Facciamo Luce sulla Materia : Uno spettacolo di Fisica per la scuola primaria

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Facciamo Luce sulla Materia : Uno spettacolo di Fisica per la scuola primaria"

Transcript

1 Facciamo Luce sulla Materia : Uno spettacolo di Fisica per la scuola primaria M. Carpineti, G. Cavallini, M. Giliberti, N. Ludwig, C. Mazza, and L. Perini Physics Department of the University of Milano Italy Abstract Abbiamo realizzato uno spettacolo di Fisica per la scuola primaria in cui tre fisici eseguono in scena numerosi esperimenti affascinanti con i tempi e le modalità tipiche di una vera piéce teatrale. Lo Spettacolo tratta della materia e dei suoi stati, della luce e delle sue proprietà e delle meraviglie che si verificano quando luce e materia si incontrano. Temi come transizioni di fase, riflessione, rifrazione, diffusione, ma anche visione infrarossa e polarizzazione della luce sono presentati in un contesto di apprendimento informale. Lo spettacolo è stato realizzato in collaborazione con una compagnia teatrale specializzata nel Teatro Ragazzi e nei suoi primi due anni di vita è stato visto da oltre studenti italiani. Presentiamo i risultati di uno studio sugli effetti dello spettacolo sui bambini, da cui emerge che lo spettacolo lascia un ricordo duraturo, in grado probabilmente di modificare la percezione della fisica e di far conoscere il lavoro del fisico. P.A.C.S E-, eg, ek, My Introduzione La maggior parte delle persone ha un comportamento contraddittorio nei confronti della scienza: da un lato infatti si osserva una mancanza di fiducia verso il lavoro degli scienziati [1], ma dall altro, sempre più si fa affidamento sulla scienza. Questo significa che sebbene in pochi si iscrivano a facoltà scientifiche, da parte della gente comune c è una domanda sempre crescente di conoscenze scientifiche. L open day del 50 anniversario del CERN ha portato a Ginevra più di persone, mentre l edizione del 2006 del Festival della scienza di Genova ha attirato in due settimane un pubblico pagante di persone, per un totale ci visite ai numerosi eventi in programma. Simili assalti di famiglie si possono osservare nella maggior parte di Science Centers europei e americani. Una ricerca italiana realizzata nel 2004 dall IRPA-CNR ha mostrato che Nuove Tecnologie e Scoperte Scientifiche hanno il più alto Livello di Interesse tra i giovani (con l eccezione della Musica che ha uno share del 52.9%) con punteggi del 32.1% e del 24.5% rispettivamente (percentuali non normalizzate) [2] e che circa tutti gli italiani ritengono che la ricerca dovrebbe avere maggiori finanziamenti. Per far fronte, almeno parzialmente, a questa richiesta di informazioni in continua crescita, vengono pubblicate sempre più riviste di divulgazione scientifica che hanno successo crescente. In realtà, nonostante il crescente interesse verso la Fisica e gli sforzi fatti per promuoverla, l immagine del fisico tra la gente è estremamente lontana dalla realtà e la maggior parte delle persone non sa assolutamente in che cosa consista il lavoro di uno scienziato e, a maggior ragione, di un fisico [3-8]. E ben noto, inoltre, che c è un momento durante la formazione scolastica in cui succede qualcosa che fa perdere la buona disposizione verso la scienza: nel passaggio dalla scuola primaria alla scuola secondaria aumentano in genere l indifferenza e la paura e la Fisica diventa una delle materie più sgradite (più ancora della Matematica e della Chimica) per la maggior parte degli studenti di scuola superiore [9]. In questo articolo descriviamo un progetto del Dipartimento di Fisica dell Università degli Studi di Milano, nato dall idea di far nascere curiosità e interesse verso la Fisica. Per riuscirci abbiamo realizzato uno spettacolo teatrale e abbiamo scelto di indirizzare i nostri sforzi verso i bambini, piccoli scienziati inconsapevoli, naturalmente curiosi, golosi di conoscenza e, si spera, ancora liberi da pregiudizi (nonché adulti del futuro!). Presentiamo qui una descrizione dello spettacolo e dello spirito che lo anima. Presenteremo anche i risultati di uno studio realizzato per comprendere se e come la visione dello spettacolo abbia in qualche modo influenzato l idea che i bambini avevano della scienza e degli scienziati. Lo studio è stato eseguito valutando le risposte degli insegnanti ad un questionario, eseguendo interviste ai bambini nelle loro scuole ed analizzando le domande fatte dai bambini al termine degli spettacoli e i disegni che ci hanno inviato.

2 Lo Spettacolo Con la collaborazione di una compagnia teatrale specializzata in Teatro Ragazzi [10], abbiamo realizzato uno spettacolo indirizzato ai bambini di età compresa tra 8 e 11 anni, nel quale tre scienziati realizzano in scena esperimenti entusiasmanti, che hanno a che fare con la materia, con la luce e con alcune delle innumerevoli manifestazioni dell interazione tra luce e materia. Gli scienziati si muovono in un laboratorio che è molto simile ad un vero laboratorio di Fisica. Lo spettacolo è profondamente diverso da una lezione (anche da una lezione divertente e molto originale), perché non vogliamo che ci sia alcuna somiglianza con una qualunque attività prettamente scolastica. Questo tipo di approccio è ancora poco comune in Italia, mentre è sempre più diffuso all estero (si veda per esempio il grande successo di Physics on Stage [11]). La decisione di realizzare uno spettacolo dal vivo e non un video, per esempio, nasce dall osservazione che lo spettacolo permette un ritorno diretto da parte del pubblico. Inoltre la presenza di veri fisici che realizzano veri esperimenti può essere molto convincente per i bambini e aiutare a mantenere un alto livello di coinvolgimento. Con uno spettacolo di questo tipo i bambini hanno la possibilità non solo di incontrare la Fisica in modo insolito e divertente, ma anche di incontrare dal vivo dei fisici che fanno gli esperimenti e che possono costituire un modello di riferimento positivo e aiutare a vincere il nascere di una loro possibile diffidenza verso la scienza. Abbiamo cercato deliberatamente di impersonare alcuni dei più comuni stereotipi sugli scienziati [3-8], per guadagnare la fiducia dei bambini. E infatti ben noto che i bambini degli ultimi anni delle elementari sono affascinati da alcune caratteristiche esasperatamente esagerate, che sembrano ritagliate apposta per loro [5]. Così i nostri scienziati indossano camici bianchi, due di loro portano gli occhiali e uno ha la barba; nel laboratorio ci sono numerosi simboli che hanno a che vedere con la ricerca e sulla lavagna campeggiano formule rilevanti e poco comprensibili. D altra parte però abbiamo scelto di evitare alcuni degli stereotipi negativi [7,8] come per esempio che gli scienziati lavorano da soli e sono sempre maschi (uno dei tre scienziati è una donna). Lo spettacolo dura circa tre quarti d ora ed è seguito da un dibattito con i bambini, parte fondamentale e irrinunciabile, che può arrivare ad avere la stessa durata. Gli scienziati rispondono alle domande dei bambini ed eseguono nuovamente gli esperimenti che vengono richiesti. Si è prestata particolare cura nella scelta delle parole perché il testo non risultasse né banale né difficile, per evitare qualunque espressione gergale nelle spiegazioni e per evitare l insorgenza di idee sbagliate o di equivoci (speriamo di riuscire ad evidenziarne la maggior parte analizzando i disegni che ci hanno mandato i bambini). Per aiutare gli insegnanti a rispondere alle domande dei bambini una volta tornati in classe, abbiamo realizzato un fascicolo di schede [12] che contiene le descrizioni degli esperimenti e una semplice spiegazione di ciascuno. Infine abbiamo un indirizzo e_mail e un sito interattivo (spettacolo.fisica.cilea.it), dove gli insegnanti possono inviare le domande e condividere le loro idee. Sebbene lo spettacolo sia stato pensato per i bambini, è stato visto da persone di ogni età. In particolare ci sono state cinque repliche indirizzate specificamente a studenti di scuola superiore, con l idea di mostrare anche a loro che la Fisica può essere divertente, stimolante e sorprendente. Il messaggio che anche con loro abbiamo cercato di trasmettere è stato che quando si osserva il mondo, spesso è più importante imparare a porsi le domande giuste, piuttosto che imparare le risposte giuste, e che non si dovrebbe mai essere troppo rigidi quando si analizzano i fenomeni che ci circondano. Nei primi due anni di vita lo spettacolo è stato rappresentato 75 volte, davanti ad un pubblico complessivo di oltre persone. Lo spettacolo ha ricevuto finanziamenti dalle più importanti istituzioni italiane, come per esempio il Ministero dell Università e della Ricerca (MIUR), l Ufficio Scolastico Regionale e il Comune di Milano. Ha ricevuto inoltre un finanziamento anche dall Unione Europea per il progetto LERU-Kids University, che vedeva coinvolte dieci diverse università europee [13] e che si è chiuso a Bruxelles con tre repliche dello spettacolo. Lo spettacolo è stato rappresentato al Festival della Scienza di Genova [14] nel 2004 e a Bergamo Scienza [15] nel 2006, due dei più popolari eventi italiani di divulgazione scientifica. Infine lo spettacolo è stato anche presentato su invito nell ambito di eventi importanti come l Open Day di Ateneo dell Università degli Studi di Milano o l Open Day dei Laboratori Nazionali del Gran Sasso (LNGS) dell Istituto Nazionale di fisica Nucleare (INFN). Gli esperimenti La maggior parte degli esperimenti presentati nello spettacolo sono inseriti nei programmi scolastici, ma nello spettacolo sono quasi sempre presentati in modo non convenzionale. I fisici/attori realizzano trentadue esperimenti sui seguenti argomenti: stati della materia e cambiamenti di stato, riflessione e specchi (Figura 1), riflessione totale, rifrazione, dipendenza

