Redazione: ing. Carla Jachino, dott. Maurizio Salvatico Progetto grafico: arch. Giuseppe Caleca. Torino, Giugno 2013.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Redazione: ing. Carla Jachino, dott. Maurizio Salvatico Progetto grafico: arch. Giuseppe Caleca. Torino, Giugno 2013."

Transcript

1

2 Agenzia Regionale per i Servizi Sanitari A.Re.S.S. Piemonte Area Organizzazione e Programmazionew Agenzia Regionale per i Servizi Sanitari A.Re.S.S. Piemonte Area Organizzazione e Programmazione Responsabile: dott. Mario Lombardo Coordinatore dei Progetti di Edilizia Sanitaria: arch. Ilaria Matta Progetto: Misure igienistiche degli impianti tecnologici ospedalieri (impianti aeraulici, trattamento delle acque, rifiuti tossici e nocivi, ecc.), ecosostenibilità ambientale ed eco compatibilità - Linee di indirizzo per la raccolta, il trattamento e lo smaltimento dei rifiuti ed il trattamento delle acque in ambito ospedaliero (P.A.S Scheda 3.2.2d) Referente di progetto: dott. Maurizio Salvatico Redazione: ing. Carla Jachino, dott. Maurizio Salvatico Progetto grafico: arch. Giuseppe Caleca Torino, Giugno P a g i n a

3 Linee di indirizzo regionali per la raccolta, il trattamento e lo smaltimento dei rifiuti e la gestione delle acque reflue in ambito ospedaliero Con il contributo di: dott. Pier Angelo Argentero ASL TO3, Responsabile Unità Prevenzione Infezioni Strutture Sanitarie (paragrafi 2.2, 2.2.3, 2.3) arch. Fabrizio De Mitri A.Re.S.S. Piemonte, Area Organizzazione e Programmazione - Nucleo Tecnico Edilizia Sanitaria (capitolo 5) dott. Massimo Desperati ing. Giorgio Enrietti Oslino dott. Franco Fracchia ASO Alessandria, Direttore medico dei presidi ospedalieri (paragrafi 2.2.1, 2.3, 3.1) Regione Piemonte, Assessorato Ambiente - Settore Ciclo integrato dei rifiuti e servizio idrico integrato (paragrafi 2.4, 3.3) Camera di Commercio di Torino, Laboratorio chimico (paragrafi 2.4, 3.3) ing. Carla Jachino A.Re.S.S. Piemonte, Area Organizzazione e Programmazione - Nucleo Tecnico Edilizia Sanitaria (capitoli 1, 2, 3, 4, 5, allegati) arch. Paolo Melchior dott.ssa Caterina Mineccia geom. Luigi Panebianco dott. Paolo Penna AO Città della Salute e della Scienza di Torino, Direttore S.C. Tecnico AOU San Luigi di Orbassano, Direttore medico di Presidio (allegato A) A.Re.S.S. Piemonte, Area Qualità Settore Accreditamento Istituzionale e Professionale delle Strutture Regione Piemonte, Assessorato Ambiente - Settore Ciclo integrato dei rifiuti e servizio idrico integrato (paragrafi 2.1, 3.4, 5.2.2, allegato B) p. i. Marco Persichino A.Re.S.S. Piemonte, Area Qualità Settore Accreditamento Istituzionale e Professionale delle Strutture (capitolo 5) dott. Maurizio Salvatico ASL CN1, Unità Operativa Risk Management (capitoli 1, 2, 3, 4, 5, allegati) dott. Carlo Silvestre Roberto Ursone prof.ssa Carla Maria Zotti AO Città della Salute e della Scienza di Torino, Direzione Sanitaria Presidio Istituto per le Piante da Legno e l Ambiente (IPLA), Area Tecnica Energia e Gestioni - Referente per la Gestione Rifiuti Sanitari (paragrafi 2.1, 3.1) Università degli Studi di Torino, Dipartimento di Scienze della Sanità Pubblica e Pediatriche (paragrafi 2.2.3, 2.3) Si ringraziano per la collaborazione il dott. Michele Ceruti, Scuola di Specializzazione in Igiene e Medicina Preventiva Università degli Studi di Torino, e l ing. Renato Lacroce. P a g i n a 3

4 Agenzia Regionale per i Servizi Sanitari A.Re.S.S. Piemonte Area Organizzazione e Programmazionew 4 P a g i n a

5 Linee di indirizzo regionali per la raccolta, il trattamento e lo smaltimento dei rifiuti e la gestione delle acque reflue in ambito ospedaliero 1. Scopo del documento Inquadramento generale Obiettivi e destinatari del documento Il rischio relativo ai rifiuti sanitari e alle acque reflue Classificazione dei rifiuti Confronto con la normativa internazionale Gestione dei rifiuti sanitari a livello europeo Gestione statunitense dei rifiuti sanitari La classificazione CDC delle categorie di rifiuti medici Rischi relativi ai rifiuti sanitari Rifiuti sanitari: realtà del problema Rischi per i pazienti ed il personale sanitario Rischi per la salute pubblica ed impatto economico-ambientale Osservazioni conclusive Rischi relativi alle acque reflue Individuazione dei reflui Classificazione dei reflui Il ciclo operativo e le modalità di gestione dei rifiuti sanitari e delle acque reflue Ciclo ospedaliero del rifiuto Rifiuti: approccio per processi Rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo Rifiuti sanitari pericolosi non a rischio infettivo (rischio prevalente di tipo chimico) Sanitari non pericolosi e assimilati agli urbani Altri speciali non pericolosi Rifiuti sanitari che richiedono particolari modalità di smaltimento Raccolte differenziate Rifiuti prodotti da attività in gestione appaltata Prodotti abortivi, feti e prodotti del concepimento Documenti e atti d'archivio Rifiuti radioattivi disciplinati dal D.L. n. 230 del 17/03/ Confronto tra tipologie di trattamento dei rifiuti Incenerimento Sterilizzazione Conferimenti e scarichi Costi Indirizzi operativi e gestionali Indirizzi tecnici per la progettazione degli edifici ospedalieri Documenti di riferimento Normazione nazionale e criteri di accreditamento Linee guida ed ulteriori riferimenti disponibili Esigenze funzionali e tecniche per la progettazione Aree e percorsi interni alla struttura ospedaliera Indicazioni operative per l organizzazione degli spazi per la raccolta P a g i n a 5

6 Agenzia Regionale per i Servizi Sanitari A.Re.S.S. Piemonte Area Organizzazione e Programmazionew A. Esempio di gestione dei rifiuti in strutture ospedaliere: l esperienza dell A.O.U. San Luigi Gonzaga di Orbassano A.1. Premessa A.2. Il modello operativo in atto A.2.1. Rifiuti sanitari pericolosi e non A.2.2. L approvvigionamento dei contenitori vuoti A.2.3. Contenitori protetti A.2.4. Il ritiro dei contenitori pieni A.2.5. Pesatura A.2.6. Raccolta Differenziata A.3. Considerazioni conclusive A.4. Galleria fotografica B. Elenco esemplificativo delle tipologie di rifiuto P a g i n a

