TRATTO DAL VOLUME. GLI ATTI DEL FISCO NEL PROCESSO (di Angelo Martinelli) MAGGIOLI EDITORE RIPRODUZIONE RISERVATA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TRATTO DAL VOLUME. GLI ATTI DEL FISCO NEL PROCESSO (di Angelo Martinelli) MAGGIOLI EDITORE RIPRODUZIONE RISERVATA"

Transcript

1 TRATTO DAL VOLUME GLI ATTI DEL FISCO NEL PROCESSO (di Angelo Martinelli) MAGGIOLI EDITORE RIPRODUZIONE RISERVATA CAPITOLO IX L ACCERTAMENTO FONDATO SUI DATI BANCARI SOMMARIO: 1. Le norme.- 2. Segue: sinossi presuntiva (imposte sui redditi e IVA). 3. Rapporti bancari intestati a persone diverse dal contribuente.- 4. La prova contraria: modelli normativi e pragmatici.- 5. Versamenti=ricavi: lettura costituzionale della presunzione.- 6. Versamenti: la prova per vincere la presunzione reddituale.- 7. Prelevamenti=ricavi: presunzione discutibile.- 8. Disattivazione della presunzione prelevamenti=ricavi.- 9. Segue: pagamenti a mezzo di intermediari finanziari Segue: prelevamenti diretti Contraddittorio ante causam. QUESTIONI E RISOLUZIONI Per arginare l evasione, il legislatore, in questi ultimi venticinque anni, ha gradatamente attenuato, sino a cancellarlo, il segreto bancario nei confronti del Fisco. Oggi, l Amministrazione finanziaria, mediante la banca-dati dei rapporti bancari, è in grado, praticamente in tempo reale, di conoscere tutte le operazioni poste in essere dai contribuenti attraverso gli intermediari del credito. La lotta agli evasori non finisce qui: alle operazioni bancarie, attive (incassi, versamenti) e passive (prelievi), la legge attribuisce, in via presuntiva, un significato reddituale; da queste presunzioni il contribuente si può difendere, ma imbastire la prova contraria richiede attenzione e diligenza. Soprattutto quando il Fisco pretende di considerare ricavi (o compensi) i 1

2 prelevamenti bancari; equazione insidiosa quanto discutibile (Lupi la definisce contro natura ), necessita di una strategia difensiva accorta, imperniata sul corretto inquadramento sintattico delle fattispecie concrete. L occhio invasivo del Fisco sui conti bancari promuove soluzioni alternative: non è un caso che, nonostante la crisi economica, il settore delle casseforti sia in continua espansione. 1. Le norme BIBLIOGRAFIA Ferrajoli 2004 Voglino 2005 Micali 2009 L art. 32, 1 co., n. 2, secondo periodo, del d.p.r , n. 600, dispone che, ai fine delle imposte sui redditi, i dati ed elementi attinenti ai rapporti ed alle operazioni acquisiti e rilevati rispettivamente a norma del numero 7) e dell'articolo 33, secondo e terzo comma, o acquisiti ai sensi dell'articolo 18, comma 3, lettera b), del decreto legislativo 26 ottobre 1995, n. 504, sono posti a base delle rettifiche e degli accertamenti previsti dagli artt. 38, 39, 40 e 41 se il contribuente non dimostra che ne ha tenuto conto per la determinazione del reddito soggetto ad imposta o che non hanno rilevanza allo stesso fine (Art. 32, 1 co., n. 2, d.p.r , n. 600). La stessa norma prevede, ulteriormente, che i prelevamenti sono altresì posti come ricavi o compensi, a base delle stesse rettifiche ed accertamenti, se il contribuente non ne indica il soggetto beneficiario e sempreché non risultino dalle scritture contabili (Art. 32, 1 co., n. 2, d.p.r , n. 600). Per quanto riguarda l IVA, l art. 51 del d.p.r , n. 633, stabilisce con disposizione similare, ma non identica (perché ai fini IVA i prelevamenti non vengono presi in considerazione) che i dati ed elementi attinenti ai rapporti ed operazioni acquisiti e rilevati rispettivamente a norma del numero 7) e dell'articolo 52, ultimo comma, o dell'articolo 63, primo comma, o acquisiti ai sensi dell'articolo 18, comma 3, lettera b), del decreto legislativo 26 ottobre 1995, n. 504, sono posti a base delle rettifiche e degli accertamenti previsti dagli artt. 54 e 55 se il contribuente non dimostra che ne ha tenuto conto nelle dichiarazioni o che non si riferiscono ad operazioni imponibili (Art. 51, 2 co., n. 2, d.p.r , n. 633). In proposito, giova ricordare che dal sono accessibili, pressochè in tempo reale, attraverso l anagrafe dei rapporti bancari, tutti i rapporti sorti a far tempo dall (l Agenzia delle entrate richiede i dati e l intermediario finanziario dovrà rispondere secondo il sistema della posta elettronica certificata). 2

3 2. Segue: sinossi presuntiva (imposte sui redditi e IVA) BIBLIOGRAFIA Ferrajoli 2004 Voglino 2005 In questo quadro normativo abbiamo, in sintesi, che: 1) il meccanismo presuntivo riguarda tanto gli imprenditori che i professionisti; 2) le operazioni attive (versamenti, incassi o scambi di assegni) si presumono ricavi (se il contribuente è un imprenditore) o compensi (se il contribuente è un professionista) tanto ai fini delle imposte sui redditi che dell IVA; 3) le operazioni passive (prelievi, pagamenti) si presumono ricavi o compensi ai soli fini delle imposte sui redditi (nell art. 51 del D.P.R. 633/72, infatti, manca una disposizione analoga a quella contenuta nell art. 32 del D.P.R. 600/73 in tema di imposte sui redditi). 3. Rapporti bancari intestati a persone diverse dal contribuente BOBLIOGRAFIA Ferranti Antico 2008 Acierno Nastasia-Nastasia Paolini 2004 Per evidenti ragioni antievasive, oggetto delle indagini fiscali possono essere non solo i conti correnti (e, in generale, i rapporti bancari) formalmente intestati al contribuente, ma anche tutti i conti, intestati ad altri soggetti, che sono ragionevolmente riferibili, in base ad elementi probatori anche di ordine presuntivo, al contribuente (Cass., 24 novembre 2006, n , non sarebbe infatti accettabile che intestazioni simulate possano paralizzare l accertamento di redditi occultati. Tuttavia, l intestazione formale di un rapporto bancario è una circostanza rilevante: occorre infatti tenere conto che la gestione di un conto corrente altrui è circostanza eccezionale (Cass, 30 marzo 2007, n. 7957, In linea di massima, quindi, le presunzioni stabilite dalla legge fiscale in tema di rapporti finanziari (id est versamenti=ricavi o compensi e prelevamenti=ricavi o compensi) 3

4 trovano applicazione unicamente ai conti intestati o cointestati al contribuente mentre non trova applicazione con riguardo a conti bancari intestati esclusivamente a persone diverse, ancorché legate al contribuente da vincoli familiari o commerciali, salvo che l'ufficio opponga e poi provi in sede giudiziale che l'intestazione a terzi è fittizia o comunque è superata, in relazione alle circostanza del caso concreto, dalla sostanziale imputabilità al contribuente medesimo delle posizioni creditorie e debitorie annotate sui conti (Cass., 16 aprile 2008, n. 9958, In altri termini, occorre muovere dal presupposto che l intestatario di un conto corrente ne sia anche il titolare effettivo (e non un prestanome del contribuente); con la conseguenza che la presunzione versamenti = ricavi non è applicabile alle operazioni rilevate sui conti correnti intestati a persone diverse dal contribuente. Peraltro, la pratica presenta casi in cui la presunzione di identità tra intestatario ed effettivo titolare di un rapporto bancario può possedere una forza inferenziale piuttosto debole; ad esempio, potrebbe non essere illogico ritenere - in riferimento ad una società la cui compagine sociale e la cui amministrazione sono univocamente riferibili ad un ristretto gruppo familiare - che le operazioni riscontrate su conti correnti bancari intestati ai soci e ai loro familiari siano riconducibili alla società contribuente (salva naturalmente la facoltà di provare la diversa origine di tali entrate: Cass., 21 marzo 2007, n. 6743, F, 2007, 6249; Cass., 15 luglio 2008, n , Nel medesimo ordine di idee, nell ambito dell accertamento induttivo e nella verificazione di dati ed elementi rivenuti sulla scorta delle indagini effettuate sui rapporti e conti correnti in trattenuti con istituti di credito, l Amministrazione finanziaria ha facoltà di appurare la materia imponibile sottratta a tassazione anche laddove i predetti conti e rapporti siano intestati a soci, procuratori generali o amministratori qualora ne sia presumibile la fittizia intestazione e la sostanziale riferibilità dei movimenti e relativi proventi all ente società di capitali (Cass., 15 settembre 2008, n , Cass. 14 novembre 2003, n , Anche un rapporto famigliare molto stretto (ad es., con coniuge e figli) può giustificare, salvo prova contraria, la riferibilità al contribuente accertato delle operazioni riscontrate su conti correnti bancari degli indicati soggetti (Cass., 7 settembre 2007, n , naturalmente qui occorre che il rapporto con il coniuge o con i figli sia caratterizzato da stabilità, convivenza, da una certa comunanza di interessi, ecc.. Di per sé solo, infatti, un legame familiare non è idoneo a modificare la presunzione di effettiva titolarità del rapporto bancario in capo a chi ne è formalmente intestatario; per superare questa presunzione fondata sulla considerazione che l intestazione simulata di un rapporto bancario rappresenta comunque una circostanza eccezionale il Fisco deve provare che sia il contribuente ad operare, di fatto, sul conto corrente del contribuente. 4

