Pil, il calo del valore aggiunto agricolo sta assumendo un carattere strutturale

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Pil, il calo del valore aggiunto agricolo sta assumendo un carattere strutturale"

Transcript

1 L agricoltura ha bisogno di stabilità. All assemblea di Vigone (Torino) il presidente nazionale di Confagricoltura Mario Guidi traccia bilancio e prospettive del settore primario alla vigilia dell entrata in vigore della PAC. Se si mettono ulteriori vincoli e limiti, l agricoltura muore perché le imprese non ce la fanno. E la grande incertezza politica, nazionale e locale, non fa che peggiorare la situazione, indebolendo l Italia e il sistema Paese. Il messaggio arriva dall assemblea di Confagricoltura Torino a Vigone, dedicata alla nuova PAC (Politica Agricola Comune), con il presidente nazionale di Confagricoltura Mario Guidi e l assessore all agricoltura della Regione Piemonte Claudio Sacchetto. La situazione politica non ha bisogno di molti commenti: oggi si dimette il presidente del Consiglio Letta; a livello regionale, l esecutivo è attivo soltanto per quanto riguarda l'ordinaria amministrazione, dopo il pronunciamento del Consiglio di Stato che ha dichiarato non valido il voto amministrativo del Le Province, secondo l ultimo disegno di legge, dovrebbero essere svuotate di numerose funzioni. Tutta questa situazione crea instabilità e genera incertezza e sfiducia tra i cittadini. Inoltre, fatto assai grave, produce danni al sistema delle imprese, che faticano a trovare un interlocutore autorevole, affidabile, attento alle loro esigenze. Relativamente al settore agricolo, a livello europeo la nuova Pac - ha affermato il presidente Guidi - ci comprime in termini produttivi, poiché non riesce a interpretare il futuro. Il mondo ha bisogno di cibo, ma la PAC limita la nostra capacità produttiva. Le risorse comunitarie destinate all agricoltura italiana passano da 4,2 a 3,7 miliardi di Euro all anno: in funzione delle nostre scelte l Italia sarà più o meno competitiva, ma - ha aggiunto Guidi abbiamo grandi difficoltà a elaborare una strategia nazionale, a decidere in modo snello ed efficace. L agricoltura ha bisogno di un grande rinnovamento: tra il 2011 e il 2014 si sono avvicendati 6 ministri dell agricoltura: Com è possibile ha aggiunto Guidi - pensare a una strategia agricola da portare in Europa? A livello regionale, con la fine anticipata della legislatura, rimarranno al palo le leggi sull agriturismo e sulla caccia, provvedimenti che il modo agricolo attende da anni. E il timore di Confagricoltura è che anche il PSR (Piano di Sviluppo Rurale) possa subire una battuta d arresto. L agricoltura necessita di semplificazione, trasparenza, regole certe, altrimenti il settore è destinato a implodere: nel ha ricordato il presidente di Confagricoltura Torino Paolo Dentis - hanno chiuso in Italia aziende agricole. Nell ultimo trentennio i prezzi dei prodotti agricoli, per effetto della globalizzazione dei mercati, sono cresciuti molto meno rispetto ai costi di produzione: ce ne accorgiamo tutti i giorni, ma i dati certificano questa situazione. Dobbiamo fare massa critica, presentarci in modo aggregato sui mercati e ridurre ancora i costi di produzione, limando le spese ovunque è possibile. Se le imprese si fermano si blocca l'economia e va in crisi l'intero Paese. Regione, si torna a votare Martedì 11 febbraio il Consiglio di Stato ha respinto il ricorso presentato dal governatore del Piemonte Roberto Cota contro la sentenza del Tar che ha annullato le regionali 2010 e confermato la sentenza di primo grado. L'esito delle consultazioni per rinnovare gli organi della Regione resta quindi annullato e si dovranno indire nuove elezioni.

2 Pil, il calo del valore aggiunto agricolo sta assumendo un carattere strutturale Nel quarto trimestre del 2013 il Pil ha avuto un lieve incremento congiunturale dello 0,1%, grazie all andamento positivo di agricoltura e industria. Lo sottolinea Confagricoltura commentando i dati preliminari dell Istat sul Pil nel quarto trimestre dell anno. Attendiamo di conoscere il dato tendenziale per una valutazione del valore aggiunto nel 2013 osserva Confagricoltura -. E stata un annata difficile per l agricoltura con i tre precedenti trimestri tutti di segno negativo. In base ad una stima preliminare del Centro Studi di Confagricoltura il valore aggiunto agricolo per il 2013 sul 2012 si dovrebbe attestare su un calo dello -0,6%, con una flessione che, nonostante le buone performance dell export, sta assumendo ormai un carattere strutturale. Prosegue quindi una tendenza negativa che si è registrata negli anni precedenti. Dal nuovo governo e dal prossimo ministro dell Agricoltura ci attendiamo conclude Confagricoltura - adeguate politiche per rilanciare l agricoltura che, non va dimenticato, contribuisce in maniera determinante alla crescita ed all occupazione del Paese. Emergenza territorio annunciata: sette comuni su dieci ad alto rischio idrogeologico Confagricoltura lancia l allarme territorio: gli eventi alluvionali e franosi catastrofici, che si ripetono ormai ogni anno, spesso nelle stesse zone, sono da attribuire al dissesto idrogeologico più che alla imprevedibilità delle precipitazioni, che acuiscono le criticità. In base ai dati di Anbi (l Associazione nazionale dei consorzi irrigui e di bonifica), il 68,8 per cento dei comuni italiani è interessato da aree ad alto rischio idrogeologico, il 4,5 per cento della superficie italiana è minacciata da frane e il 2,6 per cento da alluvioni. Lo spopolamento di colline e montagne e l abbandono dell attività agricola, e quindi la carenza di adeguata manutenzione del territorio e del deflusso idrico, la cementificazione in aree a rischio o che impediscono lo scolo delle acque, la deforestazione hanno aggravato nel tempo la situazione. Prevenire costa molto meno che riparare. Quella per la messa in sicurezza del territorio è una spesa crescente, ma rimandare gli interventi rende ancor più gravosi gli oneri. Confagricoltura fa presente che, secondo stime condivise, oggi occorrono circa 40 miliardi di euro, di cui almeno 11 da destinare ad interventi urgenti. Negli ultimi vent anni, solo per riparare i danni che puntualmente si ripropongono, sono stati spesi 22 miliardi di euro. Confagricoltura ritiene che nel futuro delle politiche per la sicurezza del territorio occorra necessariamente tenere conto del contributo che il settore primario può dare in tal senso. La presenza sul territorio degli agricoltori è infatti fondamentale. Assicurazione grandine, gelo, brina, alluvione e siccità Il Decreto del Ministro delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali n del 6 dicembre 2013, ha approvato il Piano assicurativo agricolo per l'anno Lo scopo del nuovo Piano è quello di estendere ulteriormente l'utilizzo delle polizze agevolate per la difesa dai danni atmosferici e meteorologici ed in particolare per una maggiore affermazione delle polizze multirischio e pluririschio. Tutte le produzioni assicurabili contro i rischi derivanti dalle garanzie previste dal Piano, sono esclusi dagli interventi compensativi. Ciò vuol dire che i produttori che non assicurano le colture riportate dal piano assicurativo contro i danni causati dalle seguenti avversità: alluvione, colpo di sole, eccesso di neve, eccesso di pioggia, gelo e brina, grandine, sbalzi termici, siccità, venti forti e venti sciroccali, nel caso in cui dovessero verificarsi danni superiori ai limiti stabiliti, non potranno comunque richiedere l'attivazione delle procedure di stato di calamità per la conseguente applicazione degli interventi compensativi. Avversità catastrofali punto (solo polizze multirischio sulle rese) Alluvione Gelo e brina