7 Linee di indirizzo regionali per la raccolta, il trattamento e lo smaltimento dei rifiuti e la gestione delle acque reflue in ambito ospedaliero 1.1. Inquadramento generale La gestione dei rifiuti prodotti da strutture sanitarie rappresenta un aspetto di interesse rilevante a livello mondiale, sebbene i volumi generati rappresentino una porzione relativamente piccola rispetto alla totalità dei rifiuti prodotti dalla collettività [1]. L attenzione che l argomento suscita è dovuta al possibile rischio che questo tipo di rifiuto può rappresentare sia per la salute umana che per l ambiente, derivante prettamente da pratiche di gestione inadeguate [2]. La tematica dei rifiuti sanitari, trattata nel 2001 dall Assessorato Ambiente della Regione Piemonte nel documento La gestione dei rifiuti prodotti nelle strutture sanitarie [3], rappresenta un argomento controverso dal punto di vista clinico, dato che, benché l aspetto normativo sia regolamentato dal D.P.R. 254/2003 Regolamento recante disciplina della gestione dei rifiuti sanitari a norma dell articolo 24 della legge 31 luglio 2002, n. 179, [ ] la rilevanza emotiva di un rifiuto definito sanitario è tale da generare ingiustificate paure che sono alla base di norme eccessivamente farraginose e restrittive, con notevoli implicazioni economiche legate allo smaltimento degli stessi, grazie anche alle inevitabili interferenze prodotte da chi fornisce prodotti o servizi ed ha tutto l interesse ad allargare artificiosamente il mercato dei rifiuti sanitari. La gestione dei rifiuti prodotti da strutture sanitarie, in particolar modo nell ambito dei presidi ospedalieri, è diventata talmente onerosa e complicata da richiedere forme di gestione in cui la responsabilità venga o in parte delegata a figure imprenditoriali esterne responsabilizzate e controllate o affidata totalmente ad un soggetto che si occupa a tempo pieno dell intera problematica ad esso connessa [ ]. La gestione dei rifiuti sanitari, così come introdotto dal D.P.R. 254/2003 [4], ha lo scopo di garantire elevati livelli di tutela dell'ambiente e della salute pubblica. L obiettivo primario della norma è quello di ridurre la produzione dei rifiuti. In secondo luogo si mira a diminuire la pericolosità dei rifiuti prodotti, al fine di favorirne il reimpiego, il riciclaggio e il recupero, e di ottimizzarne la raccolta, il trasporto e lo smaltimento. Dal 2002 nella Regione Piemonte è attivo un servizio di rilevamento della produzione dei rifiuti sanitari, che coinvolge tutte le strutture sanitarie pubbliche dotate di posto letto. Lo studio ha la finalità di analizzare l andamento annuale della produzione dei rifiuti sanitari, dei costi del servizio di raccolta e dello smaltimento dei rifiuti. I rifiuti sanitari non assimilati agli urbani, con una produzione annua pari a circa t/a, rappresentano circa lo 0,18% dei rifiuti speciali prodotti in Regione Piemonte (nel 2009 circa t/a) 1. Come illustrato nell edizione 2011 dell Indagine sui rifiuti sanitari prodotti in Piemonte 2 [5], condotta dal Settore Programmazione e gestione rifiuti della Regione Piemonte, la maggior parte dei rifiuti sanitari prodotti sul territorio regionale dalla strutture sanitarie pubbliche è costituita da rifiuti pericolosi a rischio infettivo (RSP-I: t su totali, corrispondenti all 82% del totale); la parte restante comprende rifiuti pericolosi non a rischio infettivo (RSP-non I: t su totali, corrispondenti a circa il 16,4%) e rifiuti sanitari non pericolosi (RSNP: 221 t su totali, corrispondenti all 1,8%). Gli ospedali risultano i maggiori produttori (con circa il 76% dei quantitativi prodotti), per cui nella produzione risulta essere rilevante la presenza di rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo (7.771 t, 1 Fonte dati ARPA. 2 I rifiuti oggetto dell indagine appartengono alle principali tipologie di codici CER prodotti negli ospedali, quali i rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo (RSP-I, CER ), i rifiuti sanitari pericolosi non a rischio infettivo (RSP-nonI, CER , CER , CER , CER ) ed i rifiuti sanitari non pericolosi (RSNP - CER , CER ). I dati presenti nell edizione 2011 si basano sulle dichiarazioni MUD 2009 (anno di produzione 2008). P a g i n a 7

8 Agenzia Regionale per i Servizi Sanitari A.Re.S.S. Piemonte Area Organizzazione e Programmazionew corrispondenti a circa l 85%), seguita con minor incidenza dai rifiuti sanitari pericolosi non a rischio infettivo (1.284 t, corrispondenti a circa il 14%). Irrilevante risulta essere la quota relativa ai rifiuti sanitari non pericolosi (88t, corrispondenti a circa l 1%). La produzione totale del 2008 può essere confrontata con i dati delle annate 2009 e , così come riportato in tabella 1.1 e nei grafici successivi. Si può notare come la ripartizione tra le tipologie di rifiuto sia pressoché costante, mentre il quantitativo totale di rifiuto prodotto sia leggermente variato in crescendo tra le diverse annate. Tabella 1.1 Produzione annuale di rifiuti sanitari nella Regione Piemonte - Quantitativi in tonnellate per anno e differenza percentuale rispetto all anno precedente Tipo di rifiuto Produzione 2008 Produzione 2009 Produzione 2010 t/a totali (diff %) [Fonte: Indagine 2011] [Fonte: Convegno 2012] [Fonte:Agg. dicembre2012] RSP-I (+2,38%) (+1,22%) RSP-non I (-10,62%) (+6,16%) RSNP (-12,18%) 300 (+34,33%) Totale complessivo (+0,22%) (+2,77%) Grafico 1.1 Produzione annuale di rifiuti sanitari nella Regione Piemonte - Quantitativi in tonnellate t rifiuto prodotto Anno produzione RSP-I RSP-nonI RSNP Grafico 1.2 Produzione annuale di rifiuti sanitari nella Regione Piemonte - Quantitativi in percentuale % rifiuto prodotto 100% 80% 60% 40% 20% 0% 2% 2% 2% 16% 15% 15% 82% 84% 82% Anno produzione RSP-I RSP-nonI RSNP 3 I dati sulla produzione di rifiuti sanitari rispetto al 2009 sono stati comunicati in occasione del convegno Rifiuti sanitari: analisi e prospettive del 29 febbraio 2012, promosso dalla Direzione Ambiente della Regione Piemonte e dall IPLA. L aggiornamento dei dati rispetto al 2010 è stato comunicato nel dicembre 2012 dalla Direzione Ambiente della Regione Piemonte al gruppo di lavoro istituito da A.Re.S.S., nel corso della stesura del presente documento. 8 P a g i n a

9 Linee di indirizzo regionali per la raccolta, il trattamento e lo smaltimento dei rifiuti e la gestione delle acque reflue in ambito ospedaliero A puro titolo informativo, nel grafico seguente si propongono i dati percentuali relativi alla produzione di rifiuti sanitari nei presidi ospedalieri torinesi dell A.O. Città della salute e della Scienza (San Giovanni Battista Molinette, CTO e OIRM - S. Anna; anno di riferimento: 2010). E da notare l assenza del dato riferito ad una delle raccolte differenziate (RD) più importanti, quello della "carta-cartone". Grafico 1.3 Produzione in percentuale di rifiuti sanitari nell A.O. Città della salute e della Scienza (Elaborazione Ipla, 2013; dati 2010 Regione Piemonte e Amiat) Per quanto riguarda il quantitativo dei rifiuti sanitari non pericolosi assimilabili a quelli urbani (RSAU), il report Lo Stato dell'ambiente in Piemonte [6], pubblicato dall Assessorato all Ambiente della Regione Piemonte nel 2012, riporta che al momento non sono disponibili informazioni relative alla produzione, poiché non esistono sistemi puntuali di quantificazione. La raccolta di questi rifiuti, infatti, viene eseguita accorpando i quantitativi a quelli prodotti a livello comunale. Il loro quantitativo si può, però, stimare pari all 1% dei rifiuti urbani totali 4 (circa t/a). I rifiuti sanitari prodotti, ad esclusione degli assimilati agli urbani, vengono conferiti prevalentemente ad aziende piemontesi per lo stoccaggio (8.431 t corrispondenti al 70% del totale dei rifiuti prodotti); questi vengono successivamente conferiti per lo smaltimento sia in Piemonte sia fuori regione. I rifiuti sanitari pericolosi a rischio infettivo vengono al momento esclusivamente inceneriti, mentre quelli pericolosi non a rischio infettivo vengono smaltite mediante trattamenti biologici e chimico fisici o ricondizionamento. I medicinali citotossici e citostatici, le sostanze chimiche non pericolose, i medicinali non pericolosi vengono trattati fuori regione. A livello generale va in ogni caso precisato come la tendenza e la variabilità della produzione dei rifiuti sanitari possano essere correlate alla tecnologie impiegate ed alla loro evoluzione, come nel caso dell attività di radiodiagnostica con il passaggio dalla lastra all immagine digitale, nonché all approccio degli acquisti verdi Obiettivi e destinatari del documento Il presente documento si propone l obiettivo di definire le linee di indirizzo più appropriate per la raccolta, il trattamento e lo smaltimento dei rifiuti e la gestione delle acque reflue in ambito ospedaliero, in relazione a necessità razionali e di organizzazione, attraverso l individuazione di tecnologie e di metodologie sostenibili ed innovative. 4 Fonte dati Consorzi di bacino della Regione Piemonte, D.G.R del 18 dicembre P a g i n a 9

