organo Ufficiale di ASSoBEton

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "organo Ufficiale di ASSoBEton"

Transcript

1 ASSOBETON organo Ufficiale di ASSoBEton Spedizione in abbonamento postale - Tabelle B - (Tassa riscossa) - autorizzazione rilasciata a IMREADY SRL - N. 881 del della Direzione Generale PP.TT. della Rep. S. Marino CONFINDUSTRIA STUDI E RICERCHE Resistenza a taglio delle connessioni trave-pilastro spinottate nelle strutture prefabbricate SPECIALE Isolamento ed efficienza energetica in prefabbricazione NORMATIVE Situazione normativa europea per gli inserti di fissaggio SAIE Programma SAIE ConCREtE 2009 ANNUARIO Annuario del settore della prefabbricazione on-line: nuove funzioni e utility L'ASSOCIAZIONE Assemblea Generale ordinaria ASSoBEton 2009

2

3 Dynamon NRG & Dynamon SP Soluzioni specifiche per l industria della prefabbricazione Sviluppo rapido delle resistenze meccaniche Ottimizzazione cicli produttivi e drastica riduzione dei cicli di maturazione Per risolvere le problematiche tipiche della prefabbricazione e per dare un forte contributo all innovazione e allo sviluppo del settore, Mapei ha sviluppato i prodotti delle gamme DYNAMON NRG & DYNAMON SP, specifici per questo tipo di applicazioni e particolarmente idonei anche per il confezionamento di calcestruzzi autocompattanti.

4 MARCATURA : IDRAdivisioneCREATIVA l occasione per cercare insieme l efficienza della produzione ASSISTENZA - SPECIALIZZAZIONE - AGGIORNAMENTO La nostra concezione di consulenza va oltre l affiancamento all Azienda, è la partnership mirata all ottimizzazione del processo di produzione. I consulenti IDRABETON sono i professionisti di profilo più alto nel settore dei materiali per le costruzioni; la loro formazione, costante e approfondita, fa del consulente IDRABETON un valore aggiunto per prestazione e per contenuto. IDRABETON va oltre la consulenza; è il partner ideale per costruire un cammino che porta all efficienza. Per questo quattro associazioni di categoria e oltre 200 aziende ci hanno scelto. Visita il sito per saperne di più. IDRA tel fax

5 COPREM SRL Impianto a torre completo di due mescolatori contro-corrente della serie APOLLO. Ciascun mescolatore è equipaggiato con doppio invito di scarico, di cui uno a servizio di due vagonetti aerei, che a loro volta alimentano cinque stazioni fisse e due mobili per la produzione di calcestruzzo prefabbricato. Il secondo invito scarica all interno di autobetoniere per la produzione di calcestruzzo preconfezionato. Una soluzione progettata sulla base di specifiche richieste da parte del cliente e al tempo stesso in grado di conferire flessibilità e versatilità produttiva nel massimo rispetto dei più elevati standard di qualità. SKAKO Italia srl Via Discesa Galatina, Maddaloni (CE) Tel.: Fax :

6 4 Editoriale L Editoriale del Presidente Rispetto delle regole e lobby È per me un grande piacere, dopo che a giugno l Assemblea di ASSOBETON mi ha assegnato onore ed onere di guidare l Associazione, occupare periodicamente questo spazio della nostra bella rivista Industrie Manufatti Cementizi. Porgo a Voi, innanzitutto, il mio più sincero e caloroso saluto, sperando di avere l opportunità, nel corso del mio mandato, di conoscere personalmente tutti. Non posso esimermi inoltre, in questa occasione, dal ringraziare con grande affetto e stima il mio predecessore Renzo Bullo che mi ha consegnato un Associazione notevolmente cresciuta, grazie alle sue competenze, al suo duro lavoro ed alla sua grande dedizione. Assumo la non semplice responsabilità di guidare l Associazione in un momento eccezionalmente complicato. Il futuro che ci attende non sarà facile, certamente non lo sarà per le imprese, ma anche per l Associazione stessa: i servizi che dobbiamo erogare ed i fronti che dobbiamo presidiare, in un contesto concorrenziale sempre più duro e spietato, crescono di giorno in giorno e divengono sempre più complessi, mentre le risorse, già limitate, tenderanno certamente a diminuire. Ci si presenta, quindi, un compito non facile alla cui soluzione, però, concorrerà certamente la solidità finanziaria che la nostra Associazione ha saputo costruirsi nel corso della propria ultracinquantennale esistenza ed in particolar modo negli ultimi anni, attraverso iniziative che hanno evitato l aumento dei contributi associativi. Una solidità finanziaria che potrebbe rivelarsi molto utile per superare l attuale periodo di crisi che tutti speriamo, ovviamente, duri ancora per poco. Dico di più, sarebbe per me una grande soddisfazione poter dimostrare, proprio in momenti come questo, quanto sia importante e di grande valenza appartenere ad un Associazione che sappia interpretare i bisogni delle imprese, che sappia tutelarne gli interessi, ma anche contribuire concretamente ad indicare la via più breve per uscire da questa drammatica situazione. Ma è solo se tutti ci stringeremo intorno ad ASSOBETON che riusciremo a sfruttare le sue potenzialità e l autorevolezza che esprime il nostro logo. Il programma che ho proposto all Assemblea, realizzato in stretta collaborazione con i Colleghi Vicepresidenti ed il Direttore, è interamente pubblicato in questo numero della rivista. Si tratta di un programma articolato e complesso che sarà il mio costante riferimento, come pure per le Sezioni di ASSOBETON e per tutti gli Associati. Solo se tutti avremo ben chiaro dove arrivare e come arrivarci, saremo in grado di imprimere a tutto il convoglio quella velocità e quella forza di reazione di cui oggi abbiamo un gran bisogno. Due aspetti mi preme sottolineare in questo mio primo editoriale. Il comune denominatore delle nostre azioni e dei rapporti personali ed aziendali non potrà prescindere dalla correttezza comporta- 9 - industrie manufatti cementizi

7 NUOVA VERSIONE La formula giusta dei tuoi progetti Potenti strumenti di visualizzazione + Funzioni di modellazione intuitive + Gestione progetti di grandi dimensioni + Interoperabilità e progettazione in team + Output e disegni di alta qualità = mentale e dall etica nel condurre i nostri affari. Il rispetto delle regole e delle leggi vigenti che regolano la concorrenza nel nostro business deve essere la base su cui non possono esserci né discussioni e né compromessi. Non può esistere alcun associazionismo se non c è rispetto e fiducia tra noi. Lobby e comunicazione: sarà la scommessa su cui si giocherà una parte importante delle capacità di sviluppare il nostro comparto. Se sapremo crederci, investire il nostro tempo e le nostre risorse e se sapremo sviluppare efficacemente le nostre relazioni, sia autonomamente sia all interno della complessa piramide organizzativa confindustriale, potremo ottenere risultati importanti. Ne sono convinto e per questo, su tutto, lavorerò. n Tekla Structures 15 (Renzo Arletti) Tekla Structures è il software BIM (Building Information Modeling) che affronta in un unico flusso di lavoro l intero processo dall offerta, preventivazione e progetto preliminare alla marcatura automatica delle parti fino alla scheda di produzione e alla costruzione. Tekla Structures si completa con nuove funzioni per la modellazione e la gestione, studiati per aumentare l efficienza del flusso di lavoro. industrie manufatti cementizi - 9 Rivenditore esclusivo per l Italia Viale Richard Milano Tel Fax

