Il 1956 e dintorni. emo. L'insistenza. di Angelo Rossi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il 1956 e dintorni. emo. L'insistenza. di Angelo Rossi"

Transcript

1 emo di Angelo Rossi Il 1956 e dintorni L'insistenza amichevole di Franco Mastroluca ha vinto la mia riluttanza a scrivere un capitoletto delle mie memorie e quindi a rendere - come dire? - un contributo per la storia del PCI in Capitanata, in particolare riguardo agli anni che vanno dal 1956 al Ho letto gli articoli di Pistillo e Patruno e non polemizzerò; soltanto mi scuso per queste mie tarde note. Non sono un testimone di professione, di quelli che si trovano nella piazza antistante il palazzo di giustizia, pronto a corroborare la difesa o l'accusa di qualche avvocato, a corto di argomenti e di documenti. Scrivo quando mi vien l'estro o qualche amico mi sollecita: la Prefazione al libro di Patruno non aveva alcuna pretesa, era solo un ricordo dell'amico Sabino. Scrivo queste note sulla federazione di Foggia del PCI negli anni dal '56 al '62, perchè potrò anche dire la mia, io che, in quegli anni, a Foggia c'ero. Vi fu una dialettica di posizioni, un dibattito politico nella federazione 75

2 m emo Angelo Rossi 76 di via Monte Grappa? Io rispondo di sì e dico che tracce di questo dibattito si debbono ricercare nei verbali del Comitato Federale di Foggia, che era la sede statutaria di discussione politica, nella corrispondenza della segreteria federale con la direzione del partito e nelle testimonianze dei compagni. Ho indicato una serie di fonti, dalle quali trarre elementi di informazione per una ricostruzione storica. Non conosco quanto Patruno scrive sulla storia della federazione di Foggia e quindi esprimerò la mia opinione indipendentemente da questo lavoro. A mio avviso, l'anno 1956 ha un valore decisivo, periodizzante, nella ricerca storiografica da compiere: è l'anno della destalinizzazione, dell'invasione dell'ungheria da parte delle forze sovietiche e dell'aggressione franco-inglese all'egitto di Nasser. E' un anno pieno di storia che Ingrao definì, in un editoriale apparso su l'unità, indimenticabile. La tempesta investì il partito che reagì positivamente con l'viii Congresso: un congresso costituente, della via italiana al socialismo. Non dobbiamo dimenticare che il dibattito che aveva preceduto il Congresso aveva impegnato non solo il PCI, ma anche il PSI, con il quale esisteva un patto d'unità d'azione; intensa era stata la partecipazione della cultura di sinistra. Ricordo che la rivista Nuovi Argomenti diretta da Alberto Moravia dedicò un suo numero a raccogliere le risposte di personalità della cultura e della politica ad un questionario sullo stalinismo; tra queste risposte vi è la celebre intervista di Togliatti. Sia l'unità che Rinascita ospitarono gli interventi di iscritti e di simpatizzanti e le assemblee e le riunioni non si contarono, con una vivacità ed una partecipazione appassionata che non avevano precedenti nella vita dei partiti italiani. La guida politica di Togliatti si affermò in una lotta politica aspra all'interno e all'esterno. I punti essenziali della sua proposta politica erano: la coesistenza pacifica indicata come terreno di confronto obbligato tra Oriente e Occidente, per evitare lo scontro nucleare e la fine della civiltà, il policentrismo come nuova realtà del movimento comunista internazionale e l'esaurimento del ruolo di partito-guida del PCUS,

3 Il 1956 e dintorni m le vie nazionali al socialismo e per l'italia e in generale, per i paesi occidentali, affermazione del valore della democrazia politica e delle istituzioni da questa derivanti (la democrazia rappresentativa, il parlamento, le assemblee elettive), l'indicazione delle riforme di struttura da realizzare attraverso un'azione convergente dal basso, la partecipazione e il movimento delle masse, e dall'alto, nel Parlamento. La revisione teorica del marxismo-leninismo molto forte: in adesione alla linea del XX Congresso del PCUS, quello della La nuova linea politica del PCI della via destalinizzazione, era democratica al socialismo raccoglieva il negata la tesi classica del leninismo riguardante la inevitabilità della guerra, affermata in un testo canonico per il movimento comunista internazionale, consenso della stragrande maggioranza degli iscritti; la posizione sui fatti d'ungheria rappresentava un carattere di necessità contingente che ci si augurava potesse essere superata da un processo di riforme democratiche nella stessa Unione Sovietica L'imperialismo fase suprema del capitalismo di Lenin. Ma l'altra novità teorica era addirittura la messa in discussione di uno dei principi cardini del marxismo: la dittatura del proletariato, la conquista del potere per mezzo della rivoluzione proletaria. Infatti con l'affermazione della via democratica al socialismo e nel riconoscimento della democrazia politica, come terreno sul quale ci si intendeva muovere, si affermava che il partito si sarebbe attenuto al metodo democratico, nel rispetto della Costituzione, e avrebbe mirato al governo del paese con mezzi pacifici. Questa scelta fu anche chiamata via parlamentare, ma la definizione fu ritenuta limitativa rispetto al movimento delle masse che si intendeva suscitare. Era questa la nuova linea politica del PCI che raccoglieva il consenso della stragrande maggioranza degli iscritti. Rispetto a questa, la posizione sui fatti d'ungheria rappresentava un carattere di necessità contingente che ci si augurava potesse essere superata da un processo di riforme democratiche nella stessa Unione Sovietica. Che esistessero limiti e soprattutto potenti condizionamenti alla rea- 77

4 m emo Angelo Rossi lizzazione di questa politica e come influissero è questione che si è posta successivamente alla nostra attenzione e il suo esame non rientra nella discussione di cui ci occupiamo. Ho un ricordo molto vivo dell'viii Congresso, al quale partecipai come invitato, su proposta del carissimo Gigino Conte. Era la prima volta, a 23 anni, che andavo a Roma e non riuscii a visitarla, perché impegnato ad assistere ai lavori Partecipai all'viii Congresso come congressuali che si svolsero invitato, su proposta del carissimo al Palazzo dei Congressi Gigino Conte. Ricordo la visita dei all'eur. Ricevetti una grande impressione: ascoltavo i delegati foggiani ad una sezione del PCI di Roma e il successo che riscosse un dirigenti comunisti, nomi nostro compagno, Del Negro, segretario famosi, Longo, Terracini, della sezione di Trinitapoli: spiegò Amendola, Ingrao. C'erano come attraverso una distribuzione i delegati dei partiti fratelli, cooperativa i prodotti della terra la Furtseva del PCUS, poi il potessero passare dalla produzione al sindaco di Pechino per il consumo, con grande vantaggio dei partito cinese, che appose la contadini produttori e dei cittadini sua firma ad una copia delle opere scelte di Mao Tse consumatori, abbattendo le taglie imposte dalla intermediazione Tung che ancora conservo, ed altri ancora esponenti e 78 delegati. L'VIII fu un Congresso vero, con i critici e gli oppositori. Ad esempio Antonio Giolitti, parlamentare, studioso di economia, il nipote comunista del grande statista liberale Giovanni Giolitti, che pronunciò, in modo pacato ma fermo, un intervento che mi colpì favorevolmente, sì che fui tra i pochi ad applaudire. Proprio in quei giorni usciva un suo saggio, pubblicato da Einaudi, con il titolo significativo Riforme o rivoluzione. Gli rispose dalla tribuna congressuale, Giorgio Napolitano, esponente della nuova generazione di quadri che Togliatti promuoveva per realizzare la politica della via italiana. E con Napolitano discussi, in seguito, in occasione di un viaggio a Bari, del libro di Giolitti e dell'altro, di Longo, Riforme e rivoluzione, pubbli-

