DELIBERAZIONE N X / 1445 Seduta del 28/02/2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DELIBERAZIONE N X / 1445 Seduta del 28/02/2014"

Transcript

1 DELIBERAZIONE N X / 1445 Seduta del 28/02/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA CANTU' CRISTINA CAPPELLINI ALBERTO CAVALLI MAURIZIO DEL TENNO GIOVANNI FAVA MASSIMO GARAVAGLIA MARIO MELAZZINI ANTONIO ROSSI CLAUDIA TERZI Con l'assistenza del Segretario Marco Pilloni Su proposta dell'assessore Simona Bordonali Oggetto CRITERI E MODALITÀ PER L ASSEGNAZIONE DI COFINANZIAMENTI PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI IN MATERIA DI SICUREZZA URBANA - BIENNIO 2014/2015 (L.R. 4/2003, ART. 27) - (RICHIESTA DI PARERE ALLA COMMISSIONE CONSILIARE) Il Dirigente Fabrizio Cristalli Il Direttore Generale Daniela Marforio L'atto si compone di 19 pagine di cui 16 pagine di allegati parte integrante

2 VISTA la l.r. 14 aprile 2003, n. 4 Riordino e riforma della disciplina regionale in materia di polizia locale e sicurezza urbana" e, in particolare, l art. 25, comma 2, lett. a), ai sensi del quale la Regione promuove la realizzazione di progetti finalizzati a sviluppare politiche di sicurezza urbana, privilegiando le aree ad alto tasso di criminalità; CONSIDERATO che, ai sensi dell art. 27, comma 4, della citata l.r. n. 4/2003, la Giunta Regionale, previo parere della commissione consiliare competente, determina ogni due anni i criteri e le priorità per l assegnazione dei finanziamenti a progetti finalizzati alla realizzazione di interventi in materia di sicurezza urbana sul territorio lombardo; VISTO il Programma Regionale di Sviluppo della X Legislatura e, in particolare, il Programma TER 302 e il Risultato Atteso Intese con lo Stato e con gli Enti Locali per la realizzazione di interventi di prevenzione e controllo in materia di sicurezza ; VISTA la Legge 7 agosto 2012 n. 135 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 6 luglio 2012, n. 95, recante disposizioni urgenti per la revisione della spesa pubblica con invarianza dei servizi ai cittadini, che obbliga i Comuni al di sotto dei abitanti ad associarsi per lo svolgimento di almeno tre funzioni fondamentali; CONSIDERATO che l approssimarsi dell evento EXPO 2015, in ragione del prevedibile, consistente afflusso di visitatori e addetti ai lavori, comporta, soprattutto per gli Enti rientranti nell area interessata dall evento stesso, la necessità di pianificare gli interventi di Polizia Locale sul territorio di propria competenza e di adeguare le dotazioni tecnico strumentali e il parco automezzi; RITENUTO, pertanto, di indirizzare il cofinanziamento regionale ad interventi di natura organizzativa e tecnologica, finalizzati all acquisto di dotazioni tecnicostrumentali, alla realizzazione di sistemi di videosorveglianza e al rinnovo del parco automezzi per la Polizia Locale, a beneficio degli Enti e, in particolare, di quelli territorialmente interessati dall evento EXPO 2015, organizzati in forma associata e di quelli che, pur non direttamente coinvolti dall evento, afferiscono a Comuni con meno di abitanti, obbligati ad associarsi, ai sensi della L. 135/2012; VISTA la legge regionale 24 dicembre 2013, n. 23 Bilancio di previsione per l esercizio finanziario 2014 e bilancio pluriennale 2014/2016 a legislazione vigente, 1

3 che prevede lo stanziamento sul capitolo 5170 Spese per interventi miglioramento sicurezza urbana e progetti Ict, per il biennio 2014/2015, della somma complessiva di ,00, così ripartita: ,00 sul Bilancio 2014; ,00 sul Bilancio 2015; VISTO il documento predisposto dalla competente Direzione Generale Sicurezza, Protezione Civile e Immigrazione, che si condivide nei contenuti, nel quale sono declinati i criteri e le modalità per il cofinanziamento regionale di progetti funzionali al rafforzamento della sicurezza urbana sul territorio lombardo; CONSIDERATO che, ai sensi dell art. 27, comma 4, della l.r. 4/2003, occorre previamente acquisire il parere della competente Commissione consiliare sui criteri e sulle modalità di assegnazione dei finanziamenti di cui trattasi; A voti unanimi, espressi nelle forme di legge; D E L I B E R A richiamate le premesse, che qui si intendono integralmente recepite ed approvate: 1. di richiedere, ai fini e per gli effetti dell art. 27, comma 4, della l.r. 4/2003, il parere della competente Commissione Consiliare in ordine al documento allegato, parte integrante e sostanziale della presente deliberazione, avente ad oggetto: Criteri e modalità per l assegnazione di cofinanziamenti per la realizzazione di progetti in materia di sicurezza urbana - biennio (l.r. 4/2003, art. 27) ; 2. di dare atto che lo stanziamento regionale della spesa complessiva di ,00 trova copertura al capitolo 5170 ed è così ripartita: ,00 sul Bilancio ,00 sul Bilancio IL SEGRETARIO MARCO PILLONI 2

4 Allegato alla d.g.r., n... CRITERI E MODALITÀ PER L ASSEGNAZIONE DI COFINANZIAMENTI PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI IN MATERIA DI SICUREZZA URBANA - BIENNIO 2014/2015 (L.R. 4/2003, ART. 27) INDICE 1. PREMESSA 2. CONTENUTO DEI PROGETTI E SPESE AMMISSIBILI 3. BENEFICIARI E QUOTA DI CONTRIBUZIONE 4. STRUMENTI E PROCEDURE DI ATTUAZIONE 4.1 MODALITÀ E TERMINI DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE 4.2 DOCUMENTAZIONE 4.3 ISTRUTTORIA 4.4 PROCEDURE DI COFINANZIAMENTO (ART.28, COMMA 1 E 2 L.R.4/2003) 4.5 TERMINE PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO 4.6 PROROGHE 4.7 MODIFICHE AI PROGETTI IN CORSO DI REALIZZAZIONE 4.8 CAUSE DI ESCLUSIONE DAL FINANZIAMENTO 4.9 RENDICONTAZIONE 5. CONTROLLI E REVOCHE 6. RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO 7. MODULISTICA INFORMATIZZATA (PROCEDURA GEFO) 7.1 DOMANDA ENTE SINGOLO 7.2 DOMANDA ENTE ASSOCIATO 7.3 RELAZIONE ILLUSTRATIVA 7.4 SCHEDA STATISTICA 7.5 DICHIARAZIONE DI ADEGUAMENTO L.R.4/ DICHIARAZIONE DI TERRITORI CONFINANTI PER ENTI ASSOCIATI 7.7 DICHIARAZIONE DI ADESIONE A INIZIATIVE REGIONALI 1