3 siccità Le altre avversità punto (polizze pluririschio) Colpo di sole e vento caldo Eccesso di neve Eccesso di pioggia Sbalzi termici Grandine Venti forti Di seguito si riportano le principali novità che il Piano assicurativo 2014 presenta: separazione tra avversità catastrofali (alluvione, siccità e gelo e brina)e altre avversità. la copertura assicurativa dovrà comprendere almeno tre avversità atmosferiche tra quelle elencate all'articolo 1 punto ed eventualmente le fitopatie e gli attacchi parassitari, attraverso la stipula di polizze pluririschio. Quindi è scomparsa, come già nel 2013, la polizza monorischio (solo grandine). Le polizze multirischio sulle rese per la stabilizzazione del ricavo aziendale a seguito di avversità atmosferiche coprono l'insieme delle avversità elencate all'articolo 1 punto 1.2. Quindi le avversità catastrofali (alluvione, siccità e gelo e brina) possono essere assicurate esclusivamente con le polizze multirischio sulle rese. I valori assicurabili delle produzioni vegetali devono essere contenuti nel limite della produzione media annua calcolata ai sensi del Regolamento (CE) 1857/2006 della Commissione del 16 dicembre 2006 art. 11, comma 2, lettera b). A tale proposito la Regione Piemonte ha individuato le produzioni unitarie medie annuali per Prodotto/tipologia colturale che rappresentano le quantità unitarie massime assicurabili. Le singole imprese possono tuttavia utilizzare la propria produzione media unitaria triennale per prodotto/ tipologia colturale, se maggiore rispetto a quella regionale, attestata con opportuna documentazione contabile aziendale. Le percentuali contributive massime sui premi assicurativi, tenuto conto delle disponibilità di bilancio nazionale e comunitario sono per ogni combinazione coltura, struttura, o allevamento/tipologia di polizza / garanzia, le seguenti (Polizze con soglia di danno): Colture (compresa l'uva da vino) eventi assimilabili a calamità naturali/pluririschio con tre avversità : fino al 65% della spesa ammessa; Colture (compresa l'uva da vino) eventi assimilabili a calamità naturali/pluririschio con almeno quattro avversità : fino al 70% della spesa ammessa; Colture (compresa l'uva da vino) eventi assimilabili a calamità naturali/multi rischio: fino all'80% della spesa ammessa; Strutture aziendali/eventi assimilabili a calamità naturali/pluririschio fino all'80% della spesa ammessa; Una novità del nuovo Piano Assicurativo è data dalla fissazione di termini stringenti entro i quali sottoscrivere i certificati assicurativi: colture a ciclo autunno-primaverile (es. grano tenero e orzo): 31 marzo 2014; colture permanenti (frutta e vite): 31 marzo 2014; colture primaverili (riso, mais, soia): 31 maggio 2014; colture estive e secondi raccolti: 15 luglio Entro tali date pertanto i produttori dovranno aver validato il proprio Fascicolo del produttore dal proprio CAA e SUCCESSIVAMENTE SOTTOSCRITTO IL CERTIFICATO ASSICURATIVO. INOLTRE PER L UVA DA VINO DOVRA ESSERE PRESENTATA LA DOMANDA AD AGEA ENTRO IL 31 LUGLIO 2014; PER LE ALTRE COLTURE LA DOMANDA SI PRESENTA ALL ORGANISMO PAGATORE (ARPEA, ECC) ENTRO IL 16 MAGGIO 2014 NELL AMBITO DELLA DPU Per ogni informazione rivolgersi al servizio assicurativo dell Unione dottor Cristiano Garetto

4 Ristrutturazioni edilizie, c è il bonus Con la legge di Stabilità viene prorogato il bonus per le ristrutturazioni edilizie: detrazione Irpef del 50% fino al 31 dicembre 2014 che scende al 40% dal 1 gennaio 2015 al 31 dicembre Dal 1 gennaio 2016 tornerà la "tradizionale" detrazione Irpef 36%. Con riferimento agli interventi antisismici, viene prorogata al 31 dicembre 2014 la detrazione al 65 per cento, stabilendo una detrazione del 50 per cento per il Proroga anche per il bonus acquisto mobili e grandi elettrodomestici connessi alla ristrutturazione (50% fino a euro di costo, cioè in pratica detrazione max euro): fino al 31 dicembre Luca Remmert presidente della Compagnia di San Paolo Luca Remmert, imprenditore agricolo di Robassomero titolare della tenuta La Bellotta associata a Confagricoltura Torino, è il nuovo presidente della Compagnia di San Paolo, azionista di riferimento del gruppo bancario Intesa SanPaolo. Luca Remmert è stato per tanti anni dirigente della Confagricoltura di Torino, con numerosi incarichi nell organizzazione a livello nazionale. È stato, tra l altro, Segretario Nazionale e Vicepresidente Nazionale dell ANGA (Associazione Nazionale Giovani Agricoltori) dal 1978 al 1984, Presidente Unione Agricoltori di Torino (dal 1984 al 1990 e consigliere sino al 2003, componente della Giunta nazionale della Confagricoltura dal 1986 al 1992, Presidente di Agriservice S.p.A. (Società di informatica in agricoltura) dal 1989 al 1996 e Vicepresidente Agrisiel S.p.A. (Società di informatica del gruppo IRI-FINSIEL) dal 1988 al Lodovico Actis Perinetto nuovo presidente della Cia regionale Il canavesano Lodovico Actis Perinetto, 58 anni, fino all anno scorso presidente provinciale della Cia di Torino, è il nuovo presidente regionale dell organizzazione agricola. Il suo vice è l alessandrino Gabriele Carenini. Dal 21 al 23 febbraio la 37^ Fiera in Campo a Vercelli Combattiamo per dar voce all agricoltore e informare il consumatore. E questo il messaggio dei Giovani di Confagricoltura-Anga di Vercelli e Biella, per la 37^ edizione di Fiera in Campo, che si terrà al Centro Fiere di Caresanablot il 21, 22 e 23 febbraio. Quest anno l attenzione viene dunque puntata sulla situazione critica del mercato del riso, sempre più penalizzante sia per gli agricoltori sia per i consumatori: importazioni in crescita vertiginosa a dazio zero dai Paesi meno avanzati e totale assenza di tracciabilità del prodotto sull etichetta. Oltre alla consueta esposizione di attrezzature agricole, di prove in campo, di workshop e test drive, debutterà un evento inedito dal titolo Riso. Colture&Cotture, cooking show live durante il quale chef stellati ed emergenti si alterneranno nella preparazione di due ricette: una a base di riso e l altra a base di altri prodotti del territorio. L evento, condotto dal giornalista enogastronomico Luigi Cremona, si concluderà con l assegnazione di tre premi: migliore prodotto, migliore ricetta e migliore cuoco.

5 FEASR Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l Europa investe nelle zone rurali INFORMAZIONI TECNICHE Programma di sviluppo rurale Misura sottoazione B - Informazione nel settore agricolo Impianti di produzione elettrica oltre 50 KW, gli aggiornamenti Con riferimento all aggiornamento del Codice di Rete avvenuto nel 2012 ed al successivo obbligo di adeguamento degli impianti di produzione elettrica di potenza superiore a 50 KW in media tensione (MT), introdotto dalla delibera dall Autorità per l Energia Elettrica e il Gas, n. 84/2012/R/EEL (si veda circolare n del 19 giugno 2012), si informa che l Autorità, con successiva delibera 243/2013/R/EEL, ha stabilito gli ulteriori interventi per garantire la sicurezza del sistema elettrico nazionale. Con la delibera 243/2013, l obbligo di adeguamento degli impianti alle nuove prescrizioni dell Allegato A70 al codice di rete, è stato esteso, per la media tensione, agli impianti con potenza complessiva inferiore ai 50 kw e in bassa tensione per tutti gli impianti con potenza superiore a 6 kw, ed entrati in esercizio entro il 31 marzo In particolare, dovranno essere rispettati i seguenti termini: a. entro il 30 giugno 2014, per gli impianti di produzione di energia elettrica di potenza superiore a 20 kw già connessi alla rete di bassa tensione ed entrati in esercizio alla data del 31 marzo 2012, nonché per gli impianti di potenza fino a 50 kw già connessi alla rete di media tensione ed entrati in esercizio alla medesima data; b. entro il 30 aprile 2015, per gli impianti di produzione di energia elettrica di potenza superiore a 6 kw e fino a 20 kw già connessi alla rete di bassa tensione ed entrati in esercizio alla data del 31 marzo Una volta effettuati gli interventi, i produttori sono tenuti a sottoscrivere il nuovo regolamento di esercizio, trasmesso dall impresa distributrice, ed a rinviarlo a questa mediante l apposito servizio online, già attivo, all interno del Portale Produttori di Enel Distribuzione (indirizzo internet: Al nuovo regolamento di esercizio deve essere allegata una dichiarazione sostitutiva di atto notorio redatta, ai sensi del D.P.R. 445/00, da un responsabile tecnico dell impresa installatrice abilitata o da un professionista iscritto all albo professionale secondo le rispettive competenze, attestante quanto previsto dall art. 5 bis.3 della deliberazione 84/2012/R/EEL come modificata dalla deliberazione 243/2013/R/EEL. Le imprese distributrici sono tenute ad effettuare dei sopralluoghi a campione sugli impianti per verificare l avvenuto adeguamento alle prescrizioni dell Allegato A70 e a dare comunicazione a TERNA dell elenco degli impianti adeguati. Nei casi in cui la verifica effettuata dall impresa distributrice abbia esito negativo, o comunque laddove il produttore, nonostante il sollecito da parte dell impresa distributrice (la delibera prevede un sollecito da parte del gestore di rete entro il 31 marzo 2014 o entro il 31 gennaio 2015, in relazione alla specifica scadenza), non abbia proceduto all adeguamento dei propri impianti secondo le tempistiche e le modalità previste dalla delibera 243/2013, l impresa distributrice ne da comunicazione al produttore ed al GSE che a sua volta procede alla sospensione dell erogazione degli eventuali incentivi (Conto energia, Tariffa onnicomprensiva, Certificati Verdi, Cip 6/92), e delle eventuali convenzioni di ritiro dedicato o scambio sul posto, fino all avvenuto adeguamento certificato dall impresa distributrice.

