Protocollo occupazione e produttività 19 ottobre 2012 Comitato di consultazione. Estensione orari di Filiale. Milano, 20 dicembre 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Protocollo occupazione e produttività 19 ottobre 2012 Comitato di consultazione. Estensione orari di Filiale. Milano, 20 dicembre 2012"

Transcript

1 Protocollo occupazione e produttività 19 ottobre 2012 Comitato di consultazione Estensione orari di Filiale Milano, 20 dicembre 2012

2 Estensione orario: gli obiettivi commerciali Il progetto si pone principalmente di: Aumentare l efficacia commerciale rendendo disponibili alla clientela i servizi della banca in orari maggiormente compatibili con le abitudini della stessa Acquisire nuova clientela differenziando le filiali delle banche del Gruppo dalla concorrenza Estendere il livello di servizio offerto alla clientela migliorando la customer satisfaction e diminuendo il tasso di abbandono 2

3 Le filiali da attivare nel corso del primo trimestre 2013 In questa prima fase l estensione degli orari di servizio alla clientela sarà applicato su 335 filiali, 93 delle quali nel corso del mese di gennaio Direzione Regionale Campania, Basilicata, Calabria, Puglia e Sicilia Gennaio 15 Attivazione Entro Marzo Emilia Romagna, Marche, Abruzzo e Molise Lombardia 9 12 Milano e Provincia In fase di consolidamento Piemonte, Valle d'aosta e Liguria Toscana, Umbria, Lazio e Sardegna Veneto, Friuli Venezia Giulia, Trentino Alto Adige Totale

4 Le diverse tipologie di estensione d orario e il piano di attivazione Sulle prime 93 filiali di gennaio l estensione degli orari sarà applicata con due diverse modalità Apertura al pubblico Numero Filiali 1 lunedì - venerdì sabato mattina lunedì Estensione - venerdì dal lunedì al venerdì (con solo servizio di consulenza nella sabato fascia mattina ) e il sabato mattina 7 * * Una per Direzione Regionale 93 L attivazione delle prime filiali avverrà gradualmente nel mese di gennaio: 17 filiali dal 14 gennaio 30 filiali dal 21 gennaio 46 filiali dal 28 gennaio 4

5 Le diverse articolazioni di orario individuale 1 Filiali con apertura al Sabato 9-13 * Ex protocollo 19 ottobre 2012 Lunedì Venerdì ORARIO tipo A 08:00 16:30 ORARIO tipo B 11:48 20:00 5 giorni feriali compreso il Sabato* ORARIO tipo C 1 giorno: 08:00 17:00 3 giorni: 08:00 17:30 Sabato: 09:00 13:00 2 Filiali con apertura al Sabato 8-14 Lunedì Venerdì ORARIO tipo A 08:00 16:30 ORARIO tipo B 11:48 20:00 Lunedì Sabato ORARIO «6x6» 08:00 14:00 5

6 Articolazioni orarie individuali Orario tipo A Orario di lavoro: lunedì venerdì dalle 8.00 alle Orario A Orario A1 Orario A2 orario di lavoro filiale aperta lun -ven dalle 8.00 alle filiale chiusa orario di lavoro intervallo consulenza orario di lavoro filiale aperta lun -ven dalle 8.00 alle filiale chiusa orario di lavoro intervallo sportello/consulenza orario di lavoro filiale aperta lun -ven dalle 8.00 alle filiale chiusa filiale aperta filiale aperta filiale aperta orario di lavoro * intervallo sportello/consulenza attività di preparazione quadratura Cassa passaggio/consegna valori Orario di lavoro dalle 8.00 alle dal lunedì al venerdì orario settimanale di 37 ore e 30 min. distribuito su 5 giornate da 7 ore e 30 min. ciascuna, più 1 ora di intervallo; riconoscimento dell indennità di rischio prevista fino alle 6 ore; erogazione del buono pasto per ogni giorno in cui è effettuato l intervallo. (*) la pausa di 10 min. prevista in caso di superamento delle 6 ore consecutive, è posta all interno dell orario giornaliero; 6

7 Articolazioni orarie individuali Orario tipo B Orario di lavoro: lunedì venerdì dalle alle Orario B orario di lavoro filiale aperta lun -ven dalle alle filiale chiusa filiale aperta orario di lavoro intervallo consulenza/sportello Orario B1 orario di lavoro filiale aperta lun -ven dalle alle orario di lavoro consulenza/sportello filiale chiusa intervallo filiale aperta attività di preparazione quadratura Cassa passaggio/consegna valori Orario di lavoro dalle alle dal lunedì al venerdì orario settimanale di 36 ore distribuito su 5 giornate di 7 ore e 12 min. ciascuna, più 1 ora di intervallo; per le Aree Professionali è prevista l indennità giornaliera di 4,30; escluse ulteriori riduzioni d orario (comprese le 23 ore annue di banca delle ore); riconoscimento dell indennità di rischio prevista fino alle 6 ore erogazione del buono pasto per ogni giorno in cui è effettuato l intervallo. 7

8 Articolazioni orarie individuali Orario tipo C orario di lavoro distribuito su 5 giornate compreso il sabato mattina* Orario C orario di lavoro filiale aperta un giorno dalle 8.00 alle tre giorni dalle 8.00 alle filiale chiusa filiale aperta orario di lavoro intervallo sportello/consulenza orario di lavoro intervallo sportello/consulenza sabato filiale aperta orario di lavoro consulenza Orario C 1 orario di lavoro filiale aperta un giorno dalle 8.00 alle tre giorni dalle 8.00 alle filiale chiusa orario di lavoro intervallo consulenza filiale aperta orario di lavoro intervallo consulenza sabato filiale aperta orario di lavoro consulenza attività di preparazione quadratura Cassa passaggio/consegna valori Orario di lavoro ex Protocollo 19 ottobre 2012 (4 ore al sabato e le rimanenti ore ripartite in modo uniforme su altre 4 giornate lavorative) orario settimanale di 37 ore 30 min distribuito su 5 giornate, compreso il sabato, così articolato: 1 giorno: 08:00 17:00 3 giorni: 08:00 17:30 sabato: 09:00 13:00 indennità di 18,42 per ogni sabato lavorato al personale che svolge attività di promozione e consulenza; riconoscimento dell indennità di rischio prevista fino alle 6 ore erogazione del buono pasto per ogni giorno in cui è effettuato l intervallo. 8

9 Articolazioni orarie individuali Orario tipo «6x6» Orario di lavoro distribuito su 6 giornate compreso il sabato orario di lavoro lun - sab dalle Orario 6x alle orario di lavoro consulenza orario di lavoro lun - sab dalle Orario 6x alle orario di lavoro Sportello * attività di preparazione quadratura Cassa passaggio/consegna valori Orario di lavoro 6 x 6 orario settimanale di 36 ore distribuito su 6 giornate dal lunedì al sabato di 6 ore ciascuna, senza intervallo; sono escluse specifiche indennità e ulteriori riduzioni d orario (comprese le 23 ore annue di banca delle ore); riconoscimento dell indennità di rischio prevista fino alle 6 ore nessuna erogazione del buono pasto (*): non previsto il sabato 9

10 Articolazioni orarie individuali Altri aspetti Ferie: in caso di orario settimanale distribuito su 6 giorni il computo delle ferie è effettuato sulla base dei giorni lavorativi dal lunedì al venerdì (settimana intera di ferie= 5 giorni di ferie). Semi festività: in caso di giornata semifestiva l orario sarà di 5 ore per i lavoratori a tempo pieno (sarà riproporzionato per i lavoratori part time). Flessibilità di orario individuali: in caso di estensione degli orari, non sono più applicabili salvo verifica della loro compatibilità. Indennità di pendolarismo: estensione al sabato in caso di orario 6X6 10

11 1 Filiali con apertura il sabato mattina dalle ore 9.00 alle ore Modello di articolazione orario individuale: mattino Orario di lavoro Orario di filiale Intervallo Orario di lavoro Orario A lun - ven AC mattino AC mattino (tesoriere) * commerciale mattino Orario B lun - ven AC pomeriggio 11.48(1) AC pomeriggio (tesoriere) (1) commerciale pomeriggio pomeriggio Orario di filiale Orario disponibilità casse Orario C 3 gg lun - ven gg sabato (1) avvio attività dalle * Comprensivo della pausa di 10 minuti come da previsioni di legge 11

12 1 Filiali con apertura il sabato mattina dalle ore 9.00 alle ore

13 2 Filiali con apertura il sabato mattina dalle ore 8.00 alle ore Modello di articolazione orario individuale: mattino Orario di lavoro Orario di filiale Intervallo Orario di lavoro Orario A lun - ven AC mattino AC mattino (tesoriere) * commerciale mattino Orario B lun - ven AC pomeriggio (1) AC pomeriggio (tesoriere) (1) commerciale pomeriggio pomeriggio Orario di filiale Orario disponibilità casse Orario D lun - ven "6x6" sabato (1) avvio attività dalle * Comprensivo della pausa di 10 minuti come da previsioni di legge 13

14 2 Filiali con apertura il sabato mattina dalle ore 8.00 alle ore

15 Il modello di assistenza alle filiali Ambito Risorse* Orari Piazza Help Desk Tecnologico 15 Moncalieri e Napoli ISGS Direzione Sistemi Informativi Direzione Operations Infrastrutture Tecnologiche 22 Sistemi Applicativi Finanza 10 Sistemi Applicativi Target 25 Sistemi Applicativi CRM 33 Help Desk 1 lunedì-venerdì 08:00-20:00 Sabato :00 Moncalieri, Milano, Torri di Quartesolo, Sarmeola, Bologna, Parma, Roma e Napoli Assago, Torri, Sarmeola e Napoli Direzione Immobili Poli Immobiliari 3 (3 risorse per Polo Immobiliare) BANCA DEI TERRITORI ALTRE SOCIETA' Area Specialisti Credito 1 (1 risorsa per Area) Specialisti Personale 1 lunedì-venerdì e (1 risorsa per Area) Specialisti Assistenza Organizzativa 1 (1 risorsa per Area) Eurizon Capital 6 lunedì-venerdì Milano Intesa Sanpaolo Vita e Intesa Sanpaolo Life e sabato Milano Intesa Sanpaolo Assicura Milano Leasint 2 Milano *numero di risorse previste in fase iniziale il numero delle risorse verrà modulato in base alle esigenze 15

