ANALISI DEI FABBISOGNI E DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE DEGLI OPERATORI SOCIALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ANALISI DEI FABBISOGNI E DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE DEGLI OPERATORI SOCIALI"

Transcript

1 Piano formativo A.S.C.O.L.TO: Analisi e Sviluppo delle Competenze degli Operatori sociali: La sperimentazione in provincia di Torino ANALISI DEI FABBISOGNI E DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE DEGLI OPERATORI SOCIALI GENNAIO 2010

2 L analisi realizzata con il contributo del Fondo Paritetico Interprofessionale Nazionale per la formazione continua nelle imprese cooperative Fon.Coop. è stata condotta da: Monica Demartini con la direzione di Adriana Luciano, nell ambito del progetto A.S.C.O.L.TO. - Analisi e Sviluppo delle Competenze degli Operatori sociali: La sperimentazione in provincia di Torino Si ringraziano per la disponibilità e la collaborazione nella realizzazione dell indagine Daniela Genta (Consorzio Kairos), Elena Ramonda (I.Re.Coop Piemonte s.c.), i responsabili e gli operatori delle cooperative sociali Crescere Insieme, Esserci, Giuliano Accomazzi, La Luna Storta e Piccola Comunità. 2

3 INDICE 1. Le figure professionali nelle cooperative sociali Educatore/trice professionale Educatore/trice prima infanzia I risultati dell indagine sulle competenze degli operatori sociali Educatore/trice professionale Educatore/trice prima infanzia Conclusioni Nota metodologica dell indagine Allegati le schede delle cooperative sociali La cooperativa Crescere Insieme La cooperativa Esserci La cooperativa Giuliano Accomazzi La cooperativa Piccola Comunità La cooperativa La Luna Storta I questionari utilizzati

4 1. LE FIGURE PROFESSIONALI NELLE COOPERATIVE SOCIALI Il progetto Analisi dei fabbisogni e definizione delle competenze degli operatori sociali si propone di fornire ai responsabili delle cooperative sociali appartenenti al consorzio Kairos 1 e agli operatori in esse attivi uno strumento per la progettazione e realizzazione di percorsi di crescita professionale, già utilizzato nell ambito dell Osservatorio sugli Operatori Sociali promosso dal Servizio Solidarietà Sociale della Provincia di Torino 2. In questa prima sperimentazione si vogliono testare e adattare al contesto cooperativo nuove modalità di raccolta ed elaborazione delle informazioni relative alle figure presenti all interno delle cooperative di tipo A, ovvero organizzazioni che offrono servizi socio sanitari ed educativi (gestione di residenze, centri diurni, realizzazione di attività di formazione e socializzazione, interventi educativi, assistenza domiciliare) sia direttamente che in convenzione con enti pubblici e che mirano alla promozione sociale e allo sviluppo della società. Gli obiettivi principali possono essere sintetizzati in tre punti: - mettere in evidenza all interno del consorzio Kairos e delle singole cooperative coinvolte nella sperimentazione i punti di eccellenza e i punti di crisi nell esercizio delle professioni allo scopo di migliorarne l organizzazione e la gestione; - dotare i responsabili del consorzio e delle cooperative di uno strumento di gestione del personale per competenze; - realizzare un analisi dei fabbisogni di formazione del personale. Per questa prima analisi le figure professionali su cui si è deciso di concentrare l attenzione sono l educatore/trice professionale e l educatore/trice prima infanzia. In questo capitolo del report riportiamo le relative schede descrittive 3, elaborate sulla base di repertori già esistenti e del confronto con gli operatori delle cooperative sociali in cui è stata realizzata la sperimentazione. 1 Kairos è un consorzio, costituito in forma di società cooperativa sociale, che opera sul territorio del comune di Torino e dei comuni della provincia. I soci sono in prevalenza cooperative sociali che realizzano servizi socio assistenziali, sanitari, educativi - cooperative sociali di tipo A, ex L. 381/91 - oppure attività produttive attraverso le quali offrono opportunità lavorative a persone in difficoltà - cooperative sociali di tipo B, ex L. 381/91 o di inserimento lavorativo. (www.consorziokairos.org) 2 Il progetto è stato suddiviso in due fasi: la prima si è conclusa con la strutturazione di un modello di osservazione, mentre nella seconda è stato messo in pista il modello e la diffusione degli strumenti ad esso connessi. Per prendere visione dei materiali prodotti e del report di ricerca si veda il sito 3 Nella nota metodologica sono illustrati i modelli teorici che hanno fatto da sfondo all analisi e vengono citate tutte le fonti utilizzate per le descrizioni. 4

5 1.1 Educatore/trice professionale CARTA D IDENTITÀ Altre denominazioni: - Figure professionali di prossimità: Educatore socio-culturale, Animatore professionale, Assistente sociale, Psicologo, Operatore socio-sanitario, Assistente domiciliare e dei servizi tutelari, Dirigente di Comunità, Coordinatore del Servizio Chi è? L'educatore professionale organizza e gestisce progetti e servizi educativi e riabilitativi in ambito socio-sanitario rivolti a persone in difficoltà: minori, tossicodipendenti, alcolisti, carcerati, disabili, pazienti psichiatrici e anziani. Lavora in équipe multidisciplinari, stimola i gruppi e le singole persone a perseguire l'obiettivo di reinserimento sociale definendo interventi educativi, assistenziali e sanitari rispondenti ai bisogni individuali attraverso lo sviluppo dell autonomia, delle potenzialità individuali e dei rapporti sociali con l ambiente esterno. Quali norme regolano la professione? La professione dell educatore professionale è regolata a livello nazionale dal D.M. Sanità n. 520 del 8 ottobre 1998, Regolamento recante norme per l individuazione del profilo professionale dell educatore professionale. In Piemonte il riferimento giuridico è la Legge Regionale n.1 del 2004, Norme per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali e riordino della legislazione di riferimento, che disciplina le figure professionali che prestano la loro attività nel sociale (art.32). Altre norme che regolano il settore sono: Decreto legislativo 112/1998: introduce l espressione professioni sociali. Legge 26 febbraio 1999, n. 42, recanti disposizioni in materia di professioni sanitarie Legge Quadro 328/2000: riforma del comparto sociale D.M. Sanità del 27 luglio 2000, Equipollenza di diplomi e di attestati al diploma universitario di educatore professionale, ai fini dell esercizio professionale e dell accesso alla formazione post-base D.M. MIUR del 2 aprile 2001, Determinazione delle classi di lauree specialistiche universitarie delle professioni sanitarie, ai sensi del Dm 509/99 Sul Bollettino Ufficiale n.2 del 14/01/2010 è stato recentemente pubblicato il Decreto Regionale emanato in data 30/12/2009, "Indicazioni in merito al personale con funzioni di educatore professionale operante nei servizi sanitari, socio - sanitari e sociali della Regione Piemonte." in cui si ripercorre brevemente la storia di questa figura professionale, con particolare riferimento alle scelte operate nella Regione Piemonte. Livello EQF: VI livello del Quadro Europeo delle Qualifiche, corrispondente al primo ciclo dei titoli accademici VII livello del Quadro Europeo delle Qualifiche, corrispondente al secondo ciclo dei titoli accademici 5

6 CHE COSA FA ATTIVITÀ PRINCIPALI Analizza i bisogni del territorio Progetta politiche, interventi e azioni Procede con l iniziale presa in carico Microprogetta Realizza attività di educazione, riabilitazione e cura Favorisce l inserimento lavorativo Realizza attività di prevenzione e animazione Gestisce l organizzazione DESCRIZIONE attraverso analisi di studi e confronti con gli attori sociali volti a soddisfare le necessità individuate sul territorio dell utente gli interventi per l utente rivolte a target differenti degli utenti rivolte a target differenti di strutture educative 6

7 COME VIENE REALIZZATO L INTERVENTO EDUCATIVO? A Flusso di attività PRIMARIE B - INPUT C Descrizione dell attività D RISULTATO E - SISTEMA PROFESSIONALE CONTESTO SOCIALE L input del processo è costituito dal contesto sociale di riferimento nel quale si vuole costruire un servizio 1. Analizzare i bisogni del territorio Bisogno sociale Raccogliere i bisogni del territorio attraverso analisi documentale, rilevazione di opinioni degli attori sociali, delle istituzioni e analisi delle richieste provenienti dalla Pubblica Amministrazione. Mappa dei bisogni territoriali definita Educatore Professionale, Coordinatore del servizio, Referente committente 2. Progettare politiche, interventi e azioni Mappa dei bisogni territoriali definita Gara d appalto Richiesta di prestazione diretta Progettare le politiche, gli interventi e le azioni educativi/e attraverso la definizione delle attività (commisurate al target di riferimento), dei costi, delle metodologie e strumenti. Progetto d intervento/servizio educativo Educatore Professionale, Coordinatore del servizio, Progettista, Responsabile di Direzione ente aggiudicante, Referente committente 3. Iniziale presa in carico dell utente Domanda di aiuto dell utente e/o della famiglia, richiesta di presa in carico espressa dal committente Incontrare l utente e/o la famiglia e raccogliere le informazioni necessarie per decodificare la domanda espressa Anamnesi dell utente Educatore Professionale, Coordinatore del servizio 7