3 dell indice di rifrazione dalla temperatura; diffusione di luce da particelle piccole (scattering di Rayleigh), sintesi additiva e sintesi sottrattiva dei colori, dispersione della luce, visione notturna con radiazione infrarossa, trasparenza dei pigmenti nell infrarosso e polarizzazione. Non ci aspettiamo che i bambini capiscano tutto, ma vorremmo sorprenderli mostrando loro come lavorano i fisici e quanto possa essere meravigliosa la Fisica. Purtroppo è quasi impossibile descrivere uno spettacolo in poche parole, perciò cercheremo di dare semplicemente un idea dello stile di presentazione e del messaggio che tentiamo di trasmettere, descrivendo in dettaglio soltanto tre momenti particolari dello spettacolo. 1) L inizio (a proposito degli stati della materia) Il palco è organizzato come un laboratorio di Fisica: sui tavoli oggetti strani e uno scienziato addormentato. Un altro fisico entra il laboratorio, sveglia il dormiente e i due insieme cominciano a riordinare mentre aspettano impazienti il terzo fisico che arriva trafelato in ritardo. Ora tutto è pronto e i tre fisici possono finalmente fare luce sulla materia. Lo stato gassoso, lo stato liquido e lo stato solido fanno la loro apparizione all interno di tre palloncini riempiti rispettivamente di aria, di acqua e di ghiaccio. Quando i palloncini sono bucati con l ago di una siringa l aria fuoriesce e si disperde cambiando sia la sua forma sia il volume che occupa; il liquido scorre e riempie una ciotola prendendo la sua forma, ma senza cambiare il suo volume, mentre il solido non cambia né forma né volume. Ora che gli stati della materia, ben noti e familiari a tutti, sono stati presentati, gli scienziati cominciano a spiegare come la materia può passare da uno stato all altro usando l azoto liquido un liquido freddissimo pensate: 196 gradi sotto lo zero! L azoto liquido a temperatura ambiente evapora e produce un vapore bianco spettacolare (fig. 2). Un piccolo palloncino pieno d acqua nell azoto liquido si trasforma in ghiaccio. Infine, per capire cosa succede ad un gas quando la sua temperatura diventa molto bassa, viene immerso nell azoto liquido un palloncino a forma di fiore e appassisce! Ma una volta tornato a temperatura ambiente, torna a sbocciare! I tre stati della materia sono ora ben definiti, ma si può essere sicuri che siano sufficienti a descrivere il nostro mondo? Una palla verde fa la sua entrata sul palco. Rimbalza e sembra solida, ma quando due scienziati se la contendono tirandola in due direzioni diverse (Fig 3 a) la palla si deforma, si allunga e si stira lungo l intero palco come una cicca da masticare (Fig. 3 b). La palla è fatta di uno strano materiale che non può essere definito strettamente né come solido né come liquido. E il Silly Putty [16] un materiale viscoelastico fatto di polimeri siliconici, che è altamente elastico, che può essere facilmente modellato e che non mantiene la sua forma quando è lasciato a lungo sotto l effetto del suo solo peso. Questa è la prima eccezione, ma poi gli scienziati incontrano le schiume e i gel. 2) Qualche dettaglio sulla luce nell acqua la luce è fioca e uno scienziato comincia a giocare con un laser verde, illuminando l acqua di una vasca e muovendo il raggio sui versi di questa poesia (Fig. 4): Luce scappata dalla sorgente si tuffa nell'acqua e non trova niente Luce nell'acqua che prova la via sale, poi scende, scivola via. Raggio che marcia diritto si alza poi trova l'aria e indietro rimbalza. Anche dal fondo prova ad uscire ma nuovamente gli tocca salire. Luce riflessa nell'acqua rimane è prigioniera e non può scappare. La sua prigione è fatta di niente non ha le sbarre, è trasparente. Il raggio lo sa e riesce ad andare Ora sul muro lo vedo danzare. Brilla la luce dall'acqua scappata E' uscita nell'aria ed è stata deviata Brilla la luce che ce l'ha fatta E' uscita dall'acqua ed è stata rifratta!

4 3) Qualche dettaglio sulla radiazione infrarossa Un altra parte dello spettacolo tratta di luce non visibile. In particolare usiamo una telecamera CCD modificata per visualizzare solo la luce infrarossa. Nel vicino infrarosso, la regione dello spettro con lunghezze d onda comprese tra 780 nm e 1100 nm, le proprietà dei materiali sono simili a quelle che si osservano nel visibile, ma ci sono alcune eccezioni. In particolare, l occhio umano è cieco alla radiazione infrarossa e molti pigmenti hanno un comportamento assai diverso da quello che mostrano nel visibile. Ecco dunque che quando una scienziata scompare nel buio più totale, viene ritrovata dagli altri grazie alla CCD e ad una lampada a LED che emettono nell infrarosso. A questo punto, lo scienziato più preparato cerca di spiegare agli altri le proprietà della radiazione non-visibile. Riprende con la telecamera una lavagna a fogli su cui un collega sta scrivendo sotto dettatura la spiegazione.ma la scritta non appare! Viene così introdotto il comportamento curioso dei pigmenti pittorici che sono quasi tutti trasparenti nel vicino infrarosso. Il tema viene approfondito grazie allo stemma di famiglia di uno scienziato, visto che purtroppo gli altri due continuano a non capire quello che sta succedendo. Lo stemma viene ripreso dalla telecamera, ma al posto delle decorazioni visibili a tutti, sullo schermo compaiono due ritratti che si trovano al di sotto dello strato di pittura (Fig. 5) Ma chi sono quelli? I suoi antenati??? Pippo e Paperino?! Si, ma è che non erano proprio nobili e dunque li abbiamo nascosti e quello che non abbiamo potuto vedere con i nostri occhi lo abbiamo visto con la telecamera ad infrarossi. Questa è la ben nota tecnica della Riflettografia Infrarossa, una tecnica di indagine ottica non distruttiva per studiare i dipinti. La radiazione infrarossa penetra attraverso gli strati di pigmento, ma è retro-riflessa dagli strati più profondi; La Riflettografia IR permette dunque di vedere al di sotto della superficie dipinta (circa 100 micron) ed è utile per visualizzare il disegno preparatorio eseguito dall artista sotto la versione definitiva del dipinto e per rivelare eventuali restauri. Per l esperimento mostrato nello spettacolo, viene utilizzata una telecamera commerciale sensibile agli IR a cui è stato applicato (tra l obiettivo e il sensore CCD) un filtro che taglia la luce visibile. Questa apparecchiatura economica e compatta permette di mostrare al pubblico in tempo reale le immagini non visibili del mondo-infrarosso. Metodi di lavoro e di studio Gli scopi principali dello spettacolo erano in primo luogo, quello di stimolare la curiosità dei bambini e di affascinarli con la Fisica, rendendogliela simpatica, in secondo luogo quello che i bambini si potessero fare un idea di quello che i fisici fanno nel loro lavoro. Per capire se questi obiettivi siano stati raggiunti abbiamo cercato di rispondere con il nostro studio a queste quattro domande: D1 La visione dello spettacolo ha in qualche modo modificato la percezione della Fisica? D2 Come hanno giudicato lo spettacolo i bambini e gli insegnanti? D3 Quale ricordo dello spettacolo è rimasto ai bambini? Quali esperimenti li hanno colpiti di più? D4 Come è possibile migliorare lo spettacolo? Per rispondere a queste domande abbiamo analizzato: 1. Risposte degli insegnanti ad un questionario sugli effetti dello spettacolo sulle discussioni fatte in classe e sulla sua utilità come aiuto didattico. 2. Interviste ai bambini svolte nelle scuole e domande fatte dai bambini ai fisici subito dopo lo spettacolo. 3. Disegni fatti dai bambini dopo aver visto lo spettacolo ed inviati al Dipartimento di Fisica Risultati 1- Dopo l analisi delle risposte degli insegnanti ai questionari possiamo mettere in evidenza i seguenti punti. In ogni classe i bambini hanno parlato dello spettacolo nella settimana successiva alla visione, senza alcuna sollecitazione da parte degli insegnanti. Inoltre, nel 36% delle classi i bambini hanno parlato dello spettacolo anche tra di loro. Gli insegnanti hanno giudicato che per il 98% dei bambini l interesse sia stato buono o elevato e che per l 89% la comprensione sia stata buona o elevata.

