Marmi e alabastri del Gargano

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Marmi e alabastri del Gargano"

Transcript

1 Marmi e alabastri del Gargano di Giuseppe Soccio Il 14 dicembre 1867 a Firenze, con atto stipulato dal notaio Giuseppe Salucci della Vipera, un comitato promotore, composto dal cav. Sebastiano Fenzi, dall ing. Ulisse Guarducci, dall avv. Giovanni Piceni, dall ing. Carlo Giaconi, dall ing. Gio. Carlo Landi e dal cav. Giuseppe Bava, pone le basi giuridico-amministrative per la formazione di una Società per l acquisto, estrazione, lavorazione e vendita di marmi e alabastri esistenti nei monti della Capitanata e [che] sarà denominata Società Anonima Gargano. Scopi, strutture e mezzi di tale società sono ampiamente descritti in un opuscolo a stampa a cura dello stesso comitato promotore 1, il quale si era costituito proprio per lo stupore suscitato dalla notizia che una collezione di marmi, alabastri e stalattiti provenienti del Gargano era stata spedita dalla R. Società Economica e Camera di Commercio alla Esposizione universale di Parigi. Per di più questi campioni fornirono materia a profondi e accurati studi geologici, [ancora] inediti 2 del chiarissimo Professore Leopoldo Pilla. L autorevolezza 1 - Questo il titolo completo dell opuscolo: Il Gargano. Illustrazione geologica dei preziosi marmi ed alabastri garganici del chiarissimo professore Leopoldo Pilla tratta dagli autografi che servì di base al rapporto topografico statistico dell ing. F. Paltrinieri presentato al comitato fondatore della società anonima per l esportazione dei marmi ed alabastri suddetti e progetto di statuto sociale, Firenze, 1867, pp. 68 e 3 tav. f.t. Cfr. anche M. PESCATORE, Il Tavoliere di Puglia e il Gargano, Cerignola, 1898, p. 38, che indica nell avvocato Luigi Manzini il principale protagonista dell iniziativa. 2 - In realtà le relazioni di Pilla erano già state pubblicate. Cfr. GIORNALE DE- GLI ATTI DELLA REALE SOCIETA ECONOMICA DI CAPITANATA, VOl. V, Napoli, , pp Il rapporto del 20 gennaio verrà pubblicato anche negli ANNALI CIVILI, Napoli, fascicolo XLIII, vol. XXII. 369

2 dell illustre geologo 3 contribuì ulteriormente a spingere verso la formazione di una società promotrice che si pose in relazione con persone cospicue ed influenti della provincia, dalle quali, oltre alle più minute e preziose informazioni sull argomento, potè attingere la sicurezza che l intrapresa desiderata, sospirata anzi da quelle popolazioni, come la sorgente della futura loro prosperità, otterrebbe efficacissimo e numeroso concorso anche dai capitalisti locali 4. Sempre tale società promotrice, quindi, spediva persona dell arte la quale in appoggio ad altri suoi colleghi di Foggia improntasse un rapporto dettagliato delle cave illustrate geologicamente dal Pilla. Nel frattempo che si stava compilando il rapporto di cui sopra, la società promotrice stessa gettava le basi di un progetto di statuto sociale. La persona di fiducia della società che eseguirà i rilevamenti topografici e statistici è l ing. Filippo Paltrinieri, il quale curerà anche un cospicuo corredo di note alle relazioni del geologo Pilla. Quanto finora esposto, unitamente a lettere e documenti dei sindaci di San Marco in Lamis e di Apricena ed alla riproduzione dei rapporti del Pilla, è sostanzialmente il contenuto dell opuscolo cui abbiamo fatto riferimento: vediamo ora come era nata questa speranza di sviluppo economico, già coltivata da Francesco Della Martora e non adeguatamente incoraggiata dalle poco paterne disposizioni del governo borbonico che vedeva di mal occhio qualunque impresa avesse per base il principio di associazione. 3 - Leopoldo Pilla nacque a Venafro il 20 ottobre Studiò a Napoli e si affermò prestissimo quale valente scienziato, riuscendo a diventare Conservatore del Museo di Scienze Naturali di quella città. Scrisse moltissimo sul Vesuvio e fu chiamato dal Gran Duca di Toscana a svolgere l attività di professore di geologia e mineralogia a Pisa, dove diresse anche il Museo Mineralogico. L Istituto di Francia lo annovera tra le memorie dei dotti stranieri. Partecipò alle lotte risorgimentali e trovò la morte, alla testa di un drappello di studenti, nella battaglia di Curtatone il 29 maggio Le notizie, riprese dalla NUOVA EN- CICLOPEDIA ITALIANA, Torino, 1863, p. 373, sono riportate anche nell opuscolo Il Gargano. Illustrazione geologica... cit., pp tali e trovò la morte, alla testa di un drappello di studenti, nella battaglia di Curtatone il 29 maggio Le notizie, riprese dalla NUOVA ENCICLOPEDIA ITALIANA, Torino, 1863, p. 373, sono riportate anche nell opuscolo Il Gargano. Illustrazione geologica... cit., pp Il Gargano. Illustrazione geologica... cit., pp IB. 370

3 Tutto inizia con la passione e la testarda determinazione di un medico di San Marco in Lamis: Leonardo Cera 6. Egli, infatti, si diede ad investigare il territorio garganico alla ricerca di luoghi da cui cavare marmi e alabastri e raccolse quei campioni che saranno poi spediti alla Esposizione Universale di Parigi, oltre che a mostre che si tennero a Napoli 7. Per verificare la consistenza delle scoperte del Cera, con R. Rescritto 17 luglio 1839 veniva inviato in Capitanata il professor Leopoldo Pilla, che compilò due rapporti, rispettivamente in data 8 gennaio 1840 e 20 gennaio 1840, diretti al Ministro Segretario di Stato degli Affari Interni Nicola Santangelo, e una relazione diretta all Intendente 6 - Leonardo Cera nacque a San Marco in Lamis il 25 maggio A soli 23 anni fu laureato Protomedico nella R. Università di Napoli. Esercitò per breve tempo la professione di medico, poiché la sua vera passione erano gli studi geologici che lo portarono a scandagliare il territorio garganico alla ricerca di giacimenti di marmi ed alabastri. Le sue scoperte provocavano il R. Rescritto 17 luglio 1839, che chiamava il Professore di geologia e mineralogia Leopoldo Pilla a verificarle tanto nella quantità, che nella qualità. Il Gargano. Illustrazione geologica... cit., pp Cfr., ad esempio, REALE SOCIETA ECONOMICA DI CAPITANATA, Foggia, Indicazione de prodotti industriali e naturali che d appresso ai ministeriali provvedimenti del sig. Direttore del Ministero e Real segreteria di Stato dell'interno si sono raccolti in Capitanata ordinati e spediti dalla Reale Società Economica della Provincia per la solenne mostra industriale che sarà celebrata in Napoli nel 30 maggio 1853, Foggia, 1853, pp Questo l elenco dei saggi che ci riguarda:... tre pezzi di Alabastro che s incontra nelle montagne addomandate Strascino e Meliscio nel tenimento di S. Marco in Lamis - Tre saggi di Marmi fiorati, le cui masse stanno nel luogo detto la Civita - Un pezzo di Breccia mendolata nera, che trovasi a Lamapuzzo - Un pezzo di Rosso ordinario del Calderoso - Un pezzo di Marmo amendolato rosa della località prossima a S. Matteo - Marmo breccia di Francia alle Croci presso S. Marco - Due pezzi di Marmo giallo, ed un altro Travertino della Valle del Volture. Tutti luoghi del suddetto tenimento di S. Marco. Un pezzo di Rosso antico - Falde di Montecalvo tra S. Marco e S. Giovanni. Breccia persichina alle falde di Castelpagano in tenimento di Apricena - Bardiglio in S. Giovanni in Piano del tenimento medesimo, due pezzi. Due pezzi lavorati ed uno grezzo di Marmo nero, che sta abbondevolmente alla Torre di Fortore nel tenimento di Lesina; nel qual luogo s incontra la Lavagna di cui si mandan pure due pezzi. Due tronchi di stalattiti della Grotta di Montenero in tenimento di S. Marco in Lamis. Più o meno le stesse notizie sono riportate negli ANNALI CIVILI, Napoli, vol. L, pp , nell articolo intitolato Della solenne pubblica esposizione di arti e manifatture del

