INFORMATIVA SULLA PRIVACY

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INFORMATIVA SULLA PRIVACY"

Transcript

1 INFORMATIVA SULLA PRIVACY INFORMAZIONI IMPORTANTI SUL DIRITTO ALLA RISERVATEZZADELL ASSISTITO Entrato in vigore il 15 novembre 2007 Revisione: agosto 2013 QUESTA INFORMATIVA DESCRIVE IL MODO IN CUI I DATI MEDICI DEL PAZIENTE POSSONO ESSERE USATI E DIVULGATI E IL MODO IN CUI IL PAZIENTE PUÒ ACCEDERE A QUESTI DATI. SI PREGA DI ESAMINARE ATTENTAMENTE E INFORMARNE IL CONIUGE E ALTRE PERSONE ACARICO DELL ASSISTITO COPERTE DA GUILDNET MANAGED LONG TERM CARE, GUILDNET GOLD, GUILDNET GOLD PLUS E GUILDNET HEALTH ADVANTAGE ("PIANO"). QUESTA INFORMATIVA TROVA APPLICAZIONE NELL'AMBITO DEL PIANO E DEI SERVIZI DA QUESTO FORNITI TRAMITE I SUOI OPERATORI. INTRODUZIONE Durante la copertura sanitaria offerta dal piano, questo avrà accesso ai dati dell'assistito ritenuti dati sanitari riservati (Protected Health Information - PHI) dalla legge sulla portabilità dell'assicurazione sanitaria e la responsabilità (Health Insurance Portability and Accountability Act) del 1996, nota anche come "HIPAA". Questo compendio descrive le prassi sulla riservatezza dei dati medici adottate nel piano e spiega i nostri obblighi e i diritti dell'assistito in merito all'uso e alla divulgazione dei dati sanitari protetti. Il compendio vale anche per altri addetti che cooperano all'amministrazione del piano. Per eventuali domande su questo compendio, rivolgersi al responsabile per la riservatezza del piano all'indirizzo e numero di telefono indicati alla fine. LA NOSTRA PROMESSA SUI DATI SANITARI Prendiamo atto che i dati sanitari sull'assistito e la sua salute sono personali. Ci impegniamo a proteggerli. Per la legge HIPAA i dati sanitari protetti comprendono qualunque dato che porti all'identificazione della persona, relativo alla salute fisica o mentale del passato, presente o futuro, l'assistenza sanitaria fruita o il pagamento per l'assistenza, tra cui nome e cognome, indirizzo, data di nascita e codice fiscale. Questo compendio copre qualunque PHI previsto dal piano. Il medico personale o altro professionista medico possono attenersi a diversi regolamenti o avvisi in merito all'uso e divulgazione dei PHI. Siamo tenuti per legge a: Garantire la riservatezza dei PHI dell'assistito;

2 Trasmettere all'assistito questo compendio dei nostri doveri di legge e delle prassi di riservatezza in merito ai PHI; Avvisare le parti interessate a seguito di violazione di PHI non resi sicuri; e Seguire i termini del compendio (nella versione vigente o successivamente corretta). COME POTREMMO USARE E DIVULGARE I PHI I. Uso e divulgazione per cure, pagamenti e operazioni di gestione sanitaria Il piano può usare o divulgare i PHI a proposito delle cure ricevute da un professionista medico, del pagamento da noi erogato a copertura di tali cure e per le nostre operazioni di gestione sanitaria. Il piano farà il possibile per divulgare solo lo stretto indispensabile di PHI a ottenere lo scopo specifico della divulgazione. Per le cure. Sebbene il piano non fornisca cure, abbiamo facoltà di usare o divulgare i PHI a sostegno di erogazione, coordinamento o gestione della cura che l'assistito si procura. Rientra in questo caso la divulgazione dei PHI ai professionisti sanitari di scelta dell'assistito, tra cui medici, infermieri, tecnici o altro personale ospedaliero incaricato di occuparsi dell'assistito. Per esempio, nel caso di un emergenza, se l'assistito non è in grado di fornire l'anamnesi al medico, il piano può comunicare tali dati (se tali dati sono registrati nel piano) al medico del pronto soccorso, in modo che questi possa provvedere all'assistenza medica più opportuna. Per il pagamento. "Pagamento" in generale significa attività relative alla gestione delle richieste di rimborso di cure ricevute dall'assistito (tra cui fatturazione, gestione delle richieste, surrogazione, valutazioni della necessità di ricorso al medico, della terapia ed esame della fruizione e autorizzazioni preliminari). Abbiamo facoltà di usare o divulgare i PHI dell'assistito a fini di pagamento, per esempio per determinare l'esistenza dei requisiti per usufruire dei benefici del piano, per agevolare il pagamento di terapie o servizi ricevuti dai medici di fiducia, per determinare la responsabilità per i benefici nel piano, o per coordinare la copertura del piano con un altro piano sanitario. Per esempio possiamo divulgare i PHI al medico dell'assistito per determinare se una particolare terapia è necessaria dal punto di vista medico, o per determinare se soddisfa ai criteri di copertura del piano. Abbiamo anche facoltà di mettere i PHI a disposizione di terzi fornitori di servizi di esame dell'uso o di precertificazione. Inoltre possiamo condividere i PHI con altro ente che assista nella concessione o surrogazione delle richieste di rimborso. Per le operazioni di gestione sanitaria. Possiamo usare o divulgare i PHI nel disbrigo delle attività generali d'ufficio o commerciali del piano che dobbiamo svolgere per le esigenze del piano. Per esempio possiamo trovarci nella necessità di esaminare i PHI dell'assistito nello svolgimento delle attività contemplate dal piano per smascherare tentativi di truffa, sprechi o abusi dell'assistenza sanitaria. Inoltre possiamo usare i PHI in relazione a: attività di controllo di qualità e miglioramento e altre relative alla copertura del piano, l'invio di richieste per copertura stop loss (o eccesso di perdita), esecuzione o programmazione di valutazione medica, servizi legali o di revisione dei conti. Divulgazione a terzi. In ogni circostanza in cui divulgheremo i PHI a terzi che prestano servizi a nome del piano (ossia un partner commerciale), avremo un contratto scritto con quell'ente che prescrive che Pagina 2 di 8

