Assembler di Spim. Assembler di SPIM. Struttura di un programma assembler. Direttive

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Assembler di Spim. Assembler di SPIM. Struttura di un programma assembler. Direttive"

Transcript

1 Assembler di Spim Assembler di SPIM Il programma è organizzato in linee Ogni linea può contenere un commento che parte dal carattere # e si estende fino alla fine della linea Ogni linea che non sia bianca o contenga solo un commento, può essere una istruzione (o pseudoistruzione) o una direttiva Spazi, tab e virgole (,) fungono da separatori Gli identificatori sono sequenze di caratteri alfanumerici (lettere, cifre, $), underbar (_) e dot (.) che non incominciano per cifra 116 Lettere minuscole e maiuscole non sono equivalenti Le etichette (label) si definiscono scrivendole all inizio della linea, seguite da due punti (:) I mnemonici di istruzioni, pseudoistruzioni, diret-tive e registri ($0-$31, $zero, $at,...) sono riservati I numeri si indicano in decimale (default) o, se preceduti da 0x in esadecimale Le stringhe si racchiudono tra, con: newline \n tab \t quote \ 117 Struttura di un programma assembler.data #segmento dati elemento:.word 10.text #segmento codice.global main #main main:... Direttive Le principali direttive all assemblatore sono:.data,.kdata.text,.ktext.space.ascii,.asciiz,.byte,.double,.float,.half,.word.align Global vs. External:.global etichetta : rende etichetta visibile agli altri files.extern etichetta: etichetta e dichiarato come global in un altro file

2 .data,.kdata Global Pointer.data introduce dati da caricare nel segmento dati.kdata introduce dati da caricare nel segmento dati del kernel I dati sono caricati, nel segmento dati, a partire dall indirizzo 0x in modo da poter essere agevolmente indirizzati tramite $gp I dati sono caricati, nel segmento dati del kernel, a partire dall indirizzo 0x Disponendo di un offset a 16 bit le istruzioni di load/store non possono accedere direttamente ai dati statici: lui $16, 0x1000 lw $2, 0x8000($16) Conviene dedicare un registro (per convenzione $28) come puntatore globale, caricandovi l indirizzo 0x (è automatico in SPIM), in modo da rendere direttamente accessibili i primi 64KB dei dati statici: lw $2, 0($28) 121.text,.ktext.space.text introduce istruzioni e word da caricare nel segmento testo.ktext introduce istruzioni e word da caricare nel segmento testo del kernel Istruzioni e word sono caricate a partire dall indirizzo 0x nel segmento testo e 0x nel segmento testo del kernel.space n alloca n byte, non inizializzati, nel segmento corrente usato per dichiarare array ed altre strutture dati buffer:.space 100 usato nel segmento testo del kernel per porre il trap handler (start-up program) a partire dall indirizzo 0x ktext.space 0x

3 .ascii,.asciiz.ascii stringa Carica stringa in memoria, senza terminarla con nul.asciiz stringa Carica stringa in memoria, terminandola con nul.asciiz Input data:\n.byte,.half,.word,.float,.double Consentono di caricare più numeri nei formati byte, halfword, word, float e double in posizioni consecutive di memoria.byte b1,..., bn.half h1,..., hn.word w1,..., wn.float f1,..., fn.double d1,..., dn Gli interi sono esprimibili in decimale o esadecimale I float e double vanno espressi in decimale, con. obbligatorio dopo parte intera ed esponente (e) opzionale start E l etichetta che, per default, specifica la prima istruzione eseguibile del programma E di solito definita nel trap file, dove è associata al codice start:... jal main li $v0 10 # 10 (exit) In questo caso è sufficiente che il programma contenga la funzione main, secondo la convenzione C. 126 Caratteristiche essenziali di PCSpim clear : pulisce registri e memoria load : carica il programma run : esegue il programma step : esecuzione single-step breakpoint : set/delete breakpoints Nota: Codice di Startup e pre-caricato. Pseudo-istruzioni sono espanse in istruzioni reali. 127

4 Chiamate di sistema (system call) Interfaccia attraverso la quale il programma interagisce col sistema operativo Modalita d uso: mettere il parametro in un registro ($a0, $a1) specificare il tipo di system call (mettendo un parametro nel registro $v0) Esempio move $a0, $t2 li $v0, System call # This is the data segment.data string0:.asciiz "This is a text string\n" item0:.word 99 array0:.word

5 # EXAMPLE I: Print a string on the console. # The method is to load the address of the string into # $a0 and then use a to print the string. la $a0, string0 # Load the base address # of string0 into $a0 li $v0, 4 # Set $v0 to 4, this # tells to # print the text string # specified by $a0 # Now print the text # string to the console # EXAMPLE II: Load an integer from the data segment # and print it. lw $a0, item0 # Load the value of item0 # into $a0 li $v0, 1 # Set $v0 to 1, this tells # to print the # integer specified by $a0 # Now print the integer # EXAMPLE III: Read an integer from the console. li $v0, 5 # Set $v0 to 5, this tells # to read an # integer from the console # Now read the integer. # The integer is now in $v # EXAMPLE IV: Print an element from an integer array # in the data segment. li $t0, 3 # Set t0 to 3, the index of # the element we are fetching li $t1, 4 # Set t1 to 4, this is the # size in bytes of an element mul $t2, $t1, $t0 # t2 = t1 * t0, so t2 is the # BYTE offset of the element lw $a0, array0($t2) # Load the element of the # array; note that the first # element in the array has # an offset of zero li $v0, 1 # Set $v0 to 1, this tells # to print the # integer specified by $a0 # Now print the integer 135

