatta contezza del risultato di amministrazione si ha in sede di predisposizione del consuntivo annuale. Università di Sassari Mobilita' verticale

19 RISULTATO DI AMMINISTRAZIONE + Fondo di cassa ad inizio esercizio + Riscossioni (competenza e residui) - Pagamenti (competenza e residui) = Fondo di cassa a fine esercizio + Residui attivi a fine esercizio - Residui passivi a fine esercizio = Avanzo/Disavanzo di amministrazione Università di Sassari Mobilita' verticale

20 RISULTATO DI AMMINISTRAZIONE In caso di Avanzo,, al consuntivo è inoltre allegato un prospetto dimostrativo, in cui sono distinte: - la parte vincolata su determinati programmi di destinazione, in forza di norme, atti deliberativi o altri eventi (es. per progetti di ricerca scientifica pluriennali finanziati da Enti esterni). - la parte disponibile per l Ente l (es. derivante dalle economie di spesa realizzate sui capitoli per il funzionamento). Università di Sassari Mobilita' verticale

21 I PRINCIPI GENERALI DI UN MODERNO SISTEMA CONTABILE PUBBLICO 1) Veridicità: il sistema contabile rappresenta in modo veritiero e corretto la situazione patrimoniale e finanziaria dell Ente, ed il risultato economico dell esercizio. esercizio. 2) Correttezza: i documenti contabili rispettano, nella forma e nella sostanza, le disposizioni normative e le regole tecniche di redazione. 3) Imparzialità (neutralità): i documenti contabili sono preparati per una pluralità di destinatari interni ed esterni all Ente, e pertanto si fondano su principi contabili indipendenti ed imparziali dalle esigenze informative di particolari gruppi di interesse. Università di Sassari Mobilita' verticale

22 I PRINCIPI GENERALI DI UN MODERNO SISTEMA CONTABILE PUBBLICO 4) Attendibilità: le previsioni sono sostenute da accurate analisi degli andamenti storici e da altri idonei ed obiettivi parametri di riferimento. 5) Coerenza: tutti gli atti contabili dell Ente, preventivi e consuntivi, finanziari e descrittivi, di breve e di lungo periodo, sono strettamente correlati da un nesso logico negli oggetti di analisi e negli aspetti dei fenomeni esaminati. 6) Significatività (e rilevanza): i documenti contabili espongono le informazioni significative e rilevanti in relazione al processo decisionale dei destinatari. Università di Sassari Mobilita' verticale

23 I PRINCIPI GENERALI DI UN MODERNO SISTEMA CONTABILE PUBBLICO 7) Prudenza: i documenti previsionali contengono le sole componenti positive che ragionevolmente saranno disponibili e quelle negative nei limiti delle risorse previste; i documenti consuntivi riportano i soli proventi realizzati ma gli oneri anche non definitivamente sostenuti. 8) Chiarezza: gli atti contabili dell Ente contengono una semplice e chiara classificazione delle poste finanziarie, economiche e patrimoniali, ed adottano una struttura che ne faciliti la consultazione. 9) Annualità: l unità di riferimento temporale è finanziario, che corrisponde all anno anno solare. l anno Università di Sassari Mobilita' verticale

24 I PRINCIPI GENERALI DI UN MODERNO SISTEMA CONTABILE PUBBLICO 10) Pubblicità: i bilanci preventivi e consuntivi dell Ente sono di dominio pubblico affinché tutti possano essere informati sulle risorse acquisite e sulle modalità di utilizzo. 11) Universalità: i documenti contabili accolgono tutte le grandezze finanziarie, economiche e patrimoniale dell Ente. Le gestioni fuori bilancio sono consentite solo da leggi speciali. 12) Integrità: è vietata la compensazione tra partite attive e passive, l iscrizione l di entrate al netto delle uscite sostenute per la riscossione, l iscrizione l di uscite ridotte delle correlative entrate. Università di Sassari Mobilita' verticale

25 I PRINCIPI GENERALI DI UN MODERNO SISTEMA CONTABILE PUBBLICO 13) Unità: il bilancio di previsione ed il rendiconto sono documenti unici a livello di Ente. La massa delle entrate sostiene la totalità delle spese, salvo eccezioni motivate (es. contributi finalizzati, entrate a destinazione vincolata). 14) Flessibilità: i bilanci consentono di affrontare, entro limiti ragionevoli, gli effetti derivanti da circostanze straordinarie o imprevedibili (es. fondo di riserva). 15) Competenza finanziaria: i valori finanziari sono imputati in ragione dell atto giuridico con il quale sono accertate le entrate o impegnate le uscite. Università di Sassari Mobilita' verticale

