CASE-HISTORY REGIONE EMILIA-ROMAGNA, LA GESTIONE DEI RIFIUTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CASE-HISTORY REGIONE EMILIA-ROMAGNA, LA GESTIONE DEI RIFIUTI"

Transcript

1 CASE-HISTORY REGIONE EMILIA-ROMAGNA, LA GESTIONE DEI RIFIUTI Regione Emilia-Romagna Servizio Sanità Pubblica AUSL Cesena Direzione Medica di Presidio Davide Sgarzi Annalisa Venturi Casadei Rimini, 29 ottobre 2009

2 I NUMERI DEL SSR (2007) Modena Bologna Ferrara Parma Reggio Emilia Ist. Rizzoli Popolazione: Personale dipendente: Posti letto pubblici: Giornate di degenza: IRST

3 LA RER PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE!! Piano di azione ambientale: Per un futuro sostenibile della Regione Emilia-Romagna "! Riduzione e gestione dei rifiuti "! Biodiversità (aree protette, clima, energia)!! Programma Il Sistema Sanitario Regionale per lo sviluppo sostenibile

4 STRUMENTI DI SOSTENIBILITÀ Azioni di sistema: AMBIENTALE DEL SSR!! Inserimento di criteri di rispetto ambientale nelle gare di acquisto da parte delle aziende sanitarie (energia, rifiuti)!! Svolgimento di campagne di informazione e sensibilizzazione (nel 2009, 13 corsi in 5 Az. San.)!! Pubblicazione di linee di indirizzo (rifiuti, scarichi)!! Formazione dei referenti aziendali (mobilità, GPP)

5 IL PROGRAMMA REGIONALE

6 OBIETTIVI PER LE AZIENDE!! Debito informativo!! Rendicontazione nel bilancio di missione dell impegno per la gestione ambientale e l uso dell energia!! Gruppo energia: "! Gara regionale "! Campagna per l uso razionale dell energia; "! Monitoraggio dell uso di energia elettrica e termica "! Preferenza per fonti rinnovabili, cogenerazione o tecnologie innovative "! Applicazione del PER (DGR 1730/2007)!! Gruppo gestione ambientale: "! Miglioramento della gestione ambientale, in particolare della produzione di rifiuti pericolosi "! Nomina del Mobility Manager e Piano della Mobilità Aziendale (PMA)

7 GRUPPO ENERGIA!! Gara regionale per la fornitura di energia elettrica!! Definizione di indicatori parametrici per il consumo energetico nelle strutture sanitarie!! Costruzione del sistema informativo del gruppo regionale energia!! Sensibilizzazione al risparmio energetico!! Formazione degli Energy manager

8 GRUPPO GESTIONE AMBIENTALE!! Rifiuti sanitari "! Diffusione linee guida "! Monitoraggio gara regionale!! Mobilità sostenibile "! Redazione e aggiornamento piani mobilità "! Formazione dei Mobility manager!! Acquisti verdi (GPP) "! Formazione dei referenti aziendali

9 RIFIUTI SANITARI: PERCORSO 2002: Costituzione gruppo regionale Rifiuti sanitari 2003: Pubblicazione Linee guida 2006: Recepimento Linee guida (DGR 1360/2006) 2007: Verifica del grado di applicazione 2008: "! Aggiornamento Linee guida "! Gara regionale (8 Aziende su 18) 2009: Recepimento Linee guida (DGR 1155/2009)

10 I CONVEGNI!! Comacchio, 23/10/2009:!! Scarichi idrici!! Rifiuti assimilati!! Rifiuti radioattivi!! Bologna, 19/11/2009:!! Rifiuti infettivi!! Capitolati d appalto!! Rifiuti da servizi appaltati

11 RIFIUTI SANITARI: TENDENZE!! Crescente ricorso a materiali monouso!! Innalzamento standard di qualità alberghiera!! Riduzione dei tempi di ricovero! aumento dell intensità delle prestazioni!! Creazione di hub! concentrazione della produzione aumento della produzione di rifiuti per giornata di degenza

12 RIFIUTI SANITARI: RISULTATI Kg PRI/GGDD

13 RIFIUTI SANITARI: RISULTATI IFA + CONT IFA CONTENITORI AUSL Cesena AUSL Ravenna AUSL Ferrara AUSL Bologna AUSL Reggio AO Ferrara AO Modena

14 GARA RIFIUTI SANITARI:!! Contenitori riutilizzabili!! Uso di materiali riciclati CRITERI AMBIENTALI!! Automezzi a ridotto inquinamento!! Recupero di materia anziché smaltimento!! Prodotti a basso impatto ambientale!! Alcuni rifiuti gestiti gratuitamente (vetro, carta, plastica, legno, metallo, toner, lastre, rif. biodegradabili)

15 GARA RIFIUTI SANITARI: BILANCIO!! Aspettative soddisfatte: #! Contenitori e materiali riciclati #! Certificazioni ambientali di prodotto e di processo #! Iniziative per la prevenzione della produzione (in parte)!! Criticità: #! Automezzi diesel Euro 3 #! Alcuni rifiuti anche pericolosi smaltiti in discarica #! Gestione dei rifiuti idonei alla RD #! Mancanza di analisi scientifica degli impatti ambientali

16 PREDISPOSIZIONE DELLE NUOVE LINEE GUIDA!! Raccolta delle segnalazioni dalle Aziende! definizione degli argomenti da approfondire!! Elaborazione delle risposte alla verifica del grado di applicazione della DGR 1360/2006! definizione degli obiettivi

17 CRITICITÀ SEGNALATE!! Posizioni diverse degli organi di controllo!! Aggiornamento normativo e tecnologico!! Normative di settori diversi discordanti (es. ADR e rifiuti, classificazione)!! Disinfezione scarichi idrici!! Rifiuti sanitari contaminati da radiofarmaci!! Assimilati e rapporti con az. multiservizi!! Nuovi temi da sviluppare (es. rifiuti da appalti, RAEE)

18 TEMI DA SVILUPPARE!! Analisi delle responsabilità!! Analisi dei rischi sanitari! riclassificazione infettivi!! Gestione degli scarichi idrici!! Trasporto di rifiuti pericolosi e normativa ADR!! Rifiuti prodotti all esterno delle strutture!! Classificazione dei rifiuti a rischio chimico!! Gestione dei rifiuti assimilati agli urbani e RD!! Rifiuti prodotti da servizi in gestione appaltata!! Rifiuti radioattivi!! Standard minimi per IFA operatori!! Altri rifiuti disciplinati da norme specifiche (es. PAR, farmaci, documenti)