4 di Capitanata, Gaetano Lotti, datata 29 gennaio 1840 e letta in una tornata straordinaria della Società Economica di Capitanata 8. In questa peregrinazione geologica sul Gargano, Leopoldo Pilla è accompagnato dal russo conte Pierre de Tchihatchev che con lui divideva l amore passionatissimo per la scienza geologica 9. La prima osservazione, che Pilla registra, è quella sulla composizione delle falde del promontorio che guardano a scirocco, formate da calcare terroso, a grana grossolana: si tratta del tufo che, tagliato in forma di piccoli parallelepipedi, viene adoperato per uso di costruttura nella maggior parte dei paesi della Daunia 10. Ma ecco, appena inerpicatosi per le balze del Gargano, un vasto altopiano denominato Calderoso, dove il geologo ha la possibilità di ammirare il più bel marmo brecciato che avesse visto fino ad allora. E, da questo luogo furono cavati i marmi brecciati, de quali molto uso si fece nell edificio della Reggia di Caserta, e la cava tuttora esiste e si addimanda la Cava del Re 11. Su questa cava l ing. Paltrinieri stende una lunga nota, dopo che nella precedente aveva fatto rilevare che i marmi del Calderoso erano stati fatti osservare dal valoroso artista della capitale di Ricca 12, per spiegarne anche la denominazione. Per la costruzione della vanvitelliana opera fu commissionata all ing. Giuseppe Canard la scelta dei marmi nel regno e da documenti, forniti di Chirografo in idioma Spagnuolo di Re Carlo III, si attingono notizie circa l impiego di marmi estratti dal giacimento del 8 - Per completezza di informazione segnaliamo anche un rapporto che lo studioso di Venafro compilò sul combustibile fossile di Alberona, contenuto nello stesso numero del GIORNALE DEGLI ATTI DELLA REALE SOCIETA ECONOMICA DI CAPI- TANATA, vol. V, Napoli, , pp Pierre de Tchihatchev, geologo russo, dal viaggio nell Italia del Sud compiuto nel 1840, come testimonia il Pilla, ha tratto un volumetto scientifico intitolato Coup d oeil sur la constitution géologique des Provinces méridionales du Royaume de Naples, suivi de quelques notions sur Nice et ses environs, Berlino, La parte che riguarda il Gargano, in più punti coincidente con le relazioni del Pilla, e non poteva essere diversamente, è stata tradotta da Giovanni Dotoli ed è contenuta nel volume di G. CIOFFARI, Viaggiatori russi in Puglia dal 600 al primo 900, Fasano, 1991, pp Il Gargano... cit., p Il Gargano... cit., p Il Gargano... cit., p

5 Calderoso, che non si limitò esclusivamente alla Reggia di Caserta: infatti, anche per la costruzione del nuovo braccio del R. Palazzo di Napoli furono impiegati marmi brecciati del Calderoso e di Lamapuzza e, come notato anche dal Galanti, dal Manicone e dal Fraccacreta, dalla stessa cava provengono marmi che si trovano nel Museo di Portici. Da un marmo della Cava del Re, dimenticato nel porto di Manfredonia da quando Carlo III richiese dei campioni, il tagliapietre Raffaele Petrino, vivente all epoca dell incarico dell ing. Paltrinieri, costruì, su commissione municipale, le vasche del pubblico Giardino di Foggia, mentre nella chiesa di San Pasquale, nel 1821, lo stesso Petrino costruiva l altare maggiore, i due gradini che portano i candelieri e l altare dedicato a S. Lorenzo sempre con materiali della Cava del Re, da cui provengono anche quelli usati per le vasche dell acquasanta della chiesa di S. Gaetano, per il battistero e per le vasche dell acquasanta della chiesa parrocchiale di S. Tommaso Apostolo. E ancora: a Bovino, sempre il Petrino, utilizzò marmi garganici per il pavimento della chiesa dell Annunziata; i due pilastri che, a Foggia, si trovano davanti all ingresso del palazzo dei fratelli D Andreani sono del Calderoso, mentre da Castelpagano, oltre che dalla Cava del Re, provengono i pilastri del pozzo rotondo di fronte al municipio di Foggia; inoltre, Luigi Ragucci, nell opera Principii di pratica e di Architettura, stampata a Napoli nel 1859, attesta che il pavimento della chiesa di S. Carlo all Arena è lastricato di marmi provenienti dal Gargano Cfr. G. M. GALANTI, Della descrizione geografica e politica delle Sicilie, a cura di Franca Assante e Domenico Demarco, vol. I, Napoli, 1969, pp (In realtà in questo testo il Galanti si limita a un generico accenno ai marmi del Gargano, mentre non siamo riusciti a reperire il riferimento fatto dal Paltrinieri); M. MANICONE, La Fisica Appula, tomo 1, Napoli, 1806, pp ; M. FRACCACRETA, Teatro topografico storico-poetico della Capitanata e degli altri luoghi più memorabili, e limitrofi della Puglia, tomo II, Napoli, 1832, p L ing. Paltrinieri non risparmia notizie circa l utilizzo di marmi garganici in monumenti ed edifici con l evidente scopo di convincere il Comitato Promotore alla intrapresa economia e, perciò, non si preoccupa di verificarne la fondatezza e la rispondenza alla realtà. Tali notizie, quindi, non sempre sono attendibili: ad esempio, egli afferma che l altare maggiore del Convento di S. Matteo è una ricca esposizione dei marmi ed alabastri garganici nuovi del tutto all arte, e di un prezzo incognito al commercio, così come sarebbero del Gargano i marmi lavorati che si rilevano nella Chiesa di S. Antonio Abate e nella Chiesa delle Grazie di San Marco in Lamis. Ora, su queste notizie non esistono riscontri, mentre Paltrinieri 373

6 Dal Calderoso il Pilla si sposta verso il centro abitato di San Marco in Lamis, attraverso la Valle del Volture 15, e nelle coste dei monti a Nord del paese, in località Strascino e Meliscio, si trovano alcuni degli alabastri fatti estrarre da Leonardo Cera a sue spese che pure andranno ad abbellire la Reggia di Caserta, mentre da un masso cavato dal monte Strascino lo scultore Ricca, prima citato, ricaverà una Sfinge portante una vasca del diametro di un metro, venduta a Napoli per oltre lire 16 Interrotte dalla molta neve e dal tempo cattivissimo, le osservazioni del Pilla riprendono, con la compagnia del Cera, di nuovo dalla Valle del Volture dove è possibile osservare un marmo assai simile al cosiddetti giallo di Siena, mentre in località Durante vi sono ammassamenti di marmo che rassomigliano alla cosiddetta breccia coralina di color rosso carmino e di marmo fiorito di color rosso di rosa con punteggiature brune. Percorrendo, poi, la Valle di Stignano, in contrada Piano de Pastini vi è dell alabastro bianco e nelle vicinanze del monastero un bel palombino di color ceroide. Alle falde di Castelpagano, in tenimento di Apricena, si trova un altra cava da cui l ing. Canard attinse per l incarico ricevuto da Carlo III di reperimento di marmi per la Reggia di Caserta ed altre opere 17. è credibile quando afferma che le pietraie di San Giovanni in Pane [Piano], di San Nicandro, d Ischitella e di Monteguti e Monte Pucci somministrano bellissime lastre lavorate da Mastri scalpellini, [che] si adoperano per lastrico di pubbliche strade, o per gradini, cornici, davanzali e balconi. Cfr. Il Gargano... cit., pp. 26, Pilla italianizza il toponimo Vadda de Veture. Proprio in questa località, che è anche un sito archeologicamente rilevante, con dubbi passaggi burocratico-amministrativi, è stata aperta di recente una cava Il Gargano... cit., p In una delle tante note al testo di Pilla, a conferma della ricchezza e dell ottima qualità dei marmi della zona, l ing. Paltrinieri riporta questo brano tratto dal vol. VIII, dove si parla della Reggia di Caserta, dell opera di GIUSEPPE SIGISMONDI, Descrizione della città di Napoli e suoi borghi: Il vestibolo superiore ove conduce questa scala, è ottagono, è circondato da 24 colonne di 18 piedi romani d altezza e di un solo pezzo di marmo che viene da Apricena nelle Puglie. Il Paltrinieri poi aggiunge: In una delle colonne dell atrio della Cappella della Reggia suddetta, le quali sono di marmo proveniente dal Gargano, si rileva fatta dalla natura (cosa che sorprende!) l intiera figura di un Cappuccino col suo mantello. Il Gargano... cit., p

7 Ma è verso Poggio Imperiale, e soprattutto nella collina di S. Giovanni in Pane, che il calcare si converte in un bel marmo bardiglio di cui la tradizione vuole che siano i due leoni che sono all ingresso dello scalone della Reggia di Caserta. Spostandosi verso Lesina, presso la torre Fortore, Pilla incontra le cosiddette Pietre Nere, mentre nei pressi della Torre di Miletto si imbatte in giacimenti di marmo palombino e, nei pressi di Cala Roscia, di marmo di color rosso vivo. Ed a Cala Roscia terminano le osservazioni del Pilla sopra i marmi garganici, poiché in tutto il rimanente di quel montuoso promontorio mancano al tutto pietre di questa natura perché differente è la sua geologica struttura 18. E sulla struttura geologica del Gargano verte la relazione, datata 20 gennaio 1840, diretta all intendente Gaetano Lotti, che si occupa dell intero promontorio e delle Isole Tremiti, di sicuro interesse per la storia naturale, in quanto vi si registrano, oltre che osservazioni sulle stratificazioni e sulla conformazione del terreno, rinvenimenti di fossili che permettono di risalire ad ere geologiche. Il 1 febbraio 1840, il ministro Nicola Santangelo fa pervenire all intendente Lotti le sue risoluzioni sui rapporti del geologo che prevedono un compenso per il Pilla stesso e per Leonardo Cera che potrebbe ricavarsi da quanto i comuni otterrebbero dagli estagli locativi, dalle concessioni per l estrazione di marmi rilasciate ad imprenditori sotto la direzione di un ingegnere provinciale e con l ausilio di giornaliero de naturali del Gargano. Insomma una raccomandazione cui tenderà l orecchio Francesco Della Martora ma che resta inascoltata da altri, anche perché paternalistica e poco convinta, fino a quando il Paltrinieri non rassicurerà il comitato promotore di Firenze circa l attendibilità dei rapporti del Pilla, ma siamo già in periodo postunitario. Per verificare la fattibilità del progetto, il comitato stabilisce contatti, attraverso la sottoprefettura di San Severo, con Francesco Centola, sindaco di San Marco in Lamis, e con Michele Zaccagnino, sindaco di Apricena, che, rispettivamente in data 22 e 25 maggio 1867, manifestano con missive al rappresentante della società la soddisfazio Il Gargano... cit., p