10 Agenzia Regionale per i Servizi Sanitari A.Re.S.S. Piemonte Area Organizzazione e Programmazionew L intento generale delle linee guida non esaurisce l aspetto scientifico della materia, ma esamina nella sua completezza l intero processo relativo al rifiuto ospedaliero. L articolazione del documento si sviluppa secondo i seguenti punti: definizione di un quadro riepilogativo delle norme e delle leggi di riferimento disponibili a livello comunitario e nazionale, relative alla classificazione dei rifiuti sanitari ed alla loro raccolta, al trattamento ed allo smaltimento, oltre che relative alla gestione delle acque reflue ospedaliere; individuazione delle evidenze scientifiche internazionali, disponibili in letteratura, che illustrano il rischio clinico relativo ai rifiuti sanitari e alle acque reflue; illustrazione del ciclo operativo e le modalità di gestione dei rifiuti sanitari e delle acque reflue; individuazione delle evidenze scientifiche internazionali, disponibili in letteratura, che illustrano le metodologie, gli studi e le soluzioni tecniche ed impiantistiche considerate più appropriate per la raccolta, il trattamento e lo smaltimento dei rifiuti sanitari, oltre che relative alla gestione delle acque reflue ospedaliere; determinazione degli indirizzi operativi e gestionali per la raccolta, il trattamento e lo smaltimento dei rifiuti e la gestione delle acque reflue in ambito ospedaliero, in relazione alla dimensione dell ospedale e delle attività svolte; indicazione degli aspetti tecnici e funzionali da considerare in fase di progettazione di una nuova struttura ospedaliera o in fase di ristrutturazione di strutture esistenti, in relazione alla dimensione dell ospedale e delle attività svolte. Il documento si rivolge principalmente alle Aziende Sanitarie della Regione Piemonte, fornendo un supporto alle Direzioni generali, alle Direzioni Sanitarie ed ai Servizi Tecnici per la predisposizione di procedure operative e gestionali e per la redazione di capitolati d appalto. E anche volto agli enti committenti di nuove strutture sanitarie per la stesura della documentazione preliminare alla progettazione, ai fini di indicare le metodologie e le tecnologie più appropriate per la raccolta, il trattamento e lo smaltimento dei rifiuti e la gestione delle acque reflue, nell ottica specifica di un approccio adeguato, sostenibile ed innovativo. Riferimenti bibliografici e normativi [1] Cheng Y.W., Sung F.C., Yang Y., Lo Y.H., Chung Y.T., Li K.C. (2009) Medical waste production at hospitals and associated factors, in Waste Management, 29, pp [2] Ferreira V., Ribau Texeira M. (2010) Healthcare waste management practices and risk perceptions: Findings from hospitals in the Algarve region, Portugal, in Waste Management, 30, pp [3] Milone A., Penna P., Ursone R., Allochis C., Giorgione N., Desperati M. (2001) La gestione dei rifiuti prodotti nelle strutture sanitarie, in Collana Ambiente, 19 [4] D.P.R. 15 luglio 2003, n. 254 Regolamento recante disciplina della gestione dei rifiuti sanitari a norma dell'articolo 24 della legge 31 luglio 2002, n. 179 [5] Settore Programmazione e gestione rifiuti - Regione Piemonte (2011) Indagine sui rifiuti sanitari prodotti in Piemonte, pubblicazione web 11aprile2011.pdf [6] Assessorato all Ambiente - Regione Piemonte (2012) Lo Stato dell'ambiente in Piemonte, pubblicazione web 10 P a g i n a

SETTORE PROGRAMMAZIONE E GESTIONE RIFIUTI

SETTORE PROGRAMMAZIONE E GESTIONE RIFIUTI SETTORE PROGRAMMAZIONE E GESTIONE RIFIUTI anno 211 Assessorato Ambiente, risorse idriche, acque minerali e termali, difesa del suolo, attività estrattive, economia montana, protezione civile Direzione

Dettagli

CASE-HISTORY REGIONE EMILIA-ROMAGNA, LA GESTIONE DEI RIFIUTI

CASE-HISTORY REGIONE EMILIA-ROMAGNA, LA GESTIONE DEI RIFIUTI CASE-HISTORY REGIONE EMILIA-ROMAGNA, LA GESTIONE DEI RIFIUTI Regione Emilia-Romagna Servizio Sanità Pubblica AUSL Cesena Direzione Medica di Presidio Davide Sgarzi Annalisa Venturi Casadei Rimini, 29 ottobre

Dettagli

SEZIONE II RIFIUTI SPECIALI. Sezione II Rifiuti speciali Pagina 115

SEZIONE II RIFIUTI SPECIALI. Sezione II Rifiuti speciali Pagina 115 SEZIONE II RIFIUTI SPECIALI Sezione II Rifiuti speciali Pagina 115 Osservatorio Rifiuti Provincia di Torino Pagina 116 Rapporto sullo stato del sistema di gestione dei rifiuti Giugno 2006 Capitolo 7 Quadro

Dettagli

Lo sviluppo del Risk Management in Regione Piemonte

Lo sviluppo del Risk Management in Regione Piemonte La Cultura della Sicurezza in sala Operatoria Fondazione A.Pinna Pintor 22 Novembre 2008 Lo sviluppo del Risk Management in Regione Piemonte Marco Rapellino Coordinatore Scientifico Gruppo Rischio Clinico

Dettagli

I rifiuti speciali e pericolosi nel contesto universitario: principali aspetti legati alla corretta gestione

I rifiuti speciali e pericolosi nel contesto universitario: principali aspetti legati alla corretta gestione I rifiuti speciali e pericolosi nel contesto universitario: principali aspetti legati alla corretta gestione I rifiuti derivanti dalle attività didattiche, sperimentali e di ricerca Università degli Studi

Dettagli

PROSPETTIVE E SVILUPPO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA IN PROVINCIA DI RIETI

PROSPETTIVE E SVILUPPO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA IN PROVINCIA DI RIETI PROSPETTIVE E SVILUPPO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA IN PROVINCIA DI RIETI Marco Gentilini, Nova Consulting Rieti, 25.9.2014 CORSO DI FORMAZIONE PER TECNICI COMUNALI Obiettivo principale: migliorare la

Dettagli

CAPITOLO 2 GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

CAPITOLO 2 GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI CAPITOLO 2 - LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 2.1 LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI Nel presente capitolo sono illustrati i dati riguardanti la gestione dei rifiuti speciali sul territorio nazionale negli

Dettagli

IL MODELLO PIEMONTE: LEGISLAZIONE E PUNTI DI FORZA F. D ANDREA

IL MODELLO PIEMONTE: LEGISLAZIONE E PUNTI DI FORZA F. D ANDREA IL MODELLO PIEMONTE: LEGISLAZIONE E PUNTI DI FORZA F. D ANDREA SCDO Dietetica e Nutrizione Clinica Azienda Ospedaliera Universitaria Maggiore della Carità Novara S.D.N.C Regione Piemonte AOU San Giovanni

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI IN AMBITO AMBULATORIALE

LA GESTIONE DEI RIFIUTI IN AMBITO AMBULATORIALE D.ssa Rossana Becarelli Direttore Sanitario Ospedale San Giovanni Antica Sede A.S.O. San Giovanni Battista. Torino LA GESTIONE DEI RIFIUTI IN AMBITO AMBULATORIALE 22 September 2013 0 RIFERIMENTI LEGISLATIVI