3 anche su quell'ente grava l'obbligo di protezione della riservatezza dei PHI dell'assistito. II. Divulgazione ai rappresentanti dell'assistito Persone che si occupano della cura o del pagamento della cura dell'assistito. Salvo il caso in cui l'assistito si opponga per iscritto, il piano può divulgare i PHI a un amico o parente stretto che partecipi alle cure o che contribuisca alla copertura degli oneri, ma solo nella misura pertinente al coinvolgimento di quell'amico o parente nella terapia o nel relativo pagamento. Per esempio se un parente o un medico chiama gli addetti al piano essendo già a conoscenza della pratica di rimborso, gli addetti possono confermare se sia stata ricevuta e pagata. Possiamo anche comunicare i PHI a enti pubblici o privati autorizzati che assistono nelle attività di soccorso in caso di calamità. Divulgazione ai rappresentanti personali dell'assistito. Abbiamo facoltà di divulgare i PHI al rappresentante personale dell'assistito nel rispetto delle leggi statali vigenti e dell'hipaa. Inoltre l'assistito può autorizzare un rappresentante personale a ricevere i PHI e ad agire in sua vece. Per ricevere una copia del modulo necessario ad autorizzare terzi a ricevere queste informazioni, rivolgersi al responsabile per la riservatezza. III. Altri usi e divulgazioni consentiti Il piano prevede anche la possibilità di fare uso o di divulgare i PHI per qualunque dei seguenti scopi: A norma di legge. Possiamo usare o divulgare i PHI nella misura in cui lo richiedano le leggi federali, statali o locali. In tal caso, se la legge lo richiede, verrà inviata notifica all'assistito. Salute pubblica. Possiamo divulgare i PHI per finalità di salute pubblica e di sicurezza a un'autorità del ramo sanità pubblica che per legge ha facoltà di raccogliere o ricevere i dati. I PHI possono essere usati o divulgati al fine di prevenire o controllare malattie (tra cui quelle contagiose), lesioni o disabilità. Se richiesto dalle autorità di sanità pubblica, possiamo anche rivelare i PHI a un ente pubblico straniero che collabora con le autorità di salute pubblica nazionale. Controllo sanitario. Possiamo comunicare i PHI a un ente che sovrintende al controllo sanitario per attività previste dalla legge, come revisioni, indagini, ispezioni e azioni legali. Tra gli enti addetti alla supervisione sanitaria che richiedono questi dati si annoverano gli enti pubblici che sovrintendono al sistema sanitario, i programmi di assistenza pubblica, altri programmi pubblici con facoltà di emettere norme e le leggi sui diritti civili. Abuso o negligenza. Possiamo comunicare i PHI a qualunque ente sanitario pubblico che abbia per legge facoltà di ricevere dati su abusi, negligenze o violenze domestiche, se abbiamo plausibili motivi di ritenere che l'assistito ne sia stato vittima. In questo caso la divulgazione verrà resa conforme ai requisiti delle leggi federali e statali vigenti e informeremo l'assistito della divulgazione avvenuta o in fieri, salvo il caso in cui possano conseguirgliene gravi danni. Per allontanare una grave minaccia alla salute o all'incolumità. Possiamo usare o divulgare i PHI se Pagina 3 di 8