6 # EXAMPLE V: Halt the program. li $v0, 10 # set $v0 to 10, this tells # to end execution 136 C MIPS === ====== global var.data x = y; lw $t0, y sw $t0, x x = y + z; lw $t0, y lw $t1, z add $t0, $t0, $t1 sw $t0, x char s[] = "hello\n"; s:.asciiz "hello\n" x = s[2]; li $t0, 2 lb $t1, s($t0) x = s[y]; lw $s0, y lb $s1, s($s0) 137

Il simulatore SPIM SPIM

Il simulatore SPIM SPIM Il simulatore SPIM Architetture dei Calcolatori (lettere A-I) SPIM SPIM: un simulatore per eseguire programmi assembler scritti per processori MIPS32 Download e materiale relativo alla pagina Web http://www.cs.wisc.edu/~larus/spim.html

Dettagli

Architetture dei Calcolatori (Lettere. Installazione di SPIM. Interfaccia Grafica

Architetture dei Calcolatori (Lettere. Installazione di SPIM. Interfaccia Grafica SPIM Architetture dei Calcolatori (Lettere A-I) SPIM Ing.. Francesco Lo Presti Simulatore che esegue programmi assembler per architetture RISC MIPS R2000/R3000 Legge programmi in assembler MIPS e li traduce

Dettagli

Le costanti Le modalità di indirizzamento L assembly del MIPS

Le costanti Le modalità di indirizzamento L assembly del MIPS Le costanti Le modalità di indirizzamento L assembly del MIPS Prof. Alberto Borghese Dipartimento di Scienze dell Informazione borghese@dsi.unimi.it Università degli Studi di Milano 1/45 Sommario Le costanti

Dettagli

L ambiente di simulazione SPIM

L ambiente di simulazione SPIM Architettura degli Elaboratori e delle Reti Lezione 14 L ambiente di simulazione SPIM Proff. A. Borghese, F. Pedersini Dipartimento di Scienze dell Informazione Università degli Studi di Milano L 14 1/28

Dettagli

[http://www.di.univaq.it/muccini/labarch]

[http://www.di.univaq.it/muccini/labarch] [http://www.di.univaq.it/muccini/labarch] Modulo di Laboratorio di Architettura degli Elaboratori Corso di Architettura degli Elaboratori con Laboratorio Docente: H. Muccini Lecture 3: Introduzione a SPIM

Dettagli

Appunti per il corso di Laboratorio di informatica: Architetture

Appunti per il corso di Laboratorio di informatica: Architetture Appunti per il corso di Laboratorio di informatica: Architetture a cura di Annalisa Massini VERSIONE PRELIMINARE Docenti: Annalisa Massini canale A H Andrea Sterbini canale G Z AA 2000/2001 Parte prima

Dettagli

Calcolatori Elettronici A a.a. 2008/2009

Calcolatori Elettronici A a.a. 2008/2009 Calcolatori Elettronici A a.a. 2008/2009 ISA e LINGUAGGIO ASSEMBLY MIPS ESERCIZI Massimiliano Giacomin ESERCIZIO Utilizzando la green card, tradurre in linguaggio macchina le due istruzioni in assembly

Dettagli

MIPS Instruction Set 2

MIPS Instruction Set 2 Laboratorio di Architettura 15 aprile 2011 1 Architettura Mips 2 Chiamata a Funzione 3 Esercitazione Registri MIPS reference card: http://refcards.com/docs/waetzigj/mips/mipsref.pdf 32 registri general

Dettagli

ToolChain: Come Generare Applicazioni in Linguaggio Macchina

ToolChain: Come Generare Applicazioni in Linguaggio Macchina ToolChain: Come Generare Applicazioni in Linguaggio Macchina Luca Abeni e Luigi Palopoli March 30, 2015 La Lingua della CPU Una CPU capisce e riesce ad eseguire solo il linguaggio macchina Linguaggio di

Dettagli

Calcolatori Elettronici Parte X: l'assemblatore as88

Calcolatori Elettronici Parte X: l'assemblatore as88 Anno Accademico 2013/2014 Calcolatori Elettronici Parte X: l'assemblatore as88 Prof. Riccardo Torlone Università Roma Tre L'assemblatore as88 Disponibile presso: CD-ROM allegato al libro di testo del corso

Dettagli

Laboratorio di Architettura degli Elaboratori

Laboratorio di Architettura degli Elaboratori Laboratorio di Architettura degli Elaboratori Dott. Massimo Tivoli Introduzione a MARS: interfaccia, struttura di un programma, gestione dell input L assemblatore e simulatore MARS Permette di eseguire

Dettagli

Introduzione. Indice. Linguaggio macchina. Linguaggio assembler

Introduzione. Indice. Linguaggio macchina. Linguaggio assembler Indice Linguaggio ad alto livello, linguagio assembler e linguaggio macchina Il linguaggio assembler MIPS: istruzioni aritmetiche, di trasferimento dati e di salto Conversione linguaggio assembler in linguaggio

Dettagli

Architettura dei calcolatori e sistemi operativi. Assemblatore e Collegatore (Linker) Capitolo 2 P&H Appendice 2 P&H

Architettura dei calcolatori e sistemi operativi. Assemblatore e Collegatore (Linker) Capitolo 2 P&H Appendice 2 P&H Architettura dei calcolatori e sistemi operativi Assemblatore e Collegatore (Linker) Capitolo 2 P&H Appendice 2 P&H Sommario Il processo di assemblaggio Il collegatore (linker) 2 Assemblatore: traduzione