8 CONFINDUSTRIA Resistenza a taglio delle connessioni trave-pilastro spinottate nelle strutture prefabbricate Isolamento ed efficienza energetica in prefabbricazione Situazione normativa europea per gli inserti di fissaggio Programma SAIE ConCREtE 2009 Annuario del settore della prefabbricazione on-line: nuove funzioni e utility Assemblea Generale ordinaria ASSoBEton 2009 industrie manufatti cementizi Anno V n. 9 - giugno/luglio 2009 ASSOBETON organo Ufficiale di ASSoBEton SOMMARIO n. 9/2009 STUDI E RICERCHE SPECIALE NORMATIVE SAIE 9 ANNUARIO L'ASSOCIAZIONE 4 L editoriale del Presidente di Renzo Arletti ASSOBETON Industrie Manufatti Cementizi Bimestrale - n. 9/2009 Pr o p r ie t à Abes Srl Società di servizi di ASSOBETON Via Giacomo Zanella, Milano Tel Fax Direttore responsabile Andrea Dari Direttore editoriale Maurizio Grandi Segreteria editoriale Alessandra Biloni Segreteria di Redazione Patrizia Ricci Re d a z io n e Stefania Alessandrini, Alessandra Biloni, Andrea Dari, Marco Renzi, Patrizia Ricci, Susanna Tontini Strada Cardio, Galazzano RSM Tel Fax Vendita pubblicità IDRA sa Strada Cardio, Galazzano RSM Tel Fax Ed ito r e IMREADY srl Strada Cardio, Galazzano RSM Tel Fax Sta m pa Studiostampa sa Servizio abbonamenti IMREADY srl Strada Cardio, Galazzano RSM Tel Fax Condizioni di abbonamento Il prezzo di abbonamento per l anno 2009 (5 numeri) è di 26. Il prezzo di una copia è di 10,50. Il prezzo di una copia arretrata è di 12,50. Per informazioni: Au to r i z z a z i o n e Segreteria di Stato Affari Interni Prot. n. 73/75/2008 del 15/01/2008. Copia depositata presso il Tribunale della Rep. di San Marino 8 Il Commento del Direttore di Maurizio Grandi 12 Studi e ricerche Resistenza a taglio delle connessioni trave-pilastro spinottate nelle strutture prefabbricate di Vittorio Capozzi, Gennaro Magliulo e Gaetano Manfredi 26 Sp e c i a l e i s ol a m e n t o e d e f f i c i e n z a e n e rg e t i c a in prefabbricazione La politica per l efficienza energetica degli edifici di Roberto Moneta 30 Linee guida generali per l utilizzo dei benefici della massa termica del calcestruzzo nella costruzione di fabbricati Federbeton 46 Intervista a Enrico Dassori 49 Sviluppo economico ed eco-efficienza per le aree produttive Indirizzi e strumenti operativi per le APEA di Paola Gallo 54 Te c n o lo g i e Fissaggio dei pannelli prefabbricati alle strutture in zona sismica di Alberto Dal Lago e Roberto Ragozzini 62 No r m at i v e Situazione normativa europea per gli inserti di fissaggio di Enrico Nusiner 64 Att ua l i t à 66 Sa i e Programma SAIE Concrete An n u a r i o Annuario del settore della Prefabbricazione on-line: nuove funzioni e utility 78 As s o b e to n Assemblea Generale Ordinaria ASSOBETON anni in 8 minuti - Saluto del Presidente uscente Renzo Bullo 80 Relazione sull attività Programma del Presidente Renzo Arletti per il biennio Elenco Soci Tutti i diritti riservati È vietata la riproduzione, anche parziale, del materiale pubblicato senza autorizzazione dell Editore. Le opinioni espresse negli articoli appartengono ai singoli autori, dei quali si rispetta la libertà di giudizio, lasciandoli responsabili dei loro scritti. L autore garantisce la paternità dei contenuti inviati all editore manlevando quest ultimo da ogni eventuale richiesta di risarcimento danni proveniente da terzi che dovessero rivendicare diritti su tali contenuti.

9

10 8 Editoriale Il Commento del Direttore Farsi riconoscere in 100 vantaggi ASSOBETON ha superato il mezzo secolo di vita, ma la storia della prefabbricazione italiana ha un inizio molto più remoto. Abbiamo quindi alle spalle una massiccia esperienza che ha prodotto nel tempo la nascita di decine di famiglie di manufatti realizzati industrialmente nei nostri stabilimenti. Possiamo quindi affermare, senza timore di essere smentiti, che i nostri prodotti hanno incorporato, nel loro a volte pur semplice ed elementare aspetto, avanzate tecnologie e complesse innovazioni che li hanno portati all eccellenza sotto numerosi e diversificati punti di vista. Ma per vincere la quotidiana battaglia sui mercati tutto ciò non sempre è sufficiente, se i nostri punti di forza non vengono adeguatamente divulgati e compresi sia dal grande pubblico - responsabile di coniare luoghi comuni non sempre razionali o di seguire consuetudini difficili da estirpare - sia dagli addetti ai lavori che sono poi coloro i quali prendono le decisioni che tanto influiscono sul nostro destino. Ebbene, credo che siamo tutti convinti del fatto che il nostro comparto, pur continuando, in valore, ad essere il primo mercato d Europa, raccolga meno consensi di quelli a cui potrebbe legittimamente aspirare, se paragoniamo le oggettive peculiarità dei nostri manufatti con quelle possedute da soluzioni e materiali differenti. Sono certo che esistano ampie aree di scelte progettuali orientate verso soluzioni alternative ai nostri prodotti puramente dettate da comportamenti non razionali, da tendenze istintive guidate dall immaginario collettivo, dall adozione di consuetudini superate ma figlie di luoghi comuni radicati che, onore al merito, altri comparti hanno saputo affermare nel tempo attraverso iniziative di comunicazioni mirate e/o di massa. Insomma, ritengo che la prefabbricazione abbia oggi il compito di uscire dallo stretto ambiente degli addetti ai lavori per rivolgersi anche ad una platea più vasta, capace di influire, attraverso il proprio sentiment ed il proprio coinvolgimento nel pubblico dibattito, sulle scelte di architetti, progettisti e stazioni appaltanti pubbliche o private che siano. L edilizia industrializzata in calcestruzzo ha moltissimi pregi che devono essere conosciuti: 100 ma ci siamo limitati è il numero di quelli che tutto il comparto europeo ha censito attraverso un lavoro transnazionale collegiale. Questo lavoro prenderà molto presto la forma di una pubblicazione tascabile rivolta sia al grande pubblico che al progettista, a quel pubblico sempre più curioso e che desidera essere informato su ciò che lo circonda perché sensibile ai temi ambientali e di sostenibilità, ma anche al progettista che cerca risposte tecniche, e non solo, ai complessi problemi insiti in un qualunque progetto edilizio ed infrastrutturale. 100 vantaggi tradotti in modo molto semplice ed efficace in altrettanti slogan 9 - industrie manufatti cementizi