5 1. PREMESSA Ai sensi dell art. 25 della Legge Regionale 14 aprile 2003 n. 4 la Regione, attraverso strumenti finanziari integrati, anche in concorso con gli enti locali, partecipa alla realizzazione di progetti finalizzati a garantire la sicurezza urbana. Per il biennio 2014/2015 il finanziamento regionale sarà destinato ai progetti finalizzati all acquisto di dotazioni tecnico-strumentali, di sistemi di videosorveglianza, e di automezzi, per rafforzare la sicurezza urbana sul territorio lombardo, anche in considerazione dell evento EXPO Saranno prioritariamente agevolati i progetti realizzati dagli Enti locali tra loro associati ed in particolare quelli più strettamente coinvolti dall evento Expo. 2. CONTENUTO DEI PROGETTI E SPESE AMMISSIBILI Per il biennio l azione si attua attraverso il finanziamento di progetti riguardanti: 1. potenziamento degli apparati radio (strutture fisse o mobili che consentano la comunicazione radio: ponti radio, antenne ripetitrici del segnale); 2. rinnovo e incremento del parco autoveicoli e delle dotazioni tecnico/strumentali (autovetture, moto, unità mobili, fuoristrada, biciclette, scooter, motoslitte, natanti etilometro, autovelox, telelaser, macchina fotografica, cellulari, radio portatili, apparecchiatura per falsi documentali, telecamere digitali, veicoli elettrici, narcotest, torce, opacimetro, gabinetto di polizia scientifica, caschi da motociclista, computer, stampanti, fotocopiatrice, centralino telefonico, binocoli, videoproiettori, spessimetro omologato per misurazione battistrada pneumatici, spettrofotometro, gps portatile, rilevatori di traffico mobili, dissuasori di velocità, pannelli di monitoraggio e informazioni per piste ciclabili); il rinnovo parco autoveicoli è comprensivo anche di tutta la strumentazione prevista dai regolamenti regionali 8 agosto 2002, n. 8 e 13 luglio 2004, n. 4; 3. collegamenti telefonici, telematici, installazione di colonnine di soccorso per il controllo del territorio nelle vie commerciali più a rischio; 4. realizzazione di sistemi di videosorveglianza; 5. modernizzazione ed unificazione delle centrali operative e di rilevamento satellitare per l individuazione delle pattuglie sul territorio; 6. istituzione dell agente di quartiere, limitatamente all acquisto della strumentazione tecnologica e/o strutturale (come al punto 2); 7. iniziative finalizzate alla prevenzione dei fenomeni di violenza nei confronti di donne, bambini ed anziani, limitatamente all acquisto di strumentazione tecnologica atta a presentare le azioni preventive (televisori, videoproiettori, videocamera, digitale, macchina fotografica); 8. incremento delle attività dirette alla tutela dell ambiente ed in particolare alla salvaguardia della fauna e del territorio: rinnovo e incremento del parco autoveicoli e delle dotazioni tecnico/strumentali (come al punto 2). Non è ammesso l acquisto di dotazioni tecnico strumentali con la formula del noleggio. I beni oggetto di finanziamento non potranno subire cambiamenti di destinazione d uso prima di un triennio fatto salvo il normale deperimento. 2

6 3 BENEFICIARI E QUOTA DI CONTRIBUZIONE Per la realizzazione delle iniziative finanziabili di cui al Paragrafo 2. possono presentare domanda di finanziamento gli Enti locali, suddivisi secondo le seguenti tipologie: - TIPOLOGIA A: Comuni e Unioni della provincia di Milano e la Provincia di Milano, tra loro associati, in quanto interessati dall evento EXPO; - TIPOLOGIA B: Comuni sotto i abitanti associati per effetto della Legge 135/2012; - TIPOLOGIA C: Province, Comuni e Unioni al di fuori dell area interessata da EXPO, che presentano il progetto in associazione con altri Enti locali; - TIPOLOGIA D: Province, Comuni (esclusi quelli sotto i 5000 abitanti) e Unioni che presentano il progetto in forma singola (anche se in Provincia di Milano e pertanto interessati all evento EXPO). Al fine di una ottimale riuscita della gestione associata e per un criterio di omogeneità, i Comuni associati devono essere territorialmente confinanti, salvo deroghe motivate, sentito il parere del Comitato Scientifico, ai sensi dell art.30, 4 comma, della L.R.4/2003. Ciascun Ente può presentare un solo progetto, sia come capofila che come associato, fatta eccezione delle Province, per effetto della competenza territoriale. Lo stanziamento regionale di complessivi ,00 verrà ripartito tra le suddette Tipologie A, B, C e D con le seguenti percentuali: TIPOLOGIA A - stanziamento del 40% pari ad ,00 TIPOLOGIA B - stanziamento del 30% pari ad ,00 TIPOLOGIA C - stanziamento del 20% pari ad ,00 TIPOLOGIA D - stanziamento del 10% pari ad ,00 Le eventuali quote non assegnate ad una Tipologia verranno ripartite tra le altre, nel rispetto delle medesime percentuali sopra specificate. Per i progetti ammessi, le quote di cofinanziamento regionale saranno determinate con le seguenti percentuali: - TIPOLOGIA A: cofinanziamento pari al 70%; - TIPOLOGIA B: cofinanziamento pari al 70%; - TIPOLOGIA C: cofinanziamento pari al 60%; - TIPOLOGIA D: cofinanziamento pari al 50%. Si ribadisce che la differenza tra il costo totale del progetto e la quota di cofinanziamento regionale, calcolata in base ai suddetti criteri, sarà a carico dell Ente. Per i progetti presentati in forma singola (Tipologia D), la quota massima di finanziamento per progetto è pari ad ,00. Ciò significa che ogni Ente potrà presentare la progettualità che ritiene più opportuna, ma Regione Lombardia parteciperà con un finanziamento massimo di ,00. 3