Dettagli

Assembly III SPIM: un ambiente di simulazione MIPS

Assembly III SPIM: un ambiente di simulazione MIPS Architettura degli Elaboratori e delle Reti Lezione 13 Assembly III SPIM: un ambiente di simulazione MIPS Proff. A. Borghese, F. Pedersini Dipartimento di Scienze dell Informazione Università degli Studi

Dettagli

L Assembler 80x86 Concetti Generali. M. Rebaudengo M. Sonza Reorda P. Bernardi

L Assembler 80x86 Concetti Generali. M. Rebaudengo M. Sonza Reorda P. Bernardi L Assembler 80x86 Concetti Generali M. Rebaudengo M. Sonza Reorda P. Bernardi Sommario Introduzione Pseudo-Istruzioni Operatori Modi di Indirizzamento Istruzioni Sommario Introduzione Pseudo-Istruzioni

Dettagli

Assembler Intel 80x86: Struttura di un programma e Direttive

Assembler Intel 80x86: Struttura di un programma e Direttive Assembler Intel 80x86: Struttura di un programma e Direttive Calcolatori Elettronici B a.a. 2004/2005 Massimiliano Giacomin 1 Istruzioni e direttive Formato generale dei comandi: [nome] codice operazione

Dettagli

Nascita di Java. Che cos e Java? Caratteristiche di Java. Java: linguaggio a oggetti

Nascita di Java. Che cos e Java? Caratteristiche di Java. Java: linguaggio a oggetti Nascita di Java L uscita di Java, verso la metà degli anni novanta, fu accolta con molto entusiasmo dalla comunità dei programmatori e dei provider di servizi internet perché permetteva agli utenti del

Dettagli

Sommario Introduzione al linguaggio Assembly. Calcolatori Elettronici Prof. Gian Luca Marcialis. Le operazioni fondamentali

Sommario Introduzione al linguaggio Assembly. Calcolatori Elettronici Prof. Gian Luca Marcialis. Le operazioni fondamentali Prof. Gian Luca Marcialis Corso di Laurea di Ingegneria Elettronica Capitolo 5 Linguaggio Assembly Fonti principali: Patterson, A.D., Hennessy, J., "Struttura, organizzazione e progetto dei calcolatori

Dettagli

ARCHITETTURA DEGLI ELABORATORI II - LABORATORIO

ARCHITETTURA DEGLI ELABORATORI II - LABORATORIO ARCHITETTURA DEGLI ELABORATORI II - LABORATORIO PRIMA ESERCITAZIONE Nota. Per informazioni generali, riferimenti bibliografici, link e altro si consulti la pagina web del corso: http://homes.di.unimi.it/

Dettagli

Linguaggio Assembler MIPS

Linguaggio Assembler MIPS Linguaggio Assembler MIPS Corso di Calcolatori Elettronici Corso di Calcolatori Elettronici A A.A. 2000/2001 Dr. Daniela Fogli Notazione Operazioni aritmetiche: Somma add a, b, c fa la somma di b e c e

Dettagli

Alfabeto ed elementi lessicali del linguaggio C

Alfabeto ed elementi lessicali del linguaggio C Programmazione M-Z Ingegneria e Scienze Informatiche - Cesena A.A. 2015-2016 Alfabeto ed elementi lessicali del linguaggio C Pietro Di Lena - pietro.dilena@unibo.it s t a t i c s h o r t l e g s ; i n

Dettagli

Lezione 16: L architettura LC-3

Lezione 16: L architettura LC-3 Lezione 16: L architettura LC-3 Laboratorio di Elementi di Architettura e Sistemi Operativi 15 Maggio 2013 Ricorda... Il ciclo di esecuzione di un istruzione è composto da sei fasi: FETCH DECODE ADDRESS

Dettagli

Capitolo Quarto...2 Le direttive di assemblaggio di ASM 68000...2 Premessa...2 1. Program Location Counter e direttiva ORG...2 2.

Capitolo Quarto...2 Le direttive di assemblaggio di ASM 68000...2 Premessa...2 1. Program Location Counter e direttiva ORG...2 2. Capitolo Quarto...2 Le direttive di assemblaggio di ASM 68000...2 Premessa...2 1. Program Location Counter e direttiva ORG...2 2. Dichiarazione di dati: le direttive DS e DC...3 2.1 Direttiva DS...3 2.2

Dettagli

puntatori Lab. Calc. AA 2007/08 1

puntatori Lab. Calc. AA 2007/08 1 puntatori Lab. Calc. AA 2007/08 1 parametri delle funzioni (dalla lezione scorsa) gli argomenti in C vengono passati by value dalla funzione chiamante alla funzione chiamata la lista degli argomenti viene

Dettagli

Architettura (10/9/2003) Pag. 1/6. Cognome e Nome (in stampatello):

Architettura (10/9/2003) Pag. 1/6. Cognome e Nome (in stampatello): Architettura (10/9003) Pag. 1/6 Esame di Architettura (matr.0-1) del 10/9003 Per Fondamenti di Architettura NON rispondere Per le domande a risposta multipla cerchiare la risposta scelta. Non alle domande

Dettagli

CALCOLATORI ELETTRONICI II

CALCOLATORI ELETTRONICI II CALCOLATORI ELETTRONICI II L ASSEMBLATORE Microsoft MASM MASM Argomenti della lezione Faremo riferimento al linguaggio sorgente accettato dall assemblatore Microsoft MASM nelle versioni successive alla

Dettagli

Assembly MIPS: gestione degli array strutture di controllo. A. Borghese, F. Pedersini Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Milano