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II SCUOLA POLITECNICA E DELLE SCIENZE DI BASE DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CIVILE, EDILE E AMBIENTALE CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE

Dettagli

SOCIETA ITALIANA DI FARMACIA OSPEDALIERA E DEI SERVIZI FARMACEUTICI DELLE AZIENDE SANITARIE

SOCIETA ITALIANA DI FARMACIA OSPEDALIERA E DEI SERVIZI FARMACEUTICI DELLE AZIENDE SANITARIE Corso residenziale di aggiornamento a cura della sezione regionale SIFO Piemonte-VdA e della sezione ANMDO Piemonte-VdA FOCUS GROUP SULLE GIORNATE DI SINERGIA TRA LA FARMACIA OSPEDALIERA, LA DIREZIONE

Dettagli

Quadro conoscitivo su produzione e gestione dei rifiuti speciali da C&D

Quadro conoscitivo su produzione e gestione dei rifiuti speciali da C&D Quadro conoscitivo su produzione e gestione dei rifiuti speciali da C&D Barbara Villani bvillani@arpa.emr.it, Cecilia Cavazzuti ccavazzuti@arpa.emr.it, Giacomo Zaccanti gzaccanti@arpa.emr.it I rifiuti

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI INGEGNERIA. Corso di Laurea in Ingegneria per l Ambiente ed il Territorio

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI INGEGNERIA. Corso di Laurea in Ingegneria per l Ambiente ed il Territorio UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria per l Ambiente ed il Territorio Dipartimento di Ingegneria Idraulica, Geotecnica ed Ambientale Tesi di Laurea

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI NEL 2008

LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI NEL 2008 LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI NEL 28 La gestione dei rifiuti riguarda due tipologie di attività previste dalla normativa: il recupero (R) e lo (D). In linea generale, però, con il termine gestione possono

Dettagli

MODELLI OPERATIVI E PRIMI RISULTATI IN TERMINI DI RAZIONALIZZAZIONE DELLA SPESA SANITARIA

MODELLI OPERATIVI E PRIMI RISULTATI IN TERMINI DI RAZIONALIZZAZIONE DELLA SPESA SANITARIA 8 ottobre 2009 Torino Esposizioni MODELLI OPERATIVI E PRIMI RISULTATI IN TERMINI DI RAZIONALIZZAZIONE DELLA SPESA SANITARIA Magda Zanoni AGENDA S.C.R. PIEMONTE S.P.A. GARA ENERGIA ELETTRICA GARA GAS NATURALE

Dettagli

prodotti competenze di dominio, integrazione, project management

prodotti competenze di dominio, integrazione, project management CHE COS E MOSAICO Un Consorzio Stabile che aggrega competenze qualificate e complementari di alcune aziende primarie operanti sui mercati Piemontese e Nazionale nell ambito dell ICT e dei Servizi per la

Dettagli

CURRICULUM della Dott.ssa Maria Concetta Conte

CURRICULUM della Dott.ssa Maria Concetta Conte Nata a Parigi (Francia) l 8 maggio 1959 CURRICULUM della Dott.ssa Maria Concetta Conte Diploma di laurea in Medicina e Chirurgia conseguita presso l Università Federico II di Napoli il 30-10-1984 con il

Dettagli

Il Direttore Generale

Il Direttore Generale Il Direttore Generale Procedure conferimento incarico La nomina del Direttore Generale, ai sensi dell art. 1 D.L. 27 agosto 1994, n. 512 ss.mm.ii., avviene previo esperimento di pubblica selezione disposta

Dettagli

La Morte Improvvisa del bambino nei primi 2 anni di vita presupposti teorici e approccio pratico

La Morte Improvvisa del bambino nei primi 2 anni di vita presupposti teorici e approccio pratico La Morte Improvvisa del bambino nei primi 2 anni di vita presupposti teorici e approccio pratico Il Corso di formazione obbligatoria affronterà, in tutte le sue edizioni, la tematica nelle sue complessità

Dettagli

COMPITI DEI DIRIGENTI, DEI PREPOSTI E DEI LAVORATORI

COMPITI DEI DIRIGENTI, DEI PREPOSTI E DEI LAVORATORI GRUPPO DI RIFERIMENTO PER LA SALUTE E LA SICUREZZA SUL LAVORO COMPITI DEI DIRIGENTI, DEI PREPOSTI E DEI LAVORATORI REV. DATA 0 8.03.2011 1 24.06.2013 2 3 IL REFERENTE DEL GRUPPO Ing. Alessandro Selbmann

Dettagli

Fig. 33: ANDAMENTO PRODUZIONE RIFIUTI SPECIALI, totale e pericolosi (tonnellate), 2000-2006 12.159.215

Fig. 33: ANDAMENTO PRODUZIONE RIFIUTI SPECIALI, totale e pericolosi (tonnellate), 2000-2006 12.159.215 Rifiuti speciali dati 2005-2006 Produzione La raccolta dei dati relativa alla produzione dei rifiuti speciali (sostanzialmente i rifiuti di origine industriale) è più complessa e meno efficace rispetto

Dettagli

A relazione del Presidente Cota:

A relazione del Presidente Cota: REGIONE PIEMONTE BU28 14/07/2011 Deliberazione della Giunta Regionale 22 giugno 2011, n. 1-2202 Controllo sugli atti delle AA.SS.RR.- l.r. 31/92 s.m.i. - DGR 18-23906 del 2.2.1998. Sessione istruttoria

Dettagli

ALIMENTAZIONE ED ATTIVITA SPORTIVA

ALIMENTAZIONE ED ATTIVITA SPORTIVA PROGRAMMA DI AZIONE REGIONALE PROMOZIONE DELLA SALUTE 2004-2005 (DD 466-29.11.04) BANDO REGIONALE 2004-2005 PROGETTI DI PROMOZIONE DELLA SALUTE (DD 500-20.12.04 BURP 51 23.12.04) ALIMENTAZIONE ED ATTIVITA

Dettagli

Convegno sul tema: La Gestione del Rischio Clinico: uno strumento fondamentale per la Sanità Valdostana

Convegno sul tema: La Gestione del Rischio Clinico: uno strumento fondamentale per la Sanità Valdostana PROGETTO ILLUSTRAZIONE ED APPLICAZIONE DELLA HEALTH FAILURE MODE END EFFECTS ANALYSIS -HFMEA, COME STRUMENTO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Convegno sul tema: La Gestione del Rischio Clinico: uno

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA Ottimizzazione della gestione dei rifiuti sanitari

PROTOCOLLO DI INTESA Ottimizzazione della gestione dei rifiuti sanitari ALLEGATO REGIONE ABRUZZO REGIONE ABRUZZO DIREZIONE PARCHI TERRITORIO AMBIENTE ENERGIA SERVIZIO GESTIONE RIFIUTI DIREZIONE SANITA SERVIZIO OSPEDALITA PUBBLICA E PRIVATA LUCRATIVA E NON LUCRATIVA PROTOCOLLO

Dettagli

Titolo di studio Diploma di Laurea in Medicina e Chirurgia (1982)

Titolo di studio Diploma di Laurea in Medicina e Chirurgia (1982) CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SICILIANO GIOVANNI Data di nascita 28.07.1958 Qualifica II Fascia Amministrazione ASL CN1 Incarico attuale Responsabile Direzione Medica di Presidio Ospedaliero

Dettagli

REFERENZE. Skills Management Consulenza e Formazione

REFERENZE. Skills Management Consulenza e Formazione REFERENZE Skills Management REFERENZE CLIENTE AO CTO MARIA ADELAIDE - TORINO AO VILLA SCASSI - GENOVA AOU S. Giovanni Battista (Molinette) - TORINO ARESS (Agenzia Regionale Servizi Sanitari) PIEMONTE ASL