26 I PRINCIPI GENERALI DI UN MODERNO SISTEMA CONTABILE PUBBLICO 16) Competenza economica: gli effetti delle operazioni e degli altri eventi sono imputati all esercizio in cui è rinvenibile l utilitl utilità economica ceduta o acquisita, anche se diverso dall esercizio in cui si concretizzano i relativi movimenti monetari. 17) Equilibri di bilancio: il pareggio economico di medio- lungo periodo è una delle condizioni necessarie per l equilibrio strutturale delle AA.PP. Infatti, l equilibrio l economico duraturo comporta necessariamente la ricerca di una stabilità anche finanziaria, ma non è vero il contrario, specie nelle AA.PP. Università di Sassari Mobilita' verticale

27 I DOCUMENTI ESSENZIALI PER UN MODERNO SISTEMA CONTABILE PUBBLICO Bilancio di previsione: - un Preventivo finanziario,, ossia un documento costituito da uno o più prospetti numerici che riportano i valori presunti di entrate e uscite che si verificheranno nel periodo futuro di riferimento. - un Documento descrittivo,, che delinea gli indirizzi politici ed il sistema degli obiettivi che si intendono perseguire. - dei Budget di natura economica,, che evidenziano i ricavi ed i costi previsti in connessione con l espletamento l delle attività volte al perseguimento delle finalità istituzionali. Università di Sassari Mobilita' verticale

28 I DOCUMENTI ESSENZIALI PER UN MODERNO SISTEMA CONTABILE PUBBLICO Rendiconto generale: - un Rendiconto finanziario,, che ha la stessa struttura del Preventivo finanziario, costituendo la determinazione a consuntivo delle entrate e uscite originariamente previste. - una Situazione patrimoniale,, che contrappone le attività alle passività dell Ente fornendo una rappresentazione quantitativa del patrimonio alla fine dell esercizio. esercizio. - un Conto economico,, che rendiconta gli andamenti dei ricavi e dei costi afferenti la gestione dell esercizio. esercizio. - un Documento descrittivo,, che commenti la gestione svolta evidenziando il livello di raggiungimento del sistema degli obiettivi definito in sede di previsione. Università di Sassari Mobilita' verticale

29 LA FONTE DELL AUTONOMIA REGOLAMENTARE DELLE UNIVERSITA STATALI Art. 7 Legge 168/1989. comma 7: le università possono adottare un Regolamento di ateneo per l'amministrazione, la finanza e la contabilità,, anche in deroga alle norme dell'ordinamento contabile dello Stato e degli enti pubblici, ma comunque nel rispetto dei relativi principi. Comma 8: il Regolamento disciplina i criteri della gestione, le relative procedure amministrative e finanziarie e le connesse responsabilità,, in modo da assicurare la rapidità e l'efficienza nell'erogazione della spesa e il rispetto dell'equilibrio finanziario iario del bilancio, consentendo anche la tenuta di conti di sola cassa. Il regolamento disciplina altresì le procedure contrattuali, le forme di controllo interno sull'efficienza e sui risultati di gestione complessiva dell'università,, nonché dei singoli centri di spesa, e l'amministrazione del patrimonio. Università di Sassari Mobilita' verticale

30 I TRASFERIMENTI STATALI ALLE UNIVERSITA Art. 5 Legge 537/1993 comma 1. Dall esercizio 1994 i trasferimenti statali alle Università sono iscritti in 3 capitoli dello stato di previsione della spesa del MUR: - FFO Fondo per il funzionamento ordinario delle Università,, ivi comprese le spese per il personale docente e non docente, per l ordinaria manutenzione e per la ricerca scientifica (introduzione del principio del budget unico). - FEU Fondo per l edilizia l universitaria e le grandi attrezzature scientifiche, ivi compresi i fondi per gli impianti sportivi. - FPS Fondo per la programmazione dello sviluppo del sistema universitario, ivi compreso il finanziamento delle nuove iniziative ive didattiche. Università di Sassari Mobilita' verticale

31 IL REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE, L LA FINANZA E LA CONTABILITA DELL ATENEO Struttura: I.- Norme generali. II.- Bilanci e loro gestione. III.- Centri autonomi di spesa. IV.- Autonomia negoziale. V.- Patrimonio. VI.- Controlli. VII.- Norme transitorie e finali. Università di Sassari Mobilita' verticale