4 necessario a evitare una grave minaccia alla salute o incolumità dell'assistito o del pubblico o di terzi. Tuttavie, eventuali divulgazioni potrebbero essere fatte solo a qualcuno in grado plausibilmente di aiutare a sventare o attenuare la minaccia. Procedure legali. Possiamo rivelare i PHI nel corso di eventuali procedure giudiziarie o amministrative, in risposta all'ordine di una corte di giustizia o di un tribunale amministrativo. Inoltre abbiamo facoltà di comunicare i PHI sotto certe condizioni in risposta a una citazione con mandato, una richiesta di presentazione a una corte di giustizia o altro procedimento di legge, nel qual caso devono essere profusi sforzi ragionevoli dalla parte che sollecita i PHI di notificare all'assistito la richiesta e di dargli l'opportunità di opporsi alla divulgazione. Forze di polizia. Possiamo comunicare i PHI se richiesto da un esponente delle forze di polizia, per lo svolgimento delle loro attività. Medici legali, direttori di imprese funebri e donazione di organi. Possiamo rivelare i PHI a un investigatore che indaga sui decessi per cause non naturali o a un medico legale a fini di riconoscimento, o per altri compiti previsti dalla legge. Possiamo anche comunicare i PHI a un direttore d'impresa funebre, come previsto dalla legge, per permettergli di svolgere il proprio compito. Possiamo rivelare tali dati in presenza di una ragionevole aspettativa di decesso. Possiamo anche rivelare i PHI a fini di donazione di organi, occhi o tessuti. Ricerca. Abbiamo facoltà di rivelare i PHI a ricercatori se la loro ricerca è stata approvata da un comitato istituzionale di riesame che abbia protocolli stabiliti che garantiscono la riservatezza dei PHI. Attività militare e sicurezza nazionale. Quando vigano le condizioni opportune, possiamo usare o divulgare i PHI di appartenenti alle forze armate: (1) per attività ritenute necessarie dai quadri militari; o (2) a una potenza militare estera se l'assistito vi è arruolato. Possiamo anche divulgare i PHI a funzionari federali autorizzati che svolgono attività di sicurezza nazionale e di raccolta informazioni. Indennizzo dei lavoratori. Possiamo divulgare i PHI in osservanza della normativa sull indennizzo dei lavoratori e altri programmi simili previsti dalla legge. Detenuti. Se l'assistito è detenuto in un istituto correzionale o in custodia della polizia, abbiamo facoltà di rivelare i PHI all'istituto o alla polizia, nel caso in cui i PHI siano necessari all'istituto per prestare assistenza sanitaria; per proteggere la salute e incolumità sua e di terzi; o per la sicurezza dell'istituto correzionale. Usi e divulgazioni obbligatori. Dobbiamo rivelare i PHI al ministero della sanità USA ("HHS") perché possa verificare la nostra osservanza delle norme federali sulla riservatezza. USI E DIVULGAZIONI DEI PHI CHE RICHIEDONO AUTORIZZAZIONE SCRITTA DELL'ASSISTITO Senza previa autorizzazione scritta dell'assistito, il piano non usa né divulga i PHI per i seguenti scopi: Note di psicoterapia. Fatta esclusione per certe eccezioni specifiche ammesse dalla legge (come la difesa Pagina 4 di 8

5 legale in un procedimento promosso dall'assistito contro di noi), non useremo né divulgheremo nessuna nota di psicoterapia fornita da specialisti di salute mentale (note prese sistematicamente che documentano il contenuto delle conversazioni avute nel corso delle sedute), senza previa autorizzazione scritta dell'assistito. Marketing o vendite. Salvo il caso in cui l'assistito ci abbia conferito autorizzazione scritta, non useremo né divulgheremo i PHI per nessuna attività pagata di marketing, né li venderemo. Altri usi e divulgazioni dei PHI. Altri usi e divulgazioni dei PHI non descritti in questo compendio avverranno solo previa autorizzazione scritta dell'assistito. Se l'assistito ci rilascia autorizzazione scritta a usare o divulgare i PHI per scopi diversi da quelli delineati in questo compendio, ha facoltà di revocarla per iscritto in qualunque momento. Se revocherà l'autorizzazione, cesseremo di usare o divulgare i PHI per le ragioni indicate dall'autorizzazione scritta. Tuttavia l'assistito prende atto del fatto che non possiamo ritirare quanto già rivelato durante il periodo autorizzato e che dobbiamo conservare annotazione dei servizi fornitigli. NESSUN USO O DIVULGAZIONE DI DATI GENETICI AL FINE DI SOTTOSCRIZIONE La legge vieta al piano di usare o rivelare PHI di un individuo che siano di natura genetica a fini di sottoscrizione. In generale i dati genetici interessano le differenze nel DNA di una persona che potrebbero esporlo maggiormente o minormente al rischio di contrarre una patologia (per esempio il diabete, una cardiopatia, il cancro o il morbo di Alzheimer). PROTEZIONI SPECIALI AGGIUNTIVE Protezioni speciali aggiuntive della riservatezza, in base alla legge federale o statale, possono valere per certi dati sensibili, come quelli genetici, quelli relativi all'hiv, al trattamento delle dipendenze da alcol e psicofarmaci e dati sulla salute mentale. Per eventuali domande, rivolgersi al nostro responsabile della riservatezza all'indirizzo sotto riportato. I DIRITTI DELL'ASSISTITO L'assistito detiene i seguenti diritti sui PHI, che noi avalliamo: Diritto d'ispezione e copia. Finché ne siamo detentori, l'assistito ha facoltà d'ispezionare e ottenere una copia dei suoi PHI contenuti in un "set designato di annotazioni" - ossia annotazioni usate per iscrizioni, pagamenti, concessione delle domande di rimborso, gestione medica e altre decisioni. Per chiedere accesso e ispezionare e/o ottenere una copia di qualunque PHI, l'assistito deve presentare richiesta scritta al responsabile della riservatezza all'indirizzo sotto riportato, indicando le informazioni specifiche richieste e ha anche facoltà di chiederci di trasmettere una copia dei PHI direttamente a un'altra persona designata per iscritto. Se richiede una copia dei PHI, deve indicare in che forma desidera riceverla (ossia cartacea o elettronica). Abbiamo facoltà di esigere un pagamento a copertura delle spese di segreteria, copiatura e spedizione dei PHI. Possiamo opporci alla richiesta d'ispezione e copia dei PHI in alcune limitate circostanze. Per esempio per la legge federale non è consentito ispezionare o copiare le note di psicoterapia o i dati compilati con una Pagina 5 di 8