11 Certificazione e Qualità i nostri pilastri portanti e messaggi di facile comprensione che mirano a dimostrare le ampie peculiarità dei nostri prodotti sotto l aspetto della versatilità, dell accuratezza realizzativa, dell affidabilità, dell aspetto architettonico, del risparmio energetico, della sostenibilità, della sicurezza dei cantieri e dei lavoratori, della velocità di realizzazione e molto altro ancora. Aspetti noti o meno noti, messi sotto i riflettori grazie ad un iniziativa editoriale di ampia diffusione che speriamo possa contribuire, sia a livello associativo che aziendale, alla diffusione di un immagine dell edilizia industrializzata amica dell uomo, dei lavoratori e dell ambiente. Il SAIE di Bologna del prossimo ottobre sarà la cornice ideale per presentare alla stampa ed al mercato questa iniziativa intorno alla quale, giovedì 29 ottobre 2009, verrà organizzato un convegno di approfondimento nel quale, siamo certi, sarà rappresentato tutto il mondo della prefabbricazione. n CERTIFICAZIONE AMBIENTALE CERTIFICAZIONE SICUREZZA CERTIFICAZIONE SISTEMA QUALITÀ CERTIFICAZIONE DEL PERSONALE ICMQ offre alle Aziende del settore Costruzioni: servizi di valutazione e certificazione di Sistemi di Gestione e di Prodotto, servizi di Ispezione e Verifica dei Progetti, Marcatura CE e Certificazione degli Edifici. ICMQ Spa: Milano via Gaetano De Castillia, 10 tel fax CERTIFICAZIONE DI PRODOTTO (Maurizio Grandi) SISTEMA EDIFICIO industrie manufatti cementizi - 9 graphic imprimatur

12 ANNUARIO Gli autori su questo numero Alberto Dal Lago DLC srl Enrico Dassori DICAT - Dipartimento di Ingegneria delle Costruzioni, dell Ambiente e del Territorio Università degli Studi di Genova Presidente di ICMQ spa Vittorio Capozzi DIST - Dipartimento di Ingegneria Strutturale Università degli Studi di Napoli Federico II Paola Gallo Dipartimento di Tecnologie dell Architettura e Design Pierluigi Spadolini Facoltà di Architettura Università degli Studi di Firenze Gaetano Manfredi DIST - Dipartimento di Ingegneria Strutturale Università degli Studi di Napoli Federico II Roberto Moneta Ministero dello Sviluppo Economico Dipartimento energia - Segreteria tecnica Enrico Nusiner HALFEN DEHA srl Roberto Ragozzini RUREDIL spa Presidente Gruppo Inserti per Manufatti in Calcestruzzo Gennaro Magliulo DIST - Dipartimento di Ingegneria Strutturale Università degli Studi di Napoli Federico II industrie manufatti cementizi Anno V n. 9 - giugno/luglio 2009 ASSOBETON CONFINDUSTRIA organo Ufficiale di ASSoBEton STUDI E RICERCHE Resistenza a taglio delle connessioni trave-pilastro spinottate nelle strutture prefabbricate SPECIALE NORMATIVE SAIE Isolamento ed efficienza energetica in prefabbricazione Situazione normativa europea per gli inserti di fissaggio Programma SAIE ConCREtE 2009 Annuario del settore della prefabbricazione on-line: nuove funzioni e utility L'ASSOCIAZIONE Assemblea Generale ordinaria ASSoBEton industrie manufatti cementizi

13 nderstanding Come gruppo condividiamo un unico logo. Come persone ci riconosciamo nella ricchezza delle nostre differenze.

14 12 S tudi e ricerche Resistenza a taglio delle connessioni trave-pilastro spinottate nelle strutture prefabbricate di Vittorio Capozzi, Gennaro Magliulo e Gaetano Manfredi Lo scopo principale dello studio presentato nell articolo è di quantificare i parametri caratteristici di comportamento sismico (in termini di duttilità, resistenza e rigidezza) delle connessioni trave pilastro correntemente impiegate nelle strutture prefabbricate. Queste connessioni sono tipicamente costituite da due barre di acciaio annegate nel pilastro e nella trave o passanti la stessa o da altri dispositivi atti a garantire un comportamento pressoché a cerniera nel piano verticale contenente l asse della trave e un comportamento fisso nel piano verticale ortogonale alla trave. Nell articolo è presente un analisi parametrica relativa alle formulazioni attualmente presenti in letteratura per la valutazione della resistenza di tali connessioni. Tali formulazioni vanno verificate mediante un accurata campagna sperimentale, che è in via di esecuzione e che è qui descritta. Sono presentati i set up delle prove su collegamenti trave-pilastro caratterizzati dai tipici spinotti annegati nel pilastro sia in assenza che in presenza di soletta collaborante. Sono previsti test a taglio ed a flessione nella direzione longitudinale della trave. La storia di carico è sia monotona che ciclica; la prima è condotta fino allo spostamento ultimo, in modo da determinare in maniera dettagliata la curva scheletro ed i livelli di spostamento in corrispondenza dei quali condurre la prova ciclica. 1. INTRODUZIONE Il principio della gerarchia delle resistenze è uno dei concetti innovativi delle nuove norme sismiche ed è stato pienamente assunto anche dalle recenti normative italiane (OPCM , 9 - industrie manufatti cementizi

15 Studi e ricerche 13 Norme Tecniche per le Costruzioni 2008). Esso è finalizzato a garantire l innesco dei meccanismi duttili responsabili della dissipazione energetica e la protezione di quei meccanismi fragili che possono compromettere l integrità strutturale durante l azione sismica. La natura intrinseca delle strutture intelaiate in calcestruzzo gettato in opera ha portato nel tempo allo sviluppo di regole progettuali piuttosto consolidate, che sono rispondenti alle esigenze sopra enunciate. Differente è il caso delle strutture prefabbricate in cemento armato, che, per la loro specifica natura, si avvicinano maggiormente alle strutture metalliche, realizzate anch esse attraverso l assemblaggio di componenti distinti. In effetti, in aggiunta alle indicazioni generali riguardanti elementi ed impalcato, con i nuovi codici di progettazione (Norme Tecniche per le Costruzioni 2008, CEN 2003a) è aumentata l esigenza di conoscere le caratteristiche meccaniche delle unioni; esse giocano, infatti, un ruolo fondamentale nel progetto sismico. Sono previste due tipologie di connessione: collegamenti posti lontano dalle zone dove si attende la richiesta plastica oppure collegamenti posti in corrispondenza di tali zone. In questo ultimo caso, o al collegamento è assegnata una determinata sovraresistenza rispetto agli elementi adiacenti oppure una grande duttilità. La grande duttilità si ottiene solo nel caso di connessioni umide (caratterizzate da un getto in opera). Poiché la risposta sismica di una struttura prefabbricata dipende fortemente dal comportamento dei collegamenti, è chiaro che l applicazione della gerarchia delle resistenze a tale tipologia strutturale non può prescindere dalla conoscenza delle caratteristiche meccaniche degli stessi, sia monotone che cicliche. Gli studi su tali caratteristiche, riferite alle connessioni maggiormente diffuse in Italia, sono pochi. In questo ambito, lo studio del collegamento trave-pilastro risulta di particolare importanza, perché unisce due elementi primari nella resistenza all azione sismica degli edifici. La realtà costruttiva italiana presenta diverse tipologie dello stesso, comunque generalmente riconducibili ad un unione caratterizzata da un appoggio in gomma e da uno spinotto in acciaio (Figura 1); questo è annegato sia nella trave che nel pilastro ed ha la principale funzione di resistere alle forze orizzontali, impedendo la traslazione relativa fra gli elementi e, quindi, la perdita d appoggio della trave. Attualmente la resistenza di tale collegamento è calcolata con formule semplificate (CNR 10025, 1984), che non tengono conto di alcuni importanti parametri, quali, per esempio, il copriferro, la direzione dell azione, l interferro. Inoltre, quasi nessun rilievo è dato alla duttilità del collegamento ed alla sua rigidezza. D altra parte, è importante sottolineare che, sebbene negli ultimi anni a livello Figura 1 Schema di connessione spinottata industrie manufatti cementizi - 9

