Controllo di qualità dei dati giornalieri di temperatura minima e massima e di precipitazione

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Controllo di qualità dei dati giornalieri di temperatura minima e massima e di precipitazione"

Transcript

1 Quaderno Tecnico ARPA-SIM n 15/2003 Controllo di qualità dei dati giornalieri di temperatura minima e massima e di precipitazione Valentina Pavan Rodica Tomozeiu Andrea Selvini Stefano Marchesi Chiara Marsigli AREA SALA OPERATIVA METEO E CLIMATOLOGIA AREA MODELLISTICA E RADARMETEOROLOGIA

2 Introduzione E noto che i dati osservativi sono spesso affetti da errori. Se, da una parte, questo non è un motivo sufficiente per evitarne l uso, dall altro, questo fatto non può venire completamente trascurato, dal momento che la presenza di errori nei dati potrebbe cambiare le caratteristiche statistiche dei dati stessi. La pratica comune è quella di far precedere l uso dei dati da un controllo di qualità che ne individui gli errori facendo uso di regole oggettive e permetta di scartare i dati più sospetti. Nel seguito vengono descritte le due distinte tecniche usate per controllare la qualità dei dati giornalieri di precipitazione e di temperatura (massima e minima) rilevati presso le stazioni dell ex Servizio Idrografico e Mareografico Nazionale. Le tecniche qui descritte possono venire applicate solo nel caso sia disponibile o una serie temporale sufficiente lunga (di almeno trenta o quaranta anni di dati) sia per la stazione da controllare, che per alcune stazioni circonvicine, o le caratteristiche principali del clima della regione in cui è collocata la stazione da controllare. La tecnica di controllo non include controlli incrociati fra precipitazione e temperatura. Infine, le soglie che definiscono la credibilità dei dati sono state scelte in modo tale da minimizzare il numero di dati apparentemente validi, scartati dal controllo di qualità, e nello stesso tempo massimizzare la identificazione di possibili dati erronei. Al termine del controllo di qualità ad ogni dato viene associata una flag che consiste in un numero intero che può assumere i valori 0, 1 e 2. Se la flag ha valore 0 il dato è valido, se la flag ha valore 1 il dato viene considerato sospetto, ma può venire usato, se infine la flag ha valore 2 il dato non ha passato il controllo di qualità, è molto probabilmente sbagliato e bisogna evitare di usarlo. Il controllo di qualità qui descritto è stato implementato in due programmi scritti in Fortran 77 il cui listato è stato incluso nelle Appendici A e B di questo documento. Tali programmi richiedono in input un file ASCII di anagrafica delle stazioni, contenente tanti record quante sono le stazioni disponibili per il controllo di qualità. In ogni record di questo file devono essere incluse le seguenti informazioni: il codice della stazione, la sua latitudine e longitudine in gradi e centesimi di grado, e la sua quota in metri sul 1

3 livello del mare. Sempre in input il programma richiede tanti file di dati quante sono le stazioni. Anche questi file sono di tipo ASCII e in ogni record contengono la data (giorno, mese, anno) e il valore (precipitazione) o i valori (temperatura minima e massima) per quel giorno. Il programma rende in uscita due file ASCII per ogni stazione. Il primo contiene i dati con associata flag e ogni record contiene la data (giorno, mese anno) il valore giornaliero e la sua flag. nel secondo file sono elencati i dati con flag pari a 2, i motivi per cui ciascuno di essi è stato considerato sbagliato, nonché un riassunto dei dati di quel giorno (per la stazione e, se opportuno, per le stazioni circonvicine). Nel seguito, prima viene descritto il controllo di qualità per i dati di temperatura, poi per quelli di precipitazione. Il controllo di qualità della Temperatura massima e minima Prima di iniziare il controllo di qualità è necessario che per ogni stazione vengano identificate cinque stazioni circonvicine. Esse vengono identificate automaticamente sulla base dei dati di anagrafica delle stazioni, facendo uso del solo criterio di distanza. Per ogni stazione vengono calcolate le distanze da tutte le altre stazioni disponibili e quindi vengono riordinate in base al criterio di distanza crescente. A questo punto, le prime cinque stazioni vengono usate come riferimento per la stazione analizzata. Questa scelta trascura completamente l informazione relativa alla quota della stazione. Da un lato, questo è possibile perché il dato viene controllato confrontandolo con il clima giornaliero della stazione, sia per quanto riguarda il suo valore che per la sua variazione sulle 24 ore, facendo uso di soglie caratteristiche per ogni stazione, ed entrambi questi controlli risultano essere sufficientemente indipendenti dalla quota della stazione stessa. Dall altro, questa scelta è resa necessaria dal ridotto numero di stazioni disponibili che rende la distanza quadratica media fra stazioni molto grande, soprattutto per certe fasce di altitudine. Il controllo della temperatura minima e massima giornaliere si ottiene quindi facendo passare i dati in successione attraverso tre gruppi di controlli: controlli di tipo logico, controlli di tipo climatologico e controlli di tipo temporale. Qualora un dato non superi 2

4 uno dei criteri sotto elencati viene assegnata ad esso una flag non nulla. A) Controlli logici Inizialmente, il dato viene fatto passare attraverso i seguenti controlli: se il dato ha un valore uguale al valore scelto per il dato mancante (nel nostro caso ), ad esso viene data una flag di valore 2; se T min > T max i loro valori vengono scambiati e si procede nel controllo; se T min o T max sono minori di un valore minimo o maggiori di un valore massimo assegnato, il dato è considerato sbagliato (flag=2). I dati sono considerati validi solo se o C < T min < 40.0 o C oppure o C< T max < 50.0 o C. B) Controlli climatologici Il controllo climatologico si sviluppa in due stadi successivi. Prima di tutto, il dato viene confrontato con la climatologia della stazione presso la quale è stato rilevato. Si possono verificare le seguenti possibilità: se l anomalia del dato rispetto alla climatologia del giorno in cui è stato rilevato è minore o uguale di due deviazioni standard, tipiche per quel giorno dell anno e quella stazione, allora il dato viene considerato corretto (flag=0); se l anomalia è maggiore di due e minore di tre deviazioni standard, il dato viene considerato sospetto, ma non sbagliato (flag=1); se l anomalia è maggiore di tre deviazioni standard, allora si procede ad un ulteriore indagine di confronto del dato con quelli delle stazioni vicine (controllo spaziale). Il controllo spaziale, applicato ai soli dati possibilmente sbagliati, mette di fronte alle seguenti possibilità: se sono definiti i valori per quel giorno solo su meno di tre delle cinque stazioni circonvicine della stazione in esame, il dato non può venire ulteriormente controllato e viene considerato sbagliato (flag=2); se, invece, sono definiti i dati in almeno tre delle stazioni vicine, e il valore rilevato presso almeno una di queste ha una anomalia rispetto alla sua climatologia di quel giorno maggiore di due deviazioni standard, il dato viene considerato corretto 3