8 4. Microprogettazione dell intervento sull utente Anamnesi dell utente Definire il progetto educativo e riabilitativo per l utente e/o la famiglia Progetto educativo e riabilitativo Educatore Professionale, Coordinatore del servizio 5. Educazione, riabilitazione e cura Progetto educativo e riabilitativo Realizzare le attività previste in fase di progettazione, adeguando strumenti e modalità di intervento in base alle risposte di utente e/o famiglia coinvolti e alle condizioni ambientali Intervento educativo e riabilitativo realizzato, risposta al bisogno rilevato, comunicazioni al committente sull andamento dell intervento Educatore Professionale, Coordinatore del servizio, Psicologo, Medico, OSS, Assistente Sociale 6. Inserimento lavorativo Intervento realizzato relativamente agli obiettivi educativi e riabilitativi, necessità dell utente di essere inserito in un percorso lavorativo Realizzare attività volte a favorire l inserimento lavorativo dell utente (analisi delle risorse territoriali, realizzazione di laboratori, attività di orientamento professionale, ecc.) Intervento di inserimento lavorativo realizzato, risposta al bisogno rilevato, comunicazioni al committente sull andamento dell intervento Educatore Professionale, Coordinatore del servizio, Orientatore, Operatore del Centro per l Impiego, Assistente Sociale, Psicologo PERCORSO RIABILITATIVO/EDUCATIVO/DI INSERIMENTO LAVORATIVO REALIZZATO 8

9 TRASVERSALMENTE A TUTTO IL PROCESSO Prevenzione e animazione Mappa dei bisogni territoriali definita, gara d appalto, richiesta del Committente di realizzare attività di prevenzione e animazione sul territorio Progettare e realizzare interventi formativi/informativi, servizi di aggregazione, interventi di socializzazione (commisurati al target di riferimento), dei costi, delle metodologie e strumenti. Attività/servizi erogati, risposta al bisogno rilevato, comunicazioni al committente sull andamento delle attività/servizi Educatore Professionale, Coordinatore del servizio, Progettista, Responsabile di Direzione ente aggiudicante, Referente committente Gestione di strutture educative Affidamento da parte del datore di lavoro della gestione di una struttura educativa Definire il progetto di struttura, programmare attività, provvedere a logistica e manutenzione della struttura, gestire le risorse finanziarie Struttura educativa funzionante Educatore Professionale, Coordinatore del servizio, OSS 9

10 DOVE LAVORA Dove lavora? Ambienti e organizzazione - Servizi socioassistenziali - servizi (comunità o centri diurni) per disabili lievi e minori a rischio, strutture assistenziali per anziani - Servizi sanitari - servizi per tossicodipendenti (SERT), alcolisti e pazienti psichiatrici, disabili gravi e gravissimi - Progetti specifici - istituzioni totali, comunità mamma-bimbo, progetti rivolti ai senza fissa dimora, servizi di educativa territoriale Svolge la propria attività in strutture e servizi socio-sanitari e socio-educativi pubblici e privati, sul territorio, nelle strutture residenziali e semiresidenziali (comunità, centri diurni, residenze protette, servizi territoriali, centri di ascolto) che si occupano di minori, anziani, disabili e altri gruppi di persone in difficoltà. I contesti di lavoro possibili sono le Cooperative Sociali e in alcuni casi le Associazioni. La possibilità di inserimento in ASL, comuni o altri enti pubblici, è condizionata dall attuale tendenza dell Amministrazione Pubblica a ricorrere ai servizi esterni. In strutture residenziali o semi-residenziali solitamente lavora in team e risponde direttamente al responsabile del servizio o al coordinatore di progetto. Nelle strutture sociosanitarie il suo tempo lavoro di norma è organizzato in turni anche notturni. Nel caso di progetti educativi sul territorio gli orari sono più flessibili e beneficia di un livello di responsabilità e autonomia maggiori, riferendo comunque al coordinatore di progetto o al responsabile del servizio. Competenze Che cosa deve essere in grado di fare? Attività primarie Analizzare i bisogni del territorio - Rilevare le fonti informative istituzionali presenti sul territorio (centri per l impiego, dati statistici, anagrafe, piani di zona ) - Rilevare informazioni, giudizi, suggerimenti e valutazioni presso gli stake holders (utenti, cittadini, colleghi ) - Rilevare le iniziative presenti sul territorio (osservatori, ricerche, progetti, attività ) - Evidenziare, a partire dall analisi delle fonti e dall elaborazione dei dati, i bisogni espressi e potenziali del territorio - Fare una mappatura delle risorse presenti o attivabili sul territorio (servizi, associazioni ) Progettare politiche, interventi e azioni - Progettare e realizzare il piano di ricerca (per investigare un fenomeno, per dare risposta ad un bisogno ) 10

11 - Predisporre strumenti di analisi quantitativi e qualitativi (per rilevazione fabbisogni, per analisi storia personale ) - Definire il progetto socio educativo - Promuovere e sperimentare soluzioni e modelli innovativi di servizi e strumenti di lavoro - Partecipare a commissioni istituzionali per il riconoscimento dei diritti socio-sanitari (tavoli di coordinamento in cui i capofila possono essere ASL, Comuni, Circoscrizioni nel caso della Città di Torino, ecc.) Prendere in carico l utente nella fase iniziale - Accogliere e ascoltare l utente e/o la famiglia - Condurre l indagine socio economico familiare e l anamnesi attuale e remota - Decodificare/analizzare la domanda espressa - Orientare ai servizi di secondo livello (servizi specialistici esterni sanitari, psicologici, psichiatrici, di orientamento formativo/professionale, ecc.) - Negoziare il progetto educativo con l utente e l inizio dell intervento - Confrontarsi con l équipe socio sanitaria o socio assistenziale Microprogettare gli interventi sugli utenti - Definire il progetto di intervento per il singolo utente e/o la famiglia, di tipo educativo e riabilitativo mirato al recupero e allo sviluppo delle potenzialità delle persone Educare, riabilitare e curare - Realizzare e coordinare interventi domiciliari/semi residenziali e di educativa territoriale per disabili, minori, adulti in difficoltà, anziani - Realizzare assistenza individualizzate (per singoli utenti o per più utenti che fanno parte dello stesso nucleo familiare) nei percorsi di crescita e di emancipazione dei soggetti deboli - Assistere direttamente la persona nelle attività della vita quotidiana - Condurre interventi di mediazione nelle relazioni interpersonali (famiglia, coppia ) - Gestire gruppi di auto - mutuo aiuto - Condurre colloqui di orientamento e di sostegno educativo (rivolti a giovani e adulti in difficoltà di apprendimento) - Condurre incontri di formazione/informazione su problematiche sociali, politiche e culturali Favorire l inserimento lavorativo - Analizzare le risorse territoriali per l inserimento lavorativo delle diverse tipologie di utenti e per la loro formazione - Realizzare iniziative e laboratori di addestramento al lavoro e allo sviluppo di abilità di base - Realizzare attività di orientamento professionale (suscitare motivazione, analizzare prerequisiti e potenzialità individuali, favorire l attivazione personale ) - Favorire il processo di incontro tra domanda e offerta di lavoro - Affiancare i soggetti nei percorsi di inserimento lavorativo 11

12 Prevenire e svolgere attività di animazione - Erogare, promuovere e coordinare interventi formativi/informativi di prevenzione rivolti al territorio (scuole, consultori ) per genitori, insegnanti, volontari, minori, disabili - Attivare e gestire percorsi di prevenzione con soggetti a rischio (es. interventi di educazione alla salute e accompagnamento quotidiano per l adozione di corretti stili di vita) - Attivare e gestire dei servizi di aggregazione per giovani ed anziani - Realizzare in équipe e coordinare interventi di animazione e socializzazione all interno di strutture residenziali e sul territorio (attività per il tempo libero, teatro, coro, pittura, centri estivi e soggiorni ) Gestire l organizzazione di strutture educative - Coordinare gli operatori che lavorano nella struttura - Definire il progetto della struttura - Programmare le attività della struttura - Coinvolgere ed attivare la famiglia dell utente nel progetto educativo - Attivare la rete territoriale composta dagli altri servizi educativi - Provvedere alla manutenzione e alla logistica della struttura - Gestire le risorse finanziarie della struttura Attività di servizio Coordinare e organizzare il lavoro - Coordinare i servizi educativi - Coordinare l educativa territoriale - Partecipare ad incontri con altre strutture/servizi che si occupano delle stesse problematiche - Coordinare gruppi di lavoro - Partecipare alla riunione periodica di staff o d equipe - Collaborare alla selezione e formazione delle risorse umane - Collaborare alla progettazione/ organizzazione dei corsi di formazione Gestire le informazioni e le conoscenze - Predisporre, aggiornare, archiviare le cartelle degli utenti e il PEI - Progettare ed aggiornare il sistema informativo del servizio e i suoi strumenti - Predisporre materiale illustrativo sulle iniziative o sui servizi erogati - Predisporre atti amministrativi (comprese relazioni sull utente inviate ai Servizi Sociali e utilizzate per procedure legali) - Rilevare ed elaborare dati su tipologia d utenza, trattamenti, strutture - Svolgere attività didattico-formative - Curare lo sviluppo e l aggiornamento della propria professionalità Integrare/collaborare con le risorse territoriali - Partecipare alla progettazione e al coordinamento delle reti integrate di servizi sul territorio 12