5 Il 1956 e dintorni m cato nella stessa collana Einaudi, in immediata e puntuale replica al Giolitti. Notevole mi sembrò anche l'intervento di Di Vittorio che ribadì il suo giudizio negativo sui fatti d'ungheria, in un discorso volto al futuro, inteso a delineare il ruolo del sindacato unitario in una prospettiva di trasformazione della società italiana segnata dalla partecipazione delle classi lavoratrici. Poi Concetto Marchesi, il grande letterato e latinista, che parlò apertamente in difesa di Stalin, dicendo testualmente: «Tiberio, grande imperatore, ebbe come storico Tacito. A Stalin, meno fortunato, è toccato Nikita Krusciov». Riccardo Lombardi intervenne per il PSI e, riferendosi alle resistenze ed opposizioni che la politica di destalinizzazione incontrava, parlò ironicamente di «700 e uno milioni di albanesi» con evidente riferimento alla posizione divergente dei comunisti cinesi. Un altro episodio è presente nella mia memoria: la visita dei delegati foggiani non impegnati nelle commissioni congressuali ad una sezione del PCI di Roma e il successo che riscosse un nostro compagno, Del Negro, segretario della sezione di Trinitapoli, tra i comunisti di quella sezione e soprattutto tra le compagne. Alto, magro, la faccia onesta cotta dal sole, svolgeva in dialetto, gesticolando con le sue grandi mani, una lezione di economia e di politica: spiegò come attraverso una distribuzione cooperativa i prodotti della terra potessero passare dalla produzione al consumo, con grande vantaggio dei contadini produttori e dei cittadini consumatori, abbattendo le taglie imposte dalla intermediazione parassitaria e dai monopoli delle industrie alimentari. Occorreva ristabilire un rapporto naturale, così disse, fra la città e la campagna e per questo i contadini e i lavoratori della città dovevano lottare insieme. Assistetti infine alle conclusioni di Togliatti e fui colpito dall'impegno e dalla passione che pervasero il suo discorso. Ricordo come, rispondendo a coloro che intendevano contrapporre il pensiero di Gramsci alla politica che il PCI aveva svolto, alzando il tono della voce, affermasse con veemenza: «Con Gramsci non si scherza». Il vecchio chiudeva vittoriosamente una lunga e difficile battaglia politica, condotta 79

6 m emo Angelo Rossi su due fronti, a destra e a sinistra, perché mentre respingeva l'attacco revisionista di Giolitti, Diaz ed altri, procedeva all'estromissione dell'ala stalinista dai posti-chiave dell'organizzazione del partito, innanzitutto di quello che era stato il potentissimo responsabile della sezione d'organizzazione e vice-segretario Pietro Secchia, ormai in disgrazia da quando il suo segretario Giulio Seniga aveva scelto la libertà, portando con sé la cassa del partito. Togliatti aveva vinto ed aveva portato a compimento il progetto che si può dire da tempo coltivava: trasformare il PCI da sezione del movimento comunista internazionale in grande partito nazionale che aveva il sostegno di grande parte delle classi lavoratrici italiane. Fu l'viii Congresso il punto più alto che sia mai stato raggiunto dalla Fu l'viii Congresso il punto più alto che evoluzione di un partito sia mai stato raggiunto dalla evoluzione comunista in Occidente e di un partito comunista in Occidente e anche la soglia fin dove si era anche la soglia fin dove si era spinta spinta l'elaborazione, talvolta compiuta in assoluta soli- l'elaborazione, talvolta compiuta in assoluta solitudine, di Togliatti tudine, di Togliatti, un uomo venuto da lontano, da 80 Livorno nel '21, dalla persecuzione fascista, da anni di lotte, di cospirazione, dalle responsabilità di dirigente del Komintern sotto la guida di Stalin sino a diventare una delle guide politiche della Resistenza e della rinascita democratica dell'italia e uno dei padri costituenti dello Stato repubblicano. Resta l'interrogativo: se non fosse possibile spingersi più avanti. La modernizzazione del Paese, il cambiamento della sua struttura economico-sociale che avveniva ormai in un contesto europeo, ponevano il problema della piena partecipazione delle classi lavoratrici alla direzione politica dello Stato. Un problema che in altri paesi europei era stato risolto nel senso della formazione di partiti socialdemocratici come partiti di governo. Ma in Italia c'era stato il fascismo e quindi il problema si era posto in ritardo e nel quadro di una contrapposizione politica e sociale aspra e persino violenta. Poi dominava su tutto la sfi-

7 Il 1956 e dintorni m da a livello mondiale tra USA e URSS. In questa situazione, si poteva tagliare il cordone ombelicale con l'unione Sovietica, finalmente troncare il legame di ferro con il PCUS? Non era il momento della destalinizzazione e dei fatti d'ungheria quell'occasione storica per riproporre la questione dell'unità tra le classi lavoratrici e quindi della formazione di un unico grande partito del lavoro, democratico e socialista, pronto ad assumersi responsabilità di governo in un'italia che si andava così rapidamente trasformando? Ricordo il Nenni che scrisse un celebre articolo Luci e ombre del XX Congresso e il Di Vittorio che assunse una posizione coraggiosa sull'ungheria, e quindi devo concludere che sì vi erano uomini che percepirono acutamente il problema e che pensavano che si dovesse procedere, osare di più. Molti anni dopo, negli anni '90, un grande compagno, Sergio Garavini, che nel '56 non aveva esitato a condannare l'invasione dell'ungheria mi disse che se Togliatti avesse preso la decisione del distacco dall'unione Sovietica, il partito l'avrebbe seguito. Già Togliatti, sempre Togliatti. E gli altri? Amendola, Ingrao, Longo, Paietta, Alicata? Amendola invero, con la sua forza e il suo coraggio, attaccò apertamente Togliatti in una riunione del Comitato Centrale svoltasi nel '62 e della quale l'unità non pubblicò mai il resoconto, contrariamente a quanto di norma faceva per tutte le sessioni del CC, e successivamente, nel '64, pose il problema del partito unico dei lavoratori. Ma Amendola aveva una visione pessimistica della situazione internazionale e di qui discendeva il suo filosovietismo che si confermò persino nel '79, quando l'unione Sovietica invase l'afghanistan. Napolitano dà a tutto questo una spiegazione e scrive nella sua autobiografia che, nel gruppo dirigente, prevalse il senso dell'unità, che su tutto dominò il pensiero di non danneggiare il partito che si trovava in una situazione difficilissima, sotto l'attacco degli avversari, in un momento in cui anche i fascisti rialzavano la testa. Questa fu certo la scelta più difficile della generazione dei giovani quadri comunisti che erano cresciuti nel clima della democrazia e che avevano lottato per affermare proprio i valori di libertà e di democrazia, non come principi della borghesia, ma come valori vitali per le 81

8 m emo Angelo Rossi 82 classi lavoratrici e per tutto il popolo. Una scelta però che fissò un limite che non fu valicato per tutto l'arco di un intiero periodo storico: l'essere un partito democratico, partecipe dello sviluppo del paese, anzi protagonista positivo di questo e al tempo stesso essere escluso dal governo, non poter essere, nonostante la propria forza, valida alternativa. Nella testa di questa generazione c'era un 'idea: che prima o poi si sarebbe aperto un processo di riforme democratiche in Unione Sovietica che avrebbe portato ad un incontro tra quella realtà ed il progredente movimento democratico e socialista in Europa occidentale, nel quale erano presenti i partiti comunisti, ed in modo particolare il PCI. Quando Enrico Berlinguer prese atto della irriformabilità del sistema sovietico era troppo tardi. Il PCI capì che l'unione Sovietica era finita, soltanto quando il processo si era compiuto e allora anch'esso finì. Ma queste sono considerazioni col senno di poi. Allora l'viii Congresso ci parve grande politica e lo era. Specialmente tra i giovani militanti, questa politica suscitò una forte corrente di adesione convinta e di partecipazione alla vita del partito. Ricordo che qualche mese dopo l'viii Congresso, nel '57, si tenne il Congresso provinciale della Federazione Giovanile Comunista, che fu presieduto da un compagno inviato dalla direzione nazionale del partito, un giovane deputato napoletano, pacato e colto ragionatore, dal tratto garbato e signorile: appunto Giorgio Napolitano. Intervenni a quel Congresso e richiamandomi a Gramsci parlai della necessità di conquistare l'adesione dei giovani intellettuali e dell'importanza che questa assumeva nella costruzione di un nuovo blocco storico contrassegnato dall' egemonia del proletariato. Il mio intervento fu da lui accolto favorevolmente, sì che nelle conclusioni si espresse su di esso positivamente. Entrai negli organi dirigenti della FGCI, con Piero Carmeno segretario, che subentrava ad Antonio Berardi di San Severo, e fui tra i componenti della delegazione della FGCI nel comitato federale del partito. Il congresso della Federazione Giovanile era importante perché doveva segnare il passaggio dalla FGCI dei biliardini ad un'altra, più fortemente impegnata per quel che riguardava l'educazione politica e