6 Il produttore, una volta adempiuto all obbligo, deve darne comunicazione all impresa distributrice territorialmente competente ed al GSE con dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà redatta ai sensi del D.P.R. 445/00. L impresa distributrice, entro 40 giorni lavorativi dalla data di ricevimento di tale comunicazione, è tenuta ad effettuare il sopralluogo sull impianto e a darne, comunicazione, sia al produttore che al GSE. Qualora l esito della verifica sia positivo, la sospensione dell erogazione degli incentivi cessa i propri effetti. Da ultimo si segnala che, la delibera n. 243/2013 non ha stabilito alcun premio per gli adeguamenti alle prescrizioni dell Allegato A70 effettuati in anticipo rispetto al calendario fissato dall AEEG, diversamente da quanto avvenuto con la precedente delibera 84/2012 dove il premio era servito proprio a promuovere un più rapido adeguamento al nuovo Codice di Rete. In relazione a quanto detto, si invitano comunque i produttori a procedere per tempo all adeguamento dei propri impianti anche in relazione alle difficoltà registratesi nella precedente fase di adeguamento, relativa ad impianti in media tensione e di potenza superiore a 50 KW in cui a ridosso della scadenza si sono verificati forti ritardi nel reperimento dei dispositivi necessari per gli interventi. Codice della Strada: circolazione saltuaria carrelli elevatori Nella G.U. n. 28 del 4 febbraio 2014 è stato pubblicato il decreto 14 gennaio 2014 del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti recante Prescrizioni tecniche per l immissione in circolazione dei carrelli elevatori, trasportatori o trattori, non immatricolati e sprovvisti di carta di circolazione che circolano su strada per brevi e saltuari spostamenti a vuoto o a carico. Il decreto ministeriale prevede le prescrizioni tecniche di cui si deve munire il proprietario del carrello per poter circolare saltuariamente su strada; la velocità massima consentita per i trasferimenti su strada, ovvero 10 km/h; la procedura per l ottenimento dell autorizzazione alla circolazione su strada del carrello e le tipologie di autorizzazione già considerate valide. Il provvedimento si applica ai carrelli, elevatori, trasportatori o trattori, non immatricolati e sprovvisti di carta di circolazione in quanto destinati ad operare prevalentemente all interno di stabilimenti, magazzini, depositi di aree aeroportuali, per poter collegare più reparti dei medesimi ovvero per provvedere ad operazioni di carico e scarico, possono effettuare su strada brevi e saltuari spostamenti a vuoto o a pieno carico, alle seguenti condizioni: a) essere muniti di una scheda tecnica sottoscritta in originale da costruttore contenente una serie di dati; b) essere muniti di dispositivi di segnalazione visiva e di illuminazione; c) essere dotati di pannelli retroriflettenti a strisce bianche e rosse; d) essere muniti di almeno un dispositivo retrovisore collocato sul lato sinistro; e) essere muniti di un sistema di frenatura, agente almeno su un asse; f) essere muniti di certificazione, rilasciata dal costruttore, di rispondenza alla direttiva macchine sulla compatibilità elettromagnetica; g) essere muniti dello specifico simbolo CE, attestante la rispondenza alla direttiva macchine; h) essere accompagnati da personale a terra, che coadiuvi il conducente; i) garantire il rispetto della visibilità da parte del conducente, indicando i limiti di altezza del carico trasportato sulla scheda tecnica che devono essere riprodotti nella targhetta applicata in modo visibile e permanente sul veicolo. La domanda di autorizzazione alla circolazione saltuaria del carrello vale un anno, prorogabile, e deve essere presentata al MCTC competente per territorio. Acquisito il benestare dell Ente proprietario della Strada, la MCTC provvederà a rilasciare l autorizzazione su un modello conforme a quello riportato nell allegato al decreto.

7 I soggetti già in possesso delle autorizzazioni alla circolazione, rilasciate in conformità al DM 28 dicembre 1989, possono richiedere la proroga secondo le modalità in vigore all atto della precedente autorizzazione, purché non siano scadute in data antecedente al 31 dicembre I PREZZI DEI CEREALI QUOTAZIONI BORSA /TON FRUMENTI TENERI FRUMENTO DI FORZA 262,00 270,00 239,00 246,00 FRUMENTO PANIFIC. SUP. 236,00 243,00 229,00 231,00 FRUMENTO PANIFICABILE 214,00 216,00 211,00 216,00 FRUMENTO BISCOTTIERO 213,00 217,00 210,00 212,00 FRUMENTO ALTRI USI 212,00 213,00 n.q. n.q. FRUMENTO COMUNITARIO 213,00 271,00 n.q. n.q. FRUMENTO FRANCESE ,00 212,00 FRUMENTO CANADESE 302,00 306,00 300,00 302,00 FRUMENTO STATUNIT. 304,00 308,00 300,00 304,00 QUOTAZIONI BORSA /TON CEREALI MINORI ORZO NAZ. LEGGERO n.q. n.q. n.q. n.q. ORZO NAZ. PESANTE 215,00 217,00 n.q. n.q. ORZO FRANCESE ,00 220,00 ORZO COMUNITARIO 217,00 231,00 n.q. n.q. TRITICALE n.q. n.q SORGO 198,00 200,00 202,00 204,00 QUOTAZIONI BORSA /TON GRANOTURCO NAZIONALE IBRIDO 190,00 191,00 180,00 182,00 NAZ. COM. DA ESSICCARE NON COMUNITARIO 202,00 203,00 200,00 202,00 COMUNITARIO 199,00 201,00 192,00 194,00 QUOTAZIONI BORSA /TON SEMI OLEOSI SEMI SOIA NAZIONALE 447,00 450,00 442,00 445,00 SEMI SOIA ESTERA 440,00 445,00 n.q. n.q. SEMI GIRASOLE n.q. n.q SEMI COLZA n.q. n.q

8 QUOTAZIONI BORSA /TON FORAGGI FIENO MAGGENGO 133,00 168,00 135,00 145,00 FIENO AGOSTANO 160,00 180,00 125,00 135,00 FIENO FRANCESE n.q. n.q. FIENO ERBA MEDICA 213,00 228,00 220,00 230,00 ERBA MED. DISIDRATATA 245,00 248, PAGLIA GRANO NAZ. 107,00 114,00 125,00 130,00 SUINI DA ALLEVAMENTO I PREZZI DEL BESTIAME COMMISSION E UNICA NAZIONALE DI MILANO /KG MERCATO DI MODENA /KG 25 KG ,27 30 KG ,90 SUINI DA MACELLO 176 KG N.Q. 1, KG N.Q. 1, KG N.Q. 1,3410 BOVINI DA ALLEVAMENTO MERCATO DI CUNEO /CAPO MINIMO MERCATO DI CUNEO /CAPO MASSIMO PIEMONTESE VITELLI DELLA COSCIA MASCHI FINO A 40 GG 600,00 750,00 FEMMINE FINO A 40 GG 500,00 690,00 SLATTATI DELLA COSCIA MASCHI DA KG 620,00 977,00 FEMMINE DA KG 691,00 831,00 BOVINI DA MACELLO MERCATO /KG MINIMO /KG MASSIMO CUNEO RAZZA PIEMONTESE VITELLO DA LATTE O SANATO DELLA COSCIA MASCHI 5,04 5,61 FEMMINE 5,53 6,10 VITELLONE INFERIORE A 24 MESI /KG MINIMO /KG MASSIMO DELLA COSCIA MASCHI DA KG 2,68 3,15 MASCHI OLTRE 600 KG 2,63 3,10 FEMMINE KG 3,65 3,80