16 14 S tudi e ricerche internazionale si stiano conducendo alcuni studi sul comportamento meccanico dei collegamenti trave-pilastro, pochi di questi sono rivolti alla sopra citata tipologia, di più comune impiego in Italia (Vintzeleou & Tassios 1987, Soroushian et al 1987a, b, c, Tsoukantas & Tassios 1989, Dei Poli et al. 1992, Dei Poli et al. 1993, El Debs et al. 2006, Dotreppe et al. 2006, Fan & Lu 2008); infatti, la bibliografia fornisce soprattutto articoli per la migliore comprensione della risposta sismica della connessione prefabbricata trave-pilastro di nodi monolitici (Ersoy & Tankut 1993, Restrepo et al. 1995, Alcocer et al. 2002, Khaloo & Parastesh 2003, Tuleasca & Cuciureanu 2006, Psycharis et al. 2006) o di connessioni innovative poco utilizzate in Italia (Pampanin 2001, Pampanin 2005, Ma et al, 2006). Quindi, in definitiva, non esistono ad oggi studi specifici che consentano di definire metodologie di calcolo di connessioni trave-pilastro spinottate adottate in edifici prefabbricati ad un piano o a più piani e dettagli costruttivi che assicurino i requisiti prestazionali richiesti. Le conoscenze acquisite mediante le progettate prove sperimentali e le analisi numeriche relative, verranno elaborate in modo da sviluppare procedure di calcolo di organismi strutturali complessi e rendere disponibili linee guida per la progettazione ottimale dei collegamenti nel rispetto dei principi della gerarchia delle resistenze. ASSOBETON collabora alla fase sperimentale, in termini di fornitura di componenti. 2. ANALISI PARAMETRICA DELLA RESISTENZA DI PROGETTO DELLE CONNESSIONI SPINOTTATE Se si analizza la resistenza della connessione spinottata occorre considerare due condizioni: 1) azione spinotto dovuta alla barra agente contro il nucleo di calcestruzzo; 2) azione spinotto dovuta alla barra agente contro il copriferro di calcestruzzo. Nel primo caso il meccanismo è duttile, dato che si ha la crisi per contemporaneo snervamento dello spinotto e schiacciamento del calcestruzzo, mentre nel secondo caso è fragile, dovuto allo spacco (splitting) del calcestruzzo. Le formule per il calcolo della resistenza della connessione spinottata sono fornite dalla CNR , da Vintzeleou & Tassios 1987 e da Soroushian et al 1987a, b. La formulazione della CNR è la seguente: (1) dove c è pari a 1.2; d b è il diametro della barra; f cd è la resistenza a compressione di progetto del calcestruzzo; f yd è la tensione di snervamento di progetto dell acciaio. Questa formula è valida solo per eccentricità della forza di taglio minori di 0.5 d b. La teoria di Tassios e Vintzeleou fornisce due espressioni della resistenza dipendenti dal segno della forza. Quando la barra agisce contro il nucleo di calcestruzzo, la resistenza della connessione è pari a: (2) che è simile alla precedente formulazione. Gli autori forniscono inoltre una equazione per computare la resistenza a taglio quando il carico è eccentrico: + (3) dove e è l eccentricità del carico (Figura 2); f y è la tensione di snervamento dello spinotto; f cc è la resistenza media del calcestruzzo sotto compressione monoassiale (nell analisi parametrica, come in tutte le espressioni considerate, è stata considerata la resistenza di calcolo). 9 - industrie manufatti cementizi

17 Studi e ricerche 15 nella direzione della forza; f ct è la resistenza a trazione del calcestruzzo. Invece, per piccoli valori di tale rapporto, avviene lo spacco laterale (side splitting) e la massima forza dello spinotto è data dall equazione: (7) Figura 2 Eccentricità nelle connessioni spinottate Tassios e Vintzeleou forniscono anche la resistenza di progetto dello spinotto quando la barra è soggetta alla tensione di trazione σ s: dove b ct è l ampiezza netta della sezione ortogonale alla direzione della forza. La teoria di Soroushian et al. fornisce anch essa due espressioni dipendenti dal segno della forza. Quando la barra agisce contro il nucleo di calcestruzzo, la resistenza della connessione è data dalla: (4) dove f ck è la resistenza a compressione caratteristica;. dove (8) Sotto azioni cicliche, gli autori suggeriscono la seguente espressione approssimata: (5) Quando la barra agisce contro il copriferro di calcestruzzo e questo è minore di sei/nove volte il diametro della barra, il meccanismo spinotto diviene un meccanismo calcestruzzo; possono aversi spaccature del calcestruzzo laterali o inferiori (in termini anglosassoni side splitting o bottom splitting rispettivamente) in funzione del valore del rapporto tra il copriferro laterale e quello nella direzione dell azione (inferiore). Per grandi valori di tale rapporto si ha lo spacco inferiore (bottom splitting) e la resistenza della connessione vale: (6) dove c è il copriferro di calcestruzzo K f è il modulo di fondazione del calcestruzzo (271.7 MPa/mm); E s è il modulo di elasticità dello spinotto, pari a 2 x 10 5 MPa; f b è la resistenza a compressione del calcestruzzo; è la lunghezza della zona di calcestruzzo compresso; α è l angolo di inclinazione dello spinotto; f c è la resistenza a compressione del calcestruzzo; f y è la tensione di snervamento dello spinotto; T è la forza assiale dello spinotto; T y è la forza assiale di snervamento dello spinotto. Questa formula considera la forza assiale sulla barra e l inclinazione della stessa rispetto a quella di taglio. Quando la barra spinge il copriferro di calcestruzzo, la resistenza della connessione è data da: (9) industrie manufatti cementizi - 9

18 16 S tudi e ricerche dove f t è la resistenza a trazione del calcestruzzo; b è la larghezza della trave; è la distanza del punto di inflessione dalla superficie di rottura; I b è il momento di inerzia dello spinotto. La Figura 3 mostra la variazione della resistenza della connessione spinottata al variare del diametro della barra quando la forza spinge contro il nucleo di calcestruzzo. In condizioni di lavoro semplificate le Figura 3 Variazione della resistenza della connessione spinottata al variare del diametro della barra quando la forza spinge contro il nucleo di calcestruzzo Figura 4 Variazione della resistenza della connessione spinottata al variare del diametro della barra quando la forza spinge contro il nucleo di calcestruzzo e la barra è sotto tensione di trazione 9 - industrie manufatti cementizi