5 L opinione degli insegnanti a proposito dello spettacolo è stata essenzialmente unanime: tutti sostengono che sia stato un utile aiuto didattico ed hanno notato dei miglioramenti nelle conoscenze di fisica dei bambini. Infine, il 98% ritiene che lo spettacolo abbia collegamenti con i programmi scolastici. 2- Le interviste ai bambini, di durata compresa tra 30 e 60 minuti, hanno avuto lo scopo principale di valutare i ricordi dei bambini che hanno assistito allo spettacolo e se ci fosse qualche differenza nell immaginario di scienza rispetto ai bambini che non hanno visto lo spettacolo. Le interviste sono state svolte con l aiuto di uno di noi (G. C.) che è un pedagogista. Per evitare condizionamenti si è scelto di non informare né i dirigenti scolastici né gli insegnanti né i bambini, che le interviste sarebbero state collegate allo spettacolo. Diamo di seguito un idea di come sono state condotte le interviste. Abbiamo cominciato facendo qualche semplice domanda per rompere il ghiaccio, come: Cosa ti piace fare quando sei a case dopo la scuola e dopo i compiti?. Gli argomenti della nostra ricerca sono stati poi avvicinati gradualmente evitando di fare domande dirette per non perdere la spontaneità dei bambini. Le interviste, guidate dalle risposte dei bambini, procedevano indicativamente con domande di questo tipo: Hai mai giocato con l acqua, con la luce o con cose che puoi trovare intorno a te?, Hai mai fatto degli esperimenti a casa? In classe?, Conosci qualche scienziato?. Se la parola Fisica o fisico veniva pronunciata spontaneamente l intervista proseguiva con domande più dirette del tipo Cosa studia la Fisica/il fisico? In alternativa venivano poste ai bambini domande del tipo Chi studia la luce?, Chi studia i colori?, Chi studia la materia?. Le classi intervistate sono state 56 (circa 1100 bambini), 26 delle quali hanno visto lo spettacolo quest anno, 13 che hanno visto lo spettacolo l anno scorso e 17 che non lo hanno visto. Un risultato molto positivo è stato che in tutte le classi che hanno visto lo spettacolo, la quasi totalità dei bambini lo ricordavano. Inoltre, nel 68% delle classi che hanno visto lo spettacolo quest anno e nel 46% delle classi che lo hanno visto lo scorso anno i bambini lo hanno ricordato spontaneamente (cioè c è stato almeno un bambino per classe che ha cominciato a parlarne spontaneamente e che è stato seguito da quasi tutti gli altri). La percentuale sale all 80% per entrambi i gruppi nel caso in cui sia stato dato un piccolo aiuto (per esempio l intervistatore ha estratto una penna laser, che viene usata nello spettacolo oppure mostra l immagine di un arcobaleno ). Solo nel 20% delle classi è stato necessario porre una domanda esplicita sullo spettacolo perché venisse ricordato. Per quanto riguarda la percezione della Fisica e dei fisici i risultati sono, secondo noi, sorprendenti. Infatti (si veda la Tabella I), l 80% dei bambini che hanno visto lo spettacolo mostra di sapere che la Fisica studia la materia, la luce, i colori e che i fisici sono persone che generalmente lavorano in un laboratorio e cercano di trovare una spiegazione per il comportamento delle cose che ci circondano. Questa percentuale scende a solo il 20% nelle classi dei bambini che non hanno visto lo spettacolo e per i quali la parola Fisica è quasi sempre sinonimo di ginnastica ( Educazione Fisica ). I bambini sanno di cosa si occupano i fisici? I bambini che hanno visto lo spettacolo fanno collegamenti tra il lavoro dei fisici e lo spettacolo? Spettacolo visto nel 2006 Spettacolo visto nel 2005 Classi di controllo Sì e fanno collegamenti espliciti allo spettacolo 70 % 27 % Sì e non fanno collegamenti espliciti allo spettacolo 15 % 64 % 20 % No 15 % 9 % 80 % Sì: I fisici studiano la materia 54 % 33 % Sì: I fisici studiano la luce 23 % 67 % Sì: I fisici studiano i colori 23 % 0 % Tabella I Abbiamo anche analizzato le domande poste dai bambini alla fine degli spettacoli durante una settimana di spettacoli offerti alle scuole primarie di Milano. Le domande sono state così tante che abbiamo 188 domande diverse poste in 13 repliche dello spettacolo. Abbiamo diviso grossolanamente le domande in due categorie: quelle a proposito degli esperimenti dello spettacolo e quelle che cominciano con cosa succede se