Assembly MIPS: gestione degli array strutture di controllo. A. Borghese, F. Pedersini Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Milano Architettura degli Elaboratori Assembly MIPS: gestione degli array strutture di controllo A. Borghese, F. Pedersini Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Milano 1 Istruzione MIPS: lw (load

Dettagli

Università degli Studi di Roma La Sapienza

Università degli Studi di Roma La Sapienza Università degli Studi di Roma La Sapienza Architettura degli elaboratori II Introduzione ai concetti ed al simulatore SPIM Indice degli argomenti Introduzione Assembler, compilatore, linker, programma

Dettagli

Stream EDitor (sed) sed NON modifica l'input 2. L'output viene inviato allo standard output e puo' essere rediretto

Stream EDitor (sed) sed NON modifica l'input 2. L'output viene inviato allo standard output e puo' essere rediretto Sed & Awk Stream EDitor (sed) sed: editor di linea che non richiede l'interazione con l'utente sed può filtrare l'input che riceve da un file o una pipe La sintassi di sed NON definisce un output: L'output

Dettagli

Gli array. Gli array. Gli array. Classi di memorizzazione per array. Inizializzazione esplicita degli array. Array e puntatori

Gli array. Gli array. Gli array. Classi di memorizzazione per array. Inizializzazione esplicita degli array. Array e puntatori Gli array Array e puntatori Laboratorio di Informatica I un array è un insieme di elementi (valori) avente le seguenti caratteristiche: - un array è ordinato: agli elementi dell array è assegnato un ordine

Dettagli

L ambiente di simulazione SPIM

L ambiente di simulazione SPIM Architettura degli Elaboratori e delle Reti Lezione 14 L ambiente di simulazione SPIM Proff. A. Borghese, F. Pedersini Dipartimento di Scienze dell Informazione Università degli Studi di Milano L 14 1/20

Dettagli

Lezione 1: L architettura LC-3 Laboratorio di Elementi di Architettura e Sistemi Operativi 10 Marzo 2014

Lezione 1: L architettura LC-3 Laboratorio di Elementi di Architettura e Sistemi Operativi 10 Marzo 2014 Lezione 1: L architettura LC-3 Laboratorio di Elementi di Architettura e Sistemi Operativi 10 Marzo 2014 Ricorda... Il ciclo di esecuzione di un istruzione è composto da sei fasi: FETCH DECODE ADDRESS

Dettagli

Alcune regole di base per scrivere un programma in linguaggio C

Alcune regole di base per scrivere un programma in linguaggio C Alcune regole di base per scrivere un programma in linguaggio C Un programma il linguaggio C (listato) viene scritto in formato testo ed archiviato in un file: *.c Per scrivere un listato C si utilizza

Dettagli

Università degli Studi di Roma La Sapienza

Università degli Studi di Roma La Sapienza Università degli Studi di Roma La Sapienza Architettura degli elaboratori II Introduzione ai concetti ed al simulatore SPIM Andrea Sterbini e Franco Liberati Tratto da dispense di Alberto Montresor, Riccardo

Dettagli

Introduzione alla programmazione in C

Introduzione alla programmazione in C Introduzione alla programmazione in C Testi Consigliati: A. Kelley & I. Pohl C didattica e programmazione B.W. Kernighan & D. M. Ritchie Linguaggio C P. Tosoratti Introduzione all informatica Materiale

Dettagli

Blocchi funzione: FbModbusAsciiMs

Blocchi funzione: FbModbusAsciiMs Pagina 1 di 6 ELSIST Srl, www.elsist.it Blocchi funzione MNL041Q000 FbModbusAsciiMs Questo blocco funzione permette lo scambio di dati tra due sistemi, uno master ed uno slave, utilizzando una connessione

Dettagli

3. La sintassi di Java

3. La sintassi di Java pag.9 3. La sintassi di Java 3.1 I tipi di dati statici In Java, come in Pascal, esistono tipi di dati statici predefiniti e sono i seguenti: byte 8 bit da -128 a 127 short 16 bit coincide con l integer

Dettagli

Programmazione in Java (I modulo) Lezione 3: Prime nozioni

Programmazione in Java (I modulo) Lezione 3: Prime nozioni Programmazione in Java (I modulo) Lezione 3: Prime nozioni La volta scorsa Abbiamo avuto un primo assaggio! Abbiamo visto come usare l editor per scrivere un programma Java. Abbiamo analizzato riga per

Dettagli

L utility Unix awk [Aho-Weinberger-Kernighan]

L utility Unix awk [Aho-Weinberger-Kernighan] L utility Unix awk [Aho-Weinberger-Kernighan] L utility awk serve per processare file di testo secondo un programma specificato dall utente. L utility awk legge riga per riga i file ed esegue una o più

Dettagli

System Calls, Register Spilling

System Calls, Register Spilling System Calls, Register Spilling Ultimo aggiornamento: 8/4/2016 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO nicola.basilico@unimi.it http://basilico.di.unimi.it/ Esercizio 3.1 Eseguire il seguente codice assembly

Dettagli

Architettura degli elaboratori (A)

Architettura degli elaboratori (A) Laurea in Informatica a.a. 2010-2011 Laboratorio del corso di Architettura degli elaboratori (A) Modulo 1: l Architettura dell 8086 Valeria Carofiglio Linguaggi a vari livelli e loro relazioni Programma

Dettagli

SET/CLEAR LOAD DATA FROM STRING

SET/CLEAR LOAD DATA FROM STRING SET/CLEAR STD CLD AZIONE: Imposta ad 1 (STD) o a zero (CLD) il valore del flag DF. Sono istruzioni senza parametri. Vanno sempre messi!! FLAG di cui viene modificato il contenuto: Nessuno (a parte DF).