19 Studi e ricerche 17 curve di Tassios (e = 0), della CNR e di Souroushian forniscono valori simili. Solo le formule di Tassios e Vintzeleou considerano l eccentricità del carico e i carichi ciclici; la resistenza decresce incrementando l eccentricità ed in presenza di azioni cicliche (un decremento del 50% si può osservare nel caso e = 50 mm). In Figura 4 è mostrata la variazione della resistenza della connessione spinottata al variare del diametro della barra quando la forza spinge contro il nucleo di calcestruzzo e la barra è sottoposta a trazione (T = 0.3 T y). La CNR, a differenza di Tassios e Vintzeleou e Soroushian et al., non considera la possibile presenza di tensione di trazione nella barra; per questa ragione la curva relativa è la stessa del precedente diagramma. Possiamo notare che la forza assiale decrementa leggermente la resistenza a taglio della barra per piccoli diametri, mentre per grandi diametri il decremento è maggiore. La variazione della resistenza della connessione spinottata al variare del diametro della barra, quando la forza spinge contro il copriferro di calcestruzzo, è mostrata in Figura 5. Come già scritto, Tassios e Vintzeleou e Soroushian et al. forniscono una espressione differente per calcolare la resistenza della connessione quando lo spinotto agisce contro il copriferro, a differenza della CNR che fornisce un unica espressione. Tassios, a differenza di Soroushian et al., fornisce due espressioni dipendenti dal valore del rapporto tra copriferro laterale e inferiore. La curva che rappresenta lo splitting side di Tassios è simile e quella di Soroushian et al. Questi ultimi autori considerano ai fini del calcolo della resistenza, anche la presenza delle staffe, conseguentemente, dopo la rottura del copriferro, la resistenza è associata allo snervamento delle staffe, come mostrato in Figura 5. Nell analisi parametrica è stata considerata la presenza di una sola staffa a due bracci in accordo con il modello di Soroushian et al. 1987b. L espressione della CNR non considera il meccanismo fragile e quindi la differenza tra l azione spinotto agente contro il nucleo e quella agente contro il copri- Figura 5 Variazione della resistenza della connessione spinottata al variare del diametro della barra quando la forza spinge contro il copriferro di calcestruzzo industrie manufatti cementizi - 9

20 18 S tudi e ricerche Figura 6 Variazione della resistenza della connessione spinottata al variare del copriferro inferiore per un fissato diametro della barra (Φ 26) quando la forza agisce contro il copriferro oppure contro il nucleo di calcestruzzo ferro, quindi essa sovrastima la resistenza della connessione. Le curve che mostrano la variazione della resistenza della connessione spinottata al variare del copriferro inferiore per un fissato diametro della barra (Φ 26) quando la forza agisce contro il copriferro oppure contro il nucleo di calcestruzzo sono rappresentate in Figura 6. Solo l equazione di Tassios (6) riferita allo spacco inferiore fornisce una variazione della resistenza al variare del copriferro. Le altre equazioni non dipendono dal copriferro. L analisi parametrica mostra che non esiste una formulazione che include tutti i parametri che influenzano la resistenza della connessione (copriferro, direzione dell azione, distanza tra gli spinotti, azione ciclica etc.). Inoltre, le diverse espressioni conducono a risultati diversi: ciò accade evidentemente quando una espressione non tiene conto di un parametro determinante. Infine, non sono presenti in bibliografia espressioni che forniscono duttilità e rigidezza della connessione in esame. 3. PROVE SPERIMENTALI Al fine di ricavare i principali parametri che caratterizzano il comportamento sismico della connessione spinottata (resistenza, duttilità, dissipazione, deformazione, degrado, danno) è programmata una vasta campagna di prove presso il laboratorio del Dipartimento di Ingegneria Strutturale di Napoli. Le tipologie di collegamento trave-pilastro da testare sono due (Figura 7): 4 collegamento con spinotti metallici senza soletta collaborante (nodo sommitale); 4 collegamento con spinotti metallici, mensola tozza e soletta collaborante (nodo intermedio). La verifica sperimentale delle risorse di duttilità di un elemento strutturale sotto azioni alterne, quali quelle dovute ad un terremoto, richiede un opportuna definizione della storia di carico. Si è previsto, per ogni collegamento da sperimentare, di iniziare con una prova monotona di tipo push-over per il rilievo della curva costitutiva forza-spostamento (Figure 8(a), (b), (c)), da cui dedurre i principali parametri di comportamento 9 - industrie manufatti cementizi

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. E. Cosenza NORME TECNICHE Costruzioni di calcestruzzo Edoardo Cosenza Dipartimento di Ingegneria Strutturale Università di Napoli Federico II 4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

Dettagli

Sommario. vengono riconosciuti. duttili. In. pareti, solai. applicazioni

Sommario. vengono riconosciuti. duttili. In. pareti, solai. applicazioni APPLICAZIONI INNOVATIVE CON MICROCA ALCESTRUZZI DUTTILI PER RINFORZII ED ADEGUAMENTI SISMICI Dario Rosignoli Stefano Maringoni Tecnochem Italiana S.p.A. Sommario Con gli acronimi HPFRC High Performancee

Dettagli

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio.

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio. Carichi unitari delle sezioni e verifica di massima Una volta definito lo spessore, si possono calcolare i carichi unitari (k/m ) Solaio del piano tipo Solaio di copertura Solaio torrino scala Sbalzo piano

Dettagli

ISOLATORI ELASTOMERICI. ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02

ISOLATORI ELASTOMERICI. ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02 ISOLATORI ELASTOMERICI ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02 INTRODUZIONE CERTIFICAZIONI Nel 1992 FIP Industriale ha ottenuto la certificazione CISQ-ICIM per il Sistema di Assicurazione Qualità in conformità

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

ANALISI PUSHOVER Statica Lineare Dinamica Lineare Statica Non Lineare Dinamica Non Lineare PUSH-OVER

ANALISI PUSHOVER Statica Lineare Dinamica Lineare Statica Non Lineare Dinamica Non Lineare PUSH-OVER ANALISI PUSHOVER - Analisi sismica Statica Lineare - Analisi sismica Dinamica Lineare - Analisi sismica Statica Non Lineare - Analisi sismica Dinamica Non Lineare Con il nome di analisi PUSH-OVER si indica

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp. CATTANEO & Co. - BG SC_I 01/2005 S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.it Realizzare un connubio perfetto fra

Dettagli

Modelli di dimensionamento

Modelli di dimensionamento Introduzione alla Norma SIA 266 Modelli di dimensionamento Franco Prada Studio d ing. Giani e Prada Lugano Testo di: Joseph Schwartz HTA Luzern Documentazione a pagina 19 Norma SIA 266 - Costruzioni di

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

PRESCRIZIONI ANTISISMICHE E CRITERI DI CALCOLO: Interazione tra strutture e tamponamenti

PRESCRIZIONI ANTISISMICHE E CRITERI DI CALCOLO: Interazione tra strutture e tamponamenti Convegno CRITICITÀ DELLA PROGETTAZIONE TERMICA E ACUSTICA DEGLI EDIFICI IN RAPPORTO ALLE PRESCRIZIONI STRUTTURALI ANTISISMICHE Saie 2009, Sala Topazio, Sabato 31 ottobre ore 9.00 PRESCRIZIONI ANTISISMICHE

Dettagli

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMO RESISTENTE A PETTINE Un elemento di calcestruzzo tra due fessure consecutive si può schematizzare come una mensola incastrata nel corrente

Dettagli

7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE

7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE 7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE Il presente capitolo disciplina la progettazione e la costruzione delle nuove opere soggette anche all azione sismica. Le sue indicazioni sono da considerare aggiuntive

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

IL FATTORE DI STRUTTURA PER LE COSTRUZIONI IN ACCIAIO. Domenico Leone

IL FATTORE DI STRUTTURA PER LE COSTRUZIONI IN ACCIAIO. Domenico Leone IL FATTORE DI STRUTTURA PER LE COSTRUZIONI IN ACCIAIO Domenico Leone IL FATTORE DI STRUTTURA PER LE COSTRUZIONI IN ACCIAIO Domenico Leone Il prof. Domenico Leone vanta un esperienza più che trentennale

Dettagli

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars Trave Angelina TM Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Trave Angelina TM Un idea brillante, applicata ad un prodotto industriale Slanciata,

Dettagli

COMPLESSO xxxxxxxxxxx

COMPLESSO xxxxxxxxxxx PROVE DI CARICO SU PALI E INDAGINI SIT COMPLESSO xxxxxxxxxxx xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx PROVE N 131/132/133/134/135 /FI 8, 9, 10, 11 Giugno 2009 Committente: Direttore Lavori: Relatore: xxxxxxxxxxxxxxxx

Dettagli

10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A.