6 Il risultato principale e assolutamente sorprendente è che tutte le domande fatte dai bambini, anche quelle su argomenti non trattati nello spettacolo, (come per esempio l elettricità) sono state tutte sulla Fisica e mai su altre scienze. 3 - Abbiamo analizzato 497 disegni. Essi contengono molti dettagli che rivelano una grande attenzione da parte dei bambini verso i fenomeni fisici visti nello spettacolo. In questo lavoro ci riferiamo solo alla ricorrenza degli esperimenti. Possiamo dire che tutti i 32 esperimenti tranne uno sono stati ricordati e disegnati dai bambini e che la ripartizione dello spettacolo (1/3 di esperimenti sulla materia e 2/3 sulla luce) si ritrova nei disegni (così come nei ricordi dei bambini durante le interviste). Riteniamo che questo sia un segno di quanto lo spettacolo colpisca i bambini. L esperimento che non è stato mai ricordato riguarda lo scattering di Rayleigh dovuto a particelle molto piccole in sospensione nell acqua. Stiamo lavorando per modificarlo. Conclusioni e commenti I dati raccolti ci permettono di schematizzare l impatto dello spettacolo della Fisica sull immaginario dei bambini per quanto riguarda la scienza e gli scienziati. D1 - Le interviste ci hanno indicato una variazione significativa della percezione della Fisica, di chi è un fisico e di che lavoro fa, variazione che si può imputare alla visione dello spettacolo. Più in dettaglio: il 90% dei bambini che hanno visto lo spettacolo ha parlato spontaneamente dello spettacolo partendo da argomenti abbastanza generici e dimostrando di avere idee corrette sulla Fisica e sui fisici, mentre solo il 20 % delle classi allo stesso livello e nelle stesse scuole, ma che non avevano visto lo spettacolo, ha mostrato la stessa competenza. D2 - Il grande entusiasmo dei bambini alla fine dello spettacolo ed il gran numero di domande pertinenti sono molto rappresentativi dell apprezzamento dello spettacolo. Lo stesso entusiasmo è stato osservato nelle interviste in classe così come nei disegni e negli e_mail che abbiamo ricevuto. L apprezzamento degli insegnanti, infine, è andato ben oltre le aspettative: nessuno di loro ci ha rivolto una critica a proposito degli argomenti affrontati nello spettacolo. D3 - Sia dai disegni, sia dalle interviste, abbiamo notato che i ricordi dei bambini sono ricchi di particolari e precisi. In particolare dai disegni possiamo dire che gli esperimenti che hanno maggiormente colpito i bambini sono quelli con il laser verde e quelli con l azoto liquido. D4 - La cosa di cui gli insegnanti sembrano avere maggior bisogno è di collaborare con l Università, specialmente per delineare dei percorsi scolastici collegati allo spettacolo. Tutto questo è stato ottenuto non attraverso una lezione, ma attraverso un attento studio di un linguaggio teatrale ed una rappresentazione di un laboratorio reale con esperimenti veri. Uno dei risultati che ci ha colpito di più di questa esperienza è stato il rapporto di fiducia che nasce tra i bambini e gli scienziati alla fine dello spettacolo. Con l aiuto dell Unione Europea (LERU KIDS University 2005), del Ministero della Ricerca e dell Università ( Diffusione scientifica 2005, Lauree scientifiche 2006), del Comune di Milano, dell ISU (Istituto per gli Studi Universitari), della Stabilo Italia, della Air Liquide Italia Service s.r.l. e della Grace Davison Italiana S.p.A.. Si ringraziano Sara Ghioldi e Antonio Rota della Compagnia Teatro del Sole registi dello spettacolo e coautori dei testi. Bibliografia [1] FANTONI S. Perché e a chi comunicare scienza, talk in Comunicarefisica INFN-NF, October [2] EULER M. Quality development: Challenges to Physics Education, Quality Development in Teacher Education and Training, II GIREP Seminar Selected Contribution, Forum Editrice, 7 (2004) [3] MEAD M., MÉTRAUX R. Image of the Scientist among High-School Students: Science 126 (1957), 384 [4] CHAMBERS D. W. Stereotypic Images of the Scientists: The Draw-a-Scientist Test: Sci. Educ. 67 (1983), 255

7 [5] MC ADAM J. E. The persistent stereotype: children s images of scientists, Phys. Educ. 25 (1990), 102 [6] HILLS P. AND SHALLIS M. Scientists and their images: New Scientist 28 August, 471 (1975) [7] MC DUFFIE T.E. Scientists Geeks & Nerds?: Sci. Children May (2001), 16 [8] KRAUSE J. P. How children see scientists: Sci. Children 14, (1977), 9 [9] See [10] [11] [12] CARPINETI M., GILIBERTI M., LUDWIG N. PERINI L. TAVOLA F. Lo spettacolo della fisica Facciamo luce sulla materia ISBN [13] [14] Science Festival of Genova [15] BergamoScienza [16] Didascalie delle figure Fig. 1. Riflessione da uno specchio Fig. 2. L azoto liquido a temperature ambiente evapora e produce uno spettacolare vapore bianco. Fig. 3 a) due scienziati si contendono la palla tirandola ciascuno dalla sua parte. b) la palla di Silly-Putty cambia forma e si allunga come un chewing gum. Fig. 4. Riflessione di un raggio laser in acqua. Fig. 5. L immagine IR proiettata sullo schermo, che mostra la trasparenza dei pigmenti. Didascalia della tabella Tab 1 Dati riguardanti la percezione della Fisica e dei fisici.

8 FIG.1

9 FIG.2

10 FIG.3a

11 FIG.3b

12 FIG.4

13 Fig 5

di fisica per la scuola

di fisica per la scuola FACCIAMO LUCE SULLA MATERIA : uno spettacolo di fisica per la scuola a c i is f. o ol c a t t e /sp h / : p tt. it i im n M. Carpineti.u M. Giliberti N. Ludwig C. Mazza L. Perini Dipartimento di Fisica

Dettagli

IT Questionario per formatori di insegnanti di lingue Analisi dei dati

IT Questionario per formatori di insegnanti di lingue Analisi dei dati IT Questionario per formatori di insegnanti di lingue Analisi dei dati Tu 1. Al questionario hanno risposto sette formatori di insegnanti di lingue. 2. Sei formatori parlano l inglese, sei il francese,

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

I libri di testo. Carlo Tarsitani

I libri di testo. Carlo Tarsitani I libri di testo Carlo Tarsitani Premessa Per accedere ai contenuti del sapere scientifico, ai vari livelli di istruzione, si usa comunemente anche un libro di testo. A partire dalla scuola primaria, tutti

Dettagli

Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione

Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione 4 LEZIONE: Programmazione su Carta a Quadretti Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10 Minuti Obiettivo Principale: Aiutare gli studenti a capire cos è la programmazione SOMMARIO:

Dettagli

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI

CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI Progetto in rete I CARE CRESCERE LAVORANDO IN GRUPPI AUTENTICI ISTITUTO COMPRENSIVO DI CURNO SCUOLA PRIMARIA DI CURNO GIOCHI LOGICI MATEMATICI REFERENTE: Ins. EPIFANI VINCENZA Tempi : II QUADRIMESTRE Classe

Dettagli

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa Progetto 5 anni Premessa Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco L esplorazione di questi elementi così diversi tra loro rappresenta un occasione per stimolare l immaginazione

Dettagli

CORSO VENDITE LIVELLO BASE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI

CORSO VENDITE LIVELLO BASE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI CORSO VENDITE LIVELLO BASE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI 1. Vai a visitare un cliente ma non lo chiudi nonostante tu gli abbia fatto una buona offerta. Che cosa fai? Ti consideri causa e guardi

Dettagli

STIMA PIU CHE PUOI Un gioco per diventare abili stimatori

STIMA PIU CHE PUOI Un gioco per diventare abili stimatori ISTITUTO COMPRENSIVO DI MONTALE ISTITUTO COMPRENSIVO B. da Montemagno DI QUARRATA a.s. 2012-2013 GRUPPO DI RICERCA-AZIONE DI MATEMATICA STIMA PIU CHE PUOI Un gioco per diventare abili stimatori Classi

Dettagli

Anna Frank. C.T.P. Adulti

Anna Frank. C.T.P. Adulti Anna Frank Tito Maccio Plauto San Giorgio C.T.P. Adulti Scuola Secondaria di primo grado Via Anna Frank di Cesena Progetto Macramè MEDIATORI CULTURALI aa.ss. 2008/2009-2009/2010 2009/2011 Scuola Secondaria

Dettagli

Progetto Co-meta Istituto comprensivo «E. De Amicis» di Tremestieri settore scientifico

Progetto Co-meta Istituto comprensivo «E. De Amicis» di Tremestieri settore scientifico Progetto Co-meta Istituto comprensivo «E. De Amicis» di Tremestieri settore scientifico Attività laboratoriali di matematica, fisica e scienze Federico Francesco Placenti Salvatore Alex Cordovana Giorgio

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE

SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE «PANTINI PUDENTE» VASTO (CH) IL MAGGIO DEI LIBRI nella SCUOLA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

LEZIONE: Pensiero Computazionale. Tempo della lezione: 45-60 Minuti. - Tempo di preparazione: 15 Minuti.