Dettagli

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE

I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Assessorato alla Tutela della Salute e Sanità I DISTURBI DEL COMPORTAMENTO ALIMENTARE Una proposta della Regione Piemonte per un percorso diagnosticoterapeutico-assistenziale Ottobre 2008 Assessorato alla

Dettagli

PROGRAMMA PROVINCIALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI

PROGRAMMA PROVINCIALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI PROGRAMMA PROVINCIALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI SEZIONE 3 Rifiuti speciali di origine sanitaria Luglio 1998 1 SOMMARIO 1. Quadro conoscitivo -------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

IL TAVOLO ARESS per i PDTA nella PSICOLOGIA OSPEDALIERA. Marina Bertolotti Ivrea, 16 novembre 2012

IL TAVOLO ARESS per i PDTA nella PSICOLOGIA OSPEDALIERA. Marina Bertolotti Ivrea, 16 novembre 2012 IL TAVOLO ARESS per i PDTA nella PSICOLOGIA OSPEDALIERA Marina Bertolotti Ivrea, 16 novembre 2012 Aress Agenzia Regionale per i Servizi Sanitari Percorsi assistenziali, standard di attività e modelli organizzativi

Dettagli

Percorso di aggiornamento e confronto per Responsabili Sanitari delle Strutture Socio-Sanitarie della Lombardia

Percorso di aggiornamento e confronto per Responsabili Sanitari delle Strutture Socio-Sanitarie della Lombardia PROGRAMMA Percorso di aggiornamento e confronto per Responsabili Sanitari delle Strutture Socio-Sanitarie della Lombardia Anno 2013 2014 PREMESSA L ASL di Brescia, in collaborazione con SItI - Società

Dettagli

Il Risk Management in Ospedale. Dr. Marco Rapellino Direttore SC Qualità e Risk Management Ospedaliero ASO S.Giovanni Battista,Torino

Il Risk Management in Ospedale. Dr. Marco Rapellino Direttore SC Qualità e Risk Management Ospedaliero ASO S.Giovanni Battista,Torino Il Risk Management in Ospedale Dr. Marco Rapellino Direttore SC Qualità e Risk Management Ospedaliero ASO S.Giovanni Battista,Torino LA GESTIONE DEL RISCHIO: IL CONTESTO 2 Errare humanum est perseverare

Dettagli

SOCIETA ITALIANA DI FARMACIA OSPEDALIERA E DEI SERVIZI FARMACEUTICI DELLE AZIENDE SANITARIE

SOCIETA ITALIANA DI FARMACIA OSPEDALIERA E DEI SERVIZI FARMACEUTICI DELLE AZIENDE SANITARIE Corso residenziale di aggiornamento a cura della sezione regionale SIFO Piemonte-VdA e della sezione ANMDO Piemonte-VdA Giornate di Sinergia tra la Farmacia Ospedaliera e la Direzione Sanitaria: l HTA

Dettagli

Il DPCM 12 dicembre 2013 Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2014 (GU Serie Generale n. 302 del 27.

Il DPCM 12 dicembre 2013 Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2014 (GU Serie Generale n. 302 del 27. Il DPCM 12 dicembre 2013 Approvazione del modello unico di dichiarazione ambientale per l anno 2014 (GU Serie Generale n. 302 del 27 dicembre 2013 Suppl. Ordinario n. 89) Rosanna Laraia IL DPCM 12 dicembre

Dettagli

Il ruolo dell ingegneria clinica nella gestione delle tecnologie sanitarie

Il ruolo dell ingegneria clinica nella gestione delle tecnologie sanitarie 4-6 aprile Hotel Nautico Riccione Dialisi: obiettivi Qualità, sicurezza e benessere Il ruolo dell ingegneria clinica nella gestione delle tecnologie sanitarie tarri i ing. Daniele Puppato gruppo di lavoro

Dettagli

Pollenzo - Bra (CN), 10 dicembre 2014 Sede del Corso Albergo dell Agenzia Via Fossano, 21

Pollenzo - Bra (CN), 10 dicembre 2014 Sede del Corso Albergo dell Agenzia Via Fossano, 21 TERZA giornata di nutrizione clinica LA NUTRIZIONE E I QUATTRO ELEMENTI Pollenzo - Bra (CN), 10 dicembre 2014 Sede del Corso Albergo dell Agenzia Via Fossano, 21 TERZA giornata di nutrizione clinica LA

Dettagli

SOCIETA ITALIANA DI FARMACIA OSPEDALIERA E DEI SERVIZI FARMACEUTICI DELLE AZIENDE SANITARIE

SOCIETA ITALIANA DI FARMACIA OSPEDALIERA E DEI SERVIZI FARMACEUTICI DELLE AZIENDE SANITARIE Corso residenziale di aggiornamento a cura della sezione regionale SIFO Piemonte-Valle d Aosta DISPOSITIVI MEDICI: AGGIORNAMENTO E INNOVAZIONI Edizione 2015 RAZIONALE Codice Evento 313-142473 Torino, 9

Dettagli

REFERENZE. Skills Management Consulenza e Formazione

REFERENZE. Skills Management Consulenza e Formazione REFERENZE Consulenza e Formazione AO CTO MARIA ADELAIDE - TORINO AO VILLA SCASSI - GENOVA AOU S.Giovanni Battista (Molinette) - TORINO ARESS (Agenzia Regionale Servizi Sanitari) PIEMONTE ASL 27 CERNUSCO

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 52/16 DEL 23.12.2014

DELIBERAZIONE N. 52/16 DEL 23.12.2014 Oggetto: D.Lgs. 14.8.2012, n. 150 e decreto interministeriale 22 gennaio 2014. Piano d'azione nazionale per l'uso sostenibile dei prodotti fitosanitari. Direttive per l'attuazione nella Regione Sardegna

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA ART. 1

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA ART. 1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI PERICOLOSI E NON PERICOLOSI E DEI RIFIUTI SANITARI PRODOTTI DALL UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA ART. 1 Il presente

Dettagli

I RIFIUTI SANITARI NORMATIVA DI RIFERIMENTO E MODALITA DI APPLICAZIONE

I RIFIUTI SANITARI NORMATIVA DI RIFERIMENTO E MODALITA DI APPLICAZIONE I RIFIUTI SANITARI NORMATIVA DI RIFERIMENTO E MODALITA DI APPLICAZIONE La gestione dei rifiuti sanitari: aspetti normativi A cura di: Marco Ferrari Tecnico della Prevenzione Servizio Controllo Ambientale

Dettagli

Il Progetto Gestione ambientale e sviluppo sostenibile nell Azienda. Ospedaliero-Universitaria di Ferrara

Il Progetto Gestione ambientale e sviluppo sostenibile nell Azienda. Ospedaliero-Universitaria di Ferrara Il Progetto Gestione ambientale e sviluppo sostenibile nell Azienda Ospedaliero-Universitaria di Ferrara Paola M. Antonioli K.Montanari, M.C.Manzalini, L.Alvoni, V.Dalpozzo, E.Carlini Struttura Dipartimentale

Dettagli

Analisi tossicologiche e rete dei Laboratori Analisi delle Strutture Sanitarie regionali.

Analisi tossicologiche e rete dei Laboratori Analisi delle Strutture Sanitarie regionali. Analisi tossicologiche e rete dei Laboratori Analisi delle Strutture Sanitarie regionali. Piano di razionalizzazione per l erogazione delle analisi tossicologiche in rete. Attualmente gli esami tossicologici

Dettagli

Tecnica Ospedaliera dal Risk Management alla Clinical Governance in Ospedale

Tecnica Ospedaliera dal Risk Management alla Clinical Governance in Ospedale UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SANITA PUBBLICA Laboratorio di Programmazione ed Organizzazione dei Servizi Sanitari CORSO ALTA FORMAZIONE Tecnica Ospedaliera dal Risk Management alla

Dettagli

12.1) Metodi e tecniche di valutazione delle politiche pubbliche nella dimensione locale (rif. Paragrafo n.12 del Piano formativo Argomento n.