9 Il 1956 e dintorni m soprattutto la partecipazione autonoma dei giovani all'attività del partito; doveva cioè rispondere ai compiti nuovi ai quali veniva chiamata dall'viii Congresso. Siamo quindi al tema centrale, anche se non esplicitato con la dovuta chiarezza: era il partito foggiano adeguato ad uno svolgimento efficace della nuova politica dell'viii? Il problema non era quello di proclamare l'accettazione della nuova linea, era invece quello di applicarla nelle condizioni di una grande provincia agricola, nel cuore del Mezzogiorno. Alcuni compagni ritenevano che il partito non fosse pronto, non fosse adeguato; e che le resistenze Era il partito foggiano adeguato ad uno soprattutto venissero dall'interno del gruppo diri- dell'viii? Il problema non era quello di svolgimento efficace della nuova politica gente della Federazione. proclamare l'accettazione della nuova Pistillo dice che non è così, linea, era invece quello di applicarla che lui ha trovato poca nelle condizioni di una grande provincia roba nella cartella della agricola, nel cuore del Mezzogiorno Federazione di Foggia, che la federazione era sulla linea del partito. Invece dico che il dibattito negli organismi dirigenti, il confronto anche aspro tra coloro che dirigono un'organizzazione o che semplicemente vi partecipano non possono essere documentati in modo notarile. La capacità dell'interprete deve essere appunto quella di risalire dal documento e dalla testimonianza al momento storico, all'azione che si vuole intendere e ricostruire. C'è ancora da lavorare in questo senso e sarebbe bene che si raccogliessero anche le testimonianze dei compagni prima che il tempo se le porti via definitivamente. Le critiche del gruppo (Vania, Giacinto Di Leo, Rocco Colangelo ed io, cui si aggiunse più tardi il più giovane Aurelio Montingelli) riguardavano la chiusura del partito, lo scarso impegno sulle questioni riguardanti la città, l'incomprensione circa i problemi dei ceti medi, la marginalizzazione della discussione culturale e più in generale l'incapacità di fare politica sui problemi nel rapporto con le altre forze politiche. 83

10 m emo Angelo Rossi 84 Sollecitavamo una riflessione seria sulla situazione economico-sociale e sui cambiamenti che erano avvenuti nella struttura dell'economia provinciale, ritenevamo che il partito dovesse uscire dalla propaganda e dall'attivismo organizzativo per affrontare finalmente la sfida con le altre forze sul terreno delle riforme. Ci interessava l'evoluzione del mondo cattolico, che stava uscendo dalla corazza che gli aveva imposto per venti anni il pontificato di Papa Pacelli. Si legava a tutto questo una esigenza urgente: rompere gli schemi, discutere dei cambiamenti che erano avvenuti nel movimento comunista internazionale, in URSS. Volevamo capire l'originale esperienza cinese con il movimento dei cento fiori, e lo sviluppo della rivoluzione anticoloniale che già aveva imposto l'ammirazione per il popolo vietnamita, dopo la storica vittoria di Dien Bien Phu contro la dominazione francese. C'è da stupirsi se tra noi vi fosse qualcuno che dubitasse dell'opportunità dell'intervento delle forze sovietiche in Ungheria, che condividesse la posizione di Di Vittorio e non fosse del tutto convinto delle ragioni presentate da Togliatti e fatte proprie dalla direzione del partito? Si discuteva a Foggia, come si discuteva in tutto il paese e non vedo come di questo grande movimento di idee, di passioni che interessava una massa enorme di compagni e tutto il popolo della sinistra si debba chiedere se c'erano verbali. Non c'erano verbali o quando c'erano, solo in misura limitata potevano dare elementi sufficienti per capire ciò che ferveva nella discussione tra i comunisti italiani e la sinistra intiera. Ad esempio, per le riunioni di comitato federale non si usavano registratori e tutto veniva affidato alla pazienza di chi stilava il verbale, che poi fu per molto tempo Mario Di Gioia, di Lucera, vicesegretario provinciale, dirigente apprezzato per l'impegno e l'esperienza. Quanti di questi verbali, decine e decine di fogli dattiloscritti con cura meticolosa, venivano inviati a Roma, per informare la Direzione! Io, per mio conto, non li ho mai letti e non ho mai pensato di controllare quanto rispondente fosse la verbalizzazione a quanto era stato detto nel comitato federale; avevo fiducia e non pensavo che quei verbali potessero diventare documenti storici.

11 Il 1956 e dintorni m Intanto, dopo il 1956, prendeva l'avvio in Italia il miracolo economico e il Paese cambiava, sotto l'impulso di uno sviluppo senza precedenti il suo carattere: da agricolo industriale diventava industriale agricolo. Nel Nord, nel triangolo industriale si sviluppava l'industrializzazione, a ritmi sostenuti, e con essa l'urbanizzazione. La conseguenza fu immediata: partirono dal Sud verso il Nord e la Germania centinaia di migliaia, qualche milione, di meridionali. La composizione demografica del Mezzogiorno fu sconvolta: la forza-lavoro miracolo economico e il Paese cambiava: Dopo il 1956, prendeva l'avvio in Italia il subì un salasso incredibile per l'emorragia che centinaia di migliaia, qualche milione, di partirono dal Sud verso il Nord e la Germania l'emigrazione provocò. meridionali. La composizione demografica del Una delle province più Mezzogiorno fu sconvolta. Una delle province colpite fu quella di più colpite fu quella di Foggia: nel giro di Foggia: nel giro di duetre anni interi paesi due-tre anni interi paesi si svuotarono si svuotarono, e con il censimento del 1961 potemmo considerare le prime cifre di questo fenomeno: per la prima volta, nella storia dello Stato unitario, la popolazione della Capitanata era diminuita, mentre, in controtendenza, gli abitanti del capoluogo erano aumentati. Si capisce che il partito subisse i contraccolpi di questo sconvolgimento. Su tutti i piani: politico, organizzativo ed elettorale. Devo dire che per quel che riguarda le elezioni politiche, non si avvertirono conseguenze negative, perché moltissimi lavoratori che erano emigrati, avevano conservato la residenza e tornavano a votare. Ricordo l'entusiasmo, l'emozione che ci prendeva, quando andavamo a salutare alla stazione i compagni, i fratelli che tornavano dal Nord, nei lunghi treni, per votare Partito Comunista: si affacciavano ai finestrini, salutavano col pugno chiuso e cantavano Bandiera rossa. I nostri lavoratori facevano le loro esperienze nelle fabbriche di Torino, di Milano e maturavano una forza e una dignità che dava alle lotte vigore e speranza: era una rivoluzione culturale che avveniva. 85

12 m emo Angelo Rossi 86 Ancora nel 1958, i risultati delle elezioni politiche, per quanto avvenissero a ridosso dei fatti d'ungheria confermarono la forza del PCI, ed anche nella provincia di Foggia non vi furono sensibili variazioni che riguardassero l'influenza elettorale del Partito. Invece ripercussioni si ebbero nei rapporti con i socialisti, nelle amministrazioni comunali, nel sindacato, nell'organizzazione del partito e soprattutto tutta la prospettiva di lavoro del partito cambiò. Infatti dopo i fatti d'ungheria, nel congresso del PSI, svoltosi a Venezia nel 1957, prevalsero gli autonomisti guidati da Nenni e il rapporto privilegiato stabilito con il PSI, attraverso il patto di unità d'azione venne meno: i socialisti iniziarono la marcia di avvicinamento al governo del paese che si sarebbe conclusa nel '63, con la formazione del centro-sinistra, fondato sull'alleanza tra DC e PSI e l'esclusione dei comunisti. Intanto nei comuni già in quegli anni i socialisti incominciarono a praticare la governabilità, cioè a partecipare alla formazione delle giunte, con la DC o con il PCI, a seconda che in questa o quella situazione locale prevalesse l'uno o l'altro partito. La funzione determinante del PSI era appunto nell'assicurare la formazione delle amministrazioni. Ma non bisogna pensare ad un'operazione trasformistica, perché questa politica si svolse tra non poche difficoltà e ostacoli che sorsero soprattutto all'interno della DC, per l'opposizione di fortissimi interessi e di una notevole parte dello stesso partito democristiano all' apertura a sinistra. Era proprio nella città, dove il PCI era più debole, che si incominciava ad avvertire che il gioco politico era uscito dalla contrapposizione frontale, dalla rigidità degli anni precedenti, e si svolgeva più liberamente e, diciamolo pure, più civilmente. Il tempo dell'amministrazione della destra monarchica e missina al comune di Foggia era caduto e dell'indebolimento della destra si avvantaggiava la DC che si affermava anche nelle elezioni comunali come il partito di gran lunga più forte nella città, con la formazione della giunta De Miro. Il PCI invece perse il comune di San Severo, storica cittadella rossa e all'interno dell'organizzazione comunista di San Severo si sviluppò per anni un contrasto che trovò la sua conclusione solo nel 1962, in una notta-

