EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI EDIFICI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI EDIFICI"

Transcript

1 EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI EDIFICI PRESTAZIONI ENERGETICHE DI EDIFICI ED IMPIANTI NORMATIVE, INCENTIVI ED AGEVOLAZIONI FISCALI ING. FRANCO BAROSSO Rappresentante C.N.I. Commissione Impianti e c/o UNI-CTI Coordinatore Commissione Impianti e Sicurezza F.I.O.P.A. ATAHOTEL VILLA PAMPHILI ROMA, 5 MARZO 2008

2 DECRETO LEGISLATIVO N. 192 COORDINATO CON IL DECRETO LEGISLATIVO N. 311 ATTUAZIONE DELLA DIRETTIVA 2002/91/CE RELATIVA AL RENDIMENTO ENERGETICO NELL EDILIZIA G. U. 1 Febbraio 2007 n. 26 ING. FRANCO BAROSSO

3 D. LGS. N. 192/2005 COORDINATO CON IL D.LGS. N. 311/2006 E IN VIGORE DAL SI APPLICA: a) ALLA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DI EDIFICI DI NUOVA COSTRUZIONE E DEGLI IMPIANTI IN ESSI INSTALLATI, DI NUOVI IMPIANTI INSTALLATI IN EDIFICI ESISTENTI, DELLE OPERE DI RISTRUTTURAZIONE DEGLI EDIFICI E DEGLI IMPIANTI ESISTENTI b) ALL ESERCIZIO, CONTROLLO, MANUTENZIONE E ISPEZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI DEGLI EDIFICI, ANCHE PREESISTENTI c) ALLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI ING. FRANCO BAROSSO

4 D. LGS. N. 192/2005 COORDINATO CON IL D.LGS. N. 311/2006 NEL CASO DI RISTRUTTURAZIONE SONO PREVISTI DIVERSI GRADI DI APPLICAZIONE: a) APPLICAZIONE INTEGRALE PER: RISTRUTTURAZIONE INTEGRALE (EDIFICI CON Su >1000 MQ) DEMOLIZIONE E RICOSTRUZIONE IN MANUTENZIONE STRAORDINARIA (EDIFICI CON Su > 1000 MQ) b) APPLICAZIONE INTEGRALE MA LIMITATA AL SOLO AMPLIAMENTO (AMPLIAMENTO > 20%) c) APPLICAZIONE LIMITATA PER: RISTRUTTURAZIONI TOTALI O PARZIALI, MANUTENZIONE STRAORDINARIA E AMPLIAMENTI DI MINORE ENTITA NUOVA INSTALLAZIONE DI IMPIANTI TERMICI IN EDIFICI ESISTENTI O LORO RISTRUTTURAZIONE SOSTITUZIONE DI GENERATORI DI CALORE ING. FRANCO BAROSSO

5 D. LGS. N. 192/2005 COORDINATO CON IL D.LGS. N. 311/2006 ESCLUSIONI IMMOBILI INTERESSATI DAL CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO (NEL CASO IN CUI IL RISPETTO DELLE PRESCRIZIONI IMPLICHEREBBE UN ALTERAZIONE INACCETTABILE DEL LORO CARATTERE O ASPETTO) FABBRICATI INDUSTRIALI, ARTIGIANALI E AGRICOLI NON RESIDENZIALI (SE RISCALDATI PER ESIGENZE DEL PROCESSO PRODUTTIVO O SE UTILIZZANO REFLUI DEI PROCESSI) FABBRICATI ISOLATI CON Su < 50 MQ IMPIANTI INSTALLATI AI FINI DEL PROCESSO PRODUTTIVO ING. FRANCO BAROSSO

6 D. LGS. N. 192/2005 COORDINATO CON IL D.LGS. N. 311/2006 CERTIFICAZIONE ENERGETICA GIA SI APPLICA PER GLI EDIFICI DI NUOVA COSTRUZIONE, NEL CASO DI RISTRUTTURAZIONE INTEGRALE E PER GLI EDIFICI CON Su > 1000 MQ IN CASO DI COMPRAVENDITA DELL INTERO IMMOBILE SI APPLICHERA DAL PER GLI EDIFICI CON Su < 1000 MQ IN CASO DI COMPRAVENDITA DELL INTERO IMMOBILE SI APPLICHERA DAL ANCHE ALLE SINGOLE UNITA IMMOBILIARI IN CASO DI COMPRAVENDITA ING. FRANCO BAROSSO

7 D. LGS. N. 192/2005 COORDINATO CON IL D.LGS. N. 311/2006 DAL TUTTI I CONTRATTI, NUOVI O RINNOVATI, RELATIVI ALLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI O DI CLIMATIZZAZIONE DEGLI EDIFICI PUBBLICI DEVONO PREVEDERE LA PREDISPOSIZIONE DELL ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA DELL EDIFICIO O DELL UNITA IMMOBILIARE INTERESSATI ENTRO I PRIMI SEI MESI DI VIGENZA CONTRATTUALE ING. FRANCO BAROSSO

8 D. LGS. N. 192/2005 COORDINATO CON IL D.LGS. N. 311/2006 L ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA HA UNA VALIDITA TEMPORALE MASSIMA DI 10 ANNI ED E AGGIORNATO AD OGNI INTERVENTO DI RISTRUTTURAZIONE CHE MODIFICA LA PRESTAZIONE ENERGETICA DELL EDIFICIO O DELL IMPIANTO ING. FRANCO BAROSSO

9 D. LGS. N. 192/2005 COORDINATO CON IL D.LGS. N. 311/2006 ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA ATTESTATO DI QUALIFICAZIONE ENERGETICA ING. FRANCO BAROSSO

10 D. LGS. N. 192/2005 COORDINATO CON IL D.LGS. N. 311/2006 FINO ALLA DATA DI ENTRATA IN VIGORE DELLE LINEE GUIDA NAZIONALI PER LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI, L ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA E SOSTITUITO A TUTTI GLI EFFETTI DALL ATTESTATO DI QUALIFICAZIONE ENERGETICA. TRASCORSI 12 MESI DALL EMANAZIONE DELLE LINEE GUIDA NAZIONALI, L ATTESTATO DI QUALIFICAZIONE ENERGETICA PERDE LA SUA EFFICACIA. ING. FRANCO BAROSSO

11 D. LGS. N. 192/2005 COORDINATO CON IL D.LGS. N. 311/2006 LA CONFORMITA DELLE OPERE REALIZZATE RISPETTO AL PROGETTO ED ALLE SUE EVENTUALI VARIANTI ED ALLA RELAZIONE TECNICA, NONCHE L ATTESTATO DI QUALIFICAZIONE ENERGETICA DELL EDIFICIO COME REALIZZATO, DEVONO ESSERE ASSEVERATI DAL DIRETTORE DEI LAVORI E PRESENTATI AL COMUNE CONTESTUALMENTE ALLA DICHIARAZIONE DI FINE LAVORI ING. FRANCO BAROSSO

12 D. LGS. N. 192/2005 COORDINATO CON IL D.LGS. N. 311/2006 LE REGIONI CONSIDERANO QUESTE NORME, NELLE NORMATIVE E NEGLI STRUMENTI DI PIANIFICAZIONE ED URBANISTICI DI COMPETENZA, PONENDO PARTICOLARE ATTENZIONE ALLE SOLUZIONI TIPOLOGICHE E TECNOLOGICHE VOLTE ALL USO RAZIONALE DELL ENERGIA ED ALL USO DI FONTI ENERGETICHE RINNOVABILI, CON INDICAZIONI ANCHE IN ORDINE ALL ORIENTAMENTO ED ALLA CONFORMAZIONE DEGLI EDIFICI DA REALIZZARE PER MASSIMIZZARE LO SFRUTTAMENTO DELLA RADIAZIONE SOLARE E CON PARTICOLARE CURA NEL NON PENALIZZARE, IN TERMINI DI VOLUME EDIFICABILE, LE SCELTE CONSEGUENTI ING. FRANCO BAROSSO

13 D. LGS. N. 192/2005 COORDINATO CON IL D.LGS. N. 311/2006 SANZIONI PER IL PROFESSIONISTA QUALIFICATO: DAL 30 % AL 70 % DELLA PARCELLA PER IL DIRETTORE DEI LAVORI: 50 % DELLA PARCELLA EURO ING. FRANCO BAROSSO

14 D. LGS. N. 192/2005 COORDINATO CON IL D.LGS. N. 311/2006 CLAUSOLA DI CEDEVOLEZZA (Art. 117, comma 5, della Costituzione) LE REGIONI, NEL DETTARE LA NORMATIVA DI ATTUAZIONE, SONO TENUTE AL RISPETTO DEI VINCOLI DERIVANTI DALL ORDINAMENTO COMUNITARIO E DEI PRINCIPI FONDAMENTALI DESUMIBILI DAL DECRETO E DALLA DIRETTIVA 2002/91/CE? REGIONE PIEMONTE REGIONE LOMBARDIA REGIONE LIGURIA REGIONE EMILIA ROMAGNA ING. FRANCO BAROSSO

