ELEONORA. Un ipotesi di lettura iconologica della rappresentazione della volta nella sala di Adone. Rocca dei Rossi San Secondo Parmense

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ELEONORA. Un ipotesi di lettura iconologica della rappresentazione della volta nella sala di Adone. Rocca dei Rossi San Secondo Parmense"

Transcript

1 ELEONORA Un ipotesi di lettura iconologica della rappresentazione della volta nella sala di Adone Rocca dei Rossi San Secondo Parmense Tiziana Bacco IL MITO DI ADONE Gli episodi narrati nel mito intorno alla figura adoniana fanno riferimento alla sua attività di cacciatore oltre alla paternità di una cacciatrice (Beroe). 1 Nelle Metamorfosi di Ovidio si legge che Afrodite, per amore di Adone, abbandonerà le sue solite occupazioni per dedicarsi alla caccia punchè non pericolosa. Per amore di lei a sua volta si guarderà bene di condurla in peripezie che potrebbero risultare avventate limitandosi alla caccia di animali innoqui quali lepri, cervi o caprioli, questo fino al momento della caccia al cinghiale da cui fuggirà invano atterrito. Raggiunto, morirà ingloriosamente tra le piante di lattuga che generano impotenza a chiunque ne mangi. 2 Forti analogie con il tema del cacciatore e di eroi le ritroviamo a partire dalla mitologia siropalestinese del II e I millennio A.C. 3 Non ci si soffermerà sulle disparate presenze di cacciatori assimilabili ad Adone nella civiltà ugaritica, fenicia e dell antico vicino Oriente di cui il personaggio classico è sicuramente debitore, ma è necessario citarle, in quanto il suo tema è stato riformulato in funzione dei valori della cultura classica. Il concetto legato ad Adone è quindi espressione più di una caccia erotica che animale. 4 Per Adone la morte ad opera del cinghiale gli stabilisce una posizione parzialmente privilleggiata nell oltretomba dal quale può tornare ogni anno al momento delle Adonie. La morte del personaggio inoltre presenta una serie di legami con il ciclo della riproduzione vegetale a cui quasi sempre fa seguito il pianto rituale per la sua sorte nell adilà. al pianto della dea fanno eco quello dei suoi cani fedeli, le ninfe e la natura tutta. Nel dolore Afrodite ha vagato per boschi fino alle rive dell Acheronte. 5 Nel canto di Bione la dea ha sciolto i capelli, indossa abiti a lutto, getta grida acute e si percuote il petto fino ad arrossarlo di sangue: dinanzi a Persephone, che ha preso il suo Adone, lamenta il proprio dolore e la fine sventurata dell amato. 6 1 G. Piccaluca: Adonis s.l. 2 Met Ov. X S. Ribichini: Adonis, S.A. P Detienne: Dionysos, p.74 e 78 5 Macr.Sat.I 21,2,5 6 Ov. Met.: X722-24

2 La sua caratteristica esperienza riferita a Teocrito, è quella di poter vivere vicendevolmente sulla terra e negli inferi in quanto Zeus, chiamato a redimere la contesa tra Afrodite e Persephone, avrebbe stabilito per Adonis una vita alternata tra i vivi con la dea dell Amore e tra i morti con la regina dell Ade. Da ciò il raccordo con l affinità temporale della vegetazione morente ed il suo risorgere ad ogni cilo stagionale. 7 Il mito di Adone quale racconta Apollodoro è il più antico. Narra di Theias, re d Assiria e di sua figlia Sayrna che, innamorata del padre a causa di una vendetta di Venere, riesce a giacere per 12 notti con lui aiutata da una serva. Scoperto il fatto Theias la insegue per i boschi allo scopo di ucciderla. Sicura che ciò sarebbe accaduto la fanciulla supplica gli dei di aiutarla rendendola invisibile. Avuta pietà essi la trasformeranno in un albero che da lei prenderà il nome, ovvero l albero della mirra. Dalla sua corteccia 9 mesi più tardi nascerà Adone, bellissimo, di cui subito si innamorerà Afrodite che, per occultarlo agli altri dei lo affiderà a Persephone, ma quando Venere lo richiederà, la regina del regno dei morti si rifiuterà di restituirlo; da qui la disputa risolta da Zeus che dividendo l anno in 3 parti, ne farà trascorrere ad Adone un terzo con Persephone, un terzo con Afrodite ed un terzo a suo piacimento. Adone concederà a Venere anche quest ultimo, ma durante una caccia perirà sotto i colpi di un cinghiale. Afrodite raccoglierà gli ultimi aneliti del giovane che spirerà tra le sue braccia in un campo di lattuga. 8 In Ovidio: Mirra, innamorata del proprio padre Cinira giace con lui con la complicità di una nutrice. Cinira svelerà l identità della fanciulla facendosi portare una lampada dai servi e, scoperto l incesto, tenterà di ucciderla. Mirra fuggirà e dopo aver vagato 9 mesi, chiederà agli dei una metamorfosi liberatrice che le sarà concessa. Dalla nuova forma d albero, aiutata dalle Naiadi, nascerà Adone di cui si innamorerà Venere. Un assenza della dea farà tornare Adone alla sua attività prediletta, la caccia, causa per cui verrà ucciso da un cinghiale. 9 Molte sono le varianti relative al mito. 7 Teocrito XVI Apollodoro Bibl. III Ov. Met. X e

3 LA CAMERA DI ADONE (Fig.1) La camera di Adone è situata sul versante nord est del piano nobile della Rocca di San Secondo Parmense ed esattamente tra la sala dei Giganti e quella di Latona con cui comunica attraverso rispettive porte. Le pareti sono spoglie a parte la presenza del camino. A detta del Pellegri la Camera di Adone, (rimanda a quella dei Giganti, altro ambiente della Rocca di San Secondo per la simile decorazione parietale) un tempo doveva mostrare ricchi arazzi il cui soggetto era a carattere mitologico. 10 La stanza prende luce da tutte e 4 le pareti che la mettono in comunicazione con l esterno. A Nord ed a Sud con le porte prima menzionate; ad Est da due finestre che danno su di un terrazzo che affaccia all esterno della Rocca e che il Minghelli-Vaini riferisce abbia ospitato balli fastosi e che si affaccia su di una piazza; ed a Ovest sulla loggetta del cortile d onore che guarda al medesimo per tre lati. La Camera di Adone con ragionevole certezza dovrebbe datarsi, per quanto riguarda la decorazione pittorica, intorno alla II metà del XVI secolo; ne è testimonianza il nome di Troilo II inciso sul caminetto ed una serie di fonti. 11 (Fig.2) F1 Inquadra il culmine della volta una falsa loggia fortemente scorciata e decorata a sua volta sul soffitto del caminetto da falsi cassettoni. (Fig.3) F2 10 M. Pellegri Il Castello di San Secondo nella Storia e nell arte. Parma 1968 F. Mazzini: Affresci lombardi del 400 Milano 1966 pp Pellegri M op. cit. Mazzini F. op. cit pp

4 La parte di essa visibile, e cioè quella che affaccia all interno della Camera di Adone presenta una ripartizione sui 4 lati data da un inquadramento di 3 colonne ioniche per lato. Le centrali divengono sostegno ad un telo avvolto e fermato lateralmente che fa da sfondo a medaglioni cinti da due figure nude ed eroiche mollemente appoggiate sulla balaustra del camminamento.(fig.4) F3 E evidente come questi personaggi ci riportino alla memoria sia le figure michelangiolesche, quindi a tutta l influenza dei pittori che operavano a Roma, sia alla tradizione culturale di Giulio Romano, del Campi e di quella cremonese e mantovana. I medaglioni sono ubicati ognuno al centro di ogni lato e rappresentano 4 personaggi identificati come benefattori della famglia e ad essa imparentati. Vi si riconoscono: - Giovanni dalle Bande Nere che soccorse la sorellastra Bianca Riario, nipote di Sisto IV,quando, morto il marito Troilo I dovette subire l assalto di molti nemici tra cui il Vescovo di Treviso Bernardo Rossi. (Fig. 5) - F4

5 - Il Cardinale Raffaele Riario di San Giorgio (Fig.6) F5 F6 - Federico Gonzaga Duca di Mantova,, zio di Camilla. (Fig.7) - Giangiacomo Trivulzio, Generale di Luigi XIII, che restituì ai Rossi i loro feudi, identificato diversamente da Pierluigi Appoli Allaj con Gian Girolamo de Rossi, letterato e poeta; da qui l alloro che gli cinge il capo. 12 (Fig. 8) F7 F8 12 A. Ghediglia Quintavalle: I Castelli del parmense parma 1955 p. 56 Per Poldi Allaj: http/www.cortedeirossi.it/libro/argomenti/ggrrggt/

6 I nudi che affiancano i medaglioni, sono a loro volta inquadrati da colonne laterali su cui sono legati dei nastri, anch essi elementi, come gli stucchi bianchi e dorati, i medaglioni, i grotteschi, i festoni di frutta e tanti altri, di quel gusto per l arte classica che sarà rinnovato a partire dai primi decenni del 500. Procedendo nella lettura dall interno all esterno delle fasce laterali, incontriamo ancora delle figure nude che reggono festoni sotto ai quali sono presenti 4 stemmi sostenuti agli angoli da figurazioni dello stesso tipo. Gli stemmi sono rispettivamente 2 dei Rossi, uno dei Gonzaga ed infine 1 dei Rangoni, alla cui famiglia apparteneva la moglie di Troilo II, Eleonora Duccione Rangoni di Modena. Proseguendo la lettura dal basso verso l alto, il culmine della volta è inquadrato da un motivo floreale ed ancora da una balaustra fortemente scorciata la cui apertura verso il cielo è occultata da un finto arazzo su cui viene rappresentata la Morte di Adone (Fig- 9) Germano Mulazzani ha attribuito gli affreschi della Camera ad un pittore attivo nell ambito della bottega del Vasari, Giulio Mazzoni, prendendo in esame come riferimento stilistico e decorativo le figure presenti in Palazzo Spada a Roma nella Galleria degli Stucchi e gli interventi scultorei e decorativi dello stesso. Il substrato culturale da cui proveniva il Mazzoni ne vede i natali a Piacenza nel 1525 e la sua formazione quale stuccatore presso Daniele da Volterra. La sua attività romana si prolunga fino al Mulazzani data il suo intervento in San Secondo attorno all anno 1576 quando, tornato in patria, dipinge la cappella del Santissimo Sacramento del Duomo di Piacenza ed il 1577 quando inizia a decorare le volte dei bracci della croce di santa Maria di Campagna, scomparsi entrambi. Pare che la decorazione lo impegnò per 10 anni, periodo senza dubbio troppo esteso per attendere a tutti e due questi impegni, ma giustificabile se si ipotizza che contemporaneamente si attivò alle decorazioni per le sale di San Secondo. E plausibile l ipotesi del Mulazzani specialmente per la sala di Adone, anche in riferimento ad un documento da lui rinvenuto che contiene il commento agli affreschi di Santa Maria della Campagna in cui dice: del medesimo Mazzoni sono quelle statue sedenti in vari luoghi del cornicione; dubito molto che convengano alla decenza di una chiesa, essendo d uomini grandi al naturale, ignudi e la collocati senza verun bisogno 13 Che il Mazzoni avesse avuto contatto con gli Zuccari a Roma è certo, lo attesta un annotazione autografa di Federico Zuccari sul libro delle Vitae in suo possesso. 14 L Ente Turistico di San Secondo cita una serie di pittori che non vengono però giustificati in fonti di alcun genere. 13 Cararsi G. Le pubbliche pitture di PPiacenza piacenza 1780 pp53-54 Mulazzani G.: La pittura in Corti del Rinascimento nella provincia di Parma Torino P Mulazzani G. op. Cit. p.194

7 L unica traccia che fornisce riguarda l affermazione che in quel periodo i Rossi danno alla città di Parma meno importanza di quella di Mantova e Cremona e da questo deduce che sicuramente non furono né parmensi, né della scuola di Parma gli artisti che decorarono le stanze di San Secondo. 15 La Ghidiglia - Quintavalle attribuisce queste stanze all arte del Campi, del Baglione, del Tibaldi e del Bertoja, quindi ai cremonesi, (Campi e Baglione) bolognesi (Tibaldi per le prospettive aeree) e parmensi (il Bertoja che si forma nell elegante clima intellettuale del manierismo parmense e alla scuola bolognese). 16 Il Pellegri fa riferimento ad un artista contemporaneo a Bernardino Campi e lo identifica come Gian Battista Trotti detto il Malozzo, cremonese. 17 UN IPOTESI ICONOLOGICA La rappresentazione al centro della volta, dipinta su di un falso arazzo, presenta il mito di Adone connesso al momento della morte. (Fig.9) Adagiato su di un prato verde Adone viene circondato e sostenuto da 3 figure. 15 Centro Turist. Giov e Ammin. Comunale di San Secondo: Arte, storia e attualità Parma 1970 p Ghediglia QuintavalleI Castelli del parmense. Parma 1955 p Pellegri M. op. Cit p. 105 F9

8 La scena viene rappresentata all ombra di un albero frondoso sotto al quale un giovane alato alla destra di Adone si china su di lui; accanto la faretra. Una giovane donna riccamente vestita lo tiene adagiato in grembo, mentre la terza figura, femminile anch essa, semi nuda e con la clamide al vento, sembra volerlo trarre a se. In primo piano due cani, uno bianco e l altro nero siedono quieti, accanto la lancia e l arco al suolo. All estrema sinistra dei putti attaccano con violenza un cinghiale, con arco e frecce, lance e fuoco, mentre nuvole nere oscurano l assolato paesaggio contro il quale si stagliano architetture sullo sfondo. La scena è un chiaro riferimento al mito, quando Adone morto a causa della ferita inflittagli dal cinghiale viene pianto da Venere e tratto a se da Proserpina a cui era stato destinato per i mesi invernali. La presenza del cinghiale a sinistra è emblema della causa della morte dell eroe verso cui gli amici di Venere volgono il dolore e furore della dea. Un attenta lettura in chiave iconologica ne evidenzia la simbologia attraverso la quale i committenti cinquecenteschi solevano esprimere i significati profondi che una rappresentazione voleva espletare. Molti letterati ed umanisti del 400 e della I metà del 500 di formazione neoplatonica ragionavano sui fatti degli dei in relazione al concetto di trasformazione e trasmigrazione della materia che avveniva a sua volta attraverso un processo di ascesa fino al raggiungimento della perfezione. Questo deve considerarsi come l evolversi dell amore in quanto inizio di ogni umana attività fino ad un raggiungimento contemplativo mediato dalla virtù e scevro quindi da ogni implicazione materiale. La dualità presente nel pensiero umanistico di virtus e voluptas può essere senza dubbio letta nelle figure presenti sul finto arazzo di San Secondo. Il concetto chiaramente espresso dal pensiero platonico a quello neoplatonico di Marsilio Ficino ebbe grande fortuna nel periodo rinascimentale e presso i pittori che ad esso fecero riferimento, essendo sicuramente in linea con le esigenze di una cerchia umanistico ecclesiastica, specialmente di provincia. 18 Si suppone che la datazione dell attività del Mazzoni intorno alla metà del XVI secolo sia concomitante sia per l intervento sul soffitto di San Secondo che per la sua attività di stuccatore, pittore ed interprete del mito adoniano nella Galleria degli Stucchi di Palazzo Spada a Roma.(Fig.10) 18 Gentili A.: Seminario di studi lotteschi Roma A.A.1978/1979

9 F10 Quest affermazione è conseguenza di un rapporto relativo ad un indagine sia di contenuto che stilistica delle rappresentazioni sopra menzionate. Un attenta lettura del percorso escatologico di Palazzo Spada nell erudita esposizione di Lionello Neppi nel volume ad esso dedicato, ci fa comprendere a quale complesso programma abbia aderito in stretta concomitanza con il pensiero ficiniano, con le sue forme d amore e con la sua esaltazione della virtù. Nella Galleria degli Stucchi a Roma vige un complesso programma iconologico basato su 4 gradi di ascesa dell anima ripartito sulle 4 pareti. - Adone rappresenta la ricaduta dell anima nella sfera della natura quando non sa trascendere nei valori umani. ((fig 11) E quindi il primo grado di ascesa dell anima, il primo di quelli che si realizzano nell individuo. - Il secondo è riferito alla natura umana, all anima razionale assimilabile alla Venere vulgaris, per proseguire nel - terzo in cui l anima umana, ricca di virtù, edifica il mondo morale. Quest ultima è assimilabile alla Venere celeste che nella Galleria degli Stucchi è visibile nelle figure rappresentate sulla parete sinistra con il solo petto denudato, elemento presente nel nostro dipinto di San Secondo. F11

10 - L ultimo grado di ascesa è rappresentato dalla mente intellettiva, contemplatrice delle forme ideali e delle eterne verità, comune alle essenze angeliche e dell anima umana identificata nella nudità delle figure sulla parete di destra, allegorie del valore superiore dell intelletto rispetto alla morale. 19 Quattro i gradi di ascesa dell anima nella Galleria degli Stucchi a Roma, e quattro le grandi figure presenti sul soffitto della Camera di Adone, il cui ultimo grado potrebbe essere identificato con la figura alata accanto a quella vestita nel nostro dipinto e riconducibile alla mente angelica che tutto conosce. Sappiamo a detta del Neppi, che Roma in questo periodo era luogo d incontro d interpreta zioni provenienti dalle più disparate tradizioni e che Mazzoni, nel programma iconologico di Palazzo Spada, non risparmia le citazioni: Michelangelo per Ganimede e Tiziano per Danae, ambedue riconducibili alla Galleria degli Stucchi dove è raffigurata la morte di Adone. 20 Come stupirci dunque se le figure eroiche che troneggiano sul soffitto della camera di Adone in San Secondo sono un chiaro ricordo delle figure eroiche michelangiolesche; e come stupirci infine nel ritrovare la citazione tizianesca sul finto arazzo di San Secondo con riferimento ad un celebre quadro che Tiziano dipinse nel 1515, strettamente legato al mito di Adone di cui alcuni episodi sono narrati sul sarcofago su cui posano le due veneri nella composizione pittorica, L Amor Sacro e L Amor Profano.? (Fig. 12) F12 Vediamo quindi che i due concetti convivono e vengono interpretati variamente a seconda delle fonti di riferimento dando valore positivo all una o all altra. La Venere Celeste sta a rappresentare l amore divino a cui si giunge attraverso l intelletto, mentre la Volgare, le qualità più alte dell amore, dell anima e dei sensi. 19 Neppi L. palazzo Spada 1975 p Nepi L. op. Ct, p.52

11 Marsilio Ficino da ad ambedue una valenza positiva identificando la Celeste come superiore alla Volgare che però, non per questo, è scevra di quelle qualità necessarie che la distinguono a sua volta dal puro amore ferino. La nudità diviene quindi sinonimo di verità e di superiorità agli ornamenti terreni, con questa viene quindi identificata la Venere Celeste; vestita è invece la Volgare legata alla materialità delle cose. Iniziando la lettura dall esterno all interno del soffitto di San Secondo, vediamo che vengono presentati 2 piani d azione. - Nel primo il ricordo della nascita di Adone dall albero donna indicato dalla presenza dell albero su cui le gocce cadenti dal tronco, la linfa, fanno riferimento alle lacrime della giovane Mirra così trasformata per concessione degli dei. All albero è inoltre connesso il luogo che funse da alcova per gli amanti. 21 La presenza delle due donne inoltre sta ad indicare il ciclo stagionale a cui è legato Adone. Ideantificato con il Sole segna lo scadere della stagione a seconda del suo periodo con Venere connessa al risveglio ed all esplosione della natura, o di Proserpina, periodo in cui si assopirà con il conseguente avvento dell inverno, quando lo condurrà con se nel mondo dell Ade. Adone Sole si occulterà quindi e con lui la natura; sarà l inverno di cui il cinghiale è simbolo 22 Ma Adone non è solo ricordato in riferimento al ciclo stagionale da lui generato, ma anche all aspetto erotico legato agli amori di cui è protagonista con Venere. Il momento della sua morte, quindi della morte della natura che andrà a rigenerarsi al suo ritorno sulla terra, è in concomitanza con l evidente regresso dello stato erotico, manifestato chiaramente dalla ferita mortale infertagli dal cinghiale in corrispondenza della zona inguinale Tracciata chiaramente dal pittore della sala di San Secondo, la ferita mortale in questa zona è un chiaro rinvio alla castrazione. 23 (Fig 13) 21 Cartari V. Le immagini de i dei de gli antichi pp284/ Ov. Met. X 714/ Conti N. Mytologiae IV, III p. 394

12 F13 Una maggior valenza la viene ad acquistare in riferimento al luogo dove è adagiato, ovvero tra foglie di lattuga, pianta calmante e rinfrescante che richiama l assopimento del desiderio amoroso. 24 L arco e la faretra, armi con cui amore unisce gli amanti sono inutilizzati, chiaro riferimento alla sospensione dell attività erotica. La lancia a terra, uno degli attributi con cui viene descritto al momento della partenza per la caccia, è simbolo dell abbandono dell arte venatoria. I cani, suoi compagni fedeli, in atto di quiete. La scelta della partenza per la caccia al cinghiale non condivisa da Venere, diviene l origine del dramma che lo condurrà ad una scelta con l occasione della momentanea distrazione di lei. Se la donna parzialmente nuda, china su di lui nell atto di trarlo a se, si identifica in un primo momento con Proserpina che lo accoglie per i mesi invernali, non dobbiamo dimenticare che nel 500 la presenza di due donne all interno dello stesso quadro pittorico, una vestita e l altra nuda, richiamavano, come accennato precedentemente, al concetto della Venere Celeste e della Volgare. Nel dipinto di Tiziano L amor sacro e l amor profano, il giovinetto alato è più vicino alla Venere volgare pur trovandosi tra le due. Nel soffitto della camera di Adone è posto accanto a lei ma in questo caso non è raccordo. Estremamente interessante notare invece come sia il sarcofago dell Amor sacro e dell Amor profano a far da tramite tra le due come passaggio dalla morte alla vita, mentre nel nostro assunto è Adone stesso a svolgere questa funzione. Alle scene di castigazione sul lato del sarcofago, dell amore ferino, (Fig. 14) 24 Gentili A. Da Tiziano a Tiziano Milano 1980 p.111

13 F14 corrisponde la castigazione del cinghiale a sinistra del nostro dipinto ad opera dei figli di Venere (Fig.15) F15 A questo proposito si fa riferimento ad un passo del Cartari che, anche nei figli della dea ravvisa una dualità.... aveva Venere partorito Cupido già da alcuni dì, quando ella si avvede che egli non cresceva punto, ma tuttavia egli restava così piccolino come egli era nato, onde non sapendo come procedere a ciò, domandò consiglio all Oracolo, il quale rispose che Cupido, stando solo, non sarebbe mai cresciuto. Bisognava fargli un fratello affinchè il folle amore tra loro avrebbe fatto si che Cupido sarebbe cresciuto quanto abbisognava. Venere, prestando fede alle parole dell Oracolo, partorì Antenore che iniziò a crescere, metter le ali e a camminare gagliardamente. L uno non vi è mai senza l altro, se Cupido vede Antenore crescere, cresce anche lui e se lo vede piccolino anche lui si fa piccolo benché questo faccia spesso a suo dispetto. Adunque amore cresce, quando è riposto in persona che ami medesimamente e chi è amato deve parimenti amare, è questo quello che mostrano gli antichi per Cupido e per Antenore. 25 Nelle immagini del Cartari, ravvisiamo una raffigurazione che mostra Cupido e Antenore con gli attributi presenti nella lotta tra i figli di Venere ed il cinghiale nel nostro dipinto.(fig.16 ) 25 Cartari V. Op. Cit. p.25

14 F16 La lotta quindi impegna la dualità qualitativa dei due amorini, l uno raffigurante l amore corrisposto (quindi Cupido cresce) e l altro i dolori che l amore può arrecare quando non è confortato dall essere ricambiato da sentimenti onesti (Cupido rimane piccino). Nell opera di Tiziano lo spazio erboso su cui poggia la Venere volgare è verdeggiante con la presenza di un cespuglio di fiori colorati, mentre quello della Celeste è arido e presenta in corrispondenza un tronco secco intorno al quale si avvolge un ramo verde. Nel nostro dipinto anche la Venere celeste è inquadrata in uno spazio verdeggiante, mentre la Volgare è posta in corrispondenza di uno spazio arido occupato dagli amorini che rendono inoffensiva la ferinità dell animale. Anche qui un tronco secco da cui diparte della verzura. - In Tiziano un paesaggio lagunare fa da sfonso alla Venere Celeste, mentre in corrispondenza della Volgare la città, il mondo. La stessa ripartizione la troviamo nella morte di Adone. Nel dipinto di Tiziano sappiamo esserci stata in origine la presenza di un cane bianco in riferimento alla fedeltà coniugale, tema inerente alla destinazione del dipinto che era stato commissionato per un matrimonio eccezionale che univa nel Maggio del 1514 Nicolò Aurelio, segretario del Consiglio dei Dieci, con la figlia di un eminente giurista padovano che quel consiglio aveva fatto giustiziare quale traditore. 26 Sul soffitto di SanSecondo due cani, uno chiaro ed uno scuro La lettura svolta a proposito del soffitto della sala dello Zodiaco nel Palazzo ducale di Mantova, ha ricondotto al carro di Diana-Luna rappresentato al centro della volta, carro trainato da due cani (Fig.17) 26 Gentili A. op. Cit. per un confronto con l Amor sacro e l Amor profano pp.62/65

15 Un iconografia inusuale, ma che ha permesso di tracciare la valenza di questi due animali assimilabili rispettivamente al giorno ed alla notte. L animale che rappresenta il giorno è equiparato alla fedeltà matrimoniale. La raffigurazione della Notte con Diana su di un carro trainato da cani la rinveniamo nel grottino del Ninfeo di Villa Giulia a Roma ad opera di Taddeo Zuccari e datata 1552/ Sappiamo dei rapporti intercorsi tra Giulio Mazzoni e gli Zuccari e la presenza del nostro a Palazzo Spada a Roma nella Galleria degli Stucchi 28 Se torniamo all origine del mito quindi, possiamo serenamente far riferimento al cane bianco come corrispondente a Venere e quindi al giorno, al Sole-Adone, al rigoglio dell Estate ed al cane nero a Proserpina, la notte, l occultamento di Adone-Sole. Tornando al dipinto di Tiziano qui la Venere vulgaris non acquista connotati negativi, ma quale essa è diviene simbolo della voluptas racchiusa all interno dell istituzione matrimoniale, indicata oltre che dagli attributi della figura vestita dalla presenza in origine del cane bianco riferito alla fedeltà coniugale di cui appena citata l originaria presenza. La stessa Venere nel dipinto di San Secondo, viene rappresentata in corrispondenza anch essa di un cane simbolo di fedeltà coniugale e dall abbandono da parte di Cupido dell arco e della faretra simbolo dell attività erotica, che però in questo contesto potrebbe essere assimilata ad un erotismo ricondotto all interno di un istituzione matrimoniale. La stessa rappresentazione di Cupido cresciuto può essere riferita al concetto espresso precedentemente in relazione alla crescita di Cupido che, come dice il Cartari: dunque amore cresce quando è posto in persona che medesimamente ami Bacco T. Lorenzo Costa il Giovane alla corte di Guglielmo Gonzaga.Tesi c/o Archivio di Stato di Mantova 1988 pp.124/ Mulazzani G.Op. Cit. p Cartari V. Op. Cit. p.25

16 Differentemente da San Secondo, nell Amor sacro e profano di Tiziano, Cupido non funge da anello di congiunzione tra le due. Svolge questa funzione invece il sarcofago di castigazione del mito adoniano. Nella camera di Adone al sarcofago si sostituisce Adone stesso che, elemento di passaggio dalla morte alla vita, potrebbe rappresentare il tramite tra una vita sensibile ad un elevazione dell amore in chiave intellettuale, quale indicata dalla Venere celeste che lo trae a se in corrispondenza del tronco reciso da cui pur riparte un rinverdimento che in chiave umanistica è sinonimo di attività intellettuale, sapienza, virtù. A questo punto credo che l attribuzione a Mazzoni possa essere avvalorata ulteriormente dal fatto che, mentre la Venere celeste si era soliti rappresentarla nella sua nudità quale sinonimo di verità: sul soffitto della sala di Adone abbiamo una figura parzialmente nuda. Essa è riconducibile a quelle rappresentate sulla parete sinistra della galleria degli Stucchi a Roma che presentano il solo petto denudato, esplicazione del mondo morale e quindi, come ha osservato il Neppi, assimilabili alla Venere celeste. Il Cupido quindi cresciuto, posto accanto alla Venere volgare che come abbiamo detto non ha connotati negativi, starebbe a rappresentare proprio quell amore cresciuto dalla reciprocità del sentimento ed anche l ultimo stadio della Galleria degli Stucchi a Roma quale mente intellettiva che tutto conosce, contemplativa delle forme ideali e delle eterne verità comune alle essenze angeliche. Se l impianto generale del dipinto di San Secondo è estremamente differente da quello dell Amor sacro e dell Amor profano di Tiziano; gli elementi contenuti e la disposizione degli stessi, individuati con puntualità stupefacente, sicuramente mostrano l influenza che la grande pittura ed il pensiero umanistico rinascimentale aveva suscitato negli artisti, ed in particolar modo in quelli che erano venuti a contatto con il pensiero escatologico fortemente interpretato nella capitale. Dice il Bernini che Troilo II aveva sposato nel 1550 la giovanissima Eleonora, donna dal carattere gentile e pietoso, amante dei fiori. 30 Ella donò al consorte i suoi possedimenti e privilegi e venne da lui profondamente amata come è chiaramente espresso sul marmo che ne commemorava la morte a soli 33 anni avvenuta prematuramente il 13 Gennaio Senza dubbio è estremamente difficile poter stabilire quali elementi prevalessero nella scelta di un componimento pittorico, certo è, che la Camera di Adone è sicuramente una celebrazione dell elevazione dell amore a virtù come si è precedentemente ipotizzato. Credo che si possa concludere affermando che la scena non contiene nessun elemento che lasci supporre il dramma conclusosi, se non la ferita all inguine e l attacco degli amorini al cinghiale. 30 Bernini F. L ambiente storico nel Castello dei Rossi in San Secondo, in Aura Parma Fondo Notarile Ortensio Rovacchia Pellegri M. Op. Cit. p.31

17 E chiaro che il pittore ha voluto leggere il mito rappresentandolo come un momento di catarsi che va al di la del pianto sul corpo dell eroe. Il voler celebrare la virtù vittoriosa sulla più infima valenza dell amore è riconducibile al cane bianco in cui si identifica la fedeltà coniugale, il giorno, la luce. La celebrazione dunque dell amore terreno forzosamente interrotto dalla triste sorte è ravvisabile nel cane scuro, la notte, l occultamento alla luce della giovane Eleonora: ma non per questo venuto meno, anzi elevato al più alto grado della morale, in attesa di raggiungere la giovane sposa e con lei perpetuarlo nella forma ideale dell eterna verità.

Particolari dell affresco ritrovato nella Chiesa di San Giuliano di Faleria.

Particolari dell affresco ritrovato nella Chiesa di San Giuliano di Faleria. Particolari dell affresco ritrovato nella Chiesa di San Giuliano di Faleria. Grazie allo sforzo coordinato tra lʼamministrazione comunale e il Parroco di Faleria, si è giunti alla riscoperta di un affresco

Dettagli

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi Ministero per i Beni e le Attività Culturali Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze SEZIONE DIDATTICA 2011 Schede

Dettagli

La chiesa di S. Giovanni ai campi conserva sulla muratura esterna e all interno una serie di affreschi di notevole valore storico-artistico

La chiesa di S. Giovanni ai campi conserva sulla muratura esterna e all interno una serie di affreschi di notevole valore storico-artistico Gli affreschi La chiesa di S. Giovanni ai campi conserva sulla muratura esterna e all interno una serie di affreschi di notevole valore storico-artistico Affreschi dell abside maggiore Entro una mandorla,

Dettagli

In origine si trattava di una loggia aperta, che ha subito modifiche

In origine si trattava di una loggia aperta, che ha subito modifiche La Veranda La sala interna della Veranda dispone solitamente di 13 tavoli che possono ospitare da due a dodici persone con possibili diverse sistemazioni a Vostra scelta. Potete scegliere il tavolo a voi

Dettagli

1 Navata. Intorno alle finestre, collocate nelle lunette, cornici architettoniche

1 Navata. Intorno alle finestre, collocate nelle lunette, cornici architettoniche 1 La chiesa è a unica navata scandita in sei campate sulla quale si aprono simmetricamente, con archi a tutto sesto, dodici cappelle, delle quali due fungono da accesso laterale alla chiesa. La navata

Dettagli

La chiesa, edificio di ieri e di oggi

La chiesa, edificio di ieri e di oggi La chiesa, edificio di ieri e di oggi Verso il III secolo l Ecclesiae domestica si trasforma in Domus Ecclesiae. L edificio ha la forma di un abitazione romana con il piano superiore destinato agli alloggi

Dettagli

LA STORIA pagine per l insegnante Per far capire agli alunni il concetto di Storia, mostriamo loro un immagine allegorica e guidiamoli a comprenderne

LA STORIA pagine per l insegnante Per far capire agli alunni il concetto di Storia, mostriamo loro un immagine allegorica e guidiamoli a comprenderne LA STORIA pagine per l insegnante Per far capire agli alunni il concetto di Storia, mostriamo loro un immagine allegorica e guidiamoli a comprenderne la simbologia con domande stimolo: - Perché la Storia

Dettagli

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO

Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Umanità dell'unesco SOFIA SILVIA ZAIN TIZIANO Patrimonio dell' Unesco quando e perché Firenze è la città artistica per eccellenza, patria di molti personaggi che hanno fatto la storia

Dettagli

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda

La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda La vecchia chiesa parrocchiale dei Santi Simone e Giuda Nel corso dei secoli, la vecchia parrocchiale di Sovico, subì notevoli trasformazioni. Dalle notizie esistenti, sappiamo che già nel XII secolo,

Dettagli

IL PLATONISMO RINASCIMENTALE

IL PLATONISMO RINASCIMENTALE IL PLATONISMO RINASCIMENTALE Il recupero della cultura classica durante l'umanesimo portò alla riscoperta dei testi di Platone. Questa fu favorita anche da alcune circostanze storiche: Concilio di Ferrara

Dettagli

RAFFAELLO SANZIO E LA CHIESA

RAFFAELLO SANZIO E LA CHIESA RAFFAELLO SANZIO E LA CHIESA Madonna del Granduca, 1506, Galleria Palatina, Palazzo Pitti, Firenze Il dipinto è così denominato perché fu acquistato dal granduca di Toscana Ferdinando III nel 1799, per

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO SUPPLICA A SAN GIROLAMO P. Nel nome del Padre. Amen. P. Rivolgiamoci al Signore Gesù con la preghiera di san Girolamo, per ottenere la conversione del cuore, fonte di riconciliazione e di pace con Dio

Dettagli

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria

Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria Tanti luoghi, tanta storia, tanti volti nella memoria 4 ottobre 2015 Giornata delle famiglie al Museo PROGETTO: Liliana Costamagna Progetto Grafico: Roberta Margaira Questo album ti accompagna a scoprire

Dettagli

CHI I PIÙ GRANDI GENI DELLA STORIA DELL ARTE RINASCIMENTO

CHI I PIÙ GRANDI GENI DELLA STORIA DELL ARTE RINASCIMENTO CHI I PIÙ GRANDI GENI DELLA STORIA DELL ARTE COSA LA PITTURA 7 IL RINASCIMENTO DOVE A MILANO, ROMA E VENEZIA QUANDO DAL 1495 AL 1540 CIRCA PERCHÉ PER CAPIRE LA GRANDE PITTURA DEL RINASCIMENTO AGLI INIZI

Dettagli

Annibale Carracci, La Bottega del macellaio, 1585, Oxford Christ Chrch

Annibale Carracci, La Bottega del macellaio, 1585, Oxford Christ Chrch Annibale Carracci, La Bottega del macellaio, 1585, Oxford Christ Chrch Annibale Carracci, Il mangiafagioli, 1583-1584, Roma, Galleria Colonna 1582 Accademia dei desiderosi, detta poi degli Incamminati,

Dettagli

SCHEDA PER LA VISITA IN PLANETARIO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

SCHEDA PER LA VISITA IN PLANETARIO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA SCHEDA PER LA VISITA IN PLANETARIO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA Sei in campagna, seduto su un bel prato e guardi il cielo, che cosa vedi?.le STELLE!! Guarda bene: non ti sembra che il cielo assomigli ad

Dettagli

Indice. Introduzione... 5

Indice. Introduzione... 5 ECCOCI signore_eccoci signore 26/10/10 12.56 Pagina 199 Indice Introduzione.......................................... 5 Alcuni interrogativi.................................... 7 La lettura della tradizione................................

Dettagli

Testata: Il Mattino Data: 22 Settembre 2013 Pag.: 39-43

Testata: Il Mattino Data: 22 Settembre 2013 Pag.: 39-43 Testata: Il Mattino Data: 22 Settembre 2013 Pag.: 39-43 Testata: Il Mattino Data: 22 Settembre 2013 Pag.: 49 Testata: Corriere dell Irpinia Data: 22 Settembre 2013 Pag.: 12 Testata: Ottopagine Data: 22

Dettagli

La religione degli antichi greci

La religione degli antichi greci Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero A cura di Emma Mapelli La religione degli antichi 1 Osserva gli schemi.

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

Mantova Museo Diocesano Francesco Gonzaga

Mantova Museo Diocesano Francesco Gonzaga Mantova Museo Diocesano Francesco Gonzaga Mantova Museo Diocesano Francesco Gonzaga La Sede espositiva è divisa in diverse sezioni: la prima ripercorre, attraverso sculture e dipinti 2000 anni di storia

Dettagli

Imputo la paralisi cerebrale di Tito a Pietro Lombardo.

Imputo la paralisi cerebrale di Tito a Pietro Lombardo. 1 Tito ha una paralisi cerebrale. 2 Imputo la paralisi cerebrale di Tito a Pietro Lombardo. Nel 1489, Pietro Lombardo progettò la Scuola Grande di San Marco. Fu la Scuola Grande di San Marco, progettata

Dettagli

La nascita della pittura occidentale

La nascita della pittura occidentale La nascita della pittura occidentale 1290-1295, tempera su tavola, Firenze, Basilica di Santa Maria Novella E' una tavola dipinta a tempera, dalle dimensioni di 578 cm di altezza e 406 cm di larghezza.

Dettagli

ALLEGORIA SACRA. Dove si trova: si trova alla Galleria degli Uffizi. Data:1504

ALLEGORIA SACRA. Dove si trova: si trova alla Galleria degli Uffizi. Data:1504 ALLEGORIA SACRA Dipinto misterioso, che si presta a diverse interpretazioni. E stato fatto su commissione privata, quindi non è stata pensata per il grande pubblico. Dove si trova: si trova alla Galleria

Dettagli

MUSEO DIOCESANO FRANCESCO GONZAGA

MUSEO DIOCESANO FRANCESCO GONZAGA Mantova MUSEO DIOCESANO FRANCESCO GONZAGA Mantova Museo Diocesano Francesco Gonzaga La Sede espositiva è divisa in diverse sezioni: la prima ripercorre, attraverso sculture e dipinti 2000 anni di storia

Dettagli

FIRENZE 360 ITINERARI TURISTICO DIDATTICI WEEKEND. GRUPPO (minimo 25 partecipanti) 239

FIRENZE 360 ITINERARI TURISTICO DIDATTICI WEEKEND. GRUPPO (minimo 25 partecipanti) 239 FIRENZE 360 PROGRAMMA: Dalle colline dell Oltrarno, nel silenzio bucolico di Forte Belvedere, lo sguardo raccoglie l immortale impronta rinascimentale di una città, dove tra arte e vivere quotidiano non

Dettagli

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico

La rappresentazione dello spazio nel mondo antico La rappresentazione dello spazio nel mondo antico L esigenza di creare uno spazio all interno del quale coordinare diversi elementi figurativi comincia a farsi sentire nella cultura egizia e in quella

Dettagli

Momenti della storia dell arte italiana attraverso i dipinti della Galleria Sabauda.

Momenti della storia dell arte italiana attraverso i dipinti della Galleria Sabauda. Momenti della storia dell arte italiana attraverso i dipinti della Galleria Sabauda. I maestri veneti del Cinquecento e Il Convito in casa di Simone il fariseo di Paolo Veronese (Verona 1528 Venezia 1588)

Dettagli

Musica di Johann Strauss (figlio)

Musica di Johann Strauss (figlio) IL PIPISTRELLO Il Pipistrello Musica di Johann Strauss (figlio) A cura di Giovanna Gritti I PERSONAGGI nel balletto di R. Petit Bella, (Rosalinde nell opera di Strauss) una giovane donna della buona società.

Dettagli

Il verde. su misura. Progettare il giardino

Il verde. su misura. Progettare il giardino Progettare il giardino Il verde Progettare il proprio giardino, grande o piccolo che sia, è fondamentale per la futura fruibilità dell area. Occorre quindi razionalità e fantasia, valutazione attenta della

Dettagli

MUSEI DI PALAZZO DEI PIO Piazza dei Martiri 68 41012 Carpi MO tel. 059 649973 fax 059 649361 www.palazzodeipio.it/imusei musei@carpidiem.

MUSEI DI PALAZZO DEI PIO Piazza dei Martiri 68 41012 Carpi MO tel. 059 649973 fax 059 649361 www.palazzodeipio.it/imusei musei@carpidiem. MUSEI DI PALAZZO DEI PIO Piazza dei Martiri 68 41012 Carpi MO tel. 059 649973 fax 059 649361 www.palazzodeipio.it/imusei musei@carpidiem.it I Musei di Palazzo dei Pio si compongono di due percorsi, il

Dettagli

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi

Corso di Storia delle Arti visive. 4. Gli Etruschi Corso di Storia delle Arti visive 4. Gli Etruschi 1 Le civiltà classiche: gli Etruschi Il popolo etrusco si era insediato nel territorio corrispondente alle attuali Toscana, Umbria e Lazio intorno al IX

Dettagli

Eraldo Canegallo. Anno Domini 1630 Quando la peste si fermò a Podigliano

Eraldo Canegallo. Anno Domini 1630 Quando la peste si fermò a Podigliano Eraldo Canegallo Anno Domini 1630 Quando la peste si fermò a Podigliano Sant Agata Fossili Dicembre 2001 Introduzione La presente ricerca si riferisce alla parrocchia di Sant Agata, sita nel comune di

Dettagli

A cura di: Arche Scaligere

A cura di: Arche Scaligere A cura di: Arche Scaligere INTRODUZIONE STORICO-ARTISTICA Le Arche scaligere, situate nel centro storico di Verona, sono un monumentale complesso funerario in stile gotico della famiglia degli Scaligeri,

Dettagli

F IRENZE CAPOLAVORO RINASCIMENTALE RIPORTATO A NUOVA VITA UN CAPOLAVORO RINASCIMENTALE

F IRENZE CAPOLAVORO RINASCIMENTALE RIPORTATO A NUOVA VITA UN CAPOLAVORO RINASCIMENTALE UN CAPOLAVORO RINASCIMENTALE RIPORTATO A NUOVA VITA UN CAPOLAVORO RINASCIMENTALE RIPORTATO A NUOVA VITA UN RIPORTATO A NUOVA VITA UN CAPOLAVORO RINASCIMENTALE RIPORTATO A NUOVA VITA F IRENZE CAPOLAVORO

Dettagli

Pittura del 1200 e del 1300. Prof.ssa Ida La Rana

Pittura del 1200 e del 1300. Prof.ssa Ida La Rana Pittura del 1200 e del 1300 Prof.ssa Ida La Rana Per molti secoli in Italia latradizione della pittura bizantina mantiene una profonda influenza sulla figurazione. Dalla metà del XIII secolo iniziano però

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

PALAZZINA DELL OROLOGIO

PALAZZINA DELL OROLOGIO Un illustre dimora che gode da secoli di fascino e splendore. In Italia non sono molte le residenze d epoca ricche di charme bellezza e di un glorioso passato come Villa Reale. L eleganza senza tempo dell

Dettagli

COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA?

COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA? COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA? Nell antica Roma tutti si mettevano un vestito lungo. Questo vestito si chiama tunica. Uomini e donne legavano la tunica con una cintura. Sopra la tunica le donne ricche

Dettagli

Ampliamento del cimitero di Ponte Sesto a Rozzano

Ampliamento del cimitero di Ponte Sesto a Rozzano 04_09_CIL79_Aldo Rossi 26-01-2001 15:21 Pagina 4 Progetti Cecilia Bolognesi Le prime volte saremo destinati a cercarlo a lungo, sfrecciando sulla tangenziale che lo lambisce a sud di Milano, con lo sguardo

Dettagli

VISITA A PALAZZO CISTERNA A TORINO

VISITA A PALAZZO CISTERNA A TORINO VISITA A PALAZZO CISTERNA A TORINO Martedì, 1 marzo siamo andati a Palazzo Cisterna di Torino. Questo palazzo, tanti anni fa, era di proprietà di Amedeo I di Savoia, duca d Aosta, re di Spagna e sua moglie

Dettagli

L ANTICA ORA ITALICA DEL VATICANO

L ANTICA ORA ITALICA DEL VATICANO L ANTICA ORA ITALICA DEL VATICANO Uno sconosciuto orologio meccanico a sei ore del 700 posto sui palazzi del Vaticano riemerge da un dipinto del Panini Nicola Severino www.nicolaseverino.it agosto 2007

Dettagli

Progetti. zermani associati Tempio crematorio a Valera, Parma. Alberto Ferraresi

Progetti. zermani associati Tempio crematorio a Valera, Parma. Alberto Ferraresi Progetti Alberto Ferraresi Al momento della cremazione, l entità fisica della persona diventa polvere ed un cammino di cose terrene, fortemente radicate al suolo, si smaterializza e guarda al cielo. Il

Dettagli

Percorso didattico Cittadinanza e Costituzione Rosa Sergi

Percorso didattico Cittadinanza e Costituzione Rosa Sergi A SCUOLA DI COSTITUZIONE COLORA IL TITOLO BIANCO, ROSSO E VERDE. PER VIVERE BENE IN CLASSE ABBIAMO BISOGNO DELLE DIRITTI REGOLE DOVE VI SONO DEI DIRITTI E DEI DOVERI SENZA LEGGI e REGOLE DA RISPETTARE

Dettagli

Germania: Potsdam La Versailles degli Hohenzollern

Germania: Potsdam La Versailles degli Hohenzollern Il re prussiano Federico II salì al trono nel 1740 alla giovane età di 28 anni.. sotto il suo regno la Prussia diventò la quinta potenza europea per importanza, fu un politico eccezionale, un guerriero,

Dettagli

La città di Pedro da Toledo. La città di Pedro da Toledo

La città di Pedro da Toledo. La città di Pedro da Toledo La città di Pedro da Toledo Con la linea arancio sono indicate le mura che delimitano l ampliamento aragonese. Con la linea verde la murazione antica, con la linea gialla il fronte a mare realizzato dagli

Dettagli

ALLEANZA ASSICURAZIONI

ALLEANZA ASSICURAZIONI ALLEANZA ASSICURAZIONI Cinquantesimo anniversario della fondazione 1935-1985 Ø mm. 70 - Bronzo Autore: F. Bodini - Coniazione: Soc. S. Johnson. D: (Anepigrafe) Scena d amore filiale. R: ALLEANZA ASSICURAZIONI

Dettagli

I.R.E. srl per il Piano di Valorizzazione Territoriale - Progetto Leggere Trame

I.R.E. srl per il Piano di Valorizzazione Territoriale - Progetto Leggere Trame 2.5 Pontestura PATRIMONI INDIVIDUATI 1: PALAZZO MUNICIPALE, ARCHIVIO STORICO E DEPOSITO MUSEALE ENRICO COLOMBOTTO ROSSO Il Palazzo, edificato a fine 800, è stato donato al Comune dopo la metà degli anni

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

L ALBERO DELLA VITA. L albero della vita è uno dei simboli venerati in tutte le culture come principio di vita e longevità.

L ALBERO DELLA VITA. L albero della vita è uno dei simboli venerati in tutte le culture come principio di vita e longevità. L ALBERO DELLA VITA Presentazione: L albero della vita è uno dei simboli venerati in tutte le culture come principio di vita e longevità. Nella tradizione ebraica si narra che Dio mise nel giardino dell

Dettagli

SCHEDE IDENTIFICATIVE CON DECRETI DI DICHIARAZIONE DI INTERESSE

SCHEDE IDENTIFICATIVE CON DECRETI DI DICHIARAZIONE DI INTERESSE SCHEDE IDENTIFICATIVE CON DECRETI DI DICHIARAZIONE DI INTERESSE Decreto Lgs. 22 gennaio 2004 n. 42 o Legge 22 aprile 1941 n. 633 Comune Località Classe Vincolo Tipo Vincolo N Tutela MODENA Tre Olmi MONUMENTALE

Dettagli

I. B 3. Ti lodo Signore, perché mi hai fatto come un prodigio (salmo 139) FELICI DEL TUO ARRIVO con te lodiamo il Signore

I. B 3. Ti lodo Signore, perché mi hai fatto come un prodigio (salmo 139) FELICI DEL TUO ARRIVO con te lodiamo il Signore I. B 3 Ti lodo Signore, perché mi hai fatto come un prodigio (salmo 139) FELICI DEL TUO ARRIVO con te lodiamo il Signore 1 2 Preghiera per un bimbo appena nato Signore, ci hai dato la gioia di un figlio:

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO

IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO IL PRESEPE DEL TRENTINO IN PIAZZA SAN PIETRO La gioia del dono ono emozioni di grande intensità e gioia quelle rimaste nel cuore dei Trentini all indomani della sciata memorabile di Papa Giovanni Paolo

Dettagli

Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra

Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra 1 Storia di un palloncino con la testa tra le nuvole, con i piedi per terra STILEMA / UNOTEATRO di e con Silvano Antonelli collaborazione drammaturgica Alessandra Guarnero Ogniqualvolta si utilizzino e

Dettagli

20 Novembre 2014, nella sede della Wake Forest University La violenza sulle donne - Frammenti d'arte Presidente Daniela Gaddo Vedaldi

20 Novembre 2014, nella sede della Wake Forest University La violenza sulle donne - Frammenti d'arte Presidente Daniela Gaddo Vedaldi CLUB VENEZIA 20 Novembre 2014, nella sede della Wake Forest University La violenza sulle donne - Frammenti d'arte Il Club Soroptimist di Venezia, cogliendo la sensibilità dell Unione Soroptimist International

Dettagli

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA

PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA PROFEZIE SU BENEDETTO XVI E SUL PROSSIMO PAPA Cari figli, la strada sarà breve per colui che verrà con il desiderio di fare un lungo cammino. Sappiate, voi tutti, che il fuoco si diffonderà in varie nazioni,

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare.

Ci hanno impressionato le grandi fosse rotondeggianti dove i romani facevano la calce: le calcare. Secondo noi le cose significative della zona archeologica di Villa Clelia sono molte: innanzitutto la cappella di San Cassiano, di cui oggi restano solo le fondamenta in sassi arrotondati, di forma quadrata.

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

Giornata internazionale della Donna

Giornata internazionale della Donna Giornata internazionale della Donna ( venerdì 8 marzo 2013 ) «Tutto ciò che si fa alla Natura, si fa alle donne, e tutto ciò che si fa alla donne, si fa alla Natura. La donna e la Natura sono un tutt uno.»

Dettagli

Amici di Palazzo Reale

Amici di Palazzo Reale Amici di Palazzo Reale 55 56 Umberto e Maria Josè. Ultimi Principi a Palazzo Una mostra per un ritrovato percorso di visita Giulia Piovano L hanno fornito l occasione per riaprire al pubblico le sale del

Dettagli

La gente si chiedeva: «Chi è costui?» E la folla rispondeva: «Questi è il profeta Gesù, da Nazaret di Galilea») (Mt 21,10-11)

La gente si chiedeva: «Chi è costui?» E la folla rispondeva: «Questi è il profeta Gesù, da Nazaret di Galilea») (Mt 21,10-11) Daniela Canardi Domenica delle Palme La gente si chiedeva: «Chi è costui?» E la folla rispondeva: «Questi è il profeta Gesù, da Nazaret di Galilea») (Mt 21,10-11) «Non ho sottratto la faccia agli insulti

Dettagli

G.C.M. FIRENZE 19-20-21 Aprile 2014. Area attrezzata per camper Antica Etruria, Via Ferruccio Parri - www.anticaetruria.it

G.C.M. FIRENZE 19-20-21 Aprile 2014. Area attrezzata per camper Antica Etruria, Via Ferruccio Parri - www.anticaetruria.it G.C.M. (Gruppo Camperisti Malnate) Associazione di promozione sociale - Piazza Fratelli Rosselli Malnate C.F. 95069620128 Sito Email www.gruppocamperistimalnate.it gruppocamperistimalnate@gmail.com FIRENZE

Dettagli

PIAZZA SAN PIETRO BASILICA DI SAN PIETRO CAPPELLA SISTINA GUARDIE SVIZZERE CASTEL S.ANGELO STATUA DEL MOSE

PIAZZA SAN PIETRO BASILICA DI SAN PIETRO CAPPELLA SISTINA GUARDIE SVIZZERE CASTEL S.ANGELO STATUA DEL MOSE ARCO DI TITO SINAGOGA PIAZZA SAN PIETRO BASILICA DI SAN PIETRO CAPPELLA SISTINA GUARDIE SVIZZERE CASTEL S.ANGELO PANTHEON STATUA DEL MOSE COLOSSEO S. GIOVANNI IN LATERANO PALAZZO DEL QUIRINALE STATUA DI

Dettagli

MUSICA DIPINTA: alla ricerca del suono e delle radici della tradizione dell artigianato d arte in alcune opere cremonesi del 500

MUSICA DIPINTA: alla ricerca del suono e delle radici della tradizione dell artigianato d arte in alcune opere cremonesi del 500 MUSICA DIPINTA: alla ricerca del suono e delle radici della tradizione dell artigianato d arte in alcune opere cremonesi del 500 BANDO ARDESIS IDENTITA CULTURALE Protocollo LOM.16.13 IIS TORRIANI LICEO

Dettagli

VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE

VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE VALLAURIS MUSEO NAZIONALE PICASSO LA GUERRA E LA PACE 18 PABLO PICASSO Nasce a Malaga in Spagna nel 1881. figlio di un professore di disegno. Dopo aver brillantemente compiuto gli studi presso l accademia

Dettagli

Intesa relativa alla tutela dei beni culturali di interesse religioso appartenenti a enti e istituzioni ecclesiastiche

Intesa relativa alla tutela dei beni culturali di interesse religioso appartenenti a enti e istituzioni ecclesiastiche Intesa relativa alla tutela dei beni culturali di interesse religioso appartenenti a enti e istituzioni ecclesiastiche Il Card. Camillo Ruini, Presidente della Conferenza Episcopale Italiana, e l On. Giuliano

Dettagli

PADIGLIONE ESPOSITIVO L+B 2012

PADIGLIONE ESPOSITIVO L+B 2012 2012 PADIGLIONE ESPOSITIVO L+B 2012 SCENOGRAFIA RENDER e VISUALIZZAZIONE 3D PROGETTO ILLUMINOTECNICO PERMESSI Giancarlo Basili iguzzini iguzzini lighting engineering department Riproduzione dell opera

Dettagli

Che arriva a Venezia in macchina deve cercare un parcheggio in Piazzale Roma e poi andare in città con il vaporetto o a piedi.

Che arriva a Venezia in macchina deve cercare un parcheggio in Piazzale Roma e poi andare in città con il vaporetto o a piedi. 1.Introduzione Venezia nasce nel 452 e poco dopo la fondazione della città i commercianti veneziani cominciano a portare dall Oriente prodotti che gli Europei non conoscono: le spezie, il cotone, i profumi

Dettagli

I.S.I.S. FOSSOMBRONI - GROSSETO STORIA DELL ARTE DEL TERRITORIO CLASSE TERZA TURISMO PROGRAMMA CON CONTENUTI MINIMI

I.S.I.S. FOSSOMBRONI - GROSSETO STORIA DELL ARTE DEL TERRITORIO CLASSE TERZA TURISMO PROGRAMMA CON CONTENUTI MINIMI CLASSE TERZA TURISMO Libro di testo: Itinerario nell arte vol. 1, a cura di Cricco e Di Teodoro. 1) Il problema della creazione artistica. La definizione di arte. 2) Il mondo primitivo e le prime manifestazione

Dettagli

Passeggiando per Genzano

Passeggiando per Genzano Passeggiando per Genzano Genzano di Roma è un comune di 24.397 abitanti della provincia di Roma nel Lazio ed è situato sul versante esterno del cratere vulcanico del lago di Nemi. ...Forno antichi sapori...

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare

Dettagli

I sarcofagi cristiani. Età tetrarchica: i sarcofagi a grandi pastorali

I sarcofagi cristiani. Età tetrarchica: i sarcofagi a grandi pastorali Età tetrarchica: i sarcofagi a grandi pastorali Età tetrarchica: i sarcofagi a grandi pastorali Dalla tetrarchia all età di Costantino i sarcofagi a grandi pastorali Dalla tetrarchia all età di Costantino

Dettagli

La Cappella. (14) A. Surdi, op. cit., pp. 322/326. (16) S. Di Bella, op. cit., p. 49.

La Cappella. (14) A. Surdi, op. cit., pp. 322/326. (16) S. Di Bella, op. cit., p. 49. La Cappella Entrando nella Basilicale Chiesa Madre di Alcara, al centro della navata sinistra, è annessa la fastosa Cappella eretta in onore di San Nicolò Politi, come voto e ringraziamento fatto dagli

Dettagli

MEDICI MECENATI. da banchieri a signori

MEDICI MECENATI. da banchieri a signori MEDICI MECENATI da banchieri a signori iovanni di Bicci 1360-1429 1429! Agli inizi del 400 inaugura il successo politico ed economico della famiglia! Il figlio Cosimo detto il Vecchio inizia il ramo principale!

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

MEDIOEVO significa (vuol dire) ETÀ DI MEZZO cioè in mezzo tra l'età antica e l'età moderna. (mezzo) (età) MEDIO + EVO

MEDIOEVO significa (vuol dire) ETÀ DI MEZZO cioè in mezzo tra l'età antica e l'età moderna. (mezzo) (età) MEDIO + EVO IL MEDIOEVO IL MEDIOEVO MEDIOEVO significa (vuol dire) ETÀ DI MEZZO cioè in mezzo tra l'età antica e l'età moderna (mezzo) (età) MEDIO + EVO I FATTI PIÙ IMPORTANTI ALL INIZIO DEL MEDIOEVO i barbari e i

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Le Veneri nell Arte. Le veneri. Nell arte

Le Veneri nell Arte. Le veneri. Nell arte Le Veneri nell Arte Le veneri Nell arte Dal Mito all Arte Afrodite è la divinità greca dell'amore, inteso anche come attrazione delle varie parti dell'universo tra loro per conservare e procreare. I Greci

Dettagli

ELENCO OPERE. 15. C. Rainaldi Veduta di S. Agnese in Agone, 1652 Mm. 432 x 1390

ELENCO OPERE. 15. C. Rainaldi Veduta di S. Agnese in Agone, 1652 Mm. 432 x 1390 ELENCO OPERE VIENNA ALBERTINA 1. Francesco Borromini Schizzo con le misure di S. Pietro, 1631 Mm. 263 x 394 2. Gian Lorenzo Bernini Studi per il coronamento del Baldacchino, 1631 3. Francesco Borromini

Dettagli

I bassifondi del Barocco

I bassifondi del Barocco I bassifondi del Barocco mostra 7 ottobre 2014-18 gennaio 2015 LIBRETTO RAGAZZI 7-12 anni CHE COS É IL BAROCCO? Ciao, io sono il Piccolo Ferdinando e conosco Villa Medici come le mie tasche. Se vuoi ti

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

La storia dell'osservazione delle stelle è sempre stata. un mistero, un salto nell'immaginazione che è riuscito ad

La storia dell'osservazione delle stelle è sempre stata. un mistero, un salto nell'immaginazione che è riuscito ad La storia dell'osservazione delle stelle è sempre stata un mistero, un salto nell'immaginazione che è riuscito ad affascinare tutti, soprattutto noi ragazzi. Il cielo è stato pressoché dimenticato per

Dettagli

Calendario delle visite guidate Pavia, da febbraio a dicembre 2014

Calendario delle visite guidate Pavia, da febbraio a dicembre 2014 Calendario delle visite guidate Pavia, da febbraio a dicembre 2014 FEBBRAIO Sabato 15, ore 16 - Ponte coperto (lato città) MARZO Sabato 8, ore 16 - piazza S. Michele (basilica) PAVIA, CAPITALE DI REGNO

Dettagli

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO Rallegrati Maria Dal vangelo di Luca (1, 26-38) 26 Al sesto mese, l angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret,

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Alziamo gli occhi al cielo

Alziamo gli occhi al cielo 1914-2014 Alziamo gli occhi al cielo Centenario dalla realizzazione degli affreschi della chiesa SS. Trinità di Samarate. Dagli archivi parrocchiali... Nel 1912 l allora parroco Don Antonio Spreafico esprime

Dettagli

Parrocchie di Villadossola

Parrocchie di Villadossola I funerali nelle nostre comunità Parrocchie di Villadossola Ai familiari dei fedeli defunti Cari familiari, sono don Massimo, il parroco di Villadossola. Vi raggiungo a nome delle comunità cristiane di

Dettagli

Don Paolo Sconocchini. Testimoni DI GEOVA. storia bibbia dottrina testimonianze

Don Paolo Sconocchini. Testimoni DI GEOVA. storia bibbia dottrina testimonianze Don Paolo Sconocchini Testimoni DI GEOVA storia bibbia dottrina testimonianze Collana: Meditazione Don Paolo Sconocchini Testimoni DI GEOVA storia bibbia dottrina testimonianze Testi: Don Paolo Sconocchini

Dettagli

La chiamata alla speranza

La chiamata alla speranza La chiamata alla speranza Preghiera mensile Dicembre 2015 1.- Introduzione L'Avvento è un tempo per rispondere alla "chiamata alla speranza". La nostra è la speranza che abbiamo nella nascita di Cristo,

Dettagli

ETICA, RELIGIONE, POLITICA

ETICA, RELIGIONE, POLITICA Liceo Classico S.G. CALASANZIO La III Classico B presenta: ETICA, RELIGIONE, POLITICA La religione nella classicità La legge umana e la legge divina: quale rapporto? I Greci: popolo di sapienti eppure

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

linee guida all uso del logo IGC introduzione P i a c e n z a, 1 G e n n a i o 2 0 1 0

linee guida all uso del logo IGC introduzione P i a c e n z a, 1 G e n n a i o 2 0 1 0 1 introduzione Questo abstract contiene le linee guida fondamentali per l utilizzo del marchio ITALIAN GOSPEL CHOIR e delle sue applicazioni. Il marchio rappresenta, di fatto, l identità della Nazionale

Dettagli

La Cella di Talamello

La Cella di Talamello La Cella di Talamello Posta a metà strada fra la residenza vescovile di campagna e quella entro le mura, la Cella venne eretta e decorata per volontà del vescovo di Montefeltro mons. Giovanni Seclani frate

Dettagli

Lo spazio dell incontro: Palazzo Rospigliosi

Lo spazio dell incontro: Palazzo Rospigliosi Lo spazio dell incontro: Palazzo Rospigliosi Stampa di Giuseppe Vasi a cura di Chiara Loasses Il presente documento fa parte dei materiali distribuiti durante il LAB-Forum dell Unità Operativa ISFOL FLAI-lab,

Dettagli