5 (flag=0); se, infine, sono definiti i dati in almeno tre delle stazioni vicine, e in nessuna di esse è stato rilevato un dato con anomalia maggiore di due deviazioni standard, il dato viene considerato non valido (flag=2). C) Controlli temporali I dati vengono sottoposti a due tipi di controllo temporale. Da un lato viene verificato che la variazione della temperatura minima e massima in 24 ore non superi una soglia assegnata; dall altro viene fatto un controllo sulle persistenze, definite come quei casi in cui il valore della temperatura da un giorno a quello successivo non varia (al decimo di grado). Il controllo sulla variazione giornaliera di temperatura (variazione di T min o T max sulle 24h) mette di fronte alle seguenti possibilità: se la variazione osservata presso la stazione è minore di tre volte il suo valore quadratico medio per quel giorno e quella stazione, il dato viene considerato valido (flag=0); se la variazione osservata è maggiore di tre volte il suo valore quadratico medio, il dato viene considerato sospetto e si procede al controllo dell escursione termica giornaliera (T max -T min ): o se questa grandezza non è definita o nel giorno in esame o in quello precedente (per mancanza di dati) non si può procedere ad ulteriori accertamenti e il dato viene considerato sospetto (flag=1); o se questa grandezza è definita nel giorno in esame e nel giorno precedente, e la sua variazione in 24 ore è minore della sua variazione quadratica media per la stazione e il giorno di calendario in esame, il valore viene considerato valido (flag=0); o se questa grandezza è definita nel giorno in esame e nel giorno precedente, e la sua variazione in 24 ore è maggiore della sua variazione quadratica media per la stazione e il giorno di calendario in esame, allora si procede ai seguenti controlli: prima di tutto si considera il valore della sua variazione nelle stazioni 4

6 circonvicine. Se, in almeno una stazione, la variazione in 24 ore dell escursione termica supera la variazione quadratica media per quella stazione e quel giorno, allora il dato viene considerato buono (flag=0); se il valore di temperatura del giorno prima era stato considerato non valido perché non aveva passato il controllo temporale o perchè si era verificata una persistenza che non aveva passato il controllo di qualità, allora il dato del giorno in esame viene considerato valido (flag=0) in quanto si ritiene inadeguato scartare un dato sulla base di un confronto con un dato sbagliato; Se, dopop i controllo fatti, non è ancora chiaro se il valore possa essere considerato o meno corretto, vengono fatti due ulteriori controlli, così da verificare se i problemi riscontrati con il valore in questione siano invece dovuti al valore rilevato il giorno prima, che ha comunque già passato il controllo di qualità. Ci sono due possibilità: La forte variazione di temperatura si è in realtà verificata il giorno prima, ma, per qualche motivo, ciò non è stato rilevato. Un valore vicino alla persistenza, ma non esattamente uguale a quello per giorno prima, per esempio, potrebbe avere passato il controllo di qualità pur essendo sbagliato. Il valore del giorno prima era sbagliato e ha provocato una variazione giornaliera intensa, senza alcun riscontro con quanto successo realmente. Per controllare se si è verificato uno dei 2 casi ora citati si crea una serie temporale di riferimento mediando i valori corretti rilevati presso le stazioni circonvicine. Quindi si procede come segue: Se si può calcolare la variazione sulle 24h sia per il giorno in esame che per il giorno prima e sia per la stazione in esame che per la serie di riferimento e se il rapporto fra la variazione sulle 24 del giorno prima nella serie di riferimento e quella nella stazione in esame è maggiore di 2.0, allora si assume che il forte cambiamento temporale sia avvenuto il giorno prima e quindi viene data una flag uguale a 2.0 al valore del giorno prima, mentre il valore in esame viene considerato corretto (flag=0); Se i dati sono disponibili e corretti, si confronta il valore in esame con quelli dei due giorni precedenti. Ciò viene fatto calcolando la derivata seconda temporale 5

7 alle differenze finite centrata nel giorno precendente. Se il rapporto fra tale derivata per la stazione in esame e per la serie di riferimento è maggiore di 2 si assume che si sia verificato un errore nei dati. Se il segno della variazione di temperatura del giorno prima è uguale per la stazione in esame e per quella della serie di riferimento, il valore in esame viene considerato errato (flag=2) equello del giorno prima corretto (flag=0). Alternativamente il dato viene considerato sbagliato il dato del giorno prima e corretto il dato in esame. Questo conclude il controllo temporale sulla variazione giornaliera di temperatura. Il controllo sulle persistenze procede nel seguente modo: se il valore rilevato un giorno è uguale (al decimo di grado) a quello rilevato il giorno prima, allora il dato viene considerato sospetto e viene confrontato con la media delle stazioni vicine (dato di riferimento). Se il dato di riferimento è definito insieme alla sua variazione giornaliera (almeno tre delle stazioni vicine sono funzionanti e non riportano persistenze) e la sua variazione giornaliera è maggiore del valore quadratico medio della stessa per quel giorno, allora il dato viene considerato non valido (flag=2). Se nei giorni successivi il valore della temperatura continuasse ad essere persistente, tutti i dati vengono considerati non validi (flag=2) fino a che la persistenza si interrompe; se il valore rilevato un giorno è uguale (al decimo di grado) a quello rilevato il giorno prima, e il dato di riferimento non è definito per mancanza di dati presso le stazioni vicine il dato viene considerato sospetto, ma non necessariamente sbagliato (flag=1); in tutti gli altri casi il dato viene considerato valido. E opportuno notare che il controllo sulle persistenze funziona solo se tali persistenze sono distribuite nelle stazioni in modo casuale. Purtroppo ciò non risulta essere sempre vero: esistono date in cui è più probabile che si verifichino persistenze (ad esempio intorno alle festività principali come Natale, Capodanno, Epifania, Pasqua, Ferragosto, ecc ). In questi casi spesso più di una delle stazioni circonvicine presenta persistenza e talvolta può essere difficile trovare un numero minimo di stazioni vicine con dati utilizzabili. E possibile dunque che persistenze non accettabili non vengano individuate a causa della bassa qualità dei dati disponibili. In pratica questo succede solo per un 6

8 numero molto limitato di casi. Il controllo di qualità della temperatura si conclude con un controllo logico fra T max e T min. Se i due valori sono identici, la stazione considerata è ad una altitudine inferiore a 500m slm e il giorno considerato è incluso nel periodo fra l inizio di aprile e fine settembre si assume che si sia verificato un errore nella registrazione del dato e per assegnare una flag si procede nel seguente modo: se ad uno dei due dati è stato precedentemente assegnato un valore 2 di flag, si assume che l errore sia già stato identificato e il controllo di qualità si considera chiuso se ad uno dei due dati è stato assegnato un valore 1 di flag, allora si incrementa tale flag a 2, assumendo che sia questo dei due dati quello meno credibile se sia T max che T min hanno superato senza problemi il controllo di qualità, non essendo in alcun modo chiaro quale dei due sia sbagliato, entrambi vengono scartati e ad entrambi viene assegnata una flag 2. Questo conclude il processo di controllo dui qualità della temperatura massima e minima. Il controllo di qualità della precipitazione Il controllo di qualità della precipitazione si prefigge di identificare due diversi tipi di errori presenti nei dati. Da un lato, si vuole eliminare la presenza di valori eccessivi di precipitazione giornaliera non rispondenti a realtà, spesso dovuti o a errori di digitazione dati o alla registrazioni di valori di pioggia cumulata su più giorni, ma non identificati come tali. Dall altro. si vogliono identificare periodi non segnalati di mancato funzionamento della stazione. Entrambi questi controlli si avvalgono del confronto del dato della stazione in esame con quelli rilevati presso cinque stazioni circonvicine. L identificazione di tali stazioni procede in modo diverso che per la temperatura per due motivi: il numero di stazioni disponibili in questo caso è maggiore che per la temperatura e la variazione con la quota della pioggia è complessa. Per questi motivi le cinque stazioni più vicine a quella in esame vengono scelte solo fra quelle caratterizzate da una quota sufficientemente vicina alla stessa seguendo i seguenti criteri: 7

9 se la stazione in esame si trova a meno di 1000 m s.l.m. allora vengono considerate solo le stazioni che cadono ad una quota che differisca da quella della stazione stessa di meno di 200 m; se la stazione in esame si trova oltre i 1000 m s.l.m. allora vengono considerate solo le stazioni che cadono ad una quota che differisca da quella della stazione stessa di meno di 500 m. Tutti i controlli spaziali prevedono che almeno tre stazioni con dati rilevati siano disponibili. A) Controlli logici Prima di tutto si procede ad un gruppo di controlli logici: se il dato coincide con il valore di dato mancante (nel caso dei dati in questione ), viene dato valore 2 alla flag; se il dato coincide con il valore di dato cumulato (nel nostro caso 777.7) oppure se il valore del dato del giorno precedente è tale, il dato viene condiderato non valido (flag=2); se infine il dato ha valore negativo, viene considerato non valido (flag=2). B) Eliminazione valori eccessivi Il controllo per eliminare i valori eccessivi di precipitazione non rispondenti a realtà procede nel modo seguente: se il valore di precipitazione osservata è minore del valore climatologico o differisce dal clima di quel giorno per quella stazione per meno di 5 deviazioni standard, allora il dato viene considerato valido (flag=0); se il valore è maggiore del clima e differisce da quello climatologico per più di 5 deviazioni standard, il dato viene considerato sospetto e si procede ad ulteriori indagini. Il trattamento del dato cambia al variare della stagione considerata. Se il giorno in questione cade in estate (dall 1/6 al 31/8) allora il valore viene confrontato con il valore climatologico medio ottenuto sulla base dei soli giorni 8

10 piovosi (precipitazione maggiore o uguale di 1.0 mm) nel corso della decade in questione (ogni mese viene diviso in tre decadi: dal 1 al 10, dall 11 al 20 e oltre il 20 del mese). - se la differenza tra il valore osservato e il clima è minore di 5 deviazioni standard allora si assume che il valore si riferisca ad un temporale intenso e viene ritenuto valido (flag=0). - se la differenza tra il valore osservato e il clima è maggiore di 5 deviazioni standard ma in almeno una delle stazioni vicine si osserva una precipitazione che differisca dal clima dei giorni piovosi della decade per più di una deviazione standard, si assume che il valore analizzato si riferisca ad un evento sinottico localmente molto intenso e che sia dunque valido (flag=0); - in tutti gli altri casi si assume che il dato sia sbagliato (flag=2). Nel caso il giorno in esame cada negli altri mesi dell anno, si procede come segue - se in almeno una delle stazioni vicine piove una quantità di pioggia che supera di due deviazioni standard il valore di pioggia climatologico del giorno stesso, si assume che il dato sia valido (flag=0); - alternativamente il dato viene considerato errato (flag=2). Concluso il controllo di piogge di intensità eccessiva si passa alla identificazione dei periodi di mancato funzionamento della stazione non segnalati. C) Identificazione mancato funzionamento stazione non segnalato Innanzitutto, questo controllo richiede che si verifichino 15 giorni successivi senza pioggia. A questo fine è necessario che non manchi alcun dato nel corso dei quindici giorni in esame, né alcun dato di questo periodo sia stato considerato sbagliato in base ai controlli precedentemente fatti riguardo all intensità delle piogge giornaliere. Si procede, quindi, a controllare la validità dei dati raccolti nel corso di questi 15 giorni solo se esistono almeno tre stazioni circonvicine in cui siano stati rilevati i dati validi per i 15 giorni continuativi in questione. In tal caso, si calcola sia la pioggia cumulata su questo periodo per ogni stazione e si effettua la media su tutte le stazioni vicine, sia il 9

11 numero di giorni di pioggia (con precipitazione giornaliera maggiore di 1.0mm) per ogni stazione sul periodo e se ne fa la media sulle stazioni. Fatto ciò, se non sono disponibili almeno tre stazioni fra quelle circonvicine con cui confrontare i dati in questione, i dati vengono considerati sospetti (flag=1); se la precipitazione cumulata mediata fra le stazioni circonvicine è minore di 10.0mm, i valori vengono considerati corretti (flag=0); se la quantità media di pioggia cumulata sulle stazioni è maggiore di 10mm, ma il numero medio di giorni piovosi è minore o uguale a 2, si assume che la pioggia sia caduta nel corso di un evento temporalesco, che può non aver coinvolto la stazione in esame, e quindi si ritiene che la stazione abbia funzionato correttamente (flag=0); alternativamente, se la quantità media di pioggia cumulata sulle stazioni è maggiore di 10mm, e il numero medio di giorni piovosi è maggiore di 2, si conclude che la stazione non abbia funzionato correttamente nel corso degli ultimi 15 giorni e tutti i dati relativi a questo periodo per la stazione in esame vengono considerati non validi (flag=2). Nel caso sia stata individuata una serie di 15 valori non validi, ogni valore nullo successivo viene automaticamente considerato non valido fino al primo giorno di precipitazione con valore non nullo. Il primo giorno di precipitazione seguente ad un periodo non valido viene anch esso considerato non valido, dal momento che probabilmente è da identificarsi con un valore di pioggia cumulata, non segnalato. Terminato questo controllo si assume che i dati siano stati puliti da eventuali errori. Appendice 1 Codici sorgenti F77 I codici, in Fortran 77, per l applicazione dei controlli di qualità qui descritti a dati giornalieri da stazione sono disponibili su richiesta presso il Servizio Idrometeorologico ARPA-SIM della Regione Emilia-Romagna. Per informazioni contattare: Valentina Pavan c/o ARPA-SIM Viale Silvani Bologna ITALY 10

ANALISI CLIMATICA DELL INVERNO 2014-2015

ANALISI CLIMATICA DELL INVERNO 2014-2015 Provincia Autonoma di Trento METEOTRENTINO REPORT ANALISI CLIMATICA DELL INVERNO 214-215 Dipartimento Protezione Civile Servizio Prevenzione Rischi Ufficio Previsioni e Pianificazione Via Vannetti, 41-381

Dettagli

METEOTRENTINO REPORT

METEOTRENTINO REPORT Provincia Autonoma di Trento METEOTRENTINO REPORT ANALISI CLIMATICA DELL ESTATE 2014 L estate 2014 (trimestre giugno-luglio-agosto 2014) verrà ricordata come particolarmente anomala sia nella nostra regione

Dettagli

ANALISI CLIMATOLOGICA PER IL TERRITORIO DI CAMPI BISENZIO

ANALISI CLIMATOLOGICA PER IL TERRITORIO DI CAMPI BISENZIO ANALISI CLIMATOLOGICA PER IL TERRITORIO DI CAMPI BISENZIO FONDAZIONE PER IL CLIMA E LA SOSTENIBILITA 1 Ver. 1.1 ANALISI CLIMATOLOGICA PER IL TERRITORIO DI CAMPI BISENZIO Gaetano Zipoli Firenze, Luglio

Dettagli

ANALISI CLIMATICA DELL ESTATE 2015

ANALISI CLIMATICA DELL ESTATE 2015 Provincia Autonoma di Trento METEOTRENTINO REPORT ANALISI CLIMATICA DELL ESTATE 2015 Ottobre 2015 Dipartimento Protezione Civile Servizio Prevenzione Rischi Ufficio Previsioni e Pianificazione Via Vannetti,

Dettagli

Un po di statistica. Christian Ferrari. Laboratorio di Matematica

Un po di statistica. Christian Ferrari. Laboratorio di Matematica Un po di statistica Christian Ferrari Laboratorio di Matematica 1 Introduzione La statistica è una parte della matematica applicata che si occupa della raccolta, dell analisi e dell interpretazione di

Dettagli

ALLEGATO 1 Analisi delle serie storiche pluviometriche delle stazioni di Torre del Lago e di Viareggio.

ALLEGATO 1 Analisi delle serie storiche pluviometriche delle stazioni di Torre del Lago e di Viareggio. ALLEGATO 1 Analisi delle serie storiche pluviometriche delle stazioni di Torre del Lago e di Viareggio. Per una migliore caratterizzazione del bacino idrologico dell area di studio, sono state acquisite

Dettagli

La significatività PROVE DI SIGNIFICATIVITA PROVE DI SIGNIFICATIVITA PROVE DI SIGNIFICATIVITA

La significatività PROVE DI SIGNIFICATIVITA PROVE DI SIGNIFICATIVITA PROVE DI SIGNIFICATIVITA PROVE DI SIGNIFICATIVITA Tutti i test statistici di significatività assumono inizialmente la cosiddetta ipotesi zero (o ipotesi nulla) Quando si effettua il confronto fra due o più gruppi di dati, l'ipotesi

Dettagli

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni 25.1: Introduzione In questo capitolo la teoria economica discussa nei capitoli 23 e 24 viene applicata all analisi dello scambio del rischio nel

Dettagli

Esercitazione n.2 Inferenza su medie

Esercitazione n.2 Inferenza su medie Esercitazione n.2 Esercizio L ufficio del personale di una grande società intende stimare le spese mediche familiari dei suoi impiegati per valutare la possibilità di attuare un programma di assicurazione

Dettagli

VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10. 5.1 Introduzione

VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10. 5.1 Introduzione VARIABILI METEROROLOGICHE E CONCENTRAZIONI DI PM10 5.1 Introduzione Tra gli interventi finanziati dalla Regione Emilia Romagna per il 2004, ai fini della messa a punto di strumenti conoscitivi utili per

Dettagli

La logica statistica della verifica (test) delle ipotesi

La logica statistica della verifica (test) delle ipotesi La logica statistica della verifica (test) delle ipotesi Come posso confrontare diverse ipotesi? Nella statistica inferenziale classica vengono sempre confrontate due ipotesi: l ipotesi nulla e l ipotesi

Dettagli

L estate del 2007: meteorologia e qualità delle previsioni. S. Tibaldi, C. Cacciamani, G. Pirretti, F. Scotto, ARPA E-R

L estate del 2007: meteorologia e qualità delle previsioni. S. Tibaldi, C. Cacciamani, G. Pirretti, F. Scotto, ARPA E-R L estate del 2007: meteorologia e qualità delle previsioni S. Tibaldi, C. Cacciamani, G. Pirretti, F. Scotto, ARPA E-R 1 Schema della presentazione Un po di meteorologia sinottica Anomalie di temperatura

Dettagli

Inferenza statistica. Statistica medica 1

Inferenza statistica. Statistica medica 1 Inferenza statistica L inferenza statistica è un insieme di metodi con cui si cerca di trarre una conclusione sulla popolazione sulla base di alcune informazioni ricavate da un campione estratto da quella

Dettagli

Progetto ESSE3-VOL. Guida Docenti alla gestione degli Appelli e alla Verbalizzazione degli esami online

Progetto ESSE3-VOL. Guida Docenti alla gestione degli Appelli e alla Verbalizzazione degli esami online Progetto ESSE3-VOL Guida Docenti alla gestione degli Appelli e alla Verbalizzazione degli esami Codice doc.: PRC_TEPRES KION S.p.A. pag. 1 di 40 INDICE 1. LOGIN...3 2. VISUALIZZAZIONE APPELLI...4 3. DEFINIZIONE

Dettagli

La Programmazione Lineare

La Programmazione Lineare 4 La Programmazione Lineare 4.1 INTERPRETAZIONE GEOMETRICA DI UN PROBLEMA DI PROGRAMMAZIONE LINEARE Esercizio 4.1.1 Fornire una rappresentazione geometrica e risolvere graficamente i seguenti problemi

Dettagli

Bollettino Agrometeorologico Viticoltura

Bollettino Agrometeorologico Viticoltura Viale Bornata 11 25123 Brescia tel 3.362285-3677 assistenzatecnica@centrovitivinicoloprovinciale.it Bollettini e schede del Manuale di Viticoltura del CVP su: www.centrovitivinicoloprovinciale.it - BOLLETTINO

Dettagli

Premesse alla statistica

Premesse alla statistica Premesse alla statistica Versione 22.10.08 Premesse alla statistica 1 Insiemi e successioni I dati di origine sperimentale si presentano spesso non come singoli valori, ma come insiemi di valori. Richiamiamo

Dettagli

Funzioni di Trasferimento Movimenti

Funzioni di Trasferimento Movimenti Airone Gestione Rifiuti Funzioni di Trasferimento Movimenti Airone Funzione di Trasferimento Movimenti pag. 1 Indice INTRODUZIONE... 3 FUNZIONE DI TRASFERIMENTO MOVIMENTI... 3 Configurazione dell applicazione...4

Dettagli

Giugno 2015. Il Clima in Piemonte. Arpa Piemonte Sistemi Previsionali

Giugno 2015. Il Clima in Piemonte. Arpa Piemonte Sistemi Previsionali Il Clima in Piemonte Giugno 2015 In Piemonte il mese di Giugno 2015 è risultato al di sopra della media climatologica degli anni 1971-2000 dal punto di vista termometrico; leggermente superiore alla norma

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Biomolecolari. NOME COGNOME N. Matr.

Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Biomolecolari. NOME COGNOME N. Matr. Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Biomolecolari Matematica e Statistica II Prova di esame del 18/7/2013 NOME COGNOME N. Matr. Rispondere ai punti degli esercizi nel modo più completo possibile, cercando

Dettagli

Altri metodi di indicizzazione

Altri metodi di indicizzazione Organizzazione a indici su più livelli Altri metodi di indicizzazione Al crescere della dimensione del file l organizzazione sequenziale a indice diventa inefficiente: in lettura a causa del crescere del

Dettagli

CONTABILITA ANALITICA CON MICROSOFT ACCESS

CONTABILITA ANALITICA CON MICROSOFT ACCESS CONTABILITA ANALITICA CON MICROSOFT ACCESS PREMESSA L applicazione, realizzata con Microsoft Access, ha lo scopo di consentire il calcolo dei costi analitici di un azienda industriale o commerciale, a

Dettagli

Crescita della produttività e delle economie

Crescita della produttività e delle economie Lezione 21 1 Crescita della produttività e delle economie Il più spettacolare effetto della sviluppo economico è stata la crescita della produttività, ossia la quantità di prodotto per unità di lavoro.

Dettagli

Il clima delle Alpi e della Valle d Aosta

Il clima delle Alpi e della Valle d Aosta Il clima delle Alpi e della Valle d Aosta Il clima delle Alpi Il clima della Valle d Aosta Precipitazioni durante l alluvione del 2000 Temperature estreme registrate in Valle d Aosta Il ruolo delle montagne

Dettagli

METEOTRENTINO REPORT

METEOTRENTINO REPORT Provincia Autonoma di Trento METEOTRENTINO REPORT ANALISI CLIMATICA DELL INVERNO 2012-2013 L inverno 2012-2013 (trimestre dicembre 2012 febbraio 2013) è stato caratterizzato nella nostra regione sia da

Dettagli

Real Time Control (RTC): modalità di invio dei dati

Real Time Control (RTC): modalità di invio dei dati C EQAS - CNR External Quality Assessment Schemes CNR - Istituto di Fisiologia Clinica Real Time Control (RTC): modalità di invio dei dati R. Conte, A. Renieri v.1.1-15/11/2012 Introduzione Il programma

Dettagli

Ragionamento spaziale visivo e percezione

Ragionamento spaziale visivo e percezione 2 Ragionamento spaziale visivo e percezione Serie e analogie figurali! In alcune batterie di test psicoattitudinali sono ampiamente rappresentati i quesiti che propongono un elenco di figure: in alcuni

Dettagli

Portale SportEvent di UniCredit. Manuale d uso prenotazioni alberghiere accreditamenti e pagamenti on-line

Portale SportEvent di UniCredit. Manuale d uso prenotazioni alberghiere accreditamenti e pagamenti on-line Portale SportEvent di UniCredit Manuale d uso prenotazioni alberghiere accreditamenti e pagamenti on-line Edizione: Novembre 2011 1 1. Introduzione In questo manuale verrà spiegato l utilizzo del portale

Dettagli

Manuale operativo per la gestione del software TouristTax (gestione dell Imposta di Soggiorno) Aggiornato alla versione 2.36

Manuale operativo per la gestione del software TouristTax (gestione dell Imposta di Soggiorno) Aggiornato alla versione 2.36 Manuale operativo per la gestione del software TouristTax (gestione dell Imposta di Soggiorno) Aggiornato alla versione 2.36 Sommario Premessa 3. Cose da fare alla prima connessione 4. Cambiare la password

Dettagli

Servizi telematici in Punto Cliente riservati agli Intermediari

Servizi telematici in Punto Cliente riservati agli Intermediari Servizi telematici in Punto Cliente riservati agli Intermediari Denuncia variazione retribuzione - Polizza Pescatori Elenchi annuali- Polizza Pescatori Elenchi variazioni mensili Polizza Pescatori Manuale

Dettagli

Bollettino agrometeorologico mensile novembre 2008

Bollettino agrometeorologico mensile novembre 2008 Bollettino agrometeorologico mensile novembre 2008 H2O - Deficit totale (mm) -200-150 -100-50 0 50 100 Situazione dei terreni rispetto alla condizione di Capacità di Campo Precipitazioni intense a fine

Dettagli

Esercitazione n.4 Inferenza su varianza

Esercitazione n.4 Inferenza su varianza Esercizio 1 Un industria che produce lamiere metalliche ha ricevuto un ordine di acquisto di un grosso quantitativo di lamiere di un dato spessore. Per assicurare la qualità della propria fornitura, l

Dettagli

TEST DI AUTOVALUTAZIONE INTERVALLI DI CONFIDENZA E TEST

TEST DI AUTOVALUTAZIONE INTERVALLI DI CONFIDENZA E TEST TEST DI AUTOVALUTAZIONE INTERVALLI DI CONFIDENZA E TEST I diritti d autore sono riservati. Ogni sfruttamento commerciale non autorizzato sarà perseguito. Statistica 1 Parte A 1.1 La formula µ = x ± s n

Dettagli

SIDDIF - Manuale Diplomi di qualifica Enti FP

SIDDIF - Manuale Diplomi di qualifica Enti FP DS14RGE-PS2053-001 SIDDIF - Manuale Diplomi di qualifica Enti FP Compilato: F. Alberici 24.10.2014 Rivisto: B. Zucchi Approvato: Versione: 1.0.0 Bozza 24.10.2014 Distribuito: Datasiel S.p.A. Regione Liguria

Dettagli

Progettazione di un Database

Progettazione di un Database Progettazione di un Database Per comprendere il processo di progettazione di un Database deve essere chiaro il modo con cui vengono organizzati e quindi memorizzati i dati in un sistema di gestione di

Dettagli

CAPACITÀ DI PROCESSO (PROCESS CAPABILITY)

CAPACITÀ DI PROCESSO (PROCESS CAPABILITY) CICLO DI LEZIONI per Progetto e Gestione della Qualità Facoltà di Ingegneria CAPACITÀ DI PROCESSO (PROCESS CAPABILITY) Carlo Noè Università Carlo Cattaneo e-mail: cnoe@liuc.it 1 CAPACITÀ DI PROCESSO Il

Dettagli

Lezioni del Corso di Fondamenti di Metrologia Meccanica

Lezioni del Corso di Fondamenti di Metrologia Meccanica Facoltà di Ingegneria Lezioni del Corso di Fondamenti di Metrologia Meccanica A.A. 2005-2006 Prof. Paolo Vigo Indice 1. Errori ed Incertezze 2. Errori Sistematici ed Accidentali 3. Proprietà degli Strumenti

Dettagli

R.S.A : PREVENZIONE e GESTIONE INFERMIERISTICA dell IDRATAZIONE

R.S.A : PREVENZIONE e GESTIONE INFERMIERISTICA dell IDRATAZIONE CAPITOLO 3 R.S.A : PREVENZIONE e GESTIONE INFERMIERISTICA dell IDRATAZIONE 1-OBBIETTIVI Gli obbiettivi di questo studio è quello di descrivere i fattori di rischio più comuni per la disidratazione o la

Dettagli

SPC e distribuzione normale con Access

SPC e distribuzione normale con Access SPC e distribuzione normale con Access In questo articolo esamineremo una applicazione Access per il calcolo e la rappresentazione grafica della distribuzione normale, collegata con tabelle di Clienti,

Dettagli

Accise Settore Prodotti Alcolici Manuale d uso

Accise Settore Prodotti Alcolici Manuale d uso Olitech Informatica Telematico Accise Accise Settore Prodotti Alcolici Manuale d uso Versione del manuale: 26-01-2010 1 Indice Accise Settore Prodotti Alcolici Manuale d uso... 1 Indice... 2 Funzionalità

Dettagli

~ Copyright Ripetizionando - All rights reserved ~ http://ripetizionando.wordpress.com STUDIO DI FUNZIONE

~ Copyright Ripetizionando - All rights reserved ~ http://ripetizionando.wordpress.com STUDIO DI FUNZIONE STUDIO DI FUNZIONE Passaggi fondamentali Per effettuare uno studio di funzione completo, che non lascia quindi margine a una quasi sicuramente errata inventiva, sono necessari i seguenti 7 passaggi: 1.

Dettagli

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Docente: V. Lonati Progetto Analisi di mercato valido per gli appelli di gennaio e febbraio 2015 1 Il problema L analista Ing. Ferrari lavora per l azienda RicerMer

Dettagli

L espressione torna invece sempre vera (quindi la soluzione originale) se cambiamo contemporaneamente il verso: 1 < 0.

L espressione torna invece sempre vera (quindi la soluzione originale) se cambiamo contemporaneamente il verso: 1 < 0. EQUAZIONI E DISEQUAZIONI Le uguaglianze fra espressioni numeriche si chiamano equazioni. Cercare le soluzioni dell equazione vuol dire cercare quelle combinazioni delle lettere che vi compaiono che la

Dettagli

UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO

UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO Con il patrocinio di energia UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO Dopo un anno di monitoraggio climatico nella città di Perugia, effettuato grazie alla rete meteo installata

Dettagli

Università di Firenze - Corso di laurea in Statistica Seconda prova intermedia di Statistica. 18 dicembre 2008

Università di Firenze - Corso di laurea in Statistica Seconda prova intermedia di Statistica. 18 dicembre 2008 Università di Firenze - Corso di laurea in Statistica Seconda prova intermedia di Statistica 18 dicembre 008 Esame sull intero programma: esercizi da A a D Esame sulla seconda parte del programma: esercizi

Dettagli

IL SISTEMA DI PREVISIONE DEL DISAGIO BIOCLIMATICO IN EMILIA-ROMAGNA

IL SISTEMA DI PREVISIONE DEL DISAGIO BIOCLIMATICO IN EMILIA-ROMAGNA IL SISTEMA DI PREVISIONE DEL DISAGIO BIOCLIMATICO IN EMILIA-ROMAGNA Studio del fenomeno dell isola di calore Area urbana di Bologna Struttura Tematica di Epidemiologia Ambientale ARPA Emilia Romagna IL

Dettagli

Intervento del Prof. Massimo Angrisani in merito alla Cassa di Previdenza dei Dottori Commercialisti.

Intervento del Prof. Massimo Angrisani in merito alla Cassa di Previdenza dei Dottori Commercialisti. Intervento del Prof. Massimo Angrisani in merito alla Cassa di Previdenza dei Dottori Commercialisti. 1 ANGRISANI: Grazie, Presidente. Innanzi tutto vorrei rivolgere un saluto all Assemblea dei Delegati,

Dettagli

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni

Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni Capitolo 25: Lo scambio nel mercato delle assicurazioni 25.1: Introduzione In questo capitolo la teoria economica discussa nei capitoli 23 e 24 viene applicata all analisi dello scambio del rischio nel

Dettagli

Database. Si ringrazia Marco Bertini per le slides

Database. Si ringrazia Marco Bertini per le slides Database Si ringrazia Marco Bertini per le slides Obiettivo Concetti base dati e informazioni cos è un database terminologia Modelli organizzativi flat file database relazionali Principi e linee guida

Dettagli

Capitolo 26: Il mercato del lavoro

Capitolo 26: Il mercato del lavoro Capitolo 26: Il mercato del lavoro 26.1: Introduzione In questo capitolo applichiamo l analisi della domanda e dell offerta ad un mercato che riveste particolare importanza: il mercato del lavoro. Utilizziamo

Dettagli

Statistica descrittiva

Statistica descrittiva Corso di Laurea in Ingegneria per l Ambiente ed il Territorio Corso di Costruzioni Idrauliche A.A. 2004-05 www.dica.unict.it/users/costruzioni Statistica descrittiva Ing. Antonino Cancelliere Dipartimento

Dettagli

Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro

Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro ISTAT 17 gennaio 2002 Monitoraggio sulla conversione dei prezzi al consumo dalla Lira all Euro Nell ambito dell iniziativa di monitoraggio, avviata dall Istat per analizzare le modalità di conversione

Dettagli

USO DI EXCEL CLASSE PRIMAI

USO DI EXCEL CLASSE PRIMAI USO DI EXCEL CLASSE PRIMAI In queste lezioni impareremo ad usare i fogli di calcolo EXCEL per l elaborazione statistica dei dati, per esempio, di un esperienza di laboratorio. Verrà nel seguito spiegato:

Dettagli

Alcune questioni metodologiche e quesiti su ordinamento, conservazione e schedatura di archivi privati in formato digitale.

Alcune questioni metodologiche e quesiti su ordinamento, conservazione e schedatura di archivi privati in formato digitale. Alcune questioni metodologiche e quesiti su ordinamento, conservazione e schedatura di archivi privati in formato digitale. Note preliminari. Innanzitutto va segnalato che è stato fatto un backup con la

Dettagli

FedERa GUIDA UTENTE PER LA REGISTRAZIONE E L ACCESSO AL SERVIZIO

FedERa GUIDA UTENTE PER LA REGISTRAZIONE E L ACCESSO AL SERVIZIO FedERa GUIDA UTENTE PER LA REGISTRAZIONE E L ACCESSO AL SERVIZIO REGISTRAZIONE Per poter usufruire delle funzionalità del sistema People (Sportello Unico Attività Produttive online) è necessario registrarsi

Dettagli

Manuale BaccoMagazzino. Installazione. UTILIZZO

Manuale BaccoMagazzino. Installazione. UTILIZZO Manuale BaccoMagazzino Il programma BaccoMagazzino è stato sviluppato dalla VERONA SOFTWARE S.r.l, con lo scopo di realizzare una gestione del magazzino specifica per il settore della ristorazione. La

Dettagli

PIANO REGOLATORE DEI SENTIERI

PIANO REGOLATORE DEI SENTIERI PIANO REGOLATORE DEI SENTIERI Nel citato Manuale CAI n. 10 CATASTO SENTIERI (pag. 21 e seguenti) sono riportate le istruzioni per la realizzazione di un piano regolatore dei sentieri in funzione della

Dettagli

2. Un carattere misurato in un campione: elementi di statistica descrittiva e inferenziale

2. Un carattere misurato in un campione: elementi di statistica descrittiva e inferenziale BIOSTATISTICA 2. Un carattere misurato in un campione: elementi di statistica descrittiva e inferenziale Marta Blangiardo, Imperial College, London Department of Epidemiology and Public Health m.blangiardo@imperial.ac.uk

Dettagli

Corso html 5. Di Roberto Abutzu. *********** Quarta parte: Body ed elementi strutturali. ********** Cos'è il Body e gli elementi strutturali?

Corso html 5. Di Roberto Abutzu. *********** Quarta parte: Body ed elementi strutturali. ********** Cos'è il Body e gli elementi strutturali? Corso html 5. Di Roberto Abutzu. *********** Quarta parte: Body ed elementi strutturali. ********** Cos'è il Body e gli elementi strutturali? Riprendiamo il discorso, introducendo la tag Body e iniziando

Dettagli

E naturale chiedersi alcune cose sulla media campionaria x n

E naturale chiedersi alcune cose sulla media campionaria x n Supponiamo che un fabbricante stia introducendo un nuovo tipo di batteria per un automobile elettrica. La durata osservata x i delle i-esima batteria è la realizzazione (valore assunto) di una variabile

Dettagli

Test statistici di verifica di ipotesi

Test statistici di verifica di ipotesi Test e verifica di ipotesi Test e verifica di ipotesi Il test delle ipotesi consente di verificare se, e quanto, una determinata ipotesi (di carattere biologico, medico, economico,...) è supportata dall

Dettagli

IL LUGLIO CALDO DELLA BASILICATA

IL LUGLIO CALDO DELLA BASILICATA DIPARTIMENTO PRESIDENZA UFFICIO PROTEZIONE CIVILE C.SO GARIBALDI,139 85100 Potenza Tel. 0971/668512 Fax 0971/668519 Email: centro.funzionale@regione.basilicata.it IL LUGLIO CALDO DELLA BASILICATA Il Centro

Dettagli

1. Archivi. 1.1. Codici I.V.A. 1.2. Codici Lingue Estere. 1.3. Progressivi Ditta

1. Archivi. 1.1. Codici I.V.A. 1.2. Codici Lingue Estere. 1.3. Progressivi Ditta PRODUZIONE E MAGAZZINO 1. Archivi Per gestire il magazzino e la produzione occorre creare i seguenti archivi. 1.1. Codici I.V.A. Occorre creare, obbligatoriamente, tutti i codici I.V.A. (soggetti, esenti,

Dettagli

L anomalia dell offerta

L anomalia dell offerta L anomalia dell offerta Avv. Daniela Anselmi 8 maggio 2007 La verifica in contraddittorio dell offerta: procedimento e voci oggetto di verifica. Esclusione automatica delle offerte anormalmente basse:

Dettagli

Esercizio 1. Verifica di ipotesi sulla media (varianza nota), p-value del test

Esercizio 1. Verifica di ipotesi sulla media (varianza nota), p-value del test STATISTICA (2) ESERCITAZIONE 6 05.03.2014 Dott.ssa Antonella Costanzo Esercizio 1. Verifica di ipotesi sulla media (varianza nota), p-value del test Il preside della scuola elementare XYZ sospetta che

Dettagli

Temi di Esame a.a. 2012-2013. Statistica - CLEF

Temi di Esame a.a. 2012-2013. Statistica - CLEF Temi di Esame a.a. 2012-2013 Statistica - CLEF I Prova Parziale di Statistica (CLEF) 11 aprile 2013 Esercizio 1 Un computer è collegato a due stampanti, A e B. La stampante A è difettosa ed il 25% dei

Dettagli

per immagini guida avanzata Organizzazione e controllo dei dati Geometra Luigi Amato Guida Avanzata per immagini excel 2000 1

per immagini guida avanzata Organizzazione e controllo dei dati Geometra Luigi Amato Guida Avanzata per immagini excel 2000 1 Organizzazione e controllo dei dati Geometra Luigi Amato Guida Avanzata per immagini excel 2000 1 Il raggruppamento e la struttura dei dati sono due funzioni di gestione dati di Excel, molto simili tra

Dettagli

Servizi di consulenza specialistica per IGRUE 2009 2012

Servizi di consulenza specialistica per IGRUE 2009 2012 Allegato 9A Metodo della stima delle differenze Descrizione della procedura Il metodo della stima delle differenze è indicato qualora il controllore ritenga che la popolazione sia affetta da un tasso di

Dettagli

ISI MANUALE PER CORSI QUALITÀ CONTROLLO STATISTICO DEL PROCESSO MANUALE DI UTILIZZO ISI PAGINA 1 DI 9

ISI MANUALE PER CORSI QUALITÀ CONTROLLO STATISTICO DEL PROCESSO MANUALE DI UTILIZZO ISI PAGINA 1 DI 9 CONTROLLO STATISTICO DEL PROCESSO MANUALE DI UTILIZZO ISI PAGINA 1 DI 9 INTRODUZIONE 1.0 PREVENZIONE CONTRO INDIVIDUAZIONE. L'approccio tradizionale nella fabbricazione dei prodotti consiste nel controllo

Dettagli

Guida Docenti. Gestione degli Appelli. Verbalizzazione degli esami online

Guida Docenti. Gestione degli Appelli. Verbalizzazione degli esami online Progetto ESSE3-VOL Guida Docenti Gestione degli Appelli e Verbalizzazione degli esami online Redatto da: Giorgio Gagliardi (KION Spa) Mariangela Lotito (KION Spa) Verificato da: Approvato da: Giorgio Gagliardi

Dettagli

SCIA. Sistema nazionale di raccolta, elaborazione e diffusione di dati Climatologici di Interesse Ambientale

SCIA. Sistema nazionale di raccolta, elaborazione e diffusione di dati Climatologici di Interesse Ambientale SCIA Sistema nazionale di raccolta, elaborazione e diffusione di dati Climatologici di Interesse Ambientale Criteri di calcolo degli indicatori meteoclimatici Aprile 2005 F. Baffo, F. Desiato, F. Lena,

Dettagli

Note per generazione file.txt per invio trimestrale V.P. all AGENZIA DELLE ENTRATE

Note per generazione file.txt per invio trimestrale V.P. all AGENZIA DELLE ENTRATE Note per generazione file.txt per invio trimestrale V.P. all AGENZIA DELLE ENTRATE Si tratta della funzione che consente di generare il file in formato testo (.TXT) che permette la spedizione all Agenzia

Dettagli

ARCHIVIA PLUS CHIUSURA ARCHIVI

ARCHIVIA PLUS CHIUSURA ARCHIVI ARCHIVIA PLUS CHIUSURA ARCHIVI Istruzioni per la chiusura degli archivi Versione n. 2014.11.19 Del: 19/11/2014 Redatto da: Veronica Gimignani Luca Mattioli Approvato da: Claudio Caprara Categoria: File

Dettagli

Sistemi di Gestione dei Dati e dei Processi Aziendali. Computer-Assisted Audit Technique (CAAT)

Sistemi di Gestione dei Dati e dei Processi Aziendali. Computer-Assisted Audit Technique (CAAT) Sistemi di Gestione dei Dati e dei Processi Aziendali Computer-Assisted Audit Technique (CAAT) Indice degli argomenti Introduzione Metodologia Esempi Conclusioni Slide 2 Introduzione Metodologia Esempi

Dettagli

VERIFICA DELLE IPOTESI

VERIFICA DELLE IPOTESI VERIFICA DELLE IPOTESI Nella verifica delle ipotesi è necessario fissare alcune fasi prima di iniziare ad analizzare i dati. a) Si deve stabilire quale deve essere l'ipotesi nulla (H0) e quale l'ipotesi

Dettagli

NOTE OPERATIVE DI RELEASE

NOTE OPERATIVE DI RELEASE NOTE OPERATIVE DI RELEASE Il presente documento costituisce un integrazione al manuale utente del prodotto ed evidenzia le variazioni apportate con la release. IMPLEMENTAZIONI RELEASE Versione 2015.3.3

Dettagli

Dati Meteo XML. Previsioni Giornaliere, Orarie, Triorarie. a cura dello staff di www.centrometeo.com

Dati Meteo XML. Previsioni Giornaliere, Orarie, Triorarie. a cura dello staff di www.centrometeo.com Dati Meteo XML Previsioni Giornaliere, Orarie, Triorarie a cura dello staff di www.centrometeo.com Versione 2 Indice 1 Dati XML Giornalieri...2 1.1 Struttura dei dati...2 1.2 Significato dei TAG...3 2

Dettagli

MODULO 5 ACCESS Basi di dati. Lezione 4

MODULO 5 ACCESS Basi di dati. Lezione 4 MODULO 5 ACCESS Basi di dati Lezione 4 ARGOMENTI Lezione 4 Filtrare i dati Esempio 1 Query Cos è Creare Query in visualizza struttura Criteri di ricerca Esempio 2 Esempio 3 Esempio 4 Creare Query in creazione

Dettagli

Elaborazione dei dati su PC Regressione Multipla

Elaborazione dei dati su PC Regressione Multipla 21 Elaborazione dei dati su PC Regressione Multipla Analizza Regressione Statistiche Grafici Metodo di selezione Analisi dei dati 21.1 Introduzione 21.2 Regressione lineare multipla con SPSS 21.3 Regressione

Dettagli

La valutazione dei corsi da parte degli studenti: confronto fra carta e web

La valutazione dei corsi da parte degli studenti: confronto fra carta e web La valutazione dei corsi da parte degli studenti: confronto fra carta e web Lorenzo Bernardi e Gianpiero Dalla Zuanna Dipartimento di Scienze Statistiche Nel 2011, l Ateneo di Padova ha introdottola procedura

Dettagli

HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ

HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ Il servizio meteo invernale rappresenta la soluzione più efficace per la gestione delle criticità che colpiscono la viabilità durante questa

Dettagli

Capitolo IV. I mercati finanziari

Capitolo IV. I mercati finanziari Capitolo IV. I mercati finanziari 2 I MERCATI FINANZIARI OBIETTIVO: SPIEGARE COME SI DETERMINANO I TASSI DI INTERESSE E COME LA BANCA CENTRALE PUO INFLUENZARLI LA DOMANDA DI MONETA DETERMINAZIONE DEL TASSO

Dettagli

Uso di base delle funzioni in Microsoft Excel

Uso di base delle funzioni in Microsoft Excel Uso di base delle funzioni in Microsoft Excel Le funzioni Una funzione è un operatore che applicato a uno o più argomenti (valori, siano essi numeri con virgola, numeri interi, stringhe di caratteri) restituisce

Dettagli

La scuola integra culture. Scheda3c

La scuola integra culture. Scheda3c Scheda3c Gli ELEMENTI DEL CLIMA che caratterizzano le condizioni meteorologiche di una regione sono: la temperatura, la pressione atmosferica, i venti, l umidità e le precipitazioni. La temperatura è data

Dettagli

Impianti fotovoltaici con immissione in rete non a norma e conseguenza distruttive per la presenza di spike ad alta tensione

Impianti fotovoltaici con immissione in rete non a norma e conseguenza distruttive per la presenza di spike ad alta tensione Impianti fotovoltaici con immissione in rete non a norma e conseguenza distruttive per la presenza di spike ad alta tensione Oggi vogliamo approfondire l annoso problema dell innalzamento della tensione

Dettagli

Sintesi relazione conclusiva del progetto

Sintesi relazione conclusiva del progetto Sintesi relazione conclusiva del progetto Valutazione della performance dei Servizi del Dipartimento delle Dipendenze della ASL della Provincia di Milano 1 Lo svolgimento del progetto di ricerca Valutazione

Dettagli

I punteggi zeta e la distribuzione normale

I punteggi zeta e la distribuzione normale QUINTA UNITA I punteggi zeta e la distribuzione normale I punteggi ottenuti attraverso una misurazione risultano di difficile interpretazione se presi in stessi. Affinché acquistino significato è necessario

Dettagli

MODENA E IL SUO CLIMA

MODENA E IL SUO CLIMA Comune di Modena - SERVIZIO STATISTICA: note divulgative Pagina 1 di 2 MODENA E IL SUO CLIMA Modena, pur non essendo estranea al fenomeno del riscaldamento generalizzato, continua ad essere caratterizzata

Dettagli

Concetti preliminari teorici per il corso di Access Avanzato - Sc.Elem Falcone - PON 2010 - Prof. M. Simone

Concetti preliminari teorici per il corso di Access Avanzato - Sc.Elem Falcone - PON 2010 - Prof. M. Simone Concetti preliminari per il corso di Access di database e di DBMS Un database è un insieme ben organizzato di informazioni distribuite su più tabelle all interno dello stesso file e gestite da un apposito

Dettagli

5.3 TABELLE 5.3.1 RECORD 5.3.1.1 Inserire, eliminare record in una tabella Aggiungere record Eliminare record

5.3 TABELLE 5.3.1 RECORD 5.3.1.1 Inserire, eliminare record in una tabella Aggiungere record Eliminare record 5.3 TABELLE In un sistema di database relazionali le tabelle rappresentano la struttura di partenza, che resta poi fondamentale per tutte le fasi del lavoro di creazione e di gestione del database. 5.3.1

Dettagli

Esame di Statistica del 9 gennaio 2008 (Corso di Laurea Triennale in Biotecnologie, Università degli Studi di Padova). Cognome Nome Matricola

Esame di Statistica del 9 gennaio 2008 (Corso di Laurea Triennale in Biotecnologie, Università degli Studi di Padova). Cognome Nome Matricola Esame di Statistica del 9 gennaio 2008 (Corso di Laurea Triennale in Biotecnologie, Università degli Studi di Padova). Cognome Nome Matricola Es. Es. 2 Es. 3 Es. 4 Somma Voto finale Attenzione: si consegnano

Dettagli

STRATEGIA DI TRADING. Turning Points

STRATEGIA DI TRADING. Turning Points STRATEGIA DI TRADING Turning Points ANALISI E OBIETTIVI DA RAGGIUNGERE Studiare l andamento dei prezzi dei mercati finanziari con una certa previsione su tendenze future Analisi Tecnica: studio dell andamento

Dettagli

Introduzione Ai Data Bases. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto San giovanni

Introduzione Ai Data Bases. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto San giovanni Introduzione Ai Data Bases Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto San giovanni I Limiti Degli Archivi E Il Loro Superamento Le tecniche di gestione delle basi di dati nascono

Dettagli

SCHEDA DI RECUPERO SUI NUMERI RELATIVI

SCHEDA DI RECUPERO SUI NUMERI RELATIVI SCHEDA DI RECUPERO SUI NUMERI RELATIVI I numeri relativi sono l insieme dei numeri negativi (preceduti dal segno -) numeri positivi (il segno + è spesso omesso) lo zero. Valore assoluto di un numero relativo

Dettagli

Test d ipotesi. Statistica e biometria. D. Bertacchi. Test d ipotesi

Test d ipotesi. Statistica e biometria. D. Bertacchi. Test d ipotesi In molte situazioni una raccolta di dati (=esiti di esperimenti aleatori) viene fatta per prendere delle decisioni sulla base di quei dati. Ad esempio sperimentazioni su un nuovo farmaco per decidere se

Dettagli

CUTPOINTS BRIDGES BLOCKS BLOCK GRAPHS - CUTPOINT GRAPHS

CUTPOINTS BRIDGES BLOCKS BLOCK GRAPHS - CUTPOINT GRAPHS CUTPOINTS BRIDGES BLOCKS BLOCK GRAPHS - CUTPOINT GRAPHS INTRODUZIONE Per conoscere la struttura di un grafo connesso è importante individuare nel grafo la distribuzione di certi punti detti cutpoints (punti

Dettagli

LA STATISTICA NEI TEST INVALSI

LA STATISTICA NEI TEST INVALSI LA STATISTICA NEI TEST INVALSI 1 Prova Nazionale 2011 Osserva il grafico seguente che rappresenta la distribuzione percentuale di famiglie per numero di componenti, in base al censimento 2001. Qual è la

Dettagli

Messaggi volatili. Matteo Zignani. 10 gennaio 2015

Messaggi volatili. Matteo Zignani. 10 gennaio 2015 UNIVESITÁ DEGLI STUDI DI MILANO LAUREA TRIENNALE IN COMUNICAZIONE DIGITALE PROGETTO LABORATORIO DI RETI DI CALCOLATORI Messaggi volatili Matteo Zignani 10 gennaio 2015 1 PRESENTAZIONE DEL PROBLEMA Lo studente

Dettagli

ABBINATORE Manuale Utente

ABBINATORE Manuale Utente ABBINATORE è un applicativo utile ad associare il codice articolo originale ad un articolo memorizzato nel sistema gestionale aziendale. In abbinamento alla banca dati IdroLAB ed in particolare con il

Dettagli

ELEMENTI DI STATISTICA

ELEMENTI DI STATISTICA Dipartimento di Ingegneria Meccanica Chimica e dei Materiali PROGETTAZIONE E GESTIONE DEGLI IMPIANTI INDUSTRIALI Esercitazione 6 ORE ELEMENTI DI STATISTICA Prof. Ing. Maria Teresa Pilloni Anno Accademico

Dettagli