13 Il 1956 e dintorni m ta della Commissione elettorale del XI Congresso, con la partecipazione di Romagnoli e Reichlin per la direzione del partito. Il cambiamento si fece sentire fortemente nel rapporto con il bracciantato, dove il partito aveva la base della sua organizzazione di massa. Innanzitutto scemò di colpo la pressione che, negli anni precedenti, si sviluppava per il lavoro. Negli anni precedenti il miracolo economico nonostante le riforme dei governi De Gasperi, la pressione per il lavoro era stata fortissima ed essa aveva alimentato le lotte, che Cinquanta e gli inizi degli anni Sessanta fu La grande emigrazione tra la fine degli anni trovavano il loro sostegno politico nell'unità del tempo per divenire tanto evidente da un processo che, per quanto rapido, impiegò dei partiti di sinistra. imporsi alla coscienza dei dirigenti, i quali Ora non è che fosse cessata, ma certo si era for- dimensioni del fenomeno che stava mettendo non si resero conto immediatamente delle temente allentata: dalla fine alla questione bracciantile Germania e dal Nord incominciavano a pervenire le rimesse degli emigranti e le famiglie, purtroppo divise, potevano iniziare a respirare. L'altra ripercussione si aveva sul piano organizzativo: il partito comunista si avvaleva dell'impegno politico degli attivisti nei comuni che garantiva la continuità del lavoro politico delle organizzazioni e costituivano il nerbo di una forza disciplinata e attiva socialmente e politicamente. Ma questi attivisti e i dirigenti sezionali del partito erano lavoratori nel pieno delle loro capacità lavorative, che svolgevano un lavoro del tutto volontario nell'organizzazione di partito e costituivano anche il naturale collegamento tra la base sociale del partito e la struttura organizzativa. Quando, per necessità, la gran parte di questi lavoratori giovani e adulti emigrò, il partito si trovò privato del loro insostituibile apporto. Ma la grande emigrazione tra la fine degli anni Cinquanta e gli inizi degli anni Sessanta fu un processo che, per quanto rapido, impiegò del tempo per divenire tanto evidente da imporsi alla coscienza dei dirigenti, i quali non si resero conto immediatamen- 87

14 m emo Angelo Rossi 88 te delle dimensioni del fenomeno che stava mettendo fine alla questione bracciantile. Ostacolava questa presa di coscienza anche il forte senso di classe che animava i quadri e gli attivisti comunisti, i quali sentivano il partito comunista come il loro partito, il partito dei braccianti e non riuscivano a pensare che la trasformazione in atto stava cambiando la composizione demografica, tanto che la massa di braccianti e di contadini poveri che affollava il Tavoliere non c'era più e si era venuta equilibrando la popolazione attiva nella provincia, con un aumento limitato degli addetti all'industria, ma un altro, più consistente, degli addetti ai servizi, alla Pubblica Amministrazione, al terziario. Anche la figura stessa del bracciante era cambiata in seguito all'innovazione e alla meccanizzazione in agricoltura. Si stava affermando un nuovo tipo di operaio agricolo, specializzato, i cui problemi erano radicalmente diversi da quelli che travagliavano i faticatori del passato anche recente. Quando uscì, ai principi degli anni Sessanta, un saggio di una giovane studiosa foggiana, Rita Di Leo, poi divenuta docente universitaria, che analizzava il cambiamento in atto nel Tavoliere, ma che recava il titolo I braccianti non servono, la reazione fu molto forte. La pubblicazione fu considerata come rivolta contro il partito e la conclusione del libro che era di carattere economico e sociale fu considerata come un inaccettabile giudizio antropologico. Intanto nel partito erano avvenuti dei mutamenti: agli inizi del '57 il gruppo dirigente operò la sostituzione di Savino Gentile. Da tempo se ne parlava ed un segnale forte era venuto dallo stesso VIII Congresso, quando nel CC era stato eletto, per la provincia di Foggia, Paolo Martella e non il segretario in carica. Proprio Paolo Martella, di Apricena, insegnante, dirigente con una lunga esperienza sindacale, fu eletto segretario federale, mentre Gentile diveniva presidente dell'amministrazione provinciale. Un'operazione di vertice, alla quale era sotteso un giudizio negativo sulla direzione del Gentile, giudizio del quale costui era ben consapevole tanto che, a conclusione del suo mandato di presidente della provincia, si allontanò definitivamente dal partito, iniziando un'attività commerciale come concessionario della Lancia.

2 giugno 1946: nasce la Repubblica Italiana

2 giugno 1946: nasce la Repubblica Italiana Biblioteca Nazionale Braidense presenta: DOMANI AVVENNE 2 giugno 1946: nasce la Repubblica Italiana Sala Microfilm 30 maggio - 30 giugno 2009 1 Rassegna DOMANI AVVENNE : ciclo di mostre documentarie di

Dettagli

FONDO PAOLO TONIOLATTI CENSIMENTO 1968-1981, con documentazione dal 1956

FONDO PAOLO TONIOLATTI CENSIMENTO 1968-1981, con documentazione dal 1956 FONDO PAOLO TONIOLATTI CENSIMENTO 1968-1981, con documentazione dal 1956 a cura di Marco Giovanella Il fondo di Paolo Toniolatti (Trento 1941- ) è pervenuto al Centro di documentazione «Mauro Rostagno»

Dettagli

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE

RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE RELAZIONE CONGRESSO DI CIRCOLO DELL 11 OTTOBRE 2014 CANDIDATO SEGRETARIO: LOCCI ROSALINA CONDIVISIONE - RESPONSABILITA - COMPETENZE Saluto tutti i presenti: iscritti, simpatizzanti rappresentanti dei partiti..

Dettagli

Fondo Ducceschi Alino Buste 5 Fascicoli 36

Fondo Ducceschi Alino Buste 5 Fascicoli 36 Fondo Ducceschi Alino Buste 5 Fascicoli 36 Alino Ducceschi, sestese di origini toscane, sindacalista della Fiom, tecnico dell azienda Oronzio De Nora Impianti elettrochimici, ha versato alla Fondazione

Dettagli

Siamo in tanti, oggi, in questa sala e questo è un fatto positivo per il nostro partito e per gli appuntamenti che lo stanno attendendo.

Siamo in tanti, oggi, in questa sala e questo è un fatto positivo per il nostro partito e per gli appuntamenti che lo stanno attendendo. Sintesi del discorso di presentazione della mozione per la candidatura a segretario provinciale di Renato Veronesi, espressosi liberamente, senza l ausilio di una traccia scritta, durante i lavori della

Dettagli

Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo

Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo L Italia fascista Il crollo dello stato liberale e l avvento del fascismo La nascita e l affermazione del Fascismo La prima riunione del movimento dei fasci di combattimento si tenne a Milano nel 1919.

Dettagli

L ITALIA REPUBBLICANA

L ITALIA REPUBBLICANA L ITALIA REPUBBLICANA LE REALIZZAZIONI DEL CENTRISMO LA RIFORMA AGRARIA, finanziata in parte dai fondi del Piano Marshall,fu,secondo alcuni studiosi,la più importante riforma dell'intero secondo dopoguerra.