5 In definitiva, l applicabilità ai rapporti bancari intestati a soggetti diversi dal contribuente delle presunzioni (versamenti = ricavi, ecc.) applicabili ai rapporti personalmente intestati al contribuente stesso soggiace alla dimostrazione (di cui è onerata l Amministrazione finanziaria), anche mediante prova logica (ma grave, precisa e concordante), che l intestazione del conto bancario sia simulata: la disciplina dell accertamento fondato sulle risultanze ed elementi emersi da indagini condotte su rapporti e conti correnti detenuti presso istituti di credito non contempla alcuna presunzione di imputazione di attività fiscalmente rilevante nei confronti del contribuente giusta il rapporto organico o familiare dei titolari dei conti, rapporti o posizioni verificati. Sebbene l ambito della verifica possa naturalmente essere esteso sino a ricomprendere soggetti terzi - legati al contribuente da particolari vincoli (lavorativi o familiari) tali da ingenerare sospetti secondo la comune esperienza e l id quod plerumque accidit - tale circostanza non è di per sé stessa sufficiente a superare il dato formale dovendosi dimostrare - con onere da assolversi a carico dell Amministrazione finanziaria - l intestazione fittizia e l utilizzazione in concreto da parte del contribuente (Cass., 14 novembre 2008, n , F., 2008, 8292). Possono rientrare nell ambito delle prove idonee a fornire la dimostrazione dell intestazione simulata del conto corrente, ad es., l assenza di (apparenti) fonti di reddito in capo al titolare del conto per cui non risulta spiegabile la provenienza delle somme da lui versate sul proprio conto. Può attribuirsi valenza presuntiva anche alla coincidenza temporale e quantitativa tra versamenti o prelevamenti sul conto del terzo e su quello del contribuente. Pure l abnormità delle movimentazioni di denaro rispetto all attività del titolare del conto può essere considerata un indizio utilizzabile, soprattutto se il familiare-titolare del conto sia legato al contribuente da vincoli pregnanti (ricavabili dalla tipologia delle frequentazioni, dalla coabitazione, dallo svolgimento della medesima attività professionale o di impresa, dall intestazione congiunta di beni, ecc.). Se il contribuente sospettato di essere l effettivo titolare di un conto corrente - tuttavia formalmente intestato ad altro soggetto - benché convocato dall ufficio (o dal giudice) per fornire chiarimenti in proposito si presenta, è possibile dedurre dalla di lui assenteistica condotta n indizio significativo della sua effettiva titolarità del conto in questione (Cass., 11 febbraio 2009, n. 3300, 4. La prova contraria: modelli normativi e pragmatici BIBLIOGRAFIA Bucci 2001 Marino 2005 In base alla disciplina normativa (supra, paragrafo 1), il contribuente per vincere la presunzione è ammesso a provare che: 5

6 a) le operazioni attive (versamenti, incassi, ecc): a1) o sono state dichiarate ai fini delle imposte sui redditi e dell IVA; a2) oppure sono irrilevanti per i medesimi fini impositivi b) le operazioni passive (prelievi, pagamenti), ai fini delle sole imposte sui redditi: b1) o sono state registrate in contabilità; b2) oppure sono state effettuate in favore di un determinato beneficiario di cui occorre fornire i dati identificativi. Secondo il diritto vivente, il contribuente è tenuto a fornire una prova contraria circostanziata: nel contesto degli accertamenti operati sulla base dei dati ed elementi rinvenuti nei conti correnti intrattenuti con istituti di credito, l Amministrazione finanziaria può fondare la pretesa tributaria fruendo della presunzione ex lege dettata in proprio favore onerando il contribuente di adeguata e circostanziata dimostrazione della prova contraria la quale non può risolversi in mere generiche attestazioni bensì deve consistere in elementi idonei a sminuire l efficacia probatoria dei fatti posti a base della presunzione (Cass. 5 giugno 2008, n , Cass., 6 aprile 2007, n. 8637, F, 2007, 3007). In questo quadro, ad es., spetta al contribuente la dimostrazione che nell espletamento dell attività di rappresentante di commercio i contratti e le operazioni poste in essere siano eseguiti in funzione del rapporto con il rappresentato e che questi, giusta l art c.c., abbia fornito la provvista necessaria per le anticipazioni di prezzo (Cass., 14 maggio 2008, n , in mancanza di questa prova puntuale, legittimamente i versamenti vengono considerati ricavi. Vale peraltro osservare che al contribuente è consentita in ragione del canone della parità delle parti - un ampia facoltà di prova contraria: in forza del principio della parità delle parti, ben può il contribuente produrre in giudizio dichiarazioni di terzi, relative -nel caso di specie- alla giustificazione di movimentazioni bancarie (Cass., 16 aprile 2008, n. 9958, 5. Versamenti = ricavi: lettura costituzionale della presunzione BIBLIOGRAFIA Cancedda

7 Chiamata a pronunciarsi sulla conformità costituzionale della presunzione versamenti = ricavi (o compensi), il Giudice delle leggi ha optato per una soluzione esegetica equilibrata. Con una sentenza interpretativa di rigetto, la Consulta afferma che, nell ipotesi di accertamento induttivo fondato sulla presunzione in discorso, si deve tenere conto in ossequio al principio di capacità contributiva non solo dei maggiori ricavi ma anche della incidenza percentuale dei costi relativi che vanno, dunque, detratti dall ammontare dei prelievi non giustificati (Corte cost., 8 giugno 2005, n. 225, BT, 2005, 1081). In altri termini, il Giudice delle leggi afferma che l equazione secca versamenti = ricavi non è accettabile; in sua vece la norma deve essere letta nel senso di versamenti bancari = ricavi costi. Questa interpretazione riduce la valenza reddituale della presunzione in discorso: l Agenzia delle entrate non può riprendere tout-court a tassazione come ricavi i prelevamenti bancari non giustificati (cioè non registrati o di cui il contribuente non indica il soggetto beneficiario) ma dovrà scomputare dai ricavi i costi ragionevolmente impiegati per realizzarli. L Agenzia delle entrate nell ordine di idee additato dalla Corte Costituzionale - ha diramato istruzioni operative (Circolare , F, n. 32/E, 2006, 6026) che, in sintesi, predicano: a) in caso di accertamento analitico [lettere a), b) e c) del 1 co., dell art. 39 del d.p.r. n. 600 del 1973) e analitico-induttivo [successiva lettera d)] l ufficio procedente non può riconoscere componenti negative di cui non è stata fornita da parte del contribuente prova certa; b) nel caso, viceversa, di accertamento induttivo (o extracontabile) di cui al 2 co. dell art. art. 39 del d.p.r. 600/1973, l ufficio deve tenere conto, soprattutto in assenza di documentazione certa, di un incidenza percentuale di costi presunti a fronte dei maggiori ricavi accertati; regola che, ovviamente, vale anche se in tutto o in parte i maggiori ricavi siano stati assunti tramite indagini bancarie. In definitiva, quando l Agenzia delle Entrate procede all accertamento di un maggior reddito avvalendosi esclusivamente della presunzione fondata sull equazione versamenti (bancari) = ricavi, deve tenere conto, anche in via forfetaria, dei costi che hanno concorso a determinare il maggior reddito accertato (quando, invece, i dati bancari non concorrono a determinare in via presuntiva il maggior reddito, l ufficio può tenere conto dei soli costi effettivamente documentati). Rimane peraltro ferma la facoltà del contribuente di provare in giudizio i maggiori costi sostenuti, anche se non registrati in contabilità: a seguito dell abrogazione del D.P.R. n. 917 del 1986, art. 75, comma 6, ad opera del D.P.R. n. 695 dei 1996, art. 5, il contribuente gode di un ampliamento della sua facoltà di prova in giudizio, in merito alla dimostrazione dell incidenza di costi aziendali non registrati in contabilità e riferiti a maggiori ricavi accertati nei corso di verifiche tributarie dai competenti uffici; tale abrogazione spiega i suoi effetti anche ai processi in corso per il principio del "favor rei", stante la natura 7

8 sanzionatoria della disposizione abrogata ed in considerazione dell applicabilità dello "ius superveniens" ai giudizi pendenti, mentre la ritenuta esistenza dei costi in questione appartiene all accertamento in fatto non censurabile in quanto tale in sede di legittimità (Cass., 30 gennaio 2009, n. 2548, F, 2009, 1239). 6. Versamenti: la prova per vincere la presunzione di ricavi BIBLIOGRAFIA Carrirolo 2003 Marino 2005 Come si è visto (supra, pgf. 2), il contribuente ha l onere di provare in giudizio che i gli accrediti, i versamenti, gli incassi, gli assegni cambiati allo sportello, ecc., riguardano importi di denaro che: 1) o sono stati dichiarati ai fini delle imposte sui redditi e dell IVA; 2) ovvero sono irrilevanti ai fini di queste imposte. Per quanto concerne la dimostrazione relativa alla circostanza che il contribuente ha tenuto conto (tanto ai fini delle imposte sui redditi che dell IVA) delle somme incassate, occorrerà produrre non solo il documento fiscale relativo a quella specifica operazione, ma anche il registro (o copia di esso, con riserva di esibire l originale in caso di contestazione ex adverso circa la conformità della copia all originale) ove quel documento è stato annotato. La circostanza che l introito bancario sia stato recepito in contabilità può talvolta non essere immediatamente discernibile (ad es., esiste discrasia temporale tra l emissione della fattura e l incasso del relativo corrispettivo). A questo punto se l ufficio contesta questa circostanza al contribuente conviene chiedere al giudice di disporre una consulenza tecnica di ufficio (come prevede ex professo l art. 7, 2 co., del d.lg , n. 546); nulla vieta, peraltro, che sia lo stesso giudice nell ambito di un potere discrezionale sindacabile solo entro i limiti della ragionevolezza - a disporre, sua sponte, la consulenza tecnica (Cass., 1 marzo 2007, n. 4853, Giust. civ. Mass. 2007, 3). /// Se invece l introito finanziario deriva da un negozio irrilevante ai fini reddituali, occorrerà fornirne la dimostrazione: ad es., l incasso deriva dalla stipulazione di un mutuo, dalla cessione o dalla locazione di un bene personale, ovvero che si tratta di reddito assoggettato ad imposta sostitutiva (come la riscossione di cedole di titoli governativi o di bond privati per i soggetti c.d. nettisti). Per quanto riguarda gli atti di liberalità che possono giustificare anche consistenti incrementi patrimoniali (e corrispondenti decrementi in capo al donante) la prova della donazione deve essere necessariamente fornita mediante l atto pubblico (corredato da due testimoni) previsto dalla legge come requisito di validità ad substantiam (art. 782 c.c.); una prova fornita attraverso un documento diverso, come, ad es., una dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà (o una semplice scrittura 8