13 - Attivare la rete territoriale per l integrazione del singolo (coinvolgimento delle famiglie, del contesto e dei servizi dislocati nel territorio nei progetti educativi attraverso azioni di sensibilizzazione) - Partecipare al coordinamento di progetti del/sul territorio di promozione del benessere - Coinvolgere ed attivare le persone in attività di animazione culturale sul territorio - Collaborare con gli enti locali e le associazioni del territorio Valutare e verificare - Progettare il monitoraggio e la valutazione dell intervento e del servizio - Realizzare attività di monitoraggio e valutazione degli interventi educativi - Collaborare al monitoraggio e alla valutazione dell efficacia e dell efficienza del servizio Gestire la relazione con i tirocinanti e i volontari del servizio civile - Facilitare l inserimento e fornire supervisione a tirocinanti/volontari del servizio civile - Accompagnare i tirocinanti/volontari nel percorso esperienziale - Tenere i contatti con l organizzazione inviante Partecipare alle attività imprenditoriali (progettuali/ organizzative/ gestionali) della cooperativa - Collaborare con gli altri soci alla definizione della mission e della strategia della cooperativa - Concorrere con gli altri soci all elezione dei membri del Consiglio di Amministrazione della cooperativa - Partecipare alle assemblee della cooperativa - Collaborare con gli altri soci alla definizione di un piano pluriennale di attività della cooperativa - Partecipare a gruppi di progetto o di lavoro per obiettivo - Concorrere con gli altri soci alla determinazione della destinazione delle risorse economiche e degli investimenti della cooperativa - Partecipare alle decisioni relative alla ripartizione del reddito prodotto, della remunerazione del capitale dei soci e del rischio d impresa - Collaborare alla ricerca di fondi (fund raising) - Partecipare alla commissione qualità della cooperativa - Rispettare le regole e gli assetti istituzionali della cooperativa - Collaborare alla redazione del bilancio sociale della cooperativa - Partecipare ad incontri con altre imprese sociali (cooperative/consorzi di cooperative/ centrali cooperative/ecc.) - Collaborare al monitoraggio e alla riprogettazione del sistema di partecipazione Conoscenze Quali conoscenze è necessario avere? Conoscenze pedagogiche - pedagogia generale ed educazione degli adulti (teorie pedagogiche e modelli educativi 13

14 contemporanei, approcci teorici e professionali, principali problematiche della formazione degli adulti) - pedagogia speciale (disabilità, disagio e devianza nella relazione educativa) - pedagogia della devianza (il rischio ed il suo contenimento, recupero e rieducazione sociale) Conoscenze psicologiche - psicologia delle emozioni e della comunicazione (stili relazionali e cognitivi, dimensione affettiva) - psicologia sociale e di comunità (dinamiche di gruppo, comunità terapeutiche, politiche d intervento sul disagio e sull emarginazione) - psicologia dello sviluppo e delle relazioni familiari (processi cognitivi, affettivi, sociali nel ciclo di vita, transizioni e compiti di sviluppo della vita familiare) - psicologia del lavoro (motivazione al lavoro e altri fattori implicati) - psicologia clinica (processi di apprendimento dei soggetti svantaggiati) Conoscenze medico-sanitarie - medicina sociale, educazione sanitaria ed igiene (condizioni che promuovono e/o ostacolano la salute, strumenti di prevenzione ed educazione sanitaria, elementi di primo soccorso, uso e abuso di farmaci) - neurologia, psicopatologia e psichiatria (sviluppo psico-motorio, patologie più frequenti del sistema nervoso, organizzazione delle istituzioni psichiatriche e degli strumenti di intervento) - tecniche di riabilitazione fisica e psichica (principali metodologie di intervento in relazione alle specifiche patologie) Conoscenze sociologiche-antropologiche - sociologia generale (aspetti socio-demografici, culturali, politici ed economici del territorio) - sociologia dell organizzazione (struttura organizzativa, imprese profit e no profit ) - sociologia del lavoro (mercato del lavoro locale, classificazione delle professioni e repertori, profili professionali specifici del territorio, qualifiche del sistema della formazione professionale e del sistema scolastico ) - sociologia della devianza e dei processi culturali ed organizzativi (principali teorie di analisi del fenomeno) - antropologia culturale (organizzazione della vita materiale, risorse della cultura, sistemi di relazioni) Conoscenze guridico-normative - diritto del lavoro (fonti del diritto del lavoro, legislazione in materia di collocamento e mercato 14

15 del lavoro) - politica sociale, legislazione socio-sanitaria e organizzazione dei servizi sociali (principali norme di riferimento, peculiarità organizzative dei servizi sociali) - leggi, norme, circolari e regolamento che disciplinano la vita della struttura (relative a inserimento e dimissione utenti, regolazione visite parenti ed uscite, ) - norme che disciplinano l inserimento dei tirocinanti e dei volontari del servizio civile (diritti e doveri dei tirocinanti e dei volontari del servizio civile) - diritto delle cooperative sociali (fonti del diritto delle cooperative sociali, legislazione in materia di società giuridiche e cooperazione sociale a livello nazionale e regionale es. L. 381/1991, L. 142/2001) Conoscenze metodologiche e tecniche di progettazione - tecniche di progettazione educativa (principi, strumenti e metodologie della progettazione, specificità del contesto educativo) - metodologia della ricerca sociale ed educativa (tecniche di osservazione, di analisi territoriale, di lettura dei dati e di progettazione educativa) - statistica sociale (tecniche di costruzione ed elaborazione di dati, di ricerca ed analisi di dati) Conoscenze metodologiche e tecniche per la gestione delle relazioni - teoria e tecniche di comunicazione interpersonale verbale e non verbale (ruoli, dimensioni e fattori coinvolti) - counselling (principi, metodi e procedure per la diagnosi e il trattamento di disfunzioni fisiche e mentali) - tecniche di conduzione di gruppi (tipologie di gruppo, principali stili relazionali e comunicativi) - metodi e pratiche dell intervento educativo (lettura, comprensione ed analisi della situazione educativa, metodologie specifiche di intervento) - teorie e tecniche dell animazione (metodologie per l educazione motoria ed espressiva, per l animazione ed il gioco) - teorie e tecniche del lavoro di rete (prospettive sistemiche e integrazione) - funzioni e ruoli dell educatore professionale e degli altri operatori sociali Conoscenze metodologiche e tecniche per la gestione delle informazioni - procedure amministrative (iter procedurali delle più comuni pratiche burocratiche sociali e sanitarie) - informatica (l informazione e la sua rappresentazione digitale, principali sistemi operativi) - archiviazione (tecniche per la costruzione e la gestione di documenti e banche dati) - elementi di etica professionale (rispetto del segreto professionale e della privacy) 15

16 Conoscenze metodologiche e tecniche di valutazione - teorie e tecniche della valutazione degli interventi educativi (principali dimensioni sottese ai processi valutativi, principali modelli di riferimento) - teorie e tecniche di monitoraggio dei servizi erogati (produzione di dati finalizzati all informazione sull andamento del servizio) - tecniche di supervisione (attività di direzione e controllo dell intervento educativo per utenti e tirocinanti) - sistema di qualità del servizio (standard ed indicatori di riferimento per la valutazione della qualità) Conoscenze organizzative e gestionali specifiche del settore NON PROFIT - profilo professionale (elementi innovativi e in evoluzione caratterizzanti la professione nel settore non profit) - organizzazione aziendale (organigramma della cooperativa sociale, procedure standard, sistema di comunicazione interno, definizione dei ruoli chi fa che cosa) - management delle risorse umane nelle organizzazioni non profit (teorie e tecniche di selezione di lavoratori e volontari, analisi dei fabbisogni formativi, valutazione delle prestazioni per migliorare i servizi dell organizzazione) - strategia e politica aziendale (obiettivi che la cooperativa sociale si pone a medio e lungo periodo) - bilancio, rendicontazione e controllo di gestione nelle organizzazioni non profit (teorie e tecniche per la tenuta dei registri contabili, normativa fiscale, prescrizioni contenute nei singoli statuti, contabilità, strumenti del controllo di gestione) - marketing e fund raising nelle organizzazioni non profit (strumenti e tecniche di raccolta fondi) - progettazione, pianificazione e controllo di qualità (qualità nei servizi sociali alla persona, certificazione) 16

17 Abilità Che cosa deve saper fare? Abilità di progettazione - utilizzare tecniche di costruzione di strumenti per l analisi e la lettura dei dati - scegliere (se già esistenti) ed adattare tecniche di osservazione e di rilevazione dei bisogni in funzione dell obiettivo da raggiungere (colloqui individuali e di gruppo, interviste, questionari) - utilizzare tecniche di Project Management per collaborare alla pianificazione e alla programmazione di interventi sul singolo utente e/o famiglia, di ricerca, di monitoraggio e valutazione - definire il progetto educativo - analizzare il bisogno (interpretazione dei dati raccolti) - utilizzare tecniche e software di elaborazione dei dati (Access, excel,.) Abilità di rapporto con il territorio - raccogliere informazioni da fonti diverse (biblioteche, Comuni, Province, Regione, Asl, Istituti scolastici, altri operatori, utenti ) - individuare e reperire le fonti di informazioni esistenti a livello di sistema locale sul mercato del lavoro (CPI, Agenzie interinali, Enti di formazione, Istituti scolastici, dati statistici, dati sociodemografici ) - instaurare e mantenere rapporti con le aziende necessari per favorire l inserimento lavorativo degli utenti - facilitare e favorire i contatti tra il servizio e gli altri servizi educativi presenti sul territorio (creazione mailing list, organizzazione incontri, seminari ) - facilitare e favorire i contatti tra le persone e gli Enti coinvolti in un progetto educativo (creazione mailing list, organizzazione incontri, seminari ) - coordinare la partecipazione di docenti, esperti, testimoni privilegiati (provenienti da scuole, centri di aggregazione, ambiti extra scolatici) nelle attività formative/informative - evidenziare punti di forza e di debolezza del progetto nell ottica dei soggetti da coinvolgere Abilità di rapporto con l utente - gestire il momento dell accoglienza (presentazione all utente dell équipe socio-sanitaria, organizzazione della visita alla struttura ) - utilizzare tecniche di colloquio o di intervista approfondita al fine di acquisire dati sul pregresso educativo e lavorativo dell utente - utilizzare tecniche di comunicazione verbale e non verbale e di gestione delle dinamiche di 17