LEZIONE: Pensiero Computazionale. Tempo della lezione: 45-60 Minuti. - Tempo di preparazione: 15 Minuti. 3 LEZIONE: Pensiero Computazionale Tempo della lezione: 45-60 Minuti. - Tempo di preparazione: 15 Minuti. Obiettivo Principale: Introdurre il modello del Pensiero Computazionale come metodo per la risoluzione

Dettagli

Progetto continuità scuola dell infanzia scuola primaria

Progetto continuità scuola dell infanzia scuola primaria PREMESSA In relazione alle più recenti indicazioni ministeriali nelle quali viene valorizzata l autonomia scolastica, i progetti per la continuità didattico - educativa rappresentano un ambito di valutazione

Dettagli

ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE. Questionario Utenti Input

ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE. Questionario Utenti Input ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE Questionario Utenti Input Finalità 1. Promuovere lo sviluppo personale durante il percorso scolastico Per cominciare, abbiamo bisogno di alcuni tuoi dati personali e dell

Dettagli

IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati

IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati IT Questionario per insegnanti di lingue Analisi dei dati Tu 1. Hanno risposto 32 insegnanti: 15 insegnano nella scuola secondaria inferiore, 17 in quella superiore. 2. Di questo campione, 23 insegnano

Dettagli

IL CALORE NON E TEMPERATURA

IL CALORE NON E TEMPERATURA IL CALORE NON E TEMPERATURA Il progetto è nato dalla collaborazione di una rete di scuole supportate dalla competenza scientifica della dott.ssa Paola Bortolon. L idea era quella di stimolare negli allievi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MANZANO PROVA DI ITALIANO. Scuola Primaria. Anno Scolastico. Classe quinta. Alunno/a Scuola Sez.

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MANZANO PROVA DI ITALIANO. Scuola Primaria. Anno Scolastico. Classe quinta. Alunno/a Scuola Sez. ISTITUTO COMPRENSIVO DI MANZANO PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Anno Scolastico Classe quinta Alunno/a Scuola Sez. PRIMO COMPITO Ogni anno, nella tua scuola, si organizza la Giornata della lettura e

Dettagli

a scuola di Proposte formative di educazione alla cittadinanza europea

a scuola di Proposte formative di educazione alla cittadinanza europea a scuola di Proposte formative di educazione alla cittadinanza europea LA FORMAZIONE PER STUDENTI LEZIONI PRESSO IL PUNTO EUROPA VIAGGI DI ISTRUZIONE EVENTI PARTICOLARI EUROPEAN DAYS LA FORMAZIONE PER

Dettagli

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo

Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alcuni casi interessanti osservati durante esperienze didattiche di tipo cooperativo Alice (15 anni, II ITIS, 8 sett. Appr. Cooperativo, marzo-aprile 2005) E una ragazzina senza alcun problema di apprendimento

Dettagli

La gestione delle emozioni: interventi educativi e didattici. Dott.ssa Monica Dacomo

La gestione delle emozioni: interventi educativi e didattici. Dott.ssa Monica Dacomo La gestione delle emozioni: interventi educativi e didattici Dott.ssa Monica Dacomo Attività per la scuola secondaria di I grado Chi o cosa provoca le nostre emozioni? Molti pensano che siano le altre

Dettagli

28/05/2009. La luce e le sue illusioni ottiche

28/05/2009. La luce e le sue illusioni ottiche La luce e le sue illusioni ottiche Cosa si intende per raggio luminoso? Immagina di osservare ad una distanza abbastanza elevata una sorgente di luce... il fronte d onda potrà esser approssimato ad un

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado 5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado Percorso didattico: Accogliere e orientare Autore Corrado Marchi e Franca Regazzoni Scuola Scuola secondaria di secondo grado Classi Prima, terza, quarta

Dettagli

IL DIRITTO ALLA VITA I colori della vita e il risveglio della natura

IL DIRITTO ALLA VITA I colori della vita e il risveglio della natura Unità n 7 : OBIETTIVI GENERALI : UNITA' DI APPRENDIMENTO IL DIRITTO ALLA VITA I colori della vita e il risveglio della natura Scoprire e osservare le caratteristiche della stagione primaverile Apprezzare

Dettagli

Siete pronti a.. mettervi in gioco?

Siete pronti a.. mettervi in gioco? Siete pronti a.. mettervi in gioco? Progetto di logico-matematica sezione 4 anni A.S 2012/13 Scuola dell Infanzia San Carlo.B. Sassuolo Insegnanti Leonelli-Gualdi La matematica intorno a noi Nel nostro

Dettagli

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili In questa unità didattica sono indicate alcune modalità di comportamento con persone disabili, in modo da migliorare la conoscenza rispetto

Dettagli

laboratori ANNO SCOLASTICO 2011/2012

laboratori ANNO SCOLASTICO 2011/2012 laboratori ANNO SCOLASTICO 2011/2012 TEATRO DEL VENTO SNC Via Valle, 3 24030 Villa d'adda (BG) tel/fax 035/799829 348/3117058 contatto Chiara Magri info@teatrodelvento.it www.teatrodelvento.it A SCUOLA

Dettagli

DALLA TESTA AI PIEDI

DALLA TESTA AI PIEDI PROGETTO EDUCATIVO DIDATTICO ANNUALE SCUOLA DELL INFANZIA A. MAGNANI BALIGNANO DALLA TESTA AI PIEDI ALLA SCOPERTA DEL NOSTRO CORPO Anno scolastico 2013-14 MOTIVAZIONI Il corpo è il principale strumento

Dettagli

INSIEME A LUPO ROSSO

INSIEME A LUPO ROSSO Istituto Comprensivo n.1 Bologna Anno Scolastico 2007-2008 Scuola dell'infanzia "Giovanni XXIII" INSIEME A LUPO ROSSO IMPARIAMO LE REGOLE DELLA STRADA PROGETTO DI EDUCAZIONE STRADALE GUIDATO DA SILVIA

Dettagli

Progetti BioEvo un idea di Grossi Claudia

Progetti BioEvo un idea di Grossi Claudia Progetti BioEvo un idea di Grossi Claudia W E www.bioevo.net info@bioevo.net ProgettiBioEvo Chi siamo I Progetti BioEvo nascono da un idea della dott.ssa Grossi Claudia, giovane laureata in Scienze biologiche

Dettagli

Verifica acquisizione conoscenze. Pubblico: fornisce informazioni anche all esterno (diplomi, voti,...) Alla fine di un segmento di formazione

Verifica acquisizione conoscenze. Pubblico: fornisce informazioni anche all esterno (diplomi, voti,...) Alla fine di un segmento di formazione VALUTAZIONE SOMMATIVA VALUTAZIONE FORMATIVA Verifica acquisizione conoscenze Pubblico: fornisce informazioni anche all esterno (diplomi, voti,...) Alla fine di un segmento di formazione SCOPO CARATTERE

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

Rapporto dal Questionari Insegnanti

Rapporto dal Questionari Insegnanti Rapporto dal Questionari Insegnanti SCUOLA CHIC81400N N. Docenti che hanno compilato il questionario: 60 Anno Scolastico 2014/15 Le Aree Indagate Il Questionario Insegnanti ha l obiettivo di rilevare la

Dettagli

L unica linguaggi, consueti. domande e ambiti imprevisti o, comunque, diversi, in generale, da quelli più

L unica linguaggi, consueti. domande e ambiti imprevisti o, comunque, diversi, in generale, da quelli più GIOCHI MATEMATICI ANNO SCOLASTICO PER 2009 SCUOLA - 2010 PRIMARIA Il di Centro Gruppo Matematica di ricerca F. Enriques sulla didattica dell'università della matematica degli Studi nella scuola di Milano,

Dettagli

Questionario Studente

Questionario Studente Codici Scuola Classe Studente Questionario Studente Scuola Secondaria di I grado Classe Terza INVALSI - Istituto nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione Via Borromini,

Dettagli

I CAMPI DI ESPERIENZA

I CAMPI DI ESPERIENZA I CAMPI DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO sviluppa il senso dell identità personale; riconosce ed esprime sentimenti e emozioni; conosce le tradizioni della famiglia, della comunità e della scuola, sviluppando

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PIANELLO V.T. RILEVAZIONE BISOGNI FORMATIVI DEL TERRITORIO E SODDISFAZIONE DEI NOSTRI UTENTI

