AUTOCAD INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "AUTOCAD INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE"

Transcript

1 AUTOCAD INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE AUTOCAD è un programma costruito dall AUTODESK, casa leader nella costruzione di software nel campo della progettazione CAD. (computer aided design) Nasce nei primi anni 80, ma diventa di uso comune intorno al 1990 con le versioni 10, 11, 12, 13 e 14 usate negli studi di architetti e geometri. AUTOCAD è un programma che ci consente di eseguire tutti i tipi di disegno tecnico, meccanico, elettrico, architettonico ecc, con estrema facilità versatilità e con notevole risparmio di tempo rispetto al sistema tradizionale. Inoltre, collegando il computer con una stampante grafica o ad un plotter, possiamo ottenere stampe con una risoluzione grafica ad alto livello. AVVIO DI AUTOCAD Per avviare il programma fare doppio click sull icona del desktop che rappresenta AUTOCAD oppure sul pulsante AVVIO cercare la cartella del programma. Dopo questa operazione comparirà la seguente schermata: Abbiamo quattro possibilità per aprire il programma con il LAYOUT (videata di uscita) preferito: 1- Aprire un disegno esistente (in questo caso si apre la ricerca con SFOGLIA [BROWSE]) 2- Usare un default (impostazione predefinita) in questo caso si impostano solo le unità di misura 3- Usare un modello preparato da Autocad (template che si userà anche come blocco di stampa) 4- Creare un autocomposizione rapida o avanzata. Tralasciamo per intanto queste possibilità, apriamo il programma con default usando le unità di misura metriche e analizziamo la schermata iniziale. 1

2 PULSANTI DI DIMENSIONAMENTO L INTERFACCIA DI AUTOCAD BARRA DEI MENU BARRE DEGLI STRUMENTI A SCOMPARSA BARRA DEGLI STRUMENTI STANDARD ICONA UCS BARRA DEGLI STRUMENTI PROPRIETA OGGETTO BARRA DI STATO BARRA DI SCORRIMENTO DELLA RIGA DI COMANDO CURSORE BARRE DI SCORRIMENTO VERTICALE ED ORIZZONTALE RIGA DI COMANDO COME USARE I MENU E GLI STRUMENTI DI AUTOCAD Come si può notare nella schermata i menù sono a discesa o a tendina, basta cliccare sulla voce di menù e quindi scegliere il comando voluto. Alcune voci presentano un triangolino nero sulla parte destra o sinistra: questo significa che si aprirà un sottomenù. Per quanto riguarda le barre degli strumenti, AUTOCAD, raggruppa i vari comandi che possono interessare un determinato argomento. Ad esempio l insieme dei comandi per la quotatura si possono trovare nel menù QUOTATURE. Quindi basterà cliccare su VISUALIZZA, BARRE DEGLI STRUMENTI e QUOTATURE. Come si può notare si attiverà la barra degli strumenti cliccando nel quadratino vuoto. Per far scomparire una barra dallo schermo basterà cliccare sul pulsantino con la X posto sulla parte in alto a destra della barra stessa. Per far comparire il riquadro di scelta delle barre degli strumenti si può agire anche da tastiera impostando il comando TOOLBAR o BAR_STRU. Ricordarsi di far precedere la lineetta bassa ad ogni comando dato in lingua inglese. Per rendere fissa una barra degli strumenti, basterà trascinarla nella parte destra o sinistra dello schermo o comunque in un punto di ancoraggio. Si può, inoltre, spostare la finestra delle o della riga di comando in mezzo all area di lavoro, trascinando con il puntatore. E possibile, inoltre, cambiare di forma a ciascuna barra, in verticale o in orizzontale, seguendo la stessa procedura di trascinamento. 2

3 Se ci clicca con il pulsante destro del mouse sulla parte vuota colorata in grigio comparirà un menù che ci permette di aprire o chiudere barre degli strumenti o di personalizzare dette barre. LA FINESTRA DI TESTO DI WINDOWS Premendo F2 dalla finestra dell applicazione, si apre una finestra di testo che visualizza la cronologia dei comandi dati nella riga di comando di AUTOCAD per un totale di 400 o più righe (a seconda dell impostazione che verrà trattata nella sezione riguardante la personalizzazione di AUTOCAD). Tale comando può essere dato anche sulla riga con le parole SCHTESTO. RIPETIZIONE ED ANNULLAMENTO DI COMANDI Come si può notare i comandi possono essere immessi o da pulsante con relative opzioni o digitati da tastiera. E possibile ripetere l ultimo comando dato battendo il tasto INVIO o il pulsante destro del mouse. In questo caso compare un menù la cui prima voce è la ripetizione dell ultimo comando. E, inoltre possibile, annullare qualsiasi comando presente sulla riga battendo il tasto ESC. CREAZIONE DI UNA DIRECTORY PERSONALIZZATA Per semplificare la lezione si consiglia di creare una sottodirectory di autocad A o B, dove si salveranno tutti i disegni prodotti durante il corso, di nome personalizzato. Tali directory verranno poi condivise in rete per poter controllare e stampare dall unità chiamata SERVER. APERTURA DI UN NUOVO DISEGNO Dopo aver caricato AUTOCAD si può aprire un nuovo disegno cliccando dal menù FILE alla voce NUOVO o il primo pulsante a sinistra sulla barra dei menù STANDARD (quello con il foglio bianco), comparirà la schermata gia vista precedentemente. Analizziamo cosa si può fare: 1. Usare il default, come abbiamo visto prima. In questo caso AUTOCAD imposta l area di disegno in formato A3 riscontrabile dalla visualizzazione della griglia. 2. Usare un modello, da selezionare nella parte centrale del riquadro. Questo modelli, sotto forma di file con estensione DWT, sono presenti nella sottodirectory di AUTOCAD, TEMPLATE. Molti di questi modelli sono standardizzati e presentano un bordo ed una tabella. 3. Usare un autocomposizione del modello che potrà essere RAPIDA o AVANZATA. Per la scelta Rapida si potranno impostare due parametri, le unità e le dimensioni del foglio. Per la scelta Avanzata si hanno 5 possibilità di impostazioni: Impostazione delle unità Impostazione dell angolo Misura dell angolo Direzione dell angolo Area APERTURA DI PIU DISEGNI CONTEMPORANEAMENTE Tra le novità di questa versione c è la possibilità di aprire e lavorare con più fogli di lavoro. Per aprire basterà eseguire l apertura più volte in base a quanti documenti si vuole aprire. Per passare da un documento ad un altro si clicchi sulla barra del titolo del disegno oppure utilizzando la combinazione di tasti CTRL + F6 o CTRL+TAB. La visualizzazione potrà essere su più fogli, in questo caso si noterà una parte del foglio sottostante, oppure a foglio unico. Per passare da questo all altro LAYOUT si agirà sui pulsanti di ridimensionamento della finestra. 3

4 APERTURA DI UN DISEGNO ESISTENTE Dal menù FILE voce APRI o cliccando sul pulsante contrassegnato con una cartellina gialla che si apre; si aprirà un riquadro di dialogo che ci consentirà di ricercare la directory dentro alla quale troveremo il disegno. Una particolare caratteristica di AUTOCAD 2004 presente anche sulle versioni precedenti, è quella di mostrare l anteprima del disegno. Se poi si clicca sul pulsante TROVA FILE e quindi SFOGLIA avremo le anteprima di tutti i disegni presenti nella directory o nei drive, se i disegni sono tanti e quindi la loro visualizzazione risulterebbe difficile e possibile passare nel modo medio o grande. Se poi si vuole cercarlo si clicca su TROVA FILE e si farà partire la ricerca automatica. Si potrà inoltre aprire il disegno in modo parziale, visualizzando soltanto la parte interessata, evitando quindi lunghe attese e spreco di memoria, cliccando sul pulsante APERTURA PARZIALE. Selezionando la finestrella APRI IN SOLA LETTURA si visualizza il disegno soltanto in modalità di consultazione evitando errori di scrittura. COME SALVARE UN DISEGNO SU DISCO Salvare il lavoro è indispensabile, pertanto si clicca sul pulsante con il dischetto rappresentato e si ricerca la directory nella quale registrare il file-disegno. In questo modo si può registrare più volte il lavoro ed in più unità, basterà soltanto cambiare il nome. E altrettanto indispensabile salvare ogni 5-10 minuti, il primo salvataggio si effettuerà con il comando SALVA CON NOME mentre tutti gli altri basterà fare solo SALVA. Usando SALVA CON NOME si potrà registrare il disegno come versione precedente oppure come o dxf. Come in tutti i programmi che interagiscono su piattaforma WINDOWS esiste un salvataggio automatico, che si attiva digitando la variabile di sistema SAVETIME, la quale normalmente è impostata a 120, si tratta soltanto di impostare il tempo in minuti, il programma salverà nella directory TEMP di WINDOWS un file chiamato DRAWING1_1_1_1580.SV$ oppure DRAWING2_1_1_8467.Sv$. Tale operazione si potrà eseguire anche dal menù STRUMENTI (Tools) alla voce OPZIONI (Options), aprendo quindi la cartella APRI E SALVA (Open and Save) agendo nel riquadro PRECAUZIONI SICUREZZA FILE (File safety precautions). COSA FARE IN CASO DI ERRORE Si è già parlato precedentemente del tasto ESC che si usa per annullare un comando già in atto. Può succedere che si sia disegnato un elemento o una primitiva che si vuole cancellare. In questo caso si può usare il comando ANNULLA da menù MODIFICA che cancellerà ogni operazione in ritorno fino ad annullare tutto il disegno. Se poi si vuole ritornare in avanti si usa il comando RIPRISTINA. Oppure si possono usare i pulsanti delle frecce sulla barra degli strumenti STANDARD, nella parte alta dello schermo. COME CHIUDERE UN DISEGNO Per chiudere uno o più disegni si clicchi sull icona posta in alto a ciascun foglio oppure dal menù FILE alla voce CHIUDI. Il programma ci chiederà di salvare il documento corrente. Quindi questa operazione si dovrà eseguire per tutti i fogli grafici presenti nel file. COME USCIRE DA AUTOCAD Per uscire dal programma, cliccare sulla voce ESCI dal menù FILE o digitare sulla riga di comando la parola QUIT. Si ricordi che nelle versioni in Italiano per digitare un comando in lingua Inglese 4