9 FEMMINE KG 3,32 3,70 BORSA MERCI DI MODENA LIMOUSINE /KG MINIMO /KG MASSIMO MASCHI LEGGERI FINO A KG 4,80 4,96 MASCHI PESANTI FINO A KG 4,56 4,69 FEMMINE DA KG 4,81 5,07 CHAROLAISE /KG MINIMO /KG MASSIMO MASCHI LEGGERI FINO A KG 4,50 4,61 MASCHI PESANTI OLTRE 750 KG 4,29 4,43 PREVISIONI DEL TEMPO Collegandovi a *** La fortuna favorisce la mente preparata Louis Pasteur

PIANOASSICURATIVOAGRICOLONAZIONALE 2014

PIANOASSICURATIVOAGRICOLONAZIONALE 2014 PIANOASSICURATIVOAGRICOLONAZIONALE 2014 Scadenza adesione Polizze collettive 1) Per essere ammessi a contributo i certificati devono essere sottoscritti entro le seguenti date: 31 Marzo 2014 Colture a

Dettagli

CONDIFESA Vercelli e Biella. Assicurazioni agevolate contro le avversità 2014

CONDIFESA Vercelli e Biella. Assicurazioni agevolate contro le avversità 2014 CONDIFESA Vercelli e Biella Assicurazioni agevolate contro le avversità 2014 Avversità assicurabili nel 2014 su tutto il territorio nazionale Il Piano Assicurativo Agricolo Nazionale prevede: AVVERSITA

Dettagli

PAC 2014-2020 LA GESTIONE DEL RISCHIO IN AGRICOLTURA, TUTTE LE NOVITÀ PER IL 2015

PAC 2014-2020 LA GESTIONE DEL RISCHIO IN AGRICOLTURA, TUTTE LE NOVITÀ PER IL 2015 Speciale n.4 PAC 2014-2020 LA GESTIONE DEL RISCHIO IN AGRICOLTURA, TUTTE LE NOVITÀ PER IL 2015 Per la gestione del rischio in agricoltura il 2015 lo possiamo considerare l anno zero viste le tante novità.

Dettagli

Torino, 18 dicembre 2015 Numero 48

Torino, 18 dicembre 2015 Numero 48 Torino, 18 dicembre 2015 Numero 48 Tutti gli uffici di Confagricoltura Torino, in occasione delle festività natalizie, rimarranno chiusi il 24 e il 31 dicembre. Il Notiziario On Line tornerà venerdì 8

Dettagli

PSRN Programma di Sviluppo Rurale Nazionale

PSRN Programma di Sviluppo Rurale Nazionale PSRN Programma di Sviluppo Rurale Nazionale Gestione dei rischi in agricoltura - Assicurazioni del raccolto, degli animali e delle piante (art. 37 del Reg. Ue 1305/2013) Quadro d insieme A partire dal

Dettagli

INFORMA INTESA CIA-HERACOMM, ENERGIA MENO CARA

INFORMA INTESA CIA-HERACOMM, ENERGIA MENO CARA INFORMA Newsletter della Confederazione Italiana Agricoltori dell Umbria Via Mario Angeloni, 1 06125 Perugia Tel.: 075.7971056, 075.5002953 Fax: 075.5002956 E-mail: umbria@cia.it www.ciaumbria.it INTESA

Dettagli

POLIZZA MULTIRISCHIO CONTRO LE CALAMITA NATURALI

POLIZZA MULTIRISCHIO CONTRO LE CALAMITA NATURALI POLIZZA MULTIRISCHIO CONTRO LE CALAMITA NATURALI VIVAI PIANTE ORNAMENTALI Rischi agevolati Campagna assicurativa 2014 Dal 01 gennaio 2010 è in vigore il nuovo sistema di contribuzione pubblica sulle polizze

Dettagli

ORGANISMO PAGATORE REGIONE LOMBARDIA

ORGANISMO PAGATORE REGIONE LOMBARDIA Allegato 1 al decreto n. ORGANISMO PAGATORE REGIONE LOMBARDIA Modalità e condizioni per la presentazione della domanda di contributo per le assicurazioni nel settore OCM Vitivinicolo Campagna 2010 1 Sommario

Dettagli

Avversità atmosferiche e assicurazioni in agricoltura

Avversità atmosferiche e assicurazioni in agricoltura Avversità atmosferiche e assicurazioni in agricoltura Avversità atmosferiche INTRODUZIONE DEFINIZIONI PROCEDURA DI DELIMITAZIONE TIPOLOGIA AIUTI RICHIEDIBILI QUANDO SI PUO RICHIEDERE L AIUTO? ENTITÀDEGLI

Dettagli

Agenzia delle Entrate: risoluzione 22/E del 2 aprile 2013

Agenzia delle Entrate: risoluzione 22/E del 2 aprile 2013 Agenzia delle Entrate: risoluzione 22/E del 2 aprile 2013 La risoluzione 22/E del 2 aprile 2013 dell Agenzia delle Entrate fornisce chiarimenti interpretativi sull applicabilità della detrazione alle spese

Dettagli

Torino, 10 aprile 2015 Numero 14

Torino, 10 aprile 2015 Numero 14 Torino, 10 aprile 2015 Numero 14 Confagricoltura Piemonte agli allevatori: Aspettate a firmare nuovi accordi sul prezzo del latte Il 31 marzo scorso è cessato il regime delle quote latte. La situazione

Dettagli

CONSULTAZIONE IN MERITO AI DECRETI MINISTERIALI DI ATTUAZIONE DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLE FONTI RINNOVABILI

CONSULTAZIONE IN MERITO AI DECRETI MINISTERIALI DI ATTUAZIONE DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLE FONTI RINNOVABILI CONSULTAZIONE IN MERITO AI DECRETI MINISTERIALI DI ATTUAZIONE DEL DECRETO LEGISLATIVO SULLE FONTI RINNOVABILI Documento di Osservazioni e Proposte R.ETE. Imprese Italia (Confartigianato, CNA, Casartigiani,

Dettagli

CAMPAGNA ASSICURATIVA 2014

CAMPAGNA ASSICURATIVA 2014 Mantova, 12/03/2014 CAMPAGNA ASSICURATIVA 2014 La copertura assicurativa agevolata dei rischi agricoli è effettuata nell ambito del regime di sostegno specifico di cui all articolo 68 del Regolamento (CE)

Dettagli

ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 2, COMMA 153, DELLA LEGGE N

ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 2, COMMA 153, DELLA LEGGE N ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 2, COMMA 153, DELLA LEGGE N. 244/07 E DELL ARTICOLO 20 DEL DECRETO MINISTERIALE 18 DICEMBRE 2008, IN MATERIA DI INCENTIVAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA PRODOTTA DA FONTI RINNOVABILI

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 2 AGOSTO 2012 344/2012/R/EEL APPROVAZIONE DELLA MODIFICA ALL ALLEGATO A70 E DELL ALLEGATO A72 AL CODICE DI RETE. MODIFICA DELLA DELIBERAZIONE DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

Dettagli

COSTI NEL CORSO DEGLI ANNI:

COSTI NEL CORSO DEGLI ANNI: COSTI NEL CORSO DEGLI ANNI: Dal 1996 al 2006 il tasso di inflazione ufficiale è stato del 24,9% Ma gli incrementi medi sono stati ad es Gasolio + 42,86 Contributi lavoratori autonomi + 41,18 variazione

Dettagli

Gestione del rischio

Gestione del rischio FORUM INTERNAZIONALE DELL AGRICOLTURA E DELL ALIMENTAZIONE POLITICHE EUROPEE SVILUPPO TERRITORIALE MERCATI Gestione del rischio Roberto D Auria Workshop su La nuova Pac - Un analisi dell accordo del 26

Dettagli

RISOLUZIONE N. 22/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 22/E QUESITO RISOLUZIONE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 2 aprile 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica. Applicabilità della detrazione fiscale del 36 per cento, prevista dall art. 16-bis del TUIR, alle spese

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dell economia e delle finanze. di concerto con

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dell economia e delle finanze. di concerto con DECRETO 18 aprile 2016, n.4293 Ripartizione delle risorse del fondo per gli investimenti nel settore lattiero caseario ai sensi dell articolo 1, commi 214-217, della legge 23 dicembre 2014, n. 190 (legge

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 19 DICEMBRE 2013 614/2013/R/EFR AGGIORNAMENTO DEL LIMITE MASSIMO PER LA RESTITUZIONE DEGLI ONERI GENERALI DI SISTEMA NEL CASO DI IMPIANTI ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI CHE ACCEDONO ALLO

Dettagli

Politica Agricola Comunitaria e adattamento ai cambiamenti climatici.