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PIANELLO V.T. RILEVAZIONE BISOGNI FORMATIVI DEL TERRITORIO E SODDISFAZIONE DEI NOSTRI UTENTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PIANELLO V.T. RILEVAZIONE BISOGNI FORMATIVI DEL TERRITORIO E SODDISFAZIONE DEI NOSTRI UTENTI Questionario studenti L'offerta formativa della scuola è tanto più efficace quanto più

Dettagli

CONOSCERE GLI ALIMENTI

CONOSCERE GLI ALIMENTI SCHEDA DIDATTICA 2 CONOSCERE GLI ALIMENTI Entrare dal pescivendolo e chiedere: Mi dà per cortesia due etti di proteine e 5 grammi di omega 3? Oppure rivolgersi al panettiere chiedendo: 70 grammi di carboidrati

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SCARPERIA-SAN PIERO SCUOLA PRIMARIA CLASSI TERZE A. S. 2012-2013 LA COMBUSTIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO SCARPERIA-SAN PIERO SCUOLA PRIMARIA CLASSI TERZE A. S. 2012-2013 LA COMBUSTIONE ISTITUTO COMPRENSIVO SCARPERIA-SAN PIERO SCUOLA PRIMARIA CLASSI TERZE A. S. 2012-2013 LA COMBUSTIONE La combustione si inserisce nella scansione dei percorsi del curricolo verticale per la classe terza

Dettagli

IMMAGINANDO QUELLO CHE NON SI VEDE

IMMAGINANDO QUELLO CHE NON SI VEDE Laboratorio in classe: tra forme e numeri GRUPPO FRAZIONI - CLASSI SECONDE DELLA SCUOLA PRIMARIA Docenti: Lidia Abate, Anna Maria Radaelli, Loredana Raffa. IMMAGINANDO QUELLO CHE NON SI VEDE 1. UNA FIABA

Dettagli

Le fasi del lavoro. sede: via Luzzatti, 15 47813 Igea Marina Tel. 0541 341642 zaffiria@comune.bellaria-igea-marina.rn.it - www.zaffiria.

Le fasi del lavoro. sede: via Luzzatti, 15 47813 Igea Marina Tel. 0541 341642 zaffiria@comune.bellaria-igea-marina.rn.it - www.zaffiria. Scuola Secondaria Pazzini Villa Verucchio Per l anno scolastico 2011 la scuola secondaria Pazzini di Villa Verucchio ha scelto per la classe I F il laboratorio Adolescenza a fumetti, per le classi II H,

Dettagli

1 Circolo Didattico di Sondrio - Commissione per l handicap Progetto A piccoli passi

1 Circolo Didattico di Sondrio - Commissione per l handicap Progetto A piccoli passi QUESTIONARIO DI AUTOVALUTAZIONE SULLA QUALITÁ DELL INTEGRAZIONE SCOLASTICA Questo questionario è rivolto a tutte le insegnanti della scuola e vuole essere un occasione di riflessione sulle variabili di

Dettagli

Costruire il pensiero scientifico in comunità di apprendimento

Costruire il pensiero scientifico in comunità di apprendimento Costruire il pensiero scientifico in comunità di apprendimento Questa attività è stata proposta nell ambito del Progetto LE PAROLE DELLA SCIENZA in una classe dell I.C. M.L.King di Torino e poi condivisa

Dettagli

Istituto San Tomaso d Aquino

Istituto San Tomaso d Aquino Istituto San Tomaso d Aquino alba pratalia aràba Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella didattica a.s. 2013 2014 a.s. 2014 2015 0 Linee di progetto per l utilizzo delle tecnologie nella

Dettagli

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives Prefazione Se mi fosse chiesto di indicare il senso di Fiabe giuridiche, lo rintraccerei nelle

Dettagli

Anno Scolastico 2015/2016 Bambini di quattro cinque anni GALLERIA DI COLORI

Anno Scolastico 2015/2016 Bambini di quattro cinque anni GALLERIA DI COLORI ! Anno Scolastico 2015/2016 Bambini di quattro cinque anni GALLERIA DI COLORI Insegnante: Arianna Rucireta NESSUN GRANDE ARTISTA VEDE MAI LE COSE COME REALMENTE SONO. SE LO FACESSE, CESSEREBBE DI ESSERE

Dettagli

Da dove nasce l idea dei video

Da dove nasce l idea dei video Da dove nasce l idea dei video Per anni abbiamo incontrato i potenziali clienti presso le loro sedi, come la tradizione commerciale vuole. L incontro nasce con una telefonata che il consulente fa a chi

Dettagli

RELAZIONE SUL PERCORSO ESPERIENZIALE (prof. Trinchero)

RELAZIONE SUL PERCORSO ESPERIENZIALE (prof. Trinchero) RELAZIONE SUL PERCORSO ESPERIENZIALE (prof. Trinchero) Ins. Margherio Guglielmina. Scuola Primaria di Mazzè. Classe Seconda. Anno scolastico 2013-2014 Gli incontri con il prof. Trinchero sono stati molto

Dettagli

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA giuseppina.rinaudo@unito..rinaudo@unito.itit SFP 2006 - "Introduzione al corso" V. Montel, M. Perosino, G. Rinaudo 1 Impostazione del corso

Dettagli

STUDIO CONOSCITIVO LA CONSAPEVOLEZZA DELLE GIOVANI MILANESI RISPETTO ALLE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI

STUDIO CONOSCITIVO LA CONSAPEVOLEZZA DELLE GIOVANI MILANESI RISPETTO ALLE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI STUDIO CONOSCITIVO LA CONSAPEVOLEZZA DELLE GIOVANI MILANESI RISPETTO ALLE MALATTIE SESSUALMENTE TRASMISSIBILI Sintesi dei risultati di ricerca Preparata per O.N.Da Milano, 20 gennaio 2011 SCENARIO E OBIETTIVI

Dettagli

Categoria e concetto di numero

Categoria e concetto di numero Due nozioni Università degli Studi di Milano Categoria e concetto di numero Sandro Zucchi 2012-2013 Prima di passare ad esaminare le capacità numeriche degli animali, dobbiamo distinguere due nozioni (e

Dettagli

Cartella: L esperienza del contare. Attività: CONTIAMO I FAGIOLI

Cartella: L esperienza del contare. Attività: CONTIAMO I FAGIOLI Cartella: L esperienza del contare Attività: CONTIAMO I FAGIOLI www.quadernoaquadretti.it Attività testata da Martina Carola (Gruppo di ricerca sulla scuola primaria del Seminario di Didattica della Matematica

Dettagli

MARCO ANTUZI MOTIVATORE DI ME STESSO

MARCO ANTUZI MOTIVATORE DI ME STESSO MARCO ANTUZI MOTIVATORE DI ME STESSO Ricostruire la Propria Identità attraverso la Determinazione e la Libertà di Scelta 2 Titolo MOTIVATORE DI ME STESSO Autore Marco Antuzi Editore Bruno Editore Sito

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI

PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI PROGETTAZIONE ANNUALE A.S. 2010/2011 SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SAN GIUSEPPE SULLE ALI DELLE EMOZIONI FESTE E RICORRENZE Le feste rappresentano esperienze belle e suggestive da vivere e ricordare per

Dettagli

Leggere le lingue madri

Leggere le lingue madri Leggere le lingue madri Sede del progetto: Scuole primarie del Comune di Bologna Ente promotore: CDLEI Centro di Educazione Interculturale del Comune di Bologna, Altri enti, istituzioni, associazioni coinvolti:

Dettagli

Gli orari e i servizi

Gli orari e i servizi INfanzia IN fiore Le Scuole dell infanzia di Attraverso esperienze reali impariamo le norme e i comportamenti da adottare in caso di pericolo I progetti Gli esperti Sportello psicologico una psicologa

Dettagli

L INCREDIBILE VIAGGIO NEL CIELO

L INCREDIBILE VIAGGIO NEL CIELO Scuola dell infanzia paritaria Opera Pia G. Cavallini PROGETTO ANNUALE 2012-2013 L INCREDIBILE VIAGGIO NEL CIELO Premessa Il nostro viaggio inizia da un posto a noi molto caro e vicino: la nostra biblioteca!