5 bisogna far precedere la lineetta _. In questo caso Autocad ci chiederà di salvare contemporaneamente tutti i disegni aperti. I TASTI DI FUNZIONE Sulla tastiera esistono 12 tasti di funzione, però solo alcuni sono attivati. F1-----AIUTO Apre il file di aiuto da consultare per ogni tipo di comando F2-----MODO TESTO Visualizza lo schermo in modo testo su tutti i comandi eseguiti F3-----OSNAP OFF ON Attiva o disattiva la modalità OSNAP (oppure CTRL +F) F4-----TAVOLETTA Controlla l installazione di una tavoletta grafica F5-----ISOPLANE Controlla in modo veloce la posizione isometrica del cursore nelle assonometrie, si usa con l attivazione dell isometria nel comando AIUTI PER IL DISEGNO (Drafting settings) F6-----COORDINATE OFF/ON Blocca e sblocca lo scorrimento delle coordinate. F7-----GRIGLIA ON/OFF Attiva o disattiva la visualizzazione sullo schermo di una griglia non stampabile. F8-----ORTOGONALE ON/OFF Attiva o disattiva il modo di tracciatura ortogonale delle linee. F9-----SNAP ON/OFF Attiva o disattiva il sistema di spostamento del cursore sulla griglia F10 POLARE OFF/ON Attiva o disattiva il sistema di tracciamento delle polari ortogonali F11---OTRACK OFF/ON Attiva o disattiva il tracciamento snap ad oggetto. COME APRIRE IL MENU A CURSORE Autocad mette a disposizione un menù che si apre sulla posizione del cursore che rappresenta il sistema di puntamento automatico chiamato OSNAP che analizzeremo in seguito, per aprirlo basterà tenere premuto il tasto SHIFT (maiuscole) e premere contemporaneamente il pulsante destro del mouse. COMANDO CANCELLA Questo comando serve per eliminare uno o più oggetti dallo schermo, pertanto cliccare sul pulsante indicante la gomma nel menù a scomparsa, il cursore si trasformerà in un quadrato di selezione, con il quale si toccheranno gli oggetti da cancellare, oppure si potrà aprire una finestra ed includere un gruppo di oggetti. Se la finestra viene aperta da sinistra verso destra tutto quello che si deve cancellare dovrà trovarsi completamente all interno della finestra stessa, se invece la finestra si apre da destra verso sinistra si attiva il modo INTERSECA cioè tutti gli oggetti incontrati da quest ultima saranno cancellati. Con le opzioni U ed T che stanno per ULTIMO e TUTTO si cancellerà l ultimo oggetto tracciato oppure tutti gli oggetti presenti sullo schermo. LE PRIMITIVE 5

6 Autocad riconosce come primitive tutti quei simboli e tratti del disegno mediante i quali si esegue l assemblaggio completo dell oggetto da rappresentare. Le principali primitive sono: La linea La polilinea La multilinea Il punto Il cerchio Il rettangolo L arco L anello L ellisse Il poligono La spline Tutti questi oggetti o primitive si possono inserire nel disegno mediante i comandi presenti nel menù/barra a scomparsa DISEGNA, dal menù a tendina o più semplicemente digitando il comando da tastiera. IL COMANDO LINEA Ci sono vari modi per impostare il comando LINEA, si può dare da tastiera, dal menù DISEGNA della barra dei menù, dallo stesso menù DISEGNA a scomparsa,. Cliccare su LINEA dal menù a scomparsa e notare che sulla riga di comando compare la scritta LINEA DAL PUNTO. Si può dare il punto di inizio della linea con il puntatore oppure digitando da tastiera le coordinate assolute rispetto al punto 0,0 (ad esempio 50,80 significa 50 unità disegno rispetto all asse X ed 80 rispetto all asse Y) mentre il secondo punto si può dare le coordinate relative rispetto al primo punto fissato sulla linea (ad significa 40 di distanza X dal primo punto ed 60 di distanza Y sempre dallo stesso punto). Dopo aver dato il primo punto si può dare direttamente la distanza della linea scegliendo l inclinazione con il mouse. Per chiudere il comando battere INVIO o il pulsante destro del mouse. Battendo due volte il tasto INVIO si riprende il comando LINEA dalla fine dell ultima linea tracciata. IL PUNTO 0,0: Si ricorda che il punto 0,0 si trova all estremo limite della finestra grafica, in basso a sinistra. Si può notare attivando lo snap. IL SIMBOLO E il terzo simbolo del tasto a destra del carattere L. Si stampa sullo schermo premendo il tasto corrispondente + ALT GR. MENU A CURSORE DELLE PRIMITIVE Per chiudere il comando durante l esecuzione di una primitiva si può cliccare anche il tasto destro del mouse; in questo caso compare un menù con 5 voci: 1. INVIO: chiude il comando 2. ANNULLA annulla il comando 3. ANNULLA annulla l operazione 4. PAN si tratterà nella sua sezione 5. ZOOM si tratterà nella sua sezione IMMISSIONE DI COORDINATE 6

7 Abbiamo già parlato di coordinate assolute e relative nel comando LINEA, si possono inoltre inserire coordinate polari da tastiera digitando ad la chiocciola sta per relative, sempre rispetto all ultimo punto, 40 è la distanza e 30 preceduto dal simbolo < rappresenta l angolo di inclinazione. Tale scritta risulta anche nel display delle coordinate dopo aver dato il primo punto, se non dovesse comparire si può controllarne la visualizzazione con la variabile di sistema COORDS, che accetta solo i numeri 0, 1, 2. Ricordarsi che con il tasto ESC si chiude il comando, per riprenderlo battere INVIO. Si può fare una sola linea: cliccando sulla voce 1 LINEA dal menù a schermo, se dopo aver richiamato LINEA si sceglie l il programma riprenderà dall ultimo punto selezionato. Si può chiudere un poligono di linee con il comando CHIUDI sempre dal menù a schermo. IL COMANDO MULTIPLO Sulla riga di comando digitare MULTIPLO e INVIO, quindi digitare LINEA ed INVIO. Dopo aver tracciato una o più linee si chiude il comando con INVIO o il pulsante destro del mouse; il programma terminerà la linea ma non il comando che riprende a chiedere l immissione di un punto e così di seguito fino a quando non si batte il tasto ESC che chiuderà il comando multiplo. Questo servirà per tutti i comandi di primitive. RIPETIZIONE DEI COMANDI Per ripetere gli ultimi 6 comandi dati fare clic con il tasto destro del mouse sopra alla finestra dei comandi, spostarsi sopra alla voce COMANDI RECENTI e selezionare il comando desiderato. LA FUNZIONE COPIA - INCOLLA Si può copiare tutto un disegno od una parte dello stesso eseguita precedentemente o costruita in un altro foglio od in un altro file e specificarne il punto base di inserimento. Disegnare un poligono di linee e cliccare su COPIA dalla barra dei menù STANDARD oppure lo stesso comando dal menù MODIFICA, scegliere l oggetto con una finestra e dare INVIO. Questo verrà copiato nella cartella appunti e si potrà usare con il comando INCOLLA sempre sulla barra degli strumenti STANDARD. Per specificarne il punto base di inserimento si dovrà cliccare sul comando COPIA CON PUNTO BASE dal menù MODIFICA. In questo caso sarà l utente a specificare il punto di inserimento dell oggetto da incollare con il comando INCOLLA. DISEGNI A MANO LIBERA Impostare il comando SCHIZZO da riga di comando, quindi impostare l incremento minimo, dare invio, cliccare nel punto desiderato e trascinare il mouse, per interrompere lo schizzo, cliccare e spostarsi a penna sollevata in un altro punto. Per registrare le linee tracciate digitare R ed INVIO, quindi dare ancora R dalla riga di comando per Ridisegnare. LINEE DOPPIE O MULTILINEE Scrivere sulla linea di comando la parola LINEAM oppure scegliere dal menù DISEGNA il pulsante MULTILINEA o dalla barra degli strumenti DISEGNA. Se sulle opzioni si sceglie SCALA si può dare la larghezza della linea, se si sceglie GIUSTIFICA si può dare il punto di inizio della linea stessa dal centro, sopra o sotto. IL CONTROLLO DELLE UNITA 7

8 Per ogni disegno si possono impostare le unità di misura con cui disegnare, dal menù FORMATO cliccare su UNITA, comparirà la seguente finestra di dialogo: LO ZOOM DI AUTOCAD Lo zoom è uno strumento utilissimo per lavorare con AUTOCAD, basti pensare il disegno nel dettaglio anche molto piccolo. Pertanto disegnare alcune primitive e provare ad ingrandire alcune zone. Dal menù VISUALIZZA voce ZOOM abbiamo tutti i principali comandi riguardanti lo ZOOM, inoltre quelli più usati li possiamo trovare sulla barra degli strumenti STANDARD. 1. ZOOM TEMPO REALE, 2. ZOOM PRECEDENTE 3. ZOOM FINESTRA, 4. ZOOM DINAMICO 5. ZOOM SCALA 6. ZOOM CENTRATO, 7. ZOOM IN 8. ZOOM OUT 9. ZOOM TUTTO 10. ZOOM ESTENSIONI La novità importante è l introduzione dello ZOOM TEMPO REALE che ci permette di ingrandire il disegno in modo continuativo trascinando il cursore sullo schermo verso l alto per ingrandire e verso il basso per restringere, spostando opportunamente le barre di scorrimento per poter centrare la posizione voluta. USO DELL IntelliMouse CON AUTOCAD Molti sistemi utilizzano un mouse a due pulsanti con rotellina inserita in posizione centrale. L utilizzo dei pulsanti è analogo a quello di un mouse standard, alla rotellina invece vengono assegnati dei comandi dei quali si danno alcune utilizzazioni: 1. Ruotare la rotellina avanti indietro per zoomare in allontanamento o in avvicinamento 2. Fare doppio clic con la rotellina per zoomare alla massima estensione 3. Per eseguire una panoramica (pan) premere la rotellina e trascinare 4. Premere il tasto CTRL della tastiera, trascinare il mouse tenendo premuta la rotella per ottenere una panoramica dinamica tipo joystick. Rilasciando la rotellina il movimento si ferma. 5. Impostare la variabile di sistema MBUTTONPAN a 0 e fare clic con la rotellina per visualizzare il menù di scelta rapida Snap ad oggetto. IMPOSTAZIONE DEI LIMITI DEL DISEGNO Impostare i limiti significa dare una delimitazione al disegno, cioè creare un contorno invisibile in base alle misure del disegno stesso. Dal menù FORMATO cliccare su LIMITI DEL DISEGNO, dare il limite in basso a sinistra, di solito 0,0 si può usare default, dare poi il limite in alto a destra. Per controllare le modifiche impostare ZOOM TUTTO. Esiste l opzione ON/OFF, che ci da la possibilità di non disegnare fuori dai limiti (ON), oppure di disattivare tale possibilità (OFF). IL COMANDO POLILINEA 8