12.1) Metodi e tecniche di valutazione delle politiche pubbliche nella dimensione locale (rif. Paragrafo n.12 del Piano formativo Argomento n. 12.1) Metodi e tecniche di valutazione delle politiche pubbliche nella dimensione locale (rif. Paragrafo n.12 del Piano formativo Argomento n.1) La valutazione delle politiche pubbliche locali in una prospettiva

Dettagli

ALLEGATO A. 1) Obiettivi. 2) Destinatari del contributo. 3) Tipologia degli interventi ammessi a finanziamento

ALLEGATO A. 1) Obiettivi. 2) Destinatari del contributo. 3) Tipologia degli interventi ammessi a finanziamento ALLEGATO A Modalità per la concessione di contributi e indicazioni per la presentazione di progetti per la nuova costruzione, ristrutturazione ed ampliamento delle aree sosta- artt. 3 e 4 l.r. 26/93-.

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2013/31 del 26 novembre 2013 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Servizio Gestione Rifiuti: criterio quantitativo per l assimilazione

Dettagli

Interventi di Informazione e Formazione per la lotta contro l AIDS 2012

Interventi di Informazione e Formazione per la lotta contro l AIDS 2012 Interventi di Informazione e Formazione per la lotta contro l AIDS 2012 Sintesi degli elementi fondamentali dell analisi di fabbisogno L attività di informazione e formazione nell ambito della lotta contro

Dettagli

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI NEL VENETO Anno 2010

PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI NEL VENETO Anno 2010 PRODUZIONE E GESTIONE DEI RIFIUTI SPECIALI NEL VENETO Anno 2010 ARPAV Direzione Tecnica Servizio Osservatorio Rifiuti OSSERVATORIO REGIONALE RIFIUTI Ottobre 2012 PRINCIPALI INDICATORI DEI RIFIUTI SPECIALI

Dettagli

IL CICLO AMBIENTE Materiali di approfondimento _ CAPITOLI 3

IL CICLO AMBIENTE Materiali di approfondimento _ CAPITOLI 3 IL CICLO AMBIENTE Materiali di approfondimento _ CAPITOLI 3 Indice Capitolo 3 Quali rifiuti produciamo 3.1 - Normativa Nazionale di riferimento in materia rifiuti 3 3.2 - Classificazione dei rifiuti 4

Dettagli

Piano d Ambito. per la gestione integrata del ciclo dei rifiuti. della Provincia di Napoli

Piano d Ambito. per la gestione integrata del ciclo dei rifiuti. della Provincia di Napoli Area Ambiente Direzione Tutela del Suolo - Bonifica siti - Gestione tecnica rifiuti Monitoraggio e tutela dell aria Impianti termici e controllo fonti di emissione Piano d Ambito per la gestione integrata

Dettagli

I rifiuti speciali 47

I rifiuti speciali 47 47 Il quadro conoscitivo relativo alla produzione e alle modalità di gestione dei rifiuti speciali nel 26, si basa sulle dichiarazioni MUD (Modello Unico di Dichiarazione ambientale), presentate nell anno

Dettagli

CONVEGNO FORMATIVO. Con la Partecipazione di SALONE E SALA CONSILIARE COMUNE DI BARADILI HOTEL RISTORANTE IL VECCHIO BORGO IN BARADILI

CONVEGNO FORMATIVO. Con la Partecipazione di SALONE E SALA CONSILIARE COMUNE DI BARADILI HOTEL RISTORANTE IL VECCHIO BORGO IN BARADILI CONVEGNO FORMATIVO La Prevenzione delle Malattie Infettive Nei Bacini e Negli Impianti Natatori. Controlli delle Acque di Balneazione, Termali, delle Piscine, delle Strutture Ricettive e Ospedaliere. CON

Dettagli

I costi di gestione del servizio di ristorazione: esperienze a confronto

I costi di gestione del servizio di ristorazione: esperienze a confronto IV Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale TESI DI LAUREA I costi di gestione del servizio di ristorazione: esperienze a confronto Relatori: Prof. Giuseppe Catalano Prof. Carlo Cambini

Dettagli

I RIFIUTI SANITARI D.P.R. 15-7-2003 n. 254

I RIFIUTI SANITARI D.P.R. 15-7-2003 n. 254 I RIFIUTI SANITARI D.P.R. 15-7-2003 n. 254 Regolamento recante disciplina della gestione dei rifiuti sanitari a norma dell articolo 24 della L. 31-7-2002, n.179 L 11 settembre 2002 è stato pubblicato sulla

Dettagli

MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE IGIENICA: GESTIONE DEGLI IMPIANTI AERAULICI. Dott. ANDREA CASA Presidente AIISA

MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE IGIENICA: GESTIONE DEGLI IMPIANTI AERAULICI. Dott. ANDREA CASA Presidente AIISA MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE IGIENICA: GESTIONE DEGLI IMPIANTI AERAULICI Dott. ANDREA CASA Presidente AIISA ETIMOLOGIA DEL TERMINE MANUTENZIONE Dal latino medievale manutentio onis, derivazione

Dettagli

Spesa farmaceutica ospedaliera. Attuazione Programmi Operativi 2013-2015: Intervento 17.1 "Razionalizzazione della spesa farmaceutica ospedaliera".

Spesa farmaceutica ospedaliera. Attuazione Programmi Operativi 2013-2015: Intervento 17.1 Razionalizzazione della spesa farmaceutica ospedaliera. REGIONE PIEMONTE BU25S1 19/06/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 21 maggio 2014, n. 53-7644 Spesa farmaceutica ospedaliera. Attuazione Programmi Operativi 2013-2015: Intervento 17.1 "Razionalizzazione

Dettagli

Direttore Operativo. Compiti e responsabilità :

Direttore Operativo. Compiti e responsabilità : Direttore Operativo Il Direttore Operativo ha la responsabilità di assicurare lo sviluppo e la continuità dei servizi ambientali di raccolta e smaltimento rifiuti nel contesto territoriale di competenza,

Dettagli

La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie

La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO Comando Provinciale di Lecco La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie Lecco, 16 Settembre 2015 La rete ospedaliera, nuovi modelli organizzativi

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

CAPITOLO 1 CONTESTO EUROPEO CAPITOLO 2 PRODUZIONE E RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI

CAPITOLO 1 CONTESTO EUROPEO CAPITOLO 2 PRODUZIONE E RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI Il presente Rapporto è stato elaborato dal Servizio Rifiuti, dell Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA). Il Rapporto conferma l impegno dell ISPRA affinché le informazioni

Dettagli

Alessandra Cavalletti, PhD

Alessandra Cavalletti, PhD I nuovi strumenti Nazionali di pianificazione: dal Piano Nazionale delle Riduzioni delle Emissioni alla Decarbonizzazione dell economia, una opportunità per le imprese Alessandra Cavalletti, PhD Energia

Dettagli

Tecnico della Prevenzione nell'ambiente e nei luoghi di lavoro. Posizione Organizzativa - Dipartimento di Prevenzione Medico

Tecnico della Prevenzione nell'ambiente e nei luoghi di lavoro. Posizione Organizzativa - Dipartimento di Prevenzione Medico INFORMAZIONI PERSONALI Nome Poloni Mario Data di nascita 25/09/1953 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Tecnico della Prevenzione nell'ambiente e nei luoghi di lavoro

Dettagli

Il Piano d Azione Nazionale sull uso sostenibile dei prodotti fitosanitari (P.A.N.)

Il Piano d Azione Nazionale sull uso sostenibile dei prodotti fitosanitari (P.A.N.) Il Piano d Azione Nazionale sull uso sostenibile dei prodotti fitosanitari (P.A.N.) Inquadramento generale, Formazione ed Informazione REGIONE PIEMONTE SETTORE SERVIZI ALLE IMPRESE PIERO CORDOLA ODAF Alessandria

Dettagli

LE TERRE DA SPAZZAMENTO STRADALE. Stima del costo di trattamento e recupero

LE TERRE DA SPAZZAMENTO STRADALE. Stima del costo di trattamento e recupero LE TERRE DA SPAZZAMENTO STRADALE Stima del costo di trattamento e recupero Febbraio 2011 1 Redazione a cura di: Dott. Riccardo Civera, Ing. Vita Tedesco, Ing. Palma Urso 2Er 2 Indice 1 CONSIDERAZIONI INTRODUTTIVE...