8 ne e le attese delle popolazioni che finalmente troveranno lavoro e pane 19. Al termine, poi, dei rilevamenti e dei riscontri del Paltrinieri, gli stessi sindaci gli rilasceranno un attestato per certificare che effettivamente si è recato sui luoghi indicati dal Cera e studiati dal Pilla e che ha svolto il suo incarico con zelo ed energia. Tutto è pronto, quindi, per concludere i contratti con i due comuni. Quali sviluppi abbia avuto la vicenda per Apricena è sotto gli occhi di tutti, anche se comunque sarebbe interessante individuare fasi e protagonisti di uno sviluppo economico basato in buona parte sulla estrazione e lavorazione di una pietra che oramai è tutelata da un marchio di qualità; per San Marco, invece, le cose andarono diversamente. Stabiliti, come si è visto, i contatti tra il comune e la società fiorentina, il 23 aprile 1868 il consiglio comunale di San Marco in Lamis si riunisce per deliberare intorno alla tanto questionata impresa di Marmi e Alabastri del Gargano 20. La relazione introduttiva viene tenuta dal sindaco dott. Giuseppe Tardio, che sottolinea l importanza dell affare sotto il duplice aspetto morale e materiale, ché li preziosi minerali celati nelle viscere del Monte Gargano saranno sorgente inesauribile d industria e commercio e quindi di ricchezza pubblica, e l industria e commercio sono i fattori principali della civilizzazione di un Popolo. Sicché puossi dire senza jattanza od ostentazione di sorta, che l attuazione di tanta impresa, importante come essa è dal lato industriale commerciale, sin dai primordi della scoverta dei Marmi fatta dal benemerito Cittadino Signor Leonardo Cera e massime dietro i dettagliati e profondi studi del Dottissimo Leopoldo Pilla, divenne l unica aspirazione dei naturali di Sammarco in Lamis - aspirazione non compresa [ ] per causa dei 19 - Come attesta una fitta corrispondenza, un ruolo di primo piano nella vicenda lo ebbero Vincenzo D Ambrosio, domiciliato a San Severo, che sarà socio fondatore della società costituitasi a Firenze, e Giuseppe Tardio, sindaco di San Marco in Lamis, succeduto a Francesco Centola. Cfr. ARCHIVIO PRIVATO DI TOMMASO NARDELLA (d ora in poi A.P.T.N.), Carteggi di Giuseppe Tardio ARCHIVIO COMUNALE DI SAN MARCO IN LAMIS (d ora in poi A.C.S.M.L.), Registri delle deliberazioni del Consiglio Comunale. Successivamente, il 9 maggio 1868, con altra deliberazione il consiglio comunale perfeziona le clausole del contratto. 376

9 tempi e per la mancanza dello spirito di associazione nelle nostre Provincie. [... ] Ora che (fortuna per noi) un gruppo di uomini rispettabili per probità, sapere e buona volontà si è costituito in Comitato Promotore in Firenze con atto notarile del dì 14 dicembre 1867 onde creare una società Anonima sotto il titolo - Gargano, e ci mette sott occhi un progetto col quale tradurre in atto l aspirazione del popolo Sammarchese: escavare i marmi ed esportarli, prego il Consiglio di esaminare seriamente detto progetto prima di pronunciarsi trattandosi di un affare che si può dire il più vitale per l avvenire del nostro Paese. Prima di passare alla discussione ed all approvazione, poi, il Tardio dà lettura di una lettera del nostro bravissimo Sig. Cassitto 21 Prefetto di Massa e Carrara, diretta all onorevole Sig. D Ambrosio, che, per la sua autorevolezza, il Tardio ritiene debba allegarsi alla deliberazione. Il consiglio comunale, dopo aver, tra l altro, fatto rilevare che nell attuazione di detta impresa trova pane e lavoro la Classe degli Operai, deliberò all unanimità di revocare ogni antecedente deliberazione sull obietto e di porre, nel contratto da stipulare con la società di Firenze, determinati patti: a) la concessione per l escavazione ri La lettera di Raffaele Cassitto è datata 1 aprile 1868 ed è allegata al contratto che successivamente sarà stipulato. In essa il Prefetto di Massa Carrara fornisce alcuni dati del più importante centro italiano di estrazione e lavorazione di marmi: vi sono impiegati ottimila addetti ed operano circa 140 studi di scultura ed ornato. ARCHIVIO NOTARILE DI FOGGIA, Atti del Notar Giambattista Franco. Raffaele Cassitto nacque a Lucera il 15 settembre 1803 da Francesco Paolo, celebra avvocato, e da Irene Gasparri. Sulle orme del padre, intraprese la carriera forense a Lucera ma fu costretto a ritirarsi per qualche tempo ad Alberona per le condanne e per le multe, che lo costrinsero alla svendita del suo patrimonio, inflitte al padre e ad altri congiunti per motivi politici dal regime borbonico. Ed è durante tale soggiorno, quasi obbligato, che si dedica a studi di mineralogia e geologia che gli valsero l alta rincuorante estimazione e una visita del celebre naturalista molisano Leopoldo Pilla. Entrò, poi, nell amministrazione del Ministero dell Interno e, l indomani dell Unità, fu promosso alla carica di Governatore di Reggio Calabria. In seguito, sarà prefetto a Noto, Pesaro, Grosseto e Massa Carrara. Il 9 novembre 1872 fu nominato senatore, il primo della Capitanata. Si spense, dopo breve tempo, a Portici il 4 dicembre Cfr. G. GIFUNI, Profili e scorci di storia, Napoli, 1942, pp

10 guardava tutto il territorio comunale 22, ad eccezione di fondi sativi, sia pure di proprietà comunale, in possesso di cittadini; b) la concessione veniva qualificata enfiteutica ed aveva la durata di cinquanta anni; c) regolamentava la costruzione e l uso di strade; d) per ogni metro cubo di marmo grezzo la società avrebbe pagato dieci lire italiane, dopo averlo esportato (i primi duecento metri cubi erano concessi gratuitamente quali saggi); e) il municipio avrebbe avuto cento metri di marmi ed alabastri gratuitamente sulle cave, salvo le spese di trasporto e senza pregiudizio per i diritti del vescovo della diocesi previsti dalla Ministeriale del 1860; f) il salario degli operai, da scegliersi tra i naturali del luogo, non doveva essere inferiore a quello corrisposto abitualmente nella località; g) i lavori dovevano iniziare non oltre sei mesi dalla stipula del contratto senza interruzione e la società doveva tenere sui lavori non meno di venti operai al giorno ; un interruzione di oltre 15 giorni comportava lo scioglimento del contratto; h) in caso di inadempienza sui tempi da parte della società, il comune sarebbe rientrato nel pieno possesso del territorio; i) dopo cinquanta anni la società avrebbe potuto abbandonare l impresa senza penalità ed esportare quanto già estratto; l) altri minerali, oltre marmi e alabastri, erano comunque di proprietà comunale; m) la società si impegnava a dare gratuitamente agli eredi di Leonardo Cera venticinque azioni nominali; n) la cessione a terzi non variava i termini del contratto. Altre clausole riguardavano le spese e le modalità di stipula del contratto. Sottoscritto l atto, tutto sembrava volgere per il meglio e, finalmente, la popolazione di San Marco in Lamis avrebbe potuto, dopo gli anni terribili del brigantaggio, imboccare la strada dello sviluppo economico con le necessarie e benefiche conseguenze sul piano sociale e civile. E, in effetti, questo sogno doveva entusiasticamente essere accarezzato e ritenuto realizzabile da molti dal momento che all impresa per l estrazione e la lavorazione dei marmi si affiancò una iniziativa 22 - Al contratto è allegato un quadro sinottico dei territori che ricadono in questa clausola. Le località interessate sono: Piscina Re, Montenero, Coppa di Mezzo, Coppa Ferrara, Cardinale, Stazzo, Monte di Mezzo, Valle Larga, Sambuchello, Lagorosso, Cerasa, Difensola, Calderoso, Schiavonesche, Casarinelli, Valle di Volture, Faranello e Farannone. Si tratta, solo per i terreni non sativi, esclusi quelli sempre di proprietà comunale ma dati in diverso modo in concessione, di ben oltre ettari. Tanto rende l idea, tra l altro, dell ingente quantità di territorio di proprietà pubblica che mano mano verrà usurpato. 378