9 privata) è priva di efficacia e, quindi, non è opponibile al Fisco (Cass., 17 giugno 2008, n , Non richiedono forme particolari le donazioni di modico valore, per cui possono essere provate con ogni mezzo; tuttavia, affinchè queste liberalità abbiano attitudine probatoria cioè possano vincere la presunzione reddituale prevista dalla legge in capo al beneficiario - occorre che il contribuente ne provi la modicità dell importo anche in rapporto alle condizioni economiche del donante (art. 783, co. 2, c.c.). Fallendo questa prova, il contribuente soggiace alla presunzione che attribuisce all oggetto della donazione carattere reddituale tassabile. Più complessa la questione probatoria della donazione indiretta (negotium mixtum cum donatione), per la quale non è previsto il rigore formale della donazione: ad es., l acquisto di un immobile, o di altro bene, per il figlio, pagato col denaro del genitore che non compare nell atto scritto di compravendita; il pagamento di un debito altrui eseguito animo donandi; la rinunzia ad un credito, ecc.. In queste ipotesi, sono utilizzabili con valutazione caso per caso in ordine allo loro persuasività tutti i mezzi probatori, anche di carattere presuntivo, per vincere l equazione incassi = ricavi (le presunzioni sono utilizzabili, ovviamente, solo quando il negozio non richieda la forma scritta ad substantiam). 7. Prelevamenti= ricavi: presunzione discutibile BIBLIOGRAFIA Carrirolo 2003 Marino 2005 Lupi 2005 Se suona del tutto normale addossare a chi introita una certa somma, e non la dichiara fiscalmente, l onere di spiegarne la provenienza (e/o le ragioni dell esenzione), non è altrettanto logico che la spesa di una somma di denaro (derivante da un reddito regolarmente dichiarato) sia ritenuta equivalente ad un ricavo (se il solvens sia un imprenditore) ovvero un compenso (se il solvens sia un professionista). Queste presunzioni osserva un autorevole commentatore - sono un marchingegno assai insidioso, in cui chi presta a un parente una somma staccando un assegno, e poi la riceve in restituzione, corre il rischio di vedersi presumere ricavi per il doppio di questa somma (Lupi, 2005, 15). 9

10 E vero che il contribuente cui viene contestata la spesa può liberarsi dell equazione spesa = ricavo (o compenso) se ha registrato la spesa in contabilità ovvero se fornisce le generalità del beneficiario della somma. Tuttavia, la norma si riferisce anche alle spese personali (degli imprenditori individuali e dei professionisti) che, in ragione della loro natura, non devono essere analiticamente registrate in contabilità; inoltre, siccome la maggior parte dei professionisti e degli imprenditori individuali sono ex lege in contabilità semplificata, è pressoché impossibile assolvere all onere di annotare le spese personali come l acquisto del pane o degli indumenti per i figli. La stessa Amministrazione finanziaria si rende conto della scarsa logicità di questa presunzione e provvede a stemperarala invitando gli uffici periferici alla cautela: si ritiene opportuno che gli uffici procedenti, sotto il profilo operativo, si astengano da una valutazione degli elementi acquisiti non solo dei conti correnti ma di qualsiasi altro rapporto od operazione suscettibili di indagine particolarmente rigida o formale, tale da trascurare le eventuali dimostrazioni, anche di natura presuntiva, che trattasi di spese non aventi rilevanza fiscale sia per la loro esiguità, sia per la loro occasionalità e, comunque, per la loro coerenza con il tenore di vita rapportato al volume di affari dichiarato (Circolare Agenzia delle entrate , n. 32/E, F, 2006, 6026). 8. Disattivazione della presunzione prelevamenti=ricavi BIBLIOGRAFIA Serino 2006 Della Carità 2006 Abbiamo visto che, per quanto riguarda le operazioni passive, la prova della loro irrilevanza ai fini reddituali può essere fornita (anche) attraverso l indicazione del beneficiario delle somme. Qui occorre prestare attenzione: la norma stabilisce l alternatività della prova contraria che deve fornire il contribuente; in altri termini: il contribuente o fornisce la prova della indicazione in contabilità del prelievo (e allora la questione probatoria si chiude) ovvero, in mancanza della registrazione contabile, il contribuente indica le generalità del beneficiario. In altri termini, la presunzione è vinta con la semplice indicazione del beneficiario. In questo quadro, se il contribuente indica tra i percettori di reddito un famigliare, un parente o un amico (o un amica), adempie con successo all onere probatorio che su di lui grava; la norma, infatti, è chiara: per superare la presunzione, nel caso di mancata indicazione nelle scritture contabili, è sufficiente la semplice indicazione del percettore delle somme. Questa indicazione, insomma, è necessaria, ma è anche sufficiente, per vincere la presunzione. 10

11 A questo punto, l onere probatorio si sposta sull ufficio; l ufficio è cioè tenuto a provare che la corresponsione della somma al soggetto indicato come beneficiario dal contribuente integra un operazione non contabilizzata- afferente l esercizio dell attività professionale o di impresa del solvens. Se l ufficio ritiene che la circostanza riferita dal contribuente non sia vera, potrà invitare il percettore e chiedergli conto delle ragioni o del titolo dell erogazione della somma da parte del solvens; potrà chiedergli, anche, di fornire la documentazione della dazione del denaro, le modalità esecutive della dazione stessa, ecc. In definitiva, una volta che il contribuente abbia comunicato le generalità del percettore delle somme da lui erogate, l ufficio è onerato di provare che non corrisponde a verità quanto dichiarato dal contribuente; e se l ufficio non riesce a dimostrare che il contribuente ha detto il falso il giudice dovrà rigettare la pretesa tributaria. Viceversa, il giudice riterrà fondata la pretesa tributaria se, ad es., il contribuente Tizio indica come beneficiario di una certa somma pagata brevi manu, ad es., un parente; e il parente, invitato dall ufficio a confermare la circostanza, la neghi (riferendo di non avere mai ricevuto denaro da Tizio). Nulla poi vieta che sia lo stesso giudice tributario, motu proprio, a far interpellare, attraverso la Guardia di finanza, l additato beneficiario della somma prelevata al fine di accertare la veridicità di quanto affermato dal contribuente (non si tratta infatti di intervento di ausilio probatorio da parte del giudice in favore di una parte ma di semplice verifica di una circostanza già agli atti del processo). Abbiamo visto che se il contribuente indica le generalità del percettore delle somme prelevate, la presunzione prelievi=ricavi (o compensi) non lavora più. A questo punto è onere dell Ufficio provare che la dazione della somma nasconde un operazione (non registrata in contabilità) afferente l esercizio dell attività professionale o di impresa del solvens. La prova in questione può essere offerta dall ufficio anche mediante presunzioni: ad es., se il beneficiario indicato è un fornitore (a maggior ragione se abituale) del professionista o dell imprenditore ovvero è un soggetto che cede beni ovvero presta servizi nello stesso settore di attività del contribuente (beneficiario del pagamento fatto da un avvocato è, per esempio, un medico legale), è normale pensare che il prelievo sottenda un acquisto o una pratica in nero. A questo punto, l onere della prova torna in capo al solvens: spetta cioè al contribuente provare che il pagamento in favore del fornitore o del professionista è estraneo all esercizio della propria attività (ma riguarda affari personali: ad es., il pagamento in favore del fornitore ha per oggetto un bene destinato esclusivamente all uso familiare; il pagamento al medico legale riguarda una consulenza resa in favore dell avvocato per un infortunio da lui stesso subito in un incidente stradale e non per una pratica professionale). 9. Segue: pagamenti a mezzo di intermediari finanziari 11