Dettagli

ISTRUZIONE OPERATIVA DEL DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO

ISTRUZIONE OPERATIVA DEL DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO ISTRUZIONE OPERATIVA IO.SMA 07-0 Pag. 0/4 ISTRUZIONE OPERATIVA DEL DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO INDICE 1. SCOPO... 1 2. CAMPO DI APPLICAZIONE... 1 3. PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI E DOCUMENTI...

Dettagli

OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE DI RIQUALIFICAZIONE E VALORIZZAZIONE

OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE DI RIQUALIFICAZIONE E VALORIZZAZIONE MADEEXPO - MILANO 5-8 OTTOBRE 2011 PRESENTAZIONE EVENTO BORGHI&CENTRISTORICI OPPORTUNITÀ E PROSPETTIVE DI RIQUALIFICAZIONE E VALORIZZAZIONE DEI BORGHI E CENTRI STORICI ITALIANI Intervento dell Ing. Francesco

Dettagli

Collaboratore Professionale Sanitario Esperto nella prevenzione e gestione delle infezioni correlate all assistenza in area critica.

Collaboratore Professionale Sanitario Esperto nella prevenzione e gestione delle infezioni correlate all assistenza in area critica. C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo LANZARONE SALVATORE Telefono 011 6933445 Cellulare 393 8727518 VIA ILARIO VERNERO 2,10090 ROSTA (TO) E-mail lanzarone.salvatore77@gmail.com

Dettagli

TERMOFISICA DEGLI EDIFICI (Ing. EDILE 06 CFU)

TERMOFISICA DEGLI EDIFICI (Ing. EDILE 06 CFU) Università degli Studi di Bergamo, Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Anno Accademico 2010-2011 CORSO TERMOFISICA DEGLI EDIFICI (Ing. EDILE 06 CFU) Prof.ssa Ing. Paola Zampiero

Dettagli

I servizi pubblici integrativi: problematiche e soluzioni gestionali

I servizi pubblici integrativi: problematiche e soluzioni gestionali I servizi pubblici integrativi: problematiche e soluzioni gestionali Relatore Dott. Paolo Contò direttore Consorzi Priula e Tv Tre 22/03/2013 Sep Padova 1. Chi siamo 2. Le caratteristiche del modello Contarina

Dettagli

Dott.ssa Maria Addolorata Vantaggiato Dirigente Medico Responsabile SSD Rischio Clinico, Edilizia ed Impiantistica Ospedaliera Azienda Ospedaliera di

Dott.ssa Maria Addolorata Vantaggiato Dirigente Medico Responsabile SSD Rischio Clinico, Edilizia ed Impiantistica Ospedaliera Azienda Ospedaliera di Dott.ssa Maria Addolorata Vantaggiato Dirigente Medico Responsabile SSD Rischio Clinico, Edilizia ed Impiantistica Ospedaliera Azienda Ospedaliera di Cosenza - Decreto Presidente della Repubblica 7 Aprile

Dettagli

La termovalorizzazione nel nuovo Programma Regionale per la Gestione Rifiuti

La termovalorizzazione nel nuovo Programma Regionale per la Gestione Rifiuti La termovalorizzazione nel nuovo Programma Regionale per la Gestione Rifiuti Con contributi di: Dario Sciunnach S. Cappa, L. Losa, U. Parravicini, P. Zerbinati (Regione Lombardia) M. Lombardi (ARPA Lombardia)

Dettagli

SCHEDA TECNICA IMPIANTI PRODUTTIVI

SCHEDA TECNICA IMPIANTI PRODUTTIVI Allegato D Md. F2405 Ed. B SCHEDA TECNICA IMPIANTI PRODUTTIVI DATI ANAGRAFICI DENOMINAZIONE DELL INSEDIAMENTO: SEDE AMMINISTRATIVA: Comune Indirizzo n Tel. Fax UBICAZIONE DELL INSEDIAMENTO : Comune Indirizzo

Dettagli

TITOLI DI STUDIO E PROFESSIONALI ED ESPERIENZE LAVORATIVE

TITOLI DI STUDIO E PROFESSIONALI ED ESPERIENZE LAVORATIVE CURRICULUM VITAE Informazioni personali Cognome e Nome ONOFARO FILIPPINA Data di nascita 15/09/1961 Qualifica MED.S.S.EX9-117TP Disciplina Medicina Matricola 36173 Incarico attuale Dirigente U.O.S.D. ALPI

Dettagli

Monitoraggio dei consumi di farmaci e dispositivi medici delle Aziende sanitarie regionali.rinnovo della convenzione con IMS Health.

Monitoraggio dei consumi di farmaci e dispositivi medici delle Aziende sanitarie regionali.rinnovo della convenzione con IMS Health. REGIONE PIEMONTE BU37 17/09/2015 Codice A14000 D.D. 14 luglio 2015, n. 465 Monitoraggio dei consumi di farmaci e dispositivi medici delle Aziende sanitarie regionali.rinnovo della convenzione con IMS Health.

Dettagli

CURRICULUM SCOLASTICO E PROFESSIONALE redatto nelle forme di dichiarazione sostitutiva di certificazione ai sensi dell art. 46 del DPR 445/2000

CURRICULUM SCOLASTICO E PROFESSIONALE redatto nelle forme di dichiarazione sostitutiva di certificazione ai sensi dell art. 46 del DPR 445/2000 CURRICULUM SCOLASTICO E PROFESSIONALE redatto nelle forme di dichiarazione sostitutiva di certificazione ai sensi dell art. 46 del DPR 445/2000 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Federico GALLO Data di nascita

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Consulta Generale per L autotrasporto e per la Logistica

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Consulta Generale per L autotrasporto e per la Logistica Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Consulta Generale per L autotrasporto e per la Logistica SUPPORTO OPERATIVO E TECNICO-SPECIALISTICO PER LA MESSA A SISTEMA E L OTTIMIZZAZIONE DELLA FILIERA

Dettagli

La Rete Regionale per l assistenza psicologica

La Rete Regionale per l assistenza psicologica Direzione Integrata Salute Mentale S.C. di Psicologia Direttore: Dr. Bruno F. TIRANTI La Rete Regionale per l assistenza l psicologica ASL To4 Ivrea, 16 novembre 2012 Bruno Tiranti S.C. Psicologia Asl

Dettagli

Nuovo Elenco dei rifiuti

Nuovo Elenco dei rifiuti Nuovo Elenco dei rifiuti Il 18 dicembre 2014 la Commissione europea ha emanato la decisione 2014/955/UE che modifica la decisione 2000/532/CE relativa all elenco europeo dei rifiuti ai sensi della direttiva

Dettagli

Corsi Nazionali Itineranti a cura del Laboratorio HTA di SIFO

Corsi Nazionali Itineranti a cura del Laboratorio HTA di SIFO Corsi Nazionali Itineranti a cura del Laboratorio HTA di SIFO in collaborazione con ALTEMS Alta Scuola di Economia e Management Sanitario INTRODUZIONE ALL HTA. COME FARNE UNO STRUMENTO OPERATIVO: DALL

Dettagli

CANCEROGENI IN AMBIENTI DI LAVORO. 28/01/2016 - REGIONE LOMBARDIA - Dott. Battista Magna

CANCEROGENI IN AMBIENTI DI LAVORO. 28/01/2016 - REGIONE LOMBARDIA - Dott. Battista Magna CANCEROGENI IN AMBIENTI DI LAVORO 28/01/2016 - REGIONE LOMBARDIA - Dott. Battista Magna PREMESSE Fino al 31/12/2015 la Lombardia era suddivisa in: - 15 ASL (Aziende Sanitarie Locali), in ognuna delle quali