19 VERIFICA APPLICAZIONE DGR 1360/2006 Risposte pervenute Obiettivo 1: flusso dati per RER Obiettivo 2: referenti gestione ambientale Adeguamento bilancio di missione Gruppo aziendale rifiuti Procedure: completezza, attuazione, monitor. Monitoraggio quantità e costi IFA addetti Riesame

20 OBIETTIVI GENERALI!! Garantire il miglior risultato in termini di salute collettiva! qualità prestazione! qualità ambientale!! Sostenibilità ambientale del SSR!! Dalla gestione dell incubo alla gestione del processo!! Riduzione della produzione di rifiuti: "! Prevenzione della produzione "! Separazione, riutilizzo, recupero "! Corretto smaltimento VALORE

21 COSA DEVONO FARE LE AZIENDE?!! Definizione di ruoli e responsabilità!! Creazione di un sistema informativo! indicatori!! Attuazione di progetti trasversali! collaborazione fra settori aziendali diversi!! Passaggio da una logica comando/controllo alla logica guida del processo (es. risk management)!! IFA! crescita consapevolezza! responsabilizzare SGA

22 SCHEMA LOGICO SGA Determinanti Criticità Aspetti da verificare Interfacce Controlli Azioni

23 RICADUTE POSITIVE!! Dimostrazione dell impegno per lo sviluppo sostenibile "! Obiettivi misurabili!monitoraggio! miglioramento "! Comunicazione ai dipendenti ed all esterno, promozione di comportamenti sostenibili!! Evidenza documentale per l organo di vigilanza!! Creazione di una rete di relazioni collaborative: "! Regione e Aziende sanitarie "! Organi di vigilanza "! Ditte "! Altre Regioni e organizzazioni internazionali

24 CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE!! Estensione del principio della prevenzione dal settore sanitario a quello ambientale!! LG come strumento utile per lo sviluppo sostenibile!! Necessità di una presa di coscienza da parte delle Direzioni aziendali e di valorizzazione delle risorse! rivoluzione culturale!! Necessità di strutturare stabilmente il programma Il Sistema Sanitario Regionale per lo Sviluppo Sostenibile

FINALITÀ DELLE LINEE GUIDA E RICADUTE SULLE AZIENDE SANITARIE

FINALITÀ DELLE LINEE GUIDA E RICADUTE SULLE AZIENDE SANITARIE FINALITÀ DELLE LINEE GUIDA E RICADUTE SULLE AZIENDE SANITARIE Regione Emilia-Romagna Servizio Sanità Pubblica Comacchio, 23 ottobre 2009 I NUMERI DEL SSR (2007) Modena Bologna Ferrara Parma Reggio Emilia

Dettagli

Il Magazzino Unico: un confronto tra modelli

Il Magazzino Unico: un confronto tra modelli Il Magazzino Unico: un confronto tra modelli Davide Cattane Osservatori Digital Innovation School of Management Politecnico di Milano Convegno MePAIE Cremona - 28 Febbraio 2014 Agenda Il contesto di riferimento

Dettagli

Il Magazzino Unico: un confronto tra modelli

Il Magazzino Unico: un confronto tra modelli Il Magazzino Unico: un confronto tra modelli Davide Cattane Osservatori Digital Innovation School of Management Politecnico di Milano Convegno MePAIE Cremona - 28 Febbraio 2014 Agenda Il contesto di riferimento

Dettagli

PROSPETTIVE E SVILUPPO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA IN PROVINCIA DI RIETI

PROSPETTIVE E SVILUPPO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA IN PROVINCIA DI RIETI PROSPETTIVE E SVILUPPO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA IN PROVINCIA DI RIETI Marco Gentilini, Nova Consulting Rieti, 25.9.2014 CORSO DI FORMAZIONE PER TECNICI COMUNALI Obiettivo principale: migliorare la

Dettagli

Il sito web www.zanzaratigreonline.it

Il sito web www.zanzaratigreonline.it Il sito web www.zanzaratigreonline.it 1 Zanzara Tigre Cosa fa la Regione Cosa fanno i Cosa fanno le Aziende USL Cosa possono fare i cittadini Linee guida per gli operatori Campagna di comunicazione Esperti

Dettagli

I SERVIZI A BANDA LARGA in EMILIA-ROMAGNA. giugno 2012 v.1

I SERVIZI A BANDA LARGA in EMILIA-ROMAGNA. giugno 2012 v.1 I SERVIZI A BANDA LARGA in EMILIA-ROMAGNA giugno 2012 v.1 su rete fissa > 2Mb/s Media regionale 89,58% su rete fissa > 2Mb/s, espressa in % della popolazione Situazione stimata a giugno 2012 Fonte: dati

Dettagli

I risultati del primo Piano Triennale di attuazione del PER

I risultati del primo Piano Triennale di attuazione del PER I risultati del primo Piano Triennale di attuazione del PER LA POLITICA ENERGETICA DELLA REGIONE La Regione Emilia-Romagna (in attuazione del nuovo art. 117 della Costituzione che definisce l energia materia

Dettagli

LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI IN AGENZIA. Risparmi ambientali e sensibilizzazione dei dipendenti

LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI IN AGENZIA. Risparmi ambientali e sensibilizzazione dei dipendenti LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI IN AGENZIA Risparmi ambientali e sensibilizzazione dei dipendenti SOSTENIBILITA AMBIENTALE ED ACQUISTI VERDI L Agenzia nello svolgimento delle proprie attività istituzionali concorre

Dettagli

SERVIZIO CONTROLLO DI GESTIONE ASSOCIATO

SERVIZIO CONTROLLO DI GESTIONE ASSOCIATO COMUNE DI DERUTA SERVIZIO CONTROLLO DI GESTIONE ASSOCIATO ANALISI ECONOMICHE DEI SERVIZI REPORT PARZIALE ANNO 2013 CONFRONTO CON ANNI 2010-2011-2012 Servizi monitorati: Igiene urbana Asilo nido 1 COMUNE

Dettagli

Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi. Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011

Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi. Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011 Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011 La gestione degli imballaggi è impostata su due cardini legislativi

Dettagli

ANALISI DEGLI ACQUISTI E RICOGNIZIONE DELLO STATO DELL ARTE DEL GREEN PUBLIC PROCUREMENT (GPP) NELLA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

ANALISI DEGLI ACQUISTI E RICOGNIZIONE DELLO STATO DELL ARTE DEL GREEN PUBLIC PROCUREMENT (GPP) NELLA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA Servizio Appalti e Contenzioso U.O. APPALTI, CONTRATTI E PROVVEDITORATO ANALISI DEGLI ACQUISTI E RICOGNIZIONE DELLO STATO DELL ARTE DEL GREEN PUBLIC PROCUREMENT (GPP) NELLA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA La