Dettagli

Educare ai videogiochi

Educare ai videogiochi Educare ai videogiochi Damiano Felini Università degli Studi di Parma Insegnare i videogiochi ai ragazzini, che li sanno già usare perfettamente, può sembrare un obiettivo strano: non lo è, se si pensa

Dettagli

informa giugno 15 n. 1 I

informa giugno 15 n. 1 I DUE SGUARDI: UN AFRICA Mostra fotografica - Trento, piazza Fiera - 30 maggio - 2 giugno 2015 informa A febbraio 2012 noi studenti e studentesse trentine abbiamo potuto conoscere la realtà ugandese in un

Dettagli

Scrivi la tua storia e crea i tuoi elementi!

Scrivi la tua storia e crea i tuoi elementi! Scrivi la tua storia e crea i tuoi elementi! Proposta didattica per le scuole secondarie di primo grado Ideazione e realizzazione di storie interattive basate su elementi grafici, fotografici e video realizzati

Dettagli

LA BIOGRAFIA LINGUISTICA

LA BIOGRAFIA LINGUISTICA LA BIOGRAFIA LINGUISTICA Lavoro di gruppo: Casapollo, Frezza, Perrone e Rossi Classi coinvolte: 5 classi di scuola primaria e 5 classi di scuola secondaria di primo grado Docenti coinvolti: 3 della scuola

Dettagli

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato

A SCUOLA CON JUMPC. Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli. studenti che hanno partecipato A SCUOLA CON JUMPC Report sintetico dei risultati del progetto, dal punto di vista degli insegnanti e degli studenti che hanno partecipato Roma, 20 aprile 2009 Indice dei contenuti Gli esiti del sondaggio

Dettagli

Scuola in ospedale e istruzione domiciliare come garanzia di servizio integrato alla persona in contesti di particolare complessità.

Scuola in ospedale e istruzione domiciliare come garanzia di servizio integrato alla persona in contesti di particolare complessità. Scuola in ospedale e istruzione domiciliare come garanzia di servizio integrato alla persona in contesti di particolare complessità. Verbania 1 2 aprile 2008 1 QUADRO DI RIFERIMENTO INTERNAZIONALE Il 13

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MILANO BICOCCA QUARTA GIORNATA INTERCULTURALE BICOCCA 26 MAGGIO 2016 AULA MAGNA EDIFICIO U6 L EDUCAZIONE INTERCULTURALE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MILANO BICOCCA QUARTA GIORNATA INTERCULTURALE BICOCCA 26 MAGGIO 2016 AULA MAGNA EDIFICIO U6 L EDUCAZIONE INTERCULTURALE DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE PER LA FORMAZIONE RICCARDO MASSA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MILANO BICOCCA QUARTA GIORNATA INTERCULTURALE BICOCCA 26 MAGGIO 2016 AULA MAGNA EDIFICIO U6 L EDUCAZIONE INTERCULTURALE

Dettagli

UNIVERSITà DEGLI STUDI MILANO BICOCCA 2016 AULA MAGNA EDIFICIO U6

UNIVERSITà DEGLI STUDI MILANO BICOCCA 2016 AULA MAGNA EDIFICIO U6 Dipartimento di Scienze Umane per la Formazione Riccardo Massa UNIVERSITà DEGLI STUDI MILANO BICOCCA Quarta giornata interculturale bicocca 26 maggio 2016 AULA MAGNA EDIFICIO U6 l educazione interculturale

Dettagli

LA CASA DI NONNA ITALIA

LA CASA DI NONNA ITALIA dai 9 anni SERIE BLU scuola primaria LA CASA DI NONNA ITALIA UN RACCONTO SULLA COSTITUZIONE AUTORE: P. Valente SCHEDE DIDATTICHE: P. Valente ILLUSTRAZIONI: M. Bizzi PAGINE: 128 PREZZO: 7,50 ISBN: 978-88-472-1409-5

Dettagli

Titolo dell'attività (max 255 caratteri, spazi compresi) Sintesi dell'attività (max 1000 caratteri, spazi compresi)

Titolo dell'attività (max 255 caratteri, spazi compresi) Sintesi dell'attività (max 1000 caratteri, spazi compresi) RIFLESSIONE SULLA PROGETTAZIONE Titolo dell'attività (max 255 caratteri, spazi compresi) Fare Scienze con un approccio innovativo: l Apparato Circolatorio. Sintesi dell'attività (max 1000 caratteri, spazi

Dettagli

I CIRCOLO DIDATTICO SESTO FIORENTINO IL FENOMENO DELLA COMBUSTIONE

I CIRCOLO DIDATTICO SESTO FIORENTINO IL FENOMENO DELLA COMBUSTIONE I CIRCOLO DIDATTICO SESTO FIORENTINO IL FENOMENO DELLA COMBUSTIONE COMPETENZE ATTESE AL TERMINE DELLA CLASSE TERZA Osservare, registrare, classificare organismi viventi e fenomeni fisici con la guida dell

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO «DON MILANI» DI AQUILEIA

ISTITUTO COMPRENSIVO «DON MILANI» DI AQUILEIA ISTITUTO COMPRENSIVO «DON MILANI» DI AQUILEIA HANNO PARTECIPATO AL CORSO DI FORMAZIONE TUTTE LE SCUOLE DELL INFANZIA PIMPA DI AQUILEIA Insegnante Titotto MICHIELI DI FIUMICELLO Insegnante Puntin (Che proporranno

Dettagli

Prodotto realizzato con il contributo della Regione Toscana nell'ambito dell'azione regionale di sistema. Laboratori del Sapere Scientifico

Prodotto realizzato con il contributo della Regione Toscana nell'ambito dell'azione regionale di sistema. Laboratori del Sapere Scientifico Prodotto realizzato con il contributo della Regione Toscana nell'ambito dell'azione regionale di sistema Laboratori del Sapere Scientifico Scuola primaria Capraia Isola Pluriclasse (classi terza e quinta):

Dettagli

PROMUOVERSI MEDIANTE INTERNET di Riccardo Polesel. 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15

PROMUOVERSI MEDIANTE INTERNET di Riccardo Polesel. 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15 Indice Introduzione pag. 9 Ringraziamenti» 13 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15 1. I contenuti curati, interessanti e utili aiutano il business» 15 2. Le aziende

Dettagli

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: I CONFLITTI KIT DI ANIMAZIONE

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: I CONFLITTI KIT DI ANIMAZIONE Gruppo G.R.E.M Piemonte e Valle d Aosta Attività di animazione: I CONFLITTI KIT DI ANIMAZIONE Il kit, pensato per l animazione di bambini, ragazzi e adulti sul tema dei conflitti è così composto: - 1 gioco

Dettagli

seveso un laboratorio di idee a partire dal bosco delle querce proposta anno scolastico 2008-2009

seveso un laboratorio di idee a partire dal bosco delle querce proposta anno scolastico 2008-2009 seveso un laboratorio di idee a partire dal bosco delle querce proposta anno scolastico 2008-2009 Per l anno scolastico 2008-2009 il parco naturale Bosco delle Querce propone un percorso di educazione

Dettagli

Durata Quattro fasi di lavoro in un arco di tempo complessivo non inferiore a quattro settimane. Si stimano non meno di 16 ore di lavoro in classe.