15 D. LGS. N. 192/2005 COORDINATO CON IL D.LGS. N. 311/2006 ING. FRANCO BAROSSO

16 D. LGS. N. 192/2005 COORDINATO CON IL D.LGS. N. 311/2006 ING. FRANCO BAROSSO

17 D. LGS. N. 192/2005 COORDINATO CON IL D.LGS. N. 311/2006 ING. FRANCO BAROSSO

18 D. LGS. N. 192/2005 COORDINATO CON IL D.LGS. N. 311/2006 ING. FRANCO BAROSSO

19 D. LGS. N. 192/2005 COORDINATO CON IL D.LGS. N. 311/2006 ING. FRANCO BAROSSO

20 INCENTIVI ED AGEVOLAZIONI FISCALI D.M CRITERI E MODALITA PER INCENTIVARE LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA MEDIANTE CONVERSIONE FOTOVOLTAICA DELLA FONTE SOLARE.. D.M DISPOSIZIONI IN MATERIA DI DETRAZIONI PER LE SPESE DI RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE.. LEGGE N. 244 (FINANZIARIA 2008) NORMATIVE REGIONALI ING. FRANCO BAROSSO

21 ING. FRANCO BAROSSO

22 ING. FRANCO BAROSSO

23 ING. FRANCO BAROSSO

24 ING. FRANCO BAROSSO

25 LINEE GUIDA NAZIONALI SARANNO AMMESSE PIU METODOLOGIE PER LA PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI LE METODOLOGIE REGIONALI DOVRANNO ESSERE CONGRUE CON QUELLE DI RIFERIMENTO NAZIONALE LA CLASSIFICAZIONE DEGLI EDIFICI E BASATA SULL EFFICIENZA ENERGETICA (CLIMATIZZAZIONE INVERNALE, PREPARAZIONE ACQUA CALDA, CONDIZIONAMENTO ESTIVO) ING. FRANCO BAROSSO

26 LINEE GUIDA NAZIONALI IL SOGGETTO CHE CERTIFICA DEVE PRESENTARE AL RICHIEDENTE TUTTE LE OPZIONI CHE GLI SONO CONSENTITE PER ACCEDERE ALL ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEL SUO IMMOBILE, IN TERMINI DI QUALITA E DI COSTO DEL SERVIZIO, AL FINE DI CONSENTIRE AL MEDESIMO UNA SCELTA ADEGUATA AI FINI CHE SI PREFIGGE E COMMISURATA ALLA QUALITA ENERGETICA DELL EDIFICIO ING. FRANCO BAROSSO

27 PROPOSTA C.N.I C.N.P.I. ING. FRANCO BAROSSO

28 LEGGE REGIONE LOMBARDIA ING. FRANCO BAROSSO

29

30

31

32

33

34

35 DELIBERAZIONE CONSIGLIO REGIONALE PIEMONTE 11 GENNAIO 2007 N (B.U.R.P. N. 06 DEL ) ATTUAZIONE DELLA L.R N. 43 (DISPOSIZIONI PER LA TUTELA DELL AMBIENTE IN MATERIA DI INQUINAMENTO ATMOSFERICO). AGGIORNAMENTO DEL PIANO REGIONALE PER IL RISANAMENTO E LA TUTELA DELLA QUALITA DELL ARIA, AI SENSI DEGLI ARTICOLI 8 E 9 D.LGS N STRALCIO DI PIANO PER IL RISCALDAMENTO AMBIENTALE E IL CONDIZIONAMENTO

36

37 PIEMONTE LEGGE REGIONALE N MAGGIO 2007 (B.U.R. N. 22 DEL ) DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RENDIMENTO ENERGETICO NELL EDILIZIA

38 Art. 2 (Ambito di applicazione) 1. Agli edifici di nuova costruzione e agli edifici esistenti, oggetto di ristrutturazione edilizia, di superficie utile superiore a 1000 metri quadrati, si applicano i requisiti minimi prestazionali, le prescrizioni specifiche e la metodologia di calcolo delle prestazioni energetiche, come disciplinati dalla Giunta regionale ai sensi dell articolo 21, comma 1, lettera a).

39 2. Le prescrizioni specifiche individuate nella deliberazione di cui al c. 1 si applicano alle seguenti categorie di opere edilizie: a) ristrutturazione edilizia di edifici con superficie utile fino a 1000 mq o su porzioni di edifici con superficie utile superiore a 1000 mq; b) porzioni di volumetria relativa ad ampliamenti o sopraelevazioni di edifici esistenti; c) manutenzione straordinaria di edifici; d) nuova installazione di impianti termici in edifici esistenti; e) ristrutturazione di impianti termici; f) sostituzione di generatore di calore.

40 3. Agli edifici di nuova costruzione, a tutti quelli oggetto di ristrutturazione, di qualunque superficie utile, nonché in tutti i casi di compravendita o locazione degli edifici, si applica la certificazione energetica.

41 Art. 5 (Certificazione energetica degli difici) 1. Ogni edificio di nuova costruzione o soggetto a ristrutturazione edilizia è dotato, a cura del costruttore, di attestato di certificazione energetica. 2. Nel caso di compravendita di un intero immobile o di singole unità immobiliari, l attestato di certificazione energetica è allegato al contratto, in originale o in copia autenticata, a cura del venditore. 3. Nel caso di locazione di un intero immobile o di singole unità immobiliari, l attestato di certificazione energetica è messo a disposizione del locatario o ad esso consegnato in copia dichiarata dal proprietario conforme all originale in suo possesso.

42 4. Negli edifici di proprietà pubblica o adibiti ad uso pubblico, la certificazione energetica si applica anche ai casi previsti dall articolo 6, comma 1 quater, del d.lgs. 192/2005 ed è affissa, nell edificio a cui si riferisce, in luogo facilmente visibile per il pubblico. 5. Negli edifici di nuova costruzione o soggetti a ristrutturazione edilizia, l attestato o una targhetta di efficienza energetica sono affissi in luogo facilmente visibile al pubblico. 6. La certificazione per unità immobiliari facenti parte di uno stesso fabbricato può fondarsi, alternativamente: a) sulla valutazione dell unità immobiliare interessata; b) su una certificazione comune dell intero edificio, per i fabbricati dotati di un impianto termico centralizzato; c) sulla valutazione di un altra unità immobiliare, rappresentativa della stessa tipologia.

43 7. L attestato relativo alla certificazione energetica ha una validità temporale massima di dieci anni a partire dal suo rilascio, ed è aggiornato ad ogni intervento che modifica le prestazioni energetiche dell edificio o dell impianto. 8. L attestato di certificazione energetica comprende i dati relativi alle prestazioni energetiche proprie dell edificio, i valori vigenti a norma di legge e i valori di riferimento, che consentono ai cittadini di effettuare valutazioni e confronti. Per gli edifici esistenti, l attestato è corredato da suggerimenti in merito agli interventi più significativi ed economicamente convenienti per il miglioramento della prestazione energetica. 9. L attestato di certificazione energetica è conforme al modello approvato dalla Giunta regionale come previsto dall articolo 21, comma 1, lettera d) e riporta chiaramente i valori indicati per le prestazioni energetiche dell edificio, nonché una valutazione del sistema di produzione e utilizzo dell energia. 10. L attestato di certificazione energetica é rilasciato da un professionista, estraneo alla progettazione e alla direzione lavori, abilitato ai sensi dell articolo 6.

44 Art. 6 (Professionisti abilitati al rilascio dell attestato di certificazione degli edifici) 1. In armonia con la normativa vigente, presso la Regione è istituito l elenco dei professionisti abilitati al rilascio dell attestato di certificazione energetica, iscritti ad ordini o collegi professionali competenti per materia ed in possesso dei seguenti requisiti, alla data della presentazione della domanda di iscrizione nell elenco della Regione: a) iscrizione all ordine o collegio professionale; b) attestazione di partecipazione, con esito positivo, al corso di aggiornamento, le cui modalità di svolgimento sono disciplinate con deliberazione della Giunta regionale ai sensi dell articolo 21, comma 1, lettera f).

45 2. Ai fini di quanto disposto al comma 1, la Regione, per la tenuta e la gestione dell elenco regionale dei professionisti in materia di certificazione energetica degli edifici, si avvale delle camere di commercio piemontesi. 3. Coloro che sono in possesso dei requisiti indicati al comma 1, o equivalenti, conseguiti in altre regioni italiane o in stati esteri, che intendono ottenere l abilitazione ai fini dell iscrizione nell elenco dei professionisti abilitati, fanno richiesta alla Regione, la quale verifica l equivalenza dei requisiti e dei relativi contenuti professionali con quelli previsti dalla presente legge. 4. La Regione effettua controlli a campione sulla sussistenza dei requisiti richiesti e sull operato dei professionisti abilitati.

46 Art. 8 (Calcolo convenzionale delle volumetrie edilizie) 1. Lo spessore delle murature esterne, tamponature o muri portanti, superiore ai 30 centimetri nelle nuove costruzioni, il maggior spessore dei solai e tutti i maggiori volumi e superfici necessari all esclusivo miglioramento dei livelli di isolamento termico ed acustico o di inerzia termica non sono considerati nei computi per la determinazione dei volumi, delle superfici, e nei rapporti di copertura, per la sola parte eccedente i 30 centimetri e fino ad un massimo di ulteriori 25 centimetri per gli elementi verticali e di copertura e di 15 centimetri per quelli orizzontali intermedi.

