Associati in partecipazione L Ancl richiede una proroga

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Associati in partecipazione L Ancl richiede una proroga"

Transcript

1 Edizione del 26 settembre 2013 Reg. Trib. Civile di Roma sez. stampa n. 371/2009 Associati in partecipazione L Ancl richiede una proroga Editoriale Il consulente del lavoro guarda avanti pag. 3 Quesiti Le risposte a cura del Centro Studi Ancl pag. 20 Eventi Appuntamenti organizzati dalle UP pag. 26

2 REDAZIONE Bollettino ufficiale Associazione Nazionale Consulenti del Lavoro Sindacato Unitario Anno 6 - Numero 15 (80) Reg. Tribunale Civile di Roma sezione stampa n. 371 del Direttore Responsabile Francesco Longobardi Capo redattore Paola Diana Onder Coordinatori di redazione Silvia Bradaschia Giuliana Della Bianca Francesco Pierro Antonella Scambia Redazione e impaginazione Solcom srl via Salvatore Matarrese, 2/G Bari Editore Ancl - Segreteria Nazionale via Cristoforo Colombo, 456 Scala B, I piano Roma SOMMARIO EDIZIONE DEL 26 settembre 2013 EDITORIALE Il Consulente del Lavoro guarda avanti pag. 3 PRIMO PIANO Associati in partecipazione. Necessaria la proroga pag. 5 Focus Gli approfondimenti degli esperti pag. 9 quesiti Le risposte a cura del Centro Studi Ancl pag. 20 EVENTI Gli appuntamenti in programma nei prossimi giorni pag. 26 CHI SIAMO Dirigenti e sedi pag. 27 Contatti chiuso alle ore 10:00 del 26 settembre 2013

3 pag. 3 - Edizione del 26 settembre - n XV del 2013 EDITORIALE Il Consulente del Lavoro guarda avanti Ciò detto, guardiamo al futuro prossimo auspicando la sempre maggiore caratterizzazione della nostra professione, sperando in una sollecita ripresa economica che consenta anche ai nostri studi di poter tornare a riprendere la strada degli investimenti e di maggiori obiettivi. I consulenti del Lavoro sono stati e sono al centro di questa lunga crisi economica, attraverso l accompagnamento di aziende e lavoratori nel governo dei cedimenti imprenditoriali ed occupazionali. Lo abbiamo fatto non solo per mestiere o solo per vocazione, ma anche ritenendo che proprio in questo momento fosse maggiormente utile far comprendere le difficoltà del management del capitale umano aziendale, con cui ci confrontiamo tutti i giorni. Non da ultimo, come sindacato e parte sociale, continuiamo a sostenere la necessità, ormai non più rimandabile, di concreta riduzione del costo del lavoro e della tassazione sul lavoro che l ANCL va auspicando da tempo ed in ogni sede istituzionale. Sembra ora che anche il mondo produttivo e sindacale, ma soprattutto il mondo politico si sia reso conto della insostenibile pressione fiscale sul lavoro, che disincentiva ogni altro investimento, sia nelle aziende che nelle risorse umane: ed è unica strada volta a liberare risorse di scopo mirate al sostegno occupazionale nelle imprese. E per dare un forte segnale alla volontà di ripresa economica, si passi senza indugio a: ridurre i costi della Pubblica Amministrazione e della Politica; ridurre gli stipendi ai Parlamentari; tagliare i compensi dei Presidenti Direttori Generali e i Manager della Pubblica Amministrazione; ridurre le pensioni d oro; eliminare il finanziamento pubblico ai partiti. Con i risparmi derivanti da questi tagli, si inizi da subito a diminuire la pressione fiscale e la diminuzione del costo sul lavoro oltre a detassare tredicesime e quattordicesime ove previste, perche tali mensilità aggiuntive sono da sempre considescrive Francesco Longobardi presidente nazionale ANCL-SU Sempre aperto il dibattito all interno della Categoria circa le prospettive future dei Consulenti del Lavoro, con particolare riguardo alle debolezze ed incertezze del mercato del lavoro ed alla più generale crisi economica tutt ora in atto. La riflessione sulle future prospettive è, in questo contesto, una vera e propria necessità. La nostra professione è protagonista di una progressiva evoluzione, sia in termini di competenze, sia in termini di necessità sempre maggiore di conoscenze. Già da tempo, il Consulente del Lavoro non è più e soltanto l elaboratore della busta paga, ma è al centro delle strategie aziendali, delle politiche occupazionali, del management dell impresa. E non solo. Oggi il Consulente del Lavoro tramite la propria organizzazione ordinistica ed il proprio sindacato unitario è anche il diretto interlocutore della Pubblica Amministrazione e del mondo politico, in ordine alle scelte, alle innovazioni normative, al governo del mercato del lavoro. Tutto ciò è già sufficiente per fare una prima affermazione: la nostra professione e le nostre competenze sono e devono rimanere esclusive. Mi riferisco ovviamente ai più recenti passaggi legislativi che hanno riconosciuto le professioni non regolamentate e la loro legittimità ad agire: tutto il rispetto possibile per tali nuove professioni, ma nessuna abdicazione e nessun cedimento rispetto alle nostre competenze e alle nostre peculiarità. Il mio invito spesso ripetuto attraverso gli organi di informazione dell ANCL a vigilare a 360 gradi sull eventuale esercizio illecito della nostra professione è sempre rivolto a tutti e senza margini di cedimento.

4 pag. 4 - Edizione del 26 settembre - n XV del 2013 EDITORIALE Il Consulente del Lavoro di domani vuole governare la nuova e sana occupazione rate utili alla liberazione di risorse per agevolare i consumi e partecipare allo sviluppo dell economia. Se una mensilità aggiuntiva è aggredita dalle tasse, probabilmente sarebbe preferibile perfino non corrisponderla se non assolve al suo compito di assegnare risorse aggiuntive alle famiglie, anche per coltivare il risparmio o i piccoli investimenti. In tale prospettiva, si alzi anche la soglia di detassazione dei salari di produttività che, allo stato attuale, per la sua modestia, rischia di non essere neanche avvertito dai lavoratori e dalla più generale esigenza di rilanciare consumi ed economia. La liberazione significativa delle tasse sul lavoro deve continuare ad essere un nostro obiettivo principale, non solo perché è un vantaggio per le imprese, ma perché se aumenta più ottimisticamente l occupazione, aumenta anche il nostro impegno professionale. E indubbio quindi che il Consulente del Lavoro di domani, non vuole governare la disoccupazione, ma vuole governare la nuova e sana occupazione in quella società che si chiama Italia e che rappresenta diverse eccellenze nel mondo. Come si vede c è una strada ambiziosa da percorrere: dalla nostra parte abbiamo la compattezza, la specialità della nostra professione, la competenza e l autorevolezza. Tutte qualità che sicuramente ci aiuteranno non poco al raggiungimento degli obiettivi più utili alla nostra professione ed al Paese intero. La vignetta - tra consulenti

5 pag. 5 - Edizione del 26 settembre - n XV del 2013 PRIMO PIANO Associati in partecipazione Necessaria la proroga Il presidente nazionale Ancl scrive al ministro Giovannini Il buon esito della verifica Inps comporta l estinzione degli illeciti in materia di versamenti contributivi, assicurativi e fiscali, anche già in essere al 23 agosto, anche con riferimento a forme di tirocinio avviate dalle aziende sottoscrittrici dei contratti collettivi. Ciò significa, spiega il ministero, che, fermo restando che la stabilizzazione riguarda solo gli associati, il buon esito estingue le eventuali sanzioni sull impiego sia di associati in partecipazione che di tirocinanti. Il Ministero ha avuto anche modo di chiarire che in caso di verifica ispettiva che ha rilevato irregolarità diverse dall improprio utilizzo dei contratti di associazione in partecipazione, la sanatoria è applicabiscrive Francesco Longobardi Presidente Nazionale Ancl Il recente DL 76/2013 come convertito successivamente in legge, ha introdotto l art 7-bis recante la cosiddetta sanatoria per lavoratori occupati in forma di associazione in partecipazione con apporto di lavoro. La medesima legge di conversione ha stabilito che l intera procedura, deve concludersi entro il prossimo 30 settembre. A prescindere dal merito del provvedimento, sulla sua bontà ed opportunità, a prescindere dal non aver compreso ancora quali forze sociali abbiano lavorato per sostenere tale sanatoria in sede di conversione, così come a prescindere dalla utilità di neanche mascherati condoni in materia di lavoro grigio, è indubbiamente necessario che ci si adoperi nell immediato per una proroga dei detti termini, in mancanza della quale si rischia di restringere sensibilmente la platea dei possibili fruitori. Ma ricapitoliamo: la novella introdotta dalla legge n. 99/2013, in vigore dal 23 agosto, disciplina una procedura agevolata per la stabilizzazione dell occupazione degli associati in partecipazione con apporto di lavoro. La procedura richiede la stipula di un contratto collettivo, di qualsiasi livello, tra giugno e settembre, che preveda l assunzione degli associati con contratto a tempo indeterminato, entro tre mesi, anche con apprendistato e ricorrendo anche a eventuali incentivi di legge. Unico vincolo: nei primi sei mesi dopo l assunzione il datore di lavoro può recedere solo per giusta causa o per giustificato motivo soggettivo. Alla sanatoria (ma si parli anche apertamente di condono) possono farvi ricorso tutte le aziende, incluse quelle già destinatarie di atti amministrativi o giurisdizionali, purché non definitivi, sulla qualificazione dei rapporti di lavoro. Interessa i «soggetti già parti del contratto, in veste di associati, di contratti di associazione in partecipazione con apporto di lavoro»; ma in tal caso, precisa il ministero, a prescindere dalla circostanza che per loro siano pendenti accertamenti ispettivi o siano stati adottati provvedimenti amministrativi o giurisdizionali non definitivi. Gli atti di conciliazione. La procedura prevede inoltre che, stipulato il contratto collettivo, i lavoratori interessati sottoscrivano specifici atti di conciliazione su «tutto quanto riguardante i pregressi rapporti di associazione», ex art. 410 del codice di procedura civile. In questo modo, dunque, viene messa la parola fine sul pregresso rapporto di lavoro. Tuttavia, l efficacia degli atti è risolutivamente condizionata al versamento alla gestione separata Inps, da parte del datore di lavoro, di una somma pari al 5% della quota di contribuzione a carico degli associati per i periodi di vigenza dei contratti di associazione, per massimo sei mesi. Ai fini della verifica della correttezza degli adempimenti, i datori di lavoro sono obbligati a depositare entro il 31 gennaio, presso l Inps: i contratti collettivi; gli atti di conciliazione; i contratti di lavoro stipulati con i lavoratori; l attestazione di versamento delle somme alla gestione separata Inps (copie F24). L Inps verifica che le assunzioni previste dal contratto collettivo siano state fatte e che ad esse corrispondano altrettanti atti di conciliazione, nonché i relativi versamenti alla gestione separata. L esito della verifica è comunicato, dall Inps, alle competenti direzioni territoriali del lavoro (DTL) e ai datori di lavoro interessati. All esito della verifica Inps sono legati gli effetti dei provvedimenti amministrativi o giurisdizionali già in essere e che, durante la procedura, restano sospesi. A tal fine il ministero riconosce alle aziende la facoltà di comunicare direttamente alla competente DTL l adesione alla stabilizzazione.

6 pag. 6 - Edizione del 26 settembre - n XV del 2013 PRIMO PIANO le solo ed esclusivamente a tali forme contrattuali, fermo restando la valenza delle altre irregolarità, per le quali procede senza variazioni l iter amministrativo e sanzionatorio. Come si può ben guardare, le procedure indicate dal provvedimento sono complesse e rimangono tali per ogni singola azienda interessata alla regolarizzazione. Non ultime, le difficoltà operative rimesse in così ristretto ambito temporale ai Consulenti del Lavoro chiamati a governare puntualmente gli adempimenti richiesti. E altrettanto evidente che in presenza di realtà aziendali medio-grandi, le ipotesi conciliative e le modalità di stabilizzazione dei lavoratori attraverso nuovi contratti di lavoro, si rilevano obiettivamente complesse e, come tali, non esauribili nel giro di qualche giorno ancora disponibile. E quindi assolutamente necessario che si provveda a prorogare i termini indicati dal provvedimento, peraltro a tutto vantaggio oltre che delle imprese che intendono regolarizzare anche dei lavoratori che possono formare oggetto di stabilizzazione. Si aggiunga anche che solo negli scorsi giorni si è formata una compiuta interpretazione applicativa della norma, secondo la quale è possibile accedere alla medesima procedura stabilizzatrice anche per i lavoratori utilizzati attraverso tirocini formativi. L ANCL Il sindacato unitario di categoria dei Consulenti del lavoro si è resa interprete della necessità della proroga attraverso una specifica richiesta formalizzata al Ministro del Lavoro ed alle strutture ministeriali competenti, interpretando le istanza di numerosissimi Consulenti del Lavoro giunte dall intero territorio nazionale (il testo della richiesta è disponibile sul sito C è da auspicarsi che le legittime richieste vengano accolte e che si renda maggiormente disponibile la stabilizzazione introdotta. La lettera di Longobardi al Ministro Oggetto: stabilizzazione di lavoratori occupati con contratto di associazione in partecipazione ed apporto di lavoro Com è noto, la legge di conversione del DL 76/2013 ha introdotto con l art. 7 bis del provvedimento una specifica procedura per la stabilizzazione di lavoratori occupati con contratto di associazione in partecipazione. La procedura in questione come fissato dalla legge deve concludersi entro il prossimo 30 settembre. Tale termine appare estremamente ravvicinato rispetto alla emanazione del provvedimento, ponendo aziende e Consulenti nella obiettiva difficoltà di esaurire le procedure previste entro il suddetto termine. Le disposizioni di prassi e le interpretazioni applicative più recentemente intervenute che hanno peraltro chiarito l estensione della citata procedura anche ai tirocini formativi, allargano la platea di potenziali fruitori nel breve margine di tempo rimanente. Si pregano pertanto le SS.LL. di voler valutare l opportunità di prorogare il suddetto termine, al fine di offrire la facoltà introdotta dalla norma ad un maggior numero di datori di lavoro e lavoratori. Certo di un pronto intervento a riguardo, si porgono i più cordiali saluti. Roma, 16 settembre 2013 Il Presidente Nazionale (Francesco Longobardi)

7 pag. 7 - Edizione del 26 settembre - n XV del 2013 PRIMO PIANO Consiglio Nazionale Ancl convocato per giovedì 3 ottobre L ordine del giorno della seduta presso l Oly Hotel Ai sensi e per gli effetti dell art. 36 del nuovo Statuto associativo, il Consiglio Nazionale dell Associazione è convocato in prima convocazione, alle ore 22,00, del giorno mercoledì 2 ottobre presso sede Ancl - SU via C. Colombo, 456 sc. b Roma, e in seconda convocazione, alle ore 10,30 del giorno giovedì 3 ottobre 2013 presso l Oly Hotel - via Santuario Regina degli Apostoli n. 36 Roma. Ordine del Giorno: 1. Approvazione verbale precedente; 2. Bilancio consuntivo anno 2012 relatore il Tesoriere Nazionale; 3. Bilancio preventivo anno relatore il Tesoriere Nazionale; 4. Relazione dei Sindaci Revisori Nazionali; 5. Approvazione bilancio consuntivo 2012 e bilancio preventivo 2014; 6. Quota Associativa Determinazioni; 7. Confprofessioni - delibera Confidi quota ANCL informativa sulle professioni non ordinistiche; 8. Risultanze Gruppi di lavoro Determinazioni; 9. Elezioni per il rinnovo di un componente Sindaci Revisori Enpacl Determinazioni; 10. Convenzioni/Protocolli d intesa; 11. Varie ed eventuali.

8

9 pag. 9 - Edizione del 26 settembre - n XV del 2013 FOCUS Scuola-lavoro: distanze da accorciare scrive Renzo La Costa Che vi sia stata coralmente una valutazione più che positiva in ordine al decreto legge varato dal Consiglio dei Ministri sul sistema scolastico, è fuori di dubbio. Non si può non esprimere il plauso per le risorse finanziarie ivi destinate, per il piano non marginale di nuove assunzioni, per l immissione in ruolo di migliaia di insegnati di sostegno, per l orientamento dal IV anno della scuola superiore e per la altre notevoli misure previste dal decreto in questione, che interviene dopo anni di tagli a scuole e università. E altresì fuori di dubbio che il miglioramento dell istruzione e dell offerta formativa ampiamente condivisa dalle forze politiche e non da oggi - sia alla base della costruzione dei cittadini di domani. Il tema centrale è proprio questo. Se è nobilmente e condivisibilmente al centro della attenzione il miglioramento del nostro sistema scolastico, è altresì evidente la necessità di intervenire non solo sul fronte dell insegnamento, ma anche e soprattutto sull altro pilastro del sistema, rappresentato dai fruitori del istruzione, cioè proprio quei cittadini di domani di cui sopra. Già. Perche quelli studenti fruitori del sistema, non frequentano la scuola per ingannare il tempo, ma evidentemente (ed anche questo è fuori discussione) per prepararsi ad una vita lavorativa, ed ancor prima, per essere in condizioni soggettive di accedere al mercato del lavoro con una adeguata preparazione. Lo snodo cruciale è proprio lì: ad oggi, la scuola vive di luce propria, il lavoro sta da un altra parte. L accompagnamento dello studente al prossimo mondo del lavoro appare ancora solo un tema di discussione, senza sviluppi concreti, senza iniziative diffuse e tangibili. Uno studente licenziato positivamente al quinto anno di scuola superiore, è certo ( non possibile, ma certo) che non possiede i minimi fondamenti conoscitivi del mercato del lavoro, né dei servizi per l impiego, né dei rapporti di lavoro previsti dalla nostra legislazione. Chiedere ad un neodiplomato proiettato nella ricerca di un lavoro, che cos è un certificato di disponibilità, o un lavoro subordinato, o una collaborazione a progetto, significherebbe altrettanto certamente esporlo ad una pessima figura. E in questo sistema apertamente carente, sembrerebbe quasi una bestemmia inserire almeno negli ultimi due anni delle scuole superiori, la disciplina d insegnamento della sicurezza sul lavoro, al pari e con pari dignità dell educazione civica o dell educazione stradale. Ciò semplicemente perchè quei cittadini di domani, non devono essere solo formati al rispetto delle leggi e delle regole, alla conoscenza della Costituzione, della storia del nostro paese e ancora molto timidamente sul sistema europeo dei Paesi membri, ma soprattutto devono essere formati a quella cultura del lavoro che impegnerà il resto della loro vita. E scusate se è poco. Tanto è il divario tra scuola e lavoro senza ancora un serio meccanismo di transizione, che tanto per darne un esempio nel rapporto di apprendistato (ovvero quel rapporto che è lo strumento primario e privilegiato per l ingresso al lavoro) si è avvertita la necessità tra l altro della formazione di base del giovane apprendista che è dichiaratamente rivolta al recupero del deficit scolastico. In altre parole, la scuola non ha funzionato a dovere in termini di transizione, e il datore di lavoro se ne deve accollare gli oneri. Sistema questo davvero lontano da ben diverse concezioni adottate in altri Stati europei. Già nella rappresentazione dell apprendistato, in Francia, ad esempio, tale rapporto viene definito dalla legge n. 572/87 «una forma di istruzione alternata al lavoro», già percorribile al termine della scuola dell obbligo (16 anni). In Germania, la gran parte dei giovani che non vuole continuare gli studi nel sistema di istruzione dopo il ciclo dell obbligo, si inserisce in percorsi di formazione professionale in alternanza lavorativa, offerti dal sistema duale ovvero nel sistema di apprendistato Tedesco. Si tratta di percorsi caratterizzati dall alternanza formativa fra due luoghi: la scuola e l azienda. Obiettivo di questa formazione è quello di fornire un ampia preparazione professionale di base e le conoscenze e le abilità tecniche necessarie per svolgere un attività professionale qualificata. Nei Paesi Bassi, il sistema di istruzione e formazione è disciplinato dalla Legge sull Educazione e sulla Formazione professionale: in termini generali, il sistema educativo olandese si caratterizza per un obbligo scolastico della durata di dodici anni, assolto a tempo pieno all interno di una scuola, mediamente dai 5 ai 16 anni e un obbligo formativo fino ai 18 anni di età, che accoglie i giovani che dopo i 16 anni non frequentano nessun altro percorso. Bastano i suddetti esempi, per comprendere quanto i sistemi di istruzione dei coinquilini europei, mirano dritti alla formazione del lavoratore, al garantire un percorso idoneo e tangibile all ingresso nel mercato del lavoro. Su questo particolare aspetto, va colta davvero con i migliori auspici la destinazione del

10 pag Edizione del 26 settembre - n XV del 2013 FOCUS predetto decreto legge di circa 6,6 milioni di euro riservati all orientamento. C è da augurarsi, per il migliore futuro di quei prossimi cittadini lavoratori, che una reale educazione o cultura del lavoro si possa radicare nel nostro sistema d istruzione. Sperando che non sia persa un altra occasione per fare davvero sul serio, in un mercato del lavoro già di per sé difficile, che perlomeno sia reso possibile. Apprendistato: le novità dal 1 ottobre scrive RLC Cambia, dal 1 ottobre, la gestione della formazione degli apprendisti: il piano formativo individuale sarà obbligatorio solo per la formazione tecnico-professionale, quella cioè che i contratti collettivi consentono di svolgere contestualmente alla prestazione lavorativa. Quanto alla formazione di base e trasversale, questa sarà oggetto di offerta formativa pubblica resa disponibile dalle Regioni. Dalla medesima data, il DL 76/2013 come convertito, ha introdotto anche la registrazione della formazione impartita, anche attraverso un modello semplificato analogo al libretto del cittadino (vedasi in proposito il DM 10 ottobre 2005 nonché La registrazione della formazione dell apprendista nella sezione Guide del sito Quanto alla sussistenza della obbligatorietà della formazione di base e trasversale, il Ministero del Lavoro ha chiarito nella circolare nr. 35/2013 che rimane intatto l obbligo medesimo, in tutti i casi in cui vi sia l offerta formativa pubblica. In caso di regioni che non rendano disponibile alcuna offerta formativa, il datore di lavoro non è obbligato a dover ricorrere a corsi diversi o privati. Altro passaggio degno di nota, è quello relativo al sistema sanzionatorio adottabile in caso di mancata o difforme formazione. Secondo la predetta circolare, infatti, l attenzione assolutamente prioritaria che il personale ispettivo deve porre in essere riguarda il rispetto del piano formativo. Essendo quindi escluso dal piano formativo l eventuale tranche della formazione di base e trasversale, questa fase sarà ininfluente in relazione alle verifiche inerenti la dovuta formazione. Va in proposito osservato che l esclusione dal piano formativo della formazione di base e trasversale è stata introdotta dal citato DL 76: potrebbe quindi opinarsi che tutti i contratti di apprendistato stipulati prima dell entrata in vigore di detta disposizione, possono prestarsi a verifiche del piano anche con riguardo alla formazione di base. Appare inoltre ancora incompiuta ancorchè espressamente prevista dalla disposizione in commento l omogeneizzazione della disciplina inerente le imprese multi localizzate: infatti, per tali imprese, pur essendo previsto che la disciplina da osservarsi può essere quella della regione ove l impresa ha la propria sede legale, di fatto potrà verificarsi la formazione di un apprendista nella regione d origine ove è presente l offerta formativa pubblica, e la formazione di un apprendista in una regione nella quale tale offerta formativa non sussiste, rendendo impossibile l utilizzo della medesima disciplina. Non è da sottintendere, in tal caso, che una azienda multi localizzata che intende realizzare un complessivo inserimento di apprendisti per una determinata qualifica, si troverà con apprendisti formati anche dal sistema pubblico, ed altri che saranno carenti di tali competenze. Gli ultimi dati sull apprendistato disponibili, confermano il persistere di una sostanziale diffidenza verso tale forma contrattuale: secondo i numeri forniti dall Isfol nell ultimo rapporto, il 2010 ha registrato un calo dell -8,9% sull anno precedente, ed un ulteriore calo di contratti stipulati nel 2011 del -6,9%. E evidente che quello che ancora scoraggia è la frammentazione regionale delle discipline ed opportunità, il continuo rimescolare le regole, e conseguentemente un quadro normativo in movimento che non rassicura. E di altrettanta evidenza che non è uno sgravio contributivo, pur interessante a guidare la scelta strategica del datore di lavoro in ordine alle tipologie di rapporti da instaurare. La fuga verso altre forme contrattuali non sempre legittime o trasparenti, è servita. Le considerazioni esposte sono frutto esclusivo del pensiero dell autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l amministrazione pubblica di appartenenza.

11 pag Edizione del 26 settembre - n XV del 2013 FOCUS Modello UNICO 2013: ultimi controlli per l invio in scadenza al 30 settembre subite indicando il codice 1 nella casella situazioni particolari; INVIO AVVISO TELEMATICO: prestare attenzione alla casella invio telematico all intermediario in quanto in caso di barratura e di conseguente accettazione con la segnalazione nella casella ricezione avviso telematico l avviso in oggetto verrà inviato all intermediario; in caso di mancata scelta la comunicazione sarà inviata con raccomandata A/R al domicilio fiscale del contribuente; è d obbligo ricordare che l intermediario è obbligato a portare a conoscenza gli interessati della ricezione della comunicazione di irregolarità ricevuta e che il contribuente ha 30 gg. di tempo, decorsi i 60 gg. dalla trasmissione dell avviso all intermediario, per versare il dovuto con riduzione delle sanzioni ad 1/3 (fatti salvi accessi agli uffici per sistemare l avviso); COMUNICAZIONI ANOMALIE STUDI SETTORE: novità prevista per il corrente anno e, in caso di barratura della casella, le eventuali comunicazioni saranno inviate direttamente all intermediario; VISTO DI CONFORMITà: il responsabile del CAF o il professionista abilitato dopo aver verificato la conformità dei dati indicati nella dichiarazione può concedere il visto di conformità alla dichiarazione (si ricorda l obbligatorietà del visto per l utilizzo del credito IVA in compensazione se di importo superiore ai euro); STUDI DI SETTORE: controllare l effettiva compilazione del modello e l indicazione delle eventuali cause di esclusione: da quest anno i soggetti obbligati alla presentazione del modello dei dati rilevanti per l applicazione degli studi di settore che non trasmettono lo Studio unitamente al Modello UNICO 2013, si troveranno l attestazione di avvenuta ricezione dei «file» di dichiarazioni con l indicazione dell invito a presentare il modello di comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell applicazione degli studi di settore (questa nuova modalità di comunicazione telematica consente al contribuente che non ha provveduto alla presentazione del modello degli studi di settore di porvi rimedio senza incorrere nelle sanzioni previste dal D.L. n. 98/2011 (la sanzione per omessa presentazione del modello studi di settore, a prescindere da ulteriori aspetti quali ad esempio l accertamento induttivo puro, ecc., è di euro). Occorrerà chiarire se sia espescrive Celeste Vivenzi A pochi giorni dalla scadenza prevista per l invio telematico del Modello Unico 2013, con il presente contributo si intende concentrare l attenzione del Contribuente/Professionista al fine di predisporre le dichiarazioni in maniera corretta. Oltre ovviamente alla compilazione e alla verifica dei quadri contabili, ecco in sintesi i controlli principali che l intermediario deve effettuare: FRONTESPIZIO MODELLO: controllare che siano state barrate le caselle interessate (redditi, IVA, modulo rw, quadro VO, quadro AC, Studi, Parametri e Ine); se vi fosse la necessità di presentare una dichiarazione integrativa occorre accertarsi di aver barrato le caselle correttiva nei termini, dichiarazione integrativa, dichiarazione integrativa a favore e dichiarazione integrativa art.2 DPR a seconda del caso; la casella eventi eccezionali deve essere barrata in presenza delle condizioni richieste dalla normativa (vittime usura, soggetti colpiti dal sisma/avversità atmosferiche ed eventi eccezionali); DATI DEL CONTRIBUENTE: prestare attenzione ai cambi di residenza indicando il giorno, mese e anno in cui è intervenuta la variazione tenendo in considerazione che gli effetti decorrono dal 60 giorno successivo a quello in cui si è verificata; DICHIARAZIONE PRESENTATA DAGLI EREDI/AL- TRI SOGGETTI: i soggetti devono indicare i loro dati anagrafici e il codice carica (si tratta dei soggetti eredi del contribuente ovvero del curatore fallimentare); CANONE RAI IMPRESE: come previsto dall art.17 del D.L le imprese e le società devono indicare il numero di abbonamento speciale e la categoria di appartenenza del relativo canone RAI oppure indicare il codice 3 in caso di mancata detenzione dell apparecchio televisivo FIRMA DELLA DICHIARAZIONE: il contribuente deve sottoscrivere la dichiarazione a pena di nullità della stessa; SITUAZIONI PARTICOLARI: la casella riguarda i contribuenti minimi che possono scomputare nel quadro LM consorzi e imprese le ritenute

12 pag Edizione del 26 settembre - n XV del 2013 FOCUS ribile o meno la procedura del ravvedimento operoso nel caso in cui il contribuente intenda ravvedersi entro il termine di presentazione del modello UNICO 2014 presentando entro tale data la dichiarazione integrata del modello studi di settore (riduzione delle sanzioni ad 1/8 e pagare soltanto 258 euro in luogo dei citati euro) in quanto, nel caso di specie, vi è dire che l Agenzia delle entrate è a conoscenza dell inadempimento (certificato dalla ricevuta entratel) e il fatto potrebbe rappresentare una causa ostativa al ravvedimento in questione (sarebbe interessante sapere cosa ne pensa a proposito la stessa Agenzia).

13 pag Edizione del 26 settembre - n XV del 2013 FOCUS Errati versamenti, chiarimenti dell Agenzia delle Entrate con la circolare n.27/2013 scrive Ce. Vi. Con la circolare in oggetto l Agenzia è intervenuta per chiarire i seguenti punti fondamentali: 1) errori relativi al versamento con maggiorazione dello 0,4% (differimento entro 30 gg.) delle imposte; 2) versamenti relativi ai ravvedimenti operosi; 3) errori nei versamenti relativi agli istituti deflattivi; 4) periodo transitorio: la circolare n.27/2013 AE chiarisce che in attesa di un cambiamento del software di controllo al contribuente giungeranno avvisi calcolati con i criteri previgenti alla circolare in oggetto; il contribuente potrà comunque rivolgere autotutela all ufficio ai fini di richiedere il calcolo corretto delle sanzioni e degli interessi dovuti. TABELLA DEI PUNTI PRINCIPALI PAGAMENTI CON MAGGIORAZIONE 0,4% Come noto, i versamenti derivanti dalla dichiarazione annuale possono essere differiti nei 30 gg. successivi applicando la maggiorazione dello 0,4% a titolo di interessi. Tale maggiorazione non va indicata nel modello F24 con un codice tributo separato ma va aggiunta al tributo dovuto; la problematica dava quindi origine al problema se ritenere il versamento tardivo oppure legalmente differito (magari con versamento carente). In via generale l Agenzia applicava la prima ipotesi. Esempio: IRPEF da versare a saldo euro scadente il 16 giugno 2013; il contribuente decide di versare in unica soluzione il debito al con la maggiorazione dello 0,4% (20 euro) ma per errore versa solo i euro di pura imposta. L Agenzia emetteva avviso per tardivo versamento con sanzione del 30 % (1.500 euro) fatta salva la possibilità di procedere al ravvedimento operoso (versando 2 euro + interessi e sanzione pari ad 1-10 se entro 30 gg ovvero 20 euro + interessi e sanzione pari ad 1-8 se dopo 30 gg. ed entro il 30 settembre dell anno successivo). LA POSIZIONE ATTUALE DELL AGEN- ZIA invece considera il versamento legittimamente differito e l Ufficio chiederà al contribuente una maggiore imposta di 20 euro unitamente agli interessi su 20 euro e alla sanzione del 30% sempre su 20 euro (il contribuente potrà comunque versare entro 30 gg. e ridurre la sanzione ad 1-3 ovvero al 10%). Lo stesso principio si applica anche alla casistica dei versamenti parziali quindi: se ho un debito di euro e ne verso con la maggiorazione dello 0,4% entro 30gg. l ufficio calcolerà la sanzione del 30 % sulla parte residua e gli interessi sempre sul residuo dovuto.

14 pag Edizione del 26 settembre - n XV del 2013 FOCUS PROCEDURA DEL RAVVEDIMENTO OPEROSO VERSAMENTI RELATIVI AGLI ISTITUTI DEFLATTIVI La circolare conferma la possibilità di compiere il ravvedimento parziale ovvero: se ho un debito di euro posso procedere al versamento alla scadenza originaria di una quota (esempio 1.000) e poi al versamento delle altre quattro rate di euro calcolando gli interessi (2,5% a decorrere dalla data originaria) e la sanzione del 30% ridotta ad 1-10 se il versamento si effettua entro 30 gg. ovvero ad 1-8 se dopo i 30 gg. L agenzia chiarisce l importanza di determinare la volontà del contribuente nell effettuare il ravvedimento (occorre manifestare la volontà tramite l indicazione nel modello F24 del codice tributo riferito alle sanzioni). In buona sostanza con la procedura del ravvedimento operoso l ufficio tiene in considerazione i seguenti aspetti: 1) verifica la volontà del contribuente di effettuare il ravvedimento; 2) verifica la correttezza delle sanzioni e degli interessi applicati; 3) emette avviso bonario sulla differenza d imposta non versata con applicazioni delle sanzioni e degli interessi. L esempio della circolare riguarda i versamenti per acquiescenza, definizione delle sole sanzioni e accertamento con adesione (non soni citati gli avvisi bonari, l adesione al pvc o l invito al contraddittorio). Deve trattarsi di errori materiali nei versamenti di lieve entità e il contribuente deve provvedere al più presto alla loro regolarizzazione. Quindi l ufficio, in virtù del principio di economicità dell azione amministrativa, valuta se si è in presenza di carente versamento integrato con lieve ritardo al fine di considerare valida la definizione della lite (il contribuente può tentare comunque di rimettere la valutazione all ufficio sperando in una risposta positiva anche nelle ipotesi non previste dalla circolare). ESEMPIO RAVVEDIMENTO A RATE Debito euro scadenza originaria 16 giugno 2013 Per mancanza di liquidità il contribuente versa al 16 giugno euro 1.000; In data 30 giugno procede al versamento di altri euro Calcolando gli interessi per giorni 14 dal 16 giugno al 30 giugno nella misura del 2,5%/anno; calcolando la sanzione dello 0,2% per 14 gg. (2,80 ravvedimento breve); In data 31 luglio procede al versamento del residuo di euro calcolando: - Interessi nella misura del 2,5%/anno per gg. 45 su euro 3.000; - Sanzione del 3,75% (1-8 del 30%) su euro N.B. Se in data 30 luglio il contribuente subisce una verifica che preclude il ricorso alla procedura del ravvedimento l ufficio procederà alla richiesta della sanzione del 30% sull importo di euro e gli interessi calcolati dal 16 giugno 2013.

15 pag Edizione del 26 settembre - n XV del 2013 FOCUS Prepensionamento a carico delle aziende Al punto 3. 2 della circolare n. 119 del 1 agosto 2013, l INPS ha chiarito, opportunamente, che Ai fini del perfezionamento dei requisiti contributivi per il diritto alla prestazione sono utili anche i pescrive Livio Lodi (seconda PARTE) La posizione dei lavoratori Con riferimento al punto in epigrafe, l art. 4, comma 2, della legge 28 giugno 2012, n. 92, pone l unica condizione che I lavoratori coinvolti nel programma di cui al comma 1 [quelli cioè oggetto dell accordo per l incentivazione all esodo, n. d. a.] debbono raggiungere i requisiti minimi per il pensionamento, di vecchiaia o anticipato, nei quattro anni successivi alla cessazione dal rapporto di lavoro. La legge non individua perciò requisiti specifici per l accesso alla prestazione, ma ne subordina riconoscimento al perfezionamento dei requisiti minimi contributivi ed anagrafici, a carico dell assicurazione previdenziale di appartenenza, entro il periodo massimo di fruizione della prestazione in argomento (che abbiamo già riferito essere di non più di quattro anni). Considerato perciò che gli accordi potranno essere stipulati unicamente dopo l entrata in vigore della c. d. Riforma Monti/Fornero (come è noto, 1 gennaio 2012), i requisiti anagrafico-contributivi per l accesso ai trattamenti pensionistici non potranno essere che quelli più severi stabiliti dalla riforma medesima. L accertamento di tale requisito necessita, per quanto ovvio, dell avallo dell INPS, il quale, in qualità di Ente gestore delle posizioni assicurative dei singoli lavoratori, potrà verificare la sussistenza della condizione più sopra accennata, condizione che si qualifica come imprescindibile anche per la validità della cessazione del rapporto di lavoro. Ciò è stato confermato dal più volte citato Ministero del lavoro e delle politiche sociali alla lettera C della circolare n. 24, laddove si recita che Nel caso di accordo con adesione del lavoratore, infatti, quest ultima sarà resa invalida dalla mancata sussistenza dei presupposti. Qualora, invece, ci si trovi nell ipotesi di accordo nell ambito di una procedura di licenziamento collettivo di cui agli articoli 4 e 24 della legge 223/1991, sarà il coinvolgimento del lavoratore ad essere inficiato. riodi contributivi maturati all estero in Paesi ai quali si applica la regolamentazione comunitaria in materia di sicurezza sociale (Stati UE [Unione europea, n. d. a.], Svizzera e Paesi SEE [Spazio economico europeo, n. d. a.]) e in Paesi legati all Italia da convenzioni bilaterali di sicurezza sociale, rispettando il minimale di contribuzione per l accesso alla totalizzazione previsto dalla normativa comunitaria (52 settimane) o dalle singole convenzioni bilaterali. Coloro che vogliono far valere periodi di contribuzione nelle gestioni previdenziali dei lavoratori autonomi amministrate dall INPS (coltivatori diretti, mezzadri, coloni, artigiani, commercianti) perfezionano i requisiti per il diritto alla prestazione con i contributi versati in dette gestioni [che, è noto, sono più rigorosi rispetto a quelli vigenti nell A. G. O. e nei Fondi sostitutivi della medesima, n. d. a.]. In tali casi l accertamento del diritto alla pensione deve essere effettuato secondo le disposizioni della gestione dei lavoratori autonomi nella quale il lavoratore ha contribuito da ultimo. Ai fini del perfezionamento dei requisiti contributivi per il diritto alla prestazione, i contributi eventualmente versati per gli stessi periodi in più gestioni assicurative devono essere computati una sola volta. Si precisa che non può essere accolta la domanda di prestazione finalizzata alla pensione anticipata nel caso in cui il lavoratore sia già titolare di pensione di invalidità [quelle riconosciute sulla base dei requisiti contributivi e sanitari antecedenti all entrata in vigore della legge 12 giugno 1984, n. 222, ossia le prestazioni aventi decorrenza originaria antecedenti al 1 agosto 1984, n. d. a.] ovvero di assegno ordinario di invalidità [quelle riconosciute con decorrenza originaria a partire dalla suddetta data, n. d. a.]. Inoltre, il conseguimento, entro i quattro anni successivi dei requisiti per il pensionamento, dovrà essere verificato tenendo presenti le regole vigenti all atto della cessazione del rapporto di lavoro, comprensivi degli adeguamenti relativi all incremento della speranza di vita accertati fino a quel momento. Il che significa che dovranno essere considerati, ai fini del riscontro della sussistenza del requisito di cui sopra, i soli incrementi della speranza di vita già rilevati al momento della cessazione del rapporto di lavoro e non anche quelli che matureranno nel corso degli anni successivi a tale ultima data, la qual cosa fornisce indubbiamente una base di certezza nella gestione dell intrigata vicenda lavoristicoprevidenziale. Per contro, l accertamento del diritto alla futura pensione al termine del percorso di avvicinamen-

16 pag Edizione del 26 settembre - n XV del 2013 FOCUS to alla medesima dovrà essere verificato tenendo conto sia degli incrementi della speranza di vita intervenuti dopo il riconoscimento della prestazione, sia degli innalzamenti dei requisiti di accesso ai trattamenti pensionistici nel frattempo legiferati. Premesso che tale complesso argomento sarà ripreso successivamente allorchè si parlerà della necessità di procedere alla rideterminazione dell importo della fideiussione bancaria, al momento sembra sufficiente anticipare che l INPS, sul piano meramente amministrativo, ha stabilito che l erogazione della prestazione a carico del datore di lavoro esodante proseguirà per l ulteriore periodo necessario, fermo restando il limite di 48 mesi: ciò comporterà ovviamente anche l eventuale rimodulazione dell importo della garanzia fideiussoria. Il comma cinque della legge n. 92 precisa inoltre che A seguito dell accettazione dell accordo di cui al comma 1 [quello finalizzato all incentivazione all esodo, n. d. a.] il datore di lavoro è obbligato a versare mensilmente all INPS la provvista per la prestazione e per la contribuzione figurativa, laddove il comma sette ribadisce il concetto sottolineando ulteriormente che Il pagamento della prestazione avviene da parte dell INPS con le modalità previste per il pagamento delle pensioni. L Istituto provvede contestualmente all accredito della relativa contribuzione figurativa. A tale riguardo vale la pena di sottolineare che la messa in quiescenza del lavoratore comporterà per il medesimo, in ogni caso, una perdita economica (di qui anche la conferma dell indispensabile carattere della volontarietà dell esodo), dal momento che, qualora il soggetto interessato non aderisse al prepensionamento, potrebbe incrementare l importo della futura pensione semplicemente differendo la decorrenza al di là di quella che conseguirebbe al termine del percorso previsto dall art. 4 della legge n. 92. L estensione del metodo di calcolo nel sistema contributivo a tutte le tipologie di trattamenti pensionistici operata con la Riforma Monti/Fornero, farà sì che anche i soggetti che abbiano superato i 40 anni di contribuzione potranno avere interesse a procrastinare il pensionamento, dal momento che il tetto-limite quarantennale non potrà essere applicato alle anzianità che si pongono temporalmente dopo il 31 dicembre 2011 nei confronti di coloro che abbiano titolo al riconoscimento del sistema di calcolo nel metodo retributivo. Allo stesso tempo giova rammentare che, a partire dal 1 gennaio 2012, sulla base della disposizione contenuta nell art. 24, comma 4, del decreto legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214, l efficacia delle disposizioni di cui all art. 18 della legge 20 maggio 1970, n. 300 e successive modificazioni, opera fino al raggiungimento del predetto limite massimo di flessibilità [settanta anni di età, fatti salvi gli adeguamenti alla speranza di vita]. Ne consegue che il divieto di recesso ad nutum del datore di lavoro nei cui confronti si applichi il c. d. Statuto dei lavoratori, fino al 31 dicembre 2011 limitato alla sola data del conseguimento dei requisiti anagrafici minimi per il diritto alla pensione di vecchiaia, è ora protratto al raggiungimento del settantesimo anno di età, consentendo così, anche in questo caso, una ulteriore lievitazione dell importo della futura pensione. La posizione dei lavoratori (continua): le modalità di calcolo della prestazione I prestatori d opera riceveranno dal datore di lavoro, sia pure per il tramite dell INPS, una prestazione di importo pari al trattamento di pensione che spetterebbe in base alle regole vigenti e si vedranno accreditata nella propria posizione assicurativa la contribuzione fino al raggiungimento dei requisiti minimi per il pensionamento. (art. 4, comma 1, della legge 28 giugno 2012, n. 92). Dal testo della norma non è dato modo di affermare in modo incontestabile se nel calcolo della prestazione di cui sopra debba essere compresa anche la contribuzione relativa al periodo che intercorre dalla data del collocamento in esubero fino a quella della maturazione dei requisiti alla pensione ovvero se in detto computo la contribuzione in questione debba rimanerne esclusa. Ricorrendo la prima ipotesi, si renderebbe necessario calcolare provvisoriamente l importo del trattamento senza includervi i periodi di assicurazione che dovranno essere ancora versati dal datore di lavoro, salvo poi a rideterminarla alla data di maturazione dei requisiti, comprendendovi la contribuzione nel frattempo accreditata. La questione è stata tuttavia risolta sul piano amministrativo dall INPS, il quale, al punto 7 della più volte citata circolare n. 118, ha chiarito che Il valore della prestazione è pari all importo del trattamento pensionistico che spetterebbe al lavoratore al momento di accesso alla prestazione medesima, in base alle regole vigenti, esclusa la contribuzione figurativa correlata che il datore di lavoro si impegna a versare per il periodo di esodo. Operando in tal modo, al prestatore d opera sarà effettivamente corrisposta, fino al termine del percorso che porta al pensionamento, il trattamento, sostitutivo della retribuzione, che gli spetterebbe in base alle regole vigenti, anche in considerazione del fatto che non si tratta di una pensione vera e propria, bensì di una prestazione a carico del datore di lavoro, per cui si appalesa maggiormente conforme all architettura della norma determinarne l importo escludendone il periodo di contribuzione che sarà versata dall azienda (che come vedremo a breve si qualifica come di natura figurativa ). Sempre con riferimento all importo della prestazio-

17 pag Edizione del 26 settembre - n XV del 2013 FOCUS ne, e sempre allo stesso punto 7 dell appena citata circolare, è stato ulteriormente specificato che Eventuali benefici pensionistici utili per il diritto e la misura, previsti da specifiche disposizioni legislative (ad esempio: maggiorazione del periodo di servizio effettivamente svolto da soggetti portatori di invalidità superiore al 74%, benefici amianto, ecc.) devono essere valutati ai fini del diritto e della determinazione dell importo pensionistico [riteniamo che l INPS abbia voluto intendere dell importo della prestazione, n. d. a.]. Sull importo della prestazione non è attribuita la perequazione automatica, non spettano i trattamenti di famiglia (ANF), non possono essere effettuate trattenute per il pagamento di oneri (ad esempio: per riscatti e ricongiunzioni che devono quindi essere interamente versati prima dell accesso alla prestazione; per cessione del quinto dello stipendio; per mutui, ecc.). La prestazione non è reversibile. In caso di decesso del beneficiario, ai superstiti viene liquidata la pensione indiretta, con le norme ordinarie, tenendo conto anche della contribuzione figurativa correlata versata in favore del lavoratore durante il periodo di erogazione della prestazione. Al successivo punto 12 della stessa norma di prassi l INPS ha altresì specificato che La prestazione è soggetta alla tassazione ordinaria. Le detrazioni spettanti per lavoro dipendente e per familiari a carico vengono attribuite a seguito della presentazione della relativa dichiarazione, ai sensi dall articolo 23 del DPR n. 600 del 29 settembre 1973 come modificato dall articolo 1, comma 221, della legge n. 244 del 24 dicembre 2007, e successive modifiche ed integrazioni. La precisazione non fa altro che ribadire il regime di imposizione fiscale in vigore per tutte le altre prestazioni non pensionistiche erogate dall INPS (indennità di disoccupazione, ora ASpI, indennità economica di malattia e maternità, integrazione salariale, ecc.) nelle quali l Ente medesimo, ovvero il datore di lavoro in ipotesi di erogazione diretta da parte di quest ultimo, assumono, come sappiamo, la funzione di sostituto d imposta. Il lavoratore infra sessantaduenne potrebbe inoltre incorrere nel sistema delle penalizzazioni previste dall art. 24, comma 10, del decreto legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214 (riduzione, sulla quota di trattamento pensionistico calcolata secondo il sistema retributivo, pari ad un punto percentuale per ogni anno di anticipo nell accesso al pensionamento anticipato rispetto all età di 62 anni: tale percentuale è elevata a due punti percentuali per ogni anno ulteriore di anticipo rispetto a due anni). Ciò in quanto l articolo 4, comma 1, della legge 28 giugno 2012, n. 92, dispone che al soggetto che accede all esodo, il datore di lavoro deve corrispondere una prestazione di importo pari al trattamento di pensione che spetterebbe al lavoratore in base alle norme vigenti. Al punto 8 della circolare n. 119 l INPS, nel rammentare che Il comma 2-quater dell articolo 6 del decreto legge n. 216 del 2011, convertito dalla legge n. 14 del 2012, ha stabilito che le disposizioni dell articolo 24, comma 10, terzo e quarto periodo, del più volte citato decreto legge n. 201 del 2011, in materia di riduzione percentuale dei trattamenti pensionistici, non trovano applicazione, limitatamente ai soggetti che maturano il previsto requisito di anzianità contributiva entro il 31 dicembre 2017, qualora la predetta anzianità contributiva ivi prevista derivi esclusivamente da prestazione effettiva di lavoro, includendo i periodi di astensione obbligatoria per maternità, per l assolvimento degli obblighi di leva, per infortunio, per malattia e di cassa integrazione guadagni ordinaria., ha ulteriormente specificato che Al riguardo, si fa presente che la contribuzione figurativa correlata accreditata a seguito della cessazione dell attività lavorativa per accedere alla prestazione in parola non è utile per evitare la riduzione della pensione anticipata. Infatti, ai fini della determinazione dell anzianità contributiva utile per conseguire, da parte dei soggetti di che trattasi, la pensione anticipata senza la riduzione, deve essere valutata esclusivamente la contribuzione prevista dal comma 2-quater del citato articolo 6. Anche in questo caso, non aderendo all esodo ed operando per contro il differimento dell accesso al pensionamento, ancora di alcuni anni (che potrebbero anche essere contenuti nell ordine di uno o due), il lavoratore potrebbe evitare la riduzione appena citata, riduzione che, diversamente, gli farebbe carico per tutto il periodo di godimento della prestazione. A tal fine si può legittimamente assumere che qualora all interno del lasso temporale che porta al prepensionamento il lavoratore abbia raggiunto il sessantaduesimo anno di età, mentre il regime di penalizzazione dovrà ovviamente continuare ad essere applicato per tutta la durata del periodo di percezione della prestazione sostitutiva della retribuzione, sulla pensione che sarà successivamente riconosciuta, la restrizione non dovrà essere applicata o per lo meno così si ha modo di assumere: come dire che, ricorrendo tale caso-limite, la penalizzazione applicata sulla prestazione da esodo non si trasferisce sulla pensione. Anche su questo punto sarebbe quanto mai opportuna una precisazione da parte di chi di competenza. Il soggetto interessato all esodo dovrà pertanto prestare la massima attenzione, valutando i pro ed i contro, prima di aderire alla richiesta datoriale, avvalendosi magari della consulenza degli enti di

18 pag Edizione del 26 settembre - n XV del 2013 FOCUS patronato o dei professionisti che operano nello specifico settore, che potrebbero predisporre una simulazione dell importo approssimativo dei due diversi trattamenti pensionistici (quello immediatamente successivo al termine del periodo di esodo e quello che percepirebbe operando un differimento della richiesta di pensione in quanto non aderente allo stesso esodo) a cui il lavoratore potrebbe alternativamente accedere e regolarsi di conseguenza. Prima di concludere il paragrafo, vale la pena di sottolineare che il lavoratore interessato alla procedura di esodo non potrà beneficiare delle misure di sostegno del reddito, in particolare né all ASPI e né all indennità di mobilità. Egli tuttavia avrà la possibilità di proseguire il versamento dei contributi sindacali a favore dell organizzazione di appartenenza firmataria dell accordo aziendale. A tale ultimo riguardo, al punto 9 della circolare n. 119, l INPS ha tuttavia fatto riserva di successive istruzioni in merito. Infine Entro il mese di scadenza della prestazione, il lavoratore ha l onere di presentare domanda di pensione alla sede INPS competente, non essendo prevista la trasformazione automatica di questa prestazione in pensione. (punto 11 della circolare n. 119). Anche in questo caso bisognerà prestare la massima attenzione, atteso che, in ipotesi di conseguimento di un trattamento di prestazione per anzianità (ora pensione anticipata), la presentazione della domanda costituisce una conditio iuris per la sua erogazione (con la conseguenza della perdita delle rate antecedenti alla data di presentazione tardiva della richiesta), laddove invece il contenuto patrimoniale sotteso alla pensione di vecchiaia può essere riconosciuto anche con effetto retroattivo, giusta previsione contenuta nell art. 6, comma 2, della legge 23 aprile 1981, n Qualche dubbio si porrebbe, pur nel silenzio della norma, circa l eventuale cumulabilità di altro reddito da lavoro (subordinato, autonomo, parasubordinato o di lavoro accessorio che sia) con la nuova prestazione: non bisogna infatti dimenticare che l importo mensile che percepirà il lavoratore non riveste le caratteristiche di un trattamento pensionistico, per cui nel caso specifico non opera (o per lo meno così sembrerebbe di poter assumere) la liberalizzazione del cumulo offerta dall art. 19 del decreto legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito in legge, con modificazioni, dall art. 1, comma 1, della legge 6 agosto 2008, n A tale riguardo merita segnalazione il fatto che, nonostante che la circolare dell INPS n. 119, al punto 16, affermi che la legge in esame non prevede specifiche disposizioni per quanto riguarda il cumulo della prestazione in questione con eventuali redditi da lavoro dipendente o autonomo, per cui non si dovrà provvedere ad operare alcuna riduzione dell importo della prestazione in caso di rioccupazione, una situazione di incertezza si registra in relazione alla circostanza che l attività lavorativa esercitata durante il godimento della prestazione potrebbe dar luogo (anzi la cosa può essere data per certa nella maggioranza dei casi) all accreditamento della contribuzione ad essa sottostante. Ricorrendo tale evenienza, bisognerà stabilire se la contribuzione figurativa versata dal datore di lavoro interessato all esodo potrà essere utilmente asservita alla posizione assicurativa che fa capo al lavoratore esodante, ovvero se dovrà essere annullata con conseguente restituzione all azienda che se ne è fatta carico. Meno percorribile si presenta infatti la strada dell utilizzo della doppia contribuzione nella quantificazione dell importo della futura pensione che sarà riconosciuta al termine del percorso di esodo: ciò in quanto si tratta non già di due contribuzioni conseguenti ad altrettanti rapporti di lavoro posti legittimamente in essere (come spesso accade peraltro nella realtà previdenziale), bensì di contributi assicurativi che semplicemente si giustappongono temporalmente nello stesso periodo, di cui uno effettivamente collegato ad un rapporto di lavoro ed un altro derivante, come più volte sottolineato, da una contribuzione c. d. figurativa, la cui sussistenza ed efficacia è, in linea gerarchica, normalmente subordinata alla prima. A ciò bisogna aggiungere l ulteriore complicazione secondo la quale, alla contribuzione figurativa in generale non è sotteso alcun obbligo di versamento da parte del soggetto a favore della quale viene accreditata (il suo riconoscimento si effettua infatti a titolo gratuito), mentre nel caso in esame ci si trova di fronte ad una contribuzione figurativa il cui onere, raffrontato alla contribuzione derivante da un rapporto di lavoro immediatamente a ridosso della medesima, è stato effettivamente sopportato dal datore di lavoro. Qualche caso di legittima duplicazione dell accreditamento dei periodi assicurativi si potrebbe verificare qualora il rapporto di lavoro desse luogo a contribuzione nella gestione separata di cui all art. 2, comma 26, della legge 8 agosto 1995, n. 335 (lavoro libero professionale per il quale non sia stata previsto una Cassa di previdenza di categoria, prestazioni lavorative derivanti da collaborazione coordinata e continuativa, lavoro accessorio di cui agli artt 70 e segg. del decreto legislativo 10 settembre 2003, n. 276, lavoro autonomo occasionale, dottorato di ricerca, ecc.). Ciò in quanto tale ultima contribuzione non può essere normalmente considerata né per il riconoscimento del diritto, né per il calcolo della pensione nell Assicurazione generale obbligatoria e nei Fondi sostitutivi della medesima, laddove il termine normalmente sta a significare che, anche ricorrendo

19 pag Edizione del 26 settembre - n XV del 2013 FOCUS tali evenienze, si registrano delle eccezioni relative al mancato utilizzo della doppia contribuzione (totalizzazione dei periodi contributivi, computo e cumulo dei peridi medesimi). Per quanto sopra esposto, si tratta di una matassa difficilmente dipanabile e per la cui soluzione l Istituto previdenziale dovrà evidentemente ritornare o quanto meno formulare in ogni caso alcune precisazioni rispetto a quanto affermato fin troppo laconicamente nella circolare dell INPS n Staremo a vedere gli sviluppi che tale situazione potrà assumere. La posizione dei lavoratori (continua): le modalità di calcolo della contribuzione figurativa Al punto 14 della più volte citata circolare n. 119, l INPS ha precisato che In analogia con quanto previsto per le ipotesi di cessazione involontaria del rapporto di lavoro dall articolo 2, commi 6 e 10, della legge n. 92/2012 in materia di ASpI, la retribuzione media mensile, sulla quale devono essere commisurati i contributi correlati, è determinata dalla retribuzione imponibile ai fini previdenziali degli ultimi due anni, comprensiva degli elementi continuativi e non continuativi e delle mensilità aggiuntive (retribuzione imponibile esposta in uniemens), divisa per il numero di settimane di contribuzione e moltiplicata per il numero 4,33 [tale coefficiente rappresenta il numero medio delle settimane contenute in un mese, n. d. a.]. Le somme occorrenti alla copertura della contribuzione figurativa correlata sono calcolate sulla base dell aliquota di finanziamento del Fondo previdenziale di appartenenza del lavoratore, tempo per tempo vigente (si rammenta che l aliquota di finanziamento del Fondo pensioni lavoratori dipendenti attualmente vigente è pari al 33%). Il versamento della contribuzione figurativa correlata è effettuato per il periodo compreso tra la cessazione del rapporto di lavoro e la maturazione dei requisiti minimi richiesti per il diritto a pensione. Nell ipotesi di morte del lavoratore, non essendo la reversibile la prestazione, l obbligo contributivo si estingue e l Istituto provvederà a rimborsare al datore di lavoro l eventuale eccedenza della contribuzione figurativa correlata. Al punto 7 dell appena citata circolare n. 119 era stato infatti ulteriormente chiarito che La prestazione non è reversibile. In caso di decesso del beneficiario, ai superstiti viene liquidata la pensione indiretta, con le norme ordinarie, tenendo conto anche della contribuzione figurativa correlata versata in favore del lavoratore durante il periodo di erogazione della prestazione. Il che significa che la contribuzione figurativa relativa all esodo farà parte del coacervo di tutti i periodi assicurativi che il prestatore d opera ha potuto far valere fino al giorno del decesso. In proposito vale la pena di osservare che, nonostante il fatto che l unità minima di detta contribuzione sia identificata con il mese (o almeno così sembrerebbe di poter assumere), non apparirebbe comunque logico che in ipotesi di decesso intramensile l intero importo versato nel corso del mese in cui si è verificato l infausto evento debba essere considerato nel calcolo della prestazione ai superstiti. L accreditamento parziale (fino cioè alla data del decesso) costituisce indubbiamente la soluzione più appropriata in quanto maggiormente rispondente alle regole che da sempre disciplinano l accreditamento della contribuzione. Trattandosi inoltre di un periodo di assicurazione afferente un rapporto di lavoro subordinato (nei confronti del quale l unità minima della contribuzione previdenziale è rappresentato, salvo rarissime eccezioni, dalla settimana) si ritiene che debbano essere accreditati, relativamente al mese del decesso, il numero delle settimane effettivamente maturate fino a tale ultima data: anche su questo punto sarebbe opportuno che l INPS fornisse ulteriori precisazioni. (PROSEGUE SUL PROSSIMO NUMERO DEL CONSU- LENTE MILLEOTTANTUNO)

20 pag Edizione del 26 settembre - n XV del 2013 quesiti Tassazione ordinaria o separata, come si agisce in caso di stipendi arretrati? a cura di Paola Diana Onder Coordinatrice Centro Studi Nazionale Ancl quesito Una società, a causa della grave crisi economica, da alcuni mesi non provvede al pagamento dei salari e degli stipendi, rimanendo a debito nei confronti degli stessi per le retribuzioni di Novembre, Dicembre e la tredicesima mensilità Con tutti i lavoratori, la direzione aziendale ha raggiunto un accordo per il dilazionamento dell importo complessivo (importo netto in busta paga) in 10 rate mensili da erogarsi nell anno 2013 a partire da febbraio. Domande: 1) il modello CUD2013 redditi 2012, dovrà contenere anche le mensilità non pagate alle normali scadenze e dilazionate nel corso dell anno 2013? 2) Gli importi che saranno erogati nell anno 2013 subiranno la tassazione ordinaria o la tassazione separata, considerando gli emolumenti relativi agli anni precedenti e la situazione analoga a quella descritta nella Circolare della Agenzia delle Entrate n. 23/E/1997 sub b)? Soluzione proposta. Ad avviso del proponente il quesito, tenuto conto che l importo netto, sarà dilazionato nel corso del 2013, la tassazione dovrà rimanere ORDINARIA e di competenza anno Risposta Esperto: Paola Maschietto I REDDITI DI LAVORO DIPENDENTE SONO IMPONIBILI AL MOMENTO DELLA LORO PERCEZIONE SECON- DO IL CRITERIO DI CASSA. 1 - Il modello CUD 2013 redditi 2012 dovrà contenere le mensilità pagate nel 2012, fino a tutto il 12 gennaio 2013 (c.d. principio di cassa allargato). In pratica si dovranno: scorporare le somme lorde fiscali corrispondenti all importo netto che verrà differito nel pagamento nel corso del 2013; ricalcolare il conguaglio per le sole retribuzioni effettivamente percepite dal lavoratore nel periodo d imposta considerato. Per la parte previdenziale, invece, vale sempre la competenza. 2 - Nello specifico, a mio parere, dal caso prospettato non si riscontrano le caratteristiche oggettive o giuridiche che possano qualificare un arretrato di lavoro dipendente. Si tratta semplicemente di un differimento nel pagamento dei salari di novembre e dicembre che, visti i tempi, possiamo definire tecnico o fisiologico, concordato per essere erogato nel periodo d imposta successivo. Pertanto gli importi lordi fiscali delle retribuzione differite, ancorchè afferenti il 2012, verranno sommati a quelli corrisposti nello stesso periodo, e seguiranno la tassazione ordinaria, considerando che gli emolumenti vengono materialmente corrisposti, e resi disponibili per il lavoratore, nel 2013.

TORNANO (CON MOLTE NOVITA ) I PREPENSIONAMENTI

TORNANO (CON MOLTE NOVITA ) I PREPENSIONAMENTI Numero 62 Settembre 2013 TORNANO (CON MOLTE NOVITA ) I PREPENSIONAMENTI Torna, con molte novità e senza oneri per lo Stato, il cosiddetto prepensionamento ovvero quella forma di ammortizzatore sociale

Dettagli

SCHEMA DI SINTESI. Requisiti del lavoratore

SCHEMA DI SINTESI. Requisiti del lavoratore SCHEMA DI SINTESI L intervento (articolo 4, commi da 1 a 7-ter, della legge n. 92 del 28 giugno 2012, così come modificata dalla legge n. 221 del 17 dicembre 2012, di conversione del decreto legge n. 179

Dettagli

ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI)

ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI) ASSICURAZIONE SOCIALE PER L IMPIEGO (ASPI) L Assicurazione Sociale per l Impiego (ASPI) costituisce il nuovo trattamento contro la disoccupazione ed entrerà in vigore il 1 gennaio 2013, sostituendo quindi:

Dettagli

IL FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL PERSONALE DEL CREDITO

IL FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL PERSONALE DEL CREDITO Federazione Italiana Sindacale Lavoratori Assicurazioni e Credito Comprensorio di Alessandria Via Cavour, 27-15121 Alessandria - Tel. 0131 308254 e-mail: fisacal@libero.it - Sito Internet www.fisacalessandria.it

Dettagli

LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA

LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA LICENZIAMENTO COLLETTIVO E PROCEDURA DI MOBILITA Uno degli aspetti più problematici connessi alla crisi dell impresa riguarda la gestione dei rapporti di lavoro. L imprenditore in crisi dispone di diversi

Dettagli

Almeno due anni di assicurazione Requisito Contributivo LA DOMANDA esclusivamente in via telematica

Almeno due anni di assicurazione Requisito Contributivo LA DOMANDA esclusivamente in via telematica INDENNITA DI DISOCCUPAZIONE AL PERSONALE DELLA SCUOLA La legge di riforma del lavoro (la n. 92 del 28 giugno 2012 - riforma Fornero) ha introdotto a partire dal 1.1.2013 il nuovo sussidio di disoccupazione

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso. Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Informativa n. 49 del 17 novembre 2011 Il nuovo Testo unico

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca C.M. n. 23 Prot. n. AOODGPER. 1814 Roma, 12 marzo 2012 Agli UFFICI SCOLASTICI REGIONALI Ai DIRIGENTI SCOLASTICI LORO SEDI Al Dipartimento Istruzione della Provincia Autonoma di TRENTO Alla Sovrintendenza

Dettagli

Possono esercitare la facoltà prevista e totalizzare i periodi assicurativi, per ottenere un unica pensione, i lavoratori iscritti:

Possono esercitare la facoltà prevista e totalizzare i periodi assicurativi, per ottenere un unica pensione, i lavoratori iscritti: Totalizzazione dei contributi È stata prevista da recenti disposizioni legislative per consentire l acquisizione del diritto ad un unica pensione di vecchiaia, di anzianità o ai superstiti a quei lavoratori

Dettagli

Riforma delle pensioni, l'inps chiarisce i dubbi-ipsoa.it

Riforma delle pensioni, l'inps chiarisce i dubbi-ipsoa.it Riforma delle pensioni, l'inps chiarisce i dubbi-ipsoa.it L' INPS pubblica un articolato messaggio per fornire chiarimenti in ordine alla applicazione dei principi contenuti nella riforma delle pensioni,

Dettagli

INPS Apprendistato: chiarimenti sui profili contributivi

INPS Apprendistato: chiarimenti sui profili contributivi n 43 del 16 novembre 2012 circolare n 695 del 15 novembre 2012 referente GRANDI/af INPS Apprendistato: chiarimenti sui profili contributivi L INPS, con circolare n.128 del 2 novembre 2012 (allegata alla

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Informativa n. 5 del 12 gennaio 2010 Legge Finanziaria 2010

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca C.M. n. 98 Roma, 20 dicembre 2012 Prot. n. AOODGPER 9733 Agli UFFICI SCOLASTICI REGIONALI Ai DIRIGENTI SCOLASTICI LORO SEDI Al Dipartimento Istruzione della Provincia Autonoma di TRENTO Alla Sovrintendenza

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA Prot. n VII 8 n 12643 del 16.05.2012 Circolare n 12 del 16.05.2012 Allegati n A A Tutti i Professori e ricercatori Tutto il personale tecnico amministrativo LORO SEDI OGGETTO: Circolare informativa in

Dettagli

U.S.C.L.A.C. / U.N.C.Di.M. LA RIFORMA PREVIDENZIALE FORNERO APPLICAZIONE ai LAVORATORI MARITTIMI

U.S.C.L.A.C. / U.N.C.Di.M. LA RIFORMA PREVIDENZIALE FORNERO APPLICAZIONE ai LAVORATORI MARITTIMI F E D E R M A N A G E R Via Ravenna 14-00161 ROMA U.S.C.L.A.C. / U.N.C.Di.M. UNIONE SINDACALE CAPITANI UNIONE NAZIONALE CAPITANI LUNGO CORSO AL COMANDO DIRETTORI di MACCHINA Segreteria Nazionale 16121

Dettagli

Indennità di disoccupazione Mini-ASpI

Indennità di disoccupazione Mini-ASpI Indennità di disoccupazione Mini-ASpI COSA E E una prestazione economica istituita dal 1 gennaio 2013 e che sostituisce l indennità di disoccupazione ordinaria non agricola con requisiti ridotti. E una

Dettagli

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali.

Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali. Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Roma, 05/11/2014 Circolare n. 137 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Informativa - ONB Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza INDICE 1 Premessa... 2 2 Sintesi delle principali novità in materia di lavoro e previdenza...

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GLI INCENTIVI PER L OCCUPAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GLI INCENTIVI PER L OCCUPAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO GLI INCENTIVI PER L OCCUPAZIONE A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 INCENTIVI PER I LAVORATORI IN CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA

Dettagli

NOTA INFORMATIVA N. 04/2010. Legge Finanziaria 2010 (L. 23.12.2009 n. 191) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza.

NOTA INFORMATIVA N. 04/2010. Legge Finanziaria 2010 (L. 23.12.2009 n. 191) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza. Dottori Commercialisti Associati ASSOCIATI: GIOVANNI ALBERTI Professore Ordinario di Economia Aziendale all Università di Verona CLAUDIO UBINI ALBERTO CASTAGNETTI COLLABORATORI: ELISABETTA UBINI RITA MAGGI

Dettagli

Informativa n. 32 Agevolazioni fiscali per i premi di produttività - Proroga per il 2012 - Pubblicazione del DPCM attuativo INDICE Premessa

Informativa n. 32 Agevolazioni fiscali per i premi di produttività - Proroga per il 2012 - Pubblicazione del DPCM attuativo INDICE Premessa Informativa n. 32 del 29 giugno 2012 Agevolazioni fiscali per i premi di produttività - Proroga per il 2012 - Pubblicazione del DPCM attuativo INDICE 1 Premessa... 2 2 Quadro normativo... 2 3 Regime fiscale

Dettagli

Comunicato del 23.02.2015 JOBS ACT: il decreto per NASPI e ASDI

Comunicato del 23.02.2015 JOBS ACT: il decreto per NASPI e ASDI FEDERAZIONE ITALIANA TRASPORTI DIPARTIMENTO POLITICHE SOCIALI Comunicato del 23.02.2015 JOBS ACT: il decreto per NASPI e ASDI Come noto il Consiglio dei Ministri ha approvato i primi due decreti attuativi

Dettagli

INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI In Pillole

INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI In Pillole INCENTIVI ALLE ASSUNZIONI In Pillole Clicca sull incentivo di tuo interesse: Giovani 18-29 anni; Apprendistato; Fruitori di ASPI; Lavoratori disoccupati o sospesi da almeno 24 mesi; Donne e over 50; Ricercatori

Dettagli

Circolare n. 24 del 19 giugno 2013. Direzione generale per le Politiche attive e passive del lavoro

Circolare n. 24 del 19 giugno 2013. Direzione generale per le Politiche attive e passive del lavoro Circolare n. 24 del 19 giugno 2013 Direzione generale per le Politiche attive e passive del lavoro Prot. 40 / 0021268 Agli indirizzi in allegato Oggetto: articolo 4, commi da 1 a 7-ter, della legge 28

Dettagli

Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato

Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato Previdenza LE Pensioni Gli ultimi aggiornamenti sugli aspetti di maggiore interesse della normativa previdenziale Inps Daniela Fiorino Come avviene ogni anno, l Inps ha adeguato il tetto di retribuzione

Dettagli

STUDIO DI CONSULENZA DEL LAVORO CASIGLIA LAURA E RONZONI MARIA CRISTINA CONSULENTI ASSOCIATI

STUDIO DI CONSULENZA DEL LAVORO CASIGLIA LAURA E RONZONI MARIA CRISTINA CONSULENTI ASSOCIATI STUDIO DI CONSULENZA DEL LAVORO CASIGLIA LAURA E RONZONI MARIA CRISTINA CONSULENTI ASSOCIATI 00179 Roma P.IVA 05009061002 Via Latina, 110 Fax. 06 78 08 383 Tel. 06 78 34 66 50 06 78 34 65 73 06 78 34 61

Dettagli

OGGETTO: ACCORDI AZIENDALI PER INCENTIVARE L ESODO DEI LAVORATORI PIÙ ANZIANI - ISTRUZIONI OPERATIVE INPS

OGGETTO: ACCORDI AZIENDALI PER INCENTIVARE L ESODO DEI LAVORATORI PIÙ ANZIANI - ISTRUZIONI OPERATIVE INPS OGGETTO: ACCORDI AZIENDALI PER INCENTIVARE L ESODO DEI LAVORATORI PIÙ ANZIANI - ISTRUZIONI OPERATIVE INPS Ai sensi dell art. 4, commi da 1 a 7-ter, della legge 28 giugno 2012, n. 92 (*), in caso di eccedenza

Dettagli

FONTEMP il Fondo di previdenza per i lavoratori in somministrazione

FONTEMP il Fondo di previdenza per i lavoratori in somministrazione FONTEMP il Fondo di previdenza per i lavoratori in somministrazione 1 L ADESIONE L adesione alle forme pensionistiche complementari è libera e volontaria 2 L ADESIONE SI PUO ADERIRE A FONTEMP: IN MANIERA

Dettagli

SPAZIO AZIENDE NOVEMBRE 2015

SPAZIO AZIENDE NOVEMBRE 2015 Studio di Consulenza del Lavoro Paola dott.ssa Biondi Via Madonna della Neve 1 42026 Canossa RE SPAZIO AZIENDE NOVEMBRE 2015 LE ULTIME NOVITÀ Stabilità 2016: prime anticipazioni DDL di Stabilità 2016 del

Dettagli

i fondi pensione: in che consistono, come utilizzarli

i fondi pensione: in che consistono, come utilizzarli LA GUIDA DEL CONTRIBUENTE è una pubblicazione del Ministero delle Finanze Segretariato generale Ufficio per l informazione del contribuente Per ulteriori informazioni: www.finanze.it La Guida è distribuita

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio del 8 Ottobre 2015 News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Sgravio contributivo sulle assunzioni: continuano le verifiche del Ministero nel settore appalti Gentile cliente, con la

Dettagli

L Apprendistato. Breve guida sull apprendistato

L Apprendistato. Breve guida sull apprendistato L Apprendistato Breve guida sull apprendistato Aggiornata ai D.L. n. 69/2013 del 21.6.2013 e n. 76/2013 del 28.6.2013 Definizione Che cos è il contratto di apprendistato L apprendistato è un contratto

Dettagli

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza

Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza CIRCOLARE Febbraio 2014 Legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 147) - Principali novità in materia di lavoro e previdenza Gentili clienti! Con la presente circolare vorremmo portarla a conoscenza delle

Dettagli

Fondo di solidarietà Credito

Fondo di solidarietà Credito BANCA POPOLARE DI MILANO Documenti: conoscere per decidere Fondo di solidarietà Credito Il fondo eroga prestazioni a favore dei lavoratori di aziende facenti parte di gruppi creditizi o che applicano i

Dettagli

L art. 1 del Decreto Legislativo n. 181 del 2000 definisce lo stato di disoccupazione come la condizione del soggetto:

L art. 1 del Decreto Legislativo n. 181 del 2000 definisce lo stato di disoccupazione come la condizione del soggetto: INCENTIVI DONNE E OVER 50: REQUISITI E PROCEDURE OPERATIVE INPS Stante l abrogazione del contratto di inserimento lavorativo, a partire dal 1 gennaio 2013 non è più possibile stipulare questo contratto

Dettagli

Viale Regina Margherita n. 206 - C.A.P. 00198 Tel. n. 06854461 Codice Fiscale n. 02796270581 DIREZIONE GENERALE LORO SEDI LORO SEDI

Viale Regina Margherita n. 206 - C.A.P. 00198 Tel. n. 06854461 Codice Fiscale n. 02796270581 DIREZIONE GENERALE LORO SEDI LORO SEDI Viale Regina Margherita n. 206 - C.A.P. 00198 Tel. n. 06854461 Codice Fiscale n. 02796270581 DIREZIONE GENERALE Area Contributi e Prestazioni Direzione Prestazioni Previdenziali CIRCOLARE N. 11 DEL 23/06/2008

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI (RENZI) E DAL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI (RENZI) E DAL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2208 DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI (RENZI) E DAL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI (POLETTI)

Dettagli

La nuova disciplina del contratto a termine e del contratto di apprendistato

La nuova disciplina del contratto a termine e del contratto di apprendistato Focus on...jobs Act: : il primo passo La nuova disciplina del contratto a termine e del contratto di apprendistato dott. Elisa Eracli Consulente del Lavoro Studio Integra Commercialisti Avvocati Consulenti

Dettagli

FABINFORMA NOTIZIARIO A CURA DEL COORDINAMENTO NAZIONALE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO

FABINFORMA NOTIZIARIO A CURA DEL COORDINAMENTO NAZIONALE BANCHE DI CREDITO COOPERATIVO GLI ISCRITTI F.A.B.I. DELLE B.C.C. RAGGIUNTI I 10.000 FORTUNATI ESODATI CHE POTRANNO ACCEDERE ALLA PENSIONE DI ANZIANITÀ CON LA NORMATIVA PREVIGENTE L I.N.P.S., con messaggio 14952 del 14.04.05 fa sapere

Dettagli

SCHEDA N. 3 3.B APPRENDISTATO PER LA QUALIFICA E PER IL DIPLOMA PROFESSIONALE

SCHEDA N. 3 3.B APPRENDISTATO PER LA QUALIFICA E PER IL DIPLOMA PROFESSIONALE SCHEDA N. 3 CONTRATTO DI APPRENDISTATO D. Lgs. 167/2011, aggiornato alla L. 92/2012 (riforma Fornero), alla L. 99/2013 di conversione del D.L. 76/2013 e alla L. 78/2014 di conversione del D.L. 34/2014

Dettagli

Paghe. Somministrazione con contratto di apprendistato Barbara Maiani - Consulente del lavoro

Paghe. Somministrazione con contratto di apprendistato Barbara Maiani - Consulente del lavoro Somministrazione con contratto di apprendistato Barbara Maiani - Consulente del lavoro Con un espressione alquanto sintetica, l art. 2, c. 3 del D.Lgs. n. 167/2011 (Testo Unico dell apprendistato) ammette

Dettagli

NEWSLETTER MARZO APRILE 2015 Speciale Schema di decreto attuativo sui contratti cd flessibili

NEWSLETTER MARZO APRILE 2015 Speciale Schema di decreto attuativo sui contratti cd flessibili NEWSLETTER MARZO APRILE 2015 Speciale Schema di decreto attuativo sui contratti cd flessibili Lo scorso 20 febbraio 2015 il Governo ha approvato lo schema di decreto attuativo sui contratti flessibili

Dettagli

COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO: ESCLUSIONE AZIENDE CON TASSO INAIL MAGGIORE DEL 60 X 1000

COLLOCAMENTO OBBLIGATORIO: ESCLUSIONE AZIENDE CON TASSO INAIL MAGGIORE DEL 60 X 1000 Viale Berlinguer, 8 48124 Ravenna RA - Tel. 0544.516111 Fax 0544.407733 Reg. Imprese/RA, C.F. e P. IVA 00431550391 Albo Società Cooperative Sez. Mutualità prevalente n. A116117 Sito web: www.confartigianato.ra.it

Dettagli

Strumenti di sostegno in caso di disoccupazione involontaria

Strumenti di sostegno in caso di disoccupazione involontaria I decreti attuativi del jobs act Il Governo, alla vigilia di Natale, ha approvato due schemi di D.Lgs, il primo sul contratto a tutele crescenti e il secondo sulla nuova prestazione sociale per l impiego

Dettagli

COMUNICAZIONI SUI CONTROLLI DELLE DICHIARAZIONI E ACCERTAMENTI ESECUTIVI

COMUNICAZIONI SUI CONTROLLI DELLE DICHIARAZIONI E ACCERTAMENTI ESECUTIVI COMUNICAZIONI SUI CONTROLLI DELLE DICHIARAZIONI E ACCERTAMENTI ESECUTIVI Gli aggiornamenti più recenti rateizzazioni comunicazioni di irregolarità accertamenti esecutivi aggiornamento agosto 2014 CONTROLLO

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE DELLE PRESTAZIONI DIREZIONE CENTRALE DELLE ENTRATE CONTRIBUTIVE. Roma, 4 novembre 1999 Circolare n. 194

DIREZIONE CENTRALE DELLE PRESTAZIONI DIREZIONE CENTRALE DELLE ENTRATE CONTRIBUTIVE. Roma, 4 novembre 1999 Circolare n. 194 DIREZIONE CENTRALE DELLE PRESTAZIONI DIREZIONE CENTRALE DELLE ENTRATE CONTRIBUTIVE Roma, 4 novembre 1999 Circolare n. 194 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Coordinatori generali, centrali e periferici

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI Roma 23.10.2007 DELL'AMMINISTRAZIONE PUBBLICA. Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali

ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI Roma 23.10.2007 DELL'AMMINISTRAZIONE PUBBLICA. Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI Roma 23.10.2007 DELL'AMMINISTRAZIONE PUBBLICA Direzione Centrale Pensioni Ufficio I Normativa Ai Direttori delle Sedi Provinciali e Territoriali Alle Organizzazioni

Dettagli

Circolare Informativa n 3/2014

Circolare Informativa n 3/2014 Circolare Informativa n 3/2014 Incentivi per assunzioni: - donne - over 50 - assunzioni a tempo indeterminato di giovani lavoratori Pagina 1 di 13 INDICE Premessa pag. 3 1) Assunzione lavoratori over 50

Dettagli

Circolare N. 103 del 14 Luglio 2015

Circolare N. 103 del 14 Luglio 2015 Circolare N. 103 del 14 Luglio 2015 Da ASPI a NASPI: come cambiano contributi e incentivi per il datore di lavoro? Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che l INPS, con il messaggio n.

Dettagli

ASpI e Mini ASpI cooperative: contributi in allineamento fino al 2017

ASpI e Mini ASpI cooperative: contributi in allineamento fino al 2017 ASpI e Mini ASpI cooperative: contributi in allineamento fino al 2017 Per gli anni 2014 2017 confermato il percorso di allineamento graduale dell aliquota contributiva ordinaria ASpI e Mini ASpI dovuta

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

L apprendistato. Prof. Avv. Angelo Pandolfo. Milano, ottobre 2012

L apprendistato. Prof. Avv. Angelo Pandolfo. Milano, ottobre 2012 L apprendistato Prof. Avv. Angelo Pandolfo Milano, ottobre 2012 Definizione Natura del contratto contratto di lavoro a tempo indeterminato contratto con contenuto formativo e di apprendimento volto all

Dettagli

PRINCIPALI STRUMENTI PREVISTI DALLA LEGGE PER GESTIRE UNA CRISI AZIENDALE

PRINCIPALI STRUMENTI PREVISTI DALLA LEGGE PER GESTIRE UNA CRISI AZIENDALE la Cassa integrazione guadagni straordinaria; la Cassa integrazione guadagni in deroga; le procedure di licenziamento collettivo con indennità di mobilità - oppure ASPI. Breve premessa: A ) Aziende che

Dettagli

Ne consegue che gli elementi che integrano lo stato di disoccupazione sono:

Ne consegue che gli elementi che integrano lo stato di disoccupazione sono: L art.1, comma 2, lett. C del Decreto legislativo come modificato ed integrato dal Decreto legislativo 297/2002 definisce lo stato disoccupazione come la condizione del soggetto privo,che sia immediatamente

Dettagli

Consulenza del Lavoro Sede Legale: Via San Francesco, 3 00030 Bellegra (Rm) Partita Iva 09759431001 Codice Fiscale: MRS VLR 81R21 H501J

Consulenza del Lavoro Sede Legale: Via San Francesco, 3 00030 Bellegra (Rm) Partita Iva 09759431001 Codice Fiscale: MRS VLR 81R21 H501J A tutti i clienti in indirizzo [CIRCOLARE MENSILE ] [Gennaio 2009] MANOVRA ANTICRISI (Decreto Legge 29 novembre 2008, n. 185) Facendo seguito alla nostra circolare dello scorso mese di dicembre riteniamo

Dettagli

CIRCOLARE 1/2015 Genova, 16/01/2015

CIRCOLARE 1/2015 Genova, 16/01/2015 STUDIO ASSOCIATO CONSULENTI DEL LAVORO BARILLARI LAPOLLA CAVALLERI 16128 - GENOVA - VIA CORSICA, 9/2 SC. B - TEL. 010 5455511 - FAX 010 5704028 E-MAIL: barillari@tpservice.it lapolla@tpservice.it cavalleri@tpservice.it

Dettagli

ALESSIO BERTAGNIN & ASSOCIATI s.a.s. Società tra Professionisti

ALESSIO BERTAGNIN & ASSOCIATI s.a.s. Società tra Professionisti Padova, 13 luglio 2015 Circolare n 12/2015 Alla Spett.le Clientela IMPORTANTE!!! Oggetto: Jobs Act pubblicato il decreto per la conciliazione dei tempi di cura, di vita e di lavoro È entrato in vigore

Dettagli

Piscaglia Rag. Luca Consulente del lavoro

Piscaglia Rag. Luca Consulente del lavoro San Mauro Pascoli li 14/01/2014 Ai Signori Clienti Loro indirizzi Oggetto: LEGGE DI STABILITÀ 2014 IN SINTESI Sul supplemento ordinario n.87 alla Gazzetta Ufficiale n.302 del 27 dicembre 2013 è stata pubblicata

Dettagli

Circolare Mensile Lavoro MARZO 2015

Circolare Mensile Lavoro MARZO 2015 Circolare Mensile Lavoro MARZO 2015 INDICE Le news del mese di marzo 2015 Approfondimenti o Asseverazione conformità dei rapporti di lavoro o Compensazione dei crediti tramite modello F24 o Aliquote 2015

Dettagli

1) Piccola mobilità: dall INPS nuovi chiarimenti sugli incentivi per l assunzione

1) Piccola mobilità: dall INPS nuovi chiarimenti sugli incentivi per l assunzione Notizie Lavoro Flash SOMMARIO 1) Piccola mobilità: dall INPS nuovi chiarimenti sugli incentivi per l assunzione L INPS, con la circolare n. 150 del 25 ottobre 2013, torna su un tema delicato quale le agevolazioni

Dettagli

IL FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL PERSONALE DEL CREDITO

IL FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL PERSONALE DEL CREDITO Federazione Italiana Sindacale Lavoratori Assicurazioni e Credito Comprensorio di Alessandria Via Cavour, 27-15121 Alessandria - Tel. 0131 308254 e-mail: fisacal@libero.it - Sito Internet www.fisacalessandria.it

Dettagli

11. LICENZIAMENTO PER RAGGIUNGIMENTO DEI REQUISITI PENSIONISTICI

11. LICENZIAMENTO PER RAGGIUNGIMENTO DEI REQUISITI PENSIONISTICI DEFINIZIONE DEFINIZIONE 11. LICENZIAMENTO PER RAGGIUNGIMENTO DEI REQUISITI PENSIONISTICI DEFINIZIONE CASISTICA RIFERIMENTI Quando il lavoratore matura i requisiti anagrafici e contributivi per accedere

Dettagli

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA.

PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. PENSIONE DI VECCHIAIA, PENSIONE DI ANZIANITÀ, PENSIONE ANTICIPATA. LA PENSIONE DI VECCHIAIA è il trattamento pensionistico corrisposto dall Istituto previdenziale al raggiungimento di una determinata età

Dettagli

SCUOLA: è ora di pensare ai pensionamenti 2014!

SCUOLA: è ora di pensare ai pensionamenti 2014! settembre 2013 SCUOLA: è ora di pensare ai pensionamenti 2014! In attesa dell emanazione del previsto Decreto Ministeriale recante disposizioni per le cessazioni dal servizio, che tra l altro fissa il

Dettagli

I PUNTI ESSENZIALI DELLA CONTRORIFORMA PREVIDENZIALE GLI OBIETTIVI

I PUNTI ESSENZIALI DELLA CONTRORIFORMA PREVIDENZIALE GLI OBIETTIVI I PUNTI ESSENZIALI DELLA CONTRORIFORMA PREVIDENZIALE GLI OBIETTIVI Sostenibilità finanziaria del sistema pensionistico obbligatorio Prolungare l attività lavorativa o ritardare il momento della pensione:

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

RIFORMA DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI. Rimini 25/03/2015

RIFORMA DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI. Rimini 25/03/2015 RIFORMA DELLE TIPOLOGIE CONTRATTUALI E NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI Rimini 25/03/2015 Il 20 febbraio 2015 il Consiglio dei Ministri ha presentato la bozza del terzo decreto della legge 183/2014 (Jobs

Dettagli

Fondo di solidarietà per il personale del Credito

Fondo di solidarietà per il personale del Credito Fondo di solidarietà per il personale del Credito La denominazione completa e corretta del fondo è: Fondo di solidarietà per il sostegno al reddito, all occupazione e alla riconversione e riqualificazione

Dettagli

1. Il meccanismo di adeguamento alla speranza di vita

1. Il meccanismo di adeguamento alla speranza di vita 379 Contributi obbligatori Contributi da riscatto Contributi figurativi Contributi volontari Schema della contribuzione sono imposti dalla legge ai fini del diritto e della misura dei trattamenti pensionistici

Dettagli

JOBS ACT IL TESTO UNICO DEI CONTRATTI DI LAVORO E LA NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI

JOBS ACT IL TESTO UNICO DEI CONTRATTI DI LAVORO E LA NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI JOBS ACT IL TESTO UNICO DEI CONTRATTI DI LAVORO E LA NUOVA DISCIPLINA DELLE MANSIONI Con la presente si segnalano le principali novità introdotte dal d. lgs. 15 giugno 2015, n. 81, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

Pensione di Vecchiaia. Requisiti per soggetti che possono far valere contribuzione al 31.12-1995

Pensione di Vecchiaia. Requisiti per soggetti che possono far valere contribuzione al 31.12-1995 Circ INPS 35-2012 Pensione di Vecchiaia (art. 24, commi 6 e 7) P.1 circ 35 Requisiti per soggetti che possono far valere contribuzione al 31.12-1995 ETA :Si confermano i requisiti di età indicati nelle

Dettagli

ALESSIO BERTAGNIN & ASSOCIATI s.a.s. Società tra Professionisti

ALESSIO BERTAGNIN & ASSOCIATI s.a.s. Società tra Professionisti Padova, 3 gennaio 2015 Circolare n 1/2015 Alla Spett.le Clientela Oggetto: Legge di Stabilità 2015. Gentili Clienti, è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 300 del 29 dicembre 2014 la Legge n.

Dettagli

Roma, 08/01/2008. e, p.c.

Roma, 08/01/2008. e, p.c. istituto nazionale di previdenza per i dipendenti dell'amministrazione pubblica Direzione Centrale Pensioni Ufficio I Normativa Tel. 0651017626 Fax. 0651017625 e-mail: dctrattpensuff1@inpdap.it Roma, 08/01/2008

Dettagli

Proroghe a termini in scadenza per il Ministero del lavoro

Proroghe a termini in scadenza per il Ministero del lavoro N. 157 del 13.04.2011 La Memory A cura di Roberto Camera Funzionario della DPL Modena (1) Proroghe a termini in scadenza per il Ministero del lavoro Il Governo, al fine di sostenere il reddito delle famiglie

Dettagli

Novità del Collegato Lavoro. Dott. Massimo Brisciani

Novità del Collegato Lavoro. Dott. Massimo Brisciani Novità del Collegato Lavoro Dott. Massimo Brisciani Disposizioni varie in materia di previdenza ISCRIZIONE E CANCELLAZIONE DALL ALBO DELLE IMPRESE ARTIGIANE art. 43 A decorrere dal 1 gennaio 2010, ai fini

Dettagli

Incentivi all occupazione

Incentivi all occupazione Incentivi all occupazione a cura di Michelino De Carlo [*] Organizzato dalla Consigliera Regionale di Parità del Friuli-Venezia Giulia, si è tenuto a Udine il 7 aprile 2014 un seminario formativo dal titolo

Dettagli

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Entrate. Roma, 14/04/2011

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Entrate. Roma, 14/04/2011 Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Entrate Roma, 14/04/2011 Circolare n. 67 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Direttori delle Agenzie

Dettagli

ALESSIO BERTAGNIN & ASSOCIATI s.a.s. Società tra Professionisti

ALESSIO BERTAGNIN & ASSOCIATI s.a.s. Società tra Professionisti Padova, 3 febbraio 2015 Circolare n 6/2015 Alla Spett.le Clientela IMPORTANTE!!! Oggetto: Esonero contributivo per le nuove assunzioni con contratto a tempo indeterminato nel 2015. Gentili Clienti, la

Dettagli

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Scheda tecnica

Apprendistato di alta formazione e ricerca. Scheda tecnica Apprendistato di alta formazione e ricerca Scheda tecnica L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato, finalizzato alla formazione e all occupazione dei giovani, pertanto la formazione

Dettagli

COME CAMBIA IL DIRITTO DEL LAVORO

COME CAMBIA IL DIRITTO DEL LAVORO COME CAMBIA IL DIRITTO DEL LAVORO DALLA LEGGE FORNERO ALLE TUTELE CRESCENTI Redatto da Ufficio Legale Dopo la Riforma del Lavoro del Governo Monti (elaborata dal Ministro Fornero) e le successive modifiche

Dettagli

Alle FNP-CISL Regionali Alle FNP-CISL Territoriali Al Coordinamento Donne FNP-CISL Ai RR.TT. Reg.li e Terr.li FNP-CISL - Loro Sedi -

Alle FNP-CISL Regionali Alle FNP-CISL Territoriali Al Coordinamento Donne FNP-CISL Ai RR.TT. Reg.li e Terr.li FNP-CISL - Loro Sedi - Dipartimento Politiche Previdenziali, Fisco, Prezzi e Tariffe, Rapporti con gli Enti e i CIV Alle FNP-CISL Regionali Alle FNP-CISL Territoriali Al Coordinamento Donne FNP-CISL Ai RR.TT. Reg.li e Terr.li

Dettagli

A tutte le imprese associate e alle Associazioni Territoriali. OGGETTO: Rinnovo del CCNL per i lavoratori addetti all industria delle Calzature

A tutte le imprese associate e alle Associazioni Territoriali. OGGETTO: Rinnovo del CCNL per i lavoratori addetti all industria delle Calzature Milano, 10 dicembre 2013 A tutte le imprese associate e alle Associazioni Territoriali OGGETTO: Rinnovo del CCNL per i lavoratori addetti all industria delle Calzature Si informa che in data 29 novembre

Dettagli

DECRETO «LAVORO» (D.L. 34/2014) NOVITÀ della LEGGE di CONVERSIONE (L. 78/2014)

DECRETO «LAVORO» (D.L. 34/2014) NOVITÀ della LEGGE di CONVERSIONE (L. 78/2014) Via Riboli, 15 16145 Genova 010 587323 www.studiodapelo.it DECRETO «LAVORO» (D.L. 34/2014) NOVITÀ della LEGGE di CONVERSIONE (L. 78/2014) 1. Contratto di lavoro a tempo determinato 2. Somministrazione

Dettagli

Partite Iva, riforma lavoro e la presunzione di collaborazione

Partite Iva, riforma lavoro e la presunzione di collaborazione Il problema sorge in corso d anno quando ci sono alcuni interessi contrapposti: quello del lavoratore di ottenere una commessa di lavoro e quelli del datore di lavoro di avvalersi sì della collaborazione

Dettagli

La lente sul fisco. Le novità della Legge di Stabilità 2012 e del Decreto Salva Italia. Guida Operativa. L Aggiornamento Professionale on-line

La lente sul fisco. Le novità della Legge di Stabilità 2012 e del Decreto Salva Italia. Guida Operativa. L Aggiornamento Professionale on-line La lente sul fisco L Aggiornamento Professionale on-line Guida Operativa Le novità della Legge di Stabilità 2012 e del Decreto Salva Italia A cura della Redazione La Lente sul Fisco Coordinamento scientifico

Dettagli

Presentazione curata da Antonino Cannioto - Direzione Centrale Entrate e in parte curata dalla direzione provinciale di Firenze INPS

Presentazione curata da Antonino Cannioto - Direzione Centrale Entrate e in parte curata dalla direzione provinciale di Firenze INPS 1 Presentazione curata da Antonino Cannioto - Direzione Centrale Entrate e in parte curata dalla direzione provinciale di Firenze 3 3 Provincia di Firenze POPOLAZIONE RESIDENTE 998.098 LAVORATORI OCCUPATI

Dettagli

Tutto quello che c è da sapere sulla gestione del personale in esubero presso le aziende

Tutto quello che c è da sapere sulla gestione del personale in esubero presso le aziende Cassa integrazione e Mobilità del personale dipendente Tutto quello che c è da sapere sulla gestione del personale in esubero presso le aziende Quando l impresa è in crisi può sospendere i propri dipendenti

Dettagli

DICEMBRE 2006. Applicazione dell accordo 1 dicembre 2006 nel Gruppo Sanpaolo Imi FISAC

DICEMBRE 2006. Applicazione dell accordo 1 dicembre 2006 nel Gruppo Sanpaolo Imi FISAC CENTRO INFORMATIVO DICEMBRE 2006 FISAC FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL SOSTEGNO DEL REDDITO Applicazione dell accordo 1 dicembre 2006 nel Gruppo Sanpaolo Imi Internet: http://www.cgil.it/fisac.sanpaolo E-mail:

Dettagli

Principali novità introdotte dal Jobs Act

Principali novità introdotte dal Jobs Act Principali novità introdotte dal Jobs Act Nel 2014 con il Jobs Act (Legge Delega 184/2014) il legislatore ha stabilito le linee guida e i principi posti alla base di una ampia e complessa riforma che ha

Dettagli

e, per conoscenza, OGGETTO: Computo nella gestione separata - articolo 3 D.M. 2 maggio 1996, n. 282 Riepilogo istruzioni ed ulteriori chiarimenti.

e, per conoscenza, OGGETTO: Computo nella gestione separata - articolo 3 D.M. 2 maggio 1996, n. 282 Riepilogo istruzioni ed ulteriori chiarimenti. Direzione Centrale Pensioni Roma, 18/11/2015 Circolare n. 184 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Puglia-Direzione Generale UFFICIO IX AMBITO TERRITORIALE DI FOGGIA CIRCOLARE N. 1 Prot. N.91 Foggia, 15 gennaio

Dettagli

PROVINCIA DI BENEVENTO Settore Avvocatura-Organizzazione del Personale e Politiche del Lavoro

PROVINCIA DI BENEVENTO Settore Avvocatura-Organizzazione del Personale e Politiche del Lavoro ASPI (Assicurazione Sociale per l Impiego) COSA E E una prestazione economica istituita per gli eventi di disoccupazione che si verificano a partire dal 1 gennaio 2013 e che sostituisce l indennità di

Dettagli

In caso di discordanze prevale il testo pubblicato sulla gazzetta uf iciale che si consiglia di leggere.

In caso di discordanze prevale il testo pubblicato sulla gazzetta uf iciale che si consiglia di leggere. La legge 92/2012, composta da 4 articoli, ha modificato ed eliminato numerosi istituti giuridici in materia di lavoro. Nelle pagine che seguono potrete trovare una sintesi delle principali novità contenute

Dettagli

Indennità di disoccupazione agricola

Indennità di disoccupazione agricola G.A.I.A. Project Consulting snc http://gaiaprojectconsulting.it Indennità di disoccupazione agricola Il 31 marzo 2016 è l ultimo giorno utile per i lavoratori del comparto agricolo per presentare la domanda

Dettagli

UILCOM-UIL APPUNTI RIGUARDANTI L INDENNITA DI MOBILITA

UILCOM-UIL APPUNTI RIGUARDANTI L INDENNITA DI MOBILITA UILCOM-UIL UNIONE ITALIANA LAVORATORI DELLA COMUNICAZIONE (UILSIC UILTE) APPUNTI RIGUARDANTI L INDENNITA DI MOBILITA L indennità di mobilità è stata istituita dalla Legge n 223 del 23 luglio 1991. Essa

Dettagli

Pensione lavoratori autonomi

Pensione lavoratori autonomi Pensione lavoratori autonomi SOGGETTI INTERESSATI: le speciali regole riguardanti i requisiti per il diritto alla pensione di vecchiaia e di anzianità dei lavoratori «autonomi» interessano le seguenti

Dettagli

COMMISSIONE STUDI TRIBUTARI

COMMISSIONE STUDI TRIBUTARI COMMISSIONE STUDI TRIBUTARI Studio n. 100/2003/T DECADENZA DALLE C.D. AGEVOLAZIONI PRIMA CASA Approvato dalla Commissione studi tributari il 19 dicembre 2003. 1. Introduzione Con il comma 5 dell art. 41

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Legge n. 214 del 22.12.2011 (di conversione, con modificazioni, del DL n. 201/2011)

Legge n. 214 del 22.12.2011 (di conversione, con modificazioni, del DL n. 201/2011) Legge n. 214 del 22.12.2011 (di conversione, con modificazioni, del DL n. 201/2011) Interventi in materia previdenziale Napoli, 18 gennaio 2012 Legge n. 214 del 22.12.2011 La quota di pensione maturata

Dettagli