16 Filiali oggetto di estensione orario 93 Filiali oggetto di estensione orari 16

17 Le caratteristiche delle prime 93 filiali di gennaio Distribuzione filiali per classe MEDIA 34 Classe filiale GRANDE Numero Filiali 17

18 Le 93 filiali di gennaio (1/2) Direzione Regionale Area Nome Filiale Indirizzo Orario lunedì/venerdì Orario sabato Data Attivazione CAMPANIA BASILICATA CALABRIA PUGLIA E SICILIA AREA CALABRO LUCANA REGGIO CALABRIA V.LE ZERBI VIALE ZERBI, 21/ /01/2013 CAMPANIA BASILICATA CALABRIA PUGLIA E SICILIA AREA CALABRO LUCANA RENDE - VIA DON MINZONI 115 VIA DON MINZONI, /01/2013 CAMPANIA BASILICATA CALABRIA PUGLIA E SICILIA AREA CAMPANIA CASERTA - CORSO TRIESTE 118 CORSO TRIESTE, /01/2013 CAMPANIA BASILICATA CALABRIA PUGLIA E SICILIA AREA CAMPANIA SALERNO MERCATELLO VIA TRENTO, 141/B /01/2013 CAMPANIA BASILICATA CALABRIA PUGLIA E SICILIA AREA NAPOLI E PROVINCIA CASALNUOVO DI NAPOLI VIA NAPOLI, /01/2013 CAMPANIA BASILICATA CALABRIA PUGLIA E SICILIA AREA NAPOLI E PROVINCIA NAPOLI 89 VIA MARGHERITA, 61 - FRAZ. PONTICELLI /01/2013 CAMPANIA BASILICATA CALABRIA PUGLIA E SICILIA AREA NAPOLI E PROVINCIA NAPOLI - VIA NUOVA MARINA 20 VIA NUOVA MARINA /01/2013 CAMPANIA BASILICATA CALABRIA PUGLIA E SICILIA AREA NAPOLI E PROVINCIA NAPOLI VIA TOLEDO VIA TOLEDO, /01/2013 CAMPANIA BASILICATA CALABRIA PUGLIA E SICILIA AREA NAPOLI E PROVINCIA SAN GIUSEPPE VESUVIANO 01 VIA XX SETTEMBRE, /01/2013 CAMPANIA BASILICATA CALABRIA PUGLIA E SICILIA AREA PUGLIA ANDRIA - VIA DE GASPERI 30 VIA ALCIDE DE GASPERI, /01/2013 CAMPANIA BASILICATA CALABRIA PUGLIA E SICILIA AREA PUGLIA BARLETTA - PIAZZA DEI CADUTI 11 CORSO GARIBALDI, /01/2013 CAMPANIA BASILICATA CALABRIA PUGLIA E SICILIA AREA PUGLIA FOGGIA 05 PIAZZA PUGLIA ANG. VIA BARI, /01/2013 CAMPANIA BASILICATA CALABRIA PUGLIA E SICILIA AREA PUGLIA GALATINA - PIAZZA DANTE ALIGHIERI 95 PIAZZA DANTE ALIGHIERI, /01/2013 CAMPANIA BASILICATA CALABRIA PUGLIA E SICILIA AREA PUGLIA LECCE 03 PIAZZA MAZZINI, /01/2013 CAMPANIA BASILICATA CALABRIA PUGLIA E SICILIA AREA SICILIA BARCELLONA POZZO DI GOTTO - Via Roma Ang. Via Regina Margherita VIA ROMA, /01/2013 EMILIA R MARCHE ABRUZZO E MOLISE AREA BANCA DELL'ADRIATICO Montesilvano C.SO UMBERTO I ANG. VIA CAVOUR, /01/2013 EMILIA R MARCHE ABRUZZO E MOLISE AREA BANCA DELL'ADRIATICO VASTO - Corso Europa 9 CORSO EUROPA, /01/2013 EMILIA R MARCHE ABRUZZO E MOLISE AREA CASSA DEI RISPARMI DI FORLI' E DELLA ROMAGNA FORLI' SEDE CORSO DELLA REPUBBLICA, /01/2013 EMILIA R MARCHE ABRUZZO E MOLISE AREA CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA Bologna Borgo Panigale VIA EMILIO LEPIDO, 66/ /01/2013 EMILIA R MARCHE ABRUZZO E MOLISE AREA CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA Bologna Pontevecchio VIA EMILIA LEVANTE,19 TERZO B /01/2013 EMILIA R MARCHE ABRUZZO E MOLISE AREA CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA Bologna Sede VIA FARINI, /01/2013 EMILIA R MARCHE ABRUZZO E MOLISE AREA CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA PARMA - PIAZZA GARIBALDI 3/A PIAZZA GIUSEPPE GARIBALDI, 3/A /01/2013 EMILIA R MARCHE ABRUZZO E MOLISE AREA CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA PIACENZA CORSO VITTORIO EMANUELE CORSO VITTORIO EMANUELE II, 209/ /01/2013 EMILIA R MARCHE ABRUZZO E MOLISE AREA CASSA DI RISPARMIO IN BOLOGNA Zola Predosa VIA RISORGIMENTO, /01/2013 EMILIA R MARCHE ABRUZZO E MOLISE CR ASCOLI Ascoli Piceno Sede CORSO MAZZINI, /01/2013 LOMBARDIA NORD LC-MAZZINI 18 PIAZZA MAZZINI, /01/2013 LOMBARDIA NORD SONDRIO VIA PIAZZI, /01/2013 LOMBARDIA OVEST ERBA CORSO XXV APRILE, /01/2013 LOMBARDIA OVEST LUINO VIA VITTORIO SERENI, /01/2013 LOMBARDIA SUD EST CASTEGGIO-GIULIET VIA G.M. GIULIETTI, /01/2013 LOMBARDIA SUD EST CREMONA PIAZZA STRADIVARI, /01/2013 LOMBARDIA SUD EST ORZINUOVI PIAZZA VITTORIO EMANUELE II, /01/2013 LOMBARDIA SUD EST SANT'ANGELO LODIGIAN VIA UMBERTO I, /01/2013 LOMBARDIA SUD EST VOGHERA PIAZZA DUOMO, /01/2013 MILANO E PROVINCIA AREA MILANO CITTA MI DE ANGELI PIAZZA DE ANGELI, /01/2013 MILANO E PROVINCIA AREA MILANO CITTA MILANO - CORSO MAGENTA 32 CORSO MAGENTA, /01/2013 MILANO E PROVINCIA AREA MILANO CITTA MILANO - VIA C. BATTISTI 11 VIA CESARE BATTISTI, /01/2013 MILANO E PROVINCIA AREA MILANO CITTA MILANO - VIA FARINI 56 VIA CARLO FARINI, /01/2013 MILANO E PROVINCIA AREA MILANO CITTA MILANO - VIA MEDA 41 VIA MEDA, /01/2013 MILANO E PROVINCIA AREA MILANO CITTA MILANO - VIALE ROMAGNA 20 VIALE ROMAGNA, /01/2013 MILANO E PROVINCIA AREA MILANO PROVINCIA ABBIATEGRASSO - PIAZZA 5 GIORNATE 4 PIAZZA 5 GIORNATE, /01/2013 MILANO E PROVINCIA AREA MILANO PROVINCIA COLOGNO MONZESE - PIAZZA CASTELLO 10 PIAZZA CASTELLO, 10 ANG. VIA CAVALLOTTI /01/2013 MILANO E PROVINCIA AREA MILANO PROVINCIA CORSICO - VIA CAVOUR 13 VIA CAVOUR, /01/2013 MILANO E PROVINCIA AREA MILANO PROVINCIA LISSONE - PIAZZA PAPA GIOVANNI XXIII 36 PIAZZA PAPA GIOVANNI XXIII, /01/2013 MILANO E PROVINCIA AREA MILANO PROVINCIA MONZA - VIA CAVALLOTTI 5 VIA FELICE CAVALLOTTI, /01/2013 MILANO E PROVINCIA AREA MILANO PROVINCIA PARABIAGO VIA S. MICHELE, /01/2013 MILANO E PROVINCIA AREA MILANO PROVINCIA PIOLTELLO - Via Milano 82 VIA MILANO, /01/2013 MILANO E PROVINCIA AREA MILANO PROVINCIA SAN GIULIANO MILANESE Via Roma 3 VIA ROMA, /01/2013 MILANO E PROVINCIA AREA MILANO PROVINCIA SESTO S. GIOVANNI - PIAZZA IV NOVEMBRE 22 PIAZZA IV NOVEMBRE, /01/