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE. Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie di persone :

LA RIVOLUZIONE FRANCESE. Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie di persone : LA RIVOLUZIONE FRANCESE In Francia la società è divisa in tre ordini o stati: 1) Nobiltà 2) Clero 3) Terzo Stato Nobiltà e clero godono di privilegi, non pagano tasse. Il terzo stato comprende varie categorie

Dettagli

2011-2012 - EDITRICE LA SCUOLA

2011-2012 - EDITRICE LA SCUOLA L Impero russo alla fine del XIX secolo Un territorio immenso e multietnico retto da una monarchia assoluta che reprimeva ogni forma di opposizione. Profonda arretratezza nelle campagne: Il 90% della terra

Dettagli

FONDO GUERRINO MALISARDI LINA ANGHEL (1943-1983)

FONDO GUERRINO MALISARDI LINA ANGHEL (1943-1983) FONDO GUERRINO MALISARDI LINA ANGHEL (1943-1983) La documentazione che compone questo fondo si può distinguere in tre parti. Un primo nucleo di materiale è composto da materiale relativo a Guerrino Malisardi:

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE L Europa secondo De Gasperi: proposte istituzionali e prospettive teoriche negli anni della ricostruzione

Dettagli

C'è, e anche questo c'entra molto con la crisi che stiamo vivendo, una questione ambientale con la quale anche il sindacato deve fare i conti.

C'è, e anche questo c'entra molto con la crisi che stiamo vivendo, una questione ambientale con la quale anche il sindacato deve fare i conti. Un saluto e un ringraziamento a tutti e a tutte voi che avete voluto essere qui questa mattina a partire dalle autorità e dai rappresentanti delle istituzioni presenti. Ricorre quest'anno il 120esimo anniversario

Dettagli

FONDO GIANCARLO SALMINI CENSIMENTO

FONDO GIANCARLO SALMINI CENSIMENTO FONDO GIANCARLO SALMINI CENSIMENTO a cura di Marco Giovanella Il fondo Giancarlo Salmini è stato tra i primi a essere conferito al Centro di documentazione «Mauro Rostagno», alla fine degli anni ottanta.

Dettagli

Il Fascismo in Italia (1922-1936)

Il Fascismo in Italia (1922-1936) Il Fascismo in Italia (1922-1936) Le fasi del fascismo 1. Fase legalitaria (1922-1924) I Fascisti fanno parte di un governo di coalizione. Termina con le elezioni del 1924 e l uccisione di Matteotti. 2.

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti VIII. 1979-1984. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti VIII. 1979-1984. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti VIII. 1979-1984 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino Nota sulla Polonia Il caso polacco ha valore storico, nel senso che pone per tutti, e non solo per

Dettagli

Eliseo Non mi avete convinto

Eliseo Non mi avete convinto Eliseo Non mi avete convinto Ho pensato che il modo migliore di sfruttare il privilegio di essere qui oggi per parlare di questo straordinario anziano signore, fosse proseguire quel dialogo a distanza

Dettagli

La rivoluzione russa: le cause ( 1905)

La rivoluzione russa: le cause ( 1905) La rivoluzione russa: le cause ( 1905) assolutismo politica populismo Rivoluzione contadina 85% della popolazione contadini, ex servi della gleba sociale Arretratezza Malcontento e disagi per a guerra

Dettagli

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014

Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014 Intervento del Ministro On. Prof. Maria Chiara Carrozza in occasione della Giornata della Memoria, 27 gennaio 2014 Signor Presidente della Repubblica, Gentili Autorità, Cari amici della comunità ebraica,

Dettagli

Statuto dei Verdi del Trentino

Statuto dei Verdi del Trentino Statuto dei Verdi del Trentino Preambolo I Verdi del Trentino sono una formazione politica costituitasi nel 1983, con la denominazione Lista verde del Trentino, per realizzare uno strumento aperto di autorganizzazione

Dettagli

LA NOSTRA POLITICA MILITARE

LA NOSTRA POLITICA MILITARE LA NOSTRA POLITICA MILITARE (24-25 gennaio 1934) Il testo che segue è un rapporto presentato da Mao Tse-tung a nome del governo centrale della Repubblica sovietica cinese al secondo Congresso nazionale

Dettagli

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi

La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi La Democrazia spiegata dal Difensore Civico del Comune di Segrate, avv. Fabrizia Vaccarella, al Consiglio Comunale dei Ragazzi Vi avevo anticipato l anno scorso che il Difensore Civico s interessa dei

Dettagli

Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni

Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni LUIGI PEDRAZZINI Dipartimento delle istituzioni Giornata di studio su alcuni temi di interesse per i Comuni Rivera, 27. ottobre 2005 Attenzione: fa stato l intervento pronunciato in sala. A dipendenza

Dettagli

Storia e civiltà d'italia. Il fascismo. Giorgio Cadorini Università della Slesia giorgio ad cadorini.org. Opava

Storia e civiltà d'italia. Il fascismo. Giorgio Cadorini Università della Slesia giorgio ad cadorini.org. Opava Storia e civiltà d'italia Il fascismo. Giorgio Cadorini Università della Slesia giorgio ad cadorini.org Opava Ideologia fascista? Il fascismo nasce come movimento, non come pensiero politico. La parola

Dettagli

Presentazione. Prof. Martino Mattei

Presentazione. Prof. Martino Mattei Presentazione Il 60 anniversario dell entrata in vigore della Costituzione Italiana è stata l occasione, nella scuola, per riflettere sul ruolo da assumere nel processo finalizzato all educazione del senso

Dettagli

Contrassegni Elezioni Politiche 2013

Contrassegni Elezioni Politiche 2013 Contrassegni Elezioni Politiche 2013 Ammessi 1 10 16 21 Movimento Associativo Italiani all'estero (MAIE) "FRATELLI d'italia CENTRODESTRA NAZIONALE" Liga Veneta Repubblica CIVILTA' RURALE SVILUPPO 4 11

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti VIII. 1979-1984. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti VIII. 1979-1984. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti VIII. 1979-1984 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino Il reclutamento e la formazione dei militanti per le nuove lotte del federalismo La necessità di

Dettagli

Senso della storia e azione politica

Senso della storia e azione politica Francesco Rossolillo Senso della storia e azione politica II. La battaglia per la Federazione europea a cura di Giovanni Vigo Società editrice il Mulino L Europa e la guerra nel Kosovo La guerra del Kosovo

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio Intervistato: Angelo Cotugno, Segretario Generale della CGIL della Provincia di Matera Soggetto: Matera (sviluppo urbanistico, condizioni di vita fino agli anni 50, sua storia personale di vita nei Sassi,

Dettagli

La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato

La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato La rivoluzione Francese: cade la Bastiglia, crollano feudalesimo e assolutismo dei re. Guglielmo Spampinato Data l indecisione sul metodo della votazione ( per stato o per testa) il terzo stato si riunì

Dettagli

1948: la grafica preelettorale di Giovannino

1948: la grafica preelettorale di Giovannino 1948: la grafica preelettorale di Giovannino OBBEDIENZA CIECA, PRONTA E ASSOLUTA «Contrordine, compagni! La frase pubblicata nell «Unità» Bisogna fare il nuoto attorno agli industriali contiene un errore

Dettagli

IL RISORGIMENTO IN SINTESI

IL RISORGIMENTO IN SINTESI IL RISORGIMENTO IN SINTESI La rivoluzione francese ha rappresentato il tentativo violento, da parte del popolo, ma soprattutto della borghesia francese (e poi anche del resto dei paesi europei) di lottare

Dettagli

RELAZIONE PROGRAMMA YOUTH IN ACTION

RELAZIONE PROGRAMMA YOUTH IN ACTION PROGETTO N. 360714-4.6-DE-2011-R1 PERIODO APRILE 2012 A MAGGIO 2013 RELAZIONE PROGRAMMA YOUTH IN ACTION AMU - ASSOCIAZIONE AZIONE PER UN MONDO UNITO A SCUOLA DI CITTADINANZA GLOBALE Questa attività ha

Dettagli

AI PRESIDENTI DEGLI ORDINI PROVINCIALI AI PRESIDENTI DELLE COMMISSIONI CAO Loro sedi

AI PRESIDENTI DEGLI ORDINI PROVINCIALI AI PRESIDENTI DELLE COMMISSIONI CAO Loro sedi AI PRESIDENTI DEGLI ORDINI PROVINCIALI AI PRESIDENTI DELLE COMMISSIONI CAO Loro sedi Cari Presidenti, le prossime elezioni per il rinnovo del Comitato Centrale coincidono con la conclusione della mia esperienza