Dettagli

PROGRAMMA PROVINCIALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI

PROGRAMMA PROVINCIALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI PROGRAMMA PROVINCIALE DI GESTIONE DEI RIFIUTI SEZIONE 3 Rifiuti speciali di origine sanitaria Luglio 1998 1 SOMMARIO 1. Quadro conoscitivo -------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Fornitura di auto elettriche e noleggio delle relative batterie

Fornitura di auto elettriche e noleggio delle relative batterie Fornitura di auto elettriche e noleggio delle relative batterie Dialogo tecnico 14 Gennaio 2014 Oggetto della gara Nel novembre scorso, Intercent- ER ha bandito una gara avente ad oggetto: Fornitura in

Dettagli

CONVEGNO GESTIONE E BONIFICA DELL AMIANTO 20 OTTOBRE 2004 CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE BOLOGNA IL PIANO REGIONALE AMIANTO

CONVEGNO GESTIONE E BONIFICA DELL AMIANTO 20 OTTOBRE 2004 CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE BOLOGNA IL PIANO REGIONALE AMIANTO CONVEGNO GESTIONE E BONIFICA DELL AMIANTO 20 OTTOBRE 2004 CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE BOLOGNA IL PIANO REGIONALE AMIANTO Dr.ssa Marinella Natali Dr.ssa Mariella Riefolo Assessorato Sanità REGIONE

Dettagli

Introduzione Messaggio chiave... p. 494 Sintesi...» 494 Quadro generale...» 496. Indicatori Pressioni...» 497 Risposte...» 507

Introduzione Messaggio chiave... p. 494 Sintesi...» 494 Quadro generale...» 496. Indicatori Pressioni...» 497 Risposte...» 507 Rifiuti capitolo 5 INDICE Introduzione Messaggio chiave.................................. p. 494 Sintesi..........................................» 494 Quadro generale..................................»

Dettagli

Il destino dei RIFIUTI

Il destino dei RIFIUTI Comune di Padova Settore Ambiente Il destino dei RIFIUTI Osservatorio Ambientale sull inceneritore DEFINIZIONI RIFIUTO: Qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia

Dettagli

Progetto per la definizione di linee guida per l utilizzo dell ICD-10 nell ambito dei servizi per le dipendenze

Progetto per la definizione di linee guida per l utilizzo dell ICD-10 nell ambito dei servizi per le dipendenze Servizio Salute Mentale, Dipendenze Patologiche, Salute nelle Carceri Area Dipendenze Servizio Sistema Informativo Sanità e Politiche Sociali Progetto per la definizione di linee guida per l utilizzo dell

Dettagli

La gestione integrata dei rifiuti di imballaggio: una opportunità per i comuni di risparmio e miglioramento dell ambiente

La gestione integrata dei rifiuti di imballaggio: una opportunità per i comuni di risparmio e miglioramento dell ambiente La gestione integrata dei rifiuti di imballaggio: una opportunità per i comuni di risparmio e miglioramento dell ambiente Eugenio Bora Milano, 15 febbraio 2006 Rifiuti e legislazione I rifiuti sono un

Dettagli

Rifiuti. Arpa Emilia-Romagna - Annuario regionale dei dati ambientali 2009

Rifiuti. Arpa Emilia-Romagna - Annuario regionale dei dati ambientali 2009 443 Cap 5 - Rifiuti Autori: Barbara VILLANI ( 1 ), Cecilia CAVAZZUTI ( 1 ), Maria Concetta PERONACE ( 1 ), Rosalia COSTANTINO ( 1 ), Elisa BONAZZI ( 1 ), Paolo GIRONI ( 1 ) ( 1 ) ARPA DIREZIONE TECNICA

Dettagli

LE STRATEGIE PER LA RIDUZIONE DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI: L ESPERIENZA DELL AUSL DI FE

LE STRATEGIE PER LA RIDUZIONE DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI: L ESPERIENZA DELL AUSL DI FE LE STRATEGIE PER LA RIDUZIONE DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI: L ESPERIENZA DELL AUSL DI FE Comacchio, 27 Novembre 2014 Dott. Antonio Di Giorgio Responsabile Sistema Gestione Ambientale Cosa è cambiato in

Dettagli

L Accordo Quadro Anci-Conai e la valorizzazione dei rifiuti di imballaggio

L Accordo Quadro Anci-Conai e la valorizzazione dei rifiuti di imballaggio Levanto, 9 luglio 2015 L Accordo Quadro Anci-Conai e la valorizzazione dei rifiuti di imballaggio Pierluigi Gorani Area Rapporti con il Territorio Gli imballaggi Una parte del problema 2 La crescita del

Dettagli

Le convenzioni verdi disponibili in Emilia Romagna. Bologna, 30 Aprile 2015. Ortensina Guidi Intercent-ER

Le convenzioni verdi disponibili in Emilia Romagna. Bologna, 30 Aprile 2015. Ortensina Guidi Intercent-ER Le convenzioni verdi disponibili in Emilia Romagna Bologna, 30 Aprile 2015 Ortensina Guidi Intercent-ER 1 Intercent-ER: ruolo e obiettivi L Agenzia Intercent-ER è la centrale di committenza delle Pubbliche

Dettagli

I RIFIUTI OSPEDALIERI

I RIFIUTI OSPEDALIERI I RIFIUTI OSPEDALIERI I RIFIUTI E L OSPEDALE L'ospedale, così come ogni altra realtà aziendale produttiva, dà origine ad una notevole quantità di rifiuti. Il problema relativo al loro smaltimento è piuttosto

Dettagli

PRODUZIONE, SMALTIMENTO E RICICLAGGIO DEI RIFIUTI EDILI: UNA SFIDA PER L AMBIENTE, UNA OPPORTUNITA PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA

PRODUZIONE, SMALTIMENTO E RICICLAGGIO DEI RIFIUTI EDILI: UNA SFIDA PER L AMBIENTE, UNA OPPORTUNITA PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA Bologna, 23 aprile 2015 PRODUZIONE, SMALTIMENTO E RICICLAGGIO DEI RIFIUTI EDILI: UNA SFIDA PER L AMBIENTE, UNA OPPORTUNITA PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA Il progetto per la valorizzazione dei rifiuti inerti

Dettagli

Elena Saccenti Curriculum vitae. Dati personali. telefono ufficio 0521 393506 fax ufficio 0521 393509. esaccenti@ausl.pr.it