Politica Agricola Comunitaria e adattamento ai cambiamenti climatici. Politica Agricola Comunitaria e adattamento ai cambiamenti climatici. Quali prospettive alla luce della prossima riforma? Simone Severini (Università della Tuscia - Coordinatore Unità: Prof. G. Dono) Portici

Dettagli

Torino, 25 settembre 2015 Numero 36

Torino, 25 settembre 2015 Numero 36 Torino, 25 settembre 2015 Numero 36 Mercati Città di Torino - Variazione orari - Riunione Confagricoltura venerdì 2 ottobre ore 14:30 Il Comune di Torino, dopo una serie di consultazioni informali con

Dettagli

V Conto Energia. Sintesi e novità

V Conto Energia. Sintesi e novità V Conto Energia Una sintesi del Decreto Ministeriale (c.d. V Conto Energia) che indica quali sono e potranno essere i criteri e le modalità di incentivazione attuali e futuri della produzione di energia

Dettagli

AGEA AGEA. Dr.ssa Concetta Lo Conte Perugia, 26 gennaio 2010. Misure di sostegno all assicurazione sul raccolto

AGEA AGEA. Dr.ssa Concetta Lo Conte Perugia, 26 gennaio 2010. Misure di sostegno all assicurazione sul raccolto AGEA AGEA Dr.ssa Concetta Lo Conte Perugia, 26 gennaio 2010 Misure di sostegno all assicurazione sul raccolto 2 OPPORTUNITA ASSICURATIVE DAL 2010 assicurazione dei raccolti, degli animali e delle piante,

Dettagli

16 Bollettino Ufficiale

16 Bollettino Ufficiale 16 Bollettino Ufficiale D.d.u.o. 24 aprile 2012 - n. 3605 Direzione centrale Programmazione integrata - Organismo pagatore regionale - OCM vitivinicolo - Reg. (CE) 1234/2007 - Approvazione del manuale

Dettagli

CAMPAGNA ASSICURATIVA CON IL CONTRIBUTO PUBBLICO 2013

CAMPAGNA ASSICURATIVA CON IL CONTRIBUTO PUBBLICO 2013 CAMPAGNA ASSICURATIVA CON IL CONTRIBUTO PUBBLICO 2013 ASSOCIAZIONE REGIONALE DEI CONDIFESA DELLA LOMBARDIA Condifesa Bergamo...035301030 Condifesa Brescia...0302548562 Condifesa Como e Lecco...031473071

Dettagli

L utilizzazione dell art. 68 e la gestione del rischio nella nuova Pac

L utilizzazione dell art. 68 e la gestione del rischio nella nuova Pac Workshop Gli strumenti per l assicurazione del rischio di impresa nello scenario della nuova Pac L utilizzazione dell art. 68 e la gestione del rischio nella nuova Pac Roma, 3 marzo 2009 Angelo Frascarelli

Dettagli

Il fascicolo aziendale

Il fascicolo aziendale Il campo tiene banco Indice Perché il fascicolo? Cenni normativi A chi rivolgersi Il contenuto L aggiornamento I controlli Perché il fascicolo? Ogni azienda che si presenta alla Pubblica Amministrazione

Dettagli

Bollettino Ufficiale n. 9/I-II del 26/02/2013 / Amtsblatt Nr. 9/I-II vom 26/02/2013 166

Bollettino Ufficiale n. 9/I-II del 26/02/2013 / Amtsblatt Nr. 9/I-II vom 26/02/2013 166 Bollettino Ufficiale n. 9/I-II del 26/02/2013 / Amtsblatt Nr. 9/I-II vom 26/02/2013 166 83251 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2013 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE del

Dettagli

SPERIMENTAZIONE TARIFFARIA PER I CLIENTI DOMESTICI CON POMPE DI CALORE: RISPOSTE A DOMANDE FREQUENTI (FAQ) DEI CLIENTI

SPERIMENTAZIONE TARIFFARIA PER I CLIENTI DOMESTICI CON POMPE DI CALORE: RISPOSTE A DOMANDE FREQUENTI (FAQ) DEI CLIENTI SPERIMENTAZIONE TARIFFARIA PER I CLIENTI DOMESTICI CON POMPE DI CALORE: RISPOSTE A DOMANDE FREQUENTI (FAQ) DEI CLIENTI Testo predisposto dalla Direzione Infrastrutture, Unbundling e Certificazione In cosa

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELL ANAGRAFE AGRICOLA UNICA DEL PIEMONTE. Art.1. (Finalità)

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELL ANAGRAFE AGRICOLA UNICA DEL PIEMONTE. Art.1. (Finalità) LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELL ANAGRAFE AGRICOLA UNICA DEL PIEMONTE Art.1. (Finalità) 1. Le presenti linee guida disciplinano l anagrafe agricola unica del Piemonte ed il fascicolo aziendale, istituiti

Dettagli

Misure per la gestione del rischio nella «NUOVA PAC» Gli strumenti e le opportunità nella PAC 2014-2020 ALBA CUNEO LAGNASCO 2015

Misure per la gestione del rischio nella «NUOVA PAC» Gli strumenti e le opportunità nella PAC 2014-2020 ALBA CUNEO LAGNASCO 2015 Misure per la gestione del rischio nella «NUOVA PAC» Gli strumenti e le opportunità nella PAC 2014-2020 ALBA CUNEO LAGNASCO 2015 CONDIFESA CN 23/26/27 Febbraio 2015 1 II PILASTRO SVILUPPO RURALE Il valore

Dettagli

REGIONE LIGURIA. Settore Politiche Agricole. Anticipata per posta elettronica

REGIONE LIGURIA. Settore Politiche Agricole. Anticipata per posta elettronica REGIONE LIGURIA DIPARTIMENTO AGRICOLTURA, TURISMO E PROTEZIONE CIVILE Settore Politiche Agricole Genova, 3 ottobre 2008 Prot. n. PG 2008/132376 Allegati: Alle Comunità Montane Ai Consorzi dei Comuni per

Dettagli

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto;

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto; VISTO il decreto-legge 12 settembre 2013, n. 104, convertito, con modificazioni, dalla legge 8 novembre 2013, n. 128, recante misure urgenti in materia di istruzione, università e ricerca (di seguito,

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali IL MINISTRO Prot. 0008809 VISTO il decreto legislativo 29 marzo 2004, n. 102 e successive modifiche, concernente interventi finanziari a sostegno delle imprese agricole; VISTI i Capi I, III e IV del medesimo

Dettagli

OGGETTO: L Assessore Giuseppe Pan riferisce quanto segue.

OGGETTO: L Assessore Giuseppe Pan riferisce quanto segue. OGGETTO: Programma nazionale di sostegno al settore vitivinicolo misura investimenti. Regolamento (CE) n. 1308/2013 articolo 50. Bando annualità 2016. DGR/CR n. 96 del 19/11/2015. NOTA PER LA TRASPARENZA:

Dettagli

Detrazione del 36-50% per le spese relative all acquisto e installazione di impianti fotovoltaici

Detrazione del 36-50% per le spese relative all acquisto e installazione di impianti fotovoltaici Detrazione del 36-50% per le spese relative all acquisto e installazione di impianti fotovoltaici Con la presente si analizzano i chiarimenti recentemente forniti dall Agenzia delle Entrate con la Risoluzione

Dettagli

Installazione di un impianto fotovoltaico oggi in Italia: dall autorizzazione al conto economico

Installazione di un impianto fotovoltaico oggi in Italia: dall autorizzazione al conto economico Installazione di un impianto fotovoltaico oggi in Italia: dall autorizzazione al conto economico Stefano Ristuccia Ravenna, 8 Ottobre 2008 Percorso 3 Energia Lab meeting M: Conto Energia e dintorni Prospettive

Dettagli

Il sistema assicurativo

Il sistema assicurativo Il sistema assicurativo Tipologie di rischio in agricoltura Strumenti per la difesa dai rischi Sistema assicurativo italiano Polizze multirischio Sistemi assicurativi di altri Paesi Tipologie di rischio

Dettagli

Ministero delle Attività Produttive

Ministero delle Attività Produttive Ministero delle Attività Produttive Decreto ministeriale 2 luglio 2003 n.183 : Regolamento concernente modifiche al decreto Ministeriale 17 luglio 1998, N 256, recante l attuazione dell articolo 1, comma