6 ragionevole aspettativa di azione o procedura civile, penale o amministrativa, o per impiegarli in queste azioni o procedure. Se viene rifiutato l'accesso, l'assistito o il suo rappresentante personale riceveranno una risposta scritta che spiega il motivo del rifiuto, una descrizione delle possibilità di esercitare i diritti di esame e una descrizione del modo in cui esporre reclamo presso l'ufficio del piano e all'hhs. Diritto di chiedere una limitazione all'uso e divulgazione dei PHI. L'assistito ha facoltà di chiederci di limitare l uso e la divulgazione dei PHI per svolgere cure, pagamento o gestione di operazioni sanitarie. Ha anche facoltà di chiederci di limitare l'uso e la divulgazione dei PHI ai propri familiari, parenti, amici o altri indicati dall assistito che si occupano della sua salute. Tuttavia non siamo tenuti ad accettare la limitazione richiesta. Nel caso di accettazione della richiesta, ci asterremo dall'usare o divulgare i PHI in violazione di quella restrizione, salvo il caso in cui sia necessario per fornire una cura d'emergenza o se poniamo termine alla restrizione con o senza assenso da parte dell assistito. Se l'assistito dissente, la restrizione resterà valida per i PHI creati o ricevuti prima del nostro avviso all'assistito di cessazione della restrizione. Per chiedere una restrizione, l'assistito deve scrivere al nostro responsabile della riservatezza all'indirizzo sotto riportato, indicando (1) quali dati desidera limitare, (2) se desidera limitare l'uso, la divulgazione o entrambi e (3) a chi desidera applicare la limitazione. Il diritto di chiedere di ricevere comunicazioni riservate con mezzi alternativi o a indirizzo alternativo. Faremo il possibile per accogliere la richiesta dell assistito di ricevere comunicazioni di PHI da noi con mezzi alternativi o a indirizzi alternativi, se la richiesta dichiara esplicitamente che la divulgazione secondo le procedure regolari di comunicazione del piano può danneggiare l'assistito. Indirizzare la richiesta scritta al nostro responsabile della riservatezza all'indirizzo sotto riportato. Diritto di apportare modifiche ai PHI. Se l'assistito ritiene che i PHI che abbiamo su di lui/lei siano errati o incompleti, ha facoltà di chiederne la correzione. La richiesta deve essere presentata per iscritto e inviata al responsabile della riservatezza. Inoltre occorre indicare una motivazione per la richiesta. Abbiamo facoltà di respingere la richiesta di correzione, se non è presentata per iscritto o se non contiene la motivazione. Inoltre possiamo opporre un rifiuto se l'assistito ci chiede di correggere dati che: Hanno origine esterna, salvo il caso in cui la persona o ente che ha creato i PHI non sia più raggiungibile per effettuare la correzione; Non si trovano nelle annotazioni amministrate del piano; Non sono parte dei dati che la legge permette all'assistito d'ispezionare e copiare; Sono accurati e completi. Diritto a una elencazione delle divulgazioni. L'assistito ha il diritto di richiedere una elencazione (ossia un elenco) di certe divulgazioni non ordinarie dei PHI. In generale l'elenco non include divulgazioni fatte: In relazione alle cure fruite, al nostro pagamento per tali cure e per gestione di cure sanitarie; Pagina 6 di 8