7 Per i progetti presentati in forma associata (Tipologie A-B-C) la quota massima di finanziamento per progetto è pari ad ,00. Ciò significa che ogni Ente capofila potrà presentare la pianificazione complessiva delle progettualità dei Comuni allo stesso aggregati, ma Regione Lombardia parteciperà con un finanziamento massimo di ,00. 4 STRUMENTI E PROCEDURE DI ATTUAZIONE 4.1 MODALITÀ E TERMINI DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE 1. La domanda di partecipazione al Bando dovrà essere presentata esclusivamente on line a partire dalle ore 10,00 del giorno fino alle ore 12,00 del giorno all indirizzo telematico: https://gefo.servizirl.it/ 2. Nell apposita sezione del sito sono disponibili le modalità di accesso, previa registrazione e rilascio dei codici personali (login/password). 3. La domanda on line (modulo di presentazione progetti) prevede la compilazione di diverse sezioni. Le singole sezioni devono essere compilate in ogni loro parte. 4. In caso di associazione, sarà presentato un solo progetto da parte del capofila. 5. La domanda per l accesso al cofinanziamento, prima del caricamento definitivo nel Sistema di procedura informatica, dovrà essere opportunamente validata, pena l inammissibilità, mediante l apposizione della firma elettronica o digitale da parte del Legale Rappresentante dell Ente. 6. La firma dovrà essere apposta utilizzando la carta regionale dei servizi (CRS) o, in alternativa, apposita smart-card rilasciata da uno degli organismi certificatori riconosciuti a livello nazionale. I documenti informatici devono essere firmati elettronicamente o digitalmente 1 dal Legale Rappresentante dell Ente. 7. La domanda dovrà essere corredata dei seguenti documenti, presenti sul sistema informativo: 7.1) domanda Ente singolo; 7.2) domanda Ente associato; 7.3) relazione illustrativa progetto; 7.4) scheda statistica; 7.5) dichiarazione adeguamento L.R. 4/2003; 7.6) dichiarazione Enti confinanti (per Enti associati); 7.7) dichiarazione di adesione a iniziative regionali. 8. La mancata osservanza delle modalità di presentazione di cui al punto 7 comporta l inammissibilità della domanda presentata. 1 Dal primo luglio 2011 la Firma Digitale per essere valida deve obbligatoriamente essere conforme alle nuove regole tecniche (Deliberazione DigitAP n. 45/2009 in vigore dal 30 agosto 2010). Di conseguenza chi utilizza un client o un applicazione di verifica e/o apposizione di firma digitale, deve accertarsi con il fornitore Ente certificatore riconosciuto a livello nazionale che tale applicativo sia aggiornato all ultima versione disponibile e conforme alle nuove regole tecniche. Si segnala inoltre che la firma apposta con la CRS Carta Regionale dei Servizi non è sottoposta a questa normativa e continua, quindi, a rimanere valida. 4

8 4.2 DOCUMENTAZIONE LA DOMANDA DEVE CONTENERE TUTTA LA DOCUMENTAZIONE RICHIESTA. L ASSENZA ANCHE DI UN SOLO DOCUMENTO ALLEGATO IN PROCEDURA GEFO COMPORTA LA NON AMMISSIBILITÀ AL FINANZIAMENTO. La domanda deve essere redatta secondo i punti 7.1 e 7.2, firmata digitalmente dal legale rappresentante dell Ente (Presidente, Sindaco o chi ne fa le veci). Alla domanda devono essere allegati: 1- Delibera di Giunta di approvazione del progetto. Per i progetti presentati dagli Enti associati deve essere prodotto l atto deliberativo di ogni Comune. Con tale atto, da adottarsi entro la scadenza del termine di presentazione delle domande (11 luglio 2014), l organo competente approva il progetto, ne quantifica il costo complessivo e indica le risorse finanziarie con cui intende far fronte alla parte di spesa di propria competenza, non coperta dal finanziamento regionale. La deliberazione di cui sopra deve, altresì, contenere l impegno ad avviare le attività progettuali entro il termine perentorio del 31/10/2014, nonché a presentare il relativo rendiconto. 2- Nel caso di progetto ove sono coinvolte più Amministrazioni, è necessario produrre quanto segue: a) copia della convenzione già attiva, approvata dai Consigli dei Comuni associati; b) In caso di assenza del documento di cui alla lettera a), copia della delibera di approvazione della bozza di convenzione, da parte dei Consigli Comunali associati; c) In caso di assenza dei documenti di cui alle lettere a) e b), copia delle delibere di Giunta con cui tutti gli Enti si impegnano ad associarsi entro il 31 ottobre Non sono ammesse forme diverse dalla convenzione (accordo di programma, ecc.). Inoltre, è necessario che la convenzione riporti esplicitamente il nominativo dell Ente Capofila. 5