Dettagli

P E R U G I A ASSICURAZIONE AGRICOLA AGEVOLATA PER LA DIFESA DELLE COLTURE

P E R U G I A ASSICURAZIONE AGRICOLA AGEVOLATA PER LA DIFESA DELLE COLTURE CONDIFESA P E R U G I A ASSICURAZIONE AGRICOLA AGEVOLATA PER LA DIFESA DELLE COLTURE Campagna 2016 Il Condifesa di Perugia comunica che è A P E R T A la CAMPAGNA ASSICURATIVA AGEVOLATA 2016 per i CEREALI

Dettagli

Il ritiro dedicato dell energia elettrica

Il ritiro dedicato dell energia elettrica Il ritiro dedicato dell energia elettrica prodotta da impianti fino a 10 MVA e da impianti alimentati da fonti rinnovabili non programmabili: la delibera n. 280/07 Direzione Mercati Unità fonti rinnovabili,

Dettagli

1) il riconoscimento delle associazioni dei produttori agricoli e delle relative unioni regionali;

1) il riconoscimento delle associazioni dei produttori agricoli e delle relative unioni regionali; L.R. 29 maggio 1980, n. 77 Norme concernenti l associazione dei produttori agricoli nella Regione e le relative unioni in attuazione della L. 20 ottobre 1978, n. 674 sull associazionismo dei produttori

Dettagli

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI PREMESSA Si assiste sempre più spesso ad andamenti meteorologici imprevedibili e come tali differenti dall ordinario: periodi particolarmente asciutti alternati ad altri particolarmente piovosi. Allo stesso

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO PARERE 2 OTTOBRE 2014 478/2014/I/EFR PARERE AL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO E AL MINISTRO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE SULLO SCHEMA DI DECRETO RECANTE CRITERI PER LA RIMODULAZIONE

Dettagli

CO.DI.P.A. CONSORZIO DIFESA PRODUZIONI AGRICOLE

CO.DI.P.A. CONSORZIO DIFESA PRODUZIONI AGRICOLE POLIZZA COLLETTIVA AVVERSITA ATMOSFERICHE 2015 RISCHI NON AGEVOLATI Contraente CO.DI.P.A. CONSORZIO DIFESA PRODUZIONI AGRICOLE Indirizzo C.A.P. Comune CORSO PORTA NUOVA, 98 37122 VERONA Codice Fiscale/Partita

Dettagli

Piemonte ARPEA via Bogino, 23 10123 TORINO

Piemonte ARPEA via Bogino, 23 10123 TORINO AREA COORDINAMENTO Via Salandra, 13 00187 Roma Tel. 06.494991 Fax 06.49499770 Prot. ACIU.2010. 202 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 17 marzo 2010 Organismo Pagatore AGEA SEDE Organismo pagatore della Regione

Dettagli

Torino, 18 marzo 2016 Numero 11. E online il numero di marzo di Cronache dell Agricoltura: http://www.confagricolturatorino.

Torino, 18 marzo 2016 Numero 11. E online il numero di marzo di Cronache dell Agricoltura: http://www.confagricolturatorino. Torino, 18 marzo 2016 Numero 11 E online il numero di marzo di Cronache dell Agricoltura: http://www.confagricolturatorino.it/cronache/ PSR : il 25 marzo incontro regionale per giovani agricoltori Confagricoltura

Dettagli

IL NUOVO CONTO TERMICO

IL NUOVO CONTO TERMICO IL NUOVO CONTO TERMICO Secondo il Decreto Ministeriale del 28/12/2012 G.U. n 1 del 2 gennaio 2013 Incentivazione della produzione di energia termica da fonti rinnovabili ed interventi di efficienza energetica

Dettagli

rassegna stampa quotidiani

rassegna stampa quotidiani 21 febbraio 2015 rassegna stampa quotidiani coldiretti news coldiretti Inflazione, Coldiretti, fiammata prezzi verdure con +6,8%; Milleproroghe, Coldiretti, bene proroga patenti agricole provincia e regione

Dettagli

Orientamenti dell Unione europea per gli aiuti di Stato nei settori agricolo e forestale 2014-2020

Orientamenti dell Unione europea per gli aiuti di Stato nei settori agricolo e forestale 2014-2020 Allegato alla Delib.G.R. n. 13/11 del 31.3.2015 Legge regionale 11 marzo 1998, n. 8, articolo 23. Aiuti per i danni alla produzione agricola. Nuove direttive di attuazione. 1. Quadro normativo Orientamenti

Dettagli

La cooperazione che fa cooperazione. Il petrolio verde che fa economia. 2 ottobre 2010 Cuneo, Sala San Giovanni

La cooperazione che fa cooperazione. Il petrolio verde che fa economia. 2 ottobre 2010 Cuneo, Sala San Giovanni La cooperazione che fa cooperazione. Il petrolio verde che fa economia 2 ottobre 2010 Cuneo, Sala San Giovanni Data ultimo aggiornamento: 11 ottobre 2010 Progetto di filiera e realtà coinvolte 2 Sommario

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA (1)

EFFICIENZA ENERGETICA (1) Tutti gli incentivi per i cittadini: - La detrazione fiscale del 55% per rinnovabili e risparmio energetico nelle abitazioni - Il Conto Energia per il Fotovoltaico - La tariffa omnicomprensiva e i certificati

Dettagli

Torino, 17 luglio 2015 Numero 28

Torino, 17 luglio 2015 Numero 28 Torino, 17 luglio 2015 Numero 28 DA LUNEDÌ 20 LUGLIO E FINO AL 20 SETTEMBRE 2015 GLI UFFICI CENTRALI E PERIFERICI DI CONFAGRICOLTURA TORINO RESTERANNO APERTI AL PUBBLICO DALLE ORE 8,30 ALLE ORE 14. Psr,

Dettagli

Deliberazione AEEG 84/2012/R/EEL 8 Marzo 2012. requisiti e modalità di attuazione per inverter AROS Solar Technology

Deliberazione AEEG 84/2012/R/EEL 8 Marzo 2012. requisiti e modalità di attuazione per inverter AROS Solar Technology Deliberazione AEEG 84/2012/R/EEL 8 Marzo 2012 requisiti e modalità di attuazione per inverter AROS Solar Technology Principali contenuti della Delibera AEEG 84/2012/R/EEL In data 08 Marzo 2012, l Autorità

Dettagli

Legge regionale 11 marzo 1998, n. 8, articolo 23. Aiuti per i danni alla produzione agricola. Nuove direttive di attuazione.

Legge regionale 11 marzo 1998, n. 8, articolo 23. Aiuti per i danni alla produzione agricola. Nuove direttive di attuazione. Allegato alla Delib.G.R. n. 33/15 del 30.6.2015 Legge regionale 11 marzo 1998, n. 8, articolo 23. Aiuti per i danni alla produzione agricola. Nuove direttive di attuazione. 1. Quadro normativo Orientamenti

Dettagli

Nota Congiunturale Numero 2 Giugno 2009

Nota Congiunturale Numero 2 Giugno 2009 Nota Congiunturale Numero 2 Giugno 2009 Comitato per la qualificazione della spesa pubblica Comitato per lo sviluppo provinciale Sandro Trento Enrico Zaninotto Quadro internazionale: 2010 migliore, ma

Dettagli

Versione integrata e modificata dalla deliberazione 493/2012/R/efr

Versione integrata e modificata dalla deliberazione 493/2012/R/efr Versione integrata e modificata dalla deliberazione 493/2012/R/efr Definizione delle modalità per il ritiro, da parte del Gestore dei Servizi Energetici S.p.A. - GSE, dell energia elettrica immessa in

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS ED IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS ED IL SISTEMA IDRICO DELIBERAZIONE 6 FEBBRAIO 2014 40/2014/R/GAS DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ACCERTAMENTI DELLA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI DI UTENZA A GAS L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS ED IL SISTEMA IDRICO Nella riunione

Dettagli

Organismo Pagatore AGEA Ufficio Monocratico Sede. Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA

Organismo Pagatore AGEA Ufficio Monocratico Sede. Via N. Tommaseo, 63-69 35131 PADOVA. Largo Caduti del Lavoro, 6 40122 BOLOGNA AREA COORDINAMENTO Via Salandra, 13 00187 Roma Tel. 06.49499.1 Fax 06.49499.770 Prot. N. ACIU.2012.90 (CITARE NELLA RISPOSTA) Roma li. 29 febbraio 2012 Organismo Pagatore AGEA Ufficio Monocratico Sede