12 LEGISLAZIONE d.lgs. 21 novembre 2007, n. 231, normativa antiriciclaggio, 49 BIBLIOGRAFIA Brighenti 2008 L art. 49 (nella odierna versione) del d.lgs. 21 novembre 2007, n. 231, prevede la soglia massima di Euro per la libera circolazione, a qualsiasi titolo e tra qualsiasi soggetto, di contanti e di titoli (assegni, libretti di deposito) al portatore; per somme superiori, il trasferimento deve avvenire attraverso gli intermediari finanziari (per gli assegni esiste un limite ulteriore: per ciascun modulo di assegno bancario o postale richiesto in forma libera -cioè senza la clausola di non trasferibilità prestampata dalla banca- la banca stessa è tenuta a segnalare i nominativi di coloro che ne fanno richiesta). Nell ipotesi di assegni muniti di clausola di non trasferibilità, la copia dell assegno, unitamente all indicazione di tutti i dati che valgono a identificare compiutamente il prenditore, è prova certamente idonea a vincere la presunzione prelevamenti=ricavi (o compensi) Medesima conclusione per i bonifici: la copia della contabile bancaria ha piena attitudine a vincere la presunzione in discorso. Anche all assegno privo della clausola di non trasferibilità può riconoscersi la stessa forza probatoria; tuttavia, il contribuente potrebbe essere esposto ad una contestazione del Fisco di questo tipo: la presunzione non è superata perché non esiste certezza sull effettivo beneficiario dato che l assegno potrebbe essere stato emesso in bianco (cioè senza l indicazione del [primo] prenditore che poi lo ha consegnato senza comparire sul titolo ad altri). In effetti, se l assegno viene emesso in bianco cioè senza l indicazione del prenditore - potrebbe essere oggettivamente impossibile per il contribuente dimostrare che il beneficiario effettivo non è il soggetto che risulta avere incassato il titolo. L assegno bancario emesso all ordine del traente (cioè a me medesimo et similia) che può essere girato, e solo per l incasso, dal traente stesso (art. 49, comma 6, del d.lgs. n. 231 del 2007) non possiede valenza probatoria ai fini del superamento della presunzione prelevamenti=ricavi (o compensi); l emissione di questo assegno, infatti, è parificabile ad un prelevamento alla cassa da parte del titolare del conto. Con la conseguenza che il contribuente è tenuto a fornire l indicazione del soggetto destinatario della somma prelevata mediante l assegno in questione (salvo che si tratti di una somma compatibile con le esigenze di vita dell imprenditore o del professionista e delle loro famiglie). 10. Segue: prelevamenti diretti BIBLIOGRAFIA Serino 2006 Della Carità 2006 Acierno-Iorio

13 Abbiamo visto che se il contribuente indica le generalità del percettore delle somme prelevate, la presunzione prelevamenti=ricavi (o compensi) non opera più. A questo punto è onere dell Ufficio provare, anche mediante presunzioni, che, ad es., in ragione della qualità del beneficiario, la dazione della somma sottende un operazione (non registrata in contabilità) afferente l esercizio dell attività professionale o di impresa del solvens. Per i prelevamenti, funzionali al pagamento di somme in favore di terzi, assistiti da documentazione qualificata (assegno non trasferibile, bonifico bancario), l idoneità della prova utile per vincere la presunzione prelievi=ricavi (o compensi) non è seriamente contestabile. Tuttavia, la parte decisamente più rilevante dei prelevamenti del professionista o dell imprenditore individuale (o del socio di società di persone che preleva dal conto corrente della società una certa somma a titolo di acconto utili ) viene destinata al consumo personale o familiare. In altri termini, il denaro prelevato dalla banca serve per le più disparate esigenze della vita quotidiana: dal pagamento delle bollette o delle rate di un mutuo all acquisto di generi alimentari o di indumenti. In questi casi, non è lecito pretendere che il contribuente conservi tutti le prove di acquisto di tutti i beni e di tutti i servizi destinati al consumo personale o famigliare; tra l altro, per taluni beni - come i tabacchi e i giornali - non viene rilasciato alcun documento attestante la spesa sostenuta. Come non è lecito pretendere che il contribuente, quando consegna somme di denaro alla fidanzata, al coniuge, ai figli, ecc. per soddisfare le loro normali esigenze di vita, per spirito di liberalità o altro, si faccia rilasciare una quietanza (anche se nulla vieta al contribuente verificato di produrre ricevute quietanzate dai famigliari). Torna qui utile la condivisibile impostazione dell Agenzia delle Entrate: non sono oggetto della presunzione prelievi=ricavi (o compensi) le spese che sono coerenti con il tenore di vita rapportato al volume di affari dichiarato (Circolare Agenzia delle entrate , n. 32/E, F, 2006, 6026). In questo ordine di idee, ad es., se l imprenditore Mevio dichiara un reddito di euro, è normale pensare che possa destinare la somma di per consumi personali o familiari; sarebbe meno normale, invece, che la stessa somma di euro sia spesa per le stesse finalità da chi ha un reddito della stessa consistenza ( euro). Concorre a determinare la normalità delle spese una nutrita serie di elementi: ad es., il numero dei componenti della famiglia, la loro età, il loro stato di salute; in genere, tutti gli eventi (anche di natura eccezionale, come gravi malattie, decessi, matrimoni, l apertura di un attività del figlio divenuto maggiorenne, ecc.) che caratterizzano le vicende personali e famigliari del contribuente nel periodo di imposta considerato. In definitiva, si deve ritenere che l indicazione delle generalità del familiare (magari corredata da una ricevuta da lui quietanzata quando si tratta di somme importanti) abbia attitudine a vincere la presunzione prelevamenti=ricavi (o compensi). A questo punto sarà onere dell Agenzia delle entrate dimostrare, anche 13

14 per presunzioni, che la corresponsione della somma al familiare indicato come beneficiario dal contribuente rappresenta in realtà un operazione non contabilizzata - afferente l esercizio dell attività professionale o di impresa del solvens. Questa è l unica interpretazione costituzionalmente accettabile: stiamo infatti discutendo di somme di denaro che provengono da una lecita fonte di reddito, che sono già state sottoposte a regolare imposizione e che formano oggetto di una semplice spesa da parte del contribuente (tanto che qualcuno non ha esitato a definire la presunzione in questione contro natura): il che deve indurre ad estrema cautela nel considerare compensi ricchezza già tassata, perché, altrimenti, si determinerebbe un inaccettabile vulnus al principio della capacità contributiva. 11. Contraddittorio ante causam BIBLIOGRAFIA Aiudi 2007 La Corte costituzionale (con motivazione ineccepibile) afferma che la presunzione in tema di accertamenti bancari non viola il diritto di difesa essendo il contribuente tempestivamente informato delle richieste di acquisizione delle copie dei conti e potendo egli esercitare pienamente, già in sede amministrativa, e quindi in sede giurisdizionale, il suo diritto a fornire documenti, dati, notizie e chiarimenti idonei a dimostrare che le risultanze dei conti, non sono in contrasto con le dichiarazioni presentate o che esse non riguardano operazioni imponibili (Corte cost., 6 luglio 2000, n. 260, cui Nel solco tracciato dal giudice delle leggi si inserisce la Cassazione secondo l invito al contribuente a fornire dati, notizie, e chiarimenti in ordine alle operazioni annotate nei conti bancari costituisce una mera facoltà dell ufficio, da esercitarsi in piena discrezionalità, e non un obbligo. Sicché il mancato esercizio di tale facoltà di invito non comporta alcuna illegittimità della rettifica operata in base alle risultanze dei conti correnti bancari (Cass., 3 settembre 2008, n ,, Cass., 16 settembre 2005, n , Cass., 10 marzo 2006, 5365, Cass., 1 agosto 2000, n , Cass., 28 luglio 2000, n. 9946, Nulla però vieta all Agenzia delle Entrate, in seno al procedimento amministrativo di accertamento, di convocare il contribuente per ottenere elementi o spiegazioni circa i versamenti o i prelevamenti bancari. Siccome la legge non prevede (diversamente all accertamento fondato sugli studi di settore: cfr., supra, capitolo VII) un preventivo contraddittorio, l ufficio non è 14

15 tenuto a spiegare, nel provvedimento impositivo basato sugli accertamenti bancari, i motivi in base ai quali non condivide le giustificazioni probatorie fornite dal contribuente in sede precontenziosa. Ne deriva che non è affetto da vizi l avviso di accertamento che non prenda posizione sulle ragioni addotte in sede amministrativa dal contribuente ma si limiti esclusivamente a richiamare i dati bancari. La mancata convocazione del contribuente (per chiarimenti in sede precontenziosa) può peraltro determinare per l Agenzia delle entrate una scomoda posizione processuale avanti al giudice tributario. A ben vedere, infatti, il contribuente, in giudizio, potrebbe opporre una copiosa documentazione atta a vincere la presunzione che su di lui grava; a quel punto, l ufficio avrebbe a disposizione (nell ipotesi in cui il contribuente depositi i documenti venti giorni liberi prima dell udienza di trattazione ex art. 23, 1 co., d.lg , n. 546) un segmento temporale assai breve (dieci giorni: cfr. art. 23, 2 co., d.lg , n. 546) per controllare la fondatezza degli elementi forniti e della documentazione prodotta ex adverso e per replicare adeguatamente (con memoria). Ad es., il poco tempo disponibile difficilmente consentirebbe all ufficio di convocare, per verificare la veridicità dell indicazione fatta dal contribuente, il beneficiario delle somme prelevate dalla banca. Probabilmente, alla resa dei conti, la preventiva convocazione del contribuente giova soprattutto all ufficio. 15

La Manovra Estiva e le Novità in materia di Accertamento

La Manovra Estiva e le Novità in materia di Accertamento ADC ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI SINDACATO NAZIONALE UNITARIO SEZIONE ROMA La Manovra Estiva e le Novità in materia di Accertamento Roma, 22 ottobre 2009 ACCERTAMENTO

Dettagli

OGGETTO: Movimentazioni bancarie non giustificate

OGGETTO: Movimentazioni bancarie non giustificate Informativa per la clientela di studio N. 83 del 13.07.2011 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Movimentazioni bancarie non giustificate Gentile cliente, con la stesura del presente documento informativo

