La primavera meteorologica 2010

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La primavera meteorologica 2010"

Transcript

1 La primavera meteorologica 2010 L inizio della primavera, contrariamente alla precedente stagione, presenta una decisa anomalia negativa di precipitazione concentrata principalmente nel mese di aprile, con circa 70 mm in meno rispetto all atteso lungo la costa. Tale tendenza si inverte tra maggio e giugno, periodo che mostra una discreta anomalia positiva con valori sopra l atteso di almeno mm e picchi significativi per lo spezzino (circa 180 mm in maggio). L andamento delle temperature massime è stato leggermente negativo (tra 0,3 e 0,7 C) a causa della nuvolosità e delle precipitazioni; per le minime, invece, si sono segnalati valori al di sopra l atteso, in particolare sul Centro-Levante (da a 1.1 C sul Genovese e lo Spezzino). Come accennato il mese di aprile è caratterizzato da un deficit di pioggia, mentre assistiamo a un anomalia positiva per quanto riguarda la temperatura soprattutto sullo Spezzino (+ 1.5 C). Questa situazione riflette bene la presenza per quasi tutto il mese di un dominio anticiclonico che non favorisce l entrata in Mediterraneo del flusso atlantico, confinato a Nord-Nord-Ovest della Gran Bretagna. Tuttavia il Mediterraneo centrale è interessato da qualche debole infiltrazione di aria fresca nella prima metà del mese (vedi fig 1 a), mentre successivamente un debole richiamo umido di aria più mite Nord-africana tende gradualmente a lambire le Baleari e le due isole maggiori (fig.1 b). L anticiclone delle Azzorre tende a rinforzarsi per poi collegarsi con quello Russo-balcanico verso l ultima decade del mese: questa configurazione assicura condizioni di tempo stabile a causa dell attenuarsi dei sistemi frontali che lambiscono l Europa Nord-occidentale. Figura 1 a- b Le analisi del Metoffice previste per 10 e 25 aprile alle 00 UTC evidenziano la presenza di un ampia zona anticiclonica (ben estesa dalle Azzorre a Biscaglia, Gran Bretagna e regioni del Mar del Nord) che mantiene a latitudini superiori il flusso zonale atlantico. Maggio presenta una lieve anomalia negativa per le temperatura minime (con 1.7 a La Spezia), mentre per le piogge il deficit di Aprile viene ripagato da un'anomalia positiva di precipitazioni; a Levante della Regione, infatti, registriamo ben +180 mm a La Spezia a causa della presenza di una circolazione che insiste sulla Liguria e l area mediterranea nel corso della prima metà del mese. Rispetto al mese passato si ha la fine del dominio anticiclonico sull Europa, a causa della discesa di aria atlantica verso la Francia meridionale e le isole Baleari e una successiva attivazione di alcuni minimi sul Mare Nostrum, che comportano condizioni di tempo a tratti instabile, in particolare nella prima decade del mese.

2 Figura 2 Immagini dell incredibile colpo di mare che ha interessato violentemente la zona di Nizza per poi propagarsi verso la Riviera (Francia) L inizio di maggio si ricorda per una mareggiata violenta e lunga che è partita dalla Costa Azzurra (fig.2) e si è propagata rapidamente a tutta la Riviera dove si sono registrati gravi danni: infatti, tra il 4 e 5 maggio un vortice di aria fredda in quota ha fatto il suo ingresso sul Mediterraneo, determinando la formazione di un profondo quanto intenso minimo al suolo sulle Baleari (999 hpa), che si è spostato rapidamente verso Nord-Est (fig.3), approfondendosi ulteriormente fino a 989 hpa.

3 Figura 3 L analisi Wetterzentrale (MSLP + Geopotenziale a 500 hpa) per il 5 maggio, evidenzia un nucleo di aria fredda e instabile associata al minimo al suolo sulle Baleari. Si è così venuto a creare sul Mediterraneo un forte gradiente barico (fig. 4-5) che ha causato venti rafficati fino a tempesta di Tramontana sulla parte occidentale del Golfo del Leone (dove sono registrate raffiche oltre 160 km/h con intensità medie di oltre i 100 km/h) e venti di burrasca forte da Sud-Ovest sul settore sud-occidentale del ciclone, lungo tutta la sua traiettoria. Figura 5 Mappa di analisi al suolo riferita alle 09UTC del 4 maggio Figura 4 Mappa di analisi al suolo riferita alle 2010 (elaborazione Meteocentre), evidenzia chiaramente il forte 06UTC del 4 maggio 2010 (elaborazione gradiente barico al suolo tra la Corsica e il Golfo del Leone, Meteocentre) mostra il profondo minimo al suolo responsabile dei venti intensi e del significativo moto ondoso che ha interessato la Costa Azzurra e la Riviera Ligure (992 hpa) in veloce risalita verso Nord.

4 In particolare questa configurazione ha determinato sul Golfo Ligure forti venti di Scirocco nella mattina (responsabili delle precipitazioni persistenti sul Ponente), in successiva brusca rotazione da Sud, Sud-Ovest e la progressiva attenuazione dell intensità in corrispondenza dell ingresso del minimo sul Leone. Gran parte della costa Ligure era interessata da un incredibile colpo di mare proprio nella serata del 4 maggio 2010, quando onde lunghe e alte fino a 4-5 m finirono con determinare una serie d ingenti danni alle infrastrutture portuali e balneari in molte località della regione. Figura 6 Il modello mostra un onda più corta e sciroccale proveniente dal Tirreno fino al Savonese (vettori in rosso) e il mare formato da Sud, Sud-Ovest tra Corsica e Provenza in risalita verso Nord-Est (la cui convergenza è responsabile delle onde anomale nella zona di San Raphael e Nizza alte oltre 6 m). La linea rossa separa le due tipologie di moto ondoso (l onda da SW formata proveniente dai settori Corsica-Proenzale e l onda da SE più corta, proveniente dall alta Toscana). Il fronte d onda simulato dal modello alle 13 UTC del 4 maggio (fig 6 - linea rossa) trova la sua massima esaltazione nella zona di Nizza, per poi propagarsi con estrema rapidità ed energia tra il pomeriggio e la notte verso l estremo Levante, con una serie di danni ai porti e porticcioli oltre che alle infrastrutture. Significativo soprattutto il periodo molto lungo che ha superato i 9 secondi, ricordando l evento dell 1-2 gennaio (fig.7-8).

5 Figura 7 Altezza onda significativa registrata dalla boa di Figura 8 Periodo d onda registrato dalla boa di XXMiglia dalle XXMiglia dalle 00 UTC del 4 maggio alle 10 UTC del 5 00 UTC del 4 maggio alle 10 UTC del 5 maggio 2010 maggio 2010 Come nella mareggiata dell 1-2 gennaio 2010, sulla costa ligure i venti sono stati piuttosto deboli. L evento in esame si inserisce nel quadro di un passaggio di un vasto sistema frontale sul Mediterraneo occidentale, che ha favorito sulla nostra regione anche piogge diffuse, più persistenti sul Ponente, soprattutto sul versante padano del savonese dove localmente si sono raggiunti anche i 100 mm in tutta la durata dell evento (fig.9). Figura 9 Pioggia cumulata in 24 ore nella giornata del 4 maggio 2010 Dopo un parziale miglioramento delle condizioni meteo, il passaggio di un nuovo impulso freddo dall Europa settentrionale verso le Alpi causa, attorno a metà mese, la formazione di una struttura ciclonica in transito sul Nord-Italia (fig.10); quest ultima che risultava centrata tra Costa Azzurra e Golfo Ligure, era preceduta da un importante avvezione di aria umida dal Nord-Africa, e associata alla presenza di un profondo vortice di aria fredda in quota. Tali elementi sono risultati determinanti per lo sviluppo di una nuova fase di profonda instabilità su buona parte del settore occidentale del bacino.

6 Figura 10 Analisi Wetterzentrale del 16 maggio 2010 alle 00 UTC (geopotenziale a 500 hpa e MLSP), evidenzia una significativa saccatura sull Adriatico e il Nord-Italia, che anche nei giorni precedenti aveva comportato una serie di sistemi temporaleschi anche intensi, responsabili di intense piogge e smottamenti sul centro della Regione Come si può evidenziare dall immagine la discesa di aria fredda e instabile in quota (500 hpa) è stata determinata da una progressiva espansione dell anticiclone delle Azzorre verso l Islanda, con una conseguente discesa del flusso perturbato atlantico dal mare di Groellandia verso i Balcani. Le piogge registrate tra il 16 maggio 2010 hanno interessato un po tutta la Liguria estendendosi da Ponente a Levante: le precipitazioni sono state caratterizzate da intensità deboli o al più moderate (massimo Montaldo 40mm/h), raggiungendo quantitativi significativi o al più elevati (Colle Melogno 160mm in 24h). Nel mese di Giugno l anomalia di temperatura lievemente negativa tende comunque a ridursi rispetto a quello precedente (con scarti tra 0.3 e C per i valori massimi), mentre le precipitazioni mostrano valori decisamente superiori all atteso (+70 mm a Santa; +106 mm a Genova). Quest anomalia positiva di precipitazioni (da Ponente a Levante) può essere spiegata, osservando l anomala posizione dell anticiclone delle Azzorre, che per quasi tutto il periodo è restato confinato in Atlantico. Di conseguenza la parte centro-occidentale del continente europeo (e gradualmente il bacino del Mediterraneo) è stata interessata da un ampia saccatura caratterizzata da due circolazioni: la più meridionale attorno a Gibilterra e la principale sul Sud della Gran Bretagna. E importante notare che sul Mediterraneo orientale, invece, ha prevalso un promontorio anticiclonico di matrice africana, non molto sviluppato ma più che sufficiente a far affluire aria calda da Sud-Ovest sull'italia meridionale e sui Balcani. Inizio mese si ricorda per i numerosi temporali che sono stati responsabili di diverse fulminazioni nell interno genovese. Seguono nuovi episodi temporaleschi attorno al 13 Giugno, che sono caratterizzati da intense scariche elettriche e cumulate significative attorno a Pegli; in questa località, infatti,si sono registrati ben 120 mm di pioggia che sono i diretti responsabili di una serie di smottamenti e movimenti franosi.

7 Fig.11 L ondata di maltempo si accanisce sulla Francia mediterranea A metà mese un intenso ondata di maltempo e intensi temporali interessa la Francia e attorno a metà mese causa una serie di alluvioni responsabili di alcune decine di morti e significative devastazioni (fig 11). In particolare nella serata del 14 Giugno si era formato in prossimità delle coste algerine un minimo al suolo sui 1008 hpa che nelle ore successive impattava in prossimità di Corsica e Sardegna (fig.13), approfondendosi lentamente e raggiungendo la Costa Azzurra nella serata del 15. Fig.12 Mappa di precipitazione cumulata in 12 ore riferita alle 03 UTC del 16 giugno 2010 (modello Bolam a 7km inizializzato alle 12 UTC del 15 giugno 2010). In evidenza le forti precipitazioni sul Sud della Francia. Tale struttura, stazionaria tra Ligure e Alpi Occidentali, ha determinato un'intensa avvezione umida ( sulle coste sud-orientali francesi e sulla Liguria), favorendo piogge diffuse. In questo contesto la presenza di aria fredda in quota ha mantenuto condizioni molto instabili sul bacino del Mediterraneo e su buona parte del continente favorendo lo sviluppo di celle temporalesche, associate a precipitazioni anche molto forti simulate efficacemente dal modello Bolam (fig. 12). La struttura più significativa che si è venuta a formare in un tale contesto sinottico, è stato un esteso sistema convettivo a V che ha interessato la Francia sud-orientale tra il 15 giugno e le prime ore del 16 giugno (fig.14): il sistema è risultato stazionario per parecchie ore favorendo così accumuli

8 pluviometrici che localmente hanno sfiorato i 400 mm, provocando importanti inondazioni nella zona del Var che hanno causato all incirca 20 vittime. Figura 13 Dall analisi dei Fronti di Bracknell riferita alle Figura 14 Nell immagine da satellite MSG riferite alle 12UTC 00 UTC del 15 giugno 2010 si può evidenziare il sistema del 15 giugno 2010 (elaborazione RGB Airmass) è visibile il frontale che ha condotto alla formazione di un sistema sistema convettivo a V che ha determinato un importante convettivo sulle Francia alluvione sul Sud della Francia (zona del Var) I fenomeni hanno poi colpito la Provenza per spostarsi verso il golfo Ligure attorno al del mese, con cumulate di oltre 100 mm e picchi di 180 mm nel Ponente Ligure. Tuttavia, la perturbazione è arrivata più indebolita verso la Riviera e sulla Liguria dove non si sono osservate strutture temporalesche organizzate e stazionarie, ma solo qualche fenomeno temporalesco di forte intensità, caratterizzato da significative fulminazioni (fig.15). Figura 15 Mappa delle fulminazioni sull area Ligure tra le 15 UTC del 15 giugno e le 15 UTC del 16 giugno 2010 (elaborazione CESI). La Liguria è stata interessata da fenomeni temporaleschi tra le 23 UTC del 15 giugno e le 3 UTC del 16 giugno 2010.

9 Le piogge registrate (fig.16) hanno interessato un po tutta la Liguria e sono state caratterizzate da intensità deboli o al più moderate (massimo Montaldo 40mm/h), raggiungendo però localmente quantitativi anche elevati (Colle Melogno 160mm in 24h). Figura 16 a-b Le cumulate della stazione Colle del Melogno (a) mostrano come attorno al 16 del mese si siano registrati oltre 170 mm, che si sono prevalentemente concentrati sull interno del medio Ponente (b)

L INVERNO meteorologico 2011

L INVERNO meteorologico 2011 L INVERNO meteorologico 2011 I primi tre mesi dell anno, oltre ad avere nel complesso temperature abbastanza in linea con i valori attesi per la stagione (ad eccezione di febbraio che presenta una lieve

Dettagli

RAPPORTO DI EVENTO METEOIDROLOGICO DEL 15-17/02/2010

RAPPORTO DI EVENTO METEOIDROLOGICO DEL 15-17/02/2010 RAPPORTO DI EVENTO METEOIDROLOGICO DEL 15-17/02/2010 (redatto da B. Turato, L. Napolitano) Abstract...1 1 Analisi meteorologica...1 2 Dati Osservati...4 2.1 Analisi anemometrica...4 2.2 Analisi nivologica...4

Dettagli

PRIMAVERA meteorologica 2011

PRIMAVERA meteorologica 2011 PRIMAVERA meteorologica 2011 La rianalisi del periodo primaverile, evidenzia come questa stagione sia caratterizzata dalla presenza di un esteso campo di alta pressione su gran parte dell Europa centro

Dettagli

RAPPORTO DI EVENTO METEOIDROLOGICO DEL 15-17/12/2011

RAPPORTO DI EVENTO METEOIDROLOGICO DEL 15-17/12/2011 RAPPORTO DI EVENTO METEOIDROLOGICO DEL 15-17/12/2011 (redatto da M. Corazza) Abstract... 1 1 Analisi meteorologica... 1 2 Dati Osservati... 3 2.1 Analisi anemometrica... 3 2.2 Mare... 4 2.3 Effetti al

Dettagli

Giugno 2015. Il Clima in Piemonte. Arpa Piemonte Sistemi Previsionali

Giugno 2015. Il Clima in Piemonte. Arpa Piemonte Sistemi Previsionali Il Clima in Piemonte Giugno 2015 In Piemonte il mese di Giugno 2015 è risultato al di sopra della media climatologica degli anni 1971-2000 dal punto di vista termometrico; leggermente superiore alla norma

Dettagli

ESTATE meteorologica 2011

ESTATE meteorologica 2011 ESTATE meteorologica 2011 La rianalisi del periodo Estivo, evidenzia come ad eccezione di Luglio (in cui l anticiclone è rimasto relegato in Atlantico), il resto della stagione nel complesso sia caratterizzato

Dettagli

Ottobre 2014. Il Clima in Piemonte. Arpa Piemonte Sistemi Previsionali

Ottobre 2014. Il Clima in Piemonte. Arpa Piemonte Sistemi Previsionali Il Clima in Piemonte Ottobre 2014 In Piemonte il mese di Ottobre 2014 è stato caratterizzato da temperature superiori alla norma e precipitazioni inferiori alla climatologia del periodo 1971-2000. E risultato

Dettagli

REPORT EVENTO METEO-IDROLOGICO DEI GIORNI 10 12 FEBBRAIO 2014

REPORT EVENTO METEO-IDROLOGICO DEI GIORNI 10 12 FEBBRAIO 2014 Regione Toscana Servizio Idrologico Regionale CENTRO FUNZIONALE DELLA REGIONE TOSCANA DL 11/07/1998, n. 180; Legge 3/08/1998, n. 267; DPCM del 15/12/1998 Delibera G.R. n. 1003 del 10/09/2001; Delibera

Dettagli

Definizione onda di calore:

Definizione onda di calore: AGGIORNAMENTO DELLA TESI : ASPETTI CLIMATICI E METEOROLOGICI DELLE ONDATE DI CALORE IN VENETO NEL PERIODO 99-. Definizione onda di calore: T e 3 C per 3 giorni consecutivi ONDATE DI CALORE Nel il tempo

Dettagli

La nevicata eccezionale dell 11 marzo 2004

La nevicata eccezionale dell 11 marzo 2004 La nevicata eccezionale dell 11 marzo 2004 Roberto Barbiero Introduzione Un intensa nevicata ha interessato nella giornata dell 11 marzo 2004 molte regioni del nord Italia. Dalle prime ore della notte

Dettagli

Gennaio INQUADRAMENTO METEOROLOGICO DEL 2011

Gennaio INQUADRAMENTO METEOROLOGICO DEL 2011 INQUADRAMENTO METEOROLOGICO DEL 2011 L analisi meteorologica del 2011 è stata svolta analizzando i vari periodi dell anno e raggruppando insieme (quando possibile) i mesi che hanno avuto una configurazione

Dettagli

Rapporto dell evento meteorologico del 19-20 febbraio 2014

Rapporto dell evento meteorologico del 19-20 febbraio 2014 Rapporto dell evento meteorologico del 19-20 febbraio 2014 A cura di Unità Radarmeteorologia, Radarpluviometria, Nowcasting e Reti non convenzionali Unità Sala Operativa Previsioni Meteorologiche Area

Dettagli

ANALISI METEO-CLIMATICA SALENTINA: OTTOBRE 2010

ANALISI METEO-CLIMATICA SALENTINA: OTTOBRE 2010 Associazione MeteoNetwork Onlus - Sezione Puglia Via A. Cozza, 9 73100 Lecce www.meteonetwork.it/sezioni/regionali/puglia sezione@puglia.meteonetwork.it ANALISI METEO-CLIMATICA SALENTINA: OTTOBRE 2010

Dettagli

RIASSUNTO METEOROLOGICO

RIASSUNTO METEOROLOGICO RIASSUNTO METEOROLOGICO del MESE di Agosto 2015 a cura di Luca Onorato Il mese in breve (a cura di: Luca Onorato) Sinottica Temperatura Precipitazione Indicatori climatici L immagine del mese Analisi sinottica

Dettagli

Rapporto dell evento meteorologico dal 24 al 26 agosto 2013

Rapporto dell evento meteorologico dal 24 al 26 agosto 2013 Rapporto dell evento meteorologico dal 24 al 26 agosto 2013 A cura di Unità Radarmeteorologia, Radarpluviometria, Nowcasting e Reti non convenzionali Unità Sala Operativa Previsioni Meteorologiche Area

Dettagli

Un Luglio dalla veste quasi autunnale, incredibilmente macajoso e piovoso nel Levante, stoppa l estate (e non solo in Riviera!)

Un Luglio dalla veste quasi autunnale, incredibilmente macajoso e piovoso nel Levante, stoppa l estate (e non solo in Riviera!) RIASSUNTO METEOROLOGICO del MESE di Luglio 2014 Un Luglio dalla veste quasi autunnale, incredibilmente macajoso e piovoso nel Levante, stoppa l estate (e non solo in Riviera!) Osservazioni varie e confronti

Dettagli

METEOTRENTINO REPORT

METEOTRENTINO REPORT Provincia Autonoma di Trento METEOTRENTINO REPORT ANALISI CLIMATICA DELL ESTATE 2014 L estate 2014 (trimestre giugno-luglio-agosto 2014) verrà ricordata come particolarmente anomala sia nella nostra regione

Dettagli

Data di pubblicazione: Dicembre 2005

Data di pubblicazione: Dicembre 2005 Data di pubblicazione: Dicembre 2005 Dipartimento Protezione Civile e Tutela del Territorio Ufficio Previsioni e Organizzazione Internet:http://www.meteotrentino.it Provincia Autonoma di Trento Dipartimento

Dettagli

Giugno, nel complesso soleggiato e solo a tratti incerto a metà e fine mese, caratterizzato a tratti da caldo estivo e passaggi temporaleschi

Giugno, nel complesso soleggiato e solo a tratti incerto a metà e fine mese, caratterizzato a tratti da caldo estivo e passaggi temporaleschi RIASSUNTO METEOROLOGICO del MESE di Giugno 2014 Giugno, nel complesso soleggiato e solo a tratti incerto a metà e fine mese, caratterizzato a tratti da caldo estivo e passaggi temporaleschi Osservazioni

Dettagli

Analisi statistica inverni in Pianura padana in presenza del Nino

Analisi statistica inverni in Pianura padana in presenza del Nino Analisi statistica inverni in Pianura padana in presenza del Nino In questa ricerca puramente statistica abbiamo pensato di mettere a confronto tutti gli inverni del passato concomitanti alla presenza

Dettagli

TRASMISSIONE DEI BOLLETTINI La trasmissione del bollettino avverrà tramite: Messaggi vocali

TRASMISSIONE DEI BOLLETTINI La trasmissione del bollettino avverrà tramite: Messaggi vocali TRASMISSIONE DEI BOLLETTINI La trasmissione del bollettino avverrà tramite: Fax SMS Messaggi vocali E-mail LA COMUNICAZIONE RELATIVA ALL AVVISO DI CRITICITÀ SI RITIENE EFFICACE QUALORA ALMENO UNO DEI CANALI

Dettagli

ANALISI CLIMATICA DELL ESTATE 2015

ANALISI CLIMATICA DELL ESTATE 2015 Provincia Autonoma di Trento METEOTRENTINO REPORT ANALISI CLIMATICA DELL ESTATE 2015 Ottobre 2015 Dipartimento Protezione Civile Servizio Prevenzione Rischi Ufficio Previsioni e Pianificazione Via Vannetti,

Dettagli

Rapporto dell evento meteorologico del 3 agosto 2014

Rapporto dell evento meteorologico del 3 agosto 2014 Rapporto dell evento meteorologico del 3 agosto 2014 A cura di Unità Radarmeteorologia, Radarpluviometria, Nowcasting e Reti non convenzionali Area Centro Funzionale e Sala Operativa Previsioni Unità gestione

Dettagli

MASSE D ARIA E PERTURBAZIONI

MASSE D ARIA E PERTURBAZIONI MASSE D ARIA E PERTURBAZIONI LE MASSE D ARIA La troposfera si compone di diverse porzioni d aria grandi, mutevoli e distinte le une dalle altre denominate masse d aria Caratteristiche di una massa d aria:

Dettagli

-BOLLETTINO CLIMA nr 04 del 16 Aprile 2008- Consuntivo ultimo mese

-BOLLETTINO CLIMA nr 04 del 16 Aprile 2008- Consuntivo ultimo mese 1) Anomalia termica -BOLLETTINO CLIMA nr 04 del 16 Aprile 2008- Consuntivo ultimo mese L'andamento Fonte CFS-NOAA LRC, 2008 Pagina 1 di 1 L'andamento del campo di anomalia termica media sul comparto europeo,

Dettagli

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Abano Terme, 27 29 Aprile 2007 Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Adriano Barbi, Alessandro Chiaudani, Irene Delillo ARPAV Centro Meteorologico di Teolo Sabato 28 Aprile 2007 In collaborazione con

Dettagli

RAPPORTO DI EVENTO METEOIDROLOGICO DEL 09/10/2014

RAPPORTO DI EVENTO METEOIDROLOGICO DEL 09/10/2014 RAPPORTO DI EVENTO METEOIDROLOGICO DEL 09/10/2014 (redatto da L. Onorato, V. Bonati, A. Cavallo, B. Turato) Abstract... 1 1 Analisi meteorologica... 2 1.1 Inquadramento sinottico... 2 1.2 Dinamica dell

Dettagli

LA ROSA DEI VENTI. Roberto Romagnoli

LA ROSA DEI VENTI. Roberto Romagnoli LA ROSA DEI VENTI Le prime notizie sulla Rosa dei Venti risalgono ai poemi omerici in cui si menzionano quattro venti sempre riferiti a personaggi mitologici. E da notare che nello stesso tempo anche gli

Dettagli

L INVERNO METEOROLOGICO 2013-2014 IN VENETO Una stagione record per pioggia, neve e temperatura

L INVERNO METEOROLOGICO 2013-2014 IN VENETO Una stagione record per pioggia, neve e temperatura Consiglio regionale del Veneto Servizio Studi Documentazione Biblioteca Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto L INVERNO METEOROLOGICO 2013-2014 IN VENETO Una stagione

Dettagli

Le onde di calore del luglio 2015

Le onde di calore del luglio 2015 29 luglio 2015 Le onde di calore del luglio 2015 Figura 1. immagine satellitare del 21 luglio 2015 ore 12 UTC e altezza del geopotenziale della superficie di 500 hpa (gpdam). Il mese di luglio 2015 è stato

Dettagli

Riepilogo mensile meteorologico e agrometeorologico

Riepilogo mensile meteorologico e agrometeorologico REGIONE AUTÒNOMA DE SARDIGNA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ARPAS Dipartimento Meteoclimatico Servizio Meteorologico Riepilogo mensile meteorologico e agrometeorologico AGENZIA REGIONALE PER LA PROTEZIONE

Dettagli

La pressione atmosferica e i venti

La pressione atmosferica e i venti La pressione atmosferica e i venti Come ogni materia sottoposta all attrazione terrestre anche l atmosfera ha un peso Pressione = rapporto fra il peso dell aria e la superficie su cui agisce A livello

Dettagli

-BOLLETTINO CLIMA nr 08 del 16 novembre 2007- Consuntivo ultimo mese

-BOLLETTINO CLIMA nr 08 del 16 novembre 2007- Consuntivo ultimo mese -BOLLETTINO CLIMA nr 08 del 16 novembre 2007- Consuntivo ultimo mese 1) Anomalia termica Il profilo di anomalia termica (temperatura media) a 2 mt. Sul comparto europeo relativo al mese di ottobre ed evidenziato

Dettagli

RIASSUNTO METEOROLOGICO

RIASSUNTO METEOROLOGICO RIASSUNTO METEOROLOGICO del MESE di Ottobre 2015 a cura di Luca Onorato Il mese in breve (a cura di: Luca Onorato) Sinottica Temperatura Precipitazione Nuovo sistema di allertamento a colori L immagine

Dettagli

Previsione mensile: maggio 2015 (4 maggio 3 giugno)

Previsione mensile: maggio 2015 (4 maggio 3 giugno) Previsione mensile: maggio 2015 (4 maggio 3 giugno) Modello GLOBO, CNR-ISAC, Bologna D. Mastrangelo, P. Malguzzi, A. Buzzi Previsione emessa il 4/05/2015 e basata sulle condizioni iniziali NOAA/NCEP del

Dettagli

PRECIPITAZIONI COLORATE

PRECIPITAZIONI COLORATE PRECIPITAZIONI COLORATE INTRODUZIONE Con tale dicitura si definiscono le piogge, o le nevicate, che assumono colorazioni particolari a causa della presenza di sostanze anomale. Tra queste le più diffuse

Dettagli

I cambiamenti climatici. Prof.Giampiero Maracchi Direttore Istituto di Biometeorologia -CNR

I cambiamenti climatici. Prof.Giampiero Maracchi Direttore Istituto di Biometeorologia -CNR I cambiamenti climatici Prof.Giampiero Maracchi Direttore Istituto di Biometeorologia -CNR Bilancio Radiativo Bilancio Radiativo su scala globale alla superficie e al top dell atmosfera della radiazione

Dettagli

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO. AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.EU Tra le giornate di martedì 7 e venerdì 10 Settembre 2010, il Veneto è stato interessato

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

RAPPORTO DI EVENTO METEOIDROLOGICO DEL 25/10/2011

RAPPORTO DI EVENTO METEOIDROLOGICO DEL 25/10/2011 RAPPORTO DI EVENTO METEOIDROLOGICO DEL 25/10/2011 (redatto da B. Turato, A. Cavallo, G. Galvani, F. Giannoni, P. Gollo) Abstract... 1 1 Analisi meteorologica... 1 2 Dati Osservati... 6 2.1 Analisi Pluviometrica...

Dettagli

METEOTRENTINO REPORT

METEOTRENTINO REPORT Provincia Autonoma di Trento METEOTRENTINO REPORT ANALISI CLIMATICA DELL INVERNO 2012-2013 L inverno 2012-2013 (trimestre dicembre 2012 febbraio 2013) è stato caratterizzato nella nostra regione sia da

Dettagli

UN ANNO DI METEO ALLUVIONE 25 OTTOBRE ALLUVIONE 4 NOVEMBRE

UN ANNO DI METEO ALLUVIONE 25 OTTOBRE ALLUVIONE 4 NOVEMBRE 2011 UN ANNO DI METEO ALLUVIONE 25 OTTOBRE ALLUVIONE 4 NOVEMBRE ARPAL l Agenzia per il tuo ambiente! 2 2011 - UN ANNO DI EVENTI METEOIDROLOGICI... 4 EVENTO 25 OTTOBRE... 6 1 ANALISI METEOROLOGICA... 6

Dettagli

ANALISI CLIMATICA DELL INVERNO 2014-2015

ANALISI CLIMATICA DELL INVERNO 2014-2015 Provincia Autonoma di Trento METEOTRENTINO REPORT ANALISI CLIMATICA DELL INVERNO 214-215 Dipartimento Protezione Civile Servizio Prevenzione Rischi Ufficio Previsioni e Pianificazione Via Vannetti, 41-381

Dettagli

Rendiconto idro-pluviometrico delle piogge del 4-5 novembre 2014 sul Varesotto

Rendiconto idro-pluviometrico delle piogge del 4-5 novembre 2014 sul Varesotto Rendiconto idro-pluviometrico delle piogge del 4-5 novembre 2014 sul Varesotto a cura di Paolo Valisa (Centro Geofisico Prealpino) Inquadramento meteorologico. Nella prima metà del mese di novembre sono

Dettagli

TEMPORALI INTENSI DI MERCOLEDI 8 LUGLIO 2015 SUL VENETO

TEMPORALI INTENSI DI MERCOLEDI 8 LUGLIO 2015 SUL VENETO TEMPORALI INTENSI DI MERCOLEDI 8 LUGLIO 2015 SUL VENETO 1. ANALISI METEOROLOGICA PRELIMINARE 2. ALCUNI DATI REGISTRATI DALLE STAZIONI METEOROLOGICHE ARPAV 3. ALCUNE IMMAGINI DEI RADAR METEOROLOGICI ARPAV

Dettagli

Quaderni N.2 2012. Genova 4-9 novembre 2011. Rapporto di evento meteo-idrologico

Quaderni N.2 2012. Genova 4-9 novembre 2011. Rapporto di evento meteo-idrologico Quaderni N.2 2012 Genova 4-9 novembre 2011 Rapporto di evento meteo-idrologico Quaderni N.2 2012 Quaderni N.2 2012 Genova 4-9 novembre 2011 Rapporto di evento meteo-idrologico a cura di: - Centro Funzionale

Dettagli

Rapporto dell evento meteorologico dal 21 al 23 maggio 2015

Rapporto dell evento meteorologico dal 21 al 23 maggio 2015 Rapporto dell evento meteorologico dal 21 al 23 maggio 2015 A cura di Unità Radarmeteorologia, Radarpluviometria, Nowcasting e Reti non convenzionali Area Centro Funzionale e Sala Operativa Previsioni

Dettagli

Bollettino GNOO n.16 Previsione meteo, temperatura e correnti del mare per Sabato 16 e Domenica 17 Aprile 2011

Bollettino GNOO n.16 Previsione meteo, temperatura e correnti del mare per Sabato 16 e Domenica 17 Aprile 2011 Bollettino GNOO n.16 Previsione meteo, temperatura e correnti del mare per Sabato 16 e Domenica 17 Aprile 2011 Imagery 2011 TerraMetrics - Terms of Use Previsione meteo sull'italia e previsione di temperatura

Dettagli

Relazione annuale sui dati rilevati dalla rete provinciale di monitoraggio della qualità dell aria. Anno 2006

Relazione annuale sui dati rilevati dalla rete provinciale di monitoraggio della qualità dell aria. Anno 2006 Relazione annuale sui dati rilevati dalla rete provinciale di monitoraggio della qualità dell aria Anno 2006 Area Risorse Idriche e Qualità dell Aria Testi ed elaborazioni a cura di: Provincia di Torino

Dettagli

CRONACA METEO SUD AMERICA

CRONACA METEO SUD AMERICA CRONACA METEO SUD AMERICA A cura di: Gustavo Pittaluga L'autunno in Sudamerica emisfero australe (Marzo, aprile e maggio 2007) Tra gli eventi più significativi se ne possono citare due. Piogge molto abbondanti

Dettagli

STAGIONE INVERNALE 1997-1998 Analisi di due situazioni nivometeorologiche significative

STAGIONE INVERNALE 1997-1998 Analisi di due situazioni nivometeorologiche significative Provincia Autonoma di Trento Servizio Prevenzione Calamità Pubbliche Ufficio Neve, Valanghe e Meteorologia Meteotrentino a cura di : Roberto Barbiero Marco Gadotti Mauro Mazzola STAGIONE INVERNALE 19-1998

Dettagli

Ritorna la neve a Cagliari

Ritorna la neve a Cagliari Ritorna la neve a Cagliari A cura di Matteo Tidili Domenica 3 gennaio 1993: Cagliari si sveglia, già imbiancata dai rovesci della notte, sotto un abbondante nevicata che prosegue ininterrotta fino a tarda

Dettagli

NUBIFRAGI E ALLUVIONI LIGURI DAL '66 AD OGGI:

NUBIFRAGI E ALLUVIONI LIGURI DAL '66 AD OGGI: NUBIFRAGI E ALLUVIONI LIGURI DAL '66 AD OGGI: 20 Luglio 1966 : il nubifragio si scatena sul Ponente genovese dalla mattinata fino al primo pomeriggio: straripamenti e allagamenti in molte zone del ponente:

Dettagli

L ANNO METEOROLOGICO 2013 a BREBBIA

L ANNO METEOROLOGICO 2013 a BREBBIA L ANNO METEOROLOGICO 2013 a BREBBIA Col 30 novembre 13 si è concluso l anno meteorologico 2013, iniziato il primo dicembre 2012; tale scansione consente di delineare la stagione invernale formata da tre

Dettagli

L OCCHIO ATTENTO DEL SATELLITE nello studio delle circolazioni di brezza in Mediterranneo (n 2)

L OCCHIO ATTENTO DEL SATELLITE nello studio delle circolazioni di brezza in Mediterranneo (n 2) L OCCHIO ATTENTO DEL SATELLITE nello studio delle circolazioni di brezza in Mediterranneo (n 2) new Luca Onorato ARPAL-Centro Funzionale MeteoIdrologico di Protezione Civile della Regione Liguria (CFMI-PC)

Dettagli

METEOROLOGIA AERONAUTICA

METEOROLOGIA AERONAUTICA METEOROLOGIA AERONAUTICA La meteorologia aeronautica è la scienza che descrive i fenomeni meteorologici pericolosi per il volo. Questi sono: la turbolenza (trattata nella parte I) il wind shear (trattato

Dettagli

CRONACA METEO SUD AMERICA

CRONACA METEO SUD AMERICA CRONACA METEO SUD AMERICA A cura di: Gustavo Pittaluga L'estate in Sud America - emisfero australe (dicembre 2005, gennaio e febbraio 2006) Il trimestre estivo 2005-2006 registra degli scarti delle temperature,

Dettagli

RAPPORTO DI EVENTO METEOIDROLOGICO DEL 20-21/10/2013

RAPPORTO DI EVENTO METEOIDROLOGICO DEL 20-21/10/2013 RAPPORTO DI EVENTO METEOIDROLOGICO DEL 20-21/10/2013 (redatto da S. Gallino, F. Giannoni, P. Gollo, F. Martina e B. Turato) Abstract... 1 1 Analisi meteorologica... 2 2 Dati Osservati... 5 2.1 Analisi

Dettagli

PROVINCIA DI POTENZA PROTEZIONE CIVILE Sala Operativa Provinciale Tel: 0971 417290-57253-59034 - Fax: 0971 56462

PROVINCIA DI POTENZA PROTEZIONE CIVILE Sala Operativa Provinciale Tel: 0971 417290-57253-59034 - Fax: 0971 56462 PROVINCIA DI POTENZA PROTEZIONE CIVILE Sala Operativa Provinciale Tel: 0971 417290-57253-59034 - Fax: 0971 56462 NEVE DIC05 SOP ATTIVATA - CCS c/o UTG NON ATTIVATO INFORMATIVA DA: Sala Operativa Provinciale

Dettagli

Cenni di meteorologia e valutazione oggettiva delle condizioni meteorologiche.

Cenni di meteorologia e valutazione oggettiva delle condizioni meteorologiche. Cenni di meteorologia e valutazione oggettiva delle condizioni meteorologiche. Poiché le situazioni meteo estive sulle regioni alpine e appenniniche sono mutevoli e incostanti è bene conoscere gli elementi

Dettagli

Rapporto dell evento meteorologico dal 13 al 15 dicembre 2012

Rapporto dell evento meteorologico dal 13 al 15 dicembre 2012 Rapporto dell evento meteorologico dal 13 al 15 dicembre 2012 A cura di Unità Radarmeteorologia, Radarpluviometria, Nowcasting e Reti non convenzionali Unità Sala Operativa Previsioni Meteorologiche Area

Dettagli

DEFINIZIONE DI WIND SHEAR

DEFINIZIONE DI WIND SHEAR DEFINIZIONE DI WIND SHEAR Una variazione nella velocità e/o nella direzione del vento, includendo correnti ascendenti o discendenti. La definizione è tratta dalla Circolare ICAO 186 del 1987, che descrive

Dettagli

Meteorologia e climatologia del Bacino Padano-Adriatico

Meteorologia e climatologia del Bacino Padano-Adriatico Meteorologia e climatologia del Bacino Padano-Adriatico Carlo Cacciamani Workshop Condivisione delle conoscenze e sviluppo di sistemi informativi e di monitoraggio per la fascia marino costiera e la pianificazione

Dettagli

Il taccuino dell esploratore

Il taccuino dell esploratore Il taccuino dell esploratore a cura di ORESTE GALLO (per gli scout: Lupo Tenace) QUARTA CHIACCHIERATA IL VENTO Durante la vita all aperto, si viene a contatto con un elemento naturale affascinante che

Dettagli

Il clima delle Alpi e della Valle d Aosta

Il clima delle Alpi e della Valle d Aosta Il clima delle Alpi e della Valle d Aosta Il clima delle Alpi Il clima della Valle d Aosta Precipitazioni durante l alluvione del 2000 Temperature estreme registrate in Valle d Aosta Il ruolo delle montagne

Dettagli

ANALISI METEO-CLIMATICA SALENTINA: ESTATE 2010 ANALISI GIUGNO

ANALISI METEO-CLIMATICA SALENTINA: ESTATE 2010 ANALISI GIUGNO Associazione MeteoNetwork Onlus - Sezione Puglia Via A. Cozza, 9 73100 Lecce www.meteonetwork.it/sezioni/regionali/puglia sezione@puglia.meteonetwork.it ANALISI METEO-CLIMATICA SALENTINA: ESTATE 2010 ANALISI

Dettagli

METEOROLOGIA AERONAUTICA

METEOROLOGIA AERONAUTICA METEOROLOGIA AERONAUTICA Parte I 24/07/12 enav.it METEOROLOGIA AERONAUTICA La meteorologia aeronautica è la scienza che descrive i fenomeni meteorologici pericolosi per il volo. Questi sono: la turbolenza

Dettagli

Le regioni polari motori della circolazione oceanica e del clima globale

Le regioni polari motori della circolazione oceanica e del clima globale Giornata della cultura 16 Marzo 2006 Le regioni polari motori della circolazione oceanica e del clima globale Prof. Giancarlo Spezie Attendiamo però i risultati del carotaggio di Dome-C (EPICA Project)

Dettagli

La stagione invernale 2013/14 sulle Prealpi vicentine

La stagione invernale 2013/14 sulle Prealpi vicentine Temperatura ( C) La stagione invernale 2013/14 sulle Prealpi vicentine Raffaele Rampazzo Introduzione La stagione invernale 2013/14 è stata caratterizzata da temperature superiori alla norma sulle Alpi,

Dettagli

Previsione mensile: febbraio 2015 (2 febbraio 3 marzo)

Previsione mensile: febbraio 2015 (2 febbraio 3 marzo) Previsione mensile: febbraio 2015 (2 febbraio 3 marzo) Modello GLOBO, CNR-ISAC, Bologna D. Mastrangelo, P. Malguzzi, A. Buzzi Previsione emessa il 02/02/2015 e basata sulle condizioni iniziali NOAA/NCEP

Dettagli

Le correnti e le maree. Liceo Antonio Meucci Dipartimento di Scienze. Prof. Neri Rolando

Le correnti e le maree. Liceo Antonio Meucci Dipartimento di Scienze. Prof. Neri Rolando 1 Le correnti e le maree Liceo Antonio Meucci Dipartimento di Scienze Prof. Neri Rolando Le correnti marine Le correnti marine sono spostamenti orizzontali di ingenti masse di acqua che seguono direzioni

Dettagli

Previsione mensile: aprile 2015 (30 marzo 29 aprile)

Previsione mensile: aprile 2015 (30 marzo 29 aprile) Previsione mensile: aprile 2015 (30 marzo 29 aprile) Modello GLOBO, CNR-ISAC, Bologna D. Mastrangelo, P. Malguzzi, A. Buzzi Previsione emessa il 30/03/2015 e basata sulle condizioni iniziali NOAA/NCEP

Dettagli

Università di Genova and CINFAI

Università di Genova and CINFAI Il ruolo del mare e dei processi microfisici nelle nuvole nei fenomeni alluvionali in Liguria Andrea Mazzino andrea.mazzino@unige.it Università di Genova and CINFAI In collaborazione con Federico Cassola

Dettagli

I FATTORI CHE DETERMINANO IL CLIMA

I FATTORI CHE DETERMINANO IL CLIMA UNITA N 10 I FATTORI CHE DETERMINANO IL CLIMA Quali sono i fattori che influenzano il clima? Si chiamano fattori climatici le condizioni che producono variazioni negli elementi del clima. Molto importante

Dettagli

CARATTERIZZAZIONE METEOROLOGICA DEGLI EVENTI DI PIENA E ALLUVIONALI IN PROVINCIA DI TORINO

CARATTERIZZAZIONE METEOROLOGICA DEGLI EVENTI DI PIENA E ALLUVIONALI IN PROVINCIA DI TORINO SOCIETÀ METEOROLOGICA SUBALPINA Associazione scientifica non profit per lo studio e la divulgazione di meteorologia, climatologia e glaciologia. Gruppo Società Meteorologica Italiana Onlus e European Meteorological

Dettagli

Le principali situazioni meteo sull Italia Liberamente tratto dagli appunti di Achille Bardelli da Magnaghi Piero

Le principali situazioni meteo sull Italia Liberamente tratto dagli appunti di Achille Bardelli da Magnaghi Piero e principali situazioni meteo sull Italia iberamente tratto dagli appunti di Achille Bardelli da Magnaghi Piero Il capitolo precedente ha illustrato la previsione della giornata di volo attraverso uno

Dettagli

Il radar meteorologico

Il radar meteorologico Il radar meteorologico Il radar meteorologico è uno strumento che sfrutta impulsi di onde elettromagnetiche per rilevare la presenza in atmosfera di idrometeore (goccioline d acqua, cristalli di neve o

Dettagli

5.- Il vento. Da PROTEZIONE CIVILE Educational su www.casaleinforma.it/pcivile

5.- Il vento. Da PROTEZIONE CIVILE Educational su www.casaleinforma.it/pcivile 5.- Il vento Viene definita vento una massa d aria che si sposta in senso prevalentemente orizzontale da zone di alta pressione, anticicloni, a zone di bassa pressione, cicloni. I venti possono essere

Dettagli

TEMPORALI, TORNADOS & TROMBE D'ARIA

TEMPORALI, TORNADOS & TROMBE D'ARIA Premessa I temporali sono perturbazioni di limitata estensione spaziale (coinvolgono aree compresa fra 30 e 300 km 2 ) e di breve durata (~3 ore in media), caratterizzati da violenti processi atmosferici

Dettagli

Il geopotenziale, significato e suo uso nelle carte meteorologiche

Il geopotenziale, significato e suo uso nelle carte meteorologiche Il geopotenziale, significato e suo uso nelle carte meteorologiche A cura di Fabio Turetti Leggiamo spesso nelle previsioni e in articoli di meteorologia il termine geopotenziale. Vediamo di chiarire un

Dettagli

La Liguria nuovamente a bagno

La Liguria nuovamente a bagno Come già successo l'anno scorso col parziale nubifragio del 2 novembre nel comparto genovese, anche quest anno il mese inizia all insegna di un forte peggioramento, che stavolta non si è limitato al solo

Dettagli

Un dicembre molto particolare per la Liguria

Un dicembre molto particolare per la Liguria Un dicembre molto particolare per la Liguria Questo dicembre, come un po' quest'anno che ormai si puo' dire concluso, si ricorderà a lungo per la sua dinamicità e per l'intensità con la quale si sono susseguito

Dettagli

Venezia. La particolare frequenza delle acque alte nel 2009

Venezia. La particolare frequenza delle acque alte nel 2009 15 Paolo Canestrelli * Venezia. La particolare frequenza delle acque alte nel 2009 * Paolo Canestrelli, ingegnere, è Direttore del Centro previsioni e segnalazioni maree del Comune di Venezia L anno 2009

Dettagli

IPHEN Italian Phenological Network

IPHEN Italian Phenological Network Progetto Rete fenologica italiana IPHEN Italian Phenological Network 31 Maggio 2013 2013 May 31 BOLLETTINO FENOLOGICO PHENOLOGICAL BULLETIN Vitis vinifera L. cv Cabernet sauvignon Vitis vinifera L. cv

Dettagli

Settembre Il Clima in Piemonte. Arpa Piemonte Sistemi Previsionali

Settembre Il Clima in Piemonte. Arpa Piemonte Sistemi Previsionali Il Clima in Piemonte Settembre 2014 In Piemonte il mese di Settembre 2014 è stato caratterizzato da temperature superiori alla norma e precipitazioni inferiori alla climatologia del periodo 1971-2000.

Dettagli

Bollettino agrometeorologico mensile novembre 2008

Bollettino agrometeorologico mensile novembre 2008 Bollettino agrometeorologico mensile novembre 2008 H2O - Deficit totale (mm) -200-150 -100-50 0 50 100 Situazione dei terreni rispetto alla condizione di Capacità di Campo Precipitazioni intense a fine

Dettagli

Bollettino GNOO n.28 Previsione meteo, temperatura e correnti del mare per Sabato 09 e Domenica 10 Luglio 2011

Bollettino GNOO n.28 Previsione meteo, temperatura e correnti del mare per Sabato 09 e Domenica 10 Luglio 2011 Bollettino GNOO n.28 Previsione meteo, temperatura e correnti del mare per Sabato 09 e Domenica 10 Luglio 2011 Imagery 2011 TerraMetrics - Terms of Use Previsione meteo sull'italia e previsione di temperatura

Dettagli

Ottobre 2015. Bollettino del clima Ottobre 2015. MeteoSvizzera. Inizio di mese freddo. Correnti da ovest e da sudovest. Breve estate indiana

Ottobre 2015. Bollettino del clima Ottobre 2015. MeteoSvizzera. Inizio di mese freddo. Correnti da ovest e da sudovest. Breve estate indiana Ottobre 2015 MeteoSvizzera Bollettino del clima Ottobre 2015 10 novembre 2015 Forti nevicate fino a basse quote e temperature gelide, perlomeno al nord delle Alpi, alternate a periodi di splendido tempo

Dettagli

ALLERTA METEO. GIOIA. LE SCUOLE NON CHIUDONO-foto. Scritto da La Redazione Domenica 01 Dicembre 2013 14:27

ALLERTA METEO. GIOIA. LE SCUOLE NON CHIUDONO-foto. Scritto da La Redazione Domenica 01 Dicembre 2013 14:27 Queste le giustificazioni addotte dal prof Rocco Fazio in merito da noi contattato: "Stiamo parlando di situazione idrogeologica, per la quale è previsto un rischio moderato Per gli edifici dobbiamo aspettare

Dettagli

Massa d'aria: di notevole spessore ed estensione, con caratteristiche fisiche costanti e uniformi.

Massa d'aria: di notevole spessore ed estensione, con caratteristiche fisiche costanti e uniformi. Masse d'aria, fronti, venti Massa d'aria: di notevole spessore ed estensione, con caratteristiche fisiche costanti e uniformi. Fronte: zona di separazione tra masse d'aria diverse. Fronte caldo: esteso

Dettagli

Climatologia dell area medio-adriatica

Climatologia dell area medio-adriatica Climatologia dell area medio-adriatica Saverio Bugarini Roberto Romagnoli Climatologia dell area medio-adriatica L influenza del Monte Conero il lavoro editoriale altri danni soffre Ancona continuamente

Dettagli

IL CLIMA IN EUROPA PRINCIPALI TIPI DI CLIMA CHE SI INCONTRANO IN EUROPA. ATLANTICO ALPINO MEDITERRANEO CONTINENTALE U N I T A N 1 1

IL CLIMA IN EUROPA PRINCIPALI TIPI DI CLIMA CHE SI INCONTRANO IN EUROPA. ATLANTICO ALPINO MEDITERRANEO CONTINENTALE U N I T A N 1 1 U N I T A N 1 1 IL CLIMA IN EUROPA PRINCIPALI TIPI DI CLIMA CHE SI INCONTRANO IN EUROPA. ATLANTICO ALPINO MEDITERRANEO CONTINENTALE Libro di geografia classe 1 - Scuola secondaria di primo grado Pagina

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

ANALISI METEOROLOGICA DEGLI EVENTI ALLUVIONALI ECCEZIONALI TRA L ALTA TOSCANA E L ESTREMO LEVANTE LIGURE DAL 2009 AL 2011

ANALISI METEOROLOGICA DEGLI EVENTI ALLUVIONALI ECCEZIONALI TRA L ALTA TOSCANA E L ESTREMO LEVANTE LIGURE DAL 2009 AL 2011 Atti Soc. tosc. Sci. nat., Mem., Serie A., 117-119 (2012) pagg. 75-88, figg. 22, tabb. 4; doi: 10.2424/ASTSN.M.2012.28 ANDREA JR. SACCHI (*) ANALISI METEOROLOGICA DEGLI EVENTI ALLUVIONALI ECCEZIONALI TRA

Dettagli

Numero di mesi autunnali con NAO positiva oppure negativa PERIODO MESI CON NAO POSITIVA MESI CON NAO NEGATIVA 1979-1989 17 16 1990-2001 12 24

Numero di mesi autunnali con NAO positiva oppure negativa PERIODO MESI CON NAO POSITIVA MESI CON NAO NEGATIVA 1979-1989 17 16 1990-2001 12 24 In autunno l Anticiclone delle Azzorre, contrariamente a quanto accade in inverno, tende a mantenersi verso latitudini più basse che nel passato, consentendo così al Ciclone dell Islanda di scendere verso

Dettagli

Istituto Figlie di Betlem classe V a.s. 2006/2007

Istituto Figlie di Betlem classe V a.s. 2006/2007 Istituto Figlie di Betlem classe V a.s. 2006/2007 Mettiamoci in gioco! Incontro con l esperta del Biolab nella nostra scuola Com è grande l Europa! Le alte e le basse pressioni atmosferiche comportano

Dettagli

La grande nevicata 26-27 gennaio 2006 - a cura di Matteo Gianatti - www.meteopiateda.it

La grande nevicata 26-27 gennaio 2006 - a cura di Matteo Gianatti - www.meteopiateda.it GIOVEDÌ 26 E VENERDÌ 27 GENNAIO 2006: LA GRANDE NEVICATA Dopo oltre due mesi di gelo ininterrotto, lo straordinario inverno 2005/2006 ha raggiunto il suo culmine alla fine di gennaio, lasciando il Nord

Dettagli

Figura 3. Precipitazione cumulata il Dati ottenuti dalla Rete Stazioni Meteonetwork CEM.

Figura 3. Precipitazione cumulata il Dati ottenuti dalla Rete Stazioni Meteonetwork CEM. Questo mese di aprile si è presentato tipicamente primaverile: belle giornate di sole alternate a fasi perturbate con rovesci e temperature da fine inverno, soprattutto negli ultimi giorni del mese, quando

Dettagli

GUIDA ALLA CONSULTAZIONE DEL BOLLETTINO DI VIGILANZA METEOROLOGICA NAZIONALE

GUIDA ALLA CONSULTAZIONE DEL BOLLETTINO DI VIGILANZA METEOROLOGICA NAZIONALE GUIDA ALLA CONSULTAZIONE DEL BOLLETTINO DI VIGILANZA METEOROLOGICA NAZIONALE Il Bollettino di Vigilanza Meteorologica Nazionale, emesso quotidianamente entro le ore 15.00 dal Dipartimento Nazionale della

Dettagli

Figura 1. Situazione meteo vista da satellite delle ore UTC del Elaborazione grafica a cura di Michele Salmi.

Figura 1. Situazione meteo vista da satellite delle ore UTC del Elaborazione grafica a cura di Michele Salmi. Dopo aver concluso un inverno con temperature molto rigide ed episodi nevosi di un certo rilievo al centro-sud italiano, anche la primavera ha deciso di farsi ricordare subito per una intensa perturbazione

Dettagli