9 3- Dettagliata relazione illustrativa, in cui si evidenziano: denominazione del progetto; responsabile del progetto (anche in caso di associazione, deve essere indicato un solo referente); presentazione del contesto territoriale, con le problematiche di sicurezza urbana presenti; interventi da realizzare, individuati tra quelli previsti al Paragrafo 2., per l assegnazione dei cofinanziamenti; le finalità e gli obiettivi che il progetto intende perseguire; le modalità organizzative e di realizzazione, con l indicazione obbligatoria dei tempi, delle fasi, della metodologia prevista e del nominativo del responsabile del progetto, nonché delle strutture organizzative e delle figure professionali coinvolte, precisandone il numero; gli indicatori di efficacia ed efficienza individuati per valutare e verificare il raggiungimento delle finalità e degli obiettivi previsti; l elenco dei soggetti pubblici e/o privati eventualmente coinvolti. 4- Scheda statistica - Nel caso di progetto presentato dagli Enti associati, deve essere compilata dal Comune capofila della convenzione un unica scheda per tutti gli enti aderenti. 5- dichiarazione di adeguamento alla L.R. 4/ Nell ipotesi di Enti associati (Convenzioni, Unioni): dichiarazione attestante che i territori interessati sono tra di loro confinanti oppure, se non confinanti, i motivi della problematica. 7- Dichiarazione di adesione alle iniziative che Regione Lombardia attiverà in materia di sicurezza urbana 8- Elenco dettagliato di spesa per ogni singola voce oggetto di richiesta di finanziamento, con allegati i relativi preventivi. 9- Piano delle risorse finanziarie dell Ente, con l indicazione del/dei capitoli di spesa. Tutte le autocertificazioni dovranno essere sottoscritte dal legale rappresentante dell Ente singolo o, nel caso di associazione, dell Ente capofila. La dichiarazione di adeguamento alla l.r. 4/2003 dovrà essere sottoscritta da tutti gli Enti associati e inserita digitalmente dal capofila. 6

10 4.3 ISTRUTTORIA Verificata l ammissibilità dei progetti, la valutazione avverrà attribuendo un punteggio di merito rapportabile ai seguenti parametri, in ordine di priorità: Tipo di progettualità presentata: In associazione Comuni, Unioni della provincia di Milano, la Provincia di Milano, tra loro associati Comuni sotto i abitanti tra loro associati per effetto della L.135/2012 Comuni, Unioni e Province, tra loro associati, posti al di fuori della Provincia di Milano 10 punti 8 punti 6 punti Numero associati In associazione Oltre 10 Enti associati 10 punti Da 6 a 10 Enti associati 8 punti Da 3 a 5 Enti associati 6 punti Fino a 2 Enti associati 4 punti Durata dell associazione Durata più di 10 anni 10 punti Da 6 a 10 anni 8 punti Da 3 a 5 anni 6 punti Da 1 a 2 anni 4 punti Contenuto del progetto Sistema di videosorveglianza Tecnico - strumentali Parco autoveicoli 10 punti 8 punti 6 punti Nel caso di realizzazione di più interventi, i punteggi si sommano. Una volta attribuito al singolo progetto un punteggio, sarà redatta la graduatoria per ogni tipologia (A-B-C-D). Qualora ci fosse parità di punteggio, ai fini della redazione della graduatoria, si procederà come segue: in caso di associazione, sarà preso in considerazione il numero degli associati. Allorché permanga parità, verrà presa in considerazione la maggior durata dell associazionismo. In caso di Comuni, Unione di Comuni e Province, che presentino il progetto in forma singola, verrà presa in considerazione la popolazione residente. 7

11 Il cofinanziamento regionale verrà attribuito rispettando la graduatoria determinata per ogni singola Tipologia, fino ad esaurimento della quota stanziata per ciascuna di esse (Tipologia A: 40% - Tipologia B: 30% - Tipologia C: 20% - Tipologia D: 10%). Le eventuali quote non assegnate ad una Tipologia verranno ripartite tra le altre nel rispetto delle suddette percentuali. Al termine dell istruttoria, l attribuzione del punteggio sarà valutata dal Dirigente della Unità Organizzativa Interventi integrati per la sicurezza, l immigrazione ed il sistema di Polizia Locale, e sottoposto al parere del Comitato Scientifico, ai sensi dell art. 30 della L.R. 4/ PROCEDURE DI COFINANZIAMENTO (ART.28, COMMA 1 E 2 L.R.4/2003) La competente U.O. della Giunta Regionale approva la graduatoria del finanziamento entro 60 giorni dal termine stabilito per la presentazione delle domande (11 settembre 2014), sentito il Comitato Scientifico, ex art.30 della L.R. 4/2003, con possibilità di ulteriori 30 giorni in caso di particolari e motivate problematiche che impediscano il rispetto del previsto termine di 60 giorni. Ad avvenuta approvazione del provvedimento di cui sopra, la citata U.O. provvederà, entro i successivi 15 giorni, ad inviare agli interessati apposita comunicazione. Il cofinanziamento regionale è erogato con le seguenti modalità: a) un anticipo del 20% del finanziamento assegnato, entro 30 giorni dalla data della relativa richiesta, da parte del beneficiario, presentata entro e non oltre il 9 novembre 2014, attraverso la procedura GEFO, attestante l avvenuto inizio del progetto e la relativa data; b) il saldo, entro 60 giorni dalla data presentazione della rendicontazione finale di cui al successivo punto TERMINE PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO I progetti finanziati devono essere realizzati entro il 31 marzo PROROGHE Non sono ammesse proroghe, se non per motivi non dipendenti dalla volontà del beneficiario, ai sensi dell art. 27 della l.r. 34/1978. La mancata realizzazione del progetto entro il termine del 31 marzo 2015 è motivo di revoca del cofinanziamento regionale. 4.7 MODIFICHE AI PROGETTI IN CORSO DI REALIZZAZIONE Eventuali modifiche, anche parziali, alle attività progettate, ammesse al finanziamento, sono possibili solo previa autorizzazione del dirigente della U.O. Interventi integrati per la sicurezza, l immigrazione ed il sistema di polizia locale, purché appartengano alla medesima tipologia del progetto originariamente finanziato e vi sia l impegno dell Ente interessato a rispettare, comunque, i termini previsti per la realizzazione del progetto e conseguente rendicontazione. 4.8 CAUSE DI ESCLUSIONE DAL FINANZIAMENTO Il finanziamento non viene concesso nei seguenti casi: quando il progetto è mancante anche di un solo documento tra quelli indicati nel paragrafo 4.2 quando il progetto presentato si discosta completamente dall indirizzo della l.r. 4/2003; quando non viene rispettato il termine perentorio di presentazione dei progetti. 8

12 Nel caso di presentazione di più progetti, viene escluso dal finanziamento quello presentato dall Ente singolo a favore di quello presentato in regime di convenzione. 4.9 RENDICONTAZIONE Il responsabile del progetto dell Ente o degli Enti locali beneficiari del cofinanziamento deve presentare il rendiconto all Amministrazione Regionale entro il termine del 30 aprile Trattandosi di un cofinanziamento, l Ente o gli Enti beneficiari del cofinanziamento dovranno rendicontare il progetto complessivamente e, pertanto, con riferimento sia al cofinanziamento regionale concesso, sia a quello a proprio carico. Il rendiconto consta di due parti: una amministrativa ed una contabile. La parte amministrativa consiste nella redazione di una relazione dalla quale si evincano le modalità di realizzazione del progetto ed i relativi risultati conseguiti. La relazione contabile consiste nell allegare impegni di spesa, fatture, mandati di pagamento, quietanze ed ogni altra documentazione comprovante le avvenute spese. Qualora il costo finale del progetto dovesse risultare inferiore al preventivato o a quanto erogato anticipatamente, la Regione decurterà proporzionalmente il saldo da corrispondere e, se necessario, richiederà la restituzione delle somme in eccesso, eventualmente anticipate. La mancata realizzazione di alcune delle voci finanziate dovrà essere validamente motivata. 5 CONTROLLI E REVOCHE Regione Lombardia ha facoltà di effettuare visite di controllo sugli interventi attuati per verificarne la conformità al progetto presentato. I contributi concessi sono revocati qualora i soggetti beneficiari non realizzino il progetto entro il 31 marzo 2015, salvo che per cause di forza maggiore (ricorsi al TAR, eventi calamitosi). In caso di revoca del contributo, da disporsi con decreto del Dirigente della U.O. Interventi integrati per la sicurezza, l immigrazione e il sistema di Polizia Locale, il beneficiario dovrà restituire le somme già erogate, gravate degli interessi legali maturati, ai sensi dell art Cod.Civ. 6 RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO Il Responsabile del procedimento è il dirigente della U.O. Interventi integrati per la sicurezza, l immigrazione e il sistema di Polizia locale, dott. Fabrizio Cristalli (tel ). 9

13 7 MODULISTICA INFORMATIZZATA ( PROCEDURA GEFO) 7.1 DOMANDA ENTE SINGOLO FAC-SIMILE DI DOMANDA REGIONE LOMBARDIA DIREZIONE GENERALE SICUREZZA, PROTEZIONE CIVILE E IMMIGRAZIONE U.O. INTERVENTI INTEGRATI PER LA SICUREZZA, L IMMIGRAZIONE E IL SISTEMA DI POLIZIA LOCALE Piazza Città di Lombardia, MILANO Il/La sottoscritto/a.. In qualità di legale rappresentante del Comune di..... Codice Istat.. con sede in.. Via /Piazza Telefono fisso...telefono Cell... Fax n.. . C H I E D E L assegnazione del cofinanziamento previsto dagli artt. 25 e segg. della L.R. n. 4/2003 per la realizzazione del progetto presentato tramite la procedura informatizzata. Data e firma del legale rappresentante (Presidente, Sindaco o chi ne fa le veci) 10

14 7.2 DOMANDA ENTE ASSOCIATO FAC-SIMILE DI DOMANDA REGIONE LOMBARDIA DIREZIONE GENERALE SICUREZZA, PROTEZIONE CIVILE E IMMIGRAZIONE U.O. INTERVENTI INTEGRATI PER LA SICUREZZA, L IMMIGRAZIONE E IL SISTEMA DI POLIZIA LOCALE Piazza Città di Lombardia, MILANO Il/La sottoscritto/a.. In qualità di legale rappresentante del Comune di..... quale Ente Capofila dei Comuni di ( indicare le altre Amministrazioni coinvolte ).. Codice Istat.. con sede in.. Via /Piazza Telefono fisso...telefono Cell... Fax n.. . C H I E D E L assegnazione di un cofinanziamento previsto dagli artt. 25 e segg. della L.R. n. 4/2003 per la realizzazione del progetto presentato tramite la procedura informatizzata. Data e firma del legale rappresentante dell Ente Capofila 11

15 7.3 RELAZIONE ILLUSTRATIVA ENTE Relazione illustrativa del progetto 1) Denominazione del progetto 2) Nominativo del responsabile del progetto (+ n. tel. + n. cell.+n. fax + ) 3) Presentazione del contesto territoriale con le problematiche di sicurezza urbana presenti; 4) Interventi da realizzare, individuati tra quelli previsti al punto 2 dei criteri per l assegnazione dei cofinanziamenti - biennio ) Finalità e obiettivi che il progetto intende raggiungere 6) Modalità organizzative e di realizzazione (indicare obbligatoriamente. Tempi, fasi e metodologia prevista) 7) Indicatori e parametri di efficacia e di efficienza, individuati per valutare e verificare il raggiungimento delle finalità e degli obiettivi previsti. 8) Elenco dei soggetti pubblici e/o privati eventualmente coinvolti 9) Eventuale inserimento del progetto in piani e/o programmi generali, anche se non strettamente connessi al tema della sicurezza 12

16 7.4 SCHEDA STATISTICA SCHEDA STATISTICA - Nel caso di associazione, produrre i dati, distinti per Ente (dati rilevati alla data di presentazione del progetto) Ente N. residenti Superficie Km/q. N. totale di operatori di polizia locale in servizio (esclusi amministrativi) alla data di presentazione del progetto Comandi di zona o decentrati No Si Numero Centrale operativa Si No Dotazioni: Apparati radio fisse. Apparati radio portatili..... n. autoveicoli. di cui dotati di radio veicolare n. motoveicoli Unità Mobili altri veicoli.. n. Armi in dotazione Camera di sicurezza Si No Postazione carico e scarico armi Si No Data e firma del legale rappresentante dell Ente singolo o, se associato, dell Ente capofila 13