7 All'assistito in merito ai suoi PHI; A seguito dell'autorizzazione scritta dell'assistito; A una persona coinvolta nella cura dell'assistito o per altri scopi di notifica ammessi; Per finalità di sicurezza nazionale o di raccolta informazioni; o A istituti correzionali o a forze di polizia. Per chiedere un elenco delle divulgazioni, rivolgersi al nostro responsabile della riservatezza all'indirizzo riportato sotto. L'assistito ha facoltà di ricevere un elencazione delle divulgazioni dei PHI effettuate negli ultimi sei anni (al massimo) dalla data della richiesta. La richiesta deve indicare il formato in cui si vuole la lista (ossia cartaceo o elettronico). La prima elencazione chiesta nel lasso di 12 mesi sarà a titolo gratuito. Altre eventuali richieste entro detti 12 mesi comporteranno l'addebito del costo relativo. Notificheremo all'assistito il costo in questione e questi avrà facoltà di annullare o modificare la richiesta prima che il costo diventi effettivo. Procederemo all'espletamento della richiesta di elencazione entro 60 giorni dal ricevimento della richiesta. Questo periodo può essere prorogato, se necessario, di altri 30 giorni. In tale evenienza l'assistito riceverà notifica scritta del motivo del ritardo e della data entro la quale l elencazione sarà pronta. Diritto di ottenere una copia cartacea di questa informativa. È possibile chiedere una copia cartacea del nostro compendio di riservatezza in qualunque momento, anche se è stato già concordato il rilascio in forma elettronica. Le richieste devono pervenire al responsabile della riservatezza all'indirizzo sotto riportato. RECLAMI Se si ritiene che i propri diritti alla riservatezza siano stati violati, è possibile presentare reclamo scritto presso di noi all'indirizzo sotto o al ministero della sanità USA (HHS), Secretary of the U.S. Department of Health and Human Services Hubert H. Humphrey Building, 200 Independence Avenue S.W., Washington, D.C, Non risponderemo con rappresaglie alla presentazione di un reclamo. MODIFICHE DI QUESTA INFORMATIVA Ci riserviamo il diritto di cambiare i termini di questa o qualunque informativa successiva in qualunque momento. Se decideremo di apportare una modifica, l informativa rivista avrà efficacia per tutti i PHI che deteniamo in tale data. Questa informativa è pubblicata sul nostro sito. Se apporteremo una modifica di rilievo a questa informativa, pubblicheremo la versione riveduta entro la data di entrata in vigore della modifica materiale, oltre a fornire informazioni sulla modifica e su come ottenere l informativa riveduta nella nostra successiva comunicazione postale annuale ai membri. Se non pubblicassimo questa informativa sul nostro sito, forniremo informazioni ai membri sulla modifica di rilievo e su come ottenere l informativa riveduta entro 60 giorni dalla modifica. Pagina 7 di 8

8 PER DOMANDE O RICHIESTE In caso di domande riguardanti questa informativa, o gli argomenti in essa trattati, o se si desidera inviare una richiesta come descritto sopra, rivolgersi a: Privacy Officer Jewish Guild Healthcare 15 West 65th Street New York, New York Pagina 8 di 8 PA13_05_GN Notice of Privacy_IT

La sua cartella sanitaria

La sua cartella sanitaria La sua cartella sanitaria i suoi diritti All ospedale, lei decide come desidera essere informato sulla sua malattia e sulla sua cura e chi, oltre a lei, può anche essere informato Diritto di accesso ai

Dettagli

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza.

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza. Condizioni di utilizzo aggiuntive di Acrobat.com Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del 2 maggio 2013 nella sua interezza. SERVIZI ONLINE ADOBE RESI DISPONIBILI SU

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO

TERMINI E CONDIZIONI DI UTILIZZO Informazioni Societarie Fondazione Prada Largo Isarco 2 20139 Milano, Italia P.IVA e codice fiscale 08963760965 telefono +39.02.56662611 fax +39.02.56662601 email: amministrazione@fondazioneprada.org TERMINI

Dettagli

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO GINNASIO STATALE "M. T. CICERONE" RMPC29000G Via Fontana Vecchia, 2 00044 FRASCATI tel. 06.9416530 fax 06.9417120 Cod.

Dettagli

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni)

Art.1 (Oggetto) Art.2 (Definizioni) REGOLAMENTO SULLA TUTELA DELLE PERSONE E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI emanato con decreto direttoriale n.220 dell'8 giugno 2000 pubblicato all'albo Ufficiale della Scuola

Dettagli

Note legali. Termini e condizioni di utilizzo. Modifiche dei Termini e Condizioni di Utilizzo. Accettazione dei Termini e Condizioni

Note legali. Termini e condizioni di utilizzo. Modifiche dei Termini e Condizioni di Utilizzo. Accettazione dei Termini e Condizioni Note legali Termini e condizioni di utilizzo Accettazione dei Termini e Condizioni L'accettazione puntuale dei termini, delle condizioni e delle avvertenze contenute in questo sito Web e negli altri siti

Dettagli

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali.