32 BILANCI DI PREVISIONE L attività finanziaria si svolge in base al bilancio di previsione dell Ateneo e a quelli dei CAS. E vietata ogni gestione fuori bilancio. L esercizio finanziario ha durata annuale e coincide con l anno solare. Dal 2008 anche i bilanci dei CAS sono formulati secondo il principio della competenza finanziaria. Il RAFC richiama i principi dell annualit annualità,, integralità, unicità e pareggio finanziario. Università di Sassari Mobilita' verticale

33 LA STRUTTURA DEL BILANCIO DI ATENEO NELL ART. 5 DEL RAFC Entrata Titolo 1: Entrate contributive. Titolo 2: Entrate da trasferimenti. Titolo 3: Entrate diverse. Titolo 4: Entrate correlate a diminuzioni del Patrimonio. Titolo 5: Entrate da accensione di prestiti. Spesa Titolo 1: Somme non attribuibili. Titolo 2: Trasferimenti ai CAS. Università di Sassari Mobilita' verticale

34 LA STRUTTURA DEL BILANCIO DI ATENEO ATTUALMENTE IN USO Entrata Titolo 1: entrate correnti. Titolo 2: entrate in conto capitale. Titolo 3: partite di giro. Spesa Titolo 1: spese correnti. Titolo 2: spese in conto capitale. Titolo 3: partite di giro. Università di Sassari Mobilita' verticale

35 IL FONDO DI RISERVA Capitolo iscritto nel bilancio di Ateneo per spese impreviste o maggiori spese nell esercizio. esercizio. Limite max = (FFO Costo personale) * 5% Il suo utilizzo avviene esclusivamente mediante una variazione di bilancio per incrementare il capitolo di spesa su cui andrà effettuato il pagamento. Sul capitolo dedicato al Fondo di riserva non puo essere effettuata alcuna registrazione contabile. Università di Sassari Mobilita' verticale

36 IL PROCEDIMENTO DI ADOZIONE DEL BILANCIO PREVENTIVO DI ATENEO Entro il 30/6 i CAS inviano le proprie azioni programmate e le richieste finanziarie per l anno l successivo. Entro il 15/10 il Rettore, coadiuvato dal Dirigente dell Uff. Ragioneria, presenta il progetto di bilancio. Entro il 30/11 il Consiglio di amministrazione approva il bilancio di previsione per l esercizio l successivo. Università di Sassari Mobilita' verticale

37 LE VARIAZIONI DI BILANCIO In caso di fatti sopravvenuti nel corso dell anno, il CdA approva le necessarie variazioni al bilancio. Non sono ammessi storni tra competenza e residui e tra residui. Nuove o maggiori spese possono essere approvate solo se è garantita la copertura finanziaria. Entro maggio il CdA approva l assestamentol di bilancio, anche in base al consuntivo dei CAS. Nei casi di urgenza la variazione puo essere disposta con Decreto del Rettore, da sottoporre a ratifica nella seduta del CdA immediatamente successiva. Università di Sassari Mobilita' verticale

38 LA CONTABILIZZAZIONE DELLE ENTRATE Gli accertamenti sono registrati dall Uff. Ragioneria quando, sulla base di idonea documentazione, è acquisita l identitl identità del debitore e vi è la certezza del credito o dell assegnazione finanziaria. Le entrate sono riscosse mediante Reversali all Istituto che gestisce il servizio di cassa. inviate L Uff. Ragioneria, il Direttore amministrativo ed i Direttori dei CAS vigilano sul puntuale ed integrale accertamento, riscossione e versamento delle entrate. Università di Sassari Mobilita' verticale

39 Università di Sassari Mobilita' verticale

40 LA CONTABILIZZAZIONE DELLE SPESE Gli impegni sono registrati dall Uff. Ragioneria, previa verifica della regolarità documentale e amministrativo- contabile, quando vi sono atti comportanti oneri a carico del bilancio (es. obbligazioni giuridicamente perfezionate). Ad ogni Mandato è allegata tutta la documentazione comprovante la regolarità della spesa effettuata. Il servizio di cassa è affidato, con convenzione deliberata dal CdA,, ad un unica unica Azienda di credito per l amministrazione centrale ed i CAS. Università di Sassari Mobilita' verticale