11 per la costruzione di una ferrovia garganica. Intestata a G. Piceni, uno dei primi soci, come si è visto, del comitato promotore, si costituì una ditta, anch essa rappresentata in loco dall ing. Paltrinieri, che, a mente del Decreto del Ministero dei Lavori Pubblici datato 19 febb. 1869, ebbe la concessione di studi per una Ferrovia Garganica. Il comune di San Marco in Lamis deliberò subito per concorrere alle spese occorrenti per tale progetto 23. Ma tanto entusiasmo e tanto fervore di iniziative ben presto si raffreddarono ed insorsero i primi contrasti tra il comune e l impresa fiorentina. In data 3 luglio 1869, ad esempio, già il cav. Bava, a nome di quella che oramai era diventata la Società Italiana Gargano per la Estrazione ed Esportazione dei Marmi, Breccie ed Alabastri della Capitanata, scrive al sindaco di San Marco in Lamis per lamentare la non completa disponibilità della Difesa S. Matteo 24. Molto probabilmente, i contrasti si acuirono man mano fino al punto che il 7 dicembre 1873 il consiglio comunale decide di intraprendere una azione legale contro la Società Anonima Gargano che sfociasse nella risoluzione del contratto per la trasgressione alle condizioni principali in esso previste. In altri termini il comune denunciava la inoperosità dell impresa e la violazione della clausola riguardante le interruzioni dell attività estrattiva, che naturalmente comportava il mancato impiego di operai ed il mancato introito nelle casse municipali di quanto stabilito per ogni metro cubo di marmo estratto. Inoltre, il comune lamentava la sottrazione del marmo estratto ad ogni controllo ed il suo trasporto in altri luoghi senza pagare quanto dovuto 25. Contro tale deliberazione consiliare, il cav. Bava propose alla deputazione provinciale, che esercitava il controllo sugli atti, un esposto che venne inviato al consesso sammarchese per le proprie deduzioni. Il 10 febbraio 1874 l assemblea cittadina si riunisce e conferma la propria volontà, pregando la deputazione provinciale di approvare il precedente deliberato, dopo un ampia relazione che viene svolta dal 23 - Cfr. A.P.T.N., Carteggi di Giuseppe Tardio. In una lettera della Ditta G. Piceni e C. al Tardio, allora sindaco, datata 4 settembre 1869, si parla della convocazione di una riunione con tecnici, da tenersi a Foggia, per meglio definire la questione A.P.T.N., Carteggi di Giuseppe Tardio Cfr. A.C.S.M.L., Registri delle deliberazioni del Consiglio Comunale. 379

12 sindaco Giovanni Villani. Dalle argomentazioni di quest ultimo si desume che la società fiorentina giustificava la propria condotta con la scarsità di materiale, contrariamente a quanto il clamore provocato dai rinvenimenti di Leonardo Cera, l invio a mostre ed esposizioni anche internazionali, nonché le relazioni del Pilla avevano fatto presumere 26. Dall intervento, poi, si evince che l amministrazione del Villani prende le distanze dai sindaci Centola e Tardio, che non avevano fornito le mappe catastali richieste, ma che erano gli identici soggetti che per buona ventura erano alle vivide pratiche del Paltrinieri. La società, tra l altro, lamentava l impedimento da parte del guardiano di Freda e dei guardaboschi della Difesa di S. Matteo dell accesso ai fondi dati in concessione. A queste e ad altre accuse, il sindaco controbatte con accuse altrettanto dure e precise, mantenendo ferma la determinazione per la rescissione del contratto. Di fronte a tanta ostinazione, intervennero, per mitigare le posizioni, le autorità amministrative e di governo superiori. Il giorno 9 marzo 1874, infatti, con la mediazione della sottoprefettura, si tiene un incontro a San Severo tra il sindaco Villani ed i rappresentanti della società, D Ambrosio e Bava, e si conchiude che la vertenza potrebbe essere conciliata, tra l altro, a condizione che il rappresentante della società elegga il proprio domicilio legale nel comune e che l opificio del lavoro dei marmi sia stabilito nel territorio comunale, e non a San Severo come era già avvenuto, in una località a scelta della società stessa, escludendo il convento di San Matteo su cui precedentemente erano state avanzate proposte 27. Tentativo inutile, anche questo, di ripristinare un contratto che non si sapeva più neanche da chi dovesse essere rispettato, dal momento che il 2 ottobre 1881, sempre il sindaco Villani mette in discussione l esistenza stessa della società per l escavazione dei marmi, la quale non ha mai seriamente perseguito gli scopi per i quali si era costituita 26 - A.C.S.M.L., Registri delle deliberazioni del Consiglio Comunale. Un passaggio interessante del discorso del Villani è quello riguardante l accusa secondo cui il municipio era stato inadempiente, all indomani dell Unità, nel non pubblicizzare adeguatamente la possibilità di una simile attività economica. Nel 1860, dice il Villani, eravi ben altro pensiero, ed il riferimento al brigantaggio è più che evidente A.C.S.M.L., Registri delle deliberazioni del Consiglio Comunale, Verbale della seduta del 16 aprile

13 e, pertanto, senza più mezzi termini, invoca lo scioglimento del contratto, facultandosi il Sindaco ad adire la giustizia 28. Sfumava così, e veniva rimosso completamente dall interesse dei singoli e della collettività, un tentativo di valorizzazione economica di parte del territorio garganico, che, al di là di ogni possibile critica, esprime tuttavia la volontà, sia pure di pochi lungimiranti, di unire al nuovo corso politico, l Unità d Italia, un diverso sviluppo che, utilizzando le risorse del luogo, favorisse una aperta e moderna mentalità imprenditoriale. Secondo Michele Vocino l impresa fallì per la deficienza dei mezzi di trasporto e, perciò, per la carenza di infrastrutture diremmo oggi, mentre secondo M. Pescatore essa dovè morire in sul nascere per quel fatale abbandono che pesa su tutte le cose del Mezzogiorno 29. Ambedue colgono aspetti importanti delle ragioni che non hanno consentito una trasformazione economica delle regioni meridionali; ambedue, però, indulgono verso un atteggiamento di rassegnazione che ancor oggi è duro a morire. E, forse, proprio la riflessione su occasioni mancate, o ritardate nel tempo, di decollo produttivo, che avrebbe senz altro indotto anche un ben diverso livello di maturità civile e sociale, deve spingere ad una cultura del territorio meno improvvisata, meno gridata e maggiormente orientata verso la concreta ed intelligente tutela e valorizzazione di questa risorsa in tutte le possibili direzioni che dovessero prospettarsi e che bisogna percorrere con inventiva e capacità di intrapresa A.C.S.M.L., Registri delle deliberazioni del Consiglio Comunale Cfr. M. VOCINO, Lo Sperone d'italia. Roma, 1914, p. 233; M. PESCATORE, Il Tavoliere... cit., p

14

C O M U N E D I M O N T E V A G O PROVINCIA DI AGRIGENTO

C O M U N E D I M O N T E V A G O PROVINCIA DI AGRIGENTO Città Termale C O M U N E D I M O N T E V A G O PROVINCIA DI AGRIGENTO Originale di Deliberazione del Consiglio Comunale N 79 del Registro Delibere Data 06.11.2009 OGGETTO: Parco Eolico ed energie alternative.

Dettagli

NOVE DA FIRENZE. L evoluzione della cartografia militare dai Lorena ai Savoia

NOVE DA FIRENZE. L evoluzione della cartografia militare dai Lorena ai Savoia NOVE DA FIRENZE www.nove.firenze.it http://www.nove.firenze.it/levoluzione-della-cartografia-militare-dai-lorena-ai-savoia.htm L evoluzione della cartografia militare dai Lorena ai Savoia sabato 07 novembre

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE Contabilità generale CONTABILITA GENERALE Sono raccolte in questa serie tutte le carte relative alla contabilità generale: bilanci, contabilità e riepilogativi, mastri e mastrini, libri di cassa, rapporti

Dettagli

IL COLLEGIO DI MILANO. - Prof.ssa Antonella Maria Sciarrone Alibrandi Membro designato dalla Banca d'italia

IL COLLEGIO DI MILANO. - Prof.ssa Antonella Maria Sciarrone Alibrandi Membro designato dalla Banca d'italia IL COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: - Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente - Prof.ssa Antonella Maria Sciarrone Alibrandi Membro designato dalla Banca d'italia - Prof. Avv. Emanuele Cesare Lucchini

Dettagli

VILLA ANGELICA. (Palazzo Salvatore) di Natale Palomba

VILLA ANGELICA. (Palazzo Salvatore) di Natale Palomba VILLA ANGELICA (Palazzo Salvatore) di Natale Palomba La villa Angelica, utilizzata da lord Hamilton per le sue escursioni sul Vesuvio, si trova tra Torre del Greco e Torre Annunziata, al numero civico

Dettagli

30 Ottobre 2009. Rassegna Stampa. a cura dell Infopoint del Consiglio Regionale della Puglia

30 Ottobre 2009. Rassegna Stampa. a cura dell Infopoint del Consiglio Regionale della Puglia 30 Ottobre 2009 Rassegna Stampa a cura dell Infopoint del Consiglio Regionale della Puglia 4 Novembre 2009 Estratto da pag. 11 2 Novembre 2009 Estratto da www.puglialibre.it Q U A T T R O L I B R I D E

Dettagli

MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA

MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA Comitato Regionale per le Celebrazioni del 1 Centenario della morte di Aristide Naccari Fondazione Santi Felice e Fortunato Diocesi di Chioggia (VE) MUSEO DIOCESANO D ARTE SACRA DI CHIOGGIA (2014-2015)

Dettagli

CELOMMI RAFFAELLO (1881-1957) Pittore

CELOMMI RAFFAELLO (1881-1957) Pittore CELOMMI RAFFAELLO (1881-1957) Pittore Fra le mostruosità dell arte d avanguardia spiccava, come un miracolo, un quadro d eccezione, una marina; la firma era di Raffaello Celommi un abruzzese noto agli