18 gruppo - utilizzare tecniche di counselling - utilizzare tecniche di negoziazione - suscitare e sostenere la motivazione dell utente - proporre e negoziare con l utente il servizio più idoneo rispetto al bisogno emerso - utilizzare tecniche di intervento educativo - utilizzare tecniche di riabilitazione fisica e psichica - utilizzare tecniche di animazione di attività per il tempo libero (tecniche espressive e creative, tecniche di motivazione dell utente, di comunicazione verbale e non verbale, utilizzo di materiali specifici per le attività) - trasferire e applicare l intervento nell ambiente di vita della persona - trasmettere le norme attraverso l esempio (norme vigenti nella struttura, di igiene ambientale, personale, alimentare e azioni quotidiane quali la sveglia, i pasti) - promuovere occasioni e momenti di incontro tra l utente e i suoi famigliari - evidenziare scostamenti e problematiche di ostacolo al raggiungimento dell obiettivo (progetto personale) - accompagnare gli utenti nella ricerca, nell inserimento e nel mantenimento del lavoro - individuare i fabbisogni formativi del gruppo di lavoro - evidenziare le problematiche dei fruitori nel corso delle attività formative/informative Abilità di rapporto con altri operatori/tirocinanti - individuare gli operatori necessari per risolvere le problematiche rilevate (Oss, Assistente sociale ) - condividere gli obiettivi e le priorità con l équipe socio sanitaria e socio assistenziale - individuare difficoltà e problematiche sperimentate dai tirocinanti e dai volontari del servizio civile - facilitare la rielaborazione delle situazioni emotivamente difficili vissute dai tirocinanti/volontari del servizio civile Abilità di valutazione - scegliere (se già esistenti), adattare e definire strumenti specifici di monitoraggio e valutazione - utilizzare procedure e modulistiche previste dal sistema qualità del servizio e della cooperativa - evidenziare scostamenti rispetto agli obiettivi prefissati - individuare proposte per migliorare il servizio 18

19 Abilità di gestione delle informazioni - predisporre e compilare correttamente il contratto di presa in carico, le cartelle degli utenti, le schede, i registri ed il PEI - realizzare materiale illustrativo chiaro sulle iniziative e sui servizi erogati - organizzare la documentazione (integrare fonti ed informazioni diverse) - rispettare la confidenzialità del dossier - utilizzare tecniche di ricerca di dati/informazioni (utili non solo per il servizio specifico in cui si opera, ma più in generale per la cooperativa di appartenenza) - informarsi e individuare le opportunità formative utili per accrescere la propria competenza professionale Abilità di organizzazione/gestionali - applicare tecniche di analisi organizzativa - adeguare la struttura (spazi, tempi, ) alle esigenze degli utenti - individuare i problemi prioritari da risolvere all interno della struttura - distribuire le risorse presenti in base alle priorità stabilite - individuare le priorità da trattare nelle riunioni - utilizzare tecniche di osservazione e di rilevazione dei bisogni (anche formativi) del gruppo di lavoro - mettere in atto delle soluzioni adeguate per la risoluzione dei problemi emersi - utilizzare strumenti di programmazione e pianificazione delle attività (es. check list con per assegnazione dei compiti a sé stessi e ad altri operatori) - applicare tecniche di analisi dei costi - applicare tecniche di fund raising - applicare tecniche di rendicontazione delle attività svolte - applicare tecniche di analisi della qualità del management (verifica della coerenza degli obiettivi individuati dalla cooperativa, livello delle linee strategiche, adeguatezza delle politiche di gestione della cooperativa, capacità di reazione ai cambiamenti) Comportamenti lavorativi Quali comportamenti lavorativi deve sviluppare? Comportamenti di realizzazione e operativi - orientamento al risultato (interesse a lavorare bene o a misurarsi con standard d eccellenza) - attenzione all ordine, alla qualità e all accuratezza (bisogno di ridurre l incertezza della realtà circostante) 19

20 - spirito di iniziativa (predisposizione ad agire) - ricerca delle informazioni (desiderio di saperne di più su fatti, persone o questioni) Comportamenti di assistenza e di servizio - sensibilità interpersonale (capacità di ascoltare, capire e rispondere ai desideri, ai sentimenti e alle preoccupazioni degli altri anche se non manifestati o parzialmente espressi) - orientamento al cliente (desiderio di aiutare o servire il cliente, di soddisfare i suoi bisogni) Comportamenti d influenza - persuasività e influenza (desiderio d avere un influenza o un effetto specifico sugli altri, in modo da convincerli o indurli ad obbedire) - consapevolezza organizzativa (capacità di comprendere ed utilizzare le diverse culture aziendali, oltre la propria) - costruzione di relazioni (capacità di instaurare e mantenere rapporti cordiali con le persone che sono o possono essere utili per raggiungere gli obiettivi di lavoro) Comportamenti manageriali - sviluppo degli altri (intenzione di favorire l apprendimento o lo sviluppo di una o più persone) - attitudine al comando: assertività e uso del potere formale (capacità di farsi obbedire e rispettare senza prevaricare) - lavoro di gruppo e cooperazione (desiderio di lavorare in collaborazione con gli altri e di essere parte d un gruppo piuttosto che lavorare da soli o in competizione) - leadership del gruppo (desiderio di assumere il ruolo di leader d un gruppo) Comportamenti cognitivi - pensiero analitico (capacità di comprendere le situazioni scomponendole nei loro elementi costitutivi e di valutare le conseguenze in una catena di cause ed effetti) - pensiero concettuale (capacità di riconoscere modelli astratti o rapporti fra le situazioni più complesse e i loro elementi principali o sottostanti) - capacità tecniche/professionali/manageriali (capacità di utilizzare queste conoscenze e di trasferire quelle più appropriate alle diverse situazioni di lavoro) Comportamenti di efficacia personale - autocontrollo (capacità di conservare il controllo delle proprie emozioni e di evitare comportamenti negativi di fronte all opposizione o all ostilità degli altri o in situazioni di lavoro 20

ASSISTENTE SOCIALE. Assistente sociale DENOMINAZIONE ALTRE DENOMINAZIONI SETTORE DESCRIZIONE

ASSISTENTE SOCIALE. Assistente sociale DENOMINAZIONE ALTRE DENOMINAZIONI SETTORE DESCRIZIONE ASSISTENTE SOCIALE DENOMINAZIONE ALTRE DENOMINAZIONI SETTORE DESCRIZIONE BREVE DESCRIZIONE PREREQUISITI Assistente sociale Socio-assistenziale Finalità: L assistenza sociale consiste nella messa in atto

Dettagli

QUESTIONARIO sull EDUCATORE PROFESSIONALE - OPERATORE

QUESTIONARIO sull EDUCATORE PROFESSIONALE - OPERATORE GUIDA ALLA COMPILAZIONE Il questionario è composto da 6 sezioni: 1. DATI SOCIO-ANAGRAFICI 2. PROCESSI ED ATTIVITA PRIMARI e DI SERVIZIO 3. CONOSCENZE 4. ABILITA 5. COMPORTAMENTI LAVORATIVI 6. ALTRI PROCESSI,

Dettagli

OPERATORE SOCIO SANITARIO DENOMINAZIONE ALTRE DENOMINAZIONI SETTORE DESCRIZIONE

OPERATORE SOCIO SANITARIO DENOMINAZIONE ALTRE DENOMINAZIONI SETTORE DESCRIZIONE OPERATORE SOCIO SANITARIO DENOMINAZIONE ALTRE DENOMINAZIONI SETTORE DESCRIZIONE BREVE DESCRIZIONE PREREQUISITI Operatore socio-sanitario Sanitario, sociale, socio-sanitario Finalità: L attività dell operatore

Dettagli

QUESTIONARIO sull OPERATORE SOCIO-SANITARIO - OPERATORE

QUESTIONARIO sull OPERATORE SOCIO-SANITARIO - OPERATORE GUIDA ALLA COMPILAZIONE Il questionario è composto da 6 sezioni: 1. DATI SOCIO-ANAGRAFICI 2. PROCESSI ED ATTIVITA PRIMARI e DI SERVIZIO 3. CONOSCENZE 4. ABILITA 5. COMPORTAMENTI LAVORATIVI o COMPETENZE