17 7.5 DICHIARAZIONE DI ADEGUAMENTO L.R.4/2003 Il/La sottoscritto/a.. In qualità di legale rappresentante dell Ente D I C H I A R A Ai sensi dell art. 42 della L.R. 4/2003, che l Ente rappresentato è in condizione di accedere ai cofinanziamenti regionali, in quanto si è adeguato alla L.R. 4/2003. Data e firma del legale rappresentante dell Ente singolo o, se associato, dell Ente Capofila 14

18 7.6 DICHIARAZIONE DI TERRITORI CONFINANTI PER ENTI ASSOCIATI Il/La sottoscritto/a.. In qualità di legale rappresentante dell Ente Capofila..... D I C H I A R A Che gli Enti associati sono territorialmente confinanti Oppure Gli Enti associati non sono territorialmente confinanti per i seguenti motivi:.. Data e firma del legale rappresentante 15

19 7.7 DICHIARAZIONE DI ADESIONE A INIZIATIVE REGIONALI Il/La sottoscritto/a.. In qualità di legale rappresentante dell Ente Capofila..... D I C H I A R A DI ADERIRE ALLA SPERIMENTAZIONE DELLE GEOREFERENZIAZIONE MONITORAGGIO E CENSIMENTO DELLE FORME DI INSICUREZZA URBANA DI ADERIRE AL PROGETTO REGIONALE DI REALIZZAZIONE DI SISTEMA RADIO TELEMATICO FINALIZZATO ALLA COMUNICAZIONE IN FONIA TRA TUTTE LE SEDI DEI COMANDI DI POLIZIA LOCALE E LA CENTRALE OPERATIVA DI PROTEZIONE CIVILE REGIONALE facoltativo DI ADERIRE AL PROGETTO REGIONALE DI VISUALIZZAZIONE DEL SISTEMA DI VIDEOSORVEGLIANZA PROPRIO DEI COMANDI CON LA CENTRALE OPERATIVA DI PROTEZIONE CIVILE REGIONALE AL FINE DI SUPPORTARE I COMANDI IN GESTIONI DI SITUAZIONI DI EMERGENZA Data e firma del legale rappresentante 16

DELIBERAZIONE N X / 825 Seduta del 25/10/2013

DELIBERAZIONE N X / 825 Seduta del 25/10/2013 DELIBERAZIONE N X / 825 Seduta del 25/10/2013 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013.

Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività. di informazione e promozione del PSR 2007/2013. REGIONE AUTONOMA DELLA LA SARDEGNA L Assessore Direttive per l azione amministrativa e la gestione della misura 133 Attività di informazione e promozione del PSR 2007/2013. Dotazione finanziaria Il fabbisogno

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

Finanziamenti on line -

Finanziamenti on line - Finanziamenti on line - Manuale per la compilazione dei moduli di Gestione dei Progetti Finanziati del Sistema GEFO Rev. 02 Manuale GeFO Pagina 1 Indice 1. Introduzione... 4 1.1 Scopo e campo di applicazione...

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico VISTO il Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 convertito con modificazioni dalla Legge 11 novembre 2014, n. 164 recante Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche,

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

DELIBERAZIONE N IX / 3153 Seduta del 20/03/2012

DELIBERAZIONE N IX / 3153 Seduta del 20/03/2012 DELIBERAZIONE N IX / 3153 Seduta del 20/03/2012 Presidente ROBERTO FORMIGONI Assessori regionali ANDREA GIBELLI Vice Presidente VALENTINA APREA DANIELE BELOTTI GIULIO BOSCAGLI LUCIANO BRESCIANI RAFFAELE

Dettagli

COMUNE DI PREGNANA MILANESE Provincia di Milano REGOLAMENTO DEL PREMIO DI LAUREA EUGENIO ZUCCHETTI

COMUNE DI PREGNANA MILANESE Provincia di Milano REGOLAMENTO DEL PREMIO DI LAUREA EUGENIO ZUCCHETTI REGOLAMENTO DEL PREMIO DI LAUREA EUGENIO ZUCCHETTI 1 OGGETTO DEL PREMIO l Amministrazione Comunale di Pregnana Milanese Assessorato alla Cultura istituisce un premio annuale di laurea intitolato alla memoria

Dettagli

SELEZIONI INTERNE PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO DI N.5 POSTI DI OPERATORE TECNICO SPECIALIZZATO-AUTOMEZZI, N.

SELEZIONI INTERNE PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO DI N.5 POSTI DI OPERATORE TECNICO SPECIALIZZATO-AUTOMEZZI, N. Azienda Ospedaliera Nazionale SS. Antonio e Biagio e Cesare Arrigo Alessandria Via Venezia, 16 15121 ALESSANDRIA Tel. 0131 206111 www.ospedale.al.it asoalessandria@pec.ospedale.al.it C. F. P. I. 0 1 6

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n.

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 9^ legislatura Struttura amministrativa competente: Direzione Competitivita Sistemi Agroalimentari Presidente Luca Zaia Vicepresidente Marino Zorzato Assessori Renato Chisso Roberto Ciambetti Luca Coletto

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO Generalmente il piano dettagliato degli obiettivi (art. 108 e 197 del Tuel) coincide con la c.d. parte descrittiva del Peg, cioè quella parte che individua gli obiettivi

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

Anagrafe, Stato Civile, Elettorale. n. 5 monitor n. 3 stampanti laser di rete n. 3 stampanti ad aghi n. 1 calcolatrice n. 3 apparecchi telefonici

Anagrafe, Stato Civile, Elettorale. n. 5 monitor n. 3 stampanti laser di rete n. 3 stampanti ad aghi n. 1 calcolatrice n. 3 apparecchi telefonici Indicazione delle dotazioni strumentali, anche informatiche, che corredano le stazioni di lavoro nell automazione dell ufficio Segreteria SS.DD. - Affari Generali Anagrafe, Stato Civile, Elettorale Segreteria,

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) Protocollo RC n. 28105/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di martedì trenta del mese di dicembre, alle

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

IL DIRIGENTE. Premesso che:

IL DIRIGENTE. Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU49 04/12/2014 Codice DB1614 D.D. 26 novembre 2014, n. 814 D.G.R. n. 20-587 del 18/11/2014. Programmazione 2014-15. Misura 5: sostegno ai Comuni per la realizzazione di "Programmi di