19 Le 93 filiali di gennaio (2/2) Direzione Regionale Area Nome Filiale Indirizzo Orario lunedì/venerdì Orario sabato Data Attivazione PIEMONTE, VALLE D'AOSTA E LIGURIA AREA LIGURIA E PIEMONTE SUD OVEST ASTI CORSO DANTE, /01/2013 PIEMONTE, VALLE D'AOSTA E LIGURIA AREA LIGURIA E PIEMONTE SUD OVEST FINALE LIGURE VIA CONCEZIONE, /01/2013 PIEMONTE, VALLE D'AOSTA E LIGURIA AREA LIGURIA E PIEMONTE SUD OVEST IMPERIA PIAZZA MARCONI, /01/2013 PIEMONTE, VALLE D'AOSTA E LIGURIA AREA LIGURIA E PIEMONTE SUD OVEST RAPALLO CORSO MATTEOTTI ANG MAMELI SN /01/2013 PIEMONTE, VALLE D'AOSTA E LIGURIA AREA TORINO E PROVINCIA ALPIGNANO VIA MAZZINI, /01/2013 PIEMONTE, VALLE D'AOSTA E LIGURIA AREA TORINO E PROVINCIA CIRIE' VIA SAN CIRIACO, /01/2013 PIEMONTE, VALLE D'AOSTA E LIGURIA AREA TORINO E PROVINCIA COLLEGNO - Corso Francia 330 CORSO FRANCIA, /01/2013 PIEMONTE, VALLE D'AOSTA E LIGURIA AREA TORINO E PROVINCIA PIOSSASCO VIA TORINO, /01/2013 PIEMONTE, VALLE D'AOSTA E LIGURIA AREA TORINO E PROVINCIA SETTIMO TORINESE VIA ITALIA, /01/2013 PIEMONTE, VALLE D'AOSTA E LIGURIA AREA TORINO E PROVINCIA TORINO 08 CORSO ALCIDE DE GASPERI, /01/2013 PIEMONTE, VALLE D'AOSTA E LIGURIA AREA TORINO E PROVINCIA TORINO 24 CORSO FILIPPO TURATI, /01/2013 PIEMONTE, VALLE D'AOSTA E LIGURIA AREA VALLE D'AOSTA E PIEMONTE NORD EST ACQUI TERME PIAZZA ITALIA, /01/2013 PIEMONTE, VALLE D'AOSTA E LIGURIA AREA VALLE D'AOSTA E PIEMONTE NORD EST NOVI LIGURE PIAZZA REPUBBLICA, /01/2013 PIEMONTE, VALLE D'AOSTA E LIGURIA AREA VALLE D'AOSTA E PIEMONTE NORD EST OLEGGIO VIA ROMA, /01/2013 PIEMONTE, VALLE D'AOSTA E LIGURIA AREA VALLE D'AOSTA E PIEMONTE NORD EST VERBANIA - INTRA CORSO LORENZO COBIANCHI, /01/2013 TOSCANA UMBRIA LAZIO E SARDEGNA AREA BANCA DI CREDITO SARDO Cagliari 05 LARGO CARLO FELICE, /01/2013 TOSCANA UMBRIA LAZIO E SARDEGNA AREA BANCA DI CREDITO SARDO NUORO VIA LA MARMORA, /01/2013 TOSCANA UMBRIA LAZIO E SARDEGNA AREA BANCA DI CREDITO SARDO OLBIA - VIA D'ANNUNZIO VIA G.D'ANNUNZIO,23 CENTRO MARTINI /01/2013 TOSCANA UMBRIA LAZIO E SARDEGNA AREA BANCA DI CREDITO SARDO ORISTANO PIAZZA ROMA, /01/2013 TOSCANA UMBRIA LAZIO E SARDEGNA AREA BANCA DI CREDITO SARDO SASSARI - PIAZZA D'ITALIA 23 PIAZZA D'ITALIA, /01/2013 TOSCANA UMBRIA LAZIO E SARDEGNA AREA CENTRO Terni Sede CORSO TACITO, /01/2013 TOSCANA UMBRIA LAZIO E SARDEGNA AREA FIRENZE Empoli VIA PIEVANO ROLANDO, /01/2013 TOSCANA UMBRIA LAZIO E SARDEGNA AREA FIRENZE Firenze VIA BUFALINI, /01/2013 TOSCANA UMBRIA LAZIO E SARDEGNA AREA FIRENZE FIRENZE 51 PIAZZA DELLA REPUBBLICA, 16/R /01/2013 TOSCANA UMBRIA LAZIO E SARDEGNA AREA LAZIO ROMA - PIAZZA DI SPAGNA 18 PIAZZA DI SPAGNA, /01/2013 TOSCANA UMBRIA LAZIO E SARDEGNA AREA LAZIO ROMA - VIALE ANICIO GALLO 34 VIALE ANICIO GALLO ANG VIA PAPIRIO, /01/2013 TOSCANA UMBRIA LAZIO E SARDEGNA AREA LAZIO ROMA 07 VIA DUCCIO DI BUONINSEGNA, 9/ /01/2013 TOSCANA UMBRIA LAZIO E SARDEGNA AREA LAZIO Roma via Aurelia VIA AURELIA, 396 /A /01/2013 TOSCANA UMBRIA LAZIO E SARDEGNA AREA TOSCANA Grosseto PIAZZA F.LLI ROSSELLI, /01/2013 TOSCANA UMBRIA LAZIO E SARDEGNA AREA TOSCANA LIVORNO 3 VIA CAIROLI, /01/2013 VENETO FRIULI V G E TRENTINO AA AREA BANCA DI TRENTO E BOLZANO BOLZANO VIA DELLA MOSTRA, 7 /A /01/2013 VENETO FRIULI V G E TRENTINO AA AREA BANCA DI TRENTO E BOLZANO TRENTO VIA MANTOVA, /01/2013 VENETO FRIULI V G E TRENTINO AA AREA CASSA DI RISPARMIO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA San Vito al Tagliamento PZA DEL POPOLO, /01/2013 VENETO FRIULI V G E TRENTINO AA AREA CASSA DI RISPARMIO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA TRIESTE - VIA CABOTO 12 VIA GIOVANNI E SEBASTIANO CABOTO, /01/2013 VENETO FRIULI V G E TRENTINO AA AREA CASSA DI RISPARMIO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA Udine Sede VIA DEL MONTE, /01/2013 VENETO FRIULI V G E TRENTINO AA AREA CASSA RI RISPARMIO DI VENEZIA Portogruaro Sede VIA ROMA, 1/ /01/2013 VENETO FRIULI V G E TRENTINO AA AREA CASSA RI RISPARMIO DI VENEZIA Venezia - Mestre Sede P.TTA MATTER, /01/2013 VENETO FRIULI V G E TRENTINO AA AREA CASSA RI RISPARMIO DI VENEZIA Venezia Sede SAN MARCO CAMPO MANIN, /01/2013 VENETO FRIULI V G E TRENTINO AA AREA CR VENETO NORD OVEST Cerea VIA PARIDE DA CEREA, 1/ /01/2013 VENETO FRIULI V G E TRENTINO AA AREA CR VENETO NORD OVEST VICENZA - CORSO PALLADIO CORSO PALLADIO, /01/2013 VENETO FRIULI V G E TRENTINO AA AREA CR VENETO SUD EST Monselice Via Roma VIA ROMA, /01/2013 VENETO FRIULI V G E TRENTINO AA AREA CR VENETO SUD EST Padova Sede CORSO GARIBALDI, 22/ /01/2013 VENETO FRIULI V G E TRENTINO AA AREA CR VENETO SUD EST Padova Via Guizza VIA GUIZZA, /01/2013 VENETO FRIULI V G E TRENTINO AA AREA CR VENETO SUD EST Solesino VIA XXVIII APRILE 70, /01/

20 Logiche commerciali e modello operativo 93 Logiche commerciali e modello operativo 20

21 Modello commerciale - Linee guida Copertura dei segmenti di clientela prevalenti attraverso le figure commerciali di riferimento Programmazione degli orari individuali in linea di massima mensile con pianificazione anticipata di almeno un mese Direttore di filiale e Coordinatore/Responsabile commerciale si alternano nei differenti orari, coordinandosi tra loro per garantire il presidio (commerciale) durante l intero orario di apertura. 21

22 Modello commerciale: segmenti Personal e Small Business I clienti personal che si recano in filiale sono serviti generalmente dal proprio gestore di riferimento. Linee guida Personal In caso di assenza del gestore, possono rivolgersi al Direttore della Filiale, ad un altro gestore personal in filiale (per richieste più complesse) o ad un gestore famiglie (per problematiche semplici). In ogni caso sarà cura della filiale fissare un nuovo appuntamento con il gestore di riferimento. I clienti Small Business che si recano in filiale sono serviti generalmente dal proprio gestore di riferimento. Linee guida Small Business Il Direttore di filiale sostituisce il Gestore SB negli orari di assenza. Qualora si tratti di esigenze transazionali, sarà servito dall assistente alla clientela o da altri colleghi. In ogni caso sarà cura della filiale fissare un nuovo appuntamento con il gestore di riferimento. La copertura della fascia preserale sarà preferita rispetto al sabato mattina, fatte salve esigenze specifiche (es. centri commerciali). Il presidio del sabato sarà svolto in relazione al contesto territoriale di riferimento e, di massima, in filiali che abbiano almeno 3 Gestori SB. 22

23 Modello commerciale: segmento Famiglie Garantire un adeguata presenza dei colleghi Gestori Famiglie e AC Full Commerciali negli orari estesi (indicativamente il 50%) Linee guida Famiglie Privilegiare il servizio al cliente (come capacità di dare soluzione alle esigenze manifestate, indipendentemente dalla presenza del Gestore di riferimento) Prevedere per gli AC una presenza serale adeguata per garantire i servizi di cassa e una presenza più contenuta il sabato Garantire la presenza del Coordinatore Commerciale negli orari estesi a seconda della specificità della filiale Privilegiare la copertura degli orari estesi nella definizione dell articolazione d orario dell Esperto Bancassicurazione, laddove presente 23

24 Modello commerciale: assistenti alla clientela ASSISTENTI ALLA CLIENTELA Sono previsti orari operativi in cassa : Alla mattina dalle 8.05 alle (con quadratura prevista nella fascia ) e attività commerciali/amministrative nel pomeriggio. Orari con uno o più assistenti alla clientela il pomeriggio con inizio dell attività lavorativa dalle e avvio attività di cassa a partire dalle (cassa sino alle e seguente quadratura) Il collega che nel pomeriggio svolgerà attività di tenutario dovrà procedere nella fascia allo scambio dei valori con il collega che svolge il medesimo ruolo al mattino. 24