10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A. 10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A. Il capitolo fa riferimento alla versione definitiva dell'eurocodice 2, parte 1.1, UNI EN 1992-1-1, recepito e reso applicabile in Italia dal DM del

Dettagli

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 ESEDRA ENERGIA S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 La decennale esperienza di Esedra nel mondo delle energie rinnovabili ha dato vita alla linea

Dettagli

PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE

PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE CAPITOLO 7. 7. PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE BOZZA DI LAVORO Ottobre 2014 278 [BOZZA DI LAVORO OTTOBRE 2014] CAPITOLO 7 Il presente capitolo disciplina la progettazione e la costruzione delle nuove

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA ANALISI EDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA arco BOZZA * * Ingegnere Strutturale, già Direttore della Federazione regionale degli Ordini degli Ingegneri del Veneto (FOIV), Amministratore di ADEPRON DINAICA

Dettagli

Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici

Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici » Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici Sezione Prima Adunanza del 14 dicembre 2010 Protocollo 155/2010 OGGETTO: DPR 380/2001 e DM 14/01/2008. Richiesta di pareri. FIRENZE LA SEZIONE VISTE la nota n.

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A.

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A. 22 IL CONTROLLO DELLA QUALITA DEL CALCESTRUZZO IN OPERA S e i risultati del controllo di accettazione dovessero non soddisfare una delle disuguaglianze definite dal tipo di controllo prescelto (A o B)

Dettagli

TOP SOL TOP BRIDGE IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI E S S E INFRASTRUTTURE

TOP SOL TOP BRIDGE IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI E S S E INFRASTRUTTURE TOP SOL TOP BRIDGE E S S E D I V I S I O N E INFRASTRUTTURE E D INF IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI giulianedmp SOLUZIONI COSTRUTTIVE PER L EDILIZIA giulianedmp TOP SOL / TOP BRIDGE Impalcati

Dettagli

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE prof. ing. Pietro Capone Opere realizzate provvisoriamente allo scopo di consentire l esecuzione dell opera, la loro vita è legata

Dettagli

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke)

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) σ= Eε E=modulo elastico molla applicazioni determinazione delle tensioni indotte nel terreno calcolo cedimenti MODELLO PLASTICO T N modello plastico perfetto T* non dipende

Dettagli

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE a cura del Consorzio POROTON Italia VERSIONE ASPETTI GENERALI E TIPOLOGIE MURARIE Le murature si dividono in tre principali categorie: murature

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790 SCHEDARIEPILOGATIVAINTERVENTO OPCMn.3779e3790 A)Caratteristicheedificio Esitodiagibilità: B-C (OPCM 3779) E (OPCM 3790) Superficielordacomplessivacoperta( 1 ) mqnum.dipiani Num.UnitàImmobiliaritotali B)Contributorichiestoaisensidi

Dettagli

Riferimenti Iconografici

Riferimenti Iconografici Corso di Aggiornamento per Geometri su Problematiche Strutturali Calcolo agli Stati Limite Aspetti Generali 18 novembre 005 Dr. Daniele Zonta Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Strutturale Università

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli

Costruzioni in c.a. Progettazione e adeguamento delle strutture

Costruzioni in c.a. Progettazione e adeguamento delle strutture Corso di formazione in INGEGNERIA SISMICA Verres, 11 Novembre 16 Dicembre, 2011 Costruzioni in c.a. Progettazione e adeguamento delle strutture Alessandro P. Fantilli alessandro.fantilli@polito.it Verres,

Dettagli

BOZZA. a min [mm] A min =P/σ adm [mm 2 ]

BOZZA. a min [mm] A min =P/σ adm [mm 2 ] ezione n. 6 e strutture in acciaio Verifica di elementi strutturali in acciaio Il problema della stabilità dell equilibrio Uno degli aspetti principali da tenere ben presente nella progettazione delle

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008 I LAVORI IN QUOTA I Dispositivi di Protezione Individuale Problematiche e soluzioni Luigi Cortis via di Fontana Candida 1, 00040 Monte Porzio Catone (Roma) telefono

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura GEOTECNICA 13. OPERE DI SOSTEGNO DEFINIZIONI Opere di sostegno rigide: muri a gravità, a mensola, a contrafforti.. Opere di sostegno flessibili: palancole metalliche, diaframmi in cls (eventualmente con

Dettagli

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale CIRCOLAZIONE NATURALE NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale 1964 2014 Immergas. Una lunga storia alle spalle, insegna a guardare in avanti. Il 5 febbraio del 1964, Immergas nasceva dal

Dettagli

Valutazione della vulnerabilità e interventi per le costruzioni ad uso produttivo in zona sismica

Valutazione della vulnerabilità e interventi per le costruzioni ad uso produttivo in zona sismica Valutazione della vulnerabilità e interventi per le costruzioni ad uso produttivo in zona sismica 1 Ambito operativo e inquadramento normativo Tenuto conto del rilevante impatto che gli eventi sismici,

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Edifici in muratura in zona sismica

Edifici in muratura in zona sismica Collegio dei Geometri e dei Geometri Laureati Reggio Emilia - 26 novembre 2010 Edifici in muratura in zona sismica Dott. Ing. Nicola GAMBETTI, Libero Professionista EDIFICI IN MURATURA IN ZONA SISMICA

Dettagli

Premessa. 11100 Aosta (Ao) 2/A, via Promis telefono +39 0165272866 telefax +39 0165272840

Premessa. 11100 Aosta (Ao) 2/A, via Promis telefono +39 0165272866 telefax +39 0165272840 Assessorat des Ouvrages Publics de la protection des sols et du logement public Assessorato Opere Pubbliche, Difesa del Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica Premessa Le fondamentali indicazioni riportate

Dettagli

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Misure di prevenzione e protezione collettive e individuali in riferimento al rischio di caduta dall alto nei cantieri edili A cura dei Tec. Prev. Mara Italia, Marco

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELL A PROV INCI A DI RIMINI AS SOCI AZIO NE CONGENIA EDIFICI CON STRUTTURA IN CONGLOMERATO CEMENTIZIO ARMATO