Dettagli

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE

EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE EDUCATRICE ed EDUCATORE PROFESSIONALE 1. CARTA D IDENTITÀ...2 2. CHE COSA FA...4 3. DOVE LAVORA...5 4. CONDIZIONI DI LAVORO...6 5. COMPETENZE...7 CHE COSA DEVE ESSERE IN GRADO DI FARE...7 CONOSCENZE...10

Dettagli

INSEGNANTE DI SCUOLA DELL INFANZIA

INSEGNANTE DI SCUOLA DELL INFANZIA INSEGNANTE DI SCUOLA DELL INFANZIA 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 7 Quali competenze sono necessarie... 7 Conoscenze... 10

Dettagli

COMUNE di FORMIA REGOLAMENTO CENTRO DIURNO SOCIO-EDUCATIVO-RIABILITATIVO PER PERSONE DIVERSAMENTE ABILI. Art. 1) Definizione

COMUNE di FORMIA REGOLAMENTO CENTRO DIURNO SOCIO-EDUCATIVO-RIABILITATIVO PER PERSONE DIVERSAMENTE ABILI. Art. 1) Definizione COMUNE di FORMIA Provincia di Latina REGOLAMENTO CENTRO DIURNO SOCIO-EDUCATIVO-RIABILITATIVO PER PERSONE DIVERSAMENTE ABILI Art. 1) Definizione Il Centro Diurno Socio-educativo-riabilitativo (di seguito

Dettagli

In Breve. n. 8/2011. I servizi alla persona: le unità di offerta sociali e socio sanitarie in Lombardia. Informativa Breve. I servizi per gli anziani

In Breve. n. 8/2011. I servizi alla persona: le unità di offerta sociali e socio sanitarie in Lombardia. Informativa Breve. I servizi per gli anziani Servizio Studi e Valutazione Politiche regionali Ufficio Analisi Leggi e Politiche regionali Dicembre 2011 Informativa Breve In Breve 8/2011 I servizi per gli anziani I servizi per la disabilità I servizi

Dettagli

Allegato A PROGETTO OPERATIVO C.S.E. VALUTARE PER VALORIZZARE: PER UNA MIGLIORE QUALITÀ DI VITA

Allegato A PROGETTO OPERATIVO C.S.E. VALUTARE PER VALORIZZARE: PER UNA MIGLIORE QUALITÀ DI VITA Allegato A PROGETTO OPERATIVO C.S.E. VALUTARE PER VALORIZZARE: PER UNA MIGLIORE QUALITÀ DI VITA PREMESSA 1. Normativa di riferimento La legge n. 328/00 enuncia all art. 14 le disposizioni per la realizzazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO-EDUCATIVA

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO-EDUCATIVA Documentazione Sistema Qualità Pag. 1 di 11 REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE SOCIO-EDUCATIVA DELLA ZONA ALTA VALDELSA Numero Revisione Motivo Data 1 APPROVAZIONE CONSIGLIO

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SOCIALI

CARTA DEI SERVIZI SOCIALI CARTA DEI SERVIZI SOCIALI (ai sensi della L. n. 328/2000 e della L. R. n. 4/2007) Centro Diurno e Sostegno Educativo Domiciliare Aggiornata al Gennaio 2015 Consorzio C.S. Potenza CONFCOOPERATIVE FEDERSOLIDARIETA

Dettagli

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI

RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI RUOLO, FUNZIONI, SERVIZI Il tema della disabilità mette a prova tutti i passaggi dei cicli di vita delle persone. Attraverso le vicende biografiche di chi attraversa questa particolare condizione è possibile

Dettagli

EDUCATIVA TERRITORIALE

EDUCATIVA TERRITORIALE EDUCATIVA TERRITORIALE L attivazione di questo servizio è subordinata al finanziamento della L. 285/97 (Disposizioni per la promozione di diritti e opportunità per l infanzia e l adolescenza). DEFINIZIONE

Dettagli

Siamo qui per raccontarvi la storia di un progetto e la costruzione di un Opera. Il Punto di Partenza Società Cooperativa Sociale a.r.l.

Siamo qui per raccontarvi la storia di un progetto e la costruzione di un Opera. Il Punto di Partenza Società Cooperativa Sociale a.r.l. Siamo qui per raccontarvi la storia di un progetto e la costruzione di un Opera Il Punto di Partenza Società Cooperativa Sociale a.r.l. onlus IL PUNTO DI PARTENZA Società Cooperativa sociale a.r.l. ONLUS

Dettagli

FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO E ORDINAMENTO DIDATTICO DEI RELATIVI CORSI DI FORMAZIONE IL MINISTRO DELLA SANITA.

FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO E ORDINAMENTO DIDATTICO DEI RELATIVI CORSI DI FORMAZIONE IL MINISTRO DELLA SANITA. FIGURA PROFESSIONALE DELL OPERATORE SOCIO-SANITARIO E ORDINAMENTO DIDATTICO DEI RELATIVI CORSI DI FORMAZIONE IL MINISTRO DELLA SANITA di concerto con IL MINISTRO PER LA SOLIDARIETA SOCIALE VISTO il decreto

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO PER MINORI LA TARTARUGA INDICE CAP 1 - Principi generali Art. 1 Definizione del servizio Art. 2 Finalità e obiettivi

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE DISTRETTO SOCIO SANITARIO APRILIA/CISTERNA REGOLAMENTO CASA FAMIGLIA PER DISABILI LA CASA DEI LILLA Allegato alla delibera di CC n.33 dell

Dettagli

Allegato B Strutture soggette a Dich. Inizio Attività (regol. di cui alla L.R. 11/2007 del C.S.S. Alta Irpinia)

Allegato B Strutture soggette a Dich. Inizio Attività (regol. di cui alla L.R. 11/2007 del C.S.S. Alta Irpinia) DENOMINAZIONE SERVIZIO 01 ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA CON SERVIZI SANITARI Il servizio di assistenza domiciliare integrata consiste in interventi da fornire ai cittadini al fine di favorire la permanenza

Dettagli

LA CARTA DEI SERVIZI

LA CARTA DEI SERVIZI Carta dei Servizi LA CARTA DEI SERVIZI La Carta dei Servizi è il principale strumento di un organizzazione per far conoscere i progetti che realizza, per informare sulle risorse e le attività a disposizione,

Dettagli

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale.

La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. La specializzazione in Medicina di Comunità è stata collocata nella classe della Medicina Clinica Generale. Decreto MIUR su Riassetto delle Scuole di specializzazione di area sanitaria G.U. n. 285 del

Dettagli

Nomenclatore dei servizi

Nomenclatore dei servizi Nomenclatore dei servizi REGOLAMENTO REGIONALE 18 gennaio 2007, n. 4 e sue modifiche REGOLAMENTO REGIONALE 07 agosto 2008, n. 19 Legge Regionale 10 luglio 2006, n. 19 Disciplina del sistema integrato dei

Dettagli

1. DISABILI E FAMIGLIA

1. DISABILI E FAMIGLIA 1. DISABILI E FAMIGLIA COSA FA IL CISS OSSOLA PER LE PERSONE CON DISABILITA E LE LORO FAMIGLIE Contribuisce a garantire condizioni di benessere relazionale, ambientale e sociale che valorizzino le risorse

Dettagli

PROFILI PROFESSIONALI BIENNIO COMUNE

PROFILI PROFESSIONALI BIENNIO COMUNE PROFILI PROFESSIONALI ITAS Tecnico per le Attività Sociali Durata degli studi: 5 anni. Titolo di studio rilasciato: Diploma di Maturità Tecnica per Attività Sociali Indirizzo: a) Dirigenti di Comunità

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE SOCIALE di CASARANO. Regolamento sull Affido Familiare

AMBITO TERRITORIALE SOCIALE di CASARANO. Regolamento sull Affido Familiare CASARANO COLLEPASSO MATINO PARABITA RUFFANO SUPERSANO TAURISANO VISTI AMBITO TERRITORIALE SOCIALE di CASARANO Regolamento sull Affido Familiare la L.184/1983 Disciplina dell'adozione e dell'affidamento

Dettagli

Linee guida per il mansionario Operatore Socioassistenziale Opzione assistenza all infanzia

Linee guida per il mansionario Operatore Socioassistenziale Opzione assistenza all infanzia Linee guida per il mansionario Operatore Socioassistenziale Opzione assistenza all infanzia PREMESSA L OSA (operatore/operatrice socioassistenziale) - Ha uno statuto di professionista qualificato con Attestato

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI CASALGRANDE PROVINCIA DI REGGIO EMILIA CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 50 del 28/06/2012 Premessa La Carta dei Servizi

Dettagli

TITOLO PROGETTO ABBRACCI

TITOLO PROGETTO ABBRACCI CASA FAMIGLIA S. OMOBONO Fondazione ONLUS Sede legale: Via Ippocastani, 14 26100 CREMONA. Tel. 0372 25500; Fax 0372 568390; e-mail: casa famiglia@fastpiu.it CASA FAMIGLIA S. OMOBONO Fondazione ONLUS Via

Dettagli

CORSO OSS OPERATORE SOCIO SANITARIO

CORSO OSS OPERATORE SOCIO SANITARIO ELENIA Via Ungaretti, 84 62100 Macerata (Mc) Tel. 0733.33844 (r.a.) Fax 0733.33811 segreteriaoss@grupposinergie.com CORSO OSS OPERATORE SOCIO SANITARIO INFORMATIVA GENERALE & SCHEDA D ISCRIZIONE CORSO

Dettagli

STATE COMODI Assistenza Anziani Progetto di Servizio Civile Nazionale in Italia

STATE COMODI Assistenza Anziani Progetto di Servizio Civile Nazionale in Italia STATE COMODI Assistenza Anziani Progetto di Servizio Civile Nazionale in Italia 1. IN BREVE Il presente progetto intende potenziare la rete di protezione sociale di anziani in particolare situazione di

Dettagli

PROFILO FORMATIVO ASA (Ausiliario Socio Assistenziale) Delibera 7693 del 24/07/2008 - Introduzione del Profilo e ambiti di attività.

PROFILO FORMATIVO ASA (Ausiliario Socio Assistenziale) Delibera 7693 del 24/07/2008 - Introduzione del Profilo e ambiti di attività. PROFILO FORMATIVO ASA (Ausiliario Socio Assistenziale) Delibera 7693 del 24/07/2008 - Introduzione del Profilo e ambiti di attività. L Ausiliario Socio Assistenziale è un operatore di interesse socio-assistenziale

Dettagli

Scheda tecnica 1 Servizio assistenza domiciliare a favore di anziani, disabili e adulti a svantaggio sociale

Scheda tecnica 1 Servizio assistenza domiciliare a favore di anziani, disabili e adulti a svantaggio sociale ALLEGATO TECNICO PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ED EDUCATIVA PER IL PERIODO 01.04.2011 31.12.2012. CIG N. 07771837B1. indetta con determinazione N 53 del 17.01.2011

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI - servizio di assistenza educativa alunni con disabilità associazione L abilità Onlus CARTA DEI SERVIZI

CARTA DEI SERVIZI - servizio di assistenza educativa alunni con disabilità associazione L abilità Onlus CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI relativa a servizio di assistenza educativa per gli alunni con disabilità frequentanti scuole dell infanzia, primarie, secondarie di primo e secondo grado statali e paritarie milanesi

Dettagli

Fondazione OPERA SANTA RITA PRATO. del. Centro Diurno di Riabilitazione Per Giovani Cerebrolesi Franco Primi

Fondazione OPERA SANTA RITA PRATO. del. Centro Diurno di Riabilitazione Per Giovani Cerebrolesi Franco Primi Fondazione OPERA SANTA RITA PRATO CARTA DEI SERVIZI del Centro Diurno di Riabilitazione Per Giovani Cerebrolesi Franco Primi Edizione - aprile 2002 1 LA FONDAZIONE OPERA SANTA RITA (Onlus) L attuale Fondazione

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE ALTO SEBINO COMUNI DI: Bossico, Castro, Costa Volpino, Fonteno, Lovere, Pianico, Riva di Solto, Rogno, Solto Collina, Sovere

AMBITO TERRITORIALE ALTO SEBINO COMUNI DI: Bossico, Castro, Costa Volpino, Fonteno, Lovere, Pianico, Riva di Solto, Rogno, Solto Collina, Sovere AMBITO TERRITORIALE ALTO SEBINO COMUNI DI: Bossico, Castro, Costa Volpino, Fonteno, Lovere, Pianico, Riva di Solto, Rogno, Solto Collina, Sovere Indice Art. 1 - Individuazione del servizio - Tipologia

Dettagli

cooperativa sociale comunità del giambellino

cooperativa sociale comunità del giambellino cooperativa sociale comunità del giambellino via Gentile Bellini 6-20146 Milano tel 02 42 56 19 - fax 02 48 95 41 83 giambellino@giambellino.org http://www.giambellino.org CARTA DEI SERVIZI comunità d

Dettagli

Caratteristiche e obiettivi del servizio

Caratteristiche e obiettivi del servizio Allegato 2 Specifica Tecnica contenente le caratteristiche del servizio Assistenza domiciliare Disabili Sociale ed Integrata dei Comuni dell Ambito S3 ex S5 Eboli Capofila- Caratteristiche e obiettivi

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI CENTRO POLARIS PROGETTO RSA APERTA- CENTRO SEMIRESIDENZIALE

CARTA DEI SERVIZI CENTRO POLARIS PROGETTO RSA APERTA- CENTRO SEMIRESIDENZIALE CARTA DEI SERVIZI CENTRO POLARIS PROGETTO RSA APERTA- CENTRO SEMIRESIDENZIALE Prodotto da Smart Decò Srl FONDAZIONE FERRARIO VANZAGO Via Garibaldi, 1 - Vanzago Tel. centralino 029393011 Centro Polaris

Dettagli

Comunità Alloggio Minori - WALDEN

Comunità Alloggio Minori - WALDEN Che cos'è la carta dei servizi? 1 di 10 La Carta dei Servizi è il principale strumento di un'organizzazione per far conoscere i progetti che realizza, per informare sulle risorse e le attività a disposizione,

Dettagli

Allegato A.1.6 Ediz. 02 Carta dei servizi Assistenza a domicilio. MANUALE DELLA QUALITA Pagina 1 di 11

Allegato A.1.6 Ediz. 02 Carta dei servizi Assistenza a domicilio. MANUALE DELLA QUALITA Pagina 1 di 11 MANUALE DELLA QUALITA Pagina 1 di 11 C.so Laghi 34 10051 Avigliana (TO) Tel. 011.93.11.392 Fax 011.19.85.86.87 e-mail: csdacooparl@tiscalinet.it www.cooperativacsda.it ASSISSTENZA A DOMICILIO CARTA DEI

Dettagli

Funzionigramma Comunità Panta Rei

Funzionigramma Comunità Panta Rei Funzionigramma Comunità Panta Rei Sanitario Psicoterapia/Psichiatra: In collaborazione con la Psicoterapeuta/Psicologa/NPI si occupa della valutazione clinica degli utenti nella fase del preingresso e

Dettagli

C O M U N E DI C A I V A N O. Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224

C O M U N E DI C A I V A N O. Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224 C O M U N E DI C A I V A N O Provincia di Napoli SETTORE POLITICHE SOCIALI CORSO UMBERTO N. 413 80023 CAIVANO (NA) TEL. 0818800812/13 FAX 0818305224 GUIDA AI SERVIZI 2011 Comune di Caivano - Guida ai Servizi

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: LA CASA DELLE GENTI SETTORE e Area di Intervento: A12 Assistenza ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO FINALITA GENERALE Finalità generale del progetto

Dettagli

ASSESSORADU DE SU TRABALLU, FORMATZIONE PROFESSIONALE, COOPERATZIONE E SEGURÀNTZIA SOTZIALE

ASSESSORADU DE SU TRABALLU, FORMATZIONE PROFESSIONALE, COOPERATZIONE E SEGURÀNTZIA SOTZIALE ASSESSORADU DE SU TRABALLU, FORMATZIONE PROFESSIONALE, COOPERATZIONE E SEGURÀNTZIA SOTZIALE ASSESSORATO DEL LAVORO, FORMAZIONE PROFESSIONALE, COOPERAZIONE E SICUREZZA SOCIALE Catalogo delle Agenzie formative

Dettagli

C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598

C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598 C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598 SETTORE 3: POLITICHE SOCIALI E CULTURALI REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO DISABILI

Dettagli

SCHEMA DI CERTIFICAZIONE DELLE BABY SITTER ADDETTE ALLA CURA DEI BAMBINI 0-3 ANNI

SCHEMA DI CERTIFICAZIONE DELLE BABY SITTER ADDETTE ALLA CURA DEI BAMBINI 0-3 ANNI SCHEMA DI CERTIFICAZIONE DELLE BABY SITTER ADDETTE ALLA CURA DEI BAMBINI 0-3 ANNI INDICE Schema di certificazione delle aassistenti famigliari addette alla cura dei bambini 0-3 anni INDICE 0. Introduzione

Dettagli

Centro Direzionale Via G.Porzio - Isola E3 80143 - Napoli Tel: 081.19811450 Fax: 081.19811451 Sito: www.amesci.org Email: info@amesci.

Centro Direzionale Via G.Porzio - Isola E3 80143 - Napoli Tel: 081.19811450 Fax: 081.19811451 Sito: www.amesci.org Email: info@amesci. BREVE DESCRIZIONE DEL PROGETTO IL MIO SPAZIO SETTORE D INTERVENTO AREA D INTERVENTO OBIETTIVO GENERALE OBIETTIVI SPECIFICI ASSISTENZA MINORI Il progetto qui presentato ha l obiettivo generale di alleviare

Dettagli

DGR 1232 dd. 14.5.2004

DGR 1232 dd. 14.5.2004 DGR 1232 dd. 14.5.2004 VISTA la rilevazione del fabbisogno occupazionale e formativo di operatori sociali in Regione, promossa dalla Direzione Centrale della Salute e della Protezione Sociale, condotta

Dettagli

OPERATORE SOCIO ASSISTENZIALE Misure compensative

OPERATORE SOCIO ASSISTENZIALE Misure compensative Bollettino Ufficiale della Regione Campania n. 3 del 17 gennaio 2005 Allegato A REGIONE CAMPANIA OPERATORE SOCIO ASSISTENZIALE Misure compensative Bollettino Ufficiale della Regione Campania n. 3 del 17

Dettagli

Centro Socio Educativo Riabilitativo Diurno per Disabili. Un mondo a colori

Centro Socio Educativo Riabilitativo Diurno per Disabili. Un mondo a colori Carta dei servizi Nella carta dei servizi sociali sono definiti i criteri per l accesso ai servizi, le modalità del relativo funzionamento, le condizioni per facilitarne le valutazioni da parte degli utenti