Elena Saccenti Curriculum vitae. Dati personali. telefono ufficio 0521 393506 fax ufficio 0521 393509. esaccenti@ausl.pr.it Elena Saccenti Curriculum vitae Dati personali telefono ufficio 0521 393506 fax ufficio 0521 393509 esaccenti@ausl.pr.it Percorso di studio e formativo Laurea in Giurisprudenza presso l Università degli

Dettagli

Acquisti verdi e Contabilità ambientale

Acquisti verdi e Contabilità ambientale e progettare insieme il nostro futuro Un progetto comune per migliorare il nostro ambiente Agenda 21 Locale Acquisti verdi e Contabilità ambientale Sabato 27 maggio 2006 Lodi Simona Malattia Assessore

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CONFSERVIZI ER: AVANTI TUTTA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO RAEE

COMUNICATO STAMPA CONFSERVIZI ER: AVANTI TUTTA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO RAEE Rimini, 27/10/05 Agli organi di informazione COMUNICATO STAMPA CONFSERVIZI ER: AVANTI TUTTA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO RAEE Dopo la prima presentazione in aprile, sono proseguiti in questi mesi

Dettagli

espressione pareri / relazioni tecniche vigilanza processi primari analisi e monitoraggio Quale ruolo nel contesto degli strumenti volontari?

espressione pareri / relazioni tecniche vigilanza processi primari analisi e monitoraggio Quale ruolo nel contesto degli strumenti volontari? Agenzia per l Ambientel espressione pareri / relazioni tecniche processi primari vigilanza analisi e monitoraggio Quale ruolo nel contesto degli strumenti volontari? Cosa dice la L.R. 44/95 s.m.i.?.? L'ARPA.in

Dettagli

L esperienza e la competenza di Hera al servizio delle aziende

L esperienza e la competenza di Hera al servizio delle aziende SERVIZI commerciali AMBIENTE L esperienza e la competenza di Hera al servizio delle aziende SERVIZI COMMERCIALI AMBIENTE 1 Hera: leader NEI SERVIZI AMBIENTALI Sono 3,3 milioni i cittadini e oltre 250.000

Dettagli

232, Via Antonio Gramsci - 40010 Sala Bolognese (Bo) Telefono Cellulare 346 3870980; telefono casa 0516814348 pao.fanin50@gmail.

232, Via Antonio Gramsci - 40010 Sala Bolognese (Bo) Telefono Cellulare 346 3870980; telefono casa 0516814348 pao.fanin50@gmail. F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E Informazioni personali Nome e Cognome Indirizzo 232, Via Antonio Gramsci - 40010 Sala Bolognese (Bo) Telefono Cellulare 346 3870980;

Dettagli

Osserviamo il presente, guardando al futuro

Osserviamo il presente, guardando al futuro Laboratori Hera Osserviamo il presente, guardando al futuro Hera Laboratori 2 company profile Un sistema di controlli per aziende ed enti pubblici Il sistema laboratori del Gruppo Hera rappresenta una

Dettagli

Il ruolo e gli aspetti operativi di Atersir

Il ruolo e gli aspetti operativi di Atersir Il ruolo e gli aspetti operativi di Atersir Vito Belladonna Direttore Atersir Indice dei temi 1. Dimensione dei servizi regolati, principali attività svolte, principali criticità, conformità delle gestioni,

Dettagli

Pulizia dei locali, igiene ambientale e corretto confezionamento e smaltimento dei rifiuti speciali prodotti in occasione delle donazioni

Pulizia dei locali, igiene ambientale e corretto confezionamento e smaltimento dei rifiuti speciali prodotti in occasione delle donazioni Pulizia dei locali, igiene ambientale e corretto confezionamento e smaltimento dei rifiuti speciali prodotti in occasione delle donazioni Bologna 21 Marzo 2014 Dott.ssa Manuela Billi Referente Igiene Ospedaliera,

Dettagli

Comuni ricicloni Emilia- Romagna Carpi, 13 dicembre 2012

Comuni ricicloni Emilia- Romagna Carpi, 13 dicembre 2012 La prospettiva dei servizi pubblici ambientali in Emilia- Romagna Vito Belladonna Atersir Comuni ricicloni Emilia- Romagna Carpi, 13 dicembre 2012 R.E.R Osservatorio regionale dei servizi pubblici. AEEG

Dettagli

I Progetti di Responsabilità Sociale d Impresa della Provincia di Modena

I Progetti di Responsabilità Sociale d Impresa della Provincia di Modena Milano, 24 settembre 2008 I Progetti di Responsabilità Sociale d Impresa della Provincia di Modena Anna Bernardi, U.O. Industria, Artigianato e Servizi Elisa Rossi, U.O. Sviluppo Sostenibile e Agenda 21

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Giorgio Martelli. 11 novembre 2009

CURRICULUM VITAE. Giorgio Martelli. 11 novembre 2009 CURRICULUM VITAE DI Giorgio Martelli 11 novembre 2009 2 Cognome e Nome Martelli Giorgio Luogo e data di nascita Medicina (BO) 03.04.1959 Professione Recapito Residenza Medico Direzione Sanitaria Azienda

Dettagli

Ruolo della Sanità Pubblica Veterinaria nelle emergenze non epidemiche

Ruolo della Sanità Pubblica Veterinaria nelle emergenze non epidemiche Direzione Generale Sanità e Politiche Sociali della Regione Emilia Romagna Ruolo della Sanità Pubblica Veterinaria nelle emergenze non epidemiche Bologna 8 maggio 2012 Giuseppe Diegoli Servizio Veterinario

Dettagli

Vito Cannariato, Manuela Ratta Regione Emilia-Romagna

Vito Cannariato, Manuela Ratta Regione Emilia-Romagna gna 3 n Center Bolog Dicembre 2013 Urban 11 D Il modello Prisca e il territorio: opportunità, criticità, sviluppi Vito Cannariato, Manuela Ratta Regione Emilia-Romagna Servizio Rifiuti e Bonifica Siti

Dettagli

Il nuovo Pacchetto di Direttive sull economia circolare

Il nuovo Pacchetto di Direttive sull economia circolare Il nuovo Pacchetto di Direttive sull economia circolare Edo Ronchi Fondazione per lo sviluppo sostenibile Sponsor Le modifiche alle Direttive sui rifiuti del pacchetto sull economia circolare La Direttiva

Dettagli

Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente

Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente AREA TEMATICA: Gestione e certificazione ambientale di sistema

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI. L ESEMPIO DEL COMUNE DI FIDENZA NELLA PROVINCIA DI PARMA.

LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI. L ESEMPIO DEL COMUNE DI FIDENZA NELLA PROVINCIA DI PARMA. LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI. L ESEMPIO DEL COMUNE DI FIDENZA NELLA PROVINCIA DI PARMA. LA SITUAZIONE IN PROVINCIA DI PARMA L autosufficienza nello smaltimento della quota residua di rifiuti

Dettagli

Direzione Generale Sanità

Direzione Generale Sanità SICUREZZA DEL PAZIENTE E ACCREDITAMENTO IN ITALIA IL PERCORSO DI REGIONE LOMBARDIA Enrico Burato AO Carlo Poma di Mantova Gruppo di lavoro regionale per la programmazione delle attività di risk management

Dettagli

I rifiuti solidi: introduzione

I rifiuti solidi: introduzione I rifiuti solidi: introduzione Definizione sostanze od oggetti (rientranti in un definito elenco a norma di legge) di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia l obbligo di disfarsi Strategie di

Dettagli

SOMMARIO. La gestione dei rifiuti sanitari. Dedica. Ringraziamenti. Prefazione

SOMMARIO. La gestione dei rifiuti sanitari. Dedica. Ringraziamenti. Prefazione SOMMARIO La gestione dei rifiuti sanitari Dedica Ringraziamenti Prefazione Capitolo 1 - Inquadramento normativo 1.1 LA NORMATIVA SULL AMBIENTE E SUI RIFIUTI 1.2 LA NORMATIVA SPECIALE SUI RIFIUTI SANITARI

Dettagli

I materiali riciclati driver dell edilizia sostenibile

I materiali riciclati driver dell edilizia sostenibile I materiali riciclati driver dell edilizia sostenibile Alessandra Bonoli DICAM, Dipartimento di Ingegneria Civile, Chimica, Ambientale e Materiali, Università degli Studi di Bologna Per contrastare il

Dettagli

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI

CHI L I HA. lo CHIAMAVANO EDIZIONE. Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI FREQUENTAVA VETRI ROTTI 3 EDIZIONE dati 2012 CHI L I HA Ciò che differenzi oggi, avrà una nuova vita domani INDAGINE SUL RECUPERO DEI RIFIUTI NASCONDE UN IDENTITÀ PLASTICA FREQUENTAVA VETRI ROTTI si spacciava per una lattina

Dettagli

Sostenibilità ambientale e comportamenti virtuosi nella gestione dei rifiuti. Il caso Poste Italiane.

Sostenibilità ambientale e comportamenti virtuosi nella gestione dei rifiuti. Il caso Poste Italiane. Sostenibilità ambientale e comportamenti virtuosi nella gestione dei rifiuti. Il caso Poste Italiane. Amedeo Urbano De Marco, Responsabile di Commessa, CNS Consorzio Nazionale Servizi Poste Italiane: un

Dettagli

LE POLITICHE DI TUTELA DELLA SALUTE NELLA REGIONE LOMBARDIA. Antonio G. Mobilia Direttore Generale ASL Città di Milano

LE POLITICHE DI TUTELA DELLA SALUTE NELLA REGIONE LOMBARDIA. Antonio G. Mobilia Direttore Generale ASL Città di Milano LE POLITICHE DI TUTELA DELLA SALUTE NELLA REGIONE LOMBARDIA Antonio G. Mobilia Direttore Generale ASL Città di Milano LA SITUAZIONE ITALIANA ASL con gestione diretta degli Ospedali ASL senza alcun ospedale

Dettagli

Servizi Ambientali per Banche ed Imprese. Forum Green Economy 2014. Raccolta, Riutilizzo e Recupero dei rifiuti.

Servizi Ambientali per Banche ed Imprese. Forum Green Economy 2014. Raccolta, Riutilizzo e Recupero dei rifiuti. Servizi Ambientali per Banche ed Imprese Raccolta, Riutilizzo e Recupero dei rifiuti. Forum Green Economy 2014 Roma 4/5 giugno 2014 relatore: Moreno Lolli coordinamento: Elena Mazzoni Un po di storia 1997

Dettagli

ECO ERIDANIA S.P.A. VIA PIAN MASINO 103/105, 16011 ARENZANO (GE) TEL. 010/9131056 FAX 010/9132841 WWW.ECOERIDANIA.ITt

ECO ERIDANIA S.P.A. VIA PIAN MASINO 103/105, 16011 ARENZANO (GE) TEL. 010/9131056 FAX 010/9132841 WWW.ECOERIDANIA.ITt t PRESENTAZIONE DELLA SOCIETÀ ECO ERIDANIA nasce nel 1988 come società di servizi e consulenza nel settore ambientale. Nel 1991 inizia, dopo aver ottenuto le autorizzazioni regionali e provinciali necessarie,

Dettagli

PC DESKTOP 13 - Criteri di sostenibilità

PC DESKTOP 13 - Criteri di sostenibilità C DESKTO 13 - Criteri di sostenibilità 1. Oggetto dell iniziativa Fornitura in acquisto di C Desktop Compatti e C Desktop Fascia alta, delle componenti opzionali e dei servizi connessi. Tra i dispositivi

Dettagli

PROTOCOLLO D' INTESA PER L ATTUAZIONE DELL ASSE 6 CITTA AT- TRATTIVE E PARTECIPATE DEL POR FESR EMILIA ROMAGNA 2014-2020

PROTOCOLLO D' INTESA PER L ATTUAZIONE DELL ASSE 6 CITTA AT- TRATTIVE E PARTECIPATE DEL POR FESR EMILIA ROMAGNA 2014-2020 Allegato parte integrante - 2 Allegato B) PROTOCOLLO D' INTESA PER L ATTUAZIONE DELL ASSE 6 CITTA AT- TRATTIVE E PARTECIPATE DEL POR FESR EMILIA ROMAGNA 2014-2020 TRA Regione Emilia Romagna, in persona

Dettagli

All 2 PG scheda prezzi unitari 140111

All 2 PG scheda prezzi unitari 140111 SEGUE ALLEGATO N.2 ALLE PRESCRIZIONI DI GARA SCHEDA PREZZI ANNUALI SERVIZI IN APPALTO Servizi base Totale Cernobbio Maslianico Brienno Carate-Urio Laglio Moltrasio Servizio raccolta e trasporto all impianto

Dettagli

Comune di Vinchio. Provincia di Asti - Italia. www.comune.vinchio.at.it

Comune di Vinchio. Provincia di Asti - Italia. www.comune.vinchio.at.it Comune di Vinchio Provincia di Asti - Italia www.comune.vinchio.at.it La certificazione ambientale come opportunità di sviluppo: l esempio del Comune di Vinchio Vinchio, 1 dicembre 07 - Andrea Laiolo,

Dettagli

OBIETTIVI DI RICICLAGGIO 2020: LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DI CARTA E CARTONE IN CAMPANIA, CALABRIA, PUGLIA E SICILIA