25 La gestione delle operazioni e dei prodotti negli orari estesi Nei nuovi orari estesi le filiali avranno un'operatività simile a quella offerta oggi negli orari tradizionali, con alcune limitazioni legate a cut-off di sistema esterni (chiusura rete bancaria, limiti posti da Banca d Italia, dialogo con controparti esterne): Gestione prodotti commerciali Dal lunedì al venerdì: operatività di vendita e gestione pre e post vendita di tutti i prodotti come negli orari tradizionali (effetti di contabilizzazione e disponibilità immediati, «come se l operazione fosse svolta alle 15.30»). Il sabato: operatività di vendita e gestione pre e post vendita di tutti i principali prodotti con effetti contabili dell operazione nella giornata di lunedì («è come se l operazione fosse svolta nella giornata del lunedì») con alcune limitazioni di operatività Operatività di cassa Dal lunedì al venerdì: operatività legata alla gestione della materialità di contanti e valori come negli orari tradizionali (effetti di contabilizzazione e disponibilità immediati, «come se l operazione fosse svolta alle 15.30»). Il sabato di cassa, inteso come gestione della materialità (contante e valori), non sarà disponibile. Inoltre non saranno disponibili: Pagamento effetti e cambiali Emissione e negoziazione degli Assegni Circolari Negoziazione degli Assegni Bancari Accesso alle cassette di sicurezza 25

26 La gestione delle operazioni e dei prodotti negli orari estesi Operatività transazionale Al fine di garantire un elevato livello di servizio alla clientela, l operatività delle procedure è stata allungata sino alle ore 20, con eccezione delle procedure interessate da cut-off interbancario (bonifici, portafoglio e cassa effetti con chiusura alle 19.00) Per l operatività transazionale da gestire tramite Hub di Back Office così come da normativa attuale (vedi Regole e perimetro per l accentramento attività sugli Hub Operations), saranno considerate ricevute in giornata le operazioni presentate in filiale entro le 17 Tali operazioni dovranno essere inoltrate agli HUB di Back Office secondo quanto previsto dai processi in materia: le operazioni consegnate dopo le ore 17 e nella giornata di sabato, saranno «raccolte dai colleghi» ma considerate di norma come presentate dal cliente nella prima giornata lavorativa (dovrà essere apposto un timbro per il cliente) Per le operazioni presentate invece in contanti sarà possibile eccezionalmente processarle dai colleghi in filiale sino agli orari di disponibilità della procedura con contabilizzazione immediata Per gli assegni è garantita la gestione immediata anche dalle alle 19.30:, gli assegni negoziati fino alle manterranno disponibilità economica 3 giorni mentre quelli negoziati oltre le avranno disponibilità economica 4 giorni. Il cliente con piena facoltà sul conto dovrà sottoscrivere a tal proposito un autorizzazione con doppia firma 26

27 L attività commerciale negli orari estesi è supportata dalla disponibilità di tutte le procedure: Small Business lunedì -venerdì Sabato mattina Finanziamenti Breve termine e MLT con e senza Polizza Leasing Piena operatività; NB: per le operazioni da sottoporre a data certa considerare la disponibilità dell applicativo delle Poste o l apertura degli sportelli postali Piena operatività ad esclusione dell erogazione o ripartizione (le transazione impattate, ad es. MR00 sono disponibili solo per altre funzionalità) e di alcune tipologie di leasing specialistico. lunedì -venerdì Sabato mattina Crediti commerciali SBF e anticipo fatture Piena operatività; i documenti presentati dal dopo le si considerano ricevuti il giorno lavorativo successivo e, sulla copia per il cliente, deve essere apposto il timbro I documenti presentati al sabato si considerano ricevuti il giorno lavorativo successivo e, sulla copia per il cliente, deve essere apposto il timbro 27

28 L attività commerciale negli orari estesi è supportata dalla disponibilità di tutte le procedure: Small Business Dal lunedì al venerdì Sabato mattina Gestione liquidità aziendale Soluzione Business Sottoscrivibile fino alle 18 Non disponibili Time Deposit Sottoscrivibili fino alle 18 Non disponibili Protezione del rischio: derivati OTC Dal lunedì al venerdì Sabato mattina Rischio tasso Sottoscrivibili fino alle 18 Non disponibili Rischio cambio Sottoscrivibili fino alle 18 Non disponibili Polizze a tutela della persona, dei beni e dei finanziamenti Dal lunedì al venerdì Sabato mattina Piena operatività Solo preventivi (*) (*) in corso attività di implementazione per la piena operatività del sabato 28

29 L attività commerciale negli orari estesi è supportata dalla disponibilità di tutte le procedure: Privati Dal lunedì al venerdì Sabato mattina Polizze a tutela della persona, dei beni e dei finanziamenti «Viaggia con me» Per le emissioni i documenti completi devono giungere in ISP Assicura entro le Per le emissioni i documenti completi devono giungere in ISP Assicura entro le Altri prodotti Tutela Piena operatività Solo preventivi (*) Dal lunedì al venerdì Sabato mattina Finanziamenti Prestiti Piena operatività Piena operatività per tutti prodotti ad accezione di Prestito Maxi e Prestito Dipendenti MEF (non disponibile) Mutui Piena operatività Possibili preventivo e raccolta domanda, non disponibile l erogazione (*) in corso attività di implementazione per la piena operatività del sabato 29

30 L attività commerciale negli orari estesi è supportata dalla disponibilità di tutte le procedure: Privati lunedì -venerdì Sabato mattina Gestioni Patrimoniali e Fondi Gestioni Patrimoniali Piena operatività ad eccezione delle inquiry (non disponibili dalle 19) La richiesta di investimento/disinvestimento si considera ricevuta il primo giorno lavorativo successivo Fondi e servizi sui Fondi Piena operatività La richiesta di investimento/disinvestimento si considera ricevuta il primo giorno lavorativo successivo (dovrà essere apposto apposito timbro) 30

31 L attività commerciale negli orari estesi è supportata dalla disponibilità di tutte le procedure: Privati lunedì -venerdì Sabato mattina Polizze vita finanziarie (Ramo I e Ramo III) Ramo I e Ramo III Piena operatività Non disponibili operazioni di post vendita. Le richieste di investimento si considerano ricevute il primo giorno lavorativo successivo. lunedì -venerdì Sabato mattina Altri strumenti finanziari Obbligazioni/Azioni e certificates negoziati Piena operatività sul mercato primario e secondario (esecuzione in funzione degli orari e del calendario di Borsa/scadenza sottoscrizioni) Pronti contro termine Chiusura panieri ore Non disponibili 31

NUOVI MODELLI DI SERVIZIO: evoluzione dei progetti

NUOVI MODELLI DI SERVIZIO: evoluzione dei progetti NUOVI MODELLI DI SERVIZIO: evoluzione dei progetti Nella giornata di ieri l Azienda ha fornito ulteriori aggiornamenti sulle sperimentazioni in corso del Nuovo Modello di Servizio delle Imprese e del Retail.

Dettagli

OGGETTO: Verbale di Accordo del 16 luglio 2009 - inserimenti sportelleria.

OGGETTO: Verbale di Accordo del 16 luglio 2009 - inserimenti sportelleria. Risorse Umane ed Organizzazione Relazioni Industriali Alle Segreterie Nazionali delle OO.SS. SLC-CGIL SLP-CISL UIL-POST FAILP-CISAL CONFSAL. COM.NI UGL-COM.NI Roma, 2 dicembre 2009 OGGETTO: Verbale di

Dettagli

Numero di Banche in Italia

Numero di Banche in Italia TIDONA COMUNICAZIONE Analisi statistica Anni di riferimento: 2000-2012 Tidona Comunicazione Srl - Via Cesare Battisti, 1-20122 Milano Tel.: 02.7628.0502 - Fax: 02.700.525.125 - Tidonacomunicazione.com

Dettagli

UFFICI DIREZIONE GENERALE

UFFICI DIREZIONE GENERALE OPERAZIONE TRASPARENZA (LEGGE 18 GIUGNO 2009, N. 69) DATI RELATIVI AI TASSI DI ASSENZA E PRESENZA DEL PERSONALE Maggio 2011 Assenze (Ore) 37.475,60 Area Assenze (Ore) ABRUZZO CASA SOGGIORNO PESCARA 252,10

Dettagli

Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute

Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute Strutture Sanitarie convenzionate da UniSalute per il Fondo mètasalute ABRUZZO Case di cura / Ospedali / Day-Surgery CHIETI e provincia L'AQUILA e provincia PESCARA e provincia Centri diagnostici /Poliambulatori/Studi

Dettagli

- DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO -

- DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO - - DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO - DISTRIBUZIONE TERRITORIALE IN ITALIA DEL NETWORK ODONTOIATRICO Previnet è in grado di mettere a disposizione dei propri clienti un network

Dettagli

CASE DI LUSSO AL TOP A FIRENZE E GENOVA

CASE DI LUSSO AL TOP A FIRENZE E GENOVA CASE DI LUSSO AL TOP A FIRENZE E GENOVA Degli oltre 74.400 immobili di lusso presenti in Italia che garantiscono alle casse dei Comuni poco più di 91 milioni di euro all anno di Imu, Firenze e Genova sono

Dettagli

04/06/2014. Consegnato OO.SS. 05 giugno 2014

04/06/2014. Consegnato OO.SS. 05 giugno 2014 Consegnato OO.SS. 05 giugno 2014 Trasferimenti Volontari Individuali - DOMANDE 2013 5.930 Domande presentate 5.810 Domande inserite in graduatoria (120 RISORSE ESCLUSE PER MANCANZA REQUISITI PREVISTI DALL