Dettagli

L età giolittiana. Lezioni d'autore

L età giolittiana. Lezioni d'autore L età giolittiana Lezioni d'autore L Europa del primo Novecento L Europa all inizio del Novecento è all apice del suo sviluppo. Dopo il conflitto franco-tedesco del 1870 non c era più stata guerra al suo

Dettagli

Fondo Quartiani Erminio

Fondo Quartiani Erminio Fondo Quartiani Erminio Buste 5 Fascicoli 43 Erminio Quartiani (Melegnano, 1951-) ha militato nel Pci dal 1982, in seguito è stato membro della segreteria regionale lombarda del Partito democratico della

Dettagli

La quotidianità di Giorgio

La quotidianità di Giorgio Giorgio La Pira La Storia Nella vita di Giorgio La Pira, spicca l'eccezionale personalità di un uomo ispirato dalla vocazione, votato alla pace e alla fratellanza, che seppe coniugare gli ideali del cattolicesimo

Dettagli

Giuseppe Iosa. Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo

Giuseppe Iosa. Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo Giuseppe Iosa Documento programmatico per la candidatura alla segreteria del Circolo Moro-Berlinguer di Peschiera Borromeo Domenica, 19 aprile 2015 Premessa Il Partito Democratico di Peschiera Borromeo,

Dettagli

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43)

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) Riccardo Di Raimondo LA RITIRATA DI RUSSIA. DAL FIUME DON A VARSAVIA (1942-43) Memorie di un soldato italiano www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

Fondo Elio Quercioli. Serie: CORRISPONDENZA, COMUNICAZIONI. Busta 1 fasc. 1 Lettere varie cc. 410 Date: 10/11/1974 2/03/2000 altre carte sd.

Fondo Elio Quercioli. Serie: CORRISPONDENZA, COMUNICAZIONI. Busta 1 fasc. 1 Lettere varie cc. 410 Date: 10/11/1974 2/03/2000 altre carte sd. Fondo Elio Quercioli Buste 15 fascicoli 61 Elio Quercioli (1926-2000), giornalista. Partecipa alla Resistenza. Direttore del giornale «Voce comunista». È membro della Segreteria della Federazione milanese

Dettagli

ISTITUTO PER LA STORIA DELLA RESISTENZA

ISTITUTO PER LA STORIA DELLA RESISTENZA ISTITUTO PER LA STORIA DELLA RESISTENZA E DELLA SOCIETÀ CONTEMPORANEA IN PROVINCIA DI ASTI c.so Alfieri 375 14100 ASTI tel. 0141 590003 0141 354835 fax 0141 592439 www. israt.it e-mail: info@israt.it c.f.:

Dettagli

SCHEDA FIGURE DEL MOVIMENTO OPERAIO PIETRO AMENDOLA

SCHEDA FIGURE DEL MOVIMENTO OPERAIO PIETRO AMENDOLA PIETRO AMENDOLA Pietro Amendola nasce a Roma il 26/10/1918, ultimo figlio di Giovanni Amendola, martire della Libertà, e di Eva Kuhn. Dopo la morte del padre avvenuta a causa dei postumi di un ennesimo

Dettagli

Docente Rosanna Amadio

Docente Rosanna Amadio LICEO SCIENTIFICO STATALE NOMENTANO a.s. 2014-2015 Docente Rosanna Amadio PROGRAMMA SVOLTO DI STORIA Classe 5 H UNIFICAZIONE DELLA GERMANIA E CROLLO DEL SECONDO IMPERO Declino del secondo Impero Verso

Dettagli

LA SECONDA GUERRA MONDIALE

LA SECONDA GUERRA MONDIALE CONCORSO A.N.P.I. IC S.P. DAMIANO Scuola secondaria di 1 grado Classe: 3^C Insegnante: Anita Vitali Discipline: Italiano e Storia Abbiamo colto l occasione offerta da questo concorso per affrontare lo

Dettagli

Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia

Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia Elezioni Regionali. A rischio la proclamazione degli eletti in Puglia Rischia di slittare la proclamazione degli eletti al Consiglio Regionale della Puglia a causa della scorretta trascrizione e conseguente

Dettagli

IN QUEL TEMPO ERA IN CORSO LA GUERRA DI SUCCESSIONE DELLA NOBILE FAMIGLIA DEI GONZAGA. ALLA MORTE DI VINCENZO GONZAGA, CARLO GONZAGA ERA

IN QUEL TEMPO ERA IN CORSO LA GUERRA DI SUCCESSIONE DELLA NOBILE FAMIGLIA DEI GONZAGA. ALLA MORTE DI VINCENZO GONZAGA, CARLO GONZAGA ERA CAPITOLO XXVII IN QUEL TEMPO ERA IN CORSO LA GUERRA DI SUCCESSIONE DELLA NOBILE FAMIGLIA DEI GONZAGA. ALLA MORTE DI VINCENZO GONZAGA, CARLO GONZAGA ERA ENTRATO IN POSSESSO DI MANTOVA E DEL MONFERRATO,

Dettagli

UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE

UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE UN SISTEMA PREVIDENZIALE PIÙ FLESSIBILE ALDO SMOLIZZA* Qualche anno fa svolgevo un attività internazionale e a seguito di quell attività conoscevo molto bene le indicazioni del Fondo Monetario Internazionale.

Dettagli

Il processo di unificazione (1849-1861)

Il processo di unificazione (1849-1861) Il processo di unificazione (1849-1861) Il Piemonte dopo il 48 Il Regno di Sardegna è l unico stato italiano che mantiene lo Statuto. Crisi tra il re Vittorio Emanuele II e il suo ministro D Azeglio e

Dettagli

4. Il movimento comunista: Ho Chi Minh... 85

4. Il movimento comunista: Ho Chi Minh... 85 Indice Prefazione... 1 1. Vietnam e Cina nella storia... 5 1.1. Origini della civiltà vietnamita... 5 1.2. Il Vietnam nel sistema sinocentrico... 9 1.3. La civiltà cinese in Vietnam e i primi tentativi

Dettagli

La società francese. Nobiltà

La società francese. Nobiltà 1. Nuovi ideali e crisi economica demoliscono l antico regime La Rivoluzione francese, insieme a quella americana, è giustamente considerata uno dei momenti essenziali della nostra storia e della nostra

Dettagli

Il Risorgimento e l Unità d italia

Il Risorgimento e l Unità d italia Il Risorgimento e l Unità d italia Prima parte: L Italia dopo il «Congresso di Vienna» : un espressione geografica L Italia, dopo il congresso di Vienna (1814-1815), è divisa in più stati, la maggior parte

Dettagli

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8

L Europa e il mondo nel primo Novecento p. 8 Libro misto DVD Atlante Storico Percorso di cittadinanza e Costituzione con testi integrali Materiali aggiuntivi per lo studio individuale immagini, carte, mappe concettuali RISORSE ONLINE Schede per il

Dettagli

Progetto Europeo: SELL La voce degli studenti dell'italiano L2

Progetto Europeo: SELL La voce degli studenti dell'italiano L2 Progetto Europeo: SELL La voce degli studenti dell'italiano L2 Intervista iniziale Raccolta delle storie di vita Nome dell'apprendente Pablo sesso: m Data di nascita Paese di provenienza Brasile Nome dell'interprete

Dettagli

La repubblica di Weimar

La repubblica di Weimar Hitler e il nazismo La repubblica di Weimar Mentre gli eserciti degli imperi centrali stavano perdendo la guerra, in Germania vi fu una rivoluzione che portò nel novembre 1918 al crollo dell impero (il

Dettagli

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Australia Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Antonino Santamaria

Dettagli

STORIA DEL MOVIMENTO CATTOLICO

STORIA DEL MOVIMENTO CATTOLICO STORIA DEL MOVIMENTO CATTOLICO 10. DURANTE IL FASCISMO svolta politica di Mussolini: dall anticlericalismo laicista all affermazione che l universalismo cattolico è il titolo più significativo della grandezza

Dettagli

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Indirizzo di saluto del Comandante Generale Porgo il mio saluto cordiale a tutti i delegati della Rappresentanza qui convenuti. Gli incontri

Dettagli

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013

Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013 Istituto Comprensivo di Bellano a.s 2012/2013 Prof.ssa Genoveffa Caliò Classe III B Piano delle Unità di Apprendimento di Italiano Ascoltare in modo attivo e partecipe. L alunno comprende testi orali di

Dettagli

la Direzione Regionale del PD Puglia riunita a Bari il 4 OTTOBRE 2013, ai sensi dell articolo 4,5,7,8 dello Statuto regionale, approva il seguente

la Direzione Regionale del PD Puglia riunita a Bari il 4 OTTOBRE 2013, ai sensi dell articolo 4,5,7,8 dello Statuto regionale, approva il seguente Visti: l articolo 15 dello Statuto nazionale del Partito Democratico; l articolo 4, 5, 7, 8 dello Statuto regionale del PD Puglia; il regolamento Elettorale dei circoli, delle Unioni cittadine e provinciali.