Dettagli

Tracce Prove Scritte. Concorso Notarile 2014. www.notaio.org

Tracce Prove Scritte. Concorso Notarile 2014. www.notaio.org www.notaio.org Tracce Prove Scritte Concorso Notarile 2014 www.notaio.org Atto inter vivos - Diritto Commerciale L Assemblea dei soci della Alfa S.p.a., con sede in Roma in Piazza di Spagna n. 1, ha deliberato

Dettagli

Tirano e il monumento provinciale di Sondrio ai Caduti per l Indipendenza

Tirano e il monumento provinciale di Sondrio ai Caduti per l Indipendenza Università della Terza Età UNITRE UNIVERSITÀ DELLE TRE ETÀ Anno accademico 2011-2012 - Lezione di martedì 8 novembre 2011 Bruno Ciapponi Landi Vicepresidente della Società Storica Valtellinese Tirano e

Dettagli

CONFERENZA NAZIONALE FEDERCULTURE Le città della cultura

CONFERENZA NAZIONALE FEDERCULTURE Le città della cultura CONFERENZA NAZIONALE FEDERCULTURE Le città della cultura Il valore economico della cultura: come reinvestire l indotto generato dalla produzione culturale Intervento del Sindaco di Siena Franco Ceccuzzi

Dettagli

Lecce: frammenti di storia urbana. Tesori archeologici sotto la Banca d Italia

Lecce: frammenti di storia urbana. Tesori archeologici sotto la Banca d Italia Università degli Studi di Lecce Soprintendenza Archeologica della Puglia Provincia di Lecce Inaugurazione della Mostra Lecce: frammenti di storia urbana. Tesori archeologici sotto la Banca d Italia Intervento

Dettagli

Centro Sportivo Italiano Consiglio Provinciale di Palermo

Centro Sportivo Italiano Consiglio Provinciale di Palermo Centro Sportivo Italiano Consiglio Provinciale di Palermo Verbale N 3 del 10/09/2008 In data 10 settembre 2008 alle ore 16:00 nei locali del Palazzo arcivescovile di Palermo si è riunito la Presidenza

Dettagli

Statuto della Società Dante Alighieri

Statuto della Società Dante Alighieri Eretta Ente Morale con R.Decreto 18 luglio 1893, N.347 Onlus per legge ex Decreto Legge n. 136 del 28 maggio 2004 così come modificato dall allegato alla Legge di conversione del 27 luglio 2004, n.186.

Dettagli

DEL CONSIGLIO COMUNALE

DEL CONSIGLIO COMUNALE COPIA COMUNE DI MONTECATINI VAL DI CECINA PROVINCIA DI PISA -------------- DELIBERAZIONE N. 71 in data: 27.11.2008 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: COMUNICAZIONI DEL SINDACO L anno

Dettagli

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare.

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare. Secondo noi le cose significative della zona archeologica di Villa Clelia sono molte: innanzitutto la cappella di San Cassiano, di cui oggi restano solo le fondamenta in sassi arrotondati, di forma quadrata.

Dettagli

MISERICORDIA RIVOLTO AGLI STUDENTI DEI LICEI ARTISTICI, DEGLI ISTITUTI D' ARTE E DELLE ACCADEMIE DI BELLE ARTI ANNO 2015/2016 BANDO DI CONCORSO

MISERICORDIA RIVOLTO AGLI STUDENTI DEI LICEI ARTISTICI, DEGLI ISTITUTI D' ARTE E DELLE ACCADEMIE DI BELLE ARTI ANNO 2015/2016 BANDO DI CONCORSO CONCORSO RAFFAELLO CONSORTINI MISERICORDIA RIVOLTO AGLI STUDENTI DEI LICEI ARTISTICI, DEGLI ISTITUTI D' ARTE E DELLE ACCADEMIE DI BELLE ARTI ANNO 2015/2016 BANDO DI CONCORSO Una scultura per celebrare

Dettagli

PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE

PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA Doc. XXII n. 21 PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE d iniziativa dei senatori PONTONE e FLORINO COMUNICATA ALLA PRESIDENZA IL 17 OTTOBRE 2003 Istituzione di una Commissione

Dettagli

ITINERARI IGNAZIANI A ROMA. 8. Luoghi legati alla Compagnia di Gesù in tempi posteriori a sant Ignazio

ITINERARI IGNAZIANI A ROMA. 8. Luoghi legati alla Compagnia di Gesù in tempi posteriori a sant Ignazio ITINERARI IGNAZIANI A ROMA Cf. A.M. De Aldama sj, Roma ignaziana. Sulle orme di sant Ignazio di Loyola, Piemme, Casale Monferrato 1990 Paolo Monaco sj www.raggionline.com 8. Luoghi legati alla Compagnia

Dettagli

Decisione N. 6730 del 20 dicembre 2013

Decisione N. 6730 del 20 dicembre 2013 IL COLLEGIO DI ROMA composto dai Signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente Avv. Bruno De Carolis Dott.ssa Claudia Rossi Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia Prof.

Dettagli

COMUNE DI FIRENZE DIREZIONE PATRIMONIO IMMOBILIARE BANDO PUBBLICO IL DIRETTORE

COMUNE DI FIRENZE DIREZIONE PATRIMONIO IMMOBILIARE BANDO PUBBLICO IL DIRETTORE COMUNE DI FIRENZE DIREZIONE PATRIMONIO IMMOBILIARE BANDO PUBBLICO IL DIRETTORE VISTO il Decreto n. 4114 del 25 luglio 2005 con il quale il Dirigente della Direzione Generale Politiche Territoriali e Ambientali

Dettagli

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA

GENNAIO CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL CGIL SIENA. Giuseppe Di Vittorio 1954 MARTEDÌ MERCOLEDÌ GIOVEDÌ VENERDÌ DOMENICA GENNAIO 1 17 2 3 18 19 4 20 5 6 21 22 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 23 24 25 26 27 28 29 30 31 Vedo davanti a me tante facce, vedo dei neri,...dei bianchi, dei gialli, dei mezzi neri come me, ma tutti insieme,

Dettagli

COSTITUZIONE DEL CONSORZIO DI GARANZIA FIDI REGGIO EMILIA COFIRE CON SEDE IN REGGIO EMILIA. PATTI CONSORTILI ARTICOLO 1 Denominazione e sede

COSTITUZIONE DEL CONSORZIO DI GARANZIA FIDI REGGIO EMILIA COFIRE CON SEDE IN REGGIO EMILIA. PATTI CONSORTILI ARTICOLO 1 Denominazione e sede COSTITUZIONE DEL CONSORZIO DI GARANZIA FIDI REGGIO EMILIA COFIRE CON SEDE IN REGGIO EMILIA PATTI CONSORTILI ARTICOLO 1 Denominazione e sede E costituito un Consorzio di garanzia collettiva fra le imprese

Dettagli

(Reggio Calabria) (da copia trascritta del 3 ottobre 1843) C A S E R T A D. G. V. D. G. V. Documento conservato presso:

(Reggio Calabria) (da copia trascritta del 3 ottobre 1843) C A S E R T A D. G. V. D. G. V. Documento conservato presso: ATTO NOTARILE DI RICONOSCIMENTO - Benificio di S. Antonio Abate - Montebello Ionico (Reggio Calabria) 15 settembre 1730 (da copia trascritta del 3 ottobre 1843) C A S E R T A D. G. V. D. G. V. COPIA TRASCRITTA

Dettagli

LA PICCOLA BASILICATA GIOCA LA CARTA DELL INNOVAZIONE

LA PICCOLA BASILICATA GIOCA LA CARTA DELL INNOVAZIONE L intervista LA PICCOLA BASILICATA GIOCA LA CARTA DELL INNOVAZIONE IL PRESIDENTE DELLA REGIONE, VITO DE FILIPPO, SPIEGA LE RAGIONI CHE HANNO SPINTO IL GOVERNO REGIONALE A PROMUOVERE UNA LEGGE PER IL SOSTEGNO

Dettagli

VILLA PAGANINI NO all omertà, SÌ alla memoria

VILLA PAGANINI NO all omertà, SÌ alla memoria VILLA PAGANINI NO all omertà, SÌ alla memoria LICEO GIULIO CESARE 7.03.2015 GIORNATA CONTRO LA MAFIA IN COLLABORAZIONE CON: LIBERA VILLA PAGANINI Le origini di Villa Paganini sono legate al cardinale Mariano

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MIGLIOLI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MIGLIOLI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3469 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MIGLIOLI Disposizioni per il contrasto della violenza fisica e della persecuzione psicologica

Dettagli

Età pensionabile delle donne nel pubblico impiego. Cosa dice esattamente la sentenza?

Età pensionabile delle donne nel pubblico impiego. Cosa dice esattamente la sentenza? www.osservatorioinca.org APPROFONDIMENTI Dicembre 2008 Età pensionabile delle donne nel pubblico impiego. Cosa dice esattamente la sentenza? È discriminatorio mantenere in vigore un regime pensionistico

Dettagli

STATUTO. della Associazione Polisportiva Dilettantistica CLUB ARIAPERTA

STATUTO. della Associazione Polisportiva Dilettantistica CLUB ARIAPERTA STATUTO della Associazione Polisportiva Dilettantistica CLUB ARIAPERTA TITOLO I Denominazione Sede Art. 1 Nello spirito della Costituzione della Repubblica Italiana ed in ossequio a quanto previsto dagli

Dettagli

unione regionale istituzioni e iniziative pubbliche e private di assistenza agli anziani STATUTO

unione regionale istituzioni e iniziative pubbliche e private di assistenza agli anziani STATUTO unione regionale istituzioni e iniziative pubbliche e private di assistenza agli anziani STATUTO in vigore dal 7 Aprile 2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE Unione Regionale Istituzioni e Iniziative Pubbliche

Dettagli

178 guida all archivio storico del senato

178 guida all archivio storico del senato 177 Real Casa «Gli atti, coi quali si accertano legalmente le nascite, i matrimonii e le morti dei membri della Famiglia reale, sono presentati al Senato, che ne ordina il deposito nei suoi archivii» (art.