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELL A PROV INCI A DI RIMINI AS SOCI AZIO NE CONGENIA EDIFICI CON STRUTTURA IN CONGLOMERATO CEMENTIZIO ARMATO «Quello Quello che per un uomo è "magia", per un altro è ingegneria». Robert Anson Heinlein ORDINE DEGLI INGEGNERI DELL A PROV INCI A DI RIMINI AS SOCI AZIO NE CONGENIA Corso di aggiornamento sulle Norme

Dettagli

Eurocodice 8 Progettazione delle strutture per la resistenza sismica Parte 1: Regole generali, azioni sismiche e regole per gli edifici

Eurocodice 8 Progettazione delle strutture per la resistenza sismica Parte 1: Regole generali, azioni sismiche e regole per gli edifici NORMA EUROPEA Eurocodice 8 Progettazione delle strutture per la resistenza sismica Parte 1: Regole generali, azioni sismiche e regole per gli edifici UNI EN 1998-1 MARZO 2005 Eurocode 8 Design of structures

Dettagli

Costruzioni in legno: nuove prospettive

Costruzioni in legno: nuove prospettive Costruzioni in legno: nuove prospettive STRUZION Il legno come materiale da costruzione: origini e declino Il legno, grazie alla sua diffusione e alle sue proprietà, ha rappresentato per millenni il materiale

Dettagli

LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura

LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura Premessa Fra le strutture di legno, le capriate reticolari costituiscono un tipo di costruzione diffuso che sfruttano pienamente i vantaggi potenziali

Dettagli

SOMMARIO: LEGGI SU CUI SI BASANO LE ATTUALI NORME LE NUOVE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI E L AZIONE SISMICA

SOMMARIO: LEGGI SU CUI SI BASANO LE ATTUALI NORME LE NUOVE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI E L AZIONE SISMICA LEGGI FONDAMENTALI DELLE NORMESISMICHE SOMMARIO: LEGGI SU CUI SI BASANO LE ATTUALI NORME SISMICHE LE NUOVE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI E L AZIONE SISMICA Giacomo Di Pasquale, Dipartimento della Protezione

Dettagli

Valutazione della capacità sismica delle strutture in acciaio mediante la metodologia del Robustness Based Design

Valutazione della capacità sismica delle strutture in acciaio mediante la metodologia del Robustness Based Design UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA STRUTTURALE CATTEDRA DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI I RELATORE: TESI DI LAUREA Valutazione della capacità sismica

Dettagli

Capitolo 7 TRAVI COMPOSTE ACCIAIO-CALCESTRUZZO 7 COSTRUZIONI IN ACCIAIO-CALCESTRUZZO. 7.1 Principi generali. 7.1.1 Premessa BOZZA

Capitolo 7 TRAVI COMPOSTE ACCIAIO-CALCESTRUZZO 7 COSTRUZIONI IN ACCIAIO-CALCESTRUZZO. 7.1 Principi generali. 7.1.1 Premessa BOZZA BOZZA Capitolo 7 TRAVI COMPOSTE ACCIAIO-CALCESTRUZZO 7 COSTRUZIONI IN ACCIAIO-CALCESTRUZZO 7.1 Principi generali 7.1.1 Premessa Con il nome di strutture composte acciaio-calcestruzzo vengono indicate usualmente

Dettagli

Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo

Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo Keywords: dighe a gravità in calcestruzzo, verifica sismica, metodi semplificati, programmi di calcolo. Autore: L. Furgoni, Relatore: Prof. C. Nuti,

Dettagli

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA 123 4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA Il presente esempio è finalizzato a guidare il progettista alla compilazione del SI-ERC per un edificio con struttura a telaio in CA per il quale è

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione

METODO DELLE FORZE 1. METODO DELLE FORZE PER LA SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTATICHE. 1.1 Introduzione METODO DELLE FORZE CORSO DI PROGETTZIONE STRUTTURLE a.a. 010/011 Prof. G. Salerno ppunti elaborati da rch. C. Provenzano 1. METODO DELLE FORZE PER L SOLUZIONE DI STRUTTURE IPERSTTICHE 1.1 Introduzione

Dettagli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli ingegneri della Provincia Autonoma di Trento nell anno 2012, si propone quale traccia per la stesura del Certificato di

Dettagli

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica

Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Indagine sui consumi degli edifici pubblici (direzionale e scuole) e potenzialità degli interventi di efficienza energetica Marco Citterio, Gaetano Fasano Report RSE/2009/165 Ente per le Nuove tecnologie,

Dettagli

2.2.8 Spettri di progetto

2.2.8 Spettri di progetto 2.2.8 Spettri di progetto Passando alla fase progettuale si dà per scontato che per gli Stati Limite Ultimi (SLV e SLC) la struttura vada largamente in campo plastico. Si devono quindi utilizzare metodi

Dettagli

Testo integrato dell Allegato 2 Edifici all Ordinanza 3274 come modificato dall OPCM 3431 del 3/5/05

Testo integrato dell Allegato 2 Edifici all Ordinanza 3274 come modificato dall OPCM 3431 del 3/5/05 NORME TECNICHE PER IL PROGETTO, LA VALUTAZIONE E L ADEGUAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI 1 OGGETTO DELLE NORME...7 2 REQUISITI DI SICUREZZA E CRITERI DI VERIFICA...8 2.1 SICUREZZA NEI CONFRONTI DELLA STABILITÀ

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA

VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA ISTITUTO DI EDILIZIA ISTITUTO DI SCIENZA E TECNICA DELLE COSTRUZIONI TESI

Dettagli

Catalogo profili per strutture e banchi e linee modulari

Catalogo profili per strutture e banchi e linee modulari Profilati in alluminio a disegno/standard/speciali Dissipatori di calore in barre Dissipatori di calore ad ALTO RENDIMENTO Dissipatori di calore per LED Dissipatori di calore lavorati a disegno e anodizzati

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico ERETO 11 marzo 2008 coordinato con ecreto 26 gennaio 2010 (modifiche in rosso, in vigore dal 14 marzo 2010; attenzione: le modifiche sono riportate al solo scopo di facilitare la lettura del decreto; in

Dettagli

PROGETTO DI EDIFICI CON ISOLAMENTO SISMICO

PROGETTO DI EDIFICI CON ISOLAMENTO SISMICO COLLANA DI MANUALI DI PROGETTAZIONE ANTISISMICA VOLUME 5 PROGETTO DI EDIFICI CON ISOLAMENTO SISMICO M. Dolce, D. Cardone, F. C. Ponzo, A. Di Cesare INDICE CAPITOLO 1: Introduzione all isolamento sismico

Dettagli

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second life" Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191

Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di second life Francesco D'Annibale, Francesco Vellucci. Report RdS/PAR2013/191 Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Analisi termografica su celle litio-ione sottoposte ad esperienze di "second

Dettagli

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata

www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata www.integrateddesign.eu IDP Integrated Design Process Processo di progettazione integrata Cosa può fare l Istituto per le Energie Rinnovabili dell EURAC? E quando? Il team di EURAC è in grado di: gestire

Dettagli

Senato della Repubblica

Senato della Repubblica Senato della Repubblica Commissioni riunite 10 a (Industria, commercio, turismo) e 13 a (Territorio, ambiente, beni ambientali) Audizione nell'ambito dell'esame congiunto degli Atti comunitari nn. 60,

Dettagli

Guida alla scelta di motori a corrente continua

Guida alla scelta di motori a corrente continua Motori Motori in in corrente corrente continua continua 5 Guida alla scelta di motori a corrente continua Riddutore Coppia massima (Nm)! Tipo di riduttore!,5, 8 8 8 Potenza utile (W) Motore diretto (Nm)