41 Università di Sassari Mobilita' verticale

42 RESIDUI E RIPORTI ALLA FINE DELL ESERCIZIO ESERCIZIO Residui attivi: : entrate accertate e non riscosse. Residui passivi: : spese impegnate e non pagate. Fondo di riserva: : le somme non utilizzate sono economie. Qualsiasi variazione dei residui attivi e passivi (c.d. riaccertamento) è deliberata dal CdA,, in allegato al conto consuntivo. Le somme non impegnate in un esercizio incrementano la disponibilità dell esercizio esercizio successivo, nel rispetto degli eventuali vincoli di destinazione. Università di Sassari Mobilita' verticale

43 LA PERENZIONE (ART.( 20 RAFC) I residui passivi per spese di funzionamento non pagati entro il II esercizio successivo si intendono perenti. I residui passivi per spese di investimento non pagati entro il V esercizio successivo si intendono perenti. I residui passivi perenti, ovvero eliminati solo contabilmente, sono reiscritti in bilancio quando i creditori ne chiedono il pagamento, salvo che i diritti di questi non siano prescritti. Università di Sassari Mobilita' verticale

44 LE SCRITTURE CONTABILI E PATRIMONIALI Le scritture finanziarie, che devono consentire per ciascun capitolo di rilevare accertamenti e impegni, riscossioni e pagamenti, residui attivi e passivi, sono: - Partitario delle entrate (stanziamento iniziale e variazioni, somme accertate, riscosse e da riscuotere). - Partitario delle spese (stanziamento iniziale e variazioni, somme impegnate, pagate e da pagare). - Partitario dei residui (iniziali, riscossioni e pagamenti). - Giornale cronologico di cassa (reversali e mandati, con separata indicazione della competenza e dei residui). - Registri degli inventari. Università di Sassari Mobilita' verticale

45 IL CONTO CONSUNTIVO DELL UNIVERSITA UNIVERSITA Si compone del Rendiconto finanziario dell Ateneo e della Situazione patrimoniale, nonché del Rendiconto finanziario complessivo, che assomma i dati consuntivi dei CAS. È predisposto dal Rettore coadiuvato dall Uff. Ragioneria, ed è approvato entro il 30/4 dal CdA (i CAS approvano entro il 31/3 il loro consuntivo). È redatto secondo la stessa articolazione del bilancio preventivo. Università di Sassari Mobilita' verticale

46 CODIFICA SIOPE (SIST. INFORMATIVO OPERAZIONI ENTI PUBBLICI) Per consentire il monitoraggio dei conti pubblici e verificarne la rispondenza all art. art. 104 Trattato UE, tutti gli incassi e pagamenti delle AA.PP.. devono essere codificati in modo univoco. Per le Università il Decreto Min. Economia definisce i codici da utilizzare per gli incassi ed i pagamenti posti in essere dal I gennaio Università di Sassari Mobilita' verticale

47 CENTRI AUTONOMI DI SPESA Ripartizione delle competenze (art. 26): - I CAS sono dotati di autonomia negoziale, contabile e di bilancio, ed operano in base ad un bilancio di competenza. - Restano di competenza dell Ateneo le spese per il personale, le spese per l edilizia l universitaria, gli atti di disposizione e manutenzione straordinaria degli immobili, l acquisto l di grandi attrezzature e impianti tecnologici di interesse generale, il funzionamento dei servizi generali dell Universit Università. Università di Sassari Mobilita' verticale

48 CENTRI AUTONOMI DI SPESA Effettuazione delle spese (art. 34): - I Direttori provvedono a tutte le spese necessarie per il CAS, assumendone le relative obbligazioni (firmando l ordine e l impegno) l ed ordinandone il pagamento (firmando il mandato). - I Consigli dei CAS, con apposita delibera, individuano le obbligazioni che, per entità o contenuti, sono riservate alla propria diretta competenza. - In relazione ai fondi di ricerca,, l assunzione l delle obbligazioni avviene su richiesta del diretto responsabile. Università di Sassari Mobilita' verticale

49 CENTRI AUTONOMI DI SPESA Responsabile amministrativo (art. 25): - Cura la predisposizione tecnica del bilancio preventivo, del conto consuntivo e della situazione patrimoniale. - Coordina le attività amministrativo-contabili ed effettua i relativi controlli. - Provvede alla corretta tenuta dei registri contabili ed inventariali ed alla conservazione della documentazione amministrativo-contabile. - Collabora con il Direttore del CAS per il buon andamento e funzionamento della struttura. Università di Sassari Mobilita' verticale

50 CENTRI AUTONOMI DI SPESA - Partecipa con voto consultivo alle sedute del Consiglio del CAS con funzioni di segretario verbalizzante, e provvede alla corretta tenuta dei verbali delle adunanze. - Esercita tutte le altre attribuzioni che gli sono demandate dalla legge, dallo Statuto e dai Regolamenti. Università di Sassari Mobilita' verticale

51 LA STRUTTURA DEL BILANCIO DEL CAS NELL ART. 27 DEL RAFC Entrata Titolo 1: entrate da trasferimenti. Titolo 2: altre entrate. Titolo 3: partite di giro. Spesa Titolo 1: spese vincolate. Titolo 2: spese non vincolate. Titolo 3: partite di giro. Università di Sassari Mobilita' verticale

52 LA STRUTTURA DEL BILANCIO DEL CAS ATTUALMENTE IN USO Entrata Titolo 1: entrate correnti. Titolo 2: entrate in conto capitale. Titolo 3: partite di giro. Spesa Titolo 1: spese correnti. Titolo 2: spese in conto capitale. Titolo 3: partite di giro. Università di Sassari Mobilita' verticale

53 IL BILANCIO DI PREVISIONE NEL CAS Il Direttore, coadiuvato dal responsabile amm.vo,, predispone il progetto di bilancio e lo presenta entro il 15/12 all approvazione approvazione del Consiglio. Entro il 31/12 il Consiglio delibera l approvazionel del bilancio preventivo ed autorizza così lo svolgimento della gestione nell anno successivo. Nel corso dell anno, in caso di fatti sopravvenuti, il Consiglio approva le opportune variazioni al bilancio. In caso di urgenza le variazioni sono disposte con Decreto del Direttore, da sottoporre a ratifica nella seduta successiva del Consiglio. Entro il 30/6 il Consiglio delibera l assestamentol assestamento. Università di Sassari Mobilita' verticale

54 LE SCRITTURE FINANZIARIE NEI CAS Per ciascun capitolo: - Partitario delle entrate (stanziamento iniziale e variazioni, somme accertate, riscosse e da riscuotere). - Partitario delle spese (stanziamento iniziale e variazioni, somme impegnate, pagate e da pagare). - Partitario dei residui (iniziali, riscossioni e pagamenti, da riscuotere e da pagare). - Giornale cronologico di cassa (reversali e mandati, con separata indicazione della competenza e dei residui). Università di Sassari Mobilita' verticale

55 IL CONTO CONSUNTIVO NEI CAS (ART. 38 RAFC) Si compone dei seguenti documenti: : conto consuntivo, situazione patrimoniale, relazione del Direttore. È approvato entro il 31/3 da parte del Consiglio di CAS ed è inviato all Uff. Ragioneria e al Nucleo di valutazione. È redatto secondo la stessa articolazione del Bilancio di previsione. Università di Sassari Mobilita' verticale

56 IL CONTO CONSUNTIVO NEI CAS Università di Sassari Mobilita' verticale

57 IL CONTO CONSUNTIVO NEI CAS Università di Sassari Mobilita' verticale

58 IL CONTO CONSUNTIVO NEI CAS Università di Sassari Mobilita' verticale

59 IL CONTO CONSUNTIVO NEI CAS: IL RENDICONTO FINANZIARIO Università di Sassari Mobilita' verticale

60 IL CONTO CONSUNTIVO NEI CAS: IL RENDICONTO FINANZIARIO Università di Sassari Mobilita' verticale

61 IL CONTO CONSUNTIVO NEI CAS: IL RENDICONTO FINANZIARIO Università di Sassari Mobilita' verticale

62 LE PRESTAZIONI A PAGAMENTO (ART. 59 RAFC) I CAS possono eseguire vere e proprie commesse esterne in ambito didattico, di ricerca e di consulenza (es. analisi acque minerali). Il ricavo e e ripartito: a) eventuali spese per l acquisto l di attrezzature o di servizi esterni previsti nella convenzione. b) 10% (al netto punto a) all Ateneo per le spese generali. c) costi diretti sostenuti per la prestazione. d) utili (al netto delle voci precedenti). Università di Sassari Mobilita' verticale

63 LE PRESTAZIONI A PAGAMENTO (ART. 59 RAFC) Gli UTILI sono ripartiti: a) 10% al Fondo comune di Ateneo (poi ripartito a tutto il personale TA). b) personale direttamente impegnato (individuato con delibera del CAS, fino ad un max del 50% dei proventi globali). c) ciò che resta è assegnato al CAS che ha effettuato la prestazione a pagamento. Università di Sassari Mobilita' verticale