47 3. Le disposizioni di cui al comma 1 valgono anche per le altezze massime, per le distanze dai confini, tra gli edifici se non comportano ombreggiamento delle facciate, e dalle strade ferme restando le prescrizioni minime dettate dalla legislazione statale. 5. Le disposizioni di cui ai commi 1 e 3 si applicano, con gli stessi scopi e limiti quantitativi, anche agli edifici esistenti in relazione ai soli spessori da aggiungere a quelli rilevati ed asseverati dal progettista, compatibilmente con la salvaguardia di facciate, murature ed altri elementi costruttivi e decorativi di pregio storico ed artistico, nonché con la necessità estetica di garantire gli allineamenti o le conformazioni diverse, orizzontali, verticali e delle falde dei tetti che caratterizzano le cortine di edifici urbani e rurali di antica formazione.

48 Art. 18 (Disposizioni in materia di impianti solari) 1. Per gli edifici di nuova costruzione o in occasione degli interventi di cui all articolo 2, comma 2, lettere b), d), ed e), il proprietario o chi ne ha titolo installa impianti solari termici integrati nella struttura edilizia, dimensionati in modo tale da soddisfare almeno il 60 per cento del fabbisogno annuale di energia primaria richiesto per la produzione di acqua calda sanitaria dell edificio.

49 2. Se l ubicazione dell edificio rende tecnicamente impossibile l installazione degli impianti solari termici o il completo soddisfacimento dell obbligo di cui al comma 1, il proprietario o chi ne ha titolo provvede all integrazione energetica con fonte rinnovabile differente, come specificato con la deliberazione della Giunta regionale ai sensi dell articolo 21, comma 1, lettera p). 4. In fase di progettazione dell intervento edilizio è resa disponibile una superficie con caratteristiche tali da assicurare una sufficiente producibilità dell impianto solare termico. 5. In armonia con quanto previsto dall allegato I, comma 13, del d.lgs. 192/2005, nel caso di edifici di cui all articolo 2, comma 1, è obbligatoria l installazione di impianti fotovoltaici per la produzione di energia elettrica.

50 Art. 19 (Predisposizione a servizi energetici centralizzati) 1. Gli edifici nuovi e quelli soggetti agli interventi di cui all articolo 2, comma 2, lettere d) ed e), composti da più di quattro unità abitative, sono dotati di impianto centralizzato di produzione di acqua calda sanitaria e di riscaldamento, nonché di sistemi automatizzati di termoregolazione e contabilizzazione individuale del calore.

51 LOMBARDIA DELIBERAZIONE G.R. N OTTOBRE 2007 DISPOSIZIONI INERENTI ALL EFFICIENZA ENERGETICA IN EDILIZIA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI MODIFICHE ED INTEGRAZIONI ALLA D.G.R. N. 5018/2007

52 REQUISITI DI PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI E DEGLI IMPIANTI: INDICE DI PRESTAZIONE ENERGETICA PER LA CLIMATIZZAZIONE INVERNALE EP H RENDIMENTO GLOBALE MEDIO STAGIONALE TRASMITTANZA DELLE STRUTTURE EDILIZIE ESTERNE E DI SEPARAZIONE

53 NEL CASO DI EDIFICI PUBBLICI E PRIVATI DI NUOVA COSTRUZIONE, IN OCCASIONE DI NUOVA INSTALLAZIONE O DI RISTRUTTURAZIONE DI IMPIANTI TERMICI, DESTINATI ANCHE ALLA PRODUZIONE DI ACQUA CALDA SANITARIA, E OBBLIGATORIO PROGETTARE E REALIZZARE L IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA TERMICA IN MODO TALE DA COPRIRE ALMENO IL 50% DEL FABBISOGNO ANNUO DI ENERGIA PRIMARIA RICHIESTA PER LA PRODUZIONE DI ACQUA CALDA SANITARIA ATTRAVERSO IL CONTRIBUTO DI IMPIANTI ALIMENTATI DA COLLETTORI SOLARI TERMICI O DA RISORSE GEOTERMICHE O DA POMPE DI CALORE A BASSA ENTALPIA.

54 ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA TARGA ENERGETICA

55 SOGGETTO CERTIFICATORE TITOLO DI STUDIO ADEGUATA COMPETENZA COMPROVATA DA: - ESPERIENZA ALMENO TRIENNALE oppure - FREQUENZA DI SPECIFICI CORSI DI FORMAZIONE

56 REGIONE LIGURIA LEGGE REGIONALE N. 22 NORME IN MATERIA DI ENERGIA (B.U.R. N. 11 PARTE I DEL )

57 LEGGE REGIONALE N. 22 Articolo 26 (Rendimento energetico degli edifici) 1. Nel caso di nuova realizzazione devono essere applicati integralmente i requisiti minimi di rendimento e le prescrizioni specifiche previste dal successivo regolamento

58 LEGGE REGIONALE N. 22 Articolo 26 (Rendimento energetico degli edifici) 2. Nel caso di ristrutturazione di edifici esistenti è prevista un applicazione integrale a tutto l edificio nel caso di: - ristrutturazione integrale degli elementi edilizi costituenti l involucro di edifici di superficie superiore a 1000 mq; - demolizione e ricostruzione di edifici esistenti di superficie superiore a 1000 mq.

59 LEGGE REGIONALE N. 22 Articolo 26 (Rendimento energetico degli edifici) 3. Nel caso di ampliamento volumetricamente superiore al venti per cento dell edificio esistente, qualora dall intervento risulti un aumento di superficie utile superiore a 15 mq, è prevista un applicazione integrale limitatamente al solo ampliamento dell edificio.

60 LEGGE REGIONALE N. 22 Articolo 26 (Rendimento energetico degli edifici) 4. Nel caso di ristrutturazioni totali o parziali e manutenzione straordinaria dell involucro dell edificio diversi da quelli di cui ai precenti numeri 1., 2. e 3., l applicazione è limitata al rispetto di specifiche prescrizioni.

61 LEGGE REGIONALE N. 22 Articolo 27 (Valorizzazione delle fonti energetiche rinnovabili ) 1. Negli edifici di nuova costruzione deve essere prevista l installazione di impianti solari termici per la produzione di acqua calda, salvo comprovati impedimenti tecnici 2. Tali impianti sono dimensionati in modo da garantire la copertura del fabbisogno annuo di acqua calda ad uso sanitario non inferiore al trenta per cento 3. Per i nuovi edifici..è verificata in via prioritaria l opportunità del ricorso a fonti di energia rinnovabile per il soddisfacimento dei fabbisogni energetici.

62 LEGGE REGIONALE N. 22 Articolo 28 (Certificazione energetica degli edifici) 1. Ogni edificio di nuova costruzione nonché ogni edificio esistente con Su superiore a 1000 mq oggetto di ristrutturazione edilizia integrale deve essere dotato di attestato di certificazione energetica a cura del costruttore 2. Ogni immobile che non ricada nel campo di applicazione di cui sopra deve essere dotato, all atto della compravendita o della locazione, di attestato di certificazione energetica secondo le seguenti scadenze: - entro 6 mesi dall emanazione del regolamento per gli edifici superiori a 1000 mq; - entro 12 mesi dall emanazione del regolamento per gli edifici fino a 1000 mq; - entro 18 mesi dall emanazione del regolamento per le singole unità immobiliari.

63 REGIONE LIGURIA DELIBERAZIONE G.R N. 954 (B.U.R. N. 48 PARTE II DEL ) ISTITUZIONE ELENCO REGIONALE DEI PROFESSIONISTI ABILITATI AL RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA. ART. 30 L.R N. 22 NORME IN MATERIA DI ENERGIA.

64 Possono essere iscritti nell elenco esclusivamente le persone fisiche che ne facciano richiesta e che risultano in possesso dei seguenti requisiti: a) uno dei seguenti titoli di studio: - diploma di laurea in ingegneria - diploma di laurea in architettura - diploma di perito industriale meccanico e/o termotecnico - diploma di geometra con abilitazione all esercizio della professione ed iscrizione al relativo Ordine o Collegio professionale da almeno cinque anni

65 b) adeguata competenza comprovata da: esperienza almeno triennale, acquisita prima della data di presentazione della domanda di iscrizione, attestata da una dichiarazione del rispettivo Ordine, Collegio professionale, in almeno due delle seguenti attività: 1. progettazione dell isolamento termico degli edifici 2. progettazione di impianti di climatizzazione invernale ed estiva 3. gestione energetica di edifici ed impianti 4. certificazione e diagnosi energetiche c) frequentazione di specifici corsi di formazione organizzati da soggetti accreditati presso l Università o la Regione Liguria, con attestato comprovante il superamento dell esame finale

66 Saranno considerati titoli preferenziali per l iscrizione all elenco regionale i seguenti requisiti: - il riconoscimento di certificatore energetico ottenuto presso altre Regioni o Province autonome o altri Paesi appartenenti all Unione Europea; - l esercizio della funzione di Energy Manager incaricato ufficialmente (elenco FIRE) per più di tre anni.

67 REGIONE LIGURIA DELIBERAZIONE G.R N (B.U.R. N. 48 PARTE II DEL ) DISPOSIZIONI CONCERNENTI L ELENCO REGIONALE DEI PROFESSIONISTI ABILITATI AL RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DI CUI ALL ART. 30 L.R N. 22 NORME IN MATERIA DI ENERGIA E MODIFICA D.G.R. N. 954 DEL

68 Come titolo di studio è ammesso anche il diploma di perito edile. In sede di prima applicazione, per poter attivare immediatamente l elenco regionale, non viene richiesta la frequentazione di specifici corsi di formazione fino all attivazione dei corsi stessi. L iscrizione all elenco regionale avviene condizionatamente alla frequenza ed al superamento del corso entro un anno dalla sua attivazione, pena la decadenza dall elenco regionale stesso.