Dettagli

DA SUDDITI A CITTADINI

DA SUDDITI A CITTADINI DA SUDDITI A CITTADINI LO STATO ASSOLUTO 1) L'assolutismo. Lo Stato nasce in Europa a partire dal 15 secolo: i sovrani stabilirono il loro poteri su territori che avevano in comune razza, lingua, religione

Dettagli

DECENNALE DEL MEVD (Verona, 29/30 settembre 2007) Relazione sul tema: La difesa della famiglia garantisce la difesa della democrazia in Europa

DECENNALE DEL MEVD (Verona, 29/30 settembre 2007) Relazione sul tema: La difesa della famiglia garantisce la difesa della democrazia in Europa DECENNALE DEL MEVD (Verona, 29/30 settembre 2007) Relazione sul tema: La difesa della famiglia garantisce la difesa della democrazia in Europa Ho accettato di svolgere il tema pensando più ad un argomento

Dettagli

La prima guerra mondiale

La prima guerra mondiale La prima guerra mondiale CAUSE POLITICHE 1. Le cause Contrasti Francia Germania per l Alsazia Lorena Contrasto Italia Impero Austro Ungarico per Trento e Trieste Espansionismo di Austria, Russia e Italia

Dettagli

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA GENNAIO 1 17 2 3 18 19 4 20 5 6 21 22 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 23 24 25 26 27 28 29 30 31 Vedo davanti a me tante facce, vedo dei neri,...dei bianchi, dei gialli, dei mezzi neri come me, ma tutti insieme,

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il delitto Custra e la fuga a Rio. Il latitante Mancini ora è libero, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta

Dettagli

Prot. 9540/6.11 Firenze, 2 Novembre 2015

Prot. 9540/6.11 Firenze, 2 Novembre 2015 Prot. 90/6.11 Firenze, 2 Novembre 201 Ai Dirigenti Scolastici degli Istituti di Istruzione Secondaria di II grado della Regione Toscana LORO SEDI Oggetto: Elezioni di secondo livello dei rappresentanti

Dettagli

Prof.ssa Cristina Galizia www.arringo.wordpress.com

Prof.ssa Cristina Galizia www.arringo.wordpress.com LA SECONDA GUERRA DI INDIPENDENZA (1859-1860) Prof.ssa Cristina Galizia Per scacciare gli Austriaci dal suolo italiano, Cavour decise di chiedere aiuto alla Francia, nemica storica dell Austria. Ma come

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 19 del 11-05-2011

VERBALE DI DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 19 del 11-05-2011 COMUNE DI PONTE SAN NICOLÒ PROVINCIA DI PADOVA COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 19 del 11-05-2011 Sessione Ordinaria - Seduta Pubblica di Prima Convocazione Oggetto: SURROGA DEL

Dettagli

Augusto, la dinastia Giulio-Claudia e i Flavi

Augusto, la dinastia Giulio-Claudia e i Flavi Augusto, la dinastia Giulio-Claudia e i Flavi battaglia di Azio 31 a.c. Ottaviano padrone di Roma Con la sconfitta di Marco Antonio ad Azio nel 31 a.c., Ottaviano rimane il solo padrone di Roma. OTTAVIANO

Dettagli

Tappe della trasformazione fascista dello Stato. Gli eventi

Tappe della trasformazione fascista dello Stato. Gli eventi Tappe della trasformazione fascista dello Stato Gli eventi DESTRA CENTRO SINISTRA GRUPPI POLITICI SEGGI Partito Comunista d'italia 19 Partito Socialista Italiano 22 Partito Socialista Unificato 24 Partito

Dettagli

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore.

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore. Vincenzo Cerami* Sono venuto a questo confronto senza preparare nulla. Sentendo gli interventi di chi mi ha preceduto sono tornato con la mente agli anni dell università. Stavo ripensando a Roma. Gli operai

Dettagli

Caro Sindaco, ti scrivo...

Caro Sindaco, ti scrivo... a cura di Nadia Mazzon e Francesco Vivacqua Caro Sindaco, ti scrivo... I bambini si rivolgono al Sindaco di Milano Giuliano Pisapia www.culturasolidarieta.it Indice. Prefazione. Analisi pedagogica. Analisi

Dettagli

Benvenuti a Sezze Rumeno

Benvenuti a Sezze Rumeno Facoltà di Scienze Politiche Sociologia Comunicazione Corso di Laurea Magistrale Scienze Sociali Applicate Sociologia e management della sicurezza Tesi di Laurea Anno accademico 2011/2012 Benvenuti a Sezze

Dettagli

PENSIERO DI LENIN. Fonte: Lenin [Vladimir Ilic Ulianov], Scritti economici, Roma, Editori Riuniti, 1977, pp. 837-840.

PENSIERO DI LENIN. Fonte: Lenin [Vladimir Ilic Ulianov], Scritti economici, Roma, Editori Riuniti, 1977, pp. 837-840. PENSIERO DI LENIN Fonte: Lenin [Vladimir Ilic Ulianov], Scritti economici, Roma, Editori Riuniti, 1977, pp. 837-840. Articolo datato 6 gennaio 1923 e pubblicato sulla «Pravda» del 27 gennaio 1923. ******

Dettagli

La Resistenza Italiana SPIEGATA DAGLI ALUNNI DELLA 3 E

La Resistenza Italiana SPIEGATA DAGLI ALUNNI DELLA 3 E La Resistenza Italiana SPIEGATA DAGLI ALUNNI DELLA 3 E Cosa è la resistenza? La Resistenza italiana, comunemente chiamata Resistenza, anche detta "Resistenza partigiana" o "Secondo Risorgimento", fu l'insieme

Dettagli

Le idee-forza del comunismo di Enrico Berlinguer

Le idee-forza del comunismo di Enrico Berlinguer Le idee-forza del comunismo di Enrico Berlinguer relazione di Guido Liguori al Convegno Enrico Berlinguer e i giovani. un altra idea del mondo Roma 8 maggio 2014 1. Si è tornati quest anno a parlare di

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT ALLEGATO 3 PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT Il programma comune di storia del dispositivo per il doppio rilascio del diploma di Baccalauréat e d Esame

Dettagli

"Sono lusingata per il riconoscimento e la fiducia che mi è stata a accordata - dichiara la neo

Sono lusingata per il riconoscimento e la fiducia che mi è stata a accordata - dichiara la neo Non Profit: eletti i nuovi vertici del MODAVI, Bellucci presidente per rinnovare gli organi dirigenti dell associazione. È stata eletta presidente Maria Teresa Bellucci, psicologa e psicoterapeuta; mentre

Dettagli

ITANES 1992. Itanes 1992: Original Questionnaire ORIGINAL QUESTIONNAIRE

ITANES 1992. Itanes 1992: Original Questionnaire ORIGINAL QUESTIONNAIRE ITANES 1992 ORIGINAL QUESTIONNAIRE 1. Numero di telefono 2. Sesso maschio 1 femmina 2 La Swg di Trieste sta conducendo un sondaggio in tutta Italia. Vorrei parlare con il signor/la signora. 3. E lei? sono

Dettagli

ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA

ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA SERVIZIO DELLA BIBLIOTECA GIORNALI CORRENTI E CESSATI POSSEDUTI DALLA BIBLIOTECA elenco in ordine alfabetico di titolo * aggiornato al 4 marzo 2009 TITOLO CONSISTENZA AGRICOLTURA

Dettagli

ORGANIZZARE L IMPRESA STUDIO DELL AVVOCATO. CONVEGNO ACEF

ORGANIZZARE L IMPRESA STUDIO DELL AVVOCATO. CONVEGNO ACEF ORGANIZZARE L IMPRESA STUDIO DELL AVVOCATO. CONVEGNO ACEF Giovedì 29 settembre 2011, ore 14.30-18.00 Fondazione Ambrosianeum Via delle Ore, 3- Milano Saluto del Presidente dell Ordine degli Avvocati di