Dettagli

Strutture dati in C e loro traduzione in assembler MIPS 1 Direttive assembler per l'allocazione dei dati Prima di iniziare a trattare il problema dell'allocazione delle varie strutture dati, introduciamo

Dettagli

COMPITINO #1 di CALCOLATORI ELETTRONICI 1 del 03-11-09 COGNOME NOME

COMPITINO #1 di CALCOLATORI ELETTRONICI 1 del 03-11-09 COGNOME NOME MATRICOLA COGNOME NOME 1) [28/40] Trovare il codice assembly MIPS corrispondente dei seguenti micro-benchmark (utilizzando solo e unicamente istruzioni dalla tabella sottostante), rispettando le convenzioni

Dettagli

Linguaggio C. Fondamenti. Struttura di un programma.

Linguaggio C. Fondamenti. Struttura di un programma. Linguaggio C Fondamenti. Struttura di un programma. 1 La storia del Linguaggio C La nascita del linguaggio C fu dovuta all esigenza di disporre di un Linguaggio ad alto livello adatto alla realizzazione

Dettagli

Corso Programmazione 1 Capitolo 01: Concetti Elementari

Corso Programmazione 1 Capitolo 01: Concetti Elementari Corso Programmazione 1 Capitolo 01: Concetti Elementari Docente: Roberto Sebastiani - roberto.sebastiani@unitn.it Esercitatori: Mario Passamani - mario.passamani@unitn.it Alessandro Tomasi - alessandro.tomasi@unitn.it

Dettagli

Introduzione al linguaggio C Gli array

Introduzione al linguaggio C Gli array Introduzione al linguaggio C Gli array Vettori nome del vettore (tutti gli elementi hanno lo stesso nome, c) Vettore (Array) Gruppo di posizioni (o locazioni di memoria) consecutive Hanno lo stesso nome

Dettagli

LINGUAGGI DI PROGRAMMAZIONE

LINGUAGGI DI PROGRAMMAZIONE LINGUAGGI DI PROGRAMMAZIONE Il potere espressivo di un linguaggio è caratterizzato da: quali tipi di dati consente di rappresentare (direttamente o tramite definizione dell utente) quali istruzioni di

Dettagli

Corso Base. Liceo Norberto Rosa Bussoleno Prof. Angelo GIORGIO

Corso Base. Liceo Norberto Rosa Bussoleno Prof. Angelo GIORGIO Corso Base Liceo Norberto Rosa Bussoleno Prof. Angelo GIORGIO Java Java è un Linguaggio di Programmazione orientato agli oggetti. Un Linguaggio di Programmazione è un linguaggio ad alto livello, dotato

Dettagli

Funzioni. Il modello console. Interfaccia in modalità console

Funzioni. Il modello console. Interfaccia in modalità console Funzioni Interfaccia con il sistema operativo Argomenti sulla linea di comando Parametri argc e argv Valore di ritorno del programma La funzione exit Esercizio Calcolatrice 2, presente in tutti i programmi

Dettagli

TECNICHE AVANZATE DI I/O. Al loro livello più basso, tutti i file scritti sull hard disk. Training per esperti SU FILE

TECNICHE AVANZATE DI I/O. Al loro livello più basso, tutti i file scritti sull hard disk. Training per esperti SU FILE Training per esperti TECNICHE AVANZATE DI I/O SU FILE Spesso, la decisione di dividere in processi differenti la produzione dei dati dall uso degli stessi viene presa perché occorre scrivere i dati su

Dettagli

La Macchina RAM Shepherdson e Sturgis (1963)

La Macchina RAM Shepherdson e Sturgis (1963) La Macchina RAM Shepherdson e Sturgis (963) Nastro di ingresso.......... PROGRAM COUNTER Nastro di uscita PROGRAMMA ACCUMULATORE UNITA' ARITMETICA............... 2 3 4 M E M O R I A Formato delle Istruzioni

Dettagli

Linguaggio assembler e linguaggio macchina (caso di studio: processore MIPS)

Linguaggio assembler e linguaggio macchina (caso di studio: processore MIPS) Linguaggio assembler e linguaggio macchina (caso di studio: processore MIPS) Salvatore Orlando Arch. Elab. - S. Orlando 1 Livelli di astrazione Scendendo di livello, diventiamo più concreti e scopriamo

Dettagli

È consuetudine classificare le istruzioni macchina in base al numero degli operandi a cui

È consuetudine classificare le istruzioni macchina in base al numero degli operandi a cui Testo di rif.to: [Congiu] - 4.1,4.2 (pg. 129 138) 02.a Le istruzioni di macchina Classificazione delle istruzioni Direttive per l assemblatore Classificazione delle istruzioni È consuetudine classificare

Dettagli

Struttura logica di un programma

Struttura logica di un programma Struttura logica di un programma Tutti i programmi per computer prevedono tre operazioni principali: l input di dati (cioè l inserimento delle informazioni da elaborare) il calcolo dei risultati cercati

Dettagli

U"lizzo della memoria (Indirizzamento, le2ura, scri2ura) Dire8ve Assembler in SPIM

Ulizzo della memoria (Indirizzamento, le2ura, scri2ura) Dire8ve Assembler in SPIM U"lizzo della memoria (Indirizzamento, le2ura, scri2ura) Dire8ve Assembler in SPIM nicola.basilico@unimi.it http://homes.di.unimi.it/basilico/teaching/ Organizzazione della memoria Cosa con"ene la memoria?