64 LE PRESTAZIONI A PAGAMENTO (ART. 59 RAFC) Ripartizione al personale direttamente impegnato: (max 30% retribuzione complessiva) - fino a 3 quote per professori, dirigenti e funzionari nella IX e X qualifica funzionale. - fino a 2 quote per ricercatori, professori stabilizzati, assistenti univ., dottorandi, assegnisti, personale TA nella VII e VIII qualifica funzionale. - fino a 1,5 quote per il personale TA fino alla VI q.f. Università di Sassari Mobilita' verticale

65 IL NUCLEO DI VALUTAZIONE ( 1 ) Art. 5 Legge 537/1993 comma 22. Nelle Università sono istituiti i Nuclei di valutazione,, con il compito di verificare, mediante analisi comparative dei costi e dei rendimenti, la corretta gestione delle risorse pubbliche, la produttività della ricerca e della didattica, nonché l'imparzialità ed il buon andamento dell'azione amministrativa. I nuclei determinano i parametri di riferimento del controllo anche su indicazione degli organi generali di direzione, cui riferiscono con apposita relazione almeno annualmente. Università di Sassari Mobilita' verticale

66 IL NUCLEO DI VALUTAZIONE ( 2 ) Legge n. 370/1999. Le Università adottano un sistema di valutazione interna della gestione amministrativa, delle attività didattiche e di ricerca, degli interventi di sostegno al diritto allo studio, verificando anche mediante analisi comparative dei costi e dei rendimenti, il i corretto utilizzo delle risorse pubbliche, la produttività della ricerca e della didattica, nonché l'imparzialità e il buon andamento dell'azione amministrativa. Le Università assicurano ai Nuclei l'autonomia operativa, il diritto di accesso ai dati e alle informazioni necessari, nonché la pubblicità e la diffusione degli atti, nel rispetto della normativa a tutela della riservatezza. Università di Sassari Mobilita' verticale

67 LA BANCA DATI CNVSU A LIVELLO DI SISTEMA UNIVERSITARIO & Università di Sassari Mobilita' verticale

68 I PRINCIPI GENERALI DEL CONTROLLO INTERNO D.Lgs.. n. 286/1999. Le AA.PP.. nell'ambito della rispettiva autonomia si dotano di strumenti adeguati a: a) garantire la legittimita', regolarita' e correttezza dell'azione amministrativa (controllo( di regolarita' amministrativa e contabile). b) verificare l'efficacia, efficienza ed economicita' dell'azione amministrativa al fine di ottimizzare, anche mediante tempestivi interventi di correzione, il rapporto tra costi e risultati (controllo( di gestione). Università di Sassari Mobilita' verticale

69 I PRINCIPI GENERALI DEL CONTROLLO INTERNO c) valutare le prestazioni del personale con qualifica dirigenziale (valutazione( della dirigenza); d) valutare l'adeguatezza delle scelte compiute in sede di attuazione dei piani, programmi ed altri strumenti di determinazione dell'indirizzo politico, in termini di congruenza tra risultati conseguiti e obiettivi predefiniti (valutazione e controllo strategico). N.B. E vietato affidare verifiche di regolarita' amministrativa e contabile a strutture addette alle altre tipologie di controllo interno! Università di Sassari Mobilita' verticale

70 I PRINCIPI GENERALI DEL CONTROLLO INTERNO c) valutare le prestazioni del personale con qualifica dirigenziale (valutazione( della dirigenza); d) valutare l'adeguatezza delle scelte compiute in sede di attuazione dei piani, programmi ed altri strumenti di determinazione dell'indirizzo politico, in termini di congruenza tra risultati conseguiti e obiettivi predefiniti (valutazione e controllo strategico). N.B. E vietato affidare verifiche di regolarita' amministrativa e contabile a strutture addette alle altre tipologie di controllo interno! Università di Sassari Mobilita' verticale

71 IL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI (ART. 73) a) esamina i conti consuntivi, redigendo apposite relazioni. b) vigila sulla gestione finanziaria e patrimoniale dell Universit Università. c) accerta la regolarità della tenuta dei libri e delle scritture contabili. d) effettua verifiche di cassa e sull'esistenza dei valori e dei titoli in proprietà,, deposito, cauzione o custodia. Università di Sassari Mobilita' verticale