Dettagli

Stop alle indagini finanziarie su movimentazioni bancarie. modeste

Stop alle indagini finanziarie su movimentazioni bancarie. modeste Ai gentili clienti Loro sedi Stop alle indagini finanziarie su movimentazioni bancarie Premessa modeste L accertamento bancario, come noto, è la procedura che permette ai verificatori di reperire dati

Dettagli

Sent. n. 158 del 4 giugno 2007 (ud. del 7 maggio 2007) della Comm. trib. prov. di Bologna, Sez. XII

Sent. n. 158 del 4 giugno 2007 (ud. del 7 maggio 2007) della Comm. trib. prov. di Bologna, Sez. XII Sent. n. 158 del 4 giugno 2007 (ud. del 7 maggio 2007) della Comm. trib. prov. di Bologna, Sez. XII (Movimenti di conto corrente e prova contraria) Con rituale ricorso D.B., esercente la professione di

Dettagli

prof. avv. Paola ROSSI

prof. avv. Paola ROSSI L UTILIZZAZIONE DELLE INDAGINI FINANZIARIE NELL ACCERTAMENTO TRIBUTARIO prof. avv. Paola ROSSI Professore associato Università del Sannio Ricercatore area fiscale IRDCEC Diretta 15 novembre 2010 Diretta

Dettagli

Indagini finanziarie: le dichiarazioni dei contribuenti devono essere probanti

Indagini finanziarie: le dichiarazioni dei contribuenti devono essere probanti Stampa Indagini finanziarie: le dichiarazioni dei contribuenti devono essere probanti admin in Contenzioso e processo tributario In un nostro precedente intervento (1) abbiamo avuto modo di sostenere che

Dettagli

PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE

PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE 1 PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE DPR 131/86 1 Prassi C.M. 11.7.91 n. 37; Circ. Agenzia delle Entrate 22.1.2008 n. 3 Giurisprudenza Cass. 5.2.90 n. 1963

Dettagli

I Pareri della Fondazione Studi

I Pareri della Fondazione Studi ANNO 2014 NUMERO 4 I Pareri della Fondazione Studi n.4 del 13.10.2014 ACCERTAMENTI BANCARI: I PRELIEVI NON SONO MAGGIOR REDDITO La Consulta mette un freno alle presunzioni di maggior reddito sui prelevamenti

Dettagli

Indagini finanziarie: l ambito applicativo

Indagini finanziarie: l ambito applicativo Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 83 14.03.2013 Indagini finanziarie: l ambito applicativo Categoria: Accertamento e riscossione Sottocategoria: Indagini finanziarie In tema di

Dettagli

FINANZIARIE. L ACCERTAMENTO BANCARIO. Padova, 4 aprile 2014. Avv. Prof. Stefano Loconte

FINANZIARIE. L ACCERTAMENTO BANCARIO. Padova, 4 aprile 2014. Avv. Prof. Stefano Loconte INDAGINI BANCARIE E FINANZIARIE. L ACCERTAMENTO BANCARIO. Padova, 4 aprile 2014 Avv. Prof. Stefano Loconte ACCERTAMENTO BANCARIO DELLE IMPOSTE SUI REDDITI PRESUPPOSTI: Art. 32 D.P.R. 600/73 comma 1 I dati,

Dettagli

Problematiche comuni al regime del risparmio amministrato e al regime del risparmio gestito

Problematiche comuni al regime del risparmio amministrato e al regime del risparmio gestito Risoluzione dell'agenzia delle Entrate (RIS) n. 120 /E del 24 luglio 2001 OGGETTO: Problematiche connesse al decesso dell intestatario di rapporti per i quali sono state esercitate le opzioni di cui agli

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Prot.2013/151663 Modalità di attuazione delle disposizioni relative al monitoraggio fiscale contenute nell articolo 4 del decreto legge 28 giugno 1990, n. 167, convertito, con modificazioni, dalla legge

Dettagli

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente RISOLUZIONE N. 192/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello. Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Disciplina fiscale applicabile al contratto di associazione in partecipazione

Dettagli

Indagini finanziarie e vizi dell avviso di accertamento

Indagini finanziarie e vizi dell avviso di accertamento Indagini finanziarie e vizi dell avviso di accertamento Come Come operano le le presunzioni previste dall art. dall art. 32 32 del del dpr dpr 600 600 e dall art. dall art. 51 51 del del dpr dpr 633? 633?

Dettagli

L accertamento sintetico e il redditometro Gli accertamenti sui conti correnti bancari

L accertamento sintetico e il redditometro Gli accertamenti sui conti correnti bancari ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 20 4 AGOSTO 2011 L accertamento sintetico e il redditometro Gli accertamenti sui conti correnti

Dettagli

C era una volta il segreto bancario Oggi abbiamo il Grande Fratello Fisco!

C era una volta il segreto bancario Oggi abbiamo il Grande Fratello Fisco! DE PROFUNDIS C era una volta il segreto bancario Oggi abbiamo il Grande Fratello Fisco! C era una volta il segreto bancario Periodo 1974-1982 Art. 34 del D.P.R. 600/73 Ufficio imposte dirette poteva chiedere

Dettagli

Indagini bancarie aperte a tutti.

Indagini bancarie aperte a tutti. Indagini bancarie aperte a tutti. Ok all uso della presunzione in generale sull attività di accertamento che, pertanto, valgono per la rettifica dei redditi di qualsiasi contribuente autonomo pensionato

Dettagli

Circolare 11/E del 21/05/2014

Circolare 11/E del 21/05/2014 Fiscal Flash La notizia in breve N. 95 22.05.2014 Imposte sui redditi: i chiarimenti delle Entrate Circolare 11/E del 21/05/2014 Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: Unico L Agenzia delle Entrate fornisce

Dettagli

CIRCOLARE N. 34/E. OGGETTO: Riconoscimento delle eccedenze di imposta a credito maturate in annualità per le quali le dichiarazioni risultano omesse

CIRCOLARE N. 34/E. OGGETTO: Riconoscimento delle eccedenze di imposta a credito maturate in annualità per le quali le dichiarazioni risultano omesse CIRCOLARE N. 34/E Direzione Centrale Affari legali e Contenzioso Settore Strategie Difensive Ufficio contenzioso imprese e lavoratori autonomi Direzione centrale Accertamento Settore Grandi contribuenti

Dettagli

INDICE CAPITOLO I IL PROCEDIMENTO TRIBUTARIO E L EVOLUZIONE DEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE ALLA LUCE DELLO STATUTO DEI DIRITTI DEL CONTRIBUENTE

INDICE CAPITOLO I IL PROCEDIMENTO TRIBUTARIO E L EVOLUZIONE DEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE ALLA LUCE DELLO STATUTO DEI DIRITTI DEL CONTRIBUENTE INDICE Prefazione Prefazione alla seconda edizione Prefazione alla prima edizione Presentazione alla prima edizione CAPITOLO I IL PROCEDIMENTO TRIBUTARIO E L EVOLUZIONE DEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE

Dettagli

1 - ULTIME NOVITÀ FISCALI

1 - ULTIME NOVITÀ FISCALI 3 C:\Users\Administrator\Desk... CIRCOLARE n. 11/2010 Spett.li Clienti Loro SEDI Pesaro, 07 settembre 2010 1. Ultime novità fiscali; 2. Ripristinato il limite di Euro 5.000 per i trasferimenti in contante

Dettagli

OGGETTO: IL RILANCIO DEL REDDITOMETRO: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

OGGETTO: IL RILANCIO DEL REDDITOMETRO: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE OGGETTO: IL RILANCIO DEL REDDITOMETRO: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Nell ambito del sistema di accertamento nei confronti delle persone fisiche, trovano nuova linfa le disposizioni che definiscono

Dettagli

La Manovra 2010 modifica il decreto antiriciclaggio

La Manovra 2010 modifica il decreto antiriciclaggio La modifica il decreto antiriciclaggio di Nicola Forte (*) LA NOVITA` La ha diminuito nuovamente a 5.000 euro la soglia massima per le transazioni in contanti, per l emissione di assegni liberi e per il

Dettagli

Informativa n. 3/2014

Informativa n. 3/2014 Informativa n. 3/2014 Sommario Premessa 2 Sospesa la ritenuta del 20% sui redditi esteri 2 Studi di settore ridotti se la professione è part-time 2 Al via il nuovo reclamo 3 San Marino esce dalla Black

Dettagli

Finanziaria 2005: la valenza presuntiva dei prelevamenti ingiustificati dai conti. correnti nell accertamento del reddito dei lavoratori autonomi

Finanziaria 2005: la valenza presuntiva dei prelevamenti ingiustificati dai conti. correnti nell accertamento del reddito dei lavoratori autonomi Finanziaria 2005: la valenza presuntiva dei prelevamenti ingiustificati dai conti correnti nell accertamento del reddito dei lavoratori autonomi di Giuseppe Marino, avvocato tributarista in Roma 1. Premessa.

Dettagli

SCELTA DEL REGIME FISCALE

SCELTA DEL REGIME FISCALE SCELTA DEL REGIME FISCALE a cura di Tommaso Valleri Disclaimer La presente guida ha un valore puramente indicativo. Non sostituisce in alcun modo la consulenza di un commercialista o di analogo professionista.