Dettagli

Laboratorio di Architettura degli Elaboratori LabArch 2006 Secondo Quadimestre, a.a Docente: H. Muccini

Laboratorio di Architettura degli Elaboratori LabArch 2006 Secondo Quadimestre, a.a Docente: H. Muccini [http://www.di.univaq.it/muccini/labarch] Laboratorio di Architettura degli Elaboratori LabArch 2006 Secondo Quadimestre, a.a. 2005-2006 Docente: H. Muccini Lecture 15: - Macro - Eccezioni e interruzioni

Dettagli

Linguaggio macchina. Architettura degli Elaboratori e delle Reti. Il linguaggio macchina. Lezione 16. Proff. A. Borghese, F.

Linguaggio macchina. Architettura degli Elaboratori e delle Reti. Il linguaggio macchina. Lezione 16. Proff. A. Borghese, F. Architettura degli Elaboratori e delle Reti Lezione 16 Il linguaggio macchina Proff. A. Borghese, F. Pedeini Dipaimento di Scienze dell Informazione Univeità degli Studi di Milano L 16 1/32 Linguaggio

Dettagli

ASSEMBLER 68K parte 1

ASSEMBLER 68K parte 1 ASSEMBLER 68K parte 1 CORSO DI CALCOLATORI ELETTRONICI I CdL Ingegneria Biomedica (A-I) DIS - Università degli Studi di Napoli Federico II Supporti didattici Fadini Savy, Fond. Inf. 2 parte. III, cap.

Dettagli

Il linguaggio macchina

Il linguaggio macchina Architettura degli Elaboratori e delle Reti Lezione 16 Il linguaggio macchina Proff. A. Borghese, F. Pedeini Dipaimento di Scienze dell Informazione Univeità degli Studi di Milano L 16 1/33 Linguaggio

Dettagli

L unità di controllo. Il processore: unità di controllo. Le macchine a stati finiti. Struttura della macchina a stati finiti

L unità di controllo. Il processore: unità di controllo. Le macchine a stati finiti. Struttura della macchina a stati finiti Il processore: unità di lo Architetture dei Calcolatori (lettere A-I) L unità di lo L unità di lo è responsabile della generazione dei segnali di lo che vengono inviati all unità di elaborazione Alcune

Dettagli

AXO Achitettura dei Calcolatori e Sistema Operativo. Instruction Set Architecture (ISA) e 68000

AXO Achitettura dei Calcolatori e Sistema Operativo. Instruction Set Architecture (ISA) e 68000 AXO Achitettura dei Calcolatori e Sistema Operativo Instruction Set Architecture (ISA) e 68000 introduzione a ISA ISA - Instruction Set Architecture insieme delle istruzioni (instruction set) che possono

Dettagli

Il set istruzioni di MIPS Modalità di indirizzamento. Proff. A. Borghese, F. Pedersini

Il set istruzioni di MIPS Modalità di indirizzamento. Proff. A. Borghese, F. Pedersini Architettura degli Elaboratori e delle Reti Il set istruzioni di MIPS Modalità di indirizzamento Proff. A. Borghese, F. Pedersini Dipartimento di Scienze dell Informazione Università degli Studi di Milano

Dettagli

Linguaggio Assembler MIPS

Linguaggio Assembler MIPS Linguaggio Assembler MIPS Corso di Calcolatori Elettronici A 2007/2008 Sito Web:http://prometeo.ing.unibs.it/quarella Prof. G. Quarella prof@quarella.net Architettura MIPS Architettura RISC sviluppata

Dettagli

L architettura di riferimento

L architettura di riferimento Architetture degli elaboratori e delle reti Lezione 10 L architettura di riferimento Proff. A. Borghese, F. Pedersini Dipartimento di Scienze dell Informazione Università degli Studi di Milano L 10 1/27

Dettagli

Riassunto. Riassunto. Ciclo fetch&execute. Concetto di programma memorizzato. Istruzioni aritmetiche add, sub, mult, div

Riassunto. Riassunto. Ciclo fetch&execute. Concetto di programma memorizzato. Istruzioni aritmetiche add, sub, mult, div MIPS load/store word, con indirizzamento al byte aritmetica solo su registri Istruzioni Significato add $t1, $t2, $t3 $t1 = $t2 + $t3 sub $t1, $t2, $t3 $t1 = $t2 - $t3 mult $t1, $t2 Hi,Lo = $t1*$t2 div

Dettagli

Rappresentazione dell informazione Codifica Binaria

Rappresentazione dell informazione Codifica Binaria Fondamenti di Informatica Rappresentazione dell informazione Codifica Binaria Fondamenti di Informatica - D. Talia - UNICAL 1 Rappresentazione dell informazione Tutta l'informazione in un calcolatore è

Dettagli

Lezione 2 Principi Fondamentali di SO Interrupt e Caching. Sommario

Lezione 2 Principi Fondamentali di SO Interrupt e Caching. Sommario Lezione 2 Principi Fondamentali di SO Interrupt e Caching Sommario Operazioni di un SO: principi fondamentali Una visione schematica di un calcolatore Interazione tra SO, Computer e Programmi Utente 1

Dettagli

DAL DIAGRAMMA AL CODICE

DAL DIAGRAMMA AL CODICE DAL DIAGRAMMA AL CODICE Un diagramma di flusso Appare, come un insieme di blocchi di forme diverse che contengono le istruzioni da eseguire, collegati fra loro da linee orientate che specificano la sequenza