OBIETTIVI DI RICICLAGGIO 2020: LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DI CARTA E CARTONE IN CAMPANIA, CALABRIA, PUGLIA E SICILIA OBIETTIVI DI RICICLAGGIO 2020: LA RACCOLTA DIFFERENZIATA DI CARTA E CARTONE IN CAMPANIA, CALABRIA, PUGLIA E SICILIA Edo Ronchi Presidente Fondazione per lo sviluppo sostenibile Obiettivi dello studio Individuare

Dettagli

Il Piano di Azione sul GPP della Provincia di Modena

Il Piano di Azione sul GPP della Provincia di Modena Acquisti verdi tra consapevolezza dei consumi, sostegno alle produzioni e corretta informazione Ravenna 30/9/2011 Il Piano di Azione sul GPP della Provincia di Modena Dott. Zacchi Giovanna Ufficio Sviluppo

Dettagli

L integrazione degli strumenti per la sostenibilità. Monica Bertuccioli U.O.A. Sviluppo Sostenibile Provincia di Rimini

L integrazione degli strumenti per la sostenibilità. Monica Bertuccioli U.O.A. Sviluppo Sostenibile Provincia di Rimini L integrazione degli strumenti per la sostenibilità Monica Bertuccioli U.O.A. Sviluppo Sostenibile Provincia di Rimini Sviluppo Sostenibile sviluppo che offre servizi ambientali, sociali ed economici di

Dettagli

RIFIUTI OBIETTIVI INDICATORI. Analizzare l andamento della produzione di rifiuti e verificarne il disaccoppiamento con la crescita economica

RIFIUTI OBIETTIVI INDICATORI. Analizzare l andamento della produzione di rifiuti e verificarne il disaccoppiamento con la crescita economica OBIETTIVI Analizzare l andamento della produzione di rifiuti e verificarne il disaccoppiamento con la crescita economica Fornire un indicazione sull efficacia delle politiche di gestione dei rifiuti Misurare

Dettagli

Sistemi di caricamento

Sistemi di caricamento Il sistema informativo regionale sui rifiuti: aggiornamenti 2012 Modulo Comuni Dott. Paolo Gironi Sistemi di caricamento AUTOMATICO: da fogli excel (usare quelli vuoti che vi saranno inviati e non quelli

Dettagli

ESPERIENZE DI MOBILITA ELETTRICA Letizia Rigato

ESPERIENZE DI MOBILITA ELETTRICA Letizia Rigato ESPERIENZE DI MOBILITA ELETTRICA Letizia Rigato Convegno Mobilità Elettrica: Opportunità di riscossa per le città del futuro 24 maggio 2013 ore 10.00 Sala Paladin Palazzo Moroni - Padova I freni allo sviluppo

Dettagli

Romagna. A cura di. Giulio De Leo e Elisa Soana. Dipartimento di Scienze Ambientali. Università degli Studi di Parma

Romagna. A cura di. Giulio De Leo e Elisa Soana. Dipartimento di Scienze Ambientali. Università degli Studi di Parma Valutazione della produzione di Rifiuti Solidi Urbani (RSU) e assimilabili nel periodo 2008-2020 e confronto coi limiti autorizzativi di incenerimento/termovalorizzazione in Emilia- Romagna A cura di Giulio

Dettagli

RACCOLTE DIFFERENZIATE ED ANALISI MERCEOLOGICHE PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI RSU

RACCOLTE DIFFERENZIATE ED ANALISI MERCEOLOGICHE PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI RSU RACCOLTE DIFFERENZIATE ED ANALISI MERCEOLOGICHE PER LA CARATTERIZZAZIONE DEI RSU DEFINIZIONE DI RIFIUTO D.Lgs.. 152/2006 (Testo Unico) Parte quarta, Norme in materia di gestione dei rifiuti e di bonifica

Dettagli

Progetto MO.S.T. - MObilità Sostenibile a Tirana -

Progetto MO.S.T. - MObilità Sostenibile a Tirana - Progetto MO.S.T. - MObilità Sostenibile a Tirana - SICUREZZA STRADALE Politiche ed esperienze europee a confronto Bari, 11 luglio 2008 www.progettomost.org SINTESI DEL PROGETTO MO.S.T. www.progettomost.org

Dettagli

Essere il fornitore di riferimento per soluzioni di comunicazione dati e VoIP nei mercati SOHO/SMB (Small Office Home Office Small Medium Business).

Essere il fornitore di riferimento per soluzioni di comunicazione dati e VoIP nei mercati SOHO/SMB (Small Office Home Office Small Medium Business). 1/8 1. PRESENTAZIONE A TLC S.r.l. sviluppa, produce e commercializza apparati per le telecomunicazioni, tra cui: terminazioni di rete ISDN; dispositivi di accesso alle reti xdsl; strumenti di misura per

Dettagli

HERA E L INNOVAZIONE: idee e progetti collegati ai servizi ambientali

HERA E L INNOVAZIONE: idee e progetti collegati ai servizi ambientali HERA E L INNOVAZIONE: idee e progetti collegati ai servizi ambientali Ing. Paolo Paoli Direzione Servizi Ambientali Hera Spa 2 1) Competitività e proprietà intellettuale Obiettivi dei progetti di innovazione

Dettagli

INDUSTRIA E SERVIZI NELLA PROVINCIA DI FERRARA

INDUSTRIA E SERVIZI NELLA PROVINCIA DI FERRARA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA CENTRO PER LA MODELLISTICA, IL CALCOLO E LA STATISTICA INDUSTRIA E SERVIZI NELLA PROVINCIA DI FERRARA Analisi statistica su consistenza e variazione degli addetti all

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 18 dicembre 2014, n. 2719

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 18 dicembre 2014, n. 2719 2841 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 18 dicembre 2014, n. 2719 Piano per la promozione e l uso razionale dell energia ai fini del contenimento di costi ed emissioni nocive degli impianti e dei mezzi

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA Agenzia Territoriale dell'emilia Romagna per i Servizi Idrici e Rifiuti - ATERSIR Elenco incarichi conferiti a consulenti e collaboratori esterni, anno 2013 o Studio legale Mastragostino Rappresentanza

Dettagli

I rifiuti speciali 47

I rifiuti speciali 47 47 Il quadro conoscitivo relativo alla produzione e alle modalità di gestione dei rifiuti speciali nel 26, si basa sulle dichiarazioni MUD (Modello Unico di Dichiarazione ambientale), presentate nell anno

Dettagli

Il Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n.152 Norme in materia ambientale e s.m.i., come modificato e integrato dal D.Lgs. 16 gennaio 2008, n.

Il Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n.152 Norme in materia ambientale e s.m.i., come modificato e integrato dal D.Lgs. 16 gennaio 2008, n. Il Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n.152 Norme in materia ambientale e s.m.i., come modificato e integrato dal D.Lgs. 16 gennaio 2008, n. 4 recante Ulteriori disposizioni correttive ed integrative del

Dettagli

ABBONAMENTI A PERIODICI, BANCHE DATI E SERVIZI CONNESSI PER LE BIBLIOTECHE DELLE AMMINISTRAZIONI E AZIENDE SANITARIE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

ABBONAMENTI A PERIODICI, BANCHE DATI E SERVIZI CONNESSI PER LE BIBLIOTECHE DELLE AMMINISTRAZIONI E AZIENDE SANITARIE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA ABBONAMENTI A PERIODICI, BANCHE DATI E SERVIZI CONNESSI PER LE BIBLIOTECHE DELLE AMMINISTRAZIONI E AZIENDE SANITARIE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA GUIDA ALLA CONVENZIONE Premessa La presente Guida contiene

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DEL PREMIO La Sardegna verso la green economy

AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DEL PREMIO La Sardegna verso la green economy ASSESSORATO DELLA DIFESA DELL AMBIENTE Direzione Generale dell Ambiente Servizio della Sostenibilità Ambientale, Valutazione Impatti e Sistemi Informativi (SAVI) AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DEL

Dettagli

Il programma regionale per le gravi disabilità acquisite: l assistenza nella fase degli esiti

Il programma regionale per le gravi disabilità acquisite: l assistenza nella fase degli esiti Il programma regionale per le gravi disabilità acquisite: l assistenza nella fase degli esiti Raffaele Fabrizio Luigi Mazza SERVIZIO INTEGRAZIONE SOCIO- SANITARIA E POLITICHE PER LA NON AUTOSUFFICIENZA

Dettagli

I sistemi sanitari nel contesto Europeo

I sistemi sanitari nel contesto Europeo I sistemi sanitari nel contesto Europeo Le caratteristiche finanziarie e organizzative della assistenza sanitaria sono molto variegate. In breve cercheremo di schematizzare alcuni aspetti dei sistemi sanitari,

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail Nazionalità GUARESCHI, FRANCA Data di nascita ESPERIENZA LAVORATIVA Date (da

Dettagli

L assistenza agli immigrati irregolari ed ai cittadini europei non iscritti

L assistenza agli immigrati irregolari ed ai cittadini europei non iscritti L assistenza agli immigrati irregolari ed ai cittadini europei non iscritti Antonio Brambilla Reggio Emilia, 25 ottobre 2011 cosa prevede la norma nazionale per gli STP L assistenza sanitaria a favore

Dettagli

Computo metrico estimativo

Computo metrico estimativo Gestione integrata dei rifiuti urbani nei Comuni di Boffalora d Adda, Crespiatica, Corte Palasio e Abbadia Cerreto (Unione di Comuni Lombarda Oltre Adda Lodigiano) Computo metrico estimativo Analisi delle

Dettagli

Per elaborare le appropriate offerte le Ditte concorrenti si dovranno avvalere dei dati indicati nel presente Capitolato.

Per elaborare le appropriate offerte le Ditte concorrenti si dovranno avvalere dei dati indicati nel presente Capitolato. CAPITOLATO TECNICO PER L APPALTO DEL SERVIZIO QUADRIENNALE DI RACCOLTA, TRASPORTO E SMALTIMENTO, SECONDO LA NORMATIVA VIGENTE, DEI RIFIUTI e dei SOTTOPRODOTTI DI ORIGINE ANIMALE (S.O.A.) DERIVANTI DA ATTIVITA

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE (RICICLERIA)

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE (RICICLERIA) Versione 1.0 18/10/2011 REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE (RICICLERIA) (DOCUMENTO IN VIA DI APPROVAZIONE) Art. 1 OGGETTO Il presente regolamento, adottato ai sensi del D.lgs. 3 aprile

Dettagli

ERCB. La rete e l accreditamento dei Centri Nascita. Cristiana Vaselli

ERCB. La rete e l accreditamento dei Centri Nascita. Cristiana Vaselli ERCB La rete e l accreditamento dei Centri Nascita Cristiana Vaselli Punti Nascita: 29 Ostetricie pubbliche E-R S.Orsola-Malpighi BO O.BorgoValdiTaro(PR) Osp. Guastalla (RE) Osp. Maggiore BO Osp. Ravenna

Dettagli

Sistema Informativo. Acque destinate al consumo umano Emilia-Romagna

Sistema Informativo. Acque destinate al consumo umano Emilia-Romagna Sistema Informativo Acque destinate al consumo umano Emilia-Romagna IL PROGETTO DEFINIZIONE DI UN SISTEMA INFORMATIVO INTEGRATO, A SCALA REGIONALE, FINALIZZATO ALLA TUTELA DELLE RISORSE IDROPOTABILI Gli

Dettagli

Il recupero della frazione organica della raccolta differenziata. I numeri del sistema. Valeria Frittelloni Andrea M. Lanz

Il recupero della frazione organica della raccolta differenziata. I numeri del sistema. Valeria Frittelloni Andrea M. Lanz Il recupero della frazione organica della raccolta differenziata. I numeri del sistema Valeria Frittelloni Andrea M. Lanz Comunicazioni della Commissione Europea Comunicazione della Commissione al Consiglio

Dettagli

Comune di TARANTO. Risorse - infrastruttuire - regolamenti. Modalità raccolta differenziata

Comune di TARANTO. Risorse - infrastruttuire - regolamenti. Modalità raccolta differenziata Programmi di comunicazione sulla raccolta differenziata Il comune gestisce attraverso Amiu SpA la realizzazione di programmi di comunicazione sulla R.D attraverso iniziative nelle scuole La campagna di

Dettagli

I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA

I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA MONITORAGGIO SULLA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI E SULLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DESTINATA AL RICICLAGGIO Per poter premiare le situazioni più virtuose nella gestione

Dettagli

Legionella in Ambienti Sanitari

Legionella in Ambienti Sanitari 4 edizione Rinnovata nei contenuti Conoscere le misure tecniche e impiantistiche per prevenire e controllare il rischio Legionella in Ambienti Sanitari 8 Crediti ECM ECM per Medici, Infermieri, Biologi

Dettagli

LA GESTIONE DEI RAEE E IL RITIRO UNO CONTRO UNO

LA GESTIONE DEI RAEE E IL RITIRO UNO CONTRO UNO LA GESTIONE DEI RAEE E IL RITIRO UNO CONTRO UNO I - Il sistema di ritiro uno contro uno : inquadramento giuridico e problematiche emergenti IL SISTEMA DI RITIRO UNO CONTRO UNO 1 GESTIONE DEI RAEE: perché

Dettagli

IL MERCATO DEI MUTUI IN EMILIA-ROMAGNA I trimestre 2015

IL MERCATO DEI MUTUI IN EMILIA-ROMAGNA I trimestre 2015 IL MERCATO DEI MUTUI IN EMILIA-ROMAGNA I trimestre 2015 L'Ufficio Studi del Gruppo Tecnocasa ha analizzato l'andamento dei finanziamenti nel primo trimestre 2015, finalizzati all'acquisto dell'abitazione,

Dettagli

RELAZIONE AL PIANO FINANZIARIO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI. Comune di PONTEBBA ANNO 2015

RELAZIONE AL PIANO FINANZIARIO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI. Comune di PONTEBBA ANNO 2015 RELAZIONE AL PIANO FINANZIARIO PER L'APPLICAZIONE DEL TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI Comune di PONTEBBA ANNO 2015 Redatto ai sensi dell art. 8 del DPR 27/04/99 n. 158 in applicazione dell art.

Dettagli

PROGETTI REGIONALI DI SCREENING ONCOLOGICI DI POPOLAZIONE ATTIVATI E IN CORSO. A) Prima parte: livello regionale

PROGETTI REGIONALI DI SCREENING ONCOLOGICI DI POPOLAZIONE ATTIVATI E IN CORSO. A) Prima parte: livello regionale PROGETTI REGIONALI DI SCREENING ONCOLOGICI DI POPOLAZIONE ATTIVATI E IN CORSO A) Prima parte: livello regionale 1) Attivazione dei programmi di screening La Regione Emilia-Romagna, con circolare n. 38

Dettagli

D.5 Energy Manager. Controllo Utilizzazione Energia. Energy Manager TEE. Regolamenti Edilizi ESCO. Mobility Manager

D.5 Energy Manager. Controllo Utilizzazione Energia. Energy Manager TEE. Regolamenti Edilizi ESCO. Mobility Manager Controllo Utilizzazione Energia TEE Consumi Energetici Energy Manager Regolamenti Edilizi 31% 3% 31% agricoltura ESCO industria trasporti usi civili 35% Mobility Manager 1 Mobility Manager Il Mobility

Dettagli

Rapporti tecnici della Task Force D.Lgs 626/94 1995 1997

Rapporti tecnici della Task Force D.Lgs 626/94 1995 1997 prevenzione nei luoghi di vita e di lavoro Rapporti tecnici della Task Force D.Lgs 626/94 1995 1997 Vol. III DOSSIER 39 Regione Emilia-Romagna CDS Aziende USL Città di Bologna e Ravenna prevenzione nei

Dettagli

Politiche energetiche e Comuni. Maurizio Mangialardi

Politiche energetiche e Comuni. Maurizio Mangialardi Politiche energetiche e Comuni Maurizio Mangialardi 1 L eccellenza del nostro territorio marchigiano è fatta di sapiente equilibrio tra la sua crescita, la necessaria innovazione, e la curadel suo prezioso

Dettagli

Documento scaricato da www.gestione-rifiuti.it

Documento scaricato da www.gestione-rifiuti.it Regione Lazio Legge Regionale n. 26 del 2 settembre 2003 Modifica alla legge regionale 9 luglio 1998, n. 27 (Disciplina regionale della gestione dei rifiuti) e successive modifiche Il Consiglio Regionale

Dettagli

GESTIONE RIFIUTI REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE STATO DELLE REVISIONI

GESTIONE RIFIUTI REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE STATO DELLE REVISIONI REDAZIONE, VERIFICA, APPROVAZIONE, AUTORIZZAZIONE, EMISSIONE Redazione Verifica Approvazione Autorizzazione Emissione Rosselli Federico Responsabile Qualità UdR Rosselli Federico Responsabile Qualità UdR

Dettagli

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007

REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 REGIONE UMBRIA LINEE DI INDIRIZZO PER LA GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO DELLE AZIENDE SANITARIE DGR 1345 DEL 27/07/2007 GESTIONE DEL RISCHIO CLINICO Il rischio clinico rappresenta l eventualità di subire

Dettagli

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 77753/07

Sistema di Gestione Ambientale P.G. N. 77753/07 Pag. 1/16 Indice 1 Scopo e campo di applicazione... 2 2 Riferimenti... 2 3 Definizioni... 2 4 Modalità operative... 3 4.1 Premessa... 3 4.2 Regole Generali per lo stoccaggio dei rifiuti... 6 4.3 Smaltimento

Dettagli

Parma verso Rifiuti Zero Il porta a porta e la tariffazione puntuale in una città di 190.000 abitanti

Parma verso Rifiuti Zero Il porta a porta e la tariffazione puntuale in una città di 190.000 abitanti Parma verso Rifiuti Zero Il porta a porta e la tariffazione puntuale in una città di 190.000 abitanti Gabriele Folli, Assessore Ambiente Comune di Parma Progetto Parma Raggiungere 80% entro 2016 Applicare

Dettagli

Provincia di Perugia Assessorato all Ambiente. Roberta Burzigotti. Dirigente di Staff Certificazione Ambientale Provincia verde

Provincia di Perugia Assessorato all Ambiente. Roberta Burzigotti. Dirigente di Staff Certificazione Ambientale Provincia verde Provincia di Perugia Assessorato all Ambiente Roberta Dirigente di Staff Certificazione Ambientale Provincia verde PROGETTO GREEN PUBLIC PROCUREMENT E CONSUMO RESPONSABILE DELLA PROVINCIA DI PERUGIA WORKSHOP

Dettagli

Andrea Cammelli. Tavolo Conoscenza, Educazione e Cultura Rapporto: Formazione Universitaria

Andrea Cammelli. Tavolo Conoscenza, Educazione e Cultura Rapporto: Formazione Universitaria Andrea Cammelli Tavolo Conoscenza, Educazione e Cultura Rapporto: Formazione Universitaria La formazione universitaria a Bologna Indice del Rapporto finale Questioni rilevanti Offerta formativa universitaria

Dettagli

Parma verso Rifiuti Zero Il porta a porta e la tariffazione puntuale in una città di 190.000 abitanti

Parma verso Rifiuti Zero Il porta a porta e la tariffazione puntuale in una città di 190.000 abitanti Parma verso Rifiuti Zero Il porta a porta e la tariffazione puntuale in una città di 190.000 abitanti Gabriele Folli, Assessore Ambiente Comune di Parma Progetto Parma Raggiungere 80% entro 2016 Applicare

Dettagli