Dettagli

RISOLUZIONE N.15/E QUESITO

RISOLUZIONE N.15/E QUESITO RISOLUZIONE N.15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 18 febbraio 2011 OGGETTO: Consulenza giuridica - polizze estere offerte in regime di libera prestazione dei servizi in Italia. Obblighi di monitoraggio

Dettagli

RISOLUZIONE N. 19/E. Direzione Centrale Normativa Roma, 25 marzo 2013

RISOLUZIONE N. 19/E. Direzione Centrale Normativa Roma, 25 marzo 2013 RISOLUZIONE N. 19/E Direzione Centrale Normativa Roma, 25 marzo 2013 OGGETTO: Interpello ai sensi dell art. 11 della legge n. 212 del 2000 - Chiarimenti in merito alla prova dell avvenuta cessione intracomunitaria

Dettagli

Modulo RW Aspetti generali

Modulo RW Aspetti generali Modulo RW Aspetti generali Sono tenuti agli obblighi di monitoraggio: - le persone fisiche; - gli enti non commerciali; - le società semplici e soggetti equiparati; residenti in Italia. In tale ambito

Dettagli

FISCALITÀ DEL TRUST. Torino, 07.12.2012 Gruppo di lavoro Trust Dott. Massimo BOIDI Dott. Alessandro TERZUOLO

FISCALITÀ DEL TRUST. Torino, 07.12.2012 Gruppo di lavoro Trust Dott. Massimo BOIDI Dott. Alessandro TERZUOLO FISCALITÀ DEL TRUST Torino, 07.12.2012 Gruppo di lavoro Trust Dott. Massimo BOIDI Dott. Alessandro TERZUOLO FISCALITÀ DIRETTA DEL TRUST Dott. Massimo BOIDI ASPETTI GENERALI La Finanziaria 2007 ha riconosciuto

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA COMMISSIONE TRIBUTARIA PROVINCIALE DI MACERATA SECONDA SEZIONE SENTENZA FATTO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA COMMISSIONE TRIBUTARIA PROVINCIALE DI MACERATA SECONDA SEZIONE SENTENZA FATTO riunita con l intervento dei Signori: - CIOTTI ARMANDO Presidente - POLCI LEIDE Relatore - LANDI ALBERTO Giudice ha emesso la seguente (OMISSIS.) REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA COMMISSIONE

Dettagli

RISOLUZIONE N. 248/E

RISOLUZIONE N. 248/E RISOLUZIONE N. 248/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 17 giugno 2008 OGGETTO: Interpello -ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Prova del valore normale nei trasferimenti immobiliari soggetti

Dettagli

Contro l'accertamento sintetico: prova contraria a cura del contribuente Ipsoa.it

Contro l'accertamento sintetico: prova contraria a cura del contribuente Ipsoa.it Contro l'accertamento sintetico: prova contraria a cura del contribuente Ipsoa.it di Roberto Fanelli In presenza della determinazione sintetica del reddito, il contribuente può dimostrare, oltre al diverso

Dettagli

Circolare n. 4/2013 del 16 luglio 2013. L entrata della Croazia nell Unione Europea e la prova delle cessioni intracomunitarie

Circolare n. 4/2013 del 16 luglio 2013. L entrata della Croazia nell Unione Europea e la prova delle cessioni intracomunitarie Circolare n. 4/2013 del 16 luglio 2013 L entrata della Croazia nell Unione Europea e la prova delle cessioni intracomunitarie Con la presente circolare informativa si intende trattare l ingresso della

Dettagli

RISOLUZIONE N. 255/E. Roma, 2 ottobre 2009. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

RISOLUZIONE N. 255/E. Roma, 2 ottobre 2009. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso RISOLUZIONE N. 255/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 2 ottobre 2009 OGGETTO: Interpello art. 11, legge 27 luglio 2000 n. 212 cessione dello sfruttamento economico del diritto d immagine

Dettagli

L indagine finanziaria può essere attivata su richiesta:

L indagine finanziaria può essere attivata su richiesta: Milano, 13 ottobre 2011 CIRCOLARE CLIENTI N. 14/2011 LA DISCIPLINA DELLE INDAGINI FINANZIARIE MODIFICATA DAL D. L. N. 98/2011 E DALLA L. N. 148/2011 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 138/2011 - C.D. MANOVRA DI

Dettagli

Servizio INFORMATIVA 730

Servizio INFORMATIVA 730 SEAC S.p.A. - 38100 TRENTO - Via Solteri, 74 Internet: www.seac.it - E-mail: info@seac.it Tel. 0461/805111 - Fax 0461/805161 Servizio INFORMATIVA 730 9 GIUGNO 2009 Informativa n. 41 Scomputo delle ritenute

Dettagli

F.A.Q. NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO

F.A.Q. NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO F.A.Q. NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO Limitazioni nell uso del Contante, Assegni e Titoli al Portatore Disposizioni antiriciclaggio previste dall art. 49 del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, come

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Il Fulcro del Problema: il Prelevamento

Il Fulcro del Problema: il Prelevamento CIRCOLARE SETTIMANALE N. 2 DICEMBRE 2013 ACCERTAMENTI BANCARI E COSTI OCCULTI ACCERTAMENTI BANCARI E COSTI OCCULTI: QUANDO SONO RICONOSCIUTI La tematica del riconoscimento dei costi occulti in sede di

Dettagli

APPLICABILITA DELLE DISPOSIZIONI ANTIRICICLAGGIO ALLE SOCIETA PER LA CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI

APPLICABILITA DELLE DISPOSIZIONI ANTIRICICLAGGIO ALLE SOCIETA PER LA CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI APPLICABILITA DELLE DISPOSIZIONI ANTIRICICLAGGIO ALLE SOCIETA PER LA CARTOLARIZZAZIONE DEI CREDITI 1. Premessa La disciplina antiriciclaggio contenuta, in particolare, nel Decreto Legge 3 maggio 1991,

Dettagli

Capitolo 4 Parte I Contabilità e Bilancio

Capitolo 4 Parte I Contabilità e Bilancio Capitolo 4 Parte I Contabilità e Bilancio 4. 1. Attività istituzionale Definizione. L Attività istituzionale è lo scopo per il quale l associazione si è costituita, uno scopo che non può essere di natura

Dettagli

A cura dello Studio Battaini, Corso Sempione 15, Gallarate e-mail : infocsp@tin.it. Sommario

A cura dello Studio Battaini, Corso Sempione 15, Gallarate e-mail : infocsp@tin.it. Sommario A cura dello Studio Battaini, Corso Sempione 15, Gallarate e-mail : infocsp@tin.it Sommario 1 - Dietro-Front della Cassazione sulla doppia contribuzione per i soci amministratori di srl "commerciali" 2

Dettagli

Circolare N. 10/2007 LE LIMITAZIONI ALL USO DEI CONTANTI - DISPOSIZIONI IN VIGORE PER I LIBERI PROFESSIONISTI

Circolare N. 10/2007 LE LIMITAZIONI ALL USO DEI CONTANTI - DISPOSIZIONI IN VIGORE PER I LIBERI PROFESSIONISTI Via G. Bovini, 41-48100 Ravenna (RA) Tel. 0544-501881 Fax 0544-461503 www.consulentiassociati.ra.it Altra sede: Dott. Franco Foschini 48012 Bagnacavallo (RA) Dott. Paolo Mazza Via Brandolini, 11 Dott.

Dettagli

L IMPATTO SUI REGOLAMENTI DI ACCESSO AI SERVIZI IN AMBITO SOCIALE E LE RICADUTE ORGANIZZATIVE

L IMPATTO SUI REGOLAMENTI DI ACCESSO AI SERVIZI IN AMBITO SOCIALE E LE RICADUTE ORGANIZZATIVE L APPLICAZIONE DEL NUOVO ISEE I risultati della prima fase del programma di accompagnamento L IMPATTO SUI REGOLAMENTI DI ACCESSO AI SERVIZI IN AMBITO SOCIALE E LE RICADUTE ORGANIZZATIVE Firenze, 14 aprile

Dettagli

RISOLUZIONE N. 113 /E

RISOLUZIONE N. 113 /E RISOLUZIONE N. 113 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 29 novembre 2011 OGGETTO: Interpello - articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Trattamento tributario dell attività di mediazione svolta ai sensi

Dettagli

In tale ambito soggettivo sono ricomprese le persone fisiche titolari di: - reddito d impresa; o: - di lavoro autonomo.

In tale ambito soggettivo sono ricomprese le persone fisiche titolari di: - reddito d impresa; o: - di lavoro autonomo. Modulo RW Sono tenuti agli obblighi di monitoraggio: - le persone fisiche; - gli enti non commerciali; - le società semplici e soggetti equiparati; residenti in Italia. In tale ambito soggettivo sono ricomprese

Dettagli

Comune di Castelfiorentino

Comune di Castelfiorentino REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 91 del 21.12.2001) ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1 - Il presente

Dettagli

LA SCHEDA FISCALE di Roberto Gabrielli

LA SCHEDA FISCALE di Roberto Gabrielli LA SCHEDA FISCALE di Roberto IVA PER CASSA (Aggiornata al 13.04.2009) Riferimenti normativi Con l emanazione del Decreto Ministeriale di attuazione dell art. 7 del D.L. n. 185/2008 (c.d. Decreto Anticrisi)

Dettagli

CESSIONE DI QUOTE AL VALORE NOMINALE. di GIUSEPPE REBECCA

CESSIONE DI QUOTE AL VALORE NOMINALE. di GIUSEPPE REBECCA CESSIONE DI QUOTE AL VALORE NOMINALE di GIUSEPPE REBECCA Sommario: 1. Premessa 2. Il corrispettivo 3. Persona fisica cedente 4. Il presupposto impositivo 5. Cosa può fare l Agenzia? 6. La norma antielusione

Dettagli

LE NOVITÀ DEL PERIODO (FISCO, BILANCIO E SOCIETÀ) DAL 13 AL 19 GIUGNO 2009. Sintesi della legislazione, della prassi e della giurisprudenza