Dettagli

Torino, 29 maggio 2015 Numero 21 TUTTI GLI UFFICI DI CONFAGRICOLTURA TORINO, SEDE E ZONE, SARANNO CHIUSI LUNEDI 1 GIUGNO

Torino, 29 maggio 2015 Numero 21 TUTTI GLI UFFICI DI CONFAGRICOLTURA TORINO, SEDE E ZONE, SARANNO CHIUSI LUNEDI 1 GIUGNO Torino, 29 maggio 2015 Numero 21 TUTTI GLI UFFICI DI CONFAGRICOLTURA TORINO, SEDE E ZONE, SARANNO CHIUSI LUNEDI 1 GIUGNO L Erbaluce di Caluso protagonista all AIS il 5 giugno. Mattinata per gli operatori

Dettagli

CAMPAGNA ASSICURATIVA 2015

CAMPAGNA ASSICURATIVA 2015 CAMPAGNA ASSICURATIVA 2015 CONTRIBUZIONE EUROPEA: POLIZZE MULTIRISCHIO: FINO AL 65% DELLA SPESA PARAMETRATA DEFINIZIONI DELLE AVVERSITA DI FREQUENZA: GRANDINE: Acqua congelata nell atmosfera che precipita

Dettagli

LA GIUNTA REGIONALE. PREMESSO CHE: - la Regione Calabria ha il più vasto patrimonio di terreni pubblici di tutto il territorio nazionale;

LA GIUNTA REGIONALE. PREMESSO CHE: - la Regione Calabria ha il più vasto patrimonio di terreni pubblici di tutto il territorio nazionale; LA GIUNTA REGIONALE PREMESSO CHE: - la Regione Calabria ha il più vasto patrimonio di terreni pubblici di tutto il territorio nazionale; - con la legge regionale 21 agosto 2007 n.18, la Regione ha inteso

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 28-03-1995 REGIONE SICILIA

LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 28-03-1995 REGIONE SICILIA Legge 1995023 Pagina 1 di 9 LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 28-03-1995 REGIONE SICILIA Norme per i consorzi fidi di garanzia collettiva tra piccole e medie imprese. Norme interpretative e di modifica delle leggi

Dettagli

IL MINISTRO DEL TESORO, DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA. di concerto con IL MINISTRO PER LE POLITICHE AGRICOLE

IL MINISTRO DEL TESORO, DEL BILANCIO E DELLA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA. di concerto con IL MINISTRO PER LE POLITICHE AGRICOLE DECRETO 19 marzo 1999, n. 147 (pubblicato nella G.U.R.I. del 24 maggio 1999, n. 119 - avviso di rettifica pubblicato nella G.U.R.I. del 20 luglio 1999, n. 168) "Regolamento recante criteri e modalità di

Dettagli

Delibera 84/2012/R/EEL Requisiti per gli impianti di produzione MT BT ai fini della sicurezza del sistema elettrico nazionale

Delibera 84/2012/R/EEL Requisiti per gli impianti di produzione MT BT ai fini della sicurezza del sistema elettrico nazionale Delibera 84/2012/R/EEL Requisiti per gli impianti di produzione MT BT ai fini della sicurezza del sistema elettrico nazionale Comunicazione di Gelsia Reti ai sensi degli art.5.2 e 6.6. della delibera 84/2012/R/EEL

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE VISTO l'articolo 3 del decreto-legge 21 giugno 2013, n. 69, convertito, con modificazioni, dalla

Dettagli

Disposizioni in materia di misura dell energia elettrica prodotta da impianti di generazione

Disposizioni in materia di misura dell energia elettrica prodotta da impianti di generazione Delibera n. 88/07 Disposizioni in materia di misura dell energia elettrica prodotta da impianti di generazione L AUTORITA' PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Nella riunione dell 11 aprile 2007 Visti: il

Dettagli

Risoluzione del 02/04/2013 n. 22 - Agenzia delle Entrate - Direzione Centrale Normativa

Risoluzione del 02/04/2013 n. 22 - Agenzia delle Entrate - Direzione Centrale Normativa Risoluzione del 02/04/2013 n. 22 - Agenzia delle Entrate - Direzione Centrale Normativa Consulenza giuridica. Applicabilità della detrazione fiscale del 36 per cento, prevista dallart. 16-bis del TUIR,

Dettagli

La delibera 84/2012/R/eel: interventi urgenti relativi in particolare agli impianti di GD per garantire la sicurezza del sistema elettrico nazionale

La delibera 84/2012/R/eel: interventi urgenti relativi in particolare agli impianti di GD per garantire la sicurezza del sistema elettrico nazionale La delibera 84/2012/R/eel: interventi urgenti relativi in particolare agli impianti di GD per garantire la sicurezza del sistema elettrico nazionale Convegno AEIT Trentino - Alto Adige Sudtirol Bolzano,

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA VITERBO DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE N. 85 DEL 28/02/2013

CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA VITERBO DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE N. 85 DEL 28/02/2013 CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA VITERBO DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE N. 85 DEL 28/02/2013 OGGETTO : FORNITURA E POSA IN OPERA DI ESTINTORI E SOSTITUZIONE DEI MANIGLIONI ANTIPANICO

Dettagli

GLI ENTI LOCALI E LA DELIBERAZIONE N. 40/04: LE NOVITÀ INTRODOTTE DALLA DELIBERAZIONE N. 87/06

GLI ENTI LOCALI E LA DELIBERAZIONE N. 40/04: LE NOVITÀ INTRODOTTE DALLA DELIBERAZIONE N. 87/06 GLI ENTI LOCALI E LA DELIBERAZIONE N. 40/04: LE NOVITÀ INTRODOTTE DALLA DELIBERAZIONE N. 87/06 Alberto Grossi Direttore della Direzione Consumatori e Qualità del Servizio Questa presentazione non è un

Dettagli

LEGGE AGRICOLTURA Nuove norme in materia di rilancio dei settori agricoli in crisi, di sostegno alle imprese agricole colpite da eventi di carattere

LEGGE AGRICOLTURA Nuove norme in materia di rilancio dei settori agricoli in crisi, di sostegno alle imprese agricole colpite da eventi di carattere LEGGE AGRICOLTURA Nuove norme in materia di rilancio dei settori agricoli in crisi, di sostegno alle imprese agricole colpite da eventi di carattere eccezionale e di razionalizzazione delle strutture ministeriali

Dettagli

Siviglia, 18-20 settembre, 2013. Gian Luca Bagnara PROSPETTIVE PER I FORAGGI ESSICCATI IN ITALIA

Siviglia, 18-20 settembre, 2013. Gian Luca Bagnara PROSPETTIVE PER I FORAGGI ESSICCATI IN ITALIA Siviglia, 18-20 settembre, 2013 Gian Luca Bagnara PROSPETTIVE PER I FORAGGI ESSICCATI IN ITALIA Il mercato Le criticità Le prospettive internazionali Le strategie PROSPETTIVE DELLA PRODUZIONE ITALIANA

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA IL GAS E IL SISTEMA IDRICO PARERE 14 OTTOBRE 2015 489/2015/I/EFR PARERE IN MERITO ALLO SCHEMA DI DECRETO INTERMINISTERIALE PER L INCENTIVAZIONE DELLA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI DIVERSE DALLA

Dettagli

RISOLUZIONE N. 88/E. Con istanza d interpello formulata ai sensi dell articolo 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212, è stato posto il seguente:

RISOLUZIONE N. 88/E. Con istanza d interpello formulata ai sensi dell articolo 11 della legge 27 luglio 2000, n. 212, è stato posto il seguente: RISOLUZIONE N. 88/E ma, Roma, 25 agosto 2010 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Interpello - Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Gestore Servizi Energetici - GSE articolo 2 della legge 24 dicembre

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

Conto Energia (D.M. 28 luglio 2005)

Conto Energia (D.M. 28 luglio 2005) Conto Energia (D.M. 28 luglio 2005) lo sviluppo che consente alla generazione presente di soddisfare i propri bisogni senza compromettere la capacità delle future generazioni di soddisfare i loro propri

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 1394 Seduta del 21/02/2014

DELIBERAZIONE N X / 1394 Seduta del 21/02/2014 DELIBERAZIONE N X / 1394 Seduta del 21/02/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

Il Quinto Conto Energia

Il Quinto Conto Energia Nota di approfondimento Il Quinto Conto Energia E stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 10 luglio 2012, n. 159, il decreto 5 luglio 2012, cosiddetto Quinto Conto Energia, che ridefinisce le modalità