La informiamo che Utroneo s.r.l. è il titolare del trattamento dei suoi dati personali. Come utilizziamo i suoi dati è un prodotto di ULTRONEO SRL INFORMAZIONI GENERALI Ultroneo S.r.l. rispetta il Suo diritto alla privacy nel mondo di internet quando Lei utilizza i nostri siti web e comunica

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION

POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION I. SCOPO POLITICA ANTI-CORRUZIONE DI DANAHER CORPORATION La corruzione è proibita dalle leggi di quasi tutte le giurisdizioni al mondo. Danaher Corporation ( Danaher ) si impegna a rispettare le leggi

Dettagli

PRIVACY POLICY. Smartphone Innovations S.r.l. (di seguito anche solo identificata come "SI") è titolare del sito

PRIVACY POLICY. Smartphone Innovations S.r.l. (di seguito anche solo identificata come SI) è titolare del sito PRIVACY POLICY Smartphone Innovations S.r.l. (di seguito anche solo identificata come "SI") è titolare del sito www.stonexsmart.com ( Sito ) e tratta i tuoi dati personali nel rispetto della normativa

Dettagli

Il Numero e la Tessera Social Security

Il Numero e la Tessera Social Security Il Numero e la Tessera Social Security Il Numero e la Tessera Social Security Avere un numero di Social Security è importante perché è richiesto al momento di ottenere un lavoro, percepire sussidi dalla

Dettagli

Accordo d Uso (settembre 2014)

Accordo d Uso (settembre 2014) Accordo d Uso (settembre 2014) Il seguente Accordo d uso, di seguito Accordo, disciplina l utilizzo del Servizio on line 4GUEST, di seguito Servizio, che prevede, la creazione di Viaggi, Itinerari, Percorsi,

Dettagli

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI ISTITUTO di ISRUZIONE SUPERIORE - Luigi Einaudi Sede Legale ed Amministrativa Porto Sant Elpidio (FM) - Via Legnano C. F. 81012440442 E-mail: apis00200g@istruzione.it Pec: apis00200g@pec.istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Premessa L accesso agli atti ed ai documenti amministrativi, introdotto nel nostro ordinamento dalla Legge 7 agosto 1990, n. 241, costituisce

Dettagli

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del febbraio 17, 2012 nella sua interezza.

Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del febbraio 17, 2012 nella sua interezza. Termini d uso aggiuntivi di Business Catalyst Ultimo aggiornamento avvenuto il 18 giugno 2014. Sostituisce la versione del febbraio 17, 2012 nella sua interezza. L uso dei Servizi Business Catalyst è soggetto

Dettagli

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani

L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani L esperienza irlandese: affrontare l abuso agli anziani 2011 Censite 535,595 2021Stimate 909,000 Età 80+ 2.7% della popolazione nel 2011 14% dal 2006 2041-1397,000 7.3% della popolazione nel 2041 La maggior

Dettagli

Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia

Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia Informazione sul prodotto e condizioni contrattuali Edizione 2010 La vostra sicurezza ci sta a cuore. 2 Informazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life 3 Indice 1. Autorizzazione e valori depositati 4 2. Apertura di un deposito 4 3. Autorizzazione di iscrizione

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di giustizia UFG Ambito direzionale Diritto pubblico Settore di competenza Progetti e metodologia legislativi 1 gennaio 2015 Aiuto alle

Dettagli

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI Gli Stati firmatari della presente Convenzione, Profondamente convinti che l'interesse del minore sia

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1

Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Sintesi dei diritti dei passeggeri che viaggiano in autobus 1 Il regolamento (CE) n. 181/2011 (in appresso il regolamento ) entra in vigore il 1 marzo 2013. Esso prevede una serie minima di diritti dei

Dettagli

NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG

NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG Premessa TELEPASS S.p.A. Società per Azioni, soggetta all attività di direzione e coordinamento di Autostrade per l Italia S.p.A., con sede legale in Roma,

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE

CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE CONTRATTO DI CERTIFICAZIONE tra FLO-CERT GMBH E RAGIONE SOCIALE DEL CLIENTE PARTI (1) FLO-CERT GmbH, società legalmente costituita e registrata a Bonn, Germania con il numero 12937, con sede legale in

Dettagli

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO TITOLO I DISCIPLINA GENERALE DELLE PRESTAZIONI E DEI CONTRIBUTI CAPO I -

Dettagli

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27/11/2008 esecutiva il 10/01/2009 Depositato in Segreteria Generale con avviso

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse

CERVED RATING AGENCY. Politica in materia di conflitti di interesse CERVED RATING AGENCY Politica in materia di conflitti di interesse maggio 2014 1 Cerved Rating Agency S.p.A. è specializzata nella valutazione del merito creditizio di imprese non finanziarie di grandi,

Dettagli

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET

ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET ACCORDO DI LICENZA GRATUITA PER L'UTILIZZO DI SISTEMA GESTIONALE E/O APPLICAZIONE SMARTPHONE/TABLET Il presente Accordo è posto in essere tra: Maiora Labs S.r.l. ( Maiora ), in persona del legale rappresentante

Dettagli

Regolamento d esecuzione del Trattato di cooperazione in materia di brevetti. (testo in vigore al 1º luglio 2014)

Regolamento d esecuzione del Trattato di cooperazione in materia di brevetti. (testo in vigore al 1º luglio 2014) Regolamento d esecuzione del Trattato di cooperazione in materia di brevetti (testo in vigore al 1º luglio 2014) Nota dell editore: Per ottenere i dettagli delle modifiche del Regolamento d Esecuzione