9 La polilinea è una particolare primitiva simile alla linea ma con la differenza che viene considerata un unico oggetto. La polilinea inoltre si può modificare di spessore e si può unire con altre linee adiacenti. Dal menù a scomparsa DISEGNA si clicca su polilinea e si tracciano in successione varie polilinee, per cancellare, tutta la polilinea verrà selezionata. Al momento del richiamo del comando il programma ci informa della larghezza corrente e sulla riga successiva ci chiede di specificare un punto o di dare un opzione. Le opzioni sono 5 1. ARCO: La polilinea si trasforma in un poliarco suscettibile a varie modifiche che vengono fornite da un menù che si apre appena si richiama l opzione arco. 2. CHIUDI:Chiude il poligono di polilinee dopo averne tracciato almeno 2 3. MEZZA-LARGHEZZA: Imposta la larghezza da metà al limite della polilinea 4. LUNGHEZZA: Imposta la lunghezza nella direzione dell ultimo segmento tracciato 5. ANNULLA: annulla l operazione senza uscire dal comando 6. LARGHEZZA Imposta la larghezza della polilinea sia iniziale che finale, valido solo per un segmento. LE OPZIONI ARCO Al momento della scelta dell opzione ARCO si apre un menù di opzioni sia sulla riga di comando e sia nel menù di schermo posto sulla destra dell area. Si potrà averlo anche cliccando con il pulsante destro del mouse (menù di selezione rapida) Da questo menù si potranno dare all arco le seguenti impostazioni: 1. ANGOLO: imposta un angolo dato dell arco 2. CENTRO: Imposta un centro 3. CHIUDI: Chiude l arco ed il comando al primo punto tracciato 4. DIREZIONE: da una direzione all arco 5. LINEA: Ritorna a disegnare una polilinea 6. RAGGIO: Imposta un raggio 7. 2 PUNTO: richiede un secondo punto sull arco. EDITARE UNA POLILINEA Con questo comando si potranno impostare modifiche su polilinee già disegnate. Dopo aver aperto il comando edita polilinea, da menù a schermo o da menù a tendina EDITA e selezionato la primitiva, sulla riga di comando avremo la possibilità di impostare le seguenti opzioni: 1. CHIUDI: chiude il poligono di eventuali polilinee aperte 2. UNISCI: Unisce due polilinee o linee diverse in un unico oggetto, purchè siano attaccate 3. LARGHEZZA: modifica lo spessore della polilinea 4. EDITA VERTICI: apre un sottomenù di modifica dei vertici di una polilinea 5. CURVA: Trasforma la polilinea selezionata in una curva passante per i vertici del poligono 6. SPLINE:Crea una curva utilizzando i segmenti della polilinea come tangenti. Si può controllare impostando a 1 la variabile di sistema SPLFRAME (1-0) 7. RETTIFICA: Ripristina il poligono originale 8. TIPOLINEA GENERALE: Modifica i segmenti intermedi di una polilinea tratteggiata o a punto o tratto. IL COMANDO PUNTO Con questo comando si possono impostare punti sullo schermo di diversa grandezza e di diverso tipo. Per cambiare stile punto basterà cliccare sulla voce DDPTYPE del menù a schermo, dopo aver 9

10 richiamato il comando Punto oppure senza entrare nel comando dal menù FORMATO selezionare STILE PUNTO comparirà il seguente riquadro: In questo riquadro si possono cambiare le grandezze in base allo schermo e alle unità assolute. Dal menù a tendina DISEGNA alla voce PUNTO si possono tracciare 1 Punto o più punti. IL COMANDO CERCHIO Il pulsante del comando CERCHIO si trova sempre nel menù a scomparsa DISEGNA, anche in questo comando ci sono varie opzioni 1. CENTRO RAGGIO: esegue un cerchio richiedendo la misura del raggio 2. CENTRO DIAMETRO: esegue un cerchio richiedendo la misura del diametro 3. DUE PUNTI: crea un cerchio chiedendo di fornire due punti 4. TRE PUNTI: crea un cerchio fornendo tre punti 5. TANGENTE TANGENTE RAGGIO: crea un cerchio determinando le tangenti ed il raggio 6. TANGENTE TANGENTE TANGENTE : crea un cerchio determinando tre tangenti. IL COMANDO RETTANGOLO Sempre nel menù DISEGNA abbiamo il comando RETTANGOLO mediante il quale si traccia un poligono rettangolare regolare in polilinea. Si possono impostare 5 opzioni Cimare gli spigoli Raccordare gli spigoli Cambiare altezza (si tratterà nel capitolo del 3D) Cambiare elevazione (si tratterà nel capitolo del 3D) Cambiare lo spessore della linea di contorno. IL COMANDO POLIGONO Sempre sullo stesso menù troviamo il poligono; si potrà fornire: 1. Il numero di lati 2. Il punto di centro 3. La lunghezza del lato da dare con l opzione S per spigolo 4. Creare un poligono inscritto ad un cerchio 5. Creare un poligono circoscritto ad un cerchio IL COMANDO ANELLO Dal menù DISEGNA comando ANELLO Si da la misura del diametro interno ed esterno Per eseguire anelli vuoti all interno si dovrà dare il comando PIENO dato da tastiera oppure da STRUMENTI OPZIONI nella cartella VISUALIZZAZIONE si attiverà la casella APPLICA RIEMPIMENTO SOLIDO. IL COMANDO ARCO Per eseguire il comando ARCO si hanno varie opzioni in base alle posizioni della primitiva stessa: 10

11 1. TRE PUNTI: 2. INIZIO CENTRO FINE 3. INIZIO CENTRO ANGOLO 4. INIZIO CENTRO LUNGHEZZA 5. INIZIO FINE ANGOLO 6. INIZIO FINE DIREZIONE 7. INIZIO FINE RAGGIO 8. CENTRO INIZIO FINE 9. CENTRO INIZIO ANGOLO 10. CENTRO INIZIO LUNGHEZZA 11. CONTINUA ARCO 12. CONTINUA LINEA IL COMANDO ELLISSE Il comando è molto semplice, si costruirà un ellisse seguendo le varie opzioni che ci verranno chiede dal programma. Ricordarsi che con questo comando si possono tracciare ellissi assonometrici, però il comando deve essere dato da tastiera, comunque si tratterà questo argomento quando si costruiranno disegni assonometrici. Impostare ORTHO, l ellisse, per default, si costruisce fornendo l asse maggiore e l asse minore. L asse maggiore si darà intero (ad esempio 100) mentre l asse minore si imposta a metà (25 per avere un asse di 50) Con l opzione C per centro l ellisse si costruisce impostando il punto centrale. Con l opzione A per angolo si può costruire un ellisse in una porzione specificata. Si ricorda che in base alla direzione di selezione si avrà la porzione di angolo specificata. ESEMPIO: Per avere la porzione da 0 a 90 gradi bisognerà impostare l asse da sinistra verso destra. Impostando ad 1 la variabile di sistema PELLIPS che si trova nel menù a schermo, si potrà considerare l ellisse una polilinea. Con l opzione R per rotazione si imposta un numero da 0 a 89,4 che darà un rapporto non specificato tra l asse maggiore e l asse minore, più grande sarà il numero e maggiore sarà il rapporto. Digitando zero si avrà un cerchio. IL COMANDO SPLINE La SPLINE è una curva regolare che passa attraverso una determinata serie di punti, può essere utile per la costruzione di curve di informazioni geografiche o per la progettazione di automobili. Dal pulsante sul menù DISEGNA aprire SPLINE ed immettere una serie di punti, con C per CHIUDI si unisce il primo punto all ultimo specificando la tangente. Ci chiederà di specificare la tangente iniziale e finale si dà l opzione ADATTA. Come già citato si controllano le tangenti con la variabile di sistema SPLFRAME. DISEGNO DI PRECISIONE Autocad consente di disegnare con precisione e rapidità. E possibile creare i disegni con una geometria precisa senza dover eseguire calcoli noiosi, spesso è possibile specificare punti precisi senza conoscerne le coordinate. Fin dalla versione di AUTOCAD 14 è stato inserita una modifica per quanto riguarda questo strumento, chiamata AUTOSNAP o SNAP a CALAMITA. 11

12 Proviamo ora a fare qualche esempio per tutti gli strumenti di OSNAP. STRUMENTI DI AUTOCAD EDITA SPOSTA Per spostare un oggetto posizionarsi sul menù EDITA (barra strumenti STANDARD) o sul menù a scomparsa EDITA e quindi sulla voce o pulsante SPOSTA, selezionare l oggetto, INVIO, scegliere un punto dell oggetto e trascinare, quindi dare un nuovo clic per fissare l oggetto. I punti si possono dare anche da tastiera un modo assoluto o relativo. RUOTA Per ruotare un oggetto spostarsi nei menù EDITA o MODIFICA già citati e quindi cliccare sul pulsante RUOTA, selezionare l oggetto, specificare il punto base e l angolo di rotazione da tastiera o trascinando con il mouse. Si può ruotare un oggetto con il riferimento, ad esempio: Proviamo ad allineare il rettangolo con la linea Avviare il comando RUOTA, selezionare il rettangolo in un punto qualsiasi, selezionare ancora nel punto 1 con INT, digitare R per RIFERIMENTO, selezionare di nuovo il punto 1 come inizio dell angolo di riferimento, quindi il punto 2 come fine dell angolo di riferimento con INT, selezionare il punto 3 con FINE. Si può fare la stessa cosa digitando l angolo di riferimento da tastiera, nel nostro caso 0, e il nuovo angolo purchè si sia a conoscenza di quest ultimo. ALLINEAMENTO DI OGGETTI Altro modo per allineare oggetti è con il comando ALLINEA. Esempio: Allineare l oggetto B sull oggetto A 1 2 A 1a 2a B Allineare i punti 1 con 1a e i punti 2 con 2a Avviare il comando ALLINEA dal menù EDITA alla voce OPERAZIONI 3D o dalla barra degli strumenti MODIFICA, selezionare il primo punto di origine (1a) ed il primo punto destinazione (1) fare la stessa cosa con 2a e 2 quindi battere INVIO alla domanda SCALARE GLI OGGETTI AI PUNTI DI ALLINEAMENTO si potrà battere SI o NO a seconda se si vuole portare a pari limiti 12