Dettagli

CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SERVIZIO SOCIALE

CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SERVIZIO SOCIALE CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN SERVIZIO SOCIALE Classe delle Lauree in Servizio sociale (L-39) Sedi didattiche del Corso di Laurea: Asti Presidente del Corso di Laurea: Prof.ssa Elena Allegri Referente di

Dettagli

Allegato 2 FUNZIONI/ATTIVITÀ

Allegato 2 FUNZIONI/ATTIVITÀ SERVIZI ALLA FORMAZIONE Allegato 2 FUNZIONI/ATTIVITÀ FORMATORE Area di attività Analisi dei fabbisogni formativi; Progettazione interventi formativi; Erogazione azioni formative; Valutazione esiti apprendimento;

Dettagli

Un anno per il sociale in provincia di Lecco 2012

Un anno per il sociale in provincia di Lecco 2012 Scheda progetto Un anno per il sociale in provincia di Lecco 2012 ANCI Lombardia coordina e organizza le azioni degli enti associati in materia di servizio civile definendo una precisa strategia metodologica

Dettagli

Il Centro CASA: un servizio socio-sanitario per le persone affette da HIV/AIDS

Il Centro CASA: un servizio socio-sanitario per le persone affette da HIV/AIDS Il Centro CASA: un servizio socio-sanitario per le persone affette da HIV/AIDS Maria Bona Venturi CENTRO C.A.S.A. AIDS Dipartimento delle Cure Primarie Azienda USL di Bologna 1 Il Centro C.A.S.A. (Centro

Dettagli

Valle Imagna Villa d Almè. Azienda Territoriale per i Servizi alla Persona Azienda Speciale Consortile

Valle Imagna Villa d Almè. Azienda Territoriale per i Servizi alla Persona Azienda Speciale Consortile Valle Imagna Villa d Almè Azienda Territoriale per i Servizi alla Persona Azienda Speciale Consortile Comunità Familiare di Berbenno CARTA DEL SERVIZIO E PIANO EDUCATIVO GENERALE INTRODUZIONE La Carta

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: IRCCS Fondazione Stella Maris - Pisa 2) Codice di accreditamento: NZ03552 3) Albo e classe di

Dettagli

CITTA DI ROSETO DEGLI ABRUZZI (Provincia di Teramo)

CITTA DI ROSETO DEGLI ABRUZZI (Provincia di Teramo) CITTA DI ROSETO DEGLI ABRUZZI (Provincia di Teramo) REGOLAMENTO COMUNITA EDUCATIVA PER MINORI INDICE ART. 1 ART. 2 ART. 3 ART. 4 ART. 5 ART. 6 ART. 7 ART. 8 ART. 9 ART. 10 ART. 11 ART. 12 ART. 13 ART.

Dettagli

Progetto "ABC ( Asilo nido, Biblioteca, Comune)" Ente. Comune di TORRE PELLICE. Settore d'intervento

Progetto ABC ( Asilo nido, Biblioteca, Comune) Ente. Comune di TORRE PELLICE. Settore d'intervento Progetto "ABC ( Asilo nido, Biblioteca, Comune)" Ente Comune di TORRE PELLICE Settore d'intervento Educazione e promozione culturale - Animazione sul territorio Obiettivi del progetto Coinvolgere i giovani,

Dettagli

ALLEGATO A TESTO DELL'ACCORDO STATO-REGIONI DEL 22 FEBBRAIO 2001

ALLEGATO A TESTO DELL'ACCORDO STATO-REGIONI DEL 22 FEBBRAIO 2001 ALLEGATO A TESTO DELL'ACCORDO STATO-REGIONI DEL 22 FEBBRAIO 2001 Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le regioni e province autonome di Trento e Bolzano, per la

Dettagli

L'approccio iniziale all esperienza nella struttura educativa sarà quindi interpretato nel rispetto dei principi di "gradualità" e "continuità".

L'approccio iniziale all esperienza nella struttura educativa sarà quindi interpretato nel rispetto dei principi di gradualità e continuità. 1 Accogliere un bambino in un servizio educativo per la prima infanzia, significa accogliere tutta la sua famiglia, individuando tutta una serie di strategie di rapporto fra nido/centro gioco e casa, volte

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

COMUNITA' ALLOGGIO DEFINIZIONE ED OBIETTIVI DEL SERVIZIO

COMUNITA' ALLOGGIO DEFINIZIONE ED OBIETTIVI DEL SERVIZIO COMUNITA' ALLOGGIO DEFINIZIONE ED OBIETTIVI DEL SERVIZIO La Comunità Alloggio per disabili di Strada Torino 32 a Moncalieri denominata "C O2 Case" costituisce una reale e concreta alternativa al ricovero

Dettagli

LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA CLINICA E DI COMUNITÀ

LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA CLINICA E DI COMUNITÀ LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA CLINICA E DI COMUNITÀ CLASSE LM 51 SECONDO CICLO: LICENZA O LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA Il secondo ciclo di Licenza o Laurea Magistrale in Psicologia si propone di formare

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO Allegato alla Delib.G.R. n. 44/ 10 del 31.10.2007 PROGRAMMA STRAORDINARIO DI INTERVENTI PER L AUTISMO E GLI ALTRI DISTURBI PERVASIVI DELLO SVILUPPO Premessa L autismo, assieme agli altri disturbi pervasivi

Dettagli

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori?

1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? 3. Quali sono le strutture socioassistenziali per minori? 1. Quali sono le procedure per aprire una struttura che presta servizi socioassistenziali? Le procedure per aprire una struttura socioassistenziale sono definite dalla normativa regionale. Il rappresentante

Dettagli

Interventi di prevenzione e promozione sociale

Interventi di prevenzione e promozione sociale Assistenziale aiuto e sostegno Sostegno psico-sociale Interventi integrativi e sostitutivi delle funzioni proprie del nucleo familiare Assistenza domiciliare Consultorio Mediazione familiare Tutela salute

Dettagli

PERCORSI FORMATIVI. SVILUPPO DEL Sé, RELAZIONE DI AIUTO, COUNSELING

PERCORSI FORMATIVI. SVILUPPO DEL Sé, RELAZIONE DI AIUTO, COUNSELING PERCORSI FORMATIVI SVILUPPO DEL Sé: RIFLETTERE, RI-COSTRUIRE, RI-ELABORARE OttObre 2011- GiuGnO 2013 Risorse e criticità della propria storia personale per una pratica professionale consapevole RELAZIONE

Dettagli

Catalogo Welfare. Attività formative e servizi

Catalogo Welfare. Attività formative e servizi Catalogo Welfare Attività formative e servizi Irecoop Emilia Romagna, in qualità di ente di formazione di emanazione di Confcooperative Emilia Romagna, dal 1979 sviluppa progetti di formazione a servizio

Dettagli

AREA LAVORARE NEL SOCIALE

AREA LAVORARE NEL SOCIALE AREA LAVORARE NEL SOCIALE IL FUND RAISING PER LA GESTIONE DELL IMPRESA SOCIALE Obiettivo del corso è quello di comprendere le implicazioni sociali, organizzative ed etiche che accompagnano l attività di

Dettagli

ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA

ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA ASSISTENZA DOMICILIARE EDUCATIVA AI MINORI E ALLE LORO FAMIGLIE 2. Progetto già avviato Sì No 3. Tipologia di servizio Istituzionale Servizi Essenziali Altro 4. Area tematica Minori e Famiglia 5. Macrotipologia

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO DISABILI L AGORA Allegato alla delibera di C.C. n.32 dell 11/05/07 1 ART.1 (Definizione) Il Centro diurno per disabili

Dettagli

Sede: Via Colombo 56025 PONTEDERA

Sede: Via Colombo 56025 PONTEDERA COMUNITA A DIMENSIONE FAMILIARE PER MINORI REGOLAMENTO INTERNO Sede: Via Colombo 56025 PONTEDERA INDICE TITOLO I DESCRIZIONE DEL SERVIZIO E ORGANIZZAZIONE Articolo 1 Oggetto pag. 2 Articolo 2 Finalità

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI ZOGNO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 1 TITOLO I NORME GENERALI DEL SERVIZIO Art. 1 Campo di intervento Il Comune di Zogno, nell ambito del Servizio Assistenza, eroga le prestazioni

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO. 1. I riferimenti pedagogici a cui la Scuola dell Infanzia Stella Mattutina fa riferimento

PROGETTO EDUCATIVO. 1. I riferimenti pedagogici a cui la Scuola dell Infanzia Stella Mattutina fa riferimento PROGETTO EDUCATIVO 1. I riferimenti pedagogici a cui la Scuola dell Infanzia Stella Mattutina fa riferimento Nella Scuola dell Infanzia Stella Mattutina l azione educativa mira al raggiungimento delle

Dettagli

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti

Infermieristica della salute mentale. Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Infermieristica della salute mentale Corso di Laurea in infermieristica A.A. 2014/2015 Dr. Gianfranco Preiti Le competenze dell infermiere in psichiatria e all interno dell equipe multi professionale La

Dettagli

Day Hospital Psichiatrico

Day Hospital Psichiatrico Day Hospital Psichiatrico Ospedale privato Villa Igea Mission Il nostro impegno è quello di fornire, nel rispetto della persona, servizi e prestazioni sanitarie appropriate, efficaci e sicure, attraverso

