REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI A SEZIONI RIUNITE IN SEDE GIURISDIZIONALE. in speciale composizione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI A SEZIONI RIUNITE IN SEDE GIURISDIZIONALE. in speciale composizione"

Transcript

1 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI A SEZIONI RIUNITE IN SEDE GIURISDIZIONALE in speciale composizione composta dai seguenti magistrati: dott. Pasquale Iannantuono dott. Stefano Imperiali dott. Francesco Petronio dott. Fulvio Maria Longavita dott.ssa Angela Silveri dott. Vincenzo Palomba dott.ssa Cinzia Barisano Presidente Consigliere relatore Consigliere Consigliere Consigliere Consigliere Consigliere ha emanato la seguente SENTENZA nel giudizio n. 360/SR/EL, sul ricorso proposto dal Comune di Porto Azzurro (LI), in persona del Sindaco pro tempore sig. Luca Simoni, rappresentato e difeso dall avv. Domenico Iaria, contro il Ministero dell Interno, rappresentato e difeso dall Avvocatura Generale dello Stato, e contro la Procura Generale dello Stato, per l annullamento della deliberazione della Sezione regionale di controllo per la Toscana n. 273/2013/PRSP del , depositata il Visti gli atti del giudizio; Uditi all udienza del , con l assistenza del segretario dott.ssa Adele Mei, il consigliere relatore, l avv. Domenico Iaria, l avvocato dello Stato Carlo Maria Pisana e il vice procuratore generale dott. Antonio Ciaramella; Ritenuto in

2 FATTO 1. La procedura di riequilibrio finanziario del Comune di Porto Azzurro 1.1 Con deliberazione consiliare n. 79 del , il Comune di Porto Azzurro (LI) ha deciso di ricorrere alla procedura di riequilibrio finanziario pluriennale prevista dall art. 243 bis del d.lgs. n. 267/2000, introdotto dall art. 3, comma 1, del d.l. n. 174/2012, convertito con modificazioni dalla legge n. 213/2012. Per conseguenza, con deliberazione consiliare n. 13 del ha approvato un piano di riequilibrio finanziario decennale consistente in due prospetti: uno sulla determinazione del fabbisogno, l altro sulle modalità di finanziamento. Il la Commissione per la stabilità finanziaria degli enti locali ha chiesto al Comune di trasmettere il piano di riequilibrio finanziario compilato in conformità alle linee guida della Corte dei conti Sezione Autonomie. 1.2 Con deliberazione consiliare n. 38 del , il Comune di Porto Azzurro ha approvato: un nuovo quadro sul fabbisogno finanziario e sulle sue modalità di finanziamento; uno schema istruttorio che comprende una sintesi della manovra decennale di risanamento, una sezione prima su fattori e cause dello squilibrio, una sezione seconda sul risanamento. Il piano di riequilibrio si fonda sulle risultanze del rendiconto del 2011 e del 2012 e si quantifica in euro ,22. Si divide in una quota pari ad euro ,55 da finanziare in dieci anni ( ) ed una quota (per debiti fuori bilancio) pari ad euro ,67 da finanziarsi in tre anni ( ). Come elementi fondamentali del ripiano in ordine alle fonti di finanziamento ed alle economie di spesa, sono stati indicati: 1) Dismissioni della quota del 100% della partecipata D Alarcon (2013) - 2) Affrancazioni di vincoli per alloggi ERP ( ) - 3) Incremento della tariffa Tarsu/Tares per euro ,00 (dal 2013 al 2014 con successiva riduzione di ,00 a regime dal 2015) - 4) Recupero evasione Ici anni 2013 e ) Recupero evasione Imu anni dal 2015 a regime - 6) Recupero evasione Tarsu dal ) Istituzione della tassa di sbarco (istituita nel 2013 ma ricompresa nel piano dal 2013 a regime con incrementi periodici) - 8) Incrementi dei servizi a domanda individuale (trasporto scolastico e mensa) dal 2013 a regime - 9) Riduzione

3 annuale delle spese correnti interventi 02; 03; 05 a decorrere dal 2013 e a regime - 10) Revisioni tariffe posti barca residenti dal 2016 a regime. È prevista una percentuale di ripiano del disavanzo del 19,59% per il 2013, del 13,45% per il 2014, del 10,93% per il 2015, dell 8% per ognuno degli esercizi dal 2016 al La relazione finale della Commissione è stata trasmessa alla Sezione regionale di controllo per la Toscana con nota del Nelle sue considerazioni conclusive, la Commissione afferma che il piano è stato redatto non tanto per far fronte a un grave <buco> di bilancio, atteso che l intero debito da ripianare è pari alla modesta somma di euro ,22, bensì per consentire all Ente di spalmare tale importo nel periodo di dieci anni recuperando virtuosità nella parte corrente dei propri conti, con relativa benefica ricaduta sulla gestione di cassa. Infatti, lo stesso prevede di dover coprire disavanzi e debiti fuori bilancio di dimensioni contenute. Per fare tutto ciò, si prevede di far leva sulla dismissione di una partecipata, affrancazioni di vincoli su alloggi ERP, attività di recupero evasione, nonché su un mix di lievi incrementi di entrate e lievi diminuzioni di uscite. Coerentemente, il piano ha durata decennale ( ) e non prevede il ricorso al Fondo di rotazione. Per tutto quanto precede si ritiene che il Piano possa offrire garanzie di successo. Nella relazione, viene peraltro anche evidenziato che il buon esito del risanamento previsto dipenderà dalla capacità di concreta realizzazione delle misure previste, con particolare riferimento alla dismissione della partecipazione societaria, all affrancazione e alla riduzione della spesa. 1.4 Il sono state trasmesse al Comune di Porto Azzurro la relazione della Commissione e lo schema di relazione della Sezione regionale di controllo. Le controdeduzioni del Comune sono state trasmesse alla Sezione il La deliberazione della Sezione di controllo toscana 2.1 Con deliberazione n. 273/2013/PRSP del , depositata il , la Sezione regionale di controllo per la Toscana ha diffusamente illustrato le risultanze contabili del periodo , evidenziando

4 l errata quantificazione, per più esercizi, del risultato di amministrazione, il mancato rispetto dei vincoli di destinazione delle poste di bilancio, la presenza di un disavanzo sostanziale. 2.2 La Sezione ha poi rilevato che il contenzioso con la società di compostaggio ESA spa comporterà, in caso di soccombenza, la sussistenza di debiti fuori bilancio per ,55 euro, di cui ,95 euro per potenziali passività riferite al servizio di smaltimento dei rifiuti e ,60 euro per interessi per ritardato pagamento al 31 dicembre Orbene, il piano di riequilibrio comprendei suddetti debiti nell ambito del disavanzo sostanziale da finanziare, ma non considera anche le potenziali passività che, in caso di soccombenza, deriverebbero dagli ulteriori interessi maturati a decorrere dal 1 gennaio 2011 e sino al completo soddisfo. Considerato anche che l ESA spa (gestore del ciclo di smaltimento dei rifiuti) reclama verso l Ente crediti per euro ,56 a fronte di crediti dell ente per ,20 euro, la Sezione ha in definitiva affermato che solo a seguito della definitiva risoluzione dei contenziosi in atto, l amministrazione comunale potrà pervenire a una puntuale definizione della posizione debitoria e creditoria con tali soggetti e contestualmente quantificare i restanti debiti da riconoscere e finanziare. 2.3 La Sezione ha anche osservato che il saldo complessivo da finanziare, rideterminato dalla stessa Sezione in ,58 euro, incide in misura pari al 28% delle entrate complessive dell ente riferite all esercizio 2012 : un entità decisamente elevata in rapporto alle dimensioni finanziarie dell ente e al contesto della sua gestione. 2.4 Sulle modalità di copertura del fabbisogno finanziario, la Sezione ha preliminarmente osservato che prevale l incremento di tariffe e tasse : una fonte di finanziamento che incide per il 44,99% sull importo complessivo da finanziare Con riferimento alla dismissione della quota del 100% della partecipata D Alarcon, con un provento atteso indicato in ,00 euro, e la cui imputazione viene riportata nella prima annualità del piano (2013), la Sezione ha osservato che non sono stati chiariti gli elementi sulla base dei quali si è pervenuti a questa quantificazione del gettito, anche in considerazione dei rapporti di debito-credito tra la società e il Comune.

5 Inoltre, non vengono forniti elementi descrittivi dell operazione prevista, in relazione all effettiva possibilità di collocare sul mercato una partecipazione totalitaria e agli eventuali riflessi di tale cessione sulla struttura amministrativa (in relazione per esempio all eventuale reintegro del personale) e sul bilancio dell ente Anche per le entrate previste come derivanti dall affrancazione dei vincoli per alloggi ERP, pari a euro per gli esercizi 2013 e 2014, mancano nel piano di riequilibrio elementi a suffragio della realizzabilità del gettito previsto Sull incremento delle tariffe TARSU/TARES, la Sezione osserva che da un lato (punto 1 della sezione II), si dichiara un incremento della tariffa TARSU/TARES dal 2013 al 2014 per ,00 euro e dal 2015 a regime per ,00 euro e, dall altro (punto 12 della sezione II), viene attestata l impossibilità di far leva sull aumento di tale cespite di entrata. In particolare, l ente prevede di aumentare la tassa/tariffa durante il periodo di vigenza del piano, partendo dalla quantificazione del gettito del 2012, pari a ,00 euro, e stimando un gettito di ,00 euro per il 2013 e 2014, e successivamente un gettito a regime pari a ,00 euro. A suffragio di tale previsione, l ente quantifica il costo del servizio di raccolta e smaltimento rifiuti in ,81 euro con un grado di copertura del costo superiore al 100% del servizio, sebbene l ente lo attesti diversamente al 99,76%. Viene rilevata, in definitiva, una violazione dell art. 61, comma 1, del d.lgs. n. 507/ Il piano di riequilibrio in esame, osserva poi la Sezione, prevede un rilevante recupero dell evasione (recupero evasione ICI anni , recupero evasione TARSU/TARES, recupero evasione IMU), per un importo complessivo di ,00 euro pari al 17,20% del saldo da finanziare. Sennonché, l ente si è limitato a mere indicazioni numeriche del gettito previsto, omettendo di chiarire se le somme indicate siano riferibili direttamente e con certezza ad attività di recupero dell'evasione (e che sussistano, ad esempio, autonomi provvedimenti di accertamento) e senza illustrare le eventuali difficoltà di riscossione verificatesi nel triennio precedente ( ), in relazione al contesto socio-economico-territoriale e alle difficoltà operative ed organizzative sofferte. Una stima del gettito desumibile dal trend storico della capacità di