LE NOVITÀ DEL PERIODO (FISCO, BILANCIO E SOCIETÀ) DAL 13 AL 19 GIUGNO 2009. Sintesi della legislazione, della prassi e della giurisprudenza LE NOVITÀ DEL PERIODO (FISCO, BILANCIO E SOCIETÀ) DAL 13 AL 19 GIUGNO 2009 Sintesi della legislazione, della prassi e della giurisprudenza LEGISLAZIONE Tassi di interesse v/erario E stato pubblicato sulla

Dettagli

CIRCOLARE n. 3 del 20/1/2013. LA PROVA AI FINI IVA DELLE CESSSIONI INTRACOMUNITARIE I recenti chiarimenti Ufficiali

CIRCOLARE n. 3 del 20/1/2013. LA PROVA AI FINI IVA DELLE CESSSIONI INTRACOMUNITARIE I recenti chiarimenti Ufficiali CIRCOLARE n. 3 del 20/1/2013 LA PROVA AI FINI IVA DELLE CESSSIONI INTRACOMUNITARIE I recenti chiarimenti Ufficiali INDICE 1. LA PROVA DELLA CESSIONE INTRACOMUNITARIA SULLA EFFETTIVA MOVIMENTAZIONE DI BENI

Dettagli

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 32/E QUESITO RISOLUZIONE N. 32/E Roma, 11 marzo 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti in ordine al trattamento fiscale delle operazioni di factoring e di recupero crediti QUESITO È pervenuta a questa

Dettagli

CIRCOLARE N. 42/E. Roma, 24 settembre 2009. OGGETTO: Archivio dei rapporti finanziari. Direzione Centrale Accertamento

CIRCOLARE N. 42/E. Roma, 24 settembre 2009. OGGETTO: Archivio dei rapporti finanziari. Direzione Centrale Accertamento CIRCOLARE N. 42/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 24 settembre 2009 OGGETTO: Archivio dei rapporti finanziari. 2 Indice 1. Premessa 2. Rapporti continuativi 3. Operazioni extra-conto 4. Informazioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4

CIRCOLARE N. 11 /E INDICE. Premessa...2. 1. Redditi dell anno 2012...3. 2. Determinazione dell imposta sostitutiva...4 CIRCOLARE N. 11 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Imposta sostitutiva sulla retribuzione di produttività - Art. 1, comma 481, della legge n. 228/2012 (legge di stabilità 2013)

Dettagli

Novità più rilevanti (1) parità di trattamento tra fattura cartacea e fattura elettronica libera scelta sull autenticità dell origine, l integrità del contenuto e la leggibilità della fatture (facilita

Dettagli

LA GESTIONE AMMINISTRATIVA DELLO STUDIO ODONTOIATRICO DOPO LA LEGGE 248/06

LA GESTIONE AMMINISTRATIVA DELLO STUDIO ODONTOIATRICO DOPO LA LEGGE 248/06 LA GESTIONE AMMINISTRATIVA DELLO STUDIO ODONTOIATRICO DOPO LA LEGGE 248/06 Via Sicilia, 43 00187 Roma Tel. 06/420.11.536 sindacale@andinazionale.it PREMESSA La Legge 248 del 2006, di conversione del Decreto

Dettagli

RISOLUZIONE N. 94/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 94/E QUESITO RISOLUZIONE N. 94/E Direzione Centrale Normativa Roma, 13 dicembre 2013 OGGETTO: Cessione all esportazione - operazione, fin dalla sua origine, concepita in vista del definitivo trasferimento della proprietà

Dettagli

RISOLUZIONE N. 61/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 61/E QUESITO RISOLUZIONE N. 61/E Roma, 31 maggio 2011 OGGETTO: Interpello - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Applicazione dell imposta sostitutiva ai sensi dell articolo 6 del decreto legislativo 21 novembre

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA NORMA DI COMPORTAMENTO N. 169 Trattamento dei compensi reversibili degli

Dettagli

RISOLUZIONE N. 263/E. Roma, 26 ottobre 2009

RISOLUZIONE N. 263/E. Roma, 26 ottobre 2009 RISOLUZIONE N. 263/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 26 ottobre 2009 OGGETTO: Interpello articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Soggetto passivo d imposta nel concordato fallimentare

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE (I.S.E.E.)

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE (I.S.E.E.) Comune di Longare REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE (I.S.E.E.) Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 4 del 09.02.2007 IL SEGRETARIO COMUNALE Sardone

Dettagli

Intermediari finanziari

Intermediari finanziari il LEGALE Intermediari finanziari È diventato praticamente obbligatorio per tutte le imprese, siano esse piccole, medie o grandi, dovere intrattenere rapporti con Istituti bancari. Vediamo il perché dell

Dettagli

ALCUNE NOTE AI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SULLA TASSAZIONE DEL CONTRATTO DI GODIMENTO IN FUNZIONE DELLA SUCCESSIVA ALIENAZIONE DI IMMOBILI

ALCUNE NOTE AI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SULLA TASSAZIONE DEL CONTRATTO DI GODIMENTO IN FUNZIONE DELLA SUCCESSIVA ALIENAZIONE DI IMMOBILI Segnalazioni Novità Prassi Interpretative ALCUNE NOTE AI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SULLA TASSAZIONE DEL CONTRATTO DI GODIMENTO IN FUNZIONE DELLA SUCCESSIVA ALIENAZIONE DI IMMOBILI La circolare

Dettagli

CIRCOLARE N. 52/E. Roma,30 luglio 2008

CIRCOLARE N. 52/E. Roma,30 luglio 2008 CIRCOLARE N. 52/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,30 luglio 2008 Oggetto: Adempimenti necessari per l immatricolazione di veicoli di provenienza comunitaria articolo 1, comma 9, del decreto

Dettagli

Regime Iva per cassa: opportunità a criticità operative

Regime Iva per cassa: opportunità a criticità operative ART. 32-BIS 1. per le cessioni di beni e per le prestazioni di servizi effettuate da soggetti passivi con volume d'affari non superiore a 2 milioni di euro, nei confronti di cessionari o di committenti

Dettagli

Roma, 23 gennaio 2009

Roma, 23 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 15/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 23 gennaio 2009 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 Imposta di bollo sulle comunicazioni riguardanti

Dettagli

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013 CIRCOLARE N. 34/E Direzione Centrale Normativa Roma, 21 novembre 2013 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi erogati da amministrazioni pubbliche - Criteri generali per la definizione

Dettagli

CIRCOLARE N. 41/E. Roma, 31 ottobre 2012

CIRCOLARE N. 41/E. Roma, 31 ottobre 2012 CIRCOLARE N. 41/E Direzione Centrale Normativa Roma, 31 ottobre 2012 OGGETTO: Assicurazioni estere operanti in Italia in regime di libera prestazione di servizi. Articolo 68 del decreto legge 22 giugno

Dettagli

SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA CAMPANIA. nell'adunanza del 26 settembre 2007

SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA CAMPANIA. nell'adunanza del 26 settembre 2007 SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA CAMPANIA Del/Par n. 12 /2007 nell'adunanza del 26 settembre 2007 Composta dai seguenti magistrati: Pres. di Sezione Mario G. C. Sancetta Presidente Consigliere Francesco

Dettagli

RISOLUZIONE N. 99/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma, 8 maggio 2003

RISOLUZIONE N. 99/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma, 8 maggio 2003 RISOLUZIONE N. 99/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 8 maggio 2003 Oggetto: Imposta sostitutiva sui proventi dei titoli obbligazionari di cui al decreto legislativo 1 aprile 1996, n. 239.

Dettagli

SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE

SOLUZIONE INTERPRETATIVA PROSPETTATA DAL CONTRIBUENTE RISOLUZIONE N. 58/E Roma, 27 febbraio 2002 OGGETTO: Interpello n.954-130/2001. Articolo 11 della legge 27 luglio 2000, n.212. Contratto di tesoreria accentrata Cash pooling. Applicabilità del regime di

Dettagli

S T U D I O F R O N T I N I P. Z Z A V E N Z A G H I N. 2-21052- B U S T O A R S I Z I O (VA) T E L. 0331.630259 - F A X 0331.679467/0331.

S T U D I O F R O N T I N I P. Z Z A V E N Z A G H I N. 2-21052- B U S T O A R S I Z I O (VA) T E L. 0331.630259 - F A X 0331.679467/0331. P. Z Z A V E N Z A G H I N. 2-21052- B U S T O A R S I Z I O (VA) T E L. 0331.630259 - F A X 0331.679467/0331.638299 DR. GAUDENZIO FRONTINI DR. MASSIMILIANO FRONTINI RAG. ANNA AMBA FERIOLI DR. CARLO BIANCHI

Dettagli

7 Informazioni riguardanti gli strumenti finanziari oggetto dell Offerta Globale

7 Informazioni riguardanti gli strumenti finanziari oggetto dell Offerta Globale 7 Informazioni riguardanti gli strumenti finanziari oggetto dell Offerta Globale 7.1 Descrizione delle Azioni I titoli oggetto dell Offerta Globale sono n. 1.750.000 azioni ordinarie ASM, da nominali Euro

Dettagli

Detrazione Irpef spese ristrutturazione Casi risolti

Detrazione Irpef spese ristrutturazione Casi risolti Detrazione Irpef spese ristrutturazione Casi risolti Saverio Cinieri Dottore Commercialista Revisore Contabile Giornalista pubblicista Agg. 23/06/2015 1 Soggetti Circolare 10 giugno 2004, n. 24/E Nel caso

Dettagli

Febbraio 2013. Indagini finanziarie e accertamento tributario: dal segreto bancario alla trasparenza finanziaria