Durata Quattro fasi di lavoro in un arco di tempo complessivo non inferiore a quattro settimane. Si stimano non meno di 16 ore di lavoro in classe. Laboratorio consigliato per la scuola primaria (II ciclo) Il grande mosaico dei diritti Hai diritto ad avere un istruzione/educazione. Art. 28 della CRC Hai diritto a essere protetto/a in caso di guerra

Dettagli

BENVENUTO AL CORSO ONLINE. POSitivitiES Psicologia Positiva nelle Scuole Europee GUIDA DEL CORSO

BENVENUTO AL CORSO ONLINE. POSitivitiES Psicologia Positiva nelle Scuole Europee GUIDA DEL CORSO BENVENUTO AL CORSO ONLINE POSitivitiES Psicologia Positiva nelle Scuole Europee GUIDA DEL CORSO ACCESSO AL CORSO Sei già registrato/a come studente su Psicologia Positiva in Educazione Corso Online Hai

Dettagli

FLSS Flatmates life support system. Report Usability Test. Chiara Frantini Sara Minoli Matteo Vacca

FLSS Flatmates life support system. Report Usability Test. Chiara Frantini Sara Minoli Matteo Vacca FLSS Flatmates life support system Report Usability Test Chiara Frantini Sara Minoli Matteo Vacca INDICE 1. Campione 2. Analisi dei risultati 2.1 Task analysis 2.2 Valutazioni soggettive 3. Errori 4. Possibili

Dettagli

La lettura con la tecnica del Jigsaw

La lettura con la tecnica del Jigsaw La lettura con la tecnica del Jigsaw Abdelkrim Boussetta Centre Régional des métiers de l éducation et de la formation Rabat Per parecchio tempo l apprendimento è stato visto come un processo unidirezionale

Dettagli

IL GIRO DEL MONDO IN 6 GIORNI

IL GIRO DEL MONDO IN 6 GIORNI IL GIRO DEL MONDO IN 6 GIORNI - - diario di bordo - classi seconde 27 febbraio 2012 La ciurma della danza Oggi è il primo giorno della settimana interculturale e chissà cosa sta facendo il gruppo del ballo;

Dettagli

LABORATORI EXTRACURRICULARI

LABORATORI EXTRACURRICULARI Scuola dell Infanzia Paritaria Parrocchiale San Vincenzo de Paoli Allegato al POF LABORATORI EXTRACURRICULARI Anno Scolatico 2014-2015 I bambini che fanno il loro ingresso nella Scuola dell infanzia sono

Dettagli

DISABILITA E CONTESTI. a cura di Stefania Barbaro psicopedagogista

DISABILITA E CONTESTI. a cura di Stefania Barbaro psicopedagogista DISABILITA E CONTESTI a cura di Stefania Barbaro psicopedagogista obiettivi e contenuti dell incontro Considerare l importanza del contesto nella professione docente e non docente L incontro delle professionalita

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale SCIENZE

ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro. Curricolo verticale SCIENZE ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Nembro Curricolo verticale SCIENZE SCIENZE COMPETENZA-CHIAVE: LA COMPETENZA DI BASE DI SCIENZE E TECNOLOGIA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE NUCLEO Scuola Primaria:

Dettagli

Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino.

Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino. Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino.it/ L approvazione della legge n. 128/2013 consente da quest

Dettagli

Iniziative Didattiche del Museo del Risparmio di Torino

Iniziative Didattiche del Museo del Risparmio di Torino Iniziative Didattiche del Museo del Risparmio di Torino Il Museo del Risparmio di Torino è un luogo unico, innovativo e divertente in cui bambini, ragazzi e adulti possono avvicinarsi ai temi del risparmio

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

POSitivitiES Psicologia Positiva nelle Scuole Europee GUIDA PER INIZIARE EL CORSO

POSitivitiES Psicologia Positiva nelle Scuole Europee GUIDA PER INIZIARE EL CORSO POSitivitiES Psicologia Positiva nelle Scuole Europee GUIDA PER INIZIARE EL CORSO POSitivitiES Positive Psychology in European Schools PositiviES è un progetto europeo Comenius multilaterale che si prefigge

Dettagli

Scuola Comunale dell Infanzia

Scuola Comunale dell Infanzia Direzione Municipalità Venezia Murano Burano Servizi Educativi Territoriali Scuola Comunale dell Infanzia Progetto (lavoro di intersezione). Anno scolastico 2014.15 PROGETTO: STORIE DI OGGETTI SCUOLA DELL

Dettagli

1. Leggi il testo e indica se l affermazione è vera o falsa.

1. Leggi il testo e indica se l affermazione è vera o falsa. Livello A2 Unità 6 Ricerca del lavoro Chiavi Lavoriamo sulla comprensione 1. Leggi il testo e indica se l affermazione è vera o falsa. Vero Falso L archivio telematico contiene solo le offerte di lavoro.

Dettagli

Every Child Needs a Teacher Traccia per le attività

Every Child Needs a Teacher Traccia per le attività Every Child Needs a Teacher Traccia per le attività FOCUS TEMATICO: Perché gli insegnanti? Ogni bambino nel mondo ha diritto ad un educazione di qualità e nessuno ha la possibilità di esercitare questo

Dettagli

IL COMPUTER, COSA NE PENSANO GLI STUDENTI? 41 ATTO I: È ARRIVATO UN BASTIMENTO CARICO CARICO DI... COMPUTER!

IL COMPUTER, COSA NE PENSANO GLI STUDENTI? 41 ATTO I: È ARRIVATO UN BASTIMENTO CARICO CARICO DI... COMPUTER! IL COMPUTER, COSA NE PENSANO GLI STUDENTI? 41 AL COMPUTER, AL COMPUTER! S T R U M EN T O E 7 ATTO I: È ARRIVATO UN BASTIMENTO CARICO CARICO DI... COMPUTER! Atto I, scena I: La terra promessa (ovvero le

Dettagli

SCHEDA DIDATTICA LE LACRIME DEL PRINCIPE. La trama

SCHEDA DIDATTICA LE LACRIME DEL PRINCIPE. La trama SCHEDA DIDATTICA LE LACRIME DEL PRINCIPE La trama C è una regista teatrale che vuole mettere in scena la storia di una principessa che viveva tanto tempo fa in un regno bianco, grigio e nero. Ma in scena,

Dettagli

Percorso didattico di educazione scientifica per i bambini di tre, quattro e cinque anni. IL BRUCO a.s 2011-2012

Percorso didattico di educazione scientifica per i bambini di tre, quattro e cinque anni. IL BRUCO a.s 2011-2012 Percorso didattico di educazione scientifica per i bambini di tre, quattro e cinque anni IL BRUCO a.s 2011-2012 Questo percorso è stato pensato soprattutto per i bambini di cinque anni della sezione omogenea

Dettagli

L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI

L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Mi figura dla rujenedes Meine Sprachenfigur La mia figura delle lingue Silvia Goller Scuola dell infanzia Santa Cristina/Val Gardena Le bambine e i bambini

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MARCONI SCUOLA MEDIA E. FERMI. Consiglio Comunale dei Ragazzi - Venegono Inferiore

ISTITUTO COMPRENSIVO MARCONI SCUOLA MEDIA E. FERMI. Consiglio Comunale dei Ragazzi - Venegono Inferiore ISTITUTO COMPRENSIVO MARCONI SCUOLA MEDIA E. FERMI Consiglio Comunale dei Ragazzi - Venegono Inferiore INTRODUZIONE Il lavoro svolto nel corso dell anno scolastico 2011/2012 da parte del Consiglio Comunale

Dettagli

La candela accesa. Descrizione generale. Obiettivi. Sequenza didattica e metodo di lavoro. Esperimenti sulla crescita delle piante

La candela accesa. Descrizione generale. Obiettivi. Sequenza didattica e metodo di lavoro. Esperimenti sulla crescita delle piante Esperimenti sulla crescita delle piante unità didattica 1 La candela accesa Durata 60 minuti Materiali per ciascun gruppo - 1 candela - 1 vaso di vetro - 1 cronometro - 1 cannuccia - fiammiferi - 1 pezzo

Dettagli

LA NATURA E LA SCIENZA

LA NATURA E LA SCIENZA LA NATURA E LA SCIENZA La NATURA è tutto quello che sta intorno a noi: le persone, gli animali, le piante, le montagne, il cielo, le stelle. e tante altre cose non costruite dall uomo. Lo studio di tutte

Dettagli

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI 1 ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO / CAROSINO Anno scolastico 2013-2014 QUESTIONARIO CONOSCITIVO Nota: Il presente questionario è predisposto per gli alunni del

Dettagli

1. Introduzione al corso

1. Introduzione al corso E107 WEB SYSTEM Corso on line di progettazione siti dinamici: livello base R E A L I Z Z A Z I O N E D I 1. Introduzione al corso By e107 Italian Team Sito web:http://www.e107italia.org Contatto: admin@e107italia.org

Dettagli