13 l oggetto oppure no. Questo significa che se l oggetto B è più piccolo di quello A, le dimensioni di quello B si adatteranno a quello dell oggetto A. Per allineare l oggetto A su quello B si invertirà la selezione. TAGLIA Facciamo alcuni esempi sulle capacità di questo strumento : 1 esempio Tagliare i segmenti sporgenti a destra della linea verticale Avviare il comando TAGLIA nel solito modo, selezionare la linea verticale come limite di taglio, quindi selezionare tutte le linee orizzontali che si vogliono tagliare. Si possono eseguire tagli con l intersezione più vicina mediante una finestra. 2 esempio Taglio dei segmenti Disegnare con linea doppia tutti i segmenti, avviare il comando ESPLOSO per poter agire su ciascun singolo elemento, quindi avviare il comando TAGLIA e selezionare con una finestra INTERSECA, poi selezionare i successione i segmenti. Si può inoltre tagliare un oggetto in corrispondenza di un intersezione implicita o apparente. 3 esempio B A Tagliare il muro B in linea con il muro A Dopo aver avviato il comando TAGLIA selezionare la linea superiore di A, dare INVIO, dare S per spigolo ed E per estensione (se non è già stato attivato) e quindi cliccare sui segmenti B. STIRA Questo strumento fa in modo che un oggetto venga stirato o allungato in tutte le sue parti. Disegnare un rettangolo di medie dimensioni, quindi attivare STIRA dal menù MODIFICA o EDITA, selezionare con il modo INTERSECA, scegliere il punto base o di spostamento e trascinare. Curioso osservare come si può anche spostare un oggetto: esempio: Disegnare con la linea doppia una stanza con la porta a sinistra, ricordarsi di esplodere la linea per poter fare la porta vuota con TAGLIA 13

14 Si voglia spostare la porta a destra Richiamare STIRA, selezionare la porta con una finestra INTERSECA, attivare l orto, cliccare vicino alla porta e trascinare a destra. ESPLOSO E già stato usato nel precedente comando, serve a rendere indipendenti e quindi editabili tutti i segmenti di un unica entità, ad esempio quando si costruisce un rettangolo o una polilinea questi vengono rappresentati come un oggetto unico, per poterli scomporre si usa il comando ESPLOSO. SPEZZA Con questo comando è possibile rimuovere parte di un oggetto, tipo linee, cerchi, polilinee, ellissi, archi ecc. Tracciare alcune primitive e avviare il comando SPEZZA dal menù MODIFICA e spezzare con le varie opzioni. (un punto, selezione e un punto, due punti, selezione e due punti) oppure spezzare l oggetto con l OSNAP DA usando una combinazione di altri osnap ed utilizzando le coordinate relative. ALLUNGA Con questo strumento si può allungare o accorciare un qualsiasi oggetto in modo DINAMICO, PERCENTUALE, TOTALE E CON IL DELTA. Tracciare una linea qualsiasi e provare le varie opzioni; avviare il comando ALLUNGA, selezionare la linea e dare l opzione P per percentuale. In questo modo la linea si allungherà o accorcerà a seconda della percentuale fornita, con 50% si accorcia della metà, con 200 si allunga del doppio e così via. Con TOTALE si può allungare o accorciare in millimetri, con DINAMICO si può eseguire l operazione trascinando con il mouse, con DELTA si allunga di una quantità specificata. COME MISURARE UN SEGMENTO O PRIMITIVA. Si possono effettuare delle misure dei segmenti ogni qualvolta ne sia necessario. Cliccando sul pulsante DISTANZA dalla barra degli strumenti STANDARD e selezionando le due estremità con opportuni OSNAP. Avremo 6 informazioni: La misura totale del segmento L angolo di inclinazione dell oggetto sul piano XY L angolo di inclinazione nello spazio tridimensionale (dal piano) Le coordinate relative al punto iniziale (delta X Y Z) ESTENDI Con questo strumento si possono estendere linee o polilinee verso un limite definito o implicito. Esempio: 14

15 Estendere le linee orizzontali verso la linea verticale. Avviare il comando ESTENDI, selezionale la linea verticale e successivamente le linee orizzontali. Si può estendere verso un limite implicito. Esempio: A B Estendere la linea B fino alla linea A Dopo aver avviato il comando, selezionare il limite di A, quindi digitare S per spigolo ed E per estensione, quindi toccare il segmento B. SCALA Si possono aumentare o diminuire le dimensioni di un oggetto o di un gruppo di selezione mediante il comando SCALA. Con fattori di scala inferiori ad 1 si diminuiscono le dimensioni, con fattori maggiori di 1 si aumentano. Esempio: Si costruisca un disegno simile all esempio e si crei un gruppo di selezione con il nome VALVOLA. Avviare il comando SCALA e selezionare l oggetto, dare il punto base con FINE nel punto 1 e per fattore di scala dare 2. In questo modo l oggetto si ingrandirà del doppio, se si digita 0.5 esso si ridurrà della metà. Si può scalare un oggetto anche in base ad un riferimento. Esempio: Disegnare una linea di 50 mm, avviare il comando SCALA, selezionare e dare il punto base all inizio della linea dalla parte sinistra, dopodichè digitare R per riferimento e dare come prima lunghezza 50, mentre la seconda lunghezza 200, il segmento si scalerà fino ad una lunghezza di 200 mm. Oppure la stessa operazione si può fare con i punti: COME IMPOSTARE I COLORI DELLE PRIMITIVE Sulla barra PROPRIETA OGGETTO si ha il pulsante CONTROLLO DEL COLORE il quale può cambiare i colori a tutte le primitive che si andranno a disegnare da quel momento in poi. La finestra che si aprirà presenta i colori standard di A. per dare altri colori si clicchi su ALTRI e si visualizzerà la paletta intera fino a 256. COPIA DI OGGETTI 15

16 Disegnare un oggetto qualsiasi tipo cerchio, rettangolo ecc, quindi selezionare COPIA OGGETTO dalla barra a scomparsa MODIFICA, selezionare l oggetto, scegliere il punto base e trascinare nel punto voluto e fare clic. Si può copiare in modalità MULTIPLO: Disegnare alcuni oggetti e creare un gruppo di selezione, (ricordarsi che per i rettangoli bisogna esploderli) avviare il comando COPIA, selezionare gli oggetti, digitare M per multiplo e quindi specificare i punti di inserimento ad ogni clic. OFFSET (SFALSAMENTO DI OGGETTI) L uso di questo strumento ci permette di creare un nuovo oggetto simile al primo ad un a distanza specificata. Disegnare un rettangolo di piccole dimensioni, avviare il comando OFFSET, dalla solita barra STANDARD o dalla barra a scomparsa MODIFICA, specificare la distanza di sfalsamento, selezionare il rettangolo (non occorre esploderlo), posizionarsi con il mouse all interno o all esterno del rettangolo per la fase di sfalsamento. Si può fare anche specificando un punto al posto della distanza, basterà digitare P per punto quando il programma ci chiederà DISTANZA O PUNTO. Quindi cliccare sul punto dove si vuole lo sfalsamento. SPECCHIO (RIFLESSIONE DI OGGETTI) Con questo strumento si riflettono oggetti in base ad una linea speculare definita da due punti. Disegnare con il comando LINEA un poligono simile all esempio: Esempio: Si vuole ottenere la specchiata dell oggetto a destra Avviare il comando SPECCHIO dalla barra a scomparsa MODIFICA, selezionare gli oggetti, fornire il primo punto sull asse, trascinare con il mouse e fornire il secondo punto, battere INVIO per non cancellare gli oggetto originali. Notare che si viene attivato l ORTO l oggetto si sposta ogni 90 gradi. Se si dovesse specchiare un oggetto con del testo bisogna impostare la variabile di sistema MIRRTEXT a 0, poiché per DEFAULT questa è impostata a 1. Eseguire con specchio Dopo aver impostato a 0 la variabile MIRRTEXT eseguire il comando SPECCHIO. I GRIP Sono dei quadratini blù che compaiono quando si seleziona un oggetto senza dare nessun comando, ci permettono di apportare delle modifiche in modo più rapido. Per attivare i GRIP si agisce sul menù STRUMENTI e si clicca sulla voce OPZIONI e quindi si attiverà la cartella SELEZIONE, comparirà il riquadro di dialogo per impostare i colori e le dimensioni del quadratino. Con i GRIP si può spostare, stirare, ruotare, copiare, specchiare e scalare un oggetto. Per passare da una modalità ad un altra basta battere la BARRA SPAZIATRICE quando si è selezionato un oggetto. Esempio: 16