Febbraio 2013. Indagini finanziarie e accertamento tributario: dal segreto bancario alla trasparenza finanziaria Febbraio 2013 Indagini finanziarie e accertamento tributario: dal segreto bancario alla trasparenza finanziaria Avv. Prof. Stefano Loconte e Avv. Antonio Caramia, Studio Legale e Tributario Loconte & Partners

Dettagli

IL VALORE FISCALE DEGLI IMMOBILI

IL VALORE FISCALE DEGLI IMMOBILI Vicenza Palazzo delle Opere Sociali 18 novembre 2008 IL VALORE FISCALE DEGLI IMMOBILI Il valore normale dei fabbricati: la presunzione del Fisco Il quadro normativo e il riferimento ai valori OMI Emanuele

Dettagli

ASPETTI PARTICOLARI: LE LIMITAZIONI ALL USO DEI CONTANTI E DEI TITOLI AL PORTATORE

ASPETTI PARTICOLARI: LE LIMITAZIONI ALL USO DEI CONTANTI E DEI TITOLI AL PORTATORE ASPETTI PARTICOLARI: LE LIMITAZIONI ALL USO DEI CONTANTI E DEI TITOLI AL PORTATORE L art. 49 del DLGS n. 231/07 vieta il trasferimento di denaro contante, libretti e/o titoli al portatore fra soggetti

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE REGOLAMENTO COMUNALE PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE Art. 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento è diretto ad individuare le

Dettagli

REGOLAMENTO N. 38 DEL 3 GIUGNO 2011. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

REGOLAMENTO N. 38 DEL 3 GIUGNO 2011. L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 38 DEL 3 GIUGNO 2011 REGOLAMENTO CONCERNENTE LA COSTITUZIONE E L AMMINISTRAZIONE DELLE GESTIONI SEPARATE DELLE IMPRESE CHE ESERCITANO L ASSICURAZIONE SULLA VITA, AI SENSI DELL ARTICOLO 191,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 70/E. Roma, 29 febbraio 2008

RISOLUZIONE N. 70/E. Roma, 29 febbraio 2008 RISOLUZIONE N. 70/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 febbraio 2008 Oggetto: Istanza di interpello - ALFA S.p.a. - Cessione di crediti pro soluto - Deducibilità delle perdite - Articolo

Dettagli

L utilizzo dei dati finanziari nell ambito dell accertamento sintetico

L utilizzo dei dati finanziari nell ambito dell accertamento sintetico L utilizzo dei dati finanziari nell ambito dell accertamento sintetico Sommario: Premessa - 1. Valenza probatoria degli elementi acquisiti con le indagini finanziarie ai fini dell accertamento sintetico

Dettagli

6 CAMPO DI APPLICAZIONE DELL IVA INFORMAZIONI FISCALI IL TRATTAMENTO DELLE ONLUS Per quanto riguarda le agevolazioni fiscali che si possono adottare per l associazione A.I.D.O. (Associazione Italiana Donatori

Dettagli

Assegni al coniuge separato: adempimenti del datore di lavoro Roberto Vinciarelli - Consulente del lavoro

Assegni al coniuge separato: adempimenti del datore di lavoro Roberto Vinciarelli - Consulente del lavoro Assegni al coniuge separato: adempimenti del datore di lavoro Roberto Vinciarelli - Consulente del lavoro Misura Addebito della separazione Inadempimento dell obbligato e potere di assegnazione Soggetti

Dettagli

Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo

Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo 476 Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo di Claudia Mariani Traccia La società Alfa s.r.l., in data 10 novembre 2014, ha ceduto alla Gamma s.r.l. il

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli CONCORDATO FISCALE PREVENTIVO PER IL 2003 E 2004 (Art. 33 del D.L. 30 settembre 2003, n. 269,nel testo comprendente le modificazioni apportate dal Senato) Scheda di lettura n. 5/2003

Dettagli

Anche quest anno questo Studio predisporrà mensilmente la rubrica Normative Aziende.

Anche quest anno questo Studio predisporrà mensilmente la rubrica Normative Aziende. DI MASTROMATTEI LUIGI C.F. MSTLGU48M08F631R - P. 041834209699 REA 1731503 E-MAIL: GECOSRL@GECO.191.IT SITO WEB: WWW.STUDIOGECO.BIZ ELABORAZIONE DATI CONTABILI SEDE: VIALE MATTEOTTI, 8 20095 CUSANO MILANINO

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

Il momento del pagamento effettuato con mezzi diversi dal contante nel regime IVA di cash accounting.

Il momento del pagamento effettuato con mezzi diversi dal contante nel regime IVA di cash accounting. Il momento del pagamento effettuato con mezzi diversi dal contante nel regime IVA di cash accounting. Data l importanza del momento dell incasso/pagamento per determinare l esigibilità/detraibilità dell

Dettagli

PROCEDURE PER LA PORTABILITÀ DELL IPOTECA PER LA RINEGOZIAZIONE DEI CONTRATTI DI MUTUO

PROCEDURE PER LA PORTABILITÀ DELL IPOTECA PER LA RINEGOZIAZIONE DEI CONTRATTI DI MUTUO PROCEDURE PER LA PORTABILITÀ DELL IPOTECA E PER LA RINEGOZIAZIONE DEI CONTRATTI DI MUTUO L Associazione Bancaria Italiana ed il Consiglio Nazionale del Notariato visto l art. 8 del Dl n. 7/2007, convertito

Dettagli

La residenza delle persone fisiche nei rapporti Italia Svizzera Castellanza, 25 novembre 2008

La residenza delle persone fisiche nei rapporti Italia Svizzera Castellanza, 25 novembre 2008 La residenza delle persone fisiche nei rapporti Italia Svizzera Castellanza, 25 novembre 2008 La residenza delle persone fisiche nella legislazione tributaria italiana Marco Cerrato I criteri di collegamento

Dettagli

QUADRO RW Un cenno sulle novità del 2014, una riflessione su ritardata presentazione, ravvedimento e sanzioni.

QUADRO RW Un cenno sulle novità del 2014, una riflessione su ritardata presentazione, ravvedimento e sanzioni. QUADRO RW Un cenno sulle novità del 2014, una riflessione su ritardata presentazione, ravvedimento e sanzioni. L art. 9 della L. 6.8.2013 n. 97 prevede: l eliminazione della sezione I (trasferimenti attuati

Dettagli

Imposta di bollo su titoli di credito rilasciati senza la clausola di non trasferibilità

Imposta di bollo su titoli di credito rilasciati senza la clausola di non trasferibilità IMPOSIZIONE INDIRETTA CIRCOLARE N. 18 DEL 18 MARZO 2008 Imposta di bollo su titoli di credito rilasciati senza la clausola di non PROVVEDIMENTI COMMENTATI Decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231 (art.

Dettagli

Estero: IVA Regolamento comunitario Territorialità dei servizi Disposizioni Interpretative

Estero: IVA Regolamento comunitario Territorialità dei servizi Disposizioni Interpretative n 27 del 22 luglio 2011 circolare n 416 del 21 luglio 2011 referente BRUGNOLI/mr Estero: IVA Regolamento comunitario Territorialità dei servizi Disposizioni Interpretative Nella Gazzetta ufficiale dell

Dettagli

ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI.

ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI. REGIMI CONTABILI ATTUALMENTE SONO 5 I REGIMI CONTABILI VIGENTI, OGNUNO DEI QUALI SI DISTINGUE PER OBBLIGHI CHE NE DERIVANO E PER I SOGGETTI CHE POSSONO ADERIRVI. 1 REGIME ORDINARIO 2 REGIME SEMPLIFICATO

Dettagli

Unico 2006 Investimenti e trasferimenti esteri: cosa dichiarare Compilazione del quadro RW

Unico 2006 Investimenti e trasferimenti esteri: cosa dichiarare Compilazione del quadro RW Unico 2006 Investimenti e trasferimenti esteri: cosa dichiarare Compilazione del quadro RW a cura di Roberta De Pirro e Federica Lorusso- Studio Sciumé e Associati roberta.depirro@sciume.net; federica.lorusso@sciume.net

Dettagli

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito RISOLUZIONE N. 76/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 novembre 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito Con la richiesta di consulenza

Dettagli

RISOLUZIONE N. 54/E. Roma, 16 marzo 2007. Oggetto: Istanza di interpello DPR 26 ottobre 1972, n. 633 l ALFA S.r.l.

RISOLUZIONE N. 54/E. Roma, 16 marzo 2007. Oggetto: Istanza di interpello DPR 26 ottobre 1972, n. 633 l ALFA S.r.l. RISOLUZIONE N. 54/E Roma, 16 marzo 2007 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Istanza di interpello DPR 26 ottobre 1972, n. 633 l ALFA S.r.l. La Direzione Regionale ha trasmesso un istanza

Dettagli

Roma, 26 novembre 2012

Roma, 26 novembre 2012 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 26 novembre 2012 Direzione Centrale Servizi ai contribuenti OGGETTO: Sisma maggio 2012 Finanziamento per il pagamento di tributi, contributi previdenziali e premi assicurativi obbligatori

Dettagli

OGGETTO: Iva di cassa : Richiesta di chiarimenti sulle modalità di incasso/pagamento e sui termini in cui considerare esigibile/detraibile l imposta

OGGETTO: Iva di cassa : Richiesta di chiarimenti sulle modalità di incasso/pagamento e sui termini in cui considerare esigibile/detraibile l imposta Confederazione Nazionale dell Artigianato e della Piccola e Media Impresa Sede Nazionale Via G. A.. Guattani, 13 00161 Roma Tel. 06/44188461 Fax. 06/44188465 E-Mail: polfis@cna.it Sede di Bruxelles B -

Dettagli