72 L ATTIVITA NEGOZIALE NELL UNIVERSITA UNIVERSITA DI SASSARI Legge 168/1989: : le Università hanno autonomia negoziale per il perseguimento dei propri fini istituzionali. D. Lgs.. 163/2006: : il Codice dei contratti pubblici trova applicazione anche per le Università. Competenze: - I Dirigenti ed i Direttori dei CAS stipulano i contratti secondo la ripartizione delle competenze ex art Il Rettore stipula i contratti e le convenzioni a carattere generale in relazione all attivit attività di ricerca commissionata all Ateneo da Enti pubblici e privati. Università di Sassari Mobilita' verticale

73 IL REGOLAMENTO DI ATENEO PER LE SPESE IN ECONOMIA (ART.( 2) Università di Sassari Mobilita' verticale

74 IL REGOLAMENTO DI ATENEO PER LE SPESE IN ECONOMIA (ART.( 5 LIMITI DI SPESA) Università di Sassari Mobilita' verticale

75 IL REGOLAMENTO DI ATENEO PER LE SPESE IN ECONOMIA (ART.( 8 COTTIMO FIDUCIARIO) Università di Sassari Mobilita' verticale

76 IL REGOLAMENTO DI ATENEO PER LE SPESE IN ECONOMIA (ART.( 9 SCELTA DEL CONTRAENTE) Università di Sassari Mobilita' verticale

77 IL REGOLAMENTO PER LE SPESE IN ECONOMIA (ART. 10 VERIFICA DELLA PRESTAZIONE) Università di Sassari Mobilita' verticale

78 STIPULA DEI CONTRATTI (ART. 51 RAFC) Università di Sassari Mobilita' verticale

79 COLLAUDI (ART. 53 RAFC) Università di Sassari Mobilita' verticale

80 CAUZIONE E RIBASSO FORFETARIO (ART. 54 RAFC) Università di Sassari Mobilita' verticale

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011 Elementi innovativi e principali impatti Agenda 1. Il modello contabile previsto dal D.lgs 118/2011 Contesto normativo

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70

REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70 REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Definizioni e denominazioni 3 Art. 2 - Ambito

Dettagli

I PRINCIPI CONTABILI PER GLI ENTI LOCALI

I PRINCIPI CONTABILI PER GLI ENTI LOCALI MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE OSSERVATORIO PER LA FINANZA E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI LOCALI I PRINCIPI CONTABILI PER

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno Ministero dell Interno Osservatorio per la finanza e la contabilità degli enti locali FINALITA E POSTULATI DEI PRINCIPI CONTABILI DEGLI ENTI LOCALI Testo approvato dall Osservatorio il 12 marzo 2008 1

Dettagli

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 Nucleo di Valutazione RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 (ex art. 5, comma 21 della Legge 24 dicembre 1993 n. 537) - GIUGNO 2015 - DOC 07/15 Sommario: 1. Obiettivi e struttura

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

Principio contabile della contabilità finanziaria. 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui

Principio contabile della contabilità finanziaria. 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui Principio contabile della contabilità finanziaria 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui Il riaccertamento straordinario dei residui è l attività prevista dall articolo 3 comma 7, del presente

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

Lavori in corso su ordinazione

Lavori in corso su ordinazione OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Lavori in corso su ordinazione Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Conti d ordine. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Conti d ordine Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di fondazione,

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno Ministero dell Economia e delle Finanze DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO di concerto con il Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI VISTO il decreto

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO INTERNO DEL DIPARTIMENTO DI SCIENZE BIOLOGICHE ED AMBIENTALI (D.R. n. 1445 del 30 luglio 2002)

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO INTERNO DEL DIPARTIMENTO DI SCIENZE BIOLOGICHE ED AMBIENTALI (D.R. n. 1445 del 30 luglio 2002) REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO INTERNO DEL DIPARTIMENTO DI SCIENZE BIOLOGICHE ED AMBIENTALI (D.R. n. 1445 del 30 luglio 2002) TITOLO PRIMO CAPO PRIMO Natura e caratteristiche del Dipartimento Articolo 1

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Capitolo 7 Le scritture di assestamento

Capitolo 7 Le scritture di assestamento Edizioni Simone - vol. 39 Compendio di economia aziendale Capitolo 7 Le scritture di assestamento Sommario 1. Il completamento. - 2. Le scritture di assestamento dei valori di conto secondo il principio

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO

STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO Emanato con Decreto Rettorale n. 623/AG del 23 febbraio 2012 e pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 52 del 2 marzo 2012 STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI E PRINCIPI Art.

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12.