Dettagli

Fondazione Deutsche Bank Italia

Fondazione Deutsche Bank Italia Fondazione Deutsche Bank Italia STATUTO Articolo 1 Costituzione Denominazione Sede È costituita una fondazione denominata Fondazione Deutsche Bank Italia, con durata illimitata, avente sede in Milano,

Dettagli

DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA: XXXXXXX XXXXXX /Vodafone Omnitel XX

DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA: XXXXXXX XXXXXX /Vodafone Omnitel XX Oggetto: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA: XXXXXXX XXXXXX /Vodafone Omnitel XX Presenti: SANDRO VANNINI GIANCARLO MAGNI RENATO BURIGANA LETIZIA SALVESTRINI MAURIZIO ZINGONI Presidente Vice Presidente Componente

Dettagli

Il Consiglio Comunale di Seravezza

Il Consiglio Comunale di Seravezza Oggetto: Delibera della Giunta Regione Toscana di Proposta di deliberazione al Consiglio Regionale avente ad oggetto Adozione dell integrazione del PIT con valenza di Piano Paesaggistico - Approvazione

Dettagli

FONDAZIONE CITTA DEL LIBRO

FONDAZIONE CITTA DEL LIBRO S T A T U T O FONDAZIONE CITTA DEL LIBRO ONLUS Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 49 del 2/7/2002 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 21 del 21/3/2006 Statuto della

Dettagli

DELIBERAZIONE CONSIGLIO COMUNALE. N. 007 del 27.01.2011

DELIBERAZIONE CONSIGLIO COMUNALE. N. 007 del 27.01.2011 Settore 1 Servizi al Cittadino ed Affari Generali Ufficio Segreteria DELIBERAZIONE CONSIGLIO COMUNALE N. 007 del 27.01.2011 Oggetto: Regolamento per l istituzione ed il funzionamento delle consulte dell

Dettagli

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Unesco quando e perché Firenze è la città artistica per eccellenza, patria di molti personaggi che hanno fatto la storia

Dettagli

La Costituzione Italiana per i ragazzi

La Costituzione Italiana per i ragazzi The International Association of Lions Clubs Distretto 108 Ib2 La Costituzione Italiana per i ragazzi www.accademiasantagiulia.it Cari ragazzi, vi domanderete chi sono i Lions e perché distribuiscono opuscoli

Dettagli

I comuni attravero due documenti

I comuni attravero due documenti I comuni attravero due documenti Nel corso dell XI secolo nell Italia del nord e in Europa, gruppi di cittadini o di abitanti del contado danno origine a nuovi ordinamenti giuridici, politici ed economici.

Dettagli

BIBLIOTECA DEL SENATO E MINISTERO DELLA DIFESA: UNA COLLABORAZIONE DECENNALE IN NOME DELLA CULTURA

BIBLIOTECA DEL SENATO E MINISTERO DELLA DIFESA: UNA COLLABORAZIONE DECENNALE IN NOME DELLA CULTURA BIBLIOTECA DEL SENATO E MINISTERO DELLA DIFESA: UNA COLLABORAZIONE DECENNALE IN NOME DELLA CULTURA di Ada Fichera 70 INFORMAZIONI DELLA DIFESA 1/2014 Un antichità avvolgente e un fascino singolare connotano

Dettagli

Capodimonte: primo museo di Napoli

Capodimonte: primo museo di Napoli Capodimonte: primo museo di Napoli Un breve viaggio nel tempo a riscoprire ed a conoscere le origini del primo Museo di Napoli, centro di ricerche per la storia dell arte in città e nel Mezzogiorno, tra

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE NIMBY FORUM - terza edizione ANDARE OLTRE IL GIARDINO INFRASTRUTTURE E CONSENSO PER UNO SVILUPPO DURATURO

CONVEGNO NAZIONALE NIMBY FORUM - terza edizione ANDARE OLTRE IL GIARDINO INFRASTRUTTURE E CONSENSO PER UNO SVILUPPO DURATURO CONVEGNO NAZIONALE NIMBY FORUM - terza edizione ANDARE OLTRE IL GIARDINO INFRASTRUTTURE E CONSENSO PER UNO SVILUPPO DURATURO SINTESI OSSERVATORIO MEDIA NIMBY FORUM - III EDIZIONE Dall analisi dell Osservatorio

Dettagli

La guerra e la bambina 1938-1948

La guerra e la bambina 1938-1948 La guerra e la bambina 1938-1948 Tea Vietti LA GUERRA E LA BAMBINA 1938-1948 racconto Dedico questi appunti di guerra ai miei figli: Antonella e Alberto e ai miei nipoti: Fabio, Luca, e Alessia, perché

Dettagli

Verbale III^ Commissione Consiliare n. 10 del 13/02/2015. L anno duemilaquindici, il giorno 13 del mese di Febbraio, presso la

Verbale III^ Commissione Consiliare n. 10 del 13/02/2015. L anno duemilaquindici, il giorno 13 del mese di Febbraio, presso la Verbale III^ Commissione Consiliare n. 10 del 13/02/2015 L anno duemilaquindici, il giorno 13 del mese di Febbraio, presso la sede Comunale di Palazzo Butera, si è riunita la III^ Commissione Consiliare:

Dettagli

Cardinal Bagnasco sostiene utilizzo combustibile da disarmo nucleare

Cardinal Bagnasco sostiene utilizzo combustibile da disarmo nucleare Cardinal Bagnasco sostiene utilizzo combustibile da disarmo nucleare - 22 febbraio 2011- Il Cardinale Angelo Bagnasco accoglie il Programma Megatons to Development come occasione di sviluppo per l umanità,

Dettagli

Presentazione A bituati oggi alle guide turistiche con belle immagini colorate, dal ricco corredo informativo sia culturale che pratico, ritrovarsi tra le mani questa ristampa anastatica di una guida di

Dettagli

CITTA DI PIAZZA ARMERINA (Provincia Regionale di Enna) Verbale del Registro delle Deliberazioni della Giunta Comunale

CITTA DI PIAZZA ARMERINA (Provincia Regionale di Enna) Verbale del Registro delle Deliberazioni della Giunta Comunale CITTA DI PIAZZA ARMERINA (Provincia Regionale di Enna) Verbale del Registro delle Deliberazioni della Giunta Comunale N. 18 Reg. Data 25/01/2012 Oggetto: Incarico legale all Avv. Dell Utri Massimo per

Dettagli

STATUTO DI SOCIETA' CONSORTILE PER IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI INDUSTRIALI. Denominazione - Oggetto - Sede - Durata. Art. 1

STATUTO DI SOCIETA' CONSORTILE PER IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI INDUSTRIALI. Denominazione - Oggetto - Sede - Durata. Art. 1 STATUTO DI SOCIETA' CONSORTILE PER IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI INDUSTRIALI Denominazione - Oggetto - Sede - Durata Art. 1 E' costituita una Società a responsabilità limitata denominata:...- s.r.l.. Art.

Dettagli

STATUTO Art. 1 - Costituzione e denominazione. Art. 2 - Sede legale. Art. 3 - Oggetto. Art. 4 - Entrate. Art. 5 - Patrimonio.

STATUTO Art. 1 - Costituzione e denominazione. Art. 2 - Sede legale. Art. 3 - Oggetto. Art. 4 - Entrate. Art. 5 - Patrimonio. STATUTO Art. 1 - Costituzione e denominazione. A norma degli articoli 4 e ss. del Codice Civile è costituita la Fondazione denominata Fondazione Studi Oreste Bertucci Art. 2 - Sede legale. La Fondazione

Dettagli

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI La geografia studia le caratteristiche dell ambiente in cui viviamo, cioè la Terra. Per fare questo, il geografo deve studiare: com è fatto il territorio (per esempio se ci

Dettagli

Burchvif - Via Molino Nuovo, 10 28071 Borgolavezzaro (NO) associazione di volontariato ai sensi del decreto P.G.R 13/4/93 n.