6 realizzo del cespite induce pertanto la Sezione ad affermare che l effettivo incasso potrebbe attestarsi solamente a ,94 euro Anche sull istituzione, nel 2013, della tassa di sbarco, i cui introiti, per un totale di ,00 euro, sono destinati, dal 2014 al 2022, al finanziamento di quota parte del saldo complessivo, mancano valutazioni o indicazioni dei criteri utilizzati per la quantificazione del gettito e della effettiva riscossione. La gestione del tributo, peraltro, non è interamente di competenza del solo Comune di Porto Azzurro Sull incremento delle tariffe relative al trasporto scolastico e degli impianti sportivi a partire dall esercizio 2013 e per l intero periodo del piano, per complessivi ,00 euro, la Sezione osserva in primo luogo che risultano informazioni contrastanti. Infatti, ci si riferisce a volte a un incremento delle tariffe del servizio trasporto e mensa scolastica, a volte alle tariffe per gli impianti sportivi e il trasporto scolastico. In ogni caso, mancano indicazioni sul nuovo grado di copertura dei servizi e sul gettito da questi atteso e non vengono forniti elementi relativi alla capacità di riscossione dei proventi in oggetto Nel piano è anche prevista una revisione delle tariffe relative ai posti barca per i residenti, a partire dall esercizio 2016 fino al 2022, per complessivi ,00 euro. Ma anche in questo caso non viene formulata nessuna valutazione e indicazione dei criteri utilizzati per la definizione dello stanziamento di entrata e della sua effettiva riscossione, e le modalità seguite per la revisione della tariffa Sulla riduzione annuale delle spese correnti, viene evidenziata una mancanza di coerenza tra le previsioni stimate dall ente e le modalità di copertura del saldo finanziario. Nel prospetto 9.1 della sezione II, infatti, risulta un incremento della spesa nel periodo di vigenza del piano poiché il Comune ha qui considerato, oltre alla spesa corrente effettiva, anche la quota annuale del disavanzo da finanziare. Nel paragrafo 1.2 della stessa sezione II, invece, è indicata una spesa corrente decrescente nel periodo di durata del piano, ma le indicazioni non risultano coerenti con le riduzioni di spesa indicate tra le modalità di copertura del saldo finanziario e non sono inoltre specificate le misure che l ente intende porre in atto per il contenimento della spesa corrente nell ambito degli interventi 02, 03 e 05.

7 2.4.9 Considerato anche che nell incontro del con la Sezione regionale di controllo lo stesso Responsabile del servizio finanziario del Comune di Porto Azzurro ha dichiarato che la valutazione delle maggiori entrate da destinare al finanziamento del riequilibrio non è stata effettuata in modo corretto, e anche che l ente ha adottato il piano di riequilibrio in assenza dell approvazione del bilancio di previsione 2013 e pluriennale , la Sezione ha ravvisato, in definitiva, una non attendibilità e congruità del piano di riequilibrio. 2.5 Con riferimento all equilibrio strutturale del bilancio, la Sezione regionale ha poi rilevato che nel periodo è sempre risultato un saldo negativo della parte corrente che viene sistematicamente finanziato con il ricorso alle risorse straordinarie. Per il 2012, viene invece evidenziato per la competenza un saldo di ,63 euro, che deriva in prevalenza da un aumento delle entrate correnti accertate rispetto al precedente esercizio 2011, quantificabile in complessivi ,48 euro, di cui ,75 euro per le entrate tributarie del titolo I. Sennonché, considerando la capacità di riscossione fino ad oggi dimostrata, si conseguirebbe un risultato della gestione corrente di segno negativo, come verificatosi negli esercizi precedenti. Il risultato della gestione di parte corrente perde, inoltre, di ulteriore significatività se considerato in relazione agli esiti del contenzioso sulle royalties in atto con la società ESA spa; contenzioso che, in caso di soccombenza dell ente, comporterebbe la cancellazione, sul bilancio di competenza 2012, della somma di circa ,00 euro. Inoltre, nel piano di riequilibrio viene indicato l assorbimento, nel biennio , di risorse di natura straordinaria derivanti da contributi per permessi di costruire per ,10 euro nel 2013 e ,54 euro nel La Sezione ha peraltro anche rilevato un incremento del fabbisogno 2012 rispetto al 2011 di ,58 euro, in ragione di maggiori spese per acquisto di beni di consumo (intervento 02) e per prestazioni di servizi (intervento 03). Orbene, per queste stesse spese vengono invece indicati nel piano di riequilibrio risparmi di spesa utili alla copertura del saldo da finanziare, ma senza specificazioni che consentano una valutazione di questa inversione di tendenza.

8 2.6 La Sezione ha poi rilevato che la spesa per indebitamento risulta in diminuzione nel periodo , mentre non viene data evidenza dell andamento stimato per la durata del piano. Inoltre, sussistono debiti fuori bilancio per ,14 euro, relativi a <somme dovute per la quota parte dei mutui a carico dell ex Comunità Montana per il servizio idrico>. 2.7 Infine, la Sezione ha osservato che risultano, nel periodo , sia la riduzione della spesa per il personale ai sensi dell art. 1, comma 562, della l. 296/2006, sia il contenimento, entro i limiti previsti dalla legge, dell incidenza percentuale di tale spesa sulla spesa corrente. Ma per quanto riguarda la previsione della spesa di personale nello sviluppo del piano decennale, l ente non evidenzia, all interno della composizione delle spese correnti, l andamento stimato. 2.8 In conclusione, la Sezione regionale di controllo ha affermato che tutti gli elementi esaminati dalla Sezione al fine di valutare la correttezza del saldo da finanziare prospettano un ulteriore e, al momento, non quantificabile esposizione finanziaria complessiva, anche a causa di non risolte problematiche connesse alla formazione di debiti fuori bilancio, con conseguente necessità di rivedere in aumento l ammontare da finanziare. Le fonti di copertura del disavanzo che vengono prospettate dall ente, oltre a non risultare coerenti con le informazioni contenute nel piano, non appaiono adeguate a garantire il finanziamento del saldo complessivo e, dunque, l effettivo superamento della situazione di squilibrio. Alcune delle fonti di copertura, poi, presentano profili di inattendibilità tali da farle ritenere del tutto inadeguate al conseguimento della copertura integrale del saldo complessivo e al conseguimento di un equilibrio strutturale e stabile nel tempo. La Sezione ha pertanto dichiarato che non sussistono le condizioni per ritenere la congruenza del piano ai fini del riequilibrio. 3. Il ricorso del Comune contro la deliberazione della Sezione 3.1 Per l annullamento e/o la riforma della deliberazione n. 273/2013 della Sezione regionale di controllo, il Comune di Porto Azzurro ha proposto un ricorso, in applicazione dell art. 243 quater del d.l.gs. n. 267/2000, introdotto dall art. 3 del d.l. n. 174/2012 convertito con modificazioni dalla legge n. 213/2012.

9 Il il ricorso è stato notificato al Ministero dell Interno e alla Procura Generale della Corte dei conti ma anche, verosimilmente per tuziorismo, a vari altri soggetti: il Consiglio delle Autonomie Locali della Regione Toscana, il Prefetto di Livorno, il Ministero dell Economia e delle Finanze, la Procura Regionale per la Toscana, la stessa Sezione regionale di controllo. Ed è stato depositato il presso queste Sezioni Riunite. 3.2 Nel ricorso, il Comune ha in primo luogo affermato che per alcuni aspetti la Sezione ha fatto riferimento alla verifica sulla gestione condotta con riferimento all esercizio 2010 e sui dati inseriti nell ambito dei questionari per i restanti esercizi e quindi in carenza di verifiche documentali. E il funzionario responsabile dei servizi finanziari ha evidenziato in maniera fuorviante alcuni elementi di criticità del piano. Vi è stato, quindi, un insufficiente dialogo con il Comune. 3.3 Viene poi ricordato che la deliberazione della Sezione regionale di controllo n. 241/2012 aveva stimato un disavanzo di amministrazione sostanziale al di ,48 euro. Nel corso dei due esercizi successivi, lo squilibrio si è ampliato, passando da ,288 a ,22 euro. Pertanto, con deliberazione consiliare n. 54/2012, il Comune aveva stabilito di adottare un piano di rientro triennale destinando in parte alla copertura dello squilibrio le risorse provenienti dall alienazione dei beni oggetto di dismissione per ,00. Erano stati inoltre previsti un aumento tariffe e tributi comunali per euro, un recupero delle fasce evasione ed elusione per ,45 euro, una riduzione spese correnti per euro. Sennonché, una volta intervenuto il decreto legge n. 174/2012, e per non incidere ulteriormente sulla pressione tributaria e tariffaria per partite da vincolare in modo prudenziale che tra l altro potrebbero non essere necessarie interamente nel caso si pervenga ad un accordo transattivo favorevole per il contenzioso con la società ESA s.p.a., il Comune ha preferito ricorrere alla nuova procedura di riequilibrio finanziario pluriennale. Orbene, nell esame di questo piano di riequilibrio decennale il necessario contraddittorio procedimentale è stato disatteso dalla Sezione Toscana che non ha concesso al Comune un termine congruo per fornire gli elementi integrativi e le precisazioni necessarie. Anzi la bozza di referto è stata inviata all ente il 18

10 settembre 2013, richiedendo di fornire elementi integrativi o precisazioni entro il giorno 23 settembre La Sezione ha poi rigettato il piano, ma senza motivare in alcun modo se le misure indicate nel medesimo siano congrue ed adeguate a garantire una situazione stabile e permanente nel tempo. 3.4 La Sezione regionale di controllo non ha poi tenuto in alcuna considerazione l esito positivo dell istruttoria condotta dal Ministero dell Interno, all esito della quale è stato ritenuto che il piano possa offrire garanzie di successo ed è stato anche evidenziato che l adesione alla procedura di riequilibrio è stata richiesta dal Comune non tanto per far fronte ad un grave <buco di bilancio>, dal momento che l intero debito da ripianare è pari alla modesta somma di euro ,22, bensì per consentire all Ente di < spalmare> tale importo nel periodo di dieci anni, recuperando virtuosità nella parte corrente dei propri conti, con relativa benefica ricaduta sulla gestione di cassa. 3.5 Viene anche osservato che il potenziale disavanzo di amministrazione è costituito in prevalenza da fondi vincolati atti a prevenire eventuali situazioni di maturazione di oneri aggiuntivi connessi con i contenziosi in atto per il servizio di smaltimento dei rifiuti. Orbene, qualora il contenzioso con ESA s.p.a. comportasse un esborso maggiore rispetto all ammontare dei residui passivi mantenuti in contabilità per 1,8 milioni l Amministrazione attiverà le procedure per l adeguamento delle tariffe al fine del recupero di tali somme. 3.6 Inoltre, le somme aventi vincolo di destinazione alla parte in conto capitale sono in prevalenza partite che risalgono agli anni 2000 e precedenti per le quali non sussistono partite debitorie nei confronti degli esecutori dei lavori e quindi l Amministrazione è svincolata da tempi e modi di utilizzo. 3.7 Nel bilancio 2013 e nel bilancio pluriennale , il Comune recepisce integralmente le misure di risanamento previste nel piano di rientro e quindi assolve per i primi tre anni i contenuti e le misure del rientro previste. 3.8 La sentenza della Corte d Appello di Milano n. 2869/2013 ha rigettato la domanda riconvenzionale di pagamento di royalties proposta dal Comune di Porto Azzurro sulla base di presupposti che, sia in punto di fatto che di diritto non risultano corretti. Il ricorso per Cassazione proposto dal Comune presenta pertanto elevatissime probabilità di accoglimento.