Dettagli

POLIZZE AMMESSE AD ASSICURAZIONE AGEVOLATA

POLIZZE AMMESSE AD ASSICURAZIONE AGEVOLATA prot. n. /14 Terni, 17 marzo 2014 Ai sig.ri S O C I Loro Indirizzo OGGETTO: campagna assicurativa 2014 Egregio Socio, La informiamo che è iniziata la campagna assicurativa 2014, La invitiamo pertanto a

Dettagli

DPREG 47/2011 Testo coordinato privo di valore legale

DPREG 47/2011 Testo coordinato privo di valore legale Regolamento recante criteri e modalità per la concessione di finanziamenti agevolati tesi a favorire l aggregazione delle imprese agricole di produzione primaria e di quelle di trasformazione di prodotti

Dettagli

DETERMINAZIONE N. G10565 DEL 04 SETTEMBRE 2015

DETERMINAZIONE N. G10565 DEL 04 SETTEMBRE 2015 DETERMINAZIONE N. G10565 DEL 04 SETTEMBRE 2015 OGGETTO: Decreto Legislativo 27 maggio 1999 n. 165 - Decreto Ministeriale 27 marzo 2008 e D.G.R. 17 ottobre 2008 n. 725. Autorizzazione all attività di Centro

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI MISURA DELL ENERGIA ELETTRICA PRODOTTA DA IMPIANTI DI GENERAZIONE

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI MISURA DELL ENERGIA ELETTRICA PRODOTTA DA IMPIANTI DI GENERAZIONE Pagina 1 di 5 Documenti collegati comunicato stampa Pubblicata sul sito www.autorita.energia.it il 13 aprile 2007 Delibera n. 88/07 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI MISURA DELL ENERGIA ELETTRICA PRODOTTA DA

Dettagli

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali

ART A. Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali ART A Agenzia Regionale Toscana Erogazioni Agricoltura (L.R. 19 novembre 1999, n. 60) Settore Sostegno allo Sviluppo Rurale e Interventi Strutturali Decreto n. 1186 del 10/06/2015 Oggetto: Reg. CE n. 1308/2013

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 4411 Seduta del 30/11/2015

DELIBERAZIONE N X / 4411 Seduta del 30/11/2015 DELIBERAZIONE N X / 4411 Seduta del 30/11/2015 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali FABRIZIO SALA Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI FRANCESCA BRIANZA CRISTINA

Dettagli

NEWSLETTER n. 18 del 18 gennaio 2013

NEWSLETTER n. 18 del 18 gennaio 2013 SOMMARIO Pag. 2. CONTRIBUTI PER L'INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI: MODIFICATO IL BANDO E LE MODALITÀ DI ASSEGNAZIONE DEL CONTRIBUTO Pag. 3. RINNOVABILI TERMICHE: PUBBLICATO IL DECRETO IN GAZZETTA

Dettagli

Delibera n. 188/05 L AUTORITA' PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data 14 settembre 2005

Delibera n. 188/05 L AUTORITA' PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data 14 settembre 2005 pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data 14 settembre 2005 Delibera n. 188/05 DEFINIZIONE DEL SOGGETTO ATTUATORE E DELLE MODALITÀ PER L EROGAZIONE DELLE TARIFFE INCENTIVANTI DEGLI IMPIANTI FOTOVOLTAICI,

Dettagli

Di Fabio Noferi Commercialista e Revisore Contabile Montevarchi ( Arezzo ).

Di Fabio Noferi Commercialista e Revisore Contabile Montevarchi ( Arezzo ). La tariffa fissa omnicomprensiva per gli impianti alimentati da fonti rinnovabili diverse rispetto alla energia solare : natura e corretto trattamento da un punto di vista fiscale alla luce della Risoluzione

Dettagli

A relazione dell'assessore Porchietto: Premesso che:

A relazione dell'assessore Porchietto: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU31 02/08/2012 Deliberazione della Giunta Regionale 12 luglio 2012, n. 33-4150 Nuova disciplina dei corsi di formazione professionale per Agente e Rappresentante di Commercio. Revoca

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE VANNUCCI, BERSANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE VANNUCCI, BERSANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2113 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI VANNUCCI, BERSANI Agevolazioni per l arredo della prima casa di abitazione e dell ufficio,

Dettagli

CITTÀ DI GALATINA PROV. DI LECCE. Copia Deliberazione della Giunta Comunale N. 247/ 2013

CITTÀ DI GALATINA PROV. DI LECCE. Copia Deliberazione della Giunta Comunale N. 247/ 2013 CITTÀ DI GALATINA PROV. DI LECCE Copia Deliberazione della Giunta Comunale N. 247/ 2013 OGGETTO: PSR PUGLIA 2007\2013 ASSE IV LEADER - MISURA 313 AZIONE INVESTIMENTI FUNZIONALI ALLA CREAZIONE DI CENTRI

Dettagli

Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità

Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità Olivia Postorino: Regione Lombardia-D.G. Infrastrutture e Mobilità Intervento Convegno ANAV del 17 /2/2004. (Noleggio autobus ai sensi della l. 218/2003) Con la legge quadro n. 218/2003, entrata in vigore

Dettagli

Circolare N.10 del 17 Gennaio 2013. Quota annuale all albo autotrasportatori prorogata al 31 marzo 2013

Circolare N.10 del 17 Gennaio 2013. Quota annuale all albo autotrasportatori prorogata al 31 marzo 2013 Circolare N.10 del 17 Gennaio 2013 Quota annuale all albo autotrasportatori prorogata al 31 marzo 2013 Quota annuale all albo autotrasportatori prorogata al 31 marzo 2013 Gentile cliente con la presente

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE EUROPEE E INTERNAZIONALI E DELLO SVILUPPO RURALE DIREZIONE GENERALE DELLE POLITICHE INTERNAZIONALI E DELL UNIONE EUROPEA

Dettagli

Costruire con rispetto Abitare con comfort Tagliare i consumi. Guida rapida per proprietari, professionisti, Enti Pubblici

Costruire con rispetto Abitare con comfort Tagliare i consumi. Guida rapida per proprietari, professionisti, Enti Pubblici Costruire con rispetto Abitare con comfort Tagliare i consumi Guida rapida per proprietari, professionisti, Enti Pubblici Ecoabita è un progetto della Regione Emilia Romagna, in collaborazione con la Provincia

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI REGOLAMENTO RECANTE DISCIPLINA DEI PROCEDIMENTI RELATIVI ALLA PREVENZIONE INCENDI, A NORMA DELL ARTICOLO 49, COMMA 4-QUATER, DEL DECRETO-LEGGE 31 MAGGIO 2010, N. 78, CONVERTITO, CON MODIFICAZIONI,

Dettagli

LE POLIZZE RELATIVE AI PRODOTTI FRUTTA, UVA E CEREALI AUTUNNALI (ANCHE COLZA) VANNO SOTTOSCRITTE OBBLIGATORIAMENTE ENTRO IL 31 MARZO

LE POLIZZE RELATIVE AI PRODOTTI FRUTTA, UVA E CEREALI AUTUNNALI (ANCHE COLZA) VANNO SOTTOSCRITTE OBBLIGATORIAMENTE ENTRO IL 31 MARZO Ravenna, Data timbro postale Prot. 22/2014 Socio N SOCIO Oggetto: Campagna Assicurativa 2014 Spett.le DENOMINAZIONE INDIRIZZO FRAZIONE CAP COMUNE PROVINCIA Egregio Socio, La informiamo che è aperta la

Dettagli

Spettabile Gestore dei Servizi Energetici - GSE V.le Maresciallo Pilsudski 92 00197, ROMA consultazioneraee@gse.it

Spettabile Gestore dei Servizi Energetici - GSE V.le Maresciallo Pilsudski 92 00197, ROMA consultazioneraee@gse.it Spettabile Gestore dei Servizi Energetici - GSE V.le Maresciallo Pilsudski 92 00197, ROMA consultazioneraee@gse.it Milano, 22 Maggio 2015 Prot. n. 184/2015 Oggetto: Rifiuti di Apparecchiature Elettriche

Dettagli

Vista la legge 18 giugno 1998, n. 192, recante la disciplina della subfornitura nelle attività produttive;

Vista la legge 18 giugno 1998, n. 192, recante la disciplina della subfornitura nelle attività produttive; Decreto 2 marzo 2010 (Gu 5 maggio 2010 n. 103) Attuazione della legge 27 dicembre 2006, n. 296, sulla tracciabilità delle biomasse per la produzione di energia elettrica Il Ministro delle politiche agricole

Dettagli