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE = = = = = = REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE Adottato con deliberazioni consiliari n. 56 dell 08.11.95 e n. 6 del 24.01.96 INDICE Art. 1 Oggetto e finalità

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL REGISTRO DELLE DICHIARAZIONI ANTICIPATE RELATIVE AI TRATTAMENTI SANITARI (TESTAMENTO BIOLOGICO)

REGOLAMENTO PER IL REGISTRO DELLE DICHIARAZIONI ANTICIPATE RELATIVE AI TRATTAMENTI SANITARI (TESTAMENTO BIOLOGICO) CITTÀ DI OZIERI PROVINCIA DI SASSARI REGOLAMENTO PER IL REGISTRO DELLE DICHIARAZIONI ANTICIPATE RELATIVE AI TRATTAMENTI SANITARI (TESTAMENTO BIOLOGICO) Approvato con Delibera del Consiglio Comunale nr.

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa,

Il Comitato dei Ministri, ai sensi dell'articolo 15.b dello Statuto del Consiglio d'europa, CONSIGLIO D EUROPA Raccomandazione CM/REC(2014) 3 del Comitato dei Ministri agli Stati Membri relativa ai delinquenti pericolosi (adottata dal Comitato dei Ministri il 19 febbraio 2014 nel corso della

Dettagli

del 19 giugno 1992 (Stato 1 gennaio 2014)

del 19 giugno 1992 (Stato 1 gennaio 2014) Legge federale sulla protezione dei dati (LPD) 235.1 del 19 giugno 1992 (Stato 1 gennaio 2014) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 95, 122 e 173 capoverso 2 della Costituzione

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

Diritti di cui all art. 7 del D.lgs.196 del 30 giugno 2003. Informativa resa ai sensi dell art 13 del D.Lgs. 196/2003

Diritti di cui all art. 7 del D.lgs.196 del 30 giugno 2003. Informativa resa ai sensi dell art 13 del D.Lgs. 196/2003 Diritti di cui all art. 7 del D.lgs.196 del 30 giugno 2003 Informativa resa ai sensi dell art 13 del D.Lgs. 196/2003 Vi informiamo che l art. 7 del d.lgs.196/03 conferisce agli interessati l esercizio

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Qual è la mia copertura assicurativa? Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti

Qual è la mia copertura assicurativa? Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti 2 Questo opuscolo La informa sulla Sua situazione assicurativa spiegandole se e in che misura Lei è coperto

Dettagli

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio.

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. 1. I passaporti diplomatici e di servizio, di cui all'articolo

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

CONTRATTO PER LA LICENZA D USO DEL SOFTWARE GESTIONE AFFITTI

CONTRATTO PER LA LICENZA D USO DEL SOFTWARE GESTIONE AFFITTI CONTRATTO PER LA LICENZA D USO DEL SOFTWARE GESTIONE AFFITTI IMPORTANTE: il presente documento è un contratto ("CONTRATTO") tra l'utente (persona fisica o giuridica) e DATOS DI Marin de la Cruz Rafael

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI Approvato con D.G. N.40 DEL 10.04.2000 Modificato con D.G. N.79 DEL 04.11.2002 Modificato con D.G. N.70 DEL 13.11.2006

Dettagli

Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana

Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana Repubblica Italiana Assemblea Regionale Siciliana Ambito dell'accesso REGOLAMENTO PER L'ACCESSO AGLI ATTI ED AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI DELL'ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA (G.U.R.S. n. 28 del 20/06/2008)

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI Art. 1 Finalità ed ambito di applicazione Art. 2 Informazione e pubblicità Art. 3 Accesso ai documenti amministrativi Art.

Dettagli

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI

CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI CONVENZIONE EUROPEA SULL'ESERCIZIO DEI DIRITTI DEI MINORI Adottata dal Consiglio d'europa a Strasburgo il 25 gennaio 1996 Preambolo Gli Stati membri del Consiglio d'europa e gli altri Stati, firmatari

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

Note e informazioni legali

Note e informazioni legali Note e informazioni legali Proprietà del sito; accettazione delle condizioni d uso I presenti termini e condizioni di utilizzo ( Condizioni d uso ) si applicano al sito web di Italiana Audion pubblicato

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni DOMANDA DI CARTA DELL AZIENDA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di DATI DELL AZIENDA Denominazione

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Acquisto ("GPC") si applicano all acquisto di materiali, articoli, prodotti, componenti, software ed i relativi

Dettagli

Termini e condizioni generali di acquisto

Termini e condizioni generali di acquisto TERMINI E CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CONDIZIONI DEL CONTRATTO L ordine di acquisto o il contratto, insieme con questi Termini e Condizioni Generali ( TCG ) e gli eventuali documenti allegati e

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

L adempimento della notificazione al Garante per la Privacy

L adempimento della notificazione al Garante per la Privacy L adempimento della notificazione al Garante per la Privacy Una delle principali semplificazioni introdotte dal D.Lgs. n. 196 del 30-6-2003 riguarda l adempimento della notificazione al Garante, ovvero