11 Le royalties richieste nel giudizio di cui trattasi ammontano a circa ,48. Peraltro, il Comune ha titolo a richiedere alla Daneco anche le royalties per il periodo successivo alla indebita ed illecita cessazione del servizio da parte della società, per un importo complessivo di ,00 a tutto il 2013, oltre interessi e rivalutazioni sulla somma dovuta anno per anno. Infine, potrà chiedersi il rimborso della differenza intercorrente tra la tariffa attualmente pretesa dalla Esa e quella prevista nella convenzione del 1996, pari a lire 110/ton. 3.9 La Sezione non ha considerato che l Ente dalla fine del 2012 e durante tutto il corrente esercizio 2013 ha avviato una attività di lotta alla evasione basata sul recupero delle somme iscritte a ruolo a tutto il 31/12/2011 e originariamente affidate per la riscossione volontaria e coattiva ai concessionari Equitalia, sull emissione di avvisi bonari, avvisi di accertamenti, avvisi di mora, lettere di sollecito ed ingiunzioni fiscali, sulla rateizzazione dei crediti tributari esistenti nei confronti dei contribuenti in difficoltà economica in base a criteri fissati per le rateizzazioni Equitalia. Per conseguenza, dal risultano riscossioni per ,07 euro. E le attività di recupero avviate a fine 2012 e ancora in corso nel 2013 hanno portato a un totale avvisi per ,06 euro, con un probabile realizzo di ,16 euro. Inoltre, è stato ottenuto un finanziamento regionale di circa ,00 euro per il potenziamento degli apparati tecnici per il perfezionamento dell attività di recupero evasione. L insieme di tali elementi insomma dimostra che la determinazione del recupero di tributi evasi riportata nel piano pluriennale di risanamento risulta fondatamente realizzabile, contrariamente a quanto ritenuto dalla Sezione di Controllo Il ricorrente osserva anche: Dalla tabella dei parametri per l individuazione degli enti strutturalmente deficitari allegata al rendiconto 2012, risultano rispettati tutti i parametri previsti fatta eccezione per il parametro n. 4< volume dei residui passivi complessivi provenienti dal titolo I superiore al 40% degli impegni della medesima spesa corrente>. Escludendo anzi la partita dovuta adesa pari a ,56, il rapporto residui passivi/impegni scende a un modesto 15,9%.

12 Non risultano un impossibilità di svolgere le funzioni ed i servizi indispensabili e nemmeno un incapacità di adempiere alle obbligazioni scadute che siano legittimamente imputabili al Comune, tanto che seppur l ente ricorra all anticipazione di tesoreria alla fine dell esercizio 2012 presenta un fondo di cassa positivo nella misura di 728/mila e quindi sono anche in parte ricostituiti i fondi aventi vincolo di specifica destinazione da utilizzare per le spese in conto capitale. Anche per l anno 2013, dopo un primo periodo di utilizzo di fondi presso la Banca, l ente si trova con un fondo di cassa che tende a consolidarsi. Il Comune ha sempre la possibilità di accedere alle risorse del fondo di rotazione per la stabilità finanziaria. Dal 2008 al 2012 si riscontra un costante andamento positivo nella gestione di competenza con un avanzo economico anche di importante entità, ,52 euro per il I residui attivi presentano partite vetuste di entrata a presidio delle quali è prevista con le misure di rientro la ricostituzione di un fondo in misura stimata pari al 40%, mentre in uscita le medesime rappresentano circa il 13% In conclusione, viene chiesto: in via principale, di dichiarare la congruità del piano di riequilibrio finanziario pluriennale, eventualmente con l annullamento della delibera impugnata ; in via subordinata, di disporre il riesame del piano da parte della Sezione regionale di controllo; in ogni caso, di disporre tutte le misure correlate e conseguenziali Con nota del , il Comune ricorrente ha depositato: la deliberazione consiliare n. 38/2013 con la quale è stato modificato il piano di riequilibrio su richiesta della Commissione ministeriale; la deliberazione n. 241/2012 della Sezione regionale di controllo sulla gestione dei residui per l esercizio 2010 ; la deliberazione n. 228/2013, con la quale la Sezione regionale, pur ritenendo non rimosse le irregolarità sul rendiconto 2011, ha preso atto dell adesione da parte del Comune alla procedura di riequilibrio pluriennale ; il verbale dell incontro del tra il responsabile dei servizi finanziari del

13 Comune e la Sezione regionale di controllo; una nota del segretario comunale del , sul contenzioso con ESA, sulle spese per il personale e sulle alienazioni patrimoniali. Il il Comune ha poi anche depositato: la deliberazione consiliare n. 81 del con la quale è stato approvato il bilancio di previsione 2013; un estratto della convenzione del per lo smaltimento dei rifiuti; una e.mail del dell avv. Chiara Piombini sul contenzioso con ESA s.p.a.; l ordinanza del Tribunale di Livorno - Sezione distaccata di Portoferraio che fissa l udienza del per la precisazione delle conclusioni sullo stesso contenzioso; la deliberazione consiliare n. 40 del istitutiva dell imposta di sbarco; il ricorso per Cassazione proposto dal Comune contro DANECO s.p.a. 4. La memoria della Procura Generale Con memoria depositata il , la Procura Generale ha osservato: L art. 243 ter del d.lgs n. 267/2000 non stabilisce un obbligatorio e formale contraddittorio fra l ente locale e la Sezione regionale di controllo. Comunque, il si è svolto un incontro tra il magistrato istruttore della sezione e il responsabile dei servizi finanziari del Comune nel corso del quale quest ultimo ha anche depositato documentazione; il il segretario comunale ha inviato una nota alla Sezione; il Comune può pienamente rappresentare le proprie ragioni in questo giudizio. I presunti crediti vantati da Esas.p.a. nei confronti del Comune ammontano ad euro ,56, a fronte di presunti crediti di quest ultimo nei confronti della società, ammontanti a euro ,20. Tutto ciò può determinare un ulteriore, non quantificabile, esposizione debitoria e tale valutazione circa la non attendibilità del saldo complessivo da finanziare sembra trovare conferma nelle stesse dichiarazioni del responsabile del servizio finanziario nell incontro del Peraltro, anche con riferimento al previsto incremento di tariffe e tasse, che incide, complessivamente, per il 44,99% sull importo complessivo da finanziare (pagg delibera), il responsabile del servizio finanziario ha dichiarato che la valutazione delle maggiori entrate da destinare al finanziamento del riequilibrio non sarebbe stata effettuata in modo corretto.

14 I risultati estremamente negativi sia in termini di accertamento sulle previsioni iniziali, sia in termini di effettiva riscossione non confermano l attendibilità del rilevante presunto recupero di evasione fiscale. Mancano elementi che confermino una ragionevole realizzabilità della presunta riduzione della spesa corrente, che costituisce oltre il 30% dell intero saldo da finanziare e della dismissione della quota del 100% di partecipazione dell ente locale nella società D Alarcon. Il piano di riequilibrio è stato adottato in assenza dell approvazione del bilancio di previsione 2013 e pluriennale E si tratta di un oggettivo elemento di perplessità in ordine alla congruenza del piano di riequilibrio (cfr. la deliberazione della Sezione Autonomie n. 22/2013). Non può essere considerata modesta un incidenza del saldo da finanziare, pari al 28% delle entrate complessive dell ente riferite all esercizio In conclusione, la Procura Generale ha chiesto che il ricorso sia respinto, con il conseguente invio al Ministero dell Interno ed al Prefetto di Livorno, per gli adempimenti di competenza. 5. La memoria dell Avvocatura Generale dello Stato Con nota depositata il , l Avvocatura Generale dello Stato ha sostenuto che il brevissimo tempo intercorso tra la notifica del ricorso e il termine assegnato per la costituzione in giudizio - cinque giorni prima dell udienza - impedisce una qualsiasi difesa. Ha chiesto pertanto che l udienza sia rinviata e in ogni caso che il ricorso venga dichiarato inammissibile e comunque rigettato, con ogni conseguenza in ordine alle spese. 6. L udienza 6.1 All udienza del , l avv. Domenico Iaria ha diffusamente sostenuto che il dissesto di un comune può essere dichiarato solo se l ente non può far fronte ai propri impegni. Il Comune di Porto Azzurro, invece, assicura i propri servizi splendidamente e in modo apprezzato da tutti; non ha creditori costretti a instaurare procedure esecutive; non ha nemmeno parametri anomali che indichino una situazione di deficitarietà strutturale.