Dettagli

Esercitazione n. 3. Dott. Salvatore Pontarelli

Esercitazione n. 3. Dott. Salvatore Pontarelli Esercitazione n. 3 Dott. Salvatore Pontarelli Struttura di un modulo Assembly Assembly è il linguaggio che l ARM assembler (armasm) legge per produrre il codice oggetto. può essere: ARM assembly language

Dettagli

Struttura di un programma Java

Struttura di un programma Java Struttura di un programma Java Un programma in Java è un insieme di dichiarazioni di classi. Una classe non può contenere direttamente delle istruzioni, ma può contenere la dichiarazione di metodi, che

Dettagli

Uniamo VM e CACHE. Physically addressed. Physically Addressed. Prestazioni. Ci sono varie alternative architetturali. Sono quelle piu semplici

Uniamo VM e CACHE. Physically addressed. Physically Addressed. Prestazioni. Ci sono varie alternative architetturali. Sono quelle piu semplici Uniamo VM e CACHE Physically addressed Ci sono varie alternative architetturali physically addressed virtually addressed virtually indexed Sono quelle piu semplici un dato puo essere in cache solo se e

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione. # Memoria di massa. Problema: comprare un PC. Architettura del calcolatore. Architettura di Von Neumann

Elementi di Informatica e Programmazione. # Memoria di massa. Problema: comprare un PC. Architettura del calcolatore. Architettura di Von Neumann Elementi di Informatica e Programmazione Architettura del calcolatore (prima parte) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Problema:

Dettagli

strutturare dati e codice

strutturare dati e codice Puntatori e passaggio parametri strutturare dati e codice Tipo di dati int * Pi ; Op. dereferenziazione j = *Pi ; Op. indirizzo Pi = &i ; By value int f(int i) ; a = f(b) ; By address int f(int * Pi) ;

Dettagli

Assembler MIPS R2000/3000

Assembler MIPS R2000/3000 TITLE Assembler MIPS R2000/3000 Alberto Montresor Programma delle lezioni! Introduzione ai concetti di assembler, compilatore, linker, programma eseguibile! Introduzione all assembly Sintassi del linguaggio

Dettagli

Calcolatori Elettronici

Calcolatori Elettronici Calcolatori Elettronici ISA di riferimento: MIPS Massimiliano Giacomin 1 DOVE CI TROVIAMO Livello funzionale Livello logico Livello circuitale Livello del layout istruzioni macchina, ISA Reti logiche:

Dettagli

Organizzazione Monolitica

Organizzazione Monolitica Principali componenti di un sistema Applicazioni utente Interprete di comandi (shell) Interfaccia grafica (desktop) Gestore del processore / Scheduler(s) Gestore della memoria Gestore delle periferiche/

Dettagli

Integer Java Virtual Machine (IJVM)

Integer Java Virtual Machine (IJVM) Integer Java Virtual Machine (IJVM) Calcolatori Elettronici II Prof. Antonino Mazzeo mazzeo@unina.it Ing. Luigi Romano Ing. Alessandro Cilardo Ing. Luigi Coppolino lrom@unina.it acilardo@unina.it lcoppoli@unina.it

Dettagli

24/07/00-17.05 COBOL LANGUAGE REFERENCE Pag. 1

24/07/00-17.05 COBOL LANGUAGE REFERENCE Pag. 1 24/07/00-17.05 COBOL LANGUAGE REFERENCE Pag. 1 _ REGOLE DI SCRITTURA COBOL : 1 fino a 6 = una volta usati per numerare le righe del programma, adesso usate normalmente per marchiare le modifiche. 7 * =

Dettagli

Modello della memoria in Unix. Unix: Gestione della Memoria. Gestione della memoria in UNIX - fondamenti. Gestione della memoria in UNIX - storia

Modello della memoria in Unix. Unix: Gestione della Memoria. Gestione della memoria in UNIX - fondamenti. Gestione della memoria in UNIX - storia Modello della memoria in Unix I processi Unix lavorano su uno spazio di indirizzamento virtuale Es. 0,..., 2 32 1 su indirizzi a 32bit Ogni processo ha uno spazio indirizzi separato per i segmenti text,

Dettagli

Variabili e tipi di dato

Variabili e tipi di dato Variabili e tipi di dato Tutte le variabili devono essere dichiarate, specificandone il tipo La dichiarazione deve precedere l uso Il tipo è un concetto astratto che esprime: L allocazione di spazio per

Dettagli

JAVASCRIPT. Tale file è associato alla pagina web mediante il tag <script> inserito nella sezione <head> con la seguente sintassi:

JAVASCRIPT. Tale file è associato alla pagina web mediante il tag <script> inserito nella sezione <head> con la seguente sintassi: JAVASCRIPT Introduzione Con l HTML siamo in grado di realizzare pagine web statiche. Con il linguaggio Javascript, invece, possiamo interagire modificando il contenuto della pagina. Il linguaggio javascript

Dettagli

AXO. Operativo. Architetture dei Calcolatori e Sistema. programmazione di sistema

AXO. Operativo. Architetture dei Calcolatori e Sistema. programmazione di sistema AXO Architetture dei Calcolatori e Sistema Operativo programmazione di sistema Il sistema operativo Il Sistema Operativo è un insieme di programmi (moduli software) che svolgono funzioni di servizio nel

Dettagli

Dati testuali. Caratteri e stringhe. Tipi di dato testuali. Dati testuali. Il sistema dei tipi C. Rappresentazione dei testi