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010

Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19, della Legge 240/2010 Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina i procedimenti di selezione,

Dettagli

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE

29, 19 30 2010, 240 24 2014, 478) INDICE Regolamento per l attribuzione a professori e ricercatori dell incentivo di cui all art. 29, comma 19 della legge 30 dicembre 2010, n. 240 (emanato con decreto rettorale 24 ottobre 2014, n. 478) INDICE

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013

Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Decreto Dirigenziale n. 298 del 24/12/2013 Dipartimento 51 - Dipartimento della Programmazione e dello Sviluppo Economico Direzione Generale 2 - Direzione Generale Sviluppo Economico e le Attività Produttive

Dettagli

LA CONFERENZA UNIFICATA

LA CONFERENZA UNIFICATA Intesa tra il Governo e le Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano e gli Enti locali sulla ripartizione del Fondo nazionale per le politiche giovanili di cui all art. 19, comma 2, del decreto legge

Dettagli

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde

Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Disciplinare per la concessione e l uso del Marchio La Sardegna Compra Verde Articolo 1 Oggetto 1. Il presente disciplinare regolamenta la concessione e l utilizzo del Marchio La Sardegna Compra Verde.

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres.

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. LR 12/2006, articolo 6, commi da 82 a 89. Regolamento concernente i criteri

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti

BANDI 2015 2. 1) Come presentare un progetto sui bandi della Fondazione. 2) La procedura di selezione e valutazione dei progetti BANDI 2015 2 Guida alla presentazione La Fondazione Cariplo è una persona giuridica privata, dotata di piena autonomia gestionale, che, nel quadro delle disposizioni della Legge 23 dicembre 1998, n. 461,

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AREA RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE

IL DIRETTORE DELL AREA RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE SELEZIONE PUBBLICA PER ESAMI, PER LA FORMAZIONE DI UNA GRADUATORIA PER ASSUNZIONI A TEMPO DETERMINATO DI ASSISTENTE AI SERVIZI AMMINISTRATIVI E CONTABILI CAT. C1. IL DIRETTORE DELL AREA RISORSE UMANE,

Dettagli

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento...

Lettera d invito... 3. SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... Bando Ambiente 2015 Sommario Lettera d invito... 3 SEZIONE 1. PREMESSA, OBIETTIVI E AREE DI INTERVENTO... 4 1.1 Premessa... 4 1.2 Obiettivi e Aree di intervento... 4 SEZIONE 2. CRITERI PER LA PARTECIPAZIONE

Dettagli

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI

FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI FESTIVAL TORINO E LE ALPI 2015: BANDO PER PROGETTI CULTURALI NEI TERRITORI ALPINI PREMESSA Nell ambito del Programma Torino e le Alpi, la Compagnia di San Paolo ha promosso dal 12 al 14 settembre 2014,

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

naturale Premesso che: 2007-2013; la Strategia approvata Integrata di misura 3233 a) del PSR sottomisura dell Ambiente) nell Allegato 1.

naturale Premesso che: 2007-2013; la Strategia approvata Integrata di misura 3233 a) del PSR sottomisura dell Ambiente) nell Allegato 1. GAL Consorzio Lunigiana Avviso pubblico per la presentazione di manifestazione d interesse per la Misura 3233 Tutela e riqualificazione del patrimonio rurale r sottomisura a) Tutela e riqualificazione

Dettagli

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA Comune di Lecco Prot. n. 50286 AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI PER LA EVENTUALE COPERTURA RA A TEMPO INDETERMINATO DI UN POSTO DI FUNZIONARIO DA INQUADRARE NEL PROFILO AMMINISTRATIVO, O

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 26 DEL 27.10.2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 26 DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI Art. 1, comma 89, Legge n. 147/2013 DM n. 307/2014 Circolare MIT 22.9.2014, n. 18358 Modena, 07 ottobre 2014 La Finanziaria 2014 ha previsto

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

TESTO COORDINATO DEL REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE REGIONALE E DEGLI ENTI REGIONALI

TESTO COORDINATO DEL REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE REGIONALE E DEGLI ENTI REGIONALI TESTO COORDINATO DEL REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELL AMMINISTRAZIONE REGIONALE E DEGLI ENTI REGIONALI A cura della Direzione Generale Servizio organizzazione, formazione, valutazione e relazioni sindacali

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/169/2015/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott.ssa Simonetta Rosa dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Decreto del Commissario Straordinario

Decreto del Commissario Straordinario Decreto del Commissario Straordinario N. 8 del Reg. Data 30/07/2014 OGGETTO: PROGETTO ESECUTIVO PER INTERVENTI DI PREVENZIONE ANTICENDIO NELLA FORESTA DEMANIALE REGIONALE DEL MONTE CARPEGNA - PSR MARCHE

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

SEZIONE PRIMAVERA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTO AI BAMBINI DAI 24 36 MESI A.S. 2012/13

SEZIONE PRIMAVERA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL OFFERTA FORMATIVA RIVOLTO AI BAMBINI DAI 24 36 MESI A.S. 2012/13 Con l Europa investiamo nel vostro futuro DIREZIONE DIDATTICA STATALE Circolo San Giovanni Bosco C.so Fornari, 68-70056 - MOLFETTA (Ba) Tel 080809 Fax 0808070 Codice Fiscale N 80047079 Distretto n. 6 Molfetta

Dettagli

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE Approvato con deliberazione del Direttore Generale n. 500 del 9.6.2011 INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Albo Pretorio on line Art. 3 Modalità di pubblicazione e accesso Art.

Dettagli

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO Dipartimento Economia e Promozione della Città Settore Attività Produttive e Commercio U.O. Somministrazione, manifestazioni, artigianato e ricettive 40129 Bologna Piazza Liber Paradisus, 10, Torre A -

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Protagonismo culturale dei cittadini. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Protagonismo culturale dei cittadini BENESSERE COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Bando senza scadenza Protagonismo culturale dei cittadini Il problema La partecipazione

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri Presidenza del Consiglio dei Ministri DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTÙ E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE Ufficio per il servizio civile nazionale Bando per la selezione di n.18.793 volontari da impiegare in progetti

Dettagli

MODULO DICHIARAZIONE PER VALUTAZIONE CAPACITA FINANZIARIA EX ART. 6 COMMA2, D.LGS 395/2000.