Dettagli

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza Legge 22 maggio 1978, n. 194 Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Gazzetta Ufficiale del 22 maggio 1978, n. 140)

Dettagli

INFORMATIVA SUI COOKIE

INFORMATIVA SUI COOKIE INFORMATIVA SUI COOKIE I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI

TERMINI E CONDIZIONI GENERALI TERMINI E CONDIZIONI GENERALI Leggere attentamente Termini e Condizioni prima di noleggiare una vettura con Atlaschoice. I Termini si applicano a qualsiasi prenotazione effettuata con Atlaschoice tramite

Dettagli

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS

Protocollo d intesa. tra. Ministero della Giustizia. Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza. Bambinisenzasbarre ONLUS Protocollo d intesa tra Ministero della Giustizia Autorità garante per l'infanzia e l adolescenza e Bambinisenzasbarre ONLUS IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA L'AUTORITÀ GARANTE PER L'INFANZIA E L ADOLESCENZA

Dettagli

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE 28.12.2006 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 379/5 REGOLAMENTO (CE) N. 1998/2006 DELLA COMMISSIONE del 15 dicembre 2006 relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi)

GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) GUIDA di ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI e ALLA TRASPARENZA (Allegata al modulo di richiesta di accesso agli atti amministrativi) Principali norme di riferimento 1) Legge n. 241/1990 - Nuove norme in

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

AZIENDA SOCIALE CENTRO LARIO E VALLI

AZIENDA SOCIALE CENTRO LARIO E VALLI AZIENDA SOCIALE CENTRO LARIO E VALLI Ufficio di Piano dei Servizi e degli Interventi Sociali dei Comuni appartenenti al Distretto di Menaggio REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

«Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni.

«Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni. «Ogni società, grande o piccola che sia, ha bisogno di una serie di standard di guida che ne regolino i comportamenti interni ed esterni.» Code of Conduct Comunicazione del CEO «Ogni società, grande o

Dettagli

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale»

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» La proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti offerti sul nostro sito web www.prada.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata dalle seguenti Condizioni Generali di

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Terza sessione: IL CONTESTO NORMATIVO, L ORGANIZZAZIONE, GLI STRUMENTI LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

Dettagli

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni.

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Il DIRETTORE DELL AGENZIA DEL DEMANIO Vista la legge 7 agosto 1990, n.

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Art. 1 (Disposizioni di carattere generale)

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Art. 1 (Disposizioni di carattere generale) CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Art. 1 (Disposizioni di carattere generale) 1. I princìpi e i contenuti del presente codice costituiscono specificazioni esemplificative

Dettagli

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO

Procura della Repubblica presso il Tribunale di MILANO INFORMAZIONI GENERALI PER LA PERSONA INFORMATA SUI FATTI CITATA A COMPARIRE DAVANTI AL PUBBLICO MINISTERO Il decreto di citazione di persona informata sui fatti, per rendere sommarie informazioni testimoniali

Dettagli

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE)

Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) Regolamento (CEE) n. 2137/85 del Consiglio del 25 luglio 1985 Istituzione di un Gruppo Europeo di Interesse Economico (GEIE) EPC Med - GEIE Via P.pe di Villafranca 91, 90141 Palermo tel: +39(0)91.6251684

Dettagli

Regolamento per il registro delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T.)

Regolamento per il registro delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T.) Regolamento per il registro delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T.) Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 29 del 09.06.2014 I 20099 Sesto San Giovanni (MI), Piazza della Resistenza,

Dettagli

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003

PRIVACY POLICY MARE Premessa Principi base della privacy policy di Mare Informativa ai sensi dell art. 13, d. lgs 196/2003 PRIVACY POLICY MARE Premessa Mare Srl I.S. (nel seguito, anche: Mare oppure la società ) è particolarmente attenta e sensibile alla tutela della riservatezza e dei diritti fondamentali delle persone e

Dettagli

Termini di servizio di Comunicherete

Termini di servizio di Comunicherete Termini di servizio di Comunicherete I Servizi sono forniti da 10Q Srls con sede in Roma, Viale Marx n. 198 ed Ancitel Spa, con sede in Roma, Via Arco di Travertino n. 11. L utilizzo o l accesso ai Servizi

Dettagli

COMUNE DI VILLACHIARA. Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI

COMUNE DI VILLACHIARA. Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI COMUNE DI VILLACHIARA Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART TIME, DELLE INCOMPATIBILITA E DEI SERVIZI ISPETTIVI (Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 174 del 22/10/1997,

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE

ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE ACCORDO TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL PRINCIPATO DI MONACO SULLO SCAMBIO DI INFORMAZIONI IN MATERIA FISCALE Articolo 1 Oggetto e Ambito di applicazione dell Accordo Le autorità

Dettagli

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L.

CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. CODICE ETICO DI CEDAM ITALIA S.R.L. Il presente codice etico (di seguito il Codice Etico ) è stato redatto al fine di assicurare che i principi etici in base ai quali opera Cedam Italia S.r.l. (di seguito

Dettagli