Burchvif - Via Molino Nuovo, 10 28071 Borgolavezzaro (NO) associazione di volontariato ai sensi del decreto P.G.R 13/4/93 n. STATUTO Burchvif - Via Molino Nuovo, 10 28071 Borgolavezzaro (NO) associazione di volontariato ai sensi del decreto P.G.R 13/4/93 n.1389 aderisce alla Federazione Nazionale Pro Natura ed a Pro Natura Piemonte

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE PRO-LOCO AIRUNO. Costituzione e scopi. Art.1

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE PRO-LOCO AIRUNO. Costituzione e scopi. Art.1 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE PRO-LOCO AIRUNO Costituzione e scopi Art.1 È costituita con sede in Airuno, P.za Fenaroli, l Associazione denominata Pro loco Airuno. Art. 2 La Pro loco Airuno è un Associazione

Dettagli

STORIA DI UN FATTO MEMORABILE i Trulli di Alberobello Patrimonio Mondiale dell Umanità 6 dic. 1996

STORIA DI UN FATTO MEMORABILE i Trulli di Alberobello Patrimonio Mondiale dell Umanità 6 dic. 1996 STORIA DI UN FATTO MEMORABILE i Trulli di Alberobello Patrimonio Mondiale dell Umanità 6 dic. 1996 La memoria del passato risplende nella lista del patrimonio mondiale LA MEMORIA Conoscere le nostre radici

Dettagli

La posizione dei nostri monumenti

La posizione dei nostri monumenti Foro romano Autori: Luca Gray Beltrano, Irene Bielli, Luca Borgia, Alessandra Caldani e Martina Capitani Anno: 2013, classe: 1 N Professoressa: Francesca Giani La posizione dei nostri monumenti Tempio

Dettagli

COMUNE DI ROSSANO VENETO

COMUNE DI ROSSANO VENETO COPIA WEB Deliberazione N. 20 In data 18/02/2010 Prot. N. 3259 COMUNE DI ROSSANO VENETO PROVINCIA DI VICENZA -------------------- Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale OGGETTO: Sessione ordinaria

Dettagli

Davanti allo specchio di un anniversario

Davanti allo specchio di un anniversario Davanti allo specchio di un anniversario 1. La religiosità popolare è una porzione della cultura di un territorio e di una società, un elemento costitutivo della comune identità. Lo è perché riguarda tutti,

Dettagli

Una data speciale in tutto il mondo : 12 Ottobre 1492

Una data speciale in tutto il mondo : 12 Ottobre 1492 Progetto : Io con te Una data speciale in tutto il mondo : 12 Ottobre 1492 Il 12 Ottobre ricorre un avvenimento molto importante per la Storia: la scoperta dell America. Il protagonista di questo evento

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DNO COMUNE DI ARIANO IRPINO DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 32 OGGETTO: del Reg. Legge 730/86 e s.m.i. Riparto fondi anticipati per ricostruzione Rione Valle in corso di recupero. ADUNANZA DEL

Dettagli

CHE COS E UN DISEGNO E MODELLO ORNAMENTALE Estratto del R.D. 25/08/1940 n.1411

CHE COS E UN DISEGNO E MODELLO ORNAMENTALE Estratto del R.D. 25/08/1940 n.1411 CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA UFFICIO BREVETTI E MARCHI - ISTRUZIONI PER IL DEPOSITO DI REGISTRAZIONE PER DISEGNO E MODELLO ORNAMENTALE CHE COS E UN DISEGNO E MODELLO ORNAMENTALE

Dettagli

Dati e gestione 2007-2014

Dati e gestione 2007-2014 La Venaria Reale Dati e gestione 2007-2014 A cura di: Consorzio di Valorizzazione Culturale La Venaria Reale Comunicazione e Stampa PREMESSA. I RISULTATI DI 7 ANNI DI GESTIONE p. 3 LA VENARIA REALE p.

Dettagli

L ASSISTENTE FAMILIARE A FIRENZE: SVILUPPO DEL MERCATO DEL LAVORO E FABBISOGNI FORMATIVI -

L ASSISTENTE FAMILIARE A FIRENZE: SVILUPPO DEL MERCATO DEL LAVORO E FABBISOGNI FORMATIVI - L ASSISTENTE FAMILIARE A FIRENZE: SVILUPPO DEL MERCATO DEL LAVORO E FABBISOGNI FORMATIVI - 1) L INDAGINE La legge quadro 328/2000, Per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali,

Dettagli

CONCORSO RAFFAELLO CONSORTINI IL RITRATTO RIVOLTO AGLI STUDENTI DEI LICEI ARTISTICI, DEGLI ISTITUTI D' ARTE E DELLE ACCADEMIE DI BELLE ARTI

CONCORSO RAFFAELLO CONSORTINI IL RITRATTO RIVOLTO AGLI STUDENTI DEI LICEI ARTISTICI, DEGLI ISTITUTI D' ARTE E DELLE ACCADEMIE DI BELLE ARTI CONCORSO RAFFAELLO CONSORTINI IL RITRATTO RIVOLTO AGLI STUDENTI DEI LICEI ARTISTICI, DEGLI ISTITUTI D' ARTE E DELLE ACCADEMIE DI BELLE ARTI ANNO 2013/2014 BANDO DI CONCORSO Una scultura per celebrare l'artista

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MARTUSCIELLO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato MARTUSCIELLO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 7667 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato MARTUSCIELLO Disposizioni per la salvaguardia e il recupero del Real Albergo dei Poveri di

Dettagli

RELAZIONE SULLATTIVITÀ

RELAZIONE SULLATTIVITÀ Senato della Repubblica - 79 - Camera dei deputati RELAZIONE SULLATTIVITÀ PAGINA BIANCA Senato della Repubblica - 81 - Camera dei deputati Allegato A Istituto nazionale di studi verdiani - Fondazione Bilancio

Dettagli

INTERVENTO DI RIPARAZIONE PALAZZO DEL GOVERNATORE CENTO (FE) RELAZIONE STORICO CRITICA

INTERVENTO DI RIPARAZIONE PALAZZO DEL GOVERNATORE CENTO (FE) RELAZIONE STORICO CRITICA INDICE 1. GENERALITA... 2 1.1. Premessa... 2 2. RELAZIONE STORICA... 2 1 1. GENERALITA 1.1. Premessa La presente relazione illustra l evoluzione storica dell edificio denominato Palazzo del Governatore,

Dettagli

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria 4 ottobre 2015 Giornata delle famiglie al Museo PROGETTO: Liliana Costamagna Progetto Grafico: Roberta Margaira Questo album ti accompagna a scoprire

Dettagli

NUMERAZIONE DEI LIBRI CONTABILI E LE MODALITA DI ASSOLVIMENTO DELL IMPOSTA DI BOLLO

NUMERAZIONE DEI LIBRI CONTABILI E LE MODALITA DI ASSOLVIMENTO DELL IMPOSTA DI BOLLO NUMERAZIONE DEI LIBRI CONTABILI E LE MODALITA DI ASSOLVIMENTO DELL IMPOSTA DI BOLLO GLI ULTIMI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE LA RISOLUZIONE N. 85 DEL 12 MARZO 2002 Circolare n. 10/2002 Documento

Dettagli

STATUTO APPROVATO IN DATA 27/2/2010

STATUTO APPROVATO IN DATA 27/2/2010 ASSOCIAZIONE CULTURALE GLI ABRUZZESI A FIRENZE STATUTO APPROVATO IN DATA 27/2/2010 Articolo 1 Costituzione E costituita, con sede in Firenze, l Associazione culturale denominata GLI ABRUZZESI A FIRENZE

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

Presidente: Lo possiamo dare per letto, si? Grazie Sindaco. Ha chiesto di intervenire il Consigliere Di Gregorio. Prego Consigliere.

Presidente: Lo possiamo dare per letto, si? Grazie Sindaco. Ha chiesto di intervenire il Consigliere Di Gregorio. Prego Consigliere. OGGETTO: Pratica Edilizia 09/2010 - Adozione ai sensi dell art. 16 della L.R. n. 20/2011 del Piano Urbanistico Esecutivo della maglia AL/2, localizzata tra Via Piave, Via De Gemmis e Via Po Presidente:

Dettagli

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A X I I I L E G I S L A T U R A Doc. IV-bis n. 10 DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE A PROCEDERE IN GIUDIZIO A I S E N S I D E L L A R T I C O L O 9 6 D E L L A C O S T I

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Avv. Michele Maccarone Membro designato dal Conciliatore Bancario e Finanziario

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] Avv. Michele Maccarone Membro designato dal Conciliatore Bancario e Finanziario IL COLLEGIO DI ROMA composto dai Signori: Dott. Giuseppe Marziale Dott. Claudia Rossi Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Avv. Massimiliano Silvetti Membro designato dalla Banca d'italia [Estensore]

Dettagli

Elena Canadelli 1915: UNA NUOVA SEDE PER GLI ISTITUTI D ISTRUZIONE SUPERIORE DI MILANO

Elena Canadelli 1915: UNA NUOVA SEDE PER GLI ISTITUTI D ISTRUZIONE SUPERIORE DI MILANO Elena Canadelli 1915: UNA NUOVA SEDE PER GLI ISTITUTI D ISTRUZIONE SUPERIORE DI MILANO Associazione per lo sviluppo dell alta cultura in Milano, Ricordo della posa della prima pietra per le nuove sedi

Dettagli

Gruppo Polisportivo Dilettantistico ASSEMINI Atletica & Triathlon

Gruppo Polisportivo Dilettantistico ASSEMINI Atletica & Triathlon STATUTO SOCIALE ART. 1 Denominazione e sede Al fine di incentivare e sviluppare le attività sportive, con iniziative promozionali aperte, tendenti alla crescita nel territorio e allo svago, favorire iniziative

Dettagli

L Archivio operaio Augusto Finzi L Archivio operaio Augusto Finzi vede la luce in primis per la volontà espressa da Augusto Finzi alla biblioteca

L Archivio operaio Augusto Finzi L Archivio operaio Augusto Finzi vede la luce in primis per la volontà espressa da Augusto Finzi alla biblioteca L Archivio operaio Augusto Finzi L Archivio operaio Augusto Finzi vede la luce in primis per la volontà espressa da Augusto Finzi alla biblioteca della Municipalità di Marghera, affinché le sue carte fossero

Dettagli

Il carteggio Cigoli-Galileo 1609-1613

Il carteggio Cigoli-Galileo 1609-1613 Accademia degli Euteleti DELLA CITTÀ DI SAN MINIATO Il carteggio Cigoli-Galileo 1609-1613 a cura di Federico Tognoni Premessa di Mara Roani Introduzione di Lucia Tongiorgi Tomasi Edizioni ETS www.edizioniets.com

Dettagli

Cosa abbiamo vissuto...