MODULO DICHIARAZIONE PER VALUTAZIONE CAPACITA FINANZIARIA EX ART. 6 COMMA2, D.LGS 395/2000. MODULO DICHIARAZIONE PER VALUTAZIONE CAPACITA FINANZIARIA EX ART. 6 COMMA2, D.LGS 395/2000. Domanda per l esercizio del servizio passeggeri effettuato mediante NCC-bus nella provincia di Bologna. Alla

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

02/05/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 35. Regione Lazio

02/05/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 35. Regione Lazio Regione Lazio DIREZIONE SVILUPPO ECONOMICO E ATTIVITA PRODUTTIVE Atti dirigenziali di Gestione Determinazione 23 aprile 2014, n. G06045 POR FESR LAZIO 2007-2013 ASSE I - Attività I.1 "Potenziamento e messa

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA Codice ente Protocollo n. 10388 DELIBERAZIONE N. 33 in data: 28.10.2014 Soggetta invio capigruppo Trasmessa al C.R.C. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 6232 LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 Semplificazioni del procedimento amministrativo. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 aprile 2001, n. 11 (Norme sulla valutazione dell impatto ambientale),

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

g"+/\'-t 'i.-1 SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA ee-go~. - 8 APR. 2014

g+/\'-t 'i.-1 SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA ee-go~. - 8 APR. 2014 UNIVERSITÀ DI ROMA Consigl io di Amministrazione - 8 APR. 2014 Nell'anno duemilaquattordici, addì 8 aprile alle ore 15.55, presso il Salone di rappresentanza, si è riunito il Consiglio di Amministrazione,

Dettagli

Consiglio Nazionale del Notariato

Consiglio Nazionale del Notariato Consiglio Nazionale del Notariato REGOLAMENTO DEL FONDO DI GARANZIA DI CUI AGLI ARTT. 21 E 22 DELLA LEGGE 16 FEBBRAIO 1913, N. 89 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI Capo I Istituzione e finalità del Fondo di garanzia

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTU E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE

Presidenza del Consiglio dei Ministri DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTU E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE Presidenza del Consiglio dei Ministri DIPARTIMENTO DELLA GIOVENTU E DEL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE Bando per la selezione di 1.526 volontari da impiegare in progetti di servizio civile nazionale nella Regione

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA)

SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SCHEDA PROGETTO CLIVIA (CONCILIAZIONE LAVORO VITA ARPA) SOGGETTO ATTUATORE REFERENTE AZIONE DENOMINAZIONE ARPA PIEMONTE INDIRIZZO Via Pio VII n. 9 CAP - COMUNE 10125 Torino NOMINATIVO Bona Griselli N TELEFONICO

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PUBBLICO, PER TITOLI ED ESAMI, PER N. 1 POSTO DI OPERATORE TECNICO - CAT B PER I

BANDO DI CONCORSO PUBBLICO, PER TITOLI ED ESAMI, PER N. 1 POSTO DI OPERATORE TECNICO - CAT B PER I AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE SAN PAOLO MILANO - Via A. Di Rudinì, 8 U.O. Amministrazione risorse umane/pd BANDO DI CONCORSO PUBBLICO, PER TITOLI ED ESAMI, PER N. 1 POSTO DI OPERATORE TECNICO - CAT B PER

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d);

VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO lo Statuto di Ateneo, in particolare l art. 10 Diritto allo studio, comma 2 lettera d); VISTO il Regolamento delle attività culturali, sociali e ricreative degli studenti, emanato con decreto rettorale

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS Legge Regionale 28 giugno 2013 n. 15 - Disposizioni transitorie in materia di riordino delle province Legge Regionale 12 marzo 2015 n. 7 - Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana

Deliberazione n.119/2015/par. REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana Deliberazione n.119/2015/par REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione di controllo per la Regione siciliana nella camera di consiglio del 12 febbraio 2015 visto il T.U. delle leggi sulla Corte dei conti,

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Vista la Legge Regionale 24 Marzo 1974 n. 18; Vista la Legge Regionale 4 Febbraio 1997 n. 7; Vista la Legge Regionale 16.1.2001. n. 28 e s.m.i.

Vista la Legge Regionale 24 Marzo 1974 n. 18; Vista la Legge Regionale 4 Febbraio 1997 n. 7; Vista la Legge Regionale 16.1.2001. n. 28 e s.m.i. 28501 di dare atto che il presente provvedimento non comporta alcun mutamento qualitativo e quantitativo di entrata o di spesa né a carico del bilancio regionale né a carico degli enti per i cui debiti

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU

BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU BANDO PER LA COLLABORAZIONE PART-TIME DEGLI STUDENTI AI SERVIZI ERSU Ai sensi delle seguenti disposizioni: Legge 02.12.1991, n. 390 Articolo 13 D.P.C.M. 09/04/2001 Articolo 4 comma 17 D.P.C.M. 05/12/2013

Dettagli

inform@ata news n.02.15

inform@ata news n.02.15 Per contatti o segnalazioni: e-mail: r.fiore@flcgil.it siti internet: www.flc-cgiltorino.it www.flcgil.it inform@ata news n.02.15 la newsletter di informazione sulle problematiche del settore ATA della

Dettagli

Art.1. Oggetto del regolamento

Art.1. Oggetto del regolamento REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE AMMINISTRAZIONI COMUNALI A SOSTEGNO DELLE INIZIATIVE SVOLTE PER L ORGANIZZAZIONE DELLA GI ORNATA DEL VERDE PULITO Art.1 Oggetto del regolamento Il presente

Dettagli

RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Approvato con atto deliberativo n. 105 del 29.3.2011 REGOLAMENTO AZIENDALE per la DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE per il Personale Dipendente dell Area del COMPARTO FINALITA : Il presente

Dettagli

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011 Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2011 Sottoscritto definitivamente in data 5 settembre 2012 Comune di MERCATELLO SUL METAURO

Dettagli