15 Al di là di una caotica gestione della contabilità, che ha in effetti comportato anche l uso di entrate in conto capitale per la copertura di spese correnti, e che la Sezione regionale di controllo ha voluto evidentemente sanzionare, il Comune di Porto Azzurro ha solo un disavanzo che la stessa Commissione presso il Ministero dell interno ha qualificato come modesto. E si tratta di un disavanzo che potrebbe anzi ridursi qualora il contenzioso con DANECO s.p.a. ed ESA s.p.a. avesse un esito favorevole per l amministrazione comunale. Il probabile riconoscimento del diritto del Comune a royalties, peraltro, permetterebbe l acquisizione di somme rilevanti anche per gli esercizi successivi. In realtà, alla deliberazione impugnata manca una necessaria valutazione prospettica, che consideri il cambio di passo che si è già verificato, con l elezione di nuovi amministratori nel 2012 e la non agevole sostituzione del responsabile dei servizi finanziari. Va inoltre considerato che nel bilancio di previsione per il 2013 è già stata inserita la maggior parte dei debiti fuori bilancio ed eventuali aumenti del costo del servizio per lo smaltimento dei rifiuti potranno essere finanziati con un aumento della TARSU. L avv. Iaria ha poi affermato che il necessario contraddittorio processuale non esclude la necessità, anche alla luce della legge n. 241/1990, di un precedente contraddittorio procedimentale. Nella fattispecie, il Comune di Porto Azzurro ha avuto solo cinque giorni di tempo, dal 18 al 23 settembre, per formulare le sue controdeduzioni alla bozza di deliberazione inviata dalla Sezione regionale di controllo e le sue controdeduzioni non sono state nemmeno considerate. 6.2 L avvocato dello Stato Carlo Maria Pisana ha sostenuto che il deposito del ricorso presso le Sezioni Riunite è avvenuto prima ancora della ricezione dell atto dalla controparte e della comunicazione del decreto di fissazione dell odierna udienza, ambedue avvenute il 27 novembre. Il termine per la costituzione in giudizio, fissato al , è stato quindi talmente breve da comportare un assoluta lesione del diritto alla difesa, impedendo ad esempio anche l eventuale proposizione di un ricorso incidentale con riferimento alla deliberazione da parte del Comune di Porto Azzurro di un secondo piano di riequilibrio allorché era già scaduto il termine perentorio previsto dall ordinamento. Ha poi osservato che una legitimatio ad causam va

16 riconosciuta non al Ministero dell Interno o al Ministero dell Economia e delle Finanze, ma solo alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, in ragione della rilevanza comunitaria delle questioni. E ha anche rilevato che nel ricorso in esame non sono stati nemmeno precisati i soggetti chiamati in giudizio. Ha chiesto, in definitiva: in via principale, un rinvio dell udienza; in via subordinata, una dichiarazione d inammissibilità del ricorso, in quanto non notificato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri e privo dell indicazione dei convenuti. 6.3 Il vice procuratore generale dott. Antonio Ciaramella ha preliminarmente riconosciuto la necessità di un maggior tempo per l esercizio del diritto di difesa, ma ha dichiarato di non volersi associare alla richiesta di rinvio dell udienza presentata dall Avvocatura Generale dello Stato. Ha poi rilevato che il deposito del ricorso prima della ricezione dell atto da parte del destinatario della sua notificazione deriva dalla necessità di rispettare il termine di trenta giorni imposto dall art. 243 quater del d.lgs. n. 267/2000. Ha osservato che il Ministero dell Interno è l unico soggetto che partecipa, tramite la prevista Commissione, alla fase istruttoria della procedura di riequilibrio e il Pubblico Ministero contabile è parte necessaria del giudizio perché fa valere gli interessi generali dell ordinamento: ad ambedue risulta notificato il ricorso. Ha affermato che il necessario contraddittorio procedimentale è stato nella fattispecie comunque assicurato nella fase istruttoria presso l apposita Commissione presso il Ministero dell Interno. Ha precisato che il presente giudizio ha per oggetto solo la razionalità e la congruità del piano di riequilibrio e ha ribadito anche che la rilevanza del saldo da finanziare deve essere valutata non in termini assoluti, ma in relazione alle dimensioni dell ente e della sua contabilità. Ha chiesto in definitiva il rigetto del ricorso. 6.4 In una sua breve replica, l avv. Domenico Iaria ha affermato che in realtà il ricorso non doveva essere notificato ad altri soggetti, oltre che alla Procura Generale. Comunque, l unico soggetto che ha partecipato alla procedura di riequilibrio è stato il Ministero dell Interno. Considerato in DIRITTO

17 1. Il rito 1.1 L art. 243 quater del d.lgs. n. 267/2000, introdotto dall art. 3 del d.l. n. 174/2012 convertito con modificazioni dalla legge n. 213/2012, stabilisce che la delibera di approvazione o di diniego del piano di riequilibrio finanziario pluriennale, da parte della Sezione regionale di controllo, può essere impugnata entro 30 giorni, nelle forme del giudizio ad istanza di parte, innanzi alle Sezioni riunite della Corte dei conti in speciale composizione che si pronunciano, nell esercizio della propria giurisdizione esclusiva in tema di contabilità pubblica, ai sensi dell art. 103, secondo comma, della Costituzione, entro 30 giorni dal deposito del ricorso. Le medesime Sezioni riunite si pronunciano in unico grado, nell esercizio della medesima giurisdizione esclusiva, sui ricorsi avverso i provvedimenti di ammissione al Fondo di rotazione di cui all art. 243 ter Orbene, le sentenze di queste Sezioni Riunite n. 2/2013/EL e n. 6/2013/EL hanno evidenziato, per tutti i giudizi ad istanza di parte in tema di giurisdizione contabile esclusiva, la necessaria applicazione, sul piano processuale, delle norme e dei principi posti dall art. 58 del r.d. n. 1038/1933, che stabilisce: Gli altri giudizi ad iniziativa di parte, di competenza della corte dei conti, nei quali siano interessati anche persone od enti diversi dallo Stato, sono istituiti mediante ricorso da notificarsi nelle forme della citazione. Il decreto di fissazione d'udienza, emesso su istanza della parte più diligente, deve, a cura di questa, essere notificato a tutte le altre parti in causa. Quando lo Stato non abbia interesse in tali giudizi, il procuratore generale conclude solamente all'udienza; in caso diverso, formula le sue conclusioni e le deposita in segreteria nei trenta giorni antecedenti all'udienza fissata. 1.2 Nella fattispecie, con il ricorso in esame il Comune di Porto Azzurro cita tutti i soggetti intimati mediante la notifica del presente atto. Il ricorso è stato tempestivamente notificato all Amministrazione dell Interno, che partecipa alla procedura di riequilibrio per il tramite dell apposita Commissione e anche al procedimento che segue l eventuale diniego di approvazione del piano; è stato tempestivamente notificato anche alla Procura Generale, parte necessaria del giudizio; è stato ritualmente depositato presso questa Corte il

18 Il decreto di fissazione d udienza risulta poi ritualmente comunicato alle parti il Compatibilmente con la brevità del termine di 30 giorni che, come si è detto, decorre dal deposito del ricorso nella Segreteria delle Sezioni Riunite ed entro il quale le stesse Sezioni Riunite si pronunciano, è stato infine assegnato un congruo termine per il deposito degli atti e documenti in Segreteria : 5 giorni prima dell udienza. In definitiva, il ricorso è ammissibile, correttamente essendo stata individuata, nel Ministero dell interno, l Amministrazione statale legittimata passivamente; non vi è stata alcuna lesione del diritto di difesa, in quanto sono, nella specifica fattispecie processuale, evidentemente inapplicabili i normali termini dilatori processuali per la costituzione delle parti in giudizio, atteso l obbligo delle Sezioni Riunite in composizione speciale di pronunciare entro il termine di 30 giorni dal deposito del ricorso, il che ha reso necessario fissare, avvalendosi di quanto disposto dall art. 17 del r.d. n. 1038/1933, termini dilatori congrui con la durata del processo, quale fissata per legge; allo stato, non sarebbe nemmeno possibile, ancora in ragione della brevità del termine di 30 giorni appena ricordato, un rinvio dell odierna udienza. 2. La normativa sui piani di riequilibrio 2.1 L art. 243 bis del d.lgs. n. 267/2000, introdotto dall'art. 3, comma 1, lettera r, del d.l. n. 174/2012, convertito con modificazioni dalla legge n. 213/2012, stabilisce che i comuni e le province per i quali, anche in considerazione delle pronunce delle competenti sezioni regionali della Corte dei conti sui bilanci degli enti, sussistano squilibri strutturali del bilancio in grado di provocare il dissesto finanziario, nel caso in cui le misure di cui agli articoli 193 e 194 non siano sufficienti a superare le condizioni di squilibrio rilevate, possono ricorrere, con deliberazione consiliare, alla procedura di riequilibrio finanziario pluriennale prevista dal presente articolo. Per il successivo comma 2, la deliberazione di ricorso alla procedura di riequilibrio finanziario pluriennale è trasmessa, entro 5 giorni dalla data di esecutività, alla competente sezione regionale della Corte dei conti e al

19 Ministero dell'interno. Per il comma 5, il consiglio dell'ente locale, entro il termine perentorio di 60 giorni dalla data di esecutività della delibera di cui al comma 1, delibera un piano di riequilibrio finanziario pluriennale della durata massima di dieci anni, compreso quello in corso, corredato del parere dell'organo di revisione economico-finanziario. Per l art. 243 quater del d.lgs. n. 267/2000, parimenti introdotto dal d.l. n. 174/2012, entro 10 giorni dalla data della sua deliberazione il piano di riequilibrio finanziario pluriennale è trasmesso alla competente Sezione regionale di controllo della Corte dei Conti, nonché alla Commissione prevista dall'art. 155 del d.lgs. n. 267/2000, la quale, entro sessanta giorni dalla data di presentazione del piano, svolge la necessaria istruttoria anche sulla base delle linee guida deliberate dalla Sezione delle autonomie della Corte dei conti e delle indicazioni fornite dalla competente Sezione regionale di controllo della Corte dei Conti. All'esito dell'istruttoria, la Commissione redige una relazione finale e la trasmette alla Sezione regionale. Entro il termine di 30 giorni, la Sezione delibera sull'approvazione o sul diniego del piano, valutandone la congruenza ai fini del riequilibrio. In caso di approvazione del piano, la Corte dei Conti vigila sull esecuzione dello stesso, adottando in sede di controllo un apposita pronuncia. 2.2 Per l art. 243 quater, comma 7, del d.lgs. n. 267/2000, la mancata presentazione del piano nel termine perentorio di 60 giorni dalla data di esecutività della deliberazione che ha disposto il ricorso alla procedura di riequilibrio e parimenti il diniego di approvazione del piano, l'accertamento da parte della competente Sezione regionale della Corte dei conti di grave e reiterato mancato rispetto degli obiettivi intermedi fissati dal piano, ovvero del mancato raggiungimento del riequilibrio finanziario dell'ente al termine del periodo di durata del piano stesso, comportano l'applicazione dell'articolo 6, comma 2, del decreto legislativo n. 149 del 2011, con l'assegnazione al Consiglio dell'ente, da parte del Prefetto, di un termine non superiore a venti giorni per la deliberazione del dissesto. 3. I motivi del ricorso 3.1 Nel suo ricorso avverso la deliberazione della Sezione di controllo toscana che ha negato l approvazione del piano di riequilibrio, il Comune di Porto Azzurro ha in primo luogo rilevato una carenza di