17 Disegnare un rettangolo di piccole dimensioni, selezionare senza nessun comando, scegliere il grip in basso a sinistra (questo si colorerà di rosso), tramite la barra spaziatrice o il tasto INVIO scegliere l operazione che si vuol eseguire e trascinare con il mouse. Da notare che in tutte le operazioni compare COPIA, poiché si può copiare un oggetto con tutte le modifiche. Si possono creare copie multiple utilizzando i grip di base: difatti se si disegna un piccolo rettangolo, lo si seleziona, si seleziona un grip e quindi si passa su sposta e si tiene premuto il tasto MAIUSCOLE e si trascina, il primo spostamento imposta lo SNAP per la copia multipla. Tale sfalsamento si può dare anche con coordinate relative. Si possono selezionare più di un grip, basterà tenere premuto il tasto shift durante la selezione dei grip. Tali GRIPS si possono usare anche con il testo. Pertanto scrivere del testo e selezionarlo senza nessun comando, attivare un GRIP, attivare SPOSTA e COPIA quindi spostarsi lateralmente e cliccare. Si vedrà che il testo verrà copiato tante volte senza chiudere il comando. Per uscire dal comando cliccare il destro del mouse oppure ESC. SERIE RETTANGOLARE E POLARE Quando si deve costruire una serie di elementi si ricorre a questo strumento, si può determinare una serie posta in colonna e in riga oppure posta in cerchio rispetto ad un centro. Disegnare un cerchio di piccole dimensioni, avviare il comando SERIE, sempre dalle stesse barre, selezionare RETTANGOLARE, selezionare il cerchio, dare il numero di righe e di colonne, dare le distanze in riga ed in colonna, (da centro a centro). Stessa operazione per la serie polare: ridisegnare un altro cerchio, selezionare la serie polare, dare il punto centro della serie, fornire il numero di elementi o cerchi, dare l angolo da riempire, di solito 360 oppure diverso, ruotare gli elementi finchè vengono copiati. CIMA Con questo comando si intende tagliare uno spigolo di un oggetto o poligono: Esempio: Avviare il comando con il solito sistema, digitare D per distanza, impostare le distanze di cimatura (10,10), battere INVIO per riavviare il comando, selezionare la linea orizzontale superiore e quindi la verticale sinistra. (1) Per cimare senza tagliare: (2) avviare il comando, digitare T per TAGLIA, quindi N per nontaglia, poi agire come nel primo caso Per per cimare con lunghezza ed l angolo (3) digitare (A) per angolo e dare la distanza della linea che si sceglie per prima e l angolo che si sceglie per primo, quindi riavviare con INVIO e agire come sopra. Per cimare una polilinea in modo che ogni intersezione venga tagliata (4). Impostare le distanze con D, riavviare, battere P per polilinea, riavviare con INVIO, e selezionare la polilinea del rettangolo. RACCORDO E molto simile allo strumento precedente, le impostazioni sono le stesse. Esempio: 3 17

18 1- Raccordare due linee con un raggio 20 mm 2- Raccordare senza tagliare 3- Raccordare un intera polilinea 4- Raccordare due linee parallele ESERCITAZIONE DI DISEGNO Con lo strumento RACCORDO termina l illustrazione dei principali strumenti di AUTOCAD. Siamo ora in grado di tracciare alcuni disegni, di seguito rappresentati, che riassumono gli argomenti sino a qui trattati. 18

FINSON EXTRACAD 6 Manuale d uso minimo

FINSON EXTRACAD 6 Manuale d uso minimo FINSON EXTRACAD 6 minimo AVVIO Attraverso l icona ExtraCAD 2D presente sul desktop o tra i programmi del menù Start. In alcuni casi il software potrebbe non essere stato installato nella cartella Programmi,

Dettagli

AutoCAD 2D Corso di base

AutoCAD 2D Corso di base AutoCAD 2D Corso di base Introduzione C.A.D. (Computer Aided Design) Permette di disegnare con l aiuto del computer. Le più diffuse applicazioni di AutoCAD sono: disegni architettonici ; disegni di interni;

Dettagli

Il controllo della visualizzazione

Il controllo della visualizzazione Capitolo 3 Il controllo della visualizzazione Per disegnare in modo preciso è necessario regolare continuamente l inquadratura in modo da vedere la parte di disegno che interessa. Saper utilizzare gli

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE D. MILANI MONTICHIARI CORSO DI AUTOCAD 2014/15 DOCENTE :GIOACCHINO IANNELLO

ISTITUTO SUPERIORE D. MILANI MONTICHIARI CORSO DI AUTOCAD 2014/15 DOCENTE :GIOACCHINO IANNELLO ISTITUTO SUPERIORE D. MILANI MONTICHIARI CORSO DI AUTOCAD 2014/15 DOCENTE :GIOACCHINO IANNELLO AutoCAD (prodotto dall'autodesk) è, senza dubbio, il programma più diffuso nel campo del disegno tecnico assistito

Dettagli

AUTOCAD. Corso base 2D

AUTOCAD. Corso base 2D 1 AUTOCAD Corso base 2D Come avviare Autocad 1) Icona sul desktop (cliccare due volte) 2) Start Programmi Autocad Autocad. (La freccia vale un clic sinistro del mouse) 3) Barra delle applicazioni (basta

Dettagli

Iniziare CAPITOLO 1. Obiettivi

Iniziare CAPITOLO 1. Obiettivi CAPITOLO 1 Iniziare Obiettivi Richiamare i comandi di AutoCAD tramite menu, menu di schermo, digitalizzatore, riga di comando o barre degli strumenti Comprendere il funzionamento delle finestre di dialogo

Dettagli

MODULO 3 Foglio elettronico

MODULO 3 Foglio elettronico MODULO 3 Foglio elettronico I contenuti del modulo: Questo modulo verifica la comprensione da parte del corsista dei concetti fondamentali del foglio elettronico e la sua capacità di applicare praticamente

Dettagli

paragrafo. Testo Incorniciato Con bordo completo Testo Incorniciato Con bordo incompleto

paragrafo. Testo Incorniciato Con bordo completo Testo Incorniciato Con bordo incompleto Applicare bordi e sfondi ai paragrafi Word permette di creare un bordo attorno ad un intera pagina o solo attorno a paragrafi selezionati. Il testo risulta incorniciato in un rettangolo completo dei quattro

Dettagli

MODULO 3. Microsoft Excel. TEST ED ESERCIZI SU: http://www.informarsi.net/ecdl/excel/index.php

MODULO 3. Microsoft Excel. TEST ED ESERCIZI SU: http://www.informarsi.net/ecdl/excel/index.php MODULO 3 Microsoft Excel TEST ED ESERCIZI SU: http:///ecdl/excel/index.php Foglio Elettronico - SpreadSheet Un foglio elettronico (in inglese spreadsheet) è un programma applicativo usato per memorizzare

Dettagli

Foglio Elettronico. Creare un nuovo foglio elettronico Menu File Nuovo 1 clic su Cartella di lavoro vuota nel riquadro attività

Foglio Elettronico. Creare un nuovo foglio elettronico Menu File Nuovo 1 clic su Cartella di lavoro vuota nel riquadro attività Foglio Elettronico Avviare il Programma Menu Start Tutti i programmi Microsoft Excel Pulsanti 2 clic sull icona presente sul Desktop Chiudere il Programma Menu File Esci Pulsanti Tasto dx 1 clic sul pulsante

Dettagli

4. Strumenti di aiuto al lavoro

4. Strumenti di aiuto al lavoro 4. Strumenti di aiuto al lavoro GRIGLIA E SNAP La GRIGLIA è una matrice rettangolare di punti o linee (a seconda dello stile di visualizzazione) disposti secondo un intervallo X e Y che si estende sull'area

Dettagli

AutoCAD 2D. Corso di base. Roberta Virili

AutoCAD 2D. Corso di base. Roberta Virili AutoCAD 2D Corso di base Roberta Virili Introduzione C.A.D. (Computer Aided Design) Permette di disegnare con l aiuto del computer. Le più diffuse applicazioni di AutoCAD sono: disegni architettonici ;

Dettagli

Foglio elettronico. OpenOffice.org Calc 1.1.3

Foglio elettronico. OpenOffice.org Calc 1.1.3 Foglio elettronico OpenOffice.org Calc 1.1.3 PRIMI PASSI CON IL FOGLIO ELETTRONICO Aprire il programma Menu Avvio applicazioni Office OpenOffice.org Calc. Chiudere il programma Menu File Esci. Pulsanti

Dettagli

Adobe InDesign MiniTUTORIAL Come impostare una brochure con Indesign

Adobe InDesign MiniTUTORIAL Come impostare una brochure con Indesign Adobe InDesign MiniTUTORIAL Come impostare una brochure con Indesign Credo sia utile impostare fin da subito le unità di misura. InDesign > Unità e incrementi Iniziamo poi creando un nuovo documento. File

Dettagli

Chiudere il Programma Menu File Esci Pulsanti 1 clic sul pulsante Tasto dx 1 clic sulla barra del titolo Chiudi Tastiera Alt+F4

Chiudere il Programma Menu File Esci Pulsanti 1 clic sul pulsante Tasto dx 1 clic sulla barra del titolo Chiudi Tastiera Alt+F4 Foglio Elettronico PRIMI PASSI CON IL FOGLIO ELETTRONICO Avviare il Programma Menu Start Tutti i programmi Microsoft Excel Pulsanti 2 clic sull icona presente sul Desktop Chiudere il Programma Menu File

Dettagli

Indice III. Indice. Unità 1 Il personal computer, 1. Unità 2 AutoCAD, 9

Indice III. Indice. Unità 1 Il personal computer, 1. Unità 2 AutoCAD, 9 Indice III Indice Unità 1 Il personal computer, 1 1.1 Struttura del personal computer, 2 1.2 Il software, 5 1.3 I dispositivi informatici di stampa, 6 1.4 Il disegno al computer, 7 1.5 La fotografia digitale,

Dettagli

sommario 01 I fondamentali e l interfaccia di base 1 03 Apertura, creazione e salvataggio di disegni 27 04 Strumenti di ausilio al disegno 43

sommario 01 I fondamentali e l interfaccia di base 1 03 Apertura, creazione e salvataggio di disegni 27 04 Strumenti di ausilio al disegno 43 sommario 01 I fondamentali e l interfaccia di base 1 AutoCAD, AutoCAD per Mac, e 1 L avvio di AutoCAD 2 I primi cenni sull interfaccia 2 L area di disegno 5 Il cursore grafico 5 L icona del sistema di

Dettagli

Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico

Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico Modulo 4.2 Fogli di calcolo elettronico 1 Finestra principale di Excel 2 Finestra principale di Excel Questi pulsanti servono per ridurre ad icona, ripristinare e chiudere la finestra dell applicazione.