Dettagli

Ricorso agli ammortizzatori sociali settore Vigilanza Privata. Anno 2012

Ricorso agli ammortizzatori sociali settore Vigilanza Privata. Anno 2012 Ricorso agli ammortizzatori sociali settore Vigilanza Privata Anno 2012 Premessa Nel settore della vigilanza privata il 2012 è stato un anno di record per gli ammortizzatori sociali, in particolare per

Dettagli

IL DIRETTORE. VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle dogane;

IL DIRETTORE. VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle dogane; Prot. n. 29228 IL DIRETTORE VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165; VISTI lo Statuto e il Regolamento di amministrazione dell Agenzia delle

Dettagli

FONDAZIONE ENASARCO ORGANIZZAZIONE UFFICI PERIFERICI

FONDAZIONE ENASARCO ORGANIZZAZIONE UFFICI PERIFERICI FONDAZIONE ENASARCO ORGANIZZAZIONE UFFICI PERIFERICI ABRUZZO - MOLISE UFFICIO ISPETTIVO DI PESCARA Pescara, Chieti, L'Aquila, Teramo, Campobasso, Isernia Via Latina n.7 -. 65121 Pescara Telefono 06 5793.3110

Dettagli

BANCA ESTESA. Dopo una serrata discussione nell'ultimo incontro insieme alle altre organizzazioni abbiamo ottenuto:

BANCA ESTESA. Dopo una serrata discussione nell'ultimo incontro insieme alle altre organizzazioni abbiamo ottenuto: Azioni a supporto su Filiali BANCA ESTESA Dopo una serrata discussione nell'ultimo incontro insieme alle altre organizzazioni abbiamo ottenuto: 1. L'aumento strutturale, ad oggi, di circa 260 lavoratori

Dettagli

Mailing List FEDERAZIONE NAZIONALE DEI MAESTRI DEL LAVORO D ITALIA. MAILING LIST (Agenda Indirizzi di Posta Elettronica aggiornata al 1 giugno 2013)

Mailing List FEDERAZIONE NAZIONALE DEI MAESTRI DEL LAVORO D ITALIA. MAILING LIST (Agenda Indirizzi di Posta Elettronica aggiornata al 1 giugno 2013) Mailing List FEDERAZIONE NAZIONALE DEI MAESTRI DEL LAVORO D ITALIA MAILING LIST (Agenda Indirizzi di Posta Elettronica aggiornata al 1 giugno 2013) Consolati Regionali Consolati Provinciali Indirizzo Posta

Dettagli

PRESENZE/ASSENZE DEL PERSONALE NEL MESE DI SETTEMBRE 2013

PRESENZE/ASSENZE DEL PERSONALE NEL MESE DI SETTEMBRE 2013 D.C. OSSERVATORIO MERCATO IMMOBILIARE E SERVIZI ESTIMATIVI AREA OSSERVATORIO MERCATO IMMOBILIARE UFFICIO GESTIONE BANCA DATI QUOTAZIONI OMI 80,00% 20,00% D.C. OSSERVATORIO MERCATO IMMOBILIARE E SERVIZI

Dettagli

Numero eventi di malattia per classe di durata dell'evento in giorni e settore - Anni 2012 e 2013

Numero eventi di malattia per classe di durata dell'evento in giorni e settore - Anni 2012 e 2013 Numero certificati di malattia per settore - Anni 2012 e 2013 2012 2013 Var. % 2012/2013 Settore privato 11.738.081 11.869.521 +1,1 Settore pubblico 5.476.865 5.983.404 +9,2 Totale 17.214.946 17.807.925

Dettagli

-5,2% di lavoratori domestici stranieri dal 2010 al 2011. L 80% dei lavoratori in questo settore rimane comunque non italiano.

-5,2% di lavoratori domestici stranieri dal 2010 al 2011. L 80% dei lavoratori in questo settore rimane comunque non italiano. -5,2% di lavoratori domestici stranieri dal 2010 al 2011. L 80% dei lavoratori in questo settore rimane comunque non italiano., 43 anni, 27 ore di lavoro a settimana per un totale di 35 dichiarate con

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Organizzazione.

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Organizzazione. Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Organizzazione Roma, 28/06/2013 Circolare n. 103 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle

Dettagli

Persone alloggiate presso strutture ricettive di tipo alberghiero ed extra-alberghiero

Persone alloggiate presso strutture ricettive di tipo alberghiero ed extra-alberghiero Cod. ISTAT INT 00066 Settore di interesse: Industria, costruzioni e servizi: statistiche settoriali Persone alloggiate presso strutture ricettive di tipo alberghiero ed extra-alberghiero Titolare: Dipartimento

Dettagli

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA)

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) (aggiornamento al 31 DICEMBRE 2014) REGIONE PUGLIA 11.310 31.758 22.145 168.396 2.866 208.465 1.819 1.566.140 55 172.237

Dettagli

DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI ED IL TRASPORTO INTERMODALE

DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI ED IL TRASPORTO INTERMODALE Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER I TRASPORTI TERRESTRI ED IL TRASPORTO INTERMODALE Direzione Generale per la Motorizzazione Centro Elaborazione Dati Ufficio Statistiche ESITI

Dettagli

Elettori e sezioni elettorali

Elettori e sezioni elettorali Cod. ISTAT INT 00003 AREA: Popolazione e società Settore di interesse: Struttura e dinamica della popolazione Elettori e sezioni elettorali Titolare: Dipartimento per gli Affari Interni e territoriali

Dettagli

REGIONE UFFICIO INCARICO LIVELLO

REGIONE UFFICIO INCARICO LIVELLO ABRUZZO DR ABRUZZO AREA DI STAFF AL DIRETTORE REGIONALE ABRUZZO DR ABRUZZO CENTRO DI ASSISTENZA MULTICANALE DI PESCARA ABRUZZO DR ABRUZZO DIRETTORE REGIONALE AGGIUNTO 1 ABRUZZO DR ABRUZZO UFFICIO ACCERTAMENTO

Dettagli

Elenco distretti relativi all'anagrafe delle scuole 2009-2010

Elenco distretti relativi all'anagrafe delle scuole 2009-2010 Abruzzo Chieti DISTRETTO 009 Abruzzo Chieti DISTRETTO 010 Abruzzo Chieti DISTRETTO 011 Abruzzo Chieti DISTRETTO 015 Chieti Conteggio 4 Abruzzo L'Aquila DISTRETTO 001 Abruzzo L'Aquila DISTRETTO 002 Abruzzo

Dettagli

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013)

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013) I Contratti di Rete Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento all 1 dicembre 2013) I contratti di rete Il monitoraggio sui Contratti di rete di Unioncamere, su dati Infocamere, mette in

Dettagli

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE ESERCIZI SPECIALIZZATI. AL 31/12/2013 PIEMONTE Altri prodotti 19 41.235 113 168 281 0 2 3 Articoli igienico-sanitari/materiali da 1 2.493 2 0 2 0 0 0 Articoli sportivi/attrezzatura campeggi 9 25.694 119

Dettagli

ALLEGATO 1 Ripartizione delle sale «Bingo» per provincia

ALLEGATO 1 Ripartizione delle sale «Bingo» per provincia Decreto Direttoriale 16 novembre 2000 Approvazione del piano di distribuzione territoriale delle sale destinate al gioco del Bingo. (G.U. 29 novembre 2000, n. 279, S.O.) Art. 1-1. È approvato l'allegato

Dettagli

Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali

Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali Cod. ISTAT INT 00023 AREA: Amministrazioni pubbliche e Servizi sociali Settore di interesse: Istituzioni Pubbliche e Private Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali Titolare: Dipartimento per

Dettagli

Condizioni tecniche ed economiche relative alla sperimentazione Postatarget Creative Sperimentale

Condizioni tecniche ed economiche relative alla sperimentazione Postatarget Creative Sperimentale Condizioni tecniche ed economiche relative alla sperimentazione Postatarget Creative Sperimentale EDIZIONE SETTEMBRE 2010 INDICE 1 CARATTERISTICHE DELLA SPERIMENTAZIONE... 3 2 CONDIZIONI DI ACCESSO ALLA

Dettagli

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento al 31 dicembre 2014)

I Contratti di Rete. Rassegna dei principali risultati quantitativi. Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento al 31 dicembre 2014) I Contratti di Rete Elaborazioni Unioncamere su dati Infocamere (aggiornamento al 31 dicembre 2014) Il monitoraggio di Unioncamere sui Contratti di rete, su dati Infocamere, mette in luce che al 31 dicembre

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA IN MATERIA DI SEDI ELETTORALI RSU DELL AUTOMOBILE CLUB d ITALIA

PROTOCOLLO D INTESA IN MATERIA DI SEDI ELETTORALI RSU DELL AUTOMOBILE CLUB d ITALIA PROTOCOLLO D INTESA IN MATERIA DI SEDI ELETTORALI RSU DELL AUTOMOBILE CLUB d ITALIA Le Delegazioni dell Amministrazione e delle sottoscritte Organizzazioni Sindacali, riunitesi il giorno 19 settembre 2007

Dettagli

Regione Retribuzioni Curricula Presenze/Assenze Evidenza sull'home page Abruzzo SI SI NO SI

Regione Retribuzioni Curricula Presenze/Assenze Evidenza sull'home page Abruzzo SI SI NO SI REGIONE ABRUZZO Abruzzo SI SI NO SI L'Aquila NO NO NO NO Chieti SI SI DATI MARZO SI Pescara SI SI NO SI Teramo SI SI DATI MARZO SI L'Aquila NO NO NO NO Chieti SI SI DATI MARZO SI Pescara SI PARZIALI NO

Dettagli

Informativa ai sensi dell art. 103 CCNL 19 gennaio 2012

Informativa ai sensi dell art. 103 CCNL 19 gennaio 2012 Informativa ai sensi dell art. 103 CCNL 19 gennaio 2012 Nuova articolazione di orario di lavoro e di sportello Vicenza, 28 ottobre 2013 Progetto Come noto, nell ambito del Settore del Credito, si stanno

Dettagli

I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi

I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi Valerio Vacca (Banca d Italia, ricerca economica Bari) Il laboratorio del credito, Napoli, 15 marzo 2012 La struttura del mercato in Cr (2010):

Dettagli

Personale del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

Personale del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Cod. ISTAT INT 00024 AREA: Mercato del lavoro Settore di interesse: Mercato del lavoro Personale del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco Titolare: Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico

Dettagli

Regolamento interno della sezione Assistenza sanitaria integrativa della Società nazionale di mutuo soccorso CesarePozzo

Regolamento interno della sezione Assistenza sanitaria integrativa della Società nazionale di mutuo soccorso CesarePozzo Regolamento interno della sezione Assistenza sanitaria integrativa della Società nazionale di mutuo soccorso CesarePozzo Edizione 2011 Sezione Assistenza Sanitaria Integrativa ex art. 51 comma 2 lettera

Dettagli

Abruzzo Basilicata Calabria. Reggio Calabria. Vibo Valentia. Grado di istruzione / Classe di concorso

Abruzzo Basilicata Calabria. Reggio Calabria. Vibo Valentia. Grado di istruzione / Classe di concorso Chieti L'Aquila Pescara Teramo Matera Potenza Catanzaro Cosenza Crotone 3 7 3 5 6 4 5 7 6 A03 CHIMICA E TECNOLOGIE CHIMICHE A06 COSTRUZIONI E TECNICO A07 DISCIPLINE ECONOMICO-AZIENDALI 3 A09 DISCIPLINE

Dettagli

Obiettivi, metodo e strumenti al servizio della customersatisfactione dell efficacia commerciale. Direzione Marketing Small Business

Obiettivi, metodo e strumenti al servizio della customersatisfactione dell efficacia commerciale. Direzione Marketing Small Business Obiettivi, metodo e strumenti al servizio della customersatisfactione dell efficacia commerciale. Direzione Marketing Small Business Torino, dicembre 2012 1 Progetto «Banca Estesa»: gli obiettivi. Massimizzare

Dettagli

Abruzzo Chieti 2 Abruzzo L' Aquila 2 Abruzzo Pescara 0 Abruzzo Teramo Totale Abruzzo. 12 Basilicata Matera 0 Basilicata Potenza Totale Basilicata

Abruzzo Chieti 2 Abruzzo L' Aquila 2 Abruzzo Pescara 0 Abruzzo Teramo Totale Abruzzo. 12 Basilicata Matera 0 Basilicata Potenza Totale Basilicata Mobilità professionale personale ATA profilo professionale DSGA Destinatari dei corsi di di cui all'art. 7 CCNI 3.12.29 - art. 1, comma 2, sequenza contrattuale 25.7.28 - (ex art. 48 CCNL/27) DSGA Personale

Dettagli

UNIVERSITÀ G. d ANNUNZIO FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Dipartimento di Studi Filosofici, Storici e Sociali - Laboratorio di Geografia

UNIVERSITÀ G. d ANNUNZIO FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Dipartimento di Studi Filosofici, Storici e Sociali - Laboratorio di Geografia 1 UNIVERSITÀ G. d ANNUNZIO FACOLTÀ DI LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Dipartimento di Studi Filosofici, Storici e Sociali - Laboratorio di Geografia Gerardo Massimi Le attività d interesse per il turismo

Dettagli

SINTESI DELLO STUDIO

SINTESI DELLO STUDIO SINTESI DELLO STUDIO CARO AFFITTI E COSTO PER LA CASA: DIFFICOLTA DA RISOLVERE Maggio 2009 Nel II semestre 2008 le famiglie italiane per pagare l affitto della casa in cui vivono hanno impiegato il 26,4%

Dettagli

cmg FIRE ATTITUDE ABRUZZO BASILICATA ANDRIANÒ FABRIZIO Provincia: Chieti, L Aquila, Pescara, Teramo

cmg FIRE ATTITUDE ABRUZZO BASILICATA ANDRIANÒ FABRIZIO Provincia: Chieti, L Aquila, Pescara, Teramo ABRUZZO ANDRIANÒ FABRIZIO Provincia: Chieti, L Aquila, Pescara, Teramo Tel.: 338 7339896 mail: fabrizio.andriano@gmail.com BASILICATA DANIELE RAFFAELE & FIGLI sas Provincia: Potenza Tel.: 335 6226928 mail:

Dettagli

Distribuzione per provincia, regione e ordine scuola del contingente di 35.000 nomine per l'a.s. 2005/06. Personale docente ed educativo

Distribuzione per provincia, regione e ordine scuola del contingente di 35.000 nomine per l'a.s. 2005/06. Personale docente ed educativo Distribuzione per provincia, regione e ordine scuola del di 35.000 nomine per l'a.s. 2005/06. Personale doce ed educativo Provincia Scuola infanzia Scuola primaria Scuola secondari a di I grado Scuola

Dettagli

LE ASSOCIATE ACRI FONDAZIONI DI ORIGINE BANCARIA

LE ASSOCIATE ACRI FONDAZIONI DI ORIGINE BANCARIA LE ASSOCIATE ACRI FONDAZIONI DI ORIGINE BANCARIA Abruzzo Fondazione Cassa di Risparmio della Provincia dell Aquila Fondazione Cassa di Risparmio della Provincia di Chieti Fondazione Pescarabruzzo Fondazione

Dettagli

Direzione Centrale Posizione Assicurativa Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 10/10/2014

Direzione Centrale Posizione Assicurativa Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 10/10/2014 Direzione Centrale Posizione Assicurativa Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 10/10/2014 Circolare n. 121 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori

Dettagli

INAIL, Istituto Nazionale Assicurazione sul Lavoro

INAIL, Istituto Nazionale Assicurazione sul Lavoro INAIL, Istituto Nazionale Assicurazione sul Lavoro Finanziamenti alle imprese ISI INAIL 2011 - INCENTIVI ALLE IMPRESE PER LA SICUREZZA SUL LAVORO in attuazione dell'art. 11, comma 5, D.Lgs 81/2008 e s.m.i.

Dettagli

POLITICHE SULLA RETE DISTRIBUTIVA E DI ASSISTENZA. Roma, ottobre 2008

POLITICHE SULLA RETE DISTRIBUTIVA E DI ASSISTENZA. Roma, ottobre 2008 POLITICHE SULLA RETE DISTRIBUTIVA E DI ASSISTENZA Roma, ottobre 2008 La rete distributiva diretta SPECIALIZZAZIONE NEI GRANDI IMPIANTI Le biglietterie XXL XL L specializzano la propria attività esclusivamente

Dettagli

A cura della UIL Servizio Politiche Territoriali ACCONTO ADDIZIONALI REGIONALI E COMUNALI: STANGATA IN ARRIVO CON LA BUSTA PAGA DI MARZO

A cura della UIL Servizio Politiche Territoriali ACCONTO ADDIZIONALI REGIONALI E COMUNALI: STANGATA IN ARRIVO CON LA BUSTA PAGA DI MARZO A cura della UIL Servizio Politiche Territoriali ACCONTO ADDIZIONALI REGIONALI E COMUNALI: STANGATA IN ARRIVO CON LA BUSTA PAGA DI MARZO TRA ACCONTI E SALDI SI PAGHERANNO 97 EURO MEDI CON PUNTE DI 139

Dettagli

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B)

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B) AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) ()/Bx100 120 113,93 109,46 +4,47 +4,09% 480 295,84 277,95 +17,89 +6,44% 700 401,94 375,85 +26,09 +6,94% 1.400 739,55 687,37 +52,18 +7,59% 2.000 1.026,99

Dettagli

DIVISIONE ANTIFRODE ASSICURATIVA

DIVISIONE ANTIFRODE ASSICURATIVA DIVISIONE ANTIFRODE ASSICURATIVA Divisione Antifrode Assicurativa DAA L agenzia è in grado di offrire servizi e soluzioni professionali e qualificate nel campo dell'antifrode assicurativa. Accertamenti

Dettagli

EURIZON MANAGER SELECTION FUND Fondo comune d'investimento di diritto lussemburghese a comparti multipli

EURIZON MANAGER SELECTION FUND Fondo comune d'investimento di diritto lussemburghese a comparti multipli EURIZON MANAGER SELECTION FUND Fondo comune d'investimento di diritto lussemburghese a comparti multipli ELENCO DEI SOGGETTI COLLOCATORI IN ITALIA Valido a decorrere dall 11 aprile 2015 - INTESA SANPAOLO

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 11

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 11 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ITALIA POPOLAZIONE Cose da sapere VOLUME 1 CAPITOLO 11 A. Le idee importanti l L Italia è uno Stato con 20 regioni e 103 province l In Italia ci sono molte città. Le

Dettagli

costo quota iscrizione: 100 EURO costo partecipazione TFA: 2.577,47 EURO (di cui 77.47 euro, tassa regionale)

costo quota iscrizione: 100 EURO costo partecipazione TFA: 2.577,47 EURO (di cui 77.47 euro, tassa regionale) ABRUZZO Chieti - Pescara http://www.unich.it/unichieti/appmanager/unich/didattica?_nfpb=true&_pagelabel=ssis_didatticafirstpage_v2 costo partecipazione TFA: 2.577,47 EURO (di cui 77.47 euro, tassa regionale)

Dettagli

3.927 1.905 2.526 2.468

3.927 1.905 2.526 2.468 N accessi alla Procedura Risorse senza requisiti Domande inserite Art. 43 Domande presenti in graduatoria Residenti a L Aquila 3.927 1.905 2.526 58 2.468 17 CAUSALI ASSENZA DEI REQUISITI >20 gg. di malattia

Dettagli

Indice dei prezzi delle case in affitto

Indice dei prezzi delle case in affitto Indice delle case in affitto Primo trimestre 2016 Sinossi Tornano a salire i prezzi medi delle locazioni in Italia dopo i mesi invernali, con un incremento dell 1,2% che fissa il valore medio al metro

Dettagli

Il fabbisogno abitativo Rinnovata emergenza

Il fabbisogno abitativo Rinnovata emergenza Il fabbisogno abitativo Rinnovata emergenza 2 Rapporto Famiglia-reddito-casa A cura della UIL Servizio Politiche Territoriali Novembre 2008 1 INDICE Nota introduttiva pag. 3 Dati demografici pag. 4 Tabella

Dettagli

I PARCHI D ITALIA REGIONE PER REGIONE

I PARCHI D ITALIA REGIONE PER REGIONE I PARCHI D ITALIA REGIONE PER REGIONE Piemonte Parchi in totale 87 Provincia di Torino 30 Provincia di Alessandria 5 Provincia di Asti 6 Provincia di Biella 6 Provincia di Cuneo Provincia di Novara Provincia

Dettagli

Modulo Raccolta Dati Dati dell Azienda e della sua Attività

Modulo Raccolta Dati Dati dell Azienda e della sua Attività Modulo Raccolta Dati Dati dell Azienda e della sua Attività 1 Dati dell Azienda Ragione e forma sociale Codice Nace Sede Legale: Via/Piazza Stato/Città C.A.P. Sede Operativa: Via/Piazza Stato/Città C.A.P.

Dettagli

alunni con cittadinanza non italiana

alunni con cittadinanza non italiana Ministero della Pubblica Istruzione Direzione Generale per i Sistemi Informativi Direzione Generale Studi e Programmazione con cittadinanza non italiana scuole statali e non statali anno scolastico /7

Dettagli

A V V I S O 13 Microimprese Voucher formativi individuali concordati 1 giugno 2010

A V V I S O 13 Microimprese Voucher formativi individuali concordati 1 giugno 2010 A V V I S O 13 Microimprese Voucher formativi individuali concordati 1 giugno 2010 FON.COOP 1 Microimprese Una definizione Si intende per microimpresa un impresa profit e no profit o un organizzazione

Dettagli

07-12-000181 SERVIZIO RAPPORTI INTERNAZIONALI E STUDI SEZIONE STUDI E STATISTICA

07-12-000181 SERVIZIO RAPPORTI INTERNAZIONALI E STUDI SEZIONE STUDI E STATISTICA SERVIZIO RAPPORTI INTERNAZIONALI E STUDI Roma 27 giugno 2012 Prot. n. All.ti n. 07-12-000181 12 Alle Imprese di assicurazione autorizzate all esercizio del ramo R.C. auto con sede legale in Italia LORO

Dettagli

Breve sintesi - 2012

Breve sintesi - 2012 Breve sintesi - 2012 L Italia e l Europa nel 2012 Nel 2010 l Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha proclamato un nuovo decennio di iniziative per la Sicurezza Stradale 2011-2020 al fine di ridurre

Dettagli

I dati della ricerca

I dati della ricerca Relazioni con i Media Tel. 02/8515.5288/5224 Comunicati www.mi.camcom.it I dati della ricerca Il mercato fotovoltaico in Europa e nel mondo. È l Europa il mercato di sbocco principale per il fotovoltaico,

Dettagli

Dotazione di infrastrutture stradali sul territorio italiano

Dotazione di infrastrutture stradali sul territorio italiano Dotazione di infrastrutture stradali sul territorio italiano A cura dell Area Professionale Statistica L Automobile Club d Italia produce ormai da molti anni la pubblicazione Localizzazione degli Incidenti

Dettagli

EURIZON MANAGER SELECTION FUND

EURIZON MANAGER SELECTION FUND EURIZON MANAGER SELECTION FUND Fondo comune d'investimento di diritto lussemburghese a comparti multipli ELENCO DEI SOGGETTI COLLOCATORI IN ITALIA Valido a decorrere dal 16 marzo 2016 - INTESA SANPAOLO

Dettagli

Fondo integrativo sanitario Impresa Sociale Veneto 60. Allegato al Regolamento applicativo dello Statuto. servizi d integrazione sanitaria

Fondo integrativo sanitario Impresa Sociale Veneto 60. Allegato al Regolamento applicativo dello Statuto. servizi d integrazione sanitaria SOCIETÀ DI MUTUO SOCCORSO servizi d integrazione sanitaria Fondo integrativo sanitario Impresa Sociale Veneto 60 Allegato al Regolamento applicativo dello Statuto 1 Fondo integrativo sanitario Impresa

Dettagli

CNSA Indirizzario completo

CNSA Indirizzario completo Ente Telefono Fax Serizio - Indirizzo CAP Città Regione Alatri - Distretto Socio-Assistenziale_"A" Albano Laziale - Comune distrettosocioass@comunealatrifrit serizisociali@comunealbanolazialermit 0775/4478210

Dettagli

REGOLAMENTO DI CONCILIAZIONE BUSINESS. Giugno 2013

REGOLAMENTO DI CONCILIAZIONE BUSINESS. Giugno 2013 REGOLAMENTO DI CONCILIAZIONE BUSINESS Giugno 2013 1 DISPOSIZIONI GENERALI 1. Poste Italiane S.p.A. (d ora innanzi indicata come POSTE ITALIANE) definisce la procedura di Conciliazione Business secondo

Dettagli

LE CARTE REVOLVING E IL CREDITO ALLE FAMIGLIE

LE CARTE REVOLVING E IL CREDITO ALLE FAMIGLIE LE CARTE REVOLVING E IL CREDITO ALLE FAMIGLIE Carte Diem Roma, Relatore: Alessandro Messina LO SCENARIO DEL CREDITO IN ITALIA A giugno 2008 lo stock di impieghi era pari a 1.543 MLD Di questi, rivolti

Dettagli

MERCATO MUTUI: CRESCE DEL 21,2% IL MERCATO DEI MUTUI IN PIEMONTE

MERCATO MUTUI: CRESCE DEL 21,2% IL MERCATO DEI MUTUI IN PIEMONTE MERCATO MUTUI: CRESCE DEL 21,2% IL MERCATO DEI MUTUI IN PIEMONTE E quanto rilevato dall Osservatorio Mutui Casa alle Famiglie di Banca per la Casa Milano, febbraio 2007 - Il novimestre 2006 conferma la

Dettagli

Tabelledettaglioscuolasecondaria.xls Secondaria di I grado

Tabelledettaglioscuolasecondaria.xls Secondaria di I grado PIEMONTE ALESSANDRIA A028 EDUCAZIONE ARTISTICA 1 PIEMONTE ALESSANDRIA A032 EDUCAZIONE MUSICALE NELLA SCUOLA MEDIA 1 PIEMONTE ALESSANDRIA A033 EDUCAZIONE TECNICA NELLA SCUOLA MEDIA 1 PIEMONTE ALESSANDRIA

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare di concerto con Ministero dell ambiente e della tutela del territorio

Dettagli

UFFICI AI QUALI INVIARE LE DOMANDE

UFFICI AI QUALI INVIARE LE DOMANDE UFFICI AI QUALI INVIARE LE DOMANDE ABRUZZO L'ABRUZZO Via F. Filomusi Guelfi - 67100 -L'Aquila Tel. 0862446148-0862446142 Fax 0862446101-0862446145 E-mail: sr-abr@beniculturali.it E-mail certificata: mbac-sr-abr@mailcert.beniculturali.it

Dettagli

IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA

IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA N 4/2011 I trim. 2011 Direzione Affari Economici e Centro Studi IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA INDICE I MUTUI PER NUOVI INVESTIMENTI IN COSTRUZIONI --------------------------------------------------------

Dettagli

Relazione illustrativa. al piano di rimodulazione estiva degli Uffici Postali ANNO 2014

Relazione illustrativa. al piano di rimodulazione estiva degli Uffici Postali ANNO 2014 Relazione illustrativa al piano di rimodulazione estiva degli Uffici Postali ANNO 2014 Roma, 30 aprile 2014 1 RELAZIONE ILLUSTRATIVA AL PIANO DI RIMODULAZIONE ESTIVA DEGLI UFFICI POSTALI ANNO 2014 Il piano

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE IMMOBILIARE TURISTICO 2015. Il mercato delle case per vacanza

OSSERVATORIO NAZIONALE IMMOBILIARE TURISTICO 2015. Il mercato delle case per vacanza OSSERVATORIO NAZIONALE IMMOBILIARE TURISTICO 2015 Il mercato delle case per vacanza Roma, 29 luglio 2015 Previsioni di crescita del PIL (variazioni %) 2013 2014 2015 2016 Mondo 3,3 3,3 3,1 3,8 STATI UNITI

Dettagli

GIOCARESPONSABILE. Un anno di attività. 1 novembre 2009-31 ottobre 2010. Umbertide, 4 dicembre 2010. Progetto sostenuto da

GIOCARESPONSABILE. Un anno di attività. 1 novembre 2009-31 ottobre 2010. Umbertide, 4 dicembre 2010. Progetto sostenuto da GIOCARESPONSABILE Un anno di attività 1 novembre 2009-31 ottobre 2010 Umbertide, 4 dicembre 2010 Progetto sostenuto da Mission Aumentare la consapevolezza del giocatore sui fattori di rischio eventualmente

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l istruzione

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l istruzione Allegato n. 1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l istruzione Direzione generale per il personale scolastico Ufficio VI CORSO NAZIONALE DI FORMAZIONE Suoni condivisi

Dettagli

RELATA DI NOTIFICA. nonché

RELATA DI NOTIFICA. nonché RELATA DI NOTIFICA Io sottoscritto avv. prof. Carlo Rienzi, in virtù dell autorizzazione del Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Roma n.162 del 2004, rilasciata l 11/3/2004, previa iscrizione al n.ro

Dettagli

Pendolari in Lombardia

Pendolari in Lombardia NOTIZIESTATISTICHE Statistica e Osservatori Anno 8 Numero 7 Aprile 2004 Pendolari in Lombardia Censimento 2001 In occasione del 14 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni, oltre alle informazioni

Dettagli

Regione sede cod. ICCD ente sigla. Veneto Venezia 205 Direzione regionale per i beni culturali e paesaggistici del Veneto DR

Regione sede cod. ICCD ente sigla. Veneto Venezia 205 Direzione regionale per i beni culturali e paesaggistici del Veneto DR Piemonte Torino 201 Direzione regionale per i beni culturali e paesaggistici del Piemonte Torino 64 Soprintendenza per i beni archeologici del Piemonte SBA Torino 66 Torino 67 Soprintendenza per i beni

Dettagli

Oggetto: Calendario delle manifestazioni di concorso completo di equitazione. Anno 2015 1 periodo (fino al 26/07).

Oggetto: Calendario delle manifestazioni di concorso completo di equitazione. Anno 2015 1 periodo (fino al 26/07). Ai Comitati Organizzatori Comitati Regionali Segreterie di CCE All ANCCE Via email Roma, 17/12/2014 ADS/Prot.n. 09167 Dipartimento Concorso Completo Oggetto: Calendario delle manifestazioni di concorso

Dettagli

DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DICEMBRE 2010

DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DICEMBRE 2010 La produzione di rifiuti urbani in Italia DOSSIER RIFIUTI 1 OSSERVATORIO PREZZI E TARIFFE DICEMBRE 2010 L Osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva, ha svolto per la quarta annualità un indagine

Dettagli

INCONTRO CON LE OO.SS.

INCONTRO CON LE OO.SS. INCONTRO CON LE OO.SS. Roma, 4 settembre 2008 L attività commerciale delle banche retail Roma, 4 settembre 2008 Le Strutture di governo della nuova Rete Italia 20 Direzioni Commerciali 275 Direzioni di

Dettagli

POSTI DIRIGENZIALI DI SECONDA FASCIA VACANTI E DISPONIBILI O CHE PREVEDIBILMENTE LO DIVENTERANNO ENTRO IL 31 DICEMBRE 2014

POSTI DIRIGENZIALI DI SECONDA FASCIA VACANTI E DISPONIBILI O CHE PREVEDIBILMENTE LO DIVENTERANNO ENTRO IL 31 DICEMBRE 2014 POSTI DIRIGENZIALI DI SECONDA FASCIA VACANTI E DISPONIBILI O CHE PREVEDIBILMENTE LO DIVENTERANNO ENTRO IL 31 DICEMBRE 2014 Ai sensi dell'art. 19, comma 1 bis, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n.

Dettagli

FASI - Federazione Italiana Arrampicata Sportiva - 01 Dati provinciali assoluti 2001

FASI - Federazione Italiana Arrampicata Sportiva - 01 Dati provinciali assoluti 2001 PIEMONTE TORINO 12 581 123 12 5 2 7 574 581 60 47 12 59 4 123 8 8 131 VERCELLI 0 7 0 0 0 0 0 7 7 0 0 0 0 0 0 0 0 0 BIELLA 1 27 7 1 0 0 0 27 27 5 2 0 2 0 7 0 0 7 VERBANIA 0 41 2 0 1 0 1 40 41 0 2 0 2 0

Dettagli

FIPT - Federazione Italiana Palla Tamburello - 09 Dati provinciali assoluti 2001

FIPT - Federazione Italiana Palla Tamburello - 09 Dati provinciali assoluti 2001 PIEMONTE TORINO 5 39 5 5 31 8 39 4 0 1 5 2 2 7 VERCELLI 0 28 3 0 24 4 28 2 1 0 3 1 1 4 BIELLA 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 VERBANIA 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 NOVARA 1 90 11 1 67 23 90 10 0 1 11 1 1 12

Dettagli

FID - Federazione Italiana Dama - 05 Dati provinciali assoluti 1999

FID - Federazione Italiana Dama - 05 Dati provinciali assoluti 1999 PIEMONTE TORINO 1 72 7 1 47 0 47 25 72 4 3 7 4 4 11 VERCELLI 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 BIELLA 1 21 4 1 12 0 12 9 21 4 0 4 1 1 5 VERBANIA 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 NOVARA 1 27 5 1 22 0 22 5 27 4

Dettagli

FITAV - Federazione Italiana Tiro a Volo - 41 Dati provinciali assoluti 2001

FITAV - Federazione Italiana Tiro a Volo - 41 Dati provinciali assoluti 2001 PIEMONTE TORINO 16 732 149 16 712 20 732 120 7 22 149 2 2 151 VERCELLI 2 121 17 2 117 4 121 14 0 3 17 1 1 18 BIELLA 1 42 8 1 40 2 42 7 0 1 8 1 1 9 VERBANIA 1 7 8 1 7 0 7 7 0 1 8 1 1 9 NOVARA 5 246 44 5

Dettagli

FISI - Federazione Italiana Sport Invernali - 35 Dati provinciali assoluti 2001

FISI - Federazione Italiana Sport Invernali - 35 Dati provinciali assoluti 2001 PIEMONTE TORINO 67 6091 1236 67 19 86 644 199 843 3744 1504 5248 6091 617 139 414 553 66 1236 10 10 1246 VERCELLI 9 596 208 9 11 20 32 9 41 412 143 555 596 101 28 69 97 10 208 10 10 218 BIELLA 17 1112

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO

MINISTERO DELL INTERNO MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI Direzione Centrale per la Documentazione e la Statistica PRESSO LE SOCIO-RIABILITATIVE ALLE DATE DEL 31 MARZO E 30 GIUGNO 2002

Dettagli

CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI

CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e centro studi CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI Dopo sei anni di continui cali nelle erogazioni per finanziamenti per investimenti in edilizia, anche

Dettagli

alunni con cittadinanza non italiana

alunni con cittadinanza non italiana Ministero della Pubblica Istruzione alunni con scuole statali e non statali anno scolastico 6/7 NOVEMBRE 7 RTI : EDS Electronic Data Systems Auselda AED Group - Accenture Enel Servizi I dati presentati

Dettagli

Consigli regionali dell Ordine dei giornalisti Avvisi di convocazione

Consigli regionali dell Ordine dei giornalisti Avvisi di convocazione Consigli regionali dell Ordine dei giornalisti Avvisi di convocazione Ai sensi degli articoli 4 e 16 della legge 3.2.1963 n. 69 e degli articoli 5 e 16 del Regolamento di esecuzione, i giornalisti professionisti

Dettagli

SMART CITY INDEX. La misurazione del livello di «smartness» Marco Mena

SMART CITY INDEX. La misurazione del livello di «smartness» Marco Mena SMART CITY INDEX La misurazione del livello di «smartness» Marco Mena Lo Smart City Index Al fine di misurare il livello di smartness di una città, Between ha creato lo Smart City Index, un ranking delle

Dettagli

ISGS. Quando l Azienda dà i numeri pag. 2. Trasferimenti pag. 5. Digital Factory pag. 6. Gli argomenti trattati in questo bollettino :

ISGS. Quando l Azienda dà i numeri pag. 2. Trasferimenti pag. 5. Digital Factory pag. 6. Gli argomenti trattati in questo bollettino : VENEZIA Mestre via della Montagnola 37 www.liberosinfub.com - tel. 041 544 11 33 Notizie ed approfondimen ti per gli Iscritti del Gruppo INTESA SANPAOLO N 1/20 15 24 LUGLIO 201 5 Gli argomenti trattati

Dettagli

Case, prezzi degli affitti in aumento nel secondo trimestre 2015

Case, prezzi degli affitti in aumento nel secondo trimestre 2015 Case, prezzi degli affitti in aumento nel secondo trimestre 2015 Dopo un ulteriore incremento dell 1% il prezzo medio in Italia si attesta a 8,5 euro al mese Forti oscillazioni nei centri minori, pressoché

Dettagli

QUANDO E DOVE SI VOTA

QUANDO E DOVE SI VOTA QUANDO E DOVE SI VOTA Le votazioni si svolgono in prima convocazione nei seguenti giorni del mese di marzo 2009: lunedì 9, martedì 10, mercoledì 11, giovedì 12, venerdì 13, sabato 14 e domenica 15. È possibile

Dettagli

Elenco Centri di Assistenza, Service Partner Certificati e Business partner Certificati

Elenco Centri di Assistenza, Service Partner Certificati e Business partner Certificati Elenco Centri di Assistenza, Service Partner Certificati e Business partner Certificati Aggiornato al 20/05/2016 Regione Negozio Tipo Centro Indirizzo N. Tel. Indirizzo e-mail Abruzzo Otofon s.a.s. di

Dettagli

Efficienza Energetica: la soluzione 55%

Efficienza Energetica: la soluzione 55% Efficienza Energetica: la soluzione 55% Ing. GIAMPAOLO VALENTINI Coordinatore Gruppo di Lavoro Efficienza Energetica La Villa, 29 marzo 2009 L OBIETTIVO 20-20 20-20 La proposta della Commissione Europea

Dettagli

Orari estesi. Documento commerciale ad uso interno per tutte le filiali della BANCA DEI TERRITORI del GRUPPO INTESA SANPAOLO.

Orari estesi. Documento commerciale ad uso interno per tutte le filiali della BANCA DEI TERRITORI del GRUPPO INTESA SANPAOLO. Documento commerciale ad uso interno per tutte le filiali della BANCA DEI TERRITORI del GRUPPO INTESA SANPAOLO. INDICE DELLA GUIDA COMMERCIALE Obiettivi e opportunità Il nuovo approccio verso i clienti

Dettagli