20 verifiche documentali ; un insufficiente dialogo con il Comune e in particolare con il Responsabile dei servizi finanziari che non avrebbe ancora avuto una sufficienza conoscenza della situazione amministrativocontabile del Comune; un inosservanza del necessario contraddittorio procedimentale poiché non è stato concesso al Comune un termine congruo per fornire gli elementi integrativi e le precisazioni necessarie. Si tratta di contestazioni infondate. La Sezione regionale di controllo ha infatti esaminato il piano di riequilibrio deliberato dal Comune e la relazione della Commissione ministeriale sull istruttoria effettuata. Ha altresì considerato l esito dell incontro richiesto alla Sezione dal responsabile dei servizi finanziari (verbale del prot ) e le controdeduzioni del Comune inviate il (cfr. pag. 4-5 della deliberazione impugnata). La Sezione regionale non ha invece accolto le richieste del Comune di un "maggior tempo per poter analizzare in modo esaustivo tutte le poste attive e passive derivanti sia dalla gestione residui che dalla competenza 2013 e di un mese di tempo per lavorare sul piano di riequilibrio. Ma ciò deriva dal fatto che per il citato art. 243 quater del d.lgs. n. 267/2000, la Sezione doveva deliberare sull'approvazione o sul diniego del piano entro il termine di 30 giorni. Peraltro, è indubbio che un attenta revisione della contabilità deve precedere, non seguire la deliberazione del piano di riequilibrio. Ed è anche prevista, come subito si dirà, un istruttoria sul piano presso un apposita Commissione ministeriale. 3.2 Il Comune ricorrente lamenta una mancata considerazione, da parte della Sezione regionale, dell esito positivo dell istruttoria sul piano di riequilibrio eseguita dall apposita Commissione presso il Ministero dell Interno. Anche questa doglianza risulta infondata. La deliberazione impugnata ha infatti diffusamente richiamato (pagg. 4-6) la parte introduttiva della relazione della Commissione, le due sezioni principali, relative ai fattori e alle cause dello squilibrio ed al conseguente risanamento dello squilibrio stesso, le considerazioni conclusive. E ha rilevato: La Commissione evidenzia che il buon esito del risanamento dipenderà dalla capacità di concreta realizzazione

21 delle misure previste, con particolare riferimento alla dismissione della partecipazione societaria di cui sopra, alla riduzione della spesa, all effettivo realizzo dell incremento delle entrate correnti, oltreché all efficacia dell attività di recupero di evasione tributaria, rappresentando altresì, in conclusione, che il piano può offrire garanzie di successo e che l adesione alla procedura di riequilibrio è stata richiesta dal comune <<non tanto per far fronte ad un grave <buco> di bilancio, atteso che l intero debito da ripianare è pari alla modesta somma di euro ,22, bensì per consentire all Ente di spalmare tale importo nel periodo di dieci anni recuperando virtuosità nella parte corrente dei propri conti, con relativa benefica ricaduta sulla gestione di cassa>> <<Infatti, lo stesso, prevede di dover coprire disavanzi e debiti fuori bilancio di dimensioni contenute>>. Sennonché, dalla formulazione dell art. 243 quater del d.lgs. n. 267/2000 risulta una chiara separazione dei ruoli: compiti istruttori alla commissione e compiti decisori alla Sezione regionale di controllo (cfr. la deliberazione della Sezione delle Autonomie n. 22 del 12.9/ ). La Commissione può infatti formulare rilievi e richieste istruttorie, cui l ente è tenuto a fornire risposta entro trenta giorni, e redige comunque, all esito dell istruttoria, una relazione finale che viene trasmessa, con i relativi allegati, alla Sezione regionale di controllo. La delibera di approvazione o di diniego del piano spetta invece solo alla Sezione regionale di controllo. E in questa valutazione la Sezione regionale di controllo impegna le sue funzioni con ogni ampiezza e senza vincoli alla propria attività cognitiva, neppure in ragione delle valutazioni concluse dalla commissione istruttoria dalle quali può motivatamente discostarsi (Sezione delle Autonomie n. 22/2013 cit.). Nella fattispecie, la Sezione regionale di controllo toscana ha in primo luogo non condiviso le valutazioni della Commissione sulla modestia dell intero debito da ripianare. E in effetti, il disavanzo da finanziare di ,22 euro risulta pari a circa il 43,35% del totale (euro ,97) degli accertamenti di entrata, per tutti i titoli, dell esercizio 2012 (cfr. il bilancio di previsione per il 2013).

22 A differenza della Commissione ministeriale (v. supra), la Sezione regionale si è poi motivatamente pronunciata anche, escludendola, sulla capacità del Comune di concreta realizzazione delle misure previste. 3.3 Nel suo ricorso, il Comune ha osservato che dall apposita tabella per l individuazione degli enti strutturalmente deficitari risulta un solo parametro anomalo, un volume dei residui passivi complessivi provenienti dal titolo I superiore al 40% degli impegni della medesima spesa corrente, e si tratta di un rapporto che scende addirittura al 15,9% ove si escluda la partita dovuta ad Esa pari a ,56. Ha rilevato inoltre che alla fine dell esercizio e lo stesso accadrà alla fine dell esercizio in corso - risulta un fondo di cassa positivo. Ha negato che risultino un impossibilità di svolgere le funzioni ed i servizi indispensabili o un incapacità di adempiere alle obbligazioni scadute. Ha anche osservato che esiste sempre la possibilità di accedere alle risorse del fondo di rotazione per la stabilità finanziaria. In effetti, dagli atti non risulta che il Comune di Porto Azzurro rientri tra gli enti strutturalmente deficitari, sulla base dei parametri stabiliti con decreto dal Ministero dell Interno di concerto con il Ministero dell Economia e delle Finanze, ai fini dell art. 242 del d.lgs. n. 267/2000. E non risultano per il 2012, a differenza dei precedenti esercizi, anticipazioni di tesoreria non restituite alla fine dell esercizio. Sennonché, in sede di esame di un piano di riequilibrio finanziario pluriennale la competente Sezione regionale di controllo di questa Corte non è chiamata a valutare ex novo un eventuale situazione di deficitarietà strutturale e/o a procedere a una specifica valutazione ex novo sulla capacità o meno dell ente di assicurare funzioni e servizi indispensabili, adempiendo le proprie obbligazioni: può e deve solamente valutare, la Sezione, se le misure indicate nel piano di riequilibrio siano idonee a superare gli squilibri che hanno indotto l ente a ricorrere alla procedura di riequilibrio. Gli effetti del diniego di approvazione di un piano di riequilibrio sono poi previsti, senza necessità o possibilità di ulteriori valutazioni, dall art. 243, comma 7, del d.lgs. n. 267/2000 (v. supra). Il decreto del Ministro dell Interno di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze dell , pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell , ha poi chiarito che per l accesso al Fondo di

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Deliberazione 4 agosto 2008 VIS 74/08 Adozione di un provvedimento ai sensi dell articolo 2, comma 20, lettera c), della legge 14 novembre 1995, n. 481 nei confronti della società Bergamo Energia S.p.A.

Dettagli

IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA. Studio Manfredo, Cristiana, Matteo MANFRIANI Dottori Commercialisti 1

IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA IL RECLAMO E LA MEDIAZIONE TRIBUTARIA. Studio Manfredo, Cristiana, Matteo MANFRIANI Dottori Commercialisti 1 UNIONE GIOVANI DOTTORI COMMERCIALISTI FIRENZE - DIREZIONE REGIONALE DELLA TOSCANA E DIREZIONE PROVINCIALE DI PISTOIA DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Il reclamo e la mediazione tributaria Gli aspetti procedimentali

Dettagli

TITOLO: Mediazione tributaria - Chiarimenti e istruzioni operative - Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 9/E del 16 marzo 2012.

TITOLO: Mediazione tributaria - Chiarimenti e istruzioni operative - Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 9/E del 16 marzo 2012. DIREZIONE SERVIZI TRIBUTARI Anno 2012 Circ. n. 31 28.03.2012-31/GPF/FS/om TITOLO: Mediazione tributaria - Chiarimenti e istruzioni operative - Circolare dell Agenzia delle Entrate n. 9/E del 16 marzo 2012.

Dettagli

FORMAZIONE BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018. a cura del Dipartimento Finanza Locale

FORMAZIONE BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018. a cura del Dipartimento Finanza Locale FORMAZIONE BILANCIO DI PREVISIONE 2016 2018 a cura del Dipartimento Finanza Locale Il disegno di legge di stabilità 2016 contiene le seguenti principali disposizioni concernenti gli enti locali: 1) Soppressione

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

COMUNE DI VALLIO TERME Provincia di Brescia

COMUNE DI VALLIO TERME Provincia di Brescia COMUNE DI VALLIO TERME Provincia di Brescia Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 26 del 29.11.2010 PARTE I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 Oggetto del Regolamento 1. Il presente Regolamento,

Dettagli

RECLAMO E MEDIAZIONE FISCALE

RECLAMO E MEDIAZIONE FISCALE RECLAMO E MEDIAZIONE FISCALE RECLAMO E MEDIAZIONE NEL PROCESSO TRIBUTARIO Convegno X Settimana nazionale della Conciliazione 2013 Rilancio degli strumenti di giustizia alternativa Panoramica sugli strumenti

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO. Provincia di Perugia

COMUNE DI CORCIANO. Provincia di Perugia Oggetto: Parere del Responsabile dell Area Economico-Finanziaria ai sensi dell art. 153 del D.Lgs 267/2000. Bilancio di previsione anno 2014. Bilancio Pluriennale 2014/2016. Il sottoscritto Stefano Baldoni,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Delibera n. 156/2011/SRCPIE/PRSE La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, composta dai Magistrati: Dott.

Dettagli

Città di Fabriano CONSIGLIO COMUNALE

Città di Fabriano CONSIGLIO COMUNALE ( 199 19/11/2013) OGGETTO: ESTINZIONE ANTICIPATA DI MUTUI CONTRATTI CON LA CASSA DEPOSITI E PRESTITI SPA E VARIAZIONE DI BILANCIO AI SENSI DELL ART. 175, COMMA 2 E 3 DEL D.LGS. 267/2000. PREMESSO che:

Dettagli

EVENTO CONCLUSIVO Palermo 14 ottobre 2015 - Catania 22 ottobre 2015

EVENTO CONCLUSIVO Palermo 14 ottobre 2015 - Catania 22 ottobre 2015 Convenzione tra Regione Siciliana e Formez PA del 23 marzo 2012 POR FSE 2007 2013 Regione Siciliana Asse VII Capacità Istituzionale Progetto AZIONI DI SISTEMA PER LA CAPACITÀ ISTITUZIONALE - LINEA COMUNI

Dettagli

3.1. Chiamata in giudizio e costituzione in giudizio.

3.1. Chiamata in giudizio e costituzione in giudizio. Conseguenze dell istanza Conseguenze dell istanza 3. Conseguenze dell istanza. 3.1. Chiamata in giudizio e costituzione in giudizio. Le conseguenze della presentazione dell istanza di mediazione possono

Dettagli

Bollettino Ufficiale n. 3/I-II del 15/01/2013 / Amtsblatt Nr. 3/I-II vom 15/01/2013 146

Bollettino Ufficiale n. 3/I-II del 15/01/2013 / Amtsblatt Nr. 3/I-II vom 15/01/2013 146 Bollettino Ufficiale n. 3/I-II del 15/01/2013 / Amtsblatt Nr. 3/I-II vom 15/01/2013 146 82496 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2012 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE del

