CASE-HISTORY REGIONE EMILIA-ROMAGNA, LA GESTIONE DEI RIFIUTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CASE-HISTORY REGIONE EMILIA-ROMAGNA, LA GESTIONE DEI RIFIUTI"

Transcript

1 CASE-HISTORY REGIONE EMILIA-ROMAGNA, LA GESTIONE DEI RIFIUTI Regione Emilia-Romagna Servizio Sanità Pubblica AUSL Cesena Direzione Medica di Presidio Davide Sgarzi Annalisa Venturi Casadei Rimini, 29 ottobre 2009

2 I NUMERI DEL SSR (2007) Modena Bologna Ferrara Parma Reggio Emilia Ist. Rizzoli Popolazione: Personale dipendente: Posti letto pubblici: Giornate di degenza: IRST

3 LA RER PER LO SVILUPPO SOSTENIBILE!! Piano di azione ambientale: Per un futuro sostenibile della Regione Emilia-Romagna "! Riduzione e gestione dei rifiuti "! Biodiversità (aree protette, clima, energia)!! Programma Il Sistema Sanitario Regionale per lo sviluppo sostenibile

4 STRUMENTI DI SOSTENIBILITÀ Azioni di sistema: AMBIENTALE DEL SSR!! Inserimento di criteri di rispetto ambientale nelle gare di acquisto da parte delle aziende sanitarie (energia, rifiuti)!! Svolgimento di campagne di informazione e sensibilizzazione (nel 2009, 13 corsi in 5 Az. San.)!! Pubblicazione di linee di indirizzo (rifiuti, scarichi)!! Formazione dei referenti aziendali (mobilità, GPP)

5 IL PROGRAMMA REGIONALE

6 OBIETTIVI PER LE AZIENDE!! Debito informativo!! Rendicontazione nel bilancio di missione dell impegno per la gestione ambientale e l uso dell energia!! Gruppo energia: "! Gara regionale "! Campagna per l uso razionale dell energia; "! Monitoraggio dell uso di energia elettrica e termica "! Preferenza per fonti rinnovabili, cogenerazione o tecnologie innovative "! Applicazione del PER (DGR 1730/2007)!! Gruppo gestione ambientale: "! Miglioramento della gestione ambientale, in particolare della produzione di rifiuti pericolosi "! Nomina del Mobility Manager e Piano della Mobilità Aziendale (PMA)

7 GRUPPO ENERGIA!! Gara regionale per la fornitura di energia elettrica!! Definizione di indicatori parametrici per il consumo energetico nelle strutture sanitarie!! Costruzione del sistema informativo del gruppo regionale energia!! Sensibilizzazione al risparmio energetico!! Formazione degli Energy manager

8 GRUPPO GESTIONE AMBIENTALE!! Rifiuti sanitari "! Diffusione linee guida "! Monitoraggio gara regionale!! Mobilità sostenibile "! Redazione e aggiornamento piani mobilità "! Formazione dei Mobility manager!! Acquisti verdi (GPP) "! Formazione dei referenti aziendali

9 RIFIUTI SANITARI: PERCORSO 2002: Costituzione gruppo regionale Rifiuti sanitari 2003: Pubblicazione Linee guida 2006: Recepimento Linee guida (DGR 1360/2006) 2007: Verifica del grado di applicazione 2008: "! Aggiornamento Linee guida "! Gara regionale (8 Aziende su 18) 2009: Recepimento Linee guida (DGR 1155/2009)

10 I CONVEGNI!! Comacchio, 23/10/2009:!! Scarichi idrici!! Rifiuti assimilati!! Rifiuti radioattivi!! Bologna, 19/11/2009:!! Rifiuti infettivi!! Capitolati d appalto!! Rifiuti da servizi appaltati

11 RIFIUTI SANITARI: TENDENZE!! Crescente ricorso a materiali monouso!! Innalzamento standard di qualità alberghiera!! Riduzione dei tempi di ricovero! aumento dell intensità delle prestazioni!! Creazione di hub! concentrazione della produzione aumento della produzione di rifiuti per giornata di degenza

12 RIFIUTI SANITARI: RISULTATI Kg PRI/GGDD

13 RIFIUTI SANITARI: RISULTATI IFA + CONT IFA CONTENITORI AUSL Cesena AUSL Ravenna AUSL Ferrara AUSL Bologna AUSL Reggio AO Ferrara AO Modena

14 GARA RIFIUTI SANITARI:!! Contenitori riutilizzabili!! Uso di materiali riciclati CRITERI AMBIENTALI!! Automezzi a ridotto inquinamento!! Recupero di materia anziché smaltimento!! Prodotti a basso impatto ambientale!! Alcuni rifiuti gestiti gratuitamente (vetro, carta, plastica, legno, metallo, toner, lastre, rif. biodegradabili)

15 GARA RIFIUTI SANITARI: BILANCIO!! Aspettative soddisfatte: #! Contenitori e materiali riciclati #! Certificazioni ambientali di prodotto e di processo #! Iniziative per la prevenzione della produzione (in parte)!! Criticità: #! Automezzi diesel Euro 3 #! Alcuni rifiuti anche pericolosi smaltiti in discarica #! Gestione dei rifiuti idonei alla RD #! Mancanza di analisi scientifica degli impatti ambientali

16 PREDISPOSIZIONE DELLE NUOVE LINEE GUIDA!! Raccolta delle segnalazioni dalle Aziende! definizione degli argomenti da approfondire!! Elaborazione delle risposte alla verifica del grado di applicazione della DGR 1360/2006! definizione degli obiettivi

17 CRITICITÀ SEGNALATE!! Posizioni diverse degli organi di controllo!! Aggiornamento normativo e tecnologico!! Normative di settori diversi discordanti (es. ADR e rifiuti, classificazione)!! Disinfezione scarichi idrici!! Rifiuti sanitari contaminati da radiofarmaci!! Assimilati e rapporti con az. multiservizi!! Nuovi temi da sviluppare (es. rifiuti da appalti, RAEE)

18 TEMI DA SVILUPPARE!! Analisi delle responsabilità!! Analisi dei rischi sanitari! riclassificazione infettivi!! Gestione degli scarichi idrici!! Trasporto di rifiuti pericolosi e normativa ADR!! Rifiuti prodotti all esterno delle strutture!! Classificazione dei rifiuti a rischio chimico!! Gestione dei rifiuti assimilati agli urbani e RD!! Rifiuti prodotti da servizi in gestione appaltata!! Rifiuti radioattivi!! Standard minimi per IFA operatori!! Altri rifiuti disciplinati da norme specifiche (es. PAR, farmaci, documenti)

19 VERIFICA APPLICAZIONE DGR 1360/2006 Risposte pervenute Obiettivo 1: flusso dati per RER Obiettivo 2: referenti gestione ambientale Adeguamento bilancio di missione Gruppo aziendale rifiuti Procedure: completezza, attuazione, monitor. Monitoraggio quantità e costi IFA addetti Riesame

20 OBIETTIVI GENERALI!! Garantire il miglior risultato in termini di salute collettiva! qualità prestazione! qualità ambientale!! Sostenibilità ambientale del SSR!! Dalla gestione dell incubo alla gestione del processo!! Riduzione della produzione di rifiuti: "! Prevenzione della produzione "! Separazione, riutilizzo, recupero "! Corretto smaltimento VALORE

21 COSA DEVONO FARE LE AZIENDE?!! Definizione di ruoli e responsabilità!! Creazione di un sistema informativo! indicatori!! Attuazione di progetti trasversali! collaborazione fra settori aziendali diversi!! Passaggio da una logica comando/controllo alla logica guida del processo (es. risk management)!! IFA! crescita consapevolezza! responsabilizzare SGA

22 SCHEMA LOGICO SGA Determinanti Criticità Aspetti da verificare Interfacce Controlli Azioni

23 RICADUTE POSITIVE!! Dimostrazione dell impegno per lo sviluppo sostenibile "! Obiettivi misurabili!monitoraggio! miglioramento "! Comunicazione ai dipendenti ed all esterno, promozione di comportamenti sostenibili!! Evidenza documentale per l organo di vigilanza!! Creazione di una rete di relazioni collaborative: "! Regione e Aziende sanitarie "! Organi di vigilanza "! Ditte "! Altre Regioni e organizzazioni internazionali

24 CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE!! Estensione del principio della prevenzione dal settore sanitario a quello ambientale!! LG come strumento utile per lo sviluppo sostenibile!! Necessità di una presa di coscienza da parte delle Direzioni aziendali e di valorizzazione delle risorse! rivoluzione culturale!! Necessità di strutturare stabilmente il programma Il Sistema Sanitario Regionale per lo Sviluppo Sostenibile

FINALITÀ DELLE LINEE GUIDA E RICADUTE SULLE AZIENDE SANITARIE

FINALITÀ DELLE LINEE GUIDA E RICADUTE SULLE AZIENDE SANITARIE FINALITÀ DELLE LINEE GUIDA E RICADUTE SULLE AZIENDE SANITARIE Regione Emilia-Romagna Servizio Sanità Pubblica Comacchio, 23 ottobre 2009 I NUMERI DEL SSR (2007) Modena Bologna Ferrara Parma Reggio Emilia

Dettagli

Il Progetto Gestione ambientale e sviluppo sostenibile nell Azienda. Ospedaliero-Universitaria di Ferrara

Il Progetto Gestione ambientale e sviluppo sostenibile nell Azienda. Ospedaliero-Universitaria di Ferrara Il Progetto Gestione ambientale e sviluppo sostenibile nell Azienda Ospedaliero-Universitaria di Ferrara Paola M. Antonioli K.Montanari, M.C.Manzalini, L.Alvoni, V.Dalpozzo, E.Carlini Struttura Dipartimentale

Dettagli

PROSPETTIVE E SVILUPPO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA IN PROVINCIA DI RIETI

PROSPETTIVE E SVILUPPO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA IN PROVINCIA DI RIETI PROSPETTIVE E SVILUPPO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA IN PROVINCIA DI RIETI Marco Gentilini, Nova Consulting Rieti, 25.9.2014 CORSO DI FORMAZIONE PER TECNICI COMUNALI Obiettivo principale: migliorare la

Dettagli

LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI IN AGENZIA. Risparmi ambientali e sensibilizzazione dei dipendenti

LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI IN AGENZIA. Risparmi ambientali e sensibilizzazione dei dipendenti LA RIDUZIONE DEI RIFIUTI IN AGENZIA Risparmi ambientali e sensibilizzazione dei dipendenti SOSTENIBILITA AMBIENTALE ED ACQUISTI VERDI L Agenzia nello svolgimento delle proprie attività istituzionali concorre

Dettagli

La gestione integrata dei rifiuti di imballaggio: una opportunità per i comuni di risparmio e miglioramento dell ambiente

La gestione integrata dei rifiuti di imballaggio: una opportunità per i comuni di risparmio e miglioramento dell ambiente La gestione integrata dei rifiuti di imballaggio: una opportunità per i comuni di risparmio e miglioramento dell ambiente Eugenio Bora Milano, 15 febbraio 2006 Rifiuti e legislazione I rifiuti sono un

Dettagli

Gli Acquisti Verdi di Intercent-ER: Risultati raggiunti e prossime iniziative. Bologna, 5 maggio 2009

Gli Acquisti Verdi di Intercent-ER: Risultati raggiunti e prossime iniziative. Bologna, 5 maggio 2009 Gli Acquisti Verdi di Intercent-ER: Risultati raggiunti e prossime iniziative Bologna, 5 maggio 2009 SOMMARIO L impegno di Intercent-ER per il GPP Alcuni risultati: meno CO2, più alberi Iniziative in corso

Dettagli

L esperienza di UNIMORE nella gestione sostenibile dei RAEE

L esperienza di UNIMORE nella gestione sostenibile dei RAEE L esperienza di UNIMORE nella gestione sostenibile dei RAEE Leonarda Troiano Settore Consulenza Gestione Rifiuti Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia RAEE Le Università producono rifiuti da

Dettagli

Il Magazzino Unico: un confronto tra modelli

Il Magazzino Unico: un confronto tra modelli Il Magazzino Unico: un confronto tra modelli Davide Cattane Osservatori Digital Innovation School of Management Politecnico di Milano Convegno MePAIE Cremona - 28 Febbraio 2014 Agenda Il contesto di riferimento

Dettagli

Il Magazzino Unico: un confronto tra modelli

Il Magazzino Unico: un confronto tra modelli Il Magazzino Unico: un confronto tra modelli Davide Cattane Osservatori Digital Innovation School of Management Politecnico di Milano Convegno MePAIE Cremona - 28 Febbraio 2014 Agenda Il contesto di riferimento

Dettagli

Esempi di applicazione della certificazione ambientale. La certificazione ambientale di un ente locale Il Comune di Varese Ligure

Esempi di applicazione della certificazione ambientale. La certificazione ambientale di un ente locale Il Comune di Varese Ligure Esempi di applicazione della certificazione ambientale La certificazione ambientale di un ente locale Il Comune di Varese Ligure 1 I riconoscimenti ottenuti 2 La dichiarazione ambientale 3 La dichiarazione

Dettagli

Il sito web www.zanzaratigreonline.it

Il sito web www.zanzaratigreonline.it Il sito web www.zanzaratigreonline.it 1 Zanzara Tigre Cosa fa la Regione Cosa fanno i Cosa fanno le Aziende USL Cosa possono fare i cittadini Linee guida per gli operatori Campagna di comunicazione Esperti

Dettagli

La strategia per la sostenibilità ambientale nella regione Sardegna: azioni realizzate e future

La strategia per la sostenibilità ambientale nella regione Sardegna: azioni realizzate e future La strategia per la sostenibilità ambientale nella regione Sardegna: azioni realizzate e future Roma - 25 novembre 2014 ing. Gianluca Cocco Direttore Servizio Sostenibilità Ambientale, Valutazione Impatti

Dettagli

Tracciabilità dei Rifiuti L Esperienza nel Settore dei Rifiuti Sanitari Pierpaolo Gori Responsabile Commerciale Mengozzi Spa www.mengozzirifiutisanitari.it 1 TRACCIABILITÀ: DA ONERE A OPPORTUNITÀ La normativa

Dettagli

Energy management negli enti pubblici: l'esperienza di Arpa Emilia-Romagna

Energy management negli enti pubblici: l'esperienza di Arpa Emilia-Romagna Corso di formazione SISTEMI PER L'ENERGIA E L'AMBIENTE 8 giugno 2015 Energy management negli enti pubblici: l'esperienza di Arpa Emilia-Romagna Michele Sansoni Direzione Tecnica michelesansoni@arpa.emr.it

Dettagli

Cagliari 26 novembre 2015. Riccardo Rifici - Direzione Generale Clima ed energia 1

Cagliari 26 novembre 2015. Riccardo Rifici - Direzione Generale Clima ed energia 1 Cagliari 26 novembre 2015 Generale Clima ed energia 1 Consumo e produzione sostenibile (COM (2008) 397) Migliori prodotti Una produzione più pulita e intelligente Un consumo più intelligente Uso efficiente

Dettagli

Vignola, 17 Ottobre 2013

Vignola, 17 Ottobre 2013 IV INCONTRO COMMISSIONE CONSILIARE UNIONE TERRE DEI CASTELLI SERVIZIO GESTIONE RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI QUADRO DELLA SITUAZIONE Vignola, 17 Ottobre 2013 Agenzia Territoriale dell Emilia-Romagna per

Dettagli

Cos è un APEA? Una nuova opportunità per le imprese insediate. Area Produttiva Ecologicamente Attrezzata IL POLO AGROALIMENTARE FILAGNI

Cos è un APEA? Una nuova opportunità per le imprese insediate. Area Produttiva Ecologicamente Attrezzata IL POLO AGROALIMENTARE FILAGNI Cos è un APEA? IL POLO AGROALIMENTARE FILAGNI L AREA PRODUTTIVA ECOLOGICAMENTE ATTREZZATA (APEA) Una nuova opportunità per le imprese insediate Area Produttiva Ecologicamente Attrezzata Elevati standard

Dettagli

Comune di Vinchio. Provincia di Asti - Italia. www.comune.vinchio.at.it

Comune di Vinchio. Provincia di Asti - Italia. www.comune.vinchio.at.it Comune di Vinchio Provincia di Asti - Italia www.comune.vinchio.at.it La certificazione ambientale come opportunità di sviluppo: l esempio del Comune di Vinchio Vinchio, 1 dicembre 07 - Andrea Laiolo,

Dettagli

info@ea.ancitel.it - ea.ancitel@pec.it Tel. 06 95948402 www.ea.ancitel.it

info@ea.ancitel.it - ea.ancitel@pec.it Tel. 06 95948402 www.ea.ancitel.it - ea.ancitel@pec.it Tel. 06 95948402 CHI SIAMO Ancitel Energia e Ambiente è la società del Gruppo ANCI, controllata da Ancitel S.p.A., nata nel 2007 per realizzare progetti e servizi per i Comuni italiani

Dettagli

La strategia per la sostenibilità ambientale nella regione Sardegna: azioni realizzate e future

La strategia per la sostenibilità ambientale nella regione Sardegna: azioni realizzate e future La strategia per la sostenibilità ambientale nella regione Sardegna: azioni realizzate e future MILANO EXPO - 11 LUGLIO 2015 ing. Gianluca Cocco Direttore Servizio Sostenibilità Ambientale e Sistemi Informativi

Dettagli

Parma verso Rifiuti Zero Il porta a porta e la tariffazione puntuale in una città di 190.000 abitanti

Parma verso Rifiuti Zero Il porta a porta e la tariffazione puntuale in una città di 190.000 abitanti Parma verso Rifiuti Zero Il porta a porta e la tariffazione puntuale in una città di 190.000 abitanti Gabriele Folli, Assessore Ambiente Comune di Parma Progetto Parma Raggiungere 80% entro 2016 Applicare

Dettagli

LA SOSTENIBILITA AMBIENTALE DEL GRUPPO INTESA SANPAOLO

LA SOSTENIBILITA AMBIENTALE DEL GRUPPO INTESA SANPAOLO LA SOSTENIBILITA AMBIENTALE DEL GRUPPO INTESA SANPAOLO Ing. Roberto Gerbo Energy Manager - CSR Italia Italia 5900 5900 filiali filiali 80000 80000 addetti addetti 11,3 11,3 mil milclienti Estero Estero

Dettagli

L Accordo Quadro Anci-Conai e la valorizzazione dei rifiuti di imballaggio

L Accordo Quadro Anci-Conai e la valorizzazione dei rifiuti di imballaggio Levanto, 9 luglio 2015 L Accordo Quadro Anci-Conai e la valorizzazione dei rifiuti di imballaggio Pierluigi Gorani Area Rapporti con il Territorio Gli imballaggi Una parte del problema 2 La crescita del

Dettagli

IL CONI PER L AMBIENTE

IL CONI PER L AMBIENTE 6 IL CONI PER L AMBIENTE LA POLITICA AMBIENTALE L IMPATTO AMBIENTALE DEL CONI 116 CONI BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2013 IL CONI PER L AMBIENTE LA POLITICA AMBIENTALE Il CONI pone una particolare attenzione

Dettagli

Green Public Procurement

Green Public Procurement Andrea Monsignori, Servizio Qualità dell Ambiente gestione rifiuti e attività estrattive Workshop: Procedure e opportunità del comprare verde Perugia, 24 Febbraio 2010 Green Public Procurement (Acquisti

Dettagli

I NUOVI SCENARI DELL ECONOMIA DEL FUTURO. Bologna, 30 Novembre 2011

I NUOVI SCENARI DELL ECONOMIA DEL FUTURO. Bologna, 30 Novembre 2011 Il mercato degli acquisti verdi della pubblica amministrazione nell ambito dei manufatti in legno I NUOVI SCENARI DELL ECONOMIA DEL FUTURO Bologna, 30 Novembre 2011 Patrizia Bianconi I progetti regionali

Dettagli

REGIONE ABRUZZO PROTOCOLLO D INTESA TRA REGIONE ABRUZZO. COMUNE DI PESCARA ATTIVA SpA

REGIONE ABRUZZO PROTOCOLLO D INTESA TRA REGIONE ABRUZZO. COMUNE DI PESCARA ATTIVA SpA REGIONE ABRUZZO PROTOCOLLO D INTESA TRA REGIONE ABRUZZO E COMUNE DI PESCARA ATTIVA SpA GLI AMICI DEL RICICLO PROGETTO SPERIMENTALE DI COMUNICAZIONE AMBIENTALE NEL SETTORE DELLA GESTIONE INTEGRATA DEI RIFIUTI

Dettagli

L EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI EDIFICI

L EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI EDIFICI EFFICIENZA ENERGETICA NELL EDILIZIA TRA INNOVAZIONE E TRADIZIONE L EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI EDIFICI Ing. EZIO PIREDDU Commissione Energia e Impianti Ordine degli Ingegneri della provincia di Cagliari

Dettagli

Date (da a) Da Gennaio 2012 a Dicembre 2013 Nome e indirizzo del datore di ARPA Emilia-Romagna, Bologna

Date (da a) Da Gennaio 2012 a Dicembre 2013 Nome e indirizzo del datore di ARPA Emilia-Romagna, Bologna energetico regionale Supporto per la definizione delle politiche energetiche della Regione Emilia-Romagna (Piano Energetico Regionale, Piani Triennali di Attuazione del PER, POR FESR 2014-2020) e del loro

Dettagli

Relazione sullo Stato dell Ambiente Comuni di Capurso (capofila), Cellamare e Triggiano Bozza Aprile 2006

Relazione sullo Stato dell Ambiente Comuni di Capurso (capofila), Cellamare e Triggiano Bozza Aprile 2006 7. RIFIUTI 7.1. Inquadramento Il rapido sviluppo industriale ed il miglioramento delle condizioni economiche hanno comportato negli ultimi decenni un aumento sempre maggiore dei consumi e della conseguente

Dettagli

Il sistema Conai. Raccolta e riciclo. imballaggio nella. Emilia Romagna. Pierluigi Gorani Area Rapporti con il territorio

Il sistema Conai. Raccolta e riciclo. imballaggio nella. Emilia Romagna. Pierluigi Gorani Area Rapporti con il territorio Il sistema Conai. Raccolta e riciclo dei rifiuti di imballaggio nella regione Emilia Romagna Pierluigi Gorani Area Rapporti con il territorio Bologna, 5 febbraio 2010 Il sistema Conai I risultati del quinquennio

Dettagli

Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi. Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011

Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi. Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011 Responsabilità estesa dei produttori: il modello nella gestione degli imballaggi Luca Piatto Responsabile Area Territorio Roma, 15 giugno 2011 La gestione degli imballaggi è impostata su due cardini legislativi

Dettagli

Impianti fotovoltaici e solari termici Livello specialistico

Impianti fotovoltaici e solari termici Livello specialistico Impianti fotovoltaici e solari termici Livello specialistico Il corso si prefigge di far acquisire ai partecipanti le seguenti competenze: La conoscenza delle proprietà e le tipologie degli impianti fotovoltaici

Dettagli

Le convenzioni verdi disponibili in Emilia Romagna. Bologna, 30 Aprile 2015. Ortensina Guidi Intercent-ER

Le convenzioni verdi disponibili in Emilia Romagna. Bologna, 30 Aprile 2015. Ortensina Guidi Intercent-ER Le convenzioni verdi disponibili in Emilia Romagna Bologna, 30 Aprile 2015 Ortensina Guidi Intercent-ER 1 Intercent-ER: ruolo e obiettivi L Agenzia Intercent-ER è la centrale di committenza delle Pubbliche

Dettagli

SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA E AMBIENTE

SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA E AMBIENTE Ordinanza n. 755 del 12 novembre 2013 Oggetto: DIVIETO DI ABBANDONO RIFIUTI E MATERIALI IL SINDACO VISTO D.Lgs 03/04/06 n. 152 e s.m.i. Norme in materia ambientale ed in particolare: - l articolo 178 ove

Dettagli

QUESTIONARIO PER PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Progetto LIFE+ Promise. Action B1: Awareness level survey. Sezione Anagrafica

QUESTIONARIO PER PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Progetto LIFE+ Promise. Action B1: Awareness level survey. Sezione Anagrafica QUESTIONARIO PER PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Progetto LIFE+ Promise Action B1: Awareness level survey Sezione Anagrafica Comune/Ente pubblico Popolazione residente (se trattasi di Comune/Provincia) Referente

Dettagli

CENT RO D I COORD I NAM ENTO DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN EMILIA-ROMAGNA ANNO 2010

CENT RO D I COORD I NAM ENTO DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN EMILIA-ROMAGNA ANNO 2010 CENT RO D I COORD I NAM ENTO DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE ED ELETTRONICHE IN EMILIA-ROMAGNA ANNO 2010 2 DOSSIER SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI DA APPARECCHIATURE ELETTRICHE

Dettagli

Non più rifiuti ma risorse.

Non più rifiuti ma risorse. Non più rifiuti ma risorse. La raccolta differenziata porta a porta nel Comune di Bibbiano. GUIDA PER LE ATTIVITÀ COMMERCIALI, PRODUTTIVE E PER GLI UFFICI. Comune di Bibbiano Opuscolo PAP UND Bibbiano.indd

Dettagli

AlpCoRe ALPI COMPETITIVE E RESPONSABILI

AlpCoRe ALPI COMPETITIVE E RESPONSABILI AlpCoRe ALPI COMPETITIVE E RESPONSABILI CARTA D IDENTITÀ DELL AZIENDA Nome azienda * Partita IVA, codice identificativo* Indirizzo* Telefono e Fax* Referente aziendale* E-mail referente aziendale* Settore

Dettagli

GESTIONE RIFIUTI SPECIALI

GESTIONE RIFIUTI SPECIALI Corso di Formazione sulla Sicurezza e Salute sul Lavoro Facoltà di Medicina Veterinaria Secondo Anno 15-19 febbraio 2016 GESTIONE RIFIUTI SPECIALI Lorella Di Giuseppe 1 RIFIUTO QUALSIASI SOSTANZA OD OGGETTO

Dettagli

I risultati del primo Piano Triennale di attuazione del PER

I risultati del primo Piano Triennale di attuazione del PER I risultati del primo Piano Triennale di attuazione del PER LA POLITICA ENERGETICA DELLA REGIONE La Regione Emilia-Romagna (in attuazione del nuovo art. 117 della Costituzione che definisce l energia materia

Dettagli

Il destino dei RIFIUTI

Il destino dei RIFIUTI Comune di Padova Settore Ambiente Il destino dei RIFIUTI Osservatorio Ambientale sull inceneritore DEFINIZIONI RIFIUTO: Qualsiasi sostanza od oggetto di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia

Dettagli

Il Piano di Azione sul GPP della Provincia di Modena

Il Piano di Azione sul GPP della Provincia di Modena Acquisti verdi tra consapevolezza dei consumi, sostegno alle produzioni e corretta informazione Ravenna 30/9/2011 Il Piano di Azione sul GPP della Provincia di Modena Dott. Zacchi Giovanna Ufficio Sviluppo

Dettagli

Gli imballaggi e i rifiuti di imballaggio

Gli imballaggi e i rifiuti di imballaggio Gli imballaggi e i rifiuti di imballaggio Gli imballaggi hanno molteplici funzioni quali quelle di contenere, proteggere, trasportare, garantire sicurezza igienica e informazione al consumatore e pertanto

Dettagli

ENERGY MANAGEMENT Gruppo Monte dei Paschi di Siena

ENERGY MANAGEMENT Gruppo Monte dei Paschi di Siena ENERGY MANAGEMENT Gruppo Monte dei Paschi di Siena Ing. Francesco Pellegrino- Energy Manager PGI Milano, 12/11/2004 INDICE 1 LA BANCA MPS 2 LA POLITICA AMBIENTALE 3 IMMOBILIARI 4 ENERGY MANAGEMENT 2 1-

Dettagli

L INDAGINE SULLA NUOVA VITA DEI RIFIUTI CHI LI HA VISTI? UN AVVINCENTE STORIA DI RECUPERO FINO ALL ULTIMO GRAMMO

L INDAGINE SULLA NUOVA VITA DEI RIFIUTI CHI LI HA VISTI? UN AVVINCENTE STORIA DI RECUPERO FINO ALL ULTIMO GRAMMO L INDAGINE SULLA NUOVA VITA DEI RIFIUTI 1 CHI LI HA VISTI? UN AVVINCENTE STORIA DI RECUPERO FINO ALL ULTIMO GRAMMO CHI LI HA VISTI? Non perderli di vista su E-R Ambiente CHI LI HA VISTI? 2 Cosa accade

Dettagli

LE STRATEGIE PER LA RIDUZIONE DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI: L ESPERIENZA DELL AUSL DI FE

LE STRATEGIE PER LA RIDUZIONE DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI: L ESPERIENZA DELL AUSL DI FE LE STRATEGIE PER LA RIDUZIONE DELLA PRODUZIONE DEI RIFIUTI: L ESPERIENZA DELL AUSL DI FE Comacchio, 27 Novembre 2014 Dott. Antonio Di Giorgio Responsabile Sistema Gestione Ambientale Cosa è cambiato in

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LO SVOLGIMENTO DELLE MANIFESTAZIONI CON ATTIVITA TEMPORANEA DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LO SVOLGIMENTO DELLE MANIFESTAZIONI CON ATTIVITA TEMPORANEA DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE REGOLAMENTO COMUNALE PER LO SVOLGIMENTO DELLE MANIFESTAZIONI CON ATTIVITA TEMPORANEA DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE Art. 1. Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina le modalità

Dettagli

Secondo Forum territoriale di Agenda 21 Corbetta 19 ottobre 2007. Report integrale

Secondo Forum territoriale di Agenda 21 Corbetta 19 ottobre 2007. Report integrale Secondo Forum territoriale di Agenda 21 Corbetta 19 ottobre 2007 Report integrale ABCittà società cooperativa sociale onlus www.abcitta.org Azioni Forum 02 Breve descrizione dei programmi e degli obiettivi

Dettagli

Contributo del Dr. Giuseppe Torelli

Contributo del Dr. Giuseppe Torelli Riferimenti normativi in essere sugli acquisti Verdi pubblici. Contributo del Dr. Giuseppe Torelli D.Lgs 22/97: il 40% del totale dei consumi di carta riciclata D.M. 27.03.98: il 50% di veicoli a carburanti

Dettagli

Ambiente e sviluppo urbano una prospettiva da arricchire

Ambiente e sviluppo urbano una prospettiva da arricchire Smart City Exhibition, Bologna 16 18 ottobre 2013 Quando il Bes approda sul territorio diventa urbes Ambiente e sviluppo urbano una prospettiva da arricchire Alessandra Ferrara, Istat Alberto Fiorillo,

Dettagli

Comuni ricicloni Emilia- Romagna Carpi, 13 dicembre 2012

Comuni ricicloni Emilia- Romagna Carpi, 13 dicembre 2012 La prospettiva dei servizi pubblici ambientali in Emilia- Romagna Vito Belladonna Atersir Comuni ricicloni Emilia- Romagna Carpi, 13 dicembre 2012 R.E.R Osservatorio regionale dei servizi pubblici. AEEG

Dettagli

Company profile. MOVITEK S.r.l P. IVA 02725780346 Tel +39 0522 861787 Fax +39 0522 861735 www.movitek.eu info@movitek.eu

Company profile. MOVITEK S.r.l P. IVA 02725780346 Tel +39 0522 861787 Fax +39 0522 861735 www.movitek.eu info@movitek.eu Company profile MOVITEK S.r.l P. IVA 02725780346 Tel +39 0522 861787 Fax +39 0522 861735 www.movitek.eu info@movitek.eu Sede Legale Strada della Repubblica, 66 43121 Parma Sede amministrativa Via Rampognana,

Dettagli

Documento scaricato da www.gestione-rifiuti.it

Documento scaricato da www.gestione-rifiuti.it Regione Lazio Legge Regionale n. 26 del 2 settembre 2003 Modifica alla legge regionale 9 luglio 1998, n. 27 (Disciplina regionale della gestione dei rifiuti) e successive modifiche Il Consiglio Regionale

Dettagli

COMUNE DI FERRARA GPP TRA DIFFICOLTA E BENEFICI OTTENUTI

COMUNE DI FERRARA GPP TRA DIFFICOLTA E BENEFICI OTTENUTI Acquisti verdi Acquisti tra consapevolezza verdi tra consapevolezza dei consumi, dei sostegno consumi, alle sostegno produzioni alle produzioni e corretta informazione E corretta informazione - RAVENNA

Dettagli

RACCOLTA DIFFERENZIATA. Quanto si recupera. Percentuale di rifiuti differenziati sul totale dei rifiuti prodotti

RACCOLTA DIFFERENZIATA. Quanto si recupera. Percentuale di rifiuti differenziati sul totale dei rifiuti prodotti Pubblicati oggi i risultati della ricerca Ecosistema Urbano, promossa da Legambiente e Ambiente Italia, che ha indagato sulle diverse situazioni ambientali nelle città: trasporto pubblico, verde, riciclo,

Dettagli

Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente del Friuli Venezia Giulia

Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente del Friuli Venezia Giulia Indagine conoscitiva tra le Organizzazioni registrate EMAS in Friuli Venezia Giulia a cura della SOS Promozione e Controllo qualità di ARPA FVG L Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente, oltre

Dettagli

31/03/2012 Fortunato Silvio Tangorra Valerio 3A Itis Albert Einstein, Roma

31/03/2012 Fortunato Silvio Tangorra Valerio 3A Itis Albert Einstein, Roma 31/03/2012 Fortunato Silvio Tangorra Valerio 3A Itis Albert Einstein, Roma Ciclo Ciclo dei dei rifiuti rifiuti Indice Indice 11 Raccolta Raccoltadifferenziata differenziata 11 Riciclaggio Riciclaggio 1/3

Dettagli

Impatti ambientali diretti dell attività bancaria. Maria Luisa Giachetti Settore Ricerche e Analisi ABI

Impatti ambientali diretti dell attività bancaria. Maria Luisa Giachetti Settore Ricerche e Analisi ABI Impatti ambientali diretti dell attività bancaria Maria Luisa Giachetti Settore Ricerche e Analisi ABI 2 Non farsi guidare dall abitudine, non fermarsi alle cose conosciute, ma cogliere le opportunità

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 18 dicembre 2014, n. 2719

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 18 dicembre 2014, n. 2719 2841 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 18 dicembre 2014, n. 2719 Piano per la promozione e l uso razionale dell energia ai fini del contenimento di costi ed emissioni nocive degli impianti e dei mezzi

Dettagli

I 5 Principi della Gestione Integrata dei Rifiuti

I 5 Principi della Gestione Integrata dei Rifiuti RIFIUTI E AMBIENTE: LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI I 5 Principi della Gestione Integrata dei Rifiuti 1. Prevenzione nella formazione dei rifiuti 2. Riduzione della loro pericolosità 3. Riciclaggio (di materia)

Dettagli

Milano, 14 settembre 2011

Milano, 14 settembre 2011 1 LA NUOVA DISCIPLINA IN MATERIA DI RIFIUTI ALLA LUCE DEL D. LGS. 3 DICEMBRE 2010, N. 205 Milano, 14 settembre 2011 2 1. I principi della gestione dei rifiuti Precauzione e quindi tutela dell ambiente

Dettagli

I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA

I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA I COMUNI RICICLONI DELL'EMILIA ROMAGNA MONITORAGGIO SULLA CORRETTA GESTIONE DEI RIFIUTI E SULLA RACCOLTA DIFFERENZIATA DESTINATA AL RICICLAGGIO Per poter premiare le situazioni più virtuose nella gestione

Dettagli

Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente

Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente Catalogo attività formative Piano ARES: Ambiente, Rifiuti, Energia per la Sostenibilità produttiva Fondimpresa Avviso 1/2013 Ambito B Ambiente AREA TEMATICA: Gestione e certificazione ambientale di sistema

Dettagli

D.5 Energy Manager. Controllo Utilizzazione Energia. Energy Manager TEE. Regolamenti Edilizi ESCO. Mobility Manager

D.5 Energy Manager. Controllo Utilizzazione Energia. Energy Manager TEE. Regolamenti Edilizi ESCO. Mobility Manager Controllo Utilizzazione Energia TEE Consumi Energetici Energy Manager Regolamenti Edilizi 31% 3% 31% agricoltura ESCO industria trasporti usi civili 35% Mobility Manager 1 Mobility Manager Il Mobility

Dettagli

SMAIL IMPRESE E OCCUPAZIONE IN EMILIA-ROMAGNA. Sistema di Monitoraggio Annuale delle Imprese e del Lavoro. Aggiornamento al 30 giugno 2011 BOLOGNA

SMAIL IMPRESE E OCCUPAZIONE IN EMILIA-ROMAGNA. Sistema di Monitoraggio Annuale delle Imprese e del Lavoro. Aggiornamento al 30 giugno 2011 BOLOGNA SMAIL Sistema di Monitoraggio Annuale delle Imprese e del Lavoro BOLOGNA IMPRESE E OCCUPAZIONE IN EMILIA-ROMAGNA Aggiornamento al 30 giugno 2011 10 maggio 2012 Sistema informativosmail Emilia-Romagna Aggiornamento

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA E LE IMPRESE

EFFICIENZA ENERGETICA E LE IMPRESE EFFICIENZA ENERGETICA E LE IMPRESE POLITICHE E INCENTIVI SONIA CARBONE DINTEC Scrl Consorzio per l Innovazione Tecnologica Ferrara, 21 novembre 2008 1 di12 LE POLITICHE PER L ENERGIA RAFFORZARE binomio

Dettagli

Il nome Lepida. Il console Marco Emilio Lepido... La strada telematica. Collegamento tra passato e presente.

Il nome Lepida. Il console Marco Emilio Lepido... La strada telematica. Collegamento tra passato e presente. Il nome Lepida Il console Marco Emilio Lepido... La strada telematica. Collegamento tra passato e presente. La banda larga in Emilia-Romagna PIACENZA prima di Lepida (2003) PARMA FERRARA REGGIO EMILIA

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Luisa Mulas Servizio Sostenibilità Ambientale, Assessorato della Difesa dell Ambiente, Regione Sardegna Scrivere

Dettagli

rispetta il presente per avere un

rispetta il presente per avere un rispetta il presente per avere un domani STUDIO MASTER ECOLOGY CONSULTING crede che una qualsiasi organizzazione, pubblica e privata, possa trarre proficui vantaggi dalla impostazione interna di risorse,

Dettagli

EA 03 Prospetto economico degli oneri complessivi 1

EA 03 Prospetto economico degli oneri complessivi 1 UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA Fase 1: Analisi iniziale L analisi iniziale prevede uno studio dello stato attuale della gestione interna dell Ente. Metodo: si prevede l individuazione dei referenti

Dettagli

La Registrazione EMAS III. A cura di Enrico BUSSO (Free Managers s.r.l.)

La Registrazione EMAS III. A cura di Enrico BUSSO (Free Managers s.r.l.) La Registrazione EMAS III A cura di Enrico BUSSO (Free Managers s.r.l.) www.benassiambiente.it Piattaforma COREPLA per gli imballaggi secondari e terziari e come piattaforma di preselezione degli imballaggi

Dettagli

I SERVIZI A BANDA LARGA in EMILIA-ROMAGNA. giugno 2012 v.1

I SERVIZI A BANDA LARGA in EMILIA-ROMAGNA. giugno 2012 v.1 I SERVIZI A BANDA LARGA in EMILIA-ROMAGNA giugno 2012 v.1 su rete fissa > 2Mb/s Media regionale 89,58% su rete fissa > 2Mb/s, espressa in % della popolazione Situazione stimata a giugno 2012 Fonte: dati

Dettagli

I rifiuti solidi: introduzione

I rifiuti solidi: introduzione I rifiuti solidi: introduzione Definizione sostanze od oggetti (rientranti in un definito elenco a norma di legge) di cui il detentore si disfi o abbia deciso o abbia l obbligo di disfarsi Strategie di

Dettagli

Sostenibilità ambientale e comportamenti virtuosi nella gestione dei rifiuti. Il caso Poste Italiane.

Sostenibilità ambientale e comportamenti virtuosi nella gestione dei rifiuti. Il caso Poste Italiane. Sostenibilità ambientale e comportamenti virtuosi nella gestione dei rifiuti. Il caso Poste Italiane. Amedeo Urbano De Marco, Responsabile di Commessa, CNS Consorzio Nazionale Servizi Poste Italiane: un

Dettagli

Milano 16 ottobre 2015. Direzione generale Clima ed energia 1

Milano 16 ottobre 2015. Direzione generale Clima ed energia 1 Milano 16 ottobre 2015 energia 1 Consumo e produzione sostenibile Migliori prodotti Una produzione più pulita e intelligente Un consumo più intelligente Uso efficiente delle risorse Energia materia Economia

Dettagli

RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati

RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati Contesto europeo Secondo i dati resi disponibili da Eurostat, integrati con i dati ISPRA per quanto riguarda l Italia, nel 2011 i 27 Stati membri dell

Dettagli

Redazione Verifica Approvazione Mauro Marani Cristian Peotta

Redazione Verifica Approvazione Mauro Marani Cristian Peotta RAPPORTO FINALE TASK 4.1 PIANO DI MONITORAGGIO Territorio e Area industriale della Provincia di Rovigo Redazione Verifica Approvazione Mauro Marani Cristian Peotta Data emissione 20-10-2006 Il Piano di

Dettagli

Il progetto e le altre iniziative di prevenzione dei rifiuti Filippo M. Bocchi Corporate Social Responsibility Gruppo Hera

Il progetto e le altre iniziative di prevenzione dei rifiuti Filippo M. Bocchi Corporate Social Responsibility Gruppo Hera Il progetto e le altre iniziative di prevenzione dei rifiuti Filippo M. Bocchi Corporate Social Responsibility Gruppo Hera Verso il Programma Nazionale di Prevenzione dei Rifiuti: partire dalle esperienze

Dettagli

Giunta Regionale Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo L IMPRESA NELLE APEA

Giunta Regionale Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo L IMPRESA NELLE APEA Giunta Regionale Direzione Generale Attività Produttive, Commercio, Turismo L IMPRESA NELLE APEA IL SISTEMA PRODUTTIVO DELL EMILIA EMILIA-ROMAGNA ALCUNI PUNTI DI FORZA ALCUNI PUNTI DI DEBOLEZZA ALTO LIVELLO

Dettagli

L Azienda Sanitaria Locale L Ospedale Versilia

L Azienda Sanitaria Locale L Ospedale Versilia L Azienda Sanitaria Locale L Ospedale Versilia PREFAZIONE L Azienda U.S.L. n 12 di Viareggio ha avuto l opportunità di sperimentare nuovi approcci tecnici e gestionali per l uso razionale dell energia

Dettagli

IMPRESE E OCCUPAZIONE IN EMILIA ROMAGNA

IMPRESE E OCCUPAZIONE IN EMILIA ROMAGNA SMAIL Sistema di Monitoraggio Annuale delle Imprese e del Lavoro BOLOGNA IMPRESE E OCCUPAZIONE IN EMILIA ROMAGNA Aggiornamento al 31 dicembre 2011 30 ottobre 2012 Sistema informativo SMAIL Emilia Romagna

Dettagli

Una politica di sviluppo sostenibile: Aree Produttive Ecologicamente Attrezzate

Una politica di sviluppo sostenibile: Aree Produttive Ecologicamente Attrezzate Una politica di sviluppo sostenibile: Aree Produttive Ecologicamente Attrezzate Morena Diazzi Direzione Attività Produttive, Commercio, Turismo Regione Emilia- Romagna «Le aree industriali sostenibilità

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.) 2015 2017

Programma triennale per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.) 2015 2017 Programma triennale per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.) 2015 2017 06/02/2015 e pubblicato sul sito internet nella sezione Amministrazione trasparente Introduzione: organizzazione e funzioni di

Dettagli

Aimeri Ambiente. per l ambiente. Premessa. Questione Risposte Che fare? Fine

Aimeri Ambiente. per l ambiente. Premessa. Questione Risposte Che fare? Fine l ambiente CARCARE SCUOLE settembre 2012 Sistema Amministrazione Pubblica Gestione Cittadino A che vale accettare che tutto cambi, tranne il nostro modo di pensare? Einstein Il cambiamento non va accettato,

Dettagli

l agenzia delle aziende

l agenzia delle aziende l agenzia un nuovo servizio di ETRA dedicato alle imprese del territorio l agenzia Futuro sostenibile l agenzia Nasce un nuovo servizio per rispondere rapidamente alle aziende. Un numero diretto per dialogare

Dettagli

LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI. L ESEMPIO DEL COMUNE DI FIDENZA NELLA PROVINCIA DI PARMA.

LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI. L ESEMPIO DEL COMUNE DI FIDENZA NELLA PROVINCIA DI PARMA. LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI. L ESEMPIO DEL COMUNE DI FIDENZA NELLA PROVINCIA DI PARMA. LA SITUAZIONE IN PROVINCIA DI PARMA L autosufficienza nello smaltimento della quota residua di rifiuti

Dettagli

CONVEGNO GESTIONE E BONIFICA DELL AMIANTO 20 OTTOBRE 2004 CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE BOLOGNA IL PIANO REGIONALE AMIANTO

CONVEGNO GESTIONE E BONIFICA DELL AMIANTO 20 OTTOBRE 2004 CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE BOLOGNA IL PIANO REGIONALE AMIANTO CONVEGNO GESTIONE E BONIFICA DELL AMIANTO 20 OTTOBRE 2004 CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE BOLOGNA IL PIANO REGIONALE AMIANTO Dr.ssa Marinella Natali Dr.ssa Mariella Riefolo Assessorato Sanità REGIONE

Dettagli

PREVENZIONE E RECUPERO per una gestione sostenibile dei rifiuti in Emilia Romagna. Dott. Marco Gasperoni, Responsabile Area Tecnica

PREVENZIONE E RECUPERO per una gestione sostenibile dei rifiuti in Emilia Romagna. Dott. Marco Gasperoni, Responsabile Area Tecnica PREVENZIONE E RECUPERO per una gestione sostenibile dei rifiuti in Emilia Romagna Dott. Marco Gasperoni, Responsabile Area Tecnica Bologna, 16 Ottobre 2007 Rilegno la mission e il sistema consortile LA

Dettagli

COMUNICATO STAMPA CONFSERVIZI ER: AVANTI TUTTA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO RAEE

COMUNICATO STAMPA CONFSERVIZI ER: AVANTI TUTTA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO RAEE Rimini, 27/10/05 Agli organi di informazione COMUNICATO STAMPA CONFSERVIZI ER: AVANTI TUTTA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO RAEE Dopo la prima presentazione in aprile, sono proseguiti in questi mesi

Dettagli

CONAI: BILANCIO DI DIECI ANNI DI ATTIVITA

CONAI: BILANCIO DI DIECI ANNI DI ATTIVITA CONAI: BILANCIO DI DIECI ANNI DI ATTIVITA A distanza di 10 anni dall inizio della sua attività è possibile fare un primo bilancio dei risultati dell impegno che il sistema delle imprese, rappresentato

Dettagli

Provincia di Perugia Assessorato all Ambiente. Roberta Burzigotti. Dirigente di Staff Certificazione Ambientale Provincia verde

Provincia di Perugia Assessorato all Ambiente. Roberta Burzigotti. Dirigente di Staff Certificazione Ambientale Provincia verde Provincia di Perugia Assessorato all Ambiente Roberta Dirigente di Staff Certificazione Ambientale Provincia verde PROGETTO GREEN PUBLIC PROCUREMENT E CONSUMO RESPONSABILE DELLA PROVINCIA DI PERUGIA WORKSHOP

Dettagli

Percorsi di innovazione nelle Cure Primarie L integrazione socio-sanitaria tra innovazione e sostenibilità L integrazione socio-sanitaria tra innovazione e sostenibilità Esperienze regionali a confronto:

Dettagli

Il corso intede fornire le informazioni di base per la corretta. Aula 8 Base performance ambientali.

Il corso intede fornire le informazioni di base per la corretta. Aula 8 Base performance ambientali. MODALITA' AREA TEMATICA COD TITOLO CONTENUTI DURATA ORE TIPOLOGIA FORMATIVA N. LAVORATORI IN FORMAZIONE Il corso intede fornire le informazioni di base per la corretta 1 applicazione di un Sistema di Gestione

Dettagli

Gli schemi finanziari utilizzabili per le attività di R&S

Gli schemi finanziari utilizzabili per le attività di R&S Il settore strategico delle acque: come l innovazione chimica può aumentarne la sostenibilità Gli schemi finanziari utilizzabili per le attività di R&S Stefano Toffanin Ferrara, 21 maggio 2010 Quartiere

Dettagli

Le ricadute sul territorio dell organizzazione degli eventi sportivi. Gilda Antonelli

Le ricadute sul territorio dell organizzazione degli eventi sportivi. Gilda Antonelli Le ricadute sul territorio dell organizzazione degli eventi sportivi Gilda Antonelli Event management? E l applicazione della pratica manageriale del project management per la creazione, l organizzazione,

Dettagli

HERA E L INNOVAZIONE: idee e progetti collegati ai servizi ambientali

HERA E L INNOVAZIONE: idee e progetti collegati ai servizi ambientali HERA E L INNOVAZIONE: idee e progetti collegati ai servizi ambientali Ing. Paolo Paoli Direzione Servizi Ambientali Hera Spa 2 1) Competitività e proprietà intellettuale Obiettivi dei progetti di innovazione

Dettagli

Politiche energetiche e Comuni. Maurizio Mangialardi

Politiche energetiche e Comuni. Maurizio Mangialardi Politiche energetiche e Comuni Maurizio Mangialardi 1 L eccellenza del nostro territorio marchigiano è fatta di sapiente equilibrio tra la sua crescita, la necessaria innovazione, e la curadel suo prezioso

Dettagli

Le Nuove Sfide del Consorzio Riciclone delle Marche. Giuseppe Giampaoli Direttore Cosmari SRL

Le Nuove Sfide del Consorzio Riciclone delle Marche. Giuseppe Giampaoli Direttore Cosmari SRL Le Nuove Sfide del Consorzio Riciclone delle Marche Giuseppe Giampaoli Direttore Cosmari SRL L EVOLUZIONE IL PERCORSO 1976 - Si costituisce il ConSmaRi con Decreto Prefettizio 1981/1995 - Realizzazione

Dettagli

Il nuovo Pacchetto di Direttive sull economia circolare

Il nuovo Pacchetto di Direttive sull economia circolare Il nuovo Pacchetto di Direttive sull economia circolare Edo Ronchi Fondazione per lo sviluppo sostenibile Sponsor Le modifiche alle Direttive sui rifiuti del pacchetto sull economia circolare La Direttiva

Dettagli