28.02.2012 08.03.2012 08.07.2014, 25.09.2014, 11.11.2014, 10.12.2014, 22.12.2014, 14.01.2015 10.02.2015) 12.11.2014, 02.12.2014 23.12. Disposizioni regolamentari relative agli Organi Ausiliari approvate dal Senato Accademico in data 28.02.2012 e dal Consiglio di Amministrazione in data 08.03.2012 e successivamente modificate dal Senato

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

TESTO COORDINATO DEL REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE REGIONALE E DEGLI ENTI REGIONALI

TESTO COORDINATO DEL REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE REGIONALE E DEGLI ENTI REGIONALI TESTO COORDINATO DEL REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE REGIONALE E DEGLI ENTI REGIONALI A cura della Direzione Generale Servizio organizzazione, formazione, valutazione e relazioni sindacali

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative. Mario Parisi Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Aspetti economico-finanziari delle gestioni assicurative 1 aspetti economici * gestione assicurativa * gestione

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA PRATICA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI (CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA PROCEDURA TELEMATICA) Versione 1.3 del 26/11/2012 Sommario Premessa... 3 1 Introduzione... 4 1.1 Il contesto normativo...

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE.

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. E COAN) Prof.ssa Claudia SALVATORE Università degli Studi del Molise

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere.

Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Prima di parlare di Bilancio consolidato è importante sapere. Cos è un gruppoaziendale L evoluzione del processo di armonizzazione contabile Le principali caratteristiche del bilancio IAS/IFRS a seguito

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali?

Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali? Obblighi contabili per gli Enti non commerciali D. Quali sono gli obblighi contabili minimi per gli Enti non commerciali? 1 R. Per gli enti non commerciali non sussiste, ai fini civilistici, relativamente

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED

I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED I RAPPORTI TRA DIRIGENTE SCOLASTICO E DIRETTORE DEI SERVIZI GENERALI ED AMMINISTRATIVI: QUALE CONVIVENZA PER LA MIGLIORE FUNZIONALITÀ DELL ISTITUZIONE SCOLASTICA 1 A cura di Maria Michela Settineri IL

Dettagli

A.S.P. ISTITUZIONI ASSISTENZIALI RIUNITE DI PAVIA

A.S.P. ISTITUZIONI ASSISTENZIALI RIUNITE DI PAVIA A.S.P. ISTITUZIONI ASSISTENZIALI RIUNITE DI PAVIA Regolamento di Organizzazione e Contabilità (ai sensi della L.R. n. 1/2003 e del regolamento regionale n. 11/2003) I N D I C E Art. 1 Oggetto e finalità

Dettagli

Il sistema informativo aziendale

Il sistema informativo aziendale Albez edutainment production Il sistema informativo aziendale III classe ITC 1 Alla fine di questo modulo sarai in grado di: conoscere funzioni, obiettivi e struttura del sistema informativo aziendale;

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via 1 ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via Pitagora n. 7 alle ore 20,00 si sono riuniti i Sigg.: - Iacobellis

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

REGOLAMENTO PER ILCONFER'MENTO D' INCARICHI ESTERN' BESTA CARLO ISTITUTO ALLEGATO ALI,A DELIBERA CDA N. III/11912OL4

REGOLAMENTO PER ILCONFER'MENTO D' INCARICHI ESTERN' BESTA CARLO ISTITUTO ALLEGATO ALI,A DELIBERA CDA N. III/11912OL4 ALLEGATO ALI,A DELIBERA CDA N. III/11912OL4 ISTITUTO NSUROLÓCIC* CARLO BESTA REGOLAMENTO PER ILCONFER'MENTO D' INCARICHI ESTERN' Fond*eione I.R.C.C.S. l*tituto Heumlogica Carlo Besta Vi'r Ceior"ra i Ì,?*i;3

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti STATUTO del CNCP Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE E costituita ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile un Associazione di rappresentanza,

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF)

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) INDICE Articolo 1 - Finalità e natura dell Ente 2 Articolo 2 - Attività dell INAF 3 Articolo 3 - Principi di organizzazione 5 Articolo 4 - Organi 6

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

La Consegna dei Lavori

La Consegna dei Lavori La Consegna dei Lavori Il contratto viene posto in esecuzione dall Amministrazione con La consegna dei lavori. Si tratta, complessivamente, di una serie di atti di carattere giuridico e di operazioni materiali,

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Relazione del collegio

Relazione del collegio Relazione del collegio revisori i dei conti RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI SUL RENDICONTO DELL'ESERCIZIO 2013 DEL PARTITO "IL POPOLO DELLA L1BERTA'" Il Collegio dei revisori composto dai

Dettagli