Dettagli

Città di Lecce SETTORE TRIBUTI E FISCALITA LOCALE

Città di Lecce SETTORE TRIBUTI E FISCALITA LOCALE Città di Lecce SETTORE TRIBUTI E FISCALITA LOCALE Regolamento per la Definizione Agevolata dei Tributi locali minori ICP e DPA (Art. 13, Legge 27 dicembre 2002, n. 289 e art.24, D.Lgs. 15 novembre 1993,

Dettagli

COMUNE DI VOLPIANO Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE

COMUNE DI VOLPIANO Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI VOLPIANO Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL ISTITUTO DELL ACCERTAMENTO CON ADESIONE E DELL AUTOTUTELA AMMINISTRATIVA Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale

Dettagli

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Anno 2004 IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE. PER LA BASILICATA Anno 2004

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Anno 2004 IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE. PER LA BASILICATA Anno 2004 REPUBBLICA ITALIANA N. 748 Reg.Sent. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Anno 2004 IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE N. 305 Reg.Ric. PER LA BASILICATA Anno 2004 ha pronunciato la seguente SENTENZA sul ricorso

Dettagli

Città di Fabriano CONSIGLIO COMUNALE

Città di Fabriano CONSIGLIO COMUNALE ( 174 20/11/2012) Oggetto: VARIAZIONE AL BILANCIO ANNUALE DI PREVISIONE PER L ESERCIZIO FINANZIARIO 2012 - ASSESTAMENTO GENERALE DI BILANCIO Premesso: IL - che con iberazione Consiglio Comunale n. 56 26/07/2012

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Finanziario

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Finanziario IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente Avv. Bruno De Carolis Prof. Avv. Andrea Gemma Avv. Michele Maccarone Membro designato dalla Banca d'italia [Estensore] Membro

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SULLA VERIFICA DEGLI

RELAZIONE TECNICA SULLA VERIFICA DEGLI RELAZIONE TECNICA SULLA VERIFICA DEGLI EQUILIBRI DI BILANCIO ANNO 2012 Aosta, ottobre 2012 IL DIRIGENTE DELL AREA FINANZIARIA - D.ssa Valeria Zardo - PREMESSE L ordinamento finanziario e contabile degli

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTARELLI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTARELLI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) LAPERTOSA (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) SANTARELLI Membro

Dettagli

Comitato Regionale per le Comunicazioni

Comitato Regionale per le Comunicazioni ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Comitato Regionale per le Comunicazioni DELIBERA n. 29/2014 TITOLO 1.10.21/619 1.10.4. LEGISLATURA IX Il giorno 11 luglio 2014 si è riunito nella sede

Dettagli

CONTRIBUTO UNIFICATO nel PROCESSO TRIBUTARIO NOVITÀ del D.L. 98/2011, CONVERTITO dalla L. 111/2011, e del D.L. 138/2011, CONVERTITO dalla L.

CONTRIBUTO UNIFICATO nel PROCESSO TRIBUTARIO NOVITÀ del D.L. 98/2011, CONVERTITO dalla L. 111/2011, e del D.L. 138/2011, CONVERTITO dalla L. Circolare informativa per la clientela n. 31/2011 del 6 ottobre 2011 CONTRIBUTO UNIFICATO nel PROCESSO TRIBUTARIO NOVITÀ del D.L. 98/2011, CONVERTITO dalla L. 111/2011, e del D.L. 138/2011, CONVERTITO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AMMISSIONE ALL INTERVENTO DEL

REGOLAMENTO PER L AMMISSIONE ALL INTERVENTO DEL REGOLAMENTO PER L AMMISSIONE ALL INTERVENTO DEL FONDO DI GARANZIA A SOSTEGNO E PER LO SVILUPPO DELLE IMPRESE BENEFICIARIE DELLE AGEVOLAZIONI GESTITE DA SVILUPPO ITALIA SPA PAG. PARTE I DEFINIZIONI 2 PARTE

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE CONSILIARE NR. 32 DD. 13/10/2011 OGGETTO: Esame ed approvazione schema contratto di servizio a disciplina delle modalità amministrative e tecniche per l affidamento a Trentino Riscossioni

Dettagli

ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA FISCALE IL D.LGS. 159 DEL 24 SETTEMBRE 2015

ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA FISCALE IL D.LGS. 159 DEL 24 SETTEMBRE 2015 ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA FISCALE IL D.LGS. 159 DEL 24 SETTEMBRE 2015 Misure per la semplificazione e razionalizzazione delle norme in materia di riscossione LA NUOVA DISCIPLINA IN MATERIA DI RISCOSSIONE

Dettagli

composta dai magistrati:

composta dai magistrati: Del. n. 89/2014/PRSP SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA TOSCANA composta dai magistrati: Gaetano D AURIA Paolo PELUFFO Emilia TRISCIUOGLIO Laura D AMBROSIO Marco BONCOMPAGNI presidente consigliere,

Dettagli

Decreto legge 10 ottobre 2012, n. 174, convertito, con modificazioni, in legge 7 dicembre 2012, n. 213

Decreto legge 10 ottobre 2012, n. 174, convertito, con modificazioni, in legge 7 dicembre 2012, n. 213 Allegato alla delib. C.C. n.3 del 20/3/2013 REGOLAMENTO COMUNITARIO IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI Decreto legge 10 ottobre 2012, n. 174, convertito, con modificazioni, in legge 7 dicembre 2012, n. 213

Dettagli

Deliberazione n. 28 /III C./2008

Deliberazione n. 28 /III C./2008 Deliberazione n. 28 /III C./2008 REPUBBLICA ITALIANA la CORTE DEI CONTI Sezione di controllo della regione Friuli Venezia Giulia III Collegio composto dai seguenti magistrati: PRESIDENTE: CONSIGLIERE:

Dettagli

REGOLAMENTO per LA RISCOSSIONE COATTIVA delle ENTRATE COMUNALI TRIBUTARIE ED EXTRA-TRIBUTARIE

REGOLAMENTO per LA RISCOSSIONE COATTIVA delle ENTRATE COMUNALI TRIBUTARIE ED EXTRA-TRIBUTARIE REGOLAMENTO per LA RISCOSSIONE COATTIVA delle ENTRATE COMUNALI TRIBUTARIE ED EXTRA-TRIBUTARIE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 78 del 28.11.2014 1 Sommario Art. 1 Ambito di applicazione

Dettagli

ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Comitato Regionale per le Comunicazioni

ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Comitato Regionale per le Comunicazioni ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Comitato Regionale per le Comunicazioni DELIBERA n. 19/2012 TITOLO 1.10.21/227 1.10.4 LEGISLATURA IX Il giorno 5 giugno 2012 si è riunito nella sede di

Dettagli

Comune di Robecco sul Naviglio Provincia di Milano. Regolamento per l applicazione dell Imposta Unica Comunale (IUC)

Comune di Robecco sul Naviglio Provincia di Milano. Regolamento per l applicazione dell Imposta Unica Comunale (IUC) Comune di Robecco sul Naviglio Provincia di Milano Regolamento per l applicazione dell Imposta Unica Comunale (IUC) Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 17 del 30/07/2014 INDICE Art. 1

Dettagli

COMUNE DI CELANO. Regolamento per la disciplina del condono fiscale sui tributi locali (art. 13 Legge 27 dicembre 2002 n.289)

COMUNE DI CELANO. Regolamento per la disciplina del condono fiscale sui tributi locali (art. 13 Legge 27 dicembre 2002 n.289) COMUNE DI CELANO Regolamento per la disciplina del condono fiscale sui tributi locali (art. 13 Legge 27 dicembre 2002 n.289) CAPO I TRIBUTI CONDONABILI, CONDIZIONI E BENEFICI Art. 1 Oggetto e finalità

Dettagli

Regolamento per l applicazione dell Imposta Unica Comunale (IUC)

Regolamento per l applicazione dell Imposta Unica Comunale (IUC) COMUNE DI SPOTORNO PROVINCIA DI SAVONA Regolamento per l applicazione dell Imposta Unica Comunale (IUC) ALLEGATO A) Deliberazione del Consiglio Comunale n. 16 del 12 GIUGNO 2014 word\regolamenti\c.c. n.

Dettagli

TAR Sardegna: sentenza n 104 del 24/01/2005 L ordinanza per la rimozione dei rifiuti abbandonati non è di competenza del Sindaco ma del Dirigente

TAR Sardegna: sentenza n 104 del 24/01/2005 L ordinanza per la rimozione dei rifiuti abbandonati non è di competenza del Sindaco ma del Dirigente TAR Sardegna: sentenza n 104 del 24/01/2005 L ordinanza per la rimozione dei rifiuti abbandonati non è di competenza del Sindaco ma del Dirigente REPUBBLICA ITALIANA 104/2005 IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Dettagli

COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti

COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L L A G I U N T A C O M U N A L E NUMERO 66 DATA 13/11/2014 OGGETTO: Misure organizzative per assicurare la tempestività

Dettagli

OGGETTO: Approvazione contratto e affidamento servizio a Trentino Riscossioni S.p.A.. IL CONSIGLIO COMUNALE

OGGETTO: Approvazione contratto e affidamento servizio a Trentino Riscossioni S.p.A.. IL CONSIGLIO COMUNALE Deliberazione del Consiglio Comunale n. 08 dd. 18.03.2015 OGGETTO: Approvazione contratto e affidamento servizio a Trentino Riscossioni S.p.A.. IL CONSIGLIO COMUNALE Premesso che: - gli artt. 33 e 34 della

Dettagli

Sentenza n. 6620 del 19 marzo 2009 della Corte Cassazione - Sezione tributaria

Sentenza n. 6620 del 19 marzo 2009 della Corte Cassazione - Sezione tributaria Sentenza n. 6620 del 19 marzo 2009 della Corte Cassazione - Sezione tributaria Svolgimento del processo - La C.T.P. di Milano, previa riunione, rigettava i ricorsi proposti dalla s.r.l. G.M. avverso avvisi

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Deliberazione 27 aprile 2009 - VIS 42/09 Adozione di provvedimenti ai sensi dell articolo 2, comma 20, lettere c) e d), della legge 14 novembre 1995, n. 481, nei confronti della società Undis S.p.A. L

Dettagli

COMUNE DI OULX (PROVINCIA DI TORINO)

COMUNE DI OULX (PROVINCIA DI TORINO) COMUNE DI OULX (PROVINCIA DI TORINO) VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 122 OGGETTO: Illecito amministrativo n. 42/05/RD del 14 febbraio 2005 (obiettivo % di raccolta differenziata rifiuti

Dettagli

CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE

CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Delibera n. 15/2013/SRCPIE/PAR La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, composta dai Magistrati: Dott.ssa Enrica LATERZA Presidente

Dettagli

6 L art. 3 della direttiva IPPC fa riferimento agli obblighi fondamentali del gestore.

6 L art. 3 della direttiva IPPC fa riferimento agli obblighi fondamentali del gestore. Pagina 1 di 6 SENTENZA DELLA CORTE (Settima Sezione) 31 marzo 2011 (*) «Inadempimento di uno Stato Ambiente Direttiva 2008/1/CE Prevenzione e riduzione integrate dell inquinamento Condizioni di autorizzazione

Dettagli

Del. n. 4/2013/PAR. Sezione Regionale di Controllo per la Toscana composta dai magistrati:

Del. n. 4/2013/PAR. Sezione Regionale di Controllo per la Toscana composta dai magistrati: Del. n. 4/2013/PAR Sezione Regionale di Controllo per la Toscana composta dai magistrati: - Pres. Sez. Vittorio GIUSEPPONE Presidente - Cons. Raimondo POLLASTRINI Componente - 1 Ref. Laura d AMBROSIO Componente

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC)

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 7 del 21/05/2014 SOMMARIO L IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) Articolo 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO,

Dettagli

CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE

CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Delibera n. 354/2013/SRCPIE/PAR La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, composta dai Magistrati: Dott.ssa Enrica LATERZA Presidente

Dettagli

Articolo 44 (Obbligatorietà del deposito telematico degli atti processuali)

Articolo 44 (Obbligatorietà del deposito telematico degli atti processuali) Articolo 44 (Obbligatorietà del deposito telematico degli atti processuali) 1. Le disposizioni di cui ai commi 1, 2 e 3 dell articolo 16-bis del decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni,

Dettagli

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI (Provincia di Palermo) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE (I.U.C.)

COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI (Provincia di Palermo) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE (I.U.C.) COMUNE DI CHIUSA SCLAFANI (Provincia di Palermo) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE (I.U.C.) Approvato con deliberazione consiliare n. 19 del 30/07/2014 1 INDICE Art. 1. Oggetto

Dettagli

PARERE IN MERITO AL CONDONO TARSU DEL COMUNE DI LECCE

PARERE IN MERITO AL CONDONO TARSU DEL COMUNE DI LECCE PARERE IN MERITO AL CONDONO TARSU DEL COMUNE DI LECCE A) PREMESSA Il Consiglio Comunale di Lecce con la deliberazione n. 56 del 01 agosto 2012 ha approvato il regolamento per la definizione agevolata della

Dettagli

Deliberazione n. 140 /I C./2007

Deliberazione n. 140 /I C./2007 Deliberazione n. 140 /I C./2007 REPUBBLICA ITALIANA la CORTE DEI CONTI Sezione di controllo della regione Friuli Venezia Giulia I Collegio composto dai seguenti magistrati: PRESIDENTE: CONSIGLIERE: CONSIGLIERE:

Dettagli

Lombardia/406/2010/PRSE

Lombardia/406/2010/PRSE Lombardia/406/2010/PRSE REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: Dott. Nicola Mastropasqua Presidente Dott. Antonio Caruso Dott. Giuliano

Dettagli

L.R. 1/2005, art. 2, c. 58 e 59 B.U.R. 30/3/2005, n, 13. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 22 marzo 2005, n. 077/Pres.

L.R. 1/2005, art. 2, c. 58 e 59 B.U.R. 30/3/2005, n, 13. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 22 marzo 2005, n. 077/Pres. L.R. 1/2005, art. 2, c. 58 e 59 B.U.R. 30/3/2005, n, 13 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 22 marzo 2005, n. 077/Pres. Regolamento per la determinazione dei criteri e delle modalità per il concorso delle

Dettagli

Tit. 1.10.21/1455 del 19/12/2014. La Responsabile del Servizio Corecom

Tit. 1.10.21/1455 del 19/12/2014. La Responsabile del Servizio Corecom Area Definizione delle controversie DETERMINAZIONE Determinazione n. 10/2014 DEFC.2014.10 Tit. 1.10.21/1455 del 19/12/2014 OGGETTO: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA TRA X / SKY ITALIA X La Responsabile del

Dettagli

Visti il ricorso e i relativi allegati; Visto l'atto di costituzione in giudizio del Ministero dell'interno; Visti tutti gli atti della causa;

Visti il ricorso e i relativi allegati; Visto l'atto di costituzione in giudizio del Ministero dell'interno; Visti tutti gli atti della causa; N. 00247/2013 REG.PROV.COLL. N. 01214/2012 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Prima) ha pronunciato

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA CALABRIA. composta dai magistrati:

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA CALABRIA. composta dai magistrati: Deliberazione n. 95/2009 REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA CALABRIA composta dai magistrati: Pres. Sez. Martino COLELLA Presidente Cons. Giuseppe GINESTRA Cons.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI Deliberazione n. 18/2015/VSG REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE DI CONTROLLO PER IL TRENTINO-ALTO ADIGE/SÜDTIROL SEDE DI TRENTO composta dai Magistrati: Diodoro VALENTE Gianfranco POSTAL Massimo

Dettagli

ORDINANZA N. 447 ANNO 2007 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Franco BILE Presidente -

ORDINANZA N. 447 ANNO 2007 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Franco BILE Presidente - ORDINANZA N. 447 ANNO 2007 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Franco BILE Presidente - Giovanni Maria FLICK Giudice - Francesco AMIRANTE " -

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2014

BILANCIO DI PREVISIONE 2014 COMUNE DI _MOLINO DEI TORTI Provincia di _Alessandria PARERE DEL REVISORE DEI CONTI SULLA PROPOSTA DI: riapprovazione BILANCIO DI PREVISIONE 2014 E DOCUMENTI ALLEGATI Espresso il _07/07/2014 Richiesta

Dettagli

LA COMPENSAZIONE IN PRESENZA DI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO E I NUOVI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

LA COMPENSAZIONE IN PRESENZA DI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO E I NUOVI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE LA COMPENSAZIONE IN PRESENZA DI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO E I NUOVI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Come noto, a decorrere dall 1.1.2011, è stato introdotto, ad opera dell art. 31, comma

Dettagli

COMUNE CASTELFRANCO DI SOTTO Provincia di Pisa REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DELLA TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI

COMUNE CASTELFRANCO DI SOTTO Provincia di Pisa REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DELLA TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI COMUNE CASTELFRANCO DI SOTTO Provincia di Pisa REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RISCOSSIONE DIRETTA DELLA TASSA SMALTIMENTO RIFIUTI SOLIDI URBANI APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 16 DEL 18.05.2011

Dettagli

Decisione N. 1362 del 07 marzo 2014

Decisione N. 1362 del 07 marzo 2014 COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: (RM) DE CAROLIS (RM) SIRENA (RM) SILVETTI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (RM) MACCARONE Membro designato da

Dettagli

Verbale n.18 Adunanza dell 8/ settembre 2014

Verbale n.18 Adunanza dell 8/ settembre 2014 Verbale n.18 Adunanza dell 8/ settembre 2014 L anno duemilaquattordici, il giorno 8 del mese di settembre, alle ore 11.00, in Torino presso la sede del Corecom, via Lascaris 10, nell apposita sala delle

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DI APPELLO DI POTENZA SEZIONE CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DI APPELLO DI POTENZA SEZIONE CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO REPUBBLICA ITALIANA CORTE DI APPELLO DI POTENZA SEZIONE CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO La Corte, riunita in camera di consiglio in persona dei magistrati - dott. Ettore NESTI presidente - dott. Rocco

Dettagli

CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071

CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071 CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071 www.comune.borgaro-torinese.to.it REGOLAMENTO GENERALE PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE COMUNALI INDICE Articolo D E S C R I Z I O N E 1 2 3 4

Dettagli

COMUNE DI CASTENEDOLO Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI

COMUNE DI CASTENEDOLO Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI COMUNE DI CASTENEDOLO Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 2 del 06.02.2013 1 Articolo 1 OGGETTO

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni DELIBERA N. DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA RESTAG / BT ITALIA S.P.A. (GU14/441/2014) L AUTORITÀ NELLA riunione della Commissione per le infrastrutture e le reti del 13 ottobre 2014; VISTA la legge 14 novembre

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 26 FEBBRAIO 2015 75/2015/R/GAS CHIUSURA DEL PROCEDIMENTO, AVVIATO CON DELIBERAZIONE DELL AUTORITÀ 350/2013/R/GAS, PER LA DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE RELATIVE AGLI ANNI 2012 E 2013 DELLA

Dettagli

COMUNE DI BERGEGGI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE

COMUNE DI BERGEGGI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE COMUNE DI BERGEGGI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE 1. Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 23 del 29/07/2014 1. Indice Art. 1 Istituzione e composizione del

Dettagli

IL RENDICONTO DELLA GESTIONE

IL RENDICONTO DELLA GESTIONE IL RENDICONTO DELLA GESTIONE Dott. Paolo Longoni Commissione Enti Pubblici del Consiglio Nazionale Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili Commissione Enti Locali ed Utilities dell Ordine dei Dottori

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02264/2011 REG.PROV.COLL. N. 01973/2011 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Sicilia (Sezione Prima) ha pronunciato la presente SENTENZA

Dettagli

CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE

CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Delibera n. 248/2011/SRCPIE/PRSE La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, composta dai Magistrati: Dott. ssa Enrica LATERZA Presidente

Dettagli

C O M U N E D I P O N T E C A G N A N O F A I A N O PROVINCIA DI SALERNO

C O M U N E D I P O N T E C A G N A N O F A I A N O PROVINCIA DI SALERNO Albo Pretorio online n. Registro Pubblicazione pubblicato il C O M U N E D I P O N T E C A G N A N O F A I A N O PROVINCIA DI SALERNO DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE O G G E T T O ORIGINALE N. Approvazione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

COMUNE DI URBINO SETTORE AFFARI INTERNI, CULTURA E TURISMO SERVIZIO FINANZIARIO UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO GENERALE

COMUNE DI URBINO SETTORE AFFARI INTERNI, CULTURA E TURISMO SERVIZIO FINANZIARIO UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO GENERALE COMUNE DI URBINO SETTORE AFFARI INTERNI, CULTURA E TURISMO SERVIZIO FINANZIARIO UFFICIO TRIBUTI REGOLAMENTO GENERALE PER LA GESTIONE DELLE ENTRATE COMUNALI APPROVATO con delibera di C.C. n. 19 del 28 Febbraio

Dettagli

RELAZIONE UNIFICATA SULL ECONOMIA E LA FINANZA PUBBLICA PER IL 2008 5.3 SETTORE STATALE. 5.3.1 Risultati per il triennio 2005-2007

RELAZIONE UNIFICATA SULL ECONOMIA E LA FINANZA PUBBLICA PER IL 2008 5.3 SETTORE STATALE. 5.3.1 Risultati per il triennio 2005-2007 5.3 SETTORE STATALE 5.3.1 Risultati per il triennio 2005-2007 Il settore statale ha registrato nel 2007 un fabbisogno di 29.563 milioni e un avanzo primario di 38.038 milioni (nel 2006 rispettivamente