Dettagli

SEDE DOVE INDIRIZZARE LA DOMANDA: Legacoop Umbria Ufficio Servizio Civile Str. S. Lucia, 8 06125 PERUGIA

SEDE DOVE INDIRIZZARE LA DOMANDA: Legacoop Umbria Ufficio Servizio Civile Str. S. Lucia, 8 06125 PERUGIA SEDE DOVE INDIRIZZARE LA DOMANDA: Legacoop Umbria Ufficio Servizio Civile Str. S. Lucia, 8 06125 PERUGIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA LEGA REGIONALE COOP. E MUTUE

Dettagli

di assistenza educativa scolastica per alunni con disabilità

di assistenza educativa scolastica per alunni con disabilità 1 di assistenza educativa scolastica 2 La Cooperativa ALEMAR ONLUS gestisce un gran numero di servizi rivolti al mondo della scuola: asili nido, scuole dell infanzia, assistenza e sostegno scolastico e

Dettagli

GIU IL CAPPELLO Assistenza disabili Progetto di Servizio Civile Nazionale in Italia

GIU IL CAPPELLO Assistenza disabili Progetto di Servizio Civile Nazionale in Italia GIU IL CAPPELLO Assistenza disabili Progetto di Servizio Civile Nazionale in Italia 1. IN BREVE Il presente progetto intende favorire l inserimento sociale e lavorativo delle persone con disabilità, indipendentemente

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

AMIGOS servizi per l infanzia, l adolescenza e le famiglie AMIGOS CARTA DEL SERVIZIO

AMIGOS servizi per l infanzia, l adolescenza e le famiglie AMIGOS CARTA DEL SERVIZIO AMIGOS CARTA DEL SERVIZIO CONTESTO: Un percorso di crescita e continuità educativa: bambini 0-6 anni La nostra struttura si occupa dell infanzia e della gioventù dal 2002 offrendo un servizio di Nido d

Dettagli

ESPERIENZE LAVORATIVE

ESPERIENZE LAVORATIVE C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Spagnuolo Alessandra Residenza Via Gorizia, 54 94012 Barrafranca (EN) Domicilio Via Gemmellaro, 41 95100 Catania Telefono 339-8549838 E-mail alessandra.spagnuolo@virgilio.it

Dettagli

Corso formazione per baby sitter: requisiti trasversali di qualità

Corso formazione per baby sitter: requisiti trasversali di qualità COMUNE DI BOLOGNA ALLEGATO al: PROTOCOLLO D INTESA tra IL COMUNE DI BOLOGNA E IMPRESE, COOPERATIVE E ASSOCIAZIONI PER L ATTUAZIONE DEL PROGETTO SPERIMENTALE TATA BOLOGNA PER UN SERVIZIO DI BABY SITTER.

Dettagli

Le famiglie fanno Centro Progetto ai sensi della DGR n. 1216/2012

Le famiglie fanno Centro Progetto ai sensi della DGR n. 1216/2012 Comune di Gradara Provincia di Pesaro e UrBino Settore Politiche Sociali Assessore Solindo Pantucci Le famiglie fanno Centro Progetto ai sensi della DGR n. 1216/2012 A cura di: Dott.ssa Carmen Pacini Responsabile

Dettagli

Guida per accedere al Servizio Civile Regionale

Guida per accedere al Servizio Civile Regionale Guida per accedere al Servizio Civile Regionale Per partecipare ai progetti di Servizio Civile Regionale di questo Comune, è necessario accedere al programma Garanzia Giovani. L accesso al programma è

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO 2007

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO 2007 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO 2007 Titolo progetto Attività Integrative all Assistenza Domiciliare Integrata Tipologia destinatari A06 Disabili Giorni /ore di servizio 5 giorni

Dettagli

COMUNE DI CHIARAVALLE Provincia di Ancona

COMUNE DI CHIARAVALLE Provincia di Ancona COMUNE DI CHIARAVALLE Provincia di Ancona Centro socio-educativo riabilitativo diurno per disabili Arcobaleno PREFAZIONE La Carta dei Servizi del Centro socio-educativo riabilitativo diurno per disabili

Dettagli

ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA

ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA ASSOCIAZIONE ONLUS L OASI DI TORRETTA CAMPOBELLO DI MAZARA COMUNITA ALLOGGIO DEFINIZIONE DEL SERVIZIO La Comunità Alloggio si propone come soluzione strutturale idonea a rispondere nei casi in cui i genitori

Dettagli

PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE NAZIONALE 2015

PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE NAZIONALE 2015 PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE NAZIONALE 2015 Ente: ASSOCIAZIONE PROVINCIALE PER I MINORI Indirizzo: via Valentina Zambra 11 - TRENTO Recapito telefonico: 0461829896 Indirizzo e-.mail: associazioneminori@appm.it

Dettagli

CENTRO DIURNO PER PERSONE CON DISABILITA (C.D.D.)

CENTRO DIURNO PER PERSONE CON DISABILITA (C.D.D.) CENTRO DIURNO PER PERSONE CON DISABILITA (C.D.D.) CENNI STORICI Il CSE (Centro Socio Educativo) di Piario, ora CDD (Centro Diurno per persone con Disabilità) è stato aperto nel 1982 su iniziativa degli

Dettagli

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita

L obiettivo dei percorsi formativi inseriti in questo Catalogo è quello di fornire iter di apprendimento che rispondano alle esigenze di crescita PRESENTAZIONE Bluform, società affermata nell ambito della Consulenza e della Formazione aziendale, realizza percorsi formativi rivolti ai dirigenti ed ai dipendenti delle aziende che vogliono far crescere

Dettagli

la presente carta ha validità fino al mese di ottobre 2015

la presente carta ha validità fino al mese di ottobre 2015 carta dei servizi lacomunità Cooperativa Sociale via Brignole de Ferrari 6/9 16125 Genova telefono 010 2465848-010 2531126 fax 010 2461360 info@lacomunita.genova.it www.lacomunita.genova.it Ardini Comunità

Dettagli

La Cooperativa FILO DI ARIANNA

La Cooperativa FILO DI ARIANNA Salute mentale La Cooperativa FILO DI ARIANNA La Cooperativa Filo di Arianna è stata fondata nel 1995 a Monza. Nel 1999 assorbe servizi dell Area socio-sanitaria e socio-assistenziale da Caritas Ambrosiana.

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 84 del 16 gennaio 2007 pag. 1/218 Allegato A) Dgr n. del 218218 Pagine. Standard relativi ai

ALLEGATOA alla Dgr n. 84 del 16 gennaio 2007 pag. 1/218 Allegato A) Dgr n. del 218218 Pagine. Standard relativi ai giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 84 del 16 gennaio 2007 pag. 1/218 Allegato A) Dgr n. del 218218 Pagine Standard relativi ai requisiti di autorizzazione all esercizio e accreditamento

Dettagli

ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE

ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE ALLEGATO 1 BANDO DI GARA PER LACREAZIONE DI UNA SHORT LIST DI FORNITORI DI SERVIZI DI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO DELLE DONNE SERVIZI RIPARTITI PER TARGET DI RIFERIMENTO Centro diurno per

Dettagli

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità

Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009. Servizi Socio-Sanitari per la disabilità Carta dei Servizi rev. 0 del 10 dicembre 2009 Servizi Socio-Sanitari AZIENDA ULSS N. 22 Bussolengo (VR) Unità Complessa Disabilità Direttore Dott. Gabriele Bezzan Funzionario Dott.ssa Liliana Menegoi Segreteria

Dettagli

LEGGE REGIONALE 28 APRILE 2000, N.76 DIRETTIVE GENERALI DI ATTUAZIONE

LEGGE REGIONALE 28 APRILE 2000, N.76 DIRETTIVE GENERALI DI ATTUAZIONE Direzione Qualità della Vita, Beni ed Attività Culturali, Sicurezza e Promozione Sociale Servizio Servizi Sociali LEGGE REGIONALE 28 APRILE 2000, N.76 Norme in materia di servizi educativi per la prima

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER DIVENTARE OPERATORI SOCIO SANITARI (OSS)

CORSO DI FORMAZIONE PER DIVENTARE OPERATORI SOCIO SANITARI (OSS) CORSO DI FORMAZIONE PER DIVENTARE OPERATORI SOCIO SANITARI (OSS) Una scelta di vita al servizio della persona Ci sono almeno 5 buoni motivi per diventare OSS Hai sempre desiderato un lavoro che non fosse

Dettagli

Consorzio Regionale Network Etico Consorzio di Imprese Cooperative Sociali

Consorzio Regionale Network Etico Consorzio di Imprese Cooperative Sociali Consorzio Regionale Network Etico Consorzio di Imprese Cooperative Sociali PREMESSA La scelta di redigere il presente documento nasce dalla volontà di far conoscere l ambito di attività del Consorzio Regionale

Dettagli

Allegato 6 PROGETTO EDUCATIVO. Obiettivi e principi psico-pedagogici

Allegato 6 PROGETTO EDUCATIVO. Obiettivi e principi psico-pedagogici Allegato 6 PROGETTO EDUCATIVO Obiettivi e principi psico-pedagogici L istituzione dell asilo nido per bambine e bambini da tre mesi a tre anni di vita, rappresenta un ulteriore servizio rivolto al personale

Dettagli