Dati testuali. Caratteri e stringhe. Tipi di dato testuali. Dati testuali. Il sistema dei tipi C. Rappresentazione dei testi Tipi di dato testuali Caratteri Stringhe Caratteri e stringhe 5 Tipi di dato testuali I programmi visti finora erano in grado di elaborare esclusivamente informazioni numeriche Numeri eri (), numeri reali

Dettagli

I comandi del linguaggio DDL (Data Definition Language): CREATE E ALTER

I comandi del linguaggio DDL (Data Definition Language): CREATE E ALTER Caratteristiche generali del linguaggio SQL Il linguaggio SQL è il linguaggio usato per la gestione dei database relazionali, cioè dei database creati con un DBMS di tipo relazionale. Esso nacque nella

Dettagli

La gestione dei processi in Minix

La gestione dei processi in Minix La gestione dei processi in Minix Sistemi Operativi Lez. 28 Scheduling Round robin su 16 code di priorità Quando un processo viene bloccato senza aver esaurito il suo quanto di tempo, una volta risvegliato,

Dettagli

Il sistema operativo UNIX/Linux. Gli script di shell

Il sistema operativo UNIX/Linux. Gli script di shell Il sistema operativo UNIX/Linux Gli script di shell Introduzione Le shell permettono La gestione di comandi su linea di comando La shell comprende automaticamente quando il costrutto termina e lo esegue

Dettagli

MIPS! !

MIPS! ! MIPS! Sono descritte solamente le istruzioni di MIPS32, le pseudo-istruzioni, System Calls e direttive del linguaggio assembly che sono maggiormente usate.! MIPS è big-endian, cioè, lʼindirizzo di una

Dettagli

Utilizzo del linguaggio Basic utilizzando l interfaccia di Excel Silvia Patacchini

Utilizzo del linguaggio Basic utilizzando l interfaccia di Excel Silvia Patacchini Introduzione all utilizzo di Visual Basic for Application Utilizzo del linguaggio Basic utilizzando l interfaccia di Excel Silvia Patacchini PROGRAMMAZIONE Insieme delle attività da svolgersi per creare

Dettagli

I componenti di un Sistema di elaborazione. Memoria centrale. È costituita da una serie di CHIP disposti su una scheda elettronica

I componenti di un Sistema di elaborazione. Memoria centrale. È costituita da una serie di CHIP disposti su una scheda elettronica I componenti di un Sistema di elaborazione. Memoria centrale Memorizza : istruzioni dati In forma BINARIA : 10001010101000110101... È costituita da una serie di CHIP disposti su una scheda elettronica

Dettagli

Università degli Studi di Brescia

Università degli Studi di Brescia Contenuti professionalizzanti creazione e la gestione di siti web Web Programming Introduzione al corso Università degli Studi di Brescia Riccardo Cassinis Marzia Tassi Fabio Tampalini Il sito del corso

Dettagli

Assembler 8086/8088: Concetti Generali

Assembler 8086/8088: Concetti Generali L Assembler 8086 Concetti Generali M. Rebaudengo - M. Sonza Reorda Politecnico di Torino Dip. di Automatica e Informatica 1 M. Rebaudengo, M. Sonza Reorda Sommario Introduzione Pseudo-Istruzioni Operatori

Dettagli

Linguaggio C - Funzioni

Linguaggio C - Funzioni Linguaggio C - Funzioni Funzioni: Il linguaggio C è di tipo procedurale; ogni programma viene suddiviso in sottoprogrammi, ognuno dei quali svolge un determinato compito. I sottoprogrammi si usano anche

Dettagli

Elementi del calcolatore: CPU

Elementi del calcolatore: CPU Elementi del calcolatore: CPU Elementi del calcolatore: Memoria Elementi del calcolatore: Memoria Elementi del calcolatore: Hard Disk Antefatto Sistema Operativo Come il computer appare Il calcolatore

Dettagli

Corso sul linguaggio SQL

Corso sul linguaggio SQL Corso sul linguaggio SQL Modulo L2B (SQL) 2.2 Comandi sulle tabelle 1 Prerequisiti Introduzione ai DB Tabelle, relazioni e attributi Chiave primaria Chiave esterna Vincoli di integrità 2 1 Introduzione

Dettagli

Classe 3 A Inf - Alcune informazioni sull'uso del programma Debug

Classe 3 A Inf - Alcune informazioni sull'uso del programma Debug Classe 3 A Inf - Alcune informazioni sull'uso del programma Debug Un po' di storia Debug è un programma che da lunghissimo tempo è presente nei sistemi Microsoft. Fin dall'epoca dei primi dischetti DOS,

Dettagli

Le variabili. Olga Scotti

Le variabili. Olga Scotti Le variabili Olga Scotti Cos è una variabile Le variabili, in un linguaggio di programmazione, sono dei contenitori. Possono essere riempiti con un valore che poi può essere riletto oppure sostituito.

Dettagli

Assembly. Motivazioni. Programmazione Assembly

Assembly. Motivazioni. Programmazione Assembly Assembly Programmazione in linguaggio macchina (o meglio in assembly): programmare utilizzando istruzioni direttamente eseguibili dal processore. Questa parte del corsi si accompagna a lezioni in laboratorio:

Dettagli

GLI SCRIPT DI SHELL. Lucidi a cura di B.De Carolis. UNIX shell script UdB- Dip Informatica

GLI SCRIPT DI SHELL. Lucidi a cura di B.De Carolis. UNIX shell script UdB- Dip Informatica GLI SCRIPT DI SHELL Lucidi a cura di B.De Carolis Shell Unix - Linux comandi Interfaccia di alto livello tra utente e SO. Il processore interpreta e mette in esecuzione comandi da: 1) standard input o

Dettagli