Dettagli

DELIBERA DL/018/15/CRL/UD del 4 febbraio 2015. DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA A. M. / TISCALI xxx (LAZIO/D/739/2013) IL CORECOM DELLA REGIONE LAZIO

DELIBERA DL/018/15/CRL/UD del 4 febbraio 2015. DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA A. M. / TISCALI xxx (LAZIO/D/739/2013) IL CORECOM DELLA REGIONE LAZIO DELIBERA DL/018/15/CRL/UD del 4 febbraio 2015 DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA A. M. / TISCALI xxx (LAZIO/D/739/2013) IL CORECOM DELLA REGIONE LAZIO NELLA riunione del 4 febbraio 2015; VISTA la legge 14

Dettagli

Consiglio di Stato: le dimissioni accettate non sono revocabili unilateralmente

Consiglio di Stato: le dimissioni accettate non sono revocabili unilateralmente Consiglio di Stato: le dimissioni accettate non sono revocabili unilateralmente http://www.dplmodena.it/04-10-11consstatodimisspubb.html Il Consiglio di Stato, con sentenza n. 5384 del 27 settembre 2011,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA MUNICIPALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA MUNICIPALE COMUNE di TONARA (Provincia di Nuoro) Viale della Regione, 8 0784/63823 0784/63246 P.IVA 00162960918 Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. del.2014 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Prof. Avv. Raffaele Lener Membro designato dal Conciliatore Bancario e Finanziario

IL COLLEGIO DI ROMA. Prof. Avv. Raffaele Lener Membro designato dal Conciliatore Bancario e Finanziario IL COLLEGIO DI ROMA composto dai Signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente Dott.ssa Claudia Rossi Membro designato dalla Banca d'italia Prof. Avv. Pietro Sirena Membro designato dalla Banca d'italia

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. visto l articolo 17, comma 31, decreto legge 1 luglio 2009, n. 78 convertito dalla legge 3 agosto 2009, n.

REPUBBLICA ITALIANA. visto l articolo 17, comma 31, decreto legge 1 luglio 2009, n. 78 convertito dalla legge 3 agosto 2009, n. Deliberazione n 13/2012/PAR REPUBBLICA ITALIANA Corte dei conti Sezione regionale del controllo per l Emilia - Romagna visto l art. 100, comma 2, della Costituzione; vista la legge costituzionale 18 ottobre

Dettagli

REPVBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO ***

REPVBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO *** Sent 353/2014 REPVBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO Visto il ricorso iscritto al numero 73136/PM del registro di Segreteria; Udìti

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI

REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI Deliberazione n. 19/2015/VSG REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE DI CONTROLLO PER LA REGIONE TRENTINO-ALTO ADIGE/SÜDTIROL SEDE DI TRENTO composta dai Magistrati: Diodoro VALENTE Gianfranco POSTAL

Dettagli

COMUNE DI FIUMICINO (Provincia di Roma) DISCIPLINARE DELL ESERCIZIO DEGLI AGENTI CONTABILI INTERNI DEL COMUNE

COMUNE DI FIUMICINO (Provincia di Roma) DISCIPLINARE DELL ESERCIZIO DEGLI AGENTI CONTABILI INTERNI DEL COMUNE COMUNE DI FIUMICINO (Provincia di Roma) DISCIPLINARE DELL ESERCIZIO DEGLI AGENTI CONTABILI INTERNI DEL COMUNE Approvato con deliberazione consiliare n. 48 del 10 maggio 2000 INDICE Art. 1 Attribuzione

Dettagli

Delibera del Commissario Straordinario n. 68 del 09/06/2015

Delibera del Commissario Straordinario n. 68 del 09/06/2015 ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI BARI Delibera del Commissario Straordinario n. 68 del 09/06/2015 OGGETTO: RENDICONTO DI GESTIONE ANNO 2014 - RICOGNIZIONE STIMA E CANCELLAZIONE

Dettagli

contro nei confronti di per l'annullamento

contro nei confronti di per l'annullamento N. 01831/2012 REG.PROV.COLL. N. 00806/2012 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Sicilia sezione staccata di Catania (Sezione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ACCERTAMENTO CON ADESIONE AI TRIBUTI COMUNALI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ACCERTAMENTO CON ADESIONE AI TRIBUTI COMUNALI Comune di Desenzano del Garda REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ACCERTAMENTO CON ADESIONE AI TRIBUTI COMUNALI Approvato con deliberazione di C.C. n. 13 del 15/1/1999 Modificato con deliberazione di C.C.

Dettagli

COMUNE DI ROVIGO. Presentazione

COMUNE DI ROVIGO. Presentazione Presentazione Rendiconto della Gestione 2007 1 IL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2007 Come sono stati spesi i soldi dei cittadini di Rovigo nel 2007 1. La popolazione* nell ultimo triennio Abitanti al 31.12.2005

Dettagli

Corte dei conti. per l Emilia - Romagna

Corte dei conti. per l Emilia - Romagna Deliberazione n. 721/2009/PRSE REPUBBLICA ITALIANA la Corte dei conti in Sezione regionale del controllo per l Emilia - Romagna composta dai Magistrati Dr. Mario Donno Dr. Carlo Coscioni Dr.ssa Rosa Fruguglietti

Dettagli

TITOLO I CRITERI APPLICATIVI DELLE SANZIONI

TITOLO I CRITERI APPLICATIVI DELLE SANZIONI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE SANZIONI AMMINISTRATIVE PREMESSA Art. 1 Oggetto del Regolamento II presente regolamento disciplina i criteri di applicazione delle sanzioni amministrative previste

Dettagli

PARCO NATURALE REGIONALE DELLE ALPI LIGURI (Provincia Imperia) REGOLAMENTO DI CONTABILITA ECONOMICO-PATRIMONIALE

PARCO NATURALE REGIONALE DELLE ALPI LIGURI (Provincia Imperia) REGOLAMENTO DI CONTABILITA ECONOMICO-PATRIMONIALE REGOLAMENTO DI CONTABILITA ECONOMICO-PATRIMONIALE TITOLO I DOCUMENTI CONTABILI E GESTIONE DEL BILANCIO Articolo 1 Contabilità economico-patrimoniale L Ente Parco adotta, quale sistema di rilevazione dei

Dettagli

COMUNE DI SANNICANDRO DI BARI PROVINCIA DI BARI

COMUNE DI SANNICANDRO DI BARI PROVINCIA DI BARI COMUNE DI SANNICANDRO DI BARI PROVINCIA DI BARI Medaglia d Argento al Merito Civile Cod. Fisc. 00827390725 ----------- Copia Deliberazione Giunta Comunale N. 96 Del 13-10-2011 OGGETTO: INDIVIDUAZIONE DEI

Dettagli

SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA CAMPANIA. nell'adunanza del 26 settembre 2007

SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA CAMPANIA. nell'adunanza del 26 settembre 2007 SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA CAMPANIA Del/Par n. 12 /2007 nell'adunanza del 26 settembre 2007 Composta dai seguenti magistrati: Pres. di Sezione Mario G. C. Sancetta Presidente Consigliere Francesco

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI COMUNE DI F U R O R E (Provincia di Salerno) REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n.3 del 10 gennaio 2013. TITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1 Oggetto 1.

Dettagli

REGIONE TOSCANA. Bilancio di previsione per l anno finanziario 2013 e Bilancio pluriennale 2013 2015. Assestamento.

REGIONE TOSCANA. Bilancio di previsione per l anno finanziario 2013 e Bilancio pluriennale 2013 2015. Assestamento. REGIONE TOSCANA Proposta di Legge Bilancio di previsione per l anno finanziario 2013 e Bilancio pluriennale 2013 2015 Assestamento SOMMARIO Preambolo Capo I Assestamento del bilancio Art. 1 - Variazioni

Dettagli

VERBALE DEL REVISORE DEI CONTI DELL UNIONE DEI COMUNI LOMBARDA DI LONATE POZZOLO E DI FERNO

VERBALE DEL REVISORE DEI CONTI DELL UNIONE DEI COMUNI LOMBARDA DI LONATE POZZOLO E DI FERNO Verbale n. 2/2014 VERBALE DEL REVISORE DEI CONTI DELL UNIONE DEI COMUNI LOMBARDA DI LONATE POZZOLO E DI FERNO Il giorno 18 del mese di aprile dell anno 2014 alle ore 10,15 il sottoscritto Dott. Damiano

Dettagli

Emanato con D.R. n. 695 del 19 agosto 1999 CAPO I PARTE GENERALE. Articolo 1 - Oggetto

Emanato con D.R. n. 695 del 19 agosto 1999 CAPO I PARTE GENERALE. Articolo 1 - Oggetto REGOLAMENTO RELATIVO ALLA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI TRASFERIMENTO E DI MOBILITA INTERNA PER LA COPERTURA DEI POSTI VACANTI DI PROFESSORE ORDINARIO, DI PROFESSORE ASSOCIATO E DI RICERCATORE, AI SENSI

Dettagli

Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese

Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese Assolombarda - CdS slides 3 1 Le recenti modifiche al Codice della Strada: patente a punti e altre implicazioni operative per le imprese VITO DATTOLICO Coordinatore Giudici di Pace di Milano Milano, 7

Dettagli

XX COMUNITA MONTANA DEI MONTI SABINI - 02037 POGGIO MOIANO RELAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO DELL ESERCIZIO FINANZIARIO

XX COMUNITA MONTANA DEI MONTI SABINI - 02037 POGGIO MOIANO RELAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO DELL ESERCIZIO FINANZIARIO XX COMUNITA MONTANA DEI MONTI SABINI - 02037 POGGIO MOIANO RELAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO DELL ESERCIZIO FINANZIARIO ANNO 2014 RELAZIONE DELL ORGANO ESECUTIVO AL RENDICONTO DI GESTIONE 2014 Articolo 231

Dettagli

COMUNE DI ALBISSOLA MARINA. Regolamento per l applicazione dell Imposta Unica Comunale

COMUNE DI ALBISSOLA MARINA. Regolamento per l applicazione dell Imposta Unica Comunale COMUNE DI ALBISSOLA MARINA Regolamento per l applicazione dell Imposta Unica Comunale Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 10 del 14/5/2014 Indice Art. 1 Istituzione e composizione del

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 8/ 11 DEL 28.2.2007

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA DELIBERAZIONE N. 8/ 11 DEL 28.2.2007 DELIBERAZIONE N. 8/ 11 Oggetto: L.R. 11.5.2006, n. 4, art. 27, commi 9 e 12 (Disposizioni varie in materia di entrate, riqualificazione della spesa, politiche sociali di sviluppo). Modifica delle direttive

Dettagli