Dettagli

Esame di Informatica CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO. Facoltà di Scienze Motorie

Esame di Informatica CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO. Facoltà di Scienze Motorie Facoltà di Scienze Motorie CHE COS È UN FOGLIO ELETTRONICO Una tabella che contiene parole e numeri che possono essere elaborati applicando formule matematiche e funzioni statistiche. Esame di Informatica

Dettagli

POWERPOINT è un programma del pacchetto Office con il quale si possono facilmente creare delle presentazioni efficaci ed accattivanti.

POWERPOINT è un programma del pacchetto Office con il quale si possono facilmente creare delle presentazioni efficaci ed accattivanti. 1 POWERPOINT è un programma del pacchetto Office con il quale si possono facilmente creare delle presentazioni efficaci ed accattivanti. Le presentazioni sono composte da varie pagine chiamate diapositive

Dettagli

4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE

4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE 4.1 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE Il foglio elettronico (definito anche spreadsheet) è uno strumento formidabile. Possiamo considerarlo come una specie di enorme tabellone a griglia il cui utilizzo si estende

Dettagli

5-1 FILE: CREAZIONE NUOVO DOCUMENTO

5-1 FILE: CREAZIONE NUOVO DOCUMENTO Capittol lo 5 File 5-1 FILE: CREAZIONE NUOVO DOCUMENTO In Word è possibile creare documenti completamente nuovi oppure risparmiare tempo utilizzando autocomposizioni o modelli, che consentono di creare

Dettagli

Comandi base di Autocad

Comandi base di Autocad Comandi base di Autocad Gli appunti di Autocad che seguono sono generali, ma possono subire qualche lieve variazione in base alla versione utilizzata oppure nelle versioni più recenti possono essere stati

Dettagli

Ipsia Monza via Monte Grappa 1 20052 Monza (MI) tel. 039-2003476 fax 039-2003475. Corsi CAD 2D Base. Struttura modulare

Ipsia Monza via Monte Grappa 1 20052 Monza (MI) tel. 039-2003476 fax 039-2003475. Corsi CAD 2D Base. Struttura modulare Corsi CAD 2D Base Struttura modulare Struttura della Parte I Concetti di base 1.a introduzione al Cad 2 1.b definizione delle viste 2 1.c interscambio dei disegni 2 1.d visualizzazione dei disegni 2 Tot.

Dettagli

INTRODUZIONE A WINDOWS

INTRODUZIONE A WINDOWS INTRODUZIONE A WINDOWS Introduzione a Windows Il Desktop Desktop, icone e finestre Il desktop è una scrivania virtuale in cui si trovano: Icone: piccole immagini su cui cliccare per eseguire comandi o

Dettagli

Manuale elettronico Selection CAD

Manuale elettronico Selection CAD Manuale elettronico Selection CAD Versione: 1.0 Nome: IT_AutoCAD_V1.PDF Argomenti: 1 Nozioni generali su Selection CAD (AutoCAD)...2 2 Interfaccia AutoCAD...2 2.1 Funzioni di menu...2 2.2 Funzioni delle

Dettagli

autocad sommario 12-10-2006 23:50 Pagina V Indice Introduzione

autocad sommario 12-10-2006 23:50 Pagina V Indice Introduzione autocad sommario 12-10-2006 23:50 Pagina V Indice Introduzione XV Capitolo 1 Introduzione ad AutoCAD 1 1.1 Comprensione della finestra di AutoCAD 1 Componenti della finestra 5 Area di disegno 9 Barra dei

Dettagli

4. Fondamenti per la produttività informatica

4. Fondamenti per la produttività informatica Pagina 36 di 47 4. Fondamenti per la produttività informatica In questo modulo saranno compiuti i primi passi con i software applicativi più diffusi (elaboratore testi, elaboratore presentazioni ed elaboratore

Dettagli

Capitolo 26: schemi di installazione

Capitolo 26: schemi di installazione Capitolo 26: schemi di installazione Avviate MasterChef dall icona presente sul vostro Desktop. Nota: Se state utilizzando una versione dimostrativa, una volta caricato il programma, un messaggio vi comunicherà

Dettagli

Corso di INFORMATICA GRAFICA. Modulo 2 (CAD) Stefano Cinti Luciani. Introduzione ad AutoCAD

Corso di INFORMATICA GRAFICA. Modulo 2 (CAD) Stefano Cinti Luciani. Introduzione ad AutoCAD Corso di INFORMATICA GRAFICA Modulo 2 (CAD) Stefano Cinti Luciani Introduzione ad AutoCAD Autodesk AutoCAD COS È AUTOCAD? Autodesk AutoCAD è un pacchetto software per la costruzione e modifica di disegni

Dettagli

On-line Corsi d Informatica sul Web

On-line Corsi d Informatica sul Web On-line Corsi d Informatica sul Web Corso base di Excel Università degli Studi della Repubblica di San Marino Capitolo 1 ELEMENTI DELLO SCHERMO DI LAVORO Aprire Microsoft Excel facendo clic su Start/Avvio

Dettagli

Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione. Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6

Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione. Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6 Patente Europea di Informatica ECDL Modulo 6 Lezione 1: Introduzione Struttura e aspetto di PowerPoint Sviluppare una presentazione Anno 2009/2010 Syllabus 5.0 Microsoft PowerPoint è un software progettato

Dettagli

Quaderni per l'uso di computer

Quaderni per l'uso di computer Quaderni per l'uso di computer con sistemi operativi Linux Ubuntu 2 DESKTOP, FINESTRE, CARTELLE E FILE a cura di Marco Marchetta Aprile 2013 1 DESKTOP E FINESTRE LA CARTELLA HOME : Dispositivi, Computer

Dettagli

A destra è delimitata dalla barra di scorrimento verticale, mentre in basso troviamo una riga complessa.

A destra è delimitata dalla barra di scorrimento verticale, mentre in basso troviamo una riga complessa. La finestra di Excel è molto complessa e al primo posto avvio potrebbe disorientare l utente. Analizziamone i componenti dall alto verso il basso. La prima barra è la barra del titolo, dove troviamo indicato

Dettagli

Microsoft PowerPoint

Microsoft PowerPoint Microsoft introduzione a E' un programma che si utilizza per creare presentazioni grafiche con estrema semplicità e rapidità. Si possono realizzare presentazioni aziendali diapositive per riunioni di marketing

Dettagli

Personalizza. Page 1 of 33

Personalizza. Page 1 of 33 Personalizza Aprendo la scheda Personalizza, puoi aggiungere, riposizionare e regolare la grandezza del testo, inserire immagini e forme, creare una stampa unione e molto altro. Page 1 of 33 Clicca su

Dettagli

APPUNTI WORD PER WINDOWS

APPUNTI WORD PER WINDOWS COBASLID Accedemia Ligustica di Belle Arti Laboratorio d informatica a.a 2005/06 prof Spaccini Gianfranco APPUNTI WORD PER WINDOWS 1. COSA È 2. NOZIONI DI BASE 2.1 COME AVVIARE WORD 2.2 LA FINESTRA DI

Dettagli

Concetti Fondamentali

Concetti Fondamentali EXCEL Modulo 1 Concetti Fondamentali Excel è un applicazione che si può utilizzare per: Creare un foglio elettronico; costruire database; Disegnare grafici; Cos è un Foglio Elettronico? Un enorme foglio

Dettagli

Introduzione. Strumenti di Presentazione Power Point. Risultato finale. Slide. Power Point. Primi Passi 1

Introduzione. Strumenti di Presentazione Power Point. Risultato finale. Slide. Power Point. Primi Passi 1 Introduzione Strumenti di Presentazione Power Point Prof. Francesco Procida procida.francesco@virgilio.it Con il termine STRUMENTI DI PRESENTAZIONE, si indicano programmi in grado di preparare presentazioni

Dettagli

Il Personal Computer. Uso del Computer e gestione dei File ECDL Modulo 2

Il Personal Computer. Uso del Computer e gestione dei File ECDL Modulo 2 Il Personal Computer Uso del Computer e gestione dei File ECDL Modulo 2 1 accendere il Computer Per accendere il Computer effettuare le seguenti operazioni: accertarsi che le prese di corrente siano tutte

Dettagli

Foglio elettronico (StarOffice)

Foglio elettronico (StarOffice) Modulo Foglio elettronico (StarOffice) Modulo - Foglio elettronico, richiede che il candidato comprenda il concetto di foglio elettronico e dimostri di sapere usare il programma corrispondente. Deve comprendere

Dettagli

Il foglio elettronico

Il foglio elettronico Il foglio elettronico Foglio di calcolo, Spreadsheet in inglese, Permette di elaborare DATI NUMERICI. E una TABELLA che contiene numeri che possono essere elaborati con FUNZIONI matematiche e statistiche.

Dettagli

S.C.S. - survey CAD system Tel. 045 / 7971883. Il menu file contiene tutti i comandi predisposti per:

S.C.S. - survey CAD system Tel. 045 / 7971883. Il menu file contiene tutti i comandi predisposti per: 1 - File Il menu file contiene tutti i comandi predisposti per: - l apertura e salvataggio di disegni nuovi e esistenti; - al collegamento con altri programmi, in particolare AutoCAD; - le opzioni di importazione

Dettagli

6.6 PREPARAZIONE ALLA PRESENTAZIONE

6.6 PREPARAZIONE ALLA PRESENTAZIONE 6.6 PREPARAZIONE ALLA PRESENTAZIONE Le funzionalità di Impress permettono di realizzare presentazioni che possono essere arricchite con effetti speciali animando gli oggetti o l entrata delle diapositive.

Dettagli

CORSO AUTOCAD CENNI PRELIMINARI

CORSO AUTOCAD CENNI PRELIMINARI CORSO AUTOCAD CENNI PRELIMINARI Benvenuti a tutti al corso sull utilizzo di Autocad, in questa prima lezione voglio quali sono i principi base del funzionamento di Autocad. Autocad non è nient altro che

Dettagli

Corso di Informatica di Base

Corso di Informatica di Base Corso di Informatica di Base LEZIONE N 5 Cortina d Ampezzo, 8 gennaio 2009 FOGLIO ELETTRONICO Il foglio elettronico può essere considerato come una specie di enorme tabellone a griglia il cui utilizzo

Dettagli

Corso di Informatica di Base

Corso di Informatica di Base Corso di Informatica di Base LEZIONE N 3 Cortina d Ampezzo, 4 dicembre 2008 ELABORAZIONE TESTI Grazie all impiego di programmi per l elaborazione dei testi, oggi è possibile creare documenti dall aspetto

Dettagli

Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail.

Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail. Dipartimento di Storia, Società e Studi sull Uomo Università del Salento Ing. Maria Grazia Celentano Mariagrazia.celentano@gmail.com Indice: La finestra di Word Barra del titolo Barra dei menu Barra degli

Dettagli

USARE WORD. - non solo per scrivere - Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica

USARE WORD. - non solo per scrivere - Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica Pagina 1 di 32 USARE WORD - non solo per scrivere - Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica Indice: - La finestra di Word pag. 2 - Barra del titolo pag. 3 - Barra dei menu pag.

Dettagli

USARE WORD - non solo per scrivere -

USARE WORD - non solo per scrivere - GUIDA WORD USARE WORD - non solo per scrivere - corso Word Un corso per chi vuole imparare ad usare Word senza fare fatica Indice: - La finestra di Word pag. 2 - Barra del titolo pag. 3 - Barra dei menu

Dettagli

AutoCAD 3D. Lavorare nello spazio 3D

AutoCAD 3D. Lavorare nello spazio 3D AutoCAD 3D Lavorare nello spazio 3D Differenze tra 2D e 3 D La modalità 3D include una direzione in più: la profondità (oltre l altezza e la larghezza) Diversi modi di osservazione Maggiore concentrazione

Dettagli

. A primi passi con microsoft a.ccepss SommarIo: i S 1. aprire e chiudere microsoft access Start (o avvio) l i b tutti i pro- grammi

. A primi passi con microsoft a.ccepss SommarIo: i S 1. aprire e chiudere microsoft access Start (o avvio) l i b tutti i pro- grammi Capitolo Terzo Primi passi con Microsoft Access Sommario: 1. Aprire e chiudere Microsoft Access. - 2. Aprire un database esistente. - 3. La barra multifunzione di Microsoft Access 2007. - 4. Creare e salvare

Dettagli

Laboratorio di Informatica. Facoltà di Economia Università di Foggia. Prof. Crescenzio Gallo

Laboratorio di Informatica. Facoltà di Economia Università di Foggia. Prof. Crescenzio Gallo . Laboratorio di Informatica Facoltà di Economia Università di Foggia Prof. Crescenzio Gallo Word è un programma di elaborazione testi che consente di creare, modificare e formattare documenti in modo

Dettagli

Guida di Keyboard Builder. 2009 Sielco Sistemi Srl

Guida di Keyboard Builder. 2009 Sielco Sistemi Srl Guida di Keyboard Builder Guida di Keyboard Builder Keyboard Builder è uno strumento che permette di costruire tastiere da visualizzare sullo schermo, utili per la realizzazione di applicazioni che operano

Dettagli

Capitolo I Esercitazione n. 1: Uso del computer e gestione dei file

Capitolo I Esercitazione n. 1: Uso del computer e gestione dei file Capitolo I Esercitazione n. 1: Uso del computer e gestione dei file Scopo: Windows, creare cartelle, creare e modificare file di testo, usare il cestino, spostare e copiare file, creare collegamenti. A

Dettagli

FONDAMENTI DI INFORMATICA. 3 Elaborazione testi

FONDAMENTI DI INFORMATICA. 3 Elaborazione testi FONDAMENTI DI INFORMATICA 3 Elaborazione testi Microsoft office word Concetti generali Operazioni principali Formattazione Oggetti Stampa unione Preparazione della stampa Schermata iniziale di Word Come

Dettagli

CORSO DI INFORMATICA 2

CORSO DI INFORMATICA 2 CORSO DI INFORMATICA 2 RINOMINARE FILE E CARTELLE Metodo 1 1 - clicca con il tasto destro del mouse sul file o cartella che vuoi rinominare (nell esempio Mio primo file ) 2 - dal menu contestuale clicca

Dettagli

Syllabus P.E.K.I.T. CAD

Syllabus P.E.K.I.T. CAD Syllabus P.E.K.I.T. CAD 1 Fase 1 Concetti di base 1.1 Cominciare a lavorare 1.1.1 Campi di applicazioni del CAD Sistemi di disegno tecnico computerizzato (CAE, CAM, GIS) Autodesk e le versioni di AutoCAD,

Dettagli

Capitolo 9. Figura 104. Tabella grafico. Si evidenzia l intera tabella A1-D4 e dal menù Inserisci si seleziona Grafico. Si apre la seguente finestra:

Capitolo 9. Figura 104. Tabella grafico. Si evidenzia l intera tabella A1-D4 e dal menù Inserisci si seleziona Grafico. Si apre la seguente finestra: Capitolo 9 I GRAFICI Si apra il Foglio3 e lo si rinomini Grafici. Si crei la tabella seguente: Figura 104. Tabella grafico Si evidenzia l intera tabella A1-D4 e dal menù Inserisci si seleziona Grafico.

Dettagli

SCRIVERE TESTI CON WORD

SCRIVERE TESTI CON WORD SCRIVERE TESTI CON WORD Per scrivere una lettera, un libro, una tesi, o un semplice cartello occorre un programma di elaborazione testo. Queste lezioni fanno riferimento al programma più conosciuto: Microsoft

Dettagli

Pratica 3 Creare e salvare un documento. Creare e salvare un file di testo

Pratica 3 Creare e salvare un documento. Creare e salvare un file di testo Pratica 3 Creare e salvare un documento Creare e salvare un file di testo Centro Servizi Regionale Pane e Internet Redazione a cura di Roger Ottani, Grazia Guermandi Luglio 2015 Realizzato da RTI Ismo

Dettagli

Corsi ECDL 2008 2009 Fabio Naponiello

Corsi ECDL 2008 2009 Fabio Naponiello Chi inizia un'attività di ufficio con l ausilio di strumenti informatici, si imbatte subito nei comuni e ricorrenti lavori di videoscrittura. Redigere lettere, comunicati, piccole relazioni ecc, sono tipiche

Dettagli

Word Elaborazione testi

Word Elaborazione testi I seguenti appunti sono tratti da : Consiglio Nazionale delle ricerche ECDL Test Center modulo 3 Syllabus 5.0 Roberto Albiero Dispense di MS Word 2003 a cura di Paolo PAVAN - pavan@netlink.it Word Elaborazione

Dettagli

3. Gestione di un sistema operativo a interfaccia grafica (elementi di base) 3.1 Software

3. Gestione di un sistema operativo a interfaccia grafica (elementi di base) 3.1 Software Pagina 29 di 47 3. Gestione di un sistema operativo a interfaccia grafica (elementi di base) 3.1 Software Come abbiamo già detto in precedenza, l informatica si divide in due grandi mondi : l hardware

Dettagli

Istituto Alberghiero De Filippi Laboratorio di informatica Corso ECDL MODULO 6 ECDL. Strumenti di presentazione Microsoft PowerPoint ECDL

Istituto Alberghiero De Filippi Laboratorio di informatica Corso ECDL MODULO 6 ECDL. Strumenti di presentazione Microsoft PowerPoint ECDL Istituto Alberghiero De Filippi Laboratorio di informatica Corso ECDL MODULO 6 ECDL Strumenti di presentazione Microsoft PowerPoint ECDL Gli strumenti di presentazione servono a creare presentazioni informatiche

Dettagli

CREARE PRESENTAZIONI CON POWERPOINT

CREARE PRESENTAZIONI CON POWERPOINT CREARE PRESENTAZIONI CON POWERPOINT Creare presentazioni per proiettare album fotografici su PC, presentare tesi di laurea, o esporre prodotti e servizi. Tutto questo lo puoi fare usando un programma di

Dettagli

Microsoft Access - dispensa didattica ECDL Modulo 5 - a cura di Antonino Terranova PAG 1

Microsoft Access - dispensa didattica ECDL Modulo 5 - a cura di Antonino Terranova PAG 1 Microsoft Access - Determinare l input appropriato per il database...2 Determinare l output appropriato per il database...2 Creare un database usando l autocomposizione...2 Creare la struttura di una tabella...4

Dettagli

Capitolo 11. Il disegno in 3D

Capitolo 11. Il disegno in 3D Capitolo 11 Il disegno in 3D o 11.1 Uso delle coordinate nello spazio o 11.2 Creazione di oggetti in 3D o 11.3 Uso dei piani di disegno in 3D (UCS) o 11.4 Creazione delle finestre di vista o 11.5 Definizione

Dettagli

CdL in Medicina Veterinaria - STPA AA 2007-08

CdL in Medicina Veterinaria - STPA AA 2007-08 CdL in Medicina Veterinaria - STPA AA 2007-08 Microsoft Windows Funzionalità di un S.O. Gestione dei file Gestione dei dispositivi di ingresso/uscita Comandi per l attivazione e la gestione di programmi

Dettagli

Breve guida a WORD per Windows

Breve guida a WORD per Windows 1. COSA È Il Word della Microsoft è pacchetto applicativo commerciale che rientra nella categoria dei word processor (elaboratori di testi). Il Word consente il trattamento avanzato di testi e grafica,

Dettagli

MODULO 5 Basi di dati (database)

MODULO 5 Basi di dati (database) MODULO 5 Basi di dati (database) I contenuti del modulo: questo modulo riguarda la conoscenza da parte del candidato dei concetti fondamentali sulle basi di dati e la sua capacità di utilizzarli. Il modulo

Dettagli

UTILIZZO DI WORD PROCESSOR

UTILIZZO DI WORD PROCESSOR UTILIZZO DI WORD PROCESSOR (ELABORAZIONE TESTI) Laboratorio Informatico di base A.A. 2013/2014 Dipartimento di Scienze Aziendali e Giuridiche Università della Calabria Dott. Pierluigi Muoio (pierluigi.muoio@unical.it)

Dettagli

INIZIAMO A IMPARARE WORD

INIZIAMO A IMPARARE WORD Associazione Nazionale Seniores Enel Associazione di solidarietà tra dipendenti e pensionati delle Aziende del Gruppo Enel Sezione Territoriale Lombardia - Nucleo di Milano E-Mail del Nucleo di Milano:

Dettagli

EasyPrint v4.15. Gadget e calendari. Manuale Utente

EasyPrint v4.15. Gadget e calendari. Manuale Utente EasyPrint v4.15 Gadget e calendari Manuale Utente Lo strumento di impaginazione gadget e calendari consiste in una nuova funzione del software da banco EasyPrint 4 che permette di ordinare in maniera semplice

Dettagli

Patente Europea del Computer ECDL - MODULO 3

Patente Europea del Computer ECDL - MODULO 3 Patente Europea del Computer ECDL - MODULO 3 Lezione 1 di 3 Introduzione a Word 2007 e all elaborazione testi Menù Office Scheda Home Impostazioni di Stampa e stampa Righello Intestazione e piè di pagina

Dettagli

Olga Scotti. Basi di Informatica. Il sistema operativo Windows

Olga Scotti. Basi di Informatica. Il sistema operativo Windows Basi di Informatica Il sistema operativo Windows Perchè Windows? MS-DOS: Interfaccia di solo testo Indispensabile conoscere i comandi Linux & Co. : Meno diffuso soprattutto nelle aziende Bella interfaccia

Dettagli

Uso del Computer. Per iniziare. Avvia il computer Premi il tasto di accensione: Windows si avvia automaticamente

Uso del Computer. Per iniziare. Avvia il computer Premi il tasto di accensione: Windows si avvia automaticamente Per iniziare Uso del Computer Avvia il computer Premi il tasto di accensione: Windows si avvia automaticamente Cliccando su START esce un menù a tendina in cui sono elencati i programmi e le varie opzioni

Dettagli

Alibre Design. Lezione n 6 Messa in tavola. www.lista.it Sesto esercizio, pagina 1 di 22

Alibre Design. Lezione n 6 Messa in tavola. www.lista.it Sesto esercizio, pagina 1 di 22 Alibre Design Lezione n 6 Messa in tavola www.lista.it Sesto esercizio, pagina 1 di 22 Abbiamo già visto nelle lezioni precedenti come avviare Alibre in modalità Pezzo (per disegnare una parte) o in modalità

Dettagli

11.2 Uso di strumenti informatici nella didattica di tecnologia e informatica

11.2 Uso di strumenti informatici nella didattica di tecnologia e informatica 11.2 Uso di strumenti informatici nella didattica di tecnologia e informatica a cura di Gian Piero Benente Le competenze necessarie al docente di tecnologia e informatica della scuola elementare e della

Dettagli

DISPENSA PER MICROSOFT WORD 2010

DISPENSA PER MICROSOFT WORD 2010 DISPENSA PER MICROSOFT WORD 2010 Esistono molte versioni di Microsoft Word, dalle più vecchie ( Word 97, Word 2000, Word 2003 e infine Word 2010 ). Creazione di documenti Avvio di Word 1. Fare clic sul

Dettagli

FONDAMENTI DI AUTOCAD

FONDAMENTI DI AUTOCAD Indice Introduzione XIII PARTE PRIMA FONDAMENTI DI AUTOCAD 1 Capitolo 1 Iniziare a disegnare 3 1.1 Conoscere AutoCAD 3 1.2 Avviare AutoCAD 4 1.3 Creare un nuovo disegno 5 1.4 Utilizzare l interfaccia di

Dettagli

LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC

LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC LA FINESTRA DI OPEN OFFICE CALC Barra di Formattazione Barra Standard Barra del Menu Intestazione di colonna Barra di Calcolo Contenuto della cella attiva Indirizzo della cella attiva Cella attiva Intestazione

Dettagli

Versione aggiornata al 11.11.2014

Versione aggiornata al 11.11.2014 Word Processing Versione aggiornata al 11.11.2014 A cura di Massimiliano Del Gaizo Massimiliano Del Gaizo Pagina 1 SCHEDA (RIBBON) HOME 1. I L G R U P P O C A R AT T E R E Word ci offre la possibilità,

Dettagli

Operazioni fondamentali

Operazioni fondamentali Elaborazione testi Le seguenti indicazioni valgono per Word 2007, ma le procedure per Word 2010 sono molto simile. In alcuni casi (per esempio, Pulsante Office /File) ci sono indicazioni entrambe le versioni.

Dettagli

Guida OpenOffice.org Writer

Guida OpenOffice.org Writer Guida OpenOffice.org Writer Le visualizzazioni di Writer Writer permette di visualizzare un documento in diverse maniere tramite: Visualizza->Schermo intero: permette di visualizzare il documento Writer

Dettagli

STRUMENTI DI PRESENTAZIONE POWERPOINT 2003

STRUMENTI DI PRESENTAZIONE POWERPOINT 2003 STRUMENTI DI PRESENTAZIONE POWERPOINT 2003 INDICE 1 Strumenti di Presentazione... 4 2 Concetti generali di PowerPoint... 5 2.1 APRIRE POWERPOINT... 5 2.2 SELEZIONE DEL LAYOUT... 6 2.3 SALVARE LA PRESENTAZIONE...

Dettagli

Usa lo sfoglialibro su Smart Notebook

Usa lo sfoglialibro su Smart Notebook Usa lo sfoglialibro su Smart Notebook Interfaccia di Smart Notebook 2 I menu di Notebook 3 Barra degli strumenti orizzontale 4 Barra degli strumenti verticale 5 Barra degli strumenti mobili 6 I principali

Dettagli

MODULO 4: FOGLIO ELETTRONICO (EXCEL)

MODULO 4: FOGLIO ELETTRONICO (EXCEL) MODULO 4: FOGLIO ELETTRONICO (EXCEL) 1. Introduzione ai fogli elettronici I fogli elettronici sono delle applicazioni che permettono di sfruttare le potenzialità di calcolo dei Personal computer. Essi

Dettagli

La creazione e l apertura dei disegni

La creazione e l apertura dei disegni Capitolo 3 La creazione e l apertura dei disegni Per lavorare con efficienza è importante memorizzare i documenti in modo da poterli ritrovare facilmente. È indispensabile, inoltre, disporre di modelli

Dettagli

Modellare una poltrona

Modellare una poltrona 7 Modellare una poltrona Sfruttando i comandi di costruzione delle superfici, modelleremo un arredo di media complessità, la poltrona, alla ricerca di una geometria organica che rispetti la continuità

Dettagli

The Free Interactive Whiteboard Software

The Free Interactive Whiteboard Software The Free Interactive Whiteboard Software Per eseguire il Download del Software Digita nella barra di Google l indirizzo Una finestra di dialogo ti chiederà di inserire i tuoi dati personali Scegli il sistema

Dettagli

il foglio elettronico

il foglio elettronico 1 il foglio elettronico ecdl - modulo 4 toniorollo 2013 il modulo richiede 1/2 comprendere il concetto di foglio elettronico e dimostri di sapere usare il programma di foglio elettronico per produrre dei

Dettagli

Capitolo 5: Creazione di un disegno DWG

Capitolo 5: Creazione di un disegno DWG Capitolo 5: Creazione di un disegno DWG Avviate MasterChef dall icona presente sul vostro Desktop. Nota: Se state utilizzando una versione dimostrativa, una volta caricato il programma, un messaggio vi

Dettagli

5.2 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE

5.2 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE 5.2 UTILIZZO DELL APPLICAZIONE Base offre la possibilità di creare database strutturati in termini di oggetti, quali tabelle, formulari, ricerche e rapporti, di visualizzarli e utilizzarli in diverse modalità.

Dettagli

Guida rapida dei comandi

Guida rapida dei comandi Guida rapida dei comandi Guida rapida dei comandi Questo capitolo presenta una rapida panoramica dei comandi di PRO_SAP con le relative modalità di accesso. Le informazioni presentate per ogni comando

Dettagli

2.2.2.1 Identificare le diverse parti di una finestra: barra del titolo, barra dei menu, barra degli strumenti, barra di stato, barra di scorrimento.

2.2.2.1 Identificare le diverse parti di una finestra: barra del titolo, barra dei menu, barra degli strumenti, barra di stato, barra di scorrimento. Uso del computer e gestione dei file 57 2.2.2.1 Identificare le diverse parti di una finestra: barra del titolo, barra dei menu, barra degli strumenti, barra di stato, barra di scorrimento. All interno

Dettagli

COMANDI AUTOCAD. 2.Copia. 1.Cancella STRUMENTI FONDAMENTALI. dfh. Lo strumento cancella elimina gli oggetti dal disegno

COMANDI AUTOCAD. 2.Copia. 1.Cancella STRUMENTI FONDAMENTALI. dfh. Lo strumento cancella elimina gli oggetti dal disegno Istituto «25 Aprile» Corso CAT a.s. 2013/14 Barra degli strumenti Edita COMANDI AUTOCAD Concetti fondamentali dei comandi AUTOCAD STRUMENTI FONDAMENTALI 1. Cancella 2. Copia 3. Specchio 4. Offset 5. Sposta

Dettagli

IMPARIAMO WORD. Nella prima lezione abbiamo digitato un breve testo e abbiamo imparato i comandi base per formattarlo, salvarlo e stamparlo.

IMPARIAMO WORD. Nella prima lezione abbiamo digitato un breve testo e abbiamo imparato i comandi base per formattarlo, salvarlo e stamparlo. II^ lezione IMPARIAMO WORD Nella prima lezione abbiamo digitato un breve testo e abbiamo imparato i comandi base per formattarlo, salvarlo e stamparlo. Oggi prendiamo in esame, uno per uno, i comandi della

Dettagli

Piccola guida a Microsoft Word 2003

Piccola guida a Microsoft Word 2003 Pagina 1 di 8 Indice Piccola guida a Microsoft Word 2003 ELEMENTI DI CARATTERE GENERALE I. Per visualizzare le barre degli strumenti II. Per inserire un intestazione o un piè di pagina III. Per modificare

Dettagli

GUIDA RAPIDA ALL USO DI EXCEL

GUIDA RAPIDA ALL USO DI EXCEL GUIDA RAPIDA ALL USO DI EXCEL I fogli elettronici vengono utilizzati in moltissimi settori, per applicazioni di tipo economico, finanziario, scientifico, ingegneristico e sono chiamati in vari modi : fogli

Dettagli