69 REGIONE LIGURIA REGOLAMENTO REGIONALE 8 NOVEMBRE 2007 N. 6 (B.U.R. N. 19 PARTE I DEL ). REGOLAMENTO DI ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 29 DELLA LEGGE REGIONALE 29 MAGGIO 2007 N. 22 NORME IN MATERIA DI ENERGIA

70 REGOLAMENTO REGIONALE N. 6 Articolo 1 (Finalità) La Regione.definisce il sistema di certificazione energetica degli edifici in Liguria per perseguire con efficacia la riduzione dei consumi energetici nel settore civile.

71 REGOLAMENTO REGIONALE N. 6 Articolo 4 (Requisiti minimi di prestazione energetica degli edifici ) Per il fabbisogno di energia primaria per la climatizzazione invernale degli edifici di nuova costruzione si adottano i valori limite che a livello nazionale sono previsti solo dopo il

72 REGOLAMENTO REGIONALE N. 6 Articolo 4 (Requisiti minimi di prestazione energetica degli edifici ) Per il fabbisogno di energia primaria per la climatizzazione invernale degli edifici esistenti si adottano i livelli di prestazione energetica limite di cui al D.Lgs. 311/2006 che entreranno in vigore rispettivamente dal e dal

73 REGOLAMENTO REGIONALE N. 6 Articolo 4 (Requisiti minimi di prestazione energetica degli edifici ) Per le caratteristiche costruttive dell involucro edilizio si adottano i valori di trasmittanza limite indicati nell allegato C.

74

75 REGOLAMENTO REGIONALE N. 6 Articolo 4 (Requisiti minimi di prestazione energetica degli edifici ) Per le prestazioni degli impianti si adottano i limiti previsti dall allegato D del D.Lgs. 311/2006.

76 REGOLAMENTO REGIONALE N. 6 Articolo 8 (Metodologia di classificazione degli edifici) La classificazione energetica degli edifici riportata nel certificato energetico deve essere effettuata secondo i seguenti parametri: fabbisogno di energia primaria per la climatizzazione invernale e per la produzione di acqua calda sanitaria EPi (kwh/mq anno) dispersioni dell involucro (kwh/mq anno) rendimento globale degli impianti per la climatizzazione invernale e per la produzione di acqua calda sanitaria

77 Articolo 9 CLASSIFICAZIONE DEL FABBISOGNO DI ENERGIA PRIMARIA IL SISTEMA DI CERTIFICAZIONE REGIONALE, RELATIVO AL FABBISOGNO DI ENERGIA PRIMARIA, E DEFINITO SULLA BASE DEI LIMITI DEL CORRISPONDENTE INDICE DI PRESTAZIONE ENERGETICA EP Li DI CUI ALL ALLEGATO C DEL D.LGS. 192/2005 E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI E, QUINDI, PARAMETRATO AL RAPPORTO DI FORMA DELL EDIFICIO ED AI GRADI GIORNO DELLA LOCALITA DOVE LO STESSO E UBICATO LE CLASSI PREVISTE SONO SETTE (DALLA A ALLA G). INOLTRE E INTRODOTTA UNA CLASSE DENOMINATA. NQE..

78 Articolo 9 (Classificazione del fabbisogno di energia primaria)

79 Articolo 11 (Classificazione degli impianti)

80

81

82 In seguito ad un periodo di avviamento della certificazione sul territorio ligure, il Regolamento potrà essere aggiornato, modificato ed integrato sia sulla base dell esperienza realizzata in ambito regionale sia in seguito alle indicazioni suggerite a livello nazionale (attraverso le Linee Guida Nazionali).

83 REGIONE EMILIA ROMAGNA DELIBERAZIONE GIUNTA REGIONALE ATTO DI INDIRIZZO E COORDINAMENTO SUI REQUISITI DI RENDIMENTO ENERGETICO E SULLE PROCEDURE DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

84 REGIONE EMILIA ROMAGNA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Possono essere accreditati quali soggetti certificatori tecnici qualificati, iscritti all Ordine o al Collegio professionale, in possesso dei seguenti titoli: - diploma di laurea in ingegneria - diploma di laurea in architettura - diploma di laurea in scienze ambientali, - diploma di perito industriale - diploma di geometra

85 con comprovata esperienza almeno biennale nei seguenti campi: 1. progettazione dell isolamento termico degli edifici 2. progettazione di impianti di climatizzazione e di valorizzazione delle fonti rinnovabili negli edifici 3.progettazione delle misure di miglioramento del rendimento energetico degli edifici 4.diagnosi energetica 5.gestione dell uso razionale dell energia oppure partecipazione ad uno specifico corso di formazione professionale con superamento dell esame finale

86 REGIONE EMILIA ROMAGNA Per il fabbisogno di energia primaria per la climatizzazione invernale degli edifici si adottano i livelli di prestazione energetica limite di cui al D.Lgs. 311/2006 che entreranno in vigore dal

87 Si riporta la scala di classi energetiche espressione della prestazione energetica per la climatizzazione invernale e la preparazione dell acqua calda per usi igienici e sanitari: EPi + EPacs = EPtot. Classe A+ EPtot < 20 Classe A EPtot < 30 Classe B 30 < EPtot < 50 Classe C 50 < EPtot < 90 Classe D 90 < EPtot < 130 Classe E 130 < EPtot < 170 Classe F 170 < EPtot < 210 Classe G EPtot > 210

SULL EFFICIENZA ENERGETICA DA INSERIRE NEI REGOLAMENTI. Dipartimento di Energetica, Politecnico di Torino

SULL EFFICIENZA ENERGETICA DA INSERIRE NEI REGOLAMENTI. Dipartimento di Energetica, Politecnico di Torino LE NUOVE DISPOSIZIONI REGIONALI SULL EFFICIENZA ENERGETICA DA INSERIRE NEI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI prof. ing. Vincenzo Corrado Dipartimento di Energetica, Politecnico di Torino vincenzo.corrado@polito.it

Dettagli

Rendimento energetico Disposizioni correttive al D. Lgs. n. 192/06 (D. Lgs. n. 311/06)

Rendimento energetico Disposizioni correttive al D. Lgs. n. 192/06 (D. Lgs. n. 311/06) Rendimento energetico Disposizioni correttive al D. Lgs. n. 192/06 (D. Lgs. n. 311/06) Nuovo ambito di applicazione Certificazione energetica Controllo e manutenzione degli impianti termici Verifiche del

Dettagli

Quando si applica il decreto

Quando si applica il decreto Quando si applica il decreto L applicazione nel caso degli interventi sugli edifici esistenti I fabbricati esclusi dall applicazione del decreto Le disposizioni contenute nel decreto ai fini del contenimento

Dettagli

Comune di Cecina: regolamento per l edilizia sostenibile

Comune di Cecina: regolamento per l edilizia sostenibile Comune di Cecina: regolamento per l edilizia sostenibile Indirizzi del settore energia nella provincia di Livorno Roberto Bianco 19 giugno 2007 1 Pianificazione energetica provinciale: di linee di indirizzo

Dettagli

La certificazione energetica degli edifici

La certificazione energetica degli edifici La certificazione energetica degli edifici Arch. Riccardo Giacobazzi Consulente tecnico di CISA per il settore della bioedilizia Decreto Legislativo del 29 dicembre 2006 n.311 Disposizioni correttive e

Dettagli

ASPESI -Milano 20.05.2008

ASPESI -Milano 20.05.2008 ASPESI -Milano 20.05.2008 LA CERTIFICAZIONE DI PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI IMMOBILI IN REGIONE LOMBARDIA n.24/2006 B.U.R.L. VIII/5773 Relatore : ing. NEVIO ROMELLI Presidente di : S.I.C.I.V. srl Società

Dettagli

A TUTTI GLI ISCRITTI. Trieste, 12/06/2013 OGGETTO: INFORMAZIONI SUL DECRETO LEGGE 63/2013

A TUTTI GLI ISCRITTI. Trieste, 12/06/2013 OGGETTO: INFORMAZIONI SUL DECRETO LEGGE 63/2013 A TUTTI GLI ISCRITTI Trieste, 12/06/2013 OGGETTO: INFORMAZIONI SUL DECRETO LEGGE 63/2013 L ARES informa che ha predisposto un testo coordinato del Decreto Legislativo 192/2005 con le modifiche introdotte

Dettagli

La disciplina regionale per l efficienza energetica degli edifici

La disciplina regionale per l efficienza energetica degli edifici La disciplina regionale per l efficienza energetica degli edifici Deliberazione di Giunta Regionale N. VIII/8745 del 22 dicembre 20082 Alice Tura REGIONE LOMBARDIA DG Reti, Servizi di Pubblica Utilità

Dettagli

CERTIFICAZIONE ENERGETICA RIFERIMENTI LEGISLATIVI

CERTIFICAZIONE ENERGETICA RIFERIMENTI LEGISLATIVI CERTIFICAZIONE ENERGETICA RIFERIMENTI LEGISLATIVI DOCUMENTI LEGISLATIVI DI RIFERIMENTO DLGS 192/05 "Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell'edilizia." così come modificato

Dettagli

SICIV SOCIETA ITALIANA CERTIFICAZIONI ISPEZIONI VALIDAZIONI LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

SICIV SOCIETA ITALIANA CERTIFICAZIONI ISPEZIONI VALIDAZIONI LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI SICIV SOCIETA ITALIANA CERTIFICAZIONI ISPEZIONI VALIDAZIONI LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI è un Organismo di Certificazione Ispezione e di Verifica, accreditato da SINCERT, con Certificati

Dettagli

Relazione DGR VIII-8745. ing. L. Castagnola 14/10/2010 pag. 1 di10 DGR 8745-22/12/2008

Relazione DGR VIII-8745. ing. L. Castagnola 14/10/2010 pag. 1 di10 DGR 8745-22/12/2008 ing. L. Castagnola 14/10/2010 pag. 1 di10 DGR 8745-22/12/2008 Determinazioni in merito alle disposizioni per l'efficienza energetica in edilizia e per la certificazione energetica degli edifici in vigore

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI www.centrocisa.it 1 A cosa serve la certificazione energetica? Calcolare quanta energia è necessaria per far funzionare gli edifici Trasmittanza termica (U) degli

Dettagli

Bollino verde, contabilizzazione del calore, certificazione energetica: nuovi strumenti per la gestione del sistema impianto

Bollino verde, contabilizzazione del calore, certificazione energetica: nuovi strumenti per la gestione del sistema impianto Associazione Nazionale Costruttori di Impianti Bollino verde, contabilizzazione del calore, certificazione energetica: nuovi strumenti per la gestione del sistema impianto Relatore: Vincenzo Corrado www.assistal.it

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 140

LEGGE REGIONALE N. 140 VII LEGISLATURA ATTI: 011117 LEGGE REGIONALE N. 140 NORME PER IL RISPARMIO ENERGETICO NEGLI EDIFICI E PER LA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI INQUINANTI E CLIMALTERANTI Approvata nella seduta del 15 dicembre

Dettagli

COMUNICAZIONE. La Certificazione Energetica degli edifici nella normativa provinciale. Rovereto, 22 ottobre 2010

COMUNICAZIONE. La Certificazione Energetica degli edifici nella normativa provinciale. Rovereto, 22 ottobre 2010 COMUNICAZIONE La Certificazione Energetica degli edifici nella normativa provinciale I CAMBIAMENTI CLIMATICI Verso il post-kyoto: la Conferenza di Copenhagen dicembre 2009 OBIETTIVO: LIMITARE LA CRESCITA

Dettagli

COMUNE DI PADERNO D ADDA PROVINCIA DI LECCO

COMUNE DI PADERNO D ADDA PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI PADERNO D ADDA PROVINCIA DI LECCO Appendice A ALLEGATO ENERGETICO AMBIENTALE APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 3 DEL 01.02.2013 RIFERIMENTI NORMATIVI ------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Misure e incentivi per l efficienza energetica

Misure e incentivi per l efficienza energetica Misure e incentivi per l efficienza energetica Docente incaricato in Economia e Gestione delle Imprese Dipartimento B.E.S.T. - Politecnico di Milano Indice 1. Finanziaria 2007. Agevolazioni per il risparmio

Dettagli

COMUNE DI BRIENNO Provincia di Como

COMUNE DI BRIENNO Provincia di Como COMUNE DI BRIENNO Provincia di Como REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E LA POSA DI IMPIANTI SOLARI E FOTOVOLTAICI (da 1 a 5 Kwp) (approvato con deliberazione c.c. numero 21 del 30.06.2011) Pagina 1 di 5

Dettagli

Regolamento Edilizio Comunale

Regolamento Edilizio Comunale COMUNE DI CALUSCO D ADDA Provincia di Bergamo Allegato Energetico al Regolamento Edilizio Comunale adottato con deliberazione consiliare n. approvato con deliberazione consiliare n. PREMESSA L Unione Europea,

Dettagli

CERTIFICAZIONE ENERGETICA

CERTIFICAZIONE ENERGETICA CERTIFICAZIONE ENERGETICA La certificazione energetica è un processo finalizzato a far conoscere al cittadino le caratteristiche energetiche del sistema edificio-impianto che sta per acquistare o per affittare.

Dettagli

COMUNICAZIONE. La Certificazione Energetica degli edifici nella normativa provinciale

COMUNICAZIONE. La Certificazione Energetica degli edifici nella normativa provinciale COMUNICAZIONE La Certificazione Energetica degli edifici nella normativa provinciale L edilizia, l energia, l ambiente e la salute ENERGIA: la costruzione e gestione degli edifici incide per il 40% su

Dettagli

Legge Regionale 24 febbraio 2005, n. 39 - Disposizioni in materia di energia

Legge Regionale 24 febbraio 2005, n. 39 - Disposizioni in materia di energia Legge Regionale 24 febbraio 2005, n. 39 - Disposizioni in materia di energia (come modificata dalla LR 23 novembre 2009, n. 71 e s.m.i.) Capo IV Razionalizzazione della produzione e dei consumi, risparmio

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI: LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA. Decreto Legislativo 19 agosto 2005, n. 192 (Direttiva 2002/91/CE)

EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI: LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA. Decreto Legislativo 19 agosto 2005, n. 192 (Direttiva 2002/91/CE) EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI: LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA Decreto Legislativo 19 agosto 2005, n. 192 (Direttiva 2002/91/CE) La certificazione energetica Domanda di energia nel 2000 nei Paesi UE

Dettagli

La certifciazione energetica degli edifici come strumento operativo per migliorare l efficienza energetica nel settore civile

La certifciazione energetica degli edifici come strumento operativo per migliorare l efficienza energetica nel settore civile La certifciazione energetica degli edifici come strumento operativo per migliorare l efficienza energetica nel settore civile Maria Fabianelli ARE LIGURIA Elenco degli argomenti 1. Nuova Legge Regionale

Dettagli

ALLEGATO ENERGETICO. Regolamento Edilizio Comunale

ALLEGATO ENERGETICO. Regolamento Edilizio Comunale COMUNE DI CASTEL ROZZONE Provincia di Bergamo ALLEGATO ENERGETICO AL Regolamento Edilizio Comunale adottato con deliberazione consiliare n. 3 in data 12.04.2012 PREMESSA L Unione Europea, individuando

Dettagli

Certificazione energetica degli edifici

Certificazione energetica degli edifici degli edifici Restructura 2010 Lingotto Fiere 25 novembre 2010 Ing. Franco Cavallo Concetti generali Elenco dei certificatori Corsi di formazione e verifica finale SICEE Classificazione degli edifici Attestato

Dettagli

Decreto 192 e 311: nuova concezione dell'involucro edilizio e obbligatorietà del solare termico

Decreto 192 e 311: nuova concezione dell'involucro edilizio e obbligatorietà del solare termico FIERA NUOVA BERGAMO Alta efficienza e basso consumo: analisi economiche e soluzioni intelligenti Decreto 192 e 311: nuova concezione dell'involucro edilizio e obbligatorietà del solare termico D.Lgs n.

Dettagli

CASA INSALUBRE STRUMENTI DI INTERVENTO

CASA INSALUBRE STRUMENTI DI INTERVENTO CASA INSALUBRE STRUMENTI DI INTERVENTO - principali disposizioni di legge per la certificazione energetica Cesena, 17/12/2008 Parte 1 Ing.Gabriele Raffellini principali disposizioni di legge per la certificazione

Dettagli

Seminario Camera di Commercio di Pisa 24 Novembre 2009 La certificazione energetica e ambientale degli edifici in Toscana

Seminario Camera di Commercio di Pisa 24 Novembre 2009 La certificazione energetica e ambientale degli edifici in Toscana Seminario Camera di Commercio di Pisa 24 Novembre 2009 La certificazione energetica e ambientale degli edifici in Toscana Prof.Gianfranco Cellai Università di Firenze Laboratorio di Fisica Ambientale per

Dettagli

NOVITA' IMPOSTE DAL DECRETO LGS. n. 311/2006 SULLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

NOVITA' IMPOSTE DAL DECRETO LGS. n. 311/2006 SULLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI NOVITA' IMPOSTE DAL DECRETO LGS. n. 311/2006 SULLA CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Il decreto legislativo n. 311 del 29.12.2006 (che modifica il precedente decreto n. 192/2005), pubblicato sulla

Dettagli

Ruolo dei comuni nell applicazione della legislazione energetica edilizia

Ruolo dei comuni nell applicazione della legislazione energetica edilizia 1 Ruolo dei comuni nell applicazione della legislazione energetica edilizia 2 Ruolo dei comuni REGOLAMENTAZIONE CONTROLLO - Redazione allegati energetico-ambientali ai regolamenti edilizi - Accertamenti

Dettagli

D.Lgs. n.192/05. Lineamenti essenziali e novità

D.Lgs. n.192/05. Lineamenti essenziali e novità D.Lgs. n.192/05 Lineamenti essenziali e novità Parleremo di Sintesi dei contenuti Adempimenti sanzionati Norme transitorie Non entreremo nel merito degli aspetti inerenti l esercizio e manutenzione degli

Dettagli

IL RISPARMIO ENERGETICO IN EDILIZIA la certificazione energetica: stato attuale e prospettive

IL RISPARMIO ENERGETICO IN EDILIZIA la certificazione energetica: stato attuale e prospettive Regione Lombardia IL RISPARMIO ENERGETICO IN EDILIZIA la certificazione energetica: stato attuale e prospettive REGIONE LOMBARDIA Reti e Servizi di Pubblica Utilità e Sviluppo Sostenibile I CONSUMI DEL

Dettagli

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA E IL DLgs 192/2005: UNO STRUMENTO PER L EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI

LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA E IL DLgs 192/2005: UNO STRUMENTO PER L EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI ARCHinNOVA Efficienza Energetica nelle costruzioni leggere. Riflessioni e dibattito Bologna 28 aprile 2006 ASSOCIAZIONE CULTURALE LA CERTIFICAZIONE ENERGETICA E IL DLgs 192/2005: UNO STRUMENTO PER L EFFICIENZA

Dettagli

Sintesi dei contenuti del CONTO ENERGIA TERMICO

Sintesi dei contenuti del CONTO ENERGIA TERMICO Sintesi dei contenuti del CONTO ENERGIA TERMICO Incentivazione della produzione di energia termica da fonti rinnovabili ed interventi di efficienza energetica di piccole dimensioni PRIVATI, tipologia e

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DEGLI EDIFICI

REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DEGLI EDIFICI COMUNE DI PADOVA SETTORE EDILIZIA PRIVATA REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DEGLI EDIFICI Elaborato redatto ai sensi dell art. 123, comma 1, lettera d) del Regolamento Edilizio

Dettagli

Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale della Presidenza Settore Strumenti per la Valutazione integrata e per lo Sviluppo Sostenibile

Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale della Presidenza Settore Strumenti per la Valutazione integrata e per lo Sviluppo Sostenibile Regione Toscana Giunta Regionale Direzione Generale della Presidenza Settore Strumenti per la Valutazione integrata e per lo Sviluppo Sostenibile Arch. Pietro Novelli L efficienza Energetica negli edifici.

Dettagli

LE AGEVOLAZIONI FISCALI CONNESSE AL RISPARMIO ENERGETICO DI EDIFICI ESISTENTI

LE AGEVOLAZIONI FISCALI CONNESSE AL RISPARMIO ENERGETICO DI EDIFICI ESISTENTI LE AGEVOLAZIONI FISCALI CONNESSE AL RISPARMIO ENERGETICO DI EDIFICI ESISTENTI a) Premessa L incentivo fiscale per il risparmio energetico introdotto con la Finanziaria 2007 è paragonabile per grandi linee

Dettagli

Una serata EDIFICIO RIMEDI NATURALI OGGI POSSIAMO ACCEDERE A DETRAZIONI FISCALI

Una serata EDIFICIO RIMEDI NATURALI OGGI POSSIAMO ACCEDERE A DETRAZIONI FISCALI Una serata..energetica ADEGUAMENTO DEL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE SECONDO STANDARD DI RISPARMIO ENERGETICO SU BASE DI INTERVENTI SPECIFICI VOLTI A MIGLIORARE IL BILANCIO ENERGETICO DELL EDIFICIO EDIFICIO

Dettagli

Provvedimenti inerenti il risparmio energetico contenuti nella legge finanziaria 2008

Provvedimenti inerenti il risparmio energetico contenuti nella legge finanziaria 2008 Provvedimenti inerenti il risparmio energetico contenuti nella legge finanziaria 2008 Ecoincentivi: interventi sul risparmio energetico e modifiche apportate portate nella finanziaria 2008 per la detrazione

Dettagli

Il Conto Termico per la promozione dell efficienza energetica nei condomini. Ing. Emanuela Peruzzi

Il Conto Termico per la promozione dell efficienza energetica nei condomini. Ing. Emanuela Peruzzi Il Conto Termico per la promozione dell efficienza energetica nei condomini Ing. Emanuela Peruzzi Roma - Smart Energy Expo, 8 luglio 2015 Agenda La Strategia Energetica Nazionale: il ruolo del Conto Termico

Dettagli

Efficienza e Certificazione energetica in Emilia-Romagna. Mirandola, 15 luglio 2008 Fabrizio Ragazzi AESS

Efficienza e Certificazione energetica in Emilia-Romagna. Mirandola, 15 luglio 2008 Fabrizio Ragazzi AESS Efficienza e Certificazione energetica in Emilia-Romagna Mirandola, 15 luglio 2008 Fabrizio Ragazzi AESS IL DECRETO LEGISLATIVO 311/2006 Il 2 febbraio 2007 è entrato in vigore il decreto legislativo n.

Dettagli

Conferenza Internazionale Riuso Sostenibile del Patrimonio Edilizio Torino, 5 giugno 2007 L ENERGIA: CHIAVE DI VOLTA DEL RIUSO EDILIZIO SOSTENIBILE Marco Filippi Dipartimento di Energetica, Politecnico

Dettagli

rendimento energetico nell'edilizia

rendimento energetico nell'edilizia Efficienza.. La Direttiva 2002/91/CE sul rendimento energetico nell'edilizia L'energia impiegata nel settore residenziale e terziario... rappresenta oltre il 40 % del consumo finale di energia della Comunità

Dettagli

L obbligo di dotare gli edifici di impianti alimentati da fonti rinnovabili

L obbligo di dotare gli edifici di impianti alimentati da fonti rinnovabili L obbligo di dotare gli edifici di impianti alimentati da fonti rinnovabili D.Lgs. 3 marzo 2011, n. 28 L obbligo di dotare gli edifici di impianti alimentati da fonti rinnovabili non è certamente una novità.

Dettagli

INTERVENTO SUGLI INVOLUCRI DEGLI EDIFICI ESISTENTI

INTERVENTO SUGLI INVOLUCRI DEGLI EDIFICI ESISTENTI 1 RISPARMIO ENERGETICO NEGLI EDIFICI ESISTENTI Legge finanziaria 2007 (L.296/2006 art. 1 comma 344-348); prorogata dalla Finanziaria 2008 (ART. 1, COMMA 20 e 24, 286, L.244 del 24 dicembre 2007) DM del

Dettagli

Allegato energetico al Regolamento edilizio 1

Allegato energetico al Regolamento edilizio 1 Allegato energetico al Regolamento edilizio 1 Adottato con deliberazione di Consiglio comunale n. 47 del 2 aprile 2012 Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 53 del 8 maggio 2012 1 Regolamento

Dettagli

DICHIARAZIONE DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DEGLI EDIFICI OGGETTO DI ANNUNCIO COMMERCIALE

DICHIARAZIONE DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DEGLI EDIFICI OGGETTO DI ANNUNCIO COMMERCIALE DICHIARAZIONE DELLE PRESTAZIONI ENERGETICHE DEGLI EDIFICI OGGETTO DI ANNUNCIO COMMERCIALE Delibera IX/2555 del 24/11/2011 della Giunta regionale della Lombardia L obbligo dell indicazione della classe

Dettagli

Il cammino del D.Lgs. 192/05

Il cammino del D.Lgs. 192/05 Convegno Il mercato dell efficienza efficienza energetica: evoluzione, orientamenti ed opportunità legate all incontro fra gli attori Il cammino del D.Lgs. 192/05 Ing. Sandro Picchiolutto Il cammino del

Dettagli

Regione Piemonte L.R. N. 13 DEL 28.05.2007 Disposizioni in materia di rendimento energetico nell edilizia (Gazzetta regionale 31/05/2007 n.

Regione Piemonte L.R. N. 13 DEL 28.05.2007 Disposizioni in materia di rendimento energetico nell edilizia (Gazzetta regionale 31/05/2007 n. Regione Piemonte L.R. N. 13 DEL 28.05.2007 Disposizioni in materia di rendimento energetico nell edilizia (Gazzetta regionale 31/05/2007 n. 22) LA PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE promulga la seguente

Dettagli

Studio Associato di Consulenza Aziendale. Rosa Baranzini Brambilla. Bonus energia

Studio Associato di Consulenza Aziendale. Rosa Baranzini Brambilla. Bonus energia Bonus energia PREMESSA La Finanziaria per il 2007 ha previsto una serie di interventi piuttosto ampia a favore delle persone fisiche e giuridiche che effettuano investimenti volti a ridurre il consumo

Dettagli

TRASMITTANZA TERMICA DEI SERRAMENTI

TRASMITTANZA TERMICA DEI SERRAMENTI TRASMITTANZA TERMICA DEI SERRAMENTI In Italia, il 19 agosto 2005 è sstato disposto il Decreto Legislativo n. 192 in attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell edilizia,

Dettagli

Regione Abruzzo. Risparmio ed efficienza energetica in edilizia

Regione Abruzzo. Risparmio ed efficienza energetica in edilizia Regione Abruzzo Direzione Affari della Presidenza, Politiche Legislative e Comunitarie, Programmazione, Parchi, Territorio, Valutazioni Ambientali, Energia Servizio Politica Energetica, Qualità dell aria,

Dettagli

MISURE URGENTI E STRAORDINARIE VOLTE AL RILANCIO DELL ECONOMIA E ALLA RIQUALIFICAZIONE DEL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE

MISURE URGENTI E STRAORDINARIE VOLTE AL RILANCIO DELL ECONOMIA E ALLA RIQUALIFICAZIONE DEL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE REGIONE TOSCANA Legge regionale 8 maggio 2009, n. 24 1 MISURE URGENTI E STRAORDINARIE VOLTE AL RILANCIO DELL ECONOMIA E ALLA RIQUALIFICAZIONE DEL PATRIMONIO EDILIZIO ESISTENTE (B.U.R.T. 13 maggio 2009,

Dettagli

SCHEMA DEI REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DELLA FIGURA DI ESPERTO IN CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

SCHEMA DEI REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DELLA FIGURA DI ESPERTO IN CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI SCHEMA DEI REQUISITI PER LA CERTIFICAZIONE DELLA FIGURA DI ESPERTO IN CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Il presente Schema è stato redatto in conformità alle Norme : UNI CEI EN ISO/IEC 17024:2004

Dettagli

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. La Certificazione Energetica in Lombardia. Novembre 2011

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. La Certificazione Energetica in Lombardia. Novembre 2011 Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti La Certificazione Energetica in Lombardia Novembre 2011 Cos è l ACE L Attestato di Certificazione Energetica (ACE) è un documento che attesta la prestazione

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 28-12-2007 REGIONE BASILICATA

LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 28-12-2007 REGIONE BASILICATA LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 28-12-2007 REGIONE BASILICATA Disposizioni per la formazione del Bilancio di Previsione Annuale e Pluriennale della Regione Basilicata Legge Finanziaria 2008 Fonte: BOLLETTINO

Dettagli

ISOLAMENTO TERMICO E RISPARMIO ENERGETICO: il nuovo quadro normativo. Rita Anni

ISOLAMENTO TERMICO E RISPARMIO ENERGETICO: il nuovo quadro normativo. Rita Anni ISOLAMENTO TERMICO E RISPARMIO ENERGETICO: il nuovo quadro normativo Rita Anni La questione energetica costo crescente dell energia approvvigionamenti incerti nuovi grandi consumatori tra i Paesi in via

Dettagli

Comune di Brembilla. Provincia di Bergamo ALLEGATO ENERGETICO AL REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNE DI BREMBILLA REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE

Comune di Brembilla. Provincia di Bergamo ALLEGATO ENERGETICO AL REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNE DI BREMBILLA REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE COMUNE DI BREMBILLA REGOLAMENTO EDILIZIO COMUNALE ALLEGATO ENERGETICO 1 0. Premessa... 3 1. Campo di applicazione... 5 2. Categoria A... 6 3. Categoria B... 8 4. Categoria C... 10 5. Categoria D... 10

Dettagli

Linee Guida Nazionali per la Certificazione Energetica

Linee Guida Nazionali per la Certificazione Energetica Linee Guida Nazionali per la Certificazione Energetica Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 10 luglio 2009 il DM 26/06/2009 sancisce la piena attuazione della Direttiva 2002/91/CE- art. 7 e del Dlgs. 192/05-

Dettagli

INTERVENTI DI RISPARMIO ENERGETICO: DETRAZIONE 55% ANCHE PER IL 2011 MA IN 10 RATE

INTERVENTI DI RISPARMIO ENERGETICO: DETRAZIONE 55% ANCHE PER IL 2011 MA IN 10 RATE : INTERVENTI DI RISPARMIO ENERGETICO: DETRAZIONE 55% ANCHE PER IL 2011 MA IN 10 RATE Riferimenti: Art. 1, commi da 344 a 347, Finanziaria 2007 Art. 1, comma 48, Finanziaria 2011 La detrazione d imposta

Dettagli

ECOABITA. Il progetto pilota sulla certificazione energetica degli edifici. Ing. Alex Lambruschi. Responsabile Unico Ecoabita Reggio Emilia

ECOABITA. Il progetto pilota sulla certificazione energetica degli edifici. Ing. Alex Lambruschi. Responsabile Unico Ecoabita Reggio Emilia ECOABITA Il progetto pilota sulla certificazione energetica degli edifici Ing. Alex Lambruschi Responsabile Unico Ecoabita Reggio Emilia Ragioni ambientali, sociali ed economiche Rispetto al Protocollo

Dettagli

DECRETO ATTUATIVO DEL 19 FEBBRAIO 2007 RELATIVO AGLI ARTICOLI DA 344 A 349 DELLA LEGGE FINANZIARIA 2007

DECRETO ATTUATIVO DEL 19 FEBBRAIO 2007 RELATIVO AGLI ARTICOLI DA 344 A 349 DELLA LEGGE FINANZIARIA 2007 DECRETO ATTUATIVO DEL 19 FEBBRAIO 2007 RELATIVO AGLI ARTICOLI DA 344 A 349 DELLA LEGGE FINANZIARIA 2007 Visto l articolo 1 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, recante legge finanziaria per il 2007 (di

Dettagli

Il quadro normativo regionale e le nuove azioni per l edilizia l sostenibile

Il quadro normativo regionale e le nuove azioni per l edilizia l sostenibile Regione Lombardia Il quadro normativo regionale e le nuove azioni per l edilizia l sostenibile REGIONE LOMBARDIA Reti e Servizi di Pubblica Utilità e Sviluppo Sostenibile 2006: AVVIO DELLO STUDIO PER UN

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO SERVIZIO LIBRO FONDIARIO CIRCOLARE N.. 5/ 2007 Trento, 26 febbraio 2007 Oggetto: D.Lgs.19.08.2005 n. 192 (modificato dal D.Lgs. n. 311/2006) Certificato energetico L art. 6

Dettagli

Certificatori CENED di Edifici, 16 ore

Certificatori CENED di Edifici, 16 ore Corso di aggiornamento-perfezionamento per Certificatori CENED di Edifici, 16 ore Direttore del Corso: Attilio Carotti 1 Andrea Alessi - Quadro normativo di riferimento : ultimi aggiornamenti - Fasi operative

Dettagli

INDICAZIONI CONCERNENTI GLI ADEMPIMENTI PREVISTI DA DGR

INDICAZIONI CONCERNENTI GLI ADEMPIMENTI PREVISTI DA DGR INDICAZIONI CONCERNENTI GLI ADEMPIMENTI PREVISTI DA DGR 991/2013 ( CRITERI E MODALITA PER UTILIZZO RISORSE DESTINATE ALL EDILIZIA SCOLASTICA - BILANCIO DI PREVISIONE 2013, PROGRAMMA OPERATIVO ANNUALE APPROVATO

Dettagli

L.R. 23/2005, art. 6 bis B.U.R. 12/10/2009, S.O. n. 21

L.R. 23/2005, art. 6 bis B.U.R. 12/10/2009, S.O. n. 21 L.R. 23/2005, art. 6 bis B.U.R. 12/10/2009, S.O. n. 21 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 1 ottobre 2009, n. 0274/Pres. Regolamento recante le procedure per la certificazione VEA di sostenibilità energetico

Dettagli

I nuovi requisiti di prestazione energetica

I nuovi requisiti di prestazione energetica Milano, 30 giugno 2015 LA DEFINIZIONE DEGLI INTERVENTI: EDIFICIO DI NUOVA COSTRUZIONE: è un edificio il cui titolo abilitativo sia stato richiesto dopo l entrata in vigore del presente provvedimento. Sono

Dettagli

ALLEGATO ENERGETICO AI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI E STRUMENTI A SUPPORTO DEI TECNICI COMUNALI E PROGETTISTI

ALLEGATO ENERGETICO AI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI E STRUMENTI A SUPPORTO DEI TECNICI COMUNALI E PROGETTISTI ALLEGATO ENERGETICO AI REGOLAMENTI EDILIZI COMUNALI E STRUMENTI A SUPPORTO DEI TECNICI COMUNALI E PROGETTISTI prof. ing. Politecnico di Torino - Dipartimento di Energetica - Gruppo di Ricerca TEBE Legislazione

Dettagli

DETRAZIONI FISCALI DEL 65% INCENTIVI FISCALI

DETRAZIONI FISCALI DEL 65% INCENTIVI FISCALI INCENTIVI FISCALI RISPARMIO ENERGETICO AGEVOLAZIONI FISCALI IN TERMINI DI DETRAZIONI IRPEF / IRES DEL 65% IN COSA CONSISTE? L agevolazione consiste nel riconoscimento di detrazioni dall imposta IRPEF /

Dettagli

Risparmio energetico e fonti energetiche rinnovabili: tra obblighi normativi ed opportunità economiche

Risparmio energetico e fonti energetiche rinnovabili: tra obblighi normativi ed opportunità economiche Risparmio energetico e fonti energetiche rinnovabili: tra obblighi normativi ed opportunità economiche Cinisello Balsamo, 20 maggio 2008 Arch. Giorgio Schultze Quartiere Kronsberg-Hannover Consumo massimo

Dettagli

1.3. La situazione attuale e le prospettive per il 2011 e 2012... 28

1.3. La situazione attuale e le prospettive per il 2011 e 2012... 28 Indice PREMESSA... 11 1. IL QUADRO LEGISLATIVO... 17 1.1. Provvedimenti legislativi... 21 1.2. Il dibattito sul 55% a seguito delle modifiche del decreto anticrisi del gennaio2009... 23 1.3. La situazione

Dettagli

Guida alla Certificazione Energetica degli edifici

Guida alla Certificazione Energetica degli edifici Guida alla Certificazione Energetica degli edifici Il consumo energetico degli edifici Gli edifici, nella loro costruzione e utilizzo, rappresentano oltre il 40% del consumo finale di energia della Comunità

Dettagli

SETTORE AMBIENTE. Struttura di Supporto Provincia di Bergamo. LINEE GUIDA Allegato Energetico al Regolamento Edilizio

SETTORE AMBIENTE. Struttura di Supporto Provincia di Bergamo. LINEE GUIDA Allegato Energetico al Regolamento Edilizio Struttura di Supporto Provincia di Bergamo LINEE GUIDA Allegato Energetico al Regolamento Edilizio Ottobre 2011 Assessore all Ambiente: Pietro Romanò Assessore all Innovazione Tecnologica: Roberto Anelli

Dettagli

DM 37/2008 Il riordino della normativa sugli impianti Il collaudo e la certificazione degli impianti solari termici

DM 37/2008 Il riordino della normativa sugli impianti Il collaudo e la certificazione degli impianti solari termici DM 37/2008 Il riordino della normativa sugli impianti Ing. Enrico Piano Commissione Energia Cagliari, 17 Giugno 2010 Il mercato del solare termico in Italia nel 2009 Nel solo 2009 in Italia sono stati

Dettagli

Gli sviluppi normativi a livello statale e regionale in materia di rendimento energetico nell edilizia. edilizia

Gli sviluppi normativi a livello statale e regionale in materia di rendimento energetico nell edilizia. edilizia Risparmio energetico ed edilizia: normative, soluzioni, esempi ed incentivi economici Parco Alta Valle Pesio e Tanaro Chiusa Pesio, 9.11.2006 Gli sviluppi normativi a livello statale e regionale in materia

Dettagli

DISPOSIZIONI PER L EFFICIENZA ENERGETICA IN EDILIZIA IN LOMBARDIA

DISPOSIZIONI PER L EFFICIENZA ENERGETICA IN EDILIZIA IN LOMBARDIA DISPOSIZIONI PER L EFFICIENZA ENERGETICA IN EDILIZIA IN LOMBARDIA Deliberazione di Giunta Regionale 22 dicembre 2008 N. VIII/8745 Valentina Sachero REGIONE LOMBARDIA DG Reti, Servizi di Pubblica Utilità

Dettagli

Art. 1 finalità. art. 2 metodologia di calcolo della prestazione energetica

Art. 1 finalità. art. 2 metodologia di calcolo della prestazione energetica Regolamento recante le procedure per la di sostenibilità energetico ambientale degli edifici, di cui all articolo 6 bis, della legge regionale 18 agosto 2005 n. 23, "Disposizioni in materia di edilizia

Dettagli

La certificazione energetica

La certificazione energetica COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell Umanità Centro Idea Centro di Educazione Alla Sostenibilità PROVINCIA DI FERRARA La COS' E' L ATTESTATO DI PRESTAZIONE ENERGETICA (APE) Patto dei Sindaci Un impegno

Dettagli

IL RISPARMIO ENERGETICO CHE FA CRESCERE... LA CUBATURA. A cura del Dott. Fulvio Di Dio

IL RISPARMIO ENERGETICO CHE FA CRESCERE... LA CUBATURA. A cura del Dott. Fulvio Di Dio IL RISPARMIO ENERGETICO CHE FA CRESCERE... LA CUBATURA A cura del Dott. Fulvio Di Dio È da poco entrato in vigore il decreto legislativo 30 maggio 2008, n. 115, Attuazione della direttiva 2006/32/CE relativa

Dettagli

Con gli incentivi statali entrare nel mondo del solare termico non è mai stato così conveniente!

Con gli incentivi statali entrare nel mondo del solare termico non è mai stato così conveniente! Con gli incentivi statali entrare nel mondo del solare termico non è mai stato così conveniente! CONTO ENERGIA TERMICO 2014 Una grande novità, con la modalità di accredito che avviene da parte del GSE

Dettagli

COMUNE DI TREVIGLIO PROVINCIA DI BERGAMO. A L L E G A T O E N E R G E T I C O al Regolamento Edilizio Comunale

COMUNE DI TREVIGLIO PROVINCIA DI BERGAMO. A L L E G A T O E N E R G E T I C O al Regolamento Edilizio Comunale COMUNE DI TREVIGLIO PROVINCIA DI BERGAMO A L L E G A T O E N E R G E T I C O al Regolamento Edilizio Comunale adottato con deliberazione consiglio comunale n. 92 in data 30.10.2012 approvato con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE Provincia di Forlì Cesena UDP Ambiente-Territorio-Edilizia Privata

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE Provincia di Forlì Cesena UDP Ambiente-Territorio-Edilizia Privata COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE Provincia di Forlì Cesena UDP Ambiente-Territorio-Edilizia Privata IL SINDACO Quintino Sabattini REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI PER INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE

Dettagli

AGEVOLAZIONI FISCALI ED INCENTIVI ECONOMICI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI GEOTERMICI CON POMPA DI CALORE. dott. ing.

AGEVOLAZIONI FISCALI ED INCENTIVI ECONOMICI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI IMPIANTI GEOTERMICI CON POMPA DI CALORE. dott. ing. Giornata formativa: PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO CLIMATICO CON SONDE GEOTERMICHE A CIRCUITO CHIUSO Auditorium Villa Albertini di Arbizzano Negrar (VR) 14 marzo 2014 AGEVOLAZIONI FISCALI

Dettagli

LA QUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI NELL AMBITO DELLA LEGISLAIZONE VIGENTE

LA QUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI NELL AMBITO DELLA LEGISLAIZONE VIGENTE LA QUALIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI NELL AMBITO DELLA LEGISLAIZONE VIGENTE Commissione impianti dell Ordine degli Ingegneri di Padova 1 ATTESTATO DI CERTIFICAZIONE E DIR. 2002/91/CE 1. È UN DOCUMENTO

Dettagli

LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10

LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10 LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10 Norme per l'attuazione del Piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell'energia, di risparmio energetico e di sviluppo delle fonti rinnovabili di energia. La

Dettagli

La certificazione energetica degli edifici in Valle d Aosta - F.A.Q. -

La certificazione energetica degli edifici in Valle d Aosta - F.A.Q. - La certificazione energetica degli edifici in Valle d Aosta - F.A.Q. - Documento aggiornato al 07.07.2011 1. Quando e come fare l attestato di certificazione energetica 1.1. Da quando entra in vigore il

Dettagli

INQUADRAMENTO LEGISLATIVO E NORMATIVO IN MATERIA DI EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI E DEGLI IMPIANTI IN CAMPO NAZIONALE, EUROPEO E LOCALE

INQUADRAMENTO LEGISLATIVO E NORMATIVO IN MATERIA DI EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI E DEGLI IMPIANTI IN CAMPO NAZIONALE, EUROPEO E LOCALE INQUADRAMENTO LEGISLATIVO E NORMATIVO IN MATERIA DI EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI E DEGLI IMPIANTI IN CAMPO NAZIONALE, EUROPEO E LOCALE Docente Dott. Ing. Franco Barosso 1 NORME NAZIONALI Legge n.

Dettagli

LA LEGGE FINANZIARIA 2008: agevolazioni tributarie alle imprese

LA LEGGE FINANZIARIA 2008: agevolazioni tributarie alle imprese LA LEGGE FINANZIARIA 2008: agevolazioni tributarie alle imprese Andrea Zattarin - IMQ Chi è IMQ L Istituto Italiano del Marchio di Qualità è un Ente senza fini di lucro IMQ è un Ente di terza parte Mission:

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico Direzione generale per il mercato elettrico, le rinnovabili e l efficienza energetica, il nucleare CHIARIMENTI IN MATERIA DI EFFICIENZA ENERGETICA IN EDILIZIA Decreto

Dettagli

Costruire con sole, vento, acqua

Costruire con sole, vento, acqua Costruire con sole, vento, acqua Il progetto D.A.R.E. BIO per un architettura sostenibile a Cecina La certificazione energetica degli edifici Roberto Bianco Cecina - 4 maggio 2006 DIRETTIVA EUROPEA SUL

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DI ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 4, COMMA 1, LETTERA C), DEL DECRETO LEGISLATIVO 19 AGOSTO 2005, N. 192, E SUCCESSIVE MODIFICAZIONI, CONCERNENTE ATTUAZIONE

Dettagli

PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI

PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI Michele Sanfilippo PRESTAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI LEGISLAZIONE - REQUISITI - ATTESTATO - PROCEDURE DI CALCOLO 2 a Edizione INDICE INTRODUZIONE.............................................. 7 1 LA

Dettagli

Risparmio Energetico

Risparmio Energetico Comune di Portogruaro Provincia di Venezia Il Regolamento sul Risparmio Energetico Il Regolamento è un allegato al Regolamento Edilizio Comunale e si compone di una parte normativa-regolamentare e di 5

Dettagli

AGEVOLAZIONI FISCALI

AGEVOLAZIONI FISCALI AGEVOLAZIONI FISCALI Finanziaria 2007 D.M. 07/04/2008 (Disposizioni in materia di detrazioni per le spese di riqualificazione energetica) + D.M. 19/02/2007 (modificato da D.M. 26/10/2007) D.M. 11/03/2008

Dettagli

proposta di legge n. 126

proposta di legge n. 126 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 126 a iniziativa del Consigliere Latini presentata in data 25 luglio 2011 NORME IN MATERIA DI CERTIFICAZIONE ENERGETICA DEGLI EDIFICI pdl 126

Dettagli

EFFICIENZA ENERGETICA (1)

EFFICIENZA ENERGETICA (1) Tutti gli incentivi per i cittadini: - La detrazione fiscale del 55% per rinnovabili e risparmio energetico nelle abitazioni - Il Conto Energia per il Fotovoltaico - La tariffa omnicomprensiva e i certificati

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico. il Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Il Ministro dello Sviluppo Economico. il Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con il Ministro dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e con il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti IL MINISTRO DELLA SALUTE (per

Dettagli

Norme in materia di dimensionamento energetico

Norme in materia di dimensionamento energetico Norme in materia di dimensionamento energetico Evoluzione della normativa europea La situazione italiana Le detrazioni fiscali Certificazione e classificazione energetica degli edifici L Attestato e la

Dettagli