Cosa abbiamo vissuto... Dies Bernardinianus Dies Bernardinianus Nei giorni dal 17 al 20 maggio il Centro Culturale delle Grazie e l Associazione Amici di S. Bernardino di Lallio, u- nitamente alle rispettive Parrocchie e in collaborazione

Dettagli

CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE

CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE CONSIGLIO PASTORALE PARROCCHIALE Il Consiglio Pastorale Parrocchiale è un organismo di comunione che, come immagine della Chiesa, esprime e realizza la corresponsabilità dei fedeli ( presbiteri, diaconi,

Dettagli

La ricreazione è finita

La ricreazione è finita Roger Abravanel Luca D Agnese La ricreazione è finita Scegliere la scuola, trovare il lavoro Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-07571-8 Prima edizione:

Dettagli

II. IL MESSAGGIO ALLE CAMERE: PRECEDENTI E FORME

II. IL MESSAGGIO ALLE CAMERE: PRECEDENTI E FORME II. IL MESSAGGIO ALLE CAMERE: PRECEDENTI E FORME DI SILVIO TRAVERSA \ Il potere di messaggio del Presidente della Repubblica è esplicitamente previsto da due disposizioni costituzionali: la prima, che

Dettagli

STATUTO. Testo approvato dall Assemblea Straordinaria del 4 giugno 1999

STATUTO. Testo approvato dall Assemblea Straordinaria del 4 giugno 1999 STATUTO Testo approvato dall Assemblea Straordinaria del 4 giugno 1999 Atto registrato dal Notaio Cavandoli in Mantova in data 11.06.1999 con il n.2209 Art.1 È costituito in Mantova il COLLEGIO COSTRUTTORI

Dettagli

Regolamento dei concorsi per la realizzazione di progetti pilota con finanziamento della Conferenza Episcopale Italiana

Regolamento dei concorsi per la realizzazione di progetti pilota con finanziamento della Conferenza Episcopale Italiana Regolamento dei concorsi per la realizzazione di progetti pilota con finanziamento della Conferenza Episcopale Italiana Cap. I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 Scopo del presente Regolamento Il presente Regolamento

Dettagli

Storia della legislazione sui Beni Culturali

Storia della legislazione sui Beni Culturali Prof. Francesco Morante Storia della legislazione sui Beni Culturali Morante - Storia legislazione 1 Periodo preunitario Nelle epoche antiche non esisteva una legislazione che tutelava i beni culturali

Dettagli

E.P.I.S. Ente di Piacenza e Cremona per l istruzione superiore STATUTO

E.P.I.S. Ente di Piacenza e Cremona per l istruzione superiore STATUTO E.P.I.S. Ente di Piacenza e Cremona per l istruzione superiore STATUTO 1 Decreto del Presidente della Repubblica 28 settembre 1948, n. 1252. Erezione in ente morale dell Ente per l istruzione superiore

Dettagli

A.R.I. ASSOCIAZIONE RADIOAMATORI ITALIANI COMITATO REGIONALE TRENTINO-ALTO ADIGE REGOLAMENTO

A.R.I. ASSOCIAZIONE RADIOAMATORI ITALIANI COMITATO REGIONALE TRENTINO-ALTO ADIGE REGOLAMENTO ART. 1 - Atto costitutivo A.R.I. ASSOCIAZIONE RADIOAMATORI ITALIANI COMITATO REGIONALE TRENTINO-ALTO ADIGE REGOLAMENTO In Malga Coè ( Folgaria - Trento ), il giorno 25 luglio 1978, secondo quanto prescritto

Dettagli

Cosa succede all uomo?

Cosa succede all uomo? Cosa succede all uomo? (utilizzo uomo o uomini in minuscolo, intendendo i maschietti e Uomo o Uomini intendendo il genere umano) Recentemente, mi sono trovato in discorsi dove donne lamentavano di un atteggiamento

Dettagli

MISSIONARIO VINCENZIANO

MISSIONARIO VINCENZIANO GMV: origini, identità, attività... GRUPPO MISSIONARIO VINCENZIANO Origine e storia Bisogna risalire ai primi anni del dopoguerra per trovare la fonte da cui scaturì il MOVIMENTO MISSIONARIO VINCENZIANO.

Dettagli

Disse messere Orlando a santo Francesco: «Io ho in Toscana uno monte divotissimo il quale si chiama il monte della Vernia, lo quale è molto solitario

Disse messere Orlando a santo Francesco: «Io ho in Toscana uno monte divotissimo il quale si chiama il monte della Vernia, lo quale è molto solitario Itinerario Disse messere Orlando a santo Francesco: «Io ho in Toscana uno monte divotissimo il quale si chiama il monte della Vernia, lo quale è molto solitario e salvatico ed è troppo bene atto a chi

Dettagli

Realizzazione Grafica a cura del Centro Servizi al Volontariato Daunia

Realizzazione Grafica a cura del Centro Servizi al Volontariato Daunia PRIMA GUIDA AL VOLONTARIATO della provincia di Foggia I diritti di traduzione, riproduzione, di memorizzazione elettronica e di adattamento totale e parziale con qualsiasi mezzo (compreso i microfilm e

Dettagli

21 Rally Matematico Transalpino, prova 1

21 Rally Matematico Transalpino, prova 1 2 Rally Matematico Transalpino, prova I problemi del RMT sono protetti da diritti di autore. Per un'utilizzazione in classe deve essere indicata la provenienza del problema inserendo la dicitura " ARMT".

Dettagli

STATUTO. Unione Genitori Italiani contro il tumore dei bambini SEZIONE DI NOVARA STATUTO DI SEZIONE

STATUTO. Unione Genitori Italiani contro il tumore dei bambini SEZIONE DI NOVARA STATUTO DI SEZIONE STATUTO Unione Genitori Italiani contro il tumore dei bambini SEZIONE DI NOVARA STATUTO DI SEZIONE Premessa Le norme contenute nel presente Statuto di Sezione sono approvate dall Assemblea Generale dei

Dettagli

Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini

Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini Intervento del Ministro dell Ambiente, della Tutela del Territorio e del Mare, Corrado Clini Grazie, vi ringrazio molto di avermi invitato. Come Ministro dell Ambiente ho tratto più di uno stimolo dalla

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore]

IL COLLEGIO DI ROMA. [Estensore] IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale..... Presidente Avv. Bruno De Carolis Prof. Avv. Giuliana Scognamiglio.. Membro designato dalla Banca d'italia [Estensore] Membro designato

Dettagli

COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti

COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti COMUNE DI POLLUTRI Provincia di Chieti V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L C O N S I G L I O C O M U N A L E N. 61 DATA 30.11.2013 OGGETTO: Conferimento di riconoscimento al Cav. Uff. Panfilo

Dettagli

Regolamento dei concorsi per la realizzazione di progetti pilota con finanziamento della C.E.I.

Regolamento dei concorsi per la realizzazione di progetti pilota con finanziamento della C.E.I. 05/10/10 SERVIZIO NAZIONALE L EDILIZIA DI CULTO Regolamento dei concorsi per la realizzazione di progetti pilota con finanziamento della C.E.I. Approvato dalla Presidenza della C.E.I. nella seduta del

Dettagli

Diritto in diretta ogni venerdì alle ore 9,00

Diritto in diretta ogni venerdì alle ore 9,00 Diritto in diretta dal 6 marzo l'avv. Daniela Bardoni risponderà ai quesiti degli ascoltatori. Per aiutarvi nelle controversie grandi e piccole della vita quotidiana Partecipa in diretta 06 899291 Sms/Wapp

Dettagli

Centro Storico di Caltanissetta

Centro Storico di Caltanissetta Centro Storico di Caltanissetta L antica città sicana, Caltanissetta, ha il suo centro in Piazza Garibaldi, prima dell Unità d Italia Piazza Ferdinandea in onore al Re Ferdinando II di Borbone È qui che

Dettagli

GRAMMATICA. Con l aiuto del professore, completa questa tabella per capire dove sei migliorato e in che cosa devi ancora esercitarti.

GRAMMATICA. Con l aiuto del professore, completa questa tabella per capire dove sei migliorato e in che cosa devi ancora esercitarti. Come sto andando in... analisi grammaticale Con l aiuto del professore, completa questa tabella per capire dove sei migliorato e in che cosa devi ancora esercitarti. NON HO FATTO ERRORI IN... ARTICOLO

Dettagli

Ance Salerno: Industria culturale, flop-campania

Ance Salerno: Industria culturale, flop-campania 1 Ance Salerno: Industria culturale, flop-campania L industria della cultura in Campania produce il 4,4% del valore aggiunto, incidendo per il 4,5% sul mercato dell occupazione. Con questi risultati la

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 704. Istituzione del Museo del Risorgimento di Firenze. d iniziativa del senatore AMATO

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 704. Istituzione del Museo del Risorgimento di Firenze. d iniziativa del senatore AMATO Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 704 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore AMATO COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 28 MAGGIO 2008 Istituzione del Museo del Risorgimento di Firenze TIPOGRAFIA

Dettagli