Dettagli

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti

Roberto Denti. La mia resistenza. con la postfazione di Antonio Faeti Roberto Denti La mia resistenza con la postfazione di Antonio Faeti 2010 RCS Libri S.p.A., Milano Prima edizione Rizzoli Narrativa novembre 2010 Prima edizione BestBUR marzo 2014 ISBN 978-88-17-07369-1

Dettagli

ALDO CAPITINI: Omnicrazia e Centri di Orientamento Sociale nel pensiero pedagogico di Aldo Capitini

ALDO CAPITINI: Omnicrazia e Centri di Orientamento Sociale nel pensiero pedagogico di Aldo Capitini ALDO CAPITINI: Omnicrazia e Centri di Orientamento Sociale nel pensiero pedagogico di Aldo Capitini Capitini costruisce la propria teoria pedagogica a partire dalle esperienze educative che realizza principalmente

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI. Scuola secondaria di 1 grado A. MANZONI

FONDAZIONE MALAVASI. Scuola secondaria di 1 grado A. MANZONI FONDAZIONE MALAVASI Scuola secondaria di 1 grado A. MANZONI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: STORIA DOCENTE: Luna Martelli CLASSE IV SEZ. ITTL A.S.2015 /2016 1. OBIETTIVI E COMPETENZE

Dettagli

Il nazismo al potere. La caduta della Repubblica di Weimar e l ascesa del nazismo. Lezioni d'autore

Il nazismo al potere. La caduta della Repubblica di Weimar e l ascesa del nazismo. Lezioni d'autore Il nazismo al potere La caduta della Repubblica di Weimar e l ascesa del nazismo Lezioni d'autore Dal sito: www.biography.com La Repubblica di Weimar (1919-1933) 3 ottobre 1918: Il Reich tedesco-prussiano

Dettagli

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT

PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT PROGRAMMA DI STORIA PER IL DOPPIO RILASCIO DEL DIPLOMA: ESAME DI STATO BACCALAURÉAT Il programma comune di storia del dispositivo per il doppio rilascio del diploma di Baccalauréat e d Esame di Stato ha

Dettagli

LA RIVOLUZIONE FRANCESE

LA RIVOLUZIONE FRANCESE LA RIVOLUZIONE FRANCESE LA SOCIETÀ FRANCESE NEL 1700 In Francia, nel 1700, il re Luigi XVI ha tutti i poteri. I nobili sono amici del re. I nobili hanno molti privilegi. Anche il clero (vescovi e cardinali)

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2007-2008 STORIA. Argomenti svolti con l uso degli appunti dell insegnante e del manuale in adozione:

PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2007-2008 STORIA. Argomenti svolti con l uso degli appunti dell insegnante e del manuale in adozione: Liceo T.L.Caro Cittadella (PD) PROGRAMMA SVOLTO Anno scolastico 2007-2008 STORIA CLASSE IV BSO Insegnante:Guastella Egizia Argomenti svolti con l uso degli appunti dell insegnante e del manuale in adozione:

Dettagli

La via al socialismo di un riformista rivoluzionario di Fausto Bertinotti

La via al socialismo di un riformista rivoluzionario di Fausto Bertinotti La via al socialismo di un riformista rivoluzionario di Fausto Bertinotti Confesso di essere stato preso da una vena di nostalgia alla rilettura dell Alternativa socialista. In certi passi dell inter-vista

Dettagli

Il 1848. Il II impero in Francia

Il 1848. Il II impero in Francia Il 1848. Il II impero in Francia Le rivoluzioni del 48 in Europa Dimensioni più ampie: eccetto Inghilterra e Russia, tutta l Europa è coinvolta, compresa l Austria di Metternich. Più ampio coinvolgimento

Dettagli

Il Partito Democratico del Trentino.

Il Partito Democratico del Trentino. Il Partito Democratico del Trentino. Le idee del candidato alla segreteria Roberto Pinter Più che da dove vieni conta chi sei e dove vai. La nascita del PD è anche questo, è un progetto che guarda avanti,

Dettagli

C.U.B.-S.A.L.L.C.A. Credito e Assicurazioni

C.U.B.-S.A.L.L.C.A. Credito e Assicurazioni C.U.B.-S.A.L.L.C.A. Credito e Assicurazioni Statuto (aggiornato in base alle modifiche apportate dal 4 Congresso Nazionale svoltosi a Torino il 20-21 gennaio 2012) 1 Art. 1 - Denominazione E' costituita

Dettagli

Giustizia Civile. Lavori in Corso per l Autoriforma.

Giustizia Civile. Lavori in Corso per l Autoriforma. vori in Corso per l Autoriforma. Gli Osservatori sulla, prove tecniche di Democrazia Amministrativa 1 Luca Minniti * *Giudice del Tribunale di Firenze Questo intervento è stato inviato prima dell assemblea

Dettagli

Relazione venerdì 13/11/2015 Torino Assemblea Nazionale ASPPI (seduta riservata) Alfredo Zagatti Presidente Nazionale

Relazione venerdì 13/11/2015 Torino Assemblea Nazionale ASPPI (seduta riservata) Alfredo Zagatti Presidente Nazionale S E D E N A Z I O N A L E Relazione venerdì 13/11/2015 Torino Assemblea Nazionale ASPPI (seduta riservata) Alfredo Zagatti Presidente Nazionale Nel novembre 1985, 30 anni fa, si celebrava il congresso

Dettagli

Istituto Tecnico per Geometri Genga Via Nanterre - 61100 Pesaro (PU) Programma svolto di Storia (A.S. 2013-2014) Classe: IV D n alunni: 24

Istituto Tecnico per Geometri Genga Via Nanterre - 61100 Pesaro (PU) Programma svolto di Storia (A.S. 2013-2014) Classe: IV D n alunni: 24 Istituto Tecnico per Geometri Genga Via Nanterre - 61100 Pesaro (PU) Programma svolto di Storia (A.S. 2013-2014) Classe: IV D n alunni: 24 Docente: Prof.ssa Mariotti Maria Adele Libri di testo adottati

Dettagli

IL FASCISMO. La via italiana al totalitarismo

IL FASCISMO. La via italiana al totalitarismo IL FASCISMO La via italiana al totalitarismo LA MARCIA SU ROMA La Marcia su Roma (inizia il 27 ottobre) colpisce lo Stato nel pieno disfacimento dei suoi poteri. Facta si dimette il 28 ottobre. Il Re,

Dettagli

La Giustizia come fondamento dello sviluppo e della pace

La Giustizia come fondamento dello sviluppo e della pace Marcello Pera La Giustizia come fondamento dello sviluppo e della pace Cerisdi, Palermo, 26 novembre 2001 SENATO DELLA REPUBBLICA TIPOGRAFIA DEL SENATO La giustizia come fondamento dello sviluppo e della

Dettagli

MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune

MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune Forum delle Persone e delle Associazioni di ispirazione cattolica nel Mondo del Lavoro MANIFESTO per la Buona politica e per il Bene comune I Promotori del Forum delle Persone e delle Associazioni di ispirazione

Dettagli

Bibliografia Referendum sul divorzio Testi presenti nella Biblioteca Gabriele De Rosa

Bibliografia Referendum sul divorzio Testi presenti nella Biblioteca Gabriele De Rosa Bibliografia Referendum sul divorzio Testi presenti nella Biblioteca Gabriele De Rosa Nella Bibliografia sono indicati,in ordine cronologico, i testi presenti in Biblioteca sulla posizione dei cattolici

Dettagli

Quirinale, grazia al Cav? 'Segno di analfabetismo'

Quirinale, grazia al Cav? 'Segno di analfabetismo' http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/daassociare/2013/03/19/pd-verso-speranza-zanda-capigruppo-camera-senato_8425205.html Pagina 1 di 5 Il sito Internet dell'agenzia ANSA Speciali Quirinale, grazia

Dettagli

La Primavera di Praga

La Primavera di Praga La Primavera di Praga JAN PALACH Il gesto estremo di un ragazzo contro l oppressione comunista 1 Breve passo indietro USA e URSS due superpotenze Due diversi sistemi politici Piano Marshall La Guerra Fredda

Dettagli