Dettagli

Il Catasto dei rifiuti con riferimento alle attività di C&D

Il Catasto dei rifiuti con riferimento alle attività di C&D Il Catasto dei rifiuti con riferimento alle attività di C&D ing. Mariella Bazzucco CATASTO RIFIUTI - MUD art. 189 - d.lgs. 152/2006 è articolato in una Sezione nazionale (ISPRA a Roma) e in Sezioni regionali/provinciali

Dettagli

ifiuti Com è noto agli addetti ai lavori, la complessa materia

ifiuti Com è noto agli addetti ai lavori, la complessa materia Antonio Coduti - Geologo, esperto Ambientale ANEA (Associazione Nazionale Esperti Ambientali Torino) Direttore e consulente aziendale in materia ambientale - e-mail: acodgeo@infinito.it R ifiuti LA CLASSIFICAZIONE

Dettagli

COMUNE DI TERNI DIREZIONE MANUTENZIONI

COMUNE DI TERNI DIREZIONE MANUTENZIONI COMUNE DI TERNI DIREZIONE MANUTENZIONI DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE Numero 671 del 24/03/2011 OGGETTO: costituzione dell unità Team Energy Management ESERCIZIO 2011 Comune di Terni Direzione Manutenzioni

Dettagli

CAPITOLO 2 - NORMATIVA GENERALE DI RIFERIMENTO

CAPITOLO 2 - NORMATIVA GENERALE DI RIFERIMENTO CAPITOLO 2 - NORMATIVA GENERALE DI RIFERIMENTO La gestione dei rifiuti, dei rifiuti pericolosi, degli imballaggi e dei rifiuti di imballaggi è disciplinata dal Decreto Legislativo n 22 del 5/02/1997 Attuazione

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU27 07/07/2011

REGIONE PIEMONTE BU27 07/07/2011 REGIONE PIEMONTE BU27 07/07/2011 Codice DB2005 D.D. 28 marzo 2011, n. 214 Nomina dei componenti della Commissione regionale di coordinamento della Rete di Cure Palliative e della Commissione regionale

Dettagli

Indice. Regolamento per l'organizzazione ed il funzionamento delle attività amministrative e di supporto. ART. 1. Ambito di applicazione

Indice. Regolamento per l'organizzazione ed il funzionamento delle attività amministrative e di supporto. ART. 1. Ambito di applicazione Pag. 1 di 8 Indice ART. 1. Ambito di applicazione ART. 2. Funzioni e compiti del Dipartimento ART. 3. Direttore di Dipartimento ART. 4. L articolazione organizzativa del Dipartimento ART. 5. Funzioni e

Dettagli

Regione Calabria ARPACAL. Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria DIREZIONE SCIENTIFICA SEZIONE REGIONALE CATASTO RIFIUTI

Regione Calabria ARPACAL. Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente della Calabria DIREZIONE SCIENTIFICA SEZIONE REGIONALE CATASTO RIFIUTI CERTIFICAZIONE DELLE PERCENTUALI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA DEI RIFIUTI URBANI NELLA REGIONE CALABRIA PREMESSA...2 DEFINIZIONI...2 CALCOLO DELLA PERCENTUALE DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA...5 ESCLUSIONI DAL

Dettagli

Gestire i rifiuti sanitari in efficienza, sicurezza ed ecosostenibilità. L'esperienza positiva dell Istituto Europeo di Oncologia

Gestire i rifiuti sanitari in efficienza, sicurezza ed ecosostenibilità. L'esperienza positiva dell Istituto Europeo di Oncologia Gestire i rifiuti sanitari in efficienza, sicurezza ed ecosostenibilità. L'esperienza positiva dell Istituto Europeo di Oncologia Oliviero Rinaldi Giovanni Grieco Caterina Masia Leonardo la Pietra Direzione

Dettagli

CHIMICA e CHIMICO AMBIENTALE

CHIMICA e CHIMICO AMBIENTALE CHIMICA e CHIMICO AMBIENTALE Aggiornato il 12 Marzo 2009 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 6 5. COMPETENZE... 7 Quali competenze sono necessarie?...

Dettagli

PROGRAMMA CORSO PROGRAMMA CORSO

PROGRAMMA CORSO PROGRAMMA CORSO COD.: CO0 SALERNO MARZO 2007 ANNO FORMATIVO 2007 PROGRAMMA PER COORDINATORE DELLA SICUREZZA IN FASE DI PROGETTAZIONE E PER COORDINATORE PER L ESECUZIONE DEI LAVORI AI SENSI D. LGS. 494/96 Codice Corso:

Dettagli

L AMBITO DI LAVORO DEL PROGETTO

L AMBITO DI LAVORO DEL PROGETTO IL CONTESTO Nel 2012 nell Unione Europea erano presenti 11.000 ospedali e 68.000 presidi sanitari (strutture per lungodegenza, ambulatori, studi specialistici, laboratori, ecc.) Si contavano circa 3.000.000

Dettagli

Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali

Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali MODULO 1 Organizzazione della prevenzione aziendale e valutazione dei rischi Criteri generali di corretta gestione dei rifiuti speciali Ing. Sabrina Arras Principali normative di riferimento D.Lgs. 152/2006

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE SC ECONOMATO

DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE SC ECONOMATO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE SC ECONOMATO 00000570 del 08/04/2016 OGGETTO: SERVIZIO DI PRELIEVO TRASPORTO E SMALTIMENTO DEI RIFIUTI SANITARI SOLIDI E LIQUIDI PER L ASLCN1 AFFIDAMENTO AI SENSI DELL ART.

Dettagli

Il destino dei RIFIUTI

Il destino dei RIFIUTI Comune di Padova Settore Ambiente Il destino dei RIFIUTI Osservatorio Ambientale sull inceneritore DEFINIZIONI RIFIUTO: Qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E

F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome TUDINI CINZIA Indirizzo FEDERAZIONE SOVRAZONALE PIEMONTE 2 TORINO NORD s.c. a r.l. Via Botticelli, 151 10154

Dettagli

Presentazione della metodologia di studio per la mappatura dei flussi delle frazioni oggetto di raccolta differenziata fino all'avvio a riciclaggio

Presentazione della metodologia di studio per la mappatura dei flussi delle frazioni oggetto di raccolta differenziata fino all'avvio a riciclaggio Convegno Propostametodologica: analisi dell efficacia delle filiere di recupero di materia dai rifiuti Mercoledì 5 Novembre Presentazione della metodologia di studio per la mappatura dei flussi delle frazioni

Dettagli

Quantità massima prelevata. Misuratori di portata installati : generale (al punto di prelievo) parziale (al prelievo idrico del ciclo produttivo) 1

Quantità massima prelevata. Misuratori di portata installati : generale (al punto di prelievo) parziale (al prelievo idrico del ciclo produttivo) 1 Allegato 1 acque industriali A. Caratteristiche dell attività A1. CICLO DI LAVORAZIONE Allegare una relazione contenente una descrizione del ciclo tecnologico con schema a blocchi relativo al processo

Dettagli

Il SISTRI ed i rifiuti nel settore minerario ed energetico

Il SISTRI ed i rifiuti nel settore minerario ed energetico DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA CHIMICA MATERIALI AMBIENTE Associazione Italiana Di Ingegneria Chimica Sezione Centro Il SISTRI ed i rifiuti nel settore minerario ed energetico CONOSCERE IL SISTRI SISTEMA DI

Dettagli

Deliberazione N.: 228 del: 10/03/2015. Oggetto : ULTERIORI DETERMINAZIONI IN MERITO ALLA MODIFICA DEL PIANO DI ORGANIZZAZIONE AZIENDALE.

Deliberazione N.: 228 del: 10/03/2015. Oggetto : ULTERIORI DETERMINAZIONI IN MERITO ALLA MODIFICA DEL PIANO DI ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Deliberazione N.: 228 del: 10/03/2015 Oggetto : ULTERIORI DETERMINAZIONI IN MERITO ALLA MODIFICA DEL PIANO DI ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Pubblicazione all Albo on line per giorni quindici consecutivi dal:

Dettagli