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN ABS PER SOLAI MONODIREZIONALI. skyrail. sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE

CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN ABS PER SOLAI MONODIREZIONALI. skyrail. sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN PER SOLAI MONODIREZIONALI skyrail sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE w w w. g e o p l a s t. i t SOLAI 02 VISION Con la Sapienza di costruisce

Dettagli

PROGETTAZIONE DI STRUTTURE IN ACCIAIO con le nuove Norme Tecniche e gli Eurocodici: basi concettuali ed esempi di calcolo

PROGETTAZIONE DI STRUTTURE IN ACCIAIO con le nuove Norme Tecniche e gli Eurocodici: basi concettuali ed esempi di calcolo PROGETTAZIONE DI STRUTTURE IN ACCIAIO con le nuove Norme Tecniche e gli Eurocodici: basi concettuali ed esempi di calcolo Stefania Arangio, Francesca Bucchi, Franco Bontempi Stefania Arangio, Francesca

Dettagli

Linee guida per il montaggio e smontaggio di. ponti a torre su ruote

Linee guida per il montaggio e smontaggio di. ponti a torre su ruote Opere Provvisionali Linee guida per il montaggio e smontaggio di ANVVFC,, Presidenza Nazionale, dicembre 2008 pag 1 Il DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008, n. 81 (Pubblicato sulla G.U del 30 aprile 2008)

Dettagli

Calcolo semplificato agli stati limite

Calcolo semplificato agli stati limite CARLO SIGMUND Calcolo semplificato agli stati limite PER STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO ACCIAIO LEGNO MURATURA @ SERVIZI GRATUITI ON LINE Questo libro dispone dei seguenti servizi gratuiti disponibili on

Dettagli

TRAVE SU SUOLO ELASTICO

TRAVE SU SUOLO ELASTICO Capitolo 3 TRAVE SU SUOLO ELASTICO (3.1) Combinando la (3.1) con la (3.2) si ottiene: (3.2) L equazione differenziale può essere così riscritta: (3.3) La soluzione dell equazione differenziale di ordine

Dettagli

ORDINANZA n. 3274 DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 marzo 2003

ORDINANZA n. 3274 DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 marzo 2003 ORDINANZA n. 3274 DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 marzo 2003 Primi elementi in materia di criteri generali per la classificazione sismica del territorio nazionale e di normative tecniche per

Dettagli

Istruzioni per la Valutazione Affidabilistica della Sicurezza Sismica di Edifici Esistenti

Istruzioni per la Valutazione Affidabilistica della Sicurezza Sismica di Edifici Esistenti CNR Commissione di studio per la predisposizione e l analisi di norme tecniche relative alle costruzioni CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE COMMISSIONE DI STUDIO PER LA PREDISPOSIZIONE E L'ANALISI DI NORME

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA 1. La trasmittanza termica U COS'E? La trasmittanza termica U è il flusso di calore medio che passa, per metro quadrato di superficie, attraverso

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE

RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE 1 CLASSIFICAZIONE DI RESISTENZA AL FUOCO DI ELEMENTI COSTRUTTIVI SECONDO NORME, LEGGI E DIRETTIVE IN VIGORE 2 1. CLASSIFICAZIONE DELLA RESISTENZA AL FUOCO 2. CERTIFICAZIONE

Dettagli

Resistenza sismica di telai in c.a. progettati con il R.D. 2229/39

Resistenza sismica di telai in c.a. progettati con il R.D. 2229/39 XI Congresso Nazionale L ingegneria Sismica in Italia, Genova -9 gennaio Resistenza sismica di telai in c.a. progettati con il R.D. 9/9 M. Vona, A. Masi Dipartimento di Strutture, Geotecnica, Geologia

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

REOXTHENE TECHNOLOGY

REOXTHENE TECHNOLOGY REOXTHENE Patented REOXTHENE TECHNOLOGY MEMBRANE IMPERMEABILIZZANTI DALLA TECNOLOGIA RIVOLUZIONARIA INNOVATIVO COMPOUND BITUME POLIMERO INCREDIBILE LEGGEREZZA (fino a 4 mm = 38 kg) MAGGIORI PRESTAZIONI

Dettagli

Vulnerabilità Sismica di Edifici in C.A. Irregolari in Pianta: Modellazione ed Analisi Statica Non Lineare

Vulnerabilità Sismica di Edifici in C.A. Irregolari in Pianta: Modellazione ed Analisi Statica Non Lineare Vulnerabilità Sismica di Edifici in C.A. Irregolari in Pianta: Modellazione ed Analisi Statica Non Lineare Fabio Mazza Dipartimento di Ingegneria Civile, Università della Calabria, 87036, Rende (Cosenza).

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali MANUALE TECNICO APPLICATIVO A CURA DI ASSOCOPERTURE PERCHÈ PROTEGGERE I VUOTI Riteniamo necessario parlare ai tecnici del settore

Dettagli

strutture legate non autoportanti

strutture legate non autoportanti Il comportamento sotto sisma delle strutture metalliche dedicate a vano corsa ascensore, legate ad edifici esistenti: problemi e soluzioni. - 1 a parte - abstract Le strutture metalliche che costituiscono

Dettagli

Elaborato di Meccanica delle Strutture

Elaborato di Meccanica delle Strutture Università degli Studi di Roma La Sapienza Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Meccanica ed Aeronautica Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Meccanica Elaborato di Meccanica delle Strutture Docente

Dettagli

Trattasi di un edificio monopiano con sito d impianto su suolo costituito da n. 4

Trattasi di un edificio monopiano con sito d impianto su suolo costituito da n. 4 1. Descrizione della struttura portante Trattasi di un edificio monopiano con sito d impianto su suolo costituito da n. 4 terrazzamenti delimitati da preesistenti muri di sostegno. L edificio è suddiviso

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

Valore caratteristico EC7

Valore caratteristico EC7 Procedura da adottare - Azioni (E) Valore caratteristico EC7 Per le combinazioni delle azioni si rimanda a quanto detto ampiamente in precedenza. Resistenze (Rd) del sistema geotecnico Il valore di progetto

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

La diagnostica strutturale a supporto della prevenzione sismica: l intervento dimostratore del progetto RESIS

La diagnostica strutturale a supporto della prevenzione sismica: l intervento dimostratore del progetto RESIS La diagnostica strutturale a supporto della prevenzione sismica: l intervento dimostratore del progetto RESIS SOMMARIO Massimo Acanfora 1, Giovanni Fabbrocino 2, Gianluca Vultaggio La problematica della

Dettagli

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO kio-polieco.com Group ha recentemente brevettato un innovativo processo di produzione industriale per l impiego di uno speciale materiale composito. CHIUSINO KIO EN 124

Dettagli

Circolare 2 febbraio 2009, n. 617 - Istruzioni per l applicazione delle Nuove norme tecniche per le costruzioni di cui al D.M.

Circolare 2 febbraio 2009, n. 617 - Istruzioni per l applicazione delle Nuove norme tecniche per le costruzioni di cui al D.M. Circolare 2 febbraio 2009, n. 617 - Istruzioni per l applicazione delle Nuove norme tecniche per le costruzioni di cui al D.M. 14 gennaio 2008 Con decreto ministeriale